Bàsquet

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Bàsquet
LeBron James Layup (Cleveland vs Brooklyn 2018) .jpg
Coixinet d'escriptori de LeBron James
Federació FIBA
Inventat 15 de desembre de 1891 a Springfield de James Naismith
Membres d’un equip 5
Tipus Masculí i femení
Interior / exterior Interior / exterior
Camp de joc Rectangular de 15 × 28 metres
Olímpic des del 1936
Campió del món masculí
Espanya Espanya ( 2019 )
femení
Estats Units Estats Units ( 2018 )

El bàsquet, també conegut com bàsquet ( AFI : [basketball] [1] ; en l'abreviatura de bàsquet anglès ) és un esport d'equip en què dos equips de cinc jugadors s'enfronten cadascun per marcar amb una pilota a la cistella oponent, segons molts regles preestablertes i amb una puntuació que varia segons la posició de tir.

Nascut a Springfield (una ciutat dels Estats Units d'Amèrica ) el 1891 , gràcies a la idea de James Naismith [2] , metge canadenc i professor d'educació física . Des de finals del segle XIX , el bàsquet s’ha estès per tot el món, gràcies a l’activitat propagandística de la Federació Internacional de Bàsquet , fundada el 1932 [3] . És un esport olímpic des de l’ onzena olimpíada , que es va celebrar a Berlín el 1936.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història del bàsquet .

El bàsquet va ser creat només per un home: el doctor James Naismith , professor canadenc d’educació física. El 1891 Naismith treballava a la YMCA International Training School de Springfield , Massachusetts . Se li va demanar que trobés un esport que pogués formar jugadors de futbol durant la temporada d’hivern com a alternativa als exercicis gimnàstics .

El bàsquet va veure la llum el 15 de desembre de 1891 , regit per tretze regles, amb una cistella penjada als extrems del gimnàs del centre esportiu i equips formats per un nombre variable de jugadors. El 15 de gener es va jugar el primer partit de la història del bàsquet, entre dos equips de nou jugadors: va acabar d'1 a 0 gràcies a la cistella de William Richmond Chase . El nom del joc va ser encunyat per un dels deixebles de James Naismith, Frank Mahan , després que l'inventor es negés a anomenar-lo Naismithball . El 15 de gener de 1892, Naismith va publicar les regles del joc: és la data oficial de naixement del bàsquet. La cistella s’aplicava al nivell de la tribuna , ja que com a cistella feien servir una cistella de vímet i quan entrava la pilota es feia servir una escala per atrapar-la.

L'esport es va popularitzar als Estats Units en molt poc temps, poc després de començar a estendre's per tot el món, a través de la xarxa d'albergs YMCA. El 1895, el joc ja estava ben establert a diverses escoles secundàries de noies. Durant els anys previs a la Primera Guerra Mundial, la Amateur Athletic Union i la Intercollegiate Athletic Association dels Estats Units (precursora de la NCAA ) van competir per aplicar les seves pròpies regulacions. En aquells anys, fins i tot la mateixa YMCA, tot i que al principi havia estat el principal promotor del joc, va començar a desanimar el bàsquet ja que es feia massa turbulent i lluny de les seves primeres intencions. Afortunadament, altres clubs esportius aficionats, col·legis i clubs professionals van omplir aquest buit en continuar difonent i promocionant el joc. La primera lliga professional, la National Basket Ball League , es va formar el 1898 per protegir els jugadors de l’explotació i promoure un joc menys agressiu i groller (aquesta lliga només va durar 5 anys). El 9 de febrer de 1895 es va jugar el primer joc intercol·legial 5 contra 5 entre la Universitat de Hamline i l’Escola d’Agricultura, que estava afiliada a la Universitat de Minnesota. L’Escola d’Agricultura va guanyar el partit amb una puntuació de 9–3. [4]

El bàsquet es va afegir al programa olímpic dels Jocs Olímpics de Berlín de 1936 (tot i que anteriorment hi havia hagut un torneig de bàsquet durant els Jocs Olímpics de Sant Lluís de 1904 , no reconegut oficialment pel COI ). En aquella ocasió, Naismith va lliurar la medalla d’ or als Estats Units , que van derrotar el Canadà a la final.

El 1946 va néixer als Estats Units la National Basketball Association ( NBA ), amb l'objectiu d'organitzar equips professionals i fer més popular l' esport . A la resta del món, la difusió va augmentar amb el naixement de la Federació Internacional de Bàsquet el 1932 . A Europa , el bàsquet va tenir una ressonància particular i sobretot la Unió Soviètica va ser l’estat que va aconseguir competir internacionalment amb el poder dels Estats Units. [3]

Les estructures

El camp

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: pista de bàsquet .

En les competicions oficials, els jocs de bàsquet se solen jugar en espais tancats en grans instal·lacions multidisciplinàries anomenades pavellons esportius , el sostre dels quals ha d’estar a una alçada d’almenys 7 m del terreny de joc. En el passat, es permetia jugar a les pistes exteriors, però ara està prohibit gairebé a tot arreu per als partits oficials.

El terreny de joc és un rectangle de 15 metres d’amplada i 28 de llargada (amb excepcions per a camps més petits existents i només per a competicions locals i el reglament FIBA ​​preveu un mínim de 15 metres d’amplada i 28 metres de llarg) amb el terra en fusta ( obligatori per a les competicions més importants), cautxú o sintètic vorejat per línies. Les línies han de tenir 5 centímetres d’amplada i ser ben visibles, preferiblement de color blanc . La línia perimetral delimita el camp sense formar-ne part. Hi ha d’haver una àrea d’uns 2 metres d’amplada sense obstacles (inclosos els bancs dels suplents dels dos equips).

Dins del camp, hi ha altres línies, dibuixades amb el mateix color i sempre de 5 cm d’amplada:

  • la central divideix el parquet en dues meitats iguals i s’ha d’estendre almenys 15 cm fora de la línia perimetral.
  • el cercle central ha de tenir un diàmetre de 3,6 metres.
  • la línia de tirs lliures ha de tenir una longitud de 3,6 metres i una distància de 5,8 metres de la línia perimetral sota la cistella i centrada respecte a l’amplada de la pista (el seu punt mig es troba a la línia recta imaginària que uneix els punts mitjans de la part inferior).
  • els semicercles de les llunetes de tir lliure han de tenir un radi d’1,8 metres i es dibuixen a partir del punt mig de la línia de tir lliure;
  • l'àrea rectangular , situada prop de la cistella anomenada àrea de tres segons , té una base de 4,9 metres mentre que la longitud coincideix amb la línia de tir lliure (les línies que delimiten aquesta àrea pertanyen a l'àrea de tres segons, excepte la línia de fons No obstant això, les dimensions varien segons el país: a Europa, per exemple, des del 1954 fins al 2010 la FIBA ​​va designar una zona trapezoïdal, substituïda posteriorment per una àrea similar a la present a Amèrica a la NBA.
  • les línies de les osques (també anomenades "pal alt" i "pal baix") que delimiten els espais per al rebot es dibuixen a la vora exterior de l'àrea de tres segons, identificant el lloc on els cinc rebotadors poden situar-se durant un tir lliure.
  • dins de la zona de tres segons hi ha un semicercle (comunament anomenat "somriure") amb un radi d'1,25 metres, que s'origina en la projecció al terra del centre de la cistella que delimita la zona de no trencament.
  • la línia de llançament de tres punts , que delimita l'àrea de llançament de tres punts, està formada per una semicircumferència a 6,75 metres de distància de la cistella i dues línies paral·leles que s’estenen perpendicularment des de la línia de base, amb la vora exterior a 0,90 m de la vora interior de les línies laterals. La línia de tres punts, així com l'àrea de tres segons, ha experimentat canvis al llarg del temps. Juntament amb la zona del trapezi també hi havia una línia de tres punts a 6,21 metres. La temporada 1997-1998, la NBA va tornar a la línia de tres punts de 7,25 metres a 6,75 metres (tal com es disposa actualment a Europa i als països agregats de la FIBA) per satisfer el creixent percentatge de tres punts de molts equips i facilitar la espectacle de partits.

L’equipament

L’escut i la cistella
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Canestro .

Les anomenades unitats de suport són necessàries per al joc: dos panells , dues cistelles i els sistemes de protecció i suport relacionats [5] .

