FIAT

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu informació sobre tot el grup industrial i la diversificació empresarial relacionada, consulteu Grup Fiat .
FIAT
Logotip
Davant de l'edifici Lingotto - Fiat- Torí, Itàlia. (11203847503) .jpg
L'edifici Lingotto a Torí , seu de FIAT
Estat Itàlia Itàlia
Formulari d’empresa Societat anònima
Fundació 11 de juliol de 1899 a Torí
Fundat per Emanuele Cacheranno di Bricherasio , Cesare Goria Gatti , Giovanni Agnelli
Seu central Torí
Grup Stellantis
Persones clau Olivier François ( AD )
Sector Automoció
Productes Cotxes de passatgers
Nota Compasso d'Oro Premi Compasso d'Oro el 1959

Compasso d'Oro Premi Compasso d'Oro el 1967
Compasso d'Oro Premi Compasso d'Oro el 2004
Compasso d'Oro Premi Compasso d'Oro el 2011

Lloc web www.fiat.com/

FIAT ( acrònim de Fabbrica Italiana Automobili Torino ) és una marca de vehicles de Stellantis .

La marca té una llarga història, ja que es va fundar l’11 de juliol de 1899 al Palazzo Lascaris de Torí com a fabricant d’automòbils i, després, va desenvolupar el seu negoci en molts altres sectors, donant vida al que seria l’industrial privat i financer italià més important de la segle XX , a més de ser la primera participació del país i, limitada al sector de l’automoció , el major fabricant del continent europeu i el tercer del món, després dels EUA General Motors Co. i Ford Motor Co. , durant vint anys, fins a l’esclat de la crisi de la indústria automobilística de Torí que va començar a finals dels vuitanta . [1]

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: els models Fiat Group i FIAT .

L’empresa va néixer de la voluntat comuna d’una desena d’aristòcrates, propietaris de terres, empresaris i professionals de Torí d’establir una fàbrica per a la producció d’automòbils.

La idea de produir cotxes a escala industrial va venir als amics Emanuele Cacherano di Bricherasio i Cesare Goria Gatti (antics fundadors de l’ Automobile Club d’Itàlia ) que prèviament havien establert i finançat l ’“ Accomandita Ceirano & C. ”, destinada a la construcció dels "Welleyes", un cotxe dissenyat per l'Eng. Aristide Faccioli i construït a mà per Giovanni Battista Ceirano .

Atès l'èxit obtingut per " Welleyes " en la seva presentació, Bricherasio i Gatti van proposar a un grup de coneguts adquirir l'experiència, els treballadors i l' experiència de la "Accomandita Ceirano & C." transferir-los a escala industrial, com ja passava a les fàbriques del nord d’Europa .

Lorenzo Delleani , els fundadors de FIAT .
Segons la numeració, es representen a la pintura: 1. Damevino , 2. Goria Gatti , 3. Biscaretti di Ruffia , 4. Racca , 5. Cacherano di Bricherasio , 6. Ceriana Mayneri , 7. Agnelli , 8. Scarfiotti , 9. Ferrero

A més dels dos promotors, el comte Roberto Biscaretti di Ruffia , el marquès Alfonso Ferrero de Gubernatis Ventimiglia , el banquer i industrial de la seda Michele Ceriana Mayneri , l’advocat Carlo Racca , el terratinent Lodovico Scarfiotti , l’agent de I change Luigi Damevino i la cera l’industrial Michele Lanza . Encara no s’havia oficialitzat l’empresa que es formava perquè la premsa piemontesa ja publicava les notícies com a segures.

«Se'ns informa que, per iniciativa dels automobilistes més famosos de Torí, s'ha creat una empresa anònima, amb un capital aproximat d'un milió, per a la construcció i el comerç d'automòbils. Enviem els nostres millors desitjos a aquesta empresa, l’oportunitat de la qual serà reconeguda per tothom, convençuts que amb aquest vigor d’energia i capital, no podrà deixar de donar un impuls vàlid al desenvolupament de l’automobilisme italià ".

( de L'Automobile de l'1 de juliol de 1899 )

El grup de notables, després de diverses reunions mantingudes al cafè de Madame Burello per establir les línies de l'acord i després d'haver obtingut el suport financer del " Banco di Discount e Sete " de Torí , es va reunir al Palazzo Bricherasio per signar l'escriptura de "Constitució" de la companyia Anonymous Italian Automobile Factory - Torí "elaborat per cav. dr. Ernesto Torretta, notari de la casa reial: era l'11 de juliol de 1899. [2] Els accionistes van pagar un capital de 800.000 lires en 4.000 accions (aproximadament 3,6 milions d' euros) actual [ no està clar ] ) i va confiar la presidència a Ludovico Scarfiotti.

Cal afegir que, el dia abans de la constitució de l’empresa, Michele Lanza va decidir retirar-se, abandonant l’associació FIAT. Lanza ja havia construït pel seu compte, el 1895, un dels primers cotxes italians i, sabent bé les dificultats tècniques que tenia, va considerar que era inadequat excloure de la companyia Giovanni Battista Ceirano, el principal expert en mecànica, per simples motius. rang. Una part de la participació destinada a Lanza va ser assumida pel propietari Giovanni Agnelli , implicat in extremis pel seu amic i antic company Scarfiotti, mentre que la resta de la participació va ser recolzada pel Banco di Discount e Sete.

Els Estatuts Socials de Fiat d’11 de juliol de 1899

Durant la primera sessió, el consell d'administració de la recentment constituïda FIA ( F embrica I taliana di A utomobili ) va aprovar la compra de l '"Accomandita Ceirano & C.", liquidant Ceirano amb la suma de 20.000 lires, a més de contractar-lo com a agent de vendes. El primer cotxe construït per FIAT va ser el model " 3½ HP" , una còpia del "Welleyes" i produït en vuit unitats durant el 1899. També aquest mateix any, la companyia va canviar el seu nom per FIAT a proposta d'Aristide Faccioli i amb suport entusiasta de Cesare Goria-Gatti que, des de les columnes del diari L'Automobile , va convidar l'adopció d'aquest acrònim també pel seu propi significat llatí (la tercera persona del singular del verb fio = es converteix, es fa, es fa, s'aconsegueix, passa ) sobre el futur de l'empresa. [3] L'únic que va suscitar alguns dubtes va ser Emanuele Cacherano di Bricherasio, les sigles del qual semblaven referir-se a conceptes bíblic-religiosos, en contrast amb les seves conviccions marxistes [4] .

Els primers vuit cotxes es van construir al taller Ceirano adquirit, i després la producció es va traslladar a la nova fàbrica de Corso Dante Alighieri, que es va completar en un temps rècord a principis de 1900. FIAT va començar la construcció de la famosa planta de producció anomenada Lingotto el 1916 i la va aconseguir en funcionament el 1923.

Després d’un primer període de difícil desenvolupament, marcat per diverses recapitalitzacions i canvis en la composició del capital social (no sempre de manera pacífica, sinó que també va donar lloc a processos sensacionals per a l’època), la propietat del fabricant d’automòbils la va assumir gairebé íntegrament Giovanni Agnelli, que esdevindrà senador durant el feixisme i romandrà al capdavant de la companyia fins al final de la Segona Guerra Mundial .

Després d’arriscar-se a perdre la propietat de la companyia a causa del seu compromís amb el règim feixista, Agnelli passa el comandament a La Valletta , l’únic fill, Edoardo, que va morir en un accident aeri. Valletta, un home de poca qualitat, es va encarregar de gestionar una de les poques empreses italianes que no es van agenollar del tot per la derrota en nom de la família Agnelli , va aconseguir recuperar-la i, al mateix temps, va proporcionar la preparació adequada per al paper que el jove descendent hauria d'haver assumit el més aviat possible "primer en la línia dinàstica" (definició atribuïda a Montanelli ).

Gianni Agnelli , l’hereu, es va convertir en president de FIAT el 1966 i va romandre així fins al seu 75è aniversari, quan la normativa legal el va obligar a cedir la presidència.

El càrrec va ser assumit per primera vegada (1996) per l'exdirector general Cesare Romiti i després (1998) pel genovès Paolo Fresco, que arribava dels Estats Units , antic vicepresident de General Electric .

La crisi del grup va portar el seu germà Umberto a la presidència ( 2003 ) i després de la mort d'Umberto va ser el torn ( 2004 ) de Luca Cordero di Montezemolo . John Elkann , hereu designat de la família Agnelli , va ser nomenat vicepresident a l'edat de 28 anys i altres membres de la família es van incorporar a la junta directiva. El director general Giuseppe Morchio, que va dimitir, va ser substituït per Sergio Marchionne des de l'1 de juny de 2004 .

La direcció de Gianni Agnelli va augmentar considerablement la vocació multinacional i multisectorial de l’empresa, vocació que tenia les seves arrels en les realitats industrials creades per Fiat a tot Europa, ja en els primers vint anys del segle. El creixement, sens dubte també ajudat per l'anomenat "boom econòmic" dels anys seixanta , va ser significatiu tant a nivell nacional com als mercats exteriors.

Les activitats i estratègies del grup, inicialment dirigides exclusivament a la producció industrial d’automòbils (i poc després també de vehicles industrials i agrícoles ), amb el pas del temps i a causa de les condicions canviants del mercat i de l’estructura consolidada del grup, han anat cap a diversificació en molts altres sectors. Actualment, el grup té operacions en una àmplia gamma d’indústries i serveis financers.

És el grup d'empreses italià més gran, que també té importants activitats a l'estranger, on està present a 61 països amb 1.063 empreses que donen feina a més de 223.000 persones, de les quals 111.000 són fora d'Itàlia.

Models de preguerra i guerra

La primera producció de cotxes, datada el 1900 , va tenir lloc amb l’ús de 150 treballadors a la fàbrica del Corso Dante de Torí. D’allà van sortir 24 cotxes del model FIAT de 3 ½ CV , dels quals la curiositat era la manca de marxa enrere. El 1903, la producció es va limitar a 103 peces de cotxes.

El Fiat Tipo 1 , el primer taxi construït per la companyia amb seu a Torí, el 1908

La primera afirmació de la casa en les carreres de motor es remunta al 1902, quan, amb Vincenzo Lancia al capdavant, va guanyar una cursa piemontesa local, el "Torino Sassi- Superga ".

Les primeres diversificacions de Fiat en el camp dels vehicles comercials, tramvies , camions i motors marins es remunten a la primera dècada del segle XX ; mentrestant, el nombre de persones ocupades també va augmentar, arribant a 2.500 el 1906. El 1908 es va posar en producció el Fiat 1 Fiacre , el primer cotxe destinat a la funció de taxi del qual es van exportar nombrosos exemplars a les ciutats més importants. com París , Londres i Nova York .

La companyia també va iniciar un negoci a l'estranger amb la fundació de Fiat Automobile Co als Estats Units el 1908 i la posterior construcció de la planta de Poughkeepsie el 1909; fins al 1917 es van produir alguns models, especialment mitjançant el muntatge de peces que arribaven d'Itàlia, els tipus 53, 54, 55 i 56 similars a l'equivalent tipus 3, 4 i 5 produït a Itàlia [5] [6] .

Poc abans de l’esclat de la Primera Guerra Mundial , l’empresa de Torí va renovar completament la gamma de cotxes en producció amb la presentació dels models 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 ; d’aquests models cal recordar la presència dels primers exemples de transmissió de bateria i cardan . El 1911 l'empresa es va aventurar en la construcció d'un vehicle específic per batre el rècord mundial de velocitat: amb aquest objectiu va fabricar el Fiat S76 Record , un cotxe de 28.353 cm³ i 290 CV capaç d'arribar als 300 km / h.

També abans de l'esclat de la guerra, l'empresa matriu va fundar "Fiat Lubricants", va ampliar les seves activitats estrangeres amb l'obertura d'una empresa a Rússia i va iniciar la producció en massa del Fiat Zero, del qual construirà al voltant de 2.000 unitats, també subministrades de sistema elèctric. Naturalment, la producció civil es va convertir gairebé completament en ús de guerra durant el conflicte i el model Fiat 501 es va muntar especialment per al Reial Exèrcit .

Quan es va reprendre la producció de la postguerra el 1919, l'empresa amb seu a Torí va presentar el "Fiat 501" per a ús civil, del qual va aconseguir posar al mercat gairebé 45.000 unitats. Mentrestant, es va continuar diversificant en el camp dels vehicles industrials i accessoris; aquesta última representada per la fundació de Magneti Marelli .

El 1920 FIAT, amb un capital desemborsat de 200 milions de lires , donava feina a 25.000 treballadors i 2.500 empleats, construint més de 100 vehicles cada dia, inclosos automòbils , camions i tractors agrícoles . La producció de les seves diverses fàbriques, que va assolir la superfície coberta de 1.300.000 metres quadrats, també es va estendre a la construcció d’ avions i motors per a l’aviació, la navegació i la indústria, a més del material ferroviari i la construcció d’ acers especials . [7]

Els models en producció a la dècada de 1920 anaven des del compacte Fiat 509 fins al luxós sedan Fiat 529 , equipat amb frens a les 4 rodes i un volant regulable. Una important innovació tecnològica va ser la del 1928 , on Fiat, la primera del món, va utilitzar l' alumini per a la construcció dels capçals del motor.

Després de la visita del senador Agnelli a les fàbriques de Ford , fundades per Henry Ford el 1903 als EUA , es va fer evident que l'única manera de seguir era operar en sèrie, a través de la cadena de muntatge . Les primeres manifestacions del nou mètode constructiu van ser evidents després de la inauguració de la Lingotto , una fàbrica molt moderna de 153.000 m 2 , distribuïda en cinc plantes i amb la presència al terrat d’una pista de proves per als nous models.

La dècada anterior a l’esclat de la Segona Guerra Mundial es caracteritza per la política autàrquica desitjada per Mussolini que va impedir el desenvolupament de la companyia a l’estranger, però que va contribuir a l’expansió al mercat nacional. El Fiat 508 Balilla va debutar en aquest període, presentat el 1932 , equipat inicialment amb una caixa de canvis de 3 velocitats i posteriorment (del 1934) amb una caixa de canvis de 4 velocitats més moderna, que va establir el nou rècord de producció de Fiat amb més de 110.000 exemplars. . Pocs anys després el rècord es va esmicolar amb el Fiat 500 , conegut en la primera versió amb el sobrenom de Topolino i que, presentat el 1936 , en vint anys de producció va aconseguir assolir la xifra envejable de més de 500.000 unitats.

Just abans de l’esclat de la guerra, també es va inaugurar la nova fàbrica de Mirafiori , on es van iniciar els torns de treball durant un període de 24 hores.

Un model que no es pot oblidar és el Fiat 6 cilindres 1500 , llançat a finals de 1935 , que es distingia per una innovadora línia aerodinàmica i aerodinàmica de la carrosseria; aquesta nova línia, molt captivadora, va ser ampliada (òbviament en un format reduït) pel "Topolino" el 1936 i pel Fiat Nuova Balilla 1100 , el primer Fiat que ostentava el títol de "1100", que es va comercialitzar a Juny de 1937 . L’últim producte d’abans de la guerra, llançat el 1938 , va ser el vaixell insígnia del Fiat 2800 : per raons òbvies (la naturalesa mateixa del cotxe i l’esclat de la Segona Guerra Mundial), aquest model va inaugurar a Fiat una nova forma de es va construir el capó (un musell anomenat spartivento) (també en la versió "militar") en només 621 exemplars fins al 1944 .

La Segona Guerra Mundial va comportar una dràstica reducció de la producció de cotxes, amb una conversió de les línies a la construcció de vehicles comercials requerits pels requisits bèl·lics. Les plantes van patir danys molt greus a causa del bombardeig i van estar pràcticament aturades.

La producció de Fiat de la postguerra

El descapotable 500 B del 1948: el cotxe i el seient del conductor. Tingueu en compte la paleta de doble eixugaparabrises, bàsicament l'únic detall (juntament amb el sistema d'obertura del capó del motor) que permet distingir el 500 B del 500 anterior, equipat amb una sola paleta

El final de la guerra mundial va deixar un munt de runes de les plantes industrials i es va afegir, per a l’empresa, a la mort del seu cofundador i al consegüent trasllat de la gestió al prof. La Valletta: només el 1948 , i gràcies a l’ajut assignat pel Pla Marshall , es va acabar la reconstrucció de les fàbriques i es va reprendre totalment la producció de cotxes. Tanmateix, a finals de 1945 , els primers cotxes van començar a sortir de la fàbrica: la gamma era la de la preguerra (reduïda pel gran representant "2800") i, per tant, incloïa tres models bàsics: el 500 "Topolino" , el 1100 i el sis cilindres 1500 .

El 1948, a finals de juny, es va produir la primera renovació de la postguerra: va néixer el 500 B, que es diferenciava de l’anterior degut principalment a una modificació del sistema de distribució del motor, que passava de les "vàlvules laterals" a les "vàlvules. al capdavant" més modernes i eficients, amb un augment de potència (de 13 a 16 CV) i velocitat (de 85 a 95 km / h). La carrosseria semblava pràcticament inalterada. Menys de tres mesos després, el setembre de 1948, va sortir el primer station wagon italià produït en sèrie: era la "B Giardiniera" 500 B que, segons la mecànica del 500 B acabada de llançar-se al mercat, tenia una versió molt original carrosseria (llavors definida "giardiniera"), caracteritzada pels seus laterals de fusta: el petit cotxe oferia un espai de 4 seients "reals" més un maleter discret, sempre amb un desplaçament de només 570 cm³. Al mateix temps, fins i tot els models superiors, 1100 i 1500, es van "actualitzar" prenent els nous noms de "1100 B" i "1500 D" respectivament.

El 1949 el Topolino va canviar d’aspecte i es va convertir en 500 C. Al març, la nova versió es va previsualitzar al Saló Internacional de l’Automòbil de Ginebra: la mecànica pràcticament no canviava, mentre que la carrosseria abandonava els fars que sortien dels parabolts i es tornava més arrodonida i moderna. El mateix canvi, evidentment, també va afectar la versió "Giardiniera". La presentació a Itàlia de les dues versions va tenir lloc dos mesos després, el maig de 1949.

El Fiat 1500 E berlina de 1949/50

A la Fira del Llevant de Bari , el setembre de 1949, la renovació es referia als anys 1100 i 1500, la denominació dels quals assumia el sufix "E": si per al 1100 la renovació era adequada i comprensible ja que el model estava destinat a romandre en producció per a un molt de temps, no es pot dir el mateix per a la germana gran 1500, ja que era imminent el llançament de l’hereu, el 1400, que va néixer només sis / set mesos després. Tanmateix, tant el 1100 E com el 1500 E es diferencien dels anteriors 1100 B i 1500 D per alguns canvis estètics, determinats sobretot per la desaparició de la roda de recanvi externa, ara allotjada en un compartiment especial (que també serveix de maleter) que era accessible des de l’exterior i que estava integrat a la part posterior de la carrosseria. Altres canvis van concernir els para-xocs (reforçats) i l'adopció del canvi de marxa amb palanca al volant, segons la moda "nord-americana" vigent.

El Fiat 8V en la seva primera versió el març de 1952

Només el 1950 es va presentar la presentació d’un model realment nou, el Fiat 1400 , que va retirar definitivament el 1500 de sis cilindres, tot i que era vàlid; va ser el primer model amb un cos portant i equipat amb un sistema de calefacció de sèrie. En els anys immediatament posteriors, també es presentaran vehicles "inusuals" en la producció de la companyia fins aleshores: el 1951 es va alliberar el Fiat Campagnola , un vehicle tot terreny derivat del Jeep americà, utilitzat per l'exèrcit nord-americà durant la guerra, mentre l'any següent (1952) va ser el torn del Fiat 8V , una berlinetta esportiva de 2 places caracteritzada per una suspensió independent de 4 rodes, una novetat per a l'empresa amb seu a Torí. Una altra fita important assolida el 1951 és la presentació d’un avió , el model G80 , el primer jet construït a Itàlia.

En el camp dels cotxes petits, el Saló de l’Automòbil de Brussel·les, el gener de 1952, va batejar la nova versió de la station wagon del 500 C, definida com el "Belvedere" i caracteritzada per una carrosseria totalment metàl·lica (la "Giardiniera" anterior tenia els laterals en fusta / masonita).

El Fiat Campagnola (amb motor dièsel) del 1953

El 1952 no va ser un any especialment ple de novetats, però, a més del Belvedere metàl·lic i el 8V esportiu, el model 1900 va néixer en dues versions: la berlina (gairebé idèntica a la del 1400 però amb una reixa amb més crom, posterior ampliat finestra i l'interior més luxosos) i les dues portes anomenades "Granluce". Tècnicament, el nou 1900 es va caracteritzar per l’adopció d’una junta hidràulica especial que va fer que la conducció fos més suau.

També cal tenir en compte que, a finals d’any, el camió lleuger Fiat 615 també es va vendre amb un motor dièsel, un petit motor dièsel d’1,9 litres que es va instal·lar, l’any següent, al primer cotxe dièsel de Fiat, el 1400. Dièsel.

El 1953 , l'ocupació a les fàbriques va assolir la xifra de 71.000 unitats, mentre que en el camp de la tecnologia es va produir la primera versió del Fiat 1400 amb motor dièsel , que va ocupar el camió lleuger tipus 615. El mateix any, el model Fiat 1100 es va comercialitzar en la seva nova edició amb una estructura de suport anomenada i coneguda com a "model 103" i considerada una mica com l'hereu del 508 Balilla. D’aquest afortunat model, destinat a tenir un paper destacat entre els models Fiat durant més de quinze anys (serà substituït pel Fiat 128 el 1969), la versió de televisió “pushed” (Turismo Veloce) també es va llançar a finals d’any . principis de 1954, des de la station-wagon (Familiar la definició de l’època).

El 1954 Fiat no va presentar cap gran novetat: al Saló de l’Automòbil de Torí a la primavera, a part del cotxe experimental Turbine (exposat principalment amb finalitats publicitàries), els nous 1400/1900 es van presentar a la sèrie marcada pel sufix "A" i es caracteritza per una carrosseria modernitzada i algunes modificacions mecàniques menors.

El 1955 es va caracteritzar per la retirada del mercat del 500 C i per la presentació del Fiat 600 , el primer model que va iniciar realment la motorització massiva dels italians, que va ser seguit el 1956 per l’original derivat original Fiat 600 Multipla , el primer "monovolum" italià.

El 1956 , a part de Multipla, es va llançar una nova sèrie de 1400/1900 (tipus "B") i 1100/103 (tipus "E"), mentre que el 1957 va ser l'any que va marcar el naixement del New 500 i una nova sèrie de 1100/103 amb "cues" més pronunciades (també definida com a "model '58", aquesta sèrie de 103, que seguia la "E" del 56, va ser identificada oficialment pel sufix "D").

A finals de 1957 , també es va llançar el Fiat 1200 "Granluce", menys esportiu però més luxós, en substitució del televisor 1100/103, que, tot i que fonamentalment basat en el cos del 1100/103, tenia un sostre molt més modern i brillant . Les vendes del 1200 van començar el 1958 , any que no va registrar cap notícia significativa a la casa Fiat.

La dècada es va acabar el 1959 amb el cessament de la producció dels actuals 1400/1900, actualment obsolets, substituïts pels molt moderns encara que "angulars" 1800/2100 .

El 1961 , el tipus 1200 es va retirar de la producció, substituït pel 1300/1500 .

Models anys seixanta

En pocs anys, l’empresa va intentar cobrir les diferents peticions dels automobilistes, des de petits desplaçaments fins a grans berlines i presentant els diferents models amb accessoris per a berlina, station wagon, coupé i aranya , convertint-se, com la companyia automobilística més gran, en un dels pivots de l’anomenat “ boom econòmic” d’aquells anys.

El 1964 es va posar en producció un altre cotxe destinat a un èxit considerable, el Fiat 850 , en la seva versió clàssica berlina i en les igualment reeixides versions coupé i spider . El 1966 , el mateix any en què es va fer el lliurament entre el prof. La Valletta i l'advocat Es va presentar Gianni Agnelli, el cotxe més esportiu de la gamma, el Fiat Dino dissenyat en part amb Ferrari , que presentava un model similar.

Els primers anys de la nova gestió es van caracteritzar per nous models que van anar substituint els produïts després de la primera guerra, presentant el Fiat 124 el 1966 , que va aconseguir reclamar el títol de Cotxe de l'Any i sobre la mecànica del qual Pininfarina va crear un model molt aranya . apreciat. El 1967 va sortir el Fiat 125 i, al mateix temps, la companyia va intensificar la seva presència productiva al sud d'Itàlia; també va comprar part de Ferrari i tot Lancia . El 1969 es va presentar el primer cotxe de Torí amb motor i tracció davanters, el Fiat 128 , destinat també a un bon èxit de vendes i amb el títol de Cotxe de l'Any. El mateix any també va aparèixer el Fiat 130 , vaixell insígnia de la companyia amb els seus motors V6 de 2800 i 3200 cm³.

Models dels anys setanta

El subcompacte Fiat 127 va ser el cotxe més important de la gamma FIAT dels anys setanta tant a Europa com a Amèrica del Sud, on es va vendre en una versió modificada coneguda com el 147

Els anys setanta van ser anys molt difícils per al grup FIAT , que va haver d’afrontar un període de gran dificultat tant a causa de les freqüents agitacions i tensions que també afectaven les fàbriques (sovint sotmeses a vagues i ocupacions), com a la competència exterior al mercat italià. augmentat per l'eliminació gradual de les barreres duaneres. Malgrat això, la política de l'empresa preveia una expansió contínua a l'estranger, que després del fracàs del matrimoni FIAT - Citroën , es basava en acords amb productors locals i en l'obertura de noves fàbriques: el 1970 es va iniciar la producció del Fiat 124 al Unió Soviètica. (Amb el nom de Lada 2101/2102 , coneguda habitualment com a Žiguli ) i al llarg de la dècada van néixer al Brasil els acords amb el Zastava iugoslau , amb el Tofaş turc , amb el FSM polonès i el Fiat Automóveis. El 1971 va entrar al grup la marca Abarth , mentre que el 1975 es va incorporar tota la producció de vehicles industrials (amb les marques Fiat Veicoli Industriali i Lancia Veicoli Speciali ) a la marca recent nascuda Iveco . Nel 1978 l'azienda subì un radicale cambiamento di struttura con la creazione della Fiat Auto SpA sotto la quale vennero raggruppate tutte le aziende del gruppo attive nel comparto automobilistico (FIAT, Lancia , Autobianchi e Abarth ) con l'eccezione della Ferrari , che faceva capo direttamente alla holding , scindendo le attività collaterali in nuove denominazioni sociali come Fiat Ferroviaria , Fiat Avio e Fiat Trattori .

Per quanto concerne le automobili prodotte, gli anni settanta hanno visto l'arrivo e l'affermazione di nuovi modelli innovativi ma anche l'addio a modelli importanti, che avevano fatto la storia del marchio sia in positivo sia in negativo. Il 1970 fu l'anno dell'aggiornamento di metà carriera per le berline medie 124 e 125 , mentre l' anno successivo furono lanciate le versioni coupé dell'ammiraglia Fiat 130 e della compatta 128 (che ricevette anche la versione sportiva Rally ), ma soprattutto l'utilitaria 127 , erede dell'ormai obsoleta Fiat 850 (che rimase comunque un altro anno a listino nelle versioni coupé , che nel 1971 stesso ricevette un aggiornamento, e altri due anni in versione spider ) e dotata di un pianale moderno con schema "tutto avanti" che garantì al modello un enorme successo, culminato nel premio Auto dell'anno 1972 e nel milione di esemplari venduti dall'esordio alla fine del 1974 .

Il 1972 portò contemporaneamente nuovi modelli in vari segmenti di mercato, innanzitutto quello delle vetture da città, con la nuova Fiat 126 che rileva la 500 (che rimase comunque in produzione nella versione R, abbreviazione di "Rinnovata"), quello delle berline di fascia medio-alta con la Fiat 132 (erede della vecchia 125 , fu la prima auto del marchio a essere in parte assemblata da robot) e quello delle autovetture sportive con la roadster Fiat X1/9 (progettata e costruita da Bertone , è ricordata come la prima e unica auto del costruttore torinese a motore centrale posteriore) che rimpiazza la vecchia 850 Spider . Altre novità interessarono l'intera gamma 124, oggetto di aggiornamenti estetici e motoristici, e la berlina compatta 128 , ma nello stesso anno uscirono dai listini due sportive: la piccola 850 Coupé (sostituita dalla 128 Coupé ) e soprattutto la più grande Dino , sportiva frutto di un accordo stipulato nel decennio precedente con la Ferrari ea oggi unico esempio di supercar a marchio FIAT.

La berlina media Fiat 131 , lanciata nel 1974 , è uno dei prodotti più importanti del marchio negli anni settanta ed è ricordata anche per i suoi successi nei rally con il nome di Fiat 131 Abarth Rally

Dopo un 1973 privo di novità di sorta ma caratterizzato da una pesantissima crisi petrolifera, in cui uscirono di produzione sia la 850 Spider sia la prima serie di Campagnola , nacque nel 1974 la sostituta della berlina media 124 , la nuova Fiat 131 , assemblata nello stabilimento di Mirafiori con l'uso di nuove tecnologie in parte robotizzate e ricordata anche per i suoi trascorsi nei rally. Lo stesso anno vede inoltre l'esordio dell'utilitaria Fiat 133 , un prodotto poco riuscito e basato sul vecchio pianale della 850 inserito a metà fra la piccola 126 e la più grande 127 venduto solo all'estero (soprattutto in Spagna e Argentina ), di un restyling per la berlina medio-alta 132 e l'esordio della seconda generazione del fuoristrada Campagnola .

Il 1975 vede l'entrata in commercio della nuova 128 3P , versione aggiornata con portellone posteriore della 128 Coupé , ma vede anche l'uscita dal listino della sportiva 124 Coupé (che avrà un'erede solo negli anni novanta ), della 124 Spider nel Vecchio Continente (l'auto rimane comunque a listino in Nord America , suo principale mercato, col nome di Fiat Spider fino al 1981 ) e soprattutto della celebre Nuova 500 , che abbandona le linee di produzione il 1ºagosto del 1975 dopo diciott'anni di carriera e quasi quattro milioni di esemplari prodotti (contando solo le berline a marchio FIAT). Nell' anno seguente , invece, esce di listino la versione berlina dell'ammiraglia 130 che a causa dello scarso successo non riceve alcun'erede, arrivano degli aggiornamenti sia per la piccola 126 sia per la più grande 128 , il furgone 850T viene sostituito dalla sua evoluzione 900T , viene lanciata in serie limitata di soli 400 esemplari la versione stradale della 131 Abarth Rally e inizia la produzione in Brasile della 147 , versione adattata al mercato brasiliano della 127 che è ricordata per essere la prima autovettura al mondo a essere alimentata sia a benzina sia a etanolo. Nel 1977 arrivano degli aggiornamenti sia per l'utilitaria 127 (ora disponibile anche in versione sportiva e in versione furgonata, che prende il nome di Fiorino ) sia per la berlina 132 , e abbandona il mercato la 130 Coupé , unica esponente della gamma 130 ancora a listino.

La berlina media Fiat Ritmo del 1978 è celebre per il suo stile di rottura e per essere la prima compatta FIAT con carrozzeria hatchback

Nel 1978 entrò in produzione la Fiat Ritmo , erede della 128 (che non viene però rimpiazzata totalmente, dato che rimane a listino fino al 1985 ) caratterizzata da un corpo vettura a due volumi che si distaccava notevolmente nelle linee da tutta la produzione precedente e che aveva la caratteristica curiosa di dover essere stata messa sul mercato dei paesi anglofoni come Fiat Strada, a causa del significato del nome, che, nello slang inglese, sta a significare ciclo mestruale . Lo stesso anno vede arrivare delle novità per la berlina media 131 , che guadagna fra le altre novità i propulsori a gasolio (che nello stesso anno entrano anche a far parte della gamma dell'ammiraglia 132 ) e per la roadster X1/9 . Infine, nel 1979 anche la Campagnola guadagna i propulsori a gasolio, di produzione SOFIM come quelli delle berline.

Per quanto riguarda i telai, negli anni settanta FIAT è interessata da un processo di rivoluzione che porta alla ribalta la trazione anteriore nel settore delle berline compatte e delle utilitarie, soluzione che nel corso degli anni diverrà sempre più diffusa nel mondo dell'automobile. Nello stesso periodo, inoltre, viene lanciata l'unica vettura con motore centrale posteriore mai prodotta da FIAT, ossia la X1/9 . In ambito motoristico, invece, il costruttore torinese punta fortemente sui motori benzina di progettazione Giacosa e Lampredi ; i primi, i cui esponenti più celebri erano il bicilindrico della 500 e il Serie 100 , vennero montati soprattutto sulle utilitarie, mentre i secondi, di cui facevano parte fra gli altri i bialbero Lampredi , ebbero applicazione soprattutto nella fascia media e alta del mercato. Nella fine del decennio, inoltre, FIAT inizia a tenere in considerazione anche l'impiego di propulsori a gasolio di produzione SOFIM, soprattutto nel settore dell'alto di gamma, per contrastare l'offerta dei rivali tedeschi e francesi.

Modelli anni ottanta

La Fiat Panda , vettura da città introdotta nel 1980, è ancora oggi un modello fondamentale per il marchio FIAT in Europa

Negli anni ottanta la gamma FIAT venne completamente rivisitata, accogliendo numerosi nuovi modelli che ai loro tempi hanno portato in dote delle innovazioni e delle qualità notevoli per le fasce di mercato di appartenenza. Alcuni di questi modelli sono ancora oggi presenti nella gamma del marchio torinese per via del successo avuto nel tempo. In questo periodo il gruppo torinese attraversava una fase molto positiva: le vendite dei marchi Fiat, Lancia e Autobianchi erano molto elevate e il gruppo FIAT divenne il maggior produttore di automobili europeo e il quinto più grande al mondo. Ai marchi già citati si aggiunse poi Alfa Romeo, che fu acquistata dall'IRI nel 1986 per via della situazione disastrosa in cui versava la casa del Biscione, mentre quattro anni prima SEAT (azienda automobilistica spagnola i cui azionisti erano il governo spagnolo e FIAT, la quale deteneva una minoranza del capitale) interruppe la cooperazione con il gruppo torinese a causa di varie discussioni inerenti la volontà del governo spagnolo di un aumento di capitale da parte del gruppo FIAT, che rifiutò l'offerta. L'espansione globale del gruppo torinese, iniziata negli anni settanta, continuò con successo anche nel decennio successivo: FIAT abbandonò il mercato nordamericano (tradizionalmente ostico per il gruppo) nel 1982 ma continuò a investire con ottimi riscontri su altri mercati, soprattutto in Sud America (e, in particolare, in Brasile).

Per quanto riguarda i modelli prodotti, nel 1980 esordirono l'aggiornamento del 900T Panorama (che prese il nome di 900E), le 127 5 porte, Diesel (127 D, su base 147 e dotata di un innovativo propulsore da 1301 cm³) e giardinetta (127 Panorama, anch'essa su base 147, sostituisce la 128 Familiare), ma soprattutto la Panda: la nuova utilitaria, posta a metà tra la 126 e la 127 nella gamma FIAT sostituiva (ove presente) la 133, che rimase sul mercato fino al 1982. Caratterizzata da una notevole abitabilità per il segmento e da una notevole robustezza, nonché da prezzi concorrenziali, questo modello sarà uno dei pilastri del marchio del Lingotto sino ai giorni nostri. L'anno seguente, invece, esordì la nuova ammiraglia FIAT, la Argenta, che in realtà era un restyling molto profondo della 132 e fu un insuccesso commerciale, salutando i listini solo quattro anni più tardi. Nello stesso anno arrivarono dei restyling anche per la 127 e per la 131.

La Fiat Uno è il prodotto più importante della gamma FIAT negli anni ottanta ed è anche l'auto più venduta nella storia del marchio torinese, avendo avuto buoni riscontri commerciali in tutti i mercati ove è stata commercializzata

Nel 1982, invece, oltre al restyling della Ritmo e alla nuova Panda Super (che inaugurò il nuovo family feeling del marchio, che metteva in evidenza le cinque barre cromate del logo FIAT), è da segnalare che le due spider X1/9 e 124 Spider uscirono dalla gamma FIAT per essere prodotte dai carrozzieri che le avevano disegnate, rispettivamente Bertone e Pininfarina. Di ben altro registro fu il 1983 , anno in cui esordì la nuova Fiat Uno ( design di Giugiaro), degna erede della Fiat 127 (che rimase a listino fino al 1987 nelle versioni Unificata, Diesel e Panorama introdotte nello stesso anno) e che sarà poi premiata come Auto dell'anno 1984: è la prima autovettura della casa a montare uno dei motori più apprezzati della casa torinese, il FIRE 1000 , prodotto dal 1985 negli stabilimenti di Termoli che è a tutt'oggi il modello FIAT che vanta, in tutte le sue varianti, il più grande numero di esemplari costruiti: sono oltre 8 000 000 le Uno prodotte dal 1983 al 2013. Lo stesso anno vide l'esordio della Regata, nuova berlina media a trazione anteriore derivata dalla Ritmo, che sostituì la 131 a trazione posteriore (quest'ultima rimase a listino con alcune modifiche fino al 1985 nella versione wagon denominata 131 Maratea), della Panda 4x4 (primo esempio di piccola vettura a motore trasversale a presentare un sistema 4WD) e di aggiornamenti per Argenta e 126. Infine è da ricordare la fine della produzione della 128, una delle vetture più significative della storia FIAT.

Il 1985 fu l'anno in cui vede la luce l'ammiraglia Croma ( design di Giorgetto Giugiaro ), che sostituì la Argenta ed era frutto della collaborazione tra le aziende del gruppo e la svedese SAAB le quali, utilizzando la stessa meccanica (progetto Tipo Quattro), diedero luce contemporaneamente alle varie Lancia Thema (1984-1994), Alfa Romeo 164 ( design di Pininfarina , 1987-1998) e Saab 9000 (1985-1998). A differenza dell'antenata, la Croma riscosse un maggiore riscontro commerciale. Nel 1985 esordirono inoltre la Regata Weekend (che sostituì la 131 familiare), un ulteriore aggiornamento per la Ritmo e la 126 Made by FSM . L'anno seguente invece vennero aggiornate la citycar Panda e la berlina media Regata, e uscì dal listino il 900E Panorama. Anche il 1987 non previde grandi novità per la gamma FIAT, che perse la gamma 127 e il fuoristrada Campagnola ma vide l'esordio della 126 BIS (ultima evoluzione della 126, dotata di motore a sogliola e bagagliaio posteriore) e della Duna (versione europea delle Fiat Prêmio ed Elba brasiliane, rispettivamente le versioni tre volumi e giardinetta della Uno brasiliana), quest'ultima poco venduta perché caratterizzata da un aspetto sgraziato e da motori fiacchi.

La Tipo è stata una compatta innovativa per i suoi tempi e il suo pianale è stato usato, con vari adattamenti, da vari progetti del gruppo FIAT sino ai primi anni 2010

Nel 1988 esordì la Fiat Tipo , che sostituì, nel campo delle berline a 2 volumi di media cilindrata, la Fiat Ritmo e venne poi eletta Auto dell'anno 1989, per la linea moderna ei contenuti innovativi (su tutti, la zincatura completa della carrozzeria e la strumentazione digitale presente su alcune versioni), mentre l'anno seguente fu caratterizzato dagli aggiornamenti dell'ammiraglia Croma, della piccola berlina Duna e soprattutto dell'utilitaria Uno, che fu profondamente ridisegnata per somigliare maggiormente alla Tipo (da cui il soprannome Tipino che fu attribuito alla seconda serie dell'utilitaria italiana).

Negli anni ottanta la FIAT rinnovò la propria gamma di motorizzazioni (soprattutto a benzina) presentando alcuni motori particolarmente innovativi, su tutti i motori FIRE che furono presentati nel 1985 sotto il cofano dell'Autobianchi Y10 e tutt'oggi usati, con varie modifiche, dalle citycar FCA. Questi motori hanno sostituito gradualmente i vecchi motori della Serie 100, montati per la prima volta nella 600 del 1955, ma per avere la sostituzione completa dei motori FIRE con i Serie 100 si è dovuto attendere il 2000. Nelle fasce di mercato più alte FIAT ha fatto uso di motori di progettazione Lampredi, in particolare motori brasiliani (famiglia FIASA) e motori bialbero (noti anche come bialbero Lampredi), senza dimenticare soluzioni innovative quali il compressore volumetrico delle 131 Volumetrico Abarth e Argenta SX/VX o l'innovativo sistema Energy Saving delle Uno e Regata ES (ES sta proprio per Energy Saving), che in pratica si può considerare come un sistema start&stop ante litteram . Anche nei motori a gasolio la FIAT ha creato delle soluzioni moderne e innovative, come il propulsore da 1301 cm³ della gamma 127 (e poi anche Panda e Uno, su cui fu installata anche una versione turbocompressa di questo motore), ai tempi della sua introduzione il motore Diesel di più piccola cilindrata al mondo oppure il primo propulsore 2.000 turbodiesel a iniezione diretta montato su una vettura di grande serie, che ha fatto il suo esordio nel 1988 sotto il cofano della Croma TD id

Modelli anni novanta

Un esemplare della prima serie di Fiat Punto , una delle automobili più vendute e importanti della gamma FIAT negli anni novanta, prodotta anche in versione cabriolet e sportiva

Gli anni novanta sono caratterizzati dall'arrivo di nuovi modelli più moderni e rispettosi delle normative antinquinamento (nel 1993 fanno infatti il loro esordio le normative Euro 1, quelle Euro 2 esordirono tre anni dopo) e di sicurezza (con la creazione dell'Euro NCAP, nel 1997, che favorì in Europa la diffusione di sistemi di sicurezza come gli airbag e l'ABS). Tra i nuovi modelli ce ne furono alcuni innovativi e che segnarono l'esordio del marchio in nuovi settori di mercato, mentre altri segnarono il ritorno in fasce di mercato abbandonate in passato, così come altri modelli abbandonarono il mercato senza venire sostituiti da modelli analoghi. Gli anni novanta sancirono la volontà del gruppo FIAT di espandersi in tutto il mondo (che vide la sua realizzazione nel progetto 178), ma questi furono anche gli anni in cui iniziò una forte crisi che si aggravò ulteriormente agli inizi del nuovo millennio, sboccando poi nella breve alleanza con General Motors e nel periodo di forti tagli alle attività del gruppo, che si focalizzò sulle attività auto-motoristiche.

Il primo nuovo prodotto lanciato nel nuovo decennio fu, nel 1990, la Fiat Tempra, una berlina media derivata dall'apprezzata Fiat Tipo e che vendette bene fino al 1997 (fuori dall'Europa restò a listino sino al 2000) per via delle sue doti di robustezza, praticità e tecnologia. L'anno successivo la novità più importante fu la Fiat Cinquecento , vettura da città che sostituì alla base della gamma Fiat la vetusta 126 (non in Polonia, dove la 126 rimase in produzione fino al 2000 affiancandosi alle sue eredi) e che divenne nota anche come mini-rally car . Nello stesso anno esordirono poi degli aggiornamenti estetici anche per Panda e Croma, entrambe ispirate dal family feeling introdotto nel 1988 dalla Tipo.

Dopo un 1992 senza particolari novità il 1993 vide innanzitutto il completamento dell'adeguamento alle normative Euro 1 di tutta la gamma della casa del Lingotto iniziato l'anno prima, che comportò la revisione della gamma di motorizzazioni di ogni modello. Successivamente vennero aggiornate esteticamente la piccola Cinquecento, le berline medie Tipo e Tempra e l'ammiraglia Croma, ma la novità più rappresentativa dell'anno fu l'utilitaria Punto , che sostituì la Uno, caratterizzata da una linea innovativa e da contenuti raffinati che garantirono ottimi riscontri sul mercato europeo, culminati con la conquista del premio di Auto dell'anno nel 1995. Nello stesso anno infine esordì la Coupé , prima automobile coupé del marchio FIAT dai tempi della 128 Coupé (uscita di produzione nel 1980), caratterizzata da un aspetto originale e dotata di un motore da 2000 cm³ benzina sia sovralimentato (turbo) sia aspirato a 4 cilindri, sostituito nella seconda serie da un 1.8 4 cilindri 16 valvole e da un 2.0 5 cilindri 20 valvole, sia sovralimentato sia aspirato. La Coupé è tuttora la FIAT più veloce mai prodotta (la sua versione Turbo 20V Limited Edition toccava quota 252 km/h).

La Fiat Palio , lanciata in Brasile nel 1996 , è una world-car figlia del progetto 178 ed è stata venduta in Europa soprattutto in versione giardinetta Weekend (in foto)

Il 1994 fu un anno caratterizzato da due novità assolute per il marchio: nel mese di giugno esordirono la versione cabriolet della Punto e il grande monovolume Ulysse del 1994, che fu prodotto in collaborazione con il gruppo francese PSA (anche come Lancia Z, Peugeot 806 e Citroen Evasion) fino al 2002 nell'ambito del progetto Eurovan (progetto a sua volta parte dell'accordo tra i gruppi PSA e FIAT noto come SEVEL). L'anno seguente invece la Uno uscì di produzione ed esordì la Fiat Barchetta , autovettura spider con motore 1.8 disegnata da Andreas Zapatinas , che sancì il ritorno della FIAT nel settore delle spider (dove mancava dall'uscita di produzione della X1/9 del 1982) e riscosse un buon successo perché economica e affidabile. Vi fu inoltre il lancio delle nuove Fiat Bravo/Brava , compatte, caratterizzate da una linea moderna e innovativa che sostituirono la Tipo e ricevettero il premio di Auto dell'anno nel 1996. Da esse derivò poi la Fiat Marea del 1996, erede della Tempra e prima FIAT con alimentazione bifuel benzina-metano. Nello stesso anno uscì di scena l'ultima ammiraglia del marchio, la Croma (che aveva subito un facelift l'anno prima assieme alla Cinquecento) senza venire sostituita da una nuova vettura di analoghe caratteristiche.

Proprio nel 1996 fece il suo esordio in Brasile la Palio , prima vera world-car (auto destinata ai mercati di tutto il mondo) prodotta dal marchio FIAT. Caratterizzata da linee semplici, da motori robusti e da interni spaziosi, la Palio diede vita a una serie di vetture destinate a vari segmenti di mercato: dalla Palio berlina 3 o 5 porte derivarono poi le versioni Giardinetta (Palio Weekend), berlina tre volumi ( Siena ) e pick-up ( Strada ). Successivamente vennero prodotte dalla Palio anche la Albea , una particolare versione della Siena dal posteriore inedito destinata al mercato europeo, e la Perla , una berlina destinata al solo mercato cinese. I veicoli derivati dal progetto 178 furono prodotti nelle fabbriche FIAT di tutto il mondo: dapprima in Brasile e poi in Argentina , Venezuela , Egitto , Polonia , Turchia , Russia , Marocco , India (in joint venture con Tata Motors), Cina (in cooperazione con Nanjing Group, nella joint venture Nanjing-FIAT) e Sudafrica (nella fabbrica Nissan di Rosslyn). Nel 2019 alcuni di questi veicoli sono ancora in produzione.

La Multipla del 1998 è stata una delle automobili più innovative e originali prodotte dalla FIAT negli ultimi anni. È stata prodotta in due serie fino al 2010 con motorizzazioni benzina, Diesel, metano, bifuel benzina-metano e bifuel benzina-GPL.

Nel 1997 oltre agli aggiornamenti per Panda e Punto, giunse in Europa la Fiat Palio Weekend , versione giardinetta dell'utilitaria Fiat Palio presentata in Brasile l'anno prima. In alcuni Paesi dell'Est Europa arrivò inoltre la Fiat Siena, versione a tre volumi della Palio. L'anno successivo venne lanciata la Fiat Seicento nel 1998 , erede della Cinquecento di cui conservava il disegno generale; è stata prodotta fino al 2010 e ha subito un aggiornamento estetico nel 2005, in questa data la casa ha anche cambiato la denominazione del modello in Fiat 600 (numerica) per festeggiare i 50 anni dell'omonima antenata. Oltre alla Seicento arrivò la monovolume compatta Multipla , che riprese il nome della 600 Multipla, monovolume media con sei posti e dimensioni quasi da utilitaria, che riscosse un buon successo nonostante le linee molto particolari. Lo stesso anno vide inoltre aggiornamenti per Ulysse, Bravo e Brava. Nel 1999 venne lanciata, in occasione del centesimo anniversario del marchio (che diede un nuovo logo ispirato a quelli passati), la seconda serie della Punto , frutto del progetto 188. Quest'auto ha avuto grande successo, tant'è che è stata prodotta fino alla fine del 2010 in parallelo alla sua erede, la Grande Punto, ed è stata inoltre prodotta in Serbia su licenza Zastava a nome "Zastava 10" prima e poi come Fiat Punto Classic. Oltre alla nuova Punto il 1999 portò all'esordio europeo le versioni berlina della Palio, che non riscossero però il successo della versione wagon .

Questi modelli erano caratterizzati dalla presenza di varie motorizzazioni a benzina (in particolare motori delle famiglie FIRE e Pratola Serra, anche se vi erano anche altri motori come i Serie 100 sulle citycar , i Lampredi ei Busso V6 sulle vetture di fascia alta e infine i motori di progettazione PSA, montati sul monovolume Ulysse) ea gasolio (motori aspirati e sovralimentati, tra cui il 1.9 td id della Croma e gli innovativi motori con iniettori common rail 1.9 JTD prodotti dalla fine degli anni novanta). Oltre ai motori convenzionali, il marchio FIAT è stato all'avanguardia nel proporre automobili con propulsori ad alimentazione alternativa, in particolare con alimentazione a metano (Marea e soprattutto Multipla, che è nota proprio grazie alle versioni ad alimentazione alternativa) ottenuti partendo dal 1.6 Torque e realizzati in versione monofuel (per la Multipla Blupower) e bifuel benzina-metano (per le Marea e Multipla Bipower). E infine non va sottovalutata la presenza di modelli con motore elettrico, basati sulle vetture da città del gruppo (Panda, Cinquecento e infine Seicento) e distinte dal marchio Elettra. Le elettriche FIAT per via dei prezzi molto alti, della scarsa autonomia, della scarsa capillarità della rete di ricarica e dei vincoli progettuali dovuti all'impiego delle batterie (bagagliaio quasi azzerato e omologazione per soli due posti a sedere, problemi risolti solo con la Seicento Elettra del 1998) non hanno avuto un buon successo e sono state comprate perlopiù da enti pubblici.

Modelli anni 2000

Uno dei primi Fiat Doblò

Gli anni 2000 non iniziarono nel migliore dei modi per il gruppo FIAT, che soffrì infatti di una forte crisi economica già iniziata nel decennio precedente . Il costruttore cercò poi un'alleanza con il gruppo americano General Motors , la quale verrà poi sciolta cinque anni dopo con entrambi i gruppi automobilistici in forte crisi. Gli effetti di questa crisi del gruppo FIAT e dell'alleanza con GM si ripercossero anche sul marchio principe del gruppo, il "generalista" FIAT, che era infatti colpita da un forte calo delle vendite di tutti i suoi modelli, dovuto anche all'avanzare dei concorrenti, anche e soprattutto (tra fine anni novanta e inizio anni 2000) giapponesi: basti pensare che, se nel 1982 FIAT aveva il 60% del mercato italiano, vent'anni dopo ne aveva solo il 33%, ma anche ai forti cali di vendite e di produzione in Europa e anche nel resto del mondo. Al tempo stesso, FIAT lanciò alcuni modelli prodotti su pianali GM e usò, su alcuni modelli, anche alcuni motori del costruttore americano, cui poi FIAT fece usare anche suoi pianali e alcuni suoi motori (in particolare, gli apprezzati Diesel Multijet ).

Fiat Stilo Versione 3 porte

Per quanto riguarda i modelli prodotti, degna di nota è la fine della produzione della sportiva Coupé (che non fu sostituita da alcun modello) e della citycar 126 per il mercato polacco, ma nello stesso anno, oltre agli aggiornamenti di Panda , Seicento , Multipla , Ulysse e Marea , esordì il nuovo multispazio Doblò . Questo modello, basato sul pianale della Punto di prima generazione, è stato creato per competere con i francesi Renault Kangoo, Citroen Berlingo e Peugeot Partner/Ranch, iniziatori del segmento dei multispazio. Il veicolo è ancora disponibile in America Latina ed è stato ristilizzato nel 2009, subendo le stesse modifiche effettuate sulla versione europea quattro anni prima.

Nell'autunno del 2001, esordì la Stilo , una nuova compatta creata per fare concorrenza a Peugeot 307, Volkswagen Golf e Ford Focus. L'automobile, che nel 2002 arrivò terza al premio "Auto dell'anno", non nasce in un periodo roseo per il gruppo, tant'è che, malgrado un discreto successo, costò a FIAT 2,10 miliardi di Euro di perdita, pagando anche il prezzo di impiegare una moltitudine di innovazioni elettroniche e tecnologiche che, specie nelle prime produzioni, comportarono la necessità di modifiche e migliorie da parte di FIAT per migliorarne l'affidabilità.

Fiat Stilo Versione Multiwagon commercializzata nell'autunno del 2002 in sostituzione della Marea. Con la sua abitabilità e versatilità ha risollevato le vendite dell'innovativa "media" torinese affiancandosi alle versioni 3 porte e 5 porte già in commercio dall'autunno del 2001

Nel 2002, invece, esordirono la piccola berlina Albea (su base Palio), il grande monovolume Ulysse su pianale del gruppo PSA. Nell'autunno del 2002 esordisce inoltre la Stilo Multiwagon, in sostituzione alla Marea Weekend, che venne così eliminata dai listini europei.

Il 2003 fu, invece, un anno ricco di novità: vennero infatti lanciati il facelift della Punto, la cosiddetta Punto "fanalona" che si adeguò al nuovo family-feeling del marchio, la nuova versione della citycar Panda , che adottò un pianale completamente nuovo, le cinque porte e una carrozzeria da monovolume che, con i contenuti rivoluzionari per l'epoca, venne eletta Auto dell'anno nel 2004, e la monovolume Idea , che nei listini del marchio sostituì la Palio Weekend e si presentò come la prima piccola monovolume del marchio, grazie alle dimensioni inferiori ai 4 metri, senza dimenticare gli aggiornamenti di Stilo e Barchetta.

Un esemplare della Grande Punto , prima utilitaria a superare i 4 metri di lunghezza

Dopo un 2004 con poche novità ( restyling per Multipla, Seicento e Panda 4x4), il 2005 fu caratterizzato dall'arrivo di molte novità. Prima di tutto, il 2005 fu l'anno del ritorno del marchio FIAT nel segmento D, con la crossover (ibrido tra giardinetta e monovolume) Croma, realizzata sulla base GM Epsilon I già usata dalle Opel Vectra e Signum, da cui riprese poi anche alcuni propulsori; la 600, cambio di nome della Seicento che portava in dote anche dei nuovi allestimenti e dei dettagli vintage ; la Grande Punto, nuova utilitaria caratterizzata dalla firma dell'Italdesign di Giorgetto Giugiaro nell'estetica, e da un nuovo pianale modulare che venne poi utilizzato sino a oggi su numerosi modelli del gruppo FIAT e anche della GM, senza dimenticare il fatto che la Grande Punto fu una delle prime utilitarie a superare i 4 metri di lunghezza: è per questo che la vecchia Punto rimase a listino; infine, esordirono la Panda Cross, una Panda 4x4 evoluta e ancora più adatta al fuoristrada, e il Sedici, il primo crossover SUV del marchio torinese, che altro non è se non un rebadging del Suzuki SX4. Nel 2005, inoltre, uscì un restyling anche per il Doblò e la Stilo adottò, al posto del vecchio 1.6 Torque, un 1.6 della famiglia di motori Family I prodotta da General Motors e la Barchetta uscì di produzione senza avere erede diretta fino al 2016.

Nel 2006 esordì, tra le altre novità, il nuovo logo FIAT a sfondo rosso, che richiama i loghi FIAT d'antan , mentre il 2007 vide l'arrivo graduale del nuovo logo su tutte le auto, ma anche di aggiornamenti di auto già a listino e nuovi modelli: il primo fu la Bravo, compatta dotata sin da subito dei nuovi loghi e incaricata di riscattare l'insuccesso della Stilo, che rimase in listino nella versione Multiwagon sino al 2008. Successivamente esordì la Punto Classic, una Punto seconda serie aggiornata con un maquillage per affiancarsi come alternativa più economica alla Grande Punto; il restyling della Croma, che ora adottava un frontale ispirato alla sorella minore Bravo; la Linea, una berlina 3 volumi derivata dalla Grande Punto che sostituisce la Marea e che venne venduta solo in alcuni mercati europei (tra cui non figurava l'Italia), ma soprattutto la 500, una citycar dalle linee retrò ispirate all'antenata del 1957 che sostituì la 600 (in parte, dato che quest'ultima sarà disponibile fino al 2010) e che nacque dal pianale della Panda, da cui riprese anche molte motorizzazioni. L'automobile, che fu presentata il 4 luglio 2007 a cinquant'anni esatti dalla celebre Nuova 500, ricevette sin da subito un'ottima accoglienza da parte del pubblico e fu anche eletta Auto dell'anno 2008.

La 500 del 2007 di fianco a una 500F. La 500 del 2007 è stata uno dei più grandi successi della FIAT negli anni 2000

Sempre nel 2007 alcune sportive del marchio Fiat vennero riaccorpate nel rinato marchio Abarth, che commercializzò prima la Grande Punto Abarth, versione sportiva della Grande Punto, dotata dei nuovi motori T-Jet, e l'anno dopo anche la 500 Abarth, versione sportiva della 500.

Nel 2008, invece, esordisce il nuovo logo anche sui modelli che non ne erano dotati e anche il nuovo piccolo multispazio Qubo, dalle dimensioni inferiori ai 4 metri, mentre la Stilo Multiwagon uscì dai listini senza essere sostituita nell'immediato. Nel 2009, invece, esordirono le versioni a GPL di alcuni modelli del marchio e vennero presentate la 500C, versione decappottabile dell'amata citycar italiana, la seconda serie del Doblò, caratterizzata da linee più filanti e simili più a quelle di un monovolume che a quelle di un furgone, il restyling della Sedici e la Punto Evo, deciso restyling della Grande Punto, che portò in dote un nuovo paraurti con fascioni in colore a contrasto, dei nuovi fari e degli interni completamente ridisegnati. Con la Punto Evo esordirono, tra l'altro, anche i nuovi motori Multiair.

Negli anni 2000 FIAT puntò, oltre che sui motori a benzina (con i celebri FIRE, i nuovi motori turbobenzina T-JET ei nuovi motori con sistema di controllo dell'apertura delle valvole Multiair) ea gasolio (motori common-rail JTD prima e Multijet poi, a 4 e 5 cilindri con svariate cilindrate), anche sui modelli ad alimentazioni alternative, in particolare il GPL (su modelli come Panda, Idea, Punto Classic e, prima ancora, Multipla) e il metano (basti pensare, ad esempio, alle Panda e Punto Natural Power, alle Multipla BluPower solo a metano e alla bifuel Natural Power, prima nota come BiPower).

Modelli anni 2010

La Fiat Freemont è il primo D-SUV del Lingotto e anche uno dei primi esempi di prodotti nati in seguito alla formazione del gruppo FIAT-Chrysler

A cavallo tra gli anni 2000 e gli anni 2010 il mercato mondiale ha sofferto una fortissima crisi economica , che si è ripercossa anche nel mercato dell'automobile e sul neonato gruppo FIAT-Chrysler , nato nel 2009 in seguito all'acquisizione del 20% del pacchetto aziendale di Chrysler da parte del gruppo FIAT . Gli effetti di questa acquisizione si fecero vedere nel giro di pochi anni: tra questi, vi fu il lancio di modelli su pianali e carrozzerie americane e il ritorno, dopo 27 anni, del marchio FIAT in Nordamerica nel 2010.

Nel 2010 , infatti, oltre al maquillage della Bravo (che portò in dote i nuovi motori Multiair ), esordirono degli aggiornamenti anche per Punto Classic , Panda , Idea (tutte ricevettero dei nuovi specchietti, in ossequio alle nuove normative europee), ma la novità più importante fu il ritorno della FIAT in Nordamerica , che avvenne grazie alla citycar 500 , profondamente rivista per le normative locali e dotata di nuovi motori 1.4 Multiair, sia aspirati sia sovralimentati. Tra il 2010 e il 2011 , invece, sul mercato europeo la gamma venne fortemente ridotta, a causa dell'uscita dalla produzione di ben cinque modelli: la citycar 600 , i monovolume Multipla e Ulysse , la crossover Croma e l'utilitaria Punto classic . Nel 2011 , invece, esordì il D-SUV Freemont , che sostituì nei listini Ulysse e Croma: il veicolo, basato sul Dodge Journey aggiornato con una caratterizzazione estetica diversa e degli interni profondamente riprogettati, ottenne un buon successo soprattutto nei primi anni. Ma il 2011 fu anche l'anno della nuova Panda , che evolvette le linee riuscite del modello precedente nel segno dello squircle e ritornò a essere prodotta in Italia (a Pomigliano d'Arco ). Il vecchio modello, comunque, rimase a listino con una gamma ridotta fino alla fine dell'anno seguente sotto il nome di Panda Classic .

Nel 2012 , invece, esordirono aggiornamenti per la Linea (ove venduta), per la Sedici e per la Punto Evo (ora ribattezzata Punto 2012 , per semplicità Punto, e sostituì anche la Grande Punto ), ma la novità più importante fu la 500L , nuovo monovolume di segmento B che sostituì nei listini sia la Fiat Idea , sia la più costosa Lancia Musa . Il veicolo, realizzato su una profonda evoluzione del pianale della Grande Punto, dimostrò la volontà della FIAT di voler ampliare la gamma 500 in altri segmenti, sfruttando il successo della sua best-seller . La 500L l'anno seguente arrivò anche nel Nordamerica in versione leggermente rivista. Infine, il 2012 portò all'esordio le nuove Panda 4X4 ea doppia alimentazione (benzina-GPL, Easypower, e benzina-metano, Natural power )

La Fiat Tipo (2015) 5 porte (in alto) e la Fiat 124 Spider (in basso), modelli esemplari della divisione della gamma FIAT in due anime: rational ed emotional

Dopo un 2013 senza novità di sorta (esordio delle versioni Trekking , più avventurosa, e Living , più lunga e capiente con anche 7 posti) della 500L , il 2014 vide l'uscita dai listini di Bravo e Sedici , che non avevano mai avuto grande riscontro commerciale, e l'esordio delle nuove Panda e Freemont Cross e del Doblò restyling , ma soprattutto del B-SUV 500X , nato dal pianale di FIAT 500L e Jeep Renegade , che porta le linee tipiche della gamma 500 anche nel settore dei piccoli SUV, confermando l'espansione della sottomarca 500 in altre fasce di mercato. Il veicolo arrivò anche in Nordamerica l'anno dopo, dove ricevette il prestigioso riconoscimento IIHS Top Safety Pick+ 2015 per la sua sicurezza. Nel 2014 è nato, tra l'altro, il piano industriale FCA 2014-2018 ( FCA in seguito alla totale acquisizione di Chrysler da parte della FIAT ) e la gamma FIAT si divide in due parti: una gamma rational , improntata sui prezzi più bassi rispetto alla media e alla maggiore praticità (modelli che fanno parte di questa gamma sono, ad esempio, Panda, Punto e Doblò) e la gamma emotional , improntata su prezzi più elevati ea una maggiore ricercatezza (ad esempio, la 500 e la 500X fanno parte di questa gamma). Proprio della gamma rational fa parte la ÆGEA ( Tipo al di fuori della Turchia, ove viene prodotta , Dodge Neon in Messico e negli Emirati Arabi Uniti, rebadging della versione Sedàn, cd. Tipo 4 Door), una nuova berlina di segmento C (disegnata e progettata dagli Ingegneri del Centro Stile Fiat di Torino, al termine di un faticoso lavoro triennale) svelata nel 2015 . La vettura, nella fabbrica di Bursa è semplicemente assemblata (meccanica e motori sono, infatti, italiani), e da lì viene distribuita e venduta in oltre 40 Paesi del mondo sostituendo nella sua versione a tre volumi la Linea , nella versione hatchback (lanciata nel 2016 ) la compatta Bravo e nella versione wagon (anch'essa lanciata nel 2016) la vecchia Stilo Multiwagon . Nel mese di novembre 2020, in appena quattro anni di commercializzazione, la Fiat nuova Tipo (che si era già aggiudicata il premio di "Best-buy Car of the Year in Europe" a Autobest 2016), ha raggiunto il traguardo ragguardevole e significativo di 670 000 unità prodotte e vendute in tutto il mondo; tale traguardo ha fatto della ammiraglia Fiat una world car , essendo la Tipo la seconda vettura più globale del marchio Fiat, con il 70% delle vendite al di fuori dell'Italia. Sempre nel 2015 esordirono il primo facelift dopo 8 anni di carriera per la 500 e la 124 Spider , vettura che si ispira alla 124 Spider anni '60 e che venne realizzata sulla base della Mazda MX-5 . Presentata al Salone di Los Angeles, l'auto entrò in vendita l'anno seguente.

A partire dal 2016 , fatta eccezione per il pick-up Fullback su base Mitsubishi L200 (non venduto nei normali listini FIAT italiani a causa delle normative stringenti, bensì nei listini FIAT Professional ) lanciato nello stesso anno, la gamma FIAT europea non vide più l'arrivo di nuovi modelli, ma solo di restyling , allestimenti e serie speciali. Nel 2016 , infatti, il Qubo venne ristilizzato con un nuovo frontale, una nuova coda e delle piccole modifiche agli interni, mentre l'anno dopo un restyling più sostanzioso spettò alla 500L , che si aggiornò sia all'esterno sia all'interno seguendo la 500 ristilizzata nel 2015 e vide l'arrivo delle nuove versioni Cross (che sostituì l'omologa Trekking) e Wagon (che sostituì l'omologa Living). Sempre nel 2016 arrivò un maquillage per la Panda e l'anno dopo esordì la Panda City Cross, che abbina a un'estetica simile alla Panda Cross la trazione solo anteriore. Per il resto, la gamma vide l'arrivo di serie speciali (ad esempio, le varie 500 Anniversario, Pandazzurri, ecc.) e allestimenti particolari come le 500, 500L e 500X Mirror (nel 2017, con Uconnect 7) e le 500X, Tipo e 124 Spider S-Design (tra il 2017 e il 2018 , con estetica sportiveggiante). Nell'agosto 2018 , invece, la Punto uscì di produzione senza alcun'erede diretta e nello stesso anno la 500X subì un facelift con il quale esordiranno i nuovi motori FireFly , mentre l'anno successivo cessa la produzione del pick-up Fullback e della sportiva 124 Spider : entrambi i veicoli erano poco venduti (il primo per via di uno scarso successo, il secondo perché appartenente a una nicchia molto ristretta) e penalizzati dalle normative antinquinamento sempre più severe. Inoltre, cessa la produzione della 500 negli USA.

Nei primi anni 2010 FIAT si è impegnata molto sia dal punto dei motori a benzina (con le evoluzioni dei sempreverdi motori FIRE , gli innovativi Twinair e Multiair ) ea gasolio ( motori Multijet ), ma non ha rinnegato i suoi investimenti nelle auto bi-fuel, sia a GPL (Easypower), che a metano ( Natural Power ). Dalla metà degli anni 2010 FIAT, a causa delle sempre più stringenti norme antinquinamento, rivide le sue politiche, eliminando i Diesel dalle vetture di fascia più bassa e puntando al contempo sia sulla riduzione dell'offerta a gasolio sia sui nuovi motori a benzina svelati in Brasile nel 2016 : i Firefly , che sostituiranno in un solo colpo i FIRE (anche T-Jet), i Twinair e anche i Multiair meno potenti (derivati a loro volta dal FIRE da 1,4 litri). FIAT, poi, aprì anche all'elettrificazione dichiarando di voler montare, per sostituire il Diesel, impianti mild hybrid da 48V sulle sue auto di piccola taglia e confermando l'impegno nei carburanti alternativi grazie anche al biometano derivato dalla depurazione delle acque reflue. Nel piano industriale del 2018 , infine, FIAT ha dichiarato di voler produrre alcuni modelli della gamma 500 in versioni a zero emissioni e di voler abbandonare i propulsori a gasolio a partire dal 2021 . Quest'ultima dichiarazione è stata poi smentita in un incontro tra FCA ei sindacati avvenuto il 29 novembre 2018 [8] . L'impegno del marchio per l'elettrificazione è stato confermato al Salone dell'automobile di Ginevra del 2019 con l'innovativo concept Centoventi e con l'annuncio dell'esordio della nuova 500 elettrica al Salone di Ginevra dell' anno seguente .

Modelli anni 2020

La 500 elettrica del 2020 è la prima elettrica prodotta globalmente dalla FIAT ed è il simbolo della svolta verde del costruttore torinese

Gli anni 2020 della FIAT e dell'intero gruppo FCA sono caratterizzati da un processo di elettrificazione della gamma prodotti che prevede un ampio portafoglio di veicoli elettrificati (ibridi di vario genere ed elettrici puri) da lanciare entro il 2022 come stabilito dal piano industriale lanciato quattro anni prima. Il processo di elettrificazione è dovuto al fatto che tutti i costruttori automobilistici che vendono in Europa sono tenuti a vendere automobili secondo un limite massimo di emissioni di CO 2 che nel corso degli anni diventa via via più stringente.

Le prime automobili a far parte del processo di elettrificazione FIAT sono le versioni ibride della 500 e della Panda, entrambe presentate all'inizio del mese di gennaio 2020 per entrare in commercio nel mese successivo. Dotate di un propulsore 1.0 FireFly da 70 CV (all'esordio europeo) abbinato a un sistema mild hybrid da 12V con sistema BSG e batteria da 11 Ah (che fornisce altri 5 CV di potenza) [9] , il tutto gestito da cambio manuale a sei rapporti, le due citycar in versione Hybrid sono le prime automobili ibride prodotte in serie dal marchio torinese, che il 4 marzo dello stesso anno svela a Milano, in seguito all'annullamento del Salone di Ginevra causa COVID-19 , la nuova generazione di 500, disponibile solo in versione a batterie, che diventa la prima elettrica globale Fiat (la precedente generazione di 500e era destinata solo agli USA e le citycar elettriche degli anni novanta erano una sorta di prototipi venduti in scarse quantità). Nel corso dell'anno viene poi completata la gamma della 500 elettrica con l'introduzione della versione chiusa e dell'inedita versione 3+1 (dotata di una porticina a vento posteriore), viene lanciato un aggiornamento significativo per la Panda ed esordisce il restyling della Tipo con un'inedita versione Cross dall'aspetto da fuoristrada. Infine, nel 2020 la gamma perde i multispazio Qubo e Doblò , che rimangono comunque in vendita come veicoli Fiat Professional .

Negli anni 2020 FIAT ha provveduto ad aggiornare la gamma di motorizzazioni tradizionali e ha impresso una forte svolta per quanto riguarda l'elettrificazione dei propri prodotti a causa delle normative europee sempre più stringenti. Per quanto riguarda le alimentazioni tradizionali, FIAT ha rinnovato completamente la gamma di motori a benzina, pensionando i vetusti FIRE (risalenti agli anni ottanta dello scorso secolo) e le loro derivazioni per lasciare spazio agli inediti motori Firefly; contemporaneamente, i propulsori a gasolio Multijet sono stati affinati per rispettare le norme antinquinamento di ultima generazione adottando sistemi di abbattimento delle emissioni come l'iniezione di AdBlue . Nel campo delle alimentazioni alternative, invece, è degno di nota l'abbandono del GPL , iniziato nel 2018 con la fine della produzione delle versioni specifiche di Punto, 500L, 500X e Tipo e conclusosi due anni dopo con la fine della produzione del 1.2 FIRE 8V , unico motore trasformato da FIAT per il GPL rimasto in commercio; d'altro canto, FIAT ha deciso di puntare con forza sull'ibrido, soprattutto di tipo mild-hybrid , e sull'elettrico puro, con la 500 elettrica che funge da apripista di una nuova famiglia di vetture elettriche [10] .

Investimenti extraeuropei

La Fiat, da molti anni ormai, si è impegnata molto fuori dalle mura italiane e anche al di là dei confini europei, ma ha trovato mercati e "gusti" molto differenti da quelli italiani. I primi esempi di fabbricazione in grande serie di autovetture all'estero da parte dell'azienda torinese risalgono agli anni ottanta , quando iniziò negli stabilimenti brasiliani la fabbricazione di una berlina piccola che ebbe uno scarsissimo successo di vendite rivelandosi un vero insuccesso sul mercato italiano una volta importata, la Duna . Nel Sudamerica invece il successo non le mancò e da quella autovettura nacque il progetto successivo, quello della Palio , un'utilitaria considerabile come una seconda erede della Uno, oltre che della Duna, che fu anch'essa importata in Italia (e venduta solo nelle prime due serie fino al 2003 ) con un successo migliore rispetto alla precedente, soprattutto nella versione familiare Weekend .

Progetto 178

Il "progetto 178" comprende una serie di vetture della stessa famiglia pressoché identiche e differenziate prevalentemente dal mercato in cui venivano distribuite. Oltre alla Palio, capostipite della famiglia che ha fatto il suo esordio in Brasile nel 1996, questa famiglia comprende anche le berline a 3 volumi Fiat Siena ( 1997 , venduta soprattutto sul suolo sudamericano) e Fiat Albea ( 2002 . destinata soprattutto al mercato dell'Est Europa).

Fanno parte del progetto 178 anche il Fiat Strada , un pick-up compatto lanciato nel 1999 e derivato dalla Palio (di cui ha seguito le evoluzioni), importato e venduto anche in Europa con discreto successo (anche perché era l'unico pick-up compatto venduto in Europa), e la Fiat Perla , aggiuntasi nel 2006 per il mercato cinese . La Perla però non ha riscontrato il successo sperato ed è stata tolta di produzione nel 2008, con le linee di montaggio che sono state vendute alla cinese Zotye .

Autocarri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiat Veicoli Industriali .

Fra i tanti autocarri prodotti dalla Fiat si può menzionare il famoso 682 ei suoi derivati (il 690, il 687, il 650, il 643, il 691, il 662, il 697, il 642, il 645, il 693 e il 684), chiamato "Re d'Africa", lanciato nel 1952 , dotato di una proverbiale affidabilità e robustezza, principale concorrente dell' OM Titano . Altro autocarro importante fu il 619 , fratello del 682, poi vennero i Fiat 697 e gli ultimi Fiat 170 . Vennero prodotti anche il Fiat 130 in sostituzione del "Re d'Africa" e del 619.

Nel 1968 FIAT VI ristrutturò le sue fabbricazioni nel mondo con una standardizzazione dei modelli. La gamma OM venne integrata, la UNIC francese abbandonò i musoni e montò solo cabine e motori Fiat, in tutte le altre fabbriche (Argentina, Nigeria, Turchia) la produzione degli autocarri Fiat è simile a quella dei modelli italiani.

Nel 1975, sotto l'egida di Fiat VI, venne creata Iveco , raggruppamento di FIAT VI, OM , UNIC-FIAT, e Magirus-Deutz . In un primo tempo vennero commercializzati i vecchi modelli con l'aggiunta del marchio IVECO , dopodiché furono sostituiti dai nuovi modelli progettati dall'Iveco stessa, i Turbostar e Turbotech fino ai nuovissimi Eurocargo, Stralis e Trakker. Iveco è il secondo costruttore europeo di mezzi pesanti che comprende anche i marchi Astra e SIVI . Derivato dal 619, dal Zeta e dal 130 sono gli Iveco Zeta e Iveco 619 .

Derivato dal 170 è il Iveco 220 .

I loghi FIAT

Il logo FIAT introdotto nel 1968 ha subito diverse modifiche nel corso degli anni:

  • sui frontali era di colore nero fino al 1982;
  • venne adottato come simbolo ufficiale nella colorazione nera fino al 1983 e in blu dallo stesso anno fino al 2004;
  • nella parte posteriore in nero fino al 1984 e di colore blu dallo stesso anno fino al 2003.

Dal settembre 1982 sul frontale vennero introdotte i caratteristici listelli cromati, rimpiccioliti nel 1988 e dal 1991 ridimensionati ulteriormente e dotati di un fondo blu della stessa dimensione e inclinazione dei listelli stessi. Dal 1999 al 2003 il vecchio logo veniva posizionato solo sul retro delle automobili mentre nella parte anteriore fece la comparsa un nuovo marchio, che richiamava nella forma quello del 1925 e che fece la sua comparsa su tutti i modelli eccetto la Panda, che mantenne ancora il medesimo frontale. Quest'ultimo logo esordì in occasione dei 100 anni della Casa torinese e fu annunciato come un "logo di transizione". I nuovi modelli, a partire dalla seconda generazione della Panda , adottarono il nuovo simbolo in maniera definitiva.

Il 26 ottobre 2006 la dirigenza decise di rinnovare il logo, utilizzandolo per la prima volta nel 2007 con l'esordio della nuova Fiat Bravo ; la nuova versione, realizzata da Robilant & Associati, richiama i marchi utilizzati dal 1931 al 1968. La scritta FIAT, di color argento e allungata alle estremità, appare su uno sfondo rosso porpora, il tutto circondato da una cornice cromata con un effetto tridimensionale. [11] Il passaggio dal vecchio al nuovo logo avvenne gradualmente: alcuni modelli lo adottarono già nel 2007, altri solo l'anno successivo.

A partire dal 2015, sulla maggior parte dei nuovi modelli brasiliani e, più in generale, sudamericani (come l'utilitaria Argo e il pick-up Toro), fece la sua comparsa nei posteriori delle vetture il semplice tipogramma FIAT, che mantenne comunque i caratteri utilizzati nel logo aziendale. Tale logo è stato utilizzato per la prima volta nel 2019 con il prototipo Centoventi : ciò ha aperto alla possibilità di una sua implementazione anche sui modelli europei (com'è poi avvenuto con la 500e , presentata nel 2020). Il logo FIAT, introdotto a fine 2006, comparve comunque sui frontali delle vetture FIAT commercializzate in quei mercati.

Dalla fine del 2013, inoltre, su alcune serie speciali della citycar 500 come la 1957 Edition, la Anniversario e la Spiaggina '58, il logo classico ha lasciato il posto a versioni riviste dei loghi usati dagli anni trenta agli anni sessanta, inglobati in un cerchio di dimensioni identiche alla già citata versione classica.

Produzione e gamma corrente

Europa

Il mercato europeo rimane il primo mercato del marchio. Nel 2015 il marchio FIAT ha venduto 656 699 veicoli, in aumento del 12% rispetto al 2014. [12]

Gamma europea

FIAT offre attualmente una gamma di vetture prevalentemente dalle dimensioni medie e piccole e divisa in modelli di concezione razionale, come la Fiat Panda (2012) , oppure di fascia semi-premium, come la Fiat 500 (2007) . Oltre a una vasta gamma di utilitarie e superutilitarie , quali la 500 e la Panda la gamma è completata anche da MPV compatti quali la 500L e 500L Wagon. A queste si è aggiunta nel 2015 un'ulteriore vettura di medie dimensioni, la 500X , crossover disegnata nel Centro Stile Fiat e assemblata nello stabilimento di Melfi assieme alla sua "cugina" Jeep Renegade . A fine 2015 entrò a far parte nella gamma delle autovetture offerte da Fiat il nuovo modello della Tipo , una berlina a tre volumi. Di questo modello è prevista anche una variante di tipo berlina a due volumi e una versione station wagon . È evidente l'adattamento della gamma ai cambiamenti del mercato europeo, che vide fino a metà degli anni duemila la presenza di vetture dalla tipologia ben definita e indirizzata a un unico scopo principale (come la grande monovolume Fiat Ulysse ) a vetture polivalenti e multiuso, a cavallo fra le diverse categorie principali di automobili.

Nel segmento delle spider, a partire dal 2016 è stata commercializzata la 124 Spider ma, a causa delle vendite non soddisfacenti, è uscita di produzione nel 2019, dopo soli tre anni dal lancio.

Auto elettriche (dal 2020)

Nel 2020 FIAT ha presentato a Milano la nuova Fiat 500e nella versione di lancio La Prima , limitata a soli 500 esemplari; la vettura avrebbe dovuto essere presentata al Salone dell'auto di Ginevra, poi annullato a causa della pandemia di coronavirus. La 500e è sviluppata su una piattaforma totalmente inedita, specifica per le auto elettriche e che non ha nulla in comune con la 500 del 2007, modello che affianca senza sostituire. La 500e è la prima delle auto elettriche di serie previste nei piani di FCA, in quanto il prototipo Centoventi anticipa la versione elettrica della futura Panda.

Classificazione UE sulle emissioni

Nel 2010, per il quarto anno consecutivo, Fiat è risultato essere sia il marchio che ha fatto registrare il livello più basso di emissioni di CO 2 delle vetture vendute in Europa nel 2010 (con un valore medio di 123,1 g/km , 4,7 g/km in meno rispetto alla media del 2009), sia il Gruppo (Fiat, Alfa Romeo, Lancia) primo in classifica con 125,9 g/km e un miglioramento di 5 g/km rispetto all'anno scorso. Arrivando a ridurre, in questo lasso di tempo, le proprie emissioni medie del 10%, portandosi così da 137,3 a 123,1 g/km di CO 2 e oltrepassando decisamente il target previsto dall'Unione europea per il 2015, fissato a 130 g/km . [13]

Fiat ha mantenuto il primato a livello di emissioni anche per il 2011 e 2012.

Percorsi stilistici delle vetture europee

Se fino a metà degli anni duemila lo stile delle vetture europee (ma non solo) era affidato a centri di progettazione esterni ( Italdesign Giugiaro per Grande Punto e Idea , o Bertone per la Panda del 2003 ) i modelli recenti sono concepiti e pensati nel centro stile interno diretto da Klaus Busse .

Sudamerica

In Brasile FCA possiede una filiale che produce modelli e motori specifici commercializzati esclusivamente in America Latina. Dal 2003 è leader del mercato. Con la produzione nell'impianto di Betim nel Minas Gerais , e in quello di Goiana nel Pernambuco , offre attualmente la seguente gamma:

  • Fiat Mobi , il modello d'ingresso della gamma, appartiene al segmento delle citycar;
  • Fiat Uno , modello inedito per il mercato brasiliano, è collocato in gamma fra Mobi e Argo;
  • Fiat Argo , utilitaria che sostituisce in gamma la Palio ;
  • Fiat Grand Siena , la berlina a tre volumi più economica della gamma;
  • Fiat Cronos , versione berlina della Argo dotata di alcuni elementi estetici e meccanici specifici.

In Sud America anche i veicoli commerciali leggeri che in Europa vengono venduti col marchio Fiat Professional sono venduti con il marchio Fiat. La gamma di veicoli commerciali Fiat per il mercato sudamericano comprende:

  • il Fiat Strada , pick-up di piccole dimensioni totalmente rinnovato nel 2020 ;
  • il Fiat Toro , pick-up di medie dimensioni prodotto su pianale Small ;
  • la prima generazione del Fiat Doblò , nella fattispecie il modello ristilizzato;
  • il Fiat Fiorino , prodotto dal 2014 sulla base della Uno sudamericana;
  • il Fiat Ducato , basato sulla versione pre-restyling del modello venduto in Europa dal 2006 .

Fiat è presente con un sito di produzione anche in Argentina , dove stabilì la prima fabbrica in America Latina. Nel 1996 è stata inaugurata una nuova fabbrica nella città di Ferreyra , vicino a Córdoba , dove viene prodotta, fra le altre, la berlina Cronos . In Argentina la gamma Fiat prevede la presenza di tutti i modelli già venduti in Brasile (tranne la Grand Siena e il Doblò ), con l'aggiunta delle Fiat 500 e 500X importate dall' Europa .

La gamma brasiliana, talvolta non completa e spesso integrata con alcuni modelli europei non venduti in Brasile, è offerta anche negli altri principali mercati sudamericani, tra i quali Colombia , Perù , Uruguay e Cile . Inoltre, su alcuni mercati i pick-up Strada e Toro vengono venduti con il marchio RAM rispettivamente come RAM 700 [14] e RAM 1000 [15] .

Nordamerica e America Centrale

Sfruttando i rivenditori del partner Chrysler , la Fiat è rientrata nel 2010 nel mercato nordamericano con la Fiat 500 , prodotta in versione specifica nello stabilimento Chrysler di Toluca in Messico sino al 2019. Vengono vendute attualmente le Fiat 500L e 500X . In Centro America la Fiat importa i suoi veicoli in alcuni Stati tra cui Costa Rica , Messico e Panama : in tutti questi casi la gamma prevede la presenza sia di modelli progettati per l'Europa e il Nord America sia la presenza di vetture progettate per il Sud America. In alcuni mercati, i pick-up Strada e Toro vengono venduti con il marchio RAM e con le rispettive denominazioni RAM 700 e RAM 1000.

Asia

I modelli a marchio Fiat sono poco diffusi nel mercato asiatico. Ecco fino a oggi la condizione nei principali mercati:

Cina

Fiat, attraverso la joint venture con il Gruppo GAC nota come GAC Fiat Automobiles , ha prodotto dal 2012 al 2017 la berlina media Viaggio (derivata strettamente dalla Dodge Dart) e dal 2013 al 2017 la sua versione a cinque porte, la Ottimo; a questi due modelli si aggiungeva la 500, importata però dall'estero. Nel 2017 il marchio torinese cessa la produzione di Viaggio e Ottimo e, di conseguenza, tutte le sue operazioni di vendita in Cina [16] .

India

Nonostante i tentativi nell'insediarsi nel mercato indiano risalgano addirittura al 1957, la presenza in India di Fiat è ancora fortemente limitata (appena 16 733 vetture vendute nel 2011 [17] . Fiat è presente in India tramite la FCA India Automobiles Limited (FIAL) , in joint venture con il costruttore locale Tata Motors . La JV produce e vende nel mercato indiano i seguenti modelli:

  • Punto Evo : lo stesso modello venduto nel nostro paese fino al 2012, ma con alcuni dettagli nella parte anteriore del veicolo differenti.
  • Abarth Punto : versione sportiva della Punto prodotta in loco.
  • Urban Cross : versione SUV della Punto prodotta in loco.
  • Avventura : altra versione SUV della Punto.
  • Linea : la versione 3 volumi della Punto Evo , prodotta anche in altri mercati (Sudamerica, Turchia ...) dal 2012.

Nel 2018 FIAT abbandona il mercato indiano, cessando la produzione di tutte le autovetture prodotte in loco e l'importazione della 500 Abarth. Nonostante ciò, rimane ancora attivo il servizio di assistenza per le vetture torinesi.

Pakistan

La Fiat Uno Mille prodotta fino al 2013 in Brasile

La presenza della Fiat in questa regione risale al 1948 tramite l'assemblatore Raja Motors. Finora vengono prodotte la prima e la seconda serie della Fiat Uno .

Medio Oriente

La Fiat è presente in alcuni mercati del Medio Oriente tra cui Bahrein , Arabia Saudita , Kuwait , Emirati Arabi Uniti , Libano , Israele , Oman , Qatar e Giordania . In particolare, negli Emirati è commercializzata la nuova Fiat Tipo nella versione berlina quattro porte (cd. Tipo Sedan o Fiat Tipo 4D) con la denominazione di nuovo Dodge Neon, versione che differisce dalla vettura venduta in Italia solo per la calandra recante il caratteristico motivo a croce che contraddistingue il marchio statunitense Dodge.

Oceania

La Fiat è presente nel nuovissimo continente da diversi anni ei mercati in cui vengono esportate autovetture del marchio sono l' Australia e la Nuova Zelanda .

Africa

  • Nordafrica : la FIAT è presente in tutto il Nordafrica (nei paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo ) con gli stessi veicoli commercializzati in Europa.
  • Sudafrica : sono commercializzate 500, Panda, Qubo, 500L, 500X e Doblò.

Motori

La gamma motori si compone di propulsori facente parte della famiglia motoristica FIRE a quattro cilindri affiancati dai più recenti FireFly , motori modulari a 3 cilindri di 999 cm³ con potenza di 120 CV ea 4 cilindri di 1332 cm³ con potenza di 150 o 180 CV con tecnologia Multiair di seconda generazione. Inoltre di recente introduzione è il 1.7 benzina turbo a iniezione diretta, prodotto a Pratola Serra, che equipaggia i modelli più performanti di Alfa Romeo e Lancia. Nel 2010, FIAT ha lanciato il motore bicilindrico 0.9 Twinair con tecnologia Multiair , introdotta l'anno prima. I Diesel sono i classici Multijet a quattro o cinque cilindri da 1.3, 1.6, 2.0 e 2.2 (che per il momento equipaggiano Alfa Romeo e Jeep) 3.0 litri V6 con potenza di 190, 250 o 275 CV (presente su Maserati e Jeep) con filtro antiparticolato . Per ridurre le emissioni di anidride carbonica su molti modelli è stato introdotto il sistema Start&Stop che spegne il motore durante le soste (semaforo), dal 1 settembre 2018 i motori sono stati ulteriormente aggiornati alla normativa Euro 6D temp con l'introduzione per i motori a benzina del GAP e per i motori Diesel del serbatoio dell'urea e del sistema SCR. Grazie al software Eco:Drive è possibile anche calcolare la quantità di particelle inquinanti emesse. La gamma Natural Power utilizza la doppia alimentazione benzina-metano mentre le auto a GPL vengono allestite in fabbrica con impianti forniti dalla Landi Renzo .

Archivio

La documentazione della Fiat è conservata presso il centro di documentazione , istituito nel 1963 per raccogliere principalmente materiale già nato con finalità di comunicazione [18] . È solo a partire dal 1984, con il progetto Archivio storico, che si inizia a concentrare, inventariare e rendere fruibile un vero archivio aziendale [19] , che attualmente raccoglie più di 5 000 metri lineari di documenti cartacei, 300 000 disegni tecnici, 18 000 manifesti, 1 300 bozzetti, 5 000 tra volumi e riviste di automobilismo e storia industriale, 6 milioni di immagini, 200 ore di filmati storici. L'archivio documenta l'attività Fiat nel corso del Novecento, nei diversi settori e funzioni aziendali. Da segnalare i fondi relativi ad alcuni marchi o aziende confluiti e/o fuoriusciti dal perimetro Fiat: Abarth (estremi cronologici: 1930 - 1970) [20] , Autobianchi (estremi cronologici: 1955 - 1975) [21] , Fiat-Allis (estremi cronologici: 1951 - 1978) [22] , Fiat Avio (estremi cronologici: 1908 - 1985) [23] , Grandi Motori (estremi cronologici: 1900 - 1986) [24] , OM (estremi cronologici: 1849 - 1983) [25] , Lancia (estremi cronologici: 1906 - 1990) [26] , Nebiolo (estremi cronologici: 1880 - 1970) [27] , Materfer (estremi cronologici: 1881 - 1974) [28] , Teksid (estremi cronologici: 1970 - 1980) [29] , Seat (estremi cronologici: 1950 - 1980) [30] , SPA (estremi cronologici: 1906 - 1979) [31] [32] . Da segnalare altresì i fondi dei progettisti Dante Giacosa (estremi cronologici: 1903 - 1996) [33] e Giuseppe Gabrielli (estremi cronologici: 1908 - 1984) [34] .

Amministratori delegati [35]

Note

  1. ^ Valerio Castronovo (a cura di), Il Piemonte nel processo di integrazione europea , con la collaborazione di Alberto Cassone e Adriana Castagnoli, Milano, Giuffrè Editore, 2008, p. 214, ISBN 88-14-14385-4 .
  2. ^ Storia 1899/1910 , su fiatspa.com , fiatspa.com (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2012) .
  3. ^ dal fondo di Cesare Goria Gatti su L'Automobile del 15 ottobre 1899: « [...] oltre a racchiudere le iniziali della ragione sociale e della città che ne è sede, suona buon augurio di questo meccanismo che si presenta sotto così buoni auspici e con tali ottime prove...»
  4. ^ Renzo Rossotti, Quel nome è simpatico e scattante , La Stampa, 27 marzo 1986, pag.3
  5. ^ ( EN ) For a brief spell, Fiat built cars in America , su hagerty.com , 22 maggio 2018. URL consultato il 25 giugno 2019 .
  6. ^ ( EN ) The 9 Liter 1912 FIAT Type 55 Fleetwood Roadster , su dragoneclassic.com . URL consultato il 25 giugno 2019 .
  7. ^ "Comunicato FIAT", La Stampa Sportiva , 18 aprile 1920, p. 8
  8. ^ Fca, niente addio per i motori diesel , su Virgilio Motori , 30 novembre 2018. URL consultato il 18 aprile 2019 .
  9. ^ Nuovi Modelli, Fiat Panda e 500 Hybrid - Intervista al capo progetto dei propulsori Firefly , su Quattroruote.it , 4 febbraio 2020. URL consultato il 16 febbraio 2020 .
  10. ^ La piattaforma della Fiat 500 elettrica potrebbe servire per altri modelli, anche ibridi - Quattroruote.it , su www.quattroruote.it . URL consultato il 27 ottobre 2020 .
  11. ^ 115 anni di loghi Fiat , su ruoteclassiche.quattroruote.it . URL consultato il 15 ottobre 2015 .
  12. ^ Fiat auto più venduta dell Europa , su tuttosport.com . URL consultato il 16 aprile .
  13. ^ Fiat continua a essere il marchio con le più basse emissioni di CO2 in Europa , su fiat.it , FIAT, marzo 2011. URL consultato il 4 ottobre 2012 (archiviato dall' url originale il 25 novembre 2011) .
  14. ^ Novità, RAM 700 - In Messico la Fiat Strada con il marchio americano , su Quattroruote.it , 31 ottobre 2014. URL consultato il 25 agosto 2020 .
  15. ^ Fiat Toro debutta come RAM 1000 in Cile, Panama e Costa Rica , su Alfa Virtual Club , 16 aprile 2019. URL consultato il 25 agosto 2020 .
  16. ^ La Fiat Viaggio è un flop in Cina , su www.alvolante.it . URL consultato il 25 agosto 2020 .
  17. ^ Sales of Fiat cars in India | Vendite di auto Fiat in India
  18. ^ Di prodotto o corporate: comunicati stampa, manuali d'uso e manutenzione, servizi fotografici, brochure e libri editi dall'azienda etc.
  19. ^ Fiat Group Marketing & Corporate Communication spa. Archivio storico Fiat , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  20. ^ Fondo Abarth , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  21. ^ Fondo Autobianchi , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  22. ^ Fondo Fiat Allis , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  23. ^ Fondo Fiat Avio , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  24. ^ Fondo Grandi Motori , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  25. ^ Fondo OM , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  26. ^ Fondo Lancia , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  27. ^ Fondo Nebiolo , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  28. ^ Fondo Materfer , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  29. ^ Fondo Teksid , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  30. ^ Fondo Seat , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  31. ^ Scheda SPA , su targaflorio.info .
  32. ^ Fondo Spa , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  33. ^ Fondo Ing. Dante Giacosa , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  34. ^ Fondo Ing. Gabrielli , su SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche . URL consultato il 12 giugno 2018 .
  35. ^ Corriere della sera

Bibliografia

  • Felice Dessì, Storia Illustrata dell'Auto Italiana , vol. I, Giumar di Piero De Martino e C., Milano 1961.
  • Felice Dessì, Storia Illustrata dell'Auto Italiana , vol. II, Giumar di Piero De Martino e C., Milano, 1962.
  • Giuseppe Volpato, Il caso FIAT. Crisi e riorganizzazione strategica di un'impresa simbolo , ISEDI, Torino, 2004.
  • Alberto Mazzuca, Giancarlo Mazzuca, La Fiat: da Giovanni a Luca , Milano, Baldini Castolddi Dalai, 2004, ISBN 88-8490-662-8 .
  • Valerio Castronovo, Fiat. Una storia del capitalismo italiano , Rizzoli Editore, Milano, 2005.
  • Francesco Di Giorgio, Giuseppe Gentile, La FIAT e gli anni di piombo in provincia di Frosinone , Francesco Ciolfi Editore, Cassino, 2009.
  • Giorgio Garuzzo, Fiat. I segreti di un'epoca (introduzione di Alai Friedman), Roma, Fazi Editore, 2006, ISBN 88-8112-747-4 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Cronologia della FIAT (1899-1940)
Tipo 1890 1900 1910 1920 1930
9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Utilitarie 3,5 HP 500 A / B (Topolino) ...
Berline picc. 6 HP
8 HP
10 HP
509 / 509 S 508 (Balilla) Balilla 1100 A / B ...
Berline 1 1A / Zero 70 501 / 501 S / 502 / 503 514 / 515 1500
Berline grandi Brevetti 10-12 HP 2 2B 505 507 518
12 HP / 16-20 HP / 16-24 HP Brevetti tipo 2 (15-25 HP) 520 / 521 522 / 524 527 2800
Altre 20-30 HP 3 3A / 3Ter 510 512 525 / 525 S
24-32 HP
60 HP
28-40 HP
30-45 HP
50 HP
4 / 5 / 6 520 519 / 519 S
Cronologia della FIAT (1940-1979)
Tipo 1940 1950 1960 1970
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Utilitarie 500 "Topolino" 500 126
600
1100 Balilla 850 127
Berlina 1100 / 1200 124 131
1500 1400 1300/1500 125
1900
Berline grandi 1800 / 2100 132
2800 2300 130
Vett. sportive 8V Trasformabile Dino
MPV 600 Multipla 850 Familiare 900 Familiare
Fuoristrada Campagnola
Cronologia della FIAT (1980-2020)
Tipo 1980 1990 2000 2010 2020
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
Superutilitarie Cinquecento Seicento 500e
126 500
Panda I Panda II Panda III
Mobi
Uno
Utilitarie 127 Uno Punto I Punto II Punto 2012
Grande Punto
Punto Evo
Mille Argo
128 Duna Albea Cronos
Palio I
Palio II
Berline compatte Ritmo Tipo Bravo/Brava Stilo Bravo II Tipo II
131 Regata Tempra Marea Linea
Siena I Siena II
Viaggio
Berline 132 Argenta Croma I Croma II
Coupé Coupé
Roadster 124 Sport Spider Barchetta Barchetta 124 Spider
Targa X1/9
Mini SUV Sedici 500X
MPV Idea 500L
Multipla I Multipla II Freemont
Ulysse I Ulysse II
Veicoli commerciali Fiorino I Fiorino II Fiorino III
Qubo
Doblò I Doblò II
Daily * Talento Scudo I Scudo II Talento II
Ducato I Ducato II Ducato III Ducato IV
Mini Pickup Strada I Strada II
Pickup Fullback
Fuoristrada Campagnola (1107)
*Modello Iveco rimarchiato