Giacomo Matteotti

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació - "Matteotti" es refereix aquí. Si busca altres significats, vegi Matteotti (desambiguació) .
Giacomo Matteotti
Giacomo Matteotti.jpeg

Diputat del Regne d'Itàlia
Legislatures XXV , XXVI , XXVII (fins el 10 de juny de 1924)
Grup
parlamentari
Socialista
Universitat Ferrara i Rovigo
Web institucional

Dades generals
Festa Partit Socialista Italià (1907-1922)
Partit Socialista Unitari (1922-1924)
Qualificació Educacional Llicenciat en dret
Universitat Universitat de Bolonya
Professió Periodista, dirigent polític

Giacomo Matteotti ( Fratta Polesine , 22 de de maig de 1885 - Roma , 10 de juny de 1924 ) va ser un polític , periodista i antifeixista italiana , Secretari de l' Partit Socialista Unit , grup, format per una escissió en el partit socialista italià al Congrés a Roma a l'octubre de 1922.

Va ser segrestat i assassinat per un feixista esquadra dirigida per Amerigo Dumini probablement per la voluntat de Benito Mussolini [1] , a causa de els seus informes de frau electoral i el clima de violència [2] implementat per la dictadura naixent en les eleccions de el 6 d'abril de 1924 i les seves investigacions sobre el govern la corrupció , en particular el cas dels suborns de l' oli d' concessió per Sinclair Oil . Matteotti, en el dia de la seva mort (10 de juny) hauria d'haver presentat un nou discurs a la Cambra de Diputats, després que l'un sobre el frau el 30 de maig, en què s'hauria revelat els seus descobriments sobre l'escàndol financer que implica Arnaldo Mussolini , el germà menor de l' Duce . [3] El cos d'Matteotti va ser trobat prop de dos mesos després de brigada Ovidi Caratelli.

En qualsevol cas, el 3 de gener de 1925, davant de la Cambra de Diputats, Benito Mussolini va assumir públicament "responsabilitat política, moral i històrica" ​​per al clima en què l'assassinat va tenir lloc.

Biografia

Orígens i formació

Giacomo Matteotti.

Matteo Matteotti, avi de l'polític, va néixer a Comasine , al Val di Peio en Trentino , una ciutat de la família Matteotti. Després d'alguns anys dels desplaçaments que s'havia traslladat a Fratta Polesine i tràgicament mort el 9 de juny de 1858. El seu fill Girolamo Stefano (nascut a Comasine en 1839 ) va continuar i va ampliar el negoci del seu pare: un comerciant en ferro i coure, que havia invertit els guanys en cases i terres, i ha aconseguit una posició econòmica envejable. L'acusació contra el pare d'haver construït la seva fortuna per prestar diners a interès vi de la premsa catòlica local d'aquells anys, un oponent de l'fill socialista, i mai s'ha demostrat definitivament [4] .

Velia Titta, esposa de Giacomo Matteotti.

El 7 de febrer 1875 Girolamo va casar amb Lucía Elisabetta Garzarolo [5] (comunament anomenat Isabella). Van tenir set fills, quatre dels quals van morir a primerenca edat: dels adults, Giacomo Lauro [6] va ser la segona, després de Matteo ( 1876 - 1909 ) i abans de Silvio ( 1887 - 1910 ), i l'únic que va sobreviure a la seva germans, encara jove mort d' consum . Tots els joves Matteotti s'involucra en la política en les files de el Partit Socialista, seguint l'exemple del seu pare, que havia estat regidor de l'Ajuntament de Fratta Polesine a partir 1896 a 1897 . Girolamo va morir a Fratta a 1902.

Giacomo Matteotti va assistir a la "Celio" de l'escola secundària en Rovigo i era un company de classe del seu oponent polític futur Catòlica, Umberto Merlin . Es va graduar en Dret , a la Universitat de Bolonya , en 1907 i va entrar en contacte amb els socialistes moviments, en la qual aviat es va convertir en una figura prominent. Durant la Primera Guerra Mundial , en la qual no es va allistar com l'únic fill supervivent d'una mare vídua, que va resultar ser un ferm defensor de la neutralitat italiana . Els seus antimilitaristes posicions i anti ell l'expulsió de Polesine durant tres anys i el cost activisme guerra confinament en una zona muntanyosa prop de Messina . Al gener de 1916 es va casar amb el poeta romà Velia Titta , germana de l'baríton Titta Ruffo, en una única cerimònia civil. En 1918 , quan encara estava en confinament a Sicília, el seu primer fill Giancarlo va néixer a Roma, que va seguir els passos del seu pare per dedicar-se a l'activitat política.

El socialisme i l'elecció com a Diputat

Taula de treball de Giacomo Matteotti a Montecitorio, a la Biblioteca de la Cambra de Diputats .
"Vot Matteotti", un eslògan electoral pintat en una paret a Venècia. Foto de Paolo Monti , 1965.

Matteotti va ser triat a l' Parlament per primera vegada en 1919 , el que representa el Ferrara - districte de Rovigo . Va ser reelegit en 1921 i 1924 , i va ser anomenat Tempesta pels seus companys de partit pel seu caràcter combatiu i sense concessions [7] . En pocs anys, a més de preparar nombroses factures i informes, va intervenir 106 vegades a la Cambra, amb discursos sobre qüestions sovint tècniques, administratives i financeres [8] . A causa del seu meticulosa caràcter i el seu hàbit d'estudiar, es passava hores a la Biblioteca de la Cambra "fullejant llibres, informes, estadístiques, en què va obtenir les dades que necessitava per lluitar, amb la paraula i amb la ploma, tenint cura de romanen sempre fundada sobre les coses " [9] . Després dels esdeveniments del mes de desembre de 1920 a Ferrara es va convertir en el nou secretari de la Cambra de Treball de la ciutat, i això va produir un renovat compromís en la seva lluita antifeixista, amb freqüents informes de la violència que s'està duent a terme [10] . En 1921 es va publicar un famós "investigació Socialista a les gestes dels feixistes a Itàlia", en què la violència dels feixistes esquadrons de l'acció durant la campanya electoral de les eleccions de 1921 va ser denunciat per primera vegada.

A l'octubre de 1922 Matteotti va ser expulsat de l' Partit Socialista Italià amb tot el reformista corrents vinculats a Filippo Turati . Els exiliats van crear el nou Partit Socialista Unitari dels quals es va convertir en secretari Matteotti. En 1924 es va publicar en Londres , on havia anat Matteotti base estrictament confidencial a l'abril d'aquest any, la traducció del seu llibre dominació feixista durant un any, amb el títol: Els feixistes exposats; un any de feixista dominació, en què ha informat meticulosament els actes de violència feixista contra oponents [11] .

En la introducció de el llibre que va respondre de manera explícita a les afirmacions feixistes, que va confirmar l'ús de la violència esquadra d'utilitat per tal de portar el país de nou a una situació de legalitat i normalitat amb la restauració de l'autoritat de l'Estat després de la violència socialista de l' vermell dues - període de l'any , afirmant la continuació de les expedicions de esquadró contra oponents fins i tot després d'un any de govern feixista. A més, va argumentar que la millora en les condicions econòmiques i financeres de país, que s'estava recuperant lentament dels estralls de la guerra, no es va deure a l'acció feixista, però a les energies populars. No obstant això, sempre segons Matteotti, només els especuladors i capitalistes es van beneficiar d'ella, mentre que la classe mitjana i proletària rebria una part proporcionalment baixa en la cara dels sacrificis. [12]

La impugnació de les eleccions de 1924

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: el discurs de el 30 de maig 1924 Giacomo Matteotti .

El 30 de maig de 1924, Matteotti va parlar a la Cambra de Diputats per impugnar els resultats de les eleccions celebrades a l'anterior 6 d'abril. Mentre que les protestes i sorolls van sorgir dels feixistes bancs que el va interrompre diverses vegades (un diputat feixista, Giacomo Suardo , va abandonar la sala en senyal de protesta), Matteotti, denunciant una nova sèrie de la violència, la il·legalitat i els abusos comesos pels feixistes per tal de guanyar el eleccions, va pronunciar un discurs que romandria famosa:

«[...] Estem impugnar la validesa de les eleccions majoritàries aquí ia l'principal. [...] En la nostra opinió, l'elecció és essencialment nul·la, i afegir que no és vàlid en totes les circumscripcions. [...] Per la seva pròpia confirmació (dels parlamentaris feixistes), per tant, no elector italià ha trobat a si mateix lliure de decidir amb la seva voluntat ... [...] Hi ha una milícia armada, composta de ciutadans d'un sol partit , que té la tasca declarada d'donar suport a un govern en particular per la força, fins i tot si no té el consentiment [13] [14] ".

Giacomo Matteotti, en l'última fotografia presa abans de l'assassinat

Després de l'discurs va dir als seus companys de partit:

«Jo, que vaig fer el meu discurs. Ara es prepara el discurs fúnebre per a mi. [15] "

En una altra ocasió s'havia pronunciat una frase que resultaria profètica:

"Mátame també, però la idea que està en mi que mai va a acabar amb ell [16] "

La proposta de Matteotti per invalidar l'elecció de al menys un grup de diputats - d'acord a les seves acusacions, elegits de manera il·legal a causa de la violència i el frau - va ser rebutjada per la Cambra amb 285 vots en contra, 57 a favor i 42 abstencions. [17] Renzo De Felice defineix "absurda" [18] la interpretació d'aquest discurs com una petició de Matteotti basat en una possibilitat real d'obtenir un èxit: segons l'historiador, Matteotti en realitat no apunten a invalidar el vot, sinó més aviat per donar pas als bancs de el parlament a una oposició més agressiva per al feixisme [19] , acusant tant el govern feixista i els "col·laboracionistes" socialistes d'una sola vegada [20] . Una voluntat inflexible oposició que ja havia expressat en una carta a Turati abans de les eleccions:

«En primer lloc, cal tenir una actitud diferent pel que fa a la dictadura feixista de la mantinguda fins aquí; la nostra resistència a el règim d'arbitrarietat ha de ser més actiu, no cal cedir en qualsevol punt, no hem d'abandonar qualsevol posició sense la més decisiva, les majors protestes. Tots els drets dels ciutadans han de ser reclamats; el mateix codi reconeix l'autodefensa. Ningú pot ser afalagat que el feixisme dominant deixarà les armes i espontàniament tornar a Itàlia un règim de legalitat i llibertat, (...) Per tant, un grup de classe i clarament la seva oposició no pot acceptar que els que estan decidits a resistir, sense límit, amb una disciplina ferma, totes elles dirigides a la seva fi, la llibertat d'poble italià. " [21] "

En aquest intransigència - però - Matteotti no va poder trobar una connexió amb el treball i la ideologia dels comunistes , que van veure tots els governs burgesos iguals entre si i per tant a ser combatuts amb indiferència:

"L'enemic és en l'actualitat només un, el feixisme. El comunisme és el còmplice involuntari d'el feixisme. La violència i la dictadura predicat pel qual es converteix en el pretext i la justificació de la violència i la dictadura en acte de l'altra. [22] "

El discurs de l'30 de maig - segons l'historiador Giorgio Candeloro - "va donar Mussolini i els feixistes la sensació precisa de front a aquesta Cambra una oposició molt més combativa que l'existent a la cambra anterior i poc disposats a patir passivament la il·legalitat i l'abús.". [23]

El segrest i l'assassinat

El Lancia Lambda en què Matteotti es va carregar a la força durant el segrest

El 10 de juny, 1924 , entorn a 16:15, Matteotti va sortir de la casa a peu fins el cap cap Montecitorio , on havia passat part del matí a la Biblioteca de la Cambra , la decisió de caminar al llarg de l' Lungotevere Arnaldo dóna Brescia (i després es talla cap Montecitorio), en lloc de passeig per la Via Flaminia i després arribar a el Cors dels arcs de Porta de l'Popolo. Aquí, d'acord amb els testimonis dels dos nens presents en l'esdeveniment, [24] un cotxe es va aturar amb alguns individus a bord, posteriorment identificat com a membres de la policia política: Amerigo Dumini , Albino Volpi , Giuseppe Viola , August Malacria i pobres Hamlet .

Dos dels atacants, tan aviat com es van adonar el parlamentari social-unitari, va saltar cap a ell. No obstant això, Matteotti va aconseguir alliberar-se llançant un a terra i que requereixen la intervenció d'un tercer que el va atordir a l'colpejar a la cara amb un puny. Els altres dos intervingut per carregar al cotxe. Més tard, els dos nois també van identificar el cotxe, descrit per altres testimonis simplement com "un cotxe, negre, elegant, tancat", [25] per a un Lancia Kappa [26] . Els dos nois, apropar-se a el vehicle, van ser empesos més o menys de distància, llavors el cotxe comencen de nou a alta velocitat.

Mentrestant, una furiosa lluita va esclatar a l'interior de l'cotxe [27] i des de la cabina de l'cotxe Matteotti va aconseguir llançar la seva targeta parlamentària que va ser trobat per dos camperols en el Ponte de l'Risorgimento . [28] No és possible mantenir-lo quiet Giuseppe Viola, després d'algun temps, va treure un ganivet i colpejar Matteotti a l'aixella i el pit, matant-ho després d'una agonia de diverses hores [29] . Per desfer-se el cos, els cinc van vagar pel camp romà, fins que van arribar a l'Macchia della Quartarella a la tarda, una fusta al municipi de Riaño , a 25 km de Roma. A continuació, utilitzant el gat de cotxe, van enterrar el cadàver plegada. Després van tornar a Roma on van deixar el cotxe en un garatge privat. Immediatament van informar Filippelli i De Bono dels esdeveniments i després es van anar tractant d'ocultar. [30] .

Investigacions i investigacions

Icona de la lupa mgx2.svg Mateix tema en detall: Aventino secessió .

L'absència de Matteotti al Parlament no es va notar immediatament [31] , però a l'endemà, 11 de juny, la notícia de la seva desaparició va ser en els periòdics. Més tard, Mussolini va afirmar haver après de la mort de Matteotti només en la tarda de l'11 de juny i que ha estat completament inconscient que fins llavors [32] .

Inspecció policial al Lungotevere Arnaldo dóna Brescia

El 12 de juny, Mussolini va respondre a una pregunta parlamentària formulada pel diputat Enric Gonzales :

"Crec que la Cambra està ansiós per tenir notícies sobre el destí de l'Honorable Matteotti, que de sobte va desaparèixer ahir a la tarda dimarts passat en circumstàncies de temps i lloc encara no ben especificat, però en qualsevol cas com el de legitimar la hipòtesi un crim, que, si es fa, no podia deixar de suscitar la indignació i l'emoció de el govern i el parlament "

(Mussolini en resposta a la pregunta parlamentària de l'diputat Enrico Gonzales [33] )

Mentrestant, l'endemà passat de l'segrest, es va identificar el cotxe i que va resultar ser propietat de el director de les Corriere Italià Filippo Filippelli gràcies als testimonis d'Ester Erasmi i el seu marit Domenico Villarini que, sospitós d'estranys moviments que van tenir lloc la nit anterior, després d'haver notat el cotxe sospitós, que havien pres nota de la matrícula. [34] Aquest episodi important donat lloc a les primeres investigacions, iniciades pel jutge de Mauro D'Giudice , un jurista intransigent defensor de la independència de el poder judicial enfront de el poder executiu, que, juntament amb el jutge Umberto Guglielmo Tancredi , des del principi Dumini identificat a la mà de l'assassí. En resum, es van identificar tots els segrestadors i van detenir, però després d'un temps molt curt i seguint l'interès directe de l' Duce , el lloc va ser retirat d'ell i es van aturar les investigacions. No obstant això, aquesta va ser l'ocasió en què Cesare Rossi donarà el seu memorial. De Giudice, per contra, va ser expulsat posteriorment de la capital i uns anys més tard, va portar a la jubilació forçosa.

El 17 de juny, Mussolini va imposar les renúncies de Cesare Rossi i Aldo Finzi que van ser indicats per l'opinió pública [35] i també per les investigacions del jutge De Giudice , com el més implicat a causa dels coneguts coneguts amb els homes de Dumini [36 ] . El cap de la policia Emilio De Bono també era resignada i a l'endemà Mussolini també va renunciar a l'adreça de l' ministeri de l'Interior , que va confiar a Luigi Federzoni .

Els socialistes unitàries es tanquen a Filippo Turati per la seva banda va emetre un comunicat de premsa acusant el govern:

"L'autoritat política assegura investigacions diligents per portar els culpables davant la justícia, però sembla que el seu recurs sigui totalment invertit per la sospita de no voler o ser capaç d'atacar les arrels profundes de la delinqüència, ni a revelar l'ambient de el qual van sorgir els criminals ".

(Comunicat de l'PS Unitària [37] )

El 22 de juny, el secretari administratiu de l'PNF Giovanni Marinelli , estimat com a directora de l'segrest, i el vicesecretari política Cesare Rossi , després de ser fugitius, es van constituir espontàniament. Cesare Rossi va anar directament a la presó Regina Coeli en lloc de l'estació de policia, "per evitar la curiositat dels periodistes, objectius fotogràfics i de transport a Regina Coeli" [38] . El mateix dia, a Bolonya , una impressionant reunió en suport de Mussolini va ser cridat per Dino Grandi, en el qual uns cinquanta mil feixistes van prendre part.

El 24 de juny, el Senat es va reunir el que, per una gran majoria, va tornar a confirmar la confiança en Mussolini amb 225 vots a favor de 252 [39] . Els únics tres senadors per denunciar les responsabilitats de Mussolini, tot i les amenaces rebudes, van ser Carlo Sforza , Mario Abbiate i Luigi Albertini [40] .

El 27 de juny, 1924 [41] els parlamentaris de l'oposició es van reunir en una sala d' Montecitorio , ara coneguda com la sala Aventino, comunament decidir abandonar el treball parlamentari fins que el govern va aclarir la seva posició sobre l'assassinat Matteotti.

A l'endemà, alguns parlamentaris socialistes van ser en pelegrinatge a el lloc on havia estat segrestat Matteotti on van col·locar una corona de llorer. El mateix dia Filippo Turati va commemorar Matteotti a la Cambra. Aquest discurs va ser considerat per alguns historiadors ser el començament real [42] de la Aventino secessió . L'objectiu era obtenir la caiguda de govern i ser capaç d'anar a noves eleccions [43]

El 8 de juliol, el govern, aprofitant l'absència de l'oposició, aprovat noves regulacions restrictives relacionades amb la premsa, reforçat amb dos dies més tard per l'obligació que cada diari per nomenar un editor responsable. Podia ser advertit si contravé les lleis i es col·loca el diari en una posició de no poder publicar més. El 24 de juliol Roberto Farinacci en una carta va declarar que acceptava el càrrec d'advocat de la defensa en el cas contra Dumini i els seus companys, que s'havia negat prèviament [44] .

El descobriment de el cos i funeral

Ovidi Caratelli, la brigada de la carrabiners que va trobar el cos de Matteotti

Tot i que les recerques van continuar, el cos de Matteotti va ser trobat per casualitat fins al 16 d'agost, entre les 7:30 i les 8 del matí, pel gos d'un sergent dels carrabiners de permís, Ovidi Caratelli, al matoll Quartarella, una fusta al municipi per Riaño .

Transport de el cos de Matteotti a la Riano cementiri
18 de d'agost de, 1924 - germans de la llei de Matteotti a Quartarella va intervenir per al reconeixement de el cos
18 de d'agost de, 1924 - els diputats socialistes unitàries Enrico Gonzales , Filippo Turati i Claudio Treves al Quartarella per honorar el cos de Matteotti.

El cos va ser traslladat momentàniament a al cementiri de Riaño, on el dia 18 es va dur a terme la identificació dels germans en la llei. El cadàver estava en un avançat estat de descomposició per la qual cosa es requereix un examen dental.

El 20 d'agost, a les 6 pm, per tant, només quatre dies després de la descoberta, el tren que hauria portat de nou el taüt amb el cos de Matteotti a Fratta Polesine l'esquerra Monterotondo (una ciutat a uns 15 quilòmetres de Riaño).

El comboi, que va procedir entre milers de persones plena en la vora de la via fèrria que reten homenatge en silenci a el cos de l'diputat, va arribar al seu destí en les primeres hores de la matinada el 21 d'agost [45] .

Mussolini va ordenar a ministre de l'Interior Luigi Federzoni que el funeral es realitzarà directament a Fratta Polesine , el lloc de naixement de Matteotti, per tal de no atreure massa l'atenció [46] .

La vídua de Matteotti el dia abans de l'funeral va escriure a el ministre de l'Interior Federzoni demanant que cap membre de la PNF i la milícia estaven presents en el funeral:

«Demano que hi ha representació de la milícia feixista escorta de l'tren: cap soldat feixista de qualsevol rang o posició apareix, ni tan sols en forma d'un funcionari de l'servei. Els demano que no camisa de color negre es mostra a la part davantera de la caixa i en els meus ulls durant tot el viatge, ni a Fratta Polesine, fins que es va enterrar el cos. Vull viatjar com un simple ciutadà, que compleix el seu deure de ser capaç de reclamar els seus drets; a continuació, sense cotxe-saló, sense compartiment reservat, sense la facilitació o privilegi; però cap disposició per canviar la ruta de l'tren, ja que resulta d'el calendari en el domini públic. Si raons d'ordre públic requereixen un servei de policia, que sigui confiat només als soldats d'Itàlia ".

(Carta de Vèlia Matteotti publicat al Corriere della Sera de 20 d'agost 1924 [47] )

La població de la petita ciutat va participar en gran nombre al funeral de qui va ser afectuosament anomenat el "Líder dels treballadors". El 12 de setembre 1924 a Roma , Giovanni Corvi , cridant "venjança per Matteotti!", Va matar a el diputat feixista Armando Casalini . [48] Després de l'funeral, el cos de Matteotti va ser enterrat a la tomba familiar al cementiri del seu poble natal.

La responsabilitat directa de Mussolini

Des dels primers moments després del segrest i, més encara després que el descobriment que el segrest havia degenerat en l'assassinat, la convicció que Mussolini era en última instància responsable de la propagació fets entre la majoria de l'opinió pública. Propi Mussolini, el 31 de maig de 1924, a l'endemà de l'discurs de l'diputat socialista a la Cambra de denúncia de frau electoral, va escriure en Il Popolo d'Itàlia que la majoria havia estat massa pacient i que monstruosa provocació de Matteotti mereixia alguna cosa més concret que una resposta verbal.

Ja «El divendres 13 de juny, el Avanti! a tota pàgina titular: Un Crim Grim contra els socialistes. L'expectativa d'angoixa pel destí de la Hon. Matteotti segrestat dimarts a plena llum del dia a Roma. Assassinada? (...) El 14 de juny, el groc està ja pràcticament resolt. El delicte de Roma - titulars de l'Avanti! - augmenta la indignació de tota l'opinió pública. Ara és certa: l'Hon. Giacomo Matteotti va ser assassinada i el seu cadàver ocult. Es coneixen els noms dels autors de l'crim, però que són els principis? " [49] .

D'acord amb una de les reconstruccions, acreditat per la italiana Ministeri de l'Interior [50] i per Silvio Bertoldi [51] , el primer ministre, que va tornar a l' Viminale [52] després que el famós discurs d'el diputat socialista, dirigida Giovanni Marinelli (cap, juntament amb Rossi, de la policia secreta feixista Céka, dirigit per l'esquadra Amerigo Dumini ) a cridar-li: «el que està fent això Céka? Què fa Dumini? Aquest home després que la parla, ja no circulen [...] ». [53]

El fet que aquestes paraules eren de fet una autorització clara i ben entès de Mussolini és recolzada per la majoria de les teories historiogràfiques [54] [55] [56] .

Aquest explícita intenció i la consegüent responsabilitat directa de Mussolini com a instigador de l'assassinat és qüestionada per la part dels historiadors més propers a les posicions després recolzats pel partit feixista, jugant a la subtilesa de les paraules de Mussolini. Haurien estat entesa de manera arbitrària per Marinelli com una ordre, sobre la base que després hauria autoritzat Dumini per matar Matteotti.

Els Filippelli i Rossi "monuments"

Capella funerària de la família Matteotti a Fratta Polesine , on està enterrat el cos.

Dos monuments acusar Mussolini com l'instigador de l'crim Matteotti. El primer d' Filippo Filippelli , que participen en el crim per haver subministrat els segrestadors amb el Lancia Lambda en la qual havia estat segrestat i va matar a el diputat socialista [57] . En ella Filippelli acusar Amerigo Dumini , Cesare Rossi i Emilio De Bono i Mussolini a si mateix com a director. També es va esmentar l'existència d'un cos de policia política dins de el Partit Feixista Nacional, l'anomenat feixista "Cheka" (com la policia política soviètica ), encapçalada per Rossi, de la qual es va organitzar l'assassinat a la recomanació de Mussolini [58 ] .

La segona, de contingut similar, per Cesare Rossi , en el qual Mussolini estava tractant d'enderrocar tota responsabilitat. Rossi, enfurismat per haver estat utilitzat com a cap de turc , havia escrit una memòria davant d'ell es va constituir el 22 de juny, que va ser publicat després en el diari Il Mondo di Giovanni Amendola . Al memorial Rossi va dir quines eren les activitats del grup de squadristi que s'encarrega de l'execució de les represàlies i venjances polítiques. Aquest grup va ser l'esmentat "Céka", precursor de la OVRA . El document constava de 18 carpetes de l'portapapers. Rossi, a més de proclamar la seva estranyesa a l'delicte Matteotti i altres actes violents i crims comesos pel règim, va acusar directament a Mussolini per l'assassinat de l'líder socialista. De fet, en el document que va escriure que Mussolini hauria dit a ell "Certament aquest home ja no circulen", després de la intervenció parlamentària de Matteotti el 30 de maig, 1924 , en el qual es denuncien el frau electoral i la violència del mes d'abril per a 6 persones. Novament segons Rossi, Mussolini havia aprovat i que solen sol·licitar directament els crims comesos per aquesta organització. [59]

L'ex cap de la policia Emilio De Bono va confirmar la presència de Dumini al Viminale, seu de l'Ministeri de l'Interior, propietat de Mussolini:

"Tenia diverses vegades l'ocasió per assenyalar a el primer ministre de la inoportunitat de la presència de Dumini a l'interior de l'Ministeri de l'Interior. He de creure que si el President va esmentar a Cesare Rossi, perquè Dumini va desaparèixer durant uns dies (almenys això em van dir, ja que, repeteixo, mai vaig veure Dumini), però després va tornar. Les seves absències es corresponen, en principi, quan hi va haver actes de violència, tant a Roma com fora; i per descomptat això també va contribuir a reafirmar en mi la idea que Dumini es va veure compromesa en el delicte Matteotti ".

(Emilio De Bono en la seva deposició [60] )

El monument Filippelli va aparèixer en el lloc florentina revista antifeixista no moglie , dirigida per Carlo Rosselli , al febrer de 1925 .

Les relacions entre Mussolini, Dumini i Otto Thierschwald

Amerigo Dumini , el líder de la banda de segrestadors i assassins de Matteotti

S'estableix històricament que els autors de l'atac a Matteotti eren Amerigo Dumini , Albino Volpi , Giuseppe Viola, Amleto Poveromo i Augusto Malacria [61] . La squadra speciale capitanata dal Dumini (cosiddetta " Ceka ") era formata anche da Filippo Panzieri, Aldo Putato e da Otto Thierschwald, di nazionalità austriaca [61] .

L'intenzionalità del delitto Matteotti sarebbe dimostrata dal fatto che, Amerigo Dumini, in data 31 maggio 1924 - giorno successivo al discorso di denuncia di Giacomo Matteotti alla Camera - scrisse al direttore del carcere Poggioreale di Napoli di rilasciare il detenuto Otto Thierschwald. Essendo austriaco, Thierschwald parlava perfettamente il tedesco. Il 2 giugno successivo Dumini lo incontrò a Roma e gli dette istruzioni di pedinare Matteotti [62] e di seguirlo in Austria dove l'uomo politico avrebbe partecipato ad un congresso socialista. Pochi giorni dopo (il 5 giugno), fu improvvisamente concesso a Matteotti il permesso per recarsi a Vienna, sino ad allora costantemente negato. Nella capitale austriaca era stata preparata una trappola mortale per Matteotti, il cui assassinio sarebbe dovuto apparire come una faida interna al movimento socialista. L'organizzazione del delitto quindi era già stata avviata alcuni giorni prima del 10 giugno, se non che Matteotti preferì rinunciare al suo viaggio a Vienna: da ciò sarebbe nata l'improvvisazione oggetto delle argomentazioni di chi nega ogni premeditazione. [63]

Amerigo Dumini, nel " processo farsa " intentatogli dal regime (vedi appresso) fu condannato per omicidio "preterintenzionale" a cinque anni, undici mesi e venti giorni, di cui quattro condonati in seguito all' amnistia generale del 1926 . Poco dopo la sua scarcerazione si presentò alla presidenza del Consiglio pretendendo di parlare con Mussolini: «Sono qui per lavarmi dal sangue di Matteotti» . Per questo episodio, il Tribunale di Viterbo lo condannò, il 9 ottobre 1926 , a quattordici mesi di detenzione per porto abusivo d'armi e oltraggio a Mussolini. Tuttavia, nel 1927 era di nuovo libero, per grazia sovrana, e si trasferì poi in Somalia nell'estate 1928 [64] , con una pensione garantita di cinquemila lire al mese, che per l'epoca era una somma altissima. Anche qui però Dumini riprese a delinquere e in ottobre venne nuovamente arrestato, rispedito in Italia e condannato a cinque anni di confino [64] . Tra gli altri luoghi, scontò parte del confino alle Isole Tremiti .
Nel 1933, di nuovo in carcere, fece sapere a Emilio De Bono di aver consegnato a dei notai texani un manoscritto con la verità sul delitto Matteotti. Il ricatto ancora una volta funzionò e venne posto di nuovo in libertà su ordine di Mussolini [64] , con un indennizzo di cinquantamila lire.

Su proposta del capo della polizia Bocchini, nella primavera del 1934 Dumini si trasferì in Cirenaica , dove si diede all'attività di imprenditore agricolo e commerciale, ricevendo ingenti finanziamenti dal governo italiano, ammontanti, fra il 1935 e il 1940, a più di due milioni e mezzo di lire [64] .

A supporto dell'ipotesi di un diretto coinvolgimento del Duce nel delitto Matteotti ci sarebbe, quindi, la pressoché immediata scarcerazione, dopo la condanna penale, del capo della squadra responsabile dell'assassinio del deputato socialista e il sostegno economico e politico fornitogli, a fronte delle sue minacce ricattatorie di divulgare il ruolo di Mussolini nella decisione dell'omicidio.

Assunzione della responsabilità di Mussolini stesso

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discorso del 3 gennaio 1925 .

Il 3 gennaio 1925 , alla Camera, Mussolini respinse inizialmente l'accusa di un suo coinvolgimento diretto nel delitto Matteotti, sfidando anzi i Deputati a tradurlo davanti alla Suprema Corte in forza dell'articolo 47 dello Statuto Albertino . [65] Successivamente, con un improvviso cambio di tono, si assunse personalmente, in due vicini passaggi del suo discorso, la responsabilità sia dei fatti avvenuti e sia di aver creato il clima di violenza in cui tutti i delitti politici compiuti in quegli anni erano maturati, trovando anche parole per riaffermare, di fronte ad alleati ed avversari, la sua posizione di capo indiscusso del fascismo:

«Ma poi, o signori, quali farfalle andiamo a cercare sotto l' arco di Tito ? Ebbene, dichiaro qui, al cospetto di questa Assemblea e al cospetto di tutto il popolo italiano, che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto. Se le frasi più o meno storpiate bastano per impiccare un uomo, fuori il palo e fuori la corda! Se il fascismo non è stato che olio di ricino e manganello, e non invece una passione superba della migliore gioventù italiana, a me la colpa! Se il fascismo è stato un'associazione a delinquere, io sono il capo di questa associazione a delinquere! Se tutte le violenze sono state il risultato di un determinato clima storico, politico e morale, ebbene a me la responsabilità di questo, perché questo clima storico, politico e morale io l'ho creato con una propaganda che va dall'intervento ad oggi.»

( Benito Mussolini , discorso alla Camera, 3 gennaio 1925 [66] )

Infine Mussolini denunciò l'Aventino come sedizioso e concluse con una dichiarazione minacciosa verso l'opposizione:

«State certi che entro quarantott'ore la situazione sarà chiarita su tutta l'area.»

( Benito Mussolini, discorso alla Camera, 3 gennaio 1925 )

Nella notte Luigi Federzoni , ministro dell'Interno, inviò ai prefetti due telegrammi riservati che traducevano in pratica i propositi autoritari di Mussolini. Le disposizioni invitavano, in particolare, le autorità ad esercitare la sorveglianza più vigile su circoli, associazioni, esercizi pubblici che potessero costituire pericolo per l'ordine pubblico e, se del caso, ad attuarne la chiusura forzata. Le autorità erano altresì autorizzate ad avvalersi senza scrupoli del fermo temporaneo nei confronti degli oppositori politici. Inoltre i prefetti venivano invitati ad applicare con rigore assoluto il decreto legge atto a "reprimere gli abusi della stampa periodica", approvato durante il Consiglio dei ministri del 7 luglio 1924 , ma fino a questo momento usato quasi esclusivamente nei confronti della stampa di ispirazione comunista. Il decreto conferiva ai prefetti, ossia al governo, il potere di diffidare o addirittura sequestrare il giornale che diffondesse "notizie false e tendenziose atte a turbare l'ordine pubblico".

Una successiva circolare interpretativa del ministro Federzoni aveva subito sgombrato il campo dagli equivoci: il giornale poteva essere sequestrato anche se la notizia pubblicata si fosse rivelata vera. Era evidente, pertanto, lo scopo illiberale e dittatorio che il provvedimento doveva raggiungere: l'annientamento, grazie ai continui sequestri, di tutta la stampa d'opposizione. Nell'arco di una settimana il Ministro dell'Interno poté illustrare in sede di Consiglio dei ministri i risultati raggiunti dai provvedimenti adottati nella notte fra il 3 ed il 4 gennaio: i prefetti si avvalevano senza esitazione dei poteri che gli erano stati attribuiti, centinaia di persone erano state arrestate. Lunga era anche la lista di locali ed associazioni che erano stati chiusi usando qualsiasi pretesto. Il 14 gennaio la Camera approvò in blocco e senza discussione moltissimi decreti legge emanati dal governo, poi denominati leggi fascistissime . Il discorso di Mussolini costituì quindi un atto di forza, con cui convenzionalmente si fa iniziare la fase dittatoriale del fascismo. [67]

Successivamente Mussolini ebbe a dire del rapimento e poi del delitto che era « una bufera che mi hanno scatenato contro proprio quelli che avrebbero dovuto evitarla » (alla sorella Edvige) [68] in chiaro riferimento ad alcuni suoi collaboratori (De Bono, Finzi, Marinelli e Rossi, con frequentazioni massoniche). [69] In un'altra occasione ebbe a definire il delitto « un cadavere gettato davanti ai miei piedi per farmi inciampare ». [70] Nel discorso alla Camera del 13 giugno Mussolini gridò:

«Solo un nemico che da lunghe notti avesse pensato a qualcosa di diabolico contro di me, poteva effettuare questo delitto che ci percuote di orrore e ci strappa grida di indignazione.»

Procedimenti giudiziari

I processi farsa durante il regime

Il primo procedimento fu sostanzialmente una farsa e si svolse dal 16 marzo al 24 marzo 1926 a Chieti (istruito fra il 1925 e il 1926) contro gli squadristi materialmente responsabili del rapimento e dell'omicidio: Amerigo Dumini , Albino Volpi, Giuseppe Viola, Augusto Malacria e Amleto Poveromo. Di questi, Dumini, Volpi e Poveromo furono condannati per omicidio preterintenzionale [71] alla pena di anni 5, mesi 11 e giorni 20 di reclusione, nonché all'interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre per Panzeri, che non partecipò attivamente al rapimento, Malacria e Viola ci fu l'assoluzione. Il collegio di difesa degli imputati, a seguito di richiesta di Dumini, venne guidato da Roberto Farinacci , a quel tempo segretario nazionale del Partito Nazionale Fascista . L'enfasi di Farinacci nella difesa degli imputati fu tale da indurre Mussolini , che viceversa aveva chiesto un processo senza molto clamore, a costringerlo alle dimissioni dalla carica nazionale una settimana dopo la sentenza del processo. [72] Inoltre, già nel 1924 , nei giorni immediatamente successivi ai drammatici fatti, era stato aperto un procedimento davanti dall' Alta Corte di Giustizia del Senato nei confronti dell'allora capo della Pubblica Sicurezza e della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (MVSN), il quadrumviro Emilio De Bono , costretto alle dimissioni da Mussolini , per il quale era stato poi ravvisato il non luogo a procedere. [73]

Il secondo dopoguerra

Dopo la conclusione della seconda guerra mondiale e la nascita della Repubblica, nel 1947 , in seguito al Decreto Luogotenenziale del 27.7.1944 n.159 (che rendeva potenzialmente nulle le condanne avvenute in epoca fascista superiori ai tre anni), la Corte d'Assise di Roma re-istruì il processo nei confronti di Giunta, Rossi, Dumini, Viola, Poveromo, Malacria, Filippelli, Panzeri (Giovanni Marinelli ed Emilio de Bono erano stati fucilati a Verona dagli stessi fascisti).

Con la revisione del processo, Dumini, Viola e Poveromo furono condannati all' ergastolo (poi commutato in 30 anni di carcere), Cesare Rossi venne assolto per insufficienza di prove, mentre per gli altri imputati si ravvisò il non luogo a procedere a causa dell'amnistia Togliatti disposta dal Dpr 22.6.1946 n.4. Solo sei anni dopo il Dumini verrà amnistiato. In nessuno dei tre processi venne mai accertata la responsabilità diretta di Mussolini [74] , ma tutti coloro che sono stati riconosciuti implicati nell'omicidio furono esponenti o sostenitori del regime fascista.

Ricostruzioni alternative

Roma, stele commemorativa per Giacomo Matteotti vicina al monumento

La vicenda delle tangenti della Sinclair Oil

Il dossier Matteotti

Giacomo Matteotti aveva con sé una borsa quando fu sequestrato. Se ne impossessò Amerigo Dumini . Quand'egli venne arrestato, la borsa passò al capo della Polizia, Emilio De Bono , che la conservò per vent'anni. Come successivamente sostenuto da Renzo De Felice , tale borsa avrebbe contenuto preziosi documenti sui rapporti tra re Vittorio Emanuele III e la compagnia petrolifera statunitense Sinclair Oil [75] . Nel gennaio 1944 Emilio De Bono fu processato a Verona con l'accusa di alto tradimento (era prevista la pena capitale ). Per cercare di evitare la condanna, il militare consegnò a Benito Mussolini le carte di Matteotti. Secondo le ricostruzioni di Renzo De Felice, Marcello Staglieno , Fabio Andriola e Matteo Matteotti , i documenti del dossier Matteotti sarebbero stati custoditi da Mussolini e furono inventariati fra quelli sequestrati dai partigiani a Dongo al momento della cattura di quest'ultimo il 27 aprile 1945 [76] . Anche Guglielmo Salotti avvalora, con maggior prudenza, questa ricostruzione. Tuttavia, tra i documenti sequestrati, quelli di Matteotti sarebbero andati perduti ed ogni sforzo di De Felice di recuperarli presso gli archivi o il Ministero dell'interno risultò vano.

Per quasi tutto il XX secolo gli storici ritennero che la principale causa del delitto Matteotti fosse stato il suo discorso di denuncia pronunciato alla Camera il 30 maggio 1924. L'ipotesi di un delitto legato alla scoperta di un affare illecito non fu esclusa da Renzo De Felice (le insistenti voci di un delitto affaristico “non possono essere lasciate cadere a priori”), [77] ma rimase sempre sullo sfondo. Successive ricostruzioni hanno tuttavia dato maggiore peso a tale ipotesi.

«Il Nuovo Paese», venerdì 13 giugno 1924, prima pagina. Il quotidiano filofascista ammette indirettamente un legame tra il delitto Matteotti e l'«affare Sinclair».

Lo storico statunitense Peter Tompkins nel volume Dalle carte segrete del Duce (2001), aderisce alla tesi secondo cui Giacomo Matteotti sarebbe stato assassinato, oltre che per l'incisiva denuncia delle irregolarità e delle violenze compiute dai fascisti nelle elezioni politiche del 1924 , anche perché in possesso di documenti attestanti le tangenti versate dalla compagnia petrolifera Sinclair Oil Company ai ministri Gabriello Carnazza e Orso Maria Corbino , entrambi massoni di Piazza del Gesù [78] .

Negli anni ottanta un ricercatore fiorentino, Paolo Paoletti, ritrovò nell'Archivio Nazionale di Washington una lettera redatta da Amerigo Dumini nel 1933. In quell'anno Dumini, temendo di essere eliminato dal regime, aveva scritto e fatto pervenire ad alcuni legali negli Stati Uniti d'America una lettera-testamento, con l'ordine di renderla pubblica solo nell'eventualità del suo assassinio [79] . In tale documento egli ammetteva di avere ricevuto l'ordine di uccidere Matteotti poiché nei vertici del fascismo si temeva che il deputato socialista, nel discorso annunciato per l'11 giugno 1924 in Parlamento, avrebbe denunciato il pagamento di tangenti dalla Sinclair Oil al governo italiano , in cui – avrebbe dichiarato Dumini - era coinvolto Arnaldo Mussolini , il fratello del Duce. Paoletti pubblicò la lettera-testamento sulla rivista « Il Ponte » [80] .

Secondo ulteriori ricerche, apparse alla fine degli anni novanta, Benito Mussolini avrebbe dato l'ordine di assassinare il deputato socialista [81] per impedire che Matteotti denunciasse alla Camera il grave caso di corruzione esercitato dalla compagnia petrolifera statunitense Sinclair Oil (fungente in quell'occasione da battistrada degli interessi della più potente Standard Oil of New Jersey ) nei confronti dello stesso Mussolini e di alcuni gerarchi fascisti a lui vicini.

Il governo italiano, infatti, poche settimane prima del delitto, aveva concesso alla società petrolifera statunitense Sinclair Oil of New Jersey (al tempo sostenuta economicamente da alcuni dei principali gruppi finanziari di New York, tra cui la banca del magnate John Davison Rockefeller , fondatore della Standard Oil [82] originale, divisa nel 1911, e azionista della Standard of New Jersey) l'esclusiva per la ricerca e lo sfruttamento per 50 anni di tutti i giacimenti petroliferi presenti in Emilia e in Sicilia (RDL n.677 del 4 maggio 1924). Le richieste della compagnia petrolifera per poter effettuare scavi in ulteriori territori della penisola prevedevano condizioni estremamente vantaggiose per la Sinclair stessa, come la durata novantennale delle concessioni e l'esenzione da imposte.

Da parte del governo italiano vennero scelti come mediatori per l'accordo un insieme di politici, imprenditori e diplomatici (tra cui i ministri dell'economia nazionale Orso Mario Corbino e dei lavori pubblici Gabriello Carnazza ) strettamente collegati tra di loro da imprese commerciali (molte delle quali attive proprio in Sicilia), conflitti di interesse e legami con diversi gruppi finanziari ed aziendali statunitensi (tra cui la casa Morgan , uno dei finanziatori della Sinclair Oil). I responsabili italiani, seppur con pareri leggermente diversi e nonostante le condizioni palesemente vantaggiose per la Sinclair, appoggiarono all'unanimità l'idea dell'accordo. La possibile presenza della Sinclair Oil sul mercato italiano destò la preoccupazione della Anglo-Iranian Oil Company (controllata dal governo del Regno Unito), anch'essa interessata allo sfruttamento di possibili giacimenti. [83]

Sulla scia dell'interpretazione di Mauro Canali risalente al 1997, anche il giornalista ed ex dirigente dell' ENI Benito Li Vigni in un successivo saggio del 2004, Le guerre del petrolio , in cui dedica alcuni capitoli alla situazione del mercato petrolifero nell'Italia degli anni venti , collega l'affare Sinclair con la morte di Matteotti. Agli inizi degli anni venti l'80% del fabbisogno di idrocarburi italiano era garantito dalla Standard Oil, tramite la controllata Società Italo-Americana pel Petrolio (SIAP), mentre la restante quota era fornita dalla filiale italiana della Royal Dutch Shell . Secondo Mauro Canali, la Standard Oil avrebbe stipulato un accordo sottobanco con la Sinclair Oil, delegando ad essa l'operazione in Italia diretta anche a bloccare la temuta espansione del Regno Unito sul mercato italiano.

Il Regno Unito, che possedeva numerosi pozzi petroliferi in Medio Oriente , aveva valutato la posizione geografica dell'Italia (inserita al centro del bacino del Mediterraneo) come molto vantaggiosa per il trasporto del greggio. Il governo britannico avviò contatti con lo Stato italiano per la costruzione di una raffineria e di un centro di stoccaggio del greggio sulla penisola. Contestualmente gli inglesi si interessarono all'eventuale presenza di giacimenti di petrolio in Italia [84] .

La Standard Oil, timorosa che i progressi dell'azienda petrolifera del Regno Unito nel mercato italiano potessero essere coronati da successo, avrebbe deciso di intervenire in Italia direttamente. Nel febbraio del 1923 gli americani proposero al governo italiano una convenzione per la ricerca del petrolio italiano, senza successo, e, successivamente, associandosi con la Banca Commerciale Italiana e richiedendo i permessi per esplorazioni in diversi territori, tra cui la Sicilia, dove erano ancora pendenti le richieste della Sinclair. A conferma di questa tesi Mauro Canali documenta come Filippo Filippelli (personaggio molto influente, legato economicamente ad Arnaldo Mussolini di cui gestiva le fonti di finanziamento, fondatore del « Corriere Italiano », giornale a cui peraltro era stato intestato il noleggio dell'auto con cui venne prelevato Matteotti) pochi giorni prima della stipula della concessione, avesse ricevuto una prima rata di alcuni milioni di lire, a cui ne avrebbero dovute seguire altre, dalla Società Italo-Americana pel Petrolio , ovvero proprio la filiale italiana della Standard Oil [85] .

Il Governo italiano nella primavera del 1924 accelerò la stipula degli accordi con la Sinclair Oil, che furono firmati il 29 aprile e ratificati dal Consiglio dei ministri e dal Parlamento pochi giorni dopo [83] In cambio di tangenti, la Sinclair avrebbe inoltre ottenuto di non permettere a un ente petrolifero statale di intraprendere trivellazioni nel deserto libico . [86] [87]

Roma, monumento a Giacomo Matteotti al Lungotevere Arnaldo da Brescia (Jorio Vivarelli, 1947).

Il Governo del Regno Unito (che aveva ottenuto i dettagli dell'accordo tra Sinclair Oil e governo italiano fin da prima che questi venissero ratificati ufficialmente e resi pubblici) percepì la concessione come un attacco diretto ai propri interessi e sui media del Regno Unito del tempo questo accordo venne pesantemente criticato. Proprio durante quest'accesa campagna di stampa contro l'operato dell'Italia, Matteotti effettuò un viaggio in forma privata a Londra : secondo Mauro Canali, il politico socialista avrebbe acquisito (da fonti vicine al Partito laburista ) [84] le carte che provavano la corruzione del Governo italiano nell'affare Sinclair, o per lo meno avrebbe completato le informazioni già in suo possesso. Li Vigni, a sua volta, fa notare che la tesi in base alla quale le informazioni sulla corruzione provenissero dal Regno Unito, venne citata, dopo la morte dell'uomo politico, sia dai quotidiani statunitensi sia dalle stesse fonti vicine al partito fascista (l'articolo non firmato La grande piovra del « Popolo d'Italia », sull'edizione del 10 agosto 1924), in questo caso incolpando " la mano stessa che forniva a Londra all'on. Matteotti i documenti mortali (petroli - prestito polacco - buoni germanici ecc.) " di essere anche la mandante dell'omicidio [84] .

La tesi che legava l'omicidio di Matteotti al timore del rivelamento della corruzione venne ampiamente sostenuta dalla stampa del Regno Unito, soprattutto da quella vicina ai Laburisti: proprio l'organo di partito del Labour, il « Daily Herald », accusò apertamente Arnaldo Mussolini di essere tra i politici destinatari di una tangente di 30 milioni di lire pagata dalla Sinclair Oil per ottenere la concessione [83] . Sulla rivista English Life venne pubblicato postumo un articolo di Matteotti [88] in cui il deputato affermava di avere la certezza che vi era stata corruzione tra la Sinclair Oil e alcuni esponenti del governo, di cui avrebbe potuto rivelare l'identità [89] .
Mussolini decise di cancellare gli accordi con la Sinclair Oil nel novembre del 1924, anche a causa delle contrastanti opinioni emerse nella commissione parlamentare che doveva approvare la convenzione [90] .

Le reazioni di politici non "aventiniani"

A parte le violentissime accuse a Mussolini da parte delle opposizioni, alcune alte personalità liberali, a partire da Giovanni Giolitti , Luigi Einaudi e Benedetto Croce , non ritennero Mussolini quale mandante, almeno inizialmente. Subito dopo un discorso di Mussolini (26 giugno 1926 ) alla Camera fu anzi lo stesso senatore Croce, a Palazzo Madama [91] , a farsi promotore di un ordine del giorno [92] a favore del governo Mussolini e, una volta che esso fu approvato attraverso il voto, definì « prudente e patriottico » [93] quel voto.

Guglielmo Salotti - nella sua biografia di Nicola Bombacci - afferma che l'anziano rivoluzionario (in seguito avvicinatosi al fascismo), avrebbe passato molto tempo nella spasmodica ricerca delle prove dell'innocenza di Mussolini. Bombacci non fece mai nomi sui mandanti dell'omicidio, ma confidò a Silvestri che:

«Purtroppo gli imputati non sono qui. Magari dopo essere stati manutengoli dei tedeschi saranno oggi al servizio degli inglesi o meglio ancora degli americani.»

Salotti ritiene invece del tutto "fantascientifica" la tesi secondo cui nell' affaire Matteotti sarebbero stati implicati i servizi segreti sovietici. [94]

Ricostruzioni di storici favorevoli a Mussolini

Il pubblicista Bruno Gatta ha elencato vari nomi di studiosi della materia, storici o testimoni (fra cui Federico Chabod , Benedetto Croce e Renzo De Felice ) i quali in epoche diverse espressero dubbi sul fatto che Mussolini avesse avuto responsabilità dirette nell'omicidio Matteotti [95] . In effetti, De Felice espresse la considerazione secondo cui la rabbia di Mussolini contro il deputato socialista fosse nata solo dal 30 maggio, dopo il discorso di Matteotti teso a invalidare le elezioni [96] : "partendo appunto dall'idea che l'ira del Presidente fosse nata dopo [97] il famoso discorso alla Camera", la conclusione di questo autorevole storico sarebbe stata quella, "sostanzialmente assolutoria", secondo cui quella medesima ira avrebbe "avuto tutto sommato il tempo di sbollire fino al 10 di giugno, data dell'assassinio di Matteotti" [98] , tanto più che sarebbe stata in atto - proprio in quei giorni - una complessa manovra di riavvicinamento alla sinistra.

Renzo De Felice dedica numerose pagine alle aperture mussoliniane verso sinistra prima e dopo le contestate elezioni del 1924, e bruscamente interrotte dal delitto Matteotti. In particolare al discorso parlamentare del 7 giugno 1924 (tre giorni prima del rapimento di Matteotti), nel quale lo storico individuerebbe fra le righe l'offerta "ai confederali di entrare nel governo". [99] De Felice prosegue anche nel notare che erano proprio i socialisti più intransigenti (Matteotti, Turati, Kuliscioff etc.) i più preoccupati (oltre, ovviamente, all'ala destra del fascismo) da questo possibile "spostamento a sinistra" di Mussolini. [100]

Fra le motivazioni del rapimento o comunque fra gli strascichi del delitto [101] , una tra le interpretazioni sarebbe che vi fosse il tentativo del fascismo intransigente di colpire direttamente Mussolini e la sua politica di apertura a sinistra e di parziale legalità parlamentare, impedendogli un riavvicinamento con i sindacalisti di sinistra (Mussolini aveva appena chiesto ad Alceste De Ambris [102] di assumere incarichi di governo, ottenendone rifiuto) e perfino coi socialisti e la Confederazione Generale del Lavoro (CGL). [103]

Dubbio è l'episodio a discolpa di Mussolini, citato dal suo intimo amico e consigliere, il giornalista Carlo Silvestri . Silvestri — giornalista al tempo in forza al Corriere della Sera , di fede socialista e amico fraterno di Filippo Turati — era stato uno fra i grandi accusatori di Benito Mussolini in rapporto al delitto Matteotti, ma successivamente, riavvicinatosi a Mussolini, durante la Repubblica Sociale Italiana (al punto da esserne definito come l'ultimo suo amico) [104] disse di aver accentuato le proprie accuse per fini di convenienza politica. [105]

Egli sostenne che fu lo stesso Marinelli ad addossarsi la completa responsabilità e decisione dell'omicidio di Matteotti, confidandolo a Cianetti e Pareschi vent'anni più tardi, quando, nel gennaio 1944 , si trovò con loro ed altri tre firmatari dell' ordine del giorno Grandi nel carcere di Verona per essere processato [106]

L'opinione della famiglia Matteotti

I figli di Matteotti, Matteo e Giancarlo , divennero anch'essi politici tra le file socialiste. Matteo Matteotti ha sempre sostenuto l'intenzionalità della morte del padre: secondo lui il fatto che i rapitori non avevano con sé né una pala né un piccone per seppellire il corpo una volta consumato il delitto, non bastava a provare che esso non fu premeditato. A sapere che Giacomo Matteotti doveva essere ucciso, sempre secondo Matteo, erano Amerigo Dumini e Amleto Poveromo; mentre ad assassinarlo furono i ripetuti colpi vibrati da Poveromo stesso [107] , il quale, dopo aver chiesto a Dumini (al volante dell'auto) di uscire da Roma, seppellì sommariamente il cadavere con gli altri complici nel bosco della Quartarella (dove il 16 agosto verrà ritrovato da un brigadiere dei carabinieri) presso la via Flaminia, a 25 chilometri dalla città. Matteo Matteotti presume che fu un seppellimento volontariamente sommario: nell'auto non c'erano appunto strumenti da scavo, perché (secondo Matteo Matteotti questo lo sapevano a priori soltanto Dumini e Poveromo) in caso d'arresto l'assassinio doveva apparire omicidio preterintenzionale.

Secondo lo studio di Canali sulle tangenti della Sinclair, la vedova Velia Matteotti, ei figli Giancarlo e Matteo non accusarono mai Mussolini, neppure dopo la sua uccisione e la caduta del regime nel 1945 e - cosa altrimenti inspiegabile e straordinaria - non si costituirono parte civile nemmeno al processo del 1947, in quanto il fascismo (che però nel 1947 non esisteva più) ne aveva comprato il silenzio.

Secondo la documentazione di Canali, infatti, la famiglia Matteotti si sarebbe trovata, a seguito della morte del deputato socialista, in una situazione finanziaria drammatica ed a rischio bancarotta. Ciò avrebbe costretto la vedova ad accettare alcuni milioni dalla polizia fascista; in cambio, si sarebbe impegnata all'acquiescenza nei confronti del regime, a non espatriare e ad interrompere tutti i rapporti con il mondo antifascista esule. L'ultima prova di ravvedimento che il regime volle fu che uno dei figli, che fino ad allora erano andati tutti e tre in scuole private, si iscrivesse e frequentasse una scuola pubblica, cosa che puntualmente avvenne [108] (si trattò di Matteo, che venne iscritto al Liceo Mamiani di Roma).

I Matteotti, peraltro, pur restando intimamente antifascisti, avrebbero creduto più in una responsabilità di Casa Savoia (i fascisti avrebbero agito come sicari, mentre il duce si sarebbe assunto solo la colpa morale), mentre Canali si dichiara invece convinto della tesi sulla colpevolezza diretta di Mussolini come mandante. [109]

«I familiari di Matteotti hanno sempre sospettato che mandante dell'omicidio fosse re Vittorio Emanuele , secondo loro proprietario di quote della Sinclair. Invece, io sono giunto alla conclusione che fu proprio Mussolini, che aveva intascato tangenti direttamente da questa operazione, a ordinare l'eliminazione del suo avversario politico. Il fatto che gli statunitensi avessero individuato nella Ipsa la società con la quale Mussolini gestiva i profitti dell'estrazione del petrolio conferma un dato importante del consolidamento della sua posizione personale e del movimento fascista.»

( Mauro Canali, intervista ad Oggi 2000 , n° 51, di Gennaro De Stefano [109] )

L'influenza culturale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brigate Matteotti .

Sandro Pertini , eletto consigliere comunale di Stella , il suo paese natale, il 24 ottobre 1920 , in una lista composta da esponenti dell'Unione Liberale Ligure, dell'Associazione Liberale Democratica, del Partito dei Combattenti e del Partito Popolare Italiano [110] , si sarebbe iscritto al Partito Socialista Unitario , presso la federazione di Savona , il 18 agosto 1924 , proprio sull'onda dell'emozione e dello sdegno per il ritrovamento, due giorni prima, del cadavere di Matteotti, che di quel partito era il Segretario.

Durante la Resistenza Italiana il PSI-PSIUP costituì le Brigate Matteotti , la cui azione più nota e clamorosa fu a Roma il 24 gennaio 1944 la liberazione dal carcere di Regina Coeli di due dei suoi principali esponenti, i futuri presidenti della Repubblica Giuseppe Saragat e Sandro Pertini , insieme a Luigi Andreoni e ad altri quattro militanti socialisti, in un'azione dai connotati rocamboleschi ideata e diretta da Peppino Gracceva e Giuliano Vassalli [111] [112] [113] .
L'evasione dei sette antifascisti salvò con tutta probabilità la loro vita: non v'è dubbio infatti che, se ancora detenuti alla data del 24 marzo 1944, i loro nominativi sarebbero stati inclusi nell'elenco dei Todeskandidaten (condannati a morte o colpevoli di reati passibili di condanna a morte) da fucilare per rappresaglia alle Fosse Ardeatine .

Riconoscimenti

Monumenti e musei

Sul luogo del ritrovamento del corpo di Matteotti è stato eretto un monumento in ricordo [114] . Gli sono state inoltre intitolate diverse strade e piazze in gran parte delle principali città italiane e un Premio.

Nel comune natale di Fratta Polesine è situata la tomba del deputato presso il cimitero comunale, meta ancora oggi della visita e dell'omaggio di molti cittadini e personalità della politica.

La "Casa museo Giacomo Matteotti"

Casa di Giacomo Matteotti a Fratta Polesine (RO).

Dopo la scomparsa dei figli di Matteotti la casa di famiglia nel piccolo paese del Polesine è rimasta chiusa al pubblico per molti anni e lasciata in stato di abbandono e disordine. Soltanto in anni recenti si è avviata un'importante opera di recupero di ambienti e mobili ad opera dell'Accademia dei Concordi di Rovigo, proprietaria della casa, e del Comune di Fratta Polesine, che ne ha la gestione. Nell'aprile 2012 l'abitazione viene riaperta al pubblico al termine dei lavori di restauro e trasformata in Casa Museo Giacomo Matteotti . L'edificio ospita al piano terra e al primo piano una ricostruzione fedele degli ambienti così come si presentavano negli anni venti, completi di mobili e cimeli di famiglia restaurati in maniera conservativa. Il secondo piano ospita una mostra fotografica e multimediale sulla vita e il martirio del deputato. La villa, che è il centro delle celebrazioni che ogni 10 giugno si svolgono a Fratta Polesine, è stata riconosciuta nel 2018 monumento nazionale dal Presidente della Repubblica Mattarella [115] . La Casa Museo è dotata di un Comitato scientifico che ha promosso la creazione di un sito web (www.casamuseogiacomomatteotti.it) nel quale sono stati riversati gli scritti di Matteotti (discorsi politici, testi giuridici, saggi economico-sociali, interventi sul fascismo), del fratello Matteo e della moglie Velia Titta e molte testate di giornale relative ai mesi del rapimento e dell'assassinio. Inoltre un'ampia antologia di studi sul Polesine tra secondo Ottocento e primo Novecento, cioè sull'ambiente in cui Matteotti visse ed operò. [116]

Nella cultura di massa

Letteratura

Vignetta sul delitto Matteotti nella rivista satirica antifascista Becco Giallo , 1925

Matteotti fu anche il soggetto di canzoni antifasciste, tra cui Povero Matteotti , sulle note del canto popolare di protesta Povero Cavallotti ( 1898 circa), che negli anni settanta fu usata come base per Povero Pinelli e Ballata per Franco Serantini .

«Povero Matteotti / te l'hanno fatta brutta
e la tua vita / te l'han tutta distrutta!...
E mentre che moriva / morendo lui dicea:
"Voi uccidete l'uomo / ma non la sua idea".
E mentre che moriva, / con tutto il suo eroismo
gridava forte forte: / "Evviva il Socialismo!"
Vigliacchi son, / l'hanno fatto assassinare!
Noialtri proletari / lo sapremo vendicare.»

( Versione di Ivan Della Mea [117] )
Gabriele Galantara , Mussolini sulla bara di Giacomo Matteotti, Becco Giallo , 1925 .

Significativamente una canzonetta che iniziò a circolare all'epoca, poi ribattezzata il " Canto di Matteotti ", recita:

«Or, se a ascoltar mi state,
canto il delitto di quei galeotti
che con gran rabbia vollero trucidare
il deputato Giacomo Matteotti.

Erano tanti:
Viola Rossi e Dumin,
il capo della banda
Benito Mussolin.

Dopo che Matteotti avean trovato,
mentre che stava andando al Parlamento,
venne su di una macchina caricato
da quegl'ignobil della banda nera.

In mezzo a un bosco
fu trasportato là
e quei vili aguzzini
gli disser con furor:

"Perché tu il fascismo hai sempre odiato,
ora dovrai morì qui sull'istante"
e dopo averlo a torto bastonato
di pugnalate gliene dieder tante.

Così, per mano
di quei vili traditor,
moriva Matteotti,
capo dei lavorator.»

( Anonimo, 1924 [118] [119] )

Rimase anche famosa una vignetta sulla rivista satirica antifascista Becco giallo nella quale un truce Mussolini siede sulla bara di Matteotti. [120]

Filmografia

Opere

  • La recidiva. Saggio di revisione critica con dati statistici , Milano, Fratelli Bocca, 1910.
  • Un anno di dominazione fascista , Roma, Tip. italiana, 1923; rist., con un saggio di Umberto Gentiloni Silveri , prefazione di W. Veltroni, Milano, Rizzoli, 2019, ISBN 978-88-171-3894-9 .
    • edizione inglese : The fascisti exposed. A Year of Fascist Domination , translated by EW Dickes, Londra, Indipendent Labour Party Publication Department, 1924; rist. Howard Fertig, 1969.
    • edizione tedesca : Fascismus in Italien. Grundlagen - Aufstieg - Niedergang (con Hanns Erich Kaminski), Berlino, Verlag für Sozialwissenschaft, 1925.
    • edizione francese : Une année de domination fasciste , Bruxelles, Maison nationale d'edition, 1924.
  • Il fascismo della prima ora. Pagine estratte dal "Popolo d'Italia" , Roma, Tipografica italiana, 1924.
  • Reliquie , Milano, Corbaccio, 1924.
  • Contro il fascismo , Milano-Roma, Avanti!, 1954; Prefazione di Sergio Luzzatto , Milano, Garzanti, 2019, ISBN 978-88-116-0484-6 .
  • Discorsi parlamentari , 3 voll., Roma, Stabilimenti tipografici Carlo Colombo, 1970.
  • Scritti e discorsi , Milano, Aldo Garzanti, 1974.
  • Scritti e discorsi , Venezia, Marsilio, 1981.
  • Scritti sul fascismo , a cura di Stefano Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 1983, ISBN 978-88-838-1208-8 .
  • Giacomo Matteotti 1885-1985. Riformismo e antifascismo. Scritti e discorsi, testimonianze, contributi , Roma, Ediesse, 1985.
  • Lettere a Velia , a cura di S. Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 1986, ISBN 978-88-838-1209-5 .
  • Sulla scuola , a cura di S. Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 1990, ISBN 978-88-838-1210-1 .
  • Sul riformismo , a cura di S. Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 1992, ISBN 978-88-838-1211-8 .
  • Lettere a Giacomo , a cura di S. Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 2000, ISBN 88-8381-384-7 .
  • Scritti giuridici , 2 voll., a cura di S. Caretti, Pisa, Nistri-Lischi, 2003, ISBN 88-8381-425-8 .
  • La questione tributaria , a cura di S. Caretti, Manduria, P. Lacaita, 2006, ISBN 88-89506-27-X .
  • Scritti economici e finanziari , a cura di S. Caretti, 2 voll., Pisa, PLUS, 2009, ISBN 978-88-8492-609-8 .
  • L'avvento del fascismo , a cura di S. Caretti, Premessa di Alessandro Roncaglia, Pisa, PLUS, 2011, ISBN 978-88-8492-781-1 .
  • Epistolario: 1904-1924 , a cura di S. Caretti, Pisa, PLUS, 2012, ISBN 978-88-8492-850-4 .
  • Socialismo e guerra , a cura di S. Caretti, Premessa di Ennio Di Nolfo , Pisa, Pisa University Press, 2013, ISBN 978-88-6741-083-5 .
  • Scritti e discorsi vari , a cura di S. Caretti, Premessa di Gianpasquale Santomassimo, Pisa, Pisa University Press, 2014, ISBN 978-88-6741-301-0 .
  • La lotta semplice , Roma, Edizioni di Comunità, 2019, ISBN 978-88-320-0528-8 .
  • Il fascismo tra demagogia e consenso. Scritti 1922-1924 , a cura di Mirko Grasso, Collana Saggi, Roma, Donzelli, 2020, ISBN 978-88-552-2104-7 .

Note

  1. ^ Emilio Gentile , In Italia ai tempi di Mussolini Archiviato il 22 novembre 2015 in Internet Archive .
  2. ^ Giacomo Matteotti, Un anno di dominazione fascista , Roma, Tip. italiana, 1923; rist., con un saggio di Umberto Gentiloni Silveri , prefazione di W. Veltroni, Milano, Rizzoli, 2019, ISBN 978-88-171-3894-9
  3. ^ Mauro Canali , Il delitto Matteotti , pag. 33
  4. ^ Gianpaolo Romanato, Un italiano diverso. Giacomo Matteotti , Longanesi, 2011
  5. ^ Registro degli Atti di Matrimonio del 1875 - Comune di Fratta Polesine
  6. ^ Registro degli Atti di Nascita del 1885 - Comune di Fratta Polesine
  7. ^ Corriere.it-10 giugno 1924:l'omicidio di Giacomo Matteotti Archiviato il 10 giugno 2015 in Internet Archive .
  8. ^ Discorsi parlamentari di Giacomo Matteotti pubblicati per deliberazione della Camera dei Deputati, Roma, Colombo, 1970, 3 v., con introduzione di Sandro Pertini .
  9. ^ G. Matteotti, Scritti economici e finanziari, a cura di S. Caretti, Pisa, Ed. Plus, 2009, p. 25 dell'introduzione di Stefano Caretti che cita Oddino Morgari .
  10. ^ Giacomo Matteotti a Ferrara , su artecultura.fe.it , Comune di Ferrara, 7 giugno - 27 luglio 2014. URL consultato il 31 marzo 2016 ( archiviato il 23 marzo 2016) .
  11. ^ Gino Bianco, Matteotti a Londra Archiviato il 22 dicembre 2015 in Internet Archive .
  12. ^ Stanislao G. Pugliese, Fascism, Anti-fascism, and the Resistance in Italy
  13. ^ vedi il testo integrale del Discorso di denuncia di brogli elettorali pronunciato da Giacomo Matteotti il 30 maggio 1924 alla Camera dei Deputati su Wikisource , su it.wikisource.org . URL consultato il 12 settembre 2016 ( archiviato il 7 ottobre 2016) .
  14. ^ Il discorso di Giacomo Matteotti alla Camera del 30 maggio 1924 è udibile quasi integralmente nell'interpretazione dell'attore Franco Nero nel film " Il delitto Matteotti " Archiviato il 27 gennaio 2017 in Internet Archive . di Florestano Vancini del 1973 .
  15. ^ Citata in Emilio Lussu , " Marcia su Roma e dintorni ", Einaudi, 1976, e riportata qui Archiviato il 3 giugno 2015 in Internet Archive .. Secondo Il Blog di Pier Archiviato il 23 luglio 2011 in Internet Archive . invece la frase fu "Ed ora preparatevi a farmi l'elogio funebre.", rivolta verso l'On. Costantini.
  16. ^ senato.it - Il Presidente - Commemorazione di Giacomo Matteotti [ collegamento interrotto ] .|
  17. ^ Renzo De Felice, Mussolini il fascista , Einaudi, Torino, 1995, p. 617 n.
  18. ^ Ibidem
  19. ^ "il suo vero scopo era quello di inaugurare dalla tribuna più risonante d'Italia, dalla Camera, e fin dalle primissime battute della nuova legislatura, un nuovo modo di stare all'opposizione, più aggressivo, intransigente, violento, addirittura". In R. De Felice, Mussolini il fascista cit.
  20. ^ "un discorso di doppia opposizione, contro il governo fascista, contro il fascismo tout court, ma anche e forse soprattutto, contro i collaborazionisti del proprio partito e della CGL". In R. De Felice, Mussolini il fascista cit., p. 618
  21. ^ Filippo Turati attraverso le lettere di corrispondenti (1880-1925) a cura di A. Schiavi, Laterza, 1947, p. 247
  22. ^ AG Casanova, Matteotti: una vita per il socialismo , pag.225
  23. ^ Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna Archiviato il 20 maggio 2011 in Internet Archive .
  24. ^ ASR, FM, vol 1, Testimonianze Amilcare Mascagna e Renato Barzotti, vol.1, fol.22
  25. ^ ASR, FM, vol 1, fol.8 Testimonianza Giovanni Cavanna
  26. ^ Gianni Mazzocchi, Quattroruote Luglio 1984, pag. 54"
  27. ^ Giuliano Capecelatro, La banda del Viminale, Il saggiatore, Milano, 1996, pag. 70: "L'unica certezza è che, all'interno della Lancia, si scatena una lotta furibonda"
  28. ^ Giuliano Capecelatro, La banda del Viminale, Il saggiatore, Milano, 1996, pag. 21
  29. ^ Guido Gerosa - Gian Franco Vené, Il delitto Matteotti, Milano, Mondadori, 1972, pag. 123
  30. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia, Roma, Editrice Tiber, pag 421
  31. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, pag 354: "Alla Camera pochi si accorgono quel giorno che il suo posto è vuoto."
  32. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia, Roma, Editrice Tiber, pag 421: "Mussolini stesso ha raccontato: "L'11 giugno del 1924 non pensavo minimamente a quanto nell'ombra la sorte stava tramando a danno del fascismo...Quella sera giunse come una folgore la triste notizia""
  33. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia , Roma, Editrice Tiber, pag 422
  34. ^ Testimonianza di Domenico Villarini, in Giuliano Capecelatro, La banda del Viminale , Il saggiatore, Milano, 1996, pag. 22: "Andava avanti e indietro dal numero 5 al numero 12 della detta via e anche un po' oltre (...) chiusi il portone alle 22 e andai in compagnia di mia madre e di mio fratello a bere della birra, al ritorno avendo notata ancora quell'automobile mi segnai su un pezzo di carta il numero, temendo che potesse trattarsi di qualche tentativo di furto. Il numero della macchina era 55.12169"
  35. ^ Giuliano Capecelatro, La banda del Viminale , Il saggiatore, Milano, 1996, pag. 54: "Nelle indiscrezioni di quelle ore, Marinelli e Rossi sono indicati come i mandanti del delitto, su incarico affidato da Mussolini"
  36. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia , Roma, Editrice Tiber, pag 425: "Quel giorno, oltre alle dimissioni imposte a Cesare Rossi ea Finzi, che i noti contatti avuti con Dumini e con altri individui di quella banda designavano ai peggiori sospetti dell'opinione pubblica, furono annunciati altri arresti..."
  37. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia , Roma, Editrice Tiber, pag 425
  38. ^ La Stampa , 23 giugno 1924, pag. 1.
  39. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia , Roma, Editrice Tiber, pag 441
  40. ^ Carlo Sforza, L'Italia dal 1914 al 1944 quale io la vidi , Roma, Mondadori, 1945, pag. 129
  41. ^ Paolo Spriano, Storia del Partito comunista italiano , Giulio Einaudi editore, 1976, p. 391. "…il 27 [giugno] - il giorno in cui Turati commemora Matteotti e nasce ufficialmente l'Aventino".
  42. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, pag 354: "La soluzione Aventiniana prende l'avvio da un commovente discorso che Filippo Turati tiene alla Camera per commemorare Giacomo Matteotti, sulla cui sorte ormai non esistono più dubbi."
  43. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, pag 354: "...nella speranza che una tale azione secessionistica getti nella crisi completa il governo fascista e induca il Re a intervenire con un decreto di scioglimento della Camera."
  44. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia , Roma, Editrice Tiber, pag 460
  45. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti , Bologna, Il Mulino, 2004, pp. 119-121.
  46. ^ Enzo Biagi, Storia del Fascismo , Firenze, Sadea Della Volpe Editori, 1964, pag 356: "Egli ordina al ministro degli Interni Federzoni di predisporre funerali che non facciano rumore. Roma non deve vedere Matteotti. La salma del parlamentare, chiusa in una bara, viene subito trasferita a Fratta Polesine, paese natale della vittima, dove si svolgono imponenti funerali."
  47. ^ Giuliano Capecelatro 1996
  48. ^ Enzo Biagi, Storia del fascismo , vol. 1, Sadea-Della Volpe, 1964, pag. 356
  49. ^ Ugo Intini , Un'indagine al di sopra di ogni sospetto , in Mondoperaio , n.6/2014, p. 40.
  50. ^ Ministero dell'Interno Italiano, La storia - Il primo dopoguerra e il pericolo fascista , Dalla CEKA fascista all'OVRA .
  51. ^ Silvio Bertoldi, La polizia del duce al servizio del crimine , in Corriere della sera , 25 luglio 1994.
  52. ^ Il Palazzo del Viminale , sito a Roma nella omonima piazza sul colle del Viminale nel rione Monti , dal 1925 fu sede dellaPresidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero dell'Interno ; nel 1961 la Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana si spostò a Palazzo Chigi e l'edificio rimase sede del solo dicastero degli Interni.
  53. ^ La polizia del duce al servizio del crimine Archiviato il 20 maggio 2011 in Internet Archive .
  54. ^ Claudio Fracassi, Matteotti e Mussolini: 1924: il delitto del Lungotevere , Mursia, 1º gennaio 2004, pp. 496, 18, 60. URL consultato il 14 settembre 2016 .
  55. ^ ""Il delitto Matteotti"" [ collegamento interrotto ] , su www.fiapitalia.eu . URL consultato il 14 settembre 2016 .
  56. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti , Il Mulino, 1º gennaio 2015, ISBN 978-88-15-25841-0 . URL consultato il 14 settembre 2016 .
  57. ^ Enzo Magrì books.google.it
  58. ^ Peter Tompkins , Dalle carte segrete del Duce , Marco Tropea, Milano, 2001, p. 174
  59. ^ Cit. Ch. Seton-Watson, L'Italia dal liberalismo al fascismo (1870-1925) , vol. II, Laterza, 1973.
  60. ^ Giuliano Capecelatro, La banda del Viminale , 'Il saggiatore', Milano, 1996, pag. 63
  61. ^ a b R. De Felice, cit. , p. 619
  62. ^ Dagli atti istruttori, riprodotti in Mauro Canali, Il delitto Matteotti, Il Mulino, Bologna, 1997, p. 313 ss.
  63. ^ Chiara Valentini, Matteotti? Uccidetelo a Vienna!, in: L'Espresso, 17 maggio 1996
  64. ^ a b c d Mimmo Franzinelli, Squadristi. Protagonisti e tecniche della violenza fascista 1919-1922 , Mondadori, Milano 2003, pp. 211-3.
  65. ^ " Art. 47: La Camera dei Deputati ha il diritto di accusare i Ministri del Re, e di tradurli dinanzi all'Alta Corte di Giustizia. "
  66. ^ Il discorso di Benito Mussolini alla Camera del 3 gennaio 1925 è udibile quasi integralmente nell'interpretazione dell'attore Mario Adorf nel film " Il delitto Matteotti " Archiviato il 6 luglio 2015 in Internet Archive . di Florestano Vancini del 1973 .
  67. ^ P. Lyttelton, 2003
  68. ^ F. Andriola, Mussolini, prassi politica e rivoluzione sociale , ed. fc
  69. ^ ibidem
  70. ^ Renzo De Felice, Mussolini il fascista tomo I, Einaudi
  71. ^ I veri capi d'imputazione dovevano essere: sequestro di persona , omicidio volontario con l'aggravante della premeditazione ed occultamento di cadavere .
  72. ^ Alexander J. De Grand Italian Fascism
  73. ^ Girolamo Arnaldi, Storia d'Italia: Dalla crisi del primo dopoguerra alla fondazione della Repubblica , UTET, Torino, 1959.
  74. ^ F. Andriola, Mussolini, prassi... , cit.
  75. ^ Marcello Staglieno, in: Storia illustrata , Milano, n.336, novembre 1985, pp. 54-61.
  76. ^ Renzo De Felice, Mussolini il fascista , op. cit., p. 601.
  77. ^ Renzo De Felice, Mussolini il fascista. La conquista del potere 1921-1925 , Einaudi 1966, p. 626.
  78. ^ Peter Tompkins, Dalle carte segrete del Duce , 2001, pag. 115
  79. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti, Il Mulino, Bologna, 1997, p. 503 ss.
  80. ^ Il Ponte, anno XLII, n.2, marzo-aprile 1986, pp. 76-93.
  81. ^ Mauro Canali. Il delitto Matteotti. Affarismo e politica nel primo governo Mussolini , Bologna, Il Mulino, 1997 (nuova ed. 2004).
  82. ^ Benito Li Vigni , Le guerre del petrolio , Editori Riuniti , 2004, ISBN 88-359-5462-2 , p. 177.
  83. ^ a b c Benito Li Vigni , Le guerre del petrolio , Editori Riuniti , 2004, ISBN 88-359-5462-2 , capitoli Affare Sinclair uno scandalo italiano , pp. 173ss., e Scandalo Sinclair e delitto Matteotti , pp. 183ss.
  84. ^ a b c Mario J. Cereghino e Giovanni Fasanella, Il golpe inglese. Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell'Italia , Milano: Chiarelettere, 2011.
  85. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti, Il Mulino, Bologna, 1997, p. 271 ss.
  86. ^ Le prime prospezioni geologiche in Libia finalizzate alla ricerca di petrolio, infatti, furono commissionate ad Ardito Desio solo nel 1936 , portando l'anno successivo ad un ritrovamento di tracce di olio durante la perforazione di un pozzo per acqua. Cfr: Franco di Cesare, Francesco Guidi, Ardito Desio , in "SPE Italian section Bulletin", 2004, n.3 online Archiviato il 21 novembre 2008 in Internet Archive .
  87. ^ La presenza di giacimenti di petrolio, rivelatisi enormi, in Libia venne rivelata pubblicamente dal governo nel 1939 . Floriano Bodini, Storia dell'Agip , allegati a "Il Gazzettino"
  88. ^ Giacomo Matteotti, Machiavelli, Mussolini and fascism , su "English Life" del luglio 1924, p. 87.
  89. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti, Il Mulino, Bologna, 1997, pp. 70 ss.
  90. ^ Mauro Canali, Il delitto Matteotti, Il Mulino, Bologna, 1997, pp. 287 ss.
  91. ^ Benito Mussolini, La situazione politica interna , in Atti parlamentari dei senatori. Discussioni. Legislatura XXVII. Ia Sessione 1924. Volume I. Tornate dal 24 maggio al 20 dicembre 1924, Tornata del 26 giugno 1924 , Roma, Tipografia del Senato, 1925, pp. 74-82, poi in Opera Omnia di Benito Mussolini , a cura di Edoardo e Duilio Susmel, XXI, Dal delitto Matteotti all'attentato Zaniboni (14 giugno 1924 – 4 novembre 1925) , Firenze, La Fenice, 1956, pp. 4-12.
  92. ^ Luigi Salvatorelli-Giovanni Mira, Storia d'Italia nel periodo fascista , I, Milano, Mondadori Oscar, 1972 (4ª ed.), p.376
  93. ^ Benedetto Croce, Pagine sparse , II, Napoli, Ricciardi, 1944, pp.376 segg. (cfr. anche: Renzo De Felice, Mussolini il fascista, I, La conquista del potere 1921-1925, p. 653; Marcello Staglieno, Don Benedetto e il fascismo , il Giornale , 20 novembre 1977,p.3; id., Quando Croce disse sì al Duce , il Nuovo , Milano, 16 ottobre 2001)
  94. ^ Guglielmo Salotti, Nicola Bombacci: un comunista a Salò , Mursia, 2008 pp. 206 e ss.
  95. ^ Bruno Gatta, Mussolini , Rusconi, Milano 1988, pag. 142.
  96. ^ R. De Felice, Mussolini il fascista (1921-1925) , vol. I, Torino, Einaudi, 1995, p.622.
  97. ^ DANILO VENERUSO, Il contrasto tra Mussolini e Matteotti sulla vita politica , Rivista di Studi Politici Internazionali, NUOVA SERIE, Vol. 81, No. 2 (322) (APRILE-GIUGNO 2014), pp. 231-243 evidenzia però il contrasto ideologico tra i due, risalente alle vicende del decennio precedente.
  98. ^ Enzo Sardellaro, Aldo Finzi e il delitto Matteotti, "Totale parziale giugno" , StoriaXXI secolo, pagina 10, il quale peraltro contesta recisamente questa lettura dimostrando come, da molti mesi, Matteotti fosse la punta di lancia della più pericolosa attività parlamentare antifascista.
  99. ^ ibidem, p. 600
  100. ^ ibidem, 617
  101. ^ Nei quali, ad ogni modo, l'esistenza di successivi depistaggi messi in atto da apparati alle dipendenze dell'Esecutivo è un fatto storicamente acclarato: "un depistaggio financo personale del Duce, quando ricevette la vedova di Giacomo Matteotti che chiedeva la verità sulla sparizione del marito" ( Valdo Spini , Giacomo Matteotti: “un eroe tutto prosa” , Patria indipendente, 15 giugno 2017 ).
  102. ^ De Ambris sarebbe stato accusato da Roberto Farinacci di essere uno dei massoni mandanti del delitto proprio per colpire Mussolini. Come riferisce De Felice (op.cit.), tuttavia, questa tesi è caduta nel vuoto.
  103. ^ Renzo De Felice, op. cit., pp. 597-618
  104. ^ Antonio Pitamiz Silvestri: L'ultimo amico di Mussolini in Storia Illustrata n.271, giugno 1980 p.13
  105. ^ Vedi Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive . i riferimenti al libro di Carlo Silvestri Matteotti, Mussolini e il dramma italiano pubblicato nel 1947 dall'editore Ruffolo.
  106. ^ Carlo Silvestri, Matteotti, Mussolini e il dramma italiano , Roma, Nicola Ruffolo editore, 1947.
    «Nel secondo processo sul delitto Matteotti la deposizione di Silvestri, le cui tesi assolutorie su Mussolini erano conformi a quanto scritto nel libro venne considerata del tutto inaffidabile e stralciata ai fini del giudizio. si veda: Mussolini e Hitler: la Repubblica sociale sotto il Terzo Reich di Monica Fioravanzo, pagg. 32-33» .
  107. ^ Matteo Matteotti nell'intervista: "Me lo confessò, piangente e pentito, Poveromo in persona nel carcere di Parma dov'ero andato a trovarlo nel gennaio 1951, poco prima della morte di lui"
  108. ^ Archivio Centrale dello Stato, Fondo della Polizia politica, busta n. 34 della Serie B, fascicolo Famiglia Matteotti
  109. ^ a b Matteotti fu ucciso perché scoprì le mazzette di Mussolini Archiviato il 29 maggio 2008 in Internet Archive .
  110. ^ Egli rimase in carica fino alla primavera del 1922, epoca in cui rassegnò le dimissioni. Cfr. Archivio di Stato di Genova, Prefettura di Genova, Sala 21, Pacco n. 283, Elezioni Comunali del 1920; Comune di Stella, Atti dei Consigli Comunali del 1920-22
  111. ^ Cfr. Giuliano Vassalli e Massimo Severo Giannini , Quando liberammo Pertini e Saragat dal carcere nazista Archiviato il 17 agosto 2016 in Internet Archive ., in Patria Indipendente , pubblicazione ANPI del 20 aprile 2008, pagg.44-45
  112. ^ Cfr. Davide Conti (a cura di), Le brigate Matteotti a Roma e nel Lazio , Roma, Edizioni Odradek, 2006, ISBN 88-86973-75-6 . - Vedi anche Recensione del libro di Avio Clementi Archiviato il 27 settembre 2013 in Internet Archive ., in Patria Indipendente , pubblicazione ANPI del 23 marzo 2008, pagg.42-43
  113. ^ cfr. Vico Faggi (a cura di), Sandro Pertini: sei condanne, due evasioni , Mondadori, Milano, 1978.
  114. ^ Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna: Il Fascismo e le sue guerre , Feltrinelli, 2002.
  115. ^ Legge 20 dicembre 2017, n. 2013 , su normattiva.it ( archiviato il 30 gennaio 2018) .
  116. ^Casa museo Giacomo Matteotti, Fratta Polesine (RO) , su unife.it , Università degli Studi di Ferrara . URL consultato il 6 maggio 2018 ( archiviato il 6 maggio 2018) .
  117. ^ È possibile ascoltare " Povero Matteotti " su Youtube, sia nella versione cantata da Ivan Della Mea Archiviato il 4 febbraio 2017 in Internet Archive ., sia in quella cantata dal Canzoniere delle Lame di Bologna Archiviato il 4 febbraio 2017 in Internet Archive .
  118. ^ Fonte: ildeposito.org Archiviato il 2 gennaio 2014 in Internet Archive .
  119. ^ È possibile ascoltare il " Canto di Matteotti " su Youtube Archiviato il 4 febbraio 2017 in Internet Archive .
  120. ^ La vignetta del " Becco giallo " sul sito www.ossimoro.it Archiviato il 25 settembre 2013 in Internet Archive .

Bibliografia

  • Luigi Cyaheled , Matteotti è vivente , Napoli, Casa Editrice Vedova Ceccoli & Figli, 1924. IT\ICCU\CUB\0224421.
  • Carlo Silvestri , Matteotti, Mussolini e il dramma italiano , Roma, Ruffolo, 1947.
  • Renzo De Felice , Mussolini il fascista , I, La conquista del potere. 1921-1925 , Torino, Einaudi, 1966.
  • Giuseppe Rossini, Il delitto Matteotti fra il Viminale e l'Aventino , Bologna, Il Mulino, 1968.
  • Antonio G. Casanova , Matteotti. Una vita per il socialismo , Milano, Bompiani, 1974.
  • Adrian Lyttelton , La conquista del potere. Il fascismo dal 1919 al 1929 , Roma-Bari, Laterza, 1974.
  • Ives Bizzi , Da Matteotti a Villamarzana. 30 anni di lotte nel Polesine (1915-1945) , Treviso, Giacobino, 1975.
  • Carlo Silvestri , Matteotti, Mussolini e il dramma italiano , Milano, Cavallotti editore, 1981.
  • Alexander J. De Grand , Breve storia del fascismo , Roma-Bari, Laterza, 1983.
  • Matteo Matteotti , Quei vent'anni. Dal fascismo all'Italia che cambia , Milano, Rusconi, 1985.
  • Fabio Andriola , Mussolini. Prassi politica e rivoluzione sociale , Sl, FUAN, 1990.
  • Stefano Caretti , Matteotti. Il mito , Pisa, Nistri-Lischi, 1994. ISBN 88-88546-28-6 .
  • Mauro Canali , Il delitto Matteotti. Affarismo e politica nel primo governo Mussolini , Bologna, Il Mulino, 1997. ISBN 88-15-05709-9 .
  • Mauro Canali , Il delitto Matteotti , Bologna, Il Mulino, 2004. ISBN 88-15-09729-5 .
  • Mauro Canali , Cesare Rossi. Da rivoluzionario a eminenza grigia del fascismo , Bologna, Il Mulino, 1991.
  • Mario Quaranta (a cura di), Giacomo Matteotti: La vita per la democrazia , Rovigo, Associazione culturale Minelliana, 1993.
  • Mauro Canali , Documenti inediti sul delitto Matteotti. Il memoriale Rossi del 1927 e il carteggio Modigliani-Salvemini , in "Storia contemporanea", n.4, agosto 1994, p. 601 ss.
  • E. Orlando, Il dossier Matteotti , Mursia, Milano ISBN 978-88-425-1616-3 .
  • Aldo Parini , La vita di Giacomo Matteotti. Manoscritto inedito conservato presso il Centro studi Piero Gobetti di Torino , Rovigo, Associazione culturale Minelliana, 1998.
  • Valentino Zaghi , Giacomo Matteotti , Sommacampagna, Cierre, 2001. ISBN 88-8314-110-5 .
  • Marcello Staglieno , Arnaldo e Benito. Due fratelli , Milano, Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51264-4 .
  • Matteo Monaco (a cura di), Omaggio a Matteotti nell'ottantesimo anniversario della morte (1924-2004) . Roma, Ulisse, 2005. 247 p., 21 cm - con guida bibliografica - ISBN 88-88892-32-X .
  • Stefano Caretti, Il delitto Matteotti tra storia e memoria , Manduria-Bari-Roma, Lacaita Editore, 2004. ISBN 88-88546-28-6 .
  • Nunzio Dell'Erba , Matteotti: azione politica e pensiero giuridico , in "Patria indipendente", 28 maggio 2004, a. LIII, nn. 4-5, pp. 21–23.
  • Stanislao G. Pugliese , Fascism, Anti-fascism, and the Resistance in Italy: 1919 to the Present , Rowman & Littlefield, 2004. ISBN 0-7425-3123-6 .
  • Gianpaolo Romanato , Un italiano diverso. Giacomo Matteotti , Milano, Longanesi, 2010.
  • Giovanni Borgognone , Come nasce una dittatura. L'Italia del delitto Matteotti , Bari, Laterza, 2012. ISBN 978-88-420-9833-1 .
  • Studi polesani. Nuova serie. Vol.5 , Rovigo, Associazione culturale Minelliana, 2012. ISBN 978-88-6566-013-3 .
  • Valentino Zaghi , Nella terra di Matteotti. Storia sociale del Polesine tra le due guerre mondiali , Rovigo, Associazione culturale Minelliana, 2014. ISBN 978-88-6566-052-2 .
  • Lino Rossi, La tradizione scolastica socialista e la posizione di G. Matteotti , in M. Quaranta (a cura di), Una vita per la democrazia , Rovigo: La Minelliana, 1993, pp. 79–8.
  • Maricla Boggio, Matteotti, l'ultimo discorso (opera teatrale), rappresentato a Roma nella Sala Consiliare del Campidoglio il 26/11/2004. Testo teatrale pubblicato dalla rivista teatrale "RIDOTTO".

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 9862153 · ISNI ( EN ) 0000 0000 8088 5283 · SBN IT\ICCU\CFIV\022414 · LCCN ( EN ) n79120220 · GND ( DE ) 119217570 · BNF ( FR ) cb120305562 (data) · BNE ( ES ) XX1609124 (data) · NLA ( EN ) 35334978 · BAV ( EN ) 495/213534 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79120220