Lecce

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Lecce (desambiguació) .
Lecce
comú
Lecce - Escut d'armes Lecce - Bandera
Lecce - Vista
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Escut d'Apulia.svg Puglia
província Escut de la província de Lecce.svg Lecce
Administració
Alcalde Carlo Salvemini ( centre-esquerra independent ) de l'1-6-2019
Territori
Coordenades 40 ° 21'07.24 "N 18 ° 10'08.9" E / 40.352011 ° N 18.169139 ° E 40.352011; 18.169139 (Lecce) Coordenades : 40 ° 21'07.24 "N 18 ° 10'08.9" E / 40.352011 ° N 18.169139 ° E 40.352011; 18.169139 ( Lecce )
Altitud 49 m snm
Superfície 241 [1] km²
Habitants 93 700 [2] (31/01/2021)
Densitat 388,8 habitants / km²
Fraccions Frigole , San Cataldo , San Ligorio , Torre Chianca , Torre Rinalda , Villa Convento
Municipis veïns Arnesano , Cavallino , Lequile , Lizzanello , Monteroni di Lecce , Novoli , San Cesario di Lecce , Squinzano , Surbo , Torchiarolo ( BR ), Trepuzzi , Vernole
Altra informació
Codi Postal 73100
Prefix 0832
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 075035
Codi cadastral E506
Placa EL
Cl. sísmic zona 4 (sismicitat molt baixa) [3]
Cl. climàtic zona C, 1 153 GG [4]
Anomenar habitants Lecce
Patró sant'Oronzo , Giusto i Fortunato
Festa 26 d’agost
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lecce
Lecce
Lecce - Mapa
Posició del municipi de Lecce dins de la província del mateix nom
Web institucional
La plana salentina per zones pedològiques

Lecce ( AFI : / ˈleʧʧe / [5] escolta [ ? · Informació ] ; Lécce a Salento ; Λουππίου, Luppìu en griko [6] ) és una ciutat italiana de 93 700 habitants [2] , capital de la província homònima de Pulla . Situada en una posició gairebé central de la península del Salento , entre la costa adriàtica i la jònica , és la capital de la província més oriental d' Itàlia .

Els antics orígens messapians i les restes arqueològiques de la dominació romana el situen entre les ciutats d’ art d’Itàlia [7] . Lecce es distingeix per la riquesa i l'exuberància del barroc típic del segle XVII de les esglésies i palaus del centre, construït amb la pedra de Lecce local, pedra calcària molt adequada per treballar amb el cisell. El desenvolupament arquitectònic i l'enriquiment decoratiu de les façanes es va tenir especialment en compte durant el Regne de Nàpols i va caracteritzar la ciutat d'una manera tan original que va donar lloc a la definició del barroc de Lecce .

Allotja la Universitat del Salento i va ser la capital italiana de la cultura el 2015. [8]

Geografia física

Territori

A la geografia local Lecce ocupa la part centre-nord de la plana salentina, a l’anomenat tauler de Lecce , una vasta i uniforme terra baixa de Salento entre els turons adossats del Murge , al nord, i els hivernacles salentins , al sud. La zona es caracteritza per un sòl particular, calcari-margós del Miocè , que al sud d'Itàlia es troba gairebé exclusivament a la Terra d'Otranto i que es coneix comunament com a " pedra de Lecce ", fàcilment excavable i tallable. La morfologia del territori és de tot el pla .

Les característiques del territori són les poderoses capes de terra vermella i l’absència de vies fluvials superficials. El terreny càrstic, però, té innombrables dolines (anomenades vore o capoventi ), punts de crida per a les precipitacions, que transporten aigua al subsòl, alimentant el nivell freàtic . Nombrosos canals excavats per facilitar el flux de pluja cap a les dolines i, per tant, per evitar la formació de pantans, llauren la superfície. El territori del municipi de Lecce és travessat per l' Idume , un riu subterrani que desemboca al mar Adriàtic a prop del port esportiu de Torre Chianca , formant la conca d'Idume [9] .

El territori municipal s’estén per 241,00 km² i té vistes al mar Adriàtic durant més de 20 km. Inclou els ports esportius de San Cataldo , dividits administrativament entre Vernole i Lecce, Frigole , Torre Chianca , Spiaggiabella i Torre Rinalda i el llogaret de Villa Convento , administrat en part pel municipi de Novoli i el suburbi de San Ligorio . La localitat de Casalabate va passar el 15 de maig de 2012 sota la jurisdicció dels municipis de Squinzano i Trepuzzi a causa del resultat del referèndum consultiu del 12 i 13 de juny de 2011 [10] . L' enclavament del municipi de Surbo està tancat al territori municipal de Lecce. El territori de Lecce limita amb el mar Adriàtic al nord i a l’est, al sud amb els municipis de Lequile , San Cesario di Lecce , Cavallino , Lizzanello i Vernole , a l’oest amb Squinzano , Trepuzzi , Novoli , Arnesano i Monteroni di Lecce .

La població es concentra fortament a la part més meridional del territori municipal, on s’aixeca la ciutat, mentre que el territori al nord, format en gran part per zones d’interès paisatgístic i ambiental, està poc poblat.

Clima

L’ estació meteorològica de referència és l’ estació meteorològica de Lecce Galatina situada a 15 km al sud. Sobre la base de les mitjanes climàtiques de el període de 1971 - 2000 , la mitjana de temperatura del mes més fred, gener , és de 9 ° C, mentre que la del mes més calent, agost , és 26; ° C.

La precipitació mitjana anual és de 484 mm, de mitjana, distribuïda en 69 dies de pluja , amb un mínim a l’estiu , màxim a la tardor i màxim secundari a l’ hivern .

A continuació es mostra la taula amb les mitjanes climàtiques registrades durant els trenta anys 1971 - 2000 i publicades a l’Atles Climàtic d’Itàlia del Servei Meteorològic de la Força Aèria durant els mateixos trenta anys, mentre que els valors absoluts fan referència a tota la sèrie històrica. de l'estació. [11] [12] [13] [14]

OBSERVATORI METEOROLICALGIC DE LECCE
( 1991 - 2011 )
Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 15.2 16,5 18,5 23.0 26,8 31.3 33,9 34,6 30,9 27.1 20.1 16.2 16.0 22,8 33.3 26.0 24,5
T. min. mitjàC ) 8.1 9.3 12.3 15,5 17.2 21.2 23,7 24,8 22.1 19.3 14.7 10.0 9.1 15.0 23.2 18,7 16,5
Precipitacions ( mm ) 52.3 67,8 44,0 29,8 19.3 15.1 3.2 9.2 22.6 60.3 94,1 66.1 186,2 93,1 27,5 177,0 483,8

Orígens del nom

Els geògrafs grecs antics, Estrabó, Ptolemeu, coneixen el topònim (grec) Λουππίαι Luppíai o Λουπία Lupía , els llatins donen Lupiae i a l’edat mitjana Lipiae , d’on deriven llavors Licce i Lecce , amb un resultat fonètic regular per a la regió; l'etimologia de Lupia és tanmateix difícil de trobar i no hi ha consens entre els estudiosos; no obstant això, s'ha fet la hipòtesi d'una connexió amb el nom del llop [15] .

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Lecce .

Edat antiga

La història de Lecce comença en una època anterior a la de Roma, ja que té les seves arrels ja a l’època messapiana . El primer assentament va ser fundat per les poblacions procedents d’ Il·líria durant les migracions del III mil·lenni aC i coneix el període de major maduresa als segles VII i IV aC . Segons una llegenda, la ciutat va néixer cap al 1200 aC , gràcies a Malennio , immediatament després de la destrucció de Troia , i que seria el primer a dominar aquesta zona i a introduir la cultura grega a la ciutat, llavors anomenada Sybar [16] .

Al segle III aC Roma va conquerir tot Salento, per tant també Sybar, que havia canviat el seu nom per Lupiae, i la propera Rudiae , la ciutat on va néixer el poeta Quinto Ennio que, als Annales , va cantar sis segles d’història romana, a partir de l'arribada d' Enees a la costa del Laci. Entre finals de l’època republicana i principis de l’època imperial , Lupiae està envoltada de muralles, construïdes sobre les messapianes, amb un fòrum , un teatre i un amfiteatre i una sortida al mar: Porto Adriano, l’actual marina de Sant Cataldo .

Es creu que l’ evangelització de Lupiae pel patrici Publio Oronzio que, convertit al cristianisme per Giusto, deixeble de sant Pau , hauria estat el primer bisbe i el primer màrtir de la ciutat, es remunta a l’ època neroniana .

Edat medieval

Després d’un breu període de dominació grega, va ser saquejat per Totila , el rei ostrogòtic , el 542 i el 549 i va romandre sota el domini de l’ Imperi Romà d’Orient durant cinc segles, eclipsat pel poderós Otranto , capital del domini bizantí. Posteriorment, a partir del segle VI , els sarraïns , els bizantins , els llombards , els hongaresos i els eslaus es van fer per torns.

Tancredi d'Altavilla

Va ser la conquesta normanda la que va revifar Lecce, com a centre comercial, i va estendre el seu territori fins a convertir-se en la capital del Salento . De fet, a partir de Goffredo ( 1069 ) els comtes normands van celebrar la cort aquí i va néixer aquí l'últim rei normand, Tancredi , fill de Roger III . Els normands van ser seguits pels suevos de Frederic II i els angevins . El període històric entre el 1055 i el 1463 passa pel nom de Comtat de Lecce .

Edat moderna

"La ciutat de Lecce, que després de Nàpols, la capital d'aquest regne, és la més famosa per la magnificència dels seus edificis i per la freqüència dels habitants i per l'esplendor dels costums civils i per la riquesa de la gent de mar".

( Giambattista Vico , 19 d'octubre de 1731 [17] . )

Des de 1463 Lecce va estar directament sotmesa al Regne de Nàpols sota la monarquia de Ferrante d'Aragona . Amb els aragonesos la ciutat va adquirir cada vegada més importància fins que es va convertir en una de les ciutats mediterrànies més riques i amb més vida cultural. En aquest període es va desenvolupar en trànsit comercial amb comerciants florentins, venecians, grecs, genovesos, albanesos i va ser un important centre cultural.

En els dos segles següents Salento va ser amenaçat en diverses ocasions per les incursions turques, tant que sota el regnat de Carles V la ciutat va ser dotada de noves muralles i un castell i l'actual Porta Napoli .

El 1630 va ser l'any en què va començar la construcció de moltes estructures religioses. En el període espanyol, la ciutat es va transformar en un veritable lloc de construcció a l'aire lliure, per a les nombroses obres civils i religioses, que particulars, clergues, congregacions eclesiàstiques, van treballar dur per erigir; en un crescendo d’obres cada vegada més boniques i importants.

Una terrible epidèmia de pesta va devastar Lecce el 1656 . Les víctimes foren milers i la tradició religiosa explica que, després d’una llarga espera, es produí un miracle per la intercessió de sant Oronzo , que per aquest motiu fou proclamat patró de la ciutat. Anteriorment la patrona era santa Irene .

El 1734 , després de la breu dominació austríaca , després del perill d'una restauració espanyola, la noblesa va prendre el poder. El 1821 Lecce va participar en el moviment Carbonaro i va enviar un exèrcit de resistència a les tropes austríaques. El 1848 es va formar un govern provisional i es va fundar el partit liberal: durant aquests anys va signar el memoràndum de les Províncies Confederades i va participar en el moviment liberal del Sud. Després de la unificació d'Itàlia , en particular entre el 1895 i el 1915 , la ciutat va experimentar una notable activitat constructiva amb la construcció de nombroses obres públiques i la primera expansió fora de les muralles. Es van crear nous barris neoclàssics, neorobos i neogòtics [18] .

Símbols

Lecce-Stemma.png
Lecce-Gonfalone.png

Perfil heràldic de l'escut:

" Plata al llop negre que passa pel tronc d'un alzinar de glàndula verda, arrencada i daurada ".

( RPD 20 d'abril de 1942 )

Perfil heràldic de la pancarta:

" Drap de blanc ... "

Història

La història de l’escut cívic de la ciutat de Lecce i la seva realització va començar el 1869, arran d’una iniciativa editorial amb la qual l’impressor de Treviso Gaetano Longo pretenia recollir en una obra tots els escuts de tots els municipis del nou Regne d'Itàlia. El llavors alcalde Michele Lupinacci es va mobilitzar per obtenir una arma i un escut que reflectís dignament la història i les tradicions de la ciutat de Lecce. L'alcalde Lupinacci va encarregar al duc Sigismondo Castromediano, membre de la Comissió Conservadora de Monuments Històrics i Belles Arts de Terra d'Otranto, que creés un disseny blasó de l'escut i la descripció heràldica relacionada. Va confiar la tasca a l’erudit Luigi De Simone que va aconseguir obtenir dues còpies de l’arma Lecce del pintor Giovanni Grassi. El 10 de març de 1896, el conseller municipal Nicolò Foscarini, després del vot unànime de l’ajuntament, va aprovar les "insígnies" de Lecce. Un cop establerts per la Comissió els elements que haurien d’haver compost l’escut de la ciutat, la tasca de crear els dissenys de l’escut, l’uniforme i la pancarta dels ciutadans va ser confiada per l’alcalde Giuseppe Pellegrino a l’expert en heràldica. : conca del baró Spongano Filippo. Amb l'arribada del feixisme, les autoritats i l'administració pública van proposar crear un nou escut sobre la base del ja aprovat, però amb l'escut ampliat per contenir al Capo del Littorio, de color vermell porpra, el paquet Littorio d'or, envoltat de dues branques de roure i llorer. El 24 d'agost de 1938, l'administració de la ciutat en la figura del comendador Antonio Bruno, ajudat pel secretari general del municipi, Emilio Faivre, va decidir la substitució, amb l'objectiu de legitimar el Cap del Littorio sobre l'arma antiga, considerada un "símbol de a 'Va ser que tots els anteriors els dominen i se superposen a tots ”. El 20 d'abril de 1942 es va emetre el Decret pel qual el municipi pot fer ús d'un escut il·luminat que conté els canvis realitzats. L’ús del nou escut dura fins al 1945, any en què la caiguda del règim marca el retorn de l’escut a la seva forma original.

Figures Blasonic

Les figures blasones són l’alzina i la lloba, representades de la següent manera: "una lloba negra natural, que passa de dreta a esquerra de l’espectador, sota un alzinar verd, arrencat i fructífer d’or, en una plata camp, escut samnita, superat per una corona de comte ".

El nom de Lupiae recorda la lloba de la qual va néixer Lecce, mentre que la referida a Lecce fa referència a l’alzina que hauria ofert refugi a la lloba.

L'alzina és un arbre característic de la Terra d'Otranto.

El Crown Comital recorda com Lecce, arran de l’arribada dels normands a Pulla i de l’assentament a la ciutat del comte Gaufrido, fill d’Accardo, fins l’any 1463, any en què va morir Giovanni Antonio Orsini Del Balzo, va ser la capital del comtat homònim.

Es tria la plata com a color, ja que es trobava prèviament en les miniatures d’un diploma de 1536 amb el qual Carles V havia atribuït el títol de cavaller daurat a Alfons Mosco de Lecce. [19]

Honors

Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat
-Estatut del municipi

Monuments i llocs d'interès

És ric en testimonis i obres d’art dels períodes romà, medieval i renaixentista. Però caracteritzar la ciutat és el barroc que explota en una declinació molt particular i específica, i l’estil de l’arquitectura és tan personal que mereix el sobrenom de barroc de Lecce . Aquest estil arquitectònic es va estendre a Lecce al segle XVII , durant la dominació espanyola, substituint l'art clàssic i creant un estil que deixava espai per a la fantasia i la imaginació, gràcies també a la pedra local, la pedra de Lecce : una pedra calcària suau i compacta, amb i colors daurats que es presten molt bé a treballar amb el picapedrer [20] .

Arquitectures religioses

Basílica de Santa Croce

Entre els monuments arquitectònics més importants de la ciutat hi ha les seves esglésies i les diverses dominacions estrangeres que han marcat la història de Lecce també han influït en la religiositat de la població, com en el cas dels normands , els angevins i els aragonesos . Després d'aquestes dominacions, la ciutat va estar fermament lligada a la Contrareforma , sota el domini dels Habsburg d'Espanya [21] . A més de la catedral, que representa el centre de la vida religiosa, quaranta esglésies estan repartides pels carrers i places de Lecce, tres de les quals tenen la dignitat de basílica menor .

Duomo

Esglésies principals

Església de Sant'Irene

Altres esglésies

Convents

El Palazzo dei Celestini es troba al costat de la basílica de Santa Croce i va ser construït entre 1659 i 1695 per Giuseppe Cino i Cesare Penna segons un projecte de Giuseppe Zimbalo .

Palazzo dei Celestini

La façana presenta uns delicats dissenys ornamentals al costat de les finestres i l’entrada, amb costures florals i festons, i és un exemple de barroc sobri, força rar de veure a la Lecce del segle XVIII. Un cop es va instal·lar el convent delcelestí , el palau és la seu del palau del govern ( prefectura ) i de l’administració provincial.

El monestir teatral és adjacent a l’ església de Santa Irene i és un edifici barroc, seu, durant diversos segles, dels pares teatrals . Amb la supressió de les ordres religioses, l'església i el monestir van ser cedits al municipi de Lecce, que es va ocupar de preservar l'obertura al culte de l'Església confiant-la a dos pares teatrals de Lecce. El monestir es va utilitzar primer com a caserna, després com a escola i finalment va acollir algunes oficines municipals. Després d’una acurada restauració, s’utilitza com a contenidor cultural, per a exposicions i fires. Famosa és l'exposició de pessebres que se celebra cada any al desembre.

El Monestir dels Carmelites és adjacent a l’ Església del Carmine , és un edifici construït a principis dels segles XVI i XVII, per als Pares Carmelites , que van arribar a la ciutat el 1481. Les habitacions del convent s’organitzen al voltant un claustre quadrangular les elevacions internes del qual mostren els signes d’intervencions del segle XIX; acull el rectorat de la Universitat del Salento .

El convent dominicà de San Giovanni D'Aymo va ser fundat a la segona meitat del segle XIV per Giovanni d'Aymo. L'edifici, reconstruït a la primera meitat del segle XVIII per Emanuele Manieri, va albergar, després de la supressió dels ordes religiosos, la Manifattura Tabacchi. Després d'una acurada restauració es va convertir en la seu de l' Acadèmia de Belles Arts .

El Palazzo del Collegio dei Gesuiti és una construcció del segle XVI, iniciada el 1574 després de l'arribada dels religiosos a la ciutat. L'edifici, caracteritzat per un gran claustre i la majestuositat de l'interior, va patir nombroses modificacions després del 1767, any en què es va suprimir l'ordre. Al llarg de les dècades, l’edifici va ser la seu d’un internat a nivell universitari amb càtedres de medicina i dret i dels despatxos judicials, tal com desitjava Giuseppe Bonaparte .

El Convent dels Agustins es va fundar el 18 d'abril de 1649 en una zona donada als monjos per la Universitat que, deu anys abans (13 de març de 1639) havia decidit donar la benvinguda a aquesta ciutat. El monestir era un ric contenidor cultural ja que s’hi desenvolupava una activa vida cultural i religiosa. Es va convertir en el centre d'una escola de filosofia que va existir fins al 1852 quan es va transformar en caserna; S’està treballant en la recuperació funcional del complex.

L' ex conservatori de Sant'Anna , adjacent a l' església de Sant'Anna , va ser fundat el 1679 per voluntat del noble de Lecce Bernardino Verardi. El Conservatori tenia la seu a l’antic palau Verardi. El 1764 l'edifici va ser renovat per l'arquitecte Emanuele Manieri que va ampliar la fàbrica. El Conservatori es va construir perquè les dones de l’aristocràcia salentina, les úniques amb accés lliure, hi poguessin trobar asil.

El claustre dels dominics és important arquitectònicament en el panorama artístic-cultural de Salento. L’arribada dels frares dominicans a Pulla durant el segle XIII va suposar l’inici d’una presència que va adquirir una importància creixent als segles XIV i XV. Va ser precisament cap als primers anys del segle XV quan es va fundar a Lecce el convent dels Predicadors de San Domenico amb la butlla papal d’ Eugeni IV , del 15 de juny de 1442.

Arquitectures militars

Castell

Pati del Castell

Segons la tradició, el castell de Lecce es va construir a instàncies de Carles V per evitar les invasions turques, de les quals la més mortal va ser, per a la Terra d'Otranto , la que el 1480 va provocar el saqueig d'Otranto .

En realitat, Carles V va ampliar i modificar una casa pairal preexistent, que segons les excavacions i estudis realitzats per la Universitat de Salento devia datar-se dels segles XIII-XIV. Una part que es remunta a aquest període sembla ser la torre quadrangular anomenada torre d'Accardo . Les ampliacions del segle XVI van donar al complex un pla quadrilàter, format per quatre fronts de bastions, un cop equipats amb un fossat que es va omplir el 1870. La fortalesa té dues portes: una orientada al nord-oest que és la que dóna a la ciutat, i l’altre al costat oposat, que antigament donava al camp. A la segona porta apareix l'escut de l'emperador dels Habsburg, un escut que també va superar la primera porta però que posteriorment va ser retirat i col·locat en una paret del pati. L’interior té àmplies sales que avui acullen esdeveniments culturals.

Portes de la ciutat vella

All'origine le porte che permettevano l'ingresso in città erano quattro: Porta Napoli , che permetteva l'ingresso dalla via che giungeva dall'allora capitale del Regno Napoli; Porta Rudiae , che permetteva l'ingresso dalla via che giungeva dall'antico centro abitato di Rudiae; Porta San Biagio , che permetteva l'ingresso dalle vie che giungevano da Capo di Leuca; Porta San Martino , che permetteva l'ingresso dalla naturale via che portava al mare, ovvero San Cataldo. Nel corso degli anni e con le modifiche portate alla pianta della città quest'ultima porta fu rasa al suolo.

Porta Napoli
Porta Napoli

Porta Napoli , o arco di Trionfo, fu eretta nel 1548 in onore dell'imperatore Carlo V come dimostrazione di gratitudine per le opere di fortificazione fatte realizzare in difesa della città. Fu realizzato nel luogo dell'antica Porta San Giusto, al di sotto della quale, secondo la tradizione, riposavano le spoglie del santo. La porta è costituita da un solo fornice affiancato da due colonne corinzie binate che sorreggono un frontone triangolare sul quale sono scolpite le insegne imperiali con trofei e panoplie . Sul fregio centrale appare, in latino, l'epigrafe dedicatoria.

Porta Rudiae
Porta Rudiae

Poco più a sud dell'Arco di Trionfo, si trova la cosiddetta Porta Rudiae , il cui nome deriva da quello dell'antica città di origine Messapica, posta nell'odierna periferia di Lecce, nucleo primigenio della successiva città. Probabilmente, come nel caso dell'Arco di Trionfo, qui doveva essere presente una porta di origine medioevale. La porta crollò nel corso del Seicento e venne ricostruita nel 1700 per volere di un patrizio leccese. La porta è chiaramente di gusto barocco, opera di Giuseppe Cino , e venne eretta quando ormai una vera e propria funzione difensiva non era più necessaria. La facciata è dominata dalla statua di sant'Oronzo , accompagnata lateralmente dalle statue di santa Irene e san Domenico . Sulle colonne della porta sono scolpiti quattro busti raffiguranti Euippa , Malennio , Dauno e Idomeneo , nipote di Minosse e pronipote di Zeus , mitico fondatore della città.

Porta San Biagio
Porta San Biagio

Porta San Biagio fu molto probabilmente edificata su una preesistente torre nel corso del XVIII secolo . Eretta per volontà del governatore di Terra d'Otranto Tommaso Ruffo, il suo stile è baroccheggiante. Su tale porta troneggia in alto la statua di san Biagio , lateralmente sono presenti due stemmi cittadini.

Torri
Torre di Belloluogo

La torre di Belloluogo è una torre medievale costruita nel XIV secolo. Voluta da Gualtiero di Brienne, è un importante esempio di architettura militare angioina. La torre di forma cilindrica è ancora circondata dal fossato originario pieno d'acqua. Fu dimora di Maria d'Enghien , nella quale vi trascorse gli ultimi anni della vita. Di particolare interesse è una piccola cappella affrescata con scene della vita di Santa Maria Maddalena .

Torre del Parco ( Turris Prati Magni )
Torre del Parco

La torre del Parco , situata nel cuore di Lecce, rappresenta uno dei monumenti simbolo della città del periodo medioevale e rinascimentale. Il complesso monumentale fu edificato nel 1419 per opera del diciottenne Giovanni Antonio Orsini Del Balzo , principe di Taranto , figlio di Raimondello e di Maria d'Enghien la quale, all'epoca, si fregiava dei titoli di contessa di Lecce e regina del regno di Napoli , avendo sposato, in seconde nozze, il re Ladislao di Durazzo . La Torre, alta più di 23 metri e costruita su tre livelli, è circondata da un fossato nel quale erano allevati gli orsi, simbolo araldico della famiglia Orsini del Balzo . Il parco intorno alla Torre aveva un'estensione di oltre 40 ettari ed era ripartito in una zona pubblica e in una privata: il "Parco di Dentro", cittadella recintata comprendente la Torre e le "Stanze del Principe", e il "Parco di Fuori" che si estendeva sino alle mura urbane e che era luogo di fiere, mercati e pubblico passeggio. Nel 1434, un'ala del complesso monumentale divenne sede del Concistorium Principis , tribunale medievale presieduto da Giovanni Antonio Orsini Del Balzo . La struttura, inoltre, fu sede della zecca dove venivano coniati i cosiddetti "mali carlini", monete d'oro e d'argento. Negli anni 1458-1461 la Torre divenne carcere per alcuni prigionieri che incisero le loro “lamentazioni” (tuttora visibili) negli strombi delle saettiere nel piano inferiore della fortezza. Dopo la morte di Giovanni Antonio il complesso divenne dimora dei vari viceré spagnoli che si alternarono nel dominio di Lecce: da Ferrante Loffredo aFerrante Caracciolo .

Monumento ai caduti della I Guerra Mondiale

Il monumento riporta la seguente iscrizione: "Caddero tra i prodi della guerra mondiale e l'Italia si aderse vittoriosa a più alti destini (1915-1918)". Le lastre di marmo poste alle spalle della statua riportano l'elenco dei militari caduti.

Monumento ai caduti della prima guerra mondiale

Edifici civili

Palazzo Tamborino
  • Palazzo Adorno
  • Palazzo Belli
  • Palazzo Carafa
  • Palazzo Cesarini
  • Palazzo de Simone
  • Palazzo dei Prioli
  • Palazzo dell'Antoglietta
  • Palazzo della Ratta
  • Palazzo delle Carmelitane Scalze
  • Palazzo Giugni
  • Palazzo Giustiniani
  • Palazzo Grassi
  • Palazzo Guarini
  • Palazzo Guido
  • Palazzo Lecciso
  • Palazzo Lubelli
  • Palazzo Marrese
  • Palazzo Martirano
  • Palazzo Morisco-D'Arpe
  • Palazzo Paladini
  • Palazzo Palmieri
  • Palazzo Palombi
  • Palazzo Penzini
  • Palazzo Perrone
  • Palazzo Perucino
  • Palazzo Rollo
  • Palazzo Romano
  • Palazzo Rubichi
  • Palazzo Stabile
  • Palazzo Tamborino Cezzi
  • Palazzo Tinelli
  • Palazzo Tresca
  • Palazzo Turrisi Palumbo
  • Palazzo Vernazza
  • Palazzo Zimara
  • Dimora Muratore
  • Villa Aquilina
  • Villa Indraccolo
  • Villa Mellone
  • Villa Reale

Siti archeologici

Ipogeo Palmieri

L' Ipogeo Palmieri è un esempio di architettura funeraria messapica , ed è visitabile all'interno del giardino di Palazzo Guarini, lungo via Palmieri. Rinvenuta nel 1912 da un appassionato di antichità locali, la tomba apparve già priva di corredo, depredata probabilmente nel corso del XVI secolo , epoca a cui risalgono alcune iscrizioni graffite sulle pareti del corridoio d'ingresso e delle celle. L'ipogeo è composto da tre ambienti disposti intorno a un vestibolo . Sulla base di confronti stilistici e tipologici, per la tomba, realizzata evidentemente per una famiglia locale aristocratica, è stata proposta una cronologia all'inizi del III secolo aC

Anfiteatro Romano

L' anfiteatro Romano è situato nella centralissima piazza Sant'Oronzo. Restano l'arena, le gradinate inferiori e parte delle mura esterne. Fu costruito in età augustea e misurava circa 102 m × 83 me riusciva a contenere oltre 25 000 spettatori. In epoche successive fu sotterrato e sovrastato da altri edifici. Il monumento venne scoperto durante i lavori di costruzione del palazzo della Banca d'Italia , effettuati nei primi anni del Novecento. Le operazioni di scavo iniziarono quasi subito, grazie alla volontà dell'archeologo salentino Cosimo De Giorgi , e si protrassero sino al 1940; è possibile ammirare solo un terzo dell'intera struttura, in quanto il resto rimane ancora nascosto nel sottosuolo di piazza Sant'Oronzo dove si ergono alcuni edifici e la chiesa di Santa Maria della Grazia .

Teatro Romano
Teatro Romano

Il Teatro Romano si trova in via dell'Arte della Cartapesta. Fu scoperto nel 1929, databile all'età augustea come l'Anfiteatro. La cavea di questo teatro, probabilmente riservato ai lupiensi mentre quello di piazza Sant'Oronzo veniva frequentato dai provinciali, misura 19 m di diametro. Ignorato per secoli come l'anfiteatro, ha restituito alcune statue che sono conservate presso il Museo archeologico provinciale Sigismondo Castromediano .

Dagli studi effettuati sono emerse interessanti usanze che gli spettatori del tempo solevano adottare. Il teatro veniva frequentato per sette mesi (da aprile a ottobre), gli spettacoli erano all'aperto e per alleviare i fastidiosi odori che per il caldo periodo si liberavano nell'aria, venivano nebulizzati, attraverso delle doccette, fragranze di rose o zafferano.

Le collocazioni dei posti a sedere prevedevano che nelle prime file sedessero i senatori su morbidi cuscini, le quattordici file successive erano riservate ai cavalieri, poi vi erano i posti popolari e infine le donne, gli schiavi ei bambini; in ogni settore bisognava arrivare con largo anticipo per poter occupare il posto migliore.

L'ingresso era consentito a tutti ma regolato da tessere d'osso che permetteva di riconoscere i litigiosi e di collocare gli spettatori nel giusto settore.

Il teatro è stato restaurato e reso nuovamente utilizzabile nel 1999. Nello stesso anno in occasione della rappresentazione teatrale Miti in Scena è stato inaugurato anche il Museo del Teatro che affaccia sulla cavea.

Parco archeologico di Rudiae

Il parco archeologico di Rudiae si trova sulla via per San Pietro in Lama e racchiude una parte dei resti dell'antica città messapica di Rudiae, distrutta nel 1147 da Guglielmo il Malo. Di rilievo è l'anfiteatro, conservato in ottime condizioni perché sotterrato, da poco oggetto di lavori per riportarlo alla luce.

Piazze

Piazza Sant'Oronzo
La Colonna di Sant'Oronzo

Il salotto elegante di Lecce è Piazza Sant'Oronzo, in parte occupata dall'Anfiteatro romano del I-II secolo dC, riportato alla luce all'inizio del Novecento. Nella piazza s'innalza la colonna di Sant'Oronzo , donata dalla città di Brindisi per adornare la piazza. Di fronte alla statua si trova l'armonioso palazzetto del Sedile , antica sede del Municipio, dove il sindaco riceveva la cittadinanza. Accanto a questo edificio, sorge la chiesetta di San Marco , importante testimonianza dell'esistenza di una colonia di mercanti veneti giunti in città per praticare attività commerciali. Un'altra testimonianza artistica che si affaccia sulla piazza davanti all'anfiteatro è la chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Piazza del Duomo
Piazza del Duomo di notte

È il barocco a dominare nella centrale Piazza Duomo . Questo grande cortile, poi modificato, risale al tempo del vescovo Gerolamo Guidano. A esso si accede attraverso i propilei , realizzati verso la fine del XVIII secolo da Emanuele Manieri, essendo stati abbattuti gli originali muri d'ingresso.

Piazza Duomo è uno dei rari esempi di "piazza chiusa" . Un tempo, la sera le porte, delle quali ancora oggi sono visibili gli imponenti mozzi, venivano serrate. Che si tratti di un chiaro esempio di barocco è evidente anche dalla soluzione a dir poco teatrale della "falsa facciata" . Il visitatore che entra in Piazza Duomo si trova di fronte una facciata di chiesa, che solo a un'attenta visione si rileva "posticcia" . È sufficiente varcare la soglia del portale per ritrovarsi nella navata laterale della Chiesa. La cattedrale non accoglie, dunque, il visitatore di fronte, ma si trova collocata, rispetto all'ingresso della Piazza, in modo parallelo. La soluzione scenografica venne adottata per evitare che il visitatore si trovasse di fronte a un muro piatto e senza decori.

L'architetto leccese, che si adoperò per armonizzare l'arredo urbano, realizzò, ai lati dei propilei, i palazzi gemelli che, entrambi al piano terreno, palesano arcature a bugne lisce, oggi in parte chiuse o trasformate in porte e finestre. A sinistra della piazza si erge imponente il campanile, opera di Giuseppe Zimbalo , mentre al centro la cattedrale e, in posizione più arretrata, l'episcopio. Sulla destra, infine, si trova il seminario.

Piazza Vittorio Emanuele II
"Il Sedile" in piazza Sant'Oronzo

Piazzetta dominata dalla chiesa di Santa Chiara ea pochissimi metri da piazza Sant'Oronzo si caratterizza per la presenza di numerosi locali.

Piazza Vittorio Emanuele II

Aree naturali

Parco naturale regionale Bosco e paludi di Rauccio

Il Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio , esteso complessivamente su un'area di 625 ettari , risulta estremamente vario sotto il profilo ambientale. È situato nei pressi delle marine di Torre Chianca e Torre Rinalda .

Bacino dell'Idume

Il Bacino dell'Idume costituisce un'area di interesse paesaggistico molto rilevante. Di origine artificiale, raccoglie le acque di alcuni piccoli fiumi e presenta un'interessante vegetazione di steppa salata con Salicornia annuale .

Oasi naturalistica Bacino Costiero Acquatina

L' Oasi naturalistica Bacino Costiero Acquatina è una zona costiera umida con una superficie di 100 ettari nella marina di Frigole . Il bacino di acqua salmastra ricopre una superficie di 45 ettari e si estende per 2 km in posizione retrodunale.

Riserva naturale San Cataldo

La Riserva naturale San Cataldo , istituita nel 1977, occupa circa 28 ettari e comprende una pineta di Pino d'Aleppo .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [26]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2019 i cittadini stranieri residenti a Lecce erano 8 352. Le nazionalità maggiormente rappresentate nel comune erano: [27]

Lingue e dialetti

La zona in cui è parlato il dialetto salentino

Il dialetto leccese è una variante del salentino e, pur esistendo delle differenze marcate tra i vari comuni, la radice resta invariata.

Il dialetto presenta un sistema a 5 vocali in posizione tonica e 3 gradi di apertura . È composto inoltre da una dittongazione metafonetica per -ie -u finali.

  • Ě>jε tranne se è preceduta da una palatale e una dittongazione inconstante nelle forme in -mentum (ad esempio, denti diventa diènti ; sentimento > sientimientu oppure sientimentu )
  • Ŏ>wε oppure Ŏ>wε>ε in iniziale di parola o ɔ preceduta da una palatale o dentale (ad esempio, morto diventa muertu ecc.)

La o lunga diventa quasi sempre u ( sole > sule ), tranne che a Galatina , Galatone , Sogliano Cavour , Cutrofiano , Soleto e Corigliano d'Otranto , dove può rimanere o ( il sole > lu sole ).
La forma uo diventa ue ( fuoco > fuècu , morto > muèrtu , collo > cuèddrhu ), ma talora è reso con o ( fuocaia > fòcara , ma anche in alcune zone specialmente nel versante sud-orientale della provincia fuoco > focu ). Queste indicazioni di massima hanno comunque numerose eccezioni. La o di gioco , ad esempio, viene resa in modo diverso a seconda se si tratta del sostantivo o del verbo: io gioco > iou sta sciocu ; il gioco > lu šwecu ; giocare > sciucare .

Inoltre, molte parole che finiscono con una doppia elle ( ll ) seguita da una vocale, con l'eccezione della u , si pronunciano rispettivamente: ddhru , ddhra , ddhre , ddhri nelle rispettive eccezioni maschile, femminile, singolare e plurale. Per esempio: martello diventa martieddhru , martelli diventa martieddhri , bella diventa beddhra , belle diventa beddhre .

Religione

Sant'Oronzo di Lecce

La città è sede dell' arcidiocesi di Lecce , una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Puglia . È retta dal 2 Dicembre 2017 dall' arcivescovo Michele Seccia.

La tradizione fa risalire la fondazione della diocesi di Lecce ai tempi apostolici: già nel I secolo Giusto di Corinto avrebbe predicato la fede cristiana nella città salentina convertendo Oronzo , che sarebbe poi stato consacrato vescovo dall'apostolo Paolo il quale gli avrebbe affiancato come coadiutore e successore il nipote Fortunato; Ughelli ( Italia sacra , IX, col. 67) registra i nomi di altri cinque vescovi che si sarebbero succeduti fino al III secolo , ma il primo documento storico attestante la sede episcopale di Lecce risale al 1057 , quando è documentato il vescovo Teodoro. Originariamente era suffraganea dell' arcidiocesi di Otranto .

Nel 1960 la diocesi divenne immediatamente soggetta alla Santa Sede . Lecce è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con decreto della Congregazione per i vescovi del 20 ottobre 1980 .

Santi di Lecce

Sanità

Cultura

Istruzione

Scuole secondarie di secondo grado

  • istituto tecnico professionale St. "A. De Pace"
  • polo professionale "L. Scarambone-Marconi"
  • liceo artistico e coreutico "Ciardo-Pellegrino"
  • istituto professionale tecnico agrario alberghiero St. "G. Presta- Columella"
  • istituto TTE St. "Galilei-Costa"
  • istituto TE St. "F. Calasso"
  • istituto TE St. "A. Olivetti"
  • istituto TET St. "Grazia Deledda"
  • istituto tecnico industriale "E. Fermi"
  • liceo classico e Musicale "Giuseppe Palmieri"
  • liceo classico, Linguistico, Scientifico e delle Scienze Umane "Virgilio-Redi"
  • liceo scientifico " Giulietta Banzi Bazoli" [29]
  • Liceo scientifico "C. De Giorgi"
  • liceo linguistico e delle Scienze Umane "P. Siciliani"
  • conservatorio musicale "T. Schipa"
  • liceo paritario Marcelline (liceo scientifico, liceo linguistico e liceo classico)
  • liceo classico paritario "Giovanni Paolo II"

Università

Lecce è la sede dell' Università del Salento , già Università di Lecce, su cui è imperniato l'intero sistema dell'università e ricerca del Salento. L'università del Salento ha alcune succursali anche nella provincia di Brindisi . Di particolare interesse risulta il Parco Scientifico e Tecnologico Ionico-Salentino (PASTIS) presso Mesagne , compartecipato dall'Università del Salento, che possiede anche la strumentazione utile per il metodo del carbonio-14 .

Ricerca

Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie

Nell'ambito dell'ISUFI opera il National Nanotechnologies Laboratory (NNL), centro di eccellenza a livello internazionale sulle nanotecnologie , che ha ricevuto riconoscimenti di varia natura, tra cui la visita ufficiale delPresidente della repubblica italiana Giorgio Napolitano il 15 settembre 2006 . Il laboratorio segue linee di ricerca sia di tipo fondamentale, sia di tipo fortemente applicato, grazie alle partnership con le multinazionali tecnologiche residenti presso di esso ( STMicroelectronics , Agilent Technologies , TechInt, Alenia Marconi System ), che realizzano i loro programmi di formazione e reclutamento post laurea in collaborazione con l'ISUFI.

Dhitech

Il Distretto tecnologico regionale High Tech, con sede a Lecce, è una società consortile finalizzata alla competitività e all'innovazione nella ricerca scientifica. Comprende il Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie e svolge ricerca su nanotecnologie, materiali avanzati, innovazione digitale e tecnologie di informazione e comunicazione (ICT), affiancando ricercatori universitari a quelli di aziende tecnologiche italiane e non. Tra i soci figurano l' Università del Salento , il Consiglio Nazionale delle Ricerche , AVIO SpA, Engineering Ingegneria Informatica SpA, Fiamm SpA, Leuci SpA e STMicroelectronics .

Istituti territoriali del CNR

A Lecce sono presenti alcuni Istituti e articolazioni territoriali di Istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche : l'Istituto per i beni archeologici e monumentali e le sezioni dell'Istituto di scienze delle produzioni alimentari, dell'Istituto per la microelettronica e microsistemi, dell'Istituto di fisiologia clinica e dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima.

Musei

Media

Stampa

Radio

  • Radio Rama
  • Radio Flo
  • Rete 8
  • Radio 5 (Ex Radio 5 Network di Martina Franca)
  • WAU che Radio! Web Radio Uni Salento

Televisione

Teatro

Il principale teatro è il teatro Politeama Greco è teatro di tradizione, con una capienza di circa 1 000 posti, seguito dal teatro Paisiello . Il Teatro Politeama Greco, dichiarato Bene di valore storico-artistico vincolato ai sensi della legge n. 1089 del 1939, è sede della Stagione lirica Tradizionale (solitamente tra febbraio e marzo) oltre alla Stagione Teatrale che comprende anche spettacoli di prosa e balletti e alla Stagione concertistica, nonché a spettacoli di musica leggera.

Il Paisiello, che ha una stagione di prosa, fu dedicato al musicista tarantino Giovanni Paisiello e costruito nel 1758 , in stile barocco da Oronzo Bernardini .

Presente poi il teatro Koreja , con una compagnia teatrale che presenta lavori legati al teatro d'innovazione e l' Astràgali Teatro [33] nato nel 1981 e che dal 2012 è sede del Centro Italiano dell'International Theatre Institute [34] dell'UNESCO.

Altri teatri sono il teatro Apollo , il teatro Don Bosco e il teatro Antoniano.

Cinema

Almeno tredici (tra film e serie televisive) sono stati girati, in tutto o in parte, nella città di Lecce [35] .

In ordine di data di uscita, i titoli ei registi:

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina salentina .

Eventi

In città si svolgono molte manifestazioni tra cui alcune di notevole spessore culturale.

Le statue dei Santi Oronzo, Giusto e Fortunato intronizzati nella Cattedrale durante i giorni di festa e portati in processione il 24 agosto
Luminarie di Sant'Oronzo nel 2012
Luminarie di Sant'Oronzo nel 2017
Festa dei santi patroni Oronzo , Giusto e Fortunato
Festa principale della città. I festeggiamenti per i santi patroni durano tre giorni (dal 24 al 26 agosto). La manifestazione religiosa tocca il suo apice durante la processione per le vie del centro storico, il 24 agosto. La processione comincia uscendo dalla Cattedrale in Piazza Duomo, percorre i punti nevralgici del centro storico, passa trionfante in piazza Sant'Oronzo decorata da imponenti luminarie e si conclude rientrando nuovamente in Cattedrale. I restanti giorni sono caratterizzati da concerti, manifestazioni teatrali, eventi in piazza e tutta la città e dal Luna Park in Piazzale dello Stadio. I tre giorni di festa si chiudono poi in un tradizionale spettacolo pirotecnico.
Fiera di Sant'Oronzo
Il 26 agosto si tiene a Lecce, precisamente nella frazione marina di Frigole , la tradizionale fiera del bestiame e degli attrezzi agricoli.
Fiera dei presepi e dei pupi
Questo antico mercato popolare di merci varie legate ai presepi si svolge dall'8 al 24 del mese di Dicembre nel centro storico di Lecce. Offre ai visitatori e ai turisti le tradizionali statuine e figure del presepe di produzione artigianale in cartapesta, pietra leccese e terracotta. Fino a pochi anni fa la mostra aveva inizio il giorno 13 Dicembre, ricorrenza di Santa Lucia e quindi tale fiera è nominata dai leccesi anche "Fiera di Santa Lucia" [36]
Mercatino dell'antiquariato
Ogni ultima domenica del mese si svolge in Via XX Settembre, nelle vicinanze dell'ospedale vecchio, un mercatino che conta un centinaio di operatori.
Piano Festival di Miami in Lecce
Si svolge dal 2003 , con cadenza biennale, nell'ultima settimana di giugno fino al 4 luglio, in teatri e luoghi storici di Lecce. Pianisti e appassionati danno vita a una fitta serie di concerti tra il classico (recital solistici) e lo spettacolare (nel concerto conclusivo dell'edizione 2007 sedici pianoforti erano suonati da trentuno pianisti).
Festival del cinema europeo
Il Multisala Massimo di Lecce ospita annualmente in Primavera il Festival del Cinema Europeo, riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come manifestazione d'interesse nazionale (membro del Coordinamento Europeo dei Festival del Cinema e dell'Associazione Festival Italiani di Cinema), ideato e organizzato dall'Associazione Culturale "Art Promotion".
Premio Internazionale Mediterranea
Dal settembre 2013, il Museo Archeologico Faggiano, ospita questa Mostra Internazionale di Fotografia, Pittura, Poesia e Scultura.

Geografia antropica

Suddivisioni amministrative

Circoscrizione Denominazione Popolazione
I Centro - Mazzini - Leuca - Parte Santa Rosa 23 447 ab.
II Parte Santa Rosa - Parte Stadio 28 962 ab.
III Parte Stadio - Leuca - Parte Ferrovia 17 552 ab.
IV Parte Ferrovia - Rudiae 21 103 ab.
V Litorale 3 741 ab.

Litorale

Il territorio di Lecce si affaccia sul Mare Adriatico per circa 20 km. La costa si presenta bassa con lunghi tratti sabbiosi e paludosi, lungo i quali sono presenti dune secolari ricoperte da macchia mediterranea ; questo ecosistema risulta compromesso a causa dell'abusivismo edilizio. Lungo tutta la costa sono presenti alcune fortificazioni, costruite nel XVI secolo per far fronte alle incursioni dei saraceni.

Torri costiere da nord a sud

Le località marittime che costituiscono frazione di Lecce sono: San Cataldo , Frigole , Torre Chianca , Spiaggiabella e Torre Rinalda .

Fino al 15 maggio 2012 ha fatto parte del comune di Lecce la frazione di Casalabate, ora passata ai comuni di Squinzano e Trepuzzi, a seguito del referendum consultivo sulle modifiche territoriali dei Comuni di Lecce, Squinzano e Trepuzzi, svoltosi il 12 e 13 giugno 2011

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Puglia .

L'economia della città di Lecce si basa essenzialmente sull'agricoltura, sull'artigianato ( cartapesta , intaglio ), [37] sull'agroalimentare (in particolare olivicultura e viticultura), sull'edilizia, sui servizi (settore terziario) e sul turismo. La città risulta la più visitata dai turisti in Puglia [38] . Nel 2010 il capoluogo salentino è stato inserito (unica città italiana) nella lista "Best in travel 2010" di Lonely Planet, figurando tra le 10 città mondiali più belle da visitare [39] . Il settore tessile e quello calzaturiero, che avevano avuto notevole sviluppo, stanno risentendo della crisi globale e sono in difficoltà, anche se mostrano una notevole ripresa. Significativa la presenza di attività metalmeccaniche, con, fra gli altri, uno stabilimento della Fiat (CNH - Case New Holland) ei suoi partner nel movimento terra, e con il relativo indotto. A Lecce inoltre è situata la più grande industria di sigarette in Italia, quella delle MS , di proprietà della British American Tobacco .

Lecce è un importante snodo per l'economia salentina e si pone fra le aree più dinamiche del Mezzogiorno d'Italia. Secondo il Sole 24 Ore la provincia di Lecce si colloca, nella classifica stilata per quantificare il benessere economico del 2009, al 44º posto, ben al di sopra di tante altre provincie settentrionali e al terzo posto tra quelle meridionali. [40] .

Infrastrutture e trasporti

Strade

La città è circondata da un anello tangenziale , con caratteristiche di superstrada . La mobilità verso nord è assicurata dalla superstrada Brindisi-Lecce , che prosegue per Bari integrandosi con la Strada statale 16 Adriatica e con la SS 379 , godendo così di ottimi collegamenti con la rete autostradale. Verso sud si diramano due importanti arterie salentine con caratteristiche di superstrada : la Strada statale 101 Salentina di Gallipoli e la Strada statale 16 Adriatica nel tratto Lecce- Maglie . Inoltre è possibile raggiungere Taranto attraverso la Strada statale 7 Via Appia .

Tram al capolinea di piazza Sant'Oronzo, in una cartolina dei primi anni dieci (non più presente)

Lungo la strada comunale di collegamento fra strada provinciale 364, fra il 1898 e il 1933 correva la tranvia elettrica Lecce-San Cataldo , che collegava il capoluogo del Salento con il litorale adriatico; la sua costruzione rappresentò l'occasione per il rilancio delle contrade del litorale.

Ferrovie

I collegamenti ferroviari verso nord sono assicurati dalla stazione delle Ferrovie dello Stato , parte del circuito Centostazioni . La stazione di Lecce è un importante snodo ferroviario della Puglia , punto finale della storica Ferrovia Adriatica . Inoltre, il servizio locale è garantito dalle Ferrovie del Sud Est .

Aeroporti

L' aeroporto di Lecce-San Cataldo , posto 6 km a est dal centro urbano, è un aeroporto civile privato, non aperto al traffico commerciale. L' aeroporto di Lecce-Galatina , in realtà sito nei territori comunali di Galatina e Lequile , è affidato all' Aeronautica militare e pertanto chiuso all'aviazione civile.

L'aeroporto commerciale di riferimento per la città è pertanto l' Aeroporto Internazionale del Salento di Brindisi , sito a circa 35 km da Lecce, i collegamenti da e per il quale avvengono a partire dall'Airport City Terminal di Lecce.

Filovia

A Lecce è stata costruita una rete filoviaria composta da quattro singole linee per un totale di 28 km. I mezzi usati sono i Van Hool A330T [41] [42] .

Amministrazione

Sindaco di Lecce , dal 1º giugno 2019, è Carlo Salvemini

Gemellaggi

Sport

Calcio

Manifesto celebrativo per il centenario dell'Unione Sportiva Lecce, affisso in città nel 2008

La principale società di calcio della città è l' Unione Sportiva Lecce . I colori della squadra, che gioca allo Stadio Via del mare di Lecce, richiamano quelli della provincia, il giallo e il rosso. Con 16 campionati di Serie A disputati (il primo dei quali nel 1985-86 ) è la seconda società calcistica della Puglia per numero di stagioni trascorse nelle prime due serie professionistiche.

Lecce è la città natale dei calciatori Sergio Brio , Franco Causio , Marco Materazzi , Francesco Moriero , Pasquale Bruno , Mimmo Renna , Aldo Sensibile , Gianluca Petrachi , Ezio Candido e Antonio Conte .

La principale squadra di calcio femminile è la SAD ARL Women Lecce, sodalizio sorto nel 2000 da novembre 2019 parte dell'Unione Sportiva Lecce, il club calcistico maschile della città. Ha disputato i campionati di Serie A2, Serie B, Serie C nazionale e Serie C regionale. Attualmente partecipa al campionato nazionale di Serie C.

Pallacanestro

La principale società di pallacanestro presente nel capoluogo salentino è la Pallacanestro Lupa Lecce, che milita nel campionato nazionale di Serie C Gold.

Ciclismo

Lecce è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia :

Rugby

Le principali squadre di rugby della città sono il CUS Lecce Rugby, con sede nel capoluogo salentino, e l'ASD Salento Rugby, con sede a Lecce e ad Aradeo . Entrambe le società, dilettantistiche, sono affiliate alla FIR .

Football americano

Nel football americano è presente dal 2007 (anno della fusione tra i sanvitesi Dragons San Vito ei leccesi Spiders Salento, fondati l'anno precedente) la squadra dei Dragons Salento , che milita nel campionato CIF9 .

Note

  1. ^ https://www.tuttitalia.it/puglia/42-lecce/
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ Luciano Canepari , Lecce , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  6. ^ Derivante da τούς Λουππίους (tùs Luppìus) , forma accusativa nata da un ipotetico nominativo maschile plurale οἱ Λούππιοι (oi Lúppioi) , nome degli abitanti successivamente passato a nome della città. Cfr.: Gerhard Rohlfs , Toponomastica Greca nel Salento ( PDF ), su emeroteca.provincia.brindisi.it , 1964, p. 15. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2017) .
  7. ^ Puglia , su sapere.it . URL consultato il 9 settembre 2019 ( archiviato il 7 aprile 2020) .
  8. ^ Matera2019, Lecce sarà capitale italiana della cultura 2015 , in Nuovo Quotidiano di Puglia , 6 novembre 2014. URL consultato il 22 febbraio 2015 ( archiviato l'8 novembre 2014) .
  9. ^ Descrizione geologica e idrografica della provincia di Lecce, Lecce 1922;
  10. ^ Copia archiviata , su iltaccoditalia.info . URL consultato il 24 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 6 febbraio 2015) . Casalabate, firmato il passaggio a Trepuzzi e Squinzano
  11. ^ Copia archiviata , su climaintoscana.altervista.org . URL consultato l'8 agosto 2017 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2017) .
  12. ^ Copia archiviata ( PDF ), su clima.meteoam.it . URL consultato il 25 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 12 gennaio 2014) . Tabelle climatiche 1971-2000 dall'Atlante Climatico 1971-2000 del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare
  13. ^ http://www.tutiempo.net/clima/Lecce/01-1979/163320.htm Archiviato il 12 gennaio 2014 in Internet Archive . Temperature minime del gennaio 1979 a Lecce Galatina: -9,0 °C il 4 gennaio
  14. ^ http://www.eurometeo.com/italian/climate/city_LIBN/id_Tmax/meteo_lecce%20italia Archiviato l'8 agosto 2017 in Internet Archive . Medie climatiche
  15. ^ Dizionario di toponomastica , Torino, UTET, 1990, p. 410, ISBN 88-02-07228-0 .
  16. ^ Storia di Lecce con documenti inediti, Lecce 1910; G. Palumbo, Lecce
  17. ^ Giambattista Vico, Premessa alla traduzione della Sifilide di Fracastoro fatta da Pietro Belli Archiviato il 13 gennaio 2019 in Internet Archive . in Opere di Giambattista Vico illustrate da Giuseppe Ferrari, vol. 4, Napoli, presso Giuseppe Jovene Libraio Editore, 1840, parte I: scritti scientifici, pag. 120.
  18. ^ Saggio storico della città di Lecce, Lecce 1807
  19. ^ Aduino Sabato, Lecce illustrata : immagini di vita e di storia , Edizioni del Grifo, 2005, ISBN 88-7261-284-5 , OCLC 64556692 . URL consultato l'8 maggio 2021 ( archiviato il 1º giugno 2021) .
  20. ^ Il barocco a Lecce e nel Salento, edito da De Luca Editori d'Arte, 1995
  21. ^ Lecce sacra, ove si tratta delle vere origini, e fondazioni di tutte le chiese, monasteri, cappelle, spedali, e altri luoghi sacri della città di Lecce di Infantino G. Cesare edito da Forni, 2005
  22. ^ Catholic.org Basilicas in Italy , su gcatholic.org . URL consultato il 25 marzo 2015 ( archiviato il 29 giugno 2015) .
  23. ^ Da GCatholic.org , su gcatholic.org . URL consultato il 25 marzo 2015 ( archiviato il 28 giugno 2015) .
  24. ^ GCatholic.org Basilicas in Italy , su gcatholic.org . URL consultato il 25 marzo 2015 ( archiviato il 29 giugno 2015) .
  25. ^ [1] Archiviato il 12 novembre 2013 in Internet Archive . Visita virtuale della chiesa
  26. ^ [2] - ISTAT ; URL consultato in data 26-07-2020 .
  27. ^ Dati Istat , su demo.istat.it . URL consultato il 20 luglio 2020 ( archiviato il 21 febbraio 2019) .
  28. ^ Ospedali a Lecce , su corrieredelmezzogiorno.corriere.it . URL consultato il 22 aprile 2018 ( archiviato il 22 aprile 2018) .
  29. ^ Sito internet del "Liceo Banzi" Lecce , su liceobanzi.gov.it .
  30. ^ Museo del Teatro Romano , su comune.lecce.it . URL consultato il 20 ottobre 2012 ( archiviato il 26 aprile 2013) .
  31. ^ Visita alla Fondazione Biscozzi Rimbaud , su lecceprima.it . URL consultato il 2 marzo 2021 ( archiviato il 22 marzo 2021) .
  32. ^ LeccePrima , su lecceprima.it . URL consultato il 27 giugno 2018 (archiviato dall' url originale il 27 giugno 2018) .
  33. ^ Astràgali Teatro , su astragali.org . URL consultato il 15 dicembre 2014 ( archiviato il 18 dicembre 2014) .
  34. ^ International Theatre Institute - Centro Italiano , su iti-italy.org . URL consultato il 12 maggio 2020 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  35. ^ Schede film tratte da Apulia film commission
  36. ^ Fiera dei pupi , su leccenelsalento.it ( archiviato il 3 settembre 2018) .
  37. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 3, Roma, ACI, 1985, p. 11.
  38. ^ I numeri della destinazione La Puglia nell'economia turistica globale , su agenziapugliapromozione.it . URL consultato il 28 dicembre 2016 ( archiviato il 6 gennaio 2017) .
  39. ^ Città da mettere in agenda: la top ten del 2010 - Lonely Planet , su lonelyplanetitalia.it . URL consultato il 7 novembre 2014 ( archiviato l'8 novembre 2014) .
  40. ^ [3] Archiviato il 21 maggio 2011 in Internet Archive ..
  41. ^ Copia archiviata , su mobilitytech.it . URL consultato il 10 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 10 agosto 2007) .
  42. ^ Alessandro Sasso, Lecce, un filobus per l'Europa , su MOBILITY TECH , 3 maggio 2007. URL consultato il 21 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 10 agosto 2007) .
  43. ^ ( ES ) La plaza de las Ciudades Hermanas de Valladolid , su info.valladolid.es (archiviato dall' url originale il 31 dicembre 2019) .

Bibliografia

  • La Puglia fra Bisanzio ed Occidente, in Civiltà e culture in Puglia vol. 2 , Milano 1981.
  • La Puglia tra medioevo ed età moderna. Città e campagna, in Civiltà e culture in Puglia vol. 3 , Milano 1981.
  • G. Arditi, Corografia fisica e storica della Provincia di terra d'Otranto , Arnaldo Forni, Bologna, 1979
  • P. Arthur - A. Bramato - P. Tagliente - B. Vetere, Medioevo e Rinascimento al Castello Carlo V di Lecce , Congedo Editore, Galatina, 2003
  • M. Bernardini, Lupiae , Centro Studi Salentini, Lecce 1959
  • Pellegrino Bruno - Confessore Ornella, Breve storia di Lecce , Pacini Editore, 2009
  • Salento. Architetture antiche e siti archeologici - Edizioni del Grifo, 2008
  • E. Boaga, I Carmelitani in Terra d'Otranto e di Bari in epoca moderna (note di ricerca), in Ordini religiosi e società nel mezzogiorno moderno. Atti del seminario di studio (Lecce, 29-31 gennaio 1986) , B. Pellegrino e F. Gaudioso (a cura di), I, Galatina
  • M. Cazzato, Guida ai castelli Pugliesi 1. La provincia di Lecce , Congedo editore, Martina Franca, 1997
  • F. D'Andria (ed.), Lecce romana e il suo teatro , Galatina, 1999
  • R. Gorgoni, L'oratorio della peste. Il segreto di Lecce , romanzo, Besa, 2005
  • V. L'Abbate (a cura di), Società, cultura, economia nella Puglia medievale , Bari 1985.
  • LA Montefusco, Le successioni feudali in Terra d'Otranto , Istituto Araldico salentino, Lecce, 1994
  • V. Perrera, Il custode delle reliquie , romanzo, Ananke, 2010
  • F. Piccarreta – G. Ceraudo, Manuale di aerofotogrammetria archeologica – metodologia, tecniche e applicazioni , EdiPuglia, Bari, 2000
  • CD Poso, Il Salento normanno. Territorio, istituzioni, società , Itinerari di ricerca storica, Galatina, 1988
  • Francesco Maria Pratilli , La Puglia romana: un paesaggio pietrificato , in Quaderni dell'Archivio Storico Pugliese XXI, Bari 1982.
  • VA Sirago, Il Salento al tempo di Augusto , Brindisi, 1979
  • A. Sanasi, Antiche vie del Salento , Congedo editore, Galatina, 1971
  • A. Spagnolo, Nuovo annuario di terra d'Otranto , Congedo editore, Galatina, 1957
  • Paone Michele, Maestri e fabbriche del Settecento leccese. Committenza e cronologia , Storia e Arte Bitontina, 1999.
  • MM Rizzo - B. Pellegrino - B. Vetere, Storia di Lecce (vol. I. - Dai Bizantini agli Aragonesi), Laterza, 1993.
  • MM Rizzo - B. Pellegrino - B. Vetere, Storia di Lecce (vol. II. - Dagli Spagnoli all'Unità), Laterza, 1995.
  • MM Rizzo - B. Pellegrino - B. Vetere, Storia di Lecce (vol. III. - Dall'Unità al secondo dopoguerra), Laterza, 1992
  • Ermanno Inguscio, Pietro Marti (1863-1933). Cultura e Giornalismo in Terra d'Otranto, Fondazione Terra d'Otranto, Nardò, 2013.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 312793312 · LCCN ( EN ) n79021784 · GND ( DE ) 1007059-X · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79021785
Lecce Portale Lecce : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lecce