Equador

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Equador
Equador - Bandera Equador - Escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
( ES ) Dios, patria y libertad
( IT ) Déu, país i llibertat
Equador: ubicació
Dades administratives
Nom complet República de l’Equador
Nom oficial ( ES ) República de l’Equador
( QU ) Ikwayur Runaq Imayka
Idiomes oficials Castellà , quítxua
Altres idiomes shuar
Capital Escut d'armes de Quito.svg Quito (2.215.820 habitants / 2010)
Política
Forma de govern república presidencial
President Guillermo Lasso
Independència Des d’ Espanya el 24 de maig de 1822
Entrada a l’ ONU 21 de desembre de 1945 1
Superfície
Total 283.561 km² ( 74º )
% d'aigua 2,37%
Població
Total 16.444.634 [1] (Cens. 2010)
17.619.333 [2] hab. (2017) ( 66º )
Densitat 54 ab./ km²
Índex de creixement 1,419% (2012) [3]
Nom dels habitants Equatorians, equatorians, equatorians [4]
Geografia
Continent Sud Amèrica
Fronteres Colòmbia , Perú
Jet lag UTC-5
UTC-6 a Galápagos
Economia
Moneda Dòlar americà
PIB (nominal) 84 040 [5] milions de dòlars (2012) ( 64è )
PIB per càpita (nominal) 5.743 $ (2012) ( 92º )
PIB ( PPP ) 149 484 milions de dòlars (2012) ( 61è )
PIB per càpita ( PPP ) 10 215 $ (2012) ( 89º )
ISU (2011) 0,720 ( alt ) ( 83º )
Fertilitat 2.4 (2011) [6]
Consum d'energia 0,60 kWh / ab. curs
Diversos
Codis ISO 3166 EC , ECU, 218
TLD .ec
Prefix tel. +593
Autom. CE
himne nacional Hola, oh pàtria
festa nacional 10 d’agost
Equador - Mapa
1 És un dels 51 estats que va donar a llum a l’ ONU el 1945 .
Evolució històrica
Estat anterior Bandera de la Gran Colòmbia (1819-1820) .svg Gran Colòmbia

Coordenades : 1 ° S 78 ° O / 1 ° S 78 ° O -1; -78

Equador ( espanyol [ekwaˈðɔɾ] ; en italià pronunciat / ekwaˈdɔr / o / ˈɛkwador / [7] ), oficialment la República de l’Equador [4] , és una república presidencial de l’Amèrica del Sud amb una extensió territorial de 283.561 km² i una població de 16.866.664 [2] habitants.

Situat a la part nord-oest de l’Amèrica del Sud, l’Equador limita al nord amb Colòmbia , a l’est i al sud amb Perú i a l’oest amb l’ oceà Pacífic ; la travessa l’ equador , del qual pren el nom.

La capital és Quito , que va ser declarada Patrimoni de la Humanitat el 1970 perquè té el centre històric més ben conservat i menys alterat d’ Amèrica Llatina [8] . La ciutat més poblada és Guayaquil , mentre que Conca , la tercera ciutat més poblada, també és Patrimoni de la Humanitat perquè és un excel·lent exemple de ciutat planificada a l’estil colonial espanyol [9] . L’arxipèlag de les illes Galápagos també forma part de l’Equador, situat a uns 1.000 km de la costa i particularment ric en espècies endèmiques , que al segle XIX van ser profundament estudiades pel naturalista britànic Charles Darwin , que estava desenvolupant la teoria de l’evolució. , posteriorment descrit al famós llibre L’origen de les espècies .

L'Equador, independent des del 1830 , és una república des del 1832 [10] , després d'haver estat colònia espanyola durant molt de temps i haver format part, durant alguns anys, de la Gran Colòmbia , un estat que també incloïa Colòmbia , Veneçuela i Panamà . fundada per Simón Bolívar , l'alliberador de les Amèriques (Libertador) del domini espanyol.

La llengua oficial i intercultural del país és el castellà , tot i que la constitució del 2010 també reconeix oficialment les llengües ameríndies com el quítxua , el shuar , el tsafiki i altres, que s’utilitzen dins dels grups indígenes. Entre aquests, el més parlat és el quítxua, més pròpiament kichwa a l’Equador, estès sobretot a la zona andina .

Etimologia

El nom Equador és una simplificació del seu nom oficial: República de l’Equador . Aquest nom va ser escollit pocs mesos després de la separació de la Gran Colòmbia, el 14 d’agost de 1830 a Riobamba , on es va celebrar la primera assemblea constituent convocada pel general veneçolà Juan José Flores , aleshores cap del territori, i que es va convertir en el primer president del República de l’Equador. El nom fa referència a la línia equatorial que passa molt a prop de la ciutat de Quito i travessa el país d’est a oest. La primera referència del país en relació amb l’equador terrestre es registra a Noticias Secretas de América , un relat del viatge a aquelles terres d’ Antonio de Ulloa i Jorge Juan , on s’esmenten les terres de l’Equador pertanyents a la Real Audiència de Quito. . Al segle XIX, el naturalista alemany Alexander von Humboldt també va començar a esmentar la paraula Equador referint-se a aquests territoris. Més tard, després de la famosa batalla de Pichincha , la pressió regionalista dels representants de Guayaquil i Conca a la Primera Assemblea Constituent va fer que es descartés el nom de República de Quito , tot i que durant tot el període de colonització espanyola la regió es coneixia com a Quito [11] [12] .

noble

En espanyol , la noblesa relacionada amb l’Equador és equatoriana , amb l’etimologia culta i de llatí - t - (del llatí medieval aequātor , - ōris ), en oposició al nom de l’Estat, que preveu la veu normal de l’intervocàlic. parades, típiques de paraules genuïnament espanyoles. En la llengua italiana hi ha diverses variants, la més utilitzada és l’ equatoriana , seguida de l’ equatoriana , de vegades escrita amb -q- en lloc de -c- (per adaptar-se millor a la grafia italiana). Menys freqüents, però testificades, són les formes equatorianes i equatorianes , presumptes transposicions d'un inexistent * equatorià , segons el model salvadorenc i hondureny (sí que es deriven de l'espanyol salvadorenc i hondurià , respectivament). [4]

Història

Civilització precolombina

L’era pre-inca

Els primers rastres de presència humana al territori es remunten a fa uns 11.000 anys [13] i fan referència a petits grups de caçadors i recol·lectors , comuns a gran part de l’Amèrica del Sud, dels quals es van trobar artefactes de basalt , sílex i obsidiana obtinguts dels jaciments. lava de Yanaurco-Quiscatola i Mullumica a l'actual província de Pichincha . En èpoques una mica més recents (final del plistocè i holocè ) s’han identificat assentaments de grups de caçadors i recol·lectors a les planes costaneres del Pacífic , l’anomenada cultura de Las Vegas , de la qual s’han trobat restes a la costa i al Península de Santa Elena i de la qual més tard (entre el 3500 aC i el 1800 aC) es va originar la cultura de Valdivia . En un període encara posterior (entre 1900 i 1500 aC) va aparèixer la cultura Machalilla, potser derivada de la cultura Valdivia, però que en comparació amb ella presentava signes de processament ceràmic avançat.

El jaciment arqueològic inca d' Ingapirca , situat al cantó de Cañar .

La cultura Manteña (de Manta ) va ocupar les zones costaneres entre els anys 800 i 1500 i es va dedicar especialment a la pesca. Van ser els primers nadius a conèixer europeus que van quedar sorpresos per la seva capacitat de navegar en velers adequats per transportar càrregues pesades. Van desaparèixer en silenci, víctimes del col·lapse del seu sistema organitzatiu i de les epidèmies provocades pels espanyols [14] .

En canvi, els cañari vivien a la serra del centre-sud de l’Equador a partir del 500. Quan l’ Imperi Inca va arribar a l’Equador, cap al 1460 , van rebutjar la submissió i, després d’una cruenta batalla, van ser massacrats per l’exèrcit de Túpac Yupanqui [13] . Emigrats al nord de l'imperi, van tornar a l'arribada dels espanyols per aliar-se amb ells contra els inques, als quals van derrotar a la batalla de Sacsayhuamán, el 1536 .

L’expansió de l’Imperi Inca

Era inca

L'expansió inca al nord de Túpac Yupanqui es va dirigir principalment cap a la zona andina, mentre que amb els pobles de les zones costaneres es limitaven principalment a transaccions comercials amb els grups residents. L’ Amazònia equatoriana no va ser conquerida perquè va ser considerada sagrada per tots els pobles andins, que van entrar a aquesta zona només per a medicaments naturals que no es podien trobar fora d’ella, o, com afirmen alguns estudiosos, perquè pensaven que dins de l’Amazònia el Promès Existia un terreny per al qual no es permetia l’accés injustificat. Les conquestes es van obtenir no només amb la guerra, com la llarga i cruenta amb els Cañari, sinó que sovint es van obtenir amb aliances comercials i matrimonials [15] . A la terra equatoriana, els inques van fundar la ciutat de Tumibamba (actual Conca), que van escollir com a centre administratiu del nord del seu imperi i on va néixer Huayna Cápac , fill de Túpac Yupanqui i successor del tron ​​de el seu pare.

Tot i que el règim inca era força autoritari i repressiu, van aportar diversos beneficis, construint xarxes viàries, desenvolupant l'agricultura, la ramaderia i el comerç. A la mort de Huayna Capac, l'imperi es va dividir entre els seus dos fills: mentre que Atahualpa , el fill gran, va rebre la part nord, amb Quito com a capital, el seu germà Huáscar va rebre la del sud, mantenint la capital original Cuzco . El 1530 Atahualpa va derrotar Huascar reunificant l'imperi, no obstant això, els conquistadors espanyols s'acostaven.

Colonització espanyola

Basílica del voto Nacional Quito

El 1526 van arribar els conquistadors espanyols, dirigits per Francisco Pizarro , que es dirigien inicialment a Cuzco . A la seva arribada, els espanyols van trobar una societat trencada per la guerra civil. L’any següent, mentre Atahualpa intentava restablir la unitat de l’estat, els espanyols animats per intencions de conquesta es van establir en un fort a Cajamarca . Aquí, el 16 de novembre de 1532 , va tenir lloc la reunió amb l’emperador inca, a la batalla de Cajamarca , on els espanyols van prendre per sorpresa l’inca desarmat: Atahualpa va ser capturat i amenaçat de mort, però es va salvar momentàniament prometent omplir el Espanyols amb or, a canvi de la vida. Posteriorment, els espanyols també van matar Atahualpa, fugint del fort desgranant els assetjadors que els havien envoltat [16] .

Mentrestant, el capità Sebastián de Belalcázar va arribar de les parts de Quito, guiat i ajudat pels cañari, enemics d'Atahualpa, va emprendre la conquesta del nord de l'imperi inca, a les terres equatorianes. A Quito el líder Rumiñahui havia pres el poder, es va assabentar de la mort d'Atahualpa i va amagar l'or que els parents de l'ex-emperador li havien d'enviar per salvar-li la vida. Abans de deixar Quito en mans dels espanyols i després de cruentes batalles, Rumiñahui va calar foc a la ciutat, però va ser capturat i empresonat. Els espanyols havien arribat a Quito amb la intenció de buscar el tresor d'Atahualpa i, en no trobar-lo, van torturar Rumiñahui i, el 1535, el van matar juntament amb els seus companys de batalla [17] .

