Campionat del Món de Fórmula 1 de 1974

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Campionat del Món de Fórmula 1 de 1974
Edició n. 25 del Campionat del Món de Fórmula 1
Dades generals
Començar 13 de gener
Termini 6 d’octubre
Proves 15
Es poden agafar títols
Pilots Brasil Emerson Fittipaldi
a McLaren M23
Constructors UK McLaren
Altres edicions
Anterior - Següent
Edició en curs

La temporada 1974 del Campionat del Món de Fórmula 1 de la FIA va ser, en la història de la categoria, la 25a a atorgar el Campionat de Pilots i la 17a a atorgar el Campionat de Constructors . Va començar el 13 de gener i va acabar el 6 d’octubre, després de 15 curses, el mateix nombre de curses que la temporada anterior. El títol de pilots va ser per Emerson Fittipaldi per segona vegada i el de constructors per primera vegada a McLaren .

A partir d’aquest any, els números de cotxes es van mantenir fixos durant tota la temporada. Anteriorment se'ls va atorgar carrera per carrera.

Emerson Fittipaldi és campió del món per segona vegada.

La pretemporada

El calendari

Només al gener es va confirmar la celebració del Gran Premi de Mònaco , per al 26 de maig, després de la cancel·lació del Ral·li de Montecarlo per la crisi del petroli . [1]

Competició Nom oficial del gran premi Circuit Lloc Data Ara En directe
Local UTC ITA
1 Argentina Gran Premi de la República Argentina Autodromo Municipal Ciudad de Buenos Aires bons Aires 13 de gener 16:30 [2] 19:30 20:30 No transmès
2 Brasil Gran Premi del Brasil Circuit Interlagos Sao Paulo del Brasil 27 de gener 11:30 [3] 14:30 dos quarts d'una
3 Sud-Àfrica Gran Premi de Sud-àfrica de Lucky Strike Circuit de kyalami Midrand 30 de març 14:30 [4] dos quarts d'una 13:30
4 Espanya Gran Premi d’Espanya Circuit permanent de Jarama Sant Sebastià dels Reis 28 d’abril 12:00 [5] 10:00 11:00 h
5 Bèlgica Bang & Olufsen Grote Prijs van Belgie Circuit de Nivelles Nivelles 12 de maig 15:30 [6] 13:30 14:30 Segon programa
6 Monjo Gran Premi Automòbil de Mònaco Circuit de Montecarlo Monjo 26 de maig 15:30 [7] 13:30 15:30
7 Suècia Gran Premi Texaco Sveriges Raceway escandinau Anderstorp 9 de juny 15:30 13:30 15:30
8 Països Baixos Grote Prijs van Nederland Parc Zandvoort Zandvoort 23 de juny 13:00 11:00 h 13:00 No transmès
9 França Gran Premi de França Circuit de Dijon-Prenois Prenois 7 de juliol 12:00 [8] 10:00 12:00 h Segon programa
10 UK John Player Gran Premi Britànic Circuit de marques Hatch West Kingsdown 20 de juliol 14:30 [9] dos quarts d'una 14:30
11 Alemanya Großer Preis von Deutschland Nürburgring Nürburg 4 d’agost 13:30 [10] dos quarts de dotze 13:30 No transmès
12 Àustria Memphis Großer Preis von Österreich Österreichring Spielberg bei Knittelfeld 18 d’agost 15:00 [11] 13:00 15:00 Segon programa
13 Itàlia Gran Premi d’Itàlia Circuit nacional de Monza Monza 8 de setembre 15:30 [12] 13:30 15:30
14 Canadà Gran Premi Labatt's 50 du Canada Mosport International Raceway Bowmanville 22 de setembre 15:30 [13] 19:30 21:30 No transmès
15 Estats Units Gran Premi dels Estats Units Watkins Glen Internacional Watkins Glen 6 d’octubre 15:40 [14] [15] 19:40 20:40

Acords i proveïdors

L’equip Hill va continuar utilitzant cotxes construïts per altres, però ja no un Shadow, sinó el Lola T370 , amb el qual el fabricant britànic tornava a la F1, després d’haver construït el xassís per a Honda el 1968 . [16]

Scuderia Ferrari va fer un acord amb Agip per a la creació d’una relació de col·laboració tant en el sector tècnic-industrial com per a competicions; l'empresa italiana va substituir Shell com a proveïdor de combustibles. [17]

Estables i conductors

Estables

Abans del Gran Premi del Brasil, Rikky von Opel , que no havia participat en el primer gran premi de la temporada, va decidir abandonar definitivament l' Ensign , que per tant no participava a la cursa, i va decidir ajornar el seu retorn a la F1 al Temporada europea. [18]

El troià va debutar al campionat mundial de Fórmula 1 el 1974.

Des del Gran Premi de Sud-àfrica , Hesketh va participar, de moment, en una cursa vàlida per al campionat del món, com a fabricant, abandonant així l'ús de cotxes fabricats per altres fabricants. [19] A Espanya, Amon va debutar al campionat mundial amb el model AF101 . Trojan-Tauranac Racing , un equip vinculat al fabricant britànic de cotxes Trojan , també va debutar en una cursa mundial amb el T103 : originalment era un cotxe de Fórmula 5000 , adaptat a la F1, ideat per Ron Tauranac. [20]

Al Gran Premi de Bèlgica va ser el torn per al debut al campionat mundial del Token . El cotxe, el RJ02 , va ser concebut per Ray Jessop, a petició de Ron Dennis , gerent de l’equip de Fórmula 2 de Rondel. Aleshores, Dennis va haver d'abandonar la idea de debutar a la F1, però el cotxe, ara construït, el van comprar Tony Vlassopoulo i Ken Grob, que van decidir continuar el seu compromís amb la fórmula màxima fundant el Token. L'Amon no va participar a la cursa, mentre que la Finotto Scuderia , que tenia un Brabham privat, va participar. [21] Per a la cursa de Montecarlo es va decidir limitar la flota admesa a només 28 cotxes. Lyncar , simbòlic , així com els estables privats Finotto i AAW no es van presentar com això; Williams només va registrar un cotxe, per a Arturo Merzario , mentre que Brabham va limitar la seva presència a només dos cotxes. L’equip japonès Maki , que hauria d’haver debutat al campionat del món, també es va declarar perdut. En canvi, Amon , que s’havia perdut la cursa de Nivelles, va ser vist de nou. [22] [23]

Els Maki , Amon , Trojan , Token i Lyncar no van participar a la competició a Suècia. Fins i tot Scuderia Finotto no va participar a l’esdeveniment. [24]

A partir del Gran Premi d'Holanda, després d'haver estat denegada l'entrada en diverses curses, per tal de no superar el límit de 26 cotxes, el troià va obtenir, de la Federació Internacional, l'ampliació del nombre d'equips admesos en una sola cursa. Així, el nombre de cotxes inscrits al gran premi va augmentar a 27. [25] El troià es va saltar, però, el següent compromís a França. [26]

Al Gran Premi Britànic es va produir el debut, en una cursa vàlida per al campionat del món de Fórmula 1, de dos nous fabricants: un era el Maki , el primer fabricant japonès des d’ Honda , que havia cursat l’últim gran premi el 1968 . El model es deia F101 , concebut per Kenji Mimura i Masao Ono, equipat amb el motor tradicional Ford Cosworth DFV i pneumàtics Firestone ; l’altre era Lyncar , un fabricant britànic, ja registrat però no present al Gran Premi de Bèlgica . El model s’anomenava 006 , ideat per Martin Slater, també funcionava amb el Ford Cosworth DFV, equipat amb una caixa de canvis Hewland i pneumàtics Goodyear .

El Dempster International Racing Team britànic de Fórmula 5000 va entrar al març del 731 , utilitzat l'any anterior per Hesketh . L’equip Harper es va fer càrrec del Token. [27] En la següent cursa, a Alemanya, el fabricant britànic va lliurar el seu cotxe a l'equip Checkered Flag . El Lyncar, el Dempster International Racing Team i l’ AAW Racing Team no es van tornar a trobar . [28] Aquest últim va tornar a Àustria, igual que Scuderia Finotto . Tot i això, el Maki no va participar en la cursa austríaca. [29]

Molts equips van decidir renunciar al viatge nord-americà. El troià, el privat AAW Racing i la Scuderia Finotto no van participar a les carreres, igual que Amon. D’altra banda, dos fabricants nord-americans van fer la seva primera aparició al campionat mundial de Fórmula 1: Penske i Parnelli . El primer tenia una llarga experiència en diversos campionats nord-americans i havia aconseguit la victòria al Indianapolis 500 del 1972. Penske havia patrocinat un McLaren el 1971, en les dues curses nord-americanes, obtenint també un podi amb Mark Donohue. Parnelli també havia aconseguit grans resultats al campionat USAC, amb tres victòries generals per als pilots i dues victòries a Indianapolis, el 1971 i el 1972.

L’equip privat de Checkered Flag (que feia servir un Brabham BT42) va tornar després de perdre la cursa de Monza. Un altre equip privat, Team Canada F1 Racing , va utilitzar el mateix model Brabham. [30] Aquest últim equip es va perdre, però, l'última cursa de la temporada, a Watkins Glen. [31]

Pilots

El campió del món del 1972, el brasiler Emerson Fittipaldi , es va traslladar de Lotus a McLaren , on es va associar amb Denny Hulme . Un tercer McLaren va ser confiat a l'equip semificial, patrocinat per Yardley , amb el pilot Mike Hailwood . Lotus va substituir Fittipaldi per Jacky Ickx , d' Iso-Williams .

Niki Lauda es va traslladar de BRM a la Scuderia Ferrari .

A la Scuderia Ferrari se li van sumar dos pilots compromesos amb la BRM la temporada de 1973: Clay Regazzoni , nascut al Ticino (que havia corregut per l’equip italià entre 1970 i 1972), i l’austríac Niki Lauda . Tyrrell també va haver de substituir els dos pilots titulars del 1973, a causa de la mort de François Cevert i la retirada de Jackie Stewart : Jody Scheckter , de McLaren, i Patrick Depailler , ja treballat en un parell de carreres el 1972, 1973 a F2 .

Carlos Reutemann va ser confirmat a Brabham , on el pilot britànic Richard Robarts , procedent de la F3, va debutar a la F1. L'irlandès nord-americà John Watson , treballat el 1973, va trobar un volant encara amb un Brabham, de l'equip privat John Goldie Racing amb Hexagon . BRM va presentar un trio de pilots francesos: el confirmat Jean-Pierre Beltoise es va unir a Henri Pescarolo , que el 1973 havia cursat 3 carreres amb March i Iso, i François Migault , que el 1972 havia debutat a la F1 amb Connew .

L'equip de Shadow US va modificar el seu duet de pilots: Peter Revson , que provenia de McLaren, i Jean-Pierre Jarier , que havia estat treballat al març de l'any anterior. Aquest últim equip va alinear dos monoplaces oficials: un per al novell alemany, fill d'art, Hans Joachim Stuck , i un per Howden Ganley , que provenia d'Iso-Williams. L'equip Hesketh va continuar emprant una marxa privada, també impulsada per James Hunt .

Surtees va confirmar Carlos Pace i el pilot alemany Jochen Mass , mentre que Arturo Merzario conduïa l'únic Williams que va entrar. Hill , a més del veterà Graham Hill , va debutar amb el britànic Guy Edwards . [16]

A partir d'aquesta temporada, la numeració dels pilots es va fixar al començament del campionat. Es van assignar números a cada equip, que no van canviar de carrera a carrera. El número 1, que no va poder ser assignat a Jackie Stewart , campió sortint, però no va reaparèixer al campionat, no estava reservat per al seu antic equip, el Tyrrell , sinó que va ser atribuït a Team Lotus , que havia guanyat la Constructors Cup de 1973 Ronnie Peterson va presumir del número 1, l'únic cas de la història del món, des de la introducció de números fixos, en què aquest nombre no va ser atribuït, per a la temporada, a un campió del món sortint.

La setmana prèvia al Gran Premi de Sud-àfrica, el circuit de Kyalami . A causa de la suspensió trencada del seu Shadow , el pilot nord-americà Peter Revson va sortir de la pista a la Barbacoa , a una velocitat d’uns 200 km / h. El cotxe es va trencar contra les barreres i es va incendiar; malgrat la intervenció de Graham Hill , Emerson Fittipaldi , Eddie Keizan i Denny Hulme , només es va poder extreure de la cabina al cap de pocs minuts i després de l'arribada d'un vehicle contra incendis. Encara viu de les flames, però en estat greu, va morir poc abans d’arribar a l’hospital. Revson havia competit en 30 curses vàlides per al campionat mundial de F1, en què havia aconseguit dues victòries i una pole position . Revson va ser el primer pilot a morir a la F1 després de la mort de François Cevert en classificar-se per al Gran Premi dels Estats Units de 1973 . Shadow va decidir no participar a la cursa, en senyal de dol. [32] La cursa va veure la presència habitual d'una patrulla d'estables i conductors locals. L’escriptor Lucky Strike Racing va utilitzar un McLaren M23 per a Dave Charlton i un Lotus 72A per al novell John McNicol (aquest últim no participarà a les proves ja que l’equip va preferir centrar-se només en Charlton). [33] L'equip de Gunston va utilitzar, en canvi, dos Lotus72Es per a Paddy Driver (ja present a l'edició de 1963 , encara que no va començar) i Ian Scheckter , en el seu debut al campionat, el germà gran de Jody, pilot de Tyrrell . L'equip de Blignaut , amb el suport de l'ambaixada, també patrocinador de l'estable de Graham Hill , va entrar a Eddie Keizan , amb un Tyrrell 004 . Al seu torn, l'equip de Hill només va utilitzar un cotxe, només per al propietari, deixant així Guy Edwards en peu. D’altra banda, Iso-Williams va entrar en un segon cotxe, conduït pel pilot danès Tom Belsø . Belsø ja havia estat inscrit en un parell de carreres pel mateix equip anglès, el 1973, però sense participar en cap gran premi.

El mes de març va portar al pilot de 36 anys, Vittorio Brambilla, al seu debut en F1. El pilot de Monza havia corregut a F2 i també havia disputat una cursa de MotoGP del 1969 a la classe 500. Brambilla va substituir Howden Ganley . [34]

Del GP d'Espanya, Rikky von Opel va agafar el relleu de Richard Robarts a Brabham . Shadow va substituir el difunt Peter Revson per Brian Redman . Redman ja havia competit per l'equip nord-americà al Gran Premi dels Estats Units de 1973 . A McLaren, Denny Hulme va entrar a la cursa amb el número 56, en lloc del tradicional 6.

Chris Amon va tornar al campionat, al volant del seu propi equip. Trojan va confiar el seu únic monoplaça a Tim Schenken ; l'australià havia corregut per última vegada al campionat del món al Gran Premi del Canadà de 1973 , amb un Iso-Marlboro . L’equip privat de Finotto va registrar un Brabham BT42 per al pilot suís Silvio Moser . El conductor, però, va ser víctima d’un greu accident als 1000 km de Monza , que van córrer uns dies abans del gran premi. Les greus ferides li van impedir participar en l'esdeveniment i van provocar la seva mort el maig de 1974. [20] [35]

El pilot local Jorge de Bagration , que havia comprat un Surtees TS16 , gràcies al suport d’una cadena de grans magatzems, El Corte Inglés, també es trobava entre els inscrits a la cursa. De Bagration era fill de la família reial de Geòrgia , nascuda a Roma, però aviat es va traslladar a Espanya . Va tenir certa experiència tant en curses de resistència com en Fórmula 2.

Tot i això, el president de la Federació Espanyola d’Automòbils ( Real Federación Española de Automovilismo ) va perdre la llista d’inscrits a la cursa, que es va haver de reeditar, però oblidant de mencionar de Bagration. El conductor va perdre el suport del seu patrocinador, que en realitat va negar haver-lo donat mai i, quan va ser reingressat a la llista, ja no tenia el suport econòmic necessari per participar al gran premi. [36] [37]

A la cursa de Nivelles , Brabham va contractar un tercer cotxe, un BT42 , confiat al pilot novell local Teddy Pilette , fill d'art, de l'ex pilot de F1 André Pilette . Tot i això, Pilette havia jugat diverses curses que no eren vàlides com a proves de campionat, sempre al volant dels cotxes de la Fórmula 5000 . Un altre Brabham va ser conduït per Gérard Larrousse , un pilot francès, que va prendre el lloc del ferit Silvio Moser a la Scuderia Finotto . Larrousse, també en el seu debut, ja havia estat inscrit, sense participar en l’esdeveniment, al Gran Premi de França de 1971 , per Surtees.

El tercer novell, dedicat a la classificació, va ser el finlandès Leo Kinnunen . Membre de l’equip privat AAW Racing , conduïa un Surtees TS16 . Kinnunen, que va ser el primer pilot del seu país a intentar l'aventura amb la fórmula més alta, tenia certa experiència en les carreres de resistència. Kinnunen també va ser l'últim pilot a competir a la F1 sense utilitzar un casc integral. Token també va confiar en un novell, el gal·lès Tom Pryce , pilot de F2 de l’equip de Rondel.

Gijs van Lennep va substituir Tom Belsø a Iso-Marlboro . L’holandès ja havia disputat tres curses amb l’equip anglo-italià el 1973. El Ensign , després d'haver-se saltat les tres curses anteriors, va tornar al campionat llançant a Vern Schuppan . L’australià no va començar el Gran Premi de Bèlgica del 1972 al volant d’un BRM . Denny Hulme , després d'utilitzar el número 56 a la cursa del Jarama, va tornar al seu tradicional número 6. [21]

Peter Revson va morir en un accident durant les proves al circuit de Kyalami la setmana anterior al Gran Premi de Sud-àfrica .

Del Gran Premi de Suècia, Brian Redman va tornar a deixar la Fórmula 1: al seu lloc, a Shadow , va entrar el pilot suec novell Bertil Roos , procedent de F2. L' Iso-Marlboro va tornar a portar un segon cotxe, confiat al danès Tom Belsø . AAW Racing també es va revisar, utilitzant un Surtees TS16 per a Leo Kinnunen .

BRM no va reparar el cotxe de François Migault a temps, de manera que no va participar a la cursa. La participació de Jean-Pierre Beltoise també estava en dubte, ja que la policia francesa li havia retirat la llicència per excés de velocitat.

El ferit Hans-Joachim Stuck no va poder participar en l'esdeveniment, tant que va ser substituït a la marxa per un conductor local, Reine Wisell . Wisell havia corregut en diversos grans premis, entre 1970 i 1973, aconseguint també el tercer lloc, en debutar, al Gran Premi dels Estats Units de 1970 , amb Lotus . [24]

A la cursa de Zandvoort , l' Iso-Williams es va unir a Arturo Merzario amb el pilot local Gijs van Lennep , ja ocupat al Gran Premi de Bèlgica , en lloc de Tom Belsø . Surtees va acomiadar Carlos Pace per les crítiques que el pilot brasiler havia plantejat sobre la competitivitat del cotxe: per a aquesta cursa, però, no va ser substituït per cap altre pilot.

Shadow va substituir Bertil Roos pel pilot gal·lès Tom Pryce , que havia debutat al Gran Premi de Bèlgica amb el Token . Al seu costat es va confirmar la presència de Jean-Pierre Jarier , lesionat a les 24 hores de Le Mans la setmana anterior. Ronnie Peterson també va participar a la cursa, lesionat en alguns entrenaments lliures, celebrats a la pista holandesa, la setmana anterior al gran premi. [38]

A la marxa , Hans-Joachim Stuck es va reunir de nou, prenent el relleu de Reine Wisell . [25]

Del Gran Premi de França, Carlos Pace , després de ser acomiadat de Surtees , va trobar un nou compromís al John Goldie Racing amb l'equip Hexagon que utilitzava un Brabham . Vam veure Gérard Larrousse nou , emprat per la Scuderia Finotto, també en un privat Brabham . Per reemplaçar Pace, Surtees promogut de Fórmula 2 el pilot francès José Dolhem , en el seu debut en el campionat d'el món. AAW Racing també va tornar a el campionat, amb l'habitual Leo Kinnunen a l'volant d'una Surtees . Iso-Williams va canviar el segon controlador de nou, fent el seu debut Jean-Pierre Jabouille , un conductor local que va venir de F2, en lloc de Gijs van Lennep . Token també va tractar de tornar a entrar al campionat: l'equip britànic va entrar Jacques Laffite , que no obstant això no prendre part en l'esdeveniment. [26]

Des de la següent cursa, el Gran Premi Britànic , Pace va passar al Brabham oficial, ja que Rikky von Opel havia decidit acabar la seva carrera de carreres. En lloc de Pace, la italiana Lella Lombardi es va inscriure a Hexagon Racing , la primera dona que va competir en la màxima categoria des de Maria Teresa de Filippis , l’última presència de la qual es remunta al Gran Premi de Mònaco de 1959 , en què no s’havia classificat. Lombardi provenia de la Fórmula 5000 i utilitzava el número 208, el més alt que s'ha utilitzat mai en una cursa vàlida per al campionat del món de Fórmula 1. [39] [40]

L' Iso Marlboro va tornar a encarrilar Tom Belsø , que havia faltat al Gran Premi de Suècia , en lloc de Jean-Pierre Jabouille . Surtees va decidir substituir José Dolhem per Derek Bell , que havia disputat el seu darrer gran premi el 1972, el Gran Premi dels Estats Units, amb Tecno. El testimoni de l'equip Harper va ser confiat a David Purley , que havia cursat algunes curses amb la marxa de 1973. L' equip Finotto , que utilitzava un Brabham privat, va inscriure al novell Andy Sutcliffe , que tanmateix ni tan sols va participar en la classificació. La presència de Guy Edwards , pilot de Lola-Hill , estava en dubte: patia dolor al canell a causa d’un accident de pocs dies abans, a la Fórmula 5000.

Curiosament, els dos constructors del debut, Maki i Lyncar , van confiar el seu cotxe a dos pilots de Nova Zelanda: Maki va triar Howden Ganley , que havia cursat les dues primeres curses de la temporada amb un mes de març i que tenia certa experiència a la Fórmula 1, mentre que Lyncar va optar pel novell John Nicholson , que havia corregut dues curses fora de la lliga, de nou amb Lyncar, a principis de temporada, aconseguint el sisè lloc en el trofeu internacional BRDC . Un altre novell va ser el pilot britànic Mike Wilds , registrat pel Dempster International Racing Team , amb qui va competir a F.5000. [27]

A Alemanya, Chris Amon es va retrobar, encara al volant del cotxe que duia el seu nom . El francès Jacques Laffite , inscrit per Token al gran premi anterior, però sense participar, va trobar feina a Iso-Williams , en lloc de Tom Belsø . Després de recuperar-se de l'accident que va patir poc abans del Gran Premi de Gran Bretanya , Guy Edwards va trobar la roda del Lola-Hill .

La Scuderia Finotto , que utilitzava un Brabham , va entrar al pilot local Manfred Mohr , que però no va participar a l’esdeveniment, exactament com li havia passat a Andy Sutcliffe a la cursa anterior. Token va donar el seu cotxe a l'equip de Bandera a quadres , que va portar Ian Ashley com a conductor. Ashley, que tenia experiència en Fórmula Ford i Fórmula 5000, fins i tot en carreres de Fórmula 1 no vàlides per al campionat, debutava al campionat del món. [28]

De la cursa austríaca Jochen Mass va deixar Surtees , juntament amb el patrocinador Bang & Olufsen ; això va posar a l’equip britànic en grans dificultats financeres. Derek Bell va ser confirmat com a pilot, flanquejat pel francès Jean-Pierre Jabouille , que havia estat utilitzat a les proves del Gran Premi de França per Iso-Marlboro , però sense classificar-se. No obstant això, gràcies al suport de Memphis International, va poder registrar un tercer cotxe, per al conductor local Dieter Quester . Quester havia estat inscrit, de nou per Surtees, al Gran Premi d'Alemanya de 1971 , però ni tan sols va participar en les proves.

Fins i tot el Ensign havia perdut el suport del seu principal financer, Teddy Yip , tant que es va veure obligat a deixar de banda a Vern Schuppan i a contractar Mike Wilds , que havia estat treballat per l’equip internacional de carreres de Dempster al Gran Premi de Gran Bretanya . que no obstant això no havia aconseguit la classificació.

La lesió de Mike Hailwood va obligar McLaren a substituir-lo per David Hobbs , que desapareixia de les millors carreres des del Gran Premi dels Estats Units de 1971 ; el cotxe també s'havia ofert a Mass, que no havia estat alliberat pels sotmesos. [41] El BRM va decidir, a causa de les dificultats tècniques experimentades en curses anteriors, portar només un cotxe, per Jean-Pierre Beltoise . Una altra lesió, als turmells de Guy Edwards , va obligar a un altre equip, Embassy Hill , a utilitzar Rolf Stommelen . L’alemany havia desaparegut al campionat des del Gran Premi del Canadà de 1973 .

Clay Regazzoni va lluitar pel títol mundial d' Emerson Fittipaldi fins a l'última cursa.

Iso-Marlboro , on des del començament de la temporada hi havia hagut un veritable remolí de pilots, va confirmar Jacques Laffite juntament amb Arturo Merzario , fins al final del campionat. El Hesketh va utilitzar, per primera vegada, un segon cotxe, confiat a Ian Scheckter , germà de Jody , que havia debutat al Gran Premi de Sud-àfrica , amb un equip local. Era stato anche ipotizzato che il sudafricano potesse, nel 1975, essere impiegato stabilmente dal team britannico. [41]

A Monza la Surtees presentò il pilota francese José Dolhem , che prese il posto del connazionale Jean-Pierre Jabouille . Dolhem aveva tentato, senza fortuna, di qualificarsi nel Gran Premio di Francia , sempre al volante di una Surtees. Non venne confermata la terza Surtees per Dieter Quester . La British Racing Motors portò nuovamente in gara tre vetture, con il rientro di François Migault e di Henri Pescarolo . Rientrò nel campionato anche Chris Amon con la sua scuderia omonima .

La Scuderia Finotto iscrisse due Brabham, per due esordienti: l'italiano Carlo Facetti e il francese Jean-Louis Lafosse , anche se l'ingaggio di quest'ultimo venne in seguito abbandonato. Non si presentò più la Token , e non ebbe seguito l'iscrizione del team privato Chequered Flag , che avrebbe dovuto impiegare Ian Ashley , pilota in uscita proprio della Token. [42]

Dal Canada Chris Amon , dopo la chiusura della sua scuderia, trovò un ingaggio alla BRM , al posto di Henri Pescarolo , che non trovava sufficientemente competitiva la monoposto. La BRM licenziò, inoltre, François Migault , e finì così per schierare due sole monoposto. Ian Ashley venne ripresentato dalla scuderia privata Chequered Flag , dopo aver mancato la gara di Monza. Un altro team privato, Team Canada F1 Racing e iscrisse il pilota locale Eppie Wietzes . Questi aveva corso il Gran Premio del Canada 1967 , al volante di una Lotus .

La Surtees sostituì José Dolhem con il pilota austriaco Helmuth Koinigg , che aveva tentato, senza successo, di qualificarsi nel suo gran premio nazionale con una Brabham della Scuderia Finotto . [30] Nell'ultima gara della stagione, a Watkins Glen la Lotus portò una terza vettura, per Tim Schenken , che in stagione era stato impiegato in diverse occasioni dalla Trojan . Alla Surtees venne confermato Helmuth Koinigg , mentre Derek Bell venne rimpiazzato con José Dolhem , pilota impiegato nei Gran Premi di Francia e Italia. Non si ripresentò più il Team Canada F1 Racing . [31]

Tabella riassuntiva

I seguenti piloti e costruttori presero parte al campionato del mondo di Formula 1 nella stagione 1974.

Team Costruttore Telai Motore Gomme No Piloti
Regno Unito John Player Team Lotus Lotus 72E
76
Ford Cosworth DFV G 1 Svezia Ronnie Peterson
2 Belgio Jacky Ickx
31 Australia Tim Schenken
Regno Unito ELF Tyrrell Racing Team Tyrrell 005
006
007
Ford Cosworth DFV G 3 Sudafrica Jody Scheckter
4 Francia Patrick Depailler
Regno Unito Texaco McLaren McLaren M23 Ford Cosworth DFV G 5 Brasile Emerson Fittipaldi
6 Nuova Zelanda Denny Hulme
56
Regno Unito Yardley Team McLaren McLaren M23 Ford Cosworth DFV G 33 Regno Unito Mike Hailwood
Regno Unito David Hobbs
Germania Jochen Mass
Regno Unito Motor Racing Developments Brabham BT42
BT44
Ford Cosworth DFV G 7 Argentina Carlos Reutemann
8 Regno Unito Richard Robarts
Liechtenstein Rikky von Opel
Brasile Carlos Pace
34 Belgio Teddy Pilette
Regno Unito March Engineering March 741 Ford Cosworth DFV G 9 Germania Hans-Joachim Stuck
Svezia Reine Wisell
10 Nuova Zelanda Howden Ganley
Italia Vittorio Brambilla
Italia Scuderia Ferrari SEFAC SpA Ferrari 312B3 Ferrari Tipo 001/11 G 11 Svizzera Clay Regazzoni
12 Austria Niki Lauda
Regno Unito Team Motul BRM BRM P160E
P201
BRM P142 F 14 Francia Jean-Pierre Beltoise
15 Francia Henri Pescarolo
Nuova Zelanda Chris Amon
37 Francia François Migault
Stati Uniti UOP Shadow Racing Team Shadow DN1
DN3
Ford Cosworth DFV G 16 Stati Uniti Peter Revson
Regno Unito Brian Redman
Svezia Bertil Roos
Regno Unito Tom Pryce
17 Francia Jean-Pierre Jarier
Regno Unito Bang & Olufsen Team Surtees Surtees TS16 Ford Cosworth DFV F 18 Brasile Carlos Pace
Francia José Dolhem
Regno Unito Derek Bell
19 Germania Jochen Mass
Francia Jean-Pierre Jabouille
Francia José Dolhem
Austria Helmuth Koinigg
30 Austria Dieter Quester
Regno Unito Italia Frank Williams Racing Cars Iso-Marlboro FW Ford Cosworth DFV F 20 Italia Arturo Merzario
Regno Unito Richard Robarts
21 Danimarca Tom Belsø
Paesi Bassi Gijs van Lennep
Francia Jean-Pierre Jabouille
Francia Jacques Laffite
Regno Unito Team Ensign Ensign MN174 Ford Cosworth DFV F 22 Liechtenstein Rikky von Opel
Australia Vern Schuppan
Regno Unito Mike Wilds
25 Regno Unito Mike Wilds
Regno Unito Chris Amon Racing Amon AF101 Ford Cosworth DFV F 22 Nuova Zelanda Chris Amon
30 Nuova Zelanda Chris Amon
Australia Larry Perkins
Sudafrica Team Scribante Lucky Strike Racing McLaren M23 Ford Cosworth DFV G 23 Sudafrica Dave Charlton
25 Sudafrica John McNicol
Regno Unito Trojan Tauranac Racing Trojan T103 Ford Cosworth DFV F 23 Australia Tim Schenken
29
41
Finlandia AAW Racing Surtees TS16 Ford Cosworth DFV F 23 Finlandia Leo Kinnunen
43
44
Regno Unito Hesketh Racing March
Hesketh
731
P308
Ford Cosworth DFV F 24 Regno Unito James Hunt
31 Sudafrica Ian Scheckter
Giappone Maki Engineering Maki F101 Ford Cosworth DFV F 25 Nuova Zelanda Howden Ganley
Italia Scuderia Finotto Brabham BT42 Ford Cosworth DFV F
G
25 Svizzera Silvio Moser
Francia Gérard Larrousse
29 Germania Manfred Mohr
32 Austria Helmuth Koinigg
Francia Jean-Louis Lafosse
31 Italia Carlo Facetti
41 Regno Unito Andy Sutcliffe
43 Francia Gérard Larrousse
Regno Unito Embassy Racing with Hill Lola T370 Ford Cosworth DFV F 26 Regno Unito Graham Hill
27 Regno Unito Guy Edwards
Regno Unito Peter Gethin
Germania Rolf Stommelen
Regno Unito John Goldie with Exagon Racing Brabham BT42
BT44
Ford Cosworth DFV F 28 Regno Unito John Watson
34 Brasile Carlos Pace
Sudafrica Team Gunston Lotus 72E Ford Cosworth DFV G 29 Sudafrica Ian Scheckter
30 Sudafrica Paddy Driver
Spagna Escuderia Calvo Sotello Surtees TS16 Ford Cosworth DFV F 29 Spagna Jorge de Bagration
Regno Unito Pinch Plant Ltd. Lyncar 006 Ford Cosworth DFV F 29 Nuova Zelanda John Nicholson
Sudafrica Blignaut Embassy Racing S.Afr. Tyrrell 004 Ford Cosworth DFV F 32 Sudafrica Eddie Keizan
Regno Unito Dempster Intern. Rac. Team March 731 Ford Cosworth DFV F 35 Regno Unito Mike Wilds
Regno Unito The Chequered Flag Brabham BT42 Ford Cosworth DFV G 35 Regno Unito Ian Ashley
42
Regno Unito Token Racing Token RJ02 Ford Cosworth DFV F 32 Regno Unito Ian Ashley
35
42 Regno Unito Tom Pryce
Francia Jacques Laffite
Regno Unito David Purley
Canada Team Canada Formula 1 Brabham BT42 Ford Cosworth DFV G 50 Canada Eppie Wietzes
Stati Uniti Parnelli Jones Racing Parnelli VPJ4 Ford Cosworth DFV F 55 Stati Uniti Mario Andretti
Stati Uniti Penske Cars Penske PC1 Ford Cosworth DFV G 66 Stati Uniti Mark Donohue
Regno Unito Allied Polymer Group Brabham BT42 Ford Cosworth DFV G 208 Italia Lella Lombardi

Circuiti e gare

Per la prima volta il Gran Premio di Francia si effettuò sul Circuito di Digione , localizzato nei pressi di Prenois , sobborgo della città della Borgogna . Circuito corto, poco più lungo di 3 kilometri, dotato di infrastrutture non di ampie dimensioni, presentava un lungo rettilineo, e una zona mista, che riportava al rettilineo di partenza. Era il sesto circuito diverso a ospitare un'edizione del Gran Premio di Francia , valida quale prova del campionato del mondo (dopo Reims , Rouen , Clermont-Ferrand , Le Mans e Le Castellet . [26]

Niki Lauda criticò il tracciato, definendolo "stupido", perché non permetteva di creare grossi distacchi, pur meglio preparando la vettura. [43]

Nella solita alternanza tra circuiti britannici, toccò al Circuito di Brands Hatch ospitare l'edizione del 1974 del Gran Premio di Gran Bretagna . Era la sesta volta che ciò accadeva. Il tracciato aveva già ospitato una gara di Formula 1 nell'anno, non valida quale prova del campionato mondiale, il BRDC International Trophy , vinta da James Hunt su Hesketh . [27] Il titolo onorifico di Gran Premio d'Europa andò al Gran Premio di Germania .

Riassunto della stagione

Gran Premio d'Argentina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Argentina 1974 .
La Brabham fece esordire in Argentina il nuovo modello BT44 .

Alla partenza Ronnie Peterson mantenne il comando, precedendo James Hunt e Carlos Reutemann , autori di un buon avvio. Più dietro Peter Revson urtò la vettura di Mike Hailwood , partendo poi di traverso sul tracciato, provocando il caos alla Esse Del Cervo . Molti piloti dovettero evitare l'impatto con la vettura di Revson, con Clay Regazzoni che andò in testacoda, mentre l'altro pilota della Shadow, Jean-Pierre Jarier , non poté evitare il contatto con Revson. Il francese fu costretto all'abbandono; poco dopo anche Revson fu costretto a ritirarsi. Nel corse del primo giro Hunt attaccò Peterson all' Entrado , ma a causa di un errore, finì in testacoda, e venne passato da tutti gli altri piloti.

Peterson guidava, al termine del primo giro, davanti a Reutmann, Fittpaldi, Hailwood, Ickx, Hulme e Pace. Il comando della gara cambiò al terzo giro, quando Reutemann superò Peterson. Al quarto passaggio Emerson Fittipaldi fu costretto ai box per un problema con una candela e, poco dopo, Hulme passò Jacky Ickx . Il neozelandese, al settimo giro, passò anche Hailwood, mentre Niki Lauda entrò in zona punti, passando Pace.

Al giro 8 Mike Hailwood cedette ancora una posizione, a Ickx. Peterson si trovava in grave difficoltà con gli pneumatici, e venne passato da Hulme, che così scalo secondo. Nei giri successivi lo svedese della Lotus dovette cedere anche a Hailwood, Lauda e Pace. L'austriaco passò subito il pilota della McLaren , ponendosi quarto, alle spalle di Carlos Reutemann , Denny Hulme e Ickx.

Al ventiduesimo giro Pace fu costretto al ritiro, per un guasto al motore; ciò consentì a Regazzoni, che dopo il problema al via era sceso lontano dai primi, di scalare settimo. Al ventisettesimo giro Ickx, vittima di una foratura lenta, venne passato da Lauda. Il belga, poi costretto ai box, ripartì solo tredicesimo. La classifica era sempre comandata dal pilota di casa Reutemann, davanti a Hulme, Lauda, Hailwood, Peterson, Regazzoni e Jean-Pierre Beltoise .

Al trentaduesimo giro Regazzoni, nella parte più lenta del tracciato, prese la quinta piazza a Peterson, sempre penalizzato dagli pneumatici. Dopo tre giri l'elvetico ebbe la meglio anche su Mike Hailwood . Peterson, intanto, dovette cedere altre posizioni, uscendo definitivamente dalla zona dei punti. Per il battistrada, Reutemann, ci fu la rottura della presa d'aria, posta sopra la testa del pilota. La presa restava fissata sul telaio, ma rischiava di cadere sul capo del pilota. Questo inconveniente rendeva meno performante la Brabham , ciò che consentiva a Hulme di ridurre il margine di distacco dal primo.

Negli ultimi giri Reutemann dovette far fronte anche a una mancanza di carburante. Nel pre-gara, infatti, i meccanici avevano dovuto risolvere un problema a un mozzo di ruota, cosa che non aveva permesso loro di completare correttamente l'approvvigionamento del carburante. Al giro 52 Hulme passò l'argentino, che cercava solo di completare la gara.

Nell'ultimo giro Reutemann fu costretto a fermarsi, venendo classificato solo settimo. Hulme ottenne la sua ottava, e ultima, vittoria nel campionato mondiale di F1. Il neozelandese precedette le due Ferrari di Niki Lauda , al primo podio nel mondiale, e Clay Regazzoni . Patrick Depailler , sesto, ottenne il suo primo punto iridato.

Gran Premio del Brasile

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Brasile 1974 .

Il segnale del via venne dato con un certo anticipo, cosa che provocò una certa confusione. Carlos Reutemann prese il comando alla prima curva, seguito da Ronnie Peterson , Emerson Fittipaldi e Clay Regazzoni . Lauda si trovò, dopo una partenza non perfetta, in mezzo al plotone, mentre Arturo Merzario venne penalizzato da un problema al motore.

La gara di Lauda terminò al terzo giro, per un guasto a una valvola del propulsore. Al quarto giro Peterson passò Reutemann che, poco dopo, dovette cedere anche la seconda piazza a Fittipaldi. L'argentino aveva rovinato gli pneumatici alla partenza, e fu così costretto a cedere anche a Regazzoni, al nono giro.

Al decimo giro anche Jacky Ickx passò Reutemann, mentre Revson, prossimo a passare il pilota della Brabham , fu costretto all'abbandono, per il surriscaldamento del motore della sua Shadow . In testa Peterson riusciva a contenere a malapena i tentativi di sorpasso di Fittipaldi; lo svedese era vittima di una foratura lenta, che lo rallentava.

Al sedicesimo giro, approfittando del doppiaggio di Merzario, Fittipaldi passò Peterson, e s'involò al comando della gara. Al ventesimo giro Ronnie Peterson fu costretto infine ai box per sostituire la gomma che si stava afflosciando. Ripartì decimo. La classifica vedeva, alle spalle di Fittipaldi, Clay Regazzoni (a quindici secondi dal battistrada), poi Jacky Ickx , Carlos Pace , Mike Hailwood e Carlos Reutemann .

Peterson proseguiva la sua rimonta. Dopo aver passato Jody Scheckter al giro 23, passò anche Hans-Joachim Stuck , il giro successivo, ponendosi nuovamente ai margini della zona dei punti. Due giri dopo Stuck fu costretto al ritiro, per un problema tecnico. Al giro 29 Peterson sfruttò ancora gli pneumatici in crisi di Reutemann per passare l'argentino, e divenne sesto.

Attorno al trentesimo giro la pista fu colpita da un forte temporale, che rese il tracciato impraticabile. Pur con le scuderie pronte a passare alle gomme da bagnato, la direzione di corsa decise di concludere la gara anzitempo. All'inizio del trentaduesimo giro venne esposta la bandiera rossa, al passaggio di Jacky Ickx sul traguardo. Fittipaldi e Regazzoni, che erano già passati sul traguardo, procedettero ancora lentamente, e al termine del giro da loro già iniziato, si videro esposta la bandiera a scacchi.

Per Emerson Fittipaldi fu la decima vittoria, in una gara valida per il mondiale di F1. Regazzoni e Ickx completarono il podio.

Gran Premio del Sudafrica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Sudafrica 1974 .

Niki Lauda , Carlos Reutemann e Clay Regazzoni si trovarono quasi appaiati alla Crowthorne , prima curva del gran premio, mentre Carlo Pace e Arturo Merzario vennero risucchiati più dietro. Lauda fu capace di mantenere il comando, davanti all'argentino e al compagno di team, che fu costretto anche a mettere due ruote fuori dall'asfalto. Jacky Ickx colpì il suo compagno di scuderia, Ronnie Peterson , che finì in testacoda nella sabbia. Lo svedese sfiorò il contatto con Jochen Mass , che a sua volta aveva toccato Pescarolo.

Lauda conduceva davanti a Reutemann, Regazzoni, Scheckter, Hunt, Fittipaldi, Hailwood e Depailler. Hunt, malgrado delle vibrazioni della sua Hesketh , era capace di rintuzzare gli attacchi di Fittipaldi e Hailwood. Al giro dieci cambiò il leader di gara, con Reutemann che passò Lauda sul rettilineo d'arrivo.

Al quattordicesimo giro James Hunt fu costretto all'abbandono a causa della rottura del cardano della trasmissione. Jody Scheckter era messo sotto pressione da Emerson Fittipaldi , che passò il pilota di casa al giro 21. Il sudafricano, a causa di un errore nella cambiata, dovette cedere ancora una posizione, a Mike Hailwood , nel giro successivo. Nei giri successivi le posizioni nei punti restarono congelate, mentre si accese la lotta per l'ottava piazza, con Merzario passato da Denny Hulme e Jean-Pierre Beltoise .

Al quarantesimo giro Hulme, per degli pneumatici usurati, cedette la posizione, ottava, a Beltoise. Il francese, al giro 44, passò anche Patrick Depailler . La rimonta del pilota della BRM proseguì sorpassando anche Scheckter, anche lui limitato dalle gomme. Al giro 49 Mike Hailwood prese la quarta posizione a Fittipaldi.

Al cinquantacinquesimo passaggio Depailler entrò nella zona punti, superando Scheckter. Il problema della gomme costò poi a Hulme due posizioni, passato da Stuck e Merzario. Al giro 58 Beltoise superò Fittipaldi, per il quinto posto. Il brasiliano, nei giri seguenti, venne messo sotto pressione da Depailler e Scheckter. Fittipaldi dovette cedere a Depailler, al giro 63, mentre, il giro seguente, Beltoise ebbe la meglio su Hailwood. Difficoltà tecniche costarono due posizioni a Scheckter, passato da Stuck e Merzario.

Al giro 65 terminò la gara di Regazzoni, comodo terzo, che, a causa di un problema alla pressione dell'olio del motore, fu costretto a rientrare ai box. Beltoise scalò terzo, alle spalle di Carlos Reutemann e Niki Lauda . Tre giri dopo i problemi tecnici di Fittipaldi permisero a Merzario di scalare settimo.

La gara di Lauda finì al giro 75, per un problema all'iniezione. Carlos Reutemann riportò il primo successo nel mondiale, seguito da Jean-Pierre Beltoise (all'ultimo podio per la BRM) e Mike Hailwood . Completarono la zona dei punti Patrick Depailler , Hans-Joachim Stuck e Arturo Merzario . Quella di Reutemann fu la prima vittoria di un pilota argentino, dal successo di Juan Manuel Fangio nel Gran Premio di Germania 1957 , e la prima per la Brabham dal Gran Premio del Sudafrica 1970 .

Gran Premio di Spagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 1974 .
Il Gran Premio di Spagna vide l'esordio nel mondiale per la vettura costruita da Chris Amon .

Al via Ronnie Peterson pattinò leggermente, ma riuscì a prevalere sulle due Ferrari di Niki Lauda e Clay Regazzoni . Alle spalle dei due piloti ferraristi vi erano Jacky Ickx , Emerson Fittipaldi , Arturo Merzario , Jody Scheckter e Carlos Reutemann . Già al secondo giro Schcketer passò Merzario, mentre Jarier colse il nono posto, passando Hunt. Il britannico, al giro 4, cedette anche a Denny Hulme .

Al nono passaggio Reutemann effettuò un'escursione di pista, scendendo in diciassettesima posizione. Poco dopo la pioggia cessò: Peterson comandava con due secondi di margine su Lauda, seguivano poi Regazzoni, Ickx, Fittipaldi, Scheckter, Merzario e Hulme. All'undicesimo giro Scheckter ebbe la meglio su Fittipaldi, la cui McLaren scontava dei problemi tecnici. Peggio andava per un'altra McLaren, quella di Hulme, che fu costretto a una sosta ai box per controllare l'efficienza della monoposto, danneggiata al via da un contatto con Reutemann. L'argentino, dopo un'altra uscita di pista, fu costretto al ritiro.

Al giro 14 Jean-Pierre Jarier fu costretto ai box da un problema tecnico: la lunga sosta lo fece precipitare in ultima posizione. La pista, nel frattempo, si asciugava. Il primo a fermarsi fu Hans-Joachim Stuck , che era ottavo. Toccò poi a Regazzoni e Fittipaldi, col ticinese che mantenne il vantaggio sul brasiliano, che rientrò, invece, alle spalle di Stuck. Al ventunesimo passaggio si fermò anche il leader della corsa, Ronnie Peterson . La sosta era dovuta non solo all'esigenza di montare gomme da asciutto, ma anche per controllare il motore della sua Lotus. Nello stesso giro si fermarono anche Scheckter e Hunt.

Niki Lauda si trovò al comando, davanti a Ickx, Merzario e Regazzoni, che aveva appena passato Brian Redman . Seguivano Schenken, Depailler e Stuck. Al giro 23 l'austriaco si fermò ai box, per il cambio delle gomme, impiegando 35 secondi. Nello stesso passaggio si fermarono anche Merzario e Depailler. Al ventiquattresimo giro vi fu l'abbandono per Ronnie Peterson , per un problema al motore. L'altro pilota della Lotus, Ickx, ormai al comando, attese il giro 25, ma la lunghezza della sosta gli fece perdere diverse posizioni. Si ritrovarono al comando le due Ferrari di Lauda e Regazzoni, seguite da Tim Schenken , che cambiò le gomme al giro 26, lasciando la terza posizione a Stuck. Seguivano poi Merzario, Fittipaldi e Mass. Scheckter era settimo, precedendo Pace. Ickx abbandonò la gara al giro 28, mentre Mass, per un guasto al cambio, dovette rinunciare a proseguire, al trentaseiesimo passaggio.

Al trentottesimo giro Merzario uscì di pista nella zona Pegaso : la sua Iso atterrò oltre le barriere, ferendo quattro fotografi. Il pilota uscì invece indenne dall'abitacolo. Lauda comandava con circa 25 secondi di margine su Regazzoni, seguivano poi Stuck, Fittipaldi, Scheckter e Hunt. Fittipaldi, dopo il miglior giro in gara, passò Stuck, entrando sul podio virtuale, al giro sessanta.

Le Ferrari controllavano la gara agevolmente, tanto da doppiare tutti gli altri concorrenti. Al sessantottesimo giro Hulme entrò in zona punti, passando James Hunt . Il britannico dovette poi cedere diverse posizioni, nella parte finale della gara. Il gran premio venne interrotto al raggiungimento delle due ore di gara, che non consentì di effettuare tutti i novanta giri previsti. Niki Lauda ottenne la sua prima vittoria nel mondiale di F1 (ful cinquantaduesimo pilota a riuscirci), davanti a Clay Regazzoni ed Emerson Fittipaldi . Per la Scuderia Ferrari si trattò del cinquantesimo successo in una gara valida per il mondiale. La scuderia non trionfava dal Gran Premio di Germania 1972 .

Gran Premio del Belgio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 1974 .

Clay Regazzoni , Jody Scheckter e Emerson Fittipaldi furono protagonisti di un buona avvio. Alla prima curva Regazzoni e Scheckter arrivarono appaiati alla prima curva, con il ticinese che mantenne il comando della gara. Scheckter venne insidiato, con successo, sia da Emerson Fittipaldi che da Niki Lauda . Il brasiliano ebbe la meglio sul pilota della Tyrrell, che si difese dall'austriaco. Nel corso del primo giro Lauda venne passato anche da Ronnie Peterson . Seguivano poi James Hunt , Carlos Pace , Jean-Pierre Beltoise e Patrick Depailler .

Lauda, già al terzo giro, riprese la posizione a Peterson, mentre all'ottavo passò anche Scheckter, per il terzo posto. La gara rimase congelata, almeno nelle prime posizioni, per diversi giri, mentre era più intesa la lotta per le posizioni di rincalzo. Al dodicesimo giro Henri Pescarolo fu colpito da Guy Edwards , e fu costretto a una sosta per riparare la sua monoposto, senza però poter rientrare in gara. Carlos Reutemann , molto staccato, si fermò per dei problemi di vibrazione, e dopo un paio di giri, riprese il gran premio. Due giri di fermò anche Pace, per sostituire uno pneumatico danneggiato da una foratura.

Al giro 30, Lauda, ostacolato da un doppiaggio, dovette cedere la terza piazza nuovamente a Jody Scheckter . Il pilota della Ferrari ripasso quello della Tyrrell al giro 38. Nello stesso giro Peterson, che era alle spalle proprio della coppia Scheckter-Lauda, dovette rientrare ai box per problemi di vibrazione della sua Lotus . Al trentanovesimo giro Clay Regazzoni , primo, effettuò un'escursione di pista nel corso di un doppiaggio di Gérard Larrousse . Pur in grado di riprendere la pista, l'elvetico venne passato sia da Fittipaldi che da Lauda. Al termine della gara Regazzoni si lamentò per il comportamento di Larrousse.

Al quarantaseiesimo giro James Hunt subì la rottura di una sospensione posteriore: la sua Hesketh perse la ruota, partì in testacoda e l'inglese dovette abbandonare. Nello stesso passaggio Mike Hailwood passò Patrick Depailler , e si trovò quinto. Hailwood, il giro seguente, commise un errore di guida, cedendo nuovamente a Depailler.

Fittipaldi comandava il gran premio, con un secondo di vantaggio su Lauda. Seguivano poi Clay Regazzoni , Jody Scheckter , Patrick Depailler , Jean-Pierre Beltoise e Denny Hulme . La gara di Depailler terminò al cinquantaquattresimo giro. Gli pneumatici risultavano molto deteriorati e vi era un problema all'impianto frenante. Al giro 60 vi fu anche il ritiro definitivo per Peterson, ormai lontano dalla zona dei punti. Cinque giri anche Reutemann abbandonò la gara.

Al giro 66 Mike Hailwood passò Hulme, posizionandosi sesto. Il neozelandese, poco dopo, cedette anche a Jarier. Al sessantanovesimo giro Hailwood ebbe la meglio anche su Beltoise, passato poco dopo, anche lui da Jean-Pierre Jarier .

Scheckter, in attacco su Regazzoni, colpì la vettura di Tom Pryce , mandandola in testacoda. Il sudafricano poté continuare, mentre il gallese fu costretto al ritiro. Al settantanovesimo giro Jarier, che era senza benzina a causa di un problema al sistema di alimentazione, fu costretto ad effettuare un rabbocco di carburante, cosa che lo allontanò dalla zona dei punti. Al giro 81 esplose, sul rettilineo d'arrivo, il motore di Brian Redman .

Anche Mike Hailwood si ritrovò, nei giri finali, a corto di carburante e, dovendo rallentare il ritmo, si fece passare da Beltoise e Hulme. Nell'ultimo giro Lauda attaccò Fittipaldi, proprio sul traguardo, ma senza successo. La vettura di Lauda aveva perso i pesi di bilanciamento delle ruote anteriori, cosa che provocava forti vibrazioni.

Regazzoni si trovò senza benzina, concluse la gara, ma alle spalle di Scheckter. Completarono la zone dei punti Jean-Pierre Beltoise e Denny Hulme . Per Emerson Fittipaldi fu l'undicesima vittoria iridata, mentre Jody Scheckter colse il suo primo arrivo a podio. Fu la settantesima vittoria per una vettura motorizzata dalla Ford Cosworth .

Gran Premio di Monaco

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 1974 .

Alla partenza Clay Regazzoni bruciò Niki Lauda ponendosi in testa alla prima curva; subito dietro si posizionò al terzo posto Jean-Pierre Jarier . Sulla salita del Beau Rivage Jean-Pierre Beltoise tentò il sorpasso su Denny Hulme , ma le due vetture andarono in collisione. Il neozelandese finì conto le barriere, mentre molte vetture, alle sue spalle, per evitare la sua vettura, si tamponarono. Merzario, Pace, Redman, Brambilla, Schuppan e Schenken finirono nel caos, e solo Hulme e Merzario poterono proseguire con le vetture ancora funzionanti, mentre Schuppan poté proseguire solo dopo aver cambiato uno pneumatico.

In testa, alle spalle del duo della Ferrari e di Jarier, si trovavano Ronnie Peterson , Carlos Reutemann , Jody Scheckter e James Hunt . Al terzo giro Peterson prese la terza posizione a Jarier, mentre Mike Hailwood passò Hunt. Al quarto giro Hunt venne attaccato anche da Hans-Joachim Stuck : anche in questo caso ci fu un contatto tra le monoposto, al Mirabeau , con Stuck che finì contro le barriere e fu costretto al ritiro.

Al quinto giro François Migault terminò contro le barriere alla chicane fuori dal Tunnel: il pilota risultò illeso. Un giro dopo Pterson terminò in testacoda alla Rascasse : la sua Lotus venne tamponata dal sopraggiungente Reutemann. Lo svedese poté continuare, scalando al sesto posto, a differenza dell'argentino che ruppe una sospensione.

Al dodicesimo giro terminò la gara anche per Hailwood. Il pilota della McLaren perse il controllo della vettura su una macchia d'olio nella salità verso il Casino e finì contro le barriere. Ronnie Peterson recuperò la quarta piazza al giro 19, quando sorpassò Scheckter. Due giri dopo Regazzoni compì lo stesso errore di Peterson, alla Rascasse . L'elvetico venne passato da Lauda, Jarier, Peterson e Scheckter.

Jarier cedette la sua posizione a Peterson, al giro 25. Il francese commise un errore di guida al Loews , consentendo allo svedese di innalzarsi al secondo posto. Jarier cedette ancora una posizione, due giri dopo, a favore di Scheckter. Al giro 28 terminò il gran premio anche per Hunt, che era sesto, per un guasto alla trasmissione della sua Hesketh .

Al trentatreesimo giro cambiò il leader della gara. Lauda rallentò nella discesa verso il Mirabeau , dando via libera a Peterson. Poco dopo l'austriaco fu costretto all'abbandono, per un problema all'accensione. Peterson portò il suo vantaggio su Scheckter a una quindicina di secondi. Il sudafricano, a sua volta, precedeva di dieci secondi Jarier. Al giro 54 Patrick Depailler , che stava recuperando, fu costretto a fermarsi ai box per far fissare meglio una gomma. Ripartì ultimo, staccato di 3 giri dal primo.

La classifica non mutò più e Peterson conquistò la sua quinta vittoria nel mondiale. Jody Scheckter chiuse al secondo posto, e Jean-Pierre Jarier ottenne il primo podio nel mondiale. Emerson Fittipaldi , quinto, si trovò in testa alla classifica mondiale, con 2 punti di vantaggio su Clay Regazzoni .

Gran Premio di Svezia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Svezia 1974 .

Gli organizzatori, per garantire il numero di 25 vetture in pista, fecero schierare sulla griglia anche l'altro non qualificato, Vern Schuppan , nel caso un altro dei piloti non fosse in grado di prendere parte alla gara. Ciò non si verificò ma, in assenza di comunicazioni, l'australiano rimase in griglia e prese parte al gran premio.

Patrick Depailler , poleman della gara, partì peggio del suo compagno di scuderia Jody Scheckter , che si pose così al comando. Il pilota di casa Ronnie Peterson ebbe una bella partenza, in cui sfilò le due Ferrari , e passò pure Depailler alla prima curva. Nei primi giri si ritirarono le due BRM , Bertil Roos , e anche Mike Hailwood . Il britannico, al quinto giro, si fermò a bordo pista per un problema al filtro della benzina, che tentò anche di riparare da sé, ma senza successo.

Al nono giro terminò la gara per Peterson, per la rottura dell'albero della trasmissione. La gara era così comandata dal duo della Tyrrell , seguito dalle due Ferrari, poi Carlos Reutemann , James Hunt e Jean-Pierre Jarier .

Al quindicesimo giro Jacky Ickx , penalizzato da un problema all'impianto elettrico, venne passato da Emerson Fittipaldi e Denny Hulme , scalando così in decima posizione. Due giri dopo Hunt prese la quinta piazza a Reutemann. Poco dopo Ickx si fermò ai box per la sostituzione della batteria e della scatola dei transistor: ripartì ultimo.

Clay Regazzoni fu costretto all'abbandono al giro 23, per la rottura del cambio. Al ventiseiesimo passaggio esplode l'estintore sulla vettura di Jarier, che fu in grado di proseguire una volta che si svuotò l'estintore, dovendo però rallentare e cedere la posizione alla due McLaren ea Vittorio Brambilla . Al giro 29 una perdita d'olio costrinse anche Reutemann a guadagnare la via dei box. La gara vedeva ancora al comando Jody Scheckter , davanti a Patrick Depailler , Niki Lauda , James Hunt , Emerson Fittipaldi , Denny Hulme e Brambilla.

Lauda era limitato dal degrado degli pneumatici, che consentì a Hunt di avvicinarsi. Al giro 55 ci fu il ritiro di Jochen Mass , seguito, dopo un giro, da quello di Hulme, per la rottura di una sospensione. Quattro giri dopo, per lo stesso problema, terminò la gara anche Reine Wisell , che era ottavo. Al sessantaseiesimo giro Hunt passò Lauda, per il terzo posto.

La gara dell'austriaco della Ferrari proseguì per soli due giri, quando un guasto al cambio lo costrinse al ritiro. Negli ultimi giri Hunt si avvicinò al duo di testa, che però non venne mai minacciato. Nell'ultimo giro ci fu l'ultimo colpo di scena, con Brambilla che, a causa della mancanza di benzina, fu costretto a fermarsi, perdendo la possibilità di giungere nella zona dei punti.

Jody Scheckter si aggiudicò la sua prima vittoria nel mondiale, la prima di un pilota sudafricano. Patrick Depailler , secondo, colse il suo primo podio, mentre James Hunt , terzo, fece ottenere alla Hesketh il primo arrivo nei primi tre, da quando la scuderia costruiva il proprio telaio. Graham Hill giunse sesto, cogliendo l'ultimo punto in carriera.

Gran Premio d'Olanda

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Olanda 1974 .

Il polesitter Niki Lauda fu autore di un'ottima partenza, che gli consentì di rimanere al comando. Mancò, invece, una marcia, Clay Regazzoni , che venne passato da Mike Hailwood e Patrick Depailler , ma riuscì a resistere all'attacco di Emerson Fittipaldi . Più dietro James Hunt colpì la vettura di Tom Pryce , mandandolo fuori pista.

Emerson Fittipaldi davanti a Mike Hailwood , nel corso del Gran Premio d'Olanda.

Nel secondo giro Regazzoni passò Depailler, mentre Ronnie Peterson prese la posizione, l'ottava, a Jean-Pierre Jarier . Il giro successivo Regazzoni riuscì ad avere la meglio anche su Hailwood, con un sorpasso all'interno della prima curva. Nello stesso giro Fittipaldi scalò quinto, dopo aver passato Jody Scheckter .

Al settimo giro uscì dalle parti alte della classifica Jarier, costretto a una sosta ai box, per una riparazione all'acceleratore. Lauda conduceva la gara con tre secondi di margine sul compagno di scuderia Regazzoni; più dietro era in crisi Hailwood, che venne passato prima da Patrick Depailler poi da Emerson Fittipaldi . Al giro 18 Peterson passò Carlos Reutemann , scalando settimo.

Al giro 24 Vern Schuppan , a causa di un problema a una gomma, si fermò nei pressi dell'entrata dei box: i tecnici dell' Ensign uscirono dal loro box per effettuare la riparazione nel punto ove si era fermata la monoposto. L'operazione però non era consentita dal regolamento e costò al pilota australiano la squalifica.

Denny Hulme sorpassò Carlos Reutemann per l'ottavo posto; l'argentino venne, poco dopo, superato anche da John Watson . Al giro 36 Ronnie Peterson dovette fermarsi ai box col timore che le gomme posteriori stessero per staccarsi dalla monoposto: lo svedese rientrò in pista lontano dalla zona dei punti.

Al trentottesimo passaggio Fittipaldi prese la terza piazza a Depailler. Il brasiliano era comunque staccato di oltre venti secondi dal leader della gara, che restava Lauda. Al giro 41 Jacky Ickx fu costretto ai box per un problema simile a quello del compagno di team, Peterson, ovvero uno pneumatico era prossimo a uscire dal suo mozzo.

Depailler si trovò in crisi con le gomme, e fu costretto a cedere la quarta posizione a Mike Hailwood , e poi la quinta a Jody Scheckter . Al giro 57 Reutemann, vittima di una foratura, si fermò ai box, rientrando in gara dodicesimo. Hulme chiuse la gara al giro, 66 quando, per un problema all'accensione, fu costretto all'abbandono.

La gara terminò senza altri sussulti, con Niki Lauda che vinse la sua seconda gara nel mondiale di F1. Per la Scuderia Ferrari fu la ventinovesima doppietta, grazie al secondo posto di Clay Regazzoni , la seconda in stagione dopo quella al Gran Premio di Spagna . Fittipaldi completò il podio.

Gran Premio di Francia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 1974 .

Partirono bene i due piloti della prima fila: Niki Lauda si confermò al comando, davanti a Ronnie Peterson . Tom Pryce venne invece sorpreso dalla partenza, in quanto stava controllando le sospensioni, paventando un surriscaldamento. Il gallese riuscì però a passare Carlos Reutemann . L'argentino però colpì la Shadow di Pryce che, a sua volta, finì contro la Hesketh di James Hunt . Quest'ultimo si trovò di traverso in mezzo alla pista, ma venne evitato da tutti gli altri piloti.

Alle spalle di Lauda e Peterson si posizionarono Clay Regazzoni e Mike Hailwood , seguiti da Jody Scheckter e da Jacky Ickx . Partì male Emerson Fittipaldi , che si trovò, al termine del primo giro, solo ottavo. Il brasiliano recuperò la settima posizione, passando Patrick Depailler al secondo giro, e la sesta, passando Ickx al quinto giro.

Tra il sesto e il settimo giro Hailwood cedette la posizione prima a Scheckter poi allo stesso Fittipaldi. Il pilota della McLaren proseguì la sua rimonta, sorpassando, al giro 15, Scheckter. Due giri dopo cambiò il leader della gara: Ronnie Peterson attaccò Lauda alla curva Pouas , prima di passarlo all'interno della curva La Fouine .

Al venticinquesimo giro Jacky Ickx passò Hailwood, per il sesto posto. Il britannico si trovava in crisi, e venne presto avvicinato da Depailler e Hulme. La gara di Fittipaldi s'interruppe al giro 28: una perdita d'olio lo costrinse a parcheggiare la sua monoposto alla Villeroy . Era il suo primo ritiro stagionale. Nei due giri successivi il compagno di team del brasiliano, Denny Hulme , scalò due posizioni, passando Depailler e Hailwood, entrando nella zona dei punti.

Ronnie Peterson conduceva con un comodo margine su Lauda, circa 5 secondi, mentre ancora più staccato risultava Regazzoni, a oltre 20 secondi. Il margine dello svedese si ampliò verso i tre quarti di gara, quando Niki Lauda fu costretto a rallentare il ritmo, per un problema all'impianto dei freni. L'altro ferrarista, Regazzoni, era messo sotto pressione da Jody Scheckter , che tentò un sorpasso alla Fouine , senza successo. Lauda, oltre al problema ai freni, scontava anche forti vibrazioni, ed era timoroso di poter concludere la gara.

Ronnie Peterson vinse il gran premio, la sua sesta vittoria nel mondiale di Formula 1. Le due Ferrari di Lauda e Regazzoni completarono il podio. Jody Scheckter , quarto, si consolò col primo giro veloce in una gara valida del mondiale.

Gran Premio di Gran Bretagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 1974 .

Alla prima curva Niki Lauda mantenne il comando della gara, seguito da Jody Scheckter e da Clay Regazzoni , che avevano sorpreso Ronnie Peterson , partito dalla prima fila. Alle spalle dello svedese c'erano Carlos Reutemann , Emerson Fittipaldi , Tom Pryce e Hans-Joachim Stuck . Nel corso del primo giro si ritirò Peter Gethin : costretto a partite col muletto della Lola-Hill , da lui mai utilizzato, e sistemato per Graham Hill , non riusciva a raggiungere bene i pedali.

Jacky Ickx , su Lotus , colse il terzo posto nella gara di Brands Hatch.

Nel secondo giro Jacky Ickx prese la posizione a Stuck. Un giro dopo, a causa della rottura della sospensione posteriore, James Hunt partì in testacoda, e fu costretto al ritiro.

Dopo 10 giri Lauda conduceva la gara con una certa tranquillità su Scheckter, a circa 5 secondi, che staccava, a sua volta, ancora di 5 secondi Regazzoni, pressato da Peterson. L'austriaco ampliò in maniera costante il suo vantaggio su Scheckter, portandolo a 10 secondi, nel corso del quindicesimo giro.

Le postazioni al comando rimasero congelate per molti giri, fino a quando, al trentaseiesimo passaggio Carlos Reutemann andò in testacoda, alla Surtees . L'errore di guida gli costò cinque posizioni in classifica. Un giro un altro incidente coinvolse Hans-Joachim Stuck , che finì contro il guardrail alla Stirling , prima di ricarambolare sul tracciato. Il pilota della March uscì presto dalla vettura, mentre i commissari di pista esposero le bandiere gialle.

Una foratura alla gomma posteriore sinistra costrinse Ronnie Peterson ai box, facendolo uscire così dalle parti alte della graduatoria. Poco dopo lo stesso problema toccò anche all'altro duellante per il terzo posto, Clay Regazzoni . Probabilmente entrambi i piloti subirono la foratura passando sui detriti lasciati dalla vettura di Stuck. Il ticinese rientrò in gara settimo. Nel frattempo minacciava di staccarsi l'alettone posteriore della BRM di François Migault , che fu costretto a rientrare ai box per la necessaria riparazione.

Dopo questi avvenimenti, alle spalle di Lauda e Scheckter, si trovava Emerson Fittipaldi , anche se staccato di trenta secondi. Al quarto posto c'era Tom Pryce , poi seguivano Jacky Ickx e Mike Hailwood . Nel corso del quarantasettesimo passaggio il pilota gallese fu passato da entrambi. Al giro 58 terminò il gran premio per Mike Hailwood , che effettuò un testacoda e non fu capace di far ripartire la sua McLaren . Quattro giri dopo Clay Regazzoni passò Pryce che, dopo altri quattro giri, cedette la posizione anche a Reutemann.

Attorno al sessantanovesimo giro Niki Lauda si accorse di una foratura lenta al pneumatico posteriore destro. L'austriaco decise di non passare ai box, ma ciò permise a Scheckter di avvicinarsi. Il sudafricano attaccò Lauda al giro 70, passandolo alla curva Clark . Diveniva sempre più difficile per Lauda gestire la sua vettura: al giro 72 venne passato anche da Fittipaldi.

Il box della Scuderia Ferrari chiese all'austriaco di passare ai box, ma il pilota rifiutò l'invito e decise di proseguire. John Watson , doppiato, penalizzò Pryce, che così venne passato da Denny Hulme . Solo al penultimo giro Lauda decise di entrare ai box, dopo che lo pneumatico era completamente distrutto. Ciò permise a Ickx di passare al terzo posto.

Jody Scheckter vinse il suo secondo gran premio valido per il mondiale di F1, davanti a Emerson Fittipaldi . Jacky Ickx chiuse sul gradino più basso del podio, davanti a Clay Regazzoni e Carlos Reutemann . Lauda, però, lamentò di non aver potuto uscire dai box, per la folla che aveva iniziato a invadere la pista, tanto da venir fermato da un commissario con bandiera rossa. A seguito di una ricorso all'austriaco venne abbuonato un giro, e si trovò classificato quinto.

Gran Premio di Germania

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 1974 .

Niki Lauda fu autore di una cattiva partenza, tanto da venir sorpreso sia da Clay Regazzoni che da Jody Scheckter . Al quarto posto si pose Carlos Reutemann che precedeva Jochen Mass , Ronnie Peterson e Patrick Depailler . Perse la marcia al via Emerson Fittipaldi , che sollevò il braccio per indicare a tutti gli altri piloti i suoi problemi, ma venne colpito dal suo compagno di scuderia Denny Hulme : il neozelandese non poté proseguire, come invece fu in grado Fittipaldi.

Già alla Nordkehre , la curva che immetteva nella Nordschleife , Lauda tentò di passare Scheckter. Il suo tentativo però risultò troppo precipitoso: la Ferrari colpì la Tyrrell , s'impennò, usci di pista e terminò contro le protezioni, costringendo Lauda al ritiro. Sulla vettura si era scatenato anche un piccolo incendio, presto domato dai commissari. Il pilota austriaco era comunque uscito autonomamente dalla monoposto. Al termine del primo giro Fittipaldi fu costretto a fermarsi ai box, per cambiare uno pneumatico.

La McLaren , poco dopo, decise di rinviare in pista Hulme, utilizzando però il muletto. Ciò costerà la bandiera nera per il neozelandese. Al terzo giro Regazzoni contava una decina di secondi di vantaggio su Scheckter, dodici su Reutemann, mentre erano molto più staccati gli altri piloti, con Mass a venti secondi dal podio, seguito da Depailler, Ickx e Hailwood. Nello stesso giro dovette fermarsi, definitivamente, Emerson Fittipaldi .

Nel corso del giro 6 un temporale colpì la zona del Pflanzgarten : Regazzoni proseguì mantenendo il ritmo, mentre rallentarono, per sicurezza, sia Jody Scheckter che Carlos Reutemann . Ciò permise all'elvetico di ampliare il suo vantaggio a oltre 30 secondi. Mass perse due posizioni, a favore delle due Lotus di Ronnie Peterson e Jacky Ickx . Patrick Depailler , nel tentativo di passare Peterson, finì contro le barriere al ponte di Adenau, e fu costretto a passare ai box e ritirarsi.

Nel giro successivo Peterson fu passato da Ickx, Mass e Mike Hailwood . Regazzoni portò, nel decimo giro, a 50 secondi il margine su Jody Scheckter ; Reutemann era staccato di un minuto, e precedeva Ickx, Mass, Hailwood e Peterson. Il giro successivo un problema al motore costrinse Mass al forfait.

Nel tredicesimo giro, sulla discesa di Pflanzgarten , la McLaren di Mike Hailwood piegò verso destra, colpì il guardrail , e si danneggiò pesantemente: Hailwood rimase intrappolato diversi minuti nella vettura, e scontò gravi fratture alla gambe che, di fatto, segnarono la fine della sua carriera automobilistica.

Nell'ultimo passaggio Peterson riprese la posizione al compagno di team Ickx. Clay Regazzoni conquistò la sua seconda vittoria del mondiale di Formula 1, dopo quella al Gran Premio d'Italia 1970 . Erano passati 3 anni, 10 mesi e 29 giorni, pari a 51 gran premi iridati, una delle serie più ampie tra due vittorie per un pilota.

Gran Premio d'Austria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Austria 1974 .

Alla partenza, con temperatura dell'aria di 34 °C e dell'asfalto di 65 °C, Carlos Reutemann prese il via meglio di Niki Lauda , passandolo già alla prima curva. Carlos Pace era terzo, davanti a Clay Regazzoni , autore, a sua volta, di un ottimo avvio. Seguivano poi James Hunt , Jody Scheckter ed Emerson Fittipaldi . La partenza di Peterson venne ritardata per delle ultime sistemazione effettuate in griglia da un tecnico della Lotus. Al secondo giro Regazzoni passò Pace, per il secondo posto, mentre Ronnie Peterson prese la nona posizione ad Arturo Merzario .

Al giro 8 Pace perse un'altra posizione, questa volta a favore di Scheckter, ma già dopo un giro il sudafricano fu costretto all'abbandono, per un problema al motore. Nei giri successivi Hunt, che era quinto, cedette due posizioni, a Fittipaldi e Peterson. Fittipaldi, al dodicesimo giro, superò anche il connazionale Pace, per il quarto posto.

Al giro 13 Regazzoni passò il suo compagno di team, Lauda, che si trovava con un motore non in perfette condizioni. Nello stesso giro Pace cedette ancora un posto, questa volta a favore di Ronnie Peterson , mentre James Hunt fu costretto ai box per il cambio degli pneumatici.

Al quindicesimo giro Lauda, sempre più in crisi col propulsore, dovette abbassare il ritmo di gara, tanto da venir superato da diversi piloti. La gara, per il pilota austriaco, terminò dopo due giri, a causa del malfunzionamento di una valvola. Carlos Reutemann conduceva il gran premio con due secondi di vantaggio su Clay Regazzoni , messo sotto pressione da Emerson Fittipaldi e Ronnie Peterson .

La classifica rimase congelata, almeno per le primissime posizioni, fino al trentaduesimo passaggio, quando Pace fu capace di recuperare la quarta posizione a Peterson. Al giro 38 terminò la gara per Fittipaldi, bloccato da un gusto al motore. Ancora due giri, e Carlos Pace passò anche Regazzoni, portandosi al secondo posto. La gara era così condotta da due Brabham .

Al quarantaduesimo giro dovette ritirarsi anche Pace, per una perdita di carburante; poco dopo Regazzoni dovette cedere anche a Ronnie Peterson , che così si trovò secondo, alle spalle di Reutemann. A seguito dei diversi ritiri, la classifica era stata rivoluzionata, tanto che alle spalle del ferrarista si trovavano ora Patrick Depailler , Jacky Ickx , Denny Hulme e James Hunt .

I colpi di scena non finirono: al quarantatreesimo Depailler andò in testacoda, Ickx, che lo seguiva, non poté evitare che le due vetture andarono a collisione, finendo entrambe nella sabbia della curva Texaco . Depailler non poté riprendere la gara, mentre Ickx, rientrato in pista, non poté fare altro che andare ai box per abbandonare. Due giri dopo Clay Regazzoni , che aveva subito una foratura, fu costretto al passaggio al box. Qui ci fu una piccola incomprensione tra il pilota ei meccanici che gli cambiarono la ruota, che fece perdere a Regazzoni quasi un minuto. L'elvetico rientrò in gara settimo.

Ronnie Peterson , secondo, fu costretto al ritiro al giro 46, dopo la rottura della trasmissione, all'altezza della Texaco . Scalò così secondo Denny Hulme , staccato però di oltre quaranta secondi dal capoclassifica Reutemann. Terzo era Hunt, a un minuto, che precedeva Vittorio Brambilla , John Watson e Clay Regazzoni .

Nei giri finali Brambilla fu passato da Watson e Regazzoni, rimando comunque all'interno della zona dei punti. Carlos Reutemann vinse, per la seconda volta nel mondiale di Formula 1, precedendo Denny Hulme , al suo ultimo podio mondiale. Terzo chiuse James Hunt , al quarto podio iridato, mentre Vittorio Brambilla , sesto, iscrisse il suo primo punto.

Gran Premio d'Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 1974 .
Arturo Merzario colse il quarto posto nel Gran Premio d'Italia, suo ultimo arrivo a punti in una gara iridata.

Dopo le prove libere del mattino la Goodyear decise di ritirare tutte le gomme provate nelle qualifiche del sabato e nelle prove della domenica, a causa dei problemi tecnici lamentati da Emerson Fittipaldi e Carlos Reutemann alla domenica, dopo i guai accorsi a Clay Regazzoni al sabato. Gli pneumatici, a causa del surriscaldamento, si scollavano dal battistrada, questo poi si sfogliava, infine spezzandosi. La casa statunitense propose di utilizzare gomme già rodate, utilizzate nel Gran Premio d'Austria , impegnandosi a fornire due treni di gomme per ogni vettura. Le scuderie rifornite dalla Goodyear (tra cui Scuderia Ferrari , McLaren e Tyrrell ) chiesero un quarto d'ora di prove supplementari per provare le nuove gomme. Questa proposta venne respinta da alcuni team riforniti dalla Firestone , come la Iso-Williams . Intervenne il campione del mondo Jackie Stewart , che propose che alle scuderie servite dalla Goodyear venissero concessi un giro di lancio, due per scaldare le gomme, e uno veloce, per testarne l'efficienza. Si raggiunse un compromesso che prevedeva due giri di formazione, anziché uno solo, prima della partenza.

Niki Lauda prese un buon avvio, forse anticipando la partenza, e si confermò al comando della gara. Alle sue spalle si pose Carlos Reutemann , che precedeva altre due Brabham , quelle di Carlos Pace e John Watson ; seguivano poi Clay Regazzoni , Ronnie Peterson ed Emerson Fittipaldi .

Tra il secondo e il terzo giro Regazzoni passò sia Watson che Pace, installandosi al terzo posto. Watson, alla guida di una Brabham privata, cedette la posizione, in seguito, anche a Peterson e Fittipaldi. La rimonta del ticinese della Scuderia Ferrari proseguì quando, al quinto giro, Regazzoni passò anche Reutemann, posizionando così due vetture di Maranello nei primi due posti. Nel frattempo Watson veniva superato anche da Vittorio Brambilla .

Tra il settimo e il nono giro, Pace venne passato da ben tre vetture: Peterson, Fittipaldi e Brambilla. Al decimo passaggio John Watson commise un errore alla chicane , uscì di pista, e poté proseguire, anche se l'errore lo fece sprofondare lontano dalla zona dei punti. Due giri dopo terminò la gara di Reutemann, per un problema al cambio.

Niki Lauda , al giro 15, conduceva, con un secondo di vantaggio, sul compagno di scuderia Clay Regazzoni . Al terzo posto c'era Ronnie Peterson , staccato di dieci secondi, che precedeva Emerson Fittipaldi , Vittorio Brambilla e Jody Scheckter . Il monzese, dopo un errore alla chicane , al giro 17, fu costretto all'abbandono, a causa dei danni arrecati alla sua March . Entrava nella zona dei punti Patrick Depailler che, pochi giri prima, aveva superato Pace. Il brasiliano si fermò, al ventiduesimo giro, ai box, per la sostituzione dello pneumatico posteriore sinistro. Ripartì dodicesimo.

Al ventiquattresimo passaggio Depailler, che scontava dei problemi alla gomma posteriore destra, uscì alla chicane : fu in grado di governare la sua Tyrrell , riprendendo la pista, distanziato ormai dalla zona dei punti. Ciò permise ad Arturo Merzario di entrare tra i primi sei.

Lauda cedette la prima posizione a Regazzoni, al trentesimo giro. L'austriaco aveva rotto il sistema di raffreddamento, e stava spargendo olio e altri liquidi sulla pista, tanto da ritirarsi poco dopo. I commissari dovettero anche bagnare la pista presso la Variante Ascari , per pulirla dai liquidi persi dalla vettura di Niki Lauda .

Al giro 41 anche l'altra Ferrari, quella di Regazzoni, fu costretta a cedere il comando, per una perdita d'olio. Il ticinese rientrò ai box, e dopo una rapida sistemazione, rientrò in gara, quarto. Ora, al comando, si trovava Ronnie Peterson , davanti a Emerson Fittipaldi e Jody Scheckter . In realtà la gara di Regazzoni terminò presto, quando, già al giro 42, fu costretto a posteggiare la sua vettura a bordo pista.

Nei giri finali Fittipaldi si avvicinò a Peterson, cercando di attaccarlo, prendendo la scia sui lunghi rettilinei. Al giro 48 Pace prese la quinta posizione a Denny Hulme . Fittipaldi tentò, fino all'ultimo passaggio, di trovare lo spazio per sorpassare Peterson, ma senza successo.

Ronnie Peterson conquistò la settima vittoria titolata, la seconda consecutiva a Monza ; per la Lotus si trattò del centesimo podio in una gara valida per il mondiale di Formula 1. Il team britannico era il secondo costruttore a giungere a questo traguardo, dopo la Scuderia Ferrari.

Emerson Fittipaldi e Jody Scheckter completarono il podio, mentre Arturo Merzario fu quarto, nel suo ultimo arrivo nella zona dei punti. Era anche il miglior risultato per la Frank Williams Racing Cars dal Gran Premio di Gran Bretagna 1971 , quando era giunta quarta con Henri Pescarolo , al volante di una March .

Gran Premio del Canada

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 1974 .

Partirono molto bene le due Ferrari , con Niki Lauda in testa, alla prima curva, davanti a Emerson Fittipaldi , e Clay Regazzoni , che s'inserì al terzo posto. Il ticinese si trovava davanti a Jody Scheckter , James Hunt e Jean-Pierre Jarier .

Già al terzo giro Regazzoni dovette cedere una posizione, a Scheckter. I primi tre della classifica (Lauda, Fittipaldi e Scheckter) presero, quasi subito, un buon margine di vantaggio su Regazzoni, che, di fatto, guidava un plotone di diverse monoposto. Al decimo giro il margine tra il ticinese e Scheckter era già di 5 secondi. Più dietro Carlos Pace strappò il sesto posto a Jarier. Seguivano, dall'ottavo posto in poi, Carlos Reutemann , Patrick Depailler e Ronnie Peterson .

Tra il quindicesimo e sedicesimo giro Peterson passò prima Depailler poi Reutemann. Al giro 19, poco prima della curva 3, Jochen Mass cercò di passare Mario Andretti : lo statunitense riuscì a staccare all'ultimo, costringendo però Mass a portarsi in mezzo alla pista per evitare il contatto. Fortunatamente nessuna vettura stava sopraggiungendo nel punto. John Watson , per evitare però di terminare sulle vetture, sfiorò il guard rail e fu poi costretto a una sosta ai box.

Al giro 23 Pace scalò un'ulteriore posizione, passando Hunt, per il quinto posto. Due giri più tardi l'altro pilota della Brabham , Carlos Reutemann , con pneumatici usurati, fu obbligato a passare dal box per montare un nuovo treno di gomme. Ciò gli costò innumerevoli posizioni. Al giro 30 Peterson si trovò settimo, dopo aver passato Jarier.

A circa metà gara, il terzetto in testa, composto da Niki Lauda , Emerson Fittipaldi e Jody Scheckter , aveva scavato un solco di 15 secondi su Regazzoni. Il ferrarista precedeva Pace, Hunt e Peterson. La classifica del mondiale avrebbe visto, se la corsa fosse finita così, tre piloti al comando, con 49 punti (Fittipaldi, Scheckter e Regazzoni), con Lauda a due soli punti.

Attorno al quarantaseiesimo giro anche Pace, come prima di lui il compagno di team Reutemann, iniziò a soffrire per l'usura degli pneumatici. Il brasiliano fu anch'egli costretto a montare un nuovo treno di gomme. Rientrò in pista ottavo; nello stesso giro si registrò l'abbandono di Jean-Pierre Jarier , che occupava proprio l'ottava posizione.

Un giro dopo si verificò un altro colpo di scena. I freni della Tyrrell di Jody Scheckter cedettero alla White's : la vettura uscì di pista, colpì le protezioni, e il pilota si ritirò, mettendo, di fatto, fine alle sue speranze di conquistare il titolo iridato. Lauda e Fittipaldi continuavano così, da soli, la loro corsa davanti, precedendo di 13 secondi Clay Regazzoni , a sua volta inseguito da vicino da James Hunt e Ronnie Peterson . Più staccato era Depailler, davanti a Pace.

Al sessantesimo giro Ronnie Peterson passò Hunt, mentre Pace scivolò di due posizioni, passato da Denny Hulme e Mario Andretti . Al sessantatreesimo giro Fittipaldi attaccò Lauda, che però difese il primato. Due giri, e Pace venne passato anche da Tom Pryce . Il gallese terminò la sua gara appena un giro dopo, col motore ormai fuori uso.

Al giro 68 Lauda scivolò sui detriti lasciati da un'escursione di pista, di pochi giri prima, effettuata da Watson. La sua vettura terminò contro le barriere, portandolo al ritiro. Così anche l'austriaco usciva dalla lotta mondiale per il titolo dei piloti. Emerson Fittipaldi si ritrovò primo, con ampio margine su Regazzoni, ormai l'ultimo suo contendente rimasto per il campionato.

Nei giri finali Hunt attaccò diverse volte Peterson, senza riuscire però a prendergli la posizione sul podio. Emerson Fittipaldi ottenne il suo dodicesimo successo nel mondiale, affiancando in vetta alla classifica dei piloti Regazzoni, che chiuse secondo.

Gran Premio degli Stati Uniti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti d'America 1974 .

Alla partenza scattò bene il poleman Carlos Reutemann , che conduceva davanti a James Hunt ; dietro, Niki Lauda passò subito Carlos Pace e Jody Scheckter , così come l'altro ferrarista Clay Regazzoni , che prese la posizione al suo principale rivale per il titolo, Emerson Fittipaldi . Andretti rimase fermo in griglia per un problema alla pompa della benzina, ma poté partire con l'aiuto dei commissari. Già nel corso del primo giro Pace ripassò Lauda, così come Fittipaldi riprese la sesta piazza a Regazzoni.

Carlos Pace giunse secondo nella gara del Glen , completando una doppietta per la Brabham , chiudendo alle spalle di Carlos Reutemann .

Già nei primi giri risultò in difficoltà il pilota elvetico della Ferrari, passato prima da John Watson poi da Arturo Merzario . Al quinto giro terminò la gara, e la carriera nel mondiale, Denny Hulme , fermato da un guasto al motore; nello stesso giro venne esposta la bandiera nera per Andretti, causata da una riparazione, non autorizzata, in griglia, prima della partenza. Due giri dopo la direzione di gara squalificò anche Tim Schenken , per essere partito senza autorizzazione, mentre consentì a José Dolhem di proseguire la gara, quale prima riserva, ammesso al gran premio in seguito alla squalifica di Mario Andretti .

Nel corso del decimo giro la Surtees di Helmuth Koinigg uscì di pista alla curva Toe , forse a causa dello scoppio dello pneumatico posteriore destro (un'altra ipotesi fu quella di un cedimento della sospensione); Koinigg scalò le marce, nel tentativo di recuperare la vettura, ma l'andamento in discesa della pista, e l'alta velocità, resero vane le sue manovre. La vettura impattò contro le barriere ARMCO a velocità relativamente bassa, ma la prima lama di alluminio non cedette, decapitando il pilota austriaco, che morì all'istante. I primi soccorritori giunsi sul posto trovarono il casco del pilota a qualche decina di metri dalla vettura, a sua volta completamente distrutta. Il corpo del pilota venne coperto con un lenzuolo bianco, ma la gara proseguì regolarmente.

Al dodicesimo giro Merzario passò Watson, che si riprese la posizione il giro successivo. Nello stesso giro Regazzoni retrocedette di un'ulteriore posizione, passato da Jochen Mass . Al giro 15 Clay Regazzoni , passato anche da Ronnie Peterson , decise di cambiare gli pneumatici, scivolando così lontanissimo dalla zona dei punti. Il problema era dovuto ai giunti in gomma delle sospensioni che, disfandosi, penalizzavano le gomme.

In testa Carlos Reutemann guidava con un margine di 5 secondi su James Hunt e di 10 su Carlos Pace , minacciato da Niki Lauda , che stava cercando di recuperare posizioni, per cercare di favorire in qualche modo Regazzoni. Scheckter era quinto, mentre Fittipaldi restava sesto, anche se, con Regazzoni lontano dai punti, al brasiliano sarebbe bastato, per il titolo, che Scheckter non vincesse il gran premio.

Attorno al ventiduesimo giro anche la Ferrari di Lauda iniziò a sperimentare dei problemi tecnici, agli ammortizzatori. L'austriaco venne passato da Jody Scheckter al ventiquattresimo giro, stesso giro in cui Merzario ripassò ancora Watson. Nel giro successivo Lauda dovette cedere sia a Fittipaldi che allo stesso Merzario. L'altra Ferrari di Regazzoni soffriva per dei problemi alla barra antirollio, che costrinsero a una seconda sosta il ticinese.

Al ventisettesimo giro, dopo aver avuto notizia della morte di Koinigg, la Surtees decise di ritirare la vettura superstite di Dolhem. A metà gara Reutemann controllava la gara, con 6 secondi su Hunt e 20 su Pace. Seguivano poi Scheckter, Fittipaldi e Merzario. Regazzoni, il terzo candidato al titolo, era ormai diciassettesimo, a due giri dal primo.

Nei giri successivi continuò il calvario per Niki Lauda , che perse diverse posizioni, fino al giro 39, quando decise di riguadagnare i box e ritirarsi, anche perché sconvolto dalla notizia della morte del suo amico Koinigg. Anche James Hunt , secondo, era penalizzato da delle noie della sua Hesketh , al motore e freni. Al giro 44 terminò la gara anche per Arturo Merzario : sulla sua Iso Marlboro si azionò l'estintore presente sulla sua monoposto. Due giri dopo avvenne il colpo di scena che di fatto chiuse la lotta per il titolo: si ruppe una condotta dell'olio della Tyrrell di Jody Scheckter , che fu costretto così al ritiro. Ciò spalancò a Fittipaldi la corsa per il secondo titolo, eliminato Scheckter e con Regazzoni lontano dalla zona punti. Tra l'altro l'elvetico fu costretto ancora ai box per un cambio delle gomme.

Al cinquantacinquesimo passaggio Carlos Pace passò Hunt, ormai limitato nella performance della sua vettura.

Carlos Reutemann ottenne la sua terza vittoria iridata, precedendo Pace e Hunt. Per la Brabham fu la sesta doppietta, la prima dal Gran Premio del Canada 1969 . Emerson Fittipaldi giunse quarto, conquistando il suo secondo titolo iridato. La McLaren , invece, ottenne il suo primo titolo fra i costruttori.

Risultati

Risultati dei gran premi

Gara Gran Premio Data Circuito Pole Position GPV Vincitore Costruttore Resoconto
1 Argentina Gran Premio d'Argentina 13 gennaio Buenos Aires Svezia Ronnie Peterson Svizzera Clay Regazzoni Nuova Zelanda Denny Hulme Regno Unito McLaren - Ford Cosworth Resoconto
2 Brasile Gran Premio del Brasile 27 gennaio Interlagos Brasile Emerson Fittipaldi Svizzera Clay Regazzoni Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren - Ford Cosworth Resoconto
3 Sudafrica Gran Premio del Sudafrica 30 marzo Kyalami Austria Niki Lauda Argentina Carlos Reutemann Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham - Ford Cosworth Resoconto
4 Spagna Gran Premio di Spagna 28 aprile Jarama Austria Niki Lauda Austria Niki Lauda Austria Niki Lauda Italia Ferrari Resoconto
5 Belgio Gran Premio del Belgio 12 maggio Nivelles Svizzera Clay Regazzoni Nuova Zelanda Denny Hulme Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren - Ford Cosworth Resoconto
6 Monaco Gran Premio di Monaco 26 maggio Montecarlo Austria Niki Lauda Svezia Ronnie Peterson Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
7 Svezia Gran Premio di Svezia 9 giugno Anderstorp Francia Patrick Depailler Francia Patrick Depailler Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth Resoconto
8 Paesi Bassi Gran Premio d'Olanda 23 giugno Zandvoort Austria Niki Lauda Svezia Ronnie Peterson Austria Niki Lauda Italia Ferrari Resoconto
9 Francia Gran Premio di Francia 7 luglio Digione Austria Niki Lauda Sudafrica Jody Scheckter Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
10 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 20 luglio Brands Hatch Austria Niki Lauda Austria Niki Lauda Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth Resoconto
11 Germania Gran Premio di Germania 4 agosto Nürburgring Austria Niki Lauda Sudafrica Jody Scheckter Svizzera Clay Regazzoni Italia Ferrari Resoconto
12 Austria Gran Premio d'Austria 18 agosto Österreichring Austria Niki Lauda Svizzera Clay Regazzoni Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham - Ford Cosworth Resoconto
13 Italia Gran Premio d'Italia 8 settembre Monza Austria Niki Lauda Brasile Carlos Pace Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
14 Canada Gran Premio del Canada 22 settembre Mosport Park Brasile Emerson Fittipaldi Austria Niki Lauda Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren - Ford Cosworth Resoconto
15 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti 6 ottobre Watkins Glen Argentina Carlos Reutemann Brasile Carlos Pace Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham - Ford Cosworth Resoconto

Risultati delle qualifiche

Pilota ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
ESP
Spagna
BEL
Belgio
MON
Monaco
SWE
Svezia
NED
Paesi Bassi
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
ITA
Italia
CAN
Canada
USA
Stati Uniti
1 Svezia Ronnie Peterson 1 4 16 2 5 3 5 10 2 2 8 6 7 10 19
2 Belgio Jacky Ickx 7 5 10 5 16 19 7 18 13 12 9 22 16 21 16
3 Sudafrica Jody Scheckter 12 14 8 9 2 5 2 5 7 3 4 5 12 3 6
4 Francia Patrick Depailler 15 16 15 16 11 4 [44] 1 8 9 10 5 14 10 7 13
5 Brasile Emerson Fittipaldi 3 1 5 4 4 13 9 3 5 8 3 3 6 1 8
6 Nuova Zelanda Denny Hulme 10 11 9 12 12 12 9 11 19 7 10 19 14 17
7 Argentina Carlos Reutemann 6 2 4 6 24 8 10 12 8 4 6 2 2 4 1
8 Regno Unito Richard Robarts 22 24 23
Liechtenstein Rikky von Opel 24 22 NQ 20 23 NQ
Brasile Carlos Pace 20 17 4 3 9 4
9 Germania Hans-Joachim Stuck 23 13 7 13 10 9 22 NQ 9 20 15 18 23 NQ
Svezia Reine Wisell 16
10 Nuova Zelanda Howden Ganley 19 20
Italia Vittorio Brambilla 19 9 [45] 31 15 17 15 16 18 23 20 13 NQ 25
11 Svizzera Clay Regazzoni 2 8 6 3 1 2 4 2 4 7 2 8 5 6 9
12 Austria Niki Lauda 8 3 1 1 3 1 3 1 1 1 1 1 1 2 5
14 Francia Jean-Pierre Beltoise 14 17 11 11 7 11 13 16 17 23 15 18 11 17 NQ
15 Francia Henri Pescarolo 21 22 21 20 15 27 19 24 19 24 24 25
Nuova Zelanda Chris Amon 25 12
16 Stati Uniti Peter Revson 4 6
Regno Unito Brian Redman 21 18 16
Svezia Bertil Roos 23
Regno Unito Tom Pryce 11 3 5 11 16 22 13 18
17 Francia Jean-Pierre Jarier 16 19 12 17 6 8 7 12 16 18 23 9 5 10
18 Brasile Carlos Pace 11 12 2 14 8 18 24
Francia José Dolhem NQ 26 [46]
Regno Unito Derek Bell NQ 25 NQ NQ NQ
19 Germania Jochen Mass 18 10 17 18 26 17 [47] 22 20 18 17 10
Francia Jean-Pierre Jabouille NQ
Francia José Dolhem NQ
Austria Helmuth Koinigg 22 23
20 Italia Arturo Merzario 13 9 3 7 6 14 NQ [48] 21 15 15 16 9 15 19 15
Regno Unito Richard Robarts 25 [49]
21 Danimarca Tom Belsø 27 NQ 21 NQ
Paesi Bassi Gijs Van Lennep 30 NQ
Francia Jean-Pierre Jabouille NQ
Francia Jacques Laffite 21 12 17 18 11
22 Liechtenstein Rikky von Opel 26 [50]
Nuova Zelanda Vern Schuppan 14 25 26 [51] 17 NQ NQ NQ
Regno Unito Mike Wilds NQ NQ NQ
Nuova Zelanda Chris Amon NQ
23 Sudafrica Dave Charlton 20
Australia Tim Schenken 25 [52] 24 NQ 25 NQ 19
Finlandia Leo Kinnunen NQ NQ NQ
24 Regno Unito James Hunt 5 18 14 10 9 7 6 6 10 6 13 7 8 8 2
25 Nuova Zelanda Howden Ganley NQ NQ
Regno Unito Mike Wilds NQ
26 Regno Unito Graham Hill 17 21 18 19 29 21 15 19 21 22 19 21 21 20 24
27 Regno Unito Guy Edwards 25 25 NQ 21 26 18 14 20 NQ [53] NQ
Regno Unito Peter Gethin 21
Germania Rolf Stommelen 13 14 11 21
28 Regno Unito John Watson 20 15 13 15 19 23 14 13 14 13 14 11 4 15 7
29 Sudafrica Ian Scheckter 22
Nuova Zelanda John Nicholson NQ
Australia Tim Schenken 20
30 Sudafrica Paddy Driver 26
Nuova Zelanda Chris Amon 23 20 NQ [54]
Australia Larry Perkins NQ
Austria Dieter Quester 25
31 Sudafrica Ian Scheckter NQ
Italia Carlo Facetti NQ
Australia Tim Schenken 26 [55]
32 Nuova Zelanda Eddie Keizan 24
Austria Helmuth Koinigg NQ
33 Regno Unito Mike Hailwood 9 7 12 17 13 10 11 4 6 11 12
Regno Unito David Hobbs 17 23
Germania Jochen Mass 12 20
34 Belgio Teddy Pilette 27
Brasile Carlos Pace NQ
35 Regno Unito Mike Wilds NQ
Regno Unito Ian Ashley 24
37 Francia François Migault 24 23 25 22 25 22 25 22 14 NQ 24
41 Australia Tim Schenken 23
42 Regno Unito Tom Pryce 20
Regno Unito David Purley NQ
Regno Unito Ian Ashley NQ NQ
43 Francia Gérard Larrousse 28 NQ
Finlandia Leo Kinnunen NQ NQ
44 Finlandia Leo Kinnunen NQ
50 Canada Eppie Wietzes 26
55 Stati Uniti Mario Andretti 16 3
56 Nuova Zelanda Denny Hulme 8
66 Stati Uniti Mark Donohue 24 14
208 Italia Lella Lombardi NQ
Pilota ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
ESP
Spagna
BEL
Belgio
MON
Monaco
SWE
Svezia
NED
Paesi Bassi
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
ITA
Italia
CAN
Canada
USA
Stati Uniti

Classifiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1 .

Al primo andavano 9 punti, 6 al secondo, 4 al terzo, 3 al quarto, 2 al quinto e 1 al sesto classificato. Non erano assegnati punti a chi compiva il gpv o la pole. Per l'assegnazione dei punti erano validi i migliori sette risultati delle prime otto corse ei migliori sei delle ultime sette. In questo campionato però nessuno si trovò nella condizione di dover scartare punti.

Classifica Piloti

Pos. Pilota Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti
1 Brasile Emerson Fittipaldi 10 1 7 3 1 5 4 3 Rit 2 Rit Rit 2 1 4 55
2 Svizzera Clay Regazzoni 3 2 Rit 2 4 4 Rit 2 3 4 1 5 Rit 2 11 52
3 Sudafrica Jody Scheckter Rit 13 8 5 3 2 1 5 4 1 2 Rit 3 Rit Rit 45
4 Austria Niki Lauda 2 Rit 16 * 1 2 Rit Rit 1 2 5 Rit Rit Rit Rit Rit 38
5 Svezia Ronnie Peterson 13 6 Rit Rit Rit 1 Rit 8 1 10 4 Rit 1 3 Rit 35
6 Argentina Carlos Reutemann 7* 7 1 Rit Rit Rit Rit 12 Rit 6 3 1 Rit 9 1 32
7 Nuova Zelanda Denny Hulme 1 12 9 6 6 Rit Rit Rit 6 7 SQ 2 6 6 Rit 20
8 Regno Unito James Hunt Rit 9 Rit 10 Rit Rit 3 Rit Rit Rit Rit 3 Rit 4 3 15
9 Francia Patrick Depailler 6 8 4 8 Rit 9 2 6 8 Rit Rit Rit 11 5 6 14
10 Belgio Jacky Ickx Rit 3 Rit Rit Rit Rit Rit 11 5 3 5 Rit Rit 13 Rit 12
11 Regno Unito Mike Hailwood 4 5 3 9 7 Rit Rit 4 7 Rit 15* 12
12 Brasile Carlos Pace Rit 4 11 13 Rit Rit Rit WD NQ 9 12 Rit 5 8 2 11
13 Francia Jean-Pierre Beltoise 5 10 2 Rit 5 Rit Rit Rit 10 12 Rit Rit Rit NC NQ 10
14 Francia Jean-Pierre Jarier Rit Rit WD Rit 13 3 5 Rit 12 Rit 8 8 Rit Rit 10 6
15 Regno Unito John Watson 12 Rit Rit 11 11 6 11 7 16 11 Rit 4 7 Rit 5 6
16 Germania Ovest Hans-Joachim Stuck Rit Rit 5 4 Rit Rit Rit NQ Rit 7 11* Rit Rit NQ 5
17 Italia Arturo Merzario Rit Rit 6 Rit Rit Rit INF Rit 9 Rit Rit Rit 4 Rit Rit 4
18 Regno Unito Graham Hill Rit 11 12 Rit 8 7 6 Rit 13 13 9 12 8 14 8 1
19 Regno Unito Tom Pryce Rit Rit Rit 8 6 10 Rit NC 1
20 Italia Vittorio Brambilla 10 NP 9 Rit 10* 10 11 Rit 13 6 Rit NQ Rit 1
- Regno Unito Guy Edwards 11 Rit NQ 12 8 7 Rit 15 NQ 0
- Regno Unito David Hobbs 7 9 0
- Germania Ovest Jochen Mass Rit 17 Rit Rit Rit NP Rit Rit Rit 14 Rit 16 7 9
- Regno Unito Brian Redman 7 18* Rit 0
- Stati Uniti Mario Andretti 7 SQ 0
- Nuova Zelanda Howden Ganley 8* Rit NA NQ NQ NA 0
- Danimarca Tom Belsø Rit NQ 8 NQ 0
- Liechtenstein Rikky von Opel NP WD Rit Rit NQ 9 9 NQ 0
- Francia Henri Pescarolo 9 14 18 12 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 10 NA Rit 0
- Nuova Zelanda Chris Amon Rit NA NP NQ NQ NC 9 0
- Austria Dieter Quester 9 0
- Australia Tim Schenken 14* 10 Rit NQ Rit NQ 10 Rit SQ 0
- Austria Helmuth Koinigg NQ 10 Rit 0
- Germania Ovest Rolf Stommelen Rit Rit 11 12 0
- Regno Unito Derek Bell NQ 11 NQ NQ NQ 0
- Stati Uniti Mark Donohue 12 Rit 0
- Sudafrica Ian Scheckter 13 NQ 0
- Francia François Migault Rit 16 15 Rit 16 Rit Rit 14 NC NQ NA Rit WD 0
- Regno Unito Ian Ashley 14 NC NA NQ NQ 0
- Paesi Bassi Gijs van Lennep 14 NQ 0
- Sudafrica Eddie Keizan 14 0
- Regno Unito Richard Robarts Rit 15 17 NP 0
- Australia Vern Schuppan 15 Rit SQ SQ NQ NQ Rit 0
- Francia Jacques Laffite NA Rit NC Rit 15 Rit 0
- Belgio Teddy Pilette 17 0
- Sudafrica Dave Charlton 19 0
- Stati Uniti Peter Revson Rit Rit WD 0
- Finlandia Leo Kinnunen NQ Rit NQ NQ NQ NQ 0
- Regno Unito Mike Wilds NQ NQ NQ NQ NC 0
- Francia Gérard Larrousse Rit NQ 0
- Sudafrica Paddy Driver Rit 0
- Svezia Reine Wisell Rit 0
- Svezia Bertil Roos Rit 0
- Regno Unito Peter Gethin Rit 0
- Canada Eppie Wietzes Rit 0
- Francia José Dolhem NQ NQ Rit 0
- Francia Jean-Pierre Jabouille NQ NQ 0
- Regno Unito David Purley NQ 0
- Italia Lella Lombardi NQ 0
- Nuova Zelanda John Nicholson NA NQ 0
- Australia Larry Perkins NQ 0
- Italia Carlo Facetti NQ 0
- Sudafrica John McNicol NA 0
- Regno Unito Andy Sutcliffe NA 0
- Germania Manfred Mohr NA 0
- Francia Jean-Louis Lafosse NA 0
- Svizzera Silvio Moser WD WD 0
- Spagna Jorge de Bagration WD 0
Pos. Pilota Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Classifica costruttori

La classifica indica il miglior piazzamento ottenuto da una delle vetture dello stesso costruttore. Il grassetto indica che una vettura di quel costruttore ha ottenuto la pole position , il corsivo indica il giro veloce, anche se non ottenuti dalla vettura che ha marcato la posizione migliore.

Al primo andavano 9 punti, 6 al secondo, 4 al terzo, 3 al quarto, 2 al quinto e 1 al sesto classificato. Non erano assegnati punti a chi compiva il gpv o la pole position . Per l'assegnazione del campionato erano validi i migliori sette risultati delle prime 8 corse ei migliori sei delle ultime sette. Per la Coppa Costruttori solo la prima vettura di ogni costruttore marca punti. Solo la McLaren - Ford Cosworth fu costretta a scartare due punti.

( Legenda ) (risultati in grassetto indicano la pole position, risultati in corsivo indicano il giro veloce)

Pos. Costruttore ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
ESP
Spagna
BEL
Belgio
MON
Monaco
SWE
Svezia
NED
Paesi Bassi
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
ITA
Italia
CAN
Canada
USA
Stati Uniti
Punti [56]
1 Regno Unito McLaren - Ford Cosworth 1 1 3 3 1 5 [57] 4 3 6 2 15* 2 2 1 4 73 (75)
2 Italia Ferrari 2 2 16 * 1 2 4 Rit 1 2 4 1 5 Rit 2 11 65
3 Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 6 8 4 5 3 2 1 5 4 1 2 Rit 3 5 6 52
4 Regno Unito Lotus - Ford Cosworth 13 3 13 Rit Rit 1 Rit 8 1 3 4 Rit 1 3 Rit 42
5 Regno Unito Brabham - Ford Cosworth 7* 7 1 11 11 6 9 7 16 6 3 1 5 8 1 35
6 Regno Unito Hesketh - Ford Cosworth Rit 10 Rit Rit 3 Rit Rit Rit Rit 3 Rit 4 3 15
7 Regno Unito BRM 5 10 2 12 5 Rit Rit Rit 10 12 10 Rit Rit NC 9 10
8 Stati Uniti Shadow - Ford Cosworth Rit Rit WD 7 13 3 5 Rit 12 8 6 8 10 Rit 10 7
9 Regno Unito March - Ford Cosworth 8* 9 5 4 9 Rit 10 10 11 Rit 7 6 Rit Rit Rit 6
10 Italia Iso Marlboro - Ford Cosworth Rit Rit 6 Rit 14 Rit 8 Rit 9 Rit Rit NC 4 15* Rit 4
11 Regno Unito Surtees - Ford Cosworth Rit 4 11 13 Rit Rit Rit Rit Rit 14 11 9 NQ 10 Rit 3
12 Regno Unito Lola - Ford Cosworth 11 11 12 Rit 8 7 6 Rit 13 13 9 12 8 11 8 1
Stati Uniti Parnelli - Ford Cosworth 7 SQ 0
Regno Unito Trojan - Ford Cosworth 14* 10 Rit NQ Rit NQ 10 Rit 0
Stati Uniti Penske - Ford Cosworth 12 Rit 0
Regno Unito Token - Ford Cosworth Rit NQ 14 NC 0
Regno Unito Ensign - Ford Cosworth NP 15 Rit SQ SQ NQ NQ Rit NQ NQ NQ NC 0
Nuova Zelanda Amon - Ford Cosworth Rit NP NQ NQ 0
Giappone Maki - Ford Cosworth NQ NQ 0
Regno Unito Lyncar - Ford Cosworth NQ 0
Pos. Costruttore ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
ESP
Spagna
BEL
Belgio
MON
Monaco
SWE
Svezia
NED
Paesi Bassi
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
ITA
Italia
CAN
Canada
USA
Stati Uniti
Punti
Colore Risultati
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finita, a punti
Blu Finita, senza punti
Finita, non classificato (NC)
Viola Non finita (Rit)
Rosso Non qualificato (NQ)
Non pre-qualificato (NPQ)
Nero Squalificato (SQ)
Bianco Non partito (NP)
Celeste Disputa solo le prove (SP)
Iscritto alle prove libere - Terzo pilota (TP)
- dal 2003 al 2006
Vuoto Non prende parte alle prove (NPR)
Iscritto ma non presente, non arrivato (NA)
Ritirato prima dell'evento (WD)
Infortunato (INF)
Escluso (ES)
Gara cancellata (C)

* Indica quelle vetture che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificate avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Gare non valide per il Mondiale

In stagione vennero disputate anche tre gare non valide quali prove del campionato del mondo.

Gara Gran Premio Data Circuito Pole Position GPV Vincitore Costruttore Resoconto
1 Brasile Gran Premio del Presidente Medici 3 febbraio Brasilia Argentina Carlos Reutemann Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren - Ford Cosworth Resoconto
2 Regno Unito Race of Champions [58] 17 marzo Brands Hatch Regno Unito James Hunt Belgio Jacky Ickx Belgio Jacky Ickx Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
3 Regno Unito BRDC International Trophy [58] 7 aprile Silverstone Regno Unito James Hunt Regno Unito James Hunt Regno Unito James Hunt Regno Unito Hesketh - Ford Cosworth Resoconto

Nel 1974 si tenne anche il Campionato sudafricano di Formula 1 .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato sudafricano di Formula 1 1974 .

Note

  1. ^ ( ES ) El 26 de Mayo el GP de Monaco ( PDF ), in El Mundo Deportivo , 23 gennaio 1974. URL consultato il 1º febbraio 2019 .
  2. ^ Carlos Orsi, Hulme apre in Argentina Le Ferrari al 2º e 3º posto ( PDF ), in Stampa Sera , 14 gennaio 1974, p. 12. URL consultato il 24 gennaio 2019 .
  3. ^ F.1, sfida a quattro con Ferrari in luce ( PDF ), in La Stampa , 27 gennaio 1974, p. 17. URL consultato il 27 gennaio 2019 .
  4. ^ Lauda, il più veloce parte in prima fila ( PDF ), in La Stampa , 30 marzo 1974, p. 21. URL consultato il 14 marzo 2019 .
  5. ^ Questi i migliori al "via" ( PDF ), in La Stampa , 28 aprile 1974, p. 21. URL consultato il 16 aprile 2019 .
  6. ^ Tv in diretta ( PDF ), in La Stampa , 12 maggio 1974, p. 19. URL consultato il 19 aprile 2019 .
  7. ^ Si prova a Montecarlo ( PDF ), in La Stampa , 23 maggio 1974, p. 19. URL consultato il 23 aprile 2019 .
  8. ^ Michele Fenu, In pista con auto e moto ( PDF ), in La Stampa , 7 luglio 1974, p. 19. URL consultato l'8 dicembre 2019 .
  9. ^ In Tv alle 15,30 ( PDF ), in La Stampa , 19 luglio 1974, p. 13. URL consultato il 13 dicembre 2019 .
  10. ^ Michele Fenu, Lauda vuole vendicarsi ( PDF ), in Stampa Sera , 3 agosto 1974, p. 10. URL consultato il 21 dicembre 2019 .
  11. ^ In tv alle 15,55 ( PDF ), in La Stampa , 18 agosto 1974, p. 13. URL consultato il 5 gennaio 2020 .
  12. ^ Tre giorni all'Autodromo ( PDF ), in Stampa Sera , 5 settembre 1974, p. 11. URL consultato l'8 gennaio 2020 .
  13. ^ La gara era prevista per le 14:30, ma venne posticipata di un'ora. Michele Fenu, Fittipaldi vince in Canada ( PDF ), in Stampa Sera , 23 settembre 1974, p. 9. URL consultato il 10 febbraio 2020 .
  14. ^ Reutemann-Hunt primi ( PDF ), in La Stampa , 6 ottobre 1974, p. 19. URL consultato il 15 febbraio 2020 .
  15. ^ La partenza del Gran Premio degli Stati Uniti era prevista alle 15:20, ma venne posticipata di venti minuti. Michele Fenu, Grande delusione per Regazzoni ( PDF ), in Stampa Sera , 7 ottobre 1974, p. 9. URL consultato il 18 febbraio 2020 .
  16. ^ a b ( FR ) 1. Argentine 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 23 gennaio 2019 .
  17. ^ Accordo Agip-Ferrari ( PDF ), in La Stampa , 12 gennaio 1974, p. 15. URL consultato il 25 gennaio 2019 .
  18. ^ ( FR ) 2. Brésil 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 1° febbraio 2019 .
  19. ^ ( FR ) 3. Afrique du Sud 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 4 marzo 2019 .
  20. ^ a b ( FR ) 4. Espagne 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 27 marzo 2019 .
  21. ^ a b ( FR ) 5. Belgique 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 12 aprile 2019 .
  22. ^ ( FR ) 6. Monaco 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 23 aprile 2019 .
  23. ^ Montecarlo chiama Ferrari (e gli italiani) ( PDF ), in Stampa Sera , 22 maggio 1974, p. 12. URL consultato il 23 aprile 2019 .
  24. ^ a b ( FR ) 7. Suède 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 9 maggio 2019 .
  25. ^ a b ( FR ) 8. Pays-Bas 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 2 novembre 2019 .
  26. ^ a b c ( FR ) 9. France 1974 , su statsf1.com . URL consultato l'8 dicembre 2019 .
  27. ^ a b c ( FR )10. Grande-Bretagne 1974 , su statsf1.com . URL consultato l'11 dicembre 2019 .
  28. ^ a b ( FR ) 11. Allemagne 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 19 dicembre 2019 .
  29. ^ ( FR ) 12. Autriche 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 5 gennaio 2020 .
  30. ^ a b ( FR ) 14. Canada 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 23 gennaio 2020 .
  31. ^ a b ( FR ) 15. Etats-Unis 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 10 febbraio 2020 .
  32. ^ Muore Revson in Sud Africa ( PDF ), in La Stampa , 23 marzo 1974, p. 17. URL consultato il 4 marzo 2019 .
  33. ^ ( FR ) John McNicol , su statsf1.com . URL consultato il 4 marzo 2019 .
  34. ^ ( ES ) Brambilla correra con "March-Beta" ( PDF ), in El Mundo Deportivo , 18 marzo 1974, p. 40. URL consultato il 9 marzo 2019 .
  35. ^ Giorgio Viglino, Grave lo svizzero Moser uscito di strada in curva ( PDF ), in La Stampa , 26 aprile 1974, p. 17. URL consultato il 4 aprile 2019 .
  36. ^ ( FR ) Jorge de Bagration , su statsf1.com . URL consultato il 3 aprile 2019 .
  37. ^ ( EN ) Jorge de Bagration - Biography , su f1rejects.com (archiviato dall' url originale il 21 marzo 2013) .
  38. ^ Peterson in Olanda ( PDF ), in La Stampa , 20 giugno 1974, p. 19. URL consultato il 2 novembre 2019 .
  39. ^ ( FR ) Statistiques Numéro-Numéro-Pilotes , su statsf1.com , 11 dicembre 2019.
  40. ^ Michele Fenu, La "regina" del volante non sa nulla di motori ( PDF ), in La Stampa , 19 luglio 1974, p. 13. URL consultato il 12 dicembre 2019 .
  41. ^ a b Michele Fenu, La Ferrari è in difficoltà ( PDF ), in La Stampa , 17 agosto 1974, p. 11. URL consultato il 5 gennaio 2020 .
  42. ^ ( FR ) 13. Italie 1974 , su statsf1.com . URL consultato il 7 gennaio 2020 .
  43. ^ Michele Fenu, Digione: le Ferrari tentano il "sorpasso" di Fittipaldi ( PDF ), in La Stampa , 6 luglio 1974, p. 17. URL consultato l'8 dicembre 2019 .
  44. ^ Patrick Depailler si qualificò quarto nel Gran Premio di Monaco . Fu costretto a utilizzare il muletto, partendo dal fondo della griglia. La griglia non subì modifiche per gli altri piloti.
  45. ^ Vittorio Brambilla non partì nel Gran Premio di Spagna . Tutti i piloti qualificatisi alle sue spalle scalarono di una posizione.
  46. ^ José Dolhem non si era qualificato per il Gran Premio degli USA ; venne ammesso al via per i problemi tecnici sulla vettura di Mario Andretti .
  47. ^ Jochen Mass e Chris Amon non partirono nel Gran Premio di Monaco ; la griglia non venne modificata.
  48. ^ Arturo Merzario venne sostituito, per infortunio, dopo la prima giornata di prove del Gran Premio di Svezia , da Richard Robarts
  49. ^ Richard Robarts non prese il via al Gran Premio di Svezia , in quanto dovette cedere la sua monoposto a Tom Belsø .
  50. ^ Rikky von Opel non prese al via nel Gran Premio d'Argentina .
  51. ^ Vern Schuppan non si qualificò nel Gran Premio di Svezia . Il pilota prese comunque il via, per sostituire Richard Robarts , senza però essere autorizzato.
  52. ^ Tim Schenken non si era qualificato per il Gran Premio di Spagna ; venne ripescato per la rinuncia di Vittorio Brambilla .
  53. ^ Guy Edwards venne sostituito da Peter Gethin , dopo la prima giornata di prove del Gran Premio di Gran Bretagna .
  54. ^ Chris Amon venne sostituito da Larry Perkins , dopo la prima giornata di prove nel Gran Premio di Germania .
  55. ^ Tim Schenken non si era qualificato per il Gran Premio degli USA ; venne ammesso in griglia visti i problemi tecnici sulla vettura di Mario Andretti . Partì senza autorizzazione dei commissari.
  56. ^ Nella tabella dei risultati gara per gara fra parentesi i punti scartati. Nella colonna dei punti totali fra parentesi i punti effettivi.
  57. ^ La McLaren dovette scartare i due punti ottenuti nel Gran Premio di Monaco , in quanto il regolamento per la Coppa Costruttori non permetteva di contare più di 7 risultati delle prime 8 gare.
  58. ^ a b Alla gara partecipano anche vetture di Formula 5000 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 307319849 · GND ( DE ) 1049702018
Formula 1 Portale Formula 1 : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1