Francesc d'Assís

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Francesc d’Assís (desambiguació) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "San Francesco". Si busqueu altres significats, vegeu Sant Francesc (desambiguació) .
Sant Francesc d’Assís
Luca Giordano - San Francisco de Asis.jpg
Sant Francesc d’Assís , de Luca Giordano , segle XVII.

Religiós , patró d’ Itàlia

Naixement Assís , 1181 o 1182
Mort Assís , 3 d'octubre de 1226
Venerat per Església Catòlica, Comunió Anglicana
Canonització Assís , 16 de juliol de 1228 , del papa Gregori IX
Santuari principal Basílica de Sant Francesc , Assís
Recidiva 4 d'octubre , 17 de setembre (els estigmes)
Atributs Crucifix, crani, estigmes, hàbit, animals, creu de Tau
Patró de Itàlia , Úmbria , animals, poetes, comerciants, Ordre dels frares menors caputxins , Lupetti / Coccinelle , ecologistes

Francesc d'Assís, nascut Giovanni di Pedro Bernardone ( Assís , 1181 / 1182 [1] [2] [3] - Assís , 3 d'octubre de 1226 [4] [5] ), va anar un religiós i poeta italià . Diaca [6] i fundador de l' ordre que més tard prengué el seu nom (Ordre franciscana), és venerat com a sant per l'Església Catòlica i la Comunió Anglicana ; proclamat, junt amb Santa Caterina de Siena , patrona principal d’ Itàlia el 18 de juny de 1939 pel papa Pius XII , el memorial litúrgic se celebra a tota l’Església catòlica el 4 d’octubre ( festa a Itàlia; solemnitat per a la família franciscana ).

Profundament ascètic , també se'l coneixia com " el pobre home d'Assís " per la seva elecció de desposseir-se de tots els béns materials i portar una vida mínima, en total harmonia d'esperit.

A més de la seva obra espiritual, Francesco, gràcies al Canticle de les criatures , és reconegut com un dels iniciadors de la tradició literària italiana. [7] El cardenal Jorge Mario Bergoglio , elegit papa al conclave del 2013 , va assumir, com a primer de la història de l'Església , el nom pontifici Francis en honor del sant d'Assís. [8] [9]

La ciutat d’Assís, pel seu il·lustre ciutadà, s’ha convertit en un símbol de pau , sobretot després d’acollir les quatre grans reunions entre els exponents de les principals religions del món, promogudes pel papa Joan Pau II el 1986 i el 2002, com a papa Benet XVI el 2011 i pel papa Francesc el 2016.

Biografia

Cimabue
Presumpte retrat de Sant Francesc
Assís , basílica inferior

«Altissimu, totpoderós, bon Senyor
són els teus lloances, la glòria, l'honor i la benedicció "

( Incipit del Canticle de les criatures )

Infància

Francesco, que tenia almenys un germà anomenat Angelo, [10] va néixer el 1181 o el 1182 [11] de Pietro di Bernardone i, segons testimonis molt tardans, de la noble provençal Madonna Pica [12] , en una família dels emergent burgesia de la ciutat d’ Assís que, gràcies a l’activitat de comerç de teixits, havia assolit riquesa i benestar. La seva mare el va fer batejar amb el nom de Giovanni (del nom de Joan Baptista ) a l' església construïda en honor del patró de la ciutat, el bisbe i màrtir Rufino , catedral des del 1036. No obstant això, el seu pare va decidir canviar el seu nom a Francesco , inusual en aquella època, probablement en honor a França que havia fet fortuna . [13]

La seva casa, situada al centre de la ciutat, estava equipada amb un magatzem , utilitzat com a botiga i magatzem per a l’emmagatzematge i exposició dels teixits que el comerciant aconseguia amb els seus freqüents viatges a Provença . El seu pare Pietro va vendre els seus preciosos béns a tot el territori del ducat de Spoleto que, aleshores, també incloïa la ciutat d'Assís. Les diverses hagiografies del sant [14] no parlen gaire de la seva infantesa i joventut: no obstant això, és raonable suposar que el seu pare el va dirigir per ocupar el seu lloc en els afers de la família. Després d’assistir a l’escola amb els canonges de la catedral, a l’ església de San Giorgio (on, a partir del 1257, es va construir l’actual basílica de Santa Chiara ), als 14 anys Francesco es va dedicar plenament a l’activitat comercial. Va passar la seva joventut entre les felices brigades dels aristòcrates assisans i es va ocupar dels assumptes del seu pare, relacionats amb l'activitat de comerç de teixits. [15]

Guerra

Hi ha un record d’una guerra que el 1154 va enfrontar Assís contra Perusa . Entre les dues ciutats hi va haver una rivalitat irreductible que va durar segles. L’odi va augmentar a causa de l’aliança de Perusa amb els güelfs , mentre que Assís va fer costat a la facció dels gibel·lins. No va ser una bona elecció per als assisins, ja que el 1202 van patir una derrota i una pèrdua notable d’homes a Collestrada , prop de Perusa. Entre els joves que van participar en el conflicte, Francesco també va ser capturat i empresonat. L’experiència de la guerra i la presó el va trastocar fins al punt d’induir-lo a replantejar-se completament la vida: a partir d’aquí va iniciar un viatge de conversió , que amb el pas del temps el va portar a “viure en l’alegria de poder guardar Jesucrist en la intimitat de el cor". [16]

Francesco, greument malalt, després d'un any de presó va obtenir la seva llibertat amb el pagament d'un rescat, que va proporcionar el seu pare. De tornada a casa, es va anar recuperant la salut passant molt de temps en les possessions del seu pare. Segons Tommaso da Celano, van ser aquests llocs apartats els que van ajudar a despertar en ell un amor absolut i total per la natura , que va veure com una meravellosa obra de Déu . [17]

La conversió

" Déu alt i gloriós,
il·lumina la foscor del meu cor ...
"

( Oració de Sant Francesc davant el crucifix de San Damiano )

Des del punt de vista històric, les circumstàncies de la conversió de sant Francesc no s’han aclarit i només tenim notícies a través de les hagiografies i del testament del sant. Sembla que el seu desig frustrat de convertir-se en cavaller i marxar a la croada va jugar un paper important, però també i sobretot un creixent sentit de la compassió que va inspirar els febles, els malalts i els marginats: aquesta compassió es transformaria en autèntica "febre de l'amor" cap al proïsme.

El 1203-1204 Francesco va planejar participar en la quarta croada i després va intentar arribar a la cort de Gualtieri III de Brienne a Lecce , per després traslladar-se amb els altres cavallers a Jerusalem . Participar com a cavaller en una croada es considerava en aquell moment un dels màxims honors per als cristians occidentals. No obstant això, quan va arribar a Spoleto , va tornar a emmalaltir; va passar la nit a l’ església de Sant Sabí i aquí va tenir un profund penediment. [18] Més tard, dirà que el convencen dues revelacions nocturnes [19] : a la primera va veure un castell ple d'armes i va sentir una veu que li prometia que tot allò seria seu. A la segona, va tornar a sentir la mateixa veu preguntant-li si era "més útil seguir el criat o l'amo": a la resposta: "L'amo", la veu va respondre:

"Llavors, per què vau abandonar l'amo per seguir el criat?"

Francesco va renunciar al seu projecte i va tornar a Assís; des de llavors mai ha estat el mateix home. Sovint es retirava a llocs solitaris per resar. Un dia a Roma , on el seu pare el va enviar a vendre un lot de mercaderies, no només va repartir els diners recaptats als pobres, sinó que va canviar la roba amb un captaire i va començar a demanar al davant de la porta de Sant Pere . [20]

La seva actitud envers altres persones també va canviar radicalment: un dia va conèixer un leprós i, a més de donar-li almoina, el va abraçar i el va besar. [21] Com dirà el mateix Francesc, abans d'aquest dia ni tan sols podia suportar la vista d'un leprós: després d'aquest episodi, va escriure que

"El que em va semblar amarg es va convertir en dolçor de l'ànima i el cos"

( del Testament de Sant Francesc, 1226 )

Però va ser el 1205 quan es va produir l’episodi més significatiu de la seva conversió: mentre pregava a l’ església de San Damiano , va dir que havia sentit parlar el Crucifix , que li va dir tres vegades: "Francesc, vés a reparar el meu casa que, com podeu veure, està tot en ruïnes ». [22]

Després d'aquest episodi, les "rareses" del jove es van fer encara més freqüents: va acaparar teixits a la botiga del seu pare i els va vendre a Foligno juntament amb el seu cavall; se'n va anar a casa a peu i va oferir els diners recaptats al sacerdot de San Damiano, perquè pogués reparar aquella petita església en ruïnes; no obstant això, coneixent el seu pare i tement la seva ira, va rebutjar la generosa oferta. Pietro Bernardone, fort en la solidaritat de la comunitat d’Assís, creia que no només es traïen les seves expectatives de pare, sinó que jutjava el seu fill, per la seva excessiva generositat, en un desequilibri mental. [23]

El judici davant el bisbe

Bernardone va intentar, al principi, treure Francis per amagar-lo de les xafarderies del poble, però després, davant la irreductible "tossuderia" del seu fill en no canviar el seu comportament, va decidir denunciar-lo als cònsols perquè el detinguessin. , no tant pels danys soferts, sinó més aviat per l'esperança secreta que, sota la pressió del càstig i la condemna de la ciutat, el noi canviés d' actitud .

