Aquest és un element destacat. Feu clic aquí per obtenir informació més detallada

Agost

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu August (desambiguació) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Octavian Augustus". Si esteu buscant el creuer, consulteu Octavian Augustus (creuer) .
Agost
Statue-Augustus.jpg
August de Prima Porta , Museus Vaticans
Nom original Caio Octavi Torini (en néixer)
Gaius Iulius Caesar Augustus (després de l’ascens al poder imperial)
Regne 16 de gener 27 aC
19 d’agost de 14
Tribunicia potestas 37 anys consecutius,[1] [2] a partir de l'1 de juliol del 23 aC [3]
Títols August el 27 aC , Pontifex maximus (després de la mort de Marc Emilius Lepidus el 13 aC ), [4][5] Pater Patriae el 2 aC[6] i praefectus moribus (el 19 aC i renovat el 12 aC [7] )
Salutatio imperatoria 21 vegades: [2] primer el 40 aC ,[8] després el 36 aC (2n),[8] [9] 33 aC (3r [10] ), 31 aC (4t), [11] 30 aC (5è) [12] ), 27 aC (6è),[8] 26 aC (7è),[8] [13] 21 aC (8è),[8] 19 aC (9è [14] i 10è[8] ), 16 AC (11è), [15] 10 aC (12è), [16] 8 aC (13è), [17] 7 aC (14è), [18] 3 aC (15è), [19] 2 (16è), [ 20] 6 (17º), 8 (18º), [21] 9 (19º), [21] [22] 11 (20º), [23] 13 (21º). [24]
Naixement 23 de setembre del 63 aC[25]
Roma ( capità Bubula )[25]
Mort 19 d’agost de 14
Nola
Enterrament Mausoleu d'August
Predecessor càrrega creada
( República romana )
Successor Tiberi
Cònjuge Clodia Pulcra [26] (fins al 40 aC)
Scribonia [26] (40-38 aC)
Livia Drusilla [26] (38 aC-14)
Fills Julia major [29]
Adopta:
Luci Cèsar [30]
Cai Cèsar [30]
Marco Vipsanio Agrippa Pòstum (després repudiat i enviat a l'exili) [31]
Tiberio [31]
Dinastia Julius-claudia
Pare Caio Octavi [27]
Caio Juli Cèsar (adoptiu)
Mare Azia major[28]
Consolat 13 vegades: [2] a 43 (I, amb només vint anys), [32] 33 (II), [32] 31 (III), [32] 30 (IV, inaugurat a Àsia ), [32] 29 ( V, inaugurat a Samo ), [32] 28 (VI), [32] 27 (VII), [32] 26 (VIII, inaugurat a Tarraco ), [32] 25 (IX, inaugurat a Tarraco ), [32] 24 (X), [32] 23 (XI), [32] 5 [32] i 2 aC [32]
Princeps senatus a partir del 28 aC i associada a l'emperador romà fins que va dominar
Pontificat màx el 13 aC , després de la mort de Marco Emilio Lepido

Gaius Julius Caesar Augustus (en llatí : Gaius Iulius Caesar Augustus ; als epígrafs : C IVLIVS C F CAESAR IIIVIR RPC [33] ; Roma , 23 de setembre del 63 aC - Nola , 19 d'agost del 14 ), nascut com a Gaius Ottavio Turino ( Gaius Octavius Thurinus ) i més conegut com Octavi o August , va ser el primer emperador romà del 27 aC al 14 dC El 27 aC va retornar els seus càrrecs a mans del senat; a canvi, tenia un imperi proconsular que el va convertir en cap de l'exèrcit i el Senat romà , a proposta de Lucio Munatius Planco , li va conferir el títol d' August el 16 de gener del 27 aC , [34] que és el més autoritzat entre els polítics de Roma i el seu nom oficial fou a partir d’aquest moment Imperator Caesar Divi filius Augustus (als epígrafs IMPERATOR · CAESAR · DIVI · FILIVS · AVGVSTVS ). [35]

August volia transmetre la imatge d’ell mateix com a príncep pacífic i la de Roma com a triomf universal mitjançant un astut ús de les imatges, l’embelliment de la ciutat de Roma, la protecció dels intel·lectuals que celebraven el principat, la requalificació del senat i ordre dels equits. La historiografia contemporània ha tractat el llegat històric d’August , especialment després de les distorsions realitzades durant els vint anys feixistes en què la propaganda del règim va celebrar August per la seva tasca de pacificació i la creació d’un estat universal que va ser el preludi de la fundació de l’Imperi italià. [36] . El propi August volia deixar una imatge heroica d’ell mateix a la Res gestae , va donar suport conscientment a Virgili en aquesta celebració a l’ Eneida : durant la seva vida August havia evitat d’atribuir-se noms divins, però immediatament després de la seva mort va ser immediatament considerat el fill de Déu. [37] . Algunes dècades després de la seva mort, però, alguns historiadors com Sèneca el Vell , Lucio Anneo Sèneca , Sallustio , Suetonio i Appiano van transmetre la violència de les proscripcions, l’astuta conquesta del poder i la política autocràtica d’August.

Des del punt de vista administratiu, les reformes d’August van ser importants i duradores. Va atribuir les províncies no pacificades a legats imperials escollits per ell mateix, deixant les altres a procònsols de rang senatorial ; tanmateix, tots van respondre a l'emperador. August va guardar Egipte per a ell, sota el govern d'un dels seus prefectes . Va reformar el sistema fiscal i monetari. Va reorganitzar l'administració de la ciutat de Roma atribuint als alts funcionaris estatals la cura de l'urbanisme, la responsabilitat del subministrament d'aliments i la gestió de l'aigua.

Descripció

El 23 aC se li va concedir la tribunicia potestas (que després va conservar per a la vida[1] ) i l' Imperium proconsulare per a tota la vida; [38] mentre que el 12 aC es va convertir en màxim pontífex amb la mort de Marco Emilio Lepido . [4] [39] Va romandre al poder fins a la seva mort i el seu principat va ser el més llarg de la Roma imperial (44 anys des del 30 aC , 41 anys des del 27 aC , 37 anys des del 23 aC ). [40] [41]

"Va aconseguir magistrats i honors abans del temps [legal]: alguns van ser creats especialment per a ell o se li atribuïen de forma perpètua".

( Suetonio , August , 26 )

L’època d’August va representar un punt d’inflexió en la història de Roma i la transició definitiva del període republicà al principat. La revolució del sistema polític antic al nou també va marcar els àmbits econòmic, militar, administratiu, legal i cultural.

August, en més de quaranta anys de principat, va introduir reformes crucials durant els propers tres segles: [42]

Fonts i historiografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Fonts i historiografia sobre Octavi August .

Les principals fonts per a la vida i el paper d’August i altres membres de la família imperial estan representades per les biografies de Suetonio ( Vides dels Dotze Cèsars ), així com d’ Apiano di Alessandria ( Historia Romana ), Aurelio Vittore ( De Caesaribus ), Cassio Dione ( Historia Romana ), Tacitus ( Annales ), Velleio Patercolo ( Historiae Romanae ) i el mateix August ( Res gestae divi Augusti ).

Nom

Durant la seva vida, Augusto va poder canviar el seu nom diverses vegades. A continuació s’enumeren els noms utilitzats en les diverses etapes de la seva vida:

  • El nom de naixement del futur August era Caio Octavi , [49] homònim del seu pare biològic Caio Ottavio da Velletri. Suetonius originalment li atribueix el cognom Thurinus , que no obstant això sembla que no s'hagi utilitzat mai. [50] Cassius Dio cita Kaipias com un altre cognom d'August, poc certificat. [51] En el període comprès entre el naixement i l'adopció de Cèsar, els historiadors es refereixen a ell com "Octavi" (o Octavi).
  • El 8 de maig del 44 aC, després de l' adopció del seu testament per Cèsar , el seu nom oficial es va convertir en Caio Iulius Caesar [49] o, en plena forma amb filiació, en Caius Iulius C. f. Cèsar (Caio Juli Cèsar fill de Caio). [52] El cognom addicional, com era costum després d'una adopció, era Octavianus , però August mai la va utilitzar i els seus contemporanis el van anomenar Cèsar en aquest moment, encara que altres, inclòs Ciceró , solien anomenar-lo Octavianus . [53] Fins i tot la literatura científica moderna utilitza per al període de la seva aparició (44-27 aC), principalment el nom d' Octavià, o Octavi, per diferenciar-lo de Caio Juli Cèsar és el seu paper posterior d'August.
  • El gener del 42 aC, després de la deificació oficial de Cèsar, August va afegir Divi Filius al nom, convertint-se en Gaius Iulius Caesar Divi Filius Imperator . [49] [54] [55]
  • El 40 o 38 aC va substituir el praenomen Gaius i el nomen Iulius per Imperator , convertint-se en Imperator Caesar Divi Filius . [49] Al mateix temps, va utilitzar Cèsar , originalment cognom , en lloc del noble "Iulius", de manera que el nom es va convertir en Imperator Caesar Divi filius . [56] L’assumpció del títol d’ Imperator com a praenomen es va produir potser ja al 41 aC i, en qualsevol cas, no després del 31 aC [56] [57].
  • El 16 de gener del 27 aC, després de la victòria d' Actium , assumeix el títol honorari d' August que li va ser conferit pel Senat, de manera que el nom va adoptar la forma Imperator Caesar Divi filius Augustus [56] . Els historiadors fan servir el nom d’August per referir-se a ell en el període comprès entre el 27 aC i la seva mort. El nom d' Augusto juntament amb el de Cèsar van esdevenir des del començament del principat amb el seu successor Tiberi una part substancial del títol imperial . [58] En canvi, Imperator no va ser utilitzat pels primers successors d'August com a prenomen .
  • En el moment de la seva mort, el seu nom i títol eren: Imperator Caesar Divi filius Augustus, Pontifex Maximus , Co (n) s (ul) XIII, Imp (erator) XXI, Trib (unicia) pot (estate) XXXVII, P ( ater) p (atriae) [49] (en italià: "Emperador Cèsar, fill de l'estrella, [59] August, pontífex màxim, [4] 13 vegades cònsol, 21 vegades emperador, [60] 37 vegades titular de la Tribunicia potestas , pare del país ").
  • Després de la seva consagració el 14, el seu nom oficial es va convertir en Divus Augustus Divi filius . [61]

Biografia

Orígens de la seva família

Era fill de Gaius Octavius , un home de negocis que havia obtingut, primer de la gens Octavia (família rica de Velitrae ),[62] [63] càrrecs públics i un escó al Senat (per tant, era un homo novus ). [64] La mare, Azia major , provenia d'una família de diverses generacions de rang senatorial i de naixement il·lustre: de fet estava relacionada amb Cèsar i amb Gneo Pompeo Magno . [65] Azia era més precisament la filla de la germana de Cèsar, Julia la menor , i de Marco Azio Balbo ; Octavi, per tant, era besnét de Cèsar.[28]

Joves (63-44 aC)

Bust d'un jove Octavi ( Museu Arqueològic Nacional d'Aquileia )
El signe de Capricorn , el seu ascendent.

Va néixer a Roma nou dies abans de l'octubre de Calende abans de l'alba, en aquella part del Palatí cridada als caps de Capita Bubula ("bou"), que després de la seva mort va ser un santuari dedicat a ell.[25] Suetonio afegeix que inicialment vivia prop del Fòrum Romà , damunt de les "escales dels orfebres", a la casa que havia estat l'orador Gaius Licinius Calvo , a prop del turó Velia . [66] Més tard es va traslladar al turó del Palatí , en una casa igualment modesta que havia pertangut al consular i orador Quinto Ortensio Ortalo , no de grans dimensions i mancada de luxe, ja que les columnes de les seves arcades força baixes eren de pedra de muntanya. Albano, mentre que a les habitacions no hi havia ni marbre ni mosaics. Va dormir a la mateixa habitació durant més de quaranta anys, fins i tot a l’hivern, tot i que considerava que el clima hivernal de Roma no era adequat per a la seva salut. [66]

El seu nom de naixement era Gaius Octavius, al qual Turino es va afegir quan era petit ( Gaius Octavius ​​Thurinus ), un sobrenom en record del seu pare Ottavio, que va guanyar els esclaus fugitius a la regió de Thurii .[67]

Al voltant de quatre anys va perdre el seu pare (el 59 aC ). Als aproximadament dotze anys va pronunciar l'oració fúnebre ( laudatio funebris ) per a la seva àvia Julia (el 51 aC ).[68] Suetonio explica un episodi ocorregut durant aquest període segons el qual Ciceró , mentre acompanyava a Caio Juli Cèsar al Capitoli, va dir als seus amics que havia tingut un somni la nit anterior. En el somni havia vist un nen amb trets nobles, que baixava del cel penjat d’una cadena daurada i es detenia davant les portes del Capitoli, on Júpiter li donava un fuet. Quan Ciceró va veure Octavi, a qui l’oncle Cèsar havia fet venir a un sacrifici, va dir que era el noi que li apareixia en un somni. [63]

Quatre anys més tard, a l'edat de setze anys, va vestir la toga masculina [63] i va obtenir algunes recompenses militars a l' Àfrica , amb motiu del triomf del seu oncle avi Gaius Julius Caesar , sense haver participat ni tan sols a la guerra per la seva curta edat. . Quan el seu oncle va marxar a Espanya per lluitar contra els fills de Pompeu , el va seguir, tot i que es recuperava d’una greu malaltia. Va arribar a Cèsar amb una petita escort, després de viatjar pels carrers infestats d'enemics i després d'un naufragi. El seu oncle el va apreciar immediatament pel seu coratge. Havent acabat també la guerra a Espanya, Cèsar, que va planejar una campanya militar primer contra els dacis i després contra els parts , el va enviar a Apol·lònia , on es va poder dedicar a estudiar.[68]

Suetonio explica que durant la seva estada a Apol·lònia, Octavi va pujar amb el seu fidel amic, Marco Vipsanio Agrippa , a l'observatori de l'astròleg Teogen. Va ser Agripa qui el va consultar primer, rebent prediccions esplèndides sobre la seva vida futura, gairebé increïble. Octavi, per por de ser considerat d’orígens obscurs, va preferir inicialment no proporcionar les dades relatives al seu propi naixement, però després de nombroses pregàries, va consentir. Llavors Teogen es va aixecar del seu seient i el va adorar. Per aquest motiu, Octavi tenia tanta fe en el seu destí que va publicar el seu horòscop i es va encunyar una moneda de plata amb el signe de Capricorn , el seu ascendent: a l’època imperial es va donar més importància a aquest darrer que al signe de naixement. (escales per a August). [63]

El 44 aC , amb motiu de la mort de Cèsar , va saber que havia estat adoptat per testament pel seu tiet besavi com a fill i hereu i, segons el costum, va assumir el nomen noble ( Iulius ) i el cognomen ( Cèsar). ) del pare adoptiu, ometent tanmateix afegir com a tradició un segon cognom derivat de la gens d'origen adjectiu en - anus , convertint-se així en Caio Juli Cèsar ( Caio Iulius Cèsar ).[67] El nom d'Octavi va ser generalment difós per la propaganda dels opositors polítics, però no apareix en els documents oficials. Es diu que poc abans de ser assassinat, Cèsar l’havia nomenat segon magister equitum , al costat de Marco Emilio Lepido , en vista de la gran expedició d’Orient que estava preparant contra els parts , enviant-lo només divuit a Apol·lònia per verificar els preparatius de la futura guerra. Aquí es va informar a Octavi de l'assassinat del seu oncle (el 15 de març del 44 aC ), tot i que estava indecís sobre què fer, si va trucar a les legions orientals per demanar ajuda o renunciar, va preferir desistir d'aquest temerari emprendre i tornar a Roma per reclamar els seus drets com a fill adoptiu i hereu de Cèsar.[68] Suetonio torna a parlar d'un curiós episodi:

"En tornar d'Apol·lònia a Roma, després de la mort de Cèsar, un cercle, similar a l'arc de Sant Martí, va aparèixer de sobte al cel clar i pur, envoltant el sol, mentre que la tomba de Julie, filla de Cèsar, va ser colpejada diverses vegades per un llamps. [...] Tothom ho va interpretar com un presagi de grandesa i prosperitat ".

( Suetonio , August , 95. )

En arribar a la capital va reclamar la seva herència, malgrat les vacil·lacions de la seva mare i l'oposició del seu padrastreLucio Marcio Filippo , antic cònsol que s'havia casat amb la seva mare Azia després de la mort del seu pare ( 59 aC )[68].

"A partir d'aquest moment, Octavi va procurar un exèrcit i va governar la Res publica primer amb Marc Antoni i Marc Lèpid , després durant uns 12 anys amb Antonio sol (del 42 al 30 aC ) i, finalment, només durant 44 anys (del 30 aC al 14 ). "

( Suetonio , August , 8 )

Pujada al poder (44-23 aC)

Els escenaris i la divisió territorial dels triumvirs durant la guerra civil entre Octavi i Marc Antoni ( 44-31 aC )

Com a principal hereu de Cèsar, Octavi tenia dret a les tres quartes parts de la seva riquesa. Informat de l'assassinat del seu oncle avi, va decidir tornar a Roma per recuperar els seus drets com a fill adoptiu . Juntament amb ell, havien estat nomenats hereus Lucio Pinario i Quinto Pedio , que posseïen el quart restant de la finca de Cèsar; tanmateix, només Octavi podia prendre, com a únic fill adoptiu, el nom del difunt, convertint-se així en Caio Juli Cèsar Octavi . Cesare també va deixar als habitants de Roma tres-cents sestercis cadascun, a més dels seus jardins a la vora del Tíber ( Horti Caesaris ). [69]

Suetonio va resumir el següent període de les guerres civils de la següent manera:

«Augusto va fer cinc guerres civils : a Mòdena , a Filippi , a Perusa , a Sicília i a Azio . El primer i l'últim contra Marco Antonio , el segon contra Brutus i Cassius , el tercer contra Lucio Antonio , germà del triumvir , el quart contra Sesto Pompeo , fill de Gneo ".

( Suetonio , August , 9 )

Hereu de Cèsar

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Cesaricidio .
Bust de Cèsar , besoncle d'Octavi, que el va fer hereu.

Desembarcat a Bríndisi , on va ser acollit per les legions de Cèsar allotjades a l'espera de l'expedició a Orient, Octavi va prendre possessió dels aproximadament 700 milions de sestercis de diners públics destinats a la guerra contra els parts, que va utilitzar per adquirir un altre favor. entre els soldats i entre els veterans de Cèsar estacionats a Campània .

"Creient que el més important era venjar la mort del seu oncle i defensar el que havia fet, tan bon punt va tornar d'Apol·lònia, va decidir ser extremadament dur amb Brutus i Cassius, que no s'ho esperaven, i quan van entendre estar en perill, van fugir; [llavors Octavian] els va processar amb una acció judicial destinada a condemnar-los per assassinat ".

( Suetonio , August , 10 )

Octavi va arribar a Roma el 21 de maig, després que els cesaricides havien abandonat la ciutat durant més d’un mes, gràcies a una amnistia concedida pel cònsol supervivent, Marco Antonio . El jove es va afanyar a reclamar el nom adoptiu de Caius Julius Caesar , declarant públicament que acceptava l'herència del seu pare i, per tant, demanava prendre possessió dels béns familiars. Antonio, que en aquell moment com a cònsol i cap de la facció cesària tenia el control de la finca, però, va ajornar el pagament, al·legant la necessitat d’esperar a una lex curiata del Senat per ratificar la voluntat del difunt. Octavi decideix llavors, comprometent les seves possessions, avançar al poble les sumes que Cèsar havia deixat en el seu testament i dur a terme els jocs per a la victòria de Farsal . Així va aconseguir que molts dels cesarianos li fessin costat contra Antonio, el seu oponent directe en la successió política al Cèsar.

El Senat, i en particular Marco Tullio Ciceró , que el veia en aquell moment com un principiant inexpert donada la seva curta edat (i per tant Antonio que el considerava un noi "plenament deutor del nom del seu pare"), [70] disposat a ser maniobrat per l'aristocràcia senatorial i que va apreciar el debilitament de la posició d'Antonio, va aprovar la ratificació del testament, reconeixent a Octavi l' estatus d'hereu legítim de Juli Cèsar. Amb els béns de Cèsar ara a la seva disposició, Octavi va poder reclutar al juny un exèrcit privat d’uns 3.000 veterans, garantint a cadascun d’ells un salari de 500 denaris , mentre que Marc Antoni, obtingut per llei especial ( lex de permutatione provinciarum ) l’encàrrec - al final del seu any consular - de la Gàl·lia Cisalpina ja confiada al propietari Decimo Brutus , es preparava per fer guerra als cesaricides per recuperar el favor de la facció cesària. En aquesta ocasió Ciceró va escriure a Àtic expressant certesa sobre la fidelitat d'Octavi a la causa republicana, segur de la possibilitat d'explotar el potencial d'aquest jove descendent per eliminar Antonio, [71] que havia escapat il·lès (amb el greu disgust del parlant) dels Ides. . [72] Tàcit va comentar que en aquella ocasió l’hereu de Cèsar només va simular la lleialtat al partit neo-pompeià manat en aquell moment per Ciceró, amb la idea –com es veurà més endavant– d’aprofitar la situació. [73]

Mentrestant, Octavi, atès que els magistrats responsables no s’atrevien a celebrar el Ludi per la victòria del seu oncle Caesar, es va ocupar personalment d’organitzar-los (del 5 al 19 de setembre del 44 aC ). Posteriorment, per poder tirar endavant els seus altres projectes, tot i que era patrici però encara no era senador , es va presentar com a candidat per substituir una tribuna de la plebs , que acabava de morir. La seva candidatura es va reunir amb l'oposició del cònsol Marco Antonio , amb el suport del qual comptava el jove Octavi, però que evidentment aspirava a obtenir una gran recompensa. Aquest primer malentès amb Antonio el va portar a passar al costat dels optimistes . [74]

Primer conflicte amb Antoni (43 aC)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra de Mòdena .
Bust de Marc Tuli Ciceró ( Museus Capitolins , Roma ), autor d' Filippiche , oracions pronunciades pel mateix contra Marc Antoni al 44 / 43 aC

Quan a l'octubre, el suport del Senat a Octavi es va fer més urgent, amb Ciceró tronant amb els seus filipistes contra Antonio, va decidir recuperar el control de la situació recordant les legions estacionades a Macedònia a Itàlia . Davant d’aquesta amenaça, Octavi va recordar al novembre els veterans de Cèsar que li eren fidels, aviat també va obtenir la deserció de dues de les legions macedòniques d’Antoni, la IV i la Martia , que acabaven d’aterrar.

A causa de l'oposició del Senat (Ciceró està segur de la lleialtat del jove), l'intent de declarar Ottaviano hostis publicus per haver reclutat un exèrcit sense tenir l'autoritat (en realitat serà Antonio qui s'indiqui com a enemic de l'Estat que havia assetjat el propietor il·legítimament legítim), la consola va decidir llavors accelerar el temps d'ocupació de la Cisalpina, per aconseguir una posició forta per a l'any següent. Després de rebre la negativa de Decimo Brutus a vendre la Cisalpina, Antonio, gràcies al consentiment del Senat, va poder marxar a Mòdena , on va assetjar Brutus. [74]

Intanto Ottaviano, su consiglio di alcuni ottimati, provò ad assoldare alcuni sicari perché uccidessero Antonio, ma scoperto il suo tentativo, credendosi a sua volta in pericolo, arruolò una buona parte dei veterani di Cesare, facendo loro grandi largizioni per ottenerne il loro aiuto. [74] Il 1º gennaio 43 aC , giorno dell'insediamento dei nuovi consoli Pansa e Irzio , il Senato decretò l'abrogazione della legge che assegnava ad Antonio la Gallia Cisalpina e ordinò a questi di cessare immediatamente gli attacchi a Decimo Bruto. Ottenutone un netto rifiuto, i consoli vennero incaricati di marciare contro Antonio assieme a Ottaviano, cui venne conferito eccezionalmente l' imperium di pretore sì da legalizzare la condizione del suo esercito privato. [74]

Il 14 aprile e il 21 aprile Antonio venne sconfitto nella battaglia di Forum Gallorum e nella battaglia di Modena , nelle quali, però, rimasero uccisi i due consoli Irzio e Pansa, Ottaviano prese parte personalmente ai combattimenti del 21 aprile all'interno del campo di Antonio e alla fine rimase unico comandante delle legioni repubblicane. [75]

«Durante il primo scontro, se dobbiamo credere a quanto scrive Antonio, Ottaviano si diede alla fuga e ricomparve due giorni dopo, senza il suo mantello di comandante ed il cavallo; ma nella seconda sappiamo che fece il suo dovere non solo come generale, ma anche come soldato: vedendo, nel mezzo della battaglia, che l' aquilifer della sua legione era ormai ferito gravemente, prese con sé l' aquila sulle spalle e la tenne con sé per il tempo necessario.»

( Svetonio , Augustus , 10 )

Svetonio aggiunge che corse voce allora che fosse stato Ottaviano a far uccidere Aulo Irzio e Gaio Vibio Pansa , poiché, una volta messo in fuga Antonio e tolti di mezzo entrambi i consoli, potesse rimanere unico padrone degli eserciti vincitori. Tanto è vero che da Cicerone apprendiamo che, al termine della battaglia di Forum Gallorum , Pansa si ritirò al campo ferito, ma ancora in vita. [76] Una lettera a Cicerone scritta da Servio Sulpicio Galba , testimone oculare della battaglia, tace su eventuali ferite a danno del console. [77] Nel resoconto appianeo l'altro console, Irzio, risulta invece morire durante l'assalto al campo di Antonio, ma questa notizia è sospetta in quanto è quasi certo che Appiano abbia attinto all'autobiografia perduta di Augusto. [78]

A ogni modo la morte di Pansa sembrò talmente sospetta che Glicone, il suo medico, fu messo in prigione con l'accusa di aver lavato la ferita con il veleno. Aquilio Nigro sostenne, infine, che nella confusione della battaglia l'altro console, Irzio, fu ucciso dallo stesso Augusto. [75] E quando venne a sapere che Antonio, dopo la sconfitta, era stato accolto da Marco Emilio Lepido e che anche altri comandanti, insieme ai loro eserciti, si stavano avvicinando al partito a lui avverso, abbandonò la causa degli ottimati. [79] La tesi del complotto di Ottaviano sembra essere sostenuta anche da Tacito, che scrive:

«… tolti di mezzo Irzio e Pansa (furono uccisi dai nemici? Oppure a Pansa sparsero del veleno sulla ferita e Irzio venne ucciso dai suoi soldati e per macchinazione dello stesso Augusto?), si era impadronito delle loro truppe; che aveva estorto il consolato a un senato riluttante e rivolto le armi, avute per combattere Antonio, contro lo stato…»

( Tacito , Annales , I, 10 )

Tornato a Roma con l'esercito, infatti, malgrado la giovane età (aveva soli vent'anni), Ottaviano si fece eleggere console suffectus [32] assieme a Quinto Pedio , ottenendo compensi per i suoi legionari e facendo approvare dal Senato la lex Pedia contro i cesaricidi. In tal modo i consoli poterono rifiutarsi di portare ulteriore soccorso a Decimo Bruto , che, in fuga, venne infine ucciso nella Cisalpina da un capo gallo fedele ad Antonio. Svetonio racconta che:

«A vent'anni prese il consolato, facendo avanzare minacciosamente le sue legioni verso Roma ( urbem ) e inviando quei [soldati] che chiedessero per lui a nome dell'esercito; quando il Senato sembrò esitante, il centurione Cornelio, capo della delegazione, gettando indietro il suo mantello e mostrando l'impugnatura del suo gladio , non esitò a dire nella Curia : "Se non lo farete [console] voi, questa [spada] lo farà".»

( Svetonio , Augustus , 26 )

Il secondo triumvirato (43-33 aC)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Secondo triumvirato .

Dalla sua nuova posizione di forza, divenuto legalmente a capo dello Stato romano, Ottaviano prese contatti con il principale sostenitore di Antonio, il pontefice massimo Marco Emilio Lepido , già magister equitum di Cesare, con l'intenzione di ricomporre i dissidi interni alla fazione cesariana. Con gli auspici di Lepido, ottenne dunque che fosse organizzato un incontro a tre con Antonio nei pressi di Bononia . Da quel colloquio privato nacque un accordo a tre, tra lui, Antonio e Lepido [80] della durata di cinque anni. Si trattava del secondo triumvirato , riconosciuto legalmente dal Senato il 27 novembre di quello stesso anno con la Lex Titia , in cui veniva creata la speciale magistratura dei Triumviri rei publicae constituendae consulari potestate , ovvero "triumviri per la costituzione dello stato con potere consolare".

«Per dieci anni fece parte del triumvirato, creato per dare un nuovo ordine alla Repubblica : come suo membro cercò inizialmente di impedire che si iniziassero le proscrizioni, ma quando esse cominciarono si mostrò più spietato degli altri due. […] lui solo si batté in modo ostinato affinché non venisse risparmiato nessuno, arrivando a proscrivere anche C. Toranio, suo tutore, che era stato, inoltre, collega di suo padre come edile . […] più tardi si pentì di questa sua ostinazione e promosse al rango di cavaliere T. Vinio Filopomeno, che sembra avesse nascosto il suo padrone, quando era proscritto.»

( Svetonio , Augustus , 27 )

Il patto prevedeva la divisione dei territori romani: a Ottaviano toccarono Siria , Sardegna e Africa proconsolaris . I triunviri redassero delle liste di proscrizione , sull'esempio di Silla, contro gli oppositori di Cesare, che portarono alla confisca dei beni e all'uccisione di un gran numero di senatori e cavalieri, tra cui lo stesso Cicerone che pagò le Filippiche rivolte contro Antonio . A Roma e in Italia si scatenò quindi una caccia all'uomo senza eguali e in molti casi più feroce e indiscriminata di quella operata dopo la vittoria di Silla su Gaio Mario. Molte furono le vittime illustri: ben 300 senatori caddero sotto i colpi degli assassini e 2000 cavalieri ne seguirono la sorte. Si preparò nel contempo la guerra contro Bruto e Cassio ei cesaricidi.

Tra questi fu anche Cicerone, al quale Antonio non aveva perdonato le orazioni contro di lui, raccolte nelle Filippiche. Ottaviano, pur essendo stato protetto e incoraggiato dal grande intellettuale latino, non fece nulla per salvargli la vita. Altra barbarie decisa dai triumviri fu l'uso di appendere ai rostri del foro le teste dei nemici uccisi e di dare una ricompensa proporzionale a chi le portava: 25.000 denari agli uomini liberi, 10.000 agli schiavi con l'aggiunta della manomissione e della cittadinanza[3].

La battaglia di Filippi (42 aC)
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Filippi .
Aureo raffigurante Antonio e Ottaviano.

Nell'ottobre del 42 aC Antonio e Ottaviano, lasciato Lepido al governo della capitale, si scontrarono con i cesaricidi Marco Giunio Bruto e Gaio Cassio Longino e li sconfissero in due scontri a Filippi , nella Macedonia orientale. [80] I due anticesariani trovarono la morte suicidandosi. [81] La battaglia fu vinta soprattutto per merito di Antonio e la parte di Ottaviano non fu certo gloriosa visto che Plinio il Vecchio , nella sua Naturalis historia , afferma che " alla battaglia di Filippi [Ottaviano] cadde malato, fuggì e si nascose per tre giorni in una palude " o come riferisce Svetonio " il suo campo venne preso dal nemico e riuscì a scappare a stento, rifugiandosi dalla parte dove si trovava l'esercito di Antonio ". [80] La versione ufficiale fu che Ottaviano era stato esortato a fuggire in un sogno avuto dal suo medico. [82]

«Non fu certo moderato dopo la vittoria. Al contrario inviò a Roma la testa di Bruto affinché fosse gettata ai piedi della statua di Cesare; si accanì contro tutti i prigionieri nobili, riempiendoli di insulti; […] due prigionieri, padre e figlio, chiedevano la grazia di essere lasciati in vita, ma egli dispose che tirassero a sorte o giocassero alla morra per sapere chi dei due si sarebbe salvato. Poi assistette mentre morivano, poiché il padre, che si era offerto, venne sgozzato dallo stesso Ottaviano, mentre il figlio si suicidò. Ciò indusse tutti gli altri prigionieri […] quando vennero condotti al supplizio in catene, a salutare rispettosamente Antonio con il titolo di generale, non invece Ottaviano che ricoprirono dei più mostruosi insulti.»

( Svetonio , Augustus , 13 )

Ottaviano, Antonio e Lepido trovandosi padroni, ora, dei territori orientali procedettero a una nuova spartizione delle province: a Lepido furono lasciate la Numidia e l' Africa proconsolaris , ad Antonio, la Gallia , la Transpadania e l'Oriente romano, a Ottaviano spettarono l' Italia , la Sicilia , l' Iberia , e la Sardegna e Corsica .

Primi contrasti (41-39 aC)
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di Perugia .
Mappa ricostruttiva della guerra di Perugia .

Successivamente nacquero i primi contrasti: Lucio Antonio , fratello di Antonio, nel 41 aC si ribellò a Ottaviano poiché pretendeva che anche ai veterani del fratello fossero distribuite terre in Italia (oltre ai 170.000 veterani di Ottaviano), ma fu sconfitto a Perugia nel 40 aC . Svetonio racconta che durante l'assedio di Perugia, mentre stava facendo un sacrificio non molto distante dalle mura cittadine, Ottaviano per poco non fu ucciso da un gruppo di gladiatori che avevano compiuto una sortita dalla città. [83] Non si può provare che Antonio fosse a conoscenza delle azioni del fratello ma, dopo la sconfitta di quest'ultimo, [83] tanto Antonio come Ottaviano decisero di non dare troppo peso all'accaduto (Lucio Antonio fu risparmiato e perfino inviato in Spagna come governatore). [65] Contemporaneamente a questi fatti, il legato di Antonio in Gallia , un certo Quinto Fufio Caleno , morì e le sue legioni passarono dalla parte di Ottaviano, che poté appropriarsi di nuove province del rivale. Svetonio aggiunge:

«Dopo l'occupazione di Perugia, [Ottaviano] prese provvedimenti contro un gran numero di prigionieri ea chi chiedeva la grazia e di essere perdonato, rispose: «Si deve morire.» Altri dicono che, tra quelli che si erano arresi, ne scelse trecento tra i due ordini [senatorio e equestre] e li mandò a morte per le idi di marzo , di fronte ad un altare posto in onore del divo Giulio . Altri ancora raccontano che Ottaviano prese le armi in accordo con Antonio, per smascherare gli avversari che si nascondevano, […] Dopo averli sconfitti, confiscò i loro beni per poter mantenere le promesse di donativa fatte ai veterani

( Svetonio , Augustus , 15 )

Ottaviano a questo punto sposò Scribonia , parente di Sesto Pompeo : da questa donna, Ottaviano ebbe la sua unica figlia, Giulia . [29] [65] In realtà, però, né l'intesa, né il matrimonio durarono a lungo. Nell'estate del 40 aC Ottaviano e Antonio vennero ad aperte ostilità: Antonio cercò di sbarcare a Brindisi con l'aiuto di Sesto Pompeo, ma la città gli chiuse le porte. I soldati di ambedue le fazioni si rifiutarono di combattere ei triumviri, pertanto, misero da parte le discordie. Con il trattato di Brindisi (settembre del 40 aC) si venne a una nuova divisione delle province: ad Antonio restò l'Oriente romano da Scutari , compresa la Macedonia e l' Acaia ; a Ottaviano l'Occidente compreso l' Illirico ; a Lepido, ormai fuori dai giochi di potere, l' Africa e la Numidia ; a Sesto Pompeo fu confermata la Sicilia per metterlo a tacere, affinché non arrecasse problemi in Occidente. [65] Il patto fu sancito con il matrimonio tra Antonio, la cui moglie Fulvia era morta da poco, e la sorella di Ottaviano, Ottavia minore . Dopo la pace di Brindisi , Ottaviano ruppe inoltre l'alleanza con Sesto Pompeo, ripudiò Scribonia, e sposò Livia Drusilla , madre di Tiberio e in attesa di un secondo figlio.

Nel 39 aC , a Miseno , Ottaviano attribuì a Sesto Pompeo le province di Sardegna e Corsica , fondando dunque la città di Turris Libisonis , porto granario di Roma e promettendogli l' Acaia , ottenendo in cambio la ripresa dei rifornimenti a Roma (Pompeo con la sua flotta bloccava le navi provenienti dal Mediterraneo). Sesto Pompeo, però, stava diventando un alleato scomodo e Ottaviano decise di disfarsene di lì a poco. Si arrivò così a una prima serie di scontri non particolarmente felici per Ottaviano: la flotta preparata per invadere la Sicilia fu infatti distrutta sia da Sesto sia da un violento fortunale. [65]

Rinnovo e fine del triumvirato (38-33 aC)
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campagne partiche di Marco Antonio , Battaglia di Nauloco e Campagne militari di Ottaviano in Illirico (35-33 aC) .
La campagna militare in Sicilia contro le forze di Sesto Pompeo .

Nel 38 aC Ottaviano si risolse a incontrarsi a Brundisium con Antonio e Lepido per rinnovare il patto di alleanza per altri cinque anni. Nel 36 aC , però, grazie all'amico e generale Marco Vipsanio Agrippa , Ottaviano riuscì a porre fine alla guerra con Sesto Pompeo . Quest'ultimo, grazie anche ad alcuni rinforzi inviati da Antonio, fu infatti sconfitto definitivamente presso Nauloco .[5]

«La guerra di Sicilia fu una delle prime che [Ottaviano] cominciò, ma venne trascinata per lungo tempo, poiché fu interrotta più volte, sia per ricostituire le sue flotte che erano state distrutte dalle tempeste in due circostanze, nel bel mezzo dell'estate; sia perché, essendo stati interrotti i rifornimenti di grano alla città di Roma fu costretto a chiedere la pace, su insistenza del popolo, visto che la fame andava aggravandosi.»

( Svetonio , Augustus , 16 )

Ancora Svetonio racconta di altri episodi curiosi di questa guerra contro Pompeo, che vide Ottaviano:

«al momento di combattere, fu preso da un colpo di sonno così profondo che i suoi amici faticarono molto per svegliarlo, affinché desse il segnale d'attacco. Per questo motivo Antonio, lo credo io [Svetonio], aveva tutte le sue buone ragioni per rimproverarlo, sostenendo che egli non avesse avuto neppure il coraggio di osservare una flotta schierata a battaglia, al contrario di essere rimasto sdraiato sul dorso con gli occhi rivolti al cielo, terrorizzato, rimanendo in quella posizione, senza presentarsi ai soldati, fino a quando Agrippa non mise in fuga la flotta nemica. […] Dopo aver fatto passare in Sicilia un'armata, tornò in Italia a prendere le restanti truppe, ma fu assalito all'improvviso da Democaro e Apollofane, luogotenenti di Pompeo; fu un miracolo se riuscì a salvarsi, fuggendo su una sola imbarcazione. Un'altra volta, quando si trovava a piedi nei pressi di Locri, in direzione di Reggio, vide da lontano le navi di Pompeo lungo la costa. Convinto che fossero le sue, si diresse in spiaggia e per poco non venne fatto prigioniero. E proprio in questa circostanza, mentre fuggiva per sentieri impraticabili in compagnia di Paolo Emilio, uno schiavo di quest'ultimo, poiché lo odiava in quanto in passato [Ottaviano] aveva proscritto il padre del suo padrone, provando a vendicarsi, tentò di ucciderlo.»

( Svetonio , Augustus , 16 )

La Sicilia cadde e Sesto Pompeo fuggì in Oriente, dove poco dopo fu assassinato dai sicari di Antonio. [65]

A quel punto, però, Ottaviano dovette far fronte alle ambizioni di Lepido, il quale riteneva che la Sicilia dovesse toccare a lui e, rompendo il patto di alleanza, mosse per impossessarsene con venti legioni. Sconfitto però rapidamente, dopo che i suoi soldati lo abbandonarono passando dalla parte di Ottaviano, Lepido fu infine confinato al Circeo , pur conservando la carica pubblica di pontifex maximus .[5]

Dopo l'eliminazione graduale di tutti i contendenti nell'arco di sei anni, da Bruto e Cassio, a Sesto Pompeo e Lepido, la situazione rimase nelle sole mani di Ottaviano, in Occidente, e Antonio, in Oriente, portando un inevitabile aumento dei contrasti tra i due triumviri, ciascuno troppo ingombrante per l'altro, tanto più che i successi ottenuti nelle campagne militari di Ottaviano in Illirico (35-33 aC) e contro Lepido non erano stati compensati da Antonio in Oriente contro i Parti , limitandosi alla sola acquisizione in dote dell' Armenia . Ottenne un nuovo consolato, il secondo, nove anni dopo il primo (nel 33 aC ) e un terzo, un anno dopo il secondo (nel 31 aC ). [32] Alla sua scadenza, nel 33 aC , il triumvirato non venne rinnovato (durò infatti 10 anni[1] ). Ottaviano e Antonio inoltre non erano più legati da vincoli di sangue, visto che il primo aveva divorziato da Scribonia (parente di Antonio) nel 39 aC e il secondo aveva ripudiato Ottavia (sorella di Ottaviano) per congiungersi con Cleopatra.

Guerra con Antonio e la vittoria di Azio (33-31 aC)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Azio .
Mappa della battaglia di Azio .

Il conflitto era ora inevitabile. Mancava solo il casus belli , che Ottaviano trovò nel testamento di Antonio, in cui risultavano le sue decisioni di lasciare i territori orientali di Roma a Cleopatra VII d' Egitto e ai suoi figli, compreso Cesarione , figlio di Gaio Giulio Cesare . [84] Svetonio ricorda infatti che nel 32 aC :

«La sua alleanza con Antonio era sempre stata dubbia e poco stabile, mentre le loro continue riconciliazioni altro non erano che momentanei accomodamenti; alla fine si giunse alla rottura definitiva e per meglio dimostrare che Antonio non era più degno di essere un cittadino romano , aprì il suo testamento, da Antonio lasciato a Roma , e lo lesse davanti all'assemblea, dove designava come suoi eredi anche i figli che aveva avuto da Cleopatra

( Svetonio , Augustus , 17 )

Ancora Svetonio aggiunge che Antonio scriveva ad Augusto in modo confidenziale, quando non era ancora scoppiata la guerra civile tra loro:

«Che cosa ti ha cambiato? Il fatto che mi accoppio con una regina? È mia moglie. Non sono forse nove anni che iniziò [la nostra storia d'amore]? E tu ti accoppi solo con Drusilla? E così starai bene se quando leggerai questa lettera, non ti sarai accoppiato con Tertullia, o Terentilla, o Rufilla, o Salvia Titisenia o tutte. Giova forse dove e con chi ti accoppi?»

( Svetonio , Augustus , 69 . )

In seguito quando fece dichiarare nemico pubblico Antonio, gli rimandò i suoi parenti ei suoi amici, tra cui i consoli Gaio Sosio e Domizio Enobarbo . [84] Poi il Senato di Roma dichiarò guerra a Cleopatra, ultima regina tolemaica di Egitto, sul finire del 32 aC Antonio e Cleopatra furono sconfitti nella battaglia di Azio , del 2 settembre 31 aC e si suicidarono entrambi, l'anno successivo in Egitto. [84] [85]

Da Ottaviano ad Augusto (30-23 aC)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Principato (storia romana) .
La cosiddetta Gemma augustea , la cui complicata iconografia è una celebrazione delle gesta di Augusto.

Dopo Azio , Ottaviano non solo ordinò di uccidere il figlio di Cleopatra , Cesarione (la cui paternità veniva attribuita dalla regina a Cesare ), [84] ma decise di annettere l' Egitto ( 30 aC ), compiendo l'unificazione dell'intero bacino del Mediterraneo sotto Roma, e facendo di questa nuova acquisizione la prima provincia imperiale, governata da un proprio rappresentante, il prefetto d'Alessandria ed Egitto . [86] L' imperium di Ottaviano su questa provincia venne probabilmente sancito da una legge comiziale già nel 29 aC , due anni prima della messa in opera del nuovo assetto provinciale. Svetonio racconta che in questa circostanza, quando si trovava ancora ad Alessandria , Ottaviano:

«[…] si fece mostrare il sarcofago e il corpo di Alessandro Magno , prelevato dalla sua tomba: gli rese omaggio mettendogli sul capo una corona d'oro intrecciata con fiori. E quando gli chiesero se voleva visitare anche la tomba di Tolomeo, rispose che voleva vedere un re, non dei morti.»

( Svetonio , Augustus , 18 )

Per la storiografia moderna più datata, la nuova forma di governo provinciale riservata all' Egitto ebbe origine dal tentativo di compensare la popolazione indigena della perdita del loro monarca-dio (il faraone ), con la nuova figura del Princeps ; [87] in realtà, la scelta di Ottaviano di porre a capo della nuova provincia un prefetto plenipotenziario (figura che derivava direttamente dal prefetto della città tardo-repubblicana), il cosiddetto praefectus Alexandreae et Aegypti , titolo ufficiale attribuito al neo-governatore collegato alla soppressione della Bulè di Alessandria , fu dettata dal contesto in cui avvenne la conquista del paese: la guerra civile, ragioni di ordine strategico-militare nella lotta fra le due factiones tardo-repubblicane pro-occidente o pro-oriente, l'importanza del grano egiziano [86] per l' annona di Roma e, non da ultimo, il tesoro tolemaico. L'aver, infatti, potuto mettere le mani sulle risorse finanziarie dei Tolomei consentì a Ottaviano di pagare molti debiti di guerra, nonché decine di migliaia di soldati che in tanti anni di campagne lo avevano servito, disponendone l'insediamento in numerose colonie , [43] sparse in tutto il mondo romano. [88] Svetonio aggiunge che Ottaviano:

«[…] per meglio ricordare la vittoria di Azio, fondò nelle vicinanze la città di Nicopoli , dove vennero istituiti dei giochi quinquennali; fece ingrandire l'antico tempio di Apollo e consacrò a Nettuno ea Marte dove aveva posto gli accampamenti , adornandoli con le spoglie navali.»

( Svetonio , Augustus , 18 )
Aureo coniato nel 27 aC, negli anni del consolidamento del potere di Ottaviano.

Ottaviano era divenuto, di fatto, il padrone assoluto dello Stato romano, anche se formalmente Roma era ancora unarepubblica e Ottaviano stesso non era ancora stato investito di alcun potere ufficiale, dato che la sua potestas di triumviro non era stata più rinnovata: nelle Res Gestae riconosce di aver governato in questi anni in virtù del " potitus rerum omnium per consensum universorum " ("consenso generale"), avendo per questo motivo ricevuto una sorta di perpetua tribunicia potestas[1] (certamente un fatto extra-costituzionale). [89]

Finché questo consenso continuò a comprendere l'appoggio leale degli eserciti, Ottaviano poté governare al sicuro, e la sua vittoria costituì, di fatto, la vittoria dell' Italia sul vicino Oriente; la garanzia che mai il dominio romano avrebbe potuto trovare altrove il suo equilibrio e il suo centro al di fuori di Roma.

Il Senato gli conferì progressivamente onori e privilegi, ma il problema che Ottaviano doveva risolvere consisteva nella trasformazione della sostanza dei rapporti istituzionali, lasciando intatta la forma repubblicana. I fondamenti del reale potere vennero individuati nell' imperium e nella tribunicia potestas : il primo, proprio dei consoli , conferiva a chi ne era titolare il potere esecutivo, legislativo e militare, mentre la seconda, propria dei tribuni della plebe , offriva la facoltà di opporsi alle decisioni del senato, controllandone la politica grazie al diritto di veto. Ottaviano cercò di ottenere tali poteri evitando di alterare le istituzioni repubblicane e dunque senza farsi eleggere a vita console e tribuno della plebe ed evitando inoltre la soluzione cesariana (Giulio Cesare era stato eletto, prima annualmente e poi a vita dictator ). La carica di dittatore gli fu infatti offerta, ma egli prudentemente la rifiutò:

«Il popolo con grande insistenza offrì ad Augusto la dittatura, ma lo stesso, dopo essersi inginocchiato, fece cadere la toga dalle spalle e, a petto nudo, supplicò che non gli fosse imposta.»

( Svetonio , Augustus , 52 )
Statua di Augusto detta " Augusto di Prima Porta " o "Augusto loricato" , custodita ai Musei Vaticani .

Egli considerò il titolo di dominus («signore») come un grave insulto e sempre lo respinse con vergogna.

Augusto in un'incisione di Giovanni Battista Cavalieri, contenuta nell'opera Romanorum Imperatorum effigies del 1583. Dalla copia conservata presso la Biblioteca comunale di Trento

Svetonio racconta che un giorno, durante una rappresentazione teatrale alla quale assisteva, un mimo esclamò: O dominum aequum et bonum! («O signore giusto e buono!»). Tutti gli spettatori approvarono esultanti, quasi che l'espressione fosse rivolta ad Augusto, ma egli, non solo pose fine a queste adulazioni con un gesto e lo sguardo, il giorno seguente, emise anche un severo proclama che ne vietasse ulteriori piaggerie. Egli, infine, non permise che lo chiamassero dominus né i figli oi nipoti, che fosse per gioco o in tono serio. [90] Ancora Svetonio racconta che Ottaviano:

«Due volte pensò di restaurare la Repubblica: la prima volta subito dopo aver sconfitto Antonio, memore che quest'ultimo gli aveva ripetuto spesso che era lui il solo ostacolo al ritorno [della Repubblica]; [la seconda volta] di nuovo nella stanchezza di una malattia persistente. In quella circostanza convocò a casa sua magistrati e senatori dando loro un resoconto dell'Impero. Ma pensando che, come privato cittadino, non avrebbe potuto vivere senza pericolo e temendo di lasciare la Res publica in mano all'arbitrio di molti, continuò a mantenere [il potere]. Non sappiamo quale sia stata la cosa migliore da fare.»

( Svetonio , Augustus , 28 )

Nel 27 aC , Ottaviano restituì formalmente nelle mani del Senato e del popolo romano i poteri straordinari assunti per la guerra contro Cleopatra, ricevendo in cambio: il titolo di console da rinnovare annualmente, una potestas con maggiore auctoritas rispetto agli altri magistrati (consoli e proconsoli), poiché aveva diritto di veto in tutto l'Impero, a sua volta non assoggettato ad alcun veto da parte di qualunque altro magistrato; [91] l' imperium proconsolare decennale, rinnovatogli poi nel 19 aC, sulle cosiddette province "imperiali" (compreso il controllo dei tributi delle stesse), vale a dire le province dove fosse necessario un comando militare, ponendolo di fatto a capo dell'esercito; [92] il titolo di Augusto (su proposta di Lucio Munazio Planco ),[67] cioè " degno di venerazione e di onore ", [93] che sancì la sua posizione sacra che si fondava sul consensus universorum di Senato e popolo romano; l'utilizzo del titolo di Princeps ("primo cittadino"); il diritto di condurre trattative con chiunque volesse, compreso il diritto di dichiarare guerra o stipulare trattati di pace con qualunque popolo straniero. [94]

Questi poteri decretarono che le province fossero divise in senatorie, rette da magistrati eletti dal senato, e imperiali, rette da magistrati sottoposti al diretto controllo di Augusto; faceva eccezione l' Egitto , retto da un prefetto di rango equestre, munito di un imperium delegato da Augusto ad similitudinem proconsulis . L' imperium gli consentì di assumere direttamente il comando delle legioni stanziate nelle province " non pacatae " e di avere così costantemente a disposizione una forza militare a garanzia del suo potere, nel nesso inscindibile tra esercito e proprio comandante che era stato creato dalla riforma di Gaio Mario , ormai vecchia più di un secolo. L' imperium gli garantiva, inoltre, la gestione diretta dell'amministrazione e la facoltà di emanare decreta , decisioni di carattere giurisdizionale, ed edicta , decisioni di carattere legislativo.

Sotto il controllo del senato restarono le truppe di stanza nelle province senatoriali, le quali furono rette da un proconsole o propretore . Il senato stesso avrebbe potuto in qualunque momento emanare un senatus consultum limitando o revocando i poteri conferiti.

Cameo del I secolo con Augusto che indossa una corona con i raggi del Sole, presso il Museo Romano-Germanico di Colonia

Nel 23 aC fu conferita ad Augusto, la tribunicia potestas a vita[1] (che secondo alcuni gli era stata attribuita già dal 28 aC ), la quale divenne la vera base costituzionale del potere imperiale: comportava infatti l'inviolabilità della persona e il diritto di intervenire in tutti i rami della pubblica amministrazione, e questo senza i vincoli repubblicani della collegialità della carica e della sua durata annuale. Particolarmente significativo fu il diritto di veto, che garantì ad Augusto la facoltà di bloccare qualunque iniziativa legislativa che considerasse pericolosa per la propria autorità. Nello stesso anno l' imperium di cui già godeva divenne imperium proconsulare maius et infinitum , in modo da comprendere anche le province senatorie: tutte le forze armate dello Stato romano dipendevano ora da lui. [95]

«Egli stesso [Augusto] fece voto di compiere ogni sforzo, affinché nessuno potesse rammaricarsi del nuovo stato di cose

( Svetonio , Augustus , 28 )

E ancora gli furono conferite nuove onorificenze negli anni a venire. Nel 13 aC , quando il Pontefice massimo Lepido morì, Ottaviano ne prese il titolo divenendo il capo religioso dello Stato. [4] [39] [96]

«[divenuto pontefice massimo] radunò tutte le profezie greche e latine che […] erano tramandate tra il popolo, circa duemila, e le fece bruciare. Conservò solo i libri sibillini e, dopo un'attenta selezione, li pose in due armadi dorati ai piedi della statua di Apollo Palatino

( Svetonio , Augustus , 31 . )

Nell' 8 aC fu emanata la Lex Iulia maiestatis , con cui per la prima volta venne punita l'offesa alla "maestà" dell'imperatore, in seguito foriera di conseguenze negative per tutto il periodo successivo. E per finire, nel 2 aC , anno dell'inaugurazione del tempio di Marte Ultore e del Foro di Augusto , gli fu conferito il titolo onorifico di "Padre della patria" ( Pater Patriae ).[6]

Il principato (23 aC - 14)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Principato (storia romana) e Monetazione di Augusto .
Testa di bronzo di Augusto, ritrovata a Meroe in Nubia (attuale Sudan ).

L'ambizione di Augusto era quella di essere fondatore di un optimus status , facendo rivivere le più antiche tradizioni romane e nel contempo tenendo conto delle problematiche dei tempi. Il mantenimento formale delle forme repubblicane, nelle quali si inseriva il nuovo concetto della personale auctoritas del princeps (primo fra pari), permise di risolvere i conflitti per il potere vissuti nell'ultimo secolo della Repubblica. Egli non schiacciò affatto l'antica aristocrazia, ma le affiancò, in una più vasta cerchia del privilegio, il ceto degli uomini d'affari e dei funzionari, organizzati nell'ordine equestre, i cui membri furono spesso utilizzati dall'imperatore per controllare l'attività degli organi repubblicani e per il governo delle province imperiali. [97]

Ottaviano, una volta ricevuti i necessari poteri da parte di Senato e Popolo romano, cominciò ad assumere misure atte a dare all'Italia e alle Province il sospirato benessere dopo oltre un decennio di guerre civili: riordinò il cursus honorum delle magistrature repubblicane, ne creò di nuove (come la figura del curator o quella del praefectus Urbis [98] ), ripristinò la carica magistratuale del censore , [98] aumentò il numero dei pretori [98] e promosse leggi che frenavano il diffondersi del celibato e incoraggiavano la natalità, emanando la lex Iulia de Maritandis Ordinibus del 18 aC e la lex Papia Poppaea del 9 (a completamento della prima legge).

La pax Augusta

Con l'avvento del principato di Augusto iniziò un lungo periodo di pace interna. Restavano da pacificare la Spagna e alcune zone della Gallia e l'imperatore portò a termine il compito con decisione, guidando alcune campagne personalmente e affidandone altre ad Agrippa. Da quel momento gli eserciti furono impegnati solo nell'allargare i confini dell'Impero. Per decreto del senato, nel 17 aC si celebrò l'inizio di una nuova epoca, un nuovo saeculum di pace e si riprese la tradizione dei ludi saeculares , che durante la repubblica si erano tenuti ogni cent'anni, Per celebrare questo grande momento, nel 9 aC fu costruito nel Campo Marzio un grande altare alla Pace di Augusto, l' Ara Pacis Augustae .

Politica interna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica interna di Augusto .
Politica sociale e di moralizzazione
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Società romana , Mos maiorum e Cursus honorum .

I molti abusi che esistevano ancora dopo la fine della guerra civile , particolarmente pericolosi per l'ordine pubblico, vennero in gran parte ridimensionati dalla nuova politica autoritaria del princeps . Augusto represse il brigantaggio mettendo posti di guardia nelle località più opportune, spesso facendo ispezionare luoghi dove si credeva vi fossero in corso sequestri, disciolse poi tutte le associazioni ( collegia ), con l'eccezione di quelli più antichi. [99]

Considerando importante conservare la purezza della razza romana, evitando potesse mescolarsi con sangue straniero e servile, fu molto restio nel concedere la cittadinanza romana , ponendo anche precise regole riguardo all' affrancamento . [100] E così degli schiavi , una volta tenuti lontani dalla libertà parziale o totale, stabilì il loro numero, la condizione e la divisione in differenti categorie, in modo da stabilire chi potesse essere affrancato. [100]

Riorganizzò e ripulì l' ordine senatorio di quegli elementi giudicati deformi et incondita turba . Ne ridusse poi il numero alla cifra di un tempo, pari a 600, e gli restituì la sua antica dignità attraverso due selezioni: la prima era generata dai senatori stessi, in quanto ognuno sceglieva un collega; la seconda era operata dallo stesso princeps e dal fedele Marco Vipsanio Agrippa . [101] Elevò poi il censo senatoriale, portandolo da ottocentomila a un milione e duecentomila sesterzi, e diede la differenza ai senatori che non ne avevano abbastanza. [102]

Fece bruciare le liste dei vecchi debitori dell' erario , spesso utilizzate per accuse calunniose; a Roma lasciò ai proprietari del momento quei terreni che, in modo discutibile, la Res publica aveva ritenuto fossero suoi; fece distruggere i nomi di coloro che venivano costantemente accusati in modo sadico, senza che nessuno si lamentasse di loro, salvo i propri nemici; dispose inoltre che, qualora qualcuno avesse voluto nuovamente perseguitare costoro, avrebbe corso il rischio di essere a sua volta accusato e di subire la stessa pena. [99]

Politica religiosa
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religione romana .
Augusto di via Labicana , ritratto di Augusto come pontefice massimo in tarda età.

Riguardo invece alla politica religiosa, sappiamo che dopo il lungo periodo delle guerre civili , la crisi della religione romana , incominciata nella tarda età repubblicana , venne fermata in parte dagli interventi di Augusto, il quale

«… ripristinò alcune antiche tradizioni religiose che erano cadute in disuso, come l'augurio della Salute , la dignità del flamine diale , la cerimonia dei Lupercalia , i Ludi Saeculares e quelli Compitali . Vietò ai giovani imberbi di correre ai Lupercali e sia ai ragazzi, sia alle ragazze di partecipare alle rappresentazioni notturne dei Ludi Saeculares , senza essere accompagnati da un adulto della famiglia . Stabilì che i Lari Compitali fossero adornati di fiori due volte all'anno, in primavera ed estate.»

( Svetonio , Augustus , 31 )

Ebbe il massimo rispetto per i culti religiosi stranieri, ma solo per quelli di antica tradizione. Disprezzò invece gli altri. Egli ricevette infatti l'iniziazione ad Atene. Quando visitò l' Egitto , evitò di andare a vedere il bue Api , e si complimentò con il nipote Gaio Cesare , il quale passando per la Giudea non si era recato a Gerusalemme per farvi dei sacrifici. [103]

Amministrazione della giustizia
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diritto romano .

Anche la giustizia e il diritto romano vennero riformati. Augusto, infatti, per ottenere che nessun delitto risultasse impunito o archiviato a causa di continui ritardi, dispose che per gli atti forensi fossero previsti più di trenta giorni. Alle tre decurie di giudici ne aggiunse una quarta, seppure di censo inferiore, chiamata «dei ducenari», [104] con il compito di giudicare riguardo a importi inferiori. [99] I processi in appello a Roma, vennero affidati a un pretore urbano , quelli in provincia a consoli anziani, preposti dall'imperatore a questo genere di funzione. [105]

Lo stesso Augusto giudicava con assiduità e, qualche volta, anche di notte. Emise sentenze con il massimo scrupolo, ma anche con estrema indulgenza. [105] Svetonio racconta che quando testimoniava in tribunale, permetteva che lo interrogassero e lo contraddicessero con la più grande disponibilità e pazienza. [106]

Il princeps ritoccò alcune leggi , altre le rifece completamente, come la legge sugli adulteri (tra il 18 e 16 aC ), [107] ), il broglio e il matrimonio tra gli ordini sociali . [108] In quest'ultimo caso egli aveva ritenuto necessario assumere precisi provvedimenti per frenare il diffondersi del celibato e incoraggiare la natalità.

«Quando scoprì che la legge era aggirata, sia prendendo fidanzate troppo giovani, sia cambiando frequentemente la moglie, diminuì i tempi del fidanzamento e regolò i divorzi.»

( Svetonio , Augustus , 34 )
Amministrazione dell'Italia e di Roma
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italia romana e Regioni dell'Italia augustea .

Augusto divise l'Italia in undici regioni arricchendola di nuovi centri. Svetonio e le Res Gestae Divi Augusti parlano della fondazione di ben 28 colonie . [43] [44] [109] Riconobbe, in un certo qual modo, l'importanza di queste colonie, attribuendo diritti uguali a quelli di Roma, permettendo ai decurioni delle colonie di votare, ciascuno nella propria città, per l'elezione dei magistrati di Roma, facendo pervenire il loro voto nell' Urbe , il giorno delle elezioni. [43]

Rispetto alle province fu soprattutto l'Italia ad essere privilegiata da Augusto, che vi costruì una fitta rete stradale e abbellì le città dotandole di numerose strutture pubbliche (fori, templi, anfiteatri, teatri, terme..) [46] e di uffici di raccolta tributari. [43]

L'economia italica era florida: agricoltura, artigianato e industria ebbero una notevole crescita, che permise l'esportazione dei beni verso le province. L'incremento demografico fu rilevato da Augusto tramite tre censimenti[1]

Fece, infatti, di Roma una monumentale città di marmo e istituì due curatores aedium sacrarum et operum locorumque publicorum per preservare i templi e gli edifici pubblici; aumentò l'approvvigionamento idrico con la costruzione di due nuovi acquedotti [48] e creando un corpo di tre curatores aquarum per l'approvvigionamento idrico; la divise in 14 regiones per meglio amministrarla oltre a istituire cinque curatores riparum et alvei Tiberis , per proteggere Roma da eventuali inondazioni; [46] curò personalmente gli approvvigionamenti di cibo necessari alla popolazione della capitale, con la creazione del praefectus annonae e di due praefecti frumenti dandi (di rango senatorio) per somministrare i sussidi; incrementò, infine, il livello di sicurezza cittadina ponendo a salvaguardia dell'Urbe tre nuove prefetture: la praefectura vigilum per far fronte agli incendi di Roma; [45] [46] la praefectura Urbi al fine di mantenere l'ordine pubblico; la Guardia pretoriana , quale guardia personale del princeps . [110]

Opere pubbliche
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architettura romana e Roma antica .
Modellino ricostruttivo del foro di Augusto .

Sotto il suo governo vennero spese ingenti somme di denaro per fornire Roma di riserve di grano, acqua e di corpi di polizia, [45] e per l'erezione o il restauro di pubblici edifici.

«Roma non era all'altezza della grandiosità dell'Impero ed era esposta alle inondazioni e agli incendi, ma egli l'abbellì a tal punto che giustamente si vantò di lasciare di marmo la città che aveva trovato fatta di mattoni. Oltre a questo la rese sicura anche per il futuro, per quanto poté provvedere per i posteri.»

( Svetonio , Augustus , 28 )

Numerosi furono, infatti, gli edifici, le opere pubbliche ei monumenti celebrativi costruiti o restaurati durante il suo principato:

«[…] spesso esortò anche i privati affinché, ognuno secondo le proprie possibilità, adornasse la città con nuovi templi oppure restaurando e arricchendo quelli già esistenti.»

