Bolonya

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Bolonya (desambiguació) .
Bolonya
comú
Bolonya - Escut d'armes Bolonya - Bandera
( Detalls ) ( Detalls )
Bolonya - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emília Romanya
Ciutat metropolitana Ciutat metropolitana de Bolonya - Stemma.svg Bolonya
Administració
Alcalde Virginio Merola ( PD ) del 24-5-2011 (2n mandat del 20-6-2016)
Idiomes oficials Italià
Territori
Coordenades 44 ° 29'38 ​​"N 11 ° 20'34" E / 44.493889 ° N 11.342778 ° E 44.493889; 11.342778 (Bolonya) Coordenades : 44 ° 29'38 ​​"N 11 ° 20'34" E / 44.493889 ° N 11.342778 ° E 44.493889; 11.342778 ( Bolonya )
Altitud 54 m slm
Superfície 140,86 km²
Habitants 394 369 [2] (31-5-2021)
Densitat 2 799,72 habitants / km²
Fraccions Lavino di Mezzo , Quarto Superiore , San Nicolò di Villola i els districtes de Bolonya
Municipis veïns Anzola dell'Emilia , Calderara di Reno , Casalecchio di Reno , Castel Maggiore , Castenaso , Granarolo dell'Emilia , Pianoro , San Lazzaro di Savena , Sasso Marconi , Zola Predosa
Altra informació
Idiomes Italià, emilià
Codi Postal 40121 a 40141
Prefix 051
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 037006
Codi cadastral A944
Placa BO
Cl. sísmic zona 3 (baixa sismicitat) [3]
Cl. climàtic zona E, 2 259 GG [4]
Anomenar habitants Bolonyès, bolonyès o petronians
Patró San Petronio , Santa Caterina de 'Vigri
Festa 4 d’octubre
Sobrenom Els apresos, els greixos, els vermells [1]
Lema Libertas
Llibertat
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bolonya
Bolonya
Bolonya: mapa
Posició del municipi de Bolonya a la ciutat metropolitana del mateix nom
Web institucional

Bolonya ( Pronunciació [ ? · Informació ] , AFI : / boˈloɲ: a / [5] [6] ; Bulåggna, AFI : / bulʌɲ: ɐ / , en bolonyesa [7] ) és una ciutat italiana de 394.369 habitants [2] , capital de la ciutat metropolitana homònima , al seu torn la capital de Emília-Romanya [8] , que es troba al centre d'una àrea metropolitana d'aproximadament un milió d'habitants [9] . Seu de la universitat més antiga del món occidental [10] [11] , acull nombrosos estudiants que animen la seva vida cultural i social. Conegut per les seves torres , les seves llargues arcades i un centre històric ben conservat, un dels més grans d’ Itàlia .

La ciutat, els primers assentaments de la qual es remunten almenys al primer mil·lenni aC , va ser un important centre urbà primer sota els etruscs i els celtes , després sota els romans i, a l’ edat mitjana , com a municipi lliure . Capital del nord de l'estat papal a partir del segle XVI , va tenir un paper molt important durant el Risorgimento i, durant la Segona Guerra Mundial , va ser un important centre de la resistència . Després de la Segona Guerra Mundial , com una gran part d'Emília, va ser governada gairebé contínuament per administracions d' esquerres .

Bolonya és un important centre de comunicacions per carretera i ferrocarril al nord d’Itàlia , en una zona on resideixen importants indústries mecàniques, electròniques i alimentàries. Allotja institucions culturals, econòmiques i polítiques de prestigi i un dels districtes firals més avançats d’ Europa . El 2000 va ser la " capital europea de la cultura ", mentre que des del 2006 és una " ciutat creativa per a la música " de la UNESCO [12] . El 2021 les seves arcades van ser reconegudes com a Patrimoni de la Humanitat per la UNESCO [13] .

Geografia física

Panorama de Bologna.jpg
Vista panoràmica de Bolonya des de la plaça de San Michele in Bosco .

Territori

Bolonya es troba a la branca sud de la vall del Po , a prop dels primers turons de l' Apení toscano-emilià , entre les desembocadures de les valls del riu Reno i del torrent Savena , que la banyen longitudinalment, respectivament a l'oest i a l'est . L’altimetria del terme municipal oscil·la entre 29 m sobre el nivell del mar al districte de Corticella fins a 54 al centre de la capital, fins a uns 280 del Colle della Guardia que domina la zona urbana i uns 390 del Monte Sabbiuno a les fronteres meridionals del terme municipal [14] . Es troba a 117 km de Pàdua a través de Bolonya-Pàdua , a 213 km de Milà , a 108 km de Florència , a 376 km de Roma , a 118 km de Rímini i a 47 km de Mòdena .

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estació meteorològica Bolgo Panigale de Bolonya i Estació meteorològica Bolonya Centro .
Palazzo d'Accursio durant una nevada al març del 2018 .

Bolonya té un clima temperat humit amb estius molt càlids i humits i hiverns força freds i humits.

La temperatura mínima absoluta, registrada a l’aeroport de Guglielmo Marconi , és de -18,8 ° C registrats el 1966 mentre que el màxim absolut era +40,1 ° C registrats el 4 d’agost de 2017. Els estius més llargs i calorosos del normal es van produir el 2003 , 2012 , 2015 i 2017 , en què també hi va haver llargs períodes de sequera. La pluja mitjana a la ciutat oscil·la, segons l'any, de 600 a 900 mm i es concentren generalment a la primavera i la tardor.

A l’ hivern es poden produir nevades , de vegades gelades nocturnes molt abundants i freqüents: la de febrer de 1929 i més recentment la de febrer de 2012 (quan van caure) 119 cm de neu fresca a la ciutat) [15] .

La modesta ventositat contribueix a la formació de boires i boires i a la permanència d’una alta contaminació atmosfèrica resultant tant del trànsit local com de trànsit. De vegades, però, fins i tot hi ha hagut dies de ràfega 120 km / h (per exemple, el 26 de desembre de 1996 ) a causa del vent del nord; durant l'estiu, es poden registrar ràfegues fortes, fins i tot superiors a les 100 km / h durant les tempestes i altres tempestes locals.

CENTRE DE BOLOGNA Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 4.7 7.4 12.5 16.9 21,8 26.4 29.4 28,6 24.1 17.6 10.7 6.0 6.0 17.1 28.1 17,5 17.2
T. min. mitjàC ) 0,2 1.8 5.6 9.4 13.7 17.6 20.2 19,8 16,5 11.5 6.1 1.8 1.3 9.6 19.2 11.4 10.4
Precipitacions ( mm ) 44 37 52 61 66 48 34 39 56 79 73 54 135 179 121 208 643
Dies plujosos 6 5 7 8 8 6 4 5 6 8 8 7 18 23 15 22 78
Durada absoluta del sol ( hores a dies ) 2.6 3.5 4.6 5.9 7.2 8.4 9.3 8.5 6.7 4.9 2.9 2.5 2.9 5.9 8.7 4.8 5.6
Vent ( direcció - m / s ) W
2.9
W
2.8
W
2.9
S.
2.9
S.
2.9
S.
2.8
I
2.9
I
2.7
S.
2.7
W
2.8
W
2.9
W
2.9
2.9 2.9 2.8 2.8 2.8

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Bolonya i Cronologia de Bolonya .

Història antiga

Les poblacions de la Gàl·lia cisalpina .

La zona de Bolonya ha estat habitada des del tercer mil·lenni aC , però és sobretot a partir del segle IX aC que s’han registrat importants assentaments, tal com demostren les excavacions realitzades a partir de mitjan segle XIX a la propera Villanova , un llogaret de Castenaso . En aquest període, i fins al segle VI aC , la zona on avui es troba Bolonya va estar ocupada per assentaments de l’edat del ferro pertanyents a la civilització vilanovana . [16] [17] [18] Al segle VII - VI aC tenim evidències d'una obertura als models culturals i artístics de l' Etrúria tirrena, durant la qual la ciutat es deia Felsina (en etrusca Felzna o Felsna ).

Posteriorment ( segle V - IV aC ), amb la descendència dels gals a la península, els etruscs van perdre el control de la zona. El domini gal sobre la zona va durar fins al 196 aC , any en què els gals van ser sotmesos pels romans . El 189 aC aquests darrers van fundar una colònia de dret llatí al lloc al qual van donar el nom de Bononia .

Història medieval

Representació medieval de la ciutat

Després de la caiguda de l’Imperi, fou sotmès a Odoacre , a Teodoric el Gran ( 493 - 526 ), a Bizanci i finalment, el 727 , als llombards , per als quals constituïa principalment un centre militar. El 774 la ciutat va capitular davant Carlemany , que la va lliurar al papa Adrià I.

Repoblada al segle X , Bolonya va començar a nodrir les aspiracions municipals, cosa que va aconseguir afirmar a la mort de Matilde di Canossa el 1115 , obtenint l'any següent una sèrie de concessions econòmiques i jurisdiccionals de l' emperador Enric V.

Els fonaments de la reconeguda primera universitat del món occidental ( Studium ) es remunten convencionalment al 1088 . Entre els primers professors hi havia els juristes Pepone , Accursio i Irnerio , que van fer famosa l’escola de dret bolonyesa a tot Europa.

El municipi va participar en la lluita contra Barbarroja , que va acabar amb la pau de Constança el 1183 , després de la qual va experimentar una forta expansió, inclosa la construcció (període de les cases-torre ): va ser un dels principals centres d’ intercanvi comercial gràcies a un avançat sistema de canals que permetia el trànsit de grans quantitats de mercaderies i proporcionava l'energia necessària per alimentar nombrosos molins industrials. A finals del segle XIII tenia 50.000, potser 60.000 habitants.

Canal de Moline

Al segle XIII Bolonya va participar en les lluites entre güelfs i gibel·lins , amb diverses fortunes. El 1249 els bolonyesos van aconseguir capturar el rei Enzo de Sardenya , fill de Frederic II de Suàbia , que va ser presoner fins a la seva mort ( 1272 ) al palau del mateix nom .

El 1257 , per primera vegada a Itàlia i potser al món, l' alcalde Bonaccorso da Soresina va promulgar el Liber Paradisus que abolia l'esclavitud i redimia els serfs, pagant als antics propietaris amb diners públics i a preus de mercat.

Entre finals del segle XIII i principis del segle XIV , les lluites internes van debilitar les institucions municipals i la ciutat es va convertir gradualment en l'autoritat papal. El 1327 el llegat papal Bertrando del Poggetto va prendre la ciutat, i va ser expulsat per aclamació popular el 1334 . El 1337 va començar la senyoria dels Pepoli [19] . A la mort de Taddeo Pepoli, el govern de la ciutat va passar als Visconti de Milà i després a l'església. Després d'un efímer període municipal, el 1401 la senyoria de la ciutat va passar al Bentivoglio , que la va mantenir -entre diversos esdeveniments- fins a la seva expulsió pel papa Juli II el 1506 .

Climent VII i Carles V a Bolonya per la coronació d’aquest darrer el 1530.

Història moderna

El 1507 Bolonya va passar a l'Estat Papal i el 1530 es va celebrar la coronació de l' emperador Carles V pel papa Climent VII a la basílica de San Petronio . La ciutat va romandre a l'estat papal fins al 1796 , quan les tropes franceses van arribar a Bolonya amb Napoleó . Tanmateix, després del Congrés de Viena ( 1815 ) la ciutat va tornar a l'Estat papal. Els austríacs s'hi van establir, per ser annexionats amb el plebiscit de l'11 al 12 de març de 1860 , al Regne de Sardenya, que es convertirà en el Regne d'Itàlia exactament dotze mesos després.

Segona Guerra Mundial

Bolonya celebra l'alliberament el 21 d'abril de 1945

La ciutat de Bolonya va estar exposada a nombroses accions de bombardeig durant la Segona Guerra Mundial . Els atacs aeris van tenir efectes devastadors sobre la ciutat, incloent la pèrdua de més de 3.000 vides, la destrucció de monuments, la interrupció de la fesomia dels barris del centre històric i els danys importants a l' estació de ferrocarril principal.

Bolonya va pagar un pes de sang per la seva oposició a la República de Salò i a les tropes nazis invasores. L'episodi més famós de la resistència va ser la batalla de Porta Lame , lliurada el 7 de novembre de 1944 .

El matí del 21 d’abril de 1945 , en una Bolonya abandonada ara pels alemanys, van entrar els soldats del II Cos polonès de l’ exèrcit britànic , les unitats avançades de les divisions 91a i 34a dels Estats Units, avantguardistes dels grups de combat. la ciutat fins a l'alegria de la població: italians "Friuli" i "Legnano", i partidaris de la " Brigada Maiella ".

Història recent

Els enderrocs de l’ala oest de l’estació central de Bolonya després de l’ atac del 2 d’agost de 1980

Del 1945 al 1999 la ciutat va tenir alcaldes d’ esquerra ininterromputs, el més famós dels quals va ser Giuseppe Dozza .

Durant l'administració de Renato Zangheri , el 2 d'agost de 1980 va esclatar una bomba a l'estació central de Bolonya que va causar vuitanta-cinc morts i més de dos-cents ferits: aquest succés va passar a la història com la massacre de Bolonya . Els judicis posteriors van determinar la matriu del terrorisme negre .

Entre el 1987 i el 1994 la banda dels White Uno es va enfurismar a Emília-Romanya, i en particular a la zona de Bolonya. L'acció més cruenta de la banda, coneguda com la massacre del Pilar , va tenir lloc el 4 de gener de 1991 , quan tres mosquetons van morir en una emboscada.

El 1999 es va interrompre la tradició d'alcaldes d'esquerres amb l'afirmació del candidat cívic de centre-dreta Giorgio Guazzaloca . Durant el seu mandat, el 19 de març de 2002 , l'advocat laboralista i consultor laboralista Marco Biagi va ser assassinat per les Noves Brigades Vermelles . L’experiència del centre-dreta va acabar el 2004 quan l’antic sindicalista Sergio Cofferati va ser elegit primer ciutadà. El següent alcalde, Flavio Delbono , elegit el 2009 , va dimitir el gener del 2010 després de les investigacions judicials. El 2011 es va escollir Virginio Merola , del Partit Demòcrata , que es va tornar a confirmar el 2016 .

Símbols

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: escut de Bolonya .
La pancarta oficial de la ciutat de Bolonya

El escut d'armes de Bolonya consisteix en un escut oval dividit en quatre parts, dues que conté una creu vermella sobre un fons blanc coronat per una cape d'Anjou i els altres dos els or- LIBERTAS inscripció acolorits en un blau de fons, tot coronat per una cap de lleó enfrontat .

La bandera de la ciutat és una creu vermella sobre fons blanc, derivada de l'arma del municipi , és a dir, del primer i quart quadrant de l'escut de la ciutat. La bandera flueix junt amb les banderes europea i italiana a totes les oficines institucionals de l’administració municipal.

Honors

La ciutat i els habitants de Bolonya reben els següents honors:

El president de la República, Enrico De Nicola, atorga la medalla d’or al valor militar a la bandera de Bolonya
Medalla d’or per a les Meritòries Ciutats del Risorgimento Nacional - cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or per a les Benemèrites Ciutats del Risorgimento Nacional
«Com a recompensa al valor demostrat per la ciutadania en l'episodi militar del 8 d'agost de 1848. L'estiu de 1848, els austríacs envaeixen el territori emilià i entren a Bolonya el 4 d'agost. Provocats pels soldats, els bolonyesos s’aixequen quatre dies després, assalten el Montagnola, amb vistes a la plaça d’Armi, i obliguen l’enemic a abandonar la ciutat. El 7 de maig de 1849, els austríacs van assetjar Bolonya de nou, bombardejant-la i privant-la del subministrament d'aigua fins a la capitulació, el 15 del mateix mes "
- 13 de novembre de 1898 [21]
Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
"Una ciutat partidària, fidel a les tradicions antigues, no volia sucumbir a l'arrogància de l'alemany invasor i amb la sang pura de milers dels seus millors fills, amb les seves cases destruïdes i en èpiques i quotidianes batalles sostingudes amb les armes arrabassades a l'enemic, va estar a l'avantguarda en la lluita desigual i en la insurrecció que, en la radiant albora d'abril de 1945, va portar el país a recuperar la seva llibertat. Setembre 1943 - Abril 1945 "
- 2 de novembre de 1946 [22]
Medalla d’or al valor civil - cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor civil
«Després de l'atac terrorista criminal que va impactar greument la ciutat, tota la població, tot i que estava implicada emocionalment, va donar una prova excepcional de fermesa democràtica i coratge civil. En un concurs espontani de solidaritat, va col·laborar activament amb els organismes estatals, treballant amb un entusiasme exemplar en les operacions de rescat. D’aquesta manera, gràcies a la seva actualitat i eficiència, va contribuir a salvar de la mort nombroses vides humanes, suscitant l’aplaudiment i l’admiració incondicional de tota la nació "
- 13 de juliol de 1981 [23]

Monuments i llocs d'interès

«M'encanta Bolonya; per les faltes, els errors, les equivocacions de la joventut que vaig cometre feliçment aquí i de les quals no sé penedir-me. L’estimo pels amors i dolors que ella, la ciutat noble, em guarda els records als seus barris, em guarda la religió a la seva Cartoixa. Però l’estimo més perquè és bella ".

( Giosuè Carducci [24] [25] )

Les arcades

Logo blanc de la UNESCO.svg Ben protegit per la UNESCO
Pòrtics de Bolonya
Patrimoni Mundial de la UNESCO logo.svg Patrimoni de la Humanitat
El meu portici.jpg
Paio cultural
Criteri (iv)
Perill No està en perill
Reconegut des de 2021
Targeta UNESCO ( EN ) Pòrtics de Bolonya
( FR ) Full
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Portici di Bologna .

Bolonya és la ciutat de les arcades : més enllà 38 km només al centre històric [26] . Es troba a gairebé tots els carrers del centre i el seu origen s’atribueix en part a la forta expansió que va tenir Bolonya a la baixa edat mitjana . D'aquí la necessitat d'aprofitar a l'màxim l'espai i augmentar el volum cúbic de les cases mitjançant l'ampliació de les plantes superiors, primer amb la creació de fusta projeccions suportats per bigues, i després per pòrtics recolzats per columnes . Com en altres ciutats veïnes, les arcades us permeten recórrer la majoria dels carrers de la ciutat allunyats de la pluja i la neu. Com a àrea de trobada entre l’espai públic i el privat, també van ser un mitjà per a l’expansió d’activitats comercials i artesanals, així com per a la socialització.

Les arcades de Bolonya són una propietat italiana declarada Patrimoni de la Humanitat per la UNESCO el 2021 [27] .

Arquitectures religioses

Esglésies

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Esglésies de Bolonya .
Emilia Bologna2 tango7174.jpg
Piazza Maggiore; d’esquerra a dreta: Palazzo dei Banchi, Basílica de San Petronio, Palazzo dei Notai, Palazzo d’Accursio.
La basílica de San Petronio vista des de la torre Asinelli.
Santuari de la Madonna de San Luca.
El complex de Santo Stefano.

A la plaça Maggiore hi ha la imponent basílica gòtica de San Petronio construïda a instàncies del municipi entre el 1390 i el 1659 . Té un portal decorat amb baix relleus de Jacopo della Quercia , mentre que a l'interior hi ha algunes capelles notablement decorades. Al passadís esquerre, al terra, es pot veure el rellotge de sol més gran del món, dissenyat pel matemàtic Giovanni Domenico Cassini i construït el 1655.

És particularment d’interès l’ església de Sant Francesc del segle XIII (tot i que va patir intervencions importants al segle XIX i després de la Segona Guerra Mundial), el primer exemple del gòtic francès a Itàlia [28] . Coeval és l' església de San Domenico , on es troba l'arca on es conserven les restes del sant, fetes per Nicola Pisano i el taller, Niccolò dell'Arca i Miquel Àngel . Al costat de les dues esglésies hi ha els monuments funeraris dels glosadors .

A la plaça de Santo Stefano es troba el complex de Santo Stefano , també conegut com a "les set esglésies" a causa de la seva articulació en nombroses esglésies i capelles connectades per un pati i un claustre. El nucli original es va construir al segle VIII sobre un temple pagà del segle II dedicat a la deessa egípcia Isis , del qual queda un arquitrau dedicat a la deessa, tapiat a l’exterior i algunes columnes de granit africà. L’estructura arquitectònica principal és marcadament romànica, malgrat algunes modificacions posteriors.

La catedral de la ciutat dedicada a Sant Pere , situada a via Indipendenza , va ser construïda al segle XVII sobre les ruïnes de l’antic edifici paleocristià. Altres esglésies importants de la ciutat són San Giacomo Maggiore ( 1263 ), d’estil gòtic i amb un elegant pòrtic renaixentista; la basílica de Santa Maria dei Servi (construïda entre els segles XIV i XVI ), amb una Majestat de Cimabue i un suggestiu pòrtic a quatre vessants; Santa Maria della Vita (l'església del primer hospital de Bolonya, fundada el 1260 ), a l'interior de la qual hi ha la preciosa terracota de la Maria que plora, coneguda com a Lamentació sobre el Crist Mort i feta per Niccolò dell'Arca entre 1463 i 1490 .

Al Colle della Guardia, al sud-oest del nucli antic, es troba el pintoresc santuari de la Mare de Déu de San Luca ( 1765 ) i s’arriba a un llarg camí columnat que suggereix els segles XVII i XVIII (el més llarg del món, bé 3.796 km ).

Altres llocs de culte

A via De 'Gombruti n. 7 hi ha una sinagoga del 1954 dissenyada per Guido Muggia. També hi ha un centre de cultura islàmica i algunes petites mesquites .

Cementiris monumentals

No gaire lluny del centre històric es troba el monumental cementiri de la Certosa di Bologna , que es va inaugurar el 1801 transformant l'antiga Certosa di San Girolamo di Casara, construïda el 1350 i suprimida per Napoleó . [29] .

A les portes de Bolonya, a la frontera amb San Lazzaro di Savena , hi ha un complex militar de la Segona Guerra Mundial. El cementiri principal és el cementiri polonès , el més gran dels quatre cementiris militars dels polonesos que van morir a Itàlia durant la Segona Guerra Mundial.

Arquitectures civils

Torres

Le due torri.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Torri di Bologna .

Le torri gentilizie di Bologna , di origine medioevale, sono uno dei tratti più caratteristici della città. Di esse, circa un centinaio in origine, ne sopravvivono oggi solamente diciassette. Fra le torri superstiti si possono citare la Torre Azzoguidi (61 metri di altezza), la Torre Prendiparte (59,50 metri), e le ben più note due torri : la Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda .

Le due torri sono i monumenti simbolo della città: la Torre degli Asinelli (97,20 metri, la torre pendente più alta d'Italia) e la Torre della Garisenda (in origine alta 60 metri, ora 48) edificate per volere di nobili ghibellini nel XII secolo . La più pendente delle due, la Garisenda, fu citata più volte da Dante Alighieri , nella Divina Commedia ( Inferno , XXXI, 136-140) e nelle Rime, a riprova del suo soggiorno a Bologna.

«Qual pare a riguardar la Garisenda
'sotto 'l chinato, quando un nuvol vada
sovr'essa sì, che ella incontro penda
tal parve Anteo a me che stava a bada
di vederlo chinare ...»

( Dante Alighieri - Inferno, XXXI, 136-140 )

Palazzi storici e ville

Palazzo D'Accursio
Palazzo del Podestà
Palazzo Re Enzo
Fontana del Nettuno

Affacciati su piazza Maggiore sorgono il Palazzo Comunale (o d'Accursio) ( XIII - XV secolo ) e il Palazzo del Podestà (ampiamente rimaneggiato nel 1485 ), accanto al duecentesco Palazzo Re Enzo (il cui aspetto attuale si deve al restauro neogotico di Alfonso Rubbiani del 1905 ).

La maggior parte dei palazzi di Bologna risale principalmente all'epoca in cui la città era inglobata nello Stato della Chiesa tra il XVI e il XVIII secolo e appartenevano alle famiglie senatorie che governavano Bologna a quei tempi. Alcuni furono costruiti altri, già presenti, solo ammodernati. I Bentivoglio precedentemente furono tra le prime famiglie a costruirsi un loro palazzo che però fu distrutto e le macerie si trovano ai Giardini del Guasto dei Bentivoglio , dietro il Teatro Comunale .

L' Archiginnasio di Bologna è uno dei palazzi più significativi della città: fu sede dell'antica Università, dal 1563 al 1803 . Il palazzo fu costruito nel 1562 su progetto di Antonio Morandi (detto il Terribilia), ed è ricchissimo di storia e opere d'arte. Citiamo il complesso araldico murale (che si compone di più di 6 000 stemmi studenteschi), e il teatro anatomico (che risale al 1637 , sala dedicata allo studio dell'anatomia a forma di anfiteatro, costruita in legno d'abete, soffitto a cassettoni, e decorata con statue di illustri medici del passato e di modelli anatomici dell'artista Lelli). Dal 1838 è sede della Biblioteca Comunale.

Per quanto riguarda le ville, in alcuni casi si tratta di antichi conventi o luoghi di culto che, in età napoleonica, vennero venduti a privati e in qualche occasione trasformati appunto in ville. Queste sono state e sono ancora dimore appartenenti alle famiglie più agiate della città. Alcuni notevoli esempi di questi edifici si possono trovare nei dintorni della città, sui colli circostanti oppure verso San Lazzaro.

Fontane

Uno dei più noti simboli di Bologna è la fontana del Nettuno , sita nell'omonima piazza, adiacente a piazza Maggiore. Voluta dal cardinale legato Carlo Borromeo , fu progettata da Tommaso Laureti ed è sormontata da una statua rappresentante il dio del mare Nettuno, opera del Giambologna .

L'altra fontana cittadina degna di nota è la cosiddetta Fontana Vecchia , addossata al palazzo Comunale (oggi Sala Borsa ) in via Ugo Bassi , opera dello stesso Tommaso Laureti che progettò la più famosa fontana del Nettuno nel XVI secolo.

All'interno del Parco della Montagnola è situata la fontana costruita in occasione dell' Esposizione emiliana del 1888 , con sculture che raffigurano animali, ad opera di Diego Sarti .

Architetture militari

Mura

Porta Saragozza, una delle 12 porte della terza cerchia di mura.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mura di Bologna .

In epoca storica Bologna ebbe almeno tre cerchie di mura : la più antica di cui resta traccia fu costruita in blocchi di selenite in epoca tardo-antica . La seconda cerchia, detta "dei Torresotti" o "del Mille" è tradizionalmente attribuita alla metà del XII secolo , anche se ora gli storici hanno preso in considerazione una retrodatazione di circa un secolo.

La terza e ultima più grande cerchia di mura risale al XIII e XIV secolo , e non ebbe mai un'efficacia difensiva. Di essa, dopo il discutibile abbattimento avvenuto all'inizio del XX secolo , sono rimaste dieci delle dodici porte e alcuni piccoli tratti murari.

Entro il tracciato di queste mura il tessuto urbano della città è rimasto in gran parte intatto: questo lo rende uno dei centri storici più estesi d'Italia.

Lunette e forti

Una linea difensiva ancora più esterna all'ultima cerchia di mura fu costituita da strutture militari non connesse tra di loro. Si trattava di diciassette lunette e nove forti , dislocati perifericamente nella porzione pianeggiante della città. La costruzione di questa linea difensiva ebbe inizio nel 1860 per volontà dal Gen. Manfredo Fanti , ministro della guerra del Regno di Sardegna a cui Bologna, con tutta la legazione delle Romagne , era appena stata annessa. [30] Ne rimangono esempi esigui, talvolta solo nella toponomastica , come ad esempio il caso dell'area occupata dallo spazio pubblico adibito a parco giochi , oggi noto come Giardino della Lunetta Gamberini .

Aree naturali

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Giardini di Bologna
Statua equestre di Vittorio Emanuele II, opera di Giulio Monteverde (1884), ai Giardini Margherita.
Giardini Margherita
Il principale parco pubblico di Bologna venne inaugurato nel 1879, grande circa 26 ettari, contiene un lago artificiale e varie specie faunistiche e floreali. Al suo interno vi è una palazzina liberty, una statua equestre di Vittorio Emanuele II , una riproduzione di una capanna villanoviana , uno stagno didattico per i bambini, un bar e un locale da ballo, diversi campi da tennis, pallacanestro, pallavolo, calcetto, una pista di go kart, un coworking e spazio polifunzionale nato al posto delle vecchie serre dei giardini. In passato vi era un piccolo zoo , di cui rimane, riutilizzata per altri usi, la gabbia del leone.
Giardino della Montagnola
Il parco più centrale e uno dei più antichi, si trova nei pressi della Stazione centrale e dell'Autostazione. Ha due ingressi principali: uno costituito dalla scalinata del Pincio, di fronte all'Autostazione, e uno su via Irnerio.
Giardino del Guasto
Un piccolo giardino nella zona universitaria, costruito sulle macerie di un importante palazzo nobiliare, Palazzo Bentivoglio , distrutto nel 1507. Il giardino attuale, inaugurato nel 1975 su progetto dell'architetto Gennaro Filippini, risulta rialzato rispetto al livello stradale e si estende su una superficie di circa tremila metri quadri, di cui gran parte ricoperti di calcestruzzo.
Giardino della Lunetta Gamberini
Nel quartiere Santo Stefano , è un parco di 14,5 ettari inaugurato negli anni Settanta.
Orto botanico
È il giardino botanico dell' Università di Bologna , fondato nel 1568 da Ulisse Aldrovandi e considerato uno dei più antichi d'Europa.
Parco Carlo Urbani
Il parco fluviale del Savena che si trova fra Bologna e San Lazzaro di Savena , ospita numerose specie animali e una ricca varietà di flora.
Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell'Abbadessa
Ha una superficie di 3 123 ettari e si sviluppa sulle prime pendici della collina bolognese e comprende territori dei comuni di Bologna, San Lazzaro di Savena , Ozzano dell'Emilia e Pianoro , ad altitudini comprese fra 70 e 400 m slm , intorno a importanti affioramenti gessosi che hanno dato vita a un complesso carsico di notevole interesse.

Società

Evoluzione demografica

Residenti nel comune di Bologna per provenienza (2019) [31]

██ Residenti dalla nascita (33%)

██ Immigrati dall'Italia (55%)

██ Immigrati dall'estero (12%)

Bologna, anche per via della sua collocazione geografica, è da sempre un crocevia di correnti migratorie. In tempi moderni, un'esplosione demografica si è registrata a cavallo fra la fine dell'Ottocento ei primi anni Settanta, passando da circa 100 000 a quasi 500 000 abitanti. [32] Il massiccio aumento demografico è stato in larga parte dovuto all'immigrazione, dapprima da parte delle aree rurali e montane circostanti, e poi - soprattutto nel secondo dopoguerra - da altre zone d'Italia, in particolare dal mezzogiorno . Il rapido aumento della popolazione immigrata ha influito enormemente sulle trasformazioni demografiche cittadine, arrivando a superare ampiamente in numero la popolazione nativa (già negli anni Ottanta , 2 residenti su 3 erano immigrati da altre parti d'Italia). [32] L'esplosione demografica è stata anche la principale causa dell'intensa urbanizzazione delle periferie, verificatasi nella prima metà del '900 e proseguita negli anni '60 e '70.

Dopo una diminuzione di residenti avvenuta negli anni Ottanta - in genere a beneficio dei comuni della cosiddetta area metropolitana , alcuni dei quali hanno anche raddoppiato la loro popolazione - dalla fine degli anni Novanta si è assistito a una ripresa dei flussi migratori, questa volta con l'inclusione di flussi dall'estero. Questo, assieme a una ripresa delle nascite, ha fatto sì che ne primi anni duemila il saldo demografico tornasse positivo. [32] Dal 2008 si assiste a un rinnovato e costante slancio demografico, trainato da un saldo migratorio positivo (a fronte di un saldo naturale negativo) così da portare la popolazione stabilmente sopra le 380 000 unità. Al tempo stesso, l'agglomerato urbano, comprendente per convenzione la prima cinta di comuni confinanti, raggiunge 600 000 abitanti, mentre l' area metropolitana estesa (comprendente anche altri comuni non confinanti con il comune di Bologna come Budrio e Castel San Pietro Terme ) supera il milione di abitanti [33] .

Nel 2017 Bologna risultava la città in Italia ad aver ricevuto il numero più alto di immigrati interni (ovvero nuovi residenti trasferiti da altre zone d'Italia, principalmente dal Sud). [34] Oggi gli immigrati da altre parti d'Italia costituiscono la maggioranza della popolazione residente (55% nel 2019), provenienti in buona parte dalla città metropolitana (23% ma in costante diminuzione) e dal meridione e le isole (14% ma in costante aumento), in particolare da Puglia, Sicilia e Campania. [35] In costante diminuzione la popolazione residente dalla nascita (33%) mentre l'immigrazione dall'estero, anch'essa in aumento, si attesta al 12%. [31]

L'età media, in leggero ribasso dal 2008, si attesta sui 46,9 anni (2017). [36]

Popolazione storica [37] [38]

Abitanti censiti [39]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT , al 31 dicembre 2020 i cittadini stranieri a Bologna risultavano 58 463 (14,8% tra tutti i residenti) [40] , in calo di 2 022 unità rispetto all'anno precedente. Le prime dieci comunità sono quelle provenienti da:

A Bologna è nata una delle prime "Chinatown" italiane, [41] con i primi insediamenti di cittadini cinesi risalenti agli anni trenta, ampliatisi negli anni cinquanta e ottanta. L'area dove si concentrarono fin dall'inizio le comunità cinesi comprende le zone della Bolognina e di Corticella (soprattutto attorno a via Ferrarese). La Bolognina ed il Pilastro sono statisticamente i quartieri ove si concentra maggiormente la popolazione straniera di Bologna.

Lingue e dialetti

( LA )

«Dicimus ergo quod forte non male opinantur qui Bononienses asserunt pulcriori locutione loquentes»

( IT )

«Diciamo allora che forse non giudicano male quanti affermano che i Bolognesi parlano la lingua più bella di tutte»

( Dante Alighieri , De Vulgari Eloquentia , I, XV )

In ambito cittadino, la parlata vernacolare tipica è il dialetto bolognese , varietà linguistica della lingua emiliana . Esso si distingue in dialetto bolognese cittadino (originario della zona intramuraria) e varianti cosiddette "ariose" della provincia. Come già notava Dante Alighieri nel suo De Vulgari Eloquentia , esistevano un tempo differenze di parlata persino fra gli abitanti del centro, ovvero fra il borgo San Felice (corrispondente alla zona del Pratello) e quelli di Strada Maggiore (zona dove nell'VIII secolo si erano insediati i Longobardi). [42]

A partire dagli anni 1960 e 1970 , con la modernizzazione della società e la progressiva messa in minoranza della popolazione nativa a causa dell'aumento dell'immigrazione da altre regioni italiane, l'uso del dialetto è andato via via scomparendo, sopravvivendo quasi esclusivamente nelle sue versioni ariose nei comuni della provincia. Un rinnovato interesse si ebbe negli anni Ottanta, con l'organizzazione, supportata dal Comune e da artisti quali Andrea Mingardi , di festival della canzone bolognese. [43] Nonostante ciò non abbia invertito la tendenza verso una marginalizzazione del dialetto bolognese, ne è aumentato l'interesse - soprattutto accademico - con la pubblicazione di dizionari, grammatiche, studi e l'istituzione di corsi di dialetto bolognese da parte di associazioni locali. [43]

Istituzioni, enti e associazioni

Bologna è fra le città italiane con più alto tasso di cittadinanza attiva, con più di 570 associazioni registrate nel comune, [44] una forte diffusione di istituzioni non profit, pari a 58,3 ogni 10.000 abitanti (seconda città metropolitana in Italia dopo Firenze) e di cittadini impegnati nel volontariato, pari al 11,4% (terza dopo Firenze e Genova). [45]

Comunità LGBT

Il Gay Pride del 2012

Bologna è la città italiana pioniera del movimento per i diritti LGBT . Il primo movimento gay, il "Circolo di cultura omosessuale 28 giugno", si è attivato in città già nel 1978 e nel 1982 ottenne spazi aggregativi dal Comune. L' Arcigay , la più grande associazione nazionale per la tutela dei diritti LGBT in Italia , si è costituita a Bologna nel 1985 con sede presso il Cassero di Porta Saragozza . [46]

Ha sede in città anche il MIT - Movimento Identità Trans , una onlus fondata nel 1982, di cui è stata presidente fino alla sua scomparsa Marcella Di Folco , prima associazione di questo tipo in Italia [47] .

Oltre al Gay Pride , che si svolge ogni anno in città, vi sono manifestazioni legate a tematiche LGBT, quali per esempio: il Gender Bender , un festival internazionale che propone eventi di arte e cultura contemporanea sull'identità di genere e l'orientamento sessuale.

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Sole 24 Ore ) Qualità della Vita ( Italia Oggi ) Rapporto Ecosistema Urbano ( Legambiente )
2008 14º (-2) 21º (-17) 23º (-4)
2009 13º (+1) 15º (+6)(+14)
2010(+5) 21º (-6)(0)
2011(+7) 40º (-19) 11º (-2)
2012 10º (-9) 35º (+5) 11º (0)
2013(+7) 44º (-9) 24º (-13)
2014(-4) 53º (-9) 40º (-16)
2015 12º (-5) 61º (-8) 50º (-10)
2016(+4) 47° (+14) 56° (-6)
2017 14° (-6) 43° (+4) 22° (+34)
2018(+7) 43° (=) 10° (+12)
2019 14° (-7) 13° (+30) 13° (-3)
2020(+13) 27° (-13) 16° (-3)

Cultura

Nella cultura popolare Bologna è nota come "la grassa" (per la cucina), "la dotta" (per l'università), "la rossa" (per il colore dei mattoni degli edifici del centro storico, anche se spesso l'aggettivo è riferito al pensiero politico "rosso" diffuso tra la popolazione della città) e "la turrita" (per l'elevato numero di torri costruite nel periodo medievale, anche se ad oggi solo ventiquattro ne sono sopravvissute).

Nel 2000 Bologna è stata Capitale europea della cultura e partecipa attivamente a due "reti" proposte dall' UNESCO : la "Rete delle città creative" e la "Rete delle città europee contro il razzismo e la xenofobia" [48] . Nel 2008 lo Zecchino d'Oro dell' Antoniano di Bologna è diventato "Patrimonio UNESCO per una cultura di pace", prima trasmissione televisiva al mondo a ricevere un riconoscimento di questo tipo.

Nel 1988 a Bologna si è tenuta la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo , considerata la più importante vetrina mediterranea della creatività giovanile. [49]

Molte istituzioni culturali e universitarie hanno sede alla Manifattura delle Arti , un'area recuperata negli spazi dell'ex Manifattura Tabacchi e dell'ex macello.

Istruzione

Università

Il teatro anatomico dell' Archiginnasio , antica sede dell'Ateneo.

L' Università di Bologna è considerata la più antica università del mondo occidentale. [50] La data della sua fondazione è stata fissata convenzionalmente nell'anno 1088 da una commissione presieduta da Giosuè Carducci . [51] La vita della città e quella dell'università sono intimamente connesse fin dal medioevo, facendo meritare a Bologna l'appellativo di la dotta . Nell'anno accademico 2019/20 ha ospitato più di 87 000 studenti. [52] Secondo la classifica mondiale delle università stilata da Quacquarelli Symonds , l'Università di Bologna è la seconda università italiana e la 160ª nel mondo. [53] L'alto numero di studenti, provenienti da ogni parte d'Italia e del mondo, ha un notevole impatto sulla vita della città. Se da una parte questo afflusso contribuisce a vivacizzare in maniera significativa il centro storico (in cui l'età media dei residenti sarebbe altrimenti molto alta) e l'offerta culturale, d'altro canto le amministrazioni locali devono spesso confrontarsi con problemi di ordine pubblico e di sporcizia legati all'animata vita notturna della zona universitaria.

Bologna è una delle sedi dell'università americana Johns Hopkins University - The Paul H. Nitze School of Advanced International Studies (SAIS), che conta nel centro scolastico emiliano più di 6 000 alunni di oltre cento nazionalità diverse. [54] In città vi è anche una sede del Dickinson College, con un programma attivo fin dal 1964 , dove studiano circa un migliaio di ragazzi prevalentemente statunitensi. [55]

Sono poi presenti altre sedi di università straniere o programmi di studi, come ad esempio l' Alliance Française , il Bologna Consortial Studies Program (BCSP) dell' Indiana University , la Brown University , l' Eastern College Consortium (ECCO.) del Vassar College , l'Istituto di Cultura Germanica e la University of California . Il più longevo esempio di istituzione accademica straniera è il Collegio di Spagna , il più antico collegio al mondo aperto a studenti stranieri, erede del fenomeno delle nationes nella tradizione dell' Università medievale , ed è anche l'unico, di tale tipo, sopravvissuto nell' Europa continentale (altri esempi hanno resistito solo nel Regno Unito ). [56]

Il capoluogo emiliano ospita anche alcune università private riconosciute, come L.UN.A. Libera Università delle Arti o l'Università Primo Levi.

Accademie

Nel Cinque-Seicento Bologna fu sede di numerose accademie, come quella letteraria degli Oziosi , quella artistica degli Incamminati fondata dai Carracci nel 1582, e quella musicale dei Floridi .

L' Accademia di Belle Arti di Bologna affonda le sue radici nell' Accademia Clementina fondata nel 1710 . [57] Importanti maestri hanno insegnato presso la scuola bolognese, fra i quali: Donato Creti , Giuseppe Galli Bibiena , Gaetano Gandolfi , Francesco Rosaspina , Virgilio Guidi , Giorgio Morandi , Pompilio Mandelli , Paolo Manaresi , Umberto Mastroianni , Milton Glaser . Ospita ogni anno circa millecinquecento studenti.

Il Conservatorio Giovanni Battista Martini di Bologna è uno dei più antichi conservatori statali italiani. La fondazione del conservatorio ( Liceo musicale di Bologna , che raccolse l'eredità dell'Accademia Filarmonica di Bologna) risale al 1804 ed è considerata la prima scuola musicale pubblica in Italia. Fra i suoi studenti di rilievo, si annovera Gioachino Rossini .

L' Accademia delle scienze dell'Istituto di Bologna è stata fondata nel 1714 . L'istituzione continuava la precedente "Accademia degli inquieti" che era stata fondata intorno al 1690 da Eustachio Manfredi Essa viene perciò considerata una delle più antiche accademie scientifiche italiane tuttora esistenti.

Istituti di istruzione superiore

La sede del liceo ginnasio Luigi Galvani in via Castiglione

Sono presenti diversi licei e istituti superiori, sia pubblici sia privati. I licei sono:

Gli istituti superiori sono:

  • Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi-Pacinotti-Sirani
  • Istituto tecnico commerciale statale Rosa Luxemburg
  • Istituto tecnico industriale Odone Belluzzi
  • Istituto professionale per l'industria e l'artigianato Aristotile Fioravanti
  • Istituto tecnico industriale Aldini Valeriani
  • Istituto professionale statale Artigianato e Servizi Aldrovandi - Rubbiani
  • Istituto professionale Statale per l'industria Artigianato Marcello Malpighi (sez. Odontotecnico)
  • Istituto tecnico agrario Arrigo Serpieri
  • Istituto di istruzione superiore IPC Manfredi - ITC Tanari
  • Istituto Comprensivo Collegio San Luigi , la scuola più antica della città. [58]
Interno della Biblioteca Sala Borsa .

Biblioteche

A Bologna si trovano più di cento biblioteche, fra cui 4 comunali, 11 di quartiere e più di 70 universitarie, dislocate in diverse zone della città. Fra le più note e frequentate vi sono la Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio (ex sede dell'Università) e la Biblioteca Sala Borsa (inaugurata nel 2001 ). La più fornita, con oltre 1 300 000 volumi, è la Biblioteca universitaria di Bologna . Di notevole interesse, e di capitale importanza in ambito nazionale ed europeo, è anche la Cineteca di Bologna , istituzione comunale dedicata al cinema e alla filmografia. Vi sono inoltre diverse biblioteche tematiche come quella sulla storia del Novecento dell'Istituto storico Parri Emilia-Romagna , quella dell'Istituto Gramsci, la Biblioteca Italiana delle Donne, la biblioteca del Museo internazionale della musica , la biblioteca emeroteca del MAMbo e numerose altre.

