Guerra a l'Iraq

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si esteu buscant altres conflictes que van esclatar a la regió propera-oriental a l’època contemporània, vegeu Guerra del Golf (desambiguació) .
Guerra a l'Iraq
(segona guerra del Golf)
part de la guerra contra el terrorisme
Helos de la 101a Divisió Aerotransportada durant l'Operació Iraqi Freedom.jpg
Els helicòpters multi- rol de Black Hawk de la 101a Divisió Aerotransportada entren a l' Iraq durant les primeres etapes de la invasió.
Data 20 de març de 2003 - 18 de desembre de 2011
(8 anys i 274 dies / 8 anys, 8 mesos i 28 dies)
Lloc Iraq
Causa Invasió de l'Iraq pels EUA
Resultat
  • Victòria nord-americana
  • Enderrocament del règim de Saddam Hussein i posterior guerra civil i tribal
  • Establiment d’un règim oficialment democràtic, amb les conseqüents eleccions polítiques
Desplegaments
MultinationalForce-IraqDUI.svg Coalició multinacional a l'Iraq
Forces d’invasió
Estats Units Estats Units
UK UK
Austràlia Austràlia
Polònia Polònia
Postinvasió
Itàlia Itàlia (fins al 2006)
Espanya Espanya (fins al 2004)
Portugal Portugal
Països Baixos Països Baixos
Dinamarca Dinamarca
Moldàvia Moldàvia
Romania Romania
Bulgària Bulgària
Ucraïna Ucraïna
Geòrgia Geòrgia
Corea del Sud Corea del Sud
Japó Japó
Filipines Filipines
Iraq Nou exèrcit iraquià
Bandera del Kurdistan.svg Milícia kurda de Peshmerga
Iraq Iraq
Bandera de les forces terrestres iraquianes.svg Exèrcit iraquià e
posterior resistència dels fidels a Saddam Hussein
Bandera del partit Ba'ath.png Baʿth lleials
Grups religiosos i tribals sunnites
Exèrcit Mahdi [1]
Bandera d'al-Qaeda.svg Milícia vinculada a al-Qāʿida
Altres grups resistents
Comandants
Efectiu
Coalició :
300.000 durant la invasió
150.000-200.000 a partir del 2004
Contractistes : 50.000-182.000 (dels quals 118.000 iraquians i 64.000 no iraquians) [2]
Kurds ( peshmerga ) :

50.000 durant la invasió
175.000 actualment
Nou exèrcit iraquià : 165.000
Policia iraquiana : 227.000
Exèrcit iraquià : 375.000
Sunnites insurgents : 60.000
Milicians Mahdi : 60.000
Organització Badr [3] : 4.000-10.000
al-Qāʿida : 1.300
Pèrdues
Mort :
EUA: 4.396 [4]
Regne Unit: 179 [4]
altres països: 139 [4]
contractistes: 3.814
Forces de seguretat iraquianes: 7.460

Lesionat :
EUA: 31.582
Regne Unit: 315
uns 13.000 contractistes
Soldats iraquians morts (exèrcit de Sadam) : 30.000-45.000
Insurgents morts : 55.000
Pèrdues entre la població iraquiana
Morts violentes (març de 2003-agost de 2007), Enquesta d’investigació d’ opinions : 1.221.000 (95% rang de cl: 733.000-1.446.000. Modes: 48% armes de foc; 20% cotxes bombes; 9% bombardeigs aeris; 6% accidents; 6% altres explosions)

Total de defuncions en excés (març 2003-juny 2006), Johns Hopkins / Lancet: 655.000 (rang del 95% de cl: 393.000-943.000; de les quals 601.000 morts violentes)

Morts violentes (maig 2003-novembre 2006), ministre de Salut iraquià: 100.000 - 150.000

Morts civils violentes (març de 2003 - setembre de 2007 ), recompte de cossos a l'Iraq: 74.427 - 81.114 [5]
Morts violentes entre civils (març de 2003 a juny de 2006 ), Organització Mundial de la Salut: 104.000 - 223.000 [6]
Rumors de guerres a la Viquipèdia

La Guerra de l'Iraq (o segona Guerra del Golf ) va ser un conflicte bèl·lic que va començar el 20 de març de 2003 amb la invasió de l' Iraq per una coalició multinacional dirigida pels Estats Units d'Amèrica i va acabar el 18 de desembre de 2011 amb el lliurament definitiu de totes les potències a les autoritats iraquianes instal·lades per l'exèrcit nord-americà sota la delegació del govern dels Estats Units.

L’objectiu principal de la invasió era la deposició de Saddam Hussein , que ja va ser vist amb hostilitat pels Estats Units des de feia temps per diversos motius: els temors (que després van resultar ser infundats) sobre el seu hipotètic intent d’adquirir armes de destrucció massiva, presumpte suport al terrorisme islamista , el desig d'apropiar-se de la riquesa petrolífera i l'opressió dels ciutadans iraquians per part d'una sagnant dictadura. Aquest objectiu d’envair l’Iraq es va assolir ràpidament: el 15 d’abril de 2003, totes les ciutats importants estaven en mans de la coalició i, l’1 de maig, el president dels Estats Units George W. Bush va declarar concloses les operacions militars a gran escala. Tanmateix, el conflicte es va convertir ràpidament en una resistència i una guerra d’alliberament per part de tropes estrangeres, considerades invasores per molts grups armats sunnites i àrabs xiïtes, per acabar provocant una guerra civil entre les diverses faccions, causada per una gestió desequilibrada del poder. ( cosa que va facilitar la majoria dels components xiïtes).

Els costos humans de la guerra no estan ben definits i sovint són objecte de debat. Més generalment, el balanç de tota la guerra és difícil perquè, davant la deposició de Saddam i l'establiment d'una democràcia formal, hi ha hagut un fort augment de la violència sectària a l'Iraq, una penetració d'Al-Qaeda al país i, en general, una disminució de la seguretat dels ciutadans.

El 22 de maig de 2003, el Consell de Seguretat de les Nacions Unides va aprovar la Resolució núm. 1483 amb el qual instava la comunitat internacional a contribuir a l'estabilitat i la seguretat del país iraquià. El 15 de juliol de 2003 va començar la missió italiana anomenada "Babilònia Antiga" sota el comandament de les forces britàniques al sud del país a la regió de Dhi Qar . El 16 d'octubre de 2003, el Consell de Seguretat va aprovar per unanimitat, d'acord amb el capítol VII de la Carta de les Nacions Unides, la Resolució núm. 1511, de 16 d'octubre de 2003, sobre l'Iraq, que va establir les bases per a la participació internacional i de les Nacions Unides en la reconstrucció. i la política econòmica de l'Iraq i el manteniment de la seguretat.

Des d’abans de començar la guerra, la hipòtesi d’una invasió a l’Iraq va provocar el descontentament a tot el món, fent oposició a aquells que ho consideraven necessari i a aquells que el consideraven un delicte injustificable. A més de l'opinió pública , les controvèrsies també es van desenvolupar a nivell internacional: a Europa , França i Alemanya es van oposar a la intervenció des del principi, mentre que Itàlia i Gran Bretanya van oferir (amb diferents modalitats i horaris) el seu suport polític i militar. Itàlia , va desplaçar els seus departaments al sud del país, amb base principal a Nāṣiriya , sota el lideratge anglès. Aquesta participació va suscitar una forta controvèrsia.

La guerra va continuar durant i després de l'ocupació i fins i tot després de la retirada nord-americana el 2011 fins a culminar amb una nova guerra civil a l'Iraq el 2014 que va conduir a la creació de l'Estat Islàmic de l'Iraq i del Llevant .

Marc històric

1980 i la primera guerra del Golf Pèrsic

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra Iran-Iraq i Guerra del Golf .

Durant els anys vuitanta, la relació entre l' Iraq de Saddam Hussein , els Estats Units , els països occidentals i les monarquies àrabs de la regió del Golf Pèrsic ( Aràbia Saudita , Kuwait , Jordània , Qatar , etc.) va ser bàsicament bona per raons de realpolitik . De fet, malgrat la seva brutalitat i la seva contigüitat política amb la Unió Soviètica , el règim secular establert pel partit Ba'th va ser considerat un bastió contra l'expansió del règim islàmic iranià , amb el qual va estar en guerra del 1980 al 1988 .

Durant la guerra Iran-Iraq, els Estats Units i el bloc polític occidental van donar suport directament al règim de Saddam Hussein , proporcionant informació geogràfica i assessorament militar, i signant acords comercials sobre subministraments militars de segona categoria (per molt que siguin superiors a les tecnologies iranianes). Al mateix temps, però, Washington va dur a terme una política regional destinada a esgotar ambdues potències, amb l'objectiu d'evitar tant el lideratge fonamentalista iranià com el lideratge "socialista" i "panàrab" del partit Ba'th . L'escàndol Iran-Contras va posar de manifest amb claredat els fins finals de la política nord-americana al Pròxim Orient .

L'agost de 1990, la invasió iraquiana de Kuwait va empènyer els EUA i els seus aliats a un enfrontament frontal amb l'Iraq. El Consell de Seguretat de l'ONU va ordenar sancions econòmiques i posteriorment va autoritzar la intervenció militar si els iraquians no es retiraven de Kuwait el 17 de gener de 1991 . Iraq va ignorar l’ultimàtum i, quan va expirar, una àmplia coalició dirigida pels Estats Units va expulsar els iraquians de Kuwait ( Primera Guerra del Golf Pèrsic ) [7]

El president dels Estats Units Bush es va adherir al mandat de l' ONU , evitant derrocar el règim de Saddam Hussein; això també per por que un buit de poder condueixi a una situació encara pitjor. Bush va optar per una política de contenció basada en:

  • Desmantellament de les ADM (armes de destrucció massiva , ADM: armes químiques, biològiques i nuclears) a l'Iraq, confiades a equips d'inspectors de l'ONU;
  • La pressió militar amb la construcció de bases nord-americanes als països veïns i la imposició de les anomenades zones prohibides , que van afavorir la formació d’una entitat kurda semiindependent i van ser la causa de nombroses escaramusses;
  • Manteniment de sancions econòmiques per fer impopular el règim i dificultar el seu rearmament.

L'administració Clinton posterior va adherir-se a aquesta política, però es va veure obligada a fer canvis menors en dues ocasions:

  • El 1996, les conseqüències nocives de les sancions contra els civils iraquians van provocar que l'ONU introduís el programa Oil for Food , que permetia a l'Iraq vendre una quantitat limitada de petroli a canvi de productes bàsics de primera necessitat;
  • El 1998, Saddam Hussein va bloquejar les inspeccions de l'ONU, acusant els inspectors d'espionatge en nom dels EUA.

L' administració de George W. Bush i el començament de la "Guerra contra el terrorisme"

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall:11 de setembre del 2001 , Guerra a l'Afganistan (2001-en curs) i Nigergate .

A finals dels anys noranta, diversos intel·lectuals i polítics nord-americans (especialment els neocons ) van començar a impulsar una invasió de l'Iraq. [8] Es va fundar un institut anomenatBlueprint for a New American Century [9] . Molts dels que hi pertanyien eren propers al partit republicà i la seva influència va créixer enormement amb l'elecció (novembre de 2000 ) del fill de l'expresident Bush . Diversos partidaris de la invasió es van unir a la nova administració, inclosos el vicepresident Cheney , el secretari de Defensa Rumsfeld i el mateix George Bush.

L’Iraq es va deixar inicialment al marge, potser perquè la relativa debilitat política del president no li va permetre ignorar les raons dels "realistes" (que temien les conseqüències negatives de la invasió), representats a l’Administració pel secretari d’Estat Colin Powell . Els atacs de l'11 de setembre de 2001 li van permetre sortir de l' atzucac presentant-se com el president d'una nació que ja estava en guerra. Bush va proclamar primer l’anomenada guerra contra el terrorisme i després va enunciar la doctrina de la guerra preventiva ( doctrina Bush ): [10] els Estats Units no haurien esperat els atacs enemics, però haurien utilitzat la seva força militar per evitar-los, segons un nova doctrina militar , anomenada Doctrina Wolfowitz .

Ho ha informat l’exdirector de lluita contra el terrorisme dels Estats Units Richard Clarkes [11] i l’exambaixador britànic a Washington Christopher Meyer [12] Bush va pensar l’Iraq immediatament, però va canviar d’opinió quan es va adonar que els atacs van ser realitzats per l’ al -Grup terrorista Qāʿida , dirigit pel saudita Osāma bin Lāden . bin Lāden i els seus homes es van establir a l' Afganistan, on van ser recolzats pels talibans , una facció que controlava gran part del país. Com que es van negar a lliurar bin Lāden, els EUA es van aliar amb els seus enemics interns i els van enderrocar, instal·lant un govern pro-occidental a Kabul (desembre del 2001 ); bin Lāden va aconseguir escapar.

Tot i que la campanya afganesa no s’havia acabat, l’administració Bush va canviar ràpidament la seva atenció cap a altres estats que considerava perillosos per a la seguretat dels Estats Units: en el seu discurs sobre l’estat de la Unió de gener de 2002 , Bush va parlar de l’anomenat eix del mal format per estats canalla com l’Iran, l’Iraq i Corea del Nord , que s’havia d’oposar. A la pràctica, els esforços de l'administració es van dirigir principalment contra l'Iraq.

El debat sobre la guerra (gener 2002 - març 2003)

Els arguments de les dues parts

Les raons dels partidaris

George W. Bush en una imatge del 2002, acompanyat de l’aleshores conseller de seguretat nacional Rice , de l’aleshores secretari d’Estat Powell i de la secretària de Defensa Rumsfeld .

Els partidaris de la guerra van exposar diverses raons a favor seu:

  • La probable reconstitució de l’arsenal iraquià d’ armes de destrucció massiva ; a l'octubre de 2002, una estimació nacional d'intel·ligència dels Estats Units dedicada al tema afirmava que: "l'Iraq ha continuat els seus programes en el camp de les armes de destrucció massiva, desobeint les resolucions de les Nacions Unides i les restriccions que imposen. Bagdad posseeix armes químiques i biològiques i també míssils amb un abast superior al permès per les restriccions imposades per l'ONU; en absència de restriccions addicionals, és probable que posseeixi armes nuclears a finals d'aquesta dècada "afavorida per l'absència d'inspeccions i la relaxació de les sancions . Per exemple, el setembre del 2002 Bush va declarar que l' Iraq volia produir armes de destrucció massiva capaces de posar en perill la seguretat de tot Occident. Aquest tipus d’arguments es van veure reforçats per nombrosos rumors sobre els programes de rearmament iraquians (especialment amb l’esclat del cas Nigergate , que va transmetre un tràfic de materials nuclears entre Níger i Iraq, que després va resultar completament infundat).
  • Contactes entre Iraq i diversos grups terroristes , que indiquen una possible col·laboració (Iraq podria haver subministrat armes atòmiques per utilitzar-les en un atac). El vicepresident Cheney va argumentar que hi havia vincles entre Al-Qaeda i l'Iraq; Bush mai no va ser tan explícit, però va fer diverses referències implícites a aquesta possibilitat.
  • El prestigi internacional dels Estats Units amb els governs es reforçaria, cosa que impulsaria molts països a alinear-se amb Washington i millorar la situació política internacional;
  • El derrocament i la substitució del règim iraquià per un govern democràtic hauria millorat la imatge dels EUA al Pròxim Orient , proporcionant un exemple a imitar per a les poblacions de la regió, generalment governades de manera autocràtica;
  • Les violacions sistemàtiques dels drets humans i els nombrosos crims dels quals va ser responsable el règim iraquià, incloses les dues guerres que va causar ( la guerra Iran-Iraq i la del Golf ) i les atrocitats contra la població kurda [13] i la població iraquiana a general.
  • Un cop conquerit, l'Iraq es podria utilitzar com a base per atacar i enderrocar els règims de Síria i l' Iran .
  • Infraccions a les zones prohibides fins poc abans de la intervenció.
  • Negativa i manca de cooperació amb les inspeccions de la UNMOVIC .

Raons que segons els opositors van contribuir a la decisió de fer la guerra:

  • Els EUA volien fer més segurs els seus subministraments energètics, reduint la importància de països com la Veneçuela de Chávez o la mateixa Aràbia Saudita ;
  • Nombroses empreses nord-americanes desitjaven participar en l'explotació dels recursos petrolífers iraquians (dels quals van ser exclosos per sancions), en la "reconstrucció" de l'Iraq o fins i tot només en el subministrament d'armes per a la guerra. A més, es va pensar que després de la guerra un augment de la producció iraquiana baixaria el preu del cru , afavorint tota l' economia occidental; Alan Greenspan , que aleshores era cap de la Reserva Federal [14], va afirmar a les seves memòries que va impulsar l'administració Bush a considerar els efectes econòmics beneficiosos de l'eliminació del règim iraquià (rebent la resposta "malauradament, no podem parlar de petroli "), tot afegint que aquesta era la seva posició personal, mentre que ni Bush ni Cheney no haurien justificat la guerra amb arguments econòmics. El " lobby del petroli ", però, va prendre partit contra la guerra. [15]
  • Israel (un proper aliat dels Estats Units amb el qual l'Iraq havia estat formalment en guerra durant dècades) s'hauria beneficiat de l'eliminació d'un dels seus oponents més amargs.

Les raons dels contrincants

A més dels seus partidaris, els opositors a la guerra han aportat diversos arguments, tant ideals com pràctics, per donar suport a la seva tesi:

  • El rearmament iraquià i la presència massiva d’armes de destrucció massiva eren dubtoses [16] i, en tot cas, la represa de les inspeccions hauria estat suficient per dissipar les incerteses.
  • El paper de patrocinador del terrorisme atribuït al règim iraquià era exagerat: Ṣaddām donava suport a les organitzacions terroristes, especialment als palestins [17] i, a més, els seus serveis secrets eren els responsables dels assassinats d'opositors a l'estranger. Però no hi havia indicis seriosos que el govern iraquià estigués involucrat en actes terroristes contra els Estats Units en els darrers temps. La hipòtesi que Ṣaddām confiava armes atòmiques a un grup terrorista semblava improbable per diversos motius. [18]
  • Si fracassés, el prestigi nord-americà hauria patit un fort cop; fins i tot si té èxit, països com l'Iran i Corea del Nord podrien haver decidit intensificar els seus esforços per aconseguir armes nuclears (i ser relativament inatacables) en lloc de conformar-se als desitjos dels EUA.
  • La ràpida formació d’un govern democràtic prooccidental a l’Iraq semblava poc probable, tant perquè no es donava per fet que la guerra acabés aviat, com perquè els opositors a Ṣaddām estaven dividits entre ells i sovint tenien objectius oposats. A més, es temia que les faccions xiïtes properes a l'Iran fossin les més populars, cosa que podria conduir a l'establiment d'una teocràcia pro-iraniana;
  • La feblesa del vincle amb la lluita contra Al-Qaeda i la no fàcil estabilització de l'Iraq de la postguerra van fer temer un col·lapse de la popularitat dels EUA al món àrab, afavorint el "reclutament" de nous terroristes;
  • L'elecció d'una "guerra preventiva" no aprovada per l' ONU [19] va ser il·legal i perillosa;
  • El govern de Ṣaddām era executable, però les víctimes de la guerra podrien haver estat més nombroses que les del règim;
  • Giorgio S. Frankel el 2002 va predir que un període d’inestabilitat al Pròxim Orient conduiria a la desestabilització al Pròxim Orient , segons el pla Ynon , un projecte de control econòmic i militar dels recursos, [20] amb el col·lapse del petroli producció i resultats oposats als esperats pels partidaris de la guerra (augment del pes polític dels productors de petroli, augment del preu del cru, recessió econòmica).

De la mateixa manera que no tots els defensors de la guerra compartien tots els motius enumerats anteriorment, no tots els seus opositors compartien tots els motius exposats anteriorment. Per exemple, és molt probable que els governs francès , alemany , rus i xinès s’oposessin a la guerra no per raons de principi, sinó per por de la inestabilitat que una guerra podria portar a la regió de l’Orient Mitjà i per raons no reconegudes. oportunitat econòmica, ja que diverses empreses d’aquests països havien estipulat acords avantatjosos per a l’explotació dels recursos petrolífers iraquians, que entrarien en vigor quan s’abolissin les sancions internacionals.

Una anàlisi de la postguerra

Diversos anys després del derrocament del règim de Saddam Hussein, molts dels arguments dels que es van oposar al conflicte han resultat ser realistes i fonamentats, mentre que els avantatges ("oficials" o no) que ofereixen els partidaris no s'han assolit. . [21] [22]

  • Els equips de recerca nord-americans desplegats després de la conquesta del país no van trobar quantitats rellevants i significatives d’armes de destrucció massiva. [23] Alguns membres dels equips d'inspecció nord-americans argumenten que el govern iraquià tenia la intenció de reprendre el seu rearmament nuclear, químic i biològic tan aviat com es van aixecar les sancions de l'ONU, però admeten que en el moment de la invasió, la dotació iraquiana de ADM era gairebé inexistent [24] , de manera que l'amenaça que suposava la presència de les ADM iraquianes era molt exagerada en comparació amb la realitat. En aquest sentit, hi ha hagut una forta controvèrsia sobre la manca de fiabilitat de la informació subministrada pels serveis secrets occidentals ( CIA , MI6 , potser fins i tot el SISMI ), tant que els governs que informen han estat acusats d’haver exagerat deliberadament la Amenaça iraquiana d'obtenir llum verda dels parlaments respectius. L'ex - cap de la CIA , George Tenet, va argumentar [25] que la Casa Blanca va distorsionar deliberadament la informació que va proporcionar sobre les ADM iraquianes. L'anomenat "memòria de Downing Street" [26] revela la visió de la diplomàcia britànica segons la qual la realitat estava "ajustada" per servir la política ( la intel·ligència i els fets s'estaven fixant al voltant de la política ) en lloc del contrari. Un informe [27] de la Comissió d’Intel·ligència del Senat dels Estats Units (aprovat per majoria inclosos dos dels set membres republicans) enumera un gran nombre d’incidents en què membres de l’administració Bush van fer declaracions no recolzades per la informació disponible aleshores o, fins i tot, per contra a ells. Es pot trobar un resum de les conclusions de l'informe al comunicat de premsa del Senat. [28]
  • Els hipotetitzats vincles amb el terrorisme i Al-Qaeda, que no es van demostrar fins i tot els anys posteriors a la intervenció dels Estats Units, semblen substancialment insuficients per justificar la invasió. [29]
  • És possible que el desarmament libi i la retirada siriana del Líban, que es va produir entre el 2004 i el 2006 , estiguessin relacionats amb la por a la intervenció militar nord-americana d’aquests governs; d'altra banda, països com l'Iran [30] i Corea del Nord no han suavitzat ni de bon tros les seves polítiques antiamericanes, tant que Corea del Nord ha arribat a posseir armes nuclears.
  • Le elezioni irachene non hanno portato ad una democrazia filo-occidentale né alla nascita di un forte governo in grado di gestire i conflitti interni: semmai, il "nuovo" Iraq appare sull'orlo della disgregazione, per via dell'intensificazione dei conflitti fra i vari gruppi etnici e religiosi. [31] , [32] , [33] , [34] La situazione attuale vede una sorta di "matrimonio di interesse" fra gli americani e il debole governo diretto dai partiti religiosi sciiti [35] , [36] (vicini all'Iran e favorevoli a introdurre norme islamiche nella legislazione irachena; negli anni ottanta quasi tutti questi gruppi erano considerati dagli USA come organizzazioni terroristiche di matrice islamica): questi partiti hanno parzialmente accantonato le proprie tendenze teocratiche e anti-occidentali, decisione fortemente influenzata dalla necessità sciita di mantenere l'appoggio militare USA.
  • La popolarità americana nei Paesi islamici (e non solo) ha subito un calo drastico dopo l'invasione dell'Iraq; [37] inoltre, si stima che la guerra in Iraq sia diventata uno dei principali fattori che favoriscono la crescita del terrorismo islamico. [38]
  • Il rovesciamento del regime è indubbiamente l'elemento più positivo nel bilancio della guerra.
  • Il prolungarsi della guerra civile e l'accrescersi delle vittime a seguito degli attacchi dei vari gruppi paramilitari hanno deluso le aspettative di una guerra rapida e "pulita".
  • Il prezzo del barile di greggio, che all'inizio del 2003 si aggirava attorno ai 30 dollari, ha subito una forte impennata, superando i 75 dollari nell'estate del 2006 e – dopo una breve pausa – ha ripreso a salire, superando i 100 dollari nel gennaio 2008 , (per poi ritornare ai precedenti livelli) [39] .

Il Rapporto Chilcot

Nel 2014 esce il Rapporto Chilcot del Parlamento britannico, che analizza le responsabilità di Tony Blair nella guerra. [40] Secondo la lunga indagine parlamentare sulla decisione di andare in guerra: «l'azione militare non si poteva considerare l'ultima risorsa possibile»; non c'era «minaccia imminente da parte di Saddam Hussein»; la presenza negli arsenali iracheni di «armi di distruzione di massa era stata presentata con un grado di certezza assolutamente ingiustificato»; [41] [42] l'intelligence non aveva «stabilito oltre ogni ragionevole dubbio» che Saddam stesse producendo armi chimiche o biologiche; le basi legali dell'intervento «erano assolutamente insoddisfacenti»; [43] le scelte politiche sull'Iraq furono adottate sulla base di «intelligence e valutazioni false che mai furono seriamente vagliate» [44] . Già in precedenza, il Rapporto Hutton aveva evidenziato l'utilizzo di argomenti ad alto impatto mediatico [45] , da parte degli spin doctors di Blair [46] .

Paul Wolfowitz , l'inventore della dottrina della guerra preventiva adottata da Bush per gli Stati Uniti, ha poi detto che le armi di distruzione di massa furono un pretesto [47] per attaccare l'Iraq.

La controversia internazionale

L'autorizzazione del Congresso

L'11 ottobre 2002 Bush ottenne dal Congresso l'autorizzazione all'uso della forza per "difendere la sicurezza nazionale degli USA contro la continua minaccia posta dall'Iraq; e per attuare tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU a questo riguardo". Bush avrebbe dovuto spingere il Consiglio di Sicurezza a prendere provvedimenti contro il mancato rispetto di 16 precedenti risoluzioni riguardanti l'Iraq; la forza sarebbe stata ammissibile solo dopo che egli avesse determinato che ulteriori sforzi diplomatici non sarebbero valsi a proteggere gli USA o ad attuare le risoluzioni. Tuttavia Bush non avrebbe avuto bisogno di ulteriori autorizzazioni, né del Congresso né dell'ONU.

La ripresa delle ispezioni e il braccio di ferro all'ONU

Dopo alcune settimane di negoziati in seno al Consiglio gli USA ottennero l'approvazione unanime della risoluzione 1441 [48] (8 novembre 2002), che offriva all'Iraq un'ultima possibilità di adempiere ai propri "obblighi in materia di disarmo" e minacciava "serie conseguenze" in caso contrario, fissando una serie di scadenze entro le quali il disarmo sarebbe dovuto procedere.

L'Iraq accettò la risoluzione, permettendo il ritorno degli ispettori e concedendo loro prerogative (come l'accesso illimitato ai "siti presidenziali") che aveva sempre negato. I capi degli ispettori, Hans Blix e Muḥammad al-Barādeʿī , presentarono diversi rapporti. Nel primo di questi (30 gennaio 2003) Blix sostenne che l'Iraq non aveva del tutto accettato i propri obblighi, pur non ponendo ostacoli diretti alle ispezioni; al-Barādeʿī (capo dell' AIEA e incaricato della distruzione del programma nucleare) sostenne che molto probabilmente l'Iraq non aveva un programma atomico degno di nota. Entrambi chiesero più tempo prima di dare un giudizio definitivo.

Un'immagine costruita in modo artificioso mostrata da Colin Powell durante la sua presentazione all' ONU , raffigurante uno dei presunti laboratori mobili per la produzione delle "armi di distruzione di massa" (WMD) irachene

Il 5 febbraio il segretario di stato USA Colin Powell cercò di convincere il Consiglio ad autorizzare l'uso della forza poiché, a suo dire, l'Iraq aveva ancora una volta dimostrato di non rispettare le risoluzioni ONU. Nel suo discorso egli espose le "prove" dell'esistenza di WMD irachene. La sua tesi fu accolta freddamente ei suoi argomenti furono considerati molto deboli. [49]

I successivi rapporti di Blix e al-Barādeʿī (14 febbraio e 7 marzo) furono più favorevoli all'Iraq, poiché parlavano di progressi, anche se diversi problemi restavano irrisolti, soprattutto nel campo delle armi chimiche: secondo Blix, sarebbero stati necessari parecchi mesi di ispezioni per venirne a capo.

Questi rapporti, uniti all'annuncio francese di un probabile veto , furono deleteri per i tentativi anglo-americani di ottenere un'ulteriore risoluzione che autorizzasse esplicitamente l'invasione. Nonostante forti pressioni statunitensi [50] solo 4 dei 15 Stati presenti nel Consiglio (USA, Regno Unito, Spagna e Bulgaria ) erano intenzionati ad approvare la risoluzione (Francia, Germania, Cina , Pakistan e Siria sembravano contrari, mentre Messico , Cile , Camerun , Angola , Guinea e Russia avevano posizioni più sfumate). La nuova risoluzione non fu quindi sottoposta al voto e Bush dichiarò che la diplomazia aveva fallito.

Dopo la caduta di Ṣaddām, il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha unanimemente riconosciuto USA e Regno Unito quali potenze occupanti ed invitato i propri membri a contribuire alla stabilizzazione della situazione irachena ea favorire l'autogoverno iracheno (risoluzione 1483 [51] del 22 maggio 2003). Successivamente diverse risoluzioni (tutte approvate senza voti contrari) hanno riconosciuto il nuovo governo iracheno.

Le proteste popolari

Proteste contro la guerra irachena davanti al Parlamento britannico a fine 2005

Il braccio di ferro all'ONU fu accompagnato da manifestazioni di protesta in gran parte del mondo, notevoli sia per la grande partecipazione che per la loro estensione geografica. Anche se il commentatore del New York Times definì l'opinione pubblica mondiale l'unica "superpotenza" in grado di contrastare gli Stati Uniti, gli effetti pratici furono irrilevanti. Infatti esse non scalfirono la determinazione dell'amministrazione statunitense (il cui elettorato era in maggioranza favorevole alla guerra) e non riuscirono neppure a porre una pressione sufficiente su governi (come quello italiano e spagnolo) che appoggiavano l'invasione a dispetto dell'opposizione da parte delle rispettive opinioni pubbliche.

Le proteste da parte di gruppi e organizzazioni contro la guerra, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, cominciarono già nel settembre 2002, prima dell'inizio del conflitto stesso, opponendosi a quella da loro definita "guerra del petrolio". [52] Nel gennaio 2003 le manifestazioni di protesta si estesero a moltissime città tra cui Roma, Parigi , Oslo , Rotterdam , Tokyo , Mosca . Il 20 marzo, giorno di inizio del conflitto, migliaia di manifestazioni e proteste si tennero in tutto il mondo. [53]

La "Coalizione dei volenterosi"

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coalizione multinazionale in Iraq .

Fin da prima della controversia all'ONU, Bush ei suoi alleati (fra cui il premier britannico Tony Blair ) avevano cercato di raccogliere una coalizione favorevole all'invasione dell'Iraq, per ottenere una risoluzione favorevole alla guerra, o perlomeno una certa copertura politica. Il rafforzamento militare della coalizione era secondario, in quanto nessun Paese "invitato" disponeva di forze confrontabili con quelle anglo-americane.

Il 27 marzo 2003 (cioè durante l'invasione) la Casa Bianca diffuse un elenco dei membri della coalizione, allora composta dai 49 paesi; il livello di coinvolgimento andava dalla partecipazione militare ( Stati Uniti , Gran Bretagna , Polonia , Australia ) al supporto logistico, al semplice appoggio politico. Bush definì questi Stati (molti dei quali inviarono poi in Iraq dei contingenti militari) come la "coalizione dei volenterosi" ( coalition of the willing ).

Molti tuttavia fecero notare l'assenza di paesi importanti come Francia e Germania e lo scarso contributo del mondo islamico , presente solo attraverso il Kuwait (che ricambiava l'aiuto ricevuto 12 anni prima facendo da base principale per l'attacco), la Turchia (che permise l'uso del proprio spazio aereo, ma non il transito della fanteria statunitense), l' Afghanistan , l' Azerbaigian e l' Uzbekistan (che diedero contributi puramente simbolici).

A titolo di esempio, nel febbraio 2006 restavano in Iraq circa 140.000 soldati statunitensi e 8.000 soldati britannici, cui si aggiungevano 3 contingenti fra 1.000 e 5.000 uomini ( Corea del Sud , Italia , Polonia ) e altri 18 più piccoli. Le forze della coalizione erano americane per l'87%, britanniche per il 5% e di altre 21 nazioni per il rimanente 8%. Queste proporzioni erano rimaste grossomodo costanti fin dalla tarda primavera del 2003 ; tuttavia, a seguito del ritiro di diversi contingenti (fra cui quelli italiano) avvenuto durante il 2006 e dell'aumento (noto col termine inglese di surge ) degli effettivi USA in Iraq, durante il 2007 il "peso" statunitense è stato ben superiore al 90%.

L'invasione dell'Iraq (marzo-maggio 2003)

I preparativi militari

Aerei della coalizione in volo sul deserto

Per quanto il presidente statunitense Bush sostenesse che la decisione di invadere l' Iraq non fosse stata ancora presa, il comando americano cominciò con largo anticipo a pianificare l'invasione, inviando grandi forze in Kuwait . Nella primavera 2002 la stampa USA descrisse i probabili piani di attacco: una campagna relativamente breve ma molto massiccia di bombardamenti aerei sarebbe stata combinata con la rapida avanzata di un esercito relativamente piccolo ma molto mobile, dotato dei più moderni mezzi. Il principale timore era che questa forza perdesse molti dei propri vantaggi se l' esercito iracheno si fosse asserragliato nelle città . Parecchi militari ritenevano quindi inadeguata sia la forza di 70.000 uomini proposta dal segretario alla difesa Donald Rumsfeld (per confronto, l'esercito che nel 1991 aveva riconquistato il Kuwait era di oltre 500 000 uomini), sia le stime che parlavano di un'occupazione di circa un anno: ad esempio, il capo di stato maggiore dell'esercito USA, gen. Shinseki dichiarò di ritenere necessarie "diverse centinaia di migliaia di uomini" "per diversi anni". Alla fine gli USA ei loro alleati schierarono circa 250.000 uomini, metà dei quali marinai od aviatori.

Inoltre le incursioni aeree sulle no fly zones furono intensificate: già nel settembre 2002 furono condotte incursioni che coinvolsero oltre 100 aerei. Alla fine dell'autunno le truppe americane erano pronte all'invasione, prevista nei mesi relativamente freschi dell'inverno, ma che fu ritardata di alcuni mesi dal protrarsi della controversia all' ONU (forse perché la loro presenza minacciosa aveva spinto Ṣaddām a piegarsi alle ispezioni).

I combattimenti

Mappa animata della guerra
Soldati iracheni un mese prima dell'invasione

La guerra iniziò la mattina del 20 marzo del 2003 , poche ore dopo un ultimo rifiuto di Saddam Hussein di abbandonare il potere e andare in esilio. Al 2 maggio l'Iraq era già stato bombardato dalla coalizione con più di trentamila bombe oltre a ventimila missili cruise ad alta precisione paralizzando il paese [54] .La coalizione disponeva di un esercito di circa 260 000 uomini, cui si aggiungevano alcune decine di migliaia di componenti della milizia curda dei peshmerga . L'esercito iracheno contava invece poco meno di 400.000 uomini (di cui circa 60 000 Guardie Repubblicane ), più circa 40.000 paramilitari dei Fedā'iyyīn Ṣaddām e ben 650 000 uomini ufficialmente parte della riserva. L'esercito iracheno era però male armato e scarsamente motivato; anche i reparti di élite della guardia repubblicana avevano mezzi piuttosto malconci (le sanzioni avevano impedito l'importazione di pezzi di ricambio). In effetti, gran parte delle unità irachene si disintegrarono prima di incontrare il nemico, per via dei bombardamenti, e dell'incompetenza o delle diserzioni dei loro comandanti (spesso corrotti dalla CIA ).

L'attacco di terra fu quasi contemporaneo a quello aereo. Poiché la Turchia aveva negato il transito alla fanteria, quasi tutte le forze della coalizione partirono dal Kuwait, anche se nel nord una brigata di paracadutisti e diverse unità di forze speciali si unirono ai peshmerga.

L'avanzata fu rapida: già nella serata del 20 marzo le forze britanniche ei Marines avevano occupato il porto di Umm Qaṣr, impossessandosi dei giacimenti petroliferi del sud dell'Iraq, ed erano in prossimità di Bassora (che però fu presa solo il 6 aprile); il grosso degli americani avanzò invece verso ovest e verso nord, evitando di prendere d'assalto le città salvo quando necessario per impossessarsi di ponti sul Tigri o sull' Eufrate .
Gli Iracheni opposero resistenza per alcuni giorni nei pressi di Hilla e Karbala , aiutati da una tempesta di sabbia e dalla necessità americana di rifornire i propri mezzi. Tuttavia il 9 aprile, tre settimane dopo l'inizio dell'invasione, gli americani entrarono nella capitale irachena dopo il vittorioso esito della Battaglia di Baghdad . Di lì a poco le rimanenti difese irachene crollarono: il 10 aprile i Curdi entrarono a Kirkuk e infine il 15 aprile cadde anche la città natale del rais , Tikrīt .

La fine

Il 1º maggio 2003 il presidente Bush atterrò sulla portaerei Abraham Lincoln (che aveva partecipato alle operazioni in Iraq e stava rientrando alla base) e vi tenne un discorso avendo alle spalle uno striscione che diceva Missione Compiuta ( Mission Accomplished ).

Nel discorso Bush proclamò la conclusione delle operazioni militari su larga scala in Iraq. Tuttavia nelle settimane successive in Iraq vi fu un drammatico aumento di tutti i tipi di crimini (dal saccheggio dei musei agli attacchi alle truppe della coalizione) per via della scarsità del personale dedicato a mantenere l'ordine e la sicurezza.

Epurazione del vecchio regime

La caduta del regime iracheno ha determinato l'arresto o la morte di molti importanti esponenti, sia politici che militari, un tempo alla guida del paese. Per facilitare la cattura i soldati americani vennero dotati di un mazzo di 55 carte da poker da uno recanti le immagini ei nomi dei gerarchi più importanti da arrestare; il mazzo di carte prese il nome di Most wanted iraqi . L'arresto più importante fu quello di Saddam Hussein avvenuto il 13 dicembre 2003 , mentre i figli di Saddam ( Uday e Qusay ) furono uccisi.

I leader del vecchio regime vennero processati da un tribunale iracheno costituito ad hoc, il Supremo tribunale criminale iracheno .

Alcuni importanti esponenti risultano tuttora latitanti [55] :

  • ʿIzzat Ibrāhīm al-Dūrī; ex Vicepresidente del Consiglio Rivoluzionario
  • Hānī al-Laṭīf al-Tikrītī; ex capo dei Servizi Speciali
  • Ṭāhir Ḥabbūs al-Tikrītī; ex capo dell'Intelligence
  • Sayf Ḥasan al-Rāwī; ex comandante della Guardia Repubblicana
  • Rāfiʿ al-Laṭīf Tilfah
  • Rukan al-Ghafārī; ex Capo del Consiglio Tribale
  • Rashid Kazim; ex dirigente del Baʿth
  • Yaḥyā al-ʿUbaydī
  • ʿAbd al-Baqī al-Saʿdūn; ex dirigente regionale del Baʿth

L'Iraq dopo la caduta di Saddam Hussein (maggio 2003-presente)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dell'Iraq .

La scena politica irachena dopo la caduta di Saddam

In teoria il regime di Saddam Hussein aveva imposto all'Iraq l'ideologia laica, nazionalista e con tendenze socialiste del partito Baʿth. In pratica la società irachena era ancora percorsa da divisioni etniche, religiose e persino tribali. Il regime sfruttava queste divisioni e praticava discriminazioni sistematiche fra i vari gruppi, favorendo grandemente la minoranza (circa 25% della popolazione irachena) araba sunnita e specialmente i clan originari di Tikrīt, città natale di Saddam. Gran parte delle posizioni di una certa responsabilità (dirigenti del partito, funzionari governativi, ufficiali dell'esercito, ecc.) erano affidate a sunniti, possibilmente di tendenze laiche.

L'opposizione a Saddam era particolarmente forte fra coloro che erano danneggiati da queste discriminazioni, ovvero fra gli sciiti (oltre il 50% della popolazione) ei curdi (circa il 20%).

Alla caduta del regime i principali gruppi etnici, politici e religiosi erano:

  • I partiti religiosi sciiti (che nelle elezioni del 2005 si sono coalizzati nell' Alleanza Irachena Unita , ottenendo circa il 45% dei voti) ovvero il Supremo Consiglio Islamico Iracheno [56] (noto con l'acronimo inglese SIIC e attualmente capeggiato da ʿAbd al-ʿAzīz al-Ḥakīm ), il Partito Islamico Da'wa di Nuri al-Maliki ed Ibrāhīm al-Jaʿfarī e il movimento sadrista (a sua volta diviso fra i seguaci di Muqtada al-Sadr e quelli del partito Fāḍila dello shaykh Muḥammad al-Yaʿqūbī ). I primi due sono piuttosto vicini all' Iran , dove molti dei loro capi si erano rifugiati negli anni del regime. I sadristi sono al tempo stesso i più fondamentalisti ei più nazionalisti fra gli sciiti per cui rigettano ogni influenza esterna e sono particolarmente invisi alla presenza americana (ma anche i loro rapporti con l'Iran sono relativamente freddi). Il SIIC ed i "sadristi" sono legati a due milizie armate, dette rispettivamente Badr (dall'antica battaglia di Badr che era stata la prima vittoria armata sui pagani del profeta Maometto ) ed Esercito del Mahdī ; quest'ultima è l'unica formazione sciita a essersi scontrata militarmente con la coalizione.
  • I curdi sono i più fedeli alleati degli USA in Iraq, per quanto siano stati costretti a rinunciare alle proprie aspirazioni di indipendenza ; essi mantengono comunque una milizia armata, i cosiddetti peshmerga . Politicamente sono rappresentati dall'alleanza di due partiti, l' Unione Patriottica del Kurdistan di Jalāl Ṭālabānī e il Partito Democratico del Kurdistan di Masʿūd Bārzānī . Questi partiti sono relativamente laici, ma esiste anche un partito islamico curdo. Nelle elezioni del 2005 i partiti curdi hanno ottenuto in totale il 20% circa dei voti.
  • I sunniti, che hanno controllato il Paese fin dagli anni venti si sentono ora esclusi dai posti chiave del governo; moltissimi di loro hanno perso il lavoro per via delle epurazioni di ex Baʿthisti dall'apparato statale. Molti di essi sono quindi ostili alla coalizione e al nuovo governo e hanno formato gruppi armati di tendenze sia laiche (ex Baʿthisti) che islamiche, spesso alleati con gruppi terroristici come la cosiddetta al-Qa'ida in Iraq , fondata da Abū Musʿab al-Zarqāwī . I sunniti avevano inizialmente rifiutato di partecipare alla lotta politica, ma poi sono nati diversi gruppi che li vorrebbero rappresentare. Fra questi l' Associazione del clero musulmano , il Fronte di Accordo Nazionale (religiosi) e il Consiglio Nazionale per il Dialogo (laico). Questi partiti sono considerati i più vicini alla resistenza e nel complesso nelle seconde elezioni del 2005 hanno ottenuto circa il 20% dei consensi.
L' Ayatollah ʿAlī al-Sīstānī , principale leader religioso della popolazione sciita
  • Gruppi politici di una certa importanza sono stati formati da esiliati laici come Iyād ʿAllāwī (sunnita, ex membro del partito Baʿth fuggito dall'Iraq durante l'ascesa al potere di Saddām e poi entrato al servizio della CIA ), Aḥmad Shalabī (finanziere sciita legato ai neoconservatori statunitensi e, si disse, anche ai servizi segreti iraniani, fonte di molte delle informazioni che avevano spinto gli USA alla guerra) e Adnān Pachachī . Il maggiore di questi è quello di ʿAllawī ( al-ʿIrāqiyya ), che raccoglie i consensi dei più laici e filo-americani fra gli iracheni; alle elezioni del 2005 questi gruppi hanno raccolto circa il 10% dei voti.
  • Un ruolo minore viene svolto dalle piccole minoranze (2-3% della popolazione) turca e cristiana caldea, insediate in regioni ristrette del nord del paese (come la città di Kirkūk) e da alcuni piccoli partiti (come i comunisti) non legati a gruppi etnici, religiosi o tribali.

Nella politica irachena le autorità ecclesiastiche svolgono un ruolo importante. Fra esse spiccano i grandi ayatollah sciiti di Najaf , che avevano goduto di una sia pur minima autonomia persino negli anni del regime. Il più importante di loro è ʿAlī al-Sīstānī .

L'occupazione (maggio 2003-giugno 2004)

La situazione politica

  • iniziale amministrazione di Jay Garner e sua rinuncia
  • costituzione dell' autorità provvisoria della coalizione ( Coalition Provisional Authority o CPA) con a capo Paul Bremer
  • costituzione del consiglio governativo iracheno
  • risoluzioni ONU
  • epurazione dei baʿthisti e dissoluzione dell'esercito
  • programma di liberalizzazione economica
  • "ricostruzione"
  • la controversia con Sīstānī riguardo alle elezioni (inverno-primavera 2004)
  • la "Transitional Administrative Law

La situazione militare

Lo scontro con l'" Esercito del Mahdi "

Nella primavera del 2004 gli americani decisero di non tollerare ulteriormente le attività dei seguaci di Muqtada al-Sadr e della sua milizia armata, l' Esercito del Mahdi . Il 4 aprile fu decisa la chiusura del loro giornale ( al- Ḥawza ), accusato di incitare alla violenza. Al-Sadr, temendo un'azione contro di sé e il suo gruppo, invitò la popolazione di Sadr-City (un popoloso sobborgo di Baghdad - precedentemente chiamata Ṣaddām City - a forte prevalenza sciita , dove egli gode di grande sostegno) a una protesta che degenerò in gravi incidenti, in cui morirono 8 soldati americani e alcune decine di seguaci di al-Sadr.

L'arresto di un suo vice confermò al-Sadr nei suoi timori, spingendolo a proclamare un'insurrezione: nei giorni successivi vi furono combattimenti in gran parte del sud sciita. La coalizione annunciò un mandato di cattura nei confronti di al-Sadr (accusato di essere il mandante di un omicidio), benché il ministro della Giustizia iracheno (nominato dalla coalizione stessa) negasse che il mandato fosse stato emesso. Nel frattempo, l' Esercito del Mahdī aveva praticamente preso possesso di Sadr City (Madīnat al-Ṣadr) e di diverse città del sud, a volte con la connivenza delle autorità locali e della polizia, a volte dopo scontri armati. Esso ebbe qualche successo anche nelle città più importanti, dove erano stanziate le truppe della coalizione: il contingente ucraino fu costretto a lasciare la città di Kut , a Nāṣiriyya gli italiani persero il controllo di parte della città, a Bassora gli insorti riuscirono a occupare la sede del governatorato, mentre a Karbala polacchi e bulgari furono duramente impegnati ma riuscirono a mantenere il controllo. La "conquista" più importante e duratura delle forze di al-Sadr fu la città santa di Najaf , dove si recò lo stesso Muqtada, spostandosi dall'abituale sede di Kufa , in un edificio prossimo alla tomba dell' Imām ʿAlī .

L'8 aprile la coalizione inviò rinforzi a sud, riprendendo quasi tutte le città: i sadristi generalmente preferirono evitare di scontrarsi con forze superiori alle proprie, abbandonando le posizioni e mescolandosi col resto della popolazione; solo Kufa, Najaf e Sadr City restarono in mano all'esercito del Mahdī. Gli USA inviarono quindi 2.500 soldati a Najaf, col compito di catturare od uccidere Muqtada. Essi tuttavia non potevano usare i bombardamenti e le armi pesanti nella consueta misura, poiché avrebbero rischiato di danneggiare i numerosi edifici sacri della città (la cui distruzione avrebbe potuto portare a un'insurrezione generale degli sciiti). Gli statunitensi sperarono dapprima che Sīstānī avrebbe costretto al-Sadr ad abbandonare Najaf, ma l'ayatollah temeva di scatenare uno scontro in seno agli sciiti e rimase neutrale. Lo stallo terminò a metà maggio, quando fu lanciato un sanguinoso attacco che danneggiò anche alcune moschee. Le ostilità ripresero in gran parte del sud, tanto che il 17 maggio gli italiani furono cacciati dal centro di Nassiriya (dove tornarono il giorno seguente grazie a un accordo negoziato), il che allentò leggermente la presa americana su Najaf.

Dopo circa tre settimane di combattimenti, il 6 giugno si giunse a una tregua: gli USA dichiararono di aver sconfitto militarmente l'Esercito del Mahdī, ma rinunciarono a catturare Muqtada al-Sadr in cambio del suo impegno a dissolvere la sua milizia ea partecipare al processo politico. Tuttavia nessuna delle due parti si fidava dell'altra, per cui al-Sadr continuò a controllare parti di Najaf e di altre città, mentre gli USA continuarono a circondare queste zone. All'inizio di agosto la tregua fu rotta ea Najaf si scatenò un nuovo conflitto fra i marines ei miliziani sadristi , spesso nelle vicinanze della tomba dell' Imām ʿAlī e in generale nella città vecchia. Dopo altre tre settimane di combattimenti, gli americani circondavano da vicino la tomba di ʿAlī e stavano considerando un assalto diretto, pur consapevoli dei rischi di insurrezione generale che esso comportava.

La situazione fu risolta da Sīstānī: egli era stato ricoverato per circa un mese in un ospedale di Londra , ma al suo ritorno in Iraq egli condusse una sorta di "marcia" pacifica su Najaf con lo scopo di fermare i combattimenti (25 agosto). Il giorno successivo Sīstānī negoziò una nuova tregua fra le due parti, sulla base dei termini della precedente. La principale novità di questi accordi fu che Sīstānī si fece garante del rispetto degli accordi, obbligando Muqtada a lasciare Najaf e gli americani a desistere dai loro tentativi di arrestarlo. Najaf passò sotto il controllo non della coalizione ma delle forze governative irachene, "coadiuvate" da altre milizie sciite (come quella del partito SCIRI ) vicine a Sīstānī.

Il recupero formale della sovranità (giugno 2004-gennaio 2005)

Il governo ʿAllawi

Iyād ʿAllāwī , nominato dagli statunitensi primo ministro dell'Iraq nel 2004 e rimasto in carica fino alle prime elezioni del 2005

Le elezioni del 2005 e la redazione della nuova Costituzione

Le elezioni del gennaio 2005

Il 30 gennaio 2005 il popolo iracheno scelse i 275 rappresentanti della nuova Assemblea Nazionale Irachena. Questo voto rappresentò la prima elezione generale dall'invasione statunitense dell'Iraq nel 2003 e fu un passo importante nel passaggio del controllo del paese della coalizione occidentale agli Iracheni.

Risultati elettorali in base alle alleanze

I primi risultati del 3 febbraio mostrarono la vittoria dell' Alleanza Nazionale Irachena (un'alleanza di 22 partiti confessionali musulmani sciiti, dei quali i principali sono il Partito Islamico Da'wa , il Supremo Consiglio Islamico Iracheno , il Partito Islamico Da'wa - Organizzazione dell'Iraq , il Movimento Sadrista e il Partito Islamico della Virtù ), tacitamente appoggiata dal leader sciita Ayatollah Ali al-Sistani , con il 48% delle preferenze. L'Alleanza democratica patriottica del Kurdistan si posizionò al secondo posto con il 26% dei voti. Il partito del primo ministro Iyād ʿAllāwī , la Lista irachena giunse terza con il 14%.

La nuova costituzione

Il compito principale del parlamento eletto il 15 gennaio 2005 era di redigere una nuova costituzione. La Transitional Administrative Law (TAL) prevedeva che essa fosse approvata entro il 15 agosto, in modo da poterla sottoporre a referendum in ottobre. Queste scadenze si rivelarono difficili da rispettare, per motivi sia procedurali (la scelta della commissione che avrebbe redatto la costituzione richiese mesi di negoziati) che sostanziali (i due argomenti più dibattuti furono il ruolo della religione islamica e la forma federale dello stato iracheno).

Sciiti e curdi giunsero infine a un compromesso, che ignorava però le richieste dei sunniti (e vanificava i precedenti sforzi per coinvolgerli nella stesura della costituzione): i curdi avrebbero accettato un articolo che impedisce l'approvazione di leggi contrarie ai "principi riconosciuti dell'Islam" (oltre che ai "diritti umani" e ai "principi democratici"), mentre gli sciiti avrebbero acconsentito alle confederazioni regionali proposte dai curdi (ciascuna confederazione, composta da almeno 3 province, avrebbe goduto di amplissima autonomia).

Il testo non venne mai formalmente approvato dal Parlamento iracheno, che in settembre si limitò a un voto in cui si accettavano le decisioni della commissione; tuttavia questo voto avvenne prima che una versione definitiva fosse resa nota. Il 15 ottobre 2005 la costituzione fu sottoposta a referendum. Sciiti e curdi votarono massicciamente a favore ea livello nazionale i "sì" furono circa il 78%. I sunniti presero parte al voto, sperando nella TAL, che prevedeva che se in 3 province i "no" fossero stati superiori ai 2/3, la costituzione sarebbe stata respinta indipendentemente dal totale nazionale. Questo tentativo fallì per poco: nelle due province di al-Anbar e Ṣalāḥ al-Dīn i "no" furono ben superiori alla soglia dei 2/3, ma nel Governatorato di Ninawa (Ninive) la significativa presenza curda (e cristiana) ridusse i "no" al 55% dei voti della provincia.

Le elezioni del dicembre 2005

  • Nuova legge elettorale
  • Partecipazione sunnita e sadrista
  • Risultati

A seguito della ratificazione della costituzione irachena del 15 ottobre 2005 , venne effettuata il 15 dicembre una elezione generale per eleggere un consiglio di 275 rappresentanti permanenti.

Le elezioni assegnarono i 230 seggi attraverso i 18 governatorati iracheni in base al numero dei votanti registrati nelle elezioni tenute a gennaio dello stesso anno, tra cui 59 seggi per il governatorato di Baghdad. [57] I seggi relativi ad ogni governatorato sono stati assegnati alle liste attraverso un sistema sistema proporzionale . Oltre a questi, sono stati assegnati 45 seggi di compensazione . L'affluenza è stata elevata, attorno al 70%. La Casa Bianca fu incoraggiata dagli scarsi incidenti avvenuti durante gli spogli.

Coalizioni e Partiti Voti % Seggi Guadagno/Perdita
Coalizione Irachena Unificata 5 021 137 41,2 128 −12
Lista Alleanza del Kurdistan 2 642 172 21,7 53 −22
Fronte dell'Accordo Iracheno 1 840 216 15,1 44 +44
Lista Irachena Nazionale 977 325 8,0 25 −15
Fronte Iracheno del Dialogo Nazionale 499 963 4,1 11 +11
Unione Islamica Curda 157 688 1,3 5 +5
I promotori del Messaggio ( al-Risāliyyūn ) 145 028 1,2 2 +2
Blocco di Riconciliazione e Liberazione 129 847 1,1 3 +2
Fronte Turcomanno Iracheno 87 993 0,7 1 −2
Lista nazionale del Rafidain 47 263 0,4 1 0
Lista Mithal al-Alusi 32 245 0,3 1 +1
Movimento Yazidi per la Riforma e il Progresso 21 908 0,2 1 +1
Quadri ed Elite Nazionali Indipendenti 0 −3
Organizzazione di Azione Islamica in Iraq - Comando Centrale 0 −2
Alleanza Nazionale Democratica 0 −1
Totale (affluenza 79,6%) 12 396 631 275

Dal 2006 al 2011

Nei primi mesi del 2006 si rafforzano le attività guerrigliere contro le forze d'occupazione e si intensifica lo scontro tra le comunità sciita e sunnita, con diversi attentati a moschee che provocano la morte di centinaia di persone. [58] Le ricercate armi di distruzione di massa non vengono trovate, mentre l'ipotesi che il regime iracheno avesse un rapporto di collaborazione con l'organizzazione terroristica di al-Qāʿida viene progressivamente smontata con l'analisi dei documenti iracheni, gli interrogatori di ufficiali di Saddam e la pubblicazione o desecretazione di numerosi rapporti di CIA e Pentagono anche precedenti all'invasione. [59]

All'inizio del 2007 George W. Bush annuncia un forte incremento delle truppe americane in Iraq, come parte della strategia detta "surge", nel corso della quale si cerca anche di coinvolgere maggiormente anche i sunniti, sia nel nuovo regime politico, sia nella lotta contro gli estremisti (e in particolare i " qa'idisti " di al-Jamāʿat al-Tawḥīd wa al-Jihād , che nel frattempo, nel 2004, si erano alleati con bin Laden e avevano cambiato il nome della loro organizzazione, da considerarsi ormai come la diramazione irachena di al-Qāʿida, in al-Qāʿida in Iraq e successivamente, nel 2006, in Stato islamico dell'Iraq ). Milizie prevalentemente sunnite, alcune delle quali in passato impegnate nella guerriglia contro le truppe straniere, cominciano così a cooperare con gli occupanti ea ricevere da loro finanziamenti. [60] La strategia ha almeno in parte successo, ma nel momento in cui viene terminata alla fine del 2008, molti gruppi sunniti, delusi, si alleano con i ribelli. [61] Nel frattempo alcuni Stati, fra cui il Regno Unito e l'Italia, cominciano il ritiro delle proprie truppe.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenza di Barack Obama § Iraq .

Nel 2008 Stati Uniti e Iraq firmano un accordo sullo status delle forze armate nel quale si fissa il ritiro di tutte le truppe americane entro la fine del 2011. Benché continuino i combattimenti sia contro il governo iracheno e le truppe straniere, sia fra le diverse comunità etnico-religiose, la scadenza viene rispettata e nel 2011 le truppe straniere terminano il ritiro dall'Iraq. [62]

Tensioni con la Turchia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Incursione turca nel nord dell'Iraq del 2008 .

Dopo il ritiro americano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra civile in Iraq .

A partire dal 2012 l'Iraq subisce le ripercussioni della guerra civile siriana , essendoci un intenso scambio di guerriglieri fra i gruppi islamisti che operano nella Siria orientale e quelli che operano nell'Iraq occidentale (a maggioranza sunnita, dove è forte il risentimento verso il governo di Baghdad, dominato dagli sciiti). [63]

Nel 2013 Abu Bakr al-Baghdadi , leader dello Stato Islamico dell'Iraq , annuncia l'unione del suo gruppo con al-Nusra , il principale movimento islamista della guerriglia siriana. L'unione, respinta dalla maggior parte della dirigenza di al-Nusra e da al-Qaeda, provoca l'allontanamento dalla rete di al-Qaeda del nuovo gruppo, il quale prende il nome di Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS o ISIL nella sigla inglese). [64]

All'inizio del 2014 questo gruppo assume il controllo della città di Falluja e di buona parte della provincia irachena occidentale di al-Anbar, oltre che della Siria orientale, e si espande poi fra giugno e luglio a nord ea est, prendendo in particolare le città di Mosul e Tikrit e spingendosi fino al territorio del Kurdistan . In questo periodo, rotti definitivamente i legami con al-Qaeda, proclama la creazione di un califfato universale (o Stato Islamico , IS nella sigla inglese) con a capo il suo leader Abu Bakr al-Baghdadi , che prende il nome di califfo Ibrahim. [65] L'avanzata dell'IS viene frenata dai raid degli Stati Uniti e dalle milizie curde e sciite. [66] In seguito alle pressioni internazionali a favore di una politica più aperta nei confronti dei sunniti, il primo ministro ad interim Nuri al-Maliki viene sostituito ad agosto da Ḥaydar al-ʿAbādī. [67]

A partire dal 2015, lo Stato Islamico comincia a perdere terreno, e le offensive dell'esercito regolare e delle milizie a esso legate, unitamente ai raid aerei americani e alla pressione sul fronte siriano, portano alla riconquista iraqena di diverse aree, incluse le città di Tikrit, Ramadi e Falluja. [68] A luglio 2016 l'unica grande città di cui lo Stato Islamico mantiene il controllo è Mossul, considerata la "capitale" del Califfato in Iraq fin dalla sua presa nel 2014. [69]

Il 9 dicembre 2017 Daesh perde l'ultima roccaforte sulla frontiera con la Siria e viene dichiarato ufficialmente sconfitto in Iraq anche se nel periodo successivo continuano gli scontri e gli attentati [70] .

Gli abusi e le torture

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Strage di Haditha e Scandalo di Abu Ghraib .

La guerra irachena viene combattuta con mezzi estremamente brutali. Una parte consistente della resistenza non esita a compiere atti terroristici che provocano un gran numero di vittime civili, a volte senza neppure il pretesto di attaccare le forze della coalizione o del nuovo governo iracheno. Nonostante abbiano provocato un numero relativamente piccolo di vittime, in Occidente hanno avuto grande risonanza i rapimenti di personale occidentale, terminati in più di un caso con l'assassinio degli ostaggi (p.es. gli italiani Fabrizio Quattrocchi ed Enzo Baldoni ), a volte in circostanze particolarmente raccapriccianti come quelle del filmato della decapitazione del civile USA Nick Berg.

Un prigioniero nella prigione di Abu Ghraib

Le truppe della coalizione e degli alleati iracheni non sono certo immuni da colpe. Il caso più noto in Occidente è quello della prigione di Abu Ghraib , dove numerosi prigionieri iracheni sono stati sottoposti a tortura da parte di soldati americani, ma vi sono state numerose denunce di abusi, legate sia a episodi "sul terreno" che al frequente uso dell'arma aerea da parte dei comandi americani; la campagna di Fallūja del novembre 2004 , che ha distrutto 2/3 degli edifici della città senza tener conto dell'eventuale presenza di civili è uno degli esempi più citati.

Un caso più recente è il cosiddetto massacro di Haditha , in cui il 19 novembre 2005 una squadra di Marines avrebbe assassinato 24 civili iracheni disarmati in risposta ad un attacco contro truppe statunitensi. Se confermato, il fatto costituirebbe un crimine di guerra . Esso sarà oggetto di un processo in cui gli imputati rischiano la pena di morte . [71]

Nell'aprile 2010 viene diffuso il video Collateral Murder , che mostra le varie sequenze di una serie di attacchi aerei compiuti da due elicotteri Apache statunitensi a Baghdad il 12 luglio 2007 , in cui furono uccisi almeno 12 civili iracheni tra cui due giornalisti della Reuters . Il video di 17 minuti, a seguito della diffusione da parte di WikiLeaks , ha avuto una copertura mondiale. [72] Nel maggio dello stesso anno il soldato dell' esercito americano Chelsea Manning viene arrestato con l'accusa di aver divulgato il video e altri documenti riservati e, il 12 agosto 2013, condannato a 35 anni di carcere e congedato con disonore. [73]

Infine, le varie milizie irachene (siano esse sciite, sunnite, curde o persino governative) sono ritenute responsabili di campagne di omicidi mirati o di vera e propria pulizia etnica (specialmente in città contese come Kirkūk; nel giugno 2006 il governo iracheno ha stimato che 180.000 persone siano state costrette a lasciare le proprie case in episodi del genere, ma l' ONU sostiene che oltre un milione di iracheni abbiano lasciato il Paese). Nel dicembre 2005 l'ex primo ministro Iyād ʿAllāwī descrisse gli abusi della polizia del nuovo governo iracheno come "peggiori di quelli di Saddam". Poche settimane dopo questo giudizio è stato almeno parzialmente confermato dalla scoperta da parte americana di una prigione dove i corpi speciali del governo iracheno (fortemente infiltrati dalle milizie sciite) sottoponevano sistematicamente a tortura dei prigionieri sunniti.

Il conflitto iracheno e la politica internazionale

Politica interna statunitense

  • Bush ottiene il benestare del Congresso

Elezioni presidenziali del 2004

  • il piano di Bush: "irachizzazione"
  • il piano di Kerry : "internazionalizzazione" e competenza
  • vittoria di Bush e rimpasto nella sua Amministrazione
  • Nigergate - incriminazione di Scooter Libby

Elezioni "di mezzo termine" del 2006

  • crollo di popolarità della guerra
  • i democratici riprendono il controllo del Congresso
  • rapporto dell'Iraq Study Group
  • dimissioni di Rumsfeld e nomina di Gates a Segretario della Difesa
  • la "surge" e gli avvicendamenti al comando USA
  • fallito tentativo democratico di legare il finanziamento della guerra a una scadenza per il ritiro

I costi economici della guerra

I quaranta miliardi di dollari inizialmente preventivati per il conflitto sono diventati duecento. Un editoriale del New York Times annuncia che si prevede di reperire i fondi da quanto destinato alla previdenza sociale. [74]

La regione vicino-orientale

Europa

  • "vecchia" e "nuova" Europa : l'opposizione francese e le elezioni tedesche
  • attentati del marzo 2004 a Madrid , vittoria di Zapatero , ritiro spagnolo
  • attentati del luglio 2005 a Londra

Il coinvolgimento italiano

La partecipazione italiana alle operazioni in Iraq

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Operazione Antica Babilonia .

L' Italia non prese parte all'invasione dell'Iraq ma fornì appoggio politico e logistico all'operazione, tanto da essere inserita dalla Casa Bianca nella lista dei membri della "Coalition of the willing". Un contingente italiano di circa 3.200 uomini venne inviato in Iraq poco tempo dopo la fine ufficiale delle operazioni militari su larga scala (annuncio di Bush del 1º maggio 2003); i suoi compiti primari erano il mantenimento della pace e la protezione delle operazioni umanitarie effettuate da organizzazioni come la Croce Rossa Italiana.

La Marina Militare ha fatto operare un piccolo contingente nel Golfo Persico da maggio a novembre 2003 costituito da un pattugliatore e due cacciamine cui si è aggiunta in un secondo momento la nave anfibia San Giusto . Le navi italiane avevano compiti di pattugliamento e di bonifica delle acque dalle mine navali .

Per quanto riguarda l' Esercito ei Carabinieri i militari italiani furono schierati nel sud sciita, un'area relativamente tranquilla rispetto alle province sunnite e alla capitale Baghdad; la principale sede del contingente italiano era nella città di Nāṣiriyya : la base "Maestrale" della MSU e la base "Libeccio" dell' Esercito . Nella città l'italiana Barbara Contini fu posta dalla CPA a capo dell'amministrazione civile incaricata della ricostruzione.

Nonostante ciò, non si riuscì ad evitare che il 12 novembre 2003 i soldati italiani fossero oggetto di un attacco suicida a Nassiriya (o Nasiriya), nel quale 19 dei 23 morti furono italiani, militari e civili.

Successivamente, nel corso dei combattimenti fra i miliziani sciiti dell' Esercito del Mahdī e le truppe della coalizione (primavera-estate 2004) si registrarono scontri anche nel settore italiano. A Nāṣiriyya il 6 aprile 2004 , i militari italiani furono impegnati nella città in uno scontro della durata di 5 ore nel quale furono feriti undici bersaglieri in modo lieve; le perdite irachene furono di una quindicina di morti, tra cui sembra una donna e due bambini, e oltre 35 feriti.

Gli italiani furono coinvolti in altri due scontri militari, a maggio ea settembre dello stesso anno. Nel primo di questi due scontri morì Matteo Vanzan , Primo Caporalmaggiore del corpo dei Lagunari , colpito da una scheggia di granata da mortaio .

Nel 2006 la missione italiana è stata oggetto di diversi attentati, durante i quali hanno perso la vita quattro soldati italiani: il 27 aprile morirono Franco Lattanzio, Carlo De Trizio e Nicola Ciardelli, mentre il 6 giugno fu ucciso Alessandro Pibiri.

Il 21 settembre 2006 si è svolta a Nassiriya una cerimonia in cui il Ministro della difesa Arturo Parisi ha ufficialmente passato le consegne per le operazioni di sicurezza nell'intera provincia di Dhi Qar dal contingente italiano alle truppe irachene. La cerimonia ha ufficializzato l'inizio del ritiro totale dei militari italiani (già ridotti a circa 1.600 uomini), completato i primi del dicembre 2006.

I rapimenti

Nella primavera del 2004 iniziò una lunga serie di rapimenti di stranieri, spesso allo scopo di fare pressione sui vari governi (p.es. per spingerli a ritirare le truppe presenti in Iraq). Gli italiani coinvolti furono otto, di cui due furono assassinati. Essi sono:

  • Fabrizio Quattrocchi , Umberto Cupertino , Maurizio Agliana e Salvatore Stefio che vennero rapiti nell'aprile del 2004; Quattrocchi fu assassinato dopo pochi giorni, mentre gli altri furono liberati da un blitz delle forze della coalizione [75] .
  • Il giornalista free-lance Enzo Baldoni fu rapito e ucciso nell'agosto del 2004.
  • Le due operatrici umanitarie Simona Pari e Simona Torretta dell'organizzazione Un ponte per.. furono rapite il 7 settembre 2004 e liberate il 29 settembre di quell'anno, forse dopo il pagamento di un riscatto.
  • La giornalista de il manifesto Giuliana Sgrena fu rapita il 4 febbraio 2005 e rilasciata un mese dopo. Di nuovo, voci insistenti (smentite dal governo) parlarono del pagamento di un riscatto. Questo però passò in secondo piano poiché la liberazione della Sgrena fu funestata dalla morte dell'agente del SISMI Nicola Calipari , ucciso da soldati statunitensi mentre conduceva l'ex-ostaggio all'aeroporto in circostanze non chiarite.

Politica interna italiana

La partecipazione italiana alla coalizione fu piuttosto impopolare presso l'opinione pubblica italiana.

L'invio dei militari fu deciso dal voto unanime della maggioranza di governo di Silvio Berlusconi (il quale sostenne - durante la campagna elettorale del 2005 - di aver cercato senza successo di convincere alla rinuncia il presidente statunitense ) cui si unirono i parlamentari dell' UDEUR , in contrasto col resto del centro-sinistra.

All'inizio del 2006 il governo Berlusconi aveva annunciato di essere intenzionato a ritirare dall' Iraq il contingente italiano entro il mese di novembre. Questo calendario è stato sostanzialmente rispettato dal governo di Romano Prodi , che gli è succeduto nel maggio 2006 , terminando il ritiro il 2 dicembre 2006 .

Conseguenze

Saddam Hussein dopo la sua cattura

La prima conseguenza dell'invasione fu la demolizione dell'apparato statuale iracheno e lo scatenamento di una micidiale guerra civile in quasi tutto il territorio del paese. Dopo la caduta del regime (9 aprile 2003 ), causata dall'ingresso delle truppe corazzate americane a Baghdad , iniziarono violenze dilaganti in tutto il paese, con numerose depredazioni nella zona della capitale, specie nei palazzi presidenziali di Saddam Hussein e anche nel museo archeologico della città (da cui sparirono svariate migliaia di pezzi).

A partire dal 1º maggio 2003 , giorno in cui il presidente degli Stati Uniti ha proclamato la fine della guerra, le forze militari d'occupazione sono state fatte oggetto di un continuo stillicidio di attentati suicidi dinamitardi da parte di una guerriglia organizzata da radicali islamici e ex sostenitori del regime di Hussein. Nel solo mese di maggio 2003 i soldati americani uccisi furono 24.

Da allora le vittime hanno continuato a salire, fino a raggiungere le attuali 3728 vittime tra soldati americani e alleati (marzo 2003 -25 maggio 2007 ). Subito dopo l'occupazione del paese George Bush ha dato il potere a un provvisorio militare capeggiato dal generale statunitense Paul Bremer .

Durante il 2003 sono stati uccisi in un bombardamento missilistico i due figli di Saddam Hussein, Uday e Qusay , e nel dicembre del medesimo anno egli stesso è stato catturato da truppe speciali americane con un blitz a Tikrit all'interno di un suo rifugio sotterraneo.

Preso in custodia dalle forze delle coalizione, dopo una breve detenzione, è stato consegnato insieme ad altri 7 imputati al giudizio di un Tribunale speciale iracheno formato da suoi connazionali per l'eccidio di 148 sciiti a Dujayl nel 1982 . Verrà condannato a morte per impiccagione il 5 novembre del 2006, la sentenza verrà eseguita il 30 dicembre dello stesso anno.

Secondo un rapporto del Pentagono pubblicato il 13 ottobre 2005 e citato da Le Monde il 10 novembre, gli Iracheni uccisi o feriti dopo il 1º gennaio 2004 sono stati 26 000.

Nel settembre 2005 negli Stati Uniti è stato pubblicato il dossier " The Iraq Quagmire " riguardante i costi economici e sociali della guerra in Iraq .

I costi umani della guerra

Le perdite della Coalizione

Un elicottero americano UH-60 abbattuto in Iraq

I costi umani della guerra irachena sono estremamente incerti. Parziale eccezione è costituita dalle perdite delle truppe della Coalizione, generalmente riportate in dettaglio dalla stampa. Il sito icasualties.org riporta i caduti totali tra le forze della coalizione aggiornati a luglio 2017 [76] :

Il totale è di 4.839 caduti, a cui vanno aggiunti oltre 10.000 caduti tra le file dell' Iraqi security forces [77] , 468 contractors statunitensi morti tra il 2003 e il 2010 [78] [79] , circa 160.000 civili morti dall'inizio delle operazioni di guerra [80] .

L'elenco delle perdite statunitensi non comprende le perdite dovute a fattori collaterali, come suicidi provocati da disagi psicologici come il disturbo post traumatico da stress e il disturbo depressivo , che secondo alcune stime hanno coinvolto circa 1/3 dei 103,788 rimpatriati tra il 2001 e il 2005 [81] , e che hanno provocato il suicidio di 1.898 veterani statunitensi tra il 2001 e il 2009 dopo il loro ritorno dall'Iraq e dall'Afghanistan [82] .

Le perdite irachene

L'incertezza diventa molto più grande quando si passa a esaminare le perdite irachene e le cose peggiorano ulteriormente quando si cerchi di separare le vittime civili da quelle dei combattenti (militari, poliziotti, miliziani, guerriglieri, terroristi), tanto più che le truppe degli USA hanno deciso di non fornire cifre sistematiche sulle vittime delle operazioni.

Una prima stima è stata fornita dal presidente statunitense Bush nella conferenza stampa dopo un discorso del dicembre 2005: "Direi che più o meno 30.000 iracheni sono morti come risultato dell'incursione iniziale e della [successiva] continua violenza contro gli iracheni."

Probabilmente questa stima ha valore solo come limite inferiore al numero di morti, anche perché non può tener conto degli avvenimenti successivi al dicembre 2005.

Perdite dell'esercito di Saddām

La prima incertezza riguarda il numero di truppe irachene uccise dagli americani durante l'invasione della primavera 2003; stime molto diverse sono state fornite da molteplici fonti; fra le più citate vi sono

  • il giornalista Jonathan Steele del Guardian che poco dopo l'invasione fece una stima statistica [83] che poneva i morti dell'esercito iracheno fra 13 000 e 45 000
  • Uno studio [84] dei rapporti militari che fornisce cifre significativamente più basse, fra 4 895 e 6 370 morti (ma include nella sua metodologia una riduzione di almeno il 20% delle cifre fornite nei rapporti consultati).

I morti dell'esercito di Saddam sono stimati fra 7.600 e 10.800. [85] [86]

Perdite delle forze di sicurezza del nuovo governo iracheno

Per quel che riguarda le truppe (esercito, polizia ecc.) irachene uccise in scontri durante i 49 mesi di presenza americana, il sito Icasualties.org riporta [87] un totale di 6 786 soldati o poliziotti uccisi fino alla meta di maggio 2007. Questo numero è teoricamente solido in quanto generalmente queste morti sono annunciate dal ministero dell'interno iracheno; tuttavia esistono sospetti che il ministero stesso cerchi di minimizzare le proprie perdite per ragioni politiche.

Si stima che le perdite subite dalle forze del nuovo governo iracheno (polizia ed esercito) ammontino ad almeno 7.479 morti. [88] [89] [90]

Perdite fra i civili iracheni

Il numero più alto di vittime della guerra si trova però fra i civili iracheni; anche qui vi è tuttavia una significativa incertezza. Una delle fonti più citate al riguardo è il sito Iraq Body Count , [91] che (il 15 maggio 2007) forniva una cifra minima di oltre 63.000 civili uccisi (10 volte tanto le perdite militari), ricavando questo numero dai soli rapporti della stampa in lingua inglese che siano confermati da almeno due diverse fonti. Questo numero è chiaramente un limite inferiore; tuttavia esso non comprende esclusivamente dei civili.

Perdite della guerriglia e delle milizie irachene

Non vi sono praticamente stime dei morti causati dalla guerra fra le file della resistenza e delle varie milizie legate ai gruppi etnico-religiosi iracheni ( peshmerga curdi, milizia Badr , Esercito del Mahdī ecc.). La Wikipedia inglese fornisce comunque un limite inferiore di 9.446 morti "da una lista incompleta di rapporti"; ma è difficile credere che la cifra reale non sia significativamente più alta (ad esempio perché, visti i differenti armamenti, è inverosimile che le perdite della guerriglia non siano molto superiori ai 10.000 uomini perduti complessive della coalizione e del nuovo governo). È possibile che questa cifra sia bassa perché molte di queste morti sono classificate come quelle di "civili" dalle fonti utilizzate, per esempio, dall'Iraq Body Count.

Il totale dei morti e gli studi di "The Lancet"

Il numero minimo cui si giunge sommando le perdite dell'esercito di Saddām e quelle registrate dall'Iraq Body Count è di circa 68.000 morti fra gli iracheni; questa è certamente una sottostima, sia perché la stampa occidentale non è in grado di documentare tutte le uccisioni, sia perché, se è vero che questi numeri includono anche perdite non civili, è molto improbabile che tengano conto di tutte queste perdite.

Questa ipotesi è rafforzata da due studi apparsi nell'ottobre 2004 e nell'ottobre 2006 sulla rivista medica The Lancet . Entrambi analizzano il tasso di mortalità in Iraq, misurandone l'aumento rispetto al periodo precedente alla guerra. Il primo [92] trova che nei 18 mesi fra l'invasione e la sua effettuazione (agosto-settembre 2004) vi sarebbero state circa 100.000 morti "in eccesso" rispetto a quanto sarebbe avvenuto in assenza dell'invasione. Il secondo [93] stima che nei 40 mesi fra l'invasione ed i rilevamenti (maggio-luglio 2006) vi siano state circa 650.000 morti "in eccesso", in gran parte (600.000) dovute ad atti violenti. La metodologia utilizzata è imprecisa e vi è una rilevante incertezza statistica (per il secondo studio l'intervallo di confidenza al 95% va da 420.000 a 790.000 morti); tuttavia essa è ritenuta fra le migliori possibili in situazioni di conflitto (Iraq, Bosnia , Ruanda , Darfur ecc.) e dal punto di vista metodologico le critiche rivolte a questo studio sono infondate. [94] D'altra parte, l'enorme differenza con le stime fornite dall'Iraq Body Count (che nel periodo corrispondente stimava meno di 50.000 morti) è molto difficile da spiegare.

L'ONU sostiene [95] che nel corso del 2006 vi siano state almeno 34.452 morti violente. Una semplice estrapolazione porterebbe ad un totale di circa 130.000 morti violente dall'inizio dell'invasione, un numero che si colloca a mezza strada fra le stime dell'Iraq Body Count e quelle dello studio di The Lancet . Il governo iracheno ha contestato queste cifre sostenendo che sono esagerate, per quanto il 9 novembre lo stesso ministro della Sanità iracheno ʿAlī al-Shemārī avesse dichiarato [96] di ritenere che il totale delle vittime irachene ammonti a circa 150.000 (non è chiaro se questa dichiarazione sia basata su dati raccolti dal ministero o sia solo una valutazione personale).
I morti statunitensi hanno superato il 24 marzo 2008 la cifra totale di 4.000.

Costo della guerra in Iraq

A fine marzo 2008 il costo complessivo dei 5 anni di guerra in Iraq, per il contribuente statunitense, supera i 500 miliardi di dollari, con un incremento mensile di oltre 340 milioni di dollari. [97]

Sempre nel maggio 2008, Linda Bilmes e Joseph Stiglitz ( Premio Nobel per l'Economia 2001 ), hanno calcolato, dichiarato al Washington Post [98] e pubblicato in un libro [99] che la guerra in Iraq costerà al popolo americano tremila miliardi di dollari [100] .

Cultura

Note

  1. ^ L' Esercito del Mahdi , capeggiato da Muqtada al-Sadr , si è scontrato con gli americani durante il 2004 ; da allora (specie dopo l'ingresso di al-Sadr nella coalizione che sostiene il governo) vi è una fragile tregua fra le due parti.
  2. ^ Il New York Times del 1º ottobre 2007 sostiene che dei circa 160.000 "contractors" in Iraq, solo circa 50.000 siano veri e propri mercenari
  3. ^ L'organizzazione Badr non si è mai scontrata con gli statunitensi ed è inoltre legata ad uno dei principali partiti che sostengono il governo, il SIIC .
  4. ^ a b c Dal sito icasualties.org , aggiornato al 1º ottobre 2007
  5. ^ Dal sito iraqbodycount.org , aggiornato al 1º ottobre 2007
  6. ^ Dal sito della OMS , studio pubblicato a gennaio 2008
  7. ^ Stefano Beltrame, La prima guerra del Golfo Persico. Perché non fu presa Baghdad. Dalla cronaca all'analisi di un conflitto ancora aperto , adnKronos Libri Roma, 2003.
  8. ^ ( EN ) 1998 Letter on Iraq Archiviato il 27 settembre 2014 in Internet Archive .. New American Century. January 26, 1998. Indirizzata al presidente Clinton nel 1998.
  9. ^ ( EN ) Project for a New American Century . ( PDF ) New American Century.
  10. ^ ( EN ) National Security Strategy of the United States of America . state.gov documents September 2002. del settembre 2002; cap. V
  11. ^ ( EN ) Clarkes take on terror Archiviato il 16 dicembre 2017 in Internet Archive .. Transcripts from CBS News. 19 marzo 2004.
  12. ^ ( EN ) Bush and Blair made secret pact for Iraq war . David Rose. Guardian. Politics. 4 April 2004
  13. ^ A partire dagli anni novanta l'imposizione delle no-fly zones aveva però fortemente ridotto la repressione di Saddam Hussein nei confronti dei Curdi, tanto che le aree da essi abitate erano de facto indipendenti dal governo centrale.
  14. ^ Iraq war was about oil, says Greenspan . Alex Spillius. Telegraph. 17 settembre 2007.
  15. ^ Carlo Panella , Fascismo islamico , p. 140
  16. ^ William Rivers Pitt, Scott Ritter , Guerra all'Iraq. Tutto quello che Bush non vuole far sapere al mondo. , Fazi Editore , 25 settembre 2002, ISBN 88-8112-385-1 (archiviato dall' url originale il 15 ottobre 2009) .
  17. ^ Per esempio Abū ʿAbbās , capo dell'organizzazione che nel 1985 dirottò la nave da crociera italiana Achille Lauro viveva a Baghdad. Inoltre il regime iracheno inviava denaro alle famiglie degli attentatori suicidi palestinesi responsabili di attentati in Israele e nei Territori Occupati .
  18. ^ Ṣaddām non si sarebbe fidato e non si sarebbe esposto a una rappresaglia nucleare (la segnatura isotopica avrebbe permesso di risalire facilmente al Paese di provenienza dell'arma); inoltre, il tipo di arma cui l'Iraq poteva realisticamente arrivare è piuttosto ingombrante e difficile da trasportare
  19. ^ La decisione unilaterale di attaccare il governo di Saddam Hussein è stata considerata priva della menoma “copertura” delle Nazioni Unite da parte della preponderante dottrina, per la quale v. ( FR ) F. Nguyen-Rouault, L'intervention armee en Irak et son occupation au regard du droit international, in Revue generale du droit international public, 2003-4; per una posizione ufficiale in senso favorevole alla permanenza della copertura assicurata dalle precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza sull'Irak, cfr. comunque UK Attorney General, ( EN ) Lord Goldsmith, Legal basis for use of force against Iraq . La debellatio compiuta una prima limitatissima presa d'atto internazionale avvenne con la risoluzione del Consiglio di sicurezza n. 1483 del 2003, per la quale cfr. ( EN ) Alexander Orakhelashvili, The Post-War Settlement in Iraq: The UN Security Council Resolution 1483(2003) and General International Law, in Journal of Conflict and Security Law, October 2003; Vol. 8, No. 2, pp. 307-314.
  20. ^ Alla vigilia di una grande guerra in Medio Oriente . Giorgio S. Frankel. Seminario del 23 settembre 2002: «11 settembre, un anno dopo. Centro Einaudi. Agenda Liberale. 25 Settembre 2002
  21. ^ James Petras, La guerra USA contro l'Iraq , su Rete Voltaire , 20 settembre 2009.
  22. ^ ( EN ) James Pfiffner, US Blunders in Iraq: De-Baathification and Disbanding the Army ( PDF ), in Intelligence and National Security , vol. 25, n. 1, febbraio 2010, pp. 76–85, DOI : 10.1080/02684521003588120 . URL consultato il 16 dicembre 2013 .
  23. ^ ( EN ) Comprehensive Report of the Special Advisor to the DCI on Iraq's WMD , su cia.gov . URL consultato l'8 maggio 2007 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2007) . .
  24. ^ ( EN ) Charles Duelfer, Hide and seek: the search for truth in Iraq , New York, PublicAffairs, 2009, ISBN 978-1-58648-557-3 .
  25. ^ ( EN ) Scott Pelley, At the Center of the Storm , 25 aprile 2007 ( archiviato il 6 febbraio 2014) .
  26. ^ ( EN ) Downing street memo , The National Security Archive
  27. ^ ( EN )reports Archiviato l'11 giugno 2008 in Internet Archive .. ( PDF )
  28. ^ ( EN ) press
  29. ^ Ancora George Tenet, allora era capo della CIA, ha sostenuto di aver avvertito l'amministrazione Bush della debolezza o dell'inesistenza dei legami fra Iraq e al-Qāʿida. Inoltre dopo l'invasione del 2003 sono state condotte ricerche in quel che restava degli archivi dei ministeri iracheni, da cui non è emersa alcuna prova della presunta "alleanza" fra Iraq e al-Qāʿida.
  30. ^ Va tuttavia notato che attorno al 2003 vi furono tentativi iraniani di aprire un negoziato con gli USA, che fallirono a causa dell'intransigenza americana.
  31. ^ I tre errori principali di Obama (soprattutto in Medioriente) . Giuseppe Santulli. AGI. Estero. 19 gennaio 2017.
  32. ^ ( EN ) Isis: Five US mistakes which led to the rise of Islamic State
  33. ^ George W Bush ha creato l'Isis . Il Sussidiario. Esteri. 14 maggio 2015.
  34. ^ ( EN ) Did George W. Bush Create ISIS? The New Yorker.
  35. ^ Iraq, peggio il proconsole o l'imperatore? . Boris Biancheri. La Stampa. Editoriale. 6 settembre 2007.
  36. ^ ( EN ) Michael R. Gordon, Fateful Choice on Iraq Army Bypassed Debate , New York Times, 17 marzo 2008.
  37. ^ Ad esempio il Pew GlobalAttitudes Project riscontra che la popolarità degli USA è passata in Giordania dal 25% del 2002 all'1% del 2003 per risalire a una media sotto il 20% fra 2005 e 2006; in Turchia si è passati dal 52% del 2001 al 15% del 2003 e poi ancora sotto il 20% fra 2005 e 2006; in Indonesia si va dal 75% (2001) al 15% (2003) e nel 2005-2006 si è giunti sopra il 30%.
  38. ^ Vedi ad esempio i punti chiave Archiviato il 30 settembre 2006 in Internet Archive . ( key judgements ) della National Intelligence Estimate statunitense intitolata Trends del terrorismo globale: implicazioni per gli Stati Uniti ( Trends in Global Terrorism: Implications for the United States ) dell'aprile 2006.
  39. ^ La guerra irachena è solo uno dei motivi dell'aumento del prezzo del greggio: la crescita della domanda, (dovuta all' industrializzazione di Paesi come Cina e India ) e la tensione fra USA e Iran hanno probabilmente un peso superiore al conflitto iracheno. Tuttavia va notato che l'attesa crescita delle esportazioni petrolifere irachene (che avrebbe dovuto calmierare il mercato ) non è avvenuta, anche per via dei continui sabotaggi da parte dei terroristi.
  40. ^ Guerra in Iraq 2003, il rapporto Gb: «Le armi di distruzione di massa? Prove insoddisfacenti, nessuna minaccia . Il Messaggero. Esteri. 6 Luglio 2016.
  41. ^ Tony Blair si scusa per la guerra all'Iraq, ma lui e Bush hanno costruito la «pistola fumante» di Saddam . Alberto Negri. Il Sole 24 ore. Analisi. 26 ottobre 2015
  42. ^ Le armi di distruzione di massa erano una bugia . Il Post. 16 febbraio 2011.
  43. ^ La svolta di Tony Blair sull'Iraq: "Io e Bush abbiamo sbagliato" . Enrico Franceshini. Repubblica. Esteri. 26 ottobre 2015.
  44. ^ http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2016-07-06/il-rapporto-chilcot-boccia-guerra-iraq-tony-blair-c-erano-alternative-intelligence-errata-142516.shtml?uuid=ADDHCxo
  45. ^ Iraq dossier 'based on spin doctors arguments' Telegraph, 19 febbraio 2008
  46. ^ Eric Louw, The Media and Political Process , SAGE, 2010 , ISBN 144624573X , ISBN 9781446245736 , p. 92.
  47. ^ Iraq, ora gli Usa ammettono "Le armi furono un pretesto" . Vanna Vannuccini. Repubblica. Esteri. 30 maggio 2003.
  48. ^ testo della risoluzione 1441 (in inglese)
  49. ^ In un' intervista pubblicata nel 2005 lo stesso Powell ammise che diverse parti della sua presentazione erano basate su informazioni non affidabili.
  50. ^ Per esempio, nel resoconto dell'incontro fra Bush ed il primo ministro spagnolo Aznar avvenuto il 22 febbraio 2003 (pubblicato da El Pais nel settembre 2007) Bush arriva a minacciare ritorsioni economiche: Paesi come Messico, Cile, Angola e Camerun devono sapere che c'è in gioco la sicurezza degli Stati Uniti e agire con un sentimento di amicizia nei nostri confronti. Il presidente Lagos deve sapere che l'Accordo di libero scambio con il Cile è in attesa di conferma da parte del Senato, e che un atteggiamento negativo potrebbe metterne in pericolo la ratifica. L'Angola sta ricevendo fondi del Millennium Account, e anche questi potrebbero essere compromessi se non si mostreranno positivi. E Putin deve sapere che col suo atteggiamento sta mettendo in pericolo le relazioni tra Russia e Stati Uniti (dalla traduzione apparsa su repubblica.it )
  51. ^ testo della risoluzione 1483 Archiviato l'11 luglio 2009 in Internet Archive . (in inglese)
  52. ^ Anti-war protests under way
  53. ^ Proteste in tutto il mondo contro la guerra in Iraq Archiviato il 21 settembre 2011 in Internet Archive .
  54. ^ Michael Gordon e Bernard Trainor, The inside story of the invasion and occupation of Iraq , New York, Pantheon Books, 2006
  55. ^ archivio corriere-Iraq, le carte che mancano ancora agli USA
  56. ^ Fino al maggio del 2007 questo partito si chiamava Consiglio Supremo per la Rivoluzione Islamica in Iraq , il cui acronimo inglese era SCIRI .
  57. ^ www.ieciraq.org Archiviato il 26 luglio 2011 in Internet Archive .
  58. ^ Car Bombings in Baghdad Follow a Familiar Pattern , su nytimes.com . URL consultato il 18 giugno 2015 .
  59. ^ Hussein's Prewar Ties To Al-Qaeda Discounted , su washingtonpost.com . URL consultato il 18 giugno 2015 .
  60. ^ HIraq: Post-Saddam Governance and Security ( PDF ), su fpc.state.gov , Congressional Research Service, 4 giugno 2008. URL consultato il 18 giugno 2015 .
  61. ^ Who's to blame for Iraq crisis , su edition.cnn.com , cnn.com, 12 giugno 2014. URL consultato il 18 giugno 2015 .
  62. ^ Last Convoy of American Troops Leaves Iraq , su nytimes.com . URL consultato il 18 giugno 2015 .
  63. ^ Syrian Rebels Tied to Al Qaeda Play Key Role in War , su nytimes.com . URL consultato il 18 giugno 2015 .
  64. ^ Iraq's Branch of Al Qaeda Merges With Syria Jihadists , su nytimes.com . URL consultato il 18 giugno 2015 .
  65. ^ Il califfo dell'Isis Baghdadi appare a Mosul,obbeditemi , su ansa.it . URL consultato il 19 giugno 2015 .
  66. ^ Iraq, nuovi raid Usa su Isis. “Jihadisti minacciano di giustiziare 4.000 Yazidi” , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 17 agosto 2014 .
  67. ^ Iraq, il nuovo primo ministro Haider al Abadi promette di "ricostruire e riformare" l'esercito iracheno per sconfiggere l'ISIS , su huffingtonpost.it . URL consultato il 17 agosto 2014 .
  68. ^ Notizie di esteri del Corriere della Sera , su corriere.it .
  69. ^ Iraqi forces closer to retaking ISIS-held airbase south of Mossul - ISIS in Iraq - Haaretz
  70. ^ Le Premier ministre annonce "la fin de la guerre" contre l'EI en Irak , AFP , 9 dicembre 2017.
  71. ^
  72. ^ ( EN ) Tom Cohen, Leaked video reveals chaos of Baghdad attack , in Cnn , 7 aprile 2010. URL consultato il 9 dicembre 2010 .
  73. ^ Corriere.it, Condanna di Bradley Manning , su corriere.it .
  74. ^ , G. Lakoff, Non pensere all'elefante, Roma, Fusi Orari, 2006, pp. 103-104.
  75. ^ Il fatto che questo blitz sia stato del tutto incruento fa sospettare che esso fosse stato in realtà preceduto da una trattativa e dal pagamento di un riscatto, nonostante le smentite del governo e della coalizione.
  76. ^ Fatalities , su icasualties.org .
  77. ^ Iraqi Deaths , su icasualties.org .
  78. ^ Contractors , su icasualties.org .
  79. ^ Il numero di contractors caduti in Iraq è molto incerto e probabilmente incalcolabile, dato che spesso si tratta di azioni non-ufficiali condotte da aziende di sicurezza private, con l'ausilio di agenti sotto copertura di diverse nazionalità. Vedi: Undercounting contractors
  80. ^ Iraqi Body Count , su iraqbodycount.org .
  81. ^ Casualty of War: Mental Health
  82. ^ Detailed study confirms high suicide rate among recent veterans , su latimes.com .
  83. ^ guardian.co.uk
  84. ^ comw.org
  85. ^ "The Wages of War: Iraqi Combatant and Noncombatant Fatalities in the 2003 Conflict" .
  86. ^ "New Study Finds: 11,000 to 15,000 Killed in Iraq War; 30% are Non-combatants" Archiviato il 17 ottobre 2006 in Internet Archive ..
  87. ^ icasualties.org
  88. ^ Iraq Index. Tracking Variables of Reconstruction & Security in Post-Saddam Iraq
  89. ^ "More than 12,000 Iraqi police casualties in 2 years"
  90. ^ "iCasualties: OIF Iraqi Deaths"
  91. ^ iraqbodycount.net
  92. ^ zmag.org Archiviato il 1º dicembre 2005 nella Library of Congress Web Archives.
  93. ^ web.mit.edu
  94. ^ La robustezza metodologica dello studio di The Lancet è stata riconosciuta anche dai consiglieri scientifici del ministero della difesa britannico, in parziale contraddizione con le affermazioni del portavoce di Blair, che aveva sostenuto che i risultati dello studio non fossero per nulla accurati.
  95. ^ [1] ; vedi anche [2] e [3]
  96. ^ breitbart.com Archiviato il 27 novembre 2006 in Internet Archive .
  97. ^ Costo della guerra .
  98. ^ Fonte: La Repubblica - 10 marzo 2008. pag.36
  99. ^ Linda Bilmes, Joseph Stiglitz. The Three Trillion Dollar War: The True Cost of the Iraq Conflict . WW Norton & Company. First edition. February 17, 2008. ISBN 0-393-06701-7 ISBN 978-0-393-06701-9 [4]
  100. ^ Costo della guerra in Iraq , su uruknet.de .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 23297 · LCCN ( EN ) sh2003003059 · GND ( DE ) 4731075-3 · BNF ( FR ) cb144641675 (data) · BNE ( ES ) XX552034 (data) · NDL ( EN , JA ) 00968613