Aquest és un element destacat. Feu clic aquí per obtenir informació més detallada

Giovanni Boccaccio

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Boccaccio". Si busqueu altres significats, vegeu Boccaccio (desambiguació) .

“Humà què és tenir compassió dels afectats; i com que cada persona fos feliç, de les que més sol·licita, de les que ja han tingut una professió de confort i l'han trobat en algunes: entre les quals, si algú ho necessitava, o li era estimat, o ja les va rebre plaer, sóc un d’ells ".

( Giovanni Boccaccio, Decameró , Proemio )

Giovanni Boccaccio ( Certaldo o potser Florència , juny o juliol de 1313 [1] - Certaldo , 21 de desembre de 1375 [2] [3] [4] ) va ser un escriptor i poeta italià .

També conegut per excel·lència com el Certaldese [5] , va ser una de les figures més importants del panorama literari europeu del segle XIV [6] . Alguns erudits [7] (inclòs Vittore Branca ) el defineixen com el més gran prosista europeu del seu temps, un escriptor versàtil que va amalgamar diferents tendències i gèneres literaris fent-los convergir en obres originals, gràcies a una activitat creativa exercida sota la bandera de l’experimentalisme. .

La seva obra més famosa és el Decameró , una col·lecció de contes que als segles següents va ser un element determinant per a la tradició literària italiana, especialment després que Pietro Bembo elevés l’estil Boccaccia a un model de prosa italiana al segle XVI [8] . La influència de les obres de Boccaccio no es va limitar al panorama cultural italià, sinó que es va estendre a la resta d’Europa [9] , influint en autors com Geoffrey Chaucer , una figura clau de la literatura anglesa , o més tard en Miguel de Cervantes , Lope de Vega i el Teatre clàssic espanyol [10] .

Boccaccio, juntament amb Dante Alighieri i Francesco Petrarca , forma part de les anomenades "Tres Corones" de la literatura italiana. També se’l recorda per ser un dels precursors de l’ humanisme [11] , del qual va ajudar a establir les bases a la ciutat de Florència , conjuntament amb l’activitat del seu amic i professor contemporani Petrarca. També va ser qui va iniciar la crítica i la filologia de Dante, dedicant-se a copiar codis de la Divina Comèdia [N 1] i també va ser un promotor de l'obra i la figura de Dante.

Al segle XX, Boccaccio va ser objecte d’estudis crític-filològics de Vittore Branca i Giuseppe Billanovich i el seu Decameró també va ser traslladat a la gran pantalla pel director i escriptor Pier Paolo Pasolini .

Biografia

Infància florentina (1313-1327)

Lloc de naixement de Boccaccio, Certaldo

Giovanni Boccaccio va néixer entre el juny i el juliol de 1313 a partir d’un afer extramarital [12] del comerciant Boccaccino di Chellino amb una dona d’una família molt humil de Certaldo, prop de Florència [13] [14] . No se sap exactament quin era el seu lloc de naixement, si Florència o Certaldo : Vittore Branca afirma que, quan Boccaccio es signa " Johannes de Certaldo ", això indica que Certaldo és la pàtria de la família, però no el lloc físic de naixement [14]. ] [15] . El fet de ser un fill il·legítim degué pesar molt sobre la psique de Boccaccio, ja que en les obres en llengua popular va construir una mena de biografia mítica i idealitzada, fent creure que era el fill d’una dona membre de la família capetina inspiració dels viatges de comerciants que el seu pare va fer a París [16] [17] [18] . Reconegut a una edat primerenca pel seu pare, Giovanni va ser rebut, cap al 1320 [19] , a la casa del seu pare situada al districte de San Piero Maggiore [16] . Gràcies als bons oficis del seu pare, va completar els seus primers estudis a l'escola de Giovanni Mazzuoli da Strada, el pare de Zanobi [16] [20] . Durant la seva joventut, Boccaccio va aprendre els primers rudiments del llatí i les arts liberals , a més d’aprendre la Divina Comèdia de Dante Alighieri , ja que el seu pare estava casat amb la noble Margherita de ’Mardoli, relacionada amb la família Portinari [21] .

L’adolescència napolitana (1327-1340)

Un entorn cosmopolita: formació autodidacta

Cristoforo Orimina , rei Robert d'Anjou envoltat dels seus escribes , miniatura del segle XIV

Boccaccino volia que el seu fill assumís la professió de comerciant, segons la tradició familiar. Després d'haver-lo fet fer una breu formació a Florència, el 1327 va decidir portar el seu fill petit a Nàpols [1] , la ciutat on va exercir el paper de corredor de borsa de la família Bardi [22] . Boccaccio arriba als catorze anys en una realitat totalment diferent de la de Florència: si Florència era una ciutat municipal fortament provincial, Nàpols era la seu d’una cort reial i cosmopolita, la dels Anjou. El rei Robert d'Anjou (1277-1343) era un rei extremadament culte i pietós, ​​tan apassionat de la cultura que tenia una notable biblioteca [23] , gestionada per l'erudit Paolo da Perugia .

El seu pare Boccaccino aviat va veure, amb gran decepció, que el seu fill no estava a gust als despatxos dels canviadors i com preferia dedicar-se als estudis literaris [1] . Per tant, després d’intentar distreure’l d’aquests interessos completament aliens al mercat, va inscriure el seu gendre a la Universitat de Nàpols . Boccaccio va seguir els ensenyaments de l'poeta i jurista Cino dóna Pistoia allà durant dos anys ( 1330 - 31 ), però, en comptes d'estudiar dret canònic amb ell, va preferir acostar-se a les lliçons poètiques que el Pistoiese impartides fora de l'àmbit acadèmic [1] . Gràcies a Cino, Boccaccio va aprofundir la gran tradició estilnovística en la llengua popular de la qual Cino da Pistoia, que havia mantingut relacions amistoses amb el seu estimat Dante [24] , va ser un dels darrers exponents.

A més, Giovanni va començar a freqüentar la cort angevina (on va conèixer, a més de Paolo da Perugia, també Andalò del Negro [25] ) i a tractar literatura: va escriure tant en llatí com en llengua popular, composant obres com Teseida , Filocolo , el Filostrato i Diana's Hunt . Un element inusual per a l’educació típica de l’època és l’aprenentatge d’algunes nocions gramaticals i lèxiques del grec per part del monjo i teòleg bizantí Barlaam di Seminara , que va arribar al sud d’Itàlia en nom de l’ emperador bizantí [26] .

La joventut napolitana no acaba, però, només amb l’assistència de cercles acadèmics i judicials: els contes de fades i les aventures dels comerciants que Boccaccio sent mentre serveix al mostrador comercial seran fonamentals per al gran fresc narratiu que arribarà a vida amb el Decameró [27] .

Fiammetta

En aquest punt, el poeta, convertit en un autodidacta culte i entusiasta, crea el seu propi mite literari, segons els dictats de la tradició estilnovista: Fiammetta , potser aquesta Maria d'Aquino, filla il·legítima de Roberto D'Angiò [28] [N 2] . El període napolità va acabar sobtadament el 1340 , quan el seu pare el va tornar a trucar a Florència a causa d’un fort problema econòmic a causa del fracàs d’alguns bancs en els quals havia fet importants inversions [29] .

El començament del segon període florentí (1340-1350)

La malenconia torna a Florència

Luigi Sabatelli , La pesta de Florència el 1348 , gravat de l'edició editada per ell del Decameró . La plaga va servir a Boccaccio com a pròleg moral de la seva obra mestra literària, descrivint la misèria moral i la mort que regnaven a la societat humana.

L'horitzó de Boccaccio, amb el seu retorn a Florència a principis dels anys quaranta , va canviar totalment des del punt de vista econòmic i social; intolerants de l'massa estret i la vida de la província de Florència, que tractarà durant tota la seva vida per tornar a la seva estimada Nàpols , començant ja en 1341 amb la redacció de l'Epístola V dirigida al seu vell amic Nicolau Acciaioli , que ara s'ha convertit en agent de el Regne de Nàpols [30] [31] . Tot i aquesta intolerància emocional per l’abandonament de la ciutat napolitana, Boccaccio va ser al mateix temps capaç de percebre aquella afectivitat “materna” cap a la seva ciutat natal, pròpia de la cultura medieval, intentant captivar l’ànima dels seus conciutadans mitjançant la realització de la Comèdia de les nimfes florentines i del Ninfale Fiesolano . Malgrat els seus èxits literaris, la situació econòmica de Boccaccio no va mostrar signes de millora, cosa que va obligar el jove de lletres a abandonar Florència per intentar obtenir una posició en alguna cort emiliana.

L'interludi entre Ravenna (1345-1346) i Forlì (1347-1348)

Entre 1345 i 1346 Boccaccio va residir a Ravenna a la cort d' Ostasio da Polenta [32] , on va intentar obtenir una assignació remunerativa i on va completar la vulgarització de la tercera i quarta dècada de l' Ab Urbe Condita de Tito Livio [33]. , dedicant l'empresa literària al senyor de Ravenna [34] .

Havent fracassat en aquest sentit, el 1347 Boccaccio es va traslladar a Forlì a la cort de Francesco II Ordelaffi conegut com el Gran [32] . Aquí freqüentava els poetes Nereo Morandi i Checco Miletto de Rossi , amb qui mantenia una correspondència amistosa tant en llatí com en llengua popular [35] . Entre els textos d’aquest període cal esmentar l’ ecloga de Faunus , en què Boccaccio recorda el passatge a Forlì de Lluís I d’Hongria ( Titiro , a l’ecloga) dirigit cap a Nàpols , al qual es va afegir Francesco Ordelaffi ( Fauno ). Després, el poema va ser inclòs per Boccaccio a la col·lecció Buccolicum Carmen ( 1349 - 1367 ) [36] .

La pesta negra i l’escriptura del Decameró

Malgrat aquestes estades, Boccaccio no va poder obtenir els llocs desitjats, tant que entre finals de 1347 i 1348 es va veure obligat a tornar a Florència. El retorn dels certaldesos va coincidir amb la terrible " pesta negra " que va infectar la gran majoria de la població, causant la mort de molts dels seus amics i parents, inclosos el seu pare i la seva madrastra [37] . Va ser durant la terrible plaga que Boccaccio va elaborar l'obra que serà la base narrativa de la novel·lística occidental, és a dir, el Decameró , que probablement va completar el 1351 [38] .

Boccaccio i Petrarca

1300 i l'admiració per Petrarca

Andrea del Castagno , Francesco Petrarca , detall del Cicle d’homes i dones il·lustres , fresc, ca 1450, Galeria Uffizi , Florència . Petrarca va ser una figura fonamental en l'evolució intel·lectual de Boccaccio, que el va portar a comprendre el seu programa cultural revolucionari.

Boccaccio va sentir parlar de Petrarca ja durant la seva estada napolitana: gràcies al pare Dionigi da Borgo Sansepolcro (que va arribar a Nàpols el 1338) [39] i, potser, a Cino da Pistoia , Boccaccio va tenir notícies d’aquest jove prodigiós resident a Avinyó . Tornant a Florència, el seu coneixement de Sennuccio del Bene i diversos altres admiradors florentins (els protohumanistes Lapo da Castiglionchio , Francesco Nelli , Bruno Casini , Zanobi da Strada i Mainardo Accursio) [1] van contribuir a l’ànima de Certaldese per enfortir el que inicialment era un curiosa atenció, fins al punt de convertir-la en una passió visceral per aquest home que, modest, auster i gran poeta, podria haver rescatat Boccaccio de l’estat de decadència moral en què es trobava.

En aquesta dècada Boccaccio va crear algunes composicions celebratives de Petrarca: el Mavortis Milex de 1339, elogi a la persona de Petrarca, capaç de salvar-lo de la seva degradació moral [40] [41] ; el Notamentum , escrit després del 1341 amb l'objectiu de celebrar a Petrarca com el primer poeta que es va graduar a Roma després de Stazio , quan Virgili va ressuscitar, com a filòsof moral a la parella de Ciceró i Sèneca [42] ; i finalment el De vita et moribus domini Francisci Petracchi , escrit abans del 1350 i després de l'exaltació del Notamentum [41] , un autèntic intent de "canonització" [43] d'Aretino. Gràcies a la freqüentació dels amics florentins de Petrarca, Boccaccio va ser capaç de recollir a la seva “antologia petrarquesa” [44] els poemes que aquest va intercanviar amb els seus deixebles, intentant apropiar-se de la cultura que tant admirava.

La reunió amb Petrarca el 1350

La trobada en persona amb el gran poeta guardonat va tenir lloc quan ell, amb motiu del Jubileu de 1350 , es va preparar per deixar Valchiusa , on s’havia refugiat a causa de la gran pesta, per anar a Roma [41] . Pel camí, Petrarca, d'acord amb el cercle d'amics florentins, va decidir parar tres dies a Florència per llegir i explicar les seves obres. Va ser un moment d’una intensitat extraordinària: Lapo da Castiglionchio va donar l’ Oratori Institutio de Quintilian a Petrarca, mentre que Petrarca els va enviar posteriorment el Pro Archia , descobert anys abans a la biblioteca capitular de Lieja [N 3] .

Conversió a l'humanisme (1350-1355)

A partir del 1350 va néixer una profunda relació entre Boccaccio i Petrarca, que es materialitzarà en les reunions dels anys següents, durant les quals la "conversió" de Boccaccio al naixent humanisme es va produir gradualment, segons un terme encunyat pel filòleg espanyol Francisco Rico [45]. ] . Des de la seva joventut a Nàpols, Boccaccio havia entrat en contacte amb riques biblioteques [46] , entre les quals destacava la del monestir de Montecassino , on es guardaven nombrosos codis d’autors gairebé desconeguts a la resta de l’Europa occidental: entre aquests , Apuleu [N 4] , Ovidi , Marcial i Varro [47] . Abans de conèixer Petrarca, Boccaccio va continuar veient els clàssics en la perspectiva de la salvació cristiana, distorsionats respecte al seu missatge original i allunyats del context en què estaven compostos [48] . Les diverses trobades amb el poeta graduat, mantingudes constants mitjançant una estreta correspondència de cartes i la freqüent freqüentació dels altres protohumanistes, van permetre a Boccaccio superar la mentalitat medieval i abraçar el naixent humanisme .

Al cap de cinc anys, Boccaccio va poder apropar-se a la mentalitat del que es convertirà en el seu preceptor , tot assenyalant la indiferència que tenia per Dante [N 5] i l’ostentós esperit cosmopolita que va portar el poeta Arezzo a rebutjar la invitació del municipi de Florència. assumir el paper de mestre en el recent nascut Studium i acceptar en canvi, el 1353, la invitació de Joan II Visconti , un amarg enemic dels florentins [49] [N 6] . Superada la crisi de les relacions a causa del canvi de Petrarca, Boccaccio va reprendre les files de les relacions culturals entre ell i el cercle d'amics florentins, arribant a la maduració de la mentalitat humanista quan el 1355 va donar al seu amic dos codis molt preuats: un dels Enarrationes in Psalmos of Sant'Agostino [50] , que va ser seguit poc després pel que contenia el De Lingua Latina per l’ erudit romà Varrone i tot el Pro Cluentio de Ciceró [51] .

Els anys del compromís (1350-1365)

Entre càrrecs públics i problemes privats

William Bell Scott , Boccaccio visita la filla de Dante , oli sobre tela , any desconegut

Mentre Boccaccio consolidava la seva amistat amb Petrarca, el primer va començar a ser emprat per la Signoria per a diverses ambaixades diplomàtiques, ben conscients de les qualitats retòriques dels certaldesos. Ja entre agost i setembre de 1350 [1] , per exemple, Boccaccio va ser enviat a Ravenna per portar la germana Beatrice , la filla de Dante , 10 florins d' or en nom dels capitans de la companyia d' Orsanmichele [52] [53] , durant la qual ambaixada probablement va recopilar informació sobre l'amat poeta [54] i va conèixer l'amic de Petrarca, el retòric Donato Albanzani [55] .

El 1351 , la Signoria sempre va confiar a Boccaccio una triple missió: convèncer Petrarca, que mentrestant es trobava a Pàdua , que s’establís a Florència per ensenyar al recent nascut Studium (les converses entre tots dos van tenir lloc al març) [56] ; estipular amb Ludovico di Baviera , marquès de Brandenburg , una aliança contra els objectius expansionistes de Giovanni Visconti (desembre 1351-gener 1352) [57] ; i finalment, després d'haver estat nomenat un dels Camerlenghi de la República, el de convèncer Giovanna I de Nàpols per deixar Prato sota la jurisdicció florentina [58] .

Tot i el fracàs de les negociacions amb Petrarca, la Signoria va renovar la seva confiança en Boccaccio, enviant-lo a Avinyó amb Innocenci VI (maig-juny 1354) [1] i, el 1359, a Milà amb el nou senyor Bernabò Visconti [1] , ciutat on Boccaccio va parar a visitar Petrarca, la casa del qual estava a prop de Sant'Ambrogio [59] . Aquesta dècada d'intensa activitat política també va estar marcada, però, per alguns esdeveniments personals dolorosos: el 1355 va morir la seva filla natural Violante [60] (Boccaccio, en una data no especificada, va ser ordenat sacerdot , com es demostra en un benefici de 1360 [61]). ] ); també el mateix any, l'escriptor va sentir amargor i ressentiment en no haver estat ajudat pel seu influent amic Niccolò Acciaiuoli a obtenir un lloc a la cort de Giovanna a Nàpols [N 7] . Tanmateix, el 1355 també va experimentar un petit èxit financer per part dels certaldesos, ja que alguns oficis que va emprendre amb la ciutat de l’ Alguer li van aportar aquells recursos que demostrarà poder disposar els anys següents, caracteritzats per diverses dificultats econòmiques. [62] .

La caiguda momentània de la gràcia

L'any 1360 va marcar un punt d'inflexió en la vida social de Boccaccio. En aquell any, de fet, durant les eleccions dels priors de la Signoria es va descobrir una conspiració en què van participar persones properes al mateix Boccaccio [63] . Tot i que no tenia relació amb l’intent de cop d’estat, Boccaccio va ser mal vist per les autoritats polítiques florentines, tant que fins al 1365 no va participar en missions diplomàtiques ni càrrecs polítics [N 8] .

Retrat de Giovanni Boccaccio a la seva edat tardana, detall d'un cicle de frescos a la seu antiga de l'art dels jutges i dels notaris (Florència) [25] . És el retrat existent més antic dels certaldesos [64] .

Boccaccio l'humanista i Leonzio Pilato

Durant la dècada de 1950, a mesura que avançava en els seus coneixements sobre la nova metodologia humanística, Boccaccio va escriure cinc obres en llatí, fruit del seu continu estudi dels codis dels clàssics. Tres d’aquests tenen un caràcter erudit (la Genealogia deorum gentilium , el De Canaria et insulis reliquis ultra Hispaniam a Oceano noviter repertis i el De montibus ), mentre que els restants ( De Casibus i De mulieribus claris ) tenen un sabor popular. Un dels grans mèrits de Boccaccio per difondre la cultura humanística va ser l'interès mostrat pel monjo calabrià Leonzio Pilato , un erudit coneixedor del grec del qual Petrarca va parlar amb el seu amic florentí [65] . Després d’haver obtingut de la Signoria florentina [66] que Pilat va ser acollit a l’ Estudi com a professor de grec , Boccaccio va acollir el monjo a costa seva entre l’agost de 1360 i la tardor de 1362 [67] [68] . La convivència no havia de ser molt senzilla a causa del mal caràcter de Pilat [69] , però al mateix temps va resultar rendible per als certaldesos aprendre grec. A Florència, Pilat va traduir els primers cinc llibres de la Ilíada i l' Odissea (a més de comentar Aristòtil i Eurípides [67] ) i va produir dos còdexs d'ambdues obres, que Boccaccio va enviar a Petrarca (1365) [70] .

El període florentino-certaldès (1363-1375)

El període que va del 1363 a l'any de la seva mort (1375) s'anomena "període florentino-certaldès": de fet, l'autor del Decameró començarà a residir cada vegada més a Certaldo, tot i que els governants florentins han decidit reintegrar-lo. en càrrecs públics, enviant-lo com en el passat a missions diplomàtiques [71] .

De fet, a partir del 1363, Boccaccio va residir més de deu mesos a la ciutat toscana, de la qual es va traslladar cada cop més rarament a causa de la disminució de la salut (en els darrers anys va estar afectat per la gota , la sarna i la hidropesia [72] ). Els únics viatges que hauria fet haurien estat tornar a veure Petrarca, algunes missions diplomàtiques en nom de Florència, o tornar a provar sort al seu estimat Nàpols. A més de la decadència física, també es va afegir un estat d’abatiment psicològic: el 1362 el monjo cartoixà (i després beneït) Pietro Petroni [73] va retreure a ell i a Petrarca que es dediquessin a plaers mundans com la literatura [74] , una crítica que va tocar profundament l’ànima de Boccaccio, fins al punt que fins i tot va pensar a cremar els seus propis llibres [75] i a renunciar als seus estudis, venent la seva biblioteca a Petrarca [76] [77] .

Rehabilitació pública

De fet, el 1365, Boccaccio fou posat al capdavant d’una missió diplomàtica a la cort papal d’Avinyó. En aquesta ciutat, els certaldesos van haver de reafirmar la lleialtat dels florentins al papa Urbà V contra la interferència de l'emperador Carles IV de Luxemburg [78] . El 1367 Boccaccio va anar a Roma per felicitar el retorn del papa a la seu diocesana [79] .

El cercle de Santo Spirito i l'autoritat de Boccaccio

La basílica de Santo Spirito , amb el convent dels agustins annex, en els darrers anys de Boccaccio va ser un lloc de trobada de diversos intel·lectuals propers a la sensibilitat humanística. També allotjava l'anomenada "Parva Libreria", és a dir, el conjunt de llibres que Boccaccio va regalar a Martino da Signa, sobre la base dels seus desitjos testamentaris [80] .

Els anys següents van veure cada vegada més desaccelerats els viatges de Boccaccio: el 1368 va conèixer per última vegada el seu amic Petrarca, ara estable a Arquà [79] ; entre 1370 i 1371 va estar a Nàpols [79] , la ciutat on sorprenentment va decidir no parar i residir a causa de la seva edat avançada i la seva salut cada vegada més deficient [81] . El propòsit principal dels certaldesos, en els darrers anys de la seva vida, era completar les seves obres llatines i enfortir la primacia de la cultura humanística a Florència. Va ser en aquests anys que Boccaccio, ja admirat per l' elit cultural italiana, va ser capaç de crear un cercle de lleials a Florència al convent dels agustins de Santo Spirito [82] . Entre aquests, recordem fra Martino da Signa , Benvenuto da Imola i, sobretot, el notari i futur canceller de la República Coluccio Salutati [83] .

Els darrers anys

Al costat de la producció humanística, Boccaccio va continuar cultivant el seu amor per la poesia vulgar, especialment per Dante. Va preparar una edició manuscrita de la Divina Comèdia , corregint críticament el text, i va escriure el trattello in laude de Dante , fet en diverses edicions entre 1357 i 1362, fonamental per a la biografia de Dante. El 1370, a més, va transcriure un codi del Decameró , el famós Hamilton 90 descobert per Vittore Branca [84] . Malgrat que les malalties es van fent cada cop més greus, Boccaccio va acceptar una última tasca del municipi de Florència, iniciant una lectura pública de la Comèdia de Dante a la Badia Fiorentina , interrompuda al cant XVII de l’ Infern a causa del col·lapse físic [85] .

Mort i enterrament

Làpida mortal, construïda entre finals del segle XIX i principis del segle XX, en honor de Giovanni Boccaccio, al centre de la nau de l’església de Santi Jacopo e Filippo a Certaldo

Els darrers mesos van transcórrer entre el patiment físic i el dolor per la pèrdua del seu amic Petrarca, que va morir entre el 18 i el 19 de juliol de 1374. Com a prova d’aquest dolor, tenim l’ Epístola XXIV dirigida al gendre del difunt Francescuolo da Brossano , en què el poeta renova la seva amistat amb el poeta graduat, un sentiment que perdurarà més enllà de la mort. Finalment, el 21 de desembre de 1375 Boccaccio va morir a casa seva a Certaldo [86] . Sincerament lamentat pels seus contemporanis o deixebles ( Franco Sacchetti [87] , Coluccio Salutati [88] ) i pels seus amics ( Donato degli Albanzani , Francescuolo da Brossano , gendre de Petrarca), Boccaccio va ser enterrat amb tots els honors a l' església de Santi Iacopo i Felip [N 9] . A la seva tomba volia que es recordés la seva passió dominant per la poesia [89] , amb la següent inscripció funerària [90] :

( LA )

"Hac sub mole iacent cineres ac bones Iohannis:
Mens sedet ante Deum meritis ornata laborum
Vinya de mortalis. Parent Bocchaccius illi,
Patria Certaldum, studium fuit alma poesis. "

( IT )

"Sota aquesta llosa hi ha les cendres i els ossos de Joan:
La ment es posa davant Déu, adornada amb els mèrits dels treballs de la vida mortal.
Boccaccio era el seu pare, Certaldo, la pàtria, estimava la poesia d'alma ".

( Epitafi funerari de Giovanni Boccaccio )

Obres

A la producció de Boccaccio es poden distingir les obres de joventut, maduresa i vellesa. La seva obra més important i coneguda és el Decameró .

Obres del període napolità

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Obres de joventut de Giovanni Boccaccio .

Entre les seves primeres obres del període napolità s’esmenten: Caccia di Diana (aproximadament 1334) [91] , Filostrato (1335), Filocolo (1336-38) [92] , Teseida (1339-41) [93] .

La Caccia di Diana (1333–1334)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Caccia di Diana .

La Caccia di Diana è un poemetto di 18 canti in terzine dantesche che celebra in chiave mitologica alcune gentildonne napoletane. Le ninfe, seguaci della casta Diana , si ribellano alla dea e offrono le loro prede di caccia a Venere , che trasforma gli animali in bellissimi uomini. Tra questi vi è anche il giovane Boccaccio che, grazie all'amore, diviene un uomo pieno di virtù: il poemetto propone, dunque, la concezione cortese e stilnovistica dell'amore che ingentilisce e nobilita l'essere umano [94] .

Il Filostrato (1335)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Filostrato (Boccaccio) .
Codice riportante un passo del Filocolo . Codex Christianei , conservato nella Bibliotheca Gymnasii Altonani ( Amburgo )

Il Filostrato (che alla lettera dovrebbe significare nel greco approssimativo del Boccaccio «vinto d'amore») è un poemetto scritto in ottave che narra la tragica storia di Troilo , figlio del re di Troia Priamo , che si era innamorato della principessa greca Criseide . La donna, in seguito a uno scambio di prigionieri, torna al campo greco, e dimentica Troilo. Quando Criseide in seguito s'innamora di Diomede, Troilo si dispera e va incontro alla morte per mano di Achille . Nell'opera l'autore si confronta in maniera diretta con la precedente tradizione dei «cantari», fissando i parametri per un nuovo tipo di ottava essenziale per tutta la letteratura italiana fino al Seicento [95] . Il linguaggio adottato è difficile, altolocato, spedito, a differenza di quello presente nel Filocolo , in cui è molto sovrabbondante [96] .

Il Filocolo (1336-1339)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Filocolo .

Il Filocolo (secondo un'etimologia approssimativa «fatica d'amore») è un romanzo in prosa: rappresenta una svolta rispetto ai romanzi delle origini scritti in versi. La storia ha come protagonisti Florio, figlio di un re saraceno, e Biancifiore (o Biancofiore), una schiava cristiana abbandonata da bambina. I due fanciulli crescono assieme e da grandi, in seguito alla lettura del libro di Ovidio Ars Amandi s'innamorano, come era successo per Paolo e Francesca dopo avere letto Ginevra e Lancillotto . Tuttavia il padre di Florio decide di separarli vendendo Biancifiore a dei mercanti. Florio decide quindi di andarla a cercare e dopo mille peripezie (da qui il titolo Filocolo ) la rincontra. Infine, il giovane si converte al cristianesimo e sposa la fanciulla [97] .

Teseida delle nozze d'Emilia (1339-1340)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teseida .
Emilia nel roseto , manoscritto francese del 1460 ca.

Il Teseida è un poema epico in ottave in cui si rievocano le gesta di Teseo che combatte contro Tebe e le Amazzoni . L'opera costituisce il primo caso in assoluto nella storia letteraria in lingua italiana di poema epico in volgare e già si manifesta la tendenza di Boccaccio a isolare nuclei narrativi sentimentali, cosicché il vero centro della narrazione finisce per essere l'amore dei prigionieri tebani Arcita e Palemone , molto amici, per Emilia, regina delle Amazzoni e cognata di Teseo; il duello fra i due innamorati si conclude con la morte di Arcita e le nozze tra Palemone ed Emilia [98] .

Opere del periodo fiorentino

Tra le opere scritte durante la sua permanenza nella borghese Firenze emergono La Comedia delle Ninfe fiorentine (o Ninfale d'Ameto ) del 1341-1342 [99] , L'Amorosa visione (1342-1343) [100] , la Elegia di Madonna Fiammetta (1343-1344) [101] e il Ninfale fiesolano (1344-1346) [100] . Le opere della giovinezza riguardano il periodo compreso tra il 1333 e il 1346 .

Comedia delle ninfe fiorentine (1341-1342)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comedia delle ninfe fiorentine .

La Comedia delle ninfe fiorentine (o Ninfale d'Ameto ) è una narrazione in prosa, inframmezzata da componimenti in terzine cantati da vari personaggi. Narra la storia di Ameto, un rozzo pastore che un giorno incontra delle ninfe devote a Venere e si innamora di una di esse, Lia. Nel giorno della festa di Venere le ninfe si raccolgono intorno al pastore e gli raccontano le loro storie d'amore. Alla fine Ameto è immerso in un bagno purificatore e comprende così il significato allegorico della sua esperienza: infatti le ninfe rappresentano la virtù e l'incontro con esse lo trasformarono da essere rozzo e animalesco in uomo [102] .

Amorosa visione (1341-1343)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Amorosa visione .

L' Amorosa visione è un poema in terzine suddiviso in cinquanta canti . La narrazione vera e propria è preceduta da un proemio costituito da tre sonetti che, nel loro complesso, formano un immenso acrostico , nel senso che essi sono composti da parole le cui lettere (vocali e consonanti) corrispondono ordinatamente e progressivamente alle rispettive lettere iniziali di ciascuna terzina del poema. La vicenda descrive l'esperienza onirica di Boccaccio che, sotto la guida di una donna gentile perviene a un castello, sulle cui mura sono rappresentate scene allegoriche che vedono protagonisti illustri personaggi del passato. Più in dettaglio in una stanza sono rappresentati i trionfi di Sapienza, Gloria, Amore e Ricchezza, nell'altra quello della Fortuna, grazie ai cui exempla spera di portare Boccaccio alla purezza dell'anima. Se l'influenza dantesca è notevole (sia per la tematica del viaggio sia della visione), Boccaccio però si dimostra restio nel giungere alla redenzione : preferisce concludere la vicenda rinnegando l'esperienza formativa e rifugiandosi con Fiammetta nel bosco da cui era iniziata la vicenda, anche se poi il desiderio amoroso verso di lei non si compirà per l'improvvisa sparizione dell'amata [103] .

Elegia di Madonna Fiammetta (1343-1344)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elegia di Madonna Fiammetta .
A Vision of Fiammetta , olio su tela dipinto da Dante Gabriel Rossetti , 1878

L' Elegia di Madonna Fiammetta è un romanzo in prosa suddiviso in nove capitoli che racconta di una dama napoletana abbandonata e dimenticata dal giovane fiorentino Panfilo. La lontananza di Panfilo le crea grande tormento, accresciuto dal fatto che Fiammetta è sposata e deve nascondere al marito il motivo della sua infelicità. L'opera ha la forma di una lunga lettera rivolta alle donne innamorate; la lunga confessione della protagonista consente una minuziosa introspezione psicologica [N 10] . La vicenda è narrata dal punto di vista della donna, un elemento nettamente innovativo rispetto a una tradizione letteraria nella quale la donna era stata oggetto e non soggetto amoroso [104] : essa non viene più a essere ombra e proiezione della passione dell'uomo, ma attrice della vicenda amorosa; vi è, quindi, il passaggio della figura femminile da un ruolo passivo a un ruolo attivo [105] .

Ninfale fiesolano (1344 -1346)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ninfale fiesolano .

Il Ninfale fiesolano è un poemetto eziologico in ottave che racconta le origini di Fiesole e Firenze : l'opera è un cordiale omaggio alla città di Firenze, di cui il Boccaccio cercava di attirarsi i favori. Il giovane pastore Africo, che vive sulle colline di Fiesole coi genitori, sorpresa nei boschi un'adunata di ninfe di Diana, s'innamora di Mensola, che, con le altre ninfe della dea, è obbligata alla castità. Dopo una vicenda d'amore tormentata, dovuta all'impossibilità dell'amore tra una dea ancella di Venere e un mortale, Africo si suicida e il suo sangue cade nel torrente. La ninfa però è incinta e, nonostante si sia nascosta in una grotta, aiutata dalle ninfe più anziane, viene un giorno scoperta da Diana, che la trasforma nell'acqua del torrente , che da quel giorno in poi assumerà il suo nome. Il bambino viene invece affidato a un'altra ninfa, che lo consegnerà alla madre del povero pastore [106] .

Il Decameron (1348-1353)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Decameron .

Titolo e struttura

The Decameron , olio su tela del 1837 di Franz Xaver Winterhalter

Il capolavoro di Boccaccio è il Decameron [107] , il cui sottotitolo è Il principe Galeotto (a indicare la funzione che il libro avrà di intermediario tra amanti) e il cui titolo fu ricalcato dal trattato Exameron di sant'Ambrogio [108] . Il libro narra di un gruppo di giovani (sette ragazze e tre ragazzi) che, durante l' epidemia di peste del 1348 , incontratisi nella chiesa di Santa Maria Novella , decidono di rifugiarsi sulle colline presso Firenze. Per due settimane l'«onesta brigata» s'intrattiene serenamente con passatempi vari, in particolare raccontando a turno le novelle, raccolte in una cornice narrativa dove si intercavallano più piani narrativi: ciò permette al Boccaccio di intervenire criticamente su varie tematiche connesse ad alcune novelle che già circolavano liberamente [109] .

La Brigata

I nomi dei dieci giovani protagonisti sono Fiammetta, Filomena, Emilia, Elissa, Lauretta, Neifile, Pampinea, Dioneo, Filostrato e Panfilo. Ogni giornata ha un re o una regina che stabilisce il tema delle novelle; due giornate però, la prima e la nona, sono a tema libero. L'ordine col quale vengono decantate le novelle durante l'arco della giornata da ciascun giovane è prettamente casuale, con l'eccezione di Dioneo (il cui nome deriva da Dione , madre della dea Venere), che solitamente narra per ultimo e non necessariamente sul tema scelto dal re o dalla regina della giornata, risultando così essere una delle eccezioni che Boccaccio inserisce nel suo progetto così preciso e ordinato. L'opera presenta invece una grande varietà di temi, di ambienti, di personaggi e di toni; si possono individuare come centrali i temi della fortuna, dell'ingegno, della cortesia e dell'amore [110] .

Tematiche

Il Decameron è, secondo le parole del padre della storiografia letteraria italiana Francesco De Sanctis , «la terrestre Commedia» [111] : in essa Boccaccio dimostra di aver saputo magistralmente affrescare l'intero codice etico dell'essere umano, costretto ad affrontare situazioni in cui si richiede l'ingegno per superare le difficoltà poste dalla Fortuna. In Boccaccio, ormai, è completamente svincolata da forze sovrannaturali (come nel caso di Dante , che riflette sulla Fortuna nel VII canto dell' Inferno [112] ), lasciandola gestire e affrontare dal protagonista [113] . La narrazione di tematiche erotiche o sacrileghe (come per esempio quelle relative alla novella di Ferondo in Purgatorio, o di Masetto da Lamporecchio ) non è giudicata moralmente dall'autore, che invece guarda con sguardo neutrale quanto possa essere ricca e variegata l'umanità. Giudizio ancor più comprensibile alla luce dei valori "laici" portati nella narrativa da un esponente della classe mercantile e borghese del Trecento, per di più figlio naturale di uno di quei mercanti che popolano questa commedia umana [114] .

Opere della vecchiaia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Opere della vecchiaia di Giovanni Boccaccio e Il Corbaccio .
Miscellanea latina copiata dal Boccaccio, XIV secolo, Pluteo 33.31, 05, conservato alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze

Nell'ultimo ventennio della sua vita Boccaccio si dedicò sia alla stesura di opere impregnate della nuova temperie umanistica sia a quelle in lingua volgare, continuando pertanto quel filone che si protraeva fin dagli anni napoletani. Nel primo caso Boccaccio si dedicò alla stesura di opere enciclopediche (la Genealogia deorum gentilium e il De montibus ) sulla scia dell'amico e maestro Petrarca, affiancandola anche a quelle dal sapore più narrativo quali il De mulieribus claris e il De casibus virorum illustrium , impregnate comunque di un sapore moralisticheggiante per il fine etico di cui esse sono portavoce [115] . Tornando sul filone della letteratura in lingua volgare, dell'ultimo Boccaccio si ricorda principalmente Il Corbaccio (o Laberinto d'amore ), opera dal titolo oscuro, datato dopo il 1365 e nettamente in controtendenza rispetto alla considerazione positiva che le donne ebbero nell'economia letteraria boccacciana [116] .

La narrazione è incentrata sull'invettiva contro le donne: il poeta, illuso e rifiutato da una vedova, sogna di giungere in una selva (che richiama il modello dantesco) nella quale gli uomini che sono stati troppo deboli per resistere alle donne vengono trasformati in bestie orribili. Qui incontra il defunto marito della donna che gli ha spezzato il cuore, il quale, dopo avergli elencato ogni sorta di difetto femminile, lo spinge ad allontanare ogni suo pensiero da esse lasciando più ampio spazio ai suoi studi, che invece innalzano lo spirito [117] . Da segnalare, infine, le Esposizioni sopra la Comedia , frutto dei commenti esegetici tenuti in Santo Stefano in Badia poco prima della morte [85] .

Considerazioni culturali

Genealogia deorum gentilium , 1532. Da BEIC , biblioteca digitale

Tra Dante e Petrarca

Tra Medioevo e umanesimo

La figura di Boccaccio, sia umana sia letteraria, rappresenta un ponte tra il Medioevo e l'età moderna. Attratto, da un lato, verso il mondo medievale per il suo attaccamento alla città natale e ai valori dell'età di mezzo, dall'altro il suo ottimismo e la sua fiducia nelle potenzialità dell'essere umano lo portano già a essere un protoumanista quale il suo maestro Petrarca [118] . Al contrario di quest'ultimo, infatti, Boccaccio si rivelò sempre attaccato alla città natale Firenze , rivelando un'affinità straordinaria con l'atteggiamento dantesco. Comunque, se Dante si considerava come figlio dell'amata Firenze, tanto da non riuscire a lenire il dolore col passare degli anni [119] , Boccaccio sentì la lontananza anche di Napoli , la città della giovinezza, rivelando quindi una maggiore apertura culturale e sociale rispetto all'Alighieri.

Una sensibilità moderna e medievale al contempo

Boccaccio dimostrò una sensibilità moderna nell'affrontare le vicende umane, legate alla volubile fortuna , dandole un'ottica decisamente più "laica" rispetto a Dante: da qui, Francesco De Sanctis giunse a definire Boccaccio come il primo scrittore distaccato dalla mentalità medievale [120] . Al contrario il maggiore studioso di Boccaccio del XX secolo , Vittore Branca , nel suo libro Boccaccio medievale , tese a rimarcare la mentalità medievale del Certaldese, su cui si basano i valori, le immagini e le scene delle novelle [121] . Uno dei massimi filologi italiani del XX secolo , Gianfranco Contini , espresse il medesimo giudizio e chiosò dicendo che «oggi il Boccaccio appare per un verso di cultura medievale e retrospettiva, per un altro buon deuteragonista italiano di quel movimento aristocratico che fu l'Umanesimo» [122] .

boccacciano e boccaccésco

I due termini, al contrario di quanto si creda, non sono del tutto sinonimi fra di loro. Se boccacciano è un aggettivo usato soltanto nella terminologia scientifica (es: studi boccacciani ; poetica boccacciana ) [123] , boccaccesco può essere usato sì come omonimo di boccacciano se usato nella terminologia accademica, ma è usato soprattutto per indicare la vicinanza alle tematiche licenziose proprie di alcune novelle del Decameron [124] .

Lo "sperimentalismo boccacciano"

Già fin dal periodo napoletano Boccaccio dimostra un'incredibile versatilità nel campo delle lettere, sapendo con maestria adoperare il materiale letterario con cui entra in contatto, rielaborandolo e producendo nuovi lavori originali. Nel clima cosmopolita napoletano, ove l' etica cavalleresca francese importata dagli Angiò , le influenze arabo - bizantine , l'erudizione di corte e la presenza di cultori della memoria dantesca si incontrano fra i vicoli della città partenopea, Boccaccio dà adito a uno sperimentalismo in cui tutti questi elementi si incrociano [125] [126] . Prendendo, per esempio, il Filocolo , primo romanzo in volgare italiano [125] , si può notare che:

La narrativa moderna

Con la narrativa promossa dal Boccaccio, la prosa letteraria italiana raggiunge un livello elevatissimo. Grazie alla volgarizzazione di Tito Livio Boccaccio adotta infatti un periodare delle frasi più sciolto, meno paratattico e incentrato invece sulla concatenazione gerarchica dei periodi, tipica dell' opera liviana [129] . Tale stile fluido e scorrevole, intriso di un linguaggio proprio della dimensione quotidiana [130] (resa ancor più marcata dalla presenza di dialettismi [131] e da contesti dominati da doppi sensi [132] ), si contrappone decisivamente al resto della produzione letteraria in prosa, caratterizzata da un periodare paratattico e asciutto [133] .

P. Salinas, Boccaccio alla corte di Giovanna di Napoli , 1892. La corte napoletana fu la vera fucina ove Boccaccio apprese e fece proprio il materiale narrativo che sfoggerà nel corso della sua attività letteraria.

L'umanesimo di Boccaccio

Il valore del greco

Boccaccio, in certe occasioni, si dimostrò più volte in disaccordo con Petrarca man mano che il Certaldese si impadroniva dei principi della lezione umanistica. A parte la crisi del 1354, dovuta al trasferimento di Petrarca nella nemica Milano , tra Boccaccio e il poeta aretino ci fu uno scontro sul valore che il greco antico poteva apportare alla cultura occidentale: se per Petrarca tutta l'eredità della cultura greca fu assorbita da quella latina, Boccaccio (che fu a stretto contatto col lavoro di traduzione di Leonzio Pilato) invece ritenne che i Latini non avessero assorbito tutte le nozioni della civiltà ellenica [134] . Come gli antichi Romani imitarono e ripresero la letteratura greca, così anche gli umanisti dovevano riprenderne il pensiero. La lungimiranza culturale di Boccaccio, la cui proposta culturale trovò conferma già sotto la generazione d'umanisti successiva [135] , fu in questo modo sintetizzata dal filologo bizantino Agostino Pertusi :

«[Il Boccaccio] intravvide, seppur vagamente, che l'Umanesimo per esser veramente integrale doveva completarsi con la matrice della cultura e della 'humanitas latina, cioè con la cultura e l'humanitas' dei Greci»

( Agostino Pertusi in Branca 1977 , p. 118 )

L'erudizione "didattica" e l'umiltà del Boccaccio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Genealogia deorum gentilium e De montibus .
Enrico Pollastrini (1817-1876), Morte di Giovanni Boccaccio , Olio su carta applicata a tela, data sconosciuta

Al contrario del maestro Petrarca, Boccaccio cercò sempre di fornire un'utilità pratica alle sue opere umanistiche di carattere erudito. Sia nella Genealogia sia nel De montibus , infatti, Boccaccio ebbe come scopo quello di fornire dei prontuari enciclopedici volti a conservare il patrimonio della cultura classica ea trasmetterlo alla posterità. Nel caso del Proemio dei libri della Genealogia , rivolgendosi al destinatario dell'opera, Ugo IV di Lusignano , Boccaccio espresse tale proposito con grande umiltà, dopo aver ricordato la sua inadeguatezza nell'adempiere questo compito, ricordando il valore intellettuale di Petrarca [136] :

( LA )

«Iussu igitur tuo, montanis Certaldi cocleis et sterili solo derelictis, tenui licet cimba in vertiginosum mare crebrisque implicitum scopulis novus descendam nauta, incertus, num quid opere precium facturus sim, si omnia legero litora et montuosa etiam nemora, scrobes et antra, si opus sit, peragravero pedibus, ad inferos usque descendero, et, Dedalus alter factus, ad ethera transvolavero; undique in tuum desiderium, non aliter quam si per vastum litus ingentis naufragii fragmenta colligerem sparsas, per infinita fere volumina deorum gentilium reliquias colligam, quas comperiam, et collectas evo diminutas atque semesas et fere attritas in unum genealogie corpus, quo potero ordine, ut tuo fruaris voto, redigam.»

( IT )

«Per tuo comandamento adunque, lasciati i sassi dei monti di Certaldo et lo sterile paese, con debile barchetta in un profondo mare, pieno di spessi scogli, come novo nocchiero entrerò, dubbioso veramente che opra io mi sia per fare, se bene leggerò tutti i liti, i montuosi boschi, gli antri et le spelonche, et se sarà bisogno caminar per quelli et discender fino all'Inferno. Et fatto un altro Dedalo, Secondo il tuo disio volelerò per insino al cielo; non altramente che per un vasto lido raccogliendo i fragmenti d'un gran naufragio, così raccorrò io tutte le reliquie che troverò sparse quasi infiniti volumi dei Dei gentili; et raccolte et sminuite, et quasi fatte in minuzzoli, con quel ordine ch'io potrò, acciò che tu habbi il tuo disio, in un corpo di Geneologia le ritornerò.»

( Genealogia deorum gentilium , Proemio Libro I ; per la traduzione Geneologia degli Dei. I quindeci libri , tradotti et adornati per messer Giuseppe Betussi da Bassano, 1547 )

Lo stesso proposito è proprio del prontuario geografico De montibus , ove sottolinea i possibili punti di "debolezza" dovuti agli errori e alle imprecisioni causate dalla sua ignoranza, ricordando ai lettori di intervenire, qualora si dovessero accorgere di tali mancanze:

( LA )

«Quod si correctioribus libris quam quos viderim usi lectores advertant, sint, queso, ad indulgentiam faciles et emendent.»

( IT )

«E se ho visto libri più corretti di quelli che si utilizzano, i lettori se ne accorgano e, per carità, siano inclini all'indulgenza e li correggano.»

( De montibus , conclusione )

Critica letteraria

Ezra Pound (sinistra) con Vittore Branca . Branca, filologo e uno dei massimi studiosi su Boccaccio del secondo Novecento insieme a Giuseppe Billanovich , contribuì (in collaborazione con Pier Giorgio Ricci ) a certificare il carattere autografo del codice Hamilton 90 , riportante il Decameron [137] .

Italia

Boccaccio ebbe un enorme successo già a partire dalla sua scomparsa. Nella Firenze umanistica, che era debitrice profondamente della lezione filologica impartita dal Boccaccio ai suoi giovani allievi nel circolo di Santo Spirito, la figura del Certaldese è ricordata con affetto e venerazione, come si può notare già dall'epistolario di Coluccio Salutati [138] o dalla Vita di Giannozzo Manetti [138] [139] , delineando, insieme alle biografie di Dante e Petrarca scritte da Leonardo Bruni , il culto delle «tre corone fiorentine» [140] . Dopo aver goduto di grande successo anche presso l' umanesimo "volgare" ( Lorenzo de' Medici elogiò come grande opera il Decameron [141] ) la consacrazione, però, giunse nel 1525 , allorché il futuro cardinale e poeta italiano Pietro Bembo , con le sue Prose della volgar lingua , delineò come modello prosaico il Decameron :

«Ma quante volte aviene che la maniera della lingua delle passate stagioni è migliore che quella della presente non è [...] e molto meglio faremo noi altresí, se con lo stile del Boccaccio e del Petrarca ragioneremo nelle nostre carte, che non faremo a ragionare col nostro, perciò che senza fallo alcuno molto meglio ragionarono essi che non ragioniamo noi.»

( Pietro Bembo , Prose della volgar lingua I, XIX )
Geoffrey Chaucer , illustrazione dalla History of England di Cassell, 1902 ca.

Se la fortuna della lirica petrarchesca durerà fino al XIX secolo, dando il via al fenomeno del petrarchismo , Boccaccio invece subì una netta condanna da parte del Concilio di Trento , per via dei contenuti "immorali" presenti in molte novelle, ove il Certaldese mise a nudo vizi e difetti del clero : tra il 1573 e il 1574 il filologo e religioso Vincenzio Borghini compì una vera e propria emendatio morale del Decameron , che nel contempo permise all'opera di salvarsi dalla distruzione totale [142] [143] . Soltanto con l'inizio dell' età contemporanea (e della laicizzazione della società ), il Boccaccio del Decameron iniziò a essere riconsiderato dalla critica, nonostante alcune timide rivisitazioni ci fossero già state nel corso del XVIII secolo [144] .

Il giudizio favorevole di Ugo Foscolo e di Francesco De Sanctis prima, e di Vincenzo Crescini [145] poi, diede inizio a una fiorente stagione di studi letterari che, nel corso del XX secolo , culminò con gli studi filologici di Vittore Branca [146] , di Carlo Dionisotti [147] e di Giuseppe Billanovich [148] , tesi a dare un'immagine più reale a quella "boccaccesca" affibbiatagli negli ultimi secoli [144] . Contini, al contrario, si pone in contrasto con quest'ottimismo critico-letterario, rimarcando i limiti della prosa boccacciana [149] .

Europa

Il propagamento del Decameron , secondo quanto ebbe a dire Branca, «è più europeo che italiano» [150] : la diffusione che l'opera ebbe in Francia , in Spagna , in Germania e, soprattutto, in Inghilterra, fu senza precedenti [151] . Nel mondo anglosassone, infatti, Boccaccio fu più di un semplice modello: fu l'ispiratore della pietra miliare che ispirò il primo grande letterato e poeta inglese Geoffrey Chaucer , autore de I racconti di Canterbury , che si strutturano allo stesso modo sia dal punto di vista del genere letterario sia dal punto di vista contenutistico (anche se Chaucer non raccolse più di 24 racconti, invece degli sperati 100). Il successo di Boccaccio in Europa non fu legato, però, soltanto al Decameron , ma anche a quelle opere considerate come "minori", come il De casibus virorum illustrium , il Filocolo e, presso gli eruditi, le enciclopediche latine [152] .

Nel XVIII secolo Boccaccio si affaccia anche in Russia con la prima traduzione delle sue opere. [153] Nikolaj Černyševskij fa dire alla protagonista del suo celebre romanzo Che fare? , nell'ambito di un discorso imperniato sulla natura dell'amore, che le novelle boccacciane esprimono «pensieri freschi, puri, luminosi», e che possono essere affiancate «ai migliori drammi shakespeariani per la profondità e la finezza dell'analisi psicologica» [154] .

Il rapporto con Dante e Petrarca

Discipulus e praeceptor : Boccaccio e Petrarca

Premesse

Odoardo Fantacchiotti , Statua di Giovanni Boccaccio , 1845, Loggia degli Uffizi , Firenze

In tutta la sua vita Boccaccio vide nel Petrarca un praeceptor [155] [156] , capace di risollevarlo dai peccati della carne tramite la letteratura classica e la spiritualità agostiniana , giungendolo a considerarlo come una vera e propria guida spirituale. Da parte sua l'intellettuale aretino nutriva ancora una sorta di distacco intellettuale dal suo affettuoso amico, benché lo considerasse l'unico a «essergli compagno nella titanica impresa culturale che stava compiendo» [157] .

Infatti, Petrarca non permise mai a Boccaccio di accedere del tutto alla sua biblioteca personale [158] , mentre il secondo gli procurava rari codici contenenti opere latine e le versioni dal greco curate da Leonzio Pilato. Era un rapporto ambiguo, che emerge anche dalle ultime quattro Seniles , quando Petrarca, irritato dall'eccessiva preoccupazione di Boccaccio per la sua salute, decise di tradurre l'ultima novella del Decameron , Griselda, in latino , per dimostrare ancora il suo vigore [159] [N 11] . Non si può considerare il rapporto fra i due come un rapporto di “sudditanza psicologica” del Boccaccio nei confronti del Petrarca, quanto invece una «rivendicazione orgogliosa della parte da lui sostenuta perché si affermasse il progetto globale concepito dal Petrarca» [157] .

Difatti, bisogna ricordare che non fu soltanto Petrarca a essere praeceptor di Boccaccio, ma anche il contrario: se l'Aretino ha indubbiamente segnato una svolta nel percorso intellettuale del Certaldese, quest'ultimo ha lasciato un'impronta significativa nella produzione letteraria petrarchesca [160] .

Tra Seneca e il greco: attriti intellettuali

Boccaccio, in certe occasioni, si dimostrò più volte in disaccordo con Petrarca man mano che il Certaldese si impadroniva dei principi della lezione umanistica: la questione "greca" e quella "senecana" [161] . Riguardo alla prima, Boccaccio ribadiva (al contrario del praeceptor ) di come fosse necessario recuperare la letteratura greca per una migliore comprensione della civiltà occidentale [162] .

Sulla seconda questione l' Epistola XX , scritta al giurista napoletano Pietro Piccolo da Monteforte [163] [164] , vicino alla cultura umanista e grande appassionato del Boccaccio [165] , rivela la diatriba di natura filologica tra Petrarca e Boccaccio. Quest'ultimo, difatti, dimostra amarezza per essere stato contraddetto da Petrarca sulla questione se esistessero due Seneca distinti fra di loro [166] . Nonostante le procedure filologiche adottate dal Certaldese, che aveva appreso di questa divisione da un errore di Marziale [N 12] , risultassero esatte, Petrarca ritenne, sulla base dello stile praticamente uguale, che non potessero essere due autori distinti.

Giovanni Boccaccio in cattedra , miniatura tratta dal Codice Laurenziano 49 Pluteo 34, conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana , Firenze

Conclusioni

Concludendo sulla base della sintesi dei due maggiori studiosi del Boccaccio, Vittore Branca e Giuseppe Billanovich , il rapporto fra i due uomini non si può marcare nel semplice binomio preaceptor - discipulus , quanto invece si deve osservare la

«[...] convergenza in problemi, in interessi, in soluzioni analoghe anche stilistiche: di intertestualità, si è poi detto. La caccia agli echi e alle riprese doveva in conseguenza, a nostro avviso, cedere il passo alla ricerca degli scambi e della circolazione di esperienze che di continuo, nell'alto commercio Petrarca-Boccaccio, si arricchiscono reciprocamente. Favorivano quella convergenza letteraria e questo commercio spirituale, una comunanza di gusti e di sensibilità nella stessa atmosfera di prepotente rinnovamento culturale.»

( Vittore Branca , Intertestualità fra Petrarca e Boccaccio , citato in Boccaccio: autore e copista , pp. 39-40 )

Il culto di Dante

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Influenza culturale di Dante Alighieri § Petrarca e Boccaccio .

Boccaccio, durante tutta la sua vita, fu un appassionato cultore di Dante e della sua opera, che ebbe modo di conoscere fin dalla sua prima giovinezza grazie al contatto con Margherita e Filippa de' Mardoli [167] . Perfezionatosi, poi, alla scuola di Cino da Pistoia [168] , amico dell'Alighieri, già nella Caccia di Diana la presenza delle terzine dantesche indica un precoce avvicinamento alla poetica del venerato modello, che si protrarrà fino al senile Corbaccio , ove la presenza della selva e della visione rimandano inequivocabilmente all'ambientazione infernale dell'immortale poema [169] .

L'avvicinamento alla mentalità umanistica e il culto per Petrarca , però, non distolsero il Boccaccio dalla volontà di diffondere a Firenze il culto per Dante e la sua opera, anche se il giudizio più che ottimista si raffreddò durante la fase umanista, dopo aver constatato la superiorità del Petrarca in lingua latina [170] . Oltre ad aver copiato di suo pugno tre codici della Commedia [171] [172] , il Certaldese scrisse anche il Trattatello in laude di Dante Alighieri (composto in due redazioni tra il 1351 e il 1366) [173] e tenne delle lectiones magistrales sui canti dell' Inferno , fermatesi solo all' esegesi del XVII canto per il brusco declino fisico del Boccaccio [85] . Spesso Boccaccio, nel suo commento dantesco, interviene sul testo di Dante, alterandolo deliberatamente o interpretandolo in base al contesto poetico-narrativo del passo analizzato. [174]

Edizioni

Boccaccio nel cinema

Pier Paolo Pasolini diresse, nel 1971, Il Decameron , vincitore dell' Orso d'argento a Berlino [175] . Alberto Moravia , recensendo il film, ribadì come Pasolini avesse trattato il Decameron come «un libro [...] in cui letteratura e realtà si identificano perfettamente per una rappresentazione totale dell'uomo» [176] . Per le tematiche "immorali" presenti in varie scene del film, esso subì numerose censure da parte delle autorità italiane [175] .

Su Giovanni Boccaccio e specialmente sul suo Decameron furono girati moltissimi film, molti dei quali di genere goliardico, parodistico e demenziale, tipico del filone italiano decamerotico [177] [178] [179] :

Note

Esplicative

  1. ^ L'aggettivo Divina sarà definitivamente consacrato per opera del dantista Lodovico Dolce nel XVI secolo , quando ne pubblicò l'edizione nel 1555.
  2. ^ L'identificazione di Fiammetta con tale principessa angioina è stata smentita da Battaglia Ricci , p. 27 , lasciando però aperte supposizioni di una sua identificazione con una donna realmente esistita:

    «Chi fosse la donna che Boccaccio ha tradotto nell'affascinante figura di Fiammetta...ci è ignoto: certo essa non fu la favoleggiata Maria d'Aquino, figlia illegittima di re Roberto, ma non dovette neanche essere un mito creato per intero dalla fantasia del poeta, né un fantasma sostitutivo delle molteplici esperienze amorose del giovane Boccaccio, se in un'occasione seria come quella da cui nasce il sonetto CXXVI [126], scritto per la morte di Petrarca, il poeta poteva parlare di lei come di una beata seduta, con Laura, "nel cospetto di Dio".»

  3. ^ La Pro Archia sarà un modello fondamentale per l'elaborazione di quella difesa della poesia che Boccaccio elaborerà nel Trattatello in laude di Dante e nel XIV libro della Genealogia deorum gentilium . La perfetta poesia, tanto per Cicerone quanto per Boccaccio, dev'essere una poesia che umanizza, che libera l'uomo dalle catene, permettendogli di toccare vette sconosciute alla realtà sensibile. Si veda Billanovich 1995 , p. 123
  4. ^ Le prime lettere che costituiscono l'esiguo epistolario boccacciano ( Crepor celsitudinis, Mavortis milex extrenue e Nereus amphytritibus ) sono pieni di rimandi ad Apuleio , per esempio. Si veda: Rico , p. 225

    «Poi lesse tutto ciò che gli capitava tra le mani e tutto mischiato: le cansos dei trovatori e le Metamorfosi di Apuleio, Dante e Ovidio, trattati filosofici e romans francesi, Andrea Cappellano e Stazio...»

    Nocita, Dictamina
  5. ^ L'indifferenza e sufficienza che Petrarca dimostra nei confronti dell'Alighieri è espressa nella Fam. II, 15 , in cui Petrarca nega il presunto odio nei confronti dell'esule fiorentino, riconoscendogli la palma nella poesia volgare ma ribadendo la sua predilezione per la lingua latina .
  6. ^ Boccaccio esprimerà la sua indignatio nell' Epistola X Archiviato l'11 giugno 2015 in Internet Archive ., indirizzata a Francesco Petrarca, ove, grazie alla tecnica retorica dello sdoppiamento ea topoi letterari, Boccaccio si lamenta col magister di come Silvano (il nome letterario usato nella cerchia petrarchesca per indicare il poeta laureato) avesse osato recarsi presso il tiranno Giovanni Visconti (identificato in Egonis ):«Audivi, dilecte michi, quod in auribus meis mirabile est, solivagum Silvanum nostrum, transalpino Elicone relicto, Egonis antra subisse, et muneribus sumptis ex pastore castalio ligustinum devenisse subulcum, et secum pariter Danem peneiam et pierias carcerasse sorores».
  7. ^ In Branca 1977 , p. 103 si ricorda come uno sdegnato Boccaccio scrisse contro l'Acciaiuoli l' Egloga VIII , il cui contenuto è riassunto anche da: Nocita, Buccolicum carmen

    «Con Midas Boccaccio denuncia l'inaffidabilità di Niccolò Acciaiuoli, vendicandosi del “tradimento” dell'influente amico.»

  8. ^ Battaglia Ricci , p. 29 posticipa la data della brusca rottura con le autorità politiche fiorentine al 1361/62.
  9. ^ Come per le spoglie di Dante, anche quelle del Boccaccio non ebbero un riposo adeguato. Riesumato nel 1783 in vigore delle leggi sui cimiteri legiferate dal granduca Pietro Leopoldo , il corpo di Boccaccio fu "scoperto", agli inizi del '900 , dal preposto di Certaldo don Alessandro Pieratti. Le ossa ritrovate furono identificate con quelle del Boccaccio, nel "Convegno dei dotti" del 1949. Si veda: Casa del Boccaccio, Tomba del Boccaccio .
  10. ^ Modello di riferimento sono le Heroides del poeta latino d'età augustea, Ovidio : «Modello di riferimento sono le Heroides di Ovidio». Teresa Nocita, Elegia di Madonna Fiammetta. Tra riscrittura ovidiana e romanzo psicologico , su internetculturale.it , Internet Culturale, 2012. URL consultato il 24 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2015) .
    «Modello di riferimento sono le Heroides di Ovidio.» .
  11. ^ Curioso e ambiguo è il rapporto di Petrarca con il Decameron , come messo in luce da Battaglia Ricci , p. 257 . Il fondatore dell'Umanesimo, infatti, ebbe, come ricordato nella Senile Archiviato il 5 febbraio 2016 in Internet Archive . XVII, 3 Archiviato il 5 febbraio 2016 in Internet Archive . (circa 1373), una copia del capolavoro dell'amico («Librum tuum, quem nostro materno eloquio ut opinor olim iuvenis edidisti, nescio quidem unde vel qualiter, ad me delatum vidi», cioè Vidi che mi è stato consegnato il tuo libro che, nel nostro idioma materno, è stato pubblicato quando fosti giovane, come penso ). Se da un lato un Petrarca, con tono sufficiente, affermò di non averlo letto, ma di avergli dato un'occhiata veloce (« Nam si dicam legi, mentiar [...] Quid ergo? Excucurri eum...», cioè Se infatti dicessi che sia stato letto, mentirei [...] Che cosa dunque? Gli diedi un'occhiata ...), d'altro canto dimostra di averlo divertito («Delectatus sum in ipso transitu», cioè Mi dilettai nello sfogliarlo ).
  12. ^ Marziale, in Epigrammata I, 61 vv. 7-8, aveva parlato di «Duosque Senicas». Boccaccio, che era entrato in possesso di un codice di Marziale dopo aver consultato la biblioteca di Montecassino (ora conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano, il C67 supr), ritenne che ci fossero due Seneca. Il codice, però, conteneva un errore: il destinatario non era Seneca, ma Severo. Si consulti, per la spiegazione, Billanovich 1995 , pp. 109-116 .

Riferimenti

  1. ^ a b c d e f g h Natalino Sapegno-DBI .
  2. ^ Branca 1977 , pp. 192-193, nota 23

    «Il Salutati... innalzò un lamento altissimo nell'Ep. III 25 a Francescuolo da Brossano: "vigesima quidem prima die decembris Boccaccius noster interiit...»

  3. ^ Percorso della memoria , su enteboccaccio.it , Ente Nazionale Giovanni Boccaccio. URL consultato l'8 marzo 2020 .
  4. ^ Rico , p. 228

    «Comunque sia, Boccaccio morì il 21 dicembre del 1375...»

  5. ^ certaldése , su treccani.it , Treccani. URL consultato l'11 giugno 2015 .
  6. ^ Giovanni Boccaccio su sapere.it , su sapere.it . URL consultato il 1º marzo 2016 .
  7. ^ Luperini .
  8. ^ Coletti .
  9. ^ "Boccaccio's contribution to the literature of the Western world is of impressive and all but unique dimensions" in Sara Pendergast e Tom Pendergast (a cura di), Reference Guide to World Literature , New York, Thomson-Gale, 2003, p. 136.
  10. ^ Ardissino-Pellizzari , pp. 547-562 .
  11. ^ "Boccaccio is said to be one of the Western world's first important humanists. Humanists during Renaissance times were concerned not with the supernatural but with morality and decency for all human beings, despite class, religion, or education." in Anne Marie Hacht e Dwayne D. Hayes (a cura di), Gale Contextual Encyclopedia of World Literature , New York, Gale, 2009, p. 189 .
  12. ^ Il primo a sottolineare l'illegittimità dei natali di Giovanni Boccaccio fu Filippo Villani , come ebbe a ricordare Contini , p. 698
  13. ^ Bonghi, Biografia di Giovanni Boccaccio .
  14. ^ a b Branca 1977 , p. 6 .
  15. ^ Branca 1986 , p. 345 .
  16. ^ a b c Nocita, Certaldo o Firenze? .
  17. ^ Branca 1977 , p. 8

    «Egli aveva forse voluto sfruttare così la notorietà delle dimore parigine del padre per decorare di colori fascinosi lo squallido mattino di sua vita, proprio mentre l'ambizione di affermarsi e brillare letterariamente e mondanamente alla Corte di Napoli»

  18. ^ Chines , p. 144 .
  19. ^ Decameron , p. 42 dell'Introduzione .
  20. ^ Albanese .
  21. ^ Più che Margherita, fu probabilmente la madre di lei, Lippa de' Mardoli, coetanea di Dante e di Beatrice, a raccontare al giovane Boccaccio della loro vicenda. Si veda: Branca 1977 , p. 11

    «...la matrigna era imparentata con la famiglia di Beatrice, e proprio la madre di lei Lippa de' Mardoli fu, con ogni probabilità, la "fededegna persona" che "per consanguinità strettissima a lei" molto parlò al Boccaccio di Beatrice e di Dante stesso.»

  22. ^ Branca 1977 , pp. 12-13 .
  23. ^ Caggese :

    «Il re non fu, certo, un uomo di genio né, come parve al Petrarca, un sapiente, ma entro i limiti che gli furono consentiti protesse letterati, giuristi, poeti, bibliografi, raccolse una biblioteca per i suoi tempi preziosa e fu egli stesso curioso di molte curiosità.»

  24. ^ Sui rapporti tra Dante e Cino da Pistoia, si veda: Marti
  25. ^ a b Zamponi .
  26. ^ Circolo Barlaam, Boccaccio .
  27. ^ Per l'inquadramento generale sul periodo napoletano, si veda: Nocita, L'apprendistato letterario
  28. ^ Chines , p. 152 .
  29. ^ Genealogia deorum gentilium , XV, 10
  30. ^ Branca 1977 , p. 55 .
  31. ^ Natalino Sapegno-DBI

    «Le lettere all'Acciaiuoli, certi accenni dell'Ameto e della Fiammetta mostrano quanto il B[occaccio] soffrisse di questo distacco da un mondo di care consuetudini e con quanta amarezza contrapponesse il ricordo di quelle "delizie mondane" all'uggia della nuova dimora "oscura e muta e molto trista".»

  32. ^ a b Branca 1986 , p. 347 .
  33. ^ in Branca 1977 , p. 77 , si sostiene che il volgarizzamento di Livio fosse già iniziato a Napoli ea Firenze. Branca si basa, come fonte, su Billanovich 1953
  34. ^ Branca 1977 , p. 74

    «...e in testa al volgarizzamento della quarta deca liviana, ormai attribuito con estrema probabilità al Boccaccio..., leggiamo la dedica: "al nobile cavaliere messere Ostagio da Polenta, spezialissimo mio signore, ad istanza del quale ad opera così grande io mi disposi".»

  35. ^ Branca 1977 , p. 74 .
  36. ^ Piacentini , pp. 203-208 .
  37. ^ Nocita, La "Peste Nera" .
  38. ^ Branca 1991 , p. 162 .
  39. ^ Rico , p. 225 .
  40. ^ Rico , p. 225

    «Ma già nel 1339 [Boccaccio] sperava di trovare in lui la guida che l'aiutasse che gli insegnasse non solo ad uscire dall'ignoranza, ma a trovare anche a vincere "le angosce d'amore"»

  41. ^ a b c Nocita, L'incontro con Petrarca .
  42. ^ Petrarca, grazie all' Affrica e al De viris illustribus , viene visto come colui che raccoglie in sé la tradizione poetica virgiliana e quella prosaica ciceroniana, considerati come i due maestri eccellenti della tradizione. Si veda: Monti , p. 34
  43. ^ Bellieni , p. 215 .
  44. ^ Billanovich 1995 , p. 91 .
  45. ^ Rico , pp. 224-228 .
  46. ^ Boccaccio redasse di proprio pugno un codice (oggi smembrato in due, il pluteo 29.8 e 33.31 conservati alla Biblioteca Medicea Laurenziana ) contenente numerosissimi rimandi letterari a opere latine, testimonianza della ricchezza culturale della città partenopea. Si veda: Zamponi .
  47. ^ Sabbadini , pp. 29/31

    «Del pari ignoto al Petrarca fu Marziale [...] Inoltre il Boccaccio scoperse il codice di Tacito [...] Sembra pertanto ragionevole concludere che la scoperta del De lingua latina [di Varrone] spetti al Boccaccio [...] erano intanto ignoti al Petrarca l' Ibis di Ovidio...»

  48. ^ Si veda, riguardo alla "cristianizzazione" dei classici operata dai medievali: Lisa Pericoli, La "Commedia" di Dante: fonti e modelli , su oilproject.org , Oilprojectc. URL consultato il 10 giugno 2015 .
    «Né si può dimenticare che alla base della rilettura dei “classici” c'è sempre, nella mentalità medievale, la teoria dei “quattro sensi” dell'interpretazione: il senso letterale (che trasmette la “lettera” del testo, ovvero il suo riferirsi al mondo reale), quello allegorico (in cui dietro la storia fittizia c'è un senso recondito da scoprire), quello morale (relativo all'insegnamento etico che si può desumere dalle pagine scritte) e quello anagogico (che reinterpreta il contenuto dell'opera in ottica spiritual-salvifica).» .
  49. ^ Branca 1977 , p. 93

    «...il Boccaccio fu amaramente sorpreso, anzi offeso, dalla decisione del magister , rientrato in Italia solo nel giugno del '53, di stabilirsi presso l'arcivescovo Giovanni Visconti»

  50. ^ Come testimoniato dalla Fam. XVIII, 3 , il cui incipit è: «Ad Iohannem de Certaldo, gratiarum actio pro transmisso Augustini libro in psalterium daviticum», cioè «A Giovanni da Certaldo, ringraziamento per avergli trasmesso il libro di Agostino sul salterio davidico »
  51. ^ Piras , p. 829

    «L'invio del codice di Varrone e Cicerone deve essere avvenuto quindi poco dopo quello di Agostino...»

  52. ^ Alighieri, Antonia , in Enciclopedia Dantesca . URL consultato l'11 giugno 2015 .
    «Per antica tradizione s'identifica A. con la suor Beatrice, monaca nel monastero di Santo Stefano degli Ulivi a Ravenna, a cui il Boccaccio avrebbe dovuto recare nel 1350 dieci fiorini d'oro da parte dei capitani della compagnia di Orsanmichele» .
  53. ^ Piattoli , pp. 284-285 .
  54. ^ Branca 1977 , p. 83

    «..che forse... [Boccaccio] raccolse commosso anche in quella occasione ricordi sul Poeta che aveva illuminato fin dalla fanciullezza la sua ansia di poesia.»

  55. ^ Martellotti

    «A Ravenna s'incontrò col Boccaccio, forse già nel 1350, più probabilmente nel 1353-54.»

  56. ^ Branca 1977 , p. 87 .
  57. ^ Branca 1977 , p. 86 .
  58. ^ Battaglia Ricci , p. 29 .
  59. ^ Billanovich 1995 , p. 211 .
  60. ^ Billanovich 1995 , p. 201

    «Ma ancora più funesto divenne subito quell'arrivo [a Napoli]: perché presto gli giunse la notizia che mentre compiva il viaggio gli era morta la piccola e cara Violante.»

  61. ^ Ferroni , p. 31

    «Ma, come il suo maestro Petrarca, scelse la condizione di chierico: la cosa è documentata da una bolla di papa Innocenzo VI del 2 novembre 1360, che gli concedeva l'autorizzazione ad avere cura d'anime ea esercitare il sacerdozio.»

  62. ^ Meloni , p. 99 .
  63. ^ Ferroni , p. 31 .
  64. ^ Casa del Boccaccio .
  65. ^ Billanovich ci descrive dettagliatamente del soggiorno fiorentino di Leonzio Pilato in: Billanovich 1995 , pp. 244-249
  66. ^ Nonostante la caduta in disgrazia, i rapporti con le istituzioni non si fermarono riguardo alle iniziative culturali. Si può concludere che il raffreddamento verificatosi dopo la congiura del 1360 si limitò agli incarichi politici.
  67. ^ a b Pastore Stocchi , p. 262 .
  68. ^ Branca 1977 , pp. 114-116

    «Leonzio si presentò, probabilmente all'inizio dell'estate del 1360 [...] Nei due anni e mezzo circa che passò a Firenze (fino all'ottobre-novembre 1362).»

  69. ^ Sul pessimo carattere di Leonzio Pilato sono testimoni sia Boccaccio sia Petrarca. Il primo dirà, nella sua Genealogia deorum gentilium : «Viene da Salonicco ed è un uomo rozzo nell'aspetto, con un volto abietto, barba lunga e chioma nerissima, costantemente perso nei propri pensieri, piuttosto primitivo nei costumi e poco educato» (traduzione riportata in Coccia , p. 253 ). Petrarca, in seguito a un attrito avuto con Leonzio, lo definirà come una «gran bestiaccia» (si veda sempre Coccia , p. 252 ).
  70. ^ Branca 1977 , p. 116 .
  71. ^ Casa del Boccaccio, Giovanni Boccaccio - Percorso della memoria .
  72. ^ Branca 1986 , p. 350 .
  73. ^ Beato Pietro Petroni , su santiebeati.it . URL consultato l'11 giugno 2015 .
  74. ^ Bonghi .
  75. ^ Bonghi

    «Erano, quindi, anni intensi di studio da un lato, e di dolore dall'altro, che avevano messo a dura prova il suo spirito, agitato da preoccupazioni religiose, come ci è attestato da alcune sue egloghe latine di questo periodo, e dai suoi rapporti con la Chiesa che abbiamo appena accennati. In questo contesto un fatto ancor più grave viene a sconvolgere l'equilibrio del suo spirito: nella primavera del '62, va a fargli visita a Firenze, in gran mistero, il monaco Gioacchino Ciani, il quale, da parte del certosino senese Pietro Petroni, morto qualche anno prima in odore di santità, si faceva premura d'informarlo di certe rivelazioni avute da quel sant'uomo, prima di morire: per esse, lo spensierato scrittore avrebbe dovuto aspettarsi la morte entro poco tempo e quindi avrebbe dovuto prepararvisi seriamente, rinunziando alle seduzioni della poesia profana, per dedicarsi tutto ad argomenti più elevati di religione e di morale. Il povero Boccaccio rimane come fulminato da questo avviso, ch'egli, nel turbamento dell'animo suo, non dubitava fosse ispirato dalla misericordia divina; la paura della morte lo invade a tal punto, che viene tentato di dare alle fiamme tutte le sue carte e di finirla con la gloria di questo mondo. Fortunatamente, ha la prudenza di consigliarsi col suo grande amico Petrarca che gli risponde con tale nobiltà e opportunità di argomenti, da dissipare ogni timore e farlo persistere negli studi prediletti.»

  76. ^ Natalino Sapegno-DBI

    «Nella primavera del '62 si presentava al B[occaccio] un monaco, con un messaggio per lui del certosino senese Pietro Petroni, morto poco prima in fama di santità: veniva a ricordargli la morte incombente ea consigliargli di abbandonare gli studi profani [...] In un primo momento, profondamente turbato, avrebbe voluto bruciare subito tutti i suoi scritti e proponeva al Petrarca di vendergli la sua biblioteca.»

  77. ^ Petrarca risponderà all'amico con la Senile I, 5 , ribadendo il valore sacro della letteratura sulla base delle esperienze biografiche di Lattanzio e Agostino d'Ippona.
  78. ^ Nocita, In viaggio per conto del comune fiorentino .
  79. ^ a b c Ferroni , p. 32 .
  80. ^ Petoletti-1 , p. 42

    «...dispose per testamento di lasciare la sua biblioteca all'agostiniano Martino da Signa con l'indicazione che alla morte del frate i volumi fossero negli armaria del convento fiorentino di Santo Spirito. Così avvenne...»

  81. ^ Nocita, Il mito di Napoli

    «...Boccaccio rifiuta di fermarsi. Si è ormai sfaldata l'immagine idealizzata della città partenopea, miraggio salvifico nei periodi più difficili della sua vita, scalzata dall'otium certaldese, ubicazione adesso preferita a qualunque altra possibile.»

  82. ^ Branca 1991 , p. 185 .
  83. ^ Branca 1977 , p. 183 .
  84. ^ Fiorilla , p. 129

    «Una seconda redazione è conservata in versione autografa nell'Hamilton 90 (copiato attorno al 1370)...»

  85. ^ a b c Nocita, Il culto di Dante .
  86. ^ Branca 1977 , p. 192 .
  87. ^ Sacchetti , p. 225

    «Or è mancata ogni poesia / E vòte son le case del Parnaso»

  88. ^ Coluccio Salutati, che sarà destinato a raccogliere l'eredità umanista all'interno di Firenze , aggiunse all'epitaffio boccacciano un elogio commosso dell'alto valore umano e culturale lasciato in eredità dal Boccaccio:
    ( LA )

    «Inclyte cur vates, humili sermone locutus, / de te pertransis? [...] te vulgo mille labores / percelebrem faciunt: etas te nulla silebit.»

    ( IT )

    «Perché, o celebre poeta, che hai cantato nel volgare idioma, / avanzi nel corso del tempo? [...] Mille fatiche ti rendono celebre presso il volgo / : nessuna epoca tacerà sul tuo conto.»

    ( Coluccio Salutati , epitaffio tratto da Branca 1977 , p. 193 )
  89. ^ Nonostante Boccaccio venga ricordato per il suo contributo allo sviluppo della prosa volgare con la stesura del Decameron , il poeta certaldese si professò ardente ammiratore della poesia in generale, tanto da stendere, nel XV libro della Genealogia , un'appassionata difesa. A tal proposito, Giuliano Tanturli riassume il rapporto tra la lirica e il Certaldese:

    «[Boccaccio] volle affidare, a suggello non solo di questa [opera, cioè la Genealogia ] ma di tutta l'opera sua, l'appassionata e argomentata difesa della poesia...»

    ( Tanturli , p. 19 )
  90. ^ Casa del Boccaccio, Tomba del Boccaccio .
  91. ^ Branca 1977 , p. 41 .
  92. ^ Branca 1977 , p. 44 .
  93. ^ Branca 1977 , p. 49 .
  94. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "La Caccia di Diana": analisi e commento , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  95. ^ Branca 1977 , pp. 42-43 .
  96. ^ Per il Filostrato in generale, si veda: Rachele Jesurum, Boccaccio, "Il Filostrato": riassunto e commento , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  97. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Il Filocolo": riassunto e commento , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  98. ^ Per il Teseida in generale, si veda: Rachele Jesurum, Boccaccio, "Teseida": introduzione e commento dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  99. ^ Ferroni , p. 36 .
  100. ^ a b Ferroni , p. 37 .
  101. ^ Ferroni , p. 38 .
  102. ^ Su veda, in generale, sulla Comedia delle ninfe fiorentine : Rachele Jesurum, La "Comedia delle ninfe fiorentine" di Boccaccio: analisi di un estratto , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  103. ^ Per l' Amorosa Visione in generale, si veda: Rachele Jesurum, Boccaccio: "Amorosa visione", introduzione e commento dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  104. ^ S. Battaglis, La novità dell' "Elegia di Madonna Fiammetta" , su spazioweb.inwind.it , Luigi De Bellis, 2001. URL consultato il 24 giugno 2025 .
    «Con la Fiammetta il Boccaccio scrive il primo romanzo psicologico della nostra letteratura: protagonista è la donna, non più ombra e proiezione della passione dell'uomo, ma attrice della vicenda amorosa» .
  105. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Elegia di Madonna Fiammetta": prologo e commento , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  106. ^ Si veda, per un discorso generale sul Ninfale Fiesolano : Rachele Jesurum, Boccaccio, "Ninfale fiesolano": introduzione e commento all'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  107. ^ Rachele Jesurum, Roberta Quattrin, Luca Ghirimoldi, Alessandro Cane, Matilde Quarti e Giulia Ravera (a cura di), Il "Decameron" di Boccaccio: Fortuna e Natura , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
    «Considerato a ragione uno dei capolavori della narrativa mondiale» .
  108. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Decameron": trama e riassunto dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  109. ^ Nocita, Decameron. Architettura del Centonovelle boccacciano .
  110. ^ Per un discorso generale sui protagonisti e narratori del Decameron , si veda: Teresa Nocita, Decameron. I nomi dell'onesta brigata , su internetculturale.it , Internet Culturale, 2012. URL consultato il 24 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2015) .
  111. ^ Francesco de Sanctis, Storia della letteratura italiana , p. 357. URL consultato il 24 giugno 2015 .
  112. ^ In Dante ogni evento della vita è nelle mani di Dio , la cui saggezza provvede a regolare gli eventi nella sua prescienza e volontà trascendente. Si veda If VII, 70-96 .
  113. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Decameron": trama e riassunto dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 23 giugno 2015 .
    «La Fortuna è considerata qui in un'ottica laica e immanente, ed è l'elemento fondamentale dello scorrere della vita dell'uomo, che dev'essere sempre pronto a reagire agli imprevisti del caso» .
  114. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Decameron": trama e riassunto dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 22 giugno 2015 .
  115. ^ Si veda, per un inquadramento generale dell'umanesimo di Boccaccio: Giovanni Boccaccio , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  116. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Corbaccio": riassunto e commento dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  117. ^ Per la trama, si veda: Nocita, Corbaccio. Boccaccio autore/attore
  118. ^ Non a caso Ferroni , p. 34 , definisce l'atteggiamento di Boccaccio come un "umanesimo municipale": «Boccaccio aspira piuttosto a integrare la nuova cultura entro l'orizzonte comunale...».
  119. ^ Dante Alighieri , su firenze-online.com , FIRENZE-ONLINE, 2001-2015. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  120. ^ Francesco de Sanctis, Storia della letteratura italiana , p. 357.
    «È la nuova Commedia, non la divina, ma la terrestre Commedia. Dante si avvolge nel suo lucco, e sparisce dalla vista. Il medio evo con le sue visioni, le sue leggende, i suoi misteri, i suoi terrori e le sue ombre e le sue estasi è cacciato dal tempio dell'arte. E vi entra rumorosamente il Boccaccio e si tira appresso per lungo tempo tutta l'Italia.» .
  121. ^ Ferroni , pp. 51-52 .
  122. ^ Contini , p. 703 .
  123. ^ boccacciano , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  124. ^ boccaccésco , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  125. ^ a b Chines , p. 143 .
  126. ^ Surdich .
  127. ^ a b Teresa Nocita, Filocolo: Le “fatiche d'amore” di due giovani amanti , su internetculturale.it . URL consultato il 21 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  128. ^ Si veda, per un discorso generale sul rapporto tra Boccaccio e l'autore della scuola siciliana : Roberto Venuda, Il Filocolo e la Historia destructionis Troiae di Guido delle Colonne , Firenze, Firenze Atheneum, 1993.
  129. ^ Giuseppe Billanovich, Il Petrarca, il Boccaccio e le più antiche traduzioni in italiano delle decadi di Tito Livio , p. 322.
  130. ^ Boccaccio, nell' Incipit della IV giornata (e quindi sfruttando la funzione della cornice su cui l'opera si sorregge), dà una definizione dello stile delle sue novelle: «le quali non solamente in fiorentin volgare e in prosa scritte per me sono e senza titolo, ma ancora in istilo umilissimo e dimesso più quanto il possono» (riportato in: Francesco Tateo, Boccaccio , p. 153. ).
  131. ^ Francesco Tateo, Boccaccio , p. 153.
  132. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Decameron": trama e riassunto dell'opera , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 26 giugno 2015 .
  133. ^ Si veda, per esempio, il periodare delle Cento novelle di Franco Sacchetti , considerato come l'antitesi del Decameron per l'asciuttezza paratattica. Si veda: Francesco Tateo, Boccaccio , p. 151.
  134. ^ Battaglia Ricci , pp. 253-254 .
  135. ^ Manuele Crisolora giunse a Firenze nel 1397, ove il cancelliere Coluccio Salutati gli offrì una cattedra di greco creata ad hoc per l'erudito bizantino. Si veda: Sabbadini-EI

    «Il Salutati, a Firenze, sperando che si offrisse così occasione di avere in Italia un maestro di greco, forse spronò Roberto Rossi e Iacopo d'Angelo della Scarperia a recarsi a Venezia, donde poi Iacopo d'Angelo accompagnò il Crisolora nel ritorno a Costantinopoli. Della cosa si occupò anche la repubblica fiorentina, che il 24 marzo 1396 decretava la condotta del Crisolora allo Studio. Egli giunse il 2 febbraio 1397 e vi iniziò le lezioni, a cui accorsero studiosi anche di fuori.»

  136. ^ «Verum si tantum regi hoc erat animo, erat onus aptum, si inter mortales ullus est tanto labori sufficiens, viribus preclarissimi viri Francisci Petrarce, cuius ego iam diu auditor sum. Homo quippe est celesti ingenio preditus et peremni memoria, ac etiam facundia admirabili, cui familiarissime quarumcunque gentium hystorie sunt, sensus fabularum notissimi, et breviter, quicquid phylosophie sacro iacet in gremio, manifestum est». ( Genealogia Archiviato il 21 aprile 2018 in Internet Archive . )
  137. ^ Teresa Nocita, L'autografo decameroniano, cod. Hamilton 90 , su internetculturale.it , Internet Cultural, 23 giugno 2015. URL consultato il 23 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 17 giugno 2015) .
  138. ^ a b Tanturli , p. 22 .
  139. ^ ( LA ) Giannozzo Manetti, Jannotii Manetti. Vita Johannis Boccacci poete fiorentini incipit feliciter , su Giuseppe Bonghi (a cura di), classicitaliani.it , Biblioteca dei Classici Italiani. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  140. ^ Fubini , p. 118 .
  141. ^ Lorenzo de' Medici , p. 582

    «In prosa e orazione soluta, chi ha letto il Boccaccio, uomo dottissimo e facundissimo, facilmente giudicherà singulare e sola al mondo non solamente la invenzione, ma la copia et eloquenzia sua; e considerando l'opera sua del Decameron , per la diversità della materia, ora grave, ora mediocre e ora bassa, e contenente tutte le perturbazioni che agli uomini possono accadere, d'amore e odio, timore e speranza, tante nuove astuzie e ingegni, e avendo a exprimere tutte le nature e passioni degli uomini che si trovono al mondo, sanza controversia giudicherà nessuna lingua meglio che la nostra essere atta a exprimere.»

  142. ^ Canfora , p. 27

    «Vincenzio Borghini (1515-1580) è il filologo fiorentino, priore nel monastero benedettino della sua città, che pose mano, per invito e sotto il pungolo dell'inquisitore romano Tommaso Manriquez a purgare, nello spirito della Controriforma, il Decameron di Giovanni Boccaccio tra il 1573 e il 1574. Ne scaturirono l'edizione "rassettata", o per meglio dire sconciata, ma anche le Annotazioni dello stesso Borghini, documento di alta e consapevole considerazione del testo.»

  143. ^ Bentivogli-Vecchi Galli , p. 21 .
  144. ^ a b Laura Nuti, Il "Decameron": una difficile fortuna , su Francesco Sabatini, Marco Biffi, Domenico De Martino e Nicoletta Maraschio (a cura di), viv-it.org , Vivit - Accademia della Crusca, 2010-2013. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  145. ^ Contini , p. 698 .
  146. ^ Cardini .
  147. ^ Contini , p. 637 .
  148. ^ Vecce

    «Ne derivarono attenti esercizi di ricostruzione storico-biografica [...] dei grandi della letteratura delle origini, Dante e soprattutto Boccaccio, indagati in aspetti sostanziali (e ancora ignorati) della loro vita e della formazione intellettuale e umana.»

  149. ^ Contini , p. 697

    «Ma il genio linguistico di Dante e del Petrarca li trasferiva necessariamente in un'attualità perenne, trascendente i limiti della loro storica contingenza [...] Altra eera la situazione del Boccaccio, ricavare dal quale, come fece il Bembo, un modello intangibile di prosa....non si poteva senza incorrere in gravi forzature. Anzitutto: la prosa di cui il Boccaccio era proposto a modello, eera esclusivamente prosa narrativa.»

  150. ^ Branca 1991 , p. 203 , citato anche in: Codici del Decameron in Europa , su interpretazioni.altervista.org , INTERPRETAZIONI: Passato e Presente, 13 maggio 2015. URL consultato il 26 giugno 2015 .
  151. ^ Per approfondire, si veda: Codici del Decameron in Europa , su interpretazioni.altervista.org , INTERPRETAZIONI: Passato e Presente, 13 maggio 2015. URL consultato il 26 giugno 2015 .
  152. ^ Per approfondire, si veda: Branca 2001 , pp. 21-37
  153. ^ Si veda: Černyševskij , p. 473, n 36
  154. ^ Si confronti per completezza d'analisi: Černyševskij , p. 367
  155. ^ Così Boccaccio lo definisce, per esempio, nell' Epistola XX Archiviato il 23 giugno 2015 in Internet Archive . a Pietro Piccolo da Monteforte: «preceptorem meum Franciscum Petrarcam».
  156. ^ Monti , p. 34

    «Secondo la felice definizione di Giusebbe Billanovich, B[occaccio] fu "il più grande discepolo" del Petrarca, che indirizzò la prima lettera "Iohanni Bocchaccii de Certaldo discipulo suo" ( Fam . XI I γ)»

  157. ^ a b Monti , p. 35 .
  158. ^ Segre

    «Un tipo di rapporto evidente nei prestiti e negli scambi di manoscritti, per i quali Boccaccio è estremamente liberale, e Petrarca avarissimo.»

  159. ^ Rico , p. 227 .
  160. ^ Battaglia Ricci , p. 255 :

    «Non solo il Petrarca dell'epistola Posteritati ha utilizzato il De Vita [...] Petracchi di Boccaccio per costruire il ritratto ideale di se stesso: ma anche il Petrarca lirico ha contratto più di un debito col Boccaccio volgare.»

  161. ^ Monti , pp. 38-39

    «Nei pieni anni Sessanta...B[occaccio] sembra talvolta manifestare...segni di insofferenza, e l'innamoramento cieco dei primi lascia spazio in qualche caso a un macelato senso di amarezza.»

  162. ^ In Monti , p. 38 si riporta una citazione di Manlio Pastore Stocchi , Riflessione sull'epistola ad Omero , sul ruolo del Boccaccio nella valorizzazione della lingua greca: «Boccaccio...non solo sentì intensamente l'attrazione e la nostalgia della lingua e della cultura greca, ma soprattutto seppe riconoscere con eccezionale lucidità che in quel dominio misconosciuto si celavano tesori non raccolti dagli stessi latini e rimasti incogniti ai moderni».
  163. ^ Giovanni Boccaccio, Epistola XX a Pietro Piccolo da Monteforte , su ww2.bibliotecaitaliana.it , Biblioteca Italiana, 2007. URL consultato il 23 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 23 giugno 2015) .
  164. ^ L' Epistola XX fu dettata a Certaldo il 5 aprile del 1372 in risposta a quella di Pietro Piccolo da Monteforte del 4 febbraio del medesimo anno (si veda: Petoletti-2 , p. 236 )
  165. ^ Labardi .
  166. ^ Boccaccio rivela questa sua convinzione nelle Esposizioni sopra la Commedia di Dante , nel commento su If , IV 141 Archiviato il 23 giugno 2015 in Internet Archive .: « E Seneca morale . È cognominato questo Seneca «morale», a differenza d'un altro Seneca, il quale, della sua famiglia medesima, fu poco tempo appresso di lui, il quale, essendo il nome di questo morale» Lucio Anneo Seneca, fu chiamato Marco Anneo Seneca e fu poeta tragedo, per ciò che egli scrisse quelle tragedìe le quali molti credono che Seneca morale scrivesse»
  167. ^ Branca 1977 , p. 11 .
  168. ^ Branca 1977 , p. 31 .
  169. ^ Fumagalli , p. 25

    «...dalle prime prove napoeltante fino alle estreme Esposizioni del 1373-1374, non c'è scritto in cui , direttamente o indirettamente, per via esplicita o sotto il velo dell'allusione e della citazione, B[occaccio] non abbia presente il grande concittadino...»

  170. ^ Fumagalli , p. 28 .
  171. ^ Boccaccio autore e copista in mostra alla Laurenziana , su youtube.com , youtube. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  172. ^ Sul ruolo di Boccaccio "editore" e copista di Dante, si veda ora: AE Mecca, Il canone editoriale dell'antica vulgata di Giorgio Petrocchi e le edizioni dantesche del Boccaccio , in Nuove prospettive sulla tradizione della "Commedia" . Seconda serie (2008-2013), a c. di E. Tonello, P. Trovato, Monterotondo (RM), Libreriauniversitaria.it Edizioni 2013, pp. 119-82; IDEM, L'influenza del Boccaccio nella tradizione recenziore della "Commedia". Postilla critica , in Boccaccio editore e interprete di Dante , Atti del Convegno internazionale, Roma, 28-30 ottobre 2013, Roma, Salerno Editrice 2014, pp. 222-54.
  173. ^ Rachele Jesurum, Boccaccio, "Trattatello in laude di Dante": introduzione e analisi , su oilproject.org , Oilproject. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  174. ^ AE Mecca, Boccaccio editore e commentatore di Dante , in Dentro l'officina di Giovanni Boccaccio. Studi sugli autografi in volgare e su Boccaccio dantista , a c. di S. Bertelli e D. Cappi, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana 2014, pp. 163-85.
  175. ^ a b Teresa Nocita, Il Decameron di Pier Paolo Pasolini , su internetculturale.it , Internet Culturale, 2012. URL consultato il 26 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015) .
  176. ^ Alberto Moravia, Il Decameron di Pasolini: commento-recensione di Alberto Moravia , su gioboccaccio.altervista.org . URL consultato il 26 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 25 aprile 2016) .
  177. ^ Riccardo F. Esposito, Commedie boccaccesche, decamerotici e altre historie: I precursori (1965-1968) , su cinemedioevo.net , cinemedioevo.ne, 2008. URL consultato il 26 giugno 2015 .
  178. ^ Aulenti , 23. Da Boccaccio alla Commedia sexy .
  179. ^ Per una lista di alcuni film decamerotici, si veda questa lista, che prosegue nella pagina seguente: Decamerotico - playlist film , su filmtv.it . URL consultato il 26 giugno 2015 .

Bibliografia

  • Massimiliano Albanese, Mazzuoli, Giovanni, detto lo Stradino , in Dizionario Biografico degli Italiani , vol. 72, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008, SBN IT\ICCU\MOL\0214132 . URL consultato il 18 ottobre 2015 .
  • Erminia Ardissino e Patrizia Pellizzari (a cura di), "Umana cosa è aver compassione per gli afflitti...": raccontare, consolare, curare nella narrativa europea da Boccaccio al Seicento , in Levia Gravia: Quaderno annuale di letteratura italiana , Alessandria, Dell'Orso, 2015, ISBN 978-88-6274-607-6 .
  • Lucia Battaglia Ricci, Boccaccio , Roma, Salerno Editrice, 2011, ISBN 88-8402-291-6 .
  • Lino Battaglia, Storia del cinema italiano , Padova, Libreria universitaria, 2011, ISBN 978-88-6292-108-4 .
  • Bruno Bentivogli e Paola Vecchi Galli, Filologia italiana , Milano, Bruno Mondadori, 2002, ISBN 88-424-9538-7 .
  • Giuseppe Billanovich , Petrarca letterato. Lo scrittoio del Petrarca , Roma, Edizioni di Storia e letteratura, 1995 [1947] , SBN IT\ICCU\RAV\0268631 .
  • Giuseppe Billanovich, Il Boccaccio, il Petrarca e le più antiche traduzioni in italiano delle Decadi di Tito Livio , in Giornale storico della letteratura italiana , vol. 110, n. 391, 1º luglio 1953, pp. 311-337, ISSN 0017-0496 ( WC · ACNP ) .
  • Giovanni Boccaccio, Decameron , ora in: Giovanni Boccaccio, Decameron , a cura di Vittore Branca, vol. 1, Bologna, Poligrafici editoriale, 2004, ISBN 88-89180-61-7 .
  • Vittore Branca, Giovanni Boccaccio: profilo biografico , Firenze, Sansoni, 1977, SBN IT\ICCU\SBL\0148727 .
  • Vittore Branca, Boccaccio, Giovanni , in Vittore Branca, Armando Balduino, Manlio Pastore Stocchi e Marco Pecoraro (a cura di), Dizionario critico della letteratura italiana , I, Torino, Utet, 1986, pp. 345-361, SBN IT\ICCU\CFI\0018346 .
  • Vittore Branca, Tradizione delle opere di Giovanni Boccaccio , vol. 2, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1991 [1958] , SBN IT\ICCU\LO1\0362097 . URL consultato il 18 ottobre 2015 .
  • Vittore Branca, Intertestualità fra Petrarca e Boccaccio , in Lectura Petrarce , vol. 55, n. 14, Padova, Tipografia La Garangola, 1995, pp. 359-380.
  • Vittore Branca, Boccaccio protagonista nell'Europa letteraria tra tardo Medioevo e Rinascimento , in Cuadernos de Filologia Italiana , 8. La recepción de Boccaccio en España. Actas del Seminario Internacional Complutense, Madrid, Universitad Complutense, 2001, pp. 21-38, ISSN 1133-9527 ( WC · ACNP ) .
  • Vittore Branca, Boccaccio medievale , Milano, Bur Biblioteca Universale Rizzoli, 2010 [1956] , ISBN 978-88-17-03899-7 .
  • Romolo Caggese, ROBERTO d'Angiò, re di Sicilia , in Enciclopedia Italiana , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936, SBN IT\ICCU\LIA\0955786 . URL consultato il 18 ottobre 2015 .
  • Luciano Canfora, Quel censore boccaccesco , in Corriere della Sera , 26 marzo 1996, p. 27. URL consultato il 26 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2016) .
  • Franco Cardini, Branca, Vittore , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 10, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  • Nikolaj Gavrilovič Černyševskij, Che fare? , Pordenone, Edizioni Studio Tesi, 1990, ISBN 88-7692-235-0 . URL consultato il 9 aprile 2016 .
  • Loredana Chines, Giorgio Forni, Giuseppe Ledda e Elisabetta Menetti, Dalle Origini al Cinquecento , in Ezio Raimondi (a cura di), La letteratura italiana , Milano, Bruno Mondadori, 2007, ISBN 978-88-424-9164-4 .
  • Emanuele Coccia, Il greco, la lingua fantasma dell'Occidente medievale , in Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà (a cura di), Atlante della letteratura italiana , Torino, Einaudi, 2010, pp. 252-257, ISBN 978-88-06-18525-1 . URL consultato il 28 gennaio 2016 .
  • Vittorio Coletti, Storia della lingua italiana , in Raffaele Simone (a cura di), Enciclopedia dell'Italiano , 2. MZ, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani, 2011, ISBN 978-88-12-00040-1 . URL consultato il 26 giugno 2015 .
  • Gianfranco Contini, Letteratura italiana delle origini , 3ª ed., Firenze, Sansoni Editore, 2006 [1970] , ISBN 88-383-1866-2 .
  • Francesco De Sanctis, Storia della letteratura italiana , vol. 1, 4ª ed., Napoli, Cav. Antonio Morano, 1870, SBN IT\ICCU\TO0\1210231 . URL consultato il 26 giugno 2015 .
  • Giulio Ferroni, L'alba dell'Umanesimo, Petrarca e Boccaccio : la crisi del mondo comunale (1300-1380) , in Giulio Ferroni, Andrea Cortellessa, Italo Pantani e Silvia Tatti (a cura di), Storia della letteratura italiana , vol. 3, Milano, Mondadori, 2006, SBN IT\ICCU\IEI\0250981 .
  • Riccardo Fubini, L'umanesimo italiano ei suoi storici: origini rinascimentali, critica moderna , Milano, F. Angeli, 2001, ISBN 88-464-2883-8 . URL consultato il 26 giugno 2015 .
  • Andrea Labardi, Pietro Piccolo da Monteforte , in Ortensio Zecchino (a cura di), Enciclopedia Fridericiana , 2. IZ, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2005, SBN IT\ICCU\IEI\0233660 .
  • Romano Luperini, Pietro Cataldi e Lidia Marchiani, Il cavaliere e il mercante, l'amore e la donna: il modello di Boccaccio , in La scrittura e l'interpretazione: storia e antologia della letteratura italiana nel quadro della civiltà europea , Palermo, GB Palumbo, 1998, ISBN 88-8020-225-1 .
  • Teresa De Robertis, Carla Maria Monti, Marco Petoletti et alii (a cura di), Boccaccio autore e copista , Firenze, Mandragora, 2013, ISBN 978-88-7461-213-0 . Nello specifico sono state consultate le seguenti pubblicazioni:
    • Agnese Bellieni, Le vite di Petrarca, di san Pier Damiani e di Livio , pp. 215-217.
    • Monica Berté, Trattatello in laude di Dante , pp. 273-275.
    • Maurizio Fiorilla, Decameron , pp. 129-136.
    • Edoardo Fumagalli, Boccaccio e Dante , pp. 25-31.
    • Carla Maria Monti, Boccaccio e Petrarca , pp. 33-40.
    • Marco Petoletti, Boccaccio ei classici latini , pp. 41-49.
    • Marco Petoletti, Le Epistole , pp. 233-241.
    • Angelo Piacentini, Scheda sul Buccolicum carmen di Giovanni Boccaccio , pp. 203-208.
    • Giuliano Tanturli, Giovanni Boccaccio nella letteratura italiana , pp. 17-23.
  • Guido Martellotti, Albanzani, Donato , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 1, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1968.
  • Mario Marti, Cino da Pistoia , in Umberto Bosco (a cura di), Enciclopedia Dantesca , Roma, Istituto nazionale dell'Enciclopedia Italiana, 1970, SBN IT\ICCU\RLZ\0163867 . URL consultato il 25 giugno 2015 .
  • Lorenzo de' Medici, Comento de' miei sonetti ( PDF ), in Tiziano Zanato (a cura di), Opere , Nuova Universale Einaudi , 211 , Torino, Einaudi, 1992, ISBN 88-06-12925-2 . URL consultato il 2 luglio 2015 .
  • Giuseppe Meloni , Il mercante Giovanni Boccaccio a Montpellier e Avignone , in Studi sul Boccaccio , XXVI, Firenze, Le Lettere, 1998, pp. 99-126.
  • Manlio Pastore Stocchi, Riflessioni sull'epistola a Omero , in Claudia Berra (a cura di), Motivi e forme delle Familiari di Francesco Petrarca. Atti del Convegno di Gargnano del Garda (2-5 ottobre 2002) , Milano, Cisalpino, 2003, pp. 119-147, ISBN 88-323-3003-2 .
  • Renato Piattoli, Codice diplomatico dantesco , Firenze, Libreria Luigi Gonnelli, 1940, SBN IT\ICCU\LIA\0144685 .
  • Giorgio Piras, Nuove testimonianze dalla biblioteca di Petrarca: le annotazioni al De lingua latina di Varrone , in Donatella Coppini e Michele Feo (a cura di), Petrarca, l'umanesimo e la civiltà europea , II, Firenze, Le Lettere, 2012, pp. 829-857, SBN IT\ICCU\RAV\1962030 .
  • Francisco Rico, La “conversione” del Boccaccio , in Sergio Luzzato e Gabriele Pedullà (a cura di), Atlante della letteratura italiana , vol. 1, Torino, Einaudi, 2010, pp. 224-228, ISBN 978-88-06-18525-1 .
  • Remigio Sabbadini, Le scoperte dei codici latini e greci ne' secoli XIV e XV , Firenze, Sansoni, 1905, SBN IT\ICCU\PAV\0016844 .
  • Remigio Sabbadini, Crisolora, Emanuele , in Enciclopedia Italiana , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1931. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  • Franco Sacchetti, Il libro delle rime , a cura di Franca Brambilla Ageno, Firenze - Perth, Olschki - University of Western Australia Press, 1990, ISBN 88-222-3795-1 .
  • Natalino Sapegno, Giovanni Boccaccio , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 10, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1968.
  • Cesare Segre, Petrarca, «avaro» fra i Tre Grandi. Critico di Dante e sprezzante verso la lingua di Boccaccio , in Corriere della Sera.it , 11 dicembre 2012. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  • Luigi Surdich, Esempi di generi letterari e loro rimodellizzazione novellistica , in Michelangelo Picone (a cura di), Autori e lettori di Boccaccio : atti del convegno internazionale di Certaldo, 20-22 sett. 2001 , Firenze, F. Cesati, 2002, pp. 141-177, ISBN 88-7667-139-0 .
  • Carlo Vecce, Billanovich, Giuseppe , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 10, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1968. URL consultato il 26 giugno 2015 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 64002165 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2101 8590 · SBN IT\ICCU\CFIV\008443 · Europeana agent/base/60014 · LCCN ( EN ) n78087605 · GND ( DE ) 11851217X · BNF ( FR ) cb11892479d (data) · BNE ( ES ) XX895770 (data) · ULAN ( EN ) 500314560 · NLA ( EN ) 35019743 · BAV ( EN ) 495/15333 · CERL cnp01302056 · NDL ( EN , JA ) 00433647 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n78087605
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 19 febbraio 2016 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki