Vinga!

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si esteu buscant l'hereu del diari homònim d'aquest, vegeu Següent. (2012) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es fa referència a "Endavant". Si busqueu altres significats, vegeu Següent (desambiguació) .
Vinga!
Logotip
Estat Itàlia Itàlia
Llengua Italià
Periodicitat diàriament
Tipus polític
Format full, després berlinesa
Fundador Leonida Bissolati
Fundació 25 de desembre de 1896
Tancament Novembre de 1993
Insercions i fitxers adjunts Vinga! de diumenge
Lloc vegeu la secció
editor "Nou editor Avanti!" (1945-1993)
Circulació 54 071 (1982)
Director vegeu la secció
Lloc web forward.centrobrera.it/

Vinga! (de 1931 a 1940 Il Nuovo Avanti ) va ser el diari del Partit Socialista Italià (PSI).

El primer número va sortir a Roma el 25 de desembre de 1896 [1] sota la direcció de Leonida Bissolati .

El diari va prendre el seu nom del diari alemany homònim Vorwärts , un òrgan del Partit Socialdemòcrata d'Alemanya , fundat l'octubre de 1876 .

Des del 2012 el diari ha estat publicat pel Partit Socialista Italià amb la nova publicació en línia Avanti! dirigit pel director gerent Mauro del Bue i pel director gerent Andrea Silvestrini.

El 2020 , sent els drets d'autor de la marca original i el nom de l' Avanti! reconegut com a propietat de Critica Sociale , el diari torna als quioscos sota la direcció de Claudio Martelli , sense cap modificació ni addició a la publicació històrica.

Història

Fundació

Primera pàgina de N.1 d' Avanti! (25 de desembre de 1896 )

A mitjans dels anys noranta del segle XIX , el partit socialista italià estava en ple apogeu: a les eleccions polítiques celebrades el 1895, el partit socialista gairebé havia quadruplicat el seu consens en comparació amb el 1892 i havia enviat quinze diputats al parlament , enfront dels sis de l'anterior. legislatura. El partit comptava amb nombrosos diaris –uns quaranta–, inclosos setmanaris, quinzenals i mensuals publicats a diverses parts d’Itàlia, però molts d’ells tenien edicions molt limitades i només representaven a ells mateixos o situacions locals molt limitades.

Al 4t congrés socialista de Florència el juliol de 1896, van sorgir programes de desenvolupament editorial i, per tant, es va decidir fundar un diari nacional. Es va llançar una subscripció nacional entre els militants socialistes, gràcies a la qual es van obtenir 3000 subscripcions: un dels primers subscriptors va ser el filòsof liberal Benedetto Croce .

El primer número del diari va sortir a Roma el 25 de desembre de 1896 , el dia de Nadal de 1896, no per casualitat, sinó per tots els valors simbòlics relacionats amb la data. Com Crist , el futur! va néixer per donar veu i suport a les raons dels més menuts, dels oprimits, dels desposseïts. A més, a la iconografia socialista de finals del 1800, la referència a Jesús com a "el primer socialista de la història" no era poc freqüent, sobretot en referència a l'expulsió dels comerciants del Temple, identificada amb els capitalistes de l'era moderna.

Leonida Bissolati en fou la directora i els editors Ivanoe Bonomi , Walter Mocchi , Alessandro Schiavi , Oddino Morgari i Gabriele Galantara ; aquest darrer, un gran dissenyador satíric, cofundador de la revista setmanal L'Asino (juntament amb Guido Podrecca ), va ser el responsable de la creació del logotip inconfusible del diari, amb els típics caràcters cursius arrodonits i l'exclamació final, atribuïble a l’ estil Art Nouveau de finals del segle XIX [2] .

El titular es basava en el del diari socialdemòcrata alemany Vorwärts .

Anteriorment, s’havien fundat altres diaris amb el mateix títol: el 30 d’abril de 1881 , Andrea Costa va fundar a Imola el periòdic setmanal socialista "Avanti!" , L'article principal del qual començava amb "Avanti a la llum del sol i amb la bandera estesa" ", concloent" Coratge i avantatge: els vots de milions d'oprimits ens acompanyen ". El maig de 1896, el filòsof Antonio Labriola va fundar el diari Avanti a Cassino (sense exclamació) [3] , sobre el qual el socialista llibertari Francesco Saverio Merlino també va escriure.

D’aquí passem

Al primer número d’ Avanti! , el seu primer editor - a l'editorial inaugural - va dibuixar un manifest d'identitat polític-ideal per al nou diari, llançant un desafiament a l'ordre establert.

Dirigint-se directament al primer ministre i ministre de l'Interior de l'època, Antonio Starabba, marquès de Rudinì , que havia amonestat els líders i els membres del recent nascut partit socialista italià amb l'advertència: " no es pot passar per aquí ", va respondre Bissolati , amb un títol que entrarà en la història del socialisme i el periodisme, " d'aquí passem ", manifestant la fe i la certesa "científiques" en l'afirmació de les raons dels socialistes i en la conquesta del poder per part dels treballadors:

"D'AQUÍ TROBES Mentre Starabba, [N 1], legitima els crims comesos pel seu govern en detriment de la llibertat i la nova violència meditada contra els treballadors i els socialistes, vam ordenar una segona vegada:" aquí no passa ", vam esperar tranquil·lament per preparar el llançament del nostre diari.

Amb aquest fet vam respondre i responem al repte que ens van llançar.

Responem com l’antiga que responia a les tonteries d’aquells que negaven el moviment simplement caminant davant d’ells.

Vam ser, fa uns anys, un grapat de persones compassives com a víctimes d’una al·lucinació que no calia prendre seriosament, tema de discursos agradables i alegres burles; després, quan les nostres paraules van començar a trobar un ressò entre la gent treballadora, ens van tractar com a malvats; però la persecució ens va fer més forts en nombre i consciència per forçar el nostre propi perseguidor, Starabba, a confessar que contra nosaltres, contra la nostra idea, l'ús de la força era, a més de absurd, perjudicial ".

"I aquí, en canvi, aquest senyor, que no actua segons el seu caprici, però obeeix els instints del colorit partit conservador que hi ha al darrere, no troba que pugui fer res millor que reprendre, amb una mica menys de soroll i amb una hipocresia més gran, els mètodes de la bruta Crispi . [N 2]

Així, després d'haver proclamat solemnement al Parlament, és una bogeria esperar suprimir el socialisme, perquè també podríem intentar suprimir el pensament; després de reconèixer que cada atac violent al socialisme i al pensament constitueix un atac a la civilització moderna, Starabba es dirigeix ​​precisament a l'empresa de suprimir la civilització, de pensar sufocant.

I per això mateix, l’hon. Starabba, que passem malgrat les seves prohibicions ".

"Vam passar a exercir tal influència que ens pertany a les lluites públiques, en la vida econòmica, en el desenvolupament moral; passem malgrat tu, com passem malgrat Crispi; i tenim la força per anar a través, superant la seva resistència, a causa de detenir el socialisme no és possible sense parar aquest moviment immens de la transformació que s'està produint a la societat i que té repercussions en les consciències.

Socialisme, hon. Starabba no és una quimera de persones il·lusionades que volen remodelar el món segons el seu somni, però és la consciència clara i precisa de les necessitats imperatives que necessiten urgentment la majoria dels homes en la pràctica de la vida. (...) "

«Bé: el socialisme no és res més que el reflex i la fórmula d’aquest pensament, que l’experiència dels dolors i les lluites de cada dia educa a les masses obreres.

Ara, al contrari, podeu enviar els vostres policies als llocs on s’elabora aquest pensament, enviar-los a dissoldre les organitzacions obreres i els cercles socialistes; Podeu, cometent delictes previstos al vostre codi penal, suprimir per als treballadors i els socialistes els drets elementals de reunió, de parla i d'associació promesos pel vostre Estatut; podeu elevar el dret de vaga un cop més a un delicte tornant a soldar el coll dels servents al coll dels assalariats moderns, desafiant els principis proclamats per la revolució burgesa; pot preocupar-se d’enviar alguns socialistes a la presó o a les illes de tant en tant; representant d’una classe que va arribar al poder amb els plebiscits, podeu meditar sobre quants atacs us agraden contra el sufragi popular; Podeu fer tot això i molt més, però no podeu deixar de demostrar encara més clarament que la causa de l’emancipació dels treballadors i la causa del socialisme són una de les causes de la llibertat de pensament i del progrés civil. (...)

Et sembla, doncs, que passem , marquès? "

( LEONIDA BISSOLATI )

Format, cost i ubicació

El diari socialista estava format per quatre cares, en format "full". Una còpia costava 5 cèntims de lira, la subscripció anual 15,00 lires, la subscripció semestral 7,50 lires, la trimestral 3,00 lires, la mensual 1,25 lires.

La seu del diari era a Roma , al Palazzo Sciarra-Colonna de la Via delle Muratte (entre la via del Corso i la Fontana di Trevi ). El 1911 , per iniciativa de Turati , la seu del diari es va traslladar de Roma (on hi havia una redacció que editava les notícies parlamentàries) a Milà , a la Via San Damiano, on el Naviglio encara funcionava al descobert.

Els fulls van passar de quatre a sis, enriquint-se amb la crònica de Milà.

La repressió del 1898

De gener a maig de 1898 , van esclatar a gairebé tota la península nombroses manifestacions populars pel pa, el treball i contra els impostos, severament reprimides pel govern . A Milà, el 7 de maig, el govern decreta l’estat de setge, confiant els poders al general Fiorenzo Bava Beccaris , que obre focs de canó contra la multitud i ordena a l’exèrcit disparar qualsevol reunió de persones superiors a les tres unitats. Centenars de persones moren i, al costat dels morts, hi pot haver més de mil ferits més o menys greus. Mai s’ha especificat el nombre exacte de víctimes. [N 3]

El 9 de maig, el general Bava Beccaris, amb el suport del govern, va dissoldre associacions i cercles considerats subversius i va arrestar milers de persones pertanyents a organitzacions socialistes, republicanes i anarquistes, inclosos alguns parlamentaris: entre d'altres Filippo Turati [N 4] (juntament amb el seu soci Anna Kuliscioff ), Andrea Costa , Leonida Bissolati , Carlo Romussi (diputat radical), Paolo Valera .

Tots els diaris antigovernamentals estan prohibits; el 12 de maig a Roma tota la redacció de l’ Avanti! .

El programa Avanti! i la Setmana Roja

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Setmana Roja .

El 7 de juny de 1914 , a Ancona , es va celebrar una concentració antimilitarista a la seu del partit republicà , organitzada per Pietro Nenni , llavors exponent republicà i director del periòdic local " Lucifero ", juntament amb l' anarquista Errico Malatesta . Al final, els mosquetons van obrir foc contra els participants quan sortien de la sala i van matar dos militants republicans i un anarquista. A continuació es va proclamar immediatament la vaga general per part de la Cambra del Treball i diverses agitacions i actes de revolta. El 9 de juny una immensa multitud va participar al funeral dels tres joves, que van creuar tota la ciutat; A part de la violència verbal de les consignes cantades i algunes petites escaramusses, el funeral va tenir lloc de manera força tranquil·la. Mentrestant, la notícia de la massacre s’havia estès per tot Itàlia, donant lloc a manifestacions espontànies, marxes i vagues.

En particular, les crides de Benito Mussolini , aleshores socialista i director de l’ Avanti! , que just a Ancona, poc temps abans, al XIV Congrés del PSI dels dies 26, 27 i 28 d’abril de 1914, havia assolit un gran èxit personal, amb una moció d’aplaudiments pels excel·lents resultats de difusió i vendes del partit diari, que li pagaven personalment els congressistes. [5] [N 5]

Així, el futur líder va incitar les masses populars al diari socialista [8] :

" Proletaris d'Itàlia! Accepteu el nostre crit: W la vaga general. La resposta a la provocació arribarà espontàniament a les ciutats i al camp. No preveiem esdeveniments ni ens sentim autoritzats a rastrejar el seu curs, però, certament, quins poden ser, tindrem el deure de donar-los suport i donar-los suport. Esperem que amb la seva acció els treballadors italians puguin dir que realment és hora d’acabar amb tot ".

Amb els seus articles, Mussolini, basant-se en la popularitat que va gaudir en el moviment socialista i en la gran difusió del diari, va obligar la Confederació General del Treball a declarar una vaga general, un instrument de lluita que va determinar el bloqueig de totes les activitats a el país, que el sindicat considerava que havia d’utilitzar només en circumstàncies excepcionals. Mussolini va explotar les revoltes populars també amb finalitats polítiques dins del món socialista: la direcció del partit socialista que va abandonar el Congrés d’Ancona estava en mans dels maximalistes revolucionaris, però els reformistes eren encara la majoria al grup parlamentari i a la CGdL. .

El 10 de juny es va celebrar una concentració a l' Arena de Milà davant de 60.000 manifestants, mentre la resta d'Itàlia estava lluitant i paralitzada, la insurrecte Romagna i les Marxes i els treballadors del ferrocarril havien anunciat finalment que s'unirien a la vaga general. Després que els parlants reformistes de tots els partits haguessin tirat aigua al foc dient que aquesta no era la revolució, sinó només una protesta contra la massacre d’Ancona, i que no seríem arrossegats a una carnisseria inútil, van intervenir Corridoni i Mussolini. Aquest últim va exaltar la revolta. Aquí teniu el relat del seu ardent discurs, publicat l’endemà a l’ Avanti! [9] :

A Florència, a Torí, a Fabriano hi ha altres morts i altres ferits, cal treballar a l'exèrcit per evitar disparar als treballadors, cal assegurar-se que el sou del soldat sigui aviat un fet consumat. .... La vaga general ha estat des del 1870 fins avui el moviment més greu que ha sacsejat la tercera Itàlia ... No va ser una vaga de defensa, sinó ofensiva. La vaga tenia un caràcter agressiu. Les multituds que una vegada ni tan sols s’atrevien a entrar en contacte amb la força pública, aquesta vegada van poder resistir i lluitar amb un impuls inesperat. Aquí i allà la multitud impactant es reunia al voltant de les barricades que tenien els refusos d’una frase d’Engels, amb una pressa que delatava inquietuds obliqües, per no dir la por, relegades als relegaments del quaranta-vuitè romanç. Aquí i allà, sempre per denotar la tendència del moviment, les botigues dels armers han estat atacades; aquí i allà han cremat focs i no gabelles com en les primeres revoltes del sud, aquí i allà s’han envaït esglésies. ... Si - cas puta - en lloc de l’hon. Salandra, va tenir l’hon. Repetit a la presidència del Consell, hauríem intentat que la vaga de protesta general hagués estat encara més violenta i decididament insurreccional. .... Sobretot es va llançar un crit seguit d'un intent, el crit de: "Al Quirinale". "

( BENITO MUSSOLINI )

Tant el republicà com l’anarquista que va intervenir van parlar posteriorment en harmonia amb ell.

Precisament, per evitar el risc que la monarquia es pogués sentir amenaçada i declarar l’estat de setge i la transferència de poders públics als militars, la Confederació General del Treball va declarar que la vaga finalitzava al cap de només 48 hores, convidant els treballadors a reprendre les seves activitats.

Això va frustrar les intencions bel·licoses i insurreccionals de Mussolini, que, a l' Avanti! el 12 de juny de 1914, no va dubtar a acusar de delicte els dirigents sindicals confederals, que es referien al component reformista del PSI, acusant: " La Confederació del Treball, en acabar la vaga, ha traït el moviment revolucionari " . [7]

La vaga general només va durar un parell de dies, mentre que el moviment revolucionari es va esvair gradualment després d'haver mantingut zones senceres del país sota control durant una setmana.

El 20 de juny de 1914, el grup parlamentari socialista, majoritàriament moderat i reformista, va negar Mussolini sobre els esdeveniments de la "Setmana Roja", reafirmant la tradicional posició gradualista i parlamentària de la direcció "històrica" ​​del PSI, afirmant que la revolta havia estat:

" ... la conseqüència fatal i fins i tot massa prevista de la política insensata de les classes dominants italianes, la cega obstinació de la qual en substituir les urgents reformes econòmiques i socials per la criminal dilapidació militarista i pseudocolonialista frustra la tasca educativa i disciplinària del partit socialista per transforma l’ordre polític i social gradual i rehabilita el culte a la violència a les masses ... [en contrast amb] ... el concepte fonamental del socialisme internacional modern, segons el qual les grans transformacions civils i socials i, en particular, l’emancipació del la servitud capitalista del proletariat no dóna lloc a esclats de multituds desorganitzades, el fracàs de les quals reviu i reactiva els corrents més malvats i estúpids del reaccionari interior. Per tant, cal romandre més que mai en el terreny parlamentari i en la propaganda entre les masses en l'oposició més decisiva a totes les polítiques militaristes, fiscals i proteccionistes del govern i vetllar per la defensa fins al final amarg a qualsevol preu de les llibertats públiques minades, tot intensificant alhora el treball assidu i pacient, l'únic veritablement revolucionari, d'organització, educació, intel·lectualització del moviment proletari ".

A finals del mateix mes, el 28 de juny de 1914, l’assassinat de l’arxiduc Francesco Ferdinando a Sarajevo traslladarà l’atenció italiana a les dinàmiques europees que conduiran a la Primera Guerra Mundial , enfrontant intervencionistes i neutralistes , fins que Itàlia entri a la guerra. el 24 de maig de 1915 .

El programa Avanti! i la Gran Guerra

El 1914 - 1915 el programa Avanti! va defensar una forta campanya perquè es mantingués una neutralitat absoluta contra els bàndols contraris a la Primera Guerra Mundial.

Després d’haver mantingut peremptorialment aquesta posició, decidida per l’aclaparadora majoria del PSI, el seu director de l’època, Benito Mussolini , va impulsar, amb els seus articles, el diari socialista cap a una campanya intervencionista . Enfortit pel seu seguiment al partit, de manera provocadora i xantatgista, Mussolini va demanar a la direcció nacional del PSI que aprovés la seva nova línia, en cas contrari hauria renunciat: va renunciar al càrrec l'endemà.

Ja el 15 de novembre de 1914 es va publicar el nou diari intervencionista de Mussolini, Il Popolo d'Italia .

Scalarini a la redacció d’ Avanti!

El 24 de novembre, Mussolini va ser expulsat del partit socialista i l’il·lustrador satíric d’ Avanti! , Giuseppe Scalarini , va preparar per al diari la caricatura Judes , amb un Mussolini, armat amb un punyal i amb els diners de la traïció, que es va acostar en silenci per colpejar Crist (el socialisme) per darrere. [10] El detall dels diners, però, no va ser publicat pel diari.

Giacinto Menotti Serrati , que serà un dels líders del component maximalista del PSI i que acabarà, el 1924 , adherint-se als dictats de Lenin i Trotsky , per unir-se al Partit Comunista. tota la durada de la Primera Guerra Mundial d'Itàlia .

Els cinc atacs de la plantilla contra Avanti!

Entre el 1919 i el 1922 els Avanti! va ser atacat i devastat cinc vegades: [11]

«L' Avanti! és el símbol i la bandera de l’antifeixisme . És el seu mitjà de lluita més eficaç. Però, atès que la lluita és una cruenta guerra civil, el diari també es troba al centre de la guerra: és un lloc fort per a les esquadres assetjat, intimidat i assaltat. Hi ha més: una forta càrrega emocional. Per què tan bé com l’ Avanti! és l’ídol dels socialistes, perquè Mussolini personalment és objecte d’un gran amor que, després de la traumàtica ruptura del 1914 , es va transformar en enveja i odi profund. El diari va ser atacat i cremat cinc vegades entre 1919 i 1922 . I cada vegada que surt de les cendres: fins i tot, el 1921 , per ser traslladat a una nova ubicació imponent. Al voltant de les seves premses i el seu linotip , hi ha trets, punyalades, pallisses, enfrontaments entre editors i feixistes, entre soldats i esquadristes, trets de metralladores, morts i ferits ".

“Periodistes, treballadors d’oficines, impressors viuen en tensió i perill. Hi ha revòlvers als calaixos. El telèfon també s’utilitza per trucar als companys per ajudar-los. Tots els assalts tenen la mateixa història, els mateixos comentaris, la mateixa mecànica, les mateixes conseqüències: un guió que no s’assembla al més general de la guerra civil. Sempre que les circumstàncies polítiques ho suggereixen o ho permeten, el feixisme ataca. Els atacants estan organitzats militarment, mentre que els defensors no. Els esquadrons es preparen amb pics i bombes de foc perquè l'objectiu ja està començant la devastació del diari per evitar la seva sortida. La defensa dels Avanti! és passiu, com en tots els altres episodis de la guerra civil. Més o menys obertament, els atacants són gairebé sempre protegits (...) per les forces de l’Estat. Després de les agressions, el diari predica precaució i suggereix no caure en el parany de les provocacions.

La reacció a la violència de l’esquadra és de fet exclusivament política i propagandística: vagues massives i marxes solidàries. Acompanyat d’una subscripció extraordinària en suport del diari per reparar els danys i rellançar-lo. És l’estil dels socialistes, absolutament perdedor. Però potser obligat, tenint en compte que la força està al costat de les esquadres, perquè ara té una oferta creixent de diners, gràcies al suport d'agraris i industrials, i sobretot perquè té una cobertura del poder estatal que esdevé gairebé completa amb el pas del temps ".

( UGO INTINI [12] )

L'assalt a Forward! del 15 d'abril de 1919 a Milà

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Assalt al davanter. .
" L'Ardito ", diari de l' Arditisme , del 18 d'abril de 1920 celebra l'aniversari del primer atac de l' esquadra contra els Avanti! del 15 d'abril de 1919 a Milà .

El 15 d'abril de 1919 , a Milà , nacionalistes , feixistes , oficials i audaços alumnes van ser els protagonistes del primer assalt de la plantilla , durant el qual van calar foc i van arrasar la seu del diari.

«Sota el títol" Visca l' Avanti! ", Diu el primer fons de comentaris després de la devastació. "Sabem que la lluita és sense quarts, som conscients que en aquesta lluita representem, amb el nostre gloriós Avanti !, la bandera més brillant d'un dels partits; no podem aixecar cap veu de meravella si aquesta bandera s'ha marcat com a objectiu dels enemics, si la van colpejar, si la van tombar un moment. "Però vaja! no es pot extingir, perquè representa el socialisme mateix. Una idea no es trenca, ja que la màquina que la distribueix als centenars de milers de treballadors dels tallers i camps es trenca amb un martell. I com que la idea és viva, la màquina també es torna a muntar. Vinga! ".

Vinga! , tan."

" Endavant! Treballem activament perquè les seves cendres i carbons torni a volar més amunt. Hi ha una febre de recuperació, preparada i decisiva. Hi ha l'ardent desig de respondre a moltes demostracions d'afecte amb la demostració tangible que el barabisme no pot silenciar la veu dels interessos del proletariat "."

( UGO INTINI [12] )

El 23 d'abril de 1919, el diari, imprès a Torí , va instar els lectors i militants a subscriure's per reconstruir la seu milanesa: " Per tal que AVANTI! Ressusciti més gran, més fort, més vermell ", reconeixent el " Plebiscit de solidaritat " en curs.

El 23 d'abril de 1919 , llançament de la subscripció popular per a la construcció de la nova seu de l' Avanti! després dels esquadrons de la devastació.

«La" febre de la recuperació "multiplica els esforços i el dia 3 de maig el diari torna a imprimir-se a Milà , després de ni tres setmanes d'interrupció. Les ofertes petites, humils i grans continuen omplint la primera pàgina amb llargues columnes de plom. Es recullen dos milions, s’afegeixen més diners per part de les cooperatives socialistes i les cases de la gent ".

«Les ales de l'entusiasme fan que el disseny i la construcció funcionin tan de pressa com, malgrat la tecnologia, avui seria gairebé impensable. L'1 de maig de 1920 es va posar la primera pedra ... La retòrica, fruit d'un orgull legítim, es fa inevitable aquell feliç 1 de maig. "Avui" - llegim al fons titulat " Un po 'di sereno ... " - "es posarà la primera pedra de la nova casa d' Avanti: una construcció la història de la qual romandrà memorable, com la de la primera basílica o els primers edificis municipals del segle XIV. El nostre pensament victoriós s’afirma en una sòlida harmonia de pedres. Els proletaris que saben i recorden com els maons de l’edifici font van sortir del forn del 15 d’abril, d’un foc això havia de destruir el nostre ésser i que, en canvi, va demostrar la seva tenacitat, ja que el gresol demostra la bondat del metall, consideren amb raó aquest 1 de maig com el més propici i potser el més feliç de la nostra història. Avui cantarem i beurem ".

I això és el que passa. Una immensa processó submergida per banderes vermelles es forma a la Piazza Cinque Giornate i s’infla a cada intersecció quan arriba a la cantonada de via Settala i via San Gregorio, que els companys descobreixen enmig d’aplaudiments perquè s’ha canviat el nom amb un nou senyal de trànsit "Via Come" encès! ".

Quan el diari, amb la manifestació de 1911 encapçalada per Turati , es va traslladar a Milà, es va sentir a l’aire l’esperança de guanyar un alcalde socialista a la capital italiana del treball. Avui l’alcalde, Caldara , hi és i posa solemnement la primera pedra. Els antics directors de l’ Avanti! tots són presents. Manca Bissolati , che è ammalato in ospedale a Roma e che, ministro e uomo di governo, ormai milita in un altro partito. Oddino Morgari lo ricorda con parole commosse. Il popolo socialista sa essere giusto e generoso: le accoglie con un grande applauso. Bissolati, quando lo saprà, nel letto di ospedale dove morirà dopo pochi giorni, piangerà di gioia.

Serrati cita il primo titolo dell' Avanti! , dettato proprio da Bissolati: " Di qui si passa ". "Un ministro del re" - ricorda - "disse ai primi socialisti italiani: di qui non si passa. Sorse un modesto foglio, l' Avanti! , che rispose: di qui si passa. Ed il partito socialista è passato e passerà alla testa delle folle contro tutti i tradimenti, contro tutte le viltà."»

L'attacco alla sede romana dell'Avanti!

«Intorno alla prima pietra, in via Settala, si comincia a lavorare a tappe forzate per la nuova sede di Milano, ma neppure tre mesi dopo è la volta dell'edizione romana. Nella capitale, la forza della destra è maggiore. Se a Milano può organizzare azioni militari micidiali, ma limitate, a Roma può tentare ormai il controllo della piazza. È ciò che accade il 22 luglio 1920 , quando i nazionalisti, per protestare contro uno sciopero dei tranvieri, organizzano una grande manifestazione che riempie le vie del centro. Da via Nazionale , il corteo raggiunge piazza Venezia e qui cominciano i primi scontri con gli operai che arrivano dalla vicina casa del popolo ... Si scatena la caccia al tranviere e, naturalmente, al socialista.

La sede della direzione del partito, in via del Seminario, è assediata. Poi scatta, pianificata, l'azione principale: l'assalto all' Avanti! . La complicità delle forze dell'ordine è così evidente che persino il Questore dichiarerà: " gli agenti hanno tenuto un contegno per lo meno equivoco ". Un poliziotto fa da "palo" all'angolo di via della Pilotta, dove la sede dell' Avanti! è apparentemente protetta da uno squadrone di cavalleria. Vede avanzare una massa e crede per errore che si tratti degli operai giunti dalla casa del popolo in difesa del loro giornale. Fa segno perciò ai carabinieri a cavallo di caricare per disperderli. Ma quando si accorgono che è la squadra dei fascisti, i militari si fermano, retrocedono, li lasciano passare. Alla testa degli assalitori c'è un capitano degli arditi in divisa. " Le porte della tipografia - si legge nella cronaca dell' Avanti! - furono presto sfondate per mezzo di grossi macigni. E mentre un gruppo entrava per la porta, un ufficiale degli arditi, valoroso!, col pugnale in mano entrava per la finestra e muoveva incontro ad alcune donne, le sole che erano in tipografia, addette alla spedizione. Le disgraziate, alla vista di quell'energumeno, fuggirono per i tetti e si rifugiarono discinte in preda al terrore in uno dei locali vicini delle Poste. Nella tipografia tutto fu messo a soqquadro. Le macchine in piano furono guastate seriamente. Anche due linotype furono rese quasi inutili. I caratteri delle cassette sono tutti perduti ".

Mentre avviene la devastazione, l'ufficiale che comanda i carabinieri a cavallo resta immobile: " non ho ordini ". Un operaio corre allora al comando di Divisione. Riesce trafelato a parlare con il comandante del picchetto. " Non ci posso fare niente - ripete - non abbiamo ordini ".»

( UGO INTINI [12] )

Le bombe contro la nuova sede milanese dell' Avanti!

Gabriele Galantara , " Violenze inutili: Distrutto!; Ma se è più ... vivo di prima! ", vignetta per " L'Asino " del 1922 .

Un nuovo attacco avvenne a Milano nella notte tra il 23 e il 24 marzo 1921 : la nuova sede del giornale in Via Lodovico da Settala 22, ancora in costruzione, fu bersagliata dalle bombe di una squadra fascista , con il prestesto di un'immediata rappresaglia alla strage dell'Hotel Diana , avvenuta poche ore prima per mano di elementi anarchici .

In questa occasione, mosso da un generoso impulso solidaristico, Pietro Nenni , all'epoca ancora esponente repubblicano , intervenne a difesa del quotidiano socialista. Il direttore dell'epoca, Giacinto Menotti Serrati , dopo pochi giorni, gli chiese di andare a Parigi come corrispondente dell' Avanti! , in prova per sei mesi, a 1800 franchi mensili "comprese per ora le piccole spese di tram, posta, ecc.". Da quel momento iniziò il sodalizio del leader romagnolo con il giornale socialista, che durerà per tutta la sua vita.

Pietro Nenni diventa collaboratore e poi direttore dell' Avanti!

La redazione dell' Avanti! a Milano nel 1921 . Il primo seduto a sinistra accanto alla segretaria Fasano è Guido Mazzali . Il terzo seduto da sinistra, con le ghette, è Pietro Nenni , al cui fianco, con baffi e occhiali, è Walter Mocchi. Il primo in alto a destra è il disegnatore satirico Giuseppe Scalarini , davanti al quale, seduto, c'è Giuseppe Romita .

Il 19 aprile apparve per la prima volta la firma di Nenni sul quotidiano socialista, sotto l'articolo " La bancarotta dell'interventismo di sinistra ".

A Parigi Nenni si iscrisse al PSI ed iniziò un percorso che lo portò, nel breve giro di due anni, a divenire leader della corrente autonomista del partito, che al Congresso di Milano del 1923 batté la posizione "fusionista" di entrata del PSI nel Partito Comunista d'Italia , come imposto dai vertici sovietici , sostenuta proprio da Serrati e dal Segretario del partito Costantino Lazzari . Il Congresso lo nominò direttore dell' Avanti! .

Da allora, per tutto il periodo dell' esilio in Francia e della clandestinità in Italia , Pietro Nenni e direzione dell' Avanti! diverranno un binomio quasi indissolubile, fino al 1948 [N 6] .

Il 31 dicembre 1925 il governo Mussolini fece approvare dalla Camera dei deputati la legge n. 2307 sulla stampa (una delle leggi fascistissime ).
Il 31 ottobre 1926 il regime soppresse tutti i giornali dell'opposizione. L' Avanti! , come tutte le pubblicazioni antifasciste, fu costretto a sospendere le pubblicazioni in Italia, ma continuò ad essere pubblicato in esilio, su impulso di Nenni, con cadenza settimanale, a Parigi ea Zurigo .

Dalla caduta del fascismo al referendum istituzionale del 1946

L'Avanti! clandestino

Il quotidiano socialista ricomparve clandestino in Italia l'11 gennaio 1943 : una pubblicazione dal titolo Avanti! , senza l'utilizzo della storica testata dal carattere corsivo in stile liberty, venne distribuita come " giornale del Movimento di Unità Proletaria per la repubblica socialista ".

Dopo la costituzione del Partito Socialista di Unità Proletaria il 22 agosto 1943 (con la fusione tra il Partito Socialista Italiano ed il Movimento di Unità Proletaria), l' Avanti! riprese ad utilizzare la testata tradizionale di Galantara , proclamandosi nel sottotitolo " giornale del Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria ".

Il n.2 - Anno 47° del 9 (erroneamente fu stampata la data del 3) settembre 1943 , nel dare la notizia della stipula dell' armistizio con gli Alleati , titolò, un po' ottimisticamente: " La guerra fascista è finita ", mentre nel sottotitolo affermò " La lotta dei lavoratori continua ", facendo il verso al proclama del Maresciallo Badoglio del 25 luglio (" La guerra continua ").

L' Avanti! del 16 marzo 1944 , stampato e distribuito clandestinamente nei territori della Repubblica Sociale e occupati dalle truppe tedesche, proclamava: " La classe operaia in prima fila nella lotta per l'indipendenza e per la libertà ", con sottotitolo: " Lo sciopero generale nell'Italia Settentrionale contro la coscrizione, le deportazioni e le decimazioni " [N 7] .

L'edizione romana dell' Avanti! clandestino era curata, come ricordò Sandro Pertini [15] , da Eugenio Colorni e Mario Fioretti: « [...] Ricordo come Colorni, mio indimenticabile fratello d'elezione, si prodigasse per far sì che l' Avanti! uscisse regolarmente. Egli in persona, correndo rischi di ogni sorta, non solo scriveva gli articoli principali, ma ne curava la stampa e la distribuzione, aiutato in questo da Mario Fioretti, anima ardente e generoso apostolo del Socialismo. A questo compito cui si sentiva particolarmente portato per la preparazione e la capacità della sua mente, Colorni dedicava tutto se stesso, senza tuttavia tralasciare anche i più modesti incarichi nell'organizzazione politica e militare del nostro Partito. Egli amava profondamente il giornale e sognava di dirigerne la redazione nostra a Liberazione avvenuta e se non fosse stato strappato dalla ferocia fascista [N 8] , egli sarebbe stato il primo redattore capo dell' Avanti! in Roma liberata e oggi ne sarebbe il suo direttore, sorretto in questo suo compito non solo dal suo forte ingegno e dalla sua vasta cultura, ma anche dalla sua profonda onestà e da quel senso di giustizia che ha sempre guidato le sue azioni. Per opera sua e di Mario Fioretti, l' Avanti! era tra i giornali clandestini quello che aveva più mordente e che sapeva porre con più chiarezza i problemi riguardanti le masse lavoratrici. La sua pubblicazione veniva attesa con ansia e non solo da noi, ma da molti appartenenti ad altri partiti, i quali nell' Avanti! vedevano meglio interpretati i loro interessi».

Il giornale uscì a Roma in clandestinità fino alla liberazione della capitale il 4-5 giugno 1944 .

L'edizione straordinaria del 7 giugno 1944 diede la notizia dell' eccidio romano de La Storta del 4 giugno, titolando: " Bruno Buozzi Segretario della Confederazione Generale del Lavoro assassinato dai nazisti con 14 compagni". [N 9]

L' Avanti! riprese la diffusione pubblica nella capitale e nei territori italiani via via liberati, mentre rimase clandestino nei territori della Repubblica Sociale .

Sempre Pertini fu protagonista della stampa e diffusione del primo numero del giornale a Firenze , immediatamente dopo la liberazione della città: « [...] improvvisamente all'alba dell'undici agosto, la "Martinella" - il vecchio campanone di Palazzo Vecchio - suonò a distesa; risposero festose tutte le campane di Firenze. Era il segnale della riscossa. Scendemmo, allora, tutti i piazza; i fratelli nostri d'oltre Arno passarono sulla destra, i partigiani scesero dalle colline, la libertà finalmente splendeva nel cielo di Firenze. Ci mettemmo subito al lavoro; tutti i compagni si prodigavano in modo commovente. Il nostro fu il primo Partito a pubblicare un manifesto rivolto alla cittadinanza e pensammo di fare uscire immediatamente l' Avanti! sotto la direzione del compagno Albertoni... Nel pomeriggio dell'undici agosto noi tutti uscimmo dalla sede del Partito di via San Gallo con pacchi di Avanti! ancora freschi di inchiostro e ci trasformammo in strilloni. L' Avanti! andò a ruba. Ricordo un vecchio operaio. Mi venne incontro con le braccia tese chiedendomi con voce tremante un Avanti! . Il suo volto, splendente di una luce che si irradiava dal suo animo, sembrava improvvisamente ringiovanire. Preso l' Avanti! se lo portò alla bocca, baciò la testata piangendo come un fanciullo. Sembrava un figlio che dopo anni di forzata lontananza ritrova la madre.» [15]

L'edizione milanese dell' Avanti! clandestino era curata, sino alla sua cattura da parte della Gestapo il 10 marzo 1944 , assieme alla quasi totalità del gruppo dirigente socialista di Milano , da Andrea Lorenzetti [N 10] [14] : nel periodo settembre 1943-maggio 1944, uscirono ben ventotto numeri, quasi uno la settimana.

Subito dopo l'arresto della redazione, la direzione del giornale clandestino fu affidata a Guido Mazzali , grazie al cui impegno il giornale raggiunse una tiratura di 15 000 copie; esso aveva un recapito nei caselli daziari di Porta Vittoria .

Così Sandro Pertini ricordò l'impegno di Mazzali per la stampa del giornale socialista: «L'organizzazione politica e quella militare del nostro Partito procedeva nel Nord in modo febbrile e sempre più soddisfacente per opera di Morandi , di Basso , di Bonfantini . L'anima di questa organizzazione era l' Avanti! clandestino. Nel settentrione usciva in diverse edizioni: a Milano, Torino, Venezia, Genova, Bologna. Insieme all' Avanti! facevano uscire altri giornali clandestini... La pubblicazione di questi fogli in Milano la si deve alla tenacia, alla abnegazione, alla intelligenza di Guido Mazzali. Sempre sereno, egli non si turbava delle mie richieste di far uscire nuovi giornali: ascoltava tranquillo le mie sfuriate quando lo incitavo a pubblicare con più frequenza l' Avanti! e si metteva paziente al lavoro. Il giornale lo faceva lui, e lui ne curava la stampa e la diffusione. Si pensi che nella sola Milano siamo riusciti a stampare fino a 30.000 copie per numero dell' Avanti! . Il nostro giornale era lettissimo, soprattutto perché non si limitava a fare opera di patriottismo, come facevano i giornali di altri Partiti, ma prospettava sempre quelle che poi dovevano essere ed erano le finalità della guerra di liberazione, e cioè: l'indipendenza, la Repubblica, il Socialismo...» [15]

«... nel tardo pomeriggio del 25 aprile 1945 , un signore, tutto trafelato e dall'aria distinta circolava impavido per Milano insorta, con una bicicletta malandata e una borsa piena di carte che altro non erano che materiale da pubblicare su un giornale. Questo signore era Guido Mazzali che attraversava Milano per arrivare al Corriere della Sera . Il giorno successivo, il 26 aprile 1945, usciva finalmente, dopo vent'anni, il primo numero normale dell' Avanti! , alla luce del sole ...»

( Giuseppe Manfrin, Mazzali Guido: la tensione etica' [16] )

L'edizione milanese dell' Avanti venne redatta presso la sede del Corriere della Sera fino al 13 maggio 1945 , quando la redazione si trasferì in Via Senato, 38, angolo Piazza Cavour, 2, nella ex sede de " Il Popolo d'Italia " [17] .

L'Avanti torna in edicola

Venerdì 27 aprile 1945 , mentre nell'Italia settentrionale si andava completando la liberazione dei territori dall'occupazione tedesca, apparve sull' Avanti! un articolo, a firma di Pietro Nenni , il cui titolo che divenne famoso: " Vento del Nord ". In esso il leader del PSIUP , nell'esaltare lo sforzo dei partigiani che erano riusciti a cacciare oa costringere alla resa i nazifascisti, individuava nella volontà di riscatto e di rinnovamento delle popolazioni del Nord il " vento " che avrebbe spazzato via i residui del regime che aveva governato l'Italia per oltre vent'anni: « Vento di liberazione contro il nemico di fuori e contro quelli di dentro ». [18]

Il 28 aprile 1945 giunse a Roma la notizia della fucilazione di Mussolini : Sandro Pertini che gli era vicino nella redazione dell' Avanti! , raccontò che Nenni , in passato amico fraterno e compagno di cella del futuro duce , allora socialista, « aveva gli occhi rossi, era molto commosso, ma volle ugualmente dettare il titolo: Giustizia è fatta!». [19] [20] [21]

Il 1º maggio 1945 , dopo la Liberazione , uscì a Milano il primo numero dell' Avanti! dedicato alla festa del 1º maggio , che venne celebrata per la prima volta dopo 20 anni con uno storico comizio di Sandro Pertini. Nella prima pagina compare la foto di Bonaventura Ferrazzutto , sopra il titolo Gli assenti , in cui si ricordano i compagni caduti o vittime della deportazione nei campi di sterminio nazisti.

La battaglia per la Repubblica

Dopo la Liberazione l' Avanti! costituirà, con gli infuocati articoli di Nenni, uno straordinario strumento di propaganda per il voto a favore della Repubblica nel referendum istituzionale e per il PSIUP nelle elezioni per l' Assemblea Costituente del 2 giugno 1946 . Famoso è rimasto lo slogan del leader socialista: " O la Repubblica, o il caos! "

Il 5 giugno 1946 , nel proclamare l'esito vittorioso del referendum istituzionale, il giornale titolò a tutta pagina: " REPUBBLICA! - IL SOGNO CENTENARIO DEGLI ITALIANI ONESTI E CONSAPEVOLI È UNA LUMINOSA REALTÀ " e, in un riquadro a lui dedicato, il direttore Ignazio Silone espresse la riconoscenza degli elettori socialisti al proprio leader, che aveva infaticabilmente lottato per l'abbinamento tra elezioni per l' Assemblea Costituente e referendum: " Grazie a Nenni ".

Il secondo dopoguerra

Nelsecondo dopoguerra l' Avanti! , pur non tornando alle tirature e all'influenza che aveva avuto tra le due guerre, è, con i suoi titoli, il testimone della rinascita del Paese e della sua evoluzione democratica.

Il centro-sinistra

Grande enfasi viene data dal giornale alla nascita del primo governo di centro sinistra che vedeva la partecipazione diretta dei socialisti che tornavano nell'esecutivo dopo 16 anni di opposizione assieme ai comunisti. Venerdì 6 dicembre 1963 , in occasione del giuramento del primo governo Moro davanti al Presidente della Repubblica Antonio Segni , il giornale titola a tutta pagina: " DA OGGI OGNUNO È PIÙ LIBERO - I lavoratori rappresentati nel governo del Paese ".

L'“ Avanti! ” registra puntualmente i risultati dell'attività riformatrice dei socialisti nello schieramento di governo di centro-sinistra .

" LO STATUTO DEI LAVORATORI È LEGGE " titola l'“ Avanti! ” del 22 maggio 1970 , dando la notizia dell'approvazione della legge 20 maggio 1970, n. 300 e afferma nell'occhiello: " IL PROVVEDIMENTO VOLUTO DAL COMPAGNO GIACOMO BRODOLINI È STATO DEFINITIVAMENTE APPROVATO DALLA CAMERA ". Il giornale ricorda il ruolo di impulso svolto dal Ministro del lavoro socialista, prematuramente scomparso l'11 luglio 1969 , considerato il vero "padre politico" dello Statuto dei lavoratori , e attacca « l'atteggiamento dei comunisti, ambiguo e chiaramente elettoralistico », che ha determinato il PCI a scegliere l'astensione sul provvedimento.

L'articolo di fondo proclama: " La Costituzione entra in fabbrica ", sottolineando « il riconoscimento esplicito di una nuova realtà che, dopo le grandi lotte d'autunno, nel vivo delle lotte per le riforme sociali, vede la classe lavoratrice all'offensiva, impegnata nella costruzione di una società più democratica ».

Con un titolo analogo, " IL DIVORZIO È LEGGE - Vittoriosa conclusione di una giusta battaglia ", l'“ Avanti! ” del 2 dicembre 1970 sottolinea l'avvenuta approvazione della nuova "Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio", la cosiddetta legge Fortuna-Baslini , risultato della combinazione del progetto di legge del socialista Loris Fortuna con un altro progetto di legge del deputato liberale Antonio Baslini . Il progetto Fortuna risaliva al 1965 , ed era stato testardamente riproposto dal deputato socialista all'inizio di ogni legislatura.

In precedenza, nel 1954 , un altro deputato socialista, Luigi Renato Sansone , aveva presentato [22] alla Camera un disegno di legge per l'istituzione del cosiddetto piccolo divorzio [N 11] [24] , mai discusso, riproposto nel 1958 da Sansone, eletto senatore, assieme alla collega Giuliana Nenni (figlia primogenita del leader socialista).

Circa tre anni dopo l'approvazione della legge, il 14 maggio 1974 il giornale socialista proclamò l'esito del referendum sul divorzio , promosso da Gabrio Lombardi , presidente del Comitato per il referendum sul divorzio, e da Luigi Gedda , presidente dei Comitati Civici , e sostenuti dalle gerarchie vaticane e dal leader democristiano Amintore Fanfani [25] , all'epoca segretario della DC , titolando a tutta pagina: " Una valanga di NO – Strepitosa vittoria delle forze democratiche ".

Dal 1977 al 1994

Con il n.1 del 6 gennaio 1977 l' Avanti! cambia veste grafica: sulla scorta del successo del quotidiano la Repubblica , uscito in edicola l'anno prima, il giornale socialista abbandona il tradizionale formato "lenzuolo", adottando il formato "tabloid", viene introdotto il colore rosso per la testata, aumentato il numero di pagine. Titola: " Dopo ottant'anni di lotte socialiste - Ancora avanti ".

Non può mancare il saluto del suo storico direttore: " Nenni all' Avanti! rinnovato ".

L'articolo di fondo, a firma del direttore Paolo Vittorelli , con un editoriale intitolato " Anche questa volta si passerà ", riprende il famoso articolo di Bissolati sul primo numero del giornale nel 1896 " Di qui si passa ". È uno dei primi segnali del "nuovo corso" della segreteria Craxi , che poi l'anno successivo, nel 1978 , assumerà egli stesso la direzione del quotidiano socialista, con Ugo Intini come direttore responsabile .

In particolare, l' Avanti! riacquista una certa notorietà, soprattutto tra gli addetti ai lavori, negli anni ottanta , grazie ai corsivi del segretario del partito Bettino Craxi , che firma commenti di analisi politica con lo pseudonimo di Ghino di Tacco .

Nel 1992 inizia la crisi che porterà il PSI al tracollo elettorale e finanziario.

Nell'agosto dello stesso anno, il quotidiano, direttamente condizionato dal segretario del PSI di cui è organo di partito, Bettino Craxi , sferra alcuni duri attacchi all'operato del pool di magistrati che segue l'inchiesta Mani pulite .

Il direttore dell'epoca, Roberto Villetti , è rimosso su richiesta del comitato di redazione (Rizzacasa, Eleuteri, Giagni, Carluccio) dalla Direzione nazionale del Partito socialista per le ingenti spese che gravano sui bilanci del giornale. Tra queste la realizzazione di un appartamentino riservato all'interno della redazione di via Tomacelli.

Francesco Gozzano , già direttore responsabile , sostituisce il direttore dimissionario.

Se il 1992 era stato un anno difficile per l' Avanti! , il 1993 si dimostrerà catastrofico. La tiratura, che negli anni d'oro ammontava a più di 200 000 copie, scende a poche migliaia di copie. Gli sprechi e la cattiva amministrazione degli anni ottanta nonostante i consistenti investimenti effettuati per la modernizzazione della testata, fortemente voluta da Craxi, causano un accumulo di debiti per circa 30-40 miliardi di lire ; la mancata certificazione del biliancio d'esercizio per l'ammanco di 2 miliardi determina la perdita del contributo per l'editoria di circa 6 miliardi, la conseguente revoca degli affidamenti bancari e la richiesta di rientro delle esposizioni debitorie.

Nel marzo 1993 vengono sospesi gli stipendi ai dipendenti per mancanza di fondi.

Ottaviano Del Turco , nuovo segretario del PSI dal febbraio 1993, cerca invano di mediare una soluzione per evitare la chiusura del giornale. Nell'ottobre 1993 vengono pignorate scrivanie e macchine da scrivere per far fronte a un pagamento di 105 milioni di lire . Il quotidiano, ormai in crisi perenne, chiude nel novembre del 1993: dopo nove mesi di lavoro senza retribuzione, i giornalisti non giudicano più credibili le rassicurazioni dei vertici del giornale e del partito e cessano di presentarsi in redazione votando in assemblea l'avvio della procedura fallimentare.

La casa editrice, la «Nuova Editrice Avanti!», viene messa in liquidazione nel gennaio del 1994 , con la nomina a liquidatore di Michele Zoppo.

Le sedi

  • Roma , Palazzo Sciarra, Via delle Muratte (Sede nazionale: 1896 - 1897 );
  • Roma, Via del Corso, 397 (Sede nazionale: 1897 - 1898 );
  • Roma, Via di Propaganda Fide, 16 (Sede nazionale: 1898 - 1911 );
  • Milano , Via S. Damiano, 16 (Sede nazionale: 9 ottobre 1911 - 15 aprile 1919 );
  • Roma, Via del Seminario, 86 (Edizione romana: Amministrazione);
  • Roma, via della Pilotta, 11 (Edizione romana: Direzione - Tipografia);
  • Milano, Via Ludovico da Settala, 22 (Sede nazionale: 1921 - 1926 );
  • Parigi , Rue de Picpus, 126 (12º arrondissement), (in esilio, dal 12 dicembre 1926 );
  • Parigi , Rue de la Tour d'Auvergne, 16, presso Giorgio Salvi (9º arrondissement), (in esilio, 1930 );
  • Parigi , Rue du Faubourg Saint-Denis, 103 (10º arrondissement), ( Nuovo Avanti! in esilio, dal 1934 );
  • Milano, Via Solferino, 28 (nella sede del " Corriere della Sera " occupata il 25 aprile 1945 );
  • Milano, Via Senato, 38, angolo Piazza Cavour, 2 (ex sede de " Il Popolo d'Italia ". Edizione milanese: dal 13 maggio 1945 );
  • Roma, Corso Umberto I, 476 (sede nazionale: 1945 );
  • Roma, Via IV Novembre, 145 (sede nazionale: 1946 );
  • Roma, Via Gregoriana, 41 (sede nazionale: 1953 );
  • Roma, Piazza Indipendenza, sede nazionale: in coabitazione con il quotidiano la Repubblica ;
  • Roma, Via Tomacelli, 145, Sede nazionale: nella sede del Centro Culturale Mondoperaio ;

I direttori

I collaboratori

Gli eredi dopo il 1994

L' Avanti! conteso

Con lo scioglimento del Partito Socialista Italiano la testata era finita in liquidazione, come gli altri beni di proprietà del partito.

L'ultimo congresso del PSI ( Roma , 12 novembre 1994 ) aveva nominato un commissario liquidatore, lo scomparso Michele Zoppo, al quale venne affidato, tra gli altri beni, anche l' Avanti! .

Dopo tale data, comparvero in edicola tre diversi periodici che, pur richiamandosi tutti alla medesima storica testata socialista, erano diversamente schierati a livello politico: [28]

  • nel 1996 comparve in edicola il quotidiano-clone L'Avanti! (con la " L " davanti alla testata), di proprietà della International Press del faccendiere Valter Lavitola , diretto da Sergio De Gregorio , fondatore nel 2000 del movimento politico Italiani nel Mondo , eletto senatore con l' Italia dei Valori nelle elezioni politiche del 2006 e poi con PdL nelle elezioni politiche del 2008 [29] [30] [31] [32] . Questo giornale cessò le pubblicazioni dopo pochi mesi, per riapparire in edicola nel 2003 . Lavitola fece del suo giornale uno strumento per oscure manovre politiche che nulla avevano a che spartire con la storia del quotidiano socialista al quale sfacciatamente tentava di ricollegarsi. Inoltre, la sua più o meno millantata vicinanza al premier del centro-destra Silvio Berlusconi poneva il suo giornale al di fuori dello schieramento del centro-sinistra [33] . Il faccendiere e Sergio De Gregorio furono indagati dalla Procura della Repubblica di Napoli per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato, per avere Lavitola " quale proprietario e coamministratore di fatto della International Press ", De Gregorio " quale socio effettivo dal 1997 e coamministratore occulto " della stessa società, assieme ad altri dieci imputati, fatto risultare che l'editrice de L'Avanti! possedesse i requisiti per ottenere i contributi previsti dalla legge per l'editoria, percependo indebitamente, in tutto, 23 milioni e 200 000 euro, ricevuti dal 1997 al 2009 . Per tali reati Lavitola e De Gregorio nel luglio 2012 hanno subito un sequestro preventivo di beni per 9 milioni di euro [34] . Il 9 novembre 2012 Lavitola ha patteggiato davanti al GIP presso il Tribunale di Napoli la pena di 3 anni e 8 mesi [35] , mentre il processo a carico di De Gregorio, ristretto agli arresti domiciliari nel suo appartamento romano ai Parioli a seguito della mancata rielezione nelle elezioni politiche del 2013 [36] era ancora in corso alla data del 4 giugno 2015 , con richiesta di patteggiamento della pena da parte dell'ex-parlamentare. [32] La Corte dei conti del Lazio , con la sentenza n.24/2015 dell'11 marzo 2015 , ha condannato Valter Lavitola e Sergio De Gregorio a restituire allo Stato 23 milioni e 879 000 euro per i fondi editoria percepiti illegittimamente da " L'Avanti " tra il 1997 ed il 2009 . [37]
  • nel 1998 iniziò le pubblicazioni l' Avanti! della domenica , settimanale organo dei Socialisti Democratici Italiani (SDI), diretto da Carlo Correr e schierato nell'ambito del centro-sinistra, che si ricollegava espressamente al supplemento domenicale dell' Avanti! storico, edito tra gennaio 1903 e marzo 1907 . Dopo aver cessato le pubblicazioni nel 2006 , il settimanale è stato nuovamente edito dal 7 febbraio del 2010 (direttore responsabile Dario Alberto Caprio) come organo ufficiale del PSI (erede dello SDI), aderente all' Internazionale socialista e al Partito Socialista Europeo . In questa occasione Ugo Intini , ex direttore dell' Avanti! , salutava la nuova uscita del settimanale socialista con un editoriale intitolato “ Di qui si passa[38] , citando il titolo dell'editoriale inaugurale di Leonida Bissolati del 1896 ;
  • nel 2003 apparve l' Avanti! , con direttore Bobo Craxi , vicino al Nuovo PSI , schierato nell'ambito del centro-destra prima della scissione del partito del gennaio 2006 [28]

Tutti i tre periodici hanno sospeso le pubblicazioni: L'Avanti! di Lavitola nel 2011 ; l' Avanti! di Bobo Craxi confluì nell' Avanti! della domenica nel 2006 ; quest'ultimo ha cessato le pubblicazioni il 6 ottobre 2013 , a seguito dell'apparizione sul web del quotidiano on-line Avanti! il 5 gennaio 2012 , grazie alla definitiva riappropriazione della testata originale " Avanti! " da parte del PSI di Riccardo Nencini . [39]

Le testate tuttora esistenti

Il titolo della testata è conteso da due soggetti:

Michele Zoppo, scomparso commissario liquidatore dell' Avanti! e del Partito Socialista Italiano , aveva già ceduto i simboli ei marchi originali del PSI storico alla formazione " Socialisti Italiani - SI ", poi divenuta " Socialisti Democratici Italiani - SDI " nel 1998 ed infine " Partito Socialista - PS / Partito Socialista Italiano - PSI " nel 2007 / 2009 .

Il 4 novembre 2011 il nuovo commissario liquidatore Francesco Spitoni ha ceduto definitivamente, tramite scrittura privata, la proprietà del marchio originale " Avanti! " al PSI (segretario Riccardo Nencini) nella persona del tesoriere Oreste Pastorelli . Secondo il liquidatore, occorre " garantire il significato politico ed ideale che il giornale Avanti! ha nella storia italiana, ed in particolare nella storia del movimento operaio ", ricordando che " tale testata fu fondata da Andrea Costa , primo deputato socialista nel 1891 e dal 1896 è stata organo ufficiale del PSI ". Il dott. Spitoni stabiliva quindi di cedere " irrevocabilmente ed in via esclusiva la proprietà, anche morale, ivi inclusa la denominazione, anche parziale nonché la veste grafica, della testata giornalistica Avanti! " . La cessione è avvenuta a titolo gratuito perché ha " la specifica finalità di assicurare che la testata storica del Psi, organo ufficiale del partito dal 1896, continui a rappresentare la secolare tradizione del movimento socialista italiano ". [39]

Quindi dal 5 gennaio 2012 sul web è presente l' Avanti! online , con direttore responsabile il giornalista Giampiero Marrazzo (fratello del giornalista radio-televisivo Piero ), sostituito nel settembre 2013 dall'ex deputato socialista Mauro Del Bue , che lo dirige dal 2013.

La testata è edita dal PSI tramite la Società Nuova Editrice "Mondoperaio" srl;

  • « Critica Sociale », società che edita l' omonimo periodico nel 1994 registrò la testata Avanti! , un anno dopo la cessazione delle pubblicazioni, in base alla legge sulla stampa (L. n. 48/1947).

La titolarità viene contestata, come quella degli altri Avanti! , dal PSI ricostituito, in quanto il marchio era nella sola disponibilità del commissario liquidatore. Contestazione vanificata dall'attribuzione del copyright del marchio e del nome Avanti! alla proprietà di Critica Sociale dall'ufficio Marchi e Brevetti del Dipartimento delle Attività Produttive del Ministero dello Sviluppo Economico nel 2012 .

Il 1º maggio 2020 l' Avanti! di proprietà di Critica Sociale torna in edicola sotto la direzione di Claudio Martelli . Il nuovo giornale ha cadenza mensile, anche se per ora piuttosto imprecisata, e una tiratura di 5 000 copie. Non è provvisto di una versione online. [40]

Feste nazionali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festa dell'Avanti! .

Note

Annotazioni

  1. ^ Il riferimento è ad Antonio Starabba, marchese di Rudinì , Presidente del Consiglio e Ministro dell'Interno dall'11 luglio 1896 al 14 dicembre 1897 nel terzo Governo di Rudinì , che il 14 marzo 1896 concesse un' amnistia per i reati politici per i moti insurrezionali in Lunigiana e Sicilia , duramente repressi da Crispi . In contraddizione con questa sua apparente volontà di conciliare le varie istanze politiche della società italiane, successivamente il suo governo represse duramente i moti popolari del 1898 , con gravi spargimenti di sangue e la dichiarazione dello stato di assedio a Perugia , Palermo , Bari , Milano , Napoli , Firenze e Livorno .
  2. ^ Il riferimento è a Francesco Crispi , Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro dell'Interno dal 15 dicembre 1893 al 10 marzo 1896 nel terzo e quarto Governo Crispi , ed alla feroce repressione del movimento dei Fasci siciliani , con la proclamazione dello stato d'assedio in Sicilia il 2 gennaio 1894 , l'invio nell'isola di 40 000 soldati, al comando del generale Roberto Morra di Lavriano , nominato Commissario Regio con pieni poteri, comprese esecuzioni sommarie e arresti di massa. Furono istituiti tribunali militari , vietate le riunioni pubbliche, confiscate le armi, introdotta la censura sulla stampa e proibito l'ingresso all'isola ai sospetti. Il movimento dei Fasci siciliani fu sciolto lo stesso 1894 ei capi arrestati. Il 30 maggio il Tribunale militare di Palermo condannò Giuseppe de Felice Giuffrida a 18 anni di carcere, Rosario Garibaldi Bosco , Nicola Barbato e Bernardino Verro a 12 anni di carcere quali capi e responsabili dei Fasci siciliani. Il 14 marzo 1896 , con un atto di amnistia , venne concessa la clemenza a tutti i condannati.
  3. ^ Secondo la polizia rimasero a terra uccisi 100 manifestanti e si contarono 500 feriti, per l'opposizione, i morti furono invece 350 ei feriti più di mille. [4]
  4. ^ Turati il 1º marzo 1899 fu dichiarato decaduto dal mandato parlamentare e messo agli arresti con l'accusa d'aver guidato i moti di Milano ; fu poi condannato a ben 12 anni di reclusione. Fu comunque liberato il successivo 26 marzo, in quanto rieletto alle elezioni suppletive, e fece ostruzionismo contro il governo reazionario di Luigi Pelloux .
  5. ^ Nel periodo di direzione Mussolini, l' Avanti! era salito da 30-45 000 copie nel 1913 a 60-75 000 copie nei primi mesi del 1914 . [6] [7]
  6. ^ Con varie pause, nei periodi in cui Nenni era in minoranza all'interno del partito, o come quando, entrato come ministro nel primo Governo della neonata Repubblica italiana , cedette l'incarico a Ignazio Silone , a cui successe, dall'agosto 1946 al gennaio 1947 , Sandro Pertini , con la condirezione, per l'edizione milanese, di Guido Mazzali .
  7. ^ Si tratta del grande sciopero del 1º marzo 1944, che paralizzò la produzione industriale delle fabbriche milanesi per un'intera settimana. Ha ricordato Marcello Cirenei, all'epoca segreterio del PSIUP per l'Alta Italia: «Lo sciopero generale riuscì una impressionante e davvero imponente dimostrazione della volontà e potenza delle masse lavoratrici – compresi gli intellettuali – di abbattere il nazifascismo e di conquistare la libertà. Il partito Socialista ha avuto nella preparazione e nella esecuzione dello sciopero una parte essenziale, in fraterna e intima collaborazione con il partito Comunista». Il New York Times del 9 marzo 1944 scrisse: «In fatto di dimostrazioni di masse non è avvenuto niente nell'Europa occupata che si possa paragonare con la rivolta degli operai italiani. È il punto culminante di una campagna di sabotaggio, di scioperi locali e di guerriglie, che ha avuto meno pubblicità del movimento di resistenza francese perché l'Italia del nord è stata più tagliata fuori dal mondo esteriore. Ma è una prova impressionante che gli italiani, disarmati come sono e sottoposti a una doppia schiavitù combattono con coraggio e audacia quando hanno una causa per la quale combattere … ». [13] La dura repressione seguita allo sciopero e probabilmente anche qualche spiata provocarono la cattura di quasi tutto il gruppo dirigente del PSIUP milanese clandestino. [14]
  8. ^ Il 28 maggio 1944 , pochi giorni prima della liberazione della capitale, Colorni venne fermato in via Livorno da una pattuglia di militi fascisti della famigerata banda Koch : tentò di fuggire, ma fu raggiunto e ferito gravemente da tre colpi di pistola. Trasportato all' Ospedale San Giovanni , morì il 30 maggio sotto la falsa identità di Franco Tanzi. Nel 1946 gli fu conferita la medaglia d'oro al valor militare alla memoria.
  9. ^ In realtà il numero dei martiri assassinati dai nazisti era di 14, compreso Buozzi.
  10. ^ "L'Avanti! clandestino era regolarmente pubblicato: Lorenzetti si occupava della stampa e della ricezione e raccolta degli articoli: ne inviavano Guido Mazzali, e anche altri, tra i quali Ludovico d'Aragona, Lodovico Targetti, Giorgio Marzola." [13]
  11. ^ Applicabile solo ai matrimoni con scomparsi senza lasciare traccia, condannati a lunghe pene detentive, coniuge straniero in presenza di divorzio all'estero, malati di mente, lunghe separazioni fra i coniugi o tentato omicidio del coniuge. [23]

Fonti

  1. ^ 120 anni di Avanti! Di qui si passa , su avantionline.it , 24 dicembre 2016. URL consultato il 27 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2016) .
  2. ^ Intini 2012 , p. 30 .
  3. ^ Matteo Miele, Il primo Avanti! fu di Cassino , in Avanti! della domenica , 15 settembre 2002.
  4. ^ Augusto Pozzoli e Arturo Colombo, Milano 1898, cannonate sulla folla , in Corriere della Sera , 16 aprile 1998, p. 48.
  5. ^ Alfonso Maria Capriolo, Ancona 1914: la sconfitta del riformismo italiano , in Avanti! online , 25 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 19 settembre 2016) .
  6. ^ Castronovo et al. 1979 , p. 212 .
  7. ^ a b Renzo De Felice , Mussolini il rivoluzionario, 1883-1920 , in Mussolini , prefazione di Delio Cantimori, Torino, G. Einaudi, 1965, SBN IT\ICCU\AQ1\0049803 .
  8. ^ Avanti! , 8 giugno 1914.
  9. ^ Avanti! , 11 giugno 1914.
  10. ^ Mario De Micheli, Scalarini: vita e disegni del grande caricaturista politico , in Universale economica , n. 825, Milano, Feltrinelli, 1978, p. 80, SBN IT\ICCU\SBL\0159863 .
  11. ^ Intini 2012 . Archiviato il 5 aprile 2018 in Internet Archive .
  12. ^ a b c d Intini 2012 .
  13. ^ a b c Marcello Cirenei (M. Clairmont), Il primo Comitato di Liberazione Alta Italia ed il problema istituzionale ( PDF ), su Contributo socialista alla Resistenza: il primo comitato di liberazione alta Italia ed il problema istituzionale , italia-resistenza.it , SBN IT\ICCU\UFI\0395874 .
  14. ^ a b c Alfonso Maria Capriolo, Andrea Lorenzetti: prigioniero dei nazisti, libero sempre , in Avanti! on line , 19 febbraio 2018 (archiviato dall' url originale il 2 maggio 2018) .
  15. ^ a b c d e Sandro Pertini , L' Avanti! clandestino , in Cinquantenario dell'Avanti! (numero unico) , 25 dicembre 1946.
  16. ^ a b Giuseppe Manfrin, Mazzali Guido: la tensione etica , in Avanti della Domenica , n. 34, 22 settembre 2002.
  17. ^ Intini 2012 , p. 299 .
  18. ^ Pietro Nenni , Vento del Nord , in Avanti! , 27 aprile 1945.
  19. ^ Avanti! , 29 aprile 1945.
  20. ^ Intini 2012 , pp. 296-297 .
  21. ^ Fabrizio Montanari, Nenni-Mussolini, amicizia impossibile , in 24emilia.com (archiviato dall' url originale il 28 ottobre 2016) .
  22. ^ Proposta di legge d'iniziativa del deputato Sansone ( PDF ), su camera.it , 26 ottobre 1954.
  23. ^ Agnese Argenta, Bibliolab - storia delle donne , su bibliolab.it .
  24. ^ Rosanna Fiocchetto, Tra mito e incubo: i terribili anni cinquanta , su Gabriella Romano (a cura di), I sapori della seduzione: il ricettario dell'amore tra donne nell'Italia degli anni '50 , fuoricampo.net , Verona, Ombre Corte, 2006, ISBN 88-87009-83-X (archiviato dall' url originale il 9 aprile 2008) .
  25. ^ Giampaolo Pansa, La caduta di Fanfani , in la Repubblica , 8 maggio 2004. URL consultato il 9 dicembre 2015 .
  26. ^ Segretari e leader del socialismo italiano ( PDF ), su domanisocialista.it , p. 25. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  27. ^ Ornella Buozzi, Quattro giorni a Barcellona , in Il Nuovo Avanti , 8 agosto 1936. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  28. ^ a b L'Avanti! segue la diaspora dei socialisti e si spacca in tre , in Corriere della Sera . URL consultato l'11 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2015) .
    «E adesso l' Avanti! è diviso in tre. C'è quello che ha nel comitato editoriale l'economista Brunetta , il deputato Fabrizio Cicchitto , Giuliano Cazzola . C'è quello che ha per presidente Michele Zoppo e per direttore politico Bobo Craxi : si chiama Avanti! , è la testata storica, spiegano gli amici di Bobo. Il terzo, l' Avanti! della domenica , è quello di Intini . Ma il vero contrasto è tra gli altri due. L'Avanti! di Valter Lavitola è considerato dagli amici di Bobo "un organo di Forza Italia ". Ma l' Avanti! di Bobo è, per Lavitola e gli altri, "una testata abusiva"» .
  29. ^ Berlusconi indagato, De Gregorio: "Mi diede tre milioni per passare con lui , in Il Fatto Quotidiano , 18 febbraio 2013.
  30. ^ De Gregorio: «Ho commesso un reato Mi hanno dato due milioni in nero» , in Corriere della Sera , 11 marzo 2013. URL consultato il 12 marzo 2013 .
  31. ^ Compravendita senatori, a Napoli chiesto il rinvio a giudizio di Berlusconi , in Corriere della Sera , 9 maggio 2013. URL consultato il 9 maggio 2013 .
  32. ^ a b Massimo Malpica e Simone Di Meo, Smascherato De Gregorio: "Intascò due milioni per pagare gli usurai" , in il Giornale.it , 4 giugno 2015. URL consultato il 29 maggio 2016 .
  33. ^ Carlo Correr, Il silenzio sulla vera storia dell'Avanti! , in Avanti! della Domenica , n. 31, 18 settembre 2011.
  34. ^ L'Avanti, sequestrati beni per 9mln a Lavitola e De Gregorio , in Sky.it , 11 luglio 2012. URL consultato il 23 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 26 dicembre 2016) .
  35. ^ Fondi al giornale «L'Avanti», Lavitola patteggia 3 anni e 8 mesi , in Corriere del Mezzogiorno , 9 novembre 2012. URL consultato il 5 marzo 2013 .
  36. ^ Agli arresti Cosentino, Tedesco e De Gregorio: ex onorevoli, via l'immunità , in Il Fatto Quotidiano , 15 marzo 2013.
  37. ^ Matteo Bartocci, Editoria, Lavitola e De Gregorio dovranno restituire 24 milioni per i fondi de L'Avanti , in il manifesto.info , 12 marzo 2015. URL consultato il 29 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 29 maggio 2016) .
  38. ^ Ugo Intini, Di qui si passa , in Avanti! della domenica , n. 1, 7 febbraio 2010.
  39. ^ a b L' Avanti! è nostro , in Avanti! della domenica , n. 39, 13 novembre 2011.
  40. ^ L'Avanti! torna in edicola diretto da Claudio Martelli , su Prima Comunicazione , 27 aprile 2020. URL consultato il 5 maggio 2020 .

Bibliografia

  • Valerio Castronovo , Luciana Giacheri Fossati e Nicola Tranfaglia , La stampa italiana nell'età liberale , in Valerio Castronovo e Nicola Tranfaglia (a cura di), Storia della stampa italiana , Roma-Bari, Laterza, 1979, SBN IT\ICCU\CFI\0115398 .
  • Gaetano Arfé , Storia del socialismo italiano, 1892-1926 , in Piccola biblioteca Einaudi , n. 71, Torino, Einaudi, 1992, ISBN 88-06-03863-X .
  • Gaetano Arfé , Storia dell'Avanti! , a cura di Franca Assante, Napoli, Giannini, 2002, ISBN 88-7431-001-3 .
  • Ugo Intini , Avanti! Un giornale, un'epoca , in Politicamente , Roma, Ponte Sisto, 2012, ISBN 978-88-95884-87-5 .
  • Avanti! 1924-1926: i verbali del Consiglio di amministrazione: dal dibattito su Nenni e l'unità socialista alla devastazione del giornale , in Fondazione Anna Kuliscioff , introduzione di Ugo Intini, Roma, Ponte Sisto, 2015, SBN IT\ICCU\LO1\1566441 .

Altri progetti

Collegamenti esterni