Constantí I

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Constantí I
Roma-Capitole-StatueConstantin.jpg
Cap del monumental acrolit de Constantí , conservat als Museus Capitolins de Roma
Cèsar i després August de l’Imperi Romà
A càrrec 25 de juliol de 306 - 22 de maig de 337
Predecessor Costanzo Cloro (per a una part dels territoris de competència administrats) i Flavio Severo (per la posició de Cèsar d'Occident)
Successor Constantí II ( Cèsar del 317 )
Constancio II ( Cèsar des del 324 )
Constant I ( Cèsar des del 333 )
Dalmazio ( cesar des del 335 )
Nom complet Flavius ​​Valerius Constantinus
Altres títols Pius Felix Invictus ( 310 [1] )
Màxim ( 312 [2] )
Víctor ( 324 [3] )
Triomfador ( 328 - 332 [4] )
Germanicus maximus IV (aproximadament entre 307 , 308 , 314 i 328 - 329 [5] [6] [7] [8] [9] )
Sarmaticus maximus III [6] ( 317 / 319 , [10] 323 [5] i 334 [5] [11] ) [7] [8] [9]
Gothicus maximus II ( 328 o 329 i 332 [5] [6] [7] [9] )
Dacicus maximus ( 336 [5] [6] )
Adiabenicus (abans del 315 [9] )
Arabicus maximus (entre 315 i 319 [10] )
Armeniacus maximus (entre 315 i 319 [10] )
Britannicus maximus (abans de 315 [9] [10] )
Medicus maximus (abans de 315 [9] [10] )
Persicus maximus (en 312 / 313 , [12] fulls 315 [9] )
Naixement Naissus , Moesia superior
( Niš moderna, Sèrbia ), 27 de febrer de 274 [13]
Mort prop de Nicomèdia a la localitat d' Achyrona , [14] Bitínia i Pont
(moderna Izmit , Turquia ), 22 de maig de 337
Enterrament Església dels Sants Apòstols a Constantinoble
Lloc d’enterrament Constantinoble
Dinastia Constantiniana
Pare Costanzo Cloro
Mare Elena
Cònjuges Minervina
Fausta
Fills Crispus ;
Constantí ;
Constantí II ;
Constanci II ;
Constant I ;
Elena

Flavius ​​Valerius Aurelius Constantine , també conegut com Constantí el Víctor , Constantí el Gran i Constantí I (en llatí : Flavius ​​Valerius Aurelius Constantinus [15] ; en grec antic : Κωνσταντῖνος ὁ Μέγας , Konstantînos o Mégas ; Naissus , 27 de febrer 274 - Nicomèdia , 22 de maig de 337 [14] ), fou un emperador romà des del 306 fins a la seva mort. Constantí és una de les figures més importants de l'Imperi Romà , que va reformar àmpliament i en la qual va permetre i afavorir la difusió del cristianisme . Entre les seves intervencions més significatives, la reorganització de l’administració i l’exèrcit, la creació d’una nova capital a l’est, Constantinoble i la promulgació de l’ edicte de Milà sobre la llibertat religiosa.

L’ Església ortodoxa i les esglésies de ritu oriental el veneren com a sant, present al seu calendari litúrgic, amb el títol d’ igual als apòstols ; mentre que el seu nom no és present en el martiri romà , el catàleg oficial de sants reconegut per l’Església catòlica . [16]

Biografia

Fonts

Les fonts primàries sobre la vida de Constantí i els fets relacionats com a emperador s'han de prendre amb la deguda cautela. La principal font contemporània la constitueix Eusebi de Cesarea , autor d’una Història eclesiàstica que no deixa d’exaltar la glòria i la noblesa de Constantí com a emperador cristià, a la qual va seguir una vida de Constantí que constitueix una autèntica hagiografia . Lactantius també, al seu De mortibus persecutorum , defineix clarament la distinció entre el piadós Constantí i el pervers Dioclecià (Salona, ​​22 de desembre de 244 - Spalato, 313). Una distinció potser no del tot desinteressada, atès que Lactancio, nascut al nord d’Àfrica en una família pagana i convertit al cristianisme, va haver de fugir precipitadament de Nicomèdia , la seu imperial de Dioclecià, a l’alba de la darrera persecució contra els cristians , el 303 . La mateixa precaució s’ha d’aplicar a la Nova història de Zosimo , pagana i anticristiana, que mostra prejudicis evidents en la direcció contrària. Finalment, l’apèndix de la història de Ottato di Milevi sobre el cisma donatista conté algunes cartes que Constantí hauria enviat als cristians del nord d’Àfrica i que, si eren autèntiques, podrien revelar alguns trets del pensament de l’emperador respecte a la qüestió cristiana.

Orígens i joventut

Arbre genealògic de la dinastia constantiniana que té Constanci Clor com a veritable progenitor.

Constantí va néixer a Naissus [17] [18] (l'actual Niš , Sèrbia ), un modest centre situat a la província romana de Moesia Superiore , fill de Constantius Chlorus , militar i polític romà d'origen il·liri [19] [20] i natural de Dardània [21] , i Elena , una dona grega originària de Drepana (més tard rebatejada Helenòpolis pel mateix Constantí en honor seu), a Bitínia (al nord-oest d'Anatòlia ) [22] , de la qual, però, és desconeguda si fos la seva dona o simplement una de les seves concubines [23] . El futur emperador era nadiu parlant de llatí i, malgrat els seus orígens hel·lènics materns, sempre va tenir dificultats per dominar el grec , tant que va haver de fer ús d’intèrprets amb parlants hel·lenofònics [24] . Se sap molt poc de la seva joventut: fins i tot la seva data de naixement és incerta i se situa generalment entre el 271 i el 275. [25] Potser és durant la seva adolescència quan se li va donar el sobrenom despectiu de Trachala , [26] per interpretar-lo en el sentit de "viscós com un cargol". [27]

El 288 Constanci va ser nomenat prefecte del pretori dels gals (és a dir, comandant militar) i el març del 293 , segons el sistema de la tetrarquia desitjat per Dioclecià , va ser nomenat Cèsar per August d'Occident, Maximià , la seva fillastra Teodora casat. Constantí va ser confiat a August d'Orient, Dioclecià, i educat a Nicomèdia a la cort de l'emperador, sota el qual va començar la seva carrera militar: va ser tribunus ordinis primo [28] i amb aquest grau va estar al seguici de Dioclecià. ell mateix en el seu viatge a Egipte a finals del 296. Posteriorment va participar activament en la campanya contra els sassànides dirigida per Galeri entre 297-298 [29] i després va tornar al servei de Dioclecià amb qui va deixar Egipte definitivament l'estiu de 302 travessant Palestina. [30] Entre el 303 i el 305 encara va lluitar a les files de l'exèrcit de Galeri a la frontera del Danubi, on es va distingir en les guerres contra els sàrmates . [31]

L'1 de maig de 305, Dioclecià va abdicar a favor del seu propi Cèsar Galeri i Maximià va fer el mateix a Occident, a favor de Constancio Cloro . Galeri va nomenar al seu nebot Maximin Daia Cèsar i va imposar a Constanci, amb el suport de Dioclecià, el nou Cèsar Flavi Sever , un oficial d’alt rang que havia servit a les files del mateix Galeri. [32] Va ser en aquest moment que Constantí es va unir al seu pare a Gran Bretanya (algunes fonts [33] diuen que Constantí va ser una autèntica fugida de Nicomèdia, on Galeri va voler mantenir-lo per garantir la lleialtat de Constanci Clor) i va dirigir amb ell algunes campanyes militars a l’illa. [34]

Aproximadament un any després, el 25 de juliol de 306, Constancio Clor va morir a prop d’ Eburacum , l’actual York. Aquí l'exèrcit, dirigit pel general germànic Croco (d'origen Alamanna ), va proclamar a Constantí el nou August d'Occident, [35] posant en perill el mecanisme de la tetrarquia, concebut per Dioclecià precisament per posar fi a l'ús ja consolidat del exèrcits de proclamar emperadors per iniciativa pròpia. Per aquest motiu, Galeri, que en aquell moment era l'únic August legítim que quedava en el càrrec, va ser inicialment escèptic en reconèixer la investidura de Constantí, però al final es va convèncer de cooptar-lo al col·legi imperial però amb el rang de Cèsar, promovent en lloc d'això, com a nou August de l'Oest Flavi Sever. [36] Constantí, per la seva banda, va acceptar la decisió de Galeri i, per demostrar com reconeixia l'autoritat de Sever com a nou superior en rang, va donar a aquest últim el control de la diòcesi ibèrica , mentre que ell continuaria sent el govern de la Gàl·lia i de Gran Bretanya. [37]

El període de la guerra civil (306-324)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra Civil Romana (306-324) .

El dolorós nomenament de Constantí a Cèsar, encara que gestionat i reabsorbit en els marcs de la tetrarquia, havia demostrat la debilitat del sistema de successió per cooptació creada per Dioclecià . De fet, el 28 d’octubre de 306 Maxenci , fill d’August emèrit Maximià, descontent d’haver estat apartat de qualsevol lloc de poder, es va fer emperador aclamat a Roma amb el suport dels pretorians, l’aristocràcia senatorial i la plebs urbana. [38] Galeri per l'ocasió va decidir actuar sense demora i amb duresa, ordenant a Sever, que residia a Milà, que marxés cap a Roma per sufocar la revolta, però, en arribar a la ciutat, les tropes al seu comandament van desertar ja que havien sabut que Maximià, per a qui havien servit abans de la seva abdicació, s'havia posat al costat del seu fill. [39] Severus, fet presoner, va morir després. [40] Galeri va intentar llavors organitzar personalment una expedició a Itàlia, però no va obtenir cap resultat i es va veure obligat a retirar-se a Illyricum. [41] Durant aquests esdeveniments, Constantí es va comprometre a la frontera renana per combatre amb èxit els francs [42] i s'havia mantingut neutral en la disputa entre Galeri i Maxenci; Per tant, Maximià va intentar convertir-lo en un aliat i, per atreure'l cap a la seva causa, es va unir a ell a Trier cap a mitjan 307, oferint-li la seva filla Fausta i el títol d'August en matrimoni: Constantí va acceptar l'oferta d'aliança i, després de al casar-se, August va proclamar August a finals d'any. [43] De tornada a Roma, Maximiano va entrar en conflicte amb Maxenci, al poder del qual ja no volia ser subordinat [44] i, obligat a fugir de la ciutat perquè les tropes havien estat fidels al seu fill, [45] a la primavera el 308 va ser rebut de nou a la cort de Constantí a la Gàl·lia. [46]

Galeri, en un intent de posar remei a la crisi institucional sorgida, el novembre del 308 va convocar una conferència a Carnuntum a la qual van participar, a més d’ell, també Maximià i, sobretot, Dioclecià. En aquesta circumstància es va crear Augusto Liciniano Licinius , un company soldat de Galeri, mentre Constantí va ser degradat de nou a Cèsar i Maximià va haver de deixar, aquesta vegada definitivament, els vestits imperials per segona vegada. Al mateix temps, Maxenci va ser declarat hostis publicus ("enemic públic"). [47]

Després de tornar privat de tot poder, Maximià va començar a complotar contra Constantí. A finals del 309, aprofitant l'absència del seu gendre, es va comprometre a sufocar un aixecament dels francs, [48] el vell Erculio es va proclamar emperador per tercera vegada i, havent assumit el comandament de les tropes estacionades a Marsella , es va castellar a la ciutat. [49] Constantí, que va tornar precipitadament de la frontera amb el Rin, el va assetjar però, fins i tot abans de començar les hostilitats, els soldats a l'interior de la ciutat es van rendir i van lliurar Maximià, a qui es va salvar la vida. [50] A principis del 310, després d'una altra trama tramada per Maximià i frustrada aquesta vegada per la seva filla Fausta, Constantí va ordenar la mort del seu sogre [51] i més tard, cap a mitjans d'any, va va decidir recuperar la possessió del títol d'August que li havia estat pres a Carnuntum, aquesta vegada obtenint el consentiment de Galeri. [52]

A la mort de Galeri el 311 , Constantí es va aliar amb Licini, mentre que Maxenci amb Massimino Daia. Constantí, ara desconfiat de Maxenci, va reunir un gran exèrcit format també per bàrbars capturats a la guerra, així com alemanys , poblacions celtes i de Gran Bretanya , es va traslladar a Itàlia a través dels Alps , 90.000 infants forts i 8.000 genets. [53] Pel camí, Constantí va deixar intactes totes les ciutats que li van obrir les portes, mentre assetjava i destruïa aquells que s'oposaven al seu avanç. [53] Després de vèncer Maxenci dues vegades, primer prop de Torí i després prop de Verona , el va derrotar finalment a la batalla de Ponte Milvio , [54] a la Saxa Rubra de la Via Flaminia , prop de Roma, el 28 d'octubre del 312 . Amb la mort de Maxenci, tota Itàlia va passar sota el control de Constantí. [55]

Durant aquesta campanya, s’hauria produït la famosa i llegendària aparició de la creu coronada per la inscripció In hoc signo vinces , cosa que hauria apropat Constantí al cristianisme . Segons Eusebi de Cesarea, aquesta aparició hauria tingut lloc prop de Torí . [56]

Cap al 318 tenia per la seva dona Fausta Costantina .

August d'Occident (313-324)

Esquema de la batalla que va tenir lloc a prop d’ Adrianòpolis el 324 , on Constantí, tot i que superat en nombre, va prevaler sobre Licinius , que va deixar 34.000 armats al camp segons Zosimo .
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Batalla d'Adrianople (324) i Batalla de Crisopoli .

L'any següent, el 313 , Massimino Daia va ser derrotat per Licinius i es va matar a si mateix. L’entrada de Nicomedia Licinius va emetre un rescrit (anomenat indegudament l’ edicte de Milà des del lloc on s’havia acordat amb Constantí), amb el qual, en nom d’ambdós August restants, també es va reconèixer la llibertat de culte a totes les religions a Orient, oficialment posant fi a les persecucions contra els cristians , l'última de les quals, iniciada per Dioclecià entre el 303 i el 304 , va acabar el 311 per ordre de Galeri, que estava a punt de morir.

El text del decret diu:

( LA )

"Cum feliciter tam ego [quam] Constantinus Augustus quam etiam ego Licinius Augustus apud Mediolanum convenissemus atque universa quae ad commoda et securitatem publicam pertinerent, in tractatu haberemus, haec inter cetera quae videbamus pluribus hominibus profutatisura, vel in primis esse ordinanda reverentia continebatur, daremus et Christianis et omnibus liberam potestatem sequendi religionm quam quisque voluisset, quod quicquid <est> divinitatis in Sede caelesti, nobis atque omnibus qui sub potestate nostra sunt constituti, placatum ac propitium possit existere "

( IT )

"Nosaltres, per tant, Costantino Augusto i Licinio Augusto, després d'haver-nos reunit de forma rendible a Milà i haver discutit tots els temes relacionats amb la seguretat i la utilitat pública, entre les disposicions que vàrem considerar útils per a moltes persones o que s'haurien d'aplicar entre les primeres, hem situat aquestes en relació amb el culte a la divinitat perquè els cristians i tots els altres tinguin la llibertat de seguir la religió que cadascú creu, de manera que la divinitat que hi ha al cel, sigui quina sigui, ens doni pau i prosperitat a tots i als nostres súbdits ".

( Lactantius , De mortibus persecutorum , capítol XLVIII )

En la seva continuació, el rescrit va ordenar la restitució immediata als cristians de tots els llocs de culte i de qualsevol altra propietat de les esglésies.

Constantí i Licini, que s'havien casat amb la seva germana Costanza , van entrar en conflicte per primera vegada el 314 (després de la reconciliació, l'Il·líric va passar a Constantí) i de nou el 323 . Després de la derrota de Licini, que es va rendir després de les batalles d' Adrianòpolis i Crisopoli [57] el 324 i posteriorment va ser assassinat, [58] Constantí va continuar sent l'únic august del poder. [59]

Emperador únic (324-337)

Aquest període va començar amb una sèrie de matances, començant per la del seu antic rival Licini , que va tenir lloc el 325 . L'any següent, Constantí va matar a Pola el seu primogènit Crispo , fill de Minervina , per una presumpta relació amb Fausta i també Liciniano, fill de la seva germana Costanza i Licinius. Llavors, la seva dona Fausta també va ser assassinada sufocada o ofegada al bany termal, escalfat més enllà de la temperatura normal. La llegenda explica que Crispo va ser eliminat arran de l'acusació de Fausta d'haver-la minat i, per tant, l'emperadriu també va ser executada quan Constantí va reconèixer la innocència del seu fill. Potser tots dos eren víctimes de falsos informadors o Fausta volia assegurar l'eliminació dels rivals dels seus propis fills com a successors de Constantí. [59] El remordiment de Constantí per aquestes morts el va apropar al cristianisme, l'única religió que garantia el perdó dels pecats, segons el que el seu controvertit successor Julià informa als Cèsars . Constantí va ser batejat al llit de mort el 22 de maig de 337 [60] .

Una nova capital: Constantinoble

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Constantinoble .

També el 326 es van iniciar les obres de construcció de la nova capital Nova Roma (Nova Roma) al lloc de l’antiga ciutat de Bizanci , dotant-la d’un senat i d’oficines públiques similars a les de Roma.

El lloc va ser escollit com a capital el 324 per les seves excepcionals qualitats defensives i per la seva proximitat a les fronteres orientals amenaçades i els danubians . A més, un detall no secundari, va permetre a Constantí escapar de la invasiva, arrogant i irritant influència dels aristòcrates presents al Senat romà , que entre altres coses eren encara pagans, a diferència de l’emperador. [61] La ciutat es va inaugurar el 330 i aviat va prendre el nom de Constantinoble . En comparació amb la ciutat vella, la nova era quatre vegades més gran: on hi havia una antiga porta, Constantí va col·locar un forat circular , també va moure les seves parets cap a l'oest per 15 estadis . [62] Va ser aquí on Constantí va ser batejat abans de morir: el seu cos va ser traslladat i enterrat a l' església dels Sants Apòstols . [14] La ciutat (ara Istanbul ) seguirà sent la capital de l' Imperi Romà d'Orient fins al 1453 .

Administració

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Diòcesi (Imperi Romà) i Prefectura pretoriana .

Reprenent la divisió de la reforma tetrarquica diocleciana que preveia dos augustos i dos cèsars , l'Imperi es va redissenyar i es va dividir en quatre prefectures , totes encapçalades per un sol emperador : [63]

Dins d’aquestes prefectures mantenia el poder civil i polític estrictament separat del militar: la jurisdicció civil i judicial era confiada a un prefecte del pretori , al qual estaven subordinats els vicaris de les diòcesis i els governadors de les províncies . Els prefectes van ser, per tant, parcialment privats del poder militar, [65] deixant-los encara tasques de logística militar , [66] i es van convertir en administradors de les grans prefectures en què es dividia l'imperi. Van realitzar les funcions següents: [67]

  1. l'administració suprema de justícia i finances (també suporta les despeses militars [68] ).
  2. la sol·licitud i, en alguns casos, la modificació dels edictes generals.
  3. control dels governadors de les províncies, que en cas de negligència o corrupció eren acomiadats i / o castigats.
  4. A més, el tribunal del prefecte podia jutjar qualsevol assumpte important, civil o penal, i la seva sentència es va considerar definitiva, fins al punt que ni els emperadors es van atrevir a queixar-se de la sentència del prefecte.

Constantí va compensar la importància i el poder dels prefectes pretorians amb el curt termini del càrrec. Cada prefectura, dividida en tretze diòcesis , de les quals una (oriental) estava governada per un comte d’orient, una altra ( Egipte ) per un prefecte august, i les altres onze per tants vicaris o subprefectes, sotmesos a la autoritat del prefecte pretori. [69] Cada diòcesi es va subdividir en províncies .

L'aparell burocràtic es va racionalitzar i es va dividir entre els assumptes de la cort, confiats a quatre alts dignataris, i els assumptes de l'Estat, confiats a tres alts funcionaris: aquests, juntament amb els prefectes urbans, constituïen el Concistorium principis o Sacrum concistorium (" Consell del Príncep "o" Col·legi Sagrat ").

Els quatre dignataris que regulaven les activitats del tribunal eren:

  • el comes rerum privatarum ("ministre dels afers privats"), que s'encarregava de gestionar la riquesa privada de l'emperador [70] ,
  • el praepositus sacri cubiculi ("preboste del cubicle sagrat"), una mena de gran camarlenc que tractava la vida de la cort imperial i de la qual depenien cortesans i esclaus,
  • dos comites domesticorum ("ministre dels criats"), un responsable del personal que realitzava el seu servei a peu i l'altre del personal a cavall i de la guàrdia imperial.

Els tres alts càrrecs responsables de l'administració de l'Estat eren:

  • el magister officiorum ("mestre d'oficines"), una cancelleria que s'ocupava de l'administració interna i les relacions externes,
  • el qüestor sacri palatii ("qüestor del palau sagrat"), amb competència en matèria de dret i justícia, que també va dirigir el "Consell del Príncep",
  • el comes sacrarum largitionum ("ministre de les donacions sagrades"), que s'ocupava de qüestions financeres estatals.

La política administrativa de Constantí és controvertida i, en particular, va ser durament criticada per l’historiador il·lustrat Edward Gibbon , autor d’ Història de la decadència i caiguda de l’Imperi Romà (obra composta entre el 1776 i el 1788), cosa que dóna a Constantí un aspecte extremadament negatiu. Per a Gibbon a l'època de Constantí: es va establir un poderós sistema burocràtic que encunyava oficis desconeguts fins aleshores (magnífics, il·lustres, comtals, ducs, etc.), per tal de crear un control opressiu i d'espionatge a totes les províncies; els pretorians eren desproporcionats i eren d'origen armeni, amb cuirasses de plata i or; la capital es va traslladar de Roma a Constantinoble (saquejant importants obres de Fidies i altres escultors de la Grècia clàssica) va accentuar la marginació del Senat romà; la desorbitada imposició va acabar despoblant fins i tot una de les regions més productives (Campània) a Itàlia; a més, es va accentuar la desintegració de l'exèrcit romà, tant amb el nomenament de bàrbars al màxim comandament militar, com amb la penalització econòmica dels soldats que protegien la frontera ( limes ) de les invasions. En general, per Gibbon, ni Calígula ni Neró van causar més danys a l'imperi de Constantí.

Política exterior i fronteres

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: campanyes germànic-sarmàtiques de Constantí , Roman Limes , Devil's Dam i Brazda lui Novac (limes) .
Les fronteres romanes del nord i de l’ est a l’època de Constantí, amb els territoris adquirits durant els trenta anys de campanyes militars (del 306 al 337 ). El mapa anterior també representa el món romà poc després de la mort de Constantí ( 337 ), amb els territoris "dividits" entre els seus tres fills ( Constant I , Constantí II i Constanci II ) i dos néts ( Dalmazio i Annibaliano )

Ja en el moment en què havia estat César a Occident, al voltant dels anys 306 - 310 , [71] Constantino aconseguit grans èxits militars al alamanes i francs , dels quals es diu que va aconseguir la captura dels seus reis, donades a les bèsties durant els jocs gladiadors. [72]

Havent esdevingut l'únic August a Occident el 313, va rebutjar una nova invasió dels francs a la Gàl·lia . [71] Després d'una primera crisi amb Licinius , al final de la qual els dos Augustos van trobar un nou equilibri estratègic el 317 , va obtenir nous èxits contra el poble bàrbar al llarg del Danubi . De fet, va derrotar tant als sarmats Iazigi el 322 [5] [73] com als gots el 323 . [73]

Després de la 316 / 317 , després d'haver obtingut a partir de Licini també l ' Illirico , Constantine no només va rebutjar nombroses incursions de Sarmati Iazyges i Goti (entre els anys 322 [73] i 332 ), però pot haver començat la construcció de dues noves seccions de llimes : el primer de la plana hongaresa anomenat presa del Diable , format per una sèrie de terraplens que connectaven el riu Tisza des d’ Aquincum , després giraven cap al sud i connectaven el riu Mureș , al llarg del Banat fins al Danubi a Viminacium ; [74] la segona al sud de Romania anomenada Brazda lui Novac , que anava paral·lela al nord del curs inferior del Danubi , des de Drobeta fins a la plana de la Valàquia oriental gairebé fins al riu Siret . [74]

Divenuto unico augusto nel 324 , affidò ai figli la difesa dell'Occidente contro Franchi e Alamanni (contro i quali ottenne nuovi successi nel 328 [75] e il titolo di Alamannicus maximus , insieme con Costantino II [6] ) mentre lui stesso combatteva sul confine danubiano i Goti ( 332 [7] ) ei Sarmati ( 335 [7] [8] ). Divise l'impero tra i figli assegnando a Costantino II Gallia, Spagna e Britannia, a Costanzo II le province asiatiche , l' Oriente e l' Egitto ea Costante I l'Italia, l'Illirico e le province africane. Alla sua morte nel 337 si preparava ad affrontare in Oriente i Persiani .

Costantino nei suoi oltre trent'anni di regno aveva aspirato a riconquistare, non solo tutti i territori appartenuti all' Impero di Traiano , [76] ma soprattutto a diventare il protettore di tutti i Cristiani anche oltre le frontiere imperiali . Egli, infatti, costrinse molte delle popolazioni barbariche sottomesse a nord del Danubio , a sottoscrivere clausole religiose dopo averle battute più e più volte , come nel caso dei Sarmati e dei Goti . Identica sorte sarebbe toccata al regno d'Armenia e ai Persiani se non fosse morto nel 337 . [77]

Esercito

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma costantiniana dell'esercito romano .
Mappa della ex- Dacia romana con il suo complesso sistema di fortificazioni e difesa . In grigio la cosiddetta diga del Diavolo ea destra (in verde) il Brazda lui Novac , di epoca costantiniana.

Le prime vere modifiche apportate da Costantino nella nuova organizzazione dell' esercito romano , furono effettuate subito dopo la vittoriosa battaglia di Ponte Milvio contro il rivale Massenzio nel 312 . Egli infatti sciolse definitivamente la guardia pretoriana e il reparto di cavalleria degli equites singulares e fece smantellare l'accampamento del Viminale . [78] Il posto dei pretoriani fu sostituito dalla nuova formazione delle schole palatine , le quali ebbero lunga vita poi a Bisanzio ormai legate alla persona dell'imperatore e destinate a seguirlo nei suoi spostamenti, e non più alla Capitale. [79]

Una nuova serie di riforme furono poi portate a termine una volta divenuto unico Augusto , subito dopo la sconfitta definitiva di Licinio nel 324 . [79] La guida dell'esercito fu sottratta ai prefetti del pretorio , e ora affidata a: il magister peditum (per la fanteria ) e il magister equitum (per la cavalleria ). [65] I due titoli potevano tuttavia essere riuniti in una sola persona, tanto che in questo caso la denominazione della carica si trasformava magister peditum et equitum o magister utriusque militiae [80] (carica istituita verso la fine del regno, con due funzionari praesentalis [81] ). I gradi più bassi della nuova gerarchia militare prevedevano, oltre ai soliti centurioni e tribuni , anche i cosiddetti duces , [65] i quali avevano il comando territoriale di specifici tratti di frontiera provinciale , a cui erano affidate truppe di limitanei . Costantino, inoltre, sempre secondo Zosimo , rimosse dalle frontiere la maggior parte dei soldati e li insediò nelle città (si tratta della creazione dei cosiddetti comitatensi ): [82]

«[...] città che non avevano bisogno di protezione, privò del soccorso quelle minacciate dai barbari [lungo le frontiere] e procurò alle città tranquille il danno generato dalla soldataglia, per questi motivi molte città risultano deserte. Lasciò anche che i soldati rammollissero, frequentando i teatri, e abbandonandosi alla vita dissoluta.»

( Zosimo , Storia nuova , II, 34.2. )

Nell'evoluzione successiva il generale in campo svolse sempre più le funzioni di una sorta di ministro della guerra, mentre vennero create le cariche del magister equitum praesentalis e del magister peditum praesentalis ai quali veniva affidato il comando effettivo sul campo.

Monetazione

Nel 309 - 310 Costantino introdusse una riforma monetaria, necessaria anche per fare fronte alla scarsità di monete d'oro. Venne, quindi, introdotto il solidus d'oro, con un peso di 4,54 g pari a 1/72 di libbra, cioè più leggero (anche se più largo e sottile) dell' aureo , che in quel momento valeva 1/60 di libbra. Si ritornò inoltre al sistema bimetallico di Augusto coniando la siliqua d'argento, di 2,27 g pari a 1/144 di libbra: il miliarense , con un valore doppio della siliqua, aveva quindi lo stesso peso del solidus . Per quanto riguarda i bronzi, il follis , ormai fortemente svalutato, venne sostituito da una moneta di 3 g, detto nummus centonionalis , cioè 1/100 di siliqua.

Fu una riforma duratura, tanto che il peso aureo del solido introdotto con la riforma di Costantino rimase invariato per secoli anche durante l'impero bizantino. Ma a livello sociale le conseguenze furono catastrofiche: tutti coloro che non avevano accesso alla nuova moneta d'oro, infatti, dovettero subire le conseguenze dell'inflazione, a causa di una svalutazione rispetto al solidus delle altre monete d'argento e di rame, che non erano più protette dallo Stato. Il risultato fu una insuperabile spaccatura tra una minoranza privilegiata di ricchi e la massa dei poveri [83] .

Morte e successione

Albero genealogico della dinastia costantiniana : i discendenti di Costantino.

Costantino morì il 22 maggio 337 non molto lontano da Nicomedia (in località Achyrona ), [14] mentre preparava una campagna militare contro i Sasanidi . Egli preferì non nominare un unico erede, ma dividere il potere tra i suoi tre figli cesari Costante I , Costantino II e Costanzo II e due nipoti Dalmazio e Annibaliano . [84] Costanzo, che era impegnato in Mesopotamia settentrionale a supervisionare la costruzione delle fortificazioni frontaliere, [85] si affrettò a tornare a Costantinopoli , dove organizzò e presenziò alle cerimonie funebri del padre: con questo gesto rafforzò i suoi diritti come successore e ottenne il sostegno dell' esercito , componente fondamentale della politica di Costantino. [86]

Durante l'estate del 337 si ebbe un eccidio, per mano dell'esercito, dei membri maschili della dinastia costantiniana e di altri esponenti di grande rilievo dello stato: solo i tre figli di Costantino e due suoi nipoti bambini ( Gallo e Giuliano , figli del fratellastro Giulio Costanzo ) furono risparmiati. [87] Le motivazioni dietro questa strage non sono chiare: secondo Eutropio Costanzo non fu tra i suoi promotori ma non tentò certo di opporvisi e condonò gli assassini; [88] Zosimo invece afferma che Costanzo fu l'organizzatore dell'eccidio. [89] Nel settembre dello stesso anno i tre cesari rimasti (Dalmazio e Annibaliano furono vittime della purga) si riunirono a Sirmio in Pannonia , dove il 9 settembre furono acclamati imperatori dall'esercito e si spartirono l'Impero: Costanzo si vide riconosciuta la sovranità sull'Oriente, Costante sull'Illirico e Costantino II sulla parte più occidentale (Gallie, Hispania e Britannia). La divisione del potere tra i tre fratelli durò poco: Costantino II morì nel 340 , mentre cercava di rovesciare Costante, e Costanzo guadagnò i Balcani ; nel 350 Costante fu rovesciato dall'usurpatore Magnenzio , e Costanzo divenne unico imperatore.

Costantino e il Cristianesimo

Icona ortodossa bulgara con l'imperatore e la madre Elena e la " vera croce ".

Il comportamento costantiniano in tema di religione ha dato spazio a molte controversie fra gli storici; controversie particolarmente aspre quando essi hanno preteso di valutare non solo il comportamento pubblico, ma le sue convinzioni interiori. In alternativa all'opinione tradizionale, secondo cui Costantino si sarebbe convertito al cristianesimo poco prima della battaglia di Ponte Milvio, è stata, invece, asserita una sua costante adesione al culto solare, mettendo in dubbio perfino il battesimo in punto di morte.

Secondo altri, poi, la religione sarebbe stata per Costantino un puro e semplice instrumentum regni . Lo storico svizzero Jacob Burckhardt , per esempio, afferma: «Nel caso di un uomo geniale, al quale l'ambizione e la sete di dominio non concedono un'ora di tregua, non si può parlare di cristianesimo o paganesimo, di religiosità o irreligiosità consapevoli: un uomo simile è essenzialmente areligioso, e lo sarebbe anche se egli immaginasse di far parte integrante di una comunità religiosa» [90] . Secondo altri ancora, poi, occorre distinguere fra convinzioni private e comportamento pubblico, vincolato dalla necessità di conservare il consenso delle proprie truppe (se non dei propri sudditi), qualunque ne fosse l'orientamento religioso. Da questo punto di vista è utile distinguere fra il comportamento di Costantino antecedente e quello successivo alla battaglia di Crisopoli , grazie alla quale conseguì il dominio assoluto sull'impero.

Che Costantino si sia progressivamente avvicinato al cristianesimo trova comunque d'accordo molti studiosi di quell'epoca [91] . Tra costoro, il grande archeologo e storico di estrazione marxista Paul Veyne sostiene con sicurezza l'autenticità della conversione di Costantino, ricordando, con JB Bury, che la sua « rivoluzione [...] fu forse l'atto più audace mai compiuto da un autocrate in spregio alla grande maggioranza dei suoi sudditi ». E ciò in considerazione del fatto che la popolazione cristiana era circa il 10% del totale nel futuro Impero Romano d'Occidente.

Paul Veyne ha inoltre proposto un'interessante teoria per tentare di spiegare in modo razionale il fenomeno leggendario della visione che potrebbe aver spinto Costantino a una conversione solo apparentemente improvvisa. L'eminente studioso ipotizza che un sogno abbia potuto avere azione catalitica su un terreno psicologico predisposto da esperienze e suggestioni vissute precedentemente [92] .

È comunque fuori di dubbio la sincerità costantiniana nella ricerca dell'unità e concordia della Chiesa, la cui necessità derivava da un preciso disegno politico che considerava l'unità del mondo cristiano condizione indispensabile alla stabilità della potenza imperiale. Costantino infatti interpretava in senso cristiano l'antico tema, caro alla Roma imperiale pagana, della pax deorum , nel senso che la forza dell'impero non derivava semplicemente dalle azioni di un principe illuminato, da una saggia amministrazione e dall'efficienza di un ben strutturato e disciplinato esercito, ma direttamente dalla benevolenza di Dio. Mentre però, nella religione romana, vi era un diretto rapporto tra il potere imperiale e le divinità, l'imperatore cristiano non poteva ignorare la Chiesa, un'istituzione che, tramite i suoi vescovi, era l'unica mediatrice della fonte divina del potere, e Costantino non poteva fare a meno di essere coinvolto nelle lotte teologiche della Chiesa. Su una tale base ideologica, questa ricerca dell'unità e della concordia dei cristiani comportava quindi anche interventi molto duri nei confronti di coloro che lo stesso imperatore considerava eretici, che erano trattati come, se non più duramente, dei pagani. I conflitti teologici si trovarono dunque ad avere una ricaduta politica, mentre d'altra parte le sorti interne dell'Impero erano sempre più dipendenti dai risultati delle lotte teologiche; gli stessi vescovi, infatti, sollecitavano continuamente l'intervento dell'imperatore per la corretta applicazione delle decisioni dei concili, per la convocazione dei sinodi e anche per la definizione di controversie teologiche: ogni successo di una fazione comportava la deposizione e l'esilio dei capi della fazione opposta, con i metodi tipici della lotta politica [93] .

Il contesto religioso

Nel III secolo la religione pagana si era fortemente trasformata: sulla spinta della insicurezza dei tempi e dell'influsso dei culti di origine orientale, le sue caratteristiche pubbliche e ritualistiche avevano sempre più perso di significato di fronte a una più intensa e personale spiritualità. Si era andato diffondendo un sincretismo venato di monoteismo e si tendeva a vedere nelle immagini degli dei tradizionali l'espressione di un unico essere divino.

Una forma politica a questa aspirazione sincretistica fu data dall'imperatore Aureliano ( 275 ), con l'istituzione del culto ufficiale del Sol Invictus ("Sole Invitto"), con elementi del mitraismo e di altri culti solari di origine orientale. Il culto era diffuso nell'esercito, soprattutto nell'occidente, ea esso non furono estranei né Costanzo Cloro , il padre di Costantino, né Costantino stesso. [94]

Costantino fu certamente il primo a comprendere l'importanza della nuova religione cristiana per rafforzare la coesione culturale e politica dell'impero romano.

La religione nelle monete di Costantino

Moneta di Costantino, con una rappresentazione del Sol Invictus e l'iscrizione SOLI INVICTO COMITI, "al Sole Invitto compagno"
Moneta di Costantino (ca.327) con la rappresentazione del monogramma di Cristo sopra il labaro imperiale

Le monete coniate da Costantino forniscono indirettamente notizie sull'atteggiamento pubblico di Costantino verso i culti religiosi. Quando ancora ricopriva il ruolo di Cesare, alcune emissioni si inserirono nel classico filone della Tetrarchia, con dediche «al Genio del Popolo Romano» ("Gen Pop Romani"), provenienti specialmente dalla zecca di Londinium (Londra). Ancora per alcuni anni dopo la battaglia di Ponte Milvio le zecche orientali (Alessandria, Antiochia, Cyzicus, Nicomedia, ecc.) continuarono a produrre monete dedicate «a Giove salvatore» ( Iovi conservatori ); nello stesso periodo le monete delle zecche occidentali (Arles, Londra, Lione, Augusta Treverorum , Pavia, ecc) continuarono a coniare monete dedicate «al Sole invitto compagno» e, nel caso della zecca di Pavia, anche «a Marte salvatore» ( Marti Conservatori ) e «a Marte Protettore della Patria» ( Marti Patri Conservatori ).

L'attributo «compagno» riferito al Sole, che manca in monete analoghe di precedenti imperatori, è singolare e occorre chiedersene il significato. Normalmente viene interpretato come «al compagno (di Costantino), il Sole Invitto»; indicherebbe quindi una indiretta deificazione dell'imperatore stesso. Il vero significato, però, potrebbe anche essere completamente diverso. Nell'età imperiale, infatti, la parola latina comes , oltre che «compagno» indicava un funzionario imperiale e perciò da essa è derivato il titolo nobiliare « conte ». Alle orecchie dei cristiani, quindi, questa strana legenda poteva ricordare che il sole non era un dio, ma una potenza subordinata alla divinità suprema. A sua volta l'imperatore si presentava come l'autorità suprema in terra allo stesso modo come il sole lo era in cielo; autorità, però, entrambe subordinate.

Questa interpretazione è confermata dall'emissione del 316 (durante la prima guerra civile contro il pagano Licinio), la cui legenda recita: SOLI INVIC COM DN ( soli invicto comiti domini ), che potrebbe essere tradotto come «al sole invitto compagno del signore», ma che sembra più logico tradurre «al sole invitto, ministro del Signore».

Verso il 319 la maggior parte delle zecche sia in oriente sia in occidente passarono a emissioni laiche benaugurali, fra cui per prima quella con la legenda «Liete vittorie al principe perpetuo» ( Victoriae laetae prin. perp .).Da quell'anno dalle monete bronzee di Costantino iniziano a sparire gli dei tradizionali, come Elio, Marte, Giove, sostituiti dall'immagine solitaria dell'imperatore, che volge gli occhi verso l'alto, ad una generica divinità, che può essere interpretata sia come Cristo che come Giove. La monetazione aurea invece mantiene ancora a lungo gli dei tradizionali, forse perché rivolta ai patrizi ea persone di rango elevato, ancora legate alla religione tradizionale

Le monete con simboli cristiani o supposti tali sono rare e costituiscono solo circa l'1% delle tipologie conosciute. La zecca di Pavia ( Ticinum ) coniò nel 315 un medaglione d'argento in cui il monogramma di Cristo era riprodotto sopra l'elmo piumato dell'imperatore. Solo dopo la vittoria su Licinio compare la tipologia con il labaro imperiale e il monogramma di Cristo, che trafiggono un serpente, simbolo appunto di Licinio, [95] e simultaneamente scompaiono del tutto dalle monete sia le immagini del sole invitto sia la corona radiata , altro simbolo apollineo e solare.

Nel 326 appare il diadema, simbolo monarchico di derivazione ellenistica, e poco dopo il sovrano viene raffigurato con lo sguardo rivolto in alto, come nei ritratti ellenistici , a simboleggiare il contatto privilegiato tra l'imperatore e la divinità.

L' ambiguitas constantiniana

Quanto sopra osservato a proposito delle monete di Costantino, cioè la volontà imperiale di presentarsi come un prediletto dal cielo, senza, però, mettere in chiaro quale fosse la divinità, può essere rilevato in molti altri aspetti dell'impero di Costantino.

Il ruolo determinante giocato da Costantino nell'ambito della chiesa cristiana (ad esempio tramite la convocazione di concili e il presiederne i lavori) non deve oscurare il fatto che Costantino svolse funzioni analoghe nell'ambito di altri culti. Egli infatti mantenne la carica di pontefice massimo della religione pagana; carica che era stata di tutti gli imperatori romani a partire da Augusto . Lo stesso fecero i suoi successori cristiani fino al 375 .

Anche la battaglia di Ponte Milvio , con cui nel 312 Costantino sconfisse Massenzio , diede origine a leggende discordanti, che, però, potrebbero risalire tutte a Costantino, sempre attento a presentarsi come prescelto dalla divinità, qualunque essa fosse. Per queste leggende si veda la voce in hoc signo vinces .In questo senso si spiegano sia l'editto imperiale di tolleranza o l'editto di Milano del 313 (conferma rafforzata di un editto di Galerio del 30 aprile 311 ), sia l'iscrizione sull' arco di Costantino : entrambi citano una generica "divinità", che poteva dunque essere identificata sia con il Dio cristiano, sia con il dio solare. L'ambiguità dell'Editto di Milano, però, è ovvia, dato che esso fu proclamato dal pagano Licinio.

Costantino perseguiva probabilmente il proposito di riavvicinare i culti presenti nell'impero, nel quadro di un non troppo definito monoteismo imperiale. Vi fu una grande confusione da parte degli osservatori esterni del cristianesimo che portò molti ad identificare i cristiani come adoratori del sole. Molto prima che Eliogabalo ei suoi successori diffondessero a Roma il culto siriaco del Sol invictus , molti romani ritenevano che i cristiani adorassero il sole:

«Gli adoratori di Serapide sono cristiani e quelli che sono devoti al dio Serapide chiamano se stessi Vicari di Cristo»

( Adriano )

«…molti ritengono che il Dio cristiano sia il Sole perché è un fatto noto che noi preghiamo rivolti verso il Sole sorgente e che nel Giorno del Sole ci diamo alla gioia»

( Tertulliano , Ad nationes, apologeticum, de testimonio animae )

Questa confusione era senz'altro favorita dal fatto che Gesù era risorto nel primo giorno della settimana, quello dedicato al sole, e perciò i cristiani avevano l'abitudine di festeggiare proprio in quel giorno (oggi chiamato domenica ):

«Nel giorno detto del Sole si radunano in uno stesso luogo tutti coloro che abitano nelle città o in campagna, si leggono le memorie degli apostoli o le scritture dei profeti, per quanto il tempo lo consenta; poi, quando il lettore ha terminato, il presidente istruisce a parole ed esorta all'imitazione di quei buoni esempi. Poi ci alziamo tutti e preghiamo e, come detto poco prima, quando le preghiere hanno termine, viene portato pane, vino e acqua, e il presidente offre preghiere e ringraziamenti, secondo la sua capacità, e il popolo dà il suo assenso, dicendo Amen . Poi viene la distribuzione e la partecipazione a ciò che è stato dato con azioni di grazie, ea coloro che sono assenti viene portata una parte dai diaconi . Coloro che possono, e vogliono, danno quanto ritengono possa servire: la colletta è depositata al presidente, che la usa per gli orfani e le vedove e per quelli che, per malattia o altre cause, sono in necessità, e per quelli che sono in catene e per gli stranieri che abitano presso di noi, in breve per tutti quelli che ne hanno bisogno.»

( Giustino , II secolo )

Questa scelta liturgica era inevitabile. Il giorno del sole, infatti, non solo era proprio il primo della settimana, quello in cui Gesù era risorto, ma anche aveva una valenza metaforica teologicamente e scritturalmente corretta. L'abitudine di chiamare tale giorno "giorno del Signore" ( dies dominica , da cui, appunto il nome domenica) compare per la prima volta alla fine del primo secolo (Apocalisse 1, 10 [96] ) e poco dopo nella didaché , prima cioè che il culto del Sol Invictus prendesse piede.

Anche la decisione di celebrare la nascita di Cristo in coincidenza col solstizio d'inverno ha dato origine a molte controversie, dato che le date di nascita di Gesù fornite dai Vangeli sono imprecise e di difficile interpretazione. Le prime notizie di feste cristiane per celebrare la nascita di Cristo risalgono circa all'anno 200. Clemente Alessandrino riporta diverse date festeggiate in Egitto, che sembrano coincidere con l'Epifania o col periodo pasquale (cfr. Data di nascita di Gesù ). Nel 204 circa, invece, Ippolito di Roma propone il 25 dicembre (e la correttezza storica di tale scelta sembrerebbe essere stata approssimativamente confermata da recenti scoperte [97] ). La decisione delle autorità romane, tuttavia, di uniformare la data delle celebrazioni proprio il 25 dicembre potrebbe essere stata stabilita in buona parte per motivi "politici" in modo da congiungersi e sovrapporsi alle feste pagane dei Saturnali e del Sol invictus .

La confusione delle date liturgiche fra i culti continuò per un certo periodo , anche perché ovviamente l' editto di Tessalonica , che proibiva i culti diversi dal cristianesimo, non determinò la conversione immediata dei pagani. Ancora ottanta anni dopo, nel 460, il papa Leone I sconsolato scriveva:

«È così tanto stimata questa religione del Sole che alcuni cristiani, prima di entrare nella Basilica di San Pietro in Vaticano , dopo aver salito la scalinata, si volgono verso il Sole e piegando la testa si inchinano in onore dell'astro fulgente. Siamo angosciati e ci addoloriamo molto per questo fatto che viene ripetuto per mentalità pagana. I cristiani devono astenersi da ogni apparenza di ossequio a questo culto degli dei.»

( Papa Leone I , 7° sermone tenuto nel Natale del 460 - XXVII-4 )

La sovrapposizione fra culto solare e culto cristiano ha dato origine a molte controversie, tanto che alcuni hanno sostenuto che il cristianesimo sia stato pesantemente influenzato dal mitraismo e dal culto del Sol invictus o addirittura trovi in essi la sua radice vera. Questa ipotesi si forma durante il Rinascimento , ma si è diffusa negli ultimi decenni del XX secolo , tanto da essere considerata (se non accettata) perfino negli ambienti più progressisti delle chiese cristiane. Un esempio di questa ipotesi ce lo fornisce il vescovo siriano Jacob Bar-Salibi che, alla fine del XII secolo , scrive: [98]

«Era costume dei pagani celebrare al 25 dicembre la nascita del Sole, in onore del quale accendevano fuochi come segno di festività. Anche i Cristiani prendevano parte a queste solennità. Quando i dotti della Chiesa notarono che i Cristiani erano fin troppo legati a questa festività, decisero in concilio che la "vera" Natività doveva essere proclamata in quel giorno.»

( Jacob Bar-Salibi )

Anche l'allora cardinale Joseph Ratzinger (poi papa Benedetto XVI ) parla della cristianizzazione della festa antico romana dedicata al sole e agli dei che lo rappresentavano. [99]

Nel 321 fu introdotta la settimana di sette giorni e fu decretato come giorno di riposo il dies Solis (il "giorno del Sole", che corrisponde alla nostra domenica ).

( LA )

«Imperator Constantinus.Omnes iudices urbanaeque plebes et artium officia cunctarum venerabili die solis quiescant. ruri tamen positi agrorum culturae libere licenterque inserviant, quoniam frequenter evenit, ut non alio aptius die frumenta sulcis aut vineae scrobibus commendentur, ne occasione momenti pereat commoditas caelesti provisione concessa. * Const. A. Helpidio. * <a 321 PP. V NON. MART. CRISPO II ET CONSTANTINO II CONSS.>»

( IT )

«Nel venerabile giorno del Sole, si riposino i magistrati e gli abitanti delle città, e si lascino chiusi tutti i negozi. Nelle campagne, però, la gente sia libera legalmente di continuare il proprio lavoro, perché spesso capita che non si possa rimandare la mietitura del grano o la cura delle vigne; sia così, per timore che negando il momento giusto per tali lavori, vada perduto il momento opportuno, stabilito dal cielo.»

( Codice giustinianeo 3.12.2 )

Benché dopo la sconfitta di Licinio il cristianesimo di Costantino trovi sempre più conferme pubbliche, occorre non dimenticare che: «Mentre egli e sua madre abbelliscono la Palestina e le grandi città dell'impero di sfarzosissime chiese, nella nuova Costantinopoli egli fa costruire anche dei templi pagani. Due di questi, quello della Madre degli dèi e quello dei Dioscuri, possono essere stati semplici edifici decorativi destinati a contenere le statue collocatevi come opere d'arte, ma il tempio e la statua di Tyche, personificazione divinizzata della città, dovevano essere oggetto di un vero e proprio culto». [100]

Probabilmente il progetto politico di Costantino di tollerare il Cristianesimo, se non frutto di una conversione personale autentica, nacque dalla presa d'atto del fallimento della persecuzione contro i cristiani scatenata da Diocleziano . La sconfitta così clamorosa di Diocleziano aveva dovuto persuadere Costantino che l'Impero aveva bisogno di una nuova base morale che la religione tradizionale era incapace di offrirgli. Bisognava, quindi, trasformare la forza potenzialmente disgregante delle comunità cristiane, dotate di grandi capacità organizzative oltre che di grande entusiasmo, in una forza di coesione per l'Impero. Questo è il senso profondo della svolta costantiniana, che finì per chiudere la fase movimentista del cristianesimo trascendente e aprire quella del cristianesimo politicamente trionfante. Dal 313 in poi i cristiani furono inseriti sempre di più nei gangli vitali del potere imperiale. Inoltre, alla Chiesa cristiana, già alimentata cospicuamente dal flusso delle contribuzioni spontanee dei fedeli, furono concesse numerose esenzioni e privilegi fiscali, moltiplicandone la ricchezza. Dopo l'esercito, la Chiesa cristiana grazie a Costantino stava diventando il secondo pilastro dell'Impero. [101]

La leggenda della donazione costantiniana

Secondo una tarda leggenda medievale, Costantino, dopo la battaglia di Ponte Milvio, fece dono a papa Silvestro I (convinto di essere stato da lui guarito dalla lebbra ), dello splendido Palazzo Laterano (di proprietà della moglie Fausta), consegnando così al papa romano la città di Roma e dando avvio, con quell'atto di devoluzione, al potere temporale dei papi, [102] ma la cosiddetta Donazione di Costantino (nota in latino come "Constitutum Constantini", ossia "decisione", "delibera", "editto") è un documento apocrifo conservato in copia nelle Decretali dello Pseudo-Isidoro (IX secolo) e, come interpolazione, in alcuni manoscritti del Decretum di Graziano (XII secolo). Nel 1440 il filologo italiano Lorenzo Valla [103] dimostrò in modo inequivocabile come il documento fosse un falso.

Colonna di Costantino I a Costantinopoli . Sotto di essa l'imperatore avrebbe posto amuleti pagani e reliquie cristiane a protezione della città

La leggenda della donazione quindi probabilmente voleva dare un fondatore illustre, il primo imperatore cristiano, al successivo disegno politico di imporre il Cristianesimo come unica religione ufficiale dell'impero romano. Tale sviluppo però ebbe luogo solo a partire dall'epoca tarda, con Graziano e Teodosio quindi verso la fine del IV secolo ( 391 ). Dopo la caduta dell'Impero d'occidente, nel 476, la "donazione" divenne la base giuridica del Papato per legittimare il proprio potere temporale sulla città di Roma e la sua indipendenza dall'imperatore.

La conversione

Costantino mantenne il titolo di Pontifex Maximus che gli spettava come imperatore e condusse una politica di mediazione tra i vari culti dell'impero e anche tra le diverse correnti del nascente cristianesimo. L'anziano imperatore ricevette il battesimo cristiano solo in punto di morte; [14] [104] [105] [106] [107] ; fu un suo consigliere, il vescovo ariano Eusebio di Nicomedia , a battezzarlo. [108] . Alcuni storici, però, ritengono che questo racconto possa essere stato tramandato per motivi politico-religiosi e propagandistici. [109] . Va detto che il battesimo ricevuto sul letto di morte da catecumeno era un'usanza del tempo, quando non essendo stato ancora riconosciuto il sacramento della confessione si preferiva annullare tutti i propri peccati prima della morte, che avveniva così in albis .

Senza escludere l'utilità politica attesa da Costantino dall'alleanza con la Chiesa cattolica [ senza fonte ] , alcuni documenti risalenti al periodo dell' Editto di Milano rivelerebbero un avvicinamento dell'imperatore al cristianesimo ben più marcato di quanto descritto da parte della storiografia, in una lettera del 314-315 di Costantino a Elafio, suo vicario imperiale in Africa, si rivolgeva infatti circa lo scisma donatista con queste parole [110] :

«… non sarò mai soddisfatto né mi aspetterò prosperità e felicità dal potere misericordioso dell'Onnipotente fino a quando non sentirò che tutti gli uomini offrono al Santissimo la retta adorazione della religione cattolica in una comune fratellanza …»

solo dieci anni più tardi scriveva a Sapore II re di Persia con medesimi accenti [111] :

«… Io sarò soddisfatto solo quando vedrò che tutti pregheranno, con fraterna concordia d'intenti, nell'autentico culto della Chiesa universale …»

ciò farebbe pensare che il battesimo venne amministrato in punto di morte a Nicomedia solo come termine di un lungo processo di conversione che non fu estraneo a contaminazioni con ambienti dell' arianesimo , nella cui fede fu battezzato. Tali contaminazioni gli costarono la mancata canonizzazione cattolica (per la Chiesa Cattolica, coerentemente, la santificazione spetta solo a coloro che sono stati battezzati secondo le norme cattoliche) e gli concessero l'inserimento ufficiale solo tra i santi ortodossi; accadde diversamente per la madre sant' Elena , che si commemora il 18 di agosto, il cui battesimo fu invece celebrato in osservanza di tale liturgia . Fu dunque l'allontanamento dal cattolicesimo e l'adesione all'arianesimo negli ultimi anni della sua vita, quelli successivi alla partenza per la nuova Costantinopoli, ad indurre la Chiesa di Roma a prenderne le distanze; ciò avvenne attraverso la riscrittura agiografica della vita, da parte di papa Silvestro I (314 - 335) così come descritta negli Actus Silvestri . [112] .

Non è altresì da escludere che sulla conversione di Costantino abbiano influito in modo determinante gli eventi succedutisi dagli inizi del IV secolo con la constatazione del fallimento delle persecuzioni del 303 e l' editto di Galerio del 311 che tentava di far rientrare la religione cristiana nell'alveo di tutte le altre religioni ammesse nell'impero, che tradiva il timore dell'universalismo del cristianesimo che metteva a rischio le istituzioni romane basate sulle differenze etniche [113] .
Dal papiro di Londra numero 878 , che contiene una parte di un editto del 324 , e da un'attenta riconsiderazione storica pare che Costantino fosse animato da "un effettivo accostamento al sentimento cristiano" [114] .

Che sia stato per convinzione personale o per calcolo politico, Costantino appoggiò comunque la religione cristiana soprattutto dopo l'eliminazione di Licinio nel 324, costruendo basiliche a Roma , Gerusalemme e nella stessa Costantinopoli ; conferì alle chiese il diritto di ricevere beni in eredità e quelle maggiori furono dotate di vaste proprietà; diede ai vescovi vari privilegi e poteri giudiziari, quali quello di essere giudicati da loro pari ponendo le basi al principio relativo al vescovo di Roma del prima sedes a nemine iudicatur ; concesse gli episcopalis audientia . Fu in epoca costantiniana inoltre, una volta identificata la Chiesa secondo la definizione paolina di Corpus Mysticum e ritenuta capace di ricevere donazioni ed eredità, che ebbe luogo il concetto, prima sconosciuto nella legislazione romana, di persona giuridica nella successiva legislazione [115] .

Il riformatore cristiano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concilio di Nicea I .
L'icona di San Costantino nel Castello di Lari ( Toscana ), opera realizzata per i 1700 anni dell'editto di Milano del 313

La politica di Costantino mirava a creare una base salda per il potere imperiale sull'assioma che c'era un unico vero dio, una sola fede e quindi un unico legittimo imperatore. Nella stessa religione cristiana per questo motivo era dunque importantissima l'unità: Costantino fu promotore, pur non essendo battezzato, di diversi concili , per risolvere le questioni teologiche che dividevano la Chiesa. In tali concili presenziò come pontifex maximus dei romani o "vescovo di quanti sono fuori della chiesa".

Il primo fu quello convocato ad Arelate ( primo concilio di Arles ), in Francia nel 314 , che confermò una sentenza emessa da una commissione di vescovi a Roma, che aveva condannato l' eresia donatista , intransigente nei confronti di tutti i cristiani che si erano piegati alla persecuzione dioclezianea: in particolare si trattava del rifiuto di riconoscere come vescovo di Cartagine Cipriano , il quale era stato consacrato da un vescovo che aveva consegnato i libri sacri.

Ancora nel 325 , convocò a Nicea il primo concilio ecumenico , che lui stesso inaugurò, per risolvere la questione dell' eresia ariana : Ario , un prete alessandrino sosteneva che il Figlio non era della stessa "sostanza" del padre, ma il concilio ne condannò le tesi, proclamando l' omousia , ossia la medesima natura del Padre e del Figlio. Il concilio di Tiro del 335 condannerà tuttavia Atanasio , vescovo di Alessandria , il più accanito oppositore di Ario, soprattutto a causa delle accuse politiche che gli vennero rivolte.

L'imperatore fece costruire numerose chiese cristiane, tra cui le basiliche del Santo Sepolcro a Gerusalemme, la basilica di Mamre e la basilica della Natività a Betlemme. A Roma eleva la basilica del Laterano e la prima basilica di San Pietro . Per la sua sepoltura decise di non farsi seppellire nel mausoleo dove era già la madre a Roma, ma si fece costruire un mausoleo a Costantinopoli vicino o all'interno della chiesa dei Santi Apostoli , tra le reliquie di questi ultimi, che cercò di radunare. Eusebio di Cesarea narra che Costantino fu munifico e ornò gli edifici di oro, marmi, colonne, e splendidi arredi. Purtroppo nessuna delle basiliche originali di Costantino si è conservata fino ai giorni nostri, salvo pochi resti di fondazioni. In tutto l'impero, i templi pagani, salvo poche eccezioni, non vennero riconvertiti in chiese, ma abbandonati, perché inadatti al nuovo culto che richiedeva la presenza di numerosi fedeli all'interno. I culti pagani invece si svolgevano all'aperto, con la cella del tempio riservata al dio. Vi fu quindi la riconversione ad uso religioso di un particolare tipo di edificio romano, la basilica civile .

Culto

San Costantino
Byzantinischer Mosaizist um 1000 002.jpg
Raffigurazione di san Costantino nella basilica di Santa Sofia a Istanbul . L'imperatore, che la Chiesa ortodossa ha definito «Simile agli Apostoli», proclamandolo santo, è raffigurato nell'atto di dedicare la basilica.
Nascita 27 febbraio 274
Morte 22 maggio 337
Venerato da Chiesa cristiana ortodossa
Santuario principale Chiesa dei Santi Apostoli , Istanbul
Ricorrenza 21 maggio

Anche se divenuto cristiano, alla morte Costantino venne divinizzato (divus), per decreto del senato, con la cerimonia pagana dell' apoteosi , come era consuetudine per gli imperatori romani. Costantino, nonostante avesse iniziato a costruire un grandioso mausoleo di famiglia a Roma, lo lasciò a sua madre (il cd. Mausoleo di Elena ) e volle essere sepolto a Costantinopoli, nella Chiesa dei Santi Apostoli , divenendo così il primo imperatore a essere sepolto in una chiesa cristiana.

Costantino è considerato santo dalla Chiesa ortodossa , che secondo il Sinassario Costantinopolitano lo celebra il 21 maggio assieme alla madre Elena .

La santità di Costantino non è riconosciuta dalla Chiesa cattolica (infatti non è riportato nel Martirologio Romano ), che tuttavia celebra sua madre [116] il 18 agosto.

A livello locale il culto di san Costantino è comunque autorizzato anche nelle chiese di rito romano-latino . In Sardegna , per esempio, la festa del santo (nella tradizione religiosa sarda) ricorre il 7 luglio. Il 23 aprile invece, viene festeggiato a Siamaggiore, in provincia di Oristano, l'unico paese dell'isola in cui Costantino Magno Imperatore ne è anche il patrono. Nell'isola esistono due santuari principali dedicati all'imperatore: uno si trova a Sedilo , nel centro geografico dell'isola, in provincia di Oristano , dove il 6 e 7 luglio di ogni anno si corre l' Ardia , una sfrenata e spettacolare corsa a cavallo di origine bizantina che rievoca la vittoria del 312 a Ponte Milvio; l'altro è a Pozzomaggiore , in provincia di Sassari . Altre attestazioni minori si hanno in vari luoghi della Sicilia ; l'ultimo sabato di luglio, a Capri Leone , paese in provincia di Messina, si festeggia la festività in suo onore, dove per devozione paesana egli è divenuto Santo Patrono. Suggestiva la processione serale, con il simulacro di Costantino Imperatore portato a spalla dai fedeli.

Titolatura imperiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Monetazione tetrarchica e Monetazione di Costantino e dei Costantinidi .
Titolatura imperiale Numero di volte Datazione evento
Tribunicia potestas 33 volte: [117] [118] la prima volta il 25 luglio del 306 , la seconda il 10 dicembre del 306, la terza nel settembre del 307 , la quarta il 10 dicembre del 307 e poi annualmente ogni 10 dicembre fino al 337 (anno in cui non assunse l'iterazione perché premorì il 22 maggio). [117] [118]
Consolato 8 volte: [117] nel 307 (I), 312 (II), 313 (III), 315 (IV), 319 (V), 320 (VI), 326 (VII), 329 (VIII).
Salutatio imperatoria 32 volte: [117] la prima nel 306 quando fu proclamato Caesar , poi nel 307 (2° e 3°), 308 (4°), poi rinnovata ogni anno dal luglio del 309 fino al luglio del 336 . [117]
Titoli vittoriosi Germanicus maximus IV (nel 307 , 308 , 314 circa e 328 - 329 ; [5] [6] [7] [8] [9] ); Sarmaticus maximus III [6] ( 317 / 319 , [10] 323 [5] e 334 [5] ); [7] [8] [9] Gothicus maximus II ( 328 o 329 e 332 [5] [6] [7] [9] ); Dacicus maximus ( 336 [5] [6] ); Adiabenicus (ante 315 [9] ); Arabicus maximus (tra il 315 e il 319 [10] ); Armeniacus maximus (tra il 315 e il 319 [10] ); Britannicus maximus (ante 315 [9] [10] ); Medicus maximus (ante 315 [9] [10] ); Persicus maximus (nel 312 / 313 , [12] ante 315 [9] ).
Altri titoli Caesar (dal 306 al 308 ), Filius Augustorum (dal 308 al 310 ) [119] e Augustus (dal 310 al 337); [117] Pius , Felix, Pontifex Maximus (dal 306); [117] Invictus, Pater Patriae , Proconsul dal 310 ; [120] Maximus dal 312 ; [2] [117] Victor (in sostituzione di Invictus ) dal 324 ; [117] [121] Triumphator (titolo aggiunto tra il 328 ed il 332 ) . [4]

Località italiane in cui è attestato il culto a San Costantino imperatore

Calabria

Lucania

Sardegna

Toscana

Tirolo

Note

  1. ^ Costantino si attribuì il titolo Invictus dopo la propria autoproclamazione ad Augusto, nella seconda metà del 310. Si veda nel merito Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 46-61.
  2. ^ a b Il senato di Roma gli accordò questo titolo dopo la vittoria su Massenzio. Si veda Lattanzio , De mortibus persecutorum XLIV 11-12.
  3. ^ Costantino adottò il titolo Victor in sostituzione di Invictus nel 324, dopo la vittoria definitiva su Licinio. Si veda nel merito Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 134-144.
  4. ^ a b Costantino adottò il titolo Triumphator al tempo delle campagne gotiche sul confine danubiano. Si veda nel merito Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 147-150.
  5. ^ a b c d e f g h i j k Timothy Barnes, The victories of Constantine , in Zeitschrift fur Papyrologie und Epigraphik 20, 1976, pp.149-155.
  6. ^ a b c d e f g h i CIL VI, 40776 .
  7. ^ a b c d e f g h CIL VIII, 8477 (p 1920).
  8. ^ a b c d e CIL VIII, 10064 .
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m n CIL VIII, 23116 .
  10. ^ a b c d e f g h i j Iscrizione databile al 319 sulla quale troviamo diversi titoli vittoriosi :

    « Imperatori Caesari Flavio Constantino Maximo Pio Felici Invicto Augusto pontifici maximo , Germanico maximo III, Sarmatico maximo Britannico maximo , Arabico maximo , Medico maximo , Armenico maximo , Gothico maximo , tribunicia potestate XIIII, imperatori XIII, consuli IIII patri patriae , proconsuli, Flavius Terentianus vir perfectissimus praeses provinciae Mauretaniae Sitifensis numini maiestatique eius semper dicatissimus

    ( CIL VIII, 8412 (p 1916) )
  11. ^ Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero , Roma, 2008, p.53; C.Scarre, Chronicle of the roman emperors , New York, 1999, p.214.
  12. ^ a b Eusebio di Cesarea , Historia ecclesiastica , IX, 8, 2-4; Giovanni Malalas , Cronografia , XII, p.311, 2-14;
    IL Alg-1, 3956 (Africa proconsularis, Tenoukla): Dddominis nnnostris Flavio Valerio Constantino Germanico Sarmatico Persico et Galerio Maximino Sarmatico Germanico Persico et Galerio Valerio Invicto (?) Pio Felici Augusto XI .
  13. ^ Il giorno e il mese sono largamente accettati, mentre l'anno è talvolta anticipato al 271 o ritardato al 275 o anche molto più tardi (ad esempio "ca. 280" secondo l'Enciclopedia Europea della Garzanti del 1977. Fonti WEB citano addirittura il 289.). Il suo biografo ufficiale, Eusebio di Cesarea , dice soltanto che la sua vita fu approssimativamente lunga il doppio del suo regno, cioè circa 62-63 anni. Purtroppo Eusebio dichiara che il suo regno durò 32 anni (e non 31), in quanto contava come interi anche gli spezzoni incompleti dell'anno di nascita e di morte; ciò ha indotto in errore alcuni storici, che anticipano di due anni la sua nascita. Nel merito si veda inoltre Barnes, The New Empire of Diocletian and Constantine , pp. 39-42.
  14. ^ a b c d e Sesto Aurelio Vittore , De Caesaribus , 41.16; Sofronio Eusebio Girolamo , Cronaca , 337, p. 234, 8-10; Eutropio , Breviarium historiae romanae , X, 8.2; Annales Valesiani , VI, 35; Orosio , Historiae adversos paganos , VII, 28, 31; Chronicon paschale , p.532, 7-21; Teofane Confessore , Chronographia AM 5828 (testo latino) ; Michele siriaco , Cronaca , VII, 3.
  15. ^ Il titolo imperiale ufficiale era IMPERATOR CAESAR FLAVIVS CONSTANTINVS PIVS FELIX INVICTVS AVGVSTVS; dopo il 312 aggiunse MAXIMVS ("il grande") e dopo il 325 sostituì INVICTVS con VICTOR, in quanto INVICTVS ricordava il culto del Sol Invictus .
  16. ^ Costantino I , in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi , santiebeati.it.
  17. ^ Origo Constantini Imperatoris 2, 2.
  18. ^ Barnes, Constantine and Eusebius , 3, 39–42; Elliott, Christianity of Constantine , 17; Odahl, 15; Pohlsander, "Constantine I"; Southern, 169, 341.
  19. ^ Charles M. Odahl, Constantine and the Christian empire , London, Routledge, 2001, pp. 40–41, ISBN 978-0-415-17485-5 .
  20. ^ Ada Gabucci, Ancient Rome : art, architecture and history , Los Angeles, CA, J. Paul Getty Museum, 2002, p. 141, ISBN 978-0-89236-656-9 .
  21. ^ Barnes, Constantine and Eusebius , 3; Lenski, "Reign of Constantine" (CC), 59–60; Odahl, 16–17.
  22. ^ Drijvers, JW Helena Augusta: The Mother of Constantine the Great and the Legend of Her finding the True Cross (Leiden, 1991) 9, 15–17.
  23. ^ Barnes, Constantine and Eusebius , 3; Barnes, New Empire , 39–40; Elliott, Christianity of Constantine , 17; Lenski, "Reign of Constantine" (CC), 59, 83; Odahl, 16; Pohlsander, Emperor Constantine , 14.
  24. ^ Eleanor H. Tejirian e Reeva Spector Simon, Conflict, conquest, and conversion two thousand years of Christian missions in the Middle East , New York, Columbia University Press, 2012, p. 15, ISBN 978-0-231-51109-4 .
  25. ^ Barnes, The New Empire of Diocletian and Constantine , pp. 39-42.
  26. ^ Epitome de Caesaribus, 41.16
  27. ^ Come convincentemente dimostrato in A. Alflödi, Constantinus... proverbio vulgari Trachala... nominatus , in BHAC, 1970, (Bonn 1972) pp. 1-5. Nel merito si veda anche V. Neri, Le fonti della vita di Costantino nell'Epitome de Caesaribus , in Rivista storica dell'antichità XVII-XVIII/1987-88 , Bologna 1989, p. 255.
  28. ^ Lattanzio, De mortibus persecutorum , 18, 10.
  29. ^ Costantino I, Oratio ad sanctorum coetum 16.
  30. ^ Eusebio di Cesarea, Vita di Costantino I, 19.
  31. ^ Origo Constantini Imperatoris 2, 3. Tra il 299 ed il 307 i Tetrarchi iterano il titolo Sarmatico massimo per quattro volte e ciò ben testimonia l'intenso sforzo bellico profuso contro tale popolazione barbara. Si veda Barnes, Constantine. Dynasty, Religion and Power in the Later Roman Empire , pp. 179-180.
  32. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 18, 8-14; Eutropio X, 2, 1.
  33. ^ Lattanzio, De mortibus persecutorum 24, 3-8; Zosimo II, 8, 3.
  34. ^ Origo Constantini Imperatoris 2,4; Zonara XII.
  35. ^ Epitome de Caesaribus , 41, 3.
  36. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 25, 1-5
  37. ^ Moreau, Lactance. De la mort des persécuteurs , II, p. 346.
  38. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 26, 1-3; Zosimo II, 9, 2-3.
  39. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 26, 6-9.
  40. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 26, 10.
  41. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 27, 2-3.
  42. ^ Barnes, Constantine. Dynasty, Religion and Power in the Later Roman Empire, p. 71.
  43. ^ Pasqualini, Massimiano Herculius. Per un'interpretazione della figura e dell'opera , p. 87.
  44. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 28, 1-2.
  45. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 28, 3-4; Zosimo II, 11, 1.
  46. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 29, 1.
  47. ^ Sulle deliberazioni di Carnuntum si veda Roberto, Diocleziano , pp. 247-249.
  48. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 29, 3.
  49. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 29, 4-7.
  50. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 29, 8.
  51. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 30, 1-6.
  52. ^ Lattanzio, De Mortibus Persecutorum , 32, 5.
  53. ^ a b Zosimo , Storia nuova , II, 15, 1.
  54. ^ Eutropio , Breviarium historiae romanae , X, 4.
  55. ^ Barnes, Constantine and Eusebius , pp. 42–44.
  56. ^ Nella pianura tra Rivoli e Pianezza : Vittorio Messori e Giovanni Cazzullo, Il Mistero di Torino , Milano, Mondadori, 2005, ISBN 88-04-52070-1 . p. 212
  57. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 26.
  58. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 28.
  59. ^ a b Zosimo , Storia nuova , II, 29.
  60. ^ Battesimo di Costantino , su treccani.it . URL consultato il 21 febbraio 2021 .
  61. ^ Giorgio Ruffolo, Quando l'Italia era una superpotenza , Einaudi, 2004.
  62. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 30.
  63. ^ a b Zosimo , Storia nuova , II, 33.1.
  64. ^ a b c Zosimo , Storia nuova , II, 33.2.
  65. ^ a b c Zosimo , Storia nuova , II, 33.3.
  66. ^ Ammiano Marcellino , Storie , XX, 4, 6, 8, 20.
  67. ^ Gibbon (a cura di Saunders), pag. 254-255.
  68. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 33.4.
  69. ^ Gibbon (a cura di Saunders), pag. 256-257
  70. ^ Per la traduzione di "comes" con "ministro" si interpreti: Ita etiam qui sacri Palatii ministeriis ac officiis praeficiebantur, eorumdem ministeriorum ac officiorum Comites dicti, ut ex infra observandis constat. , cfr. Du Cange , II, 423
  71. ^ a b Anselmo Baroni, Cronologia della storia romana dal 235 al 476 , p. 1026-1027.
  72. ^ Eutropio , Breviarium historiae romanae , X, 3.
  73. ^ a b c Zosimo , Storia nuova , II, 21, 1-3.
  74. ^ a b VA Maxfield, L'Europa continentale , pp. 210-213.
  75. ^ Anselmo Baroni, Cronologia della storia romana dal 235 al 476 , p. 1029.
  76. ^ Flavio Claudio Giuliano , De Caesaribus , 329c.
  77. ^ CRWhittaker, Frontiers of the Roman empire. A social ad economic study , Baltimora & London, 1997, p.202.
  78. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 17, 2.
  79. ^ a b Yann Le Bohec , Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero , Roma, 2008, p.53.
  80. ^ Giovanni Lido , De magistratibus , II, 10; Zosimo , Storia nuova , II, 33.3.
  81. ^ Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero , Roma 2008, p.110
  82. ^ Zosimo , Storia nuova , II, 34.2.
  83. ^ Giorgio Ruffolo, Quando l'Italia era una superpotenza , Einaudi, 2004, p. 142.
  84. ^ Chronicon paschale , p.532, 1-21.
  85. ^ Bury, p. 12.
  86. ^ Chronicon paschale , p.533, 5-17; Passio Artemii , 8 (8.12-19); Zonara , L'epitome delle storie , XIII, 4, 25-28.
  87. ^ In particolare furono uccisi i fratellastri di Costantino I, Giulio Costanzo , Nepoziano e Dalmazio , alcuni loro figli, come Dalmazio Cesare e Annibaliano , e alcuni funzionari, come Optato e Ablabio .
  88. ^ Eutropio , Breviarium historiae romanae , X, 9.
  89. ^ Zosimo , Storia nuova , ii.40.
  90. ^ Burckhardt, Costantino il Grande ei suoi tempi , tr.it. Longanesi 1957, p.521
  91. ^ Ad esempio, Guido Clemente, titolare della cattedra di storia romana all'università di Firenze, autore di una Guida alla storia romana ; Augusto Fraschetti, docente di storia economica e sociale del mondo antico presso la Sapienza di Roma, autore de La conversione. Da Roma pagana a Roma cristiana ; Arnaldo Marcone docente di Storia romana all'università di Udine, autore di Pagano e cristiano. Vita e morte di Costantino ; Robin Lane Fox, docente di Storia antica presso il College di Oxford, autore di Pagani e cristiani ; e molti altri titolati studiosi del mondo antico, come Andrea Alfoldi, Franchi de' Cavalieri, Norman Baynes, Marta Sordi, Klaus Bringmann.
  92. ^ Paul Veyne , Quando l'Europa è diventata cristiana (312-394) , Collezione Storica Garzanti, Milano, 2008 pp. 64-65
  93. ^ G. Filoramo, La croce e il potere , Mondadori, Milano, 2011, pag. 145 e sgg.
  94. ^ E. Horst, Costantino il grande , Milano 1987, p. 31.
  95. ^ Notizie in inglese sulle monete di Costantino in bronzo con simboli cristiani
  96. ^ Apocalisse 1, 10 , su laparola.net .
  97. ^ La nascita di Gesù è avvenuta secondo i vangeli circa quindici mesi dopo l'annuncio a Zaccaria della nascita del Battista. La collocazione di questo evento nell'ultima settimana di settembre, in accordo con la tradizione cristiana, è compatibile con le notizie oggi disponibili sul turno di servizio sacerdotale al tempio della classe sacerdotale di Abia, alla quale apparteneva Zaccaria. Cfr. Data di nascita di Gesù
  98. ^ da Christianity and Paganism in the Fourth to Eighth Centuries , Yale, Ramsay MacMullen, 1997, p. 155
  99. ^ La scelta del 25 dicembre per celebrare il Natale cristiano: dal dies natalis del Sol invictus, espressione del culto solare di Emesa (e del dio Mitra), alla celebrazione del Cristo, “sole che sorge” , su gliscritti.it . URL consultato il 3 gennaio 2014 .
  100. ^ Burckhardt, cit. (p. 539)
  101. ^ Giorgio Ruffolo, Quando l'Italia era una superpotenza, Einaudi, 2004, pp. 157-158.
  102. ^ Giorgio Ruffolo, Quando l'Italia era una superpotenza , Einaudi, 2004, p. 156.
  103. ^ nella sua opera De falso credita et ementita Constantini donatione
  104. ^ Sozomeno , Historia Ecclesiastica, II,34.
  105. ^ Eusebio di Cesarea , Vita Constantini , IV,61-63.
  106. ^ Socrate Scolastico , Historia Ecclesiastica ,I,39.
  107. ^ Teodoreto di Cirro , Historia Ecclesiastica ,I,30.
  108. ^ Girolamo , Chronicon.
  109. ^ Alessandro Barbero , Costantino il Vincitore, Salerno, 2016, ISBN 978-88-6973-138-9
  110. ^ in Epistula Constantini ad Aelafium, CSEL, 26, p.206.
  111. ^ v. Antonio Carile in L'imperatore e la Chiesa. Dalla tolleranza (312) alla supremazia della religione cristiana (380), alle contese per la cattolicità delle chiese; Enciclopedia Costantiniana (2013), Treccani
  112. ^ Gli Actus Silvestri sono menzionati la prima volta nel Decretum Gelasianum , documento attribuito a papa Gelasio I (492-496), come affermato in: Marilena Amerise, Il battesimo di Costantino il Grande. Storia di una scomoda eredità ( Hermes Einzelschriften , 95), Franz Steiner Verlag, München 2005, p.93 e ss.; Wilhelm Pohlkamp Archiviato il 21 aprile 2009 in Internet Archive . aveva identificato nei manoscritti una versione più antica (A), datata alla fine del IV- inizi del V secolo, e una versione più recente (B), del tardo V - inizi del VI secolo.
  113. ^ v. A. Carile in L'imperatore e la Chiesa cit.
  114. ^ Ranuccio Bianchi Bandinelli e Mario Torelli, L'arte dell'antichità classica, Etruria-Roma , Utet, Torino 1976, pag 112.
  115. ^ Alberto Perlasca, Il concetto di bene ecclesiastico , pp.50-51.
  116. ^ Anche se si pensa che la madre di Costantino propendesse più per la religione ebraica, tanto da restare delusa alla notizia della conversione al cristianesimo del figlio (Giorgio Ruffolo, Quando l'Italia era una superpotenza , Einaudi, 2004, p. 156).
  117. ^ a b c d e f g h i Scarre, p. 214.
  118. ^ a b Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 163-172.
  119. ^ Galerio attribuì questo titolo a Costantino e Massimino Daia subito dopo il convegno di Carnuntum , sostituendolo a quello di Cesare . Si veda nel merito Alexandra Stefan, Un rang impérial nouveau à l'époque de la quatrième Tétrarchie: Filius Augustorum. Première partie. Inscriptions révisées: problèmes de titulature impériale et de chronologie , in Antiquité Tardive 12, 2004, pp. 273-291.
  120. ^ Costantino si attribuì il titolo Invictus, e con ogni probabilità anche quello di Pater Patriae insieme alla carica di Proconsul , dopo la propria autoproclamazione ad Augusto, nella seconda metà del 310. Si veda nel merito Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 46-61.
  121. ^ Costantino adottò il titolo Victor in sostituzione di Invictus dopo la vittoria definitiva su Licinio. Si veda nel merito Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990, pp. 134-144.

Bibliografia

Fonti
Studi
  • Andreas Alföldi , Costantino tra paganesimo e cristianesimo , Laterza, Roma-Bari, 1976.
  • Alessandro Barbero , Costantino il Vincitore , Salerno Editrice, Roma, 2016, ISBN 978-88-6973-138-9 .
  • Timothy Barnes, The victories of Constantine , in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik 20, 1976, pp. 149–155.
  • ( EN ) Timothy Barnes, Constantine and Eusebius , Cambridge, MA Harvard University Press, 1981, ISBN 978-0-674-16531-1 .
  • ( EN ) Timothy Barnes, The New Empire of Diocletian and Constantine , Cambridge, MA Harvard University Press, 1982, ISBN 0-7837-2221-4 .
  • Timothy Barnes, Constantine. Dynasty, Religion and Power in the Later Roman Empire , Wiley Blackwell, Malden - Oxford, 2011.
  • Ranuccio Bianchi Bandinelli e Mario Torelli , L'arte dell'antichità classica. Etruria-Roma , UTET, Torino, 1976 e successive rist.
  • Jacob Burckhardt , Costantino il Grande ei suoi tempi , tr.it. Longanesi, Milano, 1957.
  • Alberto Carpiceci e Marco Carpiceci, Come Costantin chiese Silvestro d'entro Siratti - Costantino il grande, San Silvestro e la nascita delle prime grandi basiliche cristiane , Edizioni Kappa, Roma 2006.
  • André Chastagnol , L'accentrarsi del sistema: la tetrarchia e Costantino , in: AA.VV., Storia di Roma , Einaudi, Torino, 1993, vol. III, tomo 1; ripubblicata anche come Storia Einaudi dei Greci e dei Romani , Ediz. de Il Sole 24 ORE , Milano, 2008 (v. il vol. 18°)
  • Paola Ombretta Cuneo, La legislazione di Costantino II, Costanzo II e Costante (337-361) , Giuffrè, 1997, ISBN 88-14-06666-3 .
  • Charles Diehl, La civiltà bizantina , Garzanti, Milano, 1962.
  • (a cura di) Angela Donati e Giovanni Gentili , Costantino il Grande: la civiltà antica al bivio tra Occidente e Oriente , Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2005.
  • Augusto Fraschetti , La conversione: da Roma pagana a Roma cristiana , Laterza, Roma-Bari, 1999.
  • Thomas Grünewald, Constantinus Maximus Augustus. Herrschaftspropaganda in der zeitgenössischen Überlieferung , Stoccarda 1990.
  • Eberhard Horst, Costantino il Grande , Milano, Bompiani, 1987, ISBN 978-88-452-6026-1 .
  • Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica: da Diocleziano alla caduta dell'impero , Carocci, Roma, 2008.
  • Arnaldo Marcone , Pagano e cristiano: vita e mito di Costantino , Laterza, Roma-Bari, 2002.
  • VA Maxfield, L'Europa continentale , in Il mondo di Roma imperiale. La formazione , Laterza, Roma-Bari, 1989.
  • Santo Mazzarino , L'Impero romano , tre vol., Laterza, Roma-Bari, 1973 e 1976 (v. vol. III); riediz. (due vol.): 1984 e successive rist. (v. vol. II).
  • Jaques Moreau, Lactance. De la mort des persécuteurs, Parigi 1954.
  • Elena Percivaldi , Fu vero Editto? Costantino e il Cristianesimo tra storia e leggenda , Ancora Editrice, Milano 2012, ISBN 978-88-514-1062-9 .
  • Anna Pasqualini, Massimiano Herculius. Per un'interpretazione della figura e dell'opera . Roma 1979.
  • Efthalia Rentetzi, Costantino, Elena e la vera croce. Modelli iconografici nell'arte bizantina, Studi Ecumenici . - Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino - Pontificia Università Antonianum, https://web.archive.org/web/20090212025904/http://www.isevenezia.it/it/pubblicazioni/pubblicazioni_dell_ise/rivista_di_studi_ecumenici/ (October- December 2009), 491-508.
  • Umberto Roberto, Diocleziano , Roma 2014.
  • Giorgio Ruffolo , Quando l'Italia era una superpotenza , Einaudi, Torino, 2004.
  • The paradigmatic value of the depiction of Constantine in the homonymous arch in the formation of the Christ in Throne's iconography https://web.archive.org/web/20100613051538/http://www.ni.rs/byzantium/english.php (Paper presented to the 2008 Nis and Byzantium-VII International Scientific Meeting Symposium”, Nis, 3-5 June 2008), Nis 2009, 221-226.
  • ( EN ) Chris Scarre, Chronicle of the roman emperors , New York, 1999, ISBN 0-500-05077-5 .
  • ( EN ) Pat Southern, The Roman Empire: from Severus to Constantine , Londra & New York, 2001, ISBN 0-415-23944-3 .
  • Alexandra Stefan, Un rang impérial nouveau à l'époque de la quatrième Tétrarchie: Filius Augustorum. Première partie. Inscriptions révisées: problèmes de titulature impériale et de chronologie , in Antiquité Tardive 12, 2004, pp. 273–291.
  • Costantino e le sfide del cristianesimo. Tracce per una difficile ricerca , a cura di Sergio Tanzarella - Stanisław Adamiak, Il pozzo di Giacobbe, Trapani 2013.
  • CR Whittaker, Frontiers of the Roman empire. A social ad economic study , Baltimora & London, 1997.
  • L'editto di Milano e il tempo della tolleranza. Costantino 313 dC , Mostra di Palazzo Reale a Milano (25 ottobre 2012 - 17 marzo 2013), mostra a cura di Paolo Biscottini e Gemma Sena Chiesa, catalogo a cura di Gemma Sena Chiesa, Ed. Mondadori Electa, Milano 2012, ISBN 978-88-370-9270-2 .
Filmografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Costanzo Cloro (con Galerio ) 306 - 337 Costantino II
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 97746098 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2096 6935 · SBN IT\ICCU\PUVV\453673 · LCCN ( EN ) n79055925 · GND ( DE ) 118565184 · BNF ( FR ) cb12182910j (data) · BNE ( ES ) XX821765 (data) · ULAN ( EN ) 500115703 · NLA ( EN ) 53004737 · BAV ( EN ) 495/52856 · CERL cnp00945275 · NDL ( EN , JA ) 00960780 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79055925