Marco Pannella

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Marco Pannella
Marco Pannella crop.jpg

President del partit radical
Durada del càrrec 1967 - 1975
Predecessor Gianfranco Spadaccia
Successor Adele Faccio

Durada del càrrec 1976 - 1981
Predecessor Adele Faccio
Successor Enzo Tortora

Durada del càrrec De 1986 - de 1989
Predecessor Enzo Tortora
Successor ningú

Secretari del partit radical
amb Luca Bruneschi i Vittorio Luppi
Durada del càrrec 1963 - 1967
Predecessor Bruno Villabruna
Successor Gianfranco Spadaccia

Durada del càrrec 1981 - 1983
Predecessor Francesco Rutelli
Successor Roberto Cicciomessere

President del XIII Districte de Roma (Ostia-Acilia-Casal Palocco)
Durada del càrrec 1992 -
1993
Predecessor Joachim Assogna
Successor Angelo Bonelli

President del Senat del Partit Radical Transnacional
Durada del càrrec 1989 - 19 de maig de 2016
Predecessor oficina establerta
Successor Paolo Vigevano

Diputat de la República Italiana
Legislatures VII (fins al 21 d'abril de 1978) , VIII (fins al 20 d'agost de 1979) , IX (fins al 6 de març de 1984) , X (fins al 25 d'octubre de 1989) , XI
Grup
parlamentari
Radical
Districte Torí - Novara - Vercelli ( VII ) Nàpols - Caserta ( VIII ), Milà - Pavia ( IX ), Palerm - Trapani - Agrigent - Caltanissetta ( X ), Torí (XI)
Web institucional

Eurodiputada
Legislatures I , II , III , IV , V , VI
Grup
parlamentari
Grup per a la Coordinació Tècnica i de Defensa de Grups i Diputats Independents (I), no membres (II-III, V), European Radical Alliance (IV), ALDE (VI)
Coalició ALDE- PDE
Districte Nord-oest d’Itàlia
Oficines parlamentàries

  • Membre de la Comissió d'Afers Jurídics
  • Membre de la comissió de control de despeses
  • Membre de la delegació de relacions amb Israel
Web institucional

Dades generals
Festa Partit liberal italià
(1945-1955)
Partit Radical
(1955-2016)
Partit Socialista Italià
(1987-1992)
Llista de panella
(1992-1999)
Llista Bonino
(1999-2004)
Radicals italians
(2001-2005, 2007-2016)
Llista Bonino Pannella
(2009-2012)
Llista de llibertat d’Amnistia Justícia
(2013)
Qualificació Educacional Llicenciat en dret
Universitat Universitat d'Urbino "Carlo Bo"
Professió Polític ; Líder del partit; Periodista ; Activista ; Advocat
Signatura Signatura de Marco Pannella

«Però no em preocupo per la moral, excepte per defensar la moral concreta de cadascun o el seu dret a afirmar-se fins que es tradueixi en violència contra els altres; i pel que fa a la natura, crec que la tasca de la persona, de l’humà, no és tant contemplar-la o descriure-la com transformar-la segons les esperances pròpies ".

( Marco Pannella, Prefaci d' A. Valcarenghi , "Underground a closed fist!", 1973 [1] )

Marco Pannella, nascut a Giacinto Pannella ( Teramo , 2 de maig de 1930 - Roma , 19 de maig de 2016 ), va ser un polític , activista i periodista italià , que es deia a si mateix " radical , socialista , liberal , federalista europeu , anticlerical , antiprohibicionista , antimilitarista , noviolent i gandhian " [2] [3] [4] .

Membre de la Joventut Liberal i després líder de la Unió Goliardiana italiana durant els seus anys universitaris, Marco Pannella va ser un dels fundadors el 1955 del Partit Radical de Demòcrates i Liberals , la formació política impulsada per l'esquerra liberal que va deixar el Partit Liberal italià. i recollit al voltant del setmanari Il Mondo , dirigit per Mario Pannunzio . [5]

El nou partit radical va adoptar el nom de l'hereu de la formació històrica de l' extrema esquerra històrica al Parlament postunificació, però en diverses ocasions, durant la seva llarga carrera política, el carismàtic líder d'una gran part del radicalisme italià ho deixarà públicament s’entén que també contempla els valors del dret històric del país. [6] [7] Entre les seves referències ideològiques cal incloure també el socialisme liberal [8] , l’ ecologisme i el catolicisme liberal de Romolo Murri [9] .

L’amplitud de l’espectre polític i ideològic al qual s’ha referit el polític italià al llarg dels anys (també va tenir el carnet del partit socialista italià durant alguns anys) ha portat els seus admiradors a veure en ell un home que intenta situar-se més enllà del límits de les ideologies, mentre que els seus oponents veuen una certa ambigüitat en la seva obra, sovint l’acusen d’incongruència i poca fiabilitat. També molt conegut per ser força detallat, [10] sovint ha estat tergiversat fins i tot perquè és difícil resumir-lo en esquemes de comunicació periodística contemporània, [11] preferiblement va expressar els seus pensaments en llargues converses setmanals emeses a les freqüències de Radio Radicale , generalment estudi de l’exdirector Massimo Bordin i ocasionalment de Valter Vecellio . [12]

Un dels personatges més longeus de l’escena política (va ser diputat del 1976 al 1992 ), Marco Pannella va ser un dels protagonistes de les batalles civils italianes entre finals dels anys seixanta i vuitanta , així com d’aquella delicada fase que va marcar la transició entre la Primera i la Segona República . [13] La seva acció política el va portar a ser conegut, com a líder polític italià, per haver recorregut constantment als mètodes de lluita política noviolenta (com vagues de fam , desobediència civil , sit-ins , etc.) popularitzats pel Mahatma Gandhi. (amb el nom de Satyagraha ) i pel Reverend Martin Luther King . [14] Amb això en ment, ha dut a terme desenes de vagues de set i de fam, amb la intenció d'afirmar la legalitat o, segons les seves paraules, el "dret a la vida i a la vida de la llei". [15]

A més dels càrrecs de diputat i eurodiputat, va ser president del districte XIII del municipi de Roma (Ostia), conseller municipal a Trieste , Catània , Nàpols , Tèramo , Roma i L'Aquila , conseller provincial de Tèramo [16]. ] conseller regional del Laci i dels Abruços [17] i secretari del Partit Radical; va ser president del Senat del Partit Radical Transnacional i de la llista Marco Pannella , una llista electoral vinculada als radicals italians , i editor de la llista d'informació, Radio Radicale , fundada el 1976 pel mateix Pannella i altres i que també porta un servei públic. Pannella també ha fundat alguns diaris històrics que no han perdut l'oportunitat d'expressar-se contraris a la seva obra [18] i director responsable (encara que no pertanyent al moviment ) del diari Lotta Continua durant un breu període.

Pannella també va actuar activament en la vida política italiana a través de la intensa aplicació de l' instrument del referèndum , promovent, al llarg de tres dècades, la recollida de gairebé cinquanta milions de signatures necessàries per a la promoció de les diferents campanyes del referèndum. [19]

Biografia

La formació personal i l’inici d’una carrera política

«No crec en les ideologies, no crec en les ideologies codificades i confiades a volums enquadernats, biblioteques i arxius. No crec en ideologies tancades, per descartar-les i utilitzar-les com a paquet que es recull a les oficines de correus. La ideologia la fas tu mateix, amb el que et passa, fins i tot a l’atzar. També puc haver arribat al catecisme que em van fer aprendre a l’escola i que inevitablement plantejava problemes, inevitablement em van portar al concurs ".

( Marco Pannella, entrevista amb Playboy Italia , 1 de gener de 1975 )

Pannella va néixer a Teramo el 2 de maig 1930 a 01:00 italiana pare, Leonardo Pannella ( 1898 - de 1986 ), un enginyer pertanyent a una rica agricultura de classe mitjana de Abruzzo i un suís-francès mare [20] [21] , Andrée Estachon ( 1900 - 1983 ). El seu veritable nom, Giacinto, se li va donar en honor del seu oncle gran Giacinto Pannella , sacerdot i erudit del catolicisme liberal. El segon nom, Marco, sempre utilitzat tant en l'àmbit públic com en el privat, no es va registrar a causa d'un error burocràtic [22] . La casa on va néixer es troba avui al carrer dedicat al seu oncle Giacinto. [23]

Pannella és el fill gran, després d'ell naixerà la seva germana Liliana ( 1932 - 2015 ) i creix en un entorn familiar bilingüe italo - francès , freqüentat tant per feixistes com antifeixistes , jueus i estrangers, que ja maduren idees liberals. i antiracista , gràcies també a la lectura dels textos de Benedetto Croce i a la cultura neo-idealista de l'època. [23] [24] Estudia a l'escola primària amb el mètode Montessori . [20] Encara molt jove, va estudiar violí amb el professor Righetti, un antifeixista, que va començar a parlar de política amb ell. El 1938 coneix les lleis racials feixistes del seu professor, que li explica les raons per les quals un dels seus companys jueus s’havia vist obligat a fugir de l’escola. [20] Pel bombardeig a Roma, doncs, es troba amb la seva família entre els desplaçats de Teramo, on escolta a la ràdio sobre la caiguda del feixisme i és testimoni de la retirada de l'exèrcit alemany. [20] Després va tornar a Roma el 1944.

Va començar ben aviat amb la política, inscrivint-se al PLI el 1945 ; mentrestant, va completar els seus estudis clàssics a l’institut públic Giulio Cesare de Roma . Durant els seus anys universitaris va promoure una manifestació pel "Trieste italià i liberal", i en aquella ocasió va demanar a Benedetto Croce que es reunís a Nàpols, amb qui va parlar durant unes hores. [20]

El 1950 es va convertir en oficial universitari nacional del Partit Liberal; dos anys més tard va ser president de la UGI ( Unione Goliardica Italiana , una associació goliardica de forces estudiantils laics), convertint-se posteriorment en president del Sindicat Nacional d'Estudiants Universitaris ( Unuri ). Durant el període de militància al Partit Liberal, va donar suport a la causa de la italianitat de Trieste . [25] El 1953 va fundar la Jove Esquerra Liberal, una organització política oberta a diferents ideologies, a la qual es van unir socialistes, socialdemòcrates, republicans, liberals i que va ser la base de la qual va néixer el posterior partit radical. [20]

Fundació del Partit Radical

"Ens hem convertit en radicals perquè creiem que teníem una soledat i una diversitat insuperables respecte al poble i, per tant, una profunda set alternativa, més dura, més" radical "que altres ... No" som polítics ", diputats, líders. ... lluitem pel que devem i pel que creiem. I aquesta és la diferència que tard o d’hora, esperem que no sigui massa tard, s’haurà d’entendre ".

( Marco Pannella, Escrits i discursos 1959-1980 , Gammalibri, Milà, 1982 )

El 1955 es va llicenciar en dret a la Universitat d’Urbino , després d’un debat sobre la tesi de més de dues hores (grau 66/110) i va fundar, després d’haver exercit com a advocat durant un any [21] , el Partit Radical juntament amb Ernesto Rossi , Leo Valiani , Mario Pannunzio i Eugenio Scalfari . En vista de les eleccions polítiques del 1958, es va decidir organitzar llistes conjuntes amb els republicans: la parella PR- PRI va obtenir l'1,37% dels vots (i 6 escons) a la cambra. [26]

El 1959 , a Paese Sera , va proposar l’aliança de tota l’esquerra i la hipòtesi d’un govern que inclogui també el PCI . En l'article, va escriure que per lluitar contra el "règim demòcrata-cristià" els socialistes, els radicals i els republicans havien de crear una aliança unitària, implicar els comunistes i esbossar un programa de govern alternatiu al de l'escut [27] . A més, també va criticar els comunistes ("deixeu de proposar polítiques sorprenents que fins i tot pel vostre compte no podríeu aplicar ..., que no representen cap posició democràtica i popular real als seus països"), a les quals Togliatti va respondre en persona [27]. ] .

Posteriorment, els dos líders polítics van tenir un intercanvi cordial [27] . També el 1959 eliminarà Craxi del lideratge dels estudiants universitaris italians. El següent és un any de dificultats econòmiques: ve de Bèlgica , on treballava en una fàbrica de sabates però no se li permet quedar-se. Després es va presentar a la redacció d’ Il Giorno a París , convertint-se en corresponsal. [27] Quan el partit radical entra en crisi i corre el risc de dissoldre's, juntament amb uns quants amics i seguidors de l '"esquerra radical", torna a recollir la seva difícil herència i el 1963 assumeix la secretaria.

El 1964 va donar vida a una aliança entre el PR i el PSIUP , que va durar fins al 1966 , quan Pannella no va tenir èxit com a regidor de la ciutat de Roma [27] [28] . També el 1966 va fundar la LID (Lega Italiana Divorzio) [29] que, el 1970 , contribuiria decisivament a l’aprovació de la llei Fortuna-Baslini . [30] Mentrestant, desenvolupa un intens diàleg amb Aldo Capitini sobre el significat i les formes de la noviolència, per a la renovació de la política, no només a Itàlia . El 1968 fou empresonat a Sofia per protestar contra la invasió soviètica de Txecoslovàquia . El 1972 va ajudar a obtenir, amb una vaga de fam de 38 dies, la legalització de l'objecció de consciència . [31] [32]

La batalla per la llei del divorci

Pannella en el moment de la campanya de divorci

L'1 d'octubre de 1965, el diputat socialista Loris Fortuna va presentar un projecte de llei dirigit a introduir, en casos limitats, la dissolució del matrimoni. [30] Els radicals es van adonar que era possible transformar el que havia estat una qüestió privada durant molts anys en un problema social. De fet, sumant els sis-cents mil legals separats amb aproximadament un milió i mig separats de fet, i amb els altres milers de persones implicades en les separacions, es va arribar a un total d’un deu / dotze per cent de la població italiana en una. d'una manera o d'una altra, afectats directament. Per tant, tota aquesta gent podria haver representat un gran potencial de mobilització política. [33]

Per tant, aquesta situació es va presentar com el terreny ideal per experimentar amb la concepció que els radicals, liderats per Marco Pannella, tenien de la política i del partit: apel·lar als interessats directament en les batalles individuals, individualment, assegurant-les mitjançant moviments organitzats, o fins i tot a través d’un partit real, una manera d’expressar-se políticament. De fet, els radicals pensaven que, a la societat italiana, els costums ja eren, a mitjan anys seixanta, molt variats en comparació amb la legislació vigent. [30]

Per tant, després de la presentació del projecte de llei Fortuna, els radicals van suggerir organitzar el suport de l'opinió pública, l'única manera d'evitar tapar el tema. En aquest moment, els va ajudar decisivament el fet que el popular setmanari ABC donés suport immediatament a la iniciativa, garantint així una gran audiència entre el públic, precisament el propòsit que els radicals es proposaven. El gener de 1966 Marco Pannella i l'advocat Mauro Mellini van anunciar la constitució de la Lliga italiana del divorci o, més simplement, de la LID (Lliga italiana per a la introducció del divorci). L’estructura de la Lliga es va dissenyar com un centre de coordinació de les activitats realitzades a tot el país, un òrgan molt obert i informal, la principal novetat del qual era que els membres de la direcció nacional, tot i que de diferents partits, en formaven part. per títol, personal i no com a delegats de la força política a la qual pertanyen. [30]

La Lliga, per tenir èxit en els seus objectius, va utilitzar per una banda eines destinades a garantir informació sobre les seves activitats i ampliar la composició, per l’altra va fer servir la pressió directa sobre els parlamentaris individuals perquè facessin tot el possible per accelerar el procés parlamentari de la llei de divorci. Amb aquesta finalitat, es van publicar alguns fulls, sense freqüència fixa, fins a una tirada de cent cinquanta mil exemplars: "Divorce Battle", òrgan oficial de la Lliga, "Divorce" i "LID News". Després, la LID nacional va organitzar algunes manifestacions massives amb els representants dels partits seculars, aconseguint reunir diversos milers de participants. El 1970 , una majoria parlamentària que incloïa el PCI , el PSI i el PLI va aprovar la llei del divorci, també anomenada "llei Fortuna-Baslini". [30]

Sempre a la recerca de noves aliances heterogènies, el 1972 Pannella fins i tot va participar en un congrés de la Federació Anarquista Italiana . [34] Pannella ja havia tingut contacte amb el món anarquista , participant en una marxa antimilitarista a Milà el 1967, en què també hi era present Giuseppe Pinelli . [35] Fins i tot Jean-Paul Sartre dirà que està "fascinat" per la figura política de Pannella, com li passarà a Eugène Ionesco . [36]

«Un partit radical internacional, que no tenia res en comú amb els partits radicals actuals a França? I que tenia, per exemple, una secció italiana, una secció francesa, etc.? Conec Marco Pannella, he vist els radicals italians i les seves idees, les seves accions; Em van agradar. Crec que els partits encara són necessaris avui en dia, només més endavant la política quedarà sense partits. Per tant, segur que seria amic d’una organització internacional d’aquest tipus ".

( Jean-Paul Sartre [37] )

Parlamentari

«Benvolgut Pannella, benvolgut Spadaccia , benvolguts amics radicals [...] no heu de fer res (crec) més que continuar sent vosaltres mateixos: el que significa ser irreconocible contínuament. Oblideu-vos immediatament dels grans èxits: i continueu sense deixar de ser, obstinats, eternament oposats, a pretendre, voler, identificar-vos amb els diferents; escandalitzar; maleir ".

( Pier Paolo Pasolini , Carta al Congrés del Partit Radical del 2 de novembre de 1975 )
Pannella amb Emma Bonino i Joan Pau II , durant la campanya contra la fam al món

El 1973 Pannella va fundar i dirigir el diari Liberazione , que es publicarà del 8 de setembre de 1973 al 28 de març de 1974 . [38] El 1974 va contribuir al manteniment del divorci, amb la victòria dels NO en el referèndum, celebrat el maig d'aquell any (promogut per moviments d'inspiració catòlica). [39] El 1978 va ser derrotat en el contra el finançament públic dels partits, però el partit radical, l'únic partit que el va donar suport amb una força electoral del 2%, va aconseguir obtenir el 40% del SÍ, contra tots els altres partits. coagulant per l’abolició total del finançament públic del NO. [40]

A partir d’aquest període, Pannella desenvolupa la reflexió sobre la despenalització de l’ús de drogues. El 1975 va ser arrestat per fumar una articulació [41] com un dels primers actes de desobediència civil antiprohibicionista i, des de llavors, ha demanat la legalització de les drogues, donant suport a la comparació entre la prohibició de l'alcohol dels anys vint als Estats Units. , el delicte econòmic alimentari de la màfia (en temps d’ Al Capone ) i la prohibició de les drogues, un negoci florent per a totes les màfies del món. [42]

El 1976 va entrar al Parlament . En els darrers anys ha donat suport a una línia de forta oposició a la gran majoria parlamentària centrada en l'acord entre el DC i el PCI, que ell defineix polèmicament com a "multitudinari" o "unipartidisme imperfecte". [43] El naixement i la posterior difusió a tot el país de Radio Radicale , l'òrgan oficial d'informació del partit, també es remunta a aquest període. [44]

Pannella amb Enzo Tortora

Contra la legislació d'emergència

El 12 de maig de 1977 , Giorgiana Masi , una estudiant que va participar en una sentada organitzada pel Partit Radical i l’esquerra extraparlamentària per recollir signatures en alguns referèndums, va ser assassinada a Roma . La manifestació també va ser una reacció a la decisió del ministre de l'Interior Francesco Cossiga de prohibir al Laci , com a mesura preventiva contra el terrorisme, totes les manifestacions polítiques, excepte les convocades pels partits de l' arc constitucional ; La postura de Pannella contra la legislació d'emergència també va ser forta. [45] Tot i que Cossiga li havia demanat que no s'assegués, justificant la seva petició amb l'elevat risc de xocs amb la policia, Pannella es va mantenir ferma en la seva decisió; a la manifestació, molts activistes del partit van participar realment en els bombers entre policies i militants de l'esquerra extraparlamentària, en el decurs dels quals una bala va assassinar Masi. Tot i que l'autor de l'assassinat va ser desconegut, Pannella i els radicals van recolzar reiteradament la tesi de la responsabilitat moral de Cossiga, demanant també l'establiment d'una comissió parlamentària per investigar l' incident. [46] Per la seva banda, Cossiga sempre ha rebutjat la tesi de la seva responsabilitat moral, atribuint-la al mateix Pannella, que ha decidit dur a terme el sit-in tot i ser advertit de l’elevada probabilitat d’enfrontaments armats i del consegüent risc per a els radicals militants. [47] Tot i la forta confrontació política, Pannella sempre ha tingut una relació personal bastant cordial amb el propi Cossiga. [22]

En els dies del segrest d’ Aldo Moro per part de les brigades vermelles (16 de març - 9 de maig de 1978), s’oposa a la línia de fermesa, recolzant el camí de les negociacions i es declara convençut de l’autenticitat –com acabarà resultant– de la de Moro. cartes de la presó. [48] ​​El 1978 es va caracteritzar també per l'aprovació de la llei sobre interrupció voluntària de l'embaràs ( llei núm. 194, del 22 de maig de 1978), que abolia el delicte d'avortament (limitant-lo a les infraccions de la nova llei) i preveu la possibilitat perquè les dones embarassades facin avortament en hospitals públics. [49]

Pannella amb Domenico Modugno i Enzo Tortora en una manifestació del Partit Radical pel referèndum sobre la responsabilitat civil dels magistrats (1988)

Les crítiques a l'atac a via Rasella

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: disputes sobre l'atac a via Rasella § Les crítiques de Marco Pannella .

El 1979, quan Itàlia encara estava molesta pel cas Moro, Pannella va suscitar una amarga controvèrsia quan, durant un congrés radical, va convidar a una reflexió sobre la influència d’algunes accions partidistes, en particular l’ atac a la via Rasella el 23 de març de 1944 per part del GAP del PCI, sobre les Brigades Rojas i altres grups terroristes d’esquerra actius en aquells anys. A més, va expressar llàstima pels soldats sud-tirolesos del Polizeiregiment "Bozen" morts en l'atac. La revista L'Espresso va definir el de Pannella "l'acte més sensacional de trencar amb la tradició que mai ha dut a terme el líder d'un partit antifeixista" [50] .

La controvèrsia resultant amb el PCI, amb la qual també hi havia altres motius per contrastar, va veure l'ús d'accions criminals per ambdues parts: Antonello Trombadori i Giorgio Amendola van denunciar Pannella per haver insultat a les forces armades, que van demandar els dos líders comunistes per calúmnia [51]. ] . La controvèrsia també va donar lloc a un debat a la revista Quaderni Radicali , en què va participar el filòsof Norberto Bobbio , entre d'altres, que va expressar tesis en harmonia amb les del líder radical [52] .

Segons una declaració de Pannella de 1997, el procediment penal per insult va acabar amb la destitució [53] .

Teleroma 56

Una important contribució la van fer Marco Pannella i el Partit Radical al creixement i consolidació de Teleroma 56 (finals dels anys setanta principis dels vuitanta), una de les primeres televisions privades italianes concebudes i concebudes pel professor Bruno Zevi i el professor Guglielmo. El punt fort va ser la informació, les consultes i la política que va vertebrar els horaris televisius. En els anys daurats de les històriques batalles del Partit Radical, les llargues retransmissions en directe de Marco Pannella són inoblidables, esborren, criden, inciten, discuteixen amb els espectadors per telèfon o es mostren minvats i esgotats fins i tot durant les freqüents vagues de fam o la set; al seu costat hi havia Giovanni Negri i un jove Francesco Rutelli . El 1980 , per informar de les mesures de censura que fins i tot prohibien la possessió d’un pòster de la pel·lícula, Teleroma 56 va emetre una còpia arribada des de França de l’ últim tango de Bernardo Bertolucci a París . L'emissor també va treballar al costat d' Enzo Tortora en el seu tràgic afer judicial. Durant molts anys, el director del programa de notícies va ser Carlo Romeo i, des del primer moment, Luigi Del Mastro va dirigir tota la programació de l'emissora.

La llei de l'avortament i la campanya contra la fam al món

Marco Pannella i el grup parlamentari radical de la Cambra s'havien compromès, però sense èxit, a aconseguir una liberalització total de l'avortament, mitjançant la presentació de moltes esmenes a aquest efecte, atès que la llei limitava l'avortament, almenys en teoria, a quan hi hagués són perills per a la salut psicofísica de la mare. La proposta di legge nella sua veste finale vede il gruppo radicale su una posizione di rigetto, anche se tale battaglia verrà considerata comunque un successo del movimento. [54] . Sempre nel 1978, al culmine di una violenta campagna scandalistica che durava da alcuni anni, il Presidente della Repubblica in carica Giovanni Leone fu costretto alle dimissioni. Pannella fu uno tra i principali artefici di questa campagna, rivelatasi poi gravemente diffamatoria. In occasione del novantesimo compleanno di Leone, festeggiato al Senato nel 1998 , Marco Pannella volle incontrarlo personalmente per consegnargli una lettera di scuse per le diffamazioni di quegli anni [55] .

Pannella, Massimo Teodori ed Elio Vito alla manifestazione antiproibizionista a Roma 1989

Dal 1979 è europarlamentare . [56] La prima metà degli anni ottanta lo vede impegnato sul fronte della lotta alla fame nel mondo e in particolare nell'Africa, battaglia nella quale trova come alleato il segretario (poi presidente) della DC Flaminio Piccoli : la campagna porterà all'approvazione della cosiddetta legge Piccoli del 1985 che prevede lo stanziamento di circa due miliardi per la fame. [57]

Per gestire tale somma Pannella offre la sua disponibilità a fare da Sottosegretario agli Esteri dell'allora Ministro Giulio Andreotti , ma alla fine gli verrà preferito il socialista Francesco Forte . [58] Nel maggio del 1981 si svolgono i referendum abrogativi della legge n. 194 del 1978 sull'aborto. Il Movimento per la Vita promuove due referendum abrogativi della legge, definiti l'uno massimale (tendente ad abrogare l'intera legge, non ammesso dalla Corte Costituzionale ) e l'altro minimale (tendente a consentire l'aborto solo in caso di pericolo di vita per la gestante) [59] . Marco Pannella ei radicali, che rifiutano la formulazione della legge, presentano all'opposto un quesito referendario volto a eliminare ogni restrizione all'accesso all'interruzione della gravidanza per portare a un regime di integrale liberalizzazione, in particolare consentendo di praticare aborti al di fuori delle strutture sanitarie pubbliche o convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale. Entrambi i quesiti vengono respinti a larga maggioranza e la legge viene pertanto confermata nella sua struttura originaria. [60]

Pannella con Leonardo Sciascia

Il 9 settembre 1981 per protestare contro la supposta violazione del diritto di informazione, si introduce nello studio RAI dove era in corso il Tg2 (mentre i suoi compagni Roberto Cicciomessere e Marcello Crivellini cercavano di interropere il Tg1), imbavagliato e con indosso un cartello-sandwich che espone i motivi della protesta. Poi, tolto il bavaglio, comincia a ripetere le frasi "ladri di notizie" e "furto di informazione" mentre l'impassibile conduttrice Piera Rolandi continua per alcuni secondi a leggere le notizie del telegiornale finché questo viene interrotto. [61] [62]

La campagna per la giustizia e il Partito Radicale Transnazionale

Pannella durante un discorso alla Camera dei deputati negli anni '80.

Ha organizzato, con altre forze politiche, i referendum anti-caccia e anti-nucleari. [62] Nel 1985 ha contribuito alla nascita delle Liste Verdi , anche mettendo gratuitamente a disposizione del movimento ambientalista il simbolo elettorale del Sole che ride . Verso la fine degli anni ottanta è stato il promotore della trasformazione del Partito Radicale in partito "transnazionale" e "transpartito", partito che da allora in poi concentrerà la sua azione politica verso gli obiettivi dell'abolizione - cominciando dalla moratoria - della pena di morte in tutto il mondo (obiettivo poi passato a Nessuno tocchi Caino [63] ), dell'affermazione universale di alcuni diritti umani e della democrazia, dell'istituzione di un tribunale internazionale, in ambito ONU, in grado di sanzionare i crimini di guerra ei crimini contro l'umanità. [64]

Dal 1986 chiede leggi elettorali maggioritarie e uninominali. Ha sostenuto l'elezione, effettivamente conseguita, dei deputati Leonardo Sciascia , Toni Negri (campagna per la giustizia sul cosiddetto processo "7 aprile" ), Enzo Tortora (campagna per la "giustizia giusta"), Ilona Staller , pornostar iscritta al PR (candidata in ossequio allo statuto del partito, che prevede una scelta di candidati non imposta dalla segreteria ma votata dagli iscritti [43] ), e il cantautore Domenico Modugno . Nell'elezione successiva la Staller fondò, con altre pornostar tra cui Moana Pozzi e sotto l'iniziale supervisione del regista Riccardo Schicchi , il Partito dell'Amore , che non ottenne deputati. [65]

L'auto-finanziamento del PR

Pannella accetta poi l'iscrizione al Partito Radicale degli ergastolani Vincenzo Andraous e Giuseppe Piromalli , già condannati per fatti di camorra . Il gesto accompagna la campagna di protesta contro l'applicazione del regime di carcere duro ai detenuti ritenuti pericolosi, come i mafiosi oi terroristi ( articolo 41-bis dell'ordinamento penitenziario). Successivamente, anche il blocco dirigente dell'organizzazione terroristica di sinistra Prima Linea si iscrive dal carcere abbracciando la nonviolenza del partito, tra di essi Sergio D'Elia ; i radicali accoglieranno anche, come dipendenti, in un programma di recupero dei detenuti, anche gli ex terroristi neriGiuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro , ritenuti da essi (e da molti altri) innocenti della strage di Bologna a loro addebitata. Queste iscrizioni fecero parte anche della campagna di autofinanziamento radicale. Sempre nel 1987, in vista di una convergenza delle sinistre, Pannella si iscrisse, mantenendo la doppia tessera, al Partito Socialista Italiano [66] .

Pannella con Wei Jingsheng nel 2006

Presidente della Circoscrizione di Roma-Ostia e il referendum Segni

Nel 1992 Pannella viene eletto, dall'Assemblea di Circoscrizione di Roma XIII - e lo rimarrà per circa cento giorni, fino alle dimissioni volontarie nel 1993 -, Presidente della Circoscrizione di Ostia , quartiere romano di 250.000 abitanti, incarico in cui si distingue per la lotta alla corruzione e all'abusivismo edilizio. [67]

Sempre nel periodo 1992-1993 ha promosso e vinto, insieme con il parlamentare democristiano Mario Segni e con altri rappresentanti politici, il referendum sulla Legge elettorale. Tale successo politico ha determinato il passaggio dal sistema elettorale proporzionale puro a un sistema elettorale ibrido, per tre quarti maggioritario uninominale, per la parte restante ancora proporzionale. In quegli stessi anni, ulteriore significativa vittoria è stata ottenuta da Pannella con l'amplissima prevalenza dei sì nel referendum, sempre promosso dal movimento Radicale, per l'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti (lo stesso quesito referendario era stato sottoposto come già detto al voto degli elettori nel 1978), ma tale finanziamento è stato sostanzialmente reintrodotto pochi anni dopo dalla grande maggioranza delle forze politiche. [68]

Pannella alla Manifestazione del Partito Radicale con Ilona Staller

Lo stesso anno riesce a ottenere, sempre per via referendaria, la completa depenalizzazione dell'uso personale delle droghe leggere [68] , che resterà tale fino all'introduzione delle sanzioni amministrative e penali della legge Fini-Giovanardi (2005), contestatissima dai radicali, ma che sarà nuovamente abolita, per vizio di forma nell'iter parlamentare della conversione del decreto-legge, dalla Corte costituzionale nel 2014. [69]

Gli anni della seconda repubblica

Alle elezioni politiche del 1994 Pannella ei radicali, dopo aver tentato inutilmente di prolungare l'esistenza del governo Ciampi e l' XI legislatura [70] , prospettano un'alleanza politica con Silvio Berlusconi nei collegi del Centro-Nord. La lista Pannella, tuttavia, non riesce a superare il 4% e Marco Pannella non viene rieletto in Parlamento. [71] Dopo la vittoria di Berlusconi, Pannella chiede di diventare ministro degli esteri del nuovo governo, non ottiene la carica ma riesce a far nominare Emma Bonino commissario europeo. Alle elezioni regionali del 1995 Pannella è candidato presidente della Lombardia e della Puglia ottenendo rispettivamente il 2,85% e l'1,3%. Nel 1996 Pannella si ripresenta alle elezioni politiche anticipate con la lista Sgarbi-Pannella, nuovamente alleato del polo della libertà , anche se rompe subito con Berlusconi e, anche questa volta, la sua lista non riesce a superare il 4%. Da allora il movimento radicale ha rotto ogni alleanza con il centro-destra a livello nazionale. Nel gennaio del 2007 , riguardo a questa esperienza, Marco Pannella ha avuto uno scontro con Vittorio Sgarbi , durante una puntata della trasmissione Buona Domenica . Nel corso della lite, i due si sono reciprocamente accusati di aver preso soldi da Berlusconi [72] , in riferimento alla loro vecchia comune alleanza col "Cavaliere" , nel 1996.

Pannella con il Dalai Lama

Con Emma Bonino , e principalmente attraverso l'associazione Non c'è pace senza giustizia , ha promosso fortemente l'istituzione del Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia e l'arresto del criminale di guerra serbo Slobodan Milošević , nonché l'istituzione della Corte penale internazionale . Il 25 ottobre 1997 Pannella, al termine di un comizio a Roma , distribuisce a scopo dimostrativo alcune bustine di hashish ai partecipanti per promuovere la campagna per la liberalizzazione delle cosiddette "droghe leggere". Pannella viene arrestato e condotto agli arresti domiciliari per breve tempo. [73]

Storica la sua amicizia con il Dalai Lama [74] e importante anche la lotta per il rispetto dei diritti umani fondamentali di popoli e gruppi oppressi, come per esempio i Montagnard [75] , il Governo tibetano in esilio [74] , gli aderenti alla Falun Dafa . [76] Il più grande successo politico alle soglie del millennio è legato, correlativamente alla campagna per l'elezione a presidente della Repubblica di Emma Bonino , "Emma for president", alle Elezioni europee del 1999, dove i radicali, sostenuti da un forte battage pubblicitario sulle reti generaliste (ciò era permesso in quanto la cosiddetta legge sulla par-condicio risale al 2000, governo D'Alema II ), raggiunsero quasi il 9%, massimo storico per il movimento, solitamente rimasto sempre intorno all'1%, che fu per breve tempo la quarta forza politica italiana (dopo Forza Italia , Democratici di Sinistra e Alleanza Nazionale , quest'ultima in lista unica con il Patto Segni ). [77]

Il nuovo millennio

Pannella con l'ex ministro della Sanità ceceno Khanbiev
Pannella con Luca Coscioni , durante la campagna referendaria sulla procreazione assistita e la libertà di ricerca scientifica (2005)

Dissidi con il movimento pacifista

Le posizioni interventiste assunte in numerose occasioni, soprattutto in riferimento alla guerra del Kosovo (1999) ea quella in Afghanistan (2001), hanno fortemente incrinato il rapporto con il mondo nonviolento e pacifista , che ne ha spesso criticato la presunta deriva militarista. Il gruppo "amici di Aldo Capitini " gli chiese pubblicamente nel 2004 di non appropriarsi più dell'immagine del Mahatma Gandhi e di quella di Capitini [78] . Marco Pannella risponde che lui non si definisce "pacifista a oltranza", ma nonviolento, in quanto utilizza questi metodi per portare avanti le sue battaglie politiche (Pannella ha sempre criticato il pacifismo ideologico tout court , ritenendolo pericoloso). [79] Marco Pannella ha sempre rivendicato che il padre della nonviolenza, il Mahatma Gandhi , sosteneva che il nonviolento si batte a oltranza per evitare la guerra, ma nel momento in cui la guerra scoppia, "ha il dovere di schierarsi" per difendere la parte offesa [80] , in quel caso i kosovari massacrati dalle milizie di Slobodan Milošević , l'unico intervento militare caldeggiato da Pannella (in realtà approvato solo dopo che era già stato deciso), mentre negli altri casi si limitò a manifestare la contrarietà al ritiro delle truppe, ormai già inviate da tempo (per il rischio di fomentare ulteriore caos). [81] Nonostante il dissenso sul Kosovo, Pannella al momento della scomparsa verrà ricordato e commemorato anche dal Movimento Nonviolento e definito "un maestro". [82]

I Radicali Italiani , il referendum sulla procreazione assistita e l'Associazione Coscioni

Nel 2001 viene fondato il movimento politico Radicali Italiani , sezione italiana del Partito Radicale Transnazionale, mentre nel 2002 Pannella promuove, con altri esponenti del partito, tra cui l'ex docente universitario Luca Coscioni , colpito da sclerosi laterale amiotrofica , l' Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, che si batterà per la libertà di cura ei diritti dei malati e, con Piergiorgio Welby , per il diritto al rifiuto dell' accanimento terapeutico e all' eutanasia nel 2006. [83] [84]

Proposta contro la guerra in Iraq

Nel 2003 , per evitare la guerra d'Iraq , propose che l' Italia si facesse portavoce con gli Stati Uniti di un piano che prevedesse un'offerta d' esilio e salvacondotto per Saddam Hussein , in alternativa a ciò che si verificò puntualmente: l'invasione dell'Iraq, la condanna a morte di Saddam e la guerra civile interna. [85]

Impegno in Europa e moratoria contro la pena di morte

Diviene deputato al Parlamento europeo , per la " Lista Bonino " dei Radicali italiani , subentrato nel 2004 in seguito alla rinuncia di Emma Bonino che ha accettato l'incarico in un'altra circoscrizione. Pannella ha ricevuto, in tutta Italia , circa 66.000 preferenze. Si iscrive al gruppo parlamentare dell' ALDE . Nel parlamento europeo diviene membro della Commissione per gli Affari esteri; della Commissione per il controllo dei bilanci; della Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare; della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni; della Delegazione per le relazioni con Israele ; della Delegazione per le relazioni con i paesi del Sud-Est asiatico e l'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN). [86]

Marco Pannella
Simbolo della lista Marco Pannella per il Partito Democratico (1994), riproposto nel 2007 (campagna per Pannella segretario del PD )

Sempre negli ultimi anni sostiene la campagna contro la pena di morte , insieme con l'associazione Nessuno tocchi Caino , culminata nell'ottenimento, da parte dell' Assemblea generale delle Nazioni Unite , della risoluzione di moratoria universale della pena di morte , uno storico obiettivo dei radicali. L'iniziativa per la moratoria , da lui più volte contrapposta all'abolizionismo immediato della pena di morte a suo parere revocabile dagli stati non democratici [87] e comunque secondo lui non realisticamente conseguibile a breve termine [88] ha portato alla richiesta di moratoria, presentata dal governo italiano all' ONU , tramite la rappresentanza all'ONU e le decisioni del Ministro degli Esteri Massimo D'Alema , ratificata dall'Assemblea Generale il 18 dicembre 2007 .

La Rosa nel Pugno

Dopo le alleanze elettorali con il centrodestra nel 1994 e nel 1996, e dopo aver collocato il movimento radicale fuori dai poli nel 2001, alle elezioni politiche del 2006 passa al centrosinistra. È coautore della convergenza politica ed elettorale dei Radicali Italiani con i Socialisti Democratici Italiani di Enrico Boselli che, insieme, danno vita alla Rosa nel Pugno ea una piattaforma politica che viene sintetizzata dallo slogan, proposto da Pannella, " Blair, Fortuna, Zapatero ". La lista, nonostante i migliori auspici, raggiunge il 2,6%, un risultato inferiore ai precedenti risultati elettorali dei due partiti. [89]

Alle elezioni 2006 è candidato in tale lista al Senato ma, poiché la Legge elettorale prevede lo sbarramento regionale al 3%, la Rosa nel Pugno non riesce a eleggere nemmeno un senatore e lo stesso Pannella non entra in Parlamento.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2006 § Da parte della Rosa nel Pugno .

Fa ricorso al Senato per l'attribuzione di otto seggi: quattro di essi, secondo i ricorrenti [90] , sarebbero spettati alla Rosa nel Pugno; tra di essi, uno avrebbe dovuto essere assegnato a Pannella. Il ricorso non viene accolto. [89]

Le nuove campagne

Ha poi lanciato, nel solco delle sue precedenti iniziative internazionali come quella per la fame nel mondo, una iniziativa per un Grande Satyagraha per la Pace, una proposta di accoglimento di Israele nell' Unione europea , campagne ormai abituali come il sostegno al Tibet (ha spesso incontrato il Dalai Lama Tenzin Gyatso ). Il 21 luglio 2007 ha annunciato di essere disposto a candidarsi alla segreteria del Partito Democratico . [91] La sua candidatura è stata tuttavia respinta in quanto il partito radicale e/o la Rosa nel Pugno non risultano essere confluiti all'interno del nascente Partito, ma si pongono piuttosto come alternativa a esso. Come nel caso analogo che ha coinvolto Antonio Di Pietro , il comitato elettorale del costituendo Partito Democratico pose come presupposto per l'accettazione della candidatura l'entrata del partito di appartenenza nel PD.

Pannella nel 2010

Successivamente il PD si è detto contrario anche a candidarlo nelle proprie liste alle elezioni politiche del 2008 , dopo che Pannella si era detto disponibile a un'alleanza del gruppo dei Radicali con i democratici, visto il regolamento interno che vieterebbe di superare un certo numero di legislature; Pannella invece sostiene che su di lui ci sia un "veto politico". [92] Ciò nonostante, nove candidati radicali sono stati comunque eletti nelle liste democratiche.

Alla fine di marzo del 2007 la Kaos Edizioni ha pubblicato A sinistra del PCI , volume che raccoglie gli interventi parlamentari più importanti del leader radicale tra il 1976 e il 1979. Nel novembre dello stesso anno è seguita la pubblicazione di Contro i crimini di regime , volume sempre edito dalla Kaos, che raccoglie gli interventi pronunciati fra il 1980 e il 1986. Entrambi i volumi sono a cura di Lanfranco Palazzolo , giornalista di Radio Radicale . Nel novembre 2010 ha ricoperto il ruolo di insegnante nel corso di storia politica L'Italia secondo Marco , svoltosi alla Domus Talenti di Roma. Il corso aveva una durata di due mesi [93] .

Amnistia, Giustizia e Libertà

«Non mi batto per il detenuto eccellente, ma per la tutela della vita del diritto nei confronti del detenuto ignoto, alla vita del diritto per il diritto alla vita.»

( Marco Pannella, sul sito Il detenuto ignoto [15] )

Pannella viene candidato come capolista alle Elezioni politiche italiane del 2013 , ma non viene eletto al Parlamento. La lista ripropone, già nel simbolo, la storica battaglia per il miglioramento delle condizioni - giudicate "illegali" e "criminali" dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo - delle carceri italiane. [94] .

Scioperi della fame

Tra i moltissimi scioperi della fame e della sete tenuti in segno di protesta, il più lungo è quello che va dal 20 aprile al 19 luglio 2011 condotto da Pannella al fine di proporre un'amnistia contro le condizioni dei detenuti nelle carceri italiane. Pannella, allora ottantunenne, digiunò quasi completamente, ingerendo solo liquidi, per circa tre mesi. [95]

Denunce di polizia e procedimenti giudiziari

Per disobbedienza civile

Pannella ad una manifestazione di disobbedienza civile contro il servizio militare obbligatorio

Pannella, a causa delle sue ripetute proteste civili e delle provocazioni (in gran parte dimostrazioni antiproibizioniste), che egli, in accordo con lo spirito del Partito Radicale, considerava azioni non violente di disobbedienza civile, incorse in diversi processi penali dagli esiti che qui si elencano indicando l'anno relativo agli atti oggetti di contestazione: [96] [97]

1971-72

  • Pretura di Roma. Imputato: Marco Pannella, in occasione dell'occupazione della sede Rai. Assolto dal pretore Infelisi perché il fatto non costituisce reato. [98]
  • Tribunale de L'Aquila. Imputati: Marco Pannella, Loteta Giuseppe, Signorino Mario, per vilipendio, oltraggio e calunnia. [99]
  • II Corte di Assise di Milano Imputato: Marco Pannella, per vilipendio e istigazione dei militari a disobbedire alle leggi, in seguito a un articolo giornalistico su Lotta Continua. [100] Assoluzione da parte della Corte d'Assise di Firenze per non aver commesso il fatto. [98]
  • III Corte d'Assise di Roma. Imputato: Marco Pannella, per vilipendio al governo e istigazione a delinquere avendo definito il Governo Andreotti come "illegale" e aver invitato a astenersi o lasciare la scheda elettorale in bianco. [101]

1982

  • Procura della Repubblica di Roma. Imputati: Marco Pannella, Giovanni Negri, per vilipendio (per alcune critiche alla Corte Costituzionale). Negata l'autorizzazione a procedere da parte della Corte Costituzionale stessa. [102]

1995-97

  • Cassazione. Imputato: Marco Pannella. Condannato definitivamente il 13/06/01 in Cassazione a 8 mesi di libertà vigilata o, in alternativa, 4 mesi di reclusione. Pena eseguita, in libertà vigilata. Aveva regalato dell'hashish e delle piantine di marijuana a Roma a Porta Portese, comunicandolo preventivamente agli organi di stampa e alle forze dell'ordine. La cessione gratuita fu considerata spaccio. [103] [104]
  • Corte d'appello. Imputato: Marco Pannella. Il 28 dicembre 1995 aveva ceduto 200 grammi di hashish in diretta TV ad Alda D'Eusanio . Assolto il 12/02/02 “perché il fatto non costituisce reato” dopo essere stato, il 18/01/99, condannato in primo grado a 2 mesi e 20 giorni di reclusione con riconoscimento del fatto di lieve entità perché l'azione è stata commessa per motivi di particolare valore sociale.
  • Corte d'appello. Imputati: Marco Pannella, Rita Bernardini , Olivier Dupuis , Pigi Camici, Alessandro Caforio, Cristiana Pugliese, Mauro Zanella. A piazza Navona a Roma il 12 ottobre 1997 avevano distribuito bustine di Hashish durante una manifestazione. Già condannati il 12/10/01, in primo grado, Marco Pannella e Rita Bernardini a 3 mesi e 700 € di multa, pena convertita in 4.186 € di multa. Olivier Dupuis e Pigi Camici, Alessandro Caforio, Cristiana Pugliese, Mauro Zanella, condannati 2 mesi e 20 giorni e 520 € di multa, pena convertita in 3.168 € di multa. Il 14/02/2005 [ sotto al 2001 è scritta una altra data ] , vengono assolti in appello “perché i fatti loro ascritti non costituiscono reato”.
  • Giudice per l'inchiesta preliminare. Imputati: Marco Pannella, Rita Bernardini , Lucio Bertè (Pannella non era presente alla manifestazione). 20 ottobre avevano effettuato cessioni di hashish preannunciate ed effettuate a Milano in Piazza Scala. Il 10/12/99 il gip ha sancito il non luogo a procedere “perché il fatto non sussiste”.
  • Tribunale ordinario. Ottobre - novembre 1997. Roma, 1) Piazza San Carlo 2) Piazza San Carlo 3) Largo Goldoni; tre disobbedienze che hanno dato origine a un maxi processo. Imputati: Marco Pannella, Rita Bernardini, Anna Autorino, Alessandro Caforio, Sergio Stanzani, Mauro Zanella, Pigi Camici, Antonio Borrelli, Cristiana Pugliese, Clotilde Buonassisi, Veronica Orofino, Olivier Dupuis, Gianfranco Dell'Alba, Paolo Pietrosanti, Giorgio Cusino, Alexandre de Perlinghi, Michel Hancisse, Thierry Meyssan, Rolando Parachini, Eric Picard, Michel Sit Bon.

2001-04

  • Tribunale ordinario. Imputato: Marco Pannella, condannato in primo grado a 8 milioni di lire di multa e 10 giorni di carcere da aggiungersi con il vincolo della continuazione ai 2 mesi e 20 giorni per una vicenda analoga avvenuta a Piazza Navona per la quale però è stato poi assolto il 12 febbraio 2002 [ sopra al 1997 è scritta una altra data ] .
  • Il 28 gennaio 2002 a Manchester (UK) è stato interrogato nella Stazione di Polizia di Stockport per detenzione di cannabis e hashish in solidarietà con i deputati Chris Davies e Marco Cappato. Nessuna successiva denuncia. [105]
  • 29/01/2004: Marco Pannella, posizione stralciata in appello per impegni al Parlamento Europeo. Da fissare nuovo ruolo. [ cosa? ]

Altri procedimenti

Il 29 dicembre 2012 la sezione lavoro e previdenza della Corte di appello di Roma condanna Marco Pannella, nelle sue vesti di presidente del partito, a pagare 71 000 euro a titolo di mancati pagamenti (rivalutati a 256.420,82 euro in seguito agli interessi) in favore di una signora di 81 anni, Giuseppina Torelli, che dal 1982 al 1994 ha lavorato prima nel Partito Radicale e poi nel Gruppo Federalista Europeo, venendo retribuita come lavoratrice autonoma e, secondo le sue testimonianze, spesso in nero. [106] La condanna è stata annullata in Cassazione. [107]

Vitalizi e trattamenti pensionistici da deputato

Da una ricerca compiuta nel 2013 dal settimanale l'Espresso su una lista fornita da Camera e Senato , Pannella risultò avere un periodo contributivo pari a 37 anni e ricevere un assegno pensionistico pari a 5.691 euro. [108] [109] [110]

Secondo però quanto l'interessato ha dichiarato estesamente alla radio, da lavoratore comincia a versare i suoi contributi previdenziali nel 1958 con l'ottenimento dei primi contratti di lavoro (principalmente come giornalista del quotidiano, allora fresco di fondazione, Il Giorno ) e quasi due decenni prima della sua entrata alla Camera ; 51 anni dopo, nel 2009 all'età di 78 anni, comincia a percepire la pensione con una remunerazione di 2.600 euro mensili (la cui cifra è integrata da un' assicurazione privata a cui ha versato per circa tre anni, quale contribuzione volontaria , l'equivalente di mille euro mensili). L'ammontare di tale somma è dovuto al fatto che, nonostante la sua attività quale parlamentare ricopra cinque legislature , Marco Pannella non gode di nessun tipo di vitalizio e del trattamento pensionistico specifico per chi è stato deputato della Repubblica Italiana (questo non contempla la sua attività svolta quale membro del Parlamento europeo). Egli infatti per ragioni politiche si è sempre volontariamente dimesso prima che ciascun suo mandato raggiungesse la metà della legislatura in corso, cedendo ogni volta il proprio seggio a un compagno di partito , rimanendo così fedele alla sua concezione di rotazione con il deputato supplente . [111] Questo atto di rinuncia gli faceva coscientemente perdere anche ogni diritto di versare il conguaglio economico sotto forma di contributo figurativo per ottenere tale tipo trattamento pensionistico, diritto che invece veniva ereditato dal compagno subentrante al suo posto.

Nel 1988, a seguito di una clamorosa sconfitta della Nazionale Italiana contro lo Zambia nel torneo di calcio olimpico , Pannella devolve il proprio stipendio di parlamentare ai calciatori africani come protesta contro gli eccessivi compensi nel calcio professionistico italiano. [112]

Problemi di salute e morte

Pannella ha avuto molti ricoveri in ospedale, spesso come conseguenza dei lunghi scioperi della fame e/o della sete. Nel 1998 subì invece un' operazione al cuore per l'impianto di quattro bypass . [113]

Francesco Rutelli (di spalle) al funerale civile di Pannella, Roma, 21 maggio 2016
Camera ardente per il feretro di Marco Pannella allestita presso il Municipio di Teramo il 22 maggio 2016

Nella notte tra il 21 e il 22 aprile 2014 fu ricoverato al policlinico Gemelli di Roma per un malore, dovuto a un aneurisma dell'aorta addominale , con rottura della branca iliaca sinistra; viene successivamente operato per una ri-protesizzazione aortica dell'arteria, già operata in precedenza, e per l'impianto di un bypass femoro-femorale (non quindi al cuore come voleva la notizia diffusa inizialmente dalle agenzie di stampa [114] ) e posto in terapia intensiva. [115] Pochi giorni dopo, ha dichiarato di voler ricominciare lo sciopero della sete per le carceri [116] , che poi ha temporaneamente interrotto dopo una telefonata con papa Francesco . [117] Pannella ha affermato di essere divenuto amico del pontefice argentino , e di ammirarlo per aver inserito il reato di tortura nell'ordinamento vaticano, per il tentativo di arginare la pedofilia ecclesiastica e altro. [24]

Nell'estate seguente continua la sua protesta, nonostante un tumore ai polmoni e uno al fegato (più precisamente un tumore polmonare con metastasi epatica) per cui ha dovuto subire operazioni e radioterapia . [118]

Pannella è morto alle ore 14 del 19 maggio 2016 , all'età di 86 anni, presso la clinica Nostra Signora della Mercede a Roma , dove era ricoverato dal giorno prima per il peggiorare delle condizioni di salute. [119] [120] Radio Radicale ha annunciato la sua morte con il Requiem di Mozart .

La camera ardente di Pannella è stata allestita nella sala Aldo Moro della Camera dei deputati il 20 maggio [121] . Hanno fatto visita al feretro tutte le più alte cariche dello Stato. Il giorno successivo si sono tenute le esequie civili in piazza Navona . Il Dalai Lama ha inviato un messaggio di cordoglio e sulla bara è stata posta la bandiera del Tibet . Conclusa la cerimonia della commemorazione laica in Roma il feretro è stato condotto a Teramo , sua città natale, dove è giunto all'una di notte. Ad attenderlo vi erano i suoi concittadini e le autorità locali che l'hanno accompagnato nella Sala consiliare del Palazzo municipale dove era stata allestita la camera ardente per il leader radicale. [122] [123] [124] Nel pomeriggio ha raggiunto il cimitero urbano di Cartecchio [125] , dove è avvenuta la tumulazione delle spoglie mortali di Pannella in un loculo accanto ai suoi familiari. Sulla bara sono stati posti un khata tibetano (sciarpa cerimoniale del buddhismo tibetano ), la bandiera del Tibet e un pacchetto di toscanelli. [126] Sulla stampa nazionale e internazionale Pannella è stato ricordato principalmente come un «eroe dei diritti civili e delle libertà». [127]

Vita privata

Marco Pannella ha vissuto per molti anni a Roma , in via della Panetteria; la sua compagna e convivente è stata, dal 1974 , [44] la ginecologa Mirella Parachini, oggi dirigente dell' Associazione Luca Coscioni . Nel maggio del 2010 , l'anziano politico fece coming out , dichiarando pubblicamente la propria bisessualità , avendo amato «tre o quattro uomini», dato che lui e la sua compagna erano poliamorosi. [128] È stato un accanito fumatore . [129]

Nel febbraio del 2015 , alla tv locale Teleponte , affermò di avere avuto in passato un figlio da una relazione con una donna sposata, del quale però non ebbe successivamente più notizie. [130] In passato aveva già detto che riteneva probabile avere avuto un figlio a circa trent'anni. [128] [131]

Opere

  • Il voto radicale. Risposte di Elio Vittorini , Marco Pannella, Luca Boneschi , Roma, sn, 1963.
  • Le sbarre del Concordato , con Pasquale Bandiera e Giorgio Spini , Genova, Lanterna, 1973.
  • Pannella su Marco Pannella , Roma, Magma, 1977.
  • Io, Marco Pannella al Parlamento. Interventi parlamentari contro il potere, i partiti di regime, la stampa di regime, la Rai-TV, il parlamento, la chiesa, l'aborto clandestino, la magistratura, la polizia, i carabinieri, le carceri, l'esercito , Napoli, Ceci, 1979.
  • Dai diritti civili alla fame nel mondo , Roma, Quaderni radicali, 1981.
  • Scritti e discorsi. 1959-1980 , Milano, Gammalibri, 1982.
  • Come nasce un partito. Marco Pannella lettere da Parigi (1960-1962) , Napoli, Caruso, 1997.
  • Diario di un digiuno. 1972: diritto civile all'obiezione di coscienza , Venezia, Editoria universitaria, 1999.
  • A sinistra del PCI. Interventi parlamentari 1976-1979 , Milano, Kaos, 2007. ISBN 978-88-7953-175-7
  • Contro i crimini di regime. Interventi parlamentari 1980-1986 , Milano, Kaos, 2007. ISBN 978-88-7953-179-5
  • Le nostre storie sono i nostri orti (ma anche i nostri ghetti) , con Stefano Rolando, Milano, Bompiani, 2009. ISBN 978-88-4526-439-9
  • Una libertà felice. La mia vita , con Matteo Angioli, Milano, Mondadori, 2016. ISBN 978-88-0466-991-3

Incarichi istituzionali

  • Deputato alla Camera dal 1976 al 1992 (in maniera non continuativa)
  • Eletto al Parlamento europeo nel 1979, 1984, 1999, 2004
  • Consigliere comunale a Trieste nel 1978
  • Consigliere comunale a Catania, Napoli, Teramo, Roma e L'Aquila
  • Consigliere provinciale di Teramo nel 1990 [132]
  • Consigliere regionale del Lazio e dell'Abruzzo
  • Presidente della XIII circoscrizione del Comune di Roma (Ostia)

Riconoscimenti

Chiavi della Città di Teramo, consegnate per il conferimento della cittadinanza onoraria
Laurea honoris causa in Scienze della Comunicazione - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa inScienze della Comunicazione
«Per le sue straordinarie innovazioni introdotte nel linguaggio politico e comunicativo»
Università di Teramo , 20 febbraio 2015 .

Marco Pannella nella cultura di massa

  • La canzone Il signor Hood di Francesco De Gregori (ispirata al "bandito buono" John Wesley Harding), con la dedica A M. con autonomia presente sul retro della copertina originale 33 giri (e sulla ristampa in CD ) del disco Rimmel , si riferisce a Marco Pannella, del quale il cantautore romano fu negli anni settanta un fervente ammiratore. Nella canzone Pannella viene descritto come un moderno Robin Hood , «un galantuomo / sempre ispirato dal sole / con due pistole caricate a salve / e un canestro di parole». [140]
  • Marco Pannella viene citato nell'ottavo episodio del film Mi faccia causa del 1984.
  • La versione originale di Ohi Maria degli Articolo 31 , contiene un esplicito riferimento alla battaglia antiproibizionista di Marco Pannella («...le vacanze le farò in Giamaica, dalla mia maria bella , aspetto, intanto voto Pannella e canto...»). Il rapper J-Ax , autore del testo e frontman del gruppo, è diventato successivamente amico e collaboratore in alcune battaglie di Marco Pannella. [141]
  • Pannella viene citato nella canzone di Jovanotti Ho perso la direzione , inclusa nell'album Lorenzo 1992 .
  • Pannella compare nei panni di se stesso nel film I colonnelli di Roma di Stefano Migliore . [142]
  • È stato spesso imitato da Alighiero Noschese , [143] Gigi Sabani e Maurizio Crozza . [144]
  • Appare in uno spezzone del film Fantozzi subisce ancora del 1983, dove, in occasione delle elezioni dello stesso anno, invita il ragioniere a digiunare con lui.
  • Il personaggio di Marco Pannella, interpretato da una comparsa doppiata, appare nella fiction RAI Il caso Enzo Tortora - Dove eravamo rimasti? . [145]
  • Pannella viene citato nella canzone degli Offlaga Disco Pax Robespierre , dall'album Socialismo tascabile , nel verso "il catechista che votava Pannella".
  • Pannella viene citato nella canzone Io non ti invidio di Fabri Fibra.
  • Pannella viene citato in uno sketch comico di Ceccherini, Monni e Paci presente nello spettacolo teatrale Fermi tutti questo è uno spettacolo - Pinocchio

Note

  1. ^ Radicali , su radicali.it .
  2. ^ Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito
  3. ^ Pagina Twitter di Marco Pannella [ collegamento interrotto ]
  4. ^ Pagina Facebook di Marco Pannella , su facebook.com .
  5. ^ Suttora , capitolo II-III .
  6. ^ «Sempre più necessaria quella aggregazione alternativa di sinistra liberale e di destra storica per la quale entrammo in parlamento dicendo che la sinistra sarebbe potuta essere "di alternativa" solo una volta acquisito il senso dello "stato di diritto" appannaggio della destra storica»; "Il “quasi-testamento” di Marco Pannella", Fai notizia , dal sito di Radio Radicale, Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive .
  7. ^ «Pannella precisa: "Con il centro destra non abbiamo certo in comune la destra storica, ma sicuramente l'elettorato del 1994"»; conferenza stampa di Marco Pannella a Milano, 15/01/05. Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive .
  8. ^ Craxi: Pannella ricorda, «quando mi disse "ora è il tuo turno"» , su radicali.it . URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2013) .
  9. ^ Intanto Pannella ricorda la figura di don Murri , su radioradicale.it . URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  10. ^ Valter Vecellio, Marco Pannella. Biografia di un irregolare , capitolo L'eretico riformatore , estratto dal libro
  11. ^ Una conversazione con il defunto premier Bettino Craxi viene ad esempio ricordata e riportata dai giornalisti in modo piuttosto differente, Intervista su Openpolis , Intervista su Il Riformista , "«Craxi mi voleva come suo erede» Pannella apre le braccia ai socialisti", 1º luglio 2005. Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive .. Pannella afferma che Craxi lo avrebbe voluto suo erede, quando tra l'altro è noto che il politico socialista coniò perfino il termine spregiativo politico pannellato Risposta di Pannella a Apruzzo e Ronchi, 15 dicembre 1992
  12. ^ Rubrica delle conversazioni settimanali di Pannella , su radioradicale.it .
  13. ^ Marco Pannella, i politici e lo zapping istantaneo: anche il leader radicale tra gli inguardabili , su realityshow.blogosfere.it . URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2014) .
  14. ^ I radicali e la nonviolenza , su radioradicale.it . URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 30 giugno 2016) .
  15. ^ a b Associazione IL DETENUTO IGNOTO
  16. ^ Pannella consigliere provinciale di Teramo , su ilcentro.it .
  17. ^ Pannella presidente di Circoscrizione , su radicalparty.org .
  18. ^ Marco Pannella è stato, in quanto giornalista iscritto all' Ordine dei Giornalisti e politico che per anni si è battuto per l'abolizione dello stesso in favore della libertà di stampa e di espressione , anche fondatore di quotidiani quali Liberazione , storicamente contrario alle posizioni politiche radicali.
  19. ^ Pannella non molla sui referendum, "farò ricorso"
  20. ^ a b c d e f Rai Scuola, Marco Pannella si racconta , intervista del 2003 per il programma 'Il mio Novecento'.
  21. ^ a b Pannella: la mia vita, le mie idee , 1975
  22. ^ a b Barbara Romano, Le confessioni di Marco Pannella: "Sono il frocio della politica" , Il Clandestino web, 03/05/2008
  23. ^ a b Suttora , capitolo I .
  24. ^ a b Marco Pannella stregato da Papa Francesco. Cronaca di una strana “conversione”
  25. ^ Suttora , capitolo II .
  26. ^ Suttora , capitolo III .
  27. ^ a b c d e Suttora , capitolo V .
  28. ^ Suttora , capitolo VI .
  29. ^ Suttora , capitolo VI-VII .
  30. ^ a b c d e Suttora , capitolo X .
  31. ^ Suttora , capitolo VIII-IX-XII .
  32. ^ SCHEDA CRONOLOGICA SU: DALL'OBIEZIONE DI COSCIENZA ALL'AFFERMAZIONE DI COSCIENZA , su old.radicali.it .
  33. ^ Storia del Partito Radicale, cap. 2
  34. ^ Marco Pannella ei radicali italiani , Movimento Libertario
  35. ^ Valter Vecellio, Pannella. Biografia di un irregolare , Rubettino, estratto
  36. ^ Vecellio, op. cit., risvolto di copertina
  37. ^ Scheda N°3 Radicali famosi e perciò clandestini
  38. ^ Suttora , capitolo XIII .
  39. ^ Suttora , capitolo XIV .
  40. ^ Suttora , capitolo XVIII .
  41. ^ Pannella torna a Roma e sfida l'arresto
  42. ^ Suttora , capitolo XXX .
  43. ^ a b Intervista a Pannella , su sconfinare.net . URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato dall' url originale l'11 giugno 2016) .
  44. ^ a b Suttora , capitolo XVI .
  45. ^ Suttora , capitolo XVII .
  46. ^ La morte di Giorgiana Masi , su radicali.it (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  47. ^ La verità di Cossiga sulla morte della Masi
  48. ^ Dichiarazione di Marco Pannella sul caso Moro , su old.radicali.it .
  49. ^ Suttora , capitolo XVII-XVIII .
  50. ^ Francesco De Vito, I suoi padri ei suoi padrini , in L'Espresso , XXV, n. 19, 13 maggio 1979, pp. 12-13: 13.
  51. ^ Denuncia - controdenuncia deputati PCI e Pannella , in Corriere della Sera , 29 maggio 1979, p. 7.
  52. ^ Gli articoli di Quaderni Radicali su via Rasella sono raccolti in Una «inutile strage»? Da via Rasella alle Fosse Ardeatine , a cura di Angiolo Bandinelli e Valter Vecellio , Napoli, Pironti, 1982.
  53. ^ Mirella Serri , I partigiani: «Falsificazione della storia» , in La Stampa , 28 giugno 1997, p. 5.
  54. ^ Resoconto stenografico della seduta n. 266 della Camera dei Deputati, VII legislatura; alle pagg. 159772-15974, la dichiarazione di voto dell'on. Emma Bonino, contraria al testo finale della legge
  55. ^ RAI - La Storia Siamo Noi - Puntata del 20/06/2009 Archiviato il 6 novembre 2011 in Internet Archive .
  56. ^ Suttora , capitolo XIX-XX .
  57. ^ Suttora , capitolo XXI-XXV .
  58. ^ Suttora , capitolo XXV .
  59. ^ Breve storia dell'aborto , su fuocovivo.org . URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato dall' url originale il 13 maggio 2012) .
  60. ^ Suttora , capitolo XX .
  61. ^ Alessandro Tessari, Diario di un delinquente e due efferati complici , Notizie Radicali, 3 febbraio 1982
  62. ^ a b Suttora , capitolo XX-XXI .
  63. ^ Nessuno tocchi Caino, La pena di morte nel mondo : rapporto 2002 , Venezia, Marsilio, 2002; a cura di Elisabetta Zamparutti, con una introduzione a cura di Marco Pannella disponibile anche all'indirizzo Copia archiviata , su nessunotocchicaino.it . URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 2 aprile 2015) .
  64. ^ Suttora , capitolo XXVIII-XXIX e segg.
  65. ^ Suttora , capitolo XXIII-XXIV-XXVII-XXIX .
  66. ^ :: Radicali.it ::
  67. ^ I sogni di Marco, re di Pannellopoli , su radioradicale.it . URL consultato il 30 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 5 settembre 2014) .
  68. ^ a b Suttora , capitolo XXXI .
  69. ^ La Consulta boccia legge Fini-Giovanardi , su corriere.it .
  70. ^ Avvenne per tutto il 1993, mediante le riunioni che Pannella tenne con un cospicuo gruppo di parlamentari che fu denominato "gli autoconvocati delle 7", per l'orario fissato per l'inizio delle riunioni, che si tenevano a Montecitorio ( http://www.radioradicale.it/exagora/lettera-di-marco-pannella-agli-autoconvocati-delle-7-0 Archiviato il 25 febbraio 2008 in Internet Archive .): molti di costoro presero la doppia tessera ( http://old.radicali.it/search_view.php?id=116951 ).
  71. ^ Suttora , capitolo XXXI-XXXIII .
  72. ^ Il cassiere Silvio al mercato dei voti - LASTAMPA.it Archiviato il 25 novembre 2012 in Internet Archive .
  73. ^ Pannella distribuisce hashish: rissa e arresti
  74. ^ a b Marco Pannella incontra il Dalai Lama: fra Natale e capodanno insieme a Dharamsala per preparare il programma del Satyagraha , su radioradicale.it . URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  75. ^ Pannella va in Cambogia per aiutare i Montagnard , su archiviostorico.corriere.it .
  76. ^ Pannella in difesa del Falun Gong: "Berlusconi e Ciampi accettino di ricevere il maestro Li Honghzi" Archiviato il 14 luglio 2014 in Internet Archive .
  77. ^ La campagna "Emma for President"
  78. ^ Congresso nazionale del Movimento Nonviolento, GLI IMPEGNI DEI NONVIOLENTI PER IL 2000, ANNO DELLA CULTURA DI PACE , su aldocapitini.it . URL consultato il 28 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2004) .
    «Infine i nonviolenti italiani hanno deciso di rivolgersi alla War Resisters' International (l'Internazionale dei nonviolenti con segretariato a Londra) per chiedere l'espulsione del Partito Radicale dal sodalizio pacifista per le posizioni espresse da Pannella e Bonino durante la guerra in Serbia e Kosovo di appoggio ai bombardamenti NATO , e di procedere sul piano politico e legale per "appropriazione indebita di immagine" contestando l'uso distorto dell'effige di Gandhi nel simbolo radicale.» .
  79. ^ Si ricordano alcune dure parole pronunciate già nel 1991: «Perché i giovani sappiano, i vecchi ricordino e si cessi di ingannarli: il pacifismo in questo secolo ha prodotto effetti catastrofici, convergenti con quelli del nazismo e del comunismo. Se il comunismo e il nazismo sono messi al bando, il pacifismo merita di accompagnarli. [Il disarmismo, l'antimilitarismo, la non-violenza] non sono omologabili al pacifismo. La linea che va da Gandhi a Bertrand Russell, da Luther King a Capitini, deve organizzarsi finalmente nel mondo. Il Partito radicale ha questo progetto e lo comincia ad attuare, in Italia e nel mondo. È impresa ragionevole. Lasciarsi sconfiggere è la follia. [...] Non violenza e democrazia politica devono vivere quasi come sinonimi. Da un secolo non vi sono guerre tra democrazie, diritto e libertà sono la prima garanzia. E il pacifismo storico, nei fatti, lo ha sempre ignorato.» (dall'intervista di Paolo Franchi, Pannella: il pacifismo va messo al bando, Corriere della sera , 20 febbraio 1991; citato in RadioRadicale.it); mentre nel 2004 disse che «Il pacifismo è la peste del nuovo secolo. Una volta si veniva chiamati a sfilare in nome della Patria, ora in nome della Pace. Sono in buona fede, per la carità, ma lo erano anche i Figli della Lupa.»
  80. ^ Gandhi, ad esempio, allo scoppio della seconda guerra mondiale , ritenendo ormai quasi inevitabile lo scontro con il nazismo, si offrì, di schierarsi, tramite alcune iniziative nonviolente, in supporto morale alla Gran Bretagna, chiedendo però che alla fine del conflitto gli inglesi concedessero l'indipendenza all'India; alla fine non supportò i britannici per il loro rifiuto, ma continuò a sperare nella sconfitta dell'Asse, anche se lanciò spesso appelli alla non-resistenza e scrisse anche due lettere a Hitler, che non giunsero mai a destinazione.
  81. ^ Pannella: Kosovo, si a raid Nato contro il macellaio Milosevic , su radioradicale.it . URL consultato il 21 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 3 maggio 2014) .
  82. ^ Mao Valpiana, Marco Pannella: l'ultimo homo politicus
  83. ^ Coscioni e Pannella ad Orvieto: "la nostra lotta per restituire i diritti ai malati ed agli italiani"
  84. ^ Eutanasia, la provocazione di Pannella: "Pronto a staccare la spina a Welby
  85. ^ Emma Bonino, Si poteva mandare via Saddam?
  86. ^ Pagina dell'eurodeputato Marco Pannella
  87. ^ Pannella: moratoria come inizio dell'abolizione [ collegamento interrotto ]
  88. ^ Pena di morte. Pannella, moratoria grande vittoria su fondamentalismo abolizionista Archiviato il 23 dicembre 2007 in Internet Archive .: "Abbiamo scelto l'obiettivo della moratoria perché esigere l'abolizione della pena di morte tout court sarebbe stato inutile"; "È stata la vittoria del buon senso contro l'imbecillità intollerante dell'abolizionismo"
  89. ^ a b G. Spadaccia, I radicali e la Rosa nel Pugno: "oltre" o "altra"? Archiviato il 10 giugno 2016 in Internet Archive ., Relazione presentata per la Direzione di Radicali Italiani, 25 marzo 2007
  90. ^ Rita Bernardini , Vicenda otto senatori. Bernardini: operazione killer del “Sole 24 Ore” nei confronti della “Rosa nel Pugno”? , Notizie radicali, 26 settembre 2006
  91. ^ radicali.it Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive .
  92. ^ Emma Bonino - Pannella: Nel Pd Un Veto Su Di Me
  93. ^ Alla Domus Talenti "L'Italia secondo Marco Pannella" Eventi a Roma Archiviato il 29 dicembre 2010 in Internet Archive .
  94. ^ Elezioni, Marco Pannella Presenta Il Simbolo Della Lista Amnistia, Giustizia E Liberta' – Foto | Clandestinoweb Archiviato il 7 gennaio 2013 in Internet Archive .
  95. ^ Pannella sospende lo sciopero della fame , 20 luglio 2011. URL consultato il 15 marzo 2021 ( archiviato il 23 luglio 2011) .
  96. ^ Pannella parla degli esiti dei suoi processi , su radioradicale.it .
  97. ^ Copia archiviata , su radioradicale.it . URL consultato il 22 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2016) .
  98. ^ a b Copia archiviata , su radioradicale.it . URL consultato il 22 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2016) .
  99. ^ [1]
  100. ^ [2]
  101. ^ Copia archiviata , su radioradicale.it . URL consultato il 22 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2016) .
  102. ^ [3]
  103. ^ [4]
  104. ^ Copia archiviata , su radioradicale.it . URL consultato il 22 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2016) .
  105. ^ :: Radicali.it :: Archiviato il 18 febbraio 2008 in Internet Archive .
  106. ^ Pannella dovrà risarcire ex segretaria: oltre 250mila euro
  107. ^ ( IT ) Legale Pannella: «Cassazione ha annullato la condanna a risarcire 250mila euro» , in ilmessaggero.it , 13 luglio 2020.
  108. ^ Primo Di Nicola, Vitalizi, tutti i nomi , in l'Espresso , 4 ottobre 2013. URL consultato il 27 maggio 2015 .
  109. ^ Cicciolina, Benetton e Toni Negri Ecco chi riceve i vitalizi d'oro , in La Stampa , 7 ottobre 2013. URL consultato il 27 maggio 2015 .
  110. ^ Vitalizi, chi li prende in Italia? , in Yahoo! Italia Finanza , 8 ottobre 2013. URL consultato il 27 maggio 2015 .
  111. ^ Angiolo Bandinelli, Noi, proto-grillini Archiviato il 20 aprile 2014 in Internet Archive .
  112. ^ Pannella devolve contributo allo Zambia - Radio Radicale
  113. ^ Pannella, quattro bypass al cuore
  114. ^ Pannella operato al cuore, in terapia intensiva
  115. ^ Nota sulle condizioni cliniche dell'on. Marco Pannella
  116. ^ Pannella: "Continuo lo sciopero della sete". E dopo l'operazione fuma il sigaro
  117. ^ Marco Pannella dimesso dal Gemelli, Papa Francesco lo convince a interrompere digiuno , su capannorinews.info . URL consultato il 27 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2014) .
  118. ^ Pannella: “Curo due tumori con 60 sigari al giorno. Il fumo mi salva dalla malattia”
  119. ^ E' Morto Marco Pannella addio all'uomo dalle mille battaglie , su TopicNews.it , 19 maggio 2016. URL consultato il 19 maggio 2016 .
  120. ^ Morto Marco Pannella, leader radicale e della lotta per i diritti , su www.ansa.it , 19 maggio 2016. URL consultato il 19 maggio 2016 .
  121. ^ Pannella, camera ardente a Montecitorio: il saluto di politici e cittadini , in la Repubblica , 20 maggio 2016. URL consultato il 21 maggio 2016 .
  122. ^ L'ultimo saluto a Pannella, oggi la sepoltura a Teramo , su ilsole24ore.com . URL consultato il 23 maggio 2016 .
  123. ^ Addio a Marco Pannella, un lungo applauso accompagna la tumulazione , su rainews.it . URL consultato il 23 maggio 2016 .
  124. ^ A Teramo folla commossa per l'ultimo saluto a Marco Pannella , su lastampa.it . URL consultato il 23 maggio 2016 .
  125. ^ Un lungo applauso per l'addio a Pannella. Teramo lo saluta per l'ultima volta , su repubblica.it . URL consultato il 23 maggio 2016 .
  126. ^ Marco Pannella è tornato nel suo Abruzzo. Esaudita la sua volontà: "Riposerò a Teramo". In migliaia per l'ultimo saluto , su ilcentro.gelocal.it . URL consultato il 23 maggio 2016 .
  127. ^ Ludovico Fontana, Dossier Pannella 19 maggio-19 giugno 2016 , in Pagina della Fondazione Di Vagno , 19 luglio 2016. URL consultato l'8 agosto 2016 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2016) .
  128. ^ a b Pannella: "Ho amato tre o quattro uomini anche se convivo da 40 anni con Mirella" , in La Repubblica , 11 maggio 2010. URL consultato l'11 maggio 2010 .
  129. ^ Pannella fuma con flebo attaccata , su ansa.it .
  130. ^ Repubblica.it: Pannella: Ho un figlio, forse due
  131. ^ "Una libertà felice. La mia vita" di Marco Pannella
  132. ^ Fabrizio Quarchioni ricorda Marco Pannella a Teramo , su ilcentro.it .
  133. ^ Marco Pannella vince il premio letterario "Giuseppe Dessì"
  134. ^ CityNews24.it - Università Teramo, Marco Pannella rifiuta laurea honoris causa
  135. ^ «L'Europa è vigliacca, accolga Israele. La sinistra ha ancora troppi complessi»
  136. ^ Cittadinanza Onoraria a Giacinto (Marco) Pannella Teramo, 12 maggio 2016 ( PDF ), su comune.teramo.it . URL consultato il 22 maggio 2016 .
  137. ^ La Cittadinanza onoraria a Marco Pannella , su comune.teramo.it . URL consultato il 22 maggio 2016 .
  138. ^ Teramo, cittadinanza onoraria a Pannella in diretta su Radio Radicale , su CityRumors.it , 12 maggio 2016. URL consultato il 20 maggio 2016 .
  139. ^ Giardini Giacinto Marco Pannella , su provincia.teramo.it . URL consultato il 16 giugno 2016 .
  140. ^ Huffingtonpost, La canzone che Francesco De Gregori dedicò a Marco Pannella: "Il Signor Hood, eroe solitario"
  141. ^ J-Ax e Pannella: la strana coppia che si batte per l'amnistia
  142. ^ Marco Pannella su MyMovies , su mymovies.it .
  143. ^ [5]
  144. ^ [6]
  145. ^ Scheda del film , su blogapuntate.it .

Bibliografia

  • Diego Galli, Pannella. La vita e l'eredità , Roma, Castelvecchi, 2016. ISBN 8869447022
  • Gigi Moncalvo , Pannella. Il potere della parola , Milano, Sperling & Kupfer, 1983. ISBN 88-200-0293-0 .
  • Lanfranco Palazzolo (a cura di), Marco Pannella. A sinistra del Pci , Kaos edizioni, 2006.
  • Lanfranco Palazzolo (a cura di), Marco Pannella. Contro i Crimini di regime , Milano, Kaos edizioni, 2007.
  • Lanfranco Palazzolo (a cura di), Marco Pannella. La rosa nel pugno. Scritti e interviste 1959-2015 , Kaos Edizioni, 2016.
  • Umberto Pasini, E Pannella si chiamò Leone , Parma, Nicoli, 1979.
  • Mauro Suttora, Pannella. I segreti di un istrione , Milano, Liber, 1993 (archiviato dall' url originale il 28 settembre 2007) . ISBN 88-8004-013-8 .
  • Mauro Suttora, Pannella & Bonino spa , Milano, Kaos, 2001. ISBN 88-7953-097-6 .
  • Massimo Teodori , Marco Pannella. Un eretico liberale nella crisi della Repubblica , Venezia, Marsilio, 1996. ISBN 88-317-6372-5 .
  • Valter Vecellio (a cura di), Pannella, dica '79 , Roma, Stampa alternativa, 2009.
  • Valter Vecellio, Marco Pannella. Biografia di un irregolare , Rubettino, 2010
  • Antonio G. D'Errico, Segnali di distensione , edizioni Anordest, settembre 2012. ISBN 978-88-96742-63-1
  • Leonardo Caffo, Luca Taddio, Radicalmente liberi: a partire da Marco Pannella , Milano, Mimesis, 2014. ISBN 9788857523255 .

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Presidente della XIII Circoscrizione di Roma (Ostia-Acilia-Casal Palocco) Successore
Gioacchino Assogna 1992 - 1993 Angelo Bonelli
Predecessore Presidente del Senato del Partito Radicale Transnazionale Successore Radicalparty.jpg
carica istituita 1989 - 19 maggio 2016 vacante
Predecessore Presidente del Partito Radicale Successore Partito Radicale.svg
Gianfranco Spadaccia 1967 - 1975 Adele Faccio I
Adele Faccio 1976 - 1981 Enzo Tortora II
Enzo Tortora 1986 - 1989 nessuno III
Predecessore Segretario del Partito Radicale
con Luca Bruneschi e Vittorio Luppi
Successore Partito Radicale.svg
Bruno Villabruna 1963 - 1967 Gianfranco Spadaccia I
Francesco Rutelli 1981 - 1983 Roberto Cicciomessere II
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 79428912 · ISNI ( EN ) 0000 0000 5859 2118 · SBN IT\ICCU\RAVV\054635 · LCCN ( EN ) n79095387 · GND ( DE ) 119525402 · BNF ( FR ) cb124897911 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79095387