Màntua

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Màntua (desambiguació) .
Màntua
comú
Mantua - Escut d'armes Màntua - Bandera
( detalls )
Màntua - Vista
Vista de la ciutat
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Lombardy-Region-Stemma.svg Llombardia
província Província de Màntua-Stemma.png Màntua
Administració
Alcalde Mattia Palazzi ( PD ) del 15-6-2015 (2n mandat del 23-9-2020)
Territori
Coordenades 45 ° 09'23 "N 10 ° 47'28" E / 45.156389 ° N 10.791111 ° E 45.156389; 10.791111 (Mantova) Coordenades : 45 ° 09'23 "N 10 ° 47'28" E / 45.156389 ° N 10.791111 ° E 45.156389; 10.791111 ( Màntua )
Altitud 19 m aixi
Superfície 63,81 km²
Habitants 48 414 [2] (31-3-2021)
Densitat 758,72 habitants / km²
Fraccions cap ; [1] vegeu la llista de districtes
Municipis veïns Bagnolo San Vito , Borgo Virgilio , Curtatone , Porto Mantovano , Roncoferraro , San Giorgio Bigarello
Altra informació
Codi Postal 46100
Prefix 0376
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 020030
Codi cadastral E897
Placa MN
Cl. sísmic zona 3 (baixa sismicitat) [3]
Cl. climàtic zona E, 2 388 GG [4]
Anomenar habitants Mantuan o Virgilià
Patró Sant'Anselmo
Festa 18 de març
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Màntua
Màntua
Màntua - Mapa
Posició del municipi de Màntua a la província del mateix nom
Web institucional
Logo blanc de la UNESCO.svg Ben protegit per la UNESCO
Màntua i Sabbioneta
Patrimoni Mundial de la UNESCO logo.svg Patrimoni de la Humanitat
Piazza sordello.jpg
Paio Cultural
Criteri (ii) (iii)
Perill No està en perill
Reconegut des de 2008
Targeta UNESCO ( EN ) Mantua i Sabbioneta
( FR ) Full
Màntua al capvespre
Vista nocturna del castell de San Giorgio

Mantua ( Mantua en llatí i Màntua en dialecte mantuan ) [5] és una ciutat italiana de 48 414 habitants [2] capital de la província homònima de Llombardia .

Des del juliol de 2008, les ciutats d' art de Llombardia i Sabbioneta , totes dues unides pel llegat que els va deixar Gonzaga, que va constituir dos dels principals centres del Renaixement italià i europeu, es van incloure a la llista del patrimoni mundial de la UNESCO . [6] [7] [8] Donada la seva importància com a capital del marquesat i després del ducat de Màntua , està representada entre les catorze ciutats nobles del Vittoriano , com a símbol de "mare noble" i precursora de la posterior monarquia de Savoia i la unificació d'Itàlia . [9]

El 2016 , el Ministeri del Patrimoni i les Activitats Culturals i el Turisme va atorgar a Mantua el títol de capital italiana de la cultura . [10] [11] El 2017, Màntua i la seva província, juntament amb les de Bèrgam , Brescia i Cremona , van ser guardonades com a Regió Europea de Gastronomia amb el nom de Llombardia oriental. [12] Màntua també va ser una ciutat esportiva europea el 2019 . [13]

Màntua és l’única ciutat, entesa com un museu urbà molt estès, present a la plataforma Google Arts & Culture , [14] amb més de 1.000 obres digitalitzades, 40 exposicions virtuals instal·lades a 8 museus virtuals diferents.

A més, d'acord amb el que s'informa a l'informe Legambiente "Urban Ecosystem 2017", la ciutat es va situar en el primer lloc del rànquing de les millors ciutats italianes per la qualitat del medi ambient i la vida. [15]

Geografia física

Màntua es troba al sud-est de la Llombardia, a poca distància del llac de Garda i de la frontera amb les regions del Vèneto i l’ Emília-Romanya . Les ciutats més properes són Verona , 40 km al nord-est, Brescia , 70 km al nord-oest i Mòdena , 70 km al sud.

Territori

Hidrografia

"Fa poc que ha corregut, que troba una fulla,
en què s'estén i la 'mpaluda "

( Dante Alighieri , Inferno , cant XX , vv. 79-80 )
Màntua: vista del llac a la tardor

Al segle XII l'arquitecte i enginyer hidràulic Alberto Pitentino , en nom del municipi de Màntua, va organitzar un sistema de defensa per a la ciutat, encarregant-se de la disposició del riu Mincio per tal d'envoltar completament el centre habitat amb quatre basses d'aigua. , de manera a formar quatre llacs : Superiore, di Mezzo, Inferiore i Paiolo; De fet, Màntua era una illa.

Es va accedir al camp a través de dos ponts, el Ponte dei Mulini i el Ponte di San Giorgio , que encara existeixen.

A l’època comunal es va traçar el Rio, un canal que talla la ciutat en dos, que connecta el llac inferior amb el superior. Altres preses i panys permetien una protecció adequada de l'aigua.

Perfil de Màntua

Al segle XVII una forta inundació va iniciar un ràpid declivi: el Mincio , transportant els materials sòlids, va transformar els llacs en pantans poc saludables que van condicionar qualsevol altre desenvolupament; El llac Paiolo, al sud, es va drenar en aquell moment, de manera que la ciutat va romandre banyada per aigua només per tres costats, com una península, i avui encara sembla així.
Hi ha, doncs, tres masses d’aigua, no d’origen natural, obtingudes al revolt del riu Mincio que donen a Màntua una característica molt particular, que a alguns els sembla quasi màgica ja que apareix com una ciutat nascuda de l’aigua. El 1984 es va establir el Parc Mincio [16] , del qual forma part el territori del municipi de Màntua.

flora i fauna

Fruites de lotus marcides a l'hivern, al llac Superior

La flora i la fauna del territori giren inevitablement al voltant de la presència a Màntua dels llacs i aigües que l’envolten. Les flors de lotus ( Nelumbo nucifera ), originàries del sud-est asiàtic, són inusualment presents als llacs mantuanos. Des de la riba del parc públic de Belfiore, al llac Superior, es veu clarament l’illa flotant de flors de lotus amb l’espectacular floració al juliol-agost-setembre. La seva bellesa és indubtable, però des del punt de vista mediambiental, la introducció de la flor de lotus va ser una operació qüestionable, ja que es tracta d’una espècie aliena amb una gran capacitat de males herbes, cosa que significa que estan sotmeses a intervencions massives de sega periòdiques per preservar la integritat de la flor de lotus. llacs. La seva introducció a Itàlia és obra dels pares xaverians de Parma el 1914 que van decidir utilitzar el midó obtingut dels rizomes com a aliment, tal com havien fet els xinesos durant segles. Maria Pellegreffi, una jove llicenciada en Ciències Naturals, es va ocupar del trasplantament de rizomes al llac superior de Màntua el 1921 . La farina no va tenir èxit a la cuina mantovana, però la flor va colonitzar els llacs. L’apassionant i surrealista paisatge que ajuda a crear l’extensió de flors de lotus també ha donat lloc a una llegenda sobre el seu naixement al territori. Es diu que un jove que viatjava a l’Est va conèixer una noia amb ulls d’ametlla i amb la pell perfumada com els pètals de la flor de lotus. Havent vingut a Màntua, la pobra noia, en mirar-se al llac, va caure allà i va perdre la vida. El noi va llançar llavors les llavors de la flor al llac perquè, florint cada estiu, poguessin recordar la seva núvia amb el seu perfum i la seva delicada bellesa i derrotat pel dolor es va treure la vida desapareixent a les aigües del llac [17]. ] .

Fauna i flora aquàtica del llac

A més de l’indiscutible rei del llac, és fàcil veure espècies autòctones com la castanya d’aigua ( Trapa natans ), també coneguda com a trigöl , desenvolupada especialment al llac Mezzo amb els seus fruits comestibles en forma de piràmide, els illots de ranuncles de aigua ( Nuphar luteum ) amb les seves flors grogues daurades que, obrint-se només parcialment, mantenen la forma rodona particular i els nenúfars blancs amb una flor perfumada que forma grups vegetals juntament amb els altres nenúfars i herbes flotants ( mossegada de granota , salvinia , Ceratophyllum demersum, etc.).
Al marge, juntament amb les canyes de pantà, salzes ploradors i carregadors (la famosa carésa que s’utilitzava per farcir cadires i fabricar barrets i altres productes artesanals), creix l’ hibisc de pantà, autòcton i molt rar, que no es troba només a les valls del Mincio. només a la Toscana , el Friül i el Vèneto .

Ara va desaparèixer en aquests territoris, com a gairebé tota Itàlia, la scargia [18] ( Stratiotes aloides ).
Els ocells troben a les canyes i a les aigües del territori pantanós el lloc ideal per pondre els ous i trobar menjar. La fauna aviària és, per tant, la més representativa de la zona encara més adjacent a la ciutat.

La garsa porpra , mora , coa amb un típic plomatge negre en contrast amb el blanc que s'estén a la regió frontal, i altres anseriformes utilitzen el llac per "construir" nius flotants a la vora dels canyissos a la vora o en plantes d'acumulació mai massa molt lluny, la garsa grisa , en canvi, fa nius als arbres propers a les nombroses vies d’aigua per al reg que es ramifiquen als camps de la província, llocs de nidificació i caça de pessigolles, melons i mussols més "reservats".

La família de les garses presents a les aigües del parc del Mincio, a més del vermell i el gris, també inclou les garcetes , les grebes , els esquacs i les garzas nocturnes. Normalment, aquestes aus només s’observaven en els mesos compresos entre abril i setembre perquè són espècies migratòries, però en els darrers anys han preferit aturar-se fins i tot a l’hivern.

Entre els canyissers s’amaguen els nius del canyís i la patilla . Però les aigües dolces de l'estany i els aiguamolls de l'Mincio i Po també estan poblades per el peix gat , tenca , carpa , peix sol , l'anguila , el lluç de riu i peix gat .

És possible navegar pels llacs de Màntua, amb creuers que permeten veure tota la ciutat des de l’aigua. Combinant l’aspecte històric, artístic i arquitectònic amb la naturalesa d’un oasi natural més singular que rar.

Les llebres, els faisans i les guineus poden ser els protagonistes d'algunes trobades nocturnes al camp mantovà.
Farcides per les generoses mans dels visitants, fins i tot ànecs i cignes s’han de comptar entre les espècies presents al “sòl” virgilià, poblant, ara sense massa por de la presència humana, les costes dels llacs i donant un contacte potser inesperat amb la natura al turista de la ciutat de l’art.

Sismologia

Classificació sísmica : zona 3. [19]

El terratrèmol d'Emília el maig del 2012 va causar danys importants als edificis històrics de la ciutat. [20] [21] [22]

El perfil de Màntua

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: estació meteorològica de Màntua .

En ser una ciutat del rerepaís del nord d’Itàlia , té un clima subcontinental on les nevades no són infreqüents al gener. Estar envoltat d’un llac significa que, en tots els períodes de l’any, el clima es caracteritza per una elevada humitat: a l’hivern el fenomen de la boira es produeix amb molta freqüència. Insistint en un espai tancat, com la vall del Po , a l’estiu el clima és humit i humit, amb poca ventilació. El mínim històric es va produir el 16 de febrer de 1929 amb 19 graus sota zero, mentre que el màxim es va registrar el 7 de juliol de 1957 amb 38,2 graus a l’ombra. Als hiverns dels anys 1930 a 1955 era força habitual que els llacs de la ciutat es congelessin, almenys en part; després d'una excepcional gelada a l'hivern molt sever de 1985, es va produir una nova gelada completa de la superfície del llac, que va durar més d'una setmana, la primera quinzena de febrer de 2012.

