Arma dels mosquetons

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Carabinieri". Si busqueu altres significats, vegeu Carabinieri (desambiguació) .
Arma dels mosquetons
Escut dels Carabinieri.svg
Escut dels mosquetons
(adoptat des del 2002)
Descripció general
Activa 13 de juliol de 1814 - avui
(fins al 17 de juny de 1946 elRoyal Carabinieri Corps )
País Itàlia Itàlia
Prèviament:
Regne de Sardenya Regne de Sardenya
Itàlia Regne d'Itàlia
Servei Gendarmeria ,
Força armada
Paio Força armada i policia militar amb competència general i en servei de seguretat pública permanent,
Tasques Policia militar ,
Policia judicial ,
Departament d'Investigacions Científiques ,
Policia Ambiental ,
Policia Forestal ,
Protecció civil ,
Ordre públic
Policia
Seguretat pública
Policia de Fronteres
Policia administrativa
Gendarmeria
Dimensió 109 576 unitats (any 2019) [1]
Comandament general Hazon Barracks
Viale Romania, 45, Roma
Sobrenom La Benemèrita
Patró Verge Fidelis
Lema Per sempre fidel
Colors blau / negre i vermell
Engranatge Els fidels
Batalles / guerres Guerres d’independència italiana
Guerra italo-turca
Primera Guerra Mundial
Reconquesta de Líbia
Guerra d’Etiòpia
Segona Guerra Mundial
Guerra d’alliberament italià
Operació Babilònia Antiga
Aniversaris 5 de juny
Lloc web www.carabinieri.it
Part de
Departaments dependents
Comandants
Comandant general General del cos de l'exèrcit
Teo Luzi
Subcomandant general General del cos de l'exèrcit
Enzo Bernardini
Cap de personal General de divisió
Mario Cinque
Símbols
Fris distintiu dels mosquetons Flama dels mosquetons. Svg
Rètol institucional, present fora de la caserna Carabinieri Institutional Teaches (Graphics) .png
Forces especials
Fonts citades al text principal
Veus sobre gendarmeria a Viquipèdia

L' Arma dei Carabinieri (primer el Royal Carabinieri Corps i després el Royal Carabinieri Arma ) [5] és una de les forces policials italianes , amb competència general i servei de seguretat pública permanent, alhora que forma part de les forces armades italianes , des del 2000 amb el rang de força armada . [6] Al capdamunt de la institució hi ha un comandant general amb el rang de general del cos de l'exèrcit .

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història dels mosquetons i Cronologia dels mosquetons .

La creació

Durant la Restauració , Vittorio Emanuele I de Savoia , tornant a Torí , després d'un període passat a un important exili a Càller des que el territori continental del Regne de Sardenya havia estat ocupat per les tropes de Napoleó Bonaparte , a principis del segle XIX va emetre la llei Reale del 13 de juliol de 1814 (" Regie Patenti ") [7] amb la qual es va establir el Cos dels Carabiners Reials, una unitat militar amb funcions policials [8] .

Des del punt de vista militar, es tractava d’un cos d’ infanteria lleuger (amb un component de cavalleria ) i, per tant, més elitista que un cos d’ infanteria de línia ; de fet, el primer personal allistat va ser seleccionat en l'excel·lència dels departaments piemontesos, per tant es considerava un cos d'elit . El seu primer general va ser Giuseppe Thaon di Revel , cridat a ocupar el màxim càrrec del cos el 13 d'agost de 1814. El 25 de juny de 1833 per decret del rei Carles Albert de Savoia es van adoptar els colors de la ploma (escarlata i blava) [ 9] .

La unificació d'Itàlia i el naixement de l'arma

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Policia al Risorgimento .

Durant el Risorgimento es van comprometre en diversos fronts [10] i després de la finalització de la unificació d'Itàlia, els carrabiners reials es van convertir en "Arma" del Reial Exèrcit amb el reial decret del 24 de gener de 1861 [11] , com altres armes com la infanteria , l' artilleria , cavalleria , continuant sent reconeguda com a primera (com va ser a l' exèrcit sard ) també a l' exèrcit reial d'Itàlia unida. [12]

Ocupació en conflictes i resistències italianes

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Carabinieri a Etiòpia , Carabinieri a la resistència i a la guerra d'alliberament italiana i Salvo D'Acquisto .

Les principals batalles en què va intervenir el cos abans de les guerres mundials són:

Càrrec dels mosquetons a Pastrengo

A la Primera Guerra Mundial es van distingir a la batalla de Podgora , el 19 de juliol de 1915 , i per la seva contribució a la Primera Guerra Mundial, la Bandera de l’Arma va rebre la primera medalla d’or al valor militar . Van participar en diverses etapes del colonialisme italià i la guerra a Etiòpia va participar a la Segona Batalla Ogaden the zaptieh (policia d' Ascari ), a partir de la primavera de 1936 .

A la Segona Guerra Mundial, els carrabiners es van distingir en les següents batalles:

Després de l' armistici de Cassibile, diverses unitats es van unir a la resistència italiana i van participar en la guerra d'alliberament ; especialment coneguda és la figura del brigadier adjunt Salvo D'Acquisto , que va morir a Torre di Palidoro , prop de Roma , durant la Segona Guerra Mundial , precisament el 23 de setembre de 1943, assassinat pels alemanys en represàlia després d'haver-se acusat de salvar 22 interns corredors de la mort., tot i que innocents, per un presumpte atac que va tenir lloc en aquella localitat en què havien mort dos soldats alemanys. Al voltant de 2.700 carrabiners van ser deportats de diverses maneres per haver-se negat a sotmetre's a les disposicions de les forces militars nazi-feixistes, especialment després del 8 de setembre de 1943 . Deu mosquetons també figuren entre les víctimes de la massacre del Fosse Ardeatine .

La Segona Guerra Mundial i el Piano Solo

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Giovanni De Lorenzo i Piano Solo .

El 1962 el general Giovanni De Lorenzo va ser investit amb el càrrec de comandant general de l'Arma , succeint al general Renato De Francesco; el nou comandant hauria estat, per bé o per mal, un dels més coneguts de tots els líders d’aquesta institució i hauria marcat amb la seva empremta un període de la història de l’arma i de l’italià per al suposat intent de cop d’ estat anomenat Piano Solo , amb el qual, segons les suposades intencions dels dirigents colpistes , l'Arma dei Carabinieri hauria d'haver establert un règim militar a Itàlia el 1964 (amb la detenció i deportació al polígon militar de Capo Marrargiu , a Sardenya , de 731 persones considerades "perillós per a l'ordre públic"). [13] També són anys en què, en línia amb altres sectors de l’Estat, s’està produint una renovació tecnològica. Per exemple, hi ha el naixement del modern centre d’operacions, que rep trucades telefòniques de ciutadans i les envia a patrulles de la zona. Gràcies a equips de ràdio més moderns, desenvolupats per empreses italianes com Prod-El , Ducati, Ote i altres, de fet és possible contactar amb les patrulles desplegades al territori.

Els anys de lideratge i els departaments especials

Per a la repressió del terrorisme polític, l’organisme va renovar la seva estructura organitzativa: el 1974 va néixer el nucli especial antiterrorista i el 1978 el Grup d’Intervenció Especial (SIG), el primer departament de forces especials italianes . El 1990, per a una lluita més adequada contra el crim organitzat, es va crear l’ Agrupació Operativa Especial (ROS), que va contribuir a la captura de diversos caps de la màfia.

L’elevació al rang de força armada autònoma el 2000

Fins a l'any 2000 l'Arma dei Carabinieri va ser una part integral de l' exèrcit italià amb el rang d' Arma (definit com la "primera arma de l'exèrcit"); a través de l’art. 1 de la llei delegada núm. 78 [14] els mosquetons van ser elevats a una "posició autònoma dins del Ministeri de Defensa , amb rang de força armada i força de policia militar de competència general", amb la publicació del Decret legislatiu 5 d'octubre de 2000, núm. 297. Això els va permetre participar en missions militars italianes a l'estranger, ja no exclusivament amb funcions de policia militar (article 5).

Així, el 2001 es va formar la 2a Brigada de Carrabiners Mòbils , una unitat militar de l'Arma amb "propensió a l'ocupació estrangera" i el 2004 la unitat d'elit del Grup d'Intervenció Especial va passar a formar part de les forces especials italianes .

Això va fer que el Cos tingués com a comandant general un oficial general de les seves pròpies files. El primer comandant general, procedent de les seves pròpies files, va ser el 2004 el general del cos de l'exèrcit Luciano Gottardo . Anteriorment, el comandant general de l'arma era escollit pels oficials generals que posseïen característiques particulars de l'exèrcit.

Malgrat el nou rang, segons els principis establerts per la llei el 18 de febrer de 1997, n. 25 sobre els líders militars, encara vigents, un oficial general dels mosquetons no té permís per ocupar el lloc de cap de gabinet de defensa que només pot assumir un oficial general de l'exèrcit, la marina o la força aèria. [15]

Absorció del cos forestal estatal

L'octubre de 2016 , amb l'absorció del Cos Forestal Estatal , que va tenir lloc oficialment l'1 de gener de 2017 (es va excloure el Cos Forestal Regional de les 5 Regions amb estatus especial) , va néixer el Comandament de la Unitat de Protecció Forestal, Mediambiental i Agroalimentària del Ministeri de Polítiques Agràries i Forestals . [16]

Organització

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Llista de departaments dels mosquetons , organigrama dels mosquetons i organització territorial dels mosquetons .

L’arma es divideix en departaments centrals, d’entrenament, territorials , mòbils i especials, forestals, mediambientals i agroalimentaris , per a necessitats específiques. [17]

Organització central

  • Comandant general , càrrec de tres anys ocupat per un general del cos de l'exèrcit
  • Comandant general adjunt, càrrec anual que ocupa el general del cos de l'exèrcit (el més antic), gestiona l'Oficina Històrica i el Museu Històric
  • El cap de gabinet, que ocupa un general d'un cos o divisió de l'exèrcit, està recolzat per: I Departament d'organització de forces, II Ús de forces, III Telemàtica, IV Suport logístic de forces, V Relacions externes i comunicació, VI Planificació , programació, pressupost i control; Departament autònom; Departament de Salut; Gestió de l'administració
  • Subdirector de gabinet, càrrec ocupat per un general de divisió; treballa al Centre Nacional de Selecció i Reclutament (CNSR) i al Centre Administratiu Nacional (CNA)

Organització de la formació

Encapçalats pel Comandament de les Escoles de l'Arma, depenen de:

Organització territorial

A més, els següents operen en dependència dels respectius comandants adjunts de la Legió:

El 2016 es van establir els primers índexs d’intervenció[18] , anomenats API, emmarcats als nuclis radiomòbils de les grans ciutats, per tractar qualsevol episodi de terrorisme amb un modus operandi similar al dels atacs de París del 13 de novembre de 2015 . Les "API", de manera similar als equips de suport operatiu , tenen la tasca de prevenir o contenir actes de terrorisme a l'espera de la intervenció del grup d'intervenció especial o de departaments especials d'altres forces policials.

Organització mòbil i especial

La comanda d'unitat mòbil i especialitzada "Palidoro" es troba a la part superior d'aquesta organització de la qual depenen:

Esquadró del 13è Regiment "Friuli Venècia Júlia"
  • Divisió d'unitats mòbils , al seu torn dividida en:
    • 1a Brigada Mòbil (Roma) sota la qual se situen 7 regiments (Torí, Milà, Bolonya, Roma, Nàpols, Bari, Palerm), 5 batallons (Gènova, Florència, Venècia-Mestre, Vibo Valentia, Càller), el 4t Regiment a Cavallo (Roma); des del 2000, s’han establert empreses d’intervenció operativa a la seu del regiment i del batalló per tal de disposar de contingents de reforç adequats que permetin als comandaments territorials implementar serveis de control extraordinaris del territori, per tal de resoldre els emergents aspectes crítics de l’ordre de la situació i la seguretat ciutadana. zones específiques del territori nacional, identificades de tant en tant. Les empreses d’intervenció operativa, durant el període d’operacions i per a la tasca assignada, se situen sota l’autoritat del comandant de la legió de carrabiners competent en les àrees d’intervenció.
    • 2a Brigada Mòbil (Livorno) que supervisa el 7è Regiment Trentino-Alto Adige (Laives), el 13è Regiment de Friül-Venècia Júlia (Gorizia), el 1r Regiment de Paracaigudistes Tuscania (Livorno), el Grup d'Intervenció Especial (SIG).
  • Divisió d'Unitats Especialitzades en què els comandaments depenen: Protecció de el patrimoni cultural (la protecció de el patrimoni nacional arqueològic, artístic i històric), Banc d'Itàlia (supervisió de les oficines centrals i perifèrics de l'institut), anti -counterfeiting (repressió de la falsa nummario ), Protecció de la salut (prevenció i lluita contra delictes en el camp de la salut, la higiene i la sofisticació alimentària), Protecció laboral (protecció del treball en totes les seves formes, reprimint els abusos i combatent irregularitats) Agrupació d’ avions (avions i helicòpters); Grup d’Investigacions Científiques (amb els departaments d’investigació científica, RIS , de Parma, Roma, Càller, Messina).
  • Agrupació Operativa Especial - ROS (seccions de Roma i anti-criminalitat en algunes ciutats del territori nacional)
  • Comandament del Ministeri d'Afers Exteriors (supervisió al Ministeri homònim de la capital i a les representacions diplomàtiques italianes a l'estranger)
  • Centre d'Excel·lència per a Unitats de Policia d'Estabilitat - CoESPU ( Vicenza ).

El 2016 es van crear els equips de suport operatiu - SOS[18] , emmarcats en els regiments pertanyents a la Divisió d’Unitats Mòbils de Carabinieri , per tractar qualsevol episodi de terrorisme amb un modus operandi similar al dels atacs de París del 13 de novembre de 2015 . El SOS, de manera similar a les taxes de primera intervenció, té la tasca de prevenir o contenir actes terroristes pendents de la intervenció del grup d’intervenció especial o dels departaments de forces especials d’altres forces policials.

Organització forestal, ambiental i agroalimentària

Establert l’1 de gener de 2017, al capdamunt hi ha el Comandament d’Unitats Forestals, Ambientals i Agroalimentàries del qual depenen: [19]

  • Ordre de protecció forestal, format per:
    • 14 comandaments forestals de la regió CC (Torí, Milà, Pàdua, Gènova, Bolonya, Florència, Perusa, Ancona, Roma, L'Aquila, Nàpols, Bari, Potenza, Reggio de Calàbria);
    • 83 grups forestals CC;
    • 960 estacions CC forestals;
  • Ordre de protecció de la biodiversitat i dels parcs , dividit en:
    • Agrupació de biodiversitat CC amb 28 departaments CC Biodiversitat, 3 centres nacionals de biodiversitat;
    • Agrupació CC Parks, amb 20 departaments Park CC, 3 destacaments Park CC, 148 estacions CC;
    • Agrupació CC CITES [20] dividida en 35 unitats CC CITES de les quals depenen 11 destacaments CC CITES;
  • Ordre de protecció del medi ambient , amb:
    • 12 departaments de protecció del medi ambient,
    • 31 nuclis operatius ecològics;
  • Ordre de protecció agroalimentària , amb:
    • 1 Departament de coordinació operativa
    • 5 unitats antifrau comunitàries.

Departaments i unitats per a necessitats específiques

  • Regiment de cuirassers
  • Departament de la Presidència de la República
  • Ordres a: Senat de la República, Cambra de Diputats, Tribunal Constitucional, Consell Nacional d'Economia i Treball, Tribunal de Comptes
  • Banda musical

També són operatius els comandaments que realitzen tasques de policia militar i de seguretat a favor de:

Tasques institucionals

De conformitat amb el Decret legislatiu 5 d'octubre de 2000, n. 297, [21] l'arma té una doble naturalesa: força armada [22] i força policial. Per a les dues funcions, relata, respectivament, al cap de defensa [23] i al ministeri de l'Interior . [24] Per tant, és un cos de policia militar ( gendarmeria ) amb competència general i servei de seguretat pública permanent, dependent del comandant general i del cap de gabinet de defensa . Per la seva peculiar connotació com a força policial amb ordre militar i competència general, se li han confiat nombroses tasques. [25] Els deures i responsabilitats, així com el decret legislatiu de reorganització, estan afirmats pel codi del sistema militar : [26]

  • tasques militars: contribueix a la defensa integrada del territori nacional. La competència la defineixen, d'acord amb el comandant general de l'arma, els caps de gabinet de la força armada, responsables de la preparació i ús dels respectius dispositius de defensa; [27] participa en operacions militars a Itàlia i a l'estranger sobre la base de la planificació de l'ús de les forces armades establerta pel cap de defensa ;
    • seguretat militar: exercici exclusiu de les funcions de cos de seguretat per a l' exèrcit , l' armada i la força aèria , d'acord amb el codi penal militar de guerra i pau ;
    • policia judicial militar: seguretat de les representacions diplomàtiques i consulars italianes a l'estranger, inclosa la de les oficines dels agregats militars; assistència a comandaments i unitats militars dedicades a activitats institucionals al territori nacional, participació en el servei de mobilització; titulacions de seguretat: "Els mosqueters proporcionen l'autoritat identificada pel president del Consell de Ministres en l'exercici de les funcions a què es refereix l'article 1 de la Llei núm. 801, del 24 d'octubre de 1977, informació necessària per a l'expedició de la seguretat de les qualificacions als membres de les Forces Armades, el personal de l'administració de la defensa civil, així com les persones físiques i jurídiques per realitzar activitats productives relacionades amb la seguretat militar de l'Estat ". [28]
    • deures de policia militar : exerceix la funció de policia militar, incloses les d’investigació, exclusivament per a l’exèrcit, la marina i la força aèria, tant a Itàlia com en missions militars a l’estranger; l'exercici exclusiu de la policia emprat pels cossos de justícia militar ; operacions de policia militar a l'estranger, sobre la base d'acords i mandats internacionals; concorso alla ricostituzione dei corpi di polizia locali nelle aree di presenza delle forze armate in missioni di supporto alla pace;
Carabinieri di un Battaglione in assetto da ordine pubblico
  • compiti di polizia (artt. 159 e 161 del D. Lgs. n. 66/2010): esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria e di sicurezza pubblica; mantenimento dell'ordine pubblico e della sicurezza; quale struttura operativa nazionale di protezione civile, assicurazione della continuità del servizio di istituto nelle aree colpite dalle pubbliche calamità, concorrendo a prestare soccorso alle popolazioni interessate agli eventi calamitosi.
  • compiti speciali: servizi presso gli uffici giudiziari; servizi presso la Presidenza della Repubblica ; assolvimento delle scorte d'onore.
  • compiti internazionali: peacekeeping : l'Arma è la forza di polizia italiana per la Forza di gendarmeria europea , partecipa alle missioni internazionali con la Multinational Specialized Unit , con reparti o singoli militari inquadrati all'interno di organismi internazionali NATO / ONU .

Contribuisce inoltre ai servizi di polizia stradale sulla viabilità ordinaria oltre che nel servizio di frontiera lungo i confini terrestri.

Missioni all'estero dell'Arma

Missioni più significative nelle quali l'Arma ha impiegato le sue truppe: [29]

Personale

Reclutamento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Carabiniere ausiliario , Centro nazionale di selezione e reclutamento e Scuola allievi carabinieri .

Prima del 2005 il reclutamento del personale per il ruolo di base (appuntati e carabinieri) avveniva tramite concorso pubblico aperto sia al personale civile sia ai militari del Corpo. Era anche possibile l'arruolamento previo superamento di concorso per allievo carabiniere ausiliario , quest'ultimo riservato ai cittadini di sesso maschile chiamati al servizio militare di leva in Italia . [30] Dopo l'emanazione della legge 23 agosto 2004, n. 226 , che ha sospeso l'operatività del servizio militare di leva in Italia a partire dal 2005 il reclutamento avviene con concorso pubblico riservato ai soggetti già appartenenti ai ranghi delle forze armate italiane , o che abbiano comunque prestato un periodo di ferma presso le forze armate italiane , anche se in alcuni casi è previsto l'arruolamento diretto di civili. Per i nati entro il 1985 (incluso), è inoltre necessario essere in regola con gli obblighi di leva (il che presuppone aver svolto il servizio militare obbligatorio ). Il Decreto del Ministero della difesa 22 aprile 1999 n. 188 [31] prevede dei limiti di età particolari per l'arruolamento nell'Arma dei Carabinieri. [32] In applicazione della legge 20 ottobre 1999 n. 380, dall'anno 2000 possono esser arruolate anche le donne, senza alcuna distinzione per gradi e ruoli. L'unica distinzione che viene fatta è nella valutazione delle prove di efficienza fisica, con tabelle meno rigide e punteggi meno esigenti rispetto a quelli maschili. [33] La disciplina è oggi contenuta neld.lgs. 15 marzo 2010, n. 66 che prevede anche delle riserve di posti nei casi tassativamente indicati dalla legge. [34] Dal 1 gennaio 2016, i concorsi per le forze dell'ordine, tra cui l'Arma dei Carabinieri sono stati aperti ai civili, purché siano in possesso dei requisiti richiesti e di condotta incensurabile e rispettino i limiti di età, rimane comunque una riserva di posti per i VFP1 e VFP4.

Le prove concorsuali oggi sono tenute nel Centro nazionale di selezione e reclutamento sito nella caserma "Salvo D'Acquisto" , a Roma . [35] A seconda del ruolo, i vincitori vengono inviati nelle varie strutture dedicate all'addestramento; per quanto riguarda gli ispettori e gli ufficiali il reclutamento avviene attraverso concorsi pubblici aperti sia ai civili sia ai militari, oppure attraverso concorsi interni aperti esclusivamente ai militari in possesso di determinati requisiti. [36]

Limitazioni al matrimonio

Fin dalla sua fondazione ai sottufficiali e carabinieri erano imposte delle limitazioni relative alla possibilità di contrarre matrimonio; ad esempio nell'immediato secondo dopoguerra il decreto legislativo luogotenenziale 29 marzo 1946, n. 155 limitava i sottufficiali a contrarre matrimonio solo dopo aver ultimato 9 anni di servizio ed aver compiuto il ventottesimo anno di età. Per appuntati e carabinieri vi erano limitazioni più strette e la condizione comune era quella di aver ultimato la terza rafferma triennale. La legge 6 aprile 1956, n. 185 prevedeva per i marescialli la possibilità di contrarre matrimonio senza limite di età; per brigadieri, vice brigadieri, appuntati e carabinieri, al compimento dei trent'anni di età. La legge 1º febbraio 1989, n. 53 disponeva che i carabinieri ed i brigadieri potessero contrarre matrimonio dopo aver compiuto quattro anni di servizio, avendo compiuto il venticinquesimo anno di età. [37] Le citate disposizioni sono state poi abolite nel marzo 2010 con l'emanazione del codice dell'ordinamento militare .

Ruoli e gradi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gradi e qualifiche dell'Arma dei Carabinieri e Distintivi di grado italiani .

I ruoli sono 4 mentre i gradi sono 21:

  • ruolo Ufficiali : con i gradi di sottotenente, tenente, capitano (ufficiali inferiori); maggiore, tenente colonnello, colonnello (ufficiali superiori); generale di brigata, generale di divisione, generale di corpo d'armata (ufficiali generali). Ai gradi può essere aggiunta una stella bordata di rosso durante la reggenza di un incarico superiore a quello previsto per il militare reggente.
Maresciallo in uniforme ordinaria di servizio
  • ruolo Ispettori [38] : con i gradi di maresciallo, maresciallo ordinario, maresciallo capo, maresciallo maggiore, luogotenente. Al luogotenente può essere attribuita, per anzianità di grado, la qualifica di carica speciale.
  • ruolo Sovrintendenti [38] : con i gradi di vicebrigadiere, brigadiere, brigadiere capo. Al brigadiere capo può essere attribuita, per anzianità di grado, la qualifica speciale.
  • ruolo Appuntati e carabinieri [39] : con i gradi di carabiniere semplice , carabiniere scelto , appuntato e appuntato scelto . All'appuntato scelto può essere attribuita, per anzianità di grado, la qualifica speciale.

Nel 2011 l'Arma contava una forza organica di 114.778 unità così ripartite: [40] 3.797 ufficiali ; 29.531 ispettori ; 20 000 sovrintendenti ; 61.450 appuntati e carabinieri . A dette unità sono da aggiungere 2.896 unità in forza extra-organica ripartiti nei vari ruoli [41] e 1.042 allievi [42] per un totale di 118.716 carabinieri. Nel 2012 è stato possibile arruolare e sostituire solo il 20% del personale cessato dal servizio per pensionamento. Nel 2013 il comandante generale dell'Arma , Generale Leonardo Gallitelli , ha affermato che, a fronte di circa 118.000 operatori previsti, l'Arma contava soltanto 105.472 unità, con un ammanco di circa 12.000 uomini: 4.000 appuntati e carabinieri, 6.000 brigadieri, 2.000 marescialli e 200 ufficiali. [43] [44] [45] Nel 2015 l'Arma dei Carabinieri contava un totale di 103.659 unità. Dal 1º gennaio 2017 si aggiunge il personale transitato dal discioltoCorpo Forestale dello Stato . [1]

Uniformi

Carabiniere in uniforme ordinaria

L'uniforme ordinaria è di colore nero sia nella versione invernale sia estiva (esse si differenziano solo per la qualità del tessuto): si compone di una giacca a un petto con quattro bottoni argentati sormontati dalla fiamma indossata sopra una camicia bianca con cravatta nera. Gli ufficiali hanno alamari a foglie d'acanto composti da palma, branca e nappo sui baveri (il rimanente personale ha gli alamari tradizionali dell'Arma in metallo fissati con clip o in filo d'argento). Gli ufficiali, i luogotenenti ei marescialli maggiori non portano la banda rossa verticale sul lato dei pantaloni.

Berretto per Appuntati e Carabinieri in uso fino al 1987

Il colore adottato dall'uniforme è variato sul nero solo verso la fine degli anni novanta. Sino a settembre 1987 , il colore dell'uniforme estiva era il cachi (familiarmente noto come "coloniale") e prevedeva la cravatta, anch'essa cachi. La cravatta fu abolita nell'Uniforme Ordinaria Estiva dall'estate 1984 consentendo la camicia aperta al primo bottone. Per un breve periodo, dal 1990 sino al 1998 - 1999 , l'uniforme estiva è stata di colore blu turchino (il modello blu e quello nero hanno convissuto per qualche tempo, nell'attesa che fosse completata l'acquisizione delle uniformi nere che costituiscono la dotazione vigente).

L'uniforme di servizio estiva si compone di una camicia di colore celeste, sulla quale vengono applicati i gradi tubolari e pantaloni neri; anch'essa sino alla fine degli anni ottanta era di color cachi. Tra il 1990 e 1999 , per le ragioni prima ricordate, i calzoni furono blu turchino.

I marescialli , con l'eccezione dei luogotenenti, ei brigadieri capo nei servizi armati indossano il Sam Browne chiamato anche cinturone con spallaccio (ove viene appesa una fondina chiusa in cuoio per la pistola), mentre il restante personale indossa la tradizionale bandoliera e porta la pistola in una specifica fondina da fianco. Gli ufficiali e gli ispettori (non in servizio armato) portano l'arma d'ordinanza sotto la falda della giacca, se invece sono in servizio armato portano anch'essi il Sam Browne.

Sin dalla fondazione del Corpo, i carabinieri portano sul bavero della giubba gli alamari anziché l'ordinaria mostrina di tutti gli altri militari italiani (con l'unica altra eccezione per i Granatieri di Sardegna ): si tratta di una delle differenze che nel tempo questa uniforme ha sempre avuto rispetto alle altre (fra le prime, il colore celeste del colletto e dei paramani, la fodera rossa della giubba, i bottoni in argento bombati).

Berretto con fregio per appuntati e carabinieri

Il copricapo (il berretto) è rigido con fregio dell'Arma (metallico per appuntati , carabinieri e allievi, ricamato in tessuto argentato per i brigadieri , dorato per gli ispettori e gli ufficiali mentre per i generali il fregio è l'aquila dello stato maggiore con monogramma RI al centro, argento per i generali di brigata e di divisione, oro per i generali di corpo d'armata). Gli ufficiali comandanti di reparto portano il fregio ricamato in oro bordato di rosso. Ogni berretto è nero e riporta un soggolo fermato da due bottoni bombati, il soggolo è nero per carabinieri, appuntati, brigadieri e allievi; per i brigadieri capo il soggolo è anch'esso nero ma con l'aggiunta di un galloncino argento screziato di nero. Il soggolo diventa argentato screziato di nero al centro dal grado di maresciallo a quello di maresciallo capo con il numero di galloncini che aumenta con l'aumentare del grado. Per i marescialli maggiori il soggolo è argento bordato di rosso con tre galloncini argento screziati di nero; per il grado apicale dei sottufficiali, ovvero il luogotenente, il soggolo è argento bordato di rosso con quattro galloncini anch'essi argento bordati di rosso. Per gli ufficiali inferiori il soggolo ei galloncini sono interamente in argento senza screziature, per gli ufficiali superiori il soggolo diventa in doppio cordoncino intrecciato sempre argentato con galloncini argentati. Per gli ufficiali generali infine il soggolo diventa una treccia argentata con galloncini argentati. Per i generali con incarichi speciali (vice-comandante e comandante generale dell'Arma, che portano stellette bordate in rosso sulla spalline) i galloncini sono argentati bordati in rosso.

Il fregio dei carabinieri è una granata sormontata da una fiamma con tredici punte, [46] piegata dal vento con monogramma RI, anch'essa un segno di vicinanza con i granatieri (che hanno uguale granata ma con la fiamma ritta).

Allievi marescialli in grande uniforme storica

La grande uniforme speciale (GUS) è costituita dal tradizionale copricapo dell'Arma dei Carabinieri, una marsina (con code) con spalline metalliche con frange, cordelline ed eventuali decorazioni, sciarpa blu e sciabola per gli ufficiali, solo sciabola (o fucile da assalto AR 70/90 ) per il rimanente personale, bandoliera con giberna, pantaloni con bande; pantalone corto con doppia banda e stivali per i reparti ippomontati, camicia bianca con colletto diritto inamidato, guanti in filo bianco, stivaletti neri (con fascette metalliche di sperone per i soli ufficiali) e, se necessario, mantello di panno nero.

Il copricapo della grande uniforme speciale, detto "lucerna", si distingue per il notissimo pennacchio rosso e blu (gli ufficiali indossano invece la feluca detto anche "cento piume" rosso-blu). I militari appartenenti alla Banda musicale dell'Arma dei Carabinieri e alle fanfare dei battaglioni indossano, invece, un pennacchio bianco e rosso.

L'uniforme operativa (o da ordine pubblico) è di colore blu: si compone di basco , giubba e pantaloni, fazzoletto da collo blu con profilatura rossa, guanti in pelle nera, stivaletti anfibi neri operativi. Per i seguenti reparti operativi è previsto un completo mimetico:

  • Cacciatori di Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna, riconoscibili dal basco rosso (mimetica versione policroma vegetata vecchia, anche detta woodland)
  • 1º Reggimento carabinieri paracadutisti "Tuscania" riconoscibili dal basco amaranto identico a quello indossato dai militari della Folgore (mimetica versione policroma vegetata)

Le uniformi femminili si distinguono da quelle maschili per le abbottonature, la foggia delle giacche, la gonna (utilizzata raramente e per lo più nei cd servizi di carattere interno) e per il berretto di particolare foggia.

Armamento

L'armamento in dotazione viene suddiviso in individuale (in dotazione singola, ad ogni militare) e di reparto (in dotazione all'unità ed utilizzato durante i servizi d'istituto).

L'armamento di reparto viene a sua volta diviso in armamento ordinario (in dotazione a tutti i reparti) e armamento speciale (in dotazione solo a quelli specializzati).

L'armamento individuale è composto da: [47]

  • pistola Beretta 92 nelle versioni SB e FS , per il personale dei ruoli appuntati e carabinieri, sovrintendenti ed ispettori;
  • pistola Beretta Cougar 8000 , in dotazione solo al personale del ruolo ufficiali;
  • pistola Beretta Px4 Storm Compact , in sostituzione delle Cougar 8000; [48]

L'armamento ordinario è composto da: [47]

  • pistola mitragliatrice Beretta PM12-S2 , quale arma di reparto nei servizi di istituto - destinata alla dismissione;
  • pistola mitragliatrice Beretta PMX , introdotte dal 1º giugno 2019 e destinate a sostituire le PM12 [49] .
  • fucile a canna liscia Franchi Spas 15 MIL;
  • fucile d'assalto Beretta 70/90 (nelle versioni "AR" e "SCP" per il 1º Reggimento Carabinieri Paracadutisti Tuscania, per il 7º Reggimento " Trentino-Alto Adige" ed il 13º Reggimento "Friuli Venezia Giulia) - destinato alla dismissione.

L'armamento speciale comprende: [47]

  • pistola Glock 17 , in dotazione al GIS ;
  • carabina M4 , in dotazione a Tuscania e GIS;
  • fucile d'assalto Beretta ARX-160A3 , introdotto nel 2018 come sostituto dell'AR 70/90 presso Tuscania, 7º reggimento , Squadroni Eliportati Cacciatori e 13º reggimento , nonché come arma primaria delle neonate API e SOS [50] ;
  • pistola mitragliatrice Heckler & Koch MP5 , in dotazione a GIS, Tuscania e presso gli Squadroni Eliportati Cacciatori ;
  • fucile di precisione per tiratore scelto Mauser sp 66 (in dotazione ai tiratori scelti ed al GIS);
  • fucile di precisione per tiratore sceltoAccuracy International AWP (in dotazione ai tiratori scelti ed al GIS);
  • mitragliatrice d'assalto di squadra Beretta MG 42/59 [51] [52] , in dotazione al Servizio navale , 1º Reggimento Carabinieri Paracadutisti Tuscania, 7º Reggimento "Trentino-Alto Adige" e 13º Reggimento "Friuli Venezia Giulia").
  • mitragliatrice di squadra FN Minimi (in dotazione al 1º Reggimento Carabinieri Paracadutisti Tuscania, 7º Reggimento "Trentino-Alto Adige" e 13º Reggimento "Friuli Venezia Giulia").

L'armamento in sperimentazione comprende:

Automezzi

Land Rover Discovery IV del Reggimento MSU in Kosovo .
Jeep Grand Cherokee con allestimento speciale per ordine pubblico.
  • Motociclette :
  • Veicoli da combattimento :

Con l'accorpamento delCorpo Forestale dello Stato all'Arma dei Carabinieri, avvenuto il 1º gennaio 2017 , il parco auto ha visto aggiungersi anche gli automezzi del disciolto corpo che, in ottica di spending review, hanno mantenuto la stessa tradizionale colorazione verde, pur modificando la dicitura Corpo Forestale dello Stato in Carabinieri . Gli automezzi di nuova immatricolazione avranno invece regolarmente la livrea dei Carabinieri. [70]

Automezzi dismessi

Targhe automobilistiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Targhe automobilistiche italiane § Targhe militari .

Fino al 2000 le targhe utilizzate erano le stesse utilizzate dall' Esercito Italiano , poiché l'Arma era parte integrante dell'Esercito quindi era EI AA 000. Nel 2000 l'Arma ottenne una targa propria a seguito dell'elevazione al rango di forza armata simile a quella utilizzata in precedenza senza "EI" sostituita da "CC" ("Carabinieri") [71] CC AA 000.

Gli automezzi acquisiti dall'accorpamento di buona parte del discioltoCorpo Forestale dello Stato sono stati reimmatricolati con la classica targa con la sigla CC dell'Arma.

Mezzi aerei

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio aereo carabinieri .

Mezzi navali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio navale dell'Arma dei Carabinieri .

Le unità navali in dotazione all'arma erano assegnate ai comandi provinciali ed ai comandi di compagnia e venivano classificate, sulla base delle loro caratteristiche tecniche, in: [72]

Motovedetta Classe 600
Battello in servizio a Venezia

Accanto a queste unità vi sono le motovedette Classe S che operano a supporto dei reparti subacquei .

Comandanti generali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cronotassi dei comandanti e vice comandanti generali dell'Arma dei Carabinieri .

Provenienti dai ruoli dall'Esercito Italiano

  1. Giorgio Des Geneys ,
    Luog. Gen.: Per pochi giorni il primo comandante provvisorio dell'arma;
  2. Giuseppe Thaon di Revel di Sant'Andrea ,
    Gen. d'A.: 3 agosto 1814 - 23 dicembre 1814;
  3. Giorgio Des Geneys ,
    Luog. Gen.: 24 dicembre 1814 - 13 gennaio 1815;
  4. Carlo Lodi di Capriglio ,
    Col.: 14 gennaio 1815 - 15 ottobre 1816;
  5. Giovanni Battista D'Oncieu de La Bàtie ,
    Col.: 1º novembre 1816 - 19 marzo 1819;
  6. Alessandro Saluzzo di Monesiglio ,
    Col.: 23 marzo 1819 - 27 novembre 1820;
  7. Giovanni Maria Cavasanti ,
    Col.: 2 dicembre 1820 - 31 ottobre 1822;
  8. Giovanni Battista D'Oncieu de La Bàtie ,
    Magg. Gen.: 1º novembre 1822 - 11 dicembre 1830;
  9. Giovanni Maria Cavasanti ,
    Magg. Gen.: 12 dicembre 1830 - 11 gennaio 1831;
  10. Luigi Maria Richieri di Montichieri ,
    Col. e Magg. Gen.: 12 gennaio 1831 - 2 luglio 1835;
  11. Michele Taffini d'Acceglio ,
    Magg. Gen.: 16 luglio 1835 - 11 dicembre 1847;
  12. Fabrizio Lazari ,
    Magg. Gen.: 1º gennaio 1848 - 13 ottobre 1848;
  13. Federico Costanzo Lovera di Maria ,
    Magg. Gen.: 14 ottobre 1848 - 1º luglio 1867;
  14. Antonio Massidda ,
    Luog. Gen.: 11 agosto 1867 - 16 luglio 1869;
  15. Luigi Incisa Beccaria di S. Stefano ,
    Luog. Gen.: 17 luglio 1869 - 17 maggio 1877;
  16. Ignazio De Genova di Pattinengo ,
    Luog. Gen.: 18 maggio 1877 - 3 novembre 1877;
  17. Leonardo Roissard de Bellet ,
    Magg. Gen. e Ten. Gen.: 5 ottobre 1878 - 16 aprile 1891;
  18. Luigi Taffini D'Acceglio ,
    Ten. Gen.: 17 aprile 1891 - 15 settembre 1896;
  19. Francesco Carenzi ,
    Ten. Gen.: 16 settembre 1896 - 22 giugno 1897;
  20. Bruto Bruti ,
    Ten. Gen.: 16 luglio 1897 - 15 febbraio 1900;
  21. Felice Sismondo ,
    Ten. Gen.: 16 febbraio 1900 - 15 aprile 1904;
  22. Federigo Pizzuti ,
    Ten. Gen.: 16 aprile 1904 - 24 luglio 1905;
  23. Giuseppe Bellati ,
    Ten. Gen.: 5 agosto 1905 - 15 febbraio 1908;
  24. Paolo Spingardi ,
    Ten. Gen.: 16 febbraio 1908 - 30 aprile 1909;
  25. Giuseppe Del Rosso ,
    Ten. Gen.: 1º agosto 1909 - 13 settembre 1914;
  26. Gaetano Zoppi ,
    Ten. Gen.: 14 settembre 1914 - 3 gennaio 1918;
  27. Luigi Cauvin ,
    Ten. Gen.: 4 gennaio 1918 - 24 agosto 1919;
  28. Carlo Petitti di Roreto ,
    Ten. Gen.: 25 agosto 1919 - 29 ottobre 1921;
  29. Giacomo Ponzio ,
    Gen. CA: 23 novembre 1921 - 4 gennaio 1925;
  1. Enrico Asinari di San Marzano ,
    Gen. CA: 5 gennaio 1925 - 27 novembre 1935;
  2. Riccardo Moizo ,
    Gen. CA: 30 novembre 1935 - 24 agosto 1940;
  3. Remo Gambelli ,
    Gen. CA: 27 agosto 1940 - 22 febbraio 1943;
  4. Azolino Hazon ,
    Gen. CA: 23 febbraio 1943 - 19 luglio 1943;
  5. Angelo Cerica ,
    Gen. CA: 23 luglio 1943 - 11 settembre 1943
  6. Giuseppe Pièche ,
    Gen. D.: 19 novembre 1943 - 20 luglio 1944;
  7. Taddeo Orlando ,
    Gen. CA: 21 luglio 1944 - 6 marzo 1945;
  8. Brunetto Brunetti ,
    Gen. D.: 7 marzo 1945 - 5 aprile 1947;
  9. Fedele De Giorgis ,
    Gen. CA: 16 maggio 1947 - 24 maggio 1950;
  10. Alberto Mannerini ,
    Gen. CA: 25 maggio 1950 - 4 maggio 1954;
  11. Luigi Morosini ,
    Gen. CA: 5 maggio 1954 - 14 ottobre 1958;
  12. Renato De Francesco ,
    Gen. CA: 1º marzo 1961 - 14 ottobre 1962;
  13. Giovanni De Lorenzo ,
    Gen. CA: 15 ottobre 1962 - 31 gennaio 1966;
  14. Carlo Ciglieri ,
    Gen. CA: 1º febbraio 1966 - 25 febbraio 1968;
  15. Luigi Fiorlenza ,
    Gen. CA: 26 febbraio 1968 - 2 gennaio 1971;
  16. Corrado San Giorgio ,
    Gen. CA: 3 gennaio 1971 - 7 febbraio 1973;
  17. Enrico Mino ,
    Gen. CA: 8 febbraio 1973 - 31 ottobre 1977;
  18. Pietro Corsini ,
    Gen. CA: 5 novembre 1977 - 31 gennaio 1980;
  19. Umberto Cappuzzo ,
    Gen. CA: 1º febbraio 1980 - 13 settembre 1981;
  20. Lorenzo Valditara ,
    Gen. CA: 14 settembre 1981 - 19 gennaio 1984;
  21. Riccardo Bisogniero ,
    Gen. CA: 20 gennaio 1984 - 7 gennaio 1986;
  22. Roberto Jucci ,
    Gen. CA: 8 gennaio 1986 - 20 aprile 1989;
  23. Antonio Viesti ,
    Gen. CA: 21 aprile 1989 - 8 marzo 1993;
  24. Luigi Federici ,
    Gen. CA: 9 marzo 1993 - 20 febbraio 1997;
  25. Sergio Siracusa ,
    Gen. CA: 21 febbraio 1997 - 17 aprile 2002;
  26. Guido Bellini ,
    Gen. CA (18 aprile 2002 - 5 maggio 2004);