La base de Guayaquil és més complexa; s’esmenten almenys quatre fundacions d’aquesta ciutat, fins i tot si la considerada oficial data de 1538 per Francisco de Orellana . Ambato va ser ocupada pels espanyols entre 1534 i 1536, mentre que Loja i Conca es van fundar pocs anys després, respectivament el 1548 i el 1557 [17] . La darrera ciutat important fundada pels espanyols fou Ibarra , el 1606 [17] .

La població aleshores al territori de l’Equador era d’uns 300-350.000 habitants; en els anys següents, els colonitzadors es van convertir en la nova elit dirigent, mentre que la població indígena ja havia estat delmada en les primeres dècades del domini espanyol, també a causa de les malalties virulentes provocades pels mateixos espanyols [18] . El 1563 Quito es va convertir en la seu d'un districte administratiu espanyol inclòs primer al virregnat del Perú i més tard al de la Nova Granada .

Durant el govern espanyol, Guayaquil va ser atacat reiteradament per pirates ; primer Thomas Cavendish , el 1586, després el francès Jacques L'Hermite el 1624, després de nou els anglesos amb William Dampier el 1684 i George d'Hout el 1687 , quan els francesos Picard y Groniet també van atacar la ciutat. Aquest darrer assalt va deixar la ciutat mig destruïda i saquejada; els pirates prenien les dones com a concubines i Quito va haver de negociar amb els pirates per evitar que li prenessin foc. Un altre atac pirata a la ciutat es va produir el 1709 per part de Woodes Rogers , que va exigir un rescat però va marxar tan aviat com la plaga es va estendre a la ciutat [16] .

Independència

Els primers intents d’obtenir la independència d’ Espanya comencen el 1809; primer, al març, es van descobrir les conspiracions de les autoritats espanyoles que van empresonar els rebels, i després van ser alliberades perquè juraven fidelitat a Ferran VII . El 10 d'agost, data coneguda com " el primer grau de la independència ", va esclatar la rebel·lió a Quito, on els revolucionaris dirigits per Juan de Salinas van establir una Junta Suprema provisional. No obstant això, uns mesos més tard, al novembre, les tropes comandades pel coronel Arredondo van sufocar la revolta i l'any següent els rebels van ser condemnats i executats [16] .

El 1820 va començar la Guerra d’Independència de la Nació . Aquell any, de fet, Esmeraldas va declarar la independència i a Guayaquil un grup de civils ajudats per les tropes peruanes van aconseguir fàcilment les autoritats espanyoles, i el poeta i polític José Joaquín de Olmedo va ser proclamat Cap de l’anomenada Província Lliure de Guayaquil. . Conca també, un mes després, es declara independent, així com d'altres ciutats; tanmateix, Quito i els voltants encara restaven en mans espanyoles.

L'emancipació de l'Equador d'Espanya es va produir el 24 de maig de 1822 , gràcies a la victòria obtinguda en la decisiva batalla de Pichincha pels separatistes , al comandament d' Antonio José de Sucre , lloctinent de Simón Bolívar , contra Espanya . Posteriorment Guayaquil i Conca es van unir a l'actual Colòmbia , Panamà i Veneçuela , amb el nom de Districte Sud, a la confederació establerta per Bolívar el 1819 de la Gran Colòmbia [16] .

Equador a la Gran Colòmbia 1821

El 1830 el país es va separar de l'ara desintegrada confederació de la Gran Colòmbia, proclamant-se autònoma amb el nom d'Equador [10] .

El general conservador Juan José Flores , el primer president de l’Estat, es va trobar amb l’oposició frontal dels liberals i el 1883 la tensió va culminar amb una guerra civil , que va enfrontar els conservadors de Quito amb els liberals de Guayaquil.

Aquest va ser el primer d’una sèrie de conflictes que van provocar l’alternança de diversos presidents liberals i conservadors: Gabriel García Moreno (conservador) que va signar un concordat amb la Santa Seu va ser assassinat el 6 d’agost de 1875 , durant el seu segon mandat a les mans. dels assassins de la maçoneria [19] , i Eloy Alfaro que, al contrari, durant el seu segon període de govern ( 1907 - 1911 ) va promulgar una nova Constitució més liberal que establia, entre altres coses, una separació decisiva entre Estat i Església , marcant el país amb un laïcisme que, mantingut en les constitucions posteriors de 1945 , 1967 i 1978 , encara és vigent [20] .

Història contemporània

El 1941, durant la Segona Guerra Mundial , el Perú va envair la província d'El Oro i es va desencadenar la guerra equatoriano-peruana que va durar més d'un any. La causa del conflicte va ser el descobriment de camps petrolífers a la zona fronterera; els peruans, militarment més nombrosos, van conquistar part del territori equatorià i l'aparent pau només es va fer amb el Protocol de Rio de Janerio de 1942. No obstant això, cap polític equatorià va signar mai el tractat considerant-lo il·legítim i l'Equador va continuar restablint dues fronteres cartes pròpies: una abans i una després del tractat de Rio [21] .

Als anys seixanta va començar un període de caos i va començar el cop militar; el 1963, el president Monroy fou destituït per una junta militar; Velasco Ibarra (diverses vegades president de l'Equador) va tornar al poder el 1968 mitjançant eleccions regulars, el 1972 va ser derrocat per un cop d'estat del general Guillermo Rodríguez Lara , que va establir un règim de dictadura que va continuar fins al 1979, quan Jaime Roldós Aguilera va ser elegit president, que va fer tornar un sistema democràtic al país [22] .

Les tropes equatorianes durant la guerra de Cenepa.

El 1981, l’ Equador i el Perú van reobrir una disputa centenària sobre algunes zones frontereres, que ambdós països van reivindicar. Hi havia el risc d'una guerra oberta que es va evitar llavors amb la intervenció de l' OEA . El president equatorià de l’època era Jaime Roldós que, poc després de la crisi amb el Perú, va morir per una misteriosa explosió de l’avió en què viatjava. El va succeir, després d'un període de poder, el vicepresident del govern de Roldós, León Febres Cordero , que va aplicar una política repressiva i austera creant descontentament a la població; de manera que, el 1988 , les eleccions les guanyà el socialdemòcrata Rodrigo Borja Cevallos . Durant la seva presidència, el moviment indígena va obtenir la distribució de 1.700.000 ha de terra als pobles indígenes, i Borja també va fomentar l'alfabetització i l'educació bilingües.

El 1992, sota la presidència del conservador Sixto Durán Ballén , l’Equador es va separar de l’OPEP, l’organització que regula la producció de petroli entre els països membres, per decidir de manera autònoma la producció, que va augmentar significativament.

El 1995 es va produir un altre conflicte amb el Perú, conegut com la Guerra de Cenepa, que va acabar amb l'Acta de Brasília, signat pel president peruà Alberto Fujimori i el seu company ecuatorià Jamil Mahuad el 24 d'octubre de 1998 [21] , i en el qual l'Equador va renunciar a les àrees de Tumbes, Jaén i Maynas, a canvi d’accés a l’ Amazònia , el dret de navegació, dues zones lliures i dos parcs naturals a la zona de conflicte [23] .

A principis del 2000, la greu crisi que patia el país a causa del fracàs del sistema financer equatorià sota la presidència de Jamil Mahuad , gràcies a la caiguda del preu del petroli i al bo que el propi govern tenia amb els bancs corruptes, va provocar dolarització i desaparició del Sucre equatorià [24] .

El 2007, l'Equador va ser el primer país de la regió a crear el seu propi programa espacial sense l'ajut de potències estrangeres ( l'Agència Espacial Civil Equatoriana ) [25] .

La revolta policial del 30 de setembre de 2010

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall:Crisi política equatoriana del 2010 .
Rafael Correa

El 30 de setembre de 2010, milers de policies van ocupar barracons i llocs públics, provocant una violenta protesta contra les retallades de sous i prestacions establertes pel president Rafael Correa com a part d’una reforma econòmica i fiscal. El govern va declarar l'estat d'emergència durant una setmana, l'aeroport de Quito va ser tancat i el transport públic bloquejat [26]

Correa va informar que havia estat enverinat pels gasos lacrimògens llançats per policies antiavalots durant una reunió en què va arengar els seus partidaris i que va haver de ser hospitalitzat. [26] [27]

L'hospital va ser assetjat per policies rebels, però l'1 d'octubre de 2010 Correa va ser rescatada gràcies a una incursió de tropes especials fidels al president, que mentrestant havia rebut el suport del cap de gabinet de l'exèrcit, Ernesto González. [27] El nombre de víctimes va ser de vuit morts i 274 ferits. [28] Correa va acusar els seus oponents polítics d'haver fomentat la revolta i d'haver intentat provocar un veritable cop d'estat [29] : per a diversos comentaristes, però, només va ser una revolta aproximadament organitzada, sense una direcció política real [30] . La revolta va ser condemnada per unanimitat, fins i tot a l'estranger, com un fet desestabilitzador; finalment, el cap de la policia va renunciar i la protesta va tornar a caure. [29]

Geografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia de l’Equador .

Morfologia

L'Equador fa frontera amb Colòmbia al nord, Perú a l'est i al sud i l' Oceà Pacífic a l'oest. A la part nord el territori de l’estat és travessat per l’ equador . Des del punt de vista geogràfic, es poden distingir 4 regions amb característiques molt diferents:

La costa

Una de les platges de la província d'Esmeraldas (costa)

La costa inclou la zona costanera constituïda per la zona costanera situada a la part occidental del país i caracteritzada per una franja de planes costaneres d'origen al·luvial seguides, que es mouen cap a l'interior, per la serralada de la Cordillera Costanera (màx. 800 m s.lm ) . Un cop la Cordillera estava coberta de boscos, mentre que ara s’explota amb vastes plantacions de plàtans , palmeres , cacau i cafè , que s’estenen fins als peus dels Andes, que, més al sud, s’anomena Cordillera Chongón-Colonche . L’espessa vegetació de manglars que antigament caracteritzava la costa s’ha eliminat en part per donar lloc a les granges de crustacis en aqüicultura .
A la part nord de la costa es troben els ports d' Esmeraldas , la terminal d'un oleoducte utilitzat per a l'exportació de petroli , mentre que el port de Manta va ser utilitzat per la Força Aèria dels Estats Units com a base de suport en la lluita contra el tràfic d'estupefaents.
La part sud de la costa i la península de Santa Elena a l’ oest de Guayaquil , la ciutat més poblada i el principal port de l’estat, pertanyen geogràficament a la zona desèrtica que s’estén cap al Perú, mentre que el clima d’aquesta zona és considerablement més àrid que a la regió costanera septentrional.

La Serra

Una vicunya al volcà més alt del món (des del centre del planeta) Chimborazo (La Sierra)
Volcà Cotopaxi (La Sierra)

La part central del país està travessada de nord a sud per la serralada dels Andes ; aquest territori muntanyós, format per nombrosos altiplans, rep el nom de Sierra . Consta de dues cadenes paral·leles: la Cordillera Central (també anomenada Cordillera Real ) i la Cordillera Occidental , separades per una àmplia vall l’alçada mitjana de la qual supera els 2000 m slm i en què es troben les principals ciutats de la zona, inclosa Quito , el país capital, situada a uns 2.800 m slm en un vast altiplà situat als peus del volcà Guagua Pichincha .
Els cims situats a la part nord de la serra consten majoritàriament de volcans encara actius. En aquesta zona hi ha un dels volcans actius més alts del món, Cotopaxi (5.897 m slm ). El pic més alt és el mont Chimborazo (6.130 m slm ), un volcà extingit. A la mateixa zona també hi ha el volcà Cayambe , el punt més alt del paral·lel de l’equador. També hi ha nombrosos llacs volcànics com el llac Quilotoa .

L’Orient

Parc Nacional Cuyabeno (Est)

L’ Orient és la zona formada per les planes de la conca del riu Amazones situades a l’est dels Andes, en aquesta gran àrea (poc menys del 50% de la superfície total de l’estat) viu poc menys del 5% de la població total. La zona està coberta per una impenetrable selva tropical . Els nombrosos rius que creuen aquesta zona són afluents del riu Amazones : el riu Napo (850 km), el riu Coca , el riu Pastaza , el riu Putumayo i l' Aguarico . La majoria d’aquests neixen en una regió andina molt humida, situada als peus de Cotopaxi.

Illes Galápagos , Isla Bartolomé

Aquesta regió també alberga la majoria dels camps de petroli, especialment a la zona del Lago Agrio .

Regió de l’illa

La regió insular és la zona que inclou les Illes Galápagos situades a l'Oceà Pacífic a uns 1000 km del continent. El nom oficial de l'arxipèlag és Archipélago de Colón , amb una superfície total d'uns 8000 km², la meitat dels quals està ocupada per l'illa principal, Isabela . Les illes tenen origen volcànic i, donat el seu aïllament natural, es veuen afectades per importants endemismes botànics i faunístics, ja reportats per Charles Darwin , a la famosa expedició HMS Beagle . L'observació de les diferències morfològiques destacades de les illes (especialment de tortugues i aus terrestres) va conduir a l'elaboració de Darwin de la revolucionària teoria de l'evolució de les espècies .

Hidrografia

Quasi tutti i fiumi dell'Ecuador sorgono nella Cordigliera Andina e scendono o verso l'oceano Pacifico, a ovest, o verso il Rio delle Amazzoni , verso est. Nella regione più esterna della costa i fiumi più piccoli sono alimentati dalle piogge che vanno da novembre a maggio, e possono restare in secca nella stagione secca. Fanno eccezione i più lunghi, che nascendo in alta montagna sono alimentati sia dal disgelo delle nevi sulle cime più alte della cordigliera che dalle piogge che cadono nella sierra. La costa più interna invece è attraversata da fiumi perenni, e le abbondanti piogge della stagione invernale portano spesso inondazioni che talvolta possono portare alla formazione di paludi . Il sistema fluviale principale del versante pacifico è quello corrispondente al bacino del fiume Guayas che comprende un'area pari a 40.000 km².

Nel versante orientale, verso il Rio delle Amazzoni, i fiumi più importanti sono il Rio Napo , il Putumayo e il Pastaza .

Clima

Nonostante il territorio ecuadoriano non sia particolarmente vasto, esiste una diversa varietà di climi. In generale, esistono quattro diverse regioni climatiche in Ecuador, con climi e stagioni contrastanti tra loro, condizionati dall'altitudine e dalle correnti oceaniche, in quanto trovandosi all'equatore l' insolazione rimane la stessa durante tutto l'anno, e non è ininfluente riguardo al clima dell'Ecuador. Le stagioni sono solamente due e vengono contraddistinte dall'abbondanza e dalla frequenza delle precipitazioni: la stagione umida è chiamata inverno e presenta generalmente temperature più elevate della stagione secca, chiamata estate [31] .

La costa, che comprende oltre alla zona costiera anche la parte interna del paese a ovest della cordigliera andina, è caratterizzata da un clima tropicale e una temperatura media di 25 °C. La stagione umida, caratterizzata da copiose piogge, va da dicembre a maggio, mentre la stagione secca va da giugno a novembre, periodo nel quale le temperature scendono di qualche grado, quando spirano correnti più fredde e secche provenienti da sud, ossia la corrente di Humboldt , che proveniente dall' Antartide fa sì che la temperatura nella costa sia mediamente 5 gradi in meno che in inverno, quando invece le umide correnti equatoriali portatrici di intense piogge [32] [33] .

La sierra ha un clima più fresco dovuto all'altitudine; la temperatura oscilla mediamente tra gli 8 °C e 20 °C, con valori massimi compresi tra 22° a 30°. La stagione piovosa nella sierra va generalmente da ottobre ad aprile. Dal punto di vista di un europeo o di un qualsiasi altro abitante delle zone temperate , il clima della sierra appare simile a una primavera o un autunno, come nella stessa Quito, dove durante la giornata soffia un vento fresco e confortevole, seguito da una notte gelida che termina quando si alza il Sole; a quell'altitudine l'aria è rarefatta, e la differenza di temperatura tra i luoghi al Sole e quelli all'ombra è sensibile [34] .

L'oriente (regione amazzonica) ha un clima caldo-umido e non è influenzato dalle correnti oceaniche, trovandosi a est delle Ande, ma dal clima proprio del bacino dell'Amazzonia . Le temperature medie sono di 25 °C e la stagione piovosa va da aprile a novembre, anche se, a differenza che nella costa, le precipitazioni sono presenti pressoché tutto l'anno [35] . [36] .

Le isole Galapagos hanno un clima più stabile delle regioni continentali dell'Ecuador, con temperature costantemente comprese tra 22 e 32 °C, anche se talvolta alcune correnti fredde provenienti dal Perù possono far calare la temperatura di qualche grado [31]

Popolazione

La popolazione dell'Ecuador è in continua crescita e gli abitanti, che nel 1961 erano poco più di 4,5 milioni, sono stimati essere nel 2014 attorno ai 15,5 milioni. Circa 2-3 milioni di ecuadoriani sono emigrati all'estero negli anni passati, tuttavia con la crisi dei paesi principali mete degli ecuadoriani, tra cui USA, Spagna e Italia, l'emigrazione si è arrestata e numerosi sono stati i rientri in patria. Presente anche un piccolo ma costante processo di immigrazione, in particolar modo di vicini colombiani in fuga dal loro paese. L'aspettativa di vita alla nascita è mediamente di 76 anni (73 anni gli uomini, 79 le donne) e l'età media della popolazione circa 26 anni [37] .

Demografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Demografia dell'Ecuador .
Incremento della popolazione ecuadoriana dal 1961 al 2003

Approssimativamente a gennaio 2015 gli abitanti dell'Ecuador sono 15.656.287 [2] , dei quali il 49,4% è composta da uomini, mentre il 50,6% da donne. La popolazione è distribuita in modo non omogeneo poiché solo il 5% della popolazione occupa la zona coperta dalla foresta pluviale. Il distretto metropolitano della capitale Quito conta 2.215.820 abitanti, mentre l'area metropolitana di Guayaquil , la città più popolosa dell'Ecuador conta 3.328.534 abitanti: ne consegue che ben 5.544.354 degli ecuadoriani risiede nelle due grandi principali città. Altre città importanti dell'Ecuador sono: Cuenca , con circa 400.000 abitanti, Santo Domingo de los Colorados , Portoviejo , Machala , Ambato , Manta e Durán , città con oltre 200.000 abitanti. Quindi, in totale circa 8.780.000 abitanti, oltre il 61% della popolazione dell'Ecuador risiede nelle grandi città. Nonostante il forte flusso migratorio, iniziato con la crisi economica degli anni '90, oggigiorno si rileva che il numero di persone che emigrano dall'Ecuador verso altri paesi (attorno a 200.000 per anno), è circa eguale al numero di cittadini ecuatoriani che rientrano nel Paese. È inoltre alta l'immigrazione in Ecuador, specialmente dai paesi confinanti come Colombia e Perù, e da Cuba, tanto che in alcune località il numero di immigrati tocca oggi anche il 40% della popolazione totale. Alto anche il numero dei cittadini asiatici (in particolar modo cinesi), europei e statunitensi che negli ultimi anni si è stabilito in Ecuador, spesso avviando attività turistiche nelle provincie costiere [38] .

Etnie

Nel censimento del 2010 si ebbe un processo di autocertificazione dei cittadini che si potevano identificare in una etnia in base alla loro cultura e le loro tradizioni, senza che fosse definita una distinzione puramente genetica [1] .

Il 71,9% della popolazione è costituito da meticci (ossia la combinazione tra indigeni e bianchi),
il 7,4% della popolazione è composto da montubi, etnia mista di bianchi, neri e indigeni nella quale si identifica la popolazione dell'interno della costa ecuadoriana [39] ,
il 7,2% della popolazione è formato dalla comunità afro-ecuadoriana ,
il 7,0% da etnie indigene che vivono in Ecuador da oltre un millennio,
il 6,1% è costituito da bianchi (spagnoli, tedeschi, italiani, polacchi),
lo 0,4% della popolazione è costituito da altre etnie minori.

Distribuzione della popolazione ecuadoriana in base alla sua etnia nel censimento del 2010

Religioni

Secondo il censimento del 2010, il 91,95% degli ecuadoriani è credente in una religione, il 7,94% si dichiara ateo e lo 0,11% agnostico [40] . Dei credenti, l'80,44% si dichiara cattolico e l'11,3% evangelici . Altri gruppi religiosi presenti sono i mormoni (0,37%), i buddisti (0,29%) e gli spiritisti (0,12%) [41] . Il 31,3% degli intervistati afferma di seguire una funzione religiosa almeno una volta alla settimana, il 21,6% una volta al mese e il 15% in occasioni speciali [40] .

Gli ebrei , arrivati in Ecuador durante la persecuzione da parte dei nazisti , sono per lo più concentrati a Quito, dove vivono 250 famiglie, mentre altre 100 vivono a Guayaquil. L'unica sinagoga è presente a Quito ed è stata costruita nel 1938; tuttavia il numero degli ebrei è in calo perché la maggior parte di essi ha preferito trasferirsi negli ultimi decenni negli Stati Uniti [42] . Milleottocento circa sono invece i musulmani , che hanno a disposizione quattro moschee in territorio ecuadoriano: due a Quito, una a Guayaquil e una a Macas [43] .

Lingue

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue indigene dell'Ecuador .

La maggior parte degli ecuadoriani parla spagnolo , ma molti parlano anche lingue amerinde come il quechua , che assieme al shuar , allo tsafiki e altre lingue amerinde vengono considerate ufficiali dalla legge e parlate all'interno dei gruppi indigeni [44] . Secondo il censimento del 2001 lo spagnolo era parlato dal 94% della popolazione, il quechua dal 4,1% e lo shuar dallo 0,55%.

Salute

L'aspettativa di vita è di 75,8 anni.

La mortalità infantile, da 24,4 per 1000 nel 2005, è scesa a 18,3 nel 2015. [45]

Tra il 2008 e il 2016, il governo ha aumentato di cinque volte la spesa sanitaria media annua per il periodo 2000-2008. Sono stati costruiti nuovi ospedali pubblici, il numero di dipendenti pubblici è aumentato significativamente e gli stipendi sono stati aumentati. Nel 2008, il governo ha introdotto una copertura previdenziale universale e obbligatoria. [45]

Nel 2015, la corruzione rimane un problema. La sovrafatturazione è registrata nel 20% degli esercizi pubblici e nell'80% degli esercizi privati. [45]

Ordinamento dello Stato

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni dell'Ecuador .

Da un punto di vista amministrativo l'Ecuador è suddiviso in 24 province ( provincias ) a loro volta suddivise in cantoni ( cantones ). L'ultimo livello amministrativo sono i comuni ( parroquias ).

# Provincia Capoluogo
1 Azuay Cuenca
2 Bolívar Guaranda
3 Cañar Azogues
4 Carchi Tulcán
5 Chimborazo Riobamba
6 Cotopaxi Latacunga
7 El Oro Machala
8 Esmeraldas Esmeraldas
9 Galápagos Puerto Baquerizo Moreno
10 Guayas Guayaquil
11 Imbabura Ibarra
12 Loja Loja
13 Los Ríos Babahoyo
14 Manabí Portoviejo
15 Morona-Santiago Macas
16 Napo Tena
17 Orellana Puerto Francisco de Orellana
18 Pastaza Puyo
19 Pichincha Quito
20 Santa Elena Santa Elena
21 Santo Domingo de los Tsáchilas Santo Domingo
22 Sucumbíos Nueva Loja
23 Tungurahua San Juan de Ambato
24 Zamora Chinchipe Zamora
Province dell'Ecuador.

La capitale dell'Ecuador è Quito , situata nella provincia di Pichincha nella regione Sierra (o centro-nord).

Regioni

Con la promulgazione della Costituzione del 2008 è stata creata in Ecuador una nuova divisione territoriale, le regioni, al fine di decentralizzare le funzioni amministrative da Quito. La nuova divisione è stata fatta accorpando 2 o più province e ha portato alla creazione di 7 regioni, due distretti metropolitani e una regione a regime speciale (Galapagos) [46] .

Le sette regioni sono quelle elencate nella tabella sottostante:

1
Regione nord
2
Regione centro-nord
3
Regione centro
4
Regione pacifica
5
Regione litorale
6
Regione centro-sud
7
Regione sud
Bandera Província Carchi.svg Carchi Bandera Província Napo.svg Napo Bandera Província Chimborazo.svg Chimborazo Bandera Província Manabí.svg Manabí Bandera Província Bolívar.svg Bolívar Bandera Província Azuay.svg Azuay Bandera Província El Oro.svg El Oro
Bandera Província Esmeraldas.svg Esmeraldas Bandera Provincia Pichincha.svg Pichincha Bandera Província Cotopaxi.svg Cotopaxi Bandera Província Santo Domingo de los Tsáchilas.svg Santo Domingo de los Tsáchilas Bandera Província Guayas.svg Guayas Bandera Província Cañar.svg Cañar Bandera Província Loja.svg Loja
Bandera Província d'Imbabura.svg Imbabura Bandera Província Orellana.svg Orellana Bandera Província Pastaza.svg Pastaza Bandera Provincia Los Ríos.svg Los Ríos Bandera Província Morona Santiago.svg Morona Santiago Bandera Província Zamora Chinchipe.svg Zamora Chinchipe
Bandera Província Sucumbíos.svg Sucumbíos Bandera Província Tungurahua.svg Tungurahua Santa Elena flag.png Santa Elena


Inoltre, furono creati due distretti metropolitani e una regione a regime speciale:
8: Bandera de Guayaquil.svg Distrito Metropolitano de Guayaquil: Guayaquil , Durán , Samborondón
9: Flag of Quito.svg Distrito Metropolitano de Quito : Quito
10: Bandera Província Galápagos.svg Regime speciale della Galápagos

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città dell'Ecuador .

Le due principali aree metropolitane dell'Ecuador sono Guayaquil e la capitale Quito .

Di seguito la lista delle prime venti città più popolose del paese con i dati dei censimenti del 28 novembre 1982, del 25 novembre 1990 e del 25 novembre 2001, una stima del 2010 [1] [47] e la provincia di appartenenza.

Città dell'Ecuador
# Città Abitanti Provincia
Cens. 1982 Cens. 1990 Cens. 2001 Cens. 2010
1. Guayaquil 1.199.344 1.508.444 1.985.379 2.291.158 Guayas
2. Quito 866.472 1.100.847 1.399.378 1.619.146 Pichincha
3. Cuenca 152.406 194.981 277.374 331.888 Azuay
4. Santo Domingo 69.235 114.422 199.827 305.632 Santo Domingo
5. Machala 105.521 144.197 204.578 241.606 El Oro
6. Durán 51.023 82.359 174.531 235.769 Guayas
7. Portoviejo 102.628 132.937 171.847 223.086 Manabí
8. Manta 100.338 125.505 183.105 221.122 Manabí
9. Loja 71.652 94.305 118.532 180.617 Loja
10. Ambato 100.454 124.166 154.095 178.538 Tungurahua
11. Esmeraldas 90.360 98.558 95.124 154.035 Esmeraldas
12. Quevedo 42.266 50.285 76.869 150.827 Los Ríos
13. Riobamba 75.455 94.505 124.807 146.324 Chimborazo
14. Milagro 77.010 93.637 113.440 133.508 Guayas
15. Ibarra 53.428 80.991 108.535 131.856 Imbabura
16. La Libertad 41.955 53.108 77.646 95.942 Santa Elena
17. Babahoyo 69.023 93.910 76.869 90.191 Los Ríos
18. Sangolquí 15.004 35.386 56.794 75.080 Pichincha
19. Daule 18.923 24.399 31.763 65.145 Guayas
20. Latacunga 28.764 39.882 51.689 63.842 Cotopaxi

Istituzioni

L'Ecuador è una repubblica presidenziale con un mandato quadriennale per il Presidente, il vice presidente, ei membri del Congresso . Il presidente, eletto direttamente dal popolo, è rieleggibile una sola volta; i membri del Congresso possono essere immediatamente rieletti. L'attuale presidente è Lenín Moreno .

Il potere esecutivo è demandato a 28 ministeri. Le Giunte ei Consigli provinciali sono eletti direttamente.

I giudici della Corte Suprema sono nominati a vita dal Congresso.

Il suffragio è universale e si diventa elettori a 18 anni. Per i cittadini alfabetizzati tra 18 e 65 anni il voto è obbligatorio, per tutti gli altri è un diritto ma non un dovere.

Ordinamento scolastico

Il Colegio Maldonado a Riobamba , edificato negli anni venti in stile neoclassico sotto l'influenza di architetti italiani arrivati durante la Grande Guerra .

Il tasso di alfabetizzazione in Ecuador al 2009 è del 93,2%, 2,2 punti in più rispetto al censimento del 2001 [48] . Il numero di studenti universitari è di 464.787 [49] .

Il sistema scolastico è suddiviso in tre settori: la scuola materna , o preprimaria (non obbligatoria) per bambini dai 3 ai 5 anni; la scuola primaria, o basica (obbligatoria) dura 6 anni (dai 6 ai 12 anni) e la secondaria (obbligatoria) altri 6 anni, fino ai 18 anni di età. La frequenza della primaria è di 5 giorni alla settimana, con ore di lezione di 50 minuti. Gli studenti entrano a scuola alle 7.00/7.30 per uscirne alle 13.00/13.30, con una ricreazione dopo la 3ª ora. Alcune scuole primarie danno la possibilità di 3 orari giornalieri possibili: oltre la sessione mattutina, è possibile frequentare la sessione "vespertina" (pomeridiana) e quella notturna, dalle 19.00 alle 22.30. Chi frequenta il turno notturno normalmente va a scuola anche il sabato [50] . L' inglese , seconda lingua ufficiale, viene insegnata a partire dal primo anno di scuola obbligatoria (basica).

L'educazione superiore comprende scuole professionali (non universitarie) e le scuole universitarie e politecniche: le scuole non universitarie durano 2-3 anni ed offrono specializzazioni di livello intermedio preparando i giovani ad entrare nel mondo del lavoro, come ad esempio le scuole per infermiere e quelle per maestro di scuola preprimaria e primaria, della durata di 3 anni. Le università danno il titolo di laurea di pregado ed hanno una durata variabile a seconda della facoltà intrapresa; dai 4 anni come ad esempio per il titolo di docente di educazione secondaria, ai 6 anni per i titoli di avvocato, farmacista, medico, dentista e altri. Dopo l'università per l'ulteriore specializzazione ci sono corsi di dottorato e maestria della durata di 2-3 anni [50]

I calendari scolastici sono diversificati a seconda delle regioni di residenza: nella sierra e in Amazzonia la scuola inizia ai primi di settembre e termina nel giugno dell'anno seguente, mentre nella costa e alle Galapagos inizia in aprile e termina in gennaio dell'anno seguente.

Dopo la riforma costituzionale, le spese, l'alimentazione e la sanità scolastica vengono pagate dallo Stato. Le scuole statali ( fiscales ) coprono la fascia di età dai 4 a 18 anni; esistono inoltre scuole particular e fiscomissional cioè private oa carattere religioso o militare, e comunque a pagamento. Con la riforma costituzionale tutte le scuole statali diventeranno gratuite.

Le scuole sono numerosissime nei grandi centri, ma sono per lo più a carattere privato, mentre l'insegnamento è impartito non sempre da personale specializzato. Le Università sono statali, private o per corrispondenza e si trovano nei grandi centri cittadini, a Guayaquil ea Quito e nelle maggiori città del paese. Il 93% dei professori universitari è a sua volta laureato.

Università

Tra le università più rinomate e antiche dell'Ecuador ricordiamo l' Universidad Central del Ecuador , fondata da re Filippo IV di Spagna il 19 maggio 1651 , come Real y Pontificia Universidad de San Gregorio Magno.

Sistema sanitario

L'attuale struttura del sistema di assistenza sanitaria pubblica ecuadoriana risale al 1967 [51] . Il Ministero della salute pubblica ( Ministerio de Salud Publica del Ecuador ) è l'ente responsabile della regolamentazione della sanità pubblica ed è nominato direttamente dal Presidente della Repubblica. Il ministro attuale è Carina Vance.

La filosofia del Ministero della Salute Pubblica è sostenere le popolazioni più vulnerabili e il suo piano d'azione principale riguarda la salute comunitaria e medicina preventiva, e permette ai pazienti di essere ricevuti quotidianamente nelle strutture pubbliche anche senza appuntamenti, senza passare da visite ambulatoriali e senza costi. Questo per quattro specialità in particolare, ossia pediatria , ginecologia , medicina clinica e chirurgia [51] .

Esistono anche gli ospedali pubblici specializzati per il trattamento di malattie croniche , oa disposizione verso un particolare gruppo di popolazione, o che forniscono maggior attenzione in alcune specialità mediche, come ad esempio gli ospedali ginecologici o di maternità, quelli per bambini, gli ospedali geriatrici e oncologici . Anche se gli ospedali più attrezzati si trovano nelle grandi città o nei capoluoghi di provincia, esistono ospedali di base anche nelle città più piccole, adatti per la consultazione familiare e per i trattamenti di base più semplici [51] .

Gli ecuadoriani hanno un'aspettativa di vita di 76 anni, 73,2 anni per gli uomini e 79,3 per le donne [52] . Il tasso di mortalità infantile è di 13 bimbi ogni 1.000 nati vivi [53] , notevolmente più basso rispetto ai 76 su mille dei primi anni 1980 e 140 per mille del 1950 [54] . Il 23% dei bambini sotto i cinque anni sono cronicamente malnutriti [53] . Le popolazioni di aree rurali non hanno accesso all' acqua potabile il cui rifornimento è assicurato per mezzo di autobotti o con il prelievo diretto dai fiumi. Ci sono 686 casi di malaria ogni 100.000 persone [55] . L'assistenza sanitaria di base, tra cui le visite mediche, gli interventi chirurgici ei farmaci di base, sono forniti gratuitamente dal 2008 [53] . Tuttavia, alcuni ospedali pubblici sono in cattive condizioni e spesso non hanno le necessarie forniture per soddisfare la forte domanda dei pazienti. Ospedali e cliniche private sono ben attrezzate ma ancora costose per la maggior parte della popolazione [56] .

Forze armate

La difesa del paese è a carico delle Forze armate dell'Ecuador , responsabile dell'integrità della sovranità del territorio nazionale. Gli effettivi nel 2010 erano circa 37.000, di cui 23.500 nell' esercito , 7500 nella forza navale e 6000 nella forza aerea [57] . L'età minima per il servizio militare (obbligatorio o volontario) è di 18 anni, mentre l'obbligo del servizio per gli uomini è del periodo di un anno [37] . I suoi compiti comprendono la lotta contro la criminalità organizzata, il traffico di droga (proveniente spesso da Colombia e Perù), e le operazioni di lotta contro l'immigrazione clandestina.

Nel 2009, la nuova amministrazione presso il ministero della Difesa ha avviato una profonda ristrutturazione all'interno delle forze armate, aumentando la spesa di bilancio a 1.691.776.803 dollari, con un incremento del 25%, tanto che, rispetto al proprio PIL , l'Ecuador è il paese che spende maggiormente in Sudamerica per la difesa: il 2,74% del PIL è difatti destinato alle forze armate [58] .

Le icone delle forze militari ecuadoriani sono il generale Antonio José de Sucre , Gran Mariscal de Ayacucho , e Eloy Alfaro .

Politica

Rafael Correa , Presidente della Repubblica dal 2007 al 2017.

Politica interna

Il 30 settembre 2007 si sono tenute le elezioni per un'Assemblea Costituente così come richiesto dagli elettori con il referendum del 15 aprile dello stesso anno [59] . Tali elezioni, le più complesse nella storia del Paese, hanno registrato la presenza di un enorme numero di liste (nazionali, provinciali e di emigrati), ed hanno sancito una larghissima vittoria per il partito del presidente Correa, che ha ottenuto 80 dei 130 seggi in palio. L'Assemblea Costituente, i cui lavori iniziarono il 30 ottobre 2007 e si sono svolti a Montecristi (Provincia di Manabi) sotto la presidenza dell'arch. Fernando Cordero Cueva, ha elaborato una nuova Carta Costituzionale approvata tramite un referendum popolare il 28 settembre del 2008 [60] [61] .

La nuova Costituzione comprende 444 articoli [62] , incorpora e riconosce tanto il diritto che la cultura indio (tra cui il principio del "Buen Vivir" - non mentire, non rubare, non oziare) che la lingua Quechua (e altre lingue indie) come lingua nazionale, il diritto dello Stato al controllo sui servizi essenziali, sulle attività produttive che possono costituire un rischio per l'ambiente e la salute dei cittadini e sullo sfruttamento delle risorse non rinnovabili. I rappresentanti delle varie etnie indio fecero parte di detta Assemblea Costituente, per la prima volta nella storia del Paese. Inoltre stabilisce che i vari gruppi etnici debbano essere egualmente rappresentati nelle istituzioni come nel settore pubblico, mirando al superamento di un problema che già Simon Bolivar rilevava essere un grave freno alla crescita economica e democratica dei paesi dell'America Latina [62] .

La nuova Costituzione Ecuatoriana definisce la separazione dei poteri del governo ecuadoriano in cinque rami. Delle cinque funzioni dello stato, tre erano presenti anche nella costituzioni precedenti: la funzione legislativa , assegnata all'Assemblea Nazionale, la funzione esecutiva , guidata dal Presidente della Repubblica e la magistratura , presieduta dal giudice nazionale della giustizia. Furono poi istituiti due nuovi rami del governo: la funzione elettorale , amministrata dal Consiglio Nazionale Elettorale, e la funzione di trasparenza e del controllo sociale [62] .

Funzione esecutiva

Il Palacio de Carondelet a Quito, sede del governo.

Il potere esecutivo è nelle mani del Presidente della Repubblica, che attualmente è Lenín Moreno , affiancato dal suo vice presidente, Jorge Glas , entrambi eletti nel 2017 per quattro anni. Egli è il Capo di Stato e di governo , ed è responsabile dell'amministrazione pubblica, di creare o sopprimere ministeri, di far rispettare la costituzione e le leggi, i trattati internazionali. Il presidente nomina i ministri coordinatori, i ministri di stato, i funzionari pubblici e, in politica estera, il cancelliere della Repubblica e gli ambasciatori ei consoli. Esercita anche l'autorità finale sulle Forze Armate dell'Ecuador e sulla Polizia Nazionale [62] .

Funzione legislativa

La funzione legislativa è esercitata dall' Assemblea Nazionale unicamerale, che ha sede nella città di Quito nel Palazzo Legislativo, e si compone di 137 membri, suddivisi in dieci commissioni, eletti per un periodo di quattro anni. Quindici assembleisti sono eletti nella circoscrizione nazionale, più due per ogni provincia e uno per ogni duecentomila abitanti o per frazioni che eccedono i centocinquantamila abitanti, secondo l'ultimo censimento della popolazione [62] .

Funzione giuridica

Il potere giudiziario del paese è esercitato dal Consiglio Giudiziario , come suo ente principale, dalla Corte Nazionale di Giustizia, dai tribunali provinciali, e dai tribunali e giudici di pace . La Corte nazionale di giustizia è composta da 21 giudici, eletti per un mandato di nove anni. La Corte Nazionale è rinnovata di un terzo del loro numero ogni tre anni, come previsto dal Codice organico del potere giudiziario. Essi vengono eletti dal Consiglio Giudiziario ai sensi del procedimento di opposizione e meriti e non è possibile la loro rielezione. Organismi indipendenti dalla magistratura sono il procuratore generale e il difensore pubblico. Inoltre vi è un regime speciale di giustizia indigena [62] .

Funzione elettorale

Le funzioni ei poteri elettorali sono esercitati solo ogni quattro anni, in caso elezioni, o quando vengono indetti referendum. Le sue funzioni principali sono di organizzare e controllare le elezioni, e punire eventuali violazioni delle leggi elettorali. Il corpo principale è il Consiglio Nazionale Elettorale , che ha sede nella città di Quito, composto da sette membri dei partiti politici più votati. Questo organismo gode di completa autonomia finanziaria e amministrativa e, assieme al Tribunal Contencioso Electoral esercita la funzione elettorale, uno dei cinque poteri dello stato ecuadoriano [62] .

Funzione di trasparenza e controllo sociale

La trasparenza e il controllo sociale sono esercitati dal Consiglio di partecipazione cittadina e controllo sociale , dai difensori civici , dal Controllore Generale dello Stato e dalle soprintendenze. Le sue autorità rimangono in carica per cinque anni ed hanno la responsabilità di promuovere la trasparenza e il controllo di progetti pubblici, programmare piani per la lotta alla corruzione, designare alcune autorità ed essere il meccanismo di regolazione dei conti pubblici del paese [62] .

Politica estera

L'Ecuador è uno dei 51 stati che hanno dato vita all' ONU nel 1945 . Fa parte dell' OAS ed è membro di alcuni gruppi regionali come la Unione delle nazioni sudamericane , il Gruppo Rio e il Patto andino [63] .

Julian Assange dal balcone dell'Ambasciata dell'Ecuador a Londra. Nel 2012 Ecuador e Regno Unito rischiarono una grave crisi diplomatica, a causa dell'asilo concesso a Julian Assange da parte del governo ecuadoriano.

I principali obiettivi di politica estera ecuadoriana tradizionalmente sono stati mirati alla difesa del proprio territorio dalle aggressioni esterne e dalle sovversioni interne. Anche se le relazioni estere dell'Ecuador sono state tradizionalmente incentrate sugli Stati Uniti, l'adesione dell'Ecuador all' OPEC negli anni settanta hanno permesso ai leader ecuadoriani una maggiore autonomia in politica estera [64] .

L'affinità politica e la similarità di vedute di Correa con gli attuali presidenti di Venezuela , Cuba , Bolivia e Nicaragua lo ha portato a sottoscrivere, nel dicembre 2006, l'impegno di adesione dell'Ecuador all' ALBA . Le politiche del governo Correa hanno portato ad un raffreddamento dei rapporti con gli Usa, che Correa ha più volte criticato per la politica estera già nel 2007 nella campagna per le elezioni presidenziali, quando qualificò il presidente statunitense George W. Bush di essere un imbarazzante presidente che ha fatto danni al proprio paese e al mondo [65] .

Nel 2008 avvenne la crisi andina , a causa delle incursioni colombiane in territorio ecuadoriano per la cattura del militante delle FARC Raúl Reyes , e che portarono a una tensione con i rapporti con la vicina Colombia, poi risoltisi dopo una riunione della Gruppo Rio , un'organizzazione internazionale degli stati dell'America latina e dei Caraibi [66] .

Sebbene i rapporti con il Regno Unito non fossero particolarmente stretti essi erano comunque rimasti cordiali nel corso della storia; tuttavia, nel 2012 avvenne una crisi diplomatica senza precedenti tra i due paesi, a causa della protezione data dall'Ecuador a Julian Assange nell'ambasciata ecuadoriana a Londra , quando questi si trovava agli arresti domiciliari e con una richiesta di estradizione del governo svedese . Correa ribadì la sua volontà di concedere asilo politico al fondatore di WikiLeaks anche quando i britannici minacciarono un blitz all'interno dell'ambasciata per prelevare l'ex-hacker australiano, accusato di stupro in Svezia ma su cui grava anche l'accusa statunitense di aver pubblicato migliaia di messaggi coperti da segreto di stato [67] .

L'11 Aprile 2019 l'Ecuador ha revocato l'asilo politico a Julian Assange che è stato arrestato da Scotland Yard.

L'Ecuador è uno degli stati aderenti alla Banca del Sud , partecipando al suo capitale.

Economia

Il Dollaro statunitense è la moneta ufficiale in Ecuador
Raffinerie a Esmeraldas.

L'Ecuador ha l'ottava maggior economia nell' America Latina e la 61º al mondo, con un PIL che nel 2012 è stato di circa 150 miliardi di dollari ( PPA ), con un prodotto pro-capite di 10.215 $. [5] Dal 2007 al 2012 l'economia ecuadoriana è cresciuta ad una media annua del 4,3%, al di sopra della crescita media degli altri paesi dell'America Latina, nonostante la crisi internazionale mondiale avvenuta a partire dal 2008. Il tasso di povertà è diminuito, dal 2001 al 2011, dal 40% al 17,4% [68] . In un'indagine del 1998, risulta che la povertà è sostanzialmente maggiore tra le popolazioni indigene, in particolar modo tra le popolazioni rurali della sierra, dove arrivava al 96% della popolazione indigena, contro il 61% della popolazione non indigena, mentre di estrema povertà era affetta il 56% della popolazione indigena contro il 25% della non-indigena. Anche il lavoro infantile è maggiore tra le popolazioni indigene: nel 2001 solo il 57% dei minori tra i 5 e 18 tra gli indigeni andavano a scuola senza lavorare, contro il 73% dei non indigeni [69] . Il petrolio, le cui riserve accertate sono state stimate a 6,51 miliardi di barili a partire dal 2011, rappresenta il 40% delle esportazioni e contribuisce al mantenimento di un saldo commerciale positivo [70] [71] . L'inflazione al consumatore è salita dal 4,5% al 5,3% dal 2011 al 2012, mentre il tasso di disoccupazione negli stessi anni è calato dal 4,2 al 4,1%, il più basso di sempre, nonostante la maggioranza della popolazione dell'Ecuador sia in età lavorativa, in quanto relativamente giovane [72] .

Il paese ha subito in questi ultimi anni una notevole trasformazione, passando da un'economia prevalentemente agricola ad una industriale e sviluppata soprattutto nel settore terziario ; nel 2012 infatti i servizi incidono per il 57,6% del PIL, contro il 6% dell'agricoltura e il 36,1% dell'industria, nonostante la forza lavoro sia ancor più rilevante nell'agricoltura (27%) che nell'industria (19%), mentre nei servizi occupa il 54% [72] .

Tra il 2006 e il 2016, la povertà è diminuita dal 36,7 % al 22,5 %. Allo stesso tempo, le disuguaglianze, come misurato dall' indice di Gini , è diminuito 0,55 al 0,47. [73]

Risorse

La produzione di energia elettrica è di 21.840 miliardi di kW .

Petrolio: 504.000 barili prodotti, di cui 198.700 raffinati nel 2012 [72] .

Il paese è ricco di risorse minerarie, oltre a quelle petrolifere. Vi sono enormi giacimenti di rame ; dal 2002 al 2012 è stato infatti estratto rame per un equivalente di 167,2 miliardi di dollari. Anche molibdeno , oro e argento sono presenti in notevoli quantità nel sottosuolo ecuadoriano, così come presenti sono zinco , piombo e zolfo [74] .

Agricoltura

L'Ecuador è il maggior esportatore di banane al mondo, anche se rispetto ad altri paesi latinoamericani le sue esportazioni sono in leggero calo; in particolare le esportazioni sono calate dell'11% nel 2012 verso gli Stati Uniti e del 3% verso l'Europa, per via del prezzo più elevato rispetto, ad esempio, alla frutta colombiana, honduregna o costaricana [75] . Altri prodotti esportati sono i fiori tropicali, il cacao (ottavo produttore al mondo), il caffè e il palmito . Significativa anche la produzione di riso, canna da zucchero, mais.

Pesca

L'Ecuador è un grosso esportatore di gamberi , che rappresentano il 13,2% delle vendite ad altri paesi di prodotti non petroliferi; questo mercato è in crescita, con un aumento delle esportazioni del 9% dal 2011 al 2012 [76] .

Industria

Le attività industriali sono prevalentemente concentrate a Quito e Guayaquil, ed ha i punti di forza nel settore petrolchimico, tessile, farmaceutico e del cemento [77] .

Esportazioni

USA 37,8%, Panamá 9,9%, Perù 6,2%, Venezuela 5,2%, Cile 4,9%, Russia 4,6% (2011) [72] .

Importazioni

USA 27,6%, Cina 10,1%, Colombia 9%, Panamá 4,6%, Perù 4,5%, Brasile 4,3%, Corea del Sud 4% (2011) [72] .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Ecuador .

Strade

La rete viaria dell'Ecuador è di circa 44.000 km [78] ; il 20% delle strade sono statali, il 24% provinciali e il 51% cantonali. Dei 155 progetti che negli ultimi anni il governo ha finanziato, il 58% riguarda il rifacimento e il miglioramento di strutture esistenti precedentemente costruite con materiale di bassa qualità. Il governo non impone pedaggi e finanzia di tasca propria il mantenimento delle vie di comunicazione [79] . Tra le vie di comunicazione primarie la più importante che passa per l'Ecuador è la panamericana , che taglia il paese da nord a sud collegando Colombia e Perù , passando per importanti città ecuadoriane, tra le quali Quito , Ibarra , Latacunga , Ambato , Riobamba , Cuenca e Loja . La qualità delle strade è piuttosto variabile; quelle di nuova costruzione, come ad esempio quella che collega Guayaquil a Salinas , sono moderne, ampie e con fondo stradale in buono stato, mentre altre più trascurate necessitano di grossa manutenzione per l'alto numero di buche presenti [80] . Il servizio principale di spostamento rimane l'autobus, che collega le città ecuadoriane tramite servizi offerti da diverse compagnie diariamente ea diversi orari del giorno e della notte.

Aeroporti

L'Ecuador dispone di cinque aeroporti internazionali: il Mariscal Sucre di Quito , l' Aeroporto Internazionale José Joaquín de Olmedo di Guayaquil , l' Eloy Alfaro di Manta e l' Aeropuerto Internacional Cotopaxi di Latacunga , Aeropuerto Coronel Carlos Concha Torres di Esmeraldas. Nel febbraio 2013 è stato inaugurato il nuovo Aeroporto Internazionale di Quito, a 18 km dal centro della città in località Tababela [81] , mentre il vecchio Mariscal Sucre sarà trasformato in parco pubblico e spazi culturali e sociali. Altri importanti aeroporti ecuadoriani sono il Mariscal Lamar di Cuenca e il Seymour situato nelle isole Galapagos [82] .

Ferrovia

La ferrovia, nonostante di antica costruzione e praticamente abbandonata negli ultimi decenni, sta ora subendo una ristrutturazione per poter consentire un servizio moderno nei prossimi anni, almeno nella tratta principale (Ferrocaril Trasandino) [83] che da Durán , alle porte di Guayaquil, arriva a Quito. Attualmente serve più per tratte verso luoghi di interesse turistico che per reali necessità della popolazione comune [84] .

Turismo

Città della metà del Mondo (provincia del Pichincha)

Il Ministero dell'Informazione e del Turismo è stato creato il 10 agosto 1992, all'inizio del governo di Sixto Durán Ballén , prevedeva il turismo come attività fondamentale per lo sviluppo economico e sociale dei popoli. Di fronte al settore turistico in forte crescita, nel giugno 1994 fu deciso di rafforzare e favorire questa attività. L'Ecuador è un paese con grandi ricchezze naturali. La diversità delle Quattro Regioni dà origine a migliaia di specie di flora e fauna. Ci sono circa 1.640 specie di uccelli . Le specie di farfalle sfiorano i 4.500, 345 rettili , 358 anfibi e 258 mammiferi . Non sorprende che l'Ecuador sia considerato uno dei 17 paesi in cui è presente la maggiore biodiversità del pianeta, ed è il paese più grande del mondo per biodiversità ogni km 2 . La maggior parte della sua fauna e della flora vivono in 26 aree protette dallo Stato. Il paese è sede anche di una vasta gamma di culture.
Con il governo Correa lo slogan turistico dell'Ecuador è divenuto "Ecuador Ama la Vida",

In uno studio del Ministero del Turismo, l'entrata di turisti stranieri in Ecuador è passato da 840.500 nel 2006 a oltre 1 milione di unità nel 2010. I maggiori visitatori nel 2010 sono risultati gli statunitensi, con quasi il 24% delle presenze totali straniere, seguiti dai colombiani (20%), peruviani (15%), spagnoli (5,6%), venezuelani e argentini (3%), cileni (2,7%), cubani (2,6%), tedeschi (2,4%), canadesi (2,3%), britannici (2,2%), francesi (1,9%), messicani (1,5%), italiani e brasiliani (1,44%) [85] .

Ambiente

Flora e fauna

Fenicottero rosso nelle Galapagos Phoenicopterus ruber

L'Ecuador è sede di una notevole biodiversità, e fa parte dei 17 paesi cosiddetti megadiversi ed ha la più alta concentrazione di biodiversità per km² [86] [87] . Infatti il bioma della foresta pluviale e della foresta tropicale si estende su gran parte del suo territorio, mentre a ovest, vicino alla costa, è presente la foresta di mangrovie , e, della provincia di Esmeraldas, in una zona chiamata Majagual , si trovano le mangrovie più alte del mondo. Le isole Galápagos hanno una grande varietà di specie endemiche, un tempo oggetto di studio del celebre naturalista inglese Charles Darwin , studio che gli ha permesso di sviluppare la nota teoria dell'evoluzione [88] . Le isole sono diventate famose in tutto il mondo grazie alle originali caratteristiche della sua fauna, in particolare le tartarughe. Nel 1978 l' UNESCO dichiarò le isole e la riserva marina come patrimonio dell'umanità , e nel 1986 , il mare che circonda le isole è stato dichiarato riserva marina. Tuttavia, una ventina d'anni dopo, nel 2007, la stessa UNESCO inserì l'ecosistema in pericolo a causa di fattori come la proliferazione di specie invasive e per l'aumento indiscriminato del turismo e dell'immigrazione [89] . Nel 2010 comunque, la stessa UNESCO ha tolto dalla lista dei siti in pericolo le isole dopo che l'Ecuador ha mostrato un maggior impegno nel far fronte ai problemi che compromettevano l'integrità delle Galapagos [90] .

Riserve naturali

Il Parco nazionale Yasuní , che in lingua waorani significa "terra sacra" [91] , si estende su un'area di 9.820 km ed è compreso tra le province di Pastaza, Napo e Orellana, tra il fiume Napo e il fiume Curaray. Il parco è prevalentemente boschivo ed è considerato dall'UNESCO nel 1989 Riserva della biosfera , e fa parte del territorio dove si trova il popolo Waorani ei gruppi Tagaeri e Taromenane , tribù mai contattate dalla civiltà moderna. Secondo uno studio recente, il Parco Nazionale Yasuni e la zona circostante sono considerate le zone che possiedono la più vasta biodiversità del mondo, grazie alla sua ricchezza di anfibi , uccelli , mammiferi e piante . Questo parco ha più specie di animali per ettaro dell'intera Europa e, sempre in un solo ettaro, contiene 644 specie di alberi, cioè più di quelli presenti negli Stati Uniti e nel Canada messi assieme [92] . Il sito è stato preso di mira dalle compagnie petrolifere per la gran quantità di greggio che è stato stimato essere presente nel sottosuolo; questo e l'aumento del turismo nella zona del Parco hanno portato a tensioni con gli indigeni nativi del luogo, in particolar modo con i Waorani, sfociati in violenze nel 2013 e che hanno portato gli stessi Waorani a chiedere a gran voce l'intervento delle autorità per la loro protezione e per quella dei loro "fratelli" Taromenane, tuttora mai contattati dalla civiltà [93] .

Altre aree protette di particolare interesse sono il Parco nazionale di Sangay , Patrimonio dell'Umanità dal 1983, il Parco Nazionale El Cajas , il Parco Nazionale Podocarpus e il Parco Llanganates , situato nei pressi di Baños .

Cultura

Letteratura

Eugenio Espejo

La prima letteratura nell'Ecuador colonizzato, così come in tutta l'America Latina, è stata influenzato dal Siglo de Oro spagnolo. Uno dei primi scrittori fu Jacinto Collahuazo , capo indigeno di Otavalo, che nonostante la repressione e la discriminazione dei popoli nativi da parte degli spagnoli, imparò a leggere ea scrivere in castigliano, anche se le sue opere furono scritte in lingua quechua . Gli spagnoli, ignorando il valore letterario dei suoi scritti, gli ordinarono di bruciarle nella piazza pubblica, dopodiché lo imprigionarono. Alcune parti dei suoi lavori furono ritrovate solo dopo molti secoli, come una poesia che descriveva l'impotenza e la tristezza del popolo Inca che aveva perso il loro re Atahualpa [94] [95] .

Altri scrittori ecuadoriani furono i gesuiti Juan Bautista Aguirre e Juan de Velasco , e soprattutto Eugenio Espejo , patriota che si potrebbe definire come il primo giornalista dell'epoca coloniale. Le sue idee ispirarono dopo la sua morte la rivoluzione del 1809, anche se all'epoca gli costarono il carcere, dove morì nel 1795 [96] . Un altro scrittore ricordato è José Joaquín de Olmedo , che fu anche presidente dell'Ecuador nel 1945 ma che, in precedenza, scrisse numerosi poemi, tra i quali il famoso La victoria de Junin: Canto a Bolivar , un'ode al liberatore delle americhe Simón Bolívar [97] . Altri scrittori importanti del passato furono Juan Montalvo e Juan León Mera , famoso per il suo Cumandá e dell' inno nazionale dell'Ecuador, Salve, oh Patria , scritto per la prima volta nel 1866.

Scrittori contemporanei noti sono i poeti Jorge Carrera Andrade e Luis Costales , i novellisti Jorge Icaza , Jorge Enrique Adoum, Jorge Queirolo Bravo, Gabriela Alemán, Rosalía Arteaga e Alicia Yanez, il saggista Benjamín Carrión.

Pittura

Alcuni dei più noti pittori ecuadoriani del passato sono Oswaldo Guayasamín , Eduardo Kingman , Camilo Egas , Ricardo Dávila, Rodrigo Viera, Oswaldo Viteri (anche scultore) e altri. Il più noto di essi è senza dubbi Guayasamín, pittore quiteño di origine indigena, le cui opere descrivevano l'origine, il dramma e la tenerezza dei popoli latinoamericani e le cui opere sono state esposte in vari luoghi del mondo [98] .

Musica

La musica ecuadoriana ha una lunga storia. Il Pasillo è un genere di musica latina indigena considerata musica nazionale in tutto il paese. Ci sono diversi tipi di musica tradizionale in Ecuador, come l' albazo , il pasacalle , la tonada , la capishca , la bomba (suonata particolarmente tra gli afro-ecuadoriani di Esmeraldas), ed altri. La tecnocumbia e la rockola sono invece esempio di generi musicali con influenza straniera. Una delle forme più tradizionali di danze ecuadoriane è il sanjuanito , originario del nord dell'Ecuador ( Otavalo ) e ballata nelle feste indigene [99] . Secondo il musicologo ecuadoriano Segundo Luis Moreno, il sanjuanito era ballato dagli indigeni durante il compleanno di san Giovanni Battista . La data del culto del santo, il 24 giugno, fu introdotta dagli spagnoli, e casualmente coincide con la festa Inca del Inti Raimi, che in quechua significa "Festa del Sole" [100] .

Una delle più note cantanti ecuadoriane del XX secolo fu sicuramente Carlota Jaramillo (1904-1987), soprannominata spesso nel suo paese Regina della canzone nazionale o la regina del pasillo . E ancora, tra gli altri, spicca la figura di Julio Jaramillo [101] .

E ancora tra i vari cantanti ecuadoriani ricordiamo Max Berrú .

Patrimoni dell'umanità

Sono ben cinque i siti ecuadoriani inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Scienza e tecnologia

Medicina

In campo medico ricordiamo la figura di Matilde Hidalgo (1889-1974), che non è ricordata solo per essere stata la prima donna medico in Ecuador, ma anche per essere stata la prima donna a votare in America Latina [102] .

L'Ecuador nello spazio

25 aprile 2013 : viene lanciato NEE-01 Pegaso , il primo satellite ecuadoriano

Sport

Jefferson Pérez , primo ecuadoriano medaglia d'oro ai Giochi olimpici .

Calcio

Il calcio è lo sport più popolare del paese. Le squadre calcistiche più importanti e maggiormente seguite sono il Barcelona Sporting Club di Guayaquil, che detiene il maggior numero di titoli nazionali vinti insieme al Nacional con 13 campionati nazionali vinti, il Deportivo Quito (4 titoli) e laLDU Quito , che oltre a 10 campionati nazionali vinti vanta essere il club ecuadoriano che ha avuto maggiormente successo in campo internazionale, vincendo la Coppa Libertadores 2008 (prima volta di una squadra ecuadoriana), la Recopa Sudamericana nel 2009 e 2010, la Copa Sudamericana 2009 .

La Nazionale di calcio dell'Ecuador ha disputato le fasi finali in un mondiale di calcio nelle edizioni di Giappone-Corea 2002 , di Germania 2006 (dove arrivò agli ottavi di finale venendo poi eliminata dall'Inghilterra) e di Brasile 2014. Uno dei calciatori più famosi della storia ecuadoriana è Alberto Spencer , che militava nel Peñarol ed è il maggior marcatore di sempre della Coppa Libertadores [103] . Iván Hurtado è invece il recordman di presenze in nazionale, mentre Agustín Delgado è il maggior goleador in nazionale con 31 reti.

Atletica leggera

Uno dei più importanti sportivi ecuadoriani della storia è il marciatore Jefferson Pérez , unico ad aver vinto una medaglia d'oro ai giochi olimpici per il suo paese, nel 1996 ad Atlanta . Conquistò anche un argento correndo la sua ultima gara a Pechino 2008 ed è l'unico marciatore al mondo ad aver vinto 3 mondiali consecutivi (2003-2005-2007).

Ciclismo

Il 2 Giugno 2019 Richard Carapaz diventa il primo ciclista ecuadoriano a vincere un Grande Giro , trionfando nel Giro d'Italia 2019 davanti ai favoritissimi Vincenzo Nibali e Primož Roglič . Per la tappa finale il presidente Lenín Moreno ha proclamato la trasmissione dell'evento in chiaro sulle TV nazionali. [104]

Altri sport

Tra gli altri sport diffusi sono anche la pallacanestro , il tennis , la pallavolo e negli ultimi anni anche il surf . Tra gli sportivi del passato da ricordare i tennisti Pancho Segura e Andrés Gómez , che vinse tornei importanti fra i quali, nel 1990 , il Roland Garros , battendo in finale Andre Agassi .

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina ecuadoriana .
La fanesca è una tipica zuppa ecuadoriana servita durante la Settimana Santa .

Nonostante non sia un paese vasto, la cucina ecuadoriana è piuttosto varia per via dei diversi climi del paese (costa, sierra, oriente e isole). Il pesce è consumato maggiormente nella costa, Picudo , Dorado, Trota , Corvina sono tra i più diffusi. I piatti più tipici e conosciuti di pesce sono: il ceviche , la zuppa di mare, l'encocado (stufato di pesce con cocco), l'encebollado, i bollos, lo stufato di pesce con arachidi. Il platano è quasi onnipresente nei piatti "costegni", il "platano verde" viene consumato fritto, bollito o alla griglia, così come il "maduro", più dolce e di color giallo simile alla banana , quest'ultima consumata cruda come frutta. Il verde è spesso mescolato con pesce o carne in alcune ricette tipiche [105] .

La carne è consumata in tutto il paese, soprattutto quella di manzo , di maiale e di pollo , mentre agnello e capra sono maggiormente cucinati sulla sierra. Viene cotta alla griglia, al forno o, come un piatto tipico con carne di maiale, la fritada , fritta in padella [106] .

Vegetali e legumi sono molto diffusi nella cucina ecuadoriana; oltre al largo consumo di platano, il riso viene servito quasi sempre con piatti di carne o pesce, la yuca è un'alternativa molto usata alle patate e al platano, esiste anche il pan de yuca. Anche il mais viene cucinato in forme diverse, dalla pannocchia bollita ai tortini di mais, così come notevole uso in cucina trovano i legumi in genere: fagioli, lenticchie e fave accompagnano spesso (insieme al riso) molti piatti unici di carne o pesce [105] . Molto popolari sono anche le zuppe di vario tipo, dove pollo, carne e pesce sono abbinati a verdure diverse e talvolta a formaggio [107] .

Festività

Di seguito i giorni di festività in Ecuador a livello nazionale; da considerare che in certi casi alcune festività sono posticipate per convenienza di alcuni giorni per farle seguire da un fine settimana [108]

  • 1º gennaio - Anno Nuovo
  • marzo - lunedì di Carnevale
  • marzo - martedì di Carnevale
  • marzo o aprile - Venerdì Santo
  • 1º maggio - Festa del lavoro
  • 24 maggio - Battaglia di Pichincha
  • 10 agosto - Día del Primer Grito de Independencia de Quito: Proclamazione di indipendenza dalla Spagna, nel 1809
  • 9 ottobre - Indipendenza di Guayaquil
  • 2 novembre - Giorno dei Morti
  • 3 novembre - Indipendenza di Cuenca
  • 25 dicembre - Natale

Note

  1. ^ a b c Censo 2010-Dati INEC Archiviato l'8 febbraio 2013 in Internet Archive .
  2. ^ a b c Contador poblacional INEC Ecuador , su ecuadorencifras.gob.ec . URL consultato il 7 dicembre 2020 .
  3. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  4. ^ a b c Accademia della Crusca – Il nome degli abitanti dell'Ecuador , su accademiadellacrusca.it . URL consultato l'11 aprile 2021 .
  5. ^ a b Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  6. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  7. ^ Secondo il Dizionario di pronuncia italiana del Canepàri , che mira soprattutto a una descrizione degli usi attuali, la variante sdrucciola è oggi più comune, mentre quella tronca, quasi uguale alla spagnola, era preferita un tempo: [1] . Il Dizionario d'ortografia e di pronunzia della Rai (voce Ecuador ) considera senz'altro errata la pronuncia sdrucciola È- . Il nome significa equatóre , e così ("la repubblica dell'Equatore", o simili) era in italiano comunemente chiamato il Paese in passato; ma l' esònimo è oggi perlopiù evitato, anche per evitare equivoci con il nome comune.
  8. ^ City of Quito Unesco .org
  9. ^ Historic Centre of Santa Ana de los Ríos de Cuenca Unesco .org
  10. ^ a b ( ES ) Historia e Independencia del Ecuador Archiviato il 28 dicembre 2012 in Internet Archive . En-Ecuador.com
  11. ^ Alejandro Justiparan, Ecuador y la costruccion de su nombre , su siemprehistoria.com.ar . URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato dall' url originale il 25 luglio 2012) .
  12. ^ Ecuador, latitud 0: una mirada a su proceso de construcción , su internacional.elpais.com , El País , Agosto 2010. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato dall' url originale il 7 aprile 2014) .
  13. ^ a b exploringecuador: Antonio Fresco y Catálogo del Museo del Banco Central del Ecuador Sala de Arqueología , su exploringecuador.com . URL consultato il 20 luglio 2007 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2007) .
  14. ^ La cultura Manteña revistas.arqueo-ecuatoriana.ec
  15. ^ Historia Inca quitoadventure.com
  16. ^ a b c d Cronología de la Historia Resumida del Ecuador Archiviato il 3 febbraio 2015 in Internet Archive . auto.ec
  17. ^ a b c Conquista y colonizacion espanola paisdeleyenda.com
  18. ^ Historia Ecuador Guimsa.com
  19. ^ Gabriel García Moreno Catholic Encyclopedia
  20. ^ Don Eloy Alfaro, padre del laicismo laicismo.org
  21. ^ a b Ecuador - Perù: un conflitto strumentale Archiviato il 19 giugno 2013 in Internet Archive . conflittidimenticati.it
  22. ^ Historia Republicana del Ecuador Monografias.com
  23. ^ Guerra del Cenepa (Perú – Ecuador) – 1995 Tierra Latina - Sitio de Opinión y Encuestas sobre América Latina
  24. ^ Tesi di laurea triennale sulla dollarizzazione dell'Ecuador
  25. ^ ser la primera agencia en América Latina y estar a la vanguardia del desarrollo y la innovación en tecnología aeroespacia Archiviato il 30 giugno 2013 in Internet Archive . sequoiaspace.com
  26. ^ a b Disordini in Ecuador, truppe controllano aeroporto Quito , in Reuters , 30 settembre 2010. URL consultato il 2 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 2 ottobre 2010) .
  27. ^ a b Ecuador, golpe fallito, Correa liberato , in Il Messaggero , 1º ottobre 2010. URL consultato il 2 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 24 maggio 2011) .
  28. ^ Ecuador: tre giorni di lutto nazionale per vittime rivolta , in Il Secolo XIX , 2 ottobre 2010. URL consultato il 2 ottobre 2010 .
  29. ^ a b Ecuador, militari e polizia in rivolta contro i tagli. Denunciato tentato golpe , in Il Messaggero , 30 settembre 2010. URL consultato il 2 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 24 maggio 2011) .
  30. ^ ( EN ) Gonzalo Solano, Frank Bajak, Ecuador revolt: Attempted coup or uprising? , in The Associated Press , 2 ottobre 2010. URL consultato il 30 novembre 2017 .
  31. ^ a b Clima de Ecuador Archiviato il 20 luglio 2013 in Internet Archive . viajes.net
  32. ^ Stornaiolo , p. 16 .
  33. ^ Clima dell'Ecuador http://www.tour-in-ecuador.com
  34. ^ Stornaiolo , p. 20 .
  35. ^ Stornaiolo , p. 24 .
  36. ^ El clima en Ecuador Archiviato il 13 marzo 2013 in Internet Archive . Sudamericana de turismo
  37. ^ a b The world factbook-Ecuador , su cia.gov , CIA.
  38. ^ Ecuador: crece flujo de inmigrantes surasiáticos , su bbc.co.uk , BBC . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  39. ^ ( ES ) Quienes son los montubios? , su cempecuador.com , EL Costanero (archiviato dall' url originale il 17 febbraio 2015) .
  40. ^ a b El 80% de los ecuatorianos afirma ser católico, según el INEC , su eluniverso.com , El Universo, 15 agosto 2012. URL consultato il 30 novembre 2017 .
  41. ^ El 80,44% se declara católico , su elcomercio.com , El Comercio , 16 agosto 2012. URL consultato il 2 dicembre 2012 .
  42. ^ ( ES ) Comunidad Judia del Ecuador
  43. ^ Comunidad Islámica en Ecuador difunde su cultura y religión andes (Agenzia Pubblica de Noticias del Ecuador y Suramerica)
  44. ^ Constitución Política de la República del Ecuador
  45. ^ a b c Loïc Ramirez, La difícil construcción de la sanidad pública en Ecuador , su medelu.org . URL consultato il 17 giugno 2019 .
  46. ^ Agenda Territorial Archiviato il 23 giugno 2013 in Internet Archive . produccion.gob.ec
  47. ^ Citypopulation.de-Dati INEC del censo 2010
  48. ^ Censo 2010 INEC
  49. ^ Escuela superior en Ecuador Archiviato il 21 ottobre 2012 in Internet Archive . telescopi.upc.edu/
  50. ^ a b Educacion en Ecuador ( PDF ), su ibe.unesco.org .
  51. ^ a b c History of the Ministry of Public Health Archiviato il 4 novembre 2013 in Internet Archive . Msp.gob.ec.
  52. ^ Life Expectancy At Birth , su cia.gov , CIA – The World Factbook. URL consultato il 7 giugno 2013 .
  53. ^ a b c David Olsont, Still in its infancy, Ecuador's free health care has growing pains , su cia.gov , PE.com, 2009. URL consultato il 7 giugno 2013 .
  54. ^ Rex A. Hudson, Ecuador: A country study , su lcweb2.loc.gov , Library of Congress Federal Research Division, 1989.
  55. ^ Ecuador-fightingdiseases.org
  56. ^ L'Hogar de ancianos – Tachina
  57. ^ Cantidad de efectivos de las Fuerzas Armadas 2010 Archiviato il 14 agosto 2014 in Internet Archive . resdal.org
  58. ^ Ecuador es el país que más gasta en defensa , su eltiempo.com.ec , El Tiempo (Ecuador). URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato dall' url originale il 14 maggio 2013) .
  59. ^ TSE comunicó resultados de consulta popular El Universo
  60. ^ TSE anuncia resultados oficiales de asambleístas nacionales El Universo
  61. ^ Aprobada nueva Constitución El Universo
  62. ^ a b c d e f g h Constitucion del Ecuador asambleanacional.gob.ec
  63. ^ US Relations With Ecuador
  64. ^ Ecuador-Foreign relations , su countrystudies.us .
  65. ^ Un izquierdista con dos caras Elmundo.es
  66. ^ Se profundiza la crisis andina , su news.bbc.co.uk , BBC . URL consultato l'8 giugno 2013 .
  67. ^ Ecuador concede asilo a Assange, rabbia di Gran Bretagna e Svezia Archiviato il 20 settembre 2012 in Archive.is . reuters.com
  68. ^ Rebeca, Ray and Sara, Kozameh. (Maggio 2012) [Ecuador's Economy Since 2007] p. 15.]
  69. ^ Ecuador - Datos destacados Copia archiviata , su web.worldbank.org . URL consultato il 9 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 18 luglio 2006) .
  70. ^ Oil Reserves indexmundi
  71. ^ Ecuador first-half trade surplus rises to $390 mln Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive . Af.reuters.com
  72. ^ a b c d e Ecuador - Economy , su cia.gov , The World Factbook, 2012. URL consultato il 17 giugno 2013 .
  73. ^ http://cepr.net/images/stories/reports/ecuador-2017-02.pdf
  74. ^ Ecuador guarda riqueza bajo tierra [ collegamento interrotto ] , su telegrafo.com.ec , El Telegrafo, 4 aprile 2012.
  75. ^ Bajan las exportaciones de banano ecuatoriano Archiviato il 18 giugno 2013 in Internet Archive . El Comercio
  76. ^ Las exportaciones de camarón dejan al Ecuador ingresos de 741,9 millones de dólares Archiviato il 30 giugno 2013 in Internet Archive . El Telegrafo
  77. ^ Ecuador , in Enciclopedia Italiana , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  78. ^ Planificacion y conceptualizacion dspace.espol.edu.ec
  79. ^ El Sistema Vial en Ecuador [ collegamento interrotto ] Ecuadorlibre.com
  80. ^ St. Louis , p. 445 .
  81. ^ Aeropuerto Internacional de Quito (UIO) , su aeropuertoquito.aero .
  82. ^ aeropuertos de Ecuador , su unique-southamerica-travel-experience.com . URL consultato il 18 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 20 novembre 2011) .
  83. ^ Historia del Ferrocarril Trasandino , su exploringecuador.com . URL consultato il 18 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 25 agosto 2011) .
  84. ^ Ferrocarril del ecuador
  85. ^ Bollettino di statistiche turistiche 2006-2010 [ collegamento interrotto ] Ministero del Turismo dell'Ecuador
  86. ^ Ecuador Biodiversity Conservation
  87. ^ South America Banks on Regional Strategy to Safeguard Quarter of Earth's Biodiversity
  88. ^ Galápagos Islands , su whc.unesco.org , Unesco .org.
  89. ^ L'Unesco conferma: Galapagos in pericolo , su greenreport.it . URL consultato il 23 giugno 2013 .
  90. ^ Le Galapagos non sono più in pericolo, cancellate dalla lista dei siti in pericolo , su ecologiae.com . URL consultato il 23 giugno 2013 .
  91. ^ Un ano de fin de iniciativa Yasuni ITT , su ecuadorinmediato.com . URL consultato il 31 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 26 aprile 2015) .
  92. ^ L'Ecuador, il petrolio, la foresta tropicale e l'iniziativa Yasuni-ITT greenme.it
  93. ^ Ecuador – Conflitto etnico nel Parco Nazionale Yasuni , su survival.it . URL consultato il 23 giugno 2013 .
  94. ^ Claudio Zapata Silva, Intelectuales indígenas: piensan América Latina , Quito, 2007.
  95. ^ Jacinto Collahuazo diccionariobiograficoecuador.com
  96. ^ Eugenio Espejo biografiasyvidas.com
  97. ^ José Joaquín Olmedo biografiasyvidas.com
  98. ^ Murió Guayasamín, pintor de la luz y la tragedia de América Clarín
  99. ^ Conozca el Ecuador y su música Archiviato il 18 maggio 2013 in Internet Archive . http://radiohcjb.org/
  100. ^ Inti Raymi Archiviato il 30 giugno 2013 in Internet Archive . ecuador.travel
  101. ^ http://www.mondolatino.it/svago/artisti/juliojaramillo.php
  102. ^ https://ondafeminista.com/2018/05/29/matilde-hidalgo-de-procel-primera-mujer-en-votar-en-america-latina/
  103. ^ enotes.com - Alberto Spencer
  104. ^ ( EN ) John MacLeary, Lenín Moreno, the president of Ecuador, has spoken and appears to have sorted free TV broadcast of the Giro for the country to watch their new sporting hero Richard Carapaz. Good lad.https://twitter.com/Lenin/status/1134798022062346241 … , su @JohnMacLeary , 2019T06:26. URL consultato il 2 giugno 2019 .
  105. ^ a b Comida típica ecuatoriana , su ecuatorianosenelmundo.wordpress.com . URL consultato il 24 dicembre 2013 .
  106. ^ Fritada , su recetas.eluniverso.com , El Universo. URL consultato il 24 dicembre 2013 .
  107. ^ Sopas Ecuatorianas , su laylita.com . URL consultato il 24 dicembre 2013 .
  108. ^ Calendario Ecuador 2011 Archiviato il 3 marzo 2011 in Internet Archive .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 150084159 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2290 9811 · LCCN ( EN ) n79068415 · GND ( DE ) 4129321-6 · BNE ( ES ) XX450947 (data) · NDL ( EN , JA ) 00561918 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79068415