Carbonia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Carbonia (desambiguació) .
Carbonia
comú
Carbonia - Escut d'armes Carbonia - Bandera
Carbonia - Vista
Vista de la ciutat des de Monte Leone, amb alguns turons al fons a l'esquerra i l' illa de Sant'Antioco a la dreta
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Sardinia-Stemma.svg Sardenya
província Sardenya sud
Administració
Alcalde Paola Massidda ( M5S ) del 20-6-2016
Data d’establiment 5 de novembre de 1937 [1]
Territori
Coordenades 39 ° 10'00.49 "N 8 ° 31'19.05" E / 39.166803 ° N 8.521957 ° E 39.166803; 8.521957 (Carbonia) Coordenades : 39 ° 10'00.49 "N 8 ° 31'19.05" E / 39.166803 ° N 8.521957 ° E 39.166803; 8.521957 ( Carbonia )
Altitud 111 m sobre el nivell del mar
Superfície 145,54 km²
Habitants 27 611 [2] (31-12-2019)
Densitat 189,71 habitants / km²
Fraccions Bacu Abis , Barbusi , Barega , Corongiu , Tanì (els tres últims compartits amb el municipi d’ Iglesias ), Cortoghiana , Is Gannaus , Serbariu , Flumentepido , Sirri
Municipis veïns Gonnesa , Iglesias , Narcao , Perdaxius , Portoscuso , San Giovanni Suergiu , Tratalias
Altra informació
Codi Postal 09013
Prefix 0781
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 111009
Codi cadastral B745
Placa ACTIVAT
Cl. sísmic zona 4 (sismicitat molt baixa) [3]
Cl. climàtic zona C, 922 GG [4]
Anomenar habitants Carboniensi, Carboniesi
Patró San Ponziano
Festa Dijous següent al segon diumenge de maig
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carbonia
Carbonia
Carbonia - Mapa
Situació del municipi de Carbonia
a la província del sud de Sardenya
Web institucional

Carbonia ( escolta [ ? · Info ] IPA : [karˈbɔni̯a] [5] , Carbónia [6] o Crabónia [7] en sard ) és una ciutat italiana de 27 611 habitants [2] , capital provisional de la província del sud de Sardenya [8] .

Ciutat principal [9] [10] [11] [12] de Sulcis [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] , Carbonia és la novena ciutat de Sardenya en nombre d’habitants [2] , així com la més poblada de la província [2] i en general de tot el sud-oest sard. El centre va néixer als anys trenta del segle XX per allotjar els treballadors empleats a les mines de carbó que el règim feixista va iniciar en aquells mateixos anys al territori per satisfer les necessitats energètiques d' Itàlia en els anys d' autarquia . En particular, Carbonia, el nom de la qual indica literalment el lloc o la terra del carbó com a prova de la seva vocació minera [21] , va ser construïda a prop de la mina Serbarìu , en substitució de la ciutat homònima del segle XIX , el poble del qual ara està completament incorporat com districte sud-est de la ciutat.

Després de l’èpica minera, Carbonia es va convertir en un centre de serveis per al territori, basant la seva economia principalment en el sector terciari [21] i en la indústria [21] , gràcies a la propera zona industrial de Portovesme , al municipi de Portoscuso .

Geografia física

Territori

Monte Rosmarino vist des de Monte Leone

Carbonia és un dels principals centres urbans del sud-oest de Sardenya . La ciutat es troba a la regió històrica de Sulcis [15] [16] [17] [18] [19] [20] , precisament a la part nord, anomenada Alto Sulcis, en el passat amb vocació minera. Carbonia es troba a uns 65 km a l'oest de Càller .

Orografia

La morfologia del territori és en gran part de turons baixos i planes, amb relleus d’altitud modesta (entre gairebé 500 metres del turó més alt del municipi [22] a deu metres del punt més baix del terme municipal), que malgrat això són anomenades incorrectament muntanyes, inclosa la muntanya Sirai (des de la qual es pot admirar una vista de la llacuna de Sant'Antioco i l'arxipèlag Sulcis (illes de Sant'Antioco i San Pietro ), la muntanya Tàsua, la muntanya Crobu, la muntanya San Giovanni, la muntanya Leone i la muntanya Rosmarino: el turó més alt del municipi és el Monte San Michele Arenas (en sardu Santu Miali ), a 492 m sobre el nivell del mar [22] . En aquest turó, on podeu admirar una vasta i notable panoràmica de la major part del territori costaner i de muntanya. de la zona de Sulcis, prop de les ruïnes de l’església de San Michele (avui desapareguda i potser d’origen bizantí), l’investigador i general Alberto La Marmora va situar el 1839 un punt geodèsic central i principal [23] per al sud de Sardenya idèntic a les connexions principals (al nord amb el mont Linas , al sud-est amb Punta Sebera, al sud amb Capo Teulada , al sud-oest amb l’ illa de Toro i a l’oest amb la Guardia dei Mori a l’ illa de San Pietro ) i altres connexions menors amb altres punts del territori.

Entre els relleus presents al terme municipal de Carboniense esmentem:

  • Monte San Michele Arenas (a les muntanyes sardes de Santu Miali ) m. 492 [22]
  • Monte Tàsua (és a dir, l’ aladern , la velocitat de l’eix) m. 455 [22]
  • Monte Cuccu Marrocu m. 408 [22]
  • Monte San Giovanni (en sard monti Santuani ) m. 332 [22] (en part al territori de San Giovanni Suergiu [22] )
  • Monte Onixeddu (o Donixeddu , és a dir, donicello) m. 329
  • Monte Corona Sa Craba (és a dir, recinte de pedra de la cabra) m. 328
  • Monte Leone, també conegut com Monte Lurdagu Mannu [22] (és a dir, gran pantà o pantà) m. 280 [22]
  • Monte Crobu (abans conegut com Monte Corvo) m. 271 [22]

Hidrografia

El llit de el Riu Santu Milanu amb el Crobu (esquerra) i de les muntanyes de Sant Joan (dreta) en el fons

Des del punt de vista hidrogràfic, el municipi inclou bàsicament dues conques principals [24] i altres cursos menors [24] , amb la zona habitada travessada al sud pel riu Santu Milanu i a l'est pel seu afluent Rio Cannas (o " Rio delle canne ") [24] , dos cursos d'aigua torrencials com la prevalença de cursos d'aigua al territori Carboniense, els llits dels quals (canalitzats al centre habitat [24] ) estan secs la major part de l'any i acaben a la llacuna de Sant'Antioco . El Rio Santu Milanu o Santu Millanu (que significa Rio " San Gemiliano ", un sant del segle I o II dC originari de Càller) es deia riu Bau Baccas ("gual de les vaques") als papers cadastrals del segle XIX . A aquests s'afegeix el Rio Flumentepido [24] (que significa riu tebi [25] , des de la proximitat del seu curs fins a les fonts hipotèrmiques d' Aquas Callentis [25] , o "aigües calentes" en sard), que flueix una mica més al nord cap a l'exterior del nucli urbà de Carbonia i que travessa algunes de les caseries del municipi [24] . El riu Cixerri (hidrònim que deriva de "sicherru", sec [25] ), un dels principals cursos d'aigua del sud de Sardenya amb la seva desembocadura a l' estany de Càller, també flueix durant un breu tram al territori municipal. Entre els cursos d'aigua més petits, cal destacar els rius Gutturu Nieddu i Is Ulmus, prop dels turons del mateix nom [24] .

Sismicitat

Clima

Arbre doblegat pel mistral fins a Monte Sirai . Els vents del nord-oest són dominants a la zona

El clima és mediterrani [27] , amb temperatures que oscil·len entre els 10 ° [27] de mitjana al gener i els màxims de 36 ° al juliol [27] i les precipitacions normalment contingudes [27] i entre la tardor i la primavera [27] , mentre que a l’estiu hi ha fenòmens freqüents de sequera [27] . En general, el territori està influït pels vents gairebé sempre presents; en particular, predomina el mistral que té com a efecte mitigar la calor estival però que en altres estacions sovint causa molts danys a causa de les seves ràfegues fortes, que poden superar fàcilment els 100 km / h.

Història

El període anterior a la fundació de la ciutat

Des del període prehistòric fins a la dominació espanyola

Tot i que la ciutat de Carbonia és una de les més joves d'Itàlia, el seu territori, que correspon a una gran part de la conca carbonífera en desús de Sulcis , és ric en nombrosos testimonis prehistòrics i històrics, relacionats amb les civilitzacions i les poblacions presents en aquesta zona de Sardenya . La presència d’una de les civilitzacions prehistòriques més antigues de Sardenya està certificada al territori de Carbonia, anomenat "Su Carroppu", que data del Neolític Antic (5700 - 5000 aC), que pren el seu nom de l’homònim refugi de roca, ja freqüentat al Mesolític , a prop de l’antic poble agro-pastoral de Sirri , al nord-est del centre urbà de Carbonia. Posteriorment es van establir en aquest territori diverses civilitzacions prehistòriques (des del neolític mitjà fins a l'edat del ferro ), documentades per troballes arqueològiques a nombroses coves i en jaciments del municipi, entre les quals hi ha les coves "dell'Ospedale", la "de Barbusi". ", la cova sepulcral" Baieddus de Sa Sedderenciu "o cova eenolítica de" Su Cungiadeddu de Serafini "a Tanì, la" cova de Serbariu ", les de" Polyphemus "," Sa Dom'e S'Orcu "," Sa Turrita ”,“ Della Campana ”,“ della Volpe ”i“ ACAI - Rio Cannas valley ”.

Una de les domus de janas de Cannas di Sotto. La necròpolis es troba dins del nucli urbà de la ciutat, envoltada d’una zona residencial

Altres proves d'aquesta població carbonienca del territori en aquella època es troben als típics cementiris prenuragis de la Domus de Janas de "Cannas di Sotto", "On Withccuru Cardolinu Crobu de monte" i "Maria Corona" (al nord de Cortoghiana ), "Is Arrùs de Riu Anguiddas ”i“ S'Ega de Is Elmas ”a l'oest de Cortoghiana ; als llocs residencials de Barbusi - rio Flumentepido , als assentaments del "poliambulantorio - vall rio Cannas" i al refugi de roca de "Coderra".

La presència d’aquesta civilització en diversos llocs es testimonia del període nuràgic , alguns d’importància considerable com el complex del nuraghe Sirai (fortalesa i zona habitada), entre els quals els més importants són el nuraghe "Mianu", el "Mitzotus" , el "Paristeris", el nuraghe "Piliu" i el "Su Conti" al medau del mateix nom. En total, hi ha més de quinze nuraghi i més de deu domus de janas repartides pel terme municipal. La presència de la civilització fenícia i púnica posterior es documenta a l'important assentament de Monte Sirai , antigament nuràgic i després romà , i en altres jaciments menors de la zona municipal. La presència de la dominació de Roma està documentada en nombrosos jaciments arqueològics menors del municipi de Carbonia i es troba en les troballes trobades a tombes i llocs habitats, que consisteixen en viles al camp i mansions (estacions de correus ) al llarg de la via romana. condueix des de "Carales" ( Càller ) cap a " Sulki " (prop de l'actual Sant'Antioco ), que travessava el territori Carboniense.

