Forces armades italianes

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Forces armades italianes
Escut heràldic i insígnia de l’Estat Major de la Defensa
Escut de l'Estat Major de la Defensa
Descripció general
Activa 4 de maig de 1861 [1] - avui
País Itàlia Regne d'Itàlia
Itàlia República italiana
Servei Exèrcit
Marina
Forces aeries
Arma dels mosquetons
Paio Forces Armades
Paper Defensa nacional
Formació
Missions de pau
Dimensió 276.619 (sense policia financera)
340.147 (amb policia financera)
Exèrcit: 95.511
Marina: 30.427
Força Aèria: 41.105
Arma dels mosquetons: 109.576
Policia de Finances: 63.528
Lema A Vis
"Una força"
Aniversaris 4 de novembre [2]
Departaments dependents
Comandants
Comandant en cap Sergio Mattarella ,
President de la República
Ministeri de Defensa Lorenzo Guerini
Cap de personal Gen. Enzo Vecciarelli [3] [4]
Símbols
Logotip ampliat de l'exèrcit italià Logotip de l'exèrcit italià - Extended.svg
Bandera de la marina Naval Ensign of Italy.svg
Còctel de la Força Aèria Roundel de la Força Aèria Italiana.svg
Fris distintiu dels mosquetons Flama dels mosquetons. Svg
Stellone d'Itàlia Stellette Italia2.jpg
Fonts citades al text
Rumors sobre unitats militars a la Viquipèdia

Les forces armades italianes (generalment abreujades FF.AA. ) són el conjunt de components militars de la República italiana .

Nascuts després de la unificació d’Itàlia, han vist nombrosos canvis al llarg de la seva història. Amb l'arribada del segle XXI, l' Arma dei Carabinieri , que anteriorment era una arma de l' exèrcit italià , s'ha convertit en una força armada autònoma des del 2000; l’emissió de la llei de 23 d’agost de 2004, n. 226 va provocar la suspensió de les trucades del servei militar a Itàlia a partir del 2005, juntament amb un procés de reforma general acompanyat d'una reducció progressiva del personal.

Antecedents

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Royal Army , Royal Navy , Royal Air Force , Milícia Voluntària per a la Seguretat Nacional i reclutament militar a Itàlia .

Amb la unificació d'Itàlia, l' exèrcit de Savoia va incorporar els altres exèrcits dels estats italians de preunificació, i es va introduir el servei militar obligatori per a tots els ciutadans homes. El mateix per a la Regia Marina . Per contrarestar la brigada de postunificació italiana que va sorgir immediatament després de la unitat (el 1861) es va crear un cos especial, la Guàrdia Nacional italiana , que es va dissoldre el 1876 . El març de 1923 es va establir una tercera força armada, la Regia Aeronautica : se li va confiar totes les forces aèries militars del Regne i de les colònies, tant del Royal Army com de la Royal Navy. Amb el Reial decret del 4 d’agost de 1924, el MVSN , que fins aleshores tenia funcions de gendarmeria , va passar a formar part de les Forces Armades de l’Estat, per les quals les Camises Negres van jurar al rei i ja no al Partit Feixista, i a la Milícia es va convertir en la quarta força armada italiana. Es va dissoldre l’agost de 1943.

A lapostguerra d'Itàlia , amb la creació del Ministeri de Defensa el 1947 (unificació dels anteriors ministeris de guerra, marina i força aèria), les forces armades es van dividir en tres sectors tradicionals diferents, cadascun dels quals constituïa un armat força: l' exèrcit italià [5] (que va incloure per primera vegada l'arma dels carrabiners entre les seves pròpies armes), la marina militar [6] (amb el cos de l'autoritat portuària empleat) i la força aèria . [7]

A partir dels anys 90, les forces armades van iniciar un lent procés de reforma, amb la institució de les xifres el 1993 del voluntari en estada curta i el 1999 amb el del voluntari en una parada anual . El servei militar femení , de forma voluntària, es va introduir el 1999, n. 380, i els primers allistaments van començar l’any següent.

Des de la dècada de 2000, les forces italianes han estat objecte de diverses reformes; l'any 2000 l' Arma dei Carabinieri va assumir el rang de "força armada" autònoma, mantenint gairebé inalterada la seva estructura, tasques i doble dependència del Ministeri de Defensa i del Ministeri de l'Interior . [8] [9] Entre les altres reformes més importants, la llei de 23 d'agost de 2004, n. 226 que preveia la suspensió, en temps de pau, de les trucades al servei militar , Decret legislatiu 15 de març de 2010, n. 66 que recollia el principal marc regulador de les forces armades i el decret legislatiu del 29 de maig de 2017, n. 94 que va reordenar els rols i les carreres del personal.

En l'època contemporània, les forces armades de la República italiana operen tant en el territori nacional com en altres estats del món , en aquest darrer cas sota l'ègida de l'Organització de les Nacions Unides , de l' OTAN (de la qual Itàlia forma part des de 1949 ), de la Unió Europea , o en el context de missions multinacionals de manteniment de la pau, conjuntament o no amb altres forces armades estrangeres.

Classificació

Actualment estan formats per quatre forces armades :

Cossos armats

Cossos auxiliars

A més, la inclusió de variants organitzatives pròpies de les grans empreses civils, de fet, han convertit la de les forces armades en una estructura organitzativa anomenada línia i personal , en la qual, al costat de les relacions típiques i històriques de dependència jeràrquica ( línia ), , que es tradueixen essencialment en la naturalesa de l' ordre militar , s'han introduït progressivament nous i moderns mètodes organitzatius "de personal ", que donen suport als caps de les diverses entitats organitzatives (els " comandants ") com a processos d'informació i òrgans de consultoria tècnica específics, amb l’aplicació dels principis moderns de presa de decisions. [ sense font ]

Organització

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Dret administratiu militar a Itàlia .

Des d'un punt de vista jeràrquic, les funcions de comandament de les forces armades italianes estan cobertes per:

Bodiesrgans polítics

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Comandament militar suprem italià , Consell Suprem de Defensa ipresident de la República italiana .
Les estrelles de cinc puntes , símbol de les forces armades italianes
La cerimònia d’alternança entre Biagio Abrate , antic cap de gabinet de defensa de l’esquerra i el seu predecessor Vincenzo Camporini

El president de la República , tal com estipula l'article 87 de la constitució de la República italiana :

«[...] té el comandament de les Forces Armades, presideix el Consell Suprem de Defensa establert segons la llei, declara l'estat de guerra aprovat per les Cambres [...]. [11] "

En aquest paper, derivat de la seva caracterització com a "cap d'Estat i representant de la unitat nacional", presideix el Consell Suprem de Defensa , un òrgan general per a la defensa de l'Estat, i fa ús d'assessors militars especials per a assumptes relacionats amb els armats. forces. [12]

La direcció tècnicopolítica de les forces armades prové, però, del ministre de Defensa que "està a càrrec de l'administració militar i de defensa civil", del qual és el "màxim òrgan jeràrquic i disciplinari". [13] L'oficina del gabinet, dos subsecretaris, dues oficines centrals, el cap de gabinet de Defensa que representa la cúpula de l'organització tècnic-operativa depenen del Ministeri de Defensa , encapçalat pel ministre de Defensa i, sobre la base de les directives donades. pel ministre, planifica, prepara i empra les forces armades en el seu conjunt; i el secretari general de Defensa que també és el director nacional d'armament (al capdavant de l'organització tècnic-administrativa). [14]

Cossos militars

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: la justícia militar italiana i el personal de defensa .

Des del punt de vista militar, tenim el cap d’estat major de la defensa que presideix l’ estat major de defensa , el màxim òrgan jeràrquicament superior a tot el personal militar italià i que coordina els caps d’estat major de les forces armades individuals, el comandant general de l’arma del Carrabiners (limitats a tasques militars) i, per a tasques tècnic-operatives, el secretari general de Defensa. [14] Planifica, prepara i dirigeix ​​operacions, així com exercicis conjunts i multinacionals i activitats relacionades a través del director general d'operacions conjunt . [15] Pel que fa a la coordinació de les forces especials italianes , s'inverteix el Comandament de les Forces Conjuntes per a les operacions de les Forces Especials .

Un cap de gabinet es troba al capdamunt de cada força armada, que al seu torn es divideix en altres "elements" diferents denominats cadascun amb els seus propis propòsits i estructura d'ordres, de vegades agrupats en òrgans centrals i superiors, cossos territorials, cossos escolars, educació, etc. formació i formació, òrgans operatius i òrgans logístics amb tasques tècniques, legals, administratives, de suport i experimentació.

Des del punt de vista operatiu, les activitats les duen a terme diversos comandaments a la part superior dels quals es troba el Comandament Militar Suprem italià , que està dirigit per l’ Estat Major de la Defensa . La coordinació i supervisió de la logística i les activitats relacionades corresponen als comandaments logístics, un per a l' exèrcit , un per a la Marina i un per a la Força Aèria .

Components principals

forces aeries

Un EF 2000 en vol.
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Aeronautica Militare (Itàlia) .

Nascuda el 1923 com a Regia Aeronautica , la Força Aèria és la tercera força armada de l’Estat (per ordre d’antiguitat de constitució i la més jove com a fundació), amb una plantilla de 41.000 persones el 2019 [16] . Les operacions de defensa aèria del territori i els interessos nacionals, així com les de transport aeri, s’hi dediquen.

En el passat, també va participar en el control del trànsit aeri a l'espai aeri nacional. Per exercir el paper de defensa aèria , la Força Aèria italiana disposa d’uns cent tifons Eurofighter . Pel que fa a les missions d’atac i reconeixement, està equipat amb Tornados , AMX i Aermacchi MB-339 , als quals s’afegirà el proper Lockheed Martin F-35 Lightning II . Finalment, per al transport aeri, utilitza el C-130J Hercules , el C-27J Spartan i el nou Boeing KC-767A , en el doble paper de càrrega i cisterna .

La Força Aèria també disposa de diversos UAV no tripulats per al reconeixement de les àrees d'operacions i també és responsable del rescat aeri .

La unitat de forces especials de la Força Aèria italiana és el 17º Stormo incursori .

Arma dels mosquetons

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Arma dei Carabinieri i History of the Carabinieri .
Un cotxe blindat RG-12 dels mosquetons

Fundat el 1814 com a Cos dels Carabiners Reials i convertit en arma el 1861, l’Arma dei Carabinieri és la quarta força armada de l’Estat per data de creació (2000), però la primera per nombre de personal (109.576 el 2019 [17]) ), que tanmateix exerceix en gran mesura funcions policials (exigides per la llei per a 118.000 unitats). [18] Va formar part de l'exèrcit italià, com a Arma, fins al 2000 , quan es va adoptar el decret legislatiu del 5 d'octubre de 2000 . 297 el va elevar al rang de força armada. Segons aquest decret "contribueix a la defensa integrada del territori nacional. La competència és definida, d'acord amb el comandant general de l'Arma, pels caps de gabinet de la força armada, responsables de la preparació i ús dels respectius dispositius de defensa "(article 5).

Tanmateix, la dependència del cap de defensa només afecta les funcions de la policia militar i les que fan referència al personal emprat en operacions militars fora de la zona. Per a la resta de tasques institucionals, l'Arma depèn d'altres departaments de l'Estat ( Ministeri de l'Interior , en primer lloc , i funcionalment d'aquells ministeris on operen els soldats de l'organització especial de l'Arma, com ara el NAS , el NOE , el RIS , el Comandament de Carrabiners per a la protecció del patrimoni cultural i el Comandament de la Unitat per a la protecció forestal, ambiental i agroalimentària . A diferència de la resta de forces, no hi ha cap cap de gabinet al capdamunt, [19] sinó d'un comandant general , una posició en qualsevol cas equivalent a la de cap de gabinet, però no pot expressar el cap de gabinet de defensa, una plaça reservada a les altres tres forces armades.

Al voltant de 5.000 mosquetons es dediquen exclusivament a tasques militars ( dades del 2002 ), fins i tot si tota l’organització territorial contribueix a la realització d’aquestes tasques. [20] Dins d’ella també hi ha una unitat que pertany al grup de forces especials italianes : el Grup d’Intervenció Especial (SIG).

Exèrcit italià

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Exèrcit italià .

Nascut com a exèrcit reial , a partir de la unificació de l’ exèrcit sard amb els altres exèrcits dels estats de preunificació italiana , per decret del 4 de maig de 1861 , [21] l’exèrcit italià comptava el 2019 amb una plantilla de 100.000 unitats [22]. ] . Els seus cossos auxiliars són el Cos Militar de la Creu Roja Italiana i el Cos Militar ACISMOM .

tancs , cotxes blindats , vehicles de combat d'infanteria i artilleria autopropulsada , a més, només té una especialitat que inclou les forces aèries: l' aviació de l' exèrcit . La formació del personal s’encarrega al Comandament de Formació, Especialització i Doctrina de l’Exèrcit , que fa ús de l’Escola de Comandament i Aplicació de la Formació, de la qual depenen l’Acadèmia Militar, l’Escola NCO, els Regiments d’entrenament de voluntaris i l’Escola de Llengües Estrangeres de l’exèrcit. Les unitats de les Forces Especials de l'Exèrcit depenen del Comandament de les Forces Especials de l'Exèrcit.

Marina

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Navy (Itàlia) i Port Authority Corps - Coast Guard .

Nascuda com Regia Marina per la fusió de la Marina del Regne de Sardenya , de la Marina Real del Regne de les Dues Sicílies amb les altres armades de preunificació , la Marina va tenir 30.000 efectius el 2019 [23] . Se li confia el control i la realització d’operacions navals en aigües territorials i internacionals.

A més, la tasca de patrullar les costes a través del Cos d’Autoritat Portuària - Guàrdia Costanera s’hi dedica. La seva flota consta d’unes 75 unitats principals més 11 altres vaixells d’entrenament, 1 vaixell d’investigació, 7 petrolers, 2 vaixells d’experiència i tecnologia, 3 vaixells hidrogràfics i oceanogràfics, 5 vaixells de servei de far, 1 vaixell de rescat, 6 de transport costaner i 32 remolcadors .

La Marina té una força d'aterratge , mentre que la unitat de forces especials és el grup operatiu GOI - COMSUBIN Raiders - "Teseo Tesei" Divers and Raiders Group .

Policia de Finances

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guardia di Finanza .

La Guardia di Finanza és una força de policia militar especialitzada, que forma part integral de les forces armades italianes i de les forces policials italianes , directament dependent del Ministeri d'Economia i Hisenda i funcionalment del personal de defensa en cas de guerra. Nascut el 1774, forma part integrant de les forces armades des de principis del segle XX .

Components particulars

Forces especials i amfibies

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Forces especials italianes i força de projecció des del mar .

Dins de les forces armades, algunes unitats han estat designades al llarg del temps per dur a terme operacions especials, coordinades pel Comandament d’Operacions Conjunt de Forces Especials (CO.FS).

Es divideixen de la següent manera:

Les forces de desembarcament constitueixen el component amfibi de les forces armades, que està format per la brigada marina "San Marco" i el regiment de la llacuna "Serenissima" , ambdós emmarcats en la força de projecció des del mar .

Salut militar

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Servei de Salut Militar .

El Servei de Salut de les Forces Armades està coordinat per la Inspecció General de Sanitat Militar , un òrgan de l'Estat Major de Defensa. Cada força armada té llavors el seu propi cos mèdic:

Reserva militar

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Forces voluntàries d’acabament i reserva seleccionada .

Cada arma de les forces armades italianes té el seu propi component; en particular, la reserva militar es compon –per a la tropa– de forces voluntàries d’acabament ; mentre que per a oficials i auxiliars oficials hi ha la " reserva seleccionat ".

Cossos auxiliars

Formats per personal voluntari, en llocs de reserva, tenen principalment tasques de salut militar .

El Cos Militar Voluntari de la Creu Roja Italiana

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: cos militar voluntari de la Creu Roja italiana i infermeres voluntàries de la Creu Roja italiana .

El Cos Militar Voluntari de la Creu Roja Italiana és un cos militar voluntari especial especial de les forces armades italianes. Va entrar oficialment a les files de les forces armades amb la concessió de la bandera de guerra amb la llei núm. 342. Està format exclusivament per personal voluntari en excedència, inscrit en una sola funció, incloses les categories directives de metges, comissaris i farmacèutics, així com la categoria de personal assistencial. [24] En general, hi ha uns 19.000 en reserva i 300 en servei actiu.

En virtut de les convencions del dret internacional humanitari i en virtut de les lleis vigents a Itàlia, el Cos Militar Voluntari es pot utilitzar tant en temps de pau com en temps de guerra. En temps de guerra o en qualsevol cas en cas de conflicte armat, el Cos Militar de la CRI:

  • preveu l’evacuació i la cura dels ferits i dels malalts;
  • realitza les tasques de salut i benestar relacionades amb l'activitat de protecció civil ;
  • gestiona les tasques relacionades amb la recerca i assistència de presoners de guerra, internats i desapareguts, desplaçats, deportats i refugiats.

En temps de pau, el Cos Militar de l’ICR ha d’esperar, segons les directives i sota la supervisió del Ministeri de Defensa , per a la preparació de personal, materials, mitjans i estructures rellevants, per tal d’assegurar constantment l’eficiència del familiar serveis en qualsevol circumstància (articles 10 i 11 del DPR 31 de juliol de 1980 n. 613).

El Cos Militar d’ACISMOM

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Cos Militar d’ACISMOM .

El cos auxiliar voluntari especial de l'exèrcit italià de l'Associació de cavallers italians de la sobirana orde militar de Malta és un cos militar especial auxiliar de l' exèrcit italià . Va néixer el 20 de març de 1876 amb la primera convenció de "cooperació" amb el servei sanitari de l'exèrcit amb l'objectiu de proporcionar assistència sanitària i espiritual als malalts i ferits en guerra. El 1940 es va crear el Cos d’Infermeres Voluntàries de l’Associació Italiana de Cavallers de l’Ordre Militar Sobirà de Malta , ara retirat.

Des del final de la Segona Guerra Mundial, el cos militar s’ha dedicat essencialment a ajudar les poblacions afectades per desastres naturals i calamitats, tant a Itàlia com al nord d’Àfrica. Des del 1991 el cos militar SMOM ha participat en activitats policials internacionals als territoris de l' antiga Iugoslàvia , posteriorment va entrar oficialment a la categoria de forces armades de l'estat amb la concessió de la bandera de guerra que va tenir lloc durant el govern D'Alema I amb la llei del 2 d’agost de 1999 n. 27.

Des del 2004, alguns oficials mèdics del cos s’han integrat a les estructures sanitàries, seguint l’exèrcit italià, present als Balcans per a la realització de diverses operacions humanitàries i d’assistència.

Ordinariate militar

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Ordinariate militar a Itàlia .

L’Ordenariat Militar Italià és una circumscripció personal de l’Església catòlica amb característiques peculiars. Està dirigit per un arquebisbe militar ordinari a Itàlia. Pertanyen a l’OMI: els fidels militars; civils al servei de les forces armades, les seves famílies (cònjuge i fills fins i tot majors d’edat si conviuen); familiars i criats convivents; estudiants d’escoles i acadèmies militars , pacients, empleats d’hospitals militars, llars per a gent gran i similars; tots els fidels que realitzen de manera permanent les tasques que els confien els militars ordinaris o amb el seu consentiment.

Il clero dell'Ordinariato militare italiano è quindi arruolato nelle forze armate ei sacerdoti sono equiparati agli ufficiali. Per meglio prestare il proprio servizio, l'Ordinariato italiano è suddiviso in sedici zone pastorali geografiche.

Personale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio militare di leva in Italia , Ufficiali in ferma prefissata , Ufficiali di complemento e Volontari in ferma prefissata .

A partire dall' unità d'Italia e sino a tutto il XX secolo , la fonte principale dell'arruolamento avveniva con l'operatività coattiva del servizio militare di leva in Italia , sulla base di quanto disposto dall' art. 52 della costituzione della Repubblica Italiana [25] sebbene fosse previsto anche l'arruolamento volontario. Il servizio militare femminile, su base volontaria, è stato introdotto con la legge delega 20 ottobre 1999, n. 380, attuata poi nel 2000 .

Bandiere di guerra delle Forze armate e della Guardia di Finanza
235º Reggimento fanteria "Piceno" , con estese componenti femminili, in sfilata per la Festa della Repubblica Italiana il 2 giugno 2007.

Con la legge 23 agosto 2004, n. 226 - che ha determinato la sospensione alle chiamate al servizio militare di leva in tempo di pace - le forze armate venivano ad essere costituite quando non in guerra soltanto da personale volontario. La norma del 2004 ha istituito la figura dei volontari in ferma prefissata , con ferma limitata nel tempo, che si affiancano agli ufficiali in ferma prefissata e agli ufficiali di complemento ; per diventare volontari in servizio permanente è necessario aver prestato cinque anni di servizio; ossia aver sostenuto almeno una ferma come VFP1 e una come VFP4, mentre l'accesso alla categoria ufficiali , oltre alle accademie militari per gli ufficiali in servizio permanente effettivo , è anche possibile in modo diretto da civile con apposito concorso . La riserva militare italiana è invece composta dalle forze di completamento volontarie e dalla riserva selezionata .

Reclutamento

Il reclutamento può essere obbligatorio tramite la leva militare oppure volontario a domanda; nel primo caso a chiamata diretta, nel secondo attraverso concorso pubblico. I requisiti per il reclutamento volontario sono previsti dald.lgs. 15 marzo 2010, n. 66 ; la selezione del personale dei volontari in ferma prefissata per l' esercito italiano i avviene presso i centri di selezione VFP1 , mente l'addestramento invece viene impartito presso uno dei vari reggimenti addestramento volontari ; mentre per la marina militare italiana e l' aeronautica militare italiana dispongono di strutture proprie. Riguardo ai concorsi per l'arruolamento della truppa, per VFP1 sono per titoli, mentre per gli VFP4 per titoli ed esami; riguardo ai requisiti fisici previsti, la legge 12 gennaio 2015, n. 2 ha abolito poi i requisiti minimi di altezza, prevedendo la sua sostituzione con determinati parametri fisici di cui al dPR del 15 marzo 2010 n. 90 (regolamento di attuazione del codice dell'ordinamento militare ). Disposizioni particolari sono previste per alcune armi.

Per ciò che riguarda gli ufficiali si distingue tra gli Ufficiali a nomina diretta (rientranti nel Ruolo normale ) provenienti dai corsi "normali" delle accademie militari , e gli Ufficiali dei Ruoli speciali , il cui accesso può avvenire sia per concorso interno - dalla categoria degli ufficiali in ferma prefissata - che per concorso pubblico, aperto anche ai civili, con una riserva di posti dedicati; fermo restando - in ambo le ipotesi - limiti di età. [26] [27] . Tutti gli appartenenti alle forze armate italiane sono inoltre tenuti a prestare giuramento militare all'atto di assunzione del servizio. [28] Infine, il codice dell'ordinamento militare prevede - in alcuni casi - anche l'arruolamento diretto di civili, ma solo nei casi e ipotesi previste espressamente dalla legge, anche in questo caso fermo restando limiti d'età.

Dipendenza gerarchica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gerarchia militare italiana .

A parte la tradizionalegerarchia militare italiana , gli appartenenti alle forze armate possono essere utilizzati, per la sorveglianza di obiettivi istituzionali e di altri ritenuti sensibili , in tal caso sono posti a disposizione dei prefetti, da parte delle autorità militari. [29] Elementi delle forze armate possono poi, in determinate situazioni, trovarsi alle dipendenze di autorità diverse da quelle militari: così il personale dell' Arma dei Carabinieri talora può essere impiegato in attività alle dipendenze dell' autorità di pubblica sicurezza ovvero dalla magistratura (in particolare delle procure della Repubblica ), [30] ovvero dei titolari di ambasciata italiana all'estero. Oppure, il personale del Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera quando opera alle dipendenze del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nell'esercizio delle funzioni amministrative attinenti alla navigazione ed al traffico marittimo.

Altra situazione è quella nella quale si trovano i militari quando impiegati in ruolo di ordine pubblico o pubblica sicurezza alle dipendenze di forze di polizia . In tal caso, limitatamente al periodo ed alle condizioni di impiego, i militari, che devono essere sempre affiancati da appartenenti all' Arma dei Carabinieri , alla Guardia di Finanza o alla Polizia di Stato , assumono anche la funzione (che normalmente non ricoprono) di agente di pubblica sicurezza .

Mobilità

Il personale appartenente ai ruoli delle forze armate può essere trasferito "d'autorità" (ovverosia d'ufficio) oppure "a domanda". Quanto alla prima ipotesi, al personale trasferito spetta l'indennità di missione e gli importi accessori (indennità di prima sistemazione e rimborsi spese) già previsti in favore dei magistrati ordinari trasferiti ad altro ufficio, [31] ma per la cui fruizione sono necessari: [32]

  • l'ordinarietà delle mansioni ;
  • la natura autoritaria di tale provvedimento, disposto dall'amministrazione (e non su domanda dell'interessato);
  • il fatto che non siano trascorsi quattro anni di permanenza nella sede da cui si viene trasferiti. [33]

Infine, al personale trasferito "d'autorità" spetta apposita indennità solo se sussista il requisito generale della distanza minima, non inferiore ai 10 km tra la sede di provenienza e quella di destinazione. [34]

Quanto alla seconda ipotesi lo Stato maggiore dell'Esercito , con circolare del 16/3/2004 n. 1940/07/PIC-100, (che sostituisce le precedenti) ha disciplinato le istanze di avvicendamento reciproco, mediante trasferimenti a domanda, con altra unità di personale; l'istituto si applica però esclusivamente appartenente al ruolo degli Volontari in servizio permanente ed abbia maturato almeno 2 anni di servizio presso l'ente nel quale sia impiegato. [35]

Status giuridico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Categoria dei militari di truppa , Categoria dei graduati e Categoria ufficiali .

Lo stato giuridico di militare è riferito a fonti normative di vario livello che definiscono:

  • le modalità di arruolamento;
  • lo stato giuridico;
  • le procedure di impiego;
  • le modalità di avanzamento di carriera;
  • la cessazione dalla ferma, l'eventuale congedo e le altre cause diperdita dello stato di militare (come ad esempio nel caso di radiazione ).

Per quanto concerne lo stato giuridico, il concetto di "posizione di stato" definisce la situazione di servizio in cui il militare si trova. In particolare, il militare può essere in "servizio effettivo", in "aspettativa", in "ausiliaria" e in "quiescenza". I soggetti nella posizione di servizio attivo o in congedo , possiedono lo status di " militare ", sebbene non siano più tenuti agli obblighi del servizio attivo, conservano altresì il grado e dell'uniforme, che può essere indossata in base alle disposizioni di legge o della forza armata di originaria appartenenza. [36] Prr tutto il personale, la legge durante pone alcuni limiti a causa dello status di militare; infatti, essi non possono costituire associazioni professionali di carattere sindacale [37] e non hanno diritto di sciopero ; [38] inoltre la legge prevede alcune limitazioni alla loro libertà di espressione, di associazione e di movimento. Tra i loro doveri, essi sono tenuti a prestare giuramento militare di fedeltà alla Repubblica Italiana , impegnandosi a osservarne le leggi ea difendere la costituzione della Repubblica Italiana . [39] Tutti i militari sono inoltre tenuti a trascorrere la notte presso la localitá della sede di servizio. [40] Al personale - cui è rilasciata la Carta multiservizi della Difesa , che funge dadocumento di riconoscimento in Italia - può esser inoltre imposto di sottoporsi a sommiinisttrazioni vaccinali per esigenze di profilassi ; [41] infine in tema di rappresentanza vigono particolari disposizioni, relative all'istituto della rappresentanza militare .

L'avanzamento di carriera avviene diversamente a seconda del ruolo; generalmente per anzianità di servizio relativamente alla categoria dei militari di truppa , (previa valutazione di idoneità da parte di apposite commissioni), mentre per la categoria ufficiali può avvenire per concorso interno per titoli ed esami, o anche per concorso esterno. [42] I militari sono tenuti a rispettare le norme ed i principi dell' etica militare italiana e sono sottoposti alla disciplina militare , mentre la giurisdizione su di essi è competenza dell' ordinamento giudiziario militare italiano .

I volontari in ferma prefissata (anche gli ufficiali) possono essere prosciolti dalla ferma a domanda, non prima però di aver espletato il periodo di ferma previsto per l'obbligo di leva, [43] cosa invece non possibile per il personale di leva. Inoltre, ai sensi del decreto legge 23 maggio 2008 n. 92 ( Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica ) [44] - convertito in legge 24 luglio 2008, n. 125 ha stabilito che agli appartenenti alle forze armate italiane impegnati in operazioni di tutela dell'ordine pubblico e contrasto alla microcriminalità [45] sia attribuita la qualifica di agente di pubblica sicurezza con l'attribuzione delle facoltà di cui all'art. 4 della legge 22 maggio 1975, n. 152 ( legge Reale ). [46]

Gradi militari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Distintivi di grado e di qualifica italiani .

Il segno distintivo che caratterizza in modo univoco il personale militare italiano, anche ai fini dell'applicazione del diritto internazionale umanitario , è la stella a cinque punte , che viene indossata su tutti gli indumenti di ordinanza [47] ; tale segno distintivo è applicato anche sulla prua delle navi militari. Il militare mantiene il grado conseguito durante il servizio effettivo per tutta la vita. Nel caso in cui, però, si trovi in posizione di quiescenza o ausiliaria, il militare è tenuto a specificarlo quando si presenti utilizzando il grado. [48] Ecco una tabella riassuntiva e comparativa dei gradi militari :

Scala gerarchica dei gradi delle forze armate italiane
Ruolo Esercito Italiano Marina Militare Aeronautica Militare Arma dei Carabinieri
ufficiali generali generale [49] ammiraglio [49] generale [49] grado equivalente non previsto
generale di corpo d'armata con incarichi speciali [50] ammiraglio di squadra con incarichi speciali [51] generale di squadra aerea con incarichi speciali [52] generale di corpo d'armata con incarico di comandante generale
generale di corpo d'armata ammiraglio di squadra generale di squadra aerea generale di corpo d'armata
generale di divisione ammiraglio di divisione generale di divisione generale di divisione
generale di brigata contrammiraglio generale di brigata aerea generale di brigata
ufficiali superiori colonnello capitano di vascello colonnello colonnello
tenente colonnello capitano di fregata tenente colonnello tenente colonnello
maggiore capitano di corvetta maggiore maggiore
ufficiali inferiori primo capitano primo tenente di vascello primo capitano primo capitano
capitano tenente di vascello capitano capitano
tenente sottotenente di vascello tenente tenente
sottotenente guardiamarina sottotenente sottotenente
marescialli

primo luogotenente primo luogotenente primo luogotenente luogotenente carica speciale
luogotenente luogotenente luogotenente luogotenente
primo maresciallo primo maresciallo primo maresciallo maresciallo maggiore
maresciallo capo capo di prima classe maresciallo di prima classe maresciallo capo
maresciallo ordinario capo di seconda classe maresciallo di seconda classe maresciallo ordinario
maresciallo capo di terza classe maresciallo di terza classe maresciallo
sergenti

brigadieri
sergente maggiore capo qualifica speciale secondo capo scelto qualifica speciale sergente maggiore capo qualifica speciale brigadiere capo qualifica speciale
sergente maggiore capo secondo capo scelto sergente maggiore capo brigadiere capo
sergente maggiore secondo capo sergente maggiore brigadiere
sergente sergente sergente vice brigadiere
Graduati

appuntati carabinieri
Caporal maggiore capo scelto Qualifica Speciale Sottocapo di prima classe scelto Qualifica Speciale Primo aviere capo scelto Qualifica Speciale appuntato scelto Qualifica Speciale
caporale maggiore capo scelto sottocapo di prima classe scelto primo aviere capo scelto appuntato scelto
caporale maggiore capo sottocapo di prima classe primo aviere capo appuntato
caporale maggiore scelto sottocapo di seconda classe primo aviere scelto carabiniere scelto
primo caporal maggiore sottocapo di terza classe aviere capo carabiniere
Truppa VFP1 e VFP4 caporale maggiore sottocapo primo aviere I VFP non sono previsti nell'Arma dei Carabinieri
caporale comune di prima classe aviere scelto
soldato comune di seconda classe aviere
allievo allievo allievo allievo

Spesa per la difesa italiana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Spesa per la difesa in Italia .

Nel Documento programmatico difesa 2014-2016 [53] , come da prassi consolidata del Ministero della difesa, si pone attenzione nel separare le principali tipologie di spesa. Quelle a funzioni puramente militari, sono accomunate sotto la voce "Funzione difesa". Quelle dell'Arma dei Carabinieri sotto la voce "Funzione sicurezza del territorio". Le restanti voci sotto "Funzioni esterne" (a titolo di esempio il rifornimento idrico delle isole).

La tabella sottostante riporta in milioni di euro i dati delle leggi di bilancio relative. Non sono comprese le spese straordinarie per le missioni, e soprattutto i contributi (non irrilevanti) del Ministero dello sviluppo a programmi di sviluppo italiani di tipo militare.

Tipologia 2009 2014 2015 2016
Funzione Difesa 14.339 14.076 13.186 13.360
Funzione Sicurezza Territorio 5.592 5.687 5.649 6.090
Funzioni Esterne 116 99 97 117
Pensioni provvisorie Ausiliaria ? 449 483 413
Totale Ministero ? 20.312 19.371 19.961

Il dato delle pensioni provvisorie per l'anno 2009 non è riportato, ma per il 2012 assommavano a 356: in due anni sono quindi aumentate del 26%.

Un altro dato che viene enfatizzato è la suddivisione della Funzione difesa nei tre aspetti principali, come consuetudine nei bilanci militari internazionali.

Suddivisione Funzione Difesa 2009 2014 2015 2016
Personale 9.566 9.511 9.663 9.907
% su funzione Difesa 66% 68% 72% 74%
Esercizio 1.888 1.344 1.149 1.257
% su funzione Difesa 13% 10% 8% 9%
Investimento 2.885 3.220 2.372 2.176
% su funzione Difesa 20% 23% 18% 16%

Il Documento programmatico difesa 2014-2016 afferma inoltre che:

«La suddivisione delle spese del settore Personale, di Esercizio e Investimento, è ancora lontana dalla ripartizione rispettivamente del 50%, 25% e 25%, ritenuta ottimale per assicurare un bilanciato sostegno dei vari settori di spesa. [53] »

Operazioni

Sul territorio italiano

Le forze armate italiane vengono impiegate nel territorio italiano per far fronte a situazioni particolari (come ad esempio il terremoto dell'Aquila del 2009 ) o per aiutare le forze di polizia italiane nel mantenimento dell' ordine pubblico e della pubblica sicurezza (come nel caso ad esempio dell' Operazione Forza Paris e dell' Operazione Vespri siciliani ).

Missioni terminate
Nome missione Durata intervento Luogo Unità partecipante Militari impiegati
Operazione Strade pulite [54] 10 Giugno 2008 - 29 Aprile 2013 [55] Campania EI ~ 400
Operazione Giotto 2009 [56] prima del G8 dell'Aquila - 11 luglio 2009 principalmente L'Aquila EI, AM, MM ~ 2.500 [57]
Operazione Gran Sasso [58] 6 aprile 2009 - 31 ottobre 2010 Abruzzo EI, ~ 1.300 [59]
Missioni in corso
Nome missione Inizio Luogo Unità partecipante Militari impiegati
Operazione Strade sicure [60] 4 agosto 2008 Centri di prima accoglienza , Roma , Milano , Napoli , Bologna , Crotone , Padova , Verona , Bari , Torino , Palermo , Catania , provincia di Caserta EI , inizialmente 3.000, dal 1º luglio 2009 4.250 [61]

Ambito internazionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Missioni militari italiane all'estero .

Dal secondo dopoguerra le forze armate italiane sono state impegnate, prevalentemente sotto l'egida dell' Unione europea , in operazioni di tipo PSO ( peace support operations ). Fra esse, da citare quelle di peace enforcement , attuate secondo il cap. VII della carta delle Nazioni Unite , e quelle di peacekeeping , previste, invece, nel cap. VI della stessa carta.

Dal 1952 ad oggi sono più di 100 i militari italiani caduti in missione di pace , nell'adempimento del loro dovere durante operazioni che si svolgevano fuori dai confini nazionali. Al 2010 , le forze armate italiane partecipavano a 30 missioni che si svolgono in 20 paesi del mondo situati in quattro continenti. [62] sempre secondo i dati relativi allo stesso anno, i militari italiani impegnati nelle missioni all'estero ammontavano a 7.811 unità. [62]

Nell'ambito dell'ONU

Missioni in corso
Nome missione Inizio intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati [62] [63]
UNTSO [64] 1958 Israele , Egitto , Siria e Libano EI 8
UNMOGIP [65] 1959 Confine indo - pakistano ? 8
MINURSO [66] 1991 Sahara Occidentale EI 5
UNFICYP [67] luglio 2005 Cipro CC 4
UNAMID [68] maggio 2008 Sudan ? 3
Missioni terminate
Nome missione Durata intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati
UNIKOM [69] aprile 1991 - 6 ottobre 2003 Confine fra Iraq e Kuwait ? 1 [69]
UNMIBH [70] 21 dicembre 1995 - 31 dicembre 2002 Bosnia-Erzegovina ? 22 [71]
UNMIK [72] giugno 1999 - 29 gennaio 2009 Kosovo ?, GdF , PS ?
UNMEE [73] 31 luglio 2000 - dicembre 2005 Etiopia ed Eritrea AM e MM (fino dicembre 2002), CC Prima 140, poi 65 ed infine 25 [74]
UNOWA [75] novembre 2004 - novembre 2005 Dakar EI 1 [76]
UNMIS ( operazione Nilo ) [77] 24 marzo 2005 - 5 luglio 2005 (osservatori rimasti fino al 5 luglio 2006) Khartum , Sudan ? ~ 210 [77]
Operazione White Crane [78] 19 gennaio 2010 - ? Muggiano , Civitavecchia , Haiti EI, MM, AM, CC, CRI ~ 900 [79]
Operazione Caravella [80] 25 maggio 2010 - ? Port-au-Prince , Haiti CC, AM, EI 110 [81]

Nell'ambito della NATO

Missioni in corso
Nome missione Inizio intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati [62] [63]
Operazione Active Endeavour [82] ottobre 2001 Mar Mediterraneo MM 85
ISAF [83] agosto 2003 Afghanistan EI , AM , MM, GdF , CC 3.790 (comprensivo della missione EUPOL Afghanistan )
Nato Training Mission Iraq [84] agosto 2004 Iraq EI, CC 73
Operazione Joint Enterprise [85] aprile 2005 Balcani EI, AM, MM, CC, CM CRI , EI-SMOM 1.125 (comprensivo della missione EULEX e del NATO Security Force Training Plan)
Operazione Ocean Shield [82] agosto 2009 Somalia MM 271 (comprensivo dell' EUNAVFOR Atalanta )
Operazione Unified Protector [86] marzo 2011 Libia e mar Mediterraneo MM, AM 12 velivoli e 4 navi
Missioni terminate
Nome missione Durata intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati
MONUC [87] 24 febbraio 2000 - ? ? ?
Operazione Allied Harmony [88] 15 dicembre 2002 - 31 marzo 2003 Repubblica di Macedonia ? 42 [89]
Operazione Sparviero [90] 9 ottobre - 6 novembre 2004 Afghanistan EI ~ 500 [91]
Operazione Indus [92] 20 novembre 2005 - 1º febbraio 2006 Kashmir pakistano AM, EI ~ 250

Nell'ambito dell'UE

Missioni in corso
Nome missione Inizio intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati [62] [63]
EUPM [93] gennaio 2003 Bosnia ed Erzegovina CC , PdS , personale del Ministero della giustizia 13
EU BAM Rafah [94] novembre 2005 Striscia di Gaza CC, GdF (dalla seconda metà del 2007) 1
UNIFIL - operazione Leonte [95] settembre 2006 Libano EI , CC, MM 1.780
EUPOL RD Congo [96] giugno 2007 RDC CC 4
EUPOL Afghanistan [97] giugno 2007 Afghanistan GdF 3.790 (comprensivo della forza ISAF )
EULEX [98] febbraio 2008 Kosovo CC, GdF, personale del Ministero della Giustizia, PdS 1.125 (comprensivo della forza impiegata nell'operazione Joint Enterprise e della NATO Security Force Training Plan)
EUMM Georgia [99] settembre 2008 Georgia MM 15
EUNAVFOR Atalanta [100] dicembre 2008 Somalia MM 271 (comprensivo dell' operazione Ocean Shield )
EUTM Somalia [101] gennaio 2010 Uganda e Kenya ? 19
Missioni terminate
Nome missione Durata intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati
Operazione Joint Forge [102] 24 aprile 1998 - 2 dicembre 2004 Bosnia-Erzegovina EI, CC ~ 1.140 [103]
EUMM Balcani [104] 1º gennaio 2001 - 18 ottobre 2006 Balcani EI ?
Processo di pace in Sudan [105] 18 luglio 2002 - 10 agosto 2005 Sudan EI, ? 6 (2 sotto mandato ONU)
EUFOR Concordia [106] 1º aprile - 15 dicembre 2003 Repubblica di Macedonia ? ?
EUFOR Althea [107] 2 dicembre 2004 - 21 dicembre 2010 Bosnia EI, CC ?
EUPOL Kinshasa [108] 7 aprile 2005 - 30 giugno 2007 Kasangulu , Repubblica Democratica del Congo CC 4 [109]
AMIS II [110] luglio 2005 - dicembre 2007 Darfur ? 4
EUPAT [111] 14 dicembre 2005 - 14 giugno 2006 Repubblica di Macedonia CC, PdS ?
EUFOR Congo [112] 17 luglio - 30 novembre 2006 Repubblica Democratica del Congo AM, CC ~ 65 [113]
Operazione Nicole [114] 25 settembre 2007 - 15 marzo 2009 Ciad e Repubblica Centrafricana ? 105 [115]

Missioni multinazionali

Missioni in corso
Nome missione Inizio intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati [62] [63]
MFO [116] 1982 Egitto e Israele MM 81
TIPH 2 [117] 1996 Hebron CC 13
Missioni terminate
Nome missione Durata intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati
MFL 21 agosto 1982 - 6 marzo 1984 Libano EI, MM 2300
Operazione Enduring Freedom [118] 7 ottobre 2001 - 3 dicembre 2006 Mar Arabico MM 380
Operazione Nibbio [119] marzo - settembre 2003 Khowst EI , CC, AM ~ 1.000 [120]
Operazione Antica Babilonia [121] agosto 2003 - 1º dicembre 2006 Iraq EI, AM, MM, CC ?
Operazione Mare Sicuro [122] 6 agosto - 25 novembre 2005 Corno d'Africa MM ~ 180 [123]

Missioni nazionali

Per missioni nazionali si intendono quelle operazioni oltremare frutto di accordi bilaterali fra l'Italia ed i beneficiari dell'attività. [124]

Missioni in corso
Nome missione Inizio intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati [62] [63]
Delegazione Italiana Esperti (DIE) [125] agosto 1997 Albania EI , CC 27
Missione Italiana di Assistenza Tecnico-Militare (MIATM) [126] 1988 Malta EI, MM , AM , CC 35
Missioni terminate
Nome missione Durata intervento italiano Luogo Unità partecipante Militari impiegati
Operazione Albania 2 [127] 15 aprile 1997 - 25 febbraio 2009 Albania MM ?
Operazione ALBIT [128] 16 marzo 2000 - ? Albania AM ?
ATTUALI MISSIONI DI “STATE BUILDING” 16 ottobre 1997 Albania G di F 32 militari e 3 unità navali,
ATTUALI MISSIONI DI “STATE BUILDING” 20 maggio 2009 Libia G di F 10 militari del Corpo (di cui un Ufficiale),

tre unità navali della Guardia di Finanza cedute in proprietà alla Libia

Dati sugli organici

Dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, a partire dagli anni '90 si è avviato un processo di ridimensionamento e di riqualificazione del personale militare. Le tre armi (escludendo quindi l' Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza ) ammontavano complessivamente a circa 350.000 unità nel 1990. [129] Agli inizi degli anni 2000 si è quindi passati per le 3 forze armate a un organico di circa 250.000 unità. [129] con un modello misto volontari/leva. Il Libro Bianco della Difesa 2002 ha ridotto ulteriormente il personale prevedendo il passaggio ad un modello di soli volontari/professionisti per un totale delle 3 forze armate previsto di 190.000 unità. La riforma promossa nel 2012 da Giampaolo Di Paola - ministro della difesa durante il governo Monti - ha previsto un'ulteriore diminuzione del personale militare delle 3 forze armate a 150.000 unità. [130] Tuttavia nel 2014 la situazione reale vede circa 53.000 marescialli su un totale di circa 174.000 unità (anche se il citato Libro Bianco poneva il 2020 come traguardo in cui riordinare la categoria). [53] Ecco una tabella riassuntiva del personale in servizio al 2014 (escludendo allievi delle scuole militari):

Categoria Libro Bianco 2002 Consistenza reale 2014 Differenza %
Ufficiali 22.250 22.554 + 1%
Ruolo marescialli 25.000 52.756 + 111%
Ruolo sergenti 38.500 17.268 - 45%
Graduati e Truppa 104.000 81.465 - 22%
Totale 190.000 174.043 - 9%

Sempre per quel che riguarda il 2014 [53] [131] la situazione reale (non a pianta organica) del personale militare, diviso per arma per un totale delle 3 forze armate, ammonta a circa 174.000 unità (circa 337.000 sommando anche Carabinieri e Guardia di Finanza). Nello specifico:

Categoria Esercito Marina Aeronautica Carabinieri Guardia di Finanza Totale
Ufficiali 12.179 4.543 5.832 3.765 2.852
29.171
Ruolo marescialli 16.711 12.722 23.323 27.748 22.516
103.020
Ruolo sergenti 7.758 4.276 5.234 13.737 9.116
40.121
Graduati e Truppa 64.348 9.954 7.163 58.237 24.851
164.553
Allievi Scuole 798 494 565 406 ?
2.263
Totale 101.794 31.989 42.117 103.893 59.335
339.128

Decorazioni e onorificenze

La Repubblica Italiana ha diverse onorificenze e decorazioni, divise a loro volta in varie classi o gradi [132] . Quelle più importanti per le forze armate italiane sono le decorazioni al Valor militare , che includono la Medaglia d'oro al valor militare (massimo riconoscimento finora ottenuto da 2.136 persone [133] ), d'argento, di bronzo e la Croce di guerra al valor militare [134] . Per operazioni militari, anche in tempo di pace, a unità delle forze armate nazionali oa singoli militari può essere conferito l' Ordine militare d'Italia .

Le singole forze armate e la Guardia di Finanza poi hanno decorazioni al valore conferibili unicamente al proprio personale: si tratta della Medaglia al valore di Marina , della Medaglia al valore dell'esercito , della Medaglia al valore aeronautico , della Medaglia al valore dell'Arma dei Carabinieri e della Medaglia al Valore della Guardia di Finanza.

L'onorificenza più alta di cui può essere insignito un cittadino italiano (e quindi anche un militare) è l' Ordine al merito della Repubblica Italiana [135] .

Festività

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate .

Il 4 novembre è la festa delle forze armate a ricordo della data di emissione del " Bollettino della Vittoria " con il quale venne annunciata nel 1918 la resa dell' Impero austro-ungarico all'Italia che poneva fine alla Prima guerra mondiale .

Il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica , si tiene tradizionalmente una parata militare a Roma , nel corso della quale reparti delle diverse forze armate sfilano, lungo via dei Fori Imperiali , alla presenza del Presidente della Repubblica.

A Roma, presso l' Altare della Patria , si trova la tomba del Milite Ignoto , tomba simbolica per tutti i caduti delle forze armate, soggetta a sorveglianza perenne. La tomba conserva i resti di un caduto della Grande Guerra .

Note

  1. ^ Costituzione del Regio Esercito e della Regia Marina
  2. ^ Bollettino della Vittoria al termine della Grande Guerra , 4 novembre 1918
  3. ^ "Vecciarelli nuovo Capo di Stato Maggiore della difesa. E Rosso dell'Aeronautica" - " Aeronautica & Difesa " N. 386 - 12/ 2018 pag. 24
  4. ^ "Il Generale Vecciarelli nuovo Capo di SMD ed il Generale Rosso nuovo Capo di SMA" - " Rivista italiana difesa " N. 12 - 12/ 2018 pag. 7
  5. ^ Il cui ordinamento è stato stabilito con la legge 9 maggio 1940 , n. 368, riferita al vecchio Regio Esercito . Vedasi Regio Esercito - Le Specialità , su regioesercito.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  6. ^ La legge fondamentale sul cui ordinamento è quella dell'8 luglio 1926 , n. 1178. Vedi Legge 8 luglio 1926, n. 1178 , su infoleges.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 . (cliccare sui vari articoli per scorrere la legge)
  7. ^ Il cui ordinamento è regolato dal RDL 22 febbraio 1937 , n. 220. Vedi Le Radici Storiche , su aeronautica.difesa.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 . (con successive modifiche)
  8. ^ Carabiniere , su sapere.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  9. ^ Già la legge n. 121 del 1º aprile 1981 (nuovo ordinamento dell'Amministrazione della pubblica sicurezza) con l'art. 16 ebbe a definire l'Arma dei Carabinieri "forza armata in servizio permanente di pubblica sicurezza". Vedasi Legge n.121 1 aprile 1981. Nuovo ordinamento dell'Amministrazione della pubblica sicurezza , su uilps.org . URL consultato il 9 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 17 novembre 2011) .
  10. ^ Decreto Legislativo 5 ottobre 2000, n. 297, art. 5
  11. ^ La Costituzione della Repubblica Italiana , su governo.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  12. ^ Il Consiglio supremo di difesa , su quirinale.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  13. ^ Legge 18 febbraio 1997, n. 25 , su parlamento.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 . (art. 1)
  14. ^ a b Organigramma , su difesa.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2011) .
  15. ^ Comando Operativo di vertice Interforze (COI) , su difesa.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  16. ^ Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2019-21
  17. ^ Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2019-21
  18. ^ Reclutamento , su carabinieri.it . URL consultato il 1º gennaio 2014 .
  19. ^ Incarico che pure esiste nell'organizzazione dell'Arma, ma che configura solo i capi di stato maggiore) del Comando Generale e delle grandi unità in cui è articolata l'istituzione
  20. ^ Libro Bianco 2002 , su Ministero della Difesa . URL consultato il 1º gennaio 2014 .
  21. ^ La Storia > 1861 - 1914 , su esercito.difesa.it . URL consultato il 7 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2010) .
  22. ^ Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2019-21
  23. ^ Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2019-21
  24. ^ Gazzetta ufficiale , su gazzettaufficiale.it .
  25. ^ La Costituzione - Articolo 52 , su senato.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale l'8 febbraio 2011) .
  26. ^ Lavorare nelle Forze Armate normativa, opportunità e orientamento del sito dello sportello informativo della Regione Marche , su giovani.regione.marche.it . URL consultato il 3 marzo 2015 (archiviato dall' url originale il 3 gennaio 2015) .
  27. ^ Riserva selezionata dal sito ufficiale dell'esercito italiano
  28. ^ Formula del giuramento militare da UNUCI Sezione di Trento "Ten. Cesare Battisti"
  29. ^ Ex art. 13 della legge 1º aprile 1981, n. 121; art. 18 comma 1 legge 6 marzo 2001 n. 128
  30. ^ Se facenti parte delle sezioni di polizia giudiziaria
  31. ^ Vedi sentenza Consiglio di Stato - IV Sezione - 10 novembre 2003 n. 7143 e n. 4760/2005
  32. ^ Forze armate, trasferimento d'autorità ed indennità da diritto.it, 15 luglio 2010.
  33. ^ Vedi sentenza Consiglio di Stato - IV Sezione - 6 aprile 2004 n. 1867.
  34. ^ Art. 1, comma 1, legge 29 marzo 2001, n. 86.
  35. ^ ( PDF ) Testo della circolare del 16/3/2004 n° 1940/07/PIC-100. Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive .
  36. ^ edizionieuropee.it , http://www.edizionieuropee.it/LAW/HTML/14/zn34_01_020.html#_ART0879 .
  37. ^ Art. 1475 comma e d.lgs 15 marzo 2010, n. 66
  38. ^ Art. 1475 comma 4 d.lgs 15 marzo 2010, n. 66
  39. ^ Artt. 575 e 652 comma 6 e 712 d.lgs 15 marzo 2010, n. 66
  40. ^ Art. 744 del DPR 15 marzo 2010, n. 90
  41. ^ Art. 12 decreto legislativo 26 aprile 2016, n. 91 , su edizionieuropee.it .
  42. ^ Vedasi , in particolare, il libro IV - titolo VIII del codice dell'ordinamento militare .
  43. ^ Art. 933 d.lgs 15 marzo 2010 n. 66
  44. ^ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 122 del 26 maggio 2008
  45. ^ Art. 7 comma 1 decreto legge 23 maggio 2008 n. 92
  46. ^ Art. 7 bis legge 24 luglio 2008, n. 125
  47. ^ Regio decreto 13 dicembre 1871, n. 571: "Tutte le persone soggette alla giurisdizione militare, a mente dell'articolo 323 del Codice penale militare per l'esercito, e dell'art. 362 di quello per la Regia Marina, porteranno, come segno caratteristico della divisa militare, comune all'Esercito ed all'Armata, le stellette a cinque punte sul bavero dell'abito della rispettiva divisa". Il termine "Armata" indicava allora la Marina Militare. Vedi Le stellette militari , su infinito.it . URL consultato il 9 febbraio 2011 .
  48. ^ Tale aspetto assume particolare rilevanza per tutti gli "ex" militari che svolgono attività professionale nei media (opinionisti, meteorologi, ecc.) dopo il termine del servizio effettivo, che, nella maggior parte dei casi, omettono di specificare la loro posizione di Stato
  49. ^ a b c riservato a: Capo di stato maggiore della difesa
  50. ^ riservato a:
  51. ^ riservato a:
  52. ^ riservato a:
  53. ^ a b c d Documento programmatico Difesa 2014 ( PDF ), su Ministero della Difesa . URL consultato il 14 agosto 2014 .
  54. ^ Operazione Strade Pulite - Generalità , su difesa.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  55. ^ Operazione , su www.esercito.difesa.it . URL consultato il 9 settembre 2017 .
  56. ^ Operazione Giotto 2009 - Generalità , su difesa.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  57. ^ Operazione Giotto 2009 - Contributo delle Forze Armate , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  58. ^ Operazione Gran Sasso - Generalità , su difesa.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  59. ^ Operazione Gran Sasso - Contributo delle Forze Armate , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  60. ^ Operazione Strade Sicure - Generalità , su difesa.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  61. ^ Operazione Strade Sicure - Contributo delle Forze Armate , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  62. ^ a b c d e f g Le Operazioni Militari , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 . (documento ZIP scaricabile aggiornato al 31 dicembre 2010, pagina 1)
  63. ^ a b c d e Numero non comprensivo degli uomini appartenenti al Sovrano Militare Ordine di Malta , alla Guardia di Finanza , alla Polizia di Stato e al Ministero della giustizia . Vedasi Le Operazioni Militari , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 . (documento ZIP scaricabile, pagina 1, 3ª nota)
  64. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  65. ^ UNMOGIP , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  66. ^ MINURSO , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  67. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  68. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  69. ^ a b UNIKOM - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  70. ^ UNMIBH (IPTF) , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  71. ^ UNMIBH (IPTF) - Missione , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  72. ^ UNMIK - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  73. ^ UNMEE , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  74. ^ UNMEE - Contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  75. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  76. ^ Il contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  77. ^ a b Partecipazione italiana alla missione ONU "UNMIS" ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  78. ^ Haiti - Operazione White Crane - Missione , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  79. ^ Haiti - Operazione White Crane - Partecipazione nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  80. ^ STATO MAGGIORE DELLA DIFESA - Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore - Ufficio Pubblica Informazione - PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA MISSIONE ONU - OPERAZIONE “CARAVELLA” ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  81. ^ Haiti - Operazione Caravella - Contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  82. ^ a b Forze Navali permanenti della NATO: "Active Endeavour" e "Ocean Shield" , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  83. ^ Afghanistan - ISAF , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  84. ^ Nato Training Mission Iraq - Generalità [ collegamento interrotto ] , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  85. ^ Comprensiva di Kosovo Force e dei quartier generali di Skopje , Tirana , Sarajevo . Vedasi Bosnia Erzegovina - NATO HQ Sarajevo , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  86. ^ Operazione "Unified Protector" , su difesa.it . URL consultato il 1º aprile 2011 .
  87. ^ MONUC , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  88. ^ ALLIED HARMONY , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  89. ^ ALLIED HARMONY - Partecipazione italiana , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  90. ^ Operazione Sparviero , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  91. ^ Operazione Sparviero - contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  92. ^ PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA MISSIONE NATO “OPERAZIONE INDUS” ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  93. ^ Bosnia Erzegovina - EUPM , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  94. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  95. ^ UNIFIL - Operazione "Leonte" , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  96. ^ AVVIO DELLA MISSIONE EUPOL RD CONGO , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  97. ^ European Union Police Mission in Afghanistan , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  98. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  99. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  100. ^ Oceano Indiano - EUNAVFOR ATALANTA , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  101. ^ EUTM Somalia - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  102. ^ JOINT FORGE , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  103. ^ JOINT FORGE - Partecipazione italiana , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  104. ^ EUMM - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  105. ^ Processo di pace per il Sudan ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  106. ^ CONCORDIA - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  107. ^ European Union Force "Althea" - EUFOR Althea , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  108. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  109. ^ Contributo Nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  110. ^ Partecipazione italiana alla missione UE in supporto di "AMIS II" ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  111. ^ European Union Police Mission (EUPOL) - PROXIMA , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  112. ^ EUFOR Congo - Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  113. ^ Contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  114. ^ EUROPEAN UNION FORCE "CIAD/RCA" - Operazione "Nicole" - Task Force "Ippocrate" , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  115. ^ Contributo Nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  116. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  117. ^ TIPH 2 , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  118. ^ STATO MAGGIORE DELLA DIFESA - Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore - Ufficio Pubblica Informazione PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLE INIZIATIVE CONTRO IL TERRORISMO INTERNAZIONALE - “ENDURING FREEDOM” ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  119. ^ Task Force NIBBIO , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  120. ^ STATO MAGGIORE DELLA DIFESA - Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore - Ufficio Pubblica Informazione - Task Force Nibbio ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 . (pag. 4)
  121. ^ STATO MAGGIORE DELLA DIFESA - Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore - Ufficio Pubblica Informazione - PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA OPERAZIONE MULTINAZIONALE “ANTICA BABILONIA” ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  122. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  123. ^ Contributo nazionale , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  124. ^ Missioni Nazionali , su esercito.difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 24 dicembre 2010) .
  125. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  126. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  127. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  128. ^ Generalità , su difesa.it . URL consultato il 10 febbraio 2011 .
  129. ^ a b Libro Bianco della Difesa 2002 , su Ministero della Difesa . URL consultato il 28 dicembre 2013 .
  130. ^ Approvata Riforma Di Paola , su Analisi Difesa . URL consultato il 28 dicembre 2013 .
  131. ^ Rapporto 2013 Guardia di Finanza ( PDF ), su Guardia di Finanza . URL consultato il 28 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 26 aprile 2015) .
  132. ^ Le Onorificenze , su quirinale.it . URL consultato il 4 marzo 2011 .
  133. ^ Medaglia d'oro al valor militare , su quirinale.it . URL consultato il 4 marzo 2011 .
  134. ^ Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare , su quirinale.it . URL consultato il 4 marzo 2011 .
  135. ^ Ordine al Merito della Repubblica Italiana , su quirinale.it . URL consultato il 4 marzo 2011 .

Bibliografia

  • Vincenzo Meleca, Il potere nucleare delle Forze Armate Italiane 1954-1992, Greco&Greco editori, Milano, 2015

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni