Estònia

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Estònia (desambiguació) .
Estònia
Estònia - Bandera Estònia - Escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
( ET ) Mu isamaa, mu õnn ja rõõm
( EN ) La meva pàtria, la meva felicitat i la meva alegria
Estònia - Localització
Estònia (verd fosc) a la Unió Europea (verd clar)
Dades administratives
Nom complet República d'Estònia
Nom oficial ( ET ) Eesti Vabariik
Idiomes oficials Estonià
Capital Tallinn wapen.svg Tallinn (445,259 hab. / 2020)
Política
Forma de govern república parlamentària
President Kersti Kaljulaid
primer ministre Kaja Kallas
Independència 24 de febrer de 1918
de l'Imperi Rus [1] Restaurat
20 d'agost de 1991 [2]
Entrada a l’ ONU 17 de setembre de 1991
Entrada a la UE 1 de maig de 2004
Superfície
Total 45 228 [3] [4] km² ( 129º )
% d'aigua 4,56%
Població
Total 1 324 820 hab. (2019) ( 153º )
Densitat 28 habitants / km²
Índex de creixement -0,65% (2012) [5]
Nom dels habitants Estonians
Geografia
Continent Europa
Fronteres Letònia , Rússia
Jet lag UTC + 2
UTC + 3 en horari d'estiu
Economia
Moneda EUR
PIB (nominal) 30 312 [6] milions de dòlars (2018) ( 101º )
PIB per càpita (nominal) 22 989 [6] $ (2018) ( 42º )
PIB ( PPP ) 44 955 [6] milions de dòlars (2018) ( 109º )
PIB per càpita ( PPP ) 34 095 [6] $ (2018) ( 41º )
ISU (2011) 0,835 (molt alt) ( 34º )
Fertilitat 1.6 (2010) [7]
Diversos
Codis ISO 3166 EE , EST, 233
TLD .ee , .eu
Prefix tel. +372
Autom. EST
himne nacional Mu isamaa, mu õnn ja rõõm
festa nacional 24 de febrer, 20 d’agost
Estònia: mapa
Evolució històrica
Estat anterior Unió Soviètica Unió Soviètica
RSS estonià RSS estonià [8]

Coordenades : 59 ° N 26 ° E / 59 ° N 26 ° E 59; 26

L 'Estònia (en estonià : Eesti), oficialment la República d'Estònia (en estonià : Eesti Vabariik), amb la seva capital Tallinn , és una república parlamentària situada al nord-est d' Europa , limita a l' est amb Rússia i al sud amb Letònia limita al nord i a l' oest amb el mar Bàltic , que la separa de Finlàndia i Suècia .

És el més septentrional dels països bàltics , amb el qual sovint està unit per fets històrics similars; tanmateix, la llengua i la cultura no són d'origen bàltic , sinó finògraf , com la veïna Finlàndia , i per aquest motiu aspira més a ser considerat com un país nòrdic . [9] [10]

La superfície total és de 45 228 km² , mentre que la població total és de 1 340 194 habitants. [11]

És un estat membre de la Unió Europea , l’ OTAN i l’ OCDE i també és un dels països signants del Protocol de Kyoto .

Ha estat protagonista del creixement econòmic des del 2010 , gràcies a la recuperació de la demanda exterior i de les exportacions als seus principals socis comercials escandinaus , Suècia i Finlàndia . [12]

L’Estat és un dels primers al món en innovació, difusió i ús de noves tecnologies, com Internet i el comerç electrònic , tant que va iniciar el projecte e-Estonia el 1997. Hi ha al voltant de 1 140 punts Wi-Fi a la zona . [13]

Estònia va passar a l’ euro l’1 de gener de 2011 , convertint-se en el dissetè membre de la zona euro , en què és un dels estats amb un deute públic més baix [14] .

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història d’Estònia .

Tribus finògrafes i l’ordre teutònic

El territori corresponent a l’Estònia actual fou durant molt de temps objecte de dominació estrangera. Va estar habitada des de temps remots per tribus finlandeses, que van demostrar ser capaces d’imposar-se a les veïnes tribus eslaves i als principats de Rus . A l’ edat mitjana ( segles XII - XIII ), Estònia es cristianitzà simultàniament i fou sotmesa a la dominació germano-teutònica : danès a la part nord i alemany més al sud, a Livònia .

Regla sueca

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estònia sueca , governació de Reval i governació autònoma d’Estònia .
Estònia com a part de l'Imperi suec (1561-1721)

Des de principis del segle XVI fins a la Gran Guerra del Nord, Estònia (com Finlàndia ) va romandre sota el domini de l’Imperi Suec , que es va veure obligat a cedir-lo a l’Imperi Rus amb el Tractat de Nystad de 1721 .

L’empremta general del país, el sistema judicial , la religió protestant, les administracions locals i regionals i el sistema educatiu van romandre institucions purament germàniques fins a finals del segle XIX .

El govern dels tsars russos va durar fins als trastorns causats per la Primera Guerra Mundial i la Revolució d’ Octubre de 1917 .

La Declaració d’Independència de 1918 i la Guerra de 1918-1920

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Comunitat de treballadors estonians , Guerra d’Independència d’Estònia, Declaració d’Independència d’Estònia i República d’Estònia (1918-1940) .
Mapa físic de l’Estònia de la preguerra

Després de la caiguda dels tsars, els estonians van aprofitar l'oportunitat de la desorientació russa per afirmar la seva identitat nacional, que va ressuscitar durant el segle XIX i la declaració d'independència va tenir lloc el 24 de febrer de 1918 . [15]

La independència d'Estònia no va ser reconeguda immediatament per l'Imperi alemany , que durant la Primera Guerra Mundial , a partir d'octubre de 1917, va començar a ocupar militarment el territori estonià; tanmateix, mai no es va oposar als moviments independentistes. [ es necessita una cita ] L'ocupació militar va acabar el març de 1918, després del tractat de pau de Brest-Litovsk entre la Rússia bolxevic i els Imperis Centrals . Els bolxevics, en el buit de poder deixat pels alemanys, van tornar a ocupar Estònia . Es va produir una cruenta guerra de secessió entre els estonians, ajudats pels estats occidentals i els russos.

Posteriorment, com a acte final de la guerra d’independència estoniana (1918-1920), es va signar el tractat de Tartu que marcava les fronteres entre la Unió Soviètica i la República d’Estònia. El nou estat estonià fou reconegut el 2 de febrer de 1920 . Va ingressar a la Societat de Nacions el 1921 .

Declaració d’independència a Pärnu el 23 de febrer de 1918. Una de les primeres imatges de la República d’Estònia

Els anys d’independència van ser un moment positiu per a diversos aspectes, tant econòmics com culturals, que els estonians lamentaran durant la postguerra de l’ocupació soviètica . [16]

Durant el període d’independència, un institut cultural italià de Tallinn va estar actiu a Estònia. Al capdavant d’aquest institut hi havia, en aquells anys, el periodista Indro Montanelli . [17]

Era silenci

Políticament, la por a la subversió comunista va empènyer el govern cap a la dreta. Ja el 1918 , Konstantin Päts havia proposat una forma d’unió personal entre Finlàndia i Estònia, que aleshores amb prou feines s’havia independitzat de Rússia. El 1922 va fer la primera visita estrangera oficial d'un primer ministre estonià a Finlàndia.

El 1934 , Päts, cap del govern juntament amb Johan Laidoner , cap de l'exèrcit, van assumir el poder, violant la constitució.

Va començar així l’anomenada Era del silenci , una forma d’autoritarisme presidencial de dretes molt proper a la dictadura, sense adoptar mai la forma, en què el president Pats es declarava: Protector de l’Estat , contra l’amenaça de militants d’extrema dreta. anomenat Vaps . Aquest període va durar, per a alguns historiadors, fins a 1938 , mentre que per a altres fins a la Segona Guerra Mundial [18] .

L'ocupació soviètica de 1940 i l'ocupació nazi a la Segona Guerra Mundial (1941-1944)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estònia a la Segona Guerra Mundial .

Ocupació soviètica 1940

Durant la Segona Guerra Mundial , després d’un acord (clàusula secreta del Pacte Molotov-Ribbentrop d’ agost de 1939 ) amb l’Alemanya nazi , la Unió Soviètica va ocupar i annexionar unilateralment el país i, per aquest acte, va ser expulsada de la Societat de Nacions . Els Estats Units d'Amèrica , amb la declaració de Welles (23 de juliol de 1941), van notificar a la Unió Soviètica que mai no reconeixerien tal annexió com a legítima. Finalment, amb eleccions de llista única i sota intimidació, els comunistes van transformar el país en la República Socialista Soviètica d'Estònia [19] . Aquells que no tenien la prova del vot impresa al passaport es van arriscar a rebre trets a la part posterior del cap. [20] [21] Els estonians dissidents van començar a ser deportats. [22] [23] Aquesta primera ocupació soviètica va influir profundament en l'elecció posterior de molts estonians per aliar-se amb els alemanys, com a acte de resistència als soviètics. [24]

Invasió alemanya i "solució final"

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Holocaust a Estònia .

Després del desencadenament de l’ Operació Barbarroja , el 1941 i fins al 1944 , l’Alemanya nazi va ocupar els països bàltics. La resistència estoniana va donar la benvinguda als alemanys com a possibles alliberadors de l'ocupació soviètica; després, els estonians, d’una població de només un milió d’habitants, van proporcionar 100.000 soldats, emmarcats en tots els exèrcits alemanys. Altres es van aliar a l'Exèrcit de Resistència finlandès [25] contra l'Exèrcit Roig soviètic.

En realitat, els plans nazis , esbossats a l'anomenat Generalplan Ost sota l'impuls dels professors Konrad Meyer-Hetling i Walter Christaller i fortament recolzats per l' aparell SS de Heinrich Himmler , van negar el retorn a la independència d'Estònia i van preveure la forçada germanització d'Estònia i tots els països bàltics: el territori estava destinat a la colonització alemanya i els pobles indígenes "no germanitzables" deportats a l'est [26] . A més, el procés d'aniquilació de la població jueva local també es va implementar a Estònia; amb la col·laboració d'elements antisemites bàltics, les organitzacions alemanyes de destrucció ( Einsatzgruppen ) van exterminar els 2.000 jueus estonians a finals de 1941 i Reinhard Heydrich va poder definir Estònia, en el document resum de la Conferència de Wannsee del 20 de gener de 1942 , el primer país europeu judenfrei ("lliure de jueus") [27] .

A l' ofensiva bàltica de 1944, el vuit cos d'exèrcit estonià comandat pel general Pern va lluitar a les files de l'Exèrcit Roig i van ser aquestes tropes les que van entrar a Tallinn el 22 de setembre de 1944 [28] .

Reocupació soviètica i pèrdua d’independència (1944)

Al final de la guerra, Estònia fortament debilitada ja no va poder recuperar la seva independència i es va tornar a ocupar passant a formar part de la Unió Soviètica, que afirmava que el pacte Molotov-Ribbentrop , per a l'annexió, ja havia estat estipulat amb l'Alemanya nazi. inici d'hostilitats i que, en conseqüència, Estònia havia sol·licitat "espontàniament" signant l'adhesió a la Unió Soviètica.

Els intents de la resistència estoniana: els germans del bosc

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Forest Brothers .

Entre els Forest Brothers , un moviment de resistència antisoviètic que havia actuat durant la Segona Guerra Mundial, destacava la figura d’ Alfons Rebane , oficial militar estonià molt decorat de la 20a Divisió de Waffen-Grenadier der SS Estland i un dels arquitectes. del moviment de resistència soviètic. Els Forest Brothers també van estar actius durant la postguerra de l'ocupació soviètica. El 1950 , durant la Guerra Freda , una comissió del Congrés dels Estats Units va anomenar les divisions estonianes Waffen-SS , que havien lluitat aferrissadament al costat de l'exèrcit alemany al front oriental fins a Berlín , "diferents de les SS " i "no hostils". la política seguida pel govern dels Estats Units; això per intentar justificar públicament el suport donat a les forces neonazis.

La russificació forçada i la despersonalització de la cultura estoniana

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: deportacions soviètiques d’Estònia , col·lectivització i russificació .

Stalin va continuar la política de " russificar " el territori i deportar dissidents estonians a Sibèria . [29] Els soviètics van imposar una política sistemàtica de despersonalització del poble estonià: estava prohibida qualsevol manifestació exterior de la identitat cultural estoniana (per exemple, vestir amb colors nacionals estava prohibida), el patrimoni artístic i qualsevol cosa que pogués recordar altres cultures, especialment si Alemany, estava empobrit.

Acció repressiva soviètica

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: deportacions soviètiques d'Estònia .

Els danys materials causats al final de la Segona Guerra Mundial , agreujats per la següent ocupació soviètica, van frenar el creixement econòmic estonià a la postguerra, provocant una enorme bretxa de riquesa en comparació amb els veïns Finlàndia i Suècia . Des del 1991, amb el restabliment de la independència, l'economia d'Estònia ha experimentat una recuperació decisiva, frenada només per la crisi mundial del 2008 . [30]

En el període d’ocupació soviètica, la KGB , la policia política secreta soviètica, va jugar un paper repressiu, que va continuar la seva activitat fins a la dissolució de l’URSS el 1991. Milers de ciutadans estonians, sospitosos per les autoritats soviètiques de voler la independència d'Estònia, van ser registrats, supervisats i espiats per la policia secreta soviètica que els va detenir sistemàticament. Després de les tortures, execucions i deportacions a camps de Sibèria infligides per presumptes anticomunistes pel KGB, van desaparèixer centenars d'intel·lectuals, funcionaris i joves estudiants estonians. [ cita necessària ] En aquests anys, anomenats "de terror", el percentatge d'ètnics estonians habitants del país va caure dràsticament. La repressió cultural soviètica va posar en perill la cultura i la llengua estoniana per afirmar la seva hegemonia sobre el país. [31]

Oposició de les potències occidentals

Els Estats Units i la majoria dels estats occidentals mai van reconèixer l’annexió dels territoris bàltics a la Unió Soviètica, tot i que no van fer res per oposar-s’hi. També van deixar intacte el control de la Unió Soviètica sobre les tres repúbliques bàltiques com a promesa de l'aliança soviètica contra Hitler. A Occident, les representacions diplomàtiques de les tres repúbliques bàltiques van romandre actives i van continuar defensant la causa del retorn a la independència dels seus estats durant gairebé cinquanta anys. Els darrers anys, una part del govern d’Estònia va treballar a l’exili , l’únic cas entre els tres països ocupats, per restablir la plena sobirania, a Oslo , fins al 1991. El 29 de setembre de 1960, el Consell Europeu va adoptar una resolució que condemnava l’ocupació militar dels països bàltics per la Unió Soviètica. [ sense font ]

Jocs Olímpics de 1980

Els Jocs de la XXII Olimpíada es van celebrar a la Unió Soviètica del 19 de juliol al 3 d'agost de 1980. Estònia, a la seva capital, Tallinn, va acollir les competicions de vela al Pirita Sailing Center , construït per a l’ocasió juntament amb l’ hotel Olympia , el centre Linnahall , la gigantosa torre de televisió i la terminal de l’ aeroport .

El xiclet es va prohibir a Estònia durant l’ocupació soviètica perquè es considerava un símbol del capitalisme americà. Tot i això, en derogació de les lleis, per a la XXII Olimpíada, a Kalev , una coneguda fàbrica estoniana de dolços i xocolata , se li va permetre produir els xiclets oficials dels Jocs Olímpics mitjançant la importació de línies de producció. [32]

Retorn a la independència d'Estònia ( 1991 )

Només el 20 d’agost de 1991, amb la dissolució de la Unió Soviètica , Estònia va reconèixer la independència. L’agressió i l’acord secret amb els nazis del 1939 van ser admesos i fets públics pels soviètics. Per tant, la nació va declarar la independència de 1918 redescoberta i restaurada , d'acord amb el principi legal de continuïtat (és a dir, que el país finogràgic mai havia deixat d'existir i que l'era soviètica només es considerava un període d'ocupació militar estrangera) . El 12 de setembre del mateix any es va signar un tractat amb l'URSS que portaria les tropes armades soviètiques a abandonar definitivament el país [33] .

La política interna en els anys següents el període de dos anys 1990 - 1991 , lluitaven amb la tasca de restaurar les condicions legals abans de 1940 . El 20 de setembre de 1992 van tenir lloc les primeres eleccions democràtiques per recuperar la independència i la majoria de la minoria russòfona, que va venir amb la "russificació" després de la Segona Guerra Mundial, que no posseïa la nacionalitat estoniana, no tenia dret a vot. [33]

ESTCube-1 és el primer satèl·lit artificial estonià

Privatització i economia de mercat

L’eix econòmic i el comerç exterior es van desplaçar de l’Est als mercats occidentals, nord - americans i europeus , especialment els escandinaus . Les empreses nacionals es van privatitzar ràpidament, també gràcies a la recuperació de més de 100 milions de dòlars estalviats el 1940 als bancs occidentals, poc abans de l’ocupació estrangera soviètica. El ritme de desenvolupament econòmic del país des del 1991 ha començat a augmentar significativament, excepte els anys (2008-09) de crisi econòmica internacional. [30]

Geografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Geografia d’Estònia .
El golf de Finlàndia i Estònia
L' oreneta estoniana, amb els colors nacionals, és un símbol del poble estonià

La superfície del país, lleugerament més gran que Suïssa , és principalment plana amb ondulacions modestes.

Cobert per un 40% de boscos, té un nombre considerable de llacs, rius i illes.

Forma part de la regió biogeogràfica boreal . [34][35]

Morfologia

Estònia limita al nord i a l'oest amb el mar Bàltic , amb els golfs de Riga i Finlàndia .

Les costes estan sagnades i s’estenen per 3.794 km.

Davant d’ells hi ha unes 1.520 illes.

Els més grans són:

El més llunyà és:

Estònia és bàsicament plana. El punt més alt es troba al sud, la muntanya Suur Munamägi (318 m snm ).

Hidrografia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estonian Rivers i Estonian Lakes .

El país té nombrosos llacs , el més gran dels quals és el llac Peipsi ( Peipsi Järv ), situat a la frontera amb Rússia ; la part estoniana té una extensió d'1 570 km² i és el quart llac d'aigua de font més gran d' Europa . Un altre llac rellevant, situat a la part central del país, és el llac Võrtsjärv (270 km²). El territori estonià té al voltant de 1 200 llacs naturals més, molts dels quals es troben al sud del país.

Els rius més importants d’Estònia són el Pärnu (144 km), el Kasari (112 km), l’ Emajõgi (101 km) i el Narva (77 km).

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: El clima a Estònia .

El clima és subcontinental . Les zones costaneres estan més influenciades pel mar Bàltic , amb hiverns i estius freds i molt humits que alternen calor intensa amb pertorbacions amb temperatures decididament fresques. [36] [37]

Les aigües del Bàltic, però, també exerceixen una acció termoreguladora fins a finals de setembre, mantenint les temperatures de la franja costanera relativament elevades quan es poden produir les primeres glaçades esporàdiques i lleus a les zones més allunyades del mar.

Temperatures

El clima estonià és menys variat que el dels països veïns com Finlàndia , Suècia i Rússia . Les isotermes de les temperatures mitjanes del mes més fred (generalment febrer) es situen entre -3 i -7 ° C i les temperatures es mantenen contínuament per sota de 0 ° C durant diverses setmanes.

La primavera i l’estiu són estacions curtes, i el setembre ja és un mes tèrmic de tardor, tot i que no poques vegades els dies són clars i brillants i les temperatures diürnes encara poden ser molt agradables.

Precipitacions

Les precipitacions són més abundants a la zona nord del país, però en general les precipitacions anuals no són especialment elevades (de mitjana entre 600 i 700 mm), i es distribueixen principalment durant els mesos d’estiu i principis de tardor.

A les planes interiors, la manca de barreres muntanyenques fa que l’intercanvi entre masses d’aire de diferent naturalesa sigui particularment ràpid; de manera que, de vegades, es produeixen temporals molt violents, produïts per xocs entre les masses d’aire calent, procedents del sud-est d’Europa, i els corrents freds guiats per les depressions nord-atlàntiques. Els hiverns, en canvi, presenten precipitacions escasses en general i una forma gairebé exclusivament nevada.

Població

Composizione etnica dei residenti in Estonia(2012) [38]
Estoni
69,7%
Russi
24,8%
Ucraini
2,0%
Bielorussi
1,1%
Finlandesi
0,8%
Svedesi , Tedeschi e altri
1,6%


Demografia

Andamento demografico estone dal 1970 al 2010

Nel 1990 gli abitanti erano circa 1 570 000 scesi poi fino a 1 294 455 secondo il censimento del 2011 .

Con l'indipendenza nel 1991 e il rimpatrio delle truppe sovietiche presenti nel territorio estone, vi è stata una massiccia diminuzione di popolazione russa nel Paese a causa della discriminazione razziale messa in atto dalle autorità estoni. Da quel momento è tendenzialmente in aumento la quota della maggioranza di etnia estone (passata dal 61% al 70% circa nel 2012 ), rispetto agli slavi (diminuiti da oltre 35% a circa il 24% nel 2012 ). [39]

Composizione etnica: nazionalità e minoranze

Popolazione dell'Estonia per gruppo etnico 1897–2016
Gruppo
etnico
censimento 1897 [40] censimento 1922 censimento 1934 censimento 1959 censimento 1970 censimento 1979 censimento 1989 censimento 2000 censimento 2011 [41] statistiche 2016 [42]
Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero %
Estoni 867.794 90,5 969.976 87,6 992.520 88,1 892.653 74,6 925.157 68,2 947.812 64,7 963.281 61,5 930.219 67,9 902.547 69,7 905.805 68,8
Russi 37.599 3,9 91.109 8,2 92.656 8,2 240.227 20,1 334.620 24,7 408.778 27,9 474.834 30,3 351.178 25,6 326.235 25,2 330.263 25,1
Ucraini 504 0,05 92 0,0 15.769 1,3 28.086 2,1 36.044 2,5 48.271 3,1 29.012 2,1 22.573 1,7 23.256 1,8
Bielorussi 272 0,03 10.930 0,9 18.732 1,4 23.461 1,6 27.711 1,8 17.241 1,3 12.579 1,0 12.171 0,9
Finlandesi 362 0,04 401 0,0 1.088 0,1 16.699 1,4 18.537 1,4 17.753 1,2 16.622 1,1 11.837 0,9 7.589 0,6 7.659 0,6
Lettoni 5.470 0,5 1.966 0,2 5.435 0,5 2.888 0,2 3.286 0,2 3.963 0,3 3.135 0,2 2.330 0,2 1.764 0,1 2.198 0,2
Ebrei 3.837 0,4 4.566 0,4 4.434 0,4 5.433 0,5 5.282 0,4 4.954 0,3 4.613 0,3 2.145 0,2 1.973 0,2 2.023 0,2
Tatari 36 0,0 166 0,0 1.534 0,1 2.204 0,2 3.195 0,2 4.058 0,3 2.582 0,2 1.993 0,2 1.981 0,2
Tedeschi 33.362 3,5 18.319 1,7 16.346 1,5 670 0,1 7.850 0,6 3.944 0,3 3.466 0,2 1.870 0,1 1.544 0,1 1.913 0,2
Lituani 44 0,0 436 0,0 253 0,0 1.616 0,1 2.356 0,2 2.379 0,2 2.568 0,2 2.116 0,2 1.727 0,1 1.882 0,1
Polacchi 1.941 0,2 969 0,1 1.608 0,1 2.256 0,2 2.651 0,2 2.897 0,2 3.008 0,2 2.193 0,2 1.664 0,1 1.747 0,1
Svedesi 6.083 0,6 7.850 0,7 7.641 0,7 435 <0,1 254 <0,1 297 <0,1 300 <0,1 380 <0,1
Altri 1.047 0,1 11.467 1,0 4.266 0,4 6.116 0,5 6.883 0,5 9.042 0,6 13.798 0,9 19.174 1,4 11.887 0,9 25.046 1,9
Totale 958.351 1.107.059 1.126.413 1.196.791 1.356.079 1.464.476 1.565.662 1.370.052 1.294.455 1.315.944

Cittadinanza

Cittadinanze in Estonia al 2-7-2010:

     84,14% Estoni: 1 148 895

     7,03% Russi: 95 939

     1,57% Altri: 21 517

     7,26% Non determinato (apolidi): 99 173

Gli abitanti dell'Estonia si dividono in cinque gruppi in base alla cittadinanza: [43] [44]

  • 84,14% estoni : etnia estone ( 70% ), più persone appartenenti ad altri gruppi etnici che hanno scelto la cittadinanza estone.
  • 7,03% slavi orientali ( russi , ucraini , bielorussi ) e persone appartenenti ad altre etnie che, pur vivendo in Estonia, hanno scelto la cittadinanza russa.
  • 7,26% "slavi ex sovietici": dal 1991 senza alcuna cittadinanza, residenti in Estonia e perciò apolidi [45] . Gli "slavi ex sovietici" sono quelli che sono giunti in Estonia in epoca sovietica ea tutt'oggi non possiedono né la cittadinanza estone, né quella russa. Sono quindi giuridicamente apolidi . [43]
  • 1,00% finlandesi
  • 0,57% altri.

Estoni

Nel periodo antecedente la seconda guerra mondiale gli estoni etnici autoctoni erano circa il 92% della popolazione totale.

Dal dopoguerra, a causa dell'intensa opera di " russificazione ", cioè il processo di forzata assimilazione delle popolazioni diverse nella cultura russa, e di"deportazione" dell'etnia estone , compiuta dai sovietici nei periodi dell' occupazione ( 1940 - 1941 e 1944 - 1991 ), la proporzione della popolazione totale di estoni etnici era scesa al 61,8%, mentre il secondo gruppo etnico era il russo con il 35% della popolazione.

Minoranza slava

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Russi in Estonia .

Negli anni dell' occupazione sovietica ( 1940 - 1941 e 1944 - 1991 ) fu praticata un'intensa politica di " russificazione ", con l'obbligo d'imparare la storia e la lingua russa , il cui uso venne imposto dai sovietici nelle scuole e nei documenti ufficiali. Dopo la guerra a molti estoni fu vietato di ritornare nelle proprie case, occupate dai russi. Molti estoni furono deportati e la loro cultura faticò a sopravvivere.

Insieme alla costruzione di impianti industriali furono costruite aree residenziali e città nelle quali si stabilirono un gran numero di immigrati russi; nacquero tensioni fra le due etnie e vi fu la diffusione di criminalità e mafie tra le bande di etnia russa del Paese. [8] [16]

Distribuzione della popolazione di lingua russa in Estonia (2010)

La politica nei confronti della minoranza di origine slava è contestata: i residenti di etnia russa privi di cittadinanza estone non hanno diritto di voto alle elezioni politiche , ma solo alle amministrative. La concessione della cittadinanza estone è vincolata al superamento di un esame linguistico, ritenuto dai russi troppo difficoltoso. Per questa problematica fu interpellata anche l' Unione europea , su richiesta di organizzazioni che sostenevano la tutela dei diritti civili delle minoranze; in seguito alle pressioni delle organizzazioni internazionali l'esame fu reso più semplice. Tuttavia il problema è lontano dall'essere risolto.

Molti slavi di prima generazione o di generazioni successive non sono in grado o non vogliono sostenere la prova di lingua estone. Nonostante ciò essi continuano a risiedere nel Paese richiedendo permessi di soggiorno e mantenendo la cittadinanza russa, oppure sono apolidi e in possesso del cosiddetto passaporto grigio ( välismaalase pass ); condizioni queste che permettono loro l'agio di tornare nella nativa Russia o in altri Paesi ex sovietici senza richiedere visti imposti dalle autorità russe. Per le generazioni più giovani il mantenimento della cittadinanza russa rende possibile evitare il dovere di prestare servizio militare in Estonia. Tutte le nuove generazioni che vogliono ottenere la cittadinanza estone sono tenute a imparare la lingua estone , dal 1991 unica lingua ufficiale. [16]

Nell'aprile 2007 la decisione, presa dal governo estone, di trasferire la statua al soldato dell' Armata Rossa , dal centro di Tallinn a un sacrario periferico accese violenti scontri tra minoranza russofona e nazionalisti estoni, presto estesisi alle città con presenza di minoranze russofone. La statua, considerata dai primi un omaggio ai morti per la liberazione dal nazifascismo e dai secondi un simbolo delle sofferenze estoni durante l'occupazione sovietica, è stata comunque spostata.

Attualmente le minoranze etniche provenienti dalle altre ex repubbliche dell'Unione Sovietica , in particolare russi, ucraini e bielorussi vivono soprattutto nel nord-est del Paese (contea di Ida-Virumaa ) e nella capitale Tallinn . Il 2% della popolazione ha radici ucraine , mentre l'1% è bielorusso .

Minoranza finlandese

Infine, l'1%, una piccola minoranza, è finlandese [46] .

Minoranza setu estone

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Setu , Lingua võro , Dialetto seto , Võrumaa e Põlvamaa .

Sono presenti in Estonia i setos , un gruppo autoctono con origini ugrofinniche come gli estoni, con ricche tradizioni culturali e una propria lingua, il voru -seto . La cultura setu si concentra nelle contee di Võru e di Põlva , nella zona sud-orientale del Paese, ma anche nel confinante rajon russo di Pečory (antica contea di Petseri ).

Il confine che qui separa i due Paesi è ancora contestato, crea disagi e divide la comunità setu. [16]

Minoranza tedesca

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tedeschi del Baltico .

In passato c'è stata una numerosa colonia di tedeschi del Baltico , che influenzarono in parte anche la cultura, l'arte ei costumi degli stessi estoni. I collegamenti con il mondo germanico risalgono al Medioevo , quando le principali città facevano parte della Lega anseatica e molti degli abitanti delle città, in particolare l' aristocrazia era di lingua e cultura tedesca . Tuttavia durante il periodo nazista , Hitler li fece richiamare in patria. Ne rimasero qui circa 3 500, ormai completamente assimilati nella cultura estone. Erano presenti anche numerosi ebrei , che subirono persecuzioni durante l' occupazione tedesca degli Stati baltici nella seconda guerra mondiale e vennero quasi totalmente deportati e uccisi nei campi di sterminio.

Minoranza ebraica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia degli ebrei in Estonia .

Gli ebrei in Estonia hanno una presenza organizzata dal XIX secolo ai giorni nostri. La comunità ebbe nel primo Novecento il suo periodo di massimo sviluppo e importanza e fu quindi duramente colpita dall' Olocausto e dalle repressioni del regime comunista sovietico. Un tempo forte di 5 000 unità, essa conta oggi circa 1 700 persone.

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Luteranesimo , Chiesa di Estonia , Chiesa cattolica in Estonia e Chiesa ortodossa .

Prima della cristianizzazione , intrapresa nel tardo Trecento dai Cavalieri teutonici , in Estonia dominavano culti di tipo animista : Taara ("tharapita") e Maausk ("religione della terra"). Durante il periodo della riforma protestante fu introdotto il luteranesimo che divenne confessione ufficiale nel 1686 . In realtà, tale introduzione non favorì una consistente conversione, poiché la Chiesa locale si associò incautamente al potere feudale svedese [47] .

Il censimento del 2000 contava 152 000 luterani , 143 000 ortodossi , 5 000 cattolici e circa 2 000 Taara , cui si aggiungono 68 000 atei dichiarati [48] . L'Estonia risulta essere il Paese meno religioso al mondo: oltre il 76% degli abitanti afferma di non seguire alcun credo religioso [48] . D'altra parte questo non significa che non sia diffusa una qualche forma di religiosità non istituzionale: secondo alcuni studi circa il 50% della popolazione crederebbe a una qualche forma di "spirito", concezione probabilmente legata all'animismo tradizionale pre-cristiano che contribuisce ancora oggi a definire l'identità nazionale del popolo estone [49] .

La confessione più diffusa resta comunque il luteranesimo evangelico , professato dal 14,8% della popolazione, principalmente di etnia estone [48] .

Il secondo gruppo religioso è rappresentato dalla Chiesa ortodossa , a cui appartiene la minoranza russa [50] . Un consistente gruppo di vecchi credenti era presente un tempo presso il lago Peipus , nella contea Tartu . La Chiesa ortodossa d'Estonia ei "vecchi credenti" facevano capo al patriarcato ecumenico di Costantinopoli fino all'inglobamento con l'Unione Sovietica, quando passò d'autorità al patriarcato di Mosca . Di conseguenza, dal 1991 vi sono nel Paese due sinodi separati: la Chiesa ortodossa estone , sotto la giurisdizione di Mosca, e la Chiesa ortodossa apostolica estone , sotto la giurisdizione di Costantinopoli .

La costituzione estone garantisce la libertà religiosa e non riconosce alcuna religione di Stato [51] .

Lingue

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua estone .

L'unica lingua ufficiale del Paese è l' estone , lingua di ceppo ugrofinnico , simile al finlandese , che è parlato dalla maggioranza degli abitanti (84,14% della popolazione).

Il russo è la madrelingua della minoranza russa, immigrata nel dopoguerra , (14,29% della popolazione), non ha riconoscimento a livello ufficiale, anche se come seconda lingua è parlata dal 66% della popolazione, seguita dall' inglese , 46% e dal tedesco 22% [52] . Altre lingue sono parlate dall'1,57% [53] .

« ...nel nostro paese non si parla più il russo ufficialmente dal ripristino dell'indipendenza, poiché per noi sarebbe come ammettere e giustificare l'occupazione sovietica durata quasi cinquant'anni. L'Estonia è l'unico paese al mondo in cui si può parlare estone. Il russo invece viene parlato anche in Russia, da quasi 150 milioni di abitanti... »

( da un'intervista con Toomas Hendik Ilves alla BBC [54] )

Ordinamento dello Stato

Vige il suffragio universale , che estende il diritto di voto a tutti i cittadini estoni che abbiano raggiunto la maggiore età, 18 anni. Le elezioni delle autorità amministrative regionali hanno anch'esse un termine di quattro anni. Le elezioni si svolgono con il sistema proporzionale .

Alle elezioni regionali hanno diritto di voto tutti i residenti permanenti, anche senza cittadinanza estone, che abbiano raggiunto la maggiore età.

Suddivisioni storiche e amministrative

Contee dell'Estonia

L'Estonia è divisa in 15 contee (sing. maakond - plur. maakonnad ) 64 comuni rurali e 15 urbani.

Contea Capoluogo
Harjumaa Tallinn
Hiiumaa Kärdla
Ida-Virumaa Jõhvi
Jõgevamaa Jõgeva
Järvamaa Paide
Läänemaa Haapsalu
Lääne-Virumaa Rakvere
Põlvamaa Põlva
Pärnumaa Pärnu
Raplamaa Rapla
Saaremaa Kuressaare
Tartumaa Tartu
Valgamaa Valga
Viljandimaa Viljandi
Võrumaa Võru

Rivendicazioni territoriali

Carta dell'Estonia con indicazione delle aree di confine contese con la Russia

Sono presenti contrasti con la Russia per la rivendicazione di alcune zone, in particolare a sud-est del Paese, la contea nella zona di Petseri , dove vive la minoranza setos , già territorio estone dal 1920 al 1944 , acquisito con il trattato di Tartu , e la zona nord-est di Jaanilinn .

Secondo l'articolo 2 della Costituzione dello Stato , entrambi sono considerati ancora territori estoni. Geograficamente rientrano nella regione fisica estone , tuttavia rimangono un territorio della Federazione Russa, sotto l'amministrazione di Mosca .

Città principali

La Città vecchia di Haapsalu
Municipio di Tartu

Le città estoni più importanti sono:

Altri centri con una certa rilevanza sono:

Costituzione

La Costituzione dell'Estonia è stata adottata tramite referendum popolare il 28 giugno 1992 .

Istituzioni

L'Estonia è una democrazia parlamentare .

  • Capo dello Stato è il presidente (in estone: Vabariigi President ), che è eletto dal parlamento o dal corpo elettorale per cinque anni.

Dal 2016 il Presidente dell'Estonia è Kersti Kaljulaid .

La legislatura dura quattro anni.

Nelle elezioni parlamentari del 2015 il Partito Riformatore Estone si è riconfermato come prima forza politica e l'incarico di formare il nuovo governo è stato affidato al primo ministro uscente Taavi Rõivas , con una coalizione di tre partiti: il partito vincente, il Partito Socialdemocratico e il conservatoreUnione Patria e Res Publica . A seguito delle divergenze su molte questioni di governo e soprattutto sulla gestione delle riforme economiche, la coalizione si è sgretolata nei primi giorni del novembre 2016 . Non volendosi dimettere spontaneamente, il 9 novembre Taavi Rõivas si è presentato davanti al Riigikogu che ha votato la sfiducia contro il suo governo, con 63 favorevoli, 28 contrari e 10 astenuti. [55] [56] Il presidente Kaljulaid affidò, allora, l'incarico a Jüri Ratas , a seguito dell'accordo raggiunto dai tre partiti della nuova coalizione formata dal Partito di Centro Estone , dal Partito Socialdemocratico e dal conservatoreUnione Patria e Res Publica . Dopo aver ricevuto l'approvazione del Riigikogu il 21 novembre con 53 voti a favore, 33 contrari e 7 astenuti, [57] Ratas ha presentato il suo nuovo governo alla presidente Kaljulaid nel pomeriggio del 22 novembre [58] e ha ottenuto la fiducia del parlamento il giorno successivo, entrando così in carica. [59]

  • Il potere giudiziario più alto è assegnato alla Corte suprema .

Ordinamento scolastico

In Estonia ci sono 613 scuole secondarie superiori, di cui 503 per i cittadini di idioma estone mentre le altre bilingue.
Dal 2007 si sta gradualmente introducendo la lingua estone in tutte le scuole primarie, anche per i bambini di etnia russa che permangono nel Paese, al fine di poterli meglio integrare nella cultura ugro-finnica estone. Ci sono undici università , cinque delle quali private.

Si sta introducendo una scuola di programmazione, in prima elementare, per imparare a creare app già a sette anni in Estonia: è questa la sfida lanciata nel Paese, uno dei più informatizzati al mondo. [60]

Università

La più antica università estone risale al 1632 con la fondazione, da parte di re Gustavo II Adolfo di Svezia , dell' Università di Tartu .

Sistema sanitario

In Estonia la sanità non è gratuita e anche i servizi di pronto soccorso sono a pagamento, non solo per gli stranieri. Il costo delle prestazioni è comunque molto ridotto ed è regolato da un tariffario statale.

Forze armate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Eesti kaitsevägi .

Il totale delle forze armate attive in Estonia, facenti parte del contesto NATO , è di 4 450 elementi. Soldati estoni, insieme agli altri membri della UE, sono impegnati in Iraq e in Afghanistan per le operazioni di pace e ripristino delle situazioni di legalità.

Secondo uno studio NATO , sarebbero circa 500 le ex basi militari sovietiche situate in Estonia .

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dell'Estonia .
Il parlamento estone ( Riigikogu ) a Tallinn
Stenbock House, la sede del Governo dell'Estonia, sulla collina di Toompea, a Tallinn

L'Estonia è una democrazia parlamentare con tre rami di potere: legislativo , esecutivo , e giudiziario .

Il potere legislativo: il Riigikogu

Il potere legislativo è rappresentato dal parlamento unicamerale, il Riigikogu o parlamento nazionale, il quale consiste in 101 seggi. I membri sono eletti dal voto popolare per un mandato di quattro anni.

Il potere esecutivo: il governo o Vabariigi Valitsus

Il Governo dell'Estonia o il ramo esecutivo è formato dal Primo ministro (in estone: Eesti Vabariigi Peaminister ), nominato dal presidente e approvato dal parlamento. Il governo consiste in 12 ministri, incluso il primo ministro. Il primo ministro ha diritto ad approntare un massimo di tre nuovi ministeri, con un limite dei ministeri per ogni governo di 15 unità.
La sede del governo è a Stenbock House, sulla collina di Toompea, a Tallinn .

Il potere giudiziario : la Corte Suprema o Riigikohus

Il potere giudiziario supremo è rivestito dalla Corte Suprema o Riigikohus , con 19 corti di giustizia. Il capo della giustizia è designato dal parlamento per nove anni e nominato dal presidente.

Il Presidente della Repubblica o Vabariigi President

Il capo ufficiale dello Stato è il Presidente , il quale dà l' assenso alle leggi approvate dal Riigikogu ; egli ha il diritto di veto, rimandando al parlamento i provvedimenti legislativi, e il diritto di proporre nuove leggi. Il presidente, a ogni modo, non usa questi diritti sovente: egli ha un ruolo fondamentalmente cerimoniale. È eletto dal Riigikogu , con due terzi dei voti richiesti. Se il candidato non raggiunge il quorum dei voti richiesti, il diritto di elezione del presidente va al corpo elettore. Il quorum richiesto consiste in 101 membri del Riigikogu e rappresentanze dei governi locali.

Come in altre sfere, il potere legislativo estone è stato con successo integrato con l'era dell'informatizzazione. L'Estonia ha conseguito lo sviluppo dell' e-state e dell' e-government .

Elezioni via internet

Elezioni via internet sono state utilizzate nelle elezioni in Estonia. [61]

Le prime votazioni via Internet sono avvenute nel 2005 per le elezioni locali; invece le prime per le elezioni parlamentari sono avvenute per le elezioni politiche del 2007, nelle quali 30 275 individui hanno votato tramite internet.

I votanti hanno la possibilità di esprimere il proprio voto in modo tradizionale, se ne hanno il desiderio.

Nel 2007 il Worldwide Press Freedom Index, pubblicato da Reporter senza frontiere , ha posizionato l'Estonia al terzo posto, per lo sviluppo di questo sistema, su 169 nazioni.

Relazioni internazionali dell'Estonia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni internazionali dell'Estonia .
Il presidente della Repubblica Toomas Hendrik Ilves e il presidente statunitense George W. Bush , in visita in Estonia nel 2006
Il presidente Toomas Hendrik Ilves e la moglie, Evelin Ilves , a New York incontrano Barack Obama e la first lady americana Michelle Obama nel 2009

Relazioni con la Finlandia

Gli estoni si confrontano e cooperano giornalmente con la Finlandia - tre ore di traghetto, mezz'ora di aereo - e il resto della Scandinavia avendo una cultura affine, ed è percepita la sensazione che raggiungere il livello economico di queste due regioni geografiche contigue sia ora un obiettivo possibile.
La Finlandia è stato il primo Paese nordico a investire capitali in Estonia, dopo il 1991 . Notevoli sono le relazioni economiche con la Scandinavia [62] .

Relazioni con la Russia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Estonia e Russia .

Relazioni con l'Occidente

L'11 settembre 2003 il 66,9% degli estoni in un referendum approvò l'adesione all' Unione europea .

Il 29 marzo 2004 l'Estonia è entrata a far parte anche della NATO . Dal ripristino dell'indipendenza ha ripreso ottimi rapporti, anche per la fattiva azione degli emigrati estoni in America, con gli Stati Uniti d'America . [63]

Dal 9 dicembre 2010 fa inoltre parte dei Paesi OCSE ( Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ).

Il 1º gennaio 2011 , il Paese è entrato nell'area dell' euro . È stato il diciassettesimo Paese ad adottare la moneta unica.

Rapporti con l'Unione europea

  • 20 agosto 1991 : ripristino dell'indipendenza ;
  • 20 settembre 1992 : prime elezioni democratiche dopo il restauro dell'indipendenza;
  • 12 giugno 1995 : firma l'accordo di associazione;
  • 1º febbraio 1998 ; entra in vigore l'accordo di associazione;
  • 31 marzo 1998 : apre i negoziati di adesione;
  • 13 dicembre 2002 : durante il Consiglio europeo chiude i negoziati di adesione;
  • 14 aprile 2003 : il Consiglio europeo approva la sua adesione dall' Unione europea [64] ;
  • 16 aprile 2003 : firma il trattato di adesione [65] ;
  • 11 settembre 2003 : il 66.9% degli estoni in un referendum approva l'adesione all'Unione europea;
  • 4 marzo 2004 : deposita presso il ministero degli affari esteri della Repubblica italiana i propri strumenti di ratifica del trattato di adesione;
  • 1º maggio 2004 : diventa membro dell'Unione europea;
  • 21 dicembre 2007 : entra nello spazio Schengen ;
  • 12 maggio 2010 : via libera della Commissione europea all'adozione dell' euro da parte dell'Estonia dal 1º gennaio 2011 .
  • 1º gennaio 2011 : l'Estonia adotta l' Euro .

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Estonia .

Nella classifica annuale dei Paesi con più alta libertà economica, stilata dalla fondazione Heritage, l'Estonia si piazza al 16º posto tra tutti i Paesi del mondo , e al 7º posto tra i Paesi europei , soprattutto per la sua libertà d'investimento . [66] [67]

Le attività economiche prevalenti attengono al settore terziario : servizi, consulenza e turismo che soprattutto a Tallinn hanno contribuito al rapido sviluppo economico della capitale e poi del Paese.

Una delle principali fonti occupazionali è la compagnia di navigazione Tallink operante in Estonia, Finlandia, Svezia e Germania.

Logo del sistema Skype , nato in Estonia
Saku Originaal - una delle birre più famose prodotta in Estonia

Importante è anche l'attività industriale, composta prevalentemente da molte piccole e medie aziende; delle grandi fabbriche sorte negli anni dell'occupazione sovietica sono rimaste solo alcune aziende storiche operanti nel settore metallurgico, nel settore dolciario e nel tessile.

Il capitale straniero, in maggior parte finlandese e scandinavo [ aggiungere dati precisi e fonti ] , è stato l'artefice dell'arrivo di colossi tecnologici delle telecomunicazioni [ quali esattamente: dati e fonti precise ] (in questo Paese è stato creato il sistema Skype ) e l'impianto di nuovi stabilimenti produttivi.
In ambito finanziario è da rilevare l' ingresso nell'euro a partire dal 1º gennaio 2011 .

Moneta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Euro , Monete euro estoni , Allargamento della zona euro e Corona estone .

Euro

Euro estone

L'Estonia ha adottato l' euro dal 1º gennaio 2011 .

Il Paese avrebbe dovuto adottare la moneta euro estone già dal 1º gennaio 2007 , ma a causa degli alti livelli di inflazione il passaggio alla moneta unica fu rinviato. Tuttavia, anche in presenza della crisi mondiale del 2009 , il Paese ha virtuosamente superato nel 2010 tutte le valutazioni ei criteri di convergenza per l'adozione, avvenuta il 1º gennaio 2011 , della moneta unica europea .

Precedentemente, tra le due guerre mondiali e tra il 1992 e il 2010 , la valuta adottata dall'Estonia era la corona estone (in estone Kroon , abbreviazione EEK). Durante il periodo di occupazione sovietica la moneta avente corso legale era il rublo . La corona estone tuttavia, era già stata in circolazione dal 1928 , quando sostituì il marco estone , al 1940 , quando il Paese venne invaso e occupato dall' Unione Sovietica .

L'unità più piccola della corona si chiamava sent , 1 corona = 100 sents. La corona estone aveva già un tasso di cambio fisso con l' euro : 1 euro equivaleva a circa 15,65 EEK.

Telecomunicazioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Telecomunicazioni in Estonia .

In Estonia sono in uso 541 900 linee telefoniche fisse (2006), mentre i cellulari sono 1,659 milioni (2006).

Telefonia

Investimenti stranieri in forma di collaborazioni commerciali hanno principalmente sviluppato i servizi telefonici. Sostanzialmente collegamenti con fibra ottica conducono telefono, TV, radio in digitale. I servizi internet sono enormemente diffusi. Scuole e librerie sono connesse a internet e una vasta percentuale della popolazione invia telematicamente i modelli per la tassazione ed è possibile votare online sin dal 2005.

Radio e televisione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Eesti Televisioon .

Sono attive 98 stazioni radio in FM (2001), mentre con Eesti Televisioon operano tre centri di produzione televisiva ( 2001 ).

Internet

Il codice internet della nazione .ee , comprende 387 336 domini ( 2007 ), per un totale di 760 000 utenti abituali ( 2006 ). Sono circa 1 140 i punti Wi-Fi attivi nella piccola nazione.

L'Estonia è il primo Paese al mondo ad avere un cyber-esercito per ora costituito da volontari. Si chiama Küberkaitseliit ( Lega di cyber-difesa , KKL). È nato in occasione degli scontri diplomatici con la Russia nel 2007 , quando quest'ultima ha tentato di oscurare la rete informatica estone, nel tentativo di limitarne la libertà di informazione. L'esigenza fu, ed è, quella di proteggere la struttura informatica dello Stato estone, essendo questo uno dei più connessi del mondo, in caso di guerra informatica [68] .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Estonia .

Trasporti stradali

La rete dei trasporti stradali è ben sviluppata e insieme alla navigazione marittima svolgono il ruolo principale per quanto riguarda il trasporto merci.

La principale rete viaria è stata oggetto di ampi investimenti, con i sussidi dell' Unione europea , raggiungendo standard qualitativi pari ad altre nazioni nord-europee.

Il Paese è attraversato da nord a sud dalla Via Baltica ( E67 ).

Tuttavia il sistema stradale è cresciuto solo dell'11% dal 1991 , mentre il traffico di auto private è cresciuto dell'80%.

Il numero di proprietari di automobili è più che raddoppiato dal 1990 . Circa un terzo della popolazione estone possiede almeno un'auto.

Traffico marittimo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tallink .
La prima nuova nave della estone Tallink MS Romantika attraccata a Helsinki , febbraio 2006

I collegamenti marittimi sono assicurati da una delle più importanti compagnie di navigazione di tutto il Nord Europa:

Traghetti per trasporto cargo e passeggeri collegano regolarmente l'Estonia, sia con l'arcipelago estone, sia con:

Porti di rilievo si trovano a:

Traffico aereo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporti in Estonia e Nordica .
Un Boeing 737-500 della compagnia di bandiera Estone , all'aeroporto di Tallinn

L' aeroporto di Tallinn , Lennart Meri Ulemiste International, è di ridotte dimensioni, anche se tra il gennaio del 2006 e il settembre del 2008 è stato ristrutturato e ampliato. Dal 2015 l'aerostazione funge da hub per la compagnia di bandiera estone Nordica .

La rete ferroviaria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Eesti Raudtee , Edelaraudtee e Stazione di Tallinn Baltico .

Il trasporto interno di merci su strada è, negli ultimi anni, diminuito a seguito dello spostamento di una parte dei trasporti su ferrovia che ora realizza il 50% dei trasporti interni.

Esiste una rete ferroviaria locale obsoleta gestita dalla società Eesti Raudtee , prevalentemente utilizzata per il trasporto merci.

Il Governo estone ha completato nel gennaio 2007 la ri nazionalizzazione delle ferrovie, trattandosi di un'infrastruttura considerata strategica per lo sviluppo del Paese.

L'Estonia, come le altre repubbliche baltiche dall'occupazione sovietica ha ereditato lo scartamento ferroviario largo sovietico di 1 520 mm.

L'unione diretta alla rete ferroviaria polacca e così al resto di quella europea, che adotta lo scartamento ferroviario standard di 1 435 mm, per il momento resta problematica. In compenso, i tre Paesi baltici e l'Unione europea hanno iniziato il progetto Rail Baltica [69] che collegherà Tallinn, Riga e Kaunas con Varsavia , e da lì al resto della rete ferroviaria europea.

Ambiente

Parco nazionale Lahemaa
Osmussaar è una delle numerose isole del territorio estone, area protetta dal 1991
Riserva naturale di Endla : esistono approssimativamente 2 549 km² di stagni in Estonia, che coprono il 5,6% dell'intero territorio nazionale [70]
Il fiume Tarvasjõgi visto in una foresta. Quasi la metà del territorio estone è ricoperto di splendide e verdi foreste [71]

L'Estonia è un paese piccolo, con una superficie totale di 45 227 km² (incluse 1 521 isole), strategicamente situato tra la Russia, la Scandinavia e l' Europa occidentale .

Ha 31 porti commerciali, fra cui Muuga che è il più profondo del golfo di Finlandia ; le foreste coprono circa il 45% del territorio e ne costituiscono la risorsa naturale principale. Il territorio è per la maggior parte pianeggiante, con alcune zone che si trovano sotto il livello del mare. Il clima è continentale : la temperatura media di Tallinn è -7,3 °C in gennaio e +18,9 °C in luglio.

L'ambientalismo ha avuto un ruolo principale tra i movimenti, subito dopo l'indipendenza, in conseguenza del danno ecologico inflitto dal regime sovietico. Durante l'occupazione sovietica, infatti, i piani quinquennali trascuravano l'ambiente, e il danno fu ingigantito dall'inquinamento causato dalle installazioni militari dell'ex URSS (quelle di Paldiski e di Sillamäe ).

Tra le zone più inquinate abbiamo i fiumi, nei quali quasi la metà delle acque fognarie veniva gettata, durante il periodo di occupazione sovietica, senza trattamento, e in alcuni punti dove vi erano gli scarichi di impianti di lavorazioni chimiche.

Aree protette

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette in Estonia , Parco nazionale Lahemaa , Parco nazionale Karula e Riserva naturale di Endla .

L'Estonia ha comunque deciso di mantenere alcune strutture di aree protette , istituite dall'ex Unione Sovietica, che prevedevano:

  • un parco nazionale, il parco nazionale Lahemaa ( Lahemaa Rahvuspark ) nato nel 1971 era il parco nazionale più antico dell'ex Unione Sovietica,
  • una riserva della biosfera
  • una riserva marina
  • cinque riserve naturali
  • 57 altre aree naturali

Dal 1993 la competenza sulla tutela dell'ambiente è passata al ministero dell'Ambiente estone. Con un provvedimento approvato dal Parlamento estone il 21 aprile 2004 ( Looduskaitseseadus ) la odierna rete delle aree naturali protette in Estonia comprende: [72] [73]

  • 5 parchi nazionali
  • 60 aree di conservazione naturale
  • numerose aree di conservazione paesaggitica

Animali selvatici frequenti sono i cervi , caprioli e volpi . Vi sono pure alci , castori e rare renne .

Il problema dello smaltimento degli inquinanti

Peculiare problema estone è lo smaltimento dei residui della lavorazione dell' argillite petrolifera : il 70% della produzione mondiale di questo minerale si scava in Estonia e il 65% delle esigenze energetiche del Paese sono soddisfatte da esso. Il problema nasce dal fatto che l'argillite petrolifera, nella fase di escavazione e raffinazione e ancor più nell'utilizzo come combustibile, dà luogo a elevate emissioni inquinanti.

Il programma per la protezione del Mar Baltico

Per combattere i danni all'ambiente, è stato istituito un ambizioso programma per la protezione del Mar Baltico , per tutelare in modo efficace non solo il mare ma anche i fiumi che vi si riversano.

Il programma è finanziato dall' UE . Con fondi Phare e dalla Banca Mondiale alcuni piccoli progetti sono stati realizzati e hanno contribuito a ridurre i danni ea ripulire alcune aree danneggiate, ma molto è ancora da fare. Il Paese è uno tra i firmatari del Protocollo di Kyoto .

Cultura

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura estone .

Il poema epico nazionale Kalevipoeg ("Il figlio di Kalev "), è stato scritto tra il 1857 e il 1861 da Friedrich Reinhold Kreutzwald , che attinse dal patrimonio di tradizioni orali dell'Estonia, ispirandosi al finlandese Kalevala e alla mitologia germanica . Nato da una fusione di leggende estoni, il poema narra le avventure del mitico eroe locale, che terminano con la morte del protagonista e la conquista della sua terra da parte dell'aggressore straniero, ma anche con una nota di libertà e speranza per il futuro. [16]

Tra gli scrittori vissuti tra il XX e il XXI secolo ricordiamo Jaan Kross , il più acclamato scrittore estone [74] .

Fra gli scrittori contemporanei si segnalano: Tiit Aleksejev , Meelis Friedenthal , Paavo Matsin , Mudlum (Made Luiga), tutti vincitori del Premio letterario dell'Unione europea .

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festival della canzone estone e Auditorium del Festival della Canzone Estone .

Molto importante per il popolo estone è la cultura musicale. La tradizione del Festival della canzone estone ( Üldlaulupidu in estone) cominciò all'alba del risveglio nazionale nel 1869 . Si tratta di uno dei maggiori eventi di musica corale del mondo, e l'aggiunta del coro solitamente comprende 18 000 persone.

Nel 2004, circa 34 000 persone hanno partecipato al Festival della canzone estone , con un pubblico aggiunto di 200 000 persone. Dal 1928 l' Auditorium del Festival della Canzone Estone ( Lauluväljak ) a Tallinn, ospita l'evento ogni cinque anni, in luglio. Sviluppa grande interesse anche per i turisti stranieri che si recano in Estonia. Inoltre, sempre ogni cinque anni si svolge anche il Festival della Canzone Giovanile estone, l'ultimo dei quali si è svolto nel 2007 .

La liberazione dall'occupazione sovietica nel 1991 , e il ritorno all'indipendenza estone è chiamata anche Rivoluzione cantata . La canzone e il Festival estoni furono i mezzi con i quali gli estoni cominciarono a protestare pacificamente per la libertà, contro l'occupazione straniera sovietica, a partire dal 1989 .

Tra i compositori di spicco ricordiamo Arvo Pärt . Tra i cantanti estoni spiccano Eda-Ines Etti , Maarja-Liis Ilus , Alo Mattiisen e la band femminile rock estone delle Vanilla Ninja con vari singoli tra cui Tough Enough (2003).

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cinema estone .

Anche il campo cinematografico riveste una certa importanza culturale: tra i registi spicca Elmo Nüganen .

Architettura

Nel 2016 Il nuovo Museo nazionale estone è stato inaugurato a Tartu e ha ottenuto numerosi premi di architettura come il Grand Prix AFEX 2016 ricevuto alla Biennale di architettura di Venezia [75] .

Esplorazioni

Scienza e tecnologia

L'Estonia nello spazio

Sport

Rally

Ott Tänak è il Campione del Mondo Rally WRC 2019.

Sci

Tra le personalità sportive estoni che si sono distinte maggiormente nella disciplina dello sci spicca Kristina Šmigun-Vähi , oro mondiale nei Campionati mondiali di sci nordico 2003 in Val di Fiemme.

Calcio

Il Campionato estone di calcio , organizzato su sei livelli, ha come primo livello la Meistriliiga . La Nazionale di calcio dell'Estonia non ha al momento raggiunto importanti risultati in campo internazionale.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Estonia ai Giochi olimpici .

La prima medaglia d'oro olimpica per l'Estonia fu vinta da Alfred Neuland , nel sollevamento pesi, ai Giochi olimpici di Anversa 1920.

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina estone .

La gastronomia estone presenta piatti abbastanza semplici, come il cosiddetto "Pane nero" ( leib) con alici salate, uova sode e cipolla sminuzzata. È molto apprezzata poi la salsiccia cotta nella pancetta affumicata, a Tallinn sono inoltre tipici gli Spratti , specie di sardine del Mar Baltico che si servono affumicate, e tra i dolci si segnala il leiva supp , preparato con il pane raffermo, il kissell , a base di frutti di bosco e il kringel , focaccia con uva passa , tipica delle feste natalizie .

La birra più bevuta in Estonia è la birra Saku , e il liquore nazionale più consumato è il Vana Tallinn , amaro, e composto per lo più da erbe. [ senza fonte ]

Festività nazionali

Data Nome Significato
24 febbraio Dichiarazione d'indipendenza dell'Estonia Festa nazionale: anniversario della Repubblica Estone, nel 1918
14 marzo Giorno Nazionale della Lingua estone in onore alla data di nascita del poeta Kristjan Jaak Peterson , fondatore della letteratura estone contemporanea
23 giugno Giorno della Vittoria celebra la vittoria nella battaglia di Cēsis (1919), durante la Guerra d'indipendenza estone

Le banche, gli uffici ei negozi sono chiusi in Estonia nei seguenti giorni:

  • 1º gennaio - Capodanno
  • data variabile: il venerdì Santo
  • 1º maggio - festa del lavoro
  • 24 giugno - giorno di mezza estate
  • 20 agosto - festa del ripristino dell'Indipendenza
    (fine occupazione e distacco dall' Unione Sovietica , nel 1991 )
  • 25 dicembre - primo giorno di Natale
  • 26 dicembre - secondo giorno di Natale

Note

  1. ^ fonte: Preambolo testo Costituzione dell'Estonia
  2. ^ Dal 6 agosto 1940 al 20 agosto 1991 occupazione sovietica (RSS Estone) e dal 1941 al 1944 - occupazione nazista durante la guerra
  3. ^ 47 549 km² furono definiti nell'accordo di pace Trattato di Tartu nel 1920 tra Estonia e Russia . Vi furono mutilazioni del territorio estone a favore dei Sovietici dopo la seconda guerra mondiale: il territorio ceduto alla fine della seconda guerra mondiale ai sovietici, di 2 323 km² , è oggi parte della Russia .
    Le aree cedute includono il 75% dell'antica Contea di Petseri e alcune aree oltre il fiume Narva compresa la città di Ivangorod (Jaanilinn).
  4. ^ Anche la città di Petseri è rimasta sotto il controllo russo
  5. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  6. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 22 maggio 2019 .
  7. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  8. ^ a b Ralph Tuchtenhagen - Storia dei paesi baltici - Ed. Il Mulino - ISBN 978-88-15-12452-4
  9. ^ Estonian Life ( PDF ), su web-static.vm.ee , Estonian Ministry of Foreign Affairs, 2004. URL consultato il 26 aprile 2009 (archiviato dall' url originale il 25 marzo 2009) .
  10. ^ Mensile Geo Ottobre 2011
  11. ^ Matthew Holehouse Estonia discovers it's actually larger after finding 800 new islands The Telegraph , 28 August 2015
  12. ^ Estonia ( PDF ), su esteri.it , 12 novembre 2011.
  13. ^ InvestInEstonia.com Archiviato il 16 agosto 2011 in Internet Archive .
  14. ^ Estonia, in Eurolandia il paese con il minor debito pubblico , su blitzquotidiano.it , blitzquotidiano, 12 gennaio 2011.
  15. ^ Estonian Declaration of Independence, 24 February 1918 , su president.ee (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2009) .
  16. ^ a b c d e fonte Lonely Guide
  17. ^ fonte: Sito Ambasciata dell'Estonia
  18. ^ name="fonte: Storia dei Paesi Baltici - Ralph Tuchtenhagen - Ed. il Mulino"
  19. ^ fonte R. Tuchtenhaghen, Storia dei paesi baltici
  20. ^ fonte: The Times, 19 agosto 1940.
  21. ^ Time magazine, 19 Aug. 1940 Justice in The Baltic at Time magazine on Monday, 19 Aug. 1940
  22. ^ Estonia Today Deportation from Estonia in 1941 and 1949 ( PDF ), su web-static.vm.ee . URL consultato il 19 gennaio 2011 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2009) . .
  23. ^ History of Estonia, Estonian history , su histrodamus.ee . URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2013) .
  24. ^ R. Tuchtenhagen. Storia dei paesi baltici . il Mulino
  25. ^ La Commissione di Stato Estone sull'Analisi delle Politiche di Repressione IL libro Bianco , p. 29
  26. ^ M. Mazower, L'impero di Hitler , pp. 222-226
  27. ^ E. Collotti, La soluzione finale , pp. 107-108.
  28. ^ J. Erickson, The road to Berlin , p. 416.
  29. ^ La Commissione di Stato dell'Estonia sull'Analisi delle politiche sovietiche di repressione Il libro bianco , p. 30
  30. ^ a b GDP serie storica, fonte World Bank , su data.worldbank.org .
  31. ^ Ralph Tuchtenhagen, Storia dei paesi baltici , Bologna, il Mulino, 2008.
  32. ^ Fonte: Chewing Gum Companies in the former URSS, Russia and CIS , su es.geocities.com (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2006) . .
  33. ^ a b Gli “alieni” di Lettonia ed Estonia: dentro le vite dei non-cittadini dell'ex Unione Sovietica - VICE , su vice.com .
  34. ^ World Info Zone , su worldinfozone.com , World Info Zone. URL consultato il 2 giugno 2010 .
  35. ^ World InfoZone – Estonia , in World InfoZone , World InfoZonek, LTD.. URL consultato il 20 febbraio 2007 .
  36. ^ Keskmine ohutemperatuur (°C) 1971–2000 , su emhi.ee . URL consultato il 2 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 22 febbraio 2012) .
  37. ^ Sademed, õhuniiskus , su emhi.ee . URL consultato il 2 giugno 2010 .
  38. ^ dati censimento 2012 Estonia
  39. ^ Ethnic minorities in Estonia: past and present , su old.estinst.ee , Einst.ee, 26 dicembre 1998. URL consultato il 2 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  40. ^ Statistikaamet, POPULATION BY ETHNIC NATIONALITY, SEX AND PLACE OF RESIDENCE, 31 DECEMBER 2011 , Statistikaamet, dicembre 2011. URL consultato il dicembre 2011 .
  41. ^ http://pub.stat.ee/px-web.2001/I_Databas/Population_census/PHC2011/01Demographic_and_ethno_cultural_characteristics/04Ethnic_nationality_Languages_Dialects/04Ethnic_nationality_Languages_Dialects.asp
  42. ^ Copia archiviata , su stat.ee . URL consultato il 21 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2018) .
  43. ^ a b Citizen of Estonia population, 02/07/2010
  44. ^ Rahvaarv rahvuse järgi, 1. jaanuar, aasta , su stat.ee , Statistics Estonia. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2018) .
  45. ^ Dalla fine degli anni Novanta i figli degli apolidi, se nati in Estonia e parlanti l'estone, ottengono automaticamente la cittadinanza estone.
  46. ^ fonte: Lonely Guide
  47. ^ ( EN )Studio sulla religione in Estonia
  48. ^ a b c Censimento del 2000 - Credo religioso Archiviato il 15 maggio 2011 in Internet Archive ., ( EN ) .
  49. ^ [1]
  50. ^ ( EN ) Religione in Estonia
  51. ^ Costituzione dell'Estonia, cap. 3, artt. 40 e 42.
  52. ^ http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/ebs/ebs_243_en.pdf
  53. ^ http://www.estonia.eu(02.07.2010) [ collegamento interrotto ]
  54. ^ fonte: Intervista del Presidente estone alla BBC
  55. ^ Estonia, cade il governo del più giovane premier dell'Ue , su eunews.it , 9 novembre 2016. URL consultato il 10 novembre 2016 .
  56. ^ C'è una crisi di governo in Estonia , su ilpost.it , 10 novembre 2016. URL consultato il 10 novembre 2016 .
  57. ^ ( EN ) Jüri Ratas confirmed prime minister , su news.err.ee , 21 novembre 2016. URL consultato il 22 novembre 2016 .
  58. ^ ( EN ) President appoints Jüri Ratas' government , su news.err.ee , 23 novembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016 .
  59. ^ ( EN ) 49th cabinet of Estonia sworn in under Prime Minister Jüri Ratas , su news.err.ee , 23 novembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016 .
  60. ^ Fonte La Stampa 18/09/2012
  61. ^ Estonia pulls off nationwide Net voting - CNET News
  62. ^ Articolo de La Stampa o1.o1.2010
  63. ^ Ralph Tuchtenhagen, Storia dei Paesi Baltici , il Mulino
  64. ^ Decisione del Consiglio dell'Unione europea del 14 aprile 2003 relativa all'ammissione della Repubblica ceca, della Repubblica di Estonia, della Repubblica di Cipro, della Repubblica di Lettonia, della Repubblica di Lituania, della Repubblica di Ungheria, della Repubblica di Malta, della Repubblica di Polonia, della Repubblica di Slovenia e della Repubblica slovacca all'Unione ( ( PDF ) GU UE L 236 del 23.9.2003 )
  65. ^ Trattato tra il Regno del Belgio, il Regno di Danimarca, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, la Repubblica francese, l'Irlanda, la Repubblica italiana, il Granducato di Lussemburgo, il Regno dei Paesi Bassi, la Repubblica d'Austria, la Repubblica portoghese, la Repubblica di Finlandia, il Regno di Svezia, il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord (Stati membri dell'Unione europea) e la Repubblica ceca, la Repubblica di Estonia, la Repubblica di Cipro, la Repubblica di Lettonia, la Repubblica di Lituania, la Repubblica di Ungheria, la Repubblica di Malta, la Repubblica di Polonia, la Repubblica di Slovenia, la Repubblica slovacca relativo all'adesione della Repubblica ceca, della Repubblica di Estonia, della Repubblica di Cipro, della Repubblica di Lettonia, della Repubblica di Lituania, della Repubblica di Ungheria, della Repubblica di Malta, della Repubblica di Polonia, della Repubblica di Slovenia e della Repubblica slovacca all'Unione europea [( ( PDF ) GU UE L 236 del 23.9.2003 )])
  66. ^ Heritage.org - Estonia 2011
  67. ^ Estonia stabile al primo posto nella " Nuova Europa " e all'11/o nella classifica globale con 75,9 punti (+0,6 rispetto al 2013), seguita dalla Germania, 18/a con 73,4 punti (+0,6) e dalla Lituania, 21/a (73 punti, +0,9). Sono questi i tre Paesi della "Nuova Europa" meglio valutati nell'"Index of Economic Freedom 2014" elaborato dal Wall Street Journal e dal think tank Heritage Foundation .
  68. ^ fonte Postimees 2007
  69. ^http://railbaltica.org/
  70. ^ Estonian Mires Inventory .Tartu, 2011
  71. ^ climateadaptation.eu , European Centre for Climate Adaptation, http://www.climateadaptation.eu/estonia/en#forestry-and-peatlands . URL consultato il 9 marzo 2013 .
  72. ^ Nature Conservation Act , su legaltext.ee . URL consultato il 2 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2013) .
  73. ^ Looduskaitseseadus , su Elektrooniline Riigi Teataja . URL consultato il 2 ottobre 2007 .
  74. ^ https://iperborea.com/autore/10830/
  75. ^ Tartu, una rampa di lancio per la storia estone , su Allemandi - Il Giornale dell'arte . URL consultato il 15 luglio 2017 .
  76. ^ https://it.sputniknews.com/mondo/202001288579815-200-anni-fa-oggi-quando-i-russi-scoprirono-lantartide/
  77. ^ https://estonianbloggers.blogspot.com/2012/01/un-estone-scopri-lantartide.html?m=1

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 134320092 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2154 7281 · LCCN ( EN ) n82253985 · GND ( DE ) 4015587-0 · NDL ( EN , JA ) 00577526 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n82253985