Llengua llombarda

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Llombard
Lombard, Lumbard, Lumbàart
Es parla en Itàlia Itàlia
Suïssa Suïssa
Brasil Brasil
Regions Llombardia Llombardia [N 1]
Piemont Piemont [N 2]
Trentino Trentino [N 3]
Ticino Ticino [N 4]
Grisons Grisons [N 5]
Santa Catarina Santa Catarina [N 6]
Altaveus
Total 3,5 milions [1] que corresponen a prop del 30% de la població de la zona on està estesa.
Xifra del 2006 [2]
Altra informació
Escriure Alfabet llatí
Paio Inflexional - acusatiu SVO
Taxonomia
Filogènia Llengües indoeuropees
Romanços
Romanços occidentals
Galloromanze
Galloitaliche
Llombard
Estatut oficial
Oficial a (reconegut a Llombardia Llombardia amb la llei regional 25/2016)
Regulat per no té cap regulació oficial
Codis de classificació
ISO 639-2 roa
ISO 639-3 lmo ( EN )
Glottolog lomb1257 ( EN )
Linguasphere 51-AAA-od
Extracte de llengua
Declaració Universal dels Drets Humans , art. 1
A l' oest llombard :
  • Tucc i òmm nàssen liber i tucc mateix per la dignitat i el dret. Gh'hann judments and conscience i gh'hann de tractass 'me fradej. ( Milanès )
  • Tuts i om nassen liber i tuts mateix per dignitat i dirits. G'han judements and knowledge i g'han de tractar-s 'me fradei. (Milanès amb cal·ligrafia SL )

En el llombard oriental :

  • Töcc i òmen e fómne i nàs free and compàgn in dignity and derécc. Töcc i gh'à la resù and consciènsa ei gh'à de behaàs i ügn 'nvèrsa i óter cóme s'i födèss fradèi. ( Bergamasco )
  • Töcc i éser umàni i nàs free and precìs in dignità e dirìcc. Iè dotàcc de rizù e de consciensa ei gà de acted, giü con l'óter, en spìrit de fradelànsa. ( Bresciano )
Mapa de dialectes de Lombardy.svg
Distribució geogràfica detallada dels dialectes llombards. Llegenda: L01 - llombard occidental ; L02 - Llombard oriental ; L03 - sud llombard ; L04 - Lombard Alpine .

La llengua llombarda [N 7] (noms natius llombards [N 8] , lumbáart [N 9] , lumbard , AFI : [lumˈbɑːrt] ; codi ISO 639-3 lmo ) és una llengua [3] [4] [5] pertanyent a la branca gal·lòlica [N 10] de les llengües romàniques occidentals [6] , caracteritzada per un substrat celta i un superestrat llombard . És parlat principalment a Llombardia i a la part oriental del Piemont , així com a la Suïssa italiana i en part del Trentino occidental, per 3,5 milions de persones, que corresponen a aproximadament el 30% de la població de la zona on està estesa [2] . Excepte en casos rars, es parla en diglòssia amb italià [7] [8] . La llengua llombarda està estretament lligada a altres llengües gal·loromàniques , com l' occità , el romà , l' arpità i el francès [9] .

En l’àmbit acadèmic italià, essent classificat per alguns autors i lingüistes com un dialecte primari de la novel·la , sovint també se l’anomena dialecte , que significa amb aquest terme el significat de la llengua enfront de l’oficial de l’Estat [10] [ 11] i caracteritzada per un ús principalment informal [12] . A causa de la manca d’un koinè llombard (una varietat literària prevalent i més prestigiosa), les diferents variants territorials del llombard s’han desenvolupat al llarg dels segles independentment entre si, mantenint una intel·ligibilitat comuna i recíproca [7] ; per tant, el terme llengua llombarda és utilitzat pels codificadors "ISO 639" per reunir i classificar els dialectes llombards dins d'un únic clúster lingüístic [7] , que és el conjunt de varietats homogènies que formen una llengua [13] . En els manuals universitaris italians de lingüística i filologia romànica , els dialectes llombards s'inclouen normalment en el grup dels "dialectes italians del nord" [14] .

Orígens

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de la Llombardia .
Les poblacions del centre-nord d’Itàlia entre els segles III i II aC , és a dir, durant la conquesta romana de la Gàl·lia Cisalpina

El substrat lingüístic més antic que ha deixat rastres a la Llombardia del qual en tenim notícies és el dels antics lígurs[15] [16] . No obstant això, la informació disponible per a aquest idioma és molt vaga i extremadament limitada[15] [16] . El panorama que es pot rastrejar per a les poblacions que van substituir els lígurs, els celtes, és força diferent [17] .

La influència lingüística que van tenir els celtes en les llengües locals va ser notable, fins al punt que encara avui la llengua llombarda es classifica com a gal·loromànica (els celtes també s’anomenen "gals")[15] . Tanmateix, va ser la dominació romana , que va suplantar la cèltica, la que va configurar la llengua parlada a l'antiga Llombardia, tant que el lèxic i la gramàtica d'aquesta llengua són de derivació romànica [17] .

Tanmateix, la influència de la llengua llatina als territoris dominats no va ser homogènia[15] . Les llengües parlades a les diverses àrees, al seu torn, van estar influenciades pels substrats lingüístics anteriors[15] . De fet, cada àrea es caracteritzava per tenir una caracterització major o menor cap a les llengües antigues de Ligúria i / o celtes[15] .

Centre-nord d'Itàlia dividit en les regions augustes

La llengua llombarda també ha deixat rastres tangibles, que és la llengua parlada pels llombards , una població germànica que va dominar part d'Itàlia, inclosa la Llombardia, després de la caiguda de l'Imperi Romà d'Occident : aquesta llengua va formar aleshores el superestrat lingüístic de la llengua llombarda , ja que aquesta població no va imposar la seva pròpia llengua, deixant així rastres sense germanitzar el llombard, que continuava sent una llengua romànica [18] .

A això s’hi va afegir la contínua modificació, al llarg dels segles, de les fronteres que dividien el territori llombard, canvis que també van influir en la llengua parlada: a l’època celta va ser el riu Adda qui va dividir aquest darrer de les tribus cenomanianes , mentre que quan van ser introduïts pels romans a les regions augustes (7 dC), aquest paper el va prendre el riu Oglio , trencant aquella unitat territorial que s’havia aconseguit amb l’establiment, unes dècades abans, de la Gàl·lia cisalpina : concretament, el riu Oglio dividia el Augustan XI Transpadana i X Venetia et Histria [2] .

Amb la reforma administrativa desitjada per l’emperador romà Dioclecià, la frontera entre les dues regions es va traslladar al llarg del riu Adda, una via fluvial que dividia la Llombardia des del segle XV fins a l’època napoleònica, quan era la frontera entre el ducat de Milà i la República de Venècia [2] , una divisió que va conduir a la formació dels dialectes llombards occidentals i orientals [19] . La unitat administrativa de Llombardia es va tornar a adquirir amb la creació, per part de l’ Imperi austríac , del Regne Llombard-Vèneto (1815), situació administrativa que es va confirmar fins i tot després de la unificació d’Itàlia (1861) [2] .

Distribució geogràfica

Comparació entre els dominis de Visconti al segle XIV (en verd) i les modernes fronteres geogràfiques de la llengua llombarda (en groc)

La difusió geogràfica del llombard, considerant totes les seves variants territorials essencialment homogènies entre si [7] , només reflecteix parcialment els límits administratius de la moderna regió llombarda . La gamma lingüística moderna és de fet superposable a les antigues fronteres medievals del ducat de Milà , que fins al 1426 tenia una extensió aproximadament inclosa entre els cursos dels rius Sesia i Adige i que fins i tot després del trasllat dels territoris orientals ( províncies de Bèrgam) i Brescia ) a la República de Venècia , a les més occidentals ( províncies de Novara i Verbano-Cusio-Ossola ) al Regne de Sardenya , així com a les del nord ( Cantó del Ticino ) a Suïssa , però, van continuar exercint una forta influència en ells, llengua parlada inclosa [2] .

A la banda occidental, la llengua llombarda es parla de fet a les províncies piemonteses de Novara, fins a la frontera natural del riu Sesia i del Verbano-Cusio-Ossola [2] [20] [21] [22] , aquí a excepció dels municipis de Formazza i Macugnaga que formen part de la minoria Walser . També al Piemont podem trobar influències llombardes en els dialectes de la província d’Alessandria , especialment a nivell lèxic [23] . Al llarg de la frontera amb el Triveneto , el llombard és present a la part occidental de la província de Trento (a Valle di Ledro , Val Rendena i Val Bona ), on ha conservat algunes característiques arcaiques i probablement també un antic substrat lingüístic ladí [24]. ] , mentre a la riba oriental del llac de Garda es poden trobar influències brescianes decisives en els dialectes dels municipis veronesos de Torri del Benaco , Garda i Malcesine [2] .

Les variants de l’arc alpí també s’estenen àmpliament fora de les fronteres italianes, essent històricament presents als territoris suïssos del cantó de Ticino (excepte el municipi de Bosco Gurin ) i del cantó dels Grisons on és present, també aquí amb Rhaeto -Influències romàniques del romàntic proper, a les cinc valls que formen els anomenats Grisons italians ( Val Bregaglia , Val Calanca , Val Sursette , Val Mesolcina i Val Poschiavo ) [25] .

Els estats que han signat i ratificat la Carta Europea de les Llengües Regionals o Minoritàries són de color verd fosc; en verd clar els estats que l’han signat però no l’han ratificat; en blanc els altres estats del Consell d'Europa ; els estats no membres del Consell d’Europa estan grisos

Finalment, a la part sud de la Llombardia i al llarg del riu Po , tenim zones que no parlen llombard; en particular a la zona de Casalasco, a la província de Cremona , i a gairebé tota la província de Màntua [21] , on es parlen varietats de la llengua emiliana , i a l’ Oltrepò Pavese , on el dialecte de l’ Oltrepò està influït abans que la llengua emiliana i després de la llengua lígura (a la vall de Staffora ) mentre baixeu cap al sud [26] [27] [28] . A l’ extrem occidental de Lomellina trobem alguns municipis on es parlen dialectes a la cruïlla entre les llengües piemontesa i llombarda, difícils de classificar com a pertanyents només a un dels dos grups esmentats [29] .

La llengua llombarda també es parla a Botuverá , un municipi del Brasil a l'estat de Santa Catarina , que forma part de la mesoregió Vale do Itajaí ; aquest municipi va ser fundat per emigrants italians procedents principalment de la plana entre Treviglio i Crema , que han mantingut l'ús de la llengua local de la seva zona d'origen [30] .

Agraïments oficials

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Carta Europea de les Llengües Regionals o Minoritàries .

La llengua llombarda està catalogada com a llengua individual [3] (és a dir, independent i diferent [31] ) per la norma internacional ISO 693 [32] . La llengua llombarda es podria considerar una llengua regional i minoritària d'acord amb la Carta Europea de les Llengües Regionals o Minoritàries , que en l'art. 1 afirma que per "llengües regionals o minoritàries entenem llengües ... que no són dialectes de la llengua oficial de l'estat" [33] [N 11] . Concretament, la Carta Europea de les llengües regionals minoritàries es va aprovar el 25 de juny de 1992 i va entrar en vigor l'1 de març de 1998 [34] .

Itàlia va signar aquesta carta el 27 de juny del 2000 però encara no l’ha ratificat, [35] a diferència de Suïssa. Tot i que, segons alguns estudiosos, té les característiques per incloure’s entre les llengües protegides per la Carta Europea de les Llengües Regionals o Minoritàries i estar registrat per la UNESCO com a llengua en perill d’extinció [36] , ja que és parlat per un nombre cada vegada més reduït de persones, el llombard no està oficialment reconegut com a llengua regional o minoritària ni per la legislació estatal italiana ni suïssa [35] .

A principis del 2016 es va presentar un projecte de llei al Consell Regional de Llombardia per a la creació del bilingüisme italo-llombard i per a la promoció del llombard i les seves varietats dialectals locals [37] [38] , integrat posteriorment per la llei per a la reorganització de la cultura llombarda, que es va aprovar el setembre del 2016 [39] . Com va afirmar diverses vegades el Tribunal Constitucional en les seves sentències, la sentència d’exemple núm. 81 del 2018, només l’Estat pot identificar una minoria lingüística històrica mentre que la Regió només pot millorar les llengües regionals a nivell cultural [40]

Literatura i història de la llengua

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: literatura llombarda , literatura milanesa i poesia dialectal milanesa .

Del segle XIII al XIV

Frontispici de l'obra De magnalibus urbis Mediolani ("Les meravelles de Milà") de Bonvesin de la Riva, aquí en la seva reimpressió de 1921 de l'editorial Cogliati

Els primers textos escrits en llengua vernacla llombarda es remunten al segle XIII. Es tracta principalment d’obres didàctiques- religioses; un exemple és el Sermon Divin de Pietro da Barsegapè , que narra la Passió de Crist [41] :

«No és cosa in sto mundo, tal è lla mia credença, ki se puo fenir, else la se comença. Petro de Barsegapè va volar a acomençare i a ferir raxon, segueixo ke l ge sembla. Now omiunca homo interessça and remains in pax, sed kel ne ge plaxe audire d'un bello sermon verax: cumtare eo se volio e raxon a istoria veraxe de libri e de sermon, in which if it contain guangii and also pistore, and of the novo i de la seu serà de Crist. "

( Versos 1-10 de Sermon Divin de Pietro da Barsegapè )

Molt important és la contribució a la llengua llombarda de Bonvesin de la Riva , que va escriure el Llibre de les Tres Escriptures , una obra dedicada a l’ infern , al cel i a la passió de Crist [41] . En aquesta obra hi ha diversos elements al·legòrics , així com una de les primeres introduccions literàries de les represàlies [42] . Entre els seus escrits també hi ha una obra sobre la vida de Milà de l'època, el De magnalibus urbis Mediolani ("Les meravelles de Milà"), i una etiqueta , el De quinquaginta curialitatibus ad mensam ("Cinquanta cortesies de la taula") [43] . Tanmateix, la llengua escrita de l'època no era una representació fidel de l'idioma parlat, sinó que era més propera a la koinè padana , és a dir, a un vulgar culte semblant al llatí utilitzat al nord d'Itàlia , en particular al Piemont , Llombardia , Emília-Romanya. i el Vèneto [44] .

La cita més antiga que es coneix sobre la llengua llombarda es remunta al 1280, referint-se probablement, en realitat, al gall itàlic modern : en un text de Salimbene de Adam llegim que "[...] optime loquebatur gallice tuscice et lombardice [.. .] ", és a dir," parlava bé francès, toscà i llombard " [45] . També al segle XIV, el codi poètic occità Leys d'amors, la llengua llombarda s'esmenta juntament amb altres llengües europees: "[...] Apelam lengatge estranh coma frances, anglès, espanhol, lombard [...]", o "languages" estrangers com francès, anglès, espanyol, llombard " [46] .

Els dialectes galo-itàlics de Basilicata i Sicília

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: llombards de Sicília , dialectes gal·lòltics de Basilicata i dialectes gal·lòlics de Sicília .
Senyal bilingüe en italià i gal·lòlic a San Fratello, a la província de Messina, a Sicília

Els dialectes galo-itàlics de Basilicata i galo-itàlics de Sicília deriven de la llengua llombarda i d'altres llengües del nord d'Itàlia. Alguns erudits creuen que són el resultat de l’emigració d’habitants del nord d’Itàlia , especialment de l’Emília occidental (especialment de Piacenza [47] ), de la Llombardia occidental (principalment de Pavese i del cantó Ticino [48] ) i del Piemont (especialment de Novarese i Monferrato [49] ), cap al sud de la Península; aquesta migració va començar al segle XI amb motiu de la conquesta normanda del sud d'Itàlia [50] i va acabar al segle XIII durant el domini dels angevins [51] .

S'estima que un total de 200.000 habitants del nord d'Itàlia es van traslladar només a Sicília : un nombre considerable, sobretot tenint en compte la població present en aquestes zones en aquell moment [52] . En particular, els galo-italians de Sicília es defineixen com a " llombards de Sicília " [53] : amb el terme "llombard", encunyat a l'era de l'emigració, no es referia només a la Llombardia moderna, sinó a tot el nord d'Itàlia conquerida pels llombards a la primera edat mitjana [54] . Els parlants dels dialectes galo-itàlics de Sicília són uns 60.000 (dades del 2006) [55] . L’assentament de poblacions al nord d’Itàlia també és recordat pel nom d’una fortificació a Enna , el castell de Llombardia , que recorda la presència en un districte proper de la ciutat d’una colònia de llombards que es va col·locar en defensa de la fortalesa durant la dominació normanda. de Sicília [56] .

El castell de Lombardia, situat a Enna

Els dialectes gal-italianes de Basilicata es parlen principalment als turons amb vistes a l' Golf de Policastro ( Trecchina , Rivello , Nemoli , Tortorella i Casaletto Spartano , ja a la província de Salern ) i en el jònic-Tirrè conques al llarg de la línia Nàpols-Salerno- Línia de Taranto (dialectes de Picerno , Tito , Pignola , Vaglio i el mateix Potenza amb traces del nord també a Ruoti , Bella , Avigliano , Cancellara i Trivigno ) [57] .

Els principals municipis on encara es manté la llengua gal·lo-italiana de Sicília són Nicòsia , Sperlinga , Piazza Armerina i Aidone a la província d'Enna , San Fratello i Novara di Sicilia a la província de Messina : per tant, aquests sis municipis estan inclosos en el REIS - " Registre d'herències immaterials de Sicília " - Llibre d'expressions - Discurs de l'Alloglotta Gallo Italico , establert per la regió siciliana [58] . També es poden trobar rastres galo-italians en els discursos de Fondachelli-Fantina , Montalbano Elicona , a la província de Messina [59] [60] . En menor mesura, a Roccella Valdemone , a la província de Messina ; Randazzo , Bronte al costat occidental de l'Etna, Caltagirone , Mirabella Imbaccari , al sud de la Piazza Armerina, a la província de Catània ; Ferla , Buccheri , Cassaro , a la província de Siracusa [59] [60] . En lloc d’això, només es poden detectar alguns elements marginals i únics, a causa de la influència històrica de la pròxima Piazza Armerina i Aidone , al sicilià de Valguarnera Caropepe , a la província d’Enna , pertanyent al grup dialectal Nisseno- Enna i no al Gallogia itàl·lica al·logòssia [59] [60] .

Tot i que alguns estudiosos contemporanis consideren aquesta comunitat lingüística com una "minoria lingüística històrica" [61] [62] [63] el gal·lòlic de Sicília, així com el gal·lòlic de Basilicata i el dialecte tabarquí parlat a Sardenya (que és un variant de la llengua lígura ), no gaudeixen de protecció per part de l’Estat italià [64] [65] . No obstant això, gaudeixen de la millora cultural en la implementació de l'art. 9 de la Constitució italiana ja que pertanyen al patrimoni lingüístic regional de les regions de Sicília i Sardenya. [66] [67]

Del segle XV al XVII

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Bosinada .
Giovanni Bressani, autor de poemes satírics en el dialecte bergamasc

Pel que fa a la literatura llombarda, a partir del segle XV, el prestigi de la toscana literària va començar a suplantar l’ús de la llengua vernacla del nord que s’havia utilitzat, tot i que influïda per la llengua popular florentina, també en els camps cancel·lesc i administratiu [68]. . Entre els qui van afavorir la toscanització de la cultura llombarda hi havia el duc de Milà Ludovico il Moro ; durant el seu regnat va portar nombrosos homes de cultura de la República de Florència a la cort Sforza , entre els quals el més famós és sens dubte Leonardo da Vinci [69] . Al mateix temps, a la cort dels Sforza, Lancino Curzio va escriure algunes obres en el dialecte milanès [70] .

Entre els segles XV i XVI alguns escriptors toscans (com Luigi Pulci i Benedetto Dei ) ens van enviar, en forma de paròdia, alguns aspectes lingüístics de la llengua parlada a Milà, entenent-se que no es tractava de composicions poètiques literàries [71]. ; això també s'aplica al milanès parodiat en una obra de Giovan Giorgio Alione d' Asti, la Commedia e fararse carnovalesche en els dialectes d'Asti, milanès i francès barrejats amb bàrbars llatins compostos a finals de segle. XV [72] . L’humanista florentí Leonardo Salviati , un dels fundadors de l’ Accademia della Crusca , va publicar una sèrie de traduccions en diverses llengües vernacles (incloses les bergameses i les milaneses) d’una novel·la de Boccaccio per demostrar el lletges i incòmodes que eren en comparació amb el toscà [ 73] .

A partir del segle XV, van començar els primers signes d’una autèntica literatura llombarda : poemes satírics de Giovanni Bressani de Bèrgam i Massera da bé , una "frottola" (mena de diàleg teatral) de Galeazzo de Brescia es van compondre a l'est pels Orzi [74] ; a la zona occidental, els Rabisch ("arabescs") eren composts per l' Accademia dei Facchini della Val di Blenio i sota la direcció del pintor manierista Giovanni Paolo Lomazzo [75] .

A principis de segle XVII, els milanesos Fabio Varese (referit sovint per la crítica literària com un " poeta maleït " davant litteram ), que va morir en 1630 de la plaga i autor de poemes de crítica social, va ser part de l'animada contra - tendència classicista de l’època [76] . El 1610 es va publicar el Varon milanes de la lengua de Milan , una mena de diccionari etimològic d’un bon nombre de termes milanesos, de l’ Osolan Giovanni Capis [77] . A aquest tractat es va afegir posteriorment el Prissian de Giovanni Ambrogio Biffi , un text completament en dialecte milanès en el qual, per primera vegada, s’aborda la qüestió de la pronunciació i l’ortografia de la llengua vernacla ambbrosiana [78] .

Meneghino, un personatge del teatre milanès, que més tard es va convertir en la màscara de la commedia dell'arte

Un exemple de text de l’antic dialecte milanès és aquest fragment de El fals filòsof (1698), acte III, escena XIV, on apareix Meneghino , un personatge del teatre milanès que més tard es va convertir en la màscara de la commedia dell’arte . tribunal:

( LMO )

«I mì interrogatus ghe responditt.
Sont Meneghin Tandœuggia,
Ciamæ par sora nomm el Tananan,
Del condamm Marchionn ditt el Sginsgiva;
No és servidora de la germana Pomponi Gonz,
C'al è trent agn che'l servj "

( IT )

"I I interrogatus [N 12] va respondre:
Sóc Meneghino Babbeo [N 13]
sobrenomenat Ciampichino [N 14]
del final [N 15] Marchionne conegut com a il Gengiva;
Sóc servent del signor Pomponio Gonzo
Porto trenta anys servint "

( Meneghino apareix a la cort a El fals filòsof (1698), acte III, escena XIV [79] )

Al segle XVII també es va afirmar el dramaturg Carlo Maria Maggi , que va normalitzar l'escriptura del dialecte milanès i que va crear, entre altres coses, la màscara milanesa de Meneghino [80] . Un amic i corresponsal de Maggi fou Francesco De Lemene , autor de La sposa Francesca (la primera obra literària de la moderna Lodi ) [81] i d’una traducció de la Jerusalem alliberada [82] . A la Llombardia oriental, en l'època governada per la República de Venècia , la figura de Carlo Assonica , també traductor de la Jerusalem alliberada , es va convertir en l'obra literària bergamesa més important del segle XVII [83] [84] . També al segle XVII van néixer les primeres bosinades , poemes ocasionals populars escrits en fulls solts i publicats a les places o llegits (o fins i tot cantats) en públic; van tenir un gran èxit i una difusió generalitzada fins a les primeres dècades del segle XX [85] .

L’època moderna

Carlo Porta, l'autor més important de literatura llombarda, també va incloure entre els més grans poetes de la literatura nacional italiana

La literatura milanesa al segle XVIII va tenir un fort desenvolupament: van sorgir alguns noms importants, com ara Carl'Antonio Tanzi i Domenico Balestrieri , que es van associar a una sèrie de figures menors entre les quals podem enumerar, a la zona milanesa, Giuseppe Bertani , Girolamo Birago i Francesco Girolamo Corio ; el famós poeta Giuseppe Parini també va escriure alguns poemes en llengua llombarda [86] [87] . Fora de les fronteres de Milà es va escriure una comèdia en el dialecte de Bustocco , el Mommena Bustese , del canonge Biagio Bellotti [88] . El canonge Carlo Girelli , autor de poemes ocasionals, va treballar a Brescia . Un dels escriptors més importants de l'època va ser l'abat bergamassí Giuseppe Rota , autor d'un vocabulari bergamot-italià-llatí amb cos (inèdit) i de diverses obres poètiques en l'idioma oròbic, que sempre va anomenar "llengua" [89]. ] .

In questo periodo le caratteristiche linguistiche del lombardo erano ormai ben riconoscibili e assimilabili a quelle moderne, salvo alcune particolarità fonetiche e la presenza del passato remoto , che di lì a breve sarebbe scomparso [N 16] venendo sostituito dal perfetto [90] .

L'inizio del XIX secolo fu dominato dalla figura di Carlo Porta , riconosciuto da molti come il più importante autore della letteratura lombarda, anche inserito tra i più grandi poeti della letteratura nazionale italiana [91] . Con lui si raggiunsero alcune delle più alte vette dell'espressività in lingua lombarda, che emersero chiaramente in opere come La Ninetta del Verzee , Desgrazzi de Giovannin Bongee , La guerra di pret e Lament del Marchionn de gamb avert [91] . .

Nell'epoca portiana convissero anche altri autori, come Giuseppe Bossi , Carlo Alfonso Maria Pellizzoni , e soprattutto Tommaso Grossi [86] . Quest'ultimo, amico del Manzoni e grande ammiratore del Porta, scrisse opere satiriche contro il governo austriaco ( La Prineide ), romanzi in versi ( La fuggitiva ) nonché romanzi storici in prosa ( Marco Visconti ) e in versi ( Ildegonda ) [92] .

La produzione poetica milanese assunse dimensioni così importanti che nel 1815 lo studioso Francesco Cherubini diede alle stampe un' antologia della letteratura lombarda in quattro volumi, che comprendeva testi scritti dal XVII secolo ai suoi giorni [93] .

L'italianizzazione della lingua lombarda

Un piatto di piselli. Gli storici termini in lingua lombarda per definire i piselli ( erbiùn , sgrignàpola e ruaiòt ) sono stati sostituiti dal vocabolo italianizzato pisèi

La lingua lombarda a partire dal XIX secolo ha iniziato a subire un processo di italianizzazione, ovvero un mutamento che ha portato gradualmente il suo lessico , la sua fonologia , la sua morfologia e la sua sintassi ad avvicinarsi a quelle della lingua italiana [94] . Dopo l' unità d'Italia (1861) la lingua italiana iniziò a diffondersi anche tra la popolazione affiancandosi, come idioma parlato, alla preesistente lingua lombarda generando un cosiddetto " contatto linguistico " [94] .

Il primo contatto tra la lingua lombarda e l'italiano si ebbe, come già accennato, nel XVI secolo, quando la lingua toscana, che diede poi origine a quella italiana, accrebbe il suo prestigio, diventando superiore a tutte le altre lingue regionali parlate in Italia [94] . Non fu quindi un caso che il processo tra le due lingue portò all'italianizzazione della lingua lombarda e non al suo opposto: in sociolinguistica è infatti sempre l'idioma "gerarchicamente" più debole che si conforma a quello dominante fermo restando che è parzialmente avvenuto anche l'inverso, ovvero la formazione di una lingua italiana regionale lombarda [94] .

Esempi di italianizzazione della lingua lombarda, che si riscontrarono per la prima volta in due vocabolari di dialetto milanese editi, rispettivamente, nel 1839 e nel 1897, sono il passaggio da becchée a macelâr per esprimere il concetto di "macellaio", da bonaman a mancia per "mancia", da tegnöra a pipistrèl per "pipistrello" e da erbiùn a pisèi per "piselli" [2] . Sempre per quanto riguarda il lemma "piselli", anche nel dialetto bresciano si è passati da sgrignàpola e ruaiòt a pisèi [2] .

Per quanto riguarda il dialetto legnanese , un tempo il termine utilizzato per riferirsi all'arcobaleno era rasciùm (in seguito, i legnanesi, per esprimere il medesimo concetto, hanno iniziato ad utilizzare il vocabolo arcubalén ) [95] . Un altro esempio è il ragiù , che in dialetto legnanese significa "capofamiglia" (l'associazione locale " Famiglia Legnanese " utilizza questo termine ancora nel XXI secolo per definire la carica corrispondente al capo rappresentativo del sodalizio), e che è in seguito è scomparso dal vernacolo legnanese [96] .

Altri vocaboli arcaici del dialetto legnanese che sono scomparsi sono ardìa (it. "fil di ferro". In seguito i legnanesi hanno iniziato ad utilizzare il termine fil da fèr ) [97] , bagàtu (it. "calzolaio". In seguito è entrato in uso il termine sciavatìn ) [98] , buarùm (it. "pantano prodotto dallo sciogliersi della neve". Dopo si è cominciato ad utilizzare il vocabolo generico palta , cioè "fango") [99] , instravilà (it. "mettere sulla buona strada")[100] e insurmentì (it. "addormentarsi". In seguito i legnanesi hanno iniziato ad usare il termine indurmentàs )[100] .

L'età contemporanea

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Canzone milanese .
Il monumento a Felice Musazzi e alla maschera teatrale della Teresa , che si trova a Legnano

Nella prima parte del XX secolo il maggior esponente della letteratura lombarda è stato l'avvocato milanese Delio Tessa , che si è discostato dalla tradizione portiana imprimendo ai suoi testi decisi connotati espressionisti [101] . A Bergamo invece ha operato Bortolo Belotti , avvocato, storico e ministro in alcuni governi liberali [102] .

Altre figure di rilievo sono state il varesino Speri Della Chiesa Jemoli e il lodigiano Gian Stefano Cremaschi [103] . Si è discostato dalla tradizione letteraria milanese, anche dal punto di vista della grafia, il poeta Franco Loi , che tuttavia è risultato essere uno degli autori più originali del secondo Novecento [104] . In area ticinese abbiamo avuto l'opera di Giovanni Orelli , che ha scritto nella variante dialettale della Valle Leventina [105] . Nel XX secolo vi sono stati altri autori che hanno utilizzato a vario titolo la lingua lombarda, tra i quali possiamo citare Enzo Jannacci , Giorgio Gaber , Nanni Svampa e Dario Fo , vincitore del premio Nobel per la letteratura nel 1997 [103] .

La lingua lombarda è nota anche al di fuori dei suoi confini linguistici grazie a I Legnanesi , compagnia teatrale che recita commedie in dialetto legnanese e che è l'esempio più celebre di teatro en travesti in Italia [106] . Nei loro spettacoli comici gli attori propongono al pubblico figure satiriche della tipica corte lombarda ; fondata a Legnano nel 1949 da Felice Musazzi , Tony Barlocco e Luigi Cavalleri, è tra le compagnie più note del panorama teatrale dialettale europeo [106] .

Nel XXI secolo hanno visto anche l'uso del lombardo nella musica contemporanea, come nei brani musicali di Davide Van De Sfroos [103] e nelle traduzioni in lombardo delle opere di Bob Dylan [107] . Non mancano nemmeno traduzioni (più o meno fedeli o riadattate) di grandi classici della letteratura; numerose infatti sono le versioni in lombardo di opere quali Pinocchio , I promessi sposi , Il piccolo principe , la Divina Commedia e – nella letteratura religiosa – i Vangeli [108] .

Fonologia e fonetica

Diffusione delle lingue regionali nell'Italia odierna
Lingue romanze

     Francoprovenzale (FP)

     Occitano (PR)

     Piemontese (PI)

     Ligure (LI)

     Lombardo (LO)

     Emiliano (EM)

     Romagnolo (RO)

     Gallo-italico di Basilicata (GB)

     Gallo-italico di Sicilia (GS)

     Veneto (VE)

     Catalano (CA)

     Dialetto toscano (TO)

     Dialetti italiani mediani (Clt)

     Dialetti italiani meridionali (Slt)

     Sassarese e Gallurese (CO)

     Sardo (SA)

     Ladino (LA)

     Friulano (FU)

     Siciliano (SI)

Lingue germaniche

     Sudtirolese (ST)

     Bavarese centrale (CB)

     Cimbro (CI)

     Mòcheno (MO)

     Walser (WA)


Lingue slave

     Sloveno (SL)

     Serbo-croato (SC)


Altre lingue

     Albanese (AL)

     Greco (GC)

La lingua lombarda possiede molte caratteristiche fonologiche e fonetiche che si riscontrano anche nelle lingue romanze oppure negli idiomi gallo-italici [2] :

  • La degeminazione consonantica (lomb. bicér , it. "bicchiere")
  • La caduta delle vocali finali esclusa la "a";
  • La caduta della "r" finale negli infiniti (lomb. andà , it. "andare")
  • La lenizione delle consonanti intervocaliche (lomb. növ(u) , it. "nuovo")
  • La negazione (lomb. "minga") posposta al verbo (lomb. lü al màngia minga , it. "lui non mangia")
  • La palatalizzazione dei complessi latini Cl- e Gl- in c(i) e g(i) (es. lat. Clamare > lomb. ciamà , it "chiamare"; lat. Glarea > lomb. gièra , it. "ghiaia") [109] .
  • La lenizione delle consonanti occlusive sorde intervocaliche (es. lat. Fatigam > lomb. fadiga , it "fatica"; lat. Monetam > lomb. moneda/muneda , it. "moneta") [110] ;

Oltre a queste caratteristiche comuni con le altre lingue gallo italiche, la lingua lombarda possiede delle caratteristiche fonologiche e fonetiche peculiari:

  • La trasformazione di -Ce , -Ge in affricate alveolari o in sibilanti (es. lat. Gelum > lomb. dzel/zel , it. "gelo") [111] ;
  • La perdita delle vocali finali latine eccetto la "a", risultata dal procedimento di sincope , che è presente anche nella lingua francese [112] : (es. lat. Mundum > lomb. mund/mond/mundu , it. "mondo").
  • L'evoluzione della "ū" latina in ü (lat. Plus > lomb. , it. "più") [2] ;
  • L'evoluzione della "ŏ" latina in ö (lat. Oculus > lomb. öc , it. "occhio") [2] .
  • La presenza della desinenza -i oppure -e nella prima persona del presente indicativo (milan. mi pödi e bergam. mé pöde , it. "io posso") [2] .

La presenza di queste vocali anteriori arrotondate (dette anche "vocali turbate") è considerata una delle caratteristiche più specifiche della lingua lombarda [113] , peculiarità che la accomuna al piemontese , al ligure e ad alcuni dialetti del gruppo emiliano , ma la che la separa da altre varietà della lingua emiliano-romagnola e dal veneto . Il lombardo si separa poi dal piemontese e dal pavese , quest'ultimo facente parte del gruppo emiliano, per la mancanza della vocale media centrale (ovvero la cosiddetta "terza vocale piemontese", ortograficamente rappresentata dalla lettera ë ) [2] . Altra caratteristica che distingue la lingua lombarda dal piemontese è l'infinito della prima coniugazione che termina in à(r) (es. lomb. , in italiano "fare", in luogo del piemontese ) [114] .

Caratteristiche che invece possiedono i dialetti lombardi al confine con le altre aree linguistiche sono [2] :

  • per il lombardo occidentale il mantenimento della -ˈa negli infiniti della prima coniugazione (it. "cantare": lomb. occ. cantà ~ piem. canté );
  • per il lombardo meridionale il mantenimento delle vocali atone (it. "ospedale": lomb. merid. ospedal ~ emil. zbdel );
  • per il lombardo orientale la presenza delle vocali latine "ŏ" (it. "fuoco": lomb. orient. fögh ~ ven. fogo ) e "ū" (it. "duro": lomb. orient. dür ~ ven. duro ).

Vocali

Anteriori Centrali Posteriori
Non arrotondate Arrotondate
Chiuse i iː y yː uu:
Medie e eː ø øː oo:
ɛ œ œː ɔ ɔː
Aperte aa:

Morfologia e sintassi

L'insegna di un ristorante scritta in lombardo a Poschiavo , nel Cantone dei Grigioni , in Svizzera

Le caratteristiche morfologiche e sintattiche principali della lingua lombarda sono:

  • La frase lombarda affermativa usa obbligatoriamente il pronome in forma cliticizzata , con o senza il pronome personale tonico: lomb. (luu) el dis (pronunciato [al] - [el] - [ol] - [ul] a seconda della variante dialettale), it. "lui dice", propriamente "lui lo dice" [2] .
  • Nella frase interrogativa il soggetto clitico si sposta dopo il verbo, a formare una sorta di suffisso verbale, caratteristica tipica del gallo-italico [115] : se dis el ? .
  • Le interrogative introdotte da avverbio o pronome necessitano spesso dell'uso del pronome "che". Altrettanto gli avverbi ei pronomi delle frasi affermative: lomb. cumè che l'é? , it. "com'è?"; lomb. induè che te l'è mandaa(t)? , it. "dove l'hai mandato?" [116] .
  • La negazione si pone dopo il verbo o dopo l' ausiliare : lomb. a parlen no , it. "non parlano"; lomb. han no/minga/mia parlaa , it. "non hanno parlato" (dalla negazione minga deriva anche una delle denominazioni della lingua) [116] .
  • Esiste una serie di quantificatori inerentemente negativi, una caratteristica che si trova anche nell' inglese , ma assente nell'italiano: [117] lomb. hoo vist nissu(n) , it. "non ho visto nessuno" (cfr. l'inglese I saw nobody ).
  • Esiste un imperativo negativo (assente in italiano, ove si usa la forma infinita): va no int'la nita! "non andare nel fango"[118] .
  • In luogo del participio presente e del gerundio (che in lingua lombarda non esistono) si usa l'espressione son(t) (a)dré a , letteralmente "sono (a)dietro a", esempio: lomb. te set (a) dré a cantà? , it. "stai cantando?" per il gerundio, e lomb. quell che 'l canta , it. "quello che sta cantando", per il participio presente[118] .
  • Il tempo verbale che in italiano corrisponde al passato remoto è caduto in disuso sin dal tardo Settecento [N 16] . Al suo posto è usato il perfetto : "un mese fa andai" si dice un mes fa son(t) andaa(t) [90] .

Lessico

Dai Celti agli antichi Romani

Una sedia, in lombardo cadrega , che deriva dal greco antico càthedra

Il lessico della lingua lombarda si basa principalmente sul latino , in particolar modo sul latino volgare utilizzato dai Galli cisalpini , che era caratterizzato da un vocabolario limitato e semplice [18] [19] . In seguito la lingua parlata dagli antichi lombardi subì una latinizzazione, che portò alla scomparsa di quasi tutti i lemmi celtici [18] [19] . Al XXI secolo sono molto pochi i lemmi della lingua lombarda di origine dalla lingua celtica , fermo restando la traccia che questo idioma ha lasciato sulla fonetica, su tutti i fonemi "ö" e "ü", tipici della lingua lombarda e assenti in italiano [18] [19] . L'idioma celtico, da un punto di vista linguistico, ha formato il substrato della lingua lombarda [18] .

Secondo alcune fonti, lemmi derivanti dal celtico sarebbero arent (da renta ; it. "vicino", "prossimo"), rüsca (da rusk ; it. "buccia", "corteccia", "scorza"), ciappà (da hapà ; it. "prendere"), aves (da aves ; it. " risorgiva d'acqua"), cavàgna (da kavagna ; it. "cesta"), forèst (da fforest ; it. "selvatico", "selvaggio", "chi viene da fuori"), tripillà (da trippeln ; it. "irrequieto"), bugnón (da bunia ; it. "rigonfiamento", "foruncolo", "bubbone"), garón (da calon ; it. "coscia") e bricch (da brik ; it. "dirupo") [18] [19] [119] . Molti toponimi lombardi deriverebbero dal celtico, come forse Medhelan [120] [121] [122] , che significherebbe "terra fertile" [123] e che sarebbe poi diventato Mediolanum in epoca romana e infine, in epoca moderna, Milano , oppure Leukos , che significa "bosco" e che sarebbe poi diventato Lecco , e la Brianza , che deriverebbe il suo nome dal celtico brig , che significa "area elevata" [18] , nonché il nome del fiume Olona , che sarebbe collegato alla radice celtica Ol- , che significa "grande", "valido" in riferimento all' utilizzo delle sue acque [124] . Sono probabilmente di origine celtica i toponimi lombardi che terminano in –One , -Ano , -Ago , -Ate come Gallarate , Vimodrone , Melegnano , Crescenzago , Segrate , ecc. [18] .

Secondo altre fonti, molte delle parole elencate non sarebbero di origine celtica, bensì latina o - più raramente - germanica: arent deriverebbe dal latino ad haerentem (come l'italiano colto "aderente " ) [125] ; aves dal latino apex , genitivo apicis (come l'italiano "apice") [125] ; cavagna da un probabile latino cavaneum (da cavus , ovvero "cavo") [125] [126] ; ciapà deriverebbe dal latino tardo capulare (da capulum , ovvero "cappio"), forse con una forma intermedia clapare (come per l'equivalente italiano "acchiappare") [125] ; forest dal latino forestis , a sua volta da foris (ovvero fuori ) [125] ; tripillà deriverebbe sì da trippeln , che non è parola celtica, ma germanica [125] .

Le michette (lomb. michèti ), tipico pane milanese, sugli scaffali di un panificio (lomb. prestinee ). Entrambi i vocaboli in lombardo derivano dal latino

Dato che il latino volgare era ricco di lemmi derivanti dal greco antico , la lingua lombarda possiede molte parole che derivano da quest'ultimo idioma come, ad esempio, cadrega (dal greco κάθεδρα, da leggere " càthedra "; it. "sedia") [127] . Sono invece un numero nettamente superiore i lemmi che derivano dalla lingua latina [18] . Alcuni vocaboli lombardi di derivazione latina che non hanno il corrispettivo nella lingua italiana, dove infatti hanno un'altra etimologia , sono tósa (da tonsam ; it. "ragazza"), michètta (da micam ; è un tipico pane milanese), quadrèll (da quadrellum ; it. "mattone"), slèppa (da alapa ; it. "sberla", "grande fetta"), stralùsc (da extra lux ; it. "lampo", "bagliore"), resgió (da rectorem ; it. "capofamiglia", "anziano saggio"), arimòrtis o àrimo (da arae mortis oppure da alea morta est ; modo dire utilizzato dai bambini lombardi per sospendere un gioco prendendosi una pausa. L'espressione usata per far riprendere il gioco è invece arivivis , che deriva dal latino alea viva est )

Altri termini di derivazione latina sono incœu (da hinc hodie ; it. "oggi"), pèrsich o pèrsegh (da persicum ; it. " pesca "), erborín (da herbulam ; it. "prezzemolo"), erbión (da herbilium ; it. "pisello"), pàlta (da paltam ; it. "fango"), morigioeù (da muriculum ; it. "topolino"), loeùva (da lobam ; it. "pannocchia di granoturco"), sgagnà (da ganeare ; it. "pannocchia di granoturco"), sidèll (da sitellum ; it. "secchio"), gibóll (da gibbum ; it. "ammaccatura"), prestinee (da pristinum ; it. "panettiere") [18] . Un modo di dire in lingua lombarda derivante dal latino è te doo nagòtt (da tibi do nec guttam ; letteralmente "non ti do neanche una goccia", che significa "non ti do niente") [18] .

Dai Longobardi ai vocaboli derivanti dallo spagnolo

La preghiera del Padre nostro in dialetto milanese, che si trova presso la chiesa del Pater Noster , a Gerusalemme

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente e l' arrivo dei barbari , la lingua lombarda si è arricchita di lemmi derivanti dalla lingua gotica e dalla lingua longobarda [18] [19] . Molte parole derivanti da questi due idiomi sono giunte sino al XXI secolo come, ad esempio, per quanto riguarda il longobardo, bicer (da bikar ; it. "bicchiere"), scossà (da skauz ; it. "grembiule"), busècca (da butze ; it. "trippa") o stracch (da strak ; it. "stanco"), mentre, per quanto riguarda il gotico, biott (da blauths ; it. "nudo") [18] [19] [119] . In particolare, il longobardo ha formato il superstrato della lingua lombarda, visto che questa popolazione non impose la propria lingua; la lingua longobarda lasciò quindi tracce senza germanizzare il lombardo, che rimase pertanto un idioma romanzo [18] .

Durante il Medioevo , similmente a quanto successo alla maggior parte delle lingue europee, la lingua lombarda si è arricchita di lemmi derivanti dall' arabo e dall' ebraico , come ad esempio zuccher (dall'arabo sukkar ; it. "zucchero") e sabbet (dall'ebraico sabbath ; it. "sabato") [19] . Diversi sono poi i vocaboli provenienti dalla lingua occitana come molà (da amoular ; it. "arrotare"), setàss (da sassetar ; it. "sedersi"), boffà (da bouffar ; it. "soffiare", "ansimare"), dervì (da durbir ; it. "aprire"), quattà (da descatar ; it. "coprire"), domà (da ; it. "solamente", "solo") [18] . Una frase in lingua lombarda con quest'ultimo vocabolo è vègni domà mì (it. "vengo solo io") [18] .

Il lessico della lingua lombarda ha conosciuto un grande ampliamento nel XVII secolo, quando la lingua fiorentina diventò la lingua letteraria italiana e la lingua francese raggiunse lo status di lingua diplomatica internazionale [19] . È di questi secoli la differenziazione della lingua nei vari dialetti lombardi, che fu causata dalla divisione politica e amministrativa della Lombardia [19] . La Repubblica di Venezia influenzò limitatamente il bergamasco e il bresciano , così come il dominio spagnolo sul Ducato di Milano ; come conseguenza il dialetto milanese, e in seguito i dialetti delle zone limitrofe, si sono arricchiti di nuovi lemmi derivanti dalla lingua spagnola come scarligà (da escarligar ; it. "inciampare"), locch (da loco ; it. "teppista", "stupido"), fà marrón (da marro ; it. "fare uno sbaglio", "essere scoperti"), stremìzzi (da estremezo ; it. "spavento", "paura"), pòss (da posado ; it. "raffermo"), rognà (da rosnar ; it. "brontolare"), tomàtes (da tomate ; it. "pomodoro"), pìtta (da pita ; it. "chioccia"), , cìtto (da chito ; it. "zitto"), tarlùcch (da tarugo ; it. "pezzo di legno", "duro di comprendonio"), mondeghili (dal catalano mondonguilha ; è il nome delle "polpette alla milanese") e smorzà (dal basco smorzar ; it. "spegnere") [18] [19] .

Dai vocaboli derivanti dal francese a quelli derivanti dall'inglese

Veduta dello storico stabilimento legnanese del Cotonificio Cantoni nel 1920. Per questa fabbrica i legnanesi coniarono il neologismo dialettale " Cantunificiu "

Dal XVIII secolo al XIX secolo, complici prima l' illuminismo e poi le invasioni napoleoniche , la lingua lombarda si arricchì di lemmi derivanti dalla lingua francese come, ad esempio, buscion (da bouchon ; it. "turacciolo"), rebellott (da rebellion ; it. "confusione"), sacranón (da sacrè nom de Dieu ; it. "accidenti", "perbacco"; una tipica frase in lombardo con questo vocabolo, con però un diverso significato, è ti te seet on sacranón! , ovvero "sei una bestia!"), clèr (da éclair ; it. "saracinesca"), articiòch (da artichaut ; it. "carciofo"), assee (da assez ; it. "abbastanza", "a sufficienza"), giambón (da jambon ; it. "prosciutto"), paltò (da paletot ; it. "cappotto"), fàtt (da fade ; it. "insipido"), fránch (da francs ; it. "soldi") e ciffón (da chiffon ; it. "comodino") [18] [19] .

La dominazione austriaca lasciò invece vocaboli derivanti dalla lingua tedesca come topìch (it. "inciampo"), sgurà (it. "lavare con energia", "tirare a lucido"), móchela (it. "smettila"), baùscia (da bauschen ; it. "gonfiarsi", "sbruffone"), ghèll (da geld ; it. "centesimo di una moneta"), tóder (da deutscher ; it. "tedesco", "austriaco", "duro di comprendonio"), ganivèll (da geld ; it. "giovincello", "giovane presuntuoso") e sgnàppa (da schnaps ; it. "grappa") [18] [19] .

Dopo l' unità d'Italia (1861) per la lingua lombarda iniziò, come già accennato, un processo di italianizzazione, fenomeno che sta continuando anche nel XXI secolo [19] . Più recenti sono i vocaboli della lingua lombarda che derivano dalla lingua inglese : fòlber o fòlbal (da footbal ; it. "gioco del calcio"), sguángia (da sgweng ; it. "donna di facili costumi"), sánguis (da sandwich ; it. "panino imbottito") nonché brùmm e brumìsta (da brougham ; significano, rispettivamente, "carrozza" e "vetturino") [18] .

Anche la lingua lombarda, come tutti i linguaggi, si è continuata ad arricchire, ancora in tempi relativamente recenti, di neologismi . Un esempio è Cantunificiu , che è il vocabolo in dialetto legnanese per chiamare il Cotonificio Cantoni , azienda tessile attiva fra il 1828 ed il 2004 [128] .

Varietà

Generalità

Bernardino Biondelli, il linguista che classificò i dialetti lombardi

Le due varietà linguistiche principali del lombardo, secondo la classificazione fatta per la prima volta da Bernardino Biondelli a metà del XIX secolo e più abbandonata [2] , sono quella orientale ( transabduano o orobico ) e quella occidentale (denominata anche nei secoli scorsi cisabduano [129] o insubre [130] ), varianti che presentano differenze (principalmente fonologiche ) piuttosto marcate [4] [131] .

Differenze di rilievo si trovano anche all'interno del ramo orientale, mentre il ramo occidentale presenta un numero di variazioni minime [132] (principalmente riguardante il gruppo vocalico / o /, / ɔ / e il passaggio da / t s / a / s /). Le due varianti assumono poi differenze interne a seconda dei vari luoghi soprattutto nelle località prossime ai confini linguistici, come capita spesso nella Romània continua [133] .

Va comunque sottolineato che l'analisi storica delle due varianti rivela due realtà linguistiche meno divergenti di quanto non si ritenga comunemente, sebbene le due abbiano poi seguito uno sviluppo indipendente. Per esempio, una caratteristica che viene spesso citata come differenza principale fra variante orientale ed occidentale è la lenizione delle consonanti occlusive di fine di parola, con la conseguenza che le parole che ad occidente sono spesso pronunciate lett e fred (letto, freddo) diventano leč e freǧ ad oriente; questa caratteristica è storicamente legata alla lingua lombarda in generale, anche se alcune delle varianti occidentali (essenzialmente il milanese ) l'abbandonarono ai primi dell' Ottocento : una scelta che il Biondelli vede come un avvicinamento del lombardo occidentale al toscano e dunque all' italiano [5] .

Il lombardo occidentale e quello orientale si differenziano anche nel lessico: al lombardo occidentale (variante milanese) tus (it. "ragazzo"), gióven (it. "celibe"), legnamé (it. "falegname"), ghèz (it. "ramarro"), erbiùn (it. "piselli"), scighéra (it. "nebbia") e straluscià (it. "lampeggiare") corrispondono gli omologhi lemmi il lombardo orientale (varianti bergamasca e bresciana ) s-cèt , pöt , marengù , liguròt / lüsertù , ruaia / ruaiòt , ghèba e sömelgà [2] .

Inoltre, per quanto riguarda il dialetto lombardo orientale, si può notare la sua transizione verso la lingua veneta , passaggio che è particolarmente evidente nel dialetto bresciano, che si parla più a est rispetto, ad esempio, al bergamasco [2] :

italiano milanese bergamasco bresciano veneto
notte [nɔʧ] [nɔʧ] [nɔt] [ˈnɔte]
zucche züch söche söche suche
battere bat bat / batì bàter bàtar

Il dialetto lombardo occidentale e quello orientale hanno iniziato a differenziarsi a partire dal Medioevo : in precedenza i due idiomi erano infatti molto più simili [2] . Le tracce di questa unitarietà storica sono percepibili ancora nel XXI secolo nella presenza di peculiarità del dialetto orientale e in alcune varietà del dialetto lombardo occidentale ( brianzolo , comasco e ticinese ) e viceversa: alcune varianti del bergamasco, del bresciano ei dialetti lombardi del Trentino hanno infatti mantenuto fino ai tempi moderni alcuni tratti distintivi del dialetto lombardo occidentale [2] .

Affiancati al lombardo occidentale ea quello orientale sono presenti altri due tipi di dialetti lombardi, che sono di transizione poiché fanno da "cerniera" con le aree contigue alla lingua lombarda a nord ea sud dei confini della regione linguistica lombarda: a settentrione è presente il lombardo alpino mentre a sud il lombardo meridionale [2] .

Il lombardo occidentale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto lombardo occidentale .
Frontespizio dell'opera Fest de Natal di Giovanni Rajberti , 1853, scritta in dialetto milanese

Il lombardo occidentale è parlato nella città metropolitana di Milano , nelle province di Como , Varese , Lecco , Novara e del Verbano-Cusio-Ossola , nella parte meridionale del Canton Ticino , nella media e bassa provincia di Sondrio e nella parte settentrionale delle province di Lodi e Pavia [2] .

Le peculiarità del dialetto lombardo occidentale sono [2] :

  • presenza di vocali brevi e lunghe , che sono fondamentali per distinguere il participio passato (vocale breve: lomb. occ. [fiˈniː], it. "finire") dall'infinito (vocale lunga: [fiˈni]);
  • conservazione della differenziazione dei gruppi s (lomb. occ. [sɛt], it. "sette"), ce/ci (lomb. occ. [ʃiˈgula], it "cipolla") e tj (lomb. occ. [kaˈvɛʦa], it. "cavezza") che ha origine dal tardo latino (lat. Septem , Cepulla e Capitia ) e che è stata mantenuta anche nei dialetti mediani e meridionali ;
  • presenza di vocali nasali lunghe prima della "n" finale (lomb. occ. [kɑ̃ː], it "cane"; lomb. occ. [beː], it. "bene"; lomb. occ. [karˈbõː], it. "carbone"; lomb. occ. [vyː], it "uno");
  • presenza del rotacismo per la lettera "l" interna alla parola (lomb. occ. [kanˈdira], "candela"; lomb. occ. [ˈpyres], it. "pulce"). Fino al XIX era comune in tutti i dialetti lombardo occidentali, poi è stata mantenuta in solo alcune varianti, come nel brianzolo , nel ticinese e nel legnanese ;
  • presenza dei gruppi intervocalici [ʧ] (lomb. occ. [nɔʧ], it. "notte") e [ʤ] (lomb. occ. [oˈrɛʤa], it. "orecchio") che derivano dagli esiti latini - Ct - e - Cl -;
  • plurale dei sostantivi femminili terminanti in -a effettuato con l'eliminazione dell'ultima vocale. Es. lomb. occ. dòna ("it. "donna"), pl. dòn ; lomb. occ. züca (it. "zucca"), pl. züch .

Le principali varianti dialettali del lombardo occidentale, secondo la divisione di Bernardino Biondelli , sono le seguenti [134] :

Il lombardo orientale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto lombardo orientale .

Il dialetto lombardo orientale è parlato nelle province di Brescia e Bergamo , nella parte settentrionale delle province di Mantova e Cremona [2] , e nei comuni lecchesi della Valle San Martino [151] [152] .

Cartello di ingresso a Bergamo, con il nome della città scritto in italiano e in bergamasco

Le peculiarità del dialetto lombardo orientale sono [2] :

  • mancanza della vocale lunga per differenziare vocaboli con significato differente ma aventi la stessa fonologia . Es. lomb. or. [kar] per it. "caro" e "carro";
  • assenza dei gruppi di origine latina S , Ce / Ci e Tj : come nei dialetti veneti esiste solamente il gruppo S (lomb. or. [sɛt], it. "sette"; lomb. or. [ʃiˈgula], it. "cipolla"; lomb. or. [kaˈɛsa], it. "cavezza");
  • presenza delle vocali aperte [ø] e [e] in luogo delle vocali chiuse [y] e [i], che sono invece caratteristiche del dialetto lombardo occidentale (lomb. or. [brøt], it. "brutto"; lomb. or. [iˈse], it. "così" (milan. [ˈbryt] e [inˈʃi]);
  • assenza della [v] intervocalica. Es. lomb. or. [kaˈɛi], it. "capelli"; lomb. or. [la ˈaka], it. "la mucca" (milan. [kaˈvɛi] e [la ˈvaka]);
  • assenza della [n] finale nelle sillabe toniche senza nasalizzazione della vocale (lomb. or. [ka], it. "cane"; lomb. or. [kap], it. "campo"; lomb. or. [ˈveter], it. "pancia");
  • palatizzazione nel plurale dei sostantivi terminanti in [-t] e [-n]. Es. lomb or. [gaʧ], it. "gatti"; lomb. or. [ˈazeɲ], it. "asini" (milan. [gat], [ˈazen]).
  • presenza della consonante dentale finale nei participi passati singolari maschili (lomb. or. [kanˈtat], it. "cantato"; lomb. or. [fiˈnit], it. "finito").
  • formazione del plurale dei sostantivi terminanti in -a con la mutazione della desinenza finale in -e (lomb. or. [ˈvake], it. "vacche").

Alcune varianti dialettali del lombardo orientale sono le seguenti:

Il lombardo alpino

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto lombardo alpino .
Il municipio di Livigno , comune in provincia di Sondrio , con la scritta in lombardo livignese, molto influenzato dal romancio

Il lombardo alpino, che è caratterizzato da tratti arcaici e da una certa somiglianza con la lingua romancia , idioma diffuso più a nord, si parla nell'arco alpino lombarda, ovvero, da ovest a est, nella parte settentrionale della Val d'Ossola , nella zona più a nord del Canton Ticino e nell'alta Valtellina [2] .

I dialetti lombardi alpini sono gli idiomi che hanno meglio conservato alcune peculiarità dei proto-dialetti dell' Italia settentrionale che si parlavano in quasi tutta la Pianura Padana prima dell'epoca medievale [2] . Questi dialetti avevano un forte connotazione gallo-romanza , impronta che poi si è mitigata [2] . Ad esempio, per quanto riguarda i proto-dialetti, "le capre", in dialetto milanese medievale, si diceva [las kˈavras] [2] .

Ciò che è rimasto, nei dialetti lombardi alpini, delle peculiarità del proto-dialetti gallo romanzi si possono riconoscere anche nella lingua francese , in particolar modo nel francese medievale [2] :

  • palatalizzazione della [k] e della [g] quando sono seguite dalla [a]: ad esempio lomb. alp. [can], it. "cane"; lomb. alp. [ɟat], it. "gatto" (fr. chien e chat );
  • mantenimento dei nessi consonantici in presenza della [l]: ad esempio lomb. alp. [blank], it. "bianco"; lomb. alp. [klaf], it. "chiave"; lomb. alp. [ˈflama], it. "fiamma"; lomb. alp. [glaʧ], it. "ghiaccio"; lomb. alp. [pløf], it. "piove" (fr. blanc , clef , flamme , glace , il pleut ).

Alcune varianti dialettali del lombardo alpino sono:

Il lombardo meridionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto lombardo meridionale .
Distribuzione della lingua lombarda. Con le linee tratteggiate sono indicati i dialetti lombardi meridionali, compresi quelli che fanno parte del ceppo emiliano

In parte della Lombardia meridionale si estende il continuum dialettale emiliano-romagnolo [154] : pertanto, secondo la classificazione standard, i dialetti pavese e oltrepadano (talvolta definiti pavese-vogherese ), parlati nel circondario di Pavia e nell' Oltrepò Pavese , appartengono alla lingua emiliana [155] [156] [157] [158] (codice ISO 639-3 "eml"). Già nel 1853 Bernardino Biondelli , nel suo " Saggio sui dialetti gallo-italici ", inseriva il pavese nel novero delle parlate di tipo emiliano [159] . Del gruppo emiliano-romagnolo fanno parte anche il mantovano (con la variante basso mantovana ) e il dialetto casalasco-viadanese (parlato tra la parte meridionale della provincia di Cremona e quella di Mantova ).

Vi sono però varietà dialettali della Bassa Lombardia centro-orientale, che pur essendo lombardi, dato che conservano la struttura morfologica della lingua lombarda, presentano alcuni influssi emiliani [160] . Si tratta, in particolar modo, del:

Le diverse parlate della Lombardia meridionale sono definite da alcuni studiosi "dialetti lombardi di crocevia" [2] , oppure "dialetti misti" (alla luce delle influenze emiliane, piemontesi e liguri nella provincia di Pavia ; emiliane e venete nel mantovano e ancora emiliane a Cremona) [161] .

Caratteristica precipua di quasi tutto il pavese è la presenza di una a chiusa , soggetta a dileguo e di difficile definizione fonetica che copre una gamma di suoni intermedi tra a ed e come esito di a protoniche e postoniche , di a toniche prima di m e n e in alcuni casi di e protoniche e toniche [162] . Tale vocale, simile a / ʌ /, è condivisa con le varietà piacentine [163] . Altro tratto che discosta i dialetti pavesi dal lombardo è la e semimuta tonica (/ ə /) del piemontese e del piacentino [163] , assente però nel nord della provincia, linguisticamente lombardo-occidentale, ea Pavia, dove è forte l'influsso del milanese [164] .

In dialetto cremonese si evidenzia l'opposizione tra vocali lunghe e brevi anche in sillaba non finale, similmente a dialetti emiliani: veeder [ˈve:der] (vetro) contrapposto a veder [ˈveder] (vedere) [2] . Elemento tipicamente mantovano e di natura emiliana è la presenza di –r finale nelle desinenze degli infiniti dei verbi ( andar ) [165] . Vocaboli di tipo emiliano, inoltre, si registrano non solo in mantovano e cremonese, ma anche più a occidente [2] .

Dialetti gergali lombardi

Distribuzione percentuale dei dialettofoni (in famiglia) nelle regioni italiane, in base all'inchiesta Doxa del 1982 e ai dati di Coveri (1984)

Alcuni dialetti gergali lombardi conosciuti sono:

Locutori

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue parlate in Italia .

Sono circa 3,5 milioni [166] le persone che parlano la lingua lombarda in diglossia con l' italiano – con quest'ultimo lingua prevalente – corrispondente a circa il 30% della popolazione (dato del 2006) [2] . La percentuale scende drasticamente se vengono considerate le persone che parlano abitualmente la lingua lombarda (il 9,1% in famiglia e il 7,1% fuori), che fa classificare la Lombardia agli ultimi posti in Italia per l'utilizzo, esclusivo o prevalente, del dialetto: nel primo caso la Lombardia è sette punti sotto la media nazionale, nel secondo sei [2] . Nel corso degli anni si è registrato un drastico calo dei locutori abituali: dal 1991 al 2006 le persone che parlano abitualmente la lingua lombarda si è dimezzata (– 8,5% in casa e – 4,6% fuori) [2] .

Per quanto riguarda invece i locutori occasionali, come accennato, la percentuale è circa il 30% della popolazione dell'area dov'è diffuso, il 35,7% in famiglia e il 32,1% fuori [2] . Anche in questo caso, rispetto al 1991, si è registrato un calo nel numero di persone che parlano il dialetto: la percentuale è scesa, rispettivamente, del 17% e del 5% a causa dell'aumento del numero dei bambini che parlano esclusivamente l'italiano [2] . Eccezione è il Canton Ticino , dove il dialetto è molto più utilizzato e gode di una buona considerazione fermo restando un calo dei locutori, dagli anni novanta del XX secolo al XXI secolo, anche in questo territorio [2] .

Sistema di scrittura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ortografia milanese classica , Ortografia moderna , Ortografia ticinese e Lessico dialettale della Svizzera italiana .
Carlo Maria Maggi, scrittore e commediografo milanese, autore del primo sistema di scrittura usato per la lingua lombarda, il cosiddetto "milanese classico"

La Lombardia non ha mai fatto esperienza di una koinè linguistica a livello regionale, nemmeno prima del 1500 [167] : per tale motivo sono vari i sistemi di scrittura usati per la lingua lombarda [168] .

Quello con più prestigio e tradizione storica è il milanese classico , nato nel XVII secolo grazie a Carlo Maria Maggi , codificato nell'Ottocento grazie tra gli altri a Francesco Cherubini [169] e utilizzato fino alla prima metà del XX secolo , con piccole differenze dettate dalle esigenze fonetiche locali, in tutte le zone lombardofone: basato sul sistema di scrittura della lingua toscana, e quindi anche dell'italiano, possiede elementi specifici per rendere graficamente i fonemi peculiari della lingua lombarda come, ad esempio, il gruppo "oeu" per scrivere la vocale anteriore semichiusa arrotondata [ø] (lomb. coeur , it. "cuore"), che si usa anche nella lingua francese, nonché la u per il suono [y], oppure la ó per la cosiddetta "u toscana" [u] [168] . L'ortografia classica non usa diacritichedieresi , adattandosi bene all'uso della tastiera italiana per personal computer. Le principali difficoltà per chi è alfabetizzato in italiano hanno a che fare con il sistema vocalico, specie per quanto riguarda o e u . Infine, essa si adatta meglio alle varietà occidentali del lombardo rispetto a quelle orientali[170] .

Il secondo sistema scrittura, denominato milanese moderno , è stato introdotto nel XX secolo da Claudio Beretta , scrittore, storico e linguista nonché presidente del Circolo Filologico Milanese , per sopperire ai limiti del milanese classico, in particolare riguardo alle vocali anteriori chiuse arrotondate [y] e [ø], che sono diventate foneticamente "ü" e "ö", facendo riferimento all'uso nella lingua tedesca [168] per tramite della grafia ticinese [171] . La difficoltà di uso da tastiera italiana, tuttavia, e la limitata adattabilità ai dialetti lombardi orientali, ne hanno limitato l'uso[170] .

Claudio Beretta, scrittore, storico e linguista milanese, ideatore del sistema di scrittura chiamato "milanese moderno"

Terzo sistema di scrittura della lingua lombarda è l' ortografia ticinese , codificata nel 1907, un'ortografia fonetica che si fonda sulla base dell' ortografia della lingua italiana standard, alla quale si aggiungono l'uso delle dieresi per la rappresentazione delle vocali turbate ( ö per [ø], ü per [y] come nel milanese moderno ). [168] La codifica ed evoluzione dell'ortografia è a cura del Centro di dialettologia e di etnografia del Canton Ticino [172] . L'ortografia ticinese ha avuto un ruolo importante nella codifica della maggioranza dei dialetti lombardi, eccezion fatta per l'area milanese , dove l'uso dell' ortografia classica è radicato. L'enfasi sul valore fonetico ha portato tuttavia a una sempre maggiore differenziazione ortografica nella resa dei diversi dialetti.

Tra le grafie derivate dalla ticinese, vi è l'ortografia bergamasca, sviluppata nella prima metà del ventesimo secolo dall'associazione folcloristica "Ducato di Piazza Pontida" ( Ortografia del Ducato ) e adattata alla resa del bergamasco e degli altri dialetti lombardi orientali. Essa si differenzia dall'ortografia milanese moderna, ad esempio, per l'uso del trattino in luogo dell'apostrofo nei digrammi s'c e s'c e la pronuncia della z sempre come fricativa alveolare sonora ( zét ) [168] [173] .

Cartello di ingresso a Busto Arsizio , comune della provincia di Varese, con il nome della città in italiano e in dialetto bustocco , qui nella versione in milanese moderno

Non sono mancati tentativi contemporanei di sviluppare sistemi ortografici alternativi e adatti all'uso da parte di tutte le varianti del lombardo. Tra questi, vi è il tentativo di sviluppare una ortografia unificata (lomb. urtugrafia ünificada ) [174] [175] [176] , che non ha attecchito a causa della eccessiva complessità e della scarsa intuitività (oltre che per la mancanza di adattabilità alla tastiera italiana) del sistema, che usa simboli come ç per [z]/[ʧ], o ə per [a]/[ə]/[e] atoni, nonché per l'obbligo di segnare la lunghezza vocalica, pur con l'eliminazione degli accenti sul primo grafema del digrafo ( aa e non àa )[170] .

La grafia cosiddetta insubrica unificata (lomb. insübrica ünificada ) è stata invece sviluppata a partire dal 2003 dal periodico La Vus de l'Insübria per la scrittura dei dialetti lombardi occidentali. Questo sistema, che si basa sull' ortografia ticinese , è sostanzialmente l' ortografia milanese moderna priva di ʃ per [z][170] . Alcuni racconti di Rudyard Kipling sono stati tradotti in lombardo con ortografia insubrica unificata (pur con alcune modifiche minori) dal linguista Marco Tamburelli [177] .

Infine, verso la fine degli anni duemila, su impulso del cantautore Lissander Brasca, è stato sviluppato il sistema polinomico Scriver Lombard [178] , creato per permettere una scrittura più uniforme delle diverse varietà locali del lombardo, con una minore rappresentazione della fonetica: allo stesso simbolo grafico possono essere quindi associate diverse pronunce, a seconda della varietà parlata dal locutore. Lo scriver lombard si pone quindi come grafia-tetto per le diverse varietà del lombardo, abbandonando le convenzioni linguistiche più vicine all'italiano (come il diverso valore di c e g davanti a vocale) per recuperare usi tipici delle scriptae cancelleresche medievali. Benché adatta all'uso da tastiera italiana, lo scriver lombard risulta controintuitivo per chi è alfabetizzato in italiano. Il suo uso resta perciò limitato ad una ristretta cerchia[170] [179][180] [181] , benché inizi ad essere usato anche da alcuni editori [182] [183] [184] [185] .

Ortografia classica Ortografia moderna Ortografia ticinese Scriver Lombard Pronuncia fonetica ( IPA ) Traduzione in italiano
lombard lumbàrt lumbáart lombard [lum'bɑ:rt] lombardo
su

sö/sœ

su

['sʏ]

['sœ]

su
fiœu fiöö fjöö fiœl ['fjø:] ragazzo
comun cumün cumün comun [ku'mʏɳ] comune
nazion nasiùn

naziùn

nassjùn

nazzjùn

nazion [na'sjʊɳ]

[na'ʦjʊɳ]

nazione
giamò giamò giamò jamò [ʤa'mɔ] di già
casetta caʃèta casèta caseta [ka'zɛta] casetta
gatt gàt gàtt gat ['gat] gatto
Lecch Lèch Lècch Lec ['lɛk] Lecco
Comm Còm Còmm Com ['kɔm] Como
parlaa parlàa parláa parlad [par'lɑ:] parlato
pajœu paiöö pajöö paiœl [pa'jø:] paiolo
dur düür düür dur ['dy:r] duro

Cinema in lingua lombarda

Audiovisivi

Una scena del film L'albero degli zoccoli di Ermanno Olmi

Doppiaggi

Esistono quattro doppiaggi in dialetto ticinese , curati dal TEPSI (Teatro Popolare della Svizzera Italiana) sotto la direzione di Yor Milano , di celebri pellicole cinematografiche:

Note

Esplicative

  1. ^ Escluse la provincia di Mantova , l' Oltrepò Pavese , la provincia di Pavia e il Casalasco in provincia di Cremona .
  2. ^ Parlato in provincia di Novara e in provincia del Verbano-Cusio-Ossola .
  3. ^ Parlato in Val Rendena , Val Bona e Valle di Ledro .
  4. ^ Eccetto Bosco Gurin .
  5. ^ Parlato nel Grigioni italiano .
  6. ^ Parlato a Botuverá , in Brasile , comune fondato da emigrati italiani provenienti prevalentemente dalla pianura tra Treviglio e Crema . Una tesi dell' università di Leiden sul Brazilian Bergamasch : [1] .
  7. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine " lingua " in accordo alle norme ISO 639-1 , 639-2 o 639-3 . Negli altri casi, viene usato il termine " dialetto ".
  8. ^ Ortografia milanese classica
  9. ^ Ortografia ticinese
  10. ^ Meno comunemente detto anche gallo-romanzo-cisalpino , famiglia che costituisce un sistema linguistico distinto sia rispetto all' italiano , sia rispetto al retoromanzo
  11. ^ "[In ogni caso] la carta non specifica quali lingue europee corrispondono al concetto di lingue regionali o minoritarie quali definite al suo articolo 1. In realtà, lo studio preliminare sulla situazione linguistica in Europa effettuato dalla Conferenza permanente dei poteri locali e regionali d'Europa ha condotto gli autori della carta a rinunciare ad allegarvi un elenco delle lingue regionali o minoritarie parlate in Europa. Malgrado la competenza dei suoi autori, un tale elenco sarebbe stato di certo ampiamente contestato per ragioni linguistiche, come pure per altre ragioni. Inoltre, rivestirebbe un interesse limitato poiché, almeno per quanto riguarda i provvedimenti specifici che figurano nella Parte III della carta, le Parti avranno un ampio potere discrezionale per stabilire le misure che si devono applicare ad ogni lingua. La carta presenta delle soluzioni appropriate per le varie situazioni delle diverse lingue regionali o minoritarie, ma non avanza giudizi sulla situazione specifica rispetto a dei casi concreti". Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie, Consiglio d'Europa, Rapporto Esplicativo STE n. 148; traduzione non ufficiale .
  12. ^ Interrogatus è forma latina usata nei verbali ufficiali degli interrogatori.
  13. ^ Tandœuggia è Babbuasso secondo Arrighi , p. 743 .
  14. ^ Tananan è Scricciolo o Ciampichino secondo Arrighi , p. 743 .
  15. ^ Condamm è storpiatura del latino quondam usato negli atti ufficiali.
  16. ^ a b Il Biondelli riporta che il dialetto milanese fu la prima variante lombarda a perdere questo tempo verbale. Cfr. Biondelli, Bernardino: Saggio sui dialetti Gallo-italici , 1853.
  17. ^ a b Ai tempi della pubblicazione del Biondelli , il 1853, la Provincia di Como austriaca includeva le aree settentrionali delle province di Varese e Lecco .

Bibliografiche

  1. ^ ( EN ) UNESCO Interactive Atlas of the World's Languages in Danger , su unesco.org .
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao lombardi, dialetti , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  3. ^ a b ( EN ) Documentation for ISO 639 identifier: LMO , su www-01.sil.org .
    «Identifier: LMO - Name: Lombard - Status: Active - Code set: 639-3 - Scope: Individual - Type: Living» .
  4. ^ a b ( EN ) Ethnologue report for language "lmo" , su ethnologue.com .
  5. ^ a b Comitato per la Salvaguardia dei Patrimoni Linguistici, La lingua lombarda esiste? , 9 febbraio 2017
  6. ^ Galloitalico: Più Gallo o più Italico? , su patrimonilinguistici.it .
  7. ^ a b c d ( EN ) Mary C. Jones e Claudia Soria, Assessing the effect of official recognition on the vitality of endangered languages: a case of study from Italy , in Policy and Planning for Endangered Languages , Cambridge, Regno Unito, Cambridge University Press, 2015, p. 130.
    «Lombard (Lumbard, ISO 639-9 lmo) is a cluster of essentially homogeneous varieties (Tamburelli 2014: 9) belonging to the Gallo-Italic group. It is spoken in the Italian region of Lombardy, in the Novara province of Piedmont, and in Switzerland. Mutual intelligibility between speakers of Lombard and monolingual Italian speakers has been reported as very low (Tamburelli 2014). Although some Lombard varieties, Milanese in particular, enjoy a rather long and prestigious literary tradition, Lombard is now mostly used in informal domains. According to Ethnologue, Piedmontese and Lombard are spoken by between 1,600,000 and 2,000,000 speakers and around 3,500,000 speakers respectively. These are very high figures for languages that have never been recognised officially nor systematically taught in school» .
  8. ^ UNESCO Interactive Atlas of the World's Languages in Danger http://www.unesco.org/languages-atlas/en/atlasmap/language-id-382.html
  9. ^ Lombard , su thefreedictionary.com .
    «Any of a group of Romance languages spoken in Lombardy and adjacent regions and closely related to Provençal, Romansh, Franco-Provençal, and French» .
  10. ^ Loporcaro 2009 , p. 5 .
  11. ^ Michele Loporcaro, Profilo linguistico dei dialetti italiani , Laterza, 2009.
    «I dialetti italiani sono dunque varietà italo-romanze indipendenti o, in altre parole, dialetti romanzi primari, categoria che si oppone a quella di dialetti secondari. Sono dialetti primari dell'italiano quelle varietà che con esso stanno in rapporto di subordinazione sociolinguistica e condividono con esso una medesima origine (latina). Dialetti secondari di una data lingua si dicono invece quei dialetti insorti dalla differenziazione geografica di tale lingua anziché di una lingua madre comune.» .
  12. ^ Dialetto , in Enciclopedia dei ragazzi , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005-2006.
  13. ^ ( EN ) International African Institute, A Handbook of African Languages , in Africa: Journal of the International African Institute , vol. 16, n. 3, Cambridge University Press, Luglio 1946, pp. 156-159 (archiviato dall'originale ) .
  14. ^ Lorenzo Renzi e Alvise Andreose - Manuale di linguistica e filologia romanza - Ed. Il Mulino, Bologna - Nuova edizione - 2015, pagina 57: " (…) I dialetti italiani settentrionali comprendono le varietà parlate in Piemonte, nella Liguria, nella Lombardia, nel Trentino, nel Veneto e, infine, nell'Emilia e nella Romagna (…)"
  15. ^ a b c d e f Agnoletto , p. 120 .
  16. ^ a b D'Ilario, 2003 , p. 28 .
  17. ^ a b D'Ilario, 2003 , p. 29 .
  18. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Il milanese crogiuolo di tanti idiomi , su lagobba.it . URL consultato il 24 settembre 2017 .
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n Il lessico lombardo , su grandelombardia.org . URL consultato il 23 settembre 2017 .
  20. ^ Rognoni, Andrea: Grammatica dei dialetti della Lombardia , Mondadori, 2005, pag.9
  21. ^ a b Massarani, Tullo. Tenca, Carlo: Prose e poesie scelte di Carlo Tenca - Volume 2 , Hoepli, 1888, pag.169
  22. ^ Loporcaro, Michele: Profilo linguistico dei dialetti italiani , Laterza, 2009, pag. 97
  23. ^ Cortellazzo, Manlio: Profilo dei dialetti italiani: Lombardia , Pacini, 1988, pag. 12
  24. ^ Bonfadini, Giovanni 1992: I dialetti trentini occidentali In: Atti del II convegno sui dialetti del Trentino: 18-19-20 ottobre 1991 / a cura di Aldo Bertoluzza. - Trento: Centro culturale "Fratelli Bronzetti" Editore, 1992, p. 35-60.
  25. ^ Karl Jaberg, Jakob Jud - Sprach- und Sachatlas Italiens und der Südschweiz (AIS) ( NavigAIS-web Versione online navigabile)
  26. ^ AAVV: Rivista italiana di dialettologia, Volumi 17-18 , Cooperativa libraria universitaria editrice, 1994, pag.55
  27. ^ Biondelli, Bernardino: Saggio sui dialetti Gallo-italici, 1853, p. 55 , su archive.org .
  28. ^ emiliano-romagnoli, dialetti , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  29. ^ Sobiela-Caanitz, Guiu: Genesi della nazione piemontese , 1983
  30. ^ ( EN ) Brazilian Bergamasch: an Italian language spoken in Botuverá (Santa Catarina, Brazil) , su openaccess.leidenuniv.nl . URL consultato il 23 luglio 2018 .
  31. ^ Scope of denotation for language identifiers , su www-01.sil.org .
  32. ^ Language codes - ISO 639 , su iso.org .
  33. ^ Legislazione europea - Carta europea delle lingue regionali o minoritarie ( PDF ), su cesdomeo.it . URL consultato il 20 settembre 2017 (archiviato dall' url originale il 12 maggio 2016) .
  34. ^ Carta europea delle lingue regionali o minoritariee , su minoranzelinguistiche.provincia.tn.it . URL consultato il 20 settembre 2017 .
  35. ^ a b Lingue regionali, l'Italia verso la ratifica della Carta europea di tutela , su eunews.it . URL consultato il 20 settembre 2017 .
  36. ^ Red book of endangered languages , su helsinki.fi .
  37. ^ "Lombardia bilingue con il dialetto": progetto di legge presentato in Regione , su ilgiorno.it , Il Giorno. URL consultato il 1º giugno 2016 .
  38. ^ Dialetto, la Lega propone il bilinguismo in Regione , su affaritaliani.it , Affari Italiani. URL consultato il 1º giugno 2016 .
  39. ^ La Lombardia ha una nuova legge sulla cultura Pilastri: identità, valorizzazione del patrimonio e innovazione , su lombardiaquotidiano.com . URL consultato il 20 settembre 2017 .
  40. ^ sentenza costituzionale nr. 81 del 2018 - https://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2018&numero=81
  41. ^ a b Bascapè, Angelo: Arte e religione nei poeti lombardi del Duecento , Olschki, 1964
  42. ^ L'oltretomba senz'anima (o quasi) di Bonvesin da la Riva , su treccani.it . URL consultato il 24 settembre 2017 .
  43. ^ Opere di Bonvesin de la Riva , su classicitaliani.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  44. ^ koine , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  45. ^ ( FR ) Emmanuel Bury, Tous vos gens a latin: le latin, langue savante, langue mondaine (XIVe-XVIIe siècles) , su books.google.it .
  46. ^ Alberto Varvaro, XIV congresso internazionale di linguistica e filologia romanza, Napoli, 15-20 Aprile 1974 : atti , su books.google.it .
  47. ^ Aa.Vv., Studi glottologici italiani , Volume 7, E. Loescher, Torino 1920, p. XXV e seguenti.
  48. ^ «Tra questi appunto vi è il dialetto della Val Maggia (Svizzera), con cui ora egli tenta connettere il sanfratellano e anche, con allargarne eventualmente un po' i confini, gli altri dialetti gallici di Sicilia» da: Giacomo de Gregorio, Studi glottologici italiani , Volume 2, E. Loescher, 1901, p. 280.
  49. ^ «L'origine monferrina dei dialetti lombardi di Sicilia è stata sostenuta da taluni autori. Le colonie gallo-italiche stabilitesi nell'isola nei secc. XI e XII, in seguito al trasferimento dei Marchesi del Monferrato in Sicilia» da Giuseppe Maria Musmeci Catalano, La sacra rappresentazione della natività nella tradizione italiana , a cura di Carmelo Musumarra, Firenze, LS Olschki, 1957, p. 35, SBN IT\ICCU\LO1\0349333 .
  50. ^ ( FR ) Jules Gay, L'Italie meridionale et l'empire Byzantin , Parigi 1904, vol. II, p. 450-453.
  51. ^ Fiorenzo Toso , Le minoranze linguistiche in Italia , Bologna, Il Mulino, 2008, p. 137, ISBN 978-88-15-12677-1 .
  52. ^ Le colonie 'lombarde' si insediano in Sicilia , su casalenews.it . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  53. ^ Fiorenzo Toso , Frammenti d'Europa: guida alle minoranze etnico-linguistiche e ai fermenti autonomisti , Baldini &Castoldi, Milano 1996.
  54. ^ I Lombardi di Sicilia , su Patrimoni Linguistici . URL consultato il 9 luglio 2017 .
  55. ^ Fiorenzo Toso , Lingue d'Europa: la pluralità linguistica dei paesi europei fra passato e presente , Baldini Castoldi Dalai, Milano 2006, p. 158.
  56. ^ Franco Cardini (a cura di), L'Italia medievale , Touring club italiano, Milano 2004, p. 312.
  57. ^ Le lingue della Lucania , su regione.basilicata.it . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  58. ^ Libro delle Espressioni, Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia, Parlata Alloglotta Gallo Italico , su regione.sicilia.it . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  59. ^ a b c Distribuzione dei dialetti siciliani e degli allofoni , su itispiazza.it . URL consultato il 1º ottobre 2017 (archiviato dall' url originale l'8 luglio 2013) .
  60. ^ a b c Carta regionale dei luoghi dell'identità e della memoria-Implementazione , su regione.sicilia.it . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  61. ^ Salvatore Claudio Sgroi, I gallo-italici minoranze linguistiche? Identità e impenetrabilità delle varietà gallo-italiche in Sicilia , in Progetto Gallo-italici . Saggi e Materiali 1, a cura di Salvatore Carmelo Trovato, Dipartimento di Scienze linguistiche, filologiche, letterarie medievali e moderne, Catania 1989, pp. 25-71.
  62. ^ Mario Giacomarra, Comunità galloitaliche di Sicilia. Dinamiche territoriali e dimensioni socioculturali , in Vincenzo Orioles, Fiorenzo Toso, Le eteroglossie interne. Aspetti e problemi . Numero tematico di “Studi Italiani di Linguistica Teorica e Applicata”, ns, 34/3, 2005, pp. 463–480
  63. ^ Salvatore Carmelo Trovato, Le parlate galloitaliche della Sicilia. Testimonianze e documenti della loro diversità , in Vincenzo Orioles, Fiorenzo Toso, Op. Cit. , pp. 553–571
  64. ^ «La popolazione dei centri di dialetto gallo-italico della Sicilia si calcola in circa 60.000 abitanti, ma non esistono statistiche sulla vitalità delle singole parlate rispetto al contesto generale dei dialetti siciliani. Per quanto riguarda le iniziative istituzionali di tutela, malgrado le ricorrenti iniziative di amministratori e rappresentanti locali, né la legislazione isolana né quella nazionale (legge 482/1999) hanno mai preso in considerazione forme concrete di valorizzazione della specificità delle parlate altoitaliane della Sicilia, che pure rientrano a pieno titolo, come il tabarchino della Sardegna, nella categoria delle isole linguistiche e delle alloglossie» . Fiorenzo Toso, Gallo-italica, comunità, Enciclopedia dell'Italiano (2010), Treccani
  65. ^ [2] «Nel caso del tabarchino le contraddizioni ei paradossi della 482 appaiono con tutta evidenza se si considera che questa varietà, che la legislazione nazionale ignora completamente, è correttamente riconosciuta come lingua minoritaria in base alla legislazione regionale sarda (LR 26/1997), fatto che costituisce di per sé non soltanto un assurdo giuridico, ma anche una grave discriminazione nei confronti dei due comuni che, unici in tutta la Sardegna, non sono in linea di principio ammessi a fruire dei benefici della 482 poiché vi si parla, a differenza di quelli sardofoni e di quello catalanofono, una lingua esclusa dall'elencazione presente nell'art. 2 della legge» , Fiorenzo Toso, Alcuni episodi di applicazione delle norme di tutela delle minoranze linguistiche in Italia , 2008, p. 77.
  66. ^ Dalla Sent. Cost. 88/2011, punto 3 cons. dir.: la legge 482/1999 «non esaurisce ogni forma di riconoscimento a sostegno del pluralismo linguistico, ma al contrario si riferisce esclusivamente alla tutela delle minoranze linguistiche storiche»
  67. ^ Lr Regione Sardegna nr.22/2018, art. 2 punto 2 lettera a) eb): “La presente legge disciplina le competenze della Regione in materia di politica linguistica. In particolare, essa contiene: a) le misure di tutela, promozione e valorizzazione della lingua sarda e del catalano di Alghero; b) le misure di promozione e valorizzazione del sassarese, gallurese e tabarchino”
  68. ^ Brown, Josh: Testimonianze Di Una Precoce Toscanizzazione Nelle Lettere Commerciali del Mercante Milanese Francesco Tanso (?-1398) , Archivio Datini, Prato https://www.highbeam.com/doc/1G1-437059133.html Archiviato il 18 agosto 2018 in Internet Archive .
  69. ^ Ludovico il Moro e l'età aurea della Grande Milano , su storico.org . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  70. ^ Mirko Tavoni, Storia della lingua italiana. Il Quattrocento. , su books.google.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  71. ^ Tavoni, Mirko: Storia della lingua italiana. Il Quattrocento , Libreriauniversitaria.it Edizioni, 2015, pag. 152
  72. ^ALIONE, Gian Giorgio , in Dizionario biografico degli italiani , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  73. ^ Salviati, Leonardo: Degli Avvertimenti Della Lingua Sopra Il Decamerone , Raillard, 1712
  74. ^ ( EN ) Hermann Haller, The Other Italy: The Literary Canon in Dialect , su books.google.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  75. ^LOMAZZO, Giovanni Paolo , in Dizionario biografico degli italiani , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  76. ^ Mirko Tavoni, Letteratura Milanese - Fabio Varese , su canzon.milan.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  77. ^ Guglielmo Stefani, Dizionario corografico del Novarese , su books.google.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  78. ^BIFFI, Giovanni Ambrogio , in Dizionario biografico degli italiani , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  79. ^ Carlo Maria Maggi, Comedie e rime in lingua milanese , vol. 2, Milano, 1701, pp. 100-101.
  80. ^ Atlante del Sapere: Maschere italiane , Edizioni Demetra, 2002, pag. 116
  81. ^ De Lemene, Francesco: La Sposa Francesca , Edizione curata da Dante Isella, Giulio Einaudi Editore, 1979.
  82. ^ Lemène, Francesco de , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  83. ^ Guidi, Ulisse: Annali delle edizioni e delle versioni della Gerusalemme liberata e d'altri lavori al poema relativi , Libreria Guidi Bologna, 1868, pag. 105
  84. ^ Cigogna, Emmanuele Antonio: Delle inscrizioni veneziane raccolte ed illustrate da Emmanuele Antonio Cigogna, cittadino veneto Volume III , Giuseppe Picotti Stampatore, 1830, pagg. 152-154
  85. ^ Sapere.it: Bosinada
  86. ^ a b Letteratura milanese - Il '700 , su anticacredenzasantambrogiomilano.org . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  87. ^ Sistema bibliotecario e documentale , su opac.unicatt.it , unicatt.it. URL consultato il 21 settembre 2017 .
  88. ^ Ferrario, Luigi: Busto Arsizio: notizie storico-statistiche , Tipografia Sociale di Busto Arsizio, 1864, pagg. 172-175
  89. ^ Biondelli, Bernardino: Saggio sui dialetti gallo-italici , Milano, 1853, pag. 106.
  90. ^ a b La lingua padana o padanese , su veja.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  91. ^ a b Pòrta, Carlo , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  92. ^ Gròssi, Tommaso , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  93. ^ Cherubini, Francesco , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  94. ^ a b c d italianizzazione dei dialetti , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  95. ^ D'Ilario, 2003 , p. 156 .
  96. ^ D'Ilario, 2003 , p. 44 .
  97. ^ D'Ilario, 2003 , p. 67 .
  98. ^ D'Ilario, 2003 , p. 70 .
  99. ^ D'Ilario, 2003 , p. 77 .
  100. ^ a b D'Ilario, 2003 , p. 121 .
  101. ^ Novelli, Mauro: I saggi lirici di Delio Tessa , LED, 2001, pagg. 52-54.
  102. ^ Bortolo Belotti , su servizi.ct2.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  103. ^ a b c Antologia lombarda , su sites.google.com . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  104. ^ Lòi, Franco , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  105. ^ Orèlli, Giovanni , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  106. ^ a b Antonio Provasio, capocomico dei Legnanesi: "Milano mi dà il pane e mi riempie il cuore" , su ilgiorno.it . URL consultato l'11 aprile 2014 .
  107. ^ Il tempismo è perfetto, Bob Dylan è in dialetto lombardo: "È l'emblema dei cantastorie" , su repubblica.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  108. ^ Letteratura in lingua locale: quale futuro? , su patrimonilinguistici.it . URL consultato il 21 settembre 2017 .
  109. ^ La palatalizzazione di CA e GA nell'arco alpino orientale ( PDF ), su periodicals.narr.de . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  110. ^ sonorizzazione , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  111. ^ La lingua italiana. Storia, testi, strumenti (Marazzini), Sintesi di Storia della lingua italiana. Università di Catani , su docsity.com . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  112. ^ Hermann W. Haller: "The Other Italy". University of Toronto Press, 1999.
  113. ^ Giovan Battista Pellegrini, La carta dei dialetti d'Italia . Pacini editore, Pisa, 1977.
  114. ^ Piemontese, 110 e lode , su rivistaetnie.com . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  115. ^ ( EN ) Cecilia Poletto: Dialectal Variation in the Northern Italian Domain ( PDF ), su egg.auf.net . URL consultato il 19 settembre 2008 (archiviato dall' url originale il 12 maggio 2014) .
  116. ^ a b La sintassi lombarda , su ilsizzi.wordpress.com . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  117. ^ Zanuttini, R. (1997). Negation and clausal structure: A comparative study of Romance languages. Oxford University Press, USA.
  118. ^ a b La lingua lombarda: la morfologia , su grandelombardia.org . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  119. ^ a b Dizionario milanese-italiano , su latuamilano.com . URL consultato il 23 settembre 2017 .
  120. ^ Studia ambrosiana. Annali dell'Accademia di Sant'Ambrogio (2010) , su books.google.de . URL consultato il 19 aprile 2018 .
  121. ^ Il Sestiere di Porta Romana , su storiadimilano.it . URL consultato il 19 aprile 2018 .
  122. ^ Zona Centro Storico – Il Cerchio Celtico , su blog.urbanfile.org . URL consultato il 19 aprile 2018 .
  123. ^ Le 10 epoche della storia d'Italia antica e moderna, Volume 1, di Antonio Quadri , su books.google.it , storiadimilano.it. URL consultato il 19 aprile 2018 .
  124. ^ Macchione , p. 27 .
  125. ^ a b c d e f Angelo Biella, Virginia Favaro Lanzetti, Lucina Mondini, Gianfranco Scotti, Vocabolario italiano-lecchese, lecchese-italiano: preceduto da una grammatica essenziale e da un saggio di toponomastica lecchese [ collegamento interrotto ] , Oggiono (Lecco), Cattaneo Editore, 2001, p. 924, ISBN 88-86509-49-9 .
  126. ^ Cavagno , su treccani.it .
  127. ^ Cadrega - Garzanti Linguistica , su garzantilinguistica.it . URL consultato il 24 settembre 2017 .
  128. ^ D'Ilario, 2003 , p. 85 .
  129. ^ Clemente Merlo , L'Italia dialettale 1 (1924): 12-26.
  130. ^ Gabriele Rosa. Dialetti, costumi e tradizioni delle provincie di Bergamo e di Brescia; Tipografia Pagnoncelli, Bergamo, 1857.
  131. ^ Bernardino Biondelli , Saggio sui dialetti gallo-italici , Milano, 1853.
  132. ^ Gian Battista Pellegrini, Carta dei dialetti d'Italia , Pacini, Pisa, 1977.
  133. ^ confine linguistico , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010-2011.
  134. ^ a b c d e f g h Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti gallo-italici , 1853, pp. 4-5.
    «Il dialetto principale rappresentante il gruppo occidentale si è il Milanese, e ad esso più o meno affini sono: il Lodigiano, il Comasco, il Valtellinese, il Bormiese, il Ticinese e il Verbanese. [...] Il Milanese è il più esteso di tutti. Oltre alla pro vincia di Milano occupa una parte della pavese fino a Landriano e Bereguardo; e, varcando quivi il Ticino, si estende in tutta la Lomellina e nel territorio novarese compreso tra il Po, la Sesia ed il Ticino, fino a poche miglia sopra Novara. Il Lodigiano si parla entro angusti limiti, nella breve zona compresa tra l'Adda, il Lambro ed il Po, risalendo fino all'Addetta nei contorni di Paullo; inoltre occupa un piccolo lembo lungo la riva orientale dell'Adda, intorno a Pandino e Rivolta. Il Comasco estèndesi in quasi tutta la provincia di Como, tranne l'estrema punta settentrionale al di là di Menagio e di Bellano a destra ed a sinistra del Lario; e in quella vece comprende la parte meridionale Piana del Cantone Ticinese , sino al monte Cènere. Il Valtellinese occupa colle sue varietà le valli alpine dell'Adda, della Mera e del Liro, inoltràndosi ancora nelle Tre Pievi, lungo la riva del Lario, intorno a Gravedona , ed a settentrione nelle quattro valli dei Grigioni italiani, Mesolcina, Calanca, Pregallia e Puschiavina. L'estremità più elevata settentrionale della valle dell'Adda, che comprende a un dipresso il distretto di Bormio, colla piccola valle di Livigno situata sull'opposto pendio del monte Gallo, è occupata dal dialetto Bormiese. Il Ticinese è parlato nella parte settentrionale del Cantone Svlzzcro d'egual nome, al norte del monte Cènere, in parecchie varietà, tra le quali distinguonsi sopra tutto le favelle delle valli Maggia, Verzasca, Leventina, Bienio ed Onsernone. Il Verbanese estèndesi tra il Verbano, il Ticino e la Sesia, dalle Alpi lepóntiche fin presso a Novara, ed è quindi parlato lungo ambe le sponde del Verbano, spaziando ad occidente in tutte le vallate che vi affluiscono, ed insinuàndosi nella più estesa della Sesia colle sue affluenti del Sermenta e del Mastallone.» .
  135. ^ Francesco Cherubini, Vocabolario milanese-italiano , vol. 5, 1856, pp. 289-290.
    «Il parlar di Brianza è un suddialetto del Milanese, ed ha communi con quest'ultimo idioma le regole grammaticali considerate nella loro generalità, come anco buona porzione delle voci isolate. Molte però tra queste ultime, e in gran parte anco la pronuncia, differiscono essenzialmente dal milanese idioma» .
  136. ^ Brianzolo , su http://www.sapere.it/sapere/dizionari/ , DeAgostini. URL consultato il 4 settembre 2016 .
  137. ^ Thompson, 2015 , p. 14 .
  138. ^ Scampoli diantico dialetto - Introduzione , su ssno.it . URL consultato il 19 settembre 2017 (archiviato dall' url originale il 22 settembre 2017) .
  139. ^ LOMELLINA , in Enciclopedia Italiana , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  140. ^ Per un milanese è difficile comprendere la parlata stretta bustocca (cfr. Saibene, 1986 , p. 132 )
  141. ^ Azimonti, 1939 , p. 6 .
  142. ^ Rognoni, 2005 , p. XI .
  143. ^ Sanga, 1984 , p. 10 .
  144. ^ D'Ilario, 2003 , p. 35 .
  145. ^ D'Ilario, 2003 , p. 22 .
  146. ^ Il dialetto ci svela il mondo , su laprovinciadivarese.it . URL consultato il 19 settembre 2017 .
  147. ^ Cortelazzo, 1988 , p. 28 .
  148. ^ Cortelazzo, 1988 , p. 64 .
  149. ^ Zahner, 1989 , p. 42 .
  150. ^ Le magie di Chiavenna, degne di un film Disney , su varesenews.it . URL consultato il 12 settembre 2016 .
  151. ^ Val San Martino Spot. Dialetto Bergamasco , su valsanmartinospot.it . URL consultato il 1º ottobre 2018 (archiviato dall' url originale il 10 agosto 2018) .
  152. ^ a b Antonio Martinelli, La Valle San Martino nella storia , Istituto Grafico Litostampa Gorle, 1987, p. 24, ISBN non esistente.
  153. ^ Val San Martino Spot. Dialetto Bergamasco , su valsanmartinospot.it . URL consultato il 1º ottobre 2018 (archiviato dall' url originale il 10 agosto 2018) .
  154. ^ Fabio Foresti, Profilo linguistico dell'Emilia-Romagna, Editori Laterza, Bari, 2010, pag. 120
  155. ^ Giuseppe Bellosi , Gianni Quondamatteo , Le parlate dell'Emilia e della Romagna , Edizioni del Riccio, Firenze, 1979, pag. 9
  156. ^ Profilo linguistico dei dialetti italiani, Loporcaro Michele, Editori Laterza, Bari, 2009, pag. 97, cfr Salvioni C., Dell'antico dialetto pavese. Bollettino della Società Pavese di Storia Patria
  157. ^ Devoto Giacomo, Giacomelli Gabriella, I dialetti delle regioni d'Italia, Sansoni Università, Firenze, 1972, pag. 54
  158. ^ Francesco D'Ovidio, Wilhelm Meyer-Lübke, Grammatica storica della lingua e dei dialetti italiani , su archive.org , Hoepli. URL consultato l'11 febbraio 2014 .
  159. ^ Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti Gallo-italici , su archive.org . URL consultato il 25 settembre 2017 .
  160. ^ Biondelli, Bernardino: Saggio sui dialetti Gallo-italici, 1853, p. 18 , su archive.org .
  161. ^ Glauco Sanga, Dialettologia Lombarda, Aurora Edizioni - Università di Pavia, Pavia, 1984, pag. 8
  162. ^ Monica Tassi in: L'Italia dei dialetti (a cura di Gianna Marcato), Unipress, Padova, 2008, pag. 67
  163. ^ a b Daniele Vitali, Pronuncia , su appennino4p.it , Dove comincia l'Appennino. URL consultato il 21 gennaio 2017 .
  164. ^ Daniele Vitali, Dialetti delle Quattro province , su appennino4p.it , Dove comincia l'Appennino. URL consultato il 22 agosto 2020 .
  165. ^ Appunti, dialetto mantovano , su adcrusca.it . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  166. ^ ( EN ) UNESCO Interactive Atlas of the World's Languages in Danger , su unesco.org .
  167. ^ Glauco Sanga, La lingua lombarda. Dalla koinè alto-italiana delle Origini alla lingua cortegiana , 1990. In: Sanga, Glauco (a c. di), Koinè in Italia dalle origini al Cinquecento , Bergamo, Lubrina: 79-163, pp. 146-147.
  168. ^ a b c d e La lingua lombarda: la questione ortografica , su grandelombardia.org . URL consultato il 22 settembre 2017 .
  169. ^ Francesco Cherubini, Vocabolario Milanese-Italiano , Milano, Dall'Imperial Regia stamperia, 1839.
  170. ^ a b c d e Emanuele Miola, Chì pòdom tucc scriv come voeurom. Scrivere in lombardo on-line , in Elaborazione ortografica delle varietà non standard: esperienze spontanee in Italia e all'estero , Bergamo, Bergamo University Press-Sestante edizioni, pp. 79-96, ISBN 978-88-6642-192-4 . Qui una bozza consultabile online su academia.edu (URL consultato il 23 settembre 2017).
  171. ^ Gabriele Iannàccaro, e Vittorio Dell'Aquila, Per una tipologia dei sistemi di scrittura spontanei in area romanza , 2008. Estudis Romànics 30: 311-331, p. 323.
  172. ^ Centro di dialettologia e di etnografia del Canton Ticin , su www4.ti.ch . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  173. ^ Gianni Pisoni, Nozioni di grammatica del dialetto bergamasco - Ducato di Piazza Pontida ( PDF ), su facoetti.com . URL consultato il 1º ottobre 2017 .
  174. ^ Jørgen Giorgio Bosoni, Una proposta di grafia unificata per le varietà linguistiche lombarde: regole per la trascrizione , 2003. Bollettino Storico dell'Alta Valtellina 6: 195-298.
  175. ^ Claudio Beretta e Cesare Comoletti, Grafia lombarda semplificata , 2003. In: Claudio Beretta (a c. di), Parlate e dialetti della Lombardia: lessico comparato , Milano, Mondadori: pp. 23-24.
  176. ^ Claudio Meneghin, Rebuilding the Rhaeto-Cisalpine written language: Guidelines and criteria , 2007-2010. Part I: ORS-Orthography . Part II: Morphology, I: noun, article and personal pronoun . Part III. Morphology, II: adjectives, pronouns, invariables . Part IV. Morphology, III: the verb . Ianua 7 (2007): 37-72; 8 (2008): 113-152; 9 (2009): 37-94; 10 (2010): 33-72
  177. ^ Marc Tambürèl, Scerna de stori del Rudyard Kipling , 2009.
  178. ^ ( LMO ) Lissander Brasca, Scriver Lombard , Monza, Menaresta, 2011.
  179. ^ ( EN ) Paolo Coluzzi, The new speakers of Lombard ( XML ), DOI : 10.1515/multi-2018-0017 .
  180. ^ ( EN ) Paolo Coluzzi, Lissander Brasca, Emanuele Miola, Writing systems for Italian regional languages , DOI : 10.1080/01434632.2018.1531875 .
  181. ^ ( EN ) Paolo Coluzzi, Lissander Brasca, Marco Trizzino, Simona Scuri, Language planning for Italian regional languages: the case of Lombard and Sicilian , in Linguistic Regionalism in Eastern Europe and Beyond: Minority, Regional and Literary Microlanguages , Studies on Language and Culture in Central and Eastern Europe 31 , Berlino, Peter Lang , 2018, pp. 274-298, ISBN 978-3-631-75151-0 .
  182. ^ ( LMO ) Fliça , ISBN 978-88-99099-13-8 . URL consultato il 1° ottobre 2017 .
  183. ^ ( LMO ) Lessico Lombardo , su valtellinanews.it . URL consultato il 29 ottobre 2018 .
  184. ^ ( LMO ) Kahlil Gibran , El profeta , traduzione di Marco Tamburelli, Monza, Menaresta, 2015, ISBN 88-96751-17-9 .
  185. ^ ( LMO ) Altan e Agnese Baruzzi, La Pimpa la va a Milan , traduzione di Lissander Brasca, Franco Cosimo Panini Editore , 2020, ISBN 978-88-570-1669-6 .
  186. ^ Ecco i cento film italiani da salvare , su retedeglispettatori.it . URL consultato il 25 settembre 2017 .
  187. ^ Notizie e informazioni da Brescia e Provincia , su quibrescia.it .
  188. ^ Filmato audio Angelo Guarracino, QUESTAR - foeuja e radìs - (capitolo uno) , su YouTube , 9 novembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2017 .
  189. ^ Filmato audio Alberto Meroni, La Palmira Ul Film - Trailer 1 , su YouTube , 21 ottobre 2013. URL consultato il 24 settembre 2017 .
  190. ^ Scheda del film "Ora cammina con me" , su ffdl.it .
  191. ^ Filmato audio Stefano Tagliaferri, IL MATTINO SORGE AD EST - OFFICIAL TRAILER , su YouTube , 17 ottobre 2014. URL consultato il 24 settembre 2017 .
  192. ^ Filmato audio Alberto Meroni, LA PALMIRA - COMPLOTTO NEL MENDRISIOTTO - TRAILER , su YouTube , 28 agosto 2015. URL consultato il 24 settembre 2017 .
  193. ^ Se ta cati...ta copi!: in Brianza il primo western in dialetto , su ilcittadinomb.it .
  194. ^ Il doppiaggio in dialetto ticinese , su ulbatacc.ch .
  195. ^ Yor Milano va in guerra e "prende in giro" i nazisti , su tio.ch .
  196. ^ Il grande cinema doppiato in dialetto , su tio.ch .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 3601 · GND ( DE ) 4168136-8