MANTUA Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 4.0 7.2 12.7 17.4 22,5 26,9 29,6 28,6 24.1 17.6 10.6 5.5 5.6 17,5 28.4 17.4 17.2
T. min. mitjàC ) −1,3 0,3 4.5 8.5 13.0 16,8 19.0 18,5 15.4 10.3 5.1 0,6 −0,1 8.7 18.1 10.3 9.2
Precipitacions ( mm ) 43 41 47 56 62 58 44 47 54 68 63 51 135 165 149 185 634
Dies plujosos 6 6 7 8 9 7 5 5 6 7 8 7 19 24 17 21 81
Vent ( direcció - m / s ) W
3.0
W
3.3
I
3.4
I
3.5
I
3.1
I
3.0
I
3.0
I
2.8
I
2.8
I
3.0
W
3.3
W
3.2
3.2 3.3 2.9 3.0 3.1

[23]

Orígens del nom

El mite de la fundació de la ciutat està estretament relacionat amb la història de la profetessa Manto , [24] que, segons la tradició grega, és la filla de l’ endeví tebà Tiresias . Els fets narrats al mite veuen una dicotomia d’aquest personatge (com també va passar pel de Longinus ): fonts gregues narren que Manto, que va fugir de Tebes , es va aturar a l’actual Turquia ; d’altres descriuen la seva arribada, després d’un llarg passeig, al territori, llavors completament pantanós, que avui alberga la ciutat. En aquest lloc va crear un llac amb les seves llàgrimes; segons la llegenda, aquestes aigües tenien la màgica propietat de conferir habilitats profètiques a aquells que les bevien. Manto hauria conegut i casat amb la divinitat fluvial Tybris (el Tíber ) rei dels toscans, i el seu fill Ocno (també anomenat Bianore ) hauria fundat una ciutat a la vora del riu Mincio anomenant-la, en honor de la seva mare, Mantua . Aquesta versió mítica de la fundació de la ciutat de Mantova es troba a l’ Eneida de Virgili . Segons una altra teoria, Màntua deriva el seu nom de Manth , un déu etrusc , senyor dels morts del panteó tirrenès.

El mite de la fundació de Màntua també troba espai a la Divina Comèdia de Dante Alighieri al XX Cant de l’Infern , en el qual el propi Dante i el seu guia mantú Virgili es troben amb els endevins. Indicant precisament una d’aquestes ànimes, Virgili descriu l’entorn de la ciutat, el llac de Garda i el curs del Mincio que s’enfonsa al Po a Governolo per afirmar, fent referència a la llegenda de l’endeví Manto:

« Fer la ciutat sobre aquells ossos morts; i per a aquell que va escollir per primera vegada Mantüa, apel·lador sense altre destí "

( Dante Alighieri , Divina Comèdia - XX Cant de l'Infern . )

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Cronologia de Màntua , Història de Màntua , districtes històrics de Màntua i escut d'armes de Màntua .

Servius diu que Màntua va ser una de les ciutats fundades per l'antiga gent d' Umbria . Posteriorment fou habitada pels etruscs , seguits pels celtes . Els romans van preveure la seva expulsió iniciant obres de fortificació. Durant aquest període va néixer el poeta Virgili (70 aC-19 aC).

Escut dels Gonzaga després de l'any 1530 .
Els màrtirs de Belfiore van conduir a la forca.

L'any 1000 va començar el domini de Canossa a Màntua: primer Tedaldo di Canossa i la comtessa Matilde van ampliar les seves propietats i van construir esglésies i convents. Després de la mort de Matilda el 1115 , van seguir freqüents enfrontaments amb poblacions veïnes: Veronese , Cremonese i Reggio Emilia . Ezzelino da Romano el 1246 va conquerir la ciutat amb el seu exèrcit, però després de dos mesos de batalles va ser derrotat i va començar una era de prosperitat per a Màntua. En aquest període es van erigir el Palazzo del Podestà i el Ponte dei Mulini i es va dotar la ciutat de poderoses muralles.

El 1276 va començar l'ascens d'una de les famílies més poderoses de l'època, els Bonacolsi , que van construir importants palaus embolicats. El 16 d'agost de 1328, l'últim de la família Bonacolsi, Rinaldo conegut com a "Passerino", va ser mortalment ferit per Luigi Gonzaga , recolzat per la família Della Scala de Verona, que aspirava a fer-se amb la ciutat.

Va començar així la dominació centenària de la família Gonzaga , que va regnar sobre Màntua fins al 1707 . Va ser el període més important de Màntua, que es va convertir en una de les ciutats més destacades i en un dels centres d'art més grans d'Europa. Pisanello , Leon Battista Alberti , Andrea Mantegna , Giulio Romano i Luca Fancelli van deixar una empremta inesborrable en l’arquitectura de la ciutat.

Mantua va patir una guerra de successió i un saqueig per part dels lansquenets , que el 1630 van propagar la pesta. Va començar el lent declivi de Màntua, acompanyat del declivi del senyoriu Gonzaga [25] que, el 1707, va deixar la ciutat en mans dels austríacs. El domini francès i de nou austríac va seguir el 1815 , quan Màntua es va convertir en la fortalesa del Quadrilatero , juntament amb Peschiera , Verona i Legnago .

L’últim dels Gonzaga-Nevers, Ferdinando Carlo es va refugiar a Venècia el 1701.

El 1852 es va produir la massacre dels màrtirs de Belfiore , que va anticipar la unitat nacional. El 1866 Màntua va passar a formar part del Regne d'Itàlia .

Símbols

Curiosament, la ciutat està catalogada com a ciutat gibel·lina , però l' escut és típicament güelf (antiimperial com el de Milà o Gènova).

Escut del municipi
Escut d'armes blasó

«En plata a la creu plena de vermell reservada a la dreta del cap del cap de Virgili al lloc natural de davant, retorçat amb una corona de llorer, amb adorns exteriors de la ciutat. [26] "

Banner de blasó

"Drap blanc de color vermell, carregat al centre de l'escut amb la inscripció centrada en daurat:" Ciutat de Màntua "."

Honors

Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat

El municipi de Màntua ostenta el títol de ciutat des de temps remots, confirmat amb la Imperialregia Patente del 24 d'abril de 1815 .

La ciutat de Màntua és la 26a de les 27 ciutats decorades amb una medalla d'or com a "Benemèrita del Risorgimento nacional" per les accions altament patriòtiques dutes a terme per la ciutat durant el període del Risorgimento . Època, definida per la casa de Savoia , entre els aixecaments del 1848 i el final de la Primera Guerra Mundial el 1918 .

Medalla a les ciutats meritòries del Risorgimento nacional: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla a les Benemèrites Ciutats del Risorgimento Nacional
“Com a recompensa pel sacrifici que va fer per la causa de la redempció nacional. Màntua va ser un dels centres més importants del moviment Carbonaro i molts eren els mantuanos implicats en els aixecaments de 1821 i voluntaris de la primera guerra d'independència. Goffredo Mameli va lluitar l'abril de 1848 a les files de la legió Bersaglieri Mantovani, comandada pel general Longoni. "

Un altre honor, la medalla de bronze al mèrit civil , va ser atorgada a la ciutat virgiliana el 31 de març de 2005 per la meritòria acció duta a terme per la població a favor dels soldats italians i aliats empresonats als camps de concentració alemanys en el període 1943-45 .

Medalla de bronze al mèrit civil: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla de bronze al mèrit civil
«La població mantua, amb un encomiable esperit altruista i una abnegació excepcional, va fer tot el possible per oferir refugi, assistència i amagatall als soldats italians i presoners aliats als camps de concentració alemanys. Un exemple brillant d’amor al país i de solidaritat humana ".
- Màntua, 1943-1945

Monuments i llocs d'interès

Arquitectures religioses

Duomo
Basílica de Sant'Andrea
Catedral de Sant Pere (Duomo)
dedicada a Sant Pere, l’actual catedral d’ estil romànic amb addicions gòtiques, es va construir entre el 1395 i el 1401 després que un incendi, segles abans, havia destruït un temple paleocristià anterior. Va ser reformat el 1545 per Giulio Romano , que va deixar intacta la façana però va modificar les formes, inspirades en les basíliques paleocristianes. La façana actual, de marbre de Carrara , data del 1761 . El lateral presenta insercions gòtiques com rosers, cúspides i pinacles, restes de la façana antiga. A l'interior es pot admirar l'enteixinat sostre que dóna a les tres naus: la principal està decorada amb estàtues de sibil·les i profetes del segle XVI. El cos incorrupte de Sant'Anselmo da Baggio, patró de la ciutat, es conserva sota l'altar major. La catedral, situada a la monumental Piazza Sordello , és el bisbat de Màntua.
Basílica de Sant'Andrea
dissenyat per Leon Battista Alberti , es va construir a partir del 1472 i es va completar 328 anys després amb la construcció de la cúpula sobre dissenys de Filippo Juvarra . A la cripta es guarda dins dels gerros sagrats la relíquia de la Preciosa Sang de Crist portada a Màntua pel centurió romà Longinus . En una de les capelles hi ha el monument funerari d’ Andrea Mantegna , coronat per l’efígie de bronze del pintor de la cort Gonzaga .
Basílica Palatina de Santa Bàrbara
l'església de la cort de Gonzaga va ser encarregada pel duc Guglielmo que va encarregar el projecte a l'arquitecte mantuan Giovan Battista Bertani . Una part integral del Palau Ducal , la construcció de l'església es va acabar el 1572 .
Rotonda di San Lorenzo i Torre del Rellotge a la Piazza delle Erbe
Rotonda de Sant Llorenç
és l'església més antiga de la ciutat, construïda al segle XI durant la dominació de Canossa . Amb un pla central rodó, la Rotonda di San Lorenzo es troba a un nivell inferior a la Piazza delle Erbe i conserva una galeria femenina i restes de frescos escolars bizantins que es remunten als segles XI-XII . Al llarg dels segles va experimentar transformacions radicals; desconsagrat, es va convertir en un magatzem de manera que a principis del segle XX es va incorporar a edificis després de la seva construcció. Expropiada el 1908 , la rotonda de San Lorenzo va ser restaurada i reoberta el 1911 i finalment va tornar a la seva destinació religiosa original el 1926 .
Temple de Sant Sebastià
Església de Sant Sebastià
iniciada el 1460 per Luca Fancelli sobre un projecte de Leon Battista Alberti , es va acabar el 1529 . Desconsagrat al segle XVIII, va ser utilitzat per a diversos propòsits fins al 1925 quan, després d'una qüestionable restauració que va afegir les dues escales d'entrada, es va transformar en una fam per als mantusos caiguts de totes les guerres.
Sinagoga Norsa Torrazzo
es va traslladar i es va reconstruir fidelment a la seva ubicació actual, quan es va decidir la demolició del barri jueu, entre 1899 i 1902 .
Seminari episcopal
l’edifici, situat al costat del Duomo de la Via Fratelli Cairoli, va ser reformat el 1825 amb un estil neoclàssic, tal com es pot veure en particular a la façana i al pati interior.
Església de la Mare de Déu del Terremoto

Edificis religiosos desapareguts

Arquitectures civils

Palazzo del Capitano, primo nucleo d'epoca bonacolsiana di Palazzo Ducale
Palazzo Ducale
è forse più giusto parlare di "città-palazzo", in quanto il complesso architettonico è costituito da numerosi edifici collegati tra loro da corridoi e gallerie, ed arricchito da cortili interni, alcuni pensili, e vasti giardini. La reggia dei Gonzaga, per estensione dei tetti, è la seconda in Europa superata unicamente dal Vaticano . Non appare improprio definire la reggia gonzaghesca come i Palazzi Ducali , stante l'abitudine di quasi ogni Duca di edificare una propria dimora che si andava aggregando a quanto precedentemente costruito. Già prima dell'avvento al potere dei Gonzaga erano stati edificati i primi nuclei del Palazzo, ma la storia del complesso si identifica soprattutto con quella della famiglia che governò la città fino al 1707. Tra le altre, celeberrima è la cosiddetta Camera degli Sposi (Camera picta) nel Castello di San Giorgio , parte della "città-palazzo", affrescata da Andrea Mantegna e dedicata a Ludovico III Gonzaga ea sua moglie Barbara di Brandeburgo . Diventata Mantova austriaca, le ristrutturazioni sono proseguite fino alla seconda metà del XVIII secolo per opera dei governatori inviati dall'Imperatore.
Palazzo Te: Sala dei Giganti
Palazzo Te
Palazzo Bonacolsi
Palazzo Te
è opera di Giulio Romano che nel 1525 lo ideò su commissione del marchese Federico II Gonzaga che lo utilizzò per i suoi svaghi. Vi fece dimorare l'amante "ufficiale" Isabella Boschetti . Il "Palazzo dei lucidi inganni" sorgeva al centro di un'isola ricca di boschi e circondata dalle acque di un lago, ora prosciugato: misterioso, ricco di simboli e di miti che risaltano nelle sale stupendamente affrescate anche dallo stesso Giulio Romano , come la celeberrima Sala dei giganti e quella di Amore e Psiche e, non ultima, la sala dei cavalli che celebra le scuderie gonzaghesche all'epoca famose in tutta Europa.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sala dei giganti .
Palazzo della Ragione
fu edificato quand'era podestà Guido da Correggio ( 1242 ), in epoca comunale , con funzioni pubbliche e allo scopo di consentire le assemblee e le adunanze cittadine. Al piano terreno il palazzo ospitava, come ora, numerose botteghe, mentre nell'ampio salone al piano superiore, si amministrava la giustizia. Sulle pareti di questo ambiente sono visibili i resti di affreschi medievali della fine del XII e del XIII secolo recentemente restaurati. A questo salone si accede tramite una ripida scala posta sotto la Torre dell'Orologio innalzata nel Quattrocento, epoca alla quale risalgono anche i portici che si affacciano su Piazza Erbe. Il Palazzo è ora adibito a sede espositiva ospitando mostre d'arte organizzate dal Comune di Mantova.
Piazza delle Erbe con Palazzo del Podestà, Palazzo della Ragione, Torre dell'Orologio e Rotonda di San Lorenzo
Palazzo Bonacolsi (Castiglioni)
si trova in Piazza Sordello , fu edificato da Pinamonte dei Bonacolsi intorno al 1272 e riadattato da Luigi Gonzaga dopo la conquista del potere nel 1328 . È stato l'antica dimora della famiglia Bonacolsi , che governò la città dal 1272 al 1328 . Il palazzo è attualmente ancora dimora della famiglia dei conti Castiglioni , discendente da Baldassarre Castiglione , uomo politico e studioso del XVI secolo , autore de Il Cortegiano . Al piano terra l'originario portone dell'ingresso con grande arco sesto acuto bicolore e decorato con scudi con lo stemma dei Bonacolsi.
Publio Virgilio Marone , Palazzo del Podestà
Palazzo del Podestà
detto anche "Palazzo del Broletto", fu costruito nel 1227 , committente il bresciano Laudarengo Martinengo nominato podestà di Mantova [27] . Dal 1462 fu sottoposto ad un'importante ristrutturazione a opera di Giovanni da Arezzo su incarico di Ludovico III Gonzaga .
Palazzo di San Sebastiano
fu costruito tra il 1506 e il 1508 per volere del marchese Francesco II che lo abitò e vi morì nel 1519 . Fu utilizzato dai Gonzaga per trent'anni e già nel 1536 abbandonato e spogliato dai successivi duchi.
Nel salone principale del palazzo vi erano le nove tele del Mantegna raffiguranti I Trionfi di Cesare che furono vendute alla corona inglese ed oggi sono conservate ad Hampton Court . Subì molteplici trasformazioni fino al 1998 quando sono iniziati i restauri. Dal 2005 è adibito a Museo della Città. Nelle sale che conservano ancora tracce di affreschi del glorioso passato come la Camera del Crogiuolo, la Camera delle Frecce, la Camera del Sole e nella Loggia dei Marmi, sono esposti dipinti, statue, busti, fregi e altri reperti architettonici.
Palazzo d'Arco
fu costruito nel 1784 su un preesistente palazzo del XV secolo dall'architetto Antonio Colonna per la famiglia di origini trentine D'Arco . Caratterizzato dall'ampia facciata neoclassica ispirata all'arte del Palladio , il palazzo è sede museale per i tesori d'arte che contiene: tuttora arredato con i mobili della casata ospita importanti collezioni artistiche tra cui spiccano le tele settecentesche di Giuseppe Bazzani , una biblioteca di oltre seimila volumi e una collezione di strumenti scientifici. Nella Sala dello Zodiaco sono visibili affreschi (1520) attribuiti a Giovanni Maria Falconetto . Nel Palazzo vi si celebrò nel 1810 il processo a Andreas Hofer eroe dell'indipendenza tirolese contro la dominazione francese.
Casa del Mantegna
dimora del pittore Andrea Mantegna , sorse su un terreno donato dal marchese Ludovico Gonzaga che lo nominò pittore di corte nel 1457 . È un edificio quadrato di mattoni rossi con al centro un cortile cilindrico spalancato su un tondo di cielo, riproposto nella celeberrima Camera degli sposi in Palazzo Ducale.
Casa di Rigoletto
Casa di Rigoletto
Giuseppe Verdi ne musicò la storia ei mantovani gli diedero la residenza; verso la fine di Piazza Sordello si trova la casa del " Rigoletto ", il buffone di corte Gonzaga.
Il personaggio ha in realtà poco di mantovano, l' omonima opera di Verdi infatti venne tratta da un dramma di Victor Hugo e riadattata in territorio mantovano, trasformando il re di Francia nel duca di Mantova, e cambiando il nome del protagonista da Triboulet a Rigoletto.
La struttura quattrocentesca accoglie la scultura del Rigoletto, opera di Aldo Falchi, sistemata nel piccolo cortile interno.

Altri palazzi e dimore storiche

Casa della Beata Osanna Andreasi
in via Frattini 9. Si tratta di un esempio unico di dimora mantovana costruita nel XV secolo , in stile fancelliano , dove vi visse la beata Osanna Andreasi componente di un'illustre famiglia che fu partecipe della classe dirigente e culturale dello Stato gonzaghesco.
Casa del Bertani
in via Trieste 8. Fu dimora di Giovan Battista Bertani , architetto al servizio dei duchi Gonzaga , che tra il 1554 e il 1556 trasformò il preesistente edificio del 1300 di proprietà dei marchesi Striggi. Singolare fu l'idea di inserire nella facciata due lapidi con incisi testi di Vitruvio e due colonne ioniche, delle quali una segata a metà con incisioni e decorazioni che didatticamente riportano le regole desumibili dal trattato vitruviano, De architectura . Successivamente la proprietà della casa del Bertani cambiò numerose volte rivivendo una nuova breve stagione artistica quando negli anni cinquanta del XX secolo fu acquistata dal pittore mantovano Vindizio Nodari Pesenti .
Casa del Mercante
Casa di Giulio Romano
sita in via Carlo Poma 18, fu Federico Gonzaga a convincere Giulio Pippi detto Giulio Romano a venire a Mantova. Abbisognando di un'abitazione Giulio Romano, nell'anno 1544 , nell'allora Contrada Larga, si costruì la dimora che nonostante un intervento nell'Ottocento dell'architetto Paolo Pozzo , mantiene inalterato lo stile architettonico del Romano.
Casa del Mercante
Angolo tra piazza delle Erbe e piazza Mantegna. È detta anche "Casa di Boniforte da Concorezzo ", antico proprietario che la fece costruire nell'anno 1455 . L'edificio è caratterizzato da una sorprendente facciata tutta in cotto con decorazioni di stile veneziano.
Casa del mercato
in piazza Marconi. L'edificio, presumibilmente corrispondente alla Domus Mercati , fu riedificato nel 1462 dall'architetto Luca Fancelli [28] su committenza del marchese Ludovico Gonzaga . Durante i lavori di restauro (1997-2001), sono tornati alla luce importanti affreschi attribuiti alla scuola di Andrea Mantegna . [29]
Casa del Rabbino
in via Giuseppe Bertani 54. Fu edificata negli anni intorno al 1680 dall'architetto fiammingo Frans Geffels , a Mantova come prefetto delle Fabbriche Gonzaghesche. Edificio di quattro piani, la facciata è caratterizzata da pannelli in stucco che raffigurano luoghi ed episodi biblici. Fu costruita all'interno del ghetto istituito alcuni decenni prima, accogliendo, come da tradizione, le famiglie dei capi religiosi della folta comunità ebraica mantovana .
Ospedale Grande di San Leonardo
Ospedale Grande di San Leonardo
in piazza Virgiliana . Voluto da Ludovico III Gonzaga per pubblica assistenza e terminato intorno al 1470 per opera dell'architetto Luca Fancelli , [30] nel 1797 fu trasformato in carcere e successivamente in caserma. Attualmente ospita uffici della Polizia di Stato .
Palazzo dell'Accademia
in via Accademia, piazza Dante. Su progetto di Giuseppe Piermarini del 1770, fu l'architetto Paolo Pozzo ad occuparsi, tra 1773 e 1775 , dei lavori di ricostruzione del palazzo di origine medievale che era diventato prima sede dell' Accademia degli Invaghiti e poi della Reale Accademia di Scienze e Belle Lettere, attuale Accademia Nazionale Virgiliana . L'edificio di stile neoclassico include un tipico esempio di Barocco rappresentato dal teatro Scientifico dell'Accademia detto del Bibiena, dal nome dell'architetto Antonio Bibiena che lo costruì fra 1767 e 1769
Palazzo dell'agricoltura
in piazza Martiri di Belfiore. Fu edificato nel 1926 - 27 come Palazzo dei Sindacati su progetto dell'ing. Carlo Finzi. Assunse l'attuale denominazione divenendo sede delle maggiori organizzazioni provinciali legate all'agricoltura come il Consorzio Agrario , la Federazione Coltivatori Diretti , la Federazione degli Agricoltori e l'Ispettorato Agrario.
Palazzo della Banca d'Italia
In via Baldassare Castiglioni 3. Fu edificato tra il 1914 e il 1923 su progetto dell'architetto Gaetano Moretti esponente del Liberty e dell' Eclettismo . Quest'ultimo stile si evidenzia nelle finiture e nelle decorazioni delle facciate che richiamano le architetture gotica, barocca, rinascimentale ed esotica. Costruito per ospitare la sede provinciale della Banca d'Italia , cessò tale funzione alla fine del 2008 con la chiusura della filiale di Mantova dell'Istituto d'emissione. Nel frattempo, il 29 gennaio 2007 il palazzo fu classificato d'interesse storico-artistico dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia.
Palazzo Canossa
Palazzo Canossa
sito in piazza Canossa. Il palazzo fu costruito nel Seicento su committenza dei marchesi Canossa , famiglia di antica stirpe proveniente da Verona . La facciata, in bugnato , richiama le soluzioni cinquecentesche di Giulio Romano ed è caratterizzata da un portale di marmo guardato a vista da due cani usciti dallo stemma di famiglia. Altro dettaglio di particolare valore architettonico è un monumentale scalone barocco che conduce al piano nobile del palazzo.
Palazzo Capilupi
in via Concezione. Divenne dimora della nobile famiglia Capilupi nel 1414 . Il portale d'entrata fu progettato da Giulio Romano .
Palazzo Cavriani
in via Trento. Fu dal Quattrocento dimora della nobile famiglia Cavriani . Venne ricostruito nel 1756 dall'architetto Alfonso Torreggiani . L'esterno presenta una serie di finestre con robuste inferriate, mentre quelle del piano superiore hanno coperture triangolari ea semiluna. L'interno si apre con un ampio salone ricco di stucchi e affreschi di pittori mantovani tra i quali Giuseppe Bazzani e Francesco Maria Raineri .
Palazzo Municipale
Palazzo Colloredo
in via Carlo Poma 11. Il palazzo noto anche come "palazzo Guerrieri-Gonzaga ", fu acquistato da Giovanni Battista Guerrieri nel 1599 che ne affidò la ristrutturazione all'architetto Antonio Maria Viani . La facciata pre-barocca è caratterizzata e decorata da dodici erme realizzate in malta di calce con una finitura superficiale in marmorino alternanti figure maschili e femminili. Divenuto proprietà dei conti Colloredo con Carlo Ludovico Colloredo marito di Eleonora Gonzaga (1699-1779) della linea di Vescovato , il 30 marzo 1872 viene acquistato dal Comune e destinato a sede degli Uffici Giudiziari del Tribunale . Da allora divenne il "Palazzo di Giustizia" della città.
Palazzo Di Bagno
in via Principe Amedeo 30,32. Palazzo settecentesco ha subito intervento ottocenteschi sui prospetti per opera dell'architetto Giovanni Cherubini . I locali interni sono stati decorati da pittori di valore come Giuseppe Bazzani e Giovanni Cadioli . Attualmente è sede della Prefettura e dell'Amministrazione Provinciale.
Palazzo Sordi
Palazzo Municipale
in via Roma 39. È sede di uffici e della sala consigliare del comune di Mantova. Il palazzo che apparteneva dal secolo XV al ramo dei Gonzaga di Bozzolo , dopo numerosi passaggi di proprietà, fu acquistato dalla civica amministrazione nel 1819, la quale ne dispose la ristrutturazione, sia interna che esterna, tra 1825 e 1832, con affidamento dell'incarico all'architetto neoclassico Gian Battista Vergani . [31]
Palazzo Sordi
in via Pomponazzo 23. Fu il primo marchese del casato dei Sordi, Benedetto, a volere la costruzione del palazzo omonimo. Commissionò il progetto e il seguimento dei lavori, iniziati nel 1680 , all'architetto fiammingo Frans Geffels , prefetto delle fabbriche gonzaghesche. Ne nacque uno dei rari esempi di barocco della città Virgiliana. Di particolare valore sopra il portale d'ingresso, un tondo con La Madonna col Bambino , altorilievo diGiovanni Battista Barberini , opera inserita in un facciata d' ordine dorico e ad intonaco e parzialmente a bugnato rustico ricca di altre decorazioni e bassorilievi in marmo e stucco. Il Palazzo è privato e quindi chiuso al pubblico.
Palazzo Valenti Gonzaga
Palazzo Valenti Gonzaga
in via Pietro Frattini 7. Residenza dei marchesi Valenti Gonzaga fin dal 1500 , il palazzo fu oggetto di una radicale trasformazione nel XVII secolo , costituendo un impianto architettonico gigantesco, fastoso all'esterno, stupefacente il cortile interno riccamente decorato a stucco, e ricco d'affreschi e statue d'autore all'interno. Rappresenta da allora uno degli esempi più importanti di architettura e decorazioni del periodo barocco a Mantova. Come per altre opere di tale stile, l'autore fu l'architetto Frans Geffels ( 1625 - 1694 ). Recentemente restaurato, è adibito ad uffici.
Pescherie
denominate anche Loggia di Giulio Romano , furono appunto progettate dal grande architetto del manierismo . L'opera, eseguita del 1536 , consistette nella trasformazione del ponte medievale che attraversava il Rio con la costruzione di due porticati paralleli che furono destinati al commercio del pesce.
Il Rio visto dal ponte delle Pescherie
Villa Nuvolari
in viale Piave 28. Originariamente denominata Villa Rossini; fu infatti commissionata dal campione di tiro a volo Romolo Rossini, all'architetto Luigi Corsini, nel 1926 . La sua costruzione iniziò nel 1929 , mentre negli anni quaranta fu acquistata da Tazio Nuvolari , il quale non vi visse mai, limitandosi ad utilizzarne il giardino come autorimessa. Alla morte del campione automobilistico, la vedova Carolina Nuvolari cedette la villa all'ospedale cittadino Carlo Poma in cambio di un vitalizio. Dal 2005 l'edificio è diventato sede di istituti bancari [32] .
Palazzo Cervetta

Ponti

Ponte di San Giorgio
Ponte dei Mulini
il ponte fu progettato dall'ingegnere Alberto Pitentino , costruito nel XII secolo allo scopo di regolare le acque del fiume Mincio ed evitarne l'impaludamento. Fu quindi creato artificialmente un dislivello di alcuni metri tra il lago Superiore e il lago di Mezzo , che dall'anno 1229 alimentò 12 mulini. L'antica costruzione medievale andò distrutta dai bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale .
Ponte di San Giorgio
il ponte era incluso nel sistema militare difensivo unendo il borgo fortificato di San Giorgio con la corte dei Gonzaga . Dapprima in legno, fu edificato in muratura da Ludovico Gonzaga sul finire del XIV secolo , così dividendo il lago di Mezzo dal lago Inferiore . Nel 1922 le arcate furono interrate e il ponte assunse la forma attuale.

Teatri

Teatro Bibiena
Teatro Bibiena
in via Accademia 47. Il "Teatro Scientifico dell'Accademia", capolavoro di Antonio Bibiena ( 1697 - 1774 ) fu inaugurato il 3 dicembre 1769 . Poche settimane dopo, il 16 gennaio 1770 , ospitò un concerto del giovane Mozart , non ancora quattordicenne. L'austera facciata neoclassica , opera del Piermarini , sembra celare la fantasiosa espressione tardo barocca del teatro che tanto entusiasmo suscitò in Mozart padre. Nello stesso edificio ha sede l' Accademia Nazionale Virgiliana fondata nel 1768.
Teatro Sociale
in piazza Cavallotti. Il Teatro Sociale nacque per iniziativa di un gruppo di cittadini costituenti una società di novanta palchettisti. L'architetto Luigi Canonica fu incaricato di progettare un teatro di gusto neoclassico che dopo quattro anni di lavoro fu aperto al pubblico la sera del 26 dicembre 1822 . La sala del Teatro Sociale di Mantova è composta da cinque ordini: tre ordini di palchi, due ordini di gallerie (loggia, loggione). Canonica decise di affidarsi all'Hayez per le decorazioni interne. Il Teatro Sociale è tuttora aperto ed in funzione. È un teatro privato, posseduto da circa ottanta palchettisti che ne curano la manutenzione ed il buon funzionamento. È un teatro riconosciuto dalla legge 14 agosto 1967 nº800 come uno dei 29 Teatri di Tradizione italiani [33] .
Teatro di Corte dei Gonzaga
non è più attivo dal 1896. L'area ora occupata dal Museo archeologico nazionale di Mantova era inclusa nel perimetro del Palazzo Ducale ea partire dal 1549 , committente il cardinale Ercole Gonzaga e progettista l'architetto Giovan Battista Bertani , su quest'area sorse il primo teatro della Corte dei Gonzaga. Andato distrutto da un incendio fu ricostruito tra il 1591 e il 1592 . Un terzo teatro progettato dall'architetto Antonio Maria Viani fu inaugurato nel 1608 con la rappresentazione della tragedia di Claudio Monteverdi L'Arianna . In epoca austriaca un quarto teatro, Nuovo Teatro Arciducale, fu inaugurato il 27 febbraio 1733 . I primi disegni furono di Ferdinando Galli da Bibbiena e il lavoro fu portato a termine da un suo allievo, Andrea Galluzzi . Un quinto teatro, su disegno di Giuseppe Piermarini , ebbe la luce il 10 maggio 1783 . Il Regio, così venne denominato nel corso del secolo XIX, a causa della concorrenza del nuovo Teatro Sociale venne abbandonato poco alla volta. Nel 1896 il Teatro Regio, venduto dal demanio, fu acquistato dal Comune di Mantova che lo trasformò radicalmente prima a mercato dei bozzoli, poi a mercato ortofrutticolo ed infine destinato alla funzione attuale di sede del Museo Archeologico Nazionale di Mantova.

Torri civili

Torre dell'Orologio
Torre del Palazzo del Podestà
Torre dell'Orologio
la torre, a pianta rettangolare, fu eretta nel 1472 su progetto di Luca Fancelli e l'orologio a funzionamento meccanico progettato da Bartolomeo Manfredi vi fu collocato l'anno successivo. Nella nicchia sottostante, ricavata nel 1639 , è stata collocata una statua della Madonna Immacolata .
Torre del Podestà
la "Torre Civica" del Broletto (altro nome della torre), alla quale è addossata Casa Tortelli , si erge sulla piazza omonima , ha un'altezza di quasi 47 metri e dall'anno 1227 su iniziativa del podestà Laudarengo Martinengo , è parte integrante del maestoso Palazzo del Podestà . Sul lato verso piazza Broletto spicca l'arma del podestà Gabriello Ginori , del 1494 .
Torre degli Zuccaro
la torre, alta 42 metri, fu edificata nella prima metà del XII secolo . Le prime testimonianze scritte sono del 1143 . Sorge in via Enrico Tazzoli . Il nome gli deriva dalla famiglia che ne sarebbe stata proprietaria, anche se la fantasia popolare ha alimentato l'idea che il nome nascesse dalla presenza di zucchero immagazzinato nei pressi, infatti è detta " Tor dal Sücar " nel dialetto locale. Venne acquistata da Pinamonte dei Bonacolsi nel 1273 dalla famiglia dei Ripalta.
Torre dei Gambulini
la torre, alta 37 metri, sorge in via Ardigò . Da documentazione dell'epoca era già esistente nel 1200 , derivando il nome dalla famiglia che la possedeva. Da questi ceduta alla famiglia Ripalta e poi ai da Oculo, nel 1289 divenne proprietà dei Gonzaga , non ancora sovrani di Mantova . L'edificio annesso alla torre divenne dimora saltuaria di Aloisio Gonzaga , signore di Castel Goffredo [34] . Qui mori il 30 novembre 1526 il condottiero Giovanni dalle Bande Nere . Successivamente fu accorpata al collegio e al convento dei gesuiti e dal 1883 è parte del complesso dell' Archivio di Stato di Mantova .
Negli ultimi tempi è stato lanciato il progetto di trasformare la torre in una terrazza panoramica che consenta la visione a 360 gradi del centro storico di Mantova [35] .
Torre del Salaro
del XIII secolo, fu utilizzata come deposito del sale .
Torre degli Arrivabene
la torre angolare sorge in via Arrivabene e venne eretta assieme all'omonimo palazzo di famiglia , attribuito a Luca Fancelli , nel 1481 .
Torre di San Domenico
Sorge a fianco delle Pescherie di Giulio Romano ed è quanto resta della chiesa e del convento di San Domenico eretti in stile gotico nel 1466 .

Cartiera Burgo

L'edificio fu progettato da Pier Luigi Nervi su commissione delle Cartiere Burgo e realizzato tra il 1961 e il 1964 . L'obiettivo prioritario era quello di collocare in un unico ambiente lungo 250 metri, un'unica macchina a ciclo continuo per trasformare la pasta di legno in carta da giornale. La soluzione trovata da Nervi per la copertura ha fatto sì che la costruzione fosse denominata "fabbrica sospesa" in particolare per i quattro cavi d'acciaio sospesi a due telai di cemento armato alti 50 metri.
Il 9 febbraio 2013 le macchine della cartiera Burgo si sono fermate segnando la fine della produzione di carta [36] . Nel 2015 lo stabilimento è acquisito dal gruppo trevigiano Pro Gest della famiglia Zago per essere riconvertito nella produzione di carta riciclata per imballaggi con il nome di Pro Gest Mantova e con un investimento di 150 milioni di euro. [37] .

Architetture militari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mura di Mantova .
Castello di San Giorgio
Castello di San Giorgio
maniero a difesa della città-fortezza di Mantova, venne edificato dal 1395 al 1406 da Bartolino da Novara su committenza di Francesco I Gonzaga sulle rovine dellaChiesa di Santa Maria di Capo di Bove .
Rocca di Sparafucile
Rocca di Sparafucile
eretta in epoca medievale, era parte delle fortificazioni orientali di Mantova, in particolare adibita alla difesa del ponte di San Giorgio , tanto da essere a lungo esclusivamente denominata Rocchetta di San Giorgio . La sua attuale denominazione si affermò successivamente all'ambientazione sulla "deserta sponda del Mincio ", dell'osteria del sicario Sparafucile, luogo del tragico epilogo del Rigoletto , una delle più note opere di Giuseppe Verdi .
Forte di Pietole
il forte di Pietole , pur sorgendo oggigiorno nel comune di Borgo Virgilio , faceva parte del sistema difensivo della città di Mantova insieme al Castello di San Giorgio e al Forte di Belfiore . Fu costruito dai francesi nel 1808 . [38]

Torri difensive

Torre della Gabbia
la torre venne innalzata dai Bonacolsi negli ultimi decenni del XIII secolo e acquisì la denominazione attuale nel 1576 quando il duca Guglielmo Gonzaga fece costruire la grande gabbia in ferro con funzione di "carcere all'aperto" dove i condannati venivano esposti al pubblico ludibrio.
Torre di Sant'Alò o Torre Nuova
la torre è una costruzione del 1370 sita in Piazza Arche, che faceva parte del sistema difensivo della città.
Casa torre dei Bonacolsi
la torre, che sorge al termine di vicolo Bonacolsi, fa parte del Palazzo Bonacolsi , del XIII secolo .

Porte

Voltone di San Pietro
Porta Giulia
Porta Giulia è l'unica attuale testimonianza delle fortificazioni d'epoca medievale e rinascimentale. Già esistente in epoca bonacolsiana, fu rifatta nell'anno 1549 , probabilmente progettata da Giulio Romano . Deve il nome all'esistenza, all'epoca della sua prima edificazione, dell'attigua chiesa di Santa Giulia, successivamente andata distrutta.
Voltone di San Pietro
"Voltone di San Pietro" o "Porta di San Pietro", sino alla fine del XIII secolo , era una delle tre antiche porte [39] che, inserita nella prima cinta muraria della città, chiudeva l'accesso a Piazza San Pietro (ora Piazza Sordello ), centro della civitas vetus .
Portali delle Aquile
i due "Portali delle Aquile", muniti di cancellate, avevano la funzione di delimitare lo spazio paesistico circostante Palazzo Te . Il progetto dei portali e dell'area verde che contemplasse viale alberati da adibire al pubblico passeggio, fu affidato nel 1805 a Giovanni Antonio Antolini , Regio Architetto ed Ispettore dei Reali Palazzi di Mantova . Le aquile che sormontano i portali, furono disegnate dall'architetto bolognese e scolpite nel 1808 dal veronese Gaetano Muttoni. Nel 1990 i Portali delle Aquile furono restaurati su iniziativa del FAI Fondo per l'Ambiente Italiano .

Piazze e vie

Piazza Sordello
è l'antico fulcro della vita artistica e politica di Mantova, di dimensioni modeste (150 × 60 m) accoglie tra i principali edifici monumentali della città, come il Palazzo Ducale (Palazzo del Capitano e Domus Magna ), il palazzo Acerbi, al cui interno è collocata la cappella Bonacolsi , sovrastato dalla Torre della Gabbia , il palazzo Bonacolsi (ora Castiglioni ), la sede vescovile di palazzo Bianchi (dal nome della famiglia che lo edificò nel Settecento) e il Duomo . Una recente casuale scoperta archeologica (dicembre 2006) ha riportato alla luce i pavimenti a mosaico ei resti di una domus romana d'età imperiale attualmente visitabile all'interno di una struttura provvisoria.
Via Broletto
importante arteria viaria che collega Piazza delle Erbe a Piazza Sordello , passando sotto il Voltone di San Pietro .
Piazza Broletto
con l'ampliamento della città al di là del primitivo nucleo storico, verso l'anno 1190 , fu creata Piazza Broletto che ancora oggi è attorniata da edifici del periodo comunale come il Palazzo del Massaro, l'Arengario e il Palazzo del Podestà , detto anche Palazzo del Broletto , con la Torre Comunale. Sulla facciata di quest'ultimo palazzo, spicca una statua duecentesca di scuola veronese raffigurante " Virgilio in cattedra ", tradizionalmente chiamata nel dialetto locale "La Vecia" (la vecchia). Al centro della piazza dal 1894 è stata posta una fontana con vasca in marmo veronese e tre delfini posti verticalmente.
Piazza delle Erbe
da sempre luogo di scambi commerciali, si apre a sud con la "Casa di Giovan Boniforte da Concorezzo" (o "Casa del Mercante") del 1455 , continua con la romanica Rotonda di San Lorenzo , la Torre dell'Orologio, il Palazzo della Ragione e si chiude con Palazzo Broletto (o del Podestà) edificato nel XII secolo , che la separa e dà il nome all'adiacente piazza.
Mantova, antica edicola dei giornali in piazza Canossa.
Piazza Canossa
Sulla piazza si affacciano il seicentesco Palazzo Canossa , la chiesa della Madonna del Terremoto e, sul terzo lato, un palazzo porticato del 1720 . Dal Cinquecento ai giorni nostri la piazza cambiò nome diverse volte assumendo in sequenza le denominazioni di Plateola cum uno puteo (piazzetta col pozzo), "piazza alberriggia" e, nel XVII secolo , "piazza del fieno" quando con la costruzione di Palazzo Canossa si trasformò in modo definitivo. Sulla piazza è anche presente un' antica edicola liberty di giornali, risalente al 1882 e restaurata a cura del FAI Fondo Ambiente Italiano [40] .
Piazza Virgiliana
in origine esisteva il porto dell'"Ancona" con il tempo parzialmente interrato. Piazza Virgiliana fu voluta dal generale Sextius Alexandre François de Miollis , governatore durante l'occupazione francese, che indusse le autorità cittadine a trasformare lo spazio informe, spesso parzialmente sommerso dalle esondazione del lago di Mezzo , in una piazza adibita alle esercitazioni militari ea ospitare un monumento che ricordasse essere Mantova la patria di Virgilio . L'incarico fu dato all'architetto Paolo Pozzo . Furono colmati gli avvallamenti e demolite costruzione di scarso valore che cingevano lo spiazzo per consentire l'inserimento di alberi, piante e arbusti. Il monumento inaugurato nel 1801 , fu distrutto nel 1919 per essere sostituito dall'attuale opera in marmo di Carrara , il cui progetto fu affidato all'architetto Luca Beltrami . L'inaugurazione avvenne nel 1927 .
  • Piazza Leon Battista Alberti
  • Piazza Castello
  • Piazza Cavallotti
  • Piazza Concordia
  • Piazza d'Arco
  • Piazza dei Mille
  • Piazza Lega Lombarda anche Piazza Pallone
  • Piazza Mantegna
  • Piazza Marconi già Piazza Purgo
  • Piazza Paccagnini già Piazza Paradiso
  • Piazza Santa Barbara

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [41]

I comuni di Porto Mantovano , Curtatone , Borgo Virgilio , San Giorgio di Mantova , Roncoferraro , Bigarello , Bagnolo San Vito e Marmirolo , adiacenti alla città, costituiscono con il comune di Mantova un'unica zona residenziale. In questa conurbazione, alla data del 01/01/15, sono risultati 127.569 residenti, divisi in 48.747 abitanti del Comune cittadino e 78.822 dell' hinterland . Questa evoluzione demografica ha suscitato opinioni favorevoli alla trasformazione di comune cittadino e hinterland in un'unica municipalità, denominata indicativamente come "Grande Mantova".

La mobilità della popolazione residente nel territorio comunale della città di Mantova, negli ultimi decenni, è stata caratterizzata da una fase d'immigrazione negli anni cinquanta e sessanta del XX secolo . La crescita della popolazione di circa 12.000 unità tra i censimenti Istat del 1951 e del 1971 fu dovuto a nuovi insediamenti industriali e allo sviluppo del terziario cittadino che hanno rappresentato una valida alternativa per la popolazione rurale della provincia mantovana ormai non più assorbita da un settore agricolo velocemente meccanizzatosi.

Dai dati ISTAT 1971 ai dati del 2001 , il decremento della popolazione si fece rilevante, circa 19.000 abitanti, la gran parte dei quali emigrati nei territori dei comuni confinanti, comunque all'interno dell'ipotetica "Grande Mantova".

Il declino demografico si arresta nel primo decennio del XXI secolo , conseguenza di una rilevante immigrazione dall'estero che è andata a compensare la perseverante mobilità in uscita a favore dei comuni dell'hinterland dei cittadini di nazionalità italiana.

Alla fine del 2010 risultavano residenti nel comune di Mantova 48.611 abitanti. Come da tradizione consolidata le donne sono più numerose, 26.129, degli uomini, 22.482. Il numero delle famiglia continua ad aumentare (23.312), aumento soprattutto dovuto al regolare trend in diminuzione del numero di componenti delle famiglie mantovane: 2,05.

Ad inizio 2011 si è costituito con atto notarile, un comitato a favore dell'unificazione nell'unico comune di Mantova dei quattro comuni circostanti (Curtatone, Porto Mantovano, San Giorgio, Borgo Virgilio).

Etnie e minoranze straniere

La popolazione comunale è stata caratterizzata negli anni 2000, da una crescente immigrazione dall'estero. Al 31 dicembre 2019 gli immigrati stranieri erano 7 502 [42] corrispondenti al 15,2% della popolazione residente. Le nazionalità più rappresentate sono:

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Disciplini del Mantovano .

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Sole 24 Ore )
Dato riferito alla provincia
Rapporto Ecosistema Urbano ( Legambiente )
1990 16ª posizione (± 0)
1991 39ª posizione (- 23)
1992 20ª posizione (+19)
1993 51ª posizione (- 31)
1994 49ª posizione (+ 2)
1995 26ª posizione (+ 23)
1996 36ª posizione (- 10)
1997 23ª posizione (+ 13)
1998 20ª posizione (+ 3)
1999 4ª posizione (+ 16)
2000 26ª posizione (- 22)
2001 22ª posizione (+ 4)
2002 5ª posizione (+ 17)
2003 27ª posizione (- 22) 2ª posizione (± 0)
2004 42ª posizione (- 15) 5ª posizione (+ 3)
2005 22ª posizione (+ 20) 3ª posizione (+ 2)
2006 29ª posizione (- 7) 1ª posizione (+ 2)
2007 36ª posizione (- 7) 2ª posizione (- 1)
2008 32ª posizione (+ 4) 3ª posizione (- 1)
2009 36ª posizione (- 4) 12ª posizione (- 9)
2010 33ª posizione (+ 3) 21ª posizione (- 9)
2011 37ª posizione (- 4) 5ª posizione (+ 16)
2012 34ª posizione (+ 3) 4ª posizione (+ 1)
2013 38ª posizione (- 4) 5ª posizione (- 1)
2014 34ª posizione (+ 4) 17ª posizione (- 12)
2015 29ª posizione (+ 5) 9ª posizione (+ 8)
2016 50ª posizione (- 21) 3ª posizione (+ 6)
2017 41ª posizione (+ 9) 1ª posizione (+ 2)
2018 19ª posizione (+ 22) 1ª posizione (± 0)
2019 48ª posizione (- 29) 2ª posizione (- 1)
2020 47ª posizione (+ 1) 2ª posizione (± 0)

Dalla ricerca di " Italia Oggi - Università La Sapienza di Roma", Mantova nel 2016 risulta al primo posto per la qualità della vita in Italia. [43] [44]

Istituzioni, enti e associazioni

Strutture ospedaliere

Cultura

Istruzione

Biblioteche e archivi

Scuole

Scuole secondarie di secondo grado:

  • Liceo "Virgilio", classico e linguistico [45]
  • Liceo scientifico "Belfiore" [46]
  • Istituto superiore "Enrico Fermi" (istituto tecnico settore tecnologico, liceo scientifico delle scienze applicate) [47]
  • Liceo "Isabella d'Este" e Istituto superiore" Carlo d'Arco" [48]
  • Istituto tecnico economico "Alberto Pitentino" [49]
  • Istituto tecnico economico tecnologico "Andrea Mantegna" [50]
  • Istituto d'istruzione superiore "San Giovanni Bosco" (ex IPSIA "Leonardo da Vinci") [51]
  • Istituto superiore "Bonomi-Mazzolari" (istituto professionale di Stato per abbigliamento, moda, servizi commerciali, sociali e turistici) [52]
  • Istituto e liceo statale d'arte "G.Romano" [53]
  • Istituto d'istruzione superiore "Strozzi" [54]
  • Conservatorio di Musica "Lucio Campiani" [55]
  • Istituti "Redentore" (licei classico, linguistico, scientifico e liceo linguistico quadriennale) [56]
  • Istituti "Santa Paola " Mantova [57] , fondati da don Antonio Bottoglia negli anni Sessanta [58]

Università

Fondazione UniverMantova è, dal giugno 2015, la nuova denominazione della Fondazione Università di Mantova , che era stata costituita il 20 dicembre 2001 , la quale aveva a sua volta sostituito il Consorzio Universitario Mantovano, attivo dal 1992 al 2001. Suo scopo principale è promuovere e gestire il sistema universitario mantovano, costituito da corsi di laurea istituiti dal Politecnico di Milano , dall' Università degli Studi di Brescia , dall' Università degli Studi di Milano , dall' Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e dall' Università degli Studi della Repubblica di San Marino [59] [60] [61] [62] [63] [64] [65] [66] [67] [68] .

Con l'anno accademico 2018-19 è stato inaugurato il corso di laurea magistrale in conservazione e restauro dei beni culturali degli Istituti Santa Paola Mantova. [69] [70]

Istituzioni culturali

Musei e gallerie

Casa del Mantegna

Media

Stampa

Periodici Online

  • L'Altra Mantova
  • Mantova Notizie

Televisione

Editoria

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rinascimento mantovano .

Cinema

Lista dei maggiori film e miniserie televisive che hanno avuto Mantova come set: [83]

Scena finale de Il Portaborse in Piazza Canossa

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina mantovana .

Fra i prodotti tipici della cucina mantovana troviamo:

Antipasti
Primi piatti
Secondi piatti
Dolci

Eventi

  • Mantova Comics & Games (febbraio), salone del fumetto e del gioco, dal 2006 si tiene annualmente al PalaBam idealmente proseguendo Ludicamente , rassegna che fu ospitata per alcuni anni dal 2003 nelle piazze di Mantova, dedicata interamente al gioco non tecnologico.
  • Gran Premio Nuvolari . Dal 1991 competizione di regolarità riservata alle auto storiche
  • Premio Arlecchino d'Oro (giugno), nato nel 1999 per iniziativa del "Centro Studi Mantova Capitale Europea dello Spettacolo" ora Fondazione, ha lo scopo di rendere omaggio a Tristano Martinelli , attore mantovano a cui si deve l'invenzione della maschera di Arlecchino . Inserito nel programma di una rassegna di teatro, musica e danza, il premio viene consegnato ad un artista del mondo dello spettacolo di valore e fama internazionale. Dal 2006 il premio è inserito nel Festival Teatro - Arlecchino d'Oro , che la Fondazione Mantova Capitale Europea dello Spettacolo organizza e dirige negli ultimi dieci giorni di giugno su mandato del Comune di Mantova.
  • Incontro Nazionale dei Madonnari (14 e 15 agosto) dal 1973 , ogni anno nel piazzale del Santuario della Beata Vergine delle Grazie nel comune di Curtatone , decine di pittori, provenienti da tutto il mondo, dipingono coi gessetti sull'asfalto del piazzale del Santuario durante la Fiera di Ferragosto.
  • Festivaletteratura (settembre), dal 1997 organizza e ospita incontri con autori, reading, spettacoli, concerti, laboratori per adulti e bambini.
  • Segni d'infanzia (novembre), festival internazionale d'arte e teatro per l'infanzia. Nato nel 2006 da un'idea di Dario Moretti, Segni d'infanzia è un grande evento artistico rivolto al mondo dell'infanzia, con particolare attenzione ai bambini dai 18 mesi ai 12 anni. La direzione artistica ed organizzativa del festival, promosso dal Comune di Mantova, è di Teatro all'improvviso, compagnia professionale di Teatro per ragazzi.
  • Mantova Medievale: dal 2006 si ripete ogni anno, col sostegno del Comune, fra il mese di agosto e il mese di settembre, l'edizione di Mantova Medievale , una manifestazione organizzata da La Compagnia della Rosa ad 1403 . Negli spazi adiacenti al lungolago Gonzaga e al prato antistante il Castello di San Giorgio viene allestito un villaggio medievale. Rievocatori provenienti da tutta Italia e da paesi europei tra cui Portogallo, Svizzera, Germania, Repubblica Ceca animano l'accampamento e mostrano i loro equipaggiamenti. Le attrazioni più attese sono il lancio della scure danese, il tiro con l'arco ei giochi di abilità medievali. A conclusione della manifestazione davanti al castello di San Giorgio viene inscenata la battaglia campale. [95]
  • Mantova Musica Festival : per quattro edizioni dal 2004 fu organizzata, sulle orme del consolidato e più noto festival letterario mantovano, una rassegna di musica interessata alle nuove tendenze e frontiere: l'elettronica, il jazz e la musica contemporanea. Con spazi per dibattiti, presentazioni di libri, bande musicali, satira e l'incontro tra la musica e il teatro.
  • Mantova Chamber Music Festival , festival di musica da camera.
  • Mantova fu la prima città italiana ad avere la sua controparte fedele in Second Life . Riproduceva quanto più fedelmente possibile la Mantova reale, utilizzando misure, foto e disposizione degli edifici come dal vero. Operante su tre livelli, centro storico, Palazzo Te e Castello di San Giorgio, si estendeva su due Sim. Furono ricostruiti il museo Tazio Nuvolari , il Teatro Bibiena, la Basilica di Sant'Andrea. La Sim era teatro di eventi culturali e di aggregazione avendo la possibilità di proporre manifestazioni reali e virtuali. [96]
  • Mostre:
    • Nel 2002 presso le Fruttiere di Palazzo Te ea Palazzo Ducale è stata allestita la Celeste Galeria , Il museo dei Duchi di Mantova. 5 anni di studi scientifici, 60 studiosi coinvolti nelle ricerche, 519.000 visitatori, con una media giornaliera di 3923 biglietti per la mostra che ha riportato nella sua cornice ideale, da tutto il mondo, parte della prestigiosa e imponente collezione dei Gonzaga della seconda metà del Seicento .
    • Tra il settembre 2006 ed il gennaio 2007 , la città – assieme a Verona e Padova – ha organizzato un percorso culturale [97] sull'arte di Andrea Mantegna , in occasione del quinto centenario della morte, avvenuta proprio a Mantova. Già nel 1961 venne realizzata un'esposizione che meritò a Mantova l'appellativo di "Città del Mantegna". Per una mostra pittorica quello fu il primo grande evento di massa che portò nella città virgiliana più di 200 000 visitatori.

Geografia antropica

Urbanistica

Quartieri

Elenco dei quartieri con relativi residenti al 31/12/2014. [98]

  • Centro – (ab. 17.177)
  • Valletta Paiolo – (ab. 7.097)
  • Lunetta – (ab. 3.564)
  • Valletta Valsecchi – (ab. 2.916)
  • Colle Aperto – (ab. 2.100)
  • Borgo Pompilio – (ab. 2.028)
  • Borgo Chiesanuova – (ab. 1.728)
  • Te Brunetti – (ab. 1.319)
  • Castelnuovo Angeli – (ab. 1.292)
  • Cittadella – (ab. 1.228)
  • Dosso del Corso – (ab. 1.069)
  • Belfiore – (ab. 867)
  • Formigosa – (ab. 791)
  • Frassino – (ab. 750)
  • Ponte Rosso – (ab. 627)
  • Virgiliana – (ab. 587)
  • Castelletto Borgo – (ab. 511)
  • Gambarara – (ab. 438)
  • Valdaro – (ab. 180)

Economia

Veduta aerea dello stabilimento IES

Ricoprono un ruolo importante nell'economia cittadina il commercio al dettaglio ei servizi del terziario . Tra questi ultimi risaltano la testata giornalistica locale " Gazzetta di Mantova ", considerato il più antico quotidiano d'Italia, e la Banca Agricola Mantovana fondata nel 1871 che, in seguito ad un' Offerta pubblica di acquisto del 1999 , è entrata a far parte del gruppo bancario Montepaschi . Il processo di acquisizione si è concluso con la fusione per incorporazione di Banca Agricola Mantovana Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena avvenuta il 22 settembre 2008 . Dall'anno 2000 opera con sede in Mantova e alcune altre filiali in provincia, la Banca Popolare di Mantova ceduta nel 2008 dal Banco Popolare alla Banca Popolare di Milano . Rilevanti sono le attività connesse all' allevamento e all' agricoltura e alle industrie trasformatrici delle loro produzioni: si parla soprattutto della produzione di burro , formaggio e di salumi (tra cui spicca il Salame mantovano ). L'importanza del settore economico primario per l'economia mantovana è dimostrata dalla presenza a Mantova di una delle più importanti borsa merci agricole della pianura Padana che dal 30 settembre 2010 è sede della Commissione Unica Nazionale dei suini da macello [99] . Il primo ottobre 2006 esordisce a Mantova il primo mercato contadino italiano che anticipò il decreto ministeriale che solo alla fine del 2007 ne regolamenterà l'attività.

Nei primi anni del secondo dopoguerra s'insediarono la Cartiera Burgo e industrie chimiche e petrolchimiche. La prima fu la società di raffinamento del petrolio ICIP , oggi IES Italiana Energia e Servizi spa, che costruita a partire dal 1947 iniziò la produzione il 20 dicembre 1953 ed è stata acquisita nell'anno 2007 dal gruppo ungherese MOL. Importante insediamento chimico è la Versalis del gruppo Eni che continua l'attività dello stabilimento chimico sorto nel 1956 su iniziativa della Edison , proseguita poi sotto altre denominazioni come Montedison , Montedipe e Polimeri Europa.

Molto attivi anche il settore dell'abbigliamento, con importanti insediamenti presenti nel territorio comunale della città, Lubiam , Valstar e Corneliani , in particolare specializzati nella moda per uomo, e il settore meccanico dove spiccano la Belleli , passata attraverso una grave crisi negli anni passati, e la SOGEFI , ormai multinazionale attiva nella componentistica per autoveicoli quotata presso la Borsa di Milano fin dal 1986 che nel 2008 ha annunciato la chiusura, definitivamente portata a termine nel gennaio dell'anno successivo, dello storico primo stabilimento mantovano.

Nel settore dell' artigianato sono ancora diffuse e rinomate le antiche lavorazioni della ceramica e della porcellana . [100]

Principali aziende operanti in città

  • MOL (raffineria)
  • Versalis (energia e chimica di base)
  • TEA (energia, gas, acqua)
  • Immsi SpA (industria motoristica/navale)
  • Lubiam (abbigliamento)
  • Corneliani (abbigliamento)
  • Bottoli (alimentari: schiacciatine)
  • Grossi Carta (cartiera)
  • Consorzio Latterie Virgilio (alimentari: latte, yogurt e formaggio)
  • APAM (azienda di trasporti pubblici)
  • Gazzetta di Mantova (informazione)
  • Banca Agricola Mantovana (oggi Mps ) (banca)
  • Banca Popolare di Mantova
  • Belleli Energy (impiantistica)
  • Sisma SpA (igiene)

Infrastrutture e trasporti

Strade

Mantova è attraversata dalle ex strade statali:

Due sono i caselli autostradali dell' autostrada A22 Modena-Brennero , denominati Mantova nord e Mantova sud , ubicati nei limitrofi comuni di San Giorgio di Mantova e Bagnolo San Vito , sui quali gravita il traffico della città.

Mantova è servita anche da due tangenziali:

Ferrovie e tranvie

La stazione di Mantova , servita da relazioni regionali svolte da Trenitalia , Trenord e Tper . Posto sulla linea Verona-Modena , tale impianto è altresì origine delle linee per Monselice e per Cremona . Un'altra linea, la ferrovia Mantova Peschiera , fu in esercizio fra il 1934 e il 1963 .

Sulla linea per Monselice è presente una seconda stazione, Mantova Frassine , dalla quale si dirama il raccordo per il porto di Valdaro .

Sulla linea Verona-Modena, il 9 dicembre 2012 , è stata aperta all'esercizio la fermata di Borgochiesanuova [101] .

Altre due stazioni sono presenti nell'hinterland cittadino: la stazione di Sant'Antonio Mantovano nel comune di Porto Mantovano, e quella di Levata nel comune di Curtatone.

In passato Mantova fu interessata anche dal percorso di alcune tranvie extraurbane, la linea Brescia-Mantova-Ostiglia , esercita a vapore dalla Società Italiana Tramvie e Autovie di Lombardia e Romagna , attiva fra il 1882 e il 1933 e le linee per Asola e Viadana , in carico alle Tranvie Provinciali Mantovane, attive fra il 1886 e il 1953 nella loro parte terminale, elettrificata nel 1926 .

Entro il 2023 Mantova sarà collegata direttamente a Reggio Emilia e alla stazione di Reggio Mediopadana , sottostante quella di Reggio Emilia AV Mediopadana , via Suzzara e Guastalla in poco più di un'ora di viaggio. Attualmente il collegamento è già esistente, ma molto più lento (da due ore a due ore e quaranta) a causa del doppio cambio a Suzzara ea Guastalla, dei lunghi tempi di attesa e per i treni diesel attualmente utilizzati. Una volta elettrificate la ferrovia Reggio Emilia-Guastalla (entro l'estate 2020) e almeno la tratta fra Guastalla e Suzzara della ferrovia Parma-Suzzara - Poggio Rusco (entro il 2022), sarà invece possibile un collegamento diretto e veloce. [102] [103]

Porti

Il porto di Mantova è situato in località Valdaro all'imbocco del canale Mantova- Venezia noto anche come idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco-Po di Levante che consente a navi della V classe per 365 giorni all'anno il collegamento diretto con il mare Adriatico distante 135 km e con la laguna di Venezia . La conca di San Leone nei pressi di Governolo mette in collegamento il porto di Mantova tramite il canale Fissero con il fiume Po . Un raccordo ferroviario unisce il porto alla linea Mantova-Monselice .

Porto Catena è l'antico porto commerciale di Mantova, già attivo dal 1200 , ora adibito a sole funzioni turistiche. È situato in una piccola insenatura del lago Inferiore nella quale si immette il Rio, canale artificiale che attraversa la città dal XII secolo.

Mobilità urbana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete tranviaria di Mantova .

La città è dotata di un servizio di autobus gestito dall' APAM , acronimo di Azienda Pubblici Autoservizi Mantova . Il servizio di trasporto pubblico urbano che interessa anche il territorio dei comuni limitrofi quali Porto Mantovano, San Giorgio di Mantova, Bigarello, Borgo Virgilio e Curtatone, ossia la cosiddetta "Grande Mantova", è fornito attraverso corse di nove linee. L'APAM adempie anche alla gestione di una rete linee interurbane, in massima parte con capolinea nel capoluogo.

L'azienda ATV adempie invece al collegamento con la città di Verona attraverso l'itinerario per Castelbelforte .

La rete tranviaria di Mantova , attiva fra il 1908 e il 1953 , era un insieme di relazioni costituito da due linee prettamente urbane di pertinenza comunale e da ulteriori tre a carattere suburbano gestite dalla Provincia , realizzate in parte sfruttando le infrastrutture delle preesistenti tranvie a vapore.

Piste ciclabili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pista ciclabile del Mincio .

Aeroporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporto di Mantova-Migliaretto .

Mantova è servita dall' Aeroporto di Verona-Villafranca , che dista circa 30 km dal centro cittadino e opera un servizio d'importanza strategica per le province di Verona , Mantova, Brescia , Trento e Bolzano . L'aeroporto è collegato giornalmente con le principali località nazionali ( Roma , Palermo , Catania , Napoli , Olbia , Bari , Cagliari ) oltre che con alcune internazionali come Amsterdam , Londra , Parigi , Barcellona , Francoforte sul Meno , Mosca-Domodedovo , Bruxelles , Bucarest , Varsavia , ed è raggiungibile in auto attraverso l' A22 oppure la SR62.

Aviosuperfici

La città di Mantova dispone di alcune aviosuperfici e campi volo, anche nell'ambito della propria provincia. Il locale Aero Club ha sede presso l'Aviosuperficie Città di Curtatone ed è intitolato al Generale Pilota Alessandro Bladelli, mantovano tra i fondatori della Pattuglia Acrobatica Getti Tonanti , antesignana delle attuali Frecce Tricolori . Presso l'Aviosuperficie Città di Curtatone si svolgono attività di volo a motore sia con ultraleggeri che aviazione generale .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Mantova .
Targhe delle città gemellate

Gemellaggi

Mantova è gemellata con:

Altre informazioni amministrative

Mantova fa parte dell' Associazione nazionale città del pane .

Sport

La città di Mantova vanta importanti figure distintisi in ambito sportivo. Il più famoso è senz'altro Tazio Nuvolari , conosciuto anche come il Mantovano volante . Ai due "campioni" mantovani per eccellenza, Nuvolari e il ciclista Learco Guerra , è dedicato un museo provvisoriamente ospitato in alcune stanze del Palazzo Ducale in piazza Sordello .

Calcio

Il Mantova , nella sua storia centenaria, fu infatti fondato nel 1911 , ha disputato 12 campionati di Serie A , dei quali 5 di Prima Divisione negli anni venti , e 17 campionati di Serie B . Il calcio virgiliano ha raggiunto l'apice nell'arco di tempo che va dal campionato 1958/1959 a quello del 1961/1962 , grazie ad una superformazione passata alla storia con l'appellativo di Piccolo Brasile guidata da Edmondo Fabbri , futuro ct della Nazionale di calcio dell'Italia . Quella squadra passò in quattro anni dalla quarta serie all'Olimpo del calcio. Dopo due retrocessioni consecutive, dal 1973 i biancorossi (questi i colori sociali dell' Mantova ) hanno vivacchiato per anni in Serie C , subendo l'onta di due fallimenti ( 1983 ,1994) e risollevandosi in seguito all'arrivo dei presidenti Alberto Castagnaro e Fabrizio Lori . Al primo si deve il ritorno in C1 (2003/2004), al secondo il passaggio dalla C1 alla B. Doveroso ricordare anche Romano Freddi, che seppur poco amato dalla piazza, fu l'artefice della salvaguardia del calcio a Mantova, quando nell'estate del 1994 la società per la seconda volta fallì.
La squadra di calcio della città era tornata in serie B alla conclusione della stagione 2004/2005 , dopo ben 32 anni di assenza. La cadetteria fu conquistata al termine dei play-off, giocati e vinti contro Frosinone e Pavia . La stagione 2005/2006 ha visto il Mantova mancare di poco l'immediata promozione alla serie A nella finale dei play-off con il Torino , vittoria per 4-2 a Mantova e sconfitta a Torino per 3-1 dopo i tempi supplementari.
Dopo cinque anni di discreti campionati in serie B , alla fine del campionato 2009/2010 , l' Mantova retrocesse inLega Pro . Il 30 giugno 2010 la squadra virgiliana non riuscì ad iscriversi al campionato di Lega Pro, scomparendo in tal modo dal calcio professionistico. Fallita l'ACMantova, il calcio rinacque come Mantova Football Club che subito vinse il campionato di serie D riportando immediatamente il calcio virgiliano tra i professionisti, in Lega Pro , ma dopo alcune stagioni tormentate da svariati cambi di gestione risultati fallimentari, nell'estate del 2017 i biancorossi vengono esclusi dalla Serie C dopo essersi salvati sul campo ripartendo nuovamente dalla Serie D con il nome di Mantova 1911 .

In ambito calcistico Mantova ha dato i natali a Roberto Boninsegna arrivato fino alla Nazionale di calcio italiana , militando in grandi squadre di Serie A come Cagliari , Inter , Juventus .

Pallavolo

PalaBam: interno durante una partita

Buona la tradizione sportiva mantovana per quanto riguarda la pallavolo maschile . La Pallavolo Mantova conquistò la Serie A1 alla fine del campionato 1986-87. Disputò due campionati nella massima serie , venendo poi sostituita per tre anni dalla Gabbiamo Virgilio, comunque invischiate entrambe sul fondo della classifica.
Negli anni novanta la Pallavolo Mantova ha militato diverse volte in serie A2.
Con la stagione 2006/07, culminata con la vittoria dei play-off promozione, c'e l'approdo del Top Team Volley Mantova al campionato di Serie A2 . Lo stesso Top Team Volley ha vinto la Coppa Italia di Serie B nel 2006 e nel 2007.

Pallacanestro

Dal 2012 Mantova ospita anche la Pallacanestro Mantovana , nota fino al 2013 come Pallacanestro Primavera Mirandola dell'omonima cittadina modenese , attualmente militante nella A2 Gold e che disputa le gare interne al PalaBam .

Ciclismo

Nel 1931 Learco Guerra vinse il Campionato del mondo di ciclismo , a Copenaghen ( Danimarca ). Nello stesso anno viene istituita la maglia rosa quale simbolo del primato in classifica ed è proprio Learco Guerra ad indossarla per primo risultando vincitore della tappa inaugurale del 19ºGiro d'Italia , partita da Milano e conclusasi nella natia Mantova. Il "Giro" ha concluso una tappa a Mantova in dieci occasioni. Nel 1963 la città virgiliana è stata solamente sede di partenza della tappa conclusasi a Treviso .

Tappe del Giro d'Italia con arrivo a Mantova:

Nel 2008 con un crono prologo di fronte a Palazzo Te vinto dall'olandese Mirjam Melchers , è partito il " Giro d'Italia femminile ". Sullo stesso viale Te, nel 2015, si è conclusa la terza tappa del Giro Rosa 2015 , la Curtatone > Mantova, con vittoria dell'olandese Lucinda Brand .

Mantova è stata anche sede d'arrivo di un'importante corsa ciclistica, la Milano-Mantova , disputata a partire dal 1906 per 24 volte e disputata per l'ultima volta nel 1962 con vittoria di Pierino Baffi .

Canottieri Mincio

La società Canottieri Mincio nasce nel 1883 come una società polisportiva. Le sue origini sono legate agli sport , in particolare quelli acquatici: nuoto , tuffi , vela , canottaggio e canoa sono le discipline che la distinguono e che hanno esportato il suo nome in Italia e nel mondo . Diverse sono anche le personalità che ne hanno fatto la storia: da Gabriele D'Annunzio , che nel 1928 coniò il motto della società (ancora oggi in uso) " Perseverando arrivi ", ad Azeglio Mondini, classe 1923 che dal 1937 fu un grande maestro di canottaggio e che formò sportivi d'alto livello come Marco Penna; oppure Giacomo Bottoli ed Andrea Bonezzi (velisti d'alto livello) e Bruno Pizzamiglio che diede vita alla scuola mantovana di tuffi dove sono nati grandi sportivi come Francesco Priori e Massimo Nibioli.

Motocross

Mantova ha acquisito negli ultimi anni una notevole importanza nell'ambito delle competizioni di motocross disputate nel circuito del Migliaretto. Nel 1991, 1996, 1998, 2000, 2007, 2008 si è svolto il gran premio d'Italia, nel 2010, 2015 e 2016 il gran premio di Lombardia, prove facenti parte del Campionato mondiale di motocross .

Altri sport

Discreta la tradizione del rugby mantovano, grazie al "Rugby Mantova", società sportiva nata nel 1974 che gareggia stabilmente nella serie B nazionale. Il Rugby Mantova ha partecipato con una piccola quota alla franchigia italiana di rugby a 15 capitanata dal Rugby Viadana , denominata Aironi Rugby , che partecipò per due anni alla Celtic League .

In tarda primavera a Mantova viene disputata la stracittadina "Minciomarcia", corsa podistica non agonistica aperta a tutti. Giunta nel 2011 alla 38ª edizione, vede la partecipazione di un numero di partecipanti spesso superiore a 5.000.
Dal 1987 , con la vittoria nella prima edizione del maratoneta Orlando Pizzolato , viene disputata una corsa competitiva denominata "Maratonina di Mantova". Dopo alcuni anni di sospensione è stata disputata in via continuativa dal 1997, giungendo nel 2011 alla sua 20ª edizione.

La serie A2 fu conquistata per due volte, a cavallo dell'anno 2000 , dal "Circolo Scacchistico Mantovano" che, rinato nel 1995 , fu in grado di organizzare a Mantova nel 1996 la finale del 56º Campionato Italiano Assoluto di scacchi e la finale del 28º Campionato italiano Femminile . Vi è stata altra breve presenza in serie A2 nell'anno 2010 .

Dal 2013 a Mantova è attiva una squadra di calcio a 5 che partecipa al campionato nazionale di serie B e gioca le partite interne al palazzetto dello sport del quartiere di Lunetta, il PalaLù . [112]

Impianti sportivi

  • Stadio Danilo Martelli è il principale impianto sportivo della città. Inaugurato negli anni 30 ha subito numerose ristrutturazioni nel corso degli anni per stabilizzare la struttura. Ci gioca al suo interno le partite il Mantova ed ha una capienza di 14.822 posti a sedere.
  • PalaBam , principale palazzetto dello sport di Mantova, inaugurato nel settembre 2005 , deve il suo nome all'acronimo BAM della Banca Agricola Mantovana istituto di credito cittadino incorporato nel 2008 da Banca MPS . Ha una capienza di quasi 4.000 spettatori che con tribune mobili poste sul parterre, raggiunge la cifra di 5.000. Il PalaBam ha spesso ospitato concerti e spettacoli teatrali di richiamo nazionale e internazionale anche nell'attiguo centro fieristico che ospita esposizione di settore tra le quali ha acquisito rinomanza nazionale Mantova Comics & Games .
  • PalaLù è il secondo palazzetto dello sport di Mantova, risiedente nel quartiere popolare di Lunetta. Inaugurato nel 2012, al suo interno ci giocano le partite della Pallamano femminile mantovana .
  • Campo scuola Tazio Nuvolari è un impianto per l'atletica leggera dotato di manto in tartan situato in Via Learco Guerra nei pressi del bosco Virgiliano .
  • Campo da motocross Tazio Nuvolari , in Via Learco Guerra, località Migliaretto, è un impianto agonistico che ospita anche competizioni del Campionato mondiale di motocross .

Note

  1. ^ Comune di Mantova - Articolo 2 dello Statuto
  2. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori) - Mantova , su istat.it , ISTAT . URL consultato il 21 luglio 2021 .
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica , Asola, 1996.
  6. ^ Delibera d'iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO in data 7 luglio 2008 nel corso della 32ª sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale a Quebec City
  7. ^ www.mantovasabbioneta-unesco.it
  8. ^ ( EN ) Mantua and Sabbioneta , su UNESCO . URL consultato il 13 aprile 2015 .
  9. ^ Segretariato generale della Presidenza della Repubblica-Servizio sistemi informatici, I Simboli della Repubblica - il Vittoriano , su Quirinale . URL consultato il 31 marzo 2020 .
  10. ^ Mantova è la capitale italiana della cultura 2016 , su LaStampa.it . URL consultato il 4 agosto 2016 .
  11. ^ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Decreti PCM 26 febbraio 2016 Conferimento del titolo di "Capitale italiana della cultura" per gli anni 2016 e 2017 alle città di Mantova e Pistoia .
  12. ^ East Lombardy 2017. European region of gastronomy.
  13. ^ Città dello sport. Mantova conquista il titolo per il 2019.
  14. ^ Google Arts&Culture Mantova Capitale della Cultura 2016.
  15. ^ Ecosistema Urbano 2017 | Legambiente . URL consultato il 30 novembre 2017 (archiviato dall' url originale il 30 agosto 2018) .
  16. ^ Legge Regione Lombardia 8 settembre 1984 n.47
  17. ^ Mantova notizie. Mantova, Città dei Tre Laghi.
  18. ^ scargia - www.treccani.it
  19. ^ Zona Sismica. Mantova , su tuttitalia.it . URL consultato l'11 marzo 2012 .
  20. ^ Stefano Scansani , Allarme per una lesione nella Camera Picta di Mantegna , in Gazzetta di Mantova , 1º giugno 2012. URL consultato il 3 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 2 giugno 2012) .
  21. ^ Emanuele Salvato, I gioielli rinascimentali danneggiati dal terremoto , in Il fatto quotidiano , 1º giugno 2012. URL consultato il 3 giugno 2012 .
  22. ^ Terremoto a Mantova. I danni
  23. ^ Dati meteorologici di Mantova - media trentennale di riferimento 1961-1990
  24. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica , Asola, 1996.
  25. ^ Giuliano Annibaletti, Un declino irreversibile? I rapporti tra Mantova e l' Impero tra il 1627 e il 1708 , Annali di storia moderna e contemporanea, 15, 2009 (Milano: Vita e Pensiero, 2009).
  26. ^ Comuni italiani: blasonatura stemma e gonfalone di Mantova , su comuni-italiani.it . URL consultato il 10 marzo 2012 .
  27. ^ Carlo d'Arco, Monumenti di pittura e scultura trascelti in Mantova o nel suo territorio .
  28. ^ Fancelli Luca , su treccani.it .
  29. ^ Mantegna, l'ultima scoperta , su archiviostorico.corriere.it , Corriere della Sera , 24 dicembre 1995 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2012) .
  30. ^ Touring Club Italiano, Lombardia , p. 550, Milano, 1970.
  31. ^ Ercolano Marani, IL PALAZZO MUNICIPALE DI MANTOVA , in Città di Mantova , n.2, giugno 1963, Comune di Mantova, pp. 24-27. URL consultato il 27 gennaio 2018 .
  32. ^ La Bcc di Rivarolo si allarga in città. Filiale a Villa Nuvolari , in Gazzetta di Mantova , 11 novembre 2017. URL consultato il 12 novembre 2017 .
  33. ^ Teatri di tradizione: quali sono , su www.spettacolodalvivo.beniculturali.it . URL consultato il 28 ottobre 2015 .
  34. ^ Roggero Roggeri, Leandro Ventura, I Gonzaga delle nebbie. Storia di una dinastia cadetta nelle terre tra Oglio e Po , Cinisello Balsamo, p.43, 2008.
  35. ^ Torre Gambulini Terrazza sul centro alta 32 metri , su ricerca.gelocal.it , Gazzetta di Mantova , 4 marzo 2010.
  36. ^ Valeria Dalcore, Chiude la storica cartiera Burgo. Dal 9 febbraio stop alle macchine , in Corriere della Sera , 14 gennaio 2013. URL consultato il 17 febbraio 2013 .
  37. ^ La Burgo è di Zago: nel 2016 si riparte.
  38. ^ Vedi appunti sul Forte di Pietole Archiviato il 2 novembre 2012 in Internet Archive ..
  39. ^ Le altre due erano: Porta San Giorgio e Porta Sant'Agnese
  40. ^ FAI Mantova, antica edicola dei giornali. Archiviato il 17 marzo 2017 in Internet Archive .
  41. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  42. ^ STATISTICA CITTADINANZE STRANIERE POPOLAZIONE RESIDENTE - STORICO AL 31/12/2018 [ collegamento interrotto ] , su sit.comune.mantova.it .
  43. ^ Qualità della vita 2016: Mantova spodesta Trento.
  44. ^ Qualità della vita, Mantova spodesta Trento.
  45. ^ Liceo Classico "Virgilio" - Mantova , su liceovirgiliomantova.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 1º dicembre 2018) .
  46. ^ Liceo Belfiore - Mantova , su liceobelfiore.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  47. ^ Home page dell'Istituto Superiore Enrico Fermi Mantova , su fermimn.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 21 giugno 2014) .
  48. ^ Liceo Isabella d'Este' , su arcoeste.it . URL consultato il 4 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 4 novembre 2015) .
  49. ^ Istituto Tecnico Economico Statale Alberto Pitentino Mantova , su pitentino.gov.it . URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 2 ottobre 2016) .
  50. ^ ITAS Mantegna - Mantova , su itasmantegna.gov.it . URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 10 giugno 2017) .
  51. ^ Istituto San Giovanni Bosco , su istitutosgbosco.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 10 luglio 2014) .
  52. ^ Istituto Superiore Bonomi Mazzolari , su isboma.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 .
  53. ^ Istituto Statale Giulio Romano , su www.liceoartisticomantovaeguidizzolo.edu.it . URL consultato il 29 settembre 2016 .
  54. ^ Istituto Agrario - Pietro Antonio Strozzi , su isstrozzi.gov.it . URL consultato il 4 luglio 2014 .
  55. ^ Conservatorio di Musica "Lucio Campiani", Mantova , su conservatoriomantova.com . URL consultato il 4 luglio 2014 .
  56. ^ Istituti Redentore , su istitutiredentore.it . URL consultato il 1º gennaio 2020 .
  57. ^ Istituti Santa Paola - Mantova , su istitutisantapaola.com . URL consultato il 28 ottobre 2018 .
  58. ^ Diocesi di Mantova. Festa per don Antonio Bottoglia.
  59. ^ Politecnico di Milano – Polo Territoriale di Mantova , su polo-mantova.polimi.it . URL consultato il 16 settembre 2018 .
  60. ^ Didattica Universitaria: La nostra offerta formativa , su unimn.it . URL consultato il 6 luglio 2016 (archiviato dall' url originale il 17 marzo 2017) .
  61. ^ Formazione universitaria – ASST Mantova , su asst-mantova.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  62. ^ Linee Programmatiche 2016/2018 ( PDF ), su unimn.it . URL consultato il 15 aprile 2017 .
  63. ^ Invito: conferenza stampa. Lunedì 19 febbraio 2018 ( PDF ), su unimn.it . URL consultato il 21 febbraio 2018 .
  64. ^ Corso di Laurea in Costruzioni e Gestione del Territorio , su unimn.it . URL consultato il 16 settembre 2018 .
  65. ^ Una laurea per i geometri. A Mantova nasce il corso triennale , in Gazzetta di Mantova , 23 settembre 2017. URL consultato il 16 settembre 2018 .
  66. ^ Open Day 2018 per il corso di laurea triennale , in La Voce di Mantova , 3 settembre 2018. URL consultato il 16 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 17 settembre 2018) .
  67. ^ Nuova sede a Mantova , su unibs.it , 21 giugno 2019. URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  68. ^ Economia e gestione aziendale con indirizzo in economia e gestione delle attività culturali – La sede di Mantova , su unibs.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  69. ^ Restauratore di beni culturali – Laurea magistrale , su restauro.istitutisantapaola.com . URL consultato il 12 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 13 novembre 2019) .
  70. ^ Igor Cipollina, Mantova, dieci matricole e la lezione di Daverio per la nuova laurea , in gazzettadimantova.gelocal.it , 27 ottobre 2018. URL consultato il 28 ottobre 2018 .
  71. ^ Il sito dell'Accademia
  72. ^ Sito della Società per il Palazzo ducale di Mantova
  73. ^ Sito del Centro internazionale d'arte e cultura di palazzo Te
  74. ^ Sito della Fondazione "Umberto Artioli" Mantova capitale europea dello spettacolo
  75. ^ Sito della Fondazione centro studi Leon Battista Alberti , su fondazioneleonbattistaalberti.it .
  76. ^ Sito della Fondazione istituto Giuseppe Franchetti , su istitutofranchetti.it .
  77. ^ Sito Teatro Campogalliani , su teatro-campogalliani.it .
  78. ^ Sito di Mantova ebraica , su moked.it .
  79. ^ Sito della Fondazione Banca Agricola Mantovana , su fondazione.bam.it .
  80. ^ http://www.mantovaducale.beniculturali.it/ , su mantovaducale.beniculturali.it .
  81. ^ L'attuale nuova sede è stata inaugurata al pubblico il 16 novembre 2012
  82. ^ Mantova, il museo della Gazzetta è realtà: visite dal 3 aprile , in http://gazzettadimantova.gelocal.it/ , 2 aprile 2015. URL consultato l'8 aprile 2015 .
  83. ^ Film girati nella provincia di Mantova dal 1948 , su mantovafilmcommission.it .
  84. ^ Touring Club Italiano. Po di Lombardia.
  85. ^ Brunetti , p. 224.
  86. ^ StellaSenzaGlutine.com, Insalata di cappone alla Stefani, senza glutine , su StellaSenzaGlutine.com , 26 aprile 2014. URL consultato il 25 agosto 2016 .
  87. ^ Brunetti , pp. 223.
  88. ^ a b Cucina Mantovana - Dolci
  89. ^ Brunetti , pp. 231-232.
  90. ^ TCI Mantova e Provincia.
  91. ^ Ricetta Torta delle rose - Le Ricette di GialloZafferano.it
  92. ^ Accademia Gonzaghesca degli Scalchi. Torta delle rose Gonzaga ( PDF ), su accademiascalchi.altervista.org . URL consultato il 23 agosto 2015 .
  93. ^ Turismo a Mantova. Gastronomia , su turismo.mantova.it . URL consultato il 23 agosto 2015 .
  94. ^ Corriere della Sera, cucina. Gli Aristopiatti, la nobiltà a tavola dai Gonzaga al Gattopardo.
  95. ^ Mantova Medievale: Programma 2013 Archiviato il 26 marzo 2014 in Internet Archive .
  96. ^ Luca Angelini, Mantova virtuale offre i suoi muri ai graffitarigiorno=28 , in archiviostorico.corriere.it , agosto 2007. URL consultato il 25 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  97. ^ MANTEGNA - Padova, Eremitani - Verona, Gran Guardia - Mantova, Palazzo Te
  98. ^ Elenco quartieri Statuto di Mantova (Art. 2 Statuto)
  99. ^ Saggio introduttivo alla poesia nieviana con analisi di alcuni testi del canzoniere Le lucciole ( PDF ), su unastranagioia.files.wordpress.com . URL consultato il 26 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 29 ottobre 2013) .
  100. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 1, Roma, ACI, 1985, p. 14.
  101. ^ RFI Spa, Circolare Territoriale VR 20/2012 . p. 2.
  102. ^ TPER, Collegamento ferroviario diretto Mantova Reggio Emilia Mediopadana obiettivo vicino , su gazzettadimantova.gelocal.it , 26 agosto 2019. URL consultato il 2 novembre 2019 .
  103. ^ TPER, linee ferroviarie elettrificate in Emilia Romagna nel prossimo triennio , su bolognatoday.it , 5 ottobre 2019. URL consultato il 3 novembre 2019 .
  104. ^ a b Mantova. Gemellaggi
  105. ^ Gemellaggi della Regione Lombardia ( PDF ), su aiccrelombardia.files.wordpress.com .
  106. ^ a b c Mantova. Gemellaggi
  107. ^ Dal 21/03/2010 nasce la città di Omihachiman comprendente il territorio di Azuchi originariamente gemellata con la città di Mantova dal 2005
  108. ^ città gemellate con Oradea dal suo sito ufficiale , su oradea.ro . URL consultato il 22 gennaio 2012 .
  109. ^ ( PT ) La proposta di gemellaggio risale al 2005. Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive .
  110. ^ Gemellaggio Casale-Mantova nel nome dei Gonzaga , in Il Monferrato . URL consultato il 23 gennaio 2012 .
  111. ^ Giulianova e Mantova firmano il gemellaggio , in il Centro . URL consultato il 25 luglio 2012 .
  112. ^ Il Mantova calcio a 5 parteciperà al campionato di D , in gazzettadimantova.gelocal.it/ , 7 maggio 2013. URL consultato il 27 maggio 2013 .

Bibliografia

  • Bartolomeo Arrighi, Mantova e la sua provincia , Mantova, 1859. ISBN non esistente.
  • Maria Bellonci, I segreti dei Gonzaga , Milano, 1979.
  • Renato Berzaghi, Il Palazzo Ducale di Mantova , Milano, 1992.
  • Gino Brunetti (a cura di), Cucina mantovana di principi e di popolo. Testi antichi e ricette tradizionali , Mantova, 1981. ISBN non esistente
  • Giuseppe Coniglio, I Gonzaga , Milano, 1967.
  • Luigi Lonardo, Mezzo secolo di storia mantovana 1945-1995 , Milano, 1998.
  • Daniele Lucchini, Ascesa e declino di una capitale. Storia di Mantova nelle pagine di chi ne ha scritto , Mantova, 2008, ISBN 978-88-6909-339-5 .
  • Giovanni Paccagnini; Ercolano Marani; Chiara Perina (a cura di), Mantova, le arti, Medioevo , Mantova, 1960.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica , Asola, 1996.
  • Romolo Quazza, Mantova attraverso i secoli , Bozzolo, 1978.
  • Roggero Roggeri, Leandro Ventura, I Gonzaga delle nebbie. Storia di una dinastia cadetta nelle terre tra Oglio e Po , Cinisello Balsamo, p.43, 2008.
  • Giovanni Telò, Chiesa e Fascismo in una provincia rossa-Mantova 1919-1928 , Mantova, 1987.
  • Vigna Guido, Storia di Mantova , Milano, 1989.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 304911478 · GND ( DE ) 4114978-6 · BNF ( FR ) cb119324122 (data)