Agustí d’Hipona

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si cerqueu la minisèrie de televisió homònima que ressegueix els darrers trenta anys de la vida de sant Agustí, vegeu Agostino d'Ippo (minisèrie de televisió) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Sant'Agostino". Si busqueu altres significats, vegeu Sant Agustí (desambiguació) .
Sant Agustí d’Hipona
Sant'Agostino d'Ippona.jpg
Agostino en una pintura llombarda del segle XVIII

Bisbe i Doctor de l’Església

Naixement Tagaste , avui Souk Ahras ( Numidia , avui Algèria ), 13 de novembre de 354
Mort Hipopòtam , ara Annaba ( Numidia , ara Algèria), 28 d’agost de 430
Venerat per Totes les esglésies cristianes que admeten l’adoració dels sants
Recidiva 28 d'agost , 15 de juny (Església Ortodoxa)
Atributs Túnica episcopal, colom, cor inflamat, llibre
Patró de impressors i teòlegs, vegeu la llista
Agustí d’Hipona
bisbe de l’Església catòlica
Sant'Agostino-d'Ippona.jpg
Sant Agustí amb túnica episcopal
Template-Bishop.svg
Càrrecs ocupats
Neix Tagaste , 13 de novembre de 354
Ordenat sacerdot 391
Nomenat bisbe 395 del papa Sirici
Bisbe consagrat 395 del bisbe Megalio
Mort Hipopòtam , 28 d'agost de 430 (75 anys)
(LA)

"Fecisti nos ad te et inquietum est cor nostrum donec requiescat in te."

( IT )

«Ens has creat per a tu, [Senyor], i el nostre cor està inquiet fins que troba repòs en tu. [1] "

( Confessions , I, 1 )

Aurelio Agostino d' Ippo (en llatí : Aurelius Augustinus Hipponensis ; Tagaste , 13 de novembre de 354 - Hipona , 28 d'agost de 430 ) va ser un filòsof , bisbe i teòleg romà d' origen nord-africà i de llengua llatina .

També conegut com Sant Agustí , [2] és pare , metge i sant de l'Església Catòlica , també conegut com a Doctor Gratiae ("Doctor en Gràcia"). Potser el màxim representant de la patrística , va ser definit per mossèn Antonio Livi " el més gran pensador cristià del primer mil·lenni i, sens dubte, també un dels més grans genis de la humanitat de la història ". [3] Si les Confessions són la seva obra més famosa, [4] La ciutat de Déu destaca per la seva importància en la vasta producció agustiniana. [5]

Biografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Pensament d’Agustí d’Hipona .

"Agustí no només és un pilar de la cultura, la teologia i l'espiritualitat, sinó també l'home viu que parla, cor a cor, als homes del nostre temps".

( Giuliano Vigini, prefaci de Le Confessioni , RCS MediaGroup , 2010 )
Compendi de Doctrina Agustina

Per entendre la doctrina d’Agustí no es pot ignorar la seva experiència existencial: trobant-se a si mateix experimentant un conflicte incurable entre la raó i el sentiment, l’esperit i la carn, el pensament pagà i la fe cristiana , la seva filosofia va consistir en el grandiós intent de conciliar-los i mantenir-los units. Precisament la insatisfacció amb aquelles doctrines predicava una rígida separació entre el i el mal , la llum i la foscor, el que el va empènyer a abandonar el maniqueisme i a patir la influència de l’ estoïcisme i sobretot del neoplatonisme , [6] que, viceversa, va portar el dualisme torna a la unitat . [7]

Destinatari de l' de Plató pensament filtrada a través de la de Plotí , Agustí tant va reelaborar la doctrina de les idees , o la emanatistic un dels Un , sobre la base de la trinitària concepció de l'cristià a Déu , que està en la mateixa saviesa temps, energia, i Will d’amor. Atès que Déu és l'únic i absolut principi de l' ésser , no hi pot haver cap principi oposat a ell, per al qual el mal només és "absència", privació del Bé, atribuïble únicament a la desobediència humana. A causa del pecat original, cap home no és digne de salvació, però Déu pot escollir per endavant qui salvarà, mitjançant el recurs a la gràcia , que només permet a la nostra ànima rebre la il·luminació . Tot i això, això no vol dir que tinguem el lliure albir . [8]

A diferència de la filosofia grega , però, on la lluita entre el i el mal no preveia un resultat escatològic , Agustí era conscient de com aquesta lluita es desenvolupa sobretot en la història . Això va conduir a una rehabilitació de la dimensió terrenal respecte al judici negatiu que li havia donat el platonisme: ara el món i les entitats corporals també tenen valor i significat, com a fruit de l’amor de Déu. És un Déu viu i personal , que decideix entrar a la història humana i l’amor infinit ( agàpe ) és la resposta a l’ansietat del coneixement , propi de l’ eros grec, que l’home sent per ell. [9]

La vida d’Agustí s’ha transmès amb molt de detall a les Confessions , a la seva biografia personal, a les Retraccions , que descriuen l’evolució del seu pensament , i a la Vida d’Agustí , escrita pel seu amic i deixeble Possidio , que narra la història del sant. apostolat. [10]

Des del naixement fins a la conversió (354-387)

Agostino, d'ètnia berber [11] o púnica com ell mateix ens va lliurar, [12] però de cultura bàsicament hel·lenístic - romana , va néixer el 13 de novembre de 354 a Tagaste (actualment Souk Ahras , a Algèria , situat a uns 70 km al sud) - a l’est d’ Hipona , avui Annaba ), que en aquell moment era una petita ciutat lliure de la Numídia proconsular, convertida recentment al donatisme .

Pertanyia a una família de classe mitjana, però no pas benestant: el seu pare, Patrizio, petit terratinent i membre dels curials de la ciutat (consellers municipals), era pagà ; d’ànima benèfica, fins i tot colèrica, impetuosa i, de vegades, infidel amb la seva dona Mònica , mare d’Agustí, [13] precisament per la influència d’aquest últim que acabarà convertint, morint de cristià cap al 371 dC [10] Mònica era de fet religiós Cristiana, a més de ser una dona intel·ligent i afectuosa amb un fort caràcter. [10] Agostino també tenia un germà, Navigio, que serà a Cassiciaco in Brianza per batejar-se, i una germana del qual es desconeix el nom, però de la vídua de la qual es sap que va dirigir un monestir per a dones fins a la seva mort. [10]

Infància i adolescència

Agustí va rebre dels seus pares dues visions oposades del món, que sovint va viure en conflicte entre si. Tanmateix, mentre en les seves obres parla del pare com un desconegut, [14] serà la mare, que encara avui és venerada per santa per l’Església catòlica, qui exercirà un gran paper en l’educació i la vida d’ella. fill, [10] que dirà: "A ella li dec tot el que sóc". [15] Agustí va rebre una educació cristiana d'ella, i va ser inscrit entre els catequúmens . Una vegada, quan estava molt malalt, va demanar el bateig , però, com que aviat va desaparèixer tot perill, va decidir ajornar el moment de rebre el sagrament, adaptant-se al costum generalitzat d’aquella època. La seva associació amb els "homes de pregària" va deixar tres grans conceptes profundament gravats a la seva ànima: l'existència d'una Divina Providència, l'existència d'una vida futura amb càstigs terribles i, sobretot, Crist Salvador.

“Des de la meva infantesa, havia aspirat el nom del meu Salvador, el teu Fill, amb la llet de la meva mare; El vaig guardar al recorregut del meu cor; i tots aquells que es van presentar a mi sense aquest nom diví, tot i que pot ser elegant, ben escrit i fins i tot ple de veritat, no em van endur ".

( Confessions , I, IV )

Africà de naixement, va utilitzar principalment el llatí en els seus escrits. No coneixia gaire el grec , una llengua estudiada a una edat primerenca però que no era estimada, mentre que alguns coneixedors de la llengua púnica han posat en dubte. [16] El pare, orgullós de l'èxit del seu fill a les escoles de Tagaste i Madaura , va decidir enviar-lo a Cartago per preparar-lo per a la carrera legal, però va trigar molts mesos a recaptar els diners necessaris i Agustí va passar el setzè any a Tagaste, en una ociositat en què va esclatar una gran crisi intel·lectual i moral. Més tard ell mateix narraria com, dominat per una profunda inquietud, era captat per un remolí de passions i gairebé sentia atracció pel pecat , com va passar per exemple amb motiu del famós robatori de peres , que Agustí va organitzar juntament amb alguns companys. :

«Però jo, miserable, què em va encantar, el meu robatori o el crim nocturn dels meus setze anys? No series bo si fossis un robatori; de fet, sou "alguna cosa" per a la qual us puc parlar? [17] Els fruits que vam robar van ser bells ... però no aquells que cobejaven la meva miserable ànima, ja que en tenia molts de millors. Tot i això, els vaig capturar amb l'únic propòsit de cometre un robatori ".

( Confessions , II, 6, 12 )

"Crisi" cartaginesa

Agostino i la seva mare Monica en un quadre d' Ary Scheffer

Quan va arribar a Cartago als disset anys, cap a finals del 370 , totes les situacions que li passaven el portaven a desviar-se cada cop més del curs antic de la seva vida: les nombroses seduccions de la gran ciutat que encara era mig pagana. , la licenciositat dels altres estudiants, els teatres, l’emoció del seu èxit literari i un desig incommensurable de ser sempre el primer, fins i tot en pecat. [18] En aquesta ciutat, apassionat de la filosofia, va començar a estudiar la majoria dels textos principals de la cultura hel·lenístic-llatina. Dotat d’un fort sentit crític i animat per un anhel de veritat, va passar els anys de la seva joventut en la insaciable recerca del sentit de la vida . Poc després d’arribar a Cartago, però, Agustí es va veure obligat a confessar a la seva mare Mònica que tenia una aventura amb una dona que li havia donat un fill, Adeodatus ( 372 ), i amb qui va viure en concubinatge durant quinze anys. . Es van separar el 386 , quan ella el va deixar a Milà per anar a Numidia amb la promesa que tornaria. Agustí no esmenta el seu nom en cap text.

Hi ha opinions contradictòries en l’avaluació d’aquesta crisi adolescent . Alguns, com Theodor Mommsen , ho destaquen, d'altres com Friedrich Loofs retreuen a Mommsen aquesta conclusió o mostren clemència cap a Agustí, [19] quan afirmen que, en aquells dies, l'Església permetia el concubinatge. [20] Agustí encara mantenia una certa dignitat i, des dels dinou anys, mostrava un desig genuí de sortir d’aquella conducta dissoluta: el 373 , la lectura de l’ Hortensius de Marco Tullio Ciceró , un text protrèctic que ara s’ha perdut. , va provocar un canvi de rumb a la seva vida. Estava impregnat de l'amor per la saviesa que Ciceró va elogiar amb tanta eloqüència i, a partir d'aquest moment, Agustí va considerar que la retòrica només era una professió, per exercir-la com a mestre. El seu cor s’havia convertit completament en la filosofia. [21]

Agostino en un quadre d' Antonello da Messina

Desembarcar en el maniqueisme

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el maniqueisme .

