Antonio abat

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Sant'Antonio Abate". Si busqueu altres significats, consulteu Sant'Antonio abate (desambiguació) .
Sant'Antonio Abate
San Antonio Abad (Zurbarán) .jpg
Francisco de Zurbarán , San Antonio Abad, 1664

va dir el Gran

Naixement Qumans ( Egipte ), 12 de gener de 251
Mort Desert de Thebaid, 17 de gener de 356
Venerat per Totes les esglésies que admeten el culte als sants
Santuari principal Monestir de Sant Antoni , Egipte
Recidiva 17 de gener
Atributs tau creu , pal, campana, porc, protecció contra el diable, llibre, foc
Patró de Invocat contra l' herpes zòster , protector de carnisseries, xarcuteries, carnisseries, canestrai, mascotes

Sant Antoni Abat , també anomenat Sant Antoni el Gran , Sant Antoni d'Egipte , Sant Antoni del Foc , Sant Antoni del desert , Sant Antoni l'Anacoreta (en grec antic : Ἀντώνιος , Antṓnios , en llatí : Antonius , en copte : Ⲁⲃⲃⲁ Ⲁⲛⲧⲱⲛⲓ ; Qumans , 12 de gener de 251 - desert de Thebaid , 17 de gener de 356 ), va ser un abat i ermità egipci , considerat el fundador del monacat cristià i el primer dels abats .

Va ser responsable de l'establiment permanent de famílies de monjos que, sota la direcció d'un pare espiritual, abbà , es van consagrar al servei de Déu. La seva vida va ser transmesa pel seu deixeble Atanasi d'Alexandria . És recordat al Calendari de Sants de l’Església Catòlica i per l’ Església Luterana el 17 de gener , però l’ Església Ortodoxa Copta el celebra el 31 de gener que correspon, en el seu calendari, al 22 del mes de Tobi .

Biografia

La vida d’Antonio Abbot es coneix sobretot a través de la Vita Antonii publicada cap al 357 , una obra hagiogràfica escrita per Atanasio , bisbe d’ Alexandria , que va conèixer Antonio i va ser ajudat per ell en la lluita contra l’ arianisme . L’obra, traduïda a diversos idiomes, es va popularitzar tant a Orient com a Occident i va contribuir de manera important a l’afirmació dels ideals de la vida monàstica. La descripció de la lluita d’Antonio contra les temptacions del diable pren una gran importància a la Vita Antonii . Una referència significativa a la vida d’Antonio es troba als primers ermitans Vita Sancti Pauli escrits per sant Jeroni en els anys 375 - 377 . Narra la trobada, al desert de Tebaid, d’Antonio amb el vell Pau de Tebes . L'informe de les relacions entre els dos sants (amb l'episodi del corb que els portava un pa, perquè poguessin alimentar-se, fins a l'enterrament del vell Pau per Antonio) també es va recollir en els relats medievals de la vida dels sants, en primer lloc a la famosa Llegenda d’Or de Jacopo da Varazze .

Antonio va néixer a Coma a Egipte (actual Qumans ) cap al 251 , fill de rics pagesos cristians. Orfe de veïns abans dels vint anys, amb un patrimoni a administrar i una germana menor a tenir cura, aviat va sentir que havia de seguir l'exhortació evangèlica: "Si vols ser perfecte, ves, ven el que tens i dóna-ho al pobres " [1] . Així, després d’haver distribuït els béns als pobres i haver confiat la germana a una comunitat femenina, va seguir la vida solitària que altres anacoretes portaven ja als deserts de la seva ciutat, vivint en oració, pobresa i castedat.

Icona que representa sant Antoni Abat .

Es diu que tenia una visió en què un ermità com ell omplia el dia dividint el temps entre la pregària i l’entrellaçament d’una corda. D’això va deduir que, a més de l’oració, s’havia de dedicar a una activitat concreta. Així inspirat, va portar una vida aïllada sola, on els fruits del seu treball el van servir per obtenir menjar i donar caritat. En aquests primers anys va ser molt turmentat per temptacions molt fortes, els dubtes li van assaltar sobre la validesa d’aquesta vida solitària. Consultant altres ermitans, se li va instar a perseverar. Li van aconsellar que es deslligés encara més del món. Després, cobert amb un drap rugós, es va tancar en una tomba esculpida a la roca prop del poble de Coma. En aquest lloc hauria estat atacat i colpejat pel diable ; inconscient, va ser recollit per gent que va anar a la tomba per portar-li menjar i va ser transportat a l'església del poble, on es va recuperar.

Més tard, Antonio es va traslladar al mar Roig al mont Pispir, on hi havia una fortalesa romana abandonada, amb una font d’aigua. Eren 285 i va romandre en aquest lloc durant 20 anys, alimentant-se només del pa que es deixava caure dues vegades a l'any. En aquest lloc va continuar la seva recerca de purificació total, tot i ser amargament turmentat, segons la llegenda, pel diable.

Amb el pas del temps, molta gent va voler mantenir-se a prop seu i, després d’haver enderrocat les parets del fort, van alliberar Antonio del seu refugi. Aleshores Antonio es va dedicar a calmar el patiment operant, segons la tradició, "sanacions" i "lliuraments del diable".

Cova on vivia Antonio, a la muntanya que dominava el seu monestir .

El grup de seguidors d'Antony es va dividir en dues comunitats, una a l'est i l'altra a l'oest del riu Nil . Aquests pares del desert vivien en coves i barrancs, però sempre sota la guia d'un ermità major i amb Antoni com a guia espiritual. Antonio va contribuir a l'expansió de l' anacoretisme enfront del cenobitisme .

Ilarione (291-371) va visitar Antonio el 307 per obtenir consells sobre com fundar una comunitat monàstica a Majuma, una ciutat marítima prop de Gaza on es va construir el primer monestir del cristianisme a Palestina [2] .

El 311 , durant la persecució de l'emperador Maximin Daia , Antoni va tornar a Alexandria per donar suport i consolar els cristians perseguits. No va ser objecte de persecució personal. En aquella ocasió, el seu amic Atanasi va escriure una carta a l'emperador Constantí I per intercedir per ell. Un cop va tornar la pau, Antonio, tot mantenint sempre el contacte amb Atanasi i donant-li suport en la lluita contra l’ arianisme , va viure els seus últims anys al desert de Tebaid , on, pregant i cultivant un petit jardí per a la seva alimentació, va morir a l’edat de 105 anys vell, probablement el 356 . Va ser enterrat pels seus deixebles en un lloc secret.

Les relíquies

La història de la traducció de les relíquies de Sant Antoni a Occident es basa principalment en la reconstrucció elaborada al segle XVI per Aymar Falco, historiador oficial dels cànons Antonians.

Després del descobriment del lloc d’enterrament al desert egipci, les relíquies primer es traslladarien a la ciutat d’ Alexandria . Això va passar cap a mitjan segle VI : nombrosos martiròlegs medievals daten la traducció a l’època de Justinià (527-565). Després, després de l' ocupació àrab d'Egipte , haurien estat portats a Constantinoble (cap al 670 ). Al segle XI el noble francès Jaucelin (Joselino), senyor de Châteauneuf, a la diòcesi de Vienne , els va obtenir com a regal de l' emperador de Constantinoble i els va portar a França al Dauphiné .

Aquí, els nobles Guigues de Didier van fer construir una església al poble de La Motte aux Bois que més tard prengué el nom de Saint-Antoine-l'Abbaye , que allotjava les relíquies posades sota la protecció del priorat benedictí que pertanyien als Montmajour. abadia (prop d’ Arles , Provença).

Al mateix lloc es va originar el primer nucli del que després es va convertir en l’ Orde dels Hospitalers Antonians , la vocació original de la qual era la d’acollir persones afectades pel foc de Sant Antoni . L’afluència de diners de la mendicitat va donar lloc a forts contrastos entre el priorat i els cavallers hospitalaris . Els primers es van veure obligats a marxar. però es van endur la relíquia del cap de Sant Antoni. A partir del segle XV, el priorat va començar a afirmar posseir la relíquia sagrada, robada durant la fugida dels Antonians. La relíquia sagrada es va col·locar solemnement a Arles, a l’església de Saint-Julien, que posseïen. El 1517, el cardenal Lluís d'Aragó , durant el seu viatge a Europa, va anar tant a Saint-Antoine-l'Abbaye com a Montmajour i va catalogar les relíquies guardades a cada una de les dues tombes " os a os ". al Papa, sense resoldre l’impasse. [3]

Els testimonis més antics identifiquen Jocelino com el nebot de Guillem, que, parent de Carlemany, després d’haver estat al seu costat en diverses batalles, s’havia retirat a la vida monàstica i havia fundat el monestir de Gellone (avui Saint-Guilhelm-le- Désert ).

A més, si a partir del segle XI el culte taumaturgic va començar a desenvolupar-se a la ciutat de Saint-Antoine-L'Abbaye, al voltant de les restes d'Antonio, en el mateix període es va originar la tradició que parla de la presència del cos del sant a l'interior de l'abadia de Lézat ( Lézat-sur-Léze ). Aleshores, els cossos d'Antonio, a Occident, passen a ser tres, i romandran així fins al segle XVIII [4] .

A Itàlia, la relíquia d’un fragment del braç de la santa anacoreta es guarda a Novoli , a la Pulla, al santuari dedicat. La ciutat reserva grans festes per al patró cada any. Un altre fragment del braç del sant es guarda a Tricarico , a Basilicata, seu d’una diòcesi mil·lenària, a la catedral de la ciutat.

Iconografia

Matthias Grünewald , Issenheim Altar de l'hospital Antoniani
Gravat de les temptacions de Sant Antoni de Martin Schongauer , cap al 1490.

La popularitat de la vida del sant, un exemple impedit dels ideals de la vida monàstica, explica el lloc central que la seva representació ha tingut constantment en l’art sagrat. Una de les imatges més antigues que es conserven, que data del segle VIII , es troba en un fragment d’un fresc del monestir de Baouit ( Egipte ), fundat per sant Apol·lo.

A causa de la veneració generalitzada, trobem imatges del sant, generalment representades com un monjo vell amb una llarga barba blanca, als manuscrits il·luminats, als capitells, als vitralls (com en els del cor de la catedral de Chartres ) , a les escultures de fusta destinades als altars i a les capelles, als frescos, a les taules i als retaules col·locats als llocs de culte. Amb l'arribada de la impressió, la seva imatge també va aparèixer en molts gravats que els devots pengen a les seves cases i als seus estables.

A l'època medieval, el culte a Sant Antoni es va popularitzar sobretot per ordre dels hospitals Antonians , que també van consagrar la iconografia: retrata el sant ara avançat en anys, mentre camina sacsejant una campana (com els Antoniani), en companyia d’un porc (animal del qual van obtenir el greix per preparar emol·lients que s’estenguessin a les nafres). El bastó del pelegrí acaba sovint (com en el quadre de Matthias Grünewald per a l’ altar d’Issenheim ) amb una creu en forma de tau que els Antonians portaven cosida al vestit ( thauma en grec antic significa sorpresa, meravella davant del prodigi). Entre els assentaments dels hospitalers, és famós el d’ Issenheim ( Rin superior ), mentre que a Itàlia cal recordar almenys el preceptiu deSant'Antonio in Ranverso (prop de Torí ), on esconserven frescos amb les històries del sant pintades per Giacomo Jaquerio (vers 1426 ).

Davant la massa de manifestacions artístiques que tenen per objecte la vida del sant, cal limitar-se a algunes cites.

En nombroses pintures, la imatge de sant Antoni s’associa amb la d’altres sants, sovint en la contemplació d’una escena sagrada. Alguns exemples són la sorprenent tauleta de Pisanello (ca. 1440 - 50 ) que es conserva a la National Gallery de Londres , que representa una visió de la Mare de Déu i el Nen que apareix en un aspre i barbut Sant Antoni, situat al costat d’un senglar ajupit i senglar. Sant Jordi elegantment vestit; i de nou la taula amb el nostre sant ajupit junt amb sant Nicolau de Bari davant de l'escena de la Visitació en un panell de Piero di Cosimo (vers 1490 ) conservat a la National Gallery of Art de Washington .

Les escenes de trobada entre sant Antoni i sant Pau ermità , narrades per sant Jeroni, també van tenir una gran popularitat. Al cementiri de Pisa, el pintor florentí Buonamico Buffalmacco va pintar (cap al 1336 ) –amb un llenguatge pictòric irònic popular i una mica irreverent– escenes de la vida que tenen com a protagonistes els dos grans ermitans ambientats al paisatge rocós de Thebaid .

El tema de la reunió dels dos sants ermitans es va abordar innombrables vegades: citem el panell de Sassetta a la National Gallery of Art de Washington (vers 1440 ), el llenç de Gerolamo Savoldo a la Gallerie dell'Accademia de Venècia (vers 1510 ) i la de Diego Velázquez (vers 1635 ) al Museu del Prado . A més, l’espectacular grup de fusta esculpit al segle XVIII pel genovès Anton Maria Maragliano conservat a l’oratori de Sant'Antonio Abate a Mele (Gènova).

Però l’abat Antoni, per a la història de l’art, és sobretot el sant de les temptacions demoníaques: si prenen, d’acord amb la Vita Antonii escrita per Atanasio d’Alexandria , l’aparició d’or, com passa a la taula del Beato Angelico (vers 1436 ) situat al Museu de Belles Arts de Houston , o l’aparició d’afalacs femení com es produeix a la taula central del famós tríptic de temptacions de Hieronymus Bosch al Museu Nacional d’Art Antic de Lisboa , o al lluita, contra els dimonis inquietants, una escena molt popular als segles XVI i XVII sobretot a la pintura del nord.

Entre les obres més conegudes en aquest sentit, el famós panell de (ca 1515 - 20 ) per Matthias Grünewald , que és part de l' altar de Issenheim es conserva al Museu d'Unterlinden a Colmar ha de ser esmentat. Es cita sovint juntament amb el irreverent gravat de Martin Schongauer (vers 1480 - 90 ) al Metropolitan Museum of Art , Nova York .

Sassetta
Sant Antoni colpejat pels diables
Siena , Galeria Nacional d’Imatges

Cal recordar també les múltiples temptacions pintades pel flamenc David Teniers el Jove i Jan Brueghel el Vell , amb la representació de paisatges poblats per presències demoníaques que conspiren contra el sant, mentre que al fons es cremen misteriosos focs (referència evident al foc de Sant 'Antonio ); durant molts anys van marcar un gènere imitat per nombrosos artistes menors. La versió donada per Salvator Rosa al segle XVII és molt particular, sobretot per l’aspecte atípic del dimoni.

El tema de les Temptacions de Sant Antoni, rellegit amb una sensibilitat diferent, també es troba en pocs pintors moderns. Recordem en primer lloc Paul Cézanne amb la seva Temptation (vers 1875 ) de la col·lecció "EG Bührle" ( Suïssa ); després, la sèrie de tres litografies executades (1888) per Odilon Redon per il·lustrar la novel·la La temptation de Saint-Antoine de Gustave Flaubert .

Pel que fa al segle XX , cal esmentar les interpretacions donades a aquest tema -amb una atenció descoberta a la lliçó psicoanalítica- de pintors com Max Ernst i Salvador Dalí , ambdues interpretades el 1946 .

Atributs iconogràfics

Les lletres minúscules i majúscules tau
  • Τ creu ( tau ), sovint vermella, a les peces o a l’àpex del bàcul.
  • Bastó (sovint en forma de tau , la lletra 't' de l' alfabet grec ), quan es representa amb túniques monàstiques, sovint amb una campana.
  • Pastoral , si es representa amb roba d'abat, de vegades amb campana. [Nota 1]
  • Porc , als peus (de vegades altres animals, com el senglar ). [Nota 2]
  • Campanella, a la mà o lligada al pal, de vegades més d’un.
  • Mitres , si es representen amb roba abacial, al cap, als peus o recolzats per àngels.
  • El llibre de les Sagrades Escriptures , a la mà, generalment obert [Nota 3] (de vegades als peus o recolzat per àngels).
  • Foc , al llibre o als peus (recorda la protecció del sant contra els malalts del foc de Sant Antoni ).
  • Serp , aixafada pel peu.
  • Corona de rosari , a la mà o penjada del bastó.
  • Àguila , al peu.

Galeria d'imatges

Arrows-folder-categorize.svg Els articles individuals apareixen a la categoria: Pintures sobre Sant Antoni Abat

Cult

Mecenatges

Sant'Antonio Abat de Pontormo

Sant Antoni va ser invocat aviat a Occident com a patró dels carnissers i xarcuteries, camperols i criadors i com a protector dels animals domèstics; tenia la fama de ser un taumaturge poderós capaç de curar malalties terribles.

Animals domèstics

Sant Antoni també es considera el protector dels animals domèstics, fins al punt que se sol representar amb un porc al costat amb una campana al coll. El 17 de gener, l’Església beneeix tradicionalment els animals i els estables, posant-los sota la protecció del sant.

La tradició de beneir els animals (en particular els porcs) no està directament relacionada amb sant Antoni: va néixer a l’edat mitjana a Alemanya, quan era habitual que cada poble criava un porc per ser destinat a l’hospital, on servien els monjos. de Sant Antoni.

A partir del segle XI, els habitants de les ciutats es van queixar de la presència de porcs que pasturaven lliurement als carrers i els municipis es van encarregar de prohibir-ne la circulació però sempre sense perjudici de la integritat física dels porcs "propietat del Els antoniencs, que obtingueren menjar per als malalts (més endavant s’entendrà que per curar-ne n’hi havia prou amb menjar carn en lloc de sègol), bàlsams per a les ferides, així com el manteniment econòmic. Els porcs, per tant, que van adquirir a poc a poc una aura de sacralitat i desgràcia davant qualsevol persona que n’hagués de robar, perquè Antonio s’hauria represaliat colpejant-lo amb la malaltia en lloc de curar-la ". [5] .

Segons una llegenda del Vèneto (on es diu San Bovo o San Bò , que no s’ha de confondre amb el sant homònim ) i d’ Emília , la nit del 17 de gener els animals adquireixen la capacitat de parlar. Durant aquest esdeveniment, els camperols es van mantenir allunyats dels estables, perquè escoltar els animals conversant era un senyal de mal auguri i parla d’un pagès que, atret per la curiositat de sentir parlar les vaques, va morir de por.

Mecenatge de localitats

El culte i la devoció a Sant Antoni Abat estan molt estesos a Itàlia i és el patró de moltes ciutats italianes, en particular dels municipis següents:

Fracció Santa Maria degli Angeli d'Assís ( província de Perusa )

La tradició popular

Les conques rescagnades de Collelongo
Lagonegro

A Lagonegro (PZ), hi ha una església dedicada al sant. L'església, situada a l'antic districte de Sant'Antuono, data del segle XVII i està dedicada a Sant'Antuono. Profundament canviat en els anys següents també com a resultat de la consolidació i restauracions a causa del terratrèmol del 1980, avui està obert especialment al gener durant la festa de Sant'Antonio Abate el 17 de gener. Els tres dies anteriors a la festa té lloc el tridu i el dia de la festa, després de la missa, té lloc la benedicció dels animals. Al vespre s’encén el tradicional foc anomenat castedda, es reparteixen menjar i begudes i al final es disparen els focs artificials.

Sant'Antonio Abate with animals, en una imatge devocional molt comuna als Abruços
Collelongo
Els dies 16 i 17 de gener té lloc a Collelongo , Abruços , la festa dedicada al sant el culte del qual data del segle XVII [6] . Els ritus comencen el vespre del 16 de gener amb l’encesa de grans torxes de fusta de roure de més de 5 metres d’alçada que s’encenen durant tota la nit. Contemporaneamente in alcune case del paese, allestite per l'occasione con arance e altre icone del santo, viene posta sul fuoco la "cuttora" (o "cottora"), un paiolo nel quale viene messo a bollire il granturco , le cicerchie oi "cicerocchi" ( ceci rossi) raccolti durante l'anno. La sera viene preparata la "pizza roscia", una pizza cotta sotto la cenere composta da un impasto di farina di grano e di mais , condita con salsicce , ventresca e cavolo ripassato in padella. Alle 21 una fiaccolata, accompagnata da fisarmonicisti e cantanti che intonano la canzone popolare del santo, segue il parroco del paese a benedire le case ove, sopra il fuoco del camino, fuma per tutta la notte la cuttora. Chiunque entra nella cottora, fa gli auguri alla famiglia che la gestisce e gli viene offerto vino, companatico, mais bollito condito con olio e peperoncino, e dolci. Per tutta la notte, fino al mattino, il paese è animato da gente che canta, suona e gira di cottora in cottora. All'alba del 17 gennaio, lo sparo dei petardi annuncia la sfilata delle "conche rescagnate" (ovvero addobbate): si tratta di conche in rame, una volta usate per attingere l'acqua alla fonte, che dotate di luci e sormontate da scene di vita contadina , vengono portate in sfilata dai giovani del paese vestiti con i tradizionali costumi popolari. Dopo la santa messa mattutina viene distribuito il mais benedetto bollito nelle cottore per distribuirlo anche agli animali domestici. La festa si conclude nel pomeriggio con i classici giochi popolari [7] [8] .
Roccaspinalveti
A Roccaspinalveti in Abruzzo persiste un'antica tradizione popolare che si rinnova il sedici gennaio di ogni anno, vigilia della ricorrenza della festività di Sant'Antonio abate. Un gruppo di persone con organetti , mandolini , chitarre , tamburelli e strumenti artigianali della tradizione popolare (lu du bott, lu cupa cupa...), gira per le vie del paese, facendo visita alle famiglie del posto, per cantare "lu sant'Antonie": una lunga stornellata che racconta la storia del grande abate . Vengono enfatizzate soprattutto le lotte che dovette sostenere contro il demonio, proprio per questo un membro del gruppo è travestito da esso, nonché viene narrata in breve la storia del Santo. Alla fine del canto ai membri del gruppo viene offerta salsiccia, un salame locale a base di carne di maiale insaccata, e vino, tutto rigorosamente fatto in casa, dalle famiglie ospitanti. Di queste famiglie, nonostante l'ora tarda, molte non si perdono lo spettacolo ed escono a cantare insieme, incuranti delle rigide temperature.
Serracapriola
A Serracapriola , paese della Puglia al confine con il Molise , è ancora viva la tradizione di "portare" il "Sènt'Endòn", cioè di girare per abitazioni e attività commerciali, suonando oltre a fisarmoniche, mandolini e chitarre, anche strumenti tipici della tradizione paesana (i Sciscèlè , u' Bbùchet-e-bbùchet , u' Ccèrin , a Scescelère , u Corne , u Picch-pacch , i Troccèlè ) e cantando in vernacolo, canti dedicati al Santo, inneggianti al riso, al ballo e ai prodotti derivati dalla lavorazione del maiale, quali mezzi per trascorrere i giorni del Carnevale all'insegna del mangiare, bere e divertirsi visto che dal giorno successivo al Martedì Grasso incomincia la Quaresima, tempo dedicato alla preghiera, al digiuno e all'espiazione dei peccati; a capo della comitiva c'è un volontario vestito da frate a simboleggiare il Santo che, con la propria "forcinella" (lunga asta terminante a forcina), raccoglie dolci e soprattutto salumi, che vengono donati per ingraziarsi i favori del Santo. Merito di aver importato questa tradizione squisitamente molisana, probabilmente nel 1927, dalla vicina Termoli , spetta a Ennio Giacci e ancor più a Guido Petti, autore quest'ultimo di musica e versi di svariate canzoni e in dialetto e in italiano, che annualmente vengono riproposte durante questa festa. Altri componimenti si devono al M° Luigi Tronco, autore di numerose melodie e testi anche in vernacolo serrano. Questi canti popolari esprimono la semplicità di un popolo in festa che sente il bisogno, il più delle volte sopito, di essere un'anima sola nella letizia, ma che al contempo spera, pur nella sofferenza. La viva voce e il suono degli strumenti, non alterato dal frastuono degli altoparlanti, riportano a tempi ormai lontani in cui la melodia all'italiana e ancor più quella dialettale, era di casa. Qualche giorno dopo, un lauto banchetto preparato con le offerte, dove prevale ogni sorta di insaccati ricavati dal maiale appena ammazzato, completa la festa.
L'incanto di Sant'Antonio
A Barni , paese della provincia di Como, è usanza festeggiare il Santo con un incanto. I fedeli, nei giorni che precedono il 17 gennaio si recano nella chiesa principale del paese dove vi è una cappella laterale dedicata a Sant'Antonio. Qui, vengono appoggiati i doni per il Santo (generalmente generi alimentari locali come salami, verdura, frutta, formaggi, ma anche prodotti artigianali e animali vivi come galline, conigli, ecc.). Il 17 gennaio poi, dopo la Santa messa della mattina i beni regalati vengono venduti all'asta sul sagrato della chiesa e il ricavato è devoluto alla Parrocchia . Tradizione ancora più antica associava all'incanto il "Falò di Sant'Antonio". Dal 2016, il tradizionale incanto è stato affiancato alla benedizione del sale per gli animali e dei mezzi agricoli.
La Fòcara di Novoli
Il più grande falò in onore di Sant'Antonio Abate viene realizzato a Novoli . Il falò, conosciuto col nome di "Fòcara", è realizzato in tralci di vite, e può superare l'altezza di 25 metri con una base di 20 metri di diametro. La vigilia della festa, il 16 gennaio, la Fòcara viene incendiata con un magnifico spettacolo di fuochi d'artificio che illuminano a giorno il cielo novolese. L'evento, conosciuto in tutta la Puglia, attrae migliaia di spettatori da tutto il sud d'Italia ed è stato oggetto anche di un documentario del National Geographic. Di anno in anno i costruttori della "fòcara" s'impegnano a variarne la forma, dotandola a volte di un varco centrale, "la galleria", attraverso cui sfila la processione con la statua e le reliquie del santo. La fòcara è formata da almeno 90.000 fascine, e le fasi di costruzione iniziano già a metà dicembre e la si termina la mattina del 16 gennaio con la posa di una "bandiera" con l'effigie del santo, dando così il via ai festeggiamenti. Oltre l'accensione della Fòcara, la festa novolese appare particolarmente ricca di eventi civili e religiosi: alla tradizionale benedizione degli animali e alla processione del santo, si aggiungono le due rassegne pirotecniche diurna e serale, i concerti bandistici, le luminarie ei caroselli di palloni aerostatici, che incorniciano una delle feste più rilevanti del Sud Italia.
Benedizione degli animali ad Acone
Ad Acone , piccolo paese collinare alle pendici di Monte Giovi , il 17 gennaio di ogni anno si rinnova la tradizionale benedizione degli animali con la celebrazione della messa ei festeggiamenti in onore di sant'Antonio.
La fiera di Sant'Antonio
Tortelli di Sant'Antonio

Il 17 di gennaio di ogni anno a Lonato del Garda si svolge l'antica fiera di Sant'Antonio Abate cui è dedicata una chiesa del centro storico dove si conserva una statua lignea policroma quattrocentesca del Santo. Tra le varie celebrazioni molto sentita è la Benedizione degli animali che si svolge sul sagrato della chiesa. Il Palio di Sant'Antonio invece è una gara tra le contrade del centro e delle frazioni, solitamente otto, che si confrontano in giochi popolari. Il chisol è la focaccia tradizionale che si prepara per l'occasione ( Sant'Antone chisoler è il modo di dire relativo). Sant'Antone porseler , invece, si riferisce al periodo buono per produrre salami e altri insaccati di maiale tipici come l' Os de stomech . Altri modi di dire: Sant'Antóne negosiànt de néff (Sant'Antonio negoziante di neve in quanto spesso nevica); Sant'Antóne dè la bàrbα biàncα fim troà chèl ché mé màncα ( Sant'Antonio dalla barba bianca fatemi trovare quel che mi manca); Te sé come 'l porsèl de Sant'Antóne ( Sei come il porcello di Sant'Antonio, riferito a colui che non sta mai fermo o che accetta l'offerta da tutti come facevano i maiali di Sant'Antonio che girovagavano nei villaggi)

Celebrazioni di Sant'Antonio in Lombardia

Il culto di Sant'Antonio abate è molto vivo il Lombardia [9] dove tradizionalmente si accendono grandi falò e si preparano i "tortelli", piccole frittelle dolci con l'uva passa o ripiene di crema pasticcera [10] .

Proverbi e modi di dire

Esiste, riferita a sant'Antonio, una sorta di giaculatoria scaramantica, abbastanza diffusa a livello popolare, nella quale si invoca il santo per ritrovare qualcosa che si è smarrito. Questo modo di dire si trova nei luoghi dove c'è tradizionalmente maggiore devozione al santo, e si declina in modi differenti secondo i dialetti e secondo la tradizione.

Uno dei modi più strutturati si trova nel Comune di Teora [Nota 4] , in Irpinia e dice: Sant'Antonij Abbat' cu rr' ccauz' arrup'zzat' cu lu cauzon' dd' vullut' famm' truvà quedd' ch' agg' perdut' , traducibile letteralmente in italiano come "Sant'Antonio Abate, con le calze rappezzate, con i pantaloni di velluto, fammi ritrovare ciò che ho perduto". In questa cittadina si tiene annualmente il "falò di Sant'Antuono" presso la chiesa di san Vito ove alloggia la statua di sant'Antonio abate.

Il riferimento all'abito di velluto diventa più generico, sempre al sud, nel detto "Sant'Antonio di velluto, fammi ritrovare quello che ho perduto".

A Varese, in Lombardia, la festività di sant'Antonio abate - qui detto sant'Antonio del porcello - è molto sentita; qui il detto si declina in Sant'Antoni dala barba bianca famm' truà che'l che ma manca, sant'Antoni du'l purscel famm' truà propri che'l (ossia "sant'Antonio dalla barba bianca fammi trovare quello che mi manca, sant'Antonio del porcello (maiale) fammi trovare proprio quello").

Più in generale, al nord l'espressione si limita a sant'Antoni dala barba bianca fam trua quel ca ma manca . Questo detto viene a volte riferito a sant'Antonio da Padova [11] , ma il riferimento è chiaramente erroneo, dato che il santo di Padova è morto a 36 anni e difficilmente può aver avuto la barba bianca, né sembra sia mai stato rappresentato con la barba bianca.

In "serrano", dialetto parlato nella cittadina di Serracapriola , in provincia di Foggia, si dice A sènt'Endòn 'llong n'or (A sant'Antonio s'allunga un'ora), con riferimento al fatto che a partire dal 17 gennaio, memoria liturgica di Sant'Antonio Abate, la durata media del giorno, inteso come ore di luce, è di un'ora più lunga rispetto al giorno più corto, tradizionalmente fissato nel giorno di santa Lucia, ossia il 13 dicembre.

In Anzano di Puglia , in provincia di Foggia, si dice A sant'Antuon lu juorn è buon , con riferimento al fatto che la lunghezza del giorno in termini di presenza della luce è diventata consistente.

In Piemonte è invece diffusa l'espressione sant Antòni pien ëd virtù feme trové lòn ch'i l'hai perdu (ossia "sant'Antonio pieno di virtù fammi trovare quel che ho perso"), anche se in questo caso il detto non è chiaramente riferito all'uno piuttosto che all'altro santo.

In provincia di Bologna c'è l'invocazione Sant Antòni dal canpanén, an i é pan es an i é vén, an i é laggna int al granèr, la piṡån l'é da paghèr, Sant Antòni cum avaggna da fèr? (Sant'Antonio dal campanino, non c'è pane e non c'è vino, non c'è legna nel solaio, l'affitto è da pagare, Sant'Antonio come dobbiamo fare?).

Nel già citato Comune di Teora si usa dire Chi bbuon' carnuval' vol' fà da sant'Antuon' adda accum'enzà , (Chi buon carnevale vuole fare da sant'Antonio deve iniziare) e Sant'Antuon... masc'ch're e suon (ovvero "Sant'Antonio..... maschere e suoni"). Si dice anche "Per sant'Antonio abate, maschere e serenate".

Anche in Puglia a Manfredonia il 17 gennaio si festeggia Sant'Andunje, masckere e sune! (ovvero "Sant'Antonio, maschere e suoni"). È un evento molto importante per la città, infatti è la giornata che apre i festeggiamenti del Carnevale di Manfredonia .

In Veneto vige il detto a Nadal un passo de gal ea sant'Antonio un passo del demonio , riferendosi al progressivo allungamento delle giornate.

Nella tradizione contadina "umbro-marchigiana", sempre in riferimento all'allungarsi delle giornate, si usa dire a Natale 'na pedeca de cane a sant'Antò un'ora 'vò ("a Natale un passo di cane a sant'Antonio un'ora in avanti").

In Piemonte si dice: sant'Antoni fam marié che a son stufa d'tribilé (Sant'Antonio fammi sposare che sono stufa di tribolare), invocazione che le donne in cerca di marito fanno a sant'Antonio per potersi presto sposare.

In Napoletano si usa: Chi festeggia sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon . A Massaquano (NA) una simpatica filastrocca viene ripetuta in occasione della caduta dei denti da latte: Sant'Antuono Sant'Antuono, tecchet'o viecchio e damm'o nuov e dammell fort fort che me rosec n'o vescuott, e dammell accossì fort ca meggia rosecà n'o stant e port ( Sant'Antonio Sant'Antonio eccoti il vecchio - riferito al dente da latte che è caduto - dammi il nuovo. Dammelo forte forte da potermi rosicchiare un "biscutto" - pane fatto in casa molto duro - dammelo così forte da potermi rosicchiare l'architrave della porta).

A San Polo dei Cavalieri si dice: Sant'Antogno allu desertu se magnea li maccarù , lu diavulu, pe' despettu, glji 'sse pià lu forchettò . … Sant'Antogno non se 'ncagna: colle mani se li magna!!! (Sant'Antonio nel deserto mangiava gli spaghetti, il diavolo per dispetto gli sottrasse la forchetta, sant'Antonio non se ne curò, mangiandoseli con le mani.); è una filastrocca che viene insegnata ai bambini del paese per far capire loro che la necessità aguzza l'ingegno e che con l'umiltà si può fare tutto.

Sant'Antonio

Nell' Italia Meridionale sant'Antonio Abate è comunemente chiamato sant'Antuono [12] , per distinguerlo da sant' Antonio di Padova .

A Pietrabbondante , in provincia di Isernia, si rinnova ogni anno la tradizione di accendere un colossale fuoco in piazza dove ci si raduna e fra canti e balli si gustano dei piatti tipici tramandati dai progenitori per i festeggiamenti in onore di sant'Antuono : R SQUATTON (pasta, broda, vino e pepe) R GRANIET (zuppa di legumi misti a cereali) R'ABB'LLIT (stinco, orecchie e muso di maiale) L'SC'RPPELL (dolci tipici simili alle frittelle).

Sant'Antonio in Campania

La tipica Battuglia di Pastellessa a Macerata Campania il 17 gennaio nel corso della Festa di Sant'Antuono.

In alcuni paesi della pianura campana ( Macerata Campania e Portico di Caserta ) in onore del santo i fedeli costruiscono "carri" detti "Battuglie di Pastellessa". Molto spesso questi "carri" vengono costruiti in maniera da sembrare dei vascelli rifacendosi all'antica leggenda per cui Sant'Antuono avrebbe compiuto il suo viaggio dall'Africa su una barca. La popolazione del luogo è molto attaccata alla tradizione della sfilata, cui ogni anno prendono parte più di 1000 giovani; sui "carri" viene riproposta l'antica musica a pastellessa , nata a Macerata Campania in epoca antica, e gli strumenti utilizzati sono derivati da attrezzi per i lavori nei campi (botti, tini e falci) a causa del legame di tale festività con ancestrali ricorrenze pagane legate alla celebrazione della rinnovata fertilità della madre terra in concomitanza con i cicli astronomici che, fin dalla notte dei tempi, hanno influenzato il calendario delle pratiche agricole. In aggiunta il rito conserva un valore apotropaico , secondo la convinzione che i fuochi tradizionali ei rumori ossessivi e ruvidi prodotti dagli "strumenti" potessero spaventare e allontanare le presenze maligne che si credevano proliferate tutt'intorno durante la lunga notte invernale. Sant'Antuono è celebrato il 17 gennaio al Porticciolo situato nel quartiere Pastena a Salerno e lo si celebra con un falò. È anche patrono dei fornai e dei pizzaioli, che tenevano la sua statuetta sopra il forno a legna. L'Associazione Verace Pizza Napoletana ha fissato nel giorno 17 gennaio la "Giornata Mondiale del Pizzaiolo [13] ", in seguito al riconoscimento da parte dell'Unesco dell' arte del Pizzaiuolo napoletano [14] .

L'Ordine degli Antoniani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Canonici regolari di Sant'Antonio di Vienne .

Nel 1088 i monaci benedettini dell' Abbazia di Montmajeur presso Arles ( Provenza ), vennero incaricati dell'assistenza religiosa dei pellegrini. Un nobile, un certo Gaston de Valloire, dopo la guarigione del figlio dal "fuoco di Sant'Antonio", decise di costruire un hospitium e di fondare una confraternita per l'assistenza dei pellegrini e dei malati. Confraternita che si trasformò nell'"Ordine Ospedaliero dei canonici regolari di Sant'Agostino di Sant'Antonio Abate", detto comunemente degli Antoniani .

L'Ordine nel 1095 venne approvato da papa Urbano II al Concilio di Clermont e nel 1218 confermato con bolla papale di Onorio III . La divisa degli Antoniani era formata da una cappa nera con una tau azzurra posta sulla sinistra, e con le loro questue mantenevano i loro ospedali dove curavano i pellegrini e gli ammalati.

Devozione popolare

Rappresentazioni sacre

Alla devozione popolare del santo sono associate benedizioni agli animali domestici, nonché ai prodotti dell'agricoltura e la sacra rappresentazione della sua vita, soprattutto nell'Italia centrale. La narrazione, con varianti territoriali, si svolge su questo schema: la scelta dell' eremitaggio nel deserto , la tentazione da parte dei diavoli , rossi e neri, e della donzella, interpretata da un uomo come nel teatro elisabettiano e un particolare elemento buffo . Infine l'arrivo risolutore dell' angelo dal caratteristico cappello conico, tipico delle figure con contatti soprannaturali come fate e maghi .

Nel finale, attraverso la spada , elemento simbolico mutuato dalla devozione all' Arcangelo Michele , l'angelo aiuta il Santo a sconfiggere il male ea tornare alla sua vita di preghiera . Sempre presente al termine della rappresentazione la questua , richiesta di "offerte" in vino e salsicce per i figuranti . Esistono numerose versioni nei dialetti locali e una versione in forma di operetta dei primi anni del Novecento. In Abruzzo si svolge la competizione del campanello d'argento , premio alla migliore rievocazione tradizionale, vinto nell'ultima edizione dal gruppo di Scagnano, frazione di Caramanico Terme .

Oltre al "Campanello d'argento" nella regione abruzzese, dall'anno 2009 vi è anche Lu festival di Sant'Andonie che si svolge a Tocco da Casauria ( PE ), vinta nell'edizione 2012 dal gruppo di Ortona ( CH ).

Altra festa in Abruzzo molto sentita dai cittadini si svolge a Fara Filiorum Petri ( CH ) dove il pomeriggio del 16 gennaio si svolge la manifestazione delle Farchie: al calar del sole vengono accesi dei fasci di canne lunghe 12 metri e di circonferenza di 70-100 cm che ogni contrada del paese comincia a preparare dal 6 gennaio .

Preparativi per la rappresentazione della vita di Sant'Antonio

Una festa dedicata a Sant'Antonio si svolge a Soriano nel Cimino (VT), in gennaio ed è caratterizzata dalla benedizione degli animali che in migliaia e di tutte le specie sfilano per il paese accompagnati dalla banda musicale e dal carro del "Signore della Festa", eletto ogni anno, il quale offre presso la sua casa un rinfresco ai turisti. Inoltre, in occasione della festa di Sant'Antonio, a Soriano nel Cimino, vien preparato il caratteristico "Biscotto di Sant'Antonio" che per augurio e per tradizione viene fatto mangiare anche agli animali. Alla sfilata partecipano più di cento cavalli.

A Scanno il culto al Santo egiziano è molto antico; infatti già dalla sera del 16 gennaio nella piazzetta antistante la chiesa a Lui intitolata viene acceso un falò in ricordo della vita di Sant'Antonio. Mentre il giorno 17 vengono distribuite le tradizionali " sagne con la ricotta" antico pasto dei poveri che veniva offerto agli indigenti del paese. Curioso è invece l'appellativo con cui viene chiamato Sant'Antonio: Barone; questo è spiegabile perché un tempo venivano dati appellativi a santi il cui culto era molto sentito.

A Buti in provincia di Pisa la Domenica successiva al 17 gennaio si celebra il Palio di Sant'Antonio Abate ( Palio di Buti ) che affonda le sue radici nel XVII secolo, quando la benedizione delle stalle e dei cavalli del paese il 17 di gennaio rappresentava un'importante cerimonia religiosa. Il palio è incentrato su una corsa di cavalli condotti da fantini che, rappresentando le sette contrade in cui è suddiviso il paese, si sfidano in una gara il cui scenario è la strada principale di accesso all'abitato; insieme al Palio di Siena e al Palio di Asti, è uno dei palii a cavallo più antichi d'Italia. Alle 8.00 del mattino si celebra la S. Messa dei Cavallai al termine della quale sono tutt'oggi di rito trippa e vino. Alle 10.30 incomincia la sfilata storica: le contrade, precedute dal cavallo e dal fantino con i quali gareggeranno nel pomeriggio, attraversano le vie principali del paese dirette al sagrato antistante la Pieve dove insceneranno la rievocazione storica. Alle 14:00 incominciano le corse. Le contrade si sfidano correndo lungo la "Via Nuova", la principale strada di accesso al paese, provenendo dalla vicina frazione di Cascine. Il percorso è abbastanza lineare, in salita, e appare dall'alto come una "S" allungata e rovesciata di circa 700 metri che per l'occasione viene ricoperta da uno strato di 40 cm di terra battuta composta principalmente da una miscela di tufo e sabbia. La gara si disputa in 3 distinte partenze, denominate "batterie" ovvero singole gare alle quali partecipano tre cavalli per volta, più una finale.

La domenica precedente avviene l'estrazione con cui le contrade vengono distribuite tra le prime due batterie, i cui vincitori accedono direttamente alla finale, mentre la settima contrada (denominata "la signora") corre nella terza batteria sfidando i cavalli che sono arrivati secondi durante le gare precedenti. La finale determinerà il vincitore. Il Mossiere, figura storica nominata ogni anno dal Seggio, ha il compito principale di "dare la partenza" (in gergo definita "mossa") una volta verificato l'allineamento dei cavalli al canape. Deve, inoltre, verificare la correttezza comportamentale dei fantini per tutta la durata della manifestazione punendo le eventuali scorrettezze, se necessario anche con la squalifica (in accordo con il Presidente del Seggio). Infine il Palio, detto anche Cencio e oggi dipinto di anno in anno da un artista di fama riconosciuta, viene consegnato nelle mani del fantino vincitore che a dorso del proprio cavallo viene condotto in trionfo per le vie del paese dai contradaioli in festa. L'anno successivo, durante una Messa celebrata la settimana prima della nuova gara, il Palio verrà restituito al Seggio, che lo custodirà fino alla nuova consegna.

Un'immagine della corsa del Palio di Buti in onore di Sant Antonio Abate.

A Nicolosi il culto di S. Antonio Abate è molto sentito. La festa del 17 gennaio è una celebrazione liturgica, mentre ogni prima domenica di luglio, viene celebrata la "Festa Grande" dove il Simulacro ligneo di S. Antonio, posto su di un artistico fercolo, procede in processione per le vie del paese tirato dai giovani nicolositi con lunghi cordoni. Tradizionale è la benedizione degli animali, che si svolge la domenica mattina dopo l'uscita del Santo, dove gli animali domestici (cani, gatti, tartarughe ma anche cavalli e asini) vengono portati davanti alla statua del Santo e benedetti. Altro momento particolare della festa e molto sentito dagli abitanti di Nicolosi e A'cchianata a Sciara (La salita della sciara) dove S. Antonio, con il suo pesante fercolo, viene tirato da due lunghi cordoni gremiti di devoti in corsa su una ripida salita per rievocare i tragici eventi dell'eruzione del 1886, che minacciava di travolgere e seppellire il paese sotto la lava. In quell'occasione i nicolositi che videro arrivare il fronte lavico a pochi metri dal centro abitato, con fede portarono la statua e le reliquie di S. Antonio di fronte alla lava che pian piano travolgeva tutto, e miracolosamente per intercessione del Santo il fronte lavico si arrestò risparmiando il paese. Su quel fronte lavico, alla fine della salita alla sciara è stato eretto un altarino votivo in onore di S. Antonio per ricordare gli eventi del 1886, dove ogni anno a fine della faticosa salita i nicolositi ringraziano il loro Patrono della sua protezione.

Altra bella festa, sempre in provincia di Viterbo , si svolge a Bagnaia , una frazione del capoluogo laziale. Qui viene accesa un'enorme catasta di legna, alta oltre 8 metri per circa 30 metri di circonferenza, che brucia per tutta la notte compresa tra il 16 gennaio e il 17 gennaio .

A Pietra Ligure (SV) al Santo è dedicata una antichissima compagnia dei patroni e dei capitani (ossia gli armatori ei comandanti delle imbarcazioni) la cui fondazione è antecedente al 1453 e nel corso della festa venivano benedetti gli animali. Nella antica parrocchiale di S. Nicolò è conservato un bassorilievo che anticamente si trovava sulla facciata della chiesa ed esisteva un altare dedicato ai SS Antonio e Paolo eremiti; nel 1791 la tela, dipinta dal pittore genovese Domenico Piola (1627-1703), fu traslata nella nuova Basilica in una grande cappella posta a sinistra dell'Altare Maggiore. In occasione della festa del Santo (adesso spostata alla domenica successiva) nel corso della Messa che si tiene nella Basilica di S. Nicolò, presenti tutti i Capitani avviene il passaggio annuale della bandiera al nuovo Capitano che la deterrà per un anno.

Statua di S.Antonio abate collocata sull'omonima chiesa tricaricese.

Altra importante manifestazione legata a Sant'Antonio abate si svolge a Tricarico ( Lucania ): essa testimonia l'assorbimento e quindi la cristianizzazione di riti precristiani. All'alba del 17 gennaio, Tricarico è svegliata dal suono cupo dei campanacci agitati dalle maschere delle mucche e dei tori che, dopo essersi radunate nel centro storico, si dirigono verso la chiesa di Sant'Antonio abate dove le attende il parroco che celebra la messa, aperta anche agli animali, e che al termine impartisce la benedizione, dopo la quale si compiono tre giri rituali intorno alla chiesa. La singolare "mandria", subito dopo, parte per la "transumanza" verso l'abitato.

D'interesse è la sfilata delle " Battuglie di Pastellessa " che si tiene ogni anno a Macerata Campania ( Provincia di Caserta ) in occasione della ricorrenza liturgica del 17 gennaio, in cui viene riproposta l'antica tradizione della Pastellessa di Macerata Campania: botti, tini e falci vengono utilizzati come dei veri e propri strumenti musicali per produrre la caratteristica sonorità maceratese e si sostiene che i suoni prodotti scaccino gli spiriti maligni e servino a portare speranza per un buon raccolto [15] .

Caratteristica risulta la festa che si svolge a Collelongo ( AQ ) nella notte tra il 16 e il 17 di gennaio. La festa incomincia la sera del 16 alle 18,00 con l'accensione dei due "torcioni", torce in legno di quercia alte oltre 5 metri che arderanno tutta la notte.

Contemporaneamente in diverse case del paese allestite per l'occasione con arance e icone del santo viene posta sul fuoco la "cottora", un enorme pentola nella quale viene messo a bollire parte del mais raccolto durante l'anno. La sera viene preparata la "pizza roscia", una pizza cotta sotto la cenere composta da un impasto di farina di grano e di mais, condita con salsicce, ventresca e cavolo ripassato in padella. Alle 21 una fiaccolata con fisarmoniche e cantanti che intonano la canzone del santo accompagna il parroco del paese a benedire le case ove, sopra il fuoco del camino, fuma per tutta la notte la cottora. Chiunque entra nella cottora, fa gli auguri alla famiglia che la gestisce e gli viene offerto vino, companatico, mais bollito condito con olio e peperoncino, e dolci. Per tutta la notte, fino al mattino, il paese è animato da gente che canta, suona e gira di cottora in cottora. Alle cinque del mattino del 17, spari annunciano la sfilata delle conche "rescagnate": si tratta di conche in rame, una volta usate per attingere l'acqua alla fonte, che addobbate con luci, piccole statue e scene di vita contadina, vengono portate in sfilata da giovani del paese vestiti nei tradizionali costumi popolari di festa. Alle sette incomincia la santa messa e viene distribuito il mais benedetto bollito delle cottore per distribuirlo agli animali domestici. La festa si conclude il pomeriggio con i classici giochi popolari.

Sempre in Abruzzo, è da ricordare la rievocazione de Lu Sant'Andonie che si svolge ogni anno a Villa San Giovanni di Rosciano , nel campagne del pescarese, a cura della locale Associazione culturale La Panarda. Nel pomeriggio del sabato precedente al 17 gennaio sul sagrato della chiesa parrocchiale si ripropone la sacra paraliturgia per la benedizione degli animali e dei prodotti della terra, mentre in serata, nella piazza principale del paese, attorno a un grande fuoco si esibiscono gruppi di teatranti popolari rievocanti le scene de "Le tentazioni di Sant'Antonio", con canti e poesie dialettali sul Santo e sulle tradizioni contadine del periodo invernale. Al termine, porchetta, salsicce e vino per tutti gli intervenuti.

Ancora in Abruzzo, a Lettomanoppello si rievoca ogni anno lu Sant'Andonije che è una rappresentazione sacra della vita del santo composta e musicata da un poeta dialettale lettese (di Lettomanoppello), il Prof. Gustavo De Rentiis, scomparso nel 1994. Si tratta di una vera e propria storia sacra (a differenza delle altre rappresentazioni abruzzesi a volte goliardiche) che vede la partecipazione degli eremiti, di Sant'Antonio Abate, di due angeli e di due demoni che dopo alcune tentazioni agli anacoreti vengono cacciati all'inferno, grazie alla preghiera. a Scanno (Aq), il 17 gennaio viene festeggiato Sant'Antonio Abate con l'appellativo di Barone, dopo la Santa Messa solenne celebrata nella chiesa dedicata al Santo, viene benedetta una tipica minestra locale "Le sagne con la ricotta", una pietanza distribuita anticamente ai poveri del paese. Essa è formata da una pasta a forma di striscioline condita con ricotta, lardo ecc. Anticamente, subito dopo la festa di Sant'Antonio Abate, venivano dichiarati aperti i festeggiamenti per il Carnevale. A Offida (AP) la festività di Sant'Antoniə del il 17 gennaio sancisce l'inizio del periodo carnascialesco. Intonando Sant'Antoniə, Sant'Antoniə, lu n'mich' d' lu d'mòniə (Sant'Antonio, Sant'Antonio, il nemico del demonio) alcuni gruppi folkloristici si riuniscono, girando per il paese e omaggiando il santo tanto caro alla tradizione rurale ascolana.

La festa di Sant'Antonio Abate è molto sentita a Colli a Volturno (provincia di Isernia), dove il 16 gennaio le case del paese vengono visitate da gruppi di tredici questuanti che, percorrendo le strade del paese e delle frazioni, sotto le sembianze di monaci, intonano un antico canto in onore del Santo eremita. I figuranti interpretano la persona del Sant'Antonio, in groppa a un asino, e di altri dodici monaci rievocando la "cerchia" ossia la questua di porta in porta dalla quale tradizionalmente gli appartenenti ai movimenti pauperistico-religiosi traevano sostentamento. Alle capacità d'interpretazione dei tredici attori, i quali accompagnano con il suono di semplici strumenti la recita, è affidato gran parte del risultato scenico della rappresentazione, così come la possibilità di trasformarla in una "drammatizzazione buffa". Finita la lunga questua, i diversi gruppi raggiungono il falò, dove i festeggiamenti si protraggono fino a tarda notte.

A Tufara , un paesino al confine tra Molise e Puglia, la notte tra il 16 e 17 gennaio vengono accesi dei grandi falò dedicati al santo e vengono chiamati i Fuochi di sant' Andone . È una festa molto sentita all'interno del paese.

Di grande importanza la festa di Sant'Antonio abate che si svolge la domenica più vicina al 17 gennaio a Monterotondo ea Mentana , due paesi alle porte di Roma. La festa è organizzata dalla Pia Unione. Ogni anno una famiglia monterotondese e una mentanese ospitano le statue del Santo nella propria abitazione e la terranno aperta alle visite dei devoti. La domenica in cui si festeggia Sant'Antonio la statua viene prelevata dalla casa in cui si è trovata per l'intero anno e viene portata per tutte le chiese del paese. Tale rito si svolge a cavallo: aprono la cavalcata tre cavalli con in sella al centro chi ospiterà da quel giorno per un anno intero la statua del Santo, a destra ea sinistra chi lo ha ospitato l'anno precedente e chi lo ospiterà l'anno successivo; seguono una schiera di cavalli tutti bardati con fiori e altri addobbi, infine la carrozza, con sopra la banda del paese che suona delle musiche specifiche per l'occasione. Quando il Santo arriva a una chiesa il parroco di questa esce sul vestibolo e dà la benedizione agli animali. La sera si svolge la Torciata, dove, in processione, si accompagna il Santo dalla Cattedrale del paese alla nuova abitazione che lo ospiterà. Aprono la processione i torciari (coloro che portano le torce) che canteranno e balleranno durante tutto il percorso e la chiude il Santo con la banda. Durante questa giornata gli abitanti usano portare un gilet nero, una camicia bianca e un cappello da carrettiere double face : nero durante la mattina, quando la festa è prettamente religiosa, e rosso la sera, quando festa diventa più mondana; il cappello ritorna nero quando il Santo entra nella nuova casa. La torciata è conclusa dai fuochi d'artificio con la visita al Santo nella nuova abitazione.

Un'altra notevole manifestazione è la " Festa dei Ceri " dove Sant'Antonio viene trasportato a spalla insieme ad altri due santi (Sant'Ubaldo, Patrono della città e San Giorgio) fino alla cima del monte. La festa si tiene a Gubbio (PG) il 15 maggio.

A Varese , nel rione della Motta, la festa in onore del Santo si svolge tra il 16 e il 17 gennaio. La sera del 16 di gennaio, nella piazza antistante il sagrato della Chiesa della Motta, dedicata appunto al Santo, si tiene il tradizionale " falò di sant'Antonio " a cura dell'associazione dell'associazione dei " Monelli della Motta "; il mattino del 17 all'interno della medesima chiesa si tiene la benedizione degli animali e, da qualche anno, sul sagrato, il lancio dei palloncini da parte dei bambini delle scuole elementari della città.

A Napoli, sant'Antuono viene festeggiato durante la benedizione degli animali con un falò acceso al di fuori della sua antica chiesa.

A Lonato del Garda (BS), pur non essendo sant'Antonio abate il patrono della città, è festeggiato con una Fiera secolare che è l'appuntamento più importante dell'anno e che ha il momento più significativo nella benedizione degli animali sul sagrato della chiesa dedicata al Santo. In suo onore viene anche disputato il Palio delle numerose contrade del Comune. Il dolce tipico della festa è la ciambella ( chisöl ) che, secondo la tradizione, come condimento contiene strutto di maiale.

A Troina (EN) sant'Antonio abate viene festeggiato con due feste durante l'anno, la festa liturgica che si svolge il 17 gennaio con i "Pagghiara", enormi falò che vengono eretti in tutti i quartieri del paese e dove si allestiscono tavolate con molte leccornie tipiche del paese che vengono offerte alle persone che visitano i falò. La seconda festa, con solenne processione del fercolo e della Reliquia di sant'Antonio abate, si svolge nella seconda settimana di luglio con la partecipazione di molte Confraternite di sant'Antonio abate di altri paesi limitrofi.

A San Marco in Lamis (Foggia), presso la parrocchia a lui intitolata, dopo la celebrazione vespertina sul sagrato della Chiesa vi è la benedizione degli animali domestici. Secondo antica tradizione la festa di sant'Antonio abate segna l'inizio del Carnevale. Da qui un detto: "a sant'Antonio maschere e suoni".

A Filattiera (MS) nella sera del 16 gennaio si celebra la festa di S. Antonio Abate. Come oramai da tradizione alle ore 18,00 dopo la funzione religiosa e la processione del Santo con il tocco della prima campana si procede con l'accensione dei fuochi disposti nelle località comunali della "Porta" e in località "Volpino". Nel centro storico, alla "Porta", accanto al castello malaspianiano all'ingresso del borgo, i filattieresi si riuniscono per festeggiare goliardicamente il santo, tutti intorno al fuoco a cuocere salsicce e costine con canti e balli in compagnia di buon vino. Secondo una leggenda la notte del 16 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio. Tutt'oggi i contadini prendono un tizzone ardente e lo pongono nelle stalle a protezione del bestiame.

Sant'Antoni 'e su fogu

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sant'Antoni 'e su fogu .

In varie località della Sardegna si svolge la festa di Sant'Antoni 'e su fogu con l'allestimento di varie tipologie di falò da bruciare in onore del santo.

In alcuni centri (come Mamoiada e Ottana , nei dintorni di Nuoro ) la festa è l'occasione nel quale si inaugura il carnevale, con la prima uscita delle maschere tradizionali.

Chiese dedicate a sant'Antonio Abate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Sant'Antonio Abate .

Ospedali dedicati a sant'Antonio Abate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ospedale di Sant'Antonio abate .

Note

  1. ^ Questo attributo si può ricollegare all'usanza dei monaci di Sant'Antonio di allevare maiali tenuti in libertà, riconoscibili per un campanello attaccato al collo o ad un orecchio.
  2. ^ Due leggende stanno alla base dell'iconografia: la prima, che il maiale era in realtà un demone che aveva tentato il Santo e che fu da questi sconfitto e costretto a seguirlo sempre docilmente nelle sembianze di un maiale; la seconda vuole che un volta il Santo avesse curato e guarito un maiale e questi, da allora, l'avrebbe sempre fedelmente seguito. Vedi: Alfredo Cattabiani, Calendario , ed. Rusconi, 1991, p. 130. ISBN 88-18-70080-4 . Pare comunque che gli antoniani allevassero i maiali per contribuire al sostentamento degli ospedali da loro gestiti. (vedi Cattabiani, op. cit. , p.131).
  3. ^ Questo attributo richiama alla mente la regola scritta dal santo per i monaci.
  4. ^ Il Comune di Teora è noto per la mitica maschera de "Lì Squacqualacchiun" rappresentata in occasione della sagra de "La Tomacella" di maiale e tarallucci scaldatelli detti: Tarall' senz'ov'

Riferimenti

  1. ^ Mt Mt 19,21 , su laparola.net .
  2. ^ Melchiorre Trigilia, Ilarione: Il Santo vissuto a Cava d'Ispica , Trigilia Cultura 1982, p.11
  3. ^ André Chastel, Luigi d'Aragona. Un cardinale del Rinascimento in viaggio per l'Europa , Laterza.
  4. ^ A. Foscati, "I tre corpi del santo. Le leggende di traslazione delle spoglie di sant'Antonio Abate in Occidente", in Hagiographica , XX (2013), pp. 143-181.
  5. ^ MC Carratù, Recensione del libro "Dall'eremo alla stalla. Storia di sant'Antonio Abate e del suo culto" di Laura Fenelli (Laterza, 2011) , in La Repubblica , 28 giugno 2011. URL consultato il 4 febbraio 2016 .
  6. ^ Pierluigi Palladini, La notte di Sant'Antonio. Da Coma in Egitto a Collelongo. I misteri e il fascino del santo della gente , su marsicaweb.it , Marsica Web. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  7. ^ Sandro Valletta, Festa di Sant'Antonio abate , su terremarsicane.it , Terre Marsicane, 13 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato dall' url originale il 14 gennaio 2018) .
  8. ^ Festa di Sant'Antonio Abate con le cottore, i cicirocchi e le ragazze rescagnate [ collegamento interrotto ] , su sbsae-aq.beniculturali.it , MiBACT. URL consultato il 15 gennaio 2018 .
  9. ^ Le feste di Sant'Antonio, tra falò e benedizione degli animali , su touringclub.it . URL consultato il 2 luglio 2021 .
  10. ^ Tortelli e chisol in onore di sant'Antonio-abate , su milanofree.it . URL consultato il 2 luglio 2021 .
  11. ^ Sant'Antonio da Padova: Storia e Ostensione del Santo , su apadova.info . URL consultato il 17 gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2012) .
  12. ^ Enrico Schiavone, Montemurro perla dell'Alta Val d'Agri , Comune di Montemurro, 1990.
  13. ^ 17 Gennaio: Giornata Mondiale del Pizzaiolo , su napoli.fanpage.it .
  14. ^ Arte del Pizzaiuolo Patrimonio UNESCO , su unesco.it .
  15. ^ Associazione Sant'Antuono & le Battuglie di Pastellessa - I Bottari di Macerata Campania (Caserta)

Bibliografia

  • S. Athanasius. Vita di Antonio . introduzione di Christine Mohrmann, testo critico e commento a cura di GJM Bartelink, traduzione di Pietro Citati e Salvatore Lillao. Milano, Fondazione Lorenzo Valla/Arnoldo Mondadori editore, 1998. ISBN 88-04-11183-6
  • Antonio il Grande. Secondo il vangelo. Le venti lettere di Antonio . Matta el Meskin (a cura di), Comunità di Bose, 1999. ISBN 88-8227-046-7
  • Athanasius, Vita Antonii . Ed. GJM Bartelink. Paris 2000. Sources Chrétiennes 400.
  • Butera Vittoria, La fuga nel deserto , Gezabele editore, Falerna , 2003, pp. 120, ISBN 88-900919-8-3 .
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano , Editrice La Scuola, Brescia 2003, 32, 70nota, 89, 110, 232, 234-236, 261, 272, 300, 301, 308, 369nota, 414, 416, 437, 449.
  • Ferrara Orazio. L'ordine cavalleresco medievale del “Fuoco Sacro” (Cavalieri e ospitalieri nel nome di Sant'Antonio Abate) – in Santini et Similia, Anno X, nº 39, 2005.
  • Traduzione di Evagrio: PHE Bertrand, Die Evagriusübersetzung der Vita Antonii: Rezeption - Überlieferung - Edition. Unter besonderer Berücksichtigung der Vitas Patrum-Tradition . Utrecht 2005 [dissertation] [testo critico e commento: http://igitur-archive.library.uu.nl/dissertations/2006-0221-200251/index.htm ]
  • L. Fenelli, Dall'eremo alla stalla. Storia di sant'Antonio abate e del suo culto , Roma-Bari 2001. ISBN 978-88-420-9705-1

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 107024917 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0930 3858 · SBN IT\ICCU\CFIV\054278 · LCCN ( EN ) n50030399 · GND ( DE ) 118649728 · BNF ( FR ) cb118889671 (data) · BNE ( ES ) XX1725807 (data) · ULAN ( EN ) 500344750 · NLA ( EN ) 36507903 · BAV ( EN ) 495/17621 · CERL cnp01230668 · NDL ( EN , JA ) 00620271 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50030399