Cesena

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Cesena (desambiguació) .
Cesena
comú
Cesena - Escut d'armes Cesena - Bandera
Cesena - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emília Romanya
província Província de Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Administració
Alcalde Enzo Lattuca ( PD ) del 6-10-2019
Territori
Coordenades 44 ° 08'N 12 ° 14'E / 44.133333 ° N 12.233333 ° E 44.133333; 12.233333 (Cesena) Coordenades : 44 ° 08'N 12 ° 14'E / 44.133333 ° N 12.233333 ° E 44.133333; 12.233333 ( Cesena )
Altitud 44 m slm
Superfície 249,47 km²
Habitants 97 282 [1] (31-12-2020)
Densitat 389,95 habitants / km²
Fraccions veure llista de fraccions
Municipis veïns Bertinoro , Cervia (RA), Cesenatico , Civitella di Romagna , Gambettola , Longiano , Meldola , Mercato Saraceno , Montiano , Ravenna (RA), Roncofreddo , Sarsina .
Altra informació
Codi Postal 47521, 47522
Prefix 0547
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 040007
Codi cadastral C573
Placa FC
Cl. sísmic zona 2 (sismicitat mitjana) [2]
Cl. climàtic zona E, 2130 GG [3]
Anomenar habitants Cesenati
Patró Sant Joan Baptista
Festa 24 de juny
Sobrenom Ciutat dels tres Papes
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cesena
Cesena
Cesena - Mapa
Localització del municipi de Cesena a la província de Forlì-Cesena
Web institucional

Cesena ( IPA : [tʃeˈzεna] , Cisêna a Romagna [4] i Caesena o Curva Caesena en llatí ) és una ciutat italiana de 97.282 habitants [1] a la província de Forlì-Cesena que es troba a la Via Emilia a uns 20 km. de Forlì .

Fundada al voltant del segle V aC pels umbres , va florir a l’època romana com a centre de la Via Emilia i, a partir d’aquell període, conserva avui una intensa centuriació a la plana circumdant. Allotja la Biblioteca Malatesta que data del segle XV , la primera biblioteca cívica europea i l’únic exemple de biblioteca monàstica humanística perfectament conservada a l’edifici, al mobiliari i a l’equipament de la biblioteca, inclosa per la UNESCO al registre de la Memòria. del món .

Centre d'activitats agrícoles, comercials i industrials principalment en els camps de fruites i hortalisses, alimentació i mecànica, des del 1989 és una sucursal de la Universitat de Bolonya [5] .

Geografia física

Territori

Part dels turons que envolten Cesena, al fons es pot veure el mar Adriàtic .

Cesena es troba gairebé al centre de Romagna , a mig camí entre el mar, del qual és just 15 km i els turons, al punt on es creuen les antigues carreteres d’ Emília i Romea . El terme municipal, la superfície del qual és de 249,5 km² , limita al nord amb els municipis de Cervia i Ravenna , a l'est amb els municipis de Cesenatico , Gambettola , Longiano i Montiano , al sud amb els municipis de Roncofreddo , Mercato Saraceno i Sarsina , i a l'oest amb el municipis de Civitella di Romagna , Meldola i Bertinoro [6] .

L'altitud oficial, corresponent al punt sobre el qual s'alça el Palazzo Comunale , és de 44 metres sobre el nivell del mar [7] . L’altitud mitjana de tot el terme municipal és de 97 m slm [8] : va dels 5 metres de la rasa de la vall als 480 metres del Monte Cavallo [7] ). El territori és pla cap a l’última franja de la vall del Po, al nord-est, muntanyós, amb els primers ramals de l’ apení toscano-romà al sud-oest.

Morfològicament, el riu Savio i la seva vall constitueixen la llera principal del terme municipal de Cesena, que desemboca al nord-oest fins a la conca del riu Ronco i la riera de Bevano, i al sud-est fins al costat esquerre de la riera de Pisciatello . [6] .

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica de Cesena .

Cesena té un clima temperat , moderadament mitigat per la proximitat del mar [9] . A l’ estiu les temperatures màximes poques vegades superen els 35 °; poden aproximar-se als 40 ° (amb temps de retorn de 18-20 anys) en casos de foehn intenso de l' Apenní associat amb fortes adveccions càlides [10] . L’ hivern és generalment semi-continental o continental (moderadament rígid) a l’ Apení i als contraforts, a causa del vent fred que “surt” de la inversió tèrmica del Po cap a l’ Adriàtic , mentre que la zona costanera és marcadament semi-continental ja que és més afectat pels fluxos de calor de l'Adriàtic [11] ; les temperatures mitjanes a l’hivern són de mitjana uns 2 ° més altes a les zones costaneres i pericostals que a les estribacions situades aproximadament 10 km més a l’ oest [9] . Els dies de boira , de mitjana trenta anys, varien d’uns 30 dies a la plana baixa de Cesena prop de la costa, de 18 a 20 a les zones properes als Apenins fins a 12-15 dies a les valls [12] .

Cesena [13] Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 6.5 9.1 12.7 16,5 21,5 25,7 28.3 27,9 24.3 18,8 12.4 7.5 7.7 16.9 27.3 18,5 17.6
T. mitjanaC ) 3.2 5.1 8.3 11.9 16.3 20.2 22.6 22.4 19.1 14.3 8.8 4.3 4.2 12.2 21,7 14.1 13.0
T. min. mitjàC ) −0,1 1.2 3.9 7.3 11.2 14.7 16.9 16,8 14.0 9.9 5.2 1.2 0,8 7.5 16.1 9.7 8.5
Precipitacions ( mm ) 46 48 57 56 52 48 54 56 68 64 80 58 152 165 158 212 687

Orígens del nom

L' etimologia del lema Cesena (en llatí Caesena ) no és certa. Diversos estudiosos argumenten que el nom deriva del verb llatí caedo (tallar), que significa "lloc tallat", així com Cesuola - un petit rierol que travessa la ciutat - significaria "rierol que talla". Altres fan la hipòtesi que el prefix caes- es refereix al terme obsolet cesina ("terra desforestada"), al qual s'ha afegit el sufix -ena , d'origen etrusc. D’altres encara creuen que Cesena deriva de l’etrusca Keizna [14] .

Torre masculina i femenina de la fortalesa de Malatesta
Fortalesa de Malatesta

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Cesena .

"I aquell on el Savio mulla el costat,
tal com està entre la plana i la muntanya,
entre la tirania i un estat lliure ".

( Dante Alighieri , Inferno , Canto XXVII )

La vall de Savio i els turons circumdants, sobre els quals descansa Cesena, van estar habitats des del neolític , com ho demostren els materials trobats a la zona de la basílica del Monte i, més amunt, a Borello [15] . El primer nucli habitat sorgeix amb tota probabilitat pels umbres al voltant del segle VI - V aC [16] . Juntament amb Forlì, Cesena és l'epicentre de l'assentament dels gals Senoni , un dels principals pobles celtes de la Gàl·lia cisalpina . Amb l'arribada dels romans el petit nucli pren la forma d'un poble; decau amb l' Imperi Romà i pateix les incursions dels bàrbars [17] .

Pres pels gots de Teodoric , fou reconquerit pels bizantins i, a mitjan segle VI , passà a formar part de l' Exarcat [18] . Després de les campanyes de Pepí el Breu ( segle VIII ), Cesena va tornar finalment als territoris sota control papal, el primer nucli del que havia de convertir-se en l' Estat de l'Església [19] . El segle XIII va veure com la ciutat oscil·lava entre la llibertat comunitària i la submissió a l’Església o als senyors locals. El 1333 Cesena es va convertir en el domini de la família Ordelaffi de Forlì [20] , però la seva senyoria fou interrompuda el 1357 per la intervenció del legat papal , el cardenal Albornoz , que va aconseguir sotmetre la ciutat malgrat l’esforçada defensa de la Cia degli Ubaldini . [21] .

El febrer de 1377 Cesena participa en la guerra promoguda per la República florentina contra l' Estat papal [22] , però el cardenal Robert de Ginebra (futur antipapa Climent VII ) desencadena una violenta massacre a la ciutat, per evitar que Cesena es posi al costat del Florentins: la massacre la van dur a terme les milícies mercenàries bretones , encapçalades pel líder anglès Giovanni Acuto , que la va arrasar al terra [23] , provocant la mort de més de 5.000 habitants [24] .

Durant la senyoria de Malatesta la ciutat va tornar a florir, com ho demostren els importants monuments com la fortalesa de Malatesta , encarregada per Galeotto [25] , i la Biblioteca Malatesta , obra del mecenes Domenico Malatesta Novello [26] . Durant un curt període, cap al 1500 , sota el domini de Cesare Borgia , Cesena es va convertir en la "capital" del ducat de Romagna [27] i el 1502 va arribar a la ciutat Leonardo da Vinci , a qui Borgia havia confiat la tasca de prendre el relleu i actualitzar les fortificacions de les ciutats conquerides de Romagna [28] . Després va tornar sota el domini de l'Estat papal , que va durar fins a la Unificació d'Itàlia [29] .

El 1775 , Giovan Angelo Braschi de Cesena es convertí en papa amb el nom de Pius VI i, de nou, el 1800 , un altre de Cesena es convertí en papa, Barnaba Niccolò Maria Luigi Chiaramonti amb el nom de Pius VII . L'experiència napoleònica ( 1797 - 1814 ), que veu Pius VI i Pius VII tractar en va d'oposar-se a Napoleó Bonaparte , priva Cesena d'un gran nombre de monestirs, convents i esglésies que adornada amb anterioritat i de la Universitat [30] . El gener de 1832 la ciutat va ser saquejada i 17 dels seus ciutadans assassinats durant les massacres de Cesena i Forlì per les tropes papals durant la repressió final dels aixecaments de Romagna.

Cesena durant els bombardejos de la Segona Guerra Mundial .

Posteriorment, abans i després de la Unificació d'Itàlia , la ciutat va experimentar un període d'expansió [30] [31] . Després del 1861 , els liberals van governar l'administració municipal fins a principis del segle XX i, finalment, els republicans van mantenir el poder fins a l'arribada del feixisme [32] .

Durant la Resistència, Cesena va fer una gran contribució d’homes i per aquest motiu se li va concedir la Medalla de Plata al Valor Militar [33] . Després de la guerra, la ciutat va assistir a un notable desenvolupament urbà i al mateix temps es va produir un notable creixement econòmic, que la va convertir en un pol de nivell internacional en el sector agroalimentari, especialment en el camp de la investigació i la biotecnologia [34] .

El 1992 , amb el destacament del districte de Rimini en una nova província, l'antiga província de Forlì va canviar el seu nom per província de Forlì-Cesena (mentre Forlì continuava sent la capital), sent les dues ciutats de gairebé la mateixa importància. Avui Cesena ha assolit una posició de lideratge en diversos sectors econòmics, una vida cultural fervent i una qualitat de vida per sobre de la mitjana nacional [34] .

Símbols

Escut d'armes
Escut del municipi

L'escut del municipi està format per un escut "balzana": truncat en negre i plata, amb una sanefa daurada. Cap d'Anjou. L'escut tradicionalment indicaria la pacificació entre les faccions oposades de la ciutat dels güelfs i els gibel·lins; la frontera està treta de l'escut de Malatesta i fa referència a la seva senyoria sobre la ciutat durant el segle XV. La peça és una concessió del rei de Nàpols Roberto d'Angiò. L’escut, en lloc de la corona cívica, podia presumir de la corona noble, havent estat la ciutat inscrita a la llista oficial de la noblesa italiana. Escut concedit pel rei Vittorio Emanuele III amb reial decret de 24 d'abril de 1927: "Truncat en negre i plata, a la vora dentada de negre i daurat, amb el cap d'Anjou" [35] .

Bàner

La pancarta està formada per la tela truncada en blanc i negre amb l'emblema de la ciutat al centre.

Honors

Cesena es troba entre les ciutats decorades amb valor militar per a la guerra d'alliberament , guardonada amb la medalla de plata pels sacrificis de les seves poblacions i per la seva activitat en la lluita partidista durant la Segona Guerra Mundial :

Medalla de plata al valor militar - cinta per a l’uniforme ordinari Medalla de plata al valor militar
«Fidel a les antigues i glorioses tradicions patriòtiques i democràtiques, la ciutat de Cesena des de l'armistici del 8 de setembre de 1943 va ser el centre d'una reacció decisiva en la lluita contra l'opressió alemanya i feixista. Expressant i donant suport amb valentia a les ferotges forces partidàries, l’organització de les quals va començar amb l’establiment de la primera base de voluntaris a Pieve di Rivoschio i a la zona muntanyosa circumdant, durant catorze mesos de dur compromís operatiu, els cesenians van contribuir vàlidament a imposar un desgast constant de les forces. enemics i danyar vehicles i equips [33] . Zona de Cesena, 8 de setembre de 1943 - novembre de 1944 "
- 19 de setembre de 1974 [36]
Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat

Monuments i llocs d'interès

Patrimoni cultural de la Unesco logo.svg Biblioteca Malatesta Patrimoni cultural de la Unesco logo.svg

Memòria del món

Entrada de la Malatestiana

La Biblioteca Malatesta és una biblioteca monàstica de particular importància històrica. Fundada a mitjan segle XV , té dos registres absoluts: va ser la primera biblioteca cívica italiana [37] ; és l'únic exemple d'una biblioteca monàstica medieval perfectament conservada a l'edifici, el mobiliari i les dotacions de llibres [38] .

La Unesco ha reconegut la importància cultural de la Malatesta inserint-la, primer a Itàlia , al Registre de la Memòria del Món [39] .

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el centre històric de Cesena .

Arquitectures religioses

Esglésies

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Esglésies de Cesena .
L'interior barroc de l' església de Santa Maria del Sufragi
L’imponent conjunt mil·lenari s’aixeca al turó Spaziano, on el bisbe Mauro , proclamat sant del segle XI [40] , solia anar a pregar; després de la seva mort, es va erigir una església cap a l'any 1000 i es va construir un monestir entre el 1001 i el 1026 . Al llarg dels anys, la basílica s'ha anat enriquint amb obres d'art remarcables. Cal recordar la col·lecció d’ ex voto , la més gran d’ Europa [41] .
També té un valor històric-artístic la catedral de la ciutat dedicada a Sant Joan Baptista , d’estil gòtic-romànic que data de finals del segle XIV, a l’interior de la qual es troben les restes de Sant Mauro . Dins de la catedral, una petita i important pintura que representa el Sant Baptista executat en una placa de coure recentment ha estat atribuïda per l'investigador Alex Cavallucci a pintor manierista Livi Agresti [42] . A la capella de la Mare de Déu del Popolo hi ha frescos de Corrado Giaquinto del 1750 [43] .
El complex es va crear el 1394 , però l'edifici es va acabar el 1424 i es va reconstruir el 1486 ; el 1810 l' església i el convent van ser suprimits i el complex es va convertir en la llar del refugi de les Filles dels Pobres. És la seu de la Galeria d’Art Municipal [44] .
S'alcen en un turó immediatament darrere de la ciutat. De construcció relativament més recent que els altres complexos de Cesena, conserva l’esplèndida pintura de Guercino que representa l’ èxtasi de Sant Francesc [45] .
El complex, fundat per iniciativa de Malatesta Novello per consell de la seva dona Violante, va ser construït entre 1459 i 1464 sobre un projecte del mestre Maso della Val Lugano. L’exterior, de pura geometria neoclàssica, es caracteritza per la façana que ha quedat inacabada. El pòrtic té capelles que antigament eren simples arcs [46] .
Es troba al centre històric de la ciutat . El convent, propietat inicialment dels frares Osservanti, fou venut a finals del segle XV als monjos agustins que van emprendre una extensa renovació i decoració de l’església i del convent, que va acabar el 1520 . La forma actual de l’Església es remunta al 1748 amb un disseny de Luigi Vanvitelli [47] .
Es troba al districte de Chiaramonti . D'origen medieval , es va reconstruir diverses vegades al llarg dels segles, en particular el 1470 , el 1630 i el 1740 , quan fou reordenat per Francesco Zondini. Es va acabar definitivament el 1825 amb poques variacions respecte al projecte original de Giuseppe Valadier [48] .
Construïda entre el 1706 i el 1772 , s’aixeca sobre les restes d’una església anterior del segle XV de la qual romanen els dos claustres.
L’interior de l’església consta d’una sola nau i als laterals hi ha tres capelles a cada costat, en les quals es conserven testimonis de la pintura local del segle XVII [49] .
Probablement es va reconstruir un complex religiós preexistent el 1240 i el 1367 s’hi van instal·lar els Servents de Maria. Entre 1756 i 1765 l'església va adoptar la seva forma actual basant-se en un projecte de Pietro Carlo Borboni [50] .
La confraria del mateix nom es va fundar el 1633 per donar suport a les ànimes del Purgatori , mentre que la petita església es va construir entre 1685 i 1689 , a partir d’un projecte de Pier Mattia Angeloni. A la segona meitat del segle XVIII , la façana i l'interior de l'església van ser fortament retocades, prenent el seu aspecte actual [43] .

Cementiris

  • Cementiri urbà
Construïda sobre un projecte de Barbieri ( 1809 ) en el lloc on l'església i monestir de la Santa Creu de peu, el cementiri va ser acabat i inaugurat l'1 de maig 1813 per Giacomo Bertozzi, i gairebé immediatament va ser objecte de nombroses extensions ( 1819 - 1825 i 1929 - 1946 ). L’estructura, d’estil neoclàssic , es caracteritza per dues zones, una de planta quadrangular i l’altra octogonal, al voltant de les quals es desenvolupa el pòrtic amb columnes dòriques i les capelles nobles. L’església de planta central amb un pronaos dòric a la façana va ser embellida a la cúpula amb pintures murals de Leandro Marconi al segle XVIII .
Aquí hi ha enterrats els ciutadans més il·lustres de Cesena, com Renato Serra , Maurizio Bufalini i altres. A la cripta del cementiri hi ha un ossari en memòria de les víctimes de la Segona Guerra Mundial .
  • Nou cementiri
Es va inaugurar el 9 d’abril de 2011 i va ser dissenyat per l’ arquitecte Paolo Portoghesi . La capella circular de ritus religiosos està coberta amb maó vist, mentre que la coberta té una estructura de fusta concèntrica. Hi ha un crematori i llocs d’enterrament per a no catòlics. Al municipi també hi ha altres 35 cementiris dispersos als diversos llogarets [51] .
És un cementiri militar on descansen soldats de països de la Commonwealth caiguts durant la Segona Guerra Mundial. Hi ha unes 700 sepultures militars dels actuals Regne Unit , Canadà , Nova Zelanda , Sud-àfrica i l' Índia [52] .

Arquitectures civils

Palaus

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: palaus de Cesena .
L’interior del Saló dels Miralls de l’Ajuntament
Alguns frisos de l'Ajuntament
La contra façana del Palazzo Ghini
Palazzo Albornoz o Palazzo Comunale té vistes a la plaça del Popolo ; es va construir a instàncies del cardenal Egidio Albornoz a partir de mitjan segle XIV . L’edifici consta de dues estructures més antigues: el Palatium Vetus i el Palatium Novum. A l'interior hi ha frescos i mobles del segle XVIII [53] .
L'edifici, situat a Contrada Chiaramonti , va ser encarregat a principis del segle XVIII per Giovanni Gaetano Carli i va rebre la decoració pictòrica de Giuseppe Milani als anys vuitanta [43] .
El 1807 el papa Pius VII va comprar el palau a la família Carli, el va donar al seu nebot Scipione Chiaramonti i va decidir modernitzar-lo per l'arquitecte Tomba. És aquí on el pontífex, tornant de l’exili, va viure durant la seva estada a la seva ciutat natal ( 1814 ). Des de 1910 està sotmesa a la legislació sobre edificis d’interès històric i artístic. Durant la Segona Guerra Mundial va patir danys importants a causa de tres trets d'obús disparats per error [54] .
El Palazzo Ghini es troba al Corso Gastone Sozzi . Dissenyat al segle XVII per l’arquitecte Pier Mattia Angeloni per encàrrec dels marquesos Ghini. Acull al monumental pati algunes escultures de Francesco Calligari, que representen quatre divinitats: Ceres , Gloria, Mart i Minerva .
La construcció es remunta al 1401 i posteriorment es va ampliar el 1466 i el 1472 . Per voluntat dels nobles de Cesena, el 1792 es va col·locar una estàtua en homenatge al papa Pius VI [55] .
La façana, element de gran interès, està formada per dos ordres de pilastres superposades: dòrica al nivell inferior i jònica al nivell superior [56] .
La planta baixa de l'edifici acull la galeria municipal d'art per a exposicions temporals, mentre que la sala del primer pis s'utilitza per a conferències i esdeveniments públics [57] .
És un palau monumental, construït al segle XVIII pel marquès Miquel Àngel Romagnoli (1719-1780). Construït sobre un projecte de l’arquitecte Pietro Carlo Borboni, va ser decorat pel pintor Giuseppe Milani [58] . Quan Margherita Romagnoli es va casar amb un marquès Ghini el 1785, la meitat de l'edifici va passar a ser propietat de la família Ghini (i va romandre allà fins a la dècada de 2000).
Es tracta d’una cortina de maó , de més de 20 metres d’alçada, amb una passarel·la ( Loggetta Veneziana ) i una torre a la plaça (Torrione del Nuti). A la paret hi ha la inscripció que recorda la cita que Dante va fer de Cesena al cant XXVII de l’ Infern i l’escut de Lorenzo Zane , governador papal en el moment de la construcció [53] . Els edificis també alberguen les sales del Museu de Ciències Naturals [53] .
Villa Silvia va ser comprada per la família Pasolini-Zanelli. Carducci i Bonci són alguns dels noms més famosos que han freqüentat la vila, juntament amb Paolo Amaducci o Antonio Messeri. El 3 de setembre de 1920 , la comtessa Silvia Baroni Semitecolo (vídua Pasolini Zanelli) va morir sense hereus i, com a última propietària de la vila, la va llegar al municipi. Posteriorment es va utilitzar com a campament d’estiu per a nens amb tuberculosi . Està envoltat d’una zona verda de quatre hectàrees , on hi ha nombrosos arbres centenaris i que conserva un jardí de roses del segle XIX . L'habitació de Carducci encara es pot visitar [59] .

Teatres històrics

L’interior del teatre Bonci
El teatre es va inaugurar el 15 d'agost de 1846 , tres anys després de l'inici de les obres, sobre la base d'un projecte de l'arquitecte Vincenzo Ghinelli [48] . Equipat amb una acústica excel·lent, és un teatre italià en forma de ferradura, amb quatre nivells de vint-i-tres caixes cadascun, dos del prosceni i una galeria [60] . Va ser dedicat al tenor de Cesena Alessandro Bonci després de les seves actuacions el 1904 i el 1927 . Des del principi es va distingir per la representació de les millors produccions dramàtiques i sobretot líriques, amb la presència d’aclamades sopranos i tenors italians de l’època. Amb motiu del 150è aniversari de la seva inauguració, el 25 de gener de 1996 , es va reobrir al públic després d’una restauració [61] .
  • Teatre Comandini
El teatre forma part del Palazzo Guidi, construït el 1719 per encàrrec de la família Carli i després venut als marquesos de Montiano. Des del segle XIX fins als anys noranta el complex es va utilitzar per a activitats escolars; des de 1993 acull les Socìetas Raffaello Sanzio .
  • Teatre Valdoca
El teatre acull l’homònima companyia de teatre contemporani .
  • Teatre Giuseppe Verdi
El teatre Giuseppe Verdi, nascut com a teatre de jardí, va patir un incendi terrible als primers anys del segle XX , que va ser seguit per la reconstrucció. Dopo essere stato per alcuni decenni un cinematografo, è oggi un locale di intrattenimento utilizzato come discoteca, sala da concerto e sede di eventi aziendali.
Il Ponte Vecchio che passa sopra il fiume Savio

Ponti

Il Ponte Vecchio , o Ponte Clemente , oltre ad essere il ponte più antico di Cesena è anche uno dei simboli della città. Il ponte attraversa il fiume Savio , in uno dei suoi punti più stretti.
I lavori di costruzione iniziarono nel 1733 , per volere di papa Clemente XII [62] .
  • Ponte del Risorgimento (Ponte Nuovo)
Furono la costruzione del Ponte del Risorgimento , nel 1914 , e l'apertura di via Cesare Battisti, nel 1921 , a creare un secondo accesso al centro provenendo da Forlì, rendendo più scorrevole il traffico cittadino. [63] .
  • Ponte Europa unita
Il ponte Europa unita è parte di un progetto di riqualificazione urbana dell'area dell'ex zuccherificio, ad opera di Vittorio Gregotti . Il ponte è stato aperto al traffico nel 2003 [64] .

Torri

Architetture militari

La Rocca Malatestiana in primavera
Cesena deve alla famiglia dei Malatesta anche la sua rocca, una delle più imponenti della Romagna , con "corte" e due torrioni centrali, chiamati Maschio e Femmina. In quest'ultimo è allestito il Museo di storia dell'agricoltura che offre ai visitatori uno spaccato sul mondo rurale romagnolo nel corso dei tempi, mentre nel Maschio è posta l'esposizione permanente di ceramiche malatestiane [65] .
L'inizio della costruzione della cinta muraria di Cesena si fa risalire intorno all'anno Mille . Di tre antiche porte ci è stata tramandata l'esistenza: porta Ravegnana , porta dei Leoni e porta Sapigna [65] . A partire dal XVII secolo le porte risultavano sette: (in senso orario) porta Fiume , Porta Trova , porta Cervese, porta Romana (poi dei Santi), porta Figarola (poi porta Santa Maria), la Portaccia, porta Montanara . Ancora oggi il centro storico è delimitato dalla cinta muraria che, con i torrioni e alcune porte (Trova e Santa Maria abbattute, Cervese sostituita dalla Barriera Cavour ), è giunta fino a noi intatta, sebbene parzialmente interrata a causa del riempimento dei fossati.
La relazione del cardinale Anglico de Grimoard del 1371 ( Descriptio Romandiole ) parla di circa 1660 famiglie dentro le mura e di un castello (la Rocca Vecchia, ormai diroccata) di otto porte.
Dopo l'Unità d'Italia dei sette varchi nelle mura medievali alcuni furono abbattuti, altri modificati, mentre il fossato veniva riempito dalla perforazione del tunnel.
La cinta muraria risulta ancora per la maggior parte intatta e ben individuabile nel tessuto urbanistico; le porte giunte fino a noi sono quattro: porta Santi, porta Fiume, una delle due Portacce e porta Montanara [50] .
L'abbattimento dell'antica porta Cervese e l'edificazione di questa costruzione nel 1864 , su progetto di D. Angeli, costituiscono uno degli interventi di maggior rilievo tra i tanti che, dopo l'Unità d'Italia, diedero alla città un indiscutibile aspetto "borghese" [50] .

Altro

Piazze

Piazza del Popolo vista dal torrione
  • Piazza Amendola
Sorta negli anni trenta del XX secolo per effetto della demolizione di alcuni edifici, fra cui un antico lavatoio e la copertura del torrente Cesuola [66] , la piazza è stata oggetto di un intervento di riqualificazione nel settembre del 2008 che ha coinvolto anche il tratto iniziale di via Pescheria. Fra le varie opere sono stati rifatti e potenziati i sottoservizi e rinnovato completamente l'impianto di illuminazione pubblica, l'asfalto è stato sostituito con pietre di varie forme e al centro della piazza è stata collocata una fonte che ricorda il vecchio modello ottocentesco .
  • Piazza Mario Guidazzi
In piazza Guidazzi si affaccia il teatro Alessandro Bonci . Qui, il 16 gennaio del 1915 , fu tenuta una conferenza da Cesare Battisti che fu molto osteggiata dai neutralisti; in ricordo di quell'evento si può leggere un'iscrizione incisa su una targa posta sulla facciata del teatro [67] .
La caratteristica principale è quella di essere stata privata del quarto lato nella seconda metà del secolo XIX , a causa della demolizione del quartiere di Chiesanuova. La piazza, passaggio della via Emilia fino al 1914, presenta approssimativamente una forma rettangolare. La sua caratteristica architettonica è il contrasto tra l'imponenza del Palazzo Comunale (o palazzo Albornoz) e della Loggetta Veneziana e delle ben più ridotte dimensioni delle strutture opposte in stile neoclassico ed eclettico . Nei secoli passati è stata anche chiamata piazza Inferiore, piazza Maggiore e piazza Vittorio Emanuele. Al centro della piazza è posta la fontana Masini [68] .

Vie

L'arteria venne costruita tra il 189 e il 187 aC In quel periodo la colonia di Placentia era circondata dai Galli Boi che, nonostante fossero stati sconfitti, non avevano voluto firmare la pace con Roma. Il pericolo di rivolte era quindi reale. Roma decise allora di realizzare una strada militare fino a Placentia per far spostare velocemente l'esercito allo scopo di reprimere eventuali rivolte. Alcuni decenni dopo la via Emilia venne prolungata da Piacenza a Milano [69] .
Nell'antichità la via Emilia girava intorno al colle Garampo , mentre il nuovo tracciato (le attuali via Emilia Ponente, via Carlo Cattaneo, viale Giacomo Matteotti, via Zuccherificio, viale Europa, viale Giovanni Bovio, viale Guglielmo Oberdan, viale Guglielmo Marconi e via Emilia Levante), passa in mezzo a due modeste alture [70] .
  • Via Chiaramonti
La via è una delle più importanti della città per il suo valore artistico e storico. Definita da sempre dai cittadini cesenati come la "via dei Signori", si trova esattamente sull'asse viario della strada europea E45 . Taglia perpendicolare l'antica via Emilia all'altezza di via Carbonari. Termina a Porta trova. Nella via è presente la chiesa di Santa Cristina , con la famosa cupola ispirata alla cupola del Pantheon . Sono presenti alcuni dei maggiori palazzi cittadini e in successione, adiacenti l'uno all'altro, i palazzi delle famiglie nobili che dal XVIII secolo a oggi hanno risieduto in Romagna . Di valore artistico e storico si segnalano Palazzo Chiaramonti , il Palazzo Ghini di fronte al Palazzo Chiaramonti e prossimo alla Chiesa di Santa Cristina, inoltre il Palazzo Ghini all'inizio della via (civico n.1), Palazzo Sirotti-Gaudenzi e Palazzo Guerrini Bratti.
  • Viale Jacopo Mazzoni
Viale Jacopo Mazzoni nacque dopo l' Unità d'Italia . Nel 1861 le autorità cittadine decisero di abbattere un intero rione, il Borgo Chiesanuova, creando così un largo viale, costeggiato da alberi, per coloro che provenivano da Forlì [71] .
  • Via delle Scalette
Via delle Scalette è una stradina di ciottoli e gradini che parte vicino ai giardini pubblici e termina accanto all' abbazia di Santa Maria del Monte , in cima al colle Spaziano. Il 15 agosto, durante la Festa dell'Assunzione , viene percorsa a piedi dai fedeli per raggiungere l'abbazia [72] .
  • Via Zeffirino Re
Via Zeffirino Re è una strada del centro storico che collega piazza del Popolo al palazzo del Ridotto .
Al tempo dei Romani, la via Emilia , dopo l'ampia curva che dette il nome alla città (Curva Caesena), tagliava il centro quasi longitudinalmente, fino alla porta Santi, situata nel tratto settentrionale delle mura malatestiane. Nel Medioevo le cose cambiarono e, dalla piazza Maggiore , poi divenuta piazza del Popolo, prese a incunearsi questa stradina, per poi girare a destra di fronte al palazzo del Ridotto e proseguire verso Rimini . Si trattava di un tratto alquanto importante, giacché vi si trovavano i banchi dei fruttivendoli: da qui il nome tradizionale via delle Ortolane. All'incrocio con via delle Erbe (via Albizzi) e via degli Orefici (via Fantaguzzi) formava il caratteristico Trivio di San Paolo dove, fino al 1801 , sorgeva un oratorio dei frati Camaldolesi [73] .

Siti archeologici

Durante lavori di scavo effettuati nel 1993 e 2005 sono stati scoperti nel centro storico dei reperti di epoca romana , fra i quali un mosaico pavimentale in tessere bianche e nere con decorazioni vegetali e libere che, "staccato" dalla sua originaria collocazione ed interamente ristrutturato dagli esperti restauratori della scuola di Ravenna, è esposto in una sala del Palazzo Comunale [74] [75] .
Altri reperti di epoca romana e medievale (fondamenta di edifici e strade adiacenti) che si ritengono di notevole valore storico, sono stati rinvenuti nel 2005 , durante gli scavi per la costruzione di un parcheggio, nelle immediate vicinanze del centro storico [76] .
  • Fornaci romane di Ronta
Nel settembre del 2005 , durante i lavori per la realizzazione del Canale Emiliano Romagnolo , sono state scoperte nella frazione Ronta delle fornaci romane per la produzione di laterizi . Si tratta delle più integre mai rinvenute in Emilia-Romagna . Il complesso risale al II secolo aC ed è composto da tre fornaci di forma rettangolare di grandi dimensioni, con pavimentazione in mattoncini. [77] .

Aree naturali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi di Cesena .

A Cesena ci sono quasi 55.000 alberi , 250 aree verdi che si estendono complessivamente per oltre 246 ettari [78] .

Le principali aree verdi della città sono:

Società

Evoluzione demografica

A marzo 2015 a Cesena sono state censite 96 921 persone [79] . L'aumento della popolazione è dovuto soltanto ai flussi migratori perché il saldo naturale è negativo, mentre in città arrivano costantemente qualche centinaio di immigrati al mese. Il numero delle famiglie è in aumento: alla fine del mese di marzo 2015 erano 41 944, costante la tendenza alla diminuzione del numero medio dei componenti, sceso a 2,33 persone per famiglia nel 2012 (nel 1974 erano 3,46). Tra la popolazione un numero importante è rappresentato da coloro che vivono da soli (soprattutto le donne, che per la metà sono vedove ) rappresentando oltre il 33% del totale delle famiglie (erano il 25% nel 2000 ). Il tasso di nuzialità continua la sua discesa: nel 2011 si sono celebrati 2,66 matrimoni ogni mille abitanti, nel 2000 erano 4,57 [80] .

Abitanti censiti [81]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati dell'Ufficio SIT - Statistica del Comune di Cesena al 31 dicembre 2014 la popolazione straniera residente era di 9 329 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate erano [82] :

  1. Romania , 1 459
  2. Albania , 1 171
  3. Marocco , 881
  4. Bulgaria , 827
  5. Polonia , 605
  6. Tunisia , 538
  7. Ucraina , 510
  8. Bangladesh , 438
  9. Nigeria , 396
  10. Senegal , 340

Lingua e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto romagnolo .

A Cesena, accanto alla lingua italiana , si parla una delle varianti del dialetto romagnolo . Quest'ultimo, derivante dal latino e incluso nella famiglia dei dialetti galloitalici , è caratterizzato da un forte rilievo delle consonanti nelle parole e da una notevole moltiplicazione dei fonemi vocalici rispetto all'italiano, che ne ha solo sette.

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diocesi di Cesena-Sarsina .
La concattedrale di San Vicinio a Sarsina .

Sede vescovile a partire dall' Alto Medioevo , è nota come Città dei tre Papi , avendo dato i natali a Pio VI e Pio VII , e avendo avuto come vescovi Pio VIII e Benedetto XIII [83] .

La maggioranza delle persone che professano una religione è cattolica e la città ospita la sede vescovile della diocesi di Cesena-Sarsina [84] , suddivisa in 23 parrocchie [85] . Sono anche presenti altre confessioni cristiane: due comunità evangeliche ( Assemblee di Dio in Italia [86] e Chiesa Evangelica Battista [87] ), Testimoni di Geova [88] e Chiesa cristiana avventista del settimo giorno [89] . La presenza di comunità ebraiche , che durante la seconda guerra mondiale hanno, come altrove, subito persecuzioni, è documentata sin dal Medioevo .

Il buddhismo si è diffuso a partire dagli anni '70 del Novecento. Altre religioni, quella islamica principalmente, ma anche fedi cristiano-ortodosse e l' induismo sono praticate per la presenza di immigrati di diversi continenti. Nella frazione Torre del Moro è attivo il Centro di Cultura e di Studi Islamici [90] mentre nella frazione di Monte Aguzzo è presente l'unico luogo di sepoltura per gli islamici in Romagna [91] .

Istituzioni, enti e associazioni

A Cesena sono presenti numerosi istituti culturali che operano attivamente e sono presenti nella realtà locale, come: l'Istituzione Biblioteca Malatestiana, la Fondazione Renato Serra, l'Emilia Romagna Teatro, il Conservatorio Statale di musica "Bruno Maderna", l'Istituto di cultura musicale "Arcangelo Corelli", la Biblioteca di scienze giuridiche ed economiche "Giovanni Ghirotti", il Centro di Documentazione Educativa e il Teatro Comandini-Socìetas [92] .

Associazioni

Cesena è ricca di associazioni e circoli culturali che operano nel territorio promuovendo conferenze, convegni, mostre, proiezioni cinematografiche, corsi, spettacoli teatrali e musicali.

Sanità

L'Ausl della Romagna serve tutto il comprensorio cesenate, dalla Valle del Savio alla riviera, coprendo un territorio di 15 comuni (oltre 200.000 abitanti). L' Ospedale Maurizio Bufalini è una struttura di rilevanza regionale [93] essendo, tra l'altro, sede del Dipartimento Chirurgico e Grandi Traumi. [94]

Il Laboratorio Unico di Area Vasta Romagna è situato nel Centro Servizi di Pievesestina . La struttura, progettata per servire oltre un milione di abitanti, costituisce una forma di gestione unificata di attività laboratoristiche e serve l'intera Area Vasta Romagna (Cesena, Forlì , Ravenna e Rimini ).

Nel 2009 è stato inaugurato il Laboratorio Unico di Patologia Clinica romagnolo [95] .

Cultura

Istruzione

Biblioteche

Biblioteca Malatestiana e biblioteche di quartiere

Nella sezione moderna della Biblioteca Malatestiana sono presenti oltre centomila volumi , disponibili ad accesso diretto. È divisa nelle sotto-sezioni: Biblioteca Moderna, che raccoglie più di 60.000 volumi [96] , e Biblioteca dei Ragazzi, ove sono custoditi quasi 24.000 testi destinati ai lettori fino a 16 anni [97] .

Sono presenti biblioteche dei quartieri Al Mare, Borello, Cervese Nord, Cervese Sud, Cesuola, Dismano, Oltresavio, Rubicone, Valle Savio.

Altre biblioteche
  • Archivio di Stato di Forlì - Sezione di Cesena
  • Archivio fotografico Zangheri
  • Biblioteca del Conservatorio statale di musica "Bruno Maderna"
  • Biblioteca e Fonoteca dell'Istituto musicale "Arcangelo Corelli"
  • Biblioteca dell'Abbazia di Santa Maria del Monte
  • Biblioteca dell'Istituto di storia della Resistenza e dell'Età contemporanea
  • Biblioteca del Gruppo di ricerca sulle tecnologie appropriate - Centro di informazione nonviolenta
  • Biblioteca dell'Associazione Italiana Musica Meccanica
  • Biblioteca giuridico-economica "Giovanni Ghirotti"
  • Biblioteca "Maurizio Bufalini"
  • Biblioteca del Seminario vescovile

Scuole

Sono presenti 23 scuole dell'infanzia [98] , 28 scuole primarie [99] , 11 scuole secondarie di primo grado una delle quali privata [100] , vi hanno sede inoltre dieci scuole secondarie di secondo grado statali (tre licei [101] , quattro istituti tecnici [102] e tre istituti professionali [103] ) e due licei paritari [104] ; il sistema della formazione è completato dall'Istituto Musicale "Arcangelo Corelli", fondato nel 1806 e dunque la seconda scuola comunale di musica più antica d'Italia [105] [106] .

Tra questi va menzionato il Liceo Ginnasio Statale Vincenzo Monti , fondato il 10 ottobre del 1860 [107] .

Università

Villa Almerici una delle sedi distaccate dell' Università di Bologna

Ospitò dal XVI secolo al 1800 l' Università di Cesena , dal 1989 è sede distaccata dell' Università di Bologna [108] inoltre è presente un distaccamento dell' Accademia di belle arti di Bologna [109] .

Conservatorio di Musica "Bruno Maderna"

Il conservatorio è intitolato al direttore d'orchestra e compositore Bruno Maderna (1920 –1973). Unico conservatorio della Romagna è presente dal 1970, prima come succursale del Conservatorio “GB Martini” di Bologna , divenendo autonomo nel 1988. [110]

Fino al 1994 ha avuto sede nelle sale adiacenti al Ridotto del Teatro Bonci, trasferendosi poi all'interno di Palazzo Guidi. L'edificio fu fatto erigere nei primi anni del Settecento da Francesco Maria Carli ed è appartenuto alla famiglia Guidi fino al1899. Divenne poi bene comunale e tuttora conserva pregevoli soffitti affrescati.

Musei

  • Casa Museo "Renato Serra"
La casa natale di Renato Serra è diventata un museo dedicato al critico letterario [111] .
È collocata al pianterreno del Palazzo del Ridotto ; ospita periodicamente mostre temporanee di dipinti o sculture [112] .
La galleria conserva quadri principalmente di scuola emiliana. La collezione comprende opere dal XV al XIX secolo e si è arricchita soprattutto dagli anni settanta agli anni 2000 . Dal 1991 è collocata nel monastero dei Celestini, ora anche sede centrale degli uffici della banca [113] .
Il museo è collocato al pianterreno dell'edificio in cui è situata la Biblioteca Malatestiana e conserva al suo interno una raccolta di reperti provenienti dall'area cesenate, dalla preistoria fino all'umanesimo [114] . Nel 1972 ebbe anche una menzione speciale dell' UNESCO [114] .
Museo delle scienze naturali.
È un museo all'aperto, sistemato in una casa colonica che espone strumenti di lavoro e oggetti d'uso antichi e moderni e un'area trattata con metodi e colture di altre epoche storiche [115] .
Collocato nel ristretto ma suggestivo spazio un tempo occupato dalla cappella di San Tobia, presenta importanti oggetti per la celebrazione liturgica e parametri sacri, alcuni dei quali donati dai pontefici di Cesena, e alcune opere d'arte appartenenti al capitolo della cattedrale o ad edifici di culto distrutti o di varia destinazione [116] .
  • Museo dell'Immagine
Vi sono conservati gli archivi privati di autori cinematografici, comprendenti carteggi con soggetti e sceneggiature originali, fotografie di scena, recensioni su centinaia di film di produzione nazionale e straniera: la sezione, in continua crescita, deve la sua consistenza alle donazioni dei registi, fotografi, sceneggiatori, e critici [117] .
Occupa la Loggetta Veneziana affacciata su piazza del Popolo .
Di valore soprattutto didattico, è composto da: Sala degli strumenti, Corridoio con insetti e conchiglie dell' Adriatico , Sala con animali del Cesenate ed, infine, la Sala degli animali che contiene esemplari zoologici di tutto il mondo [118] .
Una delle stanze espositive del museo dell'agricoltura
Ospitato all'interno della Rocca Malatestiana, è nato grazie alla donazione alla città dell'artista Mario Bocchino nel 1974 e rappresenta nel settore una delle collezioni più ricche dell'intera regione [118] .
  • Museo del Teatro
Conserva la documentazione della storia del teatro Alessandro Bonci e della musica a Cesena, di cui sono testimonianza locandine, manifesti e programmi di sala, fotografie e disegni, costumi, scenografie e registrazioni video e audio [119] .
La collezione dei dipinti di proprietà del comune si forma tra il XIX secolo e il XX secolo ; il primo allestimento del 1883 fu in alcune stanze della Biblioteca Malatestiana , in seguito, nel 1984 , ha trovato una sistemazione espositiva stabile presso l'ex monastero di San Biagio. Le opere esposte coprono un arco di tempo compreso tra il XV secolo e l' età contemporanea , offrendo anche una panoramica della produzione di dipinti locali, arricchita da alcune importanti presenze di rilevanza nazionale [120] .
Un concerto in Piazza realizzato da Radio Studio Delta

Media

Stampa

Due quotidiani a diffusione nazionale Il Resto del Carlino [121] e il Corriere Romagna [122] sono presenti con redazioni locali e pubblicano un'edizione specifica per Cesena. Il Corriere Cesenate , settimanale della diocesi, fondato nel 1911 si occupa di cronaca locale. [123]

Radio

Nella città hanno sede tre stazioni radio . Radio Studio Delta, nata nel 1981 , è, secondo i dati Audiradio , l'emittente più ascoltata in Romagna [124] . Radio Centrale, sorta nel 1976 , è una delle prime radio private d' Italia [125] . UniRadio, nata nel 2010 [126] , è la prima radio universitaria dell'Università di Bologna, gestita da studenti del Campus di Cesena [127] e da volontari.

Televisione

A Cesena sorgono i principali studi di produzione di Teleromagna , una delle prime emittenti private sorte in Italia , nata nel 1974 [128] . Dal 2004 fa parte del Gruppo Pubblisole. È visibile in Emilia-Romagna , Veneto , Marche e nella Repubblica di San Marino .

Musica

Rilevante per la città, nel corso di feste nazionali o rievocazioni storiche, è la Banda Musicale Città di Cesena .

Teatro

Due importanti compagnie teatrali hanno sede in città.

Il Teatro Valdoca è una compagnia fondata nel 1979 , e tuttora condotta da Cesare Ronconi , regista, e Mariangela Gualtieri , poetessa, drammaturga e attrice. Ha svolto una profonda ricerca a ridosso della parola poetica, nella quale rientrano anche canto, musica dal vivo e danza, conducendo anche un lavoro pedagogico e formativo sull'attore attraverso una "scuola nomade". [129]

La Socìetas Raffaello Sanzio , nata nel 1981 ad opera di Claudia e Romeo Castellucci , Chiara Guidi e Paolo Guidi, presenta un teatro caratterizzato da un ricco e complesso linguaggio scenico, con la rottura della comunicazione tradizionale in un'anarchica fantasia linguistica, e incentrato sulla forza comunicativa del corpo. [129] [130] .

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina romagnola e Cucina cesenate .

Eventi

La Fiera di San Giovanni ( Piazza del Popolo ).

In primavera si svolge la Cesena Fashion Week , una settimana di eventi, con sfilate dedicate alla moda, ove stilisti , designer , fotografi e blogger emergenti con gli imprenditori locali presentano i nuovi arrivi e le tendenze della stagione primavera-estate. In autunno , invece, in maniera analoga, viene presentata la stagione autunno-inverno [131] .

Da aprile 2005 il Centro Cinema Città di Cesena promuove il Backstage Film Festival che, insieme a CliCiak (dal 1998 è un concorso nazionale per fotografi di scena), si occupa del dietro le quinte del cinema italiano [132] .

Per celebrare l'anniversario della dichiarazione Schuman da maggio 2010 si svolge per le vie del centro storico la Festa dell'Europa [133] .

Sempre a maggio si tiene la rievocazione storica del Palio di Cesena (1377 DC) e della sua Giostra d'Incontro storica (1465-1838).

A giugno si svolge la principale manifestazione popolare cesenate: la Fiera di San Giovanni , il patrono. Sulle molte bancarelle, tra le altre cose, la tradizione vuole che siano offerti profumati mazzetti di lavanda , le prime trecce d' aglio e soprattutto il rinomato fischietto rosso, fatto di zucchero , che assume la forma di gallo e papera [134] .

L'estate è la stagione del ricco cartellone di spettacoli all'aperto ( musica , teatro , cinema , burattini e lirica ): Autori sotto le stelle propone incontri con scrittori e giornalisti nell'antico Chiostro di San Francesco della Biblioteca Malatestiana ; Suoni del Tempo dal 1982 è un ciclo di concerti che annualmente intervalla musica sacra a canzone d'autore, mentre la rassegna i Suoni dello Spirito spazia tra musica, spiritualità e poesia (entrambe le manifestazioni sono ospitati al Chiostro di San Francesco della Biblioteca Malatestiana e all' Abbazia di Santa Maria del Monte ); per quanto riguarda la musica rock e pop nella corte della Rocca Malatestiana viene ospitata una rassegna di tribute band di rilievo nazionale.

Da luglio 2011 nelle piazze del centro storico si svolge la manifestazione Piazze di Cinema – Festa del cinema in piazza , dove viene proposta una rassegna di cinema contemporaneo e del passato [135] ; in contemporanea si svolge il Premio Monty Banks ove le più significative opere prime della stagione saranno accompagnate dall'autore o dagli interpreti che incontreranno il pubblico [136] ; a conclusione si svolge la Notte del Cinema , una notte bianca di cultura e spettacolo dove simultaneamente varie piazze, chiostri e parchi pubblici del centro saranno animati da proiezioni cinematografiche e concerti di musiche da film [137] .

Verso fine settembre o inizio ottobre si svolge il Week-end della cultura , dedicato alla cultura e al divertimento [138] e contemporaneamente si svolge il Festival Internazionale del Cibo di Strada , uno spaccato gastronomico dedicato ai cibi di strada provenienti da tutto il mondo [139] .

Ad ottobre si svolge, dal 2007 , Màntica , un festival dedicato a concerti, laboratori, film, ascolti guidati realizzato dalla compagnia teatrale Socìetas Raffaello Sanzio [140] .

Il mondo della produzione ortofrutticola si dà appuntamento ai primi di ottobre, quando il complesso fieristico di Pievesestina ospita il Macfrut [108] [141] , una delle più importanti fiere internazionali dedicate alla lavorazione, al trasporto e alla tecnologia per l'ortofrutta. [108] [142] .

Alla fine del mese sempre i padiglioni fieristici di Pievesestina tornano ad ospitare Arredo Casa , dedicata alla casa, al fai-da-te e al giardinaggio [143] .

Nel novembre 1997 è nato il Festival Nazionale del Teatro Scolastico "Elisabetta Turroni" : una rassegna di spettacoli teatrali prodotti dalle scuole secondarie di secondo grado italiane ; una giuria, che in base alle performance live, segnala le punte d'eccellenza dei singoli spettacoli (drammaturgia, messa in scena, scenografia, adattamento di un testo classico, coralità d'esecuzione, tema civile) e assegna premi alle scuole. In contemporanea si svolgono mostre fotografiche e corsi di formazione per insegnanti e operatori del teatro scolastico.

Il centro accoglie i padiglioni di Cesena a Tavola , rassegna gastronomica di ristorazione ed enologica che offre un'ampia panoramica dei sapori della Romagna [144] .

Geografia antropica

Cesena è il secondo comune non capoluogo di provincia più popoloso d'Italia , preceduto da Giugliano in Campania (NA) .

Porticato in piazza del Popolo

Urbanistica

Cesena all'imbrunire: si possono notare i campanili del duomo (a destra) e del palazzo del Ridotto (a sinistra)

Lo sviluppo urbanistico della città è stato fortemente influenzato dalle antiche strade che la attraversano. Sulla via Emilia si sono formati insediamenti abitativi e artigianali, su via Dismano centri agricoli e industriali, mentre su via Cervese e via Cesenatico solo edifici per scopo abitativo [145] .

L'apparato urbano si è strutturato, man mano che i secoli passavano, in base a tre elementi: la barriera naturale costituita dal fiume Savio e dalle colline, le quattro strade storiche e la linea ferroviaria [145] .

Nell' età romana , la città si chiamava Curva Caesena, perché accanto al colle Garampo si incurvava l'antica via Emilia e con essa l'abitato [145] . Questa curva assumeva la forma di uno scorpione [146] .

Suddivisioni amministrative

Il territorio del Comune di Cesena è suddiviso in 12 quartieri, ognuno dei quali elegge un presidente ed un proprio consiglio di quartiere in concomitanza con le elezioni regionali [147] .

I dodici quartieri, secondo l'enumerazione adottata ufficialmente dal comune, sono i seguenti [148] :

Q. I Centro Urbano Q. II Cesuola Q. III Fiorenzuola Q. IV Cervese Sud QV Oltre Savio Q.VI Valle Savio
Q.VII Borello Q.VIII Rubicone Q. IX Al Mare QX Cervese Nord Q.XI Ravennate Q.XII Dismano

Frazioni

All'interno di ciascuno dei quartieri sono ben identificabili, pur non definiti ufficialmente, rioni e zone urbane, talvolta corrispondenti a frazioni poi inglobate nella città:
Barriera, Borghetto (Ponte di San Martino), Campino (San Rocco), Cappuccini, Ex Zuccherificio, Case Finali, Ippodromo, Fiorita, Madonna delle Rose, Madonna del Monte, Montefiore, Osservanza, Ponte di San Martino, Ponte Vecchio, Ponte Nuovo, Porta Santi, Porta Trova, Sant'Egidio, San Mauro in Valle, Torre del Moro , Valdoca, Vigne , Villa Arco, Villa Chiaviche.

All'interno del Comune sono presenti le frazioni: Acquarola, Aie, Bagnile , Borello , Borgo delle Rose, Borgo di Ronta, Borgo Paglia , Borgo San Vittore, Botteghino, Budrio , Bulgaria, Bulgarnò , Calabrina, Calisese, Capannaguzzo (Maccanino), Carpineta, Casalbono, Casale, Case Castagnoli, Case Frini, Case Gentili, Case Missiroli, Case Scuola Vecchia, Case Venzi, Celincordia, Celletta, Diegaro (e Diegaro I), Formignano, Gattolino, Gualdo, Il Trebbo, Lizzano , Luogoraro, Luzzena, Macerone , Madonna dell'Olivo, Martorano, Massa, Molino Cento, Montereale, Monte Vecchio, Monticino, Oriola, Osteria di Piavola, Paderno, Pievesestina , Pioppa , Ponte Abbadesse , Pontecucco, Ponte Pietra, Provezza, Rio Eremo, Rio Marano, Ronta , Roversano , Ruffio (distinto in Ruffio I e Ruffio II), Saiano, San Carlo, San Cristoforo, San Demetrio , San Giorgio , San Mamante, San Martino in Fiume, San Matteo, Santa Lucia, Sant'Andrea in Bagnolo, San Tomaso, San Vittore , Settecrociari, Tessello, Tipano , Trebbo, Valdinoce, Villa Calabra, Villa Casone [149] .

Economia

Pesche

Cesena è un importante centro agricolo e industriale, a capo di un distretto basato sulla trasformazione e lavorazione dei prodotti agricoli e sull'autotrasporto, caratterizzato da una struttura produttiva di piccole e medie imprese nella quale non mancano aziende significative a livello nazionale e internazionale [150] .

Agricoltura

Sono secoli che l'agricoltura è praticata a Cesena; tra innovazione e qualità, i prodotti ortofrutticoli (come le pesche di Romagna ) sono conosciuti anche fuori dei confini nazionali. Essi sono coltivati con moderne tecnologie applicate all'agricoltura: dai controllo ottici, ai primi esperimenti di lotta integrata , per arrivare al biologico [34] .

Altri campi, come la produzione di alimenti surgelati , vedono aziende cesenati, come il Gruppo Apofruit ed Orogel , ai primi posti in Italia . Il grande successo che riscuote ogni anno il Macfrut, una delle fiere più importanti al mondo nel comparto ortofrutticolo, è solo il segno di un primato consolidato [108] .

Accanto ai cereali , rimasti per secoli il primo prodotto locale, si è sviluppata la coltivazione degli alberi da frutto (soprattutto pesche , ma anche albicocche , susine , mele e pere ); anche le patate , le barbabietole ei prodotti orticoli vantano produzioni cospicue. Anche il vino ha una certa importanza nell'economia cesenate e fra gli altri vanno ricordati l' Albana e il Sangiovese [150] .

Rilevante è l' allevamento avicolo con la storica presenza di un'azienda nota a livello nazionale: l' Amadori , fondata del 1970 da Francesco Amadori .

Artigianato

Stampa manuale di una tela

L'artigianato, a Cesena, conserva alcuni esempi di vecchi mestieri: vi sono piccole botteghe che lavorano la ceramica , la pelle, l' oro o che restaurano oggetti del passato. Appena al di fuori dei confini comunali si ritrovano prodotti tradizionali più tipicamente romagnoli, come le tele a stampo a mano ( Gambettola ) o le teglie per cuocere la piadina ( Montetiffi di Sogliano ) [151] .

Industria

Dopo l'agroalimentare il settore più forte, anche per numero di addetti, è quello industriale, in cui prevale il comparto metalmeccanico , favorito dalla stretta connessione con le attività agroindustriali: furgonature per il trasporto generico e per gli alimenti deperibili, officine meccaniche che a questi prestano assistenza tecnica, costruzione macchine per la lavorazione, la conservazione e l'imballaggio dei prodotti ortofrutticoli [152] . All'industria cesenate appartengono realtà imprenditoriali note a livello internazionale. La società edile Trevi realizza in vari paesi del mondo importanti opere di alta ingegneria [153] . La Technogym è leader mondiale nella produzione di attrezzi per esercizi ginnici e per la riabilitazione del corpo; nel 2008 ha aperto a Cesena la nuova sede principale [154] . L' Olidata opera nel settore dei personal computer ed altri prodotti di alta tecnologia [108] .

Servizi

L'intersezione tra l' Autostrada A14 Bologna-Taranto , la Strada statale 3 bis Tiberina (tratto della E45 ) Orte - Ravenna rende Cesena uno snodo di comunicazione, con la presenza di varie aziende di autotrasporto.

Importante è il Polo fieristico, costituito da 32 000 di spazi espositivi [155] , che tra le sue varie manifestazioni spicca il Macfrut, fiera di interesse internazionale nel settore dell' orto - frutta , una risorsa per la città in quanto è un'eccellenza per tutto il sistema economico nazionale [156] .

Turismo

La città, grazie alla sua posizione geografica al centro della Romagna , risulta trovarsi a breve distanza da varie importanti realtà artistiche, culturali e naturali. Sono infatti facilmente raggiungibili le colline costellate di antichi borghi storici, la Riviera romagnola ei grandi parchi di divertimento, l' Appennino tosco-romagnolo con il Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna ed importanti stazioni termali [157] .

La città stessa offre realtà artistiche, culturali, naturali e luoghi di divertimento; come l'importante Biblioteca Malatestiana , il Parco naturale del fiume Savio , i negozi e locali che animano il centro storico e festival, fiere e kermesse di elevato livello come la Fiera di San Giovanni, il Festival del cibo di strada e la Festa del cinema in piazza [157] .

Per il turismo in città nell'anno 2016 gli arrivi e le presenze hanno registrato un incremento. Si sono registrati poco meno di 74 000 arrivi, con un incremento del 2,3% rispetto al 2015 ; le presenze si sono attestate quasi a quota 135 000, con un incremento del 6,1% (dati dell'Ufficio Turistico Provinciale).

Sempre nel 2016, gli arrivi provenienti dai paesi esteri sono stati oltre 11 000; la fetta più consistente dei turisti stranieri è rappresentata dai tedeschi , cui fanno seguito i francesi , i britannici , gli svizzeri , i cinesi , gli statunitensi ed i giapponesi [158] .

L'offerta turistica del Comune di Cesena è integrata con altri Comuni del suo comprensorio e di territori limitrofi, come Bagno di Romagna , Bertinoro , Cervia , Cesenatico , Forlimpopoli e Sarsina [159] .

Infrastrutture e trasporti

Un tratto della Secante in campagna

Cesena è un importante snodo di comunicazione, grazie all'intersezione tra l' autostrada A14 Bologna - Taranto e la strada statale 3 bis Tiberina (fino a Cesena tratto della E45 ) Terni - Ravenna .

Strade

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autostrada A14 (Italia) e Secante di Cesena .
L'interno della galleria Vigne

Secondo uno studio del Centro Studi Indipendente sulla Sicurezza Stradale (Ce.SISS), le strade più sicure d' Italia sono a Cesena, essendo la città risultata prima fra i 200 comuni presi in considerazione. Il comune ha ottenuto la Stella d'oro con encomio [160] .

La città è collegata alla rete autostradale nazionale tramite i caselli Cesena e Cesena Nord dell' autostrada A14 Bologna - Taranto . La strada statale 9 Via Emilia la collega con tutti i capoluoghi della regione Emilia-Romagna , tranne Ravenna e Ferrara , arrivando fino a San Donato Milanese .

La strada statale 3 bis Tiberina (superstrada E 45) consente di arrivare a Perugia , Terni e Roma , costituendo una valida alternativa all' autostrada A1 per giungere dal nord alla capitale.

Il traffico urbano è fortemente alleggerito dalla Secante , superstrada che taglia la città comprendente un tratto sotterraneo lungo un chilometro e seicento metri (Galleria Vigne), primo tunnel eco-compatibile costruito in Italia, il terzo in Europa [161] .

Ferrovie

La stazione di Cesena è posta sulla ferrovia Bologna-Ancona . Vi fanno scalo treni a lunga percorrenza oltre a quelli regionali.

Mobilità urbana

La supervisione dei servizi di trasporto pubblico è affidata a Start Romagna nata il 1º gennaio 2012 dall'unione delle agenzie AVM , ATM e TRAM . Comprende le linee urbane, suburbane ed extraurbane dirette sia verso il comprensorio cesenate della provincia che fuori.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Cesena .
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1986 Archimede Casadei Lucchi Partito Comunista Sindaco
1986 1992 Piero Gallina Partito Repubblicano Sindaco
1992 1999 Edoardo Preger Partito Democratico della Sinistra Sindaco
1999 2009 Giordano Conti Democratici di Sinistra , poi PD Sindaco
2009 2019 Paolo Lucchi Partito Democratico Sindaco
2019 in carica Enzo Lattuca Partito Democratico Sindaco

Gemellaggi

Il cippo e il corbezzolo, dono di Moresco

Pur non trattandosi di un comune, la frazione di Pioppa ha realizzato un gemellaggio con il comune marchigiano di Moresco ( FM ).

Altre informazioni amministrative

Il Comune fa parte di quattro reti europee: Eurocities (Forum sostenibilità e gruppo di lavoro sulle Smart cities), ICLEI - Local Governments for Sustainability sempre per la sostenibilità, Covenant of Mayors (patto dei sindaci per le Politiche Energetiche) e di Trailblazer, progetto europeo per l'innovazione, l'efficienza e realizzazione dei trasporti logistici sostenibili negli Enti Locali [162] .

Sport

L'interno dello stadio Dino Manuzzi

Nel 2014 Cesena è stata designata " Città europea dello sport " [163] .

Calcio

Nel 1940 fu fondata l'« Associazione Calcio Cesena ». La società ha disputato tredici campionati di Serie A e trentadue di Serie B .

La seconda squadra è stata l'«Associazione Sportiva Dilettantistica Romagna Centro», che dal 2013 al 2018 ha militato in serie D.

Dopo il fallimento dell'ACCesena (2018), le due squadre si sono unite per ripartire dalla serie D sotto il nome di «Associazione Sportiva Dilettantistica Romagna Centro Cesena».

Calcio a 5

Nel comune è attivo l' ASD Futsal Cesena , che milita in Serie B .

Il principale club cittadino di calcio a cinque era il Romagna Calcio a 5 , fondato nel 1992 e sciolto nel 2008 con una partecipazione in Serie A e un trofeo, laCoppa Italia di Serie A2 del 2006 .

Ciclismo

La città ha ospitato per tre volte l'arrivo di una tappa del Giro d'Italia di ciclismo : nel 1946 la 5ª semitappa vide la vittoria di Olimpio Bizzi , nel 2004 l'11ª fu vinta da Emanuele Sella , e nel 2008 nella città romagnola si svolse l'arrivo dell'11ª tappa con la vittoria di Alessandro Bertolini .

Cricket

Il Cesena Cricket Club ha vinto il campionato nazionale nel 1992, 1993 e 1995 e la Coppa dei Campioni nel 1993 [164] .

Ippica

ll primo sabato di settembre la stagione ippica si conclude a Cesena con il campionato europeo di trotto che si disputa all' ippodromo del Savio[165] .

Pallacanestro

La società di pallacanestro femminile, è stata molto attiva tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta . La squadra romagnola, conosciuta con il nome di Unicar Cesena, riuscì ad aggiudicarsi lo scudetto della stagione sportiva 1989 / 1990 , denominata Conad Cesena, ha vinto nella stagione successiva la Coppa dei Campioni. Attualmente la pallacanestro Cesenate è rappresentata dai Tigers Cesena. Squadra militante in Serie B. I quali colori sociali sono il bianco ed il nero, con qualche sfumatura di arancione. Lo stemma è una tigre.

Pallavolo

La città è stata la sede di una società di pallavolo femminile, la Pallavolo Cesena , fondata nel 1987 e sciolta nel 2009, che ebbe all'attivo una partecipazione al campionato italiano di serie A1 nel 2008-2009 .

Rugby

Il comune è sede del Romagna Rugby Football Club , fondato nel giugno 2006 dall'unione di diversi club romagnoli che milita in serie B .

Tennis

A Cesena si svolge il trofeo di tennis "Marchi Giorgio", facente parte dell' ITF Men's Circuit . [166] A seguito di una storica promozione dalla serie B, dal 2017 il circolo tennis della città schiera una squadra che milita nel campionato nazionale A2.

Triathlon

Il Cesena Triathlon viene fondato nel novembre 2014 da un gruppo di triatleti locali con passati agonistici nel mondo del nuoto, del ciclismo e del podismo [167] .

Impianti sportivi

Tra i numerosi impianti sportivi di Cesena, si menzionano: lo stadio comunale "Dino Manuzzi" , l' ippodromo del Savio , il palazzetto dello sport Carisport , un impianto comunale di atletica leggera, un impianto comunale di tiro con l'arco, un campo di baseball, un campo di rugby, un campo da golf, [168] due circoli tennis, una piscina comunale.[165]

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020.
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ La Romagna, Geografia e Storia - Emilio Rosetti
  5. ^ Università di Bologna, Polo Scientifico-Didattico di Cesena , su polocesena.unibo.it . URL consultato il 14-09-2009 (archiviato dall' url originale il 6 aprile 2005) .
  6. ^ a b Touring Club Italiano , p. 91 .
  7. ^ a b Geografia del cesenate , su comuni-italiani.it . URL consultato il 14 settembre 2009 .
  8. ^ Conti , p. 17 .
  9. ^ a b Casalini , p. 89 .
  10. ^ Casalini , p. 97 .
  11. ^ Casalini , p. 94 .
  12. ^ Casalini , p. 90 .
  13. ^ dati 1982-2012, fonte climate-data.org
  14. ^ Diotti , p. 289 .
  15. ^ Sozzi , p. 9 .
  16. ^ Sozzi , pp. 10-11 .
  17. ^ Sozzi , p. 29 .
  18. ^ Sozzi , p. 31 .
  19. ^ Sozzi , pp. 44-45 .
  20. ^ Sozzi , p. 93 .
  21. ^ Sozzi , pp. 98-100 .
  22. ^ Sozzi , p. 102 .
  23. ^ Sozzi , pp. 102-103 .
  24. ^ Mallett Michael, Signori e mercenari - La guerra nell'Italia del Rinascimento , Bologna, Il Mulino, 2006, p. 47-48, ISBN 88-15-11407-6 .
  25. ^ Sozzi , p. 109 .
  26. ^ Sozzi , p. 120 .
  27. ^ Sozzi , p. 135 .
  28. ^ Sozzi , p. 136 .
  29. ^ Sozzi , p. 139 .
  30. ^ a b Sozzi , cap. I moti del Risorgimento .
  31. ^ Sozzi , cap. Le guerre dell'Indipendenza .
  32. ^ Sozzi , p. 281 .
  33. ^ a b Ministero della Difesa, Roma 17 aprile 1975 n. 7069 d'ordine. , su istitutonastroazzurro.it . URL consultato il 14-09-2009 .
  34. ^ a b c Carlo Cambi, Le Terre del Carlino - Forlì Cesena: tra storia e mare , in il Resto del Carlino , 26 maggio 2010, p. 11.
  35. ^ Descrizione dello stemma dal sito del Comune di Cesena , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 24-07-2012 .
  36. ^ [1] .
  37. ^ La Biblioteca Malatestiana , su malatestiana.it . URL consultato il 18-09-2009 .
  38. ^ O'Gorman , pp.88-89 .
  39. ^ ( EN ) La Biblioteca Malatestiana , su portal.unesco.org , unesco.org. URL consultato il 7 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 5 agosto 2009) .
  40. ^ Capellini , p. 96 .
  41. ^ Guter , p. 69 .
  42. ^ Touring Club Italiano , p. 72 .
  43. ^ a b c Touring Club Italiano , cap. Il rinnovamento figurativo e architettonico del settecento .
  44. ^ Lauretano , pp. 84-87 .
  45. ^ Touring Club Italiano , p.890 .
  46. ^ Touring Club Italiano , p. 889 .
  47. ^ Lauretano , p. 116 .
  48. ^ a b Touring Club Italiano , cap. Dall'età napoleonica all'Unità: si afferma il neoclassicismo .
  49. ^ Lauretano , p. 148 .
  50. ^ a b c Lauretano , p. 146 .
  51. ^ S'inaugura il "Cimitero Nuovo" firmato da Paolo Portoghesi , in il Resto del Carlino - Cesena , 09 aprile 2011, p. 4.
  52. ^ ( EN ) Cesena War Cemetery , su cwgc.org . URL consultato il 3 settembre 2010 .
  53. ^ a b c Tabanelli , p. 68 .
  54. ^ Touring Club Italiano , p. 68 .
  55. ^ Capellini , p. 87 .
  56. ^ Capellini , p. 88 .
  57. ^ Touring Club Italiano , p. 884 .
  58. ^ Capellini , p. 95 .
  59. ^ Capellini , p. 17 .
  60. ^ Capellini , p. 65 .
  61. ^ Capellini , p. 67 .
  62. ^ Capellini , p. 35 .
  63. ^ Touring Club Italiano , p. 892 .
  64. ^ Ponte Europa Unita , su gregottiassociati.it . URL consultato il 16-09-2009 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  65. ^ a b Quilici , pp. 170-171 .
  66. ^ Piazza Amendola , su delfo.forli-cesena.it . URL consultato il 16-09-2009 (archiviato dall' url originale il 5 settembre 2007) .
  67. ^ Sozzi , p. 308 .
  68. ^ Capellini , p. 77 .
  69. ^ Storia della Via Emilia , su visitare.comune.imola.bo.it . URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2010) .
  70. ^ Lauretano , p. 25 .
  71. ^ Lauretano , p. 65 .
  72. ^ Lauretano , p. 108 .
  73. ^ Lauretano , p. 26 .
  74. ^ Capellini , p. 42 .
  75. ^ Sito ufficiale della Soprintendenza Archeologica Emilia-Romagna - Parco archeologico del Colle Garampo , su archeobo.arti.beniculturali.it . URL consultato il 19-09-2009 .
  76. ^ Sito ufficiale dell'Università Ca' Foscari di Venezia - Dipartimento di Scienze dell'Antichità e del Vicino Oriente , su arcmed-venezia.it . URL consultato il 19-09-2009 (archiviato dall' url originale il 20 novembre 2012) .
  77. ^ Sito ufficiale della Soprintendenza Archeologica Emilia-Romagna - Fornaci romane di Ronta , su archeobologna.beniculturali.it . URL consultato il 01-21-2011 (archiviato dall' url originale il 22 novembre 2012) .
  78. ^ Aree naturali , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 6 settembre 2010 .
  79. ^ Dati sul saldo demografico dell'Ufficio SIT - Statistica del Comune di Cesena , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 19 aprile 2015 .
  80. ^ Aumentano gli Stranieri. Crollano i matrimoni , in Corriere Romagna di Forlì e Cesena , 23 luglio 2012, p. 15.
  81. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28 dicembre 2012 .
  82. ^ Dati sul saldo migratorio dell'Ufficio SIT - Statistica del Comune di Cesena , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 19 aprile 2015 .
  83. ^ Coppe , p. 444 .
  84. ^ Sito ufficiale della Diocesi di Cesena-Sarsina , su webdiocesi.chiesacattolica.it . URL consultato il 19 settembre 2009 .
  85. ^ Sito ufficiale della Diocesi di Cesena-Sarsina - Numero di parrocchie , su webdiocesi.chiesacattolica.it . URL consultato il 19 giugno 2010 .
  86. ^ Assemblee di Dio , su assembleedidio.org . URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 19 novembre 2011) .
  87. ^ Chiesa Battista Italia.org , su chiesabattistaitalia.org . URL consultato il 10-07-2010 .
  88. ^ Testimoni di Geova , su paginegialle.it . URL consultato il 22 settembre 2010 .
  89. ^ Chiesa cristiana avventista del settimo giorno , su avventisti.it . URL consultato il 19 settembre 2009 .
  90. ^ Cecilia Gaetani, Al Centro di Cultura Islamica s'insegna l'arabo e si fa la preghiera del venerdì , in il Resto del Carlino - Cesena , 11 febbraio 2011, p. 4.
  91. ^ Cesena - Cimitero arabo: "Tutto regolare" [ collegamento interrotto ] , in romagnanoi.it , 24 novembre 2009.
  92. ^ Istituti Culturali, dal sito del Comune di Cesena , su comune.cesena.fc.it . URL consultato l'8 aprile 2010 .
  93. ^ Ospedale Maurizio Bufalini , su ausl-cesena.emr.it . URL consultato l'8 aprile 2010 (archiviato dall' url originale il 21 gennaio 2012) .
  94. ^ Dipartimento Chirurgico e Grandi Traumi Cesena , su AUSL Romagna . URL consultato il 15 agosto 2021 .
  95. ^ Sito ufficiale del Laboratorio Unico di Area Vasta Romagna , su areavastaromagna.it . URL consultato il 28 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 13 luglio 2011) .
  96. ^ Biblioteca Moderna , su malatestiana.it . URL consultato il 07-09-2010 .
  97. ^ Biblioteca dei Ragazzi , su malatestiana.it . URL consultato il 07-09-2010 .
  98. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 10 .
  99. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 11 .
  100. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 12 .
  101. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 26 .
  102. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 56 .
  103. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 104 .
  104. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 27 .
  105. ^ Istituto di Cultura Musicale "Arcangelo Corelli" , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 24 settembre 2013 .
  106. ^ Provincia di Forlì-Cesena , p. 143 .
  107. ^ Storia del Liceo Ginnasio Statale Vincenzo Monti , su liceomonti.net . URL consultato il 21 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2011) .
  108. ^ a b c d e Capellini , p. 29 .
  109. ^ Scuola di Scenografia per il Melodramma di Cesena - Accademia di belle arti di Bologna , su scenografiacesena.org . URL consultato il 9 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 30 settembre 2012) .
  110. ^ Conservatorio Bruno Maderna , su conservatoriomaderna-cesena.it .
  111. ^ Casa Museo "Renato Serra" , su comune.cesena.fc.it . URL consultato l'08-12-2010 .
  112. ^ Capellini , p. 89 .
  113. ^ Capellini , p. 74 .
  114. ^ a b Capellini , p. 56 .
  115. ^ Museo della Centuriazione , su serviziweb.comune.cesena.fc.it . URL consultato il 27 aprile 2021 (archiviato dall' url originale il 16 luglio 2012) .
  116. ^ Lauretano , p.109 .
  117. ^ Capellini , p. 69 .
  118. ^ a b Lauretano , pp.72-74 .
  119. ^ Museo del Teatro , su comune.cesena.fc.it . URL consultato l'08-12-2010 .
  120. ^ Capellini , pp. 69-70 .
  121. ^ Redazione di Cesena , su misterimprese.it . URL consultato il 4 ottobre 2020 .
  122. ^ Corriere di Romagna - Sedi , su corriereromagna.it . URL consultato il 4 ottobre 2020 .
  123. ^ Corriere Cesenate , su corrierecesenate.it . URL consultato il 4 ottobre 2020 .
  124. ^ Sito ufficiale di Radio Studio Delta , su radiostudiodelta.it . URL consultato il 26-04-2010 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2016) .
  125. ^ Sito ufficiale di Radio Centrale , su radiocentraleweb.it . URL consultato il 24 luglio 2012 .
  126. ^ HISTORY - UniRadio Cesena , in UniRadio Cesena . URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato dall' url originale il 16 aprile 2017) .
  127. ^ Giordano Conti , Università , in il Resto del Carlino - Cesena , 11 febbraio 2011, p. 11.
  128. ^ Sito ufficiale di Teleromagna , su teleromagna.it . URL consultato il 19 aprile 2011 .
  129. ^ a b Felice Cappa e Piero Gelli (a cura di), Dizionario dello spettacolo del '900 , Baldini&Castoldi, 1998.
  130. ^ Capellini , p. 68 .
  131. ^ Cesena Fashion Week , su cesenafashionweek.it . URL consultato il 27 luglio 2013 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2014) .
  132. ^ Backstage Film Festival , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 5 aprile 2011 .
  133. ^ Festa dell'Europa cesenadialoga.it , su cesenadialoga.it . URL consultato il 10 settembre 2010 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2010) .
  134. ^ Capellini , p. 143 .
  135. ^ Piazze di Cinema – Festa del cinema in piazza , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 9 giugno 2012 .
  136. ^ Premio Monty Banks , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 9 giugno 2012 .
  137. ^ Notte del Cinema , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 9 giugno 2012 .
  138. ^ Cesena: serie di appuntamenti per "Una notte per la cultura" , in romagnanoi.it , 07 settembre 2009. URL consultato il 10 settembre 2010 .
  139. ^ Sito ufficiale del Festival Internazionale del Cibo di Strada , su cibodistrada.com . URL consultato il 27 febbraio 2011 .
  140. ^ Sito ufficiale della Socìetas Raffaello Sanzio , su raffaellosanzio.org . URL consultato il 4 luglio 2012 .
  141. ^ Sito ufficiale della fiera Macfrut , su macfrut.com . URL consultato il 19-09-2009 .
  142. ^ Macfrut , su abcfiere.com . URL consultato il 19-09-2009 .
  143. ^ Fiera Arredo Casa , su cesenafiera.com . URL consultato il 10 settembre 2010 .
  144. ^ "Cesena a Tavola" , su Fiera di Cesena . URL consultato il 16 aprile 2011 .
  145. ^ a b c Quilici , cap. Curva Caesena: nuovi dati sulla città romana .
  146. ^ Capellini , p. 31 .
  147. ^ Elezioni Quartieri , su Comune di Cesena . URL consultato il 10-09-2010 .
  148. ^ I Quartieri , su Comune di Cesena . URL consultato il 02-09-2010 .
  149. ^ Frazioni di Cesena , su portaleabruzzo.com . URL consultato il 10 settembre 2010 .
  150. ^ a b Capellini , p. 28 .
  151. ^ Coppe , p. 30 .
  152. ^ Giordani , p.70 .
  153. ^ Giordani , p.71 .
  154. ^ Teodoro Chiarelli, Presidenti e olimpionici nella Valle del Benessere , in La Stampa , 30 settembre 2012, p. 17.
  155. ^ Spazi espositivi della Fiera di Cesena , su cesenafiera.com . URL consultato il 1º settembre 2010 .
  156. ^ Cesena Fiera, Scarpellini riconfermato al vertice , in ilrestodelcarlino.it , 20 aprile 2010. URL consultato il 1º settembre 2010 .
  157. ^ a b Gian Paolo Castagnoli, La città turistica cresce e prende una direzione , in Corriere Romagna di Forlì e Cesena , 19 giugno 2012, p. 11.
  158. ^ La promozione premia, crescono i turisti: Cesena piace anche agli stranieri , su cesenatoday.it . URL consultato il 28 febbraio 2017 .
  159. ^ Dati per il turismo a Cesena , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 15 giugno 2012 .
  160. ^ Le strade più sicure d'Italia sono a Cesena! , in il Resto del Carlino - Cesena , 18 dicembre 2009, p. 2.
  161. ^ Stefano Totoro, Cesena, il primo ecotunnel d'Italia! , in La Stampa , 28 febbraio 2008, p. 18.
  162. ^ Sito ufficiale del Comune di Cesena - In Europa , su comune.cesena.fc.it . URL consultato il 10 gennaio 2013 .
  163. ^ Cesena città dello sport , in Corriere Cesenate , novembre 2013, p. 19.
  164. ^ Mauro Remondino, Arriva il cricket, campioni a Cesena , in Il Corriere della Sera , 23 giugno 1993. URL consultato il 19 aprile 2015 (archiviato dall' url originale il 19 aprile 2015) .
  165. ^ a b Capellini , p. 140 .
  166. ^ Andrea Baraghini, All'Ippodromo primi passi per il "Marchi" , in il Resto del Carlino - QS , 21 maggio 2011, p. 8.
  167. ^ [2]
  168. ^ Cesena Golf Club , su cesenagolfclub.it . URL consultato il 2 dicembre 2009 .

Bibliografia

  • Denis Capellini, La formazione delle collezioni archeologiche nel Museo Storico dell'antichità di Cesena e la tradizione degli studi cesenati , Bologna, 1993.
  • Denis Capellini, Guida di Cesena, Città Malatestiana , Cesena, Il Ponte Vecchio, 2001, ISBN 88-8312-175-9 .
  • Roberto Casalini, La figlia di un fiume e di un colle. Geografia del territorio cesenate , Cesena, Il Ponte Vecchio, 1995.
  • Giordano Conti, Per una lettura operante della città. L'esempio di Cesena , Firenze, 1980.
  • Renato Coppe, Guida culturale, industriale, commerciale, artigianale e turistica della provincia di Forlì , Bologna, Annibali, 1990.
  • Franco Dell'Amore, Storia musicale di Cesena , Cesena, Tuttastampa, 2002.
  • Umberto Diotti, La Civiltà Romana , Novara, De Agostini, 2001, ISBN 88-415-8119-0 .
  • Milena Garavini (a cura di), Guida alla scelta dopo la scuola media - Il sistema scolastico-formativo e per il lavoro nella Provincia di Forlì-Cesena , Cesena, Servizio di Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Provincia di Forlì-Cesena, 2014.
  • Elide Giordani, Cesena - Una città europea nel cuore della Romagna , Cesena, Il Ponte Vecchio, 1996.
  • Mariacristina Gori, Decorazioni a Cesena: dal Barocco all'Eclettismo , Milano, 1991, ISBN 88-366-0338-6 .
  • Mariacristina Gori, Le quinte dell'abitare. I palazzi e le ville di Cesena dal Barocco all'eclettismo , Cesena, 1988.
  • Josef Guter, I monasteri cristiani. Guida storica ai più importanti edifici monastici del mondo , Roma, Arkeios, 2008, ISBN 978-88-86495-93-6 .
  • Gianfranco Lauretano, Cesena, nello sguardo, nella mente, nel cuore , a cura di Marisa Zattini, Cesena, Il Vicolo, 2010, ISBN 978-88-96431-15-3 .
  • Marino Mengozzi, Storia della Chiesa di Cesena , Cesena, Stilgraf, 1998.
  • ( EN ) James F. O'Gorman, The Architecture of the monastic Library in Italy , New York, 1972, ISBN 0-8147-6152-6 .
  • Guido Piovene, Viaggio in Italia , Milano, Mondadori, 1956.
  • Lorenzo Quilici, Architettura e pianificazione urbana nell'Italia antica , a cura di Stefania Quilici Gigli, L'Erma di Bretschneider, 1997, ISBN 88-8265-007-3 .
  • Antonio Saltini, Maria Teresa Salomoni, Stefano Rossi Cescati, Via Emilia - Percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolare , Bologna, Calderini/IlSole 24 Ore, 2003, ISBN 978-88-506-4958-7 .
  • Giampiero Savini, La pittura a Cesena nel Settecento , Cesena, 1984.
  • Sigfrido Sozzi, Breve storia della città di Cesena , Cesena, Circolo culturale "Rodolfo Morandi", 1973.
  • Mario Tabanelli, Una città di Romagna nel Medio evo e nel Rinascimento , Brescia, Magalini Editrice, 1980.
  • Touring Club Italiano, Emilia Romagna , Milano, Touring Editore, 1998, ISBN 88-365-0440-X .
  • Touring Club Italiano, La Provincia di Forlì-Cesena: Terra del Sole, Bertinoro, Longiano, Cesenatico , Milano, Touring Editore, 2003, ISBN 88-365-2908-9 .
  • Sergio Zavoli, I giorni della meraviglia , Venezia, Marsilio, 1994, ISBN 978-88-317-5944-1 .
  • Storia di Cesena , Rimini, 1982.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 166427433 · LCCN ( EN ) n79063210 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79063210
Cesena Portale Cesena : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cesena