Papa Pius XII

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Pacelli". Si esteu buscant altres significats, vegeu Pacelli (desambiguació) .
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix "Pius XII". Si busqueu altres significats, vegeu Pius XII (desambiguació) .
Papa Pius XII
Pius XII amb tabard, de Michael Pitcairn, 1951.jpg
260è papa de l’Església catòlica
Escut del papa Pius XII.svg
Eleccions 2 de març de 1939
Coronació 12 de març de 1939
Fi del pontificat 9 d’octubre de 1958
Lema Opus iustitiae pax
Cardenals creats vegeu Consistoris del papa Pius XII
Predecessor Papa Pius XI
Successor Papa Joan XXIII
Nom Eugenio Maria Giuseppe Giovanni Pacelli
Naixement Roma , 2 de març de 1876
Ordenació sacerdotal 2 d'abril de 1899 pel patriarca Francesco di Paola Cassetta (posteriorment cardenal )
Nomenament com a arquebisbe 23 d'abril de 1917 pel papa Benet XV
Consagració a l'arquebisbe 13 de maig de 1917 pel papa Benet XV
Creació cardinal 16 de desembre de 1929 pel papa Pius XI
Mort Castel Gandolfo , 9 d'octubre de 1958 (82 anys)
Enterrament Grutes del Vaticà
Signatura
Signatura del papa Pius XII.svg

El papa Pius XII (en llatí : Pius PP. XII , nascut Eugenio Maria Giuseppe Giovanni Pacelli ; Roma , 2 de març de 1876 - Castel Gandolfo , 9 d'octubre de 1958 ) va ser el 260è papa de l'Església Catòlica i segon sobirà de l'Estat de la Ciutat del Vaticà des de 1939 fins a la seva mort. El 1990 , a la conclusió de la primera fase de beatificació , va rebre el títol de servidor de Déu . El 2009 , al final de la segona fase, va rebre el títol de venerable , que acredita les seves heroiques virtuts per a l’Església. La causa de la canonització es confia a la Companyia de Jesús .

Biografia

Naixement i estudis

Eugenio Pacelli als 6 anys.

Eugenio Maria Giuseppe Giovanni Pacelli dels Prínceps d'Acquapendente va néixer a Roma el 2 de març de 1876 en el si d'una família noble, el tercer fill de l'advocat de la Sacra Rota Filippo Pacelli ( 1837 - 1916 ) i de Virginia Graziosi ( 1844 - 1920 ) .

Els títols nobles de la família Pacelli, atorgats el 1853 i el 1858 , van ser conseqüència dels esdeveniments de la segona República romana ( 1848 - 1849 ). Quan el papa Pius IX es va refugiar a Gaeta , Marcantonio Pacelli ( 1804 - 1902 ) d' Onano ( Viterbo ), l'avi patern d'Eugenio, va seguir el papa fins a la ciutat del Laci (llavors part del Regne de les Dues Sicílies ). Després se li van concedir els títols de príncep i marquès, tant per la seva lleialtat com per haver oposat efectivament, després de la fi de la República, en el paper de substitut del ministre de l’interior, als liberals que s’oposaven al govern papal. El mateix Marcantonio va ser posteriorment un dels fundadors de l' Osservatore Romano ( 1861 ). Filippo Pacelli, pare del futur Papa, sent el segon fill de Marcantonio, només va poder gaudir dels títols de noble romà i noble dels prínceps d' Acquapendente i Sant'Angelo in Vado , que després va transmetre als seus fills.

Eugenio va sentir la vocació sacerdotal des de ben petit. Sembla que en els seus moments lliures li agradava fingir celebrar missa . La influència del Reverend Giuseppe Lais , astrònom científic, descendent d’una històrica família romana d’origen saxó, va ser decisiva per a la seva formació a partir dels 8 anys. Durant molts anys va ser tutor i mentor del futur papa Pius XII i, posteriorment, va rebre la pontifícia medalla d’or pel papa Benet XV.

Després de l'escola primària, va assistir a una escola catòlica privada i va assistir a l'escola secundària estatal "Ennio Quirino Visconti" , Eugenio Pacelli va ingressar al Col·legi Capranica . Del 1894 al 1899 va estudiar teologia al gregorià . El 2 d'abril de 1899 (diumenge de Pasqua ) va ser ordenat sacerdot per la imposició de mans del bisbe Francesco di Paola Cassetta . Es va llicenciar en teologia el 1901 . El 1902 es va llicenciar en dret en utroque iure , és a dir, tant en dret civil com en dret canònic . Mai no va tenir l'oportunitat d'exercir l'advocacia, a diferència del seu germà gran Francesco , jurista de la Santa Seu i un dels principals negociadors dels Pactes del Laterà de 1929 .

Carrera eclesiàstica

Eugenio Pacelli de jove sacerdot.
L'estipulació del concordat entre el Regne de Sèrbia i la Santa Seu el 24 de juny de 1914 , del qual va ser l'arquitecte mossèn Pacelli (primer per l'esquerra).

El cardenal Vincenzo Vannutelli , que després es convertiria en degà del Sagrat Col·legi , va induir Pacelli a entrar a la secretaria d'Estat com a "aprenent". En aquest ofici va conèixer immediatament prelats importants com els cardenals Mariano Rampolla , Rafael Merry del Val i Giacomo della Chiesa, el futur papa Benet XV . Després de tres anys va ser nomenat minutante [1] i, després de l'especialització acadèmica en les relacions entre l'Estat i l'Església , monsenyor-camarlenc del papa Pius X ( 1904 ).

Preocupat per les influències llibertàries que patien el clergat italià, Pacelli va veure benvinguda la introducció del jurament antimodernista per part del papa Pius X. Es va aplicar diligentment a la redacció d’un nou Codi de Dret Canònic i, des de 1911 , a l’oficina de un consultor del Sant Ofici . El mateix any esdevingué subsecretari de la congregació per a afers eclesiàstics extraordinaris i representà la Santa Seu en la coronació de Jordi V del Regne Unit . El 1914 fou nomenat secretari del cardenal Pietro Gasparri , aleshores subsecretari de la Congregació per a Afers Eclesiàstics Extraordinaris i futur secretari d'Estat. En aquest càrrec va col·laborar en la redacció del concordat entre el Regne de Sèrbia i la Santa Seu estipulat el 24 de juny de 1914 , pocs dies abans del començament de la Primera Guerra Mundial . Aquest acord garantia el finançament de l’Estat a l’episcopat catòlic a Sèrbia i no hi ha proves històriques fonamentades que demostrin que va ser una de les causes de les tensions amb el veí i catòlic imperi austrohongarès , que va culminar amb l’esclat del conflicte.

El 13 d'octubre de 1914, el papa Benet XV va nomenar Gasparri com a secretari d'Estat . Pacelli va ser el seu principal col·laborador fins a la seva ordenació episcopal , el 13 de maig de 1917, el mateix dia de la primera aparició de la Mare de Déu a Fàtima . Benet XV el va elevar en la mateixa data a la dignitat arquiepiscopal amb el títol d’ arquebisbe de Sardi in partibus . També el va nomenar nunci apostòlic a Baviera .

Durant els dotze anys a Alemanya (1917-1929), l'arquebisbe Pacelli es va apropar molt al món alemany i coneixia bé la realitat política de la República de Weimar . El 19 d'abril de 1919 , durant la revolta espartaquista , d'inspiració comunista, la nunciatura de Munic va ser envoltada per un grup de revolucionaris, que pretenien atacar-la. El líder del grup, Siedl, va treure una pistola i la va apuntar cap al pit de Pacelli, que havia defensat personalment l’entrada a la nunciatura. Tot i sacsejat, el nunci no tenia intenció de cedir, defensat per la valenta monja alemanya , Pascalina Lehnert , que va intervenir entre els revolucionaris i els mateixos. Siedl no tenia ganes de seguir endavant i va ordenar la retirada dels espartaquistes [2] . Pacelli va escriure sobre això: "Són autèntics russos bolxevics". [2]

El 1920 fou el primer nomenat nunci de tota Alemanya i es traslladà a Berlín . El 1925 també va ser nomenat nunci apostòlic a Prússia . En aquesta doble capacitat va concloure els concordats amb els Länder de Baviera ( 1924 ) i amb Prússia ( 1929 ). Després de la ratificació parlamentària d'aquest acte, va deixar Alemanya retirada a Roma pel Papa, per ser creat cardenal. [3]

Mentrestant, l'11 de febrer de 1929, Benito Mussolini i el cardenal Gasparri havien signat els Pactes del Laterà , fruit de la mediació de Domenico Barone i Francesco Pacelli , germà gran del llavors nunci a Berlín.

Cardenal i secretari d'Estat

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: parla desapareguda .
Escut cardinal d'Eugenio Pacelli.
El cardenal Pacelli visita el governador de Roma (15 de juny de 1932 ).

Eugenio Pacelli va ser creat cardenal per Pius XI al consistori del 16 de desembre de 1929 . El 7 de febrer de 1930 succeí a Pietro Gasparri en el càrrec de secretari d'Estat .

Va continuar en la línia del seu predecessor, negociant i estipulant altres concordats per regular les relacions entre la Santa Seu i les autoritats estatals. El 1932 va estipular això amb la terra alemanya de Baden i el 1933 amb Àustria .

Pacelli havia buscat constantment un concordat amb tota Alemanya ja en el període de la seva nunciatura, als anys vint . Heinrich Brüning , líder de la Deutsche Zentrumspartei , un partit catòlic central, va declarar a les seves memòries que Pacelli, amb motiu d’una reunió el 1931 (quan Brüning era canceller ), hauria insistit insistentment en la dissolució de l’acord de coalició amb el Social Partit democràtic, situant-lo gairebé com a condició per a l'estipulació del concordat. El canceller en funcions hauria rebutjat la sol·licitud en considerar que el prelat estava en un greu error d’avaluació sobre la situació política alemanya i, en particular, sobre el pes del naixent partit nazi [4] .

Foto de la signatura del Reichskonkordat. D'esquerra a dreta: mossèn Ludwig Kaas , el vicecanceller alemany Franz von Papen , el subsecretari eclesiàstic Giuseppe Pizzardo , el cardenal secretari d'Estat Eugenio Pacelli , Alfredo Ottaviani i el secretari del ministeri de l'Interior alemany Rudolf Buttmann .

El 20 de juliol de 1933 , pocs mesos després de l' ascens al poder d' Adolf Hitler (30 de gener de 1933), Pacelli va signar el Reichskonkordat amb Alemanya a Roma . Aquest concordat garantia els drets dels catòlics alemanys i restablia les garanties per a l’Església i els fidels, suprimides al segle XIX per al Kulturkampf . Va ser el concordat més discutit, perquè va atorgar el reconeixement de l’Església al règim nazi que va suposar el final de tota la vida democràtica a Alemanya i la prohibició de tots els partits polítics, inclòs el catòlic al centre ( Zentrumspartei ). Posteriorment, el 1935 , Pacelli també va signar un concordat amb el Regne de Iugoslàvia .

Com a secretari d'Estat, Pacelli viatjava sovint amb diverses missions diplomàtiques importants, com ara als Estats Units el 1936 . Ja sigui amb la participació en una sèrie de congressos eucarístics a Hongria i Argentina , o amb esdeveniments religiosos, com a Lourdes o Lisieux . Aquests viatges li van permetre, entre altres coses, donar-se a conèixer per les jerarquies catòliques fora de la cúria romana .

En qualsevol cas, el Reichskonkordat va ser violat sistemàticament pels nazis. L’Església catòlica de l’Alemanya nazi es va queixar d’haver d’actuar en condicions difícils. La Santa Seu, del 25 de setembre de 1933 al 26 de juny de 1936 , va enviar 34 notes de protesta, 5 notes, 3 auxiliars , 6 escrits que contenien propostes i projectes i 6 notes diverses per a la violació del Reich [5] . El concordat va ser, per tant, el primer intent fallit d’acord amb el nazisme. Eugenio Pacelli, però, sempre va estar inclinat a seguir un camí diplomàtic de mediació amb el règim nazi, mentre que les posicions del papa Ratti semblen afavorir la ruptura. [6]

Aquestes posicions van portar Pius XI, el 1937 , a elaborar una amonestació encíclica contra el nazisme titulada Mit brennender Sorge ( Amb viva preocupació ). Per aquest motiu, entre 1937 i 1939 es va fer plenament explícita la diferència entre Pius XI i el seu secretari d’Estat.

Pius XI va morir el 10 de febrer de 1939 . La mort, produïda per un atac de cor després d'una llarga malaltia, li va impedir pronunciar un discurs important amb motiu del desè aniversari de la "conciliació" amb l'Estat italià. El discurs, preparat durant mesos, hauria estat el seu testament espiritual i, probablement, hauria denunciat la violació dels Pactes del Laterà per part del govern feixista i les persecucions racials a Alemanya. Tot i això, no en va quedar cap rastre.

Una carta sorgida dels arxius del Vaticà mostra que el secretari d'Estat, el cardenal Pacelli, va fer gestions per destruir el discurs que ja hi havia a la impremta. L’autor de la carta, del 15 de febrer de 1939, és Domenico Tardini , aleshores col·laborador de la secretaria d’estat del Vaticà. Un fragment del text és el següent [7] : « SE Monsenyor Montini em telefona. El cardenal Pacelli el va trucar per donar les ordres següents: 1) que Mons. Confalonieri lliurés tot el material que té sobre el discurs que el sant Pius XI havia preparat per a la reunió dels bisbes l'11 de febrer; 2) que la impremta destrueix tot el material que té (corrents, cables) [...] » [6] .