El 373, la seva ansietat per la recerca de l' absolut el va fer recórrer al maniqueisme , [22] del qual, juntament amb el seu amic Onorato, es va convertir en un dels màxims exponents i popularitzadors. El mateix Agustí narra que el van atraure les promeses d’una filosofia lliure dels vincles de la fe, les jactances dels maniqueus que afirmaven haver descobert contradiccions a les Sagrades Escriptures i, sobretot, l’esperança de trobar en la seva doctrina explicació científica de la natura i els seus fenòmens més misteriosos. La ment indagadora d’Agostino estava entusiasta de les ciències naturals i els maniquees van declarar que la naturalesa no tenia secrets per a Fausto di Milevi , el seu metge. [23] Aquesta adhesió, però, no estava exempta de dubtes: sent torturat pel problema de l’origen del mal , Agustí, mentre esperava solucionar-lo, va donar credibilitat a la tesi maniquea d’un conflicte perenne entre dos principis, el bé i el mal. . A més, hi havia una fascinació molt poderosa per la irresponsabilitat moral derivada d’una doctrina que negava la llibertat i atribuïa la imputabilitat dels crims a un principi extern.

Un cop s’uní a aquest grup, Agostino s’hi dedicà amb tot l’ardor del seu personatge; va llegir tots els llibres, va adoptar i defensar totes les seves idees. El seu molt actiu proselitisme també va convèncer els seus amics Alipius i Romaniano, els seus patrons de Tagaste, els amics del seu pare que pagaven els seus estudis. Va ser durant aquest període maniqueu que les facultats literàries d’Agustí van assolir el seu ple desenvolupament, quan encara era un simple estudiant de Cartago.

Ensenyament

Al final dels seus estudis hauria d’haver entrat al fòrum litigiosum , però va preferir la carrera literària. Possidio narra que va tornar a Tagaste per "ensenyar gramàtica". El jove professor va encantar els seus estudiants, un dels quals, Alipio, més jove que el seu mestre, per no deixar-lo després de seguir-lo entre els manichei, va ser batejat més tard junt amb ell a Milà i, després, probablement es va convertir en bisbe de Tagaste , la seva ciutat natal.

Mònica lamentava profundament l’ heretgia d’Agustí i ni tan sols l’hauria rebut a casa o assegut a la seva taula, si un bisbe no l’hagués aconsellat que declarés que “el fill de tantes llàgrimes i pregàries no podia morir”. Poc temps després, Agustí va tornar a Cartago, on va continuar ensenyant retòrica. El seu talent també li resultava més avantatjós en aquest escenari més gran i, a través d’una incansable recerca de les arts liberals, el seu intel·lecte va assolir la plena maduresa. Aquí va guanyar un torneig de poesia i el procònsol Vindiciano li va concedir públicament la corona competitiva .

Va ser en aquest moment d’embriaguesa literària, quan acabava de completar el seu primer treball sobre estètica (ara perdut), que Agustí va començar a repudiar el maniqueisme. No obstant això, fins i tot quan tenia el major entusiasme, els ensenyaments de Mani havien estat lluny de calmar la seva inquietud. Tot i que va ser acusat d'haver-se convertit en sacerdot de la " secta ", mai no va ser iniciat ni enumerat entre els "elegits", sinó que va continuar sent un "auditor", el rang més baix de la jerarquia. Ell mateix va proporcionar les raons del seu desencís: en primer lloc, la inclinació de la filosofia maniquea - "Ho destrueixen tot i no construeixen res" -; després la seva immoralitat en contrast amb la seva aparent virtut; d'aquí la debilitat dels seus arguments en la controvèrsia amb els "catòlics", als preceptes bíblics dels quals la seva única resposta va ser: "Les Sagrades Escriptures han estat falsificades".

Però el motiu principal era que entre ells no trobava la ciència que anhelava, és a dir, el coneixement de la natura i les seves lleis que li havien promès. Quan els va interrogar sobre els moviments de les estrelles , cap d’ells no va poder respondre’l, convidant-lo a esperar les explicacions exhaustives de Fausto di Milevi, el famós bisbe maniqueu. Finalment, el 383 , va arribar a Cartago: Agustí el va visitar i el va interrogar, [23] però va descobrir en les seves respostes només una retòrica vulgar, absolutament estranya a qualsevol cultura astronòmica i matemàtica . [24] L'encanteri es va trencar i, tot i que Agustí no va abandonar el grup immediatament, el seu esperit decebut va començar a rebutjar les doctrines maniquees.

Ambrose , arquebisbe de Milà

Trobada amb Ambrogio

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Sant'Ambrogio .

El 383 Agostino, als 29 anys, va cedir a la irresistible atracció que Itàlia tenia per a ell; a causa de les reticències de la seva mare a separar-se d'ell, va haver de recórrer a un subterfugi i embarcar-se a la portada de la nit. Tan bon punt va arribar a Roma , on va continuar freqüentant la comunitat maniquea, va caure greument malalt. Quan es va recuperar, va obrir una escola de retòrica però, disgustat per les trampes dels seus alumnes, que el van enganyar sense vergonya de les seves taxes de matrícula, va sol·licitar una vacant com a professor a Milà [25] . El praefectus urbi Quinto Aurelio Simmaco el va ajudar a aconseguir la feina amb la intenció d’oposar-se a la fama del bisbe Ambròs . [26] Després de visitar el bisbe, però, es va sentir atret per les seves converses i va començar a seguir la seva predicació regularment.

Neoplatonisme i cristianisme

Tanmateix, Agustí va estar preocupat per tres anys més de dubtes, durant els quals la seva ment va passar per diverses fases. Al principi, es va dirigir a la filosofia dels acadèmics , atret pel seu escepticisme pessimista , decebut pel maniqueisme i desconfiant de qualsevol forma de creença religiosa. El problema del mal el turmentava sobretot: si Déu existeix i és omnipotent, per què no el pot aniquilar?

«Aquests pensaments els vaig girar al pit infeliç, carregat de preocupacions atormentadores, perquè temia la mort i no havia trobat la veritat. Tanmateix, la fe catòlica en "el vostre Crist , el nostre Senyor i Salvador" [27] va romandre fermament en el meu cor, una fe encara sense forma en molts aspectes i que flotava fora de la doctrina, però la meva ànima no la va abandonar ".

( Confessions , VII, 5 )

Però aleshores va ser decisiva la trobada amb la filosofia neoplatònica , de la qual es va entusiasmar: la lectura acurada de les obres de Plató i Plotí va reavivar en ell l’esperança de trobar la veritat . [28] Una vegada més, Agustí va començar a somiar que ell i els seus amics podrien portar una vida dedicada a la seva recerca, renunciant a totes les aspiracions terrenals, com ara honors, riquesa o plaer, i amb el celibat com a regla. [29] Però només era un somni; les seves passions encara l’esclavitzaven.

Del dubte a la veritat

El pas per la fase del dubte no va ser un simple accident per a Agustí, però va ser decisiu per ajudar-lo a trobar el camí de la fe . Segons Agustí, de fet, només aquells que dubten estan animats per un desig sincer de trobar la veritat, a diferència dels que no es fan cap pregunta. És la consciència del propi desconeixement el que l’empeny a investigar el misteri; i, tanmateix, no es buscaria la veritat si no estiguéssim segurs almenys inconscientment de la seva existència. Aquest és un tema de llarga ascendència socràtica i platònica , però Agustí el situa en la perspectiva cristiana de Déu-Persona: és Déu mateix qui fa néixer el desig de veritat de l’home. Un Déu inconscient i amagat que vol donar-se a conèixer a si mateix per l’home. Només la intervenció de la seva gràcia permet que la raó humana transcendeixi els seus límits, il·luminant-la. I és així com passa la intuïció : és una comprensió i, al mateix temps, una creença , que no tindria sentit dubtar si no hi hagués una Veritat que, de fet, s’escapi del dubte; i que no cercaria Déu si no l’haguéssiu trobat. [30]

Mentrestant, Mònica, que s’havia unit al seu fill a Milà, el va convèncer perquè es comprometés, però la seva promesa era massa jove i, fins i tot si Agostino va saludar la mare d’Adeodato, el seu lloc va ser aviat ocupat per un altre. Així, va haver de passar per un últim període de lluita i angoixa, durant el qual el seu desig de convertir-se no podia prevaler del tot sobre la idea dels plaers als quals hauria hagut de renunciar. Fins que, també gràcies a les valuoses aportacions del bisbe Ambròs, va comprendre com la veritat , el tema central del seu itinerari filosòfic, no és un fet de posseir en si mateix, tal com ho va percebre a les corts de l’Imperi Romà, sinó que posseït, perquè és quelcom absolut, total i universal. En entendre com no és un objecte sinó un subjecte, és a dir, una entitat viva i personal, tal com es presenta als evangelis , [31] estava segur que Jesús era l’única manera d’arribar-hi i que l’home s’adhereix a la Veritat, en primer lloc amb la seva forma de vida.

Va ser una entrevista amb Simpliciano, futur successor d'Ambrose, que va explicar a Agustí la història de la conversió del famós retòric neoplatònic Victorinus, [32] que va obrir el camí a la seva conversió. Això hauria tingut lloc als 32 anys el setembre del 386 , en un jardí de Milà, on –com ens diu el mateix Agostino– va sentir la veu d’un nen que cantava tolle lege , és a dir, “agafa i llegeix”, una invitació que va informar a la Bíblia , que després va obrir a l'atzar caient sobre un passatge de Pau de Tars . [33]

Pocs dies després, Agostino, mentre estava malalt, aprofitant les vacances de tardor, va renunciar a la seva feina de mestre, va anar amb Monica, Adeodato i els seus amics a Cassiciacum, la residència rural de Verecondo . [34] Allà es va dedicar a la recerca d'una filosofia veritable que, per a ell, era ara inseparable del cristianisme.

De la conversió a l'episcopat (386-396)

Agustí rep el bateig de les mans d’ Ambròs

Agustí es va anar familiaritzant a poc a poc amb la doctrina cristiana i, en la seva ment, la filosofia platònica i els dogmes revelats van començar a fusionar-se. La solitud de Cassiciacum li va permetre realitzar un somni llargament perseguit: Agustí va descriure en els seus llibres Contra academicos la serenitat ideal d’aquesta existència, animada només per la passió per la veritat. També va completar l’educació dels seus joves amics, ara amb lectures compartides, ara amb conferències filosòfiques a les que, de vegades, també convidava la seva mare i les històries de les quals, transcrites per un secretari, eren la base dels "Diàlegs". Licenci recordaria més tard a les seves cartes els matins i vespres de la filosofia durant els quals Agustí solia emprendre disquisicions que s’elevaven molt per sobre dels llocs comuns. Els temes preferits d’aquestes conferències eren la veritat, la certesa ( Contra academicos ), l’autèntica felicitat en filosofia ( De beata vita ), l’ordre providencial del món i la seva perfecció matemàtica ( De Musica ), el problema del mal ( De order ) i finalment Déu i l’ànima ( Soliloqui , De immortalitate animae ).

Cap al començament de la Quaresma 387 , Agustí es va dirigir a Milà, on, amb Adeodato i Alipio, va ocupar el seu lloc entre els competents per ser batejats per Ambròs en la Vetlla de Pasqua . Va ser en aquest moment que Agustí, Alipio i Evodio van decidir retirar-se a la solitud d’Àfrica. Agostino va romandre a Milà fins a l’estiu, continuant les seves obres ( De immortalitate animae i De Musica ). Llavors, mentre estava a punt d’embarcar-se a Ostia , la Mònica va morir. Agustí, doncs, va romandre molts mesos a Roma tractant principalment de la refutació del maniqueisme. Va tornar a Àfrica només després de la mort de l'usurpador Magno Massimo (agost del 388 ) i, després d'una breu estada a Cartago, va tornar a Tagaste.

Immediatament després de la seva arribada, va decidir començar a seguir el seu ideal de vida perfecta, dedicat a aquell Déu que havia estimat a l'edat adulta:

«Tardant et vaig estimar, bellesa tan antiga i tan nova, tarda t'estimava. Sí, perquè tu eres dins meu i jo era fora: allà et buscava. Deformat, em vaig llançar sobre les belles característiques de les teves criatures. Estaves amb mi, però jo no era amb tu. Les teves criatures Em van allunyar de tu, inexistent si no existissin en tu. Em vas cridar i el teu crit va trencar la meva sordesa; vas brillar i el teu esplendor va dissipar la meva ceguesa; vas difondre la teva fragància, jo respirava i ara anhel per tu; Et vaig tastar i ara tinc gana i set de tu; em vas tocar i em vaig cremar amb el desig de la teva pau ".

( Confessions X, 27,38 )
Restes delbaptisteri de Milà on va tenir lloc el bateig d’Agustí

Va començar venent totes les seves possessions i donant la recaptació als pobres. Després, ell i els seus amics es van retirar al seu terreny, que ja havia estat alienat, per portar una vida comuna en la pobresa, en l’oració i en l’estudi de la literatura sagrada. El llibre De diversis quaestionibus octoginta tribus és el fruit de les reunions celebrades durant aquest retir, en què també va escriure el De Genesi contra Manicheos , el De magistro i la religió De vera .

Agustí no va pensar a convertir-se en sacerdot i, per por de l’ episcopat , també va fugir de les ciutats on eren necessàries les eleccions. Un dia, havent estat cridat a Hipona per un amic, pregava a una església quan un grup de persones el van envoltar de sobte. El van consolar i van suplicar a Valerio, el bisbe, que el elevés al sacerdoci; malgrat els seus temors, Agustí va ser ordenat el 391 . El nou sacerdot va considerar la seva ordenació com un motiu més per reprendre la vida religiosa a Tagaste i Valerio va aprovar amb tanta il·lusió que va posar a la seva disposició la propietat de l’església, autoritzant-lo a fundar un monestir .

El seu ministeri sacerdotal que va durar cinc anys va ser molt fructífer: Valerio el va autoritzar a predicar malgrat l’ús africà que reservava aquest ministeri només als bisbes; va lluitar contra l’heretgia, sobretot la maniquea, i el seu èxit va ser notable. Fortunato, un dels seus grans metges, a qui Agustí havia desafiat en públic, va quedar tan humiliat per la derrota que va fugir d'Hipona. També va abolir el costum de celebrar banquets a les capelles dels màrtirs . El 8 d'octubre de 393 va participar al Consell Plenari d'Àfrica presidit per Aureli , bisbe de Cartago, on, a petició dels bisbes, es va veure obligat a compondre una dissertació que, en la seva forma completa, es va convertir posteriorment en el tractat De símbol fide et .

Bisbe d’Hipona (395-430)

Agostino en un fresc de Sandro Botticelli

Debilitat per la seva edat avançada, Valerio, bisbe d’Hipona, va obtenir d’Aurelio, primat d’Àfrica , que Agustí s’associés a la seva seu de bisbe coadjutor . Per tant, Agustí va haver de resignar-se a la consagració per mans de Megalius, primat de Numídia . Tenia quaranta-dos anys i ocuparia la seu d’Hipona durant els següents 34. El nou bisbe va entendre bé com combinar l’exercici de les seves funcions pastorals amb l’austeritat de la vida religiosa i, tot i que havia abandonat el monestir, la seva residència episcopal. es va convertir en un monestir on va viure una vida comunitària amb el seu clergat , que va observar una pobresa religiosa. La casa episcopal d’Hipona es va convertir en un autèntic viver per als nous fundadors de monestirs que aviat es van estendre per tot Àfrica i per als bisbes que van ocupar els seients propers. Possidio [35] enumera deu amics i deixebles del sant que van ser elevats a l'episcopat. D'aquesta manera, Agustí va obtenir el títol de patriarca de religiós i la renovació de la vida eclesiàstica a l'Àfrica.

Les seves activitats doctrinals, la influència de les quals estava destinada a durar molt de temps, eren múltiples: predicava amb freqüència, de vegades durant cinc dies consecutius; va escriure cartes que transmetien la seva solució als problemes de l'època a tot el món conegut; lasciò la sua impronta su tutti i concili africani ai quali partecipò, per esempio quelli di Cartagine del 398 , 401 , 407 , 419 e di Milevi del 416 e 418 ; infine, lottò infaticabilmente contro tutte le eresie.

Controversia manichea ed il "problema del male"

Dopo che Agostino divenne vescovo, lo zelo che, fin dai tempi del suo battesimo, manifestava nel portare i suoi ex correligionari all'interno della Chiesa, assunse una forma più paterna senza però perdere il suo antico ardore. Fra gli eventi più memorabili che avvennero durante questa controversia è da ricordare la grande vittoria del 404 su Felice, un "eletto" e grande dottore manicheo. Questi stava predicando ad Ippona e Agostino lo invitò ad una disputa pubblica, al termine della quale Felice si dichiarò vinto, si convertì e, insieme ad Agostino, sottoscrisse gli atti della disputa.

Nelle sue opere Agostino confutò successivamente: Mani ( 397 ), Fausto di Milevi ( 400 ), [23] Secondino ( 405 ) e (intorno al 415 ) i Priscillianisti , di cui gli aveva parlato Paolo Orosio . Queste opere contengono le sue opinioni sul "problema del male", opinioni basate sull'ottimismo derivante dall'idea che ogni opera di Dio è buona e che l'unica fonte del male è la libertà delle creature. [36] Agostino difese il libero arbitrio, anche nell'uomo, con tale ardore che i suoi lavori contro i Manichei sono una ricca fonte di argomentazioni per questo problema.

Agostino operò una prima distinzione fra il male fisico del corpo e il male morale dell'anima, legato al peccato. In questo modo superò una convinzione diffusa nel periodo precedente, che concepiva la malattia e il dolore come una conseguenza e una sorta di punizione divina delle azioni umane. Agostino escluse questa possibilità poiché "Dio è Amore", e un'eventuale espiazione dei peccati si colloca in una vita ultraterrena. Dolore, fame, malattia e peccato hanno però la stessa origine metafisica, ontologica, sono mancanza di essere, nell'anima e nel corpo, così come teorizzava la filosofia classica. Il male non è concepibile da parte di Dio, mentre lo è da parte dell'uomo, che può attuarlo poiché è creato libero, "a immagine e somiglianza di Dio", come afferma la Genesi. In questo senso l'uomo può fare il male, mentre Dio no. Ciò non significa che l'uomo è più libero, o che la divinità cristiana non è onnipotente, ma che l'uomo, errando, può commettere atti che lo rendono imperfetto e infelice. Non commettere il male non è un limite, ma un segno di perfezione.

Agostino, come Socrate , sostenne l'intellettualismo etico, ossia che il male si manifesta per ignoranza, ed esclude nuovamente il male dalla natura divina perché questa è onnisciente. In altre parole, Dio non può fare il male per un motivo ontologico, perché il male è mancanza di essere, mentre lui è "Essenza", che non ha nulla fuori di sé, e per uno gnoseologico-etico, per il quale chi ha la conoscenza ed è veramente libero non commette atti legati all'ignoranza del proprio bene, e che negano la propria libertà. L'uomo è libero al punto di negare la propria libertà innata, compiendo il male; la fonte dell'essere e della conoscenza sono la medesima, e da entrambe deriva l'esclusione di una deviazione etica in un essere perfetto. [37]

La controversia donatista e la teoria della Chiesa

Ritratto dipinto da Filippino Lippi

Lo scisma donatista fu l'ultimo episodio delle controversie montaniste e novazianiste che agitavano la Chiesa dal II secolo. Mentre l'oriente stava investigando sotto vari aspetti il problema divino e cristologico della "Parola", l'occidente, indubbiamente a causa della sua vocazione più pratica, si poneva il problema morale del peccato in tutte le sue forme. Il problema principale era la santità della Chiesa; il peccatore avrebbe potuto essere perdonato e rimanere al suo interno? In Africa la questione riguardava in particolar modo la santità della gerarchia. I vescovi di Numidia che, nel 312 , avevano rifiutato di accettare come valida la consacrazione di Ceciliano alla sede di Cartagine da parte di un traditore, avevano dato il via ad uno scisma che aveva posto queste gravi questioni: i poteri gerarchici dipendono dalla dignità morale del presbitero? Come può l'indegnità dei suoi ministri essere compatibile con la santità della Chiesa?

Essendo stato identificato con un movimento politico, forse con un movimento nazionale contro la dominazione romana, al tempo dell'arrivo di Agostino ad Ippona, lo scisma aveva raggiunto proporzioni immense. Comunque, al suo interno è facile scoprire una tendenza di vendetta antisociale che gli imperatori dovevano combattere con leggi severe. La setta nota come "Soldati di Cristo", e chiamata dai cattolici " Circoncellioni " ("briganti", "vagabondi"), associata agli scismatici, fu caratterizzata da fanatica distruttività, causando una severa legislazione da parte degli imperatori.

La storia delle lotte di Agostino con i Donatisti è anche quella del suo cambio di opinione sull'utilizzo di misure rigide contro gli eretici. Anche la Chiesa d'Africa, dei cui concili era stato l'anima, lo seguì in questo cambio. Agostino, inizialmente, tentò di ritrovare l'unità attraverso conferenze e controversie amichevoli. Nei concili africani ispirò varie misure conciliatrici, spedì ambasciatori presso i Donatisti per invitarli a rientrare nella Chiesa o, almeno, esortarli ad inviare deputati ad una conferenza ( 403 ). I Donatisti accolsero questi inviti dapprima col silenzio, poi con insulti e infine con tale violenza che Possidio , vescovo di Calama e amico di Agostino, sfuggì alla morte per puro caso, il vescovo di Bagaïa fu lasciato ricoperto di orribili ferite e la vita del vescovo di Ippona subì vari attentati. [38] Questa violenza dei Circoncellioni richiese una dura repressione, e Agostino, apprendendo delle molte conversioni che ne seguirono, da allora approvò l'impiego di leggi rigide, pur non volendo mai che l'eresia fosse punibile con la morte. [39]

Nonostante ciò, i vescovi erano ancora favorevoli ad una conferenza con gli scismatici e, nel 410 , un editto promulgato dall'imperatore Onorio pose fine al rifiuto dei Donatisti. Nel giugno 411 , alla presenza di 286 vescovi cattolici e 279 vescovi donatisti, fu organizzato a Cartagine un solenne Concilio . I portavoce dei Donatisti erano Petiliano di Costantina , Primiano di Cartagine e Emerito di Cesarea , gli oratori cattolici Aurelio di Cartagine e Agostino. Alla questione storica in discussione, il vescovo di Ippona provò l'innocenza di Ceciliano e del suo consacratore Felice, sostenendo, nel dibattito dogmatico, la tesi cattolica che la Chiesa, finché esiste sulla terra, può, senza perdere la sua santità, tollerare i peccatori al suo interno nell'interesse della loro conversione. A nome dell'imperatore il proconsole Marcellino sanzionò la vittoria dei cattolici su tutti i punti in discussione.

Controversia pelagiana

La questione della volontà

La disputa con Pelagio riguardava essenzialmente la natura della volontà . Contro di lui Agostino sosteneva che la volontà umana è stata irrimediabilmente corrotta dal peccato originale , che ha inficiato per sempre la nostra libertà . Quest'ultima consiste nella capacità, oramai andata perduta, di dare realizzazione ai nostri propositi, e va distinta perciò dal libero arbitrio , che è invece la facoltà razionale di scegliere, in linea teorica, tra il bene e il male . L'uomo, che è dotato di libero arbitrio, vorrebbe per natura tendere al bene, ma è incapace di perseguirlo, perché nel momento concreto della scelta la sua volontà si ritrova dilaniata: [40] una condizione di duplicità che non gli consente di «volere» appieno, ma si può esemplificare piuttosto nell'espressione «vorrei volere». [41] Soltanto Dio con la sua grazia può redimere l'uomo, non solo illuminando i suoi eletti su cosa è bene, ma anche infondendo loro la volontà effettiva di perseguirlo, volontà che altrimenti sarebbe facile preda dell'incostanza e delle tentazioni malvagie. Solo in questo modo l'uomo potrà ritrovare la sua libertà.

La fine della controversia donatista coincise pressappoco con l'inizio di una nuova disputa teologica che impegnò Agostino fino alla sua morte. L'Africa, dove Pelagio e il suo discepolo Celestio si erano rifugiati dopo il sacco di Roma da parte di Alarico , era diventato il principale centro di diffusione del movimento pelagiano . Già nel 412 un concilio tenuto a Cartagine aveva condannato i Pelagiani per le loro opinioni sulla dottrina del peccato originale , ma, grazie all'attivismo di Agostino, la condanna dei Pelagiani, che avevano avuto il sopravvento in un sinodo tenuto a Diospolis in Palestina , fu reiterata dai successivi concili tenuti a Cartagine ea Milevi, e confermata da papa Innocenzo I nel 417 . Un secondo periodo di attivismo pelagiano si sviluppò a Roma; papa Zosimo fu inizialmente convinto da Celestio ma, dopo essere stato convinto da Agostino, nel 418 pronunciò una solenne condanna contro i Pelagiani. In seguito la disputa fu proseguita per iscritto contro Giuliano di Eclano , che aveva assunto la guida del gruppo ed attaccava violentemente Agostino.

Verso il 426 nacque il movimento dei Semipelagiani , i cui primi membri furono i monaci di Hadrumetum , in Africa, seguiti da quelli di Marsiglia guidati da Giovanni Cassiano , abate di San Vittore. Essi cercarono di mediare tra Agostino e Pelagio sostenendo che la grazia dovesse essere concessa solo a coloro che la meritano e negata agli altri. Informato delle loro opinioni da Prospero d'Aquitania , il santo scrisse il De praedestinatione sanctorum , nel quale spiegava che qualsiasi desiderio di salvezza era dovuto alla " Grazia di Dio " che, perciò, controllava completamente la nostra predestinazione .

Controversia ariana e ultimi anni

Nel 426, all'età di 72 anni, desiderando risparmiare alla sua città il tumulto di un'elezione episcopale dopo la sua morte, Agostino spinse sia il clero sia il popolo ad acclamare come suo ausiliare e successore il diacono Eraclio.

In quegli anni l'Africa fu sconvolta dalla rivolta del comes Bonifacio ( 427 ); i Visigoti inviati dall'imperatrice Galla Placidia per contrastare Bonifacio ei Vandali che questi aveva chiamato in suo aiuto erano tutti Ariani e, al seguito delle truppe imperiali, entrò ad Ippona Massimino, un vescovo ariano. Agostino difese la propria fede in una conferenza pubblica ( 428 ) e con vari scritti. Essendo profondamente addolorato per la devastazione dell'Africa, lavorò per una riconciliazione tra il comes Bonifacio e l'imperatrice; la pace fu ristabilita, ma non con Genserico , il re vandalo. Bonifacio, cacciato da Cartagine, cercò rifugio a Ippona, dove molti vescovi si erano già rifugiati per cercare protezione in questa città ben fortificata, ma i Vandali l' assediarono per ben diciotto mesi. Cercando di controllare la sua angoscia, Agostino continuò a confutare Giuliano di Eclano, ma, all'inizio dell'assedio, fu colpito da una malattia fatale e, dopo tre mesi, il 28 agosto 430 , morì all'età di 75 anni.

Nel 718 il suo feretro, venerato per secoli a Cagliari dove era stato portato da esuli fuggiti all'invasione vandala del Nordafrica, [42] fu fatto trasportare dalla Sardegna a Pavia , a opera del re longobardo Liutprando . [43]

Da allora le sue spoglie sono custodite nellabasilica di San Pietro in Ciel d'Oro .

Opere

Agostino in un dipinto di Simone Martini

Agostino fu un autore molto prolifico, notevole per la varietà dei soggetti che produsse, come scritti autobiografici, filosofici, apologetici, dogmatici, polemici, morali, esegetici, raccolte di lettere, di sermoni e di opere in poesia (scritte in metrica non classica, bensì accentuativa, per facilitare la memorizzazione da parte delle persone incolte). Bardenhewer ne lodava la straordinaria varietà di espressione ed il dono di descrivere gli avvenimenti interiori, di dipingere i vari stati dell'anima e gli avvenimenti del mondo spirituale. In generale, il suo stile è nobile e casto; ma, diceva lo stesso autore, "nei suoi sermoni e negli altri scritti destinati al popolo, intenzionalmente, il tono scendeva ad un livello popolare".

Autobiografia e corrispondenza

  • Le Confessioni , scritte intorno al 400, sono la storia della sua maturazione religiosa. Il nocciolo del pensiero agostiniano presente nelle Confessioni sta nel concetto che l'uomo è incapace di orientarsi da solo: esclusivamente con l'illuminazione di Dio, a cui deve obbedire in ogni circostanza, l'uomo riuscirà a trovare l'orientamento nella sua vita. La parola "confessioni" viene intesa in senso biblico ( confiteri ), non come ammissione di colpa o racconto, ma come preghiera di un'anima che ammira l'azione di Dio nel proprio interno.
  • Le Retractationes ("Ritrattazioni"), composte verso la fine della sua vita, tra il 426 e il 428, sono una revisione, un riesame dei propri lavori ripercorsi in ordine cronologico, spiegando l'occasione della loro genesi e l'idea dominante di ognuno. Rappresentano una guida di inestimabile valore per comprendere l'evoluzione del pensiero di Agostino .
  • Le Epistolae ("Lettere"), che nella raccolta benedettina ammontano a 270 (53 dei corrispondenti di Agostino), sono utili per la conoscenza della sua vita, della sua influenza e della sua dottrina.

Scritti filosofici

Queste opere, in gran parte composte nella villa di Cassiciacum, dalla conversione al battesimo (388-387), continuano l'autobiografia di Agostino iniziando il lettore alle ricerche ed alle esitazioni platoniche della sua mente. Sono saggi letterari, la cui semplicità rappresenta il culmine dell'arte e dell'eleganza. In nessun'altra opera lo stile di Agostino è così castigato e la sua lingua così pura. La loro forma dialogica dimostra che erano di ispirazione platonica e ciceroniana. Le principali sono:

  • Contra Academicos ("Contro gli accademici"), l'opera filosofica più importante;
  • De beata vita ("La vita beata");
  • De Ordine ("L'ordine");
  • Soliloquia ("Soliloqui"), in due libri;
  • De immortalitate animae ("L'immortalità dell'anima");
  • De Magistro ("Il maestro"), un dialogo tra Agostino e suo figlio Adeodato;
  • De Musica ("La musica"), in sei libri.
Antonio Cifrondi , Sant'Agostino d'Ippona nel suo studio

Scritti apologetici

Le sue opere apologetiche rendono Agostino il grande teorico della fede, e delle sue relazioni con la ragione. «Lui è il primo dei Padri» - affermava Adolf von Harnack ( Dogmengeschichte , III 97) - «che sentì il bisogno di costringere la sua fede a ragionare».

  • La città di Dio ( De civitate Dei contra Paganos , "La città di Dio contro i Pagani"), in 22 libri, fu iniziato nel 413 e terminato nel 426 ; esso rappresentava la risposta di Agostino ai pagani che attribuivano la caduta di Roma ( 410 ) all'abolizione del Paganesimo. Considerando il problema della Divina Provvidenza applicato all' Impero romano , egli allargò l'orizzonte e creò la prima filosofia della storia , abbracciando con uno sguardo i destini del mondo raggruppati intorno alla religione cristiana. La città di Dio è considerata il più importante lavoro del vescovo di Ippona. Mentre le Confessioni sono teologia vissuta nell'anima e rappresentano la storia dell'azione di Dio sugli individui, La città di Dio è teologia incastonata nella storia dell'umanità che spiega l'azione di Dio nel mondo; l'opera costituisce una vera e propria apologia del Cristianesimo messo a confronto con la civiltà pagana , oltre a fornire riflessioni sulla "grandezza e l'immortalità dell'anima". In essa Agostino cerca di dimostrare che la decadenza della cosiddetta città degli uomini (contrapposta a quella di Dio e da lui identificata proprio con l' Impero romano d'Occidente ) non poteva essere imputata in alcun modo alla religione cristiana, essendo il frutto di un processo storico teleologicamente preordinato da Dio.
  • De vera religione ("La vera religione") fu composto a Tagaste tra il 389 ed il 391 ;
  • De utilitate credendi ("L'utilità di credere"), del 391;
  • De fide rerum quae non videntur ("La fede nelle cose che non si vedono"), del 400;
  • Lettera 120 a Consenzio .

Controversie

Contro i Manichei

  • De moribus Ecclesiae catholicae et de moribus Manichaeorum (" I costumi della Chiesa ei costumi dei Manichei"), scritto a Roma nel 368 ;
  • De duabus animabus contra Manichaeos ("Le due anime contro i Manichei"), scritto prima del 392 ;
  • Acta seu disputatio contra Fortunatum manichaeum ("Atti della disputa contro il manicheo Fortunato"), del 392;
  • Contra Felicem manichaeum ("Contro il manicheo Felice"), del 404
  • De libero arbitrio ("Il libero arbitrio"), opera importante per la trattazione dell'origine del male;
  • Contra Adimantum manichaei discipulum ("Contro Adimanto, discepolo manicheo");
  • Contra epistolam Manichaei quam vocant Fundamenti ("Contro la lettera di Mani che chiamano della Fondazione");
  • Contra Faustum manichaeum ("Contro il manicheo Fausto");
  • Contra Secundinum manichaeum ("Contro il manicheo Secondino");
  • De Genesi contra Manichaeos ("La Genesi contro i Manichei");
  • De natura boni contra Manichaeos ("La natura del bene contro i Manichei");
Sant'Agostino d'Ippona ritratto da Francesco Cappella

Contro i Donatisti

  • Psalmus contra partem Donati ("Salmo contro la fazione di Donato"), scritto intorno al 395 , è semplicemente un canto ritmato per uso popolare, il più antico esempio del genere;
  • Contra epistolam Parmeniani ("Contro la lettera di Parmeniano"), scritto nel 400;
  • De baptismo contra Donatistas ("Il battesimo contro i Donatisti"), scritto intorno al 400, una delle opere più importanti scritte durante questa controversia;
  • Contra litteras Petiliani ("Contro le lettere di Petiliano");
  • Contra Cresconium grammaticum Donatistam ("Contro il grammatico donatista Cresconio");
  • Breviculus collationis cum Donatistas ("Sommario della conferenza coi Donatisti");
  • Contra Gaudentium Donatistarum episcopum ("Contro Gaudenzio vescovo dei Donatisti");
  • De gestis cum Emerito Donatistarum episcopo ("Gli atti del confronto con Emerito vescovo dei Donatisti");
  • Epistola ad Catholicos contra Donatistas ("Lettera ai Cattolici contro i Donatisti");
  • Post collationem ad Donatistas ("Ai Donatisti dopo la conferenza");
  • De unico baptismo contra Petilianum ("Il battesimo unico contro Petiliano");
  • Un buon numero di epistolae sull'argomento.

Contro i Pelagiani

  • De peccatorum meritis et remissione et de baptismo parvolorum ("Il castigo e il perdono dei peccati e il battesimo dei bambini"), scritto nel 412 , tratta del merito e del perdono; [44]
  • De Spiritu et littera ("Lo Spirito e la lettera"), scritto nel 412;
  • Il Pordenone , Sant'Agostino in cattedra
    De perfectione iustitiae hominis ("La perfezione della giustizia dell'uomo"), scritto nel 415 ed importante per la comprensione del pensiero pelagiano;
  • De gestis Pelagii ("Le gesta di Pelagio"), scritto nel 417 , narra la storia del Concilio di Diospolis, di cui riproduce gli atti;
  • De gratia Christi et de peccato originale contra Pelagium ("La grazia di Cristo ed il peccato originale contro Pelagio"), scritto nel 418 ;
  • De nuptiis et concupiscentia ("Le nozze e la concupiscenza"), scritto nel 419 ;
  • Contra duas epistolas Pelagianorum ("Contro due lettere dei Pelagiani");
  • De natura et gratia contra Pelagium ("La natura e la grazia contro Pelagio");
  • Contra Iulianum haeresis Pelagianae ("Contro Giuliano dell'eresia pelagiana"), ultimo della serie, interrotta dalla morte del santo.

Contro i Semipelagiani

  • De correptione et gratia ("La correzione e la grazia"), scritto nel 427 ;
  • De praedestinatione sanctorum ("La predestinazione dei santi"), scritto nel 428 ;
  • De dono perseverantiae ("Il dono della perseveranza"), scritto nel 429 .

Contro gli Ariani

  • Contra sermonem Arianorum ("Contro il sermone degli Ariani"), del 418 ;
  • Collatio cum Maximino Arianorum episcopo ("Conferenza con Massimino vescovo degli Ariani");
  • Contra Maximinum haereticum episcopum Arianorum ("Contro Massimino vescovo eretico degli Ariani").

Altre eresie

  • De haeresibus ("Le eresie");
  • Contra Priscillanistas et Origenistas ("Contro i Priscillanisti e gli Origenisti").

Scritti esegetici

In evangelium Ioannis , 1050-1100 ca., Biblioteca Medicea Laurenziana , Firenze

I più notevoli dei suoi lavori biblici illustrano o una teoria dell'esegesi (generalmente approvata) che si diletta nel trovare interpretazioni mistiche ed allegoriche, o lo stile della predicazione che si fonda su quei punti di vista. La sua produzione strettamente esegetica è ben lontana, tuttavia, dall'eguagliare il valore scientifico di quella di Girolamo : la sua conoscenza delle lingue bibliche era insufficiente. Da giovane comprendeva il greco con qualche difficoltà [45] e, per quanto riguarda l'ebraico, tutto ciò che si può desumere dagli studi di Martin Schanz e Odilo Rottmanner è che aveva familiarità con il punico , [46] una lingua simile all'ebraico. Inoltre, le due grandi qualità del suo genio, la prodigiosa sottigliezza e l'ardente sensibilità, lo portarono a destreggiarsi tra interpretazioni che a volte erano più ingegnose che realistiche. Tra le sue opere vanno ricordate:

  • De doctrina christiana ("La dottrina cristiana"), iniziato nel 397 e terminato nel 426, fu il primo vero trattato esegetico, poiché Girolamo scrisse piuttosto come controversialista; esso si occupa della predicazione, dell'interpretazione della Bibbia e dei rapporti fra retorica classica e retorica cristiana.
  • De Genesi ad litteram ("La Genesi alla lettera"), composto tra il 401 ed il 415 ;
  • Enarrationes in Psalmos ("Esposizioni sui Salmi"), [47] in 4 volumi, parte dei Discorsi , un capolavoro di eloquenza popolare;
  • De sermone Domini in monte ("Il discorso del Signore sulla montagna"), scritto durante il suo ministero sacerdotale;
  • De consensu evangelistarum ("Il consenso degli evangelisti"), scritto nel 400;
  • In evangelium Ioannis ("Nel vangelo di Giovanni"), scritto nel 416 considerato una delle opere migliori di Agostino;
  • Expositio Epistolae ad Galatos ("Esposizione della Lettera ai Galati");
  • Annotationes in Iob ("Annotazioni in Giobbe");
  • De Genesi ad litteram imperfectus ("La Genesi alla lettera incompiuta");
  • Epistolae ad Romanos inchoata expositio ("Inizio dell'esposizione della Lettera ai Romani");
  • Expositio quarundam propositionum ex Epistola ad Romanos ("Esposizione di alcune frasi dalla Lettera ai Romani");
  • In Epistolam Ioannis ad Parthos ("Nella Lettera di Giovanni ai Parti");
  • Locutiones in Heptateuchum ("Locuzioni nell'Ettateuco").

De doctrina Christiana

Da quando Agostino fu ordinato sacerdote cominciò seriamente a interessarsi all' esegesi delle Sacre Scritture . Quest'opera, redatta in quattro libri, raccoglie la sua esperienza di commentatore biblico: i primi tre libri trattano della comprensione dei contenuti ( res ) e delle parole ( signa ), il quarto discorre della corretta esposizione dei contenuti ( proferre ).

Il commentatore dei testi sacri, in questo caso della Bibbia, deve ponderare bene le proprie ipotesi e obbligatoriamente valutarle alla luce della gemina caritas ("duplice carità") cristiana, [48] presente in ogni parte della Sacra Scrittura : questo duplice amore, quello per Dio e quello per il prossimo, ne rappresenta il valore portante. Il lettore deve inoltre prestare molta attenzione alla comprensione delle parole che possono risultare sconosciute, spiegabili attraverso il confronto con le lingue greco-ebraiche, oppure quelle ambigue, che possono essere veramente comprese ricorrendo al testo originale o in alternativa consultando altre traduzioni a disposizione. Agostino dimostra qui uno spirito filologico di sensibilità molto elevata, ed elabora concetti di scientificità basilari per l'approccio alla comprensione di un testo.

Per quanto riguarda il proferre , l'autore ammette, a differenza di altri autori cristiani, l'uso della retorica classica purché miri alla creazione di una nuova retorica cristiana, che per essere tale deve essere esercitata da uomini meritevoli e integerrimi, ricordando il pensiero di Catone (un buon cittadino è un ottimo oratore).

All'interno del componimento si trovano molte riflessioni interessanti, come la differenza tra frui ("godere") e uti ("usare"), basata su una concezione che vede l'uomo bearsi di tutto ciò che provoca diletto ed usa ogni mezzo che è necessario per raggiungere tale piacere. [49] Nel sistema del godimento creato da Agostino, Dio naturalmente occupa il posto massimo, dunque l'uomo per raggiungere tale letizia deve impiegare gli strumenti che possiede, ossia l'anima e il corpo. L'altra riflessione che emerge è di carattere linguistico-culturale e consiste nella differenza tra res (la cosa in sé) e signum (ciò che rimanda ad altro). La parola è sicuramente un segno, afferma Agostino, pertanto la teoria platonica di un linguaggio naturale viene sostituita da quella di un linguaggio convenzionale, ossia frutto di un accordo comune tra gli uomini. Il filosofo chiude l'opera esprimendo la sua idea di nuova retorica cristiana: un'opera non dev'essere giudicata attraverso canoni prefissati (cioè quelli della retorica classica) ma, più propriamente, in base a ciò che essa realmente contiene.

Opere dogmatiche e morali

  • De Trinitate ("La Trinità"), in 15 libri, scritto dal 400 al 416, è l'opera più complessa e profonda di Agostino. [50] Gli ultimi libri sulle analogie che il mistero della Trinità ha con la nostra anima sono molto discussi;
  • Enchiridion de fide, spe et charitate ("Manuale sulla fede, sulla speranza e sull'amore"), scritto nel 421 su richiesta di un pio romano, Laurenzio, è una sintesi della teologia di Agostino, ridotta alle tre virtù teologiche. Padre Faure ne ha elaborato un dotto commentario, mentre Harnack un'analisi particolareggiata ( Storia dei dogmi , III, pp. 205–221);
  • De diversis quaestionibus ad Simplicianum ("Diverse domande a Simpliciano"), scritto nel 397 , dove Agostino torna sul tema della grazia salvatrice, ritenuta un dono gratuito che non dipende da meriti ma esclusivamente «da Dio che usa misericordia», [51] secondo una prospettiva echeggiante la predicazione di Paolo ;
  • Quaestiones Evangeliorum ("Domande sui Vangeli");
  • Quaestiones in Heptateuchum ("Domande sull'Ettateuco");
  • Quaestiones septemdecim in Evangelium secundum Matthaeum ("Diciassette domande sul Vangelo secondo Matteo");
  • De diversis quaestionibus octoginta tribus ("Ottantatré diverse questioni");
  • De octo Dulcitii quaestionibus ("Le otto domande di Dulcizio");
  • De octo quaestionibus ex Veteri Testamento ("Otto domande sull'Antico Testamento");
  • De bono coniugali ("Il bene del matrimonio");
  • De bono viduitatis ("Il bene della vedovanza");
  • De coniugiis adulterinis ("I connubi adulterini");
  • De continentia ("La continenza");
  • De cura pro mortuis gerenda ("La cura che dev'essere riservata ai morti");
  • De mendacio ("La menzogna");
  • De patientia ("La pazienza");
  • De quantitate animae ("La grandezza dell'anima");
  • De utilitate ieiunii ("L'utilità del digiuno");
  • De sancta virginitate ("La santa verginità").

Pastorali e predicazioni

Oltre alle omelie sulle Scritture, i Benedettini hanno raccolto 364 sermoni di provata autenticità; la loro brevità suggerisce che siano resoconti redatti da discepoli, spesso revisionati da Agostino stesso. Se il Dottore che era in lui predominava sull'oratore, aveva meno colore, meno opulenza, meno attualità e meno fascino orientale di Giovanni Crisostomo , ma, d'altra parte, dimostrava una logica più nervosa, paragoni più arditi, maggiore elevazione e maggiore profondità di pensiero e, a volte, nei suoi scoppi d'emozione e nelle sue cadute nella forma dialogica, raggiungeva il potere irresistibile dell'oratore greco. Tra queste opere:

  • De catechizandis rudibus ("I novelli catechizzandi"), scritto nel 400, in cui viene spiegata la teoria della predicazione e dell'istruzione religiosa delle persone;
  • De disciplina Christiana ("La disciplina cristiana"), in 4 libri;
  • Sermo ad Caesariensis Ecclesiae plebem ("Discorso al popolo della Chiesa di Cesarea");
  • Sermones ("Sermoni"), caratterizzati dalla chiarezza d'esposizione e dall'efficacia della nuova retorica teorizzata nel De doctrina Christiana . Nelle opere agostiniane complete stampate nel 1683 dalla Congregazione di San Mauro , i sermoni sono 394, dei quali 364 si attribuiscono ad Agostino; altri ritrovamenti vi hanno aggiunto 175 sermoni. Tra le scoperte più recenti, lo storico Germain Morin nel 1917 aggiunse 34 sermoni, dal Codex Guelferbytani ; il benedettino medievalista Dom André Wilmart nel 1921-1930 vi aggiunse 15 sermoni dal Codex Wilmart ; Dom Cyrille Lambot rinvenne 24 nuovi sermoni, sette in frammenti, nel Codex Lambot . L'ultimo ritrovamento fu nel 1990, quando François Dolbeau scoprì a Magonza un manoscritto con 26 sermoni [52] .

Altre opere

  • Adversus Judaeos ("Contro i Giudei"), in quest'opera Agostino attacca i giudei, accusati di avversare la nuova fede cristiana; le disgrazie patite dai giudei attraverso la diaspora e le loro sciagure rappresentavano, per Agostino, la testimonianza della «validità della religione cristiana e dunque la giustezza della nuova interpretazione delle Sacre Scritture». Agostino avanzava verso i giudei l'accusa gravissima di aver crocifisso ed ucciso Cristo: «... i giudei lo tengono prigioniero, i giudei lo insultano, i giudei lo legano, lo incoronano di spine, lo disonorano con gli sputi, lo flagellano, lo coprono di ingiurie, lo appendono alla Croce, lo trapassano con una lancia, alla fine lo seppelliscono». In quest'opera Agostino tracciava anche una netta divisione tra cristiani ed ebrei giudei: una cesura dettata dall'esigenza dello Spirito con riferimento alla comune discendenza da Abramo . Per i giudei era un'origine carnale, non originata dalla Fede in Dio, come è invece per i cristiani: «È la stirpe dei giudei che trae origine dalla sua carne, - scrive Agostino - non la stirpe dei cristiani: noi discendiamo da altre genti e tuttavia imitando la sua virtù, siamo divenuti figli di Abramo. [...] Noi siamo dunque fatti discendenti di Abramo per grazia di Dio. Dio non fece suoi eredi i discendenti carnali di Abramo. Anzi questi li ha diseredati per adottare quegli altri».
  • Contra adversarium Legis et Prophetarum ("Contro l'avversario della Legge e dei Profeti");
  • Contra mendacium ("Contro la menzogna");
  • De agone Christiano ( "Il combattimento cristiano");
  • De anima et eius origine contra Vincentium Victorem ("L'anima e la sua origine contro Vincenzo Vittore");
  • De divinatione demonum ("La divinazione dei demoni");
  • De excidio urbis Romae ("La rovina della città di Roma");
  • De fide et operibus ("La fede e le opere");
  • De fide et symbolo ("La fede e il simbolo");
  • De grammatica ("La grammatica");
  • De gratia et libero arbitrio ("La grazia e il libero arbitrio");
  • De opera monachorum ("L'opera dei monaci");
  • De Scriptura Sacra speculum ("Specchio della Sacra Scrittura");
  • De symbolo ad Catechumenos ("Il simbolo ai Catecumeni");
  • Regula ad servos Dei ("Regola ai servi di Dio").

Culto

La più antica immagine di Agostino, risalente al VI secolo, in un affresco nella basilica del Laterano

Agostino è venerato come santo dalla Chiesa cristiana sin da tempi remoti, e tradizionalmente rappresentato con la mitra e il pastorale come suoi tipici paramenti vescovili. Altre immagini di lui, tra cui la più antica risalente al VI secolo , lo raffigurano invece seduto ad uno scrittoio con un libro aperto. [53]

Nel 1298 fu annoverato fra i primi quattro dottori della Chiesa . [54]

In occasione del XV centenario della morte papa Pio XI ne commemorò la figura nell' enciclica Ad Salutem Humani del 20 aprile 1930 . In occasione del XVI anniversario della conversione, papa Giovanni Paolo II pubblicò la lettera apostolica Augustinum Hipponensem , del 28 agosto 1986 .

Il 22 aprile 2007 papa Benedetto XVI si recò a Pavia , nella basilica di San Pietro in Ciel d'Oro , a pregare presso la tomba del santo.

Sant'Agostino è santo patrono delle seguenti città:

È santo compatrono di Pavia (a partire dal 16 settembre 2007, dal decreto stipulato il 28 agosto 2007). È anche patrono secondario della Sardegna (ricorrenza liturgica il giorno 11 ottobre in memoria della Traslazione delle sue spoglie nell'Isola). In Sardegna esistono inoltre chiese ed altri edifici religiosi intitolati al santo, ad esempio: Chiesa di Sant'Agostino (Sassari) , Cripta di Sant'Agostino e Chiesa di Sant'Agostino (Cagliari) e Chiesa di Sant'Agostino (Abbasanta) .

Ordini religiosi ispirati ad Agostino

Reliquia conservata nella Basilica di Sant'Agostino ad Annaba in Algeria

Ad Agostino si deve la nascita delle varie regole del primo monachesimo, come la Regula Magistri e la Regola di San Benedetto . Cesario d'Arles , infatti, si ispirò alle sue idee sia per le sue prediche che per la fondazione di alcuni ordini monastici. A lui si ispirarono anche i papi che proposero le regole di vita dei Canonici Regolari di Sant'Agostino .

Successivamente, alla sua Regola di vita si rifecero numerose forme di vita religiosa, tra i quali l' Ordine di Sant'Agostino (OSA), chiamato degli Agostiniani : diffusi in tutto il mondo, insieme agli Agostiniani scalzi (OAD) e agli Agostiniani Recolletti (OAR), costituiscono nella Chiesa cattolica la principale eredità spirituale del santo di Ippona.

Ingresso al Monastero di Sant'Agostino e San Serafino di Sarov a Trikorfo, Grecia centrale. Il campanile contiene 400 simandri metallici e 62 campane.

In Grecia , a Trikorfo (regione della Focide , nei pressi di Lepanto ) opera un grande monastero Greco-Ortodosso [55] dedicato a Sant'Agostino di Ippona e San Serafino di Sarov . In questo monastero maschile (è noto che nella Chiesa Ortodossa esiste un unico μοναχικό τάγμα, o "ordine" monastico) risiedono oltre 30 giovani monaci, impegnati nella trasmissione del messaggio del Santo di Ippona.

Alcune Chiese scismatiche africane, fenomeni a metà tra le cosiddette " Piccole Chiese " ed il sincretismo (in particolare quelle fornite di successione apostolica ), sorte nel corso del XIX e del XX secolo , si sono auto-definite Agostiniste , in considerazione dell'origine africana del santo.

Opere d'arte dedicate ad Agostino

La Chiesa di Sant'Agostino a Napoleon ( Stati Uniti ) è uno dei tanti luoghi di culto dedicati ad Agostino di Ippona.

Pittura

Scultura

Cinema e televisione

Opere teatrali

  • Maricla Boggio , Il tempo di Agostino , un prologo e quindici scene, pubblicato sulla rivista "Hystrio", A. 7, n. 4 , pp. 178–191, Milano, ottobre-dicembre 1994. [58]
  • Maura Del Serra , Scintilla d'Africa , cinque scene, con uno scritto di Marco Beck, Pistoia, Editrice Petite Plaisance, 2005.

Musica

  • Marco Bargagna, Agostino d'Ippona , Italia 2001, Oratorio per Soli, Coro e Orchestra - 2CD - Interpreti: Maria Billeri , Soprano, Giancarlo Ceccarini, Baritono, Salvatore Ciulla, Voce recitante. Dir. Stefano Barandoni. Testi tratti dagli scritti di Agostino, dalla Vita di Agostino di Possidio e dai libri liturgici
  • Corrado Cicciarelli, Aldino Leoni, Il Sacco di Sant'Agostino , Italia 1994 (I edizione, esecuzione prima in San Pietro in Ciel d'Oro) e 2009 (II edizione) Oratorio (musicassetta e libretto edizioni Joker, 1994) - Interpreti: Corrado Cicciarelli, Aldino Leoni, Mario Martinengo, Andrea Negruzzo, Giorgio Penotti (Gruppo dell'Incanto).

Romanzi filosofici e storici

Note

  1. ^ Le confessioni , traduzione di Dag Tessore, Newton Compton Editori, 2012. URL consultato il 5 febbraio 2017 .
  2. ^ Sant'Agostino , in San Carlo Borromeo, I Santi di Milano , Il Club di Milano, 2012 ISBN 978-88-97618-03-4 (dove Agostino viene annoverato da Carlo Borromeo tra i santi di Milano).
  3. ^ Antonio Livi, Storia Sociale della Filosofia , vol. I, pag. 242, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 2004, ISBN 88-534-0267-9 .
  4. ^ Giuseppe Lorizio, Teologia fondamentale , vol. I, p. 273, Roma, Città Nuova, 2004.
  5. ^ Poujoulat, Storia di Sant'Agostino: sua vita, sue opere , vol. III, p. 132, Losanna, S. Bonamici, 1845.
  6. ^ «L'aggancio con le dottrine stoiche in Agostino è mediato attraverso Cicerone e Varrone », dai quali egli riprende, tra le altre cose, l'idea della felicità come scopo della filosofia (Luigi Manca, Il primato della volontà in Agostino e Massimo il Confessore , p. 57, Roma, Armando editore, 2002 ISBN 88-8358-385-X ). Sull'influsso dello stoicismo sul giovane Agostino, che se ne discosterà soltanto nella vecchiaia, cfr. anche L'originalità del Verbum nel De Trinitate di Agostino d'Ippona , articolo di Gaetano Piccolo, Mondodomani, 2011.
  7. ^ Oggi infatti gli studiosi concordano sul fatto che la filosofia agostiniana è sostanzialmente di stampo neoplatonico (cfr. Werner Beierwaltes , Agostino e il neoplatonismo cristiano , prefazione e introduzione di Giovanni Reale, traduzione di Giuseppe Girgenti e Alessandro Trotta, Milano, Vita e pensiero, 1995). Gli studi del professor Reale ad esempio hanno contribuito a rimuovere le interpretazioni medievali del pensiero di Agostino, riconducendolo entro la cornice di un autentico neoplatonismo (cfr. Sant'Agostino erede di Platone ).
  8. ^ «Nessuna altra cosa può rendere la mente compagna del desiderio disordinato se non la propria volontà e il libero arbitrio» (Agostino, Il libero arbitrio , libro I, 11, 21).
  9. ^ Heinz Heimsoeth, I grandi temi della metafisica occidentale , Milano, Mursia, 1973, pp. 110-111.
  10. ^ a b c d e Remo Piccolomini, Natalino Monopoli, L'attualità di Agostino. Commento alla lettera apostolica «Agostino d'Ippona» di Giovanni Paolo II , Roma, Città nuova, 207, pp. 12, 256, ISBN 978-88-311-7474-9 .
  11. ^ Henri-Irénée Marrou , Crise de notre temps et réflexion chrétienne de 1930 à 1975 , Beauchesne, 1978, p. 177; Étienne Gilson , Le philosophe et la théologie (1960) , Vrin, 2005, p. 175; Encyclopedia Americana , Scholastic Library Publishing, 2005, volume 3, p. 569; Guy Bedouelle , L'Histoire de l'Eglise , Rouergues, 2004, p. 34; Norman Cantor , The Civilization of the Middle Ages , Harper Perennial, 1994, p. 74; François Mauriac , Bloc-notes, 1952-1957 , Flammarion, 1958, p. 320; Claude Lepelley , Saint Augustin et le rayonnement de sa pensée in Histoire du Christianisme , Parigi, Seuil, 2007. p. 122; Grand Larousse encyclopédique , Librairie Larousse, 1960, tomo 1, p. 144.
  12. ^ Mark Ellingsen, The richness of Augustine, his contextual and pastoral theology , Louisville, Westminster John Knox Press, 2005, p. 10.
  13. ^ Antonio Sicari, Il quinto libro dei Ritratti di santi , Milano, Jaca Book, 1996, pp. 11, 224, ISBN 88-16-30313-1 .
  14. ^ Comune di Roma, Giovanni Falbo, 'Sant'Agostino Patrono di Ostia' (2009), p 8.
  15. ^ Agostino, La felicità , 1, 6.
  16. ^ Christian Courtois, Saint Augustin et le problème de la survivance punique , n. 94, pp. 239-282, Revue Africaine, 1950.
  17. ^ Emerge qui velatamente il pensiero di Agostino sulla natura del male , concepito come un semplice non-essere: il furto, opera malvagia, è privo di consistenza. «Qualcosa» erano le pere, ma non da esse egli era attratto, bensì dal desiderio di rubare fine a se stesso.
  18. ^ «Venni a Cartagine, dove da ogni parte mi strepitava intorno una ridda di turpi amori. [...] Cercavo un oggetto da amare, amando di amare, e detestavo la tranquillità e la via senza trappole, perché avevo un vuoto, dentro di me, di cibo interiore. [...] Perciò l'anima mia era malata e, piena d'ulceri, si gettava al di fuori, sulle creature, miserabilmente avida di essere sfregata dal contatto con le realtà sensibili» ( Confessioni , III, 1, 1).
  19. ^ F. Loofs, Realencyklopädie , 3ª edizione, II, 268.
  20. ^ Erwin Roderich, Hermann von Kienitz, Abendland-Verlag, 1947, Augustinus: Genius des Abendlandes , 114
  21. ^ «L' Ortensio mi piaceva perché non m'incitava a seguire questa o quella setta, ma ad amare, cercare, conseguire, possedere e abbracciare con forza la sapienza stessa, quale essa fosse; e mi accendeva e m'infiammava» ( Confessioni , III, 4).
  22. ^ Setta fondata da Mani di Babilonia, che riconosceva Gesù come profeta, ma inferiore a sé.
  23. ^ a b c Sul vescovo manicheo Fausto di Milevi , cfr. Heinrich Kraft, La teologia dei padri [1966], V, pag. 168, a cura di Gaspare Mura, trad. it., Città Nuova Editrice, Roma 1987 ISBN 88-311-9205-1 ; e Francesco Adorno, La filosofia antica: cultura, filosofia, politica e religiosità II-VI secolo dC , IV vol., pag. 359, Feltrinelli, Milano 1992 ISBN 88-07-81138-3 .
  24. ^ Confessioni , V, 6, 10.
  25. ^ Pavia e l'Europa , su monasteriimperialipavia.it .
  26. ^ Servitium. Quaderni di spiritualità XXIV (1990), pp. 31-42.
  27. ^ Citazione della seconda epistola di San Pietro , II, 20.
  28. ^ Come già ripetuto, Agostino erediterà da Platone la fede nell'esistenza di due mondi indipendenti: uno intellegibile nel quale dimora la Verità e si conosce l' anima , e uno sensibile che, manifesto alla vista e al tatto, è creato a immagine ea verosimiglianza del primo. Il mondo sensibile può indurre gli stolti a rimanere schiavi dell'opinione, smarrendo la vera conoscenza ( Contra Academicos , III, 17.37), ( LA , EN ) Vernon J. Bourk , Augustine's View of Reality , in The Saint Augustine Lecture Series , 1963, p. 38, DOI : 10.5840/stauglect19639 ( archiviato il 23 gennaio 2020) . Secondo Agostino, Platone fu l'uomo «più sapiente e più colto della sua epoca»: seppe costruire un sistema filosofico perfetto, unendo «all'arguzia e alla finezza socratica , che ebbe in materia di morale, la scienza delle cose naturali e divine», che Pitagora aveva appreso dalle discussioni con Ferecide di Siro riguardo all'anima immortale, Biviana Unger, Tra scetticismo e platonismo: la ricerca agostiniana della verità - Seminario di Filosofia Medievale ( PDF ), su cirfim.unipd.it , Università di Padova , 17 maggio 2017, p. 3 ( archiviato il 23 gennaio 2020) .
  29. ^ Confessioni , VI.
  30. ^ Esprimendo un concetto che sarà ripreso da Pascal , Agostino scriveva che «l'intelletto cerca Colui che ha già trovato» ( De Trinitate , 15, 2, 2).
  31. ^ «Io sono la Via, la Verità e la Vita», vangelo di Giovanni 14,6.
  32. ^ Confessioni , VIII, I II.
  33. ^ Si trattava della lettera ai Romani , nel punto in cui Paolo sosteneva che era giunto il tempo di «destarsi dal sonno» esortando perciò a «comportarsi onestamente come in pieno giorno: non in mezzo a gozzoviglie e ubriachezze, non fra impurità e licenze, non in contese e gelosie, ma rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non abbiate cura della carne per soddisfarne i desideri» ( Romani , 13, 13-14).
  34. ^ Località che corrisponderebbe all'attuale Cassago Brianza , secondo F. Meda, Controversia sul Rus Cassiciacum , in «Miscellanea Agostiniana», vol. II, pagg. 49-59, Roma 1931. Dello stesso avviso Rinaldo Beretta, Dov'era Cassiciaco che ospitò S.Agostino? , Carate 1928, che si contrappone alla tesi di Carlo Massimo Rota, La villeggiatura di S. Agostino , Varese 1928, dove Cassiciacum è identificata invece con Casciago .
  35. ^ Vita Sancti Augustini , XXII.
  36. ^ De civitate Dei , XIX, c. XIII, n. 2.
  37. ^ Sant'Agostino, Confessioni , VII, 12-20.
  38. ^ Epistola LXXXVIII, a Gennaro vescovo donatista.
  39. ^ Vos rogamus ne occidatis Epistola c, al proconsole Donato.
  40. ^ Non si tratta di un conflitto tra ragione e volontà , o tra principi contrapposti come li intendevano i manichei , bensì di un conflitto tutto interno alla volontà, che risulta sdoppiata:

    «Il comando della volontà riguarda se stessa, non altro da sé. Quindi non è tutta la volontà che comanda; per questo il suo comando non si realizza. Se fosse tutta, infatti, non comanderebbe di essere, poiché già sarebbe. Il fenomeno straordinario perciò non consiste nel volere da una parte e non volere dall'altra, ma in una malattia dello spirito, incapace di ergersi tutto intero, in quanto sollevato dalla verità, ma appesantito dall'abitudine. Allora le volontà sono due, poiché nessuna è intera e nell'una è presente ciò che è assente nell'altra.»

    ( Agostino, Confessioni , VIII, 9, 21; Opera Omnia di Sant'Agostino a cura della «Nuova Biblioteca Agostiniana» (abbreviata in NBA), I, p. 240, Roma, Città Nuova, 1965 ss. )
  41. ^ Cfr. Ugo e Annamaria Perone, Giovanni Ferretti, Claudio Ciancio, Storia del pensiero filosofico , vol. I, Torino, SEI, 1975. Si tratta di un concetto, questo di Agostino, che rievoca le parole di Paolo di Tarso : «C'è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; io infatti non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio. Ora, se faccio quello che non voglio, non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me» (Paolo, Lettera ai Romani Rm 7, 18-20 , su laparola.net . ).
  42. ^ In particolare da San Fulgenzio, cfr. Giuseppe Cossu, Della città di Cagliari, notizie compendiose sacre e profane , Cagliari, Reale Stamparia, 1780, p. 97, dove si fa menzione dell'epistola De translatione corporis B. Augustinii , di Giacomo Oldrado.
  43. ^ Gabriele Del Grande, Il mare di mezzo , Infinito, 2010, p. 24.
  44. ^ Agostino vi difese la prassi del battesimo dei neonati, convinto che costoro fossero destinati all'inferno se morti prima di essere battezzati, non essendo stati purificati dal peccato originale . Nel Medioevo verrà introdotto il concetto di Limbo quale luogo ultraterreno in cui collocare le anime dei non battezzati.
  45. ^ "As Augustine only seems to have become fluent in Greek later in his career, he was initially dependent on translations." (HAG Houghton, Augustine's Text of Johnː Patristic Citations and Latin Gospel Manuscripts , New York, Oxford University Press, 2008, p. 48; "he himself [Agostino] knew no Hebrew, and his knowledge of even the Greek language progressed to a proficient level only in his later years", Edmon L. Gallagher, "Augustine on the Hebrew Bible", The Journal of Theological Studies , NS, 2016, p. 3.
  46. ^ Michael G. Cox, Augustine, Jerome, Tyconius and the Lingua Punica , "Studia Orientalia", vol. 64, 1988, pp. 83-106.
  47. ^ in altre lingue tradotto come Commenti ai Salmi
  48. ^ Con l'espressione « gemina caritas » Agostino riassume il contenuto del duplice comandamento di amare Dio e il prossimo come se stessi (cfr. De doctrina Christiana 2, 6, 7).
  49. ^ «Chiamo carità l'atto spirituale volto al godimento di Dio in se stesso, e di sé e del prossimo in vista di Dio. [...] L'atto col quale la carità giova a se stessa si chiama invece utilità» ( De doctrina Christiana 3, 10, 16; trad. di L. Alici (LCPM 7), Milano 1989, p. 239).
  50. ^ Secondo la leggenda, per via del notevole impegno che Agostino profuse nell'opera, un angelo gli avrebbe spiegato che il tentativo umano di comprendere il mistero della Trinità era come cercare di raccogliere l'acqua del mare in una piccola buca sulla sabbia: l'episodio è stato raffigurato da Botticelli in una pala conservata agli Uffizi di Firenze .
  51. ^ Ad Simplicianum I, 2, 13.
  52. ^ Augustine 2007, pp. 11-12, 439-440.
  53. ^ Alfredo Cattabiani, Santi d'Italia: vita, leggende, iconografia, feste, patronati, culto , alla voce «Agostino Aurelio», Milano, BUR, 1993.
  54. ^ Victor Saxer, Il culto dei martiri romani durante il Medioevo centrale nelle basiliche Lateranense, Vaticana e Liberiana , in AA.VV., Roma antica nel Medioevo , pag. 155, Milano, Vita e Pensiero, 2001 ISBN 88-343-0686-4 .
  55. ^ Sacro Monastero di Sant'Agostino di Ippona e San Serafino di Sarov, Trikorfo Fokida, Grecia , su freemonks.gr . URL consultato il 29 settembre 2020 .
  56. ^ Stefano Masi, Enrico Lancia, I film di Roberto Rossellini , pp. 117-121, Gremese Editore, 1987.
  57. ^ Agostino di Ippona di Roberto Rossellini , su cassiciaco.it , Associazione storico-culturale S.Agostino. URL consultato il 27 giugno 2015 .
  58. ^ Ripubblicato all'interno del libro di Maricla Boggio, Aleida e il Che, Il tempo di Agostino, Savonarola, Il Volto velato , Roma, edizioni Bulzoni, 2015.

Bibliografia

  • Agostino d'Ippona, Manuale (in italiano) , Firenze, Lorenzo Morgiani e Johann Petri, 1493.
  • Agostino d'Ippona, Sermone del vivere religiosamente , Impresso in Venetia, Annibale Fossi, 1487.
  • Catholic Encyclopedia , Volume II. New York 1907, Robert Appleton Company. Nihil obstat , 1907. Remy Lafort, STD, Censor. Imprimatur + Cardinale John Murphy Farley , Arcivescovo di New York
  • Rinaldo Beretta, Il Rus Cassiciacum di S. Agostino , Carate Brianza, tipografia G. Moscatelli, 1947.
  • Peter Brown , Augustine of Hippo , Berkeley, University of California Press, 1967 ISBN 0-520-00186-9 (trad. ital. Agostino d'Ippona , Torino, Einaudi, 1971. Nuova ed. ampliata, 2005).
  • Norman Cantor , The Civilization of the Middle Ages, A Completely Revised and Expanded Edition of Medieval History p74 , Harper Perennial, 1994 ISBN 0-06-092553-1
  • Gabriel Camps , Les Berbères. Mémoire et identité , 3ª ed., Paris, Errance, 1995 ISBN 978-2-87772-221-6
  • Antonio Casamassa, "Agostino" in Enciclopedia Biografica Universale , Roma, Istituto Enciclopedia Italiana, 2006, pp. 144–166.
  • Giovanni Catapano , Agostino , Roma, Carocci, 2010 ISBN 978-88-430-5005-5 .
  • Marcus Dods, The City of God by St Augustine (preface) , Modern Lib edition, 2000 ISBN 0-679-78319-9
  • Costantino Esposito e Pasquale Porro (a cura di), Agostino e la tradizione agostiniana , Quaestio. Annuario di storia della metafica, 6, 2006.
  • Kurt Flash, Agostino d'Ippona. Introduzione all'opera filosofica , Bologna, Il Mulino, 2002.
  • Romano Guardini, La conversione di sant'Agostino , Morcelliana, 2002
  • Brunero Gherardini , La Cattolica. Lineamenti d'ecclesiologia agostiniana , Torino Lindau, 2011 ISBN 978-88-7180-929-8 .
  • Étienne Gilson , Introduzione allo studio di sant'Agostino , Genova, Marietti, 1998.
  • Etienne Gilson, Filosofia e Incarnazione secondo sant'Agostino , Roma, Casa editrice Leonardo da Vinci, 1999.
  • Etienne Gilson, Le metamorfosi della «Città di Dio» , Siena, Catagalli, 2010.
  • Vittorino Grossi, La Chiesa di Agostino: modelli e simboli , Bologna, EDB, 2012.
  • Patricia Hampl, The Confessions by St Augustine (preface) , Vintage, 1998 ISBN 0-375-70021-8
  • Christoph Horn, Augustinus , München, Beck, 1995 (trad. it. Sant'Agostino , Il Mulino, Bologna 2005).
  • Gaetano Lettieri, Il senso della storia in Agostino d'Ippona. Il saeculum e la gloria nel «De civitate Dei» , Roma, Borla, 1988 ISBN 88-263-0467-X .
  • Gaetano Lettieri, L'altro Agostino. Ermeneutica e retorica della grazia dalla crisi alla metamorfosi del «De doctrina Christiana» , Brescia, Morcelliana, 2002.
  • Luigi Manca, Il primato della volontà in Agostino e Massimo il Confessore , Roma, Armando Editore, 2002.
  • Henri Irenée Marrou, L'ambivalenza del tempo della storia in Sant'Agostino , Bologna, CLUEB, 2009.
  • Jean-Luc Marion, Sant'Agostino. In luogo di sé , Milano, Jaca Book, 2014.
  • Virgilio Pacioni, Agostino d'Ippona. Prospettiva storica e attualità di una filosofia , Milano, Mursia, 2004 ISBN 88-425-3306-8 .
  • Donatella Pagliacci, Volere e amare: Agostino e la conversione del desiderio , Città Nuova, 2003.
  • Massimo Parodi, Il paradigma filosofico agostiniano , Bergamo, Lubrina, 2006.
  • Alberto Pincherle, Vita di Sant'Agostino , Roma-Bari, Laterza, 1988.
  • Possidio, Vita di Agostino. Catalogo di tutti i libri, sermoni e lettere del vescovo Sant'Agostino , a cura di Elena Zocca, Milano, Paoline, 2009.
  • Joseph Ratzinger , Popolo e casa di Dio in Sant'Agostino , Milano, Jaca Book, 1978.
  • Giorgio Santi, Agostino d'Ippona filosofo , Roma, Lateran University Press, 2003 ISBN 88-465-0269-8 .
  • Vincent Serralda e André Huard, Le Berbère... lumière de l'Occident , Paris, Nouvelles Editions Latines, 1989 ISBN 2-7233-0239-3 .
  • Agostino Trapè, Introduzione generale a sant'Agostino , Roma, Città Nuova, 2006.
  • Sette discorsi di Natale , illustrazioni di Italo Valenti , Novara, Interlinea edizioni , 1995

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Vescovo di Ippona Regia Successore BishopCoA PioM.svg
Valerio 396 - 430 Eraclio
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 66806872 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2137 6443 · SBN IT\ICCU\CFIV\004595 · LCCN ( EN ) n80126290 · GND ( DE ) 118505114 · BNF ( FR ) cb11889551s (data) · BNE ( ES ) XX978571 (data) · ULAN ( EN ) 500104317 · NLA ( EN ) 35010207 · BAV ( EN ) 495/53026 · CERL cnp01302049 · NDL ( EN , JA ) 00431905 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80126290