El jove, però, va apel·lar a una altra autoritat: va apel·lar al bisbe. El procés va tenir lloc així el mes de gener (o febrer) de 1206, al Palau del Bisbe; "Tot Assís" [24] va estar present al judici.

Francesco, tan bon punt el seu pare va acabar de parlar,

'No va suportar el retard ni la vacil·lació, no va esperar ni va pronunciar paraules; però de seguida, va deixar tota la seva roba i la va retornar al seu pare [...] i es va despullar completament davant de tothom, dient al seu pare: "Fins ara us he trucat, el meu pare a la terra; a partir d'ara Puc dir amb total confiança: el nostre Pare que estàs al cel, perquè en ell he posat tots els meus tresors i he posat tota la meva confiança i la meva esperança "."

Així, Francesc va iniciar un nou camí de vida i el bisbe Guido, que modestament el va cobrir de la mirada de la multitud, va manifestar simbòlicament la protecció i l’acollida de Francesc a l’ Església .

L’estada a Gubbio

Francesco va començar el seu viatge com a home nou: a l' hivern del 1206 va marxar a Gubbio , on el jove sempre havia tingut diversos amics, entre ells Federico Spadalonga, que també havia compartit la presó a les presons de Perusa amb Francesco. Frederic el va acollir amablement a casa seva (on avui hi ha una església dedicada a Sant Francesc), el va donar de menjar i, pel que sembla, va ser aquí on Francesco es va vestir amb el seu hàbit , rebutjant roba molt més luxosa que li oferia el seu amic.

Convidat de l’Spadalonga, Francesco “un amant de totes les formes d’ humilitat , després d’uns mesos es va traslladar als leprosos, quedant-se amb ells i servint-los a tots amb la màxima cura”. Era la colònia de leprosos de Gubbio, dedicada a sant Llàtzer de Betania . En el seu Testament, Francis va dir clarament que el veritable punt d’inflexió cap a la plena conversió va començar per a ell a Gubbio, quan es va apropar a aquestes persones necessitades. Francesc mai no hi va tenir una residència fixa, però solia predicar al camp, entre el municipi d'Umbria i Assís .

Precisament al camp d’Eugubino, on hi havia la petita església de Santa Maria della Vittoria , coneguda com la Vittorina , i el parc homònim, San Francesco va domesticar el famós llop de Gubbio . Set anys després de la conversió de Francesc (el 1213), el beat Villano, bisbe de Gubbio, antic abat benedictí de l' abadia de San Pietro , va permetre als frares establir la seva seu al municipi.

Els primers companys i predicació

Quan va arribar l’estiu i es va reduir l’ escàndol suscitat per la renúncia als béns paterns, Francesc va tornar a Assís. Durant un període determinat, va romandre sol, ocupat en la reparació d'algunes esglésies en ruïnes, com la de San Pietro (aleshores fora de les muralles), la Porziuncola de Santa Maria degli Angeli i San Damiano .

Els primers anys de la conversió es van caracteritzar per l’oració, el servei als leprosos , el treball manual i l’ almoina . Francesc va optar per viure en una pobresa voluntària i, inspirat en l'exemple de Crist, va llançar un missatge de signe contrari al de la societat del segle XIII, amb riqueses fàcils. Francesc va renunciar a les atraccions mundanes, vivint alegrement com un "ignorant", un "boig", demostrant com la seva objecció als valors hegemònics de la societat secular de l'època podia generar una felicitat perfecta. En aquest sentit, el seu exemple tenia alguna cosa subversiu a la mentalitat de l’època. [25]

El 24 de febrer de 1208, dia de Sant Maties , després d’escoltar el fragment de l’ Evangeli segons Mateu a la petita església Porziuncola, al camp d’Assís, Francesc va sentir fermament que havia de portar la Paraula de Déu pels carrers del món. [26] Així va començar la seva predicació , primer als voltants d'Assís. Aviat se li van afegir altres persones i, amb les primeres adhesions, es va formar el primer nucli de la comunitat de frares. El primer d’ells va ser Bernard de Quintavalle , el seu amic de la infància. Entre d’altres recordem Senso III de Giotto Sensi , Pietro Cattani , Filippo Longo di Atri , frare Egidio , frare Leone , frare Masseo , frare Elia da Cortona , frare Ginepro . Juntament amb els seus companys, Francis va començar a treure la seva predicació de l'Úmbria.

L’aprovació del Papa

El 1209, quan Francesc va reunir dotze companys al seu voltant, va anar a Roma per obtenir l'autorització del govern de la vida, per a ell i per als seus frares, del papa Innocenci III . Després d'algunes vacil·lacions inicials, [27] el pontífex va concedir a Francis la seva aprovació oral per al seu "Ordo fratrum minorum" : a diferència de les altres ordres pauperistes , Francesc no va contestar l'autoritat de l'Església, però la va considerar com a "mare" i ell li va oferir obediència sincera. Francesc era la personalitat necessària, que finalment podia canalitzar les angoixes i la necessitat de participació de les classes més humils de l’Església, sense actuar com a antagonista de la mateixa i, per tant, sense lliscar-se a la deriva de l’ heretgia .

Del text presentat al Papa no en va quedar cap rastre. Els estudiosos pensen, però, que consistia principalment en passatges extrets de l’Evangeli que, amb el pas dels anys, juntament amb algunes addicions, es van fusionar en la "Regola non bollata", que Francesc va escriure a la Porziuncola el 1221.

Fundació dels primers convents

A la tornada de Roma, els frares es van instal·lar en una "caseta" a prop de Rivotorto , a la carretera de Foligno , un lloc escollit perquè es trobava a prop d'un hospital de leprosos. Aquest lloc, però, era humit i poc saludable, i els frares van haver d'abandonar-lo l'any següent, establint-se a la petita abadia de Santa Maria degli Angeli , a la plana del Tescio , a la localitat de Porziuncola . Abandonada enmig d’un bosc d’ alzines de Turquia , l’abadia va ser concedida a Francesco i als seus frares per l’abat de l’església de San Benedetto del Subasio [28] .

Vocació de Clarissa i fundació de l'Orde de les Dones

Aquesta nova "forma de vida" també va atraure les dones: la primera va ser Chiara Scifi , filla del noble d'Assís Favarone di Offreduccio degli Scifi. Escapada de la casa del seu pare la nit del diumenge de Rams del 28 de març de 1211 (o el 18 de març de 1212), va arribar el 29 de març de 1211 (o el 19 de març de 1212) a Santa Maria degli Angeli , on va demanar a Francis que se li permetés entrar a formi part de la seva ordre, i on a la matinada va rebre l’ hàbit religiós del sant. Francesco la va organitzar durant un temps primer al monestir benedictí de Bastia Umbra , després al d'Assís. Més tard, quan altres noies (inclosa la germana de Chiara, Agnese ) van seguir el seu exemple, van establir-se a l' església de San Damiano i van començar el que en el futur serien les clarisses , entre les quals destacaven santes com Catalina . De Bolonya , Camilla Battista da Varano , Eustochia Calafato . Els mateixos anys va donar a llum el convent de Montecasale , on va establir una petita comunitat de seguidors i on s’aturaria repetidament en els seus viatges.

Comparació amb el catarisme

En aquell moment, la història dels càtars era ben viva, declarada hereges per l’Església catòlica, que predicava un dualisme del Bé / del Mal que portava a les seves conseqüències extremes. Havien tingut nombrosos brots a la Toscana propera i es van reduir a amagar-se després de la cruenta croada albigesa del 1209. Francis podria haver estat confós amb un càtar per la seva pobresa i predicar a les classes més baixes. Però Francesc i els seus seguidors es van distingir en molts aspectes: primer no van qüestionar la jerarquia de l’Església. De fet, el mateix Francesc va insistir en la necessitat que els sacerdots fossin estimats i respectats. Un cop portat davant un sacerdot que es sabia que vivia en el pecat, potser perquè caigués en contradicció (si no l’hagués denunciat es podria dir que era el seu còmplice, si ho hagués fet, s’hauria dit que Francesc no respectava la jerarquia), Francesc es va limitar a besar les mans d'aquest sacerdot, "que toquen el cos de Jesucrist". Finalment, la diferència entre l’aversió dels càtars al “món de la matèria” (creació) i l’amor a totes les manifestacions de la vida de Francesc no hauria pogut ser més sorprenent. El propi Canticle de les criatures es pot llegir com un tractat perfecte de teologia anti-càtara [29] , tot i que és difícil demostrar quant Francesc, sospitós de la saviesa dels llibres, va poder conèixer la doctrina càtara [30] .

Un dels valors que s'hauria d'atribuir a la preposició " per " seria el de "complement d'agent" ( Laudato sii mi 'Signore per a (de) totes les criatures ).

El seu amor per la natura i els animals (com el llegendari sermó als ocells de Piandarca a la carretera que porta de Cannara a Bevagna ) només va ser superat per l'amor pels éssers humans: la pau interior per a Francesco no era una simple serenitat, amor i perdó, però una alegria natural de viure:

“La seva caritat es va estendre, amb el cor d'un germà, no només als homes provats per la necessitat, sinó també a animals sense paraules, rèptils, ocells, totes criatures sensibles i insensibles. Tanmateix, tenia una tendresa particular pels xais, perquè a les Escriptures Jesucrist es compara sovint i amb raó amb el xai mans per la seva humilitat. Per la mateixa raó, el seu amor i simpatia es dirigien de manera particular a totes aquelles coses que millor podrien representar o reflectir la imatge de Déu "

( Tomàs de Celano , Vita prima 77, a FF 455 [31] )

Creixement de l'ordre i viatge a Egipte

Montefalco , complex museístic de San Francesco
Benozzo Gozzoli
Francesc d'Assís i el soldà al-Kamil
escena 10 del cicle de frescos sobre la vida del Sant

Amb el pas del temps, la fama de Francesc va créixer enormement i les files dels frares franciscans també van créixer considerablement. El 1217 Francesc va presidir el primer dels capítols generals de l’Orde, que es va celebrar a la Porziuncola: van sorgir amb la necessitat d’establir la vida comunitària , d’organitzar l’activitat de pregària, de reforçar la unitat interna i externa, de decidir missions , i es feien cada dos anys. Amb la primera, es va organitzar la gran expansió de l'ordre a Itàlia i es van enviar missions a Alemanya , França i Espanya .

El 1219 es va dirigir a Ancona per embarcar-se cap a Egipte i Palestina , on la Cinquena Croada feia dos anys que estava en marxa. Durant aquest viatge, amb motiu del setge dels croats a la ciutat egípcia de Damietta , juntament amb fra Illuminato va obtenir del legat papal (el benedictí portuguès Pelagio Galvani , cardenal bisbe d'Albano), el permís per passar pel camp sarraí i reunir-se , desarmat, un risc i la responsabilitat, la ayubí Sultan al-Malik al-Kamil a si mateix , de Saladí nebot. El propòsit de la reunió era poder predicar-li l’Evangeli, per convertir el soldà i els seus soldats, i així posar fi a les hostilitats.

Rebut amb gran cortesia pel sultà, va mantenir una llarga conversa amb ell, al final de la qual Francesc va haver de tornar al camp dels croats. Al voltant d’aquest esdeveniment històric han florit diverses llegendes sobre el sant i la seva extraordinària capacitat per convèncer i convertir-se, fins i tot si al-Malik al-Kāmil va romandre musulmà , tot i que va apreciar Francesc i li va concedir regals com a signe d’estima [32] .

La interpretació de la relació entre Francesc, l’islam i les croades no és fàcil i continua sent objecte de discussió, ja que hi ha un contrast entre els que veuen la seva acció com un suport a les croades o, al contrari, com una desautorització de ells. [33] La narració de la trobada ens va arribar, així com a través de les obres de biògrafs franciscans, també mitjançant altres testimonis no tardans, tant cristians com àrabs. La versió que ens proporciona San Bonaventura esmenta els maltractaments soferts pels soldats sarraïns i la defensa, per part de Francesc, de la tasca dels creuats i la justificació de la guerra contra els infidels musulmans. [34] [35] [36] [37] En la història de Tomàs de Celano , Francesc va despertar una profunda admiració en el sultà, que el va tractar amb respecte i li va oferir nombroses riqueses. Segons la narració hagiogràfica, Francesco també va patir la prova del foc, representada en nombrosos cicles pintats.

La revolució pacífica que estava duent a terme la nova Ordre va començar a ser evident per a tothom. No obstant això, també van començar els primers problemes: Francesc temia que, en expandir-se fora de control, la fraternitat de menors es desviés de les seves intencions inicials. [38] Per donar exemple i poder dedicar-se completament a la seva missió, el 1220 Francesc va renunciar al govern de l'Orde en favor del seu amic i seguidor Pietro Cattani , que va morir l'any següent. Al següent capítol general (conegut com "delle Stuoie" , juny de 1221), el germà Elias va ser escollit vicari. [39] El 1223, amb la butlla Solet annuere , el papa Honori III va aprovar definitivament la "Segona regla" (que és més curta que la primera i conté menys cites evangèliques), que es va redactar amb l'ajut del cardenal Ugolino d'Ostia (el futur papa Gregori IX ). La doble redacció de la norma a curt termini testimonia un replantejament davant les dificultats del projecte; Francesc, tot i que no condemnava en si mateix la riquesa, la saviesa o el poder, es va adonar que els frares que van decidir lliurement seguir-lo i seguir el seu règim de vida s’estaven convertint en culte i acceptaven regals i riqueses (encara que formalment fossin perduts per la Santa Seu). No és difícil imaginar que algú, potser amb l’excusa de poder servir millor els altres, hagués sol·licitat diverses vegades la presentació de la norma de 1221 i al final Francesc va cedir, però aquesta vegada exigint una fidelitat absoluta, acceptant-la " sense comentaris ", és a dir, sense interpretacions.

El primer pessebre vivent

Durant la nit de Nadal de 1223, a Greccio (a la carretera que va d’ Stroncone cap a la zona de Rieti), Francesc va recordar el naixement de Jesús, fent una representació viva d’aquell succés. Segons les hagiografies, durant la missa , el putto que representava el Bambinello hauria cobrat vida diverses vegades als braços de Francesc. [40] La tradició del pessebre es va originar a partir d'aquest episodi. [41]

A més de la seva vida activa, Francesc, potser malalt, va sentir contínuament la necessitat de retirar-se a llocs solitaris per restaurar-se i resar (com, per exemple, l’ Eremo delle Carceri a Assís, als vessants del mont Subasio ; Isola Maggiore a Llac Trasimeno ; Eremo delle Celle a Cortona ). Aquests llocs oferien al frare el silenci i la pau que li permetien una oració més íntima.

Entre 1224 i 1226, ara greument malalt als seus ulls, va compondre el Canticle de les criatures .

Els estigmes

«A la pedra crua entre el Tíber i l' Arno
de Crist va prendre el darrer segell
que els seus membres trigaran dos anys ".

( Dante Alighieri , Divina Comèdia , Paradiso , cant XI , vv. 106-108 )

Segons les hagiografies , el 14 de setembre de 1224, [42] [43] dos anys abans de la seva mort, mentre pregava a la muntanya de La Verna (el lloc on s’aixecarà el santuari homònim en el futur) i després de 40 dies de en dejú, Francesc hauria vist un serafí crucificat. Al final de la visió, se li van aparèixer els estigmes : "a les mans i als peus té ferides i creixements carnosos, que recorden les ungles i de les quals sovint sagna". Aquestes hagiografies també expliquen que al seu costat dret tenia una ferida, com la d’un cop de llança . Fins a la seva mort, però, Francesc sempre va intentar mantenir amagades aquestes ferides.

Nell'iconografia tradizionale successiva alla sua morte, Francesco è stato sempre raffigurato con i segni delle stigmate: per questa caratteristica è stato definito anche «alter Christus» [44] . La condivisione fisica delle pene di Cristo offriva un nuovo volto al cristianesimo, partecipe non più solo del Suo trionfo, simboleggiato dal Cristo in gloria .

Ultimi anni di vita e la morte

La tomba di Francesco ad Assisi

Negli anni seguenti Francesco fu sempre più oggetto di varie malattie (soffriva infatti di disturbi al fegato oltre che alla vista ). Varie volte gli furono tentati degli interventi medici per lenirgli le sofferenze, ma inutilmente. Nel giugno 1226, mentre si trovava alle Celle di Cortona , dopo una notte molto tormentata dettò il "Testamento" , che volle fosse sempre legato alla "Regola" , in cui esortava l'ordine a non allontanarsi dallo spirito originario.

Nel 1226 si trovava alle sorgenti del Topino , presso Nocera Umbra ; egli però chiese e ottenne di poter tornare a morire nel suo "luogo santo" preferito: la Porziuncola . Qui la morte lo colse la sera del 3 ottobre. [45] [46]

Il suo corpo, dopo aver attraversato Assisi ed essere stato portato perfino in San Damiano, per essere mostrato un'ultima volta a Chiara e alle sue consorelle, venne sepolto nella chiesa di San Giorgio . Da qui la sua salma venne trasferita nell'attuale basilica nel 1230 (quattro anni dopo la sua morte, due anni dopo la canonizzazione).

«Laudate et benedicite mi Signore,
et rengratiatelo et serviatelo cum grande humilitate.»

( Cantico delle creature )

Spiritualità francescana

Ludovico Cigoli
Francesco d'Assisi

Il francescanesimo si inserisce in quel vasto movimento pauperistico del XIII secolo, in uno spirito di riforma volto contro la corruzione dei costumi degli ecclesiastici del tempo, troppo coinvolti negli interessi materiali e politici, nella sanguinosa Lotta per le investiture . A questo si deve aggiungere la fioritura del comune medioevale : la nascita delle ricche città-stato , se da un lato arricchì una parte del popolo, determinò la formazione di quei ricchi ceti mercantili, il cosiddetto popolo grasso , che acquistava potere a scapito della vecchia nobiltà feudale, facendo della vita metropolitana il centro della civiltà, pur lasciandovi dentro larghissime fette del ceto contadino più indigente, dall'altro causò una forte disuguaglianza sociale e anche crisi dell'assetto sociale medievale che dovette coinvolgere Francesco in prima persona mentre esercitava la professione di mercante.

"Povertà", "obbedienza" e "castità" sono aspetti fondamentali della vita di Francesco e dei suoi discepoli. Dopo un primo periodo passato in solitudine, Francesco iniziò a vivere la propria vocazione insieme a dei compagni che volevano imitare il suo esempio. L'umiltà e l'ascetismo al quale si accompagnò l'opera del santo gli valse il nome di Imitator Christi ("Imitatore di Cristo"): da qui inizia l'esperienza della "fraternità", nella quale ciascun membro è dunque un imitator Francisci ("Imitatore di Francesco"), e dunque un imitator Christi . Secondo la regola dettata da Francesco, la vita comunitaria deve cercare di conformarsi a questi principi:

  1. Fraternità : i frati non devono vivere soli, ma devono prendersi cura dei propri fratelli (e in generale di tutti) con amore e dedizione. La stessa cura si estende incondizionatamente non solo alle creature umane, ma a tutto il creato in quanto opera di Dio e dunque sacro, vivendo in questo modo la fraternità universale.
  2. Umiltà : porsi al di sotto di tutto e di tutti, al servizio dell'ultimo per essere davvero al servizio di Dio, liberarsi dai desideri terreni che allontanano l'uomo dal bene e dalla giustizia.
  3. Povertà : rinuncia a possedere qualsiasi bene condividendo tutto ciò che ci è dato con tutti i fratelli, partendo dai più bisognosi.

Alla preghiera e alla meditazione , la Regola francescana aggiunge lo "spirito missionario ", in conformità ai precetti evangelici , assumendo una condotta completamente diversa rispetto alla norma seguita fino ad allora. È chiaro come a San Francesco interessassero soprattutto i ceti sociali più deboli, tendesse con amore fraterno verso quel "prossimo" spesso respinto e disprezzato dalla società , cioè verso il povero , il malato, il perdente, l'ultimo.

Francesco vuole essere il «minore tra i minori» (umile tra gli umili). Si sostiene che egli applicò ai compagni l'appellativo minores , dato in spregio ai popolani dai ricchi, perché lui stesso voleva incarnare la figura di "uomo del popolo". Assisi e Santa Maria degli Angeli furono e sono tuttora il cuore pulsante da cui parte ea cui ritorna l'attività missionaria di questo nuovo Ordine dei minori , come da allora in poi furono chiamati tutti coloro che seguirono (e che seguono) il santo fondatore assisano. In questo modo, lo spirito di condivisione è esempio concreto della comunione dell'anima con Dio, Gesù il Cristo , testimonianza di fede e di amore cristiano .

A imitazione dei poveri e dei mendicanti, è l'aspetto itinerante dei francescani, secondo il principio di portare il proprio sostegno materiale e spirituale al prossimo andandogli incontro là dove egli si trova: applicando questa regola in prima persona, Francesco visse e scontò un incessante vagare, portandosi fino ai confini dell' Europa , sostentandosi del frutto del lavoro che gli veniva offerto per strada e dove questo non fosse possibile, attraverso l'elemosina. [47]

Francescanesimo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scuola francescana .

All'interno dell'ordine francescano, tra il XIII e il XIV secolo si sviluppò la scuola filosofica e teologica fondata dal francescano Alessandro di Hales quando nel 1232 ricoprì la cattedra di teologia presso l' università di Parigi . La filosofia francescana, opponendosi all' aristotelismo e al tomismo , s'ispirava al pensiero di Sant'Agostino da cui riprendeva la dottrina dell' illuminazione e la teoria dell' ilemorfismo universale. [48]

In opposizione al tomismo, la scuola francescana dichiarava il primato della volontà sull'intelletto non solo per quanto riguardava il comportamento umano, ma anche per l'azione divina che esigeva il dovere dell'obbedienza e il primato della fede sia nel campo della morale che in quello della conoscenza.

I più importanti filosofi del francescanesimo furono Giovanni de la Rochelle , San Bonaventura , Duns Scoto , Giovanni Peckham . I maestri francescani dell'università di Oxford, Roberto Grossatesta , Ruggero Bacone e Guglielmo di Occam confermarono l'indipendenza della fede dalla ragione e svilupparono quindi il francescanesimo soprattutto nell'ambito scientifico.

Una vita tra storia e teologia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Questione francescana .
Guido Reni
San Francesco in estasi

Francesco d'Assisi e la sua vita sono stati continuamente oggetto di interesse, ispirazione, imitazione, studio, confronto. Questo ha fatto sì che la narrazione biografica della sua vita sia stata connotata — fin dalle prime espressioni all'indomani della sua morte — da una grande varietà di significati e intenzioni, che inevitabilmente hanno indirizzato e influenzato la redazione della sua Vita .

Le notizie sulla vita di Francesco derivano infatti in gran parte dalle prime biografie del santo, [49] dove la narrazione storica e quella teologica sono strettamente legate. [50]

Nel XVII secolo con Frate Luca Wadding si mossero i primi tentativi di raccogliere documentazione storica su Francesco d'Assisi, cercando di distinguere tra storia e veneranda tradizione. Un momento di svolta in questo processo arrivò nel corso del XIX secolo , quando lo storico francese Paul Sabatier avanzò la teoria che tutte le biografie francescane "ufficiali" (quelle di Tommaso da Celano e, in modo particolare, quella di Bonaventura da Bagnoregio ) sarebbero irrimediabilmente compromesse dall'intenzione "politica" degli autori, mentre più fedeli al "vero Francesco" sarebbero le biografie "ufficiose". In particolare nello Speculum perfectionis , da lui riscoperto, si potrebbe rintracciare la narrazione più affidabile sul santo di Assisi. Tale posizione ha scatenato nel tempo accesi dibattiti, stimolando nel contempo un approfondimento straordinario della ricerca storica su san Francesco.

Secondo lo storico Franco Cardini è infatti in alcuni casi difficile distinguere tra verità storica e amplificazioni simboliche: è il caso, ad esempio, degli episodi della predica agli uccelli e dell'incontro con il lupo di Gubbio . Questi ultimi potrebbero, secondo lo studioso, essere anche intesi come rielaborazioni dell'incontro, storicamente meglio documentato, con il sultano al-Malik al-Kamil, e riproporre il tema dell'incontro con l' "Altro". [51]

La predica agli uccelli

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Predica agli uccelli .

La predica agli uccelli è uno degli episodi più famosi de I fioretti di san Francesco [52] . Secondo la tradizione, la predica agli uccelli ebbe luogo sull'antica strada che congiungeva il castello di Cannara a quello di Bevagna , nei pressi di Assisi [53] . Oggi il punto dove San Francesco d'Assisi fece il miracolo è segnalato da una pietra sita in località Piandarca nel Comune di Cannara in un'area ancora oggi incontaminata, raggiungibile attraverso un sentiero che inizia appena fuori dal paese e si snoda attraverso i campi. Nei pressi della pietra e lungo l'attuale strada che porta a Bevagna (la SP403) è edificata anche una piccola edicola a ricordo del miracolo . Più che la cronaca di un avvenimento, le agiografie descrivono un passo di vera poesia :

«...et venne fra Cannaia et Bevagni. E passando oltre con quello fervore, levò gli occhi e vide alquanti arbori allato alla via, in su' quali era quasi infinita moltitudine d'uccelli. E entrò nel campo e cominciò a predicare alli uccelli ch'erano in terra; e subitamente quelli ch'erano in su gli arbori se ne vennono a lui insieme tutti quanti e stettono fermi, mentre che santo Francesco compié di predicare (...) Finalmente compiuta la predicazione, santo Francesco fece loro il segno della croce e diè loro licenza di partirsi; e allora tutti quelli uccelli si levarono in aria con maravigliosi canti, e poi secondo la croce c'aveva fatta loro santo Francesco si divisoro in quattro parti (...) e ciascuna schiera n'andava cantando maravigliosi canti»

( da I fioretti cap. XVI di San Francesco d'Assisi secondo la versione in Umbro volgare del XIV secolo conservati negli Archivi del Sacro convento di Assisi )

Il lupo di Gubbio

Fra gli svariati racconti che accompagnano e descrivono da secoli la vita e le gesta del frate, spicca senza dubbio l'episodio del lupo di Gubbio . La vicenda narra di un grosso lupo che da tempo terrorizzava gli abitanti delle campagne eugubine , nelle quali Francesco era solito andare a predicare; l'animale selvaggio, affamato e feroce, da anni occupava il territorio boschivo alle porte della città e, secondo alcuni racconti dell'epoca, non disdegnava avvicinarsi a ridosso delle mura per procurarsi il cibo. Gli abitanti allora, disperati e impauriti, si rivolsero a San Francesco. Il frate, venuto a conoscenza della situazione, si inoltrò nel bosco per incontrare il lupo. La sua mediazione fece sì che il lupo smettesse di terrorizzare gli abitanti di Gubbio, a patto che questi ultimi si impegnassero a sfamare l'animale quotidianamente.

La leggenda narra che anni dopo, quando il lupo morì di vecchiaia, gli abitanti del paese se ne dispiacquero fortemente.

«...nel contado d'Agobio apparì un lupo grandissimo, terribile e feroce, il quale non solamente divorava gli animali, ma eziandio gli uomini; intantoché tutti i cittadini istavano in gran paura, perocché spesse volte s'appressava alla cittade. E andavano armati quando uscivano della cittade, come se eglino andassono a combattere......". (.......) " E poi il detto lupo vivette due anni in Agobio; ed entrava dimesticamente per le case, a uscio a uscio, sanza fare male a persona e sanza esserne fatto a lui; e fu nutricato cortesemente dalla gente: e andandosi così per la terra e per le case, giammai nessuno cane gli abbaiava drieto. Finalmente, dopo due anni, frate lupo si morì di vecchiaia; di che li cittadini molto si dolevano, imperrocché, veggendolo andare così mansueto per la cittade, si raccordavano meglio della virtù e santitade di Santo Francesco".»

( da i fioretti di san Francesco , cap. XXI. )

Tuttavia secondo alcuni, il lupo di Gubbio non era altro che un brigante, che proprio come un lupo era solito derubare gli abitanti del contado eugubino, il quale fu "ammansito" da Francesco e reintegrato nella società eugubina grazie anche all'aiuto degli abitanti. [54]

L'Ordine francescano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ordine francescano , Famiglia francescana e Ordine Francescano Secolare .
Statua di San Francesco al Santuario di Banchette , presso Bioglio

Francesco d'Assisi realizzò tre ordini riconosciuti dalla Chiesa cattolica esistenti tutt'oggi e aventi Costituzioni proprie.

  • Il primo ordine è quello dei frati minori . La loro vita è ancora oggi ispirata dalla Regola bollata approvata dal papa Onorio III nel 1223. [55] In sèguito a ottocento anni di una storia molto complessa, al giorno d'oggi l'originario Ordo Minorum si divide in tre rami principali: i Frati minori (originati dagli Osservanti e altre riforme, ma che comunque mantengono il sigillo dell'OFM), i Frati Minori Conventuali ei Frati Minori Cappuccini (detti un tempo Frati Minori della Vita Eremitica). Oltre a queste tre diramazioni storiche, vi sono oggi altre fondazioni minori che si ispirano a san Francesco e alla sua Regola. Ciascuno dei tre Ordini ha la sua propria organizzazione e struttura legale, ma tutti hanno in comune san Francesco come loro "padre" e fondatore.
  • Il secondo ordine è quello delle Monache clarisse fondato da Chiara d'Assisi , la quale ha redatto una Regola propria. È costituito da suore di clausura e attualmente è presente in tutto il mondo. Analogamente al primo ordine, anche le discepole di santa Chiara hanno subìto un percorso storico piuttosto articolato e oggi i monasteri clariani sono raccolti in diverse "obbedienze".
  • Il terzo ordine nacque per i laici, o meglio per i secolari, cioè coloro che, pur non entrando in convento, vivono nelle loro famiglie la spiritualità francescana. Oggi è chiamato Ordine francescano secolare (OFS). Parte integrante di esso è la Gioventù Francescana (Gi.Fra.): un'associazione, riconosciuta dalla Chiesa (o, come si definiscono, «fraternità»), di giovani cattolici che condividono e vivono il Vangelo e il loro essere francescani nel mondo di oggi, sul posto di lavoro o nello studio. Oltre a questi, abbiamo anche il Terzo Ordine Regolare (TOR), costituito - appunto - da "regolari" cioè religiosi che, nel corso della storia, sono divenuti tali a partire da fraternità di laici intenzionati a condurre una vita di consacrazione totale. Mentre nei primi secoli l'Ordine è fortemente caratterizzato da un'incidenza della fraternità, nei secoli successivi sarà più la testimonianza di singoli importanti personaggi a esprimere il valore del vivere la penitenza nel secolo. Questo non significa che l'incidenza della fraternità sia minore; ne è la prova il fatto che ogni regime oppressivo, fino a oggi, ha visto sempre con grande preoccupazione questa sorta di ordine "religioso" presente nel mondo. Basti pensare anche a tempi vicini a noi, alla soppressione delle Fraternità del Terz'Ordine Francescano operata da Napoleone, alla proibizione durante il regime nazista di riunirsi in Fraternità, simile a quella vigente fino a pochi anni fa in tutti i paesi dell'Est.

Per interpretare le intenzioni di san Francesco e adattare il suo ideale alle mutevoli realtà dei tempi, a partire dal Duecento la Chiesa ha continuamente emesso documenti relativi alla vita della fraternità francescana, da Onorio III fino a Paolo VI , che ha approvato l'ultima regola dell'OFS (1978) attualmente in vigore.

Il culto

La tonaca che Francesco indossava intorno al 1215
La Chiesa di San Damiano ad Assisi
Convento di San Francesco a Greccio

Papa Gregorio IX lo canonizzò il 16 luglio 1228, attraverso la bolla Mira circa nos , soltanto due anni dopo la morte. Per questo motivo, il processo di canonizzazione è stato uno dei più rapidi della storia della Chiesa cattolica. La canonizzazione di Francesco è riportata in modo molto dettagliato nella "Vita Prima" di Tommaso da Celano .

San Francesco è stato ed è tutt'oggi uno dei santi più amati dalla gente, specialmente per il suo spirito di umiltà e povertà. Nei luoghi dove trascorse la sua vita sono nati dei santuari, i principali dei quali sono:

Il Convento di San Francesco a Folloni a Montella ( AV ), fondato da San Francesco nel 1222

È da ricordare inoltre la Via Francescana della Pace , un percorso attrezzato tra le colline di Assisi e Gubbio, che riproduce fedelmente il viaggio che fece Francesco scappando dalla terra natìa ostile verso l'ospitalità Eugubina, il Cammino di Francesco nella Valle Santa di Rieti , dove è possibile ripercorrere i luoghi degli episodi che hanno caratterizzato la vita del 'Poverello' e il Cammino francescano della Marca , itinerario che ripercorre i maggiori centri attraversati durante i suoi viaggi nelle Marche del sud.

Molte reliquie del Santo vengono oggi venerate in Italia e nel Mondo.

Il 3 ottobre viene celebrato il "transito", ovvero un momento di preghiera teso a ricordare la morte del Serafico Padre attraverso letture tratte dalle Fonti francescane e dalla Bibbia .

Opere

  • Regole ed Esortazioni
  • Lettere
  • Lodi e Preghiere

Quasi tutti questi scritti sono stati dettati dal santo (e perciò non autografi), però la loro attribuzione non sembra essere messa in dubbio dagli studiosi.

Regole ed esortazioni

Regola bollata
Benedizione a frate Leone, autografa
La più antica stesura del Cantico delle creature che si conosca, riportata nel Codice 338, custodito nella Biblioteca del Sacro Convento di San Francesco, Assisi
  • Regola non bollata (1221), che riprende in gran parte l'originale regola (andata perduta) che Francesco mostrò a papa Innocenzo III nel 1210. Questa regola è molto ricca di citazioni evangeliche, ed è la prima regola scritta del santo che ci è pervenuta.
  • Regola bollata (1223): riduzione in forma più concisa della precedente regola (comprende solo 12 capitoli e sono stati tagliati molti passi evangelici), venne presentata al papa Onorio III , che l'approvò il 29 settembre 1223 con la bolla Solet annuere .
  • Testamento (1226): scritto probabilmente alle Celle di Cortona, preceduto dal Piccolo Testamento redatto a Siena nell'aprile 1226, in questo breve opuscolo Francesco rievoca tutta la sua vita, le cui tappe sono state vissute dal santo come un dono del Signore (è frequente infatti l'espressione: «Il Signore mi diede...»). In esso Francesco esorta i propri frati a vivere la Regola, che adesso egli lascia loro in eredità.
  • Regola di vita negli eremi (scritto tra il 1217 e il 1221)
  • Scritti alle "povere signore" : i testi di queste due lettere ( Forma di vita e Ultima volontà ) sono ricavate dalla regola di Santa Chiara .
  • Ammonizioni : raccolgono 28 pensieri di Francesco, che secondo gli storici potrebbero essere delle conclusioni di alcune conversazioni dei capitoli celebrati dai frati. Esse trattano vari argomenti, fra cui spiccano i commenti alle Beatitudini .

Lettere

  • Lettera ai fedeli : ne esistono due recensioni. La più antica, che è anche la più breve, consta di due capitoli: Di coloro che fanno penitenza (che si avvicina molto alla forma di vita originale del santo) e Di coloro che non fanno penitenza . Nella seconda lettera, più lunga, vengono approfondite alcune tematiche della vita penitenziale.
  • Lettera a tutti i chierici (1220): in questa lettera Francesco invita tutti i consacrati a rinnovare la propria devozione verso l' Eucaristia e verso le Sacre Scritture , spinto probabilmente dall'eco del recente Concilio Lateranense IV .
  • Identiche tematiche si trovano nella Lettera ai reggitori dei popoli , nelle due Lettere ai custodi e nella Lettera a tutto l'Ordine .
  • Lettera a frate Leone , autografa di Francesco, oggi conservata in un reliquiario nel duomo di Spoleto .
  • Lettera ad un ministro (scritta tra il 1218 e il 1221)
  • Lettera a frate Antonio
  • Lettera a donna Jacopa : il testo è però di dubbia identificazione. Dalle agiografie si legge che Francesco, pochi giorni prima di morire, avesse fatto scrivere questa lettera per domandare a donna Jacoba de septem Soliis ("dei sette Sogli") di portargli una tunica, la cera per la sepoltura ed anche dei dolcetti. Prima che la lettera venisse inviata, però, lei stessa si presentò nella casa dove si trovava Francesco con tutto quanto egli aveva richiesto.

Lodi e preghiere

  • Saluto alle virtù
  • Saluto alla Beata Vergine Maria
  • Chartula fratri Leonis , autografo di Francesco conservato nella Basilica Inferiore di San Francesco ad Assisi, contenente:
  • Cantico delle creature , detto anche Cantico di Frate Sole , considerata l'inizio della tradizione letteraria italiana .
  • Audite, poverelle ( Parole con melodia ), indirizzata alle suore di San Damiano, scritta in lingua volgare. Questa opera, la cui esistenza è testimoniata dalle agiografie, è stata ritrovata solo di recente e pubblicata nel 1977.
  • Lodi per ogni ora
  • Esortazione alla lode di Dio
  • Parafrasi del Padre Nostro
  • Preghiera davanti al Crocifisso di San Damiano
  • Absorbeat
  • Della vera e perfetta letizia
  • Ufficio della Passione del Signore

In passato gli è stata attribuita anche la Preghiera semplice , ma tale attribuzione si è dimostrata erronea.

Lo stile di scrittura e I Fioretti di san Francesco

Incipit dei Fioretti

Secondo le fonti del tempo, le sue sono prediche semplici e di grande presa: quando Francesco parla, riesce a conquistare gli ascoltatori. Ne I fioretti di san Francesco si narra ad esempio che a "Cannaia" (ovvero Cannara , in alcune trascrizioni " Carnano "), [59] gli abitanti rimangono affascinati dalle sue parole, a tal punto da suscitare una sorta di conversione di massa. [60] È in questa circostanza che Francesco pensa alla creazione del Terz'Ordine oggi denominato Ordine francescano secolare . In alcune versioni più tardive dei Fioretti al posto di " Carnano " o "Cannaia" (ovvero Cannara ) si legge "Savurniano" [61] ma si tratta molto probabilmente di una trascrizione errata dettata da forme campanilistiche del tempo.[62] Secondo un'interpretazione che associa la nascita del Terz'Ordine Francescano al miracolo del "silenzio delle rondini" si può desumere dagli scritti del primo biografo francescano, frate Tommaso da Celano , che la fondazione (o almeno la promessa) da parte di San Francesco di istituire il Terz'Ordine Francescano è stata fatta nel 1212 ad Alviano , un borgo tra Orte ed Orvieto , poco distante da Todi . La stessa esegesi è possibile farla nella " Legenda Maior " di San Bonaventura .[62]

San Francesco nell'arte

Nella letteratura

«...privata del primo marito
millecent'anni e più dispetta e scura
fino a costui si stette senza invito»

( vv.64-66 )

e che prima di morire affida ai suoi discepoli:

«a' frati suoi, sì com'a giuste rede
raccomandò la donna sua più cara
e comandò che l'amassero a fede»

( vv.112-114 )
  • Il romanzo dello scrittore greco Nikos Kazantzakis del 1956 intitolato Ο Φτωχούλης του Θεού ( Il poverello di Dio ) narra la storia di San Francesco rielaborandone il dato storico e agiografico e mettendone in risalto gli elementi spirituali.

Nella pittura

San Francesco e storie della sua vita , tempera su tavola, 1235, altezza 160 cm, chiesa di San Francesco , Pescia
Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Dipinti su san Francesco d'Assisi

San Francesco ha ispirato numerosi pittori. L'opera più antica datata che lo raffiguri è il San Francesco e storie della sua vita di Bonaventura Berlinghieri nella chiesa di San Francesco a Pescia , eseguita nel 1235, ad appena nove anni dalla morte del santo. Simili a questa tavola sono altre opere duecentesche, come quella del San Francesco Bardi . Altre opere precoci, utili per capire la fisionomia del santo, sono il ritratto eseguito da Cimabue a lato della Maestà di Assisi , nella basilica inferiore , oppure la tavola nel Museo di Santa Maria degli Angeli che si dice stata sul coperchio della tomba del santo.

Tra i cicli completi di storie francescane, a parte le piccole vicende narrate ai lati delle tavole duecentesche, quello del Maestro di San Francesco nella basilica inferiore è il più antico (1253 circa), a cui seguì quello celeberrimo di Giotto (secondo l'attribuzione tradizionale) nella basilica superiore , databile agli anni novanta del Duecento. Giotto (questa volta senza dubbi attributivi), sviluppò poi il tema nella basilica francescana di Firenze, Santa Croce , alla cappella Bardi . Nel Trecento le storie francescane vennero affrontate da Taddeo Gaddi ( formelle di Santa Croce ) e nel Quattrocento da Benozzo Gozzoli , nella chiesa di San Francesco a Montefalco , da Domenico Ghirlandaio , nella Cappella Sassetti a Firenze, dal Sassetta ( Polittico di Sansepolcro ).

Innumerevoli le opere che ritraggono il santo, sempre oggetto di profonda devozione. Tra quelle più importanti che lo hanno come protagonista ci sono, in ordine indicativamente cronologico, i lavori di Giotto ( Stimmate ), Gentile da Fabriano ( Stimmate ), Jan van Eyck ( Stimmate ), Colantonio ( Consegna della regola francescana ), Giovanni Bellini ( San Francesco nel deserto ), Tiziano ( Stimmate ), Gaudenzio Ferrari ( San Francesco riceve le stigmate ), Caravaggio ( Estasi , Meditazione di Cremona e Meditazione di Roma ), Rembrandt , ( Titus in veste di san Francesco ), Guercino ( San Francesco riceve le stimmate ), Guido Reni ( San Francesco in estasi ), Murillo ( San Francesco abbraccia Cristo crocifisso ).

L'esempio francescano che sottolineava la compassione verso la sofferenza di Cristo impose una nuova raffigurazione del Crocifisso: non più il Cristo triumphans , cioè trionfante (da occhi aperti e in ieratica assenza di pena), ma il Cristo patiens , cioè sofferente, col capo reclinato in una smorfia di dolore e il corpo morto, cadente. Il cosiddetto Maestro bizantino del Crocifisso di Pisa fu forse il primo artista a portare in Italia questa rappresentazione (o per lo meno è il primo che sia oggi noto), che venne poi sviluppata, su commissione dei francescani stessi, da Giunta Pisano , da Cimabue e da Giotto ei suoi seguaci .

Nella scultura

Nel cinema e nella televisione

San Francesco ha ispirato numerosi registi:

Nella musica classica

  • 1880: Preludio per il Cantico del Sol di San Francesco d'Assisi S.499a per pianoforte o organo, Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886).
  • 1880: Cantico del Sol di San Francesco d'Assisi S.4 per Orchestra, Organo, Coro Maschile e Baritono solista (in 2 versioni), Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886).
  • 1881: Cantico del Sol di San Francesco d'Assisi S.499, trascrizione per pianoforte, Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886)
  • 1863: Leggenda N°1 San Francesco d'Assisi: la predicazione agli uccelli S.175/1 per pianoforte, Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886).
  • 1924: Le Laudi di San Francesco d'Assisi. Der Sonnengesang des heiligen Franziskus von Assisi Cantico delle Creature per Coro, Soli, Voci di ragazzi, Organo ed Orchestra, Op. 25 , di Hermann Suter (Kaiserstuhl, 1870 - Basel, 1926).
  • 1948: Quatre petites prières de saint François d'Assise FP 142 per voci maschili a cappella, Francis Poulenc (Parigi, 1899 - Parigi, 1963).
  • 1974: Cantico del Sole , per coro polifonico a cappella, William Walton .
  • 1975-1983: opera Saint François d'Assise , Olivier Messiaen .

Nei musical

  • 1981: Forza Venite Gente , di Michele Paulicelli.
  • 2004: Chiara di Dio , di Carlo Tedeschi

Nelle canzoni

Note

  1. ^ Francésco d'Assisi, santo , su treccani.it . URL consultato il 6 ottobre 2019 .
  2. ^ Umberto Barcaro, Il sogno memorabile di Francesco d'Assisi , FrancoAngeli , 2014, p. 15.
  3. ^ Ferdinando Castelli, Testi mariani del secondo millennio , vol. 8, Città Nuova Editrice , 2002, p. 48.
  4. ^ Morì nella notte tra il 3 e il 4 ottobre cfr. Chiara Frugoni, Quale Francesco? Il messaggio nascosto negli affreschi della Basilica superiore di Assisi , Torino, Einaudi, 2015, p. 4, ISBN 978-88-06-22098-3 .
  5. ^ Francésco d'Assisi, santo , su treccani.it . URL consultato il 24 maggio 2017 .
  6. ^ Francesco d'Assisi diacono a Greccio
  7. ^ "I primi testi in italiano che si segnalano per le loro qualità letterarie appartengono al XIII secolo: il Cantico di Frate Sole di san Francesco, scritto nel 1224 circa, e la lirica d'amore della Scuola siciliana che fiorisce alla corte di Federico II di Svevia (morto nel 1250)", in Dal latino al volgare , Guglielmino-Grosser, Il sistema letterario. Duecento e Trecento , Principato, 1987, p. 71.
  8. ^ Video della dichiarazione Papa: «Come vorrei una Chiesa povera» E spiega perché ha scelto il nome Francesco (con video) , in Repubblica , 16 marzo 2013.
  9. ^ Discorso di Papa Francesco nell'udienza ai rappresentanti dei media , vatican.va, 16 marzo 2013.
  10. ^ Roberto Rusconi, Francesco d'Assisi, santo , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 49, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997.
  11. ^ Secondo Fonti Francescane p. XVII, Ed, Francescane Editio minor, 1987 la nascita potrebbe però datarsi all'estate o all'autunno 1181
  12. ^ Che la madre di Francesco si chiamasse Pica è solo nel manoscritto Ottoboniano 522 della Biblioteca Vaticana, probabile opera di alcuni frati minori, redatta verso la fine del secolo XIII e inizio del secolo XIV; cfr. Fonti Francescane , n. 2686.
  13. ^ Cardini, 1989 , pp. 46-47 .
  14. ^ Alcune tra le principali agiografie scritte nel primo secolo dopo la morte di Francesco:
  15. ^ Cardini, 1989 , pp. 28, 34, 44 .
  16. ^ Tommaso da Celano , Vita prima di San Francesco d'Assisi , parte I, cap. III, FF 328
  17. ^ Tommaso da Celano, Vita Prima di San Francesco d'Assisi , parte I, cap. II; FF 323
  18. ^ Cardini, 1989 , pp. 69-71 .
  19. ^ Tommaso da Celano: Vita Seconda di San Francesco d'Assisi , parte I, cap. II, FF 586-587
  20. ^ Cardini, 1989 , pp. 76-77 .
  21. ^ Cardini, 1989 , p. 78 .
  22. ^ Cardini, 1989 , pp. 85-86 .
  23. ^ Cardini, 1989 , pp. 86-87 .
  24. ^ Bonaventura da Bagnoregio , Leggenda maggiore , cap. II
  25. ^ Dante Alighieri nel canto XI del Paradiso (Divina Commedia) scrive che Francesco andò contro il padre ("in guerra del padre corse", vv. 57-58) per seguire la Povertà ("a cui, come alla morte, la porta del piacer nessun disserra", vv. 59-60) e poi fu sempre unito a essa: "Ma perch'io non proceda troppo chiuso,/ Francesco e Povertà per questi amanti / prendi oramai nel mio parlar diffuso" (vv. 73-75).
  26. ^ Tommaso da Celano, Vita Prima di San Francesco d'Assisi , parte I, cap. IX; FF 356
  27. ^ Gli agiografi riportano inoltre un sogno avuto dallo stesso Papa quella notte: egli vide la Basilica di San Giovanni in Laterano che stava per crollare, e un uomo piccolo, povero e spregevole che la sosteneva sulle sue spalle. Questo sogno, insieme ad altri segni, convinse il Papa a concedere un assenso alla regola
  28. ^ Questa chiesetta diventerà in seguito la chiesa madre dell'Ordine francescano.
  29. ^ Cardini e Montesano, 2006 , p. 277 .
  30. ^ Franco Cardini. Francesco d'Assisi . Mondadori, 1989.
  31. ^ Citato in Natalino Valentini, Cristianesimo e bellezza , Paoline, 2002, p. 37 . ISBN 88-315-2373-2
  32. ^ Cfr. A. Cacciotti e M. Melli, I Francescani e la crociata , Edizioni Biblioteca Francescana, Milano, 2014, ISBN 978-88-7962-219-6 .
  33. ^ Quest'ultima tesi è sostenuta, in particolare da Chiara Frugoni . Lo storico Franco Cardini tende a escludere l'idea di missione, che si svilupperà invece a partire dal secolo successivo, e propone piuttosto di leggere la sua azione come un supporto alla crociata. Per entrambi gli autori, cfr. Franco Cardini, Francesco e il sultano. La storia e il messaggio , in Francesco d'Assisi, otto secoli di storia (1209-2009) , Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, 2009, pag. 43-53
  34. ^ Si veda ad esempio la citazione di Oliger L. Liber exemplorum fratum minorum , pagg. 88-89, in La Via Francigena e l'idea di Crociata , di Francesco Saverio Barbato Romano, Gianandrea de Antonellis, Corrado Gnerre, pagg. 62-65.
  35. ^ (cfr. Marco Meschini, San Francesco e l'islam , in Il timone , marzo 2007, pag. 22-24 [1] ). La visita di Francesco al sultano è stata altresì vista anche come ricerca del martirio o interpretata come desiderio di testimoniare, senza imporla, la fede cristiana ai saraceni (cfr. Franco Cardini, Francesco e il sultano. La storia e il messaggio , in Francesco d'Assisi, otto secoli di storia (1209-2009) , Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, 2009, pag. 43-53)
  36. ^ Alcuni sostengono che non abbia alcuna credibilità la tradizione della sfida all' ordalia (pur dipinta da Giotto nel ciclo d'affreschi della Chiesa Superiore della Basilica del Santo ad Assisi) proposta da Francesco per determinare quale delle due rispettive fedi - la sua e quella del sultano - fosse quella autentica. Secondo costoro, infatti, la personalità di Francesco è totalmente antitetica rispetto a gesti pregni d'intrinseca violenza, tanto più assurdi in un contesto in cui al santo cristiano era evidentemente concesso di tentare di far proselitismo nei confronti della stessa persona di al-Malik al-Kāmil. A tal fine si ricordano però i rapporti di cavalleria instauratisi fra i capi crociati e quelli musulmani fin dal tempo di Saladino e di Riccardo Cuor di Leone nel corso della Terza crociata , con una quasi-investitura tra l'altro a cavaliere riservata proprio ad al-Malik al-Kāmil dal re plantageneto . Cfr. Claudio Lo Jacono , Storia del mondo islamico. Il Vicino Oriente , Einaudi, Torino, 2003, p. 380.
  37. ^ Questo episodio è citato anche in diverse cronache contemporanee dei crociati (in particolare: Giacomo da Vitry , Lettera del 1220 sulla presa di Damiata ; Cronaca di Ernoul , cap. 27; Bernardo il Tesoriere, La conquista della Terra Santa , 1229-1230; Storia di Eraclio , 1230)
  38. ^ Si veda al riguardo lo stesso Testamento di Francesco, in cui invitava a non allontanarsi mai dalla Regola che egli aveva scritto.
  39. ^ Il Capitolo delle stuoie si tenne a Santa Maria degli Angeli (Assisi) . "Il fedele servo di Cristo Francesco tenne una volta un Capitolo Generale a Santa Maria degli Angeli, al quale Capitolo si raunò oltre a cinquemila frati; e vennevi san Domenico , capo e fondamento dell'Ordine de' Frati Predicatori, il quale allora andava di Borgogna a Roma .[...] Erano in quel campo tetti di graticci e di stuoie, distinti per torme, secondo frati di diverse Province; e però si chiamava quel Capitolo il capitolo de' graticci ovvero di stuoie. I letti loro si era la piana terra, e chi avea un poco di paglia; i capezzali erano o pietre o legno". ( Fioretti di San Francesco , cap. XVIII)
  40. ^ Tommaso da Celano, Vita Prima di San Francesco d'Assisi , parte I, cap. XXX
  41. ^ http://www.presepi.it/trad_reg/storia.html Archiviato il 25 gennaio 2007 in Internet Archive ., oppure si veda la voce presepe
  42. ^ Cronologia , su sanfrancescoassisi.org , Basilica Papale di San Francesco in Assisi. URL consultato il 19 settembre 2015 .
  43. ^ Bonaventura da Bagnoregio , Leggenda maggiore , XIII 3,2
  44. ^ admin, San Francesco e l'alter Christus , su centrostudifrancescani.it . URL consultato il 7 agosto 2021 .
  45. ^ il 4 ottobre secondo il computo temporale medievale, che faceva incominciare il nuovo giorno al tramonto del giorno precedente.
  46. ^ « trasferito presso la chiesa della Porziuncola, dove morì nella notte fra il 3 e il 4 ott. 1226. Il giorno seguente il suo corpo venne trasportato, con una sosta lungo il percorso presso il monastero di S. Damiano, nella chiesa di S. Giorgio, eretta all'interno delle mura cittadine (nel luogo dove in seguito fu edificata la basilica intitolata a S. Chiara d'Assisi). » (in Roberto Rusconi, Dizionario Biografico degli Italiani , Volume 49, Treccani (1997) alla voce corrispondente)
  47. ^ Luigi Pellegrini, Francesco di Assisi in Enciclopedia Europea Garzanti. Vol. V, pp. 17-18.
  48. ^ Enciclopedia Treccani alla voce corrispondente
  49. ^ Per un elenco si veda la bibliografia. Per la cronologia, si è seguita quella pubblicata su Fonti Francescane, Editio minor.
  50. ^ Nell'ultima edizione delle Fonti francescane (2004) ad una sezione è stato attribuito infatti un titolo dedicato al legame tra storia e teologia. Cfr. anche Raoul Manselli . Le fonti per la storia di san Francesco d'Assisi e San Francesco d'Assisi nel dibattito storiografico , in Raoul Manselli. San Francesco d'Assisi. Editio Maior . Cinisello Balsamo (MI), San Paolo, 2002, pp. 15-71.
  51. ^ F. Cardini, Francesco e il sultano. La storia e il messaggio , in Francesco d'Assisi, otto secoli di storia (1209-2009) , Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, 2009.
  52. ^ I fioretti cap. XVI di San Francesco d'Assisi secondo la versione in umbro volgare del XIV secolo conservata negli Archivi del Sacro convento di Assisi
  53. ^ questa tradizione è confermata da numerose fonti come la biografia sulla vita di San Francesco scritta da Tommaso da Celano "Vita prima S. Francisci Assisiensis" cap. XXI e da "I fioretti" cap. XVI secondo la versione in umbro volgare del XIV secolo conservata negli Archivi del Sacro convento di Assisi
  54. ^ Giovanni Todaro, Lupi & Briganti , Lulu.com, 2011 o.10
  55. ^ La regola era stata precedentemente approvata a voce da Papa Innocenzo III . Per l'approvazione della Regola francescana, vedi il Registro del Papa Onorio III : Copia archiviata , su asv.vatican.va . URL consultato il 24 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 7 ottobre 2010) . . Link consultato il 24 ottobre 2010.
  56. ^ M.Tosi Bobbio Guida storica artistica e ambientale della città e dintorni - Archivi Storici Bobiensi - Pag.98-100
  57. ^ Complesso Monumentale San Francesco - Ravello , su ravellofrancescana.it .
  58. ^ Chiesa Santuario di San Francesco , su clubunescolucera.it . URL consultato il 6 ottobre 2020 .
  59. ^ Cannara risulta nelle trascrizioni iniziali dei Fioretti e in numerose fonti settecentesche (ad esempio la relazione sul Terz'Ordine Francescano dello storico Idaspe Pinquicetti, al secolo fra Giuseppe Cittadini del 1763 conservata negli Archivi del Sacro convento di Assisi oppure il Manuale dei Frati Minori pag. 8 Roma, 1776). Altri sostengono che si tratta invece di " Carnano " come risulta dagli studi sull'Archivio del Casato Baschi analizzato per la prima volta negli anni cinquanta dal prof. Marino Fioroni, ed oggi anche dal prof. arch. Paolo Marconi, dal prof. arch. Pier Luigi Venanzi
  60. ^ Fonti Francescane, I Fioretti , edizione del 1846
  61. ^ come nella versione riportata in Wikisource I Fioretti di San Francesco, Cap XVI
  62. ^ a b san francesco e il movimento francescano , su www.sanfrancesco.com . URL consultato il 28 gennaio 2019 .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Francesco d'Assisi .
  • Francesco d'Assisi, Fioretti , Milano, Domenico da Vespolate, 1476-1479.

Agiografie contemporanee

Bibliografia moderna

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Ministro generale dell'Ordine francescano Successore Francescocoa.png
carica creata con l' Ordine 1210 - 1220 Pietro Cattani

Alcuni contano, come successore di Francesco, Giovanni Parenti , che fu nominato un anno dopo la morte del Santo e sei anni dopo quella di Cattani.
Predecessore Ministro provinciale dell'Oltremare Successore Stemma Custodia di Terra Santa.jpg
carica creata 1219 Giacomo (Narciso?)
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 87832561 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2282 6901 · SBN IT\ICCU\CFIV\004349 · LCCN ( EN ) n78095603 · GND ( DE ) 118534963 · BNF ( FR ) cb11903378b (data) · BNE ( ES ) XX914146 (data) · ULAN ( EN ) 500349636 · NLA ( EN ) 35099018 · BAV ( EN ) 495/17155 · CERL cnp01317240 · NDL ( EN , JA ) 00521747 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n78095603