Barletta

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Barletta (desambiguació) .
Barletta
comú
Barletta - Escut d'armes Barletta - Bandera
Barletta - Vista
La catedral de Santa Maria Maggiore vista des del bastió de Santa Maria del Castello
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Escut d'Apulia.svg Puglia
província Província de Barletta-Andria-Trani-Stemma.svg Barletta-Andria-Trani
Administració
Alcalde Cosimo Cannito ( centre-dreta independent ) del 15-6-2018 [1]
Territori
Coordenades 41 ° 19'N 16 ° 17'E / 41,316667 ° N 16,283333 ° E 41,316667; 16.283333 (Barletta) Coordenades : 41 ° 19'N 16 ° 17'E / 41.316667 ° N 16.283333 ° E 41.316667; 16.283333 ( Barletta )
Altitud 15 m aixi
Superfície 149,35 km²
Habitants 92 902 [2] (31-01-2021)
Densitat 622,04 habitants / km²
Fraccions Fiumara , Montaltino
Municipis veïns Andria , Canosa di Puglia , Margherita di Savoia , San Ferdinando di Puglia , Trani , Trinitapoli
Altra informació
Codi Postal 76121
70051 fins al 30 d'abril de 2011
Prefix 0883
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 110002
Codi cadastral A669
Placa BT
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [3]
Cl. climàtic zona C, 1 306 GG [4]
Anomenar habitants barlettani
Patró Maria Ss dello Sterpeto - S. Ruggiero di Canne
Festa 30 de desembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Barletta
Barletta
Barletta: mapa
Posició del municipi de Barletta a la província de Barletta-Andria-Trani
Web institucional

Barletta ( AFI : / barˈletta / , Varrétte o Barlétte [5] a Barletta [6] ) és una ciutat italiana de 92 902 habitants, [2] co-capital juntament amb Andria i Trani a la província de Barletta-Andria-Trani a Puglia .

Originalment, desenvolupat a l'ombra del proper Canusium , del qual era un port marítim, al segle XI Barletta es va convertir en un pròsper centre comercial, durant l'època de les croades a Terra Santa. [7] A principis del segle XVI la ciutat va ser el lloc de l'històric enfrontament entre els francesos i els espanyols, celebrat el 13 de febrer de 1503 al territori entre Andria i Corato, que pren el nom de Desafiament de Barletta .

El territori municipal forma part de la conca de la vall d’Ofanto i, a més d’estar banyat pel riu del mateix nom , que actua administrativament com a frontera territorial entre Barletta i Margherita di Savoia , també acull la seva desembocadura.

El municipi de Barletta, a més dels pobles de Fiumara i Montaltino , inclou la localitat de Canne , un jaciment arqueològic recordat per la batalla històrica guanyada el 216 aC per Anníbal .

Geografia física

Territori

El territori de Barletta, s'estenia sobre 14 691 hectàrees i amb aprox A 13,5 km de costa, [8] té vistes al mar Adriàtic a l’entrada sud-est del golf de Manfredonia , a la zona costanera on la costa rocosa de la terra de Bari canvia les seves característiques arribant a les sorres de la desembocadura del riu Ofanto . La ciutat es troba a la costa 5 km al sud-est de la desembocadura de l'Ofanto i es troba en una terra baixa que varia de 10 a 30 metres sobre el nivell del mar, mentre que el terme municipal es troba entre 0 i 158 metres sobre el nivell del mar. [9] [10] El centre habitat s'estén durant una longitud d'est a oest d'aproximadament 6 km , de nord a sud durant aprox 2 km i un perímetre d'aprox 13 km . [11]

El terreny on insisteix el territori de Barletta es caracteritza per la presència de gresos , calcàries , sorra , argila i tuf . [12] Les transformacions antròpiques del sòl, però, van canviar el seu paisatge especialment en el període comprès entre els segles XIX i XXI. La zona calcària que s’estén cap a Canosa, anteriorment utilitzada com a prat per pasturar, vinyes i arbres fruiters, es caracteritza ara per vinyes i oliveres. El mateix destí va patir la zona cap a Canne, argilosa, que ja no mostra cereals i vegetació espontània, típica de les ribes de l’Ofanto, sinó vinyes i oliveres, i la construcció de terraplens que van permetre evitar els danys de les inundacions. que es va produir fins al segle XIX. [13] El territori anteriorment pantanós cap a Trani s'ha recuperat amb la consegüent desaparició de les espècies de fauna que fins ara havien estat presents a prop de les aigües estancades. La zona entre Barletta i Andria, en canvi, no presenta signes de canvis substancials, conservant la seva vegetació típica rica en oliveres. [14]

El perill sísmic és d'entitat mitjana, qualificat com a zona on es poden produir terratrèmols forts: el municipi ha estat classificat pel Departament de Protecció Civil com a "zona 2" ("sismicitat mitjana"). [15]

Clima

El clima de la zona de Barletta és atribuïble al mediterrani , propi de la costa sud de l’Adriàtic, caracteritzat per hiverns no massa freds i estius calorosos i secs, amb poques precipitacions. La neu poques vegades cau amb acumulacions notables. En els darrers vint anys, però, hi ha hagut alguns episodis de neu de certa importància: el 15 de desembre de 2007, quan 15 centímetres de neu van cobrir la ciutat, [16] els dies 6-7 de febrer de 2012 i 30-31 de desembre de 2014. Precipitacions és baixa: les precipitacions mitjanes ronden els 550 mm anuals i es distribueixen en uns setanta dies, amb una major entrada de pluja a la tardor i a l’hivern i mínima entre la segona quinzena de juny i la primera quinzena d’agost. [17]

Barletta - Ofanto Valley Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 11.4 12.4 14.9 18,5 23.3 27,7 30,7 30,7 26,8 21.4 16,5 12.9 12.2 18,9 29,7 21.6 20.6
T. min. mitjàC ) 6.1 7.3 8.0 8.8 12.3 16.2 18,8 19.0 16.2 12.3 8.5 6.6 6.7 9.7 18,0 12.3 11.7
Precipitacions ( mm ) 52 58 46 43 39 30 22 26 49 61 62 60 170 128 78 172 548
Humitat relativa mitjana (%) 76,6 75.1 73,5 71.1 68,7 64.2 60.2 61.3 68.3 74.4 76,5 77,0 76.2 71.1 61,9 73.1 70,6

Orígens del nom

Un fragment de la Taula Peutingeriana en què apareix el nom de l'antic 'Bardulos'

El primer nom de la ciutat de Barletta, com ho demostra la Tabula Peutingeriana , va ser Bardulos , transformat posteriorment en Barduli . El topònim deriva, segons una hipòtesi del segle XIX, [19] del nom de la població transadriàtica que, cap al segle IV aC , havia desembarcat a les costes de Barlettan: el Bardei . Durant la primera edat mitjana, la denominació va experimentar una nova modificació, passant a ser Baruli , que en els actes de l’època també va adoptar la forma de Barulum . A la llengua popular la ciutat es deia Varolum o Varletum , d’aquí el nom de la ciutat en el dialecte de Barletta, és a dir, Varrétt . Només a partir del segle XI es va anomenar la ciutat amb el nom actual de Barletta [20] i a la fi del segle XIV el nom de Barletta es transcriu en un pergamí de 1387 pertanyent al Codi diplomàtic de Barletta. [21] No obstant això, al Decameró de Giovanni Boccaccio que data de mitjan segle XIV, la ciutat encara es diu Bàrolo. [22]

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Barletta .

Història antiga

Les primeres evidències de Barletta, esmentades com a bardulos a la taula Peutingeriana , es remunten al segle IV aC. Entre els segles IV i III aC va ser el port marítim de Canusium , [23] el centre més important de l’interior més atractiu. , així com per als recursos naturals, a causa del clima saludable, lluny de les aigües estancades i pantanoses dels rius que desembocaven riu avall. [24] El 216 aC prop de la propera Canne, durant la segona guerra púnica es va celebrar la batalla homònima que va determinar la forta derrota dels romans per part de l'exèrcit d'Aníbal. Abans d’acabar a l’òrbita de Roma, l’antic Bardulos es trobava en una cruïlla entre la carretera que conduïa a l’interior samnita que passava per Canne i Canosa i la carretera costanera que, al llarg de la costa adriàtica, connectava el Gargano amb Barium i Brundisium .

La ciutat, fins aleshores vivia a l'ombra de la propera Canosa, després de la destrucció de Canne el 547, va rebre una primera onada migratòria de supervivents cannesi; després de l'arribada dels llombards, el 586 va donar la benvinguda a un segon èxode, aquesta vegada dels mateixos canosians, que es van establir al llarg de les principals rutes de trànsit cap als països veïns. [25] La invasió sarraïna del 848 i la devastació del 875 van decretar la fi de la supremacia de Canusium i la fugida definitiva dels seus habitants a la propera Baruli, que va establir així les bases per convertir-se en una autèntica civitas . [26]

Monument dedicat al repte de Barletta

Història medieval

La ciutat en realitat només va florir a la baixa edat mitjana com a fortalesa normanda , convertint-se en una de les parades importants per als croats i per a tot el trànsit comercial cap a Terra Santa . [27] El 1194 va acabar el període normand i es va iniciar el de Suàbia, dominat per la figura de Frederic II : que es va convertir en emperador el 1220, quatre anys després va començar la construcció de la seva domus al castell de Barletta , integrat llavors únicament per fort construït pels normands. [28] La importància atribuïda a la ciutat pel sobirà suevo es testimonia per l'anunci, el 1228 , de la sisena croada durant la dieta celebrada a la Frederic domus . [29] Els suecs van ser succeïts el 1266 per la dinastia dels Angevins . Barletta va continuar, juntament amb Carles I , beneficiar-se de la riquesa i l'atenció econòmiques, tant que tres dels set membres del Consell de l'Emperador eren de Barletta. [30] La dinastia aragonesa va agafar el relleu de la dels angevins el 1442 i el 1459 el nou rei, Ferran I , va ser coronat a la catedral de Barletta . [31]

Durant els segles XV i XVI Barletta va acollir una pròspera comunitat mercantil jueva que a la Terra de Bari era l'única que es beneficiava d'un estatut dedicat a regular les seves relacions amb els altres ciutadans del regne. L'estatut fou aprovat per Ferran I d'Aragó. [32]

Història moderna

A principis del segle XVI, durant la segona guerra italiana que va implicar França i Espanya, la ciutat va ser l' escenari del famós Desafiament de Barletta . El xoc entre els cavallers italià i francès, que es va produir després de les provocacions de la part francesa, es va celebrar el 13 de febrer de 1503 al camp entre Andria i Corato , al territori de la ciutat de Trani, i va acabar amb la victòria de l'equip italià, dirigit pel capità Ettore Fieramosca . [33] La ciutat es va convertir en una fortalesa dels espanyols, que van ampliar les seves muralles i el seu castell. El 1528, ja esquinçat per divisions internes, va ser devastat pels francesos, que van perpetrar saquejos i incendis que van provocar la destrucció d’esglésies i edificis conventuals. [34] A partir d'aquest moment va començar la decadència de Barletta, afavorida per la mala governança espanyola i els desastres naturals que es van succeir al llarg del segle XVII: el 1627 i el 1629 dos terratrèmols van danyar nombrosos edificis de Barletta, sense afectar el castell de la ciutat; [35] la pesta de 1656 va colpejar la ciutat i el nombre dels seus habitants va passar així de vint mil aquell any a vuit mil el març de 1657; [36] el 1689, el 1731 i el 1743, altres terratrèmols van posar la població de genolls.

Història contemporània

La placa commemorativa de la massacre alemanya del 12 de setembre de 1943 a Correus.

Els signes de renaixement es van registrar només a finals del segle XVIII, en particular durant els regnats de Giuseppe Bonaparte i Gioacchino Murat . Precisament durant el període muratià, el 1809, es van suprimir les ordres religioses presents a la ciutat, amb la consegüent confiscació de tots els seus béns. Tanmateix, Barletta va romandre com un actiu centre cultural i religiós i, el 1860, va ser elevat a arxidiòcesi pel papa Pius IX amb el nom d' Arxidiòcesi de Barletta . [37]

El segle XX es va obrir amb lluites i vagues camperoles que van implicar el cerignolà Giuseppe Di Vittorio . [38] El 24 de maig de 1915 va ser atropellada pel vaixell austríac SMS Helgoland , que va atacar, amb sis trets de canó, la part nord del castell , el ferrocarril marítim i algunes cases properes a la catedral. La ciutat no va patir més cops gràcies a la intervenció del destructor "Turbine" . [39] [40] Durant la Segona Guerra Mundial , a partir del 8 de setembre de 1943, la ciutat va ser atacada pels nazis. Després de dies de resistència , el coronel Francesco Grasso va declarar la rendició, però a partir d'aquest moment es van produir nombrosos episodis de represàlies que van produir trenta-dues víctimes civils, així com desenes de ferits. [41] L'episodi més greu es va produir el 12 de setembre, quan onze policies de trànsit i dos recollidors d'escombraries van ser afusellats en represàlia a l' oficina de correus , culpables erròniament de l'assassinat d'un alemany, que va tenir lloc el dia anterior. Per aquests motius, la ciutat de Barletta va ser guardonada, l'únic cas a Itàlia, amb la medalla d'or al valor militar i al mèrit civil. [42]

El 16 de setembre de 1959 van morir 59 persones a l’ensorrar un edifici de la Via Canosa . [43] Per al trist esdeveniment, la ciutat va ser visitada pel president de la República Giovanni Gronchi . [43] [44] La dècada de 1960 va ser un període florent per a la recuperació econòmica. Del 1976 al 1996 la ciutat va patir vint anys d'incertesa governamental i la successió de setze ajuntaments, [45] trobant a l'administració de l'alcalde Francesco Salerno un període d'estabilitat política, per tal de confirmar el seu mandat per segona vegada consecutiva. [46] [47]

Símbols

Estendard del municipi de Barletta

L'estatut municipal estableix el següent: [48]

«El municipi té dret a portar el seu propi escut i pancarta, aprovat amb els procediments legals. El municipi, per les seves tradicions històriques i pels mèrits adquirits per la seva comunitat, va rebre el títol de Ciutat amb un decret de reconeixement del 9 de març de 1935 i posteriors modificacions i addicions. El municipi de Barletta assumeix el títol de Ciutat del repte en record de l'històric repte del 13 de febrer de 1503. "

El mateix estatut pel que fa a l'escut i la pancarta de la ciutat els descriu d'aquesta manera: [49]

«L'escut és sobre un fons blanc platejat, amb quatre burelles vermelles, coronades per una corona de torretes i envoltades per dues branques de roure i llorer, lligades amb una cinta de colors nacionals. Adorns exteriors de la ciutat . La pancarta està representada per un "drap rectangular amb forma de bandera, de color blanc, serrellat d'or, carregat amb l'escut municipal descrit anteriorment; el drap unit a una vareta metàl·lica coronat per una fletxa daurada amb l'escut de la Municipi. A la tela la inscripció se centrava en or: "Ciutat de Barletta". Cintes i corbata, tricolor de colors nacionals, amb franges d'or. " En plata, amb quatre guarnicions vermelles, superades per una corona torreta i envoltades per dues branques de roure i llorer, lligades amb una cinta de colors nacionals. Adorns exteriors de la ciutat "

L'escut actual es va atorgar per decret del president de la República, Carlo Azeglio Ciampi , de 8 de setembre de 2000, que també va canviar la forma de la corona, prescrivint el que preveuen les normatives heràldiques. La llegenda diu que el senyor dels antics Bardulos acompanyat de les milícies de la ciutat va matar el líder dels pirates sarraïns que havien atacat la ciutat en batalla. En tornar a la ciutat, prop de les muralles, es va eixugar quatre dels dits encara tacats de sang, a una de les portes de la ciutat. La sang dels dits estaria representada, a l’escut actual, per les quatre ratlles vermelles horitzontals. [50] És curiós assenyalar que la veïna ciutat adriàtica, Dubrovnik , té un escut idèntic, mentre que Ravello a la costa amalfitana , els nobles del qual van controlar Puglia durant molt de temps, té un escut idèntic però amb una banda menys . [51]

Honors

La ciutat de Barletta es troba entre les institucions decorades amb valor militar per a la guerra d'alliberament . El 8 de maig de 1998 es va concedir la medalla d’or al mèrit civil pels esdeveniments, entre d’altres, de la massacre de Barletta i el 7 de juliol de 2003 la medalla d’or al valor militar, per la defensa de la ciutat per part de les tropes al comandament del coronel Francesco Grasso. Pels sacrificis de la seva població i per l'activitat de resistència durant la Segona Guerra Mundial :

Medalla d’or al mèrit civil - cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al mèrit civil
«Ocupada per les tropes alemanyes després de l'armistici, la ciutat es va convertir en la protagonista d'una resistència valenta i tenaç. Subjecte d’una ferotge i cruenta represàlia, va comptar nombroses víctimes entre els soldats de la guarnició local i els civils que, desemparats i esgotats per la privació, van passar en moltes ocasions a les armes al lloc on atenien les seves ocupacions diàries. Esplèndid exemple d’un noble esperit de sacrifici i amor a la pàtria. Barletta, 12 - 24 de setembre de 1943 "
- 8 de maig de 1998 [52]
Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
«El 8 de setembre de 1943, la guarnició de Barletta, modestament armada, però recolzada pel suport espontani i eficaç dels ciutadans, volia continuar el camí de l’honor i la lleialtat cap a la pàtria, oposant-se intensament a les ferotges unitats alemanyes i causant pèrdues considerables. sobre ells. Només el 12 de setembre, després de l'arribada de reforços alemanys aclaparadors, la guarnició, jutjada per les pèrdues sofertes i sota l'amenaça de la destrucció de la ciutat, es va veure obligada a rendir-se. Les tropes enemigues, ocupades a Barletta, van matar bàrbara 13 ciutadans desarmats en represàlia, que van unir així el seu sacrifici al valor dels militars en un anhel de llibertat comú. La ciutat de Barletta, un exemple brillant de les virtuts dels habitants del sud d’Itàlia, dóna a les generacions futures el testimoni dels valors resultants del renaixement de la pàtria i de la conquesta de la democràcia i la pau. Barletta del 8 al 13 de setembre de 1943 "
- 7 de juliol de 2003 [53]

Monuments i llocs d'interès

Arquitectures religioses

Els absis gòtics de la catedral
Catedral de Barletta

Situat a prop del castell, es troba al final de la ruta de director original del primer nucli de la ciutat. [54] Es distingeix en una part subterrània i una a nivell del carrer i sembla ser el resultat de les estratificacions de l'mil·lenni [55] , que va veure la superposició de tombes "cova" de el segle III aC, un dels primers cristians basílica de segle VI , una segona basílica altmedieval que data del segle IX-X i, finalment, l'edifici superior. Aquesta última està composta per una part frontal típicament romànica que data del segle XII i una part posterior realitzada en formes gòtiques al segle XIV. El campanar és originari del segle XII. L'església va arribar al seu apogeu durant les croades , servint de punt de pas als pelegrins que anaven cap a Terra Santa. [56] Disposat segons una orientació est-oest, amb absis orientats a l'est, es caracteritza per un traçat basilical. Està dividit en tres naus amb capelles laterals a l’ala sud i té un cibori a la zona del presbiteri darrere de la qual s’obre el cor. L'edifici ha tornat a la seva antiga glòria després de les obres de restauració que van durar primer del 1955 al 1981 i després del 1981 al 1996. [57] Va ser elevat a la catedral metropolitana pel beat Pius IX amb una butlla del 21 d'abril de 1860 i va ser guardonat amb el premi dignitat de la basílica menor per San Giovanni XXIII el 17 de març de 1961. [58]

Basílica del Sant Sepulcre
La basílica del Sant Sepulcre

Situat a prop del Colós de Barletta entre dos eixos de comunicació vials importants i importants, manté un estret vincle amb Terra Santa i la tomba de Jesús. [59] Oficiat pels canonges i cavallers del Sant Sepulcre de Jerusalem, va ser el destí de trànsit per als pelegrins que anaven cap a Terra Santa i per als croats que viatjaven des del port de Barletta a Jerusalem . [60] L'edifici es va erigir en estil gòtic borgoñonès a finals del segle XII. [60] La planta basilical de tres naus està formada per set crugies, que parteixen del nàrtex i arriben al transsepte , puntejades per arcs i voltes apuntades que es remunten a finals del segle XIV. A la capella situada sobre el nàrtex es guarda el tresor , que inclou una creu patriarcal aparellada, un tabernacle amb el Crist en majestat en ametlla, un colom eucarístic en coure daurat, un ostensori del segle XII i frescos del segle XIII. [61] L'església el 1852 va ser elevada a l'estatus de Col·legiata per Pius IX i el 1951 va ser decorada amb el títol de basílica pontifical menor pel papa Pius XII .

Basílica de San Domenico

Antigament coneguda com l'església de Santa Maria Maddalena, [62] el conjunt eclesiàstic de San Domenico inclou l'església i el convent adjacent. Al principi es van instal·lar en un edifici situat a prop de Porta San Leonardo, prop de l’actual Viale Giannone, [63] després d’haver estat completament arrasat pels francesos, cap a mitjan segle XVI l’antiga església dels templers de Santa Maria. Maddalena, fou dominada i reestructurada pels dominics i es començà a construir el convent. [64] L'església es va ampliar a principis del segle XVIII i va ser equipada amb un nou altar major, construït per Luigi della Marra. [65]

Església de San Gaetano
- l’església de San Gaetano

Fundada al segle XVII per l’Orde dels clergues regulars teatrals , conserva a l’interior una relíquia de la Santa Espina . El conjunt d’edificis on es troba l’església en el moment de la seva fundació era la seu d’una petita església dedicada a Sant Josep. El 1667 es transformà tant l'església com el convent, prenent el nom que encara conserva. [66] A la primavera de 1656 es van iniciar les obres per a la construcció de l'església dedicada a San Gaetano que es va acabar el 1667 després de dos anys de suspensió a causa de la pesta. Quan es va suprimir l’ordre teatral, l’església va ser confiada als confrares de la Santíssima Trinitat . [67]

- l’església de Sant Giacomo
Església de Sant Giacomo

Es remunta al segle XI i es troba on a l’antiguitat hi hauria hagut un lloc de culte pagà. [67] Està disposat al llarg de l'eix est-oest amb un altar a l'est. L’accés principal es va situar originalment al front occidental, però més tard la saturació dels espais en ocupar el terreny amb edificis residencials va provocar el trasllat al costat nord, donant lloc al portal que pren el nom de "Porta major". El front principal veu la presència al mig d’un obelisc amb un rellotge. L'any 2001 l'església va ser sotmesa a una extensa restauració que va posar de manifest les línies arquitectòniques originals. Es van restaurar finestrals senzills de diverses èpoques, el sostre encavallat del segle XVIII i la capella del Sant Salvador amb volta de creueria del segle XIII. L’església té un ric patrimoni de taules, llenços, objectes litúrgics, reliquiaris i vestits sagrats que es remunten al període comprès entre els segles XIII i XX. [68]

Església de Sant'Andrea

Els primers testimonis documentats es remunten al segle XII i identifiquen un temple dedicat al Sant Salvador a la zona. [69] Al segle XVI els Della Marra , que eren propietaris de l'edifici religiós, el van donar als frares observadors menors , l'església de Sant'Andrea fuori le Mura havia estat destruïda durant el saqueig de 1528. [70] La destrucció va provocar l’observador amb el seu complex conventual dins de les muralles. L' església ha sofert diverses fases de construcció i posteriors ampliacions finalitzades al segle XX, quan es va obrir una nova carretera a l'est, anomenada via Bruno Marino, anteriorment coneguda com a vicoletto Sant'Andrea. [71] Es va sotmetre a una restauració conservadora i es va reobrir al públic el 2010.

Co-catedral de Santa Maria de Natzaret

Més coneguda com l'església de Natzaret, era la catedral de l'arxidiòcesi de Natzaret a Barletta. Al costat hi ha el Palau Arquebisbal Nazareno, amb el qual forma un gran complex únic, havent estat l'episcopi dels mateixos arquebisbes. [72] Construïda al voltant de 1570, es va construir després de la destrucció de l'antiga catedral, que es va localitzar extra moenia i que va ser catedral arquebisbal fins al 1818, quan es va suprimir l'arxidiòcesi de Natzaret. [73]

Església de la Sagrada Família

Es tracta d’un conjunt parroquial construït als anys noranta, en substitució de l’edifici eclesiàstic erigit a principis del segle XX al barri de Borgovilla-Patalini, una zona de nova expansió de l’època. L'església original encara existeix, tot i que està tancada al públic a causa de les precàries condicions estructurals.

Església del Santíssim Crucifix

L'església del Santissimo Crocifisso es troba a la via Petrarca, als afores de Barletta, i pren el nom de Patalini.

Església dels grecs

Església situada a prop del centre històric.

Osari commemoratiu dels eslaus caiguts
Osari commemoratiu dels eslaus de la Primera i Segona Guerra Mundial

És un monument funerari erigit dins del cementiri de Barletta. La seva construcció es va iniciar el 1968, amb motiu de l’agermanament entre Barletta i la ciutat montenegrina d’ Herceg Novi . [74] Progettato dallo scultore Dušan Džamonja , il monumentale Sacrario di Barletta venne inaugurato il 4 luglio 1970 e custodisce i resti di 825 morti e di altri 463 combattenti dei quali non erano state reperite le spoglie, per un totale di 1288 caduti. [75] [76]

Architetture civili

Palazzo della Marra
Palazzo della Marra

Di architettura barocca, è stato dimora di importanti famiglie aristocratiche. [77] Costruito su tre livelli, l'edificio è caratterizzato, sul fronte principale, da un balcone la cui facciata risulta riccamente ornata, sorretto da cinque mensole scolpite con mostri, cani e grifi. La corte centrale presenta un loggiato e colonne che sorreggono archi. È sede al secondo piano della Pinacoteca De Nittis . [78]

Palazzo Santacroce

Anticamente noto come Palazzo dell'Ostero o dell'Ostiero, [79] è ubicato di fronte alla facciata principale del duomo, tanto da occuparne un'ampia area del sagrato che in precedenza era di dimensioni maggiori. [80] Il prospetto principale presenta il piano terra bugnato e quello superiore caratterizzato da una perfetta simmetria delle bucature. Il portale di accesso è dotato di un arco a sesto acuto, inquadrato da una cornice. In asse si trovano poi il balcone di rappresentanza e un timpano triangolare.

Palazzo de Leone-Pandolfelli

Si trova in via Cavour, lungo l'antica "strada del cambio". Le prime notizie su questo palazzo risalgono al 1418; sono attestati ulteriori rifacimenti durante la metà del XVI secolo. [81] La facciata principale è scandita ai livelli superiori da lesene che intervallano aperture su un balcone che corre lungo l'intero fronte.

Villa Bonelli

Costituisce un esempio unico nel territorio barlettano di villa extra moenia , circondata da giardini che custodiscono specie arboree tipiche della regione. Villa Bonelli conobbe il suo massimo splendore nei primi decenni del XIX secolo, quando i lavori di restauro e di ampliamento voluti dal conte Raffaele e da suo figlio Giuseppe ne fecero una delle più belle ville di Puglia. [82] È costituita da un salone delle feste, da una cappella, scuderie e un "giardino eclettico" corredato da fontane, serra e un campo di minigolf. Ai primi del Novecento l'edificio e il parco cominciarono a conoscere un declino che avrebbe portato alla chiusura del complesso. La villa è stata restituita ai cittadini nel corso del 2008 in seguito a lavori di riqualificazione che ne hanno permesso il ritorno al suo antico splendore. [83]

Teatro Curci

Intitolato al compositore Giuseppe Curci , è situato nel pieno centro cittadino, di fronte al palazzo di Città. L'odierno teatro fu progettato nel 1866 e inaugurato nel 1872. [84] Il primo spettacolo vide l'esecuzione della sinfonia L'Italia redenta , opera del compositore e direttore d'orchestra barlettano Giuseppe Curci. Nel 1960 lo storico immobile venne chiuso a causa delle precarie condizioni, venendo riaperto solo nel 1977, dopo una lunga serie di restauri.

Architetture militari

Le mura della città

Le mura di Barletta costituiscono l'antico strumento difensivo della città. Le prime mura urbiche furono edificate dai Normanni, che occuparono il territorio barlettano tra l'XI ed il XII secolo. [85] La cortina muraria cingeva allora l'originario nucleo di Santa Maria. Durante la dominazione sveva l'imperatore Federico II ampliò il fortino normanno edificando la sua domus , [86] individuabile nell'attuale sede della biblioteca comunale. Con l'arrivo degli Angioini la cinta muraria venne ampliata [87] per proteggere l'area più a sud, [88] un ampliamento del castello con la costruzione del palatium sul lato nord, [89] scomparso in seguito al successivo ampliamento spagnolo, [90] e lo scavo del fossato intorno al castello. [91]

Il periodo aragonese modificò significativamente il tracciato delle mura, fino a cingere un'ampia parte dell'edificato attualmente appartenente al quartiere San Giacomo-Settefrati. [92] Fu nel periodo subito successivo, durante la dominazione spagnola, che il castello assunse la definitiva ed attuale conformazione architettonica. [93] [94] Nel 1860 si diede inizio all'abbattimento della cinta muraria che ostacolava l'espansione edilizia, il commercio con le città limitrofe e la costruzione della ferrovia con la relativa stazione e degli stabilimenti industriali. [95] Dell'antica cortina difensiva restano:

  • il castello;
  • tutte le mura a mare (mura del Carmine, dal nome dell'omonima chiesa) che da Porta Marina giungono al Paraticchio;
  • un frammento (più propriamente, una paratia) che chiude a nord-ovest il fossato del castello dal mare aperto (cui il fossato era congiunto prima dell'interramento);
  • il bastione, localmente conosciuto come il "Paraticchio", che si affaccia sugli arenili della litoranea di ponente;
  • Porta Marina nell'omonima piazza;
  • un piccolo bastione in via Galliano, sormontato da abitazioni civili, nel suo punto di intersezione con via Magenta.

Il castello

Il castello

Il castello di Barletta è una costruzione a forma quadrangolare con le caratteristiche torri-bastioni lanceolate in prossimità degli spigoli. [96] L'edificio è il risultato architettonico di una serie di stratificazioni dovute al susseguirsi di diverse dinastie al potere, succedutesi dall'XI secolo al XVIII secolo. Il nucleo originario, risalente all'XI secolo, è normanno, come testimonia la Torre maggiore inglobata nell'area meridionale dell'attuale edificio. [97] Durante le crociate divenne abituale ricovero per i cavalieri in partenza e in arrivo dalla Terra santa. Evidente è il lascito di Federico II di Svevia, testimoniato nel lato sud da finestre ogivali che presentano l'aquila imperiale scolpita nelle lunette, motivo ricorrente dell'iconografia sveva. [98]

Il castello così come lo vediamo è stato realizzato a partire dal 1532, per volere del re spagnolo Carlo V . Nel 1867 fu acquistato dal Comune di Barletta, divenendo in seguito un deposito d'armi ed un carcere. [99] Nel 1973 è stato sottoposto ad un lungo restauro, [100] terminato nel 1988 e nel 2001 sono stati effettuati lavori di riqualificazione, durati circa un anno. È sede della biblioteca comunale, del museo civico e pinacoteca e del lapidarium . [101] [102] Tra i pezzi più importanti qui conservati vi sono il Sarcofago degli Apostoli, prima testimonianza cristiana a Barletta, [103] [104] e un busto di Federico II del XIII secolo. [105] [106]

Porta Marina

Porta Marina

Porta Marina costituisce l'unico esempio rimanente delle antiche porte che cingevano la città di Barletta. [95] È situata nella piazza omonima e verso essa confluiscono via Mura San Cataldo, via Mura del Carmine e via Marina, che porta e prosegue, attraversando la piazza, fino alla Cantina della disfida.

Porta Marina non è sempre stata situata nel medesimo punto: quella originaria si trovava al termine meridionale di via Sant'Andrea e al suo fianco trovava posto l'antico Palazzo della Dogana. Nel 1751 fu costruita la nuova porta, come testimonia l'epigrafe posta sulla facciata esterna, la quale appare affiancata dalle armi della città e dallo stemma borbonico . Attualmente nei pressi della porta sono in corso indagini archeologiche con le quali si intende riportare alla luce di un antico pozzo-abbeveratoio ivi esistente fino alla Prima guerra Mondiale. La sua esatta ubicazione corrisponde alla rotonda posta davanti alla chiesa di San Cataldo. [107]

Altro

Il Colosso

Il Colosso di Barletta , chiamato Eraclio
Torre dell'orologio di San Giacomo

Il colosso di Barletta è una gigantesca statua in bronzo che si erge in corso Vittorio Emanuele, nei pressi della basilica del Santo Sepolcro , sopra un basamento alto circa un metro. Restaurata durante il Medioevo , è caratterizzata da un uomo in vesti imperiali tardo-romane e bizantine, come mostrano il diadema e l'indumento circolare tipico dei militari di alto rango, presenti sul capo. La statua, nota a livello cittadino come Eraclio , [108] in realtà è di incerta identificazione. Le indagini storiche effettuate fanno risalire le sue origini alla prima metà del V secolo. [109]

La cantina della Sfida

Nota anche come "Osteria" o "Casa di Veleno" (con chiaro riferimento al celebre romanzo di Massimo d'Azeglio ), probabilmente attiva nel periodo che va dal XIV al XV secolo, [110] è il luogo in cui si sarebbe svolto nel 1503 il banchetto che originò la Disfida di Barletta. Qui furono invitati dagli spagnoli alcuni nobili prigionieri francesi catturati durante uno scontro e dove, l'irriducibile tracotanza verbale del transalpino Charles de La Motte generò l'offesa nei confronti dei cavalieri italiani. Quest'ultimo, infatti, affermava che le abilità guerresche degli italiani erano molto inferiori, sia a quelle dei francesi che a quelle degli spagnoli. Le offensive frasi del francese giunsero alle orecchie degli italiani, che subito richiesero scuse formali, ma allo sprezzante rifiuto dei transalpini gli italiani li sfidarono a duello, si ebbe, così, la famosa Disfida di Barletta, combattuta fra tredici italiani e altrettanti francesi. [110]

Strade storiche

Via Duomo
Via Duomo , anticamente nota come "Strada Santa Maria", è una delle vie più antiche della città, con una sezione stradale ridotta, di soli cinque metri e una lunghezza di cento metri. [111] Si snoda dalla cattedrale di Santa Maria Maggiore sino alla "Piazzetta", ossia sino al nodo viario in cui confluiscono via Cialdini, via San Giorgio, via Sant'Andrea, corso Garibaldi e la stessa via Duomo. Lungo via Duomo si aprono numerosi vicoli ad essa ortogonali, che portano a nord verso le antiche mura, mentre a sud verso via Ettore Fieramosca. [112] Studi tipologici effettuati sull'area la ricondurrebbero al borgo primordiale cittadino e questa via al tracciato più antico, lungo il quale si sarebbe formato il primo aggregato urbano. [113] Con il recupero architettonico e funzionale del centro storico via Duomo è oggi una delle vie più frequentate, grazie anche alla presenza di numerosi locali e alla funzione di collegamento tra corso Vittorio Emanuele e il castello.
Corso Giuseppe Garibaldi
Costituisce uno dei più antichi tracciati che collegavano la città di Barletta con l'importante città di Canosa di Puglia. [114] Storicamente denominata "via della Selleria", [115] questa strada va dalla Piazzetta, ossia dall'ingresso di via Duomo fino all'incrocio con le odierne viale Giannone e via Baccarini, da cui ha inizio via Imbriani. [116] Lungo i suoi lati si trovano molti dei negozi più eleganti della città, nonché numerosi palazzi storici, tra cui palazzo Marulli, ed è divisa pressoché in due tronchi da piazza caduti di Guerra con l'omonimo monumento. [117]
Corso Vittorio Emanuele
È una delle vie più rappresentative della città, sia dal punto di vista storico che da quello commerciale. [118] Un tempo divisa in due parti da porta Reale, è stata da sempre interessata da un intenso traffico pedonale. Su di essa insistono numerosi monumenti ed edifici di notevole importanza, quali la torre dell'Orologio di San Giacomo con l'omonima chiesa medievale, il palazzo della famiglia Cafiero (in cui nacque Carlo Cafiero), il palazzo della famiglia De Nittis (in cui nacque Giuseppe De Nittis), il Teatro Comunale Giuseppe Curci, la basilica del Santo Sepolcro e la statua del colosso bronzeo detto "Eraclio". [119]
Via Cavour
Anticamente era conosciuta come "strada del cambio", in quanto proprio lungo questo tratto viario si concentravano le attività dei cambiavalute. [120] Questa via è nel tempo divenuta sede di numerosi palazzi storici come i due palazzi de Leone-Pandolfelli, palazzo Cognetta, palazzo Esperti, palazzo del Gran Priore. Via Cavour si snoda dall'ex sede della Banca d'Italia sino all'incrocio che conduce al castello, dove fino al 1925 si ergeva l'antica porta San Leonardo , che chiudeva la via per Trani. [121]
Via Ettore Fieramosca
Anticamente conosciuta come "strada del forno" per la presenza di un forno costruito dai Greci per i bisogni della propria comunità, [122] si tratta di una strada che fungeva da cerniera di chiusura intorno al nucleo urbano più antico, detto "di Santa Maria". [112] Via Fieramosca è caratterizzata da un andamento curvilineo che, proseguendo lungo via San Giorgio e via Sant'Andrea, scendendo di quota, giungendo fino a Porta Marina . Su questa via si affacciano palazzo Pignatelli e palazzo Esperti. [123]
I Giardini del castello

Parchi e giardini

Giardini del castello
Intitolati ai fratelli Cervi , i giardini si estendono intorno al castello e fanno da cornice alla fortezza e alla Concattedrale di Santa Maria Maggiore . In seguito ai restauri, conclusisi nel 2002 e che hanno visto la riqualificazione dei giardini, trasformati in parco con aree attrezzate, l'intera area è stata restituita alla cittadinanza barlettana, che ne ha fatto un punto nevralgico del centro storico. [124] [125]

Monumenti e statue

Monumento ai caduti in guerra
Inaugurato il 18 marzo 1929, [126] si erge nell'omonima piazza Caduti in Guerra nei pressi del vecchio palazzo delle Poste su un'aiuola circolare. Voluto dalla città per commemorare i propri caduti nella Prima guerra mondiale , è costituito da un basamento marmoreo sul quale si imposta un ampio blocco di forma pressoché quadrangolare, terminante con una stele di colore bianco. Sulla parte superiore del blocco di colore bianco è incisa la scritta «Barletta ai suoi prodi figli caduti in guerra» seguita dalle due date MCMXV e MCMXVIII. Al momento della costruzione la stele era sovrapposta ad una fascia bronzea raffigurante dei soldati colti nell'attimo dell'ultimo sacrificio per la patria. Durante la seconda guerra mondiale questa fu però asportata e donata allo Stato per farne delle munizioni. [127] A memoria di questo ulteriore sacrificio è stata posta in seguito una lastra commemorativa su cui è incisa la significativa frase Demmo anche il bronzo che eternava il nostro sacrificio . Nei suoi pressi, precisamente dinanzi alla parete laterale del palazzo delle Poste il 12 settembre 1943 avvenne l' eccidio compiuto dai tedeschi ai danni di dieci vigili urbani e due netturbini. [128]
Monumento a Massimo d'Azeglio
Nel 1880 l'amministrazione comunale, per volere del sindaco Francesco Paolo De Leon, eresse, nella piazza omonima, un monumento dedicato a Massimo d'Azeglio ad opera dello scultore locale Giuseppe Manuti, in segno di riconoscenza per aver reso celebre, col suo romanzo Ettore Fieramosca l'epica Disfida di Barletta . La statua è stata recentemente restaurata e la conclusione dei lavori è stata solennizzata da una cerimonia di inaugurazione tenuta dal sindaco Nicola Maffei , preceduta da un ritratto biografico del politico e scrittore piemontese nel teatro Curci. [129]

Siti archeologici

Menhir di Canne

Canne

Nel territorio barlettano è presente il sito archeologico di Canne , ossia il luogo in cui nel 216 aC si svolse l' omonima battaglia che vide i cartaginesi di Annibale prevalere sui romani. Il sito archeologico è caratterizzato dalla duplice presenza dell'Antiquarium e del Parco Archeologico con le rovine della cittadella medievale, distrutta definitivamente nel 1083. Nei dintorni della cittadella sono stati ritrovati i resti di un villaggio apulo , quelli di una necropoli ed un menhir alto circa tre metri, scoperto nel 1938. [130]

Tra il 2002 e il 2005 sono state condotte indagini archeologiche nell'area del complesso termale di San Mercurio, che hanno messo in luce una cisterna con il relativo impianto idrico. Nell'estate del 2008 l'Amministrazione comunale, d'intesa con l'Archeoclub, la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia e la Direzione dell'Antiquarium di Canne della Battaglia, ha promosso un campo di ricerca didattico di scavo archeologico, al fine di recuperare e valorizzare il territorio cannese e in particolar modo il complesso termale. [131]

Aree naturali

Il Parco naturale regionale Fiume Ofanto è un' area naturale protetta istituita nel 2003 dalla regione Puglia di cui fa parte la città di Barletta, insieme ai comuni di Canosa di Puglia , San Ferdinando di Puglia , Candela , Ascoli Satriano , Cerignola e Margherita di Savoia . [132]

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [133]

Etnie e minoranze straniere

I cittadini stranieri residenti a Barletta al 31 dicembre 2019 erano 2 397, pari al 2,5% della popolazione così suddivisi per nazionalità: [134]

Lingue e dialetti

I dialetti della Puglia.

