Brigandatge

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Viatgers atacats per bandolers, aquarel·la de Bartolomeo Pinelli (1817).

El bandolerisme era un fenomen de naturalesa criminal , fruit de l’activitat de bandes de delinqüents que infestaven zones rurals o vies de comunicació amb finalitats de robatori o assassinat . Entre els crims , en particular els violents, perpetrats per bandolers , destaquen el robatori , l' assassinat , l' abigat , la violació , així com diverses formes d'amenaça i opressió. Tot i que el fenomen té orígens remots i afecta diferents períodes i territoris històrics, en la historiografia italiana aquest terme es refereix generalment a les bandes armades presents al sud d’ Itàlia entre finals del segle XVIII i la primera dècada posterior a la proclamació del Regne d’Itàlia el 1861. .

L’activitat bandolera s’ha utilitzat en diverses ocasions instrumentalment amb finalitats polítiques, recorrent també a motivacions religioses. A principis del segle XIX , els exèrcits sanfedistes del cardenal Ruffo van contractar bandolers i tota mena de delinqüents per derrocar la República napolitana (1799) ; més tard, el bandolerisme va ser severament reprimit durant la regència napoleònica i muratiana del Regne de Nàpols , així com, en principi, l'activitat del bandoler va ser condemnada per les lleis borbòniques , però les mateixes lleis van continuar sent inaplicables i els bandolers, gràcies als seus protectors i mantenidors i davant la interessada ceguesa de les autoritats, que efectivament utilitzaven criminals com a soldats i instrument de control del territori (aliança amb el poder que es remunta almenys al regnat de Ferran I), van continuar afligint i extorsionant la ja miserable població.

Durant el procés del Risorgimento , el recent nascut Regne d’Itàlia va haver d’afrontar aquest flagell d’una manera decidida, sobretot perquè alguns elements estaven en contacte amb Francesc II de Borbó , que intentava recuperar el tron ​​a través dels bandolers. [1] En aquesta fase històrica, més que en les anteriors, els bandolers van desenvolupar la seva activitat criminal sense motius socials o polítics, units, bandejats i petits grups d’antics soldats borbònics , només per les promeses de recompensa del rei derrotat. [2]

Etimologia i definicions

Viatgers en diligència durant un assalt de bandits al camp romà , principis del segle XIX (Bartolomeo Pinelli)
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Brigante .

El terme brigant generalment descriu una persona el negoci del qual està fora de la llei. Sovint es defineixen com bandolers, en un sentit pejoratiu, com a combatents i antiavalots en situacions socials i polítiques particulars. L’origen de la paraula encara no està clar i hi ha diverses hipòtesis sobre la seva etimologia. Entre ells, en el significat de participi present, la seva expressió original és "component d'una brigada ", és a dir, un grup de diverses persones. [ sense font ]

Orígens i causes

Il·lustració a Un recorregut de vianants a Calàbria i Sicília (1842) que mostra dones de Caraffa di Catanzaro visitant els seus marits detinguts perquè havien atacat el viatger

Des dels seus inicis, la causa subjacent del bandolerisme va ser –i encara ho és– la misèria. A més d’una autèntica forma de bandolerisme (sobretot a l’ edat mitjana ), el fenomen sovint ha assumit connotacions d’una autèntica revolta popular. A l’època moderna es van involucrar diverses capes socials, amb connexions i complicitats entre senyors i bandolers, invertint indistintament zones urbanes i rurals. Així, el bandolerisme va començar a presentar una força tal que va superar la del propi Estat, encara incapaç de mediar entre les diferents classes. [3]

Francesco Saverio Sipari , que va ser un dels primers a considerar l'origen social del fenomen, va escriure el 1863 : "el bandolerisme no és més que misèria, és una misèria extrema i desesperada" [4] i, anticipant també observacions similars de Giustino Fortunato , creia que el brigandatge es podia esgotar amb el "trencament" de l'aïllament de les regions del sud, que es donava per l'absència d'una xarxa infraestructural adequada, de carreteres i ferrocarrils, i amb l'alliberament dels cànons del Tavoliere . Francesco Saverio Nitti considerava el bandolerisme (particularment al sud) un fenomen complex, que podia adoptar les connotacions del bandolerisme comú, una reacció a la fam i la injustícia o una revolta política (per exemple, el piemontès ). Creia que el brigant, en la majoria dels casos, demostrava ser un defensor del poble i un símbol de la revolució proletària:

«Per a la plebs del sud, el bandoler era sovint el venjador i el benefactor: de vegades era la pròpia justícia. Els disturbis dels bandolers, conscients o inconscients, tenien en la majoria dels casos el caràcter d’aixecaments proletaris reals i salvatges. Això explica què els ha passat als altres i a mi tantes vegades notar-ho; la gent del camp del sud ni tan sols coneix els noms dels fundadors de la unitat italiana, però recorda amb admiració els noms de l'abat Cesare i Angelo Duca i els seus imitadors més recents ".

( Francesco Saverio Nitti [5] )

Giustino Fortunato el considerava "un moviment espontani, que es renovava històricament amb cada agitació, amb cada canvi polític, perquè és essencialment de caràcter primitiu i salvatge, fruit de la centenària brutalització de la misèria i el desconeixement de la nostra població rural". [6]

Al costat de la misèria, alguns identifiquen el bandolerisme com un fenomen de resistència, especialment durant el Risorgimento. El diputat liberal Giuseppe Ferrari va dir: "Els reaccionaris de les Dues Sicílies lluiten sota una bandera nacional, els podeu anomenar bandolers, però els pares i els avolis d'aquests han restablert dos cops els borbons al tron ​​de Nàpols". [7] No obstant això, el fenomen també va estar ben present en altres estats de preunificació a l'alba de la unificació d'Itàlia, inclòs l' Estat papal on encara es recorda la figura del " Passatore ", el Lombard-Veneto amb Carcini , el Regne de Sardenya amb Giuseppe Mayno i Giovanni Tolu .

Història del fenomen a Itàlia

Títol d’una proclama amb bandolers emesa a Siena pel gran duc de Toscana el 1585
Torquato Tasso capturat per Marco Sciarra
Antiga portada del fulletó d'Istoria del famós i foribund bandoler Abbate Cesare Riccardi , el bandoler està representat enmig de dos companys, al fons un poble en flames, un home penjat als peus d'un arbre i dos criminals que entren una casa per la finestra
Salvator Rosa (1615-1673) representat mentre retratava un cap de lladres, l'artista va recuperar la llibertat dels bandolers de Monte Gauro ( Campi Flegrei ) [8]

Imperi Romà

Comencem a parlar de bandolerisme ja a l’ antiga Roma , quan es va produir una insurrecció social a Tàrent cap al 185 aC , formada majoritàriament per pastors, que van arribar a formar autèntiques colles. [9] Per resoldre el problema, el pretor Lucio Postumio Tempsano va dur a terme una dura repressió en què van ser sentenciats uns 7.000 antiavalots, alguns dels quals van ser executats mentre que altres van aconseguir escapar. [10] Lucio Cornelio Silla també va prendre mesures contra bandolers (en aquell moment anomenats sicari o latrones ) [11] amb la promulgació de la Lex Cornelia de sicariis el 81 aC , que preveia la pena capital com la crucifixió i l'exposició a les bèsties salvatges ( ad bestias ). [11]

Juli Cèsar el 45 aC va confiar al pretorGaius Calvisio Sabino la tasca de combatre decisivament el bandolerisme que es va produir durant el seu govern. [12] Estrabó recorda la figura de Seleuro , anomenat fill de l' Etna , que durant molt de temps va sacsejar les ciutats de la zona de l'Etna abans de ser capturat i mort en els jocs de gladiadors del 35 aC . El 26 aC , Octavi August va combatre els disturbis de bandolers a Espanya on actuava Corocotta, un legitimista de Cantàbria [13], mentre que Tiberio va traslladar 4.000 jueus a Sardenya per oposar-se als rebels, tement que les seves bandes es convertissin en insurgències, instigades pels polítics rivals. . [13] Septimi Sever va haver d'enviar un destacament de cavalleria que participava en una guerra fronterera a Gran Bretanya per capturar després de dos anys (207 dC) al bandoler Bulla Felix una mena de Robin Hood de l'època. [14]

Edat mitjana

A l’ edat mitjana , el brigantatge es va desenvolupar especialment al centre-nord d’Itàlia. Les colles formaven no només bandits comuns, sinó també opositors polítics o persones riques que foren expulsades de la seva residència després de la confiscació dels seus béns. [15] Per sobreviure, aquestes persones es van veure obligades a amagar-se, atacant comerciants i viatgers.

A la segona meitat del segle XIV, es van registrar nombroses activitats de bandolerisme al Cassinat, per bandolers com Jacopo Papone da Pignataro i Simeone da San Germano , que van perseguir les poblacions locals amb assetjament i saqueig.

A la Toscana el sienès Ghino di Tacco , descendent de la noble família Cacciaconti Monacheschi Pecorai que no va dubtar a saquejar homes clericals com l' abat de Cluny , tot i que personalitats com Giovanni Boccaccio no el consideraven cruel amb les seves víctimes, [16] tant que per definir, segons algunes historiografies, un "cavaller senyor", [17] Dante l' esmenta al sisè cant del Purgatori de la seva Divina Comèdia . Aquestes dues cites literàries asseguraran que Ghino di Tacco sigui el bandoler italià medieval la fama del qual hagi sobreviscut al seu temps.

Segles XVI i XVII

A l'edat moderna van proliferar grups de proscrits, que consistien particularment en soldats mercenaris dissolts; camperols i pastors famolencs que es van amagar, robant bestiar als propietaris. Sacerdots de països - un símbol de descontentament i malestar molt comú en el clergat rural - també van participar en les activitats de bandolerisme, que es van unir a les files dels bandits [ cita requerida ].
Segons L. Colombo «A la segona meitat del segle XVI, el bandolerisme a tota la zona mediterrània esdevé una autèntica marea social. Onades de bandolers van colpejar el camp italià i fins i tot endurir Roma amb un vici ». [18]

Ducat de Milà

Al segle XVI, el bosc del Merlata que s'estenia al nord de la ciutat de Milà, des del poble de Villapizzone fins a incloure la Certosa di Garegnano, va ser infestat per una banda de bandolers que van trobar refugi a la taverna Melgasciada , [19] [20 ] . ] dirigit pels bandolers Giacomo Legorino i Battista Scorlino que van acabar capturats el maig de 1566, [21] després jutjat amb 80 còmplices i condemnat a mort cruel i exemplar: lligat a la cua d'un cavall i arrossegat per ell al galop. No obstant això, malgrat les ferides i els ossos trencats probables després de dues hores de tortura, el Legorino encara era viu, de manera que va ser sotmès a la tortura de la roda a la qual va resistir, la conclusió va arribar quan la salvació de l'ànima, el capellà va demanar el botxí per tallar-se la gola. La memòria d’aquests dos bandolers va romandre al llarg dels segles a la zona milanesa, sabem per Giovanni Rajberti que els seus fets van ser recordats i representats a l’antic teatre de l’Stadera, al Corso Venezia, encara el 1841. [22]

Al segle XVII la situació de l'ordre públic es va agreujar a causa de la indisciplina del soldat en el sou dels espanyols, que segons Cesare Cantù :

«Després de la pau es van convertir en matons; i el terreny de Gallarate era tan ple que el govern va oferir 100.000 escudis en recompensa a qualsevol que els destruís. Diguin-nos aquest consell , van dir, i van venir a unir-se als regiments. Els bandolers recorrien el camp, principalment a prop de les fronteres, terribles per als silencis i per a les autoritats. Calia guardar sentinelles als campanars ... Els caps no només eren malvats vulgars, com els famosos Battista Scorlino i Giacomo Legorino, sinó personalitats de nom, els Martinengos de Brescia; El comte Borella de Vimercato, un Barbiano da Belgiojoso, un Visconti di Brignano, els cavallers Cotica i Lampugnano, i el marquès Annibale Porrone, "un home temeràriament absurd (diu un crit) que ha demostrat que la seva institució no és res més que fer-se a si mateix famós en les resolucions més precipitades i inhumanes, amb tan poca por al diví i menyspreu de la justícia humana ". [23] "

Malfactors contra els quals les autoritats no van poder imposar restriccions i que en altres casos van aprofitar, com quan van acusar el marquès Porrone d’escortar un centenar de braves a les fronteres amb el Gran Ducat de Toscana un tal Rucellaj que havia estat amenaçada amb la mort a Milà.

República de Venècia

Giovanni Beatrice conegut com a Zanzanù va ser un dels bandits més brutals de la Sereníssima responsable, amb la seva banda, inclosa Eliseo Baruffaldi , entre 1602 i 1617 d’uns 200 assassinats a la zona de la Garda alta de Brescia , va escapar de nombrosos caçadors de recompenses i va morir el 17 d'agost de 1617 assassinat per la població de la comunitat de Tignale després d'un intent fallit de segrestar un ric propietari de terres, en una furiós lluita contra incendis que va causar la mort de quatre bandolers i sis Tignalesi. El seu cos, portat a Salò, va ser penjat a la forca i exposat al públic fins a la consumació i el cap va ser lliurat a les autoritats de Brescia . [24]

Romanya

A la fi del segle XVI, als territoris de la frontera entre la Romanya toscana i la romana papal , estava actiu Alfonso Piccolomini , d’una família noble , duc de Montemarciano , la banda armada de la qual estava formada per criminals de la Toscana, la Romanya i les Marques. Inicialment amic del gran duc de Toscana que el va salvar de la captura fent-lo refugiar a França, va tornar a Itàlia, probablement en el sou dels enemics dels Mèdici i afavorit pel suport dels espanyols atestat al Presidii , va amenaçar la Maremma des de les muntanyes de Pistoia i va aprofitar la fam provocada per la fam de 1590 per "aixecar els pobles" i fer "incursions". [25] Tant el Gran Ducat de Toscano com l'Estat Papal el van caçar durant molt de temps, emprant enormes recursos d'homes i mitjans, fins que el van poder executar el 16 de març de 1591 .

Estat de l’Església i Itàlia central

A la segona meitat de segle XVI, el Abruzzese bandoler Marc Sciarra treballaven al centre i sud d'Itàlia que, va reunir al seu voltant uns mil homes, van dur a terme batudes i assalts; antagonitzant tant els espanyols com l’ estat de l’Església . En el mateix període va actuar Alfonso Piccolomini Todeschini , un noble pertanyent a una il·lustre família sienesa , que va escollir el camí del bandolerisme per combatre l’ estat papal , posant-se al capdavant de persones miserables que va cometre fets il·legals entre Úmbria , les Marques i el Laci . A la fi del segle XVI, altres bandes operaven al centre d’Itàlia, dirigides per Battistello da Fermo , Francesco Marocco , Giulio Pezzola i Bartolomeo Vallante ; mentre en el mateix període Marco Berardi, conegut amb el sobrenom del rei Marcone, operava a Calàbria.

Les cròniques d’aquest període també informen dels fets d’un tal capità Antino Tocco, natural de San Donato Val di Comino , que de guardià d’ovelles amb les armes a la mà es va convertir en capità del Regne de Nàpols lluitant contra els bandolers a les zones frontereres entre Frosinate , Abruços i el Regne de Nàpols, les cròniques d’ell recorden que: "va ser un gran perseguidor de persones escollides, bandolers i lladres de carrer dels quals va fer una gran matança, dissolent-los de fet". [26]

El 1557, amb una notificació del comissari del papa Pau IV , es va ordenar la destrucció de la ciutat de Montefortino, prop de Roma; els seus habitants són proscrits com a "bandolers" i les restes de la ciutat destruïda estan salpicades de sal . [27] Dècades més tard, Cesare Riccardi (conegut com "Abat Cesare") va sorgir a l'escena del bandolerisme, obligat a clandestinar per matar un noble el 1669 i que, malgrat la seva brutalitat, va ser recordat per alguns com un heroi dels més pobres [ cita requerida ]. El papa Sixt V es va dedicar enèrgicament a la lluita contra el bandolerisme: milers de bandolers van ser portats a la justícia i molts d’ells van ser condemnats a mort. El papa també va promulgar la prohibició de portar armes de mida mitjana i gran. En un curt període, el pontífex podria dir que el país estava en perfecta securitas . La repressió del bandolerisme es va produir amb tres mètodes: -A) petites unitats armades que combatien els bandolers amagats al bosc; -B) pagament de recompenses als informadors, disposats a revelar les guaretes on s’amagaven els caps de colla; i -C) als bandolers que havien comès delictes menors se'ls va oferir, com a alternativa al càstig, la possibilitat de reclutar-se a les tropes papals. [28]

A la fi del segle XVI el camp romà, particularment a les províncies de Frosinone i Anagni, va ser sotmès a freqüents incursions per part de bandes de bandolers, contra les quals el 1595 el papa Climent VIII va enviar algunes companyies de cavalleria; una acció repressiva similar va ser ordenada pel virrei de Nàpols -comte Olivarez- contra bandolers que infestaven el regne del mateix nom. Van actuar principalment atacant els viatgers i els missatgers al bosc o en els trams muntanyosos de les carreteres, robant-los i matant-los sovint; en altres casos, capturant persones riques per extorsionar el rescat. En aquest període, entre els segrestats, les cròniques informen de dos nobles eclesiàstics romans: el bisbe de Castellaneta Giambattista Conti i l' arquebisbe de Taranto Alessandro Mantica, que van ser alliberats després del pagament d'un gran rescat. [29] La persistència del bandolerisme, que sempre va mantenir-se vigorosa malgrat la repressió a la qual va ser sotmesa, es va deure en gran part al suport que va trobar, ara en això, en aquell moment, entre els governs del gran duc de Florència , Roma i de Nàpols. Com per representar una arma oculta dels diversos governs, ja que com a conseqüència de les freqüents desavinences entre el Papa i el Gran Duc, o el Papa i el Virrei; les hostilitats diplomàtiques van anar acompanyades silenciosament d’activitats bandoleres, afavorides al seu torn per una en detriment de l’altra: des de Nàpols o Florència en detriment de Roma i viceversa. El 1594 el papa Climent VIII es va queixar al nunci de Nàpols del comportament del virrei del mateix regne, dient que "mostrant-se a favor dels bandits d'aquest estat [la nota de l'editor, és a dir, la papal] posa SB al necessiten continuar amb les greus despeses que s’han fet fins ara en la seva persecució ". [30]

Virregnat espanyol de Nàpols

A Aspromonte i Sila, al segle XVI, va treballar el bandoler Nino Martino , la memòria del qual, segons la tradició oral calabresa, el va confondre amb San Martino el sant de l’abundància. [31]

Segons Rovani , durant els dos segles de dominació espanyola a la zona napolitana, els bandits dominaven el camp i els nobles, si no volien ser assetjats, estaven obligats a protegir-los, fent-los servir com a horrors quan era possible, atraient-los a Nàpols en moments políticament problemàtics, com ara sacsejades pro-franceses de 1647 i 1672. El març de 1645 a Nàpols es va promulgar un indult general a tots els bandolers a qui es va suspendre la sentència de mort; a condició que s'incorporin a la milícia. Un contemporani va estimar que al voltant de 6.000 s’allistaven d’una població de 2 milions. [32]

A la segona meitat del segle XVI , a Calàbria, a la zona de Crotone, es va fer famós el rei Marcone , sobrenom d’un bandoler que reunia una banda armada que lluitava contra el virrei espanyol i el poder eclesiàstic; autoproclamat rei sobre una àmplia zona del Sila, va col·locar una recompensa de dos mil escudis al marquès espanyol que el va combatre i deu per cada cap d'un espanyol mort. [33]

El bandoler sicilià Pasquale Bruno

Segle XVIII i període de preunificació

Regne de Sicília

Al Regne de Sicília , els primers bandolers van aparèixer a la dècada de 1920, particularment a la zona d’Agrigent. [34]

Segons Giuseppe Pitre, el fenomen va adquirir importància regional el 1766 , després de la severa sequera que va assolar Sicília el 1763, que va provocar fam. El notori brigant Antonino Di Blasi de Pietraperzia , conegut com Testalonga, dirigia tres bandes repartides pel sud de Sicília, juntament amb Antonino Romano de Barrafranca i Giuseppe Guarnaccia di Regalbuto. El virreiGiovanni Fogliani Sforza d'Aragona es vaendur cadascuna una recompensa de 100 unces i va enviar tres companyies de soldats i una de dracs i el març de 1767 ja van ser capturats i executats. [35]

El bandoler Pasquale Bruno vivia a la fi del segle XVIII treballant a la zona de Messina i fou executat el 1803 . Alexandre Dumas es va inspirar en la seva història per a la novel·la "Pascal Bruno, el brigant sicilià". A partir del 1817 el regne de Sicília es va unir al de Nàpols, al Regne de les Dues Sicílies.

Regne de Nàpols

Als territoris del regne borbònic, els episodis de bandolerisme eren evidents molt abans de la invasió francesa del regne de Nàpols .