Els marcadors es col·loquen dins del terreny de joc, a una distància d’1,20 m de la línia final. Han de tenir les dimensions següents: alçada 105 cm, amplada 180 cm i gruix 5 cm. Poden ser de material transparent ( vidre de seguretat temperat o material plàstic ) o d’altres materials. En aquest darrer cas s’han de pintar de blanc .

Normalment, els marcadors es col·loquen sobre suports que queden gairebé totalment fora de les línies del camp. De vegades es poden enganxar a la paret de plantes més petites mitjançant bastides de ferro . La part posterior dels escuts i l'estructura que els sosté no formen part del camp i, per tant, si la pilota els toca, queda declarada fora [6] .

Les cistelles es pengen després dels taulers (amb alliberament de pressió), que es componen d’un anell de ferro amb un diàmetre de 45 cm i una xarxa de corda blanca. Aquest, ampliant-se quan passa la pilota, permet a l' àrbitre verificar amb certesa si la cistella s'ha fet o no (un dispositiu per evitar errors de paral·laxi). L'anell de la cistella està situat a 3,05 m sobre el camp [7] .

La pilota

Pilotes oficials de la FIBA
Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: pilota de bàsquet .

El bàsquet , sobrenomenat " pilota en tascons ", ha de tenir forma esfèrica , de cuir o pell rugosa o de material sintètic, per tal de facilitar la presa de jugadors fins i tot amb les mans suades i també ha de ser la duresa adequada. Normalment és de color marró ataronjat , amb línies negres, però en les variants dels parcs infantils sol ser acolorit. Les boles interiors i exteriors també difereixen en els materials amb què es cobreixen.

A partir de la de 2004 - de 2005 temporada, la FIBA ha adoptat una bola dissenyada per l'italià dissenyador Giugiaro , amb franges de llum pròxims a la taronja clàssic, per tal de millorar la seva visibilitat per als jugadors i el públic.

Segons el reglament, la pilota pot tenir una circumferència que varia entre 72,4 cm (competicions femenines) i 78 cm (competicions masculines), amb un diàmetre corresponent d’uns 23 i 25 cm respectivament, i un pes entre 510 i els 753 grams .

Altres equipaments

Als efectes del joc, es requereix un altre equipament secundari. Necessiteu una cursa de contrarellotge , que en camps aprovats estigui connectada a un marcador electrònic per marcar també el resultat. En els partits en què es preveu la figura de l’ oficial de la taula, també és necessari un dispositiu de vint-i-quatre segons , amb el lloc de comandament a la taula i les posicions visibles des del camp tant pels jugadors, com també si els espectadors volen indica el flux del temps. El cronòmetre i el rellotge de tir han de tenir dos sons sonors diferents.

També es requereix un cronòmetre addicional per a les suspensions (normalment una ceba ), el full de puntuació , les pales per indicar el nombre de faltes i, per a la bonificació , la fletxa de possessió alternativa . Finalment, el camp ha d’estar equipat amb un sistema d’ il·luminació adequat.

Com es desenvolupa el joc

El partit el juguen dos equips de cinc jugadors cadascun. Cada equip també té una sèrie de reserves que poden variar de 5 a 7 (segons les lligues) que poden substituir els jugadors titulars sense limitacions i, al seu torn, ser substituïdes. Un jugador que ha estat substituït en qualsevol cas pot tornar al camp en substitució d’un company d’equip. Només en els casos en què un jugador té assignades 5 faltes (6 a la NBA ) o és expulsat, ja no pot jugar el joc i ha de ser substituït. Per tant, fins i tot si es produeix molt poques vegades, és possible que un o els dos equips del terreny de joc tinguin menys de cinc jugadors i que el nombre d’ells no coincideixi. En el cas que un equip, a causa de faltes o accidents dels jugadors, només en tingui una disponible, no tindria cap a qui passar la pilota en fer un servei de banda i el joc finalitzarà amb la victòria de l’equip contrari.

El partit

L’objectiu de cadascun dels dos equips és aconseguir punts passant la pilota dins de l’anell de cistella de l’adversari (fase ofensiva) i evitar que els jugadors de l’altre equip facin el mateix (fase defensiva).

Cada partit dura 40 minuts dividit en 4 períodes de 10 minuts de joc real cadascun (12 minuts a la NBA per un total de 48 minuts), que anteriorment eren 2 períodes de 20 minuts. Entre el 2n i el 3r període hi ha un interval que oscil·la entre els 10 i els 20 minuts. Quan es reprèn el joc, els equips han de canviar de bàndol, mentre que en els altres casos l’interval és de només 2 minuts (sense canviar de bàndol).

Cada equip té 24 segons per completar un atac, si falla, la possessió passa a l’equip contrari. Els 24 segons es restableixen cada vegada que la pilota canvia de possessió; si, en canvi, l'equip atacant torna a aguantar la pilota després que hagi tocat l'anell de ferro, el rellotge es restablirà a 14 segons. En cas d’infracció de la falta o del peu, si queden 13 segons o menys, el rellotge es restablirà a 14 segons. Si, en canvi, el temps de joc és superior a 14 segons, el recompte continua. Aquesta regla va ser inventada per l'italià-americà Danny Biasone .

L’equip guanyador del partit és el que ha aconseguit més punts al final del quart període de joc. En cas d'empat, el partit s'amplia 5 minuts més ( temps extra ) i, en cas d'empat, es continuaran altres vegades fins que un dels dos equips no pugui llançar 2 jugadors perquè els altres s'han compromès 5 faltes o han estat expulsats o estan lesionats [8] .

Punts atorgats en cas de victòria i derrota

En gairebé totes les competicions de bàsquet s’atorguen 2 punts al guanyador i 0 punts al perdedor, però en les competicions nacionals s’assignen 2 punts al guanyador i 1 al perdedor. L’assignació d’un punt a l’equip perdedor a les seleccions nacionals està relacionada amb el fet que, si un equip no apareix al camp de competició, a més de perdre el joc a la taula, obtindria automàticament una pena d’un punt. a la classificació.

Al bàsquet, l’empat és impossible; en cas d'empat al final del temps regular, la pròrroga es fa indefinidament, tret que es produeixi l'empat al final del temps regular en una competició eliminatòria amb partits a casa i fora de casa.

Tir de tres per Sara Giauro, Phard Napoli

Valor puntual

Els punts es compten assignant una puntuació a cada cistella segons el lloc on es trobés el llançador i el tipus de tir realitzat:

  • 1 punt: s’atorga per cada gol realitzat fent un tir lliure
  • 2 punts: s’obtenen per cada gol realitzat tirant dins de l’àrea delimitada per la línia de 3 punts.
  • 3 punts: s’atorguen per cada gol realitzat tirant fora de l’àrea de 3 punts (els dos peus del tirador no han de tocar la línia, la distància entre la cistella i l’arc de 3 punts és de 6,75 metres).

Si un jugador rep una falta durant un tir i encara el marca, els dos o tres punts són vàlids i s’afegeix un tir lliure addicional (en aquest darrer cas el jugador pot anotar 4 punts en una acció). Si el jugador no aconsegueix marcar, s’atorga un nombre de tirs lliures igual al valor de la cistella sense signar. En cas de falta antiesportiva (que abans es deia "falta intencionada"), la víctima sempre té dos tirs lliures, en cas de falta tècnica només hi haurà un tir lliure; en el cas que l’equip llanci tirs lliures després de la falta antiesportiva, també té la següent possessió amb un llançament a mig camp; després d’una falta tècnica, queda la possessió de l’equip que la tenia abans del xiulet de la falta. En els altres casos, en el darrer llançament lliure, els jugadors es disposen en posicions específiques per intentar recuperar la pilota en qualsevol rebot, en cas que el tir falli.

Infraccions

Quan durant l'acció del joc el jugador incompleix les regles, els àrbitres han de denunciar una falta o una infracció.

Les violacions

Les infraccions són infraccions de les normes que preveuen com a sanció la conclusió de l'acció en curs i l'adjudicació d'un servei des del punt de la línia lateral més propera al punt d'infracció, a favor de l'equip contrari.

