Papa Pius XI

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Papa Pius XI
Papst Pius XI. 1JS.jpg
259è papa de l’Església catòlica
Pius Elevenh.svg
Eleccions 6 de febrer de 1922
Coronació 12 de febrer de 1922
Fi del pontificat 10 de febrer de 1939
Lema Pax Christi in Regno Christi
Cardenals creats vegeu Consistoris del papa Pius XI
Predecessor El papa Benet XV
Successor Papa Pius XII
Nom Ambrogio Damiano Achille Ratti
Naixement Desio , 31 de maig de 1857
Ordenació sacerdotal 20 de desembre de 1879 pel cardenal Raffaele Monaco Valletta
Nomenament com a arquebisbe 3 de juliol de 1919 pel papa Benet XV
Consagració a l'arquebisbe 28 d'octubre de 1919 per l' arquebisbe Aleksander Kakowski (posteriorment cardenal )
Creació cardinal 13 de juny de 1921 pel papa Benet XV
Mort Ciutat del Vaticà , 10 de febrer de 1939 (81 anys)
Enterrament Grutes del Vaticà
Signatura
PiusPPXIsignature.svg

El papa Pius XI (en llatí : Pius PP. XI , nascut Ambrogio Damiano Achille Ratti ; Desio , 31 de maig de 1857 - Ciutat del Vaticà , 10 de febrer de 1939 ) va ser el 259 bisbe de Roma i papa de l'Església catòlica des de 1922 fins a la seva mort . Des del 7 de juny de 1929 va ser el primer sobirà del nou Estat de la Ciutat del Vaticà .

Biografia

Formació

El lloc de naixement de Pius XI a Desio
Els pares de Pius XI, Teresa Galli i Francesco Ratti

Achille Ratti va néixer el 31 de maig de 1857 , a Desio , a la casa que actualment alberga el Museu de la Casa natal de Pius XI i el "Centre Internacional d'Estudis i Documentació Pius XI" (al número 4 de la via Pio XI, a l'època via Lampugnani ). Quart de cinc fills, fou batejat l'endemà del seu naixement, al prevòstel dels sants Siro i Materno amb el nom d' Ambrogio Damiano Achille Ratti (el nom d'Ambrogio en honor del seu avi patern, el seu padrí al bateig). El seu pare Francesco va estar actiu –amb poc èxit com demostren les contínues transferències– com a director en diversos establiments [1] per al processament de seda, mentre que la seva mare Teresa Galli, originària de Saronno , era filla d’un hoteler. Començar a treballar en una carrera eclesiàstica per l'exemple del seu oncle don Damiano Ratti, Achille va estudiar des 1867 al seminari de Seveso , a continuació, a la que de Monza , actualment la seu de l' Liceu Ginnasio Bartolomeo Zucchi . Es va preparar per obtenir el títol de batxillerat al Collegio San Carlo i va passar els exàmens al Liceo Parini [2] A partir del 1874 va formar part de l' ordre terciari franciscà . El 1875 va començar els seus estudis teològics; els primers tres anys al seminari major de Milà i l’últim al seminari de Seveso. El 1879 es trobava a Roma al Lombard College. Va ser ordenat sacerdot el 20 de desembre de 1879 a Roma pel cardenal Raffaele Monaco La Valletta .

Educació

Don Achille Ratti de jove

Freqüentava assíduament biblioteques i arxius, a Itàlia i a l’estranger. Va ser metge de la Biblioteca Ambrosiana [3] i des del 8 de març de 1907 prefecte de la mateixa biblioteca. [4]

Va emprendre estudis de gran abast: l' Acta Ecclesiae Mediolanensis , la col·lecció completa dels actes de l'arxidiòcesi de Milà, de la qual va publicar els volums II, III i IV respectivament el 1890 , 1892 i 1897 i el Liber diurnus Romanorum Pontificum , una col·lecció de fórmules utilitzades en documents eclesiàstics. També va descobrir la biografia més antiga de santa Inés de Bohèmia i, per estudiar, es va allotjar a Praga i, a casualitat, a Savona va descobrir els actes d’un consell provincial milanès [5] de 1311 , dels quals havia perdut la memòria. [6]

Ratti era un home de gran erudició, de fet va obtenir tres graus en els seus anys d'estudis romans: en filosofia a l'Acadèmia de San Tommaso d'Aquino de Roma, en dret canònic a la Universitat Gregoriana i teologia a la Universitat La Sapienza . També tenia una forta passió pels estudis literaris, on preferia Dante i Manzoni , i pels estudis científics, tant que havia tingut dubtes sobre si emprendre l’estudi de les matemàtiques ; en aquest sentit, va ser un gran amic i, durant un cert període, col·laborador de Don Giuseppe Mercalli , conegut geòleg i creador de l’escala homònima de terratrèmols, a qui havia conegut com a professor al seminari de Milà.

Educador

Ratti també va ser un educador vàlid, no només en l’àmbit escolar. Des del 1878 fou professor de matemàtiques al seminari menor. [7]

Mons. Ratti, que havia estudiat hebreu en el curs del seminari arquepiscopal i havia aprofundit en els estudis amb el rabí cap de Milà Alessandro Da Fano , es va convertir en professor d'hebreu al seminari el 1907 i va ocupar el càrrec durant tres anys. [8] Com a professor, va portar els seus estudiants a la sinagoga de Milà , de manera que es familiaritzessin amb l'hebreu oral, una atrevida iniciativa que era inusual als seminaris. [9]

Com a capellà de l’Última Cena a Milà, comunitat religiosa dedicada a l’educació de les noies (càrrec que va ocupar del 1892 al 1914), va poder exercir una activitat pastoral i educativa molt eficaç, entrant en contacte amb noies i noies de tots estats i condicions, però sobretot amb la bona societat milanesa: els Gonzaga , els Castiglione , els Borromeo , els Della Somaglia, els Belgioioso , els Greppi , els Thaon di Revel , els Jacini, els Osio, les famílies Gallarati Scotti .

Aquest entorn estava travessat per diferents opinions: algunes famílies eren més properes a la monarquia i al catolicisme liberal , altres eren intransigents , en línia amb l’observador catòlic de Don Davide Albertario . Tot i que no expressava una simpatia explícita per cap dels dos corrents, el jove Don Ratti tenia relacions molt estretes amb els Gallarati Scotti, que eren intransigents; va ser catequista i tutor (per consell del seu avi homònim ) del jove Tommaso Gallarati Scotti , fill de Gian Carlo, príncep de Molfetta, i de Maria Luisa Melzi d'Eril, que després es convertiria en un conegut diplomàtic i escriptor. [10]

Les tensions entre catòlics liberals i intransigents eren habituals a l’entorn catòlic de l’època, n’hi ha prou per recordar que Achille Ratti havia rebut la tonsura i el diaconat de l’arquebisbe Luigi Nazari de Calabiana , el protagonista de la crisi que porta el seu nom . [11] . Entre els seus educadors hi havia don Francesco Sala, que impartia el curs de teologia dogmàtica sobre la base d'un tomisme rigorós i don Ernesto Fontana , que impartia teologia moral amb posicions antirossinianes . [11] En aquest entorn, el pare Ratti va desenvolupar una tendència anti-liberal, que va expressar per exemple el 1891 amb motiu d'una conversa informal amb el cardenal Gruscha , arquebisbe de Viena : "El vostre país té la sort de no estar dominat pel liberalisme anticlerical , ni d’un estat que pretén lligar l’Església amb cadenes de ferro ”. [12]

Després de 1904, Tommaso Gallarati Scotti es va convertir en un representant del modernisme , la doctrina segons la qual és necessària una "adaptació de l'Evangeli a la condició canviant de la humanitat" i el 1907 va fundar la revista Il Rinnovamento . Mentre el papa Pius X publicava l’encíclica Pascendi que condemnava el modernisme, Mons. Ratti va intentar advertir el seu amic, fent de mediador i corrent el risc d’atraure les sospites dels intransigents antimodernistes. Tommaso Gallarati Scotti ja havia decidit renunciar a la revista, quan va ser atropellat per l’ excomunió . [13] La Santa Seu va investigar la responsabilitat de l'arquebisbe Andrea Carlo Ferrari per a la difusió d'idees modernistes a la seva arxidiòcesi i Mons. Ratti va haver de defensar-ho davant el papa i el cardenal Gaetano De Lai . [14]

Muntanyenc

Mossèn Achille Ratti a la muntanya (centre)

Ratti també va ser un apassionat muntanyenc : va escalar diversos cims dels Alps i va ser el primer - el 31 de juliol de 1889 - a arribar al cim del Monte Rosa des de la paret oriental; va conquerir, tot i que pesat pel pes d’un noi que portava a les espatlles, el Gran Paradiso [15] ; el 7 d'agost de 1889 puja al mont Cervino i, a finals de juliol de 1890, puja al Mont Blanc , obrint la carretera posteriorment anomenada "Via Ratti - Grasselli". El papa Ratti va ser un assidu i apassionat freqüentant del grup Grigne i durant molts anys, al tombant dels dos segles, va ser hoste de la parròquia d' Esino Lario , la base logística de les seves excursions. Les darreres pujades del futur Papa es remunten al 1913 . Durant tot el període, Ratti va ser membre, col·laborador i editor d'articles del Club Alpí Italià . El mateix Ratti va dir sobre l'alpinisme que "no era una cosa atrevida, sinó al contrari tot i només una qüestió de prudència, i una mica de coratge, força i constància, un sentiment de natura i les seves belleses més amagades" [16] . Tan bon punt va ser elegit papa, l' Alpine Club de Londres va optar per Pius XI com a membre, motivant aquesta invitació amb les tres ascensions als cims alpins més alts (la invitació va ser rebutjada, encara que amb les gràcies del papa).

Ratti, el 1899, va tenir una entrevista amb el famós explorador Luigi d'Aosta Duca degli Abruzzi per participar en l'expedició al pol nord que el duc estava organitzant. Es diu que Ratti no va ser pres, perquè un sacerdot, per excel·lent que fos un alpinista, hauria intimidat els altres companys de viatge, homes del mar i de les muntanyes.

El 1935 , en incomplir l'estricte protocol de l'Estat del Vaticà, durant la cerimònia d'inauguració de l'Escola Central Militar de Muntanyisme d' Aosta , va enviar un telegrama de felicitacions [17] .

Carrera eclesiàstica

Don Achille Ratti

La profunda competència en estudis va portar Ratti a l’atenció del papa Lleó XIII . Així, el juny de 1891 i el 1893 fou convidat a participar en algunes missions diplomàtiques després de mossèn Giacomo Radini-Tedeschi a Àustria i França . Això va succeir per recomanació del mateix Radini-Tedeschi, que havia estudiat amb Ratti al Pontifici Seminari Llombard de Roma . [18]

L’agost de 1882 va ser nomenat rector suplent de Barni , on encara avui s’aposa una placa en honor seu a l’església parroquial dedicada a l’Anunciació.

El 1888 va ingressar al col·legi de metges de la Biblioteca Ambrosiana , per convertir-se en prefecte el 1907 . El 6 de març de 1907 fou nomenat prelat de Sa Santedat amb el títol de monsenyor . [4]

Mentrestant, el 1894 s'havia unit als oblats dels sants Ambrogio i Carlo , un institut de sacerdots seculars profundament milanesos, arrelat a l' espiritualitat de sant Carles Borromeu i sant Ignasi de Loyola . [19] El P. Ratti romandrà sempre lligat als exercicis espirituals ignacians, per exemple, meditarà sobre els exercicis de 1908 , 1910 i 1911 als jesuïtes de Feldkirch , Àustria . [9]

Convocat per Pius X a Roma , era membre del Circolo San Pietro , fou nomenat viceprefecte amb dret de successió el 8 de novembre de 1911 i, el 27 de setembre de 1914 , regnant Benet XV , prefecte de la Biblioteca del Vaticà . [20] [21]

Missió a Polònia

Achille Ratti, poc després de l’ordenació episcopal rebuda el 28 d’octubre de 1919.

El 1918 el papa Benet XV el va nomenar visitant apostòlic a Polònia i Lituània i, posteriorment, el 1919 , nunci apostòlic (és a dir, representant diplomàtic a Polònia) i als 62 anys va ser elevat al rang d’arquebisbe amb el títol de Lepant . Va escollir com a secretari a Don Ermenegildo Pellegrinetti , doctor en teologia i dret canònic i sobretot políglota [22] , que mantenia un diari de la missió a Polònia de Mons. Les rates. [23]

La seva missió el va portar a afrontar la difícil situació que es va produir amb la invasió soviètica a l'agost de 1920 a causa dels problemes creats per la formulació de les noves fronteres després de la Primera Guerra Mundial . Ratti va demanar a Roma que es quedés a Varsòvia a prop del setge, però Benet XV , temerós de la seva vida, li va ordenar unir-se al govern polonès a l'exili, cosa que va fer després de retirar-se tots els altres càrrecs diplomàtics. Posteriorment va ser nomenat alt comissari eclesiàstic per al plebiscit a l'Alta Silèsia , plebiscit que s'havia de celebrar entre la població per triar entre unir-se a Polònia o Alemanya . A la regió hi va haver una forta presència del clergat alemany (recolzat pel cardenal Bertram , arquebisbe de Wroclaw ), que va impulsar la reunificació amb Alemanya. El govern polonès va demanar al Papa que designés un representant eclesiàstic que estigués per sobre de les parts, capaç de garantir la imparcialitat amb motiu del plebiscit.

La tasca específica de Ratti, de fet, era reunir el clergat alemany i polonès i, a través d’ells, tota la població. Va passar, però, que l'arquebisbe Bertram va prohibir als sacerdots estrangers de la seva arxidiòcesi (a la pràctica els polonesos) participar en el debat sobre el plebiscit. A més, Bertram va fer saber que havia comptat amb el suport de la Santa Seu: el secretari d'Estat, el cardenal Gasparri , havia donat suport a Bertram i al clergat alemany, però no va informar Ratti. Ratti no només va haver de patir aquesta descortesa, sinó que va veure com es desencadenava la premsa polonesa que l'acusava injustament de ser pro-alemany. Per tant, va ser destinat a Roma i el 4 de juny de 1921 Ratti va deixar Polònia.

Un dels seus èxits va ser obtenir l'alliberament d'Eduard von der Ropp, arquebisbe de Mahilëŭ , arrestat per les autoritats soviètiques l'abril de 1919 acusat d'activitat contrarevolucionària i alliberat l'octubre del mateix any. [24] Els primers mesos de 1920 va fer un llarg viatge diplomàtic a Lituània , pelegrinant als llocs més estimats pels catòlics lituans i a Letònia . En aquest darrer estat, va establir les bases del futur concordat , que serà el primer concordat conclòs per ell després de la seva adhesió al pontificat. També es va ocupar de la recentment restablerta diòcesi de Riga , que patia una gran escassetat de clergues i l’absència d’ordres religiosos; també es va planejar l’elevació a una arxidiòcesi . [25]

Tanmateix, l'octubre de 1921, un cop esdevingut arquebisbe de Milà, va rebre un títol honorari en teologia per la Universitat de Varsòvia. En aquest període, el cardenal Ratti probablement va desenvolupar la convicció [26] que el principal perill del qual havia de defensar-se l’Església catòlica era el bolxevisme. D’aquí la figura que explica la seva obra posterior: la seva política social destinada a combatre les masses contra el comunisme i els nacionalismes.

Arquebisbe de Milà i cardenal

Escut d'Achille Ratti com a cardenal i arquebisbe de Milà.
El cardenal Achille Ratti el 1921.

Al consistori del 13 de juny de 1921 Achille Ratti va ser nomenat arquebisbe de Milà i el mateix dia va ser creat cardenal amb el títol de Sants Silvestro i Martino ai Monti .

Va prendre possessió de l'arxidiòcesi el 8 de setembre. En el seu breu episcopat va ordenar que el Catecisme de Pius X fos l’únic utilitzat a l’arxidiòcesi, va inaugurar la Universitat Catòlica del Sagrat Cor i va iniciar la fase diocesana de la causa de canonització del pare Giorgio Maria Martinelli , el fundador del Oblats de Rho . [27]

Elecció com a pontífex romà

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Conclave de 1922 .
El nou papa Pius XI mira la loggia el dia de les seves eleccions. L’escut del papa Pius IX està brodat a la tela .

Achille Ratti va ser elegit papa el 6 de febrer de 1922 en la catorzena votació d'un conclave controvertit. De fet, els votants es van dividir en dues faccions: d'una banda, els "conservadors", que es dirigien al cardenal Merry del Val (exsecretari d'Estat del Papa Pius X ), i de l'altra els "liberals", units en preferència pels Secretari de l'Estat sortint, el cardenal Pietro Gasparri . La convergència sobre el nom del cardenal llombard va ser per tant el resultat d'un compromís.

Un cop acceptades les eleccions i escollit el nom pontifici , Pius XI, vestit amb l’ hàbit coral , va demanar poder mirar des de la lògia externa de la basílica vaticana (en lloc de la interna que feien servir els seus últims tres predecessors): se li va concedir la possibilitat i, un cop recuperada una pancarta per adornar el balcó (concretament la de Pius IX , la més recent entre les disponibles), el nou pontífex es va poder presentar a la multitud reunida a la plaça de Sant Pere , a qui va donar una benedicció simple d’ Urbi et Orbi , però sense pronunciar una paraula.

L'elecció de presentar-se amb la mirada dirigida cap a la ciutat de Roma i no dins de les muralles del Vaticà va indicar el seu desig de resoldre la qüestió romana , amb el conflicte no resolt entre els seus papers com a capital d' Itàlia i seu del poder temporal del papa. [28 ] . Significativament, el crit Viva Pio XI! Visca Itàlia! [29] .

Pontificat

Encícliques

El papa Pius XI a la cadira gestatòria , amb la tiara
Pius XI porta un vestit llis i negre
Rodolfo Villani, Retrat de Pius XI a la basílica de San Paolo fuori le Mura

La seva primera encíclica Ubi arcano Dei consilio , del 23 de desembre de 1922 , va manifestar el programa del seu pontificat, ben resumit en el seu lema "pax Christi in Regno Christi" , la pau de Crist al Regne de Crist. En altres paraules, davant la tendència a reduir la fe a una qüestió privada, el papa Pius XI va pensar en canvi que els catòlics havien de treballar per crear una societat totalment cristiana, en la qual Crist regnés sobre tots els aspectes de la vida. Per tant, pretenia construir un nou cristianisme que, en renunciar a les formes institucionals de l' Antic Règim , s'esforçés a moure's en el si de la societat contemporània. Nou cristianisme que només l’Església catòlica constituïda per Déu i intèrpret de veritats revelades va ser capaç de promoure.

Aquest programa es va completar amb les encícliques Quas primas (11 de desembre de 1925 ), que també van establir la festa de Crist Rei i Miserentissimus Redemptor (8 de maig de 1928 ), sobre el culte al Sagrat Cor .

En el camp moral, les seves encícliques més importants són recordades com les "quatre columnes". Al Divini Illius Magistri del 31 de desembre de 1929 estableix el dret de la família a educar els seus fills, com un dret original anterior al de l’Estat. A Casti Connubii del 31 de desembre de 1930 , el sagrament del matrimoni reafirma la doctrina tradicional: els primers deures dels cònjuges han de ser la fidelitat mútua, l’amor mutu i caritatiu i l’educació recta i cristiana de la descendència. Va declarar il·lícita moralment la finalització de l’embaràs per avortament i, dins de les relacions matrimonials, qualsevol remei per evitar la procreació. En l'àmbit social va intervenir amb l'encíclica Quadragesimo Anno , que celebrava el quarantè aniversari del Rerum Novarum del papa Lleó XIII , ensenyant que "per evitar l'extrem de l' individualisme d'una banda, així com el socialisme de l'altra, és necessari sobretot tenir en compte igualment la naturalesa dual, individual i social pròpia, tant del capital o de la propietat, com del treball ». Aquests tres temes, l'educació cristiana, el matrimoni i la doctrina social, es resumeixen a l'encíclica Ad Catholici Sacerdotii del 20 de desembre de 1935 sobre el sacerdoci catòlic. el sacerdot en nom de Déu beneeix el matrimoni cristià i defensa la seva santedat i indissolubilitat contra els atacs i desviacions suggerits per l'avarícia i la sensualitat; el sacerdot fa la contribució més vàlida a la solució o, almenys, a la mitigació dels conflictes socials, predicant la germanor cristiana, recordant a tothom els deures mutus de justícia i caritat evangèlica, pacificant les ànimes amargades per les dificultats morals i econòmiques, assenyalant als rics i els pobres són els únics béns als quals tothom pot i ha d'aspirar ».

Va tractar la naturalesa de l’Església a l’ encíclica Mortalium Animos del 6 de gener de 1928 , reiterant la unitat de l’Església sota la direcció del pontífex romà:

"En aquesta única Església de Crist no es troba ningú, ningú no hi queda sense reconèixer i acceptar, amb obediència, l'autoritat suprema de Pere i dels seus legítims successors".

Explicant que la unitat de l’Església no pot tenir lloc en detriment de la fe, espera el retorn dels cristians separats a l’Església catòlica. En lloc d'això, prohibeix la participació dels catòlics en els intents d'establir una Església Pan-Cristiana, per no donar "autoritat a una falsa religió cristiana, molt lluny de l'única Església de Crist".

Segons Roger Aubert, amb les seves encícliques Pius XI havia elaborat una "teologia per a la vida", que tractava els grans problemes d'un ordre moral i social. [30]

Jubileus

Pius XI va instituir un jubileu ordinari el 1925 i un extraordinari en el dinovè centenari de la Redempció (2 d'abril de 1933 - 2 d'abril de 1934). [31]

Canonitzacions i beatificacions

Blasó de l'escut
Pius Elevenh.svg

Truncat, al primer daurat, a l'àguila de negre, membre, armat, imprimat i fulgurant de vermell, al segon de plata, a tres boles de vermell disposades dues i una

El papa Pius XI va procedir a nombroses beatificacions i canonitzacions , per un total de 496 beats i 33 sants, inclosos Bernadette Soubirous , Giovanni Bosco , Teresa de Lisieux , Giovanni Maria Vianney i Antonio Maria Gianelli . També va nomenar quatre nous doctors de l’Església : Pietro Canisius , Giovanni della Croce , Roberto Bellarmino i Alberto Magno . En particular, va procedir a la beatificació de 191 màrtirs, víctimes de la Revolució francesa , que va definir com "una pertorbació universal durant la qual els drets humans es van afirmar amb tal arrogància" [32] .

En l’àmbit polític

El papa Pius XI en el seu estudi

Pius XI va normalitzar les relacions amb l'Estat italià gràcies als Pactes del Laterà (Tractat i Concordat) de l'11 de febrer de 1929 , que van posar fi a l'anomenada "qüestió romana" i van fer que les relacions entre Itàlia i la Santa Seu tornessin a la regularitat. El 7 de juny, al migdia, va néixer el nou Estat de la Ciutat del Vaticà, del qual el Suprem Pontífex era sobirà absolut. En el mateix període, es van crear diversos Concordats amb diverses nacions europees.

Sense prejudicis contra Benito Mussolini , el papa Ratti va limitar severament l'acció del partit popular, afavorint-ne la dissolució, i va negar qualsevol intent de Sturzo de reconstituir el partit. Tot i això, va haver d’afrontar controvèrsies i enfrontaments amb el feixisme a causa dels intents del règim d’hegemonitzar l’educació dels joves i de la interferència del règim en la vida de l’Església. [33] Va emetre l'encíclica Quas Primas on es va establir la festa de Crist Rei per recordar el dret de la religió a impregnar tots els camps de la vida quotidiana: des de l'Estat, fins a l'economia, fins a l'art. Per cridar els laics a una major implicació religiosa, el 1923 es va reorganitzar l'Acció Catòlica (de la qual va dir "aquesta és la poma dels meus ulls").

En el camp missioner, va lluitar per la integració amb les cultures locals en lloc d'imposar una cultura occidental. [34] Pius XI també va ser extremadament crític amb el paper passiu exercit en el camp social pel capitalisme . En la seva encíclica Quadragesimo Anno de 1931, va recordar la urgència de les reformes socials ja indicades quaranta anys abans pel papa Lleó XIII , a més va reiterar la condemna del liberalisme i de totes les formes de socialisme.

Economia

Pius XI va tornar diverses vegades a l'encíclica sobre el vincle entre diners, economia i poder. A l'encíclica Quadragesimus annus afirmava:

«En el nostre temps, ara és evident que la riquesa i el poder immens s'han concentrat en mans d'uns quants homes. Aquest poder esdevé particularment irresistible si l’exerceixen aquells que, ja que controlen i manen els diners, també són capaços de gestionar el crèdit i decidir a qui s’hauria d’assignar. D’aquesta manera subministren la sang vital a tot el cos de l’economia. Tenen poder sobre el cor del sistema de producció, de manera que ningú pot respirar contra la seva voluntat ".

( Papa Pius XI, Quadragesimus Annus 106-9, 1931 )

A l’encíclica Divini Redemptoris Pius XI es desenvolupen reflexions força habituals sobre la necessitat de resistència i paciència per part dels pobres, que han de valorar més els béns espirituals que els béns i els gaudiments terrestres. I als rics com a administradors de Déu, que han de donar als pobres el que sobra:

“Els rics no han de situar la seva felicitat en les coses de la terra ni dirigir els seus millors esforços cap a la consecució d’aquestes coses; però, considerant-se només com a administradors que saben que han de donar comptes al Mestre Suprem, l’utilitzen com a mitjans preciosos que Déu els dóna per fer el bé; i no han de deixar de distribuir el que sobra als pobres, segons el precepte evangèlic ".

( Papa Pius XI, Divini Redemptoris, 44-45, 1937 )

Resolució de la qüestió romana

Imatge commemorativa dels Pactes del Laterà . D’esquerra a dreta: Vittorio Emanuele III , el papa Pius XI i Benito Mussolini .

El primer signe d'obertura de Pius XI s'havia manifestat immediatament després de les eleccions. El nou pontífex, al contrari dels seus predecessors immediats Lleó XIII , Pius X i Benet XV , va decidir mirar cap a la lògia externa de la basílica del Vaticà, és a dir, a la plaça de Sant Pere , tot i que sense dir res, limitant-se a beneir la multitud present, mentre els fidels de Roma li responien amb aplaudiments i crits d'alegria. El gest "degut", però que es va produir després dels fets del 20 de setembre de 1870 , s'havia de considerar d'importància històrica; això va passar perquè Pius XI estava convençut que la fi del poder temporal, tot i que de manera "violenta", era, per a la missió de l'Església al món, l'alliberament de les cadenes de les passions humanes.

La Questione romana incontrava non solo le preoccupazioni e le speranze dei cattolici in Italia, ma anche di tutti i cattolici del mondo, tanto da indurre zelanti sacerdoti, peraltro missionari, come per esempio don Luigi Orione , a prendere iniziative personali e scrivere più volte al capo del governo fascista Benito Mussolini ; altri sacerdoti intervennero con propri studi presso la Segreteria di Stato Vaticana , nella persona del delegato del papa, cardinale Pietro Gasparri .

L'11 febbraio 1929 il papa fu l'artefice della firma dei Patti Lateranensi tra il cardinale Pietro Gasparri e il governo fascista di Benito Mussolini, giunta al termine di un lungo processo negoziale per chiudere il più spinoso dossier tra l'Italia e la Santa Sede [35] . Il 13 febbraio 1929 pronunciò un discorso agli studenti e ai docenti dell' Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che passò alla storia per una definizione, secondo cui Mussolini sarebbe stato «un uomo [...] che la Provvidenza Ci ha fatto incontrare [36] »:

«Le condizioni dunque della religione in Italia non si potevano regolare senza un previo accordo dei due poteri, previo accordo a cui si opponeva la condizione della Chiesa in Italia. Dunque per far luogo al Trattato dovevano risanarsi le condizioni, mentre per risanare le condizioni stesse occorreva il Concordato. E allora? La soluzione non era facile, ma dobbiamo ringraziare il Signore di averCela fatta vedere e di aver potuto farla vedere anche agli altri. La soluzione era di far camminare le due cose di pari passo.

E così, insieme al Trattato, si è studiato un Concordato propriamente detto e si è potuto rivedere e rimaneggiare e, fino ai limiti del possibile, riordinare e regolare tutta quella immensa farragine di leggi tutte direttamente o indirettamente contrarie ai diritti e alle prerogative della Chiesa, delle persone e delle cose della Chiesa; tutto un viluppo di cose, una massa veramente così vasta, così complicata, così difficile, da dare qualche volta addirittura le vertigini. E qualche volta siamo stati tentati di pensare, come lo diciamo con lieta confidenza a voi, sì buoni figliuoli, che forse a risolvere la questione ci voleva proprio un Papa alpinista, un alpinista immune da vertigini ed abituato ad affrontare le ascensioni più ardue; come qualche volta abbiamo pensato che forse ci voleva pure un Papa bibliotecario, abituato ad andare in fondo alle ricerche storiche e documentarie, perché di libri e documenti, è evidente, si è dovuto consultarne molti. Dobbiamo dire che siamo stati anche dall'altra parte nobilmente assecondati. E forse ci voleva anche un uomo come quello che la Provvidenza Ci ha fatto incontrare; un uomo che non avesse le preoccupazioni della scuola liberale, per gli uomini della quale tutte quelle leggi, tutti quegli ordinamenti, o piuttosto disordinamenti, tutte quelle leggi, diciamo, e tutti quei regolamenti erano altrettanti feticci e, proprio come i feticci, tanto più intangibili e venerandi quanto più brutti e deformi.

E con la grazia di Dio, con molta pazienza, con molto lavoro, con l'incontro di molti e nobili assecondamenti, siamo riusciti « tamquam per medium profundam eundo » a conchiudere un Concordato che, se non è il migliore di quanti se ne possono fare, è certo tra i migliori che si sono fin qua fatti; ed è con profonda compiacenza che crediamo di avere con esso ridato Dio all'Italia e l'Italia a Dio.»

( Papa Pio XI, allocuzione Vogliamo anzitutto [36] )
Papa Pio XI

Malgrado questo, nella sua enciclica Non Abbiamo Bisogno di due anni dopo, Pio XI definì il fascismo , il cui fondatore era notoriamente Mussolini, come «statolatria pagana». La Santa Sede con la firma di un concordato con uno Stato non necessariamente ne approva la politica, come confermato ad esempio da Pio XII nella sua allocuzione nel concistoro del 2 giugno 1945 (AAS 37 pag. 152) a riguardo del nazismo . [37]

Già nel 1922 , prima della sua elezione a Papa nel febbraio dello stesso anno, in occasione di un'intervista concessa al giornalista francese Luc Valti (pubblicata integralmente nel 1937 su L'illustration ), il cardinale Achille Ratti aveva dichiarato a proposito di Mussolini:

«Quell'uomo, ragazzo mio, fa rapidi progressi, e invaderà tutto con la forza di un elemento naturale. Mussolini è un uomo formidabile. Mi ha capito bene? Un uomo formidabile! Convertito di recente, poiché viene dall'estrema sinistra, ha lo zelo dei novizi che lo fa agire con risolutezza. E poi, recluta gli adepti sui banchi di scuola e in un colpo solo li innalza fino alla dignità di uomini, e di uomini armati. Li seduce così, li fanatizza. Regna sulla loro immaginazione. Si rende conto di che cosa significhi e che forza gli fornisca? Il futuro è suo. Bisognerà però vedere come tutto questo andrà a finire e che uso farà della sua forza. Che orientamento avrà, il giorno in cui dovrà scegliere di averne uno? Resisterà alla tentazione, che insidia tutti i capi, di ergersi a dittatore assoluto?. [38] »

Nell'agosto 1923 Ratti confidò all'ambasciatore del Belgio che Mussolini “non è certo Napoleone , e forse neppure Cavour . Ma lui solo ha compreso di che cosa il suo paese abbia bisogno per uscire dall'anarchia in cui un parlamentarismo impotente e tre anni di guerra l'hanno gettato. Voi vedete come abbia trascinato con sé la Nazione. Possa essergli concesso di portare l'Italia alla sua rinascita”. [39]

Il 31 ottobre 1926 l'adolescente Anteo Zamboni aveva sparato a Mussolini, a Bologna, mancando il bersaglio. Papa Ratti intervenne condannando «tale criminale attentato il cui solo pensiero ci rattrista [...] e ci fa rendere grazie a Dio del suo fallimento». L'anno successivo Pio XI esaltò Mussolini come l'uomo «il quale con tanta energia governa le sorti del paese, da fare giustamente ritenere pericolare il paese stesso ogni qualvolta pericola la sua persona. Il pronto e quasi visibile intervento della Divina Provvidenza faceva sì che quella prima tempesta poté subito venir sorpassata da un vero uragano di giubilo, di rallegramenti, di azioni di grazie, per lo scampato pericolo per la perfetta, e, si può ben dire, portentosa incolumità di chi ne doveva essere la vittima», esprimendo altresì «indignazione e orrore» per l'attentato [40] [41] .

Il cardinale Gasparri e Mussolini firmano i Patti Lateranensi.

Con i Patti Lateranensi, stipulati nel palazzo di San Giovanni in Laterano e costituiti da due atti distinti (Trattato e Concordato), veniva messa la parola fine alla freddezza e ostilità fra i due poteri, durate per cinquantanove anni. Con lo storico trattato veniva data alla Santa Sede la sovranità sullo Stato della Città del Vaticano , riconoscendolo come soggetto di diritto internazionale , in cambio dell'abbandono da parte della Santa Sede di pretese territoriali sul precedente Stato Pontificio ; mentre la Santa Sede riconosceva il Regno d'Italia con la capitale a Roma. A compensazione delle perdite territoriali e come supporto nel periodo transitorio, il governo garantiva (Convenzione finanziaria, allegata al Trattato) un trasferimento di denaro consistente in 750 milioni di lire in contanti e di un miliardo in titoli di Stato al 5 per cento che, investito da Bernardino Nogara sia in immobili sia in attività produttive, pose le basi per l'attuale struttura economica del Vaticano.

Il trattato richiamava inoltre l'articolo 1 dello Statuto Albertino , riaffermando la religione cattolica come la sola religione dello Stato . I Patti Lateranensi imponevano ai vescovi di giurare fedeltà allo Stato italiano, ma stabilivano alcuni privilegi per la Chiesa cattolica: al matrimonio religioso venivano riconosciuti effetti civili e le cause di nullità ricadevano sotto i tribunali ecclesiastici ; l'insegnamento della dottrina cattolica , definita “fondamento e coronamento dell'istruzione pubblica”, [42] diventava obbligatorio nelle scuole elementari e medie; i preti spretati o colpiti da censura ecclesiastica non potevano ottenere o conservare alcun impiego pubblico nello Stato italiano. Per il regime fascista i Patti Lateranensi costituirono una preziosa legittimazione. [43]

In segno di riconciliazione, nel luglio successivo, il papa uscì in processione eucaristica solenne in piazza San Pietro. Un avvenimento del genere non accadeva dai tempi di Porta Pia . La prima uscita dal territorio della Città del Vaticano avvenne invece il 21 dicembre dello stesso anno quando, di primissima mattina, il pontefice si recò, scortato da poliziotti italiani in bicicletta, alla basilica di San Giovanni in Laterano, per prendere ufficialmente possesso della sua cattedrale. Nel 1930 - a un anno di distanza dalla firma dei Patti Lateranensi - l'anziano cardinal Pietro Gasparri si dimise, venendo sostituito dal cardinale Eugenio Pacelli, futuro papa Pio XII .

Questione messicana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra Cristera .

Un'altra spina per papa Ratti fu rappresentata dalla politica fortemente anticlericale del governo messicano . Già nel 1914 si iniziarono vere persecuzioni nei confronti del clero e fu proibito ogni culto religioso (conseguentemente furono chiuse anche le scuole cattoliche). La situazione peggiorò nel 1917 sotto la presidenza di Venustiano Carranza . Nel 1922 il nunzio apostolico fu espulso dal Messico . Le persecuzioni contro i cristiani portarono alla rivolta dei "cristeros" il 31 luglio 1926 a Oaxaca . Nel 1928 si sancì un accordo che riammetteva il culto cattolico, ma non essendo stati rispettati i termini dell'accordo Pio XI condannò tali misure nel 1933 con l'enciclica Acerba Animi . Rinnovò la condanna nel 1937 con l'enciclica Firmissimam Constantiam .

Rapporti con il mondo della scienza

Roma, Pio XI legge alla radio il messaggio per il Congresso eucaristico di Dublino del 1932
Papa Pio XI e Guglielmo Marconi inaugurano la nuova Radio Vaticana . Sulla sinistra, Eugenio Pacelli, futuro papa Pio XII

Appassionato delle scienze fin dalla gioventù e attento osservatore dello sviluppo tecnologico, fondò la Radio Vaticana avvalendosi della collaborazione di Guglielmo Marconi , modernizzò la Biblioteca Vaticana e ricostituì con la collaborazione di padre Agostino Gemelli nel 1936 la Pontificia Accademia delle Scienze , ammettendovi anche personalità non cattoliche e pure non credenti. [44]

Fu interessato ai nuovi mezzi di comunicazione: fece installare una nuova centralina telefonica in Vaticano e sebbene personalmente si servisse poco del telefono, fu uno dei primi utilizzatori della telecopia , un'invenzione del francese Édouard Belin che permetteva di trasmettere fotografie a distanza attraverso la rete telefonica o telegrafica. Nel 1931 in risposta ad un messaggio scritto e ad una fotografia inviategli da Parigi dal cardinale Verdier inviò una sua fotografia appena scattata. [45]

L'utilizzo che fece della radio fu invece più frequente, sebbene non molti riuscissero ad intendere i suoi messaggi radiofonici, di norma pronunciati in latino. [46]

Concistori per la creazione di nuovi cardinali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Pio XI .

Papa Pio XI durante il suo pontificato ha creato 76 cardinali nel corso di 17 distinti concistori.

Morte e discorso scomparso

La salma del Pontefice, appena composta
Il corpo del papa esposto
Le esequie
Tomba di papa Pio XI nelle Grotte Vaticane.

Nel febbraio 1939 Pio XI convocò a Roma tutto l'episcopato italiano in occasione del I decennale della "conciliazione" con lo Stato Italiano, del XVII anno del suo pontificato e il 60º anno del suo sacerdozio. Nei giorni 11 e 12 febbraio egli avrebbe pronunciato un importante discorso , preparato da mesi, che sarebbe stato il suo testamento spirituale e dove, probabilmente, avrebbe denunciato la violazione dei Patti Lateranensi da parte del governo fascista e le persecuzioni razziali in Germania . Tale discorso è rimasto segreto fino al pontificato di papa Giovanni XXIII quando nel 1959 vennero pubblicate alcune parti. Egli infatti morì per un attacco cardiaco dopo una lunga malattia, [47] nella notte del 10 febbraio 1939 . È ormai assodato che il testo del discorso fu fatto distruggere per ordine di Pacelli [48] , al tempo Cardinal Segretario di Stato e responsabile di gestire il Vaticano nell'attesa della nomina di un nuovo papa.

Nel settembre 2008, un congresso organizzato a Roma dalla Pave The Way Foundation sull'operato di Pio XII nei confronti degli ebrei ha riportato la questione dei rapporti tra il Vaticano e le dittature totalitarie nell'interesse dei media. Un'ex dirigente della Federazione Universitaria Cattolica Italiana , Bianca Penco (vicepresidente della federazione tra il 1939 e il 1942 e presidente nazionale insieme a Giulio Andreotti e Ivo Murgia tra il 1942 e il 1947), ha rilasciato un'intervista al Secolo XIX in cui parla della questione. [49] Secondo il racconto della Penco, Pio XI avrebbe ricevuto alcuni esponenti di spicco della federazione nel febbraio del 1939, annunciando a questi che aveva preparato un discorso che era intenzionato a tenere l'11 febbraio, in occasione del decennale del Concordato: questo discorso sarebbe stato critico nei confronti del nazismo e del fascismo, e avrebbe anche contenuto riferimenti alle persecuzioni dei cristiani che in quegli anni avvenivano in Germania.

Il papa, secondo l'intervista, avrebbe dovuto anche annunciare un'enciclica contro l'antisemitismo, intitolata Humani generis unitas . Ma Achille Ratti morì la notte prima, il 10 febbraio e Pacelli, al tempo Cardinal Segretario di Stato e dopo poco meno di un mese eletto al pontificato come papa Pio XII , avrebbe deciso di non divulgare il contenuto di questi documenti. La Penco afferma anche che dopo la morte di papa Ratti, alle richieste dei rappresentanti della FUCI di avere informazioni sul destino del discorso che avevano potuto osservare in anteprima, l'esistenza stessa di questo sarebbe stata negata. [50] . In realtà, la cosiddetta "enciclica nascosta" era già stata commissionata da Pio XI al gesuita LaFarge e ad altri due estensori. Lo schema di enciclica, a causa del ritardo con cui arrivò a Pio XI, non trovò papa Ratti nelle condizioni di salute idonee affinché potesse leggerla e promulgarla. Infatti morì pochi giorni dopo che lo schema pervenne sul suo tavolo.

Pio XII, suo successore, non ritenne di promulgarla non certo per simpatie verso il fascismo e il nazismo, ma perché quello schema di enciclica conteneva, insieme a una chiara e netta condanna di ogni forma di razzismo e in particolare del razzismo antisemita, anche una riconferma del tradizionale antigiudaismo teologico che, sebbene nulla avesse a che fare, come ritiene la studiosa ebrea Anna Foa, con l'antisemitismo moderno le cui origini sono invece darwiniane , positiviste e teosofiche , avrebbe potuto essere facilmente strumentalizzato dal regime nazista. Se papa Pacelli avesse pubblicato integralmente quello schema di enciclica, sarebbe stato poi accusato di avere prestato argomenti teologici al razzismo hitleriano. Invece, Pio XII, ad ulteriore dimostrazione della sua ferma opposizione al nazismo e ad ogni forma di razzismo, riprese la parte antirazzista di quella "enciclica nascosta" e la inserì nella sua prima enciclica, quella contenente il programma del suo appena iniziato pontificato, la Summi Pontificatus del 1939 [51] .

Sulla base di un presunto memoriale del cardinale Eugène Tisserant ritrovato nel 1972, prese corpo la leggenda che Pio XI fosse stato avvelenato per ordine di Benito Mussolini , il quale avendo avuto sentore della possibilità di essere condannato e forse scomunicato avrebbe incaricato il medico Francesco Petacci , padre di Clara Petacci , di avvelenare il Pontefice. Questa teoria venne seccamente smentita dal cardinale Carlo Confalonieri , segretario personale di Pio XI. Questa teoria è stata inoltre esclusa dalla studiosa Emma Fattorini, reputando la tesi come un eccesso di immaginazione che non ritrova il minimo riscontro nell'attuale documentazione. [52]

Aspetti controversi

Rapporti con il Partito Popolare Italiano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dimissione di Don Sturzo dal PPI .
Papa Pio XI

Il 2 ottobre 1922 , poco prima dell'avvento del fascismo in seguito alla Marcia su Roma , papa Ratti inviò un documento in cui invitò tutti gli ecclesiastici a non collaborare con nessun partito politico, neanche con quelli di matrice cattolica. In particolare dagli archivi è stata ritrovata la lettera, in cui si invitava don Luigi Sturzo a rassegnare le dimissioni dalla carica di segretario del Partito Popolare Italiano , dimissioni date effettivamente il 10 luglio 1923 . Dopo le dimissioni di Sturzo, Mussolini poté affermare che questi era l'uomo sbagliato dentro un partito di "cattolici che invece desiderano il bene dello Stato". Il Partito Popolare Italiano entrò in una profonda crisi che ne indebolì le posizioni in Parlamento e nel paese. Nel 1926 il partito fu poi ufficialmente dichiarato disciolto. Il Papa aveva sempre nutrito scarsa fiducia nei partiti politici di qualunque orientamento e riteneva più giusto mantenere rapporti direttamente con gli Stati sovrani, soprattutto in Italia, dove il Partito Nazionale Fascista poteva mostrare una certa affinità ideologica sotto certi aspetti (garantendo il rispetto dei valori cari alla Chiesa cattolica tramite la restaurazione dell'ordine e dell'autorità) e inoltre si era dimostrato pronto a collaborare [53] .

Nell'ottobre 1938 nacque un contenzioso a Bergamo tra il federale locale e l' Azione Cattolica : Achille Starace intervenne rimuovendo il federale, ma ottenendo in cambio la rimozione di alcuni responsabili dell'Azione Cattolica già membri del Partito Popolare Italiano . Lo stesso Pontefice mostrò meraviglia per il fatto che costoro fossero stati chiamati ai vertici locali dell'associazione [54] .

Rapporti con il regime fascista

Achille Ratti diventa papa nel febbraio del 1922. La Questione romana è ancora aperta e il papa come primo atto del suo pontificato decide d'impartire la benedizione apostolica dalla loggia centrale della basilica di San Pietro , rimasta chiusa in segno di protesta sin dalla breccia di Porta Pia . Nove mesi dopo l'elezione di Pio XI ascese al potere Benito Mussolini. Già il 6 agosto Pio XI aveva scritto ai vescovi italiani in occasione dei tumultuosi scioperi e delle violenze fasciste, condannando le «passioni di parte» e le esasperazioni che portano «ora da una parte, ora dall'altra, a sanguinose offese». [55] Questo atteggiamento neutrale fu ribadito il 30 ottobre, all'indomani della Marcia su Roma , quando l' Osservatore Romano scrisse che il papa «si tiene al di sopra delle parti, ma rimane la guida spirituale che sempre presiede ai destini delle nazioni». [56]

Sono anni quelli in cui da entrambe le parti, quella italiana e quella vaticana, si tenta di giungere a una pacificazione, pacificazione che effettivamente si avrà con la firma dei Patti Lateranensi nel 1929. Dopo il 1929 i rapporti tra la Santa Sede e il Governo italiano non furono tuttavia privi di tensioni, anche molto gravi; in effetti le relazioni tra il Vaticano e il Fascismo durante il pontificato di Pio XI furono contrassegnate da alti e bassi. Dal 1922 al 1927 [57] Pio XI cercò di mantenere un atteggiamento di collaborazione con le autorità italiane, pur disapprovando l'involuzione autoritaria dello Stato [58] :

  • attribuendo ai più bassi livelli gerarchici la responsabilità delle aggressioni fasciste alle organizzazioni cattoliche e ad alcuni esponenti cattolici;
  • limitando le proteste verso gli attentati e la violenza fascista solo agli episodi che coinvolgevano i cattolici (verso le altre vittime dello squadrismo il silenzio è completo);
  • imponendo a don Luigi Sturzo le dimissioni dal Partito Popolare Italiano alla vigilia della discussione alla Camera dei deputati della riforma elettorale;
  • in seguito all'omicidio di don Giovanni Minzoni ad opera di squadristi capitanati da Italo Balbo non protesta come ci si sarebbe potuti attendere, preoccupandosi di mantenere buoni rapporti con il governo fascista [59] ;
  • cercando, all'interno del regime fascista, di ottenere i massimi privilegi possibili per negoziare con il governo una norma che avrebbe dovuto regolare il contenzioso lungo 59 anni (i Patti Lateranensi );
  • condannando l'attentato compiuto da Zamboni contro Mussolini, definendolo: "criminale attentato il cui solo pensiero ci rattrista... e ci fa rendere grazie a Dio per il suo fallimento".

Nel concistoro del 14 dicembre 1925 Pio XI fece un bilancio dei rapporti con il regime fascista [60] :

«Pur debitamente apprezzando tutto ciò che tende a impedire o, per lo meno, attenuare la lotta di classe , ea coordinare le diverse esigenze del bene comune [...] notiamo tuttavia che vi sono libertà, che la Chiesa non può fare a meno di difendere e reclamare, essendo essa aliena e per dottrina e per costituzione tanto aliena dall' anarchia , alla quale il liberalismo e il socialismo da essa condannati deprecabilmente conducono e travolgono, quanto da ogni concezione politica che facendo la società e lo Stato fine a se stessi, è facilmente, per non dire fatalmente portata a sacrificare ed assorbire i diritti individuali e particolari, con esito, come facilmente si intende, non meno disastroso.»

Papa Pio XI

Nel 1926 alcuni incidenti opposero i cattolici ai militanti fascisti: ad esempio vi furono scontri in occasione della processione dell'ottava del Corpus Domini a Livorno e in agosto altri incidenti gravi con un morto a Mantova ea Macerata . Il vescovo di Macerata scrisse a Pio XI per denunciare l'inerzia delle autorità nel reprimere gli scontri: questi rispose annullando per protesta il congresso internazionale dei ginnasti cattolici, che si sarebbe dovuto svolgere a Roma. [61] Secondo lo storico Yves Chiron «Pio XI ha sempre reagito quando militanti fascisti o lo stesso governo italiano hanno attentato agli interessi della Chiesa o alla vita sociale e religiosa dei cattolici. Ma aveva anche il desiderio, come Mussolini, di risolvere la questione romana». [61]

All'indomani della firma dei Patti Lateranensi, Pio XI indicò Mussolini come un "uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare", poi interpretato come "L'uomo della Provvidenza"; le parole esatte furono [62] :

«Siamo stati nobilmente aiutati dall'altra parte. Forse ci voleva anche un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare; un uomo che non avesse le preoccupazioni della scuola liberale, per gli uomini della quale tutte quelle leggi, tutti quegli ordinamenti, erano altrettanti feticci e, proprio come i feticci, tanto più intangibili e venerandi quanto più brutti e deformi»

Secondo Vittorio Messori , con queste parole Pio XI intendeva affermare che Mussolini non aveva i pregiudizi che avevano portato tutti i precedenti negoziatori a rifiutare qualsiasi accordo che prevedesse una sovranità territoriale per la Santa Sede .

Secondo gli antifascisti l'accordo costituì una grande vittoria morale del fascismo che diede legittimazione politica al regime e permise di ampliarne il consenso. Secondo gli intellettuali liberali, e segnatamente Benedetto Croce e Luigi Albertini , il senatore fascista professor Vittorio Scialoja (che ne avversarono in Senato l'approvazione) con i Patti Lateranensi lo Stato rinunciava al principio dell'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. Secondo i democratici cristiani e piccoli nuclei cattolici i Patti costituirono un forte momento di crisi, in quanto questi esponenti politici ritenevano inconcepibile l'alleanza tra la Chiesa cattolica e un regime incompatibile con i principi cristiani.

Già prima del 1929 il regime fascista non mancò d'interferire pesantemente in questioni di primaria importanza per la dottrina cattolica , in primo luogo l'educazione della gioventù.

Con la nascita nel 1923 dell' ONB (Opera Nazionale Balilla) erano state sciolte tutte le organizzazioni a carattere o inquadramento militare. Alcuni prefetti applicarono questa classificazione anche ai gruppi scout , nonostante spesso le autorità ecclesiastiche intervenissero in loro difesa, e molte camicie nere cominciarono a compiere atti di violenza contro appartenenti a gruppi scout , compreso l'omicidio ad Argenta di don Giovanni Minzoni , fondatore del gruppo scout locale. Per poter arginare i comportamenti fascisti nel 1924 l' Associazione scautistica cattolica italiana (ASCI) confluì, anche grazie a Pio XI , nell' Azione Cattolica italiana rimanendo comunque totalmente autonoma. Il 3 aprile del 1926 vennero approvate le cosiddette leggi fascistissime che prevedevano tra le altre cose anche lo scioglimento dei reparti scout nei centri con meno di 20 000 abitanti. Questa legge, proprio a causa dei fragili rapporti con la Chiesa, venne applicata solo dal gennaio del 1927 . Fu un duro colpo per lo scautismo che vide drasticamente ridotto il numero dei suoi gruppi. Da questo punto in avanti la vita degli scout si fece sempre più difficile, finché due anni più tardi l'ASCI venne ufficialmente chiusa.

Pio XI si trovò così, non più di due anni dopo la firma dei Patti Lateranensi, già in rotta di collisione con il Duce anzitutto a causa del ruolo della Chiesa nell'educazione dei giovani, che il regime voleva vieppiù ridurre. Alla chiusura da parte del governo nel 1931 delle sedi dell' Azione Cattolica - spesso oggetto di violenze e devastazioni da parte di gruppi fascisti - il Papa rispose duramente con l'enciclica (scritta in italiano e non in latino) Non Abbiamo Bisogno , nella quale, stigmatizzando la crescente statolatria , mette in evidenza il contrasto tra la fedeltà al vangelo di Cristo e all'ideologia fascista. Il papa così si esprime in un passo dell'enciclica:

«Or eccoci in presenza di tutto un insieme di autentiche affermazioni e di fatti non meno autentici, che mettono fuori di ogni dubbio il proposito — già in tanta parte eseguito — di monopolizzare interamente la gioventù, dalla primissima fanciullezza fino all'età adulta, a tutto ed esclusivo vantaggio di un partito, di un regime, sulla base di una ideologia che dichiaratamente si risolve in una vera e propria statolatria pagana non meno in pieno contrasto coi diritti naturali della famiglia che coi diritti soprannaturali della Chiesa.»

Il conflitto venne poi sanato con rinunce da entrambe le parti: da un lato il papa riorganizzava l'Azione Cattolica eliminando i dirigenti in odore di antifascismo, sottoponendola al diretto controllo dei vescovi e vietandone l'azione sindacale; dall'altro Mussolini licenziava Giovanni Giuriati (in quanto maggiormente esposto con l'azione di forza) e accettava l'idea che l'Azione Cattolica - una volta ridimensionata al campo esclusivamente religioso - potesse continuare ad esistere, a patto però della rinuncia all'educazione dei cittadini e alla loro formazione politica.

Papa Pio XI nel 1931

Quando Mussolinì aggredì lo Stato sovrano dell' Etiopia senza dichiarazione formale di guerra (3 ottobre 1935), Pio XI, pur disapprovando l'iniziativa italiana e temendo un avvicinamento dell'Italia alla Germania, rinunciò a condannare pubblicamente la guerra. All'unico intervento di condanna del papa (27 agosto 1935) avevano fatto seguito richiami e intimidazioni del governo italiano nel corso dei quali era intervenuto lo stesso Mussolini: il papa non doveva parlare della guerra se intendeva mantenere buoni rapporti con l'Italia. Dalla posizione di silenzio tenuta ufficialmente da Pio XI sul conflitto nacque l'immagine di un allineamento vaticano alla politica di conquista del regime: se il papa taceva e se permetteva che vescovi, cardinali, intellettuali cattolici benedicessero pubblicamente l'eroica missione di fede e civiltà dell'Italia in Africa, significava che, in sostanza, approvava quella guerra e che lasciava dire all'alto clero quanto non poteva affermare direttamente per il carattere sopranazionale della Santa Sede [63] .

Il progressivo avvicinarsi dell'Italia fascista alla Germania nazista con la copiatura delle dottrine e politiche razziste, raffreddò nuovamente i rapporti tra la Santa Sede e il regime. In seguito alla promulgazione delle leggi razziali il Vaticano confidò su un ripensamento del regime. L'ostinata volontà della Santa Sede di giungere a un accordo con il regime fascista traeva origine dalla preoccupazione di non pregiudicare la sorte dell' Azione Cattolica , di non peggiorare le relazioni diplomatiche con l'Italia in circostanze critiche, infine da una strisciante - quando non apertamente dichiarata - simpatia per la discriminazione introdotta dalle Leggi razziali da parte di alcuni ambienti cattolici [64] . La disputa, pur concentrandosi soprattutto sul riconoscimento dei matrimoni misti, peraltro assai pochi [65] , aveva ad oggetto l'intera questione del razzismo, palesemente in contrasto con il concetto di universale fratellanza proprio del Cristianesimo. Il Decreto legge impediva ai cittadini ariani il matrimonio civile con persone di altra razza e quindi che il matrimonio religioso non potesse essere trascritto nei registri dello Stato civile [66] . Il 15 luglio 1938, il giorno dopo la pubblicazione del Manifesto degli Scienziati razzisti , Pio XI, in udienza alle suore di Notre-Dame du Cénacle, condanna il razzismo come una vera e propria apostasia . Quell'allocuzione inaugura una serie di interventi di Pio XI molto severi contro il razzismo [67] .

Dopo la promulgazione delle Leggi razziali in Italia, Pio XI così si espresse in un'udienza privata al padre gesuita Tacchi Venturi :

«Ma io mi vergogno...mi vergogno di essere italiano. E lei padre [il gesuita Tacchi Venturi] lo dica pure a Mussolini! Io non come papa ma come italiano mi vergogno! Il popolo italiano è diventato un branco di pecore stupide. Io parlerò, non avrò paura. Mi preme il Concordato, ma più mi preme la coscienza [68]

E il 6 settembre 1938, in un'udienza concessa ai collaboratori della Radio cattolica belga, pronunciò le famose parole:

«Ma l'antisemitismo è inammissibile. Spiritualmente siamo tutti semiti [69]

Questa tematica occuperà un posto importante nella riflessione dell'ultimo Pio XI, tanto da giungere a progettare un'enciclica contro il razzismo, la Humani generis unitas , che però non verrà mai pubblicata a causa della morte del pontefice [70] .

Pio XI morì alla vigilia del giorno, decennale della Conciliazione, in cui avrebbe dovuto pronunciare un importante discorso all'assemblea dei vescovi italiani riuniti per l'occasione. Tale discorso, del quale conosciamo il testo in quanto reso noto da Giovanni XXIII , pur essendo severo con il Fascismo, era un tentativo di dare "un colpo di freno", come nel 1931, alla violenza fascista.

Rapporti con la Germania nazional-socialista

Papa Pio XI

Prima della tornata elettorale del 5 marzo 1933, Hitler rinnovò pubblicamente le sue garanzie nei confronti dei protestanti e dei cattolici, definendo le due Chiese “pilastri della vita tedesca” [71] e, al momento della proclamazione dei risultati (il NSDAP ottenne il 43,9% dei voti), pronunciò un discorso contro i rischi che il bolscevismo avrebbe potuto procurare all'Europa. L'arringa di Hitler impressionò positivamente il papa, al quale il nuovo cancelliere del Reich apparve come l'unico uomo di governo in grado di fronteggiare l' ideologia comunista . Due giorni dopo il voto tedesco, il pontefice confidò all'ambasciatore francese presso la Santa Sede: “ho cambiato opinione su Hitler, in sèguito al tono che ha usato in questi giorni parlando del comunismo. È la prima volta, si può ben dire, che una voce di governo si fa sentire per denunciare il bolscevismo in termini così categorici, e si unisce alla voce del papa”. [72]

Alcuni giorni dopo, nel corso di un'allocuzione ai cardinali in concistoro, Pio XI tornò ad elogiare il Führer in quanto difensore della civiltà cristiana; tanto che il cardinale Faulhaber poté testimoniare, ai vescovi della sua regione, il fatto che “il Santo Padre ha lodato pubblicamente il cancelliere dell'impero Adolf Hitler per la sua presa di posizione contro il comunismo” [73] Nella conferenza di Fulda di marzo 1933 , con una pubblica dichiarazione redatta dal cardinale Adolf Bertram e approvata dal cardinale Michael von Faulhaber , i vescovi tedeschi ritrattarono i divieti e le riserve precedentemente formulati nei confronti del nazismo: i membri del movimento e del partito nazionalsocialista potevano essere ammessi ai sacramenti ; “membri del partito in uniforme possono essere ammessi ai servizi divini e ai sacramenti anche se si presentano in gruppi numerosi”. Funzioni speciali per organizzazioni politiche in generale si dovevano evitare, ma questo non si riferiva a occasioni patriottiche in generale: in tali occasioni disposte dallo Stato, le campane delle chiese potevano essere suonate su autorizzazione delle autorità diocesane.

A una riunione del consiglio dei ministri bavarese il 24 aprile, il primo ministro poté riferire che il cardinale Faulhaber aveva dato ordine al clero di appoggiare il nuovo regime che godeva della fiducia dello stesso cardinale. [74] Il 20 luglio 1933 , pochi mesi dopo l'ascesa di Adolf Hitler al potere, fu ratificato un concordato con la Germania dopo anni di trattative - seguite anzitutto dal cardinal segretario di Stato Pacelli, il quale era stato per anni nunzio apostolico in Germania , ma negli anni successivi i nazisti non rispettarono minimamente le clausole del concordato di garanzia [75] . Per poter correttamente valutare l'importanza che assunse la stipula del Concordato tra la Santa Sede e la Germania nazista, è necessario ricordare che il Reichskonkordat fu il primo importante trattato di diritto internazionale del governo di Hitler e un successo non trascurabile della sua politica estera: se anche la Santa Sede, quale indubbia potenza in ambito morale, non disdegnava stipulare trattati con i nazionalsocialisti, allora anche per gli Stati secolari non ci sarebbero più stati ostacoli a intrattenere rapporti con il governo hitleriano. [76] Tuttavia, è bene ricordare, che prima della stipula del Concordato, il regime nazista aveva firmato intese di "collaborazione e solidarietà" con Francia, Inghilterra e Italia, mentre il 5 maggio del '33 aveva rinnovato un trattato di amicizia con l'Unione Sovietica e il suo Governo era stato accreditato alla Società delle Nazioni. [77]

A tal proposito il cardinale von Faulhaber ammise che «Papa Pio XI è stato il primo sovrano straniero a concludere con il nuovo governo del Reich un solenne concordato, guidato dal desiderio di rafforzare e promuovere gli esistenti rapporti cordiali tra la Santa Sede e il Reich tedesco»; continua Faulhaber che «In realtà papa Pio XI è stato il migliore amico, all'inizio addirittura l'unico amico del nuovo Reich. Milioni di persone all'estero avevano inizialmente un atteggiamento di attesa e diffidenza verso il nuovo Reich e solo grazie alla stipula del concordato hanno acquistato fiducia nel nuovo governo tedesco». [78] Anche Adolf Hitler espresse giubilante la sua soddisfazione per la conclusione del Concordato nel Consiglio dei ministri del 14 luglio: ancora nel giorno della sua presa di potere egli giudicava impossibile di poter raggiungere così rapidamente tale risultato; egli vedeva nel Concordato un riconoscimento senza riserve del regime nazionalsocialista da parte del Vaticano. [79]

Hitler vi ricercava un riconoscimento internazionale indubbiamente prestigioso, l'apparenza di un avallo del suo regime, che evitasse ogni isolamento diplomatico della Germania; perseguiva inoltre un ulteriore rafforzamento del proprio potere, grazie all'allargamento del consenso dei cattolici che ne sarebbe seguito, e l'eliminazione del Centro come partito organizzato, sostenuto dalla gerarchia e animato da una larga presenza del clero. Con il Reichskonkordat , affermò Hitler, «si offre alla Germania un'opportunità e si crea un'atmosfera di fiducia di particolare importanza nella decisiva lotta contro l'ebraismo internazionale». Replicando alle perplessità di quanti avrebbero desiderato una più precisa individuazione e separazione delle rispettive sfere di competenza dello Stato e della Chiesa , egli ribadì il concetto che «si tratta di un così eccezionale successo, rispetto al quale ogni obiezione critica deve venir meno» e più volte ripeté che ancora poco tempo prima egli l'avrebbe ritenuto impossibile. [80]

Secondo il cardinale Pacelli, la firma del Concordato non implicava un riconoscimento dell'ideologia nazionalsocialista, in quanto tale, da parte della curia. Era invece tradizione della Santa Sede quella di trattare con tutti i partner possibili - ovvero anche con sistemi totalitari - per tutelare la Chiesa e garantire l'assistenza spirituale. [76] Subito dopo la ratifica del Concordato ebbero inizio le prime schermaglie tra Chiesa cattolica e regime nazionalsocialista, sotto forma di proteste non di rado decise e categoriche, ma sempre intraprese con l'accortezza, da parte delle alte gerarchie del clero cattolico, di evitare uno scontro frontale e una rottura aperta con il regime. Gli elementi ideologici più frequentemente presi di mira furono in primo luogo le violazioni del Concordato, seguite dalle derive neopagane di alcune frange del regime e dal tentativo di creare una chiesa nazionale cristiana, unificata e distaccata da Roma. Ma il riconoscimento concesso al regime nei mesi precedenti - di cui il Concordato rappresenta un atto decisivo - aveva condizionato queste prime proteste che finirono per essere diluite in una serie di dichiarazioni, di silenzi, di atti, di soprassalti di protesta alternati a reticenze ea tentativi di riavvicinamento. [81]

Primo piano di Pio XI

Il 24 gennaio 1934 Hitler delegò ad Alfred Rosenberg la formazione e l'educazione dei giovani nazisti e tutte le attività culturali del partito, nominandolo DBFU [82] . Pochi giorni dopo, il 9 febbraio, Pio XI mise all' Indice la sua principale opera Il mito del XX secolo , un best seller dell'epoca (pubblicato sin dal 1930 ) e, assieme al Mein Kampf , la principale opera ideologica del nazismo; tuttavia la Santa Sede non mise mai gli scritti di Hitler all'indice e fino alla fine del suo governo il Führer rimase membro della Chiesa, cioè non fu mai scomunicato (nonostante Hitler non si ritenesse cristiano, tanto meno cattolico). [83] Nel libro Rosenberg auspicava che la Germania ritornasse al paganesimo e attaccava la razza ebraica e di conseguenza il Cristianesimo , erede del Giudaismo . L'opera era studiata nelle scuole e nelle organizzazioni giovanili naziste. La condanna, inoltre, fu eccezionalmente accompagnata da una motivazione che ne esplicitava il significato.

Rosenberg rispose con un nuovo libro: Agli oscurantisti del nostro tempo. Una risposta agli attacchi contro "Il mito del XX secolo" . Anche questo libro fu messo all'indice da Pio XI il 17 luglio 1935 . Poco prima si era tenuto a Münster il congresso del partito nazista. Clemens August von Galen , vescovo della città , si era inutilmente opposto alla presenza in città di Rosenberg con una lettera indirizzata alle autorità politiche locali. Rosenberg colse l'occasione per attaccare von Galen e gli occasionali episodi di opposizione nei confronti di alcuni aspetti del nazionalsocialismo. Ma già nel gennaio 1936 , una lettera pastorale congiunta giungeva a precisare che, se anche la Chiesa proibiva ai fedeli la lettura di determinati libri, periodici e giornali, essa non voleva con questo violare le prerogative dello Stato o del partito. [84] E lo stesso vescovo von Galen aveva dichiarato, nel 1935 , ai decani della diocesi di Münster: «Non è compito nostro giudicare l'organizzazione politica e la forma di governo del popolo tedesco, le misure ei procedimenti adottati dallo Stato; non è compito nostro rimpiangere forme di governo passate e criticare l'attuale politica dello Stato». [85]

Nel 1936 il papa intervenne tre volte, il 12 maggio, il 15 giugno e il 14 settembre, per denunciare la «guerra alla Chiesa» condotta dal regime nazionalsocialista. Inoltre in maggio, su indicazione della Santa Sede, fu proibito ai cattolici di aderire al partito nazista olandese , il Nationaal-Socialistische Beweging . [86] Negli ultimi anni di vita, Pio XI guardò con sempre maggiore ostilità al nazismo arrivando al punto da compararlo al comunismo: "Il nazionalsocialismo, per i suoi scopi ei suoi metodi, non è altro che bolscevismo" dichiarò in un'udienza tenuta il 23 gennaio 1937 ai vescovi di Berlino e di Münster [87] . Nel 1937 , a seguito delle continue interferenze del nazismo sulla vita dei cattolici e per il sempre più evidente carattere neopagano dell'ideologia nazista, il papa emise l'enciclica Mit brennender Sorge ("con viva preoccupazione"), scritta anche dietro pressione dell'episcopato tedesco [88] e redatta eccezionalmente in tedesco e non in latino, con la quale condannava fermamente alcuni aspetti dell'ideologia nazista, seguita dopo poco dalla Divini Redemptoris , con un'analoga condanna dell'ideologia comunista . Le proteste del governo tedesco furono molto dure come quella inviata dall'ambasciatore tedesco von Bergen il 12 aprile a cui replicò Pacelli. La crisi tra Santa Sede e Germania si sviluppa essenzialmente sul piano spirituale e non politico [89] .

L'atto di accusa contro la Germania di Hitler è quello di seguire una politica che può indebolire il fronte antibolscevico [ senza fonte ] . Contemporaneamente Pacelli si adoperò perché il testo dell'enciclica fosse diffuso nella maniera più capillare possibile. In Germania il governo procedette alla chiusura di tipografie ed archivi diocesani prelevandone molto materiale. A ciò la Sante Sede rispose dando disposizioni di bruciare tutti i documenti riservati [90] . Le relazioni tra governo tedesco e Vaticano raggiungono la fase più acuta quando il 18 maggio 1937 il cardinale arcivescovo di Chicago George Mundelein durante un discorso pubblico definisce Hitler come "un imbianchino austriaco e per giunta inetto", in seguito alle vibranti proteste tedesche la Santa Sede rispose circa l'inopportunità dei toni usati dal cardinale statunitense ma facendo attenzione a non smentirlo. [91] .

Nel maggio del 1938, quando Hitler visitò Roma , il Pontefice si recò a Castel Gandolfo dopo aver fatto chiudere i Musei Vaticani e spegnere le luci del Vaticano. Nell'occasione, L' Osservatore Romano non fece alcun accenno alla visita di Hitler nella capitale, e scrisse: "Il Papa è partito per Castel Gandolfo. L'aria dei Castelli Romani gli fa molto bene alla salute." [92] La chiusura dei musei e dell'accesso alla Basilica fu decisa dal pontefice per palesare la propria polemica assenza dalla città. La studiosa Emma Fattorini riporta che, sebbene "da parte di Hitler non si fosse manifestato il minimo interesse per un incontro", il papa sarebbe stato disponibile a un incontro se ciò avesse avuto uno spirito conciliante [93] . Disse in seguito Pio XI: "è tra le tristi cose questa: l'inalberare a Roma, il giorno della Santa Croce, l'insegna di un'altra croce che non è la croce di Cristo", riferendosi alle numerose svastiche (o croci uncinate) che Mussolini fece esporre a Roma in omaggio a Hitler.

Egli aveva inoltre previsto l'emanazione di un'altra enciclica - la Humani generis unitas ("l'unità della razza umana"), che condannava in modo ancora più diretto l'ideologia nazista della razza superiore . Il papa aveva incaricato per la redazione dell'enciclica il gesuita statunitense John LaFarge, che già si era occupato di tematiche razziali inerenti allasituazione negli Stati Uniti d'America . Questi, sentendo il compito al di sopra delle sue sole capacità, chiese aiuto al suo diretto superiore, il generale della Compagnia di Gesù padre Włodzimierz Ledóchowski , il quale gli affiancò il gesuita tedesco Gustav Gundlach e il gesuita Gustave Desbuquois. Tale enciclica venne completata ma mai firmata da papa Ratti a causa della sua morte. Alcuni concetti dell'enciclica furono tuttavia ripresi dal successore Pio XII nell'enciclica Summi Pontificatus .

Rapporti con il comunismo

Le valutazioni di Pio XI sul comunismo non potevano che essere negative, in questo rispecchiando la coerenza della Chiesa cattolica che ha sempre valutato l'ideologia comunista come antitetica al messaggio cristiano. [94] Nel 1937 , anche in seguito alla vittoria delle sinistre in Francia guidate dal socialista Léon Blum , ma preoccupato soprattutto per la Russia, dopo essere stato informato dall'amministratore apostolico di Mosca mons. Neveu delle purghe staliniane [95] , e per il Messico, il papa emise l' enciclica Divini Redemptoris .

«Dove il comunismo ha potuto affermarsi e dominare, — e qui Noi pensiamo con singolare affetto paterno ai popoli della Russia e del Messico — ivi si è sforzato con ogni mezzo di distruggere (e lo proclama apertamente) fin dalle sue basi la civiltà e la religione cristiana, spegnendone nel cuore degli uomini, specie della gioventù, ogni ricordo. Vescovi e sacerdoti sono stati banditi, condannati ai lavori forzati, fucilati e messi a morte in maniera inumana; semplici laici, per aver difeso la religione, sono stati sospettati, vessati, perseguitati e trascinati nelle prigioni e davanti ai tribunali»

( Pio XI, Divini Redemptoris )

La condanna papale riguarda la propaganda «veramente diabolica», il sistema economico ritenuto fallimentare, ma soprattutto conclude che il comunismo è «intrinsecamente perverso», perché propone un messaggio di millenarismo ateo che nasconde una «falsa redenzione» degli umili. [96] Già precedentemente il papa aveva espresso preoccupazione per i progressi che l'ideologia comunista faceva nella società e in particolare presso i cattolici [97] .

A differenza del testo Mit brennender Sorge pubblicato pochi giorni prima, è nota un'ampia documentazione che permette di conoscerne le diverse stesure. Con ogni probabilità, come attestano gli appunti di monsignor Valentini e Pizzardo, l'ispiratore dell'enciclica fu una lettera del generale dei gesuiti il conte Włodzimierz Ledóchowski , il quale comunque ne seguì costantemente la stesura. L'enciclica, già conclusa il 31 gennaio 1937 , fu ufficialmente pubblicata il 19 marzo. Immediatamente suscitò l'apprezzamento entusiastico dei vari movimenti di destra europei tra cui l' Action Française di Charles Maurras che a quel tempo era scomunicata.

Guerra civile spagnola

In Spagna il Fronte popolare di ispirazione marxista-leninista aveva apertamente coinvolto le sue forze anche contro la Chiesa cattolica. Pio XI comunque non poté, fino ad una fase avanzata del conflitto spagnolo , riconoscere i franchisti e il loro governo, nonostante il governo del Fronte popolare avesse promosso una violenta persecuzione della Chiesa cattolica con devastazioni di chiese, uccisioni e torture di religiosi, e addirittura saccheggi di tombe degli ecclesiastici. Questo riconoscimento era ostacolato anche dal fatto che il Fronte popolare era ancora l'unico ufficialmente riconosciuto a livello internazionale. Per sua regola inoltre la Santa Sede non ritira mai il nunzio apostolico da nessuno Stato se non vi è costretta [98] .

Essendo parte in conflitto in quanto attaccata dal Fronte popolare, la Chiesa cattolica non poté condannare le violenze commesse dalla fazione opposta ai repubblicani, e cioè da parte franchista (il bombardamento di Guernica in primis). Dopo l'abolizione della legislazione anticlericale dei repubblicani ad opera di Francisco Franco all'inizio del 1938 , i rapporti tuttavia migliorarono e il suo successore Pio XII avrebbe ricevuto in udienza particolare i combattenti Falangisti .

Vi è da precisare che nei documenti vaticani inerenti ai rapporti tra Pio XI e la Spagna franchista si delinea chiaramente un atteggiamento decisamente negativo nei confronti delle pesanti violenze comuniste del Fronte popolare contro la Chiesa, anche se emerge chiaramente l'ostilità del Papa nei confronti di Franco. Lo storico spagnolo Vicente Cárcel Ortí ha studiato e portato alla luce documenti inediti dell' Archivio Segreto Vaticano , dimostrando non solo che la Chiesa cattolica manifestò chiaramente ostilità nei confronti di Francisco Franco, ma anche riuscì - nelle persone di papa Pio XI e di alcuni Vescovi spagnoli - a convincerlo a risparmiare la vita di migliaia di repubblicani condannati a morte [99] . Il Papa nutre preoccupazione e non condivide la posizione dei cattolici baschi che già all'epoca, rivendicando l'autonomia, si erano di fatto alleati con i repubblicani spagnoli [100] .

Il 16 maggio 1938 avviene il riconoscimento ufficiale del governo di Franco tramite l'invio del nunzio apostolico a Madrid nella persona del monsignor Gaetano Cicognani .

Rapporti con gli ebrei

A Milano

Achille Ratti aveva studiato l' ebraico con il rabbino capo di Milano Alessandro Da Fano e, divenuto docente di ebraico in seminario, prese l'iniziativa di condurre i suoi allievi in sinagoga , perché potessero sentire la pronunzia ebraica. [8]

In Polonia

In veste di nunzio in Polonia , nel periodo immediatamente successivo alla prima guerra mondiale, Achille Ratti espresse considerazioni del tradizionale antigiudaismo teologico della Dottrina della Chiesa [101] che ambienti ebraici dei decenni successivi hanno considerato come ostili. Achille Ratti giunse in Polonia in un periodo in cui il crescente risentimento dei cattolici polacchi nei confronti degli ebrei stava determinando una contrapposizione sempre più aspra fino a sfociare in scontri aperti. Achille Ratti non accennò ad alcuna reazione di fronte a tali contrasti. Nel rapporto che Ratti inviò alla Santa Sede, successivo ai pogrom, si evidenziava l'eccessiva influenza che avevano gli ebrei in Polonia: «È invece grande e massima la loro importanza economica, politica, sociale». In un successivo rapporto Ratti individuava negli ebrei i più grandi nemici del cristianesimo e del popolo polacco: «Una delle più nefaste e delle più forti influenze che qui si facciano sentire, forse la più forte e la più nefasta, è quella che viene esercitata dai Giudei». [102] In altre note inviate in Vaticano monsignor Ratti informava che: «Gli ebrei in Polonia, contrariamente a quelli che vivono altrove nel mondo civile, sono elementi improduttivi. È una razza di negozianti per eccellenza», e aggiungeva: «la gran maggioranza della popolazione ebraica è immersa nella povertà più nera». A parte un numero relativamente esiguo di artigiani, la razza ebraica «consiste di piccoli commercianti, affaristi e usurai - o per essere più precisi tutt'e tre le cose contemporaneamente - che vivono dello sfruttamento della popolazione cristiana». [103]

Gli Amici Israël

A partire dalla seconda metà degli anni venti, in un clima nel quale pregiudizi antichi convivono con spinte al cambiamento, si assiste all'emergere di una prima grave frattura religiosa e politica interna alla Chiesa. Nel 1928 , alla condanna di Action Française segue la prima importante condanna formale dell'antisemitismo, avvenuta per volere di Pio XI (ove il termine antisemitismo è usato esplicitamente, cosa che non avverrà nella Mit Brennender Sorge , né durante l'intero pontificato di Pio XII). A queste condanne segue la soppressione dell' Opus sacerdotale Amici Israël (l'Opera sacerdotale Amici di Israele). Sorta nel febbraio del 1926 , in antitesi allo spirito antisemita di Charles Maurras (fondatore di Action Française ), l'associazione disponeva di un programma rivolto ai preti, contenuto in diversi opuscoli redatti in latino , che cercava di promuovere un atteggiamento nuovo, amorevole verso Israele e gli ebrei, per i quali si sarebbe dovuto evitare qualsiasi accusa di deicidio .

Al fine di operare una riconciliazione con gli ebrei, l'associazione cercava di capovolgere le antiche prese di posizione assunte dalla Chiesa: gli Amici Israël richiedevano l'abbandono di ogni discorso sul deicidio, sull'esistenza di una maledizione sugli ebrei e sull' assassinio rituale . [104] Un nuovo sentimento che doveva coinvolgere il cuore della gerarchia ecclesiastica e difatti, alla fine del 1927 , l'associazione poteva già vantare l'adesione di diciannove cardinali, duecentosettantotto vescovi e arcivescovi e tremila sacerdoti. Il 25 marzo 1928 la Congregazione per la Dottrina della Fede , emetteva un decreto che ordinava la soppressione di questa associazione in seguito alla sua proposta di riformulare la preghiera del venerdì Santo ( Oremus et pro perfidis Judaeis ) e le accuse di "accecamento" in essa contenute, oltre alla proposta di rigetto dell'accusa di deicidio. [105] Il decreto di soppressione papale affermava che il programma dell'associazione non riconosceva «la perdurante cecità di questo popolo», e che il modo di agire e di pensare degli Amici di Israele era «contrario al senso e allo spirito della Chiesa, al pensiero dei santi padri e alla liturgia». In un articolo apparso immediatamente dopo la soppressione, sulla Nouvelle Revue Théologique , padre Jean Levie SJ ricordava innanzitutto la «parte essenziale» del programma dell'Opera sacerdotale, precisando che tale programma era «chiaramente lodevole» e che «non mostrava niente che non fosse assolutamente conforme all'ideale cattolico». [104]

Ernest Jouin

Un importante capofila dell'antisemitismo cattolico era il sacerdote francese Ernest Jouin (1844-1932) che aveva fondato nel 1912 la pubblicazione antisemita e antimassonica Revue Internationale des Sociétés secrètes . Jouin si premurò di far conoscere al pubblico francese i Protocolli dei Savi Anziani di Sion come prova del presunto complotto ebraico volto alla dominazione del mondo, affermando nella prefazione: «Dal triplice punto di vista della razza, della nazionalità e della religione, l'ebreo è diventato il nemico dell'umanità» e ribadendo il suo avvertimento sui due obiettivi che gli ebrei si prefiggevano: «Il dominio universale del mondo e la distruzione del cattolicesimo». Pio XI, avendo ricevuto Jouin in udienza privata, lo incoraggiò nella sua costante denuncia di presunti complotti orditi dalle società segrete dicendo: «Continui con la sua Revue , nonostante le difficoltà finanziarie, perché lei sta combattendo il nostro nemico mortale». E lo investì della carica onorifica di protonotario apostolico . [106]

Lo storico e sociologo francese Émile Poulat scrisse in un commento relativo a Jouin - sacerdote dotato di forte e unanimemente rispettata personalità - che le sue opere e attività erano state lodate e incoraggiate da Benedetto XV e Pio XI che lo nominarono, l'uno prelato domestico e l'altro protonotario apostolico. [107]

Giudeobolscevismo in Russia

L'11 febbraio 1932 , in occasione della visita di Mussolini in Vaticano per l'anniversario della Conciliazione, Pio XI ripropose l'immagine di una Chiesa sottoposta agli attacchi concentrici dei protestanti, dei comunisti e degli ebrei. Oltre al pericolo rappresentato dalla propaganda protestante, il papa sottolineò al duce l'esistenza di un “doloroso triangolo” che era fonte di gravi preoccupazioni per la Chiesa e che era rappresentato dal Messico per quanto riguardava la massoneria, dalla Spagna dove bolscevismo e massoneria operavano insieme, e dalla Russia per quanto riguardava il giudeobolscevismo. Fu a quest'ultimo proposito che il papa espresse l'opinione secondo la quale, dietro la persecuzione anticristiana in atto in Russia, vi fosse “anche l'avversione anticristiana del giudaismo”. E aggiunse un ricordo: “quando io ero a Varsavia vidi che in tutti i reggimenti bolscevichi il commissario o la commissaria erano ebrei. In Italia, tuttavia, gli ebrei fanno eccezione.” [108] .

Leggi razziali

Pio XI pochi mesi prima della morte

Nella difficilissima temperie dell'emanazione delle leggi antiebraiche italiane , Pio XI ebbe il coraggio di dichiarare, più volte e in modo ufficiale e solenne, la contrarietà sua e della Chiesa contro le leggi razziali. Pio XI si produsse in due discorsi pubblici tenuti a breve distanza e subito dopo la proclamazioni delle famigerate leggi fasciste in difesa della razza (il primo il 15 e il secondo il 28 di luglio) pronunciandosi in modo netto contro il Manifesto degli scienziati razzisti (15 luglio) lamentandosi che l'Italia, sul razzismo, imitasse “disgraziatamente” la Germania nazista (28 luglio) [109] . Il ministro degli esteri Galeazzo Ciano commentando questi discorsi riportò nei suoi diari la reazione di Mussolini che tentava far pressioni sul papa per evitare contestazioni plateali: «Sembra che il Papa abbia fatto ieri un nuovo discorso sgradevole sul nazionalismo esagerato e sul razzismo. Il Duce, che ha convocato per questa sera Padre Tacchi Venturi. Contrariamente a quanto si crede, ha detto, io sono un uomo paziente. Bisogna però che questa pazienza non mi venga fatta perdere, altrimenti agisco facendo il deserto. Se il Papa continua a parlare, io gratto la crosta agli italiani e in men che non si dica li faccio tornare anticlericali.» [110] . Le parole più nette di condanna il papa le proclamò il 6 settembre 1938 quando tenne un emozionato discorso - arrivando fino alle lacrime - in reazione ai provvedimenti fascisti che escludevano gli ebrei da scuole e università, in un'udienza privata con il presidente, il vicepresidente e il segretario della radio cattolica belga [111] , nel quale ribadiva il legame indissolubile tra cristianesimo ed ebraismo:

«L'antisemitismo è un movimento odioso, con cui noi cristiani non dobbiamo avere nulla a che fare. [...] Attraverso Cristo e in Cristo noi siamo i discendenti spirituali di Abramo. [...] Non è lecito per i cristiani prendere parte all'antisemitismo. [...] L'antisemitismo è inammissibile. Noi siamo spiritualmente semiti. [112] [113] »

Monsignor Louis Picard, presidente della radio belga, trascrisse il discorso del papa pubblicandolo su La libre Belgique . La Croix e La Documentation catholique lo ripresero pubblicandolo in Francia e le parole del papa si diffusero. [111]

In seguito il papa stesso si preoccupò di assumere i docenti universitari espulsi dagli istituti italiani in Vaticano e aiutando a ricollocarsi presso università all'estero, azione che venne proseguita anche dal suo successore Pio XII. Tra i casi più conosciuti vi furono quelli dei due illustri matematici ebrei licenziati dal Ministero italiano in base alle leggi razziali, Vito Volterra e Tullio Levi-Civita , e nominati membri della prestigiosa Accademia Pontificia delle Scienze guidata da padre Agostino Gemelli [114] . Lo storico ecclesiastico Hubert Wolf, in un'intervista televisiva, ricorda come poi il papa non si preoccupò solo degli insegnanti espulsi ma anche degli studenti ebrei, impediti dalla legge a frequentare il sistema universitario italiano: «Quando nel 1938 gli studenti ebrei di Germania, Austria e Italia vennero espulsi dalle università in quanto ebrei, Pio XI supplicò i cardinali statunitensi e canadesi, tramite una lettera scritta di suo pugno, di impegnarsi al massimo perché gli studenti di tutte le facoltà potessero terminare i loro studi negli Stati Uniti ed in Canada. Aggiunse che la Chiesa ha una particolare responsabilità verso di loro in quanto appartengono alla razza cui fa parte, nella sua natura umana, anche il Redentore, Gesù Cristo.» [115] Lo stesso Mussolini, nel discorso di Trieste del settembre del 1938, accusò il Papa di difendere gli ebrei (il famoso passaggio "da troppe Cattedre li si difende") e minacciò provvedimenti più severi a loro danno se i cattolici avessero insistito. [116]

Ciononostante, in quei giorni quasi tutti i vescovi italiani tennero omelie contrarie al regime e al razzismo. Tuttavia fu Antonio Santin , vescovo di Trieste e Capodistria , che fermò Mussolini sulle porte della cattedrale di San Giusto e minacciò il duce di non farlo entrare in chiesa se non avesse ritrattato le accuse contro il Papa. Inoltre fu proprio Santin l'unico vescovo italiano che ebbe il coraggio di andare a protestare personalmente da Mussolini a Palazzo Venezia, ricordandogli l'ingiustizia delle leggi razziali e che, contrariamente alla leggenda, c'erano ebrei anche molto poveri. Solo successivamente il vescovo informò Pio XI di quanto aveva fatto e ottenne la sua approvazione.

Pio XI protestò, poi, ufficialmente e per iscritto con il re e con il capo del governo per la violazione del Concordato prodotta dai decreti razziali. La rivista La difesa della razza ei suoi contenuti inneggianti a un razzismo biologico furono ufficialmente condannati dal Sant'Uffizio . [117]

Il Syllabus antirazzista

Nell'aprile 1938 Pio XI inviò a tutte le università cattoliche una condanna delle tesi razziali. Questo documento, chiamato Syllabus antirazzista , traeva origine da un progetto di condanna del razzismo , dell'ultra-nazionalismo, del totalitarismo e del comunismo preparato dal Sant'Uffizio nel 1936 . Nel documento si condannavano otto proposizioni, di cui sei razziste. Pio XI chiese ai professori delle università di argomentare contro le proposizioni condannate. Fecero sèguito articoli nelle grandi riviste teologiche internazionali, e comparvero studi in proposito. La dichiarazione datata 13 aprile 1938 [118] fu resa pubblica il 3 maggio, il giorno della visita di Hitler a Roma, volendo con ciò Pio XI «opporsi frontalmente a quello che riteneva il cuore stesso della dottrina del nazionalsocialismo». [119]

Infine, quando ristabilì la Pontificia Accademia delle Scienze, chiamò i matematici ebrei Tullio Levi Civita e Vito Volterra , espulsi dalle Università italiane in sèguito alle leggi razziali, a farvi parte come primi membri. [114]

Genesi

Alla pubblicazione delle Leggi razziali da parte del regime fascista di Benito Mussolini che estromettevano tutti gli italiani di origine ebraica dalla vita pubblica la reazione del Vaticano e del Papa Pio XI non si fece attendere [120] . Tra le varie iniziative in cui in discorsi pubblici, documenti e omelie veniva rigettata la politica razzista del regime [111] , vi fu quella del cosiddetto Syllabus antirazzista (in richiamo del " Sillabo " ovvero il "Syllabus complectens praecipuos nostrae aetatis errores" in italiano "Elenco contenente i principali errori del nostro tempo", che papa Pio IX pubblicò insieme all'enciclica Quanta cura nella ricorrenza della solennità dell'Immacolata Concezione, l'8 dicembre 1864 e che era un elenco di ottanta proposizioni contenente i principali errori di quel tempo secondo la chiesa cattolica) .Nell'aprile del 1938 Pio XI invitò tutte le università cattoliche a elaborare un documento di condanna delle tesi razziali,una sorta di "contromanifesto" dell'intellighènzia cattolica in risposta al Manifesto degli scienziati razzisti prodotto dai professori delle università statali in ossequio al regime. Il Papa aveva pensato ad una confutazione, in nome della verità e "contro l'imperversare di quegli errori". [121] ,delle idee razziali che si sostenevano per giustificare l'introduzione delle norme sulla razza.

Contenuto

Nel documento, ribattezzato " Syllabus antirazzista", si condannavano otto proposizioni, di cui sei razziste contrargomentando dal punto di vista scientifico le proposizioni esposte dai fascisti sulla razza. Venivano destrutturate le idee sulle quali si basavano le tesi razziali dell'epoca, molte delle quali prendevano come spunto il darwinismo sociale . Fecero seguito a questa elaborazione diversi articoli pubblicati sulle grandi riviste teologiche internazionali e comparvero studi in proposito.

La pubblicazione

La dichiarazione di smentita delle tesi razziali volute dal regime, sviluppata dagli studiosi cattolici e organizzata nel "Syllabus antirazzista", datata 13 aprile, venne resa pubblica il 3 maggio [122] , un giorno non scelto a caso da papa Ratti. Era quello infatti il giorno della visita ufficiale di Hitler a Roma, volendo con ciò il papa «opporsi frontalmente a quello che riteneva il cuore stesso della dottrina del nazionalsocialismo» [123] . Era questo un chiaro gesto di sfida e disapprovazione, sottolineato anche dal fatto che il Santo Padre decideva quel giorno di trasferirsi a Castel Gandolfo dopo aver disposto la chiusura dei Musei Vaticani, della Basilica di San Pietro, fatto spegnere tutte le luci e proibito al nunzio e ai vescovi di partecipare a qualsiasi cerimonia ufficiale in onore del Führer. Diede poi istruzioni all' Osservatore Romano di non fare alcun accenno all'incontro dei due capi di Stato (come già avvenuto in occasione della visita di Mussolini in Germania nel settembre del 1937); infatti in quei giorni neanche vi appare il nome di Hitler. Già il giorno precedente era apparso, sempre in prima pagina con tanto d'immagine l'annuncio: "Il Santo Padre a Castelgandolfo". Il Santo Padre ha lasciato Roma sabato 30 aprile alle ore 17 poiché l'aria di Roma gli "faceva male" [124] . Quale "accoglienza", Pio XI fece invece pubblicare in prima pagina un articolo sulle false dottrine dell'ideologia razzista che presentava appunto il "Syllabus antirazzista".

Encicliche di Pio XI

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elenco delle encicliche § Pio XI (1922-1939) .

Humani generis unitas , enciclica preparata, ma mai pubblicata a causa della morte del Papa.

Genealogia episcopale e successione apostolica

La genealogia episcopale è:

Monumento a papa Pio XI a Desio .

La successione apostolica è:

Onorificenze

Onorificenze della Santa Sede

Il papa è sovrano degli ordini pontifici della Santa Sede mentre il Gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal pontefice o concesso a una persona di fiducia, solitamente un cardinale .

Sovrano dell'Ordine supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine supremo del Cristo
— 1922-1939
Sovrano dell'Ordine dello Speron d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine dello Speron d'Oro
— 1922-1939
Sovrano dell'Ordine Piano - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Piano
— 1922-1939
Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno
— 1922-1939
Sovrano dell'Ordine di San Silvestro Papa - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Silvestro Papa
— 1922-1939
Sovrano dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
— 1928-1939 (già Gran Maestro e Cavaliere di Collare, 1922-1928, dimesso)

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia)
«Per il sapiente ministero durante gli anni di nunziatura apostolica in Polonia»
— 25 gennaio 1922

Note

  1. ^ Fra cui quello del cav. Ernesto Riva a Carugate , come riportato nella biografia di Guido Guida del 1938
  2. ^ Sito del Vaticano
  3. ^ Nella Biblioteca Ambrosiana esiste un collegio di dottori, a cui si è ammessi per cooptazione , che dirigono il lavoro dei bibliotecari, portano avanti ricerche erudite e sono al servizio dei lettori e dei ricercatori stranieri. Fra i dottori viene eletto il prefetto, che dirige la biblioteca. Cfr Chiron, op. cit., p. 52
  4. ^ a b Chiron, op. cit., p. 76
  5. ^ All'epoca Savona apparteneva alla provincia ecclesiastica di Milano.
  6. ^ Chiron, op. cit., pp. 55, 56, 69
  7. ^ Chiron, op. cit., pp. 30-31
  8. ^ a b Chiron, op. cit., pp. 30, 77
  9. ^ a b Chiron, op. cit., p. 78
  10. ^ Chiron, op. cit., pp. 47-48
  11. ^ a b Chiron, op. cit., p. 29
  12. ^ Chiron, op. cit., p. 57
  13. ^ La scomunica è del 24 dicembre 1907
  14. ^ Chiron, op. cit., pp. 81-85
  15. ^ [1]
  16. ^ M. Cuaz, Le Alpi , Bologna, 2005 p. 122
  17. ^ Franco Fucci, Aosta l'università della montagna , su Storia illustrata nº 313, dicembre 1983 pag. 29
  18. ^ Chiron, op. cit., pp. 56-60
  19. ^ Chiron, op. cit., p. 60
  20. ^ Chiron, op. cit., pp. 86-90
  21. ^ AA. VV., Il Circolo San Pietro - Fra i poveri e gli emarginati , Roma, 2006.
  22. ^ Conosceva il russo , il polacco , lo sloveno , il ceco , il bulgaro e l' ungherese .
  23. ^ Chiron, op. cit., p. 96
  24. ^ Chiron, op. cit., p. 106
  25. ^ Chiron, op. cit., pp. 108-109
  26. ^ Pierre Milza, Serge Berstein: Storia del Fascismo. 1980, Editions du Seuil
  27. ^ Chiron, op. cit., pp. 128-129
  28. ^ Patti lateranensi: Pio XI prima di Mussolini , su ilcattolico.it . URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 9 febbraio 2019) .
  29. ^ Biografia di Pio XI - vatican.va
  30. ^ R. Aubert, L'insegnamento dottrinale di Pio XI , in Pio XI nel trentesimo della morte (1939-1969) , Milano, 1969, p. 209, cit. in Chiron, op. cit., p. 6
  31. ^ Pio XI , su www.treccani.it , Treccani . URL consultato il 13.01.2020 .
  32. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007 "Mi riferisco alla beatificazione dei martiri della Rivoluzione francese, quella rivoluzione che, come ebbe a dire nel 1922 aveva portato alla " perturbazione universale durante la quale furono affermati, con tanta arroganza, i diritti dell'uomo "
  33. ^ AA. VV., Il fascismo , Mondadori, Milano, 1998
  34. ^ Tra Milano e Roma: «Pio XI e il suo tempo» , su www.osservatoreromano.va , L'Osservatore Romano . URL consultato il 12 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  35. ^ Verdiana Garau, Il Vaticano alla prova della storia , Osservatorio Globalizzazione, 4 febbraio 2020
  36. ^ a b Allocuzione di Sua Santità Pio XI ai professori e agli studenti dell'Università cattolica Sacro Cuore di Milano «Vogliamo anzitutto», 13 febbraio 1929.
  37. ^ DISCORSO DI SUA SANTITÀ PIO XII «NELL'ACCOGLIERE» 2 giugno 1945
  38. ^ L'Illustration , 9 gennaio 1937, n.4897, p. 33. Traduzione riportata da Chiron, op. cit., p. 131
  39. ^ Baron Beyens, Quatre ans à Rome: 1921-1926 , Librairie Plon, Paris, 1934, p. 168
  40. ^ P. Milza, S. Berstein, Storia del fascismo , Rizzoli, Milano, 2004
  41. ^ Emilio Gentile, Contro Cesare , Feltrinelli, Milano, 2010
  42. ^ art. 36 del Concordato, Legge n. 810 del 27-5-1929
  43. ^ AA. VV. Il fascismo , Mondadori, Milano, 1998
  44. ^ Vedi Motu proprio In multis solaciis , AAS 38 (1936), p. 421, al quale seguono i primi statuti della Pontificia Accademia delle Scienze e le nomine dei primi membri, fra cui alcuni non cattolici e non credenti.
  45. ^ Chiron, op. cit., p. 280
  46. ^ Chiron, op. cit., p. 281
  47. ^ AES, Stati Ecclesiastici, pos 576, fascicolo 607 dagli appunti del cardinale Tardini "Il Papa sta male. Il professor Bonanome ha riscontrato disturbi alla prostata. Il professor Cesaliacherchi ha notato debolezza cardiaca (40-44 pulsazioni), conseguenza, come pure i dolori alla prostata, dei disturbi di circolazione. Eppure il Santo Padre ha dettato lui stesso un comunicato che comincia così -Il Papa sta bene, ma per precauzione si astiene dal dare udienze per poter essere pronto alle cerimonie di sabato e domenica- Abbiamo un po' modificato quest'annuncio per non dire bugie, pur non dicendo tutta la verità. Di più, l'anticamera ha dattilografato il solito foglio delle udienze con una lunga fila di nomi. Ciò per dare al Papa (e c'è bisogno?) l'illusione che si è tutti persuasi che lui stia bene e che si prepari ogni cosa come d'ordinario. Mi domando: è bene fare così?
  48. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007 pag. 214 "Appena morto il papa, Pacelli ordina l'immediata distruzione di tutte le copie del testo scritto da Pio XI, già composto in tipografia e pronto per essere distribuito ai vescovi."
  49. ^ Il racconto dell'ultima testimone - Mussolini, Hitler e lo scontro tra i due Papi | Liguria | Genova | Il SecoloXIX
  50. ^ Mussolini, Hitler e lo scontro tra i due Papi Archiviato il 24 settembre 2008 in Internet Archive ., articolo de "Il Secolo XIX", del 21 settembre 2008
  51. ^ Per tutto questo si veda, tra gli altri, Andrea Tornielli "Pio XII - il papa degli ebrei", Casale Monferrato, 2001
  52. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007 pag 224 "Il clima di mistero su come andarono gli avvenimenti di quegli ultimi giorni tornerà ancora a lungo nel tempo fino ad alimentare addirittura il sospetto che il Pontefice fosse stato avvelenato su commissione di Benito Mussolini , tramite il medico, dottor Petacci. Un eccesso d'immaginazione che non trova il minimo riscontro nell'attuale documentazione, ma che resta indicativa del clima. Il cardinale Tisserant avrebbe dichiarato "Lo hanno liquidato", nessuno in quel momento si azzardò a chiedere se aveva delle prove: il professor Francesco Petacci ebbe accesso alla stanza privata del pontefice subito dopo la morte di questi. Fu lui a occuparsi degli interventi necessari per la conservazione della salma."
  53. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007 pag 28-29
  54. ^ AES, Stati Ecclesiastic, pos 560, fascicolo 592, 10 ottobre "Continua dicendo che il Partito Popolare Italiano , pur avendo fatto del bene, ha anche fatto parecchio male. Sua Santità a questo punto osserva che il vescovo nel presente periodo così difficile attraversato dalla diocesi non è stato all'altezza della situazione: si è rivelato tardo, incerti, quasi timoroso."
  55. ^ Lettera apostolica ai vescovi d'Italia, AAS 14 (1922), pp. 480-481. Vedi anche Chiron, op. cit., p. 256
  56. ^ Chiron, op. cit., p. 257
  57. ^ vedi Storia del Fascismo
  58. ^ Gerlando Lentini, Pio XI, l'Italia e Mussolini Archiviato il 23 marzo 2014 in Internet Archive . , Città Nuova, 2008, p. 37
  59. ^ Nicola Tranfaglia , La prima guerra mondiale e il fascismo, UTET, Torino, 1995, p. 330.
  60. ^ Gerlando Lentini, Pio XI, l'Italia e Mussolini Archiviato il 23 marzo 2014 in Internet Archive . , Città Nuova, 2008, pp. 37-38
  61. ^ a b Chiron, op. cit., p. 262
  62. ^ Vittorio Messori , La Provvidenza e il Concordato Copia archiviata , su et-et.it . URL consultato il 31 luglio 2006 (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2006) . , Corriere della Sera , 11 novembre 2005
  63. ^ L. Ceci, Il papa non deve parlare. Chiesa, fascismo e guerra d'Etiopia , Laterza, Roma-Bari 2010.
  64. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007, p. 186
  65. ^ AES, Stati Ecclesiastici, pos. 576, fascicolo 607 "è bensì vero che tali matrimoni sono rarissimi; ...è però tanto più doloroso che per un così esiguo numero di casi sia stata vulnerata quella solenne Convenzione."
  66. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007, pp. 184-185
  67. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007 pp. 176-181
  68. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007, p. 171
  69. ^ G. Miccoli, I dilemmi ei silenzi di Pio XII , Rizzoli, Milano, 2007, p. 309; cfr E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007 p. 181
  70. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007, pp. 170-186
  71. ^ Andrea Tornielli, Pio XII , Mondadori, Milano, 2008, pp. 174-175
  72. ^ François Charles-Roux , dispaccio del 7 marzo 1933, Archives du ministère des Affaires étrangerès, Parigi, vol. 37, f. 63
  73. ^ “Protokoll der Konferenz des bayerischen Episkopates. Regensburg, 20 April 1933”, in Akten Deutscher Bischöfe über die Lage der Kirche (1933-1945) , Magonza 1968, t. I, p. 68
  74. ^ G. Lewy, I nazisti e la Chiesa , Net, Milano, 2002, pp. 66-67
  75. ^ G. Miccoli, Santa Sede, guerra e Shoah: una proposta di discussione , in Annali "In quei primi mesi del potere nazista, la Santa Sede e la Chiesa cattolica tedesca si mostrarono dunque concentrate soprattutto a tutelare la propria condizione in Germania, stipulando con il regime a titolo di garanzia (ben presto rivelatasi illusoria) quel Concordato valido per tutto il Reich quale vanamente la curia aveva auspicato nel passato decennio".
  76. ^ a b H. Wolf, Il Papa e il diavolo , Donzelli, Roma, 2008, p. 187
  77. ^ Ronald Rychlak, Goldhagen vs Pio XII , in First Things (June-July 2002), pagine 37-54. .
  78. ^ K. Deschner, La politica dei papi nel XX secolo , Tomo I, Ariele, Milano, 2009, p. 325
  79. ^ F. Engel-Janosi, Il Vaticano fra fascismo e nazismo , Le Monnier, Firenze, 1973, p. 162
  80. ^ G. Miccoli, I dilemmi ei silenzi di Pio XII , Rizzoli, Milano, 2000, pp. 124-125
  81. ^ G. Miccoli, I dilemmi ei silenzi di Pio XII , Rizzoli, Milano, 2000, pp. 126-127
  82. ^ La sigla è l'abbreviazione della carica di "Plenipotenziario del Führer per l'Agenzia della Supervisione di tutti gli intellettuali e per l'insegnamento ideologico nel partito nazista NSDAP". Tale carica venne poi strutturata in un ente ministeriale e preposta al controllo dello sviluppo e della diffusione della cultura tedesca.
  83. ^ G. Lewy, I nazisti e la Chiesa , Net, Milano, 2002, p. 224
  84. ^ G. Lewy, I nazisti e la Chiesa , Net, Milano, 2002, pp. 228-229
  85. ^ G. Lewy, I nazisti e la Chiesa , Net, Milano, 2002, p. 243
  86. ^ Chiron, op. cit., p. 373
  87. ^ Cit. in G. Miccoli, I dilemmi ei silenzi di Pio XII, BUR 2007 p. 152 .
  88. ^ Giovanni Barberini, L'ostpolitik della Santa Sede , Il Mulino, Bologna, 2007
  89. ^ AES, Germania, pos. 719, fascicolo 317 Risposta di Pacelli all'ambasciatore Von Bergen, 30 aprile 1937 "Chiara è l'intenzione religiosa, lontana da ogni tendenza politica... La Santa Sede non misconosce la grande importanza che spetta alla formazione di fronti politici di difesa, intrinsecamente sani e vitali, contro il pericolo del bolscevismo ateo... Essa non ha mai tralasciato nessuna occasione di consolidare e di perfezionare il fronte di difesa spirituale contro il bolscevismo, ...ma ciò non può costituire un lasciapassare per la tolleranza, nulla è più infondato della falsa idea che la difesa del bolscevismo possa essere fondata solo sulla forza esteriore e non spirituale... La dignità e la doverosa imparzialità... richiedono però al Santo Padre che, nel condannare il sistema di follia e di sconvolgimento del bolscevismo, egli non chiuda gli occhi davanti ad errori simili che cominciano ad annidarsi ea prendere il dominio in altre correnti politiche e ideologiche".
  90. ^ AES, Germania, pos. 720, fascicolo 328 "Il Santo Padre desidera che si risponda che brucino senz'altro (sottolineato) tutto quello che può dare luogo ad inconvenienti...Ella è pienamente autorizzata ad elevare protesta, in questo, come in tutti gli altri casi, presenti e futuri".
  91. ^ AES, Germania, pos. 720, fascicolo 326 "La Santa Sede non può essa stessa correggere o deplorare il discorso dell'Emm.mo Mundelein. Sarebbe un atto di debolezza che non farebbe che rendere ancora più superbi i capi del nazionalsocialismo e lo stesso Hitler, che nella sua auto-illusione crede che tutto il mondo debba subito inchinarsi dinanzi a lui. Certamente la parte del discorso del cardinale Mundelein riguardante le parole contro il capo dello Stato germanico sono state poco felici."
  92. ^ Citato in La Grande Storia - Pio XII: il Principe di Dio . Rai Tre, 2006
  93. ^ ASDMEI, Affari politici (1931-1945), Germania, b.49 (1938), fascicolo 2, Viaggio di Hitler in Italia "Stamane - riferisce Ciano il 19 aprile all'Ambasciata di Berlino - parlando con il Segretario di Stato, ho riportato il discorso sull'eventuale visita del Fuhrer al Papa. Il porporato si è mantenuto riservato. Egli però si è detto convinto che il Signor Fuhrer non farà mai la pubblica dichiarazione pretesa dal Pontefice. Ho osservato che se il Signor Fuhrer dimostrasse il serio proposito di fare visita al Santo Padre, forse il Pontefice s'indurrebbe, alla fine, a dare prova di spirito conciliante. Il Cardinale Pacelli mi ha dato l'impressione di condividere il mio parere."
  94. ^ Infatti già papa Pio IX aveva condannato il comunismo come una dottrina «massimamente avversa allo stesso diritto naturale; una volta che essa sia ammessa, i diritti di tutti, le cose, la proprietà, anzi la stessa società umana si sconvolgerebbero dal fondo» ( Qui pluribus , 9 novembre 1846). Leone XIII aveva definito il comunismo «la micidiale pestilenza che serpeggia per le intime viscere della società e la riduce all'estremo pericolo di rovina» ( Quod apostolici muneris , 28 dicembre 1878). Cfr. Chiron, op. cit., p. 423, nota 26
  95. ^ Chiron, op. cit., pp. 423-424
  96. ^ Chiron, op. cit., p. 425
  97. ^ Lettera citata in P. Christophe, Les catholiques et le Front Populaire , Parigi 1986 p. 43 "Sua Santità desidererebbe che la Santa Sede fosse tenuta al corrente dell'azione comunista in Francia sotto i suoi diversi aspetti e in particolare dei tentativi di fondare cellule di infezione comunista tra gli stessi cattolici".
  98. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007 pag 91 "Si crea così una situazione particolare, anomala nei rapporti diplomatici della Santa Sede, che per regola non ritira mai il nunzio da nessuno stato se non vi è costretta, come nel caso della Russia sovietica. Certo però che le relazioni reali sono, ovviamente, più che compromesse, tanto che già nell'agosto il segretario di Stato chiede sulle pagine dell'Osservatore Romano di denunciare le atrocità antireligiose".
  99. ^ (V. Cárcel Ortí, Caídos, víctimas y mártires , edito da Espasa-Calpe, e Pío XI entre la República y Franco , ed. BAC, Madrid giugno 2008; cfr. Copia archiviata , su zenit.org . URL consultato il 22 luglio 2008 (archiviato dall' url originale il 14 maggio 2011) . )
  100. ^ AES, Stati Ecclesiastici, pos 430a, fascicolo 354, 22 dicembre 1936, "Bisognerebbe fare capire ai baschi che realmente se anche dovessero sacrificare qualcosa delle loro aspirazioni autonomistiche, riflettano bene se non è il caso di fare qualche sacrificio, al fine di non cadere vittime dei rossi, di non sacrificare molto più ai bolscevichi a fare della regione basca questa vergogna e questo pericolo per tutto l'occidente d'Europa, quale è un fulmine della propaganda bolscevica. Mandando a vedere o dire o sondare che effetto sarebbe per quel popolo di sapere da qualche parte che la SS potrebbe anche interessarli."
  101. ^ ANTISEMITISMO E ANTIGIUDAISMO in "Enciclopedia Italiana" , su www.treccani.it . URL consultato il 12 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 16 dicembre 2019) .
  102. ^ Stanislaus Wilk, Achilles Ratti (1918-1921). Acta Nuntiaturae Polonae , vol. III, Institutum Historicum Polonicum, Roma, 1997, pp. 250-261
  103. ^ David Kertzer, I papi contro gli ebrei , Rizzoli, Milano, 2001, p. 264
  104. ^ a b E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Einaudi, Torino, 2007; G. Wills, La colpa dei papi , Garzanti, Milano, 2001; G. Passelecq, B. Suchecky. L'enciclica nascosta di Pio XI , Corbaccio, Milano, 1997
  105. ^ E. Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini, Einaudi, Torino, 2007, p. 116
  106. ^ Severino Proietti, I conti della storia con la Bibbia. Rapporto di un docente di religione , Akkuaria, Catania, 2005, p. 507.
  107. ^ Emile Poulat, Intégrisme et catholicisme intégral. Un réseau secret international antimoderniste: La "Sapinière" (1909-1921) , éditions Casterman, Tournai-Paris, 1969, p. 282.
  108. ^ Renato Moro, La Chiesa e lo sterminio degli ebrei , Bologna, Il Mulino,
  109. ^ Valerio De Cesaris, Malgrado gli accordi, sul razzismo Pio XI non tacque mai , Corriere della Sera , 6 agosto 2012
  110. ^ A. Spinosa, Mussolini, Milano 1992 p. 343 e "Diario 1937-1943": Edizione integrale di Stefano Poma, Galeazzo Ciano edizioni L'Universale ISBN 9786050379983
  111. ^ a b c Vilipendere gli ebrei è una bestemmia , su osservatoreromano.va . URL consultato il 4 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  112. ^ Y. Chiron, Pie XI (1857-1939) , Perrin, Paris 2004, tr. it., p. 455; cfr. anche La Documentation catholique , 5 dicembre 1938, coll. 1459-1460.
  113. ^ Emma Fattorini "Pio XI, Hitler e Mussolini- La solitudine di un papa" (p. 181),2007 Einaudi Storia ISBN 9788806187590 e Yves Chiron, Pie XI (1857–1939) , Paris, Perrin, 2004.
  114. ^ a b Chiron, op. cit., p. 441
  115. ^ ( DE ) Hubert Wolf, "Lotta contro il male" ("Kampf gegen das Böse") , su swr.de , SWR2 , 1º novembre 2008.
    «Quando nel 1938 gli studenti ebrei di Germania, Austria e Italia vennero espulsi dalle università in quanto ebrei, Pio XI supplicò i cardinali statunitensi e canadesi, tramite una lettera scritta di suo pugno, di impegnarsi al massimo perché gli studenti di tutte le facoltà potessero terminare i loro studi nei Stati Uniti ed in Canada. Aggiunse che la Chiesa ha una particolare responsabilità verso di loro in quanto appartengono alla razza cui fa parte, nella sua natura umana, anche il Redentore, Gesù Cristo.» .
  116. ^ Trieste, il razzismo di Mussolini , su it.youtube.com , 1938. URL consultato il 10 giugno 2009 .
  117. ^ AA.VV., Actes et documents du Saint-Siège relatifs à la Seconde Guerre mondiale , 11 vol., Roma, 1965-1981.
  118. ^ in Annali della Fondazione Ugo La Malfa XXVI-2011 Di Aa.Vv. pag 152, V.De Cesaris "Le reazioni della Chiesa Cattolica all'antisemitismo fascista"
  119. ^ Chiron, op. cit., pp. 446-447
  120. ^ Valerio De Cesaris, Malgrado gli accordi, sul razzismo Pio XI non tacque mai
  121. ^ in Annali della Fondazione Ugo La Malfa XXVI-2011 Di Aa.Vv. pag 152, art.cit
  122. ^ Due papi contro il razzismo - Città nuova n.2, 2009, http://editrice.cittanuova.it/FILE/PDF/articolo714.pdf
  123. ^ Yves Chiron, Pie XI (1857–1939) , Paris, Perrin, 2004., pp. 446-447
  124. ^ La Civiltà cattolica, Edizioni 3679-3684 p.10- 11

Bibliografia

  • Discorsi di Pio XI , a cura di D. Bertetto, 3 volumi, Torino, SEI, 1959, 1960, 1961 (ristampa anastatica: Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 1985).
  • Carlo Confalonieri , Pio XI visto da vicino , Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 1993 (3ª ed.; 1ª ed. 1957).
  • Pio XI nel trentesimo della morte (1939-1969) , Milano, Opera diocesana per la preservazione e diffusione della fede, 1969.
  • Roberto Morozzo della Rocca, Le nazioni non muoiono. Russia rivoluzionaria, Polonia indipendente e Santa Sede , Bologna, Il Mulino, 1992.
  • ( FR ) Achille Ratti pape Pie XI , Actes du colloque de Rome (15-18 mars 1989) organisé par l'École française de Rome en collaboration avec l'Université de Lille III - Greco nº 2 du CNRS, l'Università degli studi di Milano, l'Università degli studi di Roma - «La Sapienza», la Biblioteca Ambrosiana, Rome, Publications de l'École française de Rome, 1996
  • Pio XI e il suo tempo , a cura di F. Cajani, Atti del Convegno, 4 volumi, I Quaderni della Brianza, Sl 2000, 2002, 2004, 2006: sono gli atti di quattro convegni di studio promossi dal Centro internazionale di Studi e Documentazione Pio XI di Desio.
  • Lettere di Achille Ratti (1875-1922) , a cura di F. Cajani, I Quaderni della Brianza, 2003.
  • Pierre Milza , Serge Berstein Storia del Fascismo , Milano, Rizzoli, 2004.
  • I cinque mesi di azione pastorale del Cardinale Achille Ratti Arcivescovo di Milano dal Diario del Segretario don Carlo Confalonieri , a cura di F. Cajani, I Quaderni della Brianza, 2005.
  • Yves Chiron, Pio XI. Il Papa dei patti Lateranensi e dell'opposizione ai totalitarismi , Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2006.
  • Lettere di Achille Ratti (1892-1922) , a cura di F. Cajani, I Quaderni della Brianza, 2006.
  • Fabio Bigatti, Quel Papa brianzolo , I Quaderni della Brianza, 2006.
  • Emma Fattorini , Pio XI, Hitler e Mussolini. La solitudine di un papa , Torino, Einaudi, 2007.
  • Salvatore Coppola, Entre la religiòn y la polìtica. I rapporti della Santa Sede con Germania, Italia e Spagna (1929-1945), Siddharth Mehta, Madrid, 2007.
  • Umberto Dell'Orto, Pio XI un papa interessante , Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2008.
  • Gerlando Lentini, Pio XI, l'Italia e Mussolini , Città Nuova, 2008.
  • Hubert Wolf, Il papa e il diavolo. Il Vaticano e il Terzo Reich , Roma, Donzelli, 2008.
  • ( ES ) Vicente Cárcel Ortí, Pío XI entre la República y Franco , Madrid, BAC, 2008.
  • Alberto Guasco, Raffaella Perin, a cura di, Pius XI Keywords. International Conference Milan 2009 , Münster, LIT, 2010.
  • Lucia Ceci , Il papa non deve parlare. Chiesa, fascismo e guerra d'Etiopia , Roma-Bari, Laterza, 2010.
  • Lucia Ceci , L'interesse superiore. Il Vaticano e l'Italia di Mussolini , Roma-Bari, Laterza, 2013.
  • Peter Eisner, Quando il Papa cercò di fermare Hitler , Feltrinelli, Milano, 2013, ISBN 9788807111303 .
  • Alberto Guasco, Cattolici e fascisti. La Santa Sede e la politica italiana all'alba del regime , Bologna, Il Mulino, 2013.
  • ( EN ) David I. Kertzer, The Pope and Mussolini: The Secret History of Pius XI and the Rise of Fascism in Europe , Random House, 2015, ISBN 978-0-8129-8367-8 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Benedetto XV 6 febbraio 1922 - 10 febbraio 1939 Papa Pio XII
Predecessore Prefetto della Biblioteca Ambrosiana Successore Ambrosiana leonardo icon.jpg
? 8 marzo 1907 - 8 novembre 1912 ?
Predecessore Pro-prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana Successore Emblem Holy See.svg
? 8 novembre 1912 - 27 settembre 1914 se stesso come prefetto
Predecessore Prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana Successore Emblem Holy See.svg
se stesso come pro-prefetto 27 settembre 1914 - 3 luglio 1919 Giovanni Mercati
Predecessore Arcivescovo titolare di Lepanto Successore Archbishop CoA PioM.svg
Biagio Pisani 3 luglio 1919 - 19 aprile 1921 Federico Tedeschini
Predecessore Nunzio apostolico in Polonia Successore Emblem Holy See.svg
titolo ripristinato dal 1719 3 luglio 1919 - 13 giugno 1921 Lorenzo Lauri
Predecessore Arcivescovo titolare di Adana Successore Archbishop CoA PioM.svg
Corradino Cavriati 19 aprile - 13 giugno 1921 Ermenegildo Pellegrinetti
Predecessore Arcivescovo metropolita di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Andrea Carlo Ferrari 13 giugno 1921 - 6 febbraio 1922 Eugenio Tosi
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalCoA PioM.svg
Giulio Tonti 16 giugno 1921 - 6 febbraio 1922 Eugenio Tosi , O.Ss.CA
Predecessore Prefetto della Congregazione del Sant'Uffizio Successore Emblem Holy See.svg
Papa Benedetto XV 6 febbraio 1922 - 10 febbraio 1939 Papa Pio XII
Predecessore Prefetto della Congregazione Concistoriale Successore Emblem Holy See.svg
Papa Benedetto XV 6 febbraio 1922 - 10 febbraio 1939 Papa Pio XII
PredecessorePrefetto della Congregazione per le Chiese Orientali Successore Emblem Holy See.svg
Papa Benedetto XV 6 febbraio 1922 - 10 febbraio 1939 Papa Pio XII
Predecessore Gran Maestro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Papa Benedetto XV 6 febbraio 1922 - 10 febbraio 1939 Papa Pio XII
Predecessore Prefetto della Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi Successore Emblem Holy See.svg
Gaetano Bisleti 30 agosto 1937 - 10 febbraio 1939 Giuseppe Pizzardo
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 88598915 · ISNI ( EN ) 0000 0004 5728 1210 · SBN IT\ICCU\RAVV\063544 · Europeana agent/base/147422 · LCCN ( EN ) n50044410 · GND ( DE ) 118594745 · BNF ( FR ) cb11919956b (data) · BNE ( ES ) XX1090632 (data) · ULAN ( EN ) 500356467 · NLA ( EN ) 35740671 · BAV ( EN ) 495/57120 · NDL ( EN , JA ) 00525192 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50044410