Pius XI també hauria d’haver anunciat una encíclica contra el racisme i l’antisemitisme, titulada Humani generis unitas . Tampoc funcionava. No obstant això, una còpia microfilmada de l'encíclica i dels documents adjunts va ser descoberta el 1967 pel jesuïta Thomas Breslin, mentre catalogava els arxius de John LaFarge [8] . En un llarg article dirigit, Gordon Zahn, especialista en encícliques socials, argumentava que l'encíclica redescoberta "és potser la declaració catòlica més forta sobre aquest mal moral" que és l'antisemitisme. Això es pot situar "en un nou context, ja que ara ja no es tracta només del fracàs de Pius XII per protestar contra l'eliminació sistemàtica dels jueus, sinó de la seva negativa explícita a acceptar la voluntat del seu venerat predecessor i protector" [9] . A més, Pius XII va prendre alguns conceptes de l '"encíclica oculta" i el va inserir a la part antiracista de la seva primera encíclica, que contenia el programa del seu recent pontificat, el Summi Pontificatus [10] .

Elecció al tron ​​papal

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Conclave de 1939 .
Pius XII a la cadira gestatòria.
Blasó de l'escut
Escut del papa Pius XII.svg

De color blau, fins al colom amb el cap convertit en plata, imprimant una branca d’olivera de color verd i col·locada sobre una muntanya de tres cims de plata, conduïda per una banda de verd col·locada sobre un mar naturalment ondulat.

Com a camarlenc , va ser Pacelli qui va dirigir el conclave que va seguir després de la mort de Pius XI. El 2 de març de 1939 , el dia del seu 63è aniversari, després de només tres paperetes i un dia de votació, l’elecció va recaure sobre ell. Pacelli va triar el nom de Pius XII, per significar una continuïtat substancial amb l'obra de l'anterior cap de l'Església. Inusual per a un conclave, va ser elegit aquell que, la vigília, tenia les millors possibilitats de convertir-se en papa. De fet, Pacelli va representar una excel·lent opció política, ja que era el més expert en diplomàcia entre els cardenals del Col·legi . Pacelli va ser el primer secretari d'Estat des del 1667 ( Climent IX ) i el segon camarlenc (després de Lleó XIII ) elegit papa.

El mateix dia de l’elecció del nou pontífex, el comte Ciano , el ministre d’afers exteriors italià, va assenyalar al seu diari que la vigília de Pignatti di Custoza, ambaixador d’Itàlia a la Santa Seu, li havia dit que fos Pacelli el cardenal afavorit pels alemanys. [11] : «2 de març - viatge de tornada. A Tarvisio rebo la notícia de l'elecció del cardenal Pacelli a la tiara. No m’estranya: recordo l’entrevista que li vaig mantenir el 10 de febrer. Va ser molt conciliador. I sembla que, mentrestant, les relacions amb Alemanya també han millorat considerablement, fins al punt que ahir Pignatti va informar que Pacelli era el cardenal afavorit pels alemanys. A la taula vaig dir a Edda i als meus col·laboradors: "El Papa serà elegit avui. És Pacelli, qui prendrà el nom de Pius XII". La realització de la meva predicció va interessar a tothom " [12] .

Després de la cerimònia de coronació, el 12 de març, Ciano va assenyalar, també al seu diari: Mussolini «està content amb l'elecció de Pacelli. Promet enviar-li alguns consells sobre què pot fer per governar útilment l’Església ”. [13]

Les eleccions i la coronació de Pacelli van tenir una recepció mixta a Alemanya. Alguns comentaris hostils van venir de la majoria de la premsa alemanya, la més propera al partit nazi: el berlinesa Morgenpost va escriure que "l'elecció de Pacelli no és ben rebuda a Alemanya perquè sempre ha estat hostil al nacionalsocialisme"; el Frankfurter Zeitung va escriure que "molts dels seus discursos han demostrat que no entén completament les raons polítiques i ideològiques que van iniciar la seva victoriosa marxa a Alemanya". [14] [15] El Schwarze Korps (diari oficial de les SS ) va escriure: «El nuncio i el cardenal Pacelli ens van mostrar poca comprensió, i és per això que hi confiem poc. Pacelli ara Pius XII segur que no seguirà un camí diferent " [16] . El Ministeri d'Afers Exteriors del Reich va encarregar a l'ambaixador a la Santa Seu que lliurés les felicitacions de Hitler al Papa recentment elegit, però només oralment. En una nota confidencial s'especificava: "Tenint en compte el comportament conegut de l'antic cardenal Pacelli cap al moviment nacionalsocialista, els elogis no s'han de formular d'una manera especialment càlida". [17]

Goebbels informa al seu diari que Hitler havia pensat en l'abrogació del concordat si Pacelli hagués estat elegit papa [18] . L' Oficina central de seguretat del Reich (RSHA) va descriure l'elecció de Pacelli al tron ​​papal amb accents molt negatius: el nou papa era considerat un amic de les democràcies, que es va alegrar amb la seva elecció. L'informe de RSHA informava del comentari favorable al nou pontífex de L'Humanité , l'òrgan oficial del Partit Comunista Francès . També va recordar que Pacelli, com a secretari d'Estat, havia estat destacat pels seus atacs al nacionalsocialisme [19] .

Al contrari, les eleccions van ser ben rebudes als cercles de la diplomàcia alemanya. El conseller Du Moulin, cap del departament d'Afers del Vaticà del Ministeri d'Afers Exteriors del Reich, va redactar un memoràndum [20] sobre les tendències polítiques i la personalitat del nou pontífex, que descrivia el nou elegit com "molt amic d'Alemanya". A Berlín es va recordar que Pacelli havia estat el promotor del Concordat entre la Santa Seu i el Tercer Reich i que, quan les relacions entre l’Església i el règim nacionalsocialista s’havien tensat, l’actitud del secretari d’Estat sempre havia estat ... segons els enviaments de l'ambaixador Bergen, molt més conciliador que el de Pius XI.

Primers actes del pontificat

El nou papa va nomenar el cardenal Luigi Maglione secretari d’Estat i el cardenal Lorenzo Lauri Camerlengo per als càrrecs que havia ocupat anteriorment. Elegit en un període de grans tensions internacionals, ja el 15 de març de 1939, tres dies després de la seva coronació, el règim nazi va envair Txecoslovàquia .

Un dels seus primers actes va ser, a l'abril de 1939 , eliminar de l' índex els llibres de Charles Maurras , animador del grup polític d'extrema dreta antisemita i anticomunista Action française , que tenia molts simpatitzants i seguidors catòlics. Entre altres coses, va revocar la prohibició dels sagraments imposada per Pius XI als adherents. Segons la sociòloga i historiadora francesa Jeannine Verdès-Leroux, van ser els discursos antisemites de l' Acció francesa els que van contribuir "a fer" possible "," acceptable "la introducció, l'octubre de 1940, de l' estatut dels jueus per part del col·laboracionista govern francès Vichy [21] . L'addicció als discursos de Maurras i els seus acòlits que s'havien estès i havien anat més enllà del cercle de seguidors, eclipsava el caràcter monstruós d'aquestes mesures ». [22] Alguns historiadors, en canvi, tendeixen a llegir aquest episodi no tant en clau antisemita sinó pragmàticament anticomunista, donada la necessitat d'afavorir grups i agregacions que fossin capaços de competir, en termes d'organització i la velocitat de l’acció política, amb inspiració marxista, la capacitat de mobilitzar-se a les brigades internacionals de la recent guerra civil espanyola havia sorgit clarament. Tanmateix, altres historiadors opinen que la disposició estava en línia amb una menor desaprovació dels prejudicis antisemites, en un període històric en què també Itàlia començava a aplicar concretament les anomenades lleis per a la defensa de la carrera . [23]

També el 1939 , Pius XII va proclamar patrons d’ Itàlia a Sant Francesc d’Assís i a Santa Caterina de Siena .

El 7 de maig de 1940 , el secretari d’Estat Maglione va signar el concordat amb Portugal d’ António de Oliveira Salazar . Al juny, el Papa va citar les aparicions de Fàtima en la seva encíclica Saeculo Exeunte Octavo , escrita per convidar l'Església portuguesa a augmentar la seva activitat missionera en una terra estrangera. El 1941 va transformar la Comissió de les Obres Pies, nascuda el 1887 , en l' Institut per a les Obres de la Religió (IOR). L'octubre de 1942, en resposta a un missatge que li va enviar la germana Lucia dos Santos el 1940, Pius XII va consagrar el món al Cor Immaculat de Maria (Missatge radiofònic a Portugal del 31 d'octubre de 1942) [24] .

La Segona Guerra Mundial

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: missatge de ràdio dirigit a governants i pobles en perill imminent de guerra i la vigília del Nadal de 1942 .

“No es perd res amb la pau. Tot pot ser amb la guerra ".

( Des de l' adreça radiofònica del papa del 24 d'agost de 1939 )
Papa Pius XII.

A principis d'agost de 1939, Europa es trobava a un pas de la guerra, per augmentar les preocupacions del Papa, el nunci apostòlic a Berlín, el bisbe Cesare Orsenigo , va escriure: "Els alemanys estan tots preparats per a la guerra amb una fredor terrorífica. , marxa un poble de 80 milions d'alemanys armats fins a les dents, gairebé exultant " . [17] Pacelli va fer un últim intent enviant un missatge personal a Hitler, recordant-li els seus anys amb gust a Alemanya i instant-lo a preocupar-se pel veritable benestar espiritual del poble alemany. [17]

Com a resposta, el 23 d’agost de 1939, l’Alemanya nazi i la Unió Soviètica van signar el Pacte Molotov-Ribbentrop . Un protocol secret de l'acord preveia la divisió d'Europa de l'Est en dues esferes d'influència, que permetia a Hitler llançar l'ofensiva sobre la veïna Polònia mentre que l'URSS tindria la mà lliure sobre les repúbliques bàltiques, Finlàndia i l'est de Polònia.

El Papa, conscient de les clàusules de l'protocol secret, també sabia que, en el cas de la seva aplicació, França i el Regne Unit , aliats de Polònia, s'han declarat la guerra a Alemanya, a partir de la Segona Guerra Mundial. Per tant, va intentar evitar el risc d’una nova guerra lliurant a la ràdio , el 24 d’agost de 1939 , un missatge dirigit als governants i als pobles en perill imminent de guerra . En aquest discurs va pronunciar la frase simbòlica del seu pontificat: «No es perd res amb la pau; tot es pot perdre amb la guerra ». Pius XII també va proposar a Alemanya i Polònia ajornar les mesures militars durant quinze dies per reunir una conferència internacional de pau [25] . Tot i això, fins i tot aquesta iniciativa no va servir de res.

L'1 de setembre, Alemanya va envair Polònia i el 3 França i el Regne Unit van respondre a l'atac: era el començament de la Segona Guerra Mundial .

La dissidència del papa es va expressar després d’unes setmanes en la seva primera encíclica Summi Pontificatus del 20 d’octubre de 1939 . Pius XII, sense anomenar expressament els règims totalitaris, va lamentar les conseqüències de la crisi espiritual actual i la difusió de les "ideologies anticristianes". El Papa va identificar els errors de la societat moderna en el seu rebuig a Déu, amb la consegüent difusió d'un "paganisme corromput i corrompent". Entre línies, Pius XII va condemnar tota discriminació racial, afirmant el "origen comú en Déu" de tota la raça humana; va introduir el concepte de convivència pacífica i, sobretot, va aixecar el seu desgarrador lament per Polònia , una nació fidel a l’Església, a l’espera de “una resurrecció corresponent als principis de justícia i pau veritable” [26] .

Per tant, la protesta del Papa per la invasió de la Polònia catòlica es va expressar amb un document religiós i sobre la base de la doctrina cristiana. El 30 de novembre de 1939, la invasió soviètica de Finlàndia fou condemnada oficialment i molt vigorosament. Es va expressar una solidaritat genèrica al governant de la Bèlgica catòlica per l'ocupació alemanya el maig de 1940. Durant la durada del conflicte, el papa Pacelli va organitzar ajuda a les poblacions afectades i va crear l'oficina d'informació sobre presos i persones desaparegudes.

«.... i al mig de San Lorenzo va estendre les ales»: aquesta foto de Pius XII, tradicionalment referida a la visita al barri de San Lorenzo el 20 de juliol de 1943 , es va fer realment a la plaça San Giovanni in Laterano el el 13 d’agost següent.

En la primera fase de la guerra, es demostra que el pontífex va participar en un intent d'alguns generals alemanys amb l'objectiu de destituir Hitler [27] i va exercir el paper d'intermediari en els contactes entre els conspiradors i Gran Bretanya [28]. . L'abril de 1940 va tenir més de vint reunions secretes amb els conspiradors alemanys, encapçalats pel general Ludwig Beck i el representant del govern britànic Francis D'Arcy Osborne . Il possibile accordo di pace, nel caso che i congiurati fossero riusciti a sbarazzarsi di Hitler, fu scritto su carta ufficiale della Santa Sede [29] . Cercò, inoltre, di distogliere il fascismo dall'idea di far entrare in guerra l' Italia . Tale fu, con tutta probabilità, lo scopo della visita assolutamente irrituale che il Santo Padre fece al Quirinale , a re Vittorio Emanuele III , il 28 dicembre 1939 [30] . Nonostante ciò, il 10 giugno 1940 , anche l'Italia entrò nel conflitto.

Durante la guerra, vari e ripetuti furono gli appelli del Papa in favore della pace. Va ricordato in particolare il radiomessaggio natalizio del 1942 , in cui Pacelli delineò un nuovo ordine mondiale basato sul rispetto reciproco fra le Nazioni ei popoli. In tale messaggio il Papa denunciò anche lo sterminio delle persone sulla base della razza. Mussolini commentò il radiomessaggio del 1942 con sarcasmo: «Il Vicario di Dio — cioè il rappresentante in terra del regolatore dell'universo — non dovrebbe mai parlare: dovrebbe restare tra le nuvole. Questo è un discorso di luoghi comuni che potrebbe agevolmente essere fatto anche dal parroco di Predappio».

Il 19 luglio 1943 , dopo il violento bombardamento di San Lorenzo a Roma , si recò nei quartieri colpiti. Fu un'uscita eccezionale del Pontefice dal Vaticano, soprattutto all'epoca (in seguito sarebbe uscito dal suo Stato solo in casi estremamente rari). Il Papa uscì nuovamente il 13 agosto, dopo il successivo bombardamento nel quartiere di San Giovanni. Durante tale visita spalancò le braccia alla folla recitando il salmo De profundis , in un gesto che rimase immortalato in una famosa foto.

L'occupazione tedesca di Roma

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rastrellamento del ghetto di Roma , Operazione Rabat e Pio XII e l'eccidio delle Fosse Ardeatine .

Dopo l' armistizio dell'8 settembre e la fuga dei Savoia dalla capitale, Pio XII rimase in Roma, all'interno della Città del Vaticano . Non elevò alcuna protesta per la cruenta occupazione nazista della città, effettuata in armi e causando la morte di alcune centinaia di difensori, tra militari e civili. Inviò però il Segretario di Stato Maglione, ai primi di ottobre del 1943, dall'ambasciatore germanico Ernst von Weizsäcker per rappresentargli che i tedeschi, in qualità di protettori di Roma e del Vaticano , avevano la responsabilità di schierare forze di polizia sufficienti a prevenire o reprimere un moto insurrezionale partigiano [31] .

Nei giorni successivi, quando i tedeschi imposero agli ebrei romani di versare oro in cambio di un'effimera e temporanea salvezza, il Vaticano contribuì fornendo 20 dei 50 chili d'oro richiesti [32] , secondo la testimonianza di Ugo Foà, rabbino capo della comunità romana, il Vaticano fece sapere ufficiosamente che se non fosse stato raccolto abbastanza oro avrebbe prestato la differenza per raggiungere i 50 kg, ma non ce ne fu bisogno [33] .

Il Papa fu messo a conoscenza dell'avvenuto rastrellamento del ghetto di Roma dalla principessa Enza Pignatelli, sua ex-allieva, che aveva assistito in parte alla razzia e subito si era recata in Vaticano , chiedendo udienza al Pontefice, che la ricevette immediatamente. Secondo lo storico della Chiesa Alberto Melloni , i tedeschi avrebbero invece organizzato il ratto degli ebrei romani proprio per fare un affronto a papa Pacelli [34] . Pio XII si mise senza indugio in comunicazione telefonica con il cardinale Segretario di Stato Luigi Maglione perché prendesse informazioni e si interessasse della questione [35] .

Seguì un colloquio tra il cardinale Maglione e l'ambasciatore tedesco presso il Vaticano, Ernst von Weizsäcker , al quale il segretario di Stato chiese di «intervenire in favore di quei poveretti», lamentandosi per il fatto che «proprio a Roma, sotto gli occhi del Padre comune [il Papa], fossero fatte soffrire tante persone unicamente perché appartenenti a una stirpe determinata». Alle richieste di Weizsäcker sul possibile comportamento della Santa Sede, nel caso fossero continuati i rastrellamenti di ebrei, Maglione rispondeva che: «La Santa Sede non vorrebbe essere messa nella necessità di dire la sua parola di disapprovazione» [36] .

Weizsäcker propose allora e ottenne che la protesta vaticana fosse affidata a una lettera del rettore della Chiesa tedesca a Roma Alois Hudal , indirizzata al generale comandante militare di Roma Reiner Stahel , in cui il prelato auspicava la «non reiterazione degli arresti, per evitare un intervento pubblico del Papa contro di questi» [37] . Per il resto, Pio XII mantenne un riservato silenzio che ancor oggi reca imbarazzo alla Santa Sede .

Durante il corso della guerra, nonostante le numerose informazioni ricevute Pio XII non condannò mai ufficialmente né si impegnò pubblicamente per fermare le deportazioni degli ebrei nei campi di concentramento . Offrì però rifugio presso la Santa Sede a molti ebrei e ad esponenti politici antifascisti tra cui Alcide De Gasperi e Pietro Nenni , appellandosi al fatto che la Città del Vaticano era uno Stato sovrano. Non sempre però i tedeschi rispettarono l'extra-territorialità di alcune altre aree a Roma di pertinenza della Santa Sede: nell' inverno del 1943 fecero irruzione nella basilica di San Paolo fuori le mura e vi presero alcuni prigionieri.

È stato scoperto di recente un piano segreto di Hitler che prevedeva l'occupazione del Vaticano e l'arresto di Pio XII, il quale secondo il dittatore nazista ostacolava i piani della Germania [34] . A questo proposito, per evitare che Hitler e il regime nazista potessero tenere prigioniero il papa, Pio XII preparò una lettera di dimissioni da utilizzare in caso di propria cattura, dando istruzioni di tenere un successivo Conclave a Lisbona .

Alcuni autori hanno espresso forti critiche verso il comportamento tenuto dalla Santa Sede dopo l' attentato di Via Rasella e l' eccidio delle Fosse Ardeatine (23 - 24 marzo 1944 ). Si è speculato che, almeno cinque ore prima dall'uccisione della prima vittima della rappresaglia tedesca, la segreteria di Stato vaticana fosse in possesso di un'autorevole informazione circa l'attentato e l'intenzione dei tedeschi di sopprimere dieci italiani per ogni tedesco ucciso [38] . Robert Katz, autore dell'accusa, è stato condannato per diffamazione [39] in quanto tali affermazioni solo solamente un'intuizione storica e non fatti dimostrati.

Il 26 marzo L'Osservatore Romano pubblicò il comunicato tedesco che dava notizia dell'attentato e annunciava l'avvenuta rappresaglia, facendolo seguire dal seguente commento non firmato:

«Di fronte a simili fatti ogni animo onesto rimane profondamente addolorato in nome dell'umanità, e dei sentimenti cristiani. Trentadue vittime da una parte: trecentoventi persone sacrificate per i colpevoli sfuggiti all'arresto, dall'altra. Ieri rivolgemmo un accorato appello alla serenità e alla calma; oggi ripetiamo lo stesso invito con più ardente affetto, con più commossa insistenza. Al di fuori, al di sopra delle contese, mossi soltanto da carità cristiana, da amor di patria, da equità verso tutti i "fatti a sembianza d'uomo" e "figli d'un solo riscatto"; dall'odio ovunque nutrito, dalla vendetta ovunque perpetrata, aborrendo dal sangue dovunque sparso, consci dello stato d'animo della cittadinanza, persuasi del fatto che non si può, non si deve spingere alla disperazione ch'è la più tremenda consigliera ma ancora la più tremenda delle forze, invochiamo dagli irresponsabili il rispetto per la vita umana che non hanno il diritto di sacrificare mai; il rispetto dell'innocenza che ne resta fatalmente vittima; dai responsabili la coscienza di questa loro responsabilità verso se stessi, verso le vite che vogliono salvaguardare, verso la storia e la civiltà [40]

Osserva Giorgio Bocca : «L'appello, per quanto non firmato da Pio XII, ne rispecchia il pensiero reazionario. Il foglio ufficiale della Santa Sede esprime la sua condanna della violenza separando – nella Roma dell'occupazione nazista! – le "vittime" (i tedeschi) dai "colpevoli" (i partigiani), gli "irresponsabili" (i capi della Resistenza) dai "responsabili" (i comandi tedeschi e fascisti); e fa sua, volendolo o meno, la tesi fascista e attesista della " strage degli innocenti ": dimenticando che la legalità dei "responsabili" a cui si appella è la medesima che sta sterminando sei milioni di ebrei innocenti, fatto di cui il Santo padre, nel marzo 1944, è perfettamente al corrente. Senza dire che via Tasso ei suoi orrori sono a due passi dai sacri palazzi» [41] .

Secondo Aurelio Lepre L'Osservatore Romano , col formulare l'accusa agli attentatori di «non essersi presentati al comando tedesco per evitare la fucilazione degli ostaggi», compì una «scelta di campo»; tuttavia, commenta Lepre, tale accusa «era del tutto inconsistente [...], perché, se anche avessero voluto consegnarsi ai tedeschi, gli attentatori non ne avrebbero avuto il tempo» [42] .

Alessandro Portelli ritiene che l'editoriale costituisca un «testo esemplare e fondante» di un'interpretazione dell'attentato di via Rasella destinata ad avere grande fortuna nel dopoguerra. Scrive infatti Portelli: «Di chi sia la colpa che rende necessario il sacrificio non c'è dubbio: i "colpevoli sfuggiti all'arresto". L'Osservatore Romano dunque lascia intendere che i nazisti cercarono i "colpevoli" prima di decidersi al massacro; né sono a conoscenza di rettifiche, precisazioni o smentite successive. Nasce qui lo spostamento della colpa sui vili partigiani che sono andati a nascondersi lasciando ("irresponsabili") al loro destino le vittime della rappresaglia. Oltre alla destra politica, saranno proprio organi e fonti vicini alla Chiesa e al mondo cattolico, a partire dai Comitati civici , a rilanciare nel corso degli anni questa versione, fino a farla penetrare nelle vene dell'immaginazione comune, contribuendo così ad avvelenare la memoria dell'evento, e con essa quella della resistenza, dell'identità e delle origini della repubblica. Che è poi il vero successo a lungo termine della rappresaglia nazista» [43] .

Negli ultimi giorni di maggio del 1944 , i tedeschi si preparavano alla fuga e avevano minato i ponti sul Tevere per impedire alle forze angloamericane di procedere nell'avanzata verso nord. C'era il pericolo che intendessero resistere ad oltranza, con tutte le conseguenze per l'incolumità della "città eterna". Pacelli diede istruzioni ai due pro-segretari di Stato Montini e Tardini di consigliare agli alleati di non attaccare e ai tedeschi di non difendersi. [44] Il giorno 2 giugno il Papa ammonì gli eserciti combattenti: «Chiunque osi levare la mano contro Roma, si macchierà di matricidio». [34] Lo stesso giorno la giunta militare del CLN si accordò con gli alleati che non ci sarebbe stata l'insurrezione partigiana di Roma. [45] Alle ore 22:30 del 3 giugno, Montini e Tardini acquisirono dall'ambasciatore von Weizsäcker la proposta tedesca di riconoscere il centro di Roma "città aperta". Pur ritenendola insufficiente, il Vaticano provvide a trasmettere tale proposta agli alleati. Non vi fu bisogno che questi l'accettassero perché alle prime ore dell'alba del 4 giugno, i tedeschi lasciarono Roma, sostanzialmente senza colpo ferire. [46] Per intercessione di papa Pio XII, al momento della loro partenza da Roma, le SS rilasciarono dal carcere di via Tasso , dove era stato sottoposto a pesanti torture , il comandante partigiano delle Brigate Matteotti Giuliano Vassalli , futuro presidente della Corte costituzionale [47] .

Il 5 giugno 1944 , dopo la Liberazione, Pio XII ricevette in Vaticano i soldati alleati. La domenica successiva i romani si recarono in massa a Piazza San Pietro a salutare ea festeggiare il Papa, che, di fatto, era stata l'unica autorità, non solo religiosa, ma anche morale e politica, a essere rimasta nella capitale nei mesi bui dell'occupazione nazista [48] . Per questo Pio XII fu anche soprannominato Defensor civitatis [49] .

Tra gli altri interventi, documenti recentemente venuti alla luce testimoniano il cordoglio del Papa nei confronti delle donne della Ciociaria e del basso Lazio che avevano subito violenze da parte dei soldati marocchini arruolati nell'esercito francese. [50]

Il dopoguerra

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scomunica ai comunisti .
Pio XII con un cardellino sulla mano

Pio XII, dopo la morte del cardinale Luigi Maglione (1944) e di Lorenzo Lauri (1941) non aveva nominato nessun nuovo segretario di Stato né un cardinale camerlengo. Si avvalse per anni unicamente del supporto dei due pro-segretari di Stato Giovanni Battista Montini e Domenico Tardini . A quest'ultimo rivolse una perentoria affermazione: «Non voglio collaboratori ma esecutori!» [51] .

A guerra finita, si schierò con determinazione a favore della Democrazia Cristiana . Tale fu il contenuto di due articoli de L'Osservatore Romano , in data 2 gennaio e 6 maggio 1945 , nei quali si affermava che solo la DC aveva titolo per rappresentare i cattolici nella politica italiana; in essi, infatti, si sconfessava il partito della Sinistra Cristiana , dove erano confluiti i cosiddetti "cattolici comunisti", tanto che dopo pochi mesi (7 dicembre 1945) tale partito si sciolse [52] .

Il 18 febbraio 1946 , tenne il suo primo concistoro per la creazione di nuovi cardinali: per la prima volta dopo secoli, il numero di cardinali italiani risultò inferiore a quello dei cardinali non italiani. Tra essi, il primo cardinale cinese, Thomas Tien Ken-sin . Con la bolla Quotidie Nos dell'11 aprile 1946 definì la gerarchia ecclesiastica della Chiesa cattolica in Cina , la quale era oggetto della persecuzione da parte del regime comunista nato dalla rivoluzione cinese [53] .

Nell'ambito del dibattito istituzionale tra monarchia e repubblica, la Chiesa fu ufficialmente neutrale. Per tale motivo, Pacelli si era opposto, nell'ottobre 1945, al ritorno in Italia di Luigi Sturzo , notoriamente repubblicano [54] . Se Sturzo si fosse pubblicamente espresso per la repubblica, ciò avrebbe avuto come possibile conseguenza la spaccatura della Democrazia Cristiana in due partiti: uno repubblicano e uno monarchico. La stessa posizione della DC fu ambivalente. Infatti il suo leader Alcide De Gasperi , benché il I congresso del partito (24-28 aprile 1946) si fosse espresso a maggioranza per la scelta repubblicana [55] , lasciò agli elettori democristiani libertà di coscienza. Nei fatti, almeno due terzi degli oltre dieci milioni di elettori democristiani del 1946 votarono per la monarchia [56] .

Nel dopoguerra dovette fronteggiare la nascita della guerra fredda e della divisione del mondo in due blocchi contrapposti. Il Papa si schierò decisamente contro il comunismo , di cui fu un fermo oppositore. Nelle elezioni politiche italiane del 1948 appoggiò con slancio la Democrazia Cristiana , favorendone la schiacciante vittoria.

In occasione della vigilia di Natale del 1948, Pio XII pronunciò un discorso rivolto alle componenti neutraliste di questo partito , onde evitare una loro paradossale convergenza con partiti social-comunisti relativamente al coinvolgimento dell'Italia nell' Alleanza Atlantica [57] : «Un popolo minacciato o già vittima di una ingiusta aggressione, se vuole pensare ed agire cristianamente, non può rimanere in una indifferenza passiva; tanto più la solidarietà della famiglia dei popoli interdice agli altri di comportarsi come semplici spettatori in un atteggiamento d'impassibile neutralità» [58] .

Nel 1949 , con un atto clamoroso a livello mondiale, scomunicò i cristiani che si dichiaravano comunisti e, in seguito alle persecuzioni dei cristiani nell' Europa dell'Est , i capi di governo a essi riferiti. Cercò di attivare contatti e di salvare i cattolici dalle deportazioni nei gulag sovietici, pur senza riuscirci.

Lo stesso anno 1949, dimostrò un certo interesse alle opere di carità - ricevette in visita il sacerdote Giulio Facibeni , noto per aver fondato l' Opera della Divina Provvidenza Madonnina del Grappa - e concesse "pro gratia" la laicizzazione a don Zeno Saltini , fondatore della comunità di Nomadelfia .

L'Anno Santo del 1950

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Evoluzione e chiesa cattolica § Pio XII e l'enciclica Humani Generis .
Ritratto fotografico di Papa Pio XII

Negli anni successivi, anche per il suo carattere schivo e introverso, Pio XII ridusse all'osso l'organizzazione della Curia Romana . Tuttavia fu un papa particolarmente amato dalla gente. Grazie alla conoscenza di numerose lingue, fu uno dei primi a rivolgersi in lingua straniera ai pellegrini che venivano a Roma. In un mondo ancora segnato dalle ferite della guerra, intuì che, più che un papa politico, la gente aveva bisogno di una guida verso la pace.

Su iniziativa del cardinale Ernesto Ruffini e di monsignor Alfredo Ottaviani prese inizialmente in considerazione l'ipotesi di convocare un concilio ecumenico [59] . Nominò un'apposita commissione che si riunì in tutta segretezza senza giungere ad alcuna conclusione sulle prerogative da attribuire al sacro consesso [60] .

Con questi intenti di pace Pio XII proclamò il Giubileo del 1950 , cui molti si dichiararono contrari. In tanti sostenevano che l' Italia , ancora distrutta dalla guerra , non fosse in grado di reggere una manifestazione di respiro mondiale. Invece il Giubileo, con il suo messaggio di riconciliazione e di speranza, fu un vero trionfo, con oltre un milione e mezzo di pellegrini e, tra l'altro, contribuì a far conoscere le bellezze italiane all'estero, favorendo i primi boom turistici.

Durante il Giubileo, con la bolla Munificentissimus Deus , proclamò il dogma dell' Assunzione di Maria , il 1º novembre, ricorrendo per l'unica volta in tutto il Novecento all' infallibilità papale . Il papa poi scrisse che il giorno precedente la proclamazione del dogma e per altre tre volte, mentre passeggiava nei Giardini Vaticani avrebbe assistito stupefatto a un fenomeno simile a quello del " miracolo del sole ", narrato dai presenti alle apparizioni della Madonna di Fátima , nel 1917. [61] . Inoltre, venendo incontro alle numerose richieste dei fedeli, proclamò santa Maria Goretti , sebbene fossero passati solo due anni dalla sua beatificazione [62] .

Nel 1950 Pio XII affermò, nell'enciclica Humani Generis , la compatibilità tra fede cattolica ed evoluzionismo , nondimeno considerando l'evoluzione una teoria scientifica e non una realtà già dimostrata, e la necessità di doverose ulteriori chiarificazioni concettuali. Fu il primo papa ad ammettere ricerche sull' evoluzionismo applicato al corpo umano , invocando comunque prudenza nel trattare tale questione:

«Per queste ragioni il Magistero della Chiesa non proibisce che in conformità dell'attuale stato delle scienze e della teologia, sia oggetto di ricerche e di discussioni, da parte dei competenti in tutti e due i campi, la dottrina dell'evoluzionismo, in quanto cioè essa fa ricerche sull'origine del corpo umano, che proverrebbe da materia organica preesistente (la fede cattolica ci obbliga a ritenere che le anime sono state create immediatamente da Dio). Però questo deve essere fatto in tale modo che le ragioni delle due opinioni, cioè di quella favorevole e di quella contraria all'evoluzionismo, siano ponderate e giudicate con la necessaria serietà, moderazione e misura e purché tutti siano pronti a sottostare al giudizio della Chiesa, alla quale Cristo ha affidato l'ufficio di interpretare autenticamente la Sacra Scrittura e di difendere i dogmi della fede.»

( Enciclica Humani generis [63] )

Gli anni cinquanta

Pio XII nel 1953.

Nel 1951 in un discorso alle ostetriche offrì delle considerazioni contro i tentativi di procurare la sterilità nell'atto coniugale, ma ammise la liceità dei rapporti sessuali non finalizzati alla procreazione scegliendo per essi il periodo di sterilità naturale della donna . [64] Inoltre, in molti discorsi ai giovani sposi , rilanciò il ruolo della famiglia e del matrimonio e indicò la Sacra Famiglia come modello di santità per le famiglie.

Venendo incontro alle richieste del mondo moderno autorizzò diversi provvedimenti, preludio delle riforme del Concilio Vaticano II . Permise la celebrazione della Messa nelle ore serali, apportò modifiche alla traduzione dei salmi nel breviario dei sacerdoti , riorganizzò l'ufficio del digiuno eucaristico riducendolo a tre ore per i cibi solidi, a un'ora per le bevande ed eliminandolo del tutto per l'acqua ei medicinali.

Consapevole dei benefici apportati dal progresso, ma anche dei pericoli insiti in esso, aggravati dall'instabilità della situazione internazionale dovuta alla guerra fredda , Pio XII era convinto che la vera pace avrebbe potuto scaturire solo da un nuovo ordine cristiano del mondo. Un tale ordine gli sembrava minacciato dalla perdita del senso di responsabilità individuale, schiacciato dalla massificazione sociale, in cui ognuno era come diventato una semplice ruota di organismi privi di consapevolezza , e in cui la libertà risultava dunque svuotata:

«È però un fatto doloroso che oggi non si stima e non si possiede più la vera libertà. [...] Questa è la condizione dolorosa, la quale inceppa anche la Chiesa nei suoi sforzi di pacificazione, nei suoi richiami alla consapevolezza della vera libertà umana [...] Invano essa moltiplicherebbe i suoi inviti a uomini privi di quella consapevolezza, ed anche più inutilmente li rivolgerebbe ad una società ridotta a puro automatismo. Tale è la purtroppo diffusa debolezza di un mondo che ama di chiamarsi con enfasi "il mondo libero". Esso si illude e non conosce se stesso.»

( Radiomessaggio di Pio XII, Natale 1951 [65] )

Nel 1952 , per il timore che la "Città Eterna" potesse essere amministrata da un sindaco comunista, il Vaticano avallò per le elezioni amministrative del comune di Roma un'iniziativa di candidare don Luigi Sturzo a sindaco con un'alleanza elettorale tra la Democrazia Cristiana, il Movimento Sociale Italiano e il Partito Nazionale Monarchico . [66] [67] Tale proposta venne avanzata dall'area curiale del cosiddetto partito romano , guidato da monsignor Roberto Ronca , arcivescovo di Lepanto e rettore del santuario di Pompei [68] . De Gasperi si oppose nettamente a questa ipotesi per motivi morali e per il suo passato antifascista, e anche per sostenere la sua visione laica dello stato. Il presidente del Consiglio seppe resistere sulle sue posizioni sino a quando papa Pio XII – che aveva persino mandato da lui il famoso predicatore Riccardo Lombardi , nell'intento di persuaderlo [69] – si arrese di fronte all'impraticabilità della proposta. Di lì a poco, tuttavia, Pio XII non ricevette in Vaticano De Gasperi in occasione del trentennale delle sue nozze con Francesca Romani. [67] De Gasperi ne fu molto amareggiato e rispose ufficialmente all'ambasciatore Mameli che gli aveva comunicato il rifiuto:

«Come cristiano accetto l'umiliazione, benché non sappia come giustificarla. Come Presidente del Consiglio italiano e Ministro degli Esteri, l'autorità e la dignità che rappresento e dalla quale non posso spogliarmi neanche nei rapporti privati, m'impongono di esprimere lo stupore per un gesto così eccezionale. [70] »

Nello stesso anno procedette alla consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria , a seguito delle ulteriori richieste di suor Lucia dos Santos [24] .

Il 12 gennaio 1953 Pio XII tenne il suo secondo e ultimo concistoro per la creazione di nuovi cardinali. Non ve ne furono altri per gli oltre cinque anni che lo separarono della sua scomparsa. Impose la porpora a due prelati "tradizionalisti" quali Giuseppe Siri e Alfredo Ottaviani ma non ai due pro-segretari di Stato Domenico Tardini e Giovanni Battista Montini , che risultarono di fatto esclusi da una possibile successione. Inoltre, nel 1954, Montini fu nominato arcivescovo di Milano e, di conseguenza, estromesso dalla Segreteria di Stato e allontanato dalla Curia romana. La straordinaria personalità del Papa volle così evitare il formarsi di una linea alternativa alla sua visione monolitica della Chiesa. Tutto ciò non bastò perché non gli succedesse un pontificato oggettivamente differente, quello del futuro Giovanni XXIII , che lui creò cardinale proprio nell'ultimo concistoro.

Il 27 agosto 1953 fu sottoscritto dal pro-segretario monsignor Tardini il concordato con la Spagna di Francisco Franco . Con l'enciclica Ad Sinarum Gentem [71] , il 7 ottobre 1954 , Pio XII si rivolse ai cattolici cinesi esortandoli a sopportare ogni persecuzione per rimanere fedeli alla legge divina.

Già all'inizio del 1954 una malattia l'aveva portato in fin di vita ma sopravvisse. Secondo alcune testimonianze, nel dicembre di quell'anno avrebbe avuto un' apparizione di Cristo che lo avrebbe miracolosamente guarito [72] . L'Osservatore Romano scrisse poi che il papa, «... il giorno prima, aveva sentito una voce chiarissima annunziare distintamente: "Verrà una visione"; e in quel mattino, mentre ripeteva l'invocazione della preghiera Anima Christi : In hora mortis meae voca me (Nell'ora della mia morte chiamami), il Signore era venuto ed aveva sostato presso di lui» [73] .

In seguito rivolse la sua attenzione anche alle vicende dei cattolici ungheresi , colpiti dalla repressione militare successiva alla rivoluzione del 1956 . Ai fatti dell'Ungheria dedicò, infatti, tre encicliche: la Luctuosissimi Eventus , la Laetamur Admodum e la Datis Nuperrime . Inoltre, nella primavera del 1957, su richiesta dell'interessato, accordò a padre Pio da Pietrelcina la dispensa dal voto di povertà, affinché si occupasse dell'appena inaugurata Casa Sollievo della Sofferenza anche sotto il profilo gestionale [74] .

La salute di Pio XII si aggravò durante la fine del decennio: fu afflitto per molto tempo da un singhiozzo continuo, dovuto forse a una gastrite . Tra i suoi ultimi atti ufficiali, l' enciclica Fidei Donum ( 1957 ) con la quale invitò la Chiesa intera a riprendere lo slancio missionario soprattutto condividendo i sacerdoti con le giovani chiese. Il 3 maggio dello stesso anno, emanò un significativo breve apostolico , con il quale nominò il martire san Sebastiano , patrono dei vigili urbani : «Che in Italia sono preposti al mantenimento dell'ordine pubblico».

La morte

La salma di Pio XII appena composta.

Nell'autunno del 1958 la salute di Pio XII iniziò a declinare: il pontefice si trasferì quindi al Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo per osservare un periodo di riposo [75] .

La mattina del 5 ottobre, dopo aver celebrato come di consueto la messa alla presenza di collaboratori e familiari, diede udienza a un folto stuolo di notai ; concluso l'impegno, pur sentendosi già affaticato e respirando con difficoltà per via di un acuto singhiozzo , officiò comunque l'orazione mariana di mezzogiorno. Infine sul calare della sera non rinunciò ad affacciarsi alla finestra del cortile interno del palazzo per impartire la benedizione apostolica ai fedeli che vi si trovavano.

A tarda notte fu colto da un' ischemia che lo fece sprofondare in stato comatoso , sicché gli venne amministrata l' estrema unzione : la notizia circolò rapidamente e già prima del mattino seguente una grande folla si assiepò a Castel Gandolfo [75] .

In questo frangente l' archiatra Riccardo Galeazzi Lisi scattò segretamente al papa (semincosciente e intubato ) una ventina di fotografie, vendendole poi al rotocalco Paris Match .

Tra il pomeriggio del 6 ottobre e la mattina del 7 il pontefice riprese conoscenza e lucidità: si levò dal letto e trascorse la giornata in preghiera e ascoltando musica. Fu però solo una parentesi: il mattino dell'8 ottobre sopraggiunse una crisi cardio-circolatoria più acuta e già alle ore 11:11 un dispaccio d' agenzia annunciò la morte del papa. La notizia venne prontamente divulgata da alcuni giornali in edizione straordinaria, ma a stretto giro la Santa Sede provvide a smentirla: l'equivoco si era originato dacché alcuni giornalisti si erano messi d'accordo col dottor Galeazzi Lisi, il quale aveva promesso loro di annunciare il decesso del papa "in anteprima" agitando un fazzoletto da dietro una finestra del palazzo pontificio. Una suora della famiglia pontificia, all'oscuro di tale patto, aveva però tratto in inganno gli astanti aprendo anzitempo l'anta della finestra prescelta [75] .

L'agonia di Pio XII in realtà durò ancora per circa 16 ore ulteriori, terminando alle ore 3:52 del 9 ottobre 1958 [75] .

Al mattino fu ancora Galeazzi Lisi a praticare sulla salma (preventivamente lavata e poi rivestita - secondo le indicazioni lasciate da Pacelli - dalle suore che lo accudivano) l'imbalsamazione secondo un metodo da lui stesso brevettato, consistente nell'avvolgimento della salma entro alcuni strati di cellophane insieme con una miscela di erbe aromatiche, spezie e prodotti naturali, a suo dire analoghi a quelli usati sulla salma di Gesù Cristo prima della deposizione nel Santo Sepolcro . Tale soluzione tuttavia provocò un'accelerazione del fenomeno di decomposizione del cadavere, che nel giro di poche ore incominciò a sprigionare miasmi tali da provocare lo svenimento di alcune guardie del picchetto d'onore incaricate di vegliarlo in attesa del trasferimento a Roma [76] .

La salma venne traslata in Vaticano su un comune carro funebre motorizzato fornito dal comune di Roma, addobbato con una sorta di baldacchino (quattro putti agli angoli del cassone che reggevano drappi bianchi legati a un triregno posto centralmente): il mezzo era stato fornito dal municipio in sostituzione della carrozza funebre con cavalli bianchi richiesta dalla Santa Sede, che era risultata irreperibile [77] [78] . L'automezzo venne accompagnato in corteo dalle Forze dell'ordine italiane in alta uniforme: lungo il percorso, che attraversò tutte le principali vie di Roma, si assiepò un folto pubblico.

Sepolcro di Pio XII nelle Grotte Vaticane .

Condotta nella Basilica di San Pietro (per la prima volta non nella cappella del Santissimo Sacramento, ma nella navata centrale, davanti all'altare maggiore, inaugurando una prassi che sarà seguita per tutti i pontefici successivi), la salma venne offerta per nove giorni su un alto palco all'omaggio dei fedeli. Già la notte successiva alla traslazione, preso atto dei veloci fenomeni cadaverici che stavano interessando la salma, la Santa Sede convocò un gruppo di medici legali esperti nel campo dell'imbalsamazione, incaricati di eseguire un nuovo trattamento conservativo con ovatta e formalina che perlomeno rallentasse il decadimento organico. Il nuovo intervento non poté tuttavia risolvere una situazione ormai compromessa, sicché si optò per posare sul volto del papa (ormai sfigurato) una maschera di cera miscelata a composti alcalini fusa poi in argento dalla Fonderia Artistica Ferdinando Marinelli .

Conclusa l'ostensione e celebrate le esequie, la salma di Pio XII venne deposta in un sarcofago lapideo nelle Grotte Vaticane , vicino alla tomba di Pietro (il cui sito esatto era stato individuato proprio sotto il suo pontificato). Pio XII fu inoltre l'ultimo papa a essere onorato con l'erezione, durante i novendiali , del cosiddetto "tumulo" (un catafalco di forma piramidale coperto di drappi neri e adornato da molti ceri votivi) dinnanzi all'altar maggiore di San Pietro: i successori Giovanni XXIII e Paolo VI infatti disposero per iscritto di non servirsi di tale simulacro.

Il presunto silenzio sull'Olocausto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pio XII e l'Olocausto .
Papa Pio XII.

Nel 1963 , la rappresentazione della pièce teatrale Il Vicario , ha segnato il culmine della polemica nei confronti di Pio XII, accusato di non essersi adeguatamente adoperato nella difesa degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, fino al punto di essere definito "Il papa di Hitler " [79] .

L'accusa sarebbe quella per cui avrebbe mantenuto il silenzio circa lo sterminio degli ebrei, fatto di cui era a conoscenza, essendone stato informato più volte e da più fonti [80] [81] [82] . Afferma lo storico Giovanni Miccoli : «Non vi è dubbio che il Vaticano fu ben presto consapevole del salto di qualità che la persecuzione antiebraica aveva compiuto con lo scoppio della guerra». Per quanto riguarda la “ soluzione finale della questione ebraica ”, numerose sono le attestazioni che la Santa Sede ne fu via via largamente informata con sufficiente precisione. Ad esempio il 12 maggio 1942 don Pirro Scavizzi scriveva a Pio XII che: «La lotta antiebraica è implacabile e va sempre più aggravandosi, con deportazioni ed esecuzioni anche in massa. La strage degli ebrei in Ucraina è ormai al completo. In Polonia e in Germania la si vuole portare ugualmente al completo, col sistema delle uccisioni di massa» [80] . Il 29 agosto 1942 monsignor Andrej Szeptycki confermava la gravità delle notizie: «Non passa giorno senza che si commettano i crimini più orrendi. [...] Gli ebrei ne sono le prime vittime. Il numero degli ebrei uccisi nel nostro piccolo paese ha certamente superato i 200.000. Man mano che l'esercito avanza verso est, il numero delle vittime cresceva. A Kiev , in pochi giorni, vi è stata l'esecuzione di circa 130.000 uomini, donne e bambini. Tutte le piccole città dell'Ucraina sono state testimoni di analoghi massacri, e tutto ciò dura da un anno» [80] .

Il 18 settembre 1942 , monsignor Giovanni Battista Montini , all'epoca impegnato nell'Ufficio informazioni del Vaticano, scriveva: «I massacri degli ebrei hanno raggiunto proporzioni e forme esecrande e spaventose. Incredibili eccidi sono operati ogni giorno; pare che per la metà di ottobre si vogliono vuotare interi ghetti di centinaia di migliaia di infelici languenti» [80] . Il 3 ottobre 1942 l'ambasciatore polacco presso la Santa Sede riferì che in tutta la Polonia gli ebrei venivano deportati in campi di concentramento per poi essere uccisi [81] ; nel dicembre 1942 il ministro britannico presso la Santa Sede, Francis D'Arcy Osborne , ebbe un'udienza con Pio XII in cui consegnò al pontefice un rapporto redatto da inglesi, statunitensi e sovietici sull'estrema povertà degli ebrei e sul loro sterminio sistematico [81] ; e così via. Infine, Pio XII non sottoscrisse la dichiarazione degli Alleati del 17 dicembre 1942 in cui si condannava il massacro degli ebrei. Si fa notare che, a tale data, tra gli Alleati c'era anche l' Unione Sovietica .

Nei confronti del nazismo, Pacelli ritenne perseguibile seguire la via della negoziazione diplomatica convinto che una denuncia ufficiale dell'olocausto non avrebbe giovato agli stessi ebrei e avrebbe solo esteso la persecuzione nazista a un numero ancora maggiore di cattolici. [83] Secondo lo storico Rodney Stark , però, Pacelli dette prova di essere contro il razzismo non solo durante ma anche prima del suo pontificato. Ne sono esempi una lettera inviata all' arcivescovo di Colonia nel 1935, un'omelia nel 1937 e un articolo del titolo del New York Times del 20 ottobre 1939, titolato: "Il papa condanna dittatori, violatori di trattati e razzismo". [84]

Per quanto riguarda, nello specifico, il rastrellamento del ghetto di Roma , lo storico e ricercatore Michael Hesemann , rappresentante per la Germania della Pave the Way Foundation , ha rinvenuto alcuni documenti negli archivi della chiesa di Santa Maria dell'Anima , la chiesa nazionale della Germania a Roma. [85] Secondo Gary Krupp, presidente della fondazione Pave the Way , tali documenti attesterebbero le azioni intraprese dietro le quinte da Pio XII a partire dalle 14:00 del giorno del rastrellamento degli ebrei romani, già iniziato alle prime ore dell'alba [86] .

Secondo Krupp: «La mattina del 16 ottobre 1943, quando il Papa seppe dell'arresto degli ebrei, ordinò immediatamente una protesta ufficiale vaticana all'ambasciatore tedesco, che sapeva avrebbe avuto senz'altro esito». In realtà il pontefice inviò suo nipote, Carlo Pacelli, dal vescovo austriaco Alois Hudal , rettore del Collegio teutonico di Santa Maria dell'Anima , che era secondo alcuni cordiale con i nazisti e aveva buone relazioni con loro. «Il principe Pacelli disse a Hudal che era stato inviato dal Papa, e che Hudal doveva scrivere una lettera al governatore tedesco di Roma, il generale Stahel, per chiedere di fermare gli arresti», racconta Krupp [86] . Formalmente, peraltro, la lettera di un esponente della chiesa tedesca e non proveniente dai massimi gradi della gerarchia vaticana (il Papa, il Segretario di Stato o, al limite, il nunzio apostolico in Germania), non rappresenta una "protesta ufficiale".

Nella lettera del vescovo Hudal al generale Stahel si leggeva: «Proprio ora, un'alta fonte vaticana [...] mi ha riferito che questa mattina è iniziato l'arresto degli ebrei di nazionalità italiana. Nell'interesse di un dialogo pacifico tra il Vaticano e il comando militare tedesco, le chiedo urgentemente di dare ordine di fermare immediatamente questi arresti a Roma e nella zona circostante. La reputazione della Germania nei Paesi stranieri richiede una misura di questo tipo, e anche il pericolo che il Papa protesti apertamente». Hudal, quindi, chiedeva la "non reiterazione" di altri arresti senza entrare nel merito della sorte dei rastrellati nel ghetto e già arrestati. Solo in caso di nuovi arresti ci sarebbe stata la protesta del Papa. La mattina dopo, il generale disse di aver girato la questione alla Gestapo locale ea Himmler personalmente. «Himmler - avrebbe detto al telefono - ha ordinato che, considerato lo status speciale di Roma, gli arresti siano fermati immediatamente». Di conseguenza, non vi fu nessuna protesta ufficiale del Papa per le deportazioni già avviate.

Diverse furono invece le testimonianze di rifugiati nei conventi romani, cui Pio XII chiese di interrompere in maniera straordinaria anche la clausura, pur di nascondere ebrei e perseguitati politici [87] . Il Papa stesso offrì rifugio a numerosi ebrei nei palazzi del Vaticano e nelle chiese e scuole cattoliche romane [34] [88] [89] .

Lo storico irlandese Eamon Duffy, docente di Storia del Cristianesimo presso l' Università di Cambridge , ha scritto: «Mentre le pressioni sulla comunità ebraica aumentavano, (Pio XII) ordinò l'apertura degli istituti religiosi di Roma come luoghi di rifugio: 5.000 ebrei furono ospitati in essi e nel Vaticano stesso. Dopo la guerra, il rabbino capo di Roma ( Eugenio Zolli ) diventò cattolico, facendosi battezzare col nome di Eugenio».

Secondo uno studio del ricercatore Dominiek Oversteyns fondato sulle fonti primarie, ossia sulle sole testimonianze degli ebrei romani e dei loro salvatori, prima dell'inizio del rastrellamento, alle ore 04:59 del 16 ottobre 1943 a Roma erano presenti 8.207 ebrei (8.000 ebrei romani e 207 ebrei stranieri) [90] . Il 16 ottobre 1943 furono arrestati 1.030 di questi ebrei 1.029 ebrei romani e 1 ebreo straniero) e poi deportati ad Auschwitz il 18 ottobre 1943 con partenza alle ore 14:00 dalla stazione Tiburtina di Roma [91] . Il 4 giugno 1944 alle ore 23:59 avrebbero dovuto essere presenti a Roma 9.975 ebrei (8.000 ebrei romani e 1.975 ebrei stranieri). Di questi, 6.381 (4.590 ebrei romani e 1.791 ebrei stranieri), il 64% di tutti gli ebrei presenti a Roma [92] , erano stati aiutati e salvati da papa Pio XII durante gli otto mesi di dura persecuzione nazista. In breve si può dire che di questi 9.975 ebrei durante gli otto mesi di persecuzione, 1.697 ebrei furono uccisi, 4.205 ebrei sopravvissero in 235 conventi romani, 1.680 ebrei sopravvissero sotto la protezione di DELASEM in collaborazione con il Vaticano, 160 ebrei sopravvissero in Vaticano e nelle sue 26 sedi extraterritoriali, 1.324 ebrei sopravvissero in case private di amici e 495 ebrei sopravvissero nei villaggi intorno a Roma [93] .

Per quanto riguarda il resto d'Europa, stime indipendenti e documentate da numerose testimonianze attestano che molti esponenti della Chiesa cattolica (sacerdoti, frati, suore, laici) si attivarono per contrastare il genocidio ebraico, affrontando notevoli rischi e spesso pagando anche con il sangue. Una stima imprecisa valuterebbe che circa seicentomila ebrei siano stati salvati dall'Olocausto, un numero superiore a quello ottenuto da tutte le organizzazioni umanitarie e altre chiese cristiane messe insieme [94] [95] [96] . Del resto, anche i futuri papi Roncalli , Luciani e Wojtyła salvarono e nascosero ai tedeschi gruppi e famiglie ebree.

Evoluzione della questione

Col passare dei decenni i rapporti tra Israele e la figura storica di Pio XII si sono rasserenati, grazie a varie recenti analisi storiche [83] [97] [98] . Non è un caso che quest'opera imponente di carità sia riconosciuta dagli ebrei stessi. Ma già il 10 ottobre 1958, in seguito alla morte del Papa, Golda Meir , ministro degli Esteri dello Stato d'Israele , affermò: «Durante il decennio del terrore nazista, il nostro popolo ha subito un martirio terribile. La voce del Papa si è alzata per condannare i persecutori e per invocare pietà per le vittime». Tra le altre, si ricorda il riconoscimento del rabbino capo di Roma Elio Toaff , subito dopo la morte di Pio XII: «Più che in ogni altra occasione, abbiamo avuto l'opportunità di sperimentare la grande compassione e la grande generosità di questo papa durante gli anni della persecuzione e del terrore, quando sembrava non ci fosse per noi più alcuna speranza».

Lo studioso ebraico Pinchas Lapide ha ricordato delle stime per cui tra il 70 e il 90% dei 950 000 ebrei europei sopravvissuti all' olocausto lo devono a iniziative cattoliche, incoraggiate e sostenute dallo stesso Pio XII. Numerose le attestazioni di riconoscenza e gratitudine subito dopo la guerra [99] [100] .

Il rabbino di New York , David Gil Dalin , nel corso del Meeting per l'amicizia fra i popoli del 2001, ha dichiarato: «Pio XII lanciò un grido d'allarme pubblicamente e privatamente contro i pericoli del nazismo e, nel corso dell'intera seconda guerra mondiale, si espresse sempre a favore degli ebrei. Quando il Papa apprese delle atrocità commesse dai nazisti in Polonia esortò i vescovi d'Europa a fare tutto quanto in loro potere per salvare gli ebrei, vittime della persecuzione nazista. Nel gennaio del 1940, su istruzione dello stesso Papa, Radio Vaticana e L'Osservatore Romano rivelarono al mondo le terribili atrocità commesse dalla disumana tirannia nazista verso gli ebrei ei cattolici polacchi e affermavano, secondo le parole del Papa, che queste atrocità avevano offeso la coscienza morale dell'uomo» [30] .

Alcuni di questi giudizi storici positivi sono derivati da Israele [86] : lo storico israeliano Gary Krupp sostiene infatti che Pio XII , durante e dopo la seconda guerra mondiale , fece «tutto quello che era in suo potere per proteggere e difendere gli ebrei, spingendosi ad affermare che abbia «salvato più ebrei di tutti i leader del mondo messi assieme. E soprattutto, adoperandosi da una città in stato di assedio». A conferma delle sue tesi Krupp ha raccolto circa 76.000 pagine di materiali originali, oltre alle testimonianze oculari e ai contributi di studiosi internazionali di rilievo, che fanno cadere a una a una tutte le leggende nere sul conto di Pacelli. Inoltre, sempre secondo Krupp, «il papa operò in favore dei perseguitati» [86] .

Il processo di beatificazione

Pio XII in preghiera.

Il 18 ottobre 1967 , nove anni dopo la sua morte, Paolo VI ne aprì il relativo processo diocesano per la causa di beatificazione e canonizzazione . La causa per la beatificazione ha sollevato dubbi soprattutto all'interno della comunità ebraica, a motivo del silenzio sullo sterminio degli ebrei, ma anche all'interno della stessa Chiesa cattolica. [101]

Nel 1990 , con decreto firmato da papa Giovanni Paolo II , è stato proclamato Servo di Dio [102] . Il 19 dicembre 2009 , con un decreto firmato da papa Benedetto XVI che ne attesta le virtù eroiche, è stato proclamato venerabile . [103] [104] Critiche in merito sono venute dalle comunità ebraiche. Diversi rabbini hanno parlato di scelta che addolora e riscrive la storia. [105] [106]

Nel viaggio di ritorno dalla Terra Santa, il 26 maggio 2014, papa Francesco ha dichiarato in merito: «La causa di Pio XII è aperta. Io mi sono informato: ancora non c'è nessun miracolo, e se non ci sono miracoli non può andare avanti. È ferma lì. Dobbiamo aspettare la realtà, come va la realtà di quella causa, e poi pensare di prendere delle decisioni. Ma la verità è questa: non c'è nessun miracolo ed è necessario almeno uno per la beatificazione. Questo è come oggi è la causa di Pio XII. E io non posso pensare: “Lo farò beato o no?”, perché il processo è lento. Grazie». [107]

Il lavoro per il processo di canonizzazione è affidato, per decisione di Benedetto XVI, alla Compagnia di Gesù .

Apertura degli archivi vaticani

Lo Yad Vashem , il museo dell' Olocausto di Gerusalemme , ospita dal 2005 una fotografia di Pio XII, la cui didascalia in calce ne definiva "ambiguo" il comportamento di fronte allo sterminio degli ebrei. A seguito di formale richiesta di modifica di tale didascalia, nel 2006 i responsabili del museo si mostrarono disposti a riesaminare la condotta di Pio XII a condizione che ai propri ricercatori venisse concesso di poter accedere agli archivi storici del Vaticano. Più recentemente, il nunzio apostolico monsignor Antonio Franco dapprima declinò, poi decise di accettare, l'invito a partecipare alla commemorazione della Shoah tenutasi al museo il 15 aprile 2007 . Nell'occasione il direttore del museo stesso, Avner Shalev, promise che avrebbe riconsiderato la maniera in cui Pio XII era descritto nella didascalia [108] . Successivamente il museo israeliano dell'Olocausto si è corretto dando spazio nella didascalia ai difensori di Pio XII [109] . L'effettiva riscrittura della didascalia è stata realizzata nel 2012 [110] . Di fatto, ciò appare una riabilitazione della figura del papa presso il popolo ebraico. [111]

In occasione dell'ottantesimo anniversario dell'elezione di Pio XII a Sommo Pontefice, il 4 marzo 2019 , papa Francesco ha annunciato la decisione di aprire agli studiosi gli archivi vaticani su Pio XII:

«Questo costante e non lieve impegno, vostro e dei vostri colleghi, mi permette oggi, in ricordo di quella significativa ricorrenza, di annunciare la mia decisione di aprire alla consultazione dei ricercatori la documentazione archivistica attinente al pontificato di Pio XII, sino alla sua morte, avvenuta a Castel Gandolfo il 9 ottobre 1958.
Ho deciso che l'apertura degli Archivi Vaticani per il Pontificato di Pio XII avverrà il 2 marzo 2020, a un anno esatto di distanza dall'ottantesimo anniversario dell'elezione al Soglio di Pietro di Eugenio Pacelli.»

( Papa Francesco, Discorso agli Officiali dell'Archivio Segreto Vaticano , Città del Vaticano, 4 marzo 2019 [112] )

A seguito di un lavoro di catalogazione iniziato per volere di Benedetto XVI , i documenti del Papa, della Curia e delle rappresentanze pontificie dal 1939 al 1958 sono stati resi disponibili per la consultazione «gratuita e aperta a studiosi qualificati» [113] a partire dal 2 marzo 2020 [114] . Johan Ickx, direttore dell'archivio storico della sezione “Rapporti con gli Stati” della Segreteria di Stato, ha contato 2800 richieste di aiuto, relative a quasi 5.000 persone. si tratta della cosiddetta “lista Pacelli” più verificata possibile, con dati che – lo ammette lo stesso Ickx – potrebbero anche essere rivisti un giorno al rialzo, ma che rappresentano ad oggi la cifra più attendibile, sebbene meno suggestiva. Ma lo storico tedesco Hubert Wolf ha sottolineato che le richieste sarebbero ancora di più: circa 15.000. Ammettendo che davvero Papa Pacelli abbia aiutato gli Ebrei quando possibile, e in questo modo riposizionandosi nel dibattito tra gli storici, prendendo una posizione più morbida nei confronti del Papa, infatti precedentemente aveva teorizzato, sulla base di alcuni documenti tra cui una nota di monsignor Dall'Acqua, che Pio XII avesse saputo dell'Olocausto in corso ma avrebbe voluto volutamente ignorare le fonti, anche per via di un “pregiudizio antisemita” che colpiva prima di tutto i suoi collaboratori. Wolf dimostra quindi di aver cambiato opinione e lo ha fatto con una intervista ad Herder Korrespondenz del 30 aprile 2021, in cui parla di circa “15 mila petizioni di Ebrei di tutta Europa che, a causa della persecuzione da parte dei nazisti, si sono rivolti a Pio XII per chiedere aiuto”. Si tratta di – prosegue Wolf – “documenti in prima persona impressionanti, testimonianze sconvolgenti della persecuzione, del disagio e dell'orrore durante il regime nazionalsocialista". E aggiunge che la Santa Sede ha risposto quando possibile alle richieste di aiuto, con “soldi, cibo o un riparo”, e che Pio XII aveva letto personalmente numerose petizioni, anche facendo concedere visti [115] . Johan Ickx ha scritto recentemente il libro “Pio XII e gli Ebrei”, che è il frutto di una prima lettura dei pezzi di archivio ora aperti al pubblico. Un libro narrativo, ma basato su documenti storici. In particolare, Ickx ha ripercorso le storie delle 2800 richieste di aiuto che si trovano nella serie “Ebrei” trovato nell'archivio della Seconda Sezione della Segreteria di Stato, in cui si delinea anche la storia del bureau messo su per salvare gli Ebrei. Ickx afferma che: “la segreteria di Stato del Vaticano era l'unico ministero degli Esteri al mondo con un ufficio apposito e una completa rete internazionale destinata al soccorso delle persone perseguitate durante la Seconda guerra mondiale. Oggi, la serie Ebrei ne è la dimostrazione”. Ickx nel libro fornisce cifre dettagliate: quasi 5.000 ebrei (4205) vennero ospitati e nascosti nei monasteri cattolici, 1324 in case private, 160 ebrei furono rifugiati in Vaticano e nelle sue aree extraterritoriali [116] .

Pio XII nella cultura di massa

  • Pio XII è stato identificato con il Pastor Angelicus della Profezia di Malachia .
  • Secondo alcuni gruppi di cattolici tradizionalisti sostenitori in particolare del sedevacantismo o del sedeprivazionismo , dopo la morte di papa Pacelli la sede pontificia sarebbe vacante o formalmente vacante. [117]
  • Pacelli fu tra i primi prelati a usare l' aereo per i suoi spostamenti e per questo un giornale americano lo soprannominò il "cardinale volante" [118] .
  • Nel 1942, Pio XII fu il primo pontefice a essere il protagonista vivente di una pellicola cinematografica [119] . Commissionò il film documentario dal titolo Pastor angelicus [120] [121] , allo scopo di rivolgere a tutto il mondo un invito all' amore cristiano . Il titolo scelto da Pacelli coincideva con l'espressione adottata secoli prima da Gioacchino da Fiore (1130-1202) per la profezia di un'Età dello Spirito e della distruzione di una Chiesa mondana, carnale e corrotta. [122] .
  • L'episodio della visita di Pio XII alle vittime del bombardamento del quartiere romano di San Lorenzo è ricordato da Francesco De Gregori nel brano musicale San Lorenzo . [123]
Pio XII riceve in udienza i ciclisti partecipanti al Giro del Giubileo 1950, tra cui Fausto Coppi e Gino Bartali .
  • Papa Pacelli era un appassionato di ciclismo. Il 26 giugno 1946 fu il primo pontefice a ricevere in udienza i partecipanti al Giro d'Italia , tra cui la maglia rosa Gino Bartali e il rivale Fausto Coppi . Bartali, fervente cattolico, fu addirittura citato dal Papa il 17 settembre 1947, in un discorso agli iscritti dell' Azione Cattolica in Piazza San Pietro : «Guardate il vostro Gino Bartali, membro dell'Azione Cattolica: egli ha più volte guadagnato l'ambita maglia. Correte anche voi in questo campionato ideale». Pio XII ricevette Coppi e Bartali il 19 aprile 1950 prima della partenza del Giro d'Italia dell'anno del Giubileo. Al termine della corsa, il 14 giugno, Pacelli ricevette nuovamente i ciclisti. Coppi era assente, essendo ricoverato in ospedale per una dolorosa caduta. Bartali fu accompagnato dal vincitore di quell'anno, il calvinista Hugo Koblet , che si prostrò anch'egli in ginocchio di fronte al Papa. [124] [125]
  • Il 15 agosto 1954 da Castel Gandolfo recitò il primo Angelus radiofonico di un Papa e, in autunno, istituì l'Angelus domenicale dalla finestra di Piazza San Pietro [126] .
  • Pio XII fu il primo papa le cui immagini vennero trasmesse in televisione , sul cui uso emise l'enciclica Miranda Prorsus (1957).
  • Pio XII uomo della pace e Papa della guerra è un documentario Rai di Antonia Pillosio, per "Italiani ", programma di Rai Cultura a cura di Paolo Mieli .
  • L'azione di Papa Pio XII nel periodo dell'occupazione tedesca di Roma è stata narrata in Sotto il cielo di Roma , miniserie televisiva in due puntate co-prodotta da Italia e Germania . È stata trasmessa da Rai 1 dal 31 ottobre al 1º novembre 2010 . Papa Pacelli è interpretato dall'attore statunitense James Cromwell .
  • Nella raccolta La religione del mio tempo (1961), Pier Paolo Pasolini pubblicò una poesia molto critica nei confronti di Pio XII, scritta in occasione della sua morte. La poesia termine con l'accusa al Papa di essere stato il più grande dei peccatori, per non aver fatto del bene pur avendone avuto tutta l'opportunità. [127]
  • Molte polemiche furono suscitate per la grande influenza sul papa esercitata dalla sua assistente suor Pascalina Lehnert , che ne gestiva l'agenda [128] . Suor Pascalina arrivava a interrompere gli incontri ufficiali di Pio XII per fargli rispettare l'orario dei pasti; fece anche attendere per ore il cardinale Roncalli per permettere a Clark Gable di incontrare il papa e fece allontanare dalle guardie svizzere monsignor Tardini che voleva interrompere il colloquio di Pio XII con Gary Cooper . Il suo scarso riguardo per gli ospiti politici ei prelati della Curia le procurò il soprannome di "caporale tedesco".

Encicliche di Pio XII

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elenco delle encicliche § Pio XII (1939-1958) e Teologia di papa Pio XII .

Concistori per la creazione di nuovi cardinali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Pio XII .

Durante il suo pontificato papa Pio XII creò 56 cardinali nel corso di due soli distinti concistori .

Genealogia episcopale e successione apostolica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Onorificenze

Onorificenze della Santa Sede

Il papa è sovrano degli ordini pontifici della Santa Sede mentre il Gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal pontefice o concesso a una persona di fiducia, solitamente un cardinale .

Sovrano dell'Ordine Supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Supremo del Cristo
— 1939-1958
Sovrano dell'Ordine dello Speron d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine dello Speron d'Oro
— 1939-1958
Sovrano dell'Ordine Piano - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Piano
— 1939-1958
Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno
— 1939-1958
Sovrano dell'Ordine di San Silvestro Papa - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Silvestro Papa
— 1939-1958
Sovrano dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
— 1939-1958

Onorificenze italiane

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1932-1939
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1932-1939
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1932-1939

Onorificenze straniere

Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa Sovrano militare ordine ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa Sovrano militare ordine ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta
— 20 marzo 1930-2 marzo 1939

Altri riconoscimenti

Note

  1. ^ Nazareno Padellaro , Pio XII , Torino, SAIE, 1956, pp. 49-52
  2. ^ a b La Grande Storia ; puntata del 29 dicembre 2006 Pio XII Il Principe di Dio .
  3. ^ Nazareno Padellaro, cit. , p. 100
  4. ^ Heinrich Brüning in: Testimonianze cristiane
  5. ^ Nazareno Padellaro, cit. , p. 131
  6. ^ a b Emma Fattorini, Pio XI, Hitler e Mussolini , Torino, Einaudi, 2007
  7. ^ La foto della lettera appare sull'inserto Domenica de Il Sole 24 Ore , n. 144 del 27 maggio 2007. L'articolo contiene anche una valutazione storica del reperto e l'annuncio di un saggio di Emma Fattorini ( Pio XI, Hitler e Mussolini. La solitudine di un papa , Einaudi) che riporta il testo completo del manoscritto del discorso.
  8. ^ ( EN ) Georges Passelecq e Bernard Suchecky, The Hidden Encyclical of Pius XI , su Washington Post , Harcourt Brace & Company, 1997. URL consultato il 26 luglio 2015 .
  9. ^ G. Passelecq e B. Suchecky. L'enciclica nascosta di Pio XI. Un'occasione mancata dalla chiesa cattolica nei confronti dell'antisemitismo , Milano, 1997
  10. ^ Andrea Tornielli, Pio XII - il papa degli ebrei , Casale Monferrato, 2001
  11. ^ Saul Friedländer , Pio XII e il Terzo Reich , Feltrinelli, Milano, 1965. Secondo Friedländer, è possibile che tali reazioni contrastanti siano dovute a una divergenza di opinioni tra Goebbels e Ribbentrop in merito all'atteggiamento che il segretario di Stato di Pio XI avrebbe assunto verso il Reich, nel caso fosse stato eletto papa.
  12. ^ Galeazzo Ciano, Renzo De Felice (a cura di), Diario 1937-1943 , Milano, Rizzoli, 1980, p. 259.
  13. ^ Andrea Riccardi , Roma città sacra? Dalla Conciliazione all'operazione Sturzo , Vita e pensiero, Milano, 1979, p. 181.
  14. ^ John Cornwell, Il Papa di Hitler , Milano, Garzanti, 2000.
  15. ^ Pier Luigi Guiducci, Il Terzo Reich contro Pio XII - Papa Pacelli nei documenti nazisti (Attualità e storia) , San Paolo, 2013, p. 88.
  16. ^ Das Schwarze Korps , 9 marzo 1939.
  17. ^ a b c Eugenio Pacelli, il Principe di Dio - S2013 - Video , su RaiPlay . URL consultato il 26 gennaio 2021 .
  18. ^ Fred Taylor (a cura di), Diari di Goebbels (1939-1941) , Sperling & Kupfer, p. 20.
  19. ^ SD Lage-Bericht, I trimestre 1939, dossier 58/717 , Archivi della Germania Federale, Coblenza, pp. 22-23.
  20. ^ Pier Luigi Guiducci, cit. , p. 89.
  21. ^ Fin dall'indomani della sua costituzione, infatti, il governo di Vichy emanò alcuni decreti che facevano chiaramente presagire le sue intenzioni riguardo agli ebrei. Tra il luglio e l'agosto del 1940 fu disposta la revisione delle naturalizzazioni accordate dopo il 1927 e venne abrogato il decreto Marchandeau che puniva l'ingiuria "verso un gruppo di persone che, per la loro origine, appartengono a una determinata razza o religione". Nell'ottobre del 1940 con l'adozione dello Statuto degli ebrei e la legge sugli stranieri di razza giudaica, il governo di Vichy avviò una politica antiebraica. Gli ebrei furono allontanati dalla scuola, dalla pubblica amministrazione e dalle professioni liberali. I loro beni furono "arianizzati", cioè espropriati. Gli israeliti stranieri vennero internati nei campi di concentramento. In seguito, previo accordo con i tedeschi, il governo di Vichy permise la deportazione degli ebrei, stranieri e francesi, nei campi di sterminio, ove ne saranno massacrati 75.000. Roberto Finzi, L'antisemitismo: dal pregiudizio contro gli ebrei ai campi di sterminio , Giunti, Firenze, 1997; Giovanni Miccoli , I dilemmi ei silenzi di Pio XII , Rizzoli, Milano, 2000).
  22. ^ Jeannine Verdès-Leroux, Refus et violences: politique et littérature à l'extrême droite des années trente aux retombées de la Libération , Paris, Gallimard, 1996, p. 55; Giovanni Miccoli, cit. , p. 297.
  23. ^ Michael Phayer, La chiesa cattolica e l'olocausto , Roma, Newton & Compton, 2001, pp. 35-36.
  24. ^ a b La richiesta riguardava la consacrazione della sola Russia, da parte del Papa in unione con tutti i vescovi del mondo. Pertanto le consacrazioni effettuate da Pio XII nel 1942 e nel 1952 non furono ritenute sufficienti dalla veggente di Fatima [1]
  25. ^ Nazareno Padellaro, cit. , p. 209.
  26. ^ Testo della "Summi pontificatus" [2] .
  27. ^ ( EN ) Kenneth C. Campbell, Pope Pius XII: Superb Intelligence Leader , American Intelligence Journal, vol. 33, no. 2, 2016, pp. 148–150.
  28. ^ David Alvarez, Spie in Vaticano , Milano 2003 pp. 200-204 .
  29. ^ Andrea Riccardi, Le politiche della Chiesa , San Paolo, 1997.
  30. ^ a b Copia archiviata. Interventi di David Dalin e Giulio Andreotti al meeting di Rimini , su meetingrimini.org . URL consultato il 6 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 16 aprile 2015) .
  31. ^ Robert Katz , Roma Città Aperta. Settembre 1943-Giugno 1944 , Milano, Il Saggiatore, 2004, p. 100.
  32. ^ Fabio Amodeo e Mario J. Cereghino, Gli ebrei e l'olocausto a Trieste , in Il Piccolo di Trieste , citato in: Rassegna Stampa dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane , 15 ottobre 2007. URL consultato il 22 maggio 2014 (archiviato dall' url originale il 6 agosto 2007) .
  33. ^ Susan Zuccotti, Il Vaticano e l'Olocausto in Italia , Pearson Italia, 2001, p. 177, ISBN 978-88-424-9810-0 .
  34. ^ a b c d La Grande Storia. Pio XII - Il Principe di Dio , puntata del 29 dicembre 2006 .
  35. ^ Robert Katz, cit. , p. 132-134.
  36. ^ Robert Katz, cit. , p. 135-136.
  37. ^ Robert Katz, cit. , p. 137.
  38. ^ Robert Katz, cit. , pp. 280 e 284.
  39. ^ (Cass., 29 settembre 1983, Katz, Cass. pen. 1984, 1404)
  40. ^ Giorgio Bocca, Storia dell'Italia partigiana , Milano, Mondadori, 1996, pp. 293-4.
  41. ^ Giorgio Bocca, cit. , p. 294.
  42. ^ Aurelio Lepre, Via Rasella. Leggenda e realtà della resistenza a Roma , Bari, Laterza, 1996, pp. 46-7.
  43. ^ Alessandro Portelli, L'ordine è già stato eseguito , Milano, Feltrinelli, 2012, p. 11.
  44. ^ Robert Katz, cit. , p. 144 e ss.
  45. ^ Robert Katz, cit. , p. 146.
  46. ^ Robert Katz, cit. , p. 147 e ss.
  47. ^ Dichiarazioni di Giuliano Vassalli al Processo Priebke, in: Corriere della Sera, 11 giugno 1997 [3]
  48. ^ Enzo Biagi, Racconto di un secolo , Rai-Eri , 1999
  49. ^ Defensor civitatis (o defensor urbis ) fu chiamato, durante la Seconda guerra mondiale, papa Pio XII in quanto si adoperò per evitare a Roma i massimi orrori bellici [4] .
  50. ^ Intervista a Pier Luigi Guiducci [5] .
  51. ^ Antonio Spinosa, Pio XII, l'ultimo Papa , Milano, Mondadori, 1992
  52. ^ Adriano Ossicini, Un'isola sul Tevere , Roma, Editori Riuniti, 1999, pp. 265-306
  53. ^ Andrea Riccardi, Il secolo del martirio , Milano, Mondadori, 2009, pp. 250-252.
  54. ^ Pietro Scoppola, La proposta politica di De Gasperi , Bologna, Il Mulino, 1977, pp. 215-216
  55. ^ Relazione di Attilio Piccioni al I Congresso della Democrazia Cristiana , su storiadc.it .
  56. ^ Enzo Santarelli , Dalla monarchia alla Repubblica , Roma, Editori Riuniti, 1974, pp. 209-217
  57. ^ Livio Zeno, Ritratto di Carlo Sforza , Firenze, Le Monnier, 1975, pp. 287-289
  58. ^ Radiomessaggio di SS Pio XII al mondo intero, in occasione del Natale , Venerdì 24 dicembre 1948.
  59. ^ Roberto De Mattei, Il concilio Vaticano II, una storia mai scritta , Torino, Lindau, 2010, p. 123
  60. ^ Alberto Melloni, Il concilio e la grazia, saggi di storia sul Vaticano II , Milano, Jacabook, 2016, pp. 122-123
  61. ^ La Stampa, Pio XII e Fatima, l'appunto segreto sul “miracolo del sole” , 12 maggio 2017.
  62. ^ All'epoca il diritto canonico prevedeva che passassero almeno vent'anni.
  63. ^ [6]
  64. ^ Discorso di SS Pio XII alle partecipanti al congresso della Unione Cattolica Italiana delle Ostetriche, Lunedì 29 ottobre 1951. [7]
  65. ^ Il testo del radiomessaggio , su 30giorni.it . URL consultato il 12 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 21 luglio 2003) .
  66. ^ Angelo del Boca e Mario Giovana , I figli del sole , Milano, Feltrinelli editore, 1965, p. 186
  67. ^ a b Massimo Teodori , Contro i clericali. Dal divorzio al testamento biologico la grande sfida dei laici , Longanesi, Milano , 2009.
  68. ^ Andrea Riccardi, Il "partito romano". Politica italiana, Chiesa cattolica e Curia romana da Pio XII a Paolo VI , Brescia, Morcelliana, 2007.
  69. ^ Correva l'anno: Padre Riccardo Lombardi , Rai Tre, 24 agosto 2010.
  70. ^ Indro Montanelli , I protagonisti , Milano, Rizzoli, 1976, pp. 136-139.
  71. ^ Testo dell'enciclica Ad Sinarum Gentem
  72. ^ ( FR ) Jean Chélini, L'Eglise sous Pie XII , Fayard, 1989, Vol. II, pp. 513-514.
  73. ^ Silvio Bertoldi , Dopoguerra , Milano, Rizzoli, 1993, pp. 188-89.
  74. ^ Renzo Allegri, Padre Pio. L'uomo della speranza , Milano, Mondadori, 1984, p. 171.
  75. ^ a b c d Castel Gandolfo, lo scenario del dramma finale di tre pontificati , in La Stampa Vaticaninsider , 20 ott 2016. URL consultato il 9 marzo 2019 .
  76. ^ Antonio Spinosa, Pio XII , Milano, Mondadori, 2004, pp. 371-372.
  77. ^ La morte del Papa - Riti, cerimonie e tradizioni dal medioevo all'età contemporanea , su cesnur.org . URL consultato il 24 luglio 2012 .
  78. ^ Foto del corteo funebre da Castel Gandolfo a Roma.
  79. ^ John Cornwell, Il papa di Hitler. La storia segreta di Pio XII , New York, 1999.
  80. ^ a b c d Giovanni Miccoli, I dilemmi ei silenzi di Pio XII , Rizzoli, Milano, 2000.
  81. ^ a b c Michael Phayer, La Chiesa cattolica e l'Olocausto , N. & C., Roma, 2001.
  82. ^ Renato Moro , La Chiesa e lo sterminio degli ebrei , Il Mulino, Bologna, 2002.
  83. ^ a b Eamon Duffy, La Grande Storia dei Papi , Mondadori, Milano 2001 ISBN 88-04-49052-7 p. 407.
  84. ^ Rodney Stark, False testimonianze. Come smascherare alcuni secoli di storia anticattolica , 2016
  85. ^ Michael Hesemann, Pio XII. Il papa che si oppose a Hitler , Paoline Editoriale Libri, 2009.
  86. ^ a b c d Gary L. Krupp, Pope Pius XII and World War II: The Documented Truth : a Compilation of International Evidence Revealing the Wartime Acts of the Vatican , Pave the Way Foundation, 2010.
  87. ^ Renato Astrologo, Testimonianza , in: Papapioxii.it [8] .
  88. ^ Carlo Alberto Bucci, Così la portinaia Autorina salvò noi ebrei dallo sterminio , in Repubblica , 7 ottobre 2008.
  89. ^ Maurizio Caprara, Dennis Walters, interprete dei partigiani romani durante l'occupazione tedesca , in Corriere della Sera , 10 novembre 2012.
  90. ^ Dominiek Oversteyns, Fig. 3.1. Tabella con l'aiuto di Pio XII agli ebrei romano prima del 16 ottobre 1943
  91. ^ Dominiek Oversteyns, Fig. 3.3.1. Tabella degli arresti, liberazioni e deportazioni degli ebrei romani e stranieri a Roma dal 16.10.1943 fino al 22.10.1943 e degli interventi fatti da Pio XII per la loro liberazione e/o per aiutarli
  92. ^ Dominiek Oversteyns, Fig. 3.2. Tabella con gli aiuti di Pio XII agli ebrei romani dal 16 ottobre 1943 fino al 4 giugno 1944
  93. ^ Dominiek Oversteyns, Fig. 3.5. Bilancio di che cosa è successo agli ebrei di Roma durante i nove mesi di persecuzione nazista
  94. ^ Teresio Bosco , Terra pianeta che sanguina , SEI, 1975.
  95. ^ Marco Ansaldo, Pio XII e quei rapporti segreti delle SS. Il Vaticano aiuta gli ebrei a scappare , in: La Repubblica , 15 gennaio 2010 [9] .
  96. ^ Interventi del Papa in Ungheria , Romania e Bulgaria e in Italia, attraverso l' arcivescovo di Genova cardinal Boetto , in: Luigi Villa, Pio XII , Brescia, 1964, pp. 136-138.
  97. ^ Battista Mondin , Nuovo Dizionario Enciclopedico dei Papi , Città Nuova, Roma 2006 ISBN 88-311-9230-2 pp. 518-540.
  98. ^ Andrea Tornielli , Pio XII. Eugenio Pacelli. Un uomo sul trono di Pietro , Milano, Mondadori, 2008 ISBN 88-04-58206-5 pp. 309-448.
  99. ^ A Question of Judgment - Pius XII & the Jews | Jewish Virtual Library
  100. ^ L'autore dell'anonimo articolo Un rifugiato ( A Papal Audience in Wartime ) pubblicato sul Palestine Post del 28 aprile 1944 che racconta del suo incontro con papa Pacelli è Howard Heinz Wisla, un ebreo tedesco nato nel 1920, arrestato dalla Gestapo nel 1940, internato nel campo di Sachsenhausen, fuggito. E poi protagonista di un episodio poco conosciuto ma altrettanto avventuroso, dell'ultimo conflitto mondiale: la fuga (lungo il Danubio), di un gruppo di ebrei dalla Slovacchia verso la Palestina a bordo della nave Pentcho . Naufragata nel mare Egeo, l'imbarcazione fu soccorsa da militari italiani. A Wisla venne concesso un visto di espatrio per Roma... Partecipò ad un'udienza con Pio XII. Salutato dal Pontefice, che mostrò di conoscere bene le sue peripezie, udì da questi le seguenti parole poi registrate nel sopradetto articolo: «Tu sei ebreo. So cosa significa questo nel tempo che viviamo. Spero tu possa essere sempre fiero di essere ebreo». ( Avvenire 17 gennaio 2012 – Agorà)
  101. ^ Un figlio della Chiesa di Pio XII rompe il silenzio sulla sua santità , in chiesa.espressonline.com , 27 gennaio 2005.
  102. ^ La canonizzazione superveloce: una deplorevole mancanza di prudenza - di Padre Celatus .
  103. ^ Promulgazione di decreti della Congregazione delle Cause dei Santi , in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede , 19 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 24 dicembre 2009) .
  104. ^ Giovanni Paolo II e Pio XII: i due papi insieme verso gli altari , in Corriere della Sera , 19 dicembre 2009.
  105. ^ Il Papa: "Wojtyla e Pio XII beati" Critiche dalle comunità ebraiche , in Repubblica.it , 19 dicembre 2009.
  106. ^ Tullia Zevi: "Era meglio il silenzio fino all'apertura di tutti gli archivi" , in Repubblica.it , 20 dicembre 2009.
  107. ^ Papa Francesco: «Serve un miracolo» | Papa Pio XII
  108. ^ Nunzio apostolico, sì a cerimonia su Shoah , in il Corriere della Sera , 16 aprile 2007. URL consultato il 16 luglio 2008 .
  109. ^ Il museo israeliano dell'Olocausto «si corregge» su Pio XII
  110. ^ Andrea Tornielli , Pio XII, lo Yad Vashem cambia la didascalia controversa Archiviato il 6 luglio 2012 in Internet Archive ., Vatican Insider, 1º luglio 2012
  111. ^ M. Contu, M. Cingolani e C, Tasca, I martiri ardeatini, Carte inedite 1944-1945 , Editrice Am&D, 2012. In occasione dei cinquant'anni dalla morte di Ascarelli, l'israelita medico legale salvato da Pio XII, gli autori fanno riemergere una vicenda la cui memoria è conservata presso archivio dello Yad Vashem.
  112. ^ ( EN , ES , FR , IT , PT ) Discorso agli Officiali dell'Archivio Segreto Vaticano , su Santa Sede , Sala Clementina , Libreria Editrice Vaticana , 4 marzo 2019. URL consultato il 15 marzo 2019 ( archiviato il 15 marzo 2019) . , con multimedia
  113. ^ Sergio Centofanti, Mons. Pagano: apertura archivi mostrerà a tutti la grandezza di Pio XII , su vaticannews.va , Città del Vaticano, 4 marzo 2019. URL consultato il 15 marzo 2019 ( archiviato il 5 marzo 2019) .
  114. ^ Vatican opens archives of Holocaust-era Pope Pius XII , BBC news, 2 marzo 2020 .
  115. ^ ACI Stampa, 17.05.2021, Pio XII, quanti sono gli Ebrei che ha davvero soccorso? di Andrea Gagliarducci, https://www.acistampa.com/story/pio-xii-quanti-sono-gli-ebrei-che-ha-davvero-soccorso-17095
  116. ^ ACI Stampa, 07.01.2021, Pio XII, e il suo “bureau” che si impegnava a salvare vite durante la guerra, di Andrea Gagliarducci; https://www.acistampa.com/story/pio-xii-e-il-suo-bureau-che-si-impegnava-a-salvare-vite-durante-la-guerra-15950
  117. ^ Emanuele Dal Medico, All'estrema destra del padre: tradizionalismo cattolico e destra radicale , Ed. La Fiaccola, 2004, p. 88. :«Il sedevacantismo è la posizione teologica dei cattolici tradizionali che credono nel papato, nell'infallibilità e nel primato del pontefice, e tuttavia non riconoscono l'attuale vicario di Cristo come vero papa. Il termine "sedevacantismo" è composto da due parole di origine latina che significano "la Sede (apostolica) è vacante" e si riferisce al periodo della cosiddetta Sede vacante del Vaticano alla morte di un pontefice; i sostenitori di tale tesi disconoscono gli ultimi quattro papi del secolo scorso che non risulterebbero validi: Giovanni XXIII , Paolo VI , Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II . I sedevacantisti riconoscono soltanto come ultimo Sommo Pontefice regolarmente eletto Pio XII Pacelli; quelli che dal 1958 seguirono sul trono di Pietro, altro non sarebbero che abusivi».
  118. ^ Camilla Tenaglia, Da cardinale volante a papa internazionale: Pacelli al soglio di Pietro , in: Giovanni Bernardini, Christoph Cornelissen (a cura di), La medialità della storia. Nuovi studi sulla rappresentazione della politica e della società , 2019
  119. ^ ( EN )Pio XII, protagonista dell'International Catholic Film , in L'Osservatore Romano , 18 maggio 2011.
  120. ^ «Pastor Angelicus». Il film su Pio XII. , su papapioxii.it , 26 gennaio 2014.
  121. ^ Claudia Di Giovanni, Un'udienza aperta a tutto il mondo , in L'Osservatore Romano , 15 novembre 2009.
  122. ^ Alfredo Incollingo, Celestino V e il "Pastor angelicus": le origini di un mito , su instoria.it , n. 127, luglio 2018.
  123. ^ Francesco De Gregori-San Lorenzo
  124. ^ Il Papa benedice il Giro. La maglia rosa in Vaticano
  125. ^ [10]
  126. ^ [11]
  127. ^ Pier Paolo Pasolini, A un Papa . Il poeta faceva riferimento alle condizioni dei baraccati nei pressi del Vaticano [12]
  128. ^ Indro Montanelli , Mario Cervi , L'Italia dell'asse , Milano, Rizzoli, 1980, p. 272.

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Pio XII .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Pio XI 2 marzo 1939 - 9 ottobre 1958 Papa Giovanni XXIII
Predecessore Pro-segretario della Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari Successore Emblem Holy See.svg
Pietro Gasparri
(segretario)
20 giugno 1912 - 1º febbraio 1914 se stesso come segretario
Predecessore Segretario della Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari Successore Emblem Holy See.svg
se stesso come pro-segretario 1º febbraio 1914 - 20 aprile 1917 Bonaventura Cerretti
Predecessore Nunzio apostolico in Baviera Successore Emblem Holy See.svg
Giuseppe Aversa 20 aprile 1917 - 8 giugno 1925 Alberto Vassallo-Torregrossa
Predecessore Arcivescovo titolare di Sardi Successore ArcbishopCoA PioM.svg
Giuseppe Aversa 23 aprile 1917 - 16 dicembre 1929 Arthur Hinsley
Predecessore Nunzio apostolico nella Repubblica di Weimar Successore Emblem Holy See.svg
- 22 giugno 1920 - 16 dicembre 1929 Cesare Orsenigo
Predecessore Nunzio apostolico in Prussia Successore Emblem Holy See.svg
- 22 giugno 1926 - 19 agosto 1929 Cesare Orsenigo
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore CardinalCoA PioM.svg
Giuseppe Francica-Nava de Bondifè 19 dicembre 1929 - 2 marzo 1939 Francis Joseph Spellman
Predecessore Cardinale Segretario di Stato di Sua Santità Successore Emblem Holy See.svg
Pietro Gasparri 9 febbraio 1930 - 10 febbraio 1939 Luigi Maglione
Predecessore Prefetto della Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari Successore Emblem Holy See.svg
Pietro Gasparri 9 febbraio 1930 - 2 marzo 1939 Luigi Maglione
Predecessore Presidente della Pontificia Commissione per l'Amministrazione dei Beni della Santa Sede Successore Emblem Holy See.svg
Pietro Gasparri 9 febbraio 1930 - 2 marzo 1939 Luigi Maglione
Predecessore Arciprete della Basilica di San Pietro in Vaticano Successore StPetersDomePD.jpg
Rafael Merry del Val 25 marzo 1930 - 2 marzo 1939 Federico Tedeschini
Predecessore Presidente della Fabbrica di San Pietro Successore StPetersDomePD.jpg
Rafael Merry del Val 25 marzo 1930 - 2 marzo 1939 Federico Tedeschini
Predecessore Camerlengo di Santa Romana Chiesa Successore Sede vacante.svg
Pietro Gasparri 1º aprile 1935 - 2 marzo 1939 Lorenzo Lauri
Predecessore Cardinale protettore della Pontificia Accademia Ecclesiastica Successore Emblem Holy See.svg
Gaetano Bisleti 13 dicembre 1937 - 2 marzo 1939 Luigi Maglione
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore Emblem Holy See.svg
Lorenzo Lauri 13 dicembre 1937 - 2 marzo 1939 Raffaele Carlo Rossi , OCD
Predecessore Prefetto della Congregazione del Sant'Uffizio Successore Emblem Holy See.svg
Papa Pio XI 2 marzo 1939 - 9 ottobre 1958 Papa Giovanni XXIII
PredecessorePrefetto della Congregazione Concistoriale Successore Emblem Holy See.svg
Papa Pio XI 2 marzo 1939 - 9 ottobre 1958 Papa Giovanni XXIII
Predecessore Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali Successore Emblem Holy See.svg
Papa Pio XI 2 marzo 1939 - 9 ottobre 1958 Papa Giovanni XXIII
Predecessore Gran Maestro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Papa Pio XI 2 marzo 1939 - 16 luglio 1940 Nicola Canali
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 63987052 · ISNI ( EN ) 0000 0000 8337 4067 · SBN IT\ICCU\CFIV\056918 · Europeana agent/base/146904 · LCCN ( EN ) n79046189 · GND ( DE ) 118594753 · BNF ( FR ) cb11887285s (data) · BNE ( ES ) XX1165378 (data) · ULAN ( EN ) 500356468 · NLA ( EN ) 35424824 · BAV ( EN ) 495/46861 · NDL ( EN , JA ) 00542984 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79046189