Les infraccions previstes són:

  • El jugador que toca una línia límit mentre juga la pilota surt fora dels límits (es considera que les línies que delimiten la pista de joc estan fora d’ella). (Reglament tècnic, art. 23)
  • Doble regat o doble és quan un jugador, després de completar un regat, agafa la pilota amb una o dues mans i després torna a regar.
  • Pilota acompanyada : quan un jugador de regat porta la mà sota la pilota de manera que la pilota pugui parar pràcticament a la mà del setter. No hi ha infracció en cas que la pilota caigui accidentalment de les mans del setter, en aquest cas podrà reprendre el regat.
  • Passos : quan un jugador mou el seu peu de pivot (el peu que un jugador no mou primer després de rebre la pilota o després d’aturar el driblatge) abans de driblar o després d’haver deixat de driblar o quan un jugador salta a la possessió de la pilota però aterra abans ha deixat la mà. La regla preveia un tercer cas: quan un jugador amb la pilota a la mà cau a terra, fa passos si rellisca, roda o intenta aixecar-se movent el "pivot" format per una part del seu cos. Des de la temporada 2008, l'acció es considera legal si el jugador cau i rellisca mentre sosté la pilota o aconsegueix el control de la pilota mentre està estirat o assegut. Si, després de mantenir la pilota, el jugador tira o intenta posar-se dret sense driblar, comet una infracció. (Reglament tècnic, art. 25)
  • 3 segons d'ofensiva : quan un jugador roman a la zona de 3 segons de l'equip contrari durant més temps del previst mentre el seu equip està en possessió de la pilota. Aquest "recompte" només comença quan la pilota passa a la pista davantera. (Reglament tècnic, art. 26)
  • 3 segons defensius : quan un jugador roman a la zona de 3 segons del seu equip durant més temps del temps esperat mentre l’equip contrari està en possessió de la pilota. Aquest "recompte" només comença quan la pilota passa a la pista del darrere. Aquesta regla només s'aplica al campionat americà de la NBA.
  • 5 segons o Jugador ben guardat : quan un jugador no pren una alineació en 5 segons, o durant les fases del joc, quan després de bloquejar el regat manté la pilota a les mans durant 5 segons, estant ben vigilat (<1, 00 m) . (Reglament tècnic, art. 27)
  • 8 segons : quan l’equip atacant no creua la línia de mitja distància amb la pilota dins del temps assignat, a partir del llançament. (Reglament tècnic, art. 28)
  • 24 segons : quan l’equip atacant no fa un llançament a la cistella de l’adversari (entra o toca l’anella) dins del temps assignat. Un cop tocat el ferro, el rellotge es restableix a 24 segons i comença a baixar de nou quan l'equip contrari pren el control de la pilota; si l'equip atacant pren el control de la pilota, el rellotge augmentarà a 14 segons. El rellotge de 24 segons es reinicia quan un jugador de l’equip contrari aconsegueix el control de la pilota o colpeja deliberadament la pilota amb el peu. Per a les lligues en què no s’utilitzi el rellotge de 24 segons, l’àrbitre o un dels dos àrbitres manté el recompte mental i el "restableix" cada vegada que s’atura el joc. (Reglament tècnic, art. 29)
  • Retorn de la pilota a la pista del darrere o ofensiva : es produeix quan l'equip en possessió de la pilota, després de passar la línia de mitja línia, torna a la seva pista de fons fins i tot només tocant la línia de mitja distància. Es considera que el setter està en ofensiva quan la pilota i els dos peus han obert la meitat del camp, de manera que si el setter creua la mitja pista només amb la pilota o amb un sol peu, no s’ha de considerar atacant i els vuit. els segons es continuaran executant. (Reglament tècnic, art.30). Tanmateix, hi ha una excepció: en el cas que un jugador guanyi el control de la pilota en vol en saltar de la seva pròpia meitat ofensiva i caure en la seva pròpia meitat defensiva en el moment d’interceptar la passada d’un rival (per tant, el seu equip no estava possessió de la pilota abans que el jugador en qüestió la controlés), l’acció no es considera una infracció de retornar la pilota a la pista del darrere; això malgrat la regulació tècnica estableix que un jugador durant el vol es considera com si estigués en el punt des del qual va fer el salt (interpretacions oficials FIBA).
  • Interferència a la cistella : quan durant un llançament de porteria un jugador toca la pilota mentre està completament per sobre de l’alçada de l’anell (3,05 m) i es troba en un vol descendent o ha tocat el tauler. Si un jugador de l’equip ofensiu és qui comet la infracció, l’acció s’interromp i s’adjudica un servei als adversaris, si un defensor l’ha comès, la puntuació que hauria fet si la pilota hagués entrat a la cistella s'assigna al llançament, el joc es reprèn com si la cistella s'hagués realitzat realment. Tampoc no és possible tocar la xarxa de la cistella ni el propi escut quan es fa un tir per a la cistella; també aquí, si la falta és feta per un defensor, la cistella es considera vàlida. (Reglament tècnic, art. 31)

Faltes

Una falta és una infracció de les regles que impliquen el contacte personal amb un oponent i / o la conducta antiesportiva. Les faltes impliquen un llançament lliure o lliure (si el jugador infractor tirava; sempre a partir de la falta del cinquè equip per cada quart de joc) per a l’equip contrari.

La falta es fa quan hi ha contacte irregular amb l’adversari. Els més habituals són:

  • Falta de tir : el defensor obstrueix el tir de l’adversari de manera irregular. De fet, no es pot tocar l’oponent mentre es dispara i no es pot baixar els braços sobre ell (han de romandre perpendiculars al terra).
  • Overrun : es tracta d’una falta ofensiva, comesa per un jugador que colpeja un defensor que s’ha mantingut estacionari (els peus estacionaris o, en tot cas, s’ha mantingut al seu "cilindre" d’acció) durant la seva acció d’atac.

Qualsevol altre tipus de contacte, retenció o defensa irregular implica el xiulet d’una falta contra el defensor.

També hi ha quatre faltes particulars:

  • Falta antiesportiva : el jugador comet una falta perillosa deliberadament sense la intenció de jugar la pilota. Aturar un adversari llançat a cistella a l’últim home també entra en aquesta categoria de falta. La pena consisteix en dos tirs lliures i la possessió de la pilota per a l’equip contrari. Després de dues faltes antiesportives, un jugador queda automàticament desqualificat.
  • Falta tècnica : l'àrbitre llança una falta tècnica a un jugador en cas de protestes fortes o manifestacions antiesportives contra adversaris o àrbitres. L’ entrenador pot ser xiulat a l’entrenador o carregat a la banqueta. En qualsevol cas, hi ha 2 tirs lliures i la possessió de la pilota a qui tingués dret abans de la falta. Si l’entrenador rep dues faltes tècniques (o s’atribueixen tres a la banqueta), ha de ser retirat del camp i ha de deixar el terreny de joc o esperar al vestidor el final del partit.
  • Falta d' expulsió : és la pitjor falta, que s'ha de xiular si el jugador adopta un comportament especialment perillós cap a una altra persona, insulta o amenaça molt l'àrbitre. El jugador desqualificat ha de romandre al vestidor o, a la seva discreció, abandonar la instal·lació de joc.
  • Expulsió de la baralla : és una desqualificació que no dóna cap sanció a l’equip que la comet, però que obligarà el jugador a abandonar el camp i després serà castigat per la comissió. És l’única falta que no implica la responsabilitat objectiva de l’equip sinó que castiga la responsabilitat objectiva del jugador. En aquest cas, tots els jugadors que participen en la lluita són castigats tret que intervenguin per eliminar els jugadors implicats.

Tot i això, les faltes s’agrupen en 7 categories (amb inicials):

  • " P ": faltes personals dels jugadors (sancionades segons la situació de bonificació i si l'oponent estava disparant o no)
  • " T ": falta tècnica d'un jugador (sempre sancionada amb 1 tir lliure més possessió a qui tingués dret abans de la falta tècnica)
  • " U ": falta antiesportiva d'un jugador (sancionada amb 2 tirs lliures o 1 si el jugador amb falta va marcar la cistella, a més de possessió addicional per als oponents)
  • " D ": falta desqualificant o expulsió d'un jugador (sancionat amb 2 tirs lliures o 1 si el jugador faltat ha marcat la cistella, més possessió addicional per als oponents, les decisions les prendrà la comissió disciplinària)
  • " F ": expulsió per baralla d'un jugador que no està al camp (no sancionat al camp excepte amb la retirada del jugador, les decisions seran preses per la comissió disciplinària)
  • " C ": falta tècnica contra l'entrenador (sempre sancionada amb un llançament lliure més possessió a qui tingués dret abans de la falta, amb la destitució de l'entrenador en cas de reincidència)
  • " B ": falta tècnica a la banqueta (sempre sancionada amb un tir lliure més la possessió que tenia dret abans de la falta, no s'assigna a qui va cometre la protesta a la banqueta sinó que es cobra directament a l'entrenador).

Cada quart, després que un equip hagi comès 5 faltes acumulatives (de qualsevol tipus excepte la baralla), arriba a la bonificació: és a dir, cada falta posterior (fins al final del quart) comesa en la fase defensiva concedirà a l’equip contrari dos tirs lliures. , encara que el jugador contrari no estigués en fase de tir.

El temps extra es considera una extensió del quart quart, és a dir, si un equip ha assolit la bonificació durant el quart quart, començarà el temps extra ja amb la bonificació.

Diferències entre les regles FIBA ​​i NBA

Les regles aplicades internacionalment en totes les competicions, inclosos els Campionats del Món i els Jocs Olímpics, són lleugerament diferents de les que s’utilitzen a la NBA .

Innanzitutto nella lega statunitense i quarti sono da 12 minuti anziché 10, ed un giocatore può commettere 6 falli prima di dover lasciare il campo anziché 5 (ma il rapporto col minutaggio è identico). Nella NBA , inoltre, la difesa a zona è stata concessa solo dal 2002 : in precedenza veniva fischiato un fallo tecnico per "difesa irregolare" se il difensore non marcava a uomo il suo avversario. Tuttavia per limitarne l'uso un difensore non può rimanere in area per più di tre secondi con l'avversario a più di un braccio di distanza, pena il fischio di un'infrazione.

Secondo il regolamento FIBA le squadre possono schierare 12 giocatori a referto per partita. Mentre nell'NBA ogni squadra può schierare tutti i giocatori attivi, da un minimo di 13 fino ad un massimo di 15.

Le diverse regole statunitensi hanno soprattutto lo scopo di rendere il gioco più spettacolare: i passi in partenza non vengono fischiati se il giocatore decide di partire in palleggio col piede perno. Nelle regole FIBA una volta che un giocatore, con la palla, ha deciso di muovere un piede e di conseguenza sceglie l'altro piede come piede perno, quest'ultimo non dev'essere mosso per evitare l'infrazione di passi. Inoltre per il terzo tempo nella NBA si tende a considerare "passo zero" quello effettuato appena la palla viene raccolta nel movimento dei tre passi.

Altre importanti differenze si trovano nelle dimensioni del campo di gioco (28 m × 15 m FIBA; 30 m × 17 m circa in NBA) e nella distanza della linea del tiro da tre punti. In Europa è situata a 6,75 (introdotta nel 2010, precedentemente era 6,25), mentre in America si trova a 7,25 m (in realtà variabile poiché ai lati la linea non segue la forma di semicerchio, ma scende parallela alla linea che delimita il campo lateralmente, arrivando a determinare una distanza minima di 6,71 m dal canestro per i tiri dall'angolo). La NBA ha introdotto il tiro da 3 punti nel 1979-80, seguendo l'esempio della defunta American Basketball Association (ABA), che lo usò già a partire dal 1967-68. Tra il 1994-95 e il 1996-97 la distanza era stata ravvicinata a 6,75 m, salvo far marcia indietro per limitare l'eccessiva ricerca del tiro da 3 che alcune squadre effettuavano.

Un'ulteriore differenza molto importante ma eliminata con la stagione 2017-2018, riguarda la regolamentazione dei time-out . In America era infatti ammesso che i giocatori chiamassero un time-out "breve" (20 secondi contro il minuto di quello "regolare"). Ci si avvaleva spesso di questa possibilità quando altrimenti si sarebbe rischiato di perdere la palla perché raddoppiati o triplicati. Ora sono possibili solo 7 time-out da 75 secondi, di cui solo 2 disponibili negli ultimi 3 minuti di gioco [9] .

Anche altri campionati utilizzano regole leggermente diverse da quelle FIBA. Nel campionato statunitense universitario NCAA il limite di tempo per completare un'azione è di 30 secondi invece che 24 (precedentemente era 45, poi 35 e dal 2015 abbassato all'attuale limite [10] ) e le partite sono divise in due tempi da 20 minuti (così come era per la FIBA fino al 2000). Il tiro da 3 è posto a 6,30 m. I time-out a disposizione sono 4 per squadra. È differente anche il bonus per i tiri liberi: dopo 8 falli di squadra sono concessi i 2 liberi, ma se il primo tentativo non va a segno il gioco riprende a rimbalzo. Dal decimo fallo la regola è quella consueta.

Un'altra differenza è la regola dei cinque secondi con la palla in mano che in NBA non esiste. La regola dei 5 secondi nel campionato americano è differente: un giocatore non può dare le spalle al canestro per più di 5 secondi in possesso di palla.

I ruoli

Durante i primi cinque decenni dell'evoluzione della pallacanestro, vi erano tre ruoli che un giocatore poteva ricoprire. In campo, infatti, c'erano: due guardie , due ali ed un centro .

Dagli anni ottanta , invece, le posizioni si sono evolute in maniera più specifica, diversificando ognuno dei cinque giocatori sul parquet:

  1. Playmaker : è colui che chiama gli schemi della squadra. Solitamente è il giocatore dotato di maggiore rapidità e di migliore controllo di palla con entrambe le mani. Le caratteristiche fondamentali di questo ruolo rimangono comunque la grande visione di gioco e la capacità di servire i compagni con passaggi smarcanti. Negli Stati Uniti viene chiamato point guard. Di recente si sta sviluppando la tendenza a scindere il ruolo di playmaker: spesso un giocatore è incaricato di portare la palla nella zona offensiva e di iniziare lo schema, tuttavia non è detto che sia proprio lui che detta i ritmi dei suoi compagni. In diverse squadre di primo livello ci sono Ali Grandi o Centri dotati di ottima visione di gioco che gestiscono l'intera azione offensiva da una prospettiva diversa, spesso più vicina a canestro e non più da fuori dalla linea da tre punti come in passato. Questa soluzione apre nuove prospettive nell'interpretazione del ruolo del playmaker e nell'approccio offensivo della pallacanestro.
  2. Guardia tiratrice : è il giocatore dotato del miglior tiro della squadra. Spesso i compagni fanno blocchi al suo difensore per permettergli di tirare più liberamente. Generalmente più robusto e talvolta più alto del playmaker ma egualmente rapido nei movimenti e veloce, deve avere anche spiccatissime attitudini difensive.
  3. Ala piccola : questo ruolo è ricoperto solitamente da un giocatore molto dotato fisicamente e in grado di marcare sia avversari più piccoli e veloci che più alti e pesanti. Per quanto riguarda l'attacco talvolta viene definito come "giocatore a due dimensioni" perché può essere in grado sia di giocare lontano da canestro sfruttando il suo tiro dalla distanza, sia di prendere posizione vicino al ferro se marcato da avversari più piccoli.
  4. Ala grande o Ala forte: è uno dei giocatori più alti della squadra ma non il più forte fisicamente. Generalmente si tratta di un giocatore di alta statura ma con una discreta velocità di piedi. Nella pallacanestro del terzo millennio i top team tendono ad avere nel proprio roster ali forti con un eccellente tiro da fuori mentre in passato si preferiva puntare su forti rimbalzisti e giocatori d'area.
  5. Centro o Pivot : è il giocatore più alto e più pesante della squadra (in Europa i migliori raggiungono i 210 cm ei 120 kg, nella NBA i centri dominanti in media superano i 215 cm ei 130 kg). Questo giocatore gioca nel cuore dell'area ei suoi movimenti palla in mano sono "spalle a canestro". Sfruttando la sua mole deve prendere la maggior parte dei rimbalzi, cercare di stoppare gli avversari e portare blocchi per liberare i propri compagni.

Questa suddivisione in ruoli standard è tipicamente americana, e spesso viene riportata semplicemente con dei numeri ad indicare la posizione (da 1 a 5). Ovviamente non sempre i giocatori in campo rispettano questa divisione ideale, ma anzi un buon giocatore può giocare in più di un ruolo.

Fondamentali ed altri movimenti importanti

Alcuni movimenti nella pallacanestro vengono chiamati fondamentali , e sono quelli su cui si basa tutto il gioco. Nella definizione "stretta", i fondamentali sono 3: palleggio, passaggio, tiro

Nella definizione "completa" i fondamentali sono 4: oltre ai primi 3 già menzionati si aggiunge: movimenti difensivi

Nella lista compaiono altri movimenti che non sono veri e propri fondamentali, come il rimbalzo, il blocco, etc., ma rappresentano alcuni degli aspetti più significativi del gioco.

Steve Nash in palleggio

Palleggio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palleggio § Pallacanestro .

Il palleggio è un fondamentale di base. Il giocatore che porta avanti la palla deve necessariamente palleggiare, tirare o passare il pallone, sempre. Il palleggio va fatto con una sola mano, si può palleggiare anche alternando le mani e si attua spingendo il pallone verso il pavimento , dal quale rimbalza per tornare nella mano del giocatore.

Passaggio

Il passaggio della palla a un compagno è estremamente importante e deve essere effettuato entro 5 secondi, se la palla viene raccolta con due mani. La difesa cercherà di intercettare il passaggio anticipando i giocatori senza la palla. A seconda dei casi, la palla può essere passata con un passaggio teso al petto, schiacciato a terra, a pallonetto, oppure in modi anche più spettacolari, come facendola passare dietro la schiena.

Il dai e vai è uno dei classici giochi a due della pallacanestro che si fonda sul passaggio: si passa la palla e si taglia verso il canestro per ricevere un passaggio di ritorno dal compagno:

  • I passaggi a due mani sono in genere più diretti e semplici da effettuare e ricevere, ma anche più facili da intercettare per la difesa. A due mani, ma sopra la testa, sono molto comuni i passaggi che le guardie riservano ai lunghi posizionati in post basso , ei passaggi delle rimesse in gioco.
  • I passaggi a una mano sono certamente più rapidi e possono risultare anche più spettacolari, ma certo è necessaria una maggiore abilità tecnica per effettuarli. Possono essere effettuati anche facendo rimbalzare la palla per terra o dietro la schiena.
  • A una o due mani un passaggio molto spettacolare è il cosiddetto ”no look”, che consiste nel passare la palla a un compagno guardando da un'altra parte, per confondere la difesa.
  • Un tipo particolare di passaggio è il passaggio consegnato, che avviene con un giocatore che prende la palla direttamente dalle mani del compagno. È particolarmente indicato quando la difesa sui giocatori senza palla è molto intensa.

Tiro

Un tiro in sospensione

Il tiro è il fondamentale d'attacco più importante. A volte si tira "in sospensione": si salta da terra e si lascia la palla quando si è in aria, in modo da evitare l'interferenza dell'avversario. Per il tiro in sospensione servono buona tecnica e coordinazione. L'alternativa al tiro "in sospensione" è il tiro "piazzato", che può essere effettuato tenendo i piedi per terra o effettuando il tiro mentre si è nella fase ascensionale del salto, "in elevazione".

Regole da rispettare per ottenere un buon tiro

Prima di tutto, bisogna sapere che la forza del tiro non proviene dalle braccia, bensì dal polso e dalle gambe, quindi queste ultime hanno un ruolo importantissimo nella possibile realizzazione di un canestro.

La mano debole (ovvero quella che non tira) va tenuta di fianco al pallone; tuttavia molti giocatori usano metterla sotto per avere maggiore stabilità. I pollici della mano debole e della mano forte devono formare una T, anche se questa non è una regola generale, infatti, per i giocatori dotati di grandi mani risulta faticoso, quindi spesso tralasciano questo particolare. Indice e medio devono formare una V, e mentre si sta per tirare bisogna assicurarsi che l'indice della mano forte passi davanti all' occhio dello stesso lato e quando si vede il ferro del canestro sotto la palla, si può dare il via alla cosiddetta frustata, ovvero quello scatto del polso della mano forte che permette di avere la giusta parabola e la giusta rotazione. Inoltre, il tiro non va effettuato con la mano intera (infatti la palla non deve toccare il palmo della mano), bensì con i polpastrelli che, come detto precedentemente, assicurano una giusta rotazione ed una giusta parabola. Molto importanti per indirizzare il tiro a canestro sono l'indice e l' anulare ; infatti hanno un ruolo fondamentale per non mancare il canestro.

Da ricordare che il gomito del braccio forte (ovvero quello da cui parte il tiro), deve essere piegato a 90 gradi e anche il polso , a sua volta, deve avere questa angolatura. Per garantire una maggiore stabilità, le gambe devono essere aperte quanto la larghezza delle spalle e il gomito della mano forte deve essere allineato con la gamba dello stesso lato. A tal punto occorre una descrizione più completa della meccanica del tiro: mentre le gambe si piegano, la mano forte e la mano debole iniziano a disporsi come sopra descritto, e quando il piegamento delle gambe sarà terminato si sentirà nella mano la forza necessaria per effettuare il tiro; con la frustata del polso della mano forte si sfrutta questa forza in modo tale da ottenere un tiro più che rispettabile. Importante è la spinta delle caviglie che è alla base del movimento!

Terzo tempo

Il tiro in corsa (colloquialmente chiamato "terzo tempo" o layup in inglese) è una tecnica di tiro che permette di effettuare un tiro in avvicinamento al canestro avversario. Consiste nell'esecuzione di due appoggi di piede (i primi "due tempi", che sono però diversi dai "passi") e di un salto (il "terzo tempo"), in NBA il terzo tempo è composto da 2 passi e un appoggio durante il quale si appoggia la palla al tabellone o direttamente a canestro ed è l'unico caso in cui è ammesso compiere più di un passo senza palleggiare (cioè senza fare "passi")

Avvicinandosi al canestro provenendo dal lato destro l'esecuzione prevede che l'ultimo palleggio venga effettuato in corrispondenza dell'appoggio del piede sinistro, seguirà un passo con il piede destro e successivamente lo stacco del piede sinistro per il salto finale. Il tiro viene eseguito con la mano destra mentre la sinistra è lievemente sollevata a protezione del pallone dall'intervento di eventuali avversari. Sul lato opposto il movimento è speculare.

Anche se a primo avviso il terzo tempo può sembrare un'infrazione di passi e quindi una eccezione a questa regola, gli occhi più allenati (o un rallenty) possono confermarne il contrario. Questo movimento è fatto in corsa, e quindi la velocità dell'esecuzione può trarre in inganno.

Analizzando il movimento si vede che al momento della "chiusura" del palleggio (quando la palla viene presa in mano - 1º tempo) l'atleta effettua un arresto a due tempi (ovvero con i piedi che toccano terra in due istanti differenti - 2º tempo) e poi salta con i piedi allo stesso momento portando rapidamente la gamba posteriore avanti (grazie al movimento di alzata del ginocchio) compiendo sempre nello stesso istante il tiro (terzo tempo). Un terzo tempo fatto non in corsa perde tutte queste contemporaneità che vengono date dalla velocità.

Alternativa al terzo tempo è il passo e tiro. Questo movimento diverge dal terzo tempo solamente da un particolare: invece di un arresto a due tempi (nel secondo tempo) si ha un arresto ad un tempo (ovvero con i piedi che toccano terra allo stesso istante); per poi concludere il gesto come un terzo tempo tradizionale.

Schiacciata

La schiacciata è senza dubbio la conclusione più spettacolare della pallacanestro. Non a caso, gli atleti che si sono distinti nelle schiacciate sono rimasti i più celebri (uno su tutti Michael "Air" Jordan ). Dopo la schiacciata il giocatore non può rimanere appeso al ferro, salvo per non cadere addosso ad un altro giocatore, altrimenti il "colpevole" viene sanzionato con un fallo tecnico. In favore dello spettacolo, questa infrazione viene spesso tollerata dagli arbitri, che fischiano solo quando il giocatore esagera nel rimanere "appeso", o comunque si issa sul ferro facendo leva sui bicipiti.

Alley-oop

Il cosiddetto alley-oop è una giocata estremamente spettacolare, che necessita di una buona coordinazione, doti atletiche e affiatamento tra due compagni. Un giocatore effettua un passaggio alto, normalmente non teso, verso il ferro (senza tirare), mentre un compagno salta, afferra la palla al volo e la schiaccia o appoggia a canestro.

Rimbalzo

Il rimbalzo è un fondamentale importante tanto in difesa, dove dà l'opportunità di ripartire in contropiede, quanto in attacco, dove offre una seconda possibilità di tiro. Consiste nell'afferrare la palla (che "rimbalza" sul ferro) dopo un tiro sbagliato. Sapersi piazzare a rimbalzo è necessario per un buon giocatore, e fondamentale è il " tagliafuori ": si cerca di porsi davanti al proprio avversario e lo si tiene dietro, impedendogli di saltare a rimbalzo ed anticipandolo. Tra i migliori rimbalzisti del passato NBA figurano i pluripremiati Bill Russell , Wilt Chamberlain , Moses Malone , Dennis Rodman . Negli ultimi anni si sono distinti Ben Wallace e Kevin Garnett (vincitore della classifica dal 2004).

Tap-in

Se un giocatore salta a rimbalzo e, mentre è ancora in aria, corregge la palla a canestro, si parla di tap-in . Questa azione può essere fatta apposta per fare un passaggio e tiro o un assist.

Tap-out

Movimento simile al tap-in nel quale la palla, dopo essere rimbalzata nel ferro, viene spinta fuori dall'anello da un giocatore saltato a rimbalzo. Situazione molto spettacolare di tap-out è la "Spazzata", ovvero quando un giocatore evita che la palla entri nel canestro togliendola da esso: questo può essere fatto solamente dopo che la palla abbia toccato il ferro del canestro; se questo gesto viene compiuto prima che la palla tocchi il ferro il canestro verrà considerato valido (infrazione di Interferenza). L'infrazione di interferenza entra in atto quando un difensore devia la palla nel momento di traiettoria che parte dall'inizio della discesa della parabola fino al tocco di essa sul ferro. L'interferenza si può chiamare anche se un difensore tira la retina o tocca ferro/tabellone/sostegno mentre c'è un tiro e la parabola della palla è in fase discendente.

Stoppata di Oscar Torres - Pompea Napoli

Stoppata

La stoppata è una giocata difensiva che consiste nel fermare un tiro avversario solo dopo che il giocatore ha già lasciato la palla (se la palla viene stoppata sulla mano dell'avversario si verifica un fallo) e prima che la palla abbia cominciato la sua parabola discendente verso il canestro (altrimenti il tiro è valido e vengono comunque assegnati i due oi 3 punti). Ovviamente quest'ultima regola non viene applicata alle schiacciate. Quando il giocatore che tira appoggia la palla al tabellone (cioè la fa rimbalzare contro il tabellone per farla entrare nel canestro), il tiro non può più essere stoppato a partire dal momento in cui la palla tocca il tabellone, nemmeno se è ancora in fase ascendente e non discendente.

Blocco

In molti schemi della pallacanestro si sfruttano i "blocchi": un compagno di squadra si pone davanti all'avversario che vi sta marcando, dandovi la possibilità di "sfruttare il blocco" e lasciare sul posto il diretto avversario, bloccato dalla presenza del vostro compagno. Se si cerca di ostacolare il difensore muovendosi è un fallo, si tratta di "blocco in movimento". Il blocco va portato a gambe basse, piazzandosi addosso all'avversario, che non deve avere spazio per passare. Il giocatore con la palla cerca quindi di passare il più vicino possibile (o meglio spalla a spalla) al suo compagno, per non lasciare per niente spazio al difensore. In difesa si cerca di contrastare un blocco cambiando le marcature: chi marca il giocatore che porta il blocco prende il giocatore che lo sfrutta e viceversa. Altra alternativa consiste nel passare per "terzi", ovvero dietro bloccante e difensore, per non subire questo impedimento, lasciando però spazio per un tiro comodo all'attaccante. Il blocco viene usato anche in difesa per prendere il fallo di sfondamento

Pick & Roll

Il movimento Pick & Roll , o L , è un classico gioco a due, e nasce dal blocco portato al palleggiatore. Il giocatore che porta un blocco si gira verso l'interno e chiama la palla. Ci sono diverse strategie che la difesa può adottare per difendere sul pick & roll. Può cambiare, contenere, aiutare e recuperare, raddoppiare, passare "dietro", indirizzare verso la linea di fondo. Tuttavia è molto importante la lettura della difesa per effettuare il tiro più facile. La variante di questo gioco nella quale il bloccante si allarga lontano da canestro per poter effettuare un tiro da fuori si chiama Pick & Pop. Il movimento del Pick & Roll è stato portato a livelli altissimi dalla celebre coppia degli Utah Jazz composta dal playmaker John Stockton e dall'ala grande Karl Malone .

Scarico

Quando il giocatore va in penetrazione i difensori della squadra avversaria si stringono in "aiuto" verso il centro dell'area: questo lascia alcuni compagni di squadra liberi, pronti a ricevere da chi è penetrato il cosiddetto "scarico", un passaggio improvviso che mette in condizione chi lo riceve di tentare subito una soluzione d'attacco senza la pressione della difesa.

Taglio

Il taglio è il movimento compiuto da un giocatore senza la palla verso il canestro, finalizzato al ricevere un assist ed andare facilmente a segnare. Si cerca di passare davanti al proprio difensore, anticipandolo e quindi smarcandosi dall'avversario. Il back-door è un taglio dell'attaccante generalmente lungo la linea di fondo campo muovendo verso il canestro. In questo caso, invece, si cerca di passare dietro il difensore (si chiama anche taglio-dietro) per sorprenderlo e ricevere il passaggio smarcante.

Doppia doppia e Tripla doppia

Nel linguaggio cestistico si ha una doppia doppia o tripla doppia quando un giocatore va in doppia cifra in rispettivamente due o tre diverse categorie di statistiche considerate positive (quindi ad esempio non le palle perse). La tripla doppia più ricorrente è quella Punti-Assist-Rimbalzi. È una statistica molto difficile da "realizzare", infatti solo due giocatori sono riusciti a tenerla come media in un'intera stagione: Oscar Robertson in quella del 1961-1962 e Russell Westbrook in quella del 2016-2017 , del 2017-2018 e del 2018-2019 . Westbrook è inoltre stato il primo nella storia della NBA a mantenere la tripla doppia di media per due e successivamente tre stagioni di fila.

Nel campionato di pallacanestro italiano esistono 6 voci positive, poiché a fianco di assist, punti, rimbalzi, stoppate e recuperi, la Lega Basket conteggia anche i falli subiti in quanto concorrono positivamente alla determinazione della valutazione (parametro presente in Europa e nelle competizioni internazionali, ma non in NBA ) [11] .

La Quadrupla doppia

Una quadrupla doppia si raggiunge andando in doppia cifra in quattro delle cinque categorie statistiche. Nella storia dell'NBA solo quattro giocatori ne sono stati capaci: Alvin Robertson (riuscito nell'impresa grazie alle sole palle rubate e non le stoppate come i prossimi), Hakeem Olajuwon , David Robinson , Nate Thurmond .

È virtualmente possibile realizzare anche una quintupla doppia, ma nessuno c'è mai riuscito. Più accessibile, ma comunque raro perché indice di grande versatilità, è invece realizzare un 5x5 , altro tipo di statistica che richiede sempre 5 specialità diverse, ma abbassa a 5 il livello da raggiungere. Hakeem Olajuwon ne ha messe a segno ben 6.

La valutazione

Da diversi anni è in uso un sistema di calcolo che considera diversi parametri, sia in positivo che in negativo.
In positivo:

  • Punti, assist, recuperi, rimbalzi, stoppate, falli subiti.

In negativo:

  • Tiri sbagliati, palle perse, falli commessi, stoppate subite.

Il risultato è un punteggio che dà ragione della complessiva prestazione in campo di un giocatore. All'occhio salta subito il dato delle stoppate prese: un giocatore che si vede respingere un tiro da un avversario riceve infatti un -2, che equivale alla somma del punto in meno per il tiro sbagliato e del punto sottratto per la stoppata subita.

Attacco

L'attacco nella pallacanestro non si basa su giocatori di ruolo specifici, ma è anch'esso di squadra. Ogni giocatore, a seconda del suo ruolo, può sfruttare o meno diverse possibilità: tiro da fuori, penetrazione, gioco spalle a canestro e così via. Solitamente ogni squadra ha determinati schemi, studiati in modo da adattarsi ad ogni tipo di difesa che la squadra avversaria attua.

Difesa

Difesa sotto canestro

La difesa nella pallacanestro è un mezzo tecnico fondamentale per vincere le partite e misura il grado di maturità dei giocatori.

Tecnicamente la difesa si può suddividere in tre settori di applicazione: difesa sul portatore di palla; difesa sul giocatore senza palla; difesa ai rimbalzi. Inoltre la squadra può difendere a uomo oppure a zona, attuando o meno il pressing o il raddoppio sul portatore di palla. Differenza sostanziale tra la difesa ad uomo e quella a zona sta nel fatto che la prima segue lo spostamento del giocatore mentre la seconda quello della palla.

Difesa sul portatore di palla

La difesa sul portatore di palla è di sicuro la più difficile ed è quella che necessita del maggior dispendio energetico. Tecnicamente il difensore dovrà posizionarsi in posizione reattiva: gambe piegate, baricentro basso e braccia larghe, pronte ad ostacolare il palleggio ed il passaggio, facendo attenzione a non commettere falli, e posizionandosi davanti all'avversario, più esattamente davanti al pallone, facendo attenzione a non farsi superare, ma obbligando, se possibile, l'arresto del palleggio. Di solito si chiede di non farsi superare nei primi 2 palleggi, al fine di facilitare l'aiuto da parte di un compagno. Il primo passo è, infatti, fondamentale per l'attaccante se vuole superare un difensore, e se questi riesce a contenere lo scatto sarà più facilmente aiutato dai compagni. Il difensore, a questo proposito, deve cercare di indirizzare l'attaccante dove vuole lui, disponendosi in maniera opportuna, costringendolo ad usare la mano "debole", cercando di spingere l'attaccante verso la linea di fondo o quella laterale, per poterlo poi "chiudere" in raddoppio con un compagno.

Difesa di Nicole Antibe della Phard Napoli , 2005

Difesa sul giocatore senza palla

La difesa sul giocatore senza palla richiede sia un'impostazione tecnica che una notevole attenzione. I punti cardine del difensore sono:

  1. trovarsi sempre con le spalle a canestro (tranne che nelle rimesse da fondo campo e/o nei momenti in cui l'attaccante di propria competenza transita lungo la linea di fondo);
  2. trovarsi sempre tra l'avversario e la palla in posizione di anticipo, a meno che il giocatore sul quale si difende non sia lontano dalla palla. In questo caso ci si mette nella posizione "di flottaggio", una posizione che permette di vedere sia il portatore di palla sia l'attaccante su cui si difende tenendo la schiena verso il canestro.
  3. formare sempre un triangolo tenendo come punti di riferimento attaccante, portatore di palla avversario e se stessi, in modo da non farsi trovare in linea con l'attaccante e il playmaker avversario. In questo modo si possono evitare tagli " Back door " verso canestro dell'uomo che si sta marcando.

In aggiunta a questi due fattori, il difensore dovrà essere pronto ad aiutare il compagno che difende sul portatore di palla. Si parla in questo caso di aiuto (di solito arriva dal compagno che marca l'uomo più lontano dalla palla, che come detto prima si è staccato dal suo uomo).

Difesa a rimbalzo

La difesa ai rimbalzi in seguito al tiro della squadra avversaria, richiede tecnica ed attenzione, ed è strettamente legata alla difesa sul giocatore senza palla. I punti cardine per il difensore ai rimbalzi sono:

  1. al momento del tiro guardare il proprio avversario di riferimento;
  2. tagliarlo fuori , cioè posizionarsi saldamente tra il canestro e l'avversario;
  3. andare infine al rimbalzo.

Il giocatore che difende sul tiratore dovrà invece disinteressarsi del pallone e tagliarlo fuori. Risulta ovvio che una cattiva marcatura sul giocatore senza palla, con una posizione errata del corpo, comporterà una pessima difesa ai rimbalzi: da qui lo stretto legame tra i due movimenti difensivi.

Difesa a uomo

Nella difesa a uomo, ogni giocatore ha il compito di fronteggiare direttamente un avversario specifico, e di seguirlo per tutta la durata dell'azione, fatta eccezione per situazioni particolarmente pericolose nelle quali dovrà andare in aiuto di un compagno. È il tipo di difesa più diffuso, e si basa solitamente su accoppiamenti tra giocatori con lo stesso ruolo e le stesse caratteristiche.

Difesa a zona

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Difesa a zona (tattica sportiva) .

Nella difesa a zona, come dice il nome, ogni giocatore ha il compito di sorvegliare e difendere una zona di competenza, qualunque avversario vi si trovi. La difesa a zona lascia più possibilità agli avversari di tirare da fuori, ma rende più difficili (ovviamente se ben realizzata) le penetrazioni. Per questo tipo di difesa è necessaria la comunicazione continua tra i compagni, per non lasciare zone scoperte. Apparentemente potrebbe sembrare una difesa meno faticosa di quella a uomo, ma la sensazione è tale solo perché spesso la difesa a zona viene sottovalutata e attuata male. Si divide in zona pari (se i giocatori nella prima linea difensiva sono in numero pari) e in zona dispari (se i giocatori nella prima linea difensiva sono in numero dispari); le più usate sono le zone 2-3 o 3-2 ma anche le zone 2-1-2 e 1-3-1 sono piuttosto utilizzate. Alla zona si può abbinare il pressing ed il raddoppio di un avversario. Si può usare anche un sistema di difesa "misto", con uno o più giocatori che seguono l'attaccante a "uomo" e gli altri disposti a "zona"; di questo tipo la "Box and One" (4 giocatori a zona e 1 a uomo) e la "triangolo e due" (3 giocatori a zona e 2 ad uomo). Sempre più spesso si vedono difese miste o match-up: in un primo momento la squadra in difesa si schiera a zona, poi, subito dopo che la squadra avversaria ha effettuato il primo passaggio, ciascun difensore marca l'avversario che si trova davanti. È un tatticismo abbastanza raffinato che ha l'obiettivo di confondere gli avversari e vanificare ogni schema offensivo predisposto per attaccare una difesa a zona. Per il minibasket è vietata la difesa a zona.

Diffusione

Le grandi squadre della NBA

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: National Basketball Association .

Nel campionato NBA le franchigie più vittoriose di sempre sono i Boston Celtics guidati da Bill Russell e Bob Cousy che vinsero undici titoli in tredici anni dal 1959 al 1968 (di cui otto consecutivi tra il 1959 ed il 1966), i Chicago Bulls dell'era Jordan - Pippen (6 titoli tre di seguito ben due volte nel 1991-1992-1993 e 1996-1997-1998), i Los Angeles Lakers di Magic Johnson e Kareem Abdul-Jabbar (5 titoli negli anni '80, quando inscenarono memorabili sfide con i Boston Celtics di Larry Bird e Kevin McHale ) e poi quelli di Kobe Bryant , Shaquille O'Neal e Phil Jackson che inanellarono tre campionati consecutivi dal 2000 al 2002, ei Spurs di Tim Duncan ; per non dimenticare i Golden State di Stephen Curry con 3 titoli in 4 anni ei Miami Heat di LeBron James , Dwyane Wade e Chris Bosh . Le squadre con più titoli in assoluto sono i Celtics ei Lakers con 17 titoli e più staccati i Bulls ei Warriors con 6.

Le pallacanestro in Europa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della pallacanestro europea .

In Europa la pallacanestro è caratterizzata da un sostanziale equilibrio di forze tra le squadre al vertice ma alcune più di altre hanno segnato la storia della Coppa dei Campioni, l'odierna Eurolega nata dopo la scissione del 2001 tra ULEB e FIBA , competizione internazionale dove si confrontano i team di alto livello dei rispettivi campionati nazionali.

Le squadre più titolate del panorama cestistico del vecchio continente sono: Real Madrid detentore di 8 Coppe dei Campioni e partecipante a 6 finali, Pallacanestro Varese col record di 10 finali consecutive dal 1970 al 1979 di cui 5 sono le vittorie, CSKA Mosca , Panathinaikos Atene e Maccabi Tel Aviv con 6 trofei, Olimpia Milano , ASK Riga , Jugoplastika Split e Olympiakos Pireo con 3, KK Cibona , FC Barcelona , Virtus Bologna e Pallacanestro Cantù con 2, Virtus Roma , Partizan Belgrado , BC Zalgiris ecc. con 1.

La pallacanestro alle Olimpiadi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pallacanestro ai Giochi olimpici .
Jugoslavia-Cecoslovacchia a Monaco di Baviera 1972

Il torneo olimpico , ancor più dei campionati mondiali , è stato luogo, in passato, di grandissime rivalità tra squadre nazionali, e quindi di leggendarie partite. Infatti, durante la Guerra Fredda , le partite tra gli Stati Uniti e l' Unione Sovietica davano origine a scontri che andavano ben oltre il solo risultato sportivo. Storico rimane l'episodio accaduto durante la cerimonia di premiazione ai Giochi olimpici di Monaco di Baviera 1972 , quando dopo aver perso in finale contro l' Unione Sovietica per un solo punto in un grande clima di contestazione arbitrale, gli Stati Uniti non si presentarono per ritirare la medaglia d'argento. È fatto noto che molti atleti di quella squadra, alcuni dei quali ormai deceduti, abbiano lasciato detto ai posteri di desiderare di non ricevere mai quella medaglia.

Il torneo che più si ricorderà negli anni fu quello di Barcellona 1992 , quando per regolamento anche gli atleti professionisti diventarono eleggibili per le competizioni olimpiche. Questa innovazione permise agli Stati Uniti di portare alle Olimpiadi le stelle della NBA , creando la squadra di pallacanestro più forte di tutti i tempi: il Dream Team . Questa squadra contava tra le sue file alcuni dei migliori giocatori della storia: Michael Jordan , Larry Bird , Magic Johnson , Charles Barkley , Scottie Pippen , David Robinson , Chris Mullin , Karl Malone , John Stockton , Clyde Drexler e Patrick Ewing , con l'aggiunta di un giocatore che allora proveniva dalla NCAA (il campionato universitario statunitense), Christian Laettner della Duke University . Quella squadra da sogno vinse tutte le partite del torneo con notevole facilità, aggiudicandosi l'oro e la gloria olimpica.

Da Montréal 1976 , fu introdotto anche il torneo femminile.

La realtà dello street basketball ei playground

Un canestro di un playground all'aperto

Nonostante la pallacanestro sia nata in una palestra ha visto, principalmente negli Stati Uniti , il proliferare nelle leghe professionistiche di nuovi talenti provenienti dal mondo dello street basketball , la pallacanestro di strada, giocata nei campetti cittadini, i cosiddetti playground .

I playground americani sono divenuti così celebri che intorno ad essi si è creato un alone di leggenda che ha alimentato la passione per la pallacanestro dei giovani giocatori di tutto il mondo.

La pallacanestro nei media

Una partita di pallacanestro nelle Filippine: il basket è uno degli sport più diffusi al mondo

Cinema

Fumetti e libri

Tra i romanzi dedicati a questo sport, è doveroso ricordare "E se c'ero, dormivo" di Francesco Piccolo , "Tre volte invano" di Emiliano Poddi e "Due sotto canestro" di Luca Cognolato , gli unici in lingua italiana. Altro romanzo in parte dedicato a questo sport è "Radio Niente" di Francesco D'Adamo .

Le varianti

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Varianti della pallacanestro

Il movimento che si occupa della pallacanestro dedicata ai minori di 12 anni è conosciuto come minibasket [12] ; quello invece dedicato agli over-30 è conosciuto come maxibasket [13] .

Una partita di 3x3

A causa della sua popolarità, la pallacanestro ha dato vita ad altri sport, simili in linea generale ma diversi per quanto riguarda le regole di gioco. Già nei primi anni di vita, il gioco di Naismith fu adattato da Senda Berenson Abbott per le donne. La differenza principale consisteva nella posizione delle giocatrici, che venivano ripartite in tre zone del campo dalle quali non potevano spostarsi [14] . La variante femminile si evolse successivamente nel basquette , chiamato anche 6 on 6 basketball , e nel netball . Il primo non è più ufficialmente praticato dagli anni novanta [15] , il secondo è ancora diffuso soprattutto in Oceania [16] .

La variante principale è quella della pallacanestro giocata 3 contro 3, a cui prendono parte due squadre da tre giocatori in campo ciascuna. Si gioca a metà campo. Sviluppatasi a partire dalla fine degli anni ottanta negli Stati Uniti dal 2020 sarà alle olimpiadi come sport ufficiale. Un esempio in Italia è il torneo nazionale Join the game per le fasce d'età under 13 e under 14.

Una variante che ha avuto un grande seguito è il basket in carrozzina , sport paralimpico . Le regole sono molto simili, le differenze risiedono in alcune infrazioni: non è consentito sollevarsi dal sedile della carrozzina , avanzare con la palla senza palleggiare dopo due spinte e sollevare da terra contemporaneamente le due ruote posteriori con la palla in mano. È gestito dall' International Wheelchair Basketball Federation [17] .

Altre varianti sono: il korfball , popolare per la possibilità per uomini e donne di giocare insieme [18] ; il beach basket , che si gioca sulla sabbia senza poter palleggiare [19] ; lo streetball , che solitamente si gioca nei playground o comunque all'aperto [20] ; il waterbasket , che si gioca in piscina e combina la pallacanestro con la pallanuoto [21] .

Esiste anche lo Slamball : in questa variante della pallacanestro bisogna portare la palla nel canestro avversario saltando su un tappeto elastico. Per proteggersi da eventuali urti causati dalle acrobazie i giocatori portano delle protezioni adeguate. I canestri in schiacciata valgono tre punti, così come quelli effettuati dal di fuori dell'area; gli altri ne valgono due.

Note

  1. ^ Luciano Canepari , basket , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ ( EN ) - Newly found documents shed light on basketball's birth , su ESPN.com , Associated Press, 13 novembre 2006. URL consultato il 20 settembre 2007 .
  3. ^ a b ( EN ) - Storia della FIBA . FIBA.com
  4. ^ For Display Purposes Only! 1st Ever Public Basketball Game Played... - RareNewspapers.com , su www.rarenewspapers.com . URL consultato l'8 dicembre 2019 .
  5. ^ Regolamento tecnico , p. 10.
  6. ^ Regolamento tecnico , pp. 111-113.
  7. ^ Regolamento tecnico , pp. 114.
  8. ^ Regolamento tecnico ufficiale della pallacanestro 2008 , Federazione Italiana Pallacanestro, Pechino, 26 aprile 2008.
  9. ^ it.eurosport.com , https://it.eurosport.com/basket/nba/2016-2017/la-nba-cambia-regolamento-meno-timeout-per-rendere-le-partite-piu-fluide_sto6251629/story.shtml .
  10. ^ NCAA changes shot clock to 30 seconds, makes other changes to game , su ncaa.com . URL consultato l'8 giugno 2015 .
  11. ^ [1]
  12. ^ Sito ufficiale del minibasket italiano , su FIP.it . URL consultato il 21 novembre 2020 .
  13. ^ ( EN ) FIMBA Basketball , su FIMBA.net . URL consultato il 21 novembre 2020 .
  14. ^ ( EN ) - Scheda su Senda Berenson di HoopHall.com Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive .
  15. ^ ( EN ) - Video sul basquette in Iowa Archiviato il 10 novembre 2007 in Internet Archive .
  16. ^ ( EN ) - Sito ufficiale della International Federation of Netball Associations
  17. ^ ( EN ) - Sito ufficiale dell'IWBF
  18. ^ ( EN ) - Sito ufficiale dell'International Korfball Federation
  19. ^ ( EN ) - Sito ufficiale della World Beach Basketball
  20. ^ ( EN ) - Sito ufficiale della Street Basketball Association Archiviato il 9 maggio 2008 in Internet Archive .
  21. ^ Sito ufficiale della Federazione Italiana Sport dell'Acqua Archiviato il 12 dicembre 2007 in Internet Archive .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni


Controllo di autorità Thesaurus BNCF 710 · LCCN ( EN ) sh85012111 · GND ( DE ) 4004646-1 · BNF ( FR ) cb119402843 (data) · NDL ( EN , JA ) 00560546
Pallacanestro Portale Pallacanestro : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro