Aquest és un element destacat. Feu clic aquí per obtenir informació més detallada

Fernando Alonso

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Alonso". Si busqueu altres significats, vegeu Alonso (desambiguació) .
Fernando Alonso
Alonso 2016.jpg
Nacionalitat Espanya Espanya
Alçada 171 cm
Pes 68 kg
Automobilisme Casc Kubica BMW.svg
Categoria Fórmula 1
Paper Pilot
Plantilla Alpí
Carrera
Carrera de Fórmula 1
Debut 4 de març del2001
Temporades2001 , 2003 -2018 ,2021 -
Estables Minardi 2001
Renault 2003-2006
McLaren 2007
Renault 2008-2009
Ferrari 2010-2014
McLaren 2015-2018
Alpine 2021-
Copes del món guanyades 2 (2005 ,2006 )
GP disputat 325 (322 sortides)
Van guanyar els metges de capçalera 32
Podis 97
Punts obtinguts 1937
Primera posició 22
Voltes ràpides 23
Carrera a la FIA WEC
Debut 5 de maig de 2018
Temporades 2018-2019
Estables Japó Toyota Racing 2018-2019
Copes del món guanyades 1 ( 2018-2019 )
GP disputat 8
Van guanyar els metges de capçalera 5
Podis 7
Punts obtinguts 198
Primera posició 5
Carrera a l' Indianapolis 500
Debut 28 de maig de 2017
Temporades 2017 , 2019 - 2020
Estables Estats Units Andretti Autosport 2017
Estats Units McLaren 2019-2020
Millor resultat final 21è ( 2020 )
GP disputat 3 (2 sortides)
Punts obtinguts 65
Estadístiques actualitzades del Gran Premi d'Hongria del 2021

Fernando Alonso Díaz ( Oviedo , 29 de juliol de 1981 ) és un pilot espanyol de curses i pilot alpí . En la seva carrera va ser dues vegades campió del món de Fórmula 1 (2005 i2006 ) amb l’equip Renault i també va triomfar a Le Mans 2018 , 2019 i Daytona 2019 .

Sobrenomenat Magic Alonso [1] i El Nano , [2] a més de ser el pilot espanyol amb més èxit, [3] va ostentar el rècord del guanyador més jove del Campionat del Món de Fórmula 1 al final de la temporada 2005, [4] i el del bicampió del món més jove de la categoria. Amb la temporada2007 es va convertir en el segon pilot, després de Michael Schumacher , que va aconseguir més de 100 punts al campionat mundial durant tres temporades consecutives. El2014 , després del seu comiat a Ferrari , va ser el pilot amb més punts (1190) de la història de l’equip, superat posteriorment per Sebastian Vettel (1321). [5] A més del campionat de Fórmula 1 i les proves de resistència , Alonso ha participat en altres proves importants, com ara tres edicions de l' Indianapolis 500 i un Ral·li Dakar . Alonso és també ambaixador d' UNICEF , [6] així com executiu de la Grand Prix Drivers 'Association . [7]

És considerat per la premsa, aficionats i col·legues, així com experts com un dels majors talents de tots els temps en les carreres de motor, [8] [9] [10] segons la revista nord-americana Sports Illustrated el 2013 ocupava el tercer lloc entre els esportistes més rics i remunerats del món. [11] El seu número de carrera és 14.

El 14 d'agost de 2018 va anunciar la seva retirada del campionat de Fórmula 1 per al final de latemporada a través d'un videoclip penjat a Instagram , només per tornar a formar part del circ a partir de la temporada 2021 al capdavant de l' Alpine [12] ; és el primer i únic espanyol que ha guanyat un GP de Fórmula 1 i l'únic campió del món espanyol a la màxima categoria.

Biografia

Fernando Alonso va néixer a Oviedo , al nord d’ Espanya . La mare Ana Maria treballava en uns grans magatzems [13] , mentre que el pare José Luis havia estat contractat com a mecànic en una fàbrica d'explosius prop de la mateixa ciutat d' Astúries [13] [14] . Aquest últim, un corredor de kart aficionat, volia transmetre la passió pels motors als seus fills [13] . Després va construir un kart destinat a la germana gran de Fernando, Lorena[15] . No obstant això, la noia no va mostrar un interès especial per aquest esport i el seu germà, amb algunes modificacions al cotxe [16] , va poder començar a cultivar la passió per les quatre rodes [14][15] .

Carrera

Els inicis

El primer kart d’Alonso

Amb el suport del seu pare, va participar en competicions de karting a Espanya de petit. La primera victòria d'Alonso va arribar als 7 anys el 1988 , el primer dels vuit èxits que li van permetre guanyar el títol de la seva categoria [16] .

Tot i que els recursos familiars no eren suficients per garantir al jove una carrera al sector de l’automobilisme, fins al punt que va ser el seu pare qui va exercir les funcions del mecànic, José Luis era conscient que només amb l’excel·lent rendiment del seu fill arriben patrocinadors . [16] . Passat el 1990 a la categoria júnior , l'any següent a la pista de Los Santos de la Humosa va aconseguir el segon lloc final al campionat d'Espanya de categoria [16] .

Durant el 1992 va passar a la categoria reservada a 100 cm³, tot i que això encara no era possible per motius d'edat; per a això es va sol·licitar una excepció especial per a la participació en curses [16] .

( ES )

"Siempre he estat el més jove en totes les categories, qüestions per això estoy acostumbrado a romper eese type de récords, y quizás me impresione menos de lo que debiera"

( IT )

“Sempre he estat el més jove de qualsevol categoria. Potser per això estic acostumat a batre rècords així, i potser per això m’impressiona menys del que hauria de fer "

( Alonso als seus registres [16] )

El moment decisiu va arribar quan, encara no dotze, va ser vist al Campionat de Catalunya per Genis Marcó, propietari de Genikart i importador de xassís i motors. Va ser amb ell que el 1993 va aconseguir establir-se a nivell nacional [16] . A partir d'aquest moment, les victòries del jove Alonso es van succeir: 3a al Campionat del Món de Braga 1995 , 1a a les de Gant 1996 , diversos títols nacionals i victòries també a Itàlia i França [16] .

Adrián Campos , antic pilot de Minardi , va donar a Alonso l'oportunitat de conduir un cotxe de carreres per primera vegada a l'octubre de 1998 . Després de tres dies de proves al circuit d'Albacete, va aconseguir igualar el temps de volta de l'anterior pilot, Marc Gené [16] . Campos el va portar més tard a competir a les World Series de Nissan [17] ; a la segona cursa, també a Albacete, Alonso va guanyar per primera vegada. Al final del campionat, va ser el millor pilot i va guanyar per un punt al rival del torneig Manuel Giao, guanyant i marcant la volta més ràpida durant l'última cursa de la temporada. Al final de la competició, el jove Alonso de només divuit anys va tornar a ocupar l'equip de Faenza com a pilot de proves; les proves el van veure córrer 1 segon i 5 cèntims més de pressa que qualsevol altre provador [17] .

Va aterrar la temporada següent, amb Team Astromega , a la Fórmula 3000 , una sèrie preparatòria per a la Fórmula 1 . En les primeres set curses no va aconseguir ni un punt al seu equip, mentre que en les dues últimes proves va obtenir un segon lloc i una victòria, suficient per acabar quart al final del torneig per darrere de Bruno Junqueira , Nicolas Minassian i Mark Webber [17] .

Fórmula 1

2000-2001: El debut amb Minardi

2000

Per a la temporada 2000, Minardi va trucar a Alonso com a tercer pilot.

2001

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Campionat del Món de Fórmula 1 del 2001 .
El casc utilitzat per l’espanyol durant la seva temporada a Minardi.
El Minardi PS01 d'Alonso

Alonso va ser el tercer pilot més jove que va participar en un Gran Premi de Fórmula 1 quan va debutar al Gran Premi d'Austràlia amb Minardi [18] . L'equip estava a la primera part de la temporada sota el control del nou propietari Paul Stoddart [19] , i el cotxe confiat a Alonso, el PS01 , no va resultar ni ràpid ni fiable. Tot i això, les seves actuacions van ser tan bones que, en la seva primera carrera, Alonso va aconseguir marcar la 19a posició en la classificació, per davant dels pilots que conduïen cotxes més competitius. A la quarta carrera a Imola va aconseguir mantenir-se per davant dels dos Benettons , una peculiaritat que es repetiria més endavant al campionat [17] . A la cursa final a Suzuka va acabar onzè i el director de l'equip Stoddart, quatre anys després, va descriure la seva actuació com "53 voltes de classificació" [20] . El que va fer notícia no va ser tant la posició conquerida, sinó el nombre d’adversaris més experimentats que es van quedar darrere: Heinz-Harald Frentzen de Prost , el BAR - Honda d’ Olivier Panis , les dues Arrows i Alex Yoong , nou company d’equip [17] . Va tancar la temporada a 0 punts.

Els bons resultats van fer-ho conegut a tot el món i van atreure l’atenció de moltes estables de consells de fórmula 1 Al setembre del mateix any, la premsa europea va afirmar que el Sauber volia intentar substituir Kimi Raikkonen per l’espanyol, fins i tot si tant Felipe Massa com El pilot de proves de Jaguar, André Lotterer, semblava estar per davant del propi Alonso [21] . Un mes després, Massa va ser escollida per l'equip suís per al 2002 [22] .

Al final, Flavio Briatore , director de l'equip de Renault , va ser decisiu i, convençut del potencial d'Alonso, el va portar a l'equip francès. Briatore, al principi, va pensar a situar Alonso en lloc de Jenson Button , només per optar per contractar Fernando únicament com a pilot de proves per al 2002 [17] .

2002-2006: Els anys d’èxit amb Renault

2002

En conseqüència, Alonso es va convertir en pilot de proves de Renault [23] , que havia pres el control de Benetton [24] , i el 2002 va completar 1642 voltes d'entrenament [17] . Com era d'esperar, Briatore li va concedir la temporada següent, que el va col·locar en substitució de Button, al costat de Jarno Trulli [17] . El juny del 2002 també va realitzar una prova de Jaguar al circuit de Silverstone .

2003
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Campionat del Món de Fórmula 1 del 2003 .
Alonso a Hongria el 2003

Al Gran Premi de Malàisia del 2003 va aconseguir la seva primera pole position [25] . Així, es va convertir en el pilot més jove que va començar des de la primera fila de la Fórmula 1 [26] . El 2003 també va ser l'any del primer accident greu; durant el GP de Brasil , va arribar massa ràpid al lloc de l'accident de Mark Webber, va colpejar una de les rodes d'aquest i va xocar contra les barreres de protecció a 290 km / h [27] . Alonso va ser traslladat a l'hospital per a investigacions i la competència suspesa pels jutges. Tot i això, la pista fora de pista no el va impedir pujar al podi ja que, per a la classificació final, es van tenir en compte les posicions que es remuntaven a la volta anterior, amb el tercer pilot de Renault [28] .

A la cinquena cursa va acabar segon davant la gent local, mentre que durant el GP d'Europa del 2003 , acusat per David Coulthard i el director general de McLaren d'haver-se frenat sobtadament durant la cursa mentre estava darrere del pilot britànic, provocant així un accident Entre els dos, va ser netejat pels comissaris de la FIA després d'una entrevista amb els conductors i després d'una comprovació acurada de la telemetria [29] . Després de la seva victòria a Hungaroring, es va convertir en el pilot més jove de la Fórmula 1 que va guanyar una carrera [30] . Va tancar l'any en el sisè lloc de la classificació general, amb 55 punts i quatre podis.

2004
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Campionat del Món de Fórmula 1 2004 .
Alonso a Indianàpolis el 2004

Per a la temporada2004 , va decidir quedar-se a Renault i va arribar al podi quatre vegades durant l'any, però no va guanyar un Gran Premi. A Indianapolis va tornar a veure's involucrat en un xoc d'alta velocitat mentre lluitava per la tercera posició. Per esmentar el segon lloc darrere de Michael Schumacher a França , on l’alemany va lluitar fins al final per poder arrabassar l’èxit; en la classificació, Alonso havia obtingut la seva primera i única pole position de la temporada [31] .

Mentrestant, cap a finals d'any, tant les relacions entre el company d'equip Trulli i Flavio Briatore com el rendiment de Renault van empitjorar [32] . De fet, el pilot dels Abruços va estar d'acord amb Toyota per a la nova temporada [33] . Alonso va acabar el campionat en la quarta posició general, amb 59 punts.

2005
Icona de la lupa mgx2.svg Mateix tema en detall: 2005 Mundial de Fórmula 1 .

«Jo vinc d'un país que no té tradicions de la F1. He lluitat sola per aconseguir tot el que tenia. Ningú no m’ha ajudat. Tota la carrera s’ha basat en els resultats que he obtingut en les categories menors, amb els patrocinadors que he adquirit pel meu compte. Ara he assolit el màxim que podria aconseguir. Puc donar les gràcies a la meva família, com a màxim tres, quatre persones, sense més. Pocs amics de debò. No tornaré a Espanya abans del GP a la Xina i crec que no hi haurà res especial. Vam intentar planificar alguna cosa si guanyava el títol, però no era possible per a massa interessos polítics "

( Fernando Alonso després de guanyar el seu primer títol mundial [34] )

Trulli va ser substituït el 2005 per l' italià Giancarlo Fisichella [35] . Renault va començar entre els favorits, però els resultats van superar immediatament totes les expectatives [36] : el cotxe era de fet ràpid i ben equilibrat des de les primeres carreres [36] , mentre que, a causa dels canvis normatius, els principals oponents de l'anterior any (Ferrari, McLaren, BAR) es van trobar tard o mancats de fiabilitat, especialment els vermells .

Alonso celebra al podi d’Imola juntament amb Schumacher i Button.

Quan va debutar a Austràlia, va acabar tercer a causa d’una desafortunada posició a la graella de sortida, ja que una pluja de pluja va frenar la seva volta cronometrada, cosa que el va fer començar 13è [37] en una carrera guanyada pel seu nou company d’equip Fisichella [38] , però en les tres curses següents ( Malàisia , Bahrain , San Marino ) una seqüència de victòries des de la pole position el va elevar al capdavant del rànquing mundial [39] [40] [41] , una posició a la qual mai renunciaria fins al final del Campionat.

La resta de l'any es va caracteritzar llavors per l'intent de Kimi Räikkönen de compensar el desavantatge gràcies a un McLaren que es va demostrar gradualment com el cotxe més competitiu, però sovint plagat de problemes de fiabilitat que van danyar-ne el rodatge [42] . Al contrari, Alonso va comptar amb la solidesa de Renault per conquerir valuosos llocs en la majoria de les carreres i en altres victòries a Nürburgring i Hockenheim , aprofitant els problemes de Räikkönen [43] [44] , i a França , començant sense molèsties des de la pole a principis de la any [45] .

Donat l’avantatge considerable, en les darreres carreres de la temporada semblava evident que Räikkönen havia de guanyar totes les curses del programa, mentre que Alonso es podria haver conformat amb perdre alguns punts al pilot finlandès, o fins i tot guanyar-ne alguns com a Monza. [46] , on va guanyar l'altra: McLaren de Juan Pablo Montoya [46] davant d'un altre problema tècnic per al finès [46] . Aquesta tàctica d’esperar va generar no poques crítiques al jove pilot [47] , però el va portar a guanyar matemàticament el títol el 25 de setembre al Brasil amb un altre podi [48] : d’aquesta manera va obtenir la primacia de el campió del món més jove amb els seus 24 anys, 1 mes i 28 dies [4] superant el rècord anterior d' Emerson Fittipaldi [42] . Lewis Hamilton el superaria en el rànquing especial tres anys més tard [49] . La temporada va ser segellada per la victòria de la pole i la tranquil·litat del Gran Premi de Xina, que també va donar a Renault el seu primer campionat de constructors [50] . Les seves victòries s’enganxaren a la televisió (a Telecinco italo-ibèrica i a TV3 catalana ) milions d’espanyols, amb pics de vuit milions d’espectadors i un 55% de quota [51] .

Més tard, va declarar que la del Brasil era la seva millor carrera, perquè va patir i fins al final amb la por de no arribar a la meta [34] . També el 2005 va rebre el Premi Príncep d'Astúries als mèrits esportius [52] .

2006
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Campionat del Món de Fórmula 1 del 2006 .
L’impacte en el públic espanyol

"A Espanya tothom em lliga la Fórmula 1: tinc tot el pes sobre les meves espatlles"

( Fernando Alonso de SportWeek del 6 de març de 2004 )

Les grans actuacions d'Alonso van tenir una forta influència en els gustos esportius dels espanyols. De fet, els seus primers èxits van augmentar considerablement els fans de la Fórmula 1 al seu país d'origen [53] , fins al punt que les curses en què participa són sovint les retransmissions esportives més seguides [54] . El 25 de setembre del 2005, dia del títol mundial històric, es van celebrar grans celebracions a la seva ciutat natal, Oviedo[15] . Els seguidors van ser reconeguts per la bandera blava i groga d’ Astúries [55] , que coincidia coincidint amb el color groc-blau de Renault entre el 2002 i el 2006. Després de la victòria de la competició, una autèntica exhibició de l’equip del nou campió del món [55] . L'observatori astronòmic de Mallorca , en honor seu, va donar el seu nom a un asteroide descobert el 2003, 73533 Alonso [56] .

El 19 de desembre de 2005 , fins i tot abans de començar la temporada2006 , Alonso va anunciar el seu fitxatge amb el McLaren per al campionat del2007 . [57] Abans de passar a Woking , va defensar el títol de campió del món al volant de Renault. Si l'any anterior McLaren amb Räikkönen havia estat el principal desafiador de l'espanyol, des de la primera cursa (a Bahrain ), el retorn als nivells alts de Ferrari [58] [59] es va posar de manifest després de les dificultats de la temporada anterior; hauria estat el múltiple campió del Cavallino Schumacher a lluitar pel títol. La primera ronda, però, va ser per a Alonso, capaç de superar l'alemany a la parada de boxes, controlant-lo després en l'última fase de la cursa [60] .

Fisichella (esquerra), Briatore (centre) i Alonso (dreta) després del Gran Premi de Malàisia. Renault el cap de setmana asiàtic va obtenir la pole position, la doble final de la cursa, la volta més ràpida i va assolir la màxima posició al Campionat del Món de Constructors i Pilots.

Aprofitant alguns problemes tècnics revelats per Ferrari al començament del campionat, el campió d’Espanya es va endur un segon lloc al següent Gran Premi de Malàisia , on va guanyar el seu company d’equip Fisichella , i un altre èxit a Austràlia . Després de tres carreres, es va situar fermament al capdavant del Campionat del Món amb 28 punts, mentre que el pilot de Ferrari es quedava enrere, en el quart lloc amb només 11 punts. Aquest avantatge inicial resultaria fonamental per al futur destí de la competència. En tornar a Europa , Ferrari va mostrar un progrés considerable, tant en termes de fiabilitat com de rendiment; de manera que l' alemany va aconseguir dues victòries consecutives, a Imola i al Nürburgring , que li van permetre rellançar-se per la lluita pel títol [61] . Alonso es va recuperar i al seu torn va aconseguir quatre victòries ( Espanya , Mònaco , Gran Bretanya i Canadà ) que semblaven projectar-lo definitivament cap a la conquesta del seu segon Campionat del Món: a mitjan temporada, era el líder del Campionat amb un 25 avantatge puntual respecte a Schumacher.

La segona part de la competició, però, va suposar una clara recuperació de l'equip Maranello , amb el guanyador alemany de les següents tres carreres del Gran Premi als Estats Units , França i Alemanya . En aquesta etapa de la temporada, l'equip de Mòdena semblava més competitiu que Renault, també gràcies a la gran recuperació dels pneumàtics Bridgestone als Michelins [62] . Llavors, l'equip francès va ser penalitzat, des del punt de vista tècnic, per la sobtada decisió de la FIA de prohibir l' amortidor de masses [63] , el sistema al voltant del qual es va dissenyar el cotxe [62] . Hi va haver moltes controvèrsies, amb Briatore acusant la federació de voler afavorir la recuperació de Ferrari. Per alimentar encara més la controvèrsia, va arribar la decisió dels comissaris a Hongria que van sancionar a Alonso a la graella, culpables d’haver colpejat el pilot de proves de Red Bull Robert Doornbos contra la paret del pou durant la pràctica del divendres [64] , i després van castigar Schumacher, culpable d’haver va fer un doble avançament sota banderes vermelles a les proves lliures del dissabte[65] ; per tant, es van trobar amb el millor temps en la classificació augmentat en dos segons i, en conseqüència, van descendir a les posicions del grup mitjà[65] .

Protagonista en la classificació per a una desacceleració contra Felipe Massa, sancionat amb una retirada de cinc posicions a la graella de sortida [66] , es va veure obligat a intentar una dura pujada i va perdre deu punts a Monza , on va haver de retirar-se a causa del descans del motor. El mateix dia va declarar: "M'encanta la passió dels aficionats que també vénen d'Espanya, m'encanta l'esport, però ja no considero la Fórmula 1 com a tal" [67] . Van discutir les afirmacions del gerent de l'equip Briatore al final del campionat, que va comparar l'actitud dels comissaris cap a Alonso amb l'escàndol de Calciopoli [68] , tot i que van definir la falla de motor de Michael Schumacher al Japó com una mena de "justícia divina" [69]. ] .

Fernando Alonso al Gran Premi del Brasil del 2006 després de guanyar el seu segon títol mundial

Quan només quedaven tres curses per acabar el campionat, els dos contendents es van separar per només dos llargs a favor de Fernando Alonso. Al Gran Premi de la Xina, Schumacher va aconseguir la victòria davant del seu rival, que va ser superat a la part superior de la classificació dels pilots tot i tenir els mateixos punts [70] . El punt d’inflexió definitiu del Campionat del Món es va produir a la 36a volta del Gran Premi de Japó : l’alemany de Ferrari era fàcilment al capdavant quan va trencar el motor, obrint el camí a la setena victòria de l’Alonso que li va permetre situar-se una hipoteca greu sobre la classificació general. [71] .

Els duelistes es van presentar a l'última carrera al Brasil espaiats per deu punts: l'espanyol hauria estat suficient per controlar, mentre que Schumacher, havent arribat a l'última carrera de la seva carrera [72] , no hauria tingut cap altra oportunitat que guanyar, esperant que Renault demostrés problemes. Però va ser el pilot de Ferrari qui, al principi, es va veure obligat a no participar en l'última fase de classificació a causa de l'avaria de la bomba de gasolina [73] , i després es va endarrerir en la carrera a causa d'una punxada [74] . La seva recuperació fins al quart lloc no hauria estat inútil per al so d’avançaments i voltes ràpides, amb Alonso comprovant i creuant tranquil·lament la línia de meta en segon lloc, per darrere de l’altre pilot de Ferrari Felipe Massa, reconfirmant-se així com a campió del món juntament amb el seu Renault , guanyador del Campionat de Constructors per segon any consecutiu.

2007: El trasllat a McLaren

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Campionat del Món de Fórmula 1 del 2007 i Controvèrsia d’espionatge de Fórmula 1 del 2007 .
Alonso al volant de McLaren al Gran Premi Britànic del 2007

La seva aventura amb l'equip britànic va començar oficialment el 15 de gener de 2007 a València . L’experiència amb el fabricant anglo-alemany va començar de la millor manera, acabant segon en el Gran Premi d’Austràlia per darrere del pilot neoferrari Kimi Räikkönen i guanyant la segona ronda a Malàisia . La segona victòria va arribar al circuit de Montecarlo , una vegada més acompanyada d’un doblet, mentre que la tercera al Gran Premi d’ Europa, després d’una cursa caracteritzada per l’alternança de sol i pluja i després de la cursa per una dura discussió amb Mass. [75]

La temporada va estar marcada per una forta rivalitat entre Alonso, el director esportiu de Woking, Ron Dennis, i el seu company d'equip Lewis Hamilton [76][77] [78] que, tot i ser novell al costat del bicampió del món, va resultar ràpidament competitiu.[77] La relació amb l'equip va degenerar gran premi rere gran premi, amb la separació definitiva durant la pràctica de la carrera a Hongria ; [78] L'espanyol va fer una aturada en boxes més del necessari i no va permetre a Hamilton , esperant darrere d'ell, canviar de pneumàtic al seu torn i completar una nova volta que li podria haver donat la pole position. [79] Alonso va ser rebaixat cinc llocs a la sortida [80] i McLaren va ser expulsat de la classificació dels constructors en aquesta cursa. [79] Després d'aquest polèmic episodi, l'espanyol va aconseguir la seva quarta victòria de la temporada al Gran Premi d'Itàlia , a Monza .

Després de la sentència de Spy Story el 13 de setembre, McLaren va ser desposseït de tots els punts de Constructors, [81] mentre als seus pilots Hamilton i Alonso se'ls atribuïa la prova de la culpabilitat de l'equip, [82] inclosa en una sèrie de correus electrònics i contactes intercanviada amb el pilot de proves Pedro de la Rosa , al seu torn informat pel dissenyador en cap de McLaren , Mike Coughlan , en què es citava amb rapidesa informació confidencial sobre els secrets de Ferrari : [83] [84] d'aquesta manera, els dos van poder evitar qualsevol tipus de penalització . [82]

Il casco di Alonso usato nel 2007
La tuta di Alonso usata nel 2007

Dall'e-mail emerse che Alonso fu sorpreso dai dati ricevuti e che dubitò dell'autenticità degli stessi; lo spagnolo era a conoscenza della strategia della Rossa durante il Gran Premio d'Australia e durante il Gran Premio del Bahrein , in cui si piazzò rispettivamente 2º e 5º. [85] Il boss della McLaren Ron Dennis , interrogato dalla FIA dopo il Gran Premio d'Ungheria , dichiarò che Alonso lo aveva precedentemente minacciato di rivelare queste azioni se non fosse stato posto come prima guida della scuderia. [86] Alonso non accettò la versione di Dennis e chiese alla FIA di mostrare le prove della sua innocenza. La Federazione affermò infine di essere venuta a conoscenza di tali fatti grazie a un errore di Coughlan . [87]

Concluse la stagione al 3º posto, a pari punti con il suo compagno di scuderia Lewis Hamilton ea un solo punto di scarto dal vincitore del campionato Kimi Räikkönen (il più esiguo margine di punti tra 1º, 2º e 3º classificato al termine di una stagione di Formula 1 ). Il 2 novembre 2007 venne ufficializzato il suo divorzio dalla McLaren . [88] Il giorno stesso il pilota spagnolo dichiarò: «Non mi sono mai sentito a mio agio in questa scuderia». [89]

2008-2009: Il ritorno alla Renault

2008
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2008 .
Alonso durante il Gran Premio del Giappone 2008 .

Il 10 dicembre 2007 divenne ufficiale il suo ritorno alla Renault guidata da Flavio Briatore , [90] che per riaverlo come prima guida dovette battere la concorrenza di Red Bull , [91] Toyota [92] e Honda . [92] Venne affiancato dal giovane Nelson Piquet Jr. , esordiente nella categoria. La stagione apparve immediatamente in salita a causa delle scarse prestazioni che la monoposto R28 collezionò nei test e nelle prime prove.

La stagione del due volte campione del mondo, fino a quel punto deludente, ebbe una svolta a Singapore , [93] durante il primo gran premio a corrersi in notturna (su pista illuminata artificialmente) e sul tracciato cittadino della città-stato asiatica : conseguì la prima vittoria dopo il ritorno alla Renault . Sebbene nei due turni di prove libere fosse stato il più veloce di tutti, [94] un problema nel pescaggio della benzina della vettura durante le qualifiche lo costrinse a prendere il via dalla 15ª posizione. [94] In gara partì molto scarico di carburante e dopo un brillante scatto balzò subito al 12º posto. Fu tra i primi a rientrare ai box per rifornire e al suo ritorno in pista, grazie all'ingresso della safety car per l'incidente del suo compagno di scuderia Nelson Piquet Jr. , si ritrovò nelle prime posizioni. In regime di safety car uscirono dai giochi i piloti che avrebbero potuto contendersi la vittoria. Alonso vinse così la corsa davanti a Nico Rosberg e Lewis Hamilton .

Nel Gran Premio del Giappone corso sul Circuito del Fuji si qualificò al quarto posto e, dopo una gara movimentata ma condotta quasi sempre in testa, portò a casa il suo secondo gran premio stagionale precedendo Robert Kubica e Kimi Räikkönen . A Interlagos non fu in grado di esprimersi al meglio durante le prove ufficiali e si presentò alla corsa domenicale in sesta piazza. [95] Si riscattò in gara, dove, mantenendo un ottimo passo, riuscì a stabilirsi dietro il leader della corsa Massa . Terminò il gran premio secondo, risultato che gli consentì di ottenere la quinta posizione in classifica generale per un punto davanti a Nick Heidfeld . Con l'ottima prestazione del Gran Premio del Brasile , che diede un seguito alle vittorie e alle buone prove delle corse immediatamente precedenti, mise fine a una della stagioni più difficili della sua carriera.

A campionato terminato confermò il prolungamento del suo contratto fino al2010 : avrebbe corso ancora per due anni con la Renault , scelta maturata dopo i notevoli miglioramenti tecnici che la casa francese palesò soprattutto negli ultimi impegni. [96]

2009
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2009 .

Anche nel 2009 corse per la Renault , che confermò anche il giovane compagno di squadra Nelson Piquet Jr. come seconda guida. Sebbene la nuova vettura della casa francese, la R29 , avesse mostrato una buona competitività nelle prove invernali grazie anche all'introduzione del KERS , le prime gare della stagione si dimostrarono piuttosto difficili per Alonso, trovatosi a lottare con i nuovi diffusori introdotti da Brawn , Toyota e Williams , le cui vetture furono nettamente più veloci. [97]

A quasi due anni di distanza ( Monza 2007 ), ottenne all' Hungaroring una pole position; la posizione favorevole sulla griglia di partenza sarebbe poi stata vanificata in gara da un errore tecnico dei meccanici al pit stop. [98]

La vigilia del Gran Premio di Singapore venne fortemente condizionata dallo scandalo relativo alla stessa gara dell'anno precedente in terra asiatica. L'ormai ex compagno di squadra Piquet , sostituito dopo il Gran Premio d'Ungheria da Romain Grosjean , rivelò i retroscena di quell'incidente.

«Flavio Briatore e Pat Symonds mi hanno detto di andare a sbattere per influenzare positivamente le prestazioni della squadra. Io ho accettato e ho innescato l'incidente. Pat mi disse a che giro farlo per adottare una strategia aggressiva per Alonso. Flavio a fine gara mi ringraziò discretamente»

( Nelson Piquet Jr. [99] )

Briatore e Symonds, rispettivamente radiato [100] e squalificato cinque anni dalla sentenza di primo grado del Consiglio FIA, decisero quindi di lasciare il team [101] . Ciononostante, la R29 apparve competitiva per tutto il weekend di Singapore , e Alonso concretizzò la già positiva quinta piazza sullo schieramento di partenza con un terzo posto finale, primo e unico podio della stagione.

2010-2014: L'approdo in Ferrari

2010
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2010 .

Le insistenti voci di corridoio che lo volevano in Ferrari a partire dal 2010 trovarono conferma il 30 settembre 2009 , quando la scuderia di Maranello pubblicò sul proprio sito un comunicato ufficiale: Alonso avrebbe corso con la Rossa per le successive tre stagioni al fianco di Felipe Massa e Giancarlo Fisichella , selezionato per il ruolo di terzo pilota [102] .

Lo spagnolo durante la prova in Australia

Nella prima prova stagionale in Bahrein centrò la prima vittoria, una prestazione impreziosita dal giro veloce della gara e dal secondo posto dell'altro ferrarista Massa [103] . Le aspettative dopo il Gran Premio d'esordio, tuttavia, non trovarono conferma nelle gare successive. A Melbourne e in Cina fu protagonista di rocambolesche rimonte che lo portarono in entrambi i casi alla 4ª posizione finale [104] [105] . A seguito del 14º posto a Silverstone , con le Red Bull sempre velocissime e le due Mclaren molto competitive, lo spagnolo fu costretto a guardare la classifica generale dalla 5ª posizione, dietro ai quattro piloti delle due scuderie avversarie e con 47 punti di ritardo dal leader Lewis Hamilton [106] .

Il 25 luglio, in Germania , la sua seconda vittoria con il Cavallino venne parzialmente messa in secondo piano da un ordine di scuderia poco chiaro. L'ingegnere Robert Smedley comunicò a Massa, al comando della corsa: «Fernando è più veloce di te. Puoi confermarmi di aver recepito il messaggio?» (in inglese Fernando is faster than you. Can you confirm you understood that message? ). Il successivo sorpasso operato da Alonso ai danni del pilota brasiliano parve, pertanto, diretta conseguenza di tale messaggio. I due piloti furono convocati dai commissari assieme ad alcuni responsabili della Ferrari, e il caso si estese al Consiglio Automobilistico Mondiale della FIA , che non inflisse penalità nella classifica della gara ma che punì la scuderia con 100 000 dollari di ammenda [107] [108] .

Dopo una serie di brillanti prove, tra cui si segnalano i successi in Italia e Singapore , il ferrarista dovette constatare il ritorno delle due Red Bull in Giappone , dove solo grazie all'uscita di pista di Kubica riuscì a classificarsi terzo, alle spalle di Sebastian Vettel e Mark Webber; con due gare ancora da disputarsi, Alonso venne raggiunto in seconda posizione proprio dal trionfatore di Suzuka e staccato da Webber di 15 lunghezze [109] .

Il primo Gran Premio di Corea della storia, due settimane più tardi, sembrò rappresentare una svolta decisiva in ottica Mondiale. Grazie infatti al successo, accompagnato dalla rottura del motore di Vettel e dall'errore sul bagnato di Webber, lo spagnolo sopravanzò l' australiano in classifica generale con 231 punti, forte di un margine di 11 [110] . Ma nell'ultima corsa ad Abu Dhabi Alonso perse il titolo in favore del pilota tedesco. Fatale fu un errore di valutazione sui tempi della sosta; la Red Bull fece fermare Webber già al 16º giro, inducendo pertanto gli uomini della Ferrari a emulare tale scelta. Sia l'australiano che lo spagnolo, tuttavia, non furono in grado di risalire le posizioni necessarie, dando a Vettel, in testa, la possibilità di vincere il Mondiale [111] .

2011
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2011 .

L'annata 2011 venne fortemente condizionata dai notevoli risultati ottenuti in avvio di stagione dal campione del mondo in carica Sebastian Vettel , pilota di una Red Bull mai tanto competitiva. [112] L'8 maggio, nel Gran Premio di Turchia , quarta gara della stagione, Alonso conquistò il primo podio, giungendo 3º a quasi dieci secondi da Vettel . Dopo questo gran premio l'asturiano si trovava in classifica generale distante 52 punti dal pilota tedesco, forte di tre vittorie e un secondo posto. Alla vigilia delle prove libere del Gran Premio di Spagna , la scuderia di Maranello comunicò che l'asturiano avrebbe prolungato il proprio contratto fino al termine del mondiale2016 . [113]

Dopo due secondi posti ottenuti a Monte Carlo ea Valencia , [114] Alonso riuscì ad aggiudicarsi il Gran Premio di Gran Bretagna davanti alle due Red Bull di Vettel e Webber . [115] Nel prosieguo della stagione, lo spagnolo andò a podio in altre sei gare, conquistando tre terzi posti ( Ungheria , Italia e India ) e tre secondi posti ( Germania , [116] Giappone e Abu Dhabi ), ma questi risultati non servirono allo spagnolo per ridurre il distacco da Vettel , che conquistò il secondo mondiale consecutivo, mentre Alonso terminò la stagione al 4º posto con 257 punti. Malgrado il forte ritardo accumulato rispetto a Vettel , campione con oltre 120 punti di distacco sul secondo classificato Button , il pilota spagnolo ricevette elogi da compagni di scuderia e giornalisti per aver saputo rendere competitiva una Ferrari in evidente difficoltà tecnica. [117] [118] [119]

2012

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2012 .
Fernando Alonso in Bahrein

L'inizio della terza stagione in Ferrari fu segnato, in febbraio, dalle prestazioni poco confortanti mostrate dalla F2012 a Jerez de la Frontera e al Montmeló e confermate dalle parole dell'ingegnere Pat Fry e dello stesso Alonso [120] [121] .

Lo spagnolo giunse 5º alla prima prova del Mondiale in Australia dopo essere partito dodicesimo a causa di un suo errore in q2, ma si riscattò nella successiva in Malesia con una vittoria, a conclusione di una gara in cui si dovette confrontare con le instabili condizioni meteorologiche e con l'aggressività di Sergio Pérez ; a fine gara Alonso ricevette via radio i complimenti di un commosso Andrea Stella , che definì questa «la sua vittoria più bella» [122] . Con il passare delle gare il pilota della Ferrari trovò una certa continuità di prestazioni e di risultati, anche in ragione delle migliorie costanti apportate dalla scuderia sulla vettura [123] . In sei corse consecutive furono cinque i podi, tra i quali si segnalarono il primo posto al Gran Premio d'Europa , conquistato dopo una rimonta dall'11ª posizione in griglia, e all' Hockenheimring , nel fine settimana in cui bissò la pole position ottenuta in Gran Bretagna due settimane prima [124] [125] . I piazzamenti a podio nella parte finale di campionato non bastarono però all'asturiano per fermare la rimonta di Sebastian Vettel , che con una Red Bull tornata competitiva sopravanzò Alonso in classifica generale anche grazie ai ritiri dell'asturiano in Belgio e Giappone entrambi per una collisione al via, che ne facilitarono il recupero. Lo spagnolo chiuse la stagione al secondo posto con 278 punti, a 3 punti da Vettel campione per la terza volta consecutiva. Nonostante la mancata vittoria del titolo, la stagione 2012 venne definita da molti come la sua migliore, tanto che Alonso fu eletto miglior pilota del 2012 dai team principal del Circus [126] .

2013
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2013 .
Fernando Alonso in Cina

La stagione2013 iniziò con fortune alterne per il pilota spagnolo. Nella gara inaugurale, in Australia , Alonso chiuse in seconda posizione, alle spalle di Kimi Räikkönen e davanti a Sebastian Vettel . Nel successivo Gran Premio della Malesia , però, il pilota asturiano si ritirò dopo appena una tornata in seguito al cedimento dell'alettone anteriore, danneggiato in un leggero contatto con Vettel alla prima curva. Tre settimane dopo, in Cina , Alonso conquistò la prima vittoria stagionale, dominando la gara dall'inizio. Il seguente Gran Premio del Bahrein fu, però, un'altra gara difficile per Alonso, ottavo al traguardo dopo essere stato costretto a due soste supplementari ai box per via di un problema all'alettone mobile.

Alonso conquistò la seconda vittoria stagionale e la trentaduesima in carriera (risultato che lo pose al quarto posto tra i piloti più vincenti nella storia della Formula 1 , dietro solamente a Michael Schumacher , Alain Prost e Ayrton Senna ) nel Gran Premio di casa . Il pilota spagnolo, scattato dalla quinta posizione sulla griglia di partenza, superò nelle prime curve Kimi Räikkönen e Lewis Hamilton , prendendo la testa della corsa dopo il primo cambio gomme e mantenendola fino al traguardo. Nel successivo Gran Premio di Monaco Alonso non riuscì a fare meglio del settimo posto, vedendo aumentare il proprio distacco dal primo in classifica Sebastian Vettel a 29 punti.

In Canada e in Gran Bretagna il pilota spagnolo andò a podio, giungendo rispettivamente in seconda e terza posizione, ma nei seguenti Gran Premi di Germania e d' Ungheria Alonso, complice la diminuita competitività della sua vettura, non riuscì a ripetere questo risultato, chiudendo rispettivamente al quarto e al quinto posto. Ormai staccato di trentanove lunghezze da Vettel, nelle tre gare seguenti, disputate a Spa-Francorchamps , Monza e Singapore , Alonso ottenne tre secondi posti consecutivi, sempre alle spalle dello stesso Vettel. In tutte e tre le occasioni il pilota spagnolo rimontò dopo essersi qualificato rispettivamente in nona, quinta e settima posizione, senza però mai minacciare seriamente la prima posizione del rivale. Al termine del Gran Premio del Giappone Alonso divenne il pilota di Formula 1 ad aver ottenuto più punti nella storia, raggiungendo quota 1571. Le restanti quattro gare stagionali furono negative sia per lui che per il compagno di squadra, anche se nel conclusivo Gran Premio del Brasile ritornò sul podio dopo 6 gare di digiuno, giungendo 3º e garantendo, così, il 3º posto in classifica costruttori alla scuderia italiana. Per il secondo anno consecutivo terminò la stagione al 2º posto, conquistando un totale di 242 punti.

2014
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2014 .
Fernando impegnato a Singapore

Nelle prime gare del campionato2014 la Ferrari si dimostrò poco competitiva, non permettendo al pilota spagnolo di lottare per la vittoria. Nell'inaugurale Gran Premio d'Australia Alonso conquistò il quinto posto, scalando poi in quarta posizione in seguito alla squalifica di Daniel Ricciardo , che era giunto secondo. Il pilota spagnolo segnò punti anche in Malesia e in Bahrein , agguantando rispettivamente il quarto e il nono posto al traguardo. Ottenne il primo podio stagionale per sé e per la squadra in Cina , dove tagliò il traguardo alle spalle delle due Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg . Il podio nel Gran Premio di Cina non segnò, tuttavia, una netta inversione di tendenza: la monoposto rimase poco competitiva e consentì al pilota asturiano di lottare solo per le posizioni di rincalzo. Nel resto della stagione arrivò solamente un altro podio, nel Gran Premio d'Ungheria , nel quale Alonso giunse secondo dopo aver a lungo occupato la prima posizione. Nelle altre gare il pilota spagnolo giunse sempre tra i primi dieci, con l'eccezione di due ritiri a Monza ea Suzuka per problemi tecnici. Il 20 novembre 2014 , prima del conclusivo Gran Premio di Abu Dhabi , fu ufficializzata l'interruzione consensuale del contratto che legava Alonso alla Ferrari fino al termine della stagione2016 . [127] Il pilota spagnolo chiuse la sua ultima stagione con la squadra italiana al sesto posto assoluto, con 161 punti.

2015-2018 Il ritorno alla McLaren e il primo ritiro

2015
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2015 .
Fernando Alonso impegnato nel Gran Premio di Spagna 2015

L'11 dicembre 2014 la McLaren ufficializzò il ritorno del pilota spagnolo con un contratto triennale a partire dalla stagione2015 . [128] La scuderia britannica, terminato il ventennale rapporto con la Mercedes per la fornitura dei motori, iniziò una nuova collaborazione con la Honda .

Il 22 febbraio 2015 , mentre stava partecipando ad una sessione di test invernali sul Circuito di Montmelò , ebbe un incidente alla curva 4, a seguito del quale rimase ricoverato tre notti in ospedale. [129] Precauzionalmente, Alonso saltò il Gran Premio d'Australia , [130] venendo sostituto da Kevin Magnussen .

Alonso tornò al volante della McLaren nel successivo Gran Premio della Malesia , ma la stagione si rivelò avara di soddisfazioni: nelle prime sette gare disputate il pilota asturiano subì ben cinque ritiri, dovuti nella maggior parte dei casi alla scarsa affidabilità del motore Honda , e nelle due corse concluse al traguardo, in Cina e Bahrein , rimase fuori dalla zona a punti. Il primo piazzamento utile arrivò nel Gran Premio di Gran Bretagna , nel quale Alonso approfittò delle variabili condizioni meteorologiche e dell'elevato numero di ritiri per tagliare il traguardo in decima posizione. Nel successivo Gran Premio d'Ungheria il pilota asturiano ottenne il miglior risultato stagionale per sé e per la scuderia, conquistando il quinto posto dopo essere scattato quindicesimo. Nel resto della stagione, però, la McLaren - Honda non mostrò miglioramenti sufficienti per lottare regolarmente per i piazzamenti a punti.

Nel Gran Premio di Russia Alonso tagliò il traguardo in decima posizione, ma a fine gara fu penalizzato di 5 secondi per aver superato più volte i limiti del tracciato, retrocedendo all'undicesimo posto. [131] Nel successivo Gran Premio degli Stati Uniti il pilota spagnolo arrivò a occupare la quinta posizione, ma nelle fasi finali di gara scivolò fuori dalla zona punti dopo essere stato rallentato da problemi tecnici. Alonso non riuscì a conquistare altri risultati utili, chiudendo la stagione al diciassettesimo posto in classifica, con 11 punti.

2016
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2016 .
Alonso durante il Gran Premio di Monaco

Nel Gran Premio d'Australia , gara inaugurale della stagione, il pilota spagnolo fu vittima di un violento incidente con la Haas del messicano Esteban Gutiérrez , dal quale uscì senza lesioni gravi. Tuttavia i medici non lo reputarono nelle condizioni di poter affrontare il gran premio successivo [132] , nel quale venne di conseguenza sostituito dall'esordiente Stoffel Vandoorne . [133]

Tornato al volante nella gara successiva, Alonso ottenne i primi punti stagionali nel Gran Premio di Russia , gara in cui fu protagonista di una rimonta dal quattordicesimo al sesto posto. La stagione proseguì in modo leggermente più positivo della precedente: il pilota spagnolo fu costretto al ritiro per problemi meccanici in sole due occasioni, giungendo a punti con una certa regolarità soprattutto nella seconda metà di campionato. I migliori risultati furono due quinti posti, ottenuti a Monte Carlo e ad Austin ; altri piazzamenti a punti sono stati i settimi posti in Ungheria , Belgio , Singapore e Malesia , ei decimi in Brasile e ad Abu Dhabi . Alonso chiuse la stagione in decima posizione, con 54 punti.

2017
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2017 .
Alonso in Gran Bretagna

La stagione2017 iniziò in modo molto negativo per Alonso, che non vide la bandiera a scacchi (pur venendo classificato quattordicesimo nel Gran Premio del Bahrein ) in nessuna delle prime quattro gare del campionato.

Ad aprile il pilota spagnolo annunciò la propria partecipazione alla 500 Miglia di Indianapolis con il team Andretti ; [134] rinunciando a prendere parte al Gran Premio di Monaco che si disputava nello stesso periodo. Ottenuto il quinto posto in qualifica, [135] disputò un'ottima gara, conducendo anche diversi giri in testa, ma fu costretto al ritiro per problemi al motore a 21 giri dal termine, mentre era in settima posizione; venne comunque classificato 24º. [136]

Disputando tale evento, ricevette il premio come più veloce debuttante dell'anno, il Fastest Rookie Award 2017, grazie alla velocità di 231.300 mph fatta registrare durante i quattro giri della sessione di qualifica. [137] È stato anche premiato come debuttante dell'anno per questa stessa manifestazione, Indianapolis 500 Rookie of the Year, nel corso del gala tenutosi il lunedì seguente la gara [138] . Tornato in Formula 1, chiuse sedicesimo nel Gran Premio del Canada . Conquistò i primi punti stagionali nel Gran Premio d'Azerbaigian , concludendo nono. Il 30 luglio 2017 ottenne il miglior risultato della stagione nel Gran Premio d'Ungheria , concludendo sesto e facendo registrare il giro più veloce della gara all'ultimo giro. In Belgio lo spagnolo, dopo essere partito dalla decima posizione, si rese protagonista nei primi giri di un'intensa battaglia con Nico Hülkenberg per il settimo posto, ma la scarsa potenza relegò Alonso a metà gruppo. Al venticinquesimo giro fu costretto al ritiro per un problema al motore. La settimana successiva, in Italia , l'asturiano si qualificò tredicesimo, ma partì diciannovesimo per la sostituzione di diverse componenti della power unit e fu costretto al ritiro per un problema al cambio.

A Singapore , dopo aver segnato l'ottavo tempo in qualifica, rimase però coinvolto nell'incidente tra Verstappen , Raikkonen e Vettel , e all'ottavo giro fu costretto al ritiro per via dei danni subiti. Seguirono due undicesimi posti in Malesia e Giappone , poi un ritiro per problemi meccanici negli Stati Uniti . Proprio in occasione della gara oltreoceano, prolungò il suo contratto con la McLaren anche per il2018 . [139] Tornò a punti in Messico , concludendo in decima posizione; nei giri finali ingaggiò un duello con l'ex compagno di squadra Lewis Hamilton , che si laureò campione del mondo per la quarta volta proprio nella stessa gara. In Brasile , partito sesto (miglior risultato stagionale in qualifica), alla prima curva sorpassò Sergio Pérez e si portò in quinta posizione, ma venne passato da Felipe Massa alcuni giri dopo. Passò tutta la gara dietro al brasiliano (al suo ultimo Gran Premio di casa), chiudendo ottavo. Gli ultimi due punti in classifica (17 in totale nell'annata) arrivarono nel conclusivo Gran Premio di Abu Dhabi dove, partito undicesimo, si classificò in nona piazza.

2018
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2018 .
Lo spagnolo impegnato nel Gran Premio di Cina .

Nel 2018 la McLaren cambiò collaborazione tecnica, passando da Honda a Renault . L'inizio di stagione fu positivo sia per Alonso che per la scuderia. Infatti il pilota asturiano concluse in zona punti i primi due Gran Premi (5º in Australia e 7º in Bahrein ). Lo spagnolo chiuse a punti anche in Cina , in Azerbaigian (sempre con il settimo posto) e in Spagna (ottavo). Fu costretto al ritiro a Monaco e in Canada . In Francia , sul Paul Ricard , reduce da una brutta qualifica, il pilota spagnolo concluse la gara in sedicesima posizione. Sia in Austria che in Gran Bretagna conquistò l'ottavo posto. Dopo un sedicesimo posto in Germania , concluse ottavo a Budapest . Il 14 agosto, durante la pausa estiva, ufficializzò il suo ritiro dalla Formula 1 a fine stagione. [140] Dopo due ritiri consecutivi in Belgio (tamponato da Nico Hulkenberg ) e in Italia , giunse settimo a Singapore . Le ultime sei gare stagionali invece furono parecchio negative per Alonso a causa della scarsa competitività della McLaren che non gli permise di conquistare altri punti. Concluse quindi la stagione con l'undicesimo posto in classifica a quota 50 punti.

Poco prima dell'ultimo gran premio stagionale, la McLaren annuncia che Alonso rimarrà come collaudatore e consigliere della scuderia per il2019 . [141]

2021-presente: Il ritorno con l'Alpine

2021
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2021 .

L'8 luglio 2020 la Renault annuncia il ritorno di Fernando Alonso nel Circus . Dal 2021 la stessa scuderia cambia nome in Alpine F1 Team, marchio del gruppo Renault . L'asturiano correrà per la terza volta con la scuderia francese a partire dalla stagione2021 . [142] [143] Per prepararsi al ritorno in Formula 1 , Alonso partecipa, con qualche critica [144] , ai test dedicati ai giovani piloti, che si sono tenuti il martedì successivo al week-end di gara del GP di Abu Dhabi , alla guida della Renault RS20 [145] .

Dopo un ritiro nel primo appuntamento stagionale, Alonso torna a punti nelsecondo GP della stagione a Imola , con un 10º posto; si tratta dei primi punti dal GP di Singapore del 2018 . Successivamente, nel Gran Premio del Portogallo , Alonso parte in tredicesima posizione e arriva ottavo, avendo compiuto un'ottima rimonta nella seconda parte di gara. In Azerbaigian Alonso termina sesto, sorpassando diverse vetture nel corso dell'ultimo giro e ottenendo il miglior risultato dal suo rientro in Formula 1. Ancora migliore è il risultato in Ungheria , dove Alonso si classifica quarto dopo aver battagliato con Lewis Hamilton .

500 Miglia di Indianapolis

Fernando Alonso si appresta a salire sulla sua Dallara DW12 /Honda prima del via della 500 Miglia

Nel 2017 Alonso partecipò alla 500 Miglia di Indianapolis alla guida di una McLaren Honda della squadra Andretti Autosport . Riuscì a partire dalla quinta posizione, in seconda fila, ma alla partenza fu sorpassato quasi subito e arretrò fino alla nona posizione. L'andamento della gara fu altalenante per il pilota spagnolo: grazie ad una serie di sorpassi arrivò a guidare la corsa dalla prima posizione, per poi essere nuovamente superato; riuscì a tornare in testa al centotrentunesimo giro, ma in seguito perse altre posizioni. Un guasto al motore avvenuto a 21 giri dalla fine lo costrinse al ritiro [146] . Il 5 settembre del 2018 prese parte ad un test a Birmingham , in Alabama , provando una vettura Indycar sul circuito Barber Motorsports Park . Il test, avvenuto in preparazione alla partecipazione di Alonso alla 500 miglia del 2019, ha visto il pilota spagnolo cimentarsi alla guida di una macchina ancora una volta messa a disposizione dal team Andretti Autosport. [147]

Nel novembre 2018 venne annunciata la partecipazione di Alonso alla 500 Miglia di Indianapolis 2019, questa volta con una vettura schierata direttamente dalla McLaren Racing con motorizzazione Chevrolet. [148] Visto il risultato precedente, la qualificazione alla gara sarebbe dovuta essere una formalità, ma complice la poca esperienza del nuovo Team McLaren, che portò Alonso ad avere una vettura difficile da guidare e vari colpi di sfortuna, come l'incidente nelle prove libere e successivamente una foratura durante le prime qualifiche condannò il pilota spagnolo, nella sessione di qualifica decisiva, a non essere abbastanza veloce per riuscire a entrare nei 33 posti disponibili per essere ammessi alla gara condannandolo, clamorosamente, all'esclusione.

Nel 2020 Alonso tenta nuovamente di conquistare la 500 miglia e completare così la tripla corona . Dopo essere stato protagonista di un incidente nelle prove libere in qualifica ottiene il 28º tempo che gli vale la penultima fila, mentre in gara concluderà al 21º posto.

24 Ore di Daytona

2018

Nel 2018 prese parte alla 24 Ore di Daytona , in preparazione alla stagione del Campionato del mondo Endurance . A Daytona Alonso guidò una Ligier JS P217 del team United Autosports con l'obiettivo di piazzarsi tra i primi cinque, ma lui e gli altri membri dell'equipaggio ( Lando Norris e Phil Hanson) chiusero la gara in trentottesima posizione, a causa di una foratura che provocò danni a parte della carrozzeria, e di problemi all'impianto frenante e all'acceleratore.

2019

L'anno successivo Alonso prese nuovamente il via alla 24 Ore di Daytona, stavolta alla guida della Cadillac DPi-VR n.10, condivisa con Kamui Kobayashi , Renger van der Zande e Jordan Taylor , vincendo, dopo che la gara è stata interrotta anticipatamente a causa della pioggia [149] .

Campionato del mondo endurance

2018-2019

La Toyota TS050 Hybrid, vettura con cui Alonso si è aggiudicato la 24 Ore di Le Mans 2018 con Kazuki Nakajima e Sébastien Buemi .

Nel 2018 Alonso partecipò al Campionato del mondo endurance parallelamente all'attività in Formula 1 con la Toyota [150] . La stagione cominciò nel migliore dei modi per l'equipaggio della Toyota composto da Alonso, Kazuki Nakajima e Sébastien Buemi , che vinsero la 6 ore di Spa , con un secondo e mezzo di vantaggio sull'altra Toyota. Alonso nel finale di gara riuscì a resistere agli attacchi di Mike Conway, portando a casa la vittoria. [151]

Il 17 giugno 2018 vinse la 24 Ore di Le Mans , secondo appuntamento della stagione, alla guida della Toyota TS050 Hybrid numero 8, insieme ai compagni di squadra Nakajima e Buemi, regalando al costruttore giapponese la prima storica vittoria nella competizione. La gara vide Alonso recuperare, durante uno stint notturno, lo svantaggio rispetto alla Toyota numero 7, causato da una penalità di un minuto. L'equipaggio della Toyota numero 8 si portò al comando all'alba, restandoci fino a fine gara e vincendo con due giri di vantaggio sull'altra Toyota, attardata da problemi tecnici. [152]

La stagione proseguì con la 6 ore di Silverstone , in cui però entrambe le vetture della Toyota, dopo aver concluso al primo e secondo posto, furono squalificate per non aver superato le verifiche tecniche. [153] Nelle successive gare, sul Circuito del Fuji [154] e su quello di Shanghai [155] , Alonso ei suoi compagni si classificarono al secondo posto della classifica, chiudendo in entrambe le occasioni dietro la vettura gemella della Toyota. Alla 1000 Miglia di Sebring [156] e alla 6 ore di Spa [157] trionfò davanti alla Toyota numero 7 e alla Rebellion numero 3 rispettivamente.

Il 15 e 16 giugno 2019 bissó il successo alla 24 Ore di Le Mans sempre sulla Toyota TS050 numero 8, con lo stesso equipaggio dell'anno precedente, vincendo nella stessa occasione il titolo riservato ai piloti nella categoria LMP1 . [158]

Rally Dakar

Nel 2020 Alonso prese il via alla quarantaduesima edizione del Rally Dakar con il team Toyota Gazoo Racing . Ha concluso la gara in tredicesima posizione [159] , con un secondo posto come miglior piazzamento di tappa. Una fermata per riparazioni alla seconda tappa e un incidente durante la decima gli hanno fatto perdere diverse ore, compromettendo il suo risultato finale in classifica generale [160] .

Casco

Il casco di Fernando Alonso utilizzato nel2011 , quando guidava per la Ferrari .

Il casco di Alonso è azzurro, con ai lati tre strisce rosse e gialle (che rappresentano la bandiera della Spagna ) e alcuni dettagli blu e azzurri (nella parte inferiore è presente la bandiera delle Asturie), con due lampi disegnati nella parte superiore del casco. Nella stagione 2007, Alonso cambiò temporaneamente i colori del casco da rosso, giallo e azzurro a nero, argento e rosso (anche se nei test della McLaren usò un casco tutto bianco). Al Gran Premio di Monaco 2013 Alonso svela un nuovo casco, i cui colori dominanti sono il bianco e il dorato, ai lati un puzzle per celebrare i 32 successi ottenuti dal pilota, dal primo in Ungheria nel 2003 fino all'ultimo a Barcellona. Sulla parte superiore del casco, invece, un altro puzzle, ancora dorato, per rappresentare un planisfero. [161] [162] Durante il Gran Premio di Abu Dhabi 2014 , indossa per l'occasione (ultima gara in forza alla Ferrari ) un casco celebrativo, con un pit-stop con sfondo rosso sulla destra e le firme dei suoi compagni di squadra dall'altra. In mezzo alla calotta è presente il tricolore italiano.

Risultati

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati sportivi di Fernando Alonso .

Formula 1

2001 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Minardi PS01 12 13 Rit Rit 13 Rit Rit Rit 14 17 16 10 Rit NP 13 Rit 11 0 23º
2003 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Renault R23 7 3 3 6 2 Rit 5 4 4 Rit Rit 4 1 8 Rit Rit 55
2004 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Renault R24 3 7 6 4 4 Rit 5 Rit Rit 2 10 3 3 Rit Rit 4 5 4 59
2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Renault R25 3 1 1 1 2 4 1 Rit NP 1 2 1 11 2 2 2 3 3 1 133
2006 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Renault R26 1 2 1 2 2 1 1 1 1 5 2 5 Rit 2 Rit 2 1 2 134
2007 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Europe.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
McLaren MP4-22 2 1 5 3 1 7 2 7 2 1 4 3 1 3 Rit 2 3 109
2008 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Turkey.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Renault R28 4 8 10 Rit 6 10 Rit 8 6 11 4 Rit 4 4 1 1 4 2 61
2009 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Renault R29 5 11 9 8 5 7 10 14 7 Rit 6 Rit 5 3 10 Rit 14 26
2010 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari F10 1 4 13 4 2 6 8 3 8 14 1 2 Rit 1 1 3 1 3 7 252
2011 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Ferrari 150º Italia 4 6 7 3 5 2 Rit 2 1 2 3 4 3 4 2 5 3 2 4 257
2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Ferrari F2012 5 1 9 7 2 3 5 1 2 1 5 Rit 3 3 Rit 3 2 2 3 2 278
2013 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Ferrari F138 2 Rit 1 8 1 7 2 3 4 5 2 2 2 6 4 11 5 5 3 242
2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari F14T 4 4 9 3 6 4 6 5 6 5 2 7 Rit 4 Rit 6 6 6 9 161
2015 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
McLaren MP4-30 Rit 12 11 Rit Rit Rit Rit 10 5 13 18 Rit 11 11 11 Rit 15 17 11 17º
2016 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
McLaren MP4-31 Rit 12 6 Rit 5 11 Rit 18 13 7 12 7 14 7 7 16 5 13 10 10 54 10º
2017 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
McLaren MCL32 Rit Rit 14 NP 12 16 9 Rit Rit 6 Rit 17 Rit 11 11 Rit 10 8 9 17 15º
2018 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
McLaren MCL33 5 7 7 7 8 Rit Rit 16 8 8 16 8 Rit Rit 7 14 14 Rit Rit 17 11 50 11º
2021 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svgBandiera Emilia-Romagna.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of none.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Alpine A521 Rit 10 8 17 13 6 8 9 10 7 4 38
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Qualifica Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Vita privata

È stato sposato dal 17 novembre 2006 al 20 dicembre 2011 con Raquel del Rosario , cantante del gruppo pop El Sueño de Morfeo . [163] La separazione venne annunciata il giorno stesso con un comunicato congiunto apparso sul sito di Marca . [164]

Il 4 gennaio 2009 venne coinvolto con la moglie in un incidente aereo in Kenya , dal quale uscì completamente illeso: il jet privato del pilota, di ritorno dalle vacanze di Natale trascorse in compagnia di Briatore, colpì con l'ala sinistra una palazzina dell'aeroporto di Malindi . [163]

Fernando Alonso è ateo : nel 2010 , in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera , dichiarò di non aver mai cercato il rapporto con Dio e di non credere nel destino. [165]

È un amante delle carte da gioco, ma anche dei trucchi che con esse si possono svolgere; [13] durante il fine settimana di gara, inoltre, è solito partecipare a partite di poker con il collega Robert Kubica e con altri appassionati all'interno del paddock . [166] Segue molti sport , come il ciclismo , sport in cui sta cercando di fondare un team suo, il calcio (è un tifoso del Real Madrid ) [167] e il tennis . [13]

Dal 2016 è legato alla modella e influencer Linda Morselli.

Nei media

Nel 2011 prestò la sua voce a uno dei personaggi nella versione spagnola del film d'animazione Cars 2 , della Pixar Animation Studios . La cantante italiana Francesca Michelin gli ha dedicato una canzone: 'Alonso' nell'album 2640 . Nel 2020 esce su Amazon Prime Video la prima stagione della serie Fernando, che riassume la sua vita e la sua carriera [168] .

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Stella d'Italia
Roma , 2 giugno 2013 [169]
Premio Principe delle Asturie per lo sport - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per lo sport
«È riuscito a raggiungere la vetta nel suo sport dopo anni di sacrifici e difficoltà. Sostenuto solamente dalla sua famiglia, all'inizio di tale carriera, oggi è un esempio per i giovani della Spagna e del mondo in generale; per la sua carriera in corso è la prova di un'incrollabile desiderio di rendere al meglio.»
Oviedo , 6 settembre 2005

Note

  1. ^ Habemus Alonso , in La Gazzetta dello Sport , 29 aprile 2005, p. 29.
  2. ^ Alonso inizia bene il week end ungherese , in Informazione , 4 agosto 2007, p. 40.
  3. ^ La Spagna prima di Fernando Alonso: carriere di uomini non illustri , su f1web.it . URL consultato il 4 gennaio 2012 .
  4. ^ a b Andrea Cremonesi, Alonso nella storia della Formula 1 , in La Gazzetta dello Sport , 26 settembre 2005, p. 34.
  5. ^ Alonso, nuovo primato: è record di punti in Ferrari , su gazzetta.it , La Gazzetta dello Sport , 21 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2014 .
  6. ^ Maurilio Rigo, Alonso: dalle donne alle gare, chi è il nuovo Numero Uno , in La Repubblica , 25 settembre 2005. URL consultato il 30 aprile 2009 .
  7. ^ Massa e Sutil nell'Associazione piloti , in Tuttosport . URL consultato il 27 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 21 aprile 2009) .
  8. ^ Vito Graffeo, Alonso è il miglior pilota , in SportLive.it , 15 novembre 2008. URL consultato il 5 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  9. ^ Marchionne, Alonso il miglior pilota , in Tuttosport , 4 giugno 2011. URL consultato il 10 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  10. ^ Fernando Alonso miglior pilota 2010 per i Team Principal , su ferrari.com , 2 dicembre 2010. URL consultato il 10 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  11. ^ F1 | Alonso è il terzo sportivo più ricco del mondo | FormulaPassion.it
  12. ^ F1, Alonso-Renault: è ufficiale , su corrieredellosport.it .
  13. ^ a b c d e Giorgio Terruzzi , Formula Alonso, il futuro è già qui , in Corriere della Sera , 5 luglio 2005, p. 46.
  14. ^ a b ( ES ) Martín Urruty,De plebeyo a rey. Cómo llegó Alonso a ser el campeón más joven de la historia , in ESPNdeportes.com , 26 novembre 2005. URL consultato il 30 aprile 2009 .
  15. ^ a b c Luigi Garlando , Vi racconto quel bimbo che vinceva a 4 anni , in La Gazzetta dello Sport , 26 settembre 2005.
  16. ^ a b c d e f g h i ( EN ) Biography , su fernandoalonso.com . URL consultato il 10 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 23 giugno 2011) .
  17. ^ a b c d e f g h ( EN ) Who's Who: Fernando Alonso , su f1fanatic.co.uk . URL consultato il 30 aprile 2009 .
  18. ^ Carlo Laudisa, F.1, grazie Minardi , in La Gazzetta dello Sport , 15 aprile 2003, p. 27.
  19. ^ ( EN ) Formula One: Stoddart steps in to save Minardi , in The Daily Telegraph , 30 gennaio 2001. URL consultato il 10 luglio 2011 .
  20. ^ ( EN ) Steve Cooper, The hunter becomes the haunted , in Autosport , vol. 189, n. 19, settembre 2007, p. 39.
  21. ^ ( EN ) Sauber chasing Alonso , in GrandPrix.com , 11 settembre 2001. URL consultato il 30 aprile 2009 .
  22. ^ ( EN ) Sauber confirms Massa , in GrandPrix.com , 12 ottobre 2001. URL consultato il 30 aprile 2009 .
  23. ^ Walter Mesiti, Alonso collaudatore Renault , su formula1.it , 2 novembre 2001. URL consultato l'11 luglio 2011 .
  24. ^ Renault: La storia , in Virgilio . URL consultato il 26 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  25. ^ ( EN ) Alan Baldwin, Alonso takes record pole for Renault , in in.Rediff.com , 22 marzo 2003. URL consultato il 25 maggio 2009 .
  26. ^ Stefano Zaino, Alonso, incredibile sorpresa, mai una pole tanto giovane , in La Repubblica , 23 marzo 2003, p. 52.
  27. ^ Ammaccati e miracolati. Gli incidenti più seri degli ultimi 10 anni , su f1web.it . URL consultato il 4 gennaio 2012 .
  28. ^ Räikkönen vince, beffato Fisichella nel gp della pioggia e degli scontri , in La Repubblica , 6 aprile 2003. URL consultato il 3 agosto 2011 .
  29. ^ ( EN ) The Coulthard-Alonso incident , in GrandPrix.com , 1º luglio 2003. URL consultato il 3 maggio 2009 .
  30. ^ GP di Ungheria: Schumi a terra , in Panorama , 25 agosto 2003. URL consultato il 26 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  31. ^ Vincenzo Borgomeo, Gp di Francia, la riscossa Renault. Imprendibile Alonso: è pole , in La Repubblica , 3 luglio 2004. URL consultato il 26 maggio 2009 .
  32. ^ Divorzio tra Trulli e la Renault. Briatore chiama Villeneuve , in La Repubblica , 14 settembre 2004. URL consultato il 26 maggio 2009 .
  33. ^ Trulli-Toyota, mezzo sorriso , in Trentino , 11 ottobre 2004. URL consultato l'11 luglio 2011 .
  34. ^ a b Marco Degl'Innocenti, Una gara con la testa al Mondiale , in La Gazzetta dello Sport , 26 settembre 2005, p. 35.
  35. ^ Pino Allevi, La Renault: Abbiamo ingaggiato Fisichella , in La Gazzetta dello Sport , 28 luglio 2004, p. 21.
  36. ^ a b Renault F1, ora è ufficiale: Questo il team da battere , in La Repubblica , 8 maggio 2005. URL consultato il 26 maggio 2009 .
  37. ^ Stefano Zaino, GP d'Australia, Fisichella batte Ferrari 1-0 , in La Repubblica , 7 marzo 2005, p. 54.
  38. ^ Fisichella domina il Gp d'Australia , in Corriere della Sera . URL consultato il 26 maggio 2009 .
  39. ^ Gp di Malesia, trionfa lo spagnolo Alonso , in Corriere della Sera . URL consultato il 26 maggio 2009 .
  40. ^ Ferrari shock - Schumi ritirato, vince ancora Alonso , in La Repubblica , p. 48.
  41. ^ Lello Garinei, Alonso festeggia: Il giorno più bello , in La Gazzetta dello Sport , 25 aprile 2005, p. 29.
  42. ^ a b Vincenzo Borgomeo, Alonso, un titolo meritatissimo e tanti alleati anche tra i rivali , in La Repubblica , 25 settembre 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  43. ^ Ad Alonso il Gp d'Europa delle gomme , in Corriere della Sera , 29 maggio 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  44. ^ Gp Germania, Alonso vola verso il mondiale , in Corriere della Sera , 3 luglio 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  45. ^ Gp di Francia, Alonso in pole. Schumacher in seconda fila , in La Repubblica , 2 luglio 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  46. ^ a b c Vince Montoya, Alonso a un passo dal titolo , in Corriere della Sera , 11 settembre 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  47. ^ Paolo Ianieri, Alonso, butta la calcolatrice , in La Gazzetta dello Sport , 5 luglio 2005, p. 27.
  48. ^ ( EN ) Alonso crowned new world champion , in CNN , 25 settembre 2005. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  49. ^ Hamilton campione del mondo: il titolo conquistato all'ultima curva , in Corriere della Sera , 2 novembre 2008. URL consultato l'8 maggio 2009 .
  50. ^ Cina, Alonso vince, il Mondiale alla Renault , in Corriere della Sera . URL consultato l'11 maggio 2009 .
  51. ^ Paolo Rossi, Passaggio di fenomeni - Fernando Alonso: Mi bastano 3 titoli, come Senna, e poi smetto con la Formula 1 , in La Repubblica , 24 ottobre 2006, p. 64.
  52. ^ ( EN ) Fernando Alonso - Sports 2005 , su fpa.es , Fondazione Principe delle Asturie , 6 settembre 2005. URL consultato il 23 agosto 2012 .
  53. ^ ( EN ) Alonso readying for Schumacher duel , in Sports Illustrated , 6 maggio 2005. URL consultato il 7 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  54. ^ ( ES ) Carlos Miquel, La 'Alonsomania' nació con la primera victoria , in AS , 22 agosto 2007. URL consultato il 7 agosto 2011 .
  55. ^ a b ( EN ) Teresa Larraz, Alonso gets Spain's top sporting award , Rediff.com, 22 ottobre 2005. URL consultato il 7 maggio 2009 .
  56. ^ Federico Bastiani, Sbagliato cambiare regole ogni anno , in City , 26 marzo 2009, p. 13.
  57. ^ ( EN ) Alonso signs for McLaren! , in GrandPrix.com , 19 dicembre 2005. URL consultato il 26 settembre 2010 .
  58. ^ Stefano Zaino, Primi giri in Bahrein, la Ferrari è ok , in La Repubblica , 11 marzo 2006, p. 63.
  59. ^ ( EN ) Schumacher puts Ferrari on pole in Bahrain , in Rediff.com , 11 marzo 2006. URL consultato il 27 maggio 2009 .
  60. ^ Alonso vince in Bahrein, Schumi splendido secondo , in Corriere della Sera , 13 marzo 2006, p. 35.
  61. ^ Dopo Imola, ancora Schumi capolavoro Ferrari in Germania , in La Repubblica , 8 maggio 2006, p. 48.
  62. ^ a b Pino Allevi, Schumacher, un'impresa da mondiale , in La Gazzetta dello Sport , 2 ottobre 2006, p. 3.
  63. ^ Stefano Zaino, Renault-Ferrari, ancora scontro. Briatore furioso: Mondiale falsato , in La Repubblica , 26 agosto 2006. URL consultato il 29 gennaio 2010 .
  64. ^ Stefano Zaino, Alonso penalizzato, colpa dei nervi. Briatore accusa: Mondiale falsato , in La Repubblica , 5 agosto 2006. URL consultato il 3 maggio 2009 .
  65. ^ a b Budapest, Schumi e Alonso penalizzati. Räikkönen parte in pole position , in La Repubblica , 5 agosto 2006. URL consultato il 7 maggio 2009 .
  66. ^ Andrea Cremonesi, La Renault si ribella: F1 fuori controllo , in La Gazzetta dello Sport , 10 settembre 2006, p. 30.
  67. ^ Andrea Cremonesi, Alonso: Non è sport. Una gara truccata , in La Gazzetta dello Sport , 11 settembre 2006, p. 9.
  68. ^ Briatore: L'evasione in Italia? Un bisogno , in Corriere della Sera , 16 ottobre 2006. URL consultato il 6 maggio 2009 .
  69. ^ Briatore, veleno su Schumacher , in TGcom , 9 ottobre 2006. URL consultato il 6 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  70. ^ Andrea Cremonesi, Il colpo doppio di Schumacher , in La Gazzetta dello Sport , 2 ottobre 2006, p. 29.
  71. ^ Andrea Cremonesi, A Michael salta il motore, Renault salta sul Mondiale , in La Gazzetta dello Sport , 9 ottobre 2006, p. 5.
  72. ^ Marco Degl'Innocenti, Schumi: Chiudo con un Mondiale , in La Gazzetta dello Sport , 20 ottobre 2006, p. 3.
  73. ^ Gp Brasile, Massa in pole, Schumi dietro: È stato un problema alla pompa , in La Repubblica , 21 ottobre 2006. URL consultato il 28 maggio 2009 .
  74. ^ Marco Degl'Innocenti, Michael: Peccato, avrei doppiato tutti , in La Gazzetta dello Sport , 23 ottobre 2006, p. 3.
  75. ^ Vincenzo Borgomeo, Alonso beffa Massa, Räikkönen fuori. F1, gara spettacolo al Gp d'Europa , in La Repubblica . URL consultato l'11 luglio 2011 .
  76. ^ Marco Degl'Innocenti, Hamilton: Non sono l'allievo di Alonso , in La Gazzetta dello Sport , 24 maggio 2007, p. 26.
  77. ^ a b Marco Degl'Innocenti, Hamilton adesso batte cassa , La Gazzetta dello Sport , 29 giugno 2007, p. 19.
  78. ^ a b Marco Degl'Innocenti, Fernando: Non mi trattano da campione , in La Gazzetta dello Sport , 6 agosto 2007, p. 2.
  79. ^ a b ( EN ) Hungarian Grand Prix 2007 , in BBC , 5 agosto 2007. URL consultato il 3 maggio 2009 .
  80. ^ ( EN ) Alonso demoted to sixth in Hungary , AutoSport.com , 4 agosto 2007. URL consultato il 24 maggio 2009 .
  81. ^ Andrea Cremonesi, E la Ferrari si prende il titolo costruttori. Todt: Riconosciuta l'illegalità , in La Gazzetta dello Sport , 14 settembre 2007, p. 2.
  82. ^ a b Andrea Cremonesi, Stangatina McLaren: Alonso e Hamilton non vengono toccati , in La Gazzetta dello Sport , 14 settembre 2007, p. 3.
  83. ^ Arianna Ravelli, Spy story, un'email di Alonso aiuta la Ferrari , in Corriere della Sera , 7 settembre 2007. URL consultato il 29 maggio 2009 .
  84. ^ E-mail De la Rosa-Alonso: Ecco i dati della Ferrari , in La Gazzetta dello Sport , 14 settembre 2007. URL consultato il 29 maggio 2009 .
  85. ^ ( EN ) Dennis tipped off FIA about evidence , in AutoSport.com , 14 settembre 2007. URL consultato il 24 maggio 2009 .
  86. ^ Arianna Ravelli, Il ricatto di Alonso a Dennis è un giallo , in Corriere della Sera , 16 settembre 2007, p. 47.
  87. ^ ( EN ) Pablo Elizalde, Transcript highlights Dennis/Alonso row , in AutoSport.com , 19 settembre 2007. URL consultato il 24 maggio 2009 .
  88. ^ ( EN ) Giles Mole, Fernando Alonso leaves McLaren , in The Daily Telegraph , 2 novembre 2007. URL consultato il 29 gennaio 2010 .
  89. ^ Alonso-McLaren: il divorzio è ufficiale , in L'Eco di Bergamo , 3 novembre 2009, p. 43.
  90. ^ F1: Alonso torna alla Renault , in TGcom , 10 dicembre 2007. URL consultato l'11 novembre 2012 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2013) .
  91. ^ ( EN ) Maurice Hamilton, Alonso and Brawn set to join Red Bull dream team , in The Guardian , 4 novembre 2007. URL consultato il 29 gennaio 2010 .
  92. ^ a b Toyota sfida la Renault per Alonso , in TGcom , 1º dicembre 2007. URL consultato l'11 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 3 gennaio 2008) .
  93. ^ Marco Degl'Innocenti, Alonso, il provinciale: Ho sconfitto il Real , in La Gazzetta dello Sport , 1º ottobre 2008, p. 28.
  94. ^ a b Marco Degl'Innocenti, Alonso si dispera: Stavolta ero da podio , La Gazzetta dello Sport , 28 settembre 2008, p. 31.
  95. ^ ( EN ) Brazilian Grand Prix , in BBC , 1º novembre 2008. URL consultato il 7 agosto 2011 .
  96. ^ Alonso resta alla Renault sino al 2010 , in La Gazzetta dello Sport , 6 novembre 2008, p. 25.
  97. ^ Melbourne, il diffusore fa la differenza. A volare è Rosberg , in Sky Sport , 27 marzo 2009. URL consultato l'11 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2012) .
  98. ^ Ungheria, che Hamilton! E Räikkönen è secondo , in La Gazzetta dello Sport , 26 luglio 2009. URL consultato il 26 luglio 2009 .
  99. ^ Nelsinho: Mi hanno detto di andare a sbattere , in La Gazzetta dello Sport , 24 settembre 2009, 26-27.
  100. ^ Solo nel gennaio 2010 Briatore sarebbe stato assolto dal Tribunale di Grande Istanza di Parigi . Cfr. F1: Briatore assolto dalla corte di Parigi , in Corriere della Sera , 5 gennaio 2010. URL consultato il 5 gennaio 2010 .
  101. ^ Alessia Cruciani, Punizione shock: Briatore fuori dalla F1 a vita, radiato , in La Gazzetta dello Sport , 22 settembre 2009, p. 2.
  102. ^ ( EN ) Andrew Benson, Ferrari confirm capture of Alonso , in BBC , 30 settembre 2009. URL consultato l'11 luglio 2011 .
  103. ^ Gianluca Gasparini, Alonso strepitoso in Bahrain. E con Massa è trionfo Ferrari , in La Gazzetta dello Sport , 14 marzo 2010. URL consultato il 14 luglio 2011 .
  104. ^ Vincenzo Borgomeo, Australia, Button torna a vincere. Poi le due Ferrari , in La Repubblica , 28 marzo 2010. URL consultato il 14 luglio 2011 .
  105. ^ Button-Hamilton, McLaren domina in Cina. Alonso 4º , in Corriere dello Sport - Stadio , 18 aprile 2010. URL consultato il 14 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2011) .
  106. ^ ( EN ) Tom Cary, F1 British Grand Prix 2010: Mark Webber denies Lewis Hamilton victory on home turf , in The Daily Telegraph , 11 luglio 2010. URL consultato il 14 luglio 2011 .
  107. ^ ( EN ) Marc Vesty, Fernando Alonso leads Ferrari one-two in German GP , in BBC , 25 luglio 2010. URL consultato il 22 agosto 2011 .
  108. ^ ( EN ) Richard Rae, Ferrari fined $100,000 but result stands , in BBC , 25 luglio 2010. URL consultato il 22 agosto 2011 .
  109. ^ Vincenzo Borgomeo, Gp del Giappone, razzi Red Bull. Vettel e Webber dominano, poi Alonso , in La Repubblica , 10 ottobre 2010. URL consultato il 21 luglio 2011 .
  110. ^ Marco Nicolucci, Corea, un Alonso da favola. Vince e va in testa al Mondiale , in La Gazzetta dello Sport , 24 ottobre 2010. URL consultato il 21 luglio 2011 .
  111. ^ Giusto Ferronato, Ferrari, è un finale atroce. Alonso 7º, Vettel campione , in La Gazzetta dello Sport , 14 novembre 2010. URL consultato il 21 luglio 2011 .
  112. ^ Piero Ferrari, Rossa meno forte Red Bull , su raisport.rai.it , Rai Sport , 15 giugno 2011. URL consultato il 23 agosto 2011 .
  113. ^ Alonso e Ferrari insieme fino al 2016 , su ferrari.com , Scuderia Ferrari , 19 maggio 2011. URL consultato il 21 maggio 2011 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2011) .
  114. ^ Flavio Vanetti, Un secondo che piace , in Corriere della Sera , 27 giugno 2011, 34-35.
  115. ^ Giusto Ferronato, Trionfo Ferrari a Silverstone, Alonso davanti alle Red Bull , in La Gazzetta dello Sport , 10 luglio 2011. URL consultato il 23 agosto 2011 .
  116. ^ Formula 1: dopo la Germania Alonso crede nel mondiale , in Quotidiano Nazionale , 24 luglio 2011. URL consultato il 23 agosto 2011 .
  117. ^ Giusto Ferronato, Vettel, annata da Oscar. Ferrari, si salva Alonso , in La Gazzetta dello Sport , 28 novembre 2011. URL consultato il 3 dicembre 2011 .
  118. ^ Domenicali: Alonso è stato straordinario a Yas Marina , in Corriere dello Sport - Stadio , 14 novembre 2011. URL consultato il 3 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2011) .
  119. ^ Fry: Peccato per Alonso, comunque straordinario , in Tuttosport , 26 novembre 2011. URL consultato il 3 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2011) .
  120. ^ Andrea Cremonesi, Alonso: noie e 2" di distacco. Fry: Non felice del nostro livello , in La Gazzetta dello Sport , 9 febbraio 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 .
  121. ^ Alonso resta prudente. La macchina è difficile , in La Repubblica , 5 marzo 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 .
  122. ^ Stefano Mancini, Alonso, l'uomo dei miracoli , in La Repubblica , 26 marzo 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato dall' url originale il 26 marzo 2012) .
  123. ^ Alonso: I progressi della Ferrari sono reali , in Quotidiano Nazionale , 9 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012 .
  124. ^ Giusto Ferronato, Germania, superbo Alonso. Trionfa ed è in fuga iridata , in La Gazzetta dello Sport , 22 luglio 2012. URL consultato il 22 luglio 2012 .
  125. ^ Silverstone, che Alonso! Ferrari in pole, Webber 2º , in La Gazzetta dello Sport , 7 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012 .
  126. ^ F1, Team Principal incoronano Alonso miglior pilota del 2012 | LaPresse , in LaPresse , 13 dicembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2017 .
  127. ^ Grazie Fernando , su formula1.ferrari.com , ferrari.com, 20 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014 .
  128. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Alonso e Button piloti McLaren-Honda 2015 , su omnicorse.it , 11 dicembre 2014. URL consultato il 3 marzo 2015 .
  129. ^ http://www.gazzetta.it/Formula-1/27-02-2015/formula-1-alonso-saluta-sto-bene-grazie-il-supporto-video-1001051654963.shtml , Formula 1, Alonso saluta: "Sto bene, grazie per il supporto" , 27 febbraio 2015.
  130. ^ ( EN ) Fernando Alonso: A Medical Update , su mclaren.com , 3 marzo 2015. URL consultato il 7 marzo 2015 .
  131. ^ Matteo Sala, F1 Alonso penalizzato, sfuma il 10º posto di Sochi , su formulapassion.it , 11 ottobre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2015 .
  132. ^ ( EN ) Alonso to sit out Bahrain race on medical grounds , su formula1.com , 31 marzo 2016. URL consultato il 31 marzo 2016 .
  133. ^ ( EN ) Stoffel Vandoorne to make F1 debut in Bahrain , su mclaren.com , 31 marzo 2016. URL consultato il 31 marzo 2016 .
  134. ^ ( EN ) Alonso shocked by US impact of Indy 500 decision , su motorsport.com , 27 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2017 .
  135. ^ Indy 500, Dixon e Alonso protagonisti in qualifica , 22 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017 .
  136. ^ Alonso:"Tornerà ad Indianapolis" , su formulapassion.it , 29 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017 .
  137. ^ Fernando Alonso wins 43rd fastest rookie award at the 500 , su fox59.com .
  138. ^ Alonso eletto 'Rookie of the Year' della Indy 500 , su formulapassion.it .
  139. ^ È ufficiale: Alonso rinnova con la McLaren per il 2018 , su gazzetta.it , 19 ottobre 2017. URL consultato il 22 ottobre 2017 .
  140. ^ Alonso, addio alla Formula 1 nel 2019 , su gazzetta.it , 14 agosto 2018. URL consultato il 21 agosto 2018 .
  141. ^ Fernando Alonso resterà collaudatore e consigliere per la McLaren , su newsf1.it , 18 dicembre 2018. URL consultato il 2 gennaio 2019 .
  142. ^ [1]
  143. ^ F1, Alonso-Renault: è ufficiale , su corrieredellosport.it .
  144. ^ Alessandro Mastroluca, Alonso sarà ai test per giovani piloti di Abu Dhabi: la reazione dei rivali , su www.automotorinews.it , 2 dicembre 2020. URL consultato il 28 gennaio 2021 .
  145. ^ Test Abu Dhabi 2020, i piloti in pista , su FormulaPassion.it , 14 dicembre 2020. URL consultato il 15 dicembre 2020 .
  146. ^ 500 miglia Indianapolis: Alonso si ritira per rottura del motore , su repubblica.it , 28 maggio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2018 .
  147. ^ Fabiano Polimeni, Alonso, prove di Indycar 2019 a Barber Park , su autosprint.corrieredellosport.it , 6 settembre 2018. URL consultato il 6 settembre 2018 .
  148. ^ Ufficiale: , su it.motorsport.com , 10 novembre 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  149. ^ Alonso vince la 24 Ore di Daytona 2019 , su www.alvolante.it . URL consultato il 1º novembre 2020 .
  150. ^ Fabiano Polimeni, Ufficiale: Alonso a Le Mans e nel WEC 2018-2019 con Toyota , su autosprint.corrieredellosport.it , 30 gennaio 2018.
  151. ^ Giandomenico Tiseo, Fernando Alonso vince la 6 Ore di Spa: trionfo dello spagnolo e della Toyota in Belgio , su oasport.it , 5 maggio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  152. ^ 24 Ore Le Mans, Alonso imperiale: vince e vede la Triple Crown , su gazzetta.it , 17 giugno 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  153. ^ WEC 6 Ore di Silverstone, squalifica per Alonso e la Toyota , su corrieredellosport.it , 20 agosto 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  154. ^ Wec Doppietta Toyota alla 6 Ore del Fuji; Alonso chiude secondo , su gazzetta.it , 14 ottobre 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  155. ^ Wec Toyota a segno in Cina: alla 6 Ore di Shanghai è doppietta , su gazzetta.it , 18 novembre 2018. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  156. ^ WEC 2019 1000 miglia di Sebring vince Toyota , su automoto.it .
  157. ^ WEC: Alonso e Toyota trionfano alla 6 ore di Spa , su corrieredellosport.it .
  158. ^ 24h le mans diretta ultime 5 ore di gara , su formulapassion.it .
  159. ^ Dakar: Sainz vince ancora, Alonso 13° , su www.corrieredellosport.it . URL consultato il 1º novembre 2020 .
  160. ^ Sky Sport, Alonso, impressionante incidente alla Dakar. VIDEO , su sport.sky.it . URL consultato il 1º novembre 2020 .
  161. ^ HELMET 2012 , su fernandoalonso.com . URL consultato il 26 maggio 2015 (archiviato dall' url originale il 19 settembre 2015) .
  162. ^ My life | Fernando Alonso - fernandoalonso.com - Official site - Part 15 Archiviato il 2 agosto 2012 in Internet Archive .
  163. ^ a b Massimo Alberizzi, Malindi, il jet di Alonso finisce contro un palazzo , in Corriere della Sera , 5 gennaio 2009, p. 22.
  164. ^ ( ES ) Alonso anuncia que se separa de Raquel del Rosario , in Marca , 20 dicembre 2011. URL consultato il 23 dicembre 2011 .
  165. ^ Flavio Vanetti, Stupore Alonso: Non immaginavo che la Ferrari fosse così emozionante , in Corriere della Sera , 2 maggio 2010. URL consultato l'8 marzo 2012 .
  166. ^ ( EN ) Paddock poker gives F1 a human touch , Forumula1.net, 4 agosto 2008. URL consultato il 6 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 6 febbraio 2009) .
  167. ^ Calcio, Champions; madridista Alonso: Contento per amici Barca , in La Repubblica , 6 maggio 2009. URL consultato l'8 maggio 2009 .
  168. ^ QuotidianoNet, 'Fernando', il documentario di Amazon Prime Video sul pilota Alonso , su QuotidianoNet , 1600856240345. URL consultato il 15 dicembre 2020 .
  169. ^ Commendatore dell'Ordine della Stella d'Italia , su quirinale.it . URL consultato il 4 febbraio 2016 .

Bibliografia

  • ( ES ) Raquel Actis, Fernando Alonso: el principe de la Formula 1 , Nuevas Ediciones del Motor, 2003, ISBN 978-84-607-9784-5 .
  • ( ES ) Victor Seara, Fernando Alonso: una estrella en el mundo de la Formula 1 , La esfera de los libros, 2004, ISBN 978-84-9734-182-0 .
  • ( ES ) Raquel Actis, Luis Criado, Fernando Alonso: la lucha por la superacion , Cultural, 2005, ISBN 978-84-609-7818-3 .
  • ( ES ) Victor Seara, Fernando Alonso: una estrella del mundo de la Formula 1 , La esfera de los libros, 2005, ISBN 978-84-9734-332-9 .
  • ( ES ) Josep Viaplana, El nuevo rey-Campeón Fernando Alonso , Ediciones B, 2005, ISBN 978-84-666-1798-7 .
  • ( ES ) Rodrigo Castillo Brian, Javier del Arco de Izco, Antonio Lobato, Los 100 mejores pilotos de Fórmula 1: De Nino Farina a Fernando Alonso, 1950-2005 , Cahoba Promociones y Ediciones, 2005, ISBN 978-84-9832-056-5 .
  • ( FR ) Martine Camus, Fernando Alonso: Le sacre de la jeunesse , Chronosports, 2006, ISBN 978-2-84707-108-5 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 47000102 · ISNI ( EN ) 0000 0000 7843 0917 · LCCN ( EN ) n2005017325 · GND ( DE ) 132674416 · BNF ( FR ) cb14543603t (data) · BNE ( ES ) XX1674498 (data) · WorldCat Identities ( EN )lccn-n2005017325
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 18 agosto 2009 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki