Partit Radical (Itàlia)

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si esteu buscant el partit fundat el 1904, vegeu Partit radical italià .
Partit radical noviolent transnacional i transpart
Partit radical de demòcrates i liberals (fins al 1958)
Partit Radical (oficialment fins al 2011)
Partit Radical Transnacional (extraoficialment des de 1993)
Partit Radical No Violent Transnacional i Transpartidista (oficialment des del 2011)
PRNTT.svg
President Abdelbasset Ben Hassan
Laura Arconti
Giulio Maria Terzi de Sant'Agata
Sam Rainsy
Secretari Maurizio Turco
Estat Itàlia Itàlia
Lloc via di Torre Argentina, 76, Roma
Abreviatura PRNTT
Fundació 11 de desembre de 1955 [1]
Dissolució 1989
Ideologia Radicalisme [2]
Democràcia liberal [2]
Gandhisme [2]
Socialisme liberal [2]
Antiprohibicionisme [2]
Libertarisme [2]
El liberalisme social [2]
Laïcisme [2]
Ecologisme [2]
Antimilitarisme [2]
Ubicació Centre / Centre esquerra [3]
Capçalera El nou alliberament [4]
Ràdio radical
Notícies radicals
El món (històric)
Subscriptors 3168 (28 de desembre de 2018 [5] )
Lloc web partitoradicale.it

El Partit Radical ( PR ) és un partit polític italià amb vocació transnacional [6] . Nascut el 1955 a partir de l’escissió del partit liberal italià amb una forta connotació liberal , accionista , socioliberal i una marcada visió de l’ estat laic , es transforma, sota la direcció de Marco Pannella , en una organització llibertària , noviolenta , transnacional i transpartida. esdevenint promotor d’algunes de les lluites polítiques més significatives per l’afirmació dels drets civils i polítics dels ciutadans, pel respecte de la Constitució i a favor de la democràcia, no només a Itàlia, sinó a tot el món. Participa de manera no continuada a les eleccions italianes del 1955 al 1989 , obtenint fins a un màxim de 20 elegits el 1979 .

Amb la moció del congrés de Budapest del 1989 decideix no presentar més llistes en cap tipus d’eleccions, renova el seu símbol i el reserva per a lluites polítiques sobre drets civils amb una perspectiva transnacionalista i transpartista, canvia de nom, primer de manera informal , al Partit Radical Transnacional i després, el 2011, per llei, al Partit Radical No Violent Transnacional i Transparty (o Partit Radical No Violent Transnacional i Transpartid , en anglès) per perseguir mitjançant l’ús de la noviolència la creació d’un corpus de lleis internacionals sobre els drets de les persones i l’afirmació de la democràcia i la llibertat al món. El 1995 va obtenir el reconeixement com a organització no governamental amb estatus consultiu general de primera categoria a l' ECOSOC de les Nacions Unides .

Tot i que no presenten el seu símbol a les eleccions, molts dels seus màxims exponents, principalment Marco Pannella , són promotors d’iniciatives electorals en estreta correlació amb les lluites civils promogudes pel partit, explotant així el ressò mediàtic dels períodes electorals. En el context del partit radical, iniciatives com les del referèndum i les llistes antiprohibicionistes dels anys noranta, les liberals-liberals-llibertàries dels Pannella Clubs i la posterior llista Marco Pannella , la llista Pannella-Sgarbi , les del Bonino Llista , la de Rosa nel Pugno i Amnistia Justícia i llibertat . Els membres i líders del partit també han participat en la vida política de moltes altres organitzacions polítiques, tant de nova concepció com Verdi Arcobaleno , els radicals d’esquerra o + Europa (almenys pel que fa al component dels radicals italians ), i de partits tradicionals, com el Partit Socialista Demòcrata Italià , el Partit Socialista Italià i el Partit Demòcrata .

Resum de la història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història del partit radical (Itàlia) .

El Partit Radical és una organització no governamental que lluita de manera no violenta per crear un cos de lleis nacionals o internacionals sobre drets humans i per afirmar la democràcia i la llibertat al món. Malgrat el seu nom, el Partit no participa a les eleccions des de fa més de trenta anys per crear sinergies entre totes les forces polítiques per assolir els objectius de les seves mocions del Congrés.

Orígens i fonaments

Va néixer el 1955 a Itàlia a partir d'una escissió del Partit Liberal [1] [7] amb l'objectiu d'aplicar plenament la Constitució i la realització efectiva d'un estat de dret . [8] Els primers anys, el partit tenia la seva referència cultural al setmanari Il Mondo dirigit per Mario Pannunzio i a l '" Amici del Mondo ", [9] un grup d'intel·lectuals de tradició socialista , liberal i accionista , inclòs Ernesto Rossi , promotors d'una anticlericals i anti política dels partits a l'oposició tant a la Democràcia cristiana i el Partit Comunista . A les eleccions polítiques italianes del 1958 es va presentar juntament amb el PRI , mentre que a les eleccions administratives italianes del 1960 va escollir alguns consellers municipals a les llistes del PSI , inclosos Arnoldo Foà , Leopoldo Piccardi i Antonio Cederna .

El primer renaixement del partit

El 1962, arran del cas Piccardi i de les divergències entre els líders, el partit, aparentment al final de la línia [10], va ser assumit pel component minoritari fins aquell moment anomenat Sinistra Radicale [11] que té a Marco Pannella com a líder . [12] El partit pren mesures per desafiar la revisió dels Pactes del Laterà , promou la primera recollida de signatures per a un referèndum per abolir el Concordat [13] (rebutjat pel Tribunal Constitucional [14] ), realitza campanyes de denúncia sobre finançament ocult per política, [15] per a l’afirmació de l’antimilitarisme i la defensa dels drets civils. Per evitar pressions internes dels partits , s'abandona l'anterior estructura organitzativa socialista-liberal a favor d'un model llibertari i anti-jeràrquic pel qual es renoven els òrgans estatutaris en els congressos anuals i es decideixen mocions polítiques, que preveuen la llibertat de registre i la prohibició de l'expulsió. per a qualsevol, encara que siguin membres d'altres partits. [16]

A la fi de dels anys setanta la part va participar en referèndum campanyes sobre el divorci i el avortament (juntament amb la Lliga italiana per la Institució de l'Divorci [17] i el Centre Italià de Esterilització i Avortament [18] ), així com en la lluita contra - prohibició , anti militarisme i l'objecció de consciència , en el feminisme i les llibertats sexuals , a més de donar vida a el primer moviment italià pels drets de les homosexuals (la creació d'un pacte federatiu amb el moviment d'alliberament de la dona [19] i el revolucionari italià Homosexual Unitària Front [ 20] ), la reforma del dret de família, l’extensió del vot als joves de 18 anys. Contra un paisatge antagònic ple d'odi i violència que condueix al terrorisme negre i negre , el Partit Radical s'oposa a la noviolència gandhiana , amb els seus mitjans atípics d'acció política, com ara la desobediència civil , els autoinformes [21] , els sit-ins , la marató. oratori , els esdeveniments en un sol fitxer [22] i formes modernes de comunicació política . [23]

Una petita patrulla de radicals al Parlament

A les eleccions del 1976 es va veure l'entrada al Parlament italià [24] d'una petita patrulla de candidats radicals a les llistes autònomes amb el símbol de la Rosa al puny [25] . Aquesta nova fase fa que els radicals portin nous mètodes de lluita al Parlament amb l'ús massiu de l' obstruccionisme [26] i la promoció d'iniciatives legislatives transversals [27] i la "doble carta" [28] com a testimoni del compromís comú en les batalles compartides a diferència dels alineaments preestablerts sobre una base ideològica. En el pla institucional, els parlamentaris radicals lluiten per la reforma del sistema penitenciari, la limitació de la detenció preventiva, la desmilitarització del cos dels agents de custòdia. [29] Els radicals utilitzen el seguiment popular recollit als carrers per fer un ús ampli de l'instrument del referèndum. [30] [31]

Als anys més durs del terrorisme , els radicals sols van denunciar el compromís històric [32] en què el govern va trobar junts demòcrates cristians i comunistes , socialistes i laics pràcticament sense contestacions i alternatives, i fins i tot va obrir un diàleg, en la més pura tradició gandhiana, amb els violents i els terroristes. [33] [34] Llavors surt a la llum, gràcies a les investigacions dels radicals, que grans àrees de terrorisme polític estan estretament relacionades amb la maçoneria, [32] els serveis secrets i altres aparells estatals. [35]

La base de Radio Radicale

L’entrada dels radicals al Parlament obre una nova era també en la comunicació política italiana. El Partit Radical es nega a utilitzar el finançament públic [36] per a les seves pròpies activitats polítiques, ja que distorsiona la relació entre membres i líders, però no ho pot negar a favor dels ciutadans, de manera que decideix finançar primer una sèrie d’iniciatives específiques, com ara com per exemple, un fons per a les víctimes del terrorisme [37] i, a continuació, una emissora de ràdio al servei de tots els ciutadans i tots els partits polítics, així va néixer Radio Radicale [38] sobre la qual es van finançar els públics [39] a causa del partit. La Ràdio inicia les emissions amb l'objectiu de divulgar públicament (fins i tot en una forma una mica pirata al principi [40] ) els debats parlamentaris i després s'obre a l'enregistrament no només de la vida política del mateix Partit Radical, sinó també de tots altres partits i organitzacions, intentant aplicar el "mantra" einaudià de "saber per deliberar". [41] [42]