( Svetonio , Augustus , 29 )

Basterebbe ricordare, a titolo d'esempio:

Amministrazione provinciale
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Province romane e Cursus publicus .
Province senatorie (in rosa) ed imperiali (in rosso) nel 14 , sotto Augusto.

«Di alcune province cambiò condizione, e visitò spesso la maggior parte sia delle une sia delle altre. Certe città, per altro federate, ma che la dissolutezza stava mandando in rovina, furono private della loro libertà, altre, sotto il peso dei debiti, furono aiutate, altre ancora, distrutte dal terremoto, furono aiutate nella ricostruzione, e quelle che avevano dei meriti nei confronti del popolo romano, gli venne donato il diritto di cittadinanza o quello dei Latini . E non mi sembra che una sola provincia non sia stata dallo stesso visitata, ad eccezione dell' Africa e della Sardegna.»

( Svetonio , Augustus , 47 . )

Nel 27 aC, riorganizzò le province da un punto di vista fiscale e amministrativo, delegando l'amministrazione delle province nel seguente modo:

  • Per sé stesso, tenne le cosiddette province non pacificate [112] ovvero quelle in cui erano stanziate le legioni, con il fine di giustificare il potere sull' esercito . Erano dette imperiali e affidate ai legati Augusti pro praetore di rango senatorio. Faceva eccezione l' Egitto , in cui venne riconfermato il praefectus Alexandreae et Aegypti . Per l'aspetto tributario, tali province erano affidate a procuratores Augusti ; le entrate andavano a confluire sulla neonata cassa del principe, il fiscus .
  • Le rimanenti province, quelle di più antica costituzione (pacate) e prive di stanziamenti legionari (tranne che per la provincia d'Africa), vennero lasciate al governo delle promagistrature tradizionali ( proconsules ). [112] Tali province presero poi il nome di provinciae Populi Romani . I tributi venivano raccolti dai quaestores e confluivano nell' aerarium , l'antica cassa dello Stato romano.
  • Altri distretti, di minori dimensioni e importanza, non elevati al rango di provincia e nei quali erano stanziate solo truppe ausiliare, furono affidati a ufficiali, col titolo di prefetti civitatum . Questi distretti dipendevano dal legato della provincia (o dell'esercito) più vicino: così la prefettura di Giudea dipendeva dal legato di Siria e le prefetture alpine dal legato dell'esercito germanico.

Creò, inoltre, nuovi e numerosi municipi e colonie , al fine di portare avanti l'opera di romanizzazione nelle province. [43] [113] Creò inoltre il cosiddetto cursus publicus , vale a dire il servizio imperiale di posta che assicurava gli scambi all'interno dell' Impero romano .

«Affinché si potesse facilmente e più rapidamente annunciargli e portare a sua conoscenza ciò che succedeva in ciascuna provincia , fece piazzare, di distanza in distanza, sulle strade strategiche, dapprima dei giovani a piccoli intervalli, poi delle vetture. Il secondo procedimento gli parve più pratico, perché lo stesso portatore del dispaccio faceva tutto il tragitto e si poteva, inoltre, interrogarlo in caso di bisogno.»

( Svetonio , Augustus , 49 . )
Amministrazione finanziaria
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma monetaria di Augusto , Aerarium , Aerarium militare , Fiscus Caesaris , Congiaria e Fornitura di grano per la città di Roma .
Denario
Augustus-Denar.JPG
Denario raffigurante Augusto imperatore

Augusto riorganizzò l'amministrazione finanziaria dello Stato romano. Attribuì infatti un salario e una gratifica di congedo a tutti i soldati dell'esercito imperiale (sia ai legionari che agli ausiliari ); assegnò un salario ( salaria ) per il servizio pubblico per tutti i rappresentanti del senato, per poi estenderlo gradualmente anche alle magistrature ordinarie. La magistratura di tipo repubblicano fu retribuita con indennizzi e cibaria, piuttosto che con salaria. Costituì inoltre il fiscus (ovvero la cassa delle entrate dell'imperatore), accanto al vecchio aerarium , che rimase la cassa principale (affidata dal 23 aC a due pretori , non più a due questori ), [114] ma Augusto fu autorizzato ad attingere da esso le somme necessarie per tutte le funzioni amministrative e militari. L'imperatore, di fatto, poteva dirigere la politica economica di tutto l'impero e assicurarsi che le risorse fossero equamente distribuite in modo che le popolazioni sottomesse potessero considerare il governo di Roma una benedizione, non una condanna. Creò infine un aerarium militare per i compensi da dare ai veterani. [115]

Promosse, quindi, la rinascita economica, del commercio e dell'industria attraverso l'unificazione dell'area mediterranea, debellando completamente la pirateria e migliorando la sicurezza lungo le frontiere e internamente alle Province. Creò una fitta rete stradale con un ottimo livello di manutenzione (affidandole alla cura dei suoi generali, che dovettero farle ripavimentare con l'argento dei loro bottini), [46] istituendo numerosi curatores viarum per la manutenzione delle strade in Italia e nelle Province; nuovi porti commerciali e nuove attrezzature portuali come moli, banchine, fari; finanziò l'escavazione di canali e nuove esplorazioni (a volte anche militari oltreché commerciali) in terre lontane come l' Etiopia , la penisola arabica (fino all'attuale Yemen ), le terre dei Garamanti , dei Germani del fiume Elba e l' India . In questa maniera restaurò la pax romana in tutto l'impero. [116]

Inoltre, nel 23-15 aC, riordinò il sistema monetario , fissando i cambi tra la moneta aurea (1/40 di libbra) equivalente a 25 denari d'argento ea 100 sesterzi di rame, che restò praticamente immutato per due secoli. [117]

E infine, sappiamo che concesse numerosi congiaria , vale a dire distribuzioni di grano gratuite alla popolazione di Roma , o prestiti a tassi agevolati, come ci tramanda Svetonio :

«Fece il censimento del popolo per quartieri e affinché i plebei non fossero allontanati dalle loro occupazioni troppo spesso a causa della distribuzione di grano, assegnò tre volte all'anno tessere per l'approvvigionamento di quattro mesi; ma poiché essi desideravano tornare alla vecchia abitudine, concesse nuovamente che ciascuno prelevasse ogni mese ciò che gli era dovuto.»

( Svetonio , Augustus , 40 . )
Caratteristiche demografiche, economiche e sociali dell'Impero romano sotto Augusto
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Impero romano .
Le vie del commercio romano durante l' alto Impero romano .

Al tempo di Augusto l'Impero romano dominava su una popolazione di circa 55 milioni di persone (di cui 8-10 in Italia) su una superficie di circa 3,3 milioni di chilometri quadrati. Rispetto ai tempi moderni, la densità era piuttosto bassa: 17 abitanti per chilometro quadrato, i tassi di mortalità e natalità molto elevati e la vita media non superava i 20 anni. Solo un decimo della sua popolazione viveva nelle sue 3 000 città, più in particolare: 3 milioni circa abitavano nelle quattro città più grandi ( Roma , Cartagine , Antiochia e Alessandria ), di questi almeno un milione abitava nell'Urbe. Secondo calcoli approssimativi il prodotto interno lordo di quell'Impero era a quell'epoca attorno ai 20 miliardi di sesterzi e caratterizzato da vertiginose concentrazioni di ricchezze. Il reddito annuale dell'imperatore era attorno ai 15 milioni di sesterzi, quello dei 600 senatori ammontava a circa 100 milioni (0,5% del Pil), il 3% dei percettori di redditi godeva del 25% delle ricchezze prodotte. L'Italia, centro dell'Impero augusteo, godeva di una posizione privilegiata: grazie alle nuove conquiste di Augusto poteva disporre di nuovi grandi mercati di approvvigionamento (grano, in primo luogo, proveniente dalla Sicilia, dall' Africa , dall'Egitto) e di nuovi mercati di sbocco per le proprie esportazioni di vino e olio; le terre confiscate alle popolazioni sottomesse erano immense e dalle province arrivavano tributi in moneta e in natura (bottini di guerra, milioni di schiavi, tonnellate d'oro). [46] [118]

Nuovi impulsi culturali del circolo letterario di Mecenate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della letteratura latina (31 aC - 14 dC) .
Circolo di Mecenate , dipinto di Stefano Bakalovich , 1890 , Galleria Tret'jakov , Mosca

Allo sforzo politico di Augusto si affiancò l'elaborazione in tutti i campi di una nuova cultura, di impronta classicistica, che fondesse gli elementi tradizionali in nuove forme consone ai tempi. Poeti e letterati contribuirono nell'essere i portavoce del programma civico e politico del princeps ; [119] [120] successivamente subentrò una fase dove le energie spirituali andarono spegnendosi e dove prevalse una letteratura accademica, intesa come mero esercizio retorico, priva di quei contenuti morali e civili necessari. [121]

Augusto si avvalse dell'aiuto dei letterati dell'epoca per rielaborare il mito delle origini di Roma , andando a prefigurare una nuova età dell'oro che trovò come principali interpreti, autori come Virgilio , Orazio , Livio , Ovidio , Properzio e Vario Rufo , facenti parte del cosiddetto " circolo letterario di Mecenate ". [120] [122] [123] A quest'ambiente letterario appartenne anche Gaio Cornelio Gallo , che fu sia poeta sia uomo politico: come tale divenne il primo Prefetto di Alessandria e d'Egitto .

A fianco, vi era poi un altro circolo, quello "di Messalla", che ruotava attorno alla figura aristocratica di Marco Valerio Messalla Corvino , e che raccoglieva poeti di ispirazione bucolica ed elegiaca, in antitesi con gli interessi civili dei poeti di Mecenate. [124] Di questo secondo circolo facevano parte Tibullo , [125] Ligdamo e la poetessa Sulpicia ; egli era legato anche da amicizia con Orazio e Ovidio . Messalla a suo tempo era stato un valoroso generale e collaboratore di Ottaviano, che si ritirò a vita privata dopo il 27 aC . Questo circolo, in antitesi con quello di Mecenate, rinunciò all'impegno morale e civico, a favore di un'ispirazione idilliaca , agreste ed elegiaca . [126]

Orazio legge davanti al circolo di Mecenate , dipinto di Stefano Bakalovich , 1863

L'età di Augusto è considerata uno fra i più importanti e fiorenti periodi della storia della letteratura mondiale per numero di ingegni letterari, dove i principi programmatici e politici di Augusto erano appoggiati dalle stesse aspirazioni degli uomini di cultura del tempo. [119] Del resto la politica a favore del primato dell' Italia sulle province, la rivalutazione delle antiche tradizioni, accanto a temi come la santità della famiglia, dei costumi, il ritorno alla terra e la missione pacificatrice e aggregante di Roma nei confronti degli altri popoli conquistati, furono temi cari anche ai letterati di quell'epoca. [122]

I tempi erano ormai maturi perché la letteratura latina sfidasse quella greca, che allora veniva considerata insuperabile. Nella generazione successiva, sotto il principato di Augusto, fiorirono i maggiori poeti di Roma: Orazio , che primeggiò nella satira e nella lirica , emulava i lirici come Pindaro e Alceo , Virgilio , che si distinse nel genere bucolico , nella poesia didascalica e nell' epica , rivaleggiava con Teocrito , Esiodo e addirittura Omero ; e poi ancora Ovidio , maestro del metro elegiaco, e Tito Livio nella storiografia .

Lo stesso Augusto fu un letterato dalle molteplici capacità: scrisse in prosa e in versi, dalle tragedie agli epigrammi [127] fino alle opere storiche. Coltivò l'eloquenza fin dalla prima giovinezza, con grande passione e impegno. [128]

Riorganizzazione dell'esercito

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma augustea dell'esercito romano e Limes romano .
Il legionario ai tempi dell'imperatore Augusto.

Augusto riorganizzò l' esercito legionario e ausiliario , distribuendolo nella province . [115] Introdusse un esercito permanente di volontari, disposti a servire inizialmente per sedici anni, e poi per vent'anni dal 6, unicamente dipendente da lui; istituì un cursus honorum anche per coloro che aspiravano a ricoprire i più alti incarichi nella gerarchia dell'esercito, con l'introduzione di generali professionisti, non più comandanti inesperti mandati allo sbaraglio nelle province di confine; creò l' aerarium militare . [115]

«In campo militare introdusse molte nuove riforme e ristabilì anche alcune antiche usanze. Mantenne la più severa disciplina: dove i suoi legati non ottennero, se non a fatica e solo durante i mesi invernali, il permesso di andare a trovare le loro mogli. [...] Congedò con ignominia l'intera X legione , poiché ubbidiva con una certa aria di rivolta; allo stesso modo lasciò libere altre, che reclamavano il congedo con esagerata insistenza senza dare le dovute ricompense per il servizio prestato . Se alcune coorti risultava si fossero ritirate durante la battaglia, ordinava la loro decimazione e nutrire con orzo. Quando i centurioni abbandonavano il loro posto di comando erano messi a morte come semplici soldati, mentre per altre colpe faceva infliggere pene infamanti , come il rimanere tutto il giorno davanti alla tenda del proprio generale, vestito con una semplice tunica, senza cintura, tenendo in mano a volte una pertica lunga dieci piedi, oppure una zolla erbosa.»

( Svetonio , Augustus , 24 )

Delle legioni sopravvissute alla guerra civile, 28 rimasero dopo Azio, e 25 dopo ladisfatta di Teutoburgo ; vennero istituite le ali di cavalleria e le coorti di fanteria (o misti) di auxilia provinciali , traendoli da volontari non-cittadini, desiderosi di diventare cittadini romani al termine della ferma militare (della durata di 20-25 anni). In totale erano circa 340 000 uomini, di cui 140 000 servivano nelle legioni. Furono formate anche le coorti pretoriane e urbane (di Roma, Cartagine, Lione e d'Italia) e dei Vigili di Roma; [46] la flotta imperiale divisa in squadre a Ravenna , Miseno [115] (in precedenza posta a Portus Iulius presso Pozzuoli[5] ) e Forum Iulii , e quelle provinciali di Siria e Egitto , e le flottiglie fluviali su Reno, Danubio e Sava. [129]

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica estera di Augusto .
Le conquiste di Augusto fino al 6, prima delladisfatta di Varo nella selva di Teutoburgo.

Quasi a dispetto dell'indole apparentemente pacifica di Augusto, il suo principato fu più travagliato da guerre di quanto non lo siano stati quelli della maggior parte dei suoi successori. Solo Traiano e Marco Aurelio si trovarono a lottare contemporaneamente su più fronti, al pari di Augusto. Sotto Augusto, infatti, furono coinvolte quasi tutte le frontiere, dall'oceano settentrionale fino alle rive del Ponto, dalle montagne della Cantabria fino al deserto dell'Etiopia, in un piano strategico preordinato che prevedeva il completamento delle conquiste lungo l'intero bacino del Mediterraneo e in Europa, con lo spostamento dei confini più a nord lungo il Danubio e più ad est lungo l' Elba (in sostituzione del Reno ). [130]

Le campagne di Augusto furono effettuate con il fine di consolidare le conquiste disorganiche dell'età repubblicana, le quali rendevano indispensabili numerose annessioni di nuovi territori. Mentre l'Oriente poté rimanere più o meno come Antonio e Pompeo lo avevano lasciato, in Europa fra il Reno e il Mar Nero fu necessaria una nuova riorganizzazione territoriale in modo da garantire una stabilità interna e, contemporaneamente, frontiere più difendibili. [131]

Gli storici contemporanei si sono spesso trovati d'accordo nel negare le qualità militari di Augusto, insistendo sul fatto che raramente egli andò personalmente sui campi di battaglia. [132] Aurelio Vittore, ricordando una tradizione antica, diede di questo principe un ritratto più lusinghiero. Egli si dimostrò, invece un abilissimo uomo politico e geniale stratega, [133] forse l'esatto contrario di ciò che fu Annibale : validissimo generale e tattico, ma con una dubbia visione politico-strategica del suo tempo, accecata dall'odio per i Romani.

Prima di tutto, Augusto in persona si dedicò, con l'aiuto di Agrippa , a portare a compimento una volta per tutte la sottomissione di quelle "aree interne" all'impero non ancora conquistate completamente, a partire dalla parte nord-ovest della penisola iberica, che ormai creava problemi da decenni e che fu condotta sotto il dominio romano, dopo una serie di pesanti campagne militari in Cantabria durate 10 anni (dal 29 al 19 aC ). In seguito venne conquistato l'interno arco alpino , per dare maggior sicurezza interna ai valichi e alle relazioni fra Gallia e Italia . Le azioni nell'area furono numerose e spesso combinate su più fronti. I figliastri di Augusto, Druso e Tiberio , nel 15 aC , sottomisero la Rezia , Vindelicia e Vallis Poenina , con un'operazione "a tenaglia", il primo proveniente dal Brennero e il secondo dalla Gallia . [131][134]

Al termine della rivolta dalmato-pannonica del 6-9 , tutti i territori dell'area illirica a sud del fiume Drava furono sotto il definitivo controllo romano.

Ma fu la frontiera dell'Europa continentale che preoccupò Augusto più di ogni altro settore strategico. Essa comprendeva due settori principali: quello danubiano e quello renano . Dal 29 al 19 aC si procedette ad azioni combinate insieme ai re "clienti" traci , contro le popolazioni pannoniche , mesie , sarmatiche , getiche e bastarne fino ai confini macedoni . Il primo ad intraprendere campagne nell'area balcanica fu il proconsole di Macedonia , Marco Licinio Crasso , in quale batté ripetutamente le popolazioni di Mesi , Triballi , Geti e Daci (nel 29 e 28 aC ). A partire poi dal 14 al 9 aC i legati di Dalmazia e Macedonia , sotto l'alto comando prima di Agrippa [135] e poi di Tiberio , domarono Scordisci (sottomessi da Tiberio nel 12 aC [136] ), Dalmati e Pannoni e respinsero le scorrerie di Bastarni , Sarmati e Daci d'oltre Danubio , mentre Pannonia e Dalmazia furono finalmente condotte sotto il dominio romano. Fu solo in seguito alla soppressione della rivolta durata per ben tre anni nell'area dell' Illirico romano (dal 6 al 9 ), che Tiberio poté fissare definitivamente il confine al fiume Drava . [131][137]

Le campagne germaniche di Domizio Enobarbo del (3-1 aC), di Tiberio e del suo legato, Gneo Senzio Saturnino , del 4 - 6 .

Le popolazioni germaniche avevano più volte tentato di passare il Reno : nel 38 aC (anno in cui gli alleati germani , Ubi , furono trasferiti in territorio romano) [138] e nel 29 aC i Suebi , mentre nel 17 aC i Sigambri , insieme a Usipeti e Tencteri ( clades lolliana ). [139] Augusto ritenne fosse giunto il momento di annettere la Germania , come aveva fatto suo padre Gaio Giulio Cesare con la Gallia . Desiderava portare i confini dell' Impero romano più ad est, dal fiume Reno al fiume Elba . Il motivo era di ordine prettamente strategico, più che di natura economico-commerciale. Si trattava infatti di territori acquitrinosi e ricoperti da interminabili foreste ma il fiume Elba avrebbe ridotto notevolmente i confini esterni dell'impero. [131][134]

Toccò al figliastro di Augusto, Druso maggiore , il gravoso compito di operare in Germania. Le campagne che si susseguirono furono numerose , discontinue, e durarono per circa un ventennio dal 12 aC al 6 portando alla costituzione della nuova provincia di Germania con l'insediamento di numerose installazioni militari a sua difesa. Tutti i territori conquistati in questo ventennio furono però definitivamente compromessi quando nel 7 Augusto inviò in Germania Publio Quintilio Varo , sprovvisto di doti diplomatiche e militari, oltreché ignaro delle genti e dei luoghi. Nel 9 un esercito di 20 000 uomini composto da tre legioni venne massacrato nellaselva di Teutoburgo , portando alla definitiva perdita di tutta la zona tra il Reno e l'Elba. [65] [131][134]

Dettaglio dell' Augusto loricato o "di Prima Porta", statua dell'imperatore Augusto, ritratto in tenuta militare da parata. Sulla corazza è rappresentata la scena della consegna delle insegne legionarie di Marco Licinio Crasso da parte del re dei Parti , Fraate IV .

La presenza di Augusto in Oriente subito dopo la battaglia di Azio , nel 30 - 29 aC e dal 22 al 19 aC , oltre a quella di Agrippa fra il 23 - 21 aC e ancora tra il 16 - 13 aC , dimostrava l'importanza di questo settore strategico. Fu necessario raggiungere un modus vivendi con la Partia , l'unica potenza in grado di creare problemi a Roma in Asia Minore . Per questi motivi la politica di Augusto si differenziò in base a due aree strategiche dell'Oriente antico. [131] [140]

Ad occidente dell' Eufrate , dove Augusto provò ad inglobare alcuni stati vassalli, trasformandoli in province, come la Galizia di Aminta nel 25 aC , o la Giudea di Erode Archelao nel 6 ; rafforzò vecchie alleanze con re locali, divenuti "re clienti di Roma", come accadde ad Archelao , re di Cappadocia , ad Asandro re del Bosforo Cimmerio , ea Polemone I re del Ponto , [141] o ai sovrani di Emesa e Iturea . [140] [142]

Ad oriente dell'Eufrate, in Armenia , Partia e Media , Augusto ebbe come obbiettivo quello di ottenere la maggiore ingerenza politica senza intervenire con dispendiose azioni militari. Ottaviano mirò infatti a risolvere il conflitto con i Parti in modo diplomatico, con la restituzione nel 20 aC , da parte del re parto Fraate IV , delle insegne perdute da Crasso nella battaglia di Carre del 53 aC Augusto avrebbe potuto rivolgersi contro la Partia per vendicare le sconfitte subite da Crasso e da Antonio , al contrario ritenne invece possibile una coesistenza pacifica dei due imperi, con l' Eufrate come confine per le reciproche aree di influenza. Di fatto entrambi gli imperi avevano più da perdere da una sconfitta, di quanto potessero realisticamente sperare di guadagnare da una vittoria. Infatti, durante tutto il suo lungo principato, Augusto concentrò i suoi principali sforzi militari in Europa. Il punto cruciale in Oriente era, però, costituito dal Regno d'Armenia che, a causa della sua posizione geografica, era da un cinquantennio oggetto di contesa fra Roma e la Partia. Egli mirò a fare dell'Armenia uno Stato-cuscinetto romano, con l'insediamento di un re gradito a Roma, e se necessario imposto con la forza delle armi, come avvenne nel 2 quando, di fronte a una possibile invasione romana dell'Armenia, Fraate V riconobbe la preminenza romana davanti a Gaio Cesare , mandato in missione da Augusto. [140]

La provincia romana d' Egitto durante la conquista romana, al tempo dell' imperatore Augusto.

La frontiera meridionale africana, per finire, poneva problemi diversi nei suoi settori orientale e occidentale. [143]

Ad oriente, dopo la conquista nel 30 aC , l' Egitto divenne la prima provincia imperiale, retta da un prefetto di rango equestre, il prefetto d'Egitto , a cui Ottaviano aveva delegato il proprio imperium sul paese, con ben tre legioni di stanza ( III Cyrenaica , VI Ferrata e XXII Deiotariana ). L'Egitto costituì negli anni seguenti una base di partenza strategica per spedizioni lontane; il primo prefetto, Cornelio Gallo , dovette reprimere un'insurrezione nel sud dell'Egitto, Elio Gallo esplorò l' Arabia Felix , Gaio Petronio si spinse in direzione dell' Etiopia ( 25 - 22 aC ) fino alla sua capitale. [131] [144]

Ad occidente la provincia d'Africa e la Cirenaica conobbero due guerre: fra il 32 e il 20 aC contro i Garamanti dell'attuale Libia , mentre fra il 14 aC e il 6 fu la volta dei Nasamoni della Tripolitania , dei Musulami della regione di Theveste , dei Getuli e dei Marmaridi delle coste mediterranee centrali. [131] [145]

I Romani intuirono che il compito di governare e di civilizzare un gran numero di genti contemporaneamente era pressoché impossibile, e che sarebbe risultato più semplice un piano di annessione graduale, lasciando l'organizzazione provvisoria affidata a principi nati e cresciuti nel paese d'origine. Nacque quindi la figura dei re clienti , la cui funzione era quella di promuovere lo sviluppo politico ed economico dei loro regni, favorendone la civilizzazione e l'economia. Augusto, infatti, dopo essersi impadronito per diritto di guerra ( belli iure ) di numerosi regni, quasi sempre li restituì agli stessi governanti a cui li aveva sottratti oppure li assegnò a principi stranieri. [146] Riuscì anche ad unire all'Impero i re alleati attraverso legami di parentela. Si preoccupò di questi regni come se fossero parte del sistema provinciale imperiale , giungendo ad assegnare a principi troppo giovani o inesperti un consigliere, in attesa che crescessero e maturassero; allevando ed educando i figli di molti re, affinché molti di loro tornassero nei loro territori a governare come alleati del popolo romano. [146] In seguito, quando i regni raggiungevano un livello di sviluppo accettabile, essi potevano essere incorporati come nuove province o parti di esse. Le condizioni di stato vassallo-cliente erano, dunque, di natura transitoria.

Tale disegno politico fu applicato all' Armenia , alla Giudea (fino al 6 ), alla Tracia , alla Mauretania e alla Cappadocia . A questi re clienti fu lasciata piena libertà nell'amministrazione interna, e probabilmente non furono tenuti a pagare tributi regolari, ma dovevano provvedere a fornire truppe alleate al bisogno oltre a concordare preventivamente la loro politica estera con l'imperatore. [147]

Il problema della successione al principato

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dinastia giulio-claudia e Albero genealogico giulio-claudio .
Denario raffigurante Augusto insieme a Agrippa .

«Ma il destino ( Fortuna ) non gli permise di essere soddisfatto, fiducioso e di avere una progenie e una casa ben disciplinata. Le due Giulie, la figlia e la nipote , colpevoli di ogni atto empio, le esiliò; nello spazio di diciotto mesi perse Gaio e Lucio , il primo in Licia , il secondo a Marsiglia . Adottò allora, nel Foro con la legge curiata, il terzo nipote Agrippa e il figliastro Tiberio ; ben presto, a causa della natura infame e feroce di Agrippa, lo rinnegò e lo esiliò a Sorrento.»

( Svetonio , Augustus , 65 )

La successione, che toccò alla fine a Tiberio , al termine del suo principato, fu una delle più grandi preoccupazioni della vita di Augusto. Ottaviano, che in gioventù ebbe come fidanzata la figlia di Publio Servilio Vatia Isaurico , sposò nel 42 aC la figliastra di Antonio, Clodia Pulcra , una volta riconciliatosi con lui. L'anno successivo ( 41 aC ), ripudiò Clodia per sposare prima Scribonia e, poco dopo, si innamorò di Livia Drusilla (appartenente ad una delle più illustri famiglie patrizie romane), moglie di un certo Tiberio Claudio Nerone . Dopo la vittoria di Perugia ( 40 aC ), Ottaviano riuscì ad imporre loro il divorzio, mentre Livia era ancora gravida del secondogenito, Druso , e la sposò (fine del 39 aC ), portando nella sua nuova casa sia la figlia, Giulia , avuta da Scribonia, [29] sia il primogenito di Livia, Tiberio . Svetonio racconta che egli non ebbe nessun figlio da Livia, benché lo desiderasse moltissimo. Lei ebbe una gravidanza, ma il bambino nacque prematuramente. [29]

Per alcuni anni Augusto sperò di avere come erede il nipote Marco Claudio Marcello , figlio di sua sorella Ottavia, al quale, nel 25 aC, diede in moglie la figlia, Giulia, [29] [148] suscitando, però, il malumore di Agrippa, che per questo motivo fu allontanato da Roma. Due anni più tardi Marcello moriva ( 23 aC ) e Ottaviano fu costretto a richiamare Agrippa , costringendolo a divorziare da Claudia Marcella maggiore (figlia anch'ella della sorella Ottavia), per dargli in moglie la giovanissima Giulia, ormai vedova di Marcello da 2 anni. [29]

Agrippa apparve, così, suo successore designato in caso di morte prematura, facendo ormai parte della famiglia Giulia. Nel 18 aC , infatti, ad Agrippa fu conferito l' imperium proconsulare maius (come quello di Augusto) per cinque anni, e la tribunicia potestas ,[1] per quanto egli non avesse gli stessi poteri di Augusto, né la sua auctoritas .

Processione della famiglia di Augusto sul lato sud dell' Ara Pacis : la gens Giulio - Claudia .

Nel 20 aC Giulia diede al marito un primo figlio, Gaio , [149] e un secondo nel 17 aC , Lucio , entrambi adottati da Augusto. [29] [30] [150]

In quegli anni, intanto, andavano distinguendosi i due figli di Livia, Tiberio , e Druso , [151] quest'ultimo si dice fosse preferito da Augusto perché figlio naturale del princeps , come suggerisce Svetonio :

«… vi fu anche chi sospettò che Druso fosse figlio adulterino del patrigno, Augusto. Poco dopo venne infatti divulgato un verso: "La gente fortunata riesce ad avere dei figli in tre mesi". […] Augusto amò immensamente Druso da vivo, tanto da nominarlo sempre coerede insieme ai suoi figli… e da morto lo lodò in pubblico… al punto di pregare gli Dei affinché i due Cesari fossero simili a lui.»

( Svetonio , Claudius , 1 )

Con la morte di Agrippa, nel 12 aC , [152] e poi quella prematura di Druso in Germania nel 9 aC (la cui morte sconvolse così tanto Augusto da spingerlo a spostarsi nel cuore dell'inverno a Ticinum , per accogliere le spoglie di Druso [153] ), la successione sarebbe ricaduta sui due figli di Giulia e di Agrippa, Gaio Cesare e Lucio Cesare, [30] mentre Tiberio, fu costretto da Augusto a separarsi dalla moglie Vipsania Agrippina , per sposare la figlia dell'imperatore, Giulia, vedova di Agrippa. [29] [154] In caso di morte prematura del princeps , Tiberio doveva prenderne il posto fino a quando i giovani Gaio e Lucio non fossero cresciuti.

Questo matrimonio si rivelò infelice e costituì la causa non ultima del volontario esilio di Tiberio a Rodi (dal 6 aC al 2), tanto più che Augusto vedeva nei due figli adottivi i futuri eredi. Ma la sorte fu favorevole a Tiberio. Giulia, la cui condotta formava argomento di pubblico scandalo, fu allontanata dal padre da Roma (2 aC), [155] e pochi anni dopo i due Cesari morivano: Lucio nel 2 a Marsiglia , mentre si apprestava a raggiungere la Spagna, e Gaio nel 4, per i postumi di una ferita mai guarita, mentre si apprestava a tornare a Roma dall'Oriente. [156] Ad Augusto non restava che Tiberio.

Il 26 giugno 4 Augusto annunciò la sua decisione: adottava Marco Vipsanio Agrippa Postumo (poco dopo ripudiato e mandato in esilio), l'ultimo figlio ancora in vita di Agrippa e Giulia, e Tiberio [31]
Gaio Cesare [30] (a quest'ultimo conferì in seguito la tribunicia potestas[1] ). Benché quest'ultimo avesse già un figlio, Druso minore , Augusto lo costrinse ad adottare il nipote prediletto, Germanico Giulio Cesare (figlio del fratello di Tiberio, Druso maggiore , morto in Germania nel 9 aC, e di Antonia minore , figlia di Ottavia minore e Marco Antonio ). [157] Germanico era di un solo anno più vecchio rispetto al figlio di Tiberio, perciò aveva precedenza nella successione. [158] Tiberio diventò così il nuovo imperatore di Roma alla morte di Augusto nel 14 , dando origine alla dinastia giulio-claudia .

Morte e testamento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mausoleo di Augusto .
Il mausoleo di Augusto , che raccolse le ceneri di tutti gli imperatori e famigliari della dinastia giulio-claudia ad eccezione di Nerone

Secondo quanto racconta Svetonio , vi sarebbero stati, infine, segni evidenti che ne preannunciarono la sua morte e la sua divinizzazione. Mentre stava compiendo la cerimonia della lustratio nel Campo Marzio, davanti al popolo romano, un'aquila gli volò più volte attorno; subito dopo si diresse verso il vicino tempio , sedendosi sulla prima lettera del nome di Agrippa . Visto ciò chiese a Tiberio, suo collega, di pronunciare i voti per la lustratio successiva, poiché non se la sentiva di pronunciare ciò che non poteva mantenere in futuro. [159]

Sempre in questo stesso periodo un fulmine fece cadere dall'iscrizione della sua statua la prima lettera del suo nome; gli venne annunciato che sarebbe vissuto solo cento giorni da questo evento, pari al numero indicato dalla lettera "C", e che sarebbe stato divinizzato poiché « aesar », ovvero quanto rimaneva della parola « Caesar », in lingua etrusca, significa « Dio ». [159]

Augusto allora, dopo aver disposto che Tiberio partisse per l' Illyricum , si mise in viaggio per accompagnarlo fino a Benevento. Giunto ad Astura, si imbarcò di notte, per approfittare del vento favorevole, ma cominciò ad avere attacchi di dissenteria. [159] Costeggiò, quindi, i lidi della Campania e fece il giro delle isole vicine, fermandosi per quattro giorni a Capri . Qui assistette agli esercizi degli efebi , in virtù di un'antica istituzione. Fece anche servir loro un banchetto in sua presenza, permettendo loro di divertirsi senza freni, saccheggiando i cesti di frutta, di cibo e altre cose che faceva lanciare. Sapendo che era ormai prossimo alla morte, non volle privarsi di alcun divertimento. In seguito passò da Napoli e, sebbene continuasse a soffrire al ventre, seguì il concorso quinquennale di ginnastica istituito in suo onore. Poi accompagnò Tiberio fino al luogo stabilito nei pressi di Benevento. Sulla strada del ritorno la sua malattia si aggravò, tanto da costringerlo a fermarsi a Nola. Qui chiese a Tiberio di tornare indietro, e con lo stesso si trattenne in un lungo colloquio segreto. [160]

Ricostruzione ideale dell'architettura originaria del mausoleo di Augusto, di Luigi Canina

L'ultimo giorno della sua vita, chiese uno specchio, si fece sistemare i capelli e, chiamati i suoi amici, chiese loro se avesse ben recitato la commedia della vita, aggiungendo la tradizionale formula conclusiva: [161]

( EL )

«εὶ δέ τι Ἐπεὶ δὲ πάνυ καλῶς πέπαισται, δότε κρότον Καὶ πάντες ἡμᾶς μετὰ χαρᾶς προπέμψατε.»

( IT )

«Se la commedia è stata di vostro gradimento, applaudite e tutti insieme manifestate la vostra gioia.»

( Svetonio , Augustus , 99 )

Li congedò tutti e improvvisamente spirò tra le braccia di Livia, dicendole: [161]

( LA )

« Livia, nostri coniugii memor vive, ac vale! »

( IT )

«Livia, vivi nel ricordo del nostro matrimonio, e addio!»

( Svetonio , Augustus , 99 )

Ebbe una morte dolce, come aveva sempre auspicato. Prima di morire mostrò un solo segno di delirio mentale, quando si lamentò di essere trascinato da quaranta giovani. In effetti fu un presagio, poiché proprio quaranta soldati pretoriani lo portarono sulla piazza pubblica. [161] Morì nella stessa camera in cui spirò il padre, Gaio Ottavio , durante il consolato dei due Sesti, Pompeo e Appuleio , quattordici giorni prima delle calende di settembre (19 agosto 14 ), alla nona ora del giorno, alla veneranda età di quasi settantasette anni (mancavano trentacinque giorni al suo compleanno). [162]

Il suo corpo venne trasportato da Nola a Roma . Ebbe due orazioni funebri : una di Tiberio davanti al tempio del Divo Giulio , l'altra di Druso , il figlio di Tiberio, dall'alto dei rostri antichi . Subito dopo i senatori lo portarono a spalla fino al Campo Marzio dove venne cremato. Un vecchio pretoriano giurò di aver visto salire al cielo il fantasma di Augusto, subito dopo la sua cremazione. I personaggi più influenti dell' ordine equestre , in tunica, senza cintura, a piedi nudi, deposero i suoi resti nel mausoleo a lui dedicato, fatto costruire tra la via Flaminia e la riva del Tevere durante il suo sesto consolato, avendo poi aperto al pubblico i boschetti e le passeggiate da cui era circondato. [162] In seguito le ceneri dei suoi successori, della dinastia giulio-claudia , vennero qui deposte. Sappiamo però da Svetonio che Augusto vietò, nel suo testamento, che sua figlia Giulia e sua nipote, Giulia anche lei, venissero deposte anch'esse nel suo sepolcro, dopo la loro morte. [163]

Augusto aveva redatto il suo testamento un anno e quattro mesi prima di morire. Lo aveva scritto su due fogli e lo aveva depositato presso le Vergini Vestali , che lo consegnarono unitamente ad altri tre rotoli anch'essi sigillati. Questi documenti furono aperti e letti in Senato. Egli aveva designato come eredi: [163]

Lasciò poi al popolo romano quaranta milioni di sesterzi , alle tribù tre milioni e mezzo, ai pretoriani mille sesterzi ciascuno, cinquecento a ciascun soldato delle coorti urbane e trecento ai legionari . Ordinò poi che questa somma fosse pagata senza ritardo, avendola tenuta come sua riserva personale. [163] Fece anche altri lasciti, dove alcuni non superavano i ventimila sesterzi. Stabilì che tutte queste cifre fossero pagate entro un anno e dichiarò che i suoi eredi non avrebbero preso più di centocinquanta milioni di sesterzi. Si giustificò infine sul totale del lascito, scrivendo che, sebbene negli ultimi venti anni i testamenti degli amici gli avessero lasciato quattro miliardi di sesterzi, questi erano stati spesi per la maggior parte per il bene della Res publica , insieme ai suoi due patrimoni e le altre eredità. [163]

Res Gestae

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Res Gestae Divi Augusti .
Monumentum Ancyranum . Il tempio di Augusto e Roma ad Ancyra sulle cui pareti sono incise le Res Gestae Divi Augusti .

Augusto lasciò alla sua morte un dettagliato resoconto delle sue opere: le Res Gestae Divi Augusti . Svetonio in particolare racconta che una volta morto, lasciò tre rotoli, che contenevano:

  • il primo, disposizioni per il suo funerale,
  • il secondo, un riassunto delle opere, da incidere su tavole in bronzo e da collocare davanti al suo mausoleo
  • il terzo: la situazione dell' Impero . Quanti soldati erano sotto le armi e dove erano dislocati, quanto denaro era nell' aerarium e quanto nelle casse imperiali , oltre alle imposte pubbliche. [163]

Il testo dell'opera è tramandato da un'iscrizione, sia in latino sia in traduzione greca , rinvenuta nel 1555 . Era incisa sulle pareti del tempio, dedicato alla città di Roma e ad Augusto, situato ad Ancyra (l'odierna Ankara , la capitale della Turchia ) e pertanto è stata denominata Monumentum Ancyranum . Altre copie, molte delle quali sono giunte frammentarie, dovevano essere incise sulle pareti dei templi a lui dedicati.

In uno stile volutamente stringato e senza concessioni all'abbellimento letterario, Augusto riportava gli onori che gli erano stati via via conferiti dal Senato e dal popolo romano per i servizi da lui resi; le elargizioni ei benefici concessi con il suo patrimonio personale allo Stato, ai veterani di guerra e alla plebe; i giochi e le rappresentazioni dati a sue spese; infine gli atti da lui compiuti in pace e in guerra.

Il documento non menziona il nome dei nemici e neppure quello di qualche membro della sua famiglia, con l'eccezione dei successori designati: Marco Vipsanio Agrippa , Gaio Cesare e Lucio Cesare , oltre al futuro imperatore Tiberio .

Titolatura e monetazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Monetazione di Augusto e Fasti triumphales .

Il princeps ottenne nel corso degli anni:

«Due volte entrò in Roma con gli onori dell' ovazione : la prima volta dopo la guerra di Filippi , la seconda dopo la guerra di Sicilia . Tre volte celebrò il trionfo curule: per la Dalmazia , per Azio e per Alessandria , tutti e tre in tre giorni consecutivi.»

( Svetonio , Augustus , 22 )

Eredità culturale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Augusto nell'eredità storica culturale .

Note

  1. ^ a b c d e f g h Svetonio , Augustus , 27 .
  2. ^ a b c Res Gestae , 4 .
  3. ^ AE 2001, 1012 ; CIL XI, 367 ; CIL II, 4712 (p XLVIII, 992); CIL III, 10768 (p 2328,26).
  4. ^ a b c d Cassio Dione , LIV, 27.2 .
  5. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 16 .
  6. ^ a b Svetonio , Augustus , 58 .
  7. ^ Cassio Dione , LIV, 10.5 e 30.1 .
  8. ^ a b c d e f Fasti triumphales .
  9. ^ Ottaviano trionfò su Sesto Pompeo a Nauloco nel 36 aC
  10. ^ Ottaviano si meritò la 3º salutatio imperatoria per i successi conseguiti in Illirico : Svetonio , Augustus , 22 .
  11. ^ Ottaviano ottenne una nuova salutatio imperatoria per la vittoria di Azio : Svetonio , Augustus , 22 .
  12. ^ Ottaviano nel 29 aC celebrò un triplice trionfo: per la Dalmazia, Azio e la conquista dell'Egitto ( Svetonio , Augustus , 22 ).
  13. ^ CIL VI, 40306 databile a dopo il 23 aC
  14. ^ Cassio Dione , LIV, 8, 1 . Velleio Patercolo , II, 91 . Livio , 141 . Svetonio , Augustus , 21; Tiberius , 9 . RIC Augustus , I, 510; Sutherland Group VIIa; RSC 298; RPC I 2218; BMCRE 703 = BMCRR East 310; BN 982-3 and 985; CNR 809/2.
  15. ^ RIC Augustus I 367 (databile al 16 aC ); RSC 348; BMCR 99 = BMCRR Rome 4490; BN 368-71.
  16. ^ CIL III, 3117 databile al 10 aC per imperator XII.
  17. ^ CIL V, 3325 . AE 1954, 88 . AE 1981, 547 = AE 1984, 584 . AE 1984, 583 ; Cassio Dione , LIV, 31.4 ; Syme 1993 , p. 106 .
  18. ^ AE 1951, 205 ; CIL II, 4917 ; CIL II, 4923 ; AE 1959, 28 ; AE 1967, 185 ; AE 1973, 323 databile al 6 aC ; AE 1980, 610 ; AE 1987, 735 ; Cassio Dione , LV, 6.4-5 .
  19. ^ AE 1997, 1495 . AE 1997, 1496 . CIL II, 4776 . CIL II, 4868 . CIL II, 6215 .
  20. ^ Cassio Dione , LV, 10a.5-7 .
  21. ^ a b Cassio Dione , LVI, 17 .
  22. ^ Svetonio , Tiberius , 17 .
  23. ^ CIL XI, 367 . Miliari Hispanico 1.
  24. ^ AE 2001, 1012 ; Velleio Patercolo , II, 122, 2 .
  25. ^ a b c Svetonio , Augustus , 5 .
  26. ^ a b c Svetonio , Augustus , 62 .
  27. ^ Svetonio , Augustus , 3 .
  28. ^ a b Svetonio , Augustus , 4 .
  29. ^ a b c d e f g h Svetonio , Augustus , 63 .
  30. ^ a b c d e Svetonio , Augustus , 64 .
  31. ^ a b c Svetonio , Augustus , 65 .
  32. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Svetonio , Augustus , 26 .
  33. ^ Tale epigrafe fa parte del periodo del secondo triumvirato. Testo per esteso dell'epigrafe: Gaius Iulius Caesar, Gaii filius, triumvir rei publicae constituendae ; in italiano Gaio Giulio Cesare, figlio di Gaio, triumviro per la restituzione della repubblica .
  34. ^ Cassio Dione , LIII, 16, 8 .
  35. ^ In italiano Imperatore Cesare , figlio del Divo (Giulio) , Augusto .
  36. ^ Mario Mazza, Augusto in camicia nera. Storiografia e ideologia nell'era fascista REVISTA DE HISTORIOGRAFÍA (RevHisto), Universidad Carlos III de Madrid, 27, 27 novembre 2017, p.125, doi=10.20318/revhisto.2017.3966
  37. ^ Canfora 2015 .
  38. ^ Cassio Dione , LIII, 32, 5-6 .
  39. ^ a b c Svetonio , Augustus , 31 .
  40. ^ Svetonio , Augustus , 8 riferisce che Ottaviano rimarrà padrone assoluto di Roma per 44 anni, dalla morte di Marco Antonio avvenuta in Egitto nel 30 aC
  41. ^ Mazzarino 1973 , pp. 73 ss. ; Scarre 1995 , p. 17 riporta il numero degli anni in cui gli fu conferita la tribunicia potestas (dal 23 aC ), data ufficiale in cui ottenne il potere tribunizio a vita dal Senato ( Svetonio , Augustus , 27 ), con auctoritas superiore a qualsiasi altra magistratura e base costituzionale del potere imperiale.
  42. ^ Simpatico il giudizio che ne dà Giorgio Ruffolo: «Di solito, dopo Augusto, gli imperatori hanno compiuto la loro metamorfosi nel senso più ovvio della patologia del potere: dalla normale virtù alla follia criminale. Lui la percorse a ritroso: da gangster a padre della patria. Da questa canaglia sbocciò infatti il fondatore di uno dei più gloriosi regimi della storia» ( Ruffolo 2004 , p. 73 ).
  43. ^ a b c d e f Svetonio , Augustus , 46 .
  44. ^ a b Res Gestae , 28 .
  45. ^ a b c Strabone , V, 3, 7 .
  46. ^ a b c d e f g h Svetonio , Augustus , 30 .
  47. ^ Augusto fu infatti capace di circondarsi di validi generali come: l'amico e genero Marco Vipsanio Agrippa , i figliastri Tiberio e Druso , e un alto numero di altri aristocratici come Gaio Senzio Saturnino , Marco Vinicio , Lucio Domizio Enobarbo , Lucio Calpurnio Pisone , Marco Valerio Messalla Messallino Marco Plauzio Silvano , Aulo Cecina Severo , Gaio Vibio Postumo , Marco Emilio Lepido , Tito Publio Carisio , Sesto Appuleio , Publio Silio Nerva , Antistio Vetere , Gneo Cornelio Lentulo l'Augure , Sesto Elio Catone , ecc.
  48. ^ a b Svetonio , Augustus , 42 .
  49. ^ a b c d e Scarre 1995 , p. 17 .
  50. ^ Svetonio, Augustus , 7,1 . Svetonio specifica di averlo letto in un busto che aveva regalato a un imperatore del suo tempo ( Traiano oAdriano ?). Inoltre afferma che Marco Antonio lo usava come espressione del suo disprezzo. Svetonio non è sicuro dei motivi per cui il giovane Gaius Octavius avesse il cognomen Thurinus . Dà due possibilità: avrebbe potuto indicare l'origine della famiglia dal territorio di Thurii (gli Ottavi tuttavia venivano probabilmente da Velitrae ) oppure essere in collegamento con una vittoria di suo padre nella regione Thurina . Tuttavia questa ipotesi è messa in dubbio da FX Ryan, Kaipias. Ein Beiname für Augustus , in: Studia humaniora Tartuensia , 6, 2, 2005, Anmerkung 2 ( online ) sulla base della epigrafe CIL VI, 41023 , che non menziona nessuna vittoria corrispondente.
  51. ^ Cassio Dio 45,1,1 : Ὀκτάουιος Καιπίας . In questo caso sono state cercate diverse interpretazioni come, ad esempio, un'inesatta traslitterazione di Copiae (il nome latino di Thurii ) in greco. Ryan, Kaipias , vede in questo caso un collegamento con il segno zodiacale di Augusto (Capricornus) . Questo raro cognomen Caipias è stato trovato tra le altre cose, in un altare del I secolo aC nella cripta della chiesa dei francescani di Montefalco , così che la famiglia degli Ottavi potrebbe essere collegata all' Umbria .
  52. ^ Con C. f. per Gaii filius ("figlio di Gaius"). cfr. anche la descrizione di Appiano come "Cesare figlio di Cesare" ( De bellis civilibus 3,11,38). Cicerone , ad Atticum 14,12, riferisce che già prima dell'accettazione pubblica della sua adozione chiamava se stesso Caesar , il che è confermato da Cassio Dione 45,3. Una forma intermedia Octavius Caesar si può trovare in Appiano ( De bellis civilibus 4,8,31 segg.) per l'anno 43 aC, ma non è considerata storicamente rilevante ed è vista in qualche modo come un falso.
  53. ^ Per questo motivo Octavianus nella ricerca è stato posto prevalentemente tra parentesi: C. Iulius C. f. Caesar (Octavianus) (cfr. anche Syme: The Roman Revolution (1933), p. 307 segg. e 322 segg.; Hubert Cancik: Zum Gebrauch militärischer Titulaturen im römischen Herrscherkult und im Christentum . In: Heinrich von Stietencron: Der Name Gottes . Düsseldorf 1975, p. 112–130, qui: p. 113 segg.).
  54. ^ Jo-Ann Shelton, As the Romans Did (Oxford University Press, 1998), 58.
  55. ^ A volte: Gaius Iulius Divi Iuli(i) filius Caesar . Anche in questo caso è discutibile la tradizione di Cassio Dione 47,18,3, che Ronald Syme non segue, Imperator Caesar. A study in nomenclature , in: Historia 7, 1958, p. 172–188. Andreas Alföldi ( Der Einmarsch Octavians in Rom, August 43 v. Chr. , in Hermes 86, 1958, pp. 480–496) data le prime monete con DIVI IVLI•F• und DIVI•F• all'anno 43 aC, dopo che Ottaviano ebbe il controllo della zecca capitolina. Questo punto di vista è sostenuto da Nicola Damasceno ( FGrHist 18,55) e Appiano ( De bellis civilibus 3,11,38), dove è chiarito che Ottaviano tendeva a sostenere la sua azione politica con una consacrazione religiosa.
  56. ^ a b c cfr. Ronald Syme: Imperator Caesar. A study in nomenclature . In: Historia 7 (1958), pp. 172–188.
  57. ^ Luciana Aigner Foresti, Antichità classica , Milano, Jaca Book, 1993, p. 215, ISBN 88-16-43908-4 .
  58. ^ Caesar nella titolatura imperiale, specialmente in quella del primo Augusto, evocava con cautela una dimensione personale, storica, senza porre troppo l'accento sulla posizione sociale e politica. Augustus (come il titolo di pater patriae ) si avvicina al mito fondatore di Roma (v. Quirino e Romolo ).
  59. ^ In questo caso si intende il dittatore Giulio Cesare, divinizzato ( Divus Iulius ) . La titolatura (la componente del nome) Divi filius ("figlio del Dio") fu usata da tutti gli imperatori che erano figli di un divus , così per esempio Tiberio come Divi Augusti filius e Tito come Divi Vespasiani filius .
  60. ^ La cifra allegata XXI indica le vittorie, che Augusto stesso oi suoi legati hanno ottenuto sotto il suo comando. Imperator è in questo caso non il titolo di un ufficio, ma un vero praenomen , come a dire un "Nome del potere" (Syme e Béranger, in: Cancik 1975). La prima "acclamazione imperatoria" di Ottaviano ebbe luogo nel 43 aC dopo la sua vittoria su Antonio preso Mutina .
  61. ^ Singoli templi e altari erano presenti in Italia e nelle Province per un culto di Augusto come Dio durante la sua vita, oltre al culto del Genius Augusti , non come Divus Augustus , ma come Divi filius , oppure come Divus Iulius (Ittai Gradel: Emperor Worship and Roman Religion . Oxford 2002).
  62. ^ Svetonio , Augustus , 1 .
  63. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 94 .
  64. ^ Svetonio , Augustus , 2-3 e 98 .
  65. ^ a b c d e f g Wells 1995 .
  66. ^ a b Svetonio , Augustus , 72 .
  67. ^ a b c Svetonio , Augustus , 7 .
  68. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 8 .
  69. ^ Plutarco , Cesare , 68; Svetonio , Caesar , 83 .
  70. ^ Cicerone, Philippicae , XIII; da una lettera di Antonio a Irzio , inviata in copia a Cicerone e letta da questi pubblicamente in Senato.
  71. ^ Cicerone, Ad Atticum , XV, 12, 2
  72. ^ Canfora 2007 , pp. 72-73 .
  73. ^ Tacito , Annales , I, 10
  74. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 10 .
  75. ^ a b Svetonio , Augustus , 11 .
  76. ^ Cicerone, Philippicae , XIV, 26)
  77. ^ Cicerone, Ad familiares , X, 30
  78. ^ Appiano , Guerre civili , III, 71
  79. ^ Svetonio , Augustus , 12 .
  80. ^ a b c Svetonio , Augustus , 13 .
  81. ^ Mario Attilio Levi , Augusto e il suo tempo , Milano, 1994, p. 143 e s.
  82. ^ Velleio Patercolo , II, 70 .
  83. ^ a b Svetonio , Augustus , 14 .
  84. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 17 .
  85. ^ François Chamoux , Marco Antonio: ultimo principe dell'oriente greco , Milano, Rizzoli, 1988, p. 254 e s. ISBN 88-18-18012-6
  86. ^ a b Svetonio , Augustus , 18 .
  87. ^ Mazzarino 1973 , pp. 66-67 .
  88. ^ Giovanni Geraci, Genesi della provincia romana d'Egitto , Bologna, Clueb, 1982; Tim Cornell e John Matthews, Atlante del Mondo Romano , Novara, De Agostini, 1984, pp. 72-73; Scullard 1983 , vol. II, p. 257 (nella sola Italia furono fondate 28 nuove colonie).
  89. ^ Mazzarino 1973 , p. 68 e s. ; Syme 1962 , pp. 313-458
  90. ^ Svetonio , Augustus , 53 .
  91. ^ Tacito , III, 56 .
  92. ^ Cassio Dione , LIV, 10, 5 ; Tacito , XII, 41, 1 .
  93. ^ Svetonio ( Augustus , 7) racconta che:

    «Alcuni volevano, quasi fosse anche lui il fondatore della città, che fosse chiamato Romolo ; alla fine venne scelto il nome di Augusto , per novità e importanza. Il termine deriva da auctus come pure da avium gestus o gustus applicandosi ai luoghi sacri della tradizione religiosa nei quali si compivano sacrifici dopo aver preso gli auspici, come riferiscono i versi di Ennio : " Dopo che l'illustre Roma venne fondata sotto augusti auspici

    ( Svetonio , Augustus , 7 )
  94. ^ CAH , p. 50 e s.
  95. ^ Cassio Dione , LIII, 32, 5-6 ; Syme 1993 , p. 107 e s.
  96. ^ Mazzarino 1973 , p. 78 ; Scullard 1983 , vol. II, p. 264 ; CAH , p. 30 .
  97. ^ Ruffolo 2004 , p. 75 .
  98. ^ a b c Svetonio , Augustus , 37 .
  99. ^ a b c Svetonio , Augustus , 32 .
  100. ^ a b Svetonio , Augustus , 40 .
  101. ^ Svetonio , Augustus , 35 .
  102. ^ Svetonio , Augustus , 41 .
  103. ^ Svetonio , Augustus , 93 .
  104. ^ Il termine di ducenario si riferisce al reddito annuale di un funzionario pubblico, pari a 200.000 sesterzi .
  105. ^ a b Svetonio , Augustus , 33 .
  106. ^ Svetonio , Augustus , 56 .
  107. ^ Svetonio , Augustus , 71 .
  108. ^ Svetonio , Augustus , 34 .
  109. ^ Sull'identificazione delle 28 colonie augustee d'Italia, cfr. M. Lilli, L'Italia romana delle regiones , 2004.
  110. ^ CAH , p. 77 e s. ; Le Bohec, op. cit. , p. 28.
  111. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 29 .
  112. ^ a b Svetonio , Augustus , 47 .
  113. ^ CAH , p. 74 e s.
  114. ^ Svetonio , Augustus , 36 .
  115. ^ a b c d Svetonio , Augustus , 49 .
  116. ^ Mazzarino 1973 , p. 91 e s. ; CAH , p. 66 e s.
  117. ^ Ruffolo 2004 , p. 74 .
  118. ^ Ruffolo 2004 , pp. 24-25 .
  119. ^ a b Svetonio , Augustus , 89 .
  120. ^ a b Perelli 1969 , p. 178 .
  121. ^ Perelli 1969 , p. 176 .
  122. ^ a b Perelli 1969 , p. 177 .
  123. ^ Gaio Cilnio Mecenate apparteneva all' ordine equestre . Era un uomo di raffinata cultura che ebbe rapporti di vera amicizia con i letterati del suo "circolo". Dava loro aiuti materiali, proteggeva, lasciando loro una certa libertà di ispirazione, pur indirizzandoli verso quei principi che costituivano la base della propaganda augustea.
  124. ^ Perelli 1969 , p. 214 .
  125. ^ Tibullo, Corpus Tibullianum , I, 7; Panegirico di Messalla , III, 7.
  126. ^ Perelli 1969 , p. 181 .
  127. ^ Marco Valerio Marziale ne attesta uno in Epigrammaton libri , XI, 20, vv. 3-8.
  128. ^ Svetonio , Augustus , 84 .
  129. ^ Yann Le Bohec, L'esercito romano , Roma, Carocci, 1992, p. 33 e s.
  130. ^ Syme 1993 , pp. 104-105 ; Anna Maria Liberati e Francesco Silverio, Organizzazione militare: esercito (Vita e costumi dei Romani antichi, vol. 5), Roma, Quasar, 1988; Ronald Syme (1933). Some notes on the legions under Augustus . Journal of Roman Studies 23 : pp. 21-25; Svetonio , Augustus , 20 .
  131. ^ a b c d e f g h Nardi 2009 , pp. 92-112 .
  132. ^ André Piganiol , Histoire de Rome , Paris, Presses Universitaires de France, 1939, p. 225; Paul Petit, Histoire générale de l'Empire romain , Paris, Éditions du Seuil, 1974, p. 32.
  133. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus , I, 1 .
  134. ^ a b c Maxfield 1989 , pp. 159-163 .
  135. ^ Cassio Dione , LIV, 28.2 .
  136. ^ Velleio Patercolo , II, 39, 3 . Cassio Dione , LIV, 31, 3 . András Mócsy , Pannonia and Upper Moesia , p. 25; Ronald Syme (1971). Augustus and the South Slav Lands . Danubian Papers, p. 21; Lentulus and the Origin of Moesia , p. 44.
  137. ^ Maxfield 1989 , pp. 191-192 .
  138. ^ Strabone , IV, 3, 4 (Gallia).
  139. ^ Con riferimento all'episodio del 17 aC confronta: Floro , II, 30, 23-25 ; Cassio Dione , LIV, 20 ; Velleio Patercolo , II, 97 ; Svetonio , Augustus , 23 ; Tacito , I, 10 .
  140. ^ a b c Kennedy 1989 , pp. 304-309 .
  141. ^ Cassio Dione , LIII, 25; LIV, 24 .
  142. ^ Giuseppe Flavio , Antichità giudaiche XV, 10.
  143. ^ Daniels 1989 , p. 247 .
  144. ^ Daniels 1989 , pp. 247-250 .
  145. ^ Daniels 1989 , pp. 262-264 .
  146. ^ a b Svetonio , Augustus , 48 .
  147. ^ Svetonio , Augustus , 60 .
  148. ^ Cassio Dione , LIII,27,5 ; Syme 1993 , p. 64 . Per gli onori concessi a Marcello vedi: Cassio Dione , LIII, 28, 3-4 ; Syme 1962 , pp. 342-343 .
  149. ^ Cassio Dione , LIV, 8, 5 .
  150. ^ Cassio Dione , LIV, 18, 1 ; Syme 1993 , pp. 129-130 .
  151. ^ Cassio Dione , LIV, 33, 5; 34, 3 .
  152. ^ Cassio Dione , LIV, 28.2-3 .
  153. ^ La "Domus" di Augusto nell'iscrizione di Pavia , su emeroteca.braidense.it .
  154. ^ Cassio Dione , LIV, 31.1-2 .
  155. ^ Svetonio , Augustus , 65 ; Cassio Dione , LV, 10, 12-16 .
  156. ^ Svetonio , Augustus , 65, 1; Tiberius , 15, 2 ; Cassio Dione , LV, 10a, 6-10 ; Velleio Patercolo , II, 102, 3-4 ; Syme 1993 , pp. 145-146 . Tiberio tornò dall'esilio poco prima della morte di Lucio, nel 2; vedi Svetonio , Tiberius , 14, 1; 15, 1; 70,2 ; Cassio Dione , LV, 10a,10 ; Velleio Patercolo , II, 103,1-3 .
  157. ^ Svetonio , Augustus , 65, 1; Tiberius , 15, 2 ; Velleio Patercolo , II, 102,3-103,2 ; Syme 1993 , p. 146 .
  158. ^ Syme 1993 , p. 146 .
  159. ^ a b c Svetonio , Augustus , 97 .
  160. ^ Svetonio , Augustus , 98 .
  161. ^ a b c Svetonio , Augustus , 99 .
  162. ^ a b Svetonio , Augustus , 100 .
  163. ^ a b c d e f g h Svetonio , Augustus , 101 .

Bibliografia

Fonti antiche
Fonti storiografiche moderne

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
- 27 aC - 14 Tiberio
Predecessore Triumviro con potestà consolare per il riordino della Repubblica Successore
- 43 aC - 38 aC Gaio Giulio Cesare Ottaviano I
con Marco Antonio e Marco Emilio Lepido con Marco Antonio e Marco Emilio Lepido
Gaio Giulio Cesare Ottaviano 38 aC - 33 aC - II
con Marco Antonio e Marco Emilio Lepido con Marco Antonio e Marco Emilio Lepido
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Gaio Vibio Pansa 43 aC Marco Emilio Lepido II I
con Aulo Irzio con Publio Ventidio Basso con Lucio Munazio Planco
Marco Antonio II 33 aC Gneo Domizio Enobarbo II
con Lucio Scribonio Libone con Lucio Volcacio Tullo con Gaio Sosio
Gneo Domizio Enobarbo 31 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare III
con Gaio Sosio con Marco Valerio Messalla Corvino con Marco Licinio Crasso
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 30 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare IV
con Marco Valerio Messalla Corvino con Marco Licinio Crasso con Sesto Apuleio
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 29 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare V
con Marco Licinio Crasso con Sesto Apuleio con Marco Vipsanio Agrippa II
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 28 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare VI
con Sesto Apuleio con Marco Vipsanio Agrippa II con Marco Vipsanio Agrippa III
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 27 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare VII
con Marco Vipsanio Agrippa II con Marco Vipsanio Agrippa III con Tito Statilio Tauro
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 26 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare VIII
con Marco Vipsanio Agrippa III con Tito Statilio Tauro con Marco Giunio Silano
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 25 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare IX
con Tito Statilio Tauro con Marco Giunio Silano con Gaio Norbano Flacco
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 24 aC Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare X
con Marco Giunio Silano con Gaio Norbano Flacco con Aulo Terenzio Varrone Murena
Imperatore Gaio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare 23 aC Marco Claudio Marcello Esernino XI
con Gaio Norbano Flacco con Aulo Terenzio Varrone Murena con Lucio Arrunzio
Decimo Lelio Balbo 5 aC Gaio Calvisio Sabino XII
conGaio Antistio Vetere conLucio Cornelio Silla con Lucio Passieno Rufo
Lucio Cornelio Lentulo 2 aC Cosso Cornelio Lentulo XIII
con Marco Valerio Messalla Messallino con Marco Plauzio Silvano con Lucio Calpurnio Pisone
Predecessore Pontefice massimo Successore
Marco Emilio Lepido 12 aC - 14 Tiberio Giulio Cesare Augusto
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 18013086 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2122 7317 · SBN IT\ICCU\CFIV\021587 · LCCN ( EN ) n79033006 · GND ( DE ) 118505122 · BNF ( FR ) cb12326866z (data) · BNE ( ES ) XX1026401 (data) · ULAN ( EN ) 500058949 · NLA ( EN ) 35010212 · BAV ( EN ) 495/51125 · CERL cnp00971385 · NDL ( EN , JA ) 00650422 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79033006
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 28 novembre 2007 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki