Giorgio Napolitano

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Giorgio Napolitano
President Napolitano.jpg
Retrat oficial del president de la República Giorgio Napolitano

11è president de la República italiana
Durada del càrrec 15 de maig de 2006 [1] -
14 de gener de 2015
Cap de govern Romano Prodi
Silvio Berlusconi
Mario Monti
Enrico Letta
Matteo Renzi
Predecessor Carlo Azeglio Ciampi
Successor Sergio Mattarella

President de la Cambra de Diputats
Durada del càrrec 3 de juny de 1992 -
14 d’abril de 1994
Predecessor Oscar Luigi Scalfaro
Successor Irene Pivetti

Ministre de l’Interior
Durada del càrrec 18 de maig de 1996 -
21 d’octubre de 1998
Cap de govern Romano Prodi
Predecessor Giovanni Rinaldo Coronas
Successor Rosa Russo Iervolino

Ministre de Coordinació de Protecció Civil
Durada del càrrec 18 de maig de 1996 -
21 d’octubre de 1998
Cap de govern Romano Prodi
Predecessor Franco Barberi
Successor Rosa Russo Iervolino

Diputat de la República Italiana
Durada del càrrec 25 de juny de 1953 -
8 de maig de 1996
Legislatures II , III , V , VI , VII , VIII , IX , X , XI , XII
Grup
parlamentari
PCI (II-X)
PDS (XI-XII)
Coalició Aliança de Progressistes (XII)
Universitat Nàpols
Web institucional

Eurodiputada
Legislatures III (fins al 10/06/1992), V
Grup
parlamentari
GUE (III)
S&D (V)
Districte sud d’Itàlia
Web institucional

Senador vitalici de la República italiana
A càrrec
Inici del mandat 14 de gener de 2015
Legislatures XVII , XVIII
Grup
parlamentari
Per autonomies - PSI - MAIE (XVII)
Per autonomies (XVIII)
Escriu cita Nomenament de dret per a un president emèrit de la República italiana

Durada del càrrec 23 de setembre de 2005 -
15 de maig de 2006
Legislatures XIV , XV
Grup
parlamentari
Demòcrates d'esquerra - L'Ulivo (XIV)
L'olivera (XV)
Escriu cita Nomenament presidencial de Carlo Azeglio Ciampi
Web institucional

Dades generals
Festa Independent (des del 2006)
Anterior :
PCI (1945-1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2006)
Qualificació Educacional Llicenciat en dret, doctor honoris causa en dret ( Oxford )
Universitat Universitat de Nàpols "Federico II"
Professió Funcionari del partit
Signatura Signatura de Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano ( Nàpols , 29 de juny de 1925 ) és un polític italià , president emèrit de la República italiana . Va ser l’onzè president de la República italiana del 15 de maig de 2006 al 14 de gener de 2015 , el primer a ser elegit per un segon mandat.

Anteriorment va ser president de la cambra a la XI legislatura (prenent el relleu d' Oscar Luigi Scalfaro , que havia ascendit al Quirinale el 1992) i ministre de l'Interior al govern Prodi I , a més de diputat gairebé permanentment de 1953 a 1996 , Eurodiputat del 1989 al 1992 i, de nou, del 1999 al 2004, i senador vitalici des del 2005 (nomenat per Carlo Azeglio Ciampi ) fins a la seva elecció al primer càrrec de la República .

Va ser l'únic cap d'Estat que va ser membre del Partit Comunista Italià , el tercer napolità després de De Nicola i Leone . El 20 d'abril de 2013 va ser reelegit a la presidència, convertint-se en el primer president de la República italiana a ser convocat per a un segon mandat [2] , així com el més antic en el moment de les eleccions de la història republicana . També va ser el cap d'estat més antic d' Europa i el tercer del món, només el van precedir el president de la República de Zimbabwe, Robert Mugabe, i el rei Abd Allah, d'Aràbia Saudita . [3]

Com a cap d’estat, va nomenar cinc presidents del Consell de Ministres : Romano Prodi ( 2006 - 2008 ), Silvio Berlusconi ( 2008 - 2011 ), Mario Monti ( 2011 - 2013 ), Enrico Letta ( 2013 - 2014 ) i Matteo Renzi ( 2014 - 2016 ); cinc jutges del Tribunal Constitucional ( Paolo Grossi el 2009, Marta Cartabia el 2011, Giuliano Amato el 2013, finalment Daria de Pretis i Nicolò Zanon el 2014); cinc senadors de per vida (el mateix Mario Monti el 9 de novembre de 2011, Renzo Piano , Carlo Rubbia , Elena Cattaneo i Claudio Abbado el 30 d'agost de 2013).

Com a president emèrit de la República , té dret al càrrec de senador vitalici .

Biografia

Joventut i militància al Partit Comunista

Va néixer a Nàpols de Giovanni (1883-1955), advocat , poeta i assagista liberal , originari de Gallo di Comiziano , i de Carolina Bobbio, filla de nobles napolitans d’origen piemontès . [4] Del 1938 al 1941 va estudiar alLiceo Classico Umberto I de Nàpols , on va cursar quart i cinquè institut i després va saltar al segon institut (eren els anys de la guerra ). Al desembre següent es va traslladar amb la seva família a Pàdua i allí es va graduar a l’institut clàssic Tito Livio. [5] El 1942 es va inscriure a la facultat de dret de la Universitat Federico II de Nàpols.

Durant aquells anys es va unir a la GUF de Nàpols, col·laborant amb el setmanari IX Maggio on va celebrar una columna de crítica teatral. En aquest període, però, es forma el grup històric d’amics de Napolitano que, tot i que oficialment milita pel feixisme, mira les perspectives de l’antifeixisme . El jove napolità, apassionat de la literatura i el teatre (interès cultivat entre els bancs de l’institut clàssic Umberto I de Nàpols, amb amics com Francesco Rosi , Giuseppe Patroni Griffi , Antonio Ghirelli , Raffaele La Capria , Luigi Compagnone ), també va fer el seu debut com a actor en un parell de petites parts en companyia del GUF al Teatro degli Illusi del Palazzo Nobili.

El 1944 va entrar en contacte amb el grup de comunistes napolitans com Mario Palermo i italo-tunisians com Maurizio Valenzi , que va preparar l'arribada a Nàpols de Palmiro Togliatti . L'any següent Napolitano s'uneix al Partit Comunista Italià , del qual és secretari federal a Nàpols i Caserta . Dos anys més tard, el 1947, es va llicenciar en dret amb una tesi sobre economia política titulada: La manca de desenvolupament industrial del sud després de la unificació i la llei especial per a Nàpols el 1904 .

Napolitano el 1953

Elegit diputat el 1953 -i posteriorment sempre reconfirmat (excepte en la quarta legislatura ) al districte de Nàpols, fins al 1996-, va passar a ser cap de la comissió sud del Comitè Central del PCI, del qual havia estat membre a partir de el VIII Congrés (1956), gràcies al suport que Togliatti havia donat en aquell moment, a ell i a altres joves, amb vista a crear un nou i més heterogeni lideratge central.

Aquell any, entre octubre i novembre, la Unió Soviètica va consumir la repressió de les revoltes hongareses , que la direcció del PCI va condemnar com a contrarevolucionàries ( la Unitat fins i tot va arribar a definir els obrers insurgents com a "hooligans" i " Provocadors menyspreables "). Aproximadament un mes després dels esdeveniments de la Revolució Hongaresa de 1956, durant el VIII Congrés del PCI celebrat a Roma del 8 al 14 de desembre de 1956, Napolitano també, en harmonia amb la línia dictada pel secretari del PCI Palmiro Togliatti, elogia la intervenció soviètica criticant les posicions d’Antonio Giolitti i declarant:

"El company Giolitti (...) ens va dir llavors que la intervenció soviètica només es podia justificar en termes de la política dels blocs oposats, gairebé deixant-nos entendre (...) que la intervenció soviètica només es justifica des del punt de vista militar i necessitats estratègiques de la Unió Soviètica; sense veure com, en el context de l’agreujada situació internacional, del perill no només de tornar a la guerra freda, sinó del desencadenament d’una guerra calenta, la intervenció soviètica a Hongria, evitant que es creés un centre de provocacions al cor de Europa i permetre que l'URSS intervingui de manera decidida i contundent per aturar l'agressió imperialista a l'Orient Mitjà, ha contribuït, a més d'evitar que Hongria caigui en el caos i la contrarevolució, ha contribuït decisivament, no només a defensar els interessos militars i estratègics. forces de l'URSS, però per salvar la pau al món ». [6]

De fet, en comparació amb aquells que, en aquell període, van afirmar que la d’ Hongria s’ha de considerar una revolució legítima i que en el comunisme s’han de desenvolupar les perspectives d’una obertura democràtica, [7] el treball de Napolitano es manté –com es va admetre llavors a la seva autobiografia política Del PCI al socialisme europeu - a nivell de "greu turment autocrític" respecte a aquesta posició. Posteriorment, il·lustra el seu propi camí polític –que va seguir la línia de Giorgio Amendola , que hauria contribuït a la primera evolució del partit, [8] del qual Napolitano sempre es considerarà alumne–, declarant que "la meva història" no ha "va continuar igual fins al punt de partida, però» ha «passat per evolucions decisives de la realitat internacional i nacional i per revisions personals, profundes i declarades». [9]

Tasques al partit

Napolitano amb Nicolae Ceaușescu el 1974, durant els anys de la seva activitat a l'estranger per compte del PCI

Entre 1960 i 1962 va estar al capdavant de la secció de treball de masses. Posteriorment, del 1963 al 1966 fou secretari de la federació comunista de Nàpols .

En l'enfrontament intern després de la mort de Palmiro Togliatti el 1964, Napolitano és un dels exponents moderats més importants, que forma part del corrent del partit més atent al partit socialista italià (que, trencant l'anomenat "front popular"), entrarà al govern amb Democràcia Cristiana ) en oposició al més vinculat al clima de rebel·lió anterior al 1968 .

Després d’incorporar-se, a partir del 10è Congrés, a la direcció nacional del partit, del 1966 al 1969 es va convertir en coordinador de la secretaria i de l’oficina política del PCI. El 1966 va ocupar el càrrec no oficial de vicesecretari del partit amb Luigi Longo , fins que dos anys després el càrrec va ser confiat a Enrico Berlinguer .

Napolitano el 1975 a la Festa de l'Unità de Milà

Entre 1969 i 1975, es va ocupar principalment dels problemes de la vida cultural del país, com a cap de la política cultural dels comunistes italians; el seu llibre Entrevista en PCI amb Eric Hobsbawm té força èxit, amb traduccions a més de deu països. Durant el període de "solidaritat nacional" (1976-79) va ser la portaveu del partit en les relacions amb el govern Andreotti, en qüestions d'economia i sindicat.

Als anys setanta va desenvolupar una gran activitat a l'estranger, donant conferències als instituts de política internacional del Regne Unit, a Alemanya - on va contribuir a l'enfrontament amb la socialdemocràcia europea, especialment amb l' Ostpolitik de Willy Brandt - i, època inusual per a un polític italià, a les universitats nord-americanes: el 1978 va ser el primer líder del partit comunista italià a rebre un visat per viatjar als Estats Units d’Amèrica , [10] on celebrarà conferències i reunions importants a Aspen , Colorado i tota la Universitat de Harvard ; la invitació oficial, en la seva capacitat política, va arribar només uns deu anys després, també gràcies a l’interès de Giulio Andreotti , i també va donar lloc a un nou cicle de conferències a les més prestigioses universitats americanes (Harvard, Yale, Chicago, Berkeley, Johns Hopkins-SAIS i CSIS de Washington). Del 1976 al 1979 també va ser responsable de la política econòmica del partit.

Transició cap a la socialdemocràcia europea

Napolitano va ser un dels exponents històrics del corrent "dret" del PCI, nascut cap a finals dels anys seixanta i inspirat en els valors del socialisme democràtic , arran de la tradició marcada per Giorgio Amendola . En els anys de major conflicte intern, el corrent napolità és anomenat pels seus oponents " millor ", un nom encunyat també amb un cert significat despectiu referit a una acció política que serviria per millorar les condicions de vida de la classe treballadora sense revolucionar estructuralment capitalisme .

D'Amendola hereta l'orientació reformista del líder de l'ala moderada del PCI, continuant en la batalla per fer créixer l' europeisme del PCI fins al candidat Altiero Spinelli al Parlament Europeu; no obstant això, va aconseguir distanciar-se més de la Unió Soviètica condemnant la invasió d'Afganistan (justificada, en canvi, per Amendola). Les seves fermes crítiques a la URSS han estat acceptades per la majoria del partit.

Napolitano als anys 70 , juntament amb Enrico Berlinguer

L'altra figura política amb què Napolitano s'enfronta al PCI és Enrico Berlinguer , a qui considera part del camí cap a "superar les contradiccions bàsiques entre el PCI en la seva evolució i el comunisme com a ideologia i com a sistema". Al seu costat, en l'experiència de la "solidaritat nacional", critica més tard les opcions de consolidació del partit en les seves posicions. Napolitano es va convertir en un dels principals exponents de l'oposició interna a Berlinguer (per exemple, va intervenir contra el secretari a la direcció del 5 de febrer de 1981 dedicada a les relacions amb el partit socialista italià ) i el va criticar públicament a la Unitat per la forma en què havia posat la "qüestió moral i l'orgullosa reafirmació de la nostra diversitat". [11] En un famós article publicat per la Unitat aquell estiu, Napolitano adverteix Berlinguer dels perills del sectarisme i l’aïllament parlamentari cap als quals, segons ell, el PCI s’arrisca a arrossegar-se amb l’únic propòsit de superar els “camins familiars” de la lluita de classes. .

Napolitano també treballa per mantenir oberta la possibilitat d'una comparació i una possible convergència amb l'ISP. Intenta mantenir vius contactes amb el socialisme europeu i italià, fins i tot en els anys de la dura confrontació en l’escena política nacional entre comunistes i socialistes (i entre els seus respectius líders, Enrico Berlinguer i Bettino Craxi ), que va assolir el seu apogeu el 1985 amb la diferent posició de les dues parts respecte al referèndum abrogatiu sobre l'anomenada " escala mecànica ".

Napolitano a Roma el 25 d'octubre de 1986, amb Stefano Rodotà , Mario Capanna i Luciano Lama , a la manifestació pel desarmament

El mateix any va afirmar que el reformisme europeu és "el punt d'arribada del PCI". Des del 1986 dirigeix ​​la comissió de política exterior i relacions internacionals del partit. En aquells anys, dins del partit, la línia de solidaritat "plena i lleial" de Napolitano amb els Estats Units d'Amèrica i l' OTAN va prevaler en la política exterior; Henry Kissinger va declarar més tard que Napolitano era el seu comunista favorit ("el meu comunista favorit"). [12] Del 1981 al 1986 (durant les VIII i IX legislatures ) va ser president del grup de diputats del PCI a la Cambra de Diputats i, del 1989 al 1992, membre del Parlament Europeu .

Giorgio Napolitano amb Giancarlo Pajetta a Roma piazza del Popolo per a la manifestació del PCI contra la flota dels Estats Units a Oman el 17 d'octubre de 1987

En morir Enrico Berlinguer, Napolitano es troba entre els possibles successors de la secretaria del partit; no obstant això, és preferit Alessandro Natta . El juliol de 1989 va ser ministre d'Afers Exteriors al govern a l'ombra del PCI , del qual va dimitir després del congrés de Rimini , en què es va declarar favorable a la transformació en el Partit Democràtic d'Esquerra . En una entrevista concedida el 6 de març de 1992, va reiterar: "ens caracteritza l'antiga convicció que el PCI tardava a transformar-se en un partit socialista democràtic d'estil europeu". Mentrestant, el 1991, en plena guerra del Golf , va fer un viatge històric a Israel , recuperant les posicions del partit comunista italià cap a una major atenció a les demandes de la comunitat jueva.

De president de la cambra a senador vitalici

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Elecció del president de la cambra de 1992 (segona) .
Giorgio Napolitano a principis dels noranta

El 1992 va ser elegit president de la Cambra de Diputats (prenent el relleu d' Oscar Luigi Scalfaro , que va esdevenir president de la República italiana ). Va ser la "legislatura de Tangentopoli " i la seva presidència es va convertir en un dels fronts de la relació entre el poder judicial i la política ; dos episodis són significatius de la manera com Napolitano va guanyar la comoditat de l'opinió pública , que en aquell moment era particularment propensa a desconfiar de les autoritats públiques.

El 2 de febrer de 1993 a l'entrada posterior del Palazzo Montecitorio va aparèixer un oficial de la Guardia di Finanza amb una ordre de presentació de documents: feia referència als originals dels estats financers dels partits polítics (també publicat al Butlletí Oficial ) útil per al magistrat fiscal, Gherardo Colombo, de la Fiscalia de Milà , per verificar si algunes aportacions a polítics investigats s’havien declarat al pressupost, d’acord amb el que estableix la llei sobre finançament públic de les parts . El secretari general de la Cambra, per indicació del president, va oposar-se a l'oficial la immunitat de la seu, que és la garantia de les Cambres que la força pública no hi pot accedir, tret de l'autorització del seu president. Els dies següents, tots els partits polítics i tots els principals òrgans de premsa van donar suport a l'elecció del president Napolitano.

El segon episodi es va produir immediatament després de la sessió del 29 d'abril de 1993, en què algunes de les peticions d' autorització per procedir contra Bettino Craxi van ser rebutjades per la Cambra per votació secreta. El president Napolitano va convocar el Consell per al Reglament el 6 de maig següent i va ordenar que les resolucions de la Cambra sobre les autoritzacions per procedir es votessin de manera oberta per al futur (mantenint l’ús del vot secret només per ser objecte de detenció o privació de llibertat personal ). Innovant així la pràctica parlamentària centenària, la Presidència de la Cambra i la del Senat, encapçalada per Giovanni Spadolini , que va adoptar una resolució similar la mateixa data, van impedir que les propostes d’atorgament de l’autorització sol·licitada pel poder judicial fossin secretes. rebutjat de l'urna, del que s'havia canviat com a " Parlament dels investigats".

En el maneig de la part política de l'assumpte Tangentòpolis - tot i haver pronunciat un discurs decisiu en la memòria de l'diputat suïcida Moroni - la seva ruptura amb el líder socialista Craxi va tenir lloc: ell va triar no donar seguiment a les queixes d'aquests contra el president de la Giunta delle Autoritzacions de la Cambra, l’honorable Gaetano Vairo, que va provocar una ràbia reacció general. En el procés de Cusani , el 17 de desembre de 1993, Craxi va afirmar: "Com podem creure que el president de la cambra, l’honorable Giorgio Napolitano, que va ser ministre d’Exteriors del PCI durant molts anys i que tingués relacions amb tota la nomenklatura comunista de la Est començant per la soviètica, no s’havia adonat mai del gran trànsit que hi havia sota ell, entre els diversos representants i administradors del PCI i els països de l’Est? No ho heu notat mai? "; [11] segons la sentència sobre suborns per al metro de Milà, Luigi Majno Carnevale va ser l'encarregat de retirar la quota a causa del partit comunista i de transferir-les, en particular, a l'anomenat "millor corrent" que "nacionalment [ ...] encapçalat per Giorgio Napolitano ». [11]

Giorgio Napolitano el 1994

El 1994, tornant als bancs parlamentaris després d'haver estat president de la cambra, el PDS va rebre les instruccions de pronunciar la declaració de vot sobre la confiança del govern Berlusconi I. Al final del discurs, Silvio Berlusconi el va felicitar pel seu desig "d'una línia de confrontació no destructiva entre la majoria i l'oposició". Es tracta d’una relació que va romandre a les files durant tres dècades, fins a la crisi institucional del cas Englaro al febrer del 2009.

Més tard, Romano Prodi el va triar com a ministre de l'Interior del seu govern el 1996. Com a primer antic comunista que va ocupar el càrrec més alt del Ministeri de l' Interior , proposa amb Livia Turkish [13] el que esdevindrà el juliol de 1998, la llei turca. Napolitano , establint centres de detenció temporal per a immigrants il·legals . Mentre ocupa aquest càrrec, és molt criticat per no haver implementat una vigilància adequada i oportuna de Licio Gelli , que va fugir a l'estranger (després d'haver fugit de la presó el 1983) el 28 d'abril de 1998, el mateix dia que es va dictar la sentència final. divulgat, per desviació i matança per part del Tribunal Suprem ; per aquests fets, el director de MicroMega , Paolo Flores d'Arcais , demana la seva dimissió. Per tant, part de l'oposició presentarà una moció de censura contra ell i l'aleshores ministre de Justícia Giovanni Maria Flick que serà rebutjada amb 46 sí i 310 no el 29 de maig de 1998. [14]

Després de la caiguda de l’executiu dirigit per Prodi, va tornar a ser eurodiputat del 1999 al 2004 a les files dels demòcrates d’esquerra , ocupant també el càrrec de president de la Comissió d’Afers Constitucionals, una de les més influents del Parlament Europeu . El 23 de setembre de 2005, juntament amb Sergio Pininfarina , va ser nomenat senador vitalici pel president de la República Carlo Azeglio Ciampi .

President de la República Italiana

Primer trimestre

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: elecció del president de la República italiana el 2006 .
Giorgio Napolitano pren el relleu de Carlo Azeglio Ciampi com a president de la República Italiana
El president Napolitano el 2008, a la desfilada del Dia de la República Italiana

El 10 de maig de 2006, en la quarta votació, va ser elegit onzè president de la República Italiana , amb 543 vots dels 990 votants dels 1009 titulars. Jura assumint oficialment el càrrec el 15 de maig (després de la dimissió anticipada de Ciampi). És el primer exponent polític del PCI a convertir-se en president de la República, així com el primer d’un grup parlamentari (en aquest cas, L’Ulivo ) després de la caiguda de l’anomenada Primera República . Entre els seus primers actes, la concessió del perdó a Ovidio Bompressi , en continuïtat amb les determinacions del seu predecessor Carlo Azeglio Ciampi.

El 9 de juliol va estar present, juntament amb la ministra Giovanna Melandri , a l' Olympiastadion de Berlín durant l'últim partit del campionat mundial de futbol , on Itàlia va guanyar el seu quart títol mundial: abans, aquest honor només havia estat degut a Sandro Pertini durant el Final de 1982 .

En la seva condició de president del Consell Superior del Poder Judicial , Napolitano va prendre una sèrie d’iniciatives envers el poder judicial: a la primavera del 2007 va demanar al CSM informació relativa a l’expedient personal de Henry John Woodcock , el fiscal que investigava Vittorio Emanuele di Savoia , [15] mentre a la tardor del 2008 va demanar reiteradament la resolució de la "guerra entre els fiscals" de Salern i Catanzaro sobre les investigacions relatives a la invocació de les investigacions pel primer ministre Luigi de Magistris .

També el 2008, enmig de la polèmica per les fortes protestes, per part dels exponents dels centres socials i de l’ esquerra , en presència d’ Israel a la Fira Internacional del Llibre de Torí (una nació convidada al seixantè aniversari de la seva creació però, a diferència de Salonāriq Ramaḍān critica la visita anunciada de Napolitano a l’esdeveniment: el Salon du Livre de París que havia fet una tria similar, sense donar espai als escriptors palestins ): segons l’escriptor suís, la seva presència hauria donat una importància política a la invitació de l’Estat del Pròxim Orient i el mateix Napolitano hauria equiparat les crítiques a Israel amb l’antisemitisme ; en resposta a això, es va emetre una nota del Quirinale. [16] [17]

Napolitano col presidente degli Stati Uniti Barack Obama al Palazzo del Quirinale , nel luglio del 2009

Il 14 novembre 2009 gli è stata conferita una laurea honoris causa in politiche e istituzioni dell'Europa dall' Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" . Il 6 maggio 2010 Napolitano ha poi dato avvio alle celebrazioni per il 150ºanniversario dell'Unità d'Italia . [18]

Il 20 settembre successivo ha ricevuto in Campidoglio la prima cittadinanza onoraria di Roma Capitale . [19] Il 7 gennaio 2011, come primo atto del nuovo anno nonché nell'ambito delle celebrazioni per il centocinquantennale dell'unità nazionale, si è recato in visita prima a Reggio nell'Emilia per commemorare l'adozione del Tricolore avvenuta, proprio il 7 gennaio del 1797 , nella città emiliana, poi a Forlì per ricordare la figura del patriota mazziniano Aurelio Saffi . Il 17 marzo 2012 è intervenuto all'incontro, organizzato presso il Quirinale, avente a tema, in quanto relativo momento di chiusura, "Bilancio e significato delle celebrazioni per il 150º anniversario dell'Unità d'Italia"; in tale occasione, tra l'altro, ha consegnato uno speciale riconoscimento, per il contributo storico al Risorgimento e per l'impegno nelle celebrazioni stesse, a dieci città ( Bergamo , Firenze , Forlì, Genova , Marsala , Pontelandolfo , Reggio nell'Emilia, Rionero in Vulture , Roma e Torino ) in rappresentanza di tutto il Paese. [20]

Il 29 giugno, in occasione della sua visita ufficiale in Regno Unito , ha ricevuto un dottorato honoris causa in diritto dall' Università di Oxford .

Tra i suoi atti informali, Napolitano ha invitato al Quirinale gli "azzurri" della nazionale di calcio reduci dai campionati europei del 2012 , elogiandoli per i loro «risultati straordinari» ed esprimendo il suo riconoscimento essendoci stati «molti momenti difficili alle spalle». [21]

La scadenza naturale del primo mandato avrebbe dovuto essere il 15 maggio 2013, accorciata al 22 aprile dello stesso anno con il giuramento del secondo mandato.

Gestione delle crisi di governo
Il presidente Giorgio Napolitano pronuncia il messaggio di fine anno agli italiani nel 2008
Giorgio Napolitano al termine delle consultazioni del 7 maggio 2008

Dal 21 febbraio 2007 si trova a dover gestire la prima crisi di governo da quando è salito al Colle , causata dalle dimissioni del premier Romano Prodi , in seguito al voto contrario del Senato alla relazione sulla politica estera del suo esecutivo ; dopo tre giorni, rinvia il governo alle Camere per la fiducia.

Il 24 gennaio 2008 riceve nuovamente le dimissioni di Prodi, in seguito al mancato voto di fiducia al governo maturato in Senato (in seguito all'abbandono della maggioranza da parte dell' UDEUR di Clemente Mastella e alle defezioni di Dini, Bordon, Rossi e Turigliatto). Avvia le consultazioni con le forze politiche per la ricomposizione della crisi di governo e, propenso a scongiurare le elezioni anticipate (pure richieste dalla maggioranza delle forze parlamentari) ma consapevole della difficoltà di creare un nuovo esecutivo con maggioranza stabile, il 30 gennaio conferisce al presidente del Senato Franco Marini un mandato esplorativo finalizzato a trovare un consenso tra le forze politiche su una riforma della legge elettorale e su un governo che assuma le decisioni più urgenti; il tentativo fallisce e, il 4 febbraio, Marini rimette il mandato ricevuto. Due giorni dopo, il Capo dello Stato firma il decreto di scioglimento delle Camere, chiudendo a ventidue mesi dal suo insediamento la XV Legislatura , la seconda più breve della storia della Repubblica (dopo l' XI Legislatura dove fu Presidente della Camera).

L'8 novembre 2011, giorno in cui il governo Berlusconi IV verifica di non avere più una maggioranza parlamentare alla Camera e si verificano intensi attacchi speculativi ai titoli di Stato , Napolitano si accorda con Berlusconi perché si addivenga alle dimissioni del suo governo non appena sia concluso l'iter di approvazione delle leggi di bilancio . Il giorno successivo, Napolitano nomina Mario Monti senatore a vita, mossa interpretata dai commentatori e dai mercati finanziari come l'indicazione di un probabile successivo incarico al ruolo di Presidente del consiglio; [22] [23] infatti il 12 novembre, dopo l'approvazione e la promulgazione della manovra di stabilità , Napolitano accoglie le dimissioni di Berlusconi e affida proprio a Monti l'incarico per la formazione di un nuovo esecutivo . Proprio nella fase di formazione di questo governo, il ruolo del Capo dello Stato è stato rilevato come di primario impulso alla riuscita dell'incarico [24] tanto che, in un editoriale del 2 dicembre 2011, il New York Times attribuisce al presidente Napolitano il soprannome di "Re Giorgio", [25] con un chiaro riferimento a re Giorgio VI del Regno Unito , per la sua «maestosa» difesa delle istituzioni democratiche italiane anche al di là delle strette prerogative presidenziali e per il ruolo da lui svolto nel passaggio dal governo di Silvio Berlusconi a quello di Mario Monti . [26] Nella fine di dicembre il settimanale l'Espresso ha nominato il 2011 "l'anno di Napolitano" e, di conseguenza, lui stesso "uomo dell'anno". [27] Da diverse parti, tuttavia, sono provenute critiche nei confronti del modus operandi del Presidente, accusato di aver eccessivamente esteso i margini operativi del suo mandato e di aver fatto prevalere in maniera forzosa i suoi giudizi di merito sull'ordinaria vita politica del Paese e il dettato costituzionale, creando un precedente rischioso [28] .

Nella fase di formazione del nuovo governo, successiva alle elezioni politiche del 2013 , il 22 marzo ha affidato a Pier Luigi Bersani un incarico per «verificare l'esistenza di un sostegno parlamentare certo» nella formazione di un esecutivo nel minor tempo possibile. Seguendo le richieste del presidente, Bersani ha dato inizio a un lungo giro di consultazioni comprendenti sia le parti sociali che politiche al termine delle quali, il 28 marzo, ha riferito al Quirinale l'esito infruttuoso delle stesse.

Nomine presidenziali
I presidenti della Camera Laura Boldrini e del Senato Pietro Grasso , assieme a Napolitano, per la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate del 2013
Governi
Giudici della Corte costituzionale
Senatori a vita

Secondo mandato

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2013 .
Napolitano nel febbraio del 2014 al Parlamento europeo di Strasburgo , applaudito da Martin Schulz

Il 20 aprile 2013, visto lo stallo successivo alle elezioni politiche , un ampio schieramento parlamentare ha chiesto a Giorgio Napolitano la disponibilità a essere rieletto come Presidente della Repubblica , [30] da lui concessa [31] [32] , venendo riconfermato alla carica, alla sesta votazione, con 738 voti su 997 votanti dei 1007 aventi diritto: Napolitano è divenuto così il primo presidente, nella storia dell'Italia repubblicana , a essere eletto per un secondo mandato. [33]

Per completare l'iter burocratico, nella mattinata del 22 aprile sottoscrive l'atto di dimissioni anticipate dal suo primo settennato, da lui aperto il 15 maggio 2006; a seguito di ciò, lo stendardo presidenziale sul Palazzo del Quirinale viene temporaneamente ammainato. [34] Alle 17:00 dello stesso giorno presta giuramento quale presidente rieletto, pronunciando il discorso innanzi al Parlamento in seduta comune. [35] La cerimonia di insediamento è stata più sobria e più breve rispetto alla precedente; per gli spostamenti non è stata utilizzata la Lancia Flaminia presidenziale ma una Thema , e il presidente è stato scortato solo da quattro Carabinieri motociclisti; data la rielezione, non vi è stato alcun passaggio di consegne al Quirinale. [36]

Napolitano nel giugno del 2014, mentre presiede ilConsiglio Supremo di Difesa

Nelle settimane seguenti, in una videointervista concessa a Eugenio Scalfari , dichiara di essere «stato quasi costretto ad accettare la candidatura a una rielezione oa una nuova elezione come presidente della Repubblica, essendo profondamente convinto di dover lasciare». Aggiunge poi che «abbiamo vissuto un momento terribile. Abbiamo assistito a qualcosa a cui non avevamo assistito [...]. Ho detto di sì per senso delle istituzioni. Ho ritenuto che si trattasse di salvaguardare la continuità istituzionale». [37]

Il 23 aprile apre le consultazioni di rito volte alla formazione del nuovo governo, e il giorno successivo dà l'incarico a Enrico Letta di formare un suo esecutivo , ritenuto il primo « governo di larghe intese » nella storia repubblicana. L'8 giugno 2013 compie la prima visita ufficiale all'estero del suo secondo mandato, recandosi in Vaticano da papa Francesco . L'8 ottobre seguente invia alle Camere il suo primo messaggio presidenziale sulla questione carceraria, invitando il Parlamento a prendere in considerazione indulto e amnistia. [38]

Il 17 febbraio 2014, dopo le dimissioni irrevocabili di Enrico Letta a seguito dell'approvazione da parte della Direzione Nazionale del Partito Democratico di un documento in cui si chiedeva un cambio di esecutivo, Napolitano affida a Matteo Renzi l'incarico di formare un nuovo governo. [39] Il governo Renzi giura il 22 febbraio, [40] ottenendo la fiducia del Senato e della Camera dei deputati rispettivamente il 24 e il 25 febbraio. [41]

Il 14 gennaio 2015 il presidente ha rassegnato le proprie dimissioni, [42] preannunciate nel suo ultimo messaggio di fine anno (31 dicembre 2014) e dovute alle difficoltà legate all'età. [43] Alla scadenza naturale del secondo mandato (22 aprile 2020), qualora l'avesse completato, Napolitano avrebbe avuto quasi 95 anni.

Nomine presidenziali
Napolitano nel corso del messaggio di fine anno agli italiani nel 2014
Governi
Senatori a vita
Giudici della Corte costituzionale

Senatore a vita

Con le dimissioni da presidente della Repubblica il 14 gennaio 2015 , in quanto presidente emerito rientra nuovamente in Senato come senatore di diritto ea vita . Il 19 gennaio successivo si iscrive al gruppo parlamentare Per le Autonomie - PSI - MAIE . Il 31 gennaio, al quarto scrutinio delle nuove elezioni per il capo dello Stato , ottiene ugualmente 2 voti. Il 1º aprile 2015 è nominato presidente onorario dell' Istituto per gli studi di politica internazionale [44] .

Nel 2016 definì "inconsistente e pretestuosa" l'iniziativa in merito al referendum abrogativo sulle concessioni petrolifere , difendendo il diritto all'astensione. [45] Nello stesso anno si schierò in favore della riforma costituzionale Renzi-Boschi , [46] poi bocciata dal referendum del 4 dicembre , [47] a seguito del quale Renzi si dimise spianando la strada al governo Gentiloni , al quale Napolitano votò la fiducia il 14 dicembre.

Il 26 novembre 2017 esprime in Senato alcune perplessità sulla nuova legge elettorale , detta "Rosatellum", votando tuttavia a favore della stessa e alle fiducie che il governo aveva posto.

Il 23 e 24 marzo 2018 , in qualità di senatore più anziano, svolge le funzioni di presidente provvisorio del Senato della Repubblica . In tale veste dirige quindi le votazioni che portano all'elezione della senatrice Maria Elisabetta Alberti Casellati alla seconda carica dello Stato .

Il 24 aprile 2018 , a seguito di un malore con forti dolori al petto, viene ricoverato d'urgenza all' Ospedale San Camillo di Roma e sottoposto a un intervento all' aorta . [48] L'intervento è considerato un successo [49] e il 2 maggio l'Ospedale rende noto che il senatore è stato trasferito al reparto di degenza della cardiochirurgia e ha iniziato un programma di riabilitazione cardio-respiratoria, essendo "in ottime condizioni neuro-cognitive e psicologiche". [50] Il 22 maggio viene ricoverato in una clinica per proseguire il decorso post-operatorio e viene infine dimesso il 7 giugno. [51] [52]

Dal 7 aprile 2021 è il più longevo presidente della Repubblica, avendo superato il suo predecessore, Carlo Azeglio Ciampi, morto nel 2016 a 95 anni e 282 giorni.

Controversie

Promulgazione di leggi

Napolitano accoglie papa Benedetto XVI nell'ottobre del 2008
Napolitano nel novembre del 2008, a colloquio con Renato Schifani , Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi

Durante i suoi mandati da presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano è stato accusato di essere troppo accondiscendente nei confronti di Silvio Berlusconi , nei periodi in cui quest'ultimo ha ricoperto la carica di presidente del Consiglio (2008-2011). In quest'ottica, Napolitano venne attaccato per aver firmato alcune delle leggi approvate dal Parlamento su proposta del governo, giudicate in maniera molto critica da una parte dell'opposizione. [53] [54]

In particolareː

- Nel 2008, in occasione della promulgazione del lodo Alfano , Beppe Grillo ha posto sul suo blog cinque domande critiche a Napolitano, colpevole, secondo lui, di aver firmato e quindi legittimato una legge anticostituzionale, [55] per la quale è stato richiesto il pronunciamento da parte della Corte costituzionale che il 19 ottobre 2009, con la sentenza n° 262, ha effettivamente ritenuto incostituzionale. [56] Il 21 maggio dello stesso anno, sul sito web della Presidenza della Repubblica è stato pubblicato un comunicato ufficiale [57] di risposta alle critiche, mosse attraverso il blog . Sempre a tal proposito, il presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi ha espressamente criticato la scelta di Napolitano di firmare subito e soprattutto di usare come motivazione, in risposta a una domanda specifica di un cittadino, il fatto che «tanto se me le ripresentano uguale a quel punto sono costretto a firmarla». [58]

- L'allora leader dell' Italia dei Valori , Antonio Di Pietro , nel 2009 ha criticato Giorgio Napolitano in occasione della promulgazione del cosiddetto scudo fiscale , per aver firmato la legge senza rinvio alle camere: l'ex magistrato ha definito la firma «un atto di viltà». [59]

- L'anno successivo, ancora il fondatore dell'IdV ha dichiarato di valutare una richiesta di messa in stato di accusa per Napolitano, [60] dopo che qualche settimana prima delle elezioni regionali , a seguito dell'esclusione delle liste del PdL in Lazio e Lombardia , il presidente della Repubblica aveva firmato nottetempo [61] il decreto-legge del governo per la riammissione degli elenchi esclusi.

- Quando, nell'aprile del 2010, Napolitano ha promulgato la legge sul legittimo impedimento del capo del governo e dei ministri, i pubblici ministeri di Milano si sono detti pronti a ricorrere alla Consulta per sollevare un'eccezione di incostituzionalità; [62] con la sentenza n° 23/2011, la Corte ha poi ritenuto incostituzionali alcune disposizioni della legge medesima. [63]

Inoltreː

- Il 30 gennaio 2014, lo stesso M5S ha depositato una messa in stato di accusa nei confronti di Napolitano per attentato contro la costituzione , motivando ciò con l'avallo di leggi incostituzionali e rispetto alle vicende sulla trattativa Stato-mafia . [64] L'11 febbraio successivo, il comitato parlamentare chiamato a decidere in merito ha respinto l'istanza poiché ritenuta «manifestamente infondata», votando per la sua archiviazione . [65]

Conflitto con la Procura di Palermo

Un altro episodio che diede luogo a critiche dell'operato di Giorgio Napolitano fu quello del conflitto d'attribuzione sollevato dallo stesso Napolitano contro la Procura di Palermo la quale, intercettando l'utenza telefonica di Nicola Mancino (accusato di falsa testimonianza nell'ambito delprocesso sulla trattativa Stato-mafia ), aveva casualmente registrato delle conversazioni intercorse tra quest'ultimo e l'allora presidente della Repubblica. [66] Scopo del conflitto d'attribuzione era quello di evitare che le intercettazioni in questione, già giudicate irrilevanti dai pm di Palermo, [67] fossero distrutte – come era previsto dall'art. 268 cpp – a seguito di una “udienza stralcio” nella quale gli avvocati delle parti in causa avrebbero potuto ascoltare le conversazioni, con il rischio che ne divulgassero i contenuti alla stampa. La vicenda ebbe un enorme risalto mediatico e, per mesi, l'opinione pubblica si divise tra chi appoggiava la scelta di Napolitano (ad esempio Valerio Onida [68] e Eugenio Scalfari [69] ) e chi invece, come l'ex presidente della Corte costituzionale Gustavo Zagrebelsky [70] e Franco Cordero , [71] la criticò aspramente, quest'ultimo arrivando addirittura ad accusare il presidente della Repubblica di rivendicare dei privilegi da monarca assoluto. Fu per tale motivo che nacque il nomignolo di “Re Giorgio”, con il quale Napolitano fu poi spesso chiamato dalla stampa anche negli anni successivi. [72] [73] [74]

Il conflitto di attribuzione tra Quirinale e Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo (difesa dai costituzionalisti Alessandro Pace e Giovanni Serges e dall'ex membro del Csm Mario Serio) [75] fu risolto dalla Corte costituzionale con la celebre sentenza n. 1/2013 (relatori Gaetano Silvestri e Giuseppe Frigo ). La Consulta, pur riconoscendo che il principio d'inviolabilità della riservatezza delle comunicazioni del presidente della Repubblica possa venir meno quando essa comporterebbe «il sacrificio di interessi riferibili a principi costituzionali supremi», osservò come «il divieto assoluto di ricorso al controllo delle comunicazioni telefoniche, enunciato in rapporto ai reati presidenziali» (legge 219/1989), «debba estendersi, nel silenzio della legge, ad altre fattispecie di reato che possano a diverso titolo coinvolgere il Presidente» e che «a maggior ragione dovrebbe ritenersi inammissibile l'utilizzazione di sue conversazioni intercettate occasionalmente nel corso di indagini concernenti reati addebitabili a terzi»; il giudice dovrebbe disporre la distruzione della documentazione delle intercettazioni non già ex artt. 268 e 269 cpp, cioè nell'ambito di un'udienza camerale in cui le parti, in contraddittorio fra loro, discutono della rilevanza processuale delle comunicazioni intercettate, bensì ex art. 271, comma 3, disposizione che, nello stabilire, per il giudice, il dovere di disporre la distruzione della documentazione relativa alle intercettazioni di cui è vietata l'utilizzazione, non gli impone di fissare simile udienza e, pertanto, consente «modalità idonee ad assicurare la segretezza del contenuto delle conversazioni intercettate». [76]

Opere

  • Movimento operaio e industria di Stato , Roma, Editori Riuniti, 1962.
  • L'insegnamento di Lenin nell'esperienza e nella prospettiva del Pci , in Lenin teorico e dirigente rivoluzionario , Roma, Critica marxista, 1970.
  • Scuola, lotta di classe e socialismo , Roma, Editori Riuniti, 1971.
  • La democrazia nella scuola , con Giuseppe Chiarante , Roma, Editori Riuniti, 1974.
  • I comunisti nella battaglia delle idee , Roma, Editori Riuniti, 1975.
  • Classe operaia occupazione e sviluppo , Roma, Editori Riuniti, 1975.
  • Intervista sul PCI , a cura di Eric Hobsbawm , Roma-Bari, Laterza, 1976.
  • La classe operaia forza di governo , Roma, Editori Riuniti, 1978.
  • In mezzo al guado , Roma, Editori Riuniti, 1979.
  • Partito di massa negli anni Ottanta , con Enrico Berlinguer , Roma, Editori Riuniti, 1981.
  • Il PCI e la sinistra europea , con Gianni Cervetti e Sergio Segre , Roma, Salemi, 1987.
  • Oltre i vecchi confini. Il futuro della sinistra e l'Europa , Milano, A. Mondadori, 1989. ISBN 88-04-32174-1 .
  • Al di là del guado. La scelta riformista , Roma, Lucarini, 1990. ISBN 88-7033-466-X
  • Europa e America dopo l'89. Il crollo del comunismo, i problemi della Sinistra , Roma-Bari, Laterza, 1992. ISBN 88-420-3923-3 .
  • Il meridionalismo storico e il contributo di Gerardo Chiaromonte , Rionero in Vulture, Calice Editori, 1993.
  • Dove va la Repubblica. 1992-94, una transizione incompiuta , Milano, Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-84377-6 .
  • Europa politica. Il difficile approdo di un lungo percorso , Roma, Donzelli, 2003. ISBN 88-7989-761-6 .
  • Dal PCI al socialismo europeo. Un'autobiografia politica , Roma-Bari, Laterza, 2005. ISBN 88-420-7715-1 .
  • Una transizione incompiuta? , Milano, BUR, 2006. ISBN 88-17-01429-X .
  • Altiero Spinelli e l'Europa , Bologna, Il mulino, 2007. ISBN 978-88-15-11936-0 .
  • Una e indivisibile. Riflessioni sui 150 anni della nostra Italia , Roma, Rizzoli, 2011. ISBN 88-17-04974-3 .
  • Il Dio ignoto , con Gianfranco Ravasi e con Ferruccio de Bortoli , Milano, Corriere della Sera, 2013.
  • La via maestra. L'Europa e il ruolo dell'Italia nel mondo , conversazione con Federico Rampini , Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-04-63247-4 .
  • Europa, politica e passione , Feltrinelli, 2016. ISBN 978-8807173066

Riconoscimenti

Lauree ad honorem

Laurea honoris causa in Scienze Politiche - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Scienze Politiche
Università degli Studi di Bari — 6 febbraio 2004 [81]
Laurea honoris causa in Lettere - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Lettere
«Per il lungo impegno professionale che, benché sia stato imperniato quasi esclusivamente attorno al mondo della politica, al diritto ed all'economia, ha mantenuto un'influenza molto diretta sulla sfera degli interessi accademici ed intellettuali.»
Università Complutense , Madrid
— gennaio 2007 [82]
Laurea honoris causa in Filosofia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Filosofia
Università Ebraica di Gerusalemme — 27 novembre 2008 [83]
Laurea honoris causa in Politiche e Istituzioni dell'Europa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Politiche e Istituzioni dell'Europa
Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" — 14 novembre 2009 [84]
Laurea honoris causa in Relazioni internazionali e Scienze internazionali e diplomatiche - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Relazioni internazionali e Scienze internazionali e diplomatiche
Alma Mater Studiorum - Università di Bologna — 30 gennaio 2012 [85]
Laurea honoris causa in Scienza della storia e del documento - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Scienza della storia e del documento
Università degli Studi di Roma Tor Vergata — 20 ottobre 2015 [86]
Laurea honoris causa in Economia, Politica e Istituzioni internazionali - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Economia, Politica e Istituzioni internazionali
«Le idee, gli scritti, il servizio istituzionale sono stati decisivi nel condurre la sinistra italiana verso posizioni di limpido riformismo, convinto europeismo, inequivoca collocazione internazionale. (…)»
Università degli Studi di Pavia
— 27 novembre 2015 [87]

Onorificenze

Onorificenze italiane

Nella sua qualità di Presidente della Repubblica italiana è stato, dal 15 maggio 2006 al 14 gennaio 2015:

Capo dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
Capo dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine militare d'Italia
Capo dell'Ordine al merito del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine al merito del lavoro
Capo dell'Ordine della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine della Stella d'Italia
— dal 3 febbraio 2011
Capo dell'Ordine della stella della solidarietà italiana - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine della stella della solidarietà italiana
— cessato il 3 febbraio 2011
Capo dell'Ordine di Vittorio Veneto - nastrino per uniforme ordinaria Capo dell'Ordine di Vittorio Veneto
— fino al 2010 , e dal 2012 , quiescente dal 2008

Personalmente è insignito di:

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 28 ottobre 1998 [88]
Collare d'oro al merito sportivo (CONI) - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo (CONI)
— 19 dicembre 2016
Presidente emerito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Presidente emerito della Repubblica Italiana
— dal 14 gennaio 2015

Onorificenze straniere

Cavaliere di I classe dell'Ordine di Skanderbeg (Albania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Skanderbeg (Albania)
— 5 marzo 2014 [89]
Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita)
— 5 novembre 2007
Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 26 giugno 2007
Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 10 novembre 2008
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria)
— 25 febbraio 2009
Collare dell'Ordine al merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al merito (Cile)
— 15 ottobre 2007
Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa (Corea del Sud)
— 14 settembre 2009
Cavaliere di Gran Croce del Grand Ordine del Re Tomislavo (Croazia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Grand Ordine del Re Tomislavo (Croazia)
— 14 luglio 2011
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 9 settembre 2008 [90]
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 21 novembre 2012 [91]
Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 28 febbraio 2013
Compagno dell'Ordine della Stella del Ghana (Ghana) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine della Stella del Ghana (Ghana)
— 16 ottobre 2006
Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali (Giordania)
— 20 ottobre 2009
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
— 23 settembre 2008
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'Oro del Parlamento Ellenico (Grecia)
— 23 settembre 2008 [92]
Medaglia presidenziale di distinzione (Israele) - nastrino per uniforme ordinariaMedaglia presidenziale di distinzione (Israele)
— Roma, 9 giugno 2014 [93]
Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait)
— 3 maggio 2010
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al merito (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al merito (Libano)
— 30 ottobre 2008
Commendatore dell'Ordine al Merito della Lituania (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Lituania (Lituania)
— 21 aprile 2004
Cavaliere di Gran Croce dell'ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo)
— 2 febbraio 2009
Compagno d'Onore Onorario con Collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno d'Onore Onorario con Collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta)
— 30 giugno 2010
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
— 23 ottobre 2012
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella della Palestina (Palestina) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella della Palestina (Palestina)
— 17 ottobre 2013
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 11 giugno 2012 [94]
Collare dell'Ordine dell'Indipendenza (Qatar) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Indipendenza (Qatar)
— 13 novembre 2007
Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 15 settembre 2011 [95] [96]
Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede)
— novembre 2006 [97]
Collare dell'Ordine equestre per il merito civile e militare (San Marino) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine equestre per il merito civile e militare (San Marino)
— 13 giugno 2014 [98]
Membro di I classe dell'Ordine degli Omayyadi (Siria) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I classe dell'Ordine degli Omayyadi (Siria)
— 18 marzo 2010 [99]
Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 27 febbraio 2007 [100]
Ordine per meriti eccezionali (Slovenia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine per meriti eccezionali (Slovenia)
— 17 gennaio 2011
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 26 settembre 1998 [101]
Collare dell'Ordine Pro Merito Melitensi (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine Pro Merito Melitensi (SMOM)
— 6 novembre 2008
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 13 marzo 2009
Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia)
— 26 novembre 2009 [102]

Note

  1. ^ Il 20 aprile 2013 viene eletto per un secondo mandato, che inizia il 22 aprile successivo.
  2. ^ Laura Cuppini, Alessia Rastelli, Napolitano, bis storico: è presidente , Corriere della Sera , 19 aprile 2013. URL consultato il 19 aprile 2013 ( archiviato il 1º maggio 2013) .
  3. ^ Capi di Stato, Napolitano non è il più vecchio , su TGcom24 , 2013. URL consultato il 6 gennaio 2017 (archiviato dall' url originale il 7 gennaio 2017) . - Articolo del 2013, per la fine del mandato di Napolitano sono terminati i mandati di Shimon Peres e Girma Wolde Giorgis , il che l'ha reso terzo
  4. ^ Luigi Simonetti. Giovanni Napolitano (1883-1955), poeta e saggista. In: Cumignano e Gallo. Alle origini del comune di Comiziano. A cura di Carlo Ebanista. Cimitile, Tavolario Edizioni, 2012, pp. 183-198.
  5. ^ Sito del liceo Umberto di Napoli , su liceoumberto.eu (archiviato dall' url originale l'11 dicembre 2008) .
  6. ^ La citazione è estratta dagli Atti dell'VIII Congresso del PCI e si trova, ad es. in F. Froio, Il PCI nell'anno dell'Ungheria, L'Espresso, Roma 1980, p. 87; MicroMega, 9 (2006), p. 116; V. Meliadò, Il fallimento dei "101". Il PCI, l'Ungheria e gli intellettuali italiani , Liberal edizioni, Roma 2006, pp. 96-97, ed è disponibile su Wikiquote.
  7. ^ La CGIL e vari intellettuali che, come in Francia, consumarono uno strappo notevole con il partito comunista, fino ad abbandonarlo come Calvino e vari esponenti del Manifesto dei 101 .
  8. ^ dalla concezione del ruolo del Partito comunista come «inseparabile dalle sorti del campo socialista guidato dall'URSS», contrapposto al fronte "imperialista", fino alla «via italiana al socialismo» con cui l'VIII Congresso del PCI propugnò una via democratica e nazionale
  9. ^ Testimonianza del Presidente Napolitano alla cerimonia in occasione del centenario della nascita di Norberto Bobbio , su quirinale.it , Presidenza della Repubblica Italiana , 15 ottobre 2009. URL consultato il 25 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 19 novembre 2011) .
  10. ^ Testo dell'articolo che Napolitano scrisse al ritorno dalla sua visita negli Stati Uniti d'America , su 30giorni.it . URL consultato il 5 marzo 2007 (archiviato dall' url originale il 27 settembre 2007) .
  11. ^ a b c da "Rapporti e affinità tra una delle correnti del Pci e il leader socialista" di Gianni Barbacetto e Peter Gomez, Il Fatto Quotidiano del 20 gennaio, Copia archiviata , su antefatto.ilcannocchiale.it . URL consultato il 9 febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2010) .
  12. ^ E Kissinger incontra il suo comunista preferito , su archiviostorico.corriere.it , Corriere della Sera , 9 settembre 2001. URL consultato il 25 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2011) .
  13. ^ Leggi italiane sull'immigrazione: una guida per vederci chiaro Archiviato il 23 ottobre 2010 in Internet Archive .. Politica 24 , 21 ottobre 2010.
  14. ^ Intervista a Paolo Flores D'Arcais, Rassegna stampa della Camera dei Deputati Archiviato il 17 novembre 2007 in Internet Archive . , dal Corriere della Sera
  15. ^ Cani scelti e cani sciolti , articolo di Marco Travaglio pubblicato sull' Unità del 1º marzo 2007
  16. ^ Nella nota del Quirinale si afferma che la partecipazione di Napolitano alla Fiera del Libro non ha valenza diversa da quella di altre partecipazioni a manifestazioni culturali italiane, che «È del tutto falso, inoltre, attribuire al presidente Napolitano "l'errore di aver tacciato di antisemitismo tutti coloro i quali criticano lo Stato di Israele"» e che «la critica delle politiche del governo di Israele è del tutto legittima, innanzitutto all'interno di Israele; quel che è inammissibile qualsiasi posizione tendente a negare la legittimità dello Stato di Israele, quale nacque per volontà delle Nazioni Unite nel 1948, e il suo diritto all'esistenza nella pace e nella sicurezza». Vedi: Fiera del Libro, replica del Quirinale "Falsità su Napolitano e Israele" Archiviato l'8 maggio 2008 in Internet Archive ., articolo de "La Repubblica", del 5 maggio 2008
  17. ^ La partecipazione del presidente della Repubblica a eventi culturali che hanno luogo in Italia , comunicato del Quirinale del 5 maggio 2008
  18. ^ Centocinquantanni fa da Genova iniziava il processo unitario. Napolitano celebra la ricorrenza indicando per il futuro un'Italia unita e da amare Archiviato il 16 giugno 2010 in Internet Archive ..
  19. ^ Roma è Capitale. Al Presidente Napolitano la cittadinanza onoraria , su comune.roma.it . URL consultato il 20 settembre 2010 .
  20. ^ Incontro su “Bilancio e significato delle celebrazioni per il 150º anniversario dell'Unità d'Italia” , su quirinale.it . URL consultato il 17 marzo 2012 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  21. ^ Napolitano agli azzurri: «Avete ottenuto risultati straordinari» Archiviato il 4 luglio 2012 in Internet Archive ..
  22. ^ Monti senatore a vita, in pole per il Governo , su ilsole24ore.com . URL consultato il 14 novembre 2011 ( archiviato il 10 novembre 2013) .
  23. ^ Monti, Scalfari: Napolitano un genio, ora è 'padre della patria' , su lapoliticaitaliana.it . URL consultato il 14 novembre 2011 (archiviato dall' url originale il 5 settembre 2012) .
  24. ^ Il governo del presidente , su repubblica.it . URL consultato il 25 novembre 2011 ( archiviato il 25 novembre 2011) .
  25. ^ From Ceremonial Figure to Italy's Quiet Power Broker , su nytimes.com , New York Times. URL consultato il 3 dicembre 2011 ( archiviato il 28 novembre 2018) .
  26. ^ Editoriale New York Times Giorgio Napolitano , su nytimes.com . URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 19 aprile 2019) .
  27. ^ La rivoluzione soft di Napolitano , su espresso.repubblica.it . URL consultato il 28 dicembre 2011 ( archiviato il 22 gennaio 2012) .
  28. ^ Alberto Burgio, Le forzature pericolose di Napolitano , Il Manifesto, 27 luglio 2014
  29. ^ Incarico volto a verificare l'esistenza di un "sostegno parlamentare certo", cfr., Il Presidente Napolitano ha ricevuto l'onorevole Pier Luigi Bersani , in quirinale.it , 22 marzo 2013. URL consultato il 28 aprile 2013 ( archiviato il 25 maggio 2013) . Tale incarico non è sfociato nella nomina di un governo, cfr., Il Presidente Napolitano ha ricevuto l'on. Bersani , in quirinale.it , 28 marzo 2013. URL consultato il 28 aprile 2013 ( archiviato il 24 settembre 2015) . Il Presidente Napolitano ha invece costituito due commissioni con il compito di stendere un programma condiviso sul piano economico e politico-istituzionale.
  30. ^ Elezioni Presidente della Repubblica. Quinta fumata nera, pressing per Napolitano bis , in La Repubblica , 20 aprile 2013. URL consultato il 20 aprile 2013 ( archiviato il 22 aprile 2013) .
  31. ^ Napolitano accetta la ricandidatura. Quinta fumata nera , in Il Sole 24 ORE , 20 aprile 2013. URL consultato il 20 aprile 2013 ( archiviato il 28 luglio 2013) .
  32. ^ Dichiarazione ufficiale del Quirinale , su quirinale.it .
  33. ^ Elezione del Presidente della Repubblica. Rieletto Napolitano: "Voto espresso liberamente". Grillo: "È un golpe". Ma rinuncia alla manifestazione , in La Repubblica , 20 aprile 2013. URL consultato il 20 aprile 2013 ( archiviato il 22 aprile 2013) .
  34. ^ Il Presidente Napolitano ha sottoscritto l'atto di dimissioni nell'imminenza del giuramento dinanzi alle Camere , in Presidenza della Repubblica , 22 aprile 2013. URL consultato il 22 aprile 2013 ( archiviato il 25 aprile 2013) .
  35. ^ Napolitano giura, si commuove e sferza i partiti «Intese non sono orrore, subito il governo» , in Corriere della Sera , 22 aprile 2013. URL consultato il 22 aprile 2013 ( archiviato il 22 aprile 2013) .
  36. ^ Napolitano si commuove e bacchetta i partiti: "Basta con i tatticismi, non autoassolvetevi" , in La Repubblica , 22 aprile 2013. URL consultato il 22 aprile 2013 ( archiviato il 24 aprile 2013) .
  37. ^ Filmato audio Eugenio Scalfari, Napolitano si racconta a Scalfari: La mia vita, da comunista a Presidente , RepubblicaTV, a 0:57:32. URL consultato il 10 giugno 2013 .
  38. ^ Carceri, monito di Napolitano. Letta: «Il governo è pronto» Archiviato il 10 ottobre 2013 in Internet Archive .. Corriere della Sera , 8 ottobre 2013
  39. ^ Verso il Governo Renzi , su archivio.internazionale.it , Internazionale . URL consultato il 5 febbraio 2015 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2015) .
  40. ^ Il giuramento del nuovo governo , su archivio.internazionale.it , Internazionale . URL consultato il 5 febbraio 2015 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2015) .
  41. ^ Votata la fiducia al Governo Renzi , su governo.it ,Presidenza del Consiglio dei ministri . URL consultato il 5 febbraio 2015 ( archiviato il 5 febbraio 2015) .
  42. ^ Quirinale, la corsa al Colle. Giorgio Napolitano ha firmato la lettere di dimissioni , su ansa.it . URL consultato il 14 gennaio 2015 ( archiviato il 22 gennaio 2015) .
  43. ^ Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano , su quirinale.it , 31 dicembre 2014. URL consultato il 14 gennaio 2015 ( archiviato il 15 maggio 2015) .
  44. ^ Giorgio Napolitano Presidente Onorario dell'ISPI , su ispionline.it , 27 marzo 2015. URL consultato il 4 aprile 2015 ( archiviato il 17 aprile 2018) .
  45. ^ Gabriele Bertocchi, Napolitano: "Trivelle? Un pretesto È legittimo non votare" , in Il Giornale , 14 aprile 2016. URL consultato l'11 giugno 2021 .
  46. ^ Franco Stefanoni, Napolitano: «Da 30 anni aspetto questa riforma. Sfida aberrante» , in Corriere della Sera , 16 novembre 2021. URL consultato l'11 giugno 2021 .
  47. ^ Napolitano: “La sconfitta al referendum è anche mia. Ma Renzi ha fatto errori. Come cercare voti con l'antipolitica” , in Il Fatto Quotidiano , 22 dicembre 2016. URL consultato l'11 giugno 2021 .
  48. ^ Giorgio Napolitano ricoverato d'urgenza a Roma, sottoposto a un intervento all'aorta , in Repubblica.it , 24 aprile 2018. URL consultato il 25 aprile 2018 ( archiviato il 25 aprile 2018) .
  49. ^ Napolitano operato d'urgenza al cuore nella notte, il chirurgo: “L'intervento è riuscito, paziente in condizioni stabili” , in Il Fatto Quotidiano , 25 aprile 2018. URL consultato il 25 aprile 2018 ( archiviato il 25 aprile 2018) .
  50. ^ Giorgio Napolitano trasferito in reparto. Medici: "Ottime condizioni" | Sky TG24 . URL consultato il 2 maggio 2018 ( archiviato il 3 maggio 2018) .
  51. ^ Napolitano dimesso dall'ospedale: andrà in clinica per la riabilitazione Archiviato il 23 maggio 2018 in Internet Archive . repubblica.it
  52. ^ Napolitano è tornato a casa , su www.adnkronos.com . URL consultato il 31 agosto 2018 ( archiviato il 31 agosto 2018) .
  53. ^ Napolitano firma il lodo Alfano Di Pietro attacca: è immorale - la Repubblica.it , in Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 28 giugno 2017 ( archiviato il 26 aprile 2018) .
  54. ^ Scontro tra Di Pietro e il Quirinale "Non è arbitro". La replica: "Offensivo" - Politica - Repubblica.it , su www.repubblica.it . URL consultato il 1º luglio 2017 ( archiviato il 26 agosto 2016) .
  55. ^ Cinque domande per Napolitano , su beppegrillo.it . URL consultato il 25 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 24 maggio 2009) .
  56. ^ Sentenza n. 262 del 2009 della Corte costituzionale
  57. ^ Il comunicato relativo al "Lodo Alfano" , su quirinale.it . URL consultato il 29 marzo 2013 ( archiviato il 10 novembre 2013) .
  58. ^ Ciampi: "Basta leggi ad personam Berlusconi delegittima le istituzioni" , su repubblica.it . URL consultato il 7 marzo 2010 ( archiviato il 28 novembre 2009) .
  59. ^ Scudo fiscale, Napolitano firma Di Pietro: «È un atto vile» , su corriere.it . URL consultato il 7 marzo 2010 ( archiviato il 27 febbraio 2010) .
  60. ^ Di Pietro, pensare impeachment Napolitano , su ansa.it . URL consultato il 7 marzo 2010 ( archiviato il 9 marzo 2010) .
  61. ^ Ecco il decreto “salvaliste”: Napolitano firma nella notte , su ilsecoloxix.it , Il Secolo XIX . URL consultato il 29 giugno 2012 ( archiviato il 26 maggio 2015) .
  62. ^ Milano, i difensori di Berlusconi richiedono il legittimo impedimento , su corriere.it . URL consultato l'8 aprile 2010 ( archiviato l'11 aprile 2010) .
  63. ^ Sentenza n. 23 del 2011 della Corte costituzionale
  64. ^ M5S deposita impeachment per Napolitano - Top News , in ANSA.it . URL consultato il 23 giugno 2017 ( archiviato il 30 settembre 2017) .
  65. ^ Respinto l'impeachment per Napolitano, "Stato d'accusa infondato, archiviare le accuse" , in corriere.it , 11 febbraio 2014. URL consultato il 13 febbraio 2014 ( archiviato il 21 febbraio 2014) .
  66. ^ M. Br., «Conflitto fra poteri dello Stato» Napolitano contro la procura di Palermo , su Corriere della Sera . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 16 febbraio 2016) .
  67. ^ Contraddizioni dagli uomini di Stato non è un'indagine campata in aria - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 28 gennaio 2016) .
  68. ^ Sulle intercettazioni Napolitano ha seguito la Carta, non la politica , su www.linkiesta.it . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 28 gennaio 2016) .
  69. ^ Perché attaccano il capo dello Stato - Repubblica.it , su La Repubblica . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 3 febbraio 2016) .
  70. ^ - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  71. ^ QUANDO LA LOGICA NON SI FALSIFICA - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  72. ^ Redazione Online, «Re Giorgio»: l'omaggio del New York Times a Napolitano , su Corriere della Sera . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 16 febbraio 2016) .
  73. ^ L'ultimo miglio di Re Giorgio Napolitano , su l'Espresso . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  74. ^ Dal berlusconismo al renzismo: la storia di Re Giorgio Napolitano in 9 passaggi chiave , su International Business Times . URL consultato il 23 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 28 gennaio 2016) .
  75. ^ Trattativa, la Corte Costituzionale chiede le carte dell'indagine , su Il Fatto Quotidiano . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  76. ^ Corte costituzionale della Repubblica italiana , su www.cortecostituzionale.it . URL consultato il 23 gennaio 2016 ( archiviato il 28 gennaio 2016) .
  77. ^ Copia archiviata ( PDF ), su portale.unitn.it . URL consultato il 6 febbraio 2012 (archiviato dall' url originale il 25 dicembre 2012) .
  78. ^ Intervento, in forma ufficiale, del Presidente della Repubblica a Genova in occasione della celebrazione della Festa della Liberazione. , su archivio.quirinale.it , 25 aprile 2008. URL consultato il 22 febbraio 2021 .
  79. ^ Ringraziamento del Presidente Giorgio Napolitano alla Cerimonia di Conferimento del dottorato Honoris Causa , su quirinale.it . URL consultato il 16 aprile 2012 ( archiviato il 10 novembre 2013) .
  80. ^ Oxford announces honorary degrees for 2011 - University of Oxford Archiviato il 18 gennaio 2012 in Internet Archive .
  81. ^ Verbale del Consiglio della Facoltà di Scienze Politiche ( PDF ), su scienzepolitiche.uniba.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 10 febbraio 2013) .
  82. ^ Difesa dei meriti del candidato ( PDF ), su ambmadrid.esteri.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 10 novembre 2013) .
  83. ^ Crisi, l'accusa di Napolitano: «Miopia» - Corriere della Sera , su corriere.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 .
  84. ^ Conferimento della Laurea Honoris Causa al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - L'Orientale Web Magazine , su magazine.unior.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 .
  85. ^ Inaugurato l'Anno Accademico 2011-2012. Laurea ad honorem per il Presidente Giorgio Napolitano - UNIBO Magazine , su magazine.unibo.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 .
  86. ^ Archivio Storico Alma Mater Studiorum - Università di Bologna , su roma.corriere.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 .
  87. ^ LAUREA HONORIS CAUSA IN ECONOMIA, POLITICA E ISTITUZIONI INTERNAZIONALI A GIORGIO NAPOLITANO , su archiviostorico.unibo.it . URL consultato il 3 febbraio 2021 .
  88. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato. , su quirinale.it . URL consultato il 18 agosto 2010 ( archiviato il 19 novembre 2011) .
  89. ^ Copia archiviata , su quirinale.it . URL consultato il 12 marzo 2014 ( archiviato il 13 marzo 2014) .
  90. ^ Copia archiviata , su ritarikunnat.fi . URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 4 settembre 2019) .
  91. ^ Foto , su quirinale.it . URL consultato il 22 novembre 2012 ( archiviato l'11 febbraio 2015) .
  92. ^ fotografia del Presidente Napolitano , su quirinale.it . URL consultato il 2 dicembre 2014 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  93. ^ [1]
  94. ^ Internetowy System Aktów Prawnych , su isap.sejm.gov.pl . URL consultato il 29 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 31 dicembre 2013) .
  95. ^ fotografia del Presidente Napolitano , su quirinale.it . URL consultato il 2 dicembre 2014 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  96. ^ Tabella degli insigniti ( XLS ), su canord.presidency.ro . URL consultato il 28 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 28 marzo 2014) .
  97. ^ fotografia del Presidente Napolitano
  98. ^ Copia archiviata , su quirinale.it . URL consultato il 14 giugno 2014 ( archiviato il 24 settembre 2015) .
  99. ^ °Hack Your Mind°: Bashar Al-Assad È Stato Cavaliere Della Repubblica Italiana, Poi Revocata , su lagrandeopera.blogspot.it . URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 31 luglio 2017) .
  100. ^ Dal sito della Presidenza della Repubblica , su prezident.sk . URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 24 marzo 2019) .
  101. ^ Bollettino Ufficiale di Stato , su boe.es ( archiviato il 27 luglio 2018) .
  102. ^ Gül presented Order of State (Photo) ( JPG ), su tccb.gov.tr , Precidency of Republic of Turkey , 26 novembre 2009. URL consultato il 31 luglio 2013 ( archiviato il 1º ottobre 2012) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Presidente della Repubblica Italiana Successore Presidential Standard of Italy.svg
Carlo Azeglio Ciampi 15 maggio 2006 - 14 gennaio 2015 Sergio Mattarella
Predecessore Presidente della Camera dei deputati Successore Logo della Camera dei deputati.svg
Oscar Luigi Scalfaro 3 giugno 1992 - 14 aprile 1994 Irene Pivetti
Predecessore Ministro dell'interno Successore Italy-Emblem.svg
Giovanni Rinaldo Coronas 17 maggio 1996 - 21 ottobre 1998 Rosa Russo Iervolino
Predecessore Ministro per il coordinamento della protezione civile Successore Italy-Emblem.svg
Franco Barberi 17 maggio 1996 - 21 ottobre 1998 Rosa Russo Iervolino
Predecessore Presidente della Casa di Dante in Roma Successore Torre degli Anguillara Roma.jpg
Gianfranco Ravasi dal 13 ottobre 2016 In carica
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 44303019 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2279 0769 · SBN IT\ICCU\CFIV\035482 · LCCN ( EN ) n80158751 · GND ( DE ) 119295547 · BNF ( FR ) cb119174016 (data) · BAV ( EN ) 495/364299 · NDL ( EN , JA ) 00450994 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80158751