El 1760, els equips de bandits van arribar a ordenar que se'ls pagués impostos més que no pas a les autoritats fiscals, a la segona meitat del segle XVII, mentre es dirigia a Roma pel conclave , el cardenal Innico Caracciolo [36] fou capturat i alliberat només després del pagament de 180 dobles com a rescat. [37]

Un brigant famós va ser Angelo Duca (conegut com Angiolillo ) que es va distingir entre Campània , Pulla i sobretot a Basilicata . Capturat el 1784 va ser penjat a Salerno i després, després de desmembrar el cos, el cap va quedar al descobert a Calitri . Els seus fets van ser recordats positivament per Pasquale Fortunato [38] (ancestre de la southernist Giustino ), que va compondre un poema sobre ell, i per Benedetto Croce que el defineix "de bona sort, valent, enginyós i d'una certa ànima elevada.". [39] Segons l'historiador anglès Hobsbawm , Angiolillo representa "potser el més pur exemple de bandolerisme social ". [40] La complicitat entre nobles locals i bandits va dificultar la lluita contra les seves activitats, de manera que sovint es va descuidar la lluita contra els seus protectors. [41] El judici contra els bandits sovint es feia ad modum belli , és a dir, de forma ràpida i resumida: es va demanar al delinqüent que confessés els crims que se li acusaven (normalment es tractava de pertànyer a una banda armada a el camp, assassinats, xantatge ...), la tortura es va utilitzar aquí (suspensió i trams de corda) per verificar quan l’acusat va confessar; després de la qual cosa, l'advocat defensor va tenir una hora per organitzar la defensa; a continuació es va pronunciar la sentència, que es va dur a terme immediatament. Els caps tallats dels condemnats van ser exposats pels carrers de Nàpols com a advertència i confirmació de justícia. [42] Aquesta exposició del cadàver va tenir lloc gairebé a tot arreu a Itàlia fins al segle XIX: per exemple, el cadàver de Stefano Pelloni , conegut com el Passatore, mort a Romagna el 1851 , va ser col·locat en un carro i portat de la ciutat a ciutat a la demostració del cessament del perill.

Època napoleònica
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el sanfedisme i la insurrecció calabresa .
Impressió de l'època que il·lustra el setge final de les tropes de l'Església General al refugi del papa Cir

El bandolerisme va ser fortament combatut en el període napoleònic . El 1799 nombrosos bandits de l'època es van unir als combatents anti-jacobins coneguts com a Sanfedisti , dirigits pel cardenal Fabrizio Ruffo per la reconquesta del Regne de Nàpols , que s'havia convertit en la República napolitana , per la corona borbònica. Entre els líders de bandolers s’esmenten: Pronio, Sciarpa i ( Fra Diavolo ), el més famós d’aquests, un assassí múltiple que va acceptar allistar-se a l’exèrcit napolità, a canvi de la remissió de la sentència i Gaetano Mammone , descrit per fonts de el temps com a persona extremadament cruel i el seu lloctinent Valentino Alonzi, oncle de Chiavone que serà un dels majors bandolers de postunificació ; la majoria d'ells van ser ascendits al rang de coronel de l'exèrcit reial i honrats. [43]

Entre les accions d’aquestes colles hi havia la cruenta reacció a la Revolució Altamura contra la població a favor dels republicans. Quan va caure la república, durant el període de la primera restauració borbònica, molts d’aquests bandolers van continuar en les seves activitats violentes i de robatori, xocant amb les tropes borbòniques, Mammone va ser capturat i va morir a la presó el 1802. El mateix Fra Diavolo va ser empresonat temporalment a l’octubre. El 1800, després que la seva banda havia saquejat algunes ciutats per proveir-se, va ser alliberat pel rei Ferran IV i va poder tornar al seu país com a comandant general del departament d' Itri .

Durant la dècada francesa , es van dur a terme dures repressions contra els bandolers, especialment a Basilicata i Calàbria , regions on es va concentrar més la reacció legitimista a la presència francesa. El 1806 , els generals francesos Andrea Massena i Jean Maximilien Lamarque , durant la repressió de les revoltes, van saquejar les ciutats lucanes de Lagonegro , Viggiano , Maratea i Lauria , on nombrosos antiavalots van ser penjats i afusellats de manera resumida. [44] [45] El mateix any Fra Diavolo va ser capturada pels francesos i penjada a Nàpols.

Durant el regnat de Gioacchino Murat , en el segon període napoleònic, el bandolerisme antifrancès va estar sempre actiu i entre les bandes més temudes del període hi havia la de Domenico Rizzo conegut com a "Taccone" que va arribar a proclamar-se rei de Calàbria i Basilicata ". El treball repressiu contra el brigandatge calabro - lucà del coronel francès Charles Antoine Manhès , recordat per Pietro Colletta pels seus mètodes violents i cruels i que per la seva determinació a reprimir el fenomen es va confirmar en el seu càrrec fins i tot després del retorn al poder borbònic.

Segona restauració borbònica
Bartolomeo Pinelli : la presa del cap de brigada Alessandro Massaroni a Monticelli per tropes conjuntes napolitanes, papals i austríaques (20 de juny de 1821)
Brigandatge previ a la unificació: escena de combat entre bandolers i milícies en un quadre de l’època

Després de la segona restauració borbònica , el rei Ferran I va dur a terme una campanya repressiva contra les bandes de bandolers. Il sovrano borbonico, in particolare nell'aprile 1816 , aveva infatti emanato un decreto per lo sterminio dei briganti che infestavano Calabria , Molise , Basilicata e Capitanata , conferendo speciali poteri ai vertici dell'esercito. [46]

Il 4 luglio 1816 fu stipulato tra il governo papale e quello borbonico, un accordo di collaborazione sullo sconfinamento reciproco delle truppe, tra i territori pontifici e quello del regno borbonico, durante le azioni di repressione del brigantaggio. Questo accordo, poi rinnovato e ampliato il 19 luglio 1818, aveva lo scopo di evitare che lo stato confinante divenisse rifugio per briganti in fuga. [47]

Nella Puglia settentrionale, in Capitanata , il brigantaggio era particolarmente attivo (soprattutto nel distretto di Bovino ) «...fino ad assumere connotati di massa. Ad esso si dedicavano alacremente migliaia di individui, padri e figli, che nell'assalto ai viaggiatori, alle diligenze e al procaccio trovavano la fonte primaria del proprio sostentamento». [48] Nell'ottobre 1817 l generale inglese Richard Church ebbe il comando della sesta divisione militare, comprendente le province di Bari e di Lecce , per combattere il brigantaggio fiorente nelle Puglie spesso associato a società segrete antiborboniche come nel caso di Papa Ciro , sacerdote e brigante delle Murge . [49] Gli furono dati ampi poteri, sulla falsariga di quanto era stato fatto nel periodo napoleonico nei confronti di Manhès .

La sua azione di Church fu dura ed efficace. Commenta Pietro Colletta:

«De' quali disordini più abbondava la provincia di Lecce, così che vi andò commissario del re coi poteri dell'alter ego il generale Church, nato inglese, passato agli stipendi napoletani per opere non lodevoli, quindi obliate per miglior fama. Il rigore di lui fu grande e giusto: centosessantatré di varie sette morirono per pena; e quindi spavento a' settari, ardimento agli onesti, animo nei magistrati, resero a quella provincia la quiete pubblica. Ma senza pro per il regno perciocché i germi di libertà rigogliavano, animati dalla Carboneria.»

( Pietro Colletta , Storia del reame di Napoli dal 1734 sino al 1825 , Libro VIII, "Regno di Ferdinando IV (1815-1820)", Capo III, "Errori di governo e loro effetti", XLVIII )

Nel Regno delle Due Sicilie

Crani di briganti esposti sopra pilastri a Campo Tenese ( Morano Calabro ), in un disegno del 1852 di Horace de Rilliet

Nel 1818, trasferito Church in Sicilia, fu inviato in Puglia il generale Guglielmo Pepe per organizzare le milizie provinciali da impiegare contro i briganti [50] di Rocco Chirichigno .

Nella sua cronaca di viaggio da Napoli a Lecce, pubblicata nel 1821, Giuseppe Ceva Grimaldi (marchese di Pietracatella) scrisse a proposito di questa lotta contro il brigantaggio:

«Il ponte di Bovino è la nostra Selva-nera , per lungo tempo è stato luogo diletto agli scherani masnadieri, ed occupa nei canti de'nostri Bardi del Molo lo stesso posto luminoso che le balze ed i boschi della Scozia nelle croniche dell'Arcivescovo Turpino e nei canti dell' Ariosto . Oggi però questi luoghi sono perfettamente tranquilli: sedici teste di banditi chiuse in gabbie di ferro coronano da una parte e dall'altra le sponde del ponte, e questa muta ma eloquente guardia parla potentemente all'immaginazione degli scellerati.»

( Giuseppe Ceva Grimaldi, Itinerario da Napoli a Lecce e nella provincia di Terra d'Otranto nell'anno 1818 [51] )

Nel 1817 nel Cilento la banda dei Fratelli Capozzoli iniziò le sue scorribande, che proseguirono fino al 1828, quando costoro si unirono ai Filadelfi durante i Moti del Cilento , la dura repressione ad opera di Del Carretto stroncò la rivolta, i Capozzoli furono catturati l'anno seguente, giustiziati a Salerno e loro teste mozzate portate in mostra nei paesi circostanti. [52]

Leggi speciali per la repressione del brigantaggio

Nel 1821 re Ferdinando I emise un decreto reale contenente norme severissime per la repressione del brigantaggio nei territori continentali del Regno di Napoli. [53]

Nei territori del Sud continentale venivano istituite quattro corti marziali, la Campania al maresciallo Salluzzi; l'Abruzzo, Molise, Terra di Lavoro al maresciallo Mari; Basilicata e Puglia meridionale al maresciallo Roth; la Calabria al maresciallo Pastore.
In tutti i comuni borbonici venivano pubblicate delle liste di banditi, dette “Liste di fuor bando”, contenenti i nomi dei ricercati per brigantaggio, che potevano essere uccisi da chiunque, ricevendo anche un premio in denaro, rispettivamente di 200 ducati per il capobanda e di 100 per il semplice componente la banda.

Le norme del Decreto reale borbonico 110/1821 [53] prevedevano la pena di morte per chiunque facesse parte di una banda armata (era sufficiente essere membri di un gruppo anche di soli tre uomini, di cui anche uno solo armato) che commettesse crimini di qualsiasi natura. Era prevista la pena di morte anche per tutti i “manutengoli”, ovvero per quelli che, in qualunque modo, aiutassero, favorissero o si rendessero complici dei briganti: informatori, ricettatori, etc. Veniva concessa l'amnistia, ma solo per i briganti che eliminavano altri briganti. Ad esempio, un bandito otteneva l'impunità per i propri reati uccidendo un altro bandito della stessa banda, mentre un capobrigante era amnistiato soltanto se uccideva tre banditi. Se invece un bandito uccideva un capobanda, otteneva la grazia ed era anche premiato. Si cercava in questo modo d'istigare i briganti ad eliminarsi a vicenda.

Il brigantaggio interessò in genere, tutta la permanenza della dinastia borbonica sul trono napoletano: «... La crisi economica del 1825-1826 prostrò il mondo delle campagne diede via alla ripresa della guerriglia rurale ea clamorosi episodi di brigantaggio» [54] Spagnoletti segnala, in età borbonica, un «...ribellismo endemico, spesso sfociato nel brigantaggio di estese zone delle Calabrie e del Principato Citra ...», [55] . Per l'abilità dimostrata durante il periodo murattiano, Ferdinando I confermò nel suo incarico il generale Charles Antoine Manhès , promosso nel 1827 a inspecteur général de gendarmerie .

Ancora nell'ottobre 1859 , pochi mesi prima della fine del Regno delle Due Sicilie , il re Francesco II con il Decreto n. 424 del 24 ottobre 1859 [56] conferì a Emanuele Caracciolo, comandante in seconda della gendarmeria , destinato nelle tre Calabrie, il potere di arrestare e far processare dagli ordinari consigli di guerra delle guarnigioni di Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria coloro che si macchiavano dei seguenti reati:

  1. Comitiva armata
  2. Resistenza alla forza pubblica
  3. brigantaggio
  4. favoreggiamento al brigantaggio

Il procedimento giudiziario avrebbe dovuto svolgersi secondo l'articolo 339 e seguenti dello Statuto Penale Militare e le condanne eseguite secondo l'articolo 347 del medesimo statuto, entrambi facenti parte del capitolo IX "Della processura subitanea". L'articolo 339 affermava la necessità di un "pronto esempio" per quei reati che possono «interessare la militar disciplina e la sicurezza delle truppe», e per «impedire le funeste conseguenze di simili reati» si adopererà «un più spedito giudizio che si chiamerà subitaneo ». L'articolo 347 recita: "Le decisioni de' Consigli di guerra radunati con modo subitaneo non ammettono richiamo all'alta Corte militare e vengono eseguite nello stesso termine che il rispettivo Consiglio stabilirà", ossia le condanne sono inappellabili. [57]

Dal 1806, sotto Murat, sino al 1834 nel regno di Napoli, poi regno di Sicilia, furono emessi sessanta decreti contro il brigantaggio, a cui se ne dovrebbero aggiungere altri riguardanti in modo specifico la Sicilia. [58]

Nel 1844 il brigante calabrese Giuseppe Melluso, rifugiato a Corfù in quanto ricercato per omicidio, partecipò come guida allo sbarco a Cosenza della spedizione antiborbonica dei fratelli Bandiera .

Il brigantaggio calabrese di questo periodo ispirò nel 1850 a Vincenzo Padula il dramma Antonello capobrigante calabrese .

Stato pontificio

Gendarmi pontifici in perquisizione alla ricerca di briganti nascosti, in una fattoria della campagna romana , inizio secolo XIX
Costumi dei briganti della campagna romana all'inizio del secolo XIX
Brigand costume latium 1820.jpg

Tavola da: Maria Calcott , Maria Graham, Three months passed in the mountains east of Rome , 1820 . In testa un alto cappello conico adorno con bande alterne rosse bianche; il corpo ricoperto da un ampio mantello; una giacchetta di velluto blu, gilet ornata con bottoni di filigrana d'argento; camicia di lino; brache aderenti, allacciate sotto il ginocchio; ai piedi le caratteristiche cioce . L'abbigliamento è completato da una cartucciera in cuoio, attorno alla vita (detta "padroncina"); un'altra cintura di cuoio scende dalla spalla a mo' di bandoliera e porta un fodero per coltello, forchetta e cucchiaio; un grosso coltello da caccia posto di traverso sul davanti; un cuore d'argento, contenente una immagine della Madonna e Bambin Gesù, appuntato all'altezza del cuore (un altro simile spesso era appeso al collo). Grossi orecchini d'oro e altri oggetti (come anelli, catene, orologi) sempre d'oro arricchivano il costume. [59]

Il continuo imperversare dei briganti negli stati pontifici obbligò il cardinale Fabrizio Spada , segretario di stato di Innocenzo XIII ad emanare il 18 luglio 1696 un apposito editto contro "Grassatori, banditi, facinorosi e malviventi", per obbligare la popolazione alla delazione dei tali, minacciando galera o pena della vita per chi avesse taciuto; promettendo un premio di 100 scudi d'oro per chi avesse causato la cattura di un criminale ricercato. [60]

Nonostante questo editto, la situazione non sembrò cambiare e, agli inizi del secolo XIX, l'area inclusa fra l'Aquila , Terracina , i fiumi Tevere e Garigliano era ancora sempre, soggetta alla frequente attività di briganti.

Nei dintorni di Terracina imperversava per circa 40 anni il brigante Giuseppe Mastrilli , quando questi venne catturato, la sua testa fu esposta a Terracina, rinchiusa in una gabbietta di ferro, a Porta Albina che quindi venne popolarmente chiamata "Porta Mastrilli", [61] la testa rimase esposta fino al 19 ottobre 1822, quando fu rimossa in conseguenza a petizione popolare. [62]

Lo storico Antonio Coppi , così descrive la situazione nello stato pontificio, al tempo della Restaurazione : «Le provincie prossime a Roma furono per molti anni tormentate dagli assassini (detti volgarmente briganti), male comune colle vicine [aree] napoletane degli Abruzzi, della Terra di Lavoro e della Puglia. Nelle sollevazioni di molte popolazioni contro i Francesi, allorquando essi occupavano queste regioni, non pochi erano corsi alle armi, più per amore della rapina che della patria. Alcuni si assuefecero in tal guisa al ladroneccio e vi persistettero anche dopo terminati i popolari tumulti. Formati così diversi nocchj [63] di ladri, che scorrevano armati per le campagne, recavansi ad unirvisi molti di coloro che avevano la stessa perversa inclinazione, o che per commessi delitti divenivano fuggiaschi... Uniti in bande costringevano i contadini ed i pastori a somministrar loro il vitto. Violavano le femmine che potevano raggiungere. Assaltavano i doviziosi, e non contenti di rapir loro quanto portavano, li conducevano sulle montagne e gli imponevano enormi taglie pel riscatto. Se non ricevevano il chiesto denaro li trucidavano fra' più orribili tormenti». [64]

Fra questi il brigante più famoso fu Antonio Gasbarrone detto Gasparrone il cui aiutante Tommaso Transerici fu l'artefice del tentato sequestro di Luciano Bonaparte dalla sua villa tuscolana in Frascati nel 1817 . Sei banditi penetrarono in tale villa e, non trovandolo rapirono il suo segretario, per il quale chiesero il pagamento di un riscatto entro 24 ore, pena l'uccisione dell'ostaggio; al rapito spiegarono che, sia pur con rincrescimento sarebbe stato ucciso in caso di non pagamento, in quanto i briganti dovevano salvaguardare la loro fama di uomini d'onore nel mantenere la parola data; i banditi nei loro rapimenti non distinguevano fra uomini e donne, tant'è vero che nello stesso periodo una giovane donna, rapita tra Velletri e Terracina , fu uccisa non essendo stato pagato il suo riscatto. [65]

A seguito di queste azioni delittuose il cardinale Ercole Consalvi emise un proclama invitando i banditi ad arrendersi, promettendo loro una debole pena di sei mesi di prigionia a Castel Sant'Angelo , il pagamento loro di una somma di denaro per i giorni di imprigionamento e quindi il loro rilascio. Un certo numero di costoro si consegnarono, furono imprigionati nel castello, dove furono posti in mostra al popolo come animali selvaggi in gabbia ma, promesse nonostante, non furono liberati al termine del periodo stipulato. [66]

Tali misure, tuttavia, non servirono a ridurre il brigantaggio, particolarmente attivo nella provincia di Campagna e Marittima al confine col Regno di Napoli , e il 18 luglio 1819 il cardinale Consalvi emise un duro editto, con il quale decretava la distruzione del paese di Sonnino ,nel basso Lazio, giudicato principale luogo di rifugio dei briganti locali e attirante anche malfattori del vicino regno borbonico, e punto di riferimento per bande di fuorilegge di Fondi e di Lenola . Simultaneamente tale editto imponeva lo sfratto forzato degli abitanti. Il comune sarebbe stato suddiviso fra quelli circostanti non coinvolti nel brigantaggio. La distruzione del comune venne sospesa dopo l'abbattimento di venti case; l'ordine di distruzione totale del paese definitivamente annullato l'anno seguente. [67]

Con lo stesso editto il Consalvi, tentando di coinvolgere i comuni nella lotta contro il brigantaggio, li obbligò a difendere il loro territorio dalle incursioni dei briganti ea rimborsare i derubati del denaro pagato a seguito di estorsioni. Contemporaneamente decretò riduzioni temporanee di due anni delle imposte sul sale e sul macinato, per quei paesi che avessero collaborato nella cattura o uccisione dei briganti; incremento delle taglie poste sulla testa dei ricercati e pena di morte per chi li aiutasse. [68] Le guardie armate antibrigantaggio, già istituite nel 4 maggio 1818, vennero rafforzate e fu concesso il porto d'armi gratuito a tutti i loro appartenenti. Ad ogni comune venne richiesto di munirsi d'una torre campanaria per segnalare incursioni banditesche e chiamare a raccolta per la difesa. Chiunque non rispondesse all'appello della campana, era da considerarsi complice dei malviventi e soggetto a pene pecuniarie e corporali. La resistenza alla forza armata e l'aiuto ai briganti erano punibili fino alla pena di morte, ogni azioni militare completata con successo contro i briganti comportava un automatico avanzamento di grado dell'ufficiale al comando, mentre viceversa, degradazione o espulsione erano previste nei casi di codardia e/o disonore nel corso del servizio. L'editto annunciava che nessun ulteriore amnistia sarebbe stata concessa, ma lasciava un mese di tempo per arrendersi ed appellarsi alla clemenza del Pontefice. [69]

Nel 1821 vennero assaliti il monastero dei frati camaldolesi dell'Eremo di Tuscolo e un collegio per fanciulli alle porte di Terracina .

Perdurando il brigantaggio nella provincia di Campagna e Marittima , nel 1824 vi fu appositamente inviato il cardinale Antonio Pallotta con pieni poteri, con la nomina a "legato a latere" per combatterlo. Il cardinale si insediò a Ferentino e il 25 maggio emise un editto al fine di estirpare il brigantaggio e rendere sicure le vie di comunicazione, lungo le quali avvenivano numerose aggressioni contro i viaggiatori. Alcune aggressioni furono perpetrate contro viandanti stranieri, provocando così azioni di protesta da parte dei rappresentanti del corpo diplomatico accreditato a Roma. [70]

Nell'editto il cardinale condannava a morte chiunque fosse indicato come brigante, senza alcun processo e chiunque poteva giustiziarlo e consegnato il cadavere alle autorità ricevere un premio di mille scudi:

Il brigante tradito. Dipinto di Horace Vernet (1830) scena di un agguato a un brigante ambientato in sulla costa della Campagna e Marittima

«I. I malviventi, ei rei di qualunque delitto compreso sotto il titolo del così detto Brigantaggio mai avranno amnistia, minorazione, o commutazione di pena.
II. Quelli, che la nostra Legazione avrà pubblicato come tali, s'intenderanno con questo solo atto condannati a Morte; tutti i loro Beni confiscati, e chiunque potrà ucciderli impunemente. Fin d'ora intanto per la sua speciale notorietà si pubblica il Capo Banda Gasbarrone.
III. I Contumaci così dichiarati, cadendo in potere della Giustizia identificata la persona, nel perentorio termine di 24 ore, senza altro Processo, formalità, e Giudizio saranno esecutati colla Forca.
IV. Un solo mezzo avrà ognuno de' tali Delinquenti per esimersi dalla pena , quello cioè di darne un altro in mani alla Forza pubblica, vivo o morto in ogni modo. Sarà egli allora assoluto per Grazia, e solamente gli verrà assegnata una Città, Terra, o luogo dello Stato fuori della Legazione, da estendersi ancora ad un intera Delegazione o Provincia, se il malvivente consegnato sia un capo di conventicola, detto Capo Banda.
...

IX. Qualunque Individuo non Possidente darà vivo, o morto un Malvivente dichiarato , conseguirà il premio di Scudi Mille , che gli verrà immediatamente pagato da Noi sulla semplice verificazione del Fatto.»

( A. Card. Pallotta Legato., Editto del cardinale Pallotta contro i Malviventi di Marittima e Campagna [71] )

L'operato di Pallotta si rivelò inefficace e dopo due mesi dall'incarico Leone XII , vista anche la necessità di provvedere alla sicurezza nelle strade per i pellegrini che sarebbero giunti a Roma per la celebrazione dell' anno santo 1825; lo sostituì con monsignor Giovanni Antonio Benvenuti affiancato da Ruvinetti, colonnello dei carabinieri papalini . [70] Venne imposto il coprifuoco ai parenti dei briganti ea tutti i sospetti; questi ultimi inoltre, per poter uscire dal loro comune, dovevano essere muniti di apposito permesso. Furono controllati anche i movimenti dei cacciatori e pastori; imposto l'obbligo di denuncia della presenza di briganti e tutti i delitti attribuibili al brigantaggio vennero sottoposti al giudizio sommario d'un tribunale, presieduto dallo stesso Benvenuti. [70] Nel 1825 viene infine posto termine alle attività di Gasbarone, che a seguito di una trattativa col vicario generale di Sezze, don Pietro Pellegrini, viene convinto a consegnarsi con la promessa del perdono pontificio, viceversa una volta catturato sarà imprigionato, senza esser mai processato, ma spostato di tempo in tempo nelle diverse prigioni dello stato pontificio e, causa la sua fama che travalicava le Alpi, oggetto di visite curiose ad parte degli stranieri in transito a Roma; Gasbarone sarà infine graziato dalla stato italiano nel 1870, quando a seguito della breccia di Porta Pia i detenuti comuni nelle carceri passeranno sotto la custodia italiana.

È in questo periodo (inizi del secolo XIX) che maggiormente si diffuse in Europa la fama del brigantaggio nelle regioni italiane, Stendhal , nel suo breve scritto I briganti in Italia , pubblicato nel 1833 nel " Journal d' un voyage en Italie et en Suisse pendant l'année 1828 da Romain Colomb", dopo una rapido excursus storico che inizia citando i bravi che agivano nella Lombardia spagnola, Alfonso Piccolomini e Marco Sciarra , scrisse riferendosi al suo tempo: Tutta l'Italia è stata, contemporaneamente o di volta in volta, infestata dai briganti: ma è soprattutto negli Stati del papa e nel regno di Napoli che essi hanno regnato più a lungo e hanno proceduto in maniera più metodica e costante insieme. Là essi hanno un'organizzazione, dei privilegi e la certezza dell'impunità e, se arrivano ad essere abbastanza forti da intimorire il governo, la loro fortuna è fatta. È dunque a questo fine che tendono costantemente per tutto il tempo in cui esercitano il loro infame mestiere . [72]

Molti furono anche i pittori e gli incisori che illustrarono - soprattutto con tavole litografiche spesso acquarellate a mano - la vita e le gesta dei briganti di quel periodo, attivi nel Lazio e nelle regioni circostanti.
Fra tali artisti, i più famosi furono Bartolomeo Pinelli - il maggiore - F. Cerrone, Muller, Horace Vernet , Léon Cogniet , Louis Léopold Robert , Audot, e successivamente da Anton Romako , le opere di costoro sono spesso erroneamente utilizzate per illustrare testi che sono limitati al brigantaggio post-unitario, cioè posteriore alle vicende raffigurate. [73]

Legazione delle Romagne
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Briganti romagnoli e Il Passatore .

L'area romagnola a metà del secolo XIX risultava afflitta da bande di briganti che secondo il Giornale di Roma " invadevano le case, rapinavano i viandanti e grassavano ognora diligenze e corrieri, estorcendo migliaia e migliaia di scudi ", in risposta a queste azioni le autorità reagirono con una colonna mobile di gendarmeria effettuando arresti e processi con giudizio statario; in due soli processi svoltisi a Faenza e Imola furono condannate e fucilate 82 persone, 10 ebbero la pena capitale commutata a carcere e altri 13 pene detentive fino al carcere a vita e, nel marzo 1851 un centinaio di persone erano arrestate in attesa di simili processi a Bologna. [74]

Il più noto fra i briganti romagnoli fu Stefano Pelloni , detto il Passatore , soprattutto attivo in Romagna nella prima metà del secolo XIX, in particolare nei tre anni successivi ai moti rivoluzionari del 1848 . Delle sue gesta, quelle più famose furono le occupazioni a banda armata di interi paesi Bagnara di Romagna (16 febbraio 1849 ), Cotignola (17 gennaio 1850 ), Castel Guelfo (27 gennaio 1850 ), Brisighella (7 febbraio 1850 ), Longiano (28 maggio 1850 ), Consandolo (9 gennaio 1851 ) e Forlimpopoli (sabato, 25 gennaio 1851 ), durante le quali metteva a sacco le abitazioni dei più ricchi, che venivano torturati e seviziati per farsi rivelare i nascondigli degli scudi e delle gioie, mentre le donne venivano stuprate . Finì ucciso in uno scontro con le truppe papaline a Russi nel 1851. Nonostante la sua ferocia, seppe dare di sé un'immagine di combattente contro i soprusi dei ricchi e potenti; tale immagine fu poi divulgata da una certa cultura popolare romagnola, che esagerò nel descrivere Pelloni come un giustiziere difensore di oppressi e miserabili; arrivando a definirlo "Passator cortese" e utilizzandone persino il ritratto come marchio di vini autoctoni. [75]

Il Lombardo-Veneto

La marionetta di Paci Paciana, ossia il brigante Vincenzo Pacchiana

Nelle Prealpi lombarde a fine Settecento ed inizio Ottocento si svilupparono forme di brigantaggio in parte legate a condizioni di indigenza e in parte legate a forme di lotta contro la presenza francese. [76]

Tra i principali briganti i più rappresentativi e ricordati sono Giacomo Carciocchi [77] attivo nella zona di Plesio , che comandava una banda di rivoltosi che si era nominata Armata cattolica e chiamata dai tribunali Briganti del Lario o Briganti della montagna di Rezzonico e Vincenzo Pacchiana , attivo nella Val Brembana , ricordato come una sorta di Robin Hood locale. Pacchiana morì il 6 agosto 1806 ucciso da Carciocchi, presso cui si era rifugiato, la sua testa tagliata venne consegnata alle autorità francesi dal suo uccisore, per ottenere la taglia di 60 zecchini , e fu esposta a monito sotto la ghigliottina alla Fara (località nei pressi di porta sant'Agostino) a Bergamo .
Il ricordo di questi capi briganti e dei loro compari è rimasto nell'immaginario popolare divenendo maschere del teatro delle marionette .

Conclusosi il periodo napoleonico, e ripristinata l'autorità austriaca, allargata al Veneto , quest'ultimo e l'area della Bassa Mantovana, in particolare le province di Padova , Venezia , Rovigo e Mantova si trovarono anch'esse sottoposte a scorrerie di briganti, riunitisi in piccole bande composte da disertori dell'esercito austriaco, del precedente esercito delRegno italico e persone in condizioni di indigenza.
A seguito dell'accentuarsi di attività' criminali nei pressi di Este le autorità austriache istituirono due sezioni venete e lombarde del tribunale statario e la Commissione inquirente militare in Este che dal giugno 1850 al giugno 1853 svolsero 1400 processi, emettendo «1.144 sentenze di morte di cui 409 eseguite». [78]

Piemonte

Nel corso del periodo napoleonico, nella zona compresa fra l' alessandrino e la Liguria , fu attivo Giuseppe Mayno , che si faceva chiamare Re di Marengo e Imperatore delle Alpi , la sua banda arrivò nel novembre 1804 ad assalire la comitiva che accompagnava la carrozza di papa Pio VII in viaggio verso a Parigi per l'incoronazione di Napoleone . [79] Venne ucciso il 12 aprile 1806 in un agguato mentre si recava a visitare la moglie, il suo corpo venne esposto a monito in Piazza d'Armi ad Alessandria, secondo Lombroso «Mayno della Spinetta era fedele e appassionato marito; e in causa della moglie fu preso». [80]
Un altro brigante, attivo in quel periodo nel Cuneese fu Giovanni Scarsello , capo della banda dei " fratelli di Narzole ", che finirà ghigliottinato, mentre nel vercellese furono attivi i fratelli Canattone, che derubavano i viandanti che traghettavano per attraversare il fiume Elvo [81] nella zona di Formigliana .

Periodo postunitario

Regno d'Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brigantaggio postunitario .
Carmine Crocco , uno dei più famosi briganti post-unitari
Figura di " squadrigliere " dell'esercito papalino

Con la nascita del Regno d'Italia nel 1861 , ma anche prima con l'arrivo di Garibaldi a Napoli, sorsero di nuovo insurrezioni popolari, questa volta contro il nuovo governo, che interessarono le ex province del Regno delle Due Sicilie. Tra le cause principali del brigantaggio post-unitario si possono elencare: [82] il serio peggioramento delle condizioni economiche; l'incomprensione e indifferenza della nuova classe dirigente per la popolazione da loro amministrata; l'aumento delle tasse e dei prezzi di beni di prima necessità; l'aggravarsi della questione demaniale, dovuta all'opportunismo dei ricchi proprietari terrieri. [83] Il brigantaggio, secondo alcuni, fu la prima guerra civile dell'Italia contemporanea [84] e fu soffocato con metodi brutali, tanto da scatenare polemiche persino da parte di esponenti liberali [85] e politici di alcuni stati europei. Tra i politici europei che espressero critiche nei confronti dei provvedimenti contro il brigantaggio vi furono lo scozzese McGuire, il francese Gemeau e lo spagnolo Nocedal. [86]

Alcune correnti di pensiero [87] considerano il brigantaggio postunitario come una sorta di guerra di resistenza, benché tale ipotesi sia molto controversa.

I briganti del periodo erano principalmente persone di umile estrazione sociale, ex soldati dell'esercito delle Due Sicilie ed ex appartenenti all' esercito meridionale , e vi erano anche banditi comuni, oltre che briganti già attivi come tali sotto il precedente governo borbonico. La loro rivolta fu incoraggiata e sostenuta dal governo borbonico in esilio, dal clero e da movimenti esteri come i carlisti spagnoli. Numerosi furono i briganti del periodo che passarono alla storia. Carmine "Donatello" Crocco , originario di Rionero in Vulture ( Basilicata ), fu uno dei più famosi briganti di quel periodo. Egli riuscì a radunare sotto il suo comando circa duemila uomini, compiendo scorribande tra Basilicata , Campania , Molise e Puglia , [88] affiancato da luogotenenti come Ninco Nanco e Giuseppe Caruso .

Occorre anche sottolineare che il brigantaggio in Lucania era manovrato soprattutto da ex murattiani indipendentisti, affiancati dal francese Langlois, che agevolavano il tentativo francese di rendere il Sud ingovernabile e, tramite una conferenza internazionale, toglierlo ai Savoia per assegnarlo alla casata filo-francese dei Murat. [89]

Da menzionare è anche il campano Cosimo Giordano , brigante di Cerreto Sannita , che divenne noto per aver preso parte all'attacco (e al successivo massacro) ai danni di alcuni soldati del regio esercito, accadimento che ebbe come conseguenza una violenta rappresaglia sulle popolazioni civili di Pontelandolfo e Casalduni , ordinata dal generale Enrico Cialdini . Altri noti furono Luigi "Chiavone" Alonzi , che agì tra l'ex Regno borbonico e lo Stato Pontificio, Michele "Colonnello" Caruso , uno dei più temibili briganti che operarono in Capitanata , e l'abruzzese Giuseppe Luce della Banda di Cartore che, insieme ad altri complici, il 18 maggio 1863, rapì e uccise, bruciandolo vivo, il ricco possidente terriero e capitano della Guardia nazionale italiana Alessandro Panei di Santa Anatolia (Borgorose) . [90] Anche le donne parteciparono attivamente alle rivolte postunitarie, come le brigantesse Filomena Pennacchio , Michelina Di Cesare , Maria Maddalena De Lellis e Maria Oliverio .

Per acquietare la ribellione meridionale, furono necessari massicci rinforzi militari e promulgazioni di norme speciali temporanee (come la legge Pica in vigore dall'agosto 1863 al dicembre 1865 su gran parte dei territori continentali del precedente regno delle Due Sicilie), dando origine ad uno scontro che porterà migliaia di morti. La repressione del brigantaggio postunitario fu molto cruenta e fu condotta col pugno di ferro da militari come Enrico Cialdini , Alfonso La Marmora , Pietro Fumel , Raffaele Cadorna e Ferdinando Pinelli , che destarono polemiche per i metodi impiegati. Alla sconfitta di questo brigantaggio contribuì anche il cambiamento di atteggiamento dello stato Pontificio, che dal 1864 non fornì più appoggio ai briganti, arrestando lo stesso Crocco, che cercava rifugio nel suo territorio; non più terra franca per i briganti, il Papato iniziò a sua volta a combatterli, istituendo un apposito reparto di " squadriglieri " e stipulando nel 1867 un accordo di collaborazione reciproca con le autorità italiane sullo sconfinamento delle truppe all'inseguimento di briganti in fuga; lo stesso anno fu emanato un editto firmato dal Delegato apostolico Luigi Pericoli, per le province di Frosinone e Chieti, che ricalcava le tematiche della legge Pica. [91]

Va evidenziato che questo aspetto di brigantaggio, inteso come rivolta antisabauda, interessò quasi esclusivamente i territori meridionali continentali ex borbonici, mentre in pratica non si verificò nei territori di tutti gli altri stati preunitari annessi dal Regno di Sardegna per formare l' Italia unita durante il Risorgimento . Tale diversità di avvenimenti e comportamenti indica la profonda differenza, già esistente nel 1861, tra il Nord-Centro ed il Sud della penisola, divario che sarà meglio noto con il nome di Questione meridionale , fonte di infiniti dibattiti e tesi. La questione non è ancora conclusa né definita unanimemente nelle sue cause da storici e studiosi.

Stato pontificio

"Brigatessa ferita", dipinto di Luigi Rocco del 1837, indicativo del legame particolare esistente fra brigantaggio e religiosità [92]

A metà degli anni '60 del secolo XIX il brigantaggio crebbe notevolmente fino al 1867 ea partire da circa il 1865 si assistette ad un deciso cambio di politica nella lotta al brigantaggio da parte delle autorità vaticane, e con un articolo del 25 maggio 1867 Civiltà Cattolica arrivò ad accusare l'incremento del brigantaggio nelle province papaline alla fomentazione da parte del partito garibaldino allo scopo di indebolirne lo stato, aumentare il malcontento della popolazione e facilitare l'invasione dello stato e la conseguente presa di Roma.

Nell'artico si legge: «Infatti noi abbiamo a suo tempo, coi documenti ufficiali e con le stesse parole dei Ministri e Deputati del Governo rivoluzionario che ora risiede in Firenze [93] a Firenze, posto in chiaro che, tra i mezzi morali, sulla cui efficacia per abbattere il Governo pontificio faceasi grande assegnamento, primeggiava il brigantaggio; dal quale quegli onesti politici si ripromettevano queste conseguenze: 1" malcontento eccessivo delle popolazioni; 2" disorganamento delle truppe pontifìcie; 3" motivo in apparenza ragionevole alle truppe rivoluzionarie, per invadere le province meridionali della Chiesa, sotto colore di difendere le proprie frontiere, di accorrere per dovere di umanità a tutela dei popoli taglieggiati dai briganti, e di supplire alla impotenza del Governo pontificio. Di qui si spiegano gli incrementi del brigantaggio fino al Dicembre 1866 nelle province meridionali pontificie; essendo per altra parte notorio che a tal uopo il brigantaggio fu fomentato dal partito garibaldino, che intanto mirava a sommuovere eziandio Roma, dove anche presentemente fa, come vedremo a suo luogo, in questo stesso quaderno, supremi sforzi per recarvi la rivoluzione». [94]

Negli ultimi anni di vita dello Stato pontificio, le province Campagna e Marittima del Lazio meridionale continuarono ad essere infestata da bande di briganti, tra queste si distinse la banda capitanata dal brigante Cesare Panici , ricordata in particolare per il rapimento del bambino di undici anni Ignazio Tommasi avvenuto avvenuto il 14 settembre 1867 sulla strada per Cori [95] e il tentato sequestro, di Luigi Ricci, vescovo di Segni, fallito dopo un assalto alla sua diligenza.

Fine ottocento e inizio novecento

Falò con briganti maremmani, fine secolo XIX

Fenomeni di brigantaggio, seppur di diversa natura da quelli che coinvolsero l'Italia meridionale a seguito dell'annessione al regno sabaudo, si svilupparono o continuarono ad essere presenti in diverse regioni d'Italia tra la seconda metà dell' Ottocento ei primi anni del Novecento .

In Maremma , area a cavallo tra la Toscana e il Lazio , le cause sono attribuibili ad un forte malcontento che si era diffuso nella popolazione, nei primi anni dopo l' Unità d'Italia , quando furono interrotti grandi lavori di bonifica idraulica e la riforma fondiaria. Tra i protagonisti di questo brigantaggio è ricordato Domenico Tiburzi , considerato un protettore dei deboli contro le ingiustizie e le disuguaglianze sociali; altri fuorilegge furono Ranucci, Menichetti e Albertini.

Tuttavia, sia in Provincia di Grosseto che in quella di Viterbo, questo fenomeno - a differenza del brigantaggio meridionale - non divenne mai organizzato, in quanto ogni brigante era solitario, pur avendo i propri seguaci tra i quali cercava di diffondere il suo stile, non aspirava mai al controllo di un piccolo esercito. Le scorrerie e gli atti criminali erano prevalentemente rivolti ai simboli rappresentanti i grandi proprietari latifondisti e il nuovo Stato italiano ; il bersaglio delle loro azioni, apparentemente non intese per la popolazione, erano i simboli dell'autorità pubblica: guardiani; guardacaccia ei carabinieri oltreché alle grandi tenute stesse.

Tra i briganti della Tuscia viterbese, è famoso Luigi Rufoloni detto "Rufolone", originario di Sant'Angelo , piccolo borgo tra Roccalvecce e Graffignano , che s'era trasferito nella vicina Grotte Santo Stefano insediandosi nella macchia di Piantorena, proprietà della famiglia Doria Pamphili , dove era facile incontrare viandanti più o meno facoltosi , che si spostavano sulle poche strade che collegavano i paesi limitrofi.

Nell' Italia settentrionale Francesco Demichelis , detto il Biondin fu attivo con la sua banda soprattutto nella zona delle risaie del Novarese .

Sul finire dell' Ottocento il brigantaggio era ancora vivo nella Basilicata (sebbene esso si fosse molto ridotto rispetto al decennio napoleonico e agli albori dell'Unità), con Michele di Gè , la cui autobiografia fu una delle fonti usate da Gaetano Salvemini per intervenire sulla questione meridionale ed Eustachio Chita , generalmente considerato l'ultimo brigante lucano (i cui resti sono tuttora conservati nel Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata nel comune di Matera città da cui proveniva il brigante ). In Calabria vi era Giuseppe Musolino , che acquistò notorietà anche sulla stampa straniera e divenne protagonista di canzoni popolari calabresi. Musolino si diede al brigantaggio dopo essere stato condannato per omicidio, malgrado le sue proteste d'innocenza, vendicandosi di coloro che lo avevano compromesso e tradito. Costui godeva dell'aiuto della popolazione locale, la quale vedeva in lui - com'era il solito - un simbolo di reazione contro le ingiustizie ei soprusi di quel tempo.

In Sicilia alcuni briganti riscuotevano una grande ammirazione tra il popolo [96] e le loro storie si diffondevano di bocca in bocca, spesso accrescendo ed esagerando le imprese e le lotte.

Lo Stato Italiano iniziò una lotta serrata, per arginare e debellare questo fenomeno, che si ridusse con l'inizio del Novecento .

Note

  1. ^ Brigantaggio , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 6 febbraio 2011 .
  2. ^ Lo storico Giuseppe Galasso ha confutato per l'Italia meridionale la teoria del “banditismo sociale” di Hobsbawm. G. Galasso, Unificazione italiana e tradizione meridionale nel brigantaggio del Sud, in "Archivio Storico per le provincie napoletane", n. CI, a. XXII terza serie, 1983
  3. ^ Giuseppe Galasso , Unificazione italiana e tradizione meridionale nel brigantaggio del Sud , in Il brigantaggio postunitario nel Mezzogiorno d'Italia , Atti del convegno di studi storici (Napoli, 20-21 ottobre 1984), edito dall'«Archivio Storico per le Province Napoletane», terza serie, a. XXI-CI dell'intera collezione (1983), p. 4.
  4. ^ Benedetto Croce , Storia del Regno di Napoli , Adelphi , Milano 1992, p. 473 riporta per stralci la Lettera ai censuari del Tavoliere pubblicata dallo zio materno, Francesco Saverio Sipari , riproposta integralmente da L. Arnone Sipari , Francesco Saverio Sipari e la «Lettera ai censuari del Tavoliere» , in R. Colapietra (a cura di), Benedetto Croce ed il brigantaggio meridionale: un difficile rapporto , Colacchi, L'Aquila 2005, pp. 87-102.
  5. ^ Francesco Saverio Nitti, Scritti sulla questione meridionale , Laterza, 1958, p. 44.
  6. ^ Giustino Fortunato, Emilio Gentile, Carteggio: 1927-1932 , Laterza, 1981, p.14.
  7. ^ Teodoro Salzillo, Roma e le menzogne parlamentari , Malta, 1863, p. 34.
  8. ^ Salvatore Muzzi, pag 148, in Figli del popolo venuti in onore: operetta storico-morale , 1867.
  9. ^ Tarquinio Maiorino, Storia e leggende di briganti e brigantesse , Piemme, 1997, p.16.
  10. ^ Clara Gallini, Protesta e integrazione nella Roma antica , Laterza, 1970, p.41.
  11. ^ a b Giovanni De Matteo, Brigantaggio e Risorgimento , Guida, 2000, p.13.
  12. ^ Giuseppe Pennacchia, L'Italia dei briganti , Rendina, 1998, p.17.
  13. ^ a b Giuseppe Pennacchia, L'Italia dei briganti , Rendina, 1998, p.18.
  14. ^ Enrico Benelli, Vita segreta degli antichi romani , Newton Compton Editori, 2013
  15. ^ Brigantaggio , in www.laciociaria.it . URL consultato il 30 novembre 2010 .
  16. ^ Giovanni Boccaccio , Novelle di Giovanni Boccaccio , G. Barbèra, 1869, p.167.
  17. ^ Giovanni Cherubini, Scritti toscani , Salimbeni, 1991, p.242.
  18. ^ Citato in Roberto Bellosta, I briganti e le opportunità della guerra: Piccola storia criminale di due fuorilegge valsesiani del Quattrocento , "Nuova Rivista Storica", XCV (2011), fasc. I, pp. 249-264, Gennaio 2011.
  19. ^ p. 234 Valentino De Carlo, Curiosità e segreti di Milano: il volto meno conosciuto della città attraverso le leggende ei misteri della storia e della cronaca dall'antichità dei Celti ai giorni nostri , Newton Compton, 2006.
  20. ^ L. Colombo, Banditi al bosco della Merlata: un episodio di brigantaggio nella Milano spagnola del XVI secolo .
  21. ^ Processo formato contro due famosissimi banditi Giacomo Legorino, e Battista Scorlino, con suoi seguaci, quali furono tutti pubblici assassini di strada; dove narrano gli assassinamenti, ruberie, omicidi, incendj, ed altre iniquità da loro commesse in diverse parti. Come sono stati presi, e giustiziati. Estratto giustamente dal processo, secondo il loro detto Pubblicato in Milano : nella stamperia di Donato Ghisolfi per il Bianchi, 1747 .
  22. ^ Vedi p. 48 in Giovanni Rajberti, Appendice all'opuscolo Il volgo e la medicina altro discorso popolare del dottore Giovanni Rajberti , Tipografia di Giuseppe Bernardoni di Gio., Milano 1841
  23. ^ In Cesare Cantù, Milano Storia del popolo e pel popolo 1871 (p. 265 edizione Liber Libri.
  24. ^ Claudio Povolo, L'ultimo viaggio di Giovanni Beatrice (11-17 agosto 1617) , in Luca Giarelli (a cura di), Banditi e fuorilegge nelle Alpi tra Medioevo e primo Ottocento , 2017, pp. 33-67, ISBN 978-8892668836 .
  25. ^ Fernand Braudel , Civiltà e imperi del Mediterraneo nell'età di Filippo II , Einaudi, Torino 1986, vol. II, pp. 792-793.
  26. ^ vedi pag. 52 in Giovanni Paolo Mattia Castrucci, Giovanni Domenico carmelitano, Descrittione del ducato d'Aluito nel regno di Napoli, in Campagna Felice. Di Gio: Paolo Matthia Castrucci, d'Aluito dottor filosofo, e medico. Stampata nell'anno 1633. e ristampata nell'anno 1684. Francesco Corbelletti, 1686 Roma, Napoli.
  27. ^ Cesare Cantù, Storia universale di Cesare Cantù , Volume 2; Volume 8, libro decimoquinto, cap. XXVII, nota 6, Unione Tipografico-Editrice, 1888.
  28. ^ Picturesque Brigands .
  29. ^ cfr. pag 16-17 di Antonio Coppi, Discorso sul Brigantaggio dell'Italia media e meridionale dal 1572 al 1825 Tip.Salviucci, Roma, 1867.
  30. ^ Pag. 455-456, Francisco Protonotari, Nuova antologia, Rivista di scienze, lettere ed arti , Volume 54, Anno XV, Direzione della Nuova Antologia, Roma, 1880.
  31. ^ vedi pag. 30-31 in Carlo Levi , Prima e dopo le parole: scritti e discorsi sulla letteratura , Donzelli Editore, 2001.
  32. ^ Francisco Protonotari, Nuova antologia, Rivista di scienze, lettere ed arti , Volume 54, Anno XV, Direzione della Nuova Antologia, Roma, 1880, pag. 455
  33. ^ Le Gesta di Re Marco Archiviato il 2 maggio 2015 in Internet Archive ..
  34. ^ http://www.solfano.it/tradizioni/briganti.html .
  35. ^ http://www.brigantaggio.net/brigantaggio/Storia/Altre/SICILIA/0005_Sicilia_del_700.PDF .
  36. ^ p. 255, in Atti del Congresso nazionale di studi romani , Edizione 2,Volume 2 Istituto di studi romani, 1931
  37. ^ Con il termine "Doppia" è intesa la moneta - corrente al tempo - più propriamente chiamata "Doppia di Piemonte" equivalente a una Pistola o 24 Lire Piemontesi
  38. ^ Benedetto Croce , Il brigante Angiolillo , Osanna, 1986, p.33.
  39. ^ Benedetto Croce, Il brigante Angiolillo , Osanna, 1986, p.57.
  40. ^ EJ Hobsbawm , I ribelli , Einaudi, Torino 1966, p. 21.
  41. ^ cfr 292-293 in Giuseppe Rovani, Storia delle lettere e delle arti in Italia: giusta le reciproche loro rispondenze ordinata nelle vite e nei ritratti degli uomini illustri dal secolo XIII fino al nostri giorni , Volume 2, Borroni e Scotti, Milano, 1856.
  42. ^ Marco Corcione, Modelli processuali nell'antico regime: la giustizia penale nel tribunale di campagna di Nevano , Istituto di Studi Atellani, Frattamaggiore, 2002.
  43. ^ vedi pag 131 , F. Gaudioso, 2006.
  44. ^ Tommaso Pedio , Storia della Basilicata raccontata ai ragazzi , Congedo, 1994, p.133.
  45. ^ Tommaso Pedio, Brigantaggio meridionale , Capone, 1987, p.28.
  46. ^ Decreto n. 343 del 22 aprile 1816 , in «Collezione delle leggi e decreti reali del Regno di Napoli », semestre I, Stamperia reale, Napoli 1816, pp. 256-258.
  47. ^ Vedi pag. 27 e 30 di Antonio Coppi, Discorso sul Brigantaggio dell'Italia media e meridionale dal 1572 al 1825 Tip.Salviucci, Roma, 1867.
  48. ^ Cit. da Angelantonio Spagnoletti, op. cit. , p. 222.
  49. ^ Antonio Lucarelli , Il brigantaggio politico del Mezzogiorno d'Italia (1815-1818) , Laterza , Bari, 1942.
  50. ^ Angelantonio Spagnoletti, op. cit., p. 222.
  51. ^ pag. 15, Giuseppe marchese di Pietracatella Ceva Grimaldi (marchese di Pietracatella), Itinerario da Napoli a Lecce e nella provincia di Terra d'Otranto nell'anno 1818 , Napoli, tipografia di Porcelli, 1821.
  52. ^ Charles Didier (1831).
  53. ^ a b cfr. Collezione delle leggi e decreti reali del Regno delle Due Sicilie , anno 1821, decreto n. 110, pp. 104-110.
  54. ^ Cit. da Angelantonio Spagnoletti, Storia del Regno delle Due Sicilie , Bologna, Il Mulino, 1997, p. 53.
  55. ^ cit. da Angelantonio Spagnoletti op. cit. , p. 57.
  56. ^ Decreto n. 424 del 24 ottobre 1859 , in «Collezione delle Leggi e de' decreti reali del Regno delle Due Sicilie», semestre II, Stamperia Reale, Napoli 1859, pp. 274-275 .
  57. ^ vedi pag. 85-87 in Statuto penale militare per lo Regno delle due Sicilie , Reale tipografia militare, 1857, p.85-87 .
  58. ^ Marco Vigna, Brigantaggio italiano. Considerazioni e studi, Interlinea, Novara, 2020 .
  59. ^ cfr pag. 154-155 Maria Calcott , Maria Graham, Three months passed in the mountains east of Rome , 1820.
  60. ^ cfr. pag. 17-18 di Antonio Coppi, Discorso sul Brigantaggio dell'Italia media e meridionale dal 1572 al 1825 , Tomo VII, Tip.Salviucci, Roma, 1867.
  61. ^ I briganti di Terracina e dintorni .
  62. ^ Gioacchino Giammaria La testa di mastrilli .
  63. ^ arcaismo: nuclei.
  64. ^ Vedi p. 359 et passim in Antonio Coppi, Annali d'Italia dal 1750: 1820-1829 ,Tipografia di Giuseppe Giusti, Lucca, 1843.
  65. ^ cfr. pag. 414-415 in William Hendry Stowell, The Eclectic review, Volume 15; Volume 33, 1821.
  66. ^ cfr. pag. 415 in William Hendry Stowell, The Eclectic review, Volume 15; Volume 33, 1821.
  67. ^ cfr. p. 423 Paolo Macry, Angelo Massafra, Fra storia e storiografia: scritti in onore di Pasquale Villani , Mulino, 1994.
  68. ^ cfr. pag. 88-89, Archivio storico per la Calabria e la Lucania , Volume 48,1981.
  69. ^ cfr pag. 231-237 Maria Calcott , Maria Graham, Three months passed in the mountains east of Rome , 1820.
  70. ^ a b c vedi pag. 31 Gaetano Moron, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni , Vol XC, Tipografia L'emiliana, Venezia, 1858.
  71. ^ pag. 291-291, Francesco Gigliucci, Memorie della rivoluzione romana , Volume 1, Tip. di A. Checchi, Roma, 1851.
  72. ^ BRIGANTI ITALIANI DEL PRIMO OTTOCENTO VISTI DA STENDHAL , su bibliomanie.it . URL consultato il 12 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 2 novembre 2015) .
  73. ^ p. 88-90, H. Maria Grazia and the brigand school of art , Bulletin of the American Art-union, September 1850.
  74. ^ vedi articolo datato 13 marzo in Notizie delle province , Giornale di Roma, n. 67, sabato 22 marzo 1851.
  75. ^ Massimo Dursi, Stefano Pelloni detto il passatore Cronache popolari: Cronache popolari . 1963.
  76. ^ Eufrasio Buzzi, La guerra de' Briganti in Dongo .
  77. ^ indicato come Carciocco a pag. 63 in Storia dei Briganti della montagna di Rezzonico contenuta in Cavagna Sangiuliani di Gualdana, Almanacco statistico della provincia di Como: per l'anno 1882 , Como, Tipografia provinciale Ostinelli, anno XLV. URL consultato il 26 aprile 2016 .
  78. ^ vedi Luigi Piva, O soldi o vita: brigantaggio in Bassa Padovana e nel Polesine alla metà dell'Ottocento , Grafica Atestina, 1984, SBN IT\ICCU\CFI\0068333 . Citato in Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella , Il rogo delle case e 400 morti che nessuno vuole ricordare , in Corriere della Sera , 22 settembre 2010. URL consultato il 26 aprile 2016 .
  79. ^MAYNO, Giuseppe, detto Mayno della Spinetta , in Dizionario biografico degli italiani , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 26 aprile 2016 .
  80. ^ p. 385 C. Lombroso, L'uomo delinquente , Fratelli Bocca editori, Torino, 1889.
  81. ^ p. 100 Silvano Crepaldi, I bianti: Zingari, vagabondi e camminanti , Lampi di stampa, Milano, 2008.
  82. ^ Carlo Alianello , La conquista del Sud , Rusconi, 1972, p. 247.
  83. ^ G. Fortunato, Il Mezzogiorno e lo stato italiano, vol. II.
  84. ^ Gilles Pécout, Il lungo Risorgimento , Mondadori, 1999, p. 238.
  85. ^ «Si è inaugurato nel Mezzogiorno d'Italia un sistema di sangue. E il Governo, cominciando da Ricasoli e venendo sino al ministero Rattazzi, ha sempre lasciato esercitare questo sistema» (Nino Bixio). Citato in Giovanni De Matteo, Brigantaggio e Risorgimento , Guida Editore, 2000, p. 263.
  86. ^ Gigi Di Fiore, Controstoria dell'Unità d'Italia , p. 244-245.
  87. ^ Vedi anche i seguenti articoli on-line, oltre ai testi in bibliografia:
  88. ^ Carmine Crocco, Come divenni brigante , Trabant, 2008, p. 87.
  89. ^ Paolo Zanetov, Brigantaggio politico post unitario (1860-1870) , Arianna Editrice, 2011.
    «Ricordando come la struttura cospirativa lucana fosse in mano ad ex murattiani favorevoli ad una soluzione federalista e indipendentista quale quella auspicata da Napoleone III, non resta che pensare che Francesco II si fosse reso conto che la precedente reazione di aprile diretta dai Comitati e dal legittimista Langlois, probabile agente al soldo dei francesi, si ponesse l'obiettivo di rendere la situazione ingovernabile per procurare un intervento diplomatico europeo che, in luogo di confermare il trono al Borbone, lo assegnasse invece a Luciano Murat, come Napoleone III desiderava.» .
  90. ^ Antonio Panei, I Briganti della Duchessa , Aracne editrice, 2017, ISBN 978-88-255-0102-5 .
  91. ^ Civiltà Cattolica, Cronaca contemporanea Cose Italiane , Anno decimo ottavo, Vol. X, Serie VI, 1867.
  92. ^ Silvio Cosco, Il brigantaggio e la religiosità: culto mariano e sacerdozio femminile all'interno delle bande , pp. 419-434, La voces de laa Diosas, Arcibel ed., 2012, ISBN 978-84-15-33530-6 .
  93. ^ La capitale del Regno d'Italia era stata spostata da Torino.
  94. ^ Vedi pag. 617-619, Cronaca contemporanea , Civiltà Cattolica, Anno decimo ottavo, Vol. X della serie sesta, 1867.
  95. ^ Adriano Sconocchia, La banda Panici al tramonto dello Stato pontificio. Cronaca del rapimento Tommasi-Colacicchi , Gangemi Editore, 2011, SBN IT\ICCU\IEI\0301218 .
  96. ^ La storia di Gaudenzio Plaja, il Robin Hood siciliano , su palermoviva.it . URL consultato il 4 gennaio 2016 .

Bibliografia

  • Carlo Alianello , La conquista del Sud: Il Risorgimento nell'Italia Meridionale , Milano, Edilio Rusconi, 1994, ISBN 978-88-18-70033-6 .
  • Francesco Barra, Cronache del Brigantaggio Meridionale (1806-1815) , Salerno, SEM, 1981.
  • Luigi Capuana , La Sicilia e il brigantaggio , Roma, Stabilimento Tipografico Italiano, 1892.
  • Gaetano Cingari , Brigantaggio, proprietari e contadini nel Sud (1799-1900) , Reggio Calabria, Editori Riuniti, 1976.
  • Laura Colombo, Banditi al bosco della Merlata: un episodio di brigantaggio nella Milano spagnola del XVI secolo , Comune di Milano
  • Leonida Costa, Il rovescio della medaglia: storia inedita del brigante Stefano Pelloni detto il Passatore , Fratelli Lega, 1976.
  • Giovanni De Matteo, Brigantaggio e Risorgimento - Legittimisti e Briganti tra i Borbone ei Savoia , Napoli, Alfredo Guida Editore, 2000, ISBN 978-88-7188-345-8 .
  • ( FR ) Charles Didier , Les Capozzoli et la police napolitaine , in Revue des Deux Mondes , Tome II, 1831, pp. 58–69
  • Gigi Di Fiore , Controstoria dell'unità d'Italia, fatti e misfatti del Risorgimento , Milano, Best BUR Rizzoli, 2013 sesta edizione, ISBN 978-88-17-04281-9 .
  • Carmine Donatelli Crocco , Come divenni brigante - Autobiografia , a cura di Mario Proto, Manduria, Lacaita, 1995.
  • Pierluigi Moschitti, Briganti e musica popolare dal nord del Sud", Sistema Bibliotecario Sud Pontino, Gaeta 2005
  • Massimo Dursi, Stefano Pelloni detto il passatore: cronache popolari , Giulio Einaudi Editore, 1963.
  • Michele Ferri e Domenico Celestino, Il brigante Chiavone - Storia della guerriglia filoborbonica alla frontiera pontificia (1860-1862) , Centro Studi Cominium, 1984.
  • Michele Ferri, Il brigante Chiavone - Avventure, amori e debolezze di un grande guerrigliero nella Ciociaria di Pio IX e Franceschiello , APT - Frosinone, 2001.
  • Timoteo Galanti, Dagli sciaboloni ai piccioni - Il "brigantaggio" politico nella Marca pontificia ascolana dal 1798 al 1865 , Sant'Atto di Teramo, Edigrafital, 1990.
  • Francesco Gaudioso, Il banditismo nel Mezzogiorno moderno tra punizione e perdono , Galatina, Congedo Editore, 2001, ISBN 978-88-8086-402-8 .
  • Francesco Gaudioso, Brigantaggio, repressione e pentitismo nel Mezzogiorno preunitario , Galatina, Congedo, 2002, ISBN 978-88-8086-425-7 .
  • Francesco Gaudioso, Il potere di punire e perdonare. Banditismo e politiche criminali nel Regno di Napoli in età moderna , Galatina, Congedo, 2006, ISBN 978-88-8086-675-6 .
  • Antonio Lucarelli, Il brigantaggio politico del Mezzogiorno d'Italia (1815-1818) , Milano, Longanesi, 1982.
  • Denis Mack Smith, Storia d'Italia , Roma-Bari, Giuseppe Laterza e figli, 2000, ISBN 88-420-6143-3 .
  • Franco Molfese, Storia del brigantaggio dopo l'Unità , Milano, Feltrinelli, 1983.
  • Marc Monnier , Notizie storiche documentate sul brigantaggio nelle provincie napoletane dai tempi di frà Diavolo sino ai giorni nostri, aggiuntovi l'intero giornale di Borjès finora inedito , Firenze, G. Barbera, 1863.
  • Marc Monnier, Il Brigantaggio da Fra' Diavolo a Crocco , Lecce, Capone.
  • Raffaele Nigro, Giustiziateli sul campo. Letteratura e banditismo da Robin Hood ai giorni nostri , Milano, Rizzoli Editore, 2006, ISBN 978-88-17-00984-3 .
  • Juan Mañé, Flaquer, D. Joaquin Mola, Martinez, Historia del bandolerismo y de la Camorra en la Italia meridional , Ed. de lujo, Libreria de edition Manero, Barcelona, 1864

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 11159