Imperi Rus

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Imperi Rus
Россійская Имперія
Rossijskaya Imperija
Imperi Rus Россійская Имперія Rossijskaya Imperija - Flag Imperi Rus Россійская Имперія Rossijskaya Imperija - Escut d'armes
( detalls ) ( detalls )
Lema :
Съ нами Богъ!
S nami Bog!
"Amb nosaltres Déu!"
Imperi Rus (projecció ortogràfica) .svg

     L’Imperi rus el 1914

     Protectorats i zones d’influència

     Alaska russa (1799-1867)

Dades administratives
Nom oficial Россійская Имперія
Idiomes oficials Rus
Idiomes parlats Rus i idiomes regionals
Himne Molitva russkich (1816-1833)
Боже, Царя храни! (1833-1917)
Bože, Zarja chrani!

" Déu salvi el tsar! "
Capital Sant Petersburg ( 1721 - 1728 , 1731 - 1917 )
Altres capitals volar
( 1729 - 1730 )
Addiccions Bandera de la Companyia Ruso-Americana Amèrica russa [1]
Ru russiasomaliland-sagallo.gif Sagallo [2]

Bandera de l'Imperi Rus.svg Gran Ducat de Finlàndia [3]
Insígnia militar de la Vístula Flotilla del Congrés Polònia.svg Regne del Congrés de Polònia [4]
Bandera del Khanat de Khiva.svg Khanat de Khiva [5]
Bandera de l'Emirat de Bukhara.svg Emirat de Bukhara [5]
Bandera de l'Imperi Rus.svg Concessió russa de Tianjin

Política
Forma d’estat Imperi
Forma de govern Monarquia absoluta ( 1721 - 1905 , de facto fins al 1917 )
Monarquia constitucional ( 1905 - 1917 ) ( de iure )
Bodiesrgans de decisió Duma (des de 1906 )
Naixement 1721 amb Pietro I
Causa Elevació del regne a un imperi
final 1917 amb Nicolau II de Rússia [6]
Causa Revolució de febrer
Territori i població
Conca geogràfica Europa de l’Est , Àsia , Amèrica del Nord
Extensió màxima 23 709 825 km² el 1866
Població 178 378 800 el 1910 [7]
Economia
Moneda Rublo
Religió i societat
Religions destacades Església Ortodoxa Russa
Religió estatal Església Ortodoxa Russa
Religions minoritàries Islam , judaisme , budisme , animisme , protestantisme , catolicisme
The Russian Empire-en.svg

     Territori oficial el 1866

     Possessions entre el 1799 i el 1917

     Esfera d’influència

Evolució històrica
Precedit per Rússia Regne de Rússia
Succeït per Rússia República russa
Bandera de l'Imperi alemany Ober Ost
Bandera de l'Imperi japonès Japó
Bandera de la República de les Muntanyes del Nord del Caucas República de les muntanyes del Caucas Nord
Ara forma part de Armènia Armènia
Azerbaidjan Azerbaidjan
Bielorússia Bielorússia
Estònia Estònia
Geòrgia Geòrgia
Kazakhstan Kazakhstan
Kirguizistan Kirguizistan
Letònia Letònia
Lituània Lituània
Finlàndia Finlàndia
Moldàvia Moldàvia
Polònia Polònia
Rússia Rússia
Estats Units Estats Units
Tadjikistan Tadjikistan
Turquia Turquia
Turkmenistan Turkmenistan
Ucraïna Ucraïna
Uzbekistan Uzbekistan

L' Imperi rus ( en rus : Российская империя ?, Transliterat : Rossiyskaja imperija ), sovint també anomenat Rússia imperial , va ser l' organisme estatal que per voluntat de Pere I el Gran ( 1682 - 1725 ) va governar la Rússia tsarista des de 1721 fins a l'abdicació forçada de Nicolau II ( 1894 - 1917 ) després de la revolució de febrer de 1917.

Va ser precedit pel regnat dels tsars de Moscou i seguit de la Unió Soviètica . Tots els tsars de l'imperi pertanyien a la família Romanov . Des del punt de vista territorial, va ser el tercer estat més gran de la història : el 1790 es va estendre per tres continents ( Europa , Àsia i Amèrica del Nord ), vorejant tant Prússia com la província de Canadà ( Imperi Britànic ), amb vistes al mar Bàltic i Oceà Pacífic . L'àrea era de 23,7 milions de quilòmetres quadrats (22,8 el 1866 ), aproximadament 1/6 de tota la terra del planeta.

Econòmicament l’imperi estava fortament lligat a l’agricultura, amb una baixa productivitat i una forta presència de servitud fins que aquesta va ser abolida definitivament el 1861 . Amb el pas del temps, l’economia es va poder industrialitzar amb l’ajut d’inversions estrangeres en ferrocarrils i fàbriques. La terra va estar governada majoritàriament per la noblesa local ( boyards ) del segle X al XVII i va ser governada formalment per l’emperador (tsar). El tsar Ivan III (1462-1505) va preparar el terreny per acollir les reformes dels segles següents: va triplicar el territori del seu estat, va posar fi a la dominació de l’ Horda d’Or , va renovar el Kremlin de Moscou i va fundar les principals institucions del Estat rus. El tsar Pere el Gran (1682-1725) va lliurar nombroses guerres i va construir un imperi modern prou fort com per establir-se com una de les principals potències europees del seu temps. Va traslladar la capital de Moscou a la seva nova ciutat de Sant Petersburg i va substituir els tradicionals models socials i polítics medievals per un sistema racionalista inspirat en el model occidental.

Catalina la Gran (1761–1796) va regnar durant l’època daurada de Rússia: estava preocupada per l’expansió ràpida de la nació a través de la conquesta, la colonització i la diplomàcia. El treball de modernització introduït per Pere el Gran va continuar en la línia europeista. El tsar Alexandre II (1855–1881) va promoure nombroses reformes, inclosa la relacionada amb l'emancipació de 23 milions de serfs el 1861. La seva política a Europa de l'Est era protegir els cristians ortodoxos locals que vivien sota el govern de l'Imperi otomà . Aquesta implicació i altres van portar Rússia a entrar a la Primera Guerra Mundial el 1914 i a fer costat a França , el Regne Unit i Sèrbia contra Alemanya , Àustria-Hongria i l'Imperi otomà . Rússia va continuar sent una monarquia absoluta fins a la revolució de 1905 i després es va convertir en una monarquia constitucional. L'imperi es va esfondrar durant la Revolució de Febrer de 1917 en gran part a causa de la fallida participació de l'Estat a la Gran Guerra.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Rússia .

Pere I va proclamar oficialment l’Imperi Rus després del Tractat de Nystad (1721), tot i que alguns historiadors afirmen que es pot considerar fundat quan Ivan III de Rússia va conquerir Novgorod o fins i tot quan Ivan el Terrible va conquerir el Khanat de Kazan . Segons un altre punt de vista, el tsar, que es va introduir a partir de la coronació d' Ivan IV el 1547 , era una paraula que ja s'utilitzava aleshores per indicar l'imperi, mentre Pere el Gran simplement el va estendre i llatinitzar. Gran part de l'expansió de les fronteres de Rússia també es va produir al segle XVII, que va culminar amb la primera colonització russa al Pacífic a mitjan segle XVIII i amb la guerra russo-polonesa (1654-1667) que va permetre la incorporació de la part occidental d’ Ucraïna , així com afavorir la conquesta russa de Sibèria .

Inicis de l'Imperi

Pere el Gran, Caterina I, Anna i Isabel i les revolucions del palau

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Pere el Gran i Revolucions del Palau .
Versió "menor" de l'escut oficial de l'Imperi rus; era la versió més utilitzada de l'escut i sovint es considera erròniament l'única versió de l'escut de l'Imperi rus
Pere I el Gran va ser el fundador de l'Imperi Rus i va canviar oficialment el nom de Tsarat de Rússia el 1721 i va ser ell mateix el seu primer emperador, i després va dur a terme reformes governamentals que van conduir a la transformació de Rússia en una de les principals potències europees.

Pere I el Gran (1672–1725) va introduir l’ autocràcia a Rússia i va jugar un paper important en la introducció de la seva nació al sistema estatal europeu. Tanmateix, aquesta vasta extensió de terra amb una població de 14.000.000 d'habitants, només tenia algunes parts destinades al conreu de blat i es trobava majoritàriament a l'oest, [8] i gairebé tota la població s'hi dedicava. Només un petit percentatge vivia als pobles. La classe cholop , practicant l'esclavitud, va romandre com una de les principals institucions de Rússia fins al 1723 quan Pere I va decidir convertir els esclaus en serfs , inclosos els impostos.

Els primers esforços militars de Pere I es van dirigir contra els turcs otomans. La seva atenció es va girar al nord. Peter es va esforçar intensament a aconseguir un port marítim segur al nord, ja que ciutats importants que ja posseïen com a arcàngel van quedar completament congelades i, per tant, bloquejades durant nou mesos de l'any. L’accés al Bàltic va ser impedit pels suecs el territori dels quals limitava amb tres quartes parts amb Rússia. Les ambicions de Pere d'assegurar una finestra al mar el van portar a una aliança amb Saxònia el 1699 , amb la Confederació Polonès-Lituana i amb Dinamarca contra Suècia , desencadenant així la Gran Guerra del Nord . El xoc va acabar el 1721 quan els suecs esgotats van exigir la pau amb Rússia. Pietro va adquirir quatre noves províncies situades al sud i a l'est del golf de Finlàndia , assegurant així els ports que necessitava. En una d'aquestes noves zones va construir la nova capital de Rússia, Sant Petersburg , que va substituir l'antiga Moscou, que havia estat durant molt de temps el centre operatiu i cultural rus. El 1722 va començar a amplificar la seva influència sobre el Caucas i el mar Caspi a costa de la dinastia persa dels safàvits , en aquell moment feble a la zona. Per aconseguir-ho, va convertir la ciutat d' Astrakhan en el centre dels seus esforços militars contra Pèrsia , lliurant la guerra rus-persa que va tenir lloc a gran escala entre 1722 i 1723. [9]

Pere va reorganitzar el seu govern sobre la base dels models polítics del seu temps, modelant Rússia sobre la base dels principis de l'estat absolut francès que Lluís XIV havia liderat amb èxit. Va substituir l'antiga Duma dirigida pels boiars (consell de nobles) per un Senat de nou membres que de fet tenia els poders d'un consell d'estat suprem al qual se li va assignar la missió de recaptar els impostos necessaris per administrar la nació (quin dels fets). triplicat sota el seu govern). El país també es va dividir en noves províncies i districtes. Com a part de les seves reformes governamentals, l'Església Ortodoxa es va incorporar parcialment a les estructures administratives de l'estat, convertint-la en un instrument de govern de facto . Pere va abolir el patriarcat i el va substituir per un cos col·lectiu, el Sant Sínode , dirigit per funcionaris governamentals. Mentrestant, es van eliminar tots els antics vestigis d'autonomia local presents a l'imperi. [10]

Pietro va morir el 1725, deixant una incerta successió. Després del breu regnat de la seva esposa Catalina I , la corona va passar a l'emperadriu Anna, que va frenar les reformes però va lliurar una satisfactòria guerra contra l'Imperi otomà que va provocar un important debilitament dels turcs a Crimea .

La insatisfacció amb la posició dominant dels alemanys bàltics en la política russa va portar Isabel, la filla de Pere I, al tron ​​rus. Elizabeth era una patrona de les arts, l'arquitectura i les ciències (per exemple, va fundar la Universitat de Moscou ), tot i que no va dur a terme reformes estructurals significatives a l'Estat. El seu regnat, que va durar uns 20 anys, també és conegut per la participació de Rússia en la Guerra dels Set Anys que, tot i demostrar-se que era militar positiva, va fracassar políticament per a Rússia. [11]

Rússia sota Caterina II

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Rússia sota Caterina II .
La tsarina Catalina la Gran , que va regnar del 1762 al 1796, va continuar l'expansió de l'imperi rus i la seva modernització. Ella, que es considerava una absolutista il·lustrada, va jugar un paper important en el desenvolupament de la il·lustració russa .

Catalina la Gran va ser una princesa alemanya que es va casar amb Pere III, l’hereu alemany de la corona prussiana. Després de la mort de la tsarina Isabel, va arribar al poder amb un cop d'estat complot contra el seu impopular marit. Va contribuir en gran mesura a la reactivació de la noblesa russa i la seva influència, en particular atorgant-li moltes de les funcions d'estat a les províncies. Eliminat l’impost sobre la barba introduït per Pere el Gran. [12]

Catalina la Gran va estendre el control polític de Rússia sobre les terres de la Confederació polonès-lituana . Les seves accions van conduir al suport de la Confederació Targowica , tot i que els costos de les seves campanyes militars, agreujades encara més per l’opressiu sistema social que encara incloïa l’esclavitud, van provocar una revolta camperola el 1773, seguint les disposicions de Caterina que seria possible vendre esclaus de forma independent de terres agrícoles. Inspirats per un cosac anomenat Pugatxov , que cridava "Penja tots els propietaris!", Els rebels van amenaçar amb prendre Moscou només per suprimir-la brutalment. A diferència del càstig tradicional per ofegar-se i esquarterar-se, Catherine va donar instruccions secretes perquè els botxins facessin la seva feina de forma ràpida i amb el mínim patiment per als condemnats com a part del seu intent de mitigar la justícia russa. [13] També va ordenar el judici públic de Darya Nikolayevna Saltykova , una noble de l'alta aristocràcia, acusada de tortura i assassinat. Aquests gestos de compassió van atreure l'atenció positiva de Catherine d'altres estats europeus en plena època de la Il·lustració, però l'espectre de la revolució i el malestar continuat van continuar amenaçant tant a ella com als seus successors.

Per continuar assegurant el suport de la noblesa, que resultava essencial en el seu govern, Caterina es va veure obligada a reforçar la seva autoritat i poder a costa de les classes menys benestants. Tanmateix, la tsarina es va adonar que el temps de l'esclavitud havia acabat, arribant a dir a la seva Nakaz ("Instruccions") que els esclaus eren "persones com nosaltres", un comentari que la noblesa va rebre amb disgust. Catalina va aconseguir fer una fructífera guerra contra l'Imperi otomà i va avançar les fronteres de Rússia cap al sud fins al mar Negre . Després, d'acord amb els governants d'Àustria i Prússia, va incorporar els territoris de la Confederació polonès-lituana durant les particions de Polònia , desplaçant la frontera russa cap a l'oest, cap a Europa central. Segons el tractat que Rússia havia signat amb els georgians per protegir-los de futures invasions de Pèrsia, Catalina va fer una guerra contra Pèrsia el 1796 després que aquesta envaís Geòrgia i expulsés totes les guarnicions russes del Caucas. En el moment de la seva mort, el 1796, la política expansionista de Catherine havia convertit Rússia en una de les principals potències europees. [14] Aquesta política va continuar amb Alexandre I concentrat a Finlàndia per arrabassar-la a l'ara feble regne de Suècia el 1809 i a Bessaràbia , obtenint-la de Moldàvia .

La condició econòmica

Un ruble Sestroretsk de Caterina II (1771) estava fet de coure i tenia un diàmetre de 77 mm per un gruix de 26 mm i un pes de 1 022 grams. Encara és avui la moneda més gran i pesada que mai ha estat encunyada per un estat. [15]

La Rússia de Caterina II es trobava sempre i constantment amenaçada amb una caiguda financera. Fins i tot amb ingressos que passaven per aquí 9 000 000 de rubles de 1724 a 40 milions el 1794, els costos van augmentar ràpidament, arribant a 49 000 000 el 1794. El 46% del pressupost estava ocupat per despeses militars, el 20% es destinava a activitats econòmiques governamentals, el 12% a l’administració i el 9% a la cort imperial de Sant Petersburg. El 5% del pressupost es destinava al pagament de deutes. Sota Caterina II, es van encunyar els primers bitllets russos per cobrir les despeses de guerra, provocant un augment de la inflació. Amb aquestes despeses, Rússia tenia un exèrcit ampli i ben equipat, però també una burocràcia extensa i complexa, i un tribunal capaç de rivalitzar amb els seus homòlegs de París i Londres. Fins i tot a mitjan segle XVIII, Rússia encara es podria definir com "un país pobre, endarrerit, principalment agrícola i analfabet". [16]

L’Imperi rus al segle XIX

La primera meitat del segle XIX

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Rússia de 1796 a 1825 i Rússia sota Nicolau I.
L'exèrcit rus es prepara per envair Pèrsia i iniciar la guerra russo-persa de 1804-1813
Durant la campanya russa , el general ferit Pyotr Bagration dóna ordres a la batalla de Borodino .

L'emperador francès Napoleó Bonaparte , després d'un enfrontament amb el tsar Alexandre I de Rússia , va llançar una invasió de Rússia el 1812, que va ser catastròfica per a França. Per molt que la Grande Armée de Napoleó aconseguís arribar a Moscou, els russos van aplicar l' estratègia de la terra cremada per evitar que els invasors ocupessin pacíficament el país. L'hivern rus, doncs, va fer la resta i milers de soldats francesos van morir congelats, així com en les nombroses emboscades que la resistència russa va imposar contra ells. [17] Quan Napoleó va ordenar la retirada, les tropes russes el van perseguir fins a Europa occidental i van entrar a París. Rússia i els seus aliats van derrotar Napoleó i Alexandre es va convertir en el nou "salvador d'Europa", presidint les fases fonamentals del Congrés de Viena per redissenyar el mapa polític d'Europa. Alexandre també va ser consagrat rei de Polònia en aquest context. [18]

Tot i que Rússia havia jugat un paper polític fonamental en la derrota de la França napoleònica, la seva voluntat de mantenir l'esclavitud va impedir el progrés econòmic i la confiança internacional. Tot i que l’economia d’Europa occidental va augmentar dràsticament durant la revolució industrial , Rússia es va quedar enrere, creant altres debilitats que van impedir que l’imperi fos una gran potència en tots els aspectes. Aquest estat es va deure en part a la ineficàcia del govern rus, a l'aïllament de la població local i al seu endarreriment econòmic. Després de la derrota de Napoleó, Alexandre I estava ocupat a debatre sobre reformes constitucionals, i algunes van ser introduïdes, però poques per canviar realment res. [19]

El tsar liberal va ser substituït pel seu germà petit, Nicolau I (1825-1855), que va haver de fer front a les revoltes des del començament del seu regnat. Les arrels d’aquests enfrontaments es remuntaven al període de les guerres napoleòniques, quan molts joves oficials russos s’havien traslladat a Europa i havien tingut l’oportunitat de posar-se en contacte amb les idees del liberalisme i després tornar a la seva terra animant aquestes mateixes reformes a la Rússia autocràtica. . El resultat va ser la revolta decembrista (desembre de 1825), obra d’un petit cercle de nobles liberals i oficials de l’exèrcit que pretenien instal·lar el germà de Nicolau com a monarca constitucional. En qualsevol cas, la revolta va ser reprimida aviat, cosa que va portar Nicolau a distanciar-se del programa de modernització inaugurat per Pere el Gran, convertint-se en un campió del nacionalisme rus autocràtic i ortodox. [20]

El resultat de la revolta va fer del 14 de desembre una data especialment coneguda pels revolucionaris de tot el segle. Per evitar futurs disturbis, es va intensificar la censura, incloent una vigilància constant de les escoles i les universitats. Els textos escolars havien de ser aprovats directament pel govern. Es van col·locar espies policials a tot arreu. Els revolucionaris van ser enviats a Sibèria ; sota Nicolau I es van enviar centenars de milers al katorga . [21]

Rússia en aquest període va demostrar estar dividida entre el modernisme occidental i un retorn al tradicionalisme rus del passat. Aquesta última opció la van seguir especialment els eslavòfils . També es van oposar a la burocràcia, preferint el col·lectivisme de la Rússia medieval ( obščina o mir ) en lloc de l' individualisme occidental. [22] Algunes radicals d’esquerres russes com Alexander Herzen , Mikhail Bakunin i Peter Kropotkin també van elaborar doctrines socials més extremes.

Política exterior

Després que l’exèrcit rus alliberés Geòrgia de l’ocupació desitjada per la dinastia Qajar el 1802 amb la guerra rus-persa (1804-1813) , els soldats de l’imperi rus van aconseguir aixafar el control de Pèrsia a la zona i també van participar en el caucàsic guerra . La conclusió de la guerra amb Pèrsia va conduir a la cessió de l'actual Daguestan , Geòrgia, i gran part de l' Azerbaidjan a Rússia després del tractat de Gulistan . [23] La part sud-oest de Rússia va intentar expandir-se a costa de l'Imperi otomà, utilitzant els territoris georgians recentment adquirits com a base per a aquestes operacions. A finals dels anys 1820, Rússia va emprendre noves campanyes militars. Tot i haver perdut bona part de les seves recents conquestes ja el primer any de la guerra russo-persa (1826-1828) , Rússia va aconseguir acabar el conflicte en condicions favorables en el tractat de Turkmenchay , inclòs el manteniment d’ Armènia , Azerbaidjan i del província d'Iğdır . [24] A la guerra russo-turca del 1828-29, Rússia va envair el nord-est d' Anatòlia i va ocupar les ciutats estratègiques d' Erzurum i Gümüşhane i, actuant com a protector i salvador de la població local de la fe ortodoxa grega, va rebre el suport dels pontics Grecs . Després d'una breu ocupació, l'exèrcit rus es va retirar a Geòrgia. [25]

Els tsars russos es van veure obligats a suprimir dues revoltes als territoris polonesos: la revolta de novembre de 1830 i la de gener de 1863. De fet, l’autocràcia russa havia donat als polonesos el dret de rebel·lar-se el 1863 per recuperar la seva cultura, la seva religió i la seva la llengua com a legítima. [26] El resultat va ser la revolta de gener, una revolta important, que va ser suprimida per la força. França, el Regne Unit i Àustria van intentar intervenir en la crisi però no van poder. La premsa patriòtica russa va utilitzar l'aixecament polonès com a pretext per unificar la mateixa Rússia, afirmant que Déu mateix havia donat a Rússia la missió de salvar Polònia i el món sencer. [27] Polònia va ser castigada en perdre els seus drets polítics i judicials separats de Rússia, i la russificació es va aplicar tant a les escoles com als tribunals locals. [28]

Les transformacions de Rússia a la segona meitat del segle XIX

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Imperi rus després de 1870 , desenvolupament econòmic rus al segle XIX , reformes a l’imperi rus, política exterior russa després de la guerra de Crimea , reforma emancipatòria de 1861 , moviments revolucionaris russos del segle XIX , naixement de partits polítics Russos a finals del segle XIX i imperialisme rus a Àsia .
La fortalesa d'Erivan assetjada el 1827 per les forces russes durant la guerra russo-persa (1826-1828) . [29]
Les tropes russes conquisten Samarcanda (8 de juny de 1868)
L'onzè mes del setge de la base naval russa a Sebastopol durant la guerra de Crimea
La presa russa del reducte otomà al setge de Plevna, durant la guerra rus-turca (1877-1878) .
La batalla del pas de Shipka durant la guerra rus-turca (1877-1878) .

Nel 1854–55 la Russia perdette la guerra di Crimea contro Gran Bretagna, Regno di Sardegna, Francia e Turchia, la quale venne combattuta prevalentemente nella penisola di Crimea e poi anche nel Baltico . Pur avendo giocato un ruolo fondamentale nella sconfitta di Napoleone dove si era guadagnata la considerazione generale di potenza invincibile, la Russia non poté nulla contro una coalizione composta dalle principali potenze europee e rappresentò in questo l'ultimo atto della decadenza del regime dello zar Nicola I.

Quando Alessandro II ascese al trono nel 1855, vi era ovunque un profondo desiderio di riforme. Un crescente movimento umanitario si scagliava contro la schiavitù ancora praticata in Russia. Nel 1859, in Russia si contavano 23.000.000 di schiavi che vivevano in condizioni misere. Alessandro II decise di abolire la servitù della gleba anziché aspettarsi che essa venisse abolita con una rivoluzione che avrebbe potuto danneggiare irreparabilmente lo stato russo e l'economia delle classi più agiate. [30]

Le riforme del 1861 liberarono gli schiavi con uno degli eventi più importanti della storia della Russia nel XIX secolo e pose fine al monopolio esclusivo del possesso della terra da parte dell'aristocrazia. Ulteriori riforme in quel decennio portarono alla maggior definizione del ruolo del governo russo nell'ambito delle proprietà e della protezione delle stesse. [31] L'emancipazione portò ulteriore lavoro nelle città, stimolando l'industria e la crescita della borghesia per numero ed influenza sociale. Ad ogni modo, anziché ricevere delle terre da lavorare come compensazione, i contadini liberati dal giogo della servitù della gleba erano costretti a pagare una tassa speciale per il resto della loro vita al governo, il quale avrebbe provveduto a rifondere i loro antichi proprietari del bene perduto e molti si risolvevano quindi a rivendere le terre acquistate ai loro stessi proprietari per vedersi riconosciuta la libertà. Le proprietà contadine erano spesso radunate collettivamente in mir , comunità di villaggio, che dividevano poi equamente la terra tra i contadini presenti. Pur essendo stata abolita, la servitù non portò gli effetti positivi sperati e anzi alimentò le tensioni rivoluzionarie, malgrado le buone intenzioni di Alessandro II. [32]

Alessandro II ottenne la Manciuria settentrionale dalla dinastia Qing della Cina tra il 1858–1860 e vendette i territori dell' America russa (l'attuale Alaska) agli Stati Uniti nel 1867.

Sul finire degli anni '70 dell'Ottocento, la Russia e l'Impero ottomano si scontrarono nuovamente sul terreno dei Balcani. Dal 1875 al 1877, la crisi balcanica si intensificò con ribellioni contro il governo ottomano da parte delle varie popolazioni slave dell'area, che i turchi dominavano dal XVI secolo. Questo fatto venne visto come un rischio dalla Russia che pure aveva soppresso i musulmani dell'Asia centrale e del Caucaso. L'opinione nazionalista russa divenne il principale supporto per la liberazione dei cristiani dei Balcani dal governo ottomano, con l'intento di rendere la Bulgaria e la Serbia indipendenti. All'inizio del 1877, la Russia intervenne nella guerra russo-turca (1877-1878) . Nel giro di un anno, le truppe russe raggiunsero Istanbul e gli ottomani si arresero. I diplomatici nazionalisti russi ed i generali persuasero Alessandro II a costringere gli ottomani a firmare il Trattato di Santo Stefano nel marzo del 1878, creando così la Bulgaria. Quando la Gran Bretagna minacciò di dichiarare guerra ai termini del Trattato di Santo Stefano, la Russia si ricredette. Al Congresso di Berlino del luglio del 1878, la Russia si accordò per la creazione di una Bulgaria di ridotte dimensioni, come principato autonomo interno all'Impero ottomano. Il risultato fu un panslavismo che non piacque né all'Austria né alla Germania. Sfiduciata dal risultato ottenuto, la Russia sostenne la Serbia , la Romania ed il Montenegro nella loro lotta contro gli ottomani. [33]

Altro evento che si concluse a favore della Russia fu la guerra russo-turca del 1877–78 che portò all'acquisizione delle province ottomane di Batum , Ardahan e Kars in Transcaucasia , che vennero unite e trasformate negli oblast' di Batumi e oblast' di Kars . Per rimpiazzare i musulmani fuggiti all'arrivo dei russi e passati oltre la frontiera ottomana, i russi si organizzarono per portare in loco georgiani, greci caucasici e armeni.

Alessandro III

Nel 1881 Alessandro II venne assassinato dalla Narodnaja Volja , un'organizzazione terroristica nichilista . Il trono passò ad Alessandro III (1881–1894), un reazionario che ravvivò appieno l'ortodossia, l'autocrazia ed il nazionalismo di Nicola I. Convinto slavofilo, Alessandro III credeva che la Russia potesse essere salvata dai tumulti unicamente convivendo con le influenze di altri paesi europei. Durante il suo regno la Russia dichiarò l' alleanza franco-russa per contenere il crescente potere della Germania, completando la sua espansione in Asia Centrale grazie a importanti concessioni territoriali e commerciali ottenute dai Qing della Cina. Il più influente consigliere dello zar fu Konstantin Pobedonostsev , tutore di Alexander III e di suo figlio Nicola, nonché procuratore del Santo Sinodo dal 1880 al 1895. Egli insegnò ai suoi pupilli il timore per i discorsi e per la stampa, come pure il disprezzo della democrazia, delle costituzioni e del sistema parlamentare. Con Pobedonostsev, i rivoluzionari vennero perseguitati e venne portata avanti in tutto l'impero una politica di russificazione. [34] [35]

Politica estera

La Russia ebbe ben più difficoltà ad espandersi a sud, conquistando il Turkestan . [36] Ad ogni modo, anche la Gran Bretagna iniziò ad allarmarsi quando la Russia minacciò l'Afghanistan, interpretando il fatto come un'implicita minaccia all'India, e ne seguirono decenni di delicate manovre diplomatiche chiamate Grande gioco . [37] Alla fine nel 1907 venne conclusa l'Intesa anglo-russa. L'espansione in Siberia fu lenta e costosa, ma alla fine divenne possible grazie alla costruzione della ferrovia transiberiana dal 1890 al 1904. Questa importante opera aprì le frontiere dell'Asia orientale e gli interessi russi si focalizzarono in Mongolia, in Manciuria ed in Corea. La Cina era troppo debole per resistere e venne posta sempre più sotto l'influenza russa. Il Giappone si oppose invece fermamente all'espansionismo russo e sconfisse la Russia nella guerra del 1904-1905. Il Giappone acquisì la Corea, ma la Manciuria rimase un'area contesa tra le due potenze. Nel frattempo la Francia, alla ricerca di alleati contro la Germania dopo il 1871, formò un'alleanza militare con la Russia nel 1894, ottenendone anche il supporto diplomatico necessario. Quando l'Afghanistan venne informalmente diviso nel 1907, Gran Bretagna, Francia e Russia iniziarono sempre più a ravvicinarsi per opporsi a Germania e Austria. Costituirono insieme la Triplice Alleanza che ebbe un ruolo centrale nella Prima guerra mondiale . La guerra scoppiò infatti quando l'Impero austro-ungarico, col deciso supporto della Germania, tentò di reprimere il nazionalismo serbo supportato dalla Russia. Ognuno per la sua parte iniziò a mobilitarsi e Berlino decise di invadere il Belgio e la Francia ad ovest, e poi la Russia ad est. [38]

Gli ultimi anni dell'autocrazia

I primi anni del Novecento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rivoluzione russa del 1905 , Governi Stolypin e Kokovcov e Politica estera della Russia nel 1906-1914 .
Una scena della prima rivoluzione russa in un dipinto di Ilya Repin . [39] [40]
Veduta del fiume Mosca dal Cremlino, 1908

Nel 1894, Alessandro III venne succeduto al trono da suo figlio, Nicola II , il quale era intenzionato a mantenere lo schema autocratico ereditato da suo padre. Nicola II diede prova di essere un monarca poco capace e la fine della sua dinastia coincise con la rivoluzione. [41] La rivoluzione industriale iniziò sotto il regno di Nicola II a dare i propri frutti, ma il paese rimase comunque rurale e povero. Gli elementi liberali tra i capitalisti industriali e la nobiltà credevano nelle riforme sociali pacifiche e nella monarchia costituzionale e pertanto costituirono il Partito Costituzionale Democratico o partito dei Cadetti. [42] Le condizioni economiche dopo il 1890 grazie a nuove colture come la canna da zucchero e l'accesso ai nuovi trasporti garantito dalle ferrovie, migliorarono. Incrementò la produzione totale di grano, permettendo anche la crescita delle esportazioni. Vi fu comunque un lento miglioramento degli standard di vita dei contadini russi prima del 1914. [43]

In politica, gli elementi reazionari dell'aristocrazia continuarono a favorire i grandi proprietari terrieri che ad ogni modo sempre più di frequente iniziarono a vendere i loro vasti patrimoni. Il partito di ottobre era una forza conservatrice con una base costituita da proprietari terrieri e uomini d'affari. Questi si dichiararono pronti ad accettare nuove riforme sulla terra, ma insistettero sul pieno risarcimento dei proprietari. I Cadetti rappresentavano in effetti la borghesia della Russia dell'epoca. A sinistra si trovavano invece i Rivoluzionari Socialisti ed i Socialdemocratici che intendevano invece espropriare i proprietari delle loro terre, senza alcun risarcimento, ma erano dibattuti se poi tali terre dovessero essere ridistribuite ai contadini come proprietari o se esse avessero dovuto essere gestite dalle comunità locali. [44] Il Partito Socialista invocava la distribuzione della terra ai soli lavoratori, i contadini. Altro gruppo radicale era quello del Partito Socialdemocratico Laburista Russo, massimo esponente del marxismo . I Socialdemocratici credevano invece che la rivoluzione dovesse partitre dai lavoratori urbani e non dai contadini. [45]

Nel 1903, al secondo congresso del partito socialista russo a Londra, il partito si divise in due ali: i gradualisti menscevichi ei più radicali bolscevichi . I menscevichi credevano che la classe lavoratrice russa era insufficientemente sviluppata e che il socialismo potesse essere raggiunto solo dopo un periodo di governo borghese democratico. Per questo tesero ad allearsi con le forze del liberalismo borghese. I bolscevichi, guidati da Vladimir Lenin , supportavano l'idea di formare una piccola élite di rivoluzionari professionisti, soggetti ad una strenua disciplina di partito, che agissero come avanguardia per il proletariato di modo da prendere il potere con la forza. [46]

La battaglia di Mukden durante la guerra russo-giapponese (1904–1905).

La sconfitta della Russia nella guerra russo-giapponese (1904–1905) fu uno dei fiaschi maggiori del regime zarista ed incrementò il potenziale di protesta. Nel gennaio del 1905, un incidente noto come " Domenica di sangue " scoppiò quando padre Georgy Gapon guidò un'enorme folla verso il Palazzo d'Inverno a San Pietroburgo per presentare una petizione allo zar. Quando la processione raggiunse il palazzo, i soldati aprirono il fuoco sulla folla, uccidendo centinaia di persone. I russi erano così arrabbiati per l'inutile massacro che proclamarono lo sciopero nazionale e chiesero la proclamazione di una repubblica democratica. Questi fatti segnarono l'inizio della Rivoluzione del 1905 . I Soviet (consigli dei lavoratori) iniziarono ad apparire nelle principali città per guidare l'opera dei rivoluzionari. La Russia venne paralizzata ed il governo si trovò improvvisamente senza possibilità di azione. [47]

Nell'ottobre del 1905, lo zar Nicola II, seppur riluttante, proclamò il manifesto di ottobre che acconsentì alla creazione della Duma nazionale (parlamento). Il diritto di voto venne esteso e nessuna legge poteva essere approvata senza il parere finale della Duma. I gruppi moderati si dissero soddisfatti, ma i socialisti definirono queste concessioni come insufficienti e tentarono di organizzare nuovi scioperi. Alla fine del 1905, vi era una tale disunità tra i riformatori che la posizione dello zar ne uscì persino fortificata.

La prima guerra mondiale, la rivoluzione e il crollo dell'impero russo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Russia nella prima guerra mondiale e Fine dello zarismo .
Il patriarca Tikhon di Mosca benedice le truppe nel 1917

Lo zar Nicola II ed i suoi sudditi entrarono nella prima guerra mondiale con entusiasmo e pieni di patriottismo per la difesa che la Russia aveva promesso agli ortodossi slavi e serbi. Nell'agosto del 1914, l'esercito russo invase la provincia tedesca della Prussia orientale ed occupò una parte significativa della Galizia che era possedimento austriaco per supportare i serbi ed i loro alleati, inglesi e francesi. Nel settembre del 1914, su pressione della Francia, i russi vennero costretti a fermare la loro offensiva contro l'Austria-Ungheria in Galizia per attaccare la Slesia tedesca. [48] Ad ogni modo il saldo controllo che la Germania stabilì sul mar Baltico e sul Mar Nero (in quest'ultima posizione grazie all'appoggio dell'Impero ottomano, suo alleato), la Russia si trovò ben presto senza rifornimenti esterni né potenziali mercati di acquisto.

A metà del 1915, l'impatto della guerra aveva ormai raggiunto livelli demoralizzanti. Il cibo era scarso, le perdite erano sempre maggiori e l'inflazione aumentava a vista d'occhio. Insorsero scioperi tra i lavoranti sottopagati delle fabbriche russe ed i contadini, che volevano la riforma sulla proprietà della terra, si trovavano anch'essi in stato di agitazione. Lo zar decise di prendere personalmente il comando dell'esercito e si spostò al fronte, lasciando sua moglie, la zarina Alessandra, nella capitale. L' emofilia da cui era affetto lo zarevic Alessio e l'influenza del contadino siberiano Grigori Rasputin (1869–1916), che convinse la famiglia reale di possedere poteri di guaritore, peggiorarono notevolmente la credibilità dello zar. Rasputin ebbe una sempre maggiore influenza al punto che un gruppo di aristocratici zaristi decise di ucciderlo sul finire del 1916, ma questo non consentì il recupero del prestigio dello zar. [49]

Il sistema zarista venne rovesciato violentemente nella rivoluzione di febbraio del 1917. I bolscevichi chiesero ai lavoratori di accettare le loro politiche e la richiesta della fine della guerra. Il 3 marzo 1917, uno sciopero venne organizzato in una fabbrica della capitale, Pietrogrado ; nel giro di una settimana tutti i lavoratori della città erano in sciopero e gli scontri scesero in piazza. Come ha ravvisato lo storico e autore russo Alexander Rabinowitch "la rivoluzione del febbraio del 1917... scoppiò per via dell'instabilità politica ed economica già presente prima della guerra, per l'arretratezza tecnologica e per le divisioni sociali, oltre che per le fatiche di guerra, le continue sconfitte militari, il dissesto dell'economia interna dello stato e gli scandali oltraggiosi che circondavano la famiglia reale." [50] Lo studioso Swain ha detto a tal proposito: "Il primo governo che venne costituito dalla rivoluzione di febbraio del 1917 era composto, con una sola eccezione, da liberali." [51]

Con la sua autorità ormai irrimediabilmente distrutta, Nicola decise di abdicare il 2 marzo 1917. La famiglia imperiale venne sterminata per mano dei bolscevichi l'anno successivo.

Il territorio

I confini

Espansionismo russo (1300-1945)
L'impero russo nel 1912

I confini amministrativi della Russia europea, esclusa la Finlandia e parte della Polonia, coincidevano approssimativamente con i confini naturali con le pianure dell'Europa dell'est. A nord la Russia confinava con l'Oceano Artico. Novaya Zemlya , Kolguyev e Vaygach erano altre isole che le appartenevano, mentre il Mar di Kara era ascrivibile all'area geografica della Siberia . Ad est si trovavano i territori asiatici dell'impero, la Siberia e le steppe kirghise , dalle quali era separato dagli Urali , dal fiume Ural e dal Mar Caspio . A sud l'impero russo confinava col Mar Nero ed il Caucaso . I confini ad ovest erano puramente convenzionali: essi attraversavano la penisola di Kola dal Varangerfjord al Golfo di Botnia . Quindi correvano verso la Laguna dei Curi nella parte meridionale del Mar Baltico e poi sino alla foce del Danubio , abbracciando la Polonia e separandosi dalla Russia e dall'Austria tramite la Galizia e la Romania.

È interessante notare come l'impero russo in realtà disponesse di ben pochi porti direttamente sul mare che non fossero su mari quasi perennemente ghiacciati come quelli del nord. Il territorio del Golfo di Botnia e del Golfo di Finlandia erano circondati da territori etnicamente finlandesi. Il Golfo di Riga era abitato da popolazioni slave, ma le popolazioni baltiche e finniche erano di ascendenza tedesca. La costa orientale del mar Nero apparteneva alla Transcaucasia , una grande catena montuosa che lo separava dalla Russia. Anche l'accesso a questo punto ad ogni modo si presentava poco utile in quanto il Bosforo poco più a sud si trovava in mano agli ottomani con cui i russi ebbero storicamente diversi scontri.

Geografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Russia .
Mappa etnica della Russia europea prima della prima guerra mondiale

Dalla fine del XIX secolo la grandezza dell'impero era di circa 22 400 000 km² , circa 1/6 delle terre emerse del pianeta; l'unica potenza rivale per l'estensione alla Russia dell'epoca era l' Impero britannico . Ad ogni modo, in quel tempo la maggior parte della popolazione viveva nella Russia europea. Più di 100 erano i differenti gruppi etnici presenti nell'Impero russo, coi russi che componevano solo il 45% della popolazione totale. [52]

Sviluppo territoriale

Oltre all'intero territorio dell'attuale Russia, dal 1860 al 1905 l'Impero russo occupò tutti i territori dell'attuale federazione russa, con l'eccezione dell'attuale Oblast di Kaliningrad , delle Isole Curili e di Tuva . Nel 1905 la Russia perse Sakhalin in favore del Giappone, ma nel 1914 l'impero ristabilì il proprio protettorato su Tuva. Prima del 1917 l'impero russo comprendeva l' Ucraina del Dnepr , la Bielorussia , la Bessarabia , il Granducato di Finlandia , l' Armenia , l' Azerbaigian , la Georgia , il Turkestan , gran parte dei governatorati baltici e buona parte del Regno del Congresso e delle province di Ardahan , Artvin , Iğdır , Kars ed Erzurum , già parti dell'Impero ottomano.

Tra il 1742 ed il 1867, la compagnia russo-americana amministrava l'Alaska come una colonia. La compagnia stabilì degli insediamenti anche nelle Hawaii, tra cui Fort Elizabeth (1817), e Fort Ross , in California (1812). Sia Fort Ross che il Russian River in California devono il loro nome a gruppi di coloni russi che abitarono la zona.

Dopo la sconfitta svedese nella guerra di Finlandia del 1808–1809 e la firma del trattato di Fredrikshamn il 17 settembre 1809, la metà orientale della Svezia, l'area che diverrà poi la Finlandia, venne incorporata nell'Impero russo come granducato autonomo. Lo zar infine decretò la fine della monarchia semi-costituzionale finlandese e la trasformò in un governatorato generale. Lo zar non riconobbe mai esplicitamente la Finlandia come uno stato costituzionale di diritto anche se i finlandesi la pensavano in questa maniera.

Mappa dei governatorati dell'Impero russo occidentale nel 1910

Dopo la guerra russo-turca del 1806-1812 , ed il successivo Trattato di Bucarest (1812) , le parti orientali del Principato di Moldavia , uno stato vassallo ottomano, assieme ad altre aree formalmente sotto il controllo ottomano, caddero nelle mani dell'Impero russo. L'area ( Bessarabia ) fu tra gli ultimi territori conquistati dalla Russia in Europa. Al Congresso di Vienna (1815), la Russia ottenne la sovranità sulla Polonia che, sulla carta, continuava a rimanere un regno autonomo in unione personale con la Russia. Ad ogni modo, la sua autonomia venne compromessa dopo la rivolta del 1831, ed infine abolita nel 1867.

San Pietroburgo gradualmente estese e consolidò il proprio controllo sul Caucaso nel corso del XIX secolo a spese della Persia dopo la guerra russo-persiana (1804-1813) e la guerra russo-persiana (1826-1828) ed i successivi trattati di Gulistan e Turkmenchay , [53] oltre alla guerra del Caucaso (1817–1864).

L'impero russo espanse la sua influenza ed i suoi possedimenti in Asia centrale, in particolare alla fine del XIX secolo, conquistando gran parte del Turkestan nel 1865 e continuando ad aggiungervi altri territori sino al 1885.

Le isole artiche divennero parte dell'impero russo quando alcuni esploratori le raggiunsero: queste erano le Isole della Nuova Siberia e la Severnaya Zemlya ("terra dello zar Nicola II", 1913).

Nel corso della prima guerra mondiale la Russia occupò brevemente una piccola parte della Prussia orientale , allora parte della Germania, una parte significativa della Galizia austriaca come pure buona parte dell'Armenia ottomana.

Territori imperiali

L'insediamento russo di Porto San Paolo (attuale Kodiak ), sull' Isola di Kodiak

Secondo l'art. 1 della Legge organica , l'Impero russo era uno stato indivisibile. Inoltre l'art. 26 prevedeva che "Con il trono imperiale russo siano indivisibili anche il regno di Polonia ed il Gran Principato di Finlandia". Le relazioni col Gran Principato di Finlandia erano regolate dall'art. 2 secondo il quale "Il Gran Principato di Finlandia, costituito come parte indivisibile dello stato russo, nella gestione dei suoi affari interni sia retto da speciali leggi".

Tra il 1744 ed il 1867, l'impero controllò anche la cosiddetta America russa . Con l'eccezione di questo territorio (corrispondente all'attuale Alaska ) l'impero russo era una massa contigua di terra che spaziava dall'Europa all'Asia. In questo differiva da molti imperi coloniali dell'epoca. Il risultato di ciò fu che mentre gli imperi coloniali di Gran Bretagna e Francia entrarono in declino col XX secolo, la Russia seppe mantenere gran parte dei propri territori uniti, dapprima con l' Unione Sovietica e poi come parte dell'attuale Russia.

Inoltre l'impero controllava anche delle concessioni territoriali come ad esempio la concessione di Kwantung e la ferrovia Orientale Cinese , entrambi concessi su concordato con la Cina dei Qing, oltre alla concessione di Tianjin .

Nel 1815 , il dottor Schäffer, un imprenditore russo, si portò a Kauai e negoziò un trattato per la protezione locale col governatore dell'isola, Kaumualii, vassallo di re Kamehameha I delle Hawaii, ma lo zar russo si rifiutò di rettificare il trattato.

Nel gennaio 1889 un avventuriero cosacco , Nikolaj Ivanovič Ashinov , tentò di stabilire un insediamento russo in Africa orientale , presso il forte di Sagallo , situato presso il Golfo di Tagiura , nell'attuale Gibuti [54] ; la colonia venne denominata "Nuova Mosca" [55] . Il tentativo, appoggiato in modo informale dal governo zarista [56] ma mai supportato a livello ufficiale [57] [58] , si scontrò però subito con l'ostilità della Francia , potenza egemone della regione, che con una veloce azione militare vinse la resistenza dei coloni che vennero rimpatriati in patria a Odessa , dopo poco più di un mese dal loro sbarco [59] . Fu questo l'unico tentativo russo di stabilire una colonia nel continente africano [60] .

Le istituzioni

Lo zar imperatore

Bandiera dei Romanov

L'Impero russo nel 1913 era una monarchia costituzionale governata da uno Zar autocratico ed ereditaria nella posterità maschile (primogenita) della dinastia Romanov-Holstein-Gottorp . Il trono, dopo l'estinzione della linea maschile, era stato decretato come trasmissibile alla discendenza femminile [61] .

Sin dalla sua creazione iniziale e fino alla rivoluzione del 1905, l'impero russo era controllato dagli zar come monarchi assoluti, sulla base del sistema dell' autocrazia zarista . Prima del 1905 le leggi fondamentali della Russia descrivevano il potere dello Zar come "autocratico e illimitato ". Dopo l'apertura della Duma nel 1906 , l'appellativo del sovrano divenne "imperatore ed autocrate di tutte le Russie" e l'attribuzione dell'aggettivo "illimitato" al suo potere scomparve. Non per questo la Russia era divenuta una monarchia costituzionale. Unicamente l'autocrazia si era autolimitata, sebbene non fu mai chiaro, negli anni dal 1906 al 1917 , se questa limitazione fosse definitiva o revocabile a discrezione del sovrano.

Pietro I cambiò il suo titolo da Zar a Imperatore di tutte le Russie nel 1721 . Anche se i successori mantennero il titolo imperiale, l' autocrate fu comunemente noto come zar o zarina fino alla caduta dell'Impero a seguito della Rivoluzione di febbraio del 1917 .

Fino al 1905 il potere dell'imperatore era limitato da due sole condizioni: l'appartenenza alla Chiesa ortodossa russa e l'obbedienza alle leggi di successione stabilite da Paolo I (le cosiddette leggi paoline ).

Nell'ottobre del 1905 la situazione cambiò: Nicola II con la firma del "Manifesto di ottobre" (o Manifesto imperiale) autolimitò il proprio potere legislativo , decretando che nessuna legge sarebbe entrata in vigore senza l'approvazione del Consiglio dell'Impero e della Duma dell'Impero [61] .

Grazie alle leggi del 1906 lo Zar rimase comunque l'unica fonte del potere esecutivo , anche se un Consiglio dei ministri lo avrebbe assistito nell'amministrazione, mantenne il potere assoluto sulla politica estera e di difesa, oltre che il diritto esclusivo di introdurre modifiche costituzionali. L'imperatore poteva anche emanare decreti d'emergenza (che la Duma avrebbe dovuto successivamente approvare) quando l'assemblea non era in sessione.

Il Consiglio dell'impero: la camera alta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio di Stato dell'Impero russo .
Il Consiglio dell'Impero riunito: al centro, sotto il quadro che lo ritrae, lo zar Nicola II [62]

Il Consiglio dell'Impero aveva funzioni legislative della camera alta associato alla Duma che invece rappresentava la camera bassa .

Veniva convocato ogni anno per decreto imperiale e secondo la legge organica del 7 maggio 1906 era composto da membri nominati dall'Imperatore e da 98 membri eletti nel seguente modo:

  • 6 dal clero ortodosso;
  • 40 dalle assemblee provinciali degli zemstvo , 10 dalle assemblee dei proprietari terrieri dove gli zemstvo non erano ancora istituiti e 6 dalle assemblee dei proprietari terrieri polacchi;
  • 18 dalla nobiltà;
  • 6 dall' Accademia delle scienze ;
  • 12 da organizzazioni di commercio e dell'industria.

I membri nominati dall'Imperatore non dovevano eccedere di numero quelli eletti. Questi ultimi dovevano avere almeno quarant'anni e rimanevano in carica per nove anni e rieletti per un terzo ogni 3 anni per ciascuna delle categorie. Ai componenti spettavano 25 rubli (nel 1912 ) di indennità per ogni giorno di sessione del Consiglio. [61]

I dipartimenti

Nell'ambito della Camera alta era il Senato ( Pravitel'stvujuščij senat [63] , cioè senato dirigente o governante), fondato in origine da Pietro I. Era formato da membri nominati dall'imperatore. Le sue funzioni, che non riguardavano il potere legislativo, erano estremamente varie ed erano svolte dai differenti dipartimenti in cui era diviso.

Il Primo dipartimento si occupava dei crimini e dei delitti commessi dai membri del Consiglio dell'Impero e della Duma, dai ministri e dalle alte cariche dello Stato nell'esercizio delle loro funzioni, e di questioni di diritto amministrativo. Il Secondo dipartimento si occupava di questioni finanziarie, ferrovie, eccetera. [61]

La Duma: la camera bassa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Duma di Stato (Impero russo) .

La Duma dell'Impero formava la camera bassa del parlamento. Si componeva, così come previsto dalla legge organica del 5 marzo 1906 e dalle leggi elettorali del 19 agosto e 24 dicembre 1905 e del 16 giugno 1907 di 442 membri eletti per 5 anni da un suffragio indiretto nei governatorati e nelle città principali. Per essere eletto ed eleggibile bisognava avere almeno 25 anni di età, non far parte delle forze armate e non esercitare funzioni retribuite dallo Stato (fatta eccezione per i ministri). Ai membri della Duma spettava un'indennità di 10 rubli (nel 1912 ) per ogni giorno di sessione. [61]

Il sistema elettorale

Lo zar Alessandro II ( 18551881 ), sotto il quale l'Impero russo raggiunse la sua massima espansione

Il sistema elettorale era abbastanza complicato, elaborato per garantire, da un lato una rappresentanza maggiore alle classi di proprietari terrieri e, dall'altro, la preponderanza dei russi sugli altri popoli dell'Impero. Ogni gubernija (governatorato), eccetto quelli dell' Asia centrale , eleggeva un certo numero di deputati fissato caso per caso in modo da dare maggior peso all'elemento russo. Alcune grandi città eleggevano deputati supplementari.

In ogni governatorato (o provincia) i deputati della Duma venivano eletti da collegi elettorali, i cui membri erano a loro volta eletti, come i membri degli zemstvo , da assemblee delle tre curie (o classi): proprietari terrieri, abitanti delle città e contadini. Nelle assemblee della prima curia, i proprietari maggiori sedevano direttamente, i proprietari minori erano rappresentati da delegati. Gli abitanti delle città votavano nelle loro assemblee divisi in due categorie, a seconda della ricchezza sottoposta a tassazione. Anche qui il sistema avvantaggiava la parte più ricca della popolazione. Le assemblee di contadini erano elette dagli elettori di volost . Gli operai votavano separatamente dalle tre classi: ogni complesso industriale che impegnava almeno cinquanta dipendenti eleggeva uno o più delegati, che entravano a far parte del collegio elettorale, formando una curia separata.

Nel collegio il voto a scrutinio segreto era maggioritario; e poiché con questo sistema la maggioranza dei votanti era formata da elementi conservatori (i latifondisti ei delegati urbani avevano la maggioranza degli elettori), gli elementi progressisti – anche se fossero stati predominanti nel paese – non avevano molta possibilità di rappresentanza, eccetto per la disposizione che un membro almeno di ogni governatorato doveva provenire da ciascuna delle classi rappresentate nel collegio. Stando così le cose, anche se un minimo fisso dei delegati agricoli doveva essere eletto, era molto probabile che non rappresentassero affatto l'opinione dei contadini.

Il Consiglio dei ministri

Nel 1905 fu istituito il Consiglio dei ministri ( Komitet Ministrov ) per assistere lo Zar nelle funzioni di amministrazione dello Stato. Lo componevano tutti i ministri ei capi delle principali amministrazioni e, per la prima volta nella storia russa , era presieduto da un primo ministro . I ministri erano i seguenti:

  • Corte Imperiale, che amministrava gli appannaggi, i palazzi ei teatri imperiali, l'Accademia imperiale delle Arti e le onorificenze.
  • Esteri.
  • Guerra e Marina.
  • Finanze.
  • Commercio e industria (istituito nel 1905 ).
  • Interno (aveva competenza su polizia, sanità, censura, stampa, poste e telegrafi, religioni diverse da quella ortodossa, statistica).
  • Agricoltura.
  • Strade e comunicazioni.
  • Giustizia.
  • Affari spirituali e educazione nazionale.

Il Santo Sinodo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Santo Sinodo .

Il Santo Sinodo (fondato da Pietro I nel 1721 ) era il supremo organo di governo della Chiesa ortodossa russa . Era presieduto da un rappresentante dell'imperatore e comprendeva i tre metropoliti di Mosca , San Pietroburgo e Kiev , l' esarca della Georgia e un certo numero di altri ecclesiastici, scelti a rotazione tra i vescovi ortodossi dell'Impero.

Amministrazione provinciale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni dell'Impero russo .

Per l'amministrazione provinciale, a partire dal 1914 , la Russia fu divisa in 81 governatorati ( gubernija ), in 20 regioni ( oblast' ) e un distretto ( okrug ). I territori sottoposti a vassallaggio ei protettorati dell'Impero Russo includevano i territori di Bukhara , di Khiva e, dopo il 1914 , di Tuva . Di questi, 11 governatorati, 17 regioni e un distretto ( Sachalin ) appartenevano alla Russia asiatica . Per il resto 8 governatorati erano nel Granducato di Finlandia e 10 nel Granducato di Varsavia . La Russia europea abbracciava così 59 governatorati e una regione (quella del Don ). La regione del Don era sotto la giurisdizione diretta del Ministero della Guerra; le altre regioni avevano ognuna un governatore e un vicegovernatore, con quest'ultimo che presiedeva il consiglio amministrativo. Inoltre vi erano governatori generali, generalmente competenti su diversi governatorati e muniti di poteri molto vasti che di solito includevano il comando delle truppe entro i limiti della loro giurisdizione. Nel 1906 c'erano governatori generali in Finlandia , a Varsavia , Vilnius , Kiev , Mosca e Riga . Le città più grandi (San Pietroburgo, Mosca, Odessa , Sebastopoli , Kerč' , Nikolaev , Rostov ) avevano un sistema amministrativo proprio, indipendente dai governatorati; in questi il capo della polizia fungeva da governatore.

Sistema giudiziario

Il sistema giudiziario dell'Impero russo venne introdotto solo nel XIX secolo dallo "zar emancipatore" Alessandro II con lo statuto del 20 novembre 1864 ( Sudebny Ustav ). Questo sistema, basato in parte su quello inglese e in parte su quello francese, venne costituito sulla base di alcuni principi guida: la separazione tra potere giudiziario e funzioni amministrative; l'indipendenza dei giudici e dei tribunali; l'apertura al pubblico dei processi; la procedura oral e l'eguaglianza di tutte le classi di fronte alla legge. Venne inoltre introdotto l'elemento democratico della giuria e addirittura l'elettività dei giudici. L'istituzione di un sistema giudiziario basato su questi principi rappresentò una vera e propria novità per lo stato russo il quale, ponendo sotto tali principi e ponendo l'amministrazione della giustizia al di fuori della sfera del potere esecutivo, cessò di essere vessato dal dispotismo. Nel 1889 Alessandro III abolì l'elezione dei giudici di pace, ad eccezione delle città più grandi ed in alcune parti dell'impero, restringendo di molto il ruolo della giuria nei processi. Nel 1909 la Duma restaurò i giudici e le giurie alle loro funzioni originarie.

Il sistema legislativo del 1864 si basava sulla presenza di tre ordini separati di tribunali, ciascuno con una propria funzione: il primo, basato sul modello inglese, prevedeva che i giudici di pace si occupassero delle cause minori, di natura civile o penale; il secondo, sul modello francese, prevedeva il passaggio delle cause in tribunali ordinari con giudici agenti con o senza una giuria, per giudicare i casi più importanti. La corte di suprema cassazione era rappresentata dal senato nazionale.

Economia

Estrazioni minerarie ed industria pesante

Banconota da 100 rubli del 1910
Produzione dell'industria mineraria e pesante dell'Impero russo divisa per regione nel 1912 (con percentuale dell'indotto nazionale).
Regione degli Urali Regione meridionale Caucaso Siberia Regno di Polonia
Oro 21% 88,2% -
Platino 100%
Argento 36% 24,3% 29,3%
Piombo 5,8% 92% 0,9%
Zinco 25,2% 74,8%
Rame 54,9% 30,2% 14,9%
Ghisa 19,4% 67,7% 9,3%
Ferro e acciaio 17,3% 36,2% 10,8%
Manganese 0,3% 29,2% 70,3%
Carbone 3,4% 67,3% 5,8% 22,3%
Petrolio 96%

Infrastrutture

Ferrovie

La ferrovia di Tzarskoselskaya, 1830

La pianificazione della costruzione di una rete ferroviaria in Russia ebbe inizio dopo il 1860 con l'idea di migliorare ulteriormente l'economia, la cultura e la vita quotidiana in Russia. Le autorità centrali e l'élite imperiale presero la decisione fondamentale di propendere per la costruzione della prima rete ferroviaria russa, ma le autorità locali furono poi quelle a dover fisicamente provvedere a collegamenti ferroviari. Nobili locali, mercanti e imprenditori iniziarono ad immaginare un futuro fatto non più solo di "località" ma anche di "impero", con l'intento di promuovere i loro interessi regionali e di interconnetterli col resto dello stato, comprendendo nel contempo quanto fosse importante un nuovo mezzo di trasporto di merci e persone per l'economia nazionale. [64]

L'esercito russo costruì due principali linee ferroviarie in Asia Centrale durante gli anni '80 dell'Ottocento. La ferrovia transcaucasica connetteva la città di Batum sul Mar Nero ed il centro petrolifero di Baku sul Mar Caspio . La Ferrovia Transcaspica iniziava invece a Krasnovodsk sul Mar Caspio e raggiungeva Bukhara , Samarkand e Tashkent . Entrambe le linee servivano ai bisogni commerciali e strategici dell'impero e facilitarono lo spostamento delle persone e la migrazione interna allo stato. [65]

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Islam in Russia e Storia degli ebrei in Russia .
La Cattedrale di Kazan' a San Pietroburgo venne costruita tra il 1801 ed il 1811, e prima della costruzione della Cattedrale di Sant'Isacco era la principale chiesa ortodossa di Russia.
La suddivisione dell'impero russo per gruppi etnolinguistici principali (1897)
Processione dello zar Alessandro II nella Cattedrale della Dormizione di Mosca durante la sua incoronazione nel 1856

La religione di stato dell'Impero russo era il cristianesimo ortodosso. [66] Allo zar non era concessa di professare alcuna altra religione che non fosse quella ortodossa (art. 62 delle Leggi fondamentali del 1906) ed otteneva il titolo e l'incarico di ″Supremo Difensore e Guardiano dei dogmi della Fede predominante e Guardiano della purezza della Fede di tutti gli ordini della Santa Chiesa″ (art. 64 ex supra ). Pur disponendo di tali poteri, ad ogni modo, lo zar non poteva intervenire in questioni dogmatiche o negli insegnamenti della chiesa ortodossa. La principale autorità ecclesiastica della chiesa ortodossa russa che estendeva la sua giurisdizione su tutti i territori dell'Impero, era il Santo Sinodo , a cui capo vi era un ministro da cui de facto dipendevano tutte le questioni ecclesiastiche. Tutte le religioni potevano essere liberamente professate, ad eccezione dell'ebraismo e di alcune sette minori. Secondo i dati raccolti nel censimento del 1897, la popolazione russa divisa per confessioni religiose era la seguente:

Religione Numero dei credenti [67] %
Ortodossi 87.123.604 69,3%
Musulmani 13.906.972 11,1%
Cattolici romani [68] 11.467.994 9,1%
Ebrei rabbinici 5.215.805 4,2%
Luterani [69] 3.572.653 2,8%
Vecchi credenti 2.204.596 1,8%
Ortodossi orientali armeni 1.179.241 0,9%
Buddisti e Lamaisti 433.863 0,4%
Altre religioni non cristiane 285.321 0,2%
Riformati 85.400 0,1%
Mennoniti 66.564 0,1%
Cattolici armeni 38.840 0,0%
Battisti 38.139 0,0%
Ebrei caraiti 12.894 0,0%
Anglicani 4.183 0,0%
Altre religioni cristiane 3.952 0,0%

I capi ecclesiastici della religione ortodossa russa erano i tre metropoliti (di San Pietroburgo, di Mosca e di Kiev), i quattordici arcivescovi ed i cinquanta vescovi dell'impero. Il clero parrocchiale aveva la possibilità di sposarsi, ma se rimaneva vedovo non poteva risposarsi; tale regola si applica tutt'oggi.

Esercito

L'esercito dell'impero era costituito dall'Esercito imperiale russo ( Russkaja imperatorskaja armija ), dalla Marina imperiale russa ( Voenno-morskoj flot ) e dall'Aeronautica militare imperiale ( Imperatorskij voenno-vozdušnyj flot ). La sconfitta nella Guerra di Crimea indusse lo zar Alessandro II di Russia a emanare delle riforme in ambito militare. Ma le forze russe rimasero indietro rispetto agli eserciti francese, britannico e tedesco. [70]

Dimostrò incompetenza e inefficienza dovuta all'arretratezza economica e tecnologica emersa durante la Prima guerra mondiale e nel 1917 fu uno dei focolai della Rivoluzione russa per via delle continue sconfitte militari e della mancanza di rifornimenti al fronte. La Rivoluzione di febbraio e le accanite lotte nei vertici militari lo portarono alla sua dissoluzione. [71]

Società

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura russa , Teatro d'opera in Russia e Cinema russo .

La struttura sociale della Russia fu prevalentemente rurale composta per la maggior parte da contadini, infatti nel 1913 l'80% della popolazione era formata da contadini (oltre 88 milioni). Nel XIX secolo l'impero fu caratterizzato da una crisi sistematica, che colpì gli operai ei contadini e culminò con la rivoluzione del 1905 , poi con la deposizione dello zar e infine con la guerra civile russa . Una ricerca di studiosi russi ha contestato questa affermazione. Lo storico Mironov ha valutato gli effetti delle riforme del XIX secolo, soprattutto in termini di produzione agricola, aspettativa di vita e tassazione dei contadini. Ha sostenuto che vennero applicati miglioramenti al benessere sociale che diminuì per la maggior parte del XVIII secolo , ma aumentò lentamente dalla fine del XVIII secolo all'inizio del XX secolo .

Il popolo comprendeva la nobiltà (0,6%), il clero (0,1%), i mercanti (9,3%), i cosacchi (6,1%) ei contadini , che ne costituivano oltre l'81%. I tatari , i baschiri , la Siberia e l' Asia centrale vennero inseriti nella categoria dei popoli non slavi ( inorodtsy ).

Servitù

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma emancipativa del 1861 .

La servitù comparve in Russia nel XVII secolo in seguito a una legge del 1649 e venne abolita solo nel 1861 .

I domestici ei servi vennero liberati ed ebbero le loro case ei loro terreni coltivabili. Questi beni non vennero affidati ai chutor , piccole fattorie di proprietà individuale, ma alle obščina , nelle quali la terra era condivisa tra i contadini, che dovevano effettuare un pagamento con l'aiuto dell'Impero lavorando per sé; una volta effettuato i contadini erano liberi dagli obblighi dei loro ex-padroni, anche se rimborsarono per 49 anni il 6% dei loro interessi, considerati delle compensazioni per via della mancanza di manodopera . Molti proprietari riuscirono a ridurre il salario dei contadini e quasi sempre li privarono dei pascoli , indispensabili per mantenere le loro famiglie, obbligandoli ad affittare le terre degli ex-padroni. [72] [73]

Contadini

Vivevano in decine di migliaia di piccoli villaggi in un sistema quasi esclusivamente patriarcale. Centinaia di migliaia di persone si trasferirono in città per lavorare nelle fabbriche , ma spesso mantennero contatti con i loro villaggi. [74] Alcuni erano servi emancipati nella seconda metà del XIX secolo .

Dopo la riforma emancipativa del 1861 , un quarto dei contadini ricevette terre coltivabili di soli 2,9 acri (12.000 m²), per cui la terra doveva essere affittata dai proprietari; le dimensioni dei campi necessari per la sussistenza di una famiglia erano stimate tra 28 e 42 acri (170.000 m²). Il valore del rimborso e delle tasse sulla terra spesso andava dal 185 al 275% del consueto valore locativo dei beni, per non parlare delle tasse per il reclutamento, la chiesa, le strade, l'amministrazione locale e così via, pagate principalmente dai contadini. Le terre incoltivate aumentarono ogni anno; un quinto degli abitanti lasciò le proprie case e il bestiame scomparve. Ogni anno più della metà degli uomini (tre quarti degli uomini e un terzo delle donne) lasciava le proprie case vagando per la Russia in cerca di lavoro. Nella regione della Terra Nera la situazione era pessima. Molti contadini ebbero "assegnazioni gratuite", che erano circa un ottavo di quelle normali. [75] [76] A Cherson erano solamente di 0,90 acri (3.600 m²) e per quelle da 2,9 a 5,8 acri (23.000 m²) i contadini pagavano da 5 a 10 rubli come rimborso. I contadini stavano meglio, ma nelle steppe la situazione era più promettente. In Ucraina , dove erano presenti i chutor , la situazione fu simile a quella di Cherson, a causa delle elevate tasse di rimborso. Nei governatorati occidentali, dove la terra venne distribuita meglio ei beni aumentarono dopo la rivolta di gennaio , la situazione era migliore. Infine, nei governatorati baltici quasi tutta la terra apparteneva ai tedeschi del Baltico , che la coltivavano loro o in piccole fattorie, talvolta con lavoratori assunti. Solo un quarto dei contadini erano agricoltori; i rimanenti erano operai. [77]

Proprietari

Anche la situazione dei proprietari si rivelò precaria. Abituati al lavoro servile, non riuscirono ad adattarsi alle nuove condizioni venutesi a creare. I milioni di rubli di riscatto ricevuti dal governo furono spesi senza che fossero apportati miglioramenti agricoli a lungo termine. I terreni coltivabili furono venduti e gli unici proprietari benestanti furono quelli che esigevano affitti senza i quali i contadini non potevano vivere. Dal 1861 al 1892 il terreno di proprietà della nobiltà diminuì del 30%, da 210.000.000 a 150.000.000 acri (610.000 m²); successivamente 2.119.500 acri (8.577 m²) vennero venduti; da allora le vendite ebbero un ritmo accelerato e nel 1903 quasi 2.000.000 acri (8.000 m²) vennero venduti. Dall'altra parte, dal 1861, e più in particolare dal 1882 , quando venne fondata la Peasant Land Bank per favorire i contadini desiderosi di acquistare nuovi terreni, vennero acquistati tra il 1883 e il 1904 circa 19.500.000 acri (78.900 m²) di terra coltivabile dagli ex padroni. Questo avvantaggiò solamente una piccolissima parte della popolazione; l'impoverimento generale e la primitiva istituzione dell' obščina non favorirono affatto i chutor . Nel novembre 1906 , tuttavia, Nicola II emise un decreto provvisorio che consentì ai contadini di diventare titolari di assegnazioni fatte al momento dell'emancipazione con tutte le quote di riscatto annullate. Questa misura, che venne approvata dalla Duma il 21 dicembre 1908 , doveva avere effetti di vasta portata sull'economia russa. Tredici anni prima il governo si sforzò di garantire una maggiore permanenza del possesso prevedendo che dovessero trascorrere almeno dodici anni tra due ridistribuzioni della terra appartenente a un'obščina a coloro che avevano il diritto di condividerla. L'Atto del novembre 1906 prevedeva che i campi aperti detenuti da ciascun contadino dovevano appartenere a un'unica azienda; quest'idea venne presto accantonata, perché poteva essere realizzata solo gradualmente. [77]

Media e libertà d'espressione

La censura ebbe una larga presenza fino al regno di Alessandro II , ma non venne mai eliminata completamente. [78] I giornali erano fortemente limitati in ciò che potevano pubblicare, poiché gli intellettuali favorivano le riviste letterarie. Fëdor Dostoevskij , per esempio, ridicolizzò i giornali di San Pietroburgo , Golos e Peterburgskii Listok , accusandoli di pubblicare notizie false e distrarre i lettori dalle gravi preoccupazioni sociali della Russia attraverso la l'ossessione per lo spettacolo e la cultura popolare europea. [79]

Istruzione

Gli standard educativi erano molto bassi nell'Impero. Nel 1800 il livello di alfabetizzazione tra i contadini variava dall'1 al 12% e per gli uomini in città dal 20 al 25%. I tassi erano più alti per i nobili (84-87%), i mercanti (75-84%), seguiti dai lavoratori ei contadini. I servi erano i meno istruiti. Le donne erano sempre molto meno istruite rispetto agli uomini. Al contrario, nell' Europa occidentale , in città il livello di alfabetizzazione fu di almeno il 50%. Gli ortodossi non vedevano di buon occhio l'istruzione: non avevano alcun bisogno religioso per l'alfabetizzazione. I contadini non erano alfabetizzati e coloro che lo erano come artigiani , uomini d'affari e professionisti erano in numero limitato, al 1851 solo l'8% dei russi viveva in città. [80]

Dopo l'avvento al trono nel 1801 di Alessandro I molte riforme furono promesse, ma poche ne furono realizzate prima del 1820 , allorché l'attenzione venne rivolta alla politica estera e alla religione e vennero ignorati i problemi interni. A differenza dell'Occidente l'apparato burocratico fu molto piccolo, composto solamente da circa 17.000 funzionari pubblici, la maggior parte dei quali viveva a Mosca oa San Pietroburgo . La modernizzazione del governo richiedeva una burocrazia più grande, ma a sua volta era necessario un sistema educativo in grado di fornire una formazione adeguata, ma la Russia non lo possedeva e per l'educazione universitaria i giovani andavano nell'Europa occidentale. L'esercito e la chiesa avevano i loro programmi di formazione, strettamente concentrati sui loro bisogni. La riforma più importante in questo campo fu l'istituire un sistema nazionale di educazione. [81] Il Ministero della Pubblica Istruzione venne istituito nel 1802 e il paese venne diviso in sei regioni educative. Il piano a lungo termine istituiva un'università in ogni regione, una scuola secondaria in ogni grande città, scuole elementari aggiornate e una parrocchiale ogni due parrocchie. Nel 1825 il governo gestiva 6 università, 48 scuole secondarie e 337 scuole elementari rinnovate, in totale vennero messe a disposizione per gli studenti 391 scuole statali. Insegnanti altamente qualificati arrivarono dall'esilio in Francia, da dove fuggirono a causa della rivoluzione. I gesuiti in esilio istituirono collegi d'élite fino a quando il loro ordine venne espulso nel 1815 . Furono istituite università sul modello tedesco a Kazan' , Charkiv , San Pietroburgo, Vilnius e Tartu , allo stesso tempo l' Università imperiale di Mosca venne ampliata. L'istruzione superiore era affidata a un' élite molto piccola, con poche centinaia di studenti nelle università entro il 1825 e 5.500 scolari nelle scuole secondarie. Le scuole erano riservate ai maschi. La maggior parte delle famiglie ricche assumeva tutor privati. [82]

Nicola I fu un reazionario che voleva neutralizzare le idee straniere, in particolar modo quelle che definiva "pseudo-conoscenza". Tuttavia il ministro della pubblica istruzione, Sergej Semënovič Uvarov fu in grado di garantire maggiore libertà accademica per la facoltà universitarie, prese di mira dai funzionari della chiesa. Alzò gli standard accademici, migliorò le università e aprì le porte di ammissione che divennero più ampie. Lo zar tollerò i suoi risultati fino al 1848 , da quel momento li annullò. [83] Fino alla fine del XIX secolo , il governo continuò a concentrarsi sulle università ignorando le scuole elementari e secondarie. Nel 1900 c'erano 17.000 universitari e oltre 30.000 iscritti in istituti tecnici specializzati. Gli studenti erano molto numerosi a Mosca e San Pietroburgo come forza politica in prima linea nelle manifestazioni e nei disordini. [84] La maggior parte delle università utilizzava il russo , le restanti usavano altre lingue ma subivano la russificazione . [85]

Festività

Data Nome italiano Nome russo Significato
7 gennaio Natale in Russia Рождество celebrazione del Natale ortodosso
14 gennaio Capodanno Новый Год
8 febbraio Giornata della scienza russa Русский день науки istituzione dell' Accademia russa delle scienze nel 1724, nascita di Dmitrij Ivanovič Mendeleev
8 marzo Giornata internazionale della donna женский день
7 luglio Notte di Ivan Kupala Иван-Купала Festa di origine pagana adattata dalla chiesa ortodossa come festa di San Giovanni Battista (kupel, fonte battesimale in russo )
8 agosto Giornata dello zar Царий день Celebrata da Ivan il Terribile fino a Nicola II
4 novembre Giornata dell'unità nazionale День народного единства cacciata dei Polacchi e Lituani da Mosca, nel 1612

Cronologia degli Imperatori

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sovrani di Russia .

Note

  1. ^ Dal 1799 al 1867
  2. ^ Da gennaio 1889 a febbraio 1889
  3. ^ Dal 1809 al 1917
  4. ^ Dal 1815 al 1868
  5. ^ a b Dal 1873 al 1917
  6. ^ Nicola II abdicò a favore del fratello Michele , che rifiutò il trono.
  7. ^ Al 1º gennaio 1910 era così suddivisa: 118.690.600 nella Russia europea , 12.129.200 in Polonia , 11.735.100 nel Caucaso , 9.973.400 in Asia centrale e 8.220.100 in Siberia . Vedi: Almanach de Gotha 1913 , Justus Perthes, Gotha, 1912, pp. 1151-1153.
  8. ^ Richard Pipes, Chapter 1: The Environment and its Consequences , in Russia under the Old Regime , New York, Scribner, 1974, pp. 9 –10.
  9. ^ James Cracraft, The Revolution of Peter the Great (2003)
  10. ^ Lindsey Hughes, Russia in the Age of Peter the Great (1998)
  11. ^ Philip Longworth and John Charlton, The Three Empresses: Catherine I, Anne and Elizabeth of Russia (1972).
  12. ^ Isabel De Madariaga, Russia in the Age of Catherine the Great (Yale University Press, 1981)
  13. ^ John T. Alexander, Autocratic politics in a national crisis: the Imperial Russian government and Pugachev's revolt, 1773–1775 (1969).
  14. ^ Robert K. Massie, Catherine the Great: Portrait of a woman (2011)
  15. ^ Catherine II. Novodel Sestroretsk Rouble 1771 , Heritage Auctions. URL consultato il 1º settembre 2015 ( archiviato il 22 aprile 2016) .
  16. ^ Nicholas Riasanovsky, A History of Russia (4th ed. 1984), p 284
  17. ^ Alan Palmer , Napoleon in Russia (1967).
  18. ^ Leonid Ivan Strakhovsky, Alexander I of Russia: the man who defeated Napoleon (1970)
  19. ^ Baykov, Alexander. "The economic development of Russia." Economic History Review 7.2 (1954): 137–149.
  20. ^ W. Bruce Lincoln , Nicholas I, emperor and autocrat of all the Russians (1978)
  21. ^ Anatole Gregory Mazour, The first Russian revolution, 1825: the Decembrist movement, its origins, development, and significance (1961)
  22. ^ Stein, 1976
  23. ^ Dowling, 2014, p.728
  24. ^ Dowling, 2014, p.729
  25. ^ David Marshall Lang , The last years of the Georgian monarchy, 1658–1832 (1957).
  26. ^ Stephen R. Burant, "The January Uprising of 1863 in Poland: Sources of Disaffection and the Arenas of Revolt." European History Quarterly 15#2 (1985): 131–156.
  27. ^ Olga E. Maiorova, "War as Peace: The Trope of War in Russian Nationalist Discourse during the Polish Uprising of 1863." Kritika: Explorations in Russian and Eurasian History 6#3 (2005): 501–534.
  28. ^ Norman Davies : God's Playground : A History of Poland (OUP, 1981) vol. 2, pp.315–333; and 352-63
  29. ^ Dipinto di Franz Roubaud
  30. ^ Edvard Radzinsky, Alexander II: The Last Great Tsar (2006)
  31. ^ Baten, Jörg, A History of the Global Economy. From 1500 to the Present. , Cambridge University Press, 2016, p. 81, ISBN 978-1-107-50718-0 .
  32. ^ David Moon, The abolition of serfdom in Russia 1762–1907 (Longman, 2001)
  33. ^ Hugh Seton-Watson, The Russian Empire 1801–1917 (1967), pp 445–60.
  34. ^ Charles Lowe, Alexander III of Russia (1895) online Archiviato il 18 gennaio 2017 in Internet Archive ..
  35. ^ Robert F. Byrnes, Pobedonostsev: His Life and Thought (1968).
  36. ^ David Schimmelpenninck Van Der Oye, "Russian foreign policy, 1815-1917" in DCB Lieven, ed. The Cambridge History of Russia vol 2 (2006) pp 554-574.
  37. ^ Seton Watson, The Russian Empire , pp 441–44 679–82.
  38. ^ Barbara Jelavich, St. Petersburg and Moscow: Tsarist and Soviet Foreign Policy, 1814–1974 (1974) pp 161-279.
  39. ^ Ascher, The Revolution of 1905: A Short History (2004) pp 187–210.
  40. ^ Sidney Harcave, First blood: the Russian Revolution of 1905 (1964) ch 1.
  41. ^ Robert D. Warth, Nicholas II: the life and reign of Russia's last monarch (1997).
  42. ^ Gregory L. Freeze, ed., Russia: A History (3rd ed. 2009) pp 234–68.
  43. ^ Lieven, Cambridge history of Russia, 2:391
  44. ^ Hugh Seton-Watson, The Decline of Imperial Russia, 1855–1914 (1952) pp 277-80.
  45. ^ Oliver H. Radkey, "An Alternative to Bolshevism: The Program of Russian Social Revolutionism." Journal of Modern History 25#1 (1953): 25–39.
  46. ^ Richard Cavendish, "The Bolshevik-Menshevik split November 16th, 1903." History Today 53#11 (2003): 64+
  47. ^ Abraham Ascher, The Revolution of 1905: A Short History (2004) pp 160–86.
  48. ^ Massie, Robert K. Nicholas and Alexandra: The Last Tsar and His Family (1967) p. 309-310
  49. ^ Andrew Cook, To kill Rasputin: the life and death of Grigori Rasputin (2011).
  50. ^ Alexander Rabinowitch, The Bolsheviks in Power: The First Year of Soviet Rule in Petrograd , Indiana UP, 2008, p. 1, ISBN 978-0-253-22042-4 . URL consultato il 20 giugno 2015 ( archiviato il 10 settembre 2015) .
  51. ^ Geoffrey Swain, Trotsky and the Russian Revolution , Routledge, 2014, p. 15, ISBN 978-1-317-81278-4 . URL consultato il 20 giugno 2015 ( archiviato il 19 settembre 2015) . ; si veda anche Rabinowitch (2008) p. 1
  52. ^ Martin Gilbert, Routledge Atlas of Russian History (4th ed. 2007) excerpt and text search Archiviato il 25 maggio 2017 in Internet Archive .
  53. ^ Dowling, 2014, p.728-730
  54. ^ ( EN ) P. Zhukov, Flag of the Russian Empire on the African coast , su en.topwar.ru , 16 maggio 2018. URL consultato il 5 agosto 2021 .
  55. ^ ( EN ) New Moscow: The Rise, and Quick Fall of Russia's colonial experiment , su owaahh.com . URL consultato il 5 agosto 2021 .
  56. ^ ( EN ) New Moscow. How did the Cossacks go to Ethiopia , su en.topwar.ru , 24 febbraio 2018. URL consultato il 5 agosto 2021 .
  57. ^ ( EN ) The gateway to Africa Carnegie Moscow Center experts explain why Russia is setting up a naval base in Sudan , su meduza.io , 11 dicembre 2020. URL consultato il 31 luglio 2021 .
  58. ^ ( EN ) A. Blakely, Russia and the Negro ( PDF ), Washington, Howard University Press, 1986, p. 35, ISBN 0-88258-146-5 . URL consultato il 4 agosto 2021 .
  59. ^ ( EN ) A. McGregor, The Half-Cocked Cossack , su historynet.com . URL consultato il 31 luglio 2021 .
  60. ^ ( FR ) J. Noguera, L'incroyable histoire de l'unique (et éphémère) colonie russe en Afrique , su fr.rbth.com , 18 febbraio 2018. URL consultato il 2 agosto 2021 .
  61. ^ a b c d e Almanach de Gotha 1913 , Justus Perthes, Gotha, 1912, p. 1131.
  62. ^ Opera di Il'ja Efimovič Repin del 1903.
  63. ^ Правительствующий Сенат
  64. ^ Walter Sperling, "Building a Railway, Creating Imperial Space: 'Locality,' 'Region,' 'Russia,' 'Empire' as Political Arguments in Post-Reform Russia," Ab Imperio (2006) Issue 2, pp. 101–134.
  65. ^ Sarah Searight, "Russian railway penetration of Central Asia," Asian Affairs (June 1992) 23#2 pp. 171–180.
  66. ^ art. 62 delle Leggi Fondamentali del 1906: "La primaria e predominante Fede nell'Impero russo è la Fede cristiana ortodossa cattolica di confessione orientale".
  67. ^ ( RU ) Первая всеобщая перепись населения Российской Империи 1897 г. Распределение населения по вероисповеданиям и регионам [ First general census of the population of the Russian Empire in 1897. Distribution of the population by faiths and regions ] , su archipelag.ru (archiviato dall' url originale il 24 ottobre 2012) .
  68. ^ La fede cattolica era predominante nelle province polacche e lituane
  69. ^ La fede luterana era predominante nelle province baltiche dell' Livonia , Estonia e del Granducato di Finlandia
  70. ^ David R. Stone, A Military History of Russia: From Ivan the Terrible to the War in Chechnya (2006).
  71. ^ IN Grebenkin, "The Disintegration of the Russian Army in 1917: Factors and Actors in the Process." Russian Studies in History 56.3 (2017): 172–187.
  72. ^ Steven L. Hoch, Serfdom and social control in Russia: Petrovskoe, a village in Tambov (1989)
  73. ^ David Moon, The Russian Peasantry 1600–1930: The World the Peasants Made (1999)
  74. ^ Orlando Figes, "The Peasantry" in Vladimir IUrevich Cherniaev, ed.(1997). Critical Companion to the Russian Revolution, 1914-1921. Indiana UP. pp. 543–53.
  75. ^ Steven Hoch, "Did Russia's Emancipated Serfs Really Pay Too Much for Too Little Land? Statistical Anomalies and Long-Tailed Distributions". Slavic Review (2004) 63#2 pp. 247–274
  76. ^ Steven Nafziger, "Serfdom, emancipation, and economic development in Tsarist Russia" (Working paper, Williams College, 2012). online Archived 29 April 2014 at the Wayback Machine
  77. ^ a b Christine D. Worobec, Peasant Russia: family and community in the post-emancipation period (1991)
  78. ^ Louise McReynolds, News under Russia's Old Regime: The Development of a Mass-Circulation Press (1991)
  79. ^ Dianina, Katia (2003). "Passage to Europe: Dostoevskii in the St. Petersburg Arcade". Slavic Review . 62 (2): 237–257. doi:10.2307/3185576. JSTOR 3185576.
  80. ^ Mironov, Boris N. (1991). "The Development of Literacy in Russia and the USSR from the Tenth to the Twentieth Centuries". History of Education Quarterly. 31 (2): 229–252. doi:10.2307/368437. JSTOR 368437. esp p. 234.
  81. ^ Franklin A. Walker, "Enlightenment and religion in Russian education in the reign of Tsar Alexander I." History of Education Quarterly 32.3 (1992): 343–360.
  82. ^ Nicholas V. Riasanovsky, Russian Identities: A Historical Survey (2005) pp 112–18.
  83. ^ Stephen Woodburn, "Reaction Reconsidered: Education and the State in Russia, 1825–1848." Consortium on Revolutionary Europe 1750–1850: Selected Papers 2000 pp 423–31.
  84. ^ Hans Rogger, Russia in the Age of Modernisation and Revolution 1881 – 1917 (1983) p 126.
  85. ^ Strauss, Johann. "Language and power in the late Ottoman Empire" (Chapter 7). In: Murphey, Rhoads (editor). Imperial Lineages and Legacies in the Eastern Mediterranean: Recording the Imprint of Roman, Byzantine and Ottoman Rule (Volume 18 of Birmingham Byzantine and Ottoman Studies). Routledge, 7 July 2016. ISBN 1317118448 , 9781317118442. Google Books PT196.

Bibliografia

  • David Saunders, Russia in the Age of Reaction and Reform 1801-1881 . London, Longman, 1993 (Ediz. Ital. La Russia nell'età della reazione e delle riforme 1801-1881 . il Mulino, Bologna, 1997 ISBN 8815045570 ).
  • Hans Rogger, Russia in the Age of Modernisation and Revolution 1881-1917 , New York, 1983 (Ediz. Ital. La Russia pre-rivoluzionaria 1881-1917 , il Mulino, Bologna 1992 ISBN 8815034331 ).
  • Manning, Roberta. The Crisis of the Old Order in Russia: Gentry and Government . Princeton University Press, 1982.
  • Pares, Bernard. The Fall Of The Russian Monarchy (1939) pp 94–143. Online
  • Pipes, Richard. Russia under the Old Regime (2nd ed. 1997)
  • Seton-Watson, Hugh. The Russian empire 1801–1917 (1967) online
  • Peter Waldron, The End of Imperial Russia, 1855–1917 , New York, NY, St. Martin's Press, 1997, p. 189, ISBN 978-0-312-16536-9 .
  • JN Westwood, Endurance and Endeavour: Russian History 1812–2001 , 5th, Oxford, Oxford University Press, 2002, p. 656, ISBN 978-0-19-924617-5 .
  • Adams, Michael. Napoleon and Russia (2006).
  • Timothy C. Dowling, Russia at War: From the Mongol Conquest to Afghanistan, Chechnya, and Beyond [2 volumes] , ABC-CLIO, 2014, ISBN 978-1-59884-948-6 .
  • Peter Englund , The Battle That Shook Europe: Poltava and the Birth of the Russian Empire , New York, NY, IB Tauris, 2002, p. 288, ISBN 978-1-86064-847-2 .
  • Fuller, William C. Strategy and Power in Russia 1600–1914 (1998) excerpts ; military strategy
  • Gatrell, Peter. "Tsarist Russia at War: The View from Above, 1914 – February 1917." Journal of Modern History 87#3 (2015): 668–700. online [ collegamento interrotto ]
  • Jelavich, Barbara. St. Petersburg and Moscow: Tsarist and Soviet Foreign Policy, 1814–1974 (1974)
  • Lieven, DCB Russia and the Origins of the First World War (1983).
  • Lieven, Dominic. Russia Against Napoleon: The True Story of the Campaigns of War and Peace (2011).
  • LeDonne, John P. The Russian empire and the world, 1700-1917: The geopolitics of expansion and containment (1997).
  • McMeekin, Sean. The Russian Origins of the First World War (2011).
  • Neumann, Iver B. "Russia as a great power, 1815–2007." Journal of International Relations and Development 11#2 (2008): 128–151. online
  • Saul, Norman E. Historical Dictionary of Russian and Soviet Foreign Policy (2014) excerpt and text search
  • Seton-Watson, Hugh. The Russian Empire 1801–1917 (1967) pp 41–68, 83–182, 280–331, 430–60, 567–97, 677–97.
  • Stone, David. A Military History of Russia: From Ivan the Terrible to the War in Chechnya excerpts
  • Christian, David. A History of Russia, Central Asia and Mongolia . Vol. 1: Inner Eurasia from Prehistory to the Mongol Empire . (Blackwell, 1998). ISBN 0-631-20814-3 .
  • De Madariaga, Isabel. Russia in the Age of Catherine the Great (2002), comprehensive topical survey
  • Simon Dixon, The Modernisation of Russia, 1676–1825 , Cambridge, Cambridge University Press, 1999, p. 288, ISBN 978-0-521-37100-1 .
  • Etkind, Alexander. Internal Colonization: Russia's Imperial Experience (Polity Press, 2011) 289 pages; discussion of serfdom, the peasant commune, etc.
  • Franklin, Simon, and Bowers, Katherine (eds). Information and Empire: Mechanisms of Communication in Russia, 1600–1850 (Open Book Publishers, 2017) available to read in full online
  • Freeze, Gregory L. From Supplication to Revolution: A Documentary Social History of Imperial Russia (1988)
  • Andreas Kappeler, The Russian Empire: A Multi-Ethnic History , New York, NY, Longman Publishing Group, 2001, p. 480, ISBN 978-0-582-23415-4 .
  • Milward, Alan S. and SB Saul. The Development of the Economies of Continental Europe: 1850–1914 (1977) pp 365–425
  • Milward, Alan S. and SB Saul. The Economic Development of Continental Europe 1780–1870 (2nd ed. 1979), 552pp
  • Mironov, Boris N., and Ben Eklof. The Social History of Imperial Russia, 1700–1917 (2 vol Westview Press, 2000) vol 1 online ; vol 2 online
  • Mironov, Boris N. (2012) The Standard of Living and Revolutions in Imperial Russia, 1700–1917 (2012) excerpt and text search
  • Mironov, Boris N. (2010) "Wages and Prices in Imperial Russia, 1703–1913," Russian Review (Jan 2010) 69#1 pp 47–72, with 13 tables and 3 charts online
  • David Moon, The Russian Peasantry 1600–1930: The World the Peasants Made , Boston, MA, Addison-Wesley, 1999, p. 396, ISBN 978-0-582-09508-3 .
  • Howard F. Stein, Russian Nationalism and the Divided Soul of the Westernizers and Slavophiles , in Ethos , vol. 4, n. 4, December 1976, pp. 403-438, DOI : 10.1525/eth.1976.4.4.02a00010 .
  • Stolberg, Eva-Maria. (2004) "The Siberian Frontier and Russia's Position in World History," Review: A Journal of the Fernand Braudel Center 27#3 pp 243–267
  • Wirtschafter, Elise Kimerling. Russia's age of serfdom 1649–1861 (2008).
  • Burbank, Jane, and David L. Ransel, eds. Imperial Russia: new histories for the Empire (Indiana University Press, 1998)
  • Cracraft, James. ed. Major Problems in the History of Imperial Russia (1993)
  • Hellie, Richard. "The structure of modern Russian history: Toward a dynamic model." Russian History 4.1 (1977): 1-22. Online
  • Lieven, Dominic. Empire: The Russian empire and its rivals (Yale UP, 2002), compares Russian with British, Habsburg & Ottoman empires. excerpt
  • Kuzio, Taras. "Historiography and national identity among the Eastern Slavs: towards a new framework." National Identities (2001) 3#2 pp: 109–132.
  • Olson, Gust, and Aleksei I. Miller. "Between Local and Inter-Imperial: Russian Imperial History in Search of Scope and Paradigm." Kritika: Explorations in Russian and Eurasian History (2004) 5#1 pp: 7–26.
  • Sanders, Thomas, ed. Historiography of imperial Russia: The profession and writing of history in a multinational state (ME Sharpe, 1999)
  • Smith, Steve. "Writing the History of the Russian Revolution after the Fall of Communism." Europe‐Asia Studies (1994) 46#4 pp: 563–578.
  • Suny, Ronald Grigor. "Rehabilitating Tsarism: The Imperial Russian State and Its Historians. A Review Article" Comparative Studies in Society and History 31#1 (1989) pp. 168–179 online
  • Suny, Ronald Grigor. "The empire strikes out: Imperial Russia,'national' identity, and theories of empire." in A state of nations: Empire and nation-making in the age of Lenin and Stalin ed. by Peter Holquist, Ronald Grigor Suny, and Terry Martin. (2001) pp: 23–66.

Voci correlate

Altri progetti

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 125492224 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1119 5235 · LCCN ( EN ) n80001203 · NLA ( EN ) 35689530 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80131345