Caltanissetta

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Caltanissetta
comú
Caltanissetta - Escut d'armes Caltanissetta - Bandera
Caltanissetta - Vista
Panorama de la ciutat des del cim del mont San Giuliano
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Escut d'armes de Sicilia.svg Sicília
província Província de Caltanissetta-Stemma.png Caltanissetta
Administració
Alcalde Roberto Gambino ( M5S ) del 15/05/2019
Territori
Coordenades 37 ° 29'29,3 "N 14 ° 03'44,8" E / 37,491472 ° N 14,062444 ° E 37,491472; 14.062444 (Caltanissetta) Coordenades : 37 ° 29'29.3 "N 14 ° 03'44.8" E / 37.491472 ° N 14.062444 ° E 37.491472; 14.062444 (Caltanissetta)
Altitud 568 m slm
Superfície 421,25 km²
Habitants 59 232 [1] (31.03.2021)
Densitat 140,61 habitants / km²
Fraccions vegeu la secció " Fraccions "
Municipis veïns Canicattì (AG), Delia , Enna (EN), Marianopoli , Mazzarino , Mussomeli , Naro (AG), Petralia Sottana (PA), Pietraperzia (EN), San Cataldo , Santa Caterina Villarmosa , Serradifalco , Sommatino
Altra informació
Codi Postal 93100
Prefix 0934
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 085004
Codi cadastral B429
Placa CL
Cl. sísmic zona 4 (sismicitat molt baixa) [2]
Cl. climàtic Zona D, 1 550 GG [3]
Anomenar habitants nisseni
Patró Sant Miquel Arcàngel ,
El Crist Negre (Senyor de la ciutat)
Festa 29 de setembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caltanissetta
Caltanissetta
Caltanissetta - Mapa
Posició del municipi de Caltanissetta al seu Consorci Municipal Gratuït
Web institucional

Caltanissetta ( IPA : [kaltanissetta] [4] , pronunciació [ ? · Informació ] ; Cartanissetta a Sicília [5] ) és una ciutat italiana de 59.232 habitants [1] , la capital del consorci municipal gratuït de Caltanissetta a Sicília .

Els primers a habitar els voltants van ser els sicani , que es van establir a diversos pobles a partir del segle XIX aC , però la ciutat actual es va fundar probablement al segle X durant el període islàmic a Sicília , quan probablement va néixer el topònim "Caltanissetta". , tot i que al llarg del temps també s’han formulat hipòtesis alternatives. Transformat en feu pels normands , després de moltes vicissituds passades el 1405 sota el govern de Moncada di Paterno , que van ser els titulars del comtat de Caltanissetta fins al 1812; la família noble continua sent el Palazzo Moncada del segle XVII, d’estil barroc.

A partir del segle XIX va experimentar un notable desenvolupament industrial gràcies a la presència de grans dipòsits de sofre , que van constituir un important centre miner; la importància i la superposició en el camp del solfífer li van valer el títol de "capital mundial del sofre", [6] i el 1862 es va obrir la primera escola minera a Itàlia . [7] Als anys trenta, va experimentar un període de ferment cultural, malgrat les objeccions del feixisme, de manera que Leonardo Sciascia la va anomenar una "petita Atenes ". [8] Després de la Segona Guerra Mundial, el sector miner estava en crisi i amb ell tota l'economia local, que avui es basa principalment en el sector terciari.

Geografia física

Vista del nord de les campanyes de Caltanissetta des del cim del mont San Giuliano

El vast territori de Caltanissetta, catorzena àrea d'Itàlia i quart a Sicília després de Noto , Monreale i Ragusa [9] es desenvolupa a l'illa interior i sense litoral. El territori, situat a la regió d’ Erei , és muntanyós, amb el pic més alt que arriba als 859 m sobre el nivell del mar i l’altitud del centre de la ciutat, a 568 m sobre el nivell del mar , és la setena capital provincial conjunta d’Itàlia més alta, precedit només per la Regió Enna . [10]

Territori

La ciutat de Caltanissetta es situa en una posició destacada dominant tota la vall de Salso , que s'estén fins a la propera Enna . Morfològicament, segueix perfectament les característiques de l’entorn, molt dur i de composició calcari-argilosa.

El centre de la ciutat es troba entre tres turons (Santa Anna, el mont San Giuliano i Poggio Sant'Elia) que, disposats en un arc, formen una conca dins la qual es desenvolupa el nucli antic i tots els districtes del sud.

En l'actual pla territorial de la província de Caltanissetta, la regió siciliana, departament de patrimoni cultural i ambiental, gran part del territori es troba als paisatges locals de Caltanissetta n. 9 "Àrees de les mines", n. 8 "Sistemes urbans de Caltanissetta i San Cataldo" i n. 5 "Vall ascendida ". [11]

Maccaluba , un fang Vulcanello a la localitat Terrapelata.

A la literatura geològica el territori del municipi es coneix com la "conca de Caltanissetta". [12] Les primeres observacions de les formacions geològiques aflorades van ser realitzades per Luigi Baldacci [13] i Sebastiano Mottura ; [14] al voltant dels anys trenta es van dur a terme nous estudis del geòleg alemany Behermann. [15] Leo Ogniben va realitzar estudis importants sobre la sèrie sulfurosa siciliana. [16] Les sèries estratigràfiques van ser reconstruïdes per Paul Schmidt de Friedberg. [17] Decima i Wezel van publicar estudis sobre les evaporites messinianes, introduint a Sicília el complex evaporite inferior i el complex evaporitic superior. [18] [19]

Un fenomen geològic característic és el del maccalube de Terrapelata , petits volcans que fan erupció més o menys violent de fang i gas argilós, al costat del poble de Santa Bàrbara . [20]

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica de Caltanissetta .

El clima és més aviat continental , dur i sec d' hivern càlid i ventós, d' estiu , amb menys de 60 dies de pluja a l'any. [21]

El vent és un element climàtic de la ciutat. A l’hivern pot haver-hi nevades curtes i esporàdiques. Les pluges es concentren als mesos de gener, febrer, març, abril, octubre i desembre, gairebé completament absents a l’estiu amb una pluja mitjana anual de 458 mm. [21]

La temperatura varia molt: les màximes hivernals són de mitjana de 9-12 ° C, mentre que les d’estiu són de 30-35 ° C; el mínim oscil·la entre la mitjana de 4-6 ° C a l'hivern i la de 15-20 ° C a l'estiu. Els pics eren de -7 ° C (mínims registrats el 1934 ) i 44,0 ° C, màxims assolits a l’estiu de 1983 . [22]

CALTANISSETTA Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 10.5 11.5 13,9 17.2 22,5 27,8 30,7 30,6 26,9 20,8 15.7 12.2 11.4 17,9 29,7 21.1 20.0
T. min. mitjàC ) 3.9 4.0 5.2 7.4 11.3 15,9 18,5 18.6 16.1 12.5 8.6 5.8 4.6 8.0 17.7 12.4 10.7

Orígens del nom

El nom "Caltanissetta" (del qual també hi ha la variant obsoleta Caltanissetta) [23] deriva de " l'àrab Qal'at an-nisā", literalment traduït com "Dona Rock" o "Castell de les dones", que és el nom de que el geògraf àrab Muhammad al-Idrisi indica la ciutat el 1154 al seu llibre de Roger. La confirmació de la traducció de l'àrab es va trobar en un text de Goffredo Malaterra del segle XI , [24] en què va escriure: [25]

(LA)

"Calatenixet, quod, our language interpretatum, resolvitur Castrum foeminarum"

( IT )

"Caltanissetta, que, traduït al nostre idioma, significa Castell de les dones"

(Goffredo Malaterra, De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis et Roberti Guiscardi ducis fratris eius)

Es desconeix el motiu pel qual es va apel·lar la ciutat d’aquesta manera i la hipòtesi que el castell de Pietrarossa fos un harem de l’ emir de Palerm en servei sembla negada pel caràcter militar de la fortalesa. Segons la nissena històrica Rosanna Zaffuto Rovello, [26] el nom es deu al fet que els homes, a causa de la distància dels camps, es van veure obligats a viure fora del poble, donant la impressió que només hi vivien dones.

Segons l’erudit Luigi Santagati, [27] el nom demostra l’existència, mai confirmada, d’un poble preexistent d’origen bizantí. Segons la seva teoria, nisāʾ , "dona" en àrab, seria la paralització de Nissa , el nom de la ciutat d' Anatòlia d'on provenien els estrats bizantins que haurien construït el castell de Pietrarossa i el poble proper, que tindrien anomenada Nissa, allà on es troba el barri dels Àngels. Després de la conquesta per part dels àrabs , haurien afegit el prefix Qalʿat , "castell" al nom original del poble, de manera similar al que van fer a Henna, l'actual Enna , que van rebatejar com a Qasr Yannae , que més tard es va convertir en Castrogiovanni, i a altres llocs dels quals van paralitzar o integrar el nom bizantí.

Amb l'arribada dels normands al segle XI, la ciutat va començar a adoptar el nom llatinitzat Calatenixet, segons la versió de Malaterra citada anteriorment, o Calatanesat, en una transliteració del text àrab d'Idrisi. [28] A finals del segle XII , l'historiador Hugo Falcandus , al seu Liber De United Sicilies, parla de Caltanixettum, [29] que és la traducció oficial del nom d'avui en llatí.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Caltanissetta .

Símbols

Escut d'armes
Bàner

A l'estatut de la ciutat [30] hi ha descripcions d'heràldica de l' emblema i la bandera .

Escut d'armes

«Una fortalesa amb tres torres emmerletades, daurades sobre un camp vermell, superades per una antiga corona heràldica. Des d’una de les tres torres, mirant la lateral de la dreta, surt el cap d’un guerrer amb un casc al cap i una visera elevada, mentre que de l’altra torre, mirant cap a l’esquerra, surt una mà agafada una espasa ".

Bàner

«Bàner compost per una creu vermellí vorejada a la part inferior de colors verds i grocs i a la part superior blanca a l'esquerra i blava a la dreta. Al centre de la creu del vermell, una àguila daurada porta l'escut de la ciutat al pit. Al cap d’àguila hi ha una corona heràldica. Amb els seus garrots l’àguila agafa dues cornucòpies d’on surten espigues de blat i fruita ".

Monuments i llocs d'interès

Arquitectures religioses

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Esglésies de Caltanissetta .
Catedral de Santa Maria la Nova
És la catedral de Caltanissetta, la seu de la Càtedra del bisbe Caltanissetta , situada a la plaça Garibaldi . Va ser construït entre els anys 1560 - 1620 i obert al culte el 1622 . El nom es deu a la necessitat de distingir-la de l’ antiga església mare , construïda al segle XIV als peus del castell de Pietrarossa i que, en conseqüència, va rebre el sobrenom de "la Vetere". Va ser molt danyat pels bombardejos de 1943 . L’interior es distribueix en tres naus; el central es caracteritza per una sèrie de frescos del pintor flamenc Guglielmo Borremans . A l'altar, a la dreta, es troba l'estàtua de fusta de Sant Miquel , patró de la ciutat, de l'escultor Stefano Li Volsi .
Vista exterior dels absis de l' Abadia de l'Esperit Sant
Abadia de Santo Spirito
Va ser encarregat pel comte Ruggero i construït sobre una antiga masia àrab. L’església, consagrada el 1153 , consta d’un sol passadís triabsidata i posseeix elements artístics considerables, com la font i nombrosos frescos que cobreixen les parets interiors.
Església de Santa Àgata i el col·legi jesuïta
L'església es va construir entre el 1600 i el 1610 sobre una església existent, també dedicada a Sant'Agata , mentre que les obres del col·legi jesuïta adjacent (del qual l'església pren el seu nom) van començar el 1589 i van acabar només a la segona meitat del vuit. centenars . L'església, amb instal·lació d'una creu grega , està revestida per l'interior de marbre i estuc i està decorada amb frescos en gran part pintats després de la Segona Guerra Mundial per l'artista Luigi nisseno Gentle. El col·legi, d'estil barroc típic, alberga la biblioteca municipal "Luciano Scarabelli" i l' Institut Superior d'Estudis Musicals Vincenzo Bellini .
Església de Santa Maria degli Angeli
Coneguda també com a "la Vetere", es troba al costat del castell de Pietrarossa . Construïda entre els segles XIII i XIV, del 1239 al 1622 fou la seu parroquial de la ciutat de Caltanissetta, succeint l'abadia de Santo Sprito. Després de la ' Unificació d'Itàlia va ser profanada i va passar al Ministeri de Guerra , i des de llavors va patir un declivi. Va ser objecte d’una complexa restauració durant la primera dècada del mil·lenni . Cal destacar la porta principal de ponent, adornada amb frisos particulars de gres, amb una arquivolta d'arc apuntat.
Església de Sant Joan
Situat a la part més antiga del centre històric, no gaire lluny de l’ església de San Domenico , va ser fundat al segle XI , però va ser reconstruït diverses vegades i al segle XVIII, una restauració radical va esborrar qualsevol medieval preexistent. Completament destruït durant el bombardeig de Caltanissetta el 1943, fou reconstruït el 1945 . L’interior està decorat amb frescos de Pollaci . L'església també s'anomena "del Purgatori" a causa de la confraria homònima que s'hi establí al segle XVII.
Església de Sant Sebastià; en primer pla també es veu una part del grup escultòric de la font del Tritone de Tripisciano
Església de Sant Sebastià
Construïda al voltant del segle XVI com a homenatge al sant per la gent per alliberar-se de la pesta i va ser la seu de la Congregació dels carnissers , l'església de Sant Sebastià es troba a la plaça Garibaldi , just davant de la catedral. L'església es va redimensionar i restaurar diverses vegades. El 1711 es va modificar longitudinalment per donar espai a l'antistant quadrat. En aquella ocasió es va embellir tant a l'interior com a la façana principal. L'elegant façana, dissenyada per l'arquitecte Pasquale Saetta a finals del segle XIX , està adornada amb columnes dels tres ordres clàssics i algunes estàtues de l'escultor Biancardi.
Església de Sant Domènec
Va ser fundada el 1400 després de l'arribada de Moncada a Caltanissetta. L'edifici es va construir al centre del districte d'Angeli, on llavors no hi havia altres esglésies. L’església està entrellaçada amb la història de la ciutat i la família Moncada . Antonio Moncada, de fet, el 1458 per heretar el seu títol, va haver de renunciar a la sotana i, per tant, com a "compensació" a l'ordre dominicana a la qual pertanyia, va construir una església i un convent. L'església es va continuar enriquint i millorant amb el pas del temps. La perspectiva de l'església, a la part central convexa i còncava, va ser construïda, per exemple, al segle XVII i, al mateix període, la preciosa pintura del toscà Filippo Paladini , pintura que representa la Mare de Déu del Rosari. Aquest llenç té un important valor històric, així com artístic, ja que hi ha retrats dels fills del comte Francesco II Moncada . Investigacions recents han demostrat la presència d’una cripta oculta a l’església, que abans no es coneixia, probablement un dels llocs més antics de la ciutat. [31]
Església i monestir de Santa Flavia
Es troben als vessants del turó de Sant'Anna, en un lloc panoràmic de la ciutat, a la vora del centre històric. Van ser fets per testament de Maria d’Aragó, vídua del comte Francesco II Moncada ; El convent es va construir a finals del segle XVI i principis del XVI , mentre que l'església, construïda sobre l'antiga església de Santa Venera, només es va acabar el 1793 . Entre els segles XIX i XX, el monestir es va convertir en una caserna militar i més tard va caure en mal estat. Es va restaurar entre finals del segle XX i principis dels anys 2000, amb obres que van treure a la llum, entre altres coses, la façana de l'església preexistent de Santa Venera.
Església de la Santa Creu
Església i monestir de Santa Croce
Dedicada al Sant Salvador fins al 1590, [ es necessita una cita ], l'església i el convent adjacent de les monges benedictines es remunten al 1531, quan el comte Antonio Moncada III el va fer construir. El 1590 la comtessa Moncada va donar una relíquia d’una creu de pedra i des de llavors l’església va prendre el nom de l’església de la Santa Creu. El 1660, un pagès prop de l’abadia de Santo Spirito va trobar una pedra en què sembla que es veu naturalment l’efígie de la creu, des de llavors aquesta pedra, constatada i exclosa qualsevol intervenció humana, va ser consagrada i compleix la funció d’una relíquia conservada gelosament a l’església homònima. L’església té un sol passadís , a la façana exterior de les gelosies de les finestres que donen al llarg de l’eix principal del dissetè informe d’estil auster, adornat amb gres de carreus de pedra .
Església i convent de Sant Michele
La seva construcció està relacionada amb les visions del frare caputxí Francesco Giarratana , que el 1625 va veure com l’ arcàngel Miquel impedia l’entrada a Caltanissetta d’una víctima de la pesta, el cos del qual es va trobar els dies següents al lloc on es troba el complex. L'església construïda inicialment va caure en mal estat i va ser reconstruïda només el 1837, quan la ciutat es va salvar de nou d'una epidèmia, aquesta vegada de còlera. El convent es va construir el 1888 a instàncies del seu pare Angelico Lipani i va ser la tercera ciutat per ordre cronològic, després del convent de districte de Xiboli i fins al districte de Pigni .
Santuari del Senyor de la Ciutat
Fundada com una església dedicada a Sant Nicolau de Bari, des del segle XVIII es troba el Crist Negre , crucifix de fusta copatró de la ciutat. Les figures clau van ser el frare Angelico Lipani , rector de l’església al segle XIX, i els relats de Testasecca , gràcies a les donacions de les quals es va poder ampliar i embellir l’edifici. Ivi va ser fundada per ordre de les Germanes Franciscanes del Senyor de la Ciutat i l’institut homònim de caritat. A l'interior s'allotgen les estàtues, inclòs el Sant Francesc de Biangardi ; l’altar està adornat amb mosaics de Bevilacqua, fets als anys cinquanta.
Església de Sant'Antonio alla Saccara
Construït al voltant del segle XVII , fou ampliat el 1866 i dedicat a la Mare de Déu amb el nom de Santa Maria di Montemaggiore; el nom actual es remunta al 1877. El 1911 es va fundar l’institut "Boccone del Povero". Es troba al districte de Cozzarello , també va dir el Saccara.
Església de Santa Maria della Provvidenza
Es troba dins del districte homònim , té una façana i un campanar construït a principis del segle XX .
Església de la Madonna della Grazia
Església de Santa Maria della Grazia
Església del segle XVII construïda sobre una capella votiva preexistent dedicada a la Madonna della Grazia, d’aquí el seu nom. L'església és d'una sola nau amb altars laterals i volta de canó ricament decorada amb estucs. L'altar major conserva la pintura de la Mare de Déu de la Gràcia de Pietro Antonio Novelli . [32]
Villa Cappellano
És una granja-monestir construïda pels jesuïtes al segle XVI i utilitzada com a residència d'estiu fins al 1843, quan la va substituir per la nova caseta de Balate . Té diversos edificis que donen a un pati quadrangular; el cos principal té una façana típicament barroca . La capella dedicada al Sagrat Cor de Jesús també forma part del complex, d’on procedeix el marc de fusta conservat a l’església mare de Delia. Avui abandonat, es troba a 2 km de Delia .
Casina dei Gesuiti a Balate
Construït pels jesuïtes, el 1843 substituí Villa Capellà com a residència d’estiueig. Després de la unificació d’Itàlia fou expropiada i des del 1872 és propietat del municipi de Caltanissetta; avui és la seu de l'internat de l'Institut Superior "Angelo Di Rocco".
Cementiri Monumental dels Àngels
El més comunament anomenat "cementiri dels àngels", és el cementiri de la ciutat que es va construir a finals de 1878 a les rodalies de l' església de Santa Maria degli Angeli , el convent dels frares menors observadors i el castell de Pietrarossa .
Cementiri de Carusi
Petit cementiri realitzat a la mina Gessolungo després del desastre de la mineria del 12 de novembre de 1881 , per enterrar els dinou carusi , nou van romandre sense nom, que van perdre la vida. [33]

Arquitectures civils

Palazzo del Carmine, seu de l'ajuntament de Caltanissetta
Palazzo del Carmine
La construcció del palau va començar cap a l'any 1371 . La zona en què es troba en aquell moment es trobava molt fora de les muralles de la ciutat i allotjava una església rural dedicada a Sant Giacomo. Per voluntat de Guillem Peralta i la seva dona Eleonora d'Aragó , filla del marquès de Randazzo; al costat de l'església es va construir el convent dels carmelites descalços i l'església adjacent de Maria Santissima Annunziata, comunament anomenada Madonna del Carmine . Amb l'expansió urbana que va prendre la ciutat als segles següents (i particularment al segle XVI ), el monestir es va trobar encastat en el teixit de la ciutat, flanquejat per la nova església de Sant Jaume i l'església de San Paolino. Durant el segle XIX , a causa de la supressió dels ordes religiosos, els carmelites descalços van abandonar el convent i es va enderrocar per construir l'ajuntament; les esglésies que van ser enderrocades i flanquejades, en lloc de la del Salvador, cap enrere, es va construir el ciutadà del teatre (el Teatro Regina Margherita ). El palau acull l’ ajuntament de la ciutat i, amb els anys, s’ha enriquit tant amb la declaració que l’única traça de l’antic convent consisteix en algunes peces de maçoneria incorporades a les parets existents.
Teatre Margherita
Al costat del Palazzo del Carmine, es va inaugurar el 1875 i va rebre el nom de la reina Margherita de Savoia que el 1881 estava de visita oficial a Caltanissetta. Particularment utilitzat fins a la Segona Guerra Mundial va contribuir a florir un ferment cultural creixent a la capital sofre , gràcies a les actuacions del calibre Turandot i Macbeth de Verdi. Després de la destrucció de la guerra i l'abandonament, als anys setanta es va tancar a causa de la revocació de l'accessibilitat per part de la Comissió de Supervisió. Després d'un llarg i acurat treball de restauració, que va cobrir tota l'estructura del teatre, que va durar més de 20 anys, el 1997 la propietat es va reobrir al públic.
Façana del Palazzo Moncada amb preciosos frisos barrocs zoomòrfics i antropomorfs
Palau Moncada
Va ser construït a la primera meitat del segle XVII pel príncep Luis Guillermo de Moncada i va haver de ser un dels palaus més importants de Sicília , com ho demostren la grandiositat de l’edifici i els fins frisos (antropomorfs i zoomòrfics) dels balcons. Tot i així, la seva construcció no es va acabar, ja que Guillem va rebre el seu nomenament com a virrei de València i es va traslladar a Espanya . El 1915 es va construir amb una gran sala de galeries dedicada a la representació d’espectacles teatrals, i posteriorment es va estrenar com a sala de cinema al pati, que es va dir primer IMAX Trieste, el nom es va canviar després per IMAX Bauffremont i després a partir del 2009 Multiplex Moncada.
Des del 2010 algunes de les sales s’utilitzen com a galeria d’art, amb dues exposicions permanents: una dedicada a Moncada , els antics senyors de Caltanissetta, i l’altra dedicada a l’escultor nisseno Michele Tripisciano .
Palau de la Província
El disseny original del segle XIX de l’arquitecte Giuseppe Di Bartolo i consistia en la construcció d’un gran edifici que acollís tant les oficines provincials com els municipis. La complexitat, però, va resultar que el 1870 el projecte va ser reduït de mida per l'enginyer Agostino Tacchini i l'edifici estava destinat a allotjar només les oficines de la província. La construcció es va acabar el 1897. Entre els artistes que van contribuir a la construcció de l'edifici, recordem: Luigi Greco de Nissen que va crear la sala del consell i l'escala principal; un altro nisseno, Michele Tripisciano , per le sculture che ornano il palazzo; il catanese Pasquale Sozzi per le decorazioni interne.
Il palazzo delle Poste negli anni cinquanta
Palazzo delle Poste
Realizzato a seguito della demolizione della Chiesa di Sant'Antonino (costruita nel 1637 ) nel secondo decennio del Novecento, è progettato per rendere più funzionali gli uffici e il telegrafo. Il progetto del Palazzo, costruito nel 1931 e inaugurato il 29 ottobre del 1934 , è dell'ingegnere G. Lombardo. Si sviluppa su tre piani, l'ultimo dei quali con funzioni di attico occupa solo la parte centrale. L'insieme architettonico risente dello stile del ventennio fascista, testimoniato dagli affreschi dell'artista palermitano Gino Morici e dalle soluzioni architettoniche. Passato nella proprietà della Banca del Nisseno nel 2004 , l'edificio è stato reso fruibile dopo un ventennio di abbandono grazie a un restauro rigorosamente conservativo; è anche sede della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Caltanissetta che lo ha sottoposto a vincolo con DA nº 6669 del 22 giugno 1999 dichiarandolo di importante interesse storico-artistico e architettonico.
Ospedale Vittorio Emanuele II
Allestito in occasione di una violenta epidemia di colera nell'edificio che fu il secondo convento dei cappuccini, è stato l'ospedale della città per oltre un secolo, dal 1868 al 1979, quando fu sostituito dal moderno ospedale Sant'Elia. Si trova in viale Regina Margherita, accanto alla villa Amedeo .
Palazzo del Banco di Sicilia
Fu costruito intorno al 1920 su progetto di Antonio Zanca in luogo delle vecchie "case Moncada" in corso Umberto I ; fu tra i primi edifici di Caltanissetta a essere realizzato in calcestruzzo armato. È realizzato in stile neoclassico, con elementi architettonici in pietra locale, e presenta un cortile interno coperto da un lucernario in vetro policromatico.
I soffitti affrescati in stile eclettico del Palazzo Testasecca di Caltanissetta
Palazzo Testasecca
Realizzato durante il XIX secolo in stile neoclassico dalla famiglia del Conte Ignazio Testasecca . Si trova in Corso Vittorio Emanuele , di fronte al Palazzo Benintende. Al suo interno il piano nobile si presenta affrescato in stile eclettico.
Palazzo Benintende
Realizzato da Giuseppe Di Bartolo , presenta un'interessante sovrapposizione di ordini architettonici: le colonne al piano nobile sono in stile ionico , mentre quelle del secondo piano in stile dorico ; numerosi sono anche i medaglioni e le lesene che aumentano il valore architettonico del palazzo. Nel 1862 vi alloggiò Giuseppe Garibaldi . È sito in Corso Vittorio Emanuele .
Villa Mazzone
Conosciuta anche con il nome di hotel Mazzone , si trova tra via Francesco Crispi e via Napoleone Colajanni, e presenta un piccolo giardino ben conservato. Fu realizzata alla fine dell'Ottocento su progetto di Sebastiano Mottura per ospitare gli addetti alla costruzione della ferrovia, ma a partire dai primi anni del Novecento fu ampliata e riconvertita nel Grand Hotel Concordia , che dopo alcuni decenni di fama, negli anni settanta chiuse definitivamente, travolto dalla crisi economica. Dagli anni novanta ospita una casa di riposo .
Palazzo Tumminelli-Paternò
L'immobile costruito nel secolo XVIII, nasce dall'accorpamento di diverse unità immobiliari preesistenti; ha una sola elevazione. I lati del prospetto sono in pietra nuda e presenta balconi con ballatoi in pietra sostenuti da mensole scolpite. I balconi si caratterizzano per le tipiche ringhiere in ferro battuto sagomate “alla Spagnola”.

Altro

Ruderi del castello di Pietrarossa
Castello di Pietrarossa
Si trova su un'altura nei pressi di Caltanissetta. Si presume che sia stato costruito nel IX secolo su precedenti insediamenti anche Sicani . Durante il Medioevo fu un centro strategico e intorno alla fine dell' XI secolo vi fu collocata la tomba della regina Adelasia, nipote del re Ruggero il Normanno e nel 1378 all'interno di esso si tenne un parlamento dei baroni siciliani per nominare i quattro vicari che dovevano governare la Sicilia ( Governo dei Quattro Vicàri ). Nel 1567 una forte scossa di terremoto provocò il crollo del castello di cui rimasero in piedi solo i resti di due torri, ancora visibili. Ai piedi dei ruderi del Castello di Pietrarossa fu edificato il cimitero monumentale degli Angeli .
Il monumento a Cristo Redentore
Monumento al Redentore
Fu eretto in occasione del Giubileo del 1900 sulla sommità del monte San Giuliano , che sovrasta la città, in modo che esso si trovasse nel baricentro della Sicilia ; di monumenti analoghi ne esiste uno in ciascuna regione geografica d' Italia . Si tratta di un basamento in pietra contenente nel suo interno una cappella, opera del palermitano Ernesto Basile , sul quale si trova una statua bronzea del Cristo redentore ispirata ad una statua in marmo presente sul prospetto della basilica di San Giovanni in Laterano a Roma . Alla sua devozione è legata la "festa del Redentore", che si tiene a Caltanissetta il 6 agosto.
Inizi del '900 : due cartoline d'epoca della piazza Garibaldi con vista su Corso Umberto I
Piazza Garibaldi
Piazza principale del centro storico, in essa si incrociano i due corsi principali, corso Umberto I e corso Vittorio Emanuele . Vi si affacciano il municipio, la Cattedrale e la chiesa di San Sebastiano; al centro vi si trova la "fontana del Tritone".
Particolare della fontana del tritone
Fontana del tritone
È costituita da un gruppo bronzeo raffigurante un tritone che tenta di domare un cavallo marino di fronte a due mostri marini che lo insidiano. Ispirata alla mitologia greca il Tritone è un dio marino con il corpo per metà uomo e per metà pesce, figlio di Poseidone e Anfitrite . La figura mitologica è stata spesso usata nella costruzione di fontane e ninfei , anche il Bernini lo ha collocato nella sua famosa fontana a Roma . Fu scolpita dal nisseno Michele Tripisciano nel 1890 e inizialmente posta nell'androne di Palazzo del Carmine : la fontana fu creata dall'architetto Gaetano Averna per essere posta nella sua attuale locazione, al centro di Piazza Garibaldi , dove fu inaugurata il 15 dicembre 1956 , in sostituzione ad un vecchio lampione in ferro a cinque luci. Tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009 , l'intera piazza Garibaldi è stata sottoposta a lavori di pavimentazione in basoli di pietra lavica per impedire il passaggio di automobili e consentire il libero transito dei pedoni . In questa occasione anche la fontana del tritone è stata restaurata e vi sono stati installati impianti di illuminazione che l'hanno riportata così all'antico splendore.
Spesso la fontana del tritone, anche stilizzata, viene usata come simbolo distintivo della città.
Il monumento ai caduti il 4 novembre 2017
Monumento ai caduti
Sito in fondo al viale Regina Margherita, commemora i 291 militari nisseni caduti durante la Grande Guerra . Si tratta di una statua bronzea che riproduce due figure umane: la prima, in posizione eretta, rappresenta la Patria, e cinge un elmetto contornato da ramoscelli di lauro e quercia, con una mano regge un libro e una palma, con l'altra indica verso il basso, dove si trova la seconda figura, l'eroe, che stringe il tricolore. La statua è collocata su un basamento che presenta una gradinata sulla parte anteriore, e alla base due cannoni e una corona d'alloro in bronzo. Fu inaugurato il 16 dicembre 1922 per volontà di un comitato appositamente costituitosi e presieduto dal dottore Luigi Sagona, che nel conflitto aveva perso congiunti. Inizialmente collocato a poca distanza dal seminario vescovile, in una zona adiacente al viale Regina Margherita che venne chiamata viale delle Rimembranze, nel 1965 fu spostato nell'attuale sito, a 500 m da quello originario. Fu realizzato su progetto dello scultore Cosimo Sorgi utilizzando il bronzo sottratto al nemico dalla fonderia Laganà di Napoli. È sede cittadina delle commemorazioni del 4 novembre . [34]
L'antenna Rai di Caltanissetta vista dalla via F. Paladini
Trasmettitore di Caltanissetta
L'impianto radiotrasmettitore di Caltanissetta [35] è un impianto, inattivo, per la radiodiffusione in onde lunghe , medie e corte . [36] Il suo principale elemento è un' antenna omnidirezionale di 286 metri di altezza, che detiene il primato per la struttura più alta d' Italia , essa si erge su una collina di 660 m slm . [37]
Il 2 novembre 2013 la giunta comunale della città nissena ha deliberato l'acquisto del manufatto in metallo, delle costruzioni annesse e dell'area circostante per la somma di 537.000 €. Le motivazioni alla base della decisione dell'acquisto sono state l'interesse ad evitare che l'antenna venga demolita da parte della RAI e che il circostante parco alberato diventando di proprietà comunale venga trasformato in un parco pubblico attrezzato per la città. [38]
Ponte Capodarso
Situato sull' Imera Meridionale , al confine tra i territori di Caltanissetta ed Enna , fu costruito nel 1553 per volere di Carlo V d'Asburgo ; nel Settecento l'erudito Antonio Chiusole l'annoverò tra le tre meraviglie della Sicilia («un monte, un ponte e un fonte»). Originariamente aveva l'aspetto di un ponte a schiena d'asino, ma nel corso del XIX secolo subì radicali modifiche, volte a facilitarne il passaggio dei carri, che ne fecero assumere l'attuale forma. Oggi si trova lungo il percorso della strada statale 122 Agrigentina , all'interno della riserva naturale orientata Monte Capodarso e Valle dell'Imera Meridionale .

Giardini pubblici

Viale all'interno della villa Amedeo

Sono presenti tre giardini ("ville") comunali:

A queste si aggiungono altre aree verdi:

  • parco Dubini , in viale Luigi Monaco, [39]
  • giardino della Legalità, in viale Stefano Candura, [40]
  • parco Robinson, in via De Amicis.

Altre aree verdi di minore rilievo si trovano in piazza della Repubblica, in piazza Giovanni XXIII, in piazza Falcone e Borsellino, nell'area compresa tra via Catania e via Galilei, in via Niscemi, in piazza Iacono e sul monte San Giuliano . [41] Nonostante ciò nel 2018 il verde pubblico fruibile si attestava a 4,5 m² per abitante collocando il capoluogo nisseno tra gli ultimi posti nella classifica nazionale. [42]

Altre due grandi aree verdi, non ancora fruibili ma in attesa di finanziamento, sono:

  • parco urbano Balate, [43] tra via Rochester e il quartiere Balate-Pinzelli,
  • parco Sant'Anna, nell'area della dismessa antenna RAI . [44] [45]

Siti archeologici

Capanne circolari all'interno del parco archeologico regionale di Sabucina

All'interno del perimetro urbano della città di Caltanissetta è presente il parco archeologico Palmintelli.

I principali parchi archeologici presenti al di fuori del centro abitato sono:

Palmintelli
il parco archeologico di Palmintelli è situato in una zona centrale della città, a ridosso del viale della Regione . [46] Il sito è venuto alla luce a seguito degli scavi condotti nel 1988 . Originariamente la zona su cui adesso sorge il parco ospitava un complesso funerario di tombe a grotticella risalente all'età del bronzo, di cui solo una è rimasta intatta. È ben visibile l'ingresso rettangolare della tomba, a pianta regolare e soffitto piatto, nella quale sono stati ritrovati diversi reperti archeologici, alcuni dei quali custoditi presso il Museo archeologico di Caltanissetta.
Sabucina
Si trova ad est della città. La sua scoperta è relativamente recente, infatti fu solo negli anni sessanta che venne intrapresa la prima campagna di scavi. Nel sito sono stati individuati insediamenti che si susseguirono dall' età del bronzo antico ( XX - XVI secolo aC ) alla fase di ellenizzazione, fino al periodo romano .
Gibil Gabib
È situato a circa cinque chilometri dal capoluogo nisseno, su una collina dalla quale si domina il versante sud-orientale della valle del Salso . Il sito, costituito da tre piatteforme digradanti verso sud-est, fu sede di insediamenti preistorici indigeni e di età greca. Gli scavi in quest'area furono incominciati alla metà dell' Ottocento e vennero ripresi con maggiore vigore negli anni cinquanta del secolo scorso, con le ricerche condotte da Dinu Adameșteanu . L'ultima, infine, risale al 1984 . Proprio intorno alla metà del Novecento vennero portati alla luce alcuni ambienti risalenti al VI secolo aC , parti della cinta muraria e alcuni oggetti di ceramica riferibile alla facies di Castelluccio Bronzo Tardo , mentre negli anni ottanta è stato riportato alla luce un vero torrione di difesa della metà del VI secolo aC Tale scoperta si è rivelata di notevole importanza, poiché ha consentito di chiarire la destinazione delle cinte murarie rinvenute quasi trenta anni prima.
Dagli scavi presso gli ambienti sono stati rinvenuti vasi , oggetti di uso quotidiano, piatti e lucerne. Sono state inoltre ritrovate anche una statua di divinità fittile femminile e una testina fittile di offerente che testimoniano l'esistenza di vari spazi dedicati al culto e alla venerazione nell'abitato. Ai piedi dell'altura si estendevano due necropoli da cui provengono i corredi con ceramica a figure rosse siceliota .

Archeologia industriale

Edificio della solfara Trabonella
Solfare
Il passato di Caltanissetta è strettamente legato all'attività estrattiva dello zolfo e dell'industria mineraria; ne sono testimonianza le numerose miniere (" solfare ") ormai inattive presenti nel territorio, di cui rimangono le strutture abbandonate. Ne sono esempi le solfare Gessolungo , Giumentaro , Iungio Tumminelli , Saponaro , Stretto Giordano , Trabonella .
Ruderi del gasometro o Opificio dell'usina, in via Angeli
Il gasometro o Opificio dell'usina in una foto di fine Ottocento
Gasometro degli Angeli o Opificio dell'usina
Raro esempio di archeologia industriale, [47] si tratta di un gasometro realizzato nel 1867 nella parte meridionale dell'antico quartiere degli Angeli , sulla strada che conduce al cimitero e alla chiesa di Santa Maria degli Angeli , che contribuì notevolmente alla modernizzazione della città; fu municipalizzato nel 1893. [48] La struttura in origine serviva a produrre il gas di città per l'illuminazione pubblica, poi con l'avvento delle elettricità e fino agli anni cinquanta fu sede del canile municipale e in seguito custodì quattro antiche carrozze funebri messe poi in sicurezza in altra sede. [49] Oggi l'edificio versa in stato di grave abbandono, [50] malgrado sia stato dichiarato con decreto dell'Assessore Regionale ai Beni Culturali struttura «di interesse etno-antropologico particolarmente importante». [51] [52]
Mulino Salvati
Primo mulino a vapore della città , fu fondato nel 1866 dai due fratelli campani Francesco e Luigi Salvati in una località allora fuori le mura, e corrispondente all'incrocio tra le attuali via Salvati e via Sallemi. Il complesso edilizio fu costruito a cavallo delle due sponde dell'asta torrentizia, affluente del torrente delle Grazie, ea ridosso di un'ormai perduta fontana-abbeveratoio. Chiuse nel 1913.

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [53]

Etnie e minoranze straniere

Al 31 dicembre 2019 a Caltanissetta risultano residenti 3.090 cittadini stranieri, [54] circa il 5% dell'intera popolazione. Le nazionalità principali sono:

Tradizioni e folclore

Francobollo commemorativo e annullo postale dei Piccoli gruppi sacri della Settimana Santa di Caltanissetta
Un momento della sfilata della Real maestranza, durante il mercoledì Santo
Settimana Santa
Con tale definizione si indica l'insieme di riti e manifestazioni che si tengono in città la settimana che precede la Pasqua . Prende avvio il pomeriggio della domenica delle palme , quando il simulacro del Gesù Nazareno sfila per le vie della città su una barca interamente ricoperta di fiori, per celebrare l' ingresso di Gesù a Gerusalemme e prosegue lunedì e martedì con la "Scinnenza", una serie di rappresentazioni dell' Ultima Cena e della passione di Gesù . I riti della Settimana Santa entramo nel vivo il mercoledì mattina, con la sfilata della Real Maestranza , composta da tutte le categorie degli artigiani della città e il cui capitano riceve dal sindaco le chiavi della città. La sera del mercoledì sfilano diciannove piccoli gruppi sacri dette "varicedde", rappresentanti i diversi momenti della passione di Gesù e riproduzioni delle più grandi "vare", che a loro volta attraversano in processione le principali vie del centro storico dal pomeriggio alla tarda notte del Giovedì santo. Il Venerdì santo è la volta della processione del Cristo Nero , un crocifisso ligneo eletto a co-patrono della città e accompagnato dalle ladate dei "fogliamari", eredi di antichi raccoglitori di erbe selvatiche. Dopo il giorno di silenzio del sabato, la Domenica di Resurrezione le principali autorità della città, compreso il capitano della Real Maestranza, partecipano alla solenne messa del vescovo in cattedrale . [55]
La statua di San Michele Arcangelo, opera di Stefano Li Volsi
Festa di San Michele
Festa patronale, celebrata il 29 settembre, in onore di San Michele Arcangelo , al quale viene attribuito il miracolo di aver salvato la città dalla peste nel 1625. Una settimana prima di tale data, il simulacro dell'Arcangelo, realizzato dallo scultore Stefano Li Volsi nel XVII secolo, viene spostato dall'altare della navata destra della Cattedrale all'altare principale. La mattina del 29 settembre il sindaco offre un cero votivo al patrono, e la sera la statua viene portata in processione per le strade del centro storico a spalla dai devoti scalzi, che l'accompagnano con il caratteristico grido « E gridammu tutti! Viva lu principi San Micheli Arcangiulu »; seguono i fedeli, di cui molti scalzi per voto. La processione termina con il rientro del Santo in Cattedrale, salutato da fuochi pirotecnici. Durante la settimana di festeggiamenti viene allestita la tradizionale fiera di San Michele. [56]
Vacanza di San Michele
Ricorrenza, anch'essa dedicata al santo patrono, che viene celebrata l'8 maggio, nell'anniversario dell'apparizione del santo a Francesco Giarratana , frate cappuccino a cui viene ricondotta l'origine della devozione della città a san Michele. La statua è accompagnata in processione dalla Real Maestranza con guanti e farfallini bianchi, dalla Cattedrale al santuario di San Michele , dove rimane sino alla domenica successiva, quando avviene il ritorno alla chiesa madre. Il nome dell'evento sta a sottolineare la temporaneità del cambio di ubicazione della statua. [56]
Festa del Redentore
Si tiene il 6 agosto. È legata alla costruzione del monumento al Redentore , sul monte San Giuliano , voluta da papa Leone XIII insieme all'edificazione di altri diciannove monumenti in tutta Italia in occasione del Giubileo del 1900 . Il monumento diede inizio al culto del Cristo Redentore a Caltanissetta, che ha come massima espressione la festa che si svolge il 6 agosto , in concomitanza con la festa liturgica della Trasfigurazione . La celebrazione prevede che venga portato per le vie del centro storico un simulacro riproducente il Cristo nelle medesime fattezze del monumento che sovrasta la città, mentre la cima del monte San Giuliano viene abbellita dalle infiorate poste davanti al basamento della statua.
Processione dei Tre Santi
Si tiene il 28 dicembre ed è legata al terremoto di Messina del 1908 che devastò la Sicilia orientale e la Calabria meridionale, ma non Caltanissetta. Nacque infatti lo stesso giorno del sisma per ringraziare i tre protettori del pericolo scampato e per chiedere la protezione dai futuri terremoti, e negli anni successivi la tradizione andò consolidandosi. Vengono portate in processione le statue di San Michele, del Redentore e dell'Immacolata, quest'ultima realizzata in legno, interamente ricoperta con foglia d'argento, allo scopo di ricalcare la visione descritta nel brano dell' Apocalisse di Giovanni conosciuto come " La donna e il drago " (« una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle »). La sera del 28 dicembre i Tre Santi escono dalla Cattedrale, percorrono le vie del centro seguiti da una folla di devoti e rientrano nella stessa Cattedrale. [57]

Cultura

Un momento culturalmente interessante, ma limitato a pochissime personalità, è stato indubbiamente quello vissuto tra gli anni 1935 e 1970 , quando vi risiedevano personalità quali Leonardo Sciascia ed Elio Vittorini ma soprattutto agiva l'editore Salvatore Sciascia. Caltanissetta è stata sede del Parco letterario Regalpetra , dedicato a Leonardo Sciascia , abbandonato. Infine, SiciliAntica che organizza dal 2004 un convegno di studi annuale sulla storia siciliana.

Archivi e biblioteche

Salterio diurno miniato del XVII secolo proveniente dal convento dei Cappuccini in contrada Pigni , rubato nel 2010 dalla biblioteca Scarabelli . [58]
Archivio di Stato
Fu istituito nel 1843 come archivio alle dipendenze della provincia borbonica di Caltanissetta , e tale rimase anche dopo l'Unità d'Italia, fino al 1932, quando i vecchi archivi borbonici passarono sotto la diretta giurisdizione statale; dal 1975 le competenze sono transitate al Ministero per i beni e le attività culturali . Al suo interno conserva, tra gli altri, gli archivi notarili sino al 1903, gli archivi delle Corporazioni religiose soppresse dopo il 1866, l'archivio del Corpo delle miniere, e l'archivio storico del comune di Caltanissetta sino al 1860. L'edificio che lo ospita è stato realizzato ad hoc nel 1969 su progetto dell'architetto Salvatore Cardella ; si compone di una vistosa torre di dieci piani, adibita a locali di deposito, e di una struttura di due piani in cui sono allocati gli uffici. [59]
Biblioteca Scarabelli
Si trova nei locali del secentesco ex collegio dei Gesuiti , attiguo alla chiesa di Sant'Agata . Istituita nel 1862 , la biblioteca possiede un patrimonio composto da oltre 140.000 volumi e quasi trecento manoscritti, derivante da donazioni di privati e da confische ai danni di alcuni ordini religiosi del passato. Fortemente voluta dal prefetto Domenico Marco , deve il nome a Luciano Scarabelli , professore piacentino che contribuì alla crescita del patrimonio librario attraverso numerose donazioni; un'altra figura chiave fu il bibliotecario Calogero Manasia . [60] La biblioteca conta anche una sezione esterna nel villaggio Santa Barbara . [61]
Biblioteca diocesana
È ospitata al pian terreno del palazzo vescovile, nei locali attigui all'auditorium del museo diocesano . Fu fondata nel 1904 dal vescovo Ignazio Zuccaro con l'intento di custodire i libri lasciati dal suo predecessore Giovanni Guttadauro che confluirono nel fondo antico. Si deve a monsignor Giovanni Speciale il riordino della biblioteca e la schedatura dei volumi; alla sua morte lasciò circa settemila volumi che costituiscono il fondo a lui intitolato. Oggi il patrimonio è costituito da circa 47.000 volumi tra cui opere di teologia, spiritualità, letteratura italiana e straniera, lingua e letteratura greca e latina, arte, filosofia, storia, storia della Chiesa, patrologia, oratoria, scienze giuridiche, scienze, matematica, musica e pubblicazioni di vario interesse. È dotata anche di un' emeroteca . [62]
Altre biblioteche minori sono la biblioteca della Corte d'appello di Caltanissetta , la biblioteca di cultura generale e di studi ambientali della sezione nissena di Italia Nostra [61] ed anche la biblio-fonoteca dell'Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini. [63]

Università

Sono presenti a Caltanissetta le sedi decentrate dell' Università degli studi di Palermo , dell' Università degli Studi Internazionali di Roma e un polo didattico dell' Università degli Studi "Niccolò Cusano" .

Musei

Interni del museo archeologico
Museo archeologico
A partire dal 2006 , ha sostituito il museo civico, che si trovava nei pressi della stazione centrale; è sito accanto all'abbazia di Santo Spirito, nell'omonima contrada, ospitato in un moderno stabile opera dell'architetto Franco Minissi . Nel museo sono raccolti un gran numero di reperti archeologici relativi ai primi insediamenti nell'area della valle del Salso e del territorio limitrofo. I siti da cui proviene la maggioranza delle testimonianze sono le necropoli di Mazzarino ei siti indigeni di Gibil Gabib e Sabucina , situati a pochi chilometri dal centro abitato di Caltanissetta. Essi erano posti su alture a controllo del fiume Salso, una delle principali vie di penetrazione commerciale e militare dell'antichità. Le collezioni, tra le più importanti della Sicilia, comprendono corredi, vasi attici decorati a figure rosse, utensili e manufatti di bronzo e di ceramica. Al suo interno è custodito il celebre sacello di Sabucina .
Interni del museo mineralogico
Museo mineralogico, paleontologico e della zolfara
Ospitato in passato all'interno dell' istituto ex-minerario "Sebastiano Mottura" , è stato trasferito in una sede adiacente più moderna e funzionale struttura realizzata ad hoc , inaugurata il 15 dicembre 2012 . Il museo, mediante l'esposizione di minerali (in particolare campioni di zolfo , rocce , fossili e attrezzature specifiche) testimonia l'attività svolta in passato di sfruttamento delle varie miniere per l'estrazione dello zolfo presenti sul territorio nisseno. Al suo interno sono custodite collezioni di minerali e fossili, oltre a pezzi di particolare pregio mineralogico. Sono inoltre esposte anche cartine geologiche e piani topografici delle zolfare, nonché una ricca collezione di foto d'epoca. Presente anche una collezione di macrofossili, catalogati in ordine stratigrafico, dal periodo Siluriano al Quaternario .
Interni del Palazzo Moncada durante una mostra su Salvador Dalì
Galleria civica d'arte
Occupa parte del Palazzo Moncada e ospita mostre permanenti e temporanee. Nel 2010 è stato inaugurato all'interno della galleria il museo Tripisciano : si tratta di una mostra permanente delle opere dello scultore nisseno Michele Tripisciano , donate dallo stesso artista al Comune al momento della morte; si tratta di sculture prevalentemente in gesso, ospitate all'interno di quattro sale suddivise per area tematica. Inoltre all'interno della galleria sono ospitate anche altre opere di artisti locali, tra cui Giuseppe Frattallone e Francesco Guadagnuolo . [64]
Museo diocesano
Sito in viale Regina Margherita, presso il Vescovado, ospita diverse collezioni, provenienti da molte chiese del territorio che offrono un'ottima testimonianza del fermento culturale degli artisti locali fra Seicento e Settecento . All'interno sono custoditi numerosi dipinti, vasi d'argento, paramenti sacri, arredi e preziosi codici miniati.
Esterno del museo d'arte contemporanea
Museo d'arte contemporanea
Si trova nella salita Matteotti e ospita mostre temporanee. Inaugurato nel 2017, [65] è stato realizzato utilizzando i locali sotterranei di un rifugio antiaereo costruito durante la seconda guerra mondiale . Si compone di dieci ambienti collegati a un corridoio centrale, corrispondenti al vecchio rifugio, e un nuovo locale realizzato all'ingresso della struttura. L'esterno è caratterizzato da una struttura curvilinea metallica. [66]
Sala espositiva delle vare
È allestita nei locali seminterrati della parrocchia di San Pio X, in via Napoleone Colajanni, e ospita quindici delle sedici vare , i gruppi scultorei in gesso e cartapesta realizzati nella seconda metà dell'Ottocento, che sfilano per le vie del centro storico durante la sera del Giovedì Santo . [67] La proposta di trasferire le vare nel nuovo "museo delle Vare", realizzato ad hoc nel palazzo ex GIL, non ha avuto seguito a causa dell'opposizione dei proprietari delle vare, restii a trasferirle nei nuovi locali. [68]

Storia patria

La rivista Archivio Nisseno

A Caltanissetta è attiva dal 2012 la Società Nissena di Storia Patria , una deputazione tematica statale . Scopo peculiare della società è quello di valorizzare e promuovere la storia, rilanciando la cultura del territorio nisseno; anche grazie alla pubblicazione della rivista semestrale Archivio Nisseno . Dal 2014 è una ONLUS; dal 2016 è ospitata nel convento dei frati minori annesso alla chiesa di Santa Maria degli Angeli , in cui è stata allestita una biblioteca realizzata grazie a delle donazioni. [69]

Teatro

Alla città è legato il Teatro Stabile Nisseno , organizzazione teatrale nata nel 1996 sulle orme del "Piccolo Stabile Nisseno" e ancora precedentemente del gruppo teatrale de "I quindici", nato negli anni settanta. Con circa centotrenta repliche per ogni stagione in giro per la Sicilia e l'Italia meridionale, le stime SIAE lo classificano ai primi posti tra le compagnie semi-professionistiche dell'Italia centro-meridionale. [70]

Cinema

A Caltanissetta è ambientata la prima parte del film neorealista del 1958 L'uomo dai calzoni corti , diretto da Glauco Pellegrini e interpretato dal giovane Edoardo Nevola . [71]

Cucina

Oltre ai piatti tradizionali dell'entroterra siciliano, la città si distingue per la raffinata tradizione pasticciera dominata dalla presenza di pietanze a base di ricotta, tra cui la raviola e il rollò . [72]

Un gruppo di pasticcieri nisseni, il 6 ottobre 2002 ha cucinato il rollò più lungo del mondo, con una lunghezza di ben 303 metri ottenendo un Guinness World Record . Un altro record è stato portato a termine dagli stessi pasticcieri il 21 novembre 2004 creando un altro rollò di 30 metri, con l'unica differenza di essere senza glutine, in occasione del Convegno sulla Celiachia.

Riveste un ruolo importante la variante nissena del torrone , preparato con mandorle e pistacchi e caratterizzato da una particolare e lunga preparazione. [73]

Geografia antropica

Urbanistica

Vista dal Comune dall'alto di C.so Vitt. Emanuele con vista del tetto della locanda Santa Croce a CL agli inizi 900

Il primo nucleo urbano nisseno è quello del villaggio di Sabucina, risalente al XII secolo aC , distante circa quattro chilometri dall'attuale città. Altri importanti centri urbani furono quelli di Gibil Gabib , Vassallaggi e Capodarso , tutti più o meno distanti dalla città, ma svuotatisi a causa del confluire dei loro abitanti a Sabucina intorno al XIII secolo aC

L'antico borgo, forse di origine bizantina, sorse intorno al Castello di Pietrarossa , sviluppandosi senza alcuna pianificazione seguendo l'andatura del declivio. Era costruito su alti strapiombi, difeso da solide mura, abbatture nel XVII secolo, e protetto dal castello, che si trovava in posizione praticamente inespugnabile. Al successivo borgo arabo corrisponde il quartiere San Francesco (conosciuto impropriamente con il nome di Angeli ), mentre le case più ricche si trovavano dove sorge il quartiere San Rocco.

In seguito all'avvento dei Normanni venne ingrandita l' Abbazia di Santo Spirito , lontana 3 km dalla città, preesistente già dall'VIII secolo con il vicino casale rupestre Montis Sanctus Spiritus.

Durante il periodo di dominazione sveva, la città si presentava come un insieme di borghi aggregati intorno ad alcune emergenze architettoniche: il castello, l'abbazia, il palazzo del magistrato, Santa Maria la Vetere (o Santa Maria degli Angeli), ecc.

Il reale processo di crescita organica del tessuto urbano incominciò nel XVI secolo , dopo il devastante terremoto del 1567 , quando si iniziò a pianificare lo sviluppo urbano. La città fu divisa in quattro quartieri: San Francesco (che includeva il borgo medievale) a sud-est, Santa Venera (poi ribattezzato in Santa Flavia ) a nord, San Rocco a nord-ovest, e Zingari (o Provvidenza ) a sud-ovest. I quartieri erano divisi da due assi stradali grossolanamente perpendicolari che si incrociavano in una piazza centrale : l'attuale corso Vittorio Emanuele (in direzione ovest-est) e l'attuale corso Umberto I (in direzione nord-sud).

Questa struttura si conservò intatta fino al secondo dopoguerra : negli anni cinquanta , infatti, la quasi totalità della popolazione abitava nei quattro quartieri formati dall'incrocio delle due vie principali. Con il piano regolatore approvato nel 1967 , al fine di tutelare il centro storico, finì con l'essere "congelato", privilegiando le aree periferiche della città. Così in seguito a tale decisione dello sviluppo urbano, molti quartieri del centro storico hanno cominciato a svuotarsi, a partire dall'antico quartiere arabo di San Francesco.

Il centro cittadino si districa tra viottoli, salite, scalinate, stradine impervie e scoscese, anche se non mancano i grandi ed eleganti viali che ricordano la gloria di cui godette la città al tempo dei Borboni e dell'estrazione dello zolfo , e che rappresentano il centro economico cittadino, pieni di negozi e locali. Il centro storico conserva la funzione di centro amministrativo ed economico della città, sebbene l'estensione dei quartieri moderni verso est abbia contribuito al decentramento di alcuni uffici amministrativi. In centro si trovano il Teatro Regina Margherita e gli altri cinema della città, il Municipio, nonché le principali chiese e la Cattedrale.

Mercato della Strata a foglia

Il centro ospita anche il tipico e suggestivo mercato "storico" ortofrutticolo, denominato Strata 'a foglia , fulgido esempio di come le tradizioni locali siano preservate, seppure con difficoltà. Nel centro storico si trovano anche numerosi monumenti di rilievo: la chiesa di San Domenico , la chiesa di Sant'Agata (ex collegio dei Gesuiti), la Biblioteca Scarabelli e molti archi, ponticelli, terrazze, giardini. Il centro include i quattro quartieri storici della città, separati dai due assi principali del centro storico, rappresentati da Corso Vittorio Emanuele e Corso Umberto I. Oltre questo nucleo più antico di strade, dal centro si sviluppano altre importanti vie come Viale Trieste , Via Rochester , Via Niscemi , Via Napoleone Colajanni e Viale Regina Margherita , che collegano la città antica con quella nuova.

Un tratto di viale della Regione, nel quartiere Palmintelli

La parte nuova, assumendo queste strade come direttrici principali di sviluppo, ha creato nuovi quartieri, di pari passo con l'evoluzione demografica. L'urbanizzazione sempre più massiccia della periferia nell'ultimo mezzo secolo ha enormemente cambiato l'assetto urbanistico della città, inglobando frazioni e borgate e aggredendo le campagne circostanti. La prima espansione (negli anni cinquanta) ha visto l'urbanizzazione della contrada Palmintelli , a ovest del centro, lungo la strada principale che conduceva a San Cataldo (poi diventato viale della Regione ), e che adesso rappresenta il cuore pulsante della città dal punto di vista dei servizi. Sull'onda della prima espansione, si è iniziato a edificare in contrada Balate , immediatamente a sud del quartiere Palmintelli, ea seguire, sempre più a sud, verso la contrada Pinzelli ;in questo caso il perno su cui si è sviluppato il quartiere è rappresentato dalla via Turati : prosecuzione della via Sallemi , l'arteria è lunga circa 2 km, è interessata da due trafficati incroci, regolati da due rotatorie, e rappresenta il principale collegamento con la porzione sud-occidentale del centro urbano (occupata dal quartiere Balate ).
I due quartiere di Balate e Pinzelli contano insieme circa 25.000 abitanti: l'urbanizzazione di quest'area, ad ogni modo, non si è arrestata. Ad ovest del quartiere Palmintelli, avvicinandosi al centro di San Cataldo, si erge il Poggio Sant'Elia (ad un'altitudine di circa 700 m), elegante quartiere residenziale a bassa densità abitativa, sede tra l'altro dell'azienda ospedaliera locale e del CEFPAS (Centro per la Formazione Permanente e l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario). Adesso, tra il quartiere Palmintelli e il Poggio Sant'Elia, si trova l'ingresso principale della città (proprio sullo svincolo sulla SS 640 ) da dove si snodano le direttrici di traffico principali per Canicattì , Agrigento e la A19 (SS 640), per San Cataldo (Via Due Fontane), per Santa Caterina Villarmosa ( SS 122/bis ), nonché per la città stessa, tramite la circonvallazione. Subito a sud del Poggio Sant'Elia si trova la contrada Due Fontane , zona esclusivamente a carattere residenziale a bassa densità, con una forte tendenza all'urbanizzazione. Lungo la strada principale che l'attraversa, Via Due Fontane si è avuto un rapido sviluppo di attività e centri commerciali, data l'importanza del collegamento che offre tra Caltanissetta e San Cataldo.

Mentre a ovest del centro storico si edificava nel quartiere Balate , a sud sorgeva zona San Luca , un quartiere in prevalenza costituito da cooperative, molto popoloso (circa 5'000 abitanti), ma che rappresenta un esempio di edilizia di scarsissimo valore, vista la disposizione delle costruzioni una a ridosso dell'altra e la scarsezza di verde, nonostante la recente progettazione.
Da qui, dunque, partiva lo sviluppo della periferia meridionale della città, con la progressiva edificazione di villette in prevalenza unifamiliari nel quartiere di Pian Del Lago , zona ad edilizia di bassa densità, in cui hanno sede gli impianti sportivi della città. Sempre più a sud sorge sulla direttrice Caltanissetta - Pietraperzia la Zona Industriale, sviluppatasi alla fine degli anni cinquanta che rappresenta un importante polo produttivo.

Il via all'espansione del centro verso nord fu dato dalla costruzione del quartiere popolare attraversato da via GB De' Cosmi, parte del grande quartiere Santa Petronilla (dal nome di un'antica chiesetta rurale che sorgeva nella zona) che si sviluppa a partire proprio dalla via De' Cosmi e biforcandosi a destra con via Pietro Leone (zona le Fontanelle , dove si trova il più importante circolo ippico della città) ea sinistra con via Libertà (dove si trova il Palazzo di Giustizia e la Corte d'appello). Sempre a nord, è in via di urbanizzazione la contrada Firrìo .

Per via del suolo impervio, l'espansione ad est del centro storico è stata di poca importanza e si è limitata ad alcune costruzioni degli anni cinquanta-sessanta sulle principali vie Xiboli e Redentore.

Quartieri storici

Mappa degli antichi quartieri
Portone della Chiesa di Santa Maria della Provvidenza, nel cuore del quartiere storico degli Zingari
Quartieri e rioni a Caltanissetta
Tetti del rione della Provvidenza

A partire dal 1700 la città si sviluppa in quattro quartieri con al centro la piazza oggi piazza Garibaldi e due assi viari principali e perpendicolari tra loro: Corso Umberto I (Caltanissetta) e Corso Vittorio Emanuele (Caltanissetta) . Questi assi stradali delimitano i confini interni dei quattro quartieri.

Il quartiere più antico, e preesistente la piazza, è il quartiere di San Domenico o quartiere degli angeli che prende il suo nome dall'omonima chiesa; esso in origine è stato il quartiere arabo da cui ha preso origine lo sviluppo delle città di Caltanissetta.

Poi ilquartiere della Provvidenza o dei Zingari o Furchi, che prende il suo nome dall'omonima chiesa posta nel punto più alto dello stesso, anticamente ghetto ebraico della città o Giudecca. Terzo è il quartiere di Santa Venera che prende il suo nome dall'omonima chiesa scomparsa, che domina il quartiere e la città intera; successivamente i quartiere diventa quartiere di Santa Flavia insieme all'omonimo quartiere dei minatori costruito in epoca fascista.

Infine, il quartiere di San Rocco , il più recente dei quattro quartieri della città vecchia, che è posto sul lato occidentale della città ed è stato costruito intorno al 1500 - 1700. [74] Altri quartieri/rioni della città sono: [75]

Villaggio UNRRA Casas

Cartolina d'epoca del villaggio UNRRA Casas

Il villaggio UNRRA Casas sorge a circa 3 km dal centro storico, e risulta inglobato all'interno della città stessa, oggi semplicemente quartiere UNRRA Casas. Si tratta di un complesso di alloggi, realizzato nell'immediato dopoguerra, dall'organizzazione internazionale UNRRA Casas ( United Nations Relief and Rehabilitation Administration ), organizzazione costituita a Washington nel 1944, per fornire aiuti e assistenza alle popolazioni colpite dalla guerra, nei paesi passati sotto il controllo degli Alleati. Nel piano regolatore generale della città, il villaggio UNRRA Casas è classificato A2 "zone della città postunitaria o città del primo novecento", di interesse storico e sottoposto a tutela e limitazioni degli interventi di tipo edilizio.

Frazioni

Le frazioni del comune di Caltanissetta sono il villaggio Santa Barbara , Borgo Petilia , Borgata Favarella, Cozzo di Naro, Borgo Canicassè Casale , Prestianni, Santa Rita , Torretta [30] e Xirbi. [76] [77] Si tratta di nuclei abitati ubicati a diversi chilometri dalla città, che in genere presentano una chiesa e in alcuni casi anche un ufficio postale e un posto telefonico pubblico. Alcune di queste frazioni sono borgate storiche classificate nel piano regolatore come zone A3 "Centri storici della campagna" e godono di tutela per l'importanza storica che rivestono. [76]

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Zolfo di Sicilia e Amaro Averna .
Amaro Averna

Caltanissetta è conosciuta soprattutto come un centro agricolo e dirigenziale in declino, con un prestigioso passato estrattivo alle spalle. In effetti l'estrazione dello zolfo ha rappresentato la voce economica cittadina più rilevante tra Ottocento e Novecento . Agli inizi del XX secolo Caltanissetta fu, infatti, tra le maggiori esportatrici di zolfo a livello mondiale, tanto che in passato le fu attribuito l'appellativo di capitale mondiale dello zolfo . [6] In seguito, però, la concorrenza estera e lo sviluppo di nuovi metodi estrattivi segnarono il declino di Caltanissetta quale capitale dello zolfo , fino alla completa chiusura di tutte le miniere . L'epopea dello zolfo nisseno è raccontata nel Museo delle solfare di Trabia Tallarita , sito nell'ex area mineraria compresa tra Riesi e Sommatino , che fa parte del nuovo circuito del Distretto turistico delle Miniere , costituito nel 2011 ed esteso su di un'area di 2500 km² facente parte delle province di Enna, Caltanissetta e Agrigento.

Tramontata l'epoca dello sfruttamento dello zolfo, è rimasto il settore primario a trainare l'economia locale. Altro settore economico cittadino è quello artigianale, soprattutto nel campo delle pipe , dei dolciumi e del torrone . A Caltanissetta aveva sede il Gruppo Averna , che fu l'azienda principale della zona, che produce il famoso amaro .

Il settore industriale nisseno è fragile e in via di sviluppo. Le aree industriali principali sono quelle di contrada Calderaro; di San Cataldo scalo e di Grottadacqua. La Zona Industriale di Caltanissetta è localizzata in contrada Calderaro. Questo agglomerato produttivo è gestito dal Consorzio ASI [78] , sottoposto alla vigilanza dell'Assessorato regionale alle Attività Produttive, e si estende per circa 100 ettari. All'interno della Zona Industriale lavorano un centinaio di imprese, operanti, principalmente, nei settori meccanico, alimentare, dei materiali da costruzione e dell'abbigliamento. Altra area industriale ricadente nel territorio di Caltanissetta è quella denominata San Cataldo scalo : quest'area è vasta circa 45 ettari e ospita un centinaio di stabilimenti. Tra i settori maggiormente rappresentati troviamo industrie manifatturiere , meccaniche , alimentari , tessili ed elettroniche. Infine, tra Caltanissetta e Serradifalco, si trova un'altra area industriale di scarsa importanza, denominata “Grottadacqua”, che sorge vicino alla SS 640 .

Il terziario è senza dubbio il settore più sviluppato, nonché il più diversificato: oltre ad attività commerciali e legate all' edilizia (il vero settore trainante dell'economia cittadina negli anni del “boom” economico, anche se soggetto a continue inchieste per ricorrenti infiltrazioni mafiose), si annoverano sul territorio numerose filiali bancarie e istituti assicurativi, nonché gli uffici di importanti organi amministrativi (si ricordi, per esempio, che la città è sede del Tribunale e della Corte d'Appello). Ciononostante, il settore terziario presenta alcune carenze e debolezze. Una di esse è rappresentata dal turismo : in base ai dati raccolti dall'Assessorato al Turismo della Regione Siciliana , nel 2005 le presenze turistiche in provincia rappresentavano appena l'1,13% del totale. Questo dato così basso, che fa della provincia nissena la meno visitata in Sicilia , probabilmente non è dovuta alla carenza di strutture ricettive, quanto ad una cattiva valorizzazione del patrimonio artistico-monumentale e paesaggistico del territorio.

Nel suo complesso, il territorio di Caltanissetta può definirsi, comunque, scarsamente sviluppato dal punto di vista economico, a causa di un insieme di congiunture sfavorevoli sotto molteplici aspetti (carenza di infrastrutture, povertà di risorse, illegalità dilagante, scarso interesse della politica, poca oculatezza negli investimenti, ecc.). In base ai dati raccolti dal Sole 24 ore [79] si evince che il PIL pro capite della provincia nissena sia di 13.388,84 € (103º posto in classifica nazionale) e che la quota di esportazioni sul PIL sia appena dell'11,47%; l'importo medio delle pensioni è basso (621,18 €). Un altro grave problema che condiziona il sottosviluppo di questa parte d' Italia è la difficoltà a trovare un impiego fisso, specie per le fasce occupazionali più deboli, quali i giovani (il 45,9% è disoccupato) e le donne (sono occupate appena il 24,87% del totale, dato tra i più bassi del Paese). La disoccupazione è una costante atavica della città, in quanto è stata storicamente uno dei principali stimoli all'emigrazione, soprattutto a partire dagli anni '60; tale processo, che si era quasi arrestato sul finire del XX secolo , sta tornando a manifestarsi nuovamente negli ultimi anni.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Lavori sulla Strada degli Scrittori presso Caltanissetta Nord (2014)

Caltanissetta rappresenta uno snodo di media importanza nell'ambito della rete stradale regionale. Le principali arterie extraurbane che interessano la città sono:

Strada provinciale per Marianopoli

Altre arterie garantiscono il collegamento con i centri minori:

A Caltanissetta inoltre aveva origine la strada statale 191 di Pietraperzia . Nel 1988 il tratto da Caltanissetta a Pietraperzia fu declassato, diventando " strada provinciale 103 Caltanissetta-Pietraperzia ", e perse progressivamente importanza a seguito dell'apertura della SS 640 dir.

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Caltanissetta Xirbi e Stazione di Caltanissetta Centrale .
Stazione di Caltanissetta Centrale

Il centro abitato di Caltanissetta viene attraversato, da nord a sud, dall'omonima galleria ferroviaria, lunga circa 2 km. Allo sbocco del tunnel è stata costruita la stazione centrale : sita in piazza Roma, a breve distanza dal terminal degli autobus extraurbani, serve l'intera città. Sebbene oggi si trovi in una zona strategica e ben servita dai mezzi pubblici, quando fu inaugurata, nel settembre del 1876 , si trovava alle porte della città. La stazione è al giorno d'oggi frequentata principalmente da pendolari: lavoratori e studenti delle scuole secondarie. È interessata esclusivamente da un traffico di livello regionale: le principali destinazioni dei treni sono Catania , Modica , Agrigento e Xirbi (scalo intermedio per Palermo e Catania).

A circa 7 km a nord dalla città, invece, è localizzata l'altra stazione posta a servizio del capoluogo nisseno, quella di Caltanissetta Xirbi , situata in una zona di campagna prossima alla frazione di Xirbi, una piccola borgata sorta proprio in ragione della stazione, [ senza fonte ] inaugurata nel 1869 . In realtà essa è più vicina al centro abitato di Santa Caterina Villarmosa , del quale originariamente recava il nome. Lo scalo è comunque un importante nodo ferroviario dell'Isola: infatti, è posto sulla linea Palermo-Catania , della quale consente il collegamento con la ferrovia proveniente da Agrigento . Essendo così tanto lontana dalla città, la stazione è stata a lungo poco usata: i passeggeri vi transitavano solo per prendere le coincidenze. Tuttavia, a seguito della frana del 2015 che ha investito il viadotto Himera sulla A 19, che ha comportato disagi alla circolazione su gomma, in conseguenza del significativo potenziamento dei collegamenti ferroviari diretti tra Palermo e Catania, la stazione ha riacquistato importanza, diventando molto frequentata dai viaggiatori. Nel quadro della realizzazione della nuova ferrovia Palermo-Catania ad alta capacità è inoltre previsto che la stazione venga riqualificata e attrezzata per accogliere i maggiori volumi di traffico generati dall'AV.

Mobilità urbana

La città è dotata di un servizio di trasporto urbano su gomma gestito dall'azienda locale SCAT . Il capolinea, comune a tutte le linee, è situato in piazza Roma, di fronte alla stazione ferroviaria di Caltanissetta Centrale . Il terminal dei bus extraurbani è situato in via Rochester.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Caltanissetta .

Gemellaggi

Sport

Pesistica

Uno degli sport praticati a Caltanissetta è il sollevamento pesi , in quanto 50 record italiani su 180 sono stati stabiliti da atleti nisseni di cui 15 maschili e 35 femminili [82]

Calcio

Lo stadio Palmintelli durante una parita della Nissa , anni ottanta

La storia del calcio nisseno coincide in gran parte con quella della Nissa , squadra fondata negli anni trenta e che negli anni ottanta raggiunse il suo apice sportivo, militando in Serie C2 .

Nel campionato 2020/2021, le due principali squadre sono:

Automobilismo

L'arrivo della seconda edizione della Coppa Nissena , 1923

L'automobilismo occupa una posizione di grande rilievo tra gli sport praticati in città. La competizione più importante è la Coppa Nissena , gara di tipo cronoscalata la cui prima edizione risale al 1922. Altre competizioni sono il Rally Città di Caltanissetta e lo Slalom del Borgo , che si svolgono lungo le strade nelle contrade limitrofe alla città.

Tennis

Il torneo internazionale Città di Caltanissetta rappresenta un importante appuntamento che si svolge in città a cadenza annuale. Nato nel 1999 come torneo della categoria Satellites, nel 2005 passò all' ITF Men's Circuit e dal 2009 fa parte dell' ATP Challenger Tour .

Altri sport

Pallamano
La principale squadra maschile di pallamano è la Nova Audax , che disputa il campionato di Serie A2 .
Calcio a 5
Nel calcio a cinque maschile, tra le più note squadre cittadine vi era la Nissa Futsal (nata nel 2012 dalla fusione tra Nissa 5 e Futsal Cl ) la quale disputava il campionato di Serie B .

Altra squadra è la Pro Nissa Futsal, nata nel 2009, che disputa il campionato di Serie B 2019/2020, dopo aver vinto il precedente campionato di Serie C1.

Pallavolo
Le principali squadre di pallavolo nissene sono: la Look Nissa Volley , maschile, che gioca nel campionato di Prima Divisione , e la Posta Express Albaverde, femminile, che milita in Serie C .
Rugby
La compagine di rugby maschile cittadina è la Nissa Rugby , che disputa il campionato di Serie C .
Piazza Garibaldi in occasione della sesta tappa del Giro d'Italia 2018
Ciclismo
In città esistono alcune associazioni dedite al ciclismo quali la Open Bike , la Imera Bike e un team quale il "Team Lombardo Bike" che svolge gare in tutta Italia; tra l'altro per gli allenamenti è disponibile anche una pista di mountain bike comunale. Nel 1976 la città fu sede di arrivo della seconda tappa del 59º Giro d'Italia , vinta da Roger De Vlaeminck , e nel 2018 è stata sede di partenza della sesta tappa della 101ª edizione del Giro . [85]

Impianti sportivi

Stadio Marco Tomaselli
Centro sportivo moderno e polivalente, è chiamato anche stadio Pian del Lago dal nome della contrada su cui sorge; dispone di un manto in erba naturale, una pista d'atletica e una sala scherma; ospita 12.000 posti a sedere ed è tra gli impianti più grandi della Sicilia . Nel 1994 vi si è svolto un incontro valevole per le qualificazioni ai campionati europei under-21 di calcio del 1996 tra Italia e Croazia ; in quell'occasione la Nazionale italiana disputò la gara con le maglie della Nissa poiché entrambe le squadre avevano la stessa casacca e la partita cominciò in netto ritardo. [86] Sono state giocate inoltre la finale della Coppa Italia di rugby 2003 e il match tra Italia e Francia del Sei Nazioni Under-20 del 2013 .
Stadio Palmintelli
È lo stadio storico della città, realizzato durante il ventennio fascista. Si trova nel centrale viale della Regione , offre cinquemila posti e ha il campo in terra battuta.
Tennis Club di villa Amedeo
Ufficialmente chiamato Tennis Club Caltanissetta , sorge nella zona a valle della villa Amedeo , da cui prende il nome. La storia del Tennis Club incomincia negli anni trenta del Novecento, quando fu realizzato il primo campetto in terra battuta; negli anni successivi la struttura fu ampliata con la costruzione di altri campi, e nel 1967 fu fondata l'attuale associazione sportiva. Oggi comprende quattro campi da tennis in terra rossa ea cadenza annuale vi si svolge il torneo Città di Caltanissetta , che dal 2009 è stato inserito nel circuito professionistico ATP . [87]
PalaCarelli
Palasport di proprietà della provincia, con capienza massima di 5.000 posti, il quarto per capienza tra gli impianti del genere a livello regionale, palcoscenico di importanti eventi, non solo sportivi, succedutisi negli anni. Nel 2010 si sono svolti i Campionati Italiani Juniores di pesistica, nel 2011 i Campionati Italiani Under 17 di pesistica e nel 2012 i Campionati Italiani Assoluti di pesistica. Sempre nel 2012 ha ospitato le qualificazioni del Gruppo 2 per il Campionato mondiale 2012 di calcio a 5 . Al palazzetto dello sport sono stati ospitati alcuni artisti nazionali come i Pooh , Antonello Venditti , i Modà e altri.

Vanno ricordati anche gli altri due palazzetti dello sport comunali: il PalaChiarandà (con capienza di 1.000 posti) e il PalaCannizzaro (con 2.000 posti). In tutte le strutture citate si praticano vari sport indoor , tra cui le arti marziali e la pesistica , la scherma , il basketball , la pallavolo e la pallamano .

Piscina comunale
Piscina comunale
È costituita da due vasche natatorie, una vasca corta (lunga 25 m, larga 17 m, e profonda fino a 3,50 m) e una più piccola (25 mx 6 m, profonda 90 cm). All'interno dell'impianto sono presenti anche una palestra, una zona bar e una zona per attività commerciali; ha una capienza di duecento posti, mentre la tribuna può contenere quattrocento spettatori. Dal 2002 è in gestione alla Società Sportiva Dilettantistica Swimming srl. [88]
Impianto polivalente Michelangelo Cannavò
È dotato di campi all'aperto in terra battuta e cemento, di varie discipline (calcio, pallavolo, basket, ecc.), di uno skatepark , una pista per mountain bike e un percorso per jogging . Durante l'estate nello stesso impianto viene anche approntato un campo in sabbia utilizzato per il beach volley e il beach soccer . Lo skatepark, uno dei più grandi del Mezzogiorno, [ senza fonte ] non è più agibile a causa di episodi di vandalismo, che hanno distrutto del tutto le rampe in legno. [89]
Street Factory Eclettica
Si tratta di un impianto sportivo di 3000 m² in cui è possibile praticare sport come skate, pattini, bmx, hockey, basket, free climbing. Inaugurato nel 2016, è frutto del progetto di cinque ragazzi nisseni risultato primo classificato nel concorso Boom! Polmoni Urbani , [90] promosso da Movimento 5 stelle Sicilia e Farm Cultural Park , che hanno finanziato con 120'000 euro la riqualificazione dell'area occupata da una vecchia pista di pattinaggio rimasta abbandonata per 15 anni. È definito dagli stessi ideatori come un "incubatore sportivo-artistico-culturale", poiché oltre ad attività sportive, è pensato per ospitare anche eventi culturali e artistici. [91] [92]
Poligono di tiro a segno
Vi opera sin dal 1884 la sezione locale del Tiro a Segno Nazionale . Fu requisito nel 1939 a causa della seconda guerra mondiale e rimase poi abbandonato fino al 1980, quando il demanio militare lo riassegnò a titolo gratuito all'allora capitano dell'Esercito Giovanni Vitali, che vi ricostituì la sezione. Il poligono comprende uno stand a 10 per pistole e carabine ad aria compressa e un impianto a 50 metri [93] dove si può sparare con armi che erogano un'energia cinetica non superiore a 63 kgm. Vi si svolge anche l'attività istituzionale demandata dalla Legge alle sezioni del TSN sull'addestramento di tutte le persone che svolgono servizi armati presso enti pubblici e privati.

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana , su dipionline.it . URL consultato il 20 maggio 2013 .
  5. ^ Luigi Milanesi, Dizionario Etimologico della Lingua Siciliana , Mnamon, 2015, ISBN 978-88-6949-056-9 .
  6. ^ a b Caltanissetta: le miniere di zolfo , su insicilia.it . URL consultato il 14 novembre 2010 (archiviato dall' url originale l'11 settembre 2009) .
  7. ^ Salvatore Scarantino, 150 anni di storia della scuola mineraria “Sebastiano Mottura” di Caltanissetta ( PDF ), su storiapatriacaltanissetta.it , Società Nissena di Storia Patria - Caltanissetta - Anno VI, n°11, 99.
  8. ^ Sergio Mangiavillano, Piccola Atene del deserto , su Caffè Caltanissetta . URL consultato il 31 maggio 2018 .
  9. ^ Comuni italiani per popolazione , su tuttitalia.it . URL consultato il 25 febbraio 2017 .
  10. ^ Elenco dei comuni capoluogo di provincia ordinati per altitudine , su tuttitalia.it . URL consultato il 29 settembre 2014 (archiviato dall' url originale il 10 gennaio 2012) .
  11. ^ Piano Territoriale Paesistico della Provincia di Caltanissetta ( PDF ), su nomuos.org , 14 maggio 2008, 68, 80, 84. URL consultato il 17 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 17 dicembre 2014) .
  12. ^ Cesare Roda, Carta geologica della tavoletta Pietraperzia (Province di Caltanissetta ed Enna, F. 268, III-NE) , in Atti dell'Accademia Gioienia di Scienze Naturali in Catania , XIX, Istituto Mediterraneo Arti Grafiche, 1968.
  13. ^ Luigi Baldacci, Descrizione geologica dell'isola di Sicilia , Roma, Tip. Nazionale, 1886.
  14. ^ Sebastiano Mottura, Sulla formazione terziaria , 1871.
  15. ^ Behermann RB(1938) - Appunti sulla geologia della Sicilia centro-meridionale
  16. ^ Leo Ogniben, Petrografia della serie solfifera siciliana e considerazioni geologiche relative , Libreria dello Stato, 1957, p. 275.
  17. ^ Paolo Schmidt di Friedberg, Litostratigrafia petrolifera della Sicilia , Flaccovio, 1965.
  18. ^ A. Decima e Carlo Wezel Forese, Osservazioni sulle evaporiti messiniane della Sicilia centro-meridionale , in Rivista Mineraria Siciliana , vol. 22, n. 130, 1971, pp. 172-187.
  19. ^ Il settore della Sicilia centro-meridionale: il bacino di Caltanissetta ( PDF ), su regione.sicilia.it . URL consultato il 15 luglio 2018 .
  20. ^ Le maccalube di Caltanissetta: piccoli vulcani che eruttano fango , su oubliettemagazine.com . URL consultato il 15 luglio 2018 .
  21. ^ a b Clima: Caltanissetta - Grafico climatico, Grafico della temperatura, Tabella climatica - Climate-Data.org , su it.climate-data.org .
  22. ^ Record di temperatura mensili registrati dal 1924 al 2000 dalla stazione meteorologica del Genio Civile di Caltanissetta , su MeteoCaltanissetta , 30 luglio 2008. URL consultato il 1º marzo 2019 .
  23. ^ Caltanissetta , su dizionario.rai.it , RAIDizionario d'ortografia e di pronunzia . URL consultato il 12 gennaio 2021 .
  24. ^ Rosanna Zaffuto Rovello, Universitas Calatanixette 1086-1516 , Caltanissetta, Salvatore Sciascia Editore, 1991, pp. 29-42.
  25. ^ ( LA ) Goffredo Malaterra, De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis et Roberti Guiscardi ducis fratris eius , IV libro, XI secolo. URL consultato il 23 maggio 2020 .
  26. ^ Rosanna Zaffuto Rovello, Storia di Caltanissetta , Palermo, Edizioni Arbor, 2008, pp. 11-12.
  27. ^ Luigi Santagati, Nuove considerazioni sulla fondazione di Caltanissetta ( PDF ), in Archivio Nisseno , Anno III - N. 4, Caltanissetta, Paruzzo Printer editore, 2009, pp. 138 e succ.. URL consultato il 23 maggio 2020 .
  28. ^ Francesco Tardia, Descrizione della Sicilia cavata da un libro arabico di Scherif Elidris , in Opuscoli di autori siciliani , Tomo ottavo, Palermo, 1764. URL consultato il 23 maggio 2020 .
  29. ^ Luigi Santagati, Storia di Caltanissetta , Caltanissetta, Edizioni Lussografica, 1989, p. 47.
  30. ^ a b Statuto del Comune di Caltanissetta ( PDF )
  31. ^ "San Domenico", Reportage alle 23,30 , su tcsnews.tv , TCS (archiviato dall' url originale il 9 aprile 2015) .
  32. ^ Chiesa della Madonna della Grazia - Scoprire Caltanissetta - il portale turistico della città di Caltanissetta, turismo, eventi, cultura [ collegamento interrotto ] , su scoprirecaltanissetta.it .
  33. ^ Cimitero dei Carusi , su Distretto turistico delle miniere . URL consultato il 24 giugno 2018 .
  34. ^ Monumento ai Caduti di Caltanissetta , su pietre della memoria . URL consultato il 31 maggio 2018 .
  35. ^ Rai - Impianto Onde Corte Caltanissetta , su mediasuk.org . URL consultato il 14 novembre 2010 .
  36. ^ Rai - Impianto Onde Corte Caltanissetta , su mediasuk.org . URL consultato il 14 novembre 2010 .
  37. ^ L'antenna Rai di Caltanissetta, 283m. - SkyscraperCity , su skyscrapercity.com . URL consultato il 5 maggio 2011 .
  38. ^ Giuseppe Scibetta , Il comune acquista l'antenna RAI - La Sicilia, p.27 5 novembre 2013
  39. ^ Stefania Gallo, Dopo oltre vent'anni, riapre il parco Dubini a Caltanissetta , in Giornale di Sicilia , edizione Caltanissetta , 5 maggio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  40. ^ Caltanissetta, il Giardino della Legalità ricorderà i morti di mafia , in La Sicilia , edizione Caltanissetta , 23 maggio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  41. ^ Marcella Sardo, Ville pubbliche e aree giochi: Parco Balate nel cassetto e il Comune apre alla gestione dei privati , 11 marzo 2014. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  42. ^ Ecosistema urbano 2018 – Rapporto sulla qualità ambientale delle città ( PDF ), su Legambiente , p. 140. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  43. ^ Caltanissetta. Progetto comunale per il parco Balate da 1 milione e 200 mila euro , su caltanissettalive.it , 27 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  44. ^ Caltanissetta, consiglio comunale: approvato progetto Parco Naturalistico e Museo Antenna Rai , su il Fatto Nisseno , 10 aprile 2017. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  45. ^ L'Amministrazione Comunale di Caltanissetta inserisce il Parco-Museo “Sant'Anna” nel Piano triennale delle opere pubbliche , su Radio CL1 , 28 gennaio 2019. URL consultato il 28 febbraio 2019 .
  46. ^ Project QR Culture - Caltanissetta | Progetto Qr-Cultura | Caltanissetta Archiviato il 24 ottobre 2013 in Internet Archive .
  47. ^ Pronto Soccorso – Salva i beni di Sicilia, il Gasometro di Caltanissetta , su BlogSicilia , 2 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 12 maggio 2014) .
  48. ^ Orazio Cancila, Storia dell'industria in Sicilia , Laterza, 1995, p. 194, ISBN 978-88-420-4609-7 .
  49. ^ Stefano Gallo, Gasometro di Caltanissetta, dal declino all'abbandono: uno sfregio all'archeologia industriale , su Giornale di Sicilia , 9 agosto 2013. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  50. ^ La redazione non trova il titolo adeguato per il seguente comunicato, scusateci ma siamo scaramantici , su Il Fatto Nisseno , 3 aprile 2012. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  51. ^ Decreto dell'Assessore Regionale ai Beni Culturali n. 5412 ( DOC ), su regione.sicilia.it , Regione Siciliana, 24 marzo 2003. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  52. ^ Il PD segnala: "Rischia di crollare rovinosamente l'antico Gasometro di Via Angeli" , su Il Fatto Nisseno , 2 marzo 2012. URL consultato il 2 luglio 2018 .
  53. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  54. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2019 - Comune: Caltanissetta - Tutti i Paesi , su demo.istat.it . URL consultato il 1º ottobre 2020 .
  55. ^ Rosanna Zaffuto Rovello, La Settimana Santa a Caltanissetta , su lasettimanasantacl.it . URL consultato il 7 luglio 2018 (archiviato dall' url originale il 7 luglio 2018) .
  56. ^ a b San Michele. Patrono di Caltanissetta , su Piccola Atene . URL consultato il 27 febbraio 2018 (archiviato dall' url originale il 27 febbraio 2018) .
  57. ^ Processione dei tre Santi , su Piccola Atene . URL consultato il 27 febbraio 2018 (archiviato dall' url originale il 4 aprile 2018) .
  58. ^ I libri scomparsi della biblioteca Scarabelli , su storiapatriacaltanissetta.it , Società Nissena di Storia Patria , 1º febbraio 2013.
  59. ^ La carta dei servizi ( PDF ), su Archivio di Stato di Caltanissetta . URL consultato il 30 maggio 2018 .
  60. ^ Biblioteca Comunale "Luciano Scarabelli" , su sito istituzionale del Comune di Caltanissetta . URL consultato il 30 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2018) .
  61. ^ a b Sito Ufficiale Anagrafe delle Biblioteche Italiane (ABI) - Risultati ricerca , su anagrafe.iccu.sbn.it . URL consultato il 30 maggio 2018 .
  62. ^ Biblioteca Diocesana del Seminario , su sito internet della Diocesi di Caltanissetta . URL consultato il 30 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 12 giugno 2018) .
  63. ^ Istituto Superiore di Studi Musicali "Vincenzo Bellini" - Caltanissetta , su Istituto Superiore di Studi Musicali "Vincenzo Bellini" - Caltanissetta . URL consultato il 9 aprile 2021 .
  64. ^ Palazzo Moncada/Galleria Civica d'Arte – Museo Tripisciano , su Distretto turistico delle miniere . URL consultato il 30 maggio 2018 .
  65. ^ Caltanissetta, museo d'arte contemporanea: inaugurazione giovedì 8 giugno , su il Fatto Nisseno , 6 giugno 2017. URL consultato il 27 maggio 2018 .
  66. ^ Ex rifugio antiaereo – Centro espositivo d'arte contemporanea , su Le vie dei tesori . URL consultato il 27 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 28 maggio 2018) .
  67. ^ Sala Espositiva delle Vare , su Le vie dei tesori . URL consultato il 18 maggio 2019 .
  68. ^ Stefano Gallo, Museo delle Vare all'Ex Gil, svanisce il sogno a Caltanissetta , in Giornale di Sicilia (edizione Caltanissetta) , 17 dicembre 2015. URL consultato il 27 maggio 2018 .
  69. ^ Società Nissena di Storia Patria , su storiapatriacaltanissetta.it .
  70. ^ Chi siamo , su Teatro Stabile Nisseno . URL consultato il 4 gennaio 2018 .
  71. ^ L'uomo dai calzoni corti, Edoardo Nevola torna a Caltanissetta domenica 1 dicembre , su seguonews.it , 27 novembre 2013. URL consultato il 4 gennaio 2018 .
  72. ^ Pasquale Tornatore, Caltanissetta: natura, arte, storia, gastronomia nel cuore della Sicilia , su Mondo del Gusto .
  73. ^ Torrone di Caltanissetta , su Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus .
  74. ^ Quartieri , su Piccola Atene (archiviato dall' url originale il 5 giugno 2016) .
  75. ^ La Sicilia 17 gennaio 2016
  76. ^ a b Piano Regolatore Generale del Comune di Caltanissetta ( PDF ). Archiviato il 23 ottobre 2017 in Internet Archive .
  77. ^ La Città in cifre , su comune.caltanissetta.it . URL consultato il 6 gennaio 2021 .
  78. ^ sito ASI di Caltanissetta , su asicaltanissetta.it . URL consultato il 14 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 30 gennaio 2012) .
  79. ^ Classifica sulla qualità della vita 2013 , su ilsole24ore.com .
  80. ^ 50° anniversario del gemellaggio tra Caltanissetta e Rochester , su comune.caltanissetta.it . URL consultato il 29 dicembre 2020 .
  81. ^ Caltanissetta, Italy - Sister City Since 1965 , su cityofrochester.gov . URL consultato il 29 dicembre 2020 .
  82. ^ Copia archiviata ( PDF ), su pesistica.org . URL consultato il 20 ottobre 2016 (archiviato dall' url originale il 21 ottobre 2016) .
  83. ^ Nissa FC , su tuttocampo.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  84. ^ Città di Caltanissetta , su tuttocampo.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  85. ^ Tappa 6 , su Giro d'Italia 2018: Sito Ufficiale . URL consultato il 10 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2019) .
  86. ^ Vittorio Zambardino, All'Under sta bene il rosso , in la Repubblica , 17 novembre 1994. URL consultato il 9 ottobre 2017 .
  87. ^ La storia del Tennis Club Caltanissetta , su TCC – Tennis Club Caltanissetta . URL consultato il 6 maggio 2018 .
  88. ^ Swimming Caltanissetta , su swimmingnuoto.it . URL consultato il 28 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 12 giugno 2016) .
  89. ^ Il fuoco di “Olimpia” a Pian del Lago 2, bruciato lo Skate park. Vergogna , su il Fatto Nisseno , 27 agosto 2012. URL consultato il 28 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  90. ^ Boom – Polmoni Urbani
  91. ^ Eclettica – Street Factory
  92. ^ Il progetto di giovani nisseni “Street Factory eCLettica” sostenuto dal Comune di Caltanissetta si aggiudica i 120 mila euro messi a disposizione dal M5S Sicilia , su Comune di Caltanissetta . URL consultato il 28 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 22 settembre 2015) .
  93. ^ Tiro a Segno Nazionale Sezione di Caltanissetta , su unasci.com . URL consultato il 28 febbraio 2019 .

Bibliografia

  • Gaufredo Malaterra. De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae Comitis et Roberti Guiscardi Ducis fratris eius .
  • Luigi Santagati. Storia di Caltanissetta 1989 e 2001.
  • Luigi Santagati. Fatti politici di Caltanissetta 1993.
  • Luigi Santagati. Storia dei Bizantini di Sicilia 2012.
  • Canonico Segneri. Storia di Caltanissetta trascritta da Luigi Santagati.
  • Alunni del Liceo Scientifico Alessandro Volta . La cultura arabo-normanna a Caltanissetta .
  • Michele Alesso. Il giovedì santo in Caltanissetta: usi, costumi, tradizioni e leggende 1903.
  • Vincenzo Falzone. La Sacra Urna, le Vare del Giovedì Santo .
  • Vincenzo Falzone. Caltanissetta nell'arte 1961.
  • Salvatore Mirisola. Antichità ignorate del Nisseno . Editore Sciascia 2009. ISBN 88-8241-245-8
  • Rosanna Zaffuto Rovello. Storia di Caltanissetta . Arbor 2008. ISBN 88-86325-35-5
  • Filippo Falcone. Antifascisti nisseni . Edizioni Lussografica.
  • Claudio Torrisi. Ottocento nisseno. Istituzioni e società . Edizioni Lussografica 1997. ISBN 88-8243-000-6
  • Santi Correnti. Sicilia da conoscere e da amare . Editrice Nocera 1998.
  • Walter Guttadauria, Memorie in pagine di giornale . Edizioni Lussografica 2020.
  • Caltanissetta - Piano regolatore generale-Variante generale , su caltanissetta.trasparenza-valutazione-merito.it , Agosto 1977, p. 182.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 133686903 · LCCN ( EN ) n80046127 · GND ( DE ) 4229141-0 · BNF ( FR ) cb12228708t (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80046127