Eneida

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Eneida (desambiguació) .
Eneida
Títol original Eneis
GiorcesBardo42.jpg
Virgili amb un rotulus de l’ Eneida entre Clio i Melpomene en un mosaic del segle III dC ( Tunis , Museo Nazionale del Bardo )
Autor Publio Virgilio Marone
1a ed. original Segle I aC
Editio princeps Roma, Sweynheym i Pannartz , 1469
Tipus poema èpic
Idioma original Llatí
Protagonistes Enees
Antagonistes Turnus , Mezentius , Aqueus , Rutuli , Llatins
Altres personatges Anquises , Dido , Ascanio , Venus , Júpiter , Lavinia , llatí , Príam , Creusa
( LA )

"Cedita Romani scriptores, cedita Grai:
Nescio quid maius nascitur Iliade. "

( IT )

"Deixeu de banda, escriptors romans, i vosaltres també, grecs:
neix alguna cosa més gran que la Ilíada ".

( Propertius , Elegies , II, 34, 65-66 [1] )

L’ Eneida ( llatí : Eneis ) és un poema èpic de la cultura llatina escrit pel poeta Publio Virgilio Marone entre el 29 aC i el 19 aC. Explica la llegendària història de l’heroi troià Enees (fill d’ Anquises i la deessa Venus ) que va aconseguir fugir després de la caiguda de la ciutat de Troia, i que va viatjar a través del Mediterrani per aterrar al Laci , convertint-se en el progenitor del poble romà .

A la mort de Virgili, el poema, escrit en hexàmetres de dàctil i format per dotze llibres per un total de 9.896 hexàmetres , es va quedar sense els darrers retocs i revisions de l'autor, testificat per 58 hexàmetres incomplets (anomenats tibicines , atrezzo); per tant, en el seu testament el poeta va demanar que la cremessin, per si no la podia completar, però els amics Vario Rufus i Plotius Tucca , sense respectar la voluntat del difunt, van salvaguardar el manuscrit de l’obra i, posteriorment, l’emperador Octavi August va ordenar que es publiqués a mesura que quedava.

Els primers sis llibres expliquen la història del viatge d’Enees de Troia a Itàlia, mentre que la segona part del poema explica la victoriosa guerra dels troians, aliats amb els lígurs , amb alguns grups locals d’ etruscs i amb els grecs, procedents d’ Arcàdia. - contra els Rutuli , els llatins i les poblacions itàliques en el seu suport, inclosos els Volsci i altres etruscs; amb el nom de Latini acabaran per ser coneguts Enees i els seus seguidors.

Enees és una figura ja present a les llegendes i mitologies gregues i romanes , i sovint apareix també a la Ilíada ; Virgili va reunir les històries individuals i disperses dels viatges d’Enees, la seva vaga associació amb la fundació de Roma i sobretot un personatge amb característiques no ben definides a excepció d’una gran devoció ( pietas en llatí), i en va treure una força convincent i convincent. "mite. de la fundació", així com una epopeia nacional que, al mateix temps, relacionava Roma amb els mites homèrics, glorificava els valors tradicionals romans i legitimava la dinastia julioclaudiana com a descendent dels fundadors, herois i déus comuns, de Roma i Troia.

Contingut

Retrat de Virgili, gravat per François Huot (1802).
( LA )

“Arma virumque cano, Troiae qui primus ab oris
Italiam fato profugus Laviniaque venit
litora, multum ille et terris iactatus et alto
vi superum, ... "

( IT )

"Canto les armes i l'heroi, que primer de les costes de Troia, refugiat pel destí, va arribar a Itàlia a les platges de Lavinio, una mica assetjat a través de terres i al mar obert per la ira divina ..."

( Pròleg )

La divisió en dotze llibres expressa el desig de conciliar dues necessitats, la de la brevitas alexandrina (el model de la qual són els quatre llibres de l’ argonautica ) amb la major extensió del poema homèric clàssic ( Ilíada i Odissea , format per vint-i-quatre llibres cadascun ).

L’orientació alexandrina cap al poema breu destaca encara més si tenim en compte que els dotze llibres de Virgili rivalitzen amb els dos poemes homèrics: els sis primers llibres fan referència al model de l’ Odissea (el viatge aventurer); els altres sis es basen en la Ilíada (guerra). L’ordre dels esdeveniments, en comparació amb Homer, s’inverteix i l’aventura es tracta abans de la guerra. Amb el seu model, Virgilio estableix una relació de refinada competència innovadora. El viatge d’Ulisses va ser un viatge de tornada, el d’Enees un viatge de refundació projectat cap al desconegut; la guerra de la Ilíada va ser una guerra de destrucció, la d’Enees va dirigida a la construcció d’una nova ciutat i d’una nova civilització; la Ilíada va acabar amb la derrota troiana, l’ Eneida amb la victòria del troià Enees, que compensa el seu poble per la seva pàtria perduda.

El viatge a Itàlia (llibres I-VI)

Llibre I

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Proemio de l'Eneida .

De manera homèrica, la narració, precedida d'un prefaci , comença " in medias res ", presentant la flota troiana al Mediterrani oriental mentre navega sota Enees cap a Itàlia, on espera trobar una segona pàtria.

"Canto les armes, canto l'home, que primer de Troia, va arribar a Itàlia, un refugiat a instàncies del destí, a la vora de Lavinio. Durant molt de temps va estar preocupat i per terra i mar pel poder diví, a causa de la tenaç ira del cruel Juno, també va patir molt a la guerra: fins que va fundar una ciutat i va establir els Penats de Troia al Laci, origen gloriós per a la raça llatina i albanesa, i per a les muralles de la magnífica Roma. , expliqueu-me els motius d’aquest sofriment tan dolorós: parleu-me de l’ofensa, la rancúnia per la qual la reina del cel va obligar a un home famós per la seva pietat a patir d’aquesta manera, per superar aquests esforços. Els celestes són capaços de tanta ira? ? "

Després de quatre versos dels quals erudits, tant antics com moderns, han debatut àmpliament sobre l'autoria virgiliana ( Ille ego, qui quondam ... , "Quell'io, che una tempo ...") a causa d'alguns testimonis antics (principalment Suetonio ) aquell considerat autèntic, Virgili, al prefaci que precedeix la narració, declara el tema del seu poema ( Arma virumque cano ... , "Canto armes i home ...") amb una invocació a la musa ( Musa, mihi causas memora ... , "O Muse, recorda'm les causes ..."). A continuació, explica l'origen del conflicte més important de la trama, concretament el rancor de Juno contra els troians. Aquest tipus d’ incipit manté l’estil dels poemes homèrics , a excepció del fet que Virgili declara primer el tema del poema i després invoca la musa, mentre que a Homer és el contrari ('Armi canto e uomo ...' , on les armes recorden la Ilíada mentre l'home es fa ressò de l'Odissea).

Enees , exiliat de la ciutat de Troia , intenta arribar al Laci per fundar una nova ciutat i portar els Penats a Itàlia, per donar a llum un noble i valent llinatge i una raça que tots els pobles seran coneguts i respectats, tal com s’ha establert. per una profecia. Se'n va amb una flota de vint vaixells, malgrat l'oposició de Juno. La deessa està enfadada per tres motius:

  1. perquè va perdre el concurs de bellesa contra la mare d'Enees ,
  2. perquè la seva ciutat preferida, Cartago , està destinada a ser destruïda pel llinatge troià nascut d’una relació entre Zeus i Electra ,
  3. perquè Ganimedes havia estat escollit cupaire en lloc de Hebe , la filla de Juno.

Set anys després de la destrucció de Troia, els refugiats naveguen al mar Tirrèn, a la costa de Sicília, quan Juno els veu. La deessa, en plena ira, es va dirigir a Eolia , casa dels Vents, des d' Eolo, que els guarda tancats en una ampolla dins d'una serralada, per demanar-li que desencadenés una tempesta. La deessa ofereix a Èol Deiopea , la nimfa més bella de Juno, però el rei dels vents, tot acceptant-la, li recorda que segueix sent el seu deure fer el que li requereix la reina dels déus, tal com es deriva del seu poder d’ella, independentment del regal. I, per tant, el mal temps danya greument la flota, provocant també l’enfonsament del vaixell dels licis, aliats dels troians, molts dels quals s’ofeguen, inclòs el seu líder Orontes .

Neptú ho nota i, tot i que ni tan sols és amic dels troians, està furiós per la intrusió d'altres en els seus dominis; també impulsat pel respecte a la valentia d’Enees, intervé calmant els vents i calmant les aigües (com un home savi que calma un motí). La flota aconsegueix així fondejar a la costa d’ Àfrica , a Líbia , prop d’una nova ciutat que s’està construint, Cartago . Preocupat pel destí del seu fill, Venus intercedeix en nom seu amb Júpiter . La tranquil·litza dient-li que, després d’haver obtingut la benevolència de Juno, l’heroi veurà recompensat el seu esforç, amb la primera profecia de l’ Eneida (Enees governarà tres anys, el seu fill Ascanio Julio trenta i els seus descendents, fins a Ròmul i Rem , durant tres-cents; a més, el seu llinatge dominarà el món i no s’acabarà mai). Aleshores el rei dels déus envia Mercuri a Cartago , amb la tasca de preparar els cartaginesos per a una recepció favorable d’Enees i els companys supervivents. Mentrestant, Venus, assumint l’aparició d’una jove caçadora, molt semblant a la deessa Diana , es manifesta davant del seu fill per explicar la història de la ciutat, fundada pels fenicis que van emigrar de la seva terra seguint la reina de Tir , Dido , que va fugir després que el seu germà Pigmalió havia matat el seu marit Sicheo per fer-se càrrec del regne. Enees, doncs, va amb confiança a aquesta ciutat, rebent una excel·lent acollida per part de la reina, ja que també ella ha patit dolors. Venus, tement les trampes de Juno, ordena al seu fill Cupido , déu de l'amor, que substitueixi Ascanio , el fill d'Enees, assumint la seva aparença, de manera que, tocant el cor de la reina, s'enamori de l'heroi . Dido ofereix així un banquet important als troians i convida Enees a narrar-hi els problemes.

Sinopsi amb el nombre de línies

1-7 Protasi
8-11 Invocació a la musa
12-33 Origen de l’odi de Juno cap als troians, que porten molts anys deambulant pel mar
34-91 Juno és conscient que el destí vol la fundació de Roma, però decideix de totes maneres actuar contra els troians, suplicant a Èol que desencadeni una tempesta, i accepta
92-101 Enees té por i es queixa de no haver caigut amb els seus companys a Troia
102-123 El vaixell Lici s’enfonsa i va matar gairebé tots els seus ocupants
124-156 Neptú nota la tempesta i s’enfada amb els vents perquè van actuar sense el seu consentiment; així calma la tempesta, salvant així els vaixells
157-179 Els exiliats es dirigeixen a Líbia, on els set vaixells supervivents aterren en una mena de locus amoenus
180-222 Enees s’enfila per un turó per buscar els supervivents: veu un ramat de cérvols i en mata set, i després els divideix entre els seus companys; els anima i recorda el destí que l’espera al Laci; banquet i dol pels companys perduts
223-296 Júpiter mira des de dalt; Venus li pregunta a Júpiter per què no intervé per ajudar Enees i el seu pare respon tranquil·litzant-la sobre el futur d’Enees i el seu llinatge fins a Octavi.
297-304 Júpiter envia Mercuri per fer que Cartago acollisca els troians
305-417 Al matí, Enees va a explorar amb Acate; Venus es presenta als dos en forma de caçadora, però Enees s'adona que és una deessa i li pregunta on són; Venus li explica i explica la història de Dido (343-368); Enees exposa llavors la seva pròpia història; Venus el tranquil·litza sobre el destí dels altres vaixells i el convida a anar a Dido i després desapareix; els dos s’envien coberts per una boira creada per Venus, que després es dirigeix ​​a Pafos
418-493 Enees i Acates observen la construcció de Cartago, i després no es veuen al centre de la ciutat; veuen les escenes de la guerra de Troia representades als relleus d’un temple
494-578 Dido arriba juntament amb alguns companys desapareguts dels vaixells troians: entre aquests Ilioneo prega a la reina que els doni la benvinguda i accepta amb gran magnanimitat
579-642 El núvol es dissol i Enees agraeix calorosament a Dido, mentre ella l’acull i té preparat el banquet
643-656 Enees envia Acate a les naus per portar Ascani i els regals per portar a la reina
657-694 Venus fa que Cupido adopti la forma d’Ascani i amaga el fill d’Enea a Xipre
695-747 Banquet amb cantants; Ascanio / Cupido està assegut a la falda de Dido
748-756 Dido demana a Enees que li expliqui l’emboscada dels grecs i la següent vagada

Llibre II

( LA )

"Infandum regina iubes renovare painm"

( IT )

"Reina, m'obligues a renovar un dolor inexpressable"

( II, 3 )

Durant el banquet que es fa en honor dels troians, Enees explica la seva història i els seus fets i els fets que han provocat l’arribada fortuïta del seu poble a aquelles parts, a partir de la caiguda de Troia . L’astut Ulisses havia trobat la manera d’entrar a la ciutat construint un enorme cavall de fusta, que s’hauria amagat dins seu i alguns dels millors guerrers grecs. Els troians, sense adonar-se de tot el que, enganyats pel Acheo Sinone que s'havia vanat a ells la sortida dels grecs (més tard va revelar que és falsa, sinó que també havia fet creure que estava amenaçat per Ulisses), i intrigat pel cavall, tenia va decidir transportar-lo a l'interior de les muralles de la ciutat, sense tenir en compte les advertències de Cassandra , Capi i Laocoonte , que va ser aixafada juntament amb els seus dos fills per un parell de serps marines enviades per Minerva.

Havent deixat el cavall a la nit, els guerrers grecs havien començat a cremar Troia. Enees, de sobte despertat pel fantasma d’ Hèctor , havia vist amb horror el que li passava a la seva estimada ciutat natal. Reunit alguns guerrers, va intentar organitzar la defensa des de la ciutat: el príncep frigi Coreus es va unir al grup, però va ser assassinat per Peneleu en un intent de salvar Cassandra , la filla de Príam de qui estava enamorat, de les urpes del Grecs. El cap de Troia també va ser testimoni de l'assassinat bàrbar del rei Príam per part de Pirro Neoptolemus , el fill d'Aquil·les. Allunyant-se dels llocs més perillosos, Enees va topar amb la bella Helena , la primera causa de tota aquesta ruïna, i el desig de matar-la el va agafar, però la seva mare Venus la va detenir, que li va dir que la caiguda de Troia va ser volgut pels déus i li va aconsellar que fugís i marxés de la ciutat amb la seva família. Aleshores va comprendre que els seus familiars estaven en greu perill i va córrer cap a ells. Enees explica llavors la seva fugida amb el seu fill Iulus al cap del qual havia aparegut un prodigi lluminós i el vell pare Anquises carregat a les seves espatlles, mentre que la seva dona Creusa no havia pogut romandre junt amb ells i havia mort en la catàstrofe general: va aparèixer com una ombra a Enees que la buscava, recomanant que vigilés sempre el seu fill.

Sinopsi amb el nombre de línies

1-13 Enees comença la història
13-233 Conte del cavall de fusta; Laocooon es llança contra ell; història del jove aqueu 'abandonat' (77-144), que explica per què es va construir el cavall; El laocoont és aixafat per les serps
234-249 Els troians porten el cavall a la ciutat
250-267 Cau la nit i els aqueus surten del cavall de fusta i s’estenen per la ciutat
268-297 Héctor apareix a Enees en un somni i li diu que fugi
298-317 Enees mira per la finestra, veu la ciutat en flames i surt a lluitar
318-385 Panto explica a Enees els enfrontaments; Enees s'uneix a altres troians i va a lluitar
386-430 Corebo proposa portar armes aquees per enganyar els enemics; èxits del grup, però després són atacats per les fletxes troianes i molts moren (inclosos Panto, Rifeo i el mateix Corebo)
431-505 Els supervivents van al palau de Príam i intenten resistir el setge, però Pirre i els mirmidons trenquen les portes: els grecs entren i massacren
506-558 Conte del final de Príam, assassinat per Pirro
559-634 Enees vol castigar Elena, però Venus li presenta a ell i li insta a trobar pare, dona i fill per marxar mentre Troia és destruïda
635-720 Anquises no vol marxar; Enees, Creusa i Ascani li resen fortament, però el vell és obstinat; Enees decideix després tornar a lluitar, però Creusa s’avança i en aquell moment apareix una flama al cap d’Ascani: Anquises s’alegra, Júpiter confirma el presagi i el vell decideix marxar.
721-794 Enees s’emporta el seu pare a l’espatlla i el fill per la mà: en sortir de la ciutat s’adona que Creusa ja no és amb ells: decideix tornar a buscar-la, però ella li apareix com un fantasma i l’insta a abandonar Troia, predint-li un futur brillant
795-804 Enees torna a la seva família i està encantat de descobrir que el nombre de fugitius ha augmentat molt

Llibre III

Enees explica com, després d'haver reunit molts altres supervivents (troians i els seus aliats), havia construït una flota de vaixells: amb aquests havia desembarcat a diverses zones del Mediterrani, incloses les traces de Chersonès i l'illa de Delos . Durant la primera etapa, la trobada amb un arbre sagnant és significativa, ja que conté l '"ànima no enterrada" de Polidoro (el fill de Príam i Hècuba ), que va ser assassinat per l'avariciós Polimestore, que volia prendre possessió de la seva riquesa. Enees va ordenar als seus companys que preveguessin l'enterrament del príncep troià, cosa que li va permetre finalment accedir a l'Hades. En el segon, però, Enees va preguntar a l'oracle d'Apol·lo quina era la nova terra on hauria d'haver portat els troians supervivents. Apol·lo va respondre: "Busqueu la mare antiga; aquí l'estoc d'Enea dominarà totes les terres i descendents" (lat. "... antiquam exquirite matrem. Hic domus Aeneae cunctis dominabitur oris et nati natorum et qui nascentur ab illis"). Anquises, pare d’Enees, creia que la terra d’origen dels troians era l’illa de Creta de la qual sortiria el progenitor Teucer. Per tant, Enees amb el seu pare i els troians va a Creta i funda una ciutat; però aquí els déus Penates de Troia es van presentar a l'heroi en un somni que explicava que la "mare antiga" no era Creta, sinó la (misteriosa) ciutat de Corythus a Itàlia (identificada de manera diversa amb diferents ciutats etrusces; la identificació amb Cortona es remunta a Silio Italico, 4.718-21 i 5.123): "Dardano va néixer allà d’on deriva el nostre llinatge" (vv. 161-171). Enees va desembarcar a les illes Strofadi , on va ser perseguit per les arpies que hi vivien. Aquí l'Arpia Celeno va profetitzar que arribaria a Itàlia, però a causa de la fam també hauria de menjar les "cantines". Un altre lloc on Enees va anar més tard va ser Butroto a l’ Epir (a l’ Albània actual), una ciutat construïda per refugiats a semblança de Troia. Aquí havia conegut Andròmaca , esposa d’ Hèctor , que havia plorat una vegada més amb ell per haver perdut el seu heroic marit i el seu estimat fill, Astianatte . Enees també va conèixer el nou marit de la dona, Helenus , fill de Príam, dotat amb el do de la profecia. A través d’ell, Enees va confirmar que havia d’anar a Itàlia. Elenus també li va aconsellar que anés a Cuma per veure la famosa Sibil·la . Enees havia abandonat Butroto i tornava al mar. Després de passar els insidiosos Escil·la i Caribdis i desembarcar amb la flota a Sicília , va escapar amb els seus homes d'un atac del ciclop Polifem , salvant també Aquemenides , un company supervivent d'Ulisses. De tornada al mar, durant la navegació, Enea i els seus van arribar a Drepano (l'actual Trapani ). Aquí va morir Anquises, el pare d’Enees, esgotat per tants viatges. Es dirigien cap al Laci quan Juno va desencadenar la tempesta que després els portaria a Cartago.

Sinopsi amb el nombre de línies

1-12 Sortida dels exiliats
13-68 Fundació d'Aenead a Tràcia; mentre recull branques per sacrificis, Enees veu com la sang goteja de l’arbust: l’ànima de Polidoro, empresonada a les branques, li diu que deixi aquelles terres; funeral per Polidoro
69-123 Sortida cap a una illa de les Cíclades (Delos) dirigida pel rei sacerdot Anio: aquí un oracle d’Apol·lo indica als troians cap a on anar; Anquises proposa anar a Creta
124-189 Sortida; fundació d’una altra ciutat, però arribada d’una plaga; en un somni, els Penates apareixen a Enees que li porta un oracle d'Apol·lo segons el qual els refugiats encara s'han de dirigir cap a l'Hesperia; Enees informa a Anquises
190-267 Sortida; tempesta gegantina que condueix els troians a les Strofades, on es troben amb les arpies; banquet amb els ramats del lloc, arruïnats per les dones-monstres; un altre banquet i el mateix resultat; tercer banquet, aquesta vegada amb batalla; Profecia Celenus
268-300 Sortida; illes del baix Adriàtic i lloc d'aterratge prop d'Azio; posterior desembarcament a Butroto on regna Eleni, que es va casar amb la vídua del seu germà Hèctor, Andròmaca
301-505 Enees a Butroto coneix Andromaca; Arriba Elenus i els dóna la benvinguda al palau; Enees demana a Helenus vaticini, que li profetitza el futur; intercanvi de regals entre supervivents i salutacions
506-587 Sortida cap a Itàlia; desembarcament a terres gregues i reinici sobtat després dels sacrificis; arribada a prop de Cariddi i aterratge a les platges dels Cíclops, prop de l’Etna
588-681 Episodi d’Aquemenides, que prega als troians que el portin amb ells, parlant d’Ulisses i dels ciclops; aparició de Polifem i fugida dels troians
682-715 Navegació a prop de les costes sicilianes; Aterro a Trapani, on mor Anquises; part final del viatge
716-718 Conclusió de la història

Llibre IV

Dido , reina de Cartago, es dirigeix ​​cap a la seva germana Anna , admetent els seus sentiments per Enees , que ha revifat l'antiga flama de l'amor (" Agnosco veteris vestigia flammae "), l'única per a qui violaria la promesa de fidelitat eterna feta a la tomba del seu marit Sicheo . L'Anna aconsegueix persuadir-la: la seva germana és de fet sola i encara jove, no té descendència i hi ha massa enemics al voltant. El suport d’un guerrer com Enees pot ser de gran utilitat per a una ciutat encara feble com Cartago. Aleshores, Dido ja no sent cap dubte i, tenint en compte les paraules de l’Anna, permet que la seva passió amorosa per Enees l’impregni completament. Va matar una vedella al temple, la reina condueix Enees cap a les parets. És de nit. Aleshores, Juno li proposa a Venus organitzar el matrimoni entre els dos joves. Venus, que intueix el pla de desviar Enees d' Itàlia , accepta, mentre assenyala a Juno la probable adversitat del destí . L’endemà, Dido i Enees marxen a caçar, però una tempesta els molesta: es refugien en una caverna, consagrant el ritu himenien. El Fama , monstre alat, adverteix de la unió Iarba , rebutjat pretendent de Dido i rei dels Getuli , que invoca Júpiter . El pare dels déus envia al seu missatger Mercuri per recordar a Enees la fama i la glòria que esperen els seus descendents. Aleshores, Enees truca als seus companys, arma la flota i es prepara per marxar, pensant en la manera més fàcil de comunicar la decisió a Dido. Però la reina, ja informada per la Fama, corre enfurismada per Enees, culpant-lo d’intentar enganyar-la i recordant-li el seu amor i la benevolència amb què l’havia acollit, acusant-lo de no haver coronat ni tan sols els seus sentiments amb fill. Enees, tot i reconèixer els seus mèrits, explica que no pot quedar-se, perquè els déus i l’ombra del pare difunt Anquises l’ obliguen i continuen a buscar Itàlia ( Italiam non sponte sequor , v. 361). Tornant a la flota, continua sent impassible davant la renovada petició de frenar-se moguda per Anna i a les malediccions de Dido, que és perseguit pel dolor amb visions malvades contínues. Després d’haver informat de la decisió de dedicar-se a les arts màgiques per alleujar molts dolors, la reina ordena a la seva germana que cremi tots els records i armes del nàufrag a casa seva i invoca els déus. Així, a la nit, mentre la reina dissenya el camí i el moment del suïcidi per posar fi a tants problemes, Enees, advertit en son, fuig immediatament d’aquella terra. A la matinada, amb la vista del port buit, Dido invoca els déus contra Enees, maleint-lo i desitjant-li desgràcia, persecució i guerra eterna entre els seus pobles. Arribada a la pira funerària, es perfora amb l’espasa d’Enees, mentre les criades i la seva germana invoquen desesperadament el seu nom. Aleshores, Juno envia a Iris per deslligar la reina del seu cos i tallar-li els cabells rossos de la vida. En tornar de la coberta del seu vaixell, Enees veu el fum de la pira de Dido i entén clarament el seu significat: no obstant això, la crida del destí és més forta i la flota troiana salpa cap a Itàlia.

Sinopsi amb el nombre de línies

1-55 L’amor de Dido brilla; conversa amb la seva germana Anna, que li aconsella casar-se amb Enees, també pel bé de Cartago
56-73 Ofrenes als déus, en particular Juno, de Dido
74-79 Dido porta Enees amb ell entre les obres de la ciutat; sopar
80-89 Cau la nit
90-128 Juno nota l'amor de Dido i proposa a Venus el matrimoni entre els dos, però aquest nota els pensaments de l'altre i proposa anar a Júpiter; Juno, però, ja té un pla per unir-los i ho exposa a l’altre, absent
129-159 L’alba s’aixeca; preparatius i sortida per a la caça
160-172 Esclata una tempesta; Dido i Enees es reclouen en una cova
173-244 La fama vola de ciutat en ciutat; El rei Iarba, un vell pretendent de Dido, es queixa a Júpiter; aquest últim envia llavors Mercuri a Enees per ordenar-li que marxi
245-278 Mercuri va a Enees i el renya
279-295 Enees segueix dubtant de si ho ha de revelar tot a Dido; llavors decideix preparar la flota en secret
296-392 Dido ho presagia tot i ataca Enees desesperat; Enees intenta justificar-se, però Dido el tracta encara més durament, el maleeix i se’n va
393-407 Enees torna a la flota que es prepara per a la sortida
408-449 Dido ho mira tot de lluny i està desesperat; envia l’Anna a Enees per demanar-li que es quedi una mica més, però no hi consent
450-521 Desesperació de Dido; la reina decideix morir i li diu a la seva germana que vol destruir les coses que va deixar Enees; Dido es prepara per morir
522-553 Cau la nit; encara les preocupacions de Dido
554-583 Enees, a punt per marxar, s’adorm i Mercuri se li apareix en un somni, incitant-lo a no endarrerir-se; Enees desperta els seus companys i se’n va
584-671 L’alba s’aixeca; Dido veu les veles a la llunyania i està desesperat, maleint el viatge i el futur dels troians; crida Anna a la infermera de Sicheo; es mata amb l'espasa que li va donar Enees; crits forts de la ciutat
672-705 La desesperació de l’Anna per la seva germana moribunda; Juno envia Iris per apagar l'ànima que lluita

Llibre V

Miniatura del cinquè llibre de l’Eneida, amb Enees i els seus companys a la tomba d’Anquises

Enees amb els vaixells manté el rumb decidit, però el cel està ple d’enormes núvols amenaçadors que donen presagi d’una tempesta fosca. Palinuro , el timoner del vaixell d’Enees, té por i tem que la flota no pugui arribar a Itàlia. En adonar-se que la tempesta porta els vaixells a les costes sicilianes, Enees decideix aterrar-hi. Els troians desembarquen a Erice, on el rei Aceste els dóna la benvinguda i els ofereix la seva ajuda.

L'endemà, Enees parla amb els seus companys per informar-los de la commemoració de l'any que ha passat des de la mort del seu pare Anquises, sent també prop de les seves cendres i ossos. Vol celebrar l’honor, invocar vents i honors en els temps que se li dediquen amb un banquet als Penates i jocs funeraris, com ara anar corrents, a peu, llançar la javelina i amb fletxes, regalant esplèndids premis. Dopo aver chiesto due capi di buoi per ogni nave, cosparge le sue tempie con mirto sacro e raggiunge il tumulo. Glorifica quindi con due coppe di vino, due di latte e con fiori purpurei la terra e si rivolge al padre, salutandolo e rammaricandosi di averlo perso prima di aver raggiunto l'Italia. Subito però, un enorme serpente appare strisciando, gustando le vivande disposte per il sacrificio. Stupito, immola due pecore, seguite dalle offerte dei suoi compagni.

Arrivata l'aurora, tutti si apprestano a gareggiare. Prima dell'inizio, Enea pone al centro dell'arena, in vista, i doni: tripodi, corone, palme, armi, vesti purpuree, talenti d'oro e d'argento.

La tromba suona e si dispongono per la prima gara, una regata, quattro navi: Pristi di Mnesteo , Chimera del giovane Gia , Centauro di Sergesto e Scilla di Cloanto . Enea pone allora sullo scoglio dirimpetto alla riva una verde meta di elce frondoso. Ricevuto il segnale, partono. Se dapprima sono tutti a pari merito, Gia supera e guadagna la prima posizione, seguito da Cloanto. Menete , il timoniere della Chimera, raggiunta la roccia, non riesce a virare velocemente, scatenando la furia del comandante che getta il compagno maldestro in mare, tra le risate dei Teucri, per essere poi superato dalle altre navi. Ma il Centauro di Sergesto, intento a sorpassare la nave di Mnesteo, si incastra in uno scoglio. La Pristi ora gode quindi del secondo posto, quasi vicino al primo della Scilla. Il furbo Cloanto, accorgendosi dell'abilità dell'avversario, fa un voto con promessa di sacrificio di un toro in caso di trionfo. Gli dei spingono così vento propizio e la nave giunge vittoriosa al traguardo. Radunati tutti i comandanti Enea consegna allora al vincitore porpora con fregi, al secondo una pesante corazza intrecciata d'oro e al terzo due catini bronzei e due coppe d'argento. Solo più tardi giunge Sergesto con la nave danneggiata e, per il coraggio dimostrato, si aggiudica Foloe , una schiava con i suoi due figli gemelli.

Enea raduna allora Teucri e Sicani per la gara di corsa su una piana erbosa. Vi partecipano i due giovani troiani Eurialo e Niso , amici inseparabili, il principe dei Teucri Diore , ei Sicani Salio (un giovane di origine acarnana), Patrone, Elimo e Panope. Rassicurandoli dei premi sicuri per tutti di due frecce, del ferro e un bipenne, espone quelli per i tre migliori: un cavallo per il primo, faretra e frecce al secondo e al terzo un elmo argolico. Niso si porta subito al comando, inseguito da Salio, Eurialo, Elimo, Diore. Ma, quasi alla fine, Niso scivola sul sangue dei giovenchi immolati e, per impedire la vittoria a Salio, si rialza proprio davanti a lui, che scivola a sua volta. Eurialo, Elimo e Diore ritirano i premi, che però vengono anche concessi ai due atleti non classificati: per Niso uno scudo, a Salio un'enorme pelle di leone.

Nella disciplina successiva si battono i pugili: i premi consistono in un giovenco ornato d'oro al vincitore, e al vinto spada e elmo. Subito si propone il maturo troiano Darete , che in passato aveva atterrato immediatamente Bute , re dei Bebrici . Inizialmente nessuno vuole sfidare il possente Darete, che superbo pretende subito la vittoria a tavolino. Insoddisfatto da un tale epilogo Aceste offre la pugna ad Entello che orgoglioso accetta, benché più vecchio di Darete; egli butta al centro dell'arena i propri cesti , ereditati dal suo maestro Erix , il colossale fratello di Enea [2] , che fu sconfitto soltanto da Eracle . A tale vista tutti stupiscono: quei cesti sono enormi, quelli di Darete sono ben minori; a tale confronto si ricusa. Dunque Entello offre al troiano una sfida ad armi pari: che entrambi rinuncino ai proprii cesti, utilizzandone invece altri eguali, provvisti da Enea; questa sfida stavolta viene accettata. Entello passa dalla difesa all'attacco ed infligge all'avversario una lezione durissima, dedicando il duello vittorioso alla memoria di Erice.

Inizia quindi la gara con l'arco, a cui partecipano Ippocoonte (fratello di Niso), Mnesteo , Euritione e Aceste. La gara consiste nel centrare una colomba volante posta sulla sommità dell'albero maestro della nave di Sergesto. Se Ippocoonte fallisce completamente, Mnesteo colpisce il filo di lino a cui il volatile è appeso, dando modo a Euritione di trafiggerlo in pieno. Aceste, già perdente, lancia comunque il dardo: questo brucia al contatto con la canna, per poi tracciare una via con le fiamme e sparire nel vento. Attoniti, tutti accolgono il segno come un presagio favorevole ed Enea cinge Aceste d'alloro, invitando poi il servo Epitide a chiamare Iulo per la parata dei fanciulli, guidata da Ascanio su un cavallo regalatogli da Didone, e dal suo migliore amico Ati, avo di Ottaviano .

Giunone manda Iride a spirare venti sulla flotta di Enea. Scesa veloce sulla terra, si trasforma in Beroe e comunica alle mogli dei Troiani di erigere le mura proprio nella città, essendo stata avvertita della volontà divina dall'immagine di Cassandra, in sogno. Le invita inoltre a bruciare le navi e, afferrato un tizzone, lo scaglia. Ma Pirgo , la vecchia nutrice dei figli di Priamo , capisce che non si tratta di Beroe. La dea subito si dissolve levandosi in alto e le altre donne, già dubbiose, interpretando questo come un segno divino, iniziano a dar fuoco alla flotta. Vulcano , dio del fuoco, infuria: Eumelo messaggero riferisce del misfatto alla tomba di Anchise . Ascanio è avvisato per primo e raggiunge il campo delle donne, rimproverandole fortemente. Enea ei Teucri sopraggiungono altrettanto velocemente, ma le troiane per timore fuggono e, rinnegando Giunone, il loro gesto e la luce, si rifugiano in selve e grotte. Intanto le fiamme divampano e l'acqua versata per placarle non riesce a calmarle. Il figlio di Venere allora invoca Giove e subito una tempesta con violenti scrosci di pioggia pone fine alle fiamme e salva quindici imbarcazioni su diciannove.

Dopo questi avvenimenti Enea, ancora una volta dimentico dei Fati, cade nell'incerto se stabilirsi in Sicilia o cercare il Lazio. In quel momento Naute lo sprona a perseguire anche con la sofferenza il volere del Fato e gli consiglia di affidare a quella città, in seguito Acesta , la sorte dei compagni in soprannumero, in prevalenza donne e vecchi stanchi delle peregrinazioni. Si viene comunque a creare una compensazione con alcuni sudditi di Aceste (tra cui Salio ) che decidono di aggregarsi ad Enea.

Sempre più pensieroso, Enea vede nella notte la figura di Anchise mandato da Giove che lo invita a sottomettersi al destino: gli ordina di recarsi, prima che in Italia , alle sedi infere di Dite, nel profondo Averno , nell' Elisio , con l'aiuto di una sibilla.

Avvertiti i compagni, Enea circoscrive con un aratro la città, dove regnerà gente di stirpe troiana e dove Aceste porrà senato e leggi. Fondano anche un tempio nei pressi di un bosco, istituendo un sacerdozio in onore di Venere. Dopo aver banchettato nove giorni, attendono che i venti siano favorevoli e, prima di partire, immolano tre vitelli a Erice , un agnello a Tempeste e sciolgono gli ormeggi. Con la tristezza e il conforto della città fondata, salpano, e gettano come nuovo rito i visceri in mare.

Venere, preoccupata, si rivolge a Nettuno , riferendogli dell'implacabile ira di Giunone, che tanto assilla suo figlio nonostante le molteplici vendette già attuate e affidandogli la salvezza delle navi troiane sino al Tevere. Il dio l'asseconda, preannunciandole la morte di uno solo tra i compagni di Enea. Venere si rallegra.

Giunta notte, mentre i marinai si apprestano a dormire, il dio Sonno tenta Palinuro , che dapprima resiste ma poi, scosso e insonnolito, cade in mare. Invano chiama i compagni, mentre la nave continua a viaggiare per mare. Avvicinatosi agli scogli delle sirene, Enea nota con suo dispiacere l'assenza del nocchiero, prende il controllo dell'imbarcazione e spera che il compagno approdi un giorno su qualche spiaggia ignota, timoniere troppo fiducioso nel cielo e nel mare.

Sinossi con numero dei versi

1-41 Navigazione troiana; tempesta in seguito alla quale le navi approdano in Sicilia, accolte da Aceste
42-113 Enea indice le onoranze funebri per Anchise, a cui partecipano sia i troiani sia gli abitanti del posto
114-285 Gara delle navi, vinta da Cloanto
286-361 Gara di corsa, vinta da Eurialo
362-484 Gara di pugilato tra Darete e Entello, vinta dal secondo
485-544 Gara con l'arco, vinta da Aceste grazie ad un prodigio (altrimenti avrebbe vinto Euritione)
545-603 Sfilata dei fanciulli a cavallo
604-699 Giunone invia alle navi Iride, la quale si presenta sotto forma umana alle donne troiane e le sobilla a bruciare le navi, in modo da stabilirsi lì senza ulteriori peregrinazioni; Pirgo si accorge che la donna è in realtà una dea, ma dopo la titubanza iniziale, dopo che Iride se n'è andata, danno fuoco alle navi; Ascanio si dirige verso il rogo; tornate in sé, le donne si nascondono nei boschi per il rammarico e la vergogna; Enea invoca l'aiuto di Giove, il quale manda una pioggia torrenziale; l'incendio costa la perdita di quattro navi
700-720 Enea non sa se stabilirsi nel luogo o andare avanti; il vecchio Naute gli consiglia di lasciare lì in Sicilia le donne che non se la sentono di proseguire
721-745 Cala la notte; Anchise appare ad Enea dicendogli di seguire il consiglio di Nautes e di scendere agli inferi per incontrarsi con lui
746-763 Enea chiama i compagni per informarli di tutto
763-778 Commiato tra le due parti troiane
779-826 Venere prega Nettuno di concedere un viaggio tranquillo e questi la rassicura dicendo che esigerà una sola vittima, avviandosi poi verso il mare
827-871 Navigazione dei Troiani; cala la notte e il dio Sonno si presenta a Palinuro sotto forma umana invitandolo a dormire; al rifiuto di quest'ultimo, il Sonno lo addormenta con l'acqua del Lete facendolo cadere in mare; la nave procede comunque tranquilla; Enea si accorge dell'accaduto e guida la nave oltre l'isola delle Sirene

Libro VI

Gerard De Lairesse, Enea e la Sibilla Cumana

Enea ei suoi compagni sbarcano a Cuma , in Campania , dove l'eroe, memore dei consigli di Eleno, si reca nel tempio di Apollo . La somma sacerdotessa di Apollo , la Sibilla Deifobe, figlia di Glauco, invasata dal dio durante il vaticinio, gli rivela che riuscirà ad arrivare nel Lazio, ma per ottenere la nuova patria dovrà affrontare odi e guerre, essendo inviso a Giunone: ella profetizza anche la comparsa di un nuovo Achille (che si rivelerà poi Turno). Su sua richiesta, la Sibilla guida Enea nel regno del dio Ade , ovvero l' Aldilà secondo la religione greca e romana. Prima di entrare nell'Ade vero e proprio Enea deve procurarsi nel bosco un ramo d'oro da offrire a Proserpina ; l'eroe e la Sibilla devono passare quindi su una delle due rive del fiume Acheronte , attraversando la zona dove vagano senza pace tutte le anime dei morti rimasti insepolti, e qui incontrano Palinuro , che narra del suo assassinio e del suo corpo lasciato insepolto dai Lucani ( Nunc me fluctus habet versantque in litore venti ). Supplica poi Enea di cercare i suoi resti o di aiutarlo ad attraversare il fiume: la Sibilla gli dice che è inutile sperare di mutare i fati divini con la preghiera ( desine fata deum flecti sperare precando ); poi, per mitigare l'amarezza del pilota, gli rivela che presto avrà comunque un suo tumulo sepolcrale (che darà pace alle sue ossa e consentirà finalmente alla sua ombra di varcare il fiume infernale). Caronte , lo psicopompo dell'Ade, ostacola il loro ingresso a bordo della sua barca, sostenendo che i vivi finora traghettati sono stati per lui grave fonte di problemi. Quando però gli mostrano il ramo d'oro , chiave degli inferi che portano con loro, acconsente a trasportarli. Dopo aver superato l'ostacolo di Cerbero , Enea e la sacerdotessa incontrano prima le anime di molti troiani caduti in guerra, poi quelle dei suicidi per amore (nei campi del pianto, lugentes campi ): tra queste v'è anche Didone, che reagisce gelidamente al passaggio di Enea, il quale scoppia in un pianto disperato. Giunti alla diramazione tra la via per il Tartaro e quella per i Campi Elisi , incontrano l'ombra del poeta Museo , che porta Enea da Anchise: Enea tenta invano di abbracciare il padre per tre volte. Anchise spiega dunque ad Enea la dottrina di cicli e rinascite che sostiene l'universo, e gli mostra le ombre dei grandi uomini che rinasceranno nella città che Enea stesso con la propria discendenza contribuirà a fondare, ovvero i grandi personaggi di Roma, come Catone , o Fabio Massimo : molti popoli - afferma Anchise in un noto passo - otterranno gloria nelle belle arti, nella scienza o nel foro, ma i Romani governeranno il mondo con la sapienza delle leggi, perdonando i vinti e annientando solo chi si opporrà: Tu regere imperio populos, Romane, memento / (hae tibi erunt artes) pacique imponere morem / parcere subiectis et debellare superbos ( Aen . VI, 851-53). Dopo che Anchise ha profetizzato la prematura morte del nipote di Augusto , Marcello , Enea e la Sibilla risalgono nel mondo dei vivi, passando per la porta dei sogni .

Sinossi con numero dei versi

1-13 Arrivo a Cuma; Enea cerca la Sibilla
14-33 Racconto sulla fondazione del tempio da parte di Dedalo e descrizione di esso
33-41 Acate conduce la Sibilla Deifobe da Enea; la Sibilla prescrive sacrifici
42-155 Antro della Sibilla, la quale invoca Apollo che esorta Enea a non indugiare; responsi della Sibilla sul futuro; Enea chiede alla Sibilla di fargli da guida per l'oltretomba; Deifobe allora gli dice di trovare un ramo d'oro nel bosco come offerta a Proserpina e di trovare e seppellire un compagno
156-211 Acate ed Enea ritornano dall'antro e trovano Miseno morto; i Troiani vanno nel bosco per preparare la pira; appaiono alcune colombe ad Enea e lo guidano al ramo d'oro
212-235 Esequie per Miseno
236-263 Sacrifici di fronte all'antro dell'Ade; al sorgere del sole Enea e la Sibilla s'introducono nella grotta
264-267 Invocazione di Virgilio agli dei inferi
268-336 Inizia il viaggio agli inferi; descrizione del vestibolo, dove sono raggruppate le personificazioni dei mali e altri mostri; arrivo fino a Caronte; la Sibilla dà spiegazioni sulla sorte degli insepolti, ed Enea tra questi scorge Leucaspi e Oronte, i Lici periti nella tempesta marina
337-383 Enea scorge Palinuro e chiede della sua fine; Palinuro chiede di essere sepolto: la Sibilla gli dice che ci penseranno gli abitanti di quei luoghi sollecitati da prodigi celesti
384-416 I due proseguono; Caronte li rampogna e attacca Enea perché anima viva: la Sibilla lo fa tacere e gli mostra il ramo d'oro
417-425 Appare Cerbero, ma la Sibilla la addormenta con una focaccia
426-476 Appaiono i primi morti nell'Ade vero e proprio, ovvero i bambini ei condannati a morte ingiustamente; poi i suicidi, i morti per amore, tra cui Didone; Enea si rivolge a Didone, ma questa se ne va senza rispondere
477-547 Incontro coi morti in guerra, tra cui i Troiani: dialogo con Deifobo , il quale racconta la sua fine, causata dall'inganno di Elena; la Sibilla tronca la conversazione esortando Enea a raggiungere in fretta i Campi Elisi
548-627 I due proseguono e vedono il Tartaro , dove sono i Giganti , i Titani , l' idra , e gli spiriti di coloro che furono malvagi in vita, tra cui Issione , Piritoo , Teseo , Flegias , tutti puniti per le loro nefandezze
628-679 Ingresso nei Campi Elisi dove sono i 'beati'; Museo li accompagna da Anchise
680-751 Enea e Anchise si salutano; Anchise espone le teorie virgiliane sulle anime
752-887 Anchise illustra la progenie romana: Silvio (successore di Ascanio, figlio di Enea e Lavinia), Proca , Capys , Numitore , Silvio Enea , Romolo , Augusto (791-805), Numa Pompilio , Tullo Ostilio , Anco Marzio , Tarquinio il Superbo , Bruto , i Deci, i Drusi, Manlio Torquato, Furio Camillo , Giulio Cesare , Pompeo , Lucio Mummio , Lucio Emilio Paolo , Catone ( Censore o Uticense ), Aulo Cornelio Cosso , i Gracchi , gli Scipioni, Caio Fabrizio Luscino , Serrano, i Fabi, Marco Claudio Marcello ; cenni di Anchise su Marco Claudio Marcello , figlio adottivo e genero di Augusto (868-886)
888-898 Anchise profetizza ad Enea le guerre che dovrà sostenere e lo accompagna all'uscita dell'Ade
899-901 Enea torna dai compagni, coi quali si imbarca verso Gaeta

La guerra Latina (Libri VII-XII)

Libro VII

Enea alla corte del re Latino (1661-1663 circa), olio su tela di Ferdinand Bol ( Amsterdam , Rijksmuseum ).

I troiani salpano da Cuma e giungono in un porto della Campania situato a Nord, qui muore Caieta , la nutrice di Enea, nell'Esperia. Stanchissimi e affamati (tanto da mangiare le mense , piatti di focaccia dura, proprio come avevano previsto le arpie), sbarcano alla foce del Tevere ; Enea decide quindi di inviare un ambasciatore di nome Ilioneo al re del luogo, Latino . Questi accoglie con favore l'emissario di Enea, e gli dice di essere a conoscenza che Dardano, il capostipite dei Troiani, era nato nella città etrusca di Corito (VII 209: ab sede Tyrrena Corythi ). Ilioneo risponde: "Da qui ebbe origine Dardano ... Qui Apollo ci spinge con ordini continui"(VII 240). In ogni caso Latino si mostra favorevole ad accogliere i Troiani perché suo padre, il dio italico Fauno , gli ha preannunciato che l'unione di uno straniero con sua figlia Lavinia avrebbe generato una stirpe eroica e gloriosa: per questo motivo il re aveva in precedenza rifiutato di concedere Lavinia in moglie al giovane re dei Rutuli , Turno , anche lui semidio (in quanto figlio della ninfa Venilia): la volontà degli dei si era manifestata anche attraverso prodigi. La piega che gli eventi stanno prendendo non piace a Giunone che con l'aiuto di Aletto, una delle Furie , rende geloso Turno e spinge la moglie del re, Amata, a fuggire nei boschi con la figlia ea fomentare l'odio verso gli stranieri nella popolazione locale. L'uccisione del giovane valletto latino Almone , colpito alla gola da una freccia durante una rissa fra Troiani e Italici provocata dalla Furia, scatena la guerra: Turno, nonostante il parere contrario di Latino, raduna un esercito da inviare contro i Troiani. Il suo alleato principale è Mezenzio , il re etrusco di Cere, cacciato dai sudditi per la sua crudeltà: vi sono poi, tra gli altri, Clauso , principe dei Sabini , alla testa di un corpo militare particolarmente imponente; i due semidei italici Ceculo e Messapo , figli rispettivamente di Vulcano e Nettuno; Ufente , capo degli Equi ; Umbrone , condottiero dei Marsi e noto serparo; Virbio , giovane re di Aricia e nipote di Teseo ; la vergine guerriera Camilla , regina dei Volsci .

Sinossi con numero dei versi

1-7 Sepoltura di Caieta; Enea riparte
8-24 I Troiani passano vicino all'isola di Circe
25-36 I Troiani avvistano la foce del Tevere all'alba, e si fermano
37-45 Invocazione di Virgilio a Erato
45-106 Racconto sulle origini del re Latino; Turno vuole in sposa Lavinia, ma i presagi divini fanno esitare Latino; quest'ultimo chiede auspici all'oracolo di Fauno, il quale gli dice di dare in sposa la figlia a un genero straniero che sta per arrivare
107-147 Magro banchetto dei Troiani, e quindi avverarsi della profezia di Celeno; preghiere di Enea cui rispondono tre lampi di Giove
148-285 Nuovo giorno; ambasciata per la pace inviata a Latino mentre Enea costruisce una cittadella fortificata; Latino accoglie i Troiani e chiede cosa lo spinga a lui; Ilioneo risponde che il volere degli dei li ha condotti in quei luoghi; Latino pensa agli oracoli di Fauno, li accoglie benevolmente e chiede di far venire Enea esponendo a loro il vaticinio; di seguito il re ricambia i doni
286-375 Giunone scorge le sorgenti case dei Troiani, se ne duole e promette come 'dote' a Lavinia una guerra; poi si dirige da Aletto e la esorta a portare discordia; la Furia si dirige nel Lazio e corrompe Amata, moglie di Latino, la quale si lamenta col marito per aver privato Turno della mano di Lavinia, ma il re non si fa convincere
376-405 Amata impazzisce per la città e porta sua figlia nella foresta; le altre donne sono colpite dalla medesima Furia e la raggiungono in una specie di baccanale
406-474 Aletto va da Turno prendendo le sembianze della sacerdotessa di Giunone, esortandolo a guerreggiare coi Troiani, ma il giovane la deride; Aletto s'infuria e lo corrompe, facendo sì che dichiari guerra
475-539 Aletto si dirige sui troiani; Ascanio sta cacciando, e la Furia fa in modo che egli ferisca a morte un cervo sacro; i contadini allora si armano ei Troiani accorrono da Ascanio: combattimento tra le due parti
540-571 Aletto va trionfante da Giunone e torna agli inferi su suo ordine
572-600 Giunone fa scoppiare definitivamente la guerra, mentre Latino si dispera e scaglia una maledizione su Turno
601-640 Apertura delle porte del tempio di Giano da parte di Giunone, perché Latino non vuole farlo; preparativi alla guerra
641-646 Invocazione alle Muse
647-817 Presentazione dei condottieri italici: Mezenzio col figlio Lauso, Aventino, Catillo, Cora, Ceculo, Messapo, Clauso, Aleso, Ebalo, Ufente, Umbrone, Virbio, Turno, Camilla
Venere nella grotta di Vulcano chiede le armi di Enea , dipinto di GB Tiepolo , 1765-1770.

Libro VIII

Mentre guarda le truppe nemiche che si radunano sulla sponda opposta del Tevere, Enea cade addormentato e in sogno gli appare il dio del fiume Tiberino che, dopo avergli annunciato che lì suo figlio Ascanio fonderà una città di nome Alba , gli suggerisce di allearsi con Evandro , principe di una cittadina del Palatino . Il giorno successivo Enea risale il fiume ed entra nella città. Qui il figlio di Evandro, Pallante , lo riceve benevolmente. Enea, parlando al re, gli ricorda il comune antenato dei loro due popoli Atlante , e gli chiede aiuto. Evandro risponde che Tarconte , capo di tutti gli Etruschi , ha riunito i reggitori delle varie città, coi loro eserciti, per condurre una guerra proprio contro Turno e Mezenzio, ma affiderebbe volentieri il comando delle operazioni a Enea. Il capo troiano accetta e si dirige immediatamente verso "le spiagge del re etrusco"; Tarconte lo riceve nel proprio "campo" federale che si trova presso il bosco del dio Silvano. In quei pressi Venere consegna a Enea armi divine e soprattutto uno scudo opera di Vulcano, su cui sono rappresentate scene della futura storia di Roma, dalla nascita di Romolo e Remo al trionfo di Augusto dopo la vittoria di Azio.

Sinossi con numero dei versi

1-17 I Laziali si muovono
18-96 Enea si corica; gli appare il Tevere in figura di vecchio e gli predice il futuro (fondazione di Alba) e gli dice di cercare l'alleanza di Pallante; Enea allora prega le Ninfe e lo stesso Tevere e prende con sé una coppia di biremi.
97-183 A mezzogiorno arrivano presso la città di Evandro; gli Arcadi stanno celebrando un rito; Pallante si fa loro incontro e li accompagna dal padre; Enea e Pallante si scambiano parole amichevoli; banchetto.
184-279 Evandro racconta la storia di Caco per spiegare il rito dell'Ara Massima che stanno celebrando.
280-305 Sera; altro banchetto, in onore di Ercole.
306-368 Ritorno in città; Evandro racconta dell'origine del luogo.
369-453 Notte; Venere va da Vulcano e gli chiede delle armi per Enea; Vulcano si dirige in un'isola siciliana dove ha l'officina e comincia il lavoro.
454-546 Risveglio e incontro tra Enea, Evandro e Pallante; Evandro promette l'aiuto di un'alleanza etrusca e affida Pallante ad Enea perché possa maturare sotto il suo esempio; segni divini; Enea torna alle navi.
547-584 Enea rispedisce metà uomini indietro per portare notizie; gli altri li prende con sé per cercare altri alleati; saluto caloroso di Evandro.
585-607 Partenza del drappello.
608-731 Venere porta le armi al figlio; descrizione dello scudo (626-728), tra cui sono rappresentati la lupa, gli eroi delle origini, Catilina, Catone, Augusto, Antonio, Cleopatra.

Libro IX

Miniatura con l'episodio delle navi troiane trasformate in ninfe

Mentre Enea si trova in Etruria, presso Tarconte, la dea Iride va ad avvisare Turno che "Enea è giunto fino alla lontana città di Corito (Tarquinia) e sta assumendo il comando della banda degli agresti Etruschi confederati" (IX,9). Turno allora, approfittando dell'assenza di Enea, sferra un assalto contro l'accampamento troiano, ma i Troiani riescono a resistere. Turno vuole bruciare le loro navi, ma grande è il suo stupore quando vede emergere, nel posto dove esse si trovavano, una moltitudine di Ninfe . Capisce allora che non è il momento di attaccare i Troiani, perché significherebbe inimicarsi gli dei. Dà quindi ordine di porre assedio al campo troiano a quattordici giovani condottieri del suo esercito (ciascuno dei quali è alla testa di un contingente composto da altri cento giovani) e agli uomini di Messapo.

Nella stessa notte, gli inseparabili amici Eurialo e Niso si propongono di raggiungere Enea attraversando le linee nemiche. Entrano nel campo dei Rutuli, che trovano tutti addormentati, e decidono di farne strage. A iniziarla è Niso che armato di spada colpisce un alleato molto caro a Turno, ovvero il giovane re e augure Ramnete , sorpreso a russare un sonno particolarmente affannoso fra i tappeti ammucchiati a mo' di pagliericcio, e tre suoi servi, tutti adolescenti; le vittime successive sono lo scudiero e l' auriga di Remo , e il condottiero stesso, decapitato di netto da Niso che lascia il busto sul letto facendone colare tutto il sangue; e appresso al signore, il troiano recide la testa anche ad alcuni guerrieri del suo gruppo, tra cui l'insigne giovinetto Serrano , disteso al suolo per l'effetto soporifero dell'abbondante gozzoviglia alla quale si era dato dopo aver allegramente giocato a dadi. La strage ai danni degli italici viene proseguita da Eurialo, le cui vittime sono uomini di basso lignaggio. Uno di essi, Reto , svegliatosi improvvisamente, cerca di fuggire, venendo però anch'egli ucciso da Eurialo.

Usciti dall'accampamento dei Rutuli, Eurialo e Niso vengono intercettati da un gruppo di cavalieri italici guidati da Volcente e costretti a nascondersi: Volcente cattura Eurialo e lo uccide, sicché Niso viene allo scoperto per vendicare l'amico e si scaglia contro il suo assassino, riuscendo a ucciderlo, ma muore subito dopo, trafitto dalle armi degli uomini di Volcente.

Turno, infuriato per l'incursione compiuta da Eurialo e Niso, attacca nuovamente il campo dei Troiani. Ascanio si rende autore del suo primo atto d'eroismo militare trafiggendo mortalmente Numano , il cognato di Turno. Questi furibondo distrugge la palizzata, uccidendo i due giganteschi fratelli Pandaro e Bizia . Il re rutulo entra quindi nel campo nemico e fa strage di troiani in fuga: solo l'eroico Linceo cerca di assalire Turno con la spada snudata ma, prevenutolo, il Rutulo gli fa volare via di spada la testa con l'elmo mandando a giacere il busto a terra; rimbrottati dai loro capi i Troiani assalgono Turno che viene circondato dalle lance ed è costretto a tuffarsi nel Tevere per mettersi in salvo (in seguito ritornerà dai suoi compagni trasportato dalla corrente).

Sinossi con numero dei versi

1-24 Giunone manda Iride presso Turno per esortarlo ad attaccare il campo troiano.
25-175 L'esercito di Turno avanza; i Troiani si preparano a difendere l'accampamento da dentro le mura; tentativo di incendio degli assedianti; excursus su un giuramento di Giove ai tempi della guerra di Troia; le navi troiane si trasformano in ninfe; Turno volge a proprio favore il prodigio ed ordina ai suoi di riposarsi; Messapo ordina le pattuglie, mentre i Troiani danno i turni alle loro sentinelle.
176-313 Eurialo e Niso sono di guardia, ma decidono di andare ad avvisare Enea dell'assedio; i due vanno all'assemblea dei capi troiani per avvisarli: i capi lodano ed acconsentono, con Ascanio che promette grandi doni.
314-366 Eurialo e Niso escono e s'introducono fra le tende nemiche, facendo quindi strage di nemici addormentati.
367-458 Un'ambasceria di Turno, guidata da Volcente, sta tornando al campo e scorge Eurialo e Niso, i quali fuggono nel bosco; Eurialo si perde; Niso prosegue salvo poi accorgersi dell'assenza del compagno: decide di tornare a cercarlo; Niso trova Eurialo catturato e decide di attaccare; Volcente, non scorgendo l'autore delle uccisioni, trafigge Eurialo; Niso allora si getta verso l'amico e cade a sua volta dopo aver ucciso Volcente.
459-502 Nuovo giorno; Turno prepara l'esercito e fa infilzare le teste di Eurialo e Niso su due picche; la madre di Eurialo si dispera e si getta fuori dalle mura, ma viene poi presa a forza dai Troiani.
503-524 Inizia l'attacco.
525-529 Invocazioni alle Muse.
530-818 Continua l'assedio; Turno incendia una torre; insulti di Numano ai troiani, ucciso però da una freccia di Ascanio al suo primo atto bellico; Apollo assume le sembianze di un vecchio e invita Ascanio a non combattere più; i Rutuli prevalgono; Turno uccide Pandaro; i Troiani indietreggiano ma Mnesteo infonde loro ardore; Turno, incalzato dal nemico, si salva gettandosi nel Tevere.

Libro X

Nel frattempo sull' Olimpo è in atto un duro scontro tra gli dei: Giove è irritato per lo scoppio della guerra, Giunone addossa la colpa ai Troiani e Venere implora Giove di non abbandonarli proprio mentre sono circondati da forze molto più numerose delle loro.

Enea, intanto, ha assunto il comando della Lega Etrusca, e alla testa dell'esercito imbarcato sulla flotta federale, assieme a Tarconte, torna dal territorio etrusco alla foce del Tevere: egli è accompagnato anche dagli Arcadi di Pallante e da Cupavone e Cunaro coi loro Liguri . Quando lo vedono riapparire i Troiani, ancora assediati nel loro campo, riacquistano fiducia. Turno muove l'esercito italico contro il nemico ma Enea, forte dello scudo di Vulcano e della protezione di Venere, è di fatto inarrestabile. Egli si slancia contro i nemici dapprima con la spada, e con essa uccide il gigantesco e coraggioso Terone , per poi ferire mortalmente il giovane Lica . Subito dopo abbatte due fratelli armati di clava, Cisseo e Gia , il cui padre era originario della Grecia, e Faro, al quale scaglia la lancia che trapassa di netto la bocca . Si fa allora eroicamente avanti una coppia di guerrieri latini, Cidone e Clizio , legati da un rapporto omoerotico: Enea stende morto Clizio, il più giovane dei due, mentre Cidone viene salvato dall'intervento dei sette figli di Forco che si frappongono improvvisamente tra lui ed Enea, il quale è costretto a chiedere al fedele Acate le lance, che scaglia sui suoi assalitori uccidendone un paio, Meone e Alcanore; un terzo fratello, Numitore, ferisce Acate in maniera non grave.

Enea e Acate si allontanano mentre i combattimenti riprendono più cruenti di prima: in campo italico si mettono in evidenza Clauso e Messapo. Pallante fa strage di alcuni giovani guerrieri, tra cui i due valorosi gemelli latini Laride e Timbro , figli di Dauco: con la spada decapita Timbro e recide la mano destra a Laride, abbandonandolo moribondo sul terreno. Poi uccide Aleso, l'antico auriga di Agamennone , stabilitosi in Italia dopo la guerra di Troia. Viene quindi affrontato da Turno in duello: sull'Olimpo Ercole , invocato dal giovane prima dello scontro, chiede a Giove se la sua vita possa essere risparmiata, ma il padre ricorda l'inevitabilità del fato: " Stat sua cuique dies , breve et inreparabile tempus/ Omnibus est vitae" (" A ciascuno è dato il suo giorno, il tempo della vita/ è breve e irreparabile per tutti ", Aen. X, 467-468). Turno uccide Pallante, spogliandolo poi del balteo.

Enea, infuriato per la morte del suo amico e alleato, lo vendica scagliandosi sui nemici e facendone scempio: innanzitutto cattura vivi otto giovani per immolarli sulla pira che arderà Pallante; poi abbatte Mago ed altri guerrieri tra cui Ceculo (il semidio figlio di Vulcano), Umbrone, Anxure al quale tronca una mano, e pure un sacerdote di Apollo e di Diana , figlio di tale Emone. Quindi affronta il giovane etrusco Tarquito , schierato con Mezenzio e anch'egli semidio, e con la spada gli spicca via la testa dal busto, facendo infine rotolare i resti del nemico, grondanti di sangue, nella foce del Tevere . Le schiere italiche fuggono terrorizzate, ma Enea prosegue con la carneficina: cadono due fedelissimi di Turno, Anteo e Luca , poi Numa e anche Camerte , il biondo signore di Amyclae , nonché figlio di Volcente . Enea uccide inoltre una coppia di fratelli che avevano osato sfidarlo dal carro insultandolo, Lucago e Ligeri, colpendo il primo all'inguine con la lancia scagliata e buttandolo giù dal carro, mentre all'altro apre il petto con la spada. I Rutuli sono così costretti ad allentare l'assedio al campo dei Troiani, che finalmente possono intervenire al fianco di Enea; belle prove vengono offerte da Salio , il giovane sicano di origini greche unitosi a Enea e ai suoi uomini, destinato però anche lui a soccombere (per mano dell'italico Nealce).

Intanto Giunone, temendo per la sorte di Turno, è riuscita ad allontanare il re rutulo dal campo di battaglia. Enea può così affrontare il tiranno etrusco Mezenzio, che sta facendo a sua volta strage di Troiani, ferendolo con la lancia all'inguine; quindi si getta su Lauso , il figlio di Mezenzio accorso in sua difesa, e gli pianta la spada nel petto: toccato dal gesto eroico del giovane, non infierisce sul suo corpo ma lo fa adagiare sul suo stesso scudo restituendolo al padre.

Mezenzio inveisce per la morte del figlio ed affronta, benché gravemente impedito, il troiano a duello. Enea uccide con un colpo di lancia il cavallo di Mezenzio e quindi il tiranno stesso, spogliandolo poi delle sue armi che appende nel campo di battaglia, come trofeo per Marte .

Sinossi con numero dei versi

1-117 Giove convoca un concilio divino e rimprovera gli dei per aver scatenato la guerra; Venere si lamenta del comportamento di Giunone e prega che venga salvato almeno Ascanio; Giunone si adira; Giove si limita a dire che non interverrà
118-147 Assedio dei Rutuli
147-214 Enea sta tornando in nave, accompagnato dagli alleati etruschi e liguri: Màssico, Abante, Asìlas, Astyr, Cùnaro, Cupavóne, Ocno, Auleste
215-250 Cala la notte; a Enea appaiono le ninfe originate dalla metamorfosi dell navi, lo avvisano dell'assedio e gli predicono grandi imprese
251-275 Enea prega Cibele e avvisa gli alleati; arrivo all'accampamento
276-605 Turno incoraggia i suoi; sbarco di Enea; Turno manda all'attacco i Rutuli; inizia la battaglia; Pallante viene sfidato a duello; Turno uccide Pallante; Enea fa strage di nemici
606-632 Discussione tra Giove e Giunone; Giove le concede di salvare, per il momento, Turno
633-688 Giunone crea un'immagine di Enea e la fa fuggire dinanzi a Turno, il quale la insegue fin su una nave: allora la dea fa andare in mare aperto la stessa, con rammarico di Turno per aver abbandonato i suoi; Turno tenta di tornare alle spiagge e in seguito di suicidarsi, ma Giunone lo frena entrambe le volte e lo riporta alla sua città, Ardea
689-746 Gesta di Mezenzio, il quale tra gli altri uccide Orode che, morente, gli predice la morte
747-761 Continua la battaglia
762-832 Scontro tra Mezenzio ed Enea: Lauso, figlio del primo, interviene quando vede che il padre è ferito, ma viene ucciso da Enea
833-908 Mezenzio sta medicando la ferita, quando i compagni gli riportano il corpo del figlio; il tiranno etrusco si fa portare il cavallo per tornare da Enea; scontro tra i due, e Mezenzio viene ucciso

Libro XI

Dopo le celebrazioni per la vittoria su Mezenzio, Enea riporta il corpo di Pallante nella sua città per le esequie, e il padre Evandro chiede che sia vendicato. Il re Latino chiede una tregua ai Troiani e si giunge ad un accordo in base al quale vengono decisi dodici giorni di sospensione delle ostilità, per consentire lo svolgimento dei riti funebri di tutti i caduti. Enea, che rispetta Latino memore del fatto che gli avesse offerto la mano della figlia, propone di porre fine alla guerra e di risolvere la questione con un duello tra lui e Turno. Il rutulo rifiuta però la proposta, e dunque il conflitto riprende. Tarconte assale il giovane tiburtino Venulo che viene ucciso dopo aver cercato disperatamente di resistere; in aiuto delle forze latine interviene la cavalleria dei Volsci guidata dalla guerriera Camilla . Nel corso dei combattimenti il giovane etrusco Arunte insidia la vergine che compie stragi, e, dopo averla vista inseguire il troiano Cloreo che attirava l'attenzione per le sue armi d'oro, scaglia l'asta e la coglie in pieno petto; Camilla muore, dopo aver inviato la compagna Acca ad avvisare Turno. La dea Diana allora la vendica facendo uccidere Arunte dalla ninfa Opi. L'esercito italico è costretto a ritirarsi lasciando Enea padrone del campo.

Sinossi con numero dei versi

1-99 Sorge l'alba; offerta agli dei da parte di Enea, che poi ordina di seppellire i morti; Enea manda il corpo di Pallante a Evandro con solennità
100-138 Delegazione latina per raccogliere i morti, ben accolta da Enea; Drance loda Enea e critica Turno; le due parti concordano dodici giorni di pace e tagliano gli alberi per le pire funebri
139-181 La città di Evandro si prepara ad accogliere Pallante; Evandro si dispera
182-202 I Troiani accendono le pire
203-224 Funerali anche presso i Latini
225-446 Latino convoca un'assemblea, proponendo la pace e l'assegnazione di un territorio ai Troiani; Drance attacca Turno e auspica le nozze di Lavinia con Enea, provocando così Turno, il quale reagisce con asprezza lanciando una sfida ai Troiani, ricordando che ritirarsi sarebbe disonorevole
446-531 Enea muove il campo verso la città; Turno esorta i suoi a prepararsi alla battaglia; preparativi dei Latini; Camilla chiede a Turno di poter attaccare i Troiani, e questi le rivela la tattica da seguire (un'imboscata in una stretta valle)
532-596 La ninfa Opi viene inviata da Diana presso Camilla
597-835 I Troiani e gli Etruschi si avvicinano; scontro tra le cavallerie; imprese di Camilla e delle sue compagne; Tarconte rampogna i suoi e uccide Venulo; Arunte colpisce mortalmente Camilla; riprende più aspra la battaglia
836-867 Opi scoppia in un lamento e uccide con una freccia Arunte; ritorna poi sull'Olimpo
868-895 I Rutuli si ritirano incalzati dai Troiani, tra la disperazione delle donne latine
896-915 La notizia della disfatta viene riportata a Turno da Acca, compagna di Camilla; Enea e Turno vanno entrambi verso la città; cala la notte

Libro XII

Il duello di Enea e Turno , olio su tela di Luca Giordano .

Vista la difficile situazione, Turno accetta la sfida lanciatagli da Enea, nonostante l'opposizione di Latino e della regina Amata. Giunone interviene nuovamente, convincendo Giuturna , la sorella di Turno divenuta poi ninfa, a radunare l'esercito e mandarlo all'attacco. Il duello è così rinviato ei due eroi si rituffano nei combattimenti. Enea viene ferito da un dardo vagante alla coscia, e Venere deve intervenire per ridargli vigore con una pianta medicinale. Durante la sosta forzata di Enea i suoi luogotenenti riescono a controllare egregiamente la situazione, soprattutto Acate e Gia, che decapitano rispettivamente Epulone e Ufente: nella mischia muore poi l'augure italico Tolumnio, colui che aveva violato la tregua. La ferita di Enea viene curata dal medico del campo, e il capo troiano può ritornare a combattere. Enea e Turno, alla guida dei rispettivi eserciti, fanno macello dei rispettivi nemici. Memorabili alcune uccisioni: il rutulo Sucrone , che Enea ferma colpendolo al fianco con la lancia per poi spezzargli con la spada le costole intere una volta caduto al suolo; i fratelli troiani Amico e Diore , uccisi da Turno e poi appesi, con le teste recise, al loro carro; il masso scagliato contro Murrano da Enea che lo catapulta giù dal cocchio e lo fa morire dilaniato dai suoi stessi cavalli che, dimenticatisi di lui, credevano si trattasse di un nemico caduto. Tra le vittime del re rutulo c'è anche Darete . Intanto Amata, credendo che Turno sia morto, si toglie la vita, impiccandosi. Quando Turno vede che è la sorella ad aizzare i soldati a spezzare la tregua interviene, ordinando alle truppe di fermarsi. La mischia si scioglie e finalmente i due eroi si trovano faccia a faccia per il duello. Gli dei decidono di non intervenire ed anche Giunone è costretta a interrompere le sue trame. Enea, scagliata una lancia contro Turno, vince facilmente lo scontro ferendo il nemico: poi sguaina la spada affilata da entrambe le parti e con essa muove verso lo sconfitto, ma si arresta dopo che Turno lo implora di rendere il suo corpo privo di vita al padre Dauno ("Tu puoi usar la tua sorte. Ma se del misero padre un pensiero può ancora toccarti, ti prego [...], pietà della vecchiezza di Dauno e, sia pur corpo privo di vita, se questo ti piace, rendimi ai miei. Hai vinto [...]. Di più non voglia il tuo odio" [3] ). Quando però vede su di lui il "balteo", cinturone che Turno aveva strappato a Pallante dopo averlo ucciso, la pietà viene meno. Enea affonda la spada nel petto di Turno - che muore emettendo un rantolo atroce - e si riappacifica con gli Italici ; i Troiani possono così finalmente stabilirsi nel Lazio e trascorrere la loro esistenza nella nuova terra conquistata. [4]

Sinossi con numero dei versi

1-106 Turno s'infiamma nel vedere i Latini disfatti; dialogo tra Turno, Latino e Amata; Turno si arma
107-112 Enea manda emissari a Latino per dettare le condizioni di pace
113-133 Nuovo giorno; gli eserciti si fanno incontro l'un l'altro
134-161 Giunone contempla il campo dal monte Albano; Giunone si rivolge a Giuturna, ninfa e sorella di Turno, e la esorta a provare a salvare il re rutulo
162-215 Riunione e sacrifici dei re al centro del campo; Enea propone i patti, accettati da Latino, che prevedono una sfida tra lui e Turno
216-382 Esitazione dei Rutuli nel vedere Turno malinconico; Giuturna allora, sotto spoglie umane, incoraggia gli italici; Giuturna fa apparire un prodigio per rincuorali ancora di più; Tolumno dà inizio allo scontro, rompendo i patti; Enea prova a bloccare i suoi, ma viene colpito da un dardo e si ritira; Turno allora sale sul carro e fa strage
383-441 Enea rientra all'accampamento e Iapige tenta di curarlo; Venere inserisce del dittamo nel catino di Iapige ed Enea viene curato; Enea fa un discorso ad Ascanio e torna alla battaglia
441-499 Gesta di Enea; i Rutuli arretrano; Giuturna sale sul carro di Turno per trarlo in salvo; Enea fa strage
500-504 Invocazione di Virgilio
505-553 Gesta di Enea e di Turno
554-592 Venera ispira a Enea l'idea di attaccare la città; Enea convoca i suoi e ordina di appiccare il fuoco, per il mancato rispetto del patto
593-613 Amata non vede più Turno e, disperata, si suicida; disperazione della città
614-696 Turno si preoccupa per la città; Giuturna prova a convincerlo a continuare la lotta in quel lato del campo, ma Turno non vuole essere macchiato dal disonore; Sace invita Turno a tornare alle mura; Turno chiede a Giuturna di lasciarlo e salta giù dal carro; Turno invita i suoi a smettere la battaglia per combattere lui solo contro Enea
697-790 Enea si fa incontro a Turno; duello tra i due; si spezza la spada di Turno, il quale fugge inseguito dall'altro; Giuturna dà una spada al fratello
791-842 Giove vieta a Giunone di causare altre disgrazie ai Troiani; Giunone acconsente ponendo benevole condizioni che Giove accetta volentieri
843-886 Giove invia una “funesta” da Giuturna per farla smettere, e questa se ne va disperandosi
887-952 Enea affronta Turno e lo ferisce con l'asta; Turno implora Enea per il proprio corpo e il padre Dauno; Enea uccide Turno

Personaggi

Enea e Didone ( 1670 circa), olio su tela di Karel Škréta ( Praga , Galleria Nazionale ).

Gli dei presenti nel poema sono:

  • Venere , dea madre di Enea che nel racconto figura come sua protettrice e anche come colei che fa sbocciare l'amore tra il capo troiano e Didone
  • Giunone , divinità protettrice di Cartagine e avversa da sempre ai troiani e quindi anche a Enea
  • Giove , garante del Volere e del Fato: è, in questo poema, più che un dio, un'entità astratta assai imparziale che rappresenta l'equilibrio
  • gli altri dei dell'Olimpo ( Apollo , Diana , Mercurio , Cupido , Iride , Vulcano , Pallade ), la ninfa Opi e divinità minori come le Dire, che sono strumenti per attuare il volere maggiore
  • gli dei marini, Nettuno e Anfitrite con il loro corteo di tritoni e nereidi
  • gli dei degli Inferi , Plutone , Proserpina , Caronte ei mostri dell'Ade ( Medusa , la furia Aletto , il dio Sonno, ecc.)
  • divinità latine come il dio Saturno , il fiume Tevere , Pico, Fauno e Giuturna , la sorella di Turno divenuta ninfa
  • Ercole , il semidio figlio di Zeus assurto poi a dio, a colloquio col genitore sull'Olimpo nel libro X (mentre nel libro VIII viene rievocata la sua lotta contro Caco )
  • Cibele , la gran madre degli dei che trasforma le navi di Enea in ninfe.

Inoltre appare Eolo , presentato come il re dei venti, secondo la versione prevalente (e non una divinità vera e propria, come invece in qualche altro testo classico).

Il personaggio principale è il principe troiano Enea , eroe pius ossia devoto e rispettoso della religione e dunque uomo caro alla maggior parte degli dei. Enea è un guerriero valoroso e un capo maturo e responsabile. Si sottomette completamente al volere degli dei, si prende cura della famiglia (la sposa, il figlio, il vecchio padre) e dei suoi soldati, è leale e risoluto, ma ha momenti di debolezza, incertezza e dubbio. Per il resto, Enea incarna le virtù dei grandi personaggi romani:

  1. Onestà
  2. Coraggio
  3. Lealtà
  4. Giustizia
  5. Clemenza
  6. Pietas , ovvero devozione verso gli dei e rispetto verso gli uomini
  7. Pazienza
  8. Alto senso civico ed esaltazione dei valori di cittadino romano (quelli che Augusto stava cercando di ripristinare)
Eurialo e Niso (1827) di Jean-Baptiste Roman , Louvre .

La pietas , una delle doti di Enea, rappresenta il senso del dovere, la devozione, il rispetto delle norme che regolano i rapporti tra gli dei e tra gli uomini. Solo occasionalmente l'eroe cede alla ferocia, come quando priva il giovane Tarquito della sepoltura, impedendo in tal modo all'anima del nemico morto di raggiungere i cancelli dell'Ade.

Enea inoltre non rispecchia fedelmente i modelli omerici, Achille ed Ulisse. Infatti non è curioso ma cerca solo di adempiere al fato che lo fa andare avanti ( labor = fatica), è valoroso ma non cerca guerre ( labor = guerra).

Nei secondo libro del poema largo spazio viene dato ai familiari di Enea durante la descrizione della caduta di Troia, con il prodigio divino per Ascanio , la scomparsa di Creusa e l'azione determinante di Anchise , che convincerà il figlio Enea a non cercare una morte gloriosa ma un destino diverso per i suoi discendenti.

Nel quarto libro a Enea si contrappone la figura tragica ed eroica della regina Didone , che prima cerca di trattenerlo presso di sé a Cartagine , con doni e favori ma poi, abbandonata, si suicida con la spada di Enea, invocando vendetta.

A partire dal settimo libro l'antagonista principale di Enea è Turno, il giovane re dei Rutuli, promesso sposo di Lavinia, a tratti feroce in guerra, ma mai presentato come figura negativa. Turno è anch'egli un uomo animato da profonda religiosità, tratta con grande rispetto i genitori della promessa sposa e lo si vede spesso in ansia per la sorte del suo popolo: l'unico suo tratto poco nobile è una certa tendenza all'ostentazione. Agli antipodi di Enea sta semmai il maggior alleato di Turno, Mezenzio , per il suo spregio verso dei e nemici: tuttavia la morte di suo figlio Lauso rivelerà anche in quest'uomo apparentemente insensibile alcuni tratti di insospettata umanità.

L' Eneide è anche il poema degli eroi giovanissimi, strappati troppo presto alla vita per colpa della guerra: il poeta mette sempre in risalto le loro uccisioni, siano essi di parte troiana e filotroiana ( Eurialo e Niso , Corebo, Pallante , Salio, tra i tanti) o italica ( Camilla , Umbrone, Tarquito, Clizio, Lauso, Camerte, Lica, il cortigiano Almone, i gemelli Laride e Timbro, il bellissimo Serrano, e molti altri ancora).

Ambienti

L'ambientazione è molto differente in quanto ci sono luoghi che vanno dall'Asia alla Grecia, con descrizioni dell'Africa settentrionale, della Sicilia e dell'Italia. Da un lato si hanno paesaggi naturali descritti molto attentamente, dall'altro le mitiche città antiche. Queste sono mostrate o fiorenti o ancora in fase di costruzione o come premonizioni di futuri monumenti e città: particolare importanza assumono le residenze reali, dalla reggia di Troia a quella fenicia di Didone fino a quella rustica di Latino. Molto dettagliata è la descrizione del sito dove sorgerà la futura Roma o di luoghi dove sorgeranno templi o oracoli, come il sito della Sibilla cumana.

Il contesto dell'opera

Virgilio legge l'Eneide ad Augusto e Ottavia ( 1787 ), olio su tela di Jean-Joseph Taillasson ( Londra , National Gallery ).

Il poema è stato composto in un periodo in cui a Roma stavano avvenendo grandi cambiamenti politici e sociali: la Repubblica era caduta, la guerra civile aveva squassato la società e l'inaspettato ritorno ad un periodo di pace e prosperità, dopo parecchi anni durante i quali aveva regnato il caos, stava considerevolmente mutando il modo di rapportarsi alle tradizionali categorie sociali e consuetudini culturali. Per reagire a questo fenomeno, l'imperatore Augusto stava tentando di riportare la società verso i valori morali tradizionali di Roma e si ritiene che la composizione dell' Eneide sia specchio di questo intento. Enea infatti è tratteggiato come un uomo devoto, leale verso la sua gente e attento alla crescita di essa, piuttosto che preoccupato dei propri interessi. Egli ha iniziato un percorso che ha portato alla fondazione ed alla gloria di Roma.

Con l' Eneide , inoltre, si tenta di legittimare l'autorità di Giulio Cesare e, per estensione, di suo figlio adottivo Augusto e dei discendenti, dato che discendevano dalla Gens Iulia , l'antica gens di Enea . Quando Enea compie il proprio viaggio nel mondo sotterraneo dei morti riceve una profezia riguardo alla futura grandezza dei suoi imperiali discendenti. Più in là avrà in dono da Vulcano un'armatura e delle armi, tra le quali uno scudo decorato con immagini dei personaggi che daranno lustro a Roma, primo fra tutti Augusto. Simili anticipazioni possono essere trovate anche nell'onomastica dei personaggi secondari: il miglior amico di Ascanio , Ati, è l'avo di Azia, madre di Ottaviano Augusto ; da tre dei luogotenenti troiani di Enea che partecipano alla gara navale, Cloanto, Mnesteo e Sergesto, traggono la loro origine altrettante famiglie romane (i Cluenzi, i Memmi ei Sergi); in campo italico il principe sabino Clauso diventerà il progenitore della gens Claudia (destinata a fondersi con quella Giulia tramite il matrimonio che unirà Livia Drusilla ad Augusto), mentre non lasciano figli, ma sono destinati anch'essi a entrare in qualche modo nella storicità per il perpetuarsi della memoria dei loro nomi, Remo, Lamiro e Lamo , Serrano - i quattro giovani rutuli decapitati nel sonno da Niso - con Remo fratello di Romolo, la gens Lamia, il soprannome Serranus per un membro degli Attilii. In questo il poeta non fa distinzioni tra vincitori e sconfitti.

Si può inoltre rivolgere l'attenzione al rapporto tra Troiani e Greci che si riscontra all'interno dell' Eneide . I Troiani secondo il poema furono gli antenati dei Romani, mentre gli eserciti greci, che avevano assediato e saccheggiato Troia, erano i loro nemici: tuttavia, all'epoca in cui l' Eneide è stata scritta, i Greci facevano parte dell' Impero romano e, pur essendo un popolo rispettato e considerato per la sua cultura e civiltà, erano di fatto un popolo sottomesso. Virgilio risolve questo problema sostenendo che i Greci avevano battuto i Troiani solo grazie al trucco del cavallo di legno , e non con una battaglia in campo aperto: in questo modo l'onore e la dignità dei Romani restavano salvi.

Temi trattati nel poema

Il testo dell' Eneide è quasi interamente dedicato alla presentazione del concetto filosofico della contrapposizione. La più facile da riscontrare è quella tra Enea che, guidato da Giove, rappresenta la pietas intesa come devozione e capacità di ragionare con calma, e Didone e Turno che, guidati da Giunone, incarnano il furor , ovvero un modo di agire abbandonandosi alle emozioni senza ragionare. Altre contrapposizioni possono essere facilmente individuate: il Fato contro l'Azione, Roma contro Cartagine , il maschile contro il femminile , l'Enea simile ad Ulisse dei libri I-VI contro quello simile ad Achille dei libri VII-XII.

La pietas era il valore più importante di ogni onesto cittadino romano e consisteva nel rispetto di vari obblighi morali: nella dimensione privata verso la famiglia e gli avi, nella dimensione pubblica verso gli dei e lo Stato. Virgilio insiste sulle forti relazioni presenti tra padri e figli: i legami tra Enea e Ascanio, Anchise ed Enea, Laocoonte ei due figlioletti, Evandro e Pallante, Mezenzio e Lauso, Dauco ei suoi figli gemelli, sono tutti in vario modo degni di essere attentamente valutati. Molta rilevanza nel poema ha anche il sentimento dell'amicizia al maschile tra commilitoni (Eurialo e Niso, Cidone e Clizio, Enea e Acate, Turno e Ramnete, Turno e Murrano); che talora può sconfinare nell'eros. Il poema riflette evidentemente gli intenti della riforma morale intrapresa da Augusto e quindi intende presentare una serie di edificanti esempi alla gioventù romana.

Il principale insegnamento dell' Eneide è che, per mezzo della pietas , si deve accettare l'operato degli dei come parte del destino. Virgilio tratteggiando il personaggio di Enea allude chiaramente ad Augusto e suggerisce che gli dei realizzano i loro piani attraverso gli uomini: Enea doveva fondare Roma, Augusto deve guidarla, ed entrambi devono sottostare a quello che è il loro destino. È il Fato che affida ad Enea il compito di generare la stirpe romana. L'eroe virgiliano è consapevole, pensoso, non privo di dubbi e interiormente combattuto tra le scelte che le proprie responsabilità lo obbligano a compiere (salvare i compagni e dare loro una patria) e quelle che compirebbe seguendo i propri sentimenti. Si tratta di un eroe diverso da quello omerico, sicuro nel fare ciò che impone il senso del dovere. Di fondamentale importanza sono i versi del VI libro celebranti la missione di Roma (vv. 851-853): Tu regere imperio populos Romane memento / (hae tibi erunt artes) pacisque imponere morem, / parcere subiectis et debellare superbos ("Tu con il tuo potere reggerai i popoli, Romano, ed imporrai equo costume di pace, queste saranno le tue arti, risparmiare i sottomessi e debellare i superbi").

Lo stile

L' Eneide , come gli altri poemi epici classici, è scritta in esametri dattilici , il che significa che ogni verso ha sei piedi composti da dattili e spondei . La metrica del poema ricopre la stessa funzione delle rime usate dai poeti moderni: è un modo per rendere la composizione più gradevole all'ascolto. Virgilio fa inoltre ampio uso di figure retoriche come l' allitterazione , l' onomatopea , la sineddoche e l' assonanza .

Il tempo nell' Eneide

Diversamente da quanto accade nell' Odissea di Omero, gli eventi narrati nell' Eneide non presentano una chiara scala temporale. Neppure l'età del figlio di Enea, Ascanio, si rivela utile per fornire qualche indizio in tal senso: nel settimo libro, ad esempio, egli ha un'età tale da permettergli di partecipare ad una battuta di caccia, mentre nel primo libro deve essere ancora molto piccolo tenendo conto che Cupido, avendone preso le fattezze, se ne sta tra le braccia di Didone a scagliare frecce nel suo cuore. Alcuni studiosi suggeriscono che questo uso " nebuloso " del tempo nell' Eneide sia una precisa scelta di Virgilio.

Tradizioni filosofiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Reincarnazione § Metempsicosi nella mitologia classica .

Virgilio per la stesura dell' Eneide si ispira alla teoria orfico-pitagorica , la quale affermava che l'anima è immortale. Questa si fonda a sua volta sulla dottrina della metempsicosi , che consiste nella trasmigrazione dell'anima dopo la morte in un altro corpo. La prova di questo può essere facilmente riscontrata nel sesto libro, durante la catabasi di Enea accompagnato dalla Sibilla , quando l'eroe troiano incontra suo padre Anchise che gli mostra quindi i grandi personaggi della futura storia di Roma. L'autore rifiuta quindi l' epicureismo , una filosofia elaborata da Epicuro che si basa sulla credenza che gli uomini siano formati da atomi, che con la morte si disgregano.

La storia dell' Eneide

Lo stile poetico dell' Eneide è raffinato e complesso: la leggenda vuole che Virgilio ne scrivesse solo tre versi al giorno. L'opera è probabilmente incompleta, dato che sebbene si ispiri all' Iliade e all' Odissea consta solo di dodici libri invece dei ventiquattro dei poemi omerici, e si presenta come un lavoro non portato a termine. Vi sono 58 versi scritti solo a metà, i cosiddetti 'tibicines' o puntelli, e, generalmente, si ritiene che la conclusione dell'opera sia troppo brusca per essere quella effettivamente prevista dall'autore. È abbastanza comune che il testo dei poemi epici si presenti incompleto o con alcune parti di discutibile attribuzione o chiaramente modificate a posteriori: l' Eneide , al contrario, grazie al fatto di essere stata concepita direttamente in forma scritta e non adattata da una precedente tradizione orale, è nel complesso giunta a noi molto più integra di quanto lo siano le opere classiche dello stesso genere. È comunque dubbio se Virgilio intendesse effettivamente completare questi versi, data sia l'evidente difficoltà che si riscontrerebbe nel tentare le modifiche, sia il fatto che spesso la brevità ne aumenta e favorisce l'effetto drammatico. Inoltre era in uso presso la poesia ellenistica limitarsi a dodici libri, invece dei ventiquattro di impostazione classica: si può dunque pensare che Virgilio abbia ripreso questa consuetudine in quanto i Romani non operavano una sostanziale scissione tra la cultura classica e quella ellenistica.

Tuttavia la tradizione vuole che Virgilio, temendo di morire prima di aver terminato la stesura finale del poema, abbia affidato all'amico Vario Rufo il compito di bruciarla dopo la sua morte, motivando quest'ordine con il suo stato di incompletezza e asserendo che il passo del libro VIII sui rapporti matrimoniali di Venere e Vulcano non gli piaceva più. Presumibilmente aveva intenzione di modificare quella scena per adattarla meglio ai valori morali romani. L'amico però disobbedì al desiderio di Virgilio ed Ottaviano Augusto stesso ordinò che non fosse tenuto in considerazione: l' Eneide finì così per essere pubblicata dopo aver subito soltanto modifiche di modestissima entità. Lo scrittore tedesco Hermann Broch trattò tutto questo nel suo romanzo La morte di Virgilio .

Nel XV secolo vi furono due tentativi di scrivere un'aggiunta all' Eneide . Il primo fu quello di Pier Candido Decembrio , ma non fu mai portato a termine. Il secondo, del poeta Maffeo Vegio , venne spesso incluso nelle edizioni rinascimentali del poema con il titolo di Supplementum , godendo di un certo successo.

L' Eneide e la Divina Commedia

Illustrazione di Gustave Doré per il primo canto del Purgatorio con Virgilio e Dante

L'Eneide è la fonte che ha maggiormente influito sulla composizione della Divina Commedia di Dante Alighieri . Il Sommo Poeta dichiara, fin dal primo canto dell' Inferno , il proprio debito letterario e stilistico verso Virgilio e la sua opera:

«Tu se' lo mio maestro e 'l mio autore,
tu se' solo colui da cu'io tolsi
lo bello stilo che m'ha fatto onore.

Dante Alighieri , Inferno , I , vv. 85-87 »

Nell'opera dantesca Virgilio è lo psicopompo del poeta fiorentino nel suo viaggio ultraterreno, per tutto l'Inferno e buona parte del Purgatorio: ciò non deve stupire dato che Dante conosceva approfonditamente l'intera Eneide:

«…e così 'l canta
l'alta mia tragedìa in alcun loco:
ben lo sai tu che la sai tutta quanta.

Dante Alighieri , Inferno , XX , vv. 112-114 »

Nel Limbo , Virgilio è accolto onorevolmente dalla scuola dei poeti ( Omero , Ovidio , Lucano e Orazio ):

«"Onorate l'altissimo poeta;
l'ombra sua torna, ch'era dipartita".

Dante Alighieri , Inferno , IV , vv. 80-81 »

Nell'isola del Purgatorio, Dante e Virgilio incontrano l'anima del trovatore Sordello da Goito che, dopo aver riconosciuto Virgilio, si inchina, lo abbraccia, e lo riconosce come padre di quella lingua che, partendo dal latino avrebbe poi dato vita all' italiano :

«"O gloria di Latin", disse, "per cui
mostrò ciò che potea la lingua nostra…"

Dante Alighieri , Purgatorio , VII , vv. 16-17 »

Salendo su per il Purgatorio, Dante e Virgilio incontrano l'anima di Publio Papinio Stazio , la cui Tebaide è anch'essa una fonte importante della Divina Commedia . Prima ancora di apprendere l'identità degli interlocutori, Stazio riconosce nell'opera di Virgilio un importante testo di riferimento:

«Al mio ardor fuor seme le faville,
che mi scaldar, de la divina fiamma
onde sono allumati più di mille;
de l'Eneïda dico, la qual mamma
fummi, e fummi nutrice, poetando:
sanz'essa non fermai peso di dramma

Dante Alighieri , Purgatorio , XXI , vv. 94-99 »

Nella Divina Commedia , i riferimenti ai personaggi, ai luoghi, agli episodi dell'Eneide sono innumerevoli, tra cui: Enea , Turno , Eurialo e Niso , Camilla , Latino , Lavinia , Pentesilea , Caronte , Minosse , Elena , Didone , Sicheo , Cerbero , Flegias , le Arpie , il Minotauro , Pasifae , Teseo , le Gorgoni , Medusa e le Erinni , i Centauri (eg Chirone , Nesso ), Caco , Ercole , Gerione , Manto , Tiresia , Calcante , Euripilo , Diomede , Ulisse , Penelope , Circe , i Giganti (eg Briareo , Tizio , Tifo ), Sinone , Ecuba , Antenore , Rifeo ; l' Acheronte , lo Stige , il Flegetonte , il Cocito , il Lete ; l'episodio di Pier delle Vigne , trasformato in pruno , è in parte calcato su quello di Polidoro , figlio di Priamo ed Ecuba , fatto uccidere proditoriamente da Polimestore ; l'umile giunco che cresce sulle rive del Purgatorio ricorda il ramo d'oro raccolto da Enea (entrambi, una volta strappati, ricrescono istantaneamente sempre uguali); come Enea a Troia cerca invano di abbracciare tre volte lo spirito della moglie Creusa , e nei Campi Elisi tre volte cerca invano di abbracciare il padre Anchise , e prima di lui Ulisse, discendendo nell' Erebo , tre volte aveva cercato invano di abbracciare la madre Anticlea , così Dante per tre volte cerca invano di abbracciare l'anima penitente di Casella [5] ; così come Palinuro aveva implorato la Sibilla affinché lo lasciasse passare sebbene insepolto (richiesta rimasta inesaudita), le anime purgatoriali premono su Dante affinché questi riporti notizie di loro nel mondo ei vivi in stato di grazia preghino per loro, agevolando in tal modo il loro passaggio verso il Paradiso.

Edizioni critiche dell' Eneide più recenti

  • P. Vergilius Maro. Aeneis , ed. GB Conte , Berlin/New York, Walter de Gruyter, 2009 (1ª ed.), 2019 (2ª ed.).
  • P. Vergili Maronis Opera , ed. M. Geymonat, Augusta Taurinorum, In aedibus Io. Bapt. Paraviae et Sociorum, 1973; Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2008.
  • P. Vergili Maronis Opera , ed. RAB Mynors, Oxonii, E Typographeo Clarendoniano, 1969.
  • P. Vergili Maronis Opera, II. Aeneis , ed. R. Sabbatini, Romae, Typis Regiae Officinae Polygraphicae, 1930, 1937.

Traduzioni dell' Eneide

Traduttori in italiano

Francesco Della Corte , autore di due traduzioni in italiano del poema.

Traduttori in inglese

Lord Byron , autore di una traduzione in inglese del poema.

Traduttori in francese

Traduttori in spagnolo

L' Eneide nel cinema

Note

  1. ^ Già Elio Donato nella sua Vita Vergilii (Ernst Diehl (hrsg.), De Vita Vergilianae und Ihre Antiken Quellen , Bonn, 1911, p. 31) citava il famoso distico properziano: «Aeneidos vixdum coeptae tanta extitit fama, ut Sextus Propertius non dubitaverit sic praedicare: "Credite, Romani scriptores, credite Grai: / nescio quid maius nascitur Iliade"».
  2. ^ Per parte di madre: entrambi figli di Afrodite
  3. ^ Rosa Calzecchi Onesti, Eneide , Torino, Einaudi, 1967.
  4. ^ Così ha termine il poema; nelle Metamorfosi di Ovidio, invece, Enea non solo uccide Turno ma arriva a distruggere Ardea, la capitale del regno dei Rutuli. Secondo altri autori, Enea, dopo la morte di Turno , combatté contro gli Etruschi stessi per cacciarli via dalla sua terra, dopo che essi gli ebbero chiesto con la prepotenza di stare con lui definitivamente e, improvvisamente, scomparve dal campo di battaglia, portato dalla madre sull' Olimpo , per poi venire onorato dai suoi discendenti, i Romani , che come un Dio lo chiameranno per sempre con il nome di "Giove Indigete"; la città di Roma , fondata nel 753 aC, sorgerà sul Palatino per opera di Romolo , discendente di Enea, dopo l'uccisione del fratello Remo.
  5. ^ E nella Gerusalemme liberata di Torquato Tasso , per tre volte Tancredi afferra l'amata Clorinda , credendola un guerriero nemico, ma per tre volte questa si divincolerà, prima di venire tragicamente uccisa dall'amato inconsapevole.

Bibliografia

(Per la bibliografia sull'autore si rimanda alla voce Publio Virgilio Marone )

Opere di riferimento

  • Enciclopedia virgiliana , 6 voll., Roma, Treccani, 1984-91.
  • AAVV, Itinerari virgiliani. Raccolta di saggi promossa dal Comitato nazionale per le celebrazioni del bimillenario virgiliano , a cura di Ettore Paratore, Milano, Silvana, 1981
  • Alessandro Barchiesi , La traccia del modello. Effetti omerici nella narrazione virgiliana , Pisa, Giardini, 1984.
  • Gian Biagio Conte , The Poetry of Pathos: Studies in Vergilian Epic , Oxford, 2007.
  • Francesco Della Corte , La mappa dell'«Eneide» , Firenze, La Nuova Italia, 1972.
  • KW Grandsen, Virgil: The Aeneid (Landmarks of World Literature - Revival) . ISBN 0-521-83213-6
  • Philip R.Hardie, Virgil's 'Aeneid': Cosmos and Imperium . ISBN 0-19-814036-3
  • Richard Heinze , Virgil's Epic Technique , traduzione inglese di Hazel & David Harvey and Fred Robinson. Berkeley: The University of California Press, 1993. ISBN 0-520-06444-5
  • WR Johnson, Darkness Visible: A Study of Vergil's Aeneid . ISBN 0-520-02942-9
  • Brooks Otis , Virgil: A Study in Civilized Poetry , Oxford, 1964
  • Kenneth Quinn , Virgil's Aeneid: A Critical Description , Londra, 1968.
  • Werner Suerbaum , Vergils Aeneis. Epos zwischen Geschichte und Gegenwart , Reclam, Stuttgart 1999, ISBN 3-15-017618-2 (Universal-Bibliothek, 17618).

Opere letterarie ispirate all' Eneide

Composizioni teatrali ispirate all' Eneide

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Traduzioni in italiano disponibili online

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 313680866 · LCCN ( EN ) n81013510 · GND ( DE ) 4099391-7 · BNF ( FR ) cb12008287t (data)