Lugano

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Lugano (desambiguació) .
Lugano
comú
Ciutat de Lugano
Lugano - Escut d'armes
Lugano - Vista
Ubicació
Estat Suïssa Suïssa
Cantó Bandera del cantó de Tessin.svg Ticino
Districte Lugano
Administració
Alcalde Michele Foletti ( actor ) 11 d’agost de 2021
Idiomes oficials Italià
Territori
Coordenades 46 ° 00'N 8 ° 57'E / 46 ° N 8,95 ° E 46; 8,95 (Lugano) Coordenades : 46 ° 00'N 8 ° 57'E / 46 ° N 8,95 ° E 46; 8,95 ( Lugano )
Altitud 273 - 2 116 m slm
Superfície 75,8 km²
Habitants 67 082 [1] (31-12-2019)
Densitat 884,99 habitants / km²
Altres subdivisions vegeu Barris de Lugano
Municipis veïns Alta Valle Intelvi (IT-CO), Arogno , Bioggio , Brusimpiano (IT-VA), campió italià (IT-CO), Canobbio , Capriasca , Cavargna (IT-CO), Collina d'Oro , Grancia , Massagno , Melide , Morcote , Muzzano , Paradiso , Ponte Capriasca , Porza , Savosa , Sorengo , Val Rezzo (IT-CO), Valsolda (IT-CO), Vezia , Vico Morcote
Altra informació
Codi Postal 6900 a 6917, 6932, 6951, 6959, 6962 a 6968, 6974 a 6979
Prefix 091
Jet lag UTC + 1
Codi OFS 5192
Placa VOSTÈ
Cl. climàtic Mitjana 12 °
Anomenar habitants Lugano
Patró Sant Llorenç
Festa 1 d’agost
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lugano
Lugano
Lugano - Mapa
Web institucional

Lugano (en dialecte de Ticino i Como [2] Lügàn [lyˈgaŋ] [3] ; en alemany Lauis o Lowertz [obsolet]; en romànic Ligiaun ) és una ciutat suïssa de 67 082 habitants [1] al cantó de Ticino .

Palmeres al llac del paradís

Novena ciutat suïssa per població [4] [5] , el principal centre urbà cantonal de la Suïssa italiana amb 151 522 habitants al seu interior , s'estén des dels vessants de San Salvatore fins al Monte Brè fins al cim de Gazzirola ; Sobre 75,8 km² de superfície a una alçada que varia de 272 m slm a la vora del llac de Lugano , a 2 116 metres a la part superior de la Val Colla . Una destinació turística molt popular, Lugano també s’ha consolidat a tot el món com un centre bancari internacional líder, situant-se en el tercer lloc a Suïssa després de Zuric i Ginebra .

És la ciutat de parla italiana més gran fora del territori de la República italiana , a excepció de Rijeka (Rijeka) , on la llengua italiana és de facto cooficial juntament amb el croat i coneguda per un percentatge substancial de la població. , fins i tot si es parla, com a parlants nadius només un 1,9% [6] ; al cap i a la fi, la comunitat local d’italians compta amb uns 7.400 membres, un nombre superior a aquells que es declaren natius de parla italiana).

Geografia física

Territori

Clima

Lugano es caracteritza per un clima continental influït pels corrents alpins, amb un clima molt variable segons la temporada. Els hiverns són durs, però mitigats pel llac als districtes de les terres baixes, mentre que els estius tenen períodes de calor seca i altres de temps càlid.

La tardor a Lugano pot ser molt variable, normalment els primers dies de setembre els corrents més freds i humits irrompen a la vall, cosa que comporta una baixada marcada de les temperatures i l'arribada de períodes prolongats de pluja. Les temperatures començaran a baixar gradualment, però, encara hi ha dies càlids al setembre i, de vegades, a l’octubre. Les primeres gelades es produeixen de mitjana al novembre o, ocasionalment, a l’octubre, els primers flocs de neu cauen a les planes cap a finals de novembre, o fins i tot més tard.

La temperatura més alta registrada a Lugano és de 37 ° C , mentre que la inferior correspon a −20,8 ° C , registrat el febrer de 1994 a la zona de Viganello . La temperatura és molt diferent a les diverses zones: al centre i als districtes de terres baixes, les temperatures mínimes són més suaus, mentre que a les zones de la Val Colla superior les temperatures poden ser fins i tot de diversos graus sota zero.

Les nevades són possibles de novembre a abril i quasi sempre hi ha almenys una nevada a l'any. La primavera és càlida i ventosa, al mes de maig es nota fortament la presència del foehn , que bufa amb ràfegues que en alguns casos poden superar la 120 km / h . Durant l'any hi ha de mitjana 28 dies de gelades. Els dies de gel són possibles a l’hivern, però no tan freqüents. Segons la classificació de climes de Köppen Lugano correspon a Cfb , per tant a climes temperats, suaus i humits.

En els darrers anys, la ciutat ha patit molt els efectes de l’escalfament global en caure dràsticament els dies de gelades i gel, tot i que a la ciutat i als suburbis durant els períodes freds les temperatures poden baixar uns quants graus per sota de la temperatura de congelació. Els darrers episodis de fred intens es poden comptar el febrer de 1994, on la temperatura a la plana de la ciutat va caure fins a la baixa −20 ° C , el 2001 va provocar una tempesta de neu que va afectar completament la zona amb fortes nevades i temperatures molt baixes de zero, al febrer de 2012, durant un període de fred intens, la temperatura va caure més de deu graus sota zero a la vora del llac i al voltant de el −18 ° C a les zones muntanyoses i suburbanes, el gener de 2017 una forta incursió freda va fer que el riu Cassarate es congelés gairebé completament i el riu Vedeggio completament, portant capes de gel al propi llac de Lugano. on la desembocadura del riu es va congelar completament després que les temperatures caiguessin encara més −10 ° C. [7] [8]

LUGANO [9] Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 5.6 7.4 12.3 15,5 19,9 24.0 26,5 25,8 21.0 16.1 10.9 7.4 6.8 15,9 25.4 16.0 16.0
T. min. mitjàC ) −0,8 0,3 3.6 7.4 11.7 14.4 16.1 15.7 13.1 9.1 3.7 0,5 0,0 7.6 15.4 8.6 7.9
Dies calorosos ( T màx ≥ 30 ° C ) 0 0 0 0 0,1 1.7 3,8 2.4 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 7.9 0,1 8.1
Dies de gelades ( T min ≤ 0 ° C ) 16.4 10,8 4.1 1.5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 2.5 10.6 37,8 5.6 0,0 2.5 45,9
Dies de gel ( T màx ≤ 0 ° C ) 1.7 0,9 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,2 0,9 3.5 0,0 0,0 0,2 3.7
Precipitacions ( mm ) 66 52 80 156 196 164 153 158 185 142 127 80 198 432 475 454 1 559
Dies plujosos 4.8 4.6 6.1 10.6 12,8 10.0 7.9 9.6 8.4 9.1 7.8 6.4 15,8 29,5 27,5 25.3 98,1
Nevades ( cm ) 12.7 3.5 0,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,6 8.8 25,0 0,5 0,0 0,6 26.1
Dies de neu 2.0 1.5 0,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,2 1.3 4.8 0,4 0,0 0,2 5.4
Dies amb nevades ≥ 1 cm 4.3 3.6 0,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,2 1.3 9.2 0,4 0,0 0,2 9.8
Humitat relativa mitjana (%) 70 65 61 66 70 68 66 69 73 78 72 70 68.3 65,7 67,7 74.3 69
Hores de sol al mes 115 134 186 171 187 218 255 241 187 140 104 108 357 544 714 431 2 046

Orígens del nom

Hi ha diverses teories sobre l'origen del topònim Lugano :

  1. del nom del déu celta Lugus , protector de les aigües [ sense font ]
  2. del llatí lucus , fusta sagrada, bosc [10]
  3. de les sigles de " L egio V (quinta) G aunica A uxiliares", una legió auxiliar de l' Imperi Romà , de la qual hauria derivat l' escut de la ciutat, però, la investigació filològica més actualitzada ho considera estrany i desproveït de qualsevol fonament [ sense font ]
  4. del llatí medieval Lakvannus , o habitants al llac [11] .

Història

Primers assentaments i els romans

Les costes del llac Lugano han estat habitades des de l’edat de pedra . S'han trobat nombroses pedres de molí als confins de la ciutat moderna (Breganzona, Castagnola, Davesco i Gandria). A la zona de Lugano s’han trobat troballes de l’ edat del coure i de l’edat del ferro . Hi ha monuments etruscs a Davesco-Soragno (del segle V al II aC ), a Pregassona i a Viganello (del segle III al II aC ). S'han trobat tombes amb joies i articles per a la llar a Aldesago, Davesco, Pazzallo i Pregassona juntament amb diners celtes a Viganello.

La regió al voltant del llac Lugano va ser colonitzada pels romans al segle I aC . Hi havia una important ciutat romana al nord de Lugano, a Bioggio . Hi ha menys rastres dels romans a Lugano, però diverses inscripcions, tombes i monedes indiquen que alguns romans vivien al que seria Lugano. A l'època romana, Lugano, que es deia Luganum , era el final de la via Varesina , que connectava Milà amb Lugano passant per Varese , d'aquí el nom de la carretera.

Els orígens i l’edat mitjana

Ja el 724 es va esmentar el poble de Lugano en la donació que el rei Liutprando va fer a la basílica de San Carpoforo de Como . Els primers documents que indiquen l'existència de la ciutat moderna es daten al 875 , altres documents, que es remunten als anys 804 i 844 , es refereixen al llac de Lugano com a "Laco Luanasco", i un acte del 984 indica que Lugano és la ciutat del mercat .

A l’ edat mitjana , durant segles , Lugano, com les altres terres de l’actual cantó de Ticino, va seguir els esdeveniments de les lluites, entre güelfs i gibel·lins , dels propers municipis llombards de Como i Milà , els conflictes dels quals sovint tenien la regió que constitueix el camp de batalla. ara la Suïssa italiana , que cau de la tretzena a la de al segle XIV sota el domini de Com de la família Rusca. Els primers estatuts del segle XIV , només parcialment coneguts per nosaltres, es van elaborar seguint la línia dels de Como el 1335 , mentre que els estatuts de Lugano de 1441 , redactats sota la dominació milanesa, basats en els anteriors, ens han arribat en la seva totalitat. El 1449 , quan el llogaret va caure per poc temps sota la senyoria de Como , aquest es va afanyar a imposar de nou la seva pròpia legislació .

Aquestes disputes van acabar amb l'arribada del domini definitiu de Milà , sota el domini dels Visconti , el 1335 , després del llarg domini de la família Rusca. Al mateix temps, es reforça el vincle entre la ciutat i la vall, entre els anys 1405 i 1406 es documenta l'existència d'un vallis comunitas Lugani et , un òrgan de govern independent. La nova comunitat incloïa les parròquies de Lugano, Agno , Riva San Vitale i Capriasca . El 1416 el duc de Milà, Filippo Maria Visconti , va conquerir definitivament la regió de Lugano i la vall de Rusca i la va convertir en feu . La ciutat va aconseguir garantir la completa independència només després de la redacció dels estatuts de 1441 , tot i que pertanyia al ducat milanès.

El Renaixement, la conquesta francesa i la dominació confederada

Entre 1433 i 1438 el duc de Milà, Aloisio Sanseverino , va seure com a senyor feudal sobre Lugano, compensant la família Rusca amb la propietat de Locarno . Sota el regnat dels seus hereus a les dècades següents, esclataren rebel·lions i revoltes, que duraren fins a la invasió francesa del 1499 , dirigida per Mondragon .

La ciutat va ser ocupada per la Confederació Suïssa el 1512 , que la va arrabassar als francesos. Per tant, després de més de cent anys de dominació per les poderoses ciutats llombardes, conjuntament amb la pèrdua d’independència del ducat de Milà i amb les invasions estrangeres a Itàlia, es va establir el govern de gairebé tres segles dels confederats.

La ciutat estava fortificada i on avui es troben els Palacongressi i Villa Ciani es podia veure un castell construït pels comos el 1286 , reconstruït per Ludovico il Moro el 1498 i lliurat pels francesos als confederats el 26 de gener de 1513 després d’un setge que va durar sis mesos. La construcció fou enderrocada definitivament pels suïssos (principalment per motius de costos de manteniment) després de la conquesta de la zona de Lugano.

Aquest llarg període, durant el qual la ciutat de Lugano va ser un refugi dels 13 cantons de l' aleshores confederació suïssa, va posar fi a la invasió napoleònica , en particular l'entrada de Napoleó Bonaparte a Llombardia el maig de 1796 va ser significativa per al Tesino i la creació de la República Cisalpina .

De fet, el matí del 15 de febrer de 1798 , els Cisalpini van desembarcar a Lugano, però van trobar la resistència del Volontari del Borgo, una guàrdia establerta entre la població local per iniciativa dels representants dels cantons sobirans. Va seguir un dia frenètic d’enfrontaments, al final del qual els Cisalpini, malgrat l’èxit inicial, van ser rebutjats. Tanmateix, els elements més oberts de la burgesia luganesa van aprofitar els esdeveniments per aconseguir l’anhelada independència de la ciutat sota el lema de “lliures i suïssos”.

Determinar el punt d'inflexió cap a l'adhesió a la República Helvètica més que a la República Cisalpina va contribuir tant a l'alliberament dels lladres decretats pel Cantó de Basilea , imitat ràpidament per altres Cantons, com a la nova constitució de la República Helvètica . Aquest darrer, que constituïa els dos cantons de Lugano i Bellinzona , va tallar la resistència dels altres cantons confederats, gens disposats a atorgar llibertat als territoris més enllà dels Alps.

El període de la República Helvètica va ser per a Lugano, com per a la resta del país, una època de continus trastorns i aixecaments populars, causats principalment pel descontentament de les poblacions rurals amb la política del nou estat unitari. El mateix Napoleó va haver de reconèixer-ho i amb la Llei de mediació de 1803 es va sancionar el naixement del cantó de Ticino , unint el cantó de Lugano amb el de Bellinzona per fundar una República formalment sobirana i independent dins de la reformada Confederació Suïssa .

Amb la caiguda de Napoleó el 1815 , el Congrés de Viena va confirmar la independència dels nous cantons i, així, va néixer la Suïssa dels 22 cantons. Per al cantó de Ticino, la nova Constitució –amb tendència restauradora– resolia la qüestió de la capital cantonal de manera salomònica amb l’alternança de les ciutats de Bellinzona , Locarno i Lugano cada sis anys; aquesta última, per tant, al segle XIX també va servir de capital del cantó del Ticino.

Risorgimento italià i Lugano

Foto de la ciutat el 1905

Al segle XIX Lugano va tenir un paper important en els esdeveniments del Risorgimento italià , ja que molts exiliats italians importants van trobar refugi a la vora del Ceresio .

Carlo Cattaneo hi va viure, precisament al barri de Castagnola, on es va retirar després del fracàs de la revolta dels Cinc Dies de Milà i va morir aquí el 16 de febrer de 1869 . Giuseppe Mazzini va estar diversos anys a la Villa Tanzina, convidat de Sara Nathan , una estimada amiga també de Cattaneo. El patriota Abbondio Chialiva també s'havia traslladat aquí després de fer fortuna a les Amèriques i aquí va comprar la vila, on va acollir patriotes italians i va mantenir relacions amb diversos intel·lectuals. A Lugano, Maurizio Quadrio, que havia organitzat la insurrecció de la Val d'Intelvi juntament amb Mazzini el 1848, també havia reparat. Va ser Lodovico Frapolli , un patriota italià que es va refugiar a Lugano del 1849 al 1853 , a qui li va interessar la creació de l’institut cantonal .

El creixement del "Nou Lugano"

El 15 de desembre de 2002, la població va aprovar el projecte de Nou Lugano , és a dir, l’agregació de diversos municipis veïns amb la ciutat de Lugano.

El 4 d'abril de 2004 es van agregar els municipis de Breganzona , Cureggia , Davesco-Soragno , Gandria , Pambio Noranco , Pazzallo , Pregassona i Viganello .

El 20 d’abril de 2008 es van agregar els municipis de Barbengo , Carabbia i Villa Luganese .

El 20 de novembre de 2011 els municipis de Bogno , Cadro , Certara , Cimadera , Sonvico i Valcolla van votar per unir-se a la ciutat [12] , i l'11 de març de 2012 el municipi de Carona va fer el mateix. [13] . Les fusions estan operatives des del 14 d'abril de 2013 [14] .

Escut d'armes

Lugano-escut d'armes.svg

Hi ha moltes hipòtesis sobre el significat de les inicials LVGA i els gràfics de l’escut, però no hi ha interpretacions oficials. El testimoni de colors més antic de l’escut de la ciutat (fons vermell i creu de plata amb les inicials LVGA ) es remunta a 1588 i es pot trobar en un certificat expedit per la ciutat a l’ agutzil (capità regent o landfogto) Sebastian von Beroldingen , originàriament del cantó d’Uri , document visible al museu Altdorf .

L'ús de la V en lloc de la U , segons l'ús de les inscripcions romanes , suggereix que l'origen és romà, com per indicar realment una legió. Una altra interpretació indicaria que la facètica abreviatura LVGA és un acrònim de "Real Justice Antica".

La versió actual de l’administració municipal, provada per algunes còpies de documents datats del 1208 i del 1209 (s’han perdut els originals) dipositats a l’Arxiu de la Diòcesi de Lugano , és que LVGA no és res més que l’abreviatura del nom de la ciutat ell mateix. Aquesta interpretació ha estat avançada des del 1861 pel conseller d’estat de Ticino, Pietro Peri, en un dels seus escrits sobre qüestions heràldiques sobre els municipis de Ticino [15] .

Administració

Jutges de Pau 2009

Circolo di Lugano Ovest

  • Elegit tàcitament
  • Jutge de pau

(PLR) Giovanni Gherra (nascut l'1 de febrer de 1953, Lugano - Castagnola)

  • Elegit en forma impugnada
  • Jutge de pau alternatiu

(PPD) Maddalena Ermotti-Lepori (nascuda el 24 d'agost de 1957, Lugano)

  • Cercle de Lugano Est
  • Elegit en una forma molt lluitada
  • Jutge de pau

(PLR) Giuseppe Cassina (nascut l'1 de setembre de 1952, Lugano - Cureggia)

  • Elegit en una forma molt lluitada
  • Jutge de pau alternatiu

Ivan Vitalini (nascut el 28 de desembre de 1963, Lugano - Davesco-Soragno)

El patriciat [16]

  • Patrici de Lugano (dins dels límits administratius de 1972): l'oficina patricia [17] [18] està presidida per l'advocat Giorgio Foppa
  • Patrici de Bogno (que es va unir a Lugano després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Adriano Reali
  • Patrici de Brè (després de l'agregació de Brè-Aldesago el 1972): l'oficina patricia està presidida per Fabrizio Demarchi
  • Patrici de Cadro (després de l'agregació de 2013): l'oficina patricia està presidida per Tiziano Frigerio
  • Patrici de Carona (després de l'agregació del 2013): l'oficina patricia està presidida per Ares Bernasconi
  • Patrici de Castagnola (després de l'agregació el 1972): l'oficina patricia està presidida per Andrea Ender
  • Patrici de Certara (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Roberto Moresi
  • Patrici de Cimadera (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Edy Campana
  • Patrici de Colla (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Joseph Moresi
  • Patrici de Davesco-Soragno (després de l'agregació el 2004): l'oficina patricia està presidida per Arnaldo Fassora
  • Patrici d'Insone-Corticiasca (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Alberto Rossini
  • Patrici de Piandera (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Sergio Moresi
  • Patrici de Scareglia (després de l'agregació de Val Colla el 2013): l'oficina patricia està presidida per Angelo Petralli
  • Patrici de Sonvico (després de l'agregació el 2013): l'oficina patricia està presidida per Vico Malfanti
  • Patrici de Villa Luganese (després de l'agregació el 2008): l'oficina patricia està presidida per Marco Francesco Bulani

Les actuals famílies patricies de Lugano

  • Airoldi, Alleoni, Anastasi, Bariffi, Bellasi, Beretta, Beretta-Piccoli, Bernasconi (dues soques), Bianchi, Bossi, Brentani, Camuzzi, Conti (dues soques), Crivelli, De Carli, De Filippis, Domeniconi Foppa, Gorini, Laghi , Lepori, Lurati, Luvini, Moroni-Stampa, Morosini, Perlasca, Riva (dues soques), Salmini, Solari, Soldini, Torricelli, Vegezzi i Viglezio.

Les actuals famílies patricies de Brè-Aldesago

  • Abril, Caratti, Danesi, Demarchi, Gianini, Gilardi, Malacrida, Monti, Navoni, Pedrotta, Prati, Raselli, Sabbioni, Sala, Scopazzini, Taddei, Zeppi.

Les extenses famílies patricies de Brè

  • Gedra, Molinari, Snaghi, Thaler.

Agermanament

Els barris

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: barris de Lugano .

La ciutat de Lugano està dividida en 21 districtes.

La ciutat del futur

Lugano-panorama.jpg

La ciutat participa en nombrosos projectes importants que canvien radicalment de rostre. Això inclou:

  • El centre cultural de la Suïssa de parla italiana [19] LAC - Art i cultura de Lugano amb teatre, sala de concerts i museu a la vora del llac de la ciutat que va obrir les seves portes al públic el setembre de 2015 [20] .
  • La connexió ferroviària Lugano-Mendrisio-Varese-Gallarate-Malpensa [21] (que va entrar en servei el 2017) permet combinar més eficaçment els centres de Lugano, Varese i Como-Chiasso i, a partir de mitjan 2018, garantir l’accés ferroviari directe a l’ aeroport de Malpensa .
  • Estació de ferrocarril: la ciutat de Lugano és la principal parada de Suïssa de parla italiana per als trens de llarga distància que, des del 2016, utilitzen el nou ferrocarril transalpí i el túnel ferroviari més llarg del món (projecte Alptransit) [22] . Amb la construcció d' AlpTransit , Zuric i Lugano són a només una hora i cinquanta minuts. A més, des del 2020, amb l'obertura del túnel de Monte Ceneri , les connexions internes amb el Cantó també s'han reduït: entre Bellinzona i Lugano a 12 minuts en lloc de l'actual 22-33; entre Locarno i Lugano en 20-25 minuts en lloc de 48. El projecte de renovació de l'estació de Lugano [23] implica la recuperació d'una àrea valuosa, l'establiment de serveis i la millora de les connexions entre el centre i el turó de la ciutat.

Monuments i llocs d'interès

La ciutat i la seva arquitectura tenen un caràcter purament ticino, acull el palau de la curia del bisbe de la diòcesi de Lugano [24] . En els darrers cinquanta anys, des del 1950 fins al 2000, l’especulació constructiva ha transformat el rostre de la ciutat amb la pèrdua de nombroses residències, cases, vil·les i palaus que es remunten als segles XVI-XIX.

Arquitectura religiosa

Barri antic

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Lugano Centro .

Galeria d'imatges

Barri Molino Nuovo

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Molino Nuovo .
Vista des de l'oest de la popular zona residencial de Lugano

Districte de Pazzallo

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Pazzallo .

Districte de Breganzona

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Breganzona .

Ruvigliana i Cavallino

  • L'oratorio di San Michele sotto il quartiere di Ruvigliana , dove sorgeva un castello attestato già nel secolo XII
  • L'oratorio di San Carlo Borromeo , nella località di Cavallino

Quartiere di Loreto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Loreto (Lugano) .

La chiesa di santa Maria di Loreto sorge su un poggio oltre la valletta del riale Tassino. Villa La Tanzina - oggi demolita - era situata in territorio di Loreto. Abbondio Chialiva, esule italiano che aveva realizzato una cospicua fortuna in Sud America, divenne proprietario della villa, che prendeva il nome dal primo proprietario, il nobiluomo milanese Franco Tanzi. Il Chialiva fece realizzare il busto di George Washington nel 1859: al momento della demolizione della villa, il busto fu spostato ove si trova attualmente, sul Lungolago. Successivamente, la villa passò a Sara Nathan Levi, che vi ospitò Giuseppe Mazzini e altri patrioti italiani.

Galleria d'immagini

Architettura civile

Il centro storico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lugano Centro .

Galleria d'immagini

Quartieri a nord del centro storico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lugano Centro .

Quartieri ad ovest del centro storico

  • La stazione delle FFS sull'omonima piazza, eretto nel biennio 1875-1876 in forme neorinascimentali su piani di Adolf Göller
  • Nella Salita Bossoli la Casa d'appartamenti Pax , edificata dall'architetto Augusto Guidini junior nel 1934
  • L' Hotel Bristol (palazzo d'appartamenti), edificato da Paolito Somazzi per Vincenzo Fedele negli anni 1900-1903
  • In via Motta la Casa d'appartamenti Solatia , realizzata dall'architetto Rino Tami nel biennio 1950-1951
  • In via Massagno l'ex albergo Arizona (casa d'appartamenti) edificato da Tita Carloni negli anni 1957-1959

Montarina

Il quartiere fu realizzato in gran parte dall'architetto Americo Marazzi nel 1910 circa

  • Il Belvedere, in via Montarina, forse costruita nel 1855 per il commerciante Davide Enderlin
  • Il Villino, in via Borromini, edificato da Americo Marazzi per Giovanni Lüthy negli anni 1910-1912 circa.

Quartieri a sud del centro storico

  • La Riva Vela si trova nel punto d'incontro con Riva Caccia: giardino pubblico con sculture di artisti ticinesi e internazionali del XX secolo
  • Il Monumento a Giorgio Washington , in Riva Caccia, eseguito da Angelo Bruneri, fatto innalzare nel 1859 da Abbondio Chialiva
  • La Villa Malpensata , sede del Museo delle culture
  • L' Hotel Splendide Royal , originariamente Villa Merlina

Quartiere di Loreto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Loreto (Lugano) .

Cassarina

  • Il Palazzo residenziale e commerciale (Pensionato Franklin College), in via Calloni, progettato da Americo Marazzi negli anni 1925-1930 circa.
  • La Villa in via Domenico Fontana, progettata da Arnoldo Ziegler per Carlo Bossi nel 1928.

Quartiere di Besso

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Besso (Lugano) .

Galleria d'immagini

Quartiere di Castagnola-Cassarate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Castagnola-Cassarate .
  • La Villa Heleneum , di proprietà della Città di Lugano, è affittata per eventi privati
  • La Villa Helios,

A Caprino

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Caprino (Lugano) .

La località, situata sulla riva sud-ovest del Lago di Lugano sotto il Monte Caprino in faccia al centro storico della città, è nota soprattutto per le sue "cantine" ricavate nella roccia fin dal secolo XVII da famiglie patrizie luganesi e ora in gran parte ristrutturate.

  • Due case di vacanza sono state realizzate dall'architetto Peppo Brivio (nato nel 1923) nel biennio 1962-1963.

Architettura contemporanea

Degni di nota sono:

  • la Biblioteca cantonale, eretta dall'architetto Rino Tami nel biennio 1940-1941, situata vicino al Palazzo degli Studi
  • il Palazzo dei Congressi, opera dell'architetto Rolf Georg Otto degli anni 1965-1975 [29] ; molteplici sono le costruzioni dell'architetto Mario Botta
  • la Biblioteca del convento della Santissima Trinità
  • la BSI in viale Stefano Franscini, ex sede principale della Banca del Gottardo (1988)
  • il Palazzo Ransila in pieno centro città
  • la pensilina della stazione degli autobus, nonché alcuni palazzi amministrativi o commerciali
  • il nuovo Casinò-Kursaal sul lungolago davanti alla rivetta Tell
  • LAC Lugano Arte e Cultura, il nuovo centro culturale facilmente raggiungibile a piedi dal centro storico della città percorrendo il lungo lago
  • la zona ad alta densità abitativa di Pregassona ovest.

Galleria d'immagini

Parchi

Parco Ciani

Il Parco Ciani è il polmone verde della città; è un vasto parco con una variata flora primaverile ed estiva e numerosi alberi ad alto fusto, tra cui alcuni molto rari; al lago la darsena è ispirata ai cottage inglesi con elementi dell'architettura ottomana. La sua superficie nel tempo è stata dimezzata per far luogo alla costruzione del Palazzo degli studi, della relativa mensa-palestra, della biblioteca cantonale e del Palazzo delle scienze. Esso circonda l'omonima Villa Ciani (ora Museo di Belle Arti), una delle più belle residenze ticinesi ottocentesche, eretta per Giacomo Ciani e Filippo Ciani dall'architetto Luigi Clerichetti nel 1840. Qui i fratelli Ciani, durante le lotte per il Risorgimento italiano , diedero ospitalità a parecchi fuoriusciti tra cui Giuseppe Mazzini e Carlo Cattaneo . Questi si accasò definitivamente a Castagnola nel villino di caccia di Pietro Peri .

Galleria d'immagini

Parco Tassino

Il Parco Tassino è posto in prossimità della stazione ferroviaria in posizione panoramica, infatti si può godere della vista sul lago di Lugano. Nel punto più alto vi è la Torre Enderlin , dipinta di rosa. Grazie alla posizione, vi crescono piante come magnolie e rose a cespuglioe vi è anche una colonia di daini e mufloni . Infatti il parco era in passato una piccola riserva di caccia della famiglia Enderlin. Passato poi ad alberghi come il Métropole e il Majestic, diventò proprietà delle Ferrovie Federali Svizzere , che poi lo vendettero alla Città di Lugano nel 1970.

Galleria d'immagini

Parco San Michele

46°00′19.97″N 8°58′19.39″E / 46.005547°N 8.972053°E 46.005547; 8.972053 Situato nel quartiere di Castagnola, si adagia sui pendii del Monte Brè come una terrazza panoramica in posizione privilegiata e può essere raggiunto partendo da Cassarate. I suoi romantici sentieri, coperti di fronde di palme e fiancheggiati da cipressi, da fontane e da sculture di pietra grigia, conducono nel cuore di una flora tipicamente meridionale, ricca di glicini , di ibischi e oleandri che costituiscono il parco vero e proprio, ampio 12 000 , nel quale sorge la Cappella dedicata a San Michele, edificata sulle fondamenta di un antico castello. Dietro la cappella si estende la terrazza principale panoramica del parco dalla quale si gode una vista notevole; vi si trovano anche quattro colonne che rappresentano, sotto forma di figure sedute, modellate in sabbia rossa, quattro dei nostri sensi: l'udito, la vista , il tatto e il gusto. E proprio come in questa rappresentazione delle statue, il visitatore, attraverso la varietà e la bellezza della natura, ha la percezione concreta dei propri sensi. La città sottostante e il suo traffico paiono cosa insignificante a confronto degli orizzonti e dei frastagliati crinali che lo sguardo può abbracciare.

Da qui il golfo di Lugano, con i suoi porticciuoli, il Lido e l'arcuato lungolago si offrono alla vista nella loro interezza: lo scenario è chiuso dal Monte San Salvatore che da questa angolazione rivela tutta la sua imponenza. In lontananza emergono le cime delle catene alpine in una fantasmagorìa di forme e di colori che al tramonto si fanno incandescenti.

Sulla sinistra l'occhio può spaziare fino alla pianura padana dopo aver accarezzato le località di Melide , Campione d'Italia , Bissone , gli approdi sulla riva opposta ed i fianchi del Monte San Giorgio e della Sighignola . La sensazione che se ne trae è suggestiva: si è di fronte ad un angolo di terra privilegiata ammirabile da una delle più fortunate terrazze panoramiche che è preludio alle montagne più soleggiate d'Europa. Nel 1963 il parco fu acquistato dall'ex Comune di Castagnola che non era ancora unito a quello della Città di Lugano; l'aggregazione risale al 1972.

Economia

Un negozio di alimentari vicino a piazza Cioccaro

Lugano, oltre che sul turismo, basa le sue risorse sulle numerose banche e sul settore finanziario in generale che non cessa di accrescersi. La capitale finanziaria luganese ospita anche altre industrie quali, ad esempio, le fabbriche di macchinari, i resti di quella che era una florida industria di lavorazione del tabacco , la fabbricazione di cioccolata . Merita di essere segnalata anche la produzione di carta . Lugano è inoltre azionista di maggioranza del casinò cittadino, sala da grandi giochi con ristorante [30] .

Società

Evoluzione demografica

Anno Totale Lugano Barbengo Breganzona Carabbia Cureggia Davesco-Soragno Gandria Lugano Centro Pambio Noranco Pazzallo Pregassona Viganello Villa Luganese
1591 35 110 330 110
1643 205 3 278
1670 245 3 402 464
1696 143 182
1769 155 4 351
1783 238
1801 227 62 194 147 244
1850 552 399 143 53 299 235 5 939 170 131 464 319 264
1860 490 443 131 44 299 239 6 231 153 129 488 287 222
1870 484 482 126 47 303 247 6 916 141 141 478 328 225
1880 510 459 113 39 322 241 7 070 215 147 519 352 216
1888 558 483 118 35 334 257 8 185 220 174 543 411 211
1900 481 521 138 47 356 235 10 847 298 154 652 634 229
1910 496 696 159 54 424 266 14 988 433 248 808 1 477 194
1920 444 658 150 49 449 209 15 514 339 268 774 1 344 188
1930 448 708 146 43 456 197 17 672 387 247 894 1 708 207
1941 480 745 128 33 427 209 19 778 381 227 1 070 1 911 219
1950 503 883 122 24 456 227 21 448 438 297 1 204 2 163 233
1960 492 1 455 110 33 545 256 23 937 423 310 1 650 3 150 209
1970 611 2 759 188 53 677 297 27 121 402 546 3 633 4 841 203
1980 632 3 444 307 78 707 221 27 815 314 848 5 297 5 515 244
1990 1 018 4 654 404 103 1 013 179 25 334 610 897 5 982 5 587 332
2000 50 857 1 559 4 782 512 112 1 288 207 26 560 570 1 162 7 354 6 284 467

Popolazione residente

Popolazione residente permanente dal 1991 al 2000

Popolazione residente permanente dal 2001 al 2009 [31]

Il problema dei molinari

Si tratta dell'autogestione giovanile [32] iniziata come esperienze aggregative sull'onda del 68 all'occupazione degli ex Molini Bernasconi nel 1996 a Viganello (il nome Molinari deriva da quest'occupazione). L'occupazione si è poi sviluppata negli spazi all'interno dell'ex macello comunale di Lugano (lungo il fiume Cassarate). Questo tipo di movimenti sono presenti anche a Zurigo sotto il nome di besetzer [33] . La gestione di questi spazi ha occupato il dibattito politico cittadino creando non poche tensioni per circa venti anni. La questione ha ripreso corpo durante il 2021 quando è stata emessa dal comune un'istanza di sgombero a seguito del fallimento delle trattative con i rappresentanti dei molinari [34] . La questione raggiunge l'apice durante il mese di maggio 2021 quando, durante una manifestazione cittadina, i molinari hanno effettuato l'occupazione dimostrativa dell'ex istituto Vanoni [35] . In risposta a queste azioni il Municipio di Lugano procede allo sgombero, come preannunciato negli scorsi mesi e in quella che RSI definisce 'La notte di Lugano' [36] decide di abbattere lo stabile precedentemente sede dell'occupazione [37] [38] [39] .

Istruzione e cultura

Università della Svizzera italiana: facoltà di informatica

Istruzione

A Lugano ha sede l' Università della Svizzera italiana con le facoltà di Scienze della comunicazione, Scienze economiche e Scienze informatiche. Nello stesso campus – anche se amministrativamente separata dall' Università della Svizzera italiana – si trova la Facoltà di teologia. Lugano (zona Trevano) è anche la sede principale della SUPSI ( Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana ) che propone il modello formativo delle University of Applied Sciences e rappresenta l'unica università di questo tipo in lingua italiana al mondo. Nel quartiere di Lugano-Viganello sorgerà inoltre un nuovo campus universitario, destinato ad accogliere il Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI, la Facoltà di informatica dell'USI e altre strutture complementari e comuni. I nuovi edifici saranno costruiti in prossimità dell'attuale Campus universitario USI, in una vasta area centrale della Città, posta sulla sponda sinistra del fiume Cassarate.

Nel quartiere di Cornaredo ha pure sede (dal 2012, in precedenza la struttura era ubicata a Manno) il CSCS, Centro Svizzero di Calcolo Scientifico , un'organizzazione nazionale con il compito di mettere a disposizione della comunità accademica – come pure della ricerca e del settore industriale – soluzioni tecnologiche avanzate nell'ambito del calcolo ad alte prestazioni. Il Centro è amministrativamente affiliato al Politecnico federale di Zurigo ed è dotato, sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1992, di computer fra i più potenti d'Europa.

Cultura e spettacolo

Nonostante la folta presenza a Lugano di diversi artisti e magnati, la città non sempre ha seguito una politica culturale brillante. Infatti ha perso diversi pezzi artistici importanti come la Collezione Thyssen-Bornemisza che è stata trasferita a Madrid al Museo Reina Sofia , di fronte al Museo del Prado , costruito appositamente, e destino simile hanno rischiato in passato altre collezioni.

Negli ultimi periodi si sta cercando di recuperare il patrimonio artistico come la stessa Villa Favorita, che in passato conteneva la collezione Thyssen ( Swissinfo: Il risveglio di Villa Favorita [ collegamento interrotto ] ).

Spaccato del modello ligneo della chiesetta di San Carlino alle Quattro Fontane (Roma) del Borromini realizzato da Mario Botta (ora smontato)

In occasione dell'anniversario borrominiano l'architetto Mario Botta ha fatto erigere davanti alla Rivetta Tell lo spaccato del modellino della chiesetta di San Carlino alle Quattro Fontane a Roma.

Per alcuni anni, nel quartiere di Viganello , presso la sede in disuso dei Molini Bernasconi, aveva trovato sede un centro sociale (detto "Il Molino"), che ha proposto attività sociali e culturali nel quartiere. La presenza del centro è stata osteggiata da una parte della popolazione per questioni legate all' ordine pubblico . Contro la presenza del centro è stata fondata l'associazione ARDOS. Nel giugno del 1997 un incendio doloso brucia la struttura e sulle sue ceneri nel 2006 verrà edificato il nuovo centro commerciale Coop. Il centro sociale trova oggi spazio dentro le strutture dell'ex macello comunale.

Nell'attuale scena, composita dal profilo sia organizzativo che stilistico (teatro di prosa, teatro di marionette, teatro-danza, teatro-multimediale) si possono ricordare: I Teatranti di Pietro Ajani, il Teatro Pan, il Teatro Sunil, Luganoteatro, la Markus Zohner Theater Compagnie , il Teatro delle Radici, il Teatrodanza Margit Huber, ecc.

Per il cinquantesimo dell'ASSI (Associazione degli scrittori della Svizzera italiana) nel 1995 è stato indetto il concorso letterario denominato Premio Internazionale Due Laghi [40] .

In occasione del centenario della pubblicazione di Piccolo mondo antico nel 1995 venne indetto il Concorso Antonio Fogazzaro in collaborazione col comune di Valsolda [41] .

Ogni autunno Lugano propone la tradizionale festa d'autunno – festa della vendemmia (prima settimana di ottobre).

Una visita artistico/culturale di sicuro interesse è quella del quartiere di Brè-Aldesago [42] Il nucleo del paese, sparso di opere d'arte offre angoli suggestivi creati dalle sue caratteristiche costruzioni in sasso. Per l'amante dell'arte, le vie del paese, in acciottolato, offrono un percorso artistico di sicuro interesse sia per la presenza di "nomi" di rilevanza nazionale che internazionale, sia per l'accostamento arte/ambiente. Soffermarsi in questi luoghi dona senz'altro un'energia magica e benefica per il corpo e la mente.

Musei

Musica

Gli studi radiofonici della RSI

Lugano è sede della Fonoteca nazionale svizzera , l' archivio sonoro nazionale e parte della Biblioteca nazionale svizzera , e del Conservatorio della Svizzera italiana [43] .

Vi sono diverse manifestazioni musicali. Uno dei maggiori eventi estivi è il LongLake Festival , della durata di un mese, che si compone di 7 diversi festival, tra cui il noto Estival Jazz (prime settimane di luglio). Vi sono poi anche il "Blues To Bop" (tra agosto e settembre), il "Progetto Martha Argerich ", la "Primavera Concertistica" o " Palco ai giovani ". L'Auditorio Stelio Molo (della RSI ) offre durante l'anno una lunga serie di concerti (soprattutto jazz , musica classica e musica da camera ma non solo). Numerosi sono i gruppi ticinesi che spaziano in diversi generi musicali. Si può dire che la scena musicale non manca certo di componenti anche se molti musicisti, ormai da anni, rivendicano maggiori spazi in cui potersi esibire.

Famosa anche la cultura Hip hop tra i giovani. Luoghi ed eventi ad esempio il Club Metrò di Molino Nuovo e il Palco Ai Giovani in centro hanno interessato molte persone nella città. Cantanti conosciuti di Lugano sono: Maxi B ; Karma Krew ; Free Word; Havana Clab; Lowa Man; Ciemme.

A Lugano ebbe luogo, nel 1956, la prima edizione del primo Eurovision Song Contest .

Inoltre, sempre restando nell'ambito musicale, vi sono anche i Dreamshade , gruppo Melodic Death Metal formato sempre a Lugano nel 2006.

Arte e teatro

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano inaugurato nel 2015 e dedicato alle arti visive , alla musica e alle arti sceniche . Il centro offre un ricco programma che spazia dalle mostre agli eventi, dalle stagioni musicali alle rassegne di teatro e danza e alle attività per famiglie e bambini. [44]

Nel LAC ha sede il Museo d'Arte della Svizzera italiana nato dall'unione tra il Museo Cantonale d'Arte e il Museo d'Arte della città di Lugano. Inoltre, al primo piano è presente una sala concertistica e teatrale da 1000 posti, costruita interamente in legno e dotata di una speciale conchiglia acustica modulare e rimovibile, aperta al pubblico durante le stagioni di LuganoInScena e di LuganoMusica. Questa è anche la sede della Compagnia Finzi Pasca e dell' Orchestra della Svizzera italiana (OSI). [44]

Distribuzione delle varietà principali della lingua lombarda .

Lingue

La lingua più diffusa nella città di Lugano è l' italiano , lingua ufficiale del Canton Ticino [45] . Come nel resto del cantone, la seconda lingua è il lombardo , parlato in diglossia con l'italiano [46] ; il dialetto locale è di tipo occidentale ed appartiene - così come gli altri dialetti parlati nel Sottoceneri - alla varietà comasca [2] [47] .

Secondo i dati del 2015 dell' Ufficio federale di statistica , le principali lingue parlate dalla popolazione residente a Lugano sono l'italiano (87%), il tedesco o svizzero tedesco (8,8%), l'inglese (5,4%) e il francese (5,3%) (possibilità di esprimere più lingue come principali). [48]

Sport

Lugano è storicamente una città sportiva le cui formazioni hanno sempre primeggiato a livello nazionale, diversi anni come il 2014 la città può vantare ben 4 titoli nazionali (Pallavolo, Pallacanestro, Pallanuoto, Hockey femminile):

Squadre cittadine

Hockey

L' Hockey Club Lugano (HCL), si è laureato campione svizzero sette volte: nel 1986, 1987, 1988, 1990, 1999, 2003 e 2006. A livello europeo, l'HCL è giunto due volte terzo nella Continental Cup , una volta quarto nella European Hockey League ed ha partecipato due volte alla fase finale della Coppa dei Campioni . La squadra femminile ha vinto 6 titoli svizzeri, nel 2006, nel 2007, nel 2009, nel 2010, nel 2014 e nel 2015.

Calcio

Il Football Club Lugano è la principale società calcistica della città di Lugano e la più titolata del Canton Ticino.

Nel corso della sua storia il FC Lugano ha conquistato tre Campionati svizzeri (1938, 1941, 1949) e tre Coppe svizzere (1931, 1968, 1993), ha inoltre partecipato a più riprese alle competizioni europee. Attualmente milita in Super League , massima serie del campionato svizzero, vi è ritornato il 25 maggio 2015 dopo un'assenza di 13 anni.

Lo Stadio di Cornaredo , sede degl'incontri casalinghi del FC Lugano, è stato inaugurato nel 1951. Il 20 giugno 1954 ha ospitato una partita dei Mondiali di calcio ( Italia -Belgio 4-1).

Il 13 Agosto sono stati sottoscritti i contratti per la cessione della totalità del capitale azionario della società alla Walden Football LLC, facente capo al magnate italo-americano Joe Mansueto.

Sci

Sci Club Sasso Grande Sonvico Home (sciclubsassogrande.ch)

Pallanuoto

Vi ha sede la squadra della Lugano Pallanuoto , 17 volte campione svizzero, l'ultimo titolo nel 2018. La squadra di pallanuoto è la squadra cittadina che annovera più titoli nazionali in bacheca e la seconda società svizzera per titoli nazionali vinti in questo sport. La squadra milita, al momento, in NWL , la massima lega svizzera e gioca le partite casalinghe nella suggestiva cornice del Lido. Annovera tra le sue fila numerosi giovani ticinesi ed anche alcuni giocatori con un prestigioso passato nelle competizioni internazionali.

Rugby

Dal 2007 esiste la squadra Rugby Lugano , essa è stata creata da uno spin-off del Rugby Ticino. La squadra partecipa al campionato della LNA.

Futsal

Lugano è rappresentata nel Futsal (anche chiamato Calcio a 5) da maggio 2010 dal Lugano Pro Futsal , che milita nel campionato di Lega Nazionale A Svizzera e disputa le proprie partite casalinghe presso il Palamondo di Cadempino.

Pallacanestro

A Lugano ha sede la squadra del Lugano Tigers , campione svizzero per 8 volte. Nel 2010-11 ha partecipato alla fase a gruppi di Eurochallenge.

Pallavolo

Vi hanno sede la squadra della Pallavolo Lugano che milita nella massima serie maschile, vincitrice di due titoli nazionali (2013, 2014), e la squadra del Volley Lugano che milita in LNA, la massima serie femminile, dal 2015.

Football australiano

A Lugano ha sede l' Aussie Rules Lugano prima squadra di football australiano fondata in Svizzera . Partecipa ai campionati organizzati dall' All Italia.

Hockey su prato

La squadra di hockey su prato è stata due volte campione svizzero di lega nazionale B e campione in coppa svizzera nel 1981.

Unihockey

La squadra dell'Unihockey Club Lugano è la prima squadra nata in Ticino e milita nel campionato di terza lega. Ha conquistato 1 campionato ticinese, 6 secondi posti e 1 terzo posto, 1 coppa Ticino, 1 titolo regionale di prima lega, 1 di seconda lega, 1 titolo regionale juniori C, 2 titoli regionale juniori D, 1 stagione in Lega Nazionale B, 1 semifinale di coppa svizzera.

Arti marziali

La palestra Fight Gym di Canobbio offre varie discipline quali Pugilato , Savate , Kick Boxing , Grappling , ju jitsu , MMA . I suoi membri possono vantare numerosi titoli in campo nazionale ed internazionale.

Eventi sportivi

Tennis

A Lugano si è disputato dal 1999 al 2010 un importante torneo ATP Challenger Series a livello mondiale. Ha vinto il premio come miglior Challenger ed è stato premiato da Marat Safin .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Challenger Lugano .

Eventi sportivi occasionali

Tiro a segno

Dall'11 al 14 settembre 1997 si è disputata la Finale di Coppa del Mondo di Tiro a segno. Tutte le discipline olimpiche erano rappresentate (pistola e carabina) alle distanze di 10, 25 e 50 m. Alla manifestazione erano qualificati diversi campioni olimpici.

Olimpiadi

Il 30 gennaio 2006 la fiaccola olimpica , sulla strada dei Giochi olimpici invernali di Torino è transitata da Lugano con una manifestazione seguita da un grande pubblico. Tedofori famosi hanno portato la fiaccola: una tra i tanti Michela Figini , vincitrice della medaglia d'oro nella discesa libera alle Olimpiadi invernali di Sarajevo del 1984.

Ciclismo

Nel 1953 con la vittoria di Fausto Coppi e nell'ottobre del 1996 con la vittoria di Johan Museeuw (e col secondo posto di Mauro Gianetti) a Lugano si sono svolti i Campionati del mondo di ciclismo su strada .

Il 6 giugno 1998 la 21ª tappa del Giro d'Italia 1998, una cronometro individuale, si è conclusa a Lugano con la vittoria dell' ucraino Serhij Hončar .

Nel 2003 Lugano ha ospitato il Campionato del mondo di mountain bike , sulla pendici del Monte Tamaro . Dopo il Gran Premio Insubria vinto dal toscano Francesco Ginanni il 28 febbraio, il 1º marzo 2009 si è tenuto il Gran Premio di Lugano per professionisti – vinto da Remy Pauriol – quale prologo al Campionato mondiale di ciclismo su strada 2009 che si è tenuto sul circuito di Mendrisio .

Salute

Medicina

L'Ospedale regionale di Lugano si suddivide in due sedi, ubicate in zone diverse della città: l'Ospedale Civico e l' Ospedale italiano . Il nosocomio ha il compito di assicurare al distretto di Lugano l'assistenza ospedaliera di base e una serie di servizi specialistici di dimensione regionale e cantonale.

A Lugano ha inoltre sede il Cardiocentro Ticino , uno dei più importanti centri specializzati a livello svizzero e internazionale. Gestito da una fondazione privata, ma integrato nel servizio sanitario cantonale, il Cardiocentro Ticino è una struttura all'avanguardia nelle specializzazioni di Cardiologia, Cardiochirurgia e Cardioanestesia. È un ospedale acuto, cioè garantisce cure di primissimo intervento, ma dispone anche di un servizio di Day Hospital. La Fondazione non ha scopo di lucro ed è stata espressamente concepita per fini di pubblica utilità, in particolare a favore dei pazienti ticinesi. L'interno ospita numerose opere scultoree e pittoriche dell'artista Ivo Soldini [49] di Mendrisio .

Trasporti pubblici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Lugano e Stazione di Lugano-Paradiso .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti Pubblici Luganesi SA .

I trasporti pubblici cittadini sono garantiti dalla TPL SA che offre linee di bus in città. L' ARL SA gestisce la rete di bus per alcuni quartieri e comuni della periferia cittadina ei collegamenti con il resto del cantone sono assicurati dal sistema della rete celere del Canton Ticino . Le relazioni internazionali con l'Italia e oltre-Gottardo sono garantite dalle Ferrovie Federali Svizzere .

In passato vi erano quattro ferrovie nella regione: la Ferrovia Lugano-Ponte Tresa , che è l'unica ancora in servizio, la Ferrovia Lugano-Cadro-Dino (LCD), la Ferrovia Lugano-Tesserete (LT) e la rete tranviaria urbana .

Tra il 1954 e il 1959 il tram, che verrà messo di nuovo in circolazione forse entro il 2025, è stato gradualmente sostituito da filobus , il quale a sua volta, dopo essere stato trascurato e dopo che alcuni veicoli avevano addirittura perso il diritto a circolare, è stato tolto dal servizio il 30 giugno 2001 e sostituito da bus diesel.

Nel 2014 è stato approvato il progetto di reintroduzione del tram a Lugano, che circolerà dal centro alla periferia.

A nord della città c'è la Galleria Vedeggio-Cassarate che porta allo svincolo autostradale A2 di Lugano Nord

Le cime del Monte San Salvatore e del Monte Brè sono raggiungibili grazie alle due funicolari, la prima con partenza a Paradiso , la seconda a Cassarate .

Binario della vecchia stazione di Lugano

Dal 1º dicembre 2016 è stata rimessa in funzione la storica Funicolare Lugano-Stazione FFS .

Aeroporti

Aeroporto di Lugano-Agno

La città è servita dall' Aeroporto di Lugano , situato a ovest della città nel territorio del comune di Agno .

L'aeroporto è un noto scalo di voli commerciali e privati.

Ferrovie

La stazione di Lugano è situata a nord della città. Vi operano le FFS ei TILO .

Sempre dalla stazione è possibile raggiungere la città di Ponte Tresa per mezzo della S60, della FLP , oppure il centro di Lugano per mezzo di una funivia di TPL che garantisce ogni quattro minuti di raggiungere il centro città.

Dal dicembre 2020, con l'apertura della Galleria di base del Monte Ceneri , è garantito il collegamento diretto fino all' Aeroporto di Zurigo .

Note

  1. ^ a b Statistiche della città di Lugano
  2. ^ a b Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti gallo-italici , 1853, p. 4.
    «Il dialetto principale raprresentante il gruppo occidentale si è il Milanese, e ad esso più o meno affini sono: il Lodigiano, il Comasco, il Valtellinese, il Bormiese, il Ticinese e il Verbanese.[...] Il Comasco esténdesi in quasi tutta la provincia di Como, tranne l'estrema punta settentrionale al di là di Menagio e di Bellano a destra ed a sinistra del Lario; e in quella vece comprende la parte meridionale del Cantone Ticinese, sino al monte Cènere. [...] Il Ticinese è parlato nella parte settentrionale del Cantone Svizzero d'egual nome, al norte del Monte Cènere, in parecchie varietà, tra le quali distinguonsi sopra tutto le favelle delle valli Maggia, Verzasca, Leventina, Blenio ed Onsernone» .
  3. ^ Andres Kristol (a cura di), Lexikon der schweizerischen Gemeindenamen , Frauenfeld/Lausanne, Centre de Dialectologie an der Universität Neuenburg, 2005, p. 548.
  4. ^ Comuni della Svizzera per popolazione
  5. ^ Ufficio di statistica di Lugano [ collegamento interrotto ]
  6. ^ ( EN ) Population by Ethnicity, by Towns/Municipalities, 2011 Census: County of Primorje-Gorski kotar" , in Census of Population, Households and Dwellings 2011 , Zagabria, Croatian Bureau of Statistics, dicembre 2012.
  7. ^ Bollettino del clima gennaio 2017 ( PDF ), su MeteoSvizzera .
  8. ^ Ghiaccia addirittura il Vedeggio , su TicinoNews .
  9. ^ Rapporto sul clima – Cantone Ticino Rapporto di lavoro MeteoSvizzera no. 239 Supplemento grafici ( PDF ), su MeteoSvizzera .
  10. ^ Stefano Vassere, I nomi di Luogo Archiviato il 31 agosto 2011 in Internet Archive .
  11. ^ Gili-Vassere, 2000-2001, 33-37.
  12. ^ Aggregazioni 2004-2008-2013 Verso una città di quartieri Archiviato il 16 marzo 2016 in Internet Archive .
  13. ^ Sì alla fusione Lugano-Carona
  14. ^ Amministrazione federale: aggregazioni comunali ( PDF ), su bfs.admin.ch . URL consultato il 9 settembre 2019 (archiviato dall' url originale l'11 aprile 2016) .
  15. ^ Pietro Peri, STEMMI E SIGILLI ANTICHI E NUOVI DEL CANTONE TICINO, Zurigo, 1861 https://www.e-periodica.ch/cntmng?pid=mag-001:1858:13::325
  16. ^ Patriziati , su lugano.ch .
  17. ^ Elezioni patriziali , su lugano.ch .
  18. ^ Attualmente è in corso la legislatura 2017-2021.
  19. ^ lugano.ch Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive .
  20. ^ LAC Lugano Arte e Cultura | Il nuovo Centro culturale della Città di Lugano - Inaugurazione - Inaugurazione LAC , su luganolac.ch . URL consultato il 9 settembre 2019 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2015) .
  21. ^ sbb.ch Archiviato il 3 aprile 2009 in Internet Archive .
  22. ^ alptransit.ch Archiviato il 19 marzo 2015 in Internet Archive .
  23. ^ lugano.ch Nuova stazione FFS Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive .
  24. ^ Diocesi di Lugano
  25. ^ Sikart: Mario Chiattone
  26. ^ Oratorio di San Barnaba - Inventario dei beni culturali Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive .
  27. ^ Oratorio di Santa Maria Ausiliatrice - Inventario dei beni culturali Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive .
  28. ^ Oratorio di San Vincenzo de' Paoli - Inventario dei beni culturali Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive .
  29. ^ Palazzo dei Congressi Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive .
  30. ^ Gili, 1984, 13-168.
  31. ^ Censimenti federali, elaborazione Ustat, Bellinzona.
  32. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, I Molinari: 20 anni di autogestione , su rsi . URL consultato il 1º giugno 2021 .
  33. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Dalle feste di Chicago alle occupazioni a Zurigo , su rsi . URL consultato il 1º giugno 2021 .
  34. ^ ( IT ) Molino, 20 giorni per sgomberare , su www.ticinonews.ch , 18 marzo 2021. URL consultato il 1º giugno 2021 .
  35. ^ RSINews, l'informazione della Radiotelevisione svizzera, Occupato l'ex Vanoni, sgomberato il Macello , su rsi . URL consultato il 1º giugno 2021 .
  36. ^ RSINews, l'informazione della Radiotelevisione svizzera, La notte di Lugano , su rsi . URL consultato il 1º giugno 2021 .
  37. ^ RSINews, l'informazione della Radiotelevisione svizzera, L'ex Macello non c'è più , su rsi . URL consultato il 1º giugno 2021 .
  38. ^ ( IT ) Le macerie che restano e il dialogo che manca , su www.cdt.ch , 1º giugno 2021. URL consultato il 1º giugno 2021 .
  39. ^ Una ruspa sul Molino, sulla cultura, sulla collegialità , su laRegione , 1º giugno 2021. URL consultato il 1º giugno 2021 .
  40. ^ Premio Internazionale Due Laghi Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive .
  41. ^ Concorso letterario Antonio Fogazzaro Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive .
  42. ^ LuganoMonte Brè
  43. ^ Conservatorio della Svizzera italiana
  44. ^ a b LAC Lugano Arte e Cultura , su luganolac.ch . URL consultato il 18 luglio 2021 (archiviato dall' url originale il 28 agosto 2020) .
  45. ^ Costituzione della Repubblica e Cantone Ticino, del 14 dicembre 1997
  46. ^ ( EN ) Mary C. Jones e Claudia Soria, Assessing the effect of official recognition on the vitality of endangered languages: a case of study from Italy , in Policy and Planning for Endangered Languages , Cambridge, Regno Unito, Cambridge University Press, 2015, p. 130.
    «Lombard (Lumbard, ISO 639-9 lmo) is a cluster of essentially homogeneous varieties (Tamburelli 2014: 9) belonging to the Gallo-Italic group. It is spoken in the Italian region of Lombardy, in the Novara province of Piedmont, and in Switzerland. Mutual intelligibility between speakers of Lombard and monolingual Italian speakers has been reported as very low (Tamburelli 2014). Although some Lombard varieties, Milanese in particular, enjoy a rather long and prestigious literary tradition, Lombard is now mostly used in informal domains. According to Ethnologue, Piedmontese and Lombard are spoken by between 1,600,000 and 2,000,000 speakers and around 3,500,000 speakers respectively. These are very high figures for languages that have never been recognised officially nor systematically taught in school» .
  47. ^ Claudia Patocchi - Fabio Pusterla, Cultura e linguaggio della Valle Intelvi. Indagini lessicali ed etnografiche , Senna Comasco, La Comasina Grafica, 1983, p. XXXII.
    «È quindi possibile concludere che il dialetto intelvese appartiene al grosso gruppo alto-lombardo di area comasca; all'interno di questa vasta zona linguistica, che presenta differenti situazioni particolari, la valle si caratterizza tuttavia come zona periferica e conservativa, e la sua parlata si differenzia dalla koinè comasca di pianura per una serie di tratti arcaici, ormai scomparsi non solo a Como ma anche nei centri principali del Mendrisiotto e del Luganese, che l'avvicinano piuttosto alle varietà dialettali delle aree limitrofe, in particolare della Val Mara e dell'alta Valle di Muggio» .
  48. ^ Ständige Wohnbevölkerung ab 15 Jahren nach Hauptsprachen, nach Kanton und Stadt , su bfs.admin.ch , 31.01.2017. URL consultato il 24.04.2020 .
  49. ^ Sikart: Ivo Soldini

Bibliografia

  • Jacob Burckhardt , Lugano e il San Salvatore , in Le meraviglie del Ticino, 1839 (riedizione) Locarno 1993, 59-76.
  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del Medio Evo nel Canton Ticino , traduzione italiana di Eligio Pometta, Tipo-Litografia di C. Salvioni, Bellinzona 1894, 177-193.
  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone , Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Ilse Schneiderfranken, Le industrie nel Cantone Ticino , 1937.
  • Virgilio Chiesa , L'ospedale civico di Lugano , SA Grassi & Co., Bellinzona-Lugano 1944.
  • Pino Bernasconi, Romeo Manzoni , Edizione della Collana di Lugano, SA Arti grafiche già Veladini e Co., Lugano 1950.
  • Romeo Manzoni, I fratelli Ciani , Edizione della Collana di Lugano, SA Arti grafiche già Veladini e Co., Lugano 1953.
  • Paul Schaefer, Il Sottoceneri nel Medioevo. Contributo alla storia del Medioevo italiano , Gruppo di Lugano dell'associazione ex allievi della scuola politecnica federale (GEP), Lugano 1954.
  • Luciano Moroni Stampa; Codex palaeographicus Helvetiae subalpinae , Libreria Antiquaria di Beniamino Burstein, Lugano 1957.
  • Pasquale Gilardi, Ul Paes da Brè e La Funicolar , Società Editrice Roma, Como 1908, (Ristampa) 1971.
  • Eligio Pometta, Virgilio Chiesa , Vittorino Maestrini, Storia di Lugano , 2 volumi editi dalla Società dei commercianti di Lugano, 1975.
  • Aldo Petralli, 1798 Un anno storico , Arti grafiche Gaggini-Bizzozero SA, Lugano 1979.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana , Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 314-315.
  • Leila Ostini, La radio della Svizzera italiana. Creazione e sviluppo (1930-1939) , Università di Friburgo 1983.
  • Sonia Dietrich Bertini, La nascita della televisione della Svizzera italiana (Un problema di federalismo) , Università di Friburgo 1983.
  • Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi , anno 1, numero 1, novembre 1984, Arti grafiche già Veladini & Co SA, Lugano 1984; Idem, Lugano da borgo medioevale a città terziaria e d'affari. Trasformazioni urbanistiche dal Medioevo all'età contemporanea , Ibidem, 1984.
  • Vita Matiss, Tra Lettonia e Lugano: Rinis, Aspazija e l'anno di rottura 1905 , in Gili, 1984.
  • AA. VV., Pasquale Gilardi 1885-1985 artista agreste , Edizioni «La Voce di Castagnola», Tipo-offset Aurora, Canobbio 1985.
  • Raffaello Ceschi, Ottocento ticinese , Armando Dadò Editore, Locarno 1986.
  • Antonio Gili, L'uomo, il topo e la pulce , in Pagine storiche luganesi, numero 2, dicembre 1986, Edizioni città di Lugano 1986.
  • Franco Cajani, La bottega dei Seregnesi nell'ambito della pittura del Quattrocento lombardo , Besana Brianza 1986.
  • Saverio Snider, Applausi di carta. Le raccolte di poesie d'occasione stampate nel Ticino (1747-1780) , in Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi, numero 3, maggio 1987, Edizioni città di Lugano 1987, 7-96.
  • Fiorenzo Bernasconi, Giampietro Riva e il primo canto del "Bertoldo" in rima , in Ibidem, 97-146.
  • Antonio Gili, Gianfranco Rossi, L. Ferraresi, Vincenzo Vicari (a cura di), Lugano Palazzo Civico , Città di Lugano 1988.
  • Antonio Gili, Guida generale dell'archivio storico comunale di Lugano , in Pagine storiche luganesi, anno 4, novembre 1988, Edizioni città di Lugano 1988.
  • Vinicio Salati, Lugano , Edizioni Bernasconi, Agno 1989.
  • Giuseppe Chiesi, Il Sottoceneri e la signoria dei Sanseverino , in «Bollettino Storico della Svizzera Italiana», Bellinzona 1990, 119-172.
  • Giulio Vismara, Adriano Cavanna, P. Vismara, Ticino medievale – storia di una terra lombarda , Armando Dadò Editore, 1990, 179, 248-50, 260.
  • Maria Teresa Casella Bise, Anne Chablais Sassi, Antonio Gili, Intimi ritagli di devozione spirituale. Un mazzo di immaginette religiose manufatte fra le carte della nobile famiglia Riva di Lugano , in Antonio Gili (a cura di), Pagine storiche luganesi, numero 5, novembre 1990, Edizioni città di Lugano, Lugano 1990, 5-268.
  • Giuseppe Chiesi (a cura di), Il Medioevo nelle carte. Documenti di storia ticinese e svizzera dalle origini al secolo XVI , Edito dallo Stato del Cantone Ticino 1991.
  • Andreas Hauser, INSA, 6. Inventario Svizzero di Architettura 1850-1920 , "Lugano", Orell Füssli, Zurigo 1991, 205-356.
  • Antonio Galli, Borgo e Vicinìa di Lugano , 1940, Edizione in facsimile dell'editore Giampiero Casagrande in Lugano 1991.
  • Mario Agliati , Il tempietto di due Santi e di due città. Da Sant'Antonio da Padova in Lugano a San Lucio papa in Brugherio , Lugano 1994.
  • Luigi G. Herz, Di lasco e di bolina. Una disputa medico-farmacologica sul «solfato indigeno febbrifugo», tra Lombardia e Ticino, 1846-1848 , in Archivio Storico Ticinese, numero 147, Casagrande, Bellinzona 2010.
  • Antonio Gili (a cura di), «Udite Udite!» Proclami dei governi provvisori e del Cantone di Lugano, 1798-1803 , Edizioni Città di Lugano-Archivio storico, Lugano 2010.
  • Marco Schnyder, Famiglie e potere. Il ceto dirigente di Lugano e Mendrisio tra Sei e Settecento , Edizioni Casagrande, Bellinzona 2011.
  • Igor Ponti, Skate Generation, a Lugano skater portraits. Fontana Edizioni, Lugano 2009. « Skate Generation » è una serie di ritratti in bianco e nero di padri con i loro figli, di donne, di giovani e di uomini, richiamando alla mente i guerrieri di fine 800 in posa per l'istantanea.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 126031509 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1010 6720 · LCCN ( EN ) n79046423 · GND ( DE ) 4099915-4 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79046423
Ticino Portale Ticino : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Ticino