Any litúrgic a l’Església llatina

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Esquema de l'any litúrgic romà de forma ordinària

L’ any litúrgic a l’Església llatina no es correspon perfectament amb l’ any natural i té una durada variable, ja que les dates d’inici i finalització són mòbils. No hi ha un any litúrgic únic per a tota l’Església llatina , ja que varia segons els diferents ritus presents a l’Església llatina i pertanyents a l’única família ritual llatina.

Per tant, es pot dir que:

  • hi ha tants anys litúrgics llatins com de ritus llatins, e
  • cada any litúrgic és l’expressió temporal del ritu litúrgic relatiu. [1]

Queden molts elements comuns entre els anys litúrgics llatins, ja que es refereixen a l’església llatina, la més nombrosa de les esglésies sui iuris catòliques.

Visió general dels anys litúrgics llatins

Els anys litúrgics llatins, també anomenats occidentals, estan connectats respectivament als diferents ritus que formen la família ritual llatina. Entre aquests anys litúrgics del curs de la història s’inclouen: el romà, l’ambrosià, el mossàrab, el bracarense, el patriarcat, el celta, el gallicà, el Benevent, el de Sarum i els d’alguns ordres religiosos com el cartoixà.

Any litúrgic romà

L’any litúrgic romà, expressió temporal del ritu romà , és un dels anys litúrgics de l’església llatina i, per tant, de l’església catòlica : tot i que es forma com l’any litúrgic de l’església local de Roma , és amb diferència el any litúrgic més estès no només en el context de l’Església llatina, sinó també en el context de l’església catòlica i de tot el cristianisme .

L’any litúrgic del ritu romà es distingeix de l’ anterior a la reforma litúrgica en la diversitat de la data del final de la temporada nadalenca, en absència del temps pre-quaresmal anomenat temps Septuagesima i en l’aplicació a certs períodes de l'any de la denominació "temps ordinari" o anuals . Per a altres exemples de diferències, vegeu Taula de dies litúrgics .

Esquema de l'any litúrgic

CURS LITÚRGIC AL RIT ROMÀ
Temps Partició Color litúrgic Principals esdeveniments, incloses solemnitats, diumenges i festes del Senyor.
Temporada d’advent.

La temporada d’ Advent es presenta tant com un moment de devota i feliç expectativa com com un moment de penitència i té un doble caràcter:

1) del tipus messiànic, ja que constitueix la preparació per a la solemnitat del Nadal revivint l’expectativa de la primera vinguda del Senyor Jesucrist, i

2) de tipus escatològic, ja que constitueix una preparació per a la segona vinguda, el retorn gloriós, del Senyor Jesucrist a través del record de la seva primera vinguda.

L’advent és un moment fort; per ordre cronològic, és el primer dels temps forts. Dura de 22 a 28 dies i comença amb les primeres vespres del primer diumenge d’advent, o amb la missa pròpia del primer diumenge d’advent, anticipada a la nit del dissabte anterior, si aquesta missa precedeix a les primeres vespres. Amb el començament de l’Advent comença tant l’ any litúrgic com el cicle de la Manifestació del Senyor.

La temporada d’ Advent acaba després de la novena hora del 24 de desembre, sigui quin sigui el grau del dia litúrgic d’Advent que se celebra en aquesta data com un dia adequat.

Període de preparació remota per Nadal.

Aquest període presta més atenció al caràcter escatològic de l’adveniment. Comença a la mateixa hora que el començament de l’Advent i acaba normalment el 16 de desembre (després de la novena hora del 16 de desembre si el 17 cau el tercer diumenge d’Advent).

Viola Primer diumenge d’Advent ( Ad Te levavi ). Cau entre el 27 de novembre i el 3 de desembre; és el primer diumenge de l'any litúrgic i el quart diumenge abans de Nadal .
Segon diumenge d’Advent ( Populus Sion ). Cau entre el 4 i el 10 de desembre. Sol tenir prioritat sobre la Solemnitat de la Immaculada Concepció [2] .
Blanc Solemnitat de la Immaculada Concepció de la Santíssima Mare de Déu .

Normalment se celebra des de la tarda del 7 de desembre fins a la totalitat del 8 de desembre, tret que el 8 de desembre caigui en diumenge: en aquest cas la solemnitat es transfereix al 9 de desembre i dura fins al dia natural. No obstant això, en compliment de la devoció mariana particular, les conferències episcopals dels països on la solemnitat és un dia d’obligació poden adoptar una excepció a la norma ordinària sobre la precedència.

rosa o porpra Tercer diumenge d’advent ( Gaudete ). Cau entre l’11 i el 17 de desembre. Comença la tercera setmana d’Advent, amb els seus propis formularis per a cada dia, excepte el dissabte, que és una de les festes privilegiades de l’Advent. En funció de la data en què cau el tercer diumenge d’Advent i tenint en compte l’inici de les vacances especials, els formularis específics dels dies feiners de la tercera setmana es poden ometre totalment o parcialment.
Viola Tempora Winter o d ' Advent . Se celebren en alguns calendaris particulars, com per exemple. l'italià, els dimecres, divendres i dissabtes després del tercer diumenge d'Advent, és a dir, sempre a la tercera setmana d'Advent.
Període de preparació immediata per Nadal.

Aquest període, també anomenat Octave en preparació del Nadal , presta atenció al caràcter mesiànic de l’Advent.

Comença el 17 de desembre (la nit del 16 si el 17 cau el tercer diumenge d’Advent: en aquest darrer cas, l’octava comença amb les primeres vespres del tercer diumenge d’advent o amb la missa pròpia del tercer diumenge de l’Advent Advent, previst per al vespre del dissabte 16, si aquesta missa precedeix les primeres vespres).

Aquest període finalitza contextualment al final de l’Advent.

Viola Vacances d’advent privilegiades. [3] Se celebren del 17 al 24 de desembre. Basant-se en la data en què cau el tercer diumenge d’Advent, un o dos d’aquests dies privilegiats donen pas al tercer i / o quart diumenge d’Advent: per ser precisos, en qualsevol cas, un dels dies privilegiats, entre el 18 de desembre i el 24, sempre dóna pas al quart diumenge d’Advent ja que només la privilegiada fira del 17 de desembre pot donar pas al tercer diumenge d’Advent. Els records que coincideixen amb les festes privilegiades i que no són impedits per diumenge no tenen precedència sobre aquestes festes, però la recopilació pot ser la de la memòria. [4]
Quart diumenge d’Advent ( Rorate ). Cau entre el 18 i el 24 de desembre. Comença la quarta setmana d’Advent, que és incompleta si el diumenge cau entre el 19 i el 24.
Hora de nadal.

Aquest temps es presenta com un moment d’alegria i té un caràcter únic de tipus actual, ja que constitueix un reviure de la manifestació del Senyor Jesucrist.

L’esmentada manifestació, tot i que única, prové de la litúrgia contemplada en tres moments: el Nadal, l’Epifania i el Baptisme del Senyor. Per aquestes raons, aquesta vegada no té articulacions internes [5] fins i tot si la Solemnitat de Nadal, inici de la manifestació del Senyor Jesucrist i origen d’aquesta època litúrgica, té una pròpia extensió temporal que no invalida la unitat d’aquest temporada litúrgica.

El temps de Nadal és un moment fort, en ordre cronològic, és el segon dels moments forts. Té una durada de 14 a 20 dies, als quals cal afegir-hi la tarda, la nit i la nit del 24 de desembre.

De fet, l’època de Nadal comença el 24 de desembre i, precisament, amb les primeres vespres de la solemnitat de la nativitat del Senyor, o amb la missa vespertina la vigília de la solemnitat de Nadal si aquesta missa precedeix a les primeres vespres.

La temporada de Nadal acaba amb la festa del Baptisme del Senyor. Amb el final de la temporada de Nadal, el Cicle de la Manifestació del Senyor acaba al mateix temps.

Octave de Nadal.

Amb aquesta expressió ens referim als vuit dies posteriors a la festa de Nadal fins a l’1 de gener inclòs o, en un segon sentit, al vuitè dia després de la festa, és a dir, a l’1 de gener. Els altres dies s’anomenen dies entre l’octava .

L’ octava , entesa sobre la base del primer significat, allarga l’alegria del Nadal i és una extensió temporal de la solemnitat del Nadal durant els 7 dies següents. Per tant, té una durada total de 8 dies més les hores de tarda, nit i nit del 24 de desembre que formen part de la Solemnitat de Nadal. De fet, la celebració de les dues grans solemnitats, Setmana Santa i Nadal, s’allarga durant vuit dies per una octava, regulada per les seves pròpies normes litúrgiques. [6]

Blanc
Solemnitat de la Nativitat del Senyor .

Se celebra des de la tarda del 24 de desembre fins a tot el 25 de desembre. S’indica com una de les 3 majors solemnitats: un signe d’aquesta dignitat és la presència de l’octava. [7]

Festa de Santo Stefano protomartire el 2n dia entre l'octava de Nadal.

Festa de Sant Joan Apòstol i Evangelista el 3er dia entre l'octava de Nadal.

Festa dels Sants Màrtirs Innocents Sants el 4t dia entre l’octava de Nadal.

La persona va dir que les vacances cauen respectivament els dies 26, 27 i 28 de desembre tret que:

1) si una de les dates esmentades cau en dissabte, la festa relativa finalitza després de la novena hora, e

2) si una d’aquestes dates cau en diumenge, s’omet la festa relativa.

Les celebracions litúrgiques individuals d’aquestes festes alternen els seus propis elements amb elements nadalencs: a excepció de les Vespres, que només contenen elements nadalencs, i el Complini que se celebra com per Nadal. La presència dels elements nadalencs a les celebracions és el signe de l’octava. [8]

5è dia entre l'octava de Nadal, possiblement prenent la col·lecció de Sant Tomàs Becket , bisbe i màrtir.

6è dia entre l'octava de Nadal.

El 7è dia entre l'octava de Nadal acaba prenent la col·lecció de Sant Silvestre I , Papa.

Els esmentats dies individuals cauen respectivament els dies 29, 30 i 31 de desembre. Si un d’ells cau el diumenge o el 30 de desembre el divendres, la relació entre les diverses recurrències es regeix de la següent manera:

1) si el 29 o 30 de desembre cau en dissabte, el dia relatiu entre l'octava finalitza després de la novena hora;

2) si una d'aquestes dates cau en diumenge o si el 30 de desembre cau en divendres, s'omet el dia relatiu entre el vuitè, ja que dóna pas a la festa de la Sagrada Família;

3) El 7è dia entre l'octava de Nadal sempre acaba després de la novena hora, perquè segueixen les primeres vespres.

Festa de la Sagrada Família de Jesús, Maria i Josep

Se celebra:

  • el diumenge entre l'octava, és a dir, l'últim diumenge de desembre si cau després del 25 de desembre, o
  • el 6è dia entre l’octava, és a dir, el divendres 30 de desembre, si el Nadal cau en diumenge.

Aquest Festival té prioritat sobre qualsevol altre esdeveniment, entenent-se que:

1) si cau el 26 de desembre o cau el divendres 30 de desembre, perdura el dia natural, per exemple

2) si cau el 31 de desembre, finalitza després de la novena hora.

Solemnitat de Maria Santíssima Mare de Déu , a l’ octava de Nadal. On es celebra l’Epifania a partir del 3 de gener, la solemnitat de la Mare de Déu sempre se celebra des de la tarda del 31 de desembre fins a tot l’1 de gener inclòs. Quan l’Epifania, en no ser una festa de l’obligació , se celebra el diumenge que cau el 2 de gener, la solemnitat de la Mare de Déu acaba després de la novena hora de l’1 de gener. En gairebé totes les regions, el 31 de desembre és el final de l'any natural i l'1 de gener és l' Any Nou civil. Finalment, el dia mundial de la pau se celebra l’1 de gener.

Temps de Nadal després de l’octava

Després de l’octava de Nadal, l’objecte de reflexió ja no és tant el naixement de Jesús com la seva manifestació al món.

Blanc
Diumenge II després de Nadal ( Dum Medium ). Cau entre el 2 i el 5 de gener. Se celebra només si l'Epifania és preceptiva en aquesta regió.
Solemnitat de l’ Epifania del Senyor .

Quan és festa de l’obligació, se celebra des de la tarda del 5 de gener fins a tot el 6 de gener, en cas contrari se celebra el primer diumenge després de l’1 de gener.

Festa del Baptisme del Senyor .

Allà on se celebra l’Epifania com a màxim el 6 de gener, aquesta festa se celebra sempre el diumenge següent a l’Epifania. Quan l’Epifania, que no és una festa d’obligació , se celebra el diumenge que cau el 7 o el 8 de gener, aquesta festa se celebra el dilluns següent, és a dir, el 8 o el 9 de gener respectivament. [9]

El Tempo per any o temps ordinari es compon de 34 setmanes. L'expressió d'Annum en italià es tradueix entre l'any o entre l'any . El temps per Annum es divideix en dues parts en què es desenvolupen les setmanes que la componen. La primera part d’aquest temps se celebra després de l’època de Nadal i abans de l’època de la Quaresma . verd No hi ha "Primer diumenge per any" ni hora ordinària , perquè la primera setmana per any comença amb el dilluns (o dimarts) següent al Baptisme del Senyor.
Tots els diumenges del temps ordinari s’indica amb un número ordinal, començant per " Segon ".
Memòria obligatòria de Sant'Antonio Abate el 17 de gener .
Memòria obligatòria de santa Inés , verge i màrtir el 21 de gener .
Memòria obligatòria de Sant Francesc de Sales , bisbe i doctor de l'Església el 24 de gener .
Festa de la conversió de sant Pau apòstol el 25 de gener .
Memorial obligatori dels bisbes dels sants Timoteu i Tito el 26 de gener .
Memòria obligatòria del sacerdot de Sant Tomàs d’Aquino i doctor de l’Església el 28 de gener .
Memòria obligatòria de sant Joan Bosco , prevere el 31 de gener .
Blanc Festa de la Presentació del Senyor , 2 de febrer , també coneguda com Candelaria .
Temps de Quaresma, que comença un temps de preparació i penitència a la vista de la Setmana Santa anual. El temps de Quaresma és un moment fort, en ordre cronològic, és el tercer dels temps forts. Viola Dimecres de Cendra , que cau 46 dies abans del diumenge de Pasqua . La seva durada correspon al dia natural, però té prioritat sobre altres recurrències que cauen el mateix dia i que s’inclouen als núms. 3-13 de la Taula dels dies litúrgics . Aquest dimecres és un dia de dejuni i abstinència .
Primer diumenge de Quaresma ( Invocabit ).
Primavera de Tempora o Quaresma . Se celebren en alguns calendaris particulars, com per exemple. l’italià, els dimecres, divendres i dissabtes posteriors al primer diumenge de quaresma , és a dir, sempre a la primera setmana de quaresma .
Segon diumenge de Quaresma ( Reminiscere ).
Tercer diumenge de Quaresma ( Oculi ).
Blanc Solemnitat de Sant Josep , cònjuge de la Santíssima Mare de Déu , el 19 o 20 de març, si el 19 cau un diumenge de quaresma abans del diumenge de Rams. Si el 19 coincideix amb el Diumenge de Rams, la solemnitat es trasllada al 18 de març en aquells països on és festa d’obligació ; en altres països, la Conferència Episcopal pot transferir-la a una data fora de la Quaresma. [10]
Blanc Solemnitat de l’ Anunciació del Senyor , el 25 o el 26 de març, si el dia 25 cau un diumenge de Quaresma abans de la Setmana Santa. Si llavors el 25 de març cau a la Setmana Santa o a l'octava de Pasqua, sempre es transfereix al dilluns posterior al II diumenge de Pasqua. [11]
rosa o porpra Quart diumenge de Quaresma ( Laetare ).
Viola Cinquè diumenge de Quaresma ( Iudica ).
La Setmana Santa es dirigeix ​​a la memòria de la Passió de Crist des del moment de la seva entrada a Jerusalem [12]
Vermell Diumenge de Rams i la Passió del Senyor o "de Passione Domini", amb el qual comença la unitat litúrgica anomenada Setmana Santa .
Viola Dilluns, dimarts i dimecres sant.
Blanc Dijous Sant : Missa de Nadal , celebrada al matí a la catedral. Després de la novena hora i abans de la missa vespertina, acaba la temporada de Quaresma.
El tridu sagrat de Pasqua, també anomenat tridu de la passió, la mort i la resurrecció del Senyor, és el centre de l' any litúrgic, essent històricament la primera celebració anual. D'aquesta manera, la Pasqua jueva , una figura de la de Crist, es completa. El tridu és un moment fort [ es necessita una cita ] , de fet, per ordre cronològic, és el quart dels temps forts i, per ordre de dignitat, el més important entre els temps forts. Blanc
Dijous Sant : missa nocturna al sopar del Senyor , amb la qual comença el tridu de Pasqua .
Vermell Divendres Sant , Passió i Mort de Jesús: dia litúrgic sense missa.
Viola Dissabte Sant , enterrament de Crist i el seu descens als inferns: dia litúrgic sense missa.
Blanc Solemnitat del diumenge de Pasqua - Resurrecció del Senyor : després de les vespres adequades, s’acaba el tridu de Pasqua .
Temps de Pasqua, amb el qual la solemnitat de Setmana Santa s’estén a set setmanes. És un moment fort i, de fet, per ordre cronològic, el cinquè i últim dels moments forts. Blanc Solemnitat de la Resurrecció de Pasqua de Nostre Senyor Jesucrist : al mateix temps que comença aquesta solemnitat, comença la temporada de Pasqua, que fins a les Vespres incloses es creua amb el Tridu Pasqual.
Octave de Pasqua , comença amb la Solemnitat de Pasqua i acaba amb el 2n diumenge de Pasqua, inclòs. El segon diumenge de Pasqua també es diu diumenge de la Divina Misericòrdia i diumenge in albis . Tots els dies de l’octava tenen el grau de solemnitat.
III diumenge de Pasqua
IV diumenge de Pasqua o diumenge del Bon Pastor.
V diumenge de Pasqua
6è diumenge de Pasqua
Solemnitat de l' Ascensió del Senyor el dijous següent al 6è diumenge de Pasqua, o en algunes regions el diumenge següent (com a Itàlia des del 1977).
VII diumenge de Pasqua, tret que doni pas a la Solemnitat de l' Ascensió .
Vermell Solemnitat de Pentecosta , que cau el setè diumenge següent a Pasqua. Se celebra la baixada de l’ Esperit Sant sobre Maria i els apòstols reunits a la sala superior.
La temporada de Pasqua acaba amb Pentecosta.
Tempora d'Estate, en alguns calendaris particulars, com per exemple. l'italià, els dimecres, divendres i dissabtes després de Pentecosta . Amb aquestes celebracions s’acaba la temporada de Pasqua .
Segona part del Tempo per Annum que se celebra després de Pasqua i abans de la temporada d’ Advent de l’any litúrgic següent.

La data més primerenca possible per a Pentecosta és el 10 de maig , en aquest cas el primer diumenge anual del segon període és el 24 de maig (ja que el diumenge 17 de maig seria la solemnitat de la Santíssima Trinitat) o (on la solemnitat de SS. i La sang de Crist no és una festa d’obligació seria el 24 de maig) el 31 de maig .

La darrera data possible per a Pentecosta és el 13 de juny , en aquest cas el primer diumenge anual del segon període és el 27 de juny o (on la solemnitat del Santíssim Cos i Sang de Crist no és una festa de precepte) el 4 de juliol .

Blanc Solemnitat de la Santíssima Trinitat , el diumenge immediatament següent a la Pentecosta .
Blanc Solemnitat de les SS. Cos i sang de Crist , el dijous immediatament següent a la Solemnitat de la Santíssima Trinitat o en algunes regions el diumenge següent (com a Itàlia des del 1977).
Blanc Solemnitat del Sagrat Cor de Jesús , el divendres immediatament següent al segon diumenge després de Pentecosta.
verd Vuitè diumenge del temps ordinari (en aquells llocs on el Corpus Domini no es transfereix al diumenge següent), si després de la solemnitat de la Trinitat.
Novè diumenge del temps ordinari, si després de la solemnitat de la Trinitat.
10è diumenge del temps ordinari, si després de la solemnitat de la Trinitat.
Onzè diumenge del temps ordinari, si després de la solemnitat de la Trinitat.
Dotzè diumenge del temps ordinari, si després de la solemnitat de la Trinitat
Tretze diumenge del temps ordinari, si després de la solemnitat de la Trinitat.
Catorzè diumenge del temps ordinari.
Quinze diumenge del temps ordinari.
Setzè diumenge del temps ordinari.
Dissetè diumenge del temps ordinari.
Divuitè diumenge del temps ordinari.
Dinovè diumenge del temps ordinari.
Vintè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-un diumenge del temps ordinari.
Vint-i-dosè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-tresè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-quatre diumenge del temps ordinari.
Vint-i-cinquè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-sisè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-setè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-vuitè diumenge del temps ordinari.
Vint-i-novè diumenge del temps ordinari.
Trentè diumenge del temps ordinari.
Trenta-primer diumenge del temps ordinari.
Trenta-dos diumenge del temps ordinari.
Trenta-tercer diumenge del temps ordinari.
Trenta-quarta (última) setmana de temps ordinari.
Blanc Solemnitat de la Nativitat de Sant Joan Baptista , 24 de juny.
Vermell Solemnitat dels sants Apòstols Pere i Pau el 29 de juny.
Blanc Festa de la Transfiguració del Senyor , el 6 d’agost.
Blanc Solemnitat de l' Assumpció de la Verge Maria , 15 d'agost
Vermell Festa de l' Exaltació de la Santa Creu , 14 de setembre.
verd Tempora d'Autunno, en alguns calendaris particulars, com per exemple. l'italià, els dimecres, divendres i dissabtes després del 3r diumenge de setembre, que sempre cau després de l' Exaltació de la Santa Creu .
Blanc Solemnitat de Tots Sants , 1 de novembre.
negre o morat La commemoració de tots els fidels va partir el 2 de novembre.
Blanc Festa de la Dedicació de la Basílica del Laterà , el 9 de novembre.
Blanc Solemnitat de Nostre Senyor Jesucrist Rei de l'Univers , l'últim diumenge de l'any litúrgic o el 34è diumenge del temps ordinari. El dissabte següent, que cau entre el 26 de novembre i el 2 de desembre, finalitza l’hora ordinària i l’any litúrgic.

Esquema de l'any litúrgic anterior a la reforma litúrgica

[13]

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Any litúrgic al missal llatí anterior al 1970 .
  • La temporada d’advent va des de les vespres del primer diumenge d’advent fins a la novena nit inclosa la vigília de la nativitat: en alguns comentaris es descriu com el temps que representa simbòlicament els temps de l’ Antic Testament .
  • La temporada nadalenca va des de les Vespres del Pessebre fins al 13 de gener inclòs. Aquest període de temps inclou:

a) el temps de la Nativitat, que va des de les Vespres de la Nativitat del Senyor fins al 9 de gener inclòs;

b) el temps de l'Epifania, que va des de les Vespres de l'Epifania del Senyor fins al 13 de gener inclòs.

  • La temporada de Septuagesima és una estació litúrgica penitencial de preparació per a la Quaresma. Va des de les Vespres el diumenge de Septuagesima fins després de Compline el dimarts de la setmana de Quinquagesima. A l'interior hi ha tres diumenges que es denominen respectivament Settuagesima , Sessagesima i Quinquagesima, ja que prenen el seu nom del nombre aproximat de dies després de Pasqua. Estan en ordre el tercer, segon i primer diumenge abans de la Quaresma . A l’antiguitat es va iniciar l’abstinència de la carn, motiu pel qual també s’anomenava temps de carnaval.
  • La Quaresma comença des de les Matines el dimecres de cendra fins a la missa de la vigília de Pasqua exclosa. Aquest període de temps inclou:

a) la temporada de Quaresma, que va des del dimecres de Matins of Ash fins al novè inclusivament del dissabte anterior al primer diumenge de la passió;

b) la temporada de la Passió , més austera que l'anterior, que va des de les Vespres el I Diumenge de la Passió , és a dir, dues setmanes abans de Pasqua, fins a la missa de la vigília de Pasqua inclosa. La setmana que va des del 2n diumenge de la Passió o el Diumenge de Rams fins al Dissabte Sant inclòs s’anomena Setmana Santa; els darrers tres dies d’aquesta setmana s’anomenen tridu sagrat. Des del diumenge de la Passió, fins al dissabte després de Pentecosta, es pot complir el precepte de Pasqua , és a dir, l’obligació de comunicar-se almenys una vegada a l’any.

  • La temporada de Setmana Santa va des del començament de la missa de la vigília de Pasqua fins al nou de dissabte inclòs a l'octava de Pentecosta. Aquest període de temps inclou:

a) la temporada de Pasqua, que va des del començament de la missa de la vigília de Pasqua fins a la novena nit de la vigília de l'Ascensió, inclosa la mateixa;

b) el temps de l'Ascensió, que va des de les Vespres de l'Ascensió del Senyor fins a la novena inclosa la vigília de Pentecosta;

c) l’octava de Pentecosta, que va des de la missa de la vetlla de Pentecosta fins a Nona inclosa el dissabte següent.

  • No hi ha temps "per any".

Els diumenges posteriors a l'Epifania se celebren des del 14 de gener fins al diumenge anterior al diumenge de Septuagesima. Són un mínim d’un fins a un màxim de sis diumenges.

Els diumenges posteriors a la Pentecosta van des del primer diumenge després de Pentecosta fins al diumenge anterior al primer diumenge d’Advent. En aquest llarg període pot caure de 23 a 28 diumenges. El Missal presenta vint-i-quatre diumenges, dels quals l'últim es diu Dominica XXIV et ultima post Pentcosten . Si només hi havia 23 diumenges, un esdeveniment que passa quan la Setmana Santa cau el 24 o 25 d’abril, s’omet el diumenge XXIII. [14] [15] Si hi ha més de vint-i-quatre diumenges, abans del vint-i-quatre diumenge, que sempre és l'últim de l'any litúrgic, se celebren els diumenges deixats fora després de l'Epifania, inserint-los cap enrere a partir del VI després de l'Epifania com a penúltim de l'any litúrgic fins que finalment el III després de l'Epifania com a cinquè últim de l'any litúrgic. Si, per exemple, cauen 26 diumenges en el període posterior a la Pentecosta, la V després de l’Epifania se celebra després del 23è diumenge després de la Pentecosta, el 6è després de l’Epifania i després el 24è diumenge després de la Pentecosta. [16] Si els diumenges cauen en la data d'una festa predominant, es fa la commemoració, és a dir, es diu la missa de la festa, afegint les oracions (recollida, secreta i postcommunio) del diumenge. En alguns comentaris, els diumenges posteriors a la Pentecosta es descriuen com un període que representa simbòlicament els temps de presència de l’Església a la terra.

Algunes altres diferències entre els dos calendaris

  • L' 1 de gener, ambdós calendaris celebren l'octava de Nadal i, precisament, directament a la missa tridentina amb el nom d '"In octava Nativitatis Domini" i amb el grau de festa de primera classe i, indirectament, en el ritu actual quan se celebra el Solemnitat de Maria Santíssima Mare de Déu a l’octava de Nadal: en ambdós casos es fa esment a l’Evangeli de la Circuncisió de Jesucrist .
  • A les regions on l' Epifania és obligatòria , la festa de segona classe del Santíssim Nom de Jesús se celebra a la missa tridentina el diumenge que cau entre el 2 i el 5 de gener inclosos, mentre que en el ritu actual se celebra el segon diumenge després Nadal : si cap diumenge cau entre el 2 i el 5 de gener inclosos, la festa del Santíssim Nom de Jesús se celebra el 2 de gener a la missa tridentina, mentre que en el ritu actual s’omet el segon diumenge després de Nadal . A les regions on l’ Epifania no és un precepte, el Santíssim Nom de Jesús en forma de missa tridentina se celebra el 2 de gener, sempre que l’ Epifania caigui un diumenge entre el 3 i el 8 de gener, mentre que el diumenge II després de Nadal en el ritu actual sempre s’omet. En el ritu actual, el Santíssim Nom de Jesús se celebra com un record opcional el 3 de gener.
  • La festa de la Sagrada Família se celebra a la missa tridentina del diumenge entre l’octava de l’Epifania. Una festa no està dedicada al Baptisme del Senyor , sinó que es recorda a l’octava de l’Epifania.
  • Fatte salve le differenze circa la durata temporale, il tempo quaresimale tridentino corrisponde al Tempo di Quaresima attuale, e il tempo di passione tridentino corrisponde alle due ultime settimane quaresimali del rito attuale.
  • Il 1º luglio si celebra la festa del Preziosissimo Sangue di Gesù .
  • L'ultima domenica di ottobre si celebra la festa di Cristo Re dell'Universo .
  • Se il 2 novembre cade di domenica, la Commemorazione dei defunti viene spostata al 3 novembre .

Rito ambrosiano

Il calendario del rito ambrosiano è per molti aspetti simile a quello del rito romano . Se ne differenzia essenzialmente per la diversa durata di Avvento (6 domeniche invece di 4) e Quaresima (che inizia direttamente con la Prima domenica di Quaresima, e non dal Mercoledì delle Ceneri del rito romano). Inoltre, alcune ricorrenze ambrosiane cadono in date differenti da quelle romane: la festa della Santa Famiglia si celebra, ad esempio, l'ultima domenica di gennaio [17] (e non nella cosiddetta "Domenica tra l'Ottava di Natale"); e il primo gennaio non si commemora Maria Madre di Dio (lo si fa, invece, nella sesta domenica di Avvento), ma si celebra piuttosto l'Ottavo giorno del Natale nella circoncisione di Cristo.

Tuttavia, non è presente nel rito ambrosiano la distinzione di tempi forti e tempo ordinario, essendo visto tutto l'anno liturgico come un unico percorso, che dal mistero dell'Incarnazione (Avvento, Tempo Natalizio-Epifanico, Epifania e tempo successivo), attraverso il fondamentale mistero della Pasqua del Signore (Quaresima, Settimana Autentica, Triduo di Pasqua, Tempo Pasquale) approda al mistero della Pentecoste (Pentecoste e tempo successivo, Martirio di s. Giovanni il Precursore e tempo successivo, Dedicazione della Cattedrale e tempo successivo). Rispetto al rito romano, è evidente in particolare la differenza dei colori liturgici: nel rito ambrosiano per tutto il tempo di Pentecoste e del Precursore viene utilizzato il colore rosso, mentre il verde è utilizzato solo dopo l'Epifania (all'incirca gennaio e febbraio) e dopo la Dedicazione (da metà ottobre a metà novembre).

Un'altra importante differenza tra i due calendari è data dalla preminenza pressoché totale dalla celebrazione della domenica su ogni altra ricorrenza; una caratteristica dovuta all'impronta fortemente cristocentrica del rito ambrosiano che risente della lotta condotta contro l'eresia ariana da S. Ambrogio. In virtù di tale impostazione la domenica, Pasqua settimanale che celebra la Risurrezione di Cristo, cede la sua precedenza celebrativa solo alle feste o alle solennità del Signore, il che fa sì che, quando solennità anche importanti della Beata Vergine Maria o dei Santi (come la solennità dell'Assunzione il 15 agosto o dei Santi Pietro e Paolo il 29 giugno) cadono in domenica, esse vengano trasferite e celebrate, per quell'anno, il lunedì successivo.

Struttura generale dell'anno liturgico secondo il rito ambrosiano

  • La prima domenica successiva alla memoria liturgica di S. Martino (11 novembre) inizia l'Avvento Ambrosiano che conta sei domeniche, l'ultima delle quali celebra la Divina Maternità di Maria. Il colore liturgico proprio del tempo è il morello (simile al viola romano, ma di tonalità più scura) ad eccezione della domenica della Divina Maternità in cui si usa il bianco.
    • Negli anni in cui l'Avvento inizia il 12 novembre, al computo delle domeniche prima di Natale se ne aggiunge una settima, detta Domenica Prenatalizia, che cade il 24 dicembre.
    • Dal 17 dicembre, o dal 18 se il 17 cade in domenica, si interrompe la serie delle ferie d'Avvento e si inizia la serie delle Ferie Prenatalizie, dette « de Exceptato »: sette ferie numerate secondo l'ordine progressivo che vengono celebrate in sequenza, dal 17 al 24 dicembre, interrompendosi per la domenica e riprendendo il lunedì successivo.
  • Dalla Messa Vigiliare di Natale la sera del 24 dicembre inizia il Tempo di Natale che si protrae fino alla domenica successiva al 6 gennaio, in cui si celebra la festa del Battesimo di Gesù. Il colore liturgico proprio del tempo è il bianco. La struttura del tempo di Natale si differenzia rispetto al rito romano per l'assenza della festa della Santa Famiglia e per la celebrazione, il 1º gennaio, della solennità della Circoncisione di Gesù, con colore liturgico rosso.
  • Dal lunedì successivo la festa del Battesimo di Gesù inizia il tempo dopo l'Epifania, che può durare dalle quattro alle nove settimane a seconda della data della Pasqua e del conseguente inizio della Quaresima. Il colore liturgico proprio del tempo è il verde.
    • All'interno del tempo dopo l'Epifania si collocano la festa della Santa Famiglia, l'ultima domenica di gennaio, la festa della Presentazione del Signore il 2 febbraio (che essendo una festa del Signore è una delle poche celebrazioni che, quando cade in domenica, prevale sulla domenica stessa) e le due domeniche della Divina Clemenza e del Perdono, rispettivamente la penultima e l'ultima domenica prima della Quaresima.
  • La Quaresima inizia la sesta domenica antecedente la Pasqua; la domenica che, nel rito romano, segue il mercoledì delle ceneri. Il colore liturgico proprio del tempo è il morello ma nelle ferie dal lunedì al venerdì si possono facoltativamente usare i paramenti neri. Durante la Quaresima è sospesa ogni altra celebrazione, ad eccezione delle solennità di S. Giuseppe (19 marzo) e dell'Annunciazione del Signore (25 marzo) a meno che non cadano di domenica, nel qual caso si trasferiscono al lunedì successivo, o nel periodo che intercorre tra il sabato antecedente la Domenica delle Palme e la Domenica di Pasqua (in questo caso si trasferiscono al lunedì, ed eventualmente se trasferite entrambe al martedì, successivi alla II Domenica di Pasqua). Tutti i venerdì di Quaresima sono aneucaristici e non si celebra alcuna Messa.
    • Le domeniche di Quaresima prendono il nome dal brano evangelico che viene proclamato. A partire dalla seconda domenica abbiamo quindi la Domenica della Samaritana, la Domenica di Abramo, la Domenica del Cieco e infine la Domenica di Lazzaro.
    • Il giorno proprio per l'imposizione delle ceneri nel rito ambrosiano è il lunedì successivo alla domenica di inizio Quaresima, in rispetto dell'usanza che prevede che le domeniche, anche se di Quaresima, non debbano essere giorni penitenziali. Tuttavia, per favorire una maggiore partecipazione di fedeli, è ormai invalso l'uso di imporre le ceneri anche la domenica, al termine delle Messe festive oppure in un rito apposito durante la giornata.
    • Il sabato antecedente la Domenica delle Palme è detto sabato in Traditione Symboli e ricorda la pratica della consegna del simbolo apostolico ai catecumeni che avrebbero ricevuto il Battesimo la notte di Pasqua. Nelle celebrazioni del giorno si usano i paramenti rossi
    • La settimana santa nel rito ambrosiano è detta settimana autentica e il colore proprio, per tutte le celebrazioni dalla Domenica delle Palme alla mattina del Sabato Santo, è il rosso
    • Il tempo di Quaresima propriamente detto termina con la celebrazione della Messa nella Cena del Signore la sera del Giovedì Santo, quando inizia il Triduo Pasquale. Il computo ambrosiano dei quaranta giorni coincide infatti esattamente con il periodo che va dalla prima domenica di Quaresima al Giovedì Santo
  • Il tempo di Pasqua computa cinquanta giorni, perfettamente sovrapponibili al rito romano. Il colore proprio del tempo è il bianco. In seguito alla riforma del lezionario e del calendario del 2008 la solennità dell'Ascensione è stata riportata al giorno proprio del 40º giorno dopo Pasqua e cade perciò il giovedì successivo alla sesta domenica di Pasqua. Il tempo di Pasqua si conclude con la domenica di Pentecoste.
  • Dal lunedì successivo la domenica di Pentecoste inizia il tempo dopo Pentecoste, che si divide in tre sezioni:
    • Le settimane dopo Pentecoste, che vanno dal lunedì dopo Pentecoste alla settimana che comprende la festa liturgica del Martirio di San Giovanni Battista (29 agosto, oppure 1º settembre se il 29 agosto cade in domenica). Il numero di settimane dopo Pentecoste varia da un minimo di dodici a un massimo di sedici a seconda della data della Pasqua. Il colore liturgico proprio è il rosso.
    • Le settimane dopo il Martirio di S. Giovanni, che vanno dalla domenica successiva la festa liturgica del Martirio di San Giovanni al sabato che precede la terza domenica di ottobre. Possono essere sei o sette, a seconda della prima domenica. Il colore liturgico proprio è il rosso.
    • La terza domenica di ottobre si celebra la solennità della Dedicazione del Duomo di Milano. Da questa domenica inizia l'ultima sezione del Tempo dopo Pentecoste costituito dalle Settimane dopo la Dedicazione del Duomo, che sono sempre quattro e vanno dalla terza domenica di ottobre al sabato precedente la prima Domenica di Avvento, inizio del nuovo anno liturgico. Il colore proprio delle settimane dopo la Dedicazione è il verde. Nell'ultima domenica dell'anno liturgico, come nel rito romano, si celebra la solennità di Cristo Re dell'Universo (anche se, a motivo della diversa durata dell'Avvento, cade due domeniche prima rispetto al calendario romano).

Schema

ANNO LITURGICO NEL RITO AMBROSIANO
Tempi Suddivisione Colore
liturgico
Ricorrenze principali fra cui le solennità, le domeniche e le feste del Signore.
Tempo di Avvento.

Il tempo di Avvento inizia con i Primi Vespri della domenica successiva alla festa liturgica di S. Martino (11 novembre) e termina dopo l'Ora Nona del 24 dicembre. Come nel rito romano, il tempo di Avvento ambrosiano mantiene il duplice carattere messianico ed escatologico.

Nella liturgia del tempo di Avvento si omette il Gloria alle celebrazioni domenicali (ma non nelle celebrazioni delle feste e delle solennità che cadono nel tempo di Avvento).

Periodo di Preparazione remota al Natale.

Le prime cinque settimane di Avvento danno maggiore rilevanza al carattere escatologico, reso evidente soprattutto dalla pericope evangelica prevista per la prima domenica: la descrizione dei segni che devono precedere e accompagnare la fine dei tempi tratta, a seconda del ciclo triennale delle letture, dal testo di Matteo, di Marco o di Luca.

Con la riforma del lezionario del 2008, ciascuna delle cinque domeniche si concentra su un tema particolare, sottolineato dall'ordinamento previsto per le letture.

morello Prima domenica d'Avvento: cade nella prima domenica immediatamente successiva all'11 novembre, e perciò nella domenica che occorre tra il 12 e il 18 novembre. Il tema della prima domenica è "La venuta del Signore".
Il tema della seconda domenica di Avvento è "I figli del Regno". Cade nella domenica compresa tra il 19 e il 25 novembre.
Terza domenica di Avvento dal tema "Le profezie adempiute". Cade nella domenica compresa tra il 26 novembre e il 2 dicembre.
Quarta domenica di Avvento ("L'ingresso del Messia"): la liturgia ambrosiana proclama in questa domenica il Vangelo dell'ingresso di Gesù a Gerusalemme caratteristico della Domenica delle Palme, ricollegando così il mistero del Natale a quello centrale della Pasqua. Cade nella domenica compresa tra il 3 e il 9 dicembre.
bianco Solennità di S. Ambrogio e dell'Immacolata Concezione di Maria.

Il 7 dicembre cade la solennità dell'Ordinazione di S. Ambrogio, patrono principale della città e dell'Arcidiocesi di Milano. L'8 dicembre la solennità dell'Immacolata Concezione di Maria.

A motivo dell'impronta fortemente cristocentrica del rito ambrosiano (che considera la celebrazione della domenica, in quanto Pasqua settimanale, preminente rispetto ad ogni altra celebrazione) queste due solennità non cedono la loro precedenza alla quarta domenica di Avvento.

Negli anni in cui la quarta domenica di Avvento cade il 7 dicembre, la solennità di S. Ambrogio viene anticipata al sabato 6 dicembre. Negli anni in cui la quarta domenica di Avvento cade l'8 dicembre, la solennità dell'Immacolata Concezione si celebra il lunedì 9 dicembre.

morello Quinta domenica di Avvento: con il tema "Il Precursore" si introduce la figura di Giovanni Battista come ultimo profeta e immediato precursore del Messia. Cade nella domenica compresa tra il 10 e il 16 dicembre.
Periodo di Preparazione immediata al Natale.

L'ultima parte del tempo di Avvento (dal 17 dicembre) introduce alla celebrazione della nascita di Gesù attraverso una catechesi veterotestamentaria che si concentra sulla discendenza davidica del Cristo.

All'interno del periodo di preparazione immediata si colloca anche l'ultima domenica, nella quale la Chiesa Ambrosiana celebra la Maternità Divina di Maria, il cui mistero - anche temporalmente - anticipa l'ormai imminente Natale.

morello Ferie prenatalizie «de Exceptato»: a partire dal 17 dicembre (oppure dal 18 dicembre se il 17 cade in domenica). Vengono celebrate, secondo la sequenza numerica, le sette ferie prenatalizie «dell'Accolto», dette anche «de Exceptato», che introducono direttamente alla nascita di Gesù secondo la carne umana. Quando la sesta domenica di Avvento non cade il 17 dicembre, la sequenza delle ferie prenatalizie si interrompe la domenica e ricomincia dal lunedì successivo riprendendo, senza soluzione di continuità, l'ordine numerico raggiunto fino al sabato precedente.
bianco Nella sesta e - di norma - ultima domenica di Avvento, che cade nella domenica compresa tra il 17 e il 23 dicembre, la Chiesa Ambrosiana celebra la Divina Maternità di Maria (mistero che nel calendario romano è invece posticipato a dopo il Natale e celebrato il 1º gennaio).
morello Solo negli anni in cui il 24 dicembre cade in domenica, alle sei domeniche canoniche si aggiunge una Domenica Prenatalizia.
Tempo di Natale.

Il tempo di Natale racchiude la celebrazione dei misteri dell'Incarnazione di Cristo e delle sue prime manifestazioni nell'arco di giorni che va dai Primi Vespri del Natale la sera del 24 dicembre ai Secondi Vespri della domenica successiva al 6 gennaio, nella quale si celebra il Battesimo di Gesù.

Ottava di Natale.

In modo analogo al rito romano, la solennità del Natale conserva la celebrazione dell'Ottava nella quale il mistero dell'Incarnazione di Gesù viene celebrato per otto giorni consecutivi, fino al 1º gennaio.

L'ordinamento dell'Ottava del Natale prevede la celebrazione di diversi santi e misteri il cui significato è strettamente connesso alla nascita di Gesù.

bianco
25 dicembre: Natale del Signore. La celebrazione del Natale inizia dalla grande liturgia vigiliare che ha luogo nelle ore serali del 24 dicembre e che, secondo la peculiarità tipica del rito ambrosiano, viene celebrata all'interno dei Vespri ed è modellata secondo la struttura della Veglia Pasquale con una catechesi veterotestamentaria di quattro letture relative a quattro annunci profetici della nascita del Messia, l'epistola tratta dalla lettera agli Ebrei e la pericope evangelica di Matteo relativa all'annuncio dell'angelo a S. Giuseppe.

Nelle tre Messe previste per la solennità del Natale la scelta dei brani evangelici segue quasi temporalmente lo svolgersi degli eventi: nella Messa celebrata nella notte si proclama la catechesi teologica del prologo di Giovanni sul Verbo incarnato, luce che splende nelle tenebre; nella Messa «all'aurora», da celebrarsi alle prime luci dell'alba del mattino di Natale, l'annuncio dell'angelo ai pastori e, finalmente, nella Messa del giorno, il racconto della nascita di Gesù a Betlemme nel brano di Luca.

rosso 26 dicembre: S. Stefano. La festa del primo martire cristiano trova la sua naturale collocazione all'interno del mistero natalizio: Stefano è il primo di una lunga serie di testimoni fino all'effusione del sangue dell'Incarnazione del Figlio di Dio.
bianco 27 dicembre: S. Giovanni. Nel terzo giorno dell'Ottava del Natale la Chiesa celebra la festa dell'apostolo Giovanni, che più di ogni altro ha saputo penetrare i misteri divini.
rosso 28 dicembre: Ss. Innocenti Martiri. Il quarto giorno dell'Ottava del Natale è dedicato alla memoria dei Santi Innocenti, vittime di Erode.
bianco Il 5º, il 6º e il 7º giorno dell'Ottava del Natale non hanno ricorrenze particolari e possono essere sostituiti dalla Domenica fra l'Ottava del Natale, qualora il 29, il 30 o il 31 dicembre cadano in domenica.

La Domenica fra l'Ottava del Natale non si celebra, invece, negli anni in cui cade il 26, il 27 o il 28 dicembre poiché le rispettive celebrazioni festive mantengono la precedenza. Si tratta dell'unico caso nel rito ambrosiano in cui la festa di un santo ha la precedenza sulla celebrazione della domenica: l'eccezione alla norma è dovuto al carattere strettamente correlato al mistero natalizio che investe le feste di S. Stefano, di S. Giovanni e dei Ss. Innocenti.

Altra peculiarità ambrosiana è che nella Domenica fra l'Ottava di Natale non si celebra la festa della Sacra Famiglia, che nel rito ambrosiano è invece collocata al di fuori del tempo natalizio, nelle settimane dopo l'Epifania.

rosso 1º gennaio: Circoncisione del Signore. A conclusione dell'Ottava del Natale, la Chiesa Ambrosiana celebra la solennità della Circoncisione di Gesù, l'ottavo giorno dopo la nascita secondo la legge ebraica.

Giorni prima e dopo l'Epifania.

La seconda parte del tempo di Natale, dal 2 gennaio alla domenica che segue il 6 gennaio, si concentra sulle prime manifestazioni messianiche.

bianco
Nei giorni dal 2 al 5 gennaio si celebrano le ferie prima dell'Epifania. Se uno di questi giorni cade in domenica si celebra la Domenica dopo l'Ottava del Natale.
6 gennaio: Epifania del Signore. In modo analogo alla celebrazione del Natale, anche la celebrazione dell'Epifania si apre nelle ore vespertine del 5 gennaio con la liturgia vigiliare inserita nella preghiera del Vespro.
Dal 7 gennaio (a meno che il 6 gennaio non cada in sabato) e fino alla prima domenica si celebrano le ferie dopo l'Epifania, secondo l'ordine numerico progressivo ma che si concludono sempre con la celebrazione del sabato dopo l'Epifania.
Nella domenica che cade tra il 7 e il 13 gennaio, dopo l'Epifania, si celebra la festa del Battesimo di Gesù, che chiude il tempo di Natale.
Tempo dopo l'Epifania.

Nelle settimane che vanno dalla conclusione del tempo di Natale all'inizio della Quaresima si colloca il tempo dopo l'Epifania, la cui durata può variare da quattro a nove settimane a seconda della data della Pasqua e del conseguente inizio della Quaresima.

Il tempo dopo l'Epifania segue la celebrazione della solennità e ne fa da "eco", ripercorrendo nel ciclo delle letture i segni compiuti da Cristo quali manifestazioni della sua divinità.

Nel rito ambrosiano non esiste un mercoledì delle ceneri perciò il Tempo dopo l'Epifania si conclude con l'Ora Nona del sabato che precede l'inizio della Quaresima.

verde Il tempo dopo l'Epifania inizia con il lunedì dopo la festa del Battesimo di Gesù. Non esiste, liturgicamente, una "I Domenica dopo l'Epifania" poiché tale domenica coincide con la domenica del Battesimo di Gesù.
Nella II Domenica dopo l'Epifania - che è l'unica ad essere sicuramente celebrata ogni anno - secondo l'uso vigente anche nel Patriarcato Latino di Gerusalemme, si ricorda l'episodio delle nozze di Cana.

La III Domenica dopo l'Epifania è dedicata al segno della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

La IV ricorda la manifestazione della sovranità di Dio sulla natura, attraverso le pericopi evangeliche della tempesta sedata o della camminata sulle acque.

La V celebra la signoria di Dio sulla vita: il ciclo triennale delle letture propone l'episodio della guarigione del figlio del funzionario di Cafarnao, della figlia della Cananea e del servo del Centurione.

La VI è dedicata alla manifestazione della potenza taumaturgica di Cristo: l'uomo dalla mano inaridita alla Sinagoga, la guarigione dell'emorroissa e l'episodio dei dieci lebbrosi.

Infine, la VII è ancora dedicata alle manifestazioni della divinità di Cristo attraverso pericopi di guarigioni e liberazione dai demoni.

bianco All'interno del tempo dopo l'Epifania trova spazio la celebrazione della festa della Santa Famiglia di Nazareth, collocata l'ultima domenica di gennaio e quindi coincidente con la III o la IV Domenica dopo l'Epifania. La corrispondente domenica dopo l'Epifania in quell'anno non viene celebrata e il computo riprende la domenica seguente dall'ordinale successivo.
verde Indipendentemente dal computo ordinale, nelle ultime due domeniche che precedono la Quaresima si celebrano la Penultima e l'Ultima domenica dopo l'Epifania, le cui tematiche - strettamente connesse con l'imminente inizio della Quaresima - sono rispettivamente la Divina Clemenza e il Perdono.

Solo nel caso in cui la Penultima Domenica dopo l'Epifania coincida con l'ultima domenica di gennaio questa non viene celebrata e sostituita dalla festa della Santa Famiglia.

bianco Il 2 febbraio ricorre la festa della Presentazione di Gesù al tempio, il quarantesimo giorno dopo il Natale. Essendo una festa del Signore, essa prevale sull'eventuale Domenica del tempo dopo l'Epifania. Come nel caso della festa della Santa Famiglia, la domenica corrispondente al 2 febbraio non viene celebrata e il computo riprende la domenica seguente dall'ordinale successivo (oppure dalla Penultima domenica dopo l'Epifania, secondo i casi).
Tempo di Quaresima.

Non essendoci un mercoledì delle ceneri, il tempo di Quaresima nel rito ambrosiano inizia con la I Domenica di Quaresima e si protrae per quaranta giorni effettivi fino all'Ora Nona del giovedì della settimana santa (detta nel rito ambrosiano settimana "autentica"). La tradizione ambrosiana della Quaresima, infatti, considera i quaranta giorni come un tempo di penitenza e di preparazione all'intero mistero della passione, morte e risurrezione di Cristo - più che alla sola domenica di Pasqua -, celebrato nel Triduo Pasquale che ha inizio, appunto, con il Vespro del giovedì santo.

Nella liturgia del tempo di Quaresima si omettono il Gloria e l'Alleluia, così come tutte le celebrazioni dei santi ad eccezione di quelle di S. Giuseppe e dell'Annunciazione (a meno che non cadano all'interno della settimana autentica). Quando le solennità di S. Giuseppe e dell'Annunciazione cadono all'interno del tempo di Quaresima vengono comunque celebrate nel rispetto del carattere penitenziale della Quaresima, con l'omissione del Gloria e dell'Alleluia.

Molto evidente nella liturgia, infine, è il carattere battesimale della Quaresima ambrosiana, che costituisce una sorta di catechesi per i catecumeni che, al termine del cammino quaresimale, riceveranno il Battesimo nella Veglia Pasquale.

Settimane di Quaresima.

Secondo un'antica tradizione ambrosiana, nei venerdì delle settimane di Quaresima non si celebra la Messa

morello Domenica all'Inizio di Quaresima (I Domenica di Quaresima): cade nella sesta domenica prima della Pasqua. La pericope evangelica ricorda le tentazioni di Gesù nel deserto dopo i 40 giorni di digiuno, rimandando così al significato del tempo liturgico che si apre.

Peculiarità ambrosiana di questa domenica è la presenza, nei Primi Vespri, di un responsorio pieno di Alleluia, in controtendenza rispetto all'austerità quaresimale: l'Alleluia risuona qui per l'ultima volta per poi essere taciuto fino alla Veglia Pasquale.

Si tratta di una reminiscenza storica dell'antica Domenica «in Capite Quadragesimae» che, nei secoli passati, veniva considerata a parte rispetto al cammino quaresimale e celebrata in paramenti bianchi e con il canto del Gloria e dell'Alleluia a simboleggiare la volontà di iniziare con gioia un tempo sì penitenziale ma che sarebbe poi sfociato nella solennità della Pasqua. Tale tradizione fu poi abolita da S. Carlo Borromeo che integrò la Domenica «in Capite Quadragesimae» come una Domenica di Quaresima a tutti gli effetti, a motivo del fatto che i milanesi approfittavano di tale caratteristica per prolungare di un altro giorno i bagordi del carnevale.

Le successive domeniche di Quaresima prendono il nome dalla pericope evangelica che viene proclamata, che - caratteristica ambrosiana - è sempre la stessa indipendentemente dal ciclo triennale delle letture. Si hanno quindi:

- la Domenica della Samaritana (II di Quaresima), nella quale si proclama l'episodio del dialogo al pozzo tra Gesù e la donna Samaritana.

- la Domenica di Abramo (III di Quaresima), dedicata alla disputa tra Gesù ei Farisei al tempio sulla figura di Abramo.

- la Domenica del Cieco (IV di Quaresima), nella quale si ricorda l'episodio della guarigione del cieco nato.

- la Domenica di Lazzaro (V di Quaresima), dedicata al racconto della risurrezione di Lazzaro.

bianco 19 marzo: solennità di S. Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria. Se il 19 marzo cade in domenica, la solennità è posticipata al lunedì 20 marzo, a meno che non coincida con il lunedì della settimana autentica. In questo caso è posticipata al lunedì o al martedì dopo l'Ottava di Pasqua.

In modo analogo, se il 19 marzo cade nel sabato "in Traditione Symboli", la solennità di S. Giuseppe è traslata a dopo l'Ottava di Pasqua.

bianco 25 marzo: solennità dell'Annunciazione del Signore. In caso di coincidenza con una domenica o con il sabato "in Traditione Symboli" viene posticipato secondo regole analoghe alla solennità di S. Giuseppe. Nel caso in cui entrambe le solennità devono essere traslate a dopo l'Ottava di Pasqua, l'Annunciazione viene celebrata il lunedì dopo l'Ottava e S. Giuseppe il martedì.
rosso Il sabato della V settimana di Quaresima, che precede immediatamente la Domenica delle Palme e l'inizio della Settimana Autentica, è detto sabato "in Traditione Symboli". In questo giorno la Chiesa Ambrosiana commemora la tradizione secondo la quale, completata ormai la catechesi quaresimale e prossimi a rivivere i misteri pasquali, veniva consegnato ai catecumeni il testo del Simbolo Apostolico, con il quale avrebbero fatto la loro professione di fede nella notte di Pasqua, prima di ricevere il Battesimo.
Settimana Autentica: rosso Domenica delle Palme: nell'ultima domenica prima della Pasqua si ricorda l'ingresso di Gesù a Gerusalemme per dare inizio alla Passione. Con la Domenica delle Palme si apre la Settimana Autentica.
Lunedì, martedì e mercoledì della Settimana Autentica: nelle prime tre ferie della Settimana Autentica la liturgia richiama all'incontro ormai prossimo con il Signore attraverso la lettura dei brani di Giobbe e di Tobia. Nel mercoledì della Settimana Autentica, riprendendo l'antico uso della chiesa di Gerusalemme, si proclama il brano evangelico dell'accordo di Giuda con i sacerdoti del tempio per il tradimento di Gesù, immediato preludio dei misteri del Triduo Pasquale che sta per aprirsi.
bianco Giovedì santo - mattina: in Duomo, l'Arcivescovo consacra gli olii santi concelebrando con tutto il clero diocesano.
Triduo Pasquale.

Il Triduo Pasquale della passione, morte e risurrezione di Gesù costituisce il cuore dell'anno liturgico, nel quale la liturgia rivive con scansione pressoché cronologica gli eventi pasquali.

rosso Giovedì santo - sera: secondo un'antichissima tradizione, in questo giorno sono vietate tutte le Messe senza il popolo. Si celebra un'unica Messa in orario vespertino - la missa in cena Domini , che apre il Triduo Pasquale - nella quale si ricorda il primo atto della Passione di Cristo: l'Ultima Cena con l'istituzione dell' eucaristia e del ministero ordinato , la preghiera e l'agonia nel Getsemani, l'arresto e il processo notturno fino al rinnegamento di Pietro. A differenza del rito romano, la Lavanda dei Piedi non costituisce elemento fondamentale nella liturgia di questo giorno: secondo il rito ambrosiano, infatti, tale rito può essere svolto in qualsiasi momento del giorno ma non all'interno della Messa "in cena Domini", dalla quale è del tutto scollegato. Secondo l'uso ambrosiano, la Messa "in cena Domini" è celebrata all'interno dei Vespri . Ulteriore differenza rispetto al rito romano è rappresentato dal fatto che il pane eucaristico avanzato viene conservato all'altare della riposizione (popolarmente scurolo ), ma soltanto per il viatico ai morenti e non per la comunione nel giorno successivo. L'altare non viene spogliato della tovaglia e dei suoi ornamenti dopo questa messa, ma dopo l'annuncio della morte di Gesù Cristo nella celebrazione del giorno successivo.
Venerdì santo: non si celebra la messa. Nel pomeriggio ha luogo la celebrazione della Passione, inserita all'interno dei Vespri, nella quale si legge la seconda parte della Passione dal punto in cui il racconto era stato interrotto la sera del giovedì: il processo davanti a Pilato, la condanna, la flagellazione, la crocifissione e infine la morte di Gesù. Al momento della morte di Gesù vengono suonate a lutto le campane - che verranno poi mantenute silenti fino all'annuncio della Risurrezione - e si spogliano gli altari. A differenza del rito romano, il venerdì santo ambrosiano è aneucaristico: non si consuma l'eucaristia rimasta dal giorno precedente che rimane invece conservata in adorazione all'altare della riposizione (che è l'unico a non essere spogliato).
Sabato santo: giorno aliturgico ossia aneucaristico. Non si celebra la Messa né ci si accosta all'eucaristia. L'intera giornata del sabato santo è dedicata al silenzio e alla meditazione del mistero pasquale, in attesa della Risurrezione.
bianco Veglia Pasquale: la sera del sabato santo si celebra la Veglia Pasquale, che chiude il Triduo Pasquale e costituisce il cuore dell'intero anno liturgico. La Veglia Pasquale deve iniziare dopo il tramonto del sole e deve concludersi prima dell'alba della domenica, in modo che l'intera celebrazione si svolga nella notte. Dopo il canto del preconio ambrosiano, il cui testo presenta delle differenze rispetto a quello romano, e la catechesi veterotestamentaria di sei letture si dà l'annuncio della Risurrezione non con il canto del Gloria, tipico della liturgia romana, ma secondo l'uso ripreso dalle chiese orientali: il sacerdote per tre volte, con tono di voce sempre più alto, al lato destro, al centro e al lato sinistro dell'altare intona il "Christus Dominus Resurrexit" cui i fedeli rispondono con il rendimento di grazie ea cui segue il suono dell'organo e delle campane a distesa. Durante la Veglia Pasquale, dopo l'annuncio della risurrezione, se sono presenti dei catecumeni si amministra loro il Battesimo e, se necessario, la Cresima.
Tempo di Pasqua:

Il Tempo di Pasqua si apre con la Domenica di Pasqua (che è l'unica domenica dell'anno liturgico che non ha i Primi Vespri, in quanto la Veglia Pasquale prende il posto dei Vespri del sabato santo) e si prolunga per cinquanta giorni fino alla Domenica di Pentecoste. Questi cinquanta giorni sono vissuti liturgicamente come un'unica grande solennità. Tale caratteristica è sottolineata dal giovedì della quarta settimana che, cadendo appunto il 25º giorno dopo la Pasqua, è detto «a metà della festa».

Ottava di Pasqua.

In modo analogo al Natale, anche la solennità della Pasqua conserva la peculiarità dell'Ottava.

bianco Domenica di Pasqua: apre il tempo Pasquale. Dal punto di vista liturgico è caratterizzata dal ritorno, dopo il silenzio quaresimale, del Gloria (che, a differenza del rito romano, non è stato intonato nella notte durante la Veglia).
Ferie «in Albis» dell'Ottava di Pasqua: dal lunedì al sabato si prolunga la solennità pasquale attraverso la proclamazione delle diverse pericopi evangeliche della Risurrezione. Il nome «in Albis» rimanda all'"alba", l'abito bianco che i catecumeni battezzati nella Veglia Pasquale indossavano per tutta la settimana.
Domenica dell'Ottava di Pasqua «in Albis depositis»: l'Ottava si chiude la domenica successiva alla Pasqua, II Domenica di Pasqua, detta anche «in Albis depositis» ovvero quando i catecumeni deponevano le vesti battesimali e, ormai divenuti cristiani, tornavano ad indossare i propri abiti.
Giorni prima dell'Ascensione:

I primi quaranta giorni dopo la Pasqua si concentrano sulla contemplazione del mistero della Risurrezione

Domeniche di Pasqua dopo l'Ottava. Le domeniche successive all'Ottava prendono il nome di III, IV, V e VI Domenica di Pasqua. La liturgia di queste domeniche rimanda alla contemplazione dei lineamenti del Risorto (Agnello di Dio, Buon Pastore, Luce del Mondo, Via Verità e Vita e Mediatore tra Dio e gli Uomini), ripropone le raccomandazioni del Signore ai discepoli prima della sua salita al Padre e l'annuncio del Consolatore.
Ascensione del Signore: fedele al computo tradizionale dei quaranta giorni, il giovedì della VI settimana di Pasqua la Chiesa ambrosiana celebra la solennità dell'Ascensione.
Giorni dopo l'Ascensione:

Gli ultimi dieci giorni del tempo Pasquale si configurano come preparazione e attesa del dono dello Spirito

Domenica dopo l'Ascensione: la VII Domenica di Pasqua si colloca tra la solennità dell'Ascensione celebrata il giovedì precedente e quella della Pentecoste la domenica successiva. Benché il giorno proprio resti quello del giovedì, le norme liturgiche consentono che, dove il giovedì dell'Ascensione non è festa civile, in questa domenica possa essere nuovamente celebrata la Messa dell'Ascensione.
Ferie dopo l'Ascensione: il venerdì e il sabato della VI settimana di Pasqua e le ferie della VII settimana, pur essendo parte integrante del tempo pasquale, presentano una chiara separazione rispetto ai primi quaranta giorni e costituiscono l'attesa del compimento delle promesse di Cristo con il dono dello Spirito nella Pentecoste.
rosso Domenica di Pentecoste: nell'ottava domenica di Pasqua si celebra la solennità di Pentecoste, ricordo della discesa dello Spirito Santo, con la quale si conclude il tempo pasquale.

In modo analogo alle altre grandi solennità del Natale e dell'Epifania - e sempre sul modello della Pasqua - anche la solennità di Pentecoste si apre con la grande liturgia vigiliare la sera del sabato precedente, inserita nella preghiera del Vespro.

Tempo dopo Pentecoste:

L'ultima parte dell'anno liturgico è costituito dal grande tempo dopo Pentecoste, nel quale si celebra il compimento dei misteri raggiunto con il dono dello Spirito alla Chiesa.

Fin dall'antichità, la Chiesa Ambrosiana ha individuato nel tempo dopo Pentecoste due momenti marcanti: la festa del Martirio di S. Giovanni Battista e la festa dell'anniversario della Dedicazione del Duomo di Milano. In riferimento a queste celebrazioni, il rito ambrosiano divide il Tempo dopo Pentecoste in tre periodi.

Settimane dopo Pentecoste:

Prima parte del Tempo dopo Pentecoste: va dal lunedì dopo Pentecoste al sabato successivo la festa del Martirio di S. Giovanni Battista.

bianco Solennità della Santissima Trinità: I Domenica dopo Pentecoste.
rosso Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo: riportata, dopo la riforma del lezionario del 2008, alla data tradizionale del giovedì dopo la solennità della Santissima Trinità. In modo analogo a quanto previsto per la solennità dell'Ascensione, nei luoghi in cui il giovedì del Corpus Domini non è festa civile è possibile celebrare la Messa della solennità anche la domenica successiva.
rosso Domeniche dopo Pentecoste: a partire dalla II Domenica dopo Pentecoste secondo il numero ordinale crescente fino a un massimo di XVI. Indipendentemente dal numero ordinale raggiunto, nella domenica immediatamente precedente il 29 agosto si celebra la Domenica che Precede il Martirio di S. Giovanni il Precursore. Negli anni in cui il 29 agosto cade in domenica, la festa del Martirio di S. Giovanni è posticipata al 1º settembre e la domenica che precede il martirio coincide con la domenica 29.
rosso Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù: venerdì dopo la II Domenica dopo Pentecoste.
bianco Memoria liturgica del Cuore Immacolato di Maria: sabato successivo il venerdì del Sacro Cuore. Dopo la riforma del 2008 è stata elevata al rango di memoria obbligatoria e perciò viene sempre celebrata, a meno che non coincida con una festa o una solennità che hanno la precedenza.
bianco 24 giugno: solennità della Natività di S. Giovanni Battista. Si trasferisce al lunedì 25 nei casi in cui il 24 cada in domenica.
rosso 29 giugno: solennità dei Ss. Pietro e Paolo. Si trasferisce al lunedì 30 nei casi in cui il 29 cada in domenica.
bianco 6 agosto: festa della Trasfigurazione del Signore. Essendo una festa del Signore, mantiene la precedenza sull'eventuale Domenica dopo Pentecoste.
bianco 15 agosto: solennità dell'Assunzione di Maria. Si trasferisce al lunedì 16 nei casi in cui il 15 cada in domenica.
rosso 29 agosto: festa del Martirio di S. Giovanni Battista. Si trasferisce al 1º settembre nei casi in cui il 29 agosto cada in domenica.
Settimane dopo il Martirio di S. Giovanni:

Seconda parte del Tempo dopo Pentecoste: va dalla I Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni al sabato che precede la terza domenica di ottobre, solennità della Dedicazione del Duomo, per un totale di sei o sette settimane.

rosso Domeniche dopo il Martirio di S. Giovanni il Precursore: a partire dalla I Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni secondo il numero ordinale crescente.
bianco 8 settembre: festa della Natività di Maria, patrona del Duomo di Milano. Al di fuori della Chiesa Cattedrale, avendo il grado di festa, non viene celebrata negli anni in cui l'8 settembre cade in domenica.
rosso 14 settembre: festa dell'Esaltazione della Santa Croce. Essendo una festa del Signore, mantiene la precedenza sull'eventuale Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni.
Settimane dopo la Dedicazione del Duomo:

ultima parte del tempo dopo Pentecoste, che va dalla terza domenica di ottobre al sabato che precede la prima domenica di Avvento, per un totale di quattro settimane.

bianco Terza domenica di ottobre: anniversario della Dedicazione del Duomo di Milano, che ha grado di solennità.
verde Domeniche dopo la Dedicazione: due domeniche (dette rispettivamente I e II Domenica dopo la Dedicazione) aventi per tema, rispettivamente, "Il mandato missionario" e "La partecipazione delle genti alla salvezza".
bianco 1º novembre: solennità di Tutti i Santi. Si anticipa al sabato 31 ottobre nei casi in cui il 1º novembre cade in domenica.
nero o morello 2 novembre: commemorazione di tutti i fedeli defunti. Prevale sull'eventuale domenica dopo la Dedicazione ma, nel caso in cui il 2 novembre cade in domenica, è vietato l'uso del colore nero ed è obbligatorio il morello.
bianco 4 novembre: solennità di S. Carlo Borromeo, compatrono della diocesi. Si trasferisce al lunedì 5 nei casi in cui il 4 novembre cade in domenica.
bianco 9 novembre: festa della Dedicazione della Basilica Romana Lateranense: pur essendo festa del Signore - e avendo quindi in linea di principio prevalenza sulla domenica - se il 9 novembre cade in domenica allora coincide obbligatoriamente con la solennità di Cristo Re, che avendo grado superiore prevale sulla festa della Dedicazione.
bianco Ultima domenica dell'anno liturgico: solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo. In modo analogo al rito romano (ma in anticipo di due settimane a causa della diversa durata dell'Avvento), nell'ultima domenica dell'anno liturgico si celebra la solennità di Cristo Re.

Note

  1. ^ Sono invalse nel linguaggio comune le seguenti espressioni: anno liturgico della Chiesa latina e Anno liturgico del rito latino della Chiesa cattolica . Tutte e due si riferiscono esplicitamente alla Chiesa latina : la seconda usa il termine rito latino" o come sinonimo di "Chiesa latina" o in relazione ai riti liturgici in uso nella medesima Chiesa latina, fra i quali, per esempio, l'inizio dell'anno liturgico può essere diverso. Così nel rito ambrosiano l'Avvento comincia due settimane prima della data di inizio nel rito romano, e la Quaresima comincia non con quello che il rito romano chiama Mercoledì delle Ceneri ma nella domenica successiva.
  2. ^ Norme generali per l'ordinamento dell'anno liturgico e del calendario, 5
  3. ^ In alcuni luoghi i calendari liturgici particolari denominano le ferie privilegiate d'avvento quali Ferie verso Natale . Tale ulteriore denominazione è interessante perché recepisce il concetto sottinteso al periodo delle ferie privilegiate, ossia la preparazione immediata al Natale. Va però chiarito che tale nuova denominazione allo stato non è accettata nei testi ufficiali e generali che regolano l'Anno liturgico romano in forma ordinaria.
  4. ^ Ordinamento Generale del Messale Romano, 355 (a)
  5. ^ Prima della riforma liturgica seguente il Concilio Vaticano II, il Tempo Natalizio aveva due articolazioni interne che non ne inficiavano l'unità: tali articolazioni interne sono tutt'oggi esistenti nella forma extra-ordinaria dell'anno liturgico romano al cui schema si rimanda. Delle suddette articolazioni interne è rimasta comunque traccia nella forma ordinaria dell'anno liturgico romano non come periodo temporale ma a livello rubricistico: ciò è rintracciabile non tanto nel Messale romano bensì nella Liturgia delle Ore, infatti parte del Comune dell'Innario e dell'Antifonario è strutturato in base alle antiche due articolazioni del tempo Natalizio.
  6. ^ Ordinamento generale dell'Anno Liturgico, 12
  7. ^ L'altra massima Solennità è la Pasqua annuale. Con l'aggettivo massimo, la liturgia non intende parificare il Natale alla Pasqua, ma innanzitutto accomunare le due Solennità che posseggono l'ottava: del resto, basta confrontare la Tabella dei giorni liturgici per comprendere come la Pasqua, meglio il Triduo Pasquale, abbia la precedenza in importanza rispetto a tutte le altre ricorrenze, Natale compreso. Ciò che in realtà la liturgia opera è creare una differenza per manifestare la primaria importanza del Natale rispetto alle altre 3 solennità che nella Tabella dei giorni liturgici le sono parificate, ma che non posseggono un'ottava.
  8. ^ L'esistenza dell'Ottava produce la conseguenza per la quale elementi propri della Solennità siano celebrati in ricorrenze minori quali le tre feste dei Santi Stefano, Giovanni e Innocenti: per esempio, il prefazio e il ricordo di Natale nella preghiera eucaristica della messa, ei salmi della prima settimana alle lodi. Anche nei giorni che non siano feste, si recita, ad esempio, il Gloria in Excelsis nella messa.
  9. ^ Le norme generali sull'anno liturgico e sul calendario originariamente prescrivevano che la festa del Battesimo del Signore fosse tralasciata nelle regioni dove l'Epifania fosse celebrata nella domenica che cade il 7 o l'8 gennaio.
  10. ^ Normae universales de anno liturgico et de calendario , 56f : Sollemnitas S. Ioseph, ubi est de præcepto servanda, si cum Dominica in palmis de Passione Domini occurrit, anticipatur sabbato præcedenti, die 18 martii. Ubi vero non est de præcepto servanda, a Conferentia Episcoporum ad alium diem extra Quadragesimam transferri potest ( Missale Romanum , p. 70/828 ).
  11. ^ Normae universales de anno liturgico et de calendario , 60: "... semper ad feriam II post dominicam II Paschae erit transferenda".
  12. ^ Normae universales de anno liturgico et de calendario , 31
  13. ^ Rubricæ generales - Missale Romanum, Typis poliglottis Vaticanis 1962 Cap. VIII
  14. ^ Missale Romanum 1962, p. 416
  15. ^ Le edizioni del Messale tridentino prima dell'ultima (1962), quella di cui ancora l'uso è a volte concesso, indicavano che in tale circostanza la messa della domenica XXIII si anticipava al sabato precedente.
  16. ^ In realtà nelle domeniche fra la XXIII e la XXIV dopo Pentecoste, introito, graduale, alleluia, offertorio e comunione sono sempre quelle della domenica XXIII. Dalle messe delle domeniche dopo l'Epifania si prendono colletta, epistola, Vangelo, secreta e postcommunio. Si noti anche che non tutte le domeniche omesse dopo l'Epifania trovano sempre posto in una domenica fra la XXIII e la XXIV e in particolare che la II domenica dell'Epifania non può mai essere trasferita, ma l'accorgimento di inserire le domeniche a ritroso fa sì che, se si omette una domenica, non sia sempre la stessa.
  17. ^ La quarta domenica di gennaio dalla riforma liturgica fino al 2008

Voci correlate

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo