Camp de concentració de Dachau

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca

Coordenades : 48 ° 16'13 "N 11 ° 28'05" E / 48.270278 ° N 11.468056 ° E 48.270278; 11.468056

Toma aèria de camp de Dachau (la part inferior de la imatge correspon al nord). Al campament, es van dur a terme experiments amb reclusos per provar tractaments mèdics i sistemes de reanimació, com ara investigacions sobre la congelació del cos humà en aigua. Els reclusos s’utilitzaven com a conillets d’Índies i després d’un cert període es va decidir traslladar aquesta activitat al camp d’Auschwitz perquè en els procediments, com en les proves de congelació, la gent cridava. Per tant, es va decidir que Auschwitz seria més adequat per a aquest propòsit. A l’esquerra es pot veure el camp de concentració real, amb les casernes per als presoners i, separades del pati per a la trucada nominal, les sales de servei, amb els dipòsits materials per als internats, les oficines internes i el búnquer. A la dreta, a la imatge, el comandament, les zones de la caserna SS, els dipòsits de vehicles. Al centre, a la zona arbrada entre la caserna SS, s’estructura el crematori.
Model del camp, tal com és visible avui al museu. A la dreta hi ha el rectangle fortificat, amb les torres de vigilància, que conté la caserna per als presoners.

El camp de concentració de Dachau va ser el primer camp de concentració nazi ; es va obrir el 22 de març de 1933 per iniciativa de Heinrich Himmler . Així va començar a Dachau un període dramàtic que va veure indissolublement lligat al nom de la ciutat al camp de concentració.

Dachau va servir de model a tots els camps de concentració , el treball forçat i l' extermini van erigir els nazis més tard [1] i va ser l'escola d'assassinat de les SS exportada a l'altre lager L'esperit de Dachau, terror sense pietat. Unes 200.000 persones van passar pel campament i, segons dades del museu Dachau, hi van perdre la vida 41.500. Els deportats que arribaven havien d’emprendre una carretera curada de grans dimensions, Lagerstrasse, després de la qual es trobava l’anomenada Jourhaus , la "porta de l’infern", l’edifici simètric de comandament de camp amb una falsa torre de guàrdia al terrat. El Jourhaus està travessat al mig per una gran entrada arquejada al camp, completament tancada, al seu torn, estesa per una porta de ferro forjat amb dues portes; al bell mig d'una porta més petita que porta la inscripció: Arbeit macht frei . Amb el pas dels anys, aquest cínic eslògan de Dachau, que significa "El treball et fa lliure", es va fer servir en molts altres camps nous que es van anar construint progressivament, convertint-se en el símbol mateix de la mentida nazi sobre els camps de concentració. El treball d'aquests llocs mai no va alliberar ningú, sinó que va ser utilitzat com a eina principal per al genocidi científic de la mort de "indesitjables", considerat beneficiós per a l'economia del Reich .

El camp de Dachau, juntament amb el d' Auschwitz , s'ha convertit en l' imaginari col·lectiu en el símbol dels camps de concentració nazis.

Història

El camp de concentració es va obrir el 22 de març de 1933 per iniciativa de Heinrich Himmler , amb una decisió presa només un mes després de l’ascens al poder de Hitler (30 de gener de 1933) [2] . El campament estava situat prop de la ciutat de Dachau , aproximadament 16 km al nord-oest de Mònaco de Baviera , al sud d' Alemanya .

Al Münchner Neueste Nachrichten [3] va aparèixer, amb motivacions cíniques, aquesta notícia signada per Himmler, president de la policia de la ciutat de Mònaco: "El dimecres 22 de març de 1933 s'obrirà a prop de Dachau, el primer camp de concentració. Vam prendre aquesta decisió independentment de les petites consideracions, però amb la certesa d’actuar per la pau de la gent i segons els seus desitjos. "

Quan va començar la construcció del campament, la terra encara no formava part de la ciutat de Dachau, sinó del petit municipi veí de Prittlbach. El lager va explotar inicialment els locals d'un edifici anterior, una antiga fàbrica de municions en desús, el Königlichen Pulver - und Munitionsfabrik Dachau [Nota 1] , construït durant la Segona Guerra Mundial [4] . Del 1936 al 1938, quan es va enderrocar la fàbrica, les grans obres realitzades pels presoners van ampliar el camp de Dachau i el van portar a la seva forma actual; només el camp de concentració de presons real, amb les casernes dels presoners, formaven un rectangle d'aproximadament 300 m d' amplada i 600 m de longitud [5] . El terra era pantanós, no gaudia d’un bon clima: era humit, boirós, desolat; certament no és adequat per a la salut dels presos.

“El camp de concentració de Dachau va ser l'únic que va existir durant els dotze anys del règim nazi. Als primers anys de la dictadura va ser el més gran i conegut dels camps de concentració, i el seu nom aviat es va convertir en sinònim de por i terror a tota Alemanya. [6] "

Cronologia sintètica

Arbeit macht frei ("El treball et fa lliure").
1933
Dimecres 22 de març: es va obrir el primer camp de concentració nazi de tota Alemanya a l'antiga fàbrica de municions de Dachau, amb la disponibilitat immediata de 5.000 places per a presos d'internament. Al principi es va dissenyar per a la custòdia preventiva i la possible rehabilitació de presos polítics, especialment comunistes , sindicalistes i, en general, opositors al nazisme. L'11 d'abril, la policia bavaresa va ser substituïda, en gestió de camp, per les SS . Va ser el començament del terror: les SS van començar a assassinar brutalment els interns ja en els primers dies del seu acord. L'1 de maig hi havia 1 200 reclusos, destinats a augmentar a 4.821 a finals d'any. Al Nadal, més singular que rar, van ser indultats 600 presoners [7] [Nota 2] .
1934
Van morir 22 funcionaris del NSDAP i diversos opositors polítics arrestats durant el Putsch de Röhm .
1935
Amb les lleis de Nuremberg, Dachau va adquirir el marc legal especial que va legitimar la seva existència. Es van internar al camp nous grups de presos alemanys, els anomenats folgats sotmesos a ajuda pública, els captaires i els sense llar. Entre ells també hi havia gitanos, testimonis de Jehovà , homosexuals i immigrants .
1936
Al camp es va intensificar el règim de terror; es va anunciar l’ús de la por per espantar fins i tot l’opinió pública externa. Es van iniciar les obres de reconstrucció del camp.
1937
Enderroc de l’antiga fàbrica de municions i inici de la construcció d’un nou campament per a 6.000 interns.
1938
A mitjans d'agost es va inaugurar el nou campament de Dachau, que es mantindrà inalterat fins al 1945. Dachau internament d'opositors polítics dels nazis , que van ser arrestats en territoris annexos com Àustria i, els dies 10 i 11 de novembre, els 10.911 alemanys i Jueus austríacs, internats immediatament després de la Kristallnacht . Dos deportats, Zipper i Soyfer, van compondre en secret la cançó dramàtica de Dachau.
1939
Internament de centenars de gitanos sinti i gitanos .
1940
Deportació de més de 13.000 presoners polonesos a Dachau. Es va posar en funcionament un primer forn de crematori de doble mufla instal·lat a una barraca. El govern del Reich va donar lloc al projecte d’extermini total de milions d’opositors; les principals eines utilitzades per matar els interns eren el treball forçat i la desnutrició. Aquells que no poguessin treballar havien de ser eliminats immediatament, mitjançant instal·lacions d’extermini especialment col·locades en camps seleccionats o en altres centres. Ser enviat als camps de concentració nazis significava ser condemnat a mort sense possibilitat d’apel·lació.
1941
es va decidir que els camps dirigits per les SS, grans o petits que poguessin ser, es convertissin en camps de matança (utilitzant els mètodes ja descrits anteriorment i segons les necessitats del moment). També van començar les matances massives (a diferència dels camps d’extermini en el sentit estricte, especialment organitzats per a això, on l’eliminació dels presos incapaços de treballar es va produir immediatament, de manera sistemàtica i planificada, per dur a terme l’anomenada "solució final") . ", o l'eliminació de tots els jueus i altres" indesitjables "). La retirada física dels deportats va adquirir cada vegada més característiques científiques . Principalment les víctimes eren jueus, però amb els seus altres grups ètnics considerats inferiors i definits Untermenschen (" subhumans "), com polonesos, russos, gitanos, eslaus. Fins i tot aquells que es consideraven oponents asocials, polítics o religiosos, homosexuals, incapaços de treballar o responsables d’una “vida indigna”. Tot això per disposicions precises de Hitler, fet eufòric pels èxits militars, va somiar amb un futur "mil·lenari" per a l'Alemanya nazi, per "netejar" d'una vegada per totes, per indesitjables. A Dachau, entre els primers assassinats massius, hi va haver el de més de 4.000 presoners de guerra soviètics. També van ser internats combatents i monjos grecs del mont Athos.
1942
Més de 2.500 detinguts amb discapacitat van ser suprimits amb gas a Schloss Hartheim , centre d'extermini [8] a prop de Linz (Àustria). Al gener, a la Conferència de Wannsee , es va planejar el genocidi jueu [9] . El nombre total de jueus a eliminar només va superar els onze milions.
1943
Es van començar a construir més de 150 camps de treball externs per satèl·lit als voltants. Aquí els deportats van ser forçats a treballar forçats per a la indústria de guerra del Reich.
1944
Als camps exteriors, més de 10.000 jueus van morir amb formes de treball molt pesades. A finals d'any, més de 63.000 persones van ser detingudes a Dachau i als camps exteriors. Les condicions higièniques , totalment inadequades, i l’amuntegament van provocar una « epidèmia de tifus . Es va inaugurar el gran crematori de maçoneria de Dachau, amb quatre forns i, al costat, una gran cambra de gas.
1945
Van morir per tifoides o per desnutrició a milers de persones durant les marxes d’evacuació, més tard anomenades marxes de la mort. Es va formar un Comitè Internacional de Presos (CID). El Dachau va ser alliberat per l'exèrcit dels Estats Units el 29 d'abril de 1945. Els soldats nord-americans van ser afusellats en represàlia per diversos camps de les SS ( Massacre Dachau ). Al juliol del 25-30.000 funcionaris i membres de les SS que esperaven judici van ser empresonats al camp. Del 15 de novembre al 13 de desembre va tenir lloc a l'antic camp de concentració el "Procés de Dachau" contra les SS, que va conduir a la pena de mort de 36 de 40 acusats.
1946-65
Es van dur a terme 28 de les 36 sentències de mort. El 16 d’octubre de 1946, els cossos dels jerarques nazis penjats a Nuremberg per crims contra la humanitat van ser incinerats als forns de Dachau. Els judicis van continuar fins al 1948. Molts reclusos de les SS van ser alliberats. El 1948, després de tres anys i mig des de la guerra, l'exèrcit nord-americà va lliurar a les autoritats bavareses Dachau perquè encara utilitzaven com a camp de refugiats els alemanys expulsats de Txecoslovàquia . Va romandre com a base nord-americana fins al 1960, quan va ser tancada. A la insistència dels ex-condemnats el 1955, es va iniciar el treball per al Memorial Dachau , que es va inaugurar el maig de 1965. Dachau es va convertir en un museu internacional (KZ-Gedenkstätte Dachau).

Els canvis al camp durant els diferents períodes

Els primers anys: 1933 i 1934. L’inici del terror

Camp de concentració de Dachau, 24 de maig de 1933. Els primers reclusos empenyen un cop de pes pesat per a rehabilitar les carreteres del camp, supervisats per guàrdies. Són visibles les antigues estructures de la fàbrica de pólvora.

El 21 de març de 1933, Heinrich Himmler , a Mònaco de Baviera, va anunciar en conferència de premsa la creació d’un camp de concentració a Dachau. Dachau va ser, en termes absoluts, el primer camp de concentració del que seria el camp de concentració nazi , una xarxa gegantina que el 1945 va arribar a comptar uns 20.000 camps de concentració, construïts primer a Alemanya i després a tots els territoris d’Europa que van caure sota Ocupació alemanya; Dachau es va convertir així en el prototip i model d’inspiració per als següents camps. Va ser l'escola d'assassinat de les SS, una autèntica prova de tot tipus de violència.

Originalment estava pensat per als opositors polítics de Hitler, per a aquells que no es van adaptar immediatament a la ideologia nazi. Els presos van ser reeducats a través del treball dur i l’adoctrinament. Durant els primers mesos d’operació, el camp de concentració, a part d’alguns episodis de violència i rígida disciplina, va conservar un rostre humà, cosa que no suggeria encara la monstruositat dels esdeveniments futurs. La majoria dels presoners van ser sotmesos a treballs pesats per "castigar" el seu sentiment antinazi. Un altre sistema consistia a reeducar-los a la doctrina nazi mitjançant l’accés a diversos materials de propaganda, assistint a reunions, cursos, debats i obligant-los a escoltar els discursos radiofònics de Hitler, que també escalaven els presoners sentint les antigues estructures del camp. També es van dur a terme marxes esgotadores entre els edificis i les casernes del camp en què s’havien pintat enormes escrits de la naixent doctrina nacionalsocialista com a advertència.

Es va prometre l'alliberament per a aquells que s'havien rehabilitat i, de fet, el Nadal de 1933, un fet més singular que rar, van ser indultats 600 presos que van poder tornar a casa.

Només més tard es va convertir en un camp de concentració que significava, a més d’opositors polítics, fins i tot jueus i minories “indesitjables”, com ara els testimonis de Jehovà , homosexuals , immigrants , gitanos i presoners polonesos, russos, etc.

Camp de concentració de Dachau, 24 de maig de 1933. Alguns dels primers guàrdies del camp.

L'organització, l'arranjament de les diverses barraques i serveis, així com el programa de desenvolupament i expansió, van ser processats per un dels primers comandants del campament, Theodor Eicke , i aquesta plantilla es va utilitzar sistemàticament en altres camps.

Eicke va establir el centre de comandament i altres serveis de gestió, com ara els allotjaments per a guàrdies, administració i armeria, en una zona ben protegida del campament. El seu maneig i l'experiència acumulada a Dachau li van valer el nomenament com a "inspector dels camps de concentració" (Inspekteur des Konzentrationslagerwesens).

Ja el 22 de març hi eren internats uns 150 interns. Els primers dies, sota la vigilància de la policia bavaresa i, a partir de l’11 d’abril, també de les SS. El 23 de març es van produir els primers assassinats i les primeres víctimes van ser els presos Benario Rudolf, Ernst Goldmann i Arthur Kahn. Al maig, Hans Beimler, que havia estat membre del Reichstag fins a la seva detenció, va aconseguir escapar i fugir a l'estranger, on va fer pública informació sobre el que va anomenar el camp d'assassinat a Dachau.

A principis de juny, les SS van prendre el control complet i a finals del mateix mes va ser nomenat comandant del camp Theodor Eicke . Eicke va aïllar completament l'estructura dels forasters i ni tan sols es va permetre als bombers entrar al recinte per verificar el compliment de la normativa de seguretat contra incendis.

A partir d’aquest moment, el camp de concentració de Dachau es va convertir en una zona fora de la llei. [10]

Heinrich Himmler que visita el camp de Dachau (1936) fa una pausa per mirar els "trets arius" d'un pres alemany.

El règim es va fer cada vegada més fort, gràcies a la policia política i al poder judicial. Els sindicats, en canvi, són cada vegada més febles, els partits polítics es dissolen i la democràcia, de fet, abolida. La ràdio i el cinema es van controlar. Es va silenciar tota l'oposició. Moltes petites estructures es van estendre pel territori per recollir i empresonar dissidents, totalment sotmesos a la voluntat dels polítics nazis locals.

El 16 de juliol de 1933 es va publicar un article de propaganda nazi amb el títol La veritat sobre Dachau a la revista Münchner Illustrierte Presse [11] , que informava d’una sèrie d’imatges sobre el lager , que suposadament dissipava els rumors emergents sobre el dramàtic condicions de vida del camp. Es van mostrar fotografies de la trucada nominal del matí, del dia típic, amb presoners nets i pintats, somrients, en forma i ben tractats; fotos que mostren els seus àpats abundants, inclosos els substituts del cafè, el pa, el guisat i fins i tot el dinar del diumenge, amb sopa i un tros de porc amb amanida de patata. La realitat era molt diferent.

Treball d’ampliació del camp amb motiu d’una visita de Himmler , el 8 de maig de 1936.

Es va obrir una biblioteca interna que contenia, per exemple, el Mein Kampf d' Adolf Hitler per facilitar el programa de rehabilitació. A principis d’octubre, però, es va publicar el reglament definitiu del campament, que substituïa el provisional preparat pel primer comandant Hilmar Wäckerle; aquest nou programa, molt més rígid i despietat, va ser el començament del terror. A finals de 1933, després de l'alliberament de les aproximadament 600 persones per l'indult del Nadal, el camp contenia prop de 5.000 presoners.

Durant el 1934 Himmler va fer créixer cada vegada més el seu poder i, al mateix temps, els jocs polítics de les formacions expulsades SA . El seu líder, Ernst Röhm , va caure en desgràcia i molts membres d’aquest equip van acabar al camp de Dachau. També durant el curs de 1934 es van tancar diversos camps no organitzats de manera adequada i, en conseqüència, el de Dachau, va augmentar la seva importància per a tota la zona de Baviera .

Els anys del 1935 al 1939: les dimensions creixen

Visita de Himmler al campament. Aquí amb Rudolf Hess davant d’una maqueta a escala de les noves grans instal·lacions de Dachau, el 8 de maig de 1936.

Amb l'any 1935 el nombre d'interns va augmentar. Van arribar al campament no només opositors polítics, sinó també criminals comuns, gitanos , jueus , testimonis de Jehovà i homosexuals . El 1936 la policia bavaresa va començar a detenir i deportar els "paràsits de l'estat" (captaires, vagabunds, gitanos, ociosos, explotadors de prostitutes, bevedors habituals, autors greus de delictes de trànsit i persones amb temperament social psicopàtic), classificats en camp de concentració sota el terme "Asocial", a més de malalts mentals. Es va produir una repressió durant els Jocs Olímpics de Berlín , el mateix any.

El 1936 s'iniciaron els treballs en la construcció de nous edificis que conduiran el camp de concentració de Dachau a convertir-se en un enorme complex de l'univers del camp de concentració nazi més gran.

Molts reclusos de Dachau, triats entre els més pràctics i actius, van ser enviats a altres llocs per començar a construir altres camps de concentració nous que es van fer tristament famosos amb el pas del temps.

Els anys següents van ser un període de transició, amb el terror ara establert al camp. La tortura es va utilitzar per castigar fins i tot les mínimes deficiències disciplinàries; una tortura àmpliament utilitzada era la de penjar els presos amb les mans lligades a l'esquena sense que els peus tocessin a terra: els braços estaven dislocats en un dolor insoportable. El mateix càstig també per a aquells que no es treien la gorra davant d'un SS o no podien estar atents davant d'ells.

Si a Dachau es trobés un pres amb una culata de cigarreta, fins i tot amagat a la butxaca, rebria de 25 a 50 pestanyes. Un altre càstig va ser "La caixa"; la caixa era una cabana de la mida d'una cabina telefònica, feta de manera que el reclús no es pogués parar, seure ni estirar-se; Fins a 4 reclusos s’hi van ficar i s’hi van deixar tres dies i nits sense menjar, beguda ni vàter. Després d’això, els esperaven 16 hores ininterrompudes de treballs forçats. [12]

Dels arxius de la Wilhelmstrasse, document 215, parlem d'altres dos notoris Kommandos Dachau, The Moor-express i "plantations".

El Moor Express (pantà d’espresso) va ser una altra tortura psico-física ideada per les SS a Dachau: carruatges pesats que s’acoblaven com a bèsties de càrrega presoners, obligats a arrossegar carreres per transportar fins i tot petites càrregues des d’una part del lager, durant vuit a deu hores al dia.

Les "Plantacions" eren autèntics banys penals. N’hi havia especialment destinats als clergues i als jueus que hi treballaven amb les mans nues en tots els temps. La terra es va recuperar del pantà a costa de centenars de vides humanes i s’hi van cultivar principalment plantes medicinals.

També hi havia el Comando della Cava, cosa que com en tots els camps és desaconsellable: només a l'hivern de 1942 hi van morir tres-cents religiosos esgotats.

Es va introduir un nou sistema per identificar grups de presoners i, el 1937, es va ampliar considerablement la zona del camp, amb obres que van continuar al llarg de 1938. Barracons de fusta, un búnquer , una granja amb cuina i altres edificis.

Al búnquer hi havia petites cel·les on es produïa la segregació i diverses tortures. Al campament també hi havia la plaça de trucades, on cada dia, al matí i al vespre, es feia la trucada general dels interns, el celler-bar, on es podien comprar cigarrets i, ocasionalment, fins i tot aliments com el nap melmelada, pasta de civada i cogombres. Els interns també tenien accés al paradoxal "museu del camp", on es guardaven figures de guix de presoners caracteritzats per discapacitats físiques particulars o defectes hereditaris (sens dubte en respecte als prejudicis racials nazis). De vegades, en aquest museu, com si es tractés d’una mena de zoo humà , fins i tot s’hi mostraven presoners colpejats públicament i fins i tot importants, com ara el bisbe Kozal, polítics, artistes, nobles, inclosos els ducs d’Hohenberg, fills de l’arxiduc Franz Ferdinand, hereu. al tron ​​austríac, va ser assassinat a Sarajevo el 1914. [13]

Les presons de Dachau eren un edifici estret molt llarg amb nombroses cel·les petites. Hi va haver qui va tancar els presos anomenats NN, les sigles Nacht und Nebel, Night and Fog. No se’ls permetia veure ningú i mai no els treien a l’aire lliure; van ser condemnats a un aïllament total durant anys i a la fàcil possibilitat de tornar-se bojos. El divendres abans del diumenge els nord-americans van alliberar el camp, 8.000 presoners van ser conduïts per les SS als "Trens de la Mort", inclosos els interns de reclusió; d’ells no n’has sentit a parlar mai [14] .

L'1 d'abril de 1938, els primers presoners van arribar al camp des d'Àustria recentment annexionats, sense cap mena de combat, amb l' Anschluss .

Presos en treballs forçats. Dachau, 28 de juny de 1938.

A l'agost d'aquell any es va escriure, clandestinament, la Cançó de Dachau [15] , una marxa amb text Jura Soyfer amb una tornada repetida diverses vegades: Arbeit macht frei. Jura Soyfer era un jueu d'origen ucraïnès que es va traslladar a Viena, va detenir i deportar a Dachau, on va escriure la cançó, en col·laboració amb el compositor vienès Herbert Zipper . Aquesta cançó dramàtica insta els companys presoners a no deixar-se aclaparar i brutalitzar per l’obra inhumana i bestial de Dachau, sinó a reaccionar al lema Arbeit macht frei , transcendint-lo també amb sofriment i estoïcisme per recuperar la dignitat humana danyada per la violència nazi, a resistir amb tota la força de la desesperació i l’orgull fins a l’últim atractiu, quan les portes del lager s’obriran cap a la inevitable llibertat. Dachaulied es va convertir en l'himne de la resistència antinazi i va donar esperança a milions de condemnats a mort durant l'Holocaust.

Text de la cançó Dachau (Arbeit macht frei)


Filferro de pues carregat de mort
s’estén al voltant del nostre món.
A dalt, un cel despietat
envia raigs freds i calents.
Lluny de nosaltres estem tots els amics,
lluny és casa, dones molt lluny
quan marxem a la feina,
per milers a l'alba.


Però hem après la contrasenya de Dachau
i ho hem respectat estrictament.
Sigues home, camarada,
segueix sent un home, company.
Feu tota la feina, treballeu, company,
des de la feina, la feina et fa lliure.


Arbeit macht frei!


Amb el canó de les armes posat
vivim dia i nit.
La vida aquí és una lliçó per a nosaltres
més difícil del que mai pensàvem.
Ja ningú compta els dies i les setmanes,
molts més ni tan sols els anys.
I després molts són destruïts i han perdut la seva aparença.


Arbeit macht frei!


Però hem après la contrasenya de Dachau
i ho hem respectat estrictament.
Sigues home, camarada,
segueix sent un home, company.
Feu tota la feina, treballeu, company,
des de la feina, la feina et fa lliure.


Arbeit macht frei!


Traieu la pedra, estireu la carretilla,
cap càrrega és massa pesada per a vosaltres.
El que eres en els dies llunyans
fa molt de temps que no hi estàs.
Plantar l’espadat a terra.
enterrar el dolor a l'interior,
et quedaràs en la suor
tu també pedra i acer.


Arbeit macht frei!


Però hem après la contrasenya de Dachau
i ho hem respectat estrictament.
Sigues home, camarada,
segueix sent un home, company.
Feu tota la feina, treballeu, company,
des de la feina, la feina et fa lliure.


Arbeit macht frei!


Només una vegada cridarà la sirena
l’últim tiratge compta.
Així que fora, on som?
company, estàs present.
La llibertat ens somriurà serenament,
anem endavant amb un nou coratge.
I la feina que fem,
aquest treball es fa bo.


Arbeit macht frei!

Mentrestant, les inspeccions internacionals que es van fer al camp van deixar satisfets els inspectors. El 19 d'agost, Guillaume Favre, membre del Comitè Internacional de la Creu Roja , va escriure un comentari molt favorable ignorant el que realment està passant a l'interior de les tanques. A l’octubre van arribar els primers presoners dels Sudets , la majoria jueus. A continuació, varis d'aquests van ser alliberats, però van ser convidats a deixar el país, deixant les seves mercaderies als seus llocs d'origen, que van ser comprats a bon preu pels alemanys.

Al curs de 1939, abans de l'esclat de la Segona Guerra Mundial , la persecució dels jueus es va fer encara més forta i es van promulgar lleis per expropiar els seus béns. Després, en l’aniversari de l’ Anschluss , molts austríacs van ser alliberats. La guerra ja estava a punt.

Del 1939 al 1941. Comença la guerra i arriben els primers presoners del front

Interns en el treball supervisats per SS i altre personal del camp.

L'1 de setembre de 1939, amb la invasió de Polònia per part de les tropes alemanyes, va trencar la Segona Guerra Mundial. Així va començar a arribar al camp, cada vegada més, presoners dels països ocupats. Aquests es van utilitzar tant en la indústria de guerra, per a la producció d'armes, com en altres activitats industrials i també a les pedreres o allà on es necessitava mà d'obra de baix cost.

Les noves regulacions sobre l' eutanàsia emeses per Hitler van reduir el nombre de presoners en mal estat de salut perquè simplement van ser assassinats.

Entre el 27 de setembre de 1939 i el 18 de febrer de 1940, molts presoners van ser traslladats a altres camps, com Buchenwald , Mauthausen i Flossenburg .

Amb principis de 1940 el control del camp va passar a la secció de les SS que s’encarregava de l’armament i de les fargues, fusteries i selleria. Recordeu que la sortida de l'any de la pel·lícula Charlie Chaplin , El gran dictador , que parla dels camps de concentració; l'actor, després de l'alliberament dels camps d'extermini i la revelació dels seus horrors, va lamentar que els representés a la seva pel·lícula, ignorant la barbàrie [ es necessita una cita ].

Antics presoners del Sonderkommando the Dachau fotografiats pels nord-americans mentre realitzaven una demostració de la tècnica utilitzada per introduir els cossos als forns fora de temps (1945).

Sempre nel 1940, di fronte al forte aumento del numero dei morti, si rese necessaria la costruzione di un crematorio in un'area alberata adiacente all'estremità del campo. In un capannone di legno, camuffato come una casa stile bavarese [16] , fu installato un forno crematorio JA Topf und Söhne , a doppia muffola, di modello identico a quello che la stessa ditta installò a Gusen di Mauthausen. Il capannone (come tuttora si vede) aveva sul davanti una grande porta a due ante che accedeva immediatamente al forno crematorio; i cadaveri venivano raccolti con carri che facevano il giro del campo e il caricamento dei cadaveri nei forni avveniva in un orario indicato dalle sette di sera alle sette di mattina, affinché la notte nascondesse le operazioni di cremazione [17]

Molti furono i religiosi rinchiusi a Dachau, ripartiti principalmente nel Blocco 26 e, in misura minore, nel 28. Nel gennaio 1941, su ordine di Himmler, nel Blocco 26, denominato appunto il "Blocco dei preti", venne costruita una cappella provvisoria. Ciò per accordi avuti con il Vaticano, accordi che prevedevano un trattamento migliore per i sacerdoti reclusi e anche di evitare la cremazione per quelli che vi fossero eventualmente deceduti. Un sacerdote venne autorizzato a celebrare la Messa ogni giorno, sotto la supervisione di una SS. A partire dal mese di aprile a tutto il clero cattolico vennero concesse, grazie a finanziamenti del Vaticano , razioni di cibo migliore. Il privilegio tuttavia portò ad una reazione degli altri detenuti e, per evitare disordini, nel mese di settembre tale privilegio venne annullato.

Sempre nel 1941 venne creata in infermeria una stazione sperimentale, che iniziò le attività con un trattamento omeopatico su 114 pazienti affetti da tubercolosi. Kapo in infermeria, per tutti i 6 anni della guerra, fu il detenuto Josef Heiden .

Dal 1º giugno fu istituito il Registro dei Decessi all'interno del Campo. Fino ad allora, il numero totale dei decessi in base al registro del comune di Dachau era di 3486 persone. Da ottobre 1941 arrivarono migliaia di prigionieri di guerra sovietici. Durante la guerra contro l'Unione Sovietica vennero reclusi a Dachau ragazzi tra i 12 ei 15 anni e perfino di 7 anni; cosa sia avvenuto di loro non si seppe mai.

Foto finale della dimostrazione sull'uso dei forni crematori da parte del Sonderkommando (1945).

Nel 1941 la Germania è vincitrice su tutti i fronti; l'esaltazione paranoide di Hitler è al massimo. Egli vede concretizzarsi il suo ideale di un nuovo potere mondiale nazista. Promette persino "Mille anni di felicità al popolo tedesco". La vittoria sembra vicina e nel nuovo ordine nazista non c'è posto per gli "indesiderabili", siano essi Ebrei, Polacchi, Russi ecc., che si possono ribellare al padrone tedesco, zingari, oppositori, asociali o di "vita indegna". Hitler ordina che i nemici del Reich siano eliminati senza pietà, "in un sol colpo" e una volta per sempre. Himmler le chiama "Grandiose azioni previste" ed esegue. Di conseguenza a ciò i campi in mano alle SS diventarono praticamente tutti campi di sterminio, da attuarsi soprattutto con il lavoro, mentre le Einsatzgruppen furono utilizzate come unità mobili di sterminio. [18] Dall'espropriazione coatta dei beni di milioni e milioni di Ebrei, slavi, zingari e deportati di ogni nazionalità, si ricavarono tonnellate d'oro, platino, argento, di altri metalli, oggetti e pietre preziose, valute nazionali e straniere, Titoli del Tesoro e Azioni per miliardi di marchi, beni mobili e immobili, opere d'arte, oceani di suppellettili, come masserizie, oggetti personali, calzature, pellicce pregiate ecc., il lavoro a costo zero di milioni di lavoratori schiavi e la pulizia etnica di immensi territori destinati all'annessione tedesca. Più si deportava, più si uccideva e più guadagnava. Ancora oggi si stenta a calcolare l'immenso tesoro sottratto.

A Dachau le SS iniziarono, prima nel cortile del bunker , poi a Hebertshausen, ad esercitarsi al tiro sparando sui prigionieri di guerra sovietici. Le vittime divennero subito migliaia. Il campo si trasformò quindi da campo di lavoro a vero e proprio campo di sterminio. Circa 30 000 persone vennero uccise, in gran parte da quel momento in avanti. Altre migliaia morirono di fame e di stenti a causa delle condizioni infernali di vita nel campo.

Gli anni dal 1942 al 1944, la macchina della morte

La stragrande maggioranza dei decessi tra gli internati a Dachau avvenne negli anni 1942-45. [14] In conseguenza del numero crescente di morti e di uccisioni, l'unico forno crematorio a doppia muffola, installato in un capannone di legno nel 1940 dalla JA Topf und Söhne , non fu più in grado di far fronte al compito d'incenerire tale massa di vittime.

Nel 1942 si rese quindi necessario iniziare la costruzione di un nuovo grande crematorio in muratura, denominato sinistramente Baracke X , che venne edificato accanto al primo. Esso fu dotato di un'ampia camera a gas e di una vasta sala d'incenerimento con quattro forni "Reform" (modello TII), installati dalla ditta Heinrich KORI GmbH di Berlino e realizzati con doppie porte per ridurre l'esplosione di calore quando venivano aperti.

Si deve notare che i forni di Dachau, come quelli di altri lager nazisti, non furono "forni crematori" nel senso più stretto del termine; un forno crematorio è progettato per cremare un corpo alla volta, seguendo un preciso ciclo di riscaldamento, d'incenerimento, di raffreddamento e di recupero delle ceneri.

Un forno che crema, invece, corpi in modo continuo è più esattamente chiamato "inceneritore". In questo caso le cremazioni sono effettuate senza periodo di raffreddamento e di recupero delle ceneri, dove nuovi corpi sono gettati nel forno senza aspettare la fine della cremazione precedente. Questo consentiva un risparmio sul combustibile e sul ricambio dei mattoni refrattari e ciò rendeva il costo di gestione di un "inceneritore" notevolmente inferiore a quello di un "crematorio", con un'efficienza di cremazione assai più elevata. La stessa ditta costruttrice, nelle sue istruzioni per l'uso ottimale dei forni crematori, conferma: «Nel forno crematorio a doppia muffola, riscaldato a coke, possono essere cremati dai 50 ai 100 cadaveri al giorno. Inoltre, ove l'Azienda lo richieda, le cremazioni possono essere effettuate incessantemente giorno e notte, senza che ciò ne risulti di sovraccarico per il forno. I mattoni refrattari durano di più se nel forno è mantenuta costante una temperatura uniforme.» Si stima che a pieno regime ci volessero circa 10-15 minuti per cremare un corpo. Neanche questa drammatica capacità distruttiva dei crematori era sufficiente a smaltire i corpi delle vittime, tanto che si doveva ricorrere anche allo scavo di fosse comuni. Inspiegabilmente il primo forno a sinistra dei quattro, quello sul lato della camera a gas, per ordine dei nazisti, veniva usato solo per gli Ebrei anche se dopo le ceneri venivano mischiate con quelle degli altri forni. [19]

Inizialmente si effettuava anche il recupero delle ceneri, vendute poi dentro a urne alle famiglie delle vittime che ne facevano richiesta. Le ceneri erano mischiate e non corrispondevano mai al nominativo segnato. Poi con il tempo questo bieco commercio non poté più essere effettuato e cessò e le ceneri vennero gettate in una profonda buca scavata nel terreno adiacente e da questa raccolte per essere adoperate come concime per i campi o altri usi. [20] . Una lapide lì posta ne commemora il punto.

Nel nuovo crematorio furono installate anche quattro piccole e basse camerette parallele, indiscutibilmente destinate alla fumigazione e alla sterilizzazione con gas di coperte e biancheria da letto per la disinfestazione da pidocchi e altri insetti, ma soprattutto per poter riciclare gli abiti tolti ai morti prima di essere cremati o quelli delle eventuali vittime dell'annessa camera a gas. Per scopi di sterminio venne invece costruita la grande camera a gas camuffata da " Sala doccia ", in tedesco Brausebad , come ancora oggi si legge sul cartello all'ingresso. Il vasto locale è dotato di porte ermetiche con spioncino e numerosi finti soffioni d'acqua incassati nel soffitto. Due sportelli esterni in ferro, con maniglia per l'immissione dei cristalli del gas Zyklon B nella camera, confermano le sue finalità omicide. Secondo i produttori del gas, assai notevole è la differenza di quantità di gas usata per lo sterminio degli insetti e quello di esseri umani: 0,3 grammi per metro cubo per uccidere esseri umani e ben 10 grammi per metro cubo per gli insetti; queste basse concentrazioni di acido cianidrico rendevano relativamente facile e poco costosa l'eliminazione di grandi numeri di vittime. Questa camera a gas è una delle poche, assieme a quelle di Sachsenhausen e Majdanek , che non è stata distrutta all'arrivo delle truppe di liberazione, com'è successo invece ad Auschwitz - Birkenau ed in altri campi di sterminio, in particolare in quelli liberati dall'esercito sovietico.

Per completezza di informazione occorre ricordare che l'effettivo utilizzo della camera a gas di Dachau è oggi fonte di discussione e di indagine storica.

  • Per alcuni, come il giornalista Martin Broszat, non ci sono dubbi in merito. [21]
  • La notizia è confermata dalla testimonianza di un deportato italiano, Enrico Vanzini . [22] Tuttavia, va detto che la testimonianza stessa di Vanzini è stata fortemente messa in discussione dall'ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti). [23]
  • La scrittrice e giornalista americana Martha Gellhorn , considerata una delle più grandi corrispondenti di guerra del XX secolo, nella sua visita a Dachau subito dopo la liberazione raccolse a caldo, tra le altre, anche questa testimonianza di ex-prigionieri e reduci del Sonderkommando di Dachau: «In febbraio e marzo scorso (1945), duemila uomini sono stati assassinati nella camera a gas perché, nonostante la prostrazione che impediva loro di lavorare, non avevano la grazia di morire da soli; quindi doveva pensarci qualcun altro. La camera a gas era quella che faceva parte del crematorio.» [12] Da quanto è narrato in queste testimonianze si ha conferma che la camera a gas di Dachau era in funzione. Le indagini della giornalista americana si trovano anche su Oldmagazinearticles. [24]
  • Un aspetto a favore di questa tesi è che i prigionieri da eliminare non potevano essere più inviati ad altri centri di sterminio poiché già dal gennaio del '45 questi erano stati tutti smantellati. Da questa data e fino ad aprile '45, alla liberazione del campo, ciò fa supporre quindi che almeno in questi ultimi mesi la camera a gas sia stata operativa. [25]
  • Nel documentario Dachau-baracca 8, numero 123343 , che Rai Storia ha mandato in onda il 24 gennaio 2013, si racconta come il Vanzini, già citato sopra, venne costretto a far parte, per quindici giorni, del Sonderkommando , la squadra speciale di detenuti, utilizzata per rimuovere i corpi degli ebrei e di altri sventurati uccisi nella camera a gas, e per portare i cadaveri nei forni crematori. «A Dachau c'erano due crematori e una camera a gas. - ha riferito - Quante persone venivano bruciate ogni giorno! Poveri, poveri ragazzi. Quando entravamo nella camera a gas vedevamo i corpi di questi uomini abbracciati gli uni agli altri... e non avevamo il coraggio di andarli a prendere! ...sono arrivato nell'ottobre del 1944, all'età di 23 anni, e ci sono rimasto fino a che non sono arrivati gli americani». [20]
  • L' United States Holocaust Memorial Museum scrive invece che "non esiste alcuna prova credibile che la camera a gas della baracca Dieci sia mai stata usata per assassinare esseri umani", [26] aggiungendo però che tra le modalità usate dalle SS per uccidere i prigionieri ci furono anche l'impiego del poligono di tiro e del patibolo, che si trovavano nell'area dei forni crematori.

Un altro metodo utilizzato nel campo per sopprimere i prigionieri non più adatti al lavoro fu anche quello delle iniezioni letali, in particolare a partire dal 1942. [27]

La sperimentazione per testare vari effetti sull'organismo umano e le condizioni di vita nel campo

Il 22 febbraio iniziarono sperimentazioni su vasta scala ed i medici vennero incaricati di testare gli effetti sull'organismo umano della permanenza ad alta quota e della caduta improvvisa da una grande altezza. Tali studi servirono per i piloti della Luftwaffe e venne appositamente costruita una camera a vuoto tra il Blocco 5 e le baracche adiacenti. La serie di prove nella seconda metà di maggio 1942 costò la vita a circa 200 detenuti. Tra i medici coinvolti in tali esperimenti occorre ricordare Wilhelm Beiglböck , che fu giudicato e condannato nel processo di Norimberga , al termine del conflitto mondiale [28] . Quasi contemporaneamente Claus Schilling iniziò i suoi primi esperimenti per lo studio di farmaci contro la malaria e le malattie tropicali. 1 100 prigionieri vennero infettati e utilizzati come cavie. Nel mese di giugno venne istituita una stazione di ricerca biochimica, sotto la direzione di Heinrich Schütz.

Oltre a ciò vi furono esperimenti come quello di far bere acqua salata o di congelare un ebreo in acqua fredda per poi cercare di rianimarlo; fu tentata persino la rianimazione con il calore animale usando prostitute del campo. Ciò poteva servire a un aviatore tedesco in seguito a un atterraggio col paracadute e svenimento per il freddo. Si sono trovate lettere di medici nazisti che ammettevano di aver annegato nell'acqua le cavie umane ancora svenute. Per sperimentare i nuovi farmaci fu inoculata la malaria, batteri del tetano , della gangrena , del tifo petecchiale , della tubercolosi e della peste , fortemente settici. Si tentarono inoltre esperimenti di sterilizzazione sugli Ebrei con raggi X e con sostanze acide inoculate nelle donne ebree nelle parti intime. Furono amputati arti, teste, organi e ricavati scheletri per le università tedesche.

Malgrado le uccisioni e le sperimentazioni, le condizioni di vita nel campo divennero più accettabili per quella parte dei prigionieri che erano utilizzati come forza lavoro. Contemporaneamente le nuove disposizioni di Himmler fecero affluire ai vari campi un numero sempre maggiore di ebrei. Alla fine del 1942 si ebbe un'epidemia di tifo, trasmessa dai pidocchi per le scarse condizioni igieniche. Il campo venne messo in quarantena e, a causa di questo problema, le SS non entrarono per alcuni mesi nel campo, sino al 15 marzo 1943, con vantaggi per gli internati. Tuttavia subito dopo, per gli atti di sabotaggio, si registrarono le esecuzioni di un numero compreso tra gli 800 ed i 1 000 prigionieri.

L'utilizzo di strutture esterne per le uccisioni di massa

L'autobus blu destinato al trasferimento di disabili e inabili al lavoro provenienti dai lager , per essere uccisi nella camera a gas del Castello di Hartheim . Non si hanno testimonianze dirette di cosa avvenne in realtà in quel luogo poiché delle circa 30 000 persone che vi furono inviate nessuna sopravvisse per poterlo poi raccontare.

Precedentemente, e cioè dal 2 gennaio 1942, aveva avuto inizio il trasporto di prigionieri disabili e improduttivi da Dachau verso il Castello di Hartheim , centro dell'eutanasia nazista denominata Aktion T4 , presso Linz in Austria, per essere eliminati con il gas. Più esattamente i deportati selezionati per essere soppressi seguivano l' Aktion 14F13 , l'azione più segreta e proprio specifica per l'uccisione dei prigionieri dei campi di concentramento, fossero essi malati, invalidi, fisicamente esauriti e comunque inabili al lavoro. I nazisti, colossali imprenditori di manodopera schiava, li consideravano bocche inutili da sfamare, letteralmente "zavorra umana" ( Ballastexistenzen ) da far sparire. Nella logica criminale nazista, qualunque prigioniero considerato un "peso morto", cioè inutile e costoso all'economia del Reich , doveva essere condannato a morte immediata; prima lo si eliminava e più si risparmiava.

Il centro di sterminio di Hartheim, avviato il 1º settembre 1939, era chiamato in modo sarcastico il "Sanatorio di Dachau", per coprirne le reali finalità omicide. Nel primo anno ci furono 32 spedizioni, per un totale di circa 3 000 deportati uccisi. In questo castello giunsero trasporti da vari lager , tra cui Dachau e Mauthausen/Gusen per un totale di circa 8 066 vittime riconosciute. Si stima che in questo Castello furono assassinate circa 30 000 persone. In particolare le vittime di Dachau ad Hartheim, nel periodo 1942-44, furono 3 166.

Dal 1944 alla Liberazione

Nel 1944, i campi di concentramento ad est, per lo spostamento del fronte, vennero evacuati. In febbraio, nel cortile del crematorio, le SS fucilarono 31 ufficiali sovietici. Il giorno 11 maggio venne creato un bordello nel campo, con sei donne arrivate da Ravensbrück, con lo scopo di premiare il lavoro straordinario tra i detenuti e incrementarlo ulteriormente. Verso la fine dell'anno tuttavia venne chiuso. Il 6 luglio arrivarono detenuti dal campo di Compiègne . Di questi 2 521 prigionieri, 984 erano già morti. Contemporaneamente negli uffici delle SS arrivò, attraverso la radio, la notizia dello sbarco alleato in Normandia. Continuarono anche gli esperimenti medici, ad esempio per l'utilizzo di acqua di mare da bere. Vennero coinvolti 44 detenuti sinti e rom.

Documento originale, del comando di Dachau, riguardante un trasporto di prigionieri da Mühldorf ad Auschwitz . (25 ottobre 1944).

Nell'agosto del 1944 venne aperto un campo femminile all'interno di Dachau: il primo convoglio di donne proveniva da Auschwitz-Birkenau . Solo diciannove donne guardie servirono a Dachau, molte delle quali fino alla liberazione del campo, e in totale solo sessantatré prestarono servizio nei vari sottocampi del complesso di Dachau. Conosciamo il nome di sedici di queste: Fanny Baur , Leopoldine Bittermann , Ernestine Brenner , Anna Buck , Rosa Dolaschko , Maria Eder , Rosa Grassmann , Betty Hanneschaleger , Ruth Elfriede Hildner , Josefa Keller , Berta Kimplinger , Lieselotte Klaudat , Thereia Kopp e le graduate Eleonore Bauer , Rosalie Leimboeck e Thea Miesl .

Nell'autunno del 1944 il campo era sovraffollato: le camerate previste per 52 persone ospitavano 300-500 persone. Vennero uccisi altri 92 ufficiali sovietici nel cortile del crematorio. In novembre ancora una volta si ebbe un'epidemia di tifo. I tassi di mortalità aumentarono: 403 morti in ottobre, 997 in novembre e 1 915 in dicembre. Il 17 dicembre il diacono Karl Leisner venne segretamente ordinato sacerdote dal vescovo francese Gabriel Piguet (Karl Leisner venne beatificato da Papa Giovanni Paolo II nel 1996). Oltre a tutto questo il campo fu teatro di numerosi esperimenti su detenuti; cavie umane nel gergo del lager chiamate Versuchskaninchen . Questi esperimenti, mortali il più delle volte, vennero eseguiti allo scopo di trovare rimedi per i problemi dei soldati dell'esercito nazista impegnati su fronti diversi, come in caso di congelamento in acqua o alta pressione in volo, problemi di tubercolosi e altre malattie di cui si studiavano nuovi farmaci.

Con l'inizio del 1945 arrivarono sempre più numerosi i prigionieri da altri campi, che erano stati evacuati per l'avvicinamento del fronte. Il sovraffollamento biblico ed epidemie endemiche come la febbre tifoide , fecero salire ancora il numero dei decessi: 2 903 morti in gennaio, 3 991 in febbraio e 3 534 in marzo. Morirono pure molti medici ed infermieri contagiati. Agli inizi di aprile, con gli Alleati ormai vicini, le SS cominciarono a bruciare i documenti, e l'avvicendamento al comando divenne più rapido.

A metà di aprile del 1945, i sottocampi di Kaufering , Augusta e Monaco vennero abbandonati, le guardie delle SS vennero trasferite tutte a Dachau, e alcune di loro fornirono ai prigionieri diverse pistole poco prima della liberazione del campo, nella speranza di aver salva la vita nel dopoguerra.

Occorre ora fare un piccolo passo indietro e tornare al settembre del 1944. I successi degli Alleati, che avanzavano sempre più profondamente nei territori precedentemente occupati dai nazisti, crearono nel campo un clima fervente di attesa per la liberazione e di angoscia nei loro aguzzini.

Un gruppo di prigionieri impiegati in infermeria diede vita all'IPC (Comitato Internazionale dei Prigionieri), che all'inizio comprendeva un internato di origine albanese, uno di origine polacca, uno belga ed uno canadese di lingua inglese. Questi quattro, Kuci, Malczewski, Haulot e O'Leary iniziarono a contattare anche altri rappresentanti di diverse nazionalità. L'IPC divenne subito un punto di riferimento per tutti i detenuti e incominciò ad organizzare una sorta di resistenza interna, per ridurre al massimo le conseguenze sui detenuti delle pessime condizioni nelle quali versava il campo a causa del sovraffollamento. [29]

Ultimi giorni di Dachau

Gli ultimi giorni di attività del campo videro ancora l'arrivo di nuovi detenuti, ad esempio da Buchenwald, stremati e spesso morti durante i trasferimenti. Il 28 aprile il nuovo comandante Max Ulich, che voleva evitare inutili perdite contro le forze degli Stati Uniti, organizzò la resa. Nella città di Dachau si ebbe una rivolta, che coinvolse anche prigionieri. Dalla radio giungevano ancora ordini di resistere, ma ormai non era più possibile evitare la capitolazione.

Le Marce della morte furono una forma di sterminio tardiva ma volutamente pianificata. Gli ordini di Himmler erano di eliminare tutti quelli che non erano in grado di proseguire; il 14 aprile 1945 aveva emanato l'ordinanza per il massacro totale dei prigionieri; nessun deportato doveva cadere vivo nelle mani degli alleati. I superstiti furono caricati a migliaia su diverse navi minate tedesche come il Cap Arcona e il Deutschland per essere affondati nel Mar Baltico ea migliaia vi morirono, ironia della sorte, per i bombardamenti degli alleati, convinti di colare a picco navi naziste.

Un deportato proveniente da Hersbruck raccontò la sua lunga marcia della morte attraverso la Germania, per arrivare infine a Dachau. L'ultimo tratto venne percorso su un vagone ferroviario, insieme ad altri compagni ormai stremati, ed all'arrivo alla piccola stazione del campo tutti i compagni erano ormai morti e solo lui poté scendere «Di cento che eravamo stati fatti salire su quel carro, solo io riuscii a scendere, gli altri erano tutti morti durante la nottata.» [30]

L'ultimo leader dei prigionieri del campo fu Oskar Müller (un antifascista ), che divenne in seguito Ministro del Lavoro del Land tedesco dell' Assia . Secondo i racconti di Padre Johannes Maria Lenz , Müller inviò due prigionieri per informare l'esercito americano che il campo doveva essere liberato, dato che i nazisti si stavano preparando ad uccidere tutti i prigionieri ancora in vita.

Dachau venne utilizzato come campo centrale per i prigionieri di religione cristiana : secondo i resoconti della Chiesa Romana poco meno di 3.000 religiosi , diaconi , sacerdoti e vescovi vennero imprigionati. Tra gl'internati cristiani, figure particolarmente importanti furono Karl Leisner , già ricordato, e Martin Niemöller (teologo protestante e leader della resistenza anti-nazista). In totale, più di 200 000 prigionieri provenienti da 30 diversi paesi vennero internati a Dachau.

29 aprile 1945, la Liberazione di Dachau

Domenica 29 aprile 1945, il giorno prima che Hitler si suicidasse, entrarono nel campo di Dachau due divisioni di fanteria statunitensi, la 42ª e la 45ª . I pochi uomini delle SS-Totenkopfverbände ancora rimasti all'interno del campo, offrirono poca resistenza. Il campo di concentramento di Dachau fu il penultimo dei grandi campi ad essere liberato, sei giorni prima di Mauthausen, liberato il 5 maggio 1945. Al suo interno rimanevano ancora 32 335 prigionieri.

Il primo carrarmato americano entrando a Dachau sparò due cannonate demolendo una torretta; con altre due aprì una breccia nel muro opposto al cancello rendendo visibili per la prima volta ai prigionieri le dieci ville degli ufficiali nazisti, che si trovavano all'esterno del campo.

Ma già una furiosa battaglia infuriava fuori dal lager tra SS e americani, che durò dalla mattina di domenica 29 aprile fino alle cinque del pomeriggio; gli americani dall'esterno del lager avvertivano i prigionieri con megafoni in tutte le lingue di rifugiarsi nelle baracche per evitare pallottole vaganti. [31]

Ecco come il tenente colonnello Walter Fellenz della Settima Armata americana descrisse il saluto dei 32 000 prigionieri superstiti all'arrivo degli americani a Dachau:

A diverse centinaia di metri all'interno del cancello principale, abbiamo trovato il campo di concentramento. Davanti a noi, dietro un recinto elettrificato di filo spinato, c'era una massa di uomini, donne e bambini plaudenti, mezzi matti, che salutavano e gridavano di gioia – i loro liberatori erano arrivati! Il rumore assordante del saluto era di là della comprensione! Ogni individuo degli oltre 32 000 che poteva emettere un suono lo faceva, applaudiva e urlava parole di giubilo. I nostri cuori piangevano vedendo le lacrime di felicità cadere dalle loro guance.

Gli americani vengono guidati da alcuni prigionieri russi nel bunker sotterraneo dove si effettuavano esperimenti ed interventi chirurgici su cavie umane; qui trovano venti donne e dieci guardie delle SS che lì si erano nascosti sperando di farla franca; li arrestano immediatamente. Osservano gli strumenti e la sala operatoria dove si asportavano, tra l'altro, organi da individui sani per essere inviati alle università tedesche. Vi è un montacarichi che serviva per portare in superficie i cadaveri mutilati delle vittime pronti per essere messi su carri tirati a mano ed avviati ai forni crematori; testimoni dicono agli allibiti americani che le cavie umane venivano operate anche in vivisezione senza anestesia. Gli americani giravano per il campo ripetendo in continuazione: "Orrendo!" [32] Tra i fotografi ad entrare per primi nel campo dopo la sua liberazione, al seguito delle truppe americane, vi fu anche Lee Miller Penrose , [33] famosa ex modella di Vogue ormai divenuta una fotoreporter di guerra.

Le truppe americane, dopo aver liberato Dachau, marciarono verso Monaco di Baviera , a pochi chilometri di distanza, ed entrarono in città il giorno successivo. I sottocampi vennero liberati lo stesso giorno, compreso il campo di Kaufering/Landsberg, dove era rinchiuso Viktor Frankl . Anche i trasporti di prigionieri, che erano nelle vicinanze di Monaco di Baviera, vennero raggiunti e liberati come il capoluogo, il 30 aprile. Tra i prigionieri liberati in questa occasione è da ricordare Max Mannheimer , che si trovava in un convoglio nei pressi di Seeshaupt .

Soldati delle SS e il generale Henning Linden durante il passaggio delle consegne, a seguito della liberazione del campo di concentramento. Il generale USA è al centro col casco con la rete.

La liberazione di Dachau e la scoperta degli orrori che vi avvenivano, lasciò sgomenta l'opinione pubblica del britannica e statunitense , non solo perché era il secondo campo di concentramento ad essere liberato dagliAlleati occidentali, ma anche, e soprattutto, perché fu il primo sito ad ovest, nel quale si venne pienamente a conoscenza del reale dramma dei lager nazisti. Gli americani trovarono oltre 32 000 prigionieri in condizioni pietose e altri 1 600 ormai in fin di vita in 20 baracche del campo, che contenevano circa 250 persone ciascuna. I soldati americani scoprirono inoltre 39 vagoni ferroviari contenenti un altro centinaio di corpi di prigionieri morti ammassati.

Oltre a ciò i detenuti continuavano a morire come mosche; vi erano corpi in avanzato stato di decomposizione e si rischiavano gravi epidemie oltre a quelle già presenti. Gli americani fecero riaccendere i forni e in quattro giorni fecero cremare 741 corpi, ma non bastava. Tra i soldati statunitensi vi era anche il futuro scrittore JD Salinger , che anni dopo dirà alla figlia " È impossibile non sentire più l'odore dei corpi bruciati, non importa quanto a lungo tu viva. " [34]

Si rese subito necessario scavare vaste e profonde fosse comuni e con le ruspe gettarvi dentro cadaveri in numero impressionante.

Vi erano soldati americani avvezzi alle più crude atrocità della guerra ma che qui, a Dachau, piangevano nel vedere quegli scheletri viventi in "pigiama" a strisce, sporchi, laceri, traballanti fantasmi ancora in piedi, dagli enormi occhi assenti, che venivano piano piano loro incontro e che provavano a sorridere oa parlare; molti cadevano a terra, un guizzo e spiravano; musulmani ( muselmann ) li chiamano nel gergo dei lager , perché stremati, cadevano spesso in ginocchio con le braccia in avanti a terra e il capo chino come nella tipica posa dei musulmani che pregano.

Morivano anche detenuti che al momento, con gli aiuti, avevano potuto finalmente mangiare a sazietà; il loro stomaco si era troppo ristretto e letteralmente scoppiava per il tanto cibo. Nel campo prigionieri affamati erano arrivati persino a cibarsi di topi e vi furono anche diversi episodi di cannibalismo su cadaveri.

Bisognava disinfettare il campo dai pidocchi e altri parassiti e gli americani usarono il DDT ancora sconosciuto in Europa. Nonostante le cure, i morti si contavano a migliaia nei giorni successivi alla liberazione e in quello spaventoso maggio del 1945. [35]

Dal luglio 1945 il campo venne utilizzato come prigione per graduati e ufficiali SS, ed al suo interno si tennero pure le sedute del tribunale militare per il processo che riguardò i crimini commessi a Dachau, e questo fino al 1948. In seguito venne usato come ricovero per i profughi tedeschi.

Il 16 ottobre 1946 i forni crematori di Dachau vennero riaccesi per l'ultima volta: vennero cremati i 12 cadaveri dei gerarchi nazisti condannati all'impiccagione per sentenza del Processo di Norimberga . Si ripeté la tecnica di inserimento dei corpi nei forni ma stavolta a finirci dentro furono gli stessi apostoli del Nazismo, condannati per crimini contro l'umanità: Hermann Göring, von Ribbentrop, Keitel, Kaltenbrunner, Rosenberg, Frank, Frick, Streicher, Sauckel, Jodl, Seyß-Inquart e gli altri, passarono anche loro per il famigerato camino e le loro ceneri vennero poi gettate nel rio Conwentz.

Dal 1945 al 1948. La gestione americana. Processi e detenzione di militari e criminali di guerra tedeschi

Dachau inizialmente, su ordine del comando americano, fu messo in quarantena, a causa dell'epidemia di tifo presente nel sito. Questa, unita alla malnutrizione che aveva indebolito i prigionieri, decimò i sopravvissuti, provocando oltre 2 000 decessi. [36] Il campo, durante questa emergenza, servì come carcere per i detenuti e come rifugio per le persone senza fissa dimora ed ex-malati. Venne annunciata in quei giorni la costituzione di un Comitato internazionale degli internati. Dal mese di luglio 1945 fino al 1948 le autorità militari statunitensi utilizzarono il campo di Dachau per i prigionieri militari tedeschi e criminali di guerra, arrivando anche a 30 000 internati.

Circa tre anni e mezzo dopo la liberazione, nel mese di settembre 1948, l'esercito americano consegnò il sito alle autorità bavaresi: da quel momento Dachau venne utilizzato come campo profughi.

Il massacro di Dachau

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Massacro di Dachau .

Nel corso della giornata della liberazione, il 29 aprile, per cause che furono in seguito oggetto di indagine militare, decine (se non centinaia) di guardie delle Waffen-SS, che si erano già arrese, vennero uccise in vari momenti dai soldati statunitensi e dai prigionieri appena liberati. Questo tragico episodio, alla conclusione dei 12 anni di vita del campo, è noto come massacro di Dachau . Pare accertato che, dopo la resa del campo, diversi soldati statunitensi, inorriditi per le condizioni dei prigionieri, avessero iniziato ad uccidere sommariamente una ad una, tutte le guardie del campo. Alcune fonti parlano di sole 35 guardie naziste fucilate e di altre 515 arrestate o fuggite. [37] Gli statunitensi inoltre, non si opposero al giustizialismo dei detenuti verso i loro ex-aguzzini; lo ritennero un loro diritto. Vi furono cacce al nazista e diverse esecuzioni e linciaggi. Vennero saccheggiate le ville degli ufficiali nazisti fuori dal campo e poi gli statunitensi, per impedire disordini gravi, imposero ai prigionieri il ritorno nel lager, debitamente sfamati ed assistiti. Poi fecero sfilare nel campo, obbligatoriamente, la popolazione di Dachau affinché vedesse con i suoi occhi gli orrori del campo. [35]

Il processo di Dachau

Processo di Dachau. Il tribunale militare in seduta. 25 settembre 1947.

La cittadina, alla fine della guerra, divenne sede di uno dei tribunali militari costituiti dagli Alleati con il compito di giudicare crimini e criminali nazisti. Il tribunale fu insediato alla fine del 1945, nell'ex lager , e dal 15 novembre al 13 dicembre ebbero luogo le sedute principali del processo di Dachau, contro il comandante del campo e altri 39 membri del personale. Le prove portarono alla condanna a morte per impiccagione di 36 dei 40 imputati. Nel maggio 1946 vennero eseguite 28 delle condanne a morte delle 36 comminate. Anche altrove si svolsero processi simili e gli imputati erano per lo più i membri delle SS che avevano prestato servizio ad Auschwitz ed ai sottocampi di Dachau.

Processo di Dachau. Frederick Hoffman, un prete cattolico di origine ceca testimonia al processo. 22 novembre 1945.

Tali processi si celebrarono sino all'anno 1948 presso il sito del campo. Oggetto dei processi i crimini di guerra, come l'Olocausto. Furono oggetto di indagine anche gli esperimenti medici sui detenuti. Frederick Hoffman, un prete cattolico ceco, ex internato nel campo, tra i primi a testimoniare, raccontò, presentando documentazioni personali, che 324 preti cattolici, a seguito di sperimentazioni sulla malaria, morirono durante la loro detenzione. Tuttavia la guerra fredda , che sarebbe iniziata di lì a poco, ridusse la portata di questi processi. Nel 1949 la competenza passò alla neonata RFT , molti delitti caddero in prescrizione, con la sola eccezione dell'omicidio premeditato.

Dopo la guerra nel campo fu internato un gran numero di militari e graduati delle SS, fatti prigionieri dagli Alleati (si arrivò al numero di 25 000), che soffrirono per anni la fame. A partire dal 1946 e soprattutto nel 1947, dopo indagini e serrati interrogatori, molti vennero rimessi in libertà.

La vita nel campo

Scorcio del campo di Dachau nei primi giorni della Liberazione (Foto del 3 maggio 1945).

Quando i prigionieri arrivavano al campo venivano picchiati con 25 bastonate di benvenuto ed alcuni di loro non sopravvivevano. Le guardie poi dicevano esplicitamente loro che non avevano diritti, né onore né difesa

Dopo averli insultati, rasati, e privati di tutti i loro averi entravano nel campo. Le SS potevano uccidere chiunque. Le punizioni includevano quella di essere appesi per le mani dietro la schiena a ganci per ore, abbastanza in alto da non toccare terra con le punte dei piedi; essere frustati su cavalletti, battuti con fruste di cuoio bagnato ed essere messi in isolamento per giorni in stanze troppo piccole per potersi sdraiare.

Il campo dei prigionieri era formato da 34 baracche disposte su due file separate da un lungo viale alberato; 15 di esse erano suddivise ciascuna in 4 camerate (Stuben), ognuna con un vano soggiorno e un dormitorio; ogni due camerate vi era un lavatoio e una serie di gabinetti. I posti letto per camerata erano per 52 deportati, per un totale, quindi, di 208 a baracca. In periodi di maggior affollamento si arrivò ad ospitare fino a 1768 detenuti a baracca, con condizioni igieniche indescrivibili, tanto che scoppiavano violente epidemie. 5 baracche delle 34, erano adibite ad area ospedaliera ( Krankenbau ), poi divenute 13. Una baracca era adibita a zona di lavoro e la prima a sinistra a spaccio, sempre sprovvisto. Le prime due baracche a destra erano adibite ad infermeria e una parte della seconda fungeva da obitorio. L'infermeria fu tristemente nota a causa dei raccapriccianti esperimenti su cavie umane effettuati dal dott. Rascher e dal prof. Schilling su inermi deportati che vi perirono a migliaia.

I deportati "indisciplinati" o "incorreggibili", erano destinati a detenzione particolarmente dura, venivano rinchiusi nelle baracche di punizione, denominate strafblocke . Sono da segnalare la baracca n. 26, la "baracca dei preti", che era destinata ai religiosi detenuti, e quella definita di "disinfezione", staccata dal corpo centrale, tuttora visibile. Oggi sono rimaste poche baracche (le altre sono state distrutte). All'interno sono state fedelmente ricostruite, per i visitatori.

Alle delegazioni tedesche e straniere in visita al campo veniva mostrata solo parte del campo stesso, perché si voleva che se ne ricavasse l'impressione di un luogo ordinato, efficiente e moderno, e che gli internati apparissero come appartenenti ad una razza "inferiore". Gli internati poi erano soggetti a lavori forzati, per la normale manutenzione prima e per il rifacimento del campo stesso a partire dal 1937.

Nel corso degli anni le condizioni di vita peggiorarono sensibilmente. Pur non essendo ufficialmente un campo di sterminio, ma semplicemente di lavoro, il numero di morti fu impressionante. Con l'introduzione delle disposizioni sull' eutanasia alcune baracche del campo, la 29 e la 30, divennero le anticamere della morte, con detenuti in cattive condizioni di vita e destinati alla soppressione ed al forno crematorio. [38]

Il regolamento disciplinare

L' SS-Obergruppenführer Theodor Eicke , Comandante del campo di Dachau dal 1933 al 1934. Violento e sanguinario, si distinse per la sua particolare efferatezza e sadica brutalità verso i prigionieri.

Nell'ottobre 1933 venne emanato il regolamento del campo di concentramento di Dachau. Questo conteneva ordini di servizio per le SS addette alla sorveglianza e brutali sanzioni per i detenuti. Tale regolamento, messo a punto da Theodor Eicke , doveva spezzare la personalità degli internati e impedire ogni tentativo di fuga, e prevedeva pene corporali ed esecuzioni.

A titolo di esempio vengono qui riportati solo alcuni punti di tale regolamento.

Per il personale di sorveglianza
  • chi dovesse lasciar fuggire un detenuto verrà arrestato e consegnato alla polizia bavarese con l'accusa di liberazione per negligenza di un detenuto.
  • Se un detenuto tenta la fuga si deve sparare senza preavviso. Se una guardia, nell'esecuzione dei suoi doveri, dovesse uccidere un detenuto che tenta di fuggire, non ne subirà conseguenze penali.
  • Se dovesse ammutinarsi un reparto di detenuti, tutte le guardie presenti dovranno aprire il fuoco sui rivoltosi, senza colpi di avvertimento.
Per i detenuti
  • punto 6 - Chi assuma un atteggiamento ironico nei confronti delle SS, chi ometta intenzionalmente il saluto regolamentare o chi rifiuti di sottomettersi alla disciplina, verrà punito con otto giorni di arresto e con venticinque bastonate all'inizio ed alla fine di tale periodo.
  • punto 12 - Chi aggredisce una guardia, chi rifiuta di lavorare, chi istighi alla rivolta, chi lascia una colonna o il posto di lavoro, chi durante queste attività scrive, sobilla o tiene discorsi viene passato per le armi sul posto o successivamente impiccato.

La cittadina di Dachau e il campo di concentramento

Verso gli ultimi mesi del 1919, in conseguenza della fine della prima guerra mondiale , la fabbrica di polvere da sparo della cittadina di Dachau cadde in abbandono e venne chiusa. Questa fabbrica rappresentava la colonna portante dell'economia locale e in ripercussione di ciò, per anni, la popolazione locale subì la disoccupazione e la miseria. [39] L'apertura di un campo quindi, sul sito della vecchia fabbrica in disuso, riportò la speranza di una rinascita della zona, che tuttavia non si realizzò nelle forme sperate. Inizialmente la struttura si limitò al campo principale, situato in prossimità della ferrovia, e solo in seguito venne gradualmente ampliato.

Il campo fu suddiviso nel tempo in varie aree, tra le quali:

  • zona alloggi per i prigionieri, 34 grandi baracche divise in due file da un lungo viale alberato, incluse in un recinto rettangolare di 600 per 300 metri di lato,
  • alloggiamenti SS,
  • il Bunker con le prigioni,
  • depositi e rimesse per veicoli,
  • zone agricole con fattoria,
  • campo di tiro,
  • zona dei forni crematori, area alberata a forma di trapezio rettangolo adiacente per il lato obliquo all'estremità esterna destra del campo in cui si trovano, un capannone di legno dipinto come una casa tipica di villaggio di campagna bavarese, contenente un forno crematorio doppio e un grande edificio in muratura all'interno del quale vi sono quattro forni con annessa camera a gas e camerette per la fumigazione dei tessuti da disinfettare,
  • cimitero.
Fürstenfeldbruck , nei pressi di Dachau, monumento alle vittime della marcia della morte.

Il campo principale, completato il 21 marzo 1933, venne visto nei primi anni come una risorsa economica importante.

I prigionieri vennero impiegati, in seguito, per incarichi di lavoro anche fuori del campo, e questo coinvolse sia singoli individui che migliaia di prigionieri, a seconda delle esigenze. Talvolta gli interventi esterni, se i detenuti avevano anche un posto dove stare, fecero sorgere strutture secondarie, i sottocampi. Al comando di questi, se le dimensioni lo permettevano, vennero chiamati anche prigionieri con incarico di funzionari.

Il sindaco di Dachau, Lambert Friedrich, in un suo memorandum del 1936, scriveva: «Gli affari, l'artigianato e l'industria hanno fatto registrare un forte rilancio grazie alla intensa attività nel settore delle costruzioni, specialmente nei due campi delle SS (KLD e II SS Deutschland )».

In seguito, nel 1937, il comando del campo chiese un regolare collegamento con mezzi pubblici tra Dachau ed il campo di concentramento: ciò per permettere, principalmente, alle guardie del campo di potersi spostare in città. In una sua lettera, il nuovo sindaco, Hans Cramer, rispose positivamente, adducendo motivazioni economiche. La nuova linea di autobus richiesta fu inaugurata il 22 novembre 1937. La popolazione locale fu coinvolta solo parzialmente nella vita del campo, ad esempio quando si assisteva alle marce delle colonne dei prigionieri diretti ai luoghi di lavoro.

Il Memoriale

«Ricordiamo che questo è stato»

( Epigrafe del Giorno della Memoria del 27 gennaio )
Comitato Internazionale di Dachau: il Memorial.

Nel 1955 gli ex prigionieri sopravvissuti del Lager di Dachau, che avevano costituito il Comité International de Dachau , decisero di erigere un monumento a ricordo dell'immane tragedia che in quel luogo si era consumata. Il Memorial è stato realizzato in dieci anni di lavori e, nel maggio 1965, 20 anni dopo la liberazione, fu aperto il primo grande Memorial di un Lager sul territorio della Repubblica federale tedesca. Un paio di baracche sono state ricostruite, per mostrare al visitatore le condizioni di vita nel campo ed una è visitabile anche con i suoi interni in legno ed i servizi. Le baracche originarie erano state in gran parte abbattute e le poche ancora in piedi, al momento della ricostruzione, erano in condizioni pietose. Delle altre 32 baracche che costituivano il campo sono rimaste le indicazioni delle fondamenta in cemento. Il Memorial , ricostruito nel 2003, è stato integrato con diversi documenti e reperti forniti da ex-internati. Il Memorial comprende inoltre quattro cappelle in rappresentanza delle varie religioni professate dai prigionieri.

  • Memorial ebraico
  • Chiesa protestante
  • Cappella cattolica (ospita gli affreschi di Nicola Neonato )
  • Cappella russo-ortodossa

Atti vandalici contro la memoria

Il cancello con la scritta Arbeit Macht Frei venne danneggiato nella notte tra il 1° e il 2 novembre del 2014 e la scritta rubata. L'episodio attirò l'attenzione internazionale perché rinnovava la grave profanazione che già si era avuta ad Auschwitz con l'analogo furto [40] .

Dirigenti del lager di Dachau e personale di rilievo

Ufficiali che si sono succeduti al comando

Martin Weiß, ufficiale SS responsabile di gravi crimini nel Ghetto di Vilna, imputato al processo di Dachau nel dicembre del 1945.
Impiccagione di Rudolf Höß, ex Comandante del Lager di Auschwitz. L'esecuzione della sua condanna per crimini contro l'Umanità avvenne nello stesso campo di Auschwitz il 16 aprile 1947. Höss era stato allievo di Theodor Eicke nei primi anni di Dachau.

Altri ufficiali

  • Adolf Eichmann (da gennaio a ottobre del 1934). Eichmann ha sostenuto, durante il processo in Israele, che la sua unità non aveva nulla a che fare con il campo di concentramento. [41]
  • Rudolf Höß (1934–1938). Futuro comandante di Auschwitz , Höß lavorò per quattro anni a Dachau come Blockführer , e successivamente come Rapportführer . Apprese da Theodor Eicke come amministrare e gestire efficientemente un campo di concentramento, conoscenze che gli permisero di costruire e rendere il campo di Auschwitz uno dei più efficienti, se non il più efficiente, del sistema concentrazionario nazista, cosa che gli valse una grande stima da parte di Heinrich Himmler .
  • Max Kögel (1937–1938) [42] : futuro comandante di Ravensbrück , successivamente di Majdanek e infine di Flossenbürg .
  • Hans Steinbrenner : SS-Untersturmführer , guardia brutale che salutava i nuovi arrivati con la sua "cerimonia di benvenuto" improvvisata.
  • Gerhard Freiherr von Almen , SS-Obergruppenführer , fratellastro di Ludolf von Alvensleben .
  • Otto Rahn (lavorò come guardia nel 1937)
  • Johannes Otto , SS-Untersturmführer
  • Heinrich Wicker , SS-Untersturmführer
  • Johann Kantschuster : SS-Obersturmbannführer , comandante degli arresti a Dachau dal 1933 al 1939
  • Robert Erspenmüller : SS-Sturmbannführer , direttore delle guardie e braccio destro di Hilmar Wickerle, trasferito in seguito a discussioni con Theodor Eicke.

Personale medico

  • Dott. Werner Nuernbergk , primo dottore del campo, fuggì dalle accuse di falsificazione dei certificati di morte
  • Dott. Hans Eisele , SS-Untersturmführer, scappò in Egitto nel 1958
  • Dott. Fritz Hintermayer , SS-Obersturmführer, ucciso dagli alleati
  • Dott. Ernst Holzlöhner , si suicidò
  • Dott. Fridolin Karl Puhr , SS-Hauptsturmführer a cui fu comminata pena di morte poi tramutata in 10 anni di prigione
  • Dott. Sigmund Rascher , SS-Untersturmführer, ucciso dalle SS
  • Dott. Claus Schilling , ucciso dagli alleati
  • Dott. Horst Schumann , SS-Sturmbannführer, scappato in Ghana e poi estradato in Germania Ovest
  • Dott. Helmut Vetter , SS-Obersturmführer , ucciso dagli alleati
  • Dott. Wilhelm Witteler , SS-Sturmbannführer , comminata pena di morte poi tramutata in 20 anni di prigione
  • Dott. Waldemar Wolter , SS-Sturmbannführer, ucciso dagli alleati

Prigionieri internati a Dachau

Ebrei

Combattenti della Resistenza anti-nazista

  • Georg Elser , morto il 9 aprile 1945
  • Charles Delestraint , ucciso il 19 aprile 1945
  • Arthur Haulot
  • Georges Charpak , insignito nel 1992 del Premio Nobel per la fisica
  • Giovanni Palatucci , giusto tra le nazioni a Dachau dal 22 ottobre 1944 fino alla morte, il 19 febbraio 1945 [43]
  • Joze Rapotec
  • Mario Sbardella , arrivato a Dachau il 28 aprile 1944, liberato.
  • Noor-un-Nisa Inayat Khan - fucilata sett.1943 insignita della George Cross with Gold Star
  • Tallone Paolo (18/6/15 - 06/10/75) aeronautica militare - partigiano pluridecorato. "quando gli Americani ci liberarono, quelli che non furono immediatamente ricoverati negli ospedali da campo morirono per il troppo cibo, dopo tanto digiuno, gli scoppiò letteralmente lo stomaco" "quando i pidocchi abbandonavano un corpo umano nelle baracche, ci allontanavamo perché significava che stava morendo"..."ho mangiato anche i topi..."..
  • Paolo Brichetto Arnaboldi, resistente dell'«Organizzazione Franchi» [44]
  • Lorenzo D'Angelo (liberato nel 1945 dagli anglo americani) Francolise 1923 - Sparanise 2017 [45]
  • Calogero Marrone morto il 25 febbraio 1945

Religiosi

Il cancello da cui sono passati i prigionieri di Dachau.

A Dachau esisteva uno speciale "Blocco dei sacerdoti", il "26". Dei circa 2 720 sacerdoti (2 579 dei quali, cattolici ) imprigionati a Dachau, 1 034 morirono; la maggior parte di questi (1 780) era di etnia polacca , e 868 di loro morirono a Dachau.

  • Jean Bernard (1907 - 1994), prete cattolico originario del Lussemburgo , venne imprigionato dal maggio 1941 all'agosto del 1942. Padre Bernard scrisse il libro Pfarrerblock 25487 circa la propria esperienza a Dachau. Il film Il nono giorno di Volker Schloendorff si basa sui suoi diari.
  • Anton Fränznick , a Dachau dal 1942, morto il 27 gennaio 1944
  • Beato Michał Kozal , vescovo cattolico polacco. A Dachau dal 1941 , il 26 gennaio 1943 malato di tifo viene ucciso con un'iniezione letale e il 30 gennaio 1943 il suo corpo incenerito nel forno crematorio di Dachau
  • Beato Stefan Grelewski , prete cattolico, prigioniero num. 25281, morto di fame a Dachau il 9 maggio 1941
  • Beato Alojs Andritzki , prete cattolico, ucciso con un'iniezione letale il 3 febbraio 1943
  • Beato Georg Häfner , prete cattolico, morto di stenti il 20 agosto 1942
  • Beato Gerhard Hirschfelder , prete cattolico, morto di fame e malattia il 1º agosto 1942
  • Beato Marian Konopiński , prete cattolico, morto il 1º gennaio 1943
  • Adam Kozłowiecki , cardinale polacco 1911-2007. Imprigionato prima 6 mesi ad Auschwitz poi dal gennaio 1940 a Dachau fino alla liberazione il 29 aprile 1945
  • Beato Karl Leisner , a Dachau dal 14 dicembre 1941, liberato il 4 maggio 1945, morì il 12 agosto a causa della tubercolosi contratta nel campo. Fu internato da diacono e venne ordinato sacerdote proprio a Dachau, nel campo di concentramento, ricevendo clandestinamente l' ordine sacro da un vescovo internato, Gabriel Piguet; è stato beatificato dalla Chiesa cattolica.
  • Martin Niemöller , imprigionato nel 1941, liberato il 4 maggio 1945
  • Hermann Scheipers
  • Richard Schneider , a Dachau dal 22 novembre 1940, liberato il 29 marzo 1945
  • Aloys Scholze , morto il 1º settembre 1942
  • Joseph Kentenich , fondatore del Movimento Schoenstatt , trascorse tre anni e mezzo a Dachau
  • Giovanni Fortin , sacerdote cattolico, edificò a Padova nel 1955 il Tempio nazionale dell'internato ignoto , a ricordo degli internati nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale.
  • Beato Padre Giuseppe Girotti , religioso domenicano nato ad Alba (CN) il 19 luglio 1905, annoverato tra i giusti tra le nazioni per le sue azioni a favore degli ebrei durante l'Olocausto, per i quali sacrificò la propria vita e venne deportato nel Lager di Dachau dove morì il giorno di Pasqua, il 1º aprile 1945. Il 26 aprile 2014 nel Duomo di Alba il cardinale Severino Poletto l'ha proclamato Beato.
  • Antonio Seghezzi , presbitero e partigiano fu catturato e imprigionato nel campo di Kaisheim , fu spostato a Dachau nell'aprile del 1945 causa l'avanzata degli alleati. Dopo la liberazione fu ricoverato nell'ospedale cittadino dove morì nel maggio del medesimo anno di emottisi , venendo poi sepolto nel cimitero del campo, solo nel 1952 la salma fu riesumata e tumulata nel paese natale .
  • Beato Tito Brandsma (Bolsward, 23 febbraio 1881 – Dachau, 26 luglio 1942) è stato un presbitero olandese, morto a Dachau, vittima del nazismo.
  • Mons. Carlo Manziana (Brescia, 26 luglio 1902 – Brescia, 2 giugno 1997) è stato un presbitero e vescovo italiano. Accusato di anti-fascismo, fu arrestato ea Dachau gli fu data la matricola 64762. Fu liberato il 29 aprile 1945 dalle truppe americane. Il 19 dicembre 1963 venne nominato da papa Paolo VI vescovo di Crema

Politici

Leopold Figl.
  • Fritz Michael Gerlich , giornalista tedesco, fu fucilato il 30 giugno 1934
  • Duchi di Hohenberg , Maximilian ed Ernst, figli dell'Arciduca Francesco Ferdinando d'Austria, erede al trono assassinato a Sarajevo nel 1914; oppositori di Adolf Hitler furono internati a Dachau nel 1938 e rilasciati alla liberazione nel 1945.
  • Leopold Figl , arrestato nel 1938, rilasciato l'8 maggio 1945
  • Alois Hundhammer , arrestato il 21 giugno 1933, rilasciato il 6 luglio 1933
  • Kurt Schumacher , a Dachau dal luglio 1935, trasferito a Flossenbürg nel 1939, ritornato a Dachau nel 1940, rilasciato per una grave malattia il 16 marzo 1943
  • Stefan Starzyński , sindaco di Varsavia , morto probabilmente nel 1943
  • Baral Edoardo Enrico , nº 146983, arrestato il 31 marzo 1944, deportato in Germania, campi di Oberottmarschausen, prigione di Sangau, carcere di Monaco, campo di concentramento di Mosach, prigione di Monaco, Campo di Dachau, liberato il 28 aprile 1945.
  • Antonino Nicolini, nato a Trieste il 13 gennaio 1924 liberato dal campo di Dachau dagli americani e deceduto a Messina il 9 novembre 2008.

Comunisti

  • Alfred Andersch , trattenuto per 6 mesi nel 1933
  • Emil Carlebach ( ebreo ), a Dachau dal 1937, trasferito aBuchenwald nel 1938
  • Nikos Zachariadīs ( greco ), a Dachau dal novembre 1941 al maggio 1945
  • Oskar Müller , a Dachau dal 1939, liberato nel 1945
  • Marcello Bait, arrestato a Ronchi dei Legionari assieme all'amico Mario Candotto (Gorizia - Italia) dai tedeschi e dai fascisti italiani il 24 maggio 1944, internato a Dachau i primi di giugno e rimasto in questo campo fino alla liberazione il 29 aprile del 1945.

Scrittori

I sottocampi

Molte strutture minori (sottocampi) vennero approntate per far fronte alle esigenze di produzione o alle necessità di alcune aree, in modo da avere sempre personale nelle vicinanze dei luoghi di lavoro.

Ad esempio vennero costruiti sottocampi nelle vicinanze delle fabbriche Zeppelin , Messerschmitt AG , BMW , Dornier , Agfa , Präzifix, Dynamit, Magnesite, Kimmel e così via.

Note

Annotazioni
  1. ^ Reale fabbrica di polveri e di munizioni di Dachau.
  2. ^ Le informazioni che seguono, sino alla data 1945, sono ricavate in larga misura da Il campo di concentramento di Dachau dal 1933 al 1945 , p. 37, in bibliografia.
Fonti
  1. ^ S.Loddo , p.16 :

    «Esso fu il modello di riferimento per l'intera costellazione concentrazionaria. Eicke impose le linee guida di Dachau negli altri lager [...]» come «capo dell'Istanza centrale di controllo e gestione del sistema concentrazionario.»

  2. ^ Informazioni per il visitatore , su kz-gedenkstaette , Dachau Concentration Camp Memorial Site. URL consultato il 24 marzo 2016 .
  3. ^ Monaco di Baviera Ultime Notizie , quotidiano fondato nel 1848. Era il giornale più grande e più importante di Monaco di Baviera. Dopo la presa del potere da parte di Hitler, un certo numero di personalità di alto livello del partito, tra cui Himmler stesso, furono corrispondenti sul giornale. Pochi giorni prima dell'annuncio di Dachau, il 13 marzo 1933, arrestato il caporedattore, il giornale era passato sotto il controllo dei nazisti. Nel 1935 i proprietari furono costretti a vendere loro il gruppo. L'ultimo numero è stato pubblicato il 28 aprile 1945.
  4. ^ ( DE ) Simon Griesbeck, Exkursion zur KZ-Gedenkstätte Dachau , su jakob-fugger-gymnasium , Jakob-Fugger-Gymnasium Augsburg. URL consultato il 24 marzo 2016 (archiviato dall' url originale l'8 aprile 2016) .
  5. ^ Vedi il rettangolo e il complesso di Dachau nella foto aerea accanto
  6. ^ Il campo di concentramento di Dachau dal 1933 al 1945 - Testi e foto dell'esposizione , p. 59
  7. ^ CIDachau , p.64 .
  8. ^ Campo di Hartheim Archiviato il 26 febbraio 2010 in Internet Archive .
  9. ^ Erroneamente si crede che nella Conferenza di Wansee fosse stato deciso lo sterminio degli Ebrei. In realtà questo genocidio era stato deciso assai prima, pare nella seconda metà del 1940, insieme a quello delle popolazioni slave riguardante il destino di 50 milioni di individui da attuarsi in 50 anni. Vedasi Generalplan Ost .
  10. ^ ( DE ) Chronik des Konzentrationslagers Dachau Archiviato l'11 marzo 2007 in Internet Archive .
  11. ^ Monaco di Baviera illustrato , rivista illustrata del maggior giornale della regione, il Monaco di Baviera Ultime Notizie .
  12. ^ a b Martha Gellhorn, I volti della guerra. Cinquant'anni al fronte
  13. ^ Notizie rilevate da pubblicazioni del museo nazionale KZ Gedenkstätte Dachau .
  14. ^ a b Martha Gellhorn, I volti della guerra. Cinquant'anni al fronte , p. 172.
  15. ^ Doch wir haben die Losung von Dachau gelernt, Und wir wurden stahlhart dabei. Bleib ein Mensch, Kamerad, Sei ein Mann, Kamerad, Mach ganze Arbeit, pack an, Kamerad: Denn Arbeit, denn Arbeit macht frei, Denn Arbeit, denn Arbeit macht frei!
  16. ^ Il capannone di legno, contenente il primo forno crematorio di Dachau, fu eretto in stile casa di baviera tra gli alberi di un boschetto, probabilmente per nascondere l'impianto di cremazione ad eventuali ispezioni al campo della Croce Rossa o altre delegazioni.
  17. ^ E. Vanzini- L'ultimo sonderkommando italiano - Ed. Rizzoli.
  18. ^ I lager nazisti non furono l'atroce follia del capriccio hitleriano fine a se stessa, un genocidio attuato solo per vano odio razziale, ma la mercificazione dello sterminio, un calcolo infinitamente giovevole e capillare per i grandi interessi della Germania medesima, che riuscì a trarre da questi infami campi, probabilmente, il principale finanziamento per la guerra stessa, tanto da quadruplicare persino la produzione bellica durante il conflitto. (Cfr.- Albert Speer, "Diari segreti di Spandau"- Mondadori Editore).
  19. ^ E. Vanzini - L'ultimo sonderkommando italiano - Ed. Rizzoli- pag. 65 e 75.
  20. ^ a b Enrico Vanzini, L'ultimo Sonderkommando italiano - A Dachau ero il numero 123343 Casa Editrice Rizzoli.
  21. ^ ( DE ) Martin Broszat , Keine Vergasung in Dachau , in Die Zeit (34) , 19 agosto 1960. URL consultato il 24 novembre 2013 .
  22. ^ «Io, addetto alle camere a gas di Dachau» La testimonianza di Enrico Vanzini, ultimo appartenente al Sonderkommando ancora in vita , su trentinocorrierealpi.gelocal.it . URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 29 gennaio 2015) .
  23. ^ Quante fandonie su Dachau , su ANED . URL consultato il 14 giugno 2019 .
  24. ^ Dachau, Experimental murder , su oldmagazinearticles.com . URL consultato il 23 giugno 1945 .
  25. ^ Francesco Maria Feltri, Il nazionalsocialismo e lo sterminio degli ebrei: lezioni, documenti , Casa Editrice Giuntina, 1995. ISBN 88-8057-016-1 p. 96
  26. ^ Dachau , su ushmm.org .
  27. ^ Comité Internationale de Dachau, Il campo di concentramento di Dachau dal 1933 al 1945 , p. 186.
  28. ^ Mitscherlich.Mielke , p.76 .
  29. ^ ANED | La liberazione di Dachau nelle parole degli americani - Testimonianza di Giovanni Melodia Archiviato il 13 febbraio 2010 in Internet Archive .
  30. ^ Italo Geloni, Ho fatto solo il mio dovere , p. 35.
  31. ^ E.Vanzini - L'ultimo sonderkommando italiano - Ed. Rizzoli. Pag.88 e p.86
  32. ^ E. Vanzini - L'ultimo sonderkommando italiano . Ed. Rizzoli. Pag. 90
  33. ^ A. Penrose, 1985 .
  34. ^ Salinger, M (2000) Dream Catcher , p. 55.
  35. ^ a b E.Vanzini - L'ultimo sonderkommando italiano. Ed. Rizzoli
  36. ^ ( DE ) Sito istituzionale bavarese di istruzione. Archiviato l'11 marzo 2007 in Internet Archive .
  37. ^ ^ Staff. A review of Col. Howard A. Buechner's account of execution of Waffen-SS soldiers during the liberation of Dachau.
  38. ^ Italo Geloni, Ho fatto solo il mio dovere , p. 37
  39. ^ Il campo di concentramento di Dachau dal 1933 al 1945 - Testi e foto dell'esposizione , p. 70.
  40. ^ Benedetta Guerrera, Dachau, rubata la targa 'Arbeit macht frei' , su ansa.it , ANSA , 3 novembre 2014. URL consultato il 24 marzo 2016 .
  41. ^ http://www.nizkor.org/ftp.cgi/people/e/eichmann.adolf/transcripts/ftp.py?people/e/eichmann.adolf/transcripts/Sessions/Session-013-04%7C Documentazione del processo in Israele del 1960, in lingua inglese
  42. ^ Otto Max Kögel (nato il 16 ottobre 1895 a Füssen - morto il 27 giugno 1946 a Norimberga) è stato un ufficiale nazista che ha servito come comandante a Lichtenburg, Ravensbrück, Majdanek e nel campo di concentramento di Flossenbürg.
  43. ^ Sito ufficiale dell'Associazione Giovanni Palatucci
  44. ^ Paolo Brichetto Arnaboldi nel sito dell'ANPI
  45. ^ Notiziario: Federazione di Caserta: 2 giugno 2017 , su combattentiereduci.it . URL consultato il 22 dicembre 2017 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 139900178 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1498 757X · LCCN ( EN ) no96065344 · GND ( DE ) 4085377-9 · BNF ( FR ) cb119596132 (data) · BNE ( ES ) XX453751 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-no96065344