Il dialetto barlettano è una varietà linguistica facente parte dei dialetti pugliesi centro-settentrionali. In particolare, con quello di Margherita di Savoia e San Ferdinando di Puglia, esso costituisce una varietà del dialetto barese che si distingue da quella dauna . A causa della sua posizione geografica a cavallo tra l'area barese e quella foggiana, il dialetto locale risulta notevolmente influenzato da entrambi i dialetti. [5]

Si tratta di un idioma sviluppatosi gradualmente su una base latino volgare e modificatosi nel tempo grazie agli apporti linguistici ricevuti dalle popolazioni che si sono avvicendate nell'area geografica interessata, dai Normanni agli Svevi (portatori di elementi germanici ), dagli spagnoli ai francesi, portatori di ulteriori elementi romanzi . [135]

Nei primi del XX secolo ha avuto inizio un processo di logoramento e scolorimento del dialetto barlettano. Confrontando infatti il registro dialettale della fine del XIX con quello del XXI secolo è possibile notare numerose differenze dei suoni vocalici utilizzati. [136] Tra i fenomeni in atto vi sono il turbamento vocalico ( ä , ö , ü ); i frangimenti vocalici , consistenti nell'alterazione delle vocali toniche tanto nell'apertura quanto nel timbro, dando luogo a dittonghi e palatalizzazioni . I frangimenti riguardano tutte le vocali toniche per esempio u : fóusë corrisponde a 'fuso'; ó : nëpóutë corrisponde 'nipoti'; la neutralizzazione delle vocali toniche ( ə́ ), per esempio chə́sə che corrisponde a casa , pane che corrisponde a pə́nə ; la degeminazione della doppia occlusiva alveodentale sonora postonica come nei casi di carbonella che diventa carvunédə anziché carvunéddә , fenomeno particolarmente in uso tra i più giovani. [136]

Religione

Barletta, con le città di Trani e Bisceglie, è sede dell' arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie , sede arcivescovile della Chiesa cattolica suffraganea dell' arcidiocesi di Bari-Bitonto e appartenente alla regione ecclesiastica Puglia . [137] La diocesi è nominalmente "titolare di Nazaret" in quanto gli arcivescovi Nazareni presero stabile dimora a Barletta dal 1327 e la successione si è mantenuta fino al 1818. Nel 1860 fu Barletta stessa ad essere elevata ad arcidiocesi autonoma, mantenendo il titolo di Nazareth.

La città di Barletta venera come suoi santi patroni Ruggero e la Madonna dello Sterpeto . La figura del santo, in precedenza vescovo di Canne, è associata ai suoi trent'anni di episcopato, durante i quali si oppose con ogni mezzo al declino della cittadella da cui avrebbe avuto vita proprio la città di Barletta. [138] Il culto della Madonna dello Sterpeto è legato, secondo la tradizione barlettana, alla peste del 1656. Si ritiene infatti che il morbo abbia inspiegabilmente rallentato il suo corso dopo aver ritrovato in un monastero diroccato il quadro della Vergine. [39] La forte devozione alla Madonna è stata legittimata dalla proclamazione della città a Civitas Mariae , [139] titolo conferitole con decreto vescovile l'8 maggio 2009. [140]

Il rapporto che la città di Barletta ha avuto, fin dai tempi delle crociate , con la cultura orientale fa di essa uno dei centri direttamente collegati al mondo religioso dell'Oriente. Manca tuttavia un edificio di culto in cui possa essere praticata la fede musulmana, ma da tempo la comunità politica e religiosa si adoperano per la coesistenza della religione di Allah con quella cristiana e, a tal proposito, proprio una scuola di estrazione cattolica, la scuola delle suore di Santa Chiara, ospita alcune ragazze sordomute musulmane. Nel 2004 è partito inoltre un progetto che prevedeva la costruzione di una chiesa-moschea, un centro che potesse fungere non solo da richiamo religioso ma anche da centro culturale. [141]

A ridosso del centro storico è presente anche una chiesa evangelica battista , appartenente all' Unione cristiana evangelica battista d'Italia e alla famiglia di Chiese evangeliche sorte dalla riforma protestante . [142]

Tradizioni e folclore

La processione del venerdì santo

Nella seconda domenica del mese di luglio, ogni anno, dal 1732, si svolge la festa dei santi patroni della città: la Madonna dello Sterpeto e San Ruggero. [143]

La processione eucaristica penitenziale dell'ora nona si svolge nel giorno del venerdì santo. Celebrata a partire dal 1504, [144] si svolse per la prima volta nella notte tra il giovedì e il venerdì santo , in segno di voto attraverso la quale i canonici di santa Maria, conducendo scalzi per le vie della città l' eucaristia , chiedevano la cessazione della peste che dall'anno precedente aveva decimato la città di Barletta. [145] [146] [147] La processione rappresenta un fatto storico e un atto di penitenza, con voto solenne fatto dai barlettani e dai governanti, il 19 luglio 1656. [148]

Il 13 febbraio di ogni anno e durante tutta la prima settimana di settembre, si tiene la rievocazione storica della disfida di Barletta, promossa dal comune, con una piccola rievocazione del Certame cavalleresco del 1503, che vide il suo epilogo nella scena simbolica della resa del cavaliere francese Guy de la Motte al cavaliere italiano Ettore Fieramosca. [149]

Tra gli altri riti, la Commemorazione dell'anniversario della battaglia di Canne ; si tiene il due agosto presso il sito archeologico di Canne . [150]

Istituzioni, enti e associazioni

Tra le istituzioni di cui Barletta è sede vi sono: la Caserma "Ruggiero Stella" presso cui ha sede l' 82º Reggimento fanteria "Torino" ; [151] il Comando provinciale della Guardia di Finanza , [152] la Capitaneria di Porto e la Prefettura - UTG . [153] [154]

La struttura sanitaria principale è l'Ospedale civile "Monsignor Raffaele Dimiccoli".

Cultura

Con 11 medaglie d'oro al valor militare 1 medaglia d'oro al valor civile e 215 medaglie d'argento e circa 250 medaglie di bronzo attribuite a militari barlettani partecipanti alla prima e alla seconda guerra mondiale, la città è la più decorata d'Italia. [155]

A sinistra la discesa all'ingresso della Biblioteca comunale "Sabino Loffredo" all'interno del Castello.

Istruzione

Biblioteche

Barletta dispone di diverse biblioteche. La Biblioteca Comunale Sabino Loffredo, con sede nell'ala sud-est del castello di Barletta, l'antica domus federiciana, si estende su una superficie totale di 1 400 e conta un patrimonio librario di oltre 80 000 volumi. Sono ivi conservati inoltre il Fondo Apulia, il Fondo musicale Curci, Gallo e Cafiero, il Legato De Nittis ei Fondi antichi ed è possibile consultare oltre 150 riviste in abbonamento. Ottanta sono i posti a sedere. [156]

La Biblioteca e archivio diocesano Pio IX, è situata nel Palazzo Arcivescovile. Qui sono conservati circa 11 000 volumi ed opuscoli sciolti e 2 000 pergamene (in gran parte pubblicate nel Codice Diplomatico Barlettano a cura del sacerdote paleografo Salvatore Santeramo ), nonché 70 riviste correnti. [157] Infine la Biblioteca dei Ragazzi, che raccoglie oltre 4 500 volumi per lettori di età compresa tra i tre ei quindici anni. [158]

Altre biblioteche presenti in città sono:

  • Biblioteca dell'Archivio di Stato di Bari; [159]
  • Biblioteca dell'Istituto sperimentale per l'enologia di Asti. [160]

Scuole

Nel territorio comunale sono presenti 18 scuole dell'infanzia , 15 scuole primarie , 6 scuole secondarie di I grado , 10 Scuole secondarie di II grado . [161]

Università

Busto di Federico II di Svevia , conservato nel Castello di Barletta

Musei

I principali musei della città sono:

  • Pinacoteca De Nittis la cui sede è il Palazzo della Marra , che comprende permanentemente la collezione De Nittis e periodicamente mostre temporanee;
  • Museo civico e pinacoteca di Barletta la cui sede è il castello di Barletta;
  • Museo della Cattedrale , che oltre ai numerosi reperti cristiani di notevole pregio e valore custodisce un archivio di oltre duemila pergamene e manoscritti, alcuni dei quali risalenti al IX secolo;
  • Casa-Museo Cafiero, ossia la residenza dell'anarchico Carlo Cafiero , nato a Barletta;
  • Antiquarium di Canne , [163] il museo presente nel sito archeologico di Canne , che documenta gli insediamenti umani nel territorio di epoca preistorica, classica, apulo-greca e medievale. Presenta inoltre una ricca collezione di vasi dauno-peucezi dipinti a disegni geometrici risalenti al IV secolo aC, provenienti dai sepolcreti di Canne;
  • Tesoro della basilica del Santo Sepolcro , custodito nella omonima basilica e che comprende diverse oreficerie sacre, alcune delle quali provenienti dalla Palestina ;
  • Chiesa Greca di Santa Maria degli Angeli che al suo interno conserva l'antica iconostasi , che occupa l'intera parete minore della chiesa.

Media

Stampa

A Barletta sono presenti le sedi della Editrice Rotas e della Penna Blu Edizioni. [164] [165]

Radio

Le principali emittenti radiofoniche presenti in città sono le seguenti:

Televisione

Seguono le principali stazioni televisive a copertura regionale situate nel comune:

Cucina

La gastronomia barlettana annovera numerosi prodotti profondamente legati ad antiche tradizioni contadine e marinare. [173] Oltre alle cartellate , [174] tipica ricetta pugliese che anche nella tradizione barlettana sono impregnate di vincotto o miele. [175] Seppure siano tipicamente foggiani, anche a Barletta sono molto diffusi i calzoncelli farciti di mostarda: [176] la loro preparazione è solitamente parallela a quella delle cartellate ed infatti se ne utilizza la stessa sfoglia di pasta, tagliata però creando una forma rettangolare sulla quale viene spalmata della mostarda. Il ritaglio di pasta viene poi ripiegato in due, in modo da contenere la marmellata al suo interno. Dopo la frittura in olio abbondante si impregnano i calzoncelli di vincotto. [177] Le campagne barlettane sono ricche di vigneti e di oliveti, la cui produzione vinicola è assistita anche da numerose cantine presenti sul territorio. [178]

Geografia antropica

Urbanistica

Il primo nucleo urbano della città di Barletta si sviluppo nel cosiddetto "pittagio Marsicano", in seguito denominato "Santa Maria de Episcopio" dall'omonima basilica cattedrale. [179] L'intero centro antico sorge a ridosso del mare e delle antiche mura e si articola intorno a via Duomo. Su questo percorso, che prosegue idealmente ad ovest verso Canosa di Puglia e termina ad est nel sagrato della Cattedrale di Santa Maria Maggiore, si snodano numerosi vicoli ad essa ortogonali. Il nucleo urbano più antico della città, di origine medievale, si rapporta a quello cronologicamente successivo attraverso tre strade di primaria importanza sia per il centro storico che per i collegamenti con le città limitrofe:

  • corso Garibaldi diventa asse di collegamento per Canosa di Puglia;
  • corso Vittorio Emanuele diventa asse di collegamento per Margherita di Savoia e per il Gargano ;
  • via Cavour diventa asse di collegamento per Trani e per Andria.

I principali percorsi di collegamento con le vicine città, fungono da assi direttori su cui si attestano i tipici isolati ottocenteschi a scacchiera, peculiari della città di Trani e del murattiano di Bari.

L'avvento della ferrovia e la sua costruzione costituisce una linea di divisione precisa con la parte novecentesca della città, che non assume una conformazione morfologica ben restituibile e che trova il suo limite fisico attuale a sud nell'area destinata all'edilizia dei Piani di Edilizia Economica e Popolare, la cosiddetta zona 167 . L'ultimo piano regolatore generale approvato a Barletta risale al 1971. Importante è la realizzazione della variante al PRG per l'adeguamento alla legge regionale n. 56/1980, adottata nel 2000 ed approvata nel 2003. [180] Un più recente contributo è costituito dalla pubblicazione nel 2005 del Piano strategico territoriale di Barletta . In accordo con le linee guida della Regione Puglia in materia urbanistica, è in fase di redazione il Piano Urbanistico Generale, [181] [182] che sostituirà il desueto strumento del PRG.

Suddivisioni storiche

Nel Cinquecento Barletta era suddivisa in tre quartieri che prendevano il nome dalle principali chiese in essi presenti e cioè di Santa Maria o Marsicano, del Santo Sepolcro o delle Sette Rue e di San Giacomo o Borgo novo. [183] [184] Ai tempi della dinastia borbonica , tra il 1815 e il 1859, la città era divisa in sei quartieri, ossia quello di sant'Andrea, dei Teatini, dell'ex convento dei Celestini, del convento di San Giovanni di Dio e dei Minori Conventuali e il Gran Quartiere del Carmine, con altrettante porte di accesso, e cioè Porta san Leonardo, provenendo da Trani, Porta Croce, nei pressi della basilica del Santo Sepolcro, Porta Nuova, all'incrocio con l'attuale piazza Aldo Moro, Porta Napoli, su corso Vittorio Emanuele verso Margherita di Savoia, Porta Reale, che costituiva con Porta Marina l'accesso dal mare. [185]

Suddivisioni amministrative

Suddivisione in circoscrizioni amministrative

Il Comune si riparte attualmente in tre circoscrizioni di decentramento. [186] [187]

Circoscrizione Denominazione
I Santa Maria
II San Giacomo - Settefrati
III Borgovilla - Patalini

Le circoscrizioni amministrative corrispondono ai tre quartieri di Santa Maria, che comprende il centro storico, San Giacomo-Settefrati, in cui è compresa la parte occidentale della città situata tra la ferrovia e il mare e Borgovilla-Patalini, che in precedenza costituivano due quartieri distinti e che comprende tutta la parte meridionale della città posta a sud della ferrovia, che si spinge verso Andria e Canosa . La città negli anni più recenti ha subito una notevole espansione urbana, che ha portato alla creazione di un nuovo quartiere, la zona 167. [188]

Frazioni

Torre Ofanto, nei pressi de La Fiumara.
  • Fiumara o La Fiumara, [189] secondo l'uso locale, si trova 10 km a nord-ovest della centro cittadino, sulla riva destra alla foce del fiume Ofanto . Il complesso residenziale costruito negli anni sessanta conta 50 abitanti. [190] La frazione ospita l'antica torre costiera d'avvistamento torre Ofanto , edificata nel 1568. [191]
  • Montaltino [189] è situata su una collina nelle campagne barlettane a 5 km dal centro cittadino. [192] In precedenza apparteneva ai cosiddetti "sei casali di Barletta". [193] Oggi è un modesto villaggio in cui risiedono 64 abitanti. [194]

Altre località del territorio

  • Canne [189] dista 7 km dal centro cittadino e si trova a 54 metri sul livello del mare, su un'altura nei pressi del fiume Ofanto , distante 9 km dalle coste del mare Adriatico . Celebre per la famosa battaglia tra Romani e Cartaginesi, oggi presso l'Antiquarium di Canne della Battaglia sono conservati resti archeologici di grande interesse risalenti alla sua distruzione. [195] Nei pressi di Canne della Battaglia si trova il santuario di san Ruggero e l'omonima stazione , a servizio del sito archeologico.

Economia

L'economia barlettana è legata soprattutto alla produzione agricola e industriale. Le coltivazioni più diffuse risultano quelle derivanti da vigneti e oliveti , risultando centro vinicolo di importanza nazionale, grazie anche alla presenza della cantina sociale e di diversi stabilimenti enologici. [196] [197] L'apparato manifatturiero risulta ben sviluppato, con una numerosa presenza di imprese appartenenti al settore tessile, abbigliamento e calzaturiero, che negli ultimi quarant'anni, hanno determinato la formazione di un distretto produttivo esteso su scala provinciale. [198] Il settore chimico riveste un ruolo rilevante grazie alla presenza del cementificio della Buzzi Unicem , che opera a livello nazionale, e della Timac Agro, appartenente al Gruppo Roullier, specializzata nella produzione di fertilizzanti agricoli. [199]

Agricoltura

Vigneto a tendone in agro di Barletta

All'interno dell'economia barlettana un ruolo di spicco è da sempre rivestito dall'agricoltura, sia per quel che riguarda la produzione diretta sia per le attività ad essa legate. Tale forma di economia e di lavoro supera i confini strettamente cittadini: è infatti frequente trovare numerosi terreni di proprietà degli agricoltori barlettani nelle campagne di Trinitapoli , di San Ferdinando e in comuni della Capitanata . L'agricoltura barlettana è fondata sul binomio costituito da grandi proprietari terrieri e manodopera di braccianti agricoli che, a Barletta come nel resto della Puglia, dalla fine del XX secolo sempre più frequentemente è caratterizzata da cittadini extracomunitari . [200]

Uno dei momenti topici per l'agricoltura barlettana è quello della determinazione dei salari e dell'ingaggio dei braccianti, che si tengono ancora oggi in piazza Aldo Moro. Resta tuttavia frequente l'uso locale dell'antica denominazione della piazza, precedentemente chiamata piazza Roma. [201]

Le coltivazioni più diffuse nel territorio barlettano sono la vite , con i tipici tendoni , [202] dalla quale si producono vini DOC pregiati, [203] l' olivo , da cui si produce il tipico olio extravergine d'oliva , e gli alberi da frutto .

Industria

Un'immagine dall'alto della Cementeria di Barletta .

A partire dal Novecento l'industria ha rivestito un importante quanto contraddittorio ruolo nell'evoluzione economica della città. Se da una parte è stata infatti sede di numerose fabbriche attive in settori diversificati a livello nazionale, dall'altra proprio alcune di esse hanno subito un vero e proprio tracollo finanziario che le ha indotte al fallimento. Risultano insistere sul territorio comunale 2 148 attività industriali con 9 747 addetti pari al 41,06% della forza lavoro occupata. [10]

Tra i più importanti stabilimenti industriali del XX secolo in seguito falliti figurano:

  • Montecatini , azienda chimica che a seguito di una profonda crisi nel 1966 entrò a far parte del gruppo Montecatini Edison ;
  • Distillerie Italiane, la cui area territoriale è sottoposta a progetto di riqualificazione, con la creazione di un orto botanico, di un centro per anziani, [204] del distaccamento provinciale della Protezione civile della Regione Puglia e degli uffici amministrativi del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco; [205]
  • Cartiera Mediterranea, ormai fallita e in stato di avanzato degrado. [206]

Le più grandi industrie attive in città interessano il settore chimico e dei materiali da costruzione , costituendo un'importante funzione occupazionale e produttiva:

  • la Cementeria di Barletta, appartenente al gruppo Buzzi Unicem, fondata il 17 febbraio 1912; [199]
  • la Timac Agro Italia, operante nel settore dei concimi e dei fertilizzanti.

Entrambe le aziende sono al centro di un caso riguardante le presunte emissioni inquinanti in atmosfera. [207] [208] [209] [210] Dopo la crisi del settore tessile-calzaturiero, che dagli anni ottanta interessa in modo sempre più mercato l'economia locale, [211] dagli anni duemila quello dell'abbigliamento sta vivendo un momento di forte crescita, con marchi noti in tutta Italia. [212]

Colazione in giardino di Giuseppe De Nittis, conservato presso la Pinacoteca De Nittis.

Servizi

I servizi sono garantiti da 2 006 attività che dichiarano 3 939 addetti pari al 16,59% della forza lavoro occupata, altre 1 348 attività di servizio con 5 111 addetti pari al 21,53% della forza lavoro occupata e 167 attività amministrative con 4 943 addetti pari al 20,82% della forza lavoro occupata. [10]

Turismo

Nel 2005 Barletta ha ricevuto il riconoscimento di "città d'arte". [213] Dagli anni duemila il turismo culturale ha rappresentato un settore in forte espansione sul territorio, [214] [215] [216] anche grazie all'apertura della mostra permanente della collezione De Nittis conservata presso l'omonima Pinacoteca. [217]

Infrastrutture e trasporti

Strade

Planimetria stradale del territorio nei pressi di Barletta

Barletta è crocevia tra le strade del litorale adriatico e quelle che conducono verso l'entroterra appulo-lucano, inoltre si trova nei pressi di uno dei più importanti nodi autostradali del Mezzogiorno : l'intersezione tra l' autostrada A14 Bologna - Taranto e l' autostrada A16 Napoli - Canosa . A sud della città corre la strada statale 16 Adriatica , che nel tratto territoriale di Barletta funge da tangenziale della città, collegandola con Bari e Foggia . Da Barletta inoltre ha inizio la strada statale 93 Appulo Lucana che, correndo quasi parallelamente al fiume Ofanto , giunge fino a Potenza . [218]

Ferrovie

Linee ferroviarie passanti per il nodo di Barletta. In evidenza le principali stazioni

La stazione di Barletta è un nodo ferroviario della Puglia, posto lungo la linea Adriatica , nella quale confluiscono la ferrovia Bari-Barletta , gestita da Ferrotramviaria che ricalca il percorso della precedente tranvia a vapore , [219] e la ferrovia Barletta-Spinazzola . La città è servita altresì dalla stazione di Barletta Scalo , appartenente anch'essa alla linea di Ferrotramviaria.

La stazione di Canne della Battaglia è una fermata a servizio del sito archeologico di Canne della Battaglia situata sempre sulla linea Barletta-Spinazzola . [220] In passato la stazione centrale era collegata con la stazione di Barletta Marittima, attraverso un raccordo soppresso nel 1982. [221]

Porti

Il Porto di Barletta: la "darsena dei pescatori"

Il porto di Barletta ospita traffico industriale e traghettuale per servizio passeggeri. [222] [223] Si tratta di un porto con bacino artificiale, delimitato da due moli asimmetrici, uno di levante non operativo, che ospita il trabucco e la darsena dei pescatori, e l'altro di ponente articolato in quattro ulteriori bracci, sui quali si svolgono tutte le attività portuali. [224]

Le attività commerciali sono strettamente legate all' industria del sale della limitrofa Margherita di Savoia , nella seconda meta del XX secolo hanno portato alla realizzazione di un impianto di trasporto terra-mare a fune , [225] che riducesse i tempi di spedizione evitando il trasporto su gomma. Nel 1955 è stata inaugurata la teleferica di Barletta , lunga circa 13 km , [226] ma gli eccessivi costi di manutenzione hanno fatto sì che nel 1981 questa fosse dismessa [227] e demolita negli anni 2000 . [228]

Mobilità urbana

La città è dotata di una rete urbana di trasporto pubblico gestita dalla società "Autolinee Scoppio". [229] [230] I collegamenti interurbani sono garantiti della locale azienda di trasporti provinciale STP ; inoltre in città vi è il capolinea di una delle linee su gomma delle Ferrovie del Gargano . Il trasporto pubblico locale si compone anche di un servizio taxi .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Barletta .

La storia amministrativa del comune di Barletta dall'istituzione della Repubblica Italiana a oggi può essere suddivisa in due fasi: per i primi cinquant'anni si sono succeduti esclusivamente sindaci della Democrazia Cristiana, mentre nell'ultimo ventennio la città è stata amministrata prevalentemente da esponenti di sinistra o di centro-sinistra. [231]

Nel secondo dopoguerra, una delle tematiche più sentite dalla popolazione barlettana è stata la costituzione di una provincia autonoma da quella di Bari . Dopo una lunga mobilitazione popolare, con la legge 148/2004 dell'11 giugno 2004 è stata istituita la provincia di Barletta-Andria-Trani , [232] in seguito identificata tramite decreto del presidente della Repubblica n. 133 del 15 febbraio 2006, con la sigla "BT".

Il comune fa parte delparco naturale regionale Fiume Ofanto , il cui ente gestore è la Provincia di Barletta-Andria-Trani. [233]

Consolati

Gemellaggi

Barletta è gemellata con:

Sport

Atletica

L'arrivo vittorioso di Mennea nei 100 metri agli Europei di Roma 1974

A Barletta hanno sede le società di atletica leggera, GS AVIS Barletta, ASD Athletic Team Barletta e Atletica Sprint Barletta, [239] [240] che ha organizzato tredici edizioni del meeting internazionale "Certame Atletico disfida di Barletta". [241] Nella storia dell'atletica leggera barlettana spicca il nome di Pietro Mennea , detentore del primato mondiale dei 200 metri piani dal 1979 al 1996, con il tempo di 19"72'. [242]

Calcio

Formazione Barletta 1986-1987 .

Ha sede nel comune la società di calcio Barletta , fondata nel 1922, che nella sua storia ha cambiato diverse denominazioni. [243] Dalla stagione 2019/20, la squadra partecipa al campionato di Eccellenza pugliese , raggiunse il suo culmine con il campionato di serie B dal 1987/88 al 1990/91. [244]

Pallacanestro

La pallacanestro a Barletta negli anni ottanta è stata rappresentata dalla società Barletta Basket in Serie A femminile e nella Serie B2 maschile . Dopo un lungo periodo di inattività, l'ASD Barletta Basket è rinata e partecipa al campionato di Serie D. [245] La Nuova Pallacanestro Sidis Barletta, fondata negli anni novanta, ha raggiunto il campionato di Serie C1 e cessato l'attività sportiva nel 2007. Dal 2015, è presente la ASD Cestistica Barletta. [246]

Tennis

Nel tennis, dal 1997 al 2013 e poi successivamente nel 2016, la città è stata sede del torneo professionistico Open Città della disfida , primo ATP Challenger in Europa su terra rossa. [247] Il Circolo Tennis Barletta è stato fondato nel 1965 e nel 1995 è stato intitolato al suo fondatore Hugo Simmen. [248] Ha ospitato numerose competizioni fin dal 1969, tra le quali un incontro di Coppa Davis tra Italia e Austria . [249]

Altri sport

Il rugby in città è rappresentato dalla società Draghi BAT Rugby, [250] che disputa le sue partite allo stadio Lello Simeone . [251]

Ha sede nel comune la società di Football americano Mad Bulls Barletta , che disputa i propri incontro casalinghi presso lo Stadio Manzi Chiapulin. [252] La pallavolo barlettana è rappresentata sia da società maschili che femminili:

  • ASD Redfox volley, militante nel campionato di serie D maschile durante la stagione sportiva 2019/20; [253]
  • ASD Nelly Volley e Asd Volley Barletta, [254] [255] entrambe militanti nel campionato di serie D femminile durante la stagione sportiva 2019/20;
  • ASD New Axia Volley Barletta, [256] militante nel campionato di prima divisione femminile durante la stagione sportiva 2019/20.

Impianti sportivi

Lo stadio Cosimo Puttilli è il principale impianto sportivo della città, principalmente utilizzato per le partite di calcio casalinghe del Barletta Calcio. [257] L'impianto è fornito di manto da gioco in erba naturale e di una pista d'atletica regolamentare a più corsie. [258] In seguito alla chiusura di alcuni settori degli spalti la capienza massima è ridotta a circa quattromila posti. [259] Nel 2015 sono stati avviati i lavori di ristrutturazione dell'intero complesso sportivo, [260] che comprendono i lavori di demolizione delle gradinate iniziati nel gennaio 2019 e la demolizione del muro di cinta, [261] avviata nel giugno 2020. [262] Altri impianti siti nel comune sono: il centro sportivo Manzi-Chiapulin, [263] il palazzetto dello sport "Angelo Marchiselli", [264] il PalaDisfida "Mario Borgia" , [265] lo stadio Velodromo "Lello Simeone" e gli impianti del circolo tennis Hugo Simmen: sei campi da tennis, di cui cinque in terra rossa, un campo di calcio e una piscina. [249]

Note

  1. ^ Cosimo Cannito proclamato sindaco di Barletta , su comune.barletta.bt.it , 7 novembre 2020. URL consultato il 15 giugno 2018 ( archiviato il 7 novembre 2018) .
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 gennaio 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ a b Marco Ignazio De Santis, Lessico barlettano , Barletta, Amministrazione comunale, 1988, p. 3.
  6. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani. , Milano, Garzanti, 1996, p. 64, ISBN 88-11-30500-4 .
  7. ^ Oronzo Cilli, I templari a Barletta , 2002, Crsec, Barletta, p. 30.
  8. ^ Comuni italiani , su comuni-italiani.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  9. ^ Rita Ceci, Ruggiero Mascolo, Barletta, leggere la città , Barletta, Edizioni Libreria Liverini, 1986, p. 7.
  10. ^ a b c Scheda sul comune di Barletta - Dati aggiornati al 2016 , su puglia.indettaglio.it . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 12 agosto 2020) .
  11. ^ Informazioni geografiche dal sito del Comune di Barletta , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  12. ^ Ceci, Mascolo , pp. 90-93 .
  13. ^ Ceci, Mascolo , p. 90 .
  14. ^ Ceci, Mascolo , p. 93 .
  15. ^ Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274/2003, aggiornata con la Delibera della Giunta Regionale della Puglia n. 153 del 2.03.2004.
  16. ^ Meteo a Barletta in data 15 dicembre 2007 , su ilmeteo.it (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  17. ^ Dati climatologici medi della città di Barletta , su comuni-italiani.it ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  18. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani , su confedilizia.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 27 gennaio 2010) .
  19. ^ Francesco Costantino Marmocchi, Dizionario di geografia universale , volume I parte II, Torino 1858, pp. 893-894, che cita a sua volta Nicola Corcia ( Storia delle Due Sicilie dall'antichità più remota al 1789 ) come il primo a formulare questa ipotesi
  20. ^ Renato Russo, Barletta. La storia , Barletta, Rotas, 2004, p. 40.
  21. ^ Salvatore Santeramo, Barletta nel '500 , a cura di Vincenzo Tupputi, Barletta, Crsec, 2005, p. 7.
  22. ^ Giornata nona, Novella decima: «Donno Gianni ad istanzia di compar Pietro fa lo 'ncantesimo per far diventar la moglie una cavalla; e quando viene ad appiccar la coda, compar Pietro, dicendo che non vi voleva coda, guasta tutto lo 'ncantamento.»
  23. ^ Giuseppe Strappa, Matteo Ieva; Maria Antonietta Dimatteo, La città come organismo , Bari, Mario Adda Editore , 2003, p. 34.
  24. ^ Strappa, Ieva, Dimatteo , p. 20 .
  25. ^ Russo , pp. 68-69 .
  26. ^ Russo , p. 73 .
  27. ^ Cilli , pp. 31-32 .
  28. ^ Marcello Grisotti, Barletta, il castello, la storia, il restauro , 1995, Mario Adda Editore, Barletta, pp. 106-107.
  29. ^ Grisotti , p. 15 .
  30. ^ Russo , p. 117 .
  31. ^ Russo , p. 129 .
  32. ^ Diego de Ceglia, Nuovi documenti sugli ebrei a Barletta , in Sefer Yuḥasin , n. 5, Università Federico II di Napoli, 2018, p. 84, DOI : 10.6092/2281-6062/5547 , ISSN 2281-6062 ( WC · ACNP ) , OCLC 8539079494 . URL consultato il 29 aprile 2020 ( archiviato il 29 aprile 2020) . Ospitato su archive.is .
  33. ^ Russo , p. 140 .
  34. ^ Renato Russo, Le cento chiese di Barletta - Dagli ordini mendicanti al XX secolo , Barletta, Rotas, 1998, p. 253.
  35. ^ Domenico Mele, Annuario pugliese , 1884, Pollice e Aniello, Foggia, pp. 127-129.
  36. ^ Ceci, Mascolo , p. 114 .
  37. ^ Russo , pp. 176-180 .
  38. ^ Russo , p. 213 .
  39. ^ a b Russo , p. 164 .
  40. ^ Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra , Udine, Gaspari, 2008, p. 69.
  41. ^ Paolo Doronzo, Memorie dell'eccidio dei vigili urbani del '43 , barlettaviva.it, 11 settembre 2013. URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  42. ^ Sito del Comune - Barletta città più decorata del paese , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 6 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2012) .
  43. ^ a b Renato Russo, Barletta, la storia , 2004, Rotas, Barletta, p. 257.
  44. ^ Italo Del Vecchio, Su via Canosa n. 7 c'era una casa ( DOC ), in La Gazzetta del Mezzogiorno , 18 settembre 1959. URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 4 marzo 2016) .
  45. ^ Renato Russo, Barletta, la storia , 2004, Rotas, Barletta, p. 281.
  46. ^ Ansa - Morto ex sindaco di Barletta Francesco Salerno . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  47. ^ Francesco Salerno: a due anni dalla scomparsa . URL consultato il 6 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  48. ^ Statuto comunale all'art.5,comma 1 ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  49. ^ Statuto comunale all'art.5, comma 2 ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  50. ^ Russo , p. 87 .
  51. ^ Il nome e lo stemma della città , su barlettaviva.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  52. ^ Motivo del conferimento della medaglia d'oro al merito civile sul sito del Quirinale , su quirinale.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  53. ^ Motivo del conferimento della medaglia d'oro al valor militare sul sito del Quirinale , su quirinale.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  54. ^ Russo , p. 79 .
  55. ^ Ceci, Mascolo , p. 176 .
  56. ^ Ceci, Mascolo , p. 178 .
  57. ^ Doronzo , p. 34 .
  58. ^ Mondimedievali , su mondimedievali.net . URL consultato il 22 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2011) .
  59. ^ Ceci, Mascolo , p. 208 .
  60. ^ a b Ceci, Mascolo , p. 209 .
  61. ^ Ceci, Mascolo , p. 437 .
  62. ^ Doronzo , p. 12 .
  63. ^ Maria Cafagna, Vita religiosa ed ecclesiastica a Barletta nel Medioevo , Barletta, Crsec, 1993, p. 121.
  64. ^ Doronzo , pp. 26-27 .
  65. ^ Doronzo , p. 29 .
  66. ^ Ceci, Mascolo , p. 164 .
  67. ^ a b Ceci, Mascolo , p. 165 .
  68. ^ Ceci, Mascolo , p. 167 .
  69. ^ Santeramo , p. 58 .
  70. ^ Ceci, Mascolo , p. 149 .
  71. ^ Ceci, Mascolo , p. 150 .
  72. ^ Doronzo , p. 48 .
  73. ^ Russo , p. 386 .
  74. ^ Domani a Barletta il premier jugoslavo , in La Gazzetta del Mezzogiorno , 12 gennaio 1968.
  75. ^ Giacomo Scotti, Il battaglione degli straccioni. I militari italiani nelle brigate jugoslave: 1943-1945 , Milano, Mursia, 1974, p. 196.
  76. ^ Vito Antonio Leuzzi, Giulio Esposito, In cammino per la libertà. Luoghi della memoria in Puglia (1943-1956) , Bari, Edizioni dal Sud, 2008, pp. 146-147.
  77. ^ Palazzo Della Marra - Sito della Pinacoteca De Nittis , su barlettamusei.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 15 agosto 2015) .
  78. ^ Sito del Comune di Barletta - Pinacoteca Giuseppe De Nittis , su barlettamusei.it . URL consultato il 2 novembre 2020 ( archiviato l'11 giugno 2020) .
  79. ^ Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Vol. II , Barletta, Crsec, 2005, p. 33.
  80. ^ Sito del Comune di Barletta - Palazzo Santacroce , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  81. ^ Sito del Comune di Barletta - Palazzo de Leone Pandolfelli , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  82. ^ Ceci, Mascolo , p. 94 .
  83. ^ Sito del Comune di Barletta - Comunicato stampa sulla riapertura di Villa Bonelli , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  84. ^ Sito del Teatro Curci - Cenni Storici , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  85. ^ Sabino Loffredo, Storia della città di Barletta , 1983, Vecchi Editore, Trani, p. 129.
  86. ^ Grisotti , p. 119 .
  87. ^ Russo , p. 114 .
  88. ^ Eduard Sthamer, Dokumente zur Geschichte der Kastellbauten Kaiser Friedrichs II. und Karls I. von Anjou. Band II: Apulien und Basilicata , Lipsia, Verlag Karl W. Hiersemann, 1926, pp. 648-712.
  89. ^ Grisotti , p. 18 .
  90. ^ Grisotti , p. 52 .
  91. ^ Ceci, Mascolo , p. 46 .
  92. ^ Gennaro Bacile da Castiglione, Castelli pugliesi , 2005, Forni Editore, Bologna, p. 75.
  93. ^ Grisotti , p. 63 .
  94. ^ Russo , p. 22 .
  95. ^ a b Ceci, Mascolo , p. 47 .
  96. ^ Grisotti , p. 89 .
  97. ^ Grisotti , pp. 15-22 .
  98. ^ Russo , p. 96 .
  99. ^ Grisotti , p. 73 .
  100. ^ Grisotti , p. 179 .
  101. ^ Biblioteca Comunale "Sabino Loffredo" - Home page e news , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 19 giugno 2011 ( archiviato l'11 novembre 2012) .
  102. ^ Riapre il lapidarium nel Castello di Barletta , su barlettaviva.it , 24 aprile 2018. URL consultato il 31 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  103. ^ Renato Russo, Guida al Castello di Barletta e ai suoi segreti , 2005, Rotas, Barletta, p. 61.
  104. ^ Maria Cecilia D'Ercole, Il materiale lapideo del Castello di Barletta , 1997, Museo Civico, Barletta, p. 29.
  105. ^ Russo , p. 59 .
  106. ^ Hubert Houben , Federico II. Imperatore, uomo, mito , 2009, tav. 12, pp.96-97, p.132.
  107. ^ Comunicato stampa del Comune sulla manutenzione straordinaria di piazza Marina , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  108. ^ Sito del Comune - Il Colosso di Barletta , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  109. ^ Émilienne Demeugeot, Le colosse de Barletta , Mefra, 1982, pp. 951-978.
  110. ^ a b Puglia imperiale - Cantina della Sfida , su pugliaimperiale.com . URL consultato il 19 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 27 febbraio 2014) .
  111. ^ Doronzo , p. 49 .
  112. ^ a b Doronzo , p. 125 .
  113. ^ Renato Russo, Barletta nel '500. Al tempo della Disfida e della dominazione spagnola , Barletta, Rotas, 2003, p. 251.
  114. ^ Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Vol. III , Barletta, Crsec, 2005, p. 16.
  115. ^ Doronzo , p. 50 .
  116. ^ Doronzo , p. 15 .
  117. ^ Doronzo , p. 18 .
  118. ^ Corso Vittorio Emanuele in virtualtour , su italiavirtualtour.it . URL consultato il 5 settembre 2015 .
  119. ^ Doronzo , pp. 50-51 .
  120. ^ Ceci, Mascolo , pp. 65-66 .
  121. ^ Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Vol. I , Barletta, Crsec, 2003, p. 27.
  122. ^ Ceci, Mascolo , p. 65 .
  123. ^ Doronzo , pp. 126-127 .
  124. ^ Barlettaviva: Il Castello di Barletta , su barlettaviva.it . URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 17 agosto 2015) .
  125. ^ Sito del Comune di Barletta - Copertura wireless presso i Giardini del Castello , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  126. ^ Barletta, il monumento ai caduti della grande guerra , su comitatoprocanne.com . URL consultato il 16 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2014) .
  127. ^ Barletta, la storia infinita dei bronzi di Piazza Caduti , su pietredellamemoria.it . URL consultato il 7 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2014) .
  128. ^ Barletta, l'eccidio della vergogna , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 16 giugno 2011 ( archiviato il 25 ottobre 2014) .
  129. ^ Sito del Comune di Barletta - Il 17 ottobre inaugurazione statua Massimo D'Azeglio recentemente restaurata , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2012) .
  130. ^ Aldo Tavolaro, Puglia piana... grande capitana. , Bari, Accademia delle tradizioni pugliesi, 1989, pp. 35-36.
  131. ^ Il campo di ricerca: terme romane di San Mercurio a Canne della Battaglia ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  132. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) ( PDF ), su minambiente.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 15 agosto 2015) . 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.
  133. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  134. ^ Dato Istat al 31/12/2019 , su demo.istat.it . URL consultato il 6 novembre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  135. ^ De Santis , pp. 4-5 .
  136. ^ a b De Santis , p. 3 .
  137. ^ L'arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth , su webdiocesi.chiesacattolica.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2015) .
  138. ^ Russo , pp. 84-85 .
  139. ^ Sito del Comune di Barletta - Barletta "Civitas Mariae" , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  140. ^ Corriere dell'Ofanto - Barletta dichiarata "Civitas Mariae" , su corriereofanto.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  141. ^ Cristiani e musulmani insieme a Barletta nasce la chiesa-moschea , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 27 gennaio 2020) .
  142. ^ Chiesa Evangelica di Barletta , su evangelicibarletta-adi.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2015) .
  143. ^ Russo , p. 167 .
  144. ^ Doronzo , p. 10 .
  145. ^ Doronzo , p. 21 .
  146. ^ Riti della Settimana Santa , su ilfieramosca.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 12 settembre 2015) .
  147. ^ Scoprendo la Processione Eucaristica del Venerdì Santo , su barlettaviva.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  148. ^ Doronzo , p. 4 .
  149. ^ rievocazione disfida di Barletta , su puglia.com . URL consultato l'8 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  150. ^ Michele Placido a Canne della Battaglia per l'anniversario del 2 agosto , su barlettaviva.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 20 agosto 2015) .
  151. ^ Ministero della Difesa - Sede dell'82º Reggimento Fanteria "Torino" , su difesa.it . URL consultato il 28 agosto 2015 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  152. ^ Compagnia di Barletta - Guardia di Finanza , su newgdf.gdf.gov.it . URL consultato il 28 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  153. ^ Capitaneria di Porto Provinciale - Sede di Barletta , su guardiacostiera.gov.it . URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2018) .
  154. ^ Comunicato stampa del Comune sull'istituzione di alcuni uffici della Provincia di Barletta-Andria-Trani in fase di attuazione , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 28 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  155. ^ Sito del Comune - Barletta città più decorata del paese , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  156. ^ Sito della Biblioteca Comunale Sabino Loffredo , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 17 maggio 2011 ( archiviato l'8 giugno 2011) .
  157. ^ Biblioteca Comunale Sabino Loffredo - La Biblioteca in Cifre , su comune.barletta.ba.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  158. ^ Sito del Comune di Barletta - Biblioteca dei Ragazzi , su labibliotecadeiragazzibarletta.info . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2016) .
  159. ^ Sezione di Archivio di Stato di Barletta - Archivio di Stato di Bari , su archiviodistatodibari.beniculturali.it . URL consultato il 27 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2014) .
  160. ^ Anagrafe delle Biblioteche Italiane - Biblioteca dell'Istituto sperimentale per l'enologia di Asti. Sezione di Barletta , su anagrafe.iccu.sbn.it . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 13 novembre 2020) .
  161. ^ Elenco scuole , su amministrazionicomunali.it . URL consultato il 5 novembre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  162. ^ Polo Universitario Decentrato dell'Università degli Studi di Foggia - Dipartimenti di Area Medica , su medicina.unifg.it . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 7 giugno 2017) .
  163. ^ Sito ufficiale Antiquarium di Canne , su musei.puglia.beniculturali.it , 5 novembre 2020. URL consultato il 5 novembre 2020 ( archiviato il 28 novembre 2020) .
  164. ^ Editrice Rotas a Barletta , su editricerotas.it . URL consultato il 28 ottobre 2020 (archiviato dall' url originale il 4 agosto 2016) .
  165. ^ Penna Blu Edizioni , su unilibro.it . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 28 dicembre 2016) .
  166. ^ Radio Centro Puglia - Sede , su monitor-radiotv.com . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 15 giugno 2021) .
  167. ^ Radio Gamma - Sede , su radio-gamma.it . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 21 dicembre 2019) .
  168. ^ Radio Studio 5 - Sede , su regionepugliaradiotv.it . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 31 ottobre 2020) .
  169. ^ Teleregione , su teleregionecolor.com . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 2 novembre 2020) .
  170. ^ Amica 9 Tv , su facebook.com . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 25 maggio 2019) .
  171. ^ Tele Studio 5 , su regionepugliaradiotv.it . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 31 ottobre 2020) .
  172. ^ TV Ofanto , su regionepugliaradiotv.it . URL consultato il 28 ottobre 2020 ( archiviato il 31 ottobre 2020) .
  173. ^ Il sito che elenca i prodotti tipici dei comuni della Provincia di Barletta-Andria-Trani , su aboutbat.com . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale l'11 ottobre 2015) .
  174. ^ Le cartellate, la ricetta barlettana , su barlettaviva.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  175. ^ La mostarda. La ricetta barlettana , su barlettaviva.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  176. ^ I calzoncelli. , su abarletta.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2015) .
  177. ^ I calzoncelli. La ricetta barlettana , su barlettaviva.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  178. ^ Guida enogastronomica - Vinit , su vinit.net . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  179. ^ Doronzo , p. 9 .
  180. ^ La variante è stata approvata con DGR n. 564 del 17 aprile 2006 PRG: variante per la conformita' alla LR n. 56/1980, Art. 55 (marzo 2000) , su barletta.territorioeambiente.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2015) .
  181. ^ Settore Piani e Programmi Urbani - Piano Urbanistico Generale - PUG , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  182. ^ Piano Urbanistico Generale, «bisogna passare dalle parole ai fatti» , su barlettaviva.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2015) .
  183. ^ Santeramo , p. 7 .
  184. ^ Renato Russo, Barletta nel '500. Al tempo della Disfida e della dominazione spagnola , Barletta, Rotas, 2003, pp. 251-252.
  185. ^ Russo , p. 190 .
  186. ^ Decentramento amministrativo in Circoscrizioni del Comune di Barletta , su comune.barletta.bt.it . URL consultato l'8 novembre 2020 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  187. ^ Testo unico del regolamento delle elezioni e del regolamento di funzionamento dei consigli di circoscrizione ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato l'8 novembre 2020 ( archiviato il 6 marzo 2016) .
  188. ^ Comune di Barletta - Settore Urbanistica , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 27 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 25 giugno 2015) .
  189. ^ a b c Elenco frazioni in ordine di distanza dal comune di Barletta , su portaleabruzzo.com . URL consultato il 7 novembre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) . .
  190. ^ Italia in Dettaglio - Dati su Fiumara , su italia.indettaglio.it ( archiviato l'8 ottobre 2015) .
  191. ^ Torre Ofanto , su intothelandscape.wordpress.com . URL consultato l'8 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 28 gennaio 2020) .
  192. ^ Dati su Montaltino , su resitalica.it . URL consultato l'8 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  193. ^ Barletta, caso Montaltino. , su bat.ilquotidianoitaliano.it . URL consultato l'8 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 12 settembre 2015) .
  194. ^ Italia in Dettaglio - Dati su Montaltino , su italia.indettaglio.it . URL consultato il 7 novembre 2020 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2015) .
  195. ^ Sito del Comune di Barletta - Canne della Battaglia , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  196. ^ Cantina Sociale di Barletta , su cantinabarletta.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 12 settembre 2015) .
  197. ^ Cantine della Bardulia , su cantinedellabardulia.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 13 marzo 2016) .
  198. ^ Il distretto industriale di Barletta e la crisi globale ( PDF ), su provincia.bt.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  199. ^ a b Ceci, Mascolo , p. 328 .
  200. ^ Dati Regione Puglia risalenti al 19 marzo 2007 ( PDF ), su retepariopportunita.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  201. ^ Ceci, Mascolo , pp. 64-67 .
  202. ^ Ceci, Mascolo , p. 275 .
  203. ^ istituiti con decreto del 1º giugno 1977, Gazzetta Ufficiale del 12 ottobre 1977, numero 278.
  204. ^ Avviso comunale sulla bonifica dell'area , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  205. ^ Comincia una nuova vita per l'orto botanico di Barletta , su barlettaviva.it , 5 novembre 2020. URL consultato il 17 luglio 2020 ( archiviato il 18 luglio 2020) .
  206. ^ Conclusa la bonifica da amianto all'ex cartiera , su barlettaviva.it . URL consultato il 6 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  207. ^ I dati preoccupano: Buzzi Unicem tra le 120 industrie più inquinanti d'Italia , su barlettanews.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  208. ^ "Operazione aria pulita BAT" chiede un incontro con le Istituzioni , su barlettaviva.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 20 settembre 2015) .
  209. ^ PM10, Barletta supera Taranto in inquinamento. Mortalità e aborti spontanei in aumento , su pugliareporter.com , 12 novembre 2017. URL consultato il 2 novembre 2020 ( archiviato il 9 novembre 2020) .
  210. ^ Monitoraggio ambientale e Rifiuti zero, incontro Forum Salute e Ambiente col sindaco , su barlettalive.it , 7 novembre 2018. URL consultato il 2 novembre 2020 ( archiviato l'8 novembre 2020) .
  211. ^ La crisi del settore tessile-calzaturiero su La Repubblica , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 4 marzo 2016) .
  212. ^ Barletta, l'eccellenza barlettana alla conquista della moda italiana , su barlettaviva.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  213. ^ Sito del Comune di Barletta - "Barletta è città d'arte" ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  214. ^ Sito dell'Archeoclub d'Italia, sede di Barletta - Cultura del turismo , su archeobarletta.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  215. ^ Sito del Comune di Barletta - Corso di formazione "Cultura del turismo" , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  216. ^ Sito del Comune di Barletta - Concluso il progetto di formazione "Cultura del turismo" , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  217. ^ La Collezione De Nittis: un dono alla città ( PDF ), su barlettamusei.it . URL consultato l'8 settembre 2015 (archiviato dall' url originale l'8 settembre 2015) .
  218. ^ Mappa del comune di Barletta , su geoplan.it , Geoplan. URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 maggio 2015) .
  219. ^ Presentazione del libro "Dalla tramvia Bari-Barletta alle Ferrovie del Nord Barese" , su iltaccodibacco.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  220. ^ Canne della Battaglia, il sondaggio sul futuro della storica tratta Barletta-Spinazzola , su barlettaviva.it , Barlettaviva, 1º marzo 2020. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 17 gennaio 2021) .
  221. ^ Mappa del comune di Barletta , su lestradeferrate.it , Lestradeferrate. URL consultato il 5 settembre 2015 ( archiviato il 2 settembre 2015) .
  222. ^ Autorità Portuale del Levante - Piano Operativo Triennale ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 5 settembre 2015 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  223. ^ Sito del Comune di Barletta - Porto di Barletta: attivazione di un collegamento ferry con l'Albania ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 5 settembre 2015 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  224. ^ Autorità Portuale del Levante - Dati relativi al traffico merci. , su aplevante.org (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  225. ^ Touring club italiano Guide d'Italia - Puglia, 2008 , Touring Editore, p. 202.
  226. ^ Araldica barlettana - 1955: La teleferica Margherita di Savoia - Barletta per il trasporto del sale. , su araldicabarlettana.ilcannocchiale.it . URL consultato il 21 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 10 giugno 2015) .
  227. ^ Cenni storici sulle Saline , su hieracon.it . URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  228. ^ Renato Russo, Barletta, la storia , 2004, Rotas, Barletta, p. 256.
  229. ^ Trasporto pubblico urbano - città di Barletta , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  230. ^ Trasporto Pubblico Urbano - Città di Barletta ( PDF ), su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  231. ^ Storia politica: sindaci di Barletta dal '90 ad oggi , su barlettaviva.it , 1º febbraio 2013. URL consultato il 31 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  232. ^ Russo , p. 289 .
  233. ^ Sito ufficiale del Parco Naturale Fiume Ofanto , su parks.it . URL consultato il 31 ottobre 2020 ( archiviato il 6 agosto 2019) .
  234. ^ Ecco il nuovo corpo consolare di Puglia, Basilicata e Molise , in La Gazzetta del Mezzogiorno . URL consultato il 23 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2014) .
  235. ^ Martedì il gemellaggio fra Barletta e Herceg Novi , in La Gazzetta del Mezzogiorno , 18 settembre 1969, p. 19. "La cerimonia di gemellaggio si svolgerà nella mattinata di martedì 23 presso il Municipio di Herceg Novi"
  236. ^ Tra Barletta ed Herceg Novi intensi scambi commerciali e turistici all'insegna dell'amicizia internazionale e dei vincoli di fratellanza che legano le due città dell'Adriatico dal settembre del 1969, data del gemellaggio; , in La Gazzetta del Mezzogiorno , 18 maggio 1977, p. 17.
  237. ^ Sito del Comune - Gemellaggi ed opportunità , su comune.barletta.bt.it . URL consultato il 29 agosto 2015 ( archiviato il 5 marzo 2016) .
  238. ^ Il gemellaggio con la città di Castelnuovo di Cattaro è avvenuto precisamente il 23 settembre 1969.
  239. ^ Storia della società "ASD Athletic Team Barletta" , su athleticteam.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  240. ^ Federazione Italiana di Atletica leggera - Sede della As Atletica Sprint Barletta Barletta , su fidal.it , 30 ottobre 2020. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 27 ottobre 2020) .
  241. ^ Barletta attende i reduci dei Mondiali , su fidal.it , 5 settembre 2007. URL consultato il 5 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  242. ^ Pietro Mennea, il record del mondo a Città del Messico , su video.ilmessaggero.it , Ilmessaggero.it. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato dall' url originale il 12 luglio 2014) .
  243. ^ Sito ufficiale dell'Asd Barletta 1922 - Storia della società , su barletta1922.com . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 25 ottobre 2020) .
  244. ^ Sito ufficiale del GSD Audace Barletta 1958 , su gsdaudace.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 20 ottobre 2020) .
  245. ^ Sito ufficiale dell'ASD Barletta Basket , su barlettabasket.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  246. ^ ASD Barletta Basket - Sito della Società , su facebook.com . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  247. ^ Tennis, Barletta pronta per l'Open Città della Disfida , su corrieredellosport.it , 6 aprile 2018. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 13 agosto 2018) .
  248. ^ Sito ufficiale del Circolo Tennis Hugo Simmen - Storia , su circolotennisbarletta.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 1º ottobre 2020) .
  249. ^ a b Il grande tennis internazionale al Circolo "H. Simmen" , su barlettalive.it , 20 marzo 2017. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  250. ^ Sito ufficiale dell'ASD Draghi BAT , su draghibat.altervista.org . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 19 marzo 2018) .
  251. ^ I Draghi Bat tornano alla vittoria sul campo casalingo del Lello Simeone , su nprugby.it , 11 febbraio 2020. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  252. ^ Sito ufficiale della Federazione Italiana di American Football , su fidaf.org . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 25 novembre 2020) .
  253. ^ Sito ufficiale del Comitato Regionale FIPAV Puglia , su fipavpuglia.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 22 settembre 2019) .
  254. ^ Sito ufficiale dell'ASD Nelly Volley , su asdnellyvolley.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 30 maggio 2018) .
  255. ^ Sito ufficiale Federazione Italiana Pallavolo - Comitato Regionale Bari Foggia , su fipavbarifoggia.it . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 28 dicembre 2019) .
  256. ^ Pallavolo, la New Axia Volley fa tremare la capolista , su barlettalive.it , 18 gennaio 2019. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato l'8 novembre 2020) .
  257. ^ Calcio, Barletta avrà il nuovo stadio… rimodulato , su barlettaviva.it , 24 maggio 2012. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 21 aprile 2016) .
  258. ^ Inaugurata la nuova pista di atletica dedicata a Pietro Mennea , su barlettalive.it , 24 maggio 2012. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 12 settembre 2018) .
  259. ^ Puttilli, quando lo stadio è un rebus , su barlettaviva.it , 2 luglio 2011. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .
  260. ^ "Puttilli", partiti i lavori di restyling , su barlettaviva.it . URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  261. ^ Puttilli, al via i lavori della Masellis , su barlettasport.it , 15 gennaio 2019. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2020) .
  262. ^ Stadio Puttilli, muro di cinta in abbattimento , su teleregionecolor.com , 5 giugno 2019. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 21 ottobre 2020) .
  263. ^ Sito ufficiale dell'Asd Barletta 1922 - La sede del Centro Sportivo Manzi Chiapulin , su barletta1922.com . URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 25 ottobre 2020) .
  264. ^ La storia parla chiaro, ma non la segnaletica: PalaMarchisella o PalaMarchiselli? , su barlettasport.it , 8 novembre 2015. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato dall' url originale il 5 dicembre 2020) .
  265. ^ Il PalaDisfida di Barletta riapre le porte ai suoi atleti dopo il sequestro del 4 maggio scorso , su dire.it , 25 ottobre 2019. URL consultato il 30 ottobre 2020 ( archiviato il 4 agosto 2021) .

Bibliografia

  • Angelo Ambrosi, Architettura dei Crociati in Puglia. Il Santo Sepolcro di Barletta , Barletta, Dedalo, 1976, SBN IT\ICCU\NAP\0128343 .
  • Gennaro Bacile da Castiglione, Castelli pugliesi , Bologna, Forni Editore, 1978, SBN IT\ICCU\SBL\0321546 .
  • Maria Cafgna, Vita religiosa ed ecclesiastica a Barletta nel Medioevo , Barletta, Crsec, 1993, SBN IT\ICCU\BA1\0010472 .
  • Rita Ceci, Ruggero Mascolo, Barletta, leggere la città , Barletta, Edizioni Libreria Liverini, 1986, SBN IT\ICCU\NAP\0027813 .
  • Oronzo Cilli, I templari a Barletta , Barletta, Crsec, 2002, SBN IT\ICCU\BA1\0010908 .
  • Maria Cecilia D'Ercole, Il materiale lapideo del Castello di Barletta , Barletta, Museo Civico, 1997, SBN IT\ICCU\NAP\0213730 .
  • Marco Ignazio De Santis, Lessico barlettano , Barletta, Amministrazione comunale, 1988, SBN IT\ICCU\CFI\0107232 .
  • Émilienne Demeugeot, Le colosse de Barletta , Roma, Mefra, 1982, SBN IT\ICCU\BA1\0082772 .
  • Luigi Nunzio Dibenedetto, Danila Fiorella, Architettura sacra a Barletta : Santa Maria Maggiore, Santo Sepolcro, San Giacomo Maggiore, Sant'Andrea, Sant'Antonio, Volume 1 , Barletta, Rotas, 2001, SBN IT\ICCU\BA1\0064541 .
  • Giuseppe Doronzo, La processione eucaristica del venerdì santo a Barletta , Barletta, Crsec, 2001, SBN IT\ICCU\BRI\0443329 .
  • Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Volume II , Barletta, Crsec, 2005, SBN IT\ICCU\BA1\0009894 .
  • Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Volume III , Barletta, Crsec, 2005, SBN IT\ICCU\BA1\0059287 .
  • Giuseppe Doronzo, I borghi antichi di Barletta - Volume IV , Barletta, Crsec, 2009, SBN IT\ICCU\BA1\0050978 .
  • Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra , Udine, Gaspari, 2005, SBN IT\ICCU\RAV\1725227 .
  • Marcello Grisotti, Il restauro del Castello , Atti della conferenza cittadina sui beni culturali e ambientali di Barletta , Barletta, Mario Adda Editore , 1982.
  • Marcello Grisotti, Barletta, il castello, la storia, il restauro , Barletta, Mario Adda Editore, 2005, SBN IT\ICCU\UFI\0221939 .
  • Hubert Houben , Federico II. Imperatore, uomo, mito , Bologna, Il Mulino, 2009, SBN IT\ICCU\UBO\3696807 .
  • Vito Antonio Leuzzi, Giulio Esposito, In cammino per la libertà. Luoghi della memoria in Puglia (1943-1956) , Bari, Edizioni dal Sud, 2005, SBN IT\ICCU\TO0\1659559 .
  • Sabino Loffredo, Storia della città di Barletta , Trani, Vecchi, 1893, SBN IT\ICCU\SBL\0479832 .
  • Francesco Costantino Marmocchi, Dizionario di geografia universale - volume I parte II , Torino, Sebastiano Franco e Figli, 1858, SBN IT\ICCU\UFI\0140086 .
  • Domenico Mele, Annuario pugliese: edizione 1884 anno 3 , Foggia, Pollice, 1887, SBN IT\ICCU\BA1\0010158 .
  • Gianfranco Purpura, Il Colosso di Barletta ed il Codice di Teodosio II , Atti della conferenza cittadina sui beni culturali e ambientali di Barletta , Perugia, Centro stampa dell'Universita degli Studi, 1993, SBN IT\ICCU\BA1\0010510 .
  • Marcella Ruggiero, San Giacomo Maggiore, Barletta , Barletta, Rotas, 1994, SBN IT\ICCU\RAV\0958506 .
  • Renato Russo, Le cento chiese di Barletta - Fra mito e storia, dalle origini alle crociate , Barletta, Rotas, 1997, SBN IT\ICCU\NAP\0197824 .
  • Renato Russo, Le cento chiese di Barletta - Dagli ordini mendicanti al XX secolo , Barletta, Rotas, 1998, SBN IT\ICCU\NAP\0231014 .
  • Renato Russo, Barletta nel '500. Al tempo della Disfida e della dominazione spagnola=Rotas , Barletta, 2003, SBN IT\ICCU\CFI\0614289 .
  • Renato Russo, Barletta, la storia , Barletta, Rotas, 2004, SBN IT\ICCU\BA1\0008735 .
  • Salvatore Santeramo , Il simbolismo della Cattedrale di Barletta , Barletta, Dellisanti, 1917, SBN IT\ICCU\LO1\0261568 .
  • Salvatore Santeramo , Le chiese distrutte di Barletta , Barletta, Dellisanti, 1917, SBN IT\ICCU\NAP\0106469 .
  • Salvatore Santeramo , Vincenzo Tupputi (a cura di), Barletta nel '500 , Barletta, Crsec, 2005, SBN IT\ICCU\BA1\0009909 .
  • Giacomo Scotti, Il battaglione degli straccioni. I militari italiani nelle brigate jugoslave: 1943-1945 , Milano, Mursia, 1974, SBN IT\ICCU\RAV\0112942 .
  • Eduard Sthamer, Apulien und Basilicata , Lipsia, Verlag Karl W. Hiersemann, 1926, SBN IT\ICCU\PAL\0052286 .
  • Aleksandar Stipčević, The Illyrians: history and culture , Noyes Press, 1977, ISBN 978-0-8155-5052-5 .
  • Giuseppe Strappa, Matteo Ieva, Maria Antonietta Dimatteo, La città come organismo: lettura di Trani alle diverse scale , Bari, Mario Adda Editore, 2003, SBN IT\ICCU\BA1\0003235 .
  • Aldo Tavolaro , Puglia piana... grande capitana: le gite di studio, le conversazioni , Bari, Accademia delle tradizioni pugliesi, 1989, SBN IT\ICCU\CFI\0181501 .
  • Touring Club, Guide d'Italia - Puglia , Milano, Touring Club, 2008, SBN IT\ICCU\BVE\0474044 .
  • Francesco Saverio Vista, Note storiche sulla città di Barletta , Barletta, Papeo, 1989, SBN IT\ICCU\BA1\0010605 .
    • Ruggiero Mascolo, Il dialetto di Barletta , Editrice Rotas, Barletta,1992.
    • Rita Ceci- Ruggiero Mascolo, Anna Cassandro , editrice Rotas, Barletta, 1994.
    • Ruggiero Mascolo, Barletta nella letteratura italiana , editrice Rotas, Barletta, 2012.
    • Ruggiero Mascolo, Barletta nei libri , Biblioteca Comunale Sabino Loffredo, Ricerche della Biblioteca-28,Città di Barletta, 2001.
    • Ceci- Mascolo, Barletta per chi sta e per chi viene , Tipografia del Sud, Bari, 1976.
    • Ruggiero Mascolo, Elementi della Collezione Cafiero del Museo di Barletta , Città di Barletta, Ricerche del Museo-1, Ars Graphica, 1989.
    • Ruggiero Mascolo, Teodoro Giannone 1876- 1967 Antifascismo e impegno politico a Barletta , Biblioteca Comunale Sabino Loffredo, Ricerche della Biblioteca-33, Editrice Rotas, Barletta, 2004.
    • Rita Ceci, Il ruolo delle donne a Barletta tra Ottocento e Novecento . Sta in: Materiali per la storia di Barletta tra Otto e Novecento , a cura di Saverio Russo e Victor Rivera Magos, Bari, Edipuglia, 2019, p. 95-103.
    • Ruggiero Mascolo, Cultura e storia a Barletta tra Otto e Novecento . Sta in: Materiali per la storia di Barletta tra Otto e Novecento , a cura di Saverio Russo e Victor Rivera Magos, Bari, Edipuglia, 2019, p. 57-66.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 159431660 · LCCN ( EN ) n79021865 · GND ( DE ) 4080266-8 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79021865