BMW

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu BMW (desambiguació) .
Bayerische Motoren Werke AG
BMW
Logotip
Hochhaus 'BMW Vierzylinder'. München. 83 orig.jpg
La BMW Tower , la seu de la companyia a Munic
Estat Alemanya Alemanya
Formulari d’empresa Societat anònima
Borses de valors Borsa de Frankfurt : BMW
ESTÀ DINS DE0005190003 i DE0005190037
Fundació 1917
Fundat per Franz Josef Popp i Karl Rapp
Seu central Munic
Comprova-ho
Persones clau Norbert Reithofer president
Harald Krüger, director general
Stefan Quandt (propietari del 29% del paquet d'accions)
Susanne Quandt Klatten (participació del 21%)
Sector Automoció
Productes
Vendes 98680000000 [1] (2017)
Empleats 129 932 [1] (2017)
Eslògan "El plaer de conduir ( Freude am Fahren )"
Lloc web www.bmw.com

BMW (abreviatura de B ayerische M otoren W erke , que es pot traduir a l' italià com a " fàbrica de motors bavaresos ") és un fabricant alemany de vehicles de motor i motocicletes , amb seu a Munic .

Fundada oficialment el 1917 inicialment per produir motors d'avions, ha anat ampliant progressivament el seu negoci fins a convertir-se en un dels fabricants d'automòbils més importants i prestigiosos del món, sobretot per la qualitat de la construcció i la modernitat tecnològica i d'enginyeria dels seus productes.

El 2017 , el grup BMW va vendre a nivell mundial 2 505 741 cotxes (marques BMW, Mini i Rolls-Royce ) e 185 682 motocicletes de dues rodes (marca BMW) [1] .

Història

Orígens de la marca

Durant la Primera Guerra Mundial , la indústria mecànica alemanya es va comprometre a millorar la potència i la fiabilitat del nou avió de combat que, per primera vegada, va jugar un paper important a la guerra i més enllà.

Daimler també havia desenvolupat un motor d'avions, fabricat per la filial austríaca Austro-Daimler i desenvolupat per Max Friz , un dels genials enginyers del departament de carreres de Daimler, l'activitat de la qual va ser suspesa a causa de la guerra.

Per encàrrec del govern austríac, per raons de velocitat de producció, la construcció dels motors Austro-Daimler va ser confiada al llicenciatari bavarès Rapp Motorenwerke , una empresa de Munic fundada el 1913 per Karl Rapp i Julius Auspitzer , a la qual Friz també es va traslladar amb l'esperança de veure el seu pla per a un motor aerodinàmic amb sis cilindres en línia i arbre de lleves aeri, capaç de funcionar a altituds molt altes, molt més de 5.000 metres. A Rapp, com a supervisor tècnic de l' aviació militar austrohongaresa , hi havia l'enginyer Josef Popp , a qui Friz va mostrar els dibuixos del seu nou motor.

Popp va comprendre immediatament que era un motor molt avançat tecnològicament i va donar suport a la seva adopció a Rapp Motorenwerke. Aviat es va construir el prototip del nou motor, que mostrava unes qualitats de potència i lleugeresa molt superiors a la producció de l’època. La novetat va despertar immediatament l’interès del Reich alemany que, per recuperar la supremacia en el cel, va encarregar la construcció de 600 unitats. El 7 de març de 1916, Rapp Motorenwerke es va fusionar amb una altra empresa alemanya de Munic, fabricant de motors d'avions, el Gustav Otto Flugmaschinenfabrik de l'enginyer Gustav Otto , fill del més famós Nikolaus August Otto (l'inventor del motor de combustió interna ); les dues empreses, tot i continuar treballant amb els seus noms d'empreses individuals, van formar un consorci industrial registrat com a Bayerische Flugzeugwerke [2] (BMW), amb seu a 76 Lerchenauer Straße [3] . Però tot i que les sigles encara no són les del famós fabricant de cotxes i motos de Baviera, alguns historiadors assumeixen precisament el 7 de març de 1916 la data de naixement de BMW, encara que oficialment la marca encara no existís.

El motor d'avió BMW IIIa de sis cilindres en línia, dissenyat per l'enginyer Max Friz el 1917

Pocs mesos després de la fusió, Gustav Otto va deixar la companyia del mateix nom, que aviat va tancar les portes. A la pràctica, a partir d’aquest moment, BFW es va trobar només amb Rapp Motorenwerke , però no va passar molt de temps fins que Karl Rapp també va decidir retirar-se de la direcció de la seva empresa i el 26 de novembre de 1916, Josef Popp va assumir el lideratge canviant el denominació social de Rapp Motorenwerke a Bayerische Motorenwerke GmbH (BMW). [2] Aquest canvi de nom de la companyia es va datar el 21 de juliol de 1917 i amb el seu registre a la Cambra de Comerç, la marca BMW va aparèixer per primera vegada en el panorama de la indústria del motor alemanya, i per a molts altres historiadors aquest va ser el data oficial de naixement del fabricant bavarès. La producció de motors d'avions va continuar durant l'últim període de la Primera Guerra Mundial : en particular, Popp va procedir a iniciar la producció del motor d'avió dissenyat per Friz, que més tard es va fer famós com BMW IIIa . Amb un acte del 5 d’octubre de 1917 , la producció de BMW també es va estendre a vehicles terrestres i amfibis i fins i tot bicicletes i accessoris per a automòbils. En el mateix període, Popp va patentar el nou logotip de la Casa, és a dir, el camp circular negre que contenia la representació concèntrica dels colors nacionals bavaresos (blanc, blau i daurat). El símbol va arribar al segle XXI amb poques variacions gràfiques i cromàtiques, consistent principalment en la modificació de la lletra , l’espai entre les lletres i l’adopció del color platejat en lloc d’or. Cal tenir en compte que l’activitat de BMW en aquests primers anys sempre es va desenvolupar sota el control de Bayerische Flugzeugwerke , que continuava tenint la seva pròpia seu. Gràcies a les ordres de guerra, la petita empresa va créixer ràpidament. Als afores de l’aeroport militar Oberwiesenfeld de Munic, la companyia va construir una fàbrica àmplia, proporcional al fort creixement de la producció, on es fabriquen motors d’avions militars fins al 1918.

Un any després del seu naixement, i precisament el 13 d'agost de 1918 , Bayerische Motorewerk GmbH es va convertir en Bayerische Motorenwerk AG , una societat anònima amb un capital social de 12 milions de marcs alemanys , un terç dels quals era propietat del director comercial italià Camillo Castiglioni . La direcció tècnica de l’empresa va ser assignada al director gerent de la GmbH, Franz Josef Popp. Al final del conflicte, les decisions resultants del pacte de Versalles del 1919 van provocar molts canvis destinats a canviar radicalment la història de BMW. El Regne de Baviera es va trobar fusionat amb la República de Weimar , a la qual se li prohibia la construcció d’avions, tallant així qualsevol possibilitat de localitzar i desenvolupar els motors IIIa ara provats. A més, la inflació fugitiva posava el teixit industrial alemany en una greu crisi, inclosos els mateixos BFW i BMW. Va ser en aquest moment quan Castiglioni va intervenir de manera més incisiva en el destí de la Casa dell'Elica. Fundat el 1920 de Süddeutsche Bremsen-AG , una empresa activa en el sector de l’enginyeria, Castiglioni va assumir la primavera de 1922 completament BMW i, juntament amb Popp, va dirigir inicialment la producció cap a les branques de motocicletes i nàutiques. Tanmateix, això també va provocar la desaparició del Bayerische Flugzeugwerke. Les antigues propietats immobiliàries de BFW van ser preses per Castiglioni i, en canvi, es van annexionar a la Süddeutsche Bremsen. Mentrestant, les imposicions del Tractat de Versalles sobre la producció aeronàutica a Alemanya es van tornar cada cop menys rígides i ja en aquell mateix 1922 BMW va poder tornar a experimentar amb alguns motors aeronàutics, reiniciant així gradualment també aquest sector que continuarà actiu. fins al final de la Segona Guerra Mundial . El 1924 , es podria dir que la producció d'avions es va reiniciar completament.

Inici de la producció de motocicletes

Una BMW R32, la primera motocicleta produïda per BMW

Tornant a parlar de producció de motocicletes, Popp i Castiglioni van voler buscar nous punts de venda que permetessin l’ús de la maquinària i els coneixements tècnics adquirits. Entre les primeres tasques, es va confiar a Friz el disseny d’un motor per a una motocicleta i una embarcació i el cap del taller Martin Stolle amb la construcció d’un motor per a una motocicleta . El primer model d’una motocicleta de marca BMW data del 1923 i es va comercialitzar com el BMW R32 , el progenitor de diverses generacions de motocicletes, generalment força popular i, per tant, destinat a l’èxit comercial. En les dècades següents, i fins als nostres dies, BMW també es farà famosa per les seves motocicletes.

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: BMW Motorrad .

Inici de la producció d'automòbils

El primer cotxe BMW: el 3/15 Dixi .

Però la branca industrial per la qual l’empresa bavaresa esdevindrà la més famosa de totes va ser la de l’automoció. El naixement i el desenvolupament de la producció d'automòbils BMW va tenir lloc a finals de la dècada de 1920 i principis de la dècada de 1930 del segle passat. A partir de 1926 , el número u de la casa bavaresa va ser Georg von Stauss, representant del Deutsche Bank i, des de 1927 , també president del gegant bancari alemany. Camillo Castiglioni va ser el diputat de von Stauss i va ocupar el paper de president de BMW. Entre els dos es va començar a desenvolupar una mena de rivalitat latent, encès per von Stauss per intentar limitar progressivament la influència de Castiglioni, encara molt fort, dins del consell d'administració. Aquesta rivalitat, però, sovint no era molt visible ja que els dos directius sovint es trobaven treballant per aconseguir objectius comuns. Entre aquests objectius, hi havia el d’expandir la producció de BMW també al sector de l’automòbil. Tot i això, no volíem començar de zero, sinó assumir un fabricant ja iniciat, amb una reputació consolidada però en aquell moment carregat de fortes dificultats financeres. Va ser el mateix Castiglioni qui va començar a buscar un fabricant d’aquest tipus: al final l’elecció va recaure en Fahrzeugfabrik Eisenach , que ja feia diversos anys que produïa cotxes amb la marca Dixi. Al final de la Primera Guerra Mundial, la casa d' Eisenach es va trobar amb greus dificultats financeres a causa de la seva dificultat per reprendre un règim productiu que també era rendible. Per aquest motiu, en la immediata postguerra es va aliar amb Gothaer Waggonfabrik , un constructor actiu en el sector del transport ferroviari amb seu a Gotha , no gaire lluny de Fahrzeugfabrik Eisenach. Gràcies a aquest suport, aquest va aconseguir el 1927 iniciar la producció dels Austin Seven sota llicència. [4] Aquest cotxe es va comercialitzar com Dixi DA1 . Un model de llicència popular podria haver proporcionat teòricament uns ingressos financers prou tranquil·litzadors. Malauradament, la situació no va millorar, també a causa d’algunes polítiques comercials que no eren exactament puntuals. Va ser en aquest moment quan el president de BMW, Camillo Castiglioni, va prendre el relleu, proposant una aliança amb Fahrzeugfabrik Eisenach: l'acord es va finalitzar el 14 de novembre de 1928 quan BMW va comprar el fabricant a Eisenach per 200.000 marcs més 800.000 marcs en accions de BMW. Inicialment no hi va haver revolucions importants, ja que el cotxe Eisenach es va continuar produint amb la marca Dixi. El que volien provar en aquell moment va ser l’eficàcia comercial del Dixi DA1 i la possibilitat de revelar completament la producció i la comercialització del model, fent així el debut del logotip de BMW en un cotxe de quatre rodes. Això va passar a finals de juliol de 1929 , quan es va començar a comercialitzar el petit cotxe amb la marca Elica. Això va suposar el final de la marca Dixi i de la Fahrzeugfabrik Eisenach: la fàbrica de Turingia va continuar sent el centre estratègic de la producció de vehicles BMW, mentre que a Munic es continuaven produint motocicletes i motors d’avions.

La dècada de 1930, entre crisi, expansió i carrera armamentista

El BMW 303 va ser el primer model de la Casa de l’hèlix a muntar un motor de 6 cilindres i a incorporar la històrica reixa de ronyó doble, també present en la producció actual.

BMW va començar llavors a produir el mateix model Dixi amb el nom oficial de BMW 3/15 a la planta d'Eisenach, que posteriorment seria substituït pel 3/20 . Mentrestant, la crisi financera del 1929 va començar a fer-se efectiva a principis dels anys trenta. Però la presència d'un model econòmic a la llista BMW va permetre a la Casa dell'Elica superar el període fosc sense excessives dificultats, fins i tot si en tot cas hi va haver pèrdues considerables en els pressupostos de principis de la dècada. N’hi ha prou amb dir que si el 1930 el volum de negoci va augmentar de 27 a 36 milions de marcs de marca, en els dos anys següents aquesta xifra va caure primer a 27 i després a 20 milions de marcs de marca. Però, com ja s’ha dit, van ser els models 3/15 i 3/20 els que van assegurar que les vendes fossin capaces de suportar el pes de la delicada situació financera d’aquest període. Les qualitats d’economia operativa d’aquests dos models van captar l’atenció dels clients, especialment aquells que en aquells anys es van veure obligats a canviar a un cotxe de gamma baixa per estalviar diners en temps de crisi. I fins i tot les motocicletes, especialment els models menys costosos com el recent nascut R2 , van resultar ser una alternativa vàlida per a aquells que necessitaven moure’s ràpidament i econòmicament. De fet, el catàleg es va enriquir amb tricicles de motor per al transport de petites mercaderies, vehicles econòmics i lliures d’impostos que podrien haver ajudat en el difícil període de crisi financera mundial.

Mentrestant, però, no van faltar les inversions per als motors aerodinàmics nous, com el motor Hornet , un estel·lar de nou cilindres de 525 CV , en realitat un motor Pratt & Whitney R-1690 construït sota llicència per l’empresa bavaresa. 1928, però que a principis de la dècada de 1930 va ser evolucionada per la mateixa BMW, cosa que va donar lloc a altres motors amb més rendiment. Les vendes de motors aeronàutics van esdevenir tals, fins i tot durant el període de crisi, que l’empresa Elica va haver de separar aquest darrer negoci de l’automòbil i el de motocicletes, donant vida a BMW Flugmotorenbau GmbH , una realitat industrial amb seu central a Eisenach, planta de l'encarregat de la producció d'automòbils.

El 1932 , l'any de major impacte de la crisi en els balanços de BMW, es va introduir l'esmentat 3/20 , hereu del 3/15 , aparentment similar al model derivat d' Austin , però en realitat el resultat d'un nou projecte. Per tant, el 3/20 va ser el primer cotxe totalment dissenyat i construït per la Casa dell'Elica, un signe de l'emancipació de la producció d'automòbils de qualsevol altre fabricant. El 3/20 es va fer carrosseria a la planta de Daimler-Benz a Sindelfingen , una curiositat que va trobar els seus motius en un acord signat entre Stuttgart i el fabricant de vehicles de Munic per tal d’optimitzar les xarxes de vendes i serveis, però que en efectes també es va veure entre les diverses opcions la possibilitat d'utilitzar les línies de muntatge a Sindelfingen, tradicionalment utilitzades per Daimler-Benz per al muntatge de carrosseries.

El BMW 328 , el primer cotxe amb gran èxit de la casa bavaresa.

El 1933 , amb l’arribada del nou cap del sector tècnic Fritz Fiedler , l’empresa bavaresa va passar a la producció del primer motor de sis cilindres d’altes prestacions i del primer model de cotxe de classe superior, el 303 que estava equipat amb un motor de 1173 cm³ i 30 CV . En aquest cotxe també va aparèixer per primera vegada el model clàssic del radiador davanter en forma de ronyons costat a costat que esdevindrà típic de tots els cotxes BMW [4] . En els anys següents, BMW va desenvolupar la seva producció de models d’alta classe com el BMW 320 i el 326 , dos models amb els quals la Casa de l’Hèlix va llançar per primera vegada el seu repte a Mercedes-Benz en el sector de l’automòbil de prestigi., una rivalitat molt acalorada encara avui. Però el primer cotxe realment innovador que va donar prestigi a la jove empresa bavaresa i va demostrar la seva alta capacitat tècnica i d'enginyeria va ser el model 328 equipat amb un motor modern amb capçal d'aliatge lleuger i vàlvules V [4] . El BMW 328 també estava dotat de grans qualitats dinàmiques i va elevar la reputació de BMW com a marca esportiva; el nou cotxe va aconseguir nombroses victòries en competicions competitives, inclosa l'edició de 1940 del Mille Miglia [4] . El BMW 328 es va construir en 462 unitats i es va convertir en un cotxe molt popular entre els experts i els aficionats als cotxes esportius d'època [4] .

Però el món ara mirava amb preocupació una situació política més que alarmant: el règim d’ Adolf Hitler precipitava progressivament la situació fins al punt de no tornar, la cursa d’armaments, en aquells darrers anys 30, ja havia començat. Ja era a la vigília de l'Holocaust: l' 1 de setembre de 1939, Hitler va envair Polònia i va donar pas a la Segona Guerra Mundial .

BMW durant la segona guerra mundial

La cadira de rodes R75 , utilitzada amb finalitats militars durant la Segona Guerra Mundial

Durant el període de la Segona Guerra Mundial , BMW va participar en l'esforç bèl·lic de l'Alemanya nazi com la majoria de companyies alemanyes. La direcció del complex militar-industrial del III Reich va encarregar a BMW la producció de nombrosos vehicles militars, inclosa la construcció d’una de les cadires de rodes més clàssiques de la història, la R75 . També es van produir cotxes, però des del començament de la guerra, el règim nazi va prohibir la seva venda a particulars, de manera que la producció va continuar amb un comptagotes: des de principis de 1940 fins a la tardor del mateix any només es van vendre 201 cotxes.

El motor radial BMW 801 que va equipar molts avions de guerra alemanys durant la Segona Guerra Mundial .

Però, sobretot, la Casa dell'Elica es va comprometre amb el desenvolupament i la producció en massa de motors d'avions: per augmentar aquesta producció, BMW ja va adquirir el 1939 la planta de Berlín del Brandeburgische Motorenwerke , que anteriorment havia pertangut al grup Siemens. Des d’aquest moment i fins al final de la guerra, les tres plantes de BMW van produir diverses desenes de milers de motors d’avions, sempre sota l’ègida de BMW Flugmotorenbau . Entre els diversos motors produïts per BMW en aquella època es trobava el famós motor radial BMW 801 de 14 cilindres que va ser equipat des de 1941 a l'excel·lent caça Focke-Wulf Fw 190 [5] . El motor era compacte i potent; refrigerat per aire per un ventilador de 12 pales, estava equipat amb un compressor de dues etapes i proporcionava 1.600 CV a l'enlairament i 1.440 CV a 5.700 d'altitud. El caça Fw 190 gràcies a aquest motor va tenir formidables actuacions i en el període 1942-1943 es va mostrar superior a l'avió enemic [6] . El motor BMW 801 també va equipar molts altres avions de la Luftwaffe durant la Segona Guerra Mundial incloent algunes versions dels bombarders Heinkel He 177 Greif , Junkers Ju 88 , Junkers Ju 188 , Junkers Ju 290 i Messerschmitt Me 264 ; També es va dissenyar una variant amb motors BMW 801 del gegantí avió de transport Messerschmitt Me 323 . Un altre motor d'avió, considerat el més avançat tecnològicament en aquell moment, va ser el BMW 003 , un dels primers motors a reacció .

Durant la Segona Guerra Mundial, BMW, com altres grans indústries alemanyes, va emprar nombrosos treballadors estrangers traslladats a la força a Alemanya i va explotar àmpliament la mà d’obra pràcticament gratuïta proporcionada pel sistema de camps de concentració dirigit per l’aparell militar i administratiu de les SS ; en particular a les plantes de Munic, dedicades a la producció de motors d'avions, al setembre de 1944 treballaven uns 16.600 treballadors estrangers, alguns dels quals provenien d'un camp de presoners de guerra i d'altres també de la secció Allach del camp de concentració de Dachau [7] ] . Les fàbriques d'Eisenach, Abteroda i Neunkirchen empleaven igualment presoners i treballadors forçats [8] .

La producció bèl·lica de BMW es va alentir quan la planta de BMW Flugmotorebau a Eisenach va ser destruïda pel bombardeig aliat. Les autoritats militars alemanyes van prendre precaucions a temps transferint part de la producció a altres plantes més petites que mai havien pertangut a BMW, però on de fet la Casa dell'Elica va haver de traslladar part de les cadenes de muntatge. D’aquesta manera, les petites plantes d’ Immenstadt , Kempten , Kaufbeuren , Allach i Oberwiesenfeld, situades en llocs menys visibles per les forces aliades, també van participar en la producció de guerra de BMW. Però fins i tot es van descobrir i bombardejar aquestes activitats ocultes.

La segona postguerra i la greu crisi de BMW

Amb el cessament de les hostilitats, va començar un període de gran dificultat: les plantes encara en peu havien de convertir-se en gran mesura en producció civil. Això va ser imposat pels aliats per no tornar a fabricar motors d'avions, una producció que contradiria el desig d'impedir el rearmament alemany. La junta directiva de BMW a la immediata postguerra estava constituïda bàsicament per un triumvirat format per Kurth Donath, Hanns Grewening i Heinrich Krafft. El rellançament de la casa bavaresa es va basar inicialment en la producció de motocicletes, cosa que va permetre a BMW obtenir les primeres alenades d’oxigen. Per impulsar en aquesta direcció va ser el cap de la vigilància interna de la planta d’Allach, Georg Meier, que ja va guanyar el Tourist Trophy 1939 amb una moto BMW. Però això no era suficient: calia tornar a la producció d'automòbils. Tot i això, va resultar ser molt difícil, ja que al final del conflicte les autoritats soviètiques van presidir la part oriental d’Alemanya (de la qual després naixerà l’Alemanya Oriental ). Aquesta zona incloïa la ciutat d' Eisenach , on la casa alemanya construïa rutinàriament els seus cotxes. De les dues fàbriques d’Eisenach, només la destinada a la producció d’automòbils va sortir il·lesa dels bombardejos: es va posar sota el control de l’empresa estatal soviètica Avtovelo , que va començar a produir il·legalment models BMW amb la marca BMW, basant-se en els projectes trobat a la fàbrica expropiada. A partir d'aquest període es van produir algunes propostes de BMW 321 i 326 , a més d'un model semi-nou, el BMW 340 , nascut al xassís del 326 , però amb una carrosseria profundament revisada, sobretot a la part davantera. Després d'algunes vicissituds legals, BMW va aconseguir construir els cotxes Eisenach amb una altra marca. Aquesta és la forma en la SEM va néixer (Eisenacher Motorwerke). Però BMW encara es va trobar incapaç de produir cotxes: la planta de Munic havia allotjat anteriorment les línies de muntatge de motocicletes, però mai no havia produït cap cotxe. Hi va haver queixes a tot BMW (clients potencials, concessionaris, etc.) que van intentar empènyer l’empresa bavaresa cap a la represa de la producció de vehicles, però l’alta direcció de BMW sempre va rebutjar la sol·licitud. Els únics recursos financers per intentar reiniciar la producció de vehicles van ser donats únicament per les vendes de motocicletes (que entre altres coses van tenir un bon èxit en la immediata postguerra) i pels ingressos relacionats amb la planta d’Allach, llogada pel Les autoritats nord-americanes com a magatzem de recanvis i taller per a la reparació dels seus vehicles militars. Es van intentar negociacions amb el francès Simca per a la producció sota llicència, els acords mai van arribar a l’èxit i es va intentar dissenyar un cotxe de motor petit des de zero, però també en aquest cas, sense que el projecte arribés a la maduresa: massa car desenvolupar un projecte completament nou , fins i tot si es refereix a un cotxe petit. L'única solució que quedava a disposició de BMW era "raspar el cubell" a casa i recollir el màxim possible a la seva fàbrica de Munic, utilitzada per a la producció de motocicletes i, per tant, amb poc material relacionat amb la producció d'automòbils. Però al final va sorgir el projecte del motor de dos litres que ja s’utilitzava sota el capó del 326 . Afortunadament, els motlles relacionats amb els components del motor també es van recuperar d'alguna manera. Va ser a partir d’aquestes troballes que va començar el projecte, que va donar lloc al llançament del BMW 501 el 1952 , que va ser seguit pel "bessó" 502 amb un motor V8 dissenyat i construït gràcies als primers ingressos de la venda del primer 501 unitats . Malauradament, però, aquestes vendes no van arribar a cap entitat que pogués fer navegar la Casa dell'Elica en aigües tranquil·les, al contrari: la necessitat de proposar nous models xocava amb restriccions financeres per al projecte i el desenvolupament. L’única possibilitat que quedava era adquirir els drets de producció d’un automòbil popular, o fins i tot ultra-econòmic, per alimentar-se a una població, l’alemanya, que en la seva major part encara necessitava ser motoritzada.

El renaixement

Un BMW Isetta

L'oportunitat va arribar quan l' Iso Isetta es va presentar al Saló de l'Automòbil de Ginebra el 1954 , un micro-cotxe de disseny italià i amb una forma d'ou característica, que en realitat va lluitar amb les vendes a Itàlia . Va ser l’importador de BMW a Suïssa qui, en adonar-se del petit cotxe, en va parlar amb la direcció de BMW a Munic. L'alta direcció de BMW va copsar la validesa del projecte i, després d'adquirir la llicència, va començar a produir el petit cotxe amb la marca BMW. A Alemanya, la Isetta no només va tenir un bon èxit comercial, superant les vendes no gaire convincents registrades a la pàtria, sinó que va ser el primer pas per reviure la fortuna de BMW. Tanmateix, només el primer pas: encara era impossible parlar de salut financera, ja que era fàcil fer passos equivocats. I, de fet, a partir dels desafortunats i costosos 501 i 502 també es van fabricar el coupé 503 i el roadster 507 , molt fascinants, però també destinats a no encoratjar exactament les xifres de vendes (413 exemplars per al coupé i 252 per al roadster) . Mentrestant, a la Isetta se li va unir el 600 , similar al petit cotxe bombolla a la disposició de la carrosseria, però amb espai intern per a 4 persones. Llançat el 1957 , va ser substituït dos anys després pel BMW 700 , finalment un petit BMW amb un aspecte similar a un cotxe real, però amb un preu molt competitiu. Con il lancio della 700 , la Casa bavarese si emancipò quindi da un segmento di mercato in cui folta era la concorrenza, specie in Germania Occidentale , dove anche la Heinkel e la Messerschmitt proposero microvetture assai valide. I confortanti dati di vendita della 700 furono un ulteriore passo verso il risanamento della BMW.

La situazione finanziaria dell'azienda rimaneva però molto critica: sul finire del decennio la crisi apparve irrisolvibile ei dirigenti operativi proposero agli azionisti, nel corso di una drammatica assemblea generale il 9 dicembre 1959, di vendere la società alla Daimler-Benz [4] . Durante l'assemblea alcuni piccoli azionisti tuttavia si opposero alla vendita e affermarono che c'era ancora la possibilità di ristabilire la solidità finanziaria della BMW; a questo punto la situazione venne risolta dall'intervento di Herbert Quandt , uno dei principali azionisti dell'azienda che espresse fiducia nelle possibilità di ripresa e decise di ampliare fortemente la sua partecipazione azionaria fino a divenire il titolare della quota maggioritaria del pacchetto e quindi della proprietà [9] . L'ascesa della dinastia dei Quandt fu uno dei passi decisivi verso la rinascita della BMW come costruttore di auto di prestigio. Gli eredi di Herbert Quandt sono ancora oggigiorno al timone della BMW.

Gli anni '60 e il ritorno alla spirito della BMW

Una BMW 1600-2

Dopo la svolta azionaria che evitò la vendita della società, la BMW, grazie al nuovo proprietario, raggiunse la sua definitiva tranquillità economica ma la ripresa fu comunque difficile e lenta; il buon risultato di vendite della BMW 700 , autovettura di fascia bassa progettata con l'ausilio dello stilista italiano Giovanni Michelotti , costituì un toccasana per la casa bavarese. Da quel momento la BMW tornò gradualmente ad una situazione economica positiva: dopo la BMW 700 fu lanciata infatti la BMW 1500 , primo modello della serie Neue Klasse , da cui sarebbero poi derivati i modelli della Serie 02 . Entrambi questi modelli costituirono una vera svolta per la Casa bavarese, nel senso che riportarono il marchio dell'Elica nuovamente all'originario spirito della BMW, tanto apprezzato negli anni '30. Entrambi ricostituirono la filosofia del marchio, ma proiettandolo verso il futuro, cosicché anche i modelli che sarebbero giunti dopo avrebbero incarnato molte caratteristiche dei due modelli lanciati nel 1962 e nel 1966 . Nacquero stilemi destinati a durare a lungo: il frontale inclinato in avanti, l'impostazione sportiveggiante della vettura, ma anche il famoso gomito di Hofmeister , ossia un particolare disegno del montante posteriore destinato a durare per diversi decenni e che deve il suo nome al designer BMW dell'epoca, ossia Wilhelm Hofmeister . Non solo, ma sia la Neue Klasse che la Serie 02 ottennero un tale successo da costringere la Casa tedesca a cercare un nuovo stabilimento per aumentare i ritmi di produzione.

Una Glas-BMW 3000 V8

La svolta arrivò nel 1966, quando la BMW rilevò per intero il marchio tedesco della Glas , dedito fino a quel momento a vetture di fascia bassa e media. La Glas era un costruttore con sede nella città di Dingolfing , sempre in Baviera , che negli anni '50 riuscì a ritagliarsi una buona fetta di mercato grazie al successo che in quel periodo stavano riscuotendo le microvetture, settore nel quale la Glas era presente con la sua vetturetta denominata Goggomobil . Ma con l'esaurirsi di tale tendenza del mercato, anche la Glas entrò in crisi ea poco valsero i tentativi di alzare gradualmente il livello di prestigio dei suoi modelli: dalla piccola Goggomobil si passò a modelli via via sempre più impegnativi fino alla coupé di lusso con motore V8. Nel 1966 la BMW rilevò la fabbrica di Dingolfing ei modelli Glas vennero commercializzati con marchio BMW. La Glas avrebbe continuato a costruire autovetture ma con il marchio BMW. Insomma, la Glas sarebbe esistita solo come fornitore di scocche da equipaggiare con meccanica BMW. Ancor oggi, però, i modelli derivanti da tale accordo, pur avendo fatto parte del listino BMW, sono attribuiti alla Glas. Il primo modello nato nel periodo BMW-Glas fu la 1600 GT , una coupé di fascia medio-bassa venduta con marchio BMW e consistente in una riedizione delle precedenti Glas 1300 e 1700 GT , ma con motore BMW da 1.6 litri. La versione di punta, ossia l'ormai ex-Glas V8, divenne l'antesignana della serie E9 , la prima vera coupé di lusso moderna interamente progettata dalla Casa dell'Elica e lanciata nel 1968 assieme alla sua versione berlina , ossia la serie E3 . Questo anche perché i modelli BMW-Glas si rivelarono in realtà un insuccesso commerciale e per questo il marchio Glas fu cancellato alla fine degli anni '60 e lo stabilimento di Dingolfing fu smantellato e ricostruito secondo le esigenze della BMW: oggigiorno è ancora attivo e vi vengono prodotte le nuove generazioni della Serie 5 e della Serie 7 .

Gli anni Settanta e Ottanta, fra espansionismo geografico e tecnologico

Veduta aerea della Torre BMW (a destra), dello stabilimento di Monaco di Baviera e del BMW Welt , in basso a sinistra.

Tra gli anni settanta e gli anni ottanta , la BMW consolidò sempre più il suo ruolo di costruttore fino ad assumere rilevanza mondiale. Il nuovo presidente dell'azienda divenne nel 1970 Eberhard von Kuenheim che promosse con pieno successo la crescita tecnologica e produttiva della BMW; von Kuenheim mantenne il ruolo di massimo dirigente della società fino al 1993 e ebbe un ruolo decisivo nel processo di sviluppo costante a livello globale del marchio bavarese, promuovendo soprattutto il livello qualitativo e ingegneristico dei suoi prodotti. Il 1972 vide la nascita della Motorsport , che di lì a pochi anni legherà strettamente con la BMW e firmerà le versioni di punta di ogni modello. Ma soprattutto, nell'ambito di un processo di razionalizzazione della gamma, vide la luce la prima generazione della Serie 5 , a cui faranno seguito le varie Serie 3 , Serie 6 e Serie 7 , solo per citare quelle più vicine dal punto di vista temporale. Nel quadro dei programmi di potenziamento dell'azienda il 1973 venne inaugurato il nuovo centro dirigenziale centrale a Monaco nel famoso grattacielo Vierzylinder [10] . Nello stesso anno vide la luce la prima BMW sovralimentata di serie, ossia la 2002 Turbo : la soluzione della sovralimentazione mediante turbocompressore rimarrà però confinata a sporadiche applicazioni per i successivi trent'anni. Invece avrà ripercussioni ben più visibili la crisi petrolifera del 1973 , anche la BMW ne avvertirà gli effetti molto meno rispetto ad altri costruttori: se alla fine del 1973 furono prodotte 197.446 autovetture con una forza lavoro pari a 27.737 unità ed un giro di affari di oltre 2,6 miliardi di marchi, un anno dopo il personale venne ridotto di quasi 2.000 dipendenti a fronte di circa 8.500 autovetture in meno e di un giro di affari sceso di 118 milioni di marchi. Ma già alla fine del 1975 si tornò a salire, e anche con più vigore di prima, visto che il numero di dipendenti, le autovetture prodotte e il giro d'affari si portarono a livelli ben superiori a quelli raggiunti due anni prima. Furono comunque necessari alcuni tagli anche alla gamma BMW: la vittima "eccellente" di questi tagli fu proprio la 2002 Turbo , tolta di listino nel novembre 1974 , a cui fece da contraltare, due mesi dopo, il lancio della 1502 , versione di base di una Serie 02 ormai prossima al pensionamento, sostituita dalla prima generazione della Serie 3 .

Una M1 , berlinetta sportiva di Casa BMW

A quel punto, raggiunta una buona salute finanziaria, le mire della BMW divennero espansionistiche: se in Francia, in Italia e in Belgio venne creata un fitta rete di servizi di assistenza post-vendita, in Sudafrica venne creato uno stabilimento per l'assemblaggio in loco di modelli BMW e si cercò di rafforzare la presenza della Casa tedesca negli USA , uno dei mercati di riferimento per marchi come la BMW e come la sua rivale storica, la Mercedes-Benz. La fine del decennio conobbe altri due acuti recanti il marchio dell'Elica: nell'autunno del 1978 venne lanciata la M1 , prima BMW di serie a recare la storica "M" della Motorsport di Jochen Neerpasch, che contribuì alla realizzazione di questa inedita berlinetta vestita da Giugiaro e spinta da un vigoroso 6 cilindri in linea da 3,5 litri e da 277 CV di potenza massima. Fu la prima BMW in grado di competere ad armi pari con certe granturismo nate in Emilia Romagna e fin da subito divenne oggetto delle attenzioni dei facoltosi appassionati che potevano permettersene una. In tre anni ne vennero prodotti 460 esemplari. La seconda grande notizia giunse un anno dopo il lancio della M1 : nell'autunno del 1979 , la BMW raggiunse i 3 milioni di autovetture prodotte nel solo secondo dopoguerra.

Stefan Quandt , figlio di Herbert Quandt e possessore, insieme alla sorella Susanne Klatten , del pacchetto azionario più importante della BMW.

Gli anni '80 furono caratterizzati da un ulteriore grado di evoluzione tecnologica, o meglio, di completamento sul piano tecnologico, in particolare per quanto riguardava i motori: il decennio si aprì con il debutto della M535i , versione di punta della gamma E12 , che fece da apripista per la successiva M535i derivata dalla successiva generazione della Serie 5 , e dalla quale deriverà la primissima M5 . Tutti modelli griffati con la "M" della Motorsport e quindi caratterizzati da una marcata impronta sportiva, che ribadirono una volta di più la filosofia produttiva della Casa dell'Elica. Nel frattempo, venne potenziata la rete di distribuzione e di assistenza in Spagna , mentre si cercò di penetrare in un mercato come quello giapponese. I risultati in Giappone non si fecero attendere: fra il 1982 ed il 1990 le immatricolazioni aumentarono vertiginosamente fino diventare sei volte quelle registrate durante il primo anno di presenza della BMW nel mercato nipponico. Nel 1982 Herbert Quandt morì, lasciando al figlio Stefan una cospiscua eredità, fra cui il 17,4% del pacchetto azionario della BMW. Nel settembre del 1983 vi fu un altro passo avanti per il completamento della gamma motori: nacque infatti il primo motore diesel marchiato BMW, un'unità da 2443 cm³ sovralimentata mediante turbocompressore e con 115 CV di potenza massima. Tre anni dopo, lo stesso motore fu proposto anche in versione aspirata con potenza massima di 86 CV. I due motori debuttarono rispettivamente sotto il cofano delle BMW 524td e 524d e furono il frutto di tre anni di studi presso lo stabilimento BMW di Steyr , in Austria , stabilimento inaugurato nel 1980 . Nel 1984 venne inaugurato un ulteriore nuovo stabilimento a Ratisbona , in modo da far fronte alla sempre crescente richiesta di vetture da parte del mercato. Sempre nello stesso anno, il motore da 3,5 litri già utilizzato per spingere la M1 venne rivisitato ulteriormente e portato da 277 a 286 CV di potenza massima. Così configurato, tale motore finì per equipaggiare la M635 CSi , versione di punta della prima Serie 6 . Vi fu quindi un'alternarsi di progressi sul piano tecnologico, ampliamenti delle reti di distribuzione e di assistenza ed anche nascite di nuovi stabilimenti, sia per l'assemblaggio delle vetture, sia per la progettazione e lo sviluppo di motori. Ma non solo: altre innovazioni tecnologiche vennero introdotte dalla Casa bavarese in quella metà degli anni '80: nel 1985 debuttò infatti la 325ix , prima BMW a trazione integrale .

La prima generazione della M3

Ma la forte spinta della BMW sul piano tecnologico non si esaurì qui, ma anzi, nel 1986 vi fu una grossa novità rappresentata dalla prima generazione dell' M3 , una berlina sportiva nata sulla base della contemporanea Serie 3 e che con il passare degli anni e delle generazioni finirà per mettere in ombra la stessa M5 . La prima M3 fu equipaggiata con un motore specifico, progettato attingendo soluzioni derivate dall'esperienza della Casa bavarese nella Formula 1 , dove la BMW aveva debuttato già nel 1982. Intanto, la gamma si espanse ulteriormente con l'arrivo delle nuove versioni scoperte: nel 1985 fu lanciata la 325i Cabrio , prima cabriolet dopo l'uscita di scena della versione "scoperta" sulla base della Serie 02 . Due anni dopo, nel 1987 , debuttò il primo motore V12 della Casa bavarese, un'unità da 5 litri che va ad equipaggiare la seconda generazione della Serie 7 e che andò a rafforzare l'immagine di ammiraglia della grossa berlina BMW, in modo da porla sullo stesso piano della contemporanea Classe S , sua rivale naturale. Due anni dopo, nel 1989 debuttarono la futuristica Z1 e la lussuosa prima generazione della Serie 8 . Mentre la prima fu una roadster su base E30 con contenuti innovativi, come ad esempio le portiere a scomparsa che si aprivano rientrando all'interno della scocca, la seconda novità fu invece una grossa coupé su base E32 che sostituì la prima Serie 6 ed alzò l'asticella del livello di prestigio ed esclusività delle coupé BMW, in quanto equipaggiata anch'essa con motori V8 e V12 (ma non più con motori a 6 cilindri).

Gli anni Novanta: oltre i confini europei

Una BMW 850i , sportiva BMW di lusso durante gli anni '90

Gli anni '80 si conclusero nel migliore dei modi per la Casa dell'Elica: per la prima volta fu raggiunto e superato il traguardo del mezzo milione di vetture annuo e le vetture vennero richieste da ogni angolo del mondo. I tempi di profonda crisi parvero ormai un lontano ricordo. Non solo, ma già poco tempo dopo la caduta del Muro di Berlino (novembre 1989) il mercato divenne abbastanza ricettivo anche nell'ormai ex- Germania Orientale e ciò grazie anche al fatto che la BMW si mosse con lungimiranza insediandosi già nel corso del 1990 a Dresda nell'ex-stabilimento Melkus , dove aprì un centro di assistenza. Sempre nel 1990, venne stipulato un accordo con la Rolls-Royce per la produzione di motori aeronautici in comune, visto che anche la Casa inglese era da tempo attiva nella produzione di tale tipologia di propulsori. Tale joint-venture, denominata BMW Rolls-Royce Aeroengines GmbH , avrebbe fatto da apripista per la successiva acquisizione del marchio di Crewe da parte della BMW. Ma ciò sarebbe successo anni dopo. Nel frattempo, in autunno vi fu il debutto sul mercato della terza generazione della Serie 3 , con diverse novità sia sul piano stilistico che su quello tecnico. Tale presentazione, riservata solo alla stampa, si tenne presso il circuito francese di Miramas.

La Casa bavarese fu a quel punto una realtà industriale molto in salute dal punto di vista finanziario e le cospicue risorse economiche permisero la progettazione, o meglio, la sperimentazione di tecnologie alternative già in quegli anni. Per questo, al Salone di Francoforte del 1991 venne presentata la E1 , una vettura elettrica con ingombri da utilitaria e motore da 44 CV. Tale vettura rimase allo stadio di prototipo, ma fu tra i primi ad aprire la strada alla possibilità di utilizzare la trazione elettrica per l'automobile. Ciononostante, uno dei massimi capolavori di ingegneria di quel periodo firmati dalla BMW fu un V12 da 6,1 litri per 627 CV di potenza massima. Tale motore, peraltro, non venne montato su nessun modello BMW, bensì nell'hypercar McLaren F1 , introdotta nel 1992 . L'anno seguente, Eberhard von Kuenheim lasciò dopo oltre due decenni il ruolo di massimo dirigente della BMW pur mantenendo l'incarico di responsabile del consiglio di sorveglianza; il nuovo presidente dell'azienda divenne Bernd Pischetsrieder che mantenne la direzione fino al 1999 sviluppando, non sempre con pieno successo, i programmi di espansione mondiale [11] .

Lo stabilimento BMW di Greer, in South Carolina (USA)

Nel 1994 , la Casa bavarese acquisì il Gruppo Rover dalla British Aerospace (detentrice dell'80% del pacchetto azionario) e dalla Honda (che invece possedeva il restante 20% e produceva vetture congiuntamente all'ormai ex-colosso britannico). Sempre nello stesso anno, la BMW inaugurò due stabilimenti nel continente americano: uno in Carolina del Sud , precisamente a Greer , non lontano da Spartanburg . Furono le Serie 3 destinate al mercato USA i primi modelli ad uscire dalle linee dello stabilimento BMW statunitense. Il secondo stabilimento BMW oltreoceano fu quello messicano di Toluca , in realtà suddiviso in due impianti, uno per la produzione di autovetture e l'altro per la produzione di motociclette. La volontà di espandere la propria gamma anche in fasce di mercato fino a quel momento inesplorate portò la BMW a lanciare la sua prima vettura di segmento C , ossia la Serie 3 Compact . Questo fu uno dei primi flop nella storia della Casa tedesca, in quanto la vettura, derivata direttamente dalla normale Serie 3 E36 , mancò di una sua personalità precisa, risultando così semplicemente come una " Serie 3 dei poveri", con la sua carrozzeria a due volumi e mezzo che peraltro stava cominciando a riscuotere sempre meno consensi fra il pubblico, a favore invece delle cosiddette carrozzerie hatchback.

Bernd Pischetsrieder, CEO della BMW fra il 1993 ed il 1999

Le mire espansionistiche della BMW in tutto il mondo raggiunsero il massimo del fervore nel 1995 , quando venne siglato un accordo per l'assemblaggio di motociclette in Indonesia , venne rilevato un centro di design automobilistico negli States, aperti nuovi stabilimenti in Brasile e persino in Vietnam , più la costituzione di una rete di vendita nelle Filippine . Intanto vennero lanciate la nuova roadster Z3 , prodotta anch'essa a Greer, negli USA, e la quarta generazione della Serie 5 . Sempre nel 1995, la collaborazione fra BMW e Rolls-Royce si estese al comparto automobilistico: cominciò quindi la fornitura di componentistica BMW verso lo stabilimento di Crewe e già all'inizio del 1995 venne realizzata la concept car Bentley Java sfruttando il pianale della Serie 8 [12] (il marchio Bentley in quella metà di decenni apparteneva ancora alla Rolls-Royce). Alla fine del 1996 vennero prodotte quasi 645.000 vetture a marchio BMW, mentre la Z3 venne proposta anche in una particolare carrozzeria coupé con portellone posteriore verticale, che però non riscosse il successo sperato nonostante la sua indubbia valenza tecnica. Nell'ottobre del 1997 cominciarono le trattative fra la BMW ed il gruppo Volkswagen , [13] entrambe intenzionate ad acquistare la divisione automobilistica della Rolls-Royce, fino a quel momento di proprietà del gruppo Vickers . Tali trattative durarono sei mesi, fino al marzo 1998, quando divenne chiaro come queste si sarebbero concluse. Fu però solo nel luglio 1998, che la BMW riuscì effettivamente ad acquisire il marchio della Rolls-Royce, ma inizialmente non poté ottenere i diritti sulla mascotte della Casa inglese (la statuetta denominata "Spirit of Ectasy") e sulla forma del radiatore, che invece vennero ceduti al gruppo VW. Solo alcuni anni dopo, come si vedrà, si riuscì a raggiungere un accordo con la Volkswagen. Tuttavia, il controllo della fabbrica di Crewe passò sotto il controllo del colosso di Wolfsburg, per cui la situazione non fu ancora delle più facili e per questo motivo, per quanto riguarda la Rolls-Royce, si tende storicamente a considerare il periodo fra il 1998 e il 2003 come gestito dalla Volkswagen, pur essendo il marchio appartenente alla BMW e pur essendo la Casa bavarese a fornire i propri motori.

La X5 fu il primo SUV della BMW e la sua progettazione sfruttò le sinergie con il gruppo Rover

Gli anni '90 si conclusero con un ulteriore passo in avanti nella progressiva diversificazione della gamma BMW, questa volta al di fuori delle classiche nicchie di mercato per sconfinare invece nel settore dei SUV di fascia alta. Le sinergie con il gruppo Rover permisero di creare una base meccanica che miscelava il pianale della contemporanea Serie 5 con la meccanica della Range Rover , a quel punto giunta alla sua seconda generazione. Il risultato fu la X5 , svelata al Salone di Detroit del 1999, la capostipite di una famiglia di SUV via via sempre più articolata nel corso degli anni a venire. Sicuramente uno dei risultati di maggior rilievo, assieme alle future generazioni di Mini , fra quelli scaturiti dall'acquisizione del gruppo Rover. Per il resto, infatti, la collaborazione si rivelò decisamente insoddisfacente, tanto che alla fine degli anni '90 si cominciò a cercare un compratore per il gruppo britannico. Tale decisione ebbe anche conseguenze al vertice del gruppo BMW: al CEO Pischetsrieder fu attribuita la responsabilità di aver compiuto un passo falso come quello di aver comprato l'intero gruppo Rover, un'operazione effettivamente fallimentare viste le grandi perdite finanziarie verificatesi sul finire del decennio e del secolo. Fu così che, sempre nel 1999, Pischetsrieder lasciò la guida del gruppo BMW: al suo posto giunse Joachim Milberg . Assieme a Pischetsrieder si dimise anche Wolfgang Reitzle, responsabile delle vendite e membro del consiglio di amministrazione durante gli anni '90.

Il nuovo millennio: diversificazione e razionalizzazione delle sinergie

Helmut Panke, CEO della BMW dal 2002 al 2006

Restò da risolvere la delicata situazione relativa al gruppo Rover, che durante gli anni '90, nonostante l'appoggio della BMW continuò ad avere bilanci colabrodo: alla fine del 1999 fece registrare una vera e propria emorragia finanziaria, pari a ben un miliardo di marchi. [14] Il nuovo millennio si aprì quindi con l'avvio della procedura di scorporo e vendita del gruppo Rover. Si è parlato anche di scorporo in quanto non tutto il gruppo venne venduto dalla BMW e non tutta la parte venduta passò ad un solo altro compratore. Infatti, la Land Rover venne venduta alla Ford , mentre il marchio Mini venne trattenuto dalla BMW che ne intuì le potenzialità commerciali. Il resto del gruppo Rover fu invece raccolto nel gruppo MG Rover e rilevato dal Consorzio Phoenix . Sebbene molti avessero reputato infelice il fatto che il marchio Mini fosse rimasto di proprietà della BMW, occorre precisare che la casa bavarese acquisì conoscenze tecniche per lo sviluppo della piccola Mini, la cui configurazione a trazione anteriore avrebbe anch'essa giovato positivamente negli sviluppi industriali della BMW nei decenni successivi. Non solo, ma nel momento in cui il gruppo Rover passò di mano era già in fase avanzata il progetto relativo alla nuova generazione della Mini, che avrebbe rimpiazzato quella storica, giunta praticamente quasi del tutto invariata alla vigilia del nuovo millennio dopo quarant'anni di onorata carriera. Tale modello fu frutto di una collaborazione che vide anche la partecipazione del gruppo Rover innanzitutto, ma anche della Chrysler per quanto riguardava i motori da utilizzare. La Mini che debuttò nel 2001 fu inoltre anche uno dei primi frutti di tutta una serie di alleanze che nel corso degli anni seguenti si sarebbero strette fra la BMW ed altri costruttori in tutto il mondo.

Chris Bangle, capo del design BMW dal 1992 al 2009

Sempre nel 2001 vi fu il lancio della quarta generazione della Serie 7 , un modello assai discusso, poiché il suo design di rottura, firmato dall'estroso Chris Bangle , scatenò le ire dei detrattori che arrivarono addirittura a raccogliere una serie di firme per richiedere il licenziamento di Bangle stesso. Ciò non avvenne e il responsabile del design BMW continuò la sua attività all'interno del colosso bavarese. Il 2001 fu anche l'anno in cui l'amministratore delegato Milberg lasciò il suo incarico per motivi di salute: tornerà nel 2002 con un altro ruolo, ma sempre all'interno del consiglio di amministrazione, Il posto di CEO della BMW venne preso da Helmut Panke . Contemporaneamente partirono i lavori per una nuova fabbrica BMW a Lipsia . Nel 2003 si concluse invece la delicata trattativa con il gruppo Volkswagen per la questione Roll-Royce. Finalmente la Casa bavarese aveva ultimato un nuovo stabilimento a Goodwood , che avrebbe adibito alla produzione dei futuri modelli Rolls-Royce, liberandosi così dalla dipendenza dallo stabilimento di Crewe, che invece rimase al colosso di Wolfsburg che vi avrebbe assemblato i modelli Bentley. Sempre del 2003 fu anche il lancio del secondo SUV a marchio BMW, ossia la X3 , che andò a porsi un gradino più in basso rispetto alla X5 . Ed ancora, il 2003 vide la stipula di una joint-venture fra la BMW e la cinese Brilliance , operazione che permise alla Casa bavarese di approdare anche nel mercato della Cina , una scelta quanto mai azzeccata vista la ricettività di tale mercato. Nel 2004 venne lanciata la prima vera BMW di segmento C, ossia la Serie 1 , destinata a sostituire la sfortunata Serie 3 Compact nel listino della Casa dell'Elica. Il 2004 fu anche l'anno in cui le sperimentazioni con la tecnologia a fuel-cell , già avviate da qualche anno, si concretizzarono con la Hydrogen 7 , una vettura sperimentale realizzata sulla base della contemporanea Serie 7 ed alimentata appunto con pile a combustibile. Nel 2006 iniziò la collaborazione tra gruppo BMW e il gruppo PSA per lo sviluppo dei motori benzina che equipaggiano la Mini e diversi modelli del gruppo PSA . Nello stesso anno, Helmut Panke lasciò l'incarico di amministratore delegato e venne così sostituito da Norbert Reithofer . Sempre del 2006 fu anche il lancio del primo motore turbo a benzina dopo decenni di assenza dai listini BMW: un'unità da 3 litri con sovralimentazione bi-stadio in grado di erogare fino a 306 CV di potenza. Tale motore debutterà sotto il cofano della BMW 335i Coupé .

Una delle prime BMW X6

Nel 2007 venne aperto il BMW Welt , un'area espositiva vicina al Museo BMW e alla stessa fabbrica di Monaco, con negozi, ristoranti e naturalmente la possibilità di ammirare ed eventualmente acquistare una vettura BMW. L'anno seguente vi fu il debutto della X6 , una X5 con carrozzeria profilata nella parte posteriore, fino a farle assumere alcune caratteristiche tipiche di una coupé. La crisi finanziaria scoppiata alla fine del 2008 venne affrontata dalla Casa bavarese con una certa relativa efficacia, visti i risultati commerciali comunque positivi. Ciononostante, nel secondo decennio del nuovo secolo si rese necessaria una razionalizzazione a livello industriale che portò alla nascita di un'intera serie di famiglie di motori modulari, caratterizzati dalla cilindrata unitaria comune a tutti questi motori e pari a mezzo litro. Tali motori vanno rapidamente a sostituire tutti gli altri motori a benzina ea gasolio prodotti fino a quel momento. Nel frattempo, l'esigenza sempre pressante di contenere i costi di produzione porta all'adozione del pianale Mini anche sui modelli BMW di fascia medio-bassa, e quindi ai SUV compatti X1 (serie F48) e X2 , alle inedite monovolume della Serie 2 Active Tourer e Grand Tourer ed alla terza generazione della Serie 1 , il cui lancio è stato fissato per il 2019 . Per quanto riguarda l'evoluzione della gamma nel nuovo millennio, le stringenti esigenze ambientali portarono dapprima alla nascita di alcune versioni ibride su base Serie 3 e Serie 5, ed in seguito alla nascita di modelli elettrici come la i3 e di sportive ibride come la BMW i8 . La progressiva elettrificazione della gamma BMW è uno dei punti cardine del programma produttivo bavarese proprio per via della sempre maggior sensibilità delle istituzioni verso la produzione di vetture ad emissioni zero o molto ridotte. Nello stesso periodo, la produzione BMW si orienta molto anche sulla sempre maggior presenza di dispositivi per l'assistenza alla guida, nonché all'interazione fra essi in maniera tale da raggiungere gradualmente il concetto di guida autonoma, sul quale anche altre Case costruttrici, nello stesso periodo (seconda metà degli anni '10 del XXI secolo ), stanno lavorando.

Vale la pena spendere ancora due parole sulla famiglia Quandt, che da molti decenni gestisce e regge le sorti di uno dei colossi automobilistici di maggior spicco nel mondo. La famiglia Quandt ha sempre mantenuto dopo il 1959 il possesso di quantitativo più importante di azioni della BMW esercitando il controllo generale dell'azienda; dopo la morte di Herbert Quandt, la famiglia è stata rappresentata prima dalla moglie Johanna Bruhn Quandt , personaggio di grande prestigio deceduto in tarda età nel 2015 , e poi dai figli Stefan Quandt e Susanne Quandt Klatte che attualmente sono i possessori del pacchetto azionario di maggioranza ed esercitano una importante influenza sulle scelte dei dirigenti operativi.

Produzione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lista di auto BMW .

Oltre ai tradizionali stabilimenti europei tedeschi la BMW produce anche in altri continenti. Sin dagli anni settanta è attiva la produzione in Indonesia nello stabilimento di Giacarta . A fine anni novanta è iniziata la produzione di X5 e Z3 a Spartanburg negli Stati Uniti , in questi stabilimenti del Carolina del Sud sono state assemblate anche le Z4 E85 fino all'agosto 2008; sempre nel continente americano, in Messico , è attiva la produzione della Serie 3 (a Toluca per la precisione). La presenza nel continente africano, dove BMW è presente dal 1959 con una fabbrica in Sudafrica a Rosslyn (Gauteng) in cui oggi vengono assemblate le Serie 3, è stata rafforzata nel 2003 con la costituzione della Bavarian Auto Group azienda che produce e distribuisce le vetture BMW in Egitto , attualmente nello stabilimento egiziano di October City sono assemblate Serie 3, Serie 5, Serie 7 e X3 . Di recente [ non chiaro ] è iniziata la produzione anche in nuove fabbriche asiatiche, la più importante in Thailandia , lo stabilimento di Rayong inaugurato nel maggio 2000 in seguito a un investimento di 25 milioni di dollari produce la Serie 5 e Serie 7 e il SUV X3.

Nel 2003 attraverso la joint venture con il costruttore cinese Brilliance , la Serie 5 e la Serie 3 sono prodotte anche in Cina a Shenyang . Dal 2004 è iniziata la produzione della Serie 3 in Malaysia a Selangor; più recentemente è iniziato l'assemblaggio di queste vetture anche nello stabilimento situato alle Filippine . Nel 2007 è cominciata inoltre la produzione delle Serie 3 e delle Serie 5 a Chennai , in India ea Karachi , Pakistan .

Caratteristiche peculiari

Meccanica

La produzione BMW si caratterizza da sempre per la propensione alla meccanica di altissima qualità e per le elevate prestazioni. Famosi alcuni suoi motori aeronautici come il BMW 801 . Fino ad ora BMW non ha mai utilizzato un motore a sei cilindri con configurazione a V. Questa prerogativa la rende uno dei pochi costruttori al mondo che equipaggia correntemente le sue automobili con motori a sei cilindri in linea (comunemente conosciuti con la sigla L6 ) e trazione posteriore , architettura a cui ha legato buona parte dei propri destini per 75 anni. Allo stesso modo le motociclette BMW sono le uniche che ripropongono da decenni propulsori con architettura boxer a cilindri contrapposti e trasmissioni cardaniche . Recentemente ha introdotto la tecnologia " Valvetronic " che rende superfluo il corpo farfallato nei motori a Ciclo Otto . Da qualche anno BMW conduce esperimenti su veicoli alimentati a idrogeno , applicati soprattutto sull'ammiraglia Serie 7, con motori a combustione interna . Nel 2004 è il primo costruttore a proporre un motore a ciclo Diesel con turbocompressione bi-stadio (tecnologia derivata dai propulsori marini che prevede due o più turbine montate in serie, talvolta di dimensioni differenti come nel caso del propulsore BMW).

Design

L'aspetto delle automobili BMW è legato ad alcuni celebri stilisti, tra i quali Albrecht Graf Goertz , Paul Bracq , Claus Luthe . Il design BMW annovera anche diverse "matite" italiane ( Giorgetto Giugiaro , Ercole Spada ), in particolare l'italiano Giovanni Michelotti che, tra gli anni sessanta e gli anni ottanta , ha disegnato molte vetture del marchio, contribuendo più di altri a caratterizzare le moderne BMW. Dal 1992 fino all'inizio di febbraio del 2009 , la direzione stilistica è stata affidata all'americano Chris Bangle che ha impresso una svolta decisa alla produzione nonostante le aspre critiche riservate in particolar modo alla Serie 5 e alla Serie 7 .

Tra i tratti caratteristi e peculiari del design delle vetture bavaresi moderne vi è la calandra con mascherina frontale a doppio rene [15] , il gomito di Hofmeister [16] , i gruppi ottici anteriori cosiddetti a " occhi d'angelo " [17] , i fari posteriori dal disegno ad " L rovesciata " [18] e nelle vetture antecedenti gli anni 90 il frontale a " muso di squalo " [19] .

Le motociclette

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: BMW Motorrad .

Divisione nata nel 1923 per la produzione di veicoli a due ruote, nel 2007 ha ricevuto un cambio di denominazione e una maggiore distinzione rispetto alla produzione automobilistica con la nascita della BMW Motorrad .

Modelli attuali

Modelli sportivi

  • M3 (attualmente G80)
  • M4 (attualmente G82)
  • M5 (attualmente F90)
  • M8 (attualmente F91/F92/F93)
  • X3 M
  • X4 M
  • X5 M
  • X6 M

BMW e l'attività sportiva

Fin dagli anni '30, la BMW non ha mai trascurato l'attività sportiva, specialmente grazie all'impiego della 328 Roadster nelle gare, impiego che si rivelerà ricco di soddisfazioni già a partire dal 1936 , con la vittoria di categoria all'Eifelrennen, a cui seguì la vittoria alla 24 Ore di Le Mans del 1939, per finire con l'affermazione alla Mille Miglia del 1940 , a guerra già iniziata. Durante gli anni '50 furono poche le manifestazioni sportive a cui la BMW partecipò, ma in compenso nel decennio seguente vi fu un gran fiorire e manifestazioni alle quali la Casa di Monaco partecipò sia direttamente, come costruttore, sia indirettamente, e cioè come fornitore di motori oppure con vetture elaborate da preparatori. I successi sportivi del dopoguerra cominciarono già nel 1960 , quando si decise di impiegare la piccola BMW 700 in alcune competizioni di alto livello, come il Campionato Tedesco della Montagna e la Coppa Europea Turismo, dove la vettura conobbe prestigiose affermazioni e vide fra l'altro la partecipazione di vecchie glorie dell'automobilismo sportivo come Hans Stuck , già con notevoli esperienze all' Auto Union durante gli anni '30.

I campionati Turismo e GT

Si è già accennato in precedenza all'impronta sportiveggiante data dalla BMW ai suoi modelli a partire dai primi anni '60: in effetti, tali modelli si rivelarono fortemente orientati ad un impiego agonistico, come dimostrò anche la partecipazione alle edizioni 1965 e 1966 della 24 Ore di Spa , in cui trionfarono rispettivamente Pascal Ickx e il più famoso fratello Jacky , il primo a bordo di una BMW 1800 TI/SA e il secondo al volante di una 2000ti . Si trattava in entrambi i casi di vetture solo leggermente elaborate e quindi non molto distanti dalla configurazione di serie. Notevole anche la vittoria al Nürburgring ottenuta da Dieter Quester ed Hubert Hahne , al volante di una BMW 2002 , vittoria valida per il Campionato Europeo Turismo . Del potenziale delle berline BMW di quel periodo si accorsero alcuni preparatori particolarmente competenti ed attivi. Fra questi vi furono l' Alpina di Burkard Bovensiepen, che divenne uno dei più noti preparatori di BMW, spesso ottenendo risultati più che soddisfacenti in campo sportivo. A partire dal decennio seguente, il marchio di Buchloe sarebbe divenuto anche un piccolo costruttore, famoso per proporre modelli BMW con allestimenti particolarmente ricchi e con motori particolarmente potenti, ma commercializzati con marchio Alpina. L'Alpina troverà di lì a pochi anni un collaboratore prezioso nella preparazione di una BMW 3.0 CSL : tale collaboratore fu Jochen Neerpasch, che da poco aveva aperto la sua attività specializzata in elaborazioni di BMW, ossia la Motorsport , che anni dopo donerà la sua iniziale alle versioni più spinte della gamma BMW, dando vita in primis ai modelli M3 , M5 e ad altri modelli di punta inseriti nella gamma ufficiale della Casa, ma soprattutto utilizzati in buona parte anche nelle competizioni sportive. Altro preparatore strettamente legato alla BMW fu la Schnitzer , nata come officina elaborazioni solo nei tardi anni '60, ma esistente già oltre trent'anni prima come officina Opel e autoscuola. Di rilievo le partecipazioni della BMW ai campionati Turismo e ai campionati FIA GT, a cui presero parte, e prendono parte tutt'oggi, vetture elaborate dalla Motorsport o anche dalla Schnitzer.

Il campionato europeo della montagna

Le cronoscalate furono un'altra specialistà automobilistica in cui la BMW non mancò di brillare di luce propria, in particolare nel periodo compreso tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70. Nel 1968 va infatti segnalata la vittoria di Ernst Furtmayr al campionato europeo della montagna nella categoria Turismo, al volante di una 2002ti . Lo stesso pilota bissò il successo l'anno seguente, sempre a bordo di una 2002ti , ma trionfò anche nell'edizione 1970, sebbene stavolta fosse a bordo di una BMW 2800 CS . all'edizione 1971 del campionato europeo della montagna fu invece lo svizzero Walter Brun a portare al successo la sua 2800 CS .

Dopo una lunga pausa, negli anni '80 la BMW tornò a vincere nel campionato europeo della montagna, dove partecipò sia con le proprie vetture, sia come fornitore di motori per vetture iscritte nella categoria Rennwagen , cioè spesso con prototipi realizzati ad hoc. Nel 1983 e nel 1984 fu Rolf Göring a trionfare con la M1 nella categoria riservata alle vetture derivate dalla produzione di serie. L'anno seguente, nella stessa catgeoria fu invece il francese Francis Dosières a vincere, mentre nella categoria prototipi la vittoria andò a Mauro Nesti su Osella PA9 motorizzata BMW. Notevole la "cinquina" ottenuta fra il 1989 ed il 1993 dalla M3 : in quattro di queste edizioni fu ancora Francis Dosières a conquistare la vittoria, mentre nell'altra edizione, quella del 1991, il primo posto andò allo spagnolo Inaki Goiburu , con Dosières subito dietro. Ed ancora meritano di essere ricordate le dieci vittorie ottenute sempre al campionato europeo della montagna fra il 1995 ed il 2006: con l'eccezione delle edizioni 1996 e 2002, negli altri anni, la vittoria andò sempre ad una M3 , che durante quegli annivenne conquistata dal ceco Otakar Krámský (1995, 1997 e 1998), dal croato Niko Pulic (1999, 2000 e 2001) da Robert Senkyr (2003 e 2004), sempre di origine ceca, e dal tedesco Jörg Weidinger (2005 e 2006). Degne di nota anche le vittorie di altri prototipi motorizzati BMW, come il primo posto ottenuto nel 1989 dalla Lola T298, e le vittorie di vari prototipi Osella motorizzati BMW nelle edizioni 1993, 1999, 2000, 2001, 2004 e 2005.

Gli exploit in Formula 2

Non va trascurata neppure l'attività della Casa di Monaco nel Campionato europeo di Formula 2 , un ambito in cui la BMW fu presente fin dal 1969, sebbene solo come fornitore di motori (tranne nei primissimi frangenti): i primi risultati di un certo rilievo furono un quarto ed un terzo posto ottenuti da Dieter Quester nel 1970 su BMW 270 F2 e nel 1971 su March 712M motorizzata BMW. Dal 1971 la Casa dell'Elica avrebbe solamente fornito i suoi motori. Nel 1973 arrivò anche la vittoria con la March-BMW del francese Jean-Pierre Jarier . E nei due anni seguenti andò ancora meglio: il 1974, con Patrick Depailler ed Hans-Joachim Stuck che conquistarono i primi due posti su March-BMW, mentre al terzo posto giunse un'altra March-BMW, pilotata da Jacques Laffite , ma appartenente alla scuderia BP Racing France . Il 1975 vide la stragrande maggioranza dei piloti partecipare con vetture motorizzate BMW: solo poche montavano ancora motori Ford . Fu Laffite a conquistare in questo caso la vittoria, al volante di una Martini -BMW, mentre al secondo e terzo posto giunsero invece Patrick Tambay e Michel Leclère , entrambi su March-BMW. Notevoli anche le vittorie conquistate all'Europeo di Formula 2 nelle edizioni 1978, 1979 e 1982, rispettivamente da Bruno Giacomelli (su March-BMW), Marc Surer (BMW Junior-Team) e Corrado Fabi (ancora su March-BMW).

BMW e la Formula 1

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: BMW in Formula 1 .

Le prime partecipazioni non ufficiali della BMW in Formula 1 sono da ricercarsi già negli anni 1950 e anni 1960 , senza tuttavia risultati di rilievo; la miglior prestazione fu ottenuta da Hubert Hahne , 10º al Gran Premio di Germania 1968 con una Lola motorizzata BMW. Maggiori soddisfazioni arrivano negli anni 1980 , e nel1983 Nelson Piquet vince il campionato del mondo al volante della sua Brabham -BMW turbo: fra l'altro, il brasiliano e la sua squadra hanno la soddisfazione di svettare per primi nella nuova era della turbocompressione . La potenza sviluppata dal propulsore bavarese arrivò a superare i 1300 CV ma solo nelle qualifiche. Dal2000 al2005 la casa bavarese ha partecipato alla massima serie in veste di fornitore della celebre scuderia Williams , vincendo dieci Gran Premi .

La BMW ha militato nel Campionato mondiale di Formula 1 dalla stagione2006 con un team proprio, la BMW Sauber . I suoi colori sono gli storici bianco-azzurro BMW. L'8 giugno 2008 ha vinto in Canada , grazie al pilota polacco Robert Kubica , il suo primo Gran Premio come costruttore al 100%; nell'occasione coglie anche la doppietta grazie al secondo posto del pilota tedesco Nick Heidfeld . Il 29 luglio 2009 la BMW annuncia ufficialmente il ritiro dalle attività sportive in Formula 1 alla fine della stagione2009 . [20]

Note

  1. ^ a b c ( DE ) Bilancio del gruppo BMW ( PDF ), su geschaeftsbericht2017.bmwgroup.com . URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato dall' url originale il 3 luglio 2018) .
  2. ^ a b AA.VV., Enciclopedia dell'auto , p. 97.
  3. ^ BMW , RW Schlegelmilch / H. Lehbrink / J. von Osterroth, 2004, Könemann, pag.8
  4. ^ a b c d e f AA.VV., Enciclopedia dell'auto , p. 98.
  5. ^ A. Price, I grandi caccia della II GM a confronto , p. 56.
  6. ^ A. Price, I grandi caccia della II GM a confronto , pp. 56 e 78-81.
  7. ^ A. Tooze, The wages of destruction , p. 519.
  8. ^ W. Sofsky, L'ordine del terrore: il campo di concentramento , pag. 272, Laterza, 1995.
  9. ^ AA.VV., Enciclopedia dell'auto , pp. 98-99.
  10. ^ AA.VV., Enciclopedia dell'auto , p. 99.
  11. ^ AA.VV., Enciclopedia dell'auto , p. 100.
  12. ^ Auto , marzo 1995, pag.119, Conti Editore
  13. ^ Rolls-Royce . Halwart Schrader, 2009, Giorgio Nada Editore, pag.83
  14. ^ BMW , RW Schlegelmilch / H. Lehbrink / J. von Osterroth, 2004, Könemann, pag.33
  15. ^ Bmw Serie 5 2013, restyling per tutta la gamma e nuovi motori [FOTO] | AllaGuida , su www.allaguida.it . URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  16. ^ BMW X2: alla scoperta del nuovo Suv [VIDEO] , su Motorionline.com , 27 ottobre 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  17. ^ Come realizzare dei fari Angel Eyes , in Pianeta Motori . URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  18. ^ Alta guida, prezzo… anche . URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  19. ^ BMW 2002 Hommage, tributo al mito turbo . URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  20. ^ ( EN ) Official: BMW leaves F1 , in pitpass.com , 29 luglio 2009. URL consultato il 29 luglio 2009 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 129013645 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2308 257X · LCCN ( EN ) n81052383 · GND ( DE ) 2005475-0 · BNF ( FR ) cb12001551z (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81052383