Campobasso

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu acadèmic italià, consulteu Gian Franco Campobasso .
Campobasso
comú
Campobasso - Escut d'armes Campobasso - Bandera
Campobasso - Vista
Panorama de la ciutat
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Molise-Region-Stemma.svg Molise
província Província de Campobasso-Stemma.png Campobasso
Administració
Alcalde Roberto Gravina ( M5S ) del 6-11-2019
Territori
Coordenades 41 ° 33'39,6 "N 14 ° 40'06,24" E / 41 561 ° N 14,6684 ° E 41 561; 14.6684 (Campobasso) Coordenades : 41 ° 33'39.6 "N 14 ° 40'06.24" E / 41 561 ° N 14.6684 ° E 41 561; 14.6684 ( Campobasso )
Altitud 701 m slm
Superfície 56,11 km²
Habitants 47 827 [1] (31 / 01-2021)
Densitat 852,38 habitants / km²
Fraccions Sant Esteve

Contrade i localitats : Calvari, Camposarcone, sortida de trens, Casino Barone, Cerreto, Colle Arso, Colle delle Api, Colle dell'Orso, Collelongo, Colle Serrano, Cost vaig donar Oratino, Feu Primo, Secondo Feu, Fossato quota, Lupara, Mascione , Hospital, Pesco Farese, Polese, San Giovanni dei Gelsi, San Giovanni in Golfo Primo, San Giovanni in Golfo Secondo, San Nicola delle Fratte, Santa Maria De Foras, San Vito Inferiore, San Vito Superiore, Tappino, Vazzieri

Municipis veïns Busso , Campodipietra , Castropignano , Ferrazzano , Matrice , Mirabello Sannitico , Oratino , Ripalimosani , San Giovanni in Galdo , Vinchiaturo
Altra informació
Codi Postal 86100
Prefix 0874
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 070006
Codi cadastral B519
Placa CB
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [2]
Cl. climàtic Àrea E, 2346 GG [3]
Anomenar habitants campobassani
Patró Sant Jordi
Festa 23 d’abril
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campobasso
Campobasso
Campobasso - Mapa
Posició del municipi de Campobasso a la província homònima
Web institucional

Campobasso ( AFI : / kampoˈbasso / [4] , escolta [ ? · Informació ] ; Campuascio , Campuasce en campobassano [5] ) és una ciutat italiana de 47 827 habitants [1] , capital de la província homònima i de la regió del Molise .

Primera ciutat de la regió per població, es troba a 701 m slm [6] (a 792 m el castell de Monforte ), resultant, per altitud, la tercera capital regional de la Itàlia peninsular després de Potenza i L'Aquila , i la quarta capital absoluta de la província, considerant també Enna .

La ciutat , probablement d'origen llombard , es troba a la zona compresa entre els rius Biferno i Fortore . El centre històric recull nombrosos testimonis de les diferents èpoques de la ciutat, des del segle XIII,l'església de Sant Leonardo , al segle XV castell de Monforte , i la neoclàssica de la catedral de la Santa Trinitat . El 2018 Campobasso va rebre el títol de poble de considerable interès històric pel Ministeri del Patrimoni Cultural [7] .

A la ciutat hi ha la Universitat de Molise , l’ arxidiòcesi metropolitana de Campobasso-Boiano , una escola d’estudiants de carrabiners i una escola d’agents d’estudiants de la policia estatal .

Geografia física

Territori

«Les muntanyes al voltant de la sublim Maiella estaven disposades en files; i els seus cims, d’aspecte commovedor i per llistes dubtoses amb prou feines distingides, la immensitat de les conques feia entreveure el Biferno del Trigno i el Sangro, on són adequades tantes altres valls menors. Nombrosos llogarets, que en l’escurç i que, en perspectiva, van animar aquesta escena, van coronar Campobasso, llevat que els boscos i els terrats obscurs van ser retirats de la neu ".

( De l'obra "La Pace" de Miquel Àngel Ziccardi [8] , segle XIX. )

Campobasso és una ciutat formada per una part antiga d’origen medieval , rica en valors històrics i artístics, situada al vessant d’un turó dominat pel castell de Monforte, i per una part més moderna i elegant del segle XIX , situada a la plana al peu del centre antic.

Al voltant del castell que domina la ciutat, el centre històric es desenvolupa com un ventall, format per carrerons i llargues i tortuoses escales, als laterals de les quals hi ha cases i edificis de pedra, sovint amb patis interiors característics. Hi ha nombrosos portals rics en decoracions, escuts de famílies nobles i figures al·legòriques.

La ciutat del segle XIX , anomenada centre muratià , s’estén plana i presenta les característiques típiques del desenvolupament urbà d’aquest període històric. Dissenyat segons l’ideal de la ciutat jardí , té molts espais verds i fonts.

Clima

El clima de la ciutat és del tipus Apení. A l’ hivern , durant els brots glaçants dels Balcans , es produeixen nevades causades per l’ estàtua adriàtica induïda pels Apenins samnites del sud que de vegades afavoreixen acumulacions de neu importants.

L’estiu és de mitjana força fresc i, en ser una ciutat d’altura mitjana, la humitat sol ser relativament baixa; tanmateix, hi ha fases de calor puntuals.

La tardor és fresca i plujosa, amb una mitjana de 81 mm al novembre. La ciutat té discretes acumulacions de precipitacions. [9]

CAMPOBASSO Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 7.1 7.2 10.3 14.0 21.2 27,0 29.2 28.3 24.2 19.2 16.2 8.1 7.5 15.2 28.2 19,9 17.7
T. min. mitjàC ) 1.2 1.3 3.2 6.4 13.2 16.2 20.0 17.0 13.0 11.2 7.2 3.1 1.9 7.6 17.7 10.5 9.4
Dies de gelades ( T min ≤ 0 ° C ) 12 11 7 1 0 0 0 0 0 0 2 8 31 8 0 2 41
Precipitacions ( mm ) 55 60 50 51 47 35 20 18 45 58 81 63 178 148 73 184 583
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica Campobasso Monforte .
Panorama de la ciutat i el Matese al fons.

Orígens del nom

El topònim Campobasso té una etimologia poc clara, però els estudiosos creuen que cal apropar-lo al Campus Bassi 'campo di Basso', a partir d'un nom personal llatí Bassus o Bassius [10] [11] . No és versemblant [12] la hipòtesi que derivi del campus vassorum , és a dir, el camp dels vassalls : als segles X i XI els vassalls eren els que habitaven, sent objecte, els espais que envoltaven els castells del senyor feudal [13]. ] .

Una hipòtesi històrica és la de Galanti, que va afirmar que originalment la ciutat estava dividida en dos pobles, un anomenat Campus de Prata i l’altre Campus Bassus, dels quals el primer assentament, situat a una altitud més alta, hauria estat destruït i els habitants s'han traslladat a l'altre que hauria donat el nom a la futura ciutat [14] . Similar és la proposta de Gasdia que creia que el nom de Campobasso estava relacionat amb la seva posició topogràfica; afirma [15] :

«Qui es va enfrontar per primera vegada a la conquesta d'aquesta regió, després de la fatigada pujada, baixada i pujada del camí muntanyós, va respirar mentre baixava cap a aquest petit altiplà herbós. Ja eren búlgars dirigits per Alzecone , o llombards de Spoleto o Benevento , o conqueridors de la noblesa normanda , o pacífics monjos de San Benedetto da Norcia que, armats amb la Regula, el salteri i les eines agrícoles sagrades, pujaven de Santa Sofia de Benevento. per donar vida a aquesta regió ... van dir: aquí hi ha Campo Basso, aquí hi ha el lloc baix on plantarem el vivac, l’habitatge, l’abadia. "

( Gasdia, Història de Campobasso )

Història

Edat antiga

Segons les hipòtesis més acreditades, el territori de Campobasso antigament estava esquitxat d’una sèrie de petits assentaments agrícoles samnites, que després amb la dominació romana van donar vida a diverses vil·les rústiques.

Al turó que domina la ciutat actual hi havia un assentament de control samnita , les restes del qual encara es conserven avui en dia, posat al control del braç de la via "Cortile - Matese". El propòsit defensiu del lloc es confirma amb el descobriment, a prop del castell de Monforte, de restes de muralles samnites i pel descobriment, entre les ruïnes de l’església de Sant Mercuri del 1930 , d’una inscripció en llengua oscana. Aquest assentament va gravitar al voltant d'un centre samnita més important, que és l'àrea corresponent a l'actual centre de Ferrazzano.

Per tant, la història del territori de Campobasso està indissolublement lligada a la de l’antic Sannio-Pentro i a Roma .

Edat mitjana

Feu una ullada al poble medieval

Les fonts històriques daten el certificat de naixement de Campobasso a l’època de la Langobardia Menor i, més exactament, al període del ducat de Benevent , sent toponimitzat com a Campus Vassorum . De fet, un document escrit per un monjo de l’ abadia benedictina de Santa Sofia a Benevent es remunta a l’any 878 , en què Campobasso s’esmenta com a Campibassi finibus . Aquest document, disponible com a codi llatí del Vaticà 4939, és el Chronicon Sancte Sophie i va ser escrit en el moment en què Adelchi era per tant príncep de Benevent.

Posteriorment, durant l' hegemonia normanda , Campobasso assumeix una importància econòmica cada vegada més gran aconseguint convertir-se en la "capital" del comtat sota el senyoriu dels De Moulins . El floriment del comerç i l’augment de la importància administrativa comporten l’expansió de l’antic poble que s’expandeix sobretot al voltant de les esglésies de Sant Bartomeu i Sant Mercuri. Hi ha diverses connotacions que el poble assumeix amb el pas del temps: Civitas , Castrum , Universitas Hominum .

Entre els documents històrics del període comprès entre l'any 1000 i el segle XIV destaca la Pancarta Campobassana de 1277 en què trenta-dos Campobassani denunciaven l'opressió i l'abús del senyor feudal Roberto de Molise a Carles I d'Anjou , demostrant així negociar els angevins francesos.

El segle XV és una època daurada per a Campobasso gràcies a l’enginy dels Monforte-Gambatesa, que es van convertir en els senyors feudals del poble. Segons alguns historiadors, els Monforte són els descendents dels Monfort de França i Anglaterra , que van arribar a Itàlia després de Carlo D'Angiò . La figura principal de la família Monforte va ser el comte Cola també conegut com a "Campobasso", del qual també parla Benedetto Croce [16] . Es va distingir per les seves virtuts militars durant la lluita successòria al regne de Nàpols entre els angevins i els aragonesos . Cola va colpejar una moneda i va ampliar el castell equipant la ciutat amb fortes muralles perimetrals al llarg de les quals va construir les portes de San Leonardo i Santa Cristina.

El 1442 , amb la derrota dels angevins, als quals els monfortins havien donat suport, Campobasso va passar als aragonesos i més tard als De Capua.

Ferran I d’Aragó va concedir als campobassans la possibilitat de construir les cases recolzades contra els murs perimetrals.

Segles XVI i XVII

A principis del segle XVI els De Capua són senyors feudals a Campobasso. La ciutat, gràcies a la seva posició geogràfica favorable, prospera amb un comerç pròsper; de fet, la zona fora de les antigues muralles, amb les esglésies de Santa Maria Maddalena i Santissima Trinità (fundada el 1504 entre altres coses), es caracteritza per una notable vivacitat d’intercanvis en els diversos sectors de l’ artesania .

El 1530 els Gonzaga es van convertir en senyors de Campobasso el que va augmentar el seu prestigi. Són els responsables de la reorganització urbana de la ciutat; a cada districte, els carrers individuals s’indiquen amb el nom de l’activitat laboral principal, com ara scarparìe, ferrarìe (l’actual via de ’Ferrari), oreficerìe (l’actual via Orefici, encara plena de botigues d’orfebres).

Els senyors de la ciutat, després dels Gonzaga, són els Vitagliano el 1638 i més tard els Carafa .

Durant el segle XVII Campobasso es va desenvolupar encara més gràcies a la proximitat de les pistes d’ovelles que afavoreixen les comunicacions amb altres centres i l’arribada de comerciants estrangers.

Segles XVIII i XIX

Centre Murattiano. Plaça Gabriele Pepe
Un edifici a la plaça Vincenzo Cuoco

El segle XVIII està travessat per noves idees i l’estructura feudal de la societat es veu com un obstacle per a les iniciatives de la nova classe emergent: la burgesia . Aquesta alenada d’aire fresc també arriba a Campobasso. Hi ha homes que, tot i pertànyer a famílies de l’antiga noblesa, com Francesco d’Attelis , Anselmo Chiarizia i Giovan Matteo Japoce , fan tot el possible per provocar causes contra els senyors feudals. Molts intel·lectuals com Giuseppe Zurlo , Giuseppe Maria Galanti , Francesco Longano , Paolo Nicola Giampaolo , recolzen la necessitat de superar la immobilitat econòmico-social causada pel feudalisme . Campobasso es converteix en el cor bategant de la cultura molise, on molts intel·lectuals de l’època com Gabriele Pepe i Vincenzo Cuoco troben refugi.

A causa dels deutes del duc de Jelsi Mario Carafa, en morir el 1727 la seva herència va ser acceptada amb el benefici d’un inventari pels seus hereus, el seu nebot Alessandro Milano, duc de San Paolo i el seu cosí Marcello Carafa. Aquesta situació permet a Campobasso tornar a entrar en el patrimoni de les autoritats fiscals reials que el van sotmetre a una apreciació el 1732 per a futures vendes. En aquest context, s’obre la possibilitat que la universitat de Campobasso es redimeixi de la servitud feudal pagant una quantitat a la càmera Regia, que li hauria permès tornar a entrar al domini reial en condicions d’autonomia relativa. En el període que va del 1728 al 1735, molts membres de la burgesia local van donar suport a la iniciativa "propietat estatal" en clau ant baronial. Mentrestant, Marcello Carafa havia presentat una sol·licitud a la Cambra Reial per confirmar-li l’hereu de Mario Carafa i adquirir la propietat del feu, obtenint aquest reconeixement el 1735 pagant 10.000 ducats a les autoritats fiscals i comprometent-se a pagar els creditors. . Les dificultats que sorgeixen per satisfer aquesta obligació ofereixen als "propietaris estatals" la possibilitat de presentar la petició relativa de recompra de la ciutat a la càmera Regia el 1738, que finalment es va materialitzar el 4 de març de 1742 després del dipòsit d'una suma igual a 102 841 ducats.

El 1755 Carles de Borbó, rei de Nàpols, va concedir a Campobasso el rang de ciutat model. A principis del segle XIX , a mitjans del període napoleònic , es va establir la província de Molise ; Campobasso, com a capital , esdevé la seu de nombroses oficines administratives. La població, malgrat les greus pèrdues humanes i materials causades pel terratrèmol de 1805 , es multiplica i, en conseqüència, la ciutat també s’expandeix. Cal crear un pla urbanístic per satisfer necessitats múltiples i noves. Es consideren dos projectes, el de Bernardino Musenga i el de Vincenzo Wan Rescant .

Musenga imagina la construcció d’un barri sencer en un esquema ortogonal, mentre que Wan Rescant preveu l’ampliació del teixit urbà al voltant d’una única gran plaça amb l’edifici que alberga l’administració cívica al centre. Es prefereix el sistema Musenga al sistema radial del Wan Rescant. La nova part de la ciutat es desenvolupa en un lloc pla, al "campère", anomenat així perquè antigament estava ocupat per camps i boscos conreats. Campobasso havia de ser "monumental, funcional, unitari i modern, destinat a una burgesia disposada a abandonar la ciutat feudal, considerada no socialment representativa per a un Estat que, a través dels edificis públics, vol crear la imatge física de l'autoritat, com abans el castell de la muntanya era ”. Les places arbrades, les avingudes i els parterres van fer que Campobasso rebés el sobrenom de " ciutat jardí ". [ sense font ]

Segle vint

Piazza Bernardino Musenga (Vila dels canons)
Vista del castell de Monforte des de la Piazza della Vittoria

El 1910 l’ electricitat va entrar a les cases i, a partir dels anys vint i trenta, es van construir importants edificis: els edificis de la Casa de l’Escola, el Banc d’Itàlia i el Teatre Social al mateix lloc que anteriorment ocupava el Teatre Margherita (aleshores el Teatre Savoia). ), l’edifici de correus i telègrafs, la Cambra de Comerç, l’edifici GIL, el Palau de Justícia, l’Institut per als orfes de guerra (seu actual del Conservatori de Música Lorenzo Perosi ) i l’Institut Tècnic "L. Pilla ”(que va tenir l’honor de ser inaugurat pel rei Vittorio Emanuele III ).

Paral·lelament a aquesta activitat constructiva, es van traçar nous carrers i places pavimentades, es van construir voreres, es van plantar arbres, es van aixecar monuments i fonts. La iniciativa privada també va aportar una valuosa contribució en construir edificis elegants i dotar la ciutat d’hotels, restaurants, bars, botigues i cinemes.

El 1927 el bisbat , amb una butlla papal , va ser traslladat de Bojano a Campobasso.

La tragèdia de la Segona Guerra Mundial tampoc va estalviar Campobasso. Aquí es va lliurar la "batalla de Campobasso" entre octubre i novembre de 1943 , en què les tropes canadenca i alemanya es van enfrontar per la possessió de la ciutat; això va provocar la destrucció de molts edificis públics, inclosos l'ajuntament i els arxius que s'hi contenien. Cinquanta civils van morir en acció, inclòs el bisbe de la diòcesi, mossèn Secondo Bologna , juntament amb un nombre desconegut de persones que van resultar ferides en el bombardeig intensiu. L'ocupació de la ciutat pels canadencs , que la convertiren en un important centre neuràlgic, administratiu i d'oci per a les tropes aliades, va tenir un impacte tan gran sobre la ciutat que es va canviar el nom de " Canadà Ciutat ", és a dir, "Ciutat del Canadà". I també " Maple Leaf City ", "Ciutat de la fulla d'auró", símbol nacional del país nord-americà, per la notable presència d'aquest tipus d'arbres al seu territori. En aquesta circumstància, alguns carrers i places fins i tot es van canviar de nom amb noms anglosaxons com Hyde Park per a l'actual Villa Berardino Musenga, Piccadilly Circus per a la zona actual de Piazza Gabriele Pepe i Scarth Street per a la zona de la mateixa plaça. situat entre el palau del govern i el teatre Savoia, conegut comunament com la plaça de la prefectura; avui l’únic testimoni que queda és l’escrit Scarth St que els canadencs van imprimir en un edifici de la plaça Gabriele Pepe i que s’ha recuperat amb l’aplicació d’una placa de plexiglàs per protegir i un títol que descriu breument la història d’aquesta troballa única.

Els primers anys de la segona postguerra, la ciutat va experimentar una expansió justa i harmoniosa, però va ser amb l'establiment de la regió Molise el 1963 que Campobasso va poder créixer. Havent esdevingut la capital regional, de fet, va tenir un important augment demogràfic i un consegüent desenvolupament edificatori (que va provocar el naixement del districte CEP al nord de la ciutat), sent la seu d'importants oficines regionals i de nombroses sucursals i agències. de bancs i companyies d'assegurances. Com havia passat a principis del segle XIX, la ciutat reneix gràcies a la seva importància administrativa.

Des del 1982 és la seu de la Universitat de Molise que en pocs anys ha augmentat considerablement l’oferta educativa i ha vist augmentar ràpidament la població estudiantil.

La Fundació Joan Pau II per a la Recerca i el Tractament també és activa des del 2002 , creada a instàncies de la Universitat Catòlica del Sagrat Cor , que es va consolidar ràpidament com un centre d’excel·lència nacional en els camps del diagnòstic i la teràpia de diverses branques de la medicina. com l’ oncologia , els trasplantaments, les malalties del cor i la medicina ultraespecialitzada.

Símbols

La pancarta

L’ escut mostra un oval amb fons vermell en què es representen sis torres emmerletades, una de les quals està superada per una corona de marquès que indica el seu origen feudal. Les sis torres representen les principals torres que es van col·locar per guardar les entrades de l’antic poble medieval: Porta Sant'Antonio Abate, Porta San Nicola, Porta Santa Maria della Croce, Porta San Leonardo, Porta Mancina i Porta San Paolo.

La pancarta , en la qual s’aixeca l’escut, es divideix en dos colors, vermell i blau que representen els de les dues antigues confraries que al segle XVI gestionaven el poder polític i la vida religiosa de la ciutat: vermell per als croats mentre que el blau per als trinitaris.

Honors

Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat
Medalla de bronze al mèrit civil: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla de bronze al mèrit civil
«A la immediata postguerra, va oferir una contribució notable a les tasques de recuperació de terres mitjançant l'organització de grups de rascletes de mines civils que, amb el seu treball i el cost inevitable de la vida humana, van permetre la primera fase de la reconstrucció i recuperació del país. "
- Campobasso, 1944-1948

Medalla del ministre de Defensa dels municipis que han tingut famílies amb 3 o més víctimes durant la Primera Guerra Mundial (per a la família Pistilli Sipio), 2013

Medalla d’Or de la Sagrada Orde Militar Constantiniana de Sant Jordi, 2019

Monuments i llocs d'interès

Arquitectures civils

Via Chiarizia: pujada cap al castell; a l'esquerra l'església de Sant Leonardo.
  • Palazzo San Giorgio : edifici de l'Ajuntament, construït el 1879 a l'església medieval de Santa Maria della Libera. El palau té un gran pòrtic amb arcs rodons i grans pilars quadrats. L'elegant façana es divideix en tres plantes i està superada per una cara de rellotge a la base de la qual hi ha la inscripció "MUNICIPIO". Al centre del primer pis hi ha un petit balcó amb columnes de marbre sostingudes per dues columnes amb fust llis i capitell jònic. Les finestres del primer pis es poden dividir en dos grups: d'un total de quinze, cinc d'elles tenen un arc rodó a la part superior, i les deu restants estan superades per un tambor de forma triangular; mentre que al segon pis les quinze finestres no tenen tambor, sinó un simple ordre horitzontal. Són particulars les pilastres que al segon pis separen les finestres i es dobleguen en alguns punts, dividint la façana en cinc parts verticals, quasi com si també volguessin ressaltar la divisió interna de l’estructura.
  • Palazzo Magno : el palau pren el seu nom de Mercuri el Gran , que va obtenir la propietat de la família napolitana De Tilla, que va utilitzar la propietat com a residència privada d’estiu. Il Magno va romandre propietari fins al 1936 , quan la província el va comprar per establir-hi la seu. Durant la Segona Guerra Mundial , la ciutat de Campobasso va haver de sotmetre's a la requisició de diversos edificis, entre els quals hi havia també el Palazzo Magno. Des dels locals del palau, els polonesos van crear un hospital i una morgue; amb el desplaçament del front més enllà de la línia Gustav , els enginyers militars italians van obtenir el permís per establir el comandament de l'Àrea de Recuperació de Camps de Mines Molise al complex, organitzant així el primer recorregut de mines el 1944 . Va ser només el 1946 quan l'edifici va ser finalment retornat a la província i, des de llavors, encara serveix de seu.
  • Internat Nacional Mario Pagano : originalment es deia "Collegio Sannitico", per decret de 12 de març de 1816 amb seu al monestir Antoniani, ja que no era adequat per a un edifici escolar. Un cop finalitzades les obres d’adequació necessàries del local, el col·legi es va inaugurar el 16 de novembre de 1817 , assumint el prefix Real amb un altre reial decret del 25 de gener de 1854 . La direcció del Col·legi Samnita Reial va ser confiada als pares Barnabites que van dur a terme un projecte per a la construcció d’un nou edifici per a les escoles i l’internat. Després d’haver obtingut les noves estructures, van demanar i se’ls va concedir permís per deixar la direcció de l’Institut. El col·legi va romandre tancat fins a principis de l'any 1857 , quan es va cridar al canonge Berardo Palombieri per dirigir-lo, sota l'administració del qual aquest mateix any el col·legi va ser elevat a secundària. El 4 de març de 1865 , a proposta del Ministeri d'Educació , amb un decret signat a Milà pel rei Vittorio Emanuele II , el col·legi va prendre l'actual nom de "Mario Pagano" internat nacional, en honor del jurista , polític italià i el patriota Mario Pagano . Curiositat: el valuós jardí del Convitto ressegueix la zona on es va estendre el braç tractural "Cortile-Matese".
  • Palazzo della Banca d'Italia : L'edifici de la Banca d'Italia es va inaugurar el 1925 ; la seva construcció va comportar l'enderroc de moltes cases, inclosa la de l'Old Duty. L'elegant edifici consta de tres plantes. La facciata laterale offre una visione architettonica più scenografica: infatti, essendo leggermente arcuata, sembra quasi voler accogliere l'austero monumento a Gabriele Pepe .
  • Palazzo Mazzarotta : Il palazzo risale al XVI secolo come sede di una confraternita religiosa e solo nel XVIII secolo diviene residenza della famiglia nobiliare napoletana dei Mazzarotta, le cui origini risalgono all'epoca aragonese. Un ramo di tale famiglia si trasferì infatti a Campobasso e si stabilì nel palazzo, dove è ancora visibile lo stemma con il delfino sul mare ondoso, variante dell'originale in cui era presente un serpente. La parte interna ospita il Museo sannitico .
Palazzo Mazzarotta, sede del Museo Sannitico, visto da vico Pizzoferrato
  • Palazzo Cannavina : La sua edificazione va collocata tra il XVII e il XVIII secolo [17] , fu poi ampiamente rimaneggiato nel corso del XIX secolo. Lo stabile appartenne prima ai Carafa , duchi di Jelsi e feudatari di Campobasso, poi, non avendo questi eredi [17] , passò ai baroni di Campobasso che lo tennero in proprietà fino al 1742 [17] . Fu bene demaniale fino al 1783 [17] , quando venne acquistato dalla famiglia Salottolo [17] ; passò infine alla famiglia Cannavina, il cui nome è rimasto all'edificio [17] . Nel 2011 gli arredamenti e il palazzo sono stati messi in vendita dagli eredi.
  • Palazzo dell'ex GIL : Il Palazzo ex GIL fu costruito fra il 1936 e il 1938 su progetto dell'architetto napoletano Domenico Filippone (1903-1970), «un'architettura che ricevette unanime apprezzamento per la chiarezza distributiva e per l'attenzione con cui il progettista aveva risposto all'effettiva consistenza dell'ambiente paesistico e architettonico circostante, evitando risoluzioni auliche e altisonanti». [18] Dopo essere stato sede delle attività della locale Gioventù italiana del littorio , poi dei sindacati e alla fine di una scuola superiore, nel 1975 le competenze sull'edificio passarono dallo Stato alla Regione Molise che però la abbandonò all'incuria e al degrado finché, nel settembre 1989, il palazzo fu riconosciuto di interesse storico artistico e sottoposto a vincolo della Soprintendenza. La Regione Molise, intenzionata a demolire la costruzione, si rivolse allora al Ministero per i beni culturali e ambientali ottenendo la revoca del vincolo. I contrasti continuarono e, nonostante il ripristino del vincolo nel 1992, in quegli anni le due ali dell'edificio furono demolite. [19]
  • Casa della Scuola : edificio scolastico costruito nel XX secolo, in stile neoclassico oggi sede della BiblioMediaTeca Comunale e della Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea.
  • Palazzo delle Poste e Telegrafi : venne costruito tra il 1923 e il 1927 . Progettato dall'ing. Giambattista de Capoa esso si sviluppa su un pian terreno e due piani più un altro sovrapposto successivamente. Le tre porte d'ingresso principali sono abbellite da robuste inferriate su cui sono presenti, in quella a sinistra, lo stemma della Città di Campobasso e, in quella a destra, lo stemma della Provincia di Campobasso. Nella porta laterale di sinistra, sotto la scritta "Direzione", è presente un bassorilievo in bronzo raffigurante Mercurio che tiene nella mano destra le saette, simbolo della velocità, e nella sinistra il caduceo (bastone con due serpenti attorcigliati).
  • Palazzo di Giustizia : fu costruito su progetto dell'ing. Silverio Pappalardo tra il 1930 e il 1936 in uno stile che risente dell'austerità del stile dorico a significare la serietà della legge per la difesa del cittadino.
  • Palazzo del Governo : nacque nel tardo Medioevo come convento di suore clarisse, che poi venne chiuso ai primi del XVIII secolo. Su quei ruderi, per volere del ricco commerciante Agostino Santellis, fu edificato un altro convento per le suore carmelitane. Anche questa nuova fase costruttiva ebbe vita breve e, nel tempo, fu destinato a diversi altri usi. Nel 1810 divenne sede carceraria, fino al 1862 quando i detenuti vennero trasferiti nella nuova costruzione che tuttora funge da carcere cittadina. In seguito, nel 1856 il Consiglio della Provincia di Molise affidò all'architetto Oscar Capocci l'incarico di presentare un progetto di ristrutturazione al fine di destinarlo a palazzo degli uffici. Esso fu consegnato nel 1861 e lo completò, con modifiche, nel 1862.
  • Palazzo Iapoce : Costruito nel XVIII secolo dallafamiglia Iapoce , probabilmente su preesistenti costruzioni trecentesche e quattrocentesche, è stato tra gli anni Ottanta e Novanta del XX secolo oggetto di notevoli opere di ristrutturazione e consolidamento. È sede della Soprintendenza Regionale ai Beni Culturali del Molise.

Architetture militari

Castello Monforte , ponte levatoio.
Torre Terzano
Incisione del 1898 della porta Sant'Antonio
  • Castello Monforte : Un'antica pergamena risalente al 1375 conferma l'esistenza di un castello nella città già in tale data, ed è la testimonianza più antica al riguardo. Domina la città a circa 790 m slm , quasi cento in più dell'altezza media del comune. L'area circostante è occupata dal parco della Via Matris, un percorso naturalistico che snodandosi lungo il pendio della collina ripercorre le tappe della Via Crucis . Il castello è inciso su una moneta d'argento da cinque euro coniata dalla Zecca dello Stato nel 2012 per la serie "Italia delle Arti" dedicata alla città di Campobasso [20] .
Il castello ha pianta quadrangolare, con quattro torri angolari circolari mozze, e una torre maggiore all'interno del corpo. Essendo una struttura rimasta fedele al compito di sorveglianza, anche nei secoli XVIII e XIX, il castello ha mantenuto, sia all'esterno che all'interno, un aspetto piuttosto austero, conservando la struttura originale.
  • Mura medievali di fortificazione : sono le mura medievali costruite nel XIII secolo , danneggiate nel terremoto del 1456 , e smantellate dopo il grave terremoto del 1805. Di esse rimangono tuttavia le linee di confine del borgo medievale, e numerose torri di avvistamento, e porte urbiche di accesso alla città vecchia. Tra le torri vi sono:
  • Torre Terzano :

Si trova presso la chiesa di San Bartolomeo , nella parte più alta del borgo. Famosa perché, secondo la leggenda, nel XVI secolo v'erano due famiglie in guerra: la Confraternita dei Crociati (composta da artigiani), e quella dei Trinitari (il nuovo ceto commerciale emergente). I loro figli Fonzo Mastrangelo e Delicata Civerra, osteggiati dalle rispettive famiglie nel loro amore, non poterono coronare il loro sogno, perché il padre di Delicata rinchiuse la figlia dentro la torre, murandola. Fonzo, disperato, si arruolò nell'esercito per dimenticare, e Delicata morì di crepacuore, e dopo alcuni anni Fonzo, scoperta la tragedia, decise di espiare le sue colpe facendosi frate. La torre ha pianta circolare in pietra trezza semplice, con alcune feritoie.

  • Torre San Mercurio (o Torre di vico Carnaio) :

torre fortificata, restaurata nel XV secolo, posta presso l'ex chiesa di San Mercurio . Torre cilindrica a tre piani, con tre finestre, oggi divenuta abitazione. Ha la sommità coperta da tegole.

  • Porta Santa Cristina (Porta Mancina')
porta del XV secolo, modificata nei secoli successivi. Ha alla base due grandi bastioni che fortificano l'arco urbico, e al fianco una torre semicircolare, a tre livelli. Oggi essa è diventata residenza civile, ma ha mantenuto il suo aspetto originario.
  • Torre dei Petitti e Torre dei Presutti
costruite nel 1456 per volere di Cola di Monforte . Oggi sono residenze civili, ma hanno conservato la loro struttura originale a base a scarpa, con pianta circolare, suddivisa in massimo tre settori.
  • Porta Sant'Antonio (Porta della chiaia) e Torre Pettini
sono un complesso fortificato, eretto nel 1456. La porta è un semplice arco a tutto sesto, situata presso la chiesa di Sant'Antonio Abate . Più a destra vi è la torre, collegata ad una residenza civile, un tempo parte delle mura fortificate. La Torre ha pianta circolare con base a scarpa.
  • Porta San Paolo (Porta di Rosa) e Torre dei Ferrante
costituiscono un unico complesso difensivo, vicino all'accesso del castello. La porta è un rozzo arco a tutto sesto che tuttavia presenta ancora un importantissimo stemma medioevale ea fianco vi è la torre di guardia di origine rinascimentale, anch'essa oggi residenza civile, ma che ha pressoché mantenuto il suo antico aspetto. Ha pianta circolare con base a scarpa.
  • Porta Santa Maria della Croce - non più esistente; costruita nel XIV secolo da Nicola Monforte
  • Porta San Nicola (Porta Nuova)
porta costruita nel 1456 per volere di Cola di Monforte . Ha aspetto di un arco cittadino con cornice in pietra, e archivolto con stemma della famiglia nobile della città.
  • Torre dell'abate Ginetti
ha struttura di conci irregolari con base a scarpa. Fu costruita nel 1456 per volere di Cola di Monforte , e si trova in via San Lorenzo.
  • Porta San Leonardo (Porta della piazza - Porta del borgo) - non più esistente

Architetture religiose

Cattedrale della Santissima Trinità
  • Cattedrale della Santissima Trinità : Nel 1504 , su incoraggiamento del feudatario Andrea di Capua , fu edificata al di fuori della cinta muraria la chiesa della Santissima Trinità. Fin da subito in questa chiesa ebbe sede la grande confraternita della Trinità, soppressa solo con le leggi napoleoniche nel 1809 e divenuta celebre per le sanguinose lotte con quella dei Crociati per l'egemonia sulla città. Distrutta dal terremoto del 1805 , fu ricostruita su progetto dell'architetto Bernardino Musenga . Fu riaperta al culto nel 1829 diventando parrocchia e sede del capitolo collegiale. Nel 1860 fu chiusa al culto e utilizzata dalle truppe regolari quale caserma. Nel 1900 fu riaperta ai fedeli, diventando cattedrale nel 1927 . Con lo spostamento della sede vescovile da Bojano a Campobasso l'edificio fu oggetto di ulteriori lavori. Su progetto dell'architetto Tullio Passarelli e dell'ing.Vittorio Tiberio si provvide, tra il 1927 e il 1933 , all'innalzamento della navata centrale e alla costruzione dell'abside, quest'ultima contenente un affresco di buon livello di Romeo Musa raffigurante la Pentecoste e altri ad opera di Amedeo Trivisonno. Recentemente però, una ricerca pubblicata da due giovani studiosi ha ricostruito l'aspetto baroccamente sfarzoso della chiesa ante 1805 e, inoltre, ha portato alla ribalta il fatto che dal 1573 nella chiesa aveva sede un'altra grande confraternita cittadina: quella del Santissimo Rosario [21] .
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate : La chiesa di Sant'Antonio Abate fu edificata nel 1572 sopra i resti di una preesistente chiesa di modeste dimensioni. È il monumento più rappresentativo dell'arte barocca a Campobasso. L'interno è ad una navata con un magnifico altare maggiore realizzato in marmo nel 1748 . Sulle pareti laterali vi sono quattro altari intagliati in legno e rivestiti di oro zecchino. Nella chiesa sono presenti pregevoli dipinti di Guarino da Solofra come la tela di san Benedetto del 1643 e alcune altre opere di piccolo formato che si trovano sull'altare dedicato a sant'Antonio Abate . Numerosi i dipinti sulle pareti del presbiterio di scuola napoletana del XVII e XVIII secolo, tra cui quelli del pittore molisano Michele Scaroina .
  • Chiesa di Sant'Antonio di Padova : chiesa moderna degli anni '60. Ha struttura che rispetta abbastanza i canoni classici di una chiesa: pianta rettangolare a navata unica, e campanile turrito. La facciata è scandita da due ordini di sette finestre snelle rettangolari, con al centro di essa un rilievo di Sant'Antonio. L'accesso ha un portico. L'interno ha due colonnati laterali, e un'abside semicircolare, con raggi sulla sommità
Scorcio del campanile di San Bartolomeo e della Torre Terzano (a sinistra).
  • Chiesa di San Bartolomeo : La chiesa risale alla metà del XIII sec. e presenta una facciata a coronamento orizzontale, la cui parte centrale è rialzata rispetto a quelle laterali. Lo pseudo-protiro che adorna il portale è l'elemento più evidente della facciata e presenta due arcate cieche divise da due colonne addossate alla parete. Di ispirazione pugliese, il protiro è molto schiacciato, quasi fosse non più che un altorilievo; all'interno del protiro è presente una lunetta suddivisa in due sezioni: la prima raffigura il Cristo Redentore benedicente "alla greca", l'altra è a sua volta divisa in otto figure trapezoidali che circondano i simboli dei quattro evangelisti e su ognuno dei quali vi è un dottore della Chiesa d'Oriente e Occidente contrapposti a due a due. Particolare è la mano rappresentata sulle teste di tali dottori a rappresentare l' Onnipotente . L'interno della chiesa, come lascia intuire la stessa facciata, è diviso in tre navate da file di colonne prive di base e con capitelli geometrici unite tra loro da archi a tutto sesto .
  • Chiesa del Sacro Cuore di Gesù : ricostruita del tutto dopo un incendio divampato nel 1922, è edificata praticamente sull'antica chiesa della Pace, dedicata all'Annunziata e costruita a fine Cinquecento come segno tangibile della riappacificazione fra le due confraternite nemiche della città, ossia i Crociati ei Trinitari. Possiede un busto settecentesco di Sant'Anna, unica statua che fu salvata dall'incendio del 1922.
  • Chiesa di San Giorgio : La chiesa risale al Medioevo. La facciata è a capanna e si nota un tentativo di distinzione tra la navata centrale e quelle laterali attraverso due pilastri con capitello. Sul portale è presente una lunetta che propone il tema dell'agnello crucifero decorato da ornamenti floreali. Perpendicolarmente alla lunetta, posto più in alto è presente anche un piccolo rosone dalla forma a imbuto.
  • Chiesa di San Giovannello : L'unica informazione circa la datazione della chiesa è fornita dall'architrave che sovrasta il portale d'accesso, che riporta la data 1551, una croce e due figure in adorazione. Testimonianze antiche ci informano che nel 1764 la collina fu adibita a luogo di sepoltura, in vista di una possibile epidemia all'interno della città. Nel passare dei secoli la chiesa è stata sottoposta a più dipendenze: sull'architrave della facciata vi è inserito il simbolo della chiesa di Santa Maria della Croce datato 1846; successivamente fece parte della parrocchia delle chiesa di San Leonardo e di San Giorgio
  • Chiesa di San Giuseppe Artigiano : La parrocchia fu istituita l'8 dicembre 1969 per decreto di mons. Alberto Carinci, vescovo di Campobasso. Progettata dall'ing. Enrico Mandolesi fu iniziata nel 1972 e terminata nel 1974. L'ingresso ha una scala in travertino di Tivoli e le porte d'ingresso in vetro sono protette da cancellate in ferro composte da robusti chiodi piramidali a ricordo dei chiodi della crocifissione di Cristo.
  • Chiesa di San Leonardo : Le componenti strutturali della chiesa sono della fine del sec. XIV: il portale, di ispirazione gotica, ha scarsa strombatura e si compone di stipiti, pilastri e colonnine lisce: gli archi, con modanatura centrale a spirale, racchiudono nella lunetta l'agnello crucifero. Romanica è la monofora, sulla sinistra del portale, delineata da intrecci di rami e motivi floreali.
  • Chiesa di Santa Maria della Croce : Sorta nel periodo normanno ad opera dei fedeli che costituirono la confraternita dei "Crociati", ha subito trasformazioni a seguito di terremoti che ne hanno modificato l'aspetto originario. Presenta un impianto quattrocentesco con una pianta longitudinale a croce latina a tre navate illuminata da una cupola classicheggiante. La facciata evidenzia, con i suoi tre portali, la divisione basilicale dell'interno. Ai lati dell'altare sono presenti la Cappella dell'Addolorata e quella del Sacro Cuore, nelle quali sono conservate la statua lignea ottocentesca dell'Addolorata, di scuola napoletana, e quella del Cristo morto ricostruita in gesso nel 1954.
  • Chiesa di Santa Maria de Foras : Abbiamo notizie della chiesa e del convento nel XIV secolo a proposito del terremoto del 1348 e degli spostamenti di alcuni abati. La chiesa attuale, rifatta completamente negli anni 1969-1970, è delle stesse proporzioni di quella antecedente, stessa anche la campana fusa ad Agnone nel 1822. Internamente sono visibili le statue dell'Assunta e di San Rocco entrambe opere di Paolo Saverio Di Zinno ed il San Cristoforo di Emilio Labbate del 1890.
Chiesa di San Giorgio
Chiesa di San Leonardo
  • Chiesa di Santa Maria della Libera : La chiesa fu inglobata nel Palazzo San Giorgio , purtroppo resta priva di qualunque segno nella facciata esterna che richiami ad un luogo sacro. La tradizione vuole che il monastero originario fosse stato costruito sul sito dallo stesso san Pietro Celestino nel 1290 ; in seguito sarebbe stato ampliato dal discepolo del santo, il beato Roberto da Salle . La chiesa, la cui facciata fu edificata nel 1320 , fu gravemente colpita dal terremoto del 1805 ; tra tante rovine rimase illeso soltanto il muro in cui era la nicchia della statuetta della Vergine: una antichissima statua lignea, piuttosto piccola (cm.109 di altezza), dal corpo snello, dal collo lungo, dal viso ovale, dal sorriso dolce appena accennato.
  • Chiesa di Santa Maria di Loreto : si trova in contrada Santo Stefano: L'attuale chiesa di S. Maria di Loreto fu costruita nel 1890 e completata nel 1922. Andava a sostituire la precedente, costruita nel XVIII secolo e distrutta a seguito della frana del 1902. In essa sono contenuti un quadro di autore ignoto raffigurante la Vergine Addolorata e le statue della Madonna Addolorata, di S. Stefano e di S. Lucia più un crocifisso del XV secolo.
  • Chiesa di Santa Maria Maggiore - Santa Maria del Monte : si trova presso il Castello Monforte. La chiesa di Santa Maria Maggiore, prospiciente il castello Monforte, è l'antica Santa Maria del Monte. La prima notizia sicura della sua esistenza risale al 1354. Era sorta infatti come semplice cappella gentilizia dedicata alla Vergine e, nel tempo, adibita anche a luogo di sepoltura delle famiglie feudatarie. Nel 1905 la chiesa venne affidata ai Padri Cappuccini che ancora oggi la custodiscono. L'intero edificio di culto è stato restaurato; la facciata ha un paramento murario in pietre di Vinchiaturo con bugne scabre collocate irregolarmente. All'interno ha un pregevole altare in marmi policromi. Particolarmente interessante è la statua della SS. Vergine del 1334, devotamente venerata.
  • Chiesa di Maria Mater Ecclesiae : Il fabbricato per l'abitazione dei religiosi e per le opere sociali ebbe inizio nel 1975. La cura venne affidata ai Padri Marianisti che avevano avuto l'incarico, già dal 1965, di interessarsi del rione Vazzieri nel quale non vi era nessun edificio di culto. Il luogo di culto ha forma semicircolare ed ha al centro il fonte battesimale.
  • Chiesa di San Paolo : La prima chiesa di san Paolo, ancor oggi esistente, risale al XVII secolo ed è situata alla fine di viale del Castello. Costruito in una sola navata servì, inizialmente, ad officiarvi messa per quegli abitanti che si erano stabiliti appena fuori dal borgo o che vivevano nella zona detta, appunto, di san Paolo e che non volevano, specialmente durante il periodo invernale, correre il rischio di ruzzoloni sulle strade di accesso alle altre chiese poste più in alto dell'abitato
  • Chiesa di San Pietro : chiesa moderna degli anni '60, con struttura rettangolare, dal cui estremo lato destro sorge la chiesa vera e propria, innalzandosi con cupola trapezoidale scandita da costoloni, e da cui sorge un piccolo campanile.
  • Chiesa e convento di San Giovanni del Gelsi : chiesa del XII secolo, restaurata nel 1415, che venne data in affidamento al Beato Giovanni da Stroncone, divenendo uno dei centri conventuali più noti del Molise. Dopo la chiusura per volere di Murat, venne restituito alla comunità dei frati nel 1892, a poi chiuso nuovamente. Nel '900 è stato riaperto e restaurato. Ha facciata barocca con architrave classica, ed edificio rettangolare del convento, con portico e chiostro interno. All'interno della chiesa lo stile liberty è molto forte, poiché è stata restaurata nel primo '900, essendo in cattivo stato di conservazione.
  • Ex chiesa di San Mercurio : chiesetta sconsacrata di notevole interesse, risalente almeno all'XI secolo. Ha pianta a navata unica, con facciata in pietra a capanna, decorata da un portale sormontato da una lunetta monolitica e un rosone centrale. L'interno è perfettamente conservato nella forma romanica, anche se la parete del presbiterio è frutto di numerosi e del tutto disomogenei restauri.

Sotterranei

Gli ipogei , ricavati nei secoli dall'opera dell'uomo, rappresentano una realtà nascosta del borgo antico. Gran parte della pietra fu estratta per poter costruire i palazzi per cui si possono immaginare i volumi esistenti nel sottosuolo. A seguito del catastrofico terremoto del 1456 , il conte Cola di Monforte progettò la nuova città, con un assetto difensivo, dotandola di doppia cinta muraria , interrotta dalle porte che davano accesso al borgo. Utilizzò i vuoti esistenti collegandoli tra loro e rendendoli funzionali a una logica militare. Una ragnatela di cunicoli, una sorta di “rete” in tempi medievali che consentiva la comunicazione rapida da più punti. Tra i sotterranei fotografati, ci sono alcuni tratti dell'antico camminamento che permetteva alle guarnigioni di spostarsi velocemente da una torre all'altra e dalle mura di cinta alla parte alta del colle. Su questa attendibile ipotesi l'Associazione "Centro Storico" orienta le ricerche con l'obiettivo di ripercorrere il leggendario passaggio che permetteva l'estrema fuga in caso di prolungati assedi.

Nel corso dei secoli i sotterranei hanno subito diverse destinazioni: verso la fine del XV secolo , con l'ampliamento del borgo e l'istituzione della dogana per l'editto di Ferrante d'Aragona, furono aperti i fondaci della farina, del sale, delle carni.

Durante la Seconda guerra mondiale furono utilizzati dalla popolazione come rifugi antiaerei.

Negli anni Sessanta alcuni furono adibiti a discoteche e luoghi di incontro per giovani, grazie all'ampiezza degli spazi e al loro naturale isolamento acustico.

Successivamente furono del tutto abbandonati e non più utilizzati, diventando in molti casi autentiche discariche di materiale edile a seguito delle ristrutturazioni degli edifici della superficie. Attualmente sono molto ricercati per renderli fruibili come pub e ristoranti.

Aree naturali

Queste sono le principali aree verdi della città:

  • Bosco Faiete
  • Giardino del convitto nazionale Mario Pagano
  • Piazza Bernardino Musenga (Villa dei Cannoni)
  • Parco Alessandro Manzoni
  • Parco Eduardo De Filippo
  • Parco Giuseppe Ungaretti
  • Parco della Memoria
  • Parco della Musica Giuseppe Manente
  • Parco della Via Matris
  • Parco del torrente Scarafone
  • Pineta di San Giovannello

Villa De Capoa

Scorcio a Villa de Capoa
Sentieri a Villa de Capoa

La settecentesca “Villa De Capoa”, recuperata con un accurato progetto, è uno dei luoghi più suggestivi della città.

Il parco, adiacente all'ex convento di Santa Maria delle Grazie, fu fatto costruire nel Cinquecento da Andrea di Capua . Svolse per circa due secoli la funzione di riserva delle erbe che i monaci del convento utilizzavano per la creazione di medicinali naturali. Nel Settecento fu acquistato da privati e riorganizzato in parco vero e proprio. Infine nell' Ottocento la contessa Marianna de Capoa lo donò alla città.

Il giardino è all'italiana, ricopre un'area di quasi 16 000 . Il viale principale, va dall'ingresso a una piazza; in essa sono collocate una fontana e una piattaforma circolare, usata per allestire spettacoli. In altre zone del giardino vi sono un labirinto di siepi e una rotonda delimitata da quattro aiuole, in cui, nel 1929 , sono state impiantate delle sequoie. Ad arricchire i suggestivi sentieri vi sono sculture mitologiche, archi di pietra o di siepi, un sarcofago di fine Quattrocento, un pozzo, panchine in pietra e una grotta. L'ingresso principale, con il pregiato cancello in ferro battuto di stile liberty, si affaccia su piazza Savoia.

Le specie vegetali presenti sono varie e degne di attenzione: alte sequoie, possenti cedri del Libano, eleganti cipressi , abeti rossi, profumati tigli continuano ad avere una funzione non solo ornamentale: sono la testimonianza della cultura, del gusto e dell'arte di coloro che tanti anni fa hanno realizzato questo gioiello.

All'interno del parco è presente un complesso sportivo per praticare tennis, con diversi campi coperti e scoperti, in cui dal 2002 al 2012, ogni anno, veniva organizzato il torneo internazionale femminile di tennis del circuito ITF Women's Tour nominato "Regione Molise" il cui premio in palio è oscillato tra i 10 000 ei 25 000 $ ; nel 2011 fu vinto dall'italiana Karin Knapp .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [22]

Etnie e minoranze straniere

Gli stranieri residenti a Campobasso al 31 dicembre 2019 sono 1 908, pari al 3,9% della popolazione. [23] Le nazionalità più numerose sono:

Qualità della vita

Il rapporto di ecosistema urbano di Legambiente relativo all'anno 2018 colloca il comune al 77º posto tra le 104 città italiane capoluogo di provincia [24] .

Secondo Il Sole 24 ORE , Campobasso nel 2019 era la 74ª città italiana con la qualità di vita più alta su un totale di 107; nel 2014 si trovava invece all'82º posto. [25]

Cultura

Biblioteche

Scuole

Nel comune sono presenti istituzioni prescolastiche, scolastiche di primo grado e di secondo grado, inferiore e superiore. Quelle di secondo grado superiore comprendono un istituto professionale per i servizi commerciali e turistici, un professionale per l'industria e l'artigianato, un professionale per l'agricoltura e l'ambiente, un tecnico commerciale e per geometri, un tecnico industriale, un tecnico per le attività sociali, un liceo classico, due licei scientifici, due licei linguistici, un liceo delle scienze umane, un liceo artistico, un liceo musicale.

Università

Formazione militare

Musei

Centri culturali

Media

Stampa

Radio

A Campobasso è nata Radio Tau, antesignana di Padre Pio TV .

Televisione

Teatri

Tradizioni e folclore

I Misteri, L'Assunta
La processione della Madonna dei Monti

Sfilata dei Misteri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo dei Misteri .

Ogni anno, nella domenica del Corpus Domini , nelle vie della città sfilano i "Misteri" , strutture in una lega ferrea flessibile e resistente create dal campobassano Paolo Saverio di Zinno nel XVIII secolo . Si presentano come dei carri allegorici su cui sono esposti i misteri della Bibbia . I "Misteri" sono anche nominati quadri viventi, infatti bambini, anziani e adulti, si trasformano in santi, angeli e demoni ancorati alle strutture in acciaio e legno appositamente rivestite offrendo una visione surreale e generando l'impressione che i personaggi aleggino nell'aria. Le strutture sono portate a spalla da gruppi di portatori che avanzano al ritmo scandito dal capo mistero e cadenzato dalla banda musicale che propone una marcia tratta dal Mosè di Rossini. La sfilata è composta, nell'ordine, dalle seguenti raffigurazioni:

Alla fine della manifestazione, dal palazzo comunale l'arcivescovo metropolita di Campobasso-Bojano impartisce la Benedizione ai Misteri. Nel febbraio del 1997 nasce l'Associazione "Misteri e Tradizioni", supportata una forte richiesta dei cittadini, per tutelare il patrimonio storico culturale dei Misteri, con successiva realizzazione del Museo dei Misteri e del sito ufficiale della manifestazione.

Nel Medioevo i Misteri si allestivano e si disfacevano anno per anno, variando di forme e di costumi, con il patrocinio di congregazioni religiose laiche che sostenevano le spese di allestimento. Le rappresentazioni avvenivano su palchi fissi o mobili con scenografie elementari, i copioni erano in linguaggio popolare e gli argomenti rispettavano la vita e la fantasia delle platee di fedeli a cui si rivolgevano. In quelle forme di rappresentazioni possiamo trovare forme di teatro greco o romano e nel Quattrocento si cerca di canonizzare le rappresentazioni dei Misteri creando regole per non cadere nel goffo e nel profano. La trasformazione di quadri viventi in quadri stabili non indecorosi o goffi, lontani da forme di irreligiosità, si verifica a Campobasso negli anni 1766-68, quando la borghesia locale suggella la sua ascesa con l'affrancamento dal servaggio feudale. In origine i Misteri erano ventiquattro conservati nelle tre chiese che provvedevano all'organizzazione della processione del Corpus Domini. Sei di essi non ressero alla prova che il Di Zinno, autore degli stessi, fece con i modelli di cera da lui creati prima di poggiarci le persone, altri sei invece furono distrutti dal terremoto del 26 luglio 1805 , mentre il Santissimo Cuore di Gesù fu realizzato nel 1959 sulla base di un bozzetto del Di Zinno.

Il Venerdì Santo

L'origine della processione del venerdì Santo a Campobasso risale probabilmente alle sacre rappresentazioni del XIII secolo . La notizia storica più sicura risale al 1626 quando in un "istrumento di concordia tra i Crociati ei Trinitari" si accenna a tale manifestazione.

Nella chiesa di Santa Maria della Croce vengono custodite le statue dell' Addolorata e del Cristo morto. Tutta la cittadinanza si ritrova in questa chiesa nelle sere del settenario , raccolta in silenzio mentre viene cantato l'inno che viene chiamato dai campobassani " lo zuchetezù ", una specie di "botta e risposta", che il suo compositore chiamò: " Oh di Gerico beata ".

La processione del venerdì Santo si colloca all'interno delle manifestazioni processionali legate alla passione. Il corteo solitamente inizia alle ore 17.00 del Venerdì Santo da Santa Maria della Croce e vede la partecipazione della quasi totalità della città che segue mestamente il Cristo morto. La statua dell'Addolorata viene posta tradizionalmente dietro il Cristo e viene accompagnata da donne vestite di nero che reggono nastri che partono dalla statua. Il coro che accompagna la processione del venerdì Santo era inizialmente formato da un centinaio di cantori e dalla banda musicale, mentre in epoca contemporaneea sono oltre settecento persone quelle che vi partecipano.

Crociati e Trinitari

La vita cittadina del XVI - XVII è animata da lotta fra due grandi confraternite, quella dei Crociati e quella dei Trinitari. Probabilmente le rivalità nascevano dalla volontà di conquistare la supremazia sulla città da parte di un gruppo sociale sull'altro. Diversi e violenti furono gli scontri fra queste fazioni che insanguinarono le strade della città. Le due confraternite posero fine alle lotte fratricide durante la Quaresima dell'anno 1587, con la mediazione del frate predicatore cappuccino Geronimo da Sorbo. In queste drammatiche vicende, stando alla leggenda, si inserisce una tragica storia d'amore fra la trinitaria Delicata Civerra e il crociato Fonzo (o Alfonso) Mastrangelo, una sorta di Giulietta e Romeo campobassani. Il loro matrimonio, come nella famosa opera di William Shakespeare , viene proibito dalle rispettive famiglie per la rivalità tra le due confraternite a cui appartenevano. Fonzo fugge e si arruola come soldato. Delicata, invece, per il dolore si ammala mentre si trova nella Torre Terzano dove è stata imprigionata e addirittura muore, proprio nel giorno in cui le parti avverse fanno pace. Il suo amato Fonzo, ricevuta la triste notizia della morte della giovane, abbandona tutto e diventa frate francescano.

Altri eventi

  • Il 31 maggio, in occasione della Festività della Madonna dei Monti , si realizza, lungo le strette vie del borgo antico, un' infiorata con la quale si illustrano scene sacre e simboliche.
  • Crociati e Trinitari . Ogni anno si svolge un corteo in costumi d'epoca per rievocare l'importante evento storico del 1587 ossia la pace fra i Crociati ei Trinitari, che dal 1997 , anno della morte del suo ideatore Corrado Caluori detto Corradino, viene portato avanti dall'associazione da lui fondata, la " Pro Crociati e Trinitari ". Di solito viene effettuata in concomitanza dei grandi festeggiamenti estivi del Corpus Domini .
  • Dal 1996 il capoluogo molisano ospita la Mostra d'Arte Contemporanea internazionale "Fuoriluogo", promossa dall' Amministrazione Provinciale di Campobasso e dall'Associazione Culturale Limiti-Inchiusi Arte Contemporanea.
  • Dal 2002 la città ospita un Festival Internazionale del cinema, ideato dal comune e dal Cineclub Kimera di Termoli , dal nome di " Kimera Film Festival " ex "La Notte dei Corti Viventi" . Il Festival è l'unico evento internazionale legato al cinema che la regione possa vantare, oltre ad essere la manifestazione cinematografica con la massima anzianità regionale e con la migliore continuità.
  • Nel 2007 è stata realizzata dopo anni di assenza Moliseinfiera , la maggiore rassegna espositiva della regione e nel 2008 è stata presentata la prima edizione di Piacere Molise , la prima fiera enogastronomica della regione.
  • Sant'Antonio abate . Il 17 gennaio comincia ufficialmente il Carnevale. La festa ha il suo scenario obbligato nella chiesa e sul sagrato dedicata a Sant' Antonio abate. È qui che c'è la benedizione degli animali, ed è qui che si ammassano i ciocchi di legna che arderanno fino a ora tarda.

Geografia antropica

Suddivisioni storiche

Pur non rivestendo il ruolo di enti amministrativi locali propriamente detti, sono nate delle associazioni di quartiere su tutto il territorio comunale. Tali associazioni, nate da aggregazioni di cittadini, si pongono a servizio dei quartieri da esse definiti come mediatori tra il cittadino e l'amministrazione comunale. Il territorio dunque risulta diviso nei seguenti quartieri: Centro Storico, Centro Murattiano, Campobasso Nord, San Giovanni, Vazzieri, Colle dell'Orso, Sant'Antonio Abate, Tappino. Le principali zone moderne e storiche all'interno del Comune sono:

Veduta del centro storico
  • Centro storico : il centro di Campobasso si divide in due nuclei storici: quello medievale che si arrampica sul monte del castello, e il nuovo centro di Gioacchino Murat fatto costruire dopo il 1805, detto appunto "Centro Murattiano", alle porte del borgo vecchio, le cui arterie principali sono corso Vittorio Emanuele II, viale Regina Elena, corso Francesco Bucci, corso Giuseppe Mazzini e le piazze Gabriele Pepe, Vittorio Emanuele II, Francesco d'Ovidio, della Vittoria e Giovanni Falcone e Paolo Borsellino (già Savoia).
    In cima alla montagnola si erge il quattrocentesco castello Monforte con il santuario della Madonna del Monte (o Santa Maria Maggiore, frequentata anche da Padre Pio ), e dalla fortezza partiva la cinta muraria, rifatta nella seconda metà del XV secolo voluta da Nicola dei Monforte, che abbracciava tutto il nucleo medievale, demolita dal sisma del 1805 e inglobata nelle case, dove è ancora è possibile vedere alcune porte di ingresso allineate con le torri (Porta Sant'Antonio a ovest, Porta San Nicola a sud-ovest, Porta Mancina a sud-est e Porta San Paolo a est). Dopo il terremoto del 1456 il centro nevralgico della vita cittadina è divenuta la piazzetta con la chiesa di San Leonardo , a differenza della parte di sopra con lachiesa di San Bartolomeo e l'ancora più periferica chiesa romanica di San Giorgio , usata come sepolcro dei cittadini e delle famiglie illustri. Diversi sono i palazzi rinascimentali e settecenteschi, come il Palazzo Japoce , il Palazzo Angioino, il Palazzo Mazzarotta sede del museo sannitico di Campobasso . Scendendo sempre più in basso, in Piazza Gabriele Pepe, ingresso al cosiddetto "Centro Murattiano", si trovano il Teatro Savoia accanto l'ottocentesca Cattedrale della Santissima Trinità e il Palazzo Magno. In Piazza Vittorio Emanuele si trovano diversi edifici progettati insieme ai principali decumani della città a scacchiera (Corso Vittorio Emanuele II, Corso Mazzini, Piazza Musenga, Corso Francesco Bucci, Piazza Pepe, via Vittorio Veneto e viale Garibaldi. In Piazza Vittorio Emanuele si affacciano il Palazzo San Giorgio (sede del Comune, ricavato dall'ex monastero dei Celestini), il Palazzo della Banca d'Italia, il Banco di Napoli e il Convitto Nazionale "Mario Pagano", mentre il corso Mazzini conduce alla strada antica per il cimitero, dove si trova la chiesa monastero di San Giovanni del Jelsi, e poi la parrocchia del Sacro Cuore, ricavata dal convento dei Cappuccini.
Corso Vittorio Emanuele
  • Sant'Antonio Abate : piccolo sobborgo del centro storico, situato alla periferia ovest, alle pendici del monte del Castello, delimitato da via Sant'Antonio Abate e via Paolo Saverio di Zinno. Anticamente era la periferia occidentale di Campobasso, con la porta omonima di accesso alle mura, e la chiesetta di Sant'Antonio. Nell'Ottocento si sono costruite nuove case, che delimitano le attuali via Monforte e via Firenze, che tornando verso est, si ricollegano al centro Murattiano mediante il sagrato della Cattedrale.
  • Vazzieri : è un quartiere di recente costruzione, pensato in occasione dell'istituzione dell' Università degli Studi del Molise , che vede il suo principale campus insistere nel quartiere. Sorge a sud, oltre la Tangenziale Est, con casello omonimo di uscita, è delimitato da viale Principe di Piemonte, viale Manzoni, via Pascoli e via Leopardi. Le parrocchie sono quelle di Sant'Antonio di Padova e di Santa Maria Mater Ecclesiae, erette tra gli anni '70 e '90, e in sostanza il quartiere è una piccola città a sé per le esigenze degli universitari.
Via Damato
  • Campobasso Nord : nato tra la fine degli anni sessanta e l'inizio dei settanta con il progetto di Enrico Mandolesi per la nascita di una zona residenziale a nord della città, che verrà conosciuta come quartiere CEP. Si tratta di uno dei quartieri più popolosi della città, ricco di servizi e sede di diversi uffici amministrativi, tra i quali il consiglio regionale. Architettonicamente è rilevante l'area già menzionata del quartiere CEP, esempio all'avanguardia dell'edilizia popolare del tempo, caratterizzato dalla costruzione con faccia a vista, tipica dell'architettura del Mandolesi. Negli anni l'espansione è proseguita verso nord, ed oggi ingloba anche la zona commerciale e industriale a condivisa e al confine col comune di Ripalimosani, per cui ricadono a Campobasso Nord anche i centri commerciali, alcuni nuclei produttivi, e servizi.
  • San Giovanni : confinante ad ovest con Vazzieri, deve il nome alla chiesa di San Giovanni dei Gelsi, che sorge all'ingresso del grandecimitero comunale. L'area sino agli anni '70 è rimasta inedificata e il quartiere che vi sorge, raggiungibile facilmente dalla strada statale con omonimo casello, non ha una conformazione urbanistica ben precisa, ma si sviluppa a nord dell'antico convento e intorno alle arterie principali di via San Giovanni e via Puglia. Il quartiere è ospita diversi uffici amministrativi, tra i quali il Centro per l'Impiego, il Tribunale Amministrativo Regionale, il Centro smistamento di Poste Italiane , campi sportivi e palestre oltre il Terminal Bus di Piazza San Pio da Pietrelcina.
  • San Nicola delle Fratte : sorge a nord del monte del castello, confinante con la zona di Campobasso Nord. La parrocchia è la Chiesa Cristiana Battista, non si rilevano interessanti forme architettoniche dato che è un quartiere ancora in via di espansione, solitamente residenziale.
  • Nuova Comunità : attraversato dalla Strada provinciale 57 di Mirabello Sannitico, e dalla Provinciale per Ferrazzano, il quartiere è di recente fondazione, costruito negli anni '90. Sorge a sud di Vazzieri, ed è provvisto di moderne infrastrutture come palestre e plessi scolastici oltre a parchi pubblici, come lo "Giuseppe Ungaretti" el' "Alessandro Manzoni".

Frazioni

L'unica frazione della città è Santo Stefano , exclave circondata da Ripalimosani (di cui faceva parte in passato), Castropignano e Oratino .

Economia

L'economia della città si basa principalmente sul commercio e sulla lavorazione dei prodotti alimentari (oleifici, distillerie, pastifici); nel territorio comunale ha sede l'industria alimentare La Molisana . Altrettanto sviluppato è il settore del pubblico impiego, legato principalmente alla sua funzione di capoluogo regionale. Sono da ricordare inoltre alcune lavorazioni di prodotti artigianali come la produzione di coltelli e forbici , attività presenti sin dall'epoca medievale, durante la quale le officine di Campobasso erano considerate tra le più importanti d'Europa. Anche le lavorazioni dell' argilla , finalizzate alla produzione di oggetti per uso domestico, oltreché quelle del cuoio , del ferro battuto e del legno non sono del tutto scomparse. [32] Erano anche rinomate le produzioni di ceramiche e di terrecotte .

Infrastrutture e trasporti

Strade

I collegamenti stradali extraurbani sono caratterizzati dalle seguenti strade statali:

La città è servita da una tangenziale divisa in:

  • SS 710 Tangenziale Est di Campobasso , conosciuta anche come Variante alla SS 87 che taglia la città a sud-est attraversandola tramite dei viadotti e una galleria ( Vazzieri-San Vito ) partendo dalla località San Vito e giungendo all'innesto col raccordo Ingotte passando per i quartieri Vazzieri, San Giovanni, Colle dell'Orso, Campobasso Nord e la Zona Industriale.
  • SS 711 Tangenziale Ovest di Campobasso , che parte dalla località San Vito con i raccordi per la Tangenziale Est e la SS 645, per collegarsi alla SS 751 Fondo Valle Rivolo, inaugurata il 29 marzo 2014, che si innesta sulla Bifernina.

Ferrovie

La stazione di Campobasso è situata nel centro della città, in piazza Vincenzo Cuoco ed è gestita da Centostazioni , società del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane . La stazione è capolinea delle linee Termoli-Venafro e Benevento-Campobasso .

L'esercizio commerciale è operato da Trenitalia con treni regionali da e per Caserta , Isernia , Napoli , Roma e Termoli ; a seguito della sospensione del servizio ferroviario sulla linea Benevento- Bosco Redole nel 2013 , i servizi lungo tale direttrice sono effettuati da autobus sostitutivi. In città sono presenti anche le fermate San Michele e Duca d'Aosta , costruite nell'ambito del progetto noto come " metropolitana leggera Matrice-Boiano" [33] , la cui attivazione non è ancora stata effettuata data la concomitanza dei lavori di elettrificazione in corso sulla tratta Campobasso - Roccaravindola . Nel territorio comunale è presente inoltre la stazione di Ripalimosani , soppressa nel 2001, lungo la linea Campobasso-Termoli .

Mobilità urbana

I trasporti urbani e interurbani di Campobasso vengono svolti con autoservizi di linea gestiti da SEAC , ATM , Flixbus e SATI.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Campobasso .

Consolati

Gemellaggi

Campobasso è gemellata con:

Sport

Principali Impianti sportivi pubblici

Pallavolo

  • Nuova Pallavolo Campobasso
  • Free Volley Campobasso

Atletica

  • Gruppo Sportivo Virtus
  • Atletica Molise Amatori
  • Polisportiva Molise Campobasso
  • CUS Molise
  • Podistica Avis Campobasso
  • SC Promosport
  • Emmedue SSD ARL

Atletica leggera

Ogni anno si svolge la mezza maratona Tappino-Altilia , che parte dalla località Tappino, a Campobasso, e si conclude nel comune di Sepino presso il sito archeologico sannita-romano di Saepinum , alle propaggini del Massiccio del Matese . Dal 2002, in considerazione delle sue caratteristiche peculiari, la Tappino-Altilia è stata inserita dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo tra le manifestazioni delle Giornate Europee del Patrimonio dedicate al tema Lo sport nell'Italia antica .

Calcio

Calcio a 11

Calcio a 5

  • Planet Campobasso - Stagione 2007/2008 Campionato Nazionale maschile di Serie B girone D.
  • Five Campobasso - Stagione 2011/2012 Campionato Nazionale maschile di Serie B girone D.
  • Polisportiva Chaminade 1999 - Prima Squadra (C1 regionale) - Under 21 Nazionale - Juniores Regionale - Allievi regionali - Giovanissimi regionali - Pulcini.
  • Circolo la Nebbia Cus Molise - Stagione 2019/2020 Campionato Nazionale Serie A2 girone C

Ciclismo

Per 12 volte Campobasso è stata sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia , la prima nel 1913 , l'ultima nel 1989 .

Pallacanestro

  • Magnolia Campobasso - stagione 2020/2021 Campionato Nazionale di Serie A1 femminile.

Rugby

  • Hammers Rugby Campobasso , dall'autunno 2017 unica squadra ovale del capoluogo, è attiva in vari settori

Tennis

Dal 2002 al 2012 nel mese di giugno la città ha ospitato il Torneo Internazionale Regione Molise di tennis, su terra battuta e facente parte dell' ITF Women's Circuit:

Scherma

Campionati Nazionali Universitari 2010

Campobasso, insieme alle altre due sedi dell' Università del Molise , Isernia e Termoli , ha ospitato i Campionati Nazionali Universitari 2010, tra il 21 e il 29 maggio. Questi i numeri dell'evento:

  • CUS aderenti: 49;
  • Partecipanti: circa 6 000 (atleti, tecnici, accompagnatori, ecc.);
  • Discipline sportive: 20-22;
  • Trasporti: circa 1 000 transfer (con 4 bus da 50 posti, 20 minibus, 30 autovetture e 30 scooter);
  • Copertura sanitaria: 20 medici sui diversi campi di gara distribuiti nelle tre sedi;
  • Premiazioni: 300 coppe, oltre 500 medaglie d'oro e d'argento, oltre 700 medaglie di bronzo;
  • Operatori: circa 500 persone.

In occasione dello svolgersi di tale manifestazione, è stato inaugurato nel campus di Vazzieri il Palaunimol, adiacente al palazzo della Biblioteca Centrale d'Ateneo.

Automobilismo

La città ospita dal 1994 la gara di slalom "Città di Campobasso", che è stata fino al 2020 la competizione da più tempo presente nel Campionato Italiano Slalom . Esso è stato vinto in cinque occasioni dal campobassano originario di Cercemaggiore Fabio Emanuele, a sua volta vincitore per sei volte del CIS.

Note

  1. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT (dati provvisori) , su Demo.ISTAT.it . URL consultato il 6 maggio 2021 .
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Luciano Canepari , Campobasso , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ Vincenzo Eduardo Gasdia, https://books.google.it/books?id=gSkaAAAAIAAJ&q=%22campuasce%22&dq=%22campuasce%22 , in Storia di Campobasso , vol. 2, Ghidini & Fiorini, 1960, p. 309.
  6. ^ Comuni capoluogo di provincia - elenco per altitudine , su TuttItalia.it . URL consultato il 23 agosto 2020 .
  7. ^ Gazzetta Ufficiale , su www.gazzettaufficiale.it . URL consultato il 7 settembre 2018 . , riconoscimento sancito nei decreti 23 e 24/2018
  8. ^ Michelangelo Ziccardi, La Pace , Campobasso 1841.
  9. ^ Clima Campobasso - Medie climatiche » IL METEO
  10. ^ Giovanni Alessio , Toponomastica storica dell'Abruzzo e del Molise , Napoli, Liguori, 1963, p. 51.
  11. ^ Marcello De Giovanni, Studi linguistici , Verona-Pescara, Anteditore-Istituto di studi abruzzesi, 1974, p. 51, SBN IT\ICCU\SBL\0587527 .
  12. ^ Dizionario di toponomastica , Torino, UTET, 1990, p. 145, ISBN 88-02-07228-0 .
  13. ^ Giambattista Masciotta, Il Molise, dalle origini ai nostri giorni , Napoli, tipolitografia Pierro, 1915.
  14. ^ Giuseppe Maria Galanti, Descrizione del Contado di Molise , Napoli, Società letteraria e tipografica, 1781.
  15. ^ Vincenzo Eduardo Gasdia, Storia di Campobasso , Verona, Linotipia veronese Ghidini e Fiorini, 1960.
  16. ^ Benedetto Croce, Il Conte di Campobasso in vite di avventure, di fede e di passione , edizione Laterza, Bari 1953.
  17. ^ a b c d e f Franco Nicola, I Palazzi della Provincia di Campobasso , su www.amicomol.com . URL consultato il 9 settembre 2015 (archiviato dall' url originale il 9 settembre 2015) .
  18. ^Maristella Casciato, Domenico Filippone , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 47, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 25 dicembre 2015 .
  19. ^ Fondazione Molise Cultura - La sede .
  20. ^ Campobasso entra nell'Italia delle Arti , su IL TEMPO.it - Molise , 21 agosto 2012. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato dall' url originale il 13 aprile 2013) .
  21. ^ Libero Cutrone, Gioele Di Renzo, CAMPOBASSO 1573: La nuova confraternita del Santissimo Rosario , 2020.
  22. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  23. ^ Popolazione residente e bilancio demografico al 31 dicembre 2018 - Campobasso , su demo.istat.it . URL consultato il 10 aprile 2020 .
  24. ^ Ecosistema urbano 2018 , su Legambiente . URL consultato il 23 gennaio 2019 .
  25. ^ Qualità della vita 2019: la classifica delle città italiane dove si vive meglio. Milano la migliore | Il Sole 24 ORE , su www.ilsole24ore.com . URL consultato il 3 giugno 2020 .
  26. ^ Biblioteca Provinciale Pasquale Albino , su Provincia di Campobasso .
  27. ^ Home - Archivio di Stato di Campobasso , su www.ascampobasso.beniculturali.it . URL consultato il 6 marzo 2017 .
  28. ^ Museo della scuola e dell'educazione popolare , su unimol.it . URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 19 aprile 2018) .
  29. ^ ARATRO Centro di arte contemporanea , su dipscienzeumanistiche.unimol.it . URL consultato il 18 aprile 2018 .
  30. ^ Polo museale del Molise – Musei: Palazzo Pistilli , su musei.molise.beniculturali.it . URL consultato il 18 aprile 2018 .
  31. ^ Inaugurata alla Casa della Scuola la Galleria Civica con le opere di Antonio Pettinicchi , su quotidianomolise.com , 21 maggio 2019. URL consultato il 20 marzo 2020 .
  32. ^ Nel Molise l'artigianato è ancora molto vitale - nel sito UNPLI MOlise , su unplimolise.it . URL consultato il 7 aprile 2016 .
  33. ^ TRAIL - Portale nazionale delle infrastrutture di trasporto e logistica del sistema camerale , su trail.unioncamere.it . URL consultato il 24 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2014) .
  34. ^ Città gemelle di Vladimir Archiviato il 5 gennaio 2009 in Internet Archive .
  35. ^ Città di Campobasso (CB) , su araldicacivica.it . URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2018) .
  36. ^ città gemellate dal sito di Banja Luka , su banjaluka.rs.ba . URL consultato il 10 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 17 settembre 2011) .
  37. ^ gemellaggio istituzionale dal sito del comune di Vastogirardi (IS) ( PDF ), su comune.vastogirardi.is.it . URL consultato l'11 luglio 2012 (archiviato dall' url originale il 20 marzo 2015) .

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 132509102 · LCCN ( EN ) n79039955 · GND ( DE ) 4216181-2 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79039955
Molise Portale Molise : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Molise