El front transnacional

Des dels anys seixanta i durant els setanta i vuitanta, el compromís dels militants radicals al front internacional ha abordat el dèficit democràtic dels països de l’Est . S’organitzen manifestacions i accions de desobediència civil sense violència que acaben amb detencions i detencions. El Partit Radical, i Marco Pannella personalment, es mobilitzen en la campanya per a una intervenció extraordinària "contra l'extermini de la fam i el subdesenvolupament al món", [43] que donarà lloc al sector de la cooperació internacional i que anticiparà gairebé profèticament la migració onades dels darrers anys. Els anys vuitanta són per als radicals un període de transició en què la lluita contra l' autoritarisme s'associa a una anàlisi de l'estat italià que veu les dificultats de la justícia com un dels principals obstacles per a la completa aplicació de la Constitució . [44] El partit segueix el món de la justícia , prestant atenció a l'execució criminal a les presons , a la realització de judicis que comencen pels de terrorisme o màfia i a la formació de lleis considerades " criminògenes ". Els radicals es converteixen així en el bastió de la garantia italiana. [45] El gran ressò de la batalla política i judicial d' Enzo Tortora [46] , que dimitirà com a membre del parlament elegit amb el Partit Radical, per ser arrestat i jutjat, aporta molts consensos als radicals i els designa com a força política de tota importància dins del panorama dels partits italians.

Els radicals i les eleccions

El comportament electoral dels radicals sempre ha estat qualsevol cosa menys lineal, no es presenten voluntàriament en els primers 20 anys de vida i, posteriorment, en moltes ocasions, no presenten llistes [47] o es limiten a donar suport a candidats específics de altres partits, mentre que de vegades apareixen amb aparicions i en altres ocasions el partit es presenta amb el seu propi símbol, però fa campanya per l'abstenció.

En aquesta fase en què el partit veu créixer contínuament el seu consens electoral, però que dispersarà per evitar pressions internes del partit, al XXXV Congrés de 1989 [48] celebrat per primera vegada fora de les fronteres nacionals a Budapest, hi ha una llàgrima consumit entre aquells que voldrien explotar el partit en el panorama polític nacional i aquells que, com l'històric líder Marco Pannella, prefereixen recolzar les característiques innovadores del partit llibertari com a instrument de lluita política "no partidista", reservant intervencions per a projectes locals o temàtics específics sense utilitzar el nom i el símbol del propi partit.

Segon ressorgiment, el Partit Transnacional, Transpartid no electoral

La moció política del 1989 explica les característiques que durant els vint anys anteriors havien caracteritzat l’activitat del partit segons una concepció pròpiament "panelliana": la no-violència gandhiana com a instrument de lluita política, la transnacionalitat de la visió i la dimensió inclusiva. del transpartisme. Per reforçar aquesta última condició, en lloc de la "doble carta", el gran congrés majoritari decideix que el partit ja no es presentarà a les eleccions, evitant així la competència amb altres partits per estimular la seva cooperació. [49] La realització del nou símbol que representa el rostre estilitzat de Gandhi compost per les paraules "Partit radical" en diferents gràfics i idiomes inscrits en un octàgon [50] és el "punt de no retorn" en la transformació del partit de un instrument electoral, impregnat de connotacions ideològiques d’un motlle liberal i socialista , en un instrument de lluita política completament al servei de les campanyes adoptades. La decisió provoca una gran controvèrsia dins del partit. Alguns dels radicals històrics abandonaran el partit per continuar les seves activitats en altres partits o es retiraran a la vida privada. [51] [52] Tanmateix, molts radicals segueixen activament la política, de vegades també amb el suport del partit, buscant hospitalitat en els partits tradicionals o creant noves llistes electorals, sovint temàtiques ( ecologistes , antiprohibicionistes [53] , etc.). [54]

Reconeixement com a organització de primer nivell a l’ONU ECOSOC

El partit té un llarg període d’interès per les condicions de l’ estat de dret i les democràcies del món. [55] Tot i continuar captant recursos econòmics i militància en la realitat italiana, també per la seva barreja amb les formes polítiques agregades a les iniciatives de derivació radical, en primer lloc les de Marco Pannella , el partit reforça la seva activitat transnacional als països de l'est . [56] [57] A mitjans dels anys noranta, el partit funda i utilitza el Sistema Telemàtic Multilingüe , [58] un programari de connexió sobre el qual es desenvolupa Agorà Telematica , [59] que és un dels primers BBS a Itàlia que permet la connexió simultània. dels molts països en què el partit obre punts de presència o oficines.

