Companyia de Jesús

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
L’emblema de l’ordre: un disc radiant i extravagant carregat per les lletres IHS , monograma de Jesús . La lletra H està superada per una creu; a la punta, els tres claus de la Passió.

La Companyia de Jesús (en llatí Societas Iesu) és una institució religiosa homes de dret pontifici : els membres d'aquest ordre de clergues regulars , coneguts com a jesuïtes, per posposar el seu nom les sigles SI [1]

L'ordre va ser fundada per Ignasi de Loiola que, amb alguns companys, a París el 1534 va prometre predicar a Terra Santa (projecte abandonat el 1537 ) i sent les ordres del Papa: Ignasi el programa fou aprovat pel papa Pau III amb bombolla Regimini militantis ecclesiae (27 de setembre de 1540 ). [2]

Expulsat de diversos països europeus a la segona meitat del segle XVIII , l’ ordre va ser suprimida i dissolta pel papa Climent XIV el 1773 (la Companyia va sobreviure, però, als territoris catòlics de Rússia , perquè la tsarina Catalina II no va atorgar exequatur al decret papal de supressió); Va ser reconstituït pel papa Pius VII el 1814 . [3]

Els jesuïtes observen el vot obediència total al papa i es dediquen particularment a missions i educació. [1]

El 13 de març de 2013 va ser elegit papa Francesc (Jorge Mario Bergoglio), el primer papa de la Companyia de Jesús. [4]

Els orígens

El fundador

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Ignasi de Loiola .
Ignasi de Loiola en un gravat de William Holl

Va néixer Inigo López de Loyola, el més petit de tretze fills, cap al 1491 d'una família noble basca . Als tretze anys fou enviat a Arévalo com a pàgina del primer tresorer de Ferran II d’Aragó , Juan Velázquez de Cuéllar, i el 1517 s’allistà a l’exèrcit del virrei de Navarra , el duc de Nájera Antonio Manrique de Lara , participant a les guerres de Carles V contra Francesc I : durant la defensa de Pamplona , assetjat pels francesos , va ser colpejat per una bala de canó que li va destrossar la cama dreta i va ferir l'esquerra, obligant-lo a coixear per tota la vida. [5]

Durant el període de recuperació al castell de Loyola, que passava la lectura de la Vita Christi Ludolph de Saxònia i la llegenda daurada de Jacopo da Varazze , va madurar en ell les llavors d’una profunda crisi espiritual i es va convertir: decidit a peregrinar a Jerusalem , es va aturar al monestir benedictí de Montserrat i va passar una nit en pregària davant la imatge de la Verge negra, va deixar les armes al peu de les imatges sagrades i es va endur el vestit i el bastó del pelegrí. Després va anar a Manresa , on va romandre un any vivint riques experiències interiors: va llegir la Imitació de Crist , text al qual va romandre lligat tota la vida i va començar a buscar la pau de l’ànima a través d’obres extraordinàries de penitència. va redescobrir la serenitat de la ment i va atenuar les seves austeritats; durant la seva estada a Manresa van començar a prendre forma els elements essencials dels seus exercicis espirituals . [6]

El 1523 va arribar a Venècia i es va embarcar cap a Jerusalem, on va visitar els llocs sants. No obstant això, havia abandonat els plans per establir-se a Palestina per la prohibició de residència imposada pels frares franciscans de la custòdia de Terra Santa . [7] Va tornar a Espanya amb el desig d'abraçar el sacerdoci, va reprendre els seus estudis a Barcelona , després a les universitats ' Alcalá on, per la seva mística, se sospitava que era alumbrado i va estar empresonat per' Inquisició durant quaranta dies. Després es va traslladar a Salamanca i després per completar la seva formació a París , on va arribar el 2 de febrer de 1528 . [8]

A París, Íñigo va començar a anomenar-se Ignasi, que creia que era una variant del seu nom: de fet, Íñigo era la forma basca del nom Innico o Enecone, que se li havia imposat en homenatge a sant Enecone , abat benedictí d' Oña. , el culte del qual es va sentir especialment a la seva terra. [9]

Els primers companys d'Ignasi

El vot de Montmartre
Déu Pare i Crist amb la creu apareixen a Ignasi a La Storta . Gravat de Jean LeClerc

Es va inscriure al Collège Saint-Barbe, va tenir com a companys de pis a Peter Faber , fill d’un humil pastor de Savoia , i a Francis Xavier , la família noble de Navarra; [10] el 1533 va conèixer Diego Laínez i Alfonso Salmeron , espanyol i també de la Universitat d'Alcalá, al ser nouvingut a França i desconeixent bé l'idioma local, està molt lligat a ell. [11] El 1534 es va unir al grup dels companys d'Ignatius portuguesos Simão Rodrigues i de l'espanyol Nicolás Bobadilla , que havien estudiat teologia i filosofia a Alcalá i Valladolid . [12]

Favre va ser ordenat sacerdot a principis de 1534 . El 15 d’agost de 1534 (festa de l’ Assumpció de Maria ), a la cripta construïda sobre el lloc tradicional del martiri de sant Dionís i els seus companys a Montmartre, Favre va celebrar l’eucaristia i, abans de la comunió, va rebre els vots d’Ignasi, Xavier, Laínez, Salmerón, Rodrigues i Bobadilla; després va pronunciar els seus vots i va rebre la Comunió. Coneixeu el vot d'un escrit emès pels companys, però havia de ser el de la pobresa , per anar a Jerusalem i informar al papa (la promesa de castedat era implícita, ja que tots els aspirants al sacerdoci). [13]

Abans de marxar de París a Jerusalem, als sis es van unir tres francesos, Claude Jay , Paschase Broet i Jean Codure , i van arribar a Venècia per embarcar-se i es va unir a la comunitat fins i tot el sacerdot andalús Diego Hoces . [14]

El naixement de l’ordre

Com que no va ser possible embarcar-se a Palestina a l'hivern, els companys van passar l'espera treballant gratuïtament als hospitals venecians i a l'Incurable dels sants Joan i Pau; van anar després a Roma , on van ser rebuts pel papa Pau III , que va beneir el seu pelegrinatge, els va donar diners per pagar el viatge i va donar permís a tothom perquè els bisbes de la seva elecció els ordenessin sacerdots (fins llavors, només Favre i Hoces eren sacerdots). [15]

Els companys van fer els seus vots de pobresa i castedat en mans de Jerome Verallo , legat papal de Venècia; Ignasi (juntament amb Xavier, Laínez, Rodrigues, Bobadilla i Codure) va ser ordenat sacerdot el 24 de juny de 1537 per Vincenzo Nigusanti , bisbe d' Arbe a Dalmàcia , a la capella privada de la residència del bisbe a Venècia. [16] Poc després es van dividir en grups de dos o tres individus i es van establir a diferents ciutats ( Verona , Vicenza , Treviso , Monselice , Bassano ) on es van dedicar a predicar al carrer, a viure d'almoines i a quedar-se allà on fessin. Quan s’acostava l’hivern, el grup es va reunir a Vicenza i, després d’haver reconegut que el desitjat viatge a Jerusalem no era factible, van decidir establir-se a noves ciutats (especialment a les universitàries, on podrien trobar nous joves aspirants a unir-se a la comunitat). [17]

Abans de separar-se, van decidir anomenar-se Companyia de Jesús, perquè Crist era el seu únic model, a qui van dedicar tota la vida. El terme empresa es va utilitzar àmpliament en nom de les confraries i altres societats eclesiàstiques: contràriament al que es creu tradicionalment (fins i tot els historiadors jesuïtes Jerónimo Nadal i Juan Alfonso de Polanco van defensar la idea) no es va adoptar la paraula "companyia" per la seva connotació militar. . [15]

El novembre de 1537 , Ignasi, Favre i Laínez van tornar a Roma. Segons la tradició, a La Storta , a nou quilòmetres de la ciutat, Ignasi va tenir una de les seves experiències místiques més famoses: va rebre la visió de Déu Pare juntament amb Crist amb la creu, que el va convidar a ser el seu servidor i li va assegurar que suport a Roma. Pau III va donar una calorosa benvinguda als jesuïtes i va donar a Favre i a Laínez la tasca d'ensenyar teologia i escriptures sagrades a Sapienza. Els tres es van fer famosos fent exercicis espirituals, predicant per l’Advent i la Quaresma a Trinità dei Monti i als carrers i ajudant a la població afectada per la fam. [18]

Aprovació papal

El 3 de setembre de 1539 Pau III va aprovar oralment els instituts de Fórmula d'Ignasi

Ignasi i els seus companys van començar a ser sol·licitats pels prelats de la Cúria , cosa que els va donar importants feines (el cardenal Carafa els va donar alguns monestirs). Creixent la seva importància, a principis de 1539 els membres de la Societat es reunien sovint per debatre sobre el futur de la comunitat i el 15 d'abril, durant una missa presidida per Favre, se'ls va preguntar sobre la seva voluntat d'anar a constituir un ordre i formar-ne part. [19] Les seves discussions van durar fins al 24 de juny i van conduir a la redacció dels "Cinc capítols", el text bàsic dels instituts de Fórmula. [20]

La Fórmula , aprovada per Pau III el 3 de setembre de 1539 , contenia els fonaments principals de la Societat: el caràcter apostòlic, l’objectiu de fer progressar els homes en la fe i la cultura religiosa, la pobresa, l’obediència a la Santa Seu i al prebost, l’abolició d’oficis corals, la promesa d’anar allà on el papa ho indiqués. [2]

El text va ser sotmès a examen per una comissió de cardenals. Gasparo Contarini va inclinar la fórmula incondicionalment; Girolamo Ghinucci , en veure l'abolició del cor com una concessió al luteranisme, va manifestar fortes reserves; Bartholomew Guidiccioni , hostil al clergat regular, va intentar dificultar l’ordre de naixement. Finalment, la comissió va donar la seva opinió favorable, però Guidiccioni només va concedir el seu vot favorable a canvi d’imposar a la Societat un límit màxim de seixanta membres (en aquell moment hi havia una vintena de jesuïtes). El papa Pau III va concedir l’aprovació papal amb una bombolla Regimini militantis Ecclesiae el 27 de setembre de 1540 . [2]

La Companyia de Jesús es va convertir en un ordre reconegut pel dret canònic: Ignasi va ser elegit per unanimitat superior general i el 22 d'abril de 1541 , a la basílica de Sant Pau fora de les muralles , el fundador i els seus companys van pronunciar els seus vots solemnes. El límit de seixanta membres va ser abolit el 1544 (bombolla Iniunctum nobis ) i el 21 de juliol de 1550 , amb la butlla Exposcit debitum , l'ordre va ser confirmada pel papa Juli III . [21]

Els primers successors d'Ignasi

Ignasi va morir el 1556 ; a causa d'un conflicte entre el papa Pau IV i el rei espanyol Felip II , el seu successor com a cap de la Societat, fou elegit només el 1558 en la persona de Diego Laínez , que succeí a Francis Borgia (el 1565 ), Everard Mercurian (el 1573 ) i Claudio Acquaviva (el 1581 ). [22]

Sota el seu govern, l'ordre va créixer ràpidament fins a superar els 10.000 membres: els teòlegs jesuïtes van exercir una important activitat com a consellers cardinals (el Concili de Trento ) i cuidadors de nuncis durant les dietes imperials o les discussions religioses (al sínode de Poissy ); [23] Els missioners de la Societat van jugar un paper decisiu en la lluita contra la difusió de les doctrines protestants i la " catolicització " dels països de l'Europa central i oriental on va ser alliberat sobre el luteranisme (va ser crucial el paper de Pere Canisius , el catecisme del qual va ser utilitzat durant molt de temps com a text bàsic per a l’ensenyament de la doctrina catòlica als països de llengua alemanya ). [24]

Els missioners jesuïtes van penetrar a Irlanda i Anglaterra (on van martiritzar Ogilvie i Campion ); Van continuar la tasca iniciada per Francesco Saverio a l' Extrem Orient ( Valignano , Ricci , Schall , Verbiest ) i van començar a estendre el catolicisme a les Amèriques . [25]

Els teòlegs jesuïtes, però, van ser els protagonistes de ferotges conflictes doctrinals (la disputa de Luis de Molina amb els dominics sobre la relació entre la gràcia i el lliure albir , la polèmica dels ritus xinesos , sota càrrecs de laxitud donada als jesuïtes pels jansenistes ) que van arrossegar fins al segle XVIII .

L'ordenació dels següents estudis pels jesuïtes als seus col·legis (finalment fixada a Acquaviva amb la publicació de la Ratio studiorum de 1599 ) [22] va tenir una gran influència en l'educació.

El ràpid creixement de l'ordre es va aturar sota la direcció general de Muzio Vitelleschi , successor d'Acquaviva, que va treballar a favor de la pacificació interna i sota el govern del qual es va celebrar el centenari de la fundació de la Companyia. [22]

El ministeri dels jesuïtes

La cura de les ànimes

Pierre Coton , confessor d’Enric IV

Entre els ministeris als quals havien d’assistir els jesuïtes, la Fórmula del 1550 citava (juntament amb la catequesi, la predicació, les lliçons sagrades i el servei de la paraula de Déu) el "consol espiritual dels creients, amb l’escolta de les seves confessions i amb l’administració de els altres sagraments ". [26]

Els jesuïtes, totalment indiferents a les qüestions plantejades pels protestants sobre l’origen i la forma del sagrament de la penitència , van promoure i recórrer sovint a la confessió. També difonen la pràctica de la confessió general, recomanada pels Exercicis Espirituals, que repassa tota la seva vida feta confessor per aconseguir un millor coneixement de si mateixos i començar una nova forma de vida. [27]

Blaise Pascal va acusar els jesuïtes de laxitud moral

La legislació relativa a la confessió era extremadament complicada i l’absolució d’alguns pecats estava reservada als bisbes o a la Santa Seu. El 1545, el papa Pau III va concedir a la Companyia molts privilegis pel que fa a l’absolució: el papa Juli III el 1552 va concedir als jesuïtes el dret d’absoldre els penitents fins i tot del pecat d’heretgia. [28]

En relació amb l’augment de l’espai reservat al sagrament de la penitència, els jesuïtes van abordar cada cop més l’estudi dels casos de consciència ( casuístiques ): la casuística va néixer com una reflexió sobre el que, en les diverses circumstàncies concretes, es podria considerar l’orientació més moral correcta. Per jutjar la culpabilitat d'un acte, els jesuïtes van afavorir la teoria del " probabilisme ": hi havia una multiplicitat d'opinions sobre quina ha de ser la manera correcta d'actuar en una situació determinada i el confessor en podia triar una de probable (no necessàriament la més probable) si això era favorable al penitent. [29]

A aquesta contenció moral " laxa ", els jansenistes es van oposar a una extremadament rigorosa, que va arribar a negar l'absolució als fidels fins a la seva conversió total i irrevocable. Blaise Pascal es va inserir en la controvèrsia entre jesuïtes i jansenistes al seu provincial , acusant el primer de trair els principis eterns de la moral evangèlica i de comprometre els veritables interessos de la religió, adaptant-se sense esforç als vicis del segle. Els lletres van tenir una gran difusió i van despertar un acalorat debat: en un text d’un autor anònim publicat a Venècia el 1698 ( Cartes d’un director ) es va afirmar que l’acusació de laxitud que es va fer contra la moral dels jesuïtes estava en contradicció amb la "severa virtut" que era possible observar en els penitents de la Companyia i en el fet que molts fugien de la seva direcció espiritual considerant-ho massa rigorós. [30]

La Companyia de Jesús es va especialitzar en la direcció espiritual de personatges d’alt rang, inclòs el sobirà ( Pierre Coton , François Annat i La Chaise eren confessors del rei francès Enric IV i Lluís XIV ).

Les obres de caritat

Si a la versió de 1540 de la Fórmula , entre les obres de caritat a les quals els jesuïtes pretenien dedicar-se, només apareixien l’ensenyament del catecisme i l’audició de confessions, en la de 1550 també hi havia la conciliació dels litigants i el servei als presos. inclosos els malalts als hospitals. [31]

Cridats a predicar i confessar a les zones més remotes de les penínsules italiana i ibèrica, els jesuïtes els trobaven sovint molestos per les lluites entre faccions rivals i sagnants disputes que feien anys que feien: els pares organitzaven autèntiques litúrgies de reconciliació a les esglésies a les quals els exponents dels grups de lluita i, després del sermó, se'ls va demanar que es perdonessin. L'acció pacificadora també es va dirigir a cònjuges separats i a resoldre disputes, per exemple, entre monjos i clergues seculars. [32]

El treball d’assistència als malalts, molt important en els seus orígens, va començar a declinar quan els jesuïtes van començar a especialitzar-se en la docència (sota el general de Laínez). El ministeri dels presoners, als quals els religiosos oferien aproximadament els mateixos serveis que els malalts, va continuar perquè els presoners no necessitaven atenció continuada com els malalts i, per tant, el seu servei era compatible amb l'ensenyament. Els presoners eren majoritàriament deutors o pendents de judici, per tant no eren reincidents. A les presons, els jesuïtes predicaven, confessaven i ensenyaven catecisme, distribuïen les almoines recollides pels presos; sovint negocien amb els creditors i les autoritats per obtenir la mitigació o la suspensió de les condemnes. [33]

El 1543 Ignasi va fundar a Roma la Casa di Santa Marta , per ajudar les prostitutes que volen deixar la seva feina a reintegrar-se a la societat, i en altres llocs, els jesuïtes van participar de diverses maneres en aquest ministeri. [34] El 1546 també es va crear el conservatori Virgin Miserables, a l' església de Santa Caterina dei Funari , on es va proporcionar educació a les filles de les prostitutes i es van promoure institucions similars per part dels jesuïtes a Venècia (Virgin Conservatory Periclanti) i Florència. (institut de les Donzelles de la Pietà). [35]

El compromís dels jesuïtes també va ser notable per als jueus i musulmans que es van convertir al catolicisme (Ignasi va ser un dels primers a permetre als moriscos i marrans accedir a un ordre religiós). [36]

L’activitat educativa

El col·legi jesuïta de Mònaco de Baviera

Laínez Diego i Pierre Favre van ser els primers jesuïtes a dedicar-se a l'ensenyament (van ser encarregats pel papa Pau III el 1537 ); Jay el 1543 va obtenir una professora a Ingolstadt i el 1545 Rodríguez es va convertir en tutor dels fills de Joan III de Portugal . [37]

Entre 1540 i 1544 es van crear col·legis per a la formació de futurs membres de l’orde a París , Lovaina , Colònia , Pàdua , Alcalá , València i Coïmbra : aquestes institucions eren simples residències, sense activitats didàctiques, destinades a allotjar escolars. universitats locals. [38]

El ministeri de l’ensenyament, inicialment no previst pel fundador, es va desenvolupar per convertir-se en una de les principals activitats de l’ordre i en una de les principals eines per a la seva difusió.

Els col·legis de Gandía i Messina

L’antiga seu del Col·legi Romà

El 1544 Francesco Borgia , que ja havia contribuït al naixement del col·legi de València, va obtenir el permís de Pau III per fundar un col·legi a Gandía : va ser el primer col·legi en què també van impartir classes els jesuïtes i on també es van admetre estudiants no intencionats. .entrar a la Companyia (segons els propòsits de Borgia, estava destinat a l'educació dels fills dels moriscos). [39]

Un cop assabentat del que havia passat a Gandía, Jerónimo Domenech va pensar a fundar un internat a Messina , on va trobar un desconeixement immens del clergat. També es va interessar per la iniciativa Eleonora Osorio , esposa del virrei de Sicília , i el 19 de desembre de 1547 les autoritats de la ciutat van demanar a Ignasi que enviés professors als quals se'ls garanteix menjar, roba i habitatge. [39]

Després de l'obertura del Col·legi de Sant Nicolau de Messina ( 1548 ), el Senat de Palerm va demanar a Ignasi que obrís també un col·legi a la capital siciliana; en poc temps, la companyia es va posar a treballar per obrir col·legis a Nàpols , Venècia i Colònia . El 22 de febrer de 1551 , amb el suport financer del duc de Gandia, es va obrir el Col·legi Romà . [40]

El Ratio studiorum

Portada de la primera edició del Ratio studiorum

Les escoles es van convertir en eines per confirmar els catòlics dubtosos, per aconseguir la conversió dels joves del protestantisme i per influir en els seus pares. Els col·legis aviat es van convertir en el centre principal de tots els ministeris jesuïtes: a aquests hi havia connectada una església on escolars i professors de la Societat duien a terme els seus ministeris habituals. [41]

Des de la fundació dels primers col·legis als anys quaranta i cinquanta del segle XVI , es va elaborar el Ratio atque institutio studiorum Societatis Jesu, desenvolupat per una comissió entre 1581 i 1599 , any de la seva publicació. Aquest manual sobre el mètode educatiu i l’organització de les escoles, format per 463 normes, codificava un mètode pedagògic centrat en l’ensenyament del llatí i els clàssics, l’emulació entre estudiants i la disciplina estricta. [42]

Les característiques que van conduir a l’èxit dels col·legis jesuïtes i van imposar un nou estil d’educació van ser la gratuïtat, l’obertura a estudiants de totes les classes socials (almenys en principi), l’ensenyament de les "lletres humanes" [43] units a la ciència , la divisió en classes amb els seus propis professors i la progressió d’una classe a una altra basada en objectius curriculars predefinits, l’adopció d’un programa clar i coherent. [44]

Els col·legis, a diferència de les cases professades, que no podien posseir béns, estaven dotats d’ingressos i benefactors: s’especialitzaven en l’educació de joves de naixement aristocràtic i alt burgès i els jesuïtes s’especialitzaven en la formació de les classes dominants. [42] Els col·legis de la Societat eren 48 el 1556 , 144 el 1580 i 1 640 521. [45]

Les missions

Els jesuïtes no només van contribuir a aturar la difusió del protestantisme a l’Europa central, sinó que ja van dur a terme durant la vida d’Ignasi una intensa activitat missionera als països recentment descoberts.

Missions estrangeres

La mort de Sant Francesc Xavier: la pintura Baciccia

L’apòstol de les Índies

El compromís missioner de la Companyia va ser el resultat del desig del rei de Portugal Joan III d’evangelitzar les poblacions dels seus dominis d’ultramar. El rei es va dirigir a Ignasi, que va decidir enviar a Rodrigues i Bobadilla a Portugal: Bobadilla, com estava malament, va substituir Francesc Xavier . Rodrigues va romandre a Lisboa per plantar la Companyia, mentre que Xavier va partir de la capital portuguesa del 7 d'abril el 1541 juntament amb dos companys (un sacerdot romà i un seminarista portuguès) al vaixell de Santiago; va arribar a Goa el 6 de maig de 1542 . [46]

Els primers destinataris de l'obra de Francesc Xavier van ser els pescadors de la zona perles cap Comorin , per la qual cosa va traduir al tàmil les principals oracions cristianes; Després de dos anys va tornar a Goa, on se li van unir altres germans, i va passar els següents quatre anys en viatges de reconeixement que el van portar a les Moluques . El 15 d'agost de 1549 va desembarcar al Japó , on va aconseguir establir contacte amb la classe culta i va arribar a convertir diversos milers de pobles indígenes. [47]

Llavors, Francesc va intentar, sense èxit, penetrar a la Xina , però va morir a l'illa de Sancian el 3 de desembre de 1552 . [47]

Índia

Després de la mort de Francis Xavier , que havia fundat la província índia de la Societat amb seu a Goa (que després s’afegeix a Cochin i Malabar ), [48] l’apostolat missioner dels jesuïtes a l’Índia s’adreça particularment a tres terres que havien mostrat ric en perspectives d'engraftment del catolicisme: el regnat dels governants magnats , que s'estenia des de Kabul fins a l' Iran , el sud de Bengala, Malabar, al sud-oest de la península índia, i la regió al voltant de la ciutat de Madurai . [49]

El gran emperador mogol Akbar el 1579 la cort va enviar una ambaixada als jesuïtes demanant-los que exposessin els principis del cristianisme . [50] La companyia va enviar tres missioners: Rodolfo Acquaviva , nebot de Claudio , Francisco Henriquez, persa convertit al catolicisme de l' islam , i el català Antoni de Montserrat (Antonio de Monserrate en castellà). Tots tres es van dirigir a Goa Fatehpur , la capital dels governants de Mogul el 17 de novembre de 1579 . [51] Acquaviva va estar quatre anys a Akbar però, malgrat la gran consideració que va aconseguir guanyar, no va despertar la conversió del sobirà i el 1583 va ser retirat a Goa (màrtir va morir pocs anys després, assassinat pels hindús). a Salsette ). [49] El 1584 Akbar el va convidar a cortejar altres jesuïtes, la missió la dirigia Jerome Saverio , besnét de Francesc, que va romandre al sobirà durant més de trenta anys, acompanyant-lo en els seus viatges pel seu vast imperi. Les esperances de convertir-lo, però, van decebre. [52]

A la península, Malabar existia una antiga comunitat cristiana, la tradició de la qual predicava l'apòstol Tomàs : les seves pràctiques rituals eren significativament diferents de les llatines (existia l'ús de saliva i insuflació durant el bateig ) [53] a causa de la proximitat a els caldeus de Mesopotàmia , la seva doctrina havia tenyit el nestorianisme . [54] El manteniment d'aquests usos, recolzat pels jesuïtes, va ser durament criticat per altres missioners i va provocar l'aparició de la qüestió dels ritus malabarici . El papa Benet XIV , amb el document ollmnium sollecitudinem del 13 de setembre de 1744 , va condemnar els ritus malabarici: [53] molts cristians indis se secessionarono i es van convertir en jacobites . Per primera vegada des de l'arribada dels jesuïtes a l'Índia, el nombre de catòlics va començar a disminuir. [55]

El 1606 el jesuïta Roberto de Nobili fou enviat com a missioner a Madurai . Va aprendre ben aviat en la llengua i els costums tàmils : sent de naixement noble, es va presentar com a Rajah i, a diferència dels que l’havien precedit, gaudia d’un gran respecte. [56] En conèixer la gran consideració per la qual eren considerats ascètics sannyasin , va adoptar la seva forma de vida, portava una túnica ocre, es va deixar una marca al front i va començar a alimentar-se d'arròs, fruites i herbes; va aprendre sànscrit i va estudiar la seu . El 1611 havia convertit més de 150 indis. [57] El cim de Nobili va denunciar els seus mètodes com a defensors de la superstició, però el papa Gregori XV , amb l'establiment Romanae sedis el 31 de gener de 1623 , va donar suport al missioner. [48] De Nobili rivolse quindi le sue attenzioni ai paria , i senza casta: si servì del gesuita Baltasar de Costa, che attraversò i regni di Madurai , Tanjore e Sathyamangalam vestito di una tunica gialla e con degli orecchini d'oro e riuscì a battezzare oltre 2.500 adulti, soprattutto delle classi contaminate. [58]

Giappone

Un nobile giapponese a colloquio con un gesuita

Tornando dal viaggio alle Molucche , Francesco Saverio aveva conosciuto Yajiro, nativo del Giappone, che gli aveva parlato del suo paese: Yaijro fu battezzato con il nome di Paolo della Santa Fede e nel 1549 partì con il Saverio e altri gesuiti per Kagoshima , capitale del Giappone meridionale, dove fu fondata una missione e furono operate circa duecento conversioni. Nel 1550 Francesco si presentò, con le credenziali di ambasciatore del re di Portogallo, a Ōuchi Yoshitaka , potente daimyō di Yamaguchi , recandogli numerosi doni (orologi, occhiali, carillon, vino): il daimyō accolse benevolmente i gesuiti, concesse loro di predicare il cristianesimo e mise a loro disposizione un tempio buddhista abbandonato, che divenne loro quartier generale. [59]

Francesco Saverio aveva molta stima dei giapponesi, che considerava "un popolo di moralità eccellente [...] buono e senza malizia". Arrivò a credere che il Giappone rappresentasse il campo di missione più promettente dell'Oriente [47] e, conoscendo la grande stima che quel popolo aveva per la cultura cinese, pensò di dedicarsi all'evangelizzazione della Cina sperando che questa avrebbe facilitato le conversioni anche in Giappone. Fu questo a spingere Saverio a lasciare il Giappone ea tentare di entrare in Cina. [59]

Nel 1579 i battezzati giapponesi erano circa 150.000: molti, però, si erano convertiti per interesse economico, per prendere parte al commercio con i portoghesi; ad altri il battesimo era stato imposto ai sudditi dai principi locali (il daimyō di Ōmura , che abbracciò il Cristianesimo nel 1563 , aveva imposto la conversione ai suoi oltre 20.000 sudditi; lo stesso accadde nei feudi di Amakusa e Bungo ). [60]

Il consolidamento della Compagnia in Giappone è dovuto ad Alessandro Valignano , che fu visitatore in Giappone per tre periodi ( 1579 - 1582 , 1590 - 1592 e 1598 - 1603 ): al primo suo arrivo, i gesuiti in Giappone erano 59 (28 dei quali sacerdoti). Grande estimatore della cultura giapponese, impose ai suoi missionari di adattarsi agli usi locali limitandosi a non compromettere i dogmi cattolici. Ad esempio, fece assumere ai gesuiti la condizione dei monaci zen . Favorì anche l'ingresso nella Compagnia degli indigeni, per i quali fu aperto un noviziato, che non avendo problemi con la lingua potevano facilmente catechizzare e predicare. Nel 1602 furono ordinati i primi due sacerdoti giapponesi. [61]

Dopo il rapido successo iniziale, l'avvento al potere di Toyotomi Hideyoshi mise in difficoltà la missione gesuita in Giappone. L'intromissione del viceprovinciale Coelho nella politica locale fece sospettare a Hideyoshi che i gesuiti fossero spie e che stessero preparando un'invasione da parte degli occidentali: il 24 luglio 1587 fu emanato un decreto di espulsione per i gesuiti, che non fu applicato rigorosamente solo per non compromettere le relazioni commerciali con Macao. Inoltre, benché con il breve Ex pastoralis officio papa Gregorio XIII avesse reso il Giappone una missione esclusiva dei gesuiti (si temeva che l'arrivo di altri religiosi potesse indurre i giapponesi a pensare che il cristianesimo mancasse di unità e fosse un insieme di piccole sette), anche i frati francescani spagnoli stabilirono delle missioni in Giappone, scontrandosi spesso con i gesuiti: le baruffe aumentarono la diffidenza di Hideyoshi, che il 5 gennaio 1597 fece uccidere ventisei cristiani (tra cui Paolo Miki e altri due scolastici gesuiti). [61]

Tokugawa Ieyasu , successore di Hideyoshi, inizialmente si dimostrò tollerante con i cristiani, incoraggiò i gesuiti e ricevette in udienza Valignano. Solo tra il 1599 e il 1600 vi furono 70.000 battesimi. Ma nel 1600 arrivarono in oriente i mercanti olandesi protestanti, che fecero diminuire l'importanza delle relazioni economiche con il Portogallo e misero in cattiva luce il cattolicesimo: tutto questo, insieme al desiderio di Ieyasu di far tornare tutti i giapponesi al buddhismo , portò all'espulsione dei gesuiti dal Giappone (27 gennaio 1614 ). La comunità cristiana, che era arrivata a contare 300.000 individui, fu distrutta. [62]

Cina

I missionari Matteo Ricci e Adam Schall mostrano la carta della Cina : incisione dal frontespizio della China illustrata di Athanasius Kircher

Fallito il tentativo di Francesco Saverio, il piano per la penetrazione della Compagnia in Cina fu elaborato da Alessandro Valignano durante il suo soggiorno a Macao ( 1578 ). Convinto che l'ordine dovesse dissociarsi dall'immagine di predone occidentale avido di conquista, invitò i suoi missionari ad acquisire la maggior padronanza possibile della lingua cinese , a rispettare i valori culturali e spirituali dei cinesi, a usare la scienza come mezzo per introdurre la fede, a sviluppare l'apostolato per mezzo degli scritti e delle relazioni sociali ea concentrare il loro impegno missionario nei confronti della classe colta dominante. [63]

Valignano inviò Michele Ruggieri a Macao a studiare il cinese: a lui si unì lo scienziato e linguista Matteo Ricci e, grazie alla fama di grande matematico di cui godeva Ricci, i due furono invitati in Cina e ottennero il permesso di risiedervi. Ruggieri e Ricci fissarono la loro residenza a Shiuhing e nei venticinque anni che rimasero nel paese raggiunsero Shaoguan , Nanchang , Nanchino e Pechino . [63]

Ricci concentrò i suoi sforzi nella conversione delle classi elitarie: si appellò alla loro curiosità intellettuale mostrando loro prismi, orologi, strumenti matematici e carte geografiche. Nel 1594 fu ammesso nella classe dei mandarini , il che gli permise di aumentare il suo prestigio sociale. Nel 1601 si stabilì a Pechino, accolto con favore dall'imperatore. [64]

Nel 1610 , anno della morte di Ricci, i cattolici cinesi erano circa 2.500: tale numero raddoppiò nei cinque anni successivi. [64]

Dopo il rapido successo iniziale, per i gesuiti cominciarono i primi problemi. Il mandarino Shen Ch'ueh, preoccupato per l'infiltrazione di un culto straniero, tra il 1617 e il 1622 promosse la prima persecuzione contro i cattolici, costringendo i gesuiti alla clandestinità. Nel 1644 le truppe della Manciuria invasero la Cina e misero fine al secolare governo della dinastia Ming , che si erano sempre mostrati favorevoli ai gesuiti: sotto uno dei primi imperatori della dinastia Ch'ing , tra il 1664 e il 1669 , i religiosi furono tenuti agli arresti domiciliari a Canton . [65]

Nonostante le persecuzioni i gesuiti continuarono la loro opera: il successore di Ricci alla guida della missione, Niccolò Longobardi , ne accolse il metodo e nel 1618 fece giungere dall'Europa il gesuita Johann Schreck , astronomo e accademico dei Lincei , che portò in Cina nuove conoscenze matematiche e geometriche, nuove tecniche per la costruzione di strumenti astronomici e le teorie di Galileo Galilei . [66]

Da ricordare sono anche i gesuiti Johann Adam Schall von Bell , tedesco, che fu nominato presidente del tribunale matematico e mandarino di prima classe, e Ferdinand Verbiest , fiammingo, chiamato dall'imperatore Kangxi per farsi esporre le ultime scoperte europee in campo matematico e astronomico. [67]

L'apertura dei gesuiti nei confronti della cultura e delle tradizioni cinesi portò allo scoppio della questione dei riti cinesi .

I gesuiti nel 1615 avevano ottenuto da papa Paolo V il permesso di tradurre la Bibbia in cinese e, per i preti locali, di celebrare la Messa e recitare il breviario nella loro lingua (l'autorizzazione fu revocata dalla congregazione di Propaganda Fide sotto i pontificati di Alessandro VII e Innocenzo XI ); [68] soprattutto, avevano consentito, sin dai tempi di Matteo Ricci, ai convertiti di continuare a celebrare i riti in onore degli antenati e di Confucio che, secondo i gesuiti, avevano carattere più civile e politico che religioso. [69]

L'arrivo dei francescani e dei domenicani nel 1631 creò i primi problemi: essi criticarono il metodo missionario gesuita (la decisione di vestire i preziosi abiti dei mandarini, di rivolgersi prevalentemente alle classi elevate) e condannarono come superstiziosi e pagani i riti cinesi. [70] Al fronte religioso che si opponeva alla prassi missionaria dei gesuiti in Cina si aggiunsero poi i padri del Seminario delle missioni estere di Parigi , ei missionari di propaganda fide , i carmelitani , gli eremitani , i barnabiti ei caracciolini .

Nel 1693 il vicario apostolico di Fukien , Charles Maigrot, delle Missioni Estere di Parigi, condannò l'utilizzo dei termini cinesi Tian (cielo) e Shangdi (signore supremo), che i gesuiti tolleravano quali termini per designare il Dio dei cristiani da parte dei cinesi convertiti. Maigrot portò il suo decreto a Roma, e la Santa Sede aprì un'istruttoria che si concluse con una condanna dei riti: il 20 novembre 1704 , con il decreto Cum Deus Optimus papa Clemente XI proibì l'uso di quei termini e la partecipazione dei neoconvertiti ai riti ancestrali. [71] La condanna dei riti cinesi fu confermata con il decreto del 25 settembre 1710, con la costituzione Ex illa die del 1715 e con la bolla Ex quo singulari del 1742 ).

Secondo lo storico gesuita Bangert, la questione dei riti cinesi fu sollevata più per svilire l'immagine della Compagnia che per tutelare la purezza del culto. [72]

Brasile

José de Anchieta , tra i primi gesuiti in Brasile

Negli stessi anni in cui Saverio cominciava l'evangelizzazione del lontano Oriente, altri gesuiti si dedicarono alle missioni presso le popolazioni indigene del Brasile, altro grande possedimento portoghese. Il 29 marzo 1549 una comunità di sei religiosi guidata da Manuel da Nóbrega partì per l'America e sbarcò a Bahía de Todos los Santos . [73]

Il loro primo incarico fu quello di curare l'educazione dei figli dei coloni portoghesi, insediati lungo la costa atlantica: la loro prima capanna di fango eretta a São Salvador da Bahia divenne il collegio massimo, una delle più importanti istituzioni culturali del paese. [73]

Nel 1553 Nóbrega si spinse all'interno insieme a José de Anchieta , un giovane gesuita proveniente dalle Canarie , ei due fondarono un seminario destinato a diventare il centro per l'organizzazione dell'apostolato presso gli indigeni tupi , che i missionari organizzarono in comunità stabili. Da quell'insediamento si sviluppò la città di São Paulo . [74] Furono i primi gesuiti che Ignacio mandò in America. [75]

Anchieta scrisse la prima grammatica della lingua tupi e fu autore di numerosi canzoni in lingua indigena utilizzando melodie popolari. [74]

Paraguay

I gesuiti furono chiamati in Paraguay nel 1585 dal vescovo di Tucumán per evangelizzare i Guaraní che, dinanzi all'avanzata degli spagnoli, si erano ritirati a est del Paraná , nelle zone delle Pampa e del Gran Chaco . Inizialmente l'azione dei gesuiti fu poco efficace per vari motivi (il metodo adottato della missione itinerante, il carattere nomade della popolazione, i cacciatori di schiavi), così il preposito generale Claudio Acquaviva suggerì ai missionari la creazione di colonie stabili di indios, lontane dai centri abitati spagnoli (al sicuro, quindi, dall'influsso dei costumi coloniali e dai cacciatori di schiavi). Sorsero così le prime reducciones (o riduzioni), approvate dalla Corona spagnola ma ostacolate dai coloni, dei piccoli villaggi fortificati autonomi a struttura teocratica che, grazie alle attività agricole introdotte dai gesuiti (coltivazione del cotone, del mate), godettero di una certa prosperità. [76]

Le reducciones del Paraguay, tra il 1610 e il 1640 circa, si diffusero fino a comprendere gli indios della provincia brasiliana di Tapes e andarono a costituire quasi una repubblica indipendente (il cosiddetto "stato gesuita del Paraguay"), suscitando l'ostilità delle locali autorità ecclesiastiche e coloniali (tanto che Filippo IV di Spagna autorizzò gli indigeni a munirsi di armi da fuoco). Tra il 1628 e il 1635 i portoghesi del Brasile attaccarono le reducciones che, alla fine del conflitto, nel 1641 erano ridotte a una trentina, con circa 150.000 indios cristiani. [76]

Sempre nell' America del Sud , il gesuita Pietro Claver , missionario nella Nuova Granada e responsabile dell'apostolato tra gli schiavi neri di Cartagena , svolse un'importante azione antischiavista: fu canonizzato nel 1888 e dichiarato patrono delle missioni africane. [77]

Canada

Padre Marquette e gli indiani sul Mississippi

Dopo alcuni isolati tentativi fatti negli anni precedenti, i primi gesuiti provenienti dalla Francia giunsero a Québec nel 1632 sotto la guida di Paul Le Jeune . I padri aprirono il collegio di Nostra Signora degli Angeli e su loro invito anche l' orsolina Maria dell'Incarnazione Guyart raggiunse la colonia per unirsi alla loro missione educativa. [78]

A pochi anni dall'arrivo in Canada i gesuiti avevano già raggiunto il numero di 23 padri e 6 fratelli. I missionari cominciarono a dedicarsi all'evangelizzazione degli uroni e si spinsero verso l'interno per cercare contatti con altri popoli indigeni: avendo sentito parlare di un grande fiume che scorreva verso il sud che gli avrebbe permesso di raggiungere altri territori abitati dagli amerindi, il gesuita Jacques Marquette si unì al viaggio dell'esploratore Louis Jolliet e nel 1673 , risalendo il corso del Wisconsin , scoprì il corso superiore del Mississippi e discese il fiume esplorando soprattutto le confluenze del Missouri e dell' Ohio , giungendo alla conclusione che il fiume scorreva verso sud per sfociare nel golfo del Messico . [79]

I gesuiti convertirono al cristianesimo numerosi uroni stanziati lungo il fiume San Lorenzo . Contro gli uroni si formò presto una confederazione di cinque popoli irochesi , tra cui i mohawk , che creò gravi problemi ai missionari. Nel 1642 René Goupil fu ucciso dai mohawk e il suo compagno Isaac Jogues , liberato dopo mesi di prigionia e torture; nel 1646 Jogues tornò tra i mohawk assieme a Jean de La Lande per una missione di pace, ma furono entrambi uccisi. Al numero dei gesuiti uccisi dagli irochesi in Canada si unirono Jean de Brébeuf , Gabriel Lalemant , Antoine Daniel , Charles Garnier e Noël Chabanel . [80]

Il gruppo degli otto martiri canado-americani fu canonizzato da papa Pio XI nel 1930 . [81]

Africa

Nel 1548 i gesuiti tentarono di penetrare in Marocco , ma furono espulsi poco dopo. Maggior successo ebbe l'attività missionaria della Compagnia in Etiopia , Mozambico , Angola , Congo e Capo Verde .

Minacciato dai musulmani , il negus d'Etiopia Claudio promise a Giovanni III di Portogallo, in cambio del suo sostegno militare, di abiurare il monofisismo e di aderire con i suoi sudditi al cattolicesimo. Da Goa giunsero in Etiopia alcuni missionari gesuiti e il 30 marzo 1556 lasciò Lisbona João Nunes Barreto , nominato patriarca d'Abissinia (fu il primo gesuita a essere innalzato all'episcopato). [74] Dopo la sconfitta dei musulmani il negus dimenticò le sue promesse e il successore di Claudio confinò i gesuiti nel deserto (l'ultimo morì nel 1597 ). I padri Eliano e Rodríguez contattarono, per conto della Santa Sede, il patriarca copto di Alessandria Gabriele VII, ma i colloqui per la riunione delle Chiese cattolica e copta non ebbero un esito positivo. [82]

Nel 1560 tre gesuiti giunsero da Goa in Mozambico , dove erano stati chiamati da Gamba, capo della tribù dei Ma Karanga stanziati presso Inhambane , che avevano conosciuto il cristianesimo grazie ai loro contatti con i portoghesi. In breve i missionari battezzarono oltre 450 persone, poi si spinsero verso lo Zambesi e convertirono il capo dell' impero di Monomotapa , sua madre ei suoi 300 sudditi. I musulmani, però, ordirono una congiura e spinsero l'imperatore a far assassinare i gesuiti ( Gonçalo da Silveira , il capo della missione, fu strangolato il 15 marzo 1561 ) mettendo fine all'impresa dei gesuiti nella zona. [83]

I primi quattro gesuiti penetrarono in Angola attorno al 1563 , ma la loro missione non ebbe successo: l'11 febbraio 1575 sbarcarono a Luanda altri quattro gesuiti (due preti e due fratelli) che, nonostante lo scarso appoggio della Compagnia (che inviò rinforzi solo nel 1580 ), in tre anni battezzarono oltre 200 persone (nel 1593 gli angolani battezzati erano già oltre 8.000). [84] I gesuiti eressero a Luanda una chiesa e un collegio e tra il 1604 e il 1608 fondarono stazioni missionarie nelle isole di Capo Verde . [85]

Dopo una prima breve impresa in Congo tra il 1548 e il 1555 , nel 1581 i gesuiti dell'Angola, guidati da Baltasar Barreira , tornarono in questa regione per un viaggio di esplorazione e vi battezzò 1500 persone. Dopo un inizio promettente della missione, alcuni eventi portarono alla distruzione dell'armonia religiosa (nel 1645 giunsero dei missionari cappuccini spagnoli che cercarono di portare i congolesi nell'orbita spagnola) e al disordine civile (rivolte di indigeni). Anche a causa dell'esiguo numero di gesuiti, nel 1674 l'impresa in Congo fu abbandonata. [86]

Fra le molte missioni fondate dai gesuiti in Africa prima della soppressione del XVIII secolo , quella in Angola fu l'unica a radicarsi e ad avere un certo sviluppo. [87]

Le missioni interne

Come Ignazio, che aveva cominciato il suo ministero insegnando la dottrina ai bambini e girando insieme ai compagni per le piazze dei paesi predicando ai passanti, anche i primi gesuiti si dedicarono alla predicazione estemporanea, quasi in concorrenza con cantastorie e cavadenti, viaggiando di città in città, spesso a piedi nudi. [88] Fino alla metà del Cinquecento questa forma di predicazione ebbe caratteristiche di improvvisazione e fu esercitata in maniera quasi giullaresca, assumendo anche un fine di mortificazione per chi la compiva. La situazione mutò a partire dalla seconda metà del secolo e soprattutto nel Seicento. [89]

Le gerarchie ecclesiastiche (vescovi e inquisitori) cominciarono a ricorrere ai gesuiti commissionando loro un'opera di controllo antiereticale (tra i valdesi di Piemonte , Puglia e Calabria , tra i moriscos in Spagna) ma anche di rilancio della vita religiosa. [90] La vicenda del gesuita Silvestro Landino è paradigmatica: tra il 1550 e il 1551 , in occasione della visita pastorale di Egidio Foscari a Modena (capitale italiana del movimento filoprotestante) e nella sua diocesi , affiancò il presule dedicandosi allo smascheramento di ecclesiastici e maggiorenti in odore di eresia; spostandosi nelle zone montane, però, si rese conto che a minacciare la vita cristiana non era tanto la diffusione delle dottrine riformate, quanto la profonda ignoranza e superstizione della popolazione e del clero delle zone più isolate. [91] Capitava che i sacerdoti delle aree rurali ignorassero la formula del sacramento dell' Eucaristia o che, interrogati sulla Trinità , i contadini rispondessero essere battesimo, cresima ed eucaristia, o fede, speranza e carità, o Gesù, Giuseppe e Maria; altri credevano all'esistenza di un numero indefinito di dei. [92]

Dalle zone dell' Appennino tosco-emiliano Landino passò all'isola di Capraia e poi in Corsica , dove trascorse gli ultimi giorni della sua vita dedicandosi alle missioni tra le popolazioni più isolate e abbandonate. Nei luoghi desolati e periferici i gesuiti riconobbero "altre Indie", bisognose di evangelizzazione al pari di quelle dell' Asia e delle Americhe . [93]

Nel corso del Seicento le missioni nelle campagne acquisirono una struttura fissa: i padri si recavano in una località al centro di un'area rurale e vi rimanevano alcuni giorni dando esercizi spirituali a sacerdoti e nobili, predicando al popolo, organizzando processioni, confessioni e comunioni collettive, [94] distribuendo medaglie e immaginette sacre, fondando o rivitalizzando confraternite, formando catechisti. [95]

Colonialismo

Lo slancio missionario dei gesuiti è testimoniato dalle circa quindicimila lettere, scritte tra il 1550 e il 1771 da tutta Europa e conservate negli archivi romani dell'Ordine. In esse i religiosi domandavano di essere mandati nelle missioni d'oltremare per emulare san Francesco Saverio , l'apostolo del Giappone, il cui nome appare a chiare lettere in duemila missive. [96]

I membri secolari e regolari del clero si dedicavano ovunque ad attività commerciali, in particolare i gesuiti furono attivi in Giappone fino alla proibizione del cristianesimo nel 1614 e alla successiva espulsione dei portoghesi dal paese. [97] L'unica funzione dell'impero, scrisse una volta lo stesso san Francesco Saverio, era quella di coniugare "ogni modo e tempo del verbo depredare". [98] Persino un religioso cattolico, recatosi in India nel 1672 , rimase colpito dalle ricchezze accumulate nei monasteri e nei conventi portoghesi e ricavò l'impressione che "tutto il commercio della nazione fosse nelle loro mani". [99] Quando furono espulsi dal Giappone nel 1639 , i gesuiti si trasferirono nel Makassar ; in Indocina e in Thailandia , che offrivano tuttavia opportunità meno remunerative. [98]

Per quanto riguarda il Brasile, i padri gesuiti dapprima trasferirono gli amerindi in villaggi dove potevano proteggerli e convertirli, come il re aveva ordinato, e nel 1570 ottennero dal sovrano che venisse abolita la schiavitù, tranne per chi praticava il cannibalismo o rifiutava la conversione al Cristianesimo. Come conseguenza, furono espulsi due volte da Maranhão , ea causa della pressante richiesta di manodopera, soddisfatta dall'importazione dei neri africani solo alla fine del XVI secolo, furono infine costretti ad accettare la politica dei coloni. [100]

Secondo le credenze del tempo era infatti per volontà di Dio che gli africani fossero schiavi di padroni bianchi e cristiani. Essi meritavano tale sorte non solo perché appartenevano presumibilmente alla razza su cui ricadeva, secondo la Bibbia, la maledizione lanciata da Noè sui discendenti del figlio Cam, ma anche per l'enormità dei peccati commessi dai loro antenati, della quale il colore della pelle era un'indubbia testimonianza. Anche la riluttanza a lavorare con zelo in condizioni di schiavitù era ritenuta una prova della loro inadeguatezza, e si pensava che l'asservimento li avrebbe abituati ai benefici effetti di una vita faticosa e regolare, preparandoli a ricevere il dono divino del messaggio cristiano. È comprensibile quindi che in un'Europa in cui i vagabondi erano marchiati ei dissidenti religiosi torturati o arsi vivi, non si sollevassero serie obiezioni ad analoghi trattamenti inflitti ai neri ritenuti altrettanto recalcitranti. [101]

Intorno al 1600 i gesuiti possedevano, insieme ai domenicani , circa un terzo delle terre produttive nelle colonie spagnole e portoghesi delle Americhe. All'inizio del Settecento in ogni latifondo lavoravano, secondo le modalità tipiche dell'economia coloniale iberica, mille indigeni ogni centocinquanta schiavi neri. [102]

Nelle Americhe colonizzate da spagnoli e portoghesi, dove gli edifici ecclesiastici, alcuni dei quali erano autentiche fortezze, regolarmente superavano per dimensioni e magnificenza le opere più imponenti dell'architettura civile, la Chiesa cattolica si insediò in maniera solenne e fastosa acquisendo immense proprietà, come in Asia accadde di rado. Monasteri e conventi fornivano l'istruzione primaria ai bambini non indigeni, e dalla fine del Cinquecento i gesuiti aprirono una rete di scuole secondarie: città opulente ospitavano conventi alla moda e lungo le frontiere imperiali missionari paternalistici dirigevano il lavoro e le preghiere degli accoliti amerindi, mentre nel cuore dell'impero i convertiti nativi professavano un cattolicesimo fatto di devozione superstiziosa e di paganesimo appena velato, oppure strane combinazioni di usanze cristiane e indigene. [103]

Soppressione e rinascita dell'ordine

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Soppressione della Compagnia di Gesù .
La soppressione della Compagnia di Gesù in un'incisione satirica del 1773

La vicenda che condusse alla soppressione della Compagnia di Gesù è sintomatica della debolezza dell'autorità papale. I governi di numerosi stati europei consideravano l'ordine il più pericoloso alleato dei pontefici e la Compagnia fu sempre più considerata il principale ostacolo alle politiche riformiste e giurisdizionaliste ( gallicanesimo , febronianesimo ) dei sovrani, nonché al rinnovamento delle forme religiose (propugnato dai giansenisti ). Accusati di regicidio, di pervertire l'ordine sociale, di corrompere la gioventù e di essere artefici della supremazia del papa sul potere monarchico, i gesuiti furono espulsi dai principali regni europei e dalle loro colonie. [104]

Fu il Portogallo ad aprire la via alla soppressione. Il marchese di Pombal , capo del governo, fautore dell' assolutismo monarchico , entrò in aperto conflitto con i gesuiti per la vicenda delle reducciones brasiliane. Il marchese inviò a papa Benedetto XIV una relazione in cui accusava i gesuiti di avidità di denaro e sete di potere e li denunciava di essere al centro di scandalose operazioni commerciali, il che costrinse il pontefice a inviare in Portogallo il cardinale Saldanha a compiere un'inchiesta; i gesuiti furono anche accusati di essere coinvolti nel fallito attentato a Giuseppe I del 1758 . Agli inizi del 1759 il re ordinò di confiscare tutte le proprietà dell'ordine e pochi mesi dopo ne decretò l'espulsione. [105]

I problemi per la Compagnia in Francia cominciarono con la condanna per bancarotta fraudolenta del gesuita Antoine La Vallette decretata dal parlamento di Parigi , dominato da elementi giansenisti e gallicani e in cui era ben radicato il movimento antigesuitico. Il 6 agosto 1761 il parlamento ordinò di bruciare pubblicamente le opere di ventitré gesuiti (tra i quali Bellarmino ) in quanto lesive della morale cristiana e ai gesuiti di chiudere i loro collegi, nei quali si sarebbe esercitata una cattiva influenza sui giovani: Luigi XV cercò di far sospendere l'esecuzione della sentenza, [106] ma la sua debolezza politica lo costrinse però alla fine a piegarsi di fronte alle pressioni dei parlamenti ea rendere esecutivo il decreto. [107]

Dalla Spagna i gesuiti furono cacciati da Carlo III , per il quale i religiosi rappresentavano un ostacolo nella realizzazione dell'assolutismo monarchico: essi infatti avevano sempre preso posizione contro la filosofia regalista e avevano un forte legame con l'aristocrazia ostile alla politica del sovrano. Inoltre, il ministro Campomanes accusò falsamente i gesuiti di essere gli istigatori di una rivolta, inducendo Carlo III a credere che essi stessero complottando contro di lui. Tutti questi elementi concorsero a spingere il re a emettere il decreto di espulsione il 27 febbraio 1767 . [108] Gli altri Stati borbonici imitarono presto l'esempio spagnolo: Ferdinando IV , spinto da Tanucci , espulse i gesuiti da Napoli e Sicilia nel novembre 1767 [109] e il duca di Parma Ferdinando , consigliato da du Tillot , cacciò i religiosi dai suoi stati nel febbraio 1768 . [110]

Sotto la pressione dei sovrani borbonici, con breve Dominus ac Redemptor del 21 luglio 1773 papa Clemente XIV soppresse la Compagnia, che all'epoca contava circa 23.000 membri in 42 province: i vescovi locali erano nominati delegati apostolici per eseguire la soppressione delle case situate nella loro diocesi. [111]

La soppressione dei gesuiti a Roma fu eseguita il 16 agosto successivo e il preposito generale Lorenzo Ricci fu incarcerato in Castel Sant'Angelo , dove morì il 24 novembre 1775 . [112]

I gesuiti in Russia e in Prussia

Dopo la spartizione della Polonia ( 1772 ), i territori orientali del paese (la cosiddetta Russia Bianca) erano passati sotto il dominio della Russia di Caterina II : i gesuiti contavano in quelle terre 18 case, di cui tre collegi (a Połock , Witebsk e Orsza ) e 201 religiosi. [113]

La zarina rifiutò di dare l' exequatur al breve di soppressione e fece comunicare al superiore di Połock, Stanisław Czerniewicz, la sua intenzione di conservare la compagnia nei suoi domini. [114] I gesuiti della Russia Bianca ebbero il compito storico di assicurare la continuità dell'ordine di prima del 1773 con quello restaurato nel 1814. [115]

Anche Federico II , per motivi legati all'educazione, non volle consentire subito la soppressione delle case gesuite nei territori cattolici del regno di Prussia ( Slesia e parte della Polonia). La soppressione, invece, ebbe luogo a Breslavia il 5 febbraio 1776 . [116]

Tentativi di ricostituzione

Pio VII nel 1814 restaurò la Compagnia

Subito dopo la soppressione furono effettuati numerosi tentativi di ripristinare l'ordine: la carmelitana Teresa di Sant'Agostino , figlia di Luigi XV, cercò di ottenere dal papa l'autorizzazione per gli ex gesuiti a organizzarsi in fraternità di preti secolari, ma Clemente XIV non accolse favorevolmente il progetto. [117]

Qualche anno dopo, altri cercarono, con successo, di ricostruire la forma di vita e il modo di operare della Compagnia dando inizio a nuove congregazioni: nel 1791 Pierre-Joseph Picot de Clorivière , già membro della Compagnia, fondò l' istituto dei sacerdoti del Cuore di Gesù , approvato da papa Pio VII ; [118] François-Léonor de Tournély e Charles de Broglie , nel 1794 , fondarono a Eegenhoven (Belgio) i padri del Sacro Cuore , che ebbero un certo sviluppo sotto la guida di Joseph Varin . [119]

Nel 1797 , con l'autorizzazione del cardinale Giulio Maria della Somaglia , Niccolò Paccanari istituì a Roma la Società della Fede di Gesù , le cui regole ricalcavano le costituzioni dei gesuiti: Pio VI approvò temporaneamente la congregazione e nel 1799 vi unì i padri del Sacro Cuore di Varin. Dopo aver conosciuto una notevole diffusione, i padri della Fede entrarono in un periodo di crisi dopo l'arresto di Paccanari da parte del Santo Uffizio : quando fu ristabilita la Compagnia di Gesù ( 1814 ) molti membri vi entrarono, gli altri divennero preti diocesani. [120]

Queste congregazioni contribuirono in modo efficace a tenere in vita lo spirito della Compagnia di Gesù. [121]

La restaurazione

Nel 1793 la Santa Sede approvò segretamente i gesuiti della Russia Bianca e il 17 marzo 1801 , con il breve Catholicae fidei [122] di papa Pio VII , il riconoscimento divenne pubblico; nel 1803 fu approvata l'attività dei gesuiti in Inghilterra [123] e il 30 luglio 1804 , con il breve Per alias , papa Pio VII ristabilì la Compagnia a Napoli e in Sicilia (dove l'ordine era stato reintrodotto a opera di Giuseppe Pignatelli ). [124]

Con la bolla Sollicitudo omnium ecclesiarum [125] del 30 luglio 1814 Pio VII ripristinò la Compagnia di Gesù in tutto il mondo. [3]

La Compagnia dopo la ricostituzione

Joannes Philippe Roothaan
Jean-Baptiste Janssens

L'azione dell'olandese Joannes Philippe Roothaan , preposito generale dal 1829 al 1853 , fu di notevole importanza per la ricostruzione dell'ordine. Si ripresero le vecchie attività, con una speciale attenzione verso le missioni e l'educazione della gioventù (la Ratio atque institutio studiorum fu aggiornata e adattata alle esigenze del tempo); per mantenere alto il livello di edificazione ascetica dei gesuiti, sottolineò l'importanza della pratica degli Esercizi spirituali [126] e ne pubblicò un importante commentario.

Nel XIX secolo la Compagnia assunse un ruolo preminente di difesa della Santa Sede contro le tendenze laicizzatrici e liberali delle nazioni europee (l'ordine esercitò un grande influsso sui movimenti cristiano-sociali sorti in questo periodo con intento contestativo nei riguardi del liberalismo politico ed economico) e delle ideologie "moderniste" (furono tra i principali difensori del Sillabo di papa Pio IX ) e favorirono notevolmente il processo di centralizzazione delle strutture ecclesiastiche culminato con il concilio Vaticano I e la proclamazione del dogma dell' infallibilità papale . [126] Nel campo teologico e filosofico i gesuiti promossero la rinascita del tomismo , culminata nel 1879 con la pubblicazione dell'enciclica Aeterni Patris di papa Leone XIII .

Lungo tutto il secolo i gesuiti furono a più riprese espulsi da numerosi stati: prima dalla Russia , poi dalla Spagna e dal regno di Napoli , quindi dalla Francia e dal Portogallo ; l'ordine fu espulso dalla Svizzera nel 1847 , a seguito della guerra del Sonderbund , e solo nel 1973 una consultazione popolare consentì la presenza dei religiosi della Compagnia nel territorio elvetico; in Germania i gesuiti furono espulsi a causa del Kulturkampf e solo nel 1917 fu abrogata la legge che proibiva la presenza della Compagnia nel paese. [126]

I gesuiti dovettero affrontare polemiche particolarmente vive in Italia , dove i rapporti tra Chiesa e Stato erano complicati dalla questione romana e la Compagnia era accusata di essere uno dei principali ostacoli alla realizzazione dell'unità nazionale (è in questo contesto va inquadrata una delle maggiori opere di Vincenzo Gioberti , Il gesuita moderno ).

Sotto i governi di Włodzimierz Ledóchowski , preposito generale dal 1915 al 1942 , e di Jean-Baptiste Janssens , che resse la Compagnia tra il 1946 e il 1964 , il numero dei gesuiti crebbe sino a raggiungere la cifra più elevata. [127]

Particolarmente significativo fu il generalato di Pedro Arrupe ( 1965 - 1983 ), che resse l'ordine negli anni che seguirono la celebrazione del Concilio Vaticano II : sotto il suo governo il numero dei membri della Compagnia calò significativamente, ma nell'ordine crebbe la consapevolezza del legame inscindibile tra l'annuncio della fede e l'impegno per la giustizia sociale e fu avviato un processo di rinnovamento di metodi e di dottrine nell'ambito educativo e missionario (anche se l'interpretazione e l'attuazione di questi principi causarono forti tensioni). [128]

Nel 1981 un ictus costrinse Arrupe a dimettersi (morì nel 1991 ) e, in deroga alle costituzioni (che prevedevano che la guida dell'ordine passasse al vicario generale), papa Giovanni Paolo II nominò un delegato pontificio, Paolo Dezza , e solo nel 1983 fu convocata la XXXIII congregazione generale che elesse preposito l'olandese Peter Hans Kolvenbach [128] (dimessosi nel 2008 , al raggiungimento del suo ottantesimo anno di età).

La spiritualità dell'ordine

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Perinde ac cadaver .
I santi gesuiti Ignazio e Luigi Gonzaga adorano il Sacro Cuore di Gesù

La spiritualità della Compagnia si fonda sugli Esercizi spirituali ignaziani. Gli elementi fondamentali degli Esercizi sono la contemplazione della vita di Gesù , l'accoglimento della chiamata alla sequela di Cristo fattosi servo per noi, lo sforzo ad assomigliare sempre più a Gesù nella vocazione personale al servizio della Chiesa. Secondo gli Esercizi l'imitazione di Gesù implica l'assoluta povertà (solo i collegi erano autorizzati ad avere rendite fisse), l'abbandono alla volontà di Dio (manifestato nell'assoluta obbedienza ai superiori perinde ac cadaver , ovvero come un cadavere), l' umiltà , la sopportazione paziente di umiliazioni e offese, della croce e delle persecuzioni. [129]

In reazione alla diffusione del giansenismo , che negava il valore di ogni devozione e proponeva un regime di vita spirituale rigoroso, arcigno e arido, i gesuiti si fecero propagatori della calda e confortante devozione al Sacro Cuore di Gesù , che poneva l'accento sulla centralità dell'amore di Dio come chiave della storia della salvezza.

Fu il gesuita Claude de la Colombière , direttore spirituale delle monache della Visitazione di Paray-le-Monial , a diffondere della pratica dei primi nove venerdì del mese , ispirata, secondo la tradizione, da Gesù stesso alla visitandina Margherita Maria Alacoque . Nella visione di Gesù che Margherita Maria affermò di aver ricevuto il 2 luglio 1688 , infatti, il Cristo avrebbe indicato i gesuiti come speciali propagatori della devozione al suo cuore e avrebbe chiamato La Colombière "servo fedele e perfetto amico". [130]

In stretta connessione alla devozione al Sacro Cuore, a opera del gesuita François-Xavier Gautrelet , nel 1844 nacque in Francia l' Apostolato della preghiera , i cui aderenti si impegnano a offrire giornalmente preghiere e azioni al Sacro Cuore in spirito di riparazione dei peccati dell'umanità. Il gesuita Henri Ramière fondò il periodico Messaggero del Sacro Cuore , che nel 1912 veniva pubblicato in ventisei lingue diverse. [131]

Gli Esercizi e la devozione al Sacro Cuore dimostrano il carattere cristocentrico della spiritualità gesuita. [132]

Numerosi appartenenti all'ordine sono stati elevati agli onori dell'altare: il fondatore, [133] Pietro Favre, i missionari Francesco Saverio e Pietro Claver , i teologi Pietro Canisio e Roberto Bellarmino , i giovani scolastici Luigi Gonzaga , [134] Stanislao Kostka e Giovanni Berchmans , il superiore Francesco Borgia , il provinciale e principale restauratore della Compagnia Giuseppe Pignatelli , i predicatori Giovanni Francesco Régis , Bernardino Realino e Francesco De Geronimo , i martiri Paolo Miki e Giovanni de Brébeuf .

L'arte dell'ordine

Nel caso dell' architettura gesuitica ci si riferisce a quegli edifici religiosi realizzati su proposta o per conto della Compagnia, o che derivarono da quei modelli manifestanti la concretizzazione delle istanze religiose e artistiche dell'ordine. [135]

Se è improprio parlare di uno stile gesuitico, quello che emerse fu la necessità di definire alcune regole, alcuni principi riguardanti la disposizione planimetrica delle strutture religiose, che sfociarono in alcuni schemi, dapprima riferiti alle chiese romane, e poi applicati in tutta la penisola e all'estero.

Il campione originale dell'architettura gesuitica fu la chiesa del Gesù, costruita a Roma tra il 1568 e il 1575 , sotto la direzione dell'architetto Jacopo Barozzi da Vignola . L'opera si caratterizzò per la fusione dell'impianto centrale, di concezione rinascimentale , con l'impianto longitudinale, peculiare del Medioevo . La riesumazione della croce latina a scapito dello schema classico, improntata da una mastodontica navata centrale, completata da cappelle laterali inserite al posto delle navate minori, e soverchiata da una grande cupola , consentiva a un grande numero di praticanti di partecipare alle funzioni, di vedere, ma soprattutto di sentire l'oratore, scopo fondamentale della missione gesuitica. Ma pure la facciata , progettata da Giacomo Della Porta su due piani, dei quali il secondo si estendeva solo quanto la navata centrale, diventò un modello imitato in tutto il mondo per almeno due secoli.

Tra le chiese ispiratesi all'architettura gesuitica, si possono ricordare quella di Val-de-Grace a Parigi e quella di San Carlo ad Anversa .

Si può parlare anche di teatro dei Gesuiti, in riferimento all'attività scenica, prettamente moralistica, realizzata nelle scuole e nei collegi italiani, francesi, tedeschi, austriaci, polacchi, spagnoli, e centrosudamericani. [135]

Questa attività teatrale, che si sviluppò dalla metà del Cinquecento , consistette, inizialmente di drammi religiosi, in latino , recitati sotto la direzione di un padre istruttore, e successivamente, dall'inizio del Seicento , anche di drammi comici e pastorali , impreziositi da danze e allestimenti spettacolari.

Il Teatro dei Gesuiti raggiunse la massima diffusione in Francia e persino quando la Compagna fu repressa, congregazioni religiose proseguirono l'attività teatrale dei Gesuiti. Basti pensare che Esther e Atalia di Racine furono scritte su richiesta di Madame de Maintenon proprio per le educande di Saint-Cyr e da loro recitate per la prima volta.

Tra gli autori gesuiti più significativi si possono ricordare Simon Maria Poggi e Giovanni Granelli.

L'organizzazione dell'ordine

Il preambolo delle Costituzioni della Compagnia di Gesù in un manoscritto del fondatore

La Compagnia di Gesù appartiene al numero degli ordini di chierici regolari , sorti nel corso del XVI secolo e utilizzati dalla Chiesa per contrastare la diffusione del protestantesimo e diffondere i dettami del Concilio di Trento , caratterizzati dall'unione di vita religiosa e impegno apostolico.

La struttura dell'ordine è stabilita dalla Formula instituti , codificata e ampliata da Ignazio nelle Costituzioni della Compagnia, redatte insieme al suo segretario Juan de Polanco tra il 1547 e il 1550 , ulteriormente modificate in base ai suggerimenti dei religiosi professi e promulgate nel 1553 : il testo, approvato nel 1606 da papa Paolo V con la bolla Quantum religio , è rimasto sostanzialmente immutato fino alla XXXI congregazione generale dell'ordine ( 1965 - 1966 ). [136]

Le costituzioni ignaziane (frutto della riflessione sull'esperienza religiosa del fondatore e dei suoi primi compagni) non sono solo un codice legislativo, ma uniscono agli elementi giuridici anche aspetti spirituali e ascetici e non possono essere comprese prescindendo dagli Esercizi spirituali. [137]

La caratteristica impressa maggiormente da Ignazio all'ordine è l'universalità dell'apostolato per quanto concerne il territorio, i compiti ei mezzi. L'altro elemento essenziale è la speciale obbedienza al papa, che trova compiuta espressione in un quarto voto aggiunto ai consueti tre comuni a tutti i religiosi (povertà, obbedienza e castità).

L'aspetto innovativo

Nelle sue Costituzioni, Ignazio annullò i quattro aspetti fondamentali dell'organizzazione monastica: la residenza per tutta la vita in una medesima comunità ( stabilitas loci ), le decisioni prese a maggioranza da tutti i membri della comunità riuniti in capitolo, l'elezione del proprio superiore da parte di ogni singola comunità, la recita corale dell'ufficio divino.

I gradi di appartenenza

La chiesa del Santissimo Nome di Gesù (o del Gesù) a Roma , sede principale dell'ordine

Vi sono diversi gradi di appartenenza all'ordine: [138] dopo due anni di noviziato (o prima probazione), i gesuiti in formazione, detti scolastici, [138] pronunciano i primi voti, semplici e perpetui, che possono essere sciolti dai prepositi provinciali (dopo i primi voti, gli scolastici si dicono "approvati"); compiuto un triennio di studi filosofici e uno di studi teologici, inframezzati da una seconda probazione nelle case professe o nei collegi, lo scolastico approvato viene ordinato sacerdote .

Al periodo di formazione segue un ulteriore anno di noviziato (terza probazione) al termine del quale, dopo aver trascorso almeno dieci anni nella Compagnia, il candidato viene ammesso per fare la professione in forma solenne dei tre voti (detti finali) di povertà, obbedienza e castità (comuni a tutti i religiosi), di un quarto voto solenne (specifico della Compagnia) di speciale obbedienza circa missiones al papa e di cinque altri voti semplici (non cambiare la legislazione della Compagnia se non per renderla più rigida, non cercare posizioni di autorità nella Compagnia, non cercare prelature nella Chiesa, denunciare ai superiori i colpevoli di queste azioni, ascoltare i consigli della Compagnia in caso di innalzamento all'episcopato). [139] Dopo questi voti, il gesuita si dice professo.

Ai professi sono riservate tutte le alte cariche dell'ordine.

Oltre ai novizi, agli scolastici e ai professi, esistono i coadiutori, che emettono i voti finali di povertà, obbedienza e castità in forma semplice e non emettono il quarto voto: i coadiutori si distinguono in spirituali (che accedono al sacerdozio) e temporali (laici). In origine i coadiutori spirituali erano destinati a quei ministeri che richiedevano la stabilitas loci , mentre i professi dovevano essere "apostoli itineranti", ma oggi la distinzione tra le due classi è piuttosto relativa. [138]

I coadiutori temporali non accedono al sacerdozio e si occupano delle necessità pratiche delle loro comunità (cucina, contabilità): tra i coadiutori temporali spicca la figura di Alfonso Rodríguez . [140]

Il governo dell'ordine

Casa generalizia della Compagnia di Gesù a Roma, Borgo Santo Spirito

Al vertice della struttura dell'ordine Ignazio pose la congregazione generale , un'assemblea composta dai prepositi provinciali e da due padri professi delegati da ogni provincia; [141] la congregazione generale non si riunisce a intervalli regolari, ma viene convocata solo in caso di morte del preposito generale, o per ordine del papa, o per volere del preposito generale, o per decisione della congregazione dei procuratori, eletta con mandato triennale dalle province.

La massima autorità della Compagnia di Gesù è il preposito generale (detto popolarmente "papa nero"), eletto a vita dalla congregazione generale. La sua autorità è subordinata a quella della congregazione generale, della quale è tenuto ad applicare i decreti. [142] Il generale è assistito da dieci assistenti, nominati dalla congregazione generale: a ogni assistente fa riferimento un'"assistenza", cioè un gruppo di province raggruppate per lingua o nazionalità.

Quella del preposito è l'unica carica elettiva: egli nomina i prepositi provinciali, che nominano a loro volta quelli delle comunità locali.

La Compagnia di Gesù non comprende un terz'ordine né un ramo femminile. Benché nel 1545 Ignazio avesse accettato, su pressioni di Paolo III, la possibilità di istituire un ramo femminile della Compagnia, nel 1549 i gesuiti furono dispensati dall'obbligo di assistere spiritualmente le religiose (forse, Ignazio temeva che dover fornire cappellani fissi e governare i monasteri femminili avrebbe distolto i religiosi dalla loro missione apostolica); tuttavia, nel 1554 , caso unico nella storia dell'ordine, a Giovanna d'Asburgo , figlia di Carlo V , fu consentito di emettere segretamente i voti degli scolastici con il nome di Mateo Sánchez. [143]

Attività

Scopi

Lo scopo della Compagnia di Gesù è la difesa e la propagazione della fede, lavorare per il progresso spirituale dei fedeli mediante tutte le forme del ministero della parola (esercizi spirituali, sacramenti) e l'assistenza ai bisognosi (soprattutto in ospedali e carceri). [1]

I gesuiti sono impegnati nell'istruzione e nella ricerca scientifica, nella formazione dei sacerdoti, nella catechesi per gli adulti, nell'apostolato verso il mondo giovanile e le comunità di vita cristiana, nei mass media , nell'assistenza spirituale a categorie svantaggiate (profughi, persone emarginate). [128]

La loro forma preferita di attività sono le case per esercizi spirituali: gli esercizi vengono generalmente dati a gruppi omogenei di persone per tre o otto giorni (anche meno, secondo le necessità). È tuttavia possibile compiere l'intero ciclo mensile. [144]

Il principale centro di studio diretto dai gesuiti [145] è la Pontificia Università Gregoriana , fondata nel 1553 a Roma da Ignazio di Loyola e Francesco Borgia con il nome di Collegio Romano , eretta in università da papa Paolo IV nel 1556 e restaurata da papa Leone XII nel 1824 ; [146] a essa nel 1924 papa Pio XI ha consociato il Pontificio Istituto Biblico , fondato da papa Pio X nel 1909 , e il Pontificio Istituto Orientale , fondato da papa Benedetto XV nel 1917 . [147]

L'ordine pubblica numerose riviste come Gregorianum , Analecta Bollandiana e Archivum Historicum Societatis Iesu , semestrale fondato nel 1932 che pubblica articoli di ricerca storica, documenti inediti, recensioni, bibliografie. [148] Tra gli altri periodici nati per iniziativa della Compagnia: La Civiltà Cattolica , Etudes , Recherches de science religieuse , Revue d'ascétique et de mystique , Stimmen der Zeit , Letture , Popoli , Aggiornamenti sociali , Messaggio del Sacro Cuore .

Nel loro apostolato missionario viene data sempre maggiore importanza al tentativo di incarnare nelle diverse culture l'annuncio del messaggio di Gesù ( inculturazione ). [149]

Contributi alla scienza

Numerosi sono stati i contributi apportati da gesuiti, singolarmente o in gruppi, allo sviluppo delle scienze, teoriche e applicate, dal tempo dell'istituzione dell'Ordine. Essi contribuirono allo sviluppo degli orologi a pendolo , dei pantografi , dei barometri , dei telescopi e dei microscopi a riflessione . Fornirono inoltre contributi significativi nei campi del magnetismo , dell' ottica e della elettrologia . Furono tra i primi a osservare le fasce colorate della superficie del pianeta Giove , la nebulosa di Andromeda e gli anelli di Saturno . Esposero teorie sull'origine delle maree e sulla corrispondente influenza sulle stesse da parte della luna e sulla propagazione ondosa della luce. A essi è dovuta l'introduzione dei segni + e - nella matematica, la tecnica di controllo dei flussi del Po e dell' Adige , la realizzazione di mappe stellari dell' emisfero australe . [150] Georges Lemaître ideò il concetto di Big Bang in astrofisica.

Statistiche

Nel corso dei secoli, a causa delle alterne vicende dell'ordine, il numero dei gesuiti è variato notevolmente. Nella seguente tabella, accanto all'anno di riferimento, è indicato il numero totale dei membri della Compagnia e di seguito, eventualmente, la ripartizione tra sacerdoti, scolastici e religiosi laici. [151]

anno membri scolastici sacerdoti religiosi laici
1579 5.165
1626 15.544
1749 22.589 11.293
1830 2.137 777 727 633
1850 4.600 1.088 2.230 1.282
1875 9.385 2.526 4.297 2.562
1900 15.073 4.603 6.526 3.944
1925 19.176 5.785 9.159 4.259
1950 30.579 10.013 15.162 5.404
1960 34.687 10.378 18.508 5.801
1965 36.038 9.865 20.301 5.872
1970 32.898 6.528 21.113 5.527
1974 29.436 4.032 20.822 4.582

Negli ultimi anni si assiste a un notevole e costante ridimensionamento dell'ordine. La seguente tabella dà un quadro dell'andamento dei membri della Compagnia di Gesù negli ultimi anni. [152]

anno membri scolastici sacerdoti religiosi laici
1980 27.053 3.270 19.882 3.901
1985 25.549 3.684 18.455 3.410
1990 24.421 4.152 17.219 3.050
1995 22.869 4.172 22.869 2.654
2000 21.345 4.023 15.020 2.311
2005 19.850 3.930 13.966 1.954
2010 18.247 3.699 12.923 1.625
2011 17.906 3.617 12.737 1.552
2012 17.624 3.629 12.525 1.470
2013 17.287 3.589 12.298 1.400

Al 1º gennaio 2015 l'ordine contava 16.740 membri, con quasi 12.000 sacerdoti. [153]

Uno studio del Center for Applied Research in the Apostolate (CARA) ha evidenziato che nell'ultimo secolo il loro numero ha subito grandi modifiche, passando dai 16.295 del 1910, al livello massimo raggiunto nel 1965 (36.038), per poi scendere ai 18.266 registrati nel 2010: un dimezzamento avvenuto in 45 anni. [154]

La Compagnia di Gesù rimane l'istituto religioso con il più alto numero di membri (17.676), seguito dalla Società salesiana di San Giovanni Bosco (15.573), dall' Ordine dei frati minori (14.123) e dall' Ordine dei frati minori cappuccini (10.786). [155]

Note

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2013 , p. 1426.
  2. ^ a b c WV Bangert , p. 33 .
  3. ^ a b M. Inglot , p. 158 .
  4. ^ Ann. Pont. 2013 , p. 24.
  5. ^ JW O'Malley , pp. 29-30 .
  6. ^ JW O'Malley , pp. 30-31 .
  7. ^ Iserloh, Glazik, Jedin , p. 536 .
  8. ^ JW O'Malley , pp. 32-33 .
  9. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 246 .
  10. ^ JW O'Malley , pp. 34-36 .
  11. ^ JW O'Malley , pp. 36-37 .
  12. ^ JW O'Malley , p. 37 .
  13. ^ C. de Dalmases , pp. 125-126 .
  14. ^ JW O'Malley , p. 38 .
  15. ^ a b JW O'Malley , p. 39 .
  16. ^ C. de Dalmases , pp. 148-149 .
  17. ^ JW O'Malley , pp. 38-40 .
  18. ^ WV Bangert , p. 31 .
  19. ^ WV Bangert , p. 32 .
  20. ^ JW O'Malley , p. 41 .
  21. ^ WV Bangert , p. 34 .
  22. ^ a b c G. Switek, in G. Schwaiger , p. 256 .
  23. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , pp. 254-255 .
  24. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 254 .
  25. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 255 .
  26. ^ JW O'Malley , p. 149 .
  27. ^ JW O'Malley , pp. 151-152 .
  28. ^ JW O'Malley , p. 159 .
  29. ^ O. Niccoli , pp. 195-196 .
  30. ^ O. Niccoli , pp. 196-197 .
  31. ^ JW O'Malley , p. 187 .
  32. ^ JW O'Malley , pp. 187-189 .
  33. ^ JW O'Malley , pp. 189-193 .
  34. ^ JW O'Malley , p. 198 .
  35. ^ JW O'Malley , p. 207 .
  36. ^ JW O'Malley , pp. 208-212 .
  37. ^ JW O'Malley , p. 222 .
  38. ^ JW O'Malley , p. 223 .
  39. ^ a b JW O'Malley , p. 225 .
  40. ^ JW O'Malley , pp. 226-227 .
  41. ^ JW O'Malley , pp. 228-229 .
  42. ^ a b C. Capra , pp. 113-115 .
  43. ^ Robert Aleksander Maryks, Saint Cicero and the Jesuits , 9780754662938, 9780754662938, Ashgate, 2008.
  44. ^ JW O'Malley , pp. 248-249 .
  45. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , pp. 253-254 .
  46. ^ WV Bangert , pp. 40-41 .
  47. ^ a b c JW O'Malley , pp. 86-87 .
  48. ^ a b WV Bangert , p. 257 .
  49. ^ a b WV Bangert , p. 168 .
  50. ^ WV Bangert , p. 99 .
  51. ^ WV Bangert , p. 100 .
  52. ^ WV Bangert , p. 169 .
  53. ^ a b WV Bangert , p. 355 .
  54. ^ WV Bangert , pp. 170-171 .
  55. ^ WV Bangert , p. 357 .
  56. ^ WV Bangert , p. 171 .
  57. ^ WV Bangert , p. 172 .
  58. ^ WV Bangert , p. 258 .
  59. ^ a b WV Bangert , pp. 44-48 .
  60. ^ WV Bangert , p. 102 .
  61. ^ a b WV Bangert , pp. 173-175 .
  62. ^ WV Bangert , pp. 175-176 .
  63. ^ a b WV Bangert , pp. 176-177 .
  64. ^ a b WV Bangert , p. 179 .
  65. ^ WV Bangert , p. 263 .
  66. ^ WV Bangert , p. 264 .
  67. ^ WV Bangert , p. 265 .
  68. ^ WV Bangert , pp. 265-266 .
  69. ^ WV Bangert , p. 177 .
  70. ^ WV Bangert , p. 267 .
  71. ^ WV Bangert , pp. 361-362 .
  72. ^ WV Bangert , pp. 362-363 .
  73. ^ a b WV Bangert , p. 50 .
  74. ^ a b c WV Bangert , p. 51 .
  75. ^ Homilía del Santo Padre Francisco
  76. ^ a b Iserloh, Glazik, Jedin , pp. 711-712 .
  77. ^ A. Rayez, in BSS , vol. X (1968), coll. 818-821 .
  78. ^ WV Bangert , p. 282 .
  79. ^ WV Bangert , pp. 284-285 .
  80. ^ WV Bangert , p. 286 .
  81. ^ C. Testore, in BSS , vol. III (1962), coll. 730-731 .
  82. ^ WV Bangert , pp. 103-104 .
  83. ^ WV Bangert , pp. 104-105 .
  84. ^ WV Bangert , pp. 105-106 .
  85. ^ WV Bangert , pp. 181-183 .
  86. ^ WV Bangert , pp. 271-272 .
  87. ^ WV Bangert , p. 370 .
  88. ^ O. Niccoli , pp. 164-165 .
  89. ^ O. Niccoli , p. 166 .
  90. ^ A. Prosperi , pp. 570-571 .
  91. ^ A. Prosperi , p. 551 .
  92. ^ A. Prosperi , p. 622 .
  93. ^ O. Niccoli , p. 167 .
  94. ^ O. Niccoli , p. 168 .
  95. ^ JW O'Malley , p. 140 .
  96. ^ GV Scammel , pp. 103-104 .
  97. ^ GV Scammel , p. 158 .
  98. ^ a b GV Scammel , p. 147 .
  99. ^ Abate Carré , p. 214 .
  100. ^ GV Scammel , p. 172 .
  101. ^ GV Scammel , p. 184 .
  102. ^ GV Scammel , p. 193 .
  103. ^ GV Scammel , pp. 266-267 .
  104. ^ P. Bianchini (cur.) , p. 7 .
  105. ^ WV Bangert , pp. 391-393 .
  106. ^ WV Bangert , p. 399 .
  107. ^ WV Bangert , p. 407 .
  108. ^ WV Bangert , p. 411 .
  109. ^ WV Bangert , p. 417 .
  110. ^ WV Bangert , p. 418 .
  111. ^ M. Inglot , p. 6 .
  112. ^ M. Inglot , p. 7 .
  113. ^ M. Inglot , p. 5 .
  114. ^ M. Inglot , pp. 8-9 .
  115. ^ M. Inglot , p. 9 .
  116. ^ M. Inglot , pp. 9-10 .
  117. ^ M. Inglot , p. 29 .
  118. ^ F. Morlot, in DIP , vol. V (1978), coll. 1672-1678 .
  119. ^ M. Fois, in DIP , vol. VIII (1988), coll. 1682-1683 .
  120. ^ M. Colpo, in DIP , vol. VIII (1988), coll. 1609-1611 .
  121. ^ M. Inglot , p. 33 .
  122. ^ Documento edito da R. de Martinis, Iuris pontificii de propaganda fide. Pars prima , tomo IV, Romae 1891, p. 454.
  123. ^ P. Bianchini (cur.) , pp. 89-108 .
  124. ^ M. Inglot , p. 35 .
  125. ^ Documento edito da R. de Martinis, Iuris pontificii de propaganda fide. Pars prima , tomo IV, Romae 1891, p. 520.
  126. ^ a b c G. Switek, in G. Schwaiger , p. 258 .
  127. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 259 .
  128. ^ a b c G. Switek, in G. Schwaiger , p. 260 .
  129. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , pp. 250-251 .
  130. ^ WV Bangert , p. 230 .
  131. ^ WV Bangert , pp. 488-489 .
  132. ^ I. Parraguirre, in DIP , vol. II (1975), coll. 1287-1293 .
  133. ^ R. García, in BSS , vol. VII (1966), coll. 674-705 .
  134. ^ F. Baumann, in BSS , vol. VIII (1967), coll. 348-353 .
  135. ^ a b "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, vol.5 pag.220-221
  136. ^ M. Fois, in DIP , vol. II (1975), coll. 1262-1265 .
  137. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 250 .
  138. ^ a b c G. Switek, in G. Schwaiger , pp. 252-253 .
  139. ^ JW O'Malley , p. 382 .
  140. ^ C. Testore, in BSS , vol. I (1961), coll. 861-863 .
  141. ^ WV Bangert , p. 53 .
  142. ^ JW O'Malley , p. 61 .
  143. ^ JW O'Malley , p. 85 .
  144. ^ A. Martini, in M. Escobar (cur.) , vol. I ( 1951 ), pp. 765-769 .
  145. ^ Ann. Pont. 2013 , p. 1738.
  146. ^ Ann. Pont. 2013 , p. 1893.
  147. ^ Ann. Pont. 2013 , p. 1894.
  148. ^ M. Fois, in DIP , vol. I (1974), col. 874 .
  149. ^ G. Switek, in G. Schwaiger , p. 261 .
  150. ^ Jonathan Wright, I gesuiti, mito e missione , (trad. di Maria Fausta Marino e Angela De Simio), Roma, Newton & Compton, 2005, pp. 164-165
  151. ^ Dati riportati in DIP, vol. II ( 1975 ), col. 1280.
  152. ^ La Compagnia di Gesù in cifre , su sjweb.info . URL consultato il 18 gennaio 2014 .
  153. ^ Un domenicano celebra Messa per l'apertura della Congregazione generale dei gesuiti. È la prima volta nella storia , su avvenire.it . URL consultato il 26 novembre 2016 .
  154. ^ The Changing Jesuit Geography , su nineteensixty-four.blogspot.com . URL consultato il 18 gennaio 2014 .
  155. ^ I dati riflettono la situazione al 31 dicembre 2011: cfr. statistiche in Ann. Pont. 2013 , pp. 1409-1466.

Bibliografia

  • Annuario pontificio per l'anno 2013 , Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2013. ISBN 978-88-209-9070-1 .
  • William V. Bangert, Storia della Compagnia di Gesù , Marietti, Genova 1990. ISBN 88-211-6806-9 .
  • Paolo Bianchini (cur.), Morte e resurrezione di un ordine religioso , Vita e pensiero, Milano 2006. ISBN 88-343-1287-2 .
  • Carlo Capra, Età moderna , Le Monnier, Firenze 1996. ISBN 88-00-45103-9 .
  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Abate Carré, The Travels of the Abbé Carré in India and the Near East From 1672 to 1674 , Asian Educational Services, Londra 1992. ISBN 978-81-206-0596-1
  • Cándido de Dalmases, Il padre maestro Ignazio , Jaca Book, Milano 1994. ISBN 88-16-30265-8 .
  • Mario Escobar (cur.), Ordini e congregazioni religiose , 2 voll., SEI , Torino 1951-1953.
  • Marek Inglot, La Compagnia di Gesù nell'Impero Russo (1772-1820) , EPUG, Roma 1997. ISBN 88-7652-722-2 .
  • Erwin Iserloh, Josef Glazik, Hubert Jedin, Riforma e Controriforma (vol. VI della serie Storia della Chiesa , diretta da H. Jedin), Jaca Book, Milano 2001. ISBN 88-16-30246-1 .
  • Ottavia Niccoli, La vita religiosa nell'Italia moderna , Carocci editore, Roma 2002. ISBN 88-430-2412-4 .
  • John W. O'Malley, I primi gesuiti , Vita e pensiero, Milano 1999. ISBN 88-343-2511-7 .
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.
  • Adriano Prosperi, Tribunali della coscienza , Giulio Einaudi editore, Torino 1996. ISBN 88-06-12670-9 .
  • Geoffrey V. Scammel, Genesi dell'Euroimperialismo , ECIG, Genova 2000. ISBN 88-7545-871-5 .
  • Georg Schwaiger, La vita religiosa dalle origini ai nostri giorni , San Paolo, Milano 1997. ISBN 978-88-215-3345-7 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 141318503 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2369 4680 · Thesaurus BNCF 21883 · LCCN ( EN ) n79046634 · GND ( DE ) 80092-2 · BNF ( FR ) cb11872162f (data) · BNE ( ES ) XX111131 (data) · NLA ( EN ) 36584458 · BAV ( EN ) 494/20967 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79046634
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo