Crucifixió de Jesús

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Diego Velázquez , Crist crucificat , 1631 , oli sobre tela (248 x 169 cm), Madrid , Museu del Prado .

La crucifixió (o, menys freqüentment, la crucifixió [1] ) de Jesús és la forma en què va ser assassinat.

Aquest esdeveniment, esmentat en tots els evangelis canònics i en altres textos del Nou Testament , en particular a les cartes de Pau i als Fets dels apòstols , és considerat pels cristians l’esdeveniment culminant de la història de la salvació , el sacrifici per la qual Crist va fer la salvació . [2] [3] [4]

La creu cristiana , signe de la forma de l’instrument d’execució de Jesús , s’ha convertit en el principal símbol de la religió cristiana des dels primers segles .

Testimoni de les Sagrades Escriptures

La reconstrucció de la crucifixió de Jesús que es pot obtenir dels evangelis canònics , a la qual totes les esglésies cristianes atribueixen caràcter històric en relació amb "allò que Jesús, el Fill de Déu, durant la seva vida entre els homes, va treballar i va ensenyar per a la seva salvació eterna, fins al dia en què va ser portat al cel ". [5] sembla una mica adherit al que va sorgir dels estudis històrics realitzats, principalment a la primera meitat del segle XX , sobre la pràctica de la crucifixió entre els romans . [6]

La crucifixió va tenir lloc en un petit turó al nord de Jerusalem, anomenat Calvari en llatí i Gòlgota en arameu , a prop d'una de les portes de la ciutat. [7]

Jesús, a la creu, no va patir el crurifragi per part dels soldats romans, és a dir, el trencament de les seves cames, per accelerar la seva mort, ja que en veure'l ja mort va ser punxat al seu costat amb un cop de llança. [8]

La rendició del cos als membres de la família és probable, ja que va ser permès per August , mentre que anteriorment estava prohibit treure els cadàvers fins a la seva completa descomposició. [9]

Fets prodigiosos a la mort de Jesús

En la narració dels evangelis sinòptics , la mort de Jesús, a més de la professió de fe del centurió [10] , va anar acompanyada d’efectes prodigiosos. Exegets com Raymond Edward Brown interpreten aquesta narració com l’ús, en un sentit simbòlic i teològic, del llenguatge escatològic de l’Antic Testament o de l’habitual en la cultura hel·lenística. [11] [12] Gianfranco Ravasi proporciona un enfocament amb un matís lleugerament diferent, que en revisar els fets narrats per Matteo veu tres signes teofànics . La historicitat dels fets miraculosos es considera "indocumentable", però el significat de la narració evangèlica es torna a una lectura metahistòrica. [13]

Altres erudits, conscients que un eclipsi natural no es podria produir al voltant de Setmana Santa ni podia durar tant de temps, ho consideren un fet miraculós. [14] L'astrònom Giovanni Sacrobosco en el seu Tractatus de Sphaera creu "que l'eclipsi no era natural, sinó més aviat miraculós i contrari a la naturalesa". [15] Els estudiosos moderns que consideren la foscor com un fenomen miraculós tendeixen a considerar-la com un prodigiós esdeveniment associat a fenòmens naturals, com la pols volcànica o els núvols densos, o ometen una explicació natural del tot. [16] La Reformation Study Bible , una Bíblia protestant, simplement declara que és "una foscor sobrenatural". [17] No obstant això, el teòleg Raymond Edward Brown [18 ] assenyala que "qualsevol suggeriment que Déu suspengués les lleis naturals i causés un extraordinari llarg eclipsi sobre tota la terra en aquell moment contraria al silenci dels autors antics contemporanis sobre el suposat succés, tal com Sèneca i Plini, que normalment haurien notat una meravella tan extraordinària ".

Alguns estudiosos especulen que la foscor és causada per una tempesta solar , núvols densos o les conseqüències d’una erupció volcànica. [19] El 2011 Humphreys va acceptar que Luke es referia al sol i va especular que podria haver estat una tempesta de sorra, la khamsin , que sol produir-se de març a maig i que pot enfosquir el sol durant unes hores. [Nota 1]

De fet, aquests prodigiosos esdeveniments no són esmentats per cap relat històric de l'època ni per l' Evangeli segons Joan ; els altres tres evangelistes no esmenten el terratrèmol quan es van "trencar les roques" i, sobretot, la resurrecció dels morts, present només a l' Evangeli segons Mateu . [Nota 2] [20] Aquests esdeveniments, descrits en els evangelis sinòptics, van ser:

  • Un terratrèmol molt fort en què "es van trencar les roques" i la resurrecció de molts morts a les tombes amb la seva aparició a Jerusalem [21] : aquestes manifestacions només es descriuen a l' Evangeli segons Mateu . La resurrecció dels morts a les tombes, però, va tenir lloc d’una manera particular: a la mort de Jesús, les tombes es van obrir i molts morts van ressuscitar, però van romandre encara a la tomba oberta (i per tant, accessible a tothom) durant tres dies. , fins a la resurrecció de Jesús; només després van sortir ells mateixos de les tombes i van caminar per Jerusalem, apareixent embolicats en embenats o en el llenç mortuori i sembla que no causi pànic. [20] Els estudiosos, inclosos els cristians, consideren que l'escena té una naturalesa llegendària i, a nivell simbòlic, "la resurrecció dels justos de l'Antic Testament és un signe de l'era escatològica". [Nota 3] Una investigació geològica ha trobat indicis d'un terratrèmol ocorregut a Palestina el 31 dC, sense que, òbviament, pogués identificar-lo amb el terratrèmol esmentat per Mateu. [22]
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Eclipsi de la crucifixió .
  • La foscor sobre tota la terra durant tres hores, des del migdia fins a les tres [23] : un succés relatat en els tres evangelis sinòptics, no necessàriament, com ja s’ha esmentat, com a esdeveniment històric. [24] Segons càlculs astronòmics no hi va haver - ni es van registrar - eclipsis solars en el període en què es creu que va tenir lloc la mort de Jesús; a més, els eclipsis, que duren un màxim de set minuts i són visibles des d’una porció molt petita de la superfície terrestre, no es poden produir prop de la Pasqua jueva, perquè aquesta coincideix amb la lluna plena, de manera que la Lluna es troba necessàriament al costat oposat de la Terra respecte al Sol i no pot enfosquir-lo. Altres estudiosos han especulat que la foscor no va ser causada per un eclipsi, sinó per una tempesta de sorra, núvols gruixuts o les conseqüències d’una erupció volcànica. [19] [Nota 1] El passatge també es pot interpretar a nivell metafòric, fent referència a l' Antic Testament ; [Nota 4] també cal assenyalar que "hi ha abundants evidències grecoromanes segons les quals se solien associar signes extraordinaris amb la mort de grans homes o semidéus". [Nota 5]
  • El vel del temple que es va esquinçar [25] : l'esdeveniment s'esmenta a les tres sinòptiques, però hi ha discrepància entre les narracions, ja que els evangelis de Marc i Mateu afirmen que el vel es va esquinçar només després que Jesús ja era mort [26]. , al contrari de l’ Evangeli segons Lluc, que relata com va passar l’esdeveniment quan Jesús encara era viu [27] ; les dues versions són irreconciliables temporalment. [Nota 6] En qualsevol cas, aquest esdeveniment, que, que afectava el Sancta Sanctorum , la zona més sagrada del temple, hauria d’haver tingut un ressò notable, no és reportat per cap altra font històrica ni tan sols per l’historiador jueu Flavius Josep , que coneixia bé el temple i va parlar del seu vel en relació amb els anys anteriors a les guerres jueves del 66 dC, no va esmentar aquest fet catastròfic. [Nota 7] Segons alguns exegetes, aquest episodi es pot considerar no històric, sinó simbòlic, és a dir, l'eliminació del vel "que separava de Déu tots, excepte els sacerdots [i] de Jesús, ara tots tenen accés a Déu ". [Nota 8]

Anàlisi històrica i discrepàncies narratives

Les discrepàncies històriques i internes dels propis evangelis es poden trobar a les narracions evangèliques de la crucifixió.

Per exemple, pel que fa a la data en què va tenir lloc la crucifixió, els evangelis sinóptics afirmen que Jesús va morir el dia de Pasqua (15 de nisan ), mentre que l’ Evangeli segons Joan situa la mort de Jesús el dia anterior, la de preparació per a Pasqua (14). Nisan). [28] [29] [30] [31] A més, els evangelis no coincideixen en el moment en què Jesús va ser crucificat: de fet, segons l' Evangeli de Marc [32], la crucifixió era a les 9 del matí, mentre que, en canvi, segons l' Evangeli de Joan [33] va tenir lloc després del migdia [Nota 9] més de tres hores després. Els conservadors exegetes del Nou Gran Comentari Bíblic subratllen que la discrepància entre les dues cronologies, Johannine i Synoptic, "planteja problemes considerables" i creuen que només el que va informar Joan és correcte, és a dir, que Jesús va morir el dia anterior, el de la preparació, i no durant la Pasqua, tal com indiquen els sinòptics, també "perquè és difícil pensar que els grans sacerdots i els escribes es comportessin com ho van fer el primer dia de Pasqua" [Nota 10] [34] [35] [ 36] i el teòleg Raymond Brown [37] assenyala que "els estudiosos que prefereixen la cronologia de John per sobre de la dels sinòptics probablement constitueixen la majoria, malgrat la tendència dels seus oponents a citar el principi general que no es pot esperar un relat històric de John".