El 1995 , després d’un intens treball institucional, el Partit, tot i mantenir el model organitzatiu d’un partit llibertari , però efectivament transformat en una organització no governamental per a la promoció dels drets humans i per a l’afirmació de la democràcia i la llibertat al món, va obtenir el reconeixement de l' estatus consultiu de nivell general al Consell Econòmic i Social ( ECOSOC ) de l' ONU . [60]

A les Nacions Unides, el partit duu a terme batalles de gran renom com la moratòria de la pena de mort i la proposta d’ abolició total, [61] antiprohibicionisme contra les màfies mundials, [62] justícia justa , [63] llibertat científica la investigació i la batalla per l’abolició de la mutilació genital femenina . [64]

El partit permet accedir a les reunions del cos mundial de pobles no representats, com els tibetans , [65] els uigurs [66] i els montagnards , [67] i realitza un seguiment actiu dels conflictes contra països despòtics , com en el cas d' Ucraïna contra Rússia [68] o veu de dissidència contra règims totalitaris com el cubà [69] o el turc [66] . Per a aquestes activitats i, en particular, per a la proposta d’un pla de pau en el conflicte txetxè [70], el partit entrarà en un curs de col·lisió amb Rússia , fins a arriscar-se a un procediment de suspensió i expulsió, del qual es defensarà un resultat positiu. [71]

La "pesta italiana" i el "cas Itàlia"

Malgrat el seu èxit, les iniciatives del partit transnacional no violent a Itàlia lluiten per trobar espai a la premsa, que prefereix una representació del món radical centrada en conflictes interns, de vegades inexistents, entre les diverses personalitats del partit. [72] [73] La representació inadequada d’iniciatives radicals es comprova meticulosament a través de la fundació del Centre d’escolta d’informació de ràdio i televisió [74] i produeix nombroses condemnes i compensacions de la televisió estatal. [75] La premsa confon les iniciatives del partit amb les del líder històric Marco Pannella i les seves vicissituds electorals . Una major confusió prové del fet que, a partir dels anys 2000 , en lloc de reforçar la seva expansió fora d'Itàlia, el partit prefereix centrar-se en el " cas d'Itàlia " [76] com a emblemàtic de la decadència d'un sistema polític constitucional en una " democràcia real " . », És a dir, en una democràcia en la forma, però en què les pròpies institucions actuen de manera substancial en contrast amb les lleis o la Constitució . [77] Segons el partit radical, Itàlia representa l'apogeu del "règim del partit" i, com a tal, està disposada a estendre la "plaga" de la "democràcia real" a tot el món, tal com es denuncia en els fòrums internacionals i amb la col·lecció de un «Llibre groc de" La pesta italiana "(Després de la ruïna del període feixista, els seixanta anys de metamorfosi del mal)». [40]

Crisi i tercer renaixement

A la primera dècada del nou mil·lenni, el partit va entrar en crisi a causa de problemes de governança interna [78] . L’Estatut aprovat el 1993 [79] dibuixa una evolució molt ambiciosa basada en nombroses associacions temàtiques i amb òrgans que resulten sobredimensionats. Al llarg de la dècada, el partit va donar suport a les associacions radicals proporcionant recursos econòmics i posant a la seva disposició contactes, eines i relacions per dur a terme les seves activitats de la millor manera possible, cosa que va comportar un augment notable de les activitats de les associacions radicals i una contracció. de les iniciatives del partit.

El 2011, un nou secretari, el malià Demba Traoré , va ser elegit al XXXIX Congrés, però va deixar el partit sense renunciar, recordat per les responsabilitats governamentals del seu país. Amb un secretari absent, el Partit Radical està aturat i pràcticament no pot lliurar cap batalla autònoma.

Després de la mort del seu carismàtic líder Marco Pannella el 2016, la primera vegada en la història del partit que va superar la llarga inacció a causa de l’absència del secretari, els propis membres convoquen un congrés extraordinari.

El XL Congrés celebrat a la presó de Rebibbia adopta amb una aclaparadora majoria (més de 2/3 dels votants) una moció "panelliana" que resumeix les tres lluites més recents de Marco Pannella per al període de dos anys 2017-2018: la continuació de la batalla per la "Justícia Justa", [80] en particular mitjançant la proposta d '"Amnistia per a la República", [81] la promoció dels Estats Units d'Europa [82] com a eina necessària per superar els localismes i nacionalismes que són la ruptura del continent i, finalment, la introducció dins de la Declaració dels Drets Humans del "Dret a Saber" fonamental com a base necessària per a la transició dels països cap a veritables estats de dret. [83]

Per primera vegada en la història del partit, es tria una presidència de 16 persones i la condició per a la continuació de les activitats del partit es defineix no només com la superació completa del deute residual, sinó també la necessitat d’una contribució substancial de militància per canviar completament la composició del partit amb el registre d'almenys 3000 membres el 2017 i el 2018. En absència d'aquestes condicions, el Congrés estableix que la Presidència, sense altres tràmits, ha de tancar el partit. [84]

El 28 de desembre de 2018, el Partit Radical va anunciar que havia superat amb escreix l'objectiu de 3.000 membres [85] . La fase del congrés s’obre llavors amb un primer congrés nacional que se celebrarà els dies 22-23-24 de febrer de 2019 dedicat al tema de la vida de Radio Radicale qüestionat per la cancel·lació de la convenció per a la transmissió de sessions parlamentàries operades pel Govern [86] ] . El XLI congrés ordinari del partit es convoca per al 5,6,7 de juliol de 2019 i elegeix Maurizio Turco com a secretari i Irene Testa com a tresorera. Amb l'elecció, després de tres anys, dels nous òrgans, el partit radical torna a una condició de normalitat i legalitat legal. A finals d’agost de 2019, Maurizio Turco de Radio Radicale anuncia la convocatòria del Congrés dels membres italians del Partit Radical que se celebrarà a Nàpols els dies 31 d’octubre, 1 i 2 de novembre de 2019.

Campanyes actuals (2019-actualitat)

El retorn a la legalitat legal, amb el Congrés de 2016, i l’assoliment de l’objectiu de amortització del deute obtingut amb la campanya especial de membres (#Fallovivere) i l’assoliment de l’objectiu de 3000 + 3000 inscrits en el període de dos anys 2017-2018 van restablir la pràctica política de la centralitat de les decisions del Congrés i de la moció política com a guia per a les activitats del partit radical. La moció política del XLI Congrés estableix, per tant, les línies en què el Partit Radical té intenció de comprometre’s en el quinquenni 2019-2024 i, en aquest sentit, compromet la direcció elegida composta pel secretari Maurizio Turco , la tresorera Irene Testa i el Presidència d’Honor composta per: Laura Arconti, historiadora militant radical; Abdelbasset Ben Hassan , president de l'Institut Àrab de Drets Humans (Tunísia); L'ambaixador Giulio Terzi di Sant'Agata , exministre d'Afers Exteriors; Sam Rainsy , líder de l'oposició democràtica a l'exili de Cambodja, antic ministre de Finances.

Contra l'extermini de la fam al món

Torna a llançar el Manifest-crida dels premis Nobel contra l’extermini per fam al món i promou i coordina una acció capaç d’implicar, com a interlocutors, a subjectes institucionals, polítics, socials i religiosos en una lluita pel desenvolupament prevista per les especulacions financeres mercat de productes alimentaris, procedents de la concentració d’empreses del sector agroalimentari, de l’acaparament de terres. És la reactivació de la batalla sostinguda a principis dels anys vuitanta per Marco Pannella.

Reconeixement del dret humà i civil al coneixement

Reforçar la campanya pel reconeixement del dret humà i civil al coneixement per part de l'Assemblea General de les Nacions Unides, condició sine qua non per a l'afirmació de l'estat de dret democràtic federal laic, amb la promoció de totes les iniciatives necessàries per a tots els nivells començant per l'adopció de resolucions pel Parlament Europeu i l'Assemblea Parlamentària del Consell d'Europa. Això és en continuïtat amb la moció anterior i amb les activitats realitzades pel Comitè Mundial per a l'Estat de Dret .

Estats Units d’Europa

Per continuar, convocant totes les forces autènticament federalistes, la lluita pels Estats Units d’Europa, l’única alternativa tant a l’estructura intergovernamental de la Unió Europea com als nacionalismes polítics i proteccionismes econòmics.

Restauració de l’estat de dret a Itàlia

Elaborar un document d’anàlisi i reformar les propostes per restablir els valors i les normes de l’estat de dret a Itàlia, en sectors crucials per a la vida democràtica, com ara els sistemes d’informació i electorals, l’administració de justícia i presó i el delicte de lluita, que se sotmetrà a la discussió del Congrés dels membres italians del partit radical.

Els noms del partit radical

Al llarg dels seus més de 60 anys d’història, el partit radical, sense perdre la continuïtat de la seva acció política, ha pres diferents denominacions. Va néixer el 1955 com a "Partit radical dels liberals i demòcrates italians" (PRLDI) [1] . El nom de tant de temps serà, en ús, molt aviat abreujat a Partit Radical (PR) [87] i, com a tal, apareix a les eleccions de 1958 [88] . A finals dels anys vuitanta, després d'una llarga temporada de campanyes polítiques supranacionals [89] en què el Partit Radical actua com a promotor que implica moltes forces polítiques i socials diferents, es comença a utilitzar la denominació de Partit Radical Transnacional i Transpartid. [90] ] (en anglès Transnational Radical Party). El 1995, després del reconeixement del partit com a ONG a les Nacions Unides, ECOSOC assumirà, per tant, el nom de Partit Radical Transnacional - Organització Transpartida No Violenta i Transdivisional (TRP) [91] i, posteriorment, per donar compte de l’elecció noviolenta de Radical No Violent. Party, Transnational and Transparty (PRNTT), en anglès Nonviolent Radical Party, Transnational and Transparty (NRPTT) [92] , nom amb el qual des del 2008 està registrat a la base de dades de les ONG de les Nacions Unides. [93] [94]

Tutte queste denominazioni, comunque, non sono mai state recepite nei documenti fondativi del Partito, e soprattutto non hanno trovato posto nello Statuto in vigore, presentato nel 1993, o nei suoi successivi emendamenti [95] fino al 2011, anno in cui l'organizzazione muta il nome ufficialmente in Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito. [96]

I simboli del Partito radicale

Simbolo anni '60 del Partito Radicale
Il simbolo storico del Partito radicale negli anni '60 rappresentante la donna con il berretto frigio

Durante i suoi oltre 60 anni di storia il Partito radicale ha cambiato più volte il proprio emblema identificativo e la storia di ciascuno dei suoi simboli ha un valore prettamente politico legato al momento storico in cui viene adottato. Il primo simbolo è quello della donna con il berretto frigio , talvolta identificata con la Minerva , divinità romana della lealtà in lotta, delle virtù eroiche, della guerra giusta (guerra per giuste cause o per difesa), della saggezza. La donna con il berretto frigio viene comunemente chiamata la Marianna in ricordo dell'allegoria simbolo della Rivoluzione francese .

La scelta di questo simbolo, la cui rappresentazione grafica adottata dal Partito si dice essere uscita dalla matita dello stesso Mario Pannunzio [97] , proviene dal legame ideale del partito appena fondato con il partito risorgimentale di Agostino Bertani e Felice Cavallotti e attraverso questo con la stessa Rivoluzione Francese, di cui la donna con il berretto frigio era la rappresentazione. Il simbolo della Marianna verrà successivamente riproposto dalla formazione politica, di ispirazione radicale, fondata da Giovanni Negri, ex-segretario de Partito radicale, denominata appunto La Marianna

Simbolo elettorale del Partito Radicale
Il simbolo elettorale del Partito radicale in uso dal 1976 al 1989

Il secondo simbolo del partito è quello con cui il partito fu noto durante tutto il suo periodo elettorale, ovvero la "rosa nel pugno", o se si preferisce "il simbolo col pugno e la rosa" - così scriveva nel 1976 Notizie Radicali - per oltre vent'anni consecutivi è stato l'emblema grafico che più di tutti ha riassunto il credo e le battaglie del Partito radicale in Italia [98] e verrà utilizzato anche dopo il periodo elettorale dalle liste variamente riconducibili alla figura di Marco Pannella.

Abbastanza paradossalmente la Rosa nel Pugno non era un simbolo che si rifaceva alla tradizione storica radicale, ma era piuttosto un simbolo socialista.

Il simbolo della Rosa nel Pugno in una forma molto simile a quello dell'emblema delle liste radicali fu per la prima volta utilizzato in Francia nel 1969 nella campagna di affissioni del "nuovo"Partito Socialista Francese (Psf) e conquistò nel giro di un paio di anni il ruolo di simbolo ufficiale del partito profondamente rinnovato dal Congresso di Épinay che vide l'elezione di François Mitterrand come segretario. L'autore del simbolo era il grafico e illustratore Marc Bonnet .

Emblema attuale del Partito Radicale
L'attuale emblema del Partito radicale rappresentante la faccia di Gandhi stilizzata realizzata dalla scritta Partito radicale in molteplici idiomi e lingue nazionali

Una versione diversamente stilizzata della Rosa nel Pugno, ad opera dell'illustratore Piergiorgio Maoloni sarà effettivamente utilizzata in area radicale ancor prima di quella di Bonnet. A seguito di un accordo "politico" con Mitterrand, Marco Pannella ottenne la facoltà di utilizzare il simbolo (sebbene il legittimo autore contesterà quest'accordo ottenendone soddisfazione in una successiva causa del 1981). Dalle elezioni del 1976 in poi, il Partito radicale prima e le liste variamente riconducibili all' Lista Marco Pannella poi, utilizzarono sempre la grafica di Bonnet, anche se variamente ristilizzata.

Altri furono i simboli presentati del Partito radicale nelle competizioni elettorali, ma poi ricusati nel 1979, il simbolo della lotta femminista, la lambda, il simbolo della pace , quello dello Yin e yang , le semplici scritte di "nucleare? no grazie" o "referendum" con le date del 13 maggio 1974 e 11 giugno 1978 ed infine nel 1983 i simboli dell'Associazione radicale per la Costituzione contro la partitocrazia con le semplici scritte "Scheda di proposta" (ammesso) e "Scheda Bianca" e "Scheda Nulla" (non ammessi).

Di particolare importanza, per il suo fondamentale valore politico, fu quello presentato dal partito nell'anno 1983 che rappresentava il normale simbolo del partito, la Rosa nel Pugno, ma con una vistosa banda nera obliqua in basso. Era un simbolo "listato a lutto" che servì al partito per comunicare la propria intenzione da un lato di chiedere ai cittadini di non votare (campagna per lo sciopero dal voto), in parte per rivendicare il diritto politico al non voto dei cittadini, in parte per denunciare l'illegalità delle elezioni, causata dalle censure operate dall'informazione pubblica. [99]

Nel 1989 il Congresso del Partito sottolineò la svolta anti-elettoralistica riservando il simbolo della Rosa nel Pugno per le attività elettorali dell'area radicale (verrà ad esempio utilizzato di lì a poco per le liste antiprobizioniste e successivamente nel 2006 per una alleanza con i socialisti) e invece il Partito radicale adottò un nuovo simbolo, profondamente evocativo, in cui viene raffigurato il volto stilizzato di Gandhi composto dalle scritte "Partito radicale" in differenti grafismi e lingue inscritta in un ottagono. [48]

L'adozione di questo simbolo, così come la svolta anti-elettorale del Partito, non fu priva di polemiche. Il simbolo così realizzato fu opera dell'architetto urbinate Paolo Badussi, dopo che il presidente del partito, l'architetto e deputato, Bruno Zevi rifiutò decisamente tutti i precedenti bozzetti (realizzati dallo storico grafico del Partito radicale, Aurelio Candido) in cui la faccia di Gandhi era presente in forma troppo realistica.

Molti altri sono i simboli che gli esponenti del Partito radicale hanno utilizzato in iniziative collaterali di natura movimentistica o anche elettorale successivi al ritiro del Partito radicale dalla scena elettorale, di solito coagulati attorno alla figura carismatica di Marco Pannella . Per un'analisi di questi simboli si vedano le pagine sulla Lista Marco Pannella e Radicali Italiani .

I principali strumenti della politica radicale

La nonviolenza è una delle caratteristiche più distintive dell'attività del partito. Seguendo gli insegnamenti di Tolstoi, di Gandhi, Martin Luther King e Karl Popper e in particolare grazie al dialogo, anche conflittuale [100] , tra Marco Pannella e Aldo Capitini, fin dai primi tempi della sua rifondazione ad opera della Sinistra radicale il Partito radicale sceglie la nonviolenza in una forma estrema come quanto affermato dallo stesso Pannella:

«Se non vogliamo che la nonviolenza rappresenti una forma di violenza, occorre utilizzarne le forme estreme, come appunto lo sciopero della fame, con l'unico scopo di domandare al potere, in piena fiducia, di realizzare quel che ha promesso e quel che la legge stessa gli impone»

( "La nonviolenza è attiva" Intervista di Milovan Erkic a Marco Pannella pubblicata sui quotidiani serbi Politicki Svet e Osam, novembre 1988 (riportata in "Marco Pannella il Partito Radicale, la nonviolenza" a cura di Maurizio Turco e Laura Arconti, Reality Books 2016, p. 351) )

Da Gandhi i radicali riprendono il termine Satyagraha [101] , che significa letteralmente "amore della verità". Nella sua applicazione politica si adottano differenti strumenti dell'azione nonviolenta come le disobbedienze civili , le autodenunce, gli scioperi della fame e l'auto-riduzione dei medicinali in caso di malati ma sempre come forma di dialogo con le autorità e per giungere alla affermazione e conoscenza della "verità". Il digiuno radicale permette l'assunzione di 300-400 calorie al giorno (i famosi "due cappuccini" quotidiani per cui Pannella è stato spesso criticato). [102] Il digiuno radicale è però profondamente differente da quello di Gandhi, che poteva restare sdraiato a letto inerte in attesa degli eventi che avvenivano a seguito della lenta propagazione della notizia della sua azione. Gandhi viveva in una società dove i media non avevano l'importanza di oggi. Gli attivisti del Partito Radicale durante il digiuno moltiplicano l'attività e, proprio attraverso la notizia, cercano di "bucare" il muro di gomma dell'informazione, spesso interessata solo agli aspetti folcloristici del digiuno che alle sue vere ragioni politiche.

La fantasia come necessità

Il Partito radicale non ha un manifesto politico. C'è solo un testo che tra i tanti otterrebbe un consenso diffuso tra i radicali (di tutti i tempi) ed è la prefazione che nel 1973 Andrea Valcarenghi, direttore della rivista Re Nudo e animatore del Movimento Situazionista italiano, chiese a Pannella sul libro Underground a pugno chiuso .

«La fantasia è stata una necessità, quasi una condanna piuttosto che una scelta; sembrava condannarci ad esser soli [...] Così abbiamo parlato come abbiamo potuto e dovuto, con i piedi, nelle marce, con i sederi, nei sit-in, con gli "happening" continui, con erba o con digiuni, obiezioni che sembravano "individuali" e "azioni dirette" di pochi, in carcere o in tribunale, con musica o con comizi, ogni volta rischiando tutto, controcorrente sapendo che un solo momento di sosta ci avrebbe portato indietro di ore di nuoto difficile»

( Marco Pannella prefazione in Andrea Valcarenghi "Underground a pugno chiuso" )

Il Partito radicale ha quindi spesso innovato il linguaggio della politica italiana, inventando simboli, azioni dimostrative e slogan, anche grazie alla personalità istrionica dello stesso Marco Pannella che sono entrati nella storia della comunicazione italiana.

Un partito non esclusivo e federativo

Già a partire dalla prima svolta della Sinistra radicale, il Partito si caratterizza per il deciso rifiuto dell'intermediazione tra elettori ed eletti. L'organizzazione viene intesa come strumento federativo [103] delle istanze provenienti direttamente dalla società civile attraverso associazioni monotematiche che gli iscritti dal Partito creano con l'intento di coinvolgere persone che non necessariamente sarebbero interessate all'iscrizione diretta al partito. D'altro canto la stessa iscrizione al partito diventa non-esclusiva e si incentiva esplicitamente l'iscrizione di personalità provenienti da partiti diversi con la prassi della doppia-tessera. Il Pr si connota sempre più, a partire dagli anni '70 in poi, come movimento monotematico centrato attorno alle decisioni assunte democraticamente all'interno dei congressi annuali e fissate nelle mozioni, che la dirigenza del partito è poi tenuta a mettere in atto. Il congresso annuale diviene quindi il luogo centrale per l'elaborazione non solo politica ma anche pratica dell'orientamento del partito che rifugge progressivamente ad una precisa determinazione ideologiche connotandosi piuttosto per una spiccata attitudine pragmatica e realizzatrice, in grado di coinvolgere indipendentemente persone provenienti dalle più differenti storie politiche o anche non particolarmente interessati alla politica in quanto tale.

L'ostruzionismo parlamentare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ostruzionismo .

L'ostruzionismo fu molto praticato dai parlamentari del Partito radicale, che hanno sempre studiato con molto rigore le regole istituzionali talvolta anche per piegarle a un utilizzo strumentale. Una delle più eclatanti prove ostruzionistiche avvenne nel 1980 quando il governo Cossiga propose una legge che permetteva fermi di polizia prolungati per i sospetti anche nei casi in cui non fosse provato il reato di "tentativo di delitto". I sedici deputati radicali allora in parlamento presentarono 7500 emendamenti e parlarono per oltre 94 ore in interventi ciascuno anche più lungo di otto ore. Il singolo discorso più lungo di sempre fu tenuto alla Camera dall'onorevole radicale Marco Boato , che nel 1981 opponendosi a una successiva legge sul fermo prolungato di polizia parlò ininterrottamente per 18 ore e 5 minuti. Boato e l'altro parlamentare radicale Massimo Teodori , che fece un discorso poco più breve «per prepararsi avevano trascorso settimane alla biblioteca della Camera. Stesero tracce di pagine e pagine» in quanto il regolamento impediva ai parlamentari la lettura di un discorso scritto e che oltre a rimanere in tema non potessero mai appoggiarsi al banco. Fu loro anche impedito di bere un cappuccino in quanto il regolamento prevedeva esclusivamente l'uso di acqua zuccherata. [104]

L'arma referendaria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Referendum radicali .

Nella decisione di adottare l'arma referendaria come una delle principali forme di lotta politica paradossalmente i radicali sono debitori al mondo cattolico (il « Comitato nazionale per il referendum sul divorzio », presieduto da Gabrio Lombardi , con il sostegno dell' Azione cattolica , della CEI e di gran parte della DC ) che presentano nel 1971 la richiesta di referendum per l'abolizione della legge Fortuna-Baslini sul divorzio.

L'ottimo risultato ottenuto con il referendum sul divorzio, che segnò una profonda sconfitta del fronte clericale sconfessato dalla propria stessa maggioranza di cittadini che pure si dichiaravano apertamente cattolici che invece votarono per il mantenimento della legge sul divorzio, convinse il Partito radicale, che pure all'inizio aveva espresso dubbi come strumento utile nel caso di diritti civili, a far diventare il referendum la punta di diamante del proprio arsenale di strumenti nonviolenti di lotta politica in quanto alimentava lo scontro e il confronto politico tra le diverse posizioni e coinvolgeva i cittadini nelle decisioni fondamentali della società, a partire dai diritti civili . Spiegò infatti Marco Pannella : «solo lo scontro fra il mondo cosiddetto moderato, ma che è a destino - suo malgrado - tremendamente reazionario e il mondo del progresso da riconquistare e riaggregare nella sua chiarezza ideale può provocare non il peggio, ma il meglio, sia a destra che a sinistra! Solo scontri ideali, culturali, che attengono alle speranze, alla storia, al meglio di ciascuno possono evitare i pericoli nella storia di una società civile, di un Paese; guadagnare grandi termini di confronto: sulla vita, sullo spermatozoo, sul sesso, sull'amore…» [105]

Da quel momento il Partito radicale diventa una instancabile macchina raccogli-firme che porta davanