Es llancen

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu un físic italià, consulteu Paco Lanciano .
Es llancen
comú
Lanciano - Escut d'armes Lanciano - Bandera
Lanciano - Vista
Vista de la catedral de la Madonna del Ponte a la plaça del Plebiscito
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Abruzzo-Stemma.svg Abruços
província Província de Chieti-Stemma.png Chieti
Administració
Alcalde Mario Pupillo ( PD ) del 7-04-2016 [1]
Territori
Coordenades 42 ° 13'52,36 "N 14 ° 23'25,7" E / 42,231211 ° N 14,390472 ° E 42,231211; 14.390472 (Lancaster) Coordenades : 42 ° 13'52.36 "N 14 ° 23'25.7" E / 42.231211 ° N 14.390472 ° E 42.231211; 14.390472 ( Lanciano )
Altitud 265 m sobre el nivell del mar
Superfície 66,94 km²
Habitants 34 330 [3] (31-1-2021)
Densitat 512,85 habitants / km²
Fraccions Veure apartat
Municipis veïns Atessa , Castel Frentano , Fossacesia , Frisa , Mozzagrogna , Orsogna , Paglieta , Poggiofiorito , Rocca San Giovanni , San Vito Chietino , Sant'Eusanio del Sangro , Treglio , Santa Maria Imbaro
Altra informació
Codi Postal 66034
Prefix 0872
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 069046
Codi cadastral E435
Placa CH
Cl. sísmic zona 3 (baixa sismicitat) [4]
Cl. climàtic zona D, 1 638 GG [5]
Anomenar habitants Lancianesi
Patró Mare de Déu del Pont
Festa 16 de setembre
PIB (Nominal) 792 milions d' [2]
PIB pro capita (nominal) 22 332 [2]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Es llancen
Es llancen
Lanciano - Mapa
Posició del municipi de Lanciano dins de la província de Chieti
Web institucional

Lanciano ( AFI : [laŋ̩t͡ʃaːno] , Langiàne en Lancianese [6] ) és una ciutat italiana de 34 330 habitants [3] a la província de Chieti , en Abruços , de l'important centre de la major part de l' Val di Sangro i una destinació de peregrinació gràcies a el seu miracle eucarístic .

Ciutat d’antiga tradició, va ser la capital dels Frentani , un municipi romà i posteriorment la capital del districte durant el Regne de les Dues Sicílies , va rebre el títol de ciutat el 1212 a instàncies de Frederic II de Suàbia . També se li concedeix una medalla d’or al valor militar .

Geografia física

Territori

El territori del municipi de Lanciano s'estén durant 66 km² al cinturó muntanyós que baixa des dels vessants de la Maiella cap al mar. Es compon principalment de turons, però també inclou una part plana important a la vall del Sangro . La seva altitud oscil·la entre els 33 m slm , al districte de Serre, prop del riu Sangro, fins als 410 m slm , a la qual es pot arribar a la caseria de San Nicolino, a la frontera amb Castel Frentano . El centre de la ciutat es troba a 265 metres sobre el nivell del mar (es troba a la plaça del Plebiscito, davant de l’Ajuntament). [7]

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica de Lanciano .

Sobre la base de la referència de trenta anys mitjana de 1961 - de 1990 , la mitjana de la temperatura del mes més fred, gener , és 6,2 ° C; el dels mesos més calorosos, juliol i agost , és de +24,2 ° C [8] .

La neu cau cada any de mitjana 2-3 vegades, fins i tot en alguns casos fins a finals de tardor o principis de primavera; a l’estiu, sobretot al juliol i a l’agost, els dies calorosos no són infreqüents.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Lanciano .

Edat antiga

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Anxanum .
vista del centre històric amb la catedral

Els orígens de Lanciano s’enfonsen en el mite. La tradició diu que va ser fundada el 1179 aC per Solima, un refugiat troià que va desembarcar a Itàlia juntament amb Enees , un any després de la destrucció de la mateixa Troia el 1180 aC, amb el nom d’ Anxanon o Anxia (del nom d’un camarada). que va morir a la guerra). Més enllà de l’èpica, la datació podria ser versemblant: de fet, algunes troballes arqueològiques demostrarien que el jaciment de Lanciano ha estat habitat contínuament des del segle XII aC . A més, s’han trobat restes d’assentaments neolítics als voltants des del V mil·lenni aC. .

D'acord amb la notícia d'alguns historiadors romans ( Varró , Livi i Plini el Vell ), després Anxanon va ser la capital dels Frentano poble, un poble de Samnita llinatge que van ocupar la zona costanera entre Pescara i Fortore a partir d'el segle V abans de Crist . Després de la derrota soferta el 304 aC, els frentani es van convertir en foederati dels romans , estatus que van conservar fins al final de la guerra social , quan van tenir la ciutadania romana. Va ser llavors quan la ciutat es va ordenar dins de la República Romana com a municipium . En aquesta època va haver de sotmetre's a la romanització del nom, provinent d' Anxanon a Anxanum .

Des de l’antiguitat la ciutat deu la seva prosperitat al comerç, que a l’època romana es feia a través de fires anomenades nundinae . Aquesta vocació deriva d'una ubicació "estratègica": es troba a pocs quilòmetres del mar però es troba als turons, per tant, és millor defensable; a més, és a prop d’una antiga ruta comercial que connectava Puglia amb el nord d’Itàlia ja en època preromana. Aquesta ruta, probablement vinculada a la pista de les ovelles L'Aquila-Foggia per a la transhumància de ramats, es va convertir en època romana en una carretera (la Via Flaminia Adriatica ) que partia de Hostia Aterni (després Pescara ) i arribava a Puglia passant per Ortona , Anxanum i Histoni ( Vasto ).

Edat mitjana

Amb el col·lapse de l'Imperi Romà , Lanciano va ser saquejat pels gots . Més tard, amb la invasió d'Itàlia pels llombards , fou conquerida i arrasada (probablement el 571 ). Els nous governants es van establir al turó Erminio, al voltant del qual es va començar a reconstituir un nucli residencial. Aquest és l’origen del barri medieval més antic: Lancianovecchia. Lanciano va haver de patir llavors la conquesta bizantina el 610 i, a la fi del segle VIII , la dels francs , que la van agregar primer al ducat de Spoleto i després al de Benevent .

El 1060 fou annexionada pels normands al regne de Sicília (que es va convertir en el Regne de Nàpols el 1372 ), gràcies a l’ocupació armada d’Ugo Malmozzetto, general de les tropes del comte Roberto I di Loritello que l’escollí com a seu de el seu comtat [9] . De fet, Lanciano va seguir els esdeveniments polítics i dinàstics d’aquest regne fins a la unificació d’Itàlia. Quan la dinastia normanda es va extingir, va veure la successió de dominacions dels suevos , angevins i aragonesos .

Després dels anys foscos, Lanciano va prosperar gràcies a la reactivació de les seves fires (una al maig i una al setembre), tant que al segle XIV es va convertir en el centre habitat més gran dels Abruços (6500 habitants el 1340 ). [ cita requerida ] L'augment demogràfic va anar acompanyat de l'expansió urbana del centre urbà: entre els segles XI i XII es van construir els altres barris històrics i es van acabar les noves muralles, amb nou portes (només una de les quals va sobreviure fins avui: Porta San Biagio ). L'estructura urbana de Lanciano va arribar a ser la que encara es pot veure al centre històric.

La seva importància com a empori es va reconèixer donant-li l’estatus de universitat estatal , és a dir, una ciutat no sotmesa a cap senyor feudal, sinó administrada directament pel rei. Aquest privilegi li fou concedit el 1212 per l' emperador Frederic II de Suàbia i fou confirmat i perpetuat el 1259 per Manfredi , rei de Nàpols . Això va anar acompanyat de l’exempció de mercaderies de drets i duanes i el dret a elegir, a més dels administradors ordinaris, un magistrat, anomenat Mastrogiurato , que durant les fires tenia els poders normalment en mans del jutge reial.

Luneta del portal de l’església de Santa Maria Maggiore del 1317

Des de l’edat mitjana, van sorgir moltes indústries a Lanciano: en primer lloc, fàbriques de teles molt fines i teixits de llana iseda . Al segle XV es van establir moltes altres produccions: ceràmica, fabricació d’agulles, orfebreria i indústria del ferro, bronzes, cuirs i pells. [10]

En aquest moment, es va establir una particular rivalitat amb la propera ciutat d' Ortona , que era el port preferit per a l'afluència de mercaderies a les fires, a causa dels deures que aquesta ciutat imposava a les mercaderies que hi passaven. A finals del segle XIV Lanciano va obtenir de l' abadia de San Giovanni in Venere la concessió per construir un port a San Vito : aquest va ser el motiu de noves guerres amb els habitants d'Ortona, que consistien només en la mediació de San Giovanni da Capestrano. el 1427 .

El 1441 el rei Alfons V d’Aragó va retornar el suport que va tenir contra els angevins, atorgant-li a Lanciano el dret d’encunyar monedes mitjançant l’establiment d’una casa de moneda. En ple moment de la seva riquesa, la ciutat va arribar a posseir més de 40 feus. Un reconeixement a la importància assolida va ser la institució, el 1515 , d’una diòcesi diferent de la de Chieti , elevada després a arxidiòcesi el 1562 .

Mapa medieval de la fortalesa de Lanciano de Piri Reìs

Des del segle XVI fins avui

Catedral de Santa Maria del Ponte el 1899
Piazza del Plebiscito el 1870

Al segle XVI va començar una fase de decadència per a l'economia llanciana. El 1544 Lanciano va perdre molts dels seus feus a causa del seu suport a Francesc I , rei de França , en la guerra contra l'emperador Carles V d'Habsburg . En aquests mateixos anys, el regne de Nàpols va perdre la seva autonomia, reduint-se a un peó d'intercanvi en les disputes entre les grans potències europees. A causa de la seva posició fronterera, els Abruços van patir especialment aquestes disputes, que van veure oposats espanyols i francesos al llarg dels segles XVI i XVII i van donar lloc a una guerra oberta entre espanyols i austríacs a principis del segle XVIII . Fins i tot Lanciano, a la seva petita manera, es va veure afectat per aquesta imatge i va entrar en crisi a causa de la incapacitat administrativa del Capitani del Popolo espanyol i dels forts impostos imposats.

El pitjor moment va ser el 1640 : Lanciano va perdre els seus privilegis com a ciutat estatal, es va crear una baronia sota el govern del marquès del Vasto i va canviar de mans entre diversos senyors feudals. El vassallatge va durar més d’un segle i va provocar un notable empobriment de la ciutat, assetjat pels nous amos. Tot i les nombroses rebel·lions, Lanciano va recuperar la llibertat només el 1778 , després de l’ascens borbònic al tron ​​de Nàpols.

Al segle XIX, la ciutat va participar activament en les revoltes del Risorgimento, que van començar des de la República napolitana de 1799 fins a una sèrie de revoltes el 1848 , 1849 i 1853 . El 1860 va votar per unir-se a una Itàlia unida.

A la història del segle XX de Lanciano, una pàgina molt important és la de la participació a la Resistència amb la revolta dels herois Ottobrini (5-6 d’octubre de 1943), que el president Einaudi va reconèixer amb la medalla d’or al valor militar el 1952 . [11] Lanciano durant la immediata postguerra, juntament amb altres ciutats molt provades com Ortona , Francavilla al Mare , Pescara i Avezzano , van tenir una ràpida recuperació econòmica i social, convertint-se aviat en una de les principals realitats de la província de Chieti. , junts a la capital i a Vasto . El 1970, amb la inauguració del complex industrial "Honda Sevel" a Val di Sangro, Lanciano es va beneficiar molt del desenvolupament industrial.

Símbols

El 2012, l'Oficina Heràldica del Ministeri de l'Interior va aprovar una modificació de l' escut de Lanciano, que ara és el que es veu a la figura. [12] Després d’extenses investigacions dels historiadors Domenico Maria Del Bello i Massimiliano Carabba Tettamanti, de fet, es va poder reconstruir l’aspecte de l’escut de la ciutat tal com hauria d’haver estat el 1464 , l’any de la seva concessió per Alfons II de Nàpols [12] i blasonada:

"De color blau, a la llança del torneig col·locada en una banda, d'or, amb el ferro de la punta d'acer natural adjacent al sol daurat horitzontal dret, llança acompanyat de dos lliris col·locats a l'angle esquerre del cap i al cantó dreta de la punta de la mateixa. Adorns exteriors de la ciutat. [13] "

( DPR 7 de març de 2012 )

L’escut consta d’un escut samnita que conté una llança apuntant cap al sol i dos lliris daurats sobre un camp blau. Si els lliris no plantegen problemes d’interpretació, ja que es poden remuntar fàcilment a la casa d’Anjou , que va mantenir el Regne de Nàpols entre els segles XIII i XV , el simbolisme de la llança cap al sol és més complex de desxifrar: una possible explicació és que pot ser una referència a la llança de Longinus , el soldat romà que hauria perforat el costat de Crist crucificat per constatar la seva mort, el culte del qual ha estat present a Lanciano des de temps remots (hi ha hipòtesis sobre la presència d’un l'església paleocristiana dedicada a ell al lloc del convent de Sant Francesc). [14]

Honors

Lanciano es troba entre les ciutats decorades amb valor militar per a la Guerra d’Alliberament perquè el 4 de febrer de 1952 va rebre la medalla d’or al valor militar pels sacrificis de les seves poblacions i per la seva activitat en la lluita partidista durant la Segona Guerra Mundial [15]. ] :

Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
«Una ciutat forta dels Abruços, de nobles tradicions patriòtiques i guerreres, intolerant a la servitud, va reaccionar als abusos dels soldats alemanys amb l'acció armada dels seus millors fills. Tota la població, obligada a presenciar el martiri d’un ciutadà a la plaça, un valent lluitador, lligat a un arbre, encegat i mort com a advertència als civils, es va alçar en armes. Van lluitar contra els ciutadans durant moltes hores, patint pèrdues i causant-ne de molt més greus i, per vèncer la resistència, l'enemic va haver de contractar nombrosos batallons, vehicles blindats, artilleria. Exemple de civilització per a l’invasor bàrbar que va matar els afectats, els habitants van tractar els enemics ferits amb pietat humana. Sotmesa primer a represàlies atroços, després a les dures accions de foc dels aliats i, finalment, als massius bombardejos dels alemanys, la ciutat de Lanciano, presa a primera línia, va patir una destrucció radical mentre més de 500 habitants van perdre la vida. Durant nou mesos de durs processos, la gent de Lanciano va proporcionar valerosos combatents per a la lluita d'alliberament, va donar suport a la resistència, va donar un noble exemple de patriotisme i orgull ".
- Lanciano, 5 d’octubre de 1943 - juny de 1944
Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat
"Concessió de l'emperador Frederic II de Suàbia "
- 1212

Aniversaris

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: màrtirs d’octubre .

Els dies 5 i 6 d'octubre commemorem l'aixecament de la ciutat de Lanciano contra l'ocupació alemanya, que va tenir lloc el 1943 , durant la Segona Guerra Mundial . Immediatament després de l'ocupació nazi , alguns grups de joves lancianes van prendre armes contra els invasors i els van comprometre en dos dies de lluita. Al final de la insurrecció, 11 nois havien perdut la vida. Altres dotze civils van morir en represàlies pels nazis, que van perdre 47 homes entre oficials i soldats. Aquest episodi va suposar l’inici de la participació activa de tots els ciutadans a la Resistència, motiu pel qual Lanciano va rebre la medalla d’or al valor militar pel president Einaudi el 1952 i, per tant, es troba entre les ciutats condecorades al valor militar per a la guerra d’alliberament. . [11]

Monuments i llocs d'interès

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Centre històric de Lanciano .

El centre històric

Campanar de Santa Maria Maggiore (districte Civitanova)

La part medieval de Lanciano es divideix en quatre districtes històrics , cadascun dels quals té el seu propi escut i la seva pròpia bandera: Lancianovecchia al Colle Erminio, anomenat així perquè es va construir sobre l’antiga ciutat romana d’ Anxanum , Civitanova i Sacca sopra Colle Selva, dues aglomeracions urbanes del segle XII que s'han fusionat al llarg dels segles amb el desenvolupament cada vegada més gran de l'antic gueto jueu de la mateixa Sacca. Finalment, el districte del Borgo situat a sobre del Colle Pietroso, que es va desenvolupar com a assentament fortificat de planta circular durant el domini llombard, que va adquirir autonomia i una nova parròquia, dedicada a Santa Llúcia cap al 1250 . Anteriorment, de fet, depenia del monestir de San Legonziano fuori le mura, sobre el qual a mitjan segle XIII es va erigir la nova església franciscana, avui el santuari del miracle eucarístic .
En general, el centre històric de Lanciano es troba en tres turons i fins al 1879 els dos nuclis principals de Lancianovecchia i Civitanova estaven separats pel riu Malavalle, que només es pot travessar per ponts. Després de la recuperació i demolició parcial de les muralles durant el segle XIX, Largo Malvò es va construir al lloc del riu, prop del barri del Borgo i de la plaça Garibaldi, on es va celebrar el mercat històric. El districte de Lancianovecchia, en canvi, des de l’època romana s’havia d’equipar amb un pont per arribar al Prato delle Fiere, que és el districte de la "nova ciutat" al llarg del curs de Trento i Trieste; el primer oratori de Santa Maria del Ponte es va erigir a l’esmentat pont romà cap al 1000 i es va ampliar considerablement al segle XVIII fins a convertir-se en la Catedral.

El centre històric estava sàviament connectat amb la nova ciutat que es va desenvolupar des de principis del segle XX amb els projectes de Filippo Sargiacomo , que incloïen l’anivellament del turó de les Fires, amb la construcció d’un recorregut i els principals edificis i institucions representatives com ara: l’oficina de correus, el banc, el jutjat. A partir de la dècada de 1920, el nou curs (Trento i Trieste) es va equipar amb bells edificis eclèctics (llibertat, neogòtic, decò), que van determinar el desenvolupament definitiu de la ciutat fins a la vil·la pública de la zona conventual de Sant ' Antonio di Pàdua.

Districte del Borgo

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: districte de Borgo (Lanciano) .

El nucli ja existia a l’època romana, ocupa la part sud del centre històric, al llarg de l’ascensió al Colle Pietroso. La nova ciutat medieval es va desenvolupar durant el govern llombard, com ho demostra la presència de l'antic convent de San Legonziano (avui l' església de Sant Francesc ) i l'antiga Porta Sant'Angelo, avui destruïda. Al segle XIII es va construir l'església de Santa Llúcia sobre el temple romà de Cerere i, en el mateix període, també el convent de Santa Chiara, connectat a les muralles per la porta reial. Cap al 1480 Alfons V d'Aragó tornà a fortificar les muralles i avui la torre cilíndrica encara és visible al llarg de les muralles que envolten el convent, amb torres, baluards i un profund fossat. [16] Amb el pas dels anys, el districte ha perdut gran part del seu aspecte medieval, a causa dels nombrosos edificis del segle XVIII que han substituït les cases medievals, visibles només en algunes característiques particulars, com ara els carrerons de les cantonades o alguns finestrals o llindes renaixentistes.

Travessat al centre per Corso Roma i vorejat per la plaça Plebiscito, el Largo del Malvò i la Via dei Funai, inclou les esglésies de San Francesco del Miracolo eucarístic , Santa Maria del Sufragio (o del Purgatori), Santa Lucia i Santa Chiara amb annex anterior convent. També hi ha el Palazzo Carabba, el Palazzo del Malvò, els edificis històrics del Palazzo Liberati del segle XVIII. Les muralles aragoneses del segle XV i la torre cilíndrica també estan vinculades al districte, així com un edifici del segle XVII a la Piazza Pietrosa, construït com a fàbrica de cera, i la font medieval del Borgo .

Districte de Civitanova

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Civitanova (Lanciano) .

Es va construir sobre Colle Selva, a la banda oest de la ciutat històrica, fruit de l’ampliació del barri de Sacca ja existent ( segle XIII ). Segons els historiadors, el barri va ser el primer gueto jueu de Lanciano (el segon es troba a Lancianovecchia al suburbi de San Lorenzo), construït el 1200 després de l'expulsió d'algunes famílies jueves el 1191 de Nàpols . Als registres d’aquells anys la ciutat de Frentana comptava amb fins a 80 famílies.

Vista de Lanciano

Es desenvolupa al voltant de la Via Garibaldi i les seves fronteres són el Largo del Malvò i la Salita dei Gradoni, delimitada per les antigues parets perimetrals de via Ripe i via Valera-Umberto I; inclou les esglésies de Santa Giovina (antiga Santa Maria Nuova) i Santa Maria Maggiore . És un dels districtes més rics i antics, que també conté el Palau Arquebisbal amb el Museu Diocesà de Lanciano , les muralles normandes de les Torres Montanare (segle XI), el Palazzo Chiavaro Sabella, el Palazzo Berenga, el Palazzo Stella i el gueto jueu del suburbi Bag. Prop de l'església de Santa Maria Maggiore també hi ha el Palazzo di Federico Spoltore del segle XVIII.

Districte de Lancianovecchia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: districte de Lancianovecchio .

És el barri més antic, que es remunta a la reconstrucció sobre la ciutat romana d’ Anxanum (segle VIII aC). Representa el primer centre habitat de la ciutat, on es va ubicar el castell de Tonnino, destruït per un terratrèmol i ocupat per l’actual Palazzo Vergilj. Després de l'esdeveniment sísmic cap al 770, la ciutat medieval va ser reconstruïda sobre l'antiga zona tardobizantina [17] , com ho demostren les troballes del 1992 (material procedent de la italo-romana i la protomedieval), especialment a la zona del desapareguda església de San Giovanni Battista . Lancianovecchia tenia 5 parròquies, moltes de les quals molt antigues, fundades ja al segle VIII sobre antics temples romans, com l’església de San Maurizio , avui enderrocada, i la de San Giovanni. Al segle XI es va erigir l'església de San Biagio i als segles següents les esglésies de San Lorenzo, San Martino i el complex dels agustins.
Les demolicions del segle XIX van afectar molt el barri, al lloc de l’església de San Martino es va erigir el Palazzo del Capitano, al lloc del Palazzo d’Avalos, al segle XVIII es va construir el Palazzo De Crecchio, en lloc de es van crear les esglésies de San Maurizio i San Lorenzo espais oberts. El bombardeig de 1943 també va devastar l'església de San Giovanni, que va ser enderrocada, menys el campanar.
Es va connectar amb la plaça del Plebiscito a través del complex de San Giuseppe amb la contigua Scuole Pie, completament transformada entre el 1834 i el 1841 en el teatre Fenaroli (aleshores teatre San Francesco, llavors San Ferdinando).

Vista del barri de la Sacca amb l'església de Sant Nicolau

El carrer central del districte és la Strada dei Frentani, mentre que les seves fronteres estan definides per Piazza Plebiscito i Via degli Agorai (la part de les muralles a l’oest) i via dei Bastioni (la part de les muralles a l’est, amb connexió a Porta San Biagio); inclou les esglésies de Sant'Agostino , San Biagio i la catedral de la Madonna del Ponte a la plaça. Entre els edificis històrics hi ha el Palazzo del Capitano, el Palazzo Fella, el Palazzo Vergilj i el Palazzo De Crecchio. La porta de la ciutat del segle XII de San Biagio queda de les muralles, mentre que l’antic perímetre encara es pot llegir al llarg de les passarel·les de la carretera de circumval·lació. A la piazzetta dei Frentani, antigament ocupada per l’església de San Maurizio, hi ha una singular casa medieval amb botigues , que pertanyia a Nicola De Rubeis ( segle XIV ), mentre que al suburbi de San Lorenzo hi ha les cases del gueto jueu. , caracteritzada per carrerons i angiporti.

Districte de Sacca

El barri es va construir cap al segle XIII per fortificar cases construïdes per comerciants, per famílies jueves expulsades de Nàpols el 1191 i per poblacions balcàniques que es van establir definitivament al suburbi a partir del segle XIV . A més, al ser situat al vessant del Colle Selva, el districte era un punt d’importància per al tratturo que portava de Lanciano a Ortona i, ja des del segle XII, hi havia una duana formada pel pont Lamaccio, equipat amb dues torres, com també s’informa al dibuix de l’escut, per al pagament de drets.

Tallada al centre per la part baixa de la via Garibaldi, limita amb la Salita dei Gradoni i la via Valera; inclou l' església principal de Sant Nicolau amb la capella de Sant Roc . Al cor del gueto, a Strada Cavour, hi ha l'antiga església cristiana de la Madonna degli Angeli, que ara s'utilitza per al culte ortodox. A sota, al districte de Sant'Egidio, hi ha la font Civitanova (segle XVIII) i la font d’adoberia, i el pont medieval de Lamaccio, que connecta la rasa del districte amb el turó Erminio di Lancianovecchia. El perímetre de la muralla és encara parcialment llegible al llarg del tram de la carretera madura, amb cantonades i arcs molt estrets, i cases de bastions, com el gran edifici que incorpora Porta Noce.

Arquitectures religioses

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Esglésies de Lanciano .
Catedral Basílica de Santa Maria del Ponte
si chiama così perché è costruita su un ponte a tre archi (il Ponte di Diocleziano), in piazza Plebiscito. Nel 1088 , restaurando il Ponte del III sec dC dopo un terremoto, si ritrovò un'antica statua della Madonna col Bambino : l'evento, ritenuto miracoloso, portò a ribattezzare questa icona Madonna del Ponte e fu costruita una cappella per custodirla sul ponte stesso, quella di "Santa Maria de Platea", detta anche della Madonna delle Grazie. Verosimilmente, la statua è un'antica icona bizantina , murata in un arco del ponte nell' VIII secolo per sottrarla agli iconoclasti . La crescente devozione popolare portò, sul finire del XIV secolo , a costruire in luogo della cappella una chiesa che coprì interamente il ponte. Nel 1513 fu ampliato anche il ponte, costruendo l'attuale Corridoio . La chiesa visibile oggi è stata edificata daccapo tra il 1785 ed il 1788 , essendosi accresciuta la città, ed essendo investita di vari privilegi palali, compresa l'elevazione a collegiata insigne, e nuova sede diocesana. La facciata fu iniziata nel 1800 ed è rimasta incompiuta (1819) nella parte superiore, su progetto di Eugenio Michitelli , che abbatté la vicina cappella dell'Annunziata del XIII secolo, che ostruiva il passaggio. A sinistra della chiesa sorge la Torre Campanaria, alta 37 metri, realizzata tra il 1610 ed il 1614 . La Basilica è di impianto neoclassico , anche se alcune decorazioni tradiscono residui del gusto rococò , costruita su progetto di Carlo Fantoni, con opere interne di affreschi e tele del napoletano Giacinto Diano (1791-94), mentre la cappella grande del Sacramento è del XVII secolo. L'interno è costituito da una sola navata, circondata da semicolonne corinzie giganti. La volta con gli ovali sono affrescate. La cupola monumentale è stata rifatta negli anni '60, determinando la perduta di un grande affresco di Giacinto Diano in onore dell'Assunzione. In una nicchia al centro dell'altare maggiore in marmo è situata la statua della Madonna del Ponte. [18]
Chiesa di Santa Maria Maggiore
è ritenuta uno dei monumenti più importanti d' Abruzzo per la perfetta conservazione dello stile medievale. Si trova nel rione Civitanova, in corso Garibaldi. Costruita nel 1227 secondo i dettami dell'architettura borgognona - cistercense , nel 1540 -1650 fu ampiamente rimaneggiata secondo il gusto barocco (con l'aggiunta di due navate laterali e di stucchi e decorazioni), e con la realizzazione di una seconda facciata pseudo-gotica, che accoglie un portale che probabilmente si trovava su un lato dell'antico edificio. Nel 1968 un restauro di Mario Moretti la riportò alla struttura originaria, con la creazione di un muro divisorio tra la parte gotica e quella barocca, che è stata sconsacrata e adibita a scarestia, benché non manchino le opere di rilievo, come i tabernacoli lignei, le statue, e le tre grandi cappelle monumentali. Sono artisticamente notevoli la facciata, il portale principale contenuto dentro una ghimberga, con l'arco ogivale a forte strombature di colonnine tortili e non, e punte di diamante traforate; esso è stato aggiunto nel 1317 e firmato Francesco Petrini e ritenuto uno dei più importanti del gotico abruzzese, si conserva la sua firma nella lunetta col gruppo della Crocifissione , poi il rosone a raggiera dello stesso Petrini, ed il piccolo portale laterale (via F. Spoltore) della scuola pugliese federiciana, molto simile a quello di Castel del Monte . Il campanile turrito si trova lungo via Garibaldi, accanto a un nartece romanico, che si suppone fosse l'ingresso antico prima della realizzazione del nuovo accesso monumentale. L'interno è stato riportato alla semplicità delle linee del gotico borgognone, con tre navate divise da colonne agili e sormontate da volte a crociera. [19] Di interesse vi si trovano la Croce di Nicola da Guardiagrele (1432), l'urna del corpo santo di nome Donato, detto San Donato fanciullo martire, il polittico della Madonna col Bambino di Girolamo Galizzi, la tela grande d'altare dell'Assunta, opera di Giuseppangelo Ronzi, e un gruppo di statue lignee della Crocifissione .
Chiesa e convento di San Francesco d'Assisi - Miracolo Eucaristico
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Francesco (Lanciano) , Convento di San Francesco (Lanciano) e Miracolo eucaristico di Lanciano .
Questa chiesa sorge nella parte periferica del rione Borgo (anticamente fuori dalle mura) al termine del Corso Roma, andando per la Piazza del Plebiscito. La chiesa fu edificata nel 1258 al posto di una precedente, risalente al VII secolo e dedicata ai Santi Legonziano e Domiziano , gestita dai Monaci Basiliani prima della loro cacciata. L'interno del XVII secolo, è stato recentemente ripulito dai rimaneggiamenti barocchi per quanto riguarda alcuni affreschi della volta, e per il Giubileo del 2000 l'intero complesso è stato dotato di un percorso archeologico che dalle fondamento del convento di San Legonziano offre una lettura stratigrafica del processo evolutivo della chiesa di San Francesco, con la cappella del Miracolo, il cappellone degli affreschi rinascimentali, e il percorso sotterraneo che porta al Ponte di Diocleziano. L'impianto esterno è medievale, ad eccezione della parte superiore della facciata, che presenta elementi barocchi (finestrone centrale) misti a pezzi di recupero della cappella longobarda di Sant'Angelo, mentre il portale è tipicamente gotico (tardo XIII secolo), come medievale è anche il campanile, concluso da una cupola rinascimentale a tegole policrome. L'interno a navata unica ha volta a botte lunettata con affreschi barocchi, un prezioso organo settecentesco nella cantoria della controfacciata, e altari laterali riccamente decorati. Sull'altare maggiore realizzato nel 1907 da Filippo Sargiacomo, si possono vedere le reliquie del primo Miracolo eucaristico di Lanciano, risalente all' VIII secolo . Il racconto tradizionale narra che un monaco basiliano, mentre celebrava la Messa nell'antica chiesa di San Legonziano, dubitò della presenza reale di Cristo nell' eucaristia . In quel momento l'ostia sarebbe divenuta carne ed il vino si sarebbe tramutato in sangue. [20]
Chiesa di San Nicola di Bari e cappella San Rocco
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Nicola di Bari (Lanciano) .
Interno della chiesa di San Francesco d'Assisi
quella di San Nicola è una storica parrocchia, la chiesa si affaccia sulla parte finale di via Garibaldi, annessa alla più tarda (XVIII secolo) cappella di San Rocco da Montpellier, parrocchia del rione Sacca. Fu fondata sulle rovine della chiesa di San Pellegrino, distrutta da un incendio nel XIII secolo, e ha sempre mantenuto l'originale monumentale impianto, leggermente irregolare per la parte rivolta verso le mura a strapiombo. [21] La chiesa di San Nicola possiede un impianto rettangolare a tre navate, in stile neoclassico, per il rifacimento del 1859 di Filippo Sargiacomo . L'esterno è prettamente gotico, con il portale di pietra dell'entrata principale laterale, e quello piccolo romanico accanto al campanile quattrocentesco, che oggi è principalmente usato per le funzioni religiose. Il portale maggiore del Trecento è decorato da una cornice gotica con la statua di San Nicola. Anche il campanile turrito è tardo gotico, con arcate a sesto acuto e la cornice dentellata tipica delle torri lancianesi. Sotto il campanile è stata trovata una cripta con degli affreschi duecenteschi della storia della Croce vera , ispirata alle opere di Jacopo da Varagine , riportata alla luce sotto la cantoria nel 2002. La chiesa di San Rocco è poco più che una cappella barocca annessa a san Nicola, con la facciata rifatta in mattoni a vista in stile neoclassico, da Filippo Sargiacomo, ed è a pianta quadrata a navata unica. Il piccolo campanile è a torre, in origine doveva essercene uno gemello laterale.
Chiesa romanica di San Biagio
Chiesa di Sant'Agostino
Chiesa di Sant'Agostino
Costruita nel XIV secolo, si trova nel rione Lanciano Vecchia, in via dei Frentani, ed era una delle chiese più tarde di questo quartiere, benché oggi ne sia la principale, essendo scomparse le storiche parrocchie di San Martino, San Lorenzo, San Maurizio e San Giovanni della Candelora (di quest'ultima resta la torre). La facciata gotica è stata costruita dal Petrini (1319 ca), e lo dimostra il portale gotico con lunetta molto simile a Santa Maria Maggiore. Il portale è adornato da colonne tortili e da una statua della Madonna col Bambino sulla lunetta. Altri rilievi sono l'agnello di Dio, dei leoni sulle colonne e dei grifoni che reggono le colonne del rosone senza raggi. Il campanile è a torre, gotico nello stile quattrocentesco lancianese, con arcate a sesto acuto. L'interno è stato rimodellato nel XVII-XVIII secolo da Girolamo Rizza e Carlo Piazzoli allievi del lombardo Giovan Battista Gianni attivo in Abruzzo, ed è a navata unica con volte a crociera. Vi sono molti dipinti barocchi, un altare ligneo a cassettoni, e una cappella laterale. Una storia locale vuole che vi siano conservate le reliquie degli apostoli San Simone e Giuda Taddeo , trafugate a Venezia nel XV secolo. [22]
Ingresso principale alla chiesa di San Francesco d'Assisi
Chiesa di San Biagio Vescovo
Chiesa più antica del centro, posta alla fine di via dei Frentani nel rione Lancianovecchio. Fu costruita nel 1069 , probabilmente per diretto interessamento dei Conti normanni Roberto I di Loritello e suo fratello Drogone (detto Tasso, o Tassone, o Tascione), poiché sono proprio loro che nel 1096 la concedono al Vescovo di Chieti Rainolfo [23] . La chiesa subì rimaneggiamenti nel XIV secolo, con il consolidamento della facciata a bastioni, e la costruzione del bel campanile tardo gotico a torre. [24] L'interno è romanico, a navata unica, quindi assai spoglio. Sotto il campanile vi è una cripta dell'epoca romana del II secolo, con l'ara del vecchio tempio di Minerva , poi cappella di San Giorgio. Comunicava con la chiesa di San Maurizio (VII secolo), che sorgeva in Piazza dei Frentani, demolita nell'Ottocento.
Chiesa di San Nicola
Torre della Candelora (Chiesa San Giovanni Battista)
Si trova in Largo San Giovanni, ed è il campanile della chiesa medievale di San Giovanni Battista (XIII secolo) o "della Candelora", rimodellata nel XVII secolo e distrutta nel bombardamento del 1943. La torre è tardo quattrocentesca, seguendo lo stile lancianese per la resa delle arcate e della dentellatura della cornice marcapiano, ha pianta quadrata, suddivisa in tre livelli, con due archi a sesto acuto. Le cornici marcapiano sono tipicamente lancianesi a dentellatura regolare. La torre è stata restaurata nel 2013 e resa accessibile mediante visita a richiesta. L'interno ha dei pannelli espositivo che ricordano le campagne di scavi archeologici nel 1993-94, e del 2013, che hanno riportato alla luce una "casula" oggi conservata nel Museo civico diocesano.
Chiesa di Santa Lucia
La chiesa è la parrocchia principale del quartiere Borgo, situata lungo il corso Roma, fu costruita sopra il tempio di Giunone nel XIII secolo. Fu ampiamente modificata nel XVIII secolo, a causa di crolli per problemi strutturali, come ad esempio la perdita dell'antica cupola, di cui resta un contrafforte posteriore. La facciata è del XIII secolo , con un portale centrale ad arco ogivale (coevo di quello di San Francesco d'Assisi), sormontato da un rosone gotico a raggiera con 12 colonnine, della scuola di Petrini. All'interno neoclassico è frutto del rifacimento dell'architetto Filippo Sargiacomo , è a navata unica (in origine dovevano essere tre navate), sull'altare maggiore si erge la statua di Santa Lucia in legno. Nelle cappelle laterali si trovano le statue di San Raffaele, la Madonna Addolorata ei mezzi busti di San Matteo e San Luca. Ai lati dell'altare maggiore ci sono due tele settecentesche provenienti dalla chiesa di Sant'Antonio, oltre che a nicchie con reliquie della santa. Gli stucchi settecenteschi, conservati dal rifacimento neoclassico, sono del 1731, concentrati presso la cappella dell'Addolorata, realizzati da Girolamo Rizza e Carlo Piazzoli. I due stuccatori decorarono anche altre chiese del centro, come quella di Sant'Agostino. [25]
Chiesa di Santa Chiara e San Filippo Neri
Si trova in cima a rione Borgo del corso Roma, provenendo dal viale dei Cappuccini. La prima costruzione è del XIII secolo, ma è stata completamente trasformata nel XVIII secolo. [26] Oltre alla pianta rettangolare a navata unica (neoclassico - barocco) vi è il chiostro del convento, accessibile da via dell'Asilo, mentre un'altra porzione è stata nel XIX secolo adibita a caserma, e poi nel 1953 c'è stata costruita la sede del Liceo magistrale "Cesare De Titta". La facciata è sobria in stile neoclassico con architrave a timpano triangolare, in mattoni a vista, con campanile in cima al centro, il portale invece reca il simbolo della confraternita e dell'Ordine delle Clarisse. La chiesa è nota per la sede della Confraternita "San Filippo Neri - Morte e Orazione", di origine romana, che dal 1608 è a Lanciano, e dal 1954 avente sede definitiva nella chiesa. Ogni anno nella settimana santa la confraternita inscena un'originale interpretazione della Passione, con il Cireneo scalzo che porta la croce. Nella chiesa vi sono tre tele, restaurate e riportate al primitivo splendore, dipinte nel 1855 da Francesco Paolo Palizzi [27] fratello minore di Giuseppe , nato dopo il trasferimento a Vasto della loro famiglia.
Chiesa di Santa Giovina o Santa Maria Nova
Si staglia su Largo dell'Appello nel rione Civitanova. Fu costruita nel 1518 per volere di Dino Ricci sopra la vecchia chiesetta della Maddalena [28] , per ospitare i Padri Lateranensi. La chiesa, dopo varie vicissitudini, fu quasi completamente ricostruita nell'800, in stile neoclassico. La chiesa è a navata unica, con facciata cinquecentesca austera, con semplice paramento murario a vista, portale a lunetta a tutto sesto, sormontato da un oculo in asse, con vetrata a morivi floreali. Il piccolo campanile retrostante è a vela. L'interno è stato ricostruito in stile neoclassico, con tipici rilievi e stucchi presso le pareti. Di interesse l'organo ligneo della bottega di Di Martino (XVIII secolo), con i cassettoni dipinti da vasi e motivi floreali. Sulla parete si trova il monumento sepolcrale del patrizio Dino Ricci, il finanziatore della chiesa; l'ex convento a pianta quadrata è stato restaurato ed ospita la Cittadella della Musica e l'Istituto delle Arti "Francesco Masciangelo", compositore lancianese vissuto nell'Ottocento. Presso un sacrario si trova l'urna del corpo santo di nome Giovina, detta Santa Giovina vergine martire, traslata a Lanciano il 18 luglio 1850.
Chiesa di Sant'Antonio di Padova
Chiesa conventuale del XV secolo, voluta dal monaco San Giovanni da Capestrano (1430 ca) per la celebrazione della pace tra le città di Lanciano e Ortona (1427). Erettosopra un preesistente edificio dedicato a Sant'Angelo, la chiesa venne dedicata a Santa Maria delle Grazie e della Pace , e nei secoli successivi venne ampliata (XVIII secolo), subendo nel 1866 la soppressione del convento degli Antoniani, salvo poi essere ripristinato. L'aspetto attuale è frutto di varie manomissioni dovute ai restauri post-bellici, che hanno trasformato quasi completamente l'antico convento, dandogli un aspetto neo-medievale, modificato la facciata aggiungendo un portico e dei mosaici ritraenti Sant'Antonio di Padova e San Giovanni da Capestrano che adorano Cristo . Il ricordo del motivo di costruzione della chiesa è rappresentato sia sul portale di bronzo che su un dipinto moderno all'interno della chiesa. Il campanile moderno è del 1970 con la benedizione di Paolo VI , alto 70 metri circa, il più elevato della città e tra i più alti d'Abruzzo, l'impianto è a basilica con pianta a croce latina e abside semicircolare. La navata ha un ambone su tre arcate e una successione di sette campate articolate da lesene binate con capitelli corinzi dorati. Il rivestimento in marmi policromi di tutte le pareti è frutto dei lavori di restauro che hanno massicciamente cambiato l'aspetto della chiesa, dandole un aspetto altalenante tra il barocco e il proto-romanico, per quanto riguarda l'altare con il coro ligneo sormontato da una volta a mosaico di lapislazzuli, con la colomba dello Spirito Santo .
Chiesa di San Pietro Apostolo
Si tratta di una moderna parrocchia, situata nel quartiere Cappuccini. La chiesa fu aperta nel 1957, con un edificio accanto destinato all'Azione Cattolica. Nel 1965 vi si insediarono i Cappuccini, e la chiesa divenne punto di riferimento nel popoloso quartiere dei Cappuccini, con numero attività dell'Azione e degli scout. Nel 1998 fu decorato il presbiterio con un dipinto gigantesco di Gesù salvatore tra anime e santi. La chiesa ha pianta rettangolare, esternamente semplice, realizzata in calcestruzzo e muratura in laterizio. Sulla destra della facciata a timpano triangolare si erge il campanile rettangolare. La navata interna è illuminata dai finestroni policromi istoriati.

Chiese delle frazioni

Chiesa di Sant'Onofrio

Lanciano in tutto ha 33 contrade, e quasi ciascuna è provvista di una chiesa. Molte delle quali possiedono una storia molto antica, come le chiese di Santa Giusta, Santa Maria della Libera e Santa Maria dell'Iconicella, frequentata dai pellegrini, dai pastori transumanti, e dove dal 1607 si svolge la celebrazione della Squilla. Le chiese principali sono:

  • Chiesa di Santa Giusta [ non chiaro ] (Santa Giusta)
  • Chiesa di San Donato [ quale? ] (Villa Martelli)
  • Chiesa della Madonna degli Angeli (Villa Stanazzo)
  • Chiesa di Maria SS.ma dell'Iconicella (quartiere Iconicella)
  • Chiesa della Madonna del Pozzo (Villa Elce)
  • Chiesa della Santissima Trinità (Villa Andreoli)
  • Chiesa di Maria SS.ma delle Grazie (Marcianese)
  • Chiesa di Santa Maria dei Mesi (Santa Maria dei Mesi)
  • Chiesa della Madonna della Libera (Santa Liberata)
  • Chiesa di Sant'Onofrio (nella contrada omonima, ricostruzione degli anni '60 di un precedente romitorio in cima al colle, danneggiato nella seconda guerra mondiale )
  • Chiesa di Sant'Egidio nella omonima contrada, detta anche contrada degli ortolani. Nella stessa contrada c'è un'altra chiesa dedicata alla Madonna della Salette.

Architetture civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Lanciano .
Palazzo Carabba su Corso Roma
  • Palazzo De Crecchio (XVIII secolo): si trova lungo via dei Frentani, all'altezza di Largo Tappia, prospettando verso la facciata del Palazzo Vergilj. Costruito nel XVIII secolo sopra l'antico palazzo marchesale d'Avalos, che ebbe il potere sulla città dal 1646, ha dato i natali al senatore Luigi De Crecchio . Oggi è usato come biblioteca e sede convegni. Ha pianta rettangolare irregolare, poiché il secondo lato maggiore non esiste, dando spazio a un giardino pensile che volge verso il fosso Pagliaro del ponte Diocleziano. La facciata è caratterizzata da due corpi collegati da un portale maggiore di accesso, e il punto di incontro è la sommità dell'edificio, decorata da architrave con orologio a meridiana.
  • Palazzo del Capitano (XIX secolo): Fu costruito in epoca liberty (XIX secolo) sopra i resti della demolita chiesa di San Martino in Largo Tappia. Ha pianta rettangolare, con la facciata rosso scarlatto, decorata da logge in cornice bianca. Il portale ha una tettoia finemente lavorata, e ai fianchi due statue di dragoni. La sommità ha una torretta centrale di avvistamento. Oggi è usato come sede di uffici comunali aggiuntivi.
  • Palazzo arcivescovile (XV secolo): si trova in largo dell'Appello, presso le Torri Montanare. Fu costruito come sede della diocesi nel XVI secolo (la diocesi di Lanciano fu istituita nel 1515), ed ospitò il seminario fino agli anni sessanta del Novecento. Oggi è sede delMuseo diocesano di Lanciano , altri piani contengono uffici parrocchiali, della diocesi, e del vescovo stesso. Ha una robusta struttura rettangolare intonacata in rosa, con finestre e portali gotici, quello di ingresso è stato ricavato dalla chiesa dell'Annunziata (Piazza Plebiscito), demolita nel 1819. Un portale laterale ha una tipica cornice barocca.
  • Palazzo casa di Federico Spoltore (XIX secolo): il palazzo è sito in corso Garibaldi all'altezza della chiesa di Santa Maria Maggiore, ed è il frutto della fusione di due edifici medievali. Nel XX secolo vi nacque il pittore Federico Spoltore , oggi la struttura è un museo dedicato a esso, ogni stanza è riconducibile a precisi momenti di vita del pittore, ricca di molti affreschi a tema allegorico. Di interesse sono le finestre gotiche e la decorazione marmorea in stile classico della casella postale.
  • Botteghe medievali (XIV secolo): si trovano alla fine del corso dei Frentani nel rione Lancianovecchia (sbocco su Piazza dei Frentani), e sono perfettamente conservate nella loro forma originale. Si tratta di un palazzo quadrato, la cui sommità è a uso abitativo, mentre la parte inferiore è usata per il commercio,. Si distinguono tre arcate gotiche per l'accesso alle botteghe, con i capitelli delle colonne finemente lavorati, e un'iscrizione a caratteri tardo gotici, che testimoniano la presenza nel 1412 del commerciante e proprietario Nicola De Rubeis.
  • Palazzo Municipale : si trova in Piazza del Plebiscito, posto accanto al Teatro comunale Fenaroli, e risale alla metà del XIX secolo, frutto di rifacimento edificatorio dell'edificio precedente delle carceri, e dell'ex convento delle Scuole Pie. La facciata nella seconda metà dell'Ottocento è stata dotata di un corpo aggettante, con portici sulla piazza, da parte dell'architetto Sargiacomo, per ospitare la "casa di Conversazione", adibita ad uso culturale e ricreativo. La facciata del palazzo oggi è un rifacimento in stile antico dell'originale, a causa dei danni bellici del 1944.
Palazzo Paolini Contento (destra) e Palazzo De Simone (sinistra), sullo sfondo il corso Trento e Trieste
  • Palazzi del Corso Trento e Trieste : il corso fu aperto nel 1904 lungo l'antico Piano della Fiera, e numerose famiglie lancianesi vi costruirono svariati palazzi in stile liberty. I palazzi sono stati edificati a partire dagli anni '20 in poi, quelli eretti sin da subito erano il Palazzo della Posta (abbattuto nel 1964 ca.), del Convitto civico "Vittorio Emanuele II" (ossia il liceo classico, mentre oggi è adibito a vari usi culturali), il Palazzo del Banco di Roma o Palazzo De Angelis, e gli edifici dell'ex complesso dei Zoccolanti di San Mauro, dove negli anni '30 fu realizzato l'ex cinema Imperiale. I palazzi che oggi si trovano sul corso Trento e Trieste, e sui relativi vicoli di via degli Abruzzi, Corso Bandiera via Vittorio Veneto, via Cesare Battisti, via De Crecchio, via Dalmazia, via Rimembranze, sono stati edificati quasi tutti dall'architetto Donato Villante, e omaggiano gli stili del passato, rifacendosi alle correnti del liberty, del moresco, del neoclassico, del decò, del neo rinascimento, e sono:
  • Palazzo Martelli Fantini - via De Crecchio, via degli Abruzzi e Corso Trento e Trieste
  • Palazzo De Angelis - via De Crecchio e Corso Trento e Trieste
  • Palazzo Paolini-Contento o dei Portici - Corso Trento e Trieste, Largo Gerardo Berenga
  • Palazzo De Simone - Corso Trento e Trieste - Corso della Bandiera

L'architetto Villante, ma anche altri locali, nonché Gino Coppedè , furono attivi nella lottizzazione del viale dei Cappuccini, a sud della città, fuori Porta Santa Chiara in direzione di Marcianese. Questo quartiere oggi, densamente popolato, deve il suo nome all'antico convento dei Cappuccini di San Bartolomeo Apostolo, ancora esistente, nei primi anni del Novecento esistevano solo poche case, i personaggi più illustri della città, tra i quali l'editore Rocco Carabba , che fondò lo stabilimento della casa editrice proprio all'ingresso di questa strada del 1878 (esiste ancora il fabbricato, benché in degrado), che fece edificare dal Coppedè nel 1921 Villa Carabba. Le ville, che rispettano sempre i canoni stilistici decò, liberty e razionalisti, si affacciano sul viale dei Cappuccini, sono villa Spinelli d'Alessandro, villa Pace, villa d'Ovidio Colalè, villa Sorge, villa Carabba-Tozzi-Sargiacomo. In contrada Marcianese si trova villa Paolucci, progettata sempre da Sargiacomo in stile neoclassico, che nel 1943-44 fu il quartier militare tedesco.

Architetture militari

Porta San Biagio vista dall'esterno

Lanciano sin dal XII secolo fu provvista di una cinta muraria, che si andò allargando ed estendendo sino al rifacimento nel 1442-52 da parte di Alfonso I d'Aragona , i cui interventi sono visibili soprattutto nel rinforzo della parte sud-est, tra le Torri Montanare e il torrione cilindrico di Santa Chiara. Le mura cominciarono a divenire inservibili dal XVIII secolo, e nella prima metà dell'Ottocento vennero in gran parte demolite, nel piano di miglioramento urbano della città, per questo delle 9 porte storiche, solo Porta San Biagio rimase in piedi. Le altre vennero tutte distrutte, anche insieme a storiche parrocchie del rione Lanciano Vecchia. Alcune porzioni della cinta muraria sono chiaramente visibili lungo la strada delle Ripe, nel rione Civitanova, con la Porta della Noce inglobata nei palazzi, ei camminamenti di ronda, nei pressi della chiesa di San Nicola, poi nel rione Lancianovecchia, lungo la via degli Agorai, e in via dei Bastioni, con i grandi archi dei camminamenti di ronda adibiti a passaggi, con sopra le abitazioni ricavate dalle torri.

Le porte distrutte oppure in parte modificate sono:

  • Porta Sant'Angelo - via dell'Asilo e via del Torrione, rimane la base del grande torrione normanno del 1057 presso la fonte del Borgo , dove sorgeva anche la chiesetta di Sant'Antonio abate. Era descritta come una delle meglio realizzate della città, fu distrutta nel 1846.
  • Porta San Nicola e Porta Sant'Antonio: delimitavano l'accesso al Ponte dell'Ammazzo, ancora esistente presso la Piazza Garibaldi, ricavata dalla colmata del fiume Malavalle o Malvò. Il ponte medievale con le arcate ogivali è presente anche nello stemma del quartiere Sacca, con due grandi torri angolari, una di Sant'Antonio a sud, e l'altra di San Nicola, perché conduceva alla chiesa omonima, dove si trovava la gabella del dazio.
  • Porta Santa Chiara o Ferdinandea: si trovava all'ingresso del corso Roma, presso l'ex convento delle Clarisse. Fu una delle più tarde ad essere costruita, forse addirittura fu ampliata nel primo Ottocento in onore di re Ferdinando IV , e fu demolita nel 1850.
  • Porta Santa Maria Nuova: si trovava presso le Torri Montanare
  • Porta Diocleziana: detta anche "Santa Maria del Ponte", è ancora esistente, e si trova dietro la cattedrale, all'ingresso del Ponte di Diocleziano dal Larghetto Mons. Paolo Tasso. La porta come al si vede oggi è stata rimaneggiata nel XVIII secolo, il piano di calpestio è stato notevolmente sopraelevato, e l'arco di ingresso è molto piccolo, i suoi contrafforti sono visibili anche presso il deposito dell'auditorium sottostante del ponte.
Porta San Biagio
Risale all' XI secolo , si trova nel rione Lanciano Vecchia, deve il nome alla vicina chiesa di San Biagio, è l'ultima superstite delle nove porte che facevano parte della cinta muraria della città. Arroccata su un costone molto ripido mal termine di via dei Bastioni a nord, è dotata di una luce di dimensioni ridotte sormontata da un arco a sesto acuto. [29]
Porta urbica di Via Umberto I
Si trova all'inizio della via Umberto I venendo da Piazza Garibaldi. Trattasi di un accesso coperto mediante volta a botte introdotto da un arco a sesto acuto. La porta, verosimilmente, era collegata alla porzione delle mura cittadine site tra il quartiere Borgo ed il quartiere Sacca. [30] L'area infatti era accessibile mediante un ponte, quello dei Calzolai, perché presso l'attuale Piazza Garibaldi completata nel 1879, vi si trovava il fiume paludoso del Malvò, non percorribile a piedi. Il ponte coevo infatti era quello dell'Ammazzo, dotato di gabella del dazio.
Torri Montanare
Torri Montanare
costituiscono la parte della cinta muraria da sud, venendo dalla montagna della Majella , da cui il nome, ed erano collegate a Porta Santa Maria Nuova, l'attuale accesso al rione Civitanova mediante via P. Harris, venendo dal viale Spaventa. Sono un residuo dell'antica cinta muraria più antica dell'epoca normanna, restaurata in epoca aragonese ( XI - XV secolo ). Si compongono di due torri vicine tra loro: una torre d'avvistamento alta e snella, interna alle mura, ed un massiccio torrione angolare esterno. La torre più alta è l'unico residuo della cinta muraria più antica, insieme a qualche tratto di mura in pietra; tutto il resto della struttura, costruito in laterizi, appartiene al rifacimento della cinta muraria avvenuto all'inizio del 1400. Il nome potrebbe derivare dalla famiglia Montanari oppure dalla posizione molto panoramica (la vista spazia dal massiccio della Majella al Gran Sasso , passando per tutte le colline vicine ed arrivando fino al mare). [31]
Torrione aragonese
si trova in via del Torrione, sotto il convento di Santa Chiara, e risale al XV secolo, quando Alfonso I d'Aragona fece rinforzare le mura. Il torrione infatti ha il tipico aspetto con la pianta a scarpa, la costituzione cilindrica, con la sommità decorata da beccatelli, caditoie, e un camminatoio più largo della pianta della torre. L'interno è diviso in due piani, ed è raramente accessibile, se non con visite private. La parte della cinta muraria negli anni '50 è stata occupata dall'ex asilo "Maria Vittoria".

Monumenti pubblici e fontane

Fontana Grande di Civitanova
Fonte del Borgo

Le due fonte di maggiori interesse storico sono la Fonte del Borgo (XIII secolo), con interessante ordine di mascheroni a tema grottesco, e la Fontana di Civitanova, in elegante stile neoclassico con mattoni a vista. Una fontana monumentale si trovava sino al 1924 in Piazza del Plebiscito, sopra cui oggi il Monumento ai caduti, ed era il simbolo della modernità idrica arrivata in città con la costruzione dell'acquedotto.

  • Fonte del Borgo (XIII secolo): posta nel piazzale Francesco Paolo Memmo, risale al Medioevo (XIII secolo). Fu restaurata nell'800, ed oggi è compresa in un complesso seicentesco usato per la produzione di candele. La fontana è scavata nella terra, essendo alla base di un fosso, e si compone della struttura principale (corpo con quattro mascheroni), e un portico per attingere l'acqua per le lavandaie.
  • Fontana Grande di Civitanova: si trova nella contrada Sant'Egidio appena sotto le mura del quartiere Civitanova, ed è la storica fontana maggiore di Lanciano, che fu usata come principale fonte di rifornimento idrico sino alla metà dell'Ottocento. La fontana, secondo delle leggende, risalirebbe all'epoca romana, ma fu rifatta quasi daccapo nel 1823, in stile neoclassico monumentale. Ha due corpi porticati con la vasca d'abbeveratoio e di lavaggio dei panni, decorati da ordine regolare di archi, che a forma semicircolare partono dal corpo centrale, che ha la forma di nicchione con la cannella maggiore, e l'architrave a timpano triangolare.
  • Fontana di Largo Carlo Tappia: è stata realizzata nel 1921 dal finanziamento di Alfonso Cotellessa. Si trova nel cuore del rione Lancianovecchia, e mostra sopra un piedistallo quadrangolare, con due cannelle fuoriuscenti da cornici in ghisa, una scultura di fanciulla nuda in stile greco classico, che regge un'anfora. Si trova davanti al Palazzo del Capitano.
  • Fontana della villa comunale: si trova all'interno del parco lungo il viale Caduti di Nassiryia, è stata realizzata nel primo Novecento, ed ha un aspetto circolare irregolare, con un ponte che conduce alla centrale idrica posta nel baricentro, in un isolotto con piante. La fontana ospita una vasca con pesci rossi e anatre, e un cigno, la balaustra del corrimano è decorata ad intervalli regolari da vasi di pietra bianca.
  • Monumento ai Caduti della Grande Guerra: sorge in Piazza del Plebiscito, in cima alla gradinata scenografica di via Corsea e Piazza Garibaldi. Completato nel 1926 è uno dei più scenografici monumenti commemorativi dell'Abruzzo pre-guerra, e raffigura in un recinto semi circolare, con i nomi dei caduti, la dea Vittoria, che con una mano sorregge un nudo maschile, simbolo del soldato morto in guerra, e con l'altra la corona d'alloro.
  • Monumento ai Martiri Lancianesi: si trova lungo via Ferro di cavallo, in prossimità del piazzale dove avvenne l'esecuzione del partigiano Trentino La Barba , comandante degli " eroi ottobrini ", che il 5 ottobre 1943 si ribellò ai tedeschi. Il monumento è stato realizzato dopo il 1965, e mostra il corpo centrale con un bassorilievo bronzeo allegorico, che rappresenta il riscatto dei prigionieri giovani di Lanciano dal barbaro oppressore tedesco. Nel 2016 presso il Largo dell'Appello, è stato realizzato il Monumento a Trentino La Barba , in pietra calcarea della Majella.
  • Monumento al Samudaripen dei Rom e Sinti : si trova nel quartiere dei Cappuccini, nei pressi di villa Sorge, storico campo d'internamento di prigioniere ebree durante la guerra. Il monumento raffigura una grande madre orante, la Madonna, ed è stato finanziato dal professore e cantautore d'etnia rom Santino Spinelli in arte "Alexian", inaugurato nel 2018. Rappresenta il primo monumento in Italia che commemora tale strage.

Aree verdi

Il centro storico di Lanciano, e il sottostante parco Diocleziano
  • Parco del Ponte di Diocleziano: si trova sotto il ponte romano con la Cattedrale, accessibile da via dei Bastioni. Il parco è stato realizzato nel 2008, eliminando il bosco del "pozzo Bagnaro", dove sino al XVIII secolo si trovava una storica fontana, che accoglieva le acque del torrente della fonte del Borgo . Il parco è attrezzato con un percorso vita, attrezzi sportivi, panchine, lampioni e un chioschetto.
  • Villa comunale "delle Rose": si trova compresa tra il viale Caduti di Nassiryia, viale Sant'Antonio e via Cesare Battisti. Si tratta di due parchi distinti, realizzati dal grande orto del convento di Sant'Antonio nei primi anni del Novecento, la villa ver e propria fu realizzata tra il 1927 e il 1930. La parte della villa lungo viale Cesare Battisti e viale delle Rose porta sino alla stazione, e all'ingresso del corso Trento e Trieste, nel 1929 si è dotata di un ippodromo, attivo sino agli anni 2000 per la corsa dei cavalli, mentre il prato è stato occupato di recente dal campo del velodromo, del basket, mentre un'altra porzione, a ridosso delle tribune con le casette scommesse, è stata dotata di un ampio campo comunale da calcio. La parte verso la chiesa di Sant'Antonio è la villa pubblica tipica del primo Novecento, con una fontana centrale, decorata da piedistalli con statue che ricordano i "kuroi" greco classici, e la vasca grande, dove si trovano le anatre ei cigni. Si trova anche una voliera. Caratteristica di questa villa è l'ingresso, con le due colonne del cancello ancora molto ben decorate dai fasci littori, elemento simbolico del Ventennio che decora anche i principali tombini del corso Trento e Trieste, realizzati nel 1928 (con l'iscrizione Anno VI), ei fasci della facciata del teatro comunale, rimossi nel 2016 in quanto frutto di una ricostruzione nostalgica del 1996 dei preesistenti del 1939, abbattuti già nel 1943.
  • Parco del quartiere Santa Rita: si trova compreso tra via Masciangelo e via De Riseis, e consta di alcuni giochi per bambini e di panchine.
  • Parco giochi del quartiere Cappuccini, si trova accanto al convento di San Bartolomeo, lungo viale Cappuccini, consta di giochi attrezzati per bambini,

Siti archeologici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Anxanum .
Archi del ponte romano (III sec)

Reperti risalenti al neolitico e alla prima presenza italico-frentana sono stati ritrovati in contrada Serre-Marcianese negli scavi dei primi anni Novanta, ma la stessa area di Lancianovecchia sul Colle Erminio nel biennio 1992-94, e negli scavi di Piazza Plebiscito per il Giubileo del 2000 hanno riportato alla luce notevoli reperti come capitelli, sculture, monete e utensili domestici, per non parlare delle collezioni delle famiglie nobili che trovarono già vari reperti nei secoli passati. La collezione dei reperti è andata a costituire il Museo civico archeologico, attualmente situato nell'ex convento di Santo Spirito. Benché sia assodato che l'intera area dei quartiere Lancianovecchia-Borgo sorga sopra le antica vestigia romane di Anxanum , con vie e cunicoli sotterranei che arrivano fino al viale dei Cappuccini, oggi non sono stati compiuti scavi intensivi per riportare alla luce altro materiale, ed esiste solo il percorso archeologico che dal Ponte di Diocleziano porta, sotto la piazza del Plebiscito, al convento di San Legonziano nel santuario del Miracolo Eucaristico, provvisto di cartellonistica e pannelli espositivi.

Doucmenti riferibili all'opera di Gianluca Pollidori e Giacomo Fella, storici vissuti nel XVI-XVII secolo, testimoniano che il cuore pulsante dell'antica Anxanum era il rione medievale dl Colle Erminio (Lancianovecchia), che l'antica curtis era la Piazza del Plebiscito, dove partivano i tratturi ei percorsi per raggiungere il Piano della Fiera (l'area del corso Trento e Trieste), mentre piccoli abitati sorgevano anche nelle zone del rione Borgo, come dimostrano delle catacombe sotterranee, e l'area del rione Civitanova, con il tempio del dio Apollo (vi sorge la chiesa di Santa Maria Maggiore) sul Colle Selva, e con il teatro romano (vi sorge il palazzo arcivescovile).

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [32]

Etnie e minoranze straniere

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri regolarmente residenti nel comune di Lanciano erano 1434. [33] I principali gruppi etnici presenti sono:

  1. Romania , 599
  2. Albania , 221

Tradizioni e folclore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Folclore in Abruzzo e Feste e tradizioni popolari dell'Abruzzo .

Settimana Santa

Le celebrazioni della Settimana Santa comprendono varie manifestazioni:
  • nella IVª Domenica di Quaresima si svolge la Via Crucis delle confraternite [34]
  • il Giovedì Santo si tiene la processione degli Incappucciati: i confratelli dell'Arciconfraternita Orazione e Morte di San Filippo Neri , con i volti coperti da cappucci neri, percorrono le vie del centro storico in notturna, alla sola luce delle loro fiaccole, trasportando i simboli della Passione di Cristo ; uno di loro, detto Cireneo , percorre tutto il cammino a piedi scalzi trasportando sulle spalle una croce di legno a grandezza naturale; la processione è accompagnata dall'esecuzione delle Marce Funebre di Francesco Paolo Masciangelo e Ravazzoni , eseguite dalla Banda Musicale e dal rumore stridulo delle raganelle [35]
  • il Venerdì Santo gli stessi confratelli sfilano a volto scoperto per la tradizionale processione funebre del Cristo Morto. [36]
  • nella domenica di Pasqua si svolge l'incontro dei Santi : sacra rappresentazione in cui le statue di Gesù, Maria e San Giovanni inscenano l'episodio evangelico che vede Giovanni recarsi al sepolcro, scoprire la resurrezione di Gesù ed annunciarlo a Maria; la gioia di quest'ultima viene simboleggiata dalla corsa finale della statua accompagnata da un volo di colombi; la stessa rappresentazione è ripetuta anche il martedì seguente. [37]

Cultura

Biblioteche

Veduta della torre civica della Cattedrale, dal Ponte di Diocleziano. In coma si trova la campanella "squilla" accanto alle due fisse per battere l'ora, che suona ogni mattina, nonché la sera del 23 dicembre per la celebrazione
Biblioteca "Raffaele Liberatore"
Nel 1868 , quando furono soppressi i conventi , il comune di Lanciano entrò in possesso di due librerie di frati del convento di Sant'Antonio di Padova e dei Francescani. In seguito non furono arricchite molto le collezioni librarie e la biblioteca non fu sempre aperta al pubblico. Nel 1921 fu intitolata a Raffaele Liberatore . Dal 1925 all'inizio della seconda guerra mondiale furono donati vari lasciti . Nel 1964 fu trasferita dalla scuola Vittorio Emanuele II (sul Corso Trento e Trieste) ad una sede più ampia. Dal 2006 è sita in una villa settecentesca, Villa Marciani, in Via del Mancino. La biblioteca consta di circa 80000 volumi , tra cui una collezione della casa editrice Carabba , 80 periodici , 116 pergamene , nove incunaboli , 116 cinquecentine , 95 seicentine e vari manoscritti , inoltre, tra le donazioni sono da citare vari regesti . Le pergamene spaziano in un periodo compreso tra il XIII e il XVI secolo ; tra le pergamene è da citare il lodo di san Giovanni da Capestrano che narra la pace fra abitanti di Lanciano e di Ortona , tra le altre pergamene vi sono delle bolle di Papa Bonifacio VIII . Tra le altre opere della biblioteca vi sono l' archivio storico delle province napoletane , il bollettino della deputazione abruzzese di storia patria e la collezione della Rivista Abruzzese dal 1886 sino ai giorni nostri. [38]

Scuole

A Lanciano hanno sede 19 scuole dell'infanzia (quattro delle quali paritarie), 10 scuole primarie (due delle quali parificate), 4 scuole secondarie di I grado ed 8 scuole secondarie di II grado.

Sagrato della Cattedrale, dove la notte del 13 settembre si rievoca l'arrivo delle corone da Roma

Università

A Lanciano è presente una sede distaccata dell' Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio" . Nel Palazzo degli Studi sul corso Trento e Trieste, sede del Consorzio Universitario, sono attivi diversi corsi legati alla formazione post universitaria, con la collaborazione dell' Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" . [39]

Musei

Palazzo arcivescovile di Lanciano, sede del Museo diocesano
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo diocesano (Lanciano) .
Museo diocesano di Lanciano
si trova nel seicentesco Palazzo del Seminario in Largo dell'Appello, aperto nel 2002. Ospita testimonianze sulla storia della diocesi e oggetti provenienti dalla cattedrale , da altre chiese diocesane e dal palazzo arcivescovile , datati dal XIII secolo ai giorni nostri (paramenti liturgici, quadri, tele, affreschi, croci astili, conocchie di statue, reliquiari, libri sacri). Si segnalano in particolare le oreficerie , tra cui un crocifisso quattrocentesco opera della bottega di Nicola da Guardiagrele (dalla chiesa di Sant'Agostino). Tra i tessuti si conservano i paramenti ottocenteschi appartenuti all' arcivescovo Francesco Maria De Luca , provenienti dalla Cattedrale. Vi è contenuto un quadro attribuito alla bottega del Giorgione . [40]
Polo museale Santo Spirito
sito nell' ex convento omonimo dei Padri Celestini, il polo ospita dal 2011 il museo archeologico, due sale espositive, un'aula didattica e una sala convegni. Il museo archeologico vuole essere un lungo cammino nella storia della città e del suo territorio: partendo dal V millennio aC fino ad arrivare al municipio di età romana, con le successive fasi di epoca bizantina ed alto medievale. Il viaggio si conclude con l'esposizione nei raffinati vasi di maiolica arcaica realizzati dai vasai lancianesi in epoca medievale.
Casa-museo di Federico Spoltore
presso la casa natale del pittore Federico Spoltore (via Garibaldi, all'altezza della chiesa di Santa Maria Maggiore), sotto tutela del Ministero dei Beni Culturali dal 1987 , sono esposte alcune delle sue opere, l' archivio storico , con i documenti che illustrano la sua attività artistica e intellettuale, una biblioteca e l'istituto fondato a nome dell'artista. [41] Tra l'altro, all'interno è visibile una raccolta di armi, dipinti, mobili, maioliche , frantumi di edifici, ferri battuti ed altri elementi secondari raccolti dai fratelli Spoltore per arredare le sale del palazzo ed esaltare le origini aristocratiche della casata [42] . La casa è visitabile su prenotazione contattando i familiari dell'artista scomparso, che ne detengono ancora la proprietà.

Media

Televisione

Arte

L'arte lancianese si può dividere in architettura, scultura e pittura; sottocategorie che a loro volta, analizzando l'aspetto della cittadina abruzzese, mostrano varie stratificazioni di stili. A un primo sguardo, ciò che caratterizza architettonicamente Lanciano è l'uso della pietra tufacea locale "giallina", per la costruzione di palazzi e chiese. Questo elemento accomuna Lanciano con molti altri centri dell'area Frentana, come Castel Frentano , Paglieta , Rocca San Giovanni , Frisa e Treglio .

Il portale principale, firmato dal maestro Francesco Petrini, della chiesa di Santa Maria Maggiore

Benché abbia subito alcuni danni nei bombardamenti del 1944, Lanciano è una città perfettamente conservata nel suo centro storico, e se oggi si presentano delle mancanze, ciò è dovuto alla mano dell'uomo che ha distrutto edifici nella parte antica, come ad esempio si può ricordare il piano regolatore urbano del sindaco Gerardo Berenga, che con la complicità dell'architetto Michitelli, che realizzò nel 1819 la facciata neoclassica della Cattedrale della Madonna del Ponte , e di Filippo Sargiacomo , i quattro quartieri medievali subirono drastiche modifiche, come l'abbattimento quasi totale delle mura e delle porte di accesso (tra le più rilevanti Porta Civitanova, Porta Sant'Angelo, Porta Diocleziana, Porta San Nicola), lasciando in piedi solo Porta San Biagio; mentre nel rione Lanciano Vecchio a partire dai primi anni '40 dell'800, vennero demolite le chiese di San Martino, San Lorenzo e San Maurizio, considerata la più antica della città dopo quella di San Biagio. Il bombardamento tedesco del 1944 danneggiò irreparabilmente anche la chiesa di San Giovanni della Candelora, che venne demolita, ad accezione del campanile.

Arte romana

Tracce della città romana, che sorgeva sul Colle Erminio (Lanciano Vecchio), sotto le fondamenta delle chiese e dei palazzi della nuova cittadella medievale del XII-XIII secolo, sono visibili soltanto in determinati contesti per mancanza di scavi archeologici programmati, precisamente nel percorso sotterraneo del Ponte di Diocleziano (III sec. dC) sotto Piazza del Plebiscito, che portano alle fondamenta dell'ex convento di San Legonziano (V-VIII sec.), sopra cui sorge il Santuario del Miracolo Eucaristico, grazie a cui è possibile conoscere le varie fasi di ricostruzione riedificazione sopra strati romani della città medievale, con la piazzetta del mercato, e del convento dei monaci Basiliani sopra un'antica cisterna del I sec.

Arte romanica e gotica

Dato che le più antiche tracce del romanico a Lanciano sono andate perse (XI-XII sec), dal tempo dell'era volgare (VX sec), poiché il Sargiacomo parla dell'antica chiesetta dell'Annunziata in Piazza Plebiscito, distrutta per realizzare il sagrato del Duomo, e di cui si conserva il portale gotico posto all'ingresso del Palazzo arcivescovile, gli unici esemplari che possono condurre a una lettura dello stile architettonico romanico in città sono la chiesa di San Biagio e la porta delle mura poco distante. A considerare la rozzezza esterna della chiesa, pare fosse stata ricostruita più volte, e di interesse si conserva il fianco sinistro con alcuni contrafforti e finestre allungate dello stile cluniacense della metà del XIII secolo, ricorrenti anche nella chiesa di Santa Maria Maggiore . Il campanile molto robusto appartiene alla metà del Trecento, realizzato insieme ad altre coeve "torri sorelle" (delle chiese di San Francesco, Sant'Agostino, San Giovanni, Santa Maria Maggiore e San Nicola), ed anch'esso è uno degli elementi costituenti più rappresentativi dell'architettura della città. Il maestro che realizzò queste torri usò la pietra locale, scandendo i settori con delle cornici marcapiano a vari motivi, da quelli ad archetti pensili, all'ordine mistilineo zigzagante, mentre nei settori inserì le profonde arcate a sesto acuto, e in alcuni casi le bifore.

Interno barocco della Cattedrale della Madonna del Ponte

Gran parte delle facciate delle chiese storiche di Lanciano si presentano nello stile gotico del XIII-XIV secolo, in particolar modo quelle di Santa Maria Maggiore, Sant'Agostino e Santa Lucia. Queste chiese, già esistenti da almeno un secolo e mezzo prima della completa trasformazione gotica del primo ventennio del Trecento, vennero ristrutturate dapprima alla metà del Duecento seguendo il modello classico dell'ordine cistercense e cluniacense (per l'accomodamento dei portali a sesto acuto, e delle finestre allungate), e successivamente tra il 1317 e il 1319 definitivamente abbellite dal maestro locale Francesco Petrini (o Perrini), come dimostra l'autografo con la data di realizzazione (1317) sulla lunetta del portale principale della chiesa di Santa Maria Maggiore, presso il gruppo della Crocifissione . Petrini lavorò sicuramente in queste tre chiese, come dimostrano le varie corrispondenze, mentre per altri portali minori, come quelli appunto di Santa Lucia, San Nicola e San Francesco d'Assisi, vennero impiegate altre maestranze, l'opera di Petrini risulta assai interessante poiché il maestro reimpiegò in un'unica opera (Santa Maria Maggiore) varie diversificazioni dello stile gotico, attingendo probabilmente anche all'opera del maestro Nicola Mancino (che realizzò i portali della Cattedrale di Ortona e di Santa Maria della Civitella a Chieti).

Arte rinascimentale e barocca

Dell'arte rinascimentale, per la presenza molto massiccia del barocco di ricostruzione, a Lanciano rimane poco, almeno a livello architettonico, si segnala soltanto l'attività del pittore locale Polidoro da Lanciano , che rappresentò in questo settore dell'arte il tardo Rinascimento, e l'inizio del manierismo abruzzese dell'area Citeriore. Il barocco in città si presentò abbastanza tardi, nei primi anni del Settecento, a causa di una grave crisi economica che colpì la città, insieme alla pestilenza; venne realizzata soltanto una nuova chiesa in centro storico, quella del Purgatorio, mentre le altre medievali vennero riammodernate negli interni.

Polidoro da Lanciano: Adorazione dei Magi

Particolarmente influente in questo secolo fu l'attività dei maestri lombardi Girolamo Rizza e Carlo Piazzola, che stuccarono quasi tutte le chiese della città, mentre nella seconda metà del secolo veniva avviata definitivamente la fabbrica di Santa Maria del Ponte, con progetto della diocesi di ricostruita daccapo l'antica cappella sopra il ponte. La poderosa torre civica era stata già realizzata nella prima metà del Seicento, progettata nel 1610 da Tommaso Gottardo, mostrando nella distribuzione delle paraste, degli archi e dei capitelli a ordine ionico, molte corrispondenze con la torretta della chiesetta dell'Iconicella, in aperta campagna, tanto da esser considerata una "gemella" della torre dell'orologio della Piazza Plebiscito.
Nella fabbrica del Duomo fu molto attivo il pittore napoletano Giacinto Diano , che realizzò gli affreschi delle tre volte che precedono il transetto con la cupola circolare (anche per la cupola il Diano realizzò L'incoronazione della Vergine in gloria , ma a causa di un cedimento, la cupola venne abbattuta e rifatta daccapo negli anni '60), i quattro santi monumentali delle nicchie, e le cornici a transetto mistilineo con angeli e putti di ciascun altare laterale che avrebbe dovuto accogliere delle tele.

Arte sette-ottocentesca

Nell'edilizia civile, nel Sette-Ottocento presero definitivo aspetto i palazzi gentilizi che sorgono sopra le antiche case medievali. Di queste rimane solo un mirabile esempio nelle botteghe medievali di Nicola De Rubeis (1412) in via dei Frentani; le nuove grandi strutture furono il Palazzo Maiella-Vergilj sorto sopra i resti del castello medievale, il Palazzo De Crecchio sopra la Casa d'Avalos, il Palazzo Carabba, il Palazzo De Giorgio, il Palazzo Berenga. Nella metà dell'Ottocento vennero realizztai anche il Palazzo De Giorgio o del Capitano sopra l'area della chiesa di San Martino (oggi Largo Tappia), il Teatro comunale "San Ferdinando" (1834-40) oggi intitolato a Fedele Fenaroli , su progetto di Taddeo Salvini, ricavato dalla trasformazione delle Scuole Pie di San Giuseppe, poi il Municipio sopra le vecchie carceri, mentre con i lavori di smantellamento delle mura e risanamento urbano, la Piazza del Plebiscito veniva trasformata, perdendo una parte dei portici che caratterizzavano le basi dei palazzi con le botteghe.
Una nuova svolta urbana Lanciano l'ebbe tra la fine dell'Ottocento ei primi del Novecento, con l'inaugurazione nel 1904 del "corso nuovo" (oggi Corso Trento e Trieste), e del nuovo quartiere sopra il piano della Fiera, per permettere alla città vecchia di espandersi. Negli anni '20-'30 quest'area, così come quella del viale Cappuccini, fu interessata dalla realizzazione di varie abitazioni, palazzi di credito e di uffici, e di villini che rappresentarono un momento irripetibile del vivacismo e dello sperimentalismo architettonico liberty-moresco-neoclassico e decò, il cui maggior rappresentante fu l'architetto Donato Villante, che realizzò la maggior parte di queste strutture, di cui si ricordano il Palazzo Paolini-Contento, o dei Portici, il Palazzo De Simone, il Palazzo del Convitto, il vecchio Palazzo della Posta (demolito negli anni '70, coevo di Palazzo De Simone), il Palazzo Martelli Fantini e il Palazzo De Angelis o del Banco di Roma; mentre sul viale Cappuccini, tra le nuove costruzioni, insistono ancora gli eleganti esempi di Villa Carabba, Villa Sorge, Villa Pace, Villa D'Alessandro, Villa Colalè.

Immagine storica di Villa Carabba

Scultura e pittura a Lanciano

La scultura lancianese, insieme alla pittura è principalmente incentrata sull'arte sacra. Dagli esempi più antichi del Medioevo, come le croci astili realizzate da Nicola da Guardiagrele (metà XV sec), a quelli barocchi di paramenti liturgici e le statue lignee vestite, questa ricca collezione è stata raccolta nel Museo Diocesano nel 2002, con molto materiale prelevato dalle chiese della città. Lanciano nel campo pittorico è conosciuta per due cicli di affreschi dell'antichità, uno del XIII secolo con il ciclo delle "storie della Vera Croce", presente nella chiesa di San Nicola, e l'altro del XVI secolo presso una cappella del convento di San Francesco con scene dell'Apocalisse, tratte dai Vangeli apocrifi . Oltre al pittore Polidoro del XVI secolo, Lanciano ha avuto nel Settecento il maestro Domenico Renzetti (1679-1750), che si occupò di tele a carattere sacro, e di scultura (molte sue opere sono conservate nel Museo diocesano), e nel Novecento ebbe Federico Spoltore (1902-1988), pittore eclettico, che dipinse l'interno tutta la sua casa in via Garibaldi, le cosiddette "stanze", con scene ea carattere storico o allegorico.

Nel settore artigiano invece, Lanciano è famosa per la produzione di ceramiche, in dialetto locale "nundìne", attività secolare esistente già dall'epoca dei popoli italici Frentani, e poi proseguita nel Medioevo e nell'era moderna per gli scambi commerciali. Le botteghe artigiane esistono ancora oggi, la maiolica locale è caratterizzata sostanzialmente da sfondi bianchi per i pannelli, con rappresentazioni della città antica o di scene bucoliche, mentre per i vasi e gli utensili da cucina o da ornamento da salotto tutto lo sfondo può essere occupato da dipinti. La pittura sulla maiolica è usata anche per le campanelle di ogni sorta e forma, che sono vendute e messe in mostra nella piazza, durante la tradizionale fiera di Sant'Egidio il 31 di agosto.

Teatro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatro Fenaroli .
Il teatro Fenaroli dalla piazza

Nel 1841 fu inaugurato il teatro dedicato prima a San Francesco, e attualmente a Fedele Fenaroli , musicista locale. Il teatro d'opera è uno dei più antichi della regione, dopo il Marrucino di Chieti e ogni anno propone un calendario vario di opere in prosa, dialettali e memorialistiche, includendo anche spettacoli con attori famosi, tra i quali Giorgio Albertazzi , Orso Maria Guerrini e Lello Arena .

Il teatro si trova all'inizio di via dei Frentani da Piazza Plebiscito, ed è posto sulla destra, attaccato al palazzo comunale, sede di un originario convento dedicato a San Giuseppe con il Collegio degli Scolopi. La facciata, insieme con gli interni, è stata realizzata da Taddeo Salvini di Orsogna (la facciata è del 1840, e l'inaugurazione ci fu nel 1847). I lavori incominciarono nel 1834, dopo la sconsacrazione della chiesa di San Giuseppe, e chiamato "Teatro San Ferdinando", e divenne uno dei principali teatri d'opera d'Abruzzo insieme con il Teatro Marrucino di Chieti e il Teatro dell'Aquila. Gli interni sono stati realizzati con le pitture di Nicola De Arcangelis. Il teatro ha vissuto periodi alterni di fama e di chiusura, come la prima avvenuta nel 1876; fu restaurato varie volte. Il teatro è a pianta quadrangolare irregolare. La facciata è rialzata rispetto al dislivello della salita, decorata in stile post-classico, frutto del restauro dell'era fascista del 1939: l'ingresso è preceduto da quattro colonne doriche, che sorreggono la balaustra centrale, sormontata da cinque finestre sovrastate da placche rettangolari in rilievo con iscrizioni latine presso tre di queste, che ricordano il restauro del 1939 e la data di fondazione; l'architrave del tetto spiovente è triangolare. L'interno è costituito dall'aspetto classico del teatro d'opera all'italiana, a forma di ferro di cavallo, con 44 posti a sedere nei 4 palchi, suddivisi da festoni decorativi in stile tardo-barocco, con elementi vegetali e figure antropomorfe. Il palcoscenico è decorato da un tendone in rosso porpora, con in alto lo stemma civico di Lanciano.

Musica

Si ricorda a Lanciano la famiglia di organari dei Sabino [43] ; tra questi il massimo esponente fu il madrigalista Ippolito Sabino, ritenuto uno dei migliori rappresentanti di questo movimento in Abruzzo [44] A lui è dedicata l'associazione musicale culturale di Lanciano presso le Torri Montanare , insieme al compositore Francesco Masciangelo; l'associazione si occupa dell conservazione del materiale del Masciangelo, e organizza eventi estivi musicali.

Cucina

La cucina tipica lancianese ricomprende alcune delle pietanze più diffuse a livello regionale ma presenta anche dei piatti particolari che la contraddistinguono, fra cui: [45]

Primi piatti
  • Rintrocilo: formato di pasta lunga casereccia, costituito da maccheroni molto spessi; tipicamente è accompagnato da sugo di carne d'agnello
  • Brodo di cardone: piatto tipico delle feste natalizie, è composto da un brodo ricco, a base di carni miste e cardo , in cui vengono poi cotte delle polpettine di carne e la stracciatella di uova e formaggio grattugiato; una volta servito, vi si può aggiungere un pan di Spagna salato tagliato a dadini
  • Pizz' e foje: verdure di campo ripassate in padella con soffritto di aglio e peperone, servite insieme ad una pizza di granturco e spesso accompagnate da sardine fritte
  • Cotiche e fasciùl: zuppa di fagioli con ritagli di cotenna di maiale
Secondi piatti
  • Ciammajiche: lumache di terra cotte in umido; piatto tipico del periodo invernale, è d'uso in particolare alla Vigilia di Natale
  • Cif e ciaf: spezzatino di maiale con peperoni ed abbondante olio d'oliva, tipico del periodo invernale
  • Coniglio sotto al coppo: il coppo è una sorta di cupola di metallo, che, posta in un caminetto e ricoperta di brace, diventa strumento di cottura per vari alimenti; in particolare, a Lanciano si usa per l'agnello e per il coniglio; in quest'ultimo caso, le varianti tipiche sono due: spezzatino con patate oppure coniglio intero, ripieno con un impasto a base di pane, uova e odori vari
  • Fegatazzi: salsicce di fegato con peperoncino
  • Baccalà con i peperoni: spezzatino di pesce cotto in un sugo di pomodoro con peperoni; a volte si aggiungono alla preparazione anche delle patate a dadini
Dolci
  • Bocconotto : si pone in un canestrino di pasta frolla un ripieno a base di mandorle tritate, senza cacao e senza strato superiore di pastafrolla a coprire il tutto
  • Crispelle: dolce tipico natalizio, si realizza friggendo una pastella di acqua e farina; nella loro versione dolce, possono essere farcite con uvetta o spolverate di zucchero a velo; ne esiste anche una versione salata, che può essere farcita con cubetti di baccalà
  • Tarallucci: altro dolce delle feste di Natale, essi sono delle mezzelune composte da una sfoglia croccante di pasta (in due varianti: solo farina, olio e vino oppure con farina e uova) con ripieno di marmellata d'uva
  • La pupa, il cavallo e il cuore: dolci della Pasqua, sono realizzati in pasta frolla ricoperta da una glassa di albume e zucchero e conformata in modo da rappresentare la sagoma di una donna, di un cavallo o di un cuore; in base alla loro forma, si regalano alle figlie femmine (la pupa), ai figli maschi (il cavallo) ed alle coppie sposate (il cuore)
Altri piatti
  • Pane di Pasqua: torta rustica arricchita con uova, formaggio, salsiccia e pancetta

Eventi

Settembre Lancianese e feste della Madonna del Ponte
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rievocazione storica dell'investitura del Mastrogiurato .
Medaglione della Madonna del Ponte

Il settembre Lancianese è costituito da una serie di tradizioni e di celebrazioni che iniziano dagli ultimi giorni di agosto e si concludono il 16 settembre, giorno della festa patronale della Madonna del Ponte che comprende la rievocazione storica del Mastrogiurato , al termine di una serie di eventi a tema racchiusi nella Settimana Medievale . [46] [47]

Geografia antropica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Lanciano e Centro storico di Lanciano .

Urbanistica

La parte più antica di Lanciano si è sviluppata su tre colli piuttosto erti. Subito a nord di questi si trova la valle del Feltrino , ampia e profonda, che tuttora rappresenta il confine settentrionale dell'abitato. A sud, invece, una stretta vallata (oggi parzialmente interrata) separa il centro storico dall'area pianeggiante, su cui è stato edificata la parte moderna della città nel primo Novecento. Nel secondo dopoguerra la crescita dell'abitato si è mossa verso est (Via del Mare) e verso ovest (Viale Cappuccini), lungo il vecchio tracciato della SS 84 Frentana . Le attuali direttrici di espansione seguono le vie di comunicazione più importanti per l'accesso alla città, la SP ex SS 524 Lanciano Fossacesia (verso Fossacesia ), la SP82 (verso San Vito Chietino e la A14 ) e la SP ex-SS84 (verso l'entroterra e verso il mare). [7]

Suddivisioni storiche

Scorcio del Quartiere Lancianovecchia
Il campanile della chiesa di San Francesco, visto da via della Torre, sotto il ponte di Diocleziano

La parte medievale di Lanciano è suddivisa in quattro quartieri storici , ognuno dei quali ha un proprio stemma ed una propria bandiera. Essi sono:

  • Quartiere Borgo: attraversato al centro da Corso Roma e delimitato da Piazza Plebiscito, Largo del Malvò e Via dei Funai, via Fenaroli, via dell'Asilo, via Ravizza, comprende le chiese di San Francesco, del Purgatorio, di Santa Lucia e di Santa Chiara.
  • Quartiere Civitanova : si sviluppa intorno a Via Garibaldi, via delle Ripe, via Santa Maria Maggiore, ed ha per confini Largo del Malvò, Largo dell'Appello, via Finamore e la Salita dei Gradoni da Piazza Garibaldi; comprende le chiese di Santa Giovina e di Santa Maria Maggiore, insieme a vari palazzi storici settecenteschi, inclusa la cinta muraria delle Torri Montanare.
  • Quartiere Lancianovecchia: la sua via centrale è Via dei Frentani, mentre i suoi confini sono definiti da Piazza Plebiscito, via dei Bastioni, Piazza dei Frentani, Largo San Lorenzo e da Via degli Agorai; comprende le chiese di Sant'Agostino, di San Biagio la torre di San Giovanni.
  • Quartiere Sacca: tagliato al centro dalla parte inferiore di Via Garibaldi, è delimitato da via Cavour, via Umberto I e da Via Valera; comprende le chiese di San Nicola e di San Rocco, oltre a quella degli Angeli oggi di rito ortodosso, e palazzi storici. A sud confina con Piazza Garibaldi.

Quartieri moderni

  • Quartiere Trento e Trieste - Piano delle Fiera: sorto nei primi del Novecento e negli anni '50 nella zona storica delle fiere mercantili di Lanciano, è delimitato principalmente dal corso Trento e Trieste che dalla villa pubblica arriva alla piazza Plebiscito, e dal viale De Crecchio, via Dalmazia, corso Bandiera e via Vittorio Veneto.
  • Quartiere Cappuccini: primo quartiere residenziale moderno, sorto nel secondo dopoguerra lungo l'asse meridionale del viale Cappuccini, dall'ex porta Santa Chiara, in direzione Marcianese. Vi sono lo stadio comunale, la Banca centrale, la parrocchia di San Pietro.
  • Quartiere Sant'Antonio: sorto intorno alla parrocchia di Sant'Antonio di Padova, vi si trova anche l'ospedale civile.
  • Quartiere Santo Spirito: sorto attorno all'ex convento dei Padri Celestini, oggi Museo civico "Santo Spirito".
  • Quartiere Santa Rita: quartiere sorto negli anni '90 nella zona delle contrade Villa Stanazzo e Villa Carminello, è il quartiere moderno più grande di Lanciano.
  • Quartiere Olmo di Riccio - Santa Giusta - il più settentrionale, attraversato dalla via del Mare e da via Panoramica, via Santa Giusta, è sorto come quartiere popolare negli anni '60

Frazioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Frazioni di Lanciano .
Veduta della frazione di Santa Liberata, con alle spalle la montagna Majella

Il centro urbano di Lanciano è circondato da trentatré contrade, disseminate su tutto il territorio comunale. Esse costituiscono dei veri e propri piccoli insediamenti, ciascuno con le sue tradizioni, una propria chiesa e un nucleo abitativo ben definito. La popolazione complessiva residente nelle contrade è stimata in 12682 abitanti (dato del 2005 ). Di queste contrade, si ricordano le ville storiche di Sant'Amato, Sant'Onofrio, Santa Liberata, Marcianese, Villa Stanazzo e Santa Giusta, esistenti sin dal Medioevo, ma accresciutesi di popolazione case coloniche in stile rurale nel XVIII secolo. Le relative parrocchie sono di interesse storico, come la chiesa della Trinità in Villa Andreoli, la chiesa della Madonna degli Angeli a Villa Stanazzo, dove si verificò un miracolo di un'icona della Madonna, e la chiesa di Santa Maria d'Iconicella, la chiesa tratturale del XVII secolo prescelta per la processione natalizia della "Squilla". Altre frazioni, come Marcianese, sono divenute dei veri e proprio quartieri a sé, ben collegati alla città, con molti servizi.
Le contrade di Lanciano da almeno 200 anni sono legate profondamente alla città nel giorno del "Dono" dell'8 settembre, quando sfilano su carri dai luoghi di appartenenza, raggiungendo il centro di Lanciano, per recare i loro prodotti agricoli alla Madonna del Ponte in segno di devozione.

  • A nord:
Sant'Egidio, Santa Liberata, San Iorio, Nasuti, Spaccarelli, Madonna del Carmine, Sant'Amato, Costa di Chieti.
  • Ad est:
Santa Giusta, Santa Croce, Sabbioni, Torre Sansone, Serroni.
  • A sud:
Villa Martelli, Villa Carminello, Villa Stanazzo, Iconicella, Villa Andreoli, Re di Coppe, Colle Pizzuto, Serre, Camicie, Villa Elce, Sant'Onofrio, Rizzacorno, Colle Campitelli, Villa Pasquini.
  • Ad ovest:
Gaeta, Fontanelle, Follani, Marcianese, Torre Marino, Santa Maria dei Mesi.
Val di Sangro da Sant'Onofrio.JPG
Il fondo della valle del Sangro visto dal colle Sant'Onofrio

Economia

Commercio e zona industriale Val di Sangro

Il commercio ha sempre avuto un ruolo importante nella storia di Lanciano, a partire dalle già citate fiere, che si svolsero regolarmente dal XIII al XVII secolo, sino al periodo del decadimento durante il governo spagnolo. Le fiere riguardavano il commercio di vari prodotti agricoli, ittici, mercanzia varia, poiché la città era un crocevia lungo il grande tratturo che dalla montagna conduceva alla Puglia , mediante la val di Sangro. Nella città esisteva il Piano della Fiera, presso il Corso della Bandiera, con relativa gabella del dazio, e legata questa apertura annuale dei mercati, era il mastrogiurato , di cui dal 1981 è stata proposta una festa rievocativa che dura tutt'oggi.

Tuttora Lanciano è sede di un complesso fieristico di rilevanza nazionale, anche se ben distante dalle tradizionali fiere mercantili dei secoli passati. Si tratta del polo "Lancianofiera", situato in località Re di Coppe, lungo la strada per Fossacesia , che solitamente accoglie grande affluenza per gli eventi di tecnologia oppure dell'annuale fiera dell'Agricoltura. Un'economia industriale imprenditoriale in città iniziò nel tardo Ottocento, quando fuori dalla città vennero realizzate le fornaci di mattoni per la costruzione di case, di cui resistono dei fabbricati abbandonati in contrada Santa Liberata; nel 1912 aperse lo stabilimento tessile Tinari, e una decina d'anni dopo, poco lontano la stazione ferroviaria, nel piano di Sant'Antonio di Padova, il calzificio Torrieri, ancora oggi in piedi e in parte usato, all'epoca era uno dei più importanti della provincia di Chieti per il suo stile all'avanguardia.
Nel 1933 aperse lo stabilimento di Tabacchi presso il viale dei Cappuccini, allargatosi nel 1968, dopo un breve periodo di crisi che implicò anche un ricordato sciopero delle operaie donne, da parte dei cittadini locali; chiuso definitivamente negli anni '80, è stato abbattuto, e oggi vi sorge sopra un complesso residenziale a quattro torrioni, e una recente targa commemorativa con fotografie, apposta sul viale, ne ricorda la storia.

Il secondo periodo industriale di Lanciano è iniziato negli anni '50-'60 con l'apertura dei primi fabbricai nel quartiere dei Cappuccini, a confine col territorio di Marcianese, di cui si ricordano stabilimenti all'ingrosso, e fabbriche varie, come l'Allegrino, la Pozzolini, la Di Donato, l'Ucci, quasi tutte andate in crisi e in conseguente fallimento, nei primi anni '90, per il rinnovamento sempre più globalizzato del mercato regionale ed europeo. Questo periodo può considerarsi quello di chiusura delle principali attività imprenditoriali autonome nella città di Lanciano, ingoiate dal grande mercato internazionale.

Lanciano oggi, è il punto di riferimento commerciale per tutto il suo comprensorio ( ingrosso e grande distribuzione organizzata ). Infatti il terzo polo industriale della città sorge in località Pagliaroni, a confine coi comuni di Rocca San Giovanni e Treglio , dove si trovano molti stabilimenti di vari prodotti, e industrie.

Negli anni settanta in Val di Sangro , nel comune di Atessa , sono stati costruiti due grandi insediamenti industriali: uno della Honda e uno della Sevel , una joint venture tra Fiat e PSA per la produzione di veicoli commerciali leggeri. Questi stabilimenti hanno portato allo sviluppo di un folto indotto di piccole e medie imprese specializzate, cresciute nel tempo fino a rendere la Val di Sangro la prima realtà industriale dell' Abruzzo . Da ciò sono discese ricadute economiche positive per tutti i comuni del comprensorio.

Agricoltura e artigianato

Non va trascurato il ruolo dei settori tradizionali: l' agricoltura e l' artigianato . La prima si basa sulla coltivazione di ulivi e vigne , da cui deriva una buona produzione di olio e vino (certificata da marchi DOP e DOC ). Il secondo sta ritornando in auge soprattutto per quanto riguarda le terrecotte , un settore in cui Lanciano vanta una tradizione secolare, oltreché per la tradizionale produzione di mobili rustici e per l'arte orafa . [48]

Area Fiera Lancianese e le "Vie del Commercio"

Miracolo eucaristico di Lanciano

Un ruolo fondamentale nello sviluppo economico di Lanciano è stato svolto dal 1961 ad oggi dal Consorzio Autonomo Ente Fiera di Lanciano [49] , costituito dal Comune di Lanciano, Provincia di Chieti, Regione Abruzzo, Camera di Commercio di Chieti, Banca Popolare dell'Emilia-Romagna e Consorzio Agrario d'Abruzzo. Nel 1995 il Consorzio, con una specifica legge della Regione Abruzzo è stato dichiarato polo fieristico regionale abruzzese ed ha assunto la denominazione commerciale di Lancianofiera, con cui promuove ogni anno numerose rassegne nell'area espositiva di località Iconicella. La manifestazione più importante è la Fiera Nazionale dell'Agricoltura, giunta nel 2011 alla 50ª edizione, che si svolge ogni anno nel mese di aprile. Sono circa 600 le ditte italiane ed internazionali che partecipano alla rassegna, diventata la principale dell'Italia centromeridionale. Tra le altre fiere vanno ricordate "Ruote e Motori show" sul mondo delle 2 e 4 ruote, "Abitare Oggi" sull'edilizia, arredamento e design, "Agroalimenta" sulle eccellenze agroalimentari italiane. Ad ogni fiera, da sempre, è legato un ricco programma convegnistico sulle tematiche di più stretta attualità che riguardano i settori di riferimento. Nel corso della Fiera dell'Agricoltura, ad esempio, già nei primi anni ottanta si tennero le prime conferenze sull'agricoltura biologica.

Turismo

Il turismo a Lanciano è prevalentemente religioso e artistico. La meta più frequentata da italiani e stranieri è il miracolo eucaristico di Lanciano situato nel convento di San Francesco d'Assisi, tuttavia il turismo culturale e artistico riguarda anche tutto il centro storico, per la sua integrità architettonica, non essendo stata interessata da devastazioni, distruzioni belliche o manomissioni speculative. Principalmente il centro si riempie di turisti durante le storiche manifestazioni sacre e civili della città, ossia durante la Settimana Santa, durante il Natale, durante la festa patronale della Madonna del Ponte (16 settembre), e durante la fiera del "settembre lancianese", che ha al centro la rievocazione medievale del Mastrogiurato.

Infrastrutture e trasporti

Treno turistico in stazione di Lanciano

Strade

Le principali direttrici di collegamento che attraversano il territorio comunale sono l' Autostrada A14 Adriatica , con il relativo casello di Lanciano, la SS 84 , la SS 524 , e la strada provinciale Lanciano-Atessa.

Ferrovie

Lanciano ha una sua stazione ferroviaria sulla Ferrovia Sangritana ; un altro l'impianto, denominato San Vito-Lanciano , sorge lungo la ferrovia Adriatica . La linea storica della Sangritana , che arriva fino a Castel di Sangro, è interrotta per ricostruzione dal 2007 [50] . La stazione storica di Lanciano, che conserva ancora i caratteri stilistici storici novecenteschi, è stata realizzata tra il 1912 e il 1915, prospettante nella Piazza Camillo dell'Arciprete, all'ingresso del viale della villa pubblica, ed ancora in parte funzionante, ma molto di meno, dopo che dagli anni '90 al 2011 sono state interrotti i traffici delle storiche stazioni presso Guardiagrele - Castelfrentano - Casoli - San Vito Chietino (1864). L'area viene usata per i servizi essenziali dei viaggiatori, locale di ristoro, e piazzale di parcheggio delle autolinee urbane ed extraurbane, nei primi anni 2000 è stata realizzata una seconda palazzina più moderna per ospitare gli uffici amministrativi e la biglietteria. Il tracciato dei binari della vecchia stazione tuttavia è ancora ben conservato, e attraversa i quartieri moderni della città di Santo Spirito e dei Cappuccini, sicché sono stati presentati vari progetti per un recupero, anche turistico, per essere usufruiti da una tranvia.

La nuova stazione è stata realizzata nel 2009-2011 in viale Bergamo, sotto il colle della chiesa di Sant'Antonio di Padova, dotata dei servizi essenziali, 2 coppie di binari, alcuni usati per il deposito vagoni, che successivamente si riducono a uno solo, per allacciarsi alla stazione di San Vito Marina, e collegarsi alle tratte della ferrovia Adriatica Ancona-Foggia, a nord andando verso Ortona-Pescara, a sud verso Fossacesia-Vasto.

Mobilità urbana

La mobilità all'interno del territorio comunale è assicurata da 11 linee di autobus urbani [51] . Servizi interurbani ed extraurbani collegano Lanciano con tutte le principali località abruzzesi ed i più importanti centri italiani [50] [52] [53] [54] [55] .

La storia della mobilità sulla strada a Lanciano principia nel 1912, quando iniziarono i lavori della ferrovia Sangritana , termina nel 1915, che collegava San Vito Chietino sull'Adriaico con Ortona (lungo la strada ferrata Ancona-Foggia) con i centri della montagna dell'Alto Sangro, arrivando a Castel di Sangro , per riallacciarsi alla ferrovia Sulmona-Carpinone-Isernia. La ferrovia storica a Lanciano è stata chiusa nei primi anni 2000, con apertura di una seconda stazione sotto il colle di Sant'Antonio di Padova, per la nuova tratta San Vito-Ortona-Pescara ecc., mentre la ferrovia storica viene usata solo sporadicamente. Il piazzale della vecchia stazione viene tut'ora usato come autostazione per gli autobus della linea "Sangritana - TUA", mentre la linea privata DiFonzo Bus usa il Piazzale Memmo o della Pietrosa, nei pressi nel rione Borgo.

Amministrazione

Torre campanaria e municipio. Sulla torre campanaria si trova la Squilla , e ogni giorno da qui con un colpo di cannone a salve si segnala il mezzogiorno.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Lanciano .

Gemellaggi

Lanciano è gemellata con:

Sport

Stadio comunale "Guido Biondi"
La formazione del Lanciano Calcio 1920 nello Stadio Guido Biondi di Lanciano

La principale squadra di calcio cittadina è il Lanciano Calcio 1920 , che nella stagione 2020-2021 disputa il campionato di Eccellenza Abruzzo . La seconda squadra è l'Athletic Lanciano invece milita in Prima Categoria abruzzese, girone B. Dal 2012 al 2016, prima del fallimento, la Virtus ha giocato in serie B. Il principale campo comunale della città è lo stadio Guido Biondi , nel quartiere Cappuccini.

L'Asd Lanciano Special è una società di calcio a 7 composta da ragazzi con disabilità intellettiva relazionale e diagnosi psichiatriche. La squadra è iscritta al campionato FIGC della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale .

Il circolo tennis lanciano ha militato per 4 anni di fila nel campionato di A2. Ora milita in quello di serie B

Nel campionato di serie C femminile di pallavolo milita la Asd Volley Ball Lanciano.

Nel campionato di serie C2 di baseball milita la Eagles 29 Baseball Lanciano.

Nel campionato di serie D regionale di pallacanestro milita l'Azzurra Basket Lanciano . [63]

Nel CIF9 , campionato italiano di football americano a 9 giocatori e nella Senior League, campionato italiano di flag football militano i Goblins Lanciano. [64]

Lanciano è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia di ciclismo:

Impianti sportivi

Note

  1. ^ Ministero dell'interno - Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali
  2. ^ a b Filippo Tronca, I REDDITI ABRUZZESI: PRIMA PESCARA, L'AQUILA SECONDA E SEMPRE PIU' RICCA , su Abruzzo Independent , 5 maggio 2016. URL consultato il 27 marzo 2019 .
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2021.
  4. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  6. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani. , Milano, Garzanti, 1996, p. 342, ISBN 88-11-30500-4 .
  7. ^ a bRilevazioni da Google Maps
  8. ^ Tabella climatica mensile e annuale ( TXT ), in Archivio climatico DBT , ENEA (archiviato dall' url originale il 2016 circa) .
  9. ^ Anton Ludovico Antinori , Annali degli Abruzzi , VI, Bologna, Forni Editore, 1971, p. sub anno 1061.
  10. ^ Guida Storico-Artistica di Lanciano Archiviato il 3 ottobre 2015 in Internet Archive .
  11. ^ a b Il sito ufficiale della Presidenza della Repubblica
  12. ^ a b Gigli e lancia nel nuovo stemma della città
  13. ^ Emblema della Città di Lanciano (Chieti) , su presidenza.governo.it . URL consultato l'8 aprile 2020 .
  14. ^ Relazione stemma della città di Lanciano
  15. ^ Lanciano , su quirinale.it .
  16. ^ Gli antichi quartieri di Lanciano , su tuttolanciano.it . URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2015) .
  17. ^ Lancianovecchia , su lanciano.it .
  18. ^ Chiesa di Santa Maria del ponte ( PDF ), su sangroaventino.it .
  19. ^ Chiesa di Santa Maria Maggiore ( PDF ), su sangroaventino.it .
  20. ^ San Francesco , su lanciano.it .
  21. ^ San Nicola di Bari , su tuttolanciano.it . URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2015) .
  22. ^ Chiesa di S. Agostino di Lanciano , su cassiciaco.it . URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2016) .
  23. ^ Anton Ludovico Antinori , Annali degli Abruzzi , VI, Bologna, Forni Editore, 1971, pp. sub anno 1090 sub voce "Chieti".
  24. ^ San Biagio , su lanciano.it .
  25. ^ Santa Lucia , su lanciano.it .
  26. ^ La chiesa di Santa Chiara , su tuttolanciano.it . URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2015) .
  27. ^ Pittori di Vasto dell'Ottocento, Francesco Paolo Palizzi , su vastospa.it . URL consultato il 28 gennaio 2017 .
  28. ^ Santa Giovina , su tuttolanciano.it . URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  29. ^ Porta di San Biagio ( PDF ), su sangroaventino.it .
  30. ^ Porta urbica di Via Umberto I ( PDF ), su sangroaventino.it .
  31. ^ Torri Montanare ( PDF ), su sangroaventino.it .
  32. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  33. ^ demo.istat.it , http://demo.istat.it/str2017/index.html . URL consultato il 10 marzo 2019 .
  34. ^ settimana santa , su eventiesagre.it .
  35. ^ Processione degli Incappucciati , su eventiesagre.it .
  36. ^ La Settimana Santa a Lanciano , su eventiesagre.it .
  37. ^ Le tradizioni Lancianesi
  38. ^ Biblioteca Raffaele Liberatore , su comune.lanciano.chieti.it:8080 (archiviato dall' url originale il 15 novembre 2015) .
  39. ^ Lanciano, formazione: accordo con università Urbino , su ageabruzzo.it . URL consultato il 27 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 3 settembre 2014) .
  40. ^ Museo diocesano , su tuttolanciano.it . URL consultato il 14 aprile 2020 (archiviato dall' url originale il 1º novembre 2009) .
  41. ^ Casa Museo di Federico Spoltore , su tuttolanciano.it . URL consultato il 12 maggio 2020 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  42. ^ Palazzo Spoltore ( PDF ), su sangroaventino.it .
  43. ^ Corrado Marciani, Scritti di storia , I, "Organari lancianesi nel 1500 e il madrigalista Ippolito Sabino da Lanciano", 1998
  44. ^ AA.VV. Il primo libro dei madrigali a cinque voci del 1570 di Ippolito Sabino , a cura di Alberto Mammarella, Bongiovanni, Bologna 2007
  45. ^ Itinerario eno-gastronomico e culinario di 6 giorni a Lanciano e dintorni Archiviato il 3 ottobre 2015 in Internet Archive .
  46. ^ Mastrogiurato , su lanciano.it .
  47. ^ Il Dono , su lanciano.it .
  48. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 2, Roma, ACI, 1985, p. 18.
  49. ^ Consorzio Autonomo Ente Fiera di Lanciano , su lancianofiera.it .
  50. ^ a b Ferrovia Adriatico Sangritana
  51. ^ Di Fonzo: autolinee locali Abruzzo
  52. ^ Autolinee Di Fonzo , su difonzobus.com .
  53. ^ Autolinee Arpa , su arpaonline.it .
  54. ^ Autolinee Baltour , su baltour.it .
  55. ^ ProntoBus , su prontobusitalia.it .
  56. ^ Perché siamo emigrati in Argentina Archiviato il 3 gennaio 2015 in Internet Archive .
  57. ^ Gemellaggio/patto di amicizia - Lanciano/Vaughan Archiviato il 3 ottobre 2015 in Internet Archive .
  58. ^ FINLANDESI VISITANO ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI , su perho.com . URL consultato il 15 luglio 2021 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  59. ^ Gemellaggio con Qala , su lanciano.it (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  60. ^ Lanciano, arriva il quarto gemellaggio Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive .
  61. ^ Lanciano si gemella con la città tedesca di Riedenburg in nome delle comuni origini medievali - Lanciano 24 , in Lanciano 24 , 9 maggio 2015. URL consultato il 21 maggio 2018 .
  62. ^ Lanciano e Laterza sono gemellati: oggi la sottoscrizione del patto , su Chieti Today , 5 ottobre 2018. URL consultato il 5 giugno 2020 .
  63. ^ Sito ufficiale dell'Azzurra Basket Lanciano , su azzurrabasketlanciano.it . URL consultato il 16 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2018) .
  64. ^ Goblins Lanciano home page , su goblinsaft.altervista.org . URL consultato il 16 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 23 marzo 2018) .

Bibliografia

  • Anton Ludovico Antinori, Storia ecclesiastica di Lanciano , Coppa Zuccari editore, 1928
  • Domenico Priori, La Frentania , Carabba editore, Lanciano 1941-1964, 3 voll.
  • Florindo Carabba, Lanciano. Un profilo storico , 3 voll. 2000-2010
  • AA. VV., Lanciano. Guida storico-artistica , Carsa editore, 1998
  • Maurizio Angelucci, Contradando per Lanciano , 2002.
  • Maurizio Angelucci, Se scrive Lanciane, se legge Langián(e) , Fonologia, Morfologia e sintassi della parlata lancianese, 2007.
  • Melissa Di Giovanni, Umberto Nasuti, Le Acque a Sant'Egidio. Identità culturali. , Rivista Abruzzese, 2013, ISBN 978-88-96804-38-4 .
  • Umberto Nasuti, La Fontana di Longino , Editrice Itinerari, 2010, ISBN 978-88-86939-26-3 .
  • Giovanni Nativio, Lanciano, o cara (pp. 208), ed. Itinerari, Lanciano, 1979.
  • Antonio Pasquini, Lanciano - Dall'Adriatico alla Majella / From the Adriatic Sea to the Majella , Editrice Itinerari, Lanciano, 2005.
  • Simonluca Perfetto, Monete e zecca nella Terra di Lanciano. Un particolare caso di demanialità sub signo Aagonum (1441-1554) , Lanciano, Carabba, 2013.
  • Simonluca Perfetto, Lanciano demaniale in fiera. Il 'privilegio dei privilegi' e la sua ignota zecca barocca (1212-1640) , Castiglione delle Stiviere, PresentARTsì, 2014.
  • Vittorio Renzetti, Le Ceramiche di Lanciano , Terra e Gente, Ed. Itinerari Lanciano, 1994.
  • Vittorio Renzetti, Vittoria De Cecco, Emiliano Giancristofaro, Guida storico artistica di Lanciano , Ed. Comune di Lanciano, 1993.
  • Touring Club Italiano, Guida d'Italia , vol. Abruzzo .
  • Stella Traynor Moratvska, Longino, soldato romano di Lanciano (pp. 168), trad. di Domenico Policella, 1999, ed. Itinerari, Lanciano.
  • Urbano Riccardo, Abruzzo, colori, atmosfere, emozioni (pp. 336), Ed. Tabula, 1978.
  • Urbano Riccardo, Lanciano Centro storico , 1975, pagg. 155, Ed. OGA Lanciano.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 125538427 · GND ( DE ) 4098975-6 · BNF ( FR ) cb13511483h (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n84107072
Costa dei Trabocchi Portale Costa dei Trabocchi : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Costa dei Trabocchi