Bienni vermell a Itàlia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Bienni vermell a Itàlia
forma part del bienni vermell a Europa
Bienni vermell Setembre 1920 Milà Els treballadors armats ocupen les fàbriques.jpg
Setembre de 1920: els treballadors armats de Milà ocupen les fàbriques Alfa Romeo
Data 1919 - 1920
Lloc Itàlia
Causa Crisi econòmica i alta pobresa provocada per la Primera Guerra Mundial
Resultat Final pacífic o supressió violenta de les revoltes
Desplegaments
Bandera vermella.svg Revolucionaris
Consells obrers
Milícies d’ esquerres
Itàlia Itàlia
Milícies de dretes
Rumors de disturbis a la Viquipèdia

El període vermell de dos anys a Itàlia és el terme que s’utilitza habitualment per indicar el període de la història italiana entre 1919 i 1920 , caracteritzat per una sèrie de lluites obreres i camperoles que van arribar al seu punt àlgid i la seva conclusió amb l’ocupació. Setembre de 1920 [1] .

Durant aquest període, es van produir mobilitzacions camperoles, disturbis de racionament, manifestacions obreres, ocupacions de terres i fàbriques amb, en alguns casos, intents d' autogestió , especialment al centre i al nord d' Itàlia. El malestar també es va estendre a les zones rurals i va anar sovint acompanyat de vagues , piquets i enfrontaments. Una part de la historiografia estén el terme a altres països europeus , interessats, en el mateix període, per moviments similars [2] .

L'expressió "període de dos anys vermell" va entrar en ús comú ja a principis dels anys vint, amb un significat negatiu; va ser utilitzat pels publicistes burgesos per subratllar el gran temor despertat, a les classes terratinents, per les lluites obreres i camperoles que van tenir lloc el 1919-20 i, per tant, per justificar la reacció feixista que va seguir [1] . Als anys setanta, el terme "període de dos anys vermell", aquesta vegada amb connotacions positives, va ser assumit per una part de la historiografia, políticament compromesa amb l'esquerra, que va centrar la seva atenció en els disturbis del 1919-20, considerant-los com a un dels moments més forts de xoc de classe i com a experiència exemplar de la història de les relacions entre l’organització de la classe treballadora i l’espontaneïtat de les seves lluites [1] .

La crisi econòmica

Acte de protesta organitzat per l '"Associació Nacional de Mutilats i Invàlids de la Guerra".

L'economia italiana es trobava en una situació de greu crisi, que ja havia començat durant la guerra i que va durar molt de temps; de fet, en el període de dos anys 1917-1918 la renda nacional neta havia caigut dràsticament i es mantenia, fins a finals de 1923, molt per sota del nivell d’abans de la guerra [3] , mentre que el nivell de vida de les classes populars era , durant la guerra, va empitjorar clarament; segons una estadística, va fer que el nivell mitjà de salaris reals fos igual a 100 el 1913, aquest índex havia baixat a 64,6 el 1918 [4] . A la immediata postguerra, també es va produir un enorme augment del deute públic [5] , un fort empitjorament del dèficit de la balança de pagaments [6] , el col·lapse del valor de la lira [7] i un procés inflacionista que va comportar la sobtada disminució dels salaris reals [6] . L’empitjorament de les condicions de vida de les classes populars (ja severament provades per la guerra) va ser la causa immediata de l’onada de vagues i disturbis, que va començar a la primavera de 1919, a la qual no hi havia cap categoria de treballadors, tant a les ciutats com a les ciutats. a les campanyes, inclosos els empleats públics, de manera que l'any 1919 va sumar més de 1.800 vagues econòmiques i més de 1.500.000 vaguistes a Itàlia [6] .

Si bé els treballadors feien principalment vaga per obtenir increments salarials i millores en les condicions laborals (la reducció de la jornada laboral a vuit hores al dia es va aconseguir, a les grans indústries, l’abril de 1919) [8] , les vagues al camp, que van implicar El 1919, més de 500.000 treballadors tenien objectius diferents segons les categories: els sindicats de treballadors van lluitar per obtenir el monopoli de la col·locació i la quantitat imposable de la mà d’obra, mentre que els parcers i els empleats permanents intentaven obtenir nous pactes de propietat de la terra que fossin més favorables. a ells; al mateix temps, es van produir importants lluites per l'ocupació de terres sense conrear per part de treballadors agrícoles, colons i petits agricultors, especialment al Laci i al sud [9] . Hi va haver una onada de disturbis contra l’elevat cost de la vida (a la Toscana recordat com a “ Bocci-Bocci ”) que va travessar tota la península entre la primavera i l’estiu de 1919, cosa que el govern no va poder aturar.

El reduccionisme

Com a tota Europa de la postguerra, fins i tot a Itàlia, els antics combatents, formats per les seves pròpies associacions, es van convertir en un element important del marc polític. Les associacions de veterans a Europa es caracteritzaven per alguns casos comuns a tothom: la defensa del prestigi internacional del seu país i la demanda d'importants reformes polítiques i socials [10] .

A Itàlia, les orientacions polítiques dels antics combatents eren diverses. Només una minoria es va unir al Combat Fasci fundat per Mussolini el 1919; molts més van ser els veterans que van donar el seu consentiment als ideals democràtics expressats pels " catorze punts " del president dels Estats Units Woodrow Wilson ; l' Associació Nacional de Combatents , en el seu congrés fundacional que va tenir lloc l'abril de 1919, va proposar l'elecció d'una Assemblea Constituent que tindria la tasca de deliberar un nou ordre democràtic de l'estat. Una part de la historiografia ha afirmat que la incomprensió i l'hostilitat, que el Partit Socialista va reservar en aquells anys a les peticions expressades pels veterans, han contribuït a empènyer aquests darrers cap a la dreta, cap al nacionalisme i el feixisme [11] . Una altra part de la historiografia ha assenyalat, però, que l'actitud socialista d'oposició a la guerra era en continuïtat amb el pacifisme i neutralisme que aquest partit ja havia expressat abans i durant el gran conflicte, actitud que, a més, era àmpliament compartida pels seus electors i que el partit difícilment hauria pogut desautoritzar després de la guerra [12] . A més, tant el 1915 com el 1919, l’orientació neutralista (ja fos catòlica, Giolitti o socialista) era majoritàriament majoritària a Itàlia, de manera que l’intervencionisme i el bel·lisme van acabar assumint amb més facilitat un caràcter antidemocràtic [13] .

Tanmateix, hi havia dues orientacions polítiques principals en què s’articulava el moviment dels excombatents: una més radical, que trobava expressió en l’associació dels atrevits i en els nacionalistes extremistes com D’Annunzio , Marinetti i Mussolini; i una segona orientació més moderada, representada per l'Associació Nacional de Combatents, que en política exterior no compartia el xovinisme nacional-feixista mentre que en la política interna era força propera a les posicions de Nitti i Salvemini [14] .

Els antics combatents també van ser protagonistes, en aquells anys, d’importants lluites socials, sobretot al sud d’Itàlia: sobretot a Calàbria, a Pulla i al centre-oest de Sicília, es van produir importants ocupacions de terres que ja formaven part de latifundis, durant un període de temps, una extensió que s’ha estimat entre quaranta mil i cinquanta mil hectàrees en el període de dos anys 1919-20; aquests moviments eren sovint dirigits per les associacions de veterans, a diferència del nord d'Itàlia, on les revoltes camperoles tenien un caràcter predominant de mà d'obra agrícola i eren majoritàriament hegemonitzades pels socialistes [15] .

Reflexions a Itàlia de la revolució russa

La Revolució Russa, que el març de 1917 havia conduït a l'establiment del govern provisional rus sota la direcció d' Aleksandr Kerensky , va obtenir immediatament el suport moral dels socialistes italians i dels Avanti. que ja hi va percebre nous desenvolupaments [16] . El programa Avanti! el 19 de març va escriure: " la bandera vermella enarborada pel proletariat de Petrograd té un significat molt diferent de l'adhesió de les masses de Rússia obrera a la situació actual creada pels imperialismes de tots els països " [17] . Les notícies dels esdeveniments russos van arribar a Itàlia en un moment particularment difícil, tant en el front militar com en el sector econòmic i ja a finals d'abril van inspirar parcialment inquietuds especialment a Milà causades per l'escassetat d'arròs [18] . Els socialistes van accentuar la demanda de pau, però també van afegir crides explícites a la rebel·lió [19] . A l'agost, a Torí , amb motiu de la visita d'una delegació russa a Itàlia, es van produir manifestacions de treballadors que van donar la benvinguda als delegats amb el crit de " Viva Lenin " [19] i que en poques setmanes va assolir el clímax amb més alçament violent registrat a Itàlia durant la guerra [20] . Els aldarulls van tenir lloc entre el 22 i el 27 d'agost i van acabar amb una xifra d'uns cinquanta morts entre els aldarulls, uns deu entre la policia i uns dos-cents ferits; hi va haver mil detinguts; d'ells, diversos centenars van ser condemnats a presó [21] . El motí a Torí , sens dubte espontani, ja que va ser provocat per la contingent manca de pa, fou tanmateix el resultat d’una intensa propaganda socialista [22] i la derrota del Reial Exèrcit a la batalla de Caporetto va obrir escenaris que haurien afavorit una revolució a Itàlia [23] . L'exaltació de Lenin i Rússia, que va causar una gran impressió a la classe obrera de l'època, es va deure principalment al director de l' Avanti! Giacinto Menotti Serrati i la revolució russa, entre els maximalistes , es consideraven "una sortida necessària de la situació italiana" [24] , però en realitat els líders socialistes davant d'una massa parcialment polititzada no tenien ni idea de com dirigir-la i després de tenir el van fomentar i van intentar innecessàriament recuperar-lo a la legalitat [25] . A més, el Partit Socialista de l'últim any de la guerra va accentuar les seves divisions internes i també a la seva esquerra va néixer un corrent " revolucionari intransigent " que també passava per alt els maximalistes de l'esquerra mentre l'ala dreta reformista que seguia Caporetto sentia el deure de donar suport l'esforç bèl·lic contra la invasió enemiga [26] . Les paraules del líder reformista Filippo Turati al Parlament són ben conegudes: "L'honorable Orlando va dir: Monte Grappa és la pàtria. En nom dels meus amics, repeteixo: Al Monte Grappa és la pàtria " [27] . La Revolució d'Octubre a Rússia en tot cas va enfortir el corrent maximalista, però sobretot l'intransigent del Partit Socialista que tenia els seus principals centres a Roma , Torí , Milà , Nàpols i Florència i del qual es va convertir en l'autèntica avantguarda [28] .

El Congrés de Roma de l'1 al 5 de setembre de 1918 va sancionar oficialment la nova línia política del partit socialista que hauria d'haver "dut a terme exclusivament en el terreny de la lluita de classes " i expulsió del partit per a aquells que " homenatgen els monàrquics institucions, participin o participin en manifestacions de solidaritat patriòtica o nacional " [29] .

Al final de la Primera Guerra Mundial i durant bona part del 1919, el pes dels intransigents socialistes es va manifestar de forma més oberta, guanyant cada vegada més posicions. A Torí el PSI local està dirigit per Giovanni Boero , líder local dels intransigents, a Nàpols Amadeo Bordiga es va convertir en una figura destacada que va fundar el seu setmanari soviètic , a Roma la federació juvenil és "intransigent" [30] . En posicions extremes es troba també el setmanari "La Difesa" de Florència , ciutat que el 9 de febrer de 1919 va veure la victòria del grup intransigent dins de la federació socialista, així com a Milà l'11 de març, malgrat que l'alcalde de la la ciutat era el moderat socialista Emilio Caldara [31] . La prevalença dels intransigents dins del partit socialista va provocar una radicalització de posicions i es van utilitzar cada vegada més paraules com " República socialista " i " Dictadura del proletariat " [32] . Les tesis de Lenin sobre les guerres, vistes només com a lluites entre imperialismes destinats finalment a reforçar exclusivament les forces de reacció, mostren com el xoc en aquest moment per als socialistes només pot ser entre "conservació" i "revolució" [33] .
Un paper important en la radicalització de les mobilitzacions populars també el va tenir el retorn a Itàlia (desembre de 1919) de l'agitador anarquista Errico Malatesta (aclamat per les multituds com a italià Lenin ) [34] , el naixement a Milà (febrer de 1920) de l'anarquista diari Umanità Nova , dirigit per ell, i el naixement de la Unió Anarquista Italiana [35] .

La reacció antisocialista

Exemplar de L'Ardito , revista fundada per Ferruccio Vecchi . L' assalt a Avanti! va assumir un valor fonamental en la imaginació antisocialista [36]

La radicalització de les polèmiques posicions polítiques socialistes amb la guerra que acabava d’acabar també va jugar a favor de les organitzacions nacionalistes que es van alçar en defensa de la victòria i els guardians de l’ordre [37] . L'antisocialisme dels nacionalistes, rebatejat com a " antibolxevisme ", que encara que tingués arrels més llunyanes, va trobar una nova vida en l'hostilitat mostrada pels socialistes cap a la "victòria" d'una pàtria definida com a " engany burgès " [ 38] fent dels nacionalistes el concepte de patriotisme indissolublement lligat al d’antisocialisme [38] . Al llarg de 1918 i fins a la segona quinzena de febrer de 1919, a part de les esporàdiques polèmiques antisocialistes, no hi va haver una oposició real. Les coses van canviar el 16 de febrer de 1919, després que una imponent processó socialista a Milà desfilés en ordre pel centre de la ciutat. Les forces intervencionistes van reaccionar demanant la unitat de tots els grups nacionalistes i Mussolini a Il Popolo d'Italia va publicar un dur article titulat "Contra la bèstia que torna ..." [39] . Les manifestacions socialistes van començar a multiplicar-se i, a més de la controvèrsia contra la guerra, es va afegir la controvèrsia contra els " combatents " i es va fer cada vegada més present l'exaltació de Lenin i el bolxevisme [40] , que combinat amb la violència verbal dels diaris socialistes i l' Avanti! amb declaracions de guerra contra l '" Estat burgès " barrejades amb l'exaltació de la Revolució d'Octubre, van alarmar els òrgans de l'Estat [41] .

El conflicte entre socialistes i intervencionistes va esclatar violentament a Milà el 15 d'abril de 1919 després d'un dia de xocs, que va culminar amb l' assalt de l' esquadra a Avanti! entre manifestants del Partit Socialista i contramanifestants, atrevits , futuristes (propers als anarquistes) i els primers elements feixistes dels feixistes combatents italians acabats de constituir que es van fer notar per primera vegada a nivell nacional [42] . A partir de la primavera de 1919 es van formar nombroses associacions patriòtiques i estudiantils, de veterans o nacionalistes units per l'antisocialisme que van començar a manifestar-se, publicar revistes o organitzar reunions [43] . A més de les formacions més audaces i voluntàries dels arditi , les associacions combatives antisocialistes van participar sobretot veterans també animats pel patriotisme que se sentien ofesos per les ofensives devaluacions que feien els Avanti! [44] [45] .

El govern Nitti

El nou primer ministre Francesco Saverio Nitti va intentar satisfer les demandes dels treballadors i camperols, però, fent una clara distinció entre el malestar social. Distingint entre el malestar econòmic que la policia hauria d'haver mantingut legalment, però cap al qual el Govern pretenia buscar la mediació i el malestar polític considerat " subversiu " que no s'hauria tolerat [46] . Tanmateix, la comprensió de Nitti va xocar amb el partit socialista que, acusant-lo de " Giolittiano ", es va negar a comprometre's amb representants de la burgesia: " Estem contents de trobar-nos davant d'un altre govern de coalició burgesa, perquè una vegada i una altra el nostre objectiu serà no siguem un o l'altre partit, sinó tots els partits burgesos. I farem el mateix contra els governs que s'aixecaran per substituir l'actual ... " [47] . La intransigència socialista va fer que el partit convergís cada cop més amb els anarquistes, generant la convicció en els contemporanis del naixement d'un " bolxevisme italià " [48] en què les banderes vermelles socialistes s'unien cada cop més als negres-vermells dels anarquistes. Units políticament, socialistes i anarquistes divergen en la seva actitud davant els disturbis. Els socialistes van fer tot el possible per mantenir-los dins dels límits de la llei i evitar la degeneració del saqueig mentre els anarquistes consideraven els aldarulls una oportunitat a explotar per arribar a la "revolució" i, per tant, van fer tot el possible per fomentar-los [49] . Tot i que en desacord amb els mètodes anarquistes, els socialistes no van desautoritzar públicament les seves accions, al contrari van insistir a les revistes socialistes sobre la imminent revolució i van anomenar els comitès de fàbrica " soviètics " segons l'exemple rus, com la institució de la Guàrdia Roja [50]. ] .

La vaga general del 20 al 21 de juliol de 1919

El 9 de juny de 1919 es va convocar la primera gran manifestació socialista del 20 al 21 de juliol juntament amb una vaga general i els socialistes van aconseguir aturar els intents dels anarquistes de no fixar un termini per a la vaga. No obstant això, el clima incandescent de la imaginació va fer que la vaga prengués un valor " revolucionari " i malgrat els tons prudents d'Avanti! la base es va convèncer que la " gran hora " estava a punt de començar [51] . En realitat, però, la vaga general va tenir lloc amb total tranquil·litat gràcies a les reiterades crides dels socialistes i gairebé a tot arreu els serveis van continuar funcionant [52] . La manca de revolució anunciada, després de les reiterades proclames dels anarquistes i dels diaris socialistes vinculats al maximalisme, desconfiava del proletariat i, en canvi, revigoritzava el front antisocialista. Segons Salvemini, el govern Nitti va ser el que va obtenir el major avantatge en poder presentar-se al país, després de repetides proclames revolucionàries, com a garant de l '" ordre " [53] . De fer detenir els líders anarquistes per endavant sense tocant als socialistes [54] . Segons Ludovico D'Aragona , secretari de la Confederació General del Treball :

«La propaganda duta a terme durant diversos mesos pels elements extremistes havia creat l'esperança del proper esdeveniment revolucionari que havia de donar poder a la dictadura del proletariat. Aquest estat d’ànim era molt estès entre les multituds i, com que no se’ls pot atribuir la capacitat d’avaluar els esdeveniments històrics ocorreguts o que s’estan produint en tota la seva complexitat, és fàcil entendre per què també va aparèixer l’anunci de la vaga de protesta. alguns es van anomenar vaga dels " expropiadors ". L’esdeveniment revolucionari que no va tenir lloc no va suposar, diguem-ne, un desànim, sinó una violenta correcció de les esperances dels treballadors i, al mateix temps, va elevar la dèbil voluntat industrial de llançar-se a una lluita que aixafaria el poder del sindicat de treballadors ".

( Ludovico D'Aragona secretari de la Confederació General del Treball [55] )

A més, l'alarmisme, provocat per les contínues crides revolucionàries i pels ressons de la Tercera Internacional , va contribuir a crear una aversió substancial dins les forces armades i el govern contra les iniciatives anomenades "subversives" en què, sense distinció, tant els socialistes i anarquistes [56] . A més, precisament amb motiu de la vaga del 20 al 21 de juliol, nombroses informacions confidencials van informar del govern sobre les intencions revolucionàries destinades a la conquesta del poder pels anomenats "subversius" [57] i una perillosa propaganda entre les tropes [57]. ] . A més d'això, es van afegir més informes sobre l'arribada a Itàlia dels enviats de la Komintern amb la tasca de dur a terme una insurrecció [57] . Per afrontar una possible insurrecció, Francesco Saverio Nitti , ja el 14 de juliol de 1919, havia donat instruccions als prefectes del Regne per obrir contactes amb totes les associacions i partits polítics d '"ordre" [58] .

"Davant la imminència de la vaga general i el malestar amenaçat pels grups extremistes més acalorats, convé que els prefectes intentin de totes maneres mantenir el contacte amb aquells que tenen més seguidors i confien en els partits liberals, tant per tal que estan ben guiats i recolzats. Eleven l'esperit dels elements de l'ordre, tant per obtenir la seva cooperació en un moment en què les autoritats no es poden mantenir aïllades basant-se únicament en els funcionaris i la força pública. A les ciutats on hi ha bandes i associacions de lluita ... si tenen intenció de cooperar en el manteniment de l’ordre públic i en la repressió, la violència i els intents revolucionaris, faran una tasca patriòtica posant-se voluntàriament a la disposició de les mateixes autoritats i acceptant la seva un lideratge amb un esperit disciplinat, que només pot ser l’únic ".

( El primer ministre Francesco Saverio Nitti a la circular enviada als prefectes el 14 de juliol de 1919 [59] )

Segons Roberto Vivarelli , encara que no hi hagi proves documentals, és presumible creure que el Fasci di Combattimento italià a partir d'aquest moment va passar a formar part de les anomenades Parts de l'Ordre [60] .

El Congrés Socialista de Bolonya

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: XVI Congrés del Partit Socialista Italià .
Amadeo Bordiga va ser el guanyador moral del congrés [61] , de fet moltes de les seves tesis van ser assumides pel corrent maximalista majoritari

El Partit Socialista Italià va celebrar el seu setzè congrés nacional a Bolonya entre els dies 5 i 8 d'octubre de 1919; considerat obsolet l'antic Programa de Gènova [62] , s'enfrontava a tres mocions, la dels maximalistes que eren la majoria del partit, la del secretari nacional Lazzari (en què confluïen els reformistes de Turati) i la de la intransigent minoria de Bordiga:

  1. la moció dels maximalistes de Giacinto Menotti Serrati , que tenien com a objectiu immediat la creació d'una " república socialista " sobre el model soviètic [63] va diferir de la d'Amadeo Bordiga per alguns detalls, de fet, tant Serrati com Bordiga van proposar unir-se el partit a la Tercera Internacional [64] ; tanmateix, si bé els maximalistes de Serrati creien que la revolució era en qualsevol cas inevitable i l’esperaven passivament [65] , l’extrema esquerra de Bordiga, en controvèrsia amb els maximalistes, i més coherentment amb l’exemple soviètic, considerava necessari comprometre’s activament per a l'èxit de la revolució [66] .
  2. la moció de Costantino Lazzari , que va acordar amb Serrati l’objectiu final de la revolució proletària que s’hauria d’assolir amb una “ acció revolucionària[67] i l’enderrocament del sistema democràtic, va reafirmar el principi segons el qual el partit hauria de continuar tenint la ciutadania fins i tot els reformistes . La moció de Lazzari va ser l'única que no va mencionar explícitament la Revolució d'Octubre i la Tercera Internacional [68], tot i que en el seu discurs del Congrés la revolució es va definir com " el camí que hem de seguir fins i tot a costa de ser considerats nosaltres, socialistes italians, els bolxevics del nostre país " [68] . En qualsevol cas, després de les reiterades propostes de recórrer a la violència per derrocar l’Estat burgès, Lazzari va reiterar la necessitat de recórrer exclusivament a mètodes legals [69] .
  3. la moció d' Amadeo Bordiga , que s'adheria als principis de la revolució d'octubre , en què veia el rumb correcte que hauria d'haver seguit el partit socialista italià , proposava canviar el nom del partit pel de "Partit Comunista" [70] i d'expulsió dels " socialistes reformistes " de Turati [70] . De fet, Bordiga, convençut de la incompatibilitat entre socialisme i democràcia [71] , donat que " el proletariat realment podia prendre el poder polític només arrabassant-lo a la minoria capitalista amb la lluita armada, amb l'acció revolucionària " [72] , creia que el partit que ell no hauria d’haver participat a les eleccions. El seu corrent es deia " comunista abstencionista " [73] .

De les tres mocions, van ser les eleccions maximalistes de Serrati les que van obtenir la majoria absoluta de vots [62] i van expressar el lideratge del partit; el corrent reformista minoritari (els principals exponents de la qual eren Filippo Turati i Claudio Treves ), que no creia en la possibilitat d’un resultat revolucionari de la crisi, va canalitzar els seus vots cap a la moció de Lazzari [64], però l’aprovació unànime de l’adhesió a la Tercera Internacional, essencialment, va apartar els " socialistes reformistes " del partit [69] .

Dues van ser substancialment les innovacions introduïdes al Congrés bolonyès: en primer lloc, es va identificar la Revolució d'Octubre com un punt de referència concret , un element que faltava abans. Acceptant també tots els desenvolupaments posteriors previstos destinats a conduir al " bolxevisme " [74] . La supressió del Parlament i el naixement de la dictadura a Rússia també van ser acceptats per la Revolució d’Octubre. Les poques veus en conflicte eren les dels socialistes reformistes liderats per Filippo Turati però que van ser derrotats per una moció de Serrati que va comprometre el partit socialista italià a defensar-se com a defensor dels " soviètics " [75] . A més, la crisi de les democràcies va indicar, segons els socialistes, que l'única solució que s'havia de perseguir era la " revolucionària " que conduïa al socialisme i la manera d'aconseguir-ho era la " guerra civil " [76] .

«Quina és la realitat actual si no la revolució? Què és més real i més cert avui que aquest ressorgiment de les classes proletàries de tots els països per conquerir la seva completa emancipació? Què és més cert en el món actual que el fracàs de la burgesia i el triomf de la revolució? I llavors estem en la realitat, estem en el terreny dels fets i vosaltres, estimats companys reformistes, companys de l’ala dreta, esteu fora del vostre temps, esteu fora de la realitat ".

( Giacinto Menotti Serrati dirigit als reformistes per Filippo Turati [77] )

La protesta contra la classe burgesa, que la guerra es considerava una expressió, dins del partit va arribar a exigir l'expulsió dels socialistes que havien estat intervencionistes o voluntaris de guerra. El diputat Mario Cavallari que havia estat voluntari intervencionista i de guerra ja havia estat expulsat a l'agost [78] . Però, fora, es va decidir excloure de qualsevol manera qualsevol relació amb tots els partits no socialistes [79] .

També es va destacar l'acceptació de l'ús de la violència, considerada com una " llevadora de la història " necessària [79] . Al congrés de Bolonya es va reivindicar oficialment aquest canvi [80] i sobretot aquesta deriva va sancionar la victòria del maximalisme que no tenia com a objectiu una victòria electoral, sinó el derrocament de l'estat burgès per crear la " República Socialista " [81] .

Les tesis aprovades al Congrés de Bolonya no eren noves, però en realitat eren el resultat d’un llarg procés que ja havia començat fa uns anys i que havia vist augmentar el consens dels "maximalistes" i, per tant, es va decidir sobre la base de què havia estat a l’aire [82] . Il Partito Socialista Italiano dopo Bologna si staccò nettamente dalla tradizione risorgimentale, cui pure aveva partecipato, mettendo in difficoltà anche i politici socialisti che in diverse città erano stati chiamati ad amministrare. L'isolamento del Partito Socialista Italiano , con le nuove deliberazioni, divenne totale [81] . Nessuna delle correnti del Partito socialista, pur richiamandosi più o meno genericamente all'esigenza di superare il capitalismo e instaurare il socialismo, seppe proporre alcun obiettivo concreto e immediato alle lotte in cui erano frattanto impegnati il movimento operaio e quello contadino, i quali rimasero pertanto sostanzialmente privi, durante tutto il Biennio rosso, di un'efficace direzione politica [83] . In particolare, è stata spesso sottolineata l'inettitudine della direzione massimalista, la quale diede prova di un estremismo solamente verbale e di un rivoluzionarismo velleitario che non riuscì mai a far seguire alle parole i fatti [84] .

«Il partito continua a ubriacarsi di parole, a redigere sulla carta dei progetti di Soviet, abbandonando a se stesse le commissioni di fabbrica nel Nord ei contadini affamati di terra nel Mezzogiorno.»

( Angelo Tasca [85] )

Le elezioni del 1919

Le elezioni politiche italiane del 1919 , che per la prima volta utilizzavano il sistema proporzionale , videro una forte affermazione del Partito socialista italiano che riscosse il 32,4% dei voti, mentre il Partito popolare ebbe il 20,6%; la maggioranza dei voti andò così ai due partiti di massa, mentre le varie liste liberali e liberaldemocratiche (che fino ad allora avevano dominato il parlamento italiano post-unitario) per la prima volta persero la maggioranza dei seggi alla Camera. Le liste di ex combattenti (presenti in diciotto collegi) ottennero il 3,37% del totale dei voti; i fascisti non ebbero nessun parlamentare eletto [86] . I vari governi liberali che si succedettero fra il novembre 1919 e l'ottobre 1922 poterono reggersi solo grazie all'appoggio esterno del Partito Popolare [87] .

La scelta " eversiva " fatta dal Partito Socialista Italiano e la contestazione alle istituzioni [88] lo poneva automaticamente all'opposizione senza possibilità di stabilire alleanze con gli altri partiti bollati come " borghesi " annullando di fatto il grande successo elettorale [89] e scontentava parte dell'elettorato che desiderava imprimere un cambiamento nella politica nazionale [89] .

Gli scioperi del 1920 e la Rivolta dei Bersaglieri

Napoli: il corteo del 1º maggio 1920 è disperso dalle guardie regie
L'estensione della rivolta dei Bersaglieri da Ancona ad altre città italiane (26-29 giugno 1920)

Il movimento rivendicativo che aveva caratterizzato il 1919 si intensificò ulteriormente nel 1920, quando vi furono in Italia più di 2.000 scioperi e più di 2.300.000 scioperanti; nello stesso anno, i lavoratori organizzati in sindacati ammontavano a più di 3.500.000, di cui 2.150.000 nella sola CGdL [90] . In parallelo il padronato industriale e agrario si organizzò a livello nazionale: la Confederazione generale dell'industria , che era stata fondata il 5 maggio 1910, nel 1919 spostò la propria sede a Roma, e nel dicembre 1920 nacque la Confederazione generale dell'agricoltura [91] .

Nel marzo 1920 scoppiarono importanti scioperi, in particolare, presso la FIAT di Torino , il cosiddetto sciopero delle lancette , cosiddetto per l'episodio che diede origine alla vertenza. Gli operai di Torino della FIAT avevano chiesto alla direzione dello stabilimento, in concomitanza con l'entrata in vigore dell'ora legale, di posticipare di un'ora l'ingresso al lavoro. Dopo il diniego da parte della proprietà, la Commissione interna dell'officina Industrie Metallurgiche aveva proceduto, di sua iniziativa, a spostare di un'ora indietro l'orologio della fabbrica. In seguito a ciò, la direzione licenziò tre membri della Commissione interna; gli operai risposero con uno sciopero di solidarietà che, il 29 marzo 1920, coinvolse tutte le officine metallurgiche di Torino ed al quale gli industriali risposero a loro volta con una serrata , pretendendo, come condizione per riprendere il lavoro negli stabilimenti, che venissero sciolti i Consigli di fabbrica [92] . Lo sciopero generale, indetto alla metà di aprile, coinvolse circa 120.000 lavoratori di Torino e provincia. Tuttavia, tanto la direzione nazionale della CGdL quanto quella del Partito socialista si rifiutarono di dare il loro appoggio al movimento torinese, né vollero estendere la vertenza al resto d'Italia mediante la proclamazione di uno sciopero generale. Inoltre in quei giorni il governo inviò a presidiare la città una truppa di circa 50.000 militari. Isolati a livello nazionale e sotto la minaccia delle armi, gli operai di Torino dovettero capitolare: la vertenza si chiuse con un concordato che prevedeva un forte ridimensionamento dei Consigli di fabbrica [93] . Lo sciopero terminò così il 24 aprile senza che i lavoratori coinvolti avessero visto riconosciute le proprie richieste, fra cui il riconoscimento, da parte degli industriali, dei Consigli di fabbrica [94] . Antonio Gramsci , dalla rivista L'Ordine Nuovo , ammise la momentanea sconfitta:

«La classe operaia torinese ha già dimostrato di non essere uscita dalla lotta con la volontà spezzata, con la coscienza disfatta. Continuerà nella lotta: su due fronti. Lotta per la conquista del potere di Stato e del potere industriale; lotta per la conquista delle organizzazioni sindacali e per l'unità proletaria.»

( Antonio Gramsci [95] )

A Fiume , il 20 aprile gli autonomisti di Riccardo Zanella , ostili ai legionari dannunziani , con l'appoggio dei socialisti , proclamarono lo sciopero generale. [96]

Il 1º maggio, in occasione della festa dei lavoratori furono indetti cortei nelle principali città che in alcuni casi furono dispersi dalla polizia come a Torino ea Napoli. Un nuovo sciopero indetto contro l'aumento del prezzo del pane indebolì il secondo governo Nitti , che si dimise il 9 giugno 1920 per lasciare il posto all'ottantenne Giovanni Giolitti che formò il suo quinto esecutivo . Manifestazioni e cortei proseguirono ininterrotti per lungo tempo con vittime sia tra i militari che tra i manifestanti.

Uno degli eventi più significativi di tutto il biennio rosso fu la rivolta dei Bersaglieri che scoppiò ad Ancona nel giugno del 1920, preceduta da una di minore entità a Trieste l'11 giugno, in cui un gruppo di arditi di un reggimento d'assalto in attesa di imbarcarsi per l' Albania usò le armi contro gli ufficiali, causando due morti e diversi feriti. [97] Anche ad Ancona la scintilla che provocò la rivolta fu l'ammutinamento dei bersaglieri di una caserma cittadina che non volevano partire per l'Albania, dove era in corso un'occupazione militare decisa dal governo Giolitti. Al contrario di altre manifestazioni del biennio, la Rivolta dei Bersaglieri fu una vera ribellione armata e coinvolse truppe di varie forze che solidarizzarono con i ribelli; da Ancona la rivolta divampò in tutte le Marche , in Romagna (fino al suo cuore, Forlì ), in Umbria ( Terni e Narni ), in Lombardia ( Cremona e Milano ) ea Roma . Fu indetto uno sciopero da parte del sindacato dei ferrovieri per impedire che ad Ancona arrivassero le guardie regie e infine il moto fu sedato solo grazie all'intervento della marina militare, intervenuta per bombardare la città [98] .

Le occupazioni delle fabbriche

1920: fabbriche presidiate dalle Guardie rosse

L'inizio della vertenza

Il 18 giugno 1920 la FIOM presentò alla Federazione degli industriali meccanici e metallurgici un memorandum di richieste, che fu seguito da analoghi memoriali da parte degli altri sindacati operai. Tutti i memoriali concordavano nella richiesta di significativi incrementi salariali volti a compensare l'aumentato costo della vita [99] . L'atteggiamento degli industriali di fronte a tali richieste fu di assoluta e totale chiusura [100] [101] [102] ; a detta degli imprenditori, il costo derivante dagli aumenti salariali sarebbe stato insostenibile per un settore produttivo che versava già in stato di crisi [103] . A ciò i sindacalisti della FIOM risposero ricordando gli ingentissimi profitti accumulati durante la guerra dalle industrie meccaniche e metallurgiche grazie alle commesse belliche [104] .

Il 13 agosto 1920 gli industriali ruppero le trattative.

«Quando la delegazione operaia ebbe terminata la confutazione delle affermazioni della delegazione padronale, il capo di questa, avvocato Rotigliano - allora nazionalista e in seguito divenuto fascista - pose fine al contraddittorio con questa dichiarazione provocatoria: "Ogni discussione è inutile. Gli industriali sono contrari alla concessione di qualsiasi miglioramento. Da quando è finita la guerra essi hanno continuato a calare i pantaloni. Ora basta e cominciamo da voi."»

( Bruno Buozzi [105] )

La FIOM deliberò a questo punto di procedere all'ostruzionismo: evitando ogni forma di sabotaggio, gli operai avrebbero dovuto ridurre la produzione, rallentando l'attività, astenendosi dal cottimo e applicando minuziosamente le norme sulla sicurezza del lavoro. Qualora gli imprenditori avessero risposto con la serrata , gli operai avrebbero dovuto occupare gli stabilimenti [106] .

Le direttive della FIOM vennero eseguite con zelo dagli operai e condussero ad un calo molto significativo della produzione [107] . Il 30 agosto si ebbe la prima contromossa da parte padronale: le Officine Romeo & C. di Milano iniziarono la serrata, benché il Prefetto del capoluogo lombardo avesse espressamente chiesto all'ing. Nicola Romeo di non assumere tale iniziativa [108] . Lo stesso giorno la sezione milanese della FIOM deliberò l'occupazione delle officine metallurgiche della città [109] . Poche ore dopo anche gli opifici della Isotta Fraschini vennero occupati ei dirigenti sequestrati negli uffici. Tra loro anche i fondatori e proprietari Cesare Isotta e Vincenzo Fraschini [110] . Il 31 agosto la Confindustria ordinò la serrata a livello nazionale [111] . La stessa deliberazione era stata assunta, il giorno precedente, dagli industriali metallurgici inglesi. [112]

Le fabbriche occupate

Ovunque, la serrata fu puntualmente seguita dall'occupazione degli stabilimenti da parte degli operai. Fra l'1 e il 4 settembre 1920 quasi tutte le fabbriche metallurgiche in Italia furono occupate. Gli operai coinvolti furono più di 400.000 e salirono poi a circa 500.000 quando l'occupazione si estese ad alcuni stabilimenti non metallurgici [113] .

L'occupazione delle fabbriche avvenne (e proseguì) quasi ovunque pacificamente [114] [115] , anche grazie alla decisione, presa dal governo Giolitti, di non tentare azioni di forza; le forze dell'ordine si limitarono a sorvegliare dall'esterno gli stabilimenti senza intervenire [116] . Giolitti intendeva infatti evitare un conflitto armato, che sarebbe potuto sfociare in una guerra civile, e confidava nella possibilità di mantenere il confronto tra operai e imprenditori su di un piano puramente sindacale, in cui il governo avrebbe potuto fungere da mediatore [117] . Su questo punto Giolitti si trovò d'accordo con la dirigenza nazionale della CGdL, che era di orientamento riformista [118] .

Nei primi giorni di occupazione, tuttavia, un fatto di sangue avvenne a Genova; il 2 settembre le guardie regie che presidiavano un cantiere navale spararono contro gli operai che cercavano di occuparlo; il calderaio trentacinquenne Domenico Martelli rimase ucciso e altri due operai furono gravemente feriti [119] . Alcune guardie regie fra quelle che avevano aperto il fuoco furono arrestate, ma vennero scarcerate il giorno successivo [120] .

Nelle fabbriche occupate la produzione continuò, anche se in misura ridotta a causa delle difficoltà di approvvigionamento e dell'assenza del personale tecnico e impiegatizio [121] . Torino fu la città in cui l'organizzazione operaia (basata sul sistema dei Consigli di fabbrica) si rivelò più efficiente; furono creati presso la Camera del Lavoro vari organismi (comitati) per coordinare a livello cittadino la produzione, gli scambi, i rifornimenti [122] , e funzionò anche un comitato militare [123] . In almeno un caso (l'officina Fiat Centro) la produzione raggiunse ragguardevoli livelli, toccando il 70 per cento dell' output di prima della vertenza [124] .

A Torino ea Milano, gli operai, tramite le locali Camere del lavoro, tentarono di assicurarsi i necessari mezzi di sostentamento mediante la vendita dei prodotti delle fabbriche occupate; ma i risultati furono trascurabili. Più efficaci a questo scopo furono l'aiuto da parte delle Cooperative (sotto forma di finanziamenti in denaro ed elargizione di generi alimentari) e la solidarietà degli altri lavoratori, che si manifestò mediante collette, allestimento di "cucine comuniste" per gli occupanti e altre iniziative di sostegno [125] .

Durante l'occupazione corsero, sull'armamento operaio, notizie incontrollate che destarono preoccupazione anche in ambito governativo; tuttavia sembra che, generalmente, la forza e la capacità militare degli occupanti non siano andate oltre la mera difesa degli stabilimenti occupati, tranne forse che a Torino, dove gli operai erano, anche militarmente, meglio organizzati che altrove [126] . All'interno delle officine della Società Piemontese Automobili si iniziarono anche a produrre bombe a mano [127] .

Gli operai organizzarono comunque servizi armati di vigilanza, disposti a scendere allo scontro anche con l'esercito, che assunsero il nome di Guardie Rosse [128] . A favore degli scioperanti intervennero spesso i sindacati dei ferrovieri che organizzarono picchetti armati presso i nodi ferroviari per impedire l'intervento delle guardie regie [129] . Inoltre i sindacati dei ferrovieri collaborarono spesso con gli occupanti, assicurando loro rifornimenti di materie prime e di combustibili [130] .

La conclusione della vertenza

Benché nato come vertenza sindacale, il movimento di occupazione delle fabbriche ebbe fin dall'inizio una tale estensione e una tale risonanza da fare sorgere l'esigenza di una sua soluzione politica [118] . Mentre gli industriali ponevano lo sgombero degli stabilimenti come pregiudiziale per una ripresa delle trattative con gli operai [131] , gli organismi dirigenti di questi ultimi decisero sul da farsi in una serie di tese e drammatiche riunioni che ebbero luogo a Milano fra il 9 e l'11 settembre 1920.

Il 9 settembre si riunì il Consiglio direttivo della CGdL, ove venne in discussione l'ipotesi di un'iniziativa insurrezionale (cui comunque i vertici del sindacato, come si è detto, erano contrari); erano presenti due dirigenti del PSI torinese, uno dei quali era Palmiro Togliatti che, a una precisa domanda, rispose che, in ogni caso, non sarebbero stati gli operai di Torino a cominciare da soli l'insurrezione. Gli ordinovisti temevano, in effetti, che una loro eventuale sortita sarebbe stata sconfessata, a livello nazionale, sia dal partito sia dal sindacato (come del resto era già accaduto in aprile in occasione dello sciopero delle lancette), cosicché il movimento torinese, rimasto ancora una volta isolato, sarebbe stato schiacciato militarmente [132] .

Il 10 settembre, in una riunione congiunta fra la direzione della CGdL e quella del PSI, i massimi dirigenti del sindacato manifestarono l'intenzione di dimettersi qualora il partito volesse assumersi la responsabilità di avocare a sé la guida del movimento per condurlo a un esito rivoluzionario. Ma la segreteria del PSI, di fatto, lasciò cadere la proposta, demandandone la decisione al Consiglio nazionale della CGdL che si sarebbe riunito l'indomani [133] .

Fu così che, l'11 settembre 1920, ebbe luogo la cruciale seduta in cui il Consiglio nazionale della CGdL fu chiamato a deliberare su due mozioni contrapposte: una prevedeva di demandare "alla Direzione del Partito l'incarico di dirigere il movimento indirizzandolo alle soluzioni massime del programma socialista, e cioè la socializzazione dei mezzi di produzione e di scambio" [134] ; l'altra mozione, proposta dalla stessa segreteria della CGdL, prevedeva invece, quale obiettivo immediato della lotta, non la rivoluzione socialista bensì solamente "il riconoscimento da parte del padronato del principio del controllo sindacale delle aziende" [135] . Prevalse a maggioranza quest'ultima mozione [136] , che sanciva la rinuncia a fare dell'occupazione la prima fase di un più ampio moto rivoluzionario [137] .

Anche dopo il voto, il PSI avrebbe potuto (in base al patto d'alleanza stipulato con la CGdL nel 1918) assumersi d'autorità la guida del movimento, esautorando il sindacato. Ma il segretario del PSI Egidio Gennari dichiarò che il suo partito non intendeva per il momento avvalersi di tale facoltà [136] .

Intanto nelle fabbriche occupate la tensione rimaneva alta. La notte del 13 settembre un industriale torinese, in uno scontro a fuoco, uccise a fucilate i due operai Raffaele Vandich e Tommaso Gatti [138] .

Quando fu chiaro che i massimi organi dirigenti del movimento operaio italiano avevano di fatto rinunciato ad ogni ipotesi rivoluzionaria [139] , Giovanni Giolitti ebbe campo libero per spiegare la sua attività di mediazione fra la Confindustria e la CGdL (essendo ormai il PSI fuori dal gioco). Si arrivò così, non senza resistenze da parte confindustriale, all'accordo di massima siglato a Roma il 19 settembre 1920, accordo che fu per gli operai, sul piano strettamente sindacale, un buon successo (perché stabiliva significativi aumenti salariali e miglioramenti normativi in materia di ferie, di licenziamenti ecc.) [140] , ma allo stesso tempo una netta sconfitta politica [141] [142] , perché prevedeva lo sgombero delle fabbriche occupate e impegnava soltanto il governo ad approntare un disegno di legge sul controllo operaio (disegno di legge che peraltro non fu mai approvato) [143] .

I giorni a ridosso dell'accordo fra industriali e sindacato furono caratterizzati da un acuirsi della tensione a Torino, dove, il 19 settembre, un operaio rimase ucciso in uno scontro fra Guardie rosse e forze dell'ordine; il 22, in altri scontri a fuoco, morirono un brigadiere dei carabinieri, una guardia regia e un passante; il 23 settembre venne alla luce un grave fatto di sangue: furono rinvenuti i cadaveri di un giovane nazionalista e di una guardia carceraria [144] . Più precisamente, si scoprì che l'impiegato oleggese Mario Sonzini , sindacalista e membro della commissione interna alle Officine Metallurgiche, era stato sequestrato dalle Guardie rosse e, dopo una sorta di processo sommario, era stato ucciso a pistolettate, sorte condivisa a poche ore di distanza anche dalla guardia carceraria Costantino Scimula. Dalle seguenti indagini si venne a scoprire che i due uccisi non erano stati gli unici sequestrati dalle Guardie rosse in quei giorni a Torino [145] . La dinamica di questo delitto, che presentava caratteri di particolare efferatezza, fu poi chiarita dal processo penale che ebbe luogo nel 1922 e che si concluse con la condanna di undici imputati a pene che andarono da un anno a trenta anni di reclusione [146] . Le indagini e il processo furono seguiti con grande enfasi dalla stampa, e il tragico caso di Sonzini e Scimula divenne, in quegli anni, uno dei cavalli di battaglia della propaganda anticomunista [147] .

Fra il 25 e il 30 settembre gli occupanti sgomberarono pacificamente le fabbriche, riconsegnandole agli industriali [148] . Il 27 settembre, quando l'occupazione si poteva già considerare conclusa, l'edizione torinese dell' Avanti! pubblicò un editoriale in cui, oltre ad ammettere la sconfitta degli operai, si accusavano i dirigenti riformisti di essere responsabili della medesima [149] . Dopo la ratifica dell'accordo da parte delle rispettive organizzazioni, i dirigenti della FIOM e della Confindustria firmarono il concordato definitivo a Milano il 1º ottobre 1920 [150] .

Gli esiti politici

Le occupazioni, intese come l'inizio di un processo rivoluzionario, non riuscirono a produrre cambiamenti sensibili, soprattutto a causa della mancanza di strategia della classe dirigente socialista e dell'incapacità di diffusione del movimento nel resto della società. Giolitti assunse un atteggiamento neutrale, nonostante le pressioni degli industriali per sgomberare le fabbriche con l'esercito, presumendo che gli operai, non essendo in grado di gestire le fabbriche, avrebbero prima o poi accettato di trattare. [151] .

Giovanni Giolitti sintetizzò così la sua linea politica nei confronti dell'occupazione delle fabbriche:

«Ho voluto che gli operai facessero da sé la loro esperienza, perché comprendessero che è un puro sogno voler far funzionare le officine senza l'apporto di capitali, senza tecnici e senza crediti bancari. Faranno la prova, vedranno che è un sogno, e ciò li guarirà da pericolose illusioni.»

( Giovanni Giolitti [152] )

Del tutto opposta la valutazione offerta, alcuni anni dopo i fatti, da un altro protagonista della vicenda, Antonio Gramsci, il quale affermò che, nei giorni dell'occupazione, la classe operaia aveva dimostrato la sua capacità di autogovernarsi, aveva saputo mantenere e superare i livelli produttivi del capitalismo, e aveva dato prova di iniziativa e di creatività a tutti i livelli; la sconfitta era stata determinata, secondo l'opinione di Gramsci, non da una presunta "incapacità" degli operai, bensì da quella dei loro dirigenti politici e sindacali:

«Come classe, gli operai italiani che occuparono le fabbriche si dimostrarono all'altezza dei loro compiti e delle loro funzioni. Tutti i problemi che le necessità del movimento posero loro da risolvere furono brillantemente risolti. Non poterono risolvere i problemi dei rifornimenti e delle comunicazioni perché non furono occupate le ferrovie e la flotta. Non poterono risolvere i problemi finanziari perché non furono occupati gli istituti di credito e le aziende commerciali. Non poterono risolvere i grandi problemi nazionali e internazionali, perché non conquistarono il potere di Stato. Questi problemi avrebbero dovuto essere affrontati dal Partito socialista e dai sindacati che invece capitolarono vergognosamente, pretestando l'immaturità delle masse; in realtà i dirigenti erano immaturi e incapaci, non la classe. Perciò avvenne la rottura di Livorno e si creò un nuovo partito, il Partito comunista.»

( Antonio Gramsci [153] )

La vicenda dell'occupazione delle fabbriche ingenerò rabbia e frustrazione negli industriali, i quali, per quasi un mese, si erano visti spossessati dei propri stabilimenti, e che avevano dovuto alla fine accettare le richieste sindacali operaie, e alimentò i loro propositi di rivalsa, anche nei confronti del governo e dello stesso Stato liberale che (secondo loro) non li aveva sufficientemente tutelati; la classe operaia, invece, subì un contraccolpo psicologico di delusione e di scoraggiamento, in quanto aveva dovuto restituire agli industriali il possesso delle fabbriche senza ottenere alcun reale avanzamento politico [154] . La conclusione della vicenda portò inoltre ad una crisi il Partito socialista, che si divise tra coloro che ritenevano opportuno continuare la lotta ei dirigenti che avevano accettato l'accordo [155] .

In seguito, la pubblicistica del fascismo dipinse l'occupazione delle fabbriche come emblematica di un'epoca di profondo disordine, caratterizzata da gravi e massicce violenze operaie e dal pericolo incombente di una rivoluzione bolscevica, pericolo che, in Italia, sarebbe stato sventato - secondo questa interpretazione - solo dall'avvento al potere di Mussolini [156] . Dopo la caduta del fascismo, più di uno storico ha invece negato che l'occupazione delle fabbriche potesse avere realmente la possibilità di costituire l'occasione di una rivoluzione proletaria vittoriosa [157] [158] .

Le elezioni amministrative del novembre 1920 e la fine del biennio rosso

Il Partito socialista italiano ottenne ancora un successo nelle elezioni generali amministrative che si tennero nell'ottobre e novembre del 1920, raggiungendo la maggioranza in 26 dei 69 consigli provinciali e in 2 022 comuni su 8 346; in particolare, la maggior parte delle amministrazioni comunali dell'Emilia e della Toscana furono conquistate dai socialisti [159] . In questi centri i sindaci e gli amministratori socialisti poterono esercitare una serie di importanti funzioni, fra cui l'assistenza sociale, la riscossione e l'impiego dei tributi locali e la gestione dei beni di proprietà del comune [160] .

Tuttavia i risultati elettorali del PSI furono meno brillanti di quelli conseguiti nelle elezioni politiche del novembre 1919. Nelle elezioni amministrative del 1920 si verificò inoltre la tendenza dei partiti borghesi a coalizzarsi in funzione antisocialista, nei cosiddetti "blocchi nazionali" o "blocchi patriottici" che spesso comprendevano anche i fascisti [161] . Ciò fu indice del crescente orientamento di certi settori della borghesia verso soluzioni apertamente anti-socialiste e autoritarie.

L'avversione della piccola borghesia verso i moti operai era stata alimentata, fra l'altro, dall'atteggiamento di ostilità del partito socialista nei confronti degli ufficiali delle forze armate [162] ; questi reduci furono spesso insultati per strada, in quanto ritenuti responsabili dello scoppio della guerra [163] . Ad esempio Piero Operti , che nell'ottobre 1920 a Torino era insieme ad altri reduci degenti nel locale ospedale, riferisce di aver subito un'aggressione da parte di militanti socialisti; secondo il suo resoconto, le medaglie gli furono strappate e, gettate al suolo, gli furono calpestate. [164] Benché gli episodi di questo tipo fossero in realtà meno gravi e meno frequenti di quanto affermasse la pubblicistica antisocialista dell'epoca, essi contribuirono potentemente ad alienare al PSI le simpatie di vasti strati della piccola e media borghesia, da cui provenivano la gran parte degli ex ufficiali e sottufficiali [165] .

Di fatto, verso la fine del 1920, dopo la conclusione della vicenda dell'occupazione delle fabbriche e dopo le elezioni amministrative, il movimento fascista, che fino ad allora aveva avuto un ruolo piuttosto marginale [166] [167] , iniziò la sua tumultuosa ascesa politica [168] che fu caratterizzata dal ricorso massiccio e sistematico alle azioni squadristiche [169] .

Un tentativo di quantificare i costi, in termini di vite umane, delle agitazioni del Biennio rosso fu compiuto da Gaetano Salvemini : questo storico, basandosi sulle cronache giornalistiche dell'epoca, calcolò in 65 le vittime complessive delle violenze operaie nel biennio, mentre nello stesso periodo 109 militanti di parte operaia morirono per mano delle forze dell'ordine durante scontri di piazza, e altri 22 furono uccisi da altre persone [170] .

La repressione dei moti popolari fu particolarmente cruenta nelle campagne. Sicuramente l'episodio più efferato fu l' eccidio di Canneto Sabino in provincia di Rieti in cui restarono uccisi undici braccianti, tra cui due donne [171] .

Il 15 gennaio 1921 a Livorno si aprì il XVII Congresso Nazionale del Partito socialista che terminò con la scissione della componente comunista che il 21 gennaio diede vita al Partito comunista d'Italia . Tra i fondatori del nuovo partito vi furono personaggi di spicco messisi in evidenza durante i moti come Amadeo Bordiga e Antonio Gramsci .

Note

  1. ^ a b c Brunella Dalla Casa, Composizione di classe, rivendicazioni e professionalità nelle lotte del "biennio rosso" a Bologna , in: AA. VV, Bologna 1920; le origini del fascismo , a cura di Luciano Casali, Cappelli, Bologna 1982, pag. 179.
  2. ^ AA. VV., Le rivoluzioni sconfitte, 1919/20 , a cura di Eliana Bouchard, Rina Gagliardi, Gabriele Polo, supplemento a " il manifesto ", Roma, sd (ma 1993), pp. 20-24.
  3. ^ Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna. Volume ottavo. La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l'avvento del fascismo , Feltrinelli, Milano 1996 (sesta edizione), p. 229.
  4. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 236.
  5. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 225.
  6. ^ a b c G. Candeloro, op. cit. , p. 281.
  7. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 229.
  8. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 263.
  9. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 283.
  10. ^ Alceo Riosa e Barbara Bracco, Storia d'Europa nel Novecento , Mondadori Università, Milano 2004, pagg. 68-9.
  11. ^ Alceo Riosa e Barbara Bracco, Storia d'Europa nel Novecento , Mondadori Università, Milano 2004, pag. 69.
  12. ^ Salvatore Lupo , Il fascismo. La politica in un regime totalitario , Feltrinelli, Milano 2013, pagg. 51-2.
  13. ^ Salvatore Lupo, Il fascismo. La politica in un regime totalitario , Feltrinelli, Milano 2013, pag. 54.
  14. ^ Salvatore Lupo, Il fascismo. La politica in un regime totalitario , Feltrinelli, Milano 2013, pag. 43.
  15. ^ Salvatore Lupo, Il fascismo. La politica in un regime totalitario , Feltrinelli, Milano 2013, pag. 49
  16. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 106: "I socialisti italiani e la classe operaia videro oltre, e quasi anticiparono quello che poi fu realmente lo sviluppo della rivoluzione di marzo, compresero che la lezione della Russia era qualcosa di nuovo"
  17. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 106.
  18. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 107.
  19. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 108.
  20. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 108-109.
  21. ^ Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna. Volume ottavo. La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l'avvento del fascismo , Feltrinelli, Milano 1996 (sesta edizione), p. 172.
  22. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 113-114.
  23. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 116.
  24. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag 110-111
  25. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, p. 114: "Di fatto, la iniziativa rivoluzionaria delle masse rimase del tutto abbandonata a se stessa, condannata ad estinguersi come un fuoco di paglia, ei dirigenti socialisti, pur senza sconfessare l'azione popolare alla quale anzi concedevano il loro plauso sentimentale, si adoperarono per ricondurre le masse all'ordine."
  26. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, p. 117.
  27. ^ "Monte Grappa tu sei la mia Patria", su Storia illustrata n° 299, Ottobre 1982, p. 13
  28. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pp. 120-121.
  29. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 124.
  30. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag. 353-353.
  31. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, pp. 352-353.
  32. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 354: "la bandiera che si agita ripete la formula dei deliberati della direzione del partito, "Repubblica socialista" e "Dittatura del proletariato""
  33. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 354.
  34. ^ Seton-Watson , p. 603 .
  35. ^ Cronache anarchiche , pp. 17-35 ; Berti , pp. 616-632 ; UAI .
  36. ^ Franzinelli , p. 26 .
  37. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag 357
  38. ^ a b Roberto Vivarelli , S toria delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 358
  39. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 360
  40. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume I, Il Mulino, 2012, pag 361
  41. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 362
  42. ^ Giordano Bruno Guerri , Fascisti , Le Scie Mondadori, Milano, 1995, p. 70
  43. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 365
  44. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, pp. 365-366:"...l'antisocialismo trova ora schierati più vasti ambienti e ceti sociali, soprattutto esso raccoglie una parte cospicua delle forze combattentistiche, e non solo le più spregiudicate, le più audaci, gli amanti dell'avventura e della violenza, ma anche quella parte meno eccentrica e certo più numerosa, animata da un patriottismo sincero e spesso istintivo, nella quale quanto più era sentita la somma dei sacrifici e di dolori che la guerra era costata, tanto più se ne rivendicava il senso e il valore, di contro alla ingiuriosa svalutazione dei socialisti"
  45. ^ In nota Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 366:"Va sottolineato che l'atteggiamento dei socialisti nei confronti della guerra, di cui si facevano strumento di illustrazione e divulgazione le vignette di Scalarini, provocava profondo risentimento pur in chi più amaramente avvertiva la delusione patita dalle idealità e dalle speranze che avevano animato i combattenti, e riconosceva quindi l'inganno della guerra"
  46. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 471
  47. ^ In nota Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 472
  48. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 473
  49. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 476
  50. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, pp. 477-478
  51. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 480
  52. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 481
  53. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, pp. 482-483
  54. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 483
  55. ^ In nota Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 482
  56. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 484
  57. ^ a b c Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 486
  58. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, pp. 487-488
  59. ^ In nota Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 623
  60. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume I, Il Mulino, 2012, p. 488
  61. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 226
  62. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 211
  63. ^ G. Sabbatucci e V. Vidotto, Storia contemporanea, il novecento , Bari, Edizioni Laterza, 2008, p. 70: "I massimalisti (...) si ponevano come obiettivo immediato l'instaurazione della repubblica socialista fondata sulla dittatura del proletariato e si dichiaravano ammiratori entusiasti della rivoluzione bolscevica"
  64. ^ a b G. Candeloro, op. cit. , p. 299.
  65. ^ G. Sabbatucci e V. Vidotto, Storia contemporanea, il novecento , Bari, Edizioni Laterza, 2008, p. 71: "Più che preparare la rivoluzione la aspettavano, ritenendola comunque inevitabile."
  66. ^ G. Sabbatucci e V. Vidotto, Storia contemporanea, il novecento , Bari, Edizioni Laterza, 2008, p. 71: "In polemica con questa impostazione, si formarono nel Psi gruppi di estrema sinistra, composti per lo più da giovani, che si battevano per un più coerente impegno rivoluzionario e per una più stretta adesione all'esempio russo."
  67. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume II, Il Mulino, 2012, pag 229
  68. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 230
  69. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 231
  70. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 228
  71. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 224: "Si doveva ancora a Bordiga la formulazione più chiara della assoluta incompatibilità tra socialismo e democrazia"
  72. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo, volume II, Il Mulino, 2012, pag 224
  73. ^ G. Candeloro, op. cit. , pp. 298-300.
  74. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 213
  75. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 214
  76. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, pp. 216-217
  77. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 216
  78. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 217
  79. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 218
  80. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 219
  81. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 220
  82. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 227
  83. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 300.
  84. ^ Alceo Riosa - Barbara Bracco, Storia d'Europa nel Novecento , Mondadori Università, Milano 2004, p. 73: "La cultura politica socialista sembrò affidarsi [...] alle circostanze esterne, più che a una preparazione consapevole della rivoluzione. La dirigenza riteneva prossimo il salto rivoluzionario, ma poco o nulla fece per prepararne le condizioni del successo e per stabilire le necessarie alleanze sociali. Incapace di coordinare le lotte nel mondo dell'industria, non riuscì nemmeno a porsi con forza alla testa del movimento di occupazione delle terre a opera degli ex combattenti, che investì varie parti del paese".
  85. ^ Angelo Tasca, Nascita e avvento del fascismo. L'Italia dal 1918 al 1922 , volume I, Laterza, Bari 1967, p. 96.
  86. ^ G. Candeloro, op. cit. , pp. 301-2.
  87. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 303.
  88. ^ Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 220
  89. ^ a b Roberto Vivarelli , Storia delle origini del fascismo , volume II, Il Mulino, 2012, p. 221
  90. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 304.
  91. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 119.
  92. ^ Paolo Spriano, "L'Ordine Nuovo" ei Consigli di fabbrica , Torino, Einaudi, 1971 (seconda edizione), pp. 95-96. Circa la causa scatenante della vertenza, Spriano spiega che l'ora legale era considerata un retaggio della guerra ed era all'epoca "largamente impopolare".
  93. ^ G. Candeloro, op. cit . pp. 309-10.
  94. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 108: "Il 24 aprile le organizzazioni sindacali ordinano la ripresa del lavoro senza aver ottenuto il riconoscimento delle commissioni interne (i "consigli di fabbrica")."
  95. ^ Antonio Gramsci, Superstizione e realtà (editoriale non firmato) in "L'Ordine Nuovo", anno II n. 1, 8 maggio 1920. L'articolo è ora raccolto in Antonio Gramsci, L'Ordine Nuovo 1919-1920 , Einaudi, Torino 1987, pp. 502 sgg.
  96. ^ Mimmo Franzinelli e Paolo Cavassini, Fiume, l'ultima impresa di D'Annunzio , Milano, Le scie Mondadori, 2009, p. 218
  97. ^ Angelo Visintin, Una città in grigioverde , in Storia e Dossier , p. 16, ottobre 1992.
  98. ^ Ruggero Giacomini, La rivolta dei bersaglieri e le giornate rosse. I moti di Ancona dell'estate 1920 e l'indipendenza dell'Albania , Ancona, Assemblea legislativa delle Marche/ Centro culturale "La Città futura", 2010.
  99. ^ Paolo Spriano, L'occupazione delle fabbriche. Settembre 1920 , Einaudi, Torino 1973 (quarta edizione), pp. 35-7.
  100. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 37-38.
  101. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 124.
  102. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 325
  103. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 38.
  104. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., pp. 38, 40-1. Secondo i dati riportati da Spriano, ad esempio, il capitale dell'Ilva era decuplicato fra il 1916 e il 1918; il capitale della FIAT era passato da lire 17.000.000 nel 1914 a lire 200.000.000 nel 1919; il capitale dell'Ansaldo era aumentato da lire 30.000.000 nel 1914 a lire 500.000.000 nel 1919.
  105. ^ Bruno Buozzi, citato in P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 43. Le ultime frasi della dichiarazione di Rotigliano sono anche riportate, con lievi varianti, in A. Tasca, op. cit. , p. 124.
  106. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 44.
  107. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 51-3.
  108. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 53.
  109. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 54.
  110. ^ Una prima "serrata" a Milano , La Stampa , 31 agosto 1920, p. 1: "L'occupazione è avvenuta senza violenze personali. Dopo aver sequestrato negli uffici i dirigenti, i capi servizio, gli operai hanno posto anche una loro guardia alle casseforti per impedire che ne fossero distolti da chicchessia i valori. Allo stabilimento Isotta Fraschini furono sequestrati nei loro uffici anche l'avv. Isotta e il signor Vincenzo Fraschini verso i quali gli operai usarono ogni riguardo [...] L'occupazione come dicemmo è avvenuta tranquillamente. Alla Questura non pervennero che le rimostranze di quelli che si vedevano sequestrati."
  111. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 56.
  112. ^ La serrata in tutte le officine metallurgiche in Inghilterra , La Stampa, 31 agosto 1920, p. 1
  113. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 63.
  114. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 56; p. 63; pp. 66-7; pp. 158-9 e passim .
  115. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 126: "Gli episodi di violenza - ingegneri tenuti a forza nelle officine - son tuttavia minimi e presto frenati; non s'è quasi versato sangue; i morti si contano sulle dita di una sola mano, e son tutti dovuti ad iniziative isolate di qualche scalmanato. Poca cosa, se si tien conto dell'estensione e della gravità del sommovimento che si sta producendo, e delle migliaia di officine e dei milioni di operai che l'occupazione ha coinvolto."
  116. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 328.
  117. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 57-58.
  118. ^ a b G. Candeloro, op. cit. , p. 329.
  119. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 73.
  120. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 74.
  121. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 66, 68.
  122. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., pp. 69, 148.
  123. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 88-89.
  124. ^ P. Spriano, "L'Ordine Nuovo" ei Consigli di fabbrica , cit., p. 120.
  125. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 98-99, 124.
  126. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 86-89.
  127. ^ Battista Santhià, Con Gramsci all'Ordine Nuovo , Firenze, Editori Riuniti, giugno 1956, p. 99: "Finalmente si giunse ad una decisione: costruire bombe. Sapevamo dove reperire gelatina, balistite, capsule e miccia in quantità. Avevamo tutto il necessario, mancavano però i tecnici. Ma con buona volontà e l'energia tutto fu risolto."
  128. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 100: "Vengono quindi istituiti dei corpi di volontari che si impegnano a difendere anche con le armi gli stabilimenti occupati. Nasce "la Guardia Rossa", organizzata, armata, decisa anche allo scontro con le truppe"
  129. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 107: "Nel 1920, in tutti i nodi ferroviari della penisola, si potevano trovare, durante i grandi scioperi e le occupazioni delle fabbriche, i picchetti armati di ferrovieri."
  130. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 89.
  131. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 92.
  132. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 103-105.
  133. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 108-109.
  134. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 110-111.
  135. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 107.
  136. ^ a b P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 112.
  137. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 128: "Porre come obiettivo il controllo, equivale a dichiarare che non vi è l'intenzione di spingersi oltre; è dichiarare che si evacueranno le officine, una volta che esso sarà raggiunto."
  138. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche cit., p. 125 e n.
  139. ^ A. Tasca, op. cit. , pp. 128-9: "Dietro questo bizantineggiare si nasconde la paura comune delle responsabilità: la CGL offre ai massimalisti ed ai comunisti che sono alla testa del partito di prendere la direzione del movimento, sapendo assai bene che non hanno alcuna intenzione di assumerla. [...] La Direzione del partito ha perduto dei mesi interi a predicare la rivoluzione, non ha niente previsto, niente preparato: quando i voti di Milano dànno la maggioranza alla tesi confederale, i dirigenti del partito tirano un sospiro di sollievo. Liberati adesso da ogni responsabilità, possono gridare a piena gola al tradimento della CGL; hanno così qualche cosa da offrire alle masse che hanno abbandonato al momento decisivo, felici che un tale epilogo permetta loro di salvare la faccia".
  140. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 132-133.
  141. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 333.
  142. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 130.
  143. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 166-167.
  144. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 149.
  145. ^ I drammatici particolari rivelati dall'indagine giudiziaria nell'assassinio dell'impiegato Sonzini e della guardia carceraria Scimula , in La Stampa , 12 ottobre 1920. URL consultato il 29 ottobre 2012 . "Dall'arresto di due commissari della Ditta Nebiolo per stabilire in quali precise circostanze era stato formalo e giudicato il Sonzini, da documenti rinvenuti, risultò che in quella tragica sera lo Scimula ed il Sonzini non furono i due soli individui arrestati dagli arditi rossi, ma vi furono altresì l'ufficiale di artiglieria pesante Giuseppe Ghersi ed un vecchio signore svizzero, certo Zweifel Giovanni" (pagina 5).
  146. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 149 e n.
  147. ^ Antonio Gramsci , Semplici riflessioni intorno a un processo , in "L'Ordine Nuovo", 3 marzo 1922, ora in: Id., Socialismo e fascismo. L'Ordine Nuovo 1921-1922 , Torino, Einaudi, 1978 (settima edizione), p. 463: "Tutto l'apparecchio giornalistico borghese fu mobilitato per questo fine. Le elezioni municipali del novembre 1920 furono impostate dai blocchi reazionari sulla strage del Sonzini e del Scimula: a Milano, a Bologna, a Roma, a Firenze, a Napoli, a Palermo, i muri furono tappezzati di manifesti clamorosi, in cui il bolscevico col coltello fra i denti fu esposto alla pubblica esecrazione, raffigurato com'era nell'atto di eseguire la carneficina dei due giovani."
  148. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 156.
  149. ^ Battista Santhià, Con Gramsci all'Ordine Nuovo , Firenze, Editori Riuniti, giugno 1956, p. 128: "Il 27 l'Avanti pubblicò un comunicato in cui apertamente si riconosceva che la lotta era finita con la sconfitta degli operai per colpa dei dirigenti riformisti."
  150. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 332.
  151. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 100
  152. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 108
  153. ^ Antonio Gramsci, Ancora delle capacità organiche della classe operaia (articolo non firmato) in " l'Unità ", 1º ottobre 1926; ora in Id., La costruzione del Partito comunista, 1923-1926 , Torino, Einaudi, 1971, pp. 347-348.
  154. ^ P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., pp. 162-163.
  155. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, p. 100: "Ma i socialisti, di fronte al compromesso, si trovano inevitabilmente divisi. Metà degli iscritti al Partito sono convinti che l'accordo con gli industriali non sia soddisfaciente e accusano la direzione del Partito e le organizzazioni sindacali di aver provocato il fallimento di quel moto che avrebbe potuto condurre la classe operaia alla conquista del potere."
  156. ^ Paolo Spriano, L'occupazione delle fabbriche. Settembre 1920 , Torino, Einaudi, 1973 (quarta edizione), p. 178: "L'occupazione delle fabbriche doveva, nella pubblicistica fascista, evocare l'immagine del caos e della violenza, e giustificare, perciò stesso, la provvida reazione mussoliniana".
  157. ^ Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna. Volume ottavo. La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l'avvento del fascismo , Feltrinelli, Milano 1996 (sesta edizione), pp. 334-5.
  158. ^ Paolo Spriano, L'occupazione delle fabbriche. Settembre 1920 , Torino, Einaudi, 1973 (quarta edizione), pp. 176-178.
  159. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 335.
  160. ^ Sven Reichardt, Camicie nere, camicie brune , 2003, Società Editrice Il Mulino, Bologna, 2009, p. 174: "Potevano disporre del ricavato di imposte localmente stabilite sugli immobili, sulle attività produttive ea carico delle famiglie, potevano concedere in affitto i terreni comunali, esercitare la sorveglianza sulle attività produttive, e avevano competenza in materia di piani regolatori e di assistenza sociale."
  161. ^ G. Candeloro, op. cit. , pp. 335-6.
  162. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 272, sottolinea l'errore tattico commesso al riguardo dal PSI con questo "atteggiamento che spesso non distingue tra quelli che hanno voluto la guerra e quelli che l'hanno combattuta con la coscienza di compiere un dovere".
  163. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, pag 12: "Nelle città italiane c'è gente che insulta gli ufficiali. "Siete stati voi a volere la guerra, voi siete i responsabili di tutto questo. Nascono frequenti e gravi incidenti".
  164. ^ Piero Operti in Lettera aperta a Benedetto Croce riportata in Pino Rauti - Rutilio Sermonti , Storia del Fascismo, verso il Governo , Centro Editoriale Nazionale, Roma, p. 107: "Inermi e mancanti chi del braccio, chi della gamba, eravamo nell'impossibilità di opporre qualsiasi reazione: ci strapparono le medaglie; le calpestarono; non fecero di più, soddisfatti del gesto o spenta l'ira dalla nostra passività, e si scostarono. Noi raccogliemmo dalla polvere le nostre medaglie e tornammo all'Ospedale".
  165. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 159: "Quando si scorrono pazientemente i giornali dell'epoca, si può constatare che gli episodi di aggressione contro gli ufficiali sono stati relativamente poco numerosi. I più gravi si son prodotti a titolo di rappresaglia per le aggressioni, nelle vie di Roma, di deputati socialisti da parte di ufficiali nazionalisti o fascisti. Sarebbe tuttavia errato l'attenersi ad un semplice criterio statistico. Quando un ufficiale è ingiuriato o percosso, tutti gli altri si sentono umiliati e colpiti in lui, nel loro spirito e nella loro carne [...]. La stampa borghese si incarica di moltiplicarne e prolungarne la eco, di generalizzare e falsare l'episodio con invenzioni nefande, atte a suscitare l'odio ea renderlo irreducibile [...]".
  166. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 144.
  167. ^ Giampiero Carocci , Storia del fascismo , Roma, Newton Compton, 1994, p. 16.
  168. ^ A. Tasca, op. cit. , p. 151.
  169. ^ G. Candeloro, op. cit. , p. 345.
  170. ^ Gaetano Salvemini, La dittatura fascista in Italia , in Scritti sul fascismo , Milano, Feltrinelli, 1962, pp. 17-31; la statistica di Salvemini è riportata in P. Spriano, L'occupazione delle fabbriche , cit., p. 158.
  171. ^ Roberto Giorgi, Olive Amare , Monterotondo, Montegrappa Edizioni, 2013.

Bibliografia

  • Angelo Tasca , Nascita e avvento del fascismo. L'Italia dal 1918 al 1922 , a cura di Sergio Soave, Firenze , La Nuova Italia , 1995. (La prima edizione francese apparve a Parigi nel 1938; la prima edizione italiana, con una nuova prefazione dell'autore, a Firenze nel 1950; ulteriore edizione Bari, Laterza 1965, con una premessa di Renzo De Felice).
  • Paolo Spriano , L'occupazione delle fabbriche. Settembre 1920 , Torino, Einaudi , 1964
  • Renzo De Felice , Mussolini il rivoluzionario , Torino, Einaudi , 1965
  • Gianni Bosio, La grande paura , Roma, Samonà e Savelli, 1970
  • Paolo Spriano, "L'Ordine Nuovo" ei Consigli di fabbrica , Einaudi, Torino 1971
  • Giuseppe Maione, Il biennio rosso. Autonomia e spontaneità operaia nel 1919-1920 , Bologna , Il Mulino , 1975
  • Giovanni Sabbatucci (a cura di), La crisi italiana del primo dopoguerra. La storia e la critica , Bari , Laterza , 1976
  • Paolo Alatri, Nitti, D'Annunzio e la questione adriatica , Milano, Feltrinelli , 1976
  • Giorgio Candeloro , Storia dell'Italia moderna. Volume ottavo. La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l'avvento del fascismo , Milano, Feltrinelli , 1978
  • Massimo L. Salvadori , Dopo Marx. Saggi su socialdemocrazia e comunismo , Einaudi, Torino 1981
  • Francesco Barbagallo, Francesco Saverio Nitti , Torino, Utet , 1984
  • Maurizio Federico, Il Biennio Rosso in Ciociaria , Cassino, IN.GRA.C, 1985
  • Roberto Vivarelli, Storia delle origini del fascismo. L'Italia dalla grande guerra alla marcia su Roma , 3 voll., Bologna , Il Mulino , 1991
  • AA. VV., Le rivoluzioni sconfitte, 1919/20 , a cura di Eliana Bouchard, Rina Gagliardi, Gabriele Polo, supplemento a " il manifesto ", Roma, sd (ma 1993)
  • John Barzman, Entre l'émeute, la manifestation et la concertation: la «crise de la vie chère» de l'été 1919 du Havre , e Tyler Stoval, Du vieux et du neuf: èconomie morale et militantisme ouvrier dans le luttes contre la vie chère à Paris en 1919 , in «Le Mouvement social», n. 170, gennaio-marzo 1995, pp. 61–113
  • Charles S. Maier, La rifondazione dell'Europa borghese. Francia, Germania e Italia nel decennio successivo alla prima guerra mondiale , Bologna , Il Mulino , 1999 (De Donato, 1979)
  • Christophe Charle, La crise des sociétés impériales. Allemagne, France, Grande-Bretagne 1900-1940. Essai d'histoire sociale comparée , Parigi, Seuil, 2001
  • Roberto Bianchi, Bocci-Bocci. I tumulti annonari nella Toscana del 1919 , Firenze, Olschki, 2001
  • Claudia Salaris , Alla festa della rivoluzione. Artisti e libertari con D'Annunzio a Fiume , Bologna , Il Mulino , 2002
  • Roberto Bianchi, Les mouvements contre la vie chère en Europe au lendemain de la Grande Guerre , in Le XXe siècle des guerres , Parigi, Les Editions de l'Atelier, 2004, pp. 237–245
  • AA. VV. I due bienni rossi del Novecento 1919-1920 e 1968-1969 . Studi e interpretazioni a confronto, atti del convegno di Firenze, settembre 2004, Roma, Ediesse , 2006
  • Roberto Bianchi, Pace, pane, terra. Il 1919 in Italia , Roma, Odradek Edizioni, 2006
  • Giorgio Rochat, L'esercito italiano da Vittorio Veneto a Mussolini 1919-1925 , Roma- Bari , Laterza , 2006
  • Marco Mondini, La politica delle armi. Il ruolo dell'esercito nell'avvento del fascismo , Roma- Bari , Laterza , 2006
  • Andrea Baravelli, La vittoria smarrita. Legittimità e rappresentazioni della Grande Guerra nella crisi del sistema liberale (1919-1924) , Roma, Carocci , 2006
  • Giulia Albanese, La marcia su Roma , Roma- Bari , Laterza , 2006
  • Fabio Fabbri, Le origini della guerra civile. L'Italia dalla Grande Guerra al fascismo. 1918-1921 , Torino, UTET , 2009.
  • Roberto Giorgi, Olive Amare , Monterotondo, Montegrappa Edizioni, 2013, ISBN 978-88-95826-21-9
  • Giampietro Berti, Errico Malatesta e il movimento anarchico italiano e internazionale (1872-1932) , Milano, FrancoAngeli, 2003, ISBN 88-464-4934-7 .
  • Franco Schirone (a cura di), Cronache anarchiche. Il giornale Umanità nova nell'Italia del Novecento (1920-1945) , Mlano, Zero in condotta, 2010, ISBN 978-88-95950-13-6 .
  • L'Unione anarchica italiana. Tra rivoluzione europea e reazione fascista , Milano, Zero in condotta, 2006.
  • Christopher Seton-Watson, L'Italia dal liberalismo al fascismo 1870-1925 , Bari, Laterza, 1976.

Voci correlate

Collegamenti esterni