Pel que fa a la pujada al Calvari , segons els evangelis sinóptics [38] , Jesús va ser ajudat per un tal Simó de Cirene a portar la creu des de la sortida del pretori [39] , immediatament després de la condemna, al Gòlgota; en canvi, l’Evangeli segons Joan [40] diu que la creu va ser portada només per Jesús des de la sortida al Gòlgota; els comissaris exegetes del Nou Gran Comentari Bíblic expliquen aquesta discrepància històrica en considerar que l’evangelista no era conscient d’aquesta tradició a Simó de Cirene o, a nivell teològic, que Joan "va optar perquè Jesús portés la creu per significar que tenia msgstr "encara control total del seu propi destí". [41]
A la creu es va posar una tauleta - l'anomenat titulus crucis - amb la inscripció, en tres idiomes, "Jesús el Nazareno, el rei dels jueus", segons el relat de l' Evangeli de Joan , [42] ; els altres evangelis informen, però, d’un escrit diferent: "Aquest és Jesús, el rei dels jueus" segons Mateu [43] , "El rei dels jueus" segons Marc [44] i "Aquest és el rei del Jueus "segons Lluc [45] . El teòleg Raymond Brown [Nota 11] creu que l’ús de tres llengües al titulus crucis per a un simple criminal, segons l’informe de l’Evangeli segons Joan, no seria històricament plausible i "podem estar raonablement segurs que el roman els soldats no s’haurien preocupat de transcriure l’acusació contra un criminal en tres idiomes. Les inscripcions multilingües s’utilitzaven a l’antiguitat, però només en esdeveniments solemnes, com ara una proclamació imperial "i, per tant," les tres llengües tenen un significat simbòlic. llengua sagrada de les Escriptures d'Israel; el llatí és la llengua del conqueridor romà; el grec és la llengua en què es difon i s'escriu el missatge de Jesús "; alguns antics copistes van canviar simbòlicament l'ordre dels textos en "hebreu, grec i llatí, situant la llengua imperial com a última importància". [46]

També hi ha diferències en l’ofrena d’una beguda a Jesús. L' Evangeli de Marc [47] informa que, immediatament abans de la crucifixió, es va donar a Jesús a beure vi barrejat amb mirra , que s'utilitzava com a anestèsic, mentre que l' Evangeli segons Mateu [48] diu que el vi que se li oferia era barrejat. amb fel [Nota 12] ; els exegets de l' École biblique et archéologique française (els editors de la Bíblia de Jerusalem ), els teòlegs Rudolf Bultmann , Raymond Brown i John Dominic Crossan , entre els cofundadors del Seminari de Jesús , creuen que Mateu, sobre la base de les profecies , [Nota 13] va canviar la descripció històricament més fiable de Marco. Mentre que a Marc / Mateu es notifiquen dues ofrenes de vi a Jesús durant la crucifixió (al principi i al final), a Lluc (a mig camí de la crucifixió) i a Joan (al final) només s’informa d’una ofrena [Nota 14] .
L'Evangeli segons Joan [49] també diu que a Jesús se li va oferir una beguda amb una esponja hissada cap a la boca, mullada en vinagre i col·locada damunt d'una branca d' hissop . Pel que fa a l’ús de hisop, els estudiosos de la Biblia interreligiosa TOB , d’acord amb els exegets de l’ École biblique et archéologique française , observen com aquesta planta és massa fràgil per suportar una esponja xopa: "hisop: cap de les espècies conegudes sembla adequada per a aquest gest, Joan podria referir-se a Èxode 12:22, on l'hisop s'utilitza per ruixar amb la sang del xai pasqual ". Per tant, l’ús descrit a Joan pot adquirir un valor no històric, sinó simbòlic. [50] [51] [52] El teòleg Raymond Brown també observa: "el veritable enigma de la descripció de Johannine és la indicació que l'esponja amb vi es col·loca sobre un hisop. Mark / Matthew esmenten una canya, presumiblement una llarga i forta [...] (Levític 14,47; Nombres 19,18; Èxode 12,22) res de les descripcions bíbliques suggereix que l'hisop hauria pogut suportar el pes d'una esponja mullada. [...] Una solució decididament millor és acceptar el fet que Joan es referia a l'hisop bíblic malgrat la impossibilitat física causada per la fragilitat d'aquesta planta [per] recordar les Escriptures ". [53]

Pel que fa als dos lladres crucificats amb Jesús, segons els evangelis de Mateu i Marc [54], tots dos lladres van insultar Jesús, mentre que segons l'Evangeli de Lluc [55] només un dels dos el va insultar, mentre que l'altre , reconeixent la innocència de Jesús, el va defensar, obtenint-li la benedicció; aquesta divergència és vista pels estudiosos com una evolució de les tradicions orals [Nota 15] , que de vegades va enriquir el material anterior [Nota 16] . [56] [57] [58]
D'altra banda, la presència d'algunes dones del seu entorn és reportada pels evangelis sinóptics [59] que subratllen que estaven lluny de la creu; d'aquestes dones, Mateu i Marc indiquen la identitat de tres, entre les quals no hi havia Maria la mare de Jesús [51] [60] , ja que, a diferència del relat de Johannine, "res en els altres evangelis no recolza la presència de la mare de Jesús al Gòlgota " [Nota 17] . En canvi, l’Evangeli de Joan [61] diu que també hi era present Maria, la mare de Jesús, que, junt amb Maria Magdalena i les altres dones, estava al peu de la creu; segons els estudiosos, l'Evangeli de Joan - que presenta un Jesús que sempre controla els esdeveniments durant la passió - també vol subratllar en aquesta conjuntura com Jesús, en mostrar que "la seva missió s'ha complert", confia a la mare i al deixeble estimats els uns dels altres, i per tant simbòlicament la seva comunitat. [62] [63] [64]

Els evangelis testifiquen, cadascun segons la seva visió teològica, quines van ser les darreres paraules de Jesús a la creu. [65] Jesús - just abans de la seva caducitat - segons l'Evangeli de Lluc [66] va dir: "Pare, en les teves mans confio el meu esperit." Dit això, va caducar. "; d'una altra manera, l'Evangeli de Joan [67] informa sobre la darrera frase que va dir Jesús immediatament abans de la seva expiració: "I després d'haver rebut el vinagre, Jesús va dir:" Tot està acabat! "I, inclinant el cap, va caducar". El teòleg Raymond Brown assenyala que "Mark / Matthew, Luke i John informen de tres frases diferents com les últimes paraules de Jesús a la creu [Mk15,34; Mt27,46; Lk23,46; Jn19,30 [68] ] encara que només una d'aquestes frases pot ser l'última absoluta "i ja que" les últimes paraules pronunciades per Jesús just abans de morir no són les mateixes a Marc / Mateu, a Lluc i a Joan, funcionalment tenim tres intents diferents perquè aquestes paraules representin la perspectiva final sobre el paper de Jesús en el pla de Déu ". [69] John Dominic Crossan considera que aquestes, com altres episodis de la Passió, són "profecies historicitzades en lloc de recordar la història" [70] i Rudolf Bultmann considera aquests passatges "fortament transformats per elements llegendaris" i reportats pels evangelistes pel seu compte. fonaments teològics [Nota 18] . [71] Fins i tot una de les frases atribuïdes, només a Lluc, a Jesús a la creu - "Pare, perdoneu-los, perquè no saben el que fan" [72] - s'omet en importants manuscrits d'aquest evangeli i de Raymond Brown comenta que "és irònic que potser una de les frases més belles de tota la passió sigui dubtosa a nivell documental". [73] [74]

Respecte al crurifragium , que és la ruptura de les cames, reportat entre els evangelis canònics per l'Evangeli només segons Joan [8] , alguns episodis no consideren històric aquest episodi que creu que es va afegir per motius teològics. Per exemple, el teòleg Rudolf Bultmann creu que "els editors eclesiàstics van afegir 19,34 (vessament de sang i aigua) i 19,35 (testimonis) a l’evangeli acabat de l’evangelista com a referència als sagraments, una de les preocupacions peculiars de la teologia de l'editor "i erudit Raymond Brown assenyala que" la dificultat de confirmar la informació de Joan s'exemple amb el fet que cap altra escriptura cristiana al segle següent a la mort de Jesús esmenta la ferida al costat. Encara més complicada és la historicitat del flux . de sang i aigua de la llança va colpejar. Barrett, Dodd i altres ho consideren poc probable ". [75]

Quant a la rendició del cos a membres de la família, alguns estudiosos destaquen que, segons molts testimonis històrics, encara sota Tiberi la pràctica romana va continuar essent deixar els cadàvers per descompondre's a la creu a mercè dels animals, com a factor dissuasiu per a aquells que es va atrevir a desafiar Roma; no hi ha evidència de cap excepció a aquesta pràctica per part d’un governador romà, i molt menys de Ponç Pilat , conegut per la seva fermesa i crueltat. L’únic cas documentat en què es va poder obtenir el cadàver dels condemnats per enterrament va ser amb motiu de l’aniversari de l’emperador i només es va atorgar –sense excepció– a la família dels executats i aquest privilegi només es va atorgar als més famílies molt situades, dues condicions en què el cas de Jesús no encaixava. Observa el teòleg Raymond Brown : "Tàcit informa de les accions de Tiberi: les persones condemnades a mort van perdre els seus béns i el seu funeral va ser prohibit. A més d'aquesta venjança imperial, Petronius considerava que la gravetat era normal "i" evidentment era gairebé proverbial que aquells que penjaven a la creu alimentessin els corbs amb els seus cossos " [Nota 19] . [76] [77]

Fonts no cristianes

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: textos no cristians sobre Jesús .

Entre les fonts no cristianes contemporànies que parlen del martiri de Jesús hi ha Tàcit i Josep . Un testimoni posterior d'un o més segles també el proporciona un text de la tradició jueva, el Talmud de Babilònia.

Tàcit, en particular, dedica un passatge dels Anals a la passió de Crist , lamentant, com a pagà, que no aturés la difusió de la nova religió:

El fundador d'aquesta secta, Crist, havia estat torturat sota el regnat de Tiberio, per ordre del procurador Ponç Pilat. Repressada momentàniament, la fatal superstició va tornar a esclatar no només a Judea, bressol del mal, sinó a la mateixa Roma ( Annals , XV, 44).

Tanmateix, molts historiadors no consideren que aquest testimoni sigui particularment significatiu –que fa referència al foc de Roma del 64 dC, sota Neró–, com va escriure Tàcit el 115 dC, després de 85 anys de la mort de Jesús, període en què el cristianisme ja havia començat per difondre i els mateixos evangelis ja havien estat escrits, citant informació i creences al domini públic; a més, com a prova que l'historiador va informar d'aquesta informació d'una manera inexacta i sense verificació documental, el passatge atribueix erròniament a Pilat la posició de "procurador" romà de Judea mentre era "prefecte". [78]

L’historiador judeoromà Josep (aproximadament 37-103) a la seva obra Antiquities Jewish , en un passatge que apareix en diversos manuscrits grecs supervivents, parla no només de la crucifixió sinó que, en el text que ens ha arribat, també dóna cert la resurrecció:

«... quan Pilat, a través de la denúncia dels homes notables entre nosaltres, el va castigar per la creu, els que l'havien estimat des del principi no van cessar. De fet, el tercer dia se’ls va aparèixer de nou amb vida, els profetes divins ja havien anunciat aquestes i milers d’altres meravelles sobre ell. "

( Ant. XVIII, 63-64 )

El text en qüestió - conegut com Testimonium Flavianum - és objecte de discussió entre els historiadors: la descripció, que emfatitza la divinitat de Crist, és de fet difícilment creïble en un autor jueu. Per tant, es va pensar en possibles interpolacions per part dels copistes medievals. Actualment, la majoria dels estudiosos creuen, de fet, que el Testimonium Flavianum és una falsificació, una interpolació posterior feta per copistes cristians que de fet no és citada per cap pare de l’Església fins a Eusebi de Cesarea al segle IV. [79] El descobriment fet per Shlomo Pines el 1971 d'una història universal en àrab escrita a Síria al segle X pel bisbe i historiador cristià Agapius de Hierapolis informa del pas de Josep a Crist en una versió que sembla ser considerada més fidel. a 'original. Per tant, Agapio afirma que: [80]

"De la mateixa manera diu Josep [Flavius] el jueu, ja que relata en els tractats que va escriure sobre el govern dels jueus:" Hi havia aleshores un home savi que es deia Jesús, que demostrava una bona conducta de la vida i era considerat virtuós Pilates el va condemnar a la crucifixió i a la mort, però aquells que havien estat deixebles seus no van renunciar al seu discipulat (o doctrina) i van informar que havia aparegut a tres dies després de la crucifixió i ell era viu, i probablement era el Crist del qual els profetes han dit meravelles ".

També hi ha una altra font extra-bíblica interessant, ja que deriva de la tradició jueva: el Talmud de Babilònia (segles II - V); aquí llegim que la vigília de la Pasqua es va executar Jesús (Yeshu) i també que havia portat Israel a la revolta. Potser la nota més interessant, però, és la relativa al procés que es descriu assenyalant que no es va trobar ningú que el defensés. El text diu:

"Abbaye va dir [...] La vigília de la Pasqua [jueva], Yeshu [Jesús] va ser penjat. Durant quaranta dies abans de l'execució, un herald va cridar: "Està a punt de ser apedregat perquè va practicar la bruixeria i va portar Israel a l'apostasia. Qualsevol persona que sàpiga alguna cosa d'ell hauria de venir a defensar la seva obra". Com que mai no es va donar cap testimoni en nom seu, va ser penjat a la vigília de la Pasqua. [...] Els nostres rabins van ensenyar: Yeshu [Jesús] tenia cinc deixebles, Matthai, Nakai, Nezer, Buni i Todah ".

( Sanedrí del Talmud, 43a )

No obstant això, els erudits jueus rebutgen aquesta identificació amb el Jesús dels Evangelis, emfatitzant que Yeshu [Nota 20] va ser apedregada i després penjada a una estaca o arbre [Nota 21] i que, a més, el passatge informa que aquest predicador només tenia 5 deixebles. , els noms dels quals, però, no coincideixen amb els Dotze ; a més, el testimoni és del final del període –almenys del segle IV, que informa d’un ensenyament del rabí Abbaye, que vivia en aquella època– i les tradicions del cristianisme ja estaven esteses a la conca mediterrània, cosa que permetia extrapolar aquesta cita del mateix. [81] [82]

Educació

Amb el pas del temps, han sorgit moltes discussions al voltant de la tortura, per exemple sobre la forma de l'instrument d'execució de Jesús i sobre la naturalesa de la seva condemna.

La crucifixió va ser una pena capital infligida a gran escala pels romans [Nota 22] i reservada en particular als esclaus [83] i als "peregrini" (homes lliures que no eren ciutadans romans ni llatins i es trobaven residents al territori de Roma) , [84] "encara que ocasionalment homes i dones lliures, ciutadans i soldats han estat castigats". [85]

El Codex Theodosianus no guarda cap llei sobre l'abolició de la crucifixió; [Nota 23] el testimoni més antic que posseïm és el de Sesto Aurelio Vittore que el 361 va escriure: "Constantí (...) va ser el primer a abolir el terrible i durat càstig de la crucifixió i el trencament de les cames". [86] [87]

Testimonis paleocristians

L'ús simbòlic de la lletra Tau , que pren la forma de la creu, va ser popularitzat per Francesc d'Assís .

Tertulià assenyala que la lletra grega τ i la llatina T tenen la mateixa forma que la creu d’execució: Ipsa est enim littera Graecorum Tau, nostra autem T, species crucis . [88] William Barclay assenyala que, com que la lletra grega tau s'utilitzava per indicar el número 300, els pares de l'Església consideraven cada aparició del número 300 a l'Antic Testament com a prefiguració mística de la creu de Crist. [89] Així, l' Epístola de Bernabé , la data de compilació de la qual s'estima entre 80 i 120 , [90] veu al número 318 (expressat en números grecs com a τιη ') del text de Gènesi 14:14 una indicació del crucifixió de Jesús: de fet, interpreta les lletres-numerals ιη '(18) com les lletres inicials de Ἰησοῦς, Iēsus , i la lletra-numeral τ' (300) com a prefiguració de la creu: "Quin significat es va revelar a ell? primer diu divuit i, després d’una separació, n’afegeix tres-cents. Divuit s’indica amb iota = deu i edat = vuit. Teniu Jesús. Com que la creu es representa al tau que hauria d’haver comportat gràcia, també n’afegeix tres cent. Indica Jesús a les dues primeres lletres i la creu a l’altra ". [91] [92] I Climent d’Alexandria recorda la mateixa interpretació del número τιη '(318), referint-se a la creu de Crist amb l’expressió "el signe del Senyor": "Diuen que el número 300 a causa del seu la forma és un tipus de signe del Senyor i la iota i l’ edat són indicacions del nom del Salvador. " [93]

Tertulià informa que per tradició els cristians van marcar repetidament el front amb el signe de la creu: [94] "Quan entrem o sortim, quan ens vestim o ens posem sandàlies, quan ens banyem o ens asseiem a la taula o quan encenem un espelma, quan anem a dormir o a seure, qualsevol treball que fem, ens marquem el front amb el signe ". [95] I en el mateix context indica que el signe del qual parla és el de la creu: "Tots els fidels van marcar amb aquell signe del qual parlava Ezequiel dient" El Senyor em diu: Passa pel mig de la porta , al centre de Jerusalem, i marca un tau al front dels homes. "De fet, la lletra grega tau, la nostra lletra T, és la imatge de la creu que el profeta va predir que portem al front". [96] [Nota 24] L'universalità dell'usanza cristiana di tracciarsi sulla fronte il segno della croce, usanza non limitata alla sola provincia romana di Africa , dove viveva Tertulliano, è dimostrata dal fatto che anche l'egiziano Origene , di solo una trentina di anni più giovane di Tertulliano, interpreta similmente lo stesso passo del Libro di Ezechiele , con la differenza di vedere nel segno sulla fronte un riferimento non alla lettera greca tau ma alla tau dell'alfabeto ebraico, che in passato aveva la forma di croce. In esso egli pure vede una profezia dell'usanza dei cristiani di segnarsi la fronte con una croce all'inizio delle attività, particolarmente delle preghiere e delle letture sacre. [97]

Paolo di Tarso osservò che l'idea di Cristo crocifisso, oggetto della sua predicazione, era "scandalo per i giudei, stoltezza per i pagani". [98]

I cristiani erano chiamati adoratori di una croce. A questo riguardo Tertulliano controbatte che gli stessi pagani adoravano immagini di legno, con la sola differenza che, mentre essi adoravano uno stipite di legno, che è solo parte di una croce, quello che essi attribuivano ai cristiani era una croce intera: "Anche chi ci crede adoratori di una croce, sarà nostro correligionario. Quando si adora un legno, poco importa il suo aspetto, essendo la stessa la qualità della materia; poco importa la forma, quando proprio codesto legno sia il corpo di un dio. E tuttavia quanto poco si differenzia dal legno di una croce Pallade attica e Cerere faria, che senza figura si presentano, rozzo palo e legno informe! Parte di una croce è ogni legno, che piantato viene in posizione verticale. Noi, se mai, adoriamo un dio intero e completo". [99]

Gli stessi cristiani coscientemente veneravano la figura della croce: interpretavano l'usanza di pregare a braccia estese come l'adottare la forma della croce di Cristo: [100]

( LA )

«Manus […] nos vero non attollimus tantum sed etiam expandimus, et dominica passione modulantes, et orantes confitemur Christo.»

( IT )

«Noi non solo eleviamo le mani ma anche le estendiamo, e nell'imitare la passione del Signore e nel pregare confessiamo Cristo.»

( Tertulliano, De oratione , 14 )

Secondo Naphthali Wieder, è stato proprio perché i cristiani interpretavano la preghiera a braccia estese come riferimento alla crocifissione del Messia che i giudei abbandonarono questa postura di preghiera precedentemente tradizionale nella liturgia ebraica. [101]

Minucio Felice nel suo Octavius del 197 circa dichiara: "Certo, noi intravediamo il segno della croce, naturalmente, nella nave spinta da vele gonfie o fatta scivolare avanti da remi distesi; e quando si solleva lo stendardo militare, è il segno della croce; come pure quando un uomo adora Dio con mente pura e mani estese". [102]

Interpretazioni alternative dei testi evangelici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stauros (termine) , Descrizioni nell'antichità della croce da esecuzione ed Esecuzione di Gesù secondo i Testimoni di Geova .

I Testimoni di Geova affermano che lo stauròs su cui Gesù morì era un semplice palo. [103] L'interpretazione da essi avanzata si baserebbe sull'ambiguità di certi termini usati nel Nuovo Testamento in relazione alla crocifissione di Gesù.

Studiosi quali Gunnar Samuelsson considerano tale interpretazione non convincente nei riguardi della specifica crocifissione di Gesù. Egli afferma che il vocabolo greco σταυρός ( stauros ), pur aperto ad altre interpretazioni ancora al tempo dei vangeli, può benissimo aver avuto per gli evangelisti il significato in cui la chiesa ora lo intendono, cioè di "croce". [Nota 25] Nella sua pubblicazione Crucifixion in Antiquity , il teologo svedese cita una serie di personaggi ei loro scritti, [104] in cui i termini usati denotano solo «sospensioni non specificate», ma mai inequivocabilmente una crocifissione avvenuta su due pezzi di legno o su un unico palo, anche se in certi casi è possibile che il riferimento sia a tali tipi di crocifissione. [105] La conclusione del teologo svedese è che la mancanza di descrizioni chiare nelle Scritture indica che una terminologia distinta sulla crocifissione nasce con l'esecuzione di Gesù Cristo. [106]

Secondo i lessici greci, la parola σταυρός, che nel greco di Omero (circa 900 anni prima di Cristo) e del periodo classico (500-300 anni avanti Cristo) significava solo un palo, era già usata nel primo secolo dC per indicare una croce. [107] Del resto, è esattamente la stessa cosa che si è verificata nella lingua italiana con il termine "forca", che dal significato originario (semplice bastone con estremità doppia e ricurva), ha assunto anche il significato di strumento di esecuzione utilizzato per l'impiccagione. Il riferimento è doppiamente significativo se si tiene conto che lo stesso termine "impiccare", usato per indicare l'esecuzione per strangolamento tramite sospensione a una corda, deriva da un significato traslato rispetto all'originale ("appendere a una picca"). Ma, oltre a questi, i motivi principali per cui non è generalmente accettata l'idea che Gesù sia stato ucciso mediante affissione ad un palo è che, secondo fonti quali l' Encyclopaedia Britannica , nel primo secolo dC, il secolo verso la fine del quale furono scritti i Vangeli che descrivono la morte di Gesù, la crocifissione avveniva normalmente, pur se non unicamente, legando il condannato, le braccia estese, a una traversa ( patibulum ) o inchiodandogli i polsi ad essa, e poi fissando questa a circa 3 metri di altezza a uno stipite verticale, mentre al condannato si legavano o s'inchiodavano i piedi allo stesso palo verticale; [108] e principalmente perché i primi cristiani che parlano della forma di quello su cui è morto Gesù lo descrivono come avente traversa. [109]

Rappresentazioni della crocifissione di Gesù

La formella nella basilica di Santa Sabina a Roma è un'antica rappresentazione della crocifissione di Gesù.

Le più antiche rappresentazioni ancora conservate di Cristo crocifisso sono:

  • il graffito anti-cristiano detto Graffito di Alessameno che ironizza sul crocifisso, opera probabilmente di un paggio imperiale del Palatino (databile tra il II e la prima metà del III secolo dC, e secondo alcuni anche della fine del I secolo).
  • la raffigurazione scolpita alla fine del II secolo o all'inizio del seguente, probabilmente in Siria, in una gemma di diaspro destinata ad essere usata come amuleto. Presenta la figura di un uomo nudo le cui braccia sono legate con vincoli alla traversa di una croce. L'iscrizione in lingua greca combina parole magiche con termini cristiani. Il catalogo di una mostra del 2007 dice: "L'apparizione della crocifissione in una gemma di data così precoce suggerisce che immagini di tale tema (ora perdute) possono essere state diffuse nel II e nel III secolo, probabilmente in contesti cristiani normali". [110] [111] [112]
  • una gemma della metà del IV secolo, probabilmente anch'essa di provenienza siriana, che faceva parte di un sigillo personale. Presenta Gesù in croce con i dodici apostoli a destra ea sinistra. [110] [113] [114]
  • la crocifissione della scatola d'avorio al British Museum di Londra databile verso il 420 - 430 dC
  • il pannello di Santa Sabina a Roma ( V secolo ). Nel pannello Cristo è rappresentato di fronte, al centro della scena, più grande dei due ladroni Gesta , il cattivo, e Disma , il buono. Ha gli occhi aperti, la barba ei capelli lunghi, le braccia sono aperte in posizione di orante e solo le mani sono inchiodate. I piedi, contrariamente alla maggioranza delle rappresentazioni, poggiano in terra e non sono inchiodati. La testa è volta a destra e la pietas cristiana pensa che sia volta verso il buon ladrone per dire: "Oggi sarai con me in paradiso" ( Vangelo secondo Luca ). [115] Il corpo di Cristo appare senza peso ed il volto di Cristo è un volto "vivente" (morto e risorto).

Nel V secolo , nelle Basiliche paleocristiane e nei mosaici compare la "Croce gemmata", simbolo di Cristo in gloria. Nel 451 papa Leone I , nel riaffermare le due nature, umana e divina, del Cristo , disse che era stato "appeso alla croce e trapassato da chiodi".

Diverse fonti mettono la transizione da rappresentazioni del Christus triumphans a rappresentazioni del Christus patiens in relazione ai secoli XII-XIII. [116] [117]

La crocifissione di Gesù è rappresentata figurativamente già nel V secolo in un pannello di Santa Sabina a Roma. Una miniatura dei Vangeli Rabbula ora alla Biblioteca Laurenziana di Firenze presenta un Cristo calmo, sereno, vincente. Fra i simboli accessori delle rappresentazioni, figuravano il teschio di Adamo (significando che ivi moriva l'uomo, ma non la divinità), gli angeli (forse solo gli arcangeli), l' agnello sacrificale , Satana , la Chiesa , la Sinagoga e, inaspettatamente, il pellicano . Infatti una leggenda medievale molto diffusa narra della capacità del pellicano di far rinascere i propri figli, morti per qualsiasi motivo, aspergendoli del proprio sangue. [Nota 26] Questa analogia con il sacrificio di Cristo che, nella fede cattolica, riscatta con il suo sangue l'umanità dal peccato, ha ispirato letterati e poeti, assegnando al pellicano la valenza di simbolo cristologico. [Nota 27]

Le forme della rappresentazione figurativa (nell'arte, la copiosa raffigurazione della Passione di Cristo potrebbe costituire un genere a sé in molte discipline) naturalmente risentirono in seguito del variare sia dei canoni artistici che dei climi culturali. Ciò può anche spiegare le sensibili differenze iconografiche fra i culti cristiani occidentali e quelli delle Chiese d'Oriente .

Antropologia delle religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Morte di Gesù negli studi antropologici .

La crocifissione entra nel campo di interesse dell' antropologia delle religioni quando essa rivolga la sua attenzione ai sistemi di rappresentazione ed ai sistemi simbolici.

Un ruolo di particolare rilievo, nell'ambito di tali studi è quello avuto dallo storico ed antropologo italiano Ernesto de Martino [118] che ha individuato proprio nel sacrificio di Cristo l'argomento di fede che maggiormente differenzia il Cristianesimo dalle altre religioni. Lo stesso De Martino ha anche affrontato il senso della morte di Cristo in rapporto al momento traumatico della esperienza della morte dei propri cari ed al bisogno di " elaborare il lutto ".

Espressioni culturali

Arti figurative

Cristo spogliato dei suoi vestiti , dipinto di Bernhard Strigel, 1520, Berlino , Gemäldegalerie . Rappresenta il momento che precedette la crocifissione.

La crocifissione è un tema ed un soggetto molto importante nella storia dell'arte , tale quasi da meritare studi specifici non meramente da inquadrarsi nella categoria dell' arte sacra . Molte sono state le motivazioni che hanno persuaso artisti della pittura, della scultura, della musica e di tutte le discipline minori a queste riferibili, ad applicarvisi e davvero cospicuo e prezioso è il patrimonio artistico costituitosi.

La rappresentazione della Passione di Cristo offriva infatti il destro per rendere una gamma di emozioni e sensazioni, e comunque di sommovimenti spirituali, che non trovano un apprezzabile paragone in altre istanze di comune immediatezza e ricevibilità. In più, come per tutta l'arte sacra, epoche vi furono (come certo il Rinascimento ) in cui il mecenatismo delle varie Signorie , una delle quali era, a questi fini, il Papato , condizionava la munificenza all'imposizione della tematica; talvolta a fini poveramente politico-diplomatici, finalizzati a preservare buoni rapporti con gli Stati della Chiesa , si commissionavano in grande quantità soggetti religiosi che oggi ci restano in buona parte come capolavori irripetibili.

E, nonostante le si conosca ovviamente per il loro valore artistico, queste opere contengono anche un importantissimo registro documentario, poiché descrivono, specialmente nella comparazione fra le varie epoche, la variazione della concezione culturale e sociale delle materie sacre (o spirituali in genere), lasciando trasparire la maggiore o minore importanza che taluni dettagli, talune presenze (o assenze), taluni contesti potevano andare assumendo o perdendo nell'evolvere delle mentalità. Dalla rappresentazione della Bibbia di Rabbula , alla surreale sintesi di Dalì , passando per le mille sempre diverse sfaccettature del Cinquecento italiano e fiammingo, cattolico e protestante, la crocifissione marca con la sua costante immutabilità, una smisurata fioritura interpretativa.

Il tema del resto, non era riservato ai cristiani, né tanto meno ai soli cattolici: molte opere sono di cristiani protestanti, di ebrei, di agnostici ed atei, mentre anche lo "sporadicamente osservante" Caravaggio fu capace di una Flagellazione che tuttora è una delle più profonde visioni in argomento. La Crocifissione bianca di Chagall , ebreo chassidico, insieme al trittico Resistenza , Resurrezione , Liberazione segnala che il sacrificio di Cristo è divenuto patrimonio comune delle culture (almeno quelle occidentali) come simbolo della persecuzione e lo usa quindi per dipingere un Cristo, nato ebreo, che incarna l'eterno destino degli Ebrei.

Anche di queste soggettive differenze, nella contemporaneità, è perciò possibile trarre spunto per sempre interessanti osservazioni accessorie.

Iconografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Iconografia della Crocifissione .

Lo sviluppo del Cristianesimo ha prodotto, com'è noto, un vastissimo sistema iconografico nel quale confluiscono tanto le innumerevoli produzioni artistiche destinate (spesso anche con finalità didattiche ai luoghi di culto), quanto gli artefatti nei quali si esprimono le esigenze devozionali polari nelle diverse epoche storiche e nei diversi luoghi in cui avvenne l'inculturazione cristiana.

Il simbolo della Croce e la rappresentazione del racconto evangelico della crocifissione - stante il carattere fondante che la morte di Dio fatto uomo e mandato al patibolo dagli uomini, ha nel definire la specificità della religione cristiana - hanno un rilievo assolutamente preponderante nella iconografia del Cristianesimo. Anzi la crocifissione rappresenta il simbolo per antonomasia della religione cristiana.

Il materiale iconografico da prendere in considerazione va dalle prime incerte incisioni del segno della Croce che troviamo nelle catacombe, alle espressioni più alte della raffigurazioni della crocifissione di Gesù che troviamo nell'arte sacra di tutti i secoli; spazia dalle opere di alto pregio destinate a ricchi e raffinati committenti, alle manifestazioni ingenue di espressività popolare che troviamo nelle cappelle votive, nelle feste religiose che celebrano la Passione di Cristo, e altro ancora.

L' iconografia di Gesù il Cristo per molto tempo era stata non la Croce, ma sculture raffiguranti prima i simboli riferiti al Maestro (il pesce Ichthys , la colomba, l'agnello e altri) poi raffigurazioni del Cristo Risorto, del Cristo Pantocratore. La croce per molto tempo significò per i cristiani la violenza dei pagani e degli Ebrei e non venne raffigurata. Quando il mecenatismo degli ordini religiosi e dei Papi d'Occidente riportò come motivo ispiratore dell'arte la crocifissione, come tema dominante della cultura e dell'espressione artistica medievale, allora si creò lo stereotipo di un Gesù il Cristo inchiodato per le palme delle mani al legno. Tuttavia, i Romani crocifiggevano i rei inchiodandoli per i polsi così da svenarli, ucciderli prima e soprattutto per il dato "fisico" che un uomo non si potrebbe reggere con dei chiodi nelle palme delle mani. Questo giustificherebbe la ragionevolezza della veridicità della Sindone di Torino .

Pittura

Quanto alla definizione delle tematiche, una primaria distinzione si può fare per pittura e scultura, seppure alquanto speciosa e forse accademica, fra la deposizione del Crocefisso (scena statica, monoscopica, di Gesù sulla croce) e quella della crocifissione (che più dinamicamente racchiudesse in sé il prima ed il durante, ovvero l'evento e il contesto); il distinguo si rende peraltro doveroso in quanto nella rappresentazione del Crocefisso (che pure ha avuto opere di capitale importanza, come quella di Giotto ) non è stato sempre possibile separare una produzione strumentale (come ad esempio per l'arredamento delle chiese o per la vendita ai fedeli) talvolta eseguita senza intenti artistici bensì solo di (ancorché valido) artigianato. Per questi "prodotti" si noti che il Crocifisso è anche ( absit iniuria referendi ) oggetto d'arredo, complemento del Rosario, spilla, ciondolo, ma talvolta le realizzazioni sono pregevolissime ed effettivamente ricche di valore espressivo.

Va poi menzionato che, secondo alcune visioni, le rappresentazioni della Via crucis (la cui forma più diffusa è il bassorilievo ), proprio poiché la narrazione di questa si conclude con la crocifissione, non sarebbero da escludere da questa disamina, apportandovi peraltro opere di ingente valore. Ed analoga valutazione potrebbe darsi per la tematica della Flagellazione. Concettualmente, inoltre, le rappresentazioni della crocifissione sono anche contigue a quelle della Deposizione e della Pietà (il dolore di Maria che raccoglie il corpo di Cristo fra le sue braccia - Mater dolorosa ), ma da questa distinte, notando che la reazione delle Marie faccia innanzitutto parte della crocifissione.

Le opere raffiguranti la crocifissione costituiscono una produzione artistica estremamente vasta che attraversa i secoli. Per quanto sia difficile (ed arbitrario) esprimere giudizi sul valore sulle singole opere, ricordiamo qui di seguito alcune tra le produzioni artistiche più significative:

Fra le tante interpretazioni anticonvenzionali, una menzione a sé va riservata al celebre e discusso Uomo dei dolori di Albrecht Dürer , nel quale Cristo è descritto in una posa assai singolare, mentre straziato dal supplizio (che si suppone in corso dai tanti dettagli come il sangue grondante) guarda negli occhi lo spettatore, quasi sconsolato o sgomento, in una cornice che ha abbandonato la figurazione della scena classica per rendersi, con grande anticipazione, simbolistica caverna buia in cui poter leggere il male degli uomini.

La crocifissione ha nel tempo assunto su di sé significati accessori. Se l'ora richiamato Dürer ha poi eseguito un autoritratto chinato dallo stesso titolo del detto olio, volendo identificare il suo personale sacrificio con il supplizio di Gesù, molti altri autori hanno allo stesso modo svolto i loro drammi personali con questo riferimento; al di là di una soggettiva valutazione sull'eventuale buon gusto, si tratta comunque nella maggioranza dei casi di uno svolgimento del sacrificio di Cristo reso in modo tale da sottolinearne l'importanza oggettiva per ciascun individuo.

Anche oggigiorno la crocifissione è un tema ancora vivo nell'arte, in un'arte che ormai si esprime attraverso un linguaggio moderno; un tentativo di conciliare tale linguaggio con simboli religiosi fortemente legati alla tradizione è stato auspicato da Papa Giovanni Paolo II , nella sua lettera agli artisti, e messo in pratica da alcuni musei fra i quali vale la pena di segnalare il museo d'arte sacra Stauros .

Cinema

Musica

Nella musica, e ovviamente con riguardo alla musica sacra , non meno presente è il tema della passione e della crocifissione di Gesù nella composizione di un numero elevatissimo di opere le cui prime si suppongono medievali per relati letterari.

Il canto gregoriano è certamente uno dei modi più ricchi di temi attinenti alla Passione di Cristo, ed attraverso questo penetra nel bon ton della composizione sacra l'uso del riferimento ai Vangeli in latino, conformemente alla liturgia cattolica che di queste opere avrebbe garantito la tradizione ed in sostanza la perpetuazione.

Sono spesso, infatti, i versetti latini dei Vangeli a corredare le musiche, e alcuni di essi, vuoi per la metrica dei periodi, vuoi per la drammaticità del passaggio liturgico cui dovevano affiancarsi nella messa ( Tenebrae factae sunt, Quid me dereliquisti, Et inclinato capite ), a poco a poco finirono per creare sottogeneri della messa (e della messa cantata), con una particolare intensità produttiva nel Settecento; lo Stabat mater , ad esempio, fu affrontato da molti autori fra i quali il "prete rosso" Antonio Vivaldi e Bach e, sopra di questi, il Pergolesi. Stante il diverso approccio narrativo della musica, rispetto ad altre arti, non è dato attendersi una focalizzazione su uno solo dei temi del sacrificio di Cristo, ma più aderentemente alla sua dinamica espressiva la musica poteva rendere intere sezioni delle Scritture, fluide serie di eventi e non già monologie.

Johann Sebastian Bach , come noto, ha dedicato ben cinque opere principali alla Passione, delle quali due andarono perdute.

Note

  1. ^ a b Colin J. Humphreys, The Mystery of the Last Supper: Reconstructing the Final Days of Jesus , Cambridge University Press, 2011, p. 84 ISBN 978-1-139-49631-5 . In precedenza lo stesso autore aveva espresso un'opinione differente in Colin J Humphreys, W. Graeme Waddington, Dating the Crucifixion" , Nature. 306 (5945): 743, 1983 Bibcode:1983Natur.306..743H. doi:10.1038/306743a0.
  2. ^ Tali narrazioni sono ritenute da alcuni studiosi come Rudolf Bultmann , John Dominic Crossan e gli esegeti dell' École biblique et archéologique française (i curatori della Bibbia di Gerusalemme ), di natura leggendaria. Il teologo Raymond Brown ritiene che tali episodi siano presentati, secondo la visione teologica degli evangelisti, "in linguaggio apocalittico e immagini prese dalle Scritture" e "a creare maggior problema nell'interpretazione letterale è il fatto di non comprendere la loro natura simbolica e il genere letterario nel quale vengono presentati. Un paragone sarebbe per i lettori dell'anno 4000 dC il dibattere sulla storicità del libro di George Orwell « 1984 »: Orwell è stato l'interprete più perspicace delle forze distruttive scatenate durante la sua vita, ma la sua fu una visione discriminante, non la storia di cosa effettivamente accadde in un anno specifico" e "commentatori dal periodo del Nuovo Testamento in avanti hanno mostrato grande inventiva nell'interpretare questi eventi, e [occorre] mantenere la sovrabbondanza di queste interpretazioni (per quanto interessanti possano essere) distinta da cosa ogni evangelista desiderava comunicare sugli avvenimenti che descrisse e cosa plausibilmente avrebbe capito su questo un suo lettore del primo secolo"; Brown evidenzia anche che, per quanto riguarda Matteo, questi "ereditò da Marco due fenomeni escatologici (l'oscurità su tutta la terra a mezzogiorno e lo stracciarsi del velo del santuario) come segni di giudizio divino in reazione alla morte del Messia, il figlio di Dio. A loro egli aggiunse altri 6 fenomeni, anch'essi segni di natura escatologica o anche apocalittica" e, come per gli altri fenomeni narrati, per la risurrezione matteiana dei morti "un tale fenomeno su larga scala avrebbe dovuto lasciare delle tracce nella storia degli ebrei o secolare". Lo storico del cristianesimo Remo Cacitti osserva inoltre: "è evidente che qui di storico non c'è nulla. La descrizione di ciò che avviene nel momento in cui Gesù muore obbedisce tipologie fisse: i terremoti, i sepolcri che si aprono, il cielo che si oscura. Il significato dell'evento è dato invece dalla fede di Matteo o, per meglio dire, dalla fede di una comunità cristiana convinta che con la croce si fosse inaugurata la nuova creazione, in sostituzione di quella descritta nella Genesi". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1098, 1120-1140, 1304-1305, ISBN 978-0385494496 ; Rudolf Bultmann, Storia dei vangeli sinottici , EDB, 2016, p. 274, ISBN 978-88-10-55850-8 ; John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 197, ISBN 978-0-06-061480-5 ; Corrado Augias e Remo Cacitti, Inchiesta sul cristianesimo , Mondadori, 2012, pp. 50-51, ISBN 978-88-04-59702-5 ; Bart Ehrman, Il Nuovo Testamento , Carocci Editore, 2015, p. 113, ISBN 978-88-430-7821-9 ; Bart Ehrman, Prima dei vangeli , Carocci Editore, 2017, p. 148, ISBN 978-88-430-8869-0 .).
  3. ^ Così come evidenziano gli esegeti dell' École biblique et archéologique française (i curatori della Bibbia di Gerusalemme ), i quali aggiungono che questi risorti attendono la risurrezione di Gesù per entrare in Gerusalemme, la città santa, e "si ha qui una delle prime espressioni della fede nella liberazione dei morti mediante la discesa di Cristo agli inferi". Il teologo Raymond Brown evidenzia inoltre: "Ci sono numerosi esempi nell'Antico Testamento di scosse telluriche come segno di giudizio divino o degli ultimi tempi, come ad esempio Giudici 5,4; Isaia 5,25 e 24,18; Ezechiele 38,19; Geremia 4,23. [...] Perciò, i lettori di Matteo, se erano familiari con questo background, avrebbero dovuto avere poche difficoltà a riconoscere nelle scosse della terra che accompagnavano la rottura del velo del santuario un segno apocalittico del giudizio di Dio evocato dalla crudele morte di cui il figlio di Dio fu fatto oggetto" e tali eventi secondo gli esponenti dell'esegesi storico-critica sarebbero storicamente improbabili anche perché non riportati da altre fonti, visto che "l'oscurità per 3 ore su tutta la terra a mezzogiorno e la scossa della terra (e probabilmente il concomitante spezzarsi delle rocce) dovrebbero essere stati visibili a tutti nell'area, almeno". Lo storico del cristianesimo Remo Cacitti osserva inoltre: "nel testo di Matteo si dice che i morti escono dai sepolcri dopo la risurrezione di Gesù ma Gesù è appena morto le cose non si combinano" e questo "si spiega con l'analisi esegetica. Matteo utilizza il testo di Ezechiele [ Eze37,1-14 , su laparola.net . ] - che, a quanto pare, veniva letto nelle sinagoghe durante la liturgia pasquale giudaica - per dare un significato salvifico alla morte di Gesù. Tuttavia, egli si rende conto che l'immagine usata dal profeta urta con quanto ha scritto Paolo quando afferma che Cristo è «il primogenito di coloro che risuscitano dai morti» (Col 1,18). Allora, in maniera maldestra, Matteo inserisce questa sua correzione per armonizzare due tradizioni teologiche che si contraddicono". Il biblista Bart Ehrman ritiene inoltre che "al di là di alcuni fondamentalisti e altri che leggono la Bibbia alla lettera, oggi sono davvero pochi i lettori così ingenui da pensare che si tratti di un ricordo fondato nella realtà". (Bibbia di Gerusalemme, EDB, 2011, p. 2388, ISBN 978-88-10-82031-5 ; Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1121-1122, 1129-1133, 1137-1140, ISBN 978-0-300-14010-1 ; Corrado Augias e Remo Cacitti, Inchiesta sul cristianesimo , Mondadori, 2012, pp. 50-51, ISBN 978-88-04-59702-5 . Cfr anche: Rudolf Bultmann, Storia dei vangeli sinottici , EDB, 2016, p. 274, ISBN 978-88-10-55850-8 ; John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 197, ISBN 978-0-06-061480-5 ; Bart Ehrman, Prima dei vangeli , Carocci Editore, 2017, p. 148, ISBN 978-88-430-8869-0 .).
  4. ^ Ad esempio: Amos8,9-10 ; Is13,10 ; Qo12,2 , su laparola.net . .
  5. ^ Così Raymond Brown , che aggiunge: "Se noi ci limitiamo ad autori che scrissero entro 100 anni prima o dopo la morte di Gesù, troviamo che Plutarco riporta che alla morte o partenza di Romolo «la luce del sole fu eclissata». Similmente Ovidio usa l'espressione il «sole sembrò estinguersi». Quando Giulio Cesare fu ucciso, Plutarco parla di un oscuramento del sole e Flavio Giuseppe la descrive come un'occasione nella quale «il sole se ne andò». Plinio menziona questa morte per esemplificare una grande aspettativa: «portentose e lunghe eclissi del sole, come quando Cesare morì»". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1034-1043,1098, ISBN 978-0-300-14010-1 ; Bibbia TOB, Nuovo Testamento , Vol. 3, Elle Di Ci Leumann, 1976, p. 282; John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, pp. 1-4, ISBN 978-0-06-061480-5 .).
  6. ^ Nota il teologo Raymond Brown che "[in Luca] come in Marco l'oscurità è dalla sesta ora fino alla nona ora; ma tra l'oscurità e l'urlo di morte di Gesù c'è interposto lo strapparsi del velo del santuario, il quale è associato con l'eclissi del sole. [...] Questo riarrangiamento è indubbiamente una riflessione di Luca dovuta alla sua inclinazione per un resoconto (logicamente) più ordinato e mostra la comprensione che i due segni sono di origine simile, riflettendo l'ira divina. Luca volle concentrare gli elementi negativi prima del momento in cui Gesù mandasse il suo spirito nelle mani di suo Padre. [...] Luca, inoltre, muovendo lo strapparsi del velo a prima, ha semplificato la duplicazione di Marco («dall'alto al basso» e «in due parti») nell'unica espressione: «nel mezzo» significando «nella meta oppure dal mezzo in giù». [...] l'amore di Marco per la duplicazione ha un forte effetto letterario qui: il velo è strappato «dalla punta al fondo» e «in due» e così non potrà essere riparato. Così per Marco lo strapparsi del velo del santuario significa che con la morte di Gesù il santuario ha cessato di esistere e l'edificio che continuava ad esistere non era più un luogo santo" e "il velo del tempio era un simbolo associato alla morte di Gesù a un livello pre-marciano, in quanto appare in un'altra maniera nella Lettera agli Ebrei". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 5, 10, 1038, 1099, 1101-1102, 1134-1138, ISBN 978-0-300-14010-1 ; Bart D. Ehrman, Jesus Interrupted - Revealing the Hidden Contradictions in the Bible , HarperCollins Publishers, 2009, pp. 51-52, ISBN 978-0-06-186327-1 .).
  7. ^ Appare, inoltre, piuttosto improbabile che gli evangelisti possano avere avuto notizia che il velo del Tempio si fosse squarciato da solo: questo velo era una tenda nel Tempio, in una zona dove poteva entrare - e unicamente in determinate occasioni - solo il Sommo sacerdote , ovvero Caifa , che aveva sentenziato la condanna di Gesù stracciandosi le vesti solo il giorno prima ( Mc14,53-65; MT26,57-68 , su laparola.net . ); Caifa - supposto che il fatto fosse realmente accaduto e che lui fosse lì nel momento giusto - difficilmente lo avrebbe riferito ad altri, ammettendo così implicitamente che la morte di Gesù aveva prodotto un simile evento miracoloso e "se il velo interno si fosse strappato, gli unici che avrebbero potuto saperlo sarebbero stati i sacerdoti, in quanto erano i soli a cui era permesso entrare nel luogo santo del Tempio e, secondo i resoconti dei sinottici, in quel momento essi erano al Golgota. In ogni caso, essi avrebbero avvisato di un tale evento se anche fosse avvenuto al momento della morte di Gesù?". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1112-1113, ISBN 978-0-300-14010-1 ; Bart Ehrman, Prima dei vangeli , Carocci Editore, 2017, pp. 148-149, ISBN 978-88-430-8869-0 .).
  8. ^ Come osservato dagli esegeti del " Nuovo Grande Commentario Biblico " e Raymond Brown sottolinea inoltre: "La funzione generale del velo era dividere lo spazio Santo da quello profano, e strappare il velo significava distruggere lo speciale carattere di santità che faceva di quel posto un santuario. A parte il considerare il santuario una dimora divina, un'idea condivisa dai pagani e dagli Ebrei, strappare il velo significava che la presenza divina se n'era andata. [...] Però per alcuni, non affermare la storicità dello strapparsi del velo del santuario, oppure del terremoto, oppure dell'apparizione dei morti risuscitati, tutti narrati in relazione alla morte di Gesù, è come negare la guida Divina o l'ispirazione dei resoconti dei vangeli. Paradossalmente, questo giudizio sminuisce lo stesso potere di Dio che si cerca di proteggere: se gli esseri umani poterono dare un'esposizione ricca di significato della morte di Gesù, in un linguaggio e in un genere letterario diverso della storia, su che basi può uno negare la libertà di Dio di fornire una guida ispirata a queste espressioni?". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 5, 10, 1038, 1099, 1101-1102, 1134-1136, ISBN 978-0-300-14010-1 ; Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, p. 939, ISBN 88-399-0054-3 ; Articolo dedicato .).
  9. ^ Qualche copista, nei primi secoli, tentò anche di correggere l'incongruenza nel passo del Vangelo secondo Giovanni, mutando il riferimento temporale da "ora sesta", cioè mezzogiorno, a "ora terza", cioè le 9 di mattina, per renderlo omogeneo con il passo del Vangelo secondo Marco.
  10. ^ Di analogo parere sono anche i teologi John Dominic Crossan , tra i cofondatori del Jesus Seminar , e Rudolf Bultmann (Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, pp. 815, 1274, ISBN 88-399-0054-3 ; John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 100, ISBN 978-0-06-061480-5 ; Rudolf Bultmann, History of the Synoptic Tradition , Hendrickson Publisher, 1963, pp. 263-266, ISBN 1-56563-041-6 .).
  11. ^ Nell'evidenziare come le quattro versioni evangeliche siano tutte diverse, "con divertimento se pensiamo a chi ha un approccio letterale ai vangeli".
  12. ^ Le due sostanze sono molto diverse: la mirra è una resina aromatica prodotta da alcuni arbusti spinosi del genere Commiphora , con leggero effetto narcotizzante, mentre il fiele , invece, è un fluido prodotto dal fegato degli animali.
  13. ^ "È Matteo, non Marco, che rende la prima bevanda riconducibile al Salmo 69,22 [ Sal69,21-22 , su laparola.net . ]. Questo rappresenta un abbandono dell'enfasi di Marco; mentre i lettori di Marco avrebbero riconosciuto nel vino dolce profumato con mirra il tradizionale analgesico, i lettori di Matteo non avrebbero pensato questo del vino mescolato con fiele. Piuttosto essi avrebbero riconosciuto come Dio ha predetto, attraverso il salmista, l'uomo giusto che sta per essere abusato dai suoi nemici" e "Matteo, adattando Marco e avendo riconosciuto l'eco del salmo 69,22 nella seconda bevanda, introdusse un'altra eco (fiele) nella prima bevanda; perciò la crocifissione di Gesù adempì a entrambe le indicazioni di cosa il salmista aveva detto riguardo alla sofferenza del giusto. Così per Luca, la sua sola bevanda è dipendente dal resoconto di Marco della seconda bevanda (non da una più antica tradizione pre-lucana)". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 942-944, ISBN 978-0-300-14010-1 .).
  14. ^ "In Marco/Matteo a Gesù è offerto vino due volte. All'inizio della crocifissione [e] alla fine, dopo il grido di desolazione di Gesù e appena prima che muoia. [...] In Luca c'è solo un'offerta di vino: in mezzo al tempo in cui Gesù sta sulla croce [e] in Giovanni c'è solo un'offerta di vino: alla fine proprio prima che Gesù muoia [...] chiaramente questo è un parallelo della seconda offerta di Marco/Matteo" e "soprattutto, solo Marco e Matteo hanno l'iniziale offerta di vino dove successivamente o verso la fine della crocifissione tutti quattro i vangeli hanno l'offerta di aceto". "Due tradizioni separate - ovvero (A) l'ultimo grido di Gesù, combinato con l'offerta di vino e aceto; (B) lo scherno riguardo Elia - furono messe insieme da Marco o da una tradizione pre-marciana per darci la scena che ora esiste in Marco/Matteo, un'unione che ha prodotto una sequenza confusa nella narrazione in cui il motivo di Elia è maldestramente relazionato al grido di Gesù e al vino. [...] Il resoconto di Luca sembra essere un tentativo di migliorare il resoconto di Marco eliminando l'elemento di Elia, spostando lo scherno dell'offerta di vino con aceto per sistemare i tre episodi di scherno di Gesù sulla croce narrati precedentemente, e rendendo le parole dell'urlo di Gesù armoniose con la teologia lucana della passione". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 940-944, 1084, ISBN 978-0-300-14010-1 .).
  15. ^ Rudolf Bultmann parla di "un altro esempio di come la fantasia dipinga il vecchio materiale".
  16. ^ "Sicuramente allora non vi era una precisa memoria riguardo a questo scherno nei confronti di Gesù [da parte dei ladroni] e l'interesse dominante era mostrare il giusto maltrattato dall'ingiusto. Il peculiare episodio di Luca, dove l'altro ladrone è comprensivo con Gesù e parla con lui, sfida il giudizio storico. [...] La conclusione positiva (il ladrone comprensivo) calza perfettamente con l'avversione di Luca per un quadro totalmente negativo [e] il salvare uno dei ladroni da parte di Gesù è tipico del modo di vedere di Luca, ovvero che la misericordia di Dio è già presente durante la passione". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1028-1030, ISBN 978-0-300-14010-1 .).
  17. ^ Come evidenzia il teologo Raymond Brown , che - in merito alla diversa identità attribuita a queste donne nei vari vangeli - avanza quest'ipotesi: "una spiegazione plausibile è che ci fu una tradizione pre-evangelica riguardante delle donne galilee che osservavano la crocifissione da lontano (Giovanni le ha mosse vicine alla croce a causa della combinazione che egli fa con la scena della madre e del discepolo amato ai quali Gesù parla). In linea con il modello narrativo di «tre», fu fatto un riferimento a tre persone, delle quali due furono nominate: Maria Maddalena e un'altra Maria. Quando le donne furono inserite nei vangeli individuali, il nome della terza fu specificato in modo diverso: Salomè (Marco), madre dei figli di Zebedeo (Matteo), Giovanna (vedi Luca 24,10), e la sorella della madre di Gesù (Giovanni)" e questa terza donna probabilmente non è "identificata nella tradizione pre-evengelica perché ogni vangelo le dà un nome differente. Alla fine i nomi delle donne alla tomba vuota furono armonizzati con i nomi dati alle donne alla croce, ma in una forma abbreviata siccome esse erano già state menzionate. Questa armonizzazione non accadde in Giovanni il quale, nominando solo Maria Maddalena (che parla come « noi ») alla tomba, preserva la situazione più antica". (Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1028-1030, 1276-1279, 1195-1196, ISBN 978-0-300-14010-1 . Cfr anche Bart Ehrman, E Gesù diventò Dio , Nessun Dogma Editore, 2017, p. 139, ISBN 978-88-98602-36-0 .)
  18. ^ Nota tale studioso come, ad esempio, Luca - non considerando adeguato il lamento di Gesù riportato da Marco («Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?») e basato sul salmo Sal21,2 , su laparola.net . - abbia dato una diversa versione («Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito») in base invece al salmo Sal30,6 , su laparola.net . .
  19. ^ Aggiunge il teologo: "in caso di sedizione, i governatori romani non volevano che il criminale fosse considerato come un eroe da essere imitato. [...] È poco probabile che il prefetto della Giudea avrebbe dato il corpo di un aspirante-re crocifisso ai suoi seguaci per il funerale. Se il governatore avesse voluto essere pietoso, avrebbe più probabilmente dato il corpo alla famiglia del crocifisso. È interessante che nessun vangelo supponga neppure questa possibilità, solo Giovanni ha i membri della famiglia presenti alla crocifissione. [...] Nella logica della storia, avendo compromesso sé stesso con un'azione pubblica, Pilato avrebbe dovuto preoccuparsi riguardo alla possibilità dei seguaci di Gesù di idolatrarlo e riguardo alla severità dell'imperatore in questioni relative alla maiestas .". (Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, pp. 1207-1209, ISBN 88-399-0054-3 .).
  20. ^ Alcuni autori reputano che il nome sia piuttosto un acronimo di ymmach shmò uzrichò ("sia cancellato il suo nome e il suo ricordo") che indicava in modo spregevole chi cercava di portare i Giudei all'apostasia.
  21. ^ La crocifissione non era ammessa dalla Torah , mentre invece lo era appendere il condannato a un albero, come ricordato anche in Dt21,22-23 , su laparola.net . .
  22. ^ A conservative estimate of 30,000 individuals crucified by the Romans implies that. 067 percent of the names of the "damnati" survive. (Una stima conservatrice di 30.000 individui crocifissi dai Romani implica che lo 0,067 per cento (circa 20) dei nomi dei condannati sopravvivano.) John Granger Cook, Crucifixion in the Mediterranean World , Tübingen, Mohr Siebeck, p. 160.
  23. ^ "Perché? Possiamo avanzare due ipotesi: i compilatori del Codex Theodosianus, nella loro documentazione, non avevano a disposizione nessun testo, oppure lo hanno omesso perché una legge simile era del tutto obsoleta nel 438. La crocifissione era scomparsa del tutto nella pratica; nessun giudice l'applicava. Inoltre esistevano nel repertorio legislativo penale delle pene terribili, ancora in vigore.", Angelo di Berardino, "Crocifissione abolita da Costantino", in Josep Vilella Masana (ed.), Constantino, ¿el primer emperador cristiano? Religión y política en el siglo IV , Universitat de Barcelona, 2015, p. 458.
  24. ^ Il passo del Libro di Ezechiele al quale si riferisce Tertulliano è Ezechiele 9:4–6 .
  25. ^
    ( EN )

    «There is a good possibility that σταυρός, when used by the evangelists, had already been charged with a distinct denotation – from Calvary. When, eg, Mark used the noun it could have meant "cross" in the sense in which the Church later perceived it. That could be seen as an explanation for the scarcity of additional information about the nature of the punishment.»

    ( IT )

    «C'è una buona possibilità che σταυρός, nell'uso degli evangelisti, sia già stato caricato di una notazione distinta - dal Calvario. Quando, ad esempio, Marco usava il nome egli potrebbe aver voluto dire "croce" nel senso in cui la Chiesa più tardi lo avrebbe percepito. Quella potrebbe essere vista come una spiegazione per la scarsità di informazioni aggiuntive sulla natura della punizione»

    ( Gunnar Samuelsson, Crucifixion in antiquity , Mohr Siebeck, 2011, p. 259, ISBN 978-3-16-150694-9[1] )
  26. ^
    ( FR )

    « Parfois pasmés aussi comme sans vie, et si pairons les guarissent de leur sanc »

    ( IT )

    «Ridotti a volte come privi di vita, i loro genitori li guariscono con il loro sangue»

    ( Brunetto Latini , da Li Livres dou Tresor , L, I, CLXIII )
  27. ^ Louis Charbonneau-Lassay, Il bestiario del Cristo (vol II), Ed. Arkeios, Roma, 1995, ISBN 88-86495-02-1 , p. 123 e segg. La leggenda potrebbe essere frutto di un mal compreso atto del volatile quando questo reclina il becco per rigurgitare il cibo che vi stiva.

Riferimenti

  1. ^ voce, Dizionario Rai
  2. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica, 613–623
  3. ^ Benedetto XVI, L'importanza della cristologia: la teologia della Croce (discorso del 29 ottobre 2009)
  4. ^ La teologia della croce in Lutero e il problema del male ( PDF ), su triestevangelica.org .
  5. ^ Concilio Vaticano II, Dei Verbum , qualifica che riguarda la salvezza, non notizie sul passato ( Jerome Murphy-O'Connor, "A Review and Assessment of the Church's Engagement with Historical Critical Analysis of the New Testament as outlined in Dei Verbum in Mark O'Brien, Christopher Monaghan (a cura di), God's Word and the Church's Council: Vaticann II and Divine Revelation (ATF Press 2014), p. 124 ).
  6. ^ Martin Hengel , Crocifissione ed espiazione , Brescia, Paideia 1988.
  7. ^ Giuseppe Ricciotti , Vita di Gesù Cristo , Mondadori, 1962.
  8. ^ a b Gv19, 31-34 , su laparola.net . .
  9. ^ Digesta Iustiniani, "De cadaveribus punitorum" , 48.24.1 (Ulpianus 9 de off. Procons.)
  10. ^ Mt27,54 , su laparola.net . .
  11. ^ ( EN ) Raymond E. Brown ,The Death of the Messiah - From Gethsemane to the Grave: A Commentary on the Passion Narratives in the Four Gospels , II, Londra, Geoffrey Chapman, 1994, p. 1034 , ISBN 0-225-66746-0 .
  12. ^ Raymond E. Brown , La morte del Messia - Un commentario ai Racconti della Passione nei quattro vangeli , a cura di Gianluigi Corti, traduzione di Antonio Nepi e Simone Venturini, Brescia, Queriniana, 1999, ISBN 978-8839904089 .
  13. ^ Gianfranco Ravasi, Si fece buio , Famiglia Cristiana, 30 agosto 2012
  14. ^ ( EN ) George F. Chambers, The Story of Eclipses , George Newnes, Ltd, 1899, pp. 129–130
  15. ^ ( EN ) Robert Bartlett, The Natural and the Supernatural in the Middle Ages , Cambridge University Press, 2008, pp. 68-69 ISBN 978-0-521-87832-6 .
  16. ^ ( EN ) Dale C. Allison, Studies in Matthew: Interpretation Past and Present , Baker Academic, 2005, pp. 68-69 ISBN 978-0-8010-2791-8 .
  17. ^ ( EN ) RC Sproul (a cura di), The Reformation Study Bible , Ligonier Ministries, 2010 ISBN 978-1-59638-207-7 .
  18. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2, Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1036-1038, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  19. ^ a b Raymond E. Brown, The Death of the Messiah: a Commentary on the Passion Narratives in the Four Gospels, The Anchor Bible Reference Library. Volume 2: From Gethsemane to the Grave , Doubleday, 1994, p. 1040 ISBN 978-0-385-19397-9 .
  20. ^ a b Bart Ehrman, Prima dei vangeli , Carocci Editore, 2017, p. 148, ISBN 978-88-430-8869-0 .
  21. ^ E Gesù, emesso un alto grido, spirò. Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. ( Mt 27,50-53 , su laparola.net . ).
  22. ^ ( EN ) Jefferson Williams, Michael J. Schwab, Achim Brauer, An early first-century earthquake in the Dead Sea , International Geology Review 54(10):1219–1228 (July 2012)
  23. ^ Mc15,33; Lc23,44; Mt27,45 , su laparola.net . .
  24. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, p. 1038, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  25. ^ Mc15,37-38; Lc23,44-46; Mt27,50-51 , su laparola.net . .
  26. ^ " Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. Il velo del tempio si squarciò in due, dall'alto in basso. " ( Mc15,37-38 , su laparola.net . ) e " E Gesù, emesso un alto grido, spirò. Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono " ( Mt27,50-51 , su laparola.net . ).
  27. ^ " Il velo del tempio si squarciò nel mezzo. Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo spirò. " ( Lc23,45-46 , su laparola.net . ).
  28. ^ Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, pp. 815, 1274, ISBN 88-399-0054-3 .
  29. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 100, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  30. ^ Corrado Augias e Mauro Pesce, Inchiesta su Gesù , Modadori, 2011, pp. 144-145, ISBN 978-88-04-57132-2 .
  31. ^ Bart Ehrman, Il Nuovo Testamento , Carocci Editore, 2015, pp. 87-89, ISBN 978-88-430-7821-9 .
  32. ^ " Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. " ( Mc15,24-25 , su laparola.net . ).
  33. ^ " Era la Preparazione della Pasqua, verso mezzogiorno. Pilato disse ai Giudei: «Ecco il vostro re!». Ma quelli gridarono: «Via, via, crocifiggilo!». [...] Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso. Essi allora presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Gòlgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall'altra, e Gesù nel mezzo. " ( Gv19,14-18 , su laparola.net . ).
  34. ^ Bruce Metzger e Bart Ehrman, Il testo del Nuovo Testamento , Paideia Editrice, 2013, p. 231, ISBN 978-88-394-0853-2 .
  35. ^ Bart D. Ehrman, Jesus, Interrupted - Revealing the Hidden Contradictions in the Bible , HarperCollins Publishers, 2009, p. 27, ISBN 978-0-06-186327-1 .
  36. ^ Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico, Queriniana , 2002, p. 819, ISBN 88-399-0054-3 .
  37. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1238, 1350-1360, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  38. ^ Mt27,31-34; Lc23,25-26; Mc15,20-22 , su laparola.net . .
  39. ^ " Mentre uscivano, incontrarono un uomo di Cirene " (Matteo); " Mentre lo conducevano via, presero un certo Simone " (Luca); " poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene " (Marco).
  40. ^ " Allora [Pilato] lo consegnò loro perché fosse crocifisso. Essi allora presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Gòlgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall'altra, e Gesù nel mezzo " ( Gv19,16-18 , su laparola.net . ).
  41. ^ Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, p. 1285, ISBN 88-399-0054-3 .
  42. ^ Gv19,19 , su laparola.net . .
  43. ^ Mt27,37 , su laparola.net . .
  44. ^ Mc15,26 , su laparola.net . .
  45. ^ Lc23,38 , su laparola.net .
  46. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 963-966, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  47. ^ Mc15,22-24 , su laparola.net . .
  48. ^ Mt27,33-35 , su laparola.net . .
  49. ^ " Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete». Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a un ramo d'issopo e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il capo, spirò. " ( Gv19,28-30 , su laparola.net . ). I Vangeli secondo Marco e Matteo usano il termine generico "canna", ( Mc 15,36 , su laparola.net . ; Mt 27,48 , su laparola.net . ) che appare pure nella traduzione CEI del versetto di Giovanni ( Versione CEI di Gv 19,29 ).
  50. ^ TOB, Nuovo Testamento , Vol.3, Elle Di Ci Leumann, 1976, p. 353.
  51. ^ a b Bibbia di Gerusalemme , EDB, 2011, p. 2569, ISBN 978-88-10-82031-5 .
  52. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 146, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  53. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1075-1077, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  54. ^ Mt27,44-45; Mc15,27-33 , su laparola.net .
  55. ^ Lc23,39-44 , su laparola.net . .
  56. ^ Rudolf Bultmann, Storia dei vangeli sinottici , EDB, 2016, p. 39, ISBN 978-88-10-55850-8 .
  57. ^ Bart Ehrman, E Gesù diventò Dio , Nessun Dogma Editore, 2017, p. 136, ISBN 978-88-98602-36-0 .
  58. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, pp. 133-141, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  59. ^ Mc15,40-41; Mt27,55-56; Lc23,49 , su laparola.net . .
  60. ^ Bart Ehrman, E Gesù diventò Dio , Nessun Dogma Editore, 2017, p. 139, ISBN 978-88-98602-36-0 .
  61. ^ " Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». " ( Gv19,25-26 , su laparola.net . ).
  62. ^ Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico , Queriniana, 2002, p. 1286, ISBN 88-399-0054-3 .
  63. ^ Bart Ehrman, Jesus apocalyptic prophet of the new millennium , Oxford University Press, 1999, pp. 201, 224, ISBN 978-0-19-512474-3 .
  64. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 186, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  65. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah , Vol. 2, Anchor Yale Bible, 2010, pp. 971, 1044-1056, 1066-1079, 1083-1086, ISBN 978-0-300-14010-1 .
  66. ^ Lc23,46 , su laparola.net . .
  67. ^ Gv19,30 , su laparola.net . .
  68. ^ Mc15,34; Mt27,46; Lc23,46; Gv19,30 , su laparola.net .
  69. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 1 , Anchor Yale Bible, 2010, p. 5, ISBN 978-0-300-14009-5 ; Raymond E. Brown, The Death of the Messiah , Vol. 2, Anchor Yale Bible, 2010, pp. 971, 1085, ISBN 978-0-300-14010-1 .).
  70. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, pp. 158-159, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  71. ^ Rudolf Bultmann, Storia dei vangeli sinottici , EDB, 2016, pp. 273-274, ISBN 978-88-10-55850-8 .
  72. ^ Lc23,34 , su laparola.net . .
  73. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah: From Gethsemane to the Grave. A Commentary on the Passion Narratives in the Four Gospels , Doubleday, 1994, p. 980.
  74. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus? , HarperOne, 1995, p. 158, ISBN 978-0-06-061480-5 .
  75. ^ Raymond E. Brown, The Death of the Messiah Vol. 2 , Anchor Yale Bible, 2010, pp. 1089, 1179, 1182, 1193, 1197, ISBN 978-0-300-14010-1 .).
  76. ^ Bart Ehrman, E Gesù diventò Dio , Nessun Dogma Editore, 2017, pp. 132-143, ISBN 978-88-98602-36-0 . (Cfr anche: Bart Ehrman, Jesus apocalyptic prophet of the new millennium , Oxford University Press, 1999, pp. 224-225,229-232, ISBN 978-0-19-512474-3 .).
  77. ^ John Dominic Crossan, Who killed Jesus?, HarperOne, 1995, pp. 160-176,187-188, ISBN 978-0-06-061480-5 . (Cfr anche: John Dominic Crossan, Gesù una bibliografia rivoluzionaria , Ponte alle Grazie, 1994, pp. 156-159,188-194,196 ISBN 88-7928-270-0 .).
  78. ^ Bart D. Ehrman, Gesù è davvero esistito? Un'inchiesta storica , Mondadori, 2013, pp. 55-58, ISBN 978-88-04-63232-0 .
  79. ^ Bart D. Ehrman, Gesù è davvero esistito? Un'inchiesta storica , Mondadori, 2013, pp. 52-68, ISBN 978-88-04-63232-0 .
  80. ^ Shlomo Pines, An Arabic version of the Testimonium Flavianum and its implications . Israel Academy of Sciences and Humanities, 1971, pp. 8-10.
  81. ^ Soncino, Babylonian Talmud , editor I. Epstein, Tractate Sanhedrin, folio 43a, London, Soncino Press, 1935-1948.
  82. ^ John P. Meier, A Marginal Jew. Rethinking the Historical Jesus , Vol.I, Doubleay, New York, 1991.
  83. ^ Martin Hengel, Crucifixion In the Ancient World and the Folly of the Message of the Cross , Philadelphia, Fortress Press, 1977, Capitolo 8: The Slaves' punishment , pp. 51-63
  84. ^ Jean Claude Fredouille, Dizionario della civiltà romana , Roma, Gremese editore, 2001, p. 103,
  85. ^ Although occasionally freedmen and freed women, citizens, and soldiers were subjected to the penalty. John Granger Cook, Crucifixion in the Mediterranean World , op. cit. p. 160
  86. ^ De Caesaribus , 41.4-5 .
  87. ^ Per ulteriori approfondimenti, vedere oltre al saggio di A. Di Berardino citato, John Granger Cook, Crucifixion in the Mediterranean World , Tübingen, Mohr Siebeck, 2014, Capitolo Quinto, Crucifixion: Law, and Historical Development , pp. 358-416.
  88. ^ Adversus Marcionem , III, 22
  89. ^ William Barclay, The Apostles' Creed (Westminster John Knox Press, 1998), p. 79
  90. ^ Early Christian Writing , su earlychristianwritings.com .
  91. ^ Lettera di Barnaba , 9. La circoncisione dell'udito
  92. ^ Testo originale Βαρνάβα ἐπιστολή, IX, 8
  93. ^ Stromateis VI, 11 ; traduzione inglese
  94. ^ Gaetano Passarelli, Perché venerare le icone? (Libreriauniversitaria.it Edizioni, 2011), pp. 57–58
  95. ^ De corona militis , 3
  96. ^ Adversus Marcionem , III, 22 .
  97. ^ Arche: A Collection of Patristic Studies By Jacobus Cornelis Maria van Winden (Brill 1997), p. 114
  98. ^ Prima lettera ai Corinzi , 1Cor 1,23 , su laparola.net .
  99. ^ Tertulliano, Ad nationes , I, 12 ; traduzione inglese .
  100. ^ Judith Couchman, The Mystery of the Cross: Bringing Ancient Christian Images to Life (InterVarsity Press 2010), p. 85
  101. ^ Uri Ehrlich, The Nonverbal Language of Prayer: A New Approach to Jewish Liturgy (Mohr Siebeck 2004), p. 117
  102. ^ Octavius , cap. 29,7
  103. ^ Gesù morì su una croce? .
  104. ^ Samuelsson , pp. 77, 81, 87, 99, 102, 109-115, 121-122, 126, 130 .
  105. ^ Per esempio in Gunnar Samuelsson, Crucifixion in Antiquity (Mohr Siebeck 2013) ISBN 978-31-6152508-7 , p. 87
  106. ^ Samuelsson , p. 205.
  107. ^ ( EN ) Liddell and Scott: σταυρός .
  108. ^ ( EN ) Crucifixion (capital punishment) in Encyclopaedia Britannica .
  109. ^ Lettera di Barnaba , capitoli 9 e12 ; Clemente Alessandrino , Stromateis VI, 9; Giustino , Dialogo con Trifone, 40.3 , p. 173 della traduzione italiana, ISBN 88-315-0105-4 , e Apologia prima, 55.4 ; Ireneo di Lione , Contro le Eresie , 2,24,5; Tertulliano , Ad gentes 1, 12, 3-5.
  110. ^ a b F. Harley-McGowan, "The Crucifixion" , Jeffreys Spier, Picturing the Bible: The Earliest Christian Art (Yale University Press, 2007), pp. 227-232
  111. ^ First depiction of Jesus on cross - the Bloodstone amulet
  112. ^ British Museum Collection online: magical gem / intaglio
  113. ^ Earliest crucifixes , su crucifixbg.blogspot.it .
  114. ^ British Museum Collection online: intaglio
  115. ^ Lc 23, 43 , su laparola.net . )
  116. ^ Arte e turismo (Hoepli 2013)
  117. ^ Christus triumphans , su guide.supereva.it .
  118. ^ Nel suo libro, Morte e pianto rituale nel mondo antico. Dal lamento pagano al pianto di Maria , Torino, Boringhieri, 1958.
  119. ^ Cinemecum - Sulle orme del Gesù sardo

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità LCCN ( EN ) sh85070003
Gesù Portale Gesù : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Gesù