Nel luglio 2020 Bologna ha ottenuto il riconoscimento di " Città che legge " 2020-2021. [59]

Musei

MAMbo
Pinacoteca Nazionale.

Bologna possiede oltre quaranta musei nei quali, accanto alle collezioni permanenti, sono organizzate mostre temporanee. I principali musei civici sono: le Collezioni comunali d'arte , il Museo civico archeologico , il Museo civico medievale , la Pinacoteca Nazionale di Bologna , il Museo Morandi , il Museo civico d'arte industriale Davia Bargellini , il Museo del patrimonio industriale di Bologna , il MAMbo (Museo d'arte moderna di Bologna) e il Museo internazionale e biblioteca della musica .

L'Università ha propri musei, quasi uno per ogni facoltà, fra cui spicca il Museo di Palazzo Poggi (comprendente numerose collezioni di storia naturale, anatomia e ostetricia, fisica e chimica, architettura militare, geografia e nautica, e arte orientale). Ad essi si aggiungono i musei religiosi.

Di più recente costituzione sono il Palazzo delle Esposizioni presso Palazzo Fava (inaugurato nel 2011 ), il Museo della Storia di Bologna presso Palazzo Pepoli (nel 2012 ) e il MAST. Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia (nel 2013 ).

Gli altri musei cittadini sono:

Media

Stampa

Le principali redazioni dei quotidiani presenti a Bologna sono:

Radio

In via del Pratello a Bologna è nata nel 1976 Radio Alice , una delle prime radio libere italiane, chiusa dai Carabinieri durante le contestazioni del 1977 , [60] seguita poco dopo da Radio Ricerca Aperta [61] . Nel bolognese occupano stazioni radiofoniche le principali emittenti italiane. Inoltre, alcune radio e syndication , anche a diffusione nazionale, hanno sede in quest'area. Le principali emittenti di Bologna e hinterland sono:

Televisione

Hanno sede a Bologna molte tv locali, nonché alcune reti e syndication nazionali, oltre alle sedi regionali Rai e Mediaset . Nel 2002 è nata Orfeo TV, il primo esperimento di televisione di strada, aderente al network Telestreet.

I principali emittenti dell'area bolognese sono:

A Bologna sono ambientate le serie televisive Via Zanardi 33 , L'ispettore Coliandro e L'ispettore Sarti . In una casa di Bologna è stato girato il primo reality show italiano, Davvero , trasmesso nel 1995 da Rai 2 .

Editoria

La sede della casa editrice Zanichelli in via Irnerio

Numerosi editori hanno sede nel bolognese, sviluppandosi principalmente nei settori della scolastica, della saggistica universitaria, della letteratura , del fumetto e dell' arte . Vi sono inoltre diversi service editoriali e agenzie letterarie . Tre le più importanti:

Storicamente Bologna è stata sede di importanti aziende grafiche e tipografiche. Ai tempi di Aldo Manuzio , il tipografo bolognese Francesco Griffo inventò, proprio per il primo editore italiano, il corsivo (all'estero denominato anche italic ). [62] Nel 1958 , il tipografo Francesco Simoncini realizzò una variante del carattere Garamond che divenne lo standard per le case editrici italiane, il Simoncini Garamond appunto; ma creò anche il Delia , utilizzato per gli elenchi telefonici . [63] [64]

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rinascimento emiliano § Bologna e Scuola bolognese di pittura .

A Bologna fiorì nel Trecento una vivace scuola di pittura, a cui facevano capo Vitale da Bologna , Dalmasio Scannabecchi e Simone dei Crocifissi , assieme agli allievi Jacopo di Paolo , Cristoforo da Bologna , Andrea de' Bartoli , "Jacobus", il cosiddetto Pseudo Jacopino di Francesco , Lippo di Dalmasio e altri. I toscani Cimabue e Giotto hanno inoltre lasciato poche ma importanti testimonianze in città.

Durante il Rinascimento , specialmente sotto la signoria dei Bentivoglio , Bologna fu patria dei pittori Amico Aspertini e Francesco Francia , mentre vi operarono anche i ferraresi Francesco del Cossa e Lorenzo Costa . Ma è fra la seconda metà del Cinquecento e l'inizio del Settecento (ovvero dal Manierismo al Barocco ) che la scuola bolognese di pittura raggiunse il suo culmine con artisti del calibro del Domenichino , i Carracci (fondatori dell' Accademia degli Incamminati ), Domenico Tibaldi , il Guercino , Guido Reni , Elisabetta Sirani , Prospero Fontana , Lavinia Fontana e moltissimi altri, mentre vi operarono anche il Parmigianino e Donato Creti . Le opere di questi artisti si possono ammirare nelle chiese e palazzi cittadini, nonché nella Pinacoteca Nazionale di Bologna .

In epoca moderna e contemporanea, Bologna ha dato i natali a Luigi Serra , Giorgio Morandi (a cui è dedicato l' omonimo museo ), Mario Bonazzi , Ilario Rossi , Aldo Borgonzoni , Carlo Gajani , Sergio Romiti , Vasco Bendini , Pirro Cuniberti , Sergio Vacchi , Vittorio Mascalchi , Valerio Adami , Pier Paolo Calzolari e Piero Manai , mentre vi operarono e operano artisti quali Giovanni Romagnoli , Germano Sartelli , Concetto Pozzati , Luciano De Vita e molti altri.

In ambito scultoreo, operarono a Bologna artisti come Arnolfo di Cambio , Nicola Pisano , Pierpaolo dalle Masegne , Niccolò dell'Arca , Jacopo della Quercia , Michelangelo , Giambologna , Alfonso Lombardi , Properzia de' Rossi e, più recentemente, Umberto Mastroianni , Quinto Ghermandi , Roberto Tirelli , Mario Ceroli , Nicola Zamboni e Luigi Mainolfi .

Dal 1974 si tiene presso la Fiera di Bologna annualmente nel mese di gennaio Arte Fiera , una fiera d'arte moderna e contemporanea. Dal 1977 al 1982 si è svolta annualmente la Settimana Internazionale della Performance curata da Renato Barilli , Francesca Alinovi e Roberto Daolio , un evento di alto valore culturale, coinvolgendo lo spazio pubblico della città [65] . Dal 1986 per commemorare la tragica scomparsa di Francesca Alinovi, è stato istituito il Premio a lei intitolato, a cui dal 2013 è stata aggiunta la dedica al critico d'arte Roberto Daolio, anch'egli prematuramente sconmparso. Ogni anno il Premio Alinovi Daolio viene conferito ad un artista contemporaneo [66] .

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura bolognese .

Bologna è patria, nativa e adottiva, di molti grandi scrittori e poeti italiani, come Guido Guinizelli , Giosuè Carducci (primo italiano a vincere il Premio Nobel per la letteratura all'inizio del XX secolo ), Giovanni Pascoli e Pier Paolo Pasolini . È anche la culla di alcuni fra i migliori giallisti italiani, tra cui Loriano Macchiavelli , considerato il decano degli scrittori giallisti di Bologna; altri esponenti del genere sono Grazia Verasani [67] , Danila Comastri Montanari , Giampiero Rigosi , Marcello Fois ecc. [68] A Bologna sono inoltre ambientate opere letterarie italiane e straniere come Il broker di John Grisham , Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi , Almost Blue di Carlo Lucarelli , Il gobbo misterioso di Antonio Faeti e L'esercito di Scipione di Giuseppe D'Agata . [69]

Numerosi sono gli altri scrittori ei poeti legati a Bologna, sia del passato come Ludovico de Varthema e Giulio Cesare Croce , sia del contemporaneo come Umberto Eco [70] , Valerio Evangelisti [71] , Pino Cacucci , Stefano Benni , Ermanno Cavazzoni , Simona Vinci ei Wu Ming . [72]

Fumetto

Bologna ha una lunga e radicata tradizione nel fumetto . Fin dal dopoguerra il fumetto ha preso piede in città, anche grazie ai numerosi disegnatori, sceneggiatori ed editori che vi hanno operato e si sono affermati come alcuni dei più importanti esponenti del fumetto italiano, come Magnus , Bonvi , Silver e Vittorio Giardino , considerati i pionieri dei fumettisti bolognesi. [73]

Fra le case editrici bolognesi che si occupano di fumetto vi sono Coconino Press e Kappa Edizioni .

L' Accademia di belle arti di Bologna ha aperto nel 2004 la scuola sperimentale di fumetto e illustrazione , la prima in Italia, che ha fra gli insegnanti alcuni dei migliori disegnatori della scena italiana. [74] Dal 2007 si svolge il festival di fumetto BilBolbul , che propone artisti italiani e stranieri con mostre, incontri, dibattiti e laboratori.

Musica

Museo internazionale e biblioteca della musica
Ritratto conosciuto con il nome di «Mozart di Bologna», commissionato nel 1777 da Leopold Mozart a un artista di Salisburgo per farne dono a padre Martini
I cantautori Gianni Morandi , Andrea Mingardi , Lucio Dalla e Luca Carboni , parte della scena bolognese inerente alla musica leggera contemporanea.

Musica classica

A Bologna sono presenti il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica , il Conservatorio Giovanni Battista Martini , l' Accademia Filarmonica di Bologna e il Teatro Comunale di Bologna , sede dell'autorevole Orchestra della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, attiva dal dopoguerra. Dal 1905 è attiva la casa musicale Bongiovanni , una delle più importanti nel campo dell'editoria e della discografia di musica classica . A partire dal 1995 a Bologna viene organizzato il Concorso internazionale di composizione "2 Agosto" : uno dei più importanti concorsi di composizione musicale al mondo. Ogni anno la sera del 2 Agosto le opere vincitrici ed altre commissionate ad hoc vengono suonate in piazza Maggiore in un grande concerto gratuito. [75] Nel 2006 Bologna è stata insignita del riconoscimento di " Città creativa della musica " da parte dell' UNESCO , la prima in Italia, la seconda in Europa dopo Siviglia . [76] .

Fra i numerosi esempi di formazioni musicali si ricordano il Coro Euridice , coro polifonico fondato nel 1880 e rimasto ininterrottamente attivo, [77] e l' Orchestra Mozart , fondata nel 2004 da Carlo Maria Badini e diretta da Claudio Abbado fino alla sua morte.

Bologna ha dato i natali a musicisti molto noti, come il contralto Antonio Maria Bernacchi , i tenori Luigi Antinori , Matteo Babini e Gianni Raimondi , il baritono Ruggero Raimondi , i compositori Giovanni Paolo Colonna , Giacomo Antonio Perti e Ottorino Respighi . A Bologna ha vissuto ed è morto il famoso Farinelli , e qui soggiornò (in due riprese, da marzo a ottobre 1770 ) il giovanissimo e già geniale Wolfgang Amadeus Mozart . Ospite del conte Gian Luca Pallavicini, Mozart ebbe l'opportunità di incontrare musicisti e studiosi (dal già citato Farinelli ai compositori Vincenzo Manfredini e Josef Mysliveček , fino allo storico della musica inglese Charles Burney e padre Giovanni Battista Martini ). Mozart prese lezioni di contrappunto da padre Martini, all'epoca considerato come il più grande teorico musicale e il più grande esperto d'Europa nel contrappunto barocco . [78] Il quattordicenne Amadeus nel 1770 fu aggregato all' Accademia Filarmonica di Bologna : la difficile e rigida prova di esame su "un' antifona di canto fermo " dell'ancora giovane Mozart non fu particolarmente brillante. Esistono due versioni della prova di esame, entrambe conservate al Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna , una delle quali scorretta. Dato che entrambe sono autografate da Mozart, questa è l'evidenza che padre Martini passò una sua rielaborazione del testo di esame ad Amadeus, per favorirne la promozione. Mozart si dimostrò sempre riconoscente per gli insegnamenti di padre Martini, al punto da scrivere:

«Reverisco devotamente tutti i Sgri. Filarmonici: mi raccomando sia sempre nelle grazie di lei e non cesso d'affliggermi nel vedermi lontano dalla persona del mondo che maggiormente amo, venero e stimo, e di cui inviolabilmente mi protesto di Vostra Paternità molto Reverenda umilissimo e devotissimo servitore»

( WA Mozart, Lettere (1776) )

Musica leggera

«Bologna è una vecchia signora dai fianchi un po' molli,
col seno sul piano padano e il culo sui colli.»

( Francesco Guccini , Bologna )

La città ha una grande tradizione nella musica leggera contemporanea, con molti musicisti e cantautori di successo e una miriade di artisti emergenti, tanto da poter definire una scena musicale bolognese . Fra i cantanti bolognesi, di nascita o di adozione, ci sono Raffaella Carrà , Lucio Dalla , Francesco Guccini , Gianni Morandi , Luca Carboni , Samuele Bersani , Andrea Mingardi , Cesare Cremonini , Dodi Battaglia , Paolo Mengoli , Dino Sarti , Cristina D'Avena , Claudio Lolli , Beppe Maniglia , Fio Zanotti , Silvia Mezzanotte , Neffa . Sempre a Bologna si sono costituiti gruppi come i Pooh , gli Stadio , gli Skiantos , i Gaznevada , i Lùnapop , i Massimo Volume , Gli Avvoltoi , i Marta sui Tubi , i Gem Boy , i Mariposa , i Canzoniere delle Lame , i Datura , i Garden House e Lo Stato Sociale . Vasco Rossi , originario di Zocca , ha a Bologna la sua residenza.

Jazz

Bologna è stata fra le prime città italiane a diffondere la cultura del jazz , anche grazie a festival di grande richiamo come il Bologna Jazz Festival e il più recente Alma Jazz, ea musicisti di calibro internazionale che qui sono nati o vi si sono stabiliti o formati, come Paolo Fresu , Jimmy Villotti , la Doctor Dixie Jazz Band , Moris Fabbri, il collettivo Bassesfere ecc. Spesso ha suonato in città il grande trombettista Chet Baker , come testimonia una sua incisione del 1985 intitolata Chet Baker in Bologna , e molti altri grandi nomi internazionali come Miles Davis , Dexter Gordon , Sarah Vaughan , Ella Fitzgerald , Charles Mingus , Gato Barbieri ecc. Numerosi locali continuano a proporre con successo questo genere, fra cui alcuni specializzati. Il 17 settembre 2011 è stata inaugurata a Bologna la Strada del jazz , costituita da via Caprarie e via degli Orefici, con una manifestazione pubblica che ha ospitato numerosi concerti. La prima stella dei miti del jazz è dedicata a Chet Baker ed è posta sul marciapiede di fronte al portone dove un tempo sorgeva il Musiclub di Alberto Alberti [79] .

Punk e New wave

Alla fine degli anni settanta , ed in particolare nel contesto del Movimento del '77 e delle prime esperienze di radio libere come radio Alice , Bologna divenne un luogo chiave del punk rock e della new wave in Italia. La scena rock bolognese, di cui facevano parte gruppi quali Skiantos , Gaznevada , The Stupid Set , Confusional Quartet , Hi-fi Bros , Luti Chroma , Central Unit, Windopen, Rusk und Brusk e molti altri, segnò la "rinascita" del rock italiano in chiave punk e new wave , ma spesso caratterizzato da toni ironici e dissacranti: nacque così il rock demenziale , termine coniato da Freak Antoni , cantante degli Skiantos. [80] Evento chiave di questa "rinascita" fu il bizzarro concerto Bologna Rock: Dalle cantine all'asfalto , tenutosi al palasport di Bologna il 2 aprile 1979 . [81] Etichette come la Harpo's Bazar e la Italian Records (entrambe fondate da Oderso Rubini ) furono tra le prime in Italia a proporre questo nuovo approccio alla musica. [82]

Nei primi anni ottanta Bologna è stata anche uno dei centri nevralgici dell' hardcore punk , grazie a band come RAF Punk , Nabat , Irha , Stalag 17, Anna Falkss, Bacteria, Sottocultura e Rip Off e ad etichette come la Attack Punk Records di Jumpy Velena . Celebre fu la contestazione organizzata dai punk bolognesi durante il concerto dei Clash in Piazza Maggiore nel 1980 , evento identificato da molti come l'atto di nascita dell'intero movimento hardcore in Italia. [83] [84]

Hip hop e musica elettronica

A partire dalla fine degli anni ottanta , Bologna è stata una delle città più importanti per la cultura hip hop , ospitando artisti e gruppi quali Neffa , Sangue Misto , Joe Cassano , Deda , Inoki e grazie a luoghi presso la quale questa cultura veniva supportata e diffusa fin dai primi anni novanta , come il centro sociale Isola nel Kantiere . Negli Anni 2000 l'hip hop bolognese ha visto attivi gruppi come i Porzione Massiccia Crew , una delle prime crew hip hop multietniche in Italia fondata dal rapper Inoki, ei Fuoco negli occhi .

Durante gli anni novanta emerse a Bologna un punto di aggregazione devoto alla musica elettronica , il Link, al cui interno nasceranno Distorsonie il primo festival di musica dance elettronica organizzato in Italia, e Netmage , uno dei maggiori festival italiani di live media ora confluito nel Live Arts Week .

Il Teatro Comunale in piazza Giuseppe Verdi.

Teatro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatri di Bologna .

Il teatro è stata una forma di intrattenimento molto diffusa a Bologna fino dal Cinquecento . Il primo teatro pubblico fu il Teatro della Sala, attivo a partire dal 1547 nel Palazzo del Podestà .

Una figura molto importante del teatro bolognese e italiano fu Alfredo Testoni , il commediografo autore de Il cardinale Lambertini , grande successo teatrale sin dal 1905 , riproposto poi sullo schermo dall'attore bolognese Gino Cervi .

Nel 1998 il Comune di Bologna ha dato vita al progetto "Bologna dei Teatri", un'associazione che riunisce le principali strutture teatrali della città. Si tratta di un circuito di teatri dall'offerta culturale variegata, che spazia dalla commedia dialettale bolognese alla danza contemporanea, ma con una strategia di comunicazione e promozione unitaria. In concreto, gli spettacoli in cartellone nei vari teatri aderenti al progetto vengono pubblicizzati settimanalmente attraverso una locandina unica.

I principali teatri di Bologna sono:

Altri teatri o luoghi di spettacolo:

Cinema

Il Cinema Lumière e la biblioteca della Cineteca di Bologna.

A Bologna ha sede la prestigiosa Cineteca , già presieduta dal regista Giuseppe Bertolucci , e successivamente da Carlo Mazzacurati e poi da Marco Bellocchio . Grazie all'apporto fornito dagli studenti del DAMS sono attive in città parecchie produzioni cinematografiche indipendenti.

In Italia, Bologna è la seconda città con maggior numero di posti in sale cinematografiche per abitanti (superata solo da Campobasso , che però ha una popolazione molto più esigua), e la diciannovesima in Europa. [85]

Numerosi sono i festival dedicati al cinema che si tengono in città, fra cui: Future Film Festival , Biografilm Festival , Il cinema ritrovato , Immaginaria . Ogni estate in piazza Maggiore viene allestito un cinema all'aperto, con uno degli schermi cinematografici più grandi d'Europa [86] , in cui si proiettano tutte le sere alcuni dei migliori restauri della Cineteca e altre pellicole fra le novità della stagione, in un cartellone di oltre cinquanta appuntamenti denominato Sotto le stelle del cinema . [87]

Film girati a Bologna

[88]

Cucina

Tortellini in brodo.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina bolognese .
Tagliatelle al ragù.

La fama internazionale della cucina bolognese risale al Medioevo, quando le potenti famiglie signorili impiegavano presso le loro corti i cuochi più celebrati del tempo, mentre numerose erano già nel Trecento le osterie cittadine. La tradizione gastronomica di Bologna è strettamente legata all'Università: la mescolanza di numerosi studenti e professori di nazionalità diverse arricchì la cultura gastronomica , e rese necessaria una buona organizzazione dell'approvvigionamento alimentare.

La cucina bolognese, così come quella di tutta l'Emilia, si distingue per l'abbondanza nell'uso di carne, in particolare maiale, e pasta all'uovo, tanto da far meritare alla città l'appellativo di Bologna la grassa . Abbonda anche l'uso di latticini, quali il burro, il formaggio molle e il Parmigiano Reggiano . Le numerose ricette di origine bolognese, diffuse in tutto il mondo come eccellenze della cucina italiana, e la proliferazione in città di attività commerciali legate al cibo, hanno spesso condotto la stampa italiana e straniera ad attribuire a Bologna l'appellativo di Città del cibo ( City of food ). [89]

Fra i prodotti tipici della cucina bolognese troviamo:

Sui colli bolognesi vi sono numerose aziende vinicole che producono varie tipologie di vino tipiche, fra cui il Pignoletto DOCG [90] .

Eventi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiera di Bologna § Manifestazioni fieristiche di BolognaFiere .

Oltre alle numerose fiere di respiro internazionale nell'area della Fiera di Bologna, la città ospita frequentemente importanti eventi, festival e rassegne. Nel 1911 si tenne a Bologna il IV Congresso internazionale di filosofia ; vi parteciparono filosofi italiani e provenienti da ogni parte del mondo. Nel 1988 si tenne la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo .

Festival musicali

  • Alma Jazz Festival (si svolge in autunno): è il primo festival italiano dedicato alle orchestre jazz universitarie, provenienti da tutta Europa. [91]
  • AngelicA - festival internazionale di musica (si svolge a maggio/giugno): si svolge da oltre vent'anni e si propone di rappresentare ogni forma di ricerca musicale che si muova in ambiti non convenzionali e che usi con libertà i molteplici materiali offerti dalle diverse tradizioni musicali.
  • Bologna Jazz Festival - The Autumn Jazz Event (si svolge a novembre): il più antico festival jazz italiano, dal 1958 tappa dei più grandi musicisti mondiali del genere.
  • RoBOt Festival - Digital Paths into Music and Art (si svolge a settembre/ottobre): rassegna di musica elettronica e arte digitale.
  • Zecchino d'Oro (si svolge a novembre): storica rassegna canora internazionale di musica per l'infanzia, che si svolge all' Antoniano .

Festival cinematografici

  • Biografilm Festival - International Celebration of Lives (si svolge a giugno): è l'unico evento mondiale dedicato alle biografie e ai racconti di vita.
  • Future Film Festival - Festival Internazionale di Cinema, Animazione e Nuove Tecnologie [92] (si svolge ad aprile): il primo e più importante festival italiano dedicato al cinema d'animazione e alle nuove tecnologie.
  • Human Rights Nights International Film Festival (si svolge a ottobre): festival sulle espressioni cinematografiche in tema di diritti umani, propone anche una competizione internazionale di lungometraggi e corto-mediometraggi [ senza fonte ] e diversi eventi collaterali.
  • Il cinema ritrovato (si svolge a giugno/luglio): festival cinematografico dedicato alla riscoperta di film muti e sonori riemersi e classici restaurati; è diretto da Peter von Bagh e ospita anche la Fiera dell'Editoria Cinematografica.
  • Some Prefer Cake (si svolge a settembre): festival del cinema lesbico [93] .
  • Visioni Italiane (si svolge a febbraio): festival di produzioni indipendenti di cortometraggio italiane in visione al Cinema Lumière .
  • YoungAbout International Film Festival (si svolge a marzo): festival internazionale giovani e cinema [94] .

Festival di arti visive

  • Art City Bologna - È un insieme di iniziative culturali, mostre ed eventi che propongono una contaminazione fra l'arte contemporanea ei luoghi e il patrimonio artistico presenti sul territorio
  • BilBOlBul - Festival Internazionale del Fumetto (si svolge a marzo): rassegna dedicata al fumetto, presenta opere di grandi artisti e di giovani sulla scena nazionale e internazionale, con uno sguardo sulla produzione più innovativa, mettendo anche in relazione il fumetto con gli altri linguaggi della cultura contemporanea.
  • Cheap Festival - Festival di Street Poster Art che si svolge annualmente in maggio
  • Frontier (si svolge a giugno-luglio) - festival di street art.

Festival di arti performative

  • Danza Urbana - Festival internazionale di danza nei paesaggi urbani (si svolge a settembre): primo festival italiano di danza nei paesaggi urbani, offre spettacoli e laboratori di danza nelle piazze cittadine. [95]
  • Live Arts Week - Appuntamento multidisciplinare dedicato agli incroci fra arti elettroniche, visive, musicali e performative, nato nel 2012 dalla fusione del Netmage e del FISCo. .
  • PerAspera - festival di arti performative contemporanee.

Festival culinari

  • MortadellaBO' (si svolge a ottobre) - festival dedicato alla Mortadella Bologna IGP .
  • Cioccoshow - La magia del cioccolato (si svolge a novembre): fiera del cioccolato.

Altri eventi

Il logo "Bologna-Shanghai" creato in occasione dell' Esposizione Universale di Shanghai 2010 .

Partecipazione all' Expo 2010 di Shanghai

La città di Bologna, insieme ad altre 45 città del mondo, ha partecipato, previa selezione e invito, all' Esposizione Universale di Shanghai 2010 intitolata Better city, better life (Città migliore, Vita migliore), tenutasi dal 1º maggio al 31 ottobre 2010 nella metropoli cinese . [48] La giuria internazionale dell'Expo ha inserito la città felsinea nell'area Liveable city (Città vivibile), giudicandola esempio di eccellenza nelle categorie: Cultura e creatività; Innovazione tecnologica; Inclusione sociale; Trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali [97] . Le altre due città italiane invitate a questa edizione dell' Esposizione Universale sono state Venezia (area Protection and Utilization of Historical Heritages ) e Milano (area Sustainable Urbanisation ).

Geografia antropica

Area metropolitana

La Via Emilia

L' area metropolitana di Bologna costituisce una delle prime 10 città metropolitane italiane e conta una popolazione di oltre 1 milione di abitanti, [98] con una rilevante influenza economica e culturale sulle città e regioni limitrofe. A questo proposito lo scrittore Carlo Lucarelli , nel suo romanzo Almost Blue , fa dire ad uno dei personaggi «Quella che lei chiama Bologna, è un cosa grande, che va da Parma fino a Cattolica ... dove davvero la gente vive a Modena, lavora a Bologna e la sera va a ballare a Rimini ... è una strana metropoli ... che s'allarga a macchia d'olio tra il mare e gli Appennini».

Secondo la classificazione detta FURs (perimetrazione basata sui flussi pendolari) [99] il nucleo urbano della città di Bologna ha una popolazione di 991.385 abitanti (al gennaio 2013 ).

La città e la sua area metropolitana , parametrate anche su scala economica , culturale , commerciale , industriale , congressuale , fieristica , finanziaria e sociale, rivestono quindi un'importanza, in ambito nazionale ed europeo, assai superiore a quanto espresso dal semplice parametro demografico (men che meno a quello della popolazione ufficialmente residente nel ristretto ambito comunale). La conferma di questo arriva da uno studio condotto nel 1989 dal gruppo Reclus di Montpellier e commissionato della DATAR ( Délégation à l'Amenagement du Territoire et à l'Action Régionale ), nel quale si formula una classificazione per grado d'importanza delle città con più di duecentomila abitanti di quattordici Stati dell' Europa Occidentale e mediterranea: Bologna, con Firenze e Venezia, si situava in posizione più avanzata di città più popolose, quali Dublino, Leeds, Liverpool, Lilla, Norimberga, Essen, Dortmund, Brema, Hannover, Saragozza, Malaga, Bilbao, Salonicco, Palermo, ecc. [100]

Nonostante l'esigua popolazione comunale Bologna è stata anche inserita, dal gruppo di studio GaWC, tra le cento città globali (o Città del Mondo), in virtù della sua importanza culturale ed economica (invero in categoria D, cioè città globali in formazione, con bassa evidenza) [101] .

Suddivisioni amministrative

Una veduta del Quartiere Porto
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Bologna .

Il comune è suddiviso amministrativamente in sei circoscrizioni di decentramento , a cui lo statuto attribuisce il nome di "quartieri" : Borgo Panigale-Reno , San Donato - San Vitale , Savena , Navile , Porto - Saragozza , Santo Stefano .

Urbanistica

I Portici di Bologna
Fabbricati IACP in costruzione a Casteldebole nel 1980

Il centro storico di Bologna è uno dei più antichi e vasti d'Europa. [102] In virtù di un'attenta politica di restauro e conservazione avviata dalla fine degli anni sessanta del secolo scorso, esso ha conservato gran parte della città medievale, a dispetto dei gravi danni causati dagli sventramenti urbanistici della fine del XIX secolo , tra cui quello del centrale Mercato di Mezzo , e dalle distruzioni belliche della seconda guerra mondiale. In alcune case si trovano ancora le fondazioni della città romana risalente al II secolo aC , e in altre abitazioni pare addirittura che vi siano tracce datate all'età del ferro [103] . La struttura del centro storico composta dalla sovrapposizione di due modelli planimetrici, quello romano ortogonale e quello medievale a raggiera, con piazza Maggiore posta in mezzo ei "raggi", a partire dalle due strade centrali della via Emilia - via Rizzoli e via Ugo Bassi - che si sviluppano fino alle varie porte che si aprono lungo i resti delle mura .

Caratteristica principale delle abitazioni, ereditata dall'architettura del passato e riproposta anche in chiave moderna in quasi tutta la città, è quella di avere all'esterno i portici . La città ha infatti la più alta concentrazione di portici al mondo [104] , circa 42 km.

L'espansione demografica dovuta alla forte immigrazione dalla provincia e dalle regioni del sud Italia [105] ha portato, soprattutto negli anni sessanta e settanta del Novecento, a un'intensa urbanizzazione delle aree un tempo rurali all'esterno delle mura cittadine. Nacquero così popolosi quartieri periferici come la Barca (1962), il Pilastro (1966) o il Fossolo (1968), e si realizzarono grandi progetti di edilizia popolare, come ad esempio il grattacielo di San Vitale (1958-60), l'insediamento "Levante Emilia" in via Napoli (1961), [106] il Treno (1957-62) [107] e lo Steccone (1968) alla Barca, il Virgolone (1976) al Pilastro.

In un'area destinata allo sviluppo della città, fra via Stalingrado e il quartiere San Donato , nel 1967 l'amministrazione comunale commissionò al noto architetto giapponese Kenzō Tange la progettazione del Centro direzionale nell'area della fiera, la cui costruzione iniziò nel 1975. Nacque così il Fiera District , destinato a diventare la sede della Regione Emilia-Romagna , del Palazzo degli Affari, della Fiera di Bologna e di altre importanti istituzioni economiche. Al centro del Fiera District fu progettata una zona pedonale, piazza della Costituzione, la cui costruzione fu affidata a Isamu Noguchi . [108]

Fra gli ultimi esempi di architettura contemporanea e interventi urbanistici (spesso oggetto di accese discussioni) [109] [110] troviamo la Porta Europa dell'architetto Ettore Masi in via Stalingrado, il complesso del nuovo palazzo comunale nella zona della Bolognina ( Palazzo Bonaccorso e piazza Liber Paradisus ) e la Torre Unipol , un grattacielo alto 127 sito nella periferia est della città [111] .

Economia

Fiera District: padiglioni e torri di Kenzō Tange

Bologna ospita un'importante rete di industrie meccaniche, elettroniche e alimentari e un gran numero di imprese di artigianato. La città metropolitana ospita, in proporzione, il maggior numero di imprese per abitanti in Italia. La CNA ( Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa ), registra all'inizio del 2007, un numero di 16.500 imprese associate [112] , quantità inferiore solo a quelle di Milano e Roma .

Con un PIL pro capite a parità di potere d'acquisto di 36.941 euro (2013), Bologna risulta essere la 44ª città più ricca d' Europa e la seconda in Italia dopo Milano [113] . Secondo i dati dell' European Regional Economic Growth Index (E-REGI) del 2016, Bologna è la terza città italiana per indice di crescita economica (dopo Milano e Roma) e la 53ª in Europa. [114]

Industria

L'industria meccanica fiorì a Bologna già a partire dal XV secolo , principalmente l' industria serica , grazie ai numerosi mulini da seta meccanici alimentati dai canali cittadini , i quali rappresentavano una tecnologia fortemente avanzata per l'epoca. Il numero delle macchine da seta raggiunse le 100 unità nel momento di massima espansione, secoli prima della rivoluzione industriale . [115]

Oggi Bologna si trova al centro di un importantissimo distretto industriale meccanico ed elettromeccanico (e più recentemente meccatronico), affermatosi in particolare in ambito motoristico e del packaging . [116] Nell'ambito dei motori vi hanno sede aziende quali la Ducati , l' Industria Italiana Autobus e la sede italiana della Volvo . Nell'area metropolitana, inoltre, si trovano la Lamborghini (a Sant'Agata Bolognese ) e la sede italiana della Saab (a Casalecchio di Reno ). A Bologna vennero fondate la Maserati , la Malaguti e la Moto Morini .

Nel settore del packaging, sviluppatosi a partire dagli anni '20 , spiccano il gruppo Coesia (GD - ACMA Volpak - Cima - Sasib), [117] e, nel territorio metropolitano, l' IMA (a Ozzano ) e la Marchesini Group (a Pianoro ).

In ambito metalmeccanico vi si trova la Cesab, mentre nella zona metropolitana hanno sede la Malossi e la Minarelli (entrambe a Calderara di Reno ), la Marzocchi e la Viro (a Zola Predosa ), la Paioli (a Sant'Agata Bolognese). Nel più ampio settore delle produzioni industriali vi è il Gruppo Industriale Maccaferri . Nel settore dei macchinari elettronici e delle macchine automatiche, la Saeco , la Datalogic , la Beghelli e la FAAC .

Fra le industrie agroalimentari di grande rilevanza, a Bologna troviamo: nel settore alimentare la Granarolo , la Fabbri , la Valsoia e l' Eridania . Molte le società disseminate nel territorio metropolitano: a San Lazzaro di Savena il gruppo Conserve Italia (a cui fanno capo la Cirio , la Valfrutta , la Derby Blue , la Yoga e la Jolly Colombani ); a Pianoro la Segafredo Zanetti ; a Zola Predosa la Montenegro , l' Alcisa ; a Crespellano la Majani ; ad Anzola dell'Emilia la Carpigiani ; a Cereglio la Cerelia Acqua Minerale . Vi si trovano infine le sedi nazionali delle cooperative alimentari Conad e Sigma , mentre nell'adiacente comune di Casalecchio hanno sede la Coop e Despar , ea Funo di Argelato la SISA .

Commercio

Banco del pesce nel tradizionale Mercato delle Erbe

L'area di Bologna è un polo commerciale di primaria importanza (con il Centergross nell'area metropolitana, che per un lungo periodo è stato dalla fondazione nel 1977 la più grande cittadella commerciale all'ingrosso d'Europa, e l' Interporto ).

È un importante centro fieristico che con la Fiera di Bologna ospita numerose fiere di caratura internazionale ( Arte Fiera , Saie , EIMA , Cersaie , Cosmoprof , Sana , Fiera del Libro per Ragazzi , Music Italy Show , ecc.). In Italia, BolognaFiere è per fatturato il secondo grande nucleo fieristico dopo Milano [118] .

Grazie alla grande tradizione culinaria, a Bologna sono molto diffusi i negozi di prodotti alimentari. Separato da piazza Maggiore dal Palazzo dei Banchi , si trova ciò che resta dell'antico Mercato di Mezzo , dove le strade portano ancora i nomi degli artigiani che qui, nel Medioevo, avevano ubicato le loro botteghe: via degli Orefici, via Drapperie (sarti), via Pescherie Vecchie, via Clavature (fabbri), via Caprarie (macellai) [119] . Un altro storico mercato cittadino è il Mercato delle Erbe progettato nel 1910 dagli ingegneri Carpi e Gioacchino Luigi Mellucci .

Sono presenti, inoltre, moltissime attività di abbigliamento, gioielli, artigianato, bistrot, oltre a numerose boutique di alta moda, concentrate in particolar modo fra Galleria Cavour , via Farini , il Pavaglione e via D'Azeglio [120] . Ad esse si aggiunge Corte Isolani , una galleria medievale che collega piazza Santo Stefano a Strada Maggiore , sede di piccole boutique, caffè, ristoranti e un laboratorio di marionette . Altre strade dedicate allo shopping , ma di carattere più mainstream , sono le tre vie che formano la cosiddetta "T": via dell'Indipendenza, via Rizzoli e via Ugo Bassi.

È in notevole crescita il commercio dell'usato. La città metropolitana di Bologna è la provincia in Italia che registra il maggiore aumento di negozi di questo tipo, cresciuto dell'8,3% rispetto al 2009 [121] .

Artigianato

Nel bolognese hanno sede, inoltre, alcune fra le grandi case di moda e pelletteria: Borbonese , La Perla , Les Copains , Bruno Magli , Furla , WP Lavori in Corso (marchio Baracuta ), a.testoni , Elisabetta Franchi, Mandarina Duck , le filiali italiane di Nike e Ralph Lauren ecc.

Oltre che per le attività di abbigliamento e di arredo, Bologna è rinomata anche per la produzione di ceramiche , di mosaici , di mobili d'arte , per la lavorazione del rame e per i laboratori di intagliatori e restauratori di mobili, oreficeria , di tessitura di fiori di seta, di trine all'uncinetto, di liutai . [122]

Terziario

Nel settore dei servizi ambientali, l'azienda leader nel territorio è Hera . Nel settore immobiliare l' IGD con la sede operativa; nel settore grafico e stampa la Poligrafici Editoriale ; nell'e-commerce la Yoox Net-A-Porter Group .

Nel capoluogo emiliano hanno sede importanti istituti finanziari nazionali e regionali, tra i quali l' Unipol , l' UnipolSai , la Carisbo , la Banca di Bologna , l' EmilBanca - Credito Cooperativo . [123]

Negli ultimi anni nel capoluogo emiliano sono nate numerose start-up nell'ambito delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione . Qui ha aperto nel 2013 Working Capital , uno degli acceleratori per imprese di Telecom Italia . Questo proliferare di attività legate al settore informatico ha portato alcuni media a definire Bologna come la Silicon Valley italiana [124] [125] .

Terme

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Terme di Bologna .

A Bologna e nell'area metropolitana sono presenti diversi stabilimenti termali . I primi impianti dell'area risalgono ai tempi degli antichi Romani [126] .

Infrastrutture e trasporti

La città e la sua area metropolitana sono poste al centro dei traffici dell'Italia produttiva. In linea generale si può affermare che questa funzione di crocevia è resa possibile dalla particolare posizione geografica che, pur collocandola al margine meridionale della Pianura Padana , la pone, quasi come punto di passaggio obbligato, al centro delle vie di comunicazione che collegano il Nord dell' Italia col Mezzogiorno, sia attraverso la direttrice "adriatica" da Torino , Milano , il Veneto fino alla Puglia , assai più rilevante per traffico di quella "tirrenica" da Genova a Roma , sia attraverso la cosiddetta "dorsale appenninica" per Firenze e Roma (che sfrutta, almeno nel primo tratto, la storica ed importante via di penetrazione appenninica rappresentata dalla valle del fiume Reno ): infatti proprio queste due direttrici s'incontrano a Bologna.

Strade

Il nodo autostradale di Bologna

Principale snodo autostradale d' Italia , confluiscono nel nodo di Bologna: la A1 "Autostrada del Sole" Milano - Firenze - Roma - Napoli ; l'asse adriatico A14 Bologna- Ancona - Taranto ; la A13 Bologna- Padova . Il raccordo autostradale che circonda la città ad ovest, nord ed est è affiancato per circa 22 km dalla tangenziale . La densità di traffico è una delle più elevate d'Italia ed anche l'ambiente e la qualità dell'aria ne risentono fortemente: all'inquinamento proprio del traffico di un'area urbana di un milione di abitanti si aggiunge quello di un traffico "di transito" che non ha eguali in Italia , specie in rapporto alla grandezza dell'agglomerato. Al fine di decongestionare il traffico e potenziare il raccordo autostradale e della tangenziale, è stata realizzata una terza corsia dinamica sulla A14 ei semafori all'innesto degli svincoli della tangenziale con strade urbane sostituiti con rotatorie. È allo studio, inoltre, la realizzazione del cosiddetto Passante Nord che, staccandosi dalla A14 nella zona di Castel San Pietro Terme , dovrebbe collegarsi alla A1 prima di Castelfranco Emilia , transitando, a nord della città, in modo da allontanare dall'agglomerato urbano il traffico di solo transito.

Altre strade importanti che toccano la città sono la Strada statale 9 Via Emilia , che la collega con numerosi capoluoghi dell' Emilia-Romagna , oltre che con Lodi e Milano ; l'ex Strada statale 253 San Vitale che la collega con Ravenna; l'ex Strada statale 65 della Futa che la collega con Firenze e la Strada statale 64 Porrettana che proviene da Pistoia e prosegue per Ferrara .

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazioni ferroviarie di Bologna .
Stazione di Bologna
Stazione sotterranea di Bologna centrale AV

Bologna costituisce un nodo ferroviario di rilevanza nazionale, attraverso il quale si stima che transiti oltre l' 85% [ senza fonte ] del traffico nazionale fra Nord e Sud, escludendo i traffici via La Spezia (per Milano e la Francia ) e quelli via Ravenna - Ferrara e via Ferrara - Suzzara - Parma. Le ferrovie offrono, oltre al servizio di collegamento regionale, nazionale e internazionale, anche servizi a livello metropolitano.

Le linee ferroviarie di rilevanza nazionale che si attestano a Bologna Centrale sono:

Le altre linee di importanza regionale che si attestano a Bologna Centrale sono:

La città è inoltre dotata di una linea ferroviaria di cintura .

Le principale stazione ferroviaria è la stazione di Bologna Centrale , fra le più grandi stazioni italiane per traffico passeggeri (circa 58 milioni all'anno) e per numero di treni giornalieri in transito.

Servizio ferroviario metropolitano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio ferroviario metropolitano di Bologna .
Simbolo SFM Bologna.jpg

Il Servizio ferroviario metropolitano di Bologna è un servizio ferroviario suburbano ad elevata frequenza, che utilizza linee ferroviarie convergenti nella città di Bologna. È identificato dall'acronimo SFM o anche solo con la lettera "S". Questo servizio offre diverse fermate all'interno del nucleo urbano di Bologna e della città metropolitana, ed è quindi utile anche per spostamenti all'interno della città. [127]
Al 2018 consta di otto linee.

Aeroporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna e Marconi Express .

L' Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna , con un network di oltre 90 destinazioni e servito da più di 50 compagnie aeree, è l'ottavo aeroporto italiano per numero di passeggeri. [128] L'importanza dell'aeroporto (il cui bacino d'utenza è stimato in almeno dieci milioni di persone [129] ) è dovuto prevalentemente alla posizione nel "baricentro produttivo" d'Italia. Oltre alla sua funzione al servizio dell'intera zona produttiva emiliana e marchigiana, l'aumento delle rotte da parte di compagnie aeree low cost e la realizzazione della linea ad Alta Velocità per Firenze hanno portato ad un massiccio aumento dell'utenza turistica. [130]

Mobilità urbana

Trasporti pubblici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete tranviaria di Bologna e Rete filoviaria di Bologna .
Filobus Iveco Bus Crealis Neo 18 a Bologna

I trasporti pubblici urbani sono gestiti da TPER , che offre un servizio di autobus e filobus , con linee urbane, suburbane e interurbane. Sono presenti alcune linee notturne che percorrono la città a orario cadenzato durante tutta la notte e altre, denominate Night Bus, e attive nei fine settimana, che alla sera collegano alcuni paesi della provincia con il capoluogo.

Alcune linee, sono state appaltate da Tper ad alcune compagnie, tra cui: Autoguidovie , SACA , COSEPURI , e ad altre aziende minori operanti nel territorio

Sono invece gestiti dalla City Red Bus alcuni autobus a piano scoperto che percorrono un giro turistico in centro storico con fermate stop and go (salita e discesa su richiesta), dotati di hostess multilingue. [131]

A Bologna sono attivi servizi di car sharing (Io Guido e Enjoy , con auto a benzina, e Corrente , con auto elettriche) e due servizi di bike sharing (gestiti rispettivamente da Mobike e TPER ). Dalla primavera 2010 è in funzione in centro un servizio gratuito di taxi su bici, chiamato Bi-Bo. [132]

Piste ciclabili

Bologna dispone di una fitta rete di piste ciclabili . La rete è lunga circa 120 km [133] ed è suddivisa in cinque itinerari radiali, che partono dal centro e arrivano alle periferie. [134] È previsto nei prossimi anni [133] un ampliamento delle piste ciclabili e un aumento del numero di biciclette per il bike sharing , che arriveranno ad essere un migliaio. [133] Attraverso una campagna di sensibilizzazione alla mobilità dolce e alla sicurezza stradale, il Comune vuole portare, entro il prossimo decennio, la percentuale degli spostamenti in bicicletta al 15% del totale della mobilità urbana. [133] Nel 2015 è stata inaugurata la cosiddetta tangenziale delle biciclette , che segue il percorso dei viali di circonvallazione intorno al centro storico. [135]

Inoltre, è in corso di realizzazione la prima "autostrada delle biciclette" italiana, un percorso ciclopedonale parte del corridoio europeo EuroVelo 7 che collegherà la città di Bologna con Verona , seguendo l'antica linea ferroviaria [136] .

A settembre 2015 ha aperto in città la velostazione "Dynamo" [137] , che offre servizi di parcheggio, noleggio e riparazione biciclette, tour guidati, bar/ristoro ed eventi tematici [138] .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Bologna .

Per tutta la sua storia democratica, l'amministrazione cittadina si è distinta per il suo orientamento politico di sinistra. Nel 1914 il Partito Socialista vinse a larga maggioranza le prime elezioni amministrative a suffragio universale maschile con il motto elettorale "Pane e alfabeto", portando alla prima giunta socialista di Francesco Zanardi . [139] L'avvento del regime fascista portò all'abolizione degli organi democratici comunali, reistituiti solo dopo la Liberazione con l'introduzione del suffragio universale. Il primo sindaco del dopoguerra fu Giuseppe Dozza , nominato nel 1945 dal Comitato regionale di liberazione nazionale Emilia e Romagna e confermato alle prime elezioni amministrative a suffragio universale del 1946 . Da allora, con la sola parentesi del 1999-2004 (che vide a capo della giunta di centro-destra Giorgio Guazzaloca ), i cittadini hanno eletto amministrazioni di sinistra o centro-sinistra, tanto da far assumere all'appellativo "Bologna la rossa" un significato politico.

Bologna è stata caratterizzata da un'alta partecipazione politica dei cittadini, riscontrabile nell'alta affluenza elettorale, storicamente oscillante fra l'80% e il 70%, sebbene con una forte battuta d'arresto alle elezioni comunali del 2016 , alle quali si registrò il minimo storico di affluenza, inferiore al 60%. [140] Bologna si colloca assai sopra la media nazionale anche per partecipazione delle donne nell'amministrazione, con ben 60% di elette nel Consiglio Comunale nel 2016. [141]

Consolati

A Bologna sono presenti i consolati generali del Marocco e della Romania . Vi si trovano inoltre i seguenti consoli onorari: Austria , Bulgaria , Costa Rica , Francia , Grecia , Malta , Messico , Monaco , Montenegro , Norvegia , Paesi Bassi , Polonia , Portogallo , Regno Unito , Russia , San Marino , Spagna , Sudafrica , Svezia , Svizzera , Ungheria , Uruguay . [142]

Gemellaggi

Bologna è gemellata con quindici città del mondo [143] :

Inoltre sono stati sottoscritti vari protocolli di cooperazione con le città di:

Società partecipate

Società in controllo pubblico

  • ATC spa - in liquidazione (59,65%)
  • Autostazione di Bologna srl (66,89%) [149]
  • Bologna Servizi Cimiteriali Srl (51%) [150]
  • CAAB Spa (80,04%)
  • FBM spa - in liquidazione (32,83%) [151]
  • Lepida spa (0,0015%) [152]
  • SRM srl (61,63%) [153]

Società Partecipate

Società quotate

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Bologna .

Calcio

Il Bologna campione d'Italia nel 1964.

Ha sede in città il Bologna , sette volte campione d'Italia e vincitore per due volte della Coppa Italia e per tre volte dellaCoppa dell'Europa Centrale . Nel suo palmarès figurano anche una Coppa Intertoto , una Coppa di Lega Italo-Inglese e un Torneo Internazionale dell'Expo Universale di Parigi 1937 . Milita in Serie A .

Pallacanestro

A Bologna la pallacanestro è uno sport molto radicato. Negli anni novanta la città si è guadagnata l'appellativo di Basket City ("la città della pallacanestro") grazie alla contemporanea militanza ai vertici dell'Europa delle due squadre bolognesi: la Virtus , vincitrice di 16 Scudetti e 2 Eurolega-Coppa Campioni , e la Fortitudo , che ha vinto per due volte il campionato italiano.

Il basket femminile è rappresentato ad alti livelli dalla selezione femminile della Virtus militante nella massima serie e dalla Libertas Basket Bologna , in Serie A2 dal 1993 .

Nel capoluogo emiliano hanno sede i principali enti che organizzano i campionati di pallacanestro italiani e l' All-Star Game : la Lega Basket e la Lega Nazionale Pallacanestro .

Pallavolo

La Zinella Volley ha vinto il campionato italiano nel 1984/85, la Coppa Italia nel 1983/84, la Coppa delle Coppe nel 1986/87 e una Coppa di Lega nel 1985/86. In seguito viene acquisita dalla società Pallavolo San Lazzaro, che a sua volta, a inizio 2019 , confluisce nella nuova Pallavolo Bologna insieme ad altre 6 società del territorio [154] e nel campionato 2019-2020 milita in serie B .

Note

  1. ^ Questo curioso soprannome, col quale Bologna è nota in tutta Italia, si deve a tre caratteristiche del territorio: la Dotta , in quanto sede dell'Università da quasi mille anni; la Grassa , grazie alla sua cucina; e la Rossa , in quanto il rosso è il colore prevalente in tutte le sue strutture antiche e nuove
  2. ^ a b Tavola ISTAT - Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ Luciano Canepari , Bologna , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  6. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana , su dipionline.it . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 22 aprile 2018) .
  7. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese , Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3 .
  8. ^ Art. 1, c. 3, dello statuto regionale emiliano-romagnolo , su demetra.regione.emilia-romagna.it , Regione Emilia-Romagna. URL consultato il 4 giugno 2015 ( archiviato il 30 giugno 2015) .
  9. ^ Città in trasformazione. Bologna, una città sostenibile ( PDF ), su eib.org . URL consultato il 7 aprile 2020 ( archiviato il 7 aprile 2020) .
  10. ^ università , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 4 ottobre 2017 .
  11. ^ ( EN ) Oldest university , su guinnessworldrecords.com , Guinness World Records. URL consultato il 4 ottobre 2017 ( archiviato il 10 ottobre 2017) .
  12. ^ Bologna Unesco city of music , su cittadellamusica.comune.bologna.it , Comune di Bologna. URL consultato il 13 maggio 2020 ( archiviato il 21 febbraio 2020) .
  13. ^ Silvia Maria Dubois, I portici di Bologna sono stati nominati patrimonio dell'Unesco , su corrieredibologna.corriere.it , Corriere della Sera , 28 luglio 2021. URL consultato il 28 luglio 2021 .
  14. ^ Ggogle maps , su google.it ( archiviato il 12 giugno 2018) .
  15. ^ sabatoseraonline: video, Faenza: la nevicata del 1929 , su sabatoseraonline.it . URL consultato il 30 gennaio 2010 ( archiviato il 19 luglio 2014) .
  16. ^ Giovanni Colonna , I caratteri originali della civiltà Etrusca , in Mario Torelli (a cura di), Gi Etruschi , Milano, Bompiani, 2000, pp. 25-41.
  17. ^ Dominique Briquel , Le origini degli Etruschi: una questione dibattuta fin dall'antichità , in Mario Torelli (a cura di), Gi Etruschi , Milano, Bompiani, 2000, pp. 43-51.
  18. ^ Gilda Bartoloni , Le origini e la diffusione della cultura villanoviana , in Mario Torelli (a cura di), Gi Etruschi , Milano, Bompiani, 2000, pp. 53-71.
  19. ^ Definita da alcuni studiosi una "cripto-signoria" in quanto la famiglia cercò di governare ponendosi come "primi tra pari" piuttosto che come veri e propri signori della città. Vedi: Guido Antonioli, Conservator pacis et iustitie: la Signoria di Taddeo Pepoli a Bologna (1337-1347) , Bologna, Clueb, 2004.
  20. ^ con Decreto n. 355 del 12 maggio 1849 , pubblicato sul Bollettino delle Leggi della Repubblica Romana - Edizione Officiale, n. 37 del 12 maggio 1849.
  21. ^ [1] Archiviato il 19 novembre 2018 in Internet Archive ..
  22. ^ [2] Archiviato il 20 novembre 2018 in Internet Archive ..
  23. ^ [3] Archiviato il 20 novembre 2018 in Internet Archive ..
  24. ^ Da Bologna tra Otto e Novecento , Pendragon
  25. ^ da Bologna - Le nuove guide oro a cura di Giancarlo Roversi, 1995, Touring Club Italiano , p. 90.
  26. ^ ( EN ) UNESCO World Heritage: The Porticoes of Bologna Archiviato il 5 aprile 2019 in Internet Archive .
  27. ^ Paolo Rosato, Portici Bologna patrimonio mondiale Unesco , su ilrestodelcarlino.it , Il Resto del Carlino , 28 luglio 2021. URL consultato il 28 luglio 2021 .
  28. ^ San Francesco a Bologna , su medioevo.org . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 4 marzo 2016) .
  29. ^ Sulla storia del cimitero della Certosa di Bologna. Si veda tra altri, Gian Marco Vidor Biografia di un cimitero italiano. La Certosa di Bologna. Il Mulino, 2012.
  30. ^ Il campo trincerato di Bologna , su bibliotecasalaborsa.it . URL consultato il 3 giugno 2020 ( archiviato il 3 giugno 2020) .
  31. ^ a b Comune di Bologna, Popolazione residente dalla nascita e popolazione immigrata per provenienza al 31 dicembre - serie storica , su http://www.inumeridibolognametropolitana.it . URL consultato il 18 settembre 2020 ( archiviato il 19 ottobre 2020) .
  32. ^ a b c Comune di Bologna, I flussi migratori a Bologna Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive ., ottobre 2011.
  33. ^ Bologna, oltre un milione di abitanti - Corriere di Bologna , su corrieredibologna.corriere.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  34. ^ Gianni Balduzzi, Immigrazione interna, dove gli italiani si trasferiscono di più nel nostro Paese , in Termometro Politico , 10 luglio 2019. URL consultato il 1º marzo 2020 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  35. ^ Immigrati secondo la provenienza - serie storica , su http://www.inumeridibolognametropolitana.it/ . URL consultato il 16 gennaio 2020 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  36. ^ LE TENDENZE DEMOGRAFICHE A BOLOGNA NEL 2017 ( PDF ), su http://www.comune.bologna.it . URL consultato il 22 aprile 2019 ( archiviato il 19 febbraio 2018) .
  37. ^ Popolazione con domicilio stabile entro le vecchie mura del comune di Bologna dal 1371 al 1858 , su inumeridibolognametropolitana.it . URL consultato il 30 marzo 2021 .
  38. ^ All'interno della sola cerchia delle mura, attuale centro storico
  39. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  40. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente e bilancio demografico al 31 dicembre 2020 , su demo.istat.it . URL consultato il 30 luglio 2021 ( archiviato il 6 agosto 2017) .
  41. ^ Associna - Bologna: La fabbrica e il dragone , su associna.com . URL consultato il 26 maggio 2010 (archiviato dall' url originale il 7 luglio 2011) .
  42. ^ De Vulgari Eloquentia , I, IX
  43. ^ a b Al nòster dialàtt - Situazione attuale , su comune.bologna.it . URL consultato il 23 aprile 2019 ( archiviato il 29 aprile 2019) .
  44. ^ Banca dati delle associazioni, Regione Emilia-Romagna , su wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/ . URL consultato il 25 novembre 2019 ( archiviato il 30 giugno 2017) .
  45. ^ Autori vari, Il posizionamento di Bologna ( PDF ), Bologna, Città Metropolitana di Bologna, aprile 2016, pp. 56-57. URL consultato il 25 novembre 2019 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  46. ^ Gianni Rossi Barilli, "Il movimento gay in Italia", Feltrinelli Editore , su books.google.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  47. ^ Movimento identità transessuale - MIT , su siusa.archivi.beniculturali.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  48. ^ a b Bologna Shanghai World Expo 2010 , su bolognaexpo2010.it . URL consultato il 22 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  49. ^ Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo XIII Edizione, Alessandria d'Egitto 25 ottobre – 4 novembre 2007 ( PDF ), su comune.pisa.it . URL consultato il 23 giugno 2010 ( archiviato il 22 luglio 2011) .
  50. ^ L'Università di Bologna, la più antica del mondo , su panoramitalia.com , Panoram Italia. URL consultato il 29 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 12 settembre 2015) .
  51. ^ Girolamo Arnaldi, Il discorso di Giosuè Carducci per l'ottavo (virtuale) centenario dello Studio di Bologna , in La Cultura , anno XLVI, n. 3, dicembre 2008, pp. 405-424, doi: 10.1403/28351.
  52. ^ L'Università oggi: tra numeri e innovazione , su www.unibo.it . URL consultato il 10 agosto 2020 ( archiviato il 4 febbraio 2019) .
  53. ^ Top Universities , su topuniversities.com . URL consultato il 4 agosto 2020 ( archiviato il 9 giugno 2020) .
  54. ^ Johns Hopkins School of Advanced International Studies (SAIS) Bologna Center | Home | About SAIS in Bologna Archiviato il 14 luglio 2010 in Internet Archive .
  55. ^ Dickinson College - Dickinson in Italy Archiviato il 3 gennaio 2013 in Internet Archive .
  56. ^ Il Reale Collegio di Spagna , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 15 novembre 2020 ( archiviato il 16 novembre 2020) .
  57. ^ Storia dell'Accademia di Bologna – 1711 - 2011 , su ababo.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  58. ^ Collegio San Luigi. Storia.
  59. ^ Comuni superiori ai 100.001 abitanti , su cepell.it . URL consultato il 6 luglio 2020 ( archiviato il 4 luglio 2020) .
  60. ^ Michele Smargiassi, "Chiusi io Radio Alice ma ora la rimpiango" , in la Repubblica Bologna , 7 febbraio 2007. URL consultato il 15 febbraio 2015 ( archiviato il 15 febbraio 2015) .
  61. ^ Radio Ricerca Aperta , su radiomarconi.com . URL consultato il 22 febbraio 2011 ( archiviato il 4 aprile 2011) .
  62. ^ Il Garamond, Bologna e l'editoria italiana , su giorgiopozzi.com . URL consultato il 26 febbraio 2020 ( archiviato il 26 febbraio 2020) .
  63. ^ Francesco Simoncini, un Olivetti bolognese , su ilgiornaledellarchitettura.com . URL consultato il 26 febbraio 2020 ( archiviato il 26 febbraio 2020) .
  64. ^ Perché tutti i libri italiani sono in Garamond , su ilpost.it . URL consultato il 26 febbraio 2020 ( archiviato il 26 febbraio 2020) .
  65. ^ La Settimana Internazionale della Performance Archiviato il 15 ottobre 2019 in Internet Archive . su unibo.it
  66. ^ Renato Barilli, Roberto Daolio (a cura di), Premio Francesca Alinovi 1986-2000, catalogo della mostra, Bologna 2000
  67. ^ Scuola del giallo bolognese ( PDF ), su badigit.comune.bologna.it . URL consultato il 26 luglio 2017 ( archiviato il 29 luglio 2017) .
  68. ^ La scuola bolognese e il caso Camilleri , su repubblica.it . URL consultato il 31 luglio 2017 ( archiviato il 31 luglio 2017) .
  69. ^ 5 libri di successo ambientati a Bologna , su bolognatoday.it , 2 maggio 2016. URL consultato il 26 luglio 2017 ( archiviato il 29 luglio 2017) .
  70. ^ Copia archiviata , su bologna.repubblica.it . URL consultato il 31 luglio 2017 ( archiviato il 31 luglio 2017) .
  71. ^ Bologna: una selva di scrittori e di scrittrici , su larengodelviaggiatore.info . URL consultato il 26 luglio 2017 ( archiviato il 30 luglio 2017) .
  72. ^ "È facile vivere bene a Bologna se sai cosa fare" di Maria Grazia Perugini, cap. "Non solo giallo:scrittori all'ombra delle torri", Newton Compton 2016 , su books.google.it . URL consultato il 31 luglio 2017 ( archiviato il 31 luglio 2017) .
  73. ^ i pionieri: Magnus, Bonvi, Giardino , su bibliotecasalaborsa.it . URL consultato il 26 luglio 2017 ( archiviato il 4 settembre 2018) .
  74. ^ Fumetto e illustrazione all'Accademia di Belle Arti di Bologna - Fumetti - Komix.it Fumetti @ 360º , su komix.it . URL consultato il 22 ottobre 2011 ( archiviato l'8 dicembre 2012) .
  75. ^ Concorso Internazionale di Composizione "2 Agosto" , su concorso2agosto.it (archiviato dall' url originale il 23 novembre 2015) .
  76. ^ Bologna Città della Musica , su cittadellamusica.comune.bologna.it . URL consultato il 10 agosto 2018 ( archiviato il 1º agosto 2018) .
  77. ^ Coro Euridice - Coro Euridice , su coroeuridice.it . URL consultato il 10 agosto 2018 ( archiviato l'11 agosto 2018) .
  78. ^ Sadie 2006 , pp. 190-191 .
  79. ^ Via Caprarie: la Strada del Jazz a Bologna , su nuok.it . URL consultato il 18 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 10 marzo 2013) .
  80. ^ Skiantos Archiviato il 7 novembre 2015 in Internet Archive ., Onda Rock
  81. ^ Ezio Guaitamacchi, 1000 concerti che ci hanno cambiato la vita , Milano, Rizzoli, 2010. URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  82. ^ Oderso Rubini - la Repubblica.it , in Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 10 aprile 2017 ( archiviato l'11 aprile 2017) .
  83. ^ Diego Nozza, Hardcore. Introduzione al punk italiano degli anni ottanta , Fano, Edizioni crac, 2011, ISBN 978-88-97389-02-6 .
  84. ^ Marco Philopat , Costretti a sanguinare , Torino, Giulio Einaudi Editore , 2006, ISBN 978-88-06-18305-9 .
  85. ^ Dati Eurostat Archiviato l'8 aprile 2011 in Internet Archive .
  86. ^ Copia archiviata , su cinetecadibologna.it . URL consultato il 16 dicembre 2017 ( archiviato il 17 dicembre 2017) .
  87. ^ Copia archiviata , su bolognatoday.it . URL consultato il 16 dicembre 2017 ( archiviato il 17 dicembre 2017) .
  88. ^ Fonte: Memoria visiva emiliano-romagnola , su cinetecadibologna.it . URL consultato il 22 giugno 2015 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  89. ^ 'Bologna City of Food' - Worldnews.com , su article.wn.com . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  90. ^ Il Pignoletto brinda alla Docg - il Resto del Carlino - Bologna , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  91. ^ ALMA JAZZ VOLVO MUSIC FESTIVAL , su nonsolocinema.com . URL consultato il 5 agosto 2017 ( archiviato il 5 agosto 2017) .
  92. ^ Future Film Festival , su futurefilmfestival.org . URL consultato il 5 agosto 2017 ( archiviato il 5 agosto 2017) .
  93. ^ Copia archiviata , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 16 dicembre 2017 ( archiviato il 21 settembre 2017) .
  94. ^ Copia archiviata , su bologna.repubblica.it . URL consultato il 16 dicembre 2017 ( archiviato il 20 aprile 2017) .
  95. ^ La storia , su www.danzaurbana.eu . URL consultato il 23 aprile 2019 ( archiviato il 23 aprile 2019) .
  96. ^ Smell Festival & Atelier , su smellfestival.it . URL consultato il 5 agosto 2017 .
  97. ^ Liveable city Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  98. ^ Metropolitane | PDF Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive .
  99. ^ Working Paper | PDF ( PDF ), su iermb.uab.es . URL consultato il 27 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2011) .
  100. ^ ( FR ) Brunet R. (1989), Les villes européennes, DATAR Reclus, La Documentation Francaise
  101. ^ ( EN ) Globalization and World Cities - Study Group & Network: Inventory of World Cities Archiviato il 14 ottobre 2013 in Internet Archive .
  102. ^ Le parole d'amore per Bologna del turista che ha percorso tutti (ma proprio tutti) i 340 km di strade del centro , in Repubblica.it , 10 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017 ( archiviato il 10 luglio 2017) .
  103. ^ BOLOGNA (città) guida e foto , su settemuse.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  104. ^ I portici di Bologna alla conquista dell'Unesco , su video.tiscali.it . URL consultato il 3 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2013) .
  105. ^ Espansione demograficahttps://www.bibliotecasalaborsa.it , su bibliotecasalaborsa.it . URL consultato il 19 gennaio 2021 .
  106. ^ Il quartiere Levante Emilia , su https://www.bibliotecasalaborsa.it . URL consultato il 19 gennaio 2021 .
  107. ^ Quartiere Barca , su www.atlantearchitetture.beniculturali.it . URL consultato il 19 gennaio 2021 .
  108. ^ Torri di Kenzo Tange Archiviato il 2 gennaio 2014 in Internet Archive .
  109. ^ Eleonora Cappelli, Stalingrado, l'ora dell'autocritica , in la Repubblica , 23 gennaio 2008. URL consultato l'11 agosto 2020 ( archiviato il 6 maggio 2014) .
  110. ^ Palazzi che oscurano il liberty e torri di vetro. Vi piace la nuova Bologna? , in la Repubblica , gennaio 2008. URL consultato l'11 agosto 2020 ( archiviato il 17 febbraio 2017) .
  111. ^ Torre Unipol, cantiere da 65 milioni/ Foto È il business più alto della via Emilia - Bologna - Repubblica.it , in Bologna - La Repubblica . URL consultato il 23 agosto 2018 ( archiviato il 23 agosto 2018) .
  112. ^ CNA Bologna | PDF ( PDF ), su cnainforma.it . URL consultato il 18 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 20 marzo 2014) .
  113. ^ ( EN ) Eurostat, Gross domestic product (GDP) at current market prices by metropolitan regions Archiviato il 24 novembre 2020 in Internet Archive .
  114. ^ ( EN ) European Regional Economic Growth Index E-REGI 2016 Archiviato il 27 marzo 2017 in Internet Archive .
  115. ^ Bologna dell'acqua e della seta , su Museo del Patrimonio Industriale . URL consultato il 13 maggio 2016 ( archiviato il 3 agosto 2016) .
  116. ^ La moderna città della cultura meccanica , su Museo del Patrimonio Industriale . URL consultato il 13 maggio 2016 ( archiviato il 4 agosto 2016) .
  117. ^ COESIA Bologna , su coesia.com . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  118. ^ Fiere: Bologna, nel 2010 expo torna in attivo con utile netto di 1,2 mln | Bologna la Repubblica.it , su bologna.repubblica.it . URL consultato il 24 maggio 2011 ( archiviato il 22 luglio 2011) .
  119. ^ Il blog di Kilpoldir? , su candeli.com . URL consultato il 25 giugno 2010 ( archiviato l'11 febbraio 2011) .
  120. ^ Outlet in Emilia-Romagna: Guida Shopping Emilia-Romagna - Agendaonline.it , su agendaonline.it . URL consultato il 24 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2010) .
  121. ^ Comprare a meno si può il boom dei negozi dell'usato - Bologna - Repubblica.it , su bologna.repubblica.it . URL consultato il 23 agosto 2010 ( archiviato il 3 settembre 2010) .
  122. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 2, Roma, ACI, 1985, p. 4,6.
  123. ^ Banche dell'Emilia Romagna , su comuni-italiani.it , Comuniitaliani.it. URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  124. ^ "Bologna è terreno fertile: può essere la nuova Silicon Valley" - il Resto del Carlino - Bologna , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  125. ^ RadioEmiliaRomagna | Programmi | Bologna è la nuova Silicon Valley italiana? , su radioemiliaromagna.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  126. ^ Duemila anni di storia termale a Bologna , su ansa.it . URL consultato il 3 marzo 2020 ( archiviato il 3 marzo 2020) .
  127. ^ Copia archiviata ( PDF ), su fsnews.it . URL consultato il 2 luglio 2019 ( archiviato il 2 luglio 2019) .
  128. ^ Dati Annuali , su Assaeroporti . URL consultato il 25 novembre 2019 ( archiviato il 15 ottobre 2019) .
  129. ^ Aeroporto di Bologna in breve , su www.bologna-airport.it . URL consultato il 26 novembre 2019 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  130. ^ Francesco Rosano, I 10 anni di Ryanair a Bologna. La rivoluzione del turismo , in Il Corriere di Bologna , 8 novembre 2018. URL consultato il 26 agosto 2019 ( archiviato il 26 agosto 2019) .
  131. ^ City Red Bus | Chi siamo Archiviato il 20 settembre 2010 in Internet Archive .
  132. ^ Il progetto "Bi-Bo" Archiviato il 27 giugno 2010 in Internet Archive .
  133. ^ a b c d Nuove piste ciclabili a Bologna , su ilcomuneinforma.it . URL consultato l'11 luglio 2010 ( archiviato il 7 dicembre 2009) .
  134. ^ Piste ciclabili , su comune.bologna.it . URL consultato l'11 agosto 2011 ( archiviato il 10 settembre 2011) .
  135. ^ Copia archiviata , su bologna.repubblica.it . URL consultato il 13 dicembre 2015 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  136. ^ Ciclabile sull'ex ferrovia Bologna-Verona, si farà: "Occasione importante per il territorio" , in Bologna Today , 15 settembre 2016. URL consultato il 5 agosto 2017 ( archiviato il 5 agosto 2017) .
  137. ^ Situata alla fine di via Indipendenza, sotto il Pincio della Montagnola , vicino all' Autostazione ea poca distanza dalla Stazione Centrale FS
  138. ^ Copia archiviata , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 13 dicembre 2015 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  139. ^ Paola Furlan, Zanardi, Francesco , su Iperbole - storia amministrativa . URL consultato il 26 agosto 2019 ( archiviato il 23 luglio 2017) .
  140. ^ Mauro Giordano e Benedetta Boldrin, Elezioni Comunali Bologna, Affluenza definitiva: 59,72% degli elettori , in Corriere di Bologna , 5 giugno 2016. URL consultato il 25 novembre 2019 ( archiviato il 25 agosto 2016) .
  141. ^ Distribuzione di genere ed età media dei componenti della Giunta Comunale, del Consiglio Comunale e dei Consigli di Quartiere ( PDF ), su Comune di Bologna , settembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2019 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  142. ^ Consolati esteri a Bologna , su comune.bologna.it , Comune di Bologna, 23 febbraio 2016. URL consultato il 10 marzo 2016 ( archiviato l'11 marzo 2016) .
  143. ^ Gemellaggi del Comune di Bologna , su iperbole.bologna.it . URL consultato il 28 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 13 marzo 2013) .
  144. ^ DgTvOnline.com » Bari: gemellaggio con Bologna Archiviato il 20 marzo 2014 in Internet Archive .
  145. ^ Comune di Bari | Notizie Archiviato il 19 ottobre 2011 in Internet Archive .
  146. ^ Gemellaggio Pollica-Bologna , su corrieredelmezzogiorno.corriere.it . URL consultato il 23 novembre 2015 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  147. ^ Un'alleanza strategica per lo sviluppo economico, strutturale e culturale tra Bologna e Firenze. ( RTF ), su comune.bologna.it . URL consultato il 28 dicembre 2009 ( archiviato il 10 luglio 2008) .
  148. ^ Protocollo di intesa tra Torino e Bologna sui servizi telematici , su comune.bologna.it . URL consultato il 28 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 28 maggio 2013) .
  149. ^ altri soci:
  150. ^ altri soci: SPV spa - 49%
  151. ^ altri soci:
  152. ^ altri soci: https://www.lepida.it/sites/default/files/u8/Chi_siamo/Elenco_Soci_03072018.pdf Archiviato il 16 novembre 2018 in Internet Archive .
  153. ^ altri soci:
  154. ^ Nasce la Pallavolo Bologna: una squadra in B maschile e una community riunita nel progetto VolleyBol

Bibliografia

Sulla città

  • ( EN ) Bologna , in Catholic Encyclopedia , New York, Encyclopedia Press, 1913.
  • Le torri di Bologna: Quando, come e perché. Banca Popolare di Milano, 1989.
  • Matteo Marchesini , Perdersi a Bologna , Edizioni Interculturali, 2006, Roma.
  • Renato Zangheri, Bologna , Laterza, 1986.
  • Paola Bonora e Pier Luigi Cervellati (a cura di), Per una nuova urbanità. Dopo l'alluvione immobiliarista (brossura), 1ª ed., Reggio Emilia, Diabasis, novembre 2009, p. 216, ISBN 978-88-8103-655-4 .
  • Valentina Ridolfi, Bologna 2000 Città europea della cultura: esperienza positiva e riferimento utile per un sistema culturale dell'Emilia-Romagna (Firenze: Alinea, 2006), Quaderni del Circolo Rosselli: 95 ns, 4, 2006.

Sui teatri e sulla musica

  • Corrado Ricci, I teatri di Bologna nei secoli XVII e XVIII , Successori Monti, 1888.
  • Corrado Ricci, I teatri di Bologna nei secoli XVII e XVIII: storia aneddotica , A. Forni, 1965.
  • Antonello Lombardi, Bologna. Guida turistica ai luoghi della musica , Ut Orpheus Edizioni, 2006. ISBN 88-8109-455-X

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 144875967 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2293 745X · LCCN ( EN ) n79021394 · GND ( DE ) 4007616-7 · BNF ( FR ) cb118624920 (data) · NDL ( EN , JA ) 00629247 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79021394
Bologna Portale Bologna : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bologna