Provenienti dai ruoli dall'Arma dei Carabinieri

  1. Luciano Gottardo (6 maggio 2004 - 5 luglio 2006)
  2. Gianfranco Siazzu (6 luglio 2006 - 22 luglio 2009)
  3. Leonardo Gallitelli (23 luglio 2009 - 15 gennaio 2015)
  4. Tullio Del Sette (16 gennaio 2015 - 14 gennaio 2018) [74]
  5. Giovanni Nistri (15 gennaio 2018 - 15 gennaio 2021)
  6. Teo Luzi (16 gennaio 2021 - in carica )

Simboli

L'Arma è rappresentata da:

Araldica

Quella attualmente in uso venne concessa, e in parte modificata, il 21 maggio 2002 con l'elevazione dei carabinieri a rango di forza armata.

È uno scudo italiano di forma mistilinea rosso inquartato da una croce diminuita d'argento con al capo sfondo azzurro . Il rosso a significare l'ardire e il coraggio e il sacrificio; l'azzurro simboleggia il valore, la fedeltà e la patria, nonché il colore simbolo di Casa Savoia . Nel I e IV quadrante inquartato una mano destra recisa d'argento, impugnante un serpente verde, con la testa e la coda rivolta a sinistra, allumato e linguato di nero. Il serpente simboleggia la cautela e il buon governo. Nel II e III quadrante inquartato invece una granata d'oro infiammata. La granata è anche l'unico simbolo presente sulle divise (sul cappello e sul braccio) ed è da sempre simbolo di ordini militari moderni; infatti, venne applicata per la prima volta come simbolo dai nobili Brugioni che avevano, ottenendo per questo il titolo, comandato l'artiglieria nella vittoria di Alfonso I d'Este contro le truppe papali . Al capo è presente un leone illeopardito, passante, d'oro, allumato, linguato di rosso, armato d' oro e sostenuto dalla linea di partizione. Il leone indica la determinazione del buon governo. Sullo sfondo del leone il tronco di rovere d'argento con i rami doppiamente decussati con otto ghiande color oro. Il rovere significa glorie militari, decorazioni conseguite, antichità, costante rinverdimento, merito riconosciuto e animo forte e spirito guerriero. Sotto lo scudo su lista svolazzante color azzurro scuro il motto , creato dal capitano Cenisio Fusi, a caratteri maiuscolo in lettere lapidarie romane colore oro spento: " nei secoli fedele ". L'intero scudo è timbrato da una corona color oro. La corona è turrita merlata alla guelfa , murata di nero , formata da cerchio rosso interno, con due cordoni di muro sostenenti otto torri di cui cinque visibili. [75]

Bandiera di Guerra

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Decorazioni alla bandiera dell'Arma dei Carabinieri .

Nell'ufficio del generale comandante della " legione allievi carabinieri " è custodita la Bandiera di guerra dell'Arma, e sono esposti tutti i brevetti delle onorificenze e decorazioni concesse al suo più importante vessillo.

La Bandiera di guerra dell'Arma dei Carabinieri fu consegnata, nel corso di una storica cerimonia alla presenza delle più alte cariche dello Stato, il 14 marzo del 1894 , dal Re Umberto I all'allora comandante della legione, colonnello Eugenio Romando Scotti. E da allora il vessillo continua a essere custodito nell'ufficio del comandante della legione. [76]

Marcia militare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: La Fedelissima .

La marcia di ordinanza dell'Arma dei Carabinieri è intitolata La fedelissima e fu composta nel 1929 dal direttore della Banda dell'Arma, il maestro Luigi Cirenei . [77] L'esecuzione avviene generalmente in occasione della Festa dell'Arma dei Carabinieri, del concerto in onore del santo patrono (la Virgo Fidelis , il 21 novembre), della parata militare del 2 giugno ( Festa della Repubblica ), e dei giuramenti. L'esecuzione avviene anche quando ufficiali generali dell'Arma passano in rassegna reparti schierati. Così come tutte le marce d'ordinanza (e l' inno nazionale ) anche La Fedelissima è spesso il brano conclusivo dei concerti della Banda musicale del Corpo. Prima della sua adozione il Corpo veniva rappresentato da un'altra marcia d'ordinanza scritta dal maestro Luigi Cajoli che fu il direttore della disciolta Banda della Legione allievi carabinieri.

Motto

Il motto dell'Arma dei Carabinieri è Nei secoli fedele . [78] Venne creato nel 1914 , per il primo centenario dell'Arma, e concesso come motto araldico ai carabinieri da Vittorio Emanuele III il 10 novembre 1933 , in applicazione della legge 24 marzo 1932 , n. 293, che riguarda i motti araldici per l'Esercito Italiano. Contrariamente a quanto si crede, non fu Gabriele d'Annunzio a coniarlo, ma il capitano Cenisio Fusi . [79] Il motto sostituì il precedente, Usi obbedir tacendo e tacendo morir (versi tratti dal poema La Rassegna di Novara di Costantino Nigra ), sebbene si sia dovuto attendere molto tempo dopo la fine della seconda guerra mondiale perché il nuovo motto riscuotesse sufficiente diffusione. [80]

Museo Storico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo storico dell'Arma dei carabinieri .
Museo Storico dell'Arma a Roma

Il Museo storico dell'Arma dei Carabinieri è situato in piazza del Risorgimento 46 a Roma , nel quartiere Prati , a pochi passi dal Vaticano .

Istituito il 3 dicembre 1925 , con Regio Decreto n. 2495, quale «[…] depositario privilegiato dei cimeli, documenti e ricordi che testimoniano l'azione svolta dall'Arma in pace e in guerra [..]» [81] , il Museo venne inaugurato ufficialmente il 6 giugno 1937 nella palazzina di piazza del Risorgimento che fino ad allora aveva ospitato la Scuola allievi ufficiali dei Carabinieri [82] . La visita al Museo si sviluppa attraverso un percorso in ordine cronologico e tematico che, iniziando dalla fondazione nel 1814 dell'antico Corpo dei Carabinieri Reali, e protraendosi sino alla guerra di Resistenza e di Liberazione , abbraccia nella storia d'Italia due secoli di vita.

Il Museo storico dell'Arma dei Carabinieri è aperto tutti i giorni della settimana dalle ore 09:00 alle ore 13:00, ad esclusione del lunedì e delle seguenti festività: 1º gennaio, 6 gennaio, Pasqua e Lunedì dell'Angelo, 1º maggio, 29 giugno (SS. Pietro e Paolo), 15 agosto, 1º novembre, 8 dicembre, 25 e 26 dicembre [83] . L'ingresso è gratuito

Annuale di fondazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giornata nazionale dell'Arma dei Carabinieri .

La data del 5 giugno è stata assunta come festa dell'Arma dei Carabinieri, in celebrazione del 5 giugno 1920 , data in cui la Bandiera dell'Arma fu insignita della prima Medaglia d'oro al Valor Militare per la partecipazione dei Carabinieri alla prima guerra mondiale . La motivazione che ha accompagnato la medaglia è la seguente: "Rinnovellò le sue più fiere tradizioni con innumerevoli prove di tenace attaccamento al dovere e di fulgido eroismo, dando validissimo contributo alla radiosa vittoria delle armi d'Italia". La festa viene celebrata a Roma con il carosello storico , rievocazione delle battaglie più importanti a cui l'Arma ha partecipato. [84]

Virgo Fidelis Patrona

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Virgo Fidelis .

La patrona dell'Arma dei Carabinieri è la Virgo Fidelis, appellativo cattolico di Maria, madre di Gesù , scelta come patrona dell'Arma dei Carabinieri l'11 novembre 1949 , data della promulgazione di un apposito Breve apostolico da parte di papa Pio XII . [85] La ricorrenza della Patrona è stata fissata dallo stesso papa Pio XII per il 21 novembre, giorno in cui cade la Presentazione della Beata Vergine Maria e la ricorrenza della battaglia di Culqualber . Dall'ottobre del 2015 vi è dedicato un Santuario diocesano nella Chiesa di San Giovanni Battista a Incisa Scapaccino ( Asti ), nella frazione storica di Borgo Villa , il primo in Italia dedicato alla patrona dei carabinieri, destinato a diventare meta di pellegrinaggio per tutti i devoti ei militari della penisola [86] .

Preghiera alla Virgo Fidelis, o "preghiera del carabiniere", viene recitata nelle cerimonie militari solenni che riguardano l'Arma oi suoi appartenenti. Fu scritta dallo stesso arcivescovo , Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, che nel 1949, come ordinario militare, sollecitò la scelta della Virgo Fidelis come patrona. [87]

Testo: " Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra, noi Carabinieri d'Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero, fiduciosa la preghiera e fervido il cuore! Tu che le nostre Legioni invocano confortatrice e protettrice con il titolo di "Virgo Fidelis". Tu accogli ogni nostro proposito di bene e fanne vigore e luce per la Patria nostra. Tu accompagna la nostra vigilanza, Tu consiglia il nostro dire, Tu anima la nostra azione, Tu sostenta il nostro sacrificio, Tu infiamma la devozione nostra! E da un capo all'altro d'Italia suscita in ognuno di noi l'entusiasmo di testimoniare, con la fedeltà fino alla morte l'amore a Dio e ai fratelli italiani. E così sia! "

Inno alla Virgo Fidelis, fu composto dal professor Mario Scotti per quanto attiene al testo mentre la musica e lo spartito sono del maestro Domenico Fantini. [88]

Testo: "In una luce fulgida di fiamma, com'ali bianche nell'azzurro ciel, al tuo trono corrusco, o dolce Mamma, sale il palpito del figlio tuo fedel, che in silenzio preparò il suo cuore ed in silenzio veglia l'avvenir su lui rivolgi gli occhi tuoi d'amore rendi nobile e lieve il suo soffrir. (ritornello): Tu sei Regina dell'eterna corte perché salisti il monte del dolor: il cuore mio non fermerà la morte perché ha giurato fede al tricolor. (2^ strofa): Se di baleni il simbolo d'argento sulla mia fronte ai raggi guizzerà, e la Bandiera a raffiche di vento nel tripudio di luci ondeggerà, allor più ardente delle tue legioni un grido solo a Te si leverà, o nostra stella, che nel ciel risuoni giuramento d'amore e fedeltà. (Ritornello)

Onorificenze

Onorificenze dell'Arma

L'Arma dal 2000 ha delle proprie onorificenze (decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 297):

ValoreCC1.png Medaglia al valore dell'Arma dei Carabinieri (oro, argento, bronzo)
MeritoCC1.png Croce al merito dell'Arma dei carabinieri (oro, argento, bronzo)
CC Lunga Attività di Volo Oro.svg Medaglia al merito per lunga attività di volo del personale specialista dell'Arma dei Carabinieri (oro, argento, bronzo)
CC Lunga Attività Equestre Oro.svg Medaglia al merito per lunga attività ippica nell'Arma dei Carabinieri (oro, argento, bronzo)

Alla Bandiera di guerra dell'Arma

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Decorazioni alla bandiera dell'Arma dei Carabinieri .

Medaglie concesse alla Bandiera dell'Arma dei Carabinieri dal 1814 al 2020 [89] :

Cavaliere BAR.svg 6 Croci di Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia (di cui 1 già dell'Ordine militare di Savoia)

Valor militare gold medal BAR.svg 3 Medaglie d'oro al valor militare

Valor militare silver medal BAR.svg 5 Medaglie d'argento al valor militare

Valor militare bronze medal BAR.svg 4 Medaglie di bronzo al valor militare

MeritoMilitare+.png 2 Croci di guerra al valor militare

Valor dell'esercito gold medal BAR.svg 3 Medaglie d'oro al valore dell'Esercito

Valor civile gold medal BAR.svg 11 Medaglie d'oro al valor civile

Valor civile silver medal BAR.svg 1 Medaglia d'argento al valor civile

Merito civile gold medal BAR.svg 5 Medaglie d'oro al merito civile

ProtezioneEcc1.png 1 Attestato con medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile

SanitaPubblicaNO.png 6 Medaglie d'oro al merito della sanità pubblica

BenemeritiCultura1.png 5 Diplomi di medaglia d'oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte

BenemeritiAmbiente1.png 2 Diplomi di benemerenza ambientale con medaglia d'oro

BenemerenzaSiculo1908.png 1 Medaglia d'oro di benemerenza per il terremoto calabro-siculo (1908)

Individuali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Medaglie d'oro al valor militare (Carabinieri) e Medaglie d'oro al valor civile (Carabinieri) .

Nella storia dell'Arma dei Carabinieri numerosi militari sono stati insigniti di medaglie, decorazioni e ordini cavallereschi italiani per le loro azioni, tra cui: Salvo D'Acquisto , morto a 23 anni per salvare la vita a 22 persone durante un rastrellamento delle truppe tedesche nel corso della seconda guerra mondiale e decorato con medaglia d'oro al valor militare ; Giovanni Frignani , Manfredi Talamo , Ugo De Carolis , Raffaele Aversa , Genserico Fontana , Romeo Rodriguez Pereira , Francesco Pepicelli , Candido Manca , Gerardo Sergi , Augusto Renzini , Gaetano Forte e Calcedonio Giordano , vittime dell' eccidio delle Fosse Ardeatine e decorati con medaglia d'oro al valor militare; Alberto La Rocca , Vittorio Marandola e Fulvio Sbarretti (detti i martiri di Fiesole ), uccisi dai tedeschi in cambio della vita di 10 persone e decorati con medaglia d'oro al valor militare; Carlo Alberto dalla Chiesa , vittima della strage di via Carini ad opera della mafia e decorato con medaglia d'oro al valor civile .

Croci dell'Ordine militare d'Italia
  • 16 Croci dell'Ordine militare di Savoia (tutte le classi)
  • 57 Croci dell'Ordine militare d'Italia (tutte le classi)
Medaglie d'oro
  • 121 al valor militare
  • 2 al valor dell'Esercito
  • 1 al valor di Marina
  • 28 al valore dell'Arma dei Carabinieri
  • 177 al valor civile
  • 81 al merito civile
  • 26 al merito della sanità pubblica
  • 2 ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte
  • 9 ai benemeriti della cultura e dell'arte
  • 5 ai benemeriti dell'ambiente
  • 133 di vittime del terrorismo
Medaglie d'argento
  • 3168 al valor militare
  • 16 al valor dell'Esercito
  • 22 al valor di marina
  • 60 al valore dell'Arma dei Carabinieri
  • 2250 al valor civile
  • 64 al merito civile
  • 25 al merito della sanità pubblica
  • 37 ai benemeriti della cultura e dell'arte
  • 10 ai benemeriti dell'ambiente
Medaglie di bronzo
  • 5732 al valor militare
  • 14 al valor dell'Esercito
  • 42 al valor di Marina
  • 30 al valore dell'Arma dei Carabinieri
  • 3583 al valor civile
  • 224 al merito civile
  • 47 al merito della sanità pubblica
  • 132 ai benemeriti della cultura e dell'arte
  • 2 ai benemeriti dell'ambiente
Croci
  • 3616 croci di guerra e croci di guerra al valor militare
  • 22 croci d'onore alle vittime di atti di terrorismo all'estero

Sport nell'Arma

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Centro Sportivo Carabinieri .

L'Arma promuove tra i militari l'attività sportiva a ogni livello, il mantenimento dell'efficienza fisica e partecipa alle principali competizioni italiane e internazionali con i propri atleti. [90] Gli sport sono coordinati dal Centro Sportivo Carabinieri costituito dalle Sezioni sportive di: [91]

  • atletica leggera (Bologna)
  • arti marziali (Roma)
  • equitazione (Roma)
  • canoa fluviale (Carpanè)
  • cannottaggio e canoa olimpica (Sabaudia)
  • ciclismo (Roma)
  • nuoto e salvamento (Roma e Napoli)
  • motoristica (Torino)
  • cannottaggio (Napoli)
  • judo (Firenze)
  • sport invernali (Canazei, Auronzo di Cadore)
  • scherma (Roma)
  • paracadutismo sportivo (Livorno)
  • puglilato (Roma)
  • pentatlhon e triatlhon moderno (Roma)
  • tiro a segno (Roma)
  • tiro a volo (Roma)
  • triathlon (Roma)

Dal 1964 al 2018 gli atleti dell'Arma hanno raggiunto, nelle varie competizioni sportive, importanti risultati agoniostici: [92]

  • olimpiadi (oro 31, argento 28, bronzo 38)
  • mondiali (oro 123, argento 106, bronzo 138)
  • campionati europei (oro 137, argento 118, bronzo 177)
  • campionati mondiali militari (oro 207, argento 156, bronzo 200)
  • coppa del mondo (oro 78)
  • giochi del mediterraneo (oro 34, argento 33, bronzo 27)
  • universiadi (oro 22, argento 31, bronzo 32)
  • campionati italiani (oro 2434, argento 2317, bronzo 1971)

Campioni sportivi che hanno vestito e vestono i colori dell'Arma

I carabinieri nella cultura di massa

I carabinieri arrestano Pinocchio - Illustrazione di Carlo Chiostri

Per tradizione i carabinieri costituiscono storicamente un importante modello comportamentale all'interno della cultura italiana e godono di un grande rispetto e affetto largamente diffusi tra la popolazione [93] . Ne è prova l'annuale Rapporto Italia dell' Eurispes che vede l'Arma come l'istituzione più amata dagli italiani [94] . Negli ultimi decenni, i carabinieri sono coinvolti come protagonisti di numerose barzellette , mentre un secolo fa, la prima apparizione dei carabinieri in un romanzo, nel Pinocchio di Carlo Collodi , aveva rappresentato uno scandalo [ senza fonte ] (essendo la prima opera letteraria "leggera" in cui venissero rappresentati).

Cinema

Televisione

Stampa e pubblicazioni

L'Arma, in buona parte tramite l'Ente editoriale per l'Arma dei carabinieri costituito nel 1975, cura la redazione e la pubblicazione di riviste e libri (oltre sessanta volumi) legati all'Istituzione nei suoi vari aspetti e nel corso degli anni ha pubblicato cartoline, francobolli, schede telefoniche, monete e cofanetti musicali. [95] Pubblicazioni:

Musica

Libri e fumetti

  • La mossa del Drago : nel romanzo di Tom Clancy è presente l'ex carabiniere Ettore "Hector" Falcone quale membro dell'unità "Rainbow". Il militare entra a far parte dell'unità speciale dopo essere rimasto vittima di un attetato da parte della mafia in cui rimangono uccisi la moglie ed il figlio.
  • Rainbow Six : nel romanzo di Tom Clancy , membri del GIS e altri operatori dei carabinieri fanno parte di una organizzazione internazionale antiterrorismo.
  • Nel fumetto Marvel Comics Europa vol. 1 0 e vol. 1 1 , il supereroe italiano Argento (Michele Argento), faceva parte del GIS
  • Nei fumetti Marvel Comics Cloak and Dagger Vol 5 5 e Tony Stark: Iron Man Vol 1 8 sono presenti dei carabinieri dell'organizzazione territoriale.

Videogiochi

Servizi al Cittadino

In caso di emergenza, per contattare i Carabinieri è sufficiente comporre su qualsiasi apparecchio telefonico il numero 112 (senza alcun costo), tranne nelle regioni in cui è attivo il Numero unico di Emergenza . [101]

Nuove tecnologie

Nel 2010 l'Arma ha pubblicato su iTunes una propria applicazione per iOS , iCarabinieri [102] , con cui è possibile localizzare le stazioni carabinieri più vicine alla propria posizione GPS , avere informazioni sugli indirizzi ei numeri telefonici, trovare l'itinerario più breve per una stazione selezionata. L'applicazione si avvale delle mappe di Google Maps . [103] Nel 2012 è seguita la versione per Android . [104] .

Enti ed associazioni dell'Arma

  • Associazione Nazionale Carabinieri , aggrega carabinieri in servizio e in congedo, i loro familiari e simpatizzanti. È stata costituita a Milano nel 1886.
  • Opera nazionale assistenza orfani militari arma carabinieri (ONAOMAC), ente morale a sostegno degli orfani del personale dell'Arma caduto in servizio; fondata nel 1948.
  • Fondo assistenza, previdenza e premi (FAPP), istituito nel 1964 come fondazione, persegue, senza fini di lucro, l'assistenza e la previdenza del personale dell'istituzione.
  • Ente editoriale per l'arma dei carabinieri, fondazione senza scopo di lucro, eleva il tono culturale dei militari. Cura la redazione e la pubblicazione di riviste e libri legati all'Arma.

Denominazione nelle lingue minoritarie d'Italia

Nelle regioni italiane a statuto speciale che beneficiano di un regime di bilinguismo, la denominazione Carabinieri è stata resa:

  • nella regione autonoma Friuli-Venezia Giulia :
    • nei comuni dell' Unione Territoriale Intercomunale Giuliana , area goriziana e triestina, come da statuto, in bilinguismo italiano/sloveno, Karabinjerji oppure Orožniki (termine più generico di Gendarmeria) indicato sovente sui pannelli stradali bilingui;
    • nell'area dell'alto e medio Friuli (Friûl) in lingua friulana: Carbinirs ;
  • nella provincia autonoma di Bolzano , bilingue italiano/tedesco, dopo un periodo iniziale del termine Gendarmerie , la variante italiana è stata accettata anche in tedesco;
  • in Valle d'Aosta , bilingue italiano/francese, Carabiniers .

In francese la variante Carabiniers è sempre esistita, data l'inclusione della Savoia francofona nel Regno di Sardegna . Il Principato di Monaco è dotato di un proprio corpo di carabinieri, la Compagnia dei carabinieri del principe , mutuato dallo Stato sabaudo di cui quello monegasco era un tempo un' enclave .

Curiosità

  • La "Mascotte" della Fanfara del IV Reggimento a Cavallo è da sempre una cagnolina che accompagna in tutti gli eventi il gruppo musicale. La prima fu Trombetta, di piccola taglia, trovatella nell'ippodromo di Agnano durante una trasferta musicale e negli anni successivi premiata a Camogli durante l'annuale Festa della Fedeltà dedicata ai cani più meritevoli. Dal 1989 subentra Birba fedelissima per dieci anni, venne a mancare nel 1999. Fu quindi la volta di Lady, cagnolina di razza incerta [105] e dal 2014 è il turno di Briciola attualmente in servizio con mantellina rossa e fregi dell'Arma.
  • Tra i vari nomignoli con cui i Carabinieri sono apostrofati vi sono quelli del Linguaggio CB : i Neri (riferimento all'uniforme ordinaria) ei Charlie Charlie (doppia C nell' Alfabeto fonetico NATO ). [ senza fonte ]
  • Fino a qualche anno fa [ quando? ] , il liquore Galliano veniva posto in commercio con una caratteristica bottiglia a forma di carabiniere in alta uniforme, con feluca e pennacchio posto come tappo di chiusura.

Riferimenti normativi

Note

  1. ^ a b Dotazione organica - Conto annuale Arma dei Carabinieri ( PDF ), su carabinieri.it . URL consultato il 16 gennaio 2018 .
  2. ^ Organizzazione per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare , su carabinieri.it .
  3. ^ Comando Carabinieri per la tutela della salute , su carabinieri.it .
  4. ^ Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale , su beniculturali.it . URL consultato il 22 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 23 maggio 2018) .
  5. ^ La costituzione dei Carabinieri Reali - carabinieri.it , su carabinieri.it . URL consultato il 23 novembre 2016 .
  6. ^ Il decreto legislativo 5 ottobre 2000 n. 297 ha "elevato [l'Arma dei Carabinieri] al rango di Forza Armata", rendendola autonoma nell'ambito del Ministero della Difesa. Prima del 2000 era collocata nella Forza armata Esercito quale prima arma del medesimo, per l'espletamento di compiti militari e di polizia civile e militare, con duplice dipendenza dai dicasteri della Difesa e dell'Interno.
  7. ^ Ecco tutto quello che dicevano le Regie Patenti dal sito ufficiale dell'Arma dei Carabinieri Archiviato il 27 aprile 2013 in Internet Archive .
  8. ^ Storia dei Carabinieri il podcast, Ep.1 La fondazione del corpo dei Carabinieri Reali , su spreaker.com . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  9. ^ Storia dei Carabinieri il podcast, Extra 01 Intervista a Vincenzo Pezzolet, le uniformi dei Carabinieri nel Regno di Sardegna , su spreaker.com . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  10. ^ Storia dei Carabinieri il podcast, Ep. 13. I Carabinieri nella prima Guerra di Indipendenza , su spreaker.com . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  11. ^ Storia dei Carabinieri il podcast, Ep. 18. 24 gennaio 1861. Nasce l'Arma dei Carabinieri Reali , su spreaker.com . URL consultato l'8 febbraio 2021 .
  12. ^ Arma dei Carabinieri , su carabinieri.it . URL consultato il 21 dicembre 2020 .
  13. ^ Archivio Storico Corriere - Piano «Solo», fu vero golpe? De Lorenzo divide ancora
  14. ^ Delega al Governo in materia di riordino dell'Arma dei Carabinieri, del Corpo forestale dello Stato, del Corpo della Guardia di finanza e della Polizia di Stato , su carabinieri.it . URL consultato il 29-09-2009 .
  15. ^ Il capo di stato maggiore della Difesa - Configurazione della carica , su difesa.it . URL consultato il 29 settembre 2009 .
  16. ^ Ansa , su ansa.it .
  17. ^ I Reparti , su carabinieri.it . URL consultato il 2 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 4 giugno 2012) .
  18. ^ a b API e SOS - Secoloditalia
  19. ^ Gen.CA Antonio Ricciardi, Come si tutela l'Italia , in Fiamme d'Argento , N.6 - novembre/dicembre 2018.
  20. ^ "Convenzione Internazionale di Washington del 1960 per la salvaguardia di specie animali e vegetali a rischio estinzione cui aderiscono 180 Stati"
  21. ^ "Norme in materia di riordino dell'Arma dei carabinieri, a norma dell'articolo 1 della legge 31 marzo 2000, n. 78"
  22. ^ Camera.it Decreto Legislativo 5 ottobre 2000, numero 297 , su camera.it . URL consultato il 1º maggio 2012 .
  23. ^ Art. 32 D.Lgs 15 marzo 2010, n.66
  24. ^ Art. 162 D.Lgs 15 marzo 2010, n.66
  25. ^ I Reparti - Compiti istituzionali (artt. 89, 90, 91, 156 e 157 del D. Lgs. numero 66/2010 , su carabinieri.it . URL consultato il 2 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 9 dicembre 2011) .
  26. ^ Art. 155 e ss. D.Lgs 15 marzo 2010, n.66
  27. ^ Art. 4, D. Lgs. 5 ottobre 2000, n. 297
  28. ^ Art. 156 D.Lgs 15 marzo 2010, n.66
  29. ^ Scuola Ufficiali Carabinieri, Storia dell'Arma dei Carabinieri , edizione 2016.
  30. ^ Reclutamento Ufficiali (a seguire gli altri gradi) , su carabinieri.it . URL consultato il 9 maggio 2012 .
  31. ^ Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana numero 144 del 22 giugno 1999 Serie Generale
  32. ^ Arma dei Carabinieri - Home - Il Cittadino - Servizi - Lex - Gazzetta Ufficiale Archiviato il 3 dicembre 2013 in Internet Archive .
  33. ^ CNSR Carabinieri - Norme tecniche per prove di efficienza fisica - 2016
  34. ^ Vedasi ad esempio artt. 702 e 703 d.lgs 15 marzo 2010 numero 66
  35. ^ Bando di concorso del 2° IST (Sottufficiali ruolo ispettori) ( PDF ), su carabinieri.it . URL consultato il 9 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 7 maggio 2012) .
  36. ^ Bandi di Concorso 2016 , su carabinieri.it .
  37. ^ Matrimonio , su carabinieri.it .
  38. ^ a b La denominazione " sottufficiali " non esiste più ed è stata sostituita dagli attuali Ispettori e Sovrintendenti, che però rappresentano due categorie ben distinte.
  39. ^ La denominazione " graduati di truppa " è stata sostituita dalla denominazione "appartenenti al ruolo appuntati e carabinieri".
  40. ^ Decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, articolo 800 , in materia di " Codice dell'ordinamento militare. "
  41. ^ Decreto legislativo 15 marzo 2010, numero 66, articoli 826, 827, 828 e 829, in materia di Codice dell'ordinamento militare
  42. ^ difesa.it - Nota Aggiuntiva allo stato di previsione per la Difesa per l'anno 2011 ( PDF ), su difesa.it (archiviato dall' url originale il 13 novembre 2012) .
  43. ^ Copia archiviata , su coisp.it . URL consultato il 6 luglio 2013 (archiviato dall' url originale il 5 luglio 2013) .
  44. ^ Coisp.it Rassegna Stampa - CARABINIERI: GALLITELLI, MANCANO RISORSE PER AUTO E CASERME PERSONALE SOTTO DI 12 MILA UNITÀ Archiviato il 5 luglio 2013 in Internet Archive .
  45. ^ SenatoItaliano YouTube - Audizione del Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri - Video integrale
  46. ^ lo stemma precedente all'attuale, riportava però una fiamma a dodici punte (vedi Stemma araldico CC )
  47. ^ a b c Armamento , su carabinieri.it . URL consultato il 2 maggio 2012 . - articolo datato
  48. ^ Determina 611 del 14 giugno 2019 , su carabinieri.it .
  49. ^ 750 Beretta PMX acquisite dai Carabinieri , su infodifesa.it . URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato dall' url originale il 30 luglio 2019) .
  50. ^ Beretta ARX-160A3 per i Carabinieri , su armietiro.it . URL consultato il 30 luglio 2019 .
  51. ^ Armamento di reparto motovedetta classe S500 , su carabinieri.it . URL consultato l'11 maggio 2012 .
  52. ^ Motovedetta classe 600 , su carabinieri.it . URL consultato il 23 giugno 2020 .
  53. ^ Beretta i-PROTECT in sperimentazione ai Carabinieri , su all4shooters.com . URL consultato il 13 luglio 2017 .
  54. ^ motori.it , https://www.motori.it/curiosita/164664/seat-leon-e-la-nuova-auto-di-polizia-e-carabinieri.html .
  55. ^ ANSA , Prosegue il sodalizio tra Alfa Romeo e Carabinieri, ecco la nuova Giulia , su ansa.it .
  56. ^ trentotoday.it , http://www.trentotoday.it/cronaca/giulietta-carabinieri-alfa-2017.html .
  57. ^ alvolante.it , https://www.alvolante.it/news/peugeot-308-gti-carabinieri-355069 .
  58. ^ carabinieri.it , https://www.carabinieri.it/cittadino/informazioni/eventi/lotus-cars-ha-messo-a-disposizione-dell'arma-dei-carabinieri-due-speciali-lotus-evora-s-attrezzate-per-svolgere-in-tempi-rapidi-speciali-interventi-di-assistenza-e-d'interesse-sociale .
  59. ^ alvolante.it , https://www.alvolante.it/news/mitsubishi-eclipse-cross-carabinieri-360221 .
  60. ^ quattroruote.it , https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2018/01/22/forze_dell_ordine_tutti_i_segreti_dell_alfa_romeo_giulietta_dei_carabinieri_video.html .
  61. ^ passioneautoitaliane.com , https://www.passioneautoitaliane.com/2017/03/arrivano-nuove-fiat-panda-per-i.html .
  62. ^ Copia archiviata , su asaps.it . URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2018) .
  63. ^ quattroruote.it , https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2015/12/21/arma_dei_carabinieri_una_renault_clio_per_le_pattuglie.html .
  64. ^ quattroruote.it , https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2017/10/13/arma_dei_carabinieri_arruolata_anche_la_fiat_tipo.html .
  65. ^ automoto.it , https://www.automoto.it/news/carabinieri-250-toyota-yaris-hybrid-per-l-arma.html .
  66. ^ Carabinieri.it Presentazione della nuova Stazione Mobile
  67. ^ motori.it , https://www.motori.it/news/236809/alfa-romeo-segreti-della-giulietta-carabinieri.html .
  68. ^ quattroruote.it , https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2018/10/19/jeep_anche_la_grand_cherokee_arruolata_dai_carabinieri.html .
  69. ^ video.mattinopadova.gelocal.it , https://video.mattinopadova.gelocal.it/locale/soldi-della-banca-d-italia-maxi-scorta-dei-carabinieri/94574/95039? .
  70. ^ Forestali ai carabinieri, è spending review: auto verdi non saranno riverniciate , ANSA , 9 novembre 2016
  71. ^ La doppia "C" indica il plurale del termine (come la sigla VVF per i Vigili del Fuoco ), e non "Corpo Carabinieri" come, a volte, è erroneamente riportato
  72. ^ Carabinieri.it I mezzi: l'Arma naviga , su carabinieri.it . URL consultato il 2 maggio 2012 .
  73. ^ Carabinieri.it Battello "STHINGER" , su carabinieri.it . URL consultato il 2 maggio 2012 .
  74. ^ Elenco dei Comandanti Generali dal 1814 a oggi , su carabinieri.it .
  75. ^ UNUCI.org Stemma araldico CC
  76. ^ Va precisato che ordinativamente la Legione allievi di oggi -erede della X Brigata Scuole e della Brigata appuntati e Carabinieri - è di rango superiore alla Legione allievi che nel 1894 ricevette in custodia la Bandiera dell'Arma . Infatti nel 1894 la Legione allievi era l'equivalente della Scuola allievi di Roma prima della costituzione dell'odierna Legione allievi (cfr. sezione Cenni storici )
  77. ^ Carabinieri Aviatori (2^ frase) , su carabinieri.it . URL consultato l'8 dicembre 2020 (archiviato dall' url originale il 23 luglio 2012) .
  78. ^ Stemma araldico del 1935 , su carabinieri.it . URL consultato il 9 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 13 giugno 2012) .
  79. ^ Non tutti sanno che - Nei Secoli Fedele , su carabinieri.it . URL consultato il 23 luglio 2017 .
  80. ^ Nei Secoli Fedele…! Storia della “Virgo Fidelis” , su difesa.it . URL consultato il 3 agosto 2018 .
  81. ^ Non tutti sanno che - Museo Storico dell'Arma , su carabinieri.it .
  82. ^ Non tutti sanno che - Scuola Allievi Ufficiali Carabinieri , su carabinieri.it .
  83. ^ Museo Storico dell'Arma dei Carabinieri , su carabinieri.it .
  84. ^ Carosello , su carabinieri.it . URL consultato il 1º maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 2 novembre 2012) .
  85. ^ La Patrona , su carabinieri.it . URL consultato il 9 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 15 giugno 2012) .
  86. ^ La chiesa di Scapaccino primo santuario dell'Arma - La Stampa
  87. ^ Testo della preghiera , su carabinieri.it (archiviato dall' url originale il 18 novembre 2012) .
  88. ^ Virgo Fidelis
  89. ^ Ente editoriale dell'Arma dei Carabinieri, Medaglie concesse all'Arma dei Carabinieri dal 1814 al 2017 , in Calendario storico dell'Arma dei Carabinieri anno 2018 , anno 2018.
  90. ^ Centro Sportivo CC , su carabinieri.it . URL consultato il 7 luglio 2012 .
  91. ^ Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, Agenda dell'Arma dei Carabinieri , Anno 2018.
  92. ^ Il medagliere sportivo carabinieri - agenda dell'Arma 2018 , Comando Generale Arma dei Carabinieri, p. 120.
  93. ^ Storiain.net I Carabinieri: nei secoli fedeli , in www.storiain.net/ (archiviato dall' url originale il 20 novembre 2011) .
  94. ^ Eurispes.it - Rapporto Italia 2012 , su eurispes.it . URL consultato l'8 dicembre 2020 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2012) .
  95. ^ carabinieri.it Pubblicazioni , su carabinieri.it .
  96. ^ carabinieri.it Arte In Ostaggio - Bollettino Delle Opere D'Arte Trafugate , su tpcweb.carabinieri.it (archiviato dall' url originale il 31 agosto 2011) .
  97. ^ carabinieri.it Attività operativa , su carabinieri.it .
  98. ^ Calendario Storico , su carabinieri.it (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2012) .
  99. ^ Everyeye.it Rainbow Six Siege Para Bellum: provati i due operatori italiani Alibi e Maestro
  100. ^ Multiplayer.it , Cyberpunk 2077: il Governo Padano vuole salvare Venezia dai razziatori , su multiplayer.it , 17 dicembre 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020 .
  101. ^ 112 , su carabinieri.it . URL consultato il 1º maggio 2012 .
  102. ^ iCarabinieri - App Store
  103. ^ Applicazione iCarabinieri , su carabinieri.it .
  104. ^ iCarabinieri - Google Play
  105. ^ La “Mascotte della Fanfara a cavallo , su datti.ilcannocchiale.it . URL consultato il 27 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale il 18 novembre 2010) .

Bibliografia

Atti normativi

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 123872501 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-123872501