- l’església de Santa Llúcia a Sirri

L’ època medieval , quan la zona es va incloure a la curatoria de Sulcis pertanyent al Giudicato de Càller , està documentada no només per fonts històriques que esmenten localitats d’aquest territori, sinó sobretot a les antigues esglésies, presents i relacionades amb l’antiga " biddas "(vil·les), avui incloses al municipi de Carbonia, com l'antic monestir de Santa Maria di Flumentepido, l'església de Santa Barbara di Piolanas, l'església de Santa Lucia di Sirri , les ruïnes de l'església (probablement bizantina origen) de San Michele , al turó homònim de la localitat de "Is Arenas", les ruïnes de les esglésies de Santa Maria di Barega , Santa Giuliana i Santa Maria di Sirri i, finalment, les destruïdes (i reconstruïdes a lloc diferent) esglésies parroquials de San Narciso di Serbariu i de Santa Maria delle Grazie a Barbusi . A partir de la segona meitat del segle XIV , en el període de transició del domini de la Gherardesca Gherardiani a la posterior aragonesa , el territori actual del municipi, tal com va passar a la majoria dels municipis de la zona, va ser abandonat a causa de les epidèmies de pesta i devastació causades pel llarg conflicte entre el Giudicato d’Arborea i els aragonesos .

Des del període espanyol fins a les primeres dècades del segle XX

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: conca carbonífera de Sulcis .

Al segle XVIII , en el període de transició entre els dominis espanyol i piemontès-savoià, actual territori carbononi i el sulcità en general (territoris pertanyents al marquesat de Palmas , un feu en aquella època propietat primer dels brondo i després de la valenciana Bou Crespi) va registrar la repoblació, a través del naixement dels assentaments rurals dispersos anomenat " furriadroxius " o " Medaus ", per Iglesian famílies i pastors (generalment Barbagia ) [29] que, en la transhumància en aquestes terres de Sulcis des de fa diverses dècades, van decidir establir-se en aquests llocs gairebé completament deshabitats durant segles, també a causa de les freqüents incursions dels pirates barberians . Va ser en aquesta zona on el general i científic Alberto La Marmora va fer el primer informe oficial de carbó Sulcis, trobant la seva presència el 1834 i el 1846 a la localitat de "Cannamenda" (entre el mont Lisau i "Medau Brau" a la zona de Terra Segada, ja al municipi de Gonnesa ara al de Carbonia), a través de fragments de carbó fòssil, però sense poder localitzar els afloraments.

Però és sobretot gràcies a la constitució del municipi de Serbariu, un antic "boddeu" desvallat de Villamassargia el 1853 i amb la concessió de permisos d'investigació minera (com el de Caput Aquas) que una certa vitalitat i es va aconseguir vivacitat en aquesta zona, gràcies a una nova llei minera de 1840, que va entrar en vigor a Sardenya el 1848 i es va modificar el 1859, que preveia la separació de la propietat del sòl de la del subsòl. Ubaldo Millo va ser el descobridor del carboner de Bacu Abis el 1851 [30] ; el 29 de maig de 1853, les tres concessions de carbó de Bacu Abis, Terra'e Colu i Fontanamare van ser confiades a la companyia "Tirsi-Po" de Millo i Montani. Posteriorment, la concessió es va confiar a l'enginyer Anselmo Roux, que el 1873 va establir la Società Anonima Mine di Bacu Abis [31] . Els permisos d’investigació a la zona de Sulcis-Iglesiente a finals de 1861 eren unes quantes dotzenes, però van augmentar a cent el 1870 i les concessions es van duplicar. El diputat de l'Alguer, Angelo Roth, el 1915 va afavorir les mesures governamentals a favor de la Societat Limitada Bacu Abis, que gestionava les mines de carbó a Sulcis.

Tot i que amb una tendència fluctuant, es va produir un augment de la investigació i producció minera, especialment del carbó: en particular pel que fa al territori del llavors municipi de Serbariu, el descobriment del significatiu camp Nuraxeddu - Serbariu va donar un gran impuls a les activitats mineres. ja creixent, sobretot en els anys del règim feixista durant el període d’ autarquia , tant que va ser necessari no només el desenvolupament de nombroses i importants plantes d’extracció i producció, sinó també la construcció d’una nova ciutat minera, com Carbonia , i dos altres nous assentaments carbonífers menors, com Bacu Abis i Cortoghiana .

Els anys del carbó

El descobriment de grans jaciments de carbó al subsòl de Sulcis va conduir a les primeres dècades del segle XX a l'obertura de diverses mines i a nombroses obres d'exploració per avaluar la possible obertura de nous pous [32] . La companyia minera Bacu Abis va ser declarada en fallida el 12 d'abril de 1933 a causa de dificultats financeres [33] [34] .

Panorama de la mina de Serbariu el 1938

El 9 de desembre de 1933 a Trieste, a la seu de la Società Anonima Carbonifera Arsa , va néixer la Società Mineraria Carbonifera Sarda SpA, (Carbosarda) per fer-se càrrec de les mines de carbó de Sulcis-Iglesiente. Guido Segre , alt exponent de la comunitat jueva de Trieste i expresident d'Arsa, va ser el primer president de Carbosarda. El 9 de juny de 1935 Benito Mussolini va comunicar en la seva primera visita a Bacu Abis l'establiment de la conca del carbó Sulcis i el 28 de juliol de 1935 amb RDL n. 1406 el A.Ca.I. ( Azienda Carboni Italiani ) [35] , amb Guido Segre com a president, que va gestionar el carbó de Sulcis amb Carbosarda i la conca minera del sud-est d’Istria amb Carbo-Arsa o Arsa . Segre va ser l’autèntic arquitecte i president dinàmic de totes les empreses mineres que operaven als camps de carbó Sulcite i Istrian, construint dues noves ciutats obreres a prop de les mines: Arsia i Carbonia.

Cap al final del 1936, amb el mètode d’enquesta, es va produir el descobriment del jaciment de carbó a la zona de Serbariu-Sirai [36] , que va resultar enormement vast, tant que l’A.Ca.I. (Azienda Carboni Italiani), propietària de tota la conca de carbó amb Carbosarda i en previsió d’una intensa activitat minera, va proposar al govern la construcció d’una ciutat obrera a prop de les mines i del port de Sant'Antioco per al transport i l’embarcament. el mineral. El govern, compartint l’elecció del CAI, va decidir fundar una nova ciutat minera que es construiria al servei de la mina i dels seus treballadors. El nom escollit, Carbonia, un nom futurista que significa "terra o lloc de carbó" caracteritza aquesta voluntat.

Un carboner a la portada del primer número del setmanari Tempo , juny de 1939.

Fundació

Així fou, el 1937 , prop de la mina de Serbariu , que començaren les obres per a la construcció de Carbonia [37] , fortament desitjada pel règim feixista . Precisament, el dia de la fundació del centre municipal es remunta al 9 de juny d’aquell any, aniversari de la primera visita del cap del govern feixista, Benito Mussolini, al centre de carbó de Bacu Abis (destinat a convertir-se en una explotació minera) fracció de Carbonia, molt similar a Raša , a Istria ), que va tenir lloc dos anys abans la mateixa data (les dues ciutats, a més de l’altre centre miner d’Istria de Labin , estan ara agermanades). La cerimònia ritual de la fundació de Carbonia, amb les celebracions típiques del règim d’aquella època, va tenir lloc, en presència de les diverses autoritats civils, militars i religioses, amb la col·locació de la primera pedra i un estoig que contenia un pergamí ( amb els noms dels participants al ritu baptismal de la nova ciutat) a la rasa dels fonaments de la torre Littoria, actual torre cívica, el primer edifici construït a la ciutat al mont Fossone.

La constitució del municipi de Carbonia es va establir amb el Reial decret número 2189 del 5 de novembre de 1937 [38] . Segons l'article 1 de l'esmentat decret, es preveu l'establiment del municipi de Carbonia amb la capital al poble miner de Monte Fossone, el districte del qual inclou tot el territori del municipi de Serbariu (que va ser suprimit), així com alguns parts dels territoris dels municipis de Gonnesa i Iglesias. Les obres, que aleshores costaren uns 325 milions de lires , es van acabar el 1938 , tot i que es van construir diversos barris els anys següents. Les obres es van basar en els projectes realitzats per l’enginyer Cesare Valle i l’arquitecte Ignazio Guidi .

"Una ciutat nascuda del no-res, n'estic orgullosa"
L’antiga torre de la Littoria

«La ciutat va sorgir del no-res, com per art de màgia. Aquestes coses em commouen, em senten orgulloses. Són les obres més boniques. Penseu que tothom va fugir d'allà. Hi havia una malària terrible, morien com les mosques. Tenien por de viure-hi, però ara hi corren. Vaig fer dir a Starace aquestes coses, perquè dir-les jo era com fer un aplaudiment. Tenia molta il·lusió, estaven plens d’alegria, delirants. Van agrair molt el que vaig dir sobre els sards. Els nens són petits, patitini. Milloraran ".

Benito Mussolini , recent del seu primer viatge a Carbonia, explica els seus sentiments a Clara Petacci , que la dona del Duce registra al seu diari el 19 de desembre de 1938 [39] .

I en una trucada telefònica al vespre a Petacci, afegeix:

«Estic inquiet, perquè al diari diu" el carbó autàrquic ", mentre que jo dic" el carbó autèntic ". És un significat completament diferent. Ah! no saben com fer-ho, sempre s’equivoquen tot ".

A la imatge superior: La Torre Cívica (Torre Littoria durant el règim feixista). Originalment hi havia un balcó a l'altura del primer pis des del qual Mussolini pronunciava el discurs inaugural de la ciutat.

La data que se sol celebrar com l’aniversari de la ciutat és la de la inauguració, que va tenir lloc el dia nacional de fe de la pàtria feixista (commemoració introduïda el 1935 amb les donacions de les confessions de les núvies italianes), el 18 de desembre. , 1938 [40] , en presència del mateix Mussolini que, en la seva segona visita al camp de carbó de Sulcis, va pronunciar un discurs inaugural i propagandístic des de la torre Littoria en presència d’unes 35.000 persones [40] reunides a la cèntrica plaça Roma , al final de les obres de construcció del centre urbà de la ciutat, la segona de caràcter miner construïda pel règim després d'Arsia. Poc després va seguir un reconeixement a Carbonia amb l'atribució del títol de ciutat (amb el Reial decret llei del 9 de febrer de 1939 ) [41] . Una secció transversal eficaç del que va ser la construcció de Carbonia i les realitats humanes que hi van contribuir, enfrontant-se a moltes dificultats, es pot trobar a la novel·la Terra del Carbone de Valerio Tonini [42] [43] , un enginyer que va participar a la primera persona treballadora de l’empresa constructora que tenia.

La ciutat, en els anys de l' autarquia , va ser la destinació d'un gran flux migratori procedent d'altres regions de l'illa i també de més enllà del mar Tirreno ; s'estima que aproximadament el 25% del primer nucli de 12.000 habitants provenia d'altres regions italianes, en particular del Vèneto , les Marques , els Abruços , la Basilicata i Sicília (el 90% d'aquest primer nucli estava format per homes) [44] , a De fet, les mines de carbó de Sulcis funcionaven a ple rendiment, sent una de les principals fonts de subministrament de combustible a Itàlia en aquell moment, cosa que va augmentar significativament els nivells d’ocupació a Sulcis.

El 1940 es va aprovar el " pla general de la zona del carbó de Carbonia " que preveia un nou desenvolupament dels assentaments al voltant de Carbonia, centrat tant als centres existents de Portoscuso i Gonnesa (que haurien d'haver assolit els 20.000 i 10.000 habitants respectivament), com a els de noves fundacions com Bacu Abis i Cortoghiana (la població prevista dels quals era de 10.000 i 5.000 habitants respectivament) per realitzar el somni de Mussolini de fer de Sulcis una mena de " Ruhr italià" [45] . Tanmateix, a causa de la guerra, el pla es va deixar de banda i en el període comprès entre 1940 i 1943 es van militaritzar totes les mines de la conca de carbó de Sulcis: es van assolir els nivells màxims de producció de carbó amb grans sacrificis i nombrosos accidents laborals, fins i tot mortals. Carbosarda, gràcies a la condició d’empresa militaritzada, va implementar un règim d’explotació amb mesures arbitràries com l’increment del cost de les necessitats bàsiques als punts de venda de l’empresa i el cost de l’energia, fins a l’augment dels lloguers de les cases dels miners. i per als hotels obrers [46] , en contrast amb els acords contractuals, tant que gairebé immediatament hi va haver una reacció unànime d'oposició de tots els treballadors de la conca del carbó Sulcis. Així, el 2 de maig de 1942 a la ciutat hi va haver una vaga, la primera a Sardenya [47] [48] i entre les primeres a Itàlia [46] [47] durant els vint anys i la guerra, organitzada contra l’elevat cost de vida de les cèl·lules clandestines del Partit Comunista i dirigida per Tito Morosini, delegat confederal del sindicat feixista obrer, que va començar amb l’abstenció total de treballar als pous de carbó de Sirai. Unes dues setmanes després, el 15 de maig de 1942, es va inaugurar Cortoghiana (també en aquest cas en presència de Mussolini, que, en la seva tercera visita als Sulcis, va pronunciar un segon discurs a la Piazza Roma de Carbonia), encara un dels pobles més poblats de Carbonia, que es troba a pocs quilòmetres.

Talladora en un túnel de la mina de Serbariu

Segona Guerra Mundial

Durant la Segona Guerra Mundial , el 1943, Carbonia va ser bombardejada tres vegades per avions aliats , tot i que va patir menys danys que els que van patir altres centres de l'illa. Després del final del conflicte i la caiguda del feixisme, es va viure un nou període d'expansió econòmica, ja que les mines de carbó de Sulcis van continuar sent les úniques capaces de garantir nivells adequats de producció al país, després que Istria i els seus dipòsits haguessin passat a Iugoslàvia .

Les vagues després de la guerra

Del 5 d'octubre de 1948 al 16 de desembre del mateix any, es va dur a terme la " vaga blanca " de 72 dies [49] per contrarestar les mesures repressives i provocadores de la direcció de Carbosarda, en la implementació d'una rígida política de costos i ingressos a gestió d’empreses, càrrecs amb acomiadaments i trasllats de personal (sobretot els més polititzats i sindicats), augment indiscriminat del lloguer de cases i hotels dels treballadors, menjar als punts de venda de les empreses, preus de l’energia i carbó venuts als treballadors, reduccions arbitràries de salaris també amb l’aplicació de multes als empleats responsables de presumptes deficiències.

Miners de Carbonia a la feina, foto de Federico Patellani , 1950

La vaga blanca es va produir amb " no cooperació "; i minatori, presenti regolarmente al lavoro nei cantieri minerari, dopo le 8 ore di normale servizio giornaliero non effettuarono più prestazioni straordinarie a cottimo (retribuite secondo la quantità di carbone estratto), in base a precedenti accordi aziendali, tanto che la produttività della Carbosarda scese del 50%. La direzione della Carbosarda reagì con misure drastiche e incontrollate ancora più pesanti di quelle sopra indicate, ricorrendo con intimidazioni alla Polizia e alla magistratura . Esplose così, non solo a Carbonia e nel Sulcis, ma anche in tutta la Sardegna e nel resto della penisola, un vasto movimento popolare di solidarietà e sostegno alla lotta dei minatori carboniferi con i seguenti gesti significativi: parecchi lavoratori sottoscrissero a loro favore mezza giornata di paga, come i dipendenti comunali di Carbonia; i commercianti della città aprirono crediti alle famiglie dei minatori; la CGIL nazionale inviò più volte un contributo di un milione di lire; i minatori di tutta Italia proclamarono uno sciopero di 24 ore in segno di solidarietà. Un tentativo di mediazione fra la direzione mineraria e le rappresentanze sindacali, promosso dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale il 19 novembre 1948, fallì per rigidità e intransigenze della Carbosarda. Dopo un lungo braccio di ferro nel quale la Direzione della Carbosarda minacciò di non corrispondere salari e gratifiche natalizie, e dopo che i minatori licenziati si barricarono nei pozzi minerari per non essere allontanati dal posto di lavoro con l'intervento della Polizia, la SMCS, con la mediazione del presidente dell'A.Ca.I., ing. Mario Giacomo Levi (contrario alla posizione portata avanti dalla Carbosarda finora), sottoscrisse un accordo con le rappresentanze sindacali il 17 dicembre 1948, annullando tutti i provvedimenti restrittivi presi (licenziamenti, multe, aumenti dei prezzi nei viveri, nei fitti e nell'energia) e aumentando le retribuzioni, con vittoria quasi totale nella vertenza dei lavoratori carboniferi. Per questo e altri episodi in cui l'intera popolazione cittadina difese in quegli anni le vertenze sindacali legate al lavoro nelle miniere, Carbonia fu soprannominata dalla stampa con l'appellativo di Stalingrado sarda [50] .

Nel 1949 si toccò la punta massima di popolazione della storia cittadina, con oltre 48.000 residenti e 60.000 dimoranti [51] . A inizio anni cinquanta con la giunta municipale guidata dal sindaco Pietro Cocco fu avviato un primo programma politico di riscatto dalla servitù aziendale dell'A.Ca.I., già tentato dalla precedente giunta diretta dal sindaco Renato Mistroni, che coinvolse tutta la cittadinanza appartenente sia alla maggioranza che alla minoranza politica. Con l'adesione dell'Italia nel 1953 alla CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) si ebbero importanti conseguenze economiche e sociali per il bacino carbonifero del Sulcis e per le miniere a Carbonia.

Dalla chiusura delle miniere agli anni da capoluogo provinciale

Con la fine dell'embargo contro l'Italia, i carboni esteri, più economici e con minore presenza di zolfo , portarono alla crisi del settore estrattivo sulcitano, particolarmente grave in quanto all'epoca Carbonia e altri comuni della zona si basavano economicamente su questo tipo di attività. Nell'autunno del 1962 vi fu il primo ritrovamento di un reperto nel sito archeologico di monte Sirai da parte di un ragazzo di Carbonia. Tutto ciò desterà un interesse nazionale e internazionale sull'area, tanto che nell'agosto del 1963 vi fu la prima campagna di scavi sul sito archeologico, condotti dalla Sopraintendenza di Cagliari e dall'Istituto Studi del Vicino Oriente dell' Università La Sapienza di Roma .

Nonostante i numerosi scioperi alla fine si assistette alla chiusura di molte miniere sulcitane, e tra queste anche quella di Serbariu, la cui attività estrattiva fu interrotta nel 1964 . Conseguenza di queste dismissioni fu una vasta emigrazione da Carbonia in poco tempo, la cui popolazione si assestò negli anni a seguire sui 30.000 abitanti. Con l'apertura del vicino polo industriale di Portovesme , finanziato da aziende statali, i livelli occupazionali della zona si risollevarono, seppur in parte. La popolazione della città aumentò leggermente tra gli anni settanta fino agli anni novanta . Il successivo disimpegno dello Stato tramite le privatizzazioni di queste realtà produttive, dovuto all'eccessivo debito pubblico, mostrò ben presto la scarsa competitività delle medesime. Ciò determinò una nuova pesante crisi della città e del suo tessuto produttivo, con una notevole diminuzione dei lavoratori nel polo di Portovesme. Di conseguenza quest'ultimo fattore determinò un riaumento dell'emigrazione, che portò la popolazione a diminuire in meno di dieci anni di circa duemila unità.

Viale Gramsci, una delle principali vie del centro.

Tutto ciò fu accompagnato da tragici fenomeni sociali che colpirono duramente soprattutto la popolazione giovanile. Tra questi si può annoverare la diffusione tra la fine degli anni ottanta ei primi anni novanta dell' eroina che da un lato determinò l'aumento di fenomeni legati alla cosiddetta criminalità predatoria e dall'altra a un notevole aumento della mortalità giovanile. Per quanto i dati demografici del 2004 abbiano mostrato almeno una minima crescita della popolazione, si possono considerare come esemplificativi della condizione economica della città i tassi di disoccupazione giovanile maschile e femminile: il primo si attesta al 57%, mentre il secondo ben al 71%.

Tuttavia nel primo quinquennio degli anni 2000 vi è stata una notevole crescita del settore dei servizi, in particolar modo grazie alle nuove attività commerciali sorte in città. Negli ultimi anni inoltre la città sta giocando la carta del turismo legato soprattutto all'archeologia industriale: a questo riguardo va segnalata la ristrutturazione della vecchia miniera di Serbariu, riconvertita a museo (ospita il Centro Italiano della Cultura del Carbone ), ei lavori di ristrutturazione del centro storico (piazza Roma), ora più simile allo stile della fondazione.

Con l'attività di diversi comitati cittadini, ma grazie anche alla sensibilità e all'impegno di parlamentari e rappresentanti politici nelle istituzioni legislative e amministrative, il 12 luglio 2001 viene istituita la Provincia di Carbonia-Iglesias, con l'approvazione della Legge Regionale numero 9 [52] da parte del Consiglio della Regione Autonoma della Sardegna che crea quattro nuove province nell'isola, le quali divennero poi operative a seguito delle elezioni provinciali dell'8 e 9 maggio 2005 . Il 12 ottobre 2005, con Delibera del Consiglio Provinciale n. 21 ( Determinazione del Capoluogo. Atto Statutario. ) a Carbonia, unitamente a Iglesias , è stata ufficialmente attribuita la qualifica di capoluogo della Provincia di Carbonia-Iglesias. Tale situazione si manterrà sino al 2016 , anno del passaggio del territorio del dismesso ente intermedio sulcitano alla Provincia del Sud Sardegna [53] , di cui Carbonia diveniva il capoluogo, sebbene a titolo provvisorio, il 31 maggio di quell'anno [8] .

Simboli

Lo stemma civico, concesso e approvato con un regio decreto datato 26 ottobre 1939 , [54] presenta una lampada da minatore in testa a una montagna di carbone, a caratterizzare la vocazione mineraria della città, con la seguente descrizione:

«D'azzurro, alla lampada da minatore, alla montagna formata da un banco di carbone, il tutto al naturale . Ornamenti esteriori da Città.»

All'atto della sua creazione in epoca fascista, la lampada nello stemma era addestrata in alto dalla lettera M maiuscola di porpora, iniziale di Mussolini, elemento eliminato nel tempo. [55]

Il gonfalone comunale presenta questo stemma posto su drappo nero e azzurro con la scritta Città di Carbonia a caratteri dorati, con la seguente descrizione:

«Drappo partito d'azzurro di nero riccamente ornato di ricami d'oro, caricato dallo stemma sopra descritto con l'iscrizione centrata in oro: Città di Carbonia. [56] »

Onorificenze

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
— Conferito a Carbonia con RDL del 9 febbraio 1939
Medaglia d'argento al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito civile
«...Nobile testimonianza di dedizione al lavoro e di riscatto sociale spinti fino all'estremo sacrificio [57]
— Conferita a Carbonia dalPresidente della repubblica Giorgio Napolitano il 27 ottobre 2011

Monumenti e luoghi d'interesse

Archeologia

L'acropoli fenicio-punica di Monte Sirai

Grotte e domus de janas

Numerose sono le grotte e le domus de janas presenti nel territorio comunale, le più importanti (scavate e oggetto di studio) sono le seguenti:

  • Grotta carsica detta "grotta dei fiori" (primo periodo dell' era paleozoica : Cambriano ).
  • Riparo sottoroccia preistorico di Su Carroppu di Sirri (dal Neolitico Antico, 5700 – 5000 aC, all'Età del Ferro, 900 aC).
  • Sirri: in questa frazione sono state rinvenute delle domus de janas anch'esse risalenti al neolitico.
  • Alcune grotte nel comune risultarono abitate dal Neolitico Medio (4700 – 4000 aC), alla “cultura di Bonu Ighinu di Mara” sino al Neolitico Finale (3200 aC) e alla “cultura di San Michele di Ozieri”: esse sono la grotta dell'Ospedale, la grotta di Barbusi e la grotta sepolcrale di Tanì (nota anche come grotta eneolitica di “Su Cungiadeddus de Serafini”).
  • Altre grotte rivelano presenze umane più vicine (Neolitico Recente: 3400 aC - 3200 aC e “cultura di San Ciriaco di Terralba”; età del Bronzo Antico: 2200 aC – 1900 aC e “cultura di Bonnanaro”; età del Bronzo Medio: 1900 aC - 1600 aC; età del Bronzo Finale: 1150 aC – 900 aC; età del Ferro: 900 aC - 750 aC): esse sono le grotte di "Serbariu", di "Polifemo", di "Sa Dom'e S'Orcu", di "Sa Turrita", "della Campana" e "della Volpe".
  • Parco urbano e necropoli a domus de janas di Cannas di Sotto (18 tombe collettive a pozzetto verticale oa ingresso orizzontale; Neolitico Finale: 3200 aC – 2800 aC e cultura S. Michele di Ozieri”; Eneolitico: 2800 aC – 1800 aC), praticamente inglobata nel tessuto urbano si trova una necropoli ipogea, in parte ancora inesplorata.
  • Necropoli a domus de janas di Cùccuru Su Cardolinu di Monte Crobu (4 tombe ipogeiche di tipo collettivo; Neolitico Finale: 3200 aC – 2800 aC e “cultura di San Michele di Ozieri”): in questa località sono state rinvenute delle domus de janas risalenti al neolitico.
  • Area ambientale dei Tafoni di Monte Crobu.
  • Necropoli a domus de janas di Corona Maria nella pineta nord di Cortoghiana.
  • Siti abitativi preistorici di Barbusi – rio Flumentepido. (3 insediamenti preistorici; Neolitico Finale 3200 aC, e Inizio Eneolitico: 2800 aC – 2500 aC e “cultura sub-Ozieri”)
  • Insediamenti preistorici del Poliambulantorio – Valle Rio Cannas (Neolitico Finale 3200 aC, e Inizio Eneolitico: 2800 aC – 2500 aC e “cultura sub-Ozieri”).
  • Grotta preistorica detta "ACAI – Valle Rio Cannas" (Inizio Eneolitico: 2800 aC e “cultura sub-Ozieri”; Eneolitico Recente: 2500 aC – 1800 aC e “cultura di Monte Claro”).
  • Riparo sottoroccia preistorico di Coderra (età del Bronzo Antico: 2200 aC – 1900 aC e “cultura di Bonnanaro”), vicino al rio Santu Milanu.

Tombe dei giganti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Complesso archeologico Corona Maria .

Nel territorio carboniense sono presenti le tombe dei giganti di "Corona Maria", monumenti costituiti da sepolture collettive appartenenti alla età nuragica (II millennio aC), presenti nella "Pineta Nord" di Cortoghiana , con costruzioni a pianta rettangolare absidata, edificate mediante dei monoliti di pietra di grandi dimensioni conficcati nella terra.

Nuraghi

Il nuraghe Sirai, ai piedi dell'omonimo colle

Nel comune di Carbonia sono stati censiti vari nuraghi, in buona parte risalenti ad un periodo compreso tra l'età del Bronzo Medio (1900 aC - 1600 aC) ed il VI secolo aC :

  • Nuraghe "Costa Lallai", sito nell'omonima località.
  • Nuraghe "Piliu", in località Terra Niedda.
  • Nuraghe "Nuraxeddu", in località Arcu de Ulmus.
  • Parco archeologico del complesso nuragico nuraghe Sirai (fortezza e abitato), nei pressi dell'omonima frazione.
  • Nuraghe "Punta Su Nuragi", nell'omonima località
  • Nuraghe "Nuraxi Pirosu", posto nell'omonimo colle.
  • Nuraghe "Sa Buca 'e S'Orcu" [350 mslm] in località Monte Mesu.
  • Nuraghe "Paristeris", in località Mitzotus.
  • Nuraghe "Su Conti", situato nell'omonimo medau.
  • Nuraghe "Loddi", nel medau Is Toccus.
  • Nuraghe "Sa Trubixedda", in località Su Tuvu Mannu.
  • Nuraghe "Pitzu Arrubiu", in località Monte Pitzu Arrubiu.
  • Nuraghe "Sa Gruxita", sull'omonimo colle.
  • Nuraghe "Punta Sa Torretta" o "Sa Turri", in località Medau Sa Turri.

Altri siti archeologici

Altri siti archeologici importanti sono i seguenti:

  • Fortificazioni fenicie del nuraghe Sirai : insediamento che riveste una grande importanza storica costituendo un raro esempio di fortificazione fenicia addossata ad un complesso nuragico.
  • Parco archeologico nuragico-fenicio-punico di Monte Sirai ("civiltà Nuragica": 1600 aC; “civiltà Fenicia”: 750 aC; “Civiltà Punica”: 520 aC; “età Neo-Punica o Ellenistica”: 520 aC; “Civiltà Romana”: 230 aC). Situato nella periferia nord-ovest della città, ospita una vasta area di interesse archeologico con insediamento urbano fenicio - punico , una necropoli fenicio - punica e un tophet . Inoltre poco distanti si trovano varie domus de janas di epoca neolitica ei resti di diversi nuraghi .
  • Percorso archeologico fenico-punico e romano dell'antica strada o via Sulcitana in località Sirai.
  • Insediamento punico e romano, località Su Landiri Durci (area PIP), noto come "Villa Romana", è costituito da diverse fasi di vita che vanno dal IV secolo aC al III secolo dC, di cui sono stati finora messi in luce circa venti ambienti con probabili funzioni diverse: abitativa, produttiva e forse sacra. Rilevanti una villa rustica e una fornace per produzione ceramica.
  • Insediamento romano, "Villa Romana" di Barbusi , località tra l'abitato di Barbusi e Corona Sa Craba, costituito da diverse elementi che vanno dal IV secolo aC al III secolo dC
  • Antico villaggio medievale del casale abbandonato di Medau Sa Turri, già sito nuragico, fenicio-punico, romano e medioevale nella valle del rio Santu Milanu.

Architetture religiose

La chiesa di San Ponziano col suo campanile
  • Chiesa di San Ponziano ( 1938 ): la principale chiesa parrocchiale cittadina (nonché arcipretura ), situata nella centrale piazza Roma, fu inaugurata con la città e consacrata il 18 novembre 1939 . Realizzata in stile neoromanico e basata su progetto degli architetti della fondazione cittadina Cesare Valle e Ignazio Guidi [58] , presenta una forma dell'edificio rettangolare con pianta interna suddivisa in una navata centrale e due laterali.
  • Chiesetta operaia del rione "Lotto B", o ex chiesa Beata Vergine dell' Addolorata ( 1947 ): caratteristica chiesetta situata nel quartiere, ottenuta dalla trasformazione di un ex camerone presente nella zona di via Sicilia. Caratterizzata da un piccolo campaniletto a vela nella facciata, fu chiusa nel 1958 , anno di apertura della nuova chiesa della Beata Vergine Addolorata, situata nel vicino quartiere di Rosmarino. È stata in seguito ristrutturata e riaperta al culto negli anni dieci del XXI secolo [59] .
  • Chiesa Beata Vergine Addolorata . Nel 1962 la chiesa parrocchiale fu realizzata su progetto (iniziato nel 1954 [60] ) dell'architetto italiano Raffaello Fagnoni [60] , e si caratterizza per la forte differenza di altezza tra l'ampia navata centrale e quelle laterali [60] e per il campanile a pianta esagonale [60] .
  • Chiesa di Santa Barbara (1938): La chiesa della frazione di Bacu Abis fu edificata in seguito a un voto fatto dai minatori delle miniere di questa località, minatori di cui Santa Barbara è la patrona. Costruita in stile razionalista, è affiancata da un campanile alto circa 15 metri. Nelle vicinanze si trova anche la Grotta di Lourdes , una riproduzione in scala di quella della città francese, realizzata nel 1953.
  • Chiesa di Santa Maria a Flumentepido e rovine dell'antico monastero benedettino ( XI secolo ): situata nella frazione di Flumentepido, risale all' XI secolo , di stile romanico , presenta una facciata con campanile a vela e interno a navata unica.
  • Chiesetta di Santa Lucia di Sirri (di origine medievale ): situata fuori dall'abitato di Sirri, risalente forse al periodo giudicale, ma fortemente rimaneggiata.
  • Chiesetta di Santa Barbara di Piolanas (di origine medievale ): situata in località Piolanas (a "Medau Manca"), risalente forse al periodo giudicale ma fortemente alterata dai pesanti restauri; durante la locale sagra viene esposta una statua lignea di Santa Barbara (attribuita al maestro Giuseppe Antonio Lonis ); nei dintorni si trova l'antica strada medievale detta Sa reliquia (percorso da Barega a Barbusi).
  • Chiesa di San Giovanni Bosco , realizzata riconvertendo una struttura che faceva parte dell' Opera Nazionale Dopolavoro , situata all'incrocio di via Coghinas e via Piolanas.
  • Chiesa di Santa Maria Bambina nella frazione di Barega.

Architetture civili

Veduta di piazza Roma con sullo sfondo il teatro Centrale, l'ex dopolavoro e la torre civica
  • Torre Civica [61] (1938 - architetto Gustavo Pulitzer Finali [62] ): situata in piazza Roma, è alta 27.5 metri suddivisi in 5 piani [62] , è il primo edificio della città, dove nelle fondamenta del fabbricato fu deposta la "prima pietra", il 9 giugno 1937 con la "cerimonia della Fondazione". Nota come Torre Littoria durante il regime fascista, fu progettata ispirandosi alla Torre del Pretorio di Tarragona , in Spagna ; da questo edificio Benito Mussolini pronunciò il discorso di inaugurazione della città il 18 dicembre 1938 . Nata come casa del fascio , fu utilizzata per vari scopi nel corso degli anni, fu tra le altre cose sede della Pretura sino agli anni settanta . Oggi ospita alcuni uffici comunali.
  • Teatro Centrale (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali [63] ): situato in piazza Roma, a lungo fu utilizzato anche come cinema.
Il teatro Centrale
  • Dopolavoro Centrale (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali [64] ): situato tra la torre Civica e il teatro Centrale, questo edificio a due piani si caratterizza per un porticato architravato [64] . Ristrutturato negli anni duemila, ospita tra l'altro la sala del consiglio comunale.
  • Palazzo Municipale (1938 - ingegner Cesare Valle e architetto Ignazio Guidi [65] ): occupa il lato ovest della piazza Roma.
  • Villa Sulcis (1938 - architetto Eugenio Montuori [66] ): fu la residenza di servizio del direttore delle miniere cittadine. Realizzata in stile razionalista [66] all'interno dell'omonimo parco (a sua volta progettato da Pietro Porcinai [66] ), ospita oggi l'omonimo museo archeologico.
  • Scuola Nord o liceo classico (1938): situato in via Brigata Sassari
  • Asilo infantile (1938): situato in via Brigata Sassari
  • Scuola Sud ora scuola media Satta (1938): situato in via della Vittoria
  • Albergo Centrale (1938 - architetto Eugenio Montuori [67] ): ubicato in via Fosse Ardeatine
  • 10 alberghi operai (1937 - 1939, architetto Gustavo Pulitzer-Finali): ubicati in via Umbria, via Costituente e via Mazzini
  • Cine-Dopolavoro-Torretta comunitaria (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali e aiuti): ubicato in piazza S. Barbara a Bacu Abis
  • Dopolavoro rionale Nord o Rosmarino (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali e aiuti): ubicato in piazza Primo maggio
  • Dopolavoro rionale in seguito parrocchia San Giovanni Bosco (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali e aiuti): ubicato in via Coghinas
  • Dopolavoro rionale (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali e aiuti): ubicato in piazza Marinai d'Italia
  • Dopolavoro rionale Sud (1938 - architetto Gustavo Pulitzer-Finali e aiuti): ubicati tra via della Vittoria e via Mazzini
  • Albergo operaio tipo "R" (1939 - architetto Eugenio Montuori): ubicato in piazza Repubblica [68]
  • 2 edifici tipo "L" (1939 - architetto Eugenio Montuori [69] ): ubicati tra piazza Repubblica e via Costituente e caratterizzati dalla presenza di archi negli accessi ai locali a pian terreno [69] , rappresentavano in origine una sorta di porta di accesso al centro cittadino per chi proveniva dalla miniera [69]
  • Palazzo CeVa (o Ce.Va) (1940 - architetto Eugenio Montuori, con aiuti dei tecnici Ceppi e Varsi, da cui il nome): ubicato in piazza Iglesias
  • Isolato e rione palazzoni di Serbariu (1940 - architetto Eugenio Montuori e aiuti): ubicati tra via Sanzio e via Manzoni
  • Stadio Comunale “Carlo Zoboli”, già Campo Sportivo della GIL (Gioventù Italiana del Littorio) denominato Costanzo Ciano (1939 - architetto Cesare Valle e aiuti): ubicato tra via Stazione e via Costituente
  • Complesso ex Nucleo Carabinieri, in seguito sede della giunta della ex provincia di Carbonia-Iglesias (1940): ubicato in via Fertilia
  • Direzione della miniera o villa di Anselmo Roux (casa padronale di fine ottocento): via Pietro Micca a Bacu Abis
  • Portici di Piazza Venezia (1940-1942, architetto Saverio Muratori): piazza centrale di Cortoghiana porticata e con edifici a portici
  • Stazione di Carbonia Serbariu , nota anche come centro intermodale di Carbonia, stazione ferroviaria e per autolinee, inaugurata nel 2011 e progettata dagli architetti svizzeri Willi Hüsler e Luigi Snozzi e dall'italiano Antonello Sanna . Si caratterizza per il porticato del suo fabbricato principale.

Miniere

I resti delle strutture della ex miniera carbonifera di Cortoghiana.

Gli impianti minerari del bacino carbonifero del Sulcis , si trovavano per la maggior parte nel territorio di Carbonia alcuni dei quali riconvertiti ad uso museale o come siti di memoria collettiva dell'epoca mineraria. Nel territorio comunale di Carbonia erano attive le seguenti miniere dismesse con estrazione soprattutto di carbone, ma anche di diversi tipi di minerali:

  • Località di Terra Segada , area del primo giacimento carbonifero di Cannamenda , vicino al casale di Medau Brau , che poi fu concessione mineraria di Terra Segada oggetto di ricerche ed esplorazioni.
  • Miniera di Bacu Abis : nell'omonimo giacimento carbonifero, con gli impianti estrattivi di pozzo Roth, pozzo Emilio, pozzo Castoldi, pozzo Nuovo, e col vecchio edificio minerario “impianto vagliatura”.
  • Miniera di Caput Acquas e di Piolanas Nord, situato nell'omonimo giacimento di Caput Acquas (o Piolanas Sud): con gli impianti estrattivi di pozzo Caput Acquas, pozzo Tolmetta, pozzo Zara, pozzo Is Piras, pozzo D, e in quello di Piolanas Nord: pozzo Piolanas.
  • Concessione mineraria di Barbusi : vecchie esplorazioni di ricerca.
  • Complesso della Miniera di Serbariu : nel giacimento carbonifero di Serbariu - Nuraxeddu con gli impianti estrattivi di pozzo 1, pozzo 2, pozzo 3, pozzo 4, pozzo 5, pozzo 6, pozzo 7, pozzo Nuraxeddu Vecchio, pozzo del Fico. È stata la principale miniera del bacino carbonifero del Sulcis (le cui due torri costituiscono di fatto uno dei simboli della città), chiusa negli anni sessanta, ospita oggi il Centro Italiano della Cultura del Carbone, con il Museo del Carbone che illustra la storia del carbone, delle miniere e dei minatori. È possibile inoltre visitare la galleria sotterranea.
  • Miniera di Sirai , nel giacimento carbonifero di Sirai - Schisorgiu con gli impianti estrattivi di pozzo 8, pozzo 9, pozzo 10, pozzo 11, pozzo 12, pozzo Sirai, pozzo Tanas, pozzo Schisorgiu, pozzo Vigna, pozzo Barbusi, pozzo Nuraxeddu Nuovo.
  • Complesso della miniera di Cortoghiana , nel giacimento carbonifero di Cortoghiana Nuova, diversi edifici ed impianti estrattivi vicino all'omonima frazione: Cortoghiana Vecchia, pozzo Est, Cortoghiana Nuova - pozzo 1, Cortoghiana Nuova - pozzo 2, direzione Mineraria e cippo commemorativo in pietra, officine meccaniche, magazzini, centrale elettrica e laveria.
  • Miniera carbonifera di Terra Niedda già conosciuta come Littòria Quinta : pozzo 1, pozzo 2.
  • Miniera di Serra Lurdagu, a monte Leone, dove l'attività mineraria prevalente fu la barite , ma altri minerali estratti furono argilla , blenda , calamine , calcite , cerussite , galena , limonite , marcasite e altro.
  • Miniera di Barbusi . L'estrazione mineraria prevalente fu la barite , con altri minerali come calcite e galena .
  • Miniera di monte Spina a Sirri . L'attività estrattiva mineraria prevalente fu piombo , galena argentifera , zinco e ferro . Il giacimento minerario fu scoperto nel 1900 e dato in concessione alla Società Vieille Montagne .
  • Miniera di Corona Sa Craba. Nel monte sopra Barbusi si trova questa miniera dismessa con attività estrattiva prevalente della barite .
  • Miniera di monte Tasua. L'estrazione mineraria prevalente fu la barite e la galena .
  • Miniera di Medau Is Friagius - Santu Miali - Case Garanzeis. L'estrazione mineraria fu blenda , galena argentifera , malachite .

Altro

Piazza Roma, con la statua Frammento di Vuoto I, il palazzo municipale e la chiesa di San Ponziano con relativo campanile
  • Piazza Roma: Tipico esempio di architettura fascista, è il cuore sociale della città [70] . Sorge sul monte Fossone e ospita buona parte degli edifici della vita pubblica cittadina. Nata col concetto di area per le adunate e con una visione panoramica verso sud [70] , venne ristrutturata negli anni duemila con la rimozione della strada interna creata nel dopoguerra e il rifacimento della pavimentazione e degli arredi urbani. Nel 2007 uno studio di 5 università europee l'ha inserita tra le 60 piazze più vivibili d'Europa [71] .
  • Via Crucis (1938): Quadri lignei di Eugenio Tavolara nella chiesa di San Ponziano.
  • Santa Barbara (1938): Statua in marmo bianco di Carrara di Gavino Tilocca collocata dal 1994 nel chiostro della chiesa di San Ponziano.
  • Bassorilievo allegorico marmoreo (1939), denominato ufficialmente e semplicemente "Fregio": Bassorilievo di Venanzo Crocetti , nell'ex sacrario della torre Civica.
  • Nascita imperiale di Carbonia (1938): Quadro futurista di Corrado Forlin , nell'ex sala udienze (o del Direttorio) della torre Civica.
  • Frammento di Vuoto I ( 2005 [72] ): Una delle ultime sculture realizzate da Giò Pomodoro prima della sua morte, si trova davanti al palazzo del comune in piazza Roma. È formata da un grande blocco di marmo bianco di Carrara , con dinanzi una vasca d'acqua a pianta rettangolare.
  • Pietra sonora: Statua di Pinuccio Sciola , in grado di produrre particolari suoni se strofinata in una certa maniera, situata davanti all'ingresso del teatro Centrale.
Il Monumento al Minatore
  • Fontana dei giardini pubblici ( 1955 ): situata nei giardini pubblici tra piazza Roma e via Roma, fu costruita su progetto di tre tecnici comunali ( Nanni Loi , Dario Sigon e Carlo Tassi) utilizzando la pietra di trachite della distrutta fontana presente in origine davanti al palazzo municipale.
  • Monumento al Minatore ( 1988 ): Situata nei giardini pubblici tra piazza Roma e via Roma, questa statua in bronzo di Giuseppe Vasari fu posta in occasione del cinquantenario della fondazione della città a ricordo dei propri minatori.
  • Monumento ai Caduti: Statua posta in piazza Rinascita in onore dei caduti delle guerre, realizzata dallo scultore Franco d'Aspro nel 1954 .
  • Madonnina del Minatore: Statua della Beata Vergine dell'Addolorata posta sulla sommità del colle di monte Rosmarino, realizzata dallo scultore Franco D'Aspro.

Aree naturali

Viale interno del parco di Monte Rosmarino
  • Monte Rosmarino: piccolo colle (156 metri) inglobato nel tessuto urbano, è la principale area verde cittadina. Dotato di una vasta pineta frequentata dagli amanti del jogging e di un'area giochi per bambini, in cima ospita una statua dedicata alla Madonna del minatore, anch'essa realizzata da Franco d'Aspro.
  • Pineta Nord di Cortoghiana: area verde sistemata soprattutto a pini con resti nuragici e domus de janas.
  • Pineta Sud di Cortoghiana: area verde sistemata soprattutto a pini.
  • Area ambientale della valle del rio Anguiddas: Is Arrùs de Riu Anguiddas e S'Ega de Is Elmas, area verde con lecci secolari sopra la valle di rio Anguiddas ricca di domus de janas, tra Cortoghiana e Nuraxi Figus.
  • Pineta di Bacu Abis: area verde sistemata soprattutto a pini.
  • Olivastro millenario di Barbusi.
  • Area naturalistica di Is Pireddas: area con vegetazione tipica di macchia mediterranea.

Società

Evoluzione demografica

Il numero di abitanti di Carbonia nei primi decenni della sua storia è stato strettamente legato all'andamento dell'attività delle miniere cittadine, in particolare di quella di Serbariu.

Gli abitanti di Carbonia sono denominati carboniensi, a volte carboniesi (in sardo carbonièsus o carboniàntis ). La caratteristica particolare di questo comune è costituita dal fatto che ha una popolazione originaria eterogenea proveniente da diverse zone della Sardegna e d'Italia, inizialmente dai centri di tradizione mineraria. Numerose comunità di origine abruzzese , calabrese , emiliana , friulana , lucana , marchigiana , pugliese , siciliana , toscana , umbra , veneta e di altre parti d' Italia si sono stabilite nel comune: molte delle province italiane sono, o sono state, qui rappresentate, comprese quelle della regione giuliano-istriana e quarnerina, con famiglie provenienti dalle città e provincie di Pola , di Fiume e di Trieste , in particolare dai comuni di Albona , Arsia , Fasana , Gallignana , Pisino , Sanvincenti . Le provincie non sarde più rappresentate nel 1938, anno di fondazione, erano quelle di Chieti con 291 individui, Pesaro con 275, Potenza con 224, Treviso con 157, Belluno con 141 e Caltanissetta con 111 [44] .

A livello demografico il popolamento Carbonia ha avuto un andamento oscillante, legato allo sviluppo produttivo delle attività carbonifere, con rapidi incrementi in pochi anni fino a far diventare la città il terzo comune più popolato della Sardegna (con quasi 60 000 abitanti domiciliati), dopo Cagliari e Sassari, e il primo centro di fondazione autarchica d'Italia per popolazione fino agli anni sessanta. Fotografa bene quel periodo il detto popolare diffuso in Sardegna si calincunu perdit unu fillu, de siguru ddu agatat in Carbonia (se qualcuno perde un figlio, di sicuro lo ritrova a Carbonia). Dagli anni sessanta in avanti invece il numero di abitanti di Carbonia fece registrare continui e progressivi decrementi a causa dell'emigrazione, dovuta in gran parte alla quasi completa chiusura del bacino carbonifero e dei relativi impianti minerari, con la riduzione del personale addetto e alla diminuzione delle attività estrattive del carbone. Così, si passò da circa ventimila lavoratori a poco più di un qualche centinaio di dipendenti dell'azienda carbonifera, rimasti nelle ultime due miniere di carbone rimaste al tempo attive, ubicate però nel vicino comune di Gonnesa, fuori dal territorio comunale carboniense. Con la crisi economica che ha colpito il territorio dagli anni novanta in poi, Carbonia ha subito un progressivo calo demografico che l'ha portata negli anni duemila al di sotto della quota 30 000 abitanti [73] . Ciò nonostante facendo riferimento ai dati del censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011 [74] Carbonia era l'ottavo comune in Sardegna per numero di abitanti.

Nel grafico sotto riportato, per i censimenti precedenti alla fondazione del comune il dato della popolazione tiene conto di coloro che ebbero residenza nell'odierno territorio comunale carboniense, che apparteneva allora ai comuni di Serbariu, di Iglesias e di Gonnesa.

Il costume tradizionale di Serbariu: date le origini della città l'aspetto folcloristico nel comune è portato avanti soprattutto nel borgo originario e nella frazione di Barbusi

Abitanti censiti [75]

Etnie e minoranze straniere

Riguardo agli stranieri presenti in città, al 31 dicembre 2018 risiedevano nel comune 567 cittadini non italiani [76] , pari a circa il 2% della popolazione [77] .

Le nazionalità maggiormente rappresentate risultavano essere [76] :

Lingue e dialetti

Le origini di Carbonia, popolata agli albori anche da famiglie provenienti dall'Italia continentale, ne fanno un comune diverso rispetto a tutti gli altri della Sardegna ; ciò è il motivo per cui in questa città (con la eccezione del borgo originario di Serbariu ) non esiste un dialetto propriamente locale della lingua sarda, ma un italiano regionale aventi sue caratteristiche espressioni gergali, costituendo necessariamente una sorta di lingua franca che consentì la comunicazione fra loro delle diverse comunità presenti nel comune, benché ora siano più omogenee e meno divise rispetto al passato. Il sardo di variante campidanese-sulcitana rimane comunque, oltre all' italiano , la lingua più diffusa e compresa, benché sia ormai relegata ad esclamazioni, espressioni gergali o all'ambito familiare: è poco parlata anche tra gli stessi sardi nativi residenti in città.

Il palazzo della Provincia del Sud Sardegna di via Mazzini, già sede della ex Provincia di Carbonia-Iglesias. La struttura in origine era uno dei numerosi alberghi operai presenti in città.

Istituzioni, enti e associazioni

Carbonia ospita la sede legale della provincia del Sud Sardegna, posta in via Mazzini. A Carbonia ha inoltre sede l'ospedale Sirai. Situato nella periferia nord della città, è uno dei due nosocomi attivi nel Sulcis-Iglesiente.

Cultura

Archivi e biblioteche

  • Biblioteca comunale Pietro Doneddu: intitolata all'ex sindaco cittadino, si trova in viale Arsia, all'interno del parco di Villa Sulcis. Sono presenti anche sedi periferiche nelle ex sedi circoscrizionali di Cortoghiana, Bacu Abis, Is Gannaus e Barbusi.
  • Mediateca comunale: viale Arsia (parco Villa Sulcis)
  • Archivio storico locale e demoantropologico: ubicato nei locali della torneria, delle forge e della falegnameria della miniera di Serbariu, ospita documenti e foto storici su Carbonia, sul suo bacino carbonifero e su quello omologo dell' Arsa .
  • Spazio EX-DI' - La Fabbrica del Cinema: nella vecchia e dismessa palazzina della direzione amministrativa della miniera di Serbariu è ospitato un archivio audiovisivo, cinematografico e fotografico.

Ricerca

  • Centro di ricerca per lo sviluppo delle tecnologie energetiche pulite: localizzato nell'ex magazzino materiali della miniera di Serbariu, nasce da un accordo di partenariato fra l'amministrazione comunale e la Sotacarbo SpA, con un primo progetto di ricerca riguardante le tecnologie dell' idrogeno .

Scuole

Tra la città e le sue frazioni sono presenti 7 scuole dell'infanzia , 9 scuole primarie , 5 scuole secondarie di primo grado e 5 scuole secondarie di secondo grado (di cui un liceo classico e linguistico, uno scientifico, due istituti tecnici e uno professionale). Oltre a queste scuole pubbliche, le suore Orsoline di San Girolamo gestiscono una scuola dell'infanzia, una primaria e una secondaria di primo grado parificate.

Musei

Interno del museo del carbone, ospitato nella ex lampisteria della miniera di Serbariu
  • Museo archeologico di Villa Sulcis: sito nel parco di Villa Sulcis, ospita vari reperti rinvenuti nei siti archeologici della città e delle vicinanze.
  • Museo dei paleoambienti sulcitani Edouard Alfred Martel : museo paleontologico e speleologico sito nelle ex officine meccaniche della miniera di Serbariu, ospita una collezione di reperti a partire dal cambriano inferiore sino al quaternario , (da 570 milioni di anni fa ad oggi). La parte centrale del piano terra ospita inoltre una sezione sulle estinzioni di massa e dei dinosauri, con reperti fossili marini e continentali relativi al Mesozoico, dove si può ammirare la riproduzione di uno scheletro di “tirannosauro” a grandezza naturale e il fossile di un ragno [78] .
  • Museo del carbone - Centro italiano della cultura del carbone - Grande Miniera di Serbariu
  • Museo etnografico delle "attività agro-pastorali in Sardegna": raccolta di diversi materiali del mondo rurale sardo presso l'hotel-ristorante “Tanit” a Sirai.

Media

Stampa

  • La Provincia del Sulcis-Iglesiente

Radio

  • Radio Carbonia
  • Radio Luna
  • Radio Star

Televisione

  • Canale 40

Geografia antropica

Frazioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Frazioni di Carbonia .
Piazza Venezia a Cortoghiana, la più popolosa delle frazioni carboniensi.

Oltre al centro cittadino, il comune di Carbonia comprende varie località distribuite al di fuori del perimetro urbano. Tra di esse, le più popolose ( Bacu Abis , Barbusi , Cortoghiana , Is Gannaus e Serbariu ) sino al 2011 hanno costituito delle circoscrizioni municipali extraurbane.

Economia

Si è affermata ora a Carbonia un tipo di attività economica diversificata, dopo la chiusura di quasi tutti gli impianti del bacino carbonifero sulcitano, che la caratterizzavano con un'economia monoculturale. La città di Carbonia seppur faticosamente e lentamente, sta trovando nuovi equilibri e sviluppo nel terziario come centro di servizi non solo per il territorio del Sulcis (circa 85.000 abitanti), ma anche oltre lo stesso territorio della Sardegna sud-occidentale.

Questo sviluppo economico è limitato, però, dal fatto che Carbonia ha avuto e mantiene ancora la caratteristica di città aziendale, come Arsia in Istria e Torviscosa nel Friuli , dove, fino a qualche decennio fa, non esisteva quasi il suolo pubblico. Infatti, le strade urbane, tutti gli impianti d'illuminazione, i sottoservizi idrici e fognari appartenevano all'A.Ca.I. (Azienda Carboni Italiani), che tramite la Carbosarda gestiva e possedeva non solo tutti gli impianti produttivi e industriali dell'intero bacino carbonifero del Sulcis, ma anche quasi tutto il patrimonio immobiliare di Carbonia e delle frazioni minerarie di Bacu Abis e di Cortoghiana, dove ogni casa e ogni edificio, sia per uso abitativo o pubblico, apparteneva alla sunnominata società mineraria. Persino il Palazzo Comunale e la chiesa di San Ponziano (la prima e più importante parrocchia della città) appartenevano alla società A.Ca.I., alla quale veniva pagato, addirittura, un affitto seppur simbolico di poche lire.

In questi decenni la situazione è cambiata anche se la maggior parte del patrimonio immobiliare del Comune di Carbonia appartiene ancora a società che ebbero attività minerarie ora dismesse e hanno il loro domicilio legale fuori dalla Sardegna; oppure all'Istituto Autonomo per le Case Popolari (con sede a Cagliari), diventato ora AREA (Azienda Regionale di Edilizia Abitativa), che possiede da molti anni e detiene ancora quasi il cinquanta per cento del patrimonio abitativo nel comune già minerario. Tutto questa situazione influisce non poco su un normale sviluppo edilizio ed economico di questa città, che si sta battendo perché la maggior parte del patrimonio immobiliare, presente nel comune carboniense, sia affrancato e restituito alla sua comunità.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Carbonia è raggiungibile attraverso:

Ferrovie

Il capolinea ferroviario di Carbonia Serbariu

Carbonia dal 1956 è capolinea della ferrovia per Villamassargia di RFI , che nella stazione di Villamassargia si congiunge con la tratta principale Iglesias-Decimomannu - Cagliari . Il capoluogo regionale dista 68 km ei tempi di percorrenza oscillano tra i 55 e gli 80 minuti, a seconda che i treni siano diretti o meno (nel secondo caso a Villamassargia si ha la coincidenza col treno per Cagliari) e dal numero di fermate intermedie. Lo scalo ferroviario cittadino per i treni passeggeri dal 2011 è la stazione di Carbonia Serbariu , progettata con caratteristiche di centro intermodale passeggeri per ospitare in una stessa struttura i capolinea dei treni e delle autolinee extraurbane. L'originaria stazione RFI carboniense di Carbonia Stato è attiva invece per altre finalità di servizio, sebbene priva di traffico [79] .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Villamassargia-Carbonia , Stazione di Carbonia Serbariu e Stazione di Carbonia Stato .

Sino al 1974 Carbonia era attraversata anche da un'altra ferrovia, la San Giovanni Suergiu-Iglesias , gestita dalle Ferrovie Meridionali Sarde , che permetteva di raggiungere in treno dalla città Iglesias ei comuni dell' isola di Sant'Antioco . Tali collegamenti sono oggi espletati con autolinee.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia San Giovanni Suergiu-Iglesias e Stazione di Carbonia .

Autolinee

Autobus ARST in uso per le linee urbane cittadine in sosta dinanzi al centro intermodale di Carbonia Serbariu

Carbonia è collegata al resto del territorio sulcitano ed a Cagliari dagli autobus dell' ARST . La società dispone inoltre di una propria sede in città, con depositi e officine.

Mobilità urbana

La mobilità pubblica nel centro cittadino è garantita da 2 autolinee urbane dell'ARST, che effettuano tra gli altri collegamenti con la zona del cimitero, con l'ospedale Sirai, con Serbariu , con Is Gannaus , col centro della città e con la stazione di Carbonia Serbariu.

Amministrazione

Questi gli amministratori succedutisi alla guida del comune dalla sua istituzione (1937):

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
11 dicembre 1937 16 agosto 1938 Ovidio Pitzurra Partito Nazionale Fascista Commissario Prefettizio [80]
17 agosto 1938 14 dicembre 1938 Giuseppe Giua Partito Nazionale Fascista Commissario Prefettizio [81]
15 dicembre 1938 27 settembre 1939 Ovidio Pitzurra Partito Nazionale Fascista Podestà [82]
28 settembre 1939 22 aprile 1942 Vitale Piga Partito Nazionale Fascista Podestà [83]
22 aprile 1942 30 novembre 1942 Casimiro De Magistris Partito Nazionale Fascista Podestà
1º dicembre 1942 30 luglio 1943 Francesco Alfieri Partito Nazionale Fascista Commissario Prefettizio
7 agosto 1943 28 dicembre 1943 Francesco Piga Onnis Partito Nazionale Fascista Commissario Prefettizio
26 gennaio 1944 20 giugno 1944 Guido Scano Commissario Prefettizio
21 giugno 1944 14 luglio 1944 Guido Scano Sindaco [84] [85]
22 luglio 1944 31 agosto 1944 Andrea Nicoletti Sindaco [86]
26 settembre 1944 14 dicembre 1944 Isidoro Magliocco Commissario Prefettizio
28 dicembre 1944 10 settembre 1945 Ottavio Cucca Sindaco [85] [87]
15 settembre 1945 6 novembre 1945 Tullio Mascia Partito Comunista Italiano Assessore Delegato
7 novembre 1945 7 aprile 1946 Pensiero Macciotta Commissario Prefettizio
7 aprile 1946 1º agosto 1948 Renato Mistroni Partito Comunista Italiano Sindaco
1º settembre 1948 11 ottobre 1948 Tullio Mascia Partito Comunista Italiano Assessore Delegato
12 ottobre 1948 27 maggio 1949 Roberto Orani Partito Comunista Italiano Assessore anziano
1º aprile 1953 2 agosto 1954 Pietro Cocco Partito Comunista Italiano Sindaco [85]
3 agosto 1954 26 maggio 1956 Umberto Giganti Partito Comunista Italiano Assessore anziano
27 maggio 1956 1º gennaio 1959 Pietro Cocco Partito Comunista Italiano Sindaco
2 gennaio 1959 5 novembre 1960 Pietro Doneddu Partito Comunista Italiano Sindaco [85]
6 novembre 1960 17 luglio 1963 Pietro Doneddu Partito Comunista Italiano Sindaco [85]
26 luglio 1963 21 novembre 1964 Antonio Saba Partito Comunista Italiano Sindaco
26 gennaio 1965 29 aprile 1967 Aldo Lai Partito Socialista Italiano Sindaco
22 novembre 1967 18 novembre 1968 Salvatore Pandolfini Commissario Prefettizio
7 gennaio 1969 18 novembre 1973 Pietro Cocco Partito Comunista Italiano Sindaco
4 febbraio 1974 1978 Pietro Cocco Partito Comunista Italiano Sindaco
1978 1983 Pietro Cocco Partito Comunista Italiano Sindaco
14 marzo 1983 29 maggio 1988 Bruno Ugo Piano Partito Comunista Italiano Sindaco
29 maggio 1988 27 agosto 1990 Bruno Ugo Piano Partito Comunista Italiano Sindaco [88]
27 agosto 1990 6 giugno 1993 Antonangelo Casula Partito Comunista Italiano Sindaco
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Antonangelo Casula Partito Democratico della Sinistra Sindaco
27 aprile 1997 15 marzo 2001 Antonangelo Casula Partito Democratico della Sinistra Sindaco [85]
5 aprile 2001 13 maggio 2001 Andreina Farris Commissario straordinario
13 maggio 2001 12 giugno 2006 Salvatore Cherchi Democratici di Sinistra Sindaco
12 giugno 2006 16 luglio 2010 Salvatore Cherchi Partito Democratico Sindaco [89]
16 luglio 2010 16 maggio 2011 Maria Marongiu Partito Democratico Vicesindaco [90]
16 maggio 2011 19 giugno 2016 Giuseppe Casti Partito Democratico Sindaco
20 giugno 2016 in carica Paola Massidda Movimento 5 Stelle Sindaco

Dati dopoguerra [91] [92] [93]

Gemellaggi

Carbonia è gemellata con:

Sport

Un'azione del Carbonia (con la seconda maglia celeste) in una partita del Campionato di Eccellenza 2011-12 al campo Giuseppe Dettori

La principale squadra di calcio della città è l' ASD Carbonia Calcio , che nella stagione 2020-2021 milita in Serie D e che ha all'attivo varie stagioni in Serie C . Il miglior risultato conseguito dalla squadra biancoblu è il terzo posto in Serie C 1955-1956 , a un punto dalle squadre promosse in Serie B . La seconda squadra cittadina è invece l'AC Cortoghiana, rappresentante l'omonima frazione e militante stabilmente nel campionato di Promozione sardo da alcuni anni. Altre società minori, sia nella città che nelle varie frazioni, militano nei campionati inferiori e in quelli per categorie giovanili.

Varie le società attive negli altri sport, si spazia dalla pallacanestro alla pallavolo , dal rugby alla ginnastica artistica , dall' hockey su pista al tennis , sino all' atletica leggera e al nuoto (con la ASD Rari Nantes Carbonia attiva a livello regionale e nazionale). Nella maggior parte dei casi le squadre competono a livello provinciale o regionale, anche se non mancano le eccezioni nella storia dello sport carboniense. Le società cittadine di pattinaggio ad esempio negli ultimi decenni hanno più volte lanciato campioni affermatisi poi a livello europeo e mondiale.

Impianti sportivi

Lo stadio Carlo Zoboli visto da via Monte Fossone
  • Stadio Carlo Zoboli : sito nel viale del Minatore [95] , ospita le partite dell' Associazione Sportiva Dilettanti Carbonia Calcio ( Eccellenza ). Inaugurato il 21 maggio 1940 come Campo Sportivo della Gioventù Italiana del Littorio , fu intitolato l'anno seguente a Costanzo Ciano , per poi prendere la denominazione di stadio Comunale dalla fine del regime fascista sino al 9 settembre 2011 , data in cui l'impianto è stato intitolato a Carlo Zoboli [96] , giocatore simbolo del Carbonia [97] con cui giocò negli anni cinquanta e sessanta . Nel 1947 nel perimetro del campo di gioco fu costruito un velodromo , su cui corsero tra gli altri anche Fausto Coppi e Gino Bartali [97] [98] . Negli anni il velodromo è stato però sempre meno utilizzato sino a cadere in disuso, anche per via del progressivo deterioramento delle due curve sopraelevate. I due rettilinei furono demoliti a fine anni sessanta [98] per far posto a una pista d' atletica in asfalto [98] . L'impianto dispone di una capacità massima di 3.500 posti [99] .
  • Campo comunale Giuseppe Dettori: utilizzato per atletica, rugby e calcio (in più occasioni ha ospitato le partite casalinghe del Carbonia quando lo stadio Zoboli non era disponibile), è sede del memorial Mirko Masala, meeting a livello regionale e nazionale di atletica leggera.
L'interno del palazzetto dello sport cittadino durante l'amichevole di calcio a 5 tra Italia e Serbia del 2011
  • Palazzetto dello sport: realizzato a inizio anni 2000 , è utilizzato per basket, pallavolo, calcio a 5 e per altri sport da effettuare al chiuso
  • Piscina comunale: situata in via delle Cernitrici, ospita gare di nuoto e pallanuoto , in particolare quelle legate alla Rari Nantes Carbonia.
  • Cittadella sportiva: compresa tra via Balilla e via dello Sport, comprende campi da tennis , una pista da hockey , un campo da calcio a 5 in sintetico, un campo multifunzionale, un pattinodromo oltre al campo Dettori.

Note

  1. ^ Regio decreto numero 2189
  2. ^ a b c d Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ Carbonia , su Dizionario italiano multimediale e multilingue d'ortografia e pronunzia , Rai . URL consultato il 7 settembre 2011 .
  6. ^ Sardegna Mappe , su Sardegnageoportale.it , Regione Autonoma della Sardegna. URL consultato il 21 ottobre 2016 .
  7. ^ Progetti pervenuti ai sensi della L. 15/12/1999 n. 482 ( PDF ), su regionesardegna.it , Regione Autonoma della Sardegna, 4. URL consultato il 13 agosto 2010 .
  8. ^ a b Il Comune capoluogo della Provincia del Sud Sardegna è Carbonia , su provincia.carboniaiglesias.it , Gestione commissariale ex provincia di Carbonia-Iglesias, 31 maggio 2016. URL consultato il 1º giugno 2016 .
  9. ^ Città di Carbonia, foto aerea , su Sardegna Digital Library , Regione Autonoma della Sardegna. URL consultato il 14 ottobre 2018 .
  10. ^ Andrea Saba, L'economia del Sulcis Iglesiente - prima parte , su Sardegnaindustriale.it . URL consultato il 14 ottobre 2018 . /
  11. ^ Carbonia , su Sardegnaturismo.it , Regione Autonoma della Sardegna. URL consultato il 14 ottobre 2018 .
  12. ^ Guida illustrata d'Italia , Touring Club Italiano, 1999, p. 383, ISBN 9788836516988 .
  13. ^ Sulcis (regione) , su Sapere.it , De Agostini. URL consultato il 14 ottobre 2018 .
  14. ^ Sulcis , su Treccani.it . URL consultato il 14 ottobre 2018 .
  15. ^ a b La Storia , su 88.41.241.125 , Comune di Carbonia. URL consultato il 27 febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 31 maggio 2011) .
  16. ^ a b I boddeus oggi parte del territorio carboniense sono citati nel territorio del Sulci proprio in Vittorio Angius , Città e villaggi della Sardegna dell'Ottocento : Icnhusa-Ozieri (Riedizione delle parti relative alla Sardegna del Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di SM il Re di Sardegna, editore G. Maspero e G. Marzorati) ( PDF ), a cura di Luciano Carta, Ilisso Edizioni, 2006 [1833-1856] , pp. 615-617(617-619 nel pdf), ISBN 978-88-89188-89-7 . URL consultato il 5 settembre 2011 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  17. ^ a b Francesco Floris (a cura di), La Grande Enciclopedia della Sardegna - 2° volume ( PDF ), Sassari, Editoriale La Nuova Sardegna, 2007, pp. 350-351 (356-357 nel pdf). URL consultato il 5 settembre 2011 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2012) .
  18. ^ a b Carbònia , su Sapere.it , De Agostini . URL consultato il 5 settembre 2011 .
  19. ^ a b Giovanni Antonio Sanna, Attraverso il Sulcis in ferrovia (estratto da pubblicazione "Il Sulcis" dell'Ente Regionale di Coltura della Sardegna del maggio 1926) , in Le ferrovie del Sulcis - nella Sardegna sud occidentale fra documenti, immagini e racconti , Cortona, Calosci, 2012, p. 407, ISBN 978-88-7785-267-0 .
  20. ^ a b Atlante Geografico De Agostini per la scuola , Novara, De Agostini, 1994, p. 24, ISBN 88-415-1971-1 .
  21. ^ a b c La città , su comune.carbonia.ci.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 28 agosto 2011 .
  22. ^ a b c d e f g h i j Carta IGM scala 1:25000 , su Geoportale Nazionale , Ministero dell'Ambiente. URL consultato il 27 gennaio 2017 .
  23. ^ Alberto La Marmora , Itinerario dell'isola di Sardegna ( PDF ), a cura di Maria Grazia Longhi, vol. 1, Nuoro, Ilisso, 1997 [1860] , pp. 248 (126 nel pdf), ISBN 88-85098-59-2 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2012) .
  24. ^ a b c d e f g Piano Strategico Comunale , pp. 32-33 .
  25. ^ a b c Massimo Pittau ,Toponimi nella Sardegna Meridionale , su Pittau.it , 2013. URL consultato il 27 gennaio 2017 .
  26. ^ Classificazione sismica , su protezionecivile.it , Protezione Civile. URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 19 maggio 2011) .
  27. ^ a b c d e f Piano Strategico Comunale , pp. 34-37 .
  28. ^ Calcolo dei Gradi Giorno e della Zona Climatica , su il-risparmio-energetico.com . URL consultato il 10 maggio 2011 .
  29. ^ Ripopolamento e progresso economico del Sulcis dal XVIII al XX secolo - di Carlo Pillai Archiviato il 25 agosto 2012 in Internet Archive .
  30. ^ Carta 1986 , p. 9 .
  31. ^ Carta 1986 , p. 10 .
  32. ^ Carta 1986 , pp. 10-11 .
  33. ^ 'Il bacino carbonifero del Sulcis - la storia' , su utenti.lycos.it . URL consultato il 26 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2009) .
  34. ^ Carta 1986 , p. 12 .
  35. ^ Carta 1986 , p. 15 .
  36. ^ Peghin, Sanna , p.56 .
  37. ^ Peghin, Sanna , p.42 .
  38. ^ Carta 1986 , p. 23 .
  39. ^ Clara Petacci , Mussolini segreto. Diari 1932-1938 , a cura di Mauro Suttora, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-17-03737-2 .
  40. ^ a b Carta 1986 , p. 39 .
  41. ^ PMRec Sardinia, Benito Mussolini inaugura Carbonia il 18 Dicembre 1938 , 9 settembre 2011. URL consultato il 5 maggio 2018 .
  42. ^ Valerio Tonini , Terra del Carbone , Guanda, 1943.
  43. ^ Valerio Tonini , Terra del Carbone , a cura di Sabrina Sabiu, Xedizioni, ISBN 9788898556311 .
  44. ^ a b Stefano Musso (a cura di), Tra fabbrica e società - Mondi operai nell'Italia del Novecento , Feltrinelli, 1999, p. 321, ISBN 88-07-99054-7 .
  45. ^ Franco Masala - Architettura in Sardegna dall'unità d'Italia alla fine del '900 pg. 225-226 - ISBN 88-87825-35-1 , 2001
  46. ^ a b Rinaldo Gianola, Senza fabbrica , Baldini e Castoldi, p. 82. URL consultato il 16 settembre 2011 .
  47. ^ a b Le lotte operaie , su spazioinwind.libero.it . URL consultato il 16 settembre 2011 .
  48. ^ Carta 1986 , p. 79 .
  49. ^ Carta 1986 , p. 106 .
  50. ^ La Carbonia Rossa , su spazioinwind.libero.it . URL consultato il 30 agosto 2011 .
  51. ^ Massimo Carta, I settant'anni della città di Carbonia sono meritati e non sono trascorsi invano ( PDF ), in La Gazzetta del Sulcis , 26 giugno 2008, p. 6. URL consultato il 30 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  52. ^ Legge Regionale 12 luglio 2001, n. 9 , su regione.sardegna.it , Regione Autonoma della Sardegna, 12 luglio 2001. URL consultato il 13 agosto 2010 .
  53. ^ Enti locali: approvato nuovo assetto territoriale e nominati amministratori straordinari , su regione.sardegna.it , Regione Autonoma della Sardegna, 20 aprile 2016. URL consultato il 27 maggio 2016 .
  54. ^ Carbonia, decreto 1939-03-30 RD, concessione di stemma, gonfalone e titolo di città , Archivio centrale dello Stato, Ufficio araldico, Fascicoli comunali, busta 209, fascicolo 3116.6.
  55. ^ Carbonia , su araldicacivica.it . URL consultato il 21 agosto 2021 .
  56. ^ Città di Carbonia - Art. 5, comma 1, dello Statuto Comunale , su comune.carbonia.ca.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 28 agosto 2008) .
  57. ^ Carbonia Gonfalone della Città di , su Quirinale.it . URL consultato il 1º maggio 2012 .
  58. ^ Peghin, Sanna , p.86 .
  59. ^ Marco Olianas, Carbonia. Riaperta al culto la “chiesetta di Via Sicilia", primo luogo di culto della Parrocchia BV Addolorata. , su Diocesidiiglesias.it . URL consultato il 3 agosto 2015 .
  60. ^ a b c d Peghin, Sanna , p.90 .
  61. ^ Uffici Comunali: Messi, Centralino e Uscieri , su comune.carbonia.ci.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 25 gennaio 2017 .
  62. ^ a b Peghin, Sanna , p.80 .
  63. ^ Peghin, Sanna , p.78 .
  64. ^ a b Peghin, Sanna , p.82 .
  65. ^ Peghin, Sanna , p.102 .
  66. ^ a b c Peghin, Sanna , p.134 .
  67. ^ Peghin, Sanna , p.108 .
  68. ^ Peghin, Sanna , p.112 .
  69. ^ a b c Peghin, Sanna , p.114 .
  70. ^ a b Peghin, Sanna , p.74 .
  71. ^ Simone Franceschi, Grande riconoscimento per Piazza Roma. È tra le 60 piazze più vivibili d'Europa , su 0781.info . URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 21 luglio 2011) .
  72. ^ Primo maggio 2005 - Carbonia - Inaugurazione di “Frammento di Vuoto I”, ultima opera del grande maestro Giò Pomodoro, e della restaurata Piazza Roma , su comune.carbonia.ca.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 5 gennaio 2009) .
  73. ^ Andrea Scano, Una città con l'accento straniero , in L'Unione Sarda , 9 dicembre 2010.
  74. ^ Statistiche I.Stat , su Istat.it . URL consultato il 16 gennaio 2013 .
  75. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  76. ^ a b Cittadini Stranieri. Popolazione residente e bilancio demografico al 31 dicembre 2018 , su Istat .it . URL consultato il 2 marzo 2020 .
  77. ^ cfr Bilancio demografico anno 2018 , su Istat .it . URL consultato il 2 marzo 2020 .
  78. ^ Museo dei Paleo Ambienti sulcitani [ collegamento interrotto ] , su monumentiaperti.com .
  79. ^ Attivazione commerciale della fermata di Carbonia Serbariu , su FSNews.it . URL consultato il 4 settembre 2012 .
  80. ^ Decreto Prefettizio di nomina n. 248 del 13/01/1938
  81. ^ Decreto Prefettizio di nomina n. 3591 del 17/08/1938
  82. ^ Decreto Prefettizio di nomina n. 5701 del 15/12/1938
  83. ^ Verbale di Giuramento del 16/10/1939
  84. ^ Decreto Prefettizio di nomina n. 2170 del 21/06/1944
  85. ^ a b c d e f Dimissionario
  86. ^ Su nomina del Prefetto
  87. ^ Decreto Prefettizio di nomina n. 4256 del 28/12/1944
  88. ^ Decaduto per mozione di sfiducia costruttiva
  89. ^ Decaduto dalla carica per incompatibilità con quella di Presidente della Provincia di Carbonia-Iglesias, a cui Cherchi è stato eletto nella votazioni del 30 e del 31 maggio 2010.
  90. ^ Subentrata al Sindaco Salvatore Cherchi in seguito alla decadenza dalla carica di quest'ultimo conseguente alla sua elezione a Presidente della Provincia di Carbonia-Iglesias
  91. ^ Gianfranco Nurra, Tredici alla guida del municipio in sessantadue anni , su ricerca.quotidianiespresso.it , La Nuova Sardegna, 9 giugno 2006. URL consultato il 17 ottobre 2008 .
  92. ^ La Carbonia rossa , su spazioinwind.libero.it . URL consultato il 17 ottobre 2008 .
  93. ^ Anagrafe: Ricerca e Archivio Amministratori Locali , su amministratori.interno.it , Ministero dell'Interno . URL consultato il 15 giugno 2013 .
  94. ^ a b Gianfranco Nurra, Arsia, sorella del carbone , su La Nuova Sardegna , 23 febbraio 2010. URL consultato il 27 febbraio 2010 .
  95. ^ Mappa turistica di Carbonia ( PDF ), su comune.carbonia.ci.it , Mauro Innocenti Editore. URL consultato il 26 ottobre 2011 (archiviato dall' url originale il 24 marzo 2015) .
  96. ^ Giuseppe Casti, Intitolazione Stadio Comunale "Carlo Zoboli" , su comune.carbonia.ci.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 9 settembre 2011 .
  97. ^ a b Antonello Pirotto, Il mitico Comunale riapre i battenti , su La Nuova Sardegna , 31 ottobre 2004. URL consultato il 16 settembre 2011 .
  98. ^ a b c In pista anche Coppi e Bartali , in L'Unione Sarda , 16 novembre 2004.
  99. ^ Il Comunale non è da azzurrini , su La Nuova Sardegna , 23 gennaio 2005. URL consultato il 15 settembre 2011 .

Bibliografia

  • Vitale Piga, Il giacimento carbonifero del Sulcis - Carbonia,1938 , a cura di Confederazione Fascista dei Lavoratori dell'Industria, Roma, 1938.
  • Vittorio Maltese, Carbonia,1938 , in L'Economia Nazionale , Roma, 1938.
  • Stanis Ruinas, Viaggio per le città di Mussolini , Milano, Edizioni Bompiani, 1939.
  • F. Cori, Le Miniere di Carbònia , in Resoconti dell'Associazione Mineraria Sarda , Iglesias, 1948.
  • Alberto Mori, Carbònia e le modificazioni del paesaggio geografico nel Sulcis settentrionale , in Pubblicazioni della Facoltà di Ingegneria di Cagliari , vol. 1, Cagliari, 1950.
  • AA. VV., CECA Studio sulla zona di Carbònia , Milano, Giuffrè, 1965.
  • Mario Carta, Note sulle miniere carbonifere del Sulcis – Realizzazioni in atto e tecniche in prospettiva per la coltivazione e la valorizzazione dei giacimenti di carbone , in La programmazione in Sardegna 60 , Sassari, Editrice G. Gallizzi, 1976.
  • Massimo Carta, Carbonia e il suo carbone (1851 - 1977) , Cagliari, Società Poligrafica Sarda, 1977.
  • Lucia Nuti, Roberta Martinelli, Città nuove in Sardegna durante il periodo fascista , in Storia urbana II , 1978.
  • Massimo Carta, Perché Carbonia , Cagliari, Gasperini Editore, 1981.
  • Maria Stella Rollandi, Miniere e minatori in Sardegna. Dalla crisi del dopoguerra alla nascita di Carbonia (1919 - 1939) , Cagliari, Edizioni Della Torre, 1981.
  • Virginio Bettini, Borotalco nero carbone tra sfida autarchica e questione ambientale , Milano, Franco Angeli Editore, 1984.
  • Alberto Vacca, Carbonia ei problemi dell'industria carbonifera sarda (1936 – 1976) , Cagliari, Edizioni Della Torre, 1985.
  • Massimo Carta, Carbonia: realtà da 50 anni , Nuoro, Cooperativa Grafica Nuorese, 1986.
  • Giuseppe Are, Marco Costa, Carbosarda. Attese e delusioni di una fonte energetica nazionale , Milano, Franco Angeli Editore, 1989.
  • Piero Bartoloni, Sandro Filippo Bondì;Luisa Anna Marras, Monte Sirai , Roma, Libreria dello Stato - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1992.
  • Franco Reina, Carbonia, Carbosarda. Passione per la squadra biancoblù. La storia dal 1939 al 2000 , Giampaolo Cirronis Editore.
  • Mauro Pistis, Lettera al Sindaco di Arsia. , in Il Gazzettino della "Dante" Albonese , XII, n. 34, luglio - dicembre 2007, p. 16.
  • Carla Perra, Museo Archeologico Villa Sulcis Carbonia - Guida alle esposizioni , Envisual Carbonia, 2008.
  • Monumenti Aperti - Guida ai monumenti , Comune di Carbonia, edizioni annuali dal 2004 al 2010.
  • Giorgio Peghin, Antonella Sanna, Carbonia. Città del Novecento , Milano, Skira Editore, 2009.
  • Massimo Carta, Carbonia - 70 anni: 1938 - 2008 , Carbonia, Iglesias, Edizioni Sulcis, 2010.
  • Carbonia - Piano Strategico Comunale ( PDF ), su Sardegnaterritorio.it , Comune di Carbonia. URL consultato il 29 gennaio 2017 .
  • Carlo Panio - Storia del Diritto Minerario in Sardegna. Il caso Carbonia. Edizioni Carlo Delfino Editore, Sassari, Anno 2013

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 149377586 · LCCN ( EN ) nr97004983 · GND ( DE ) 4222633-8 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-nr97004983
Sardegna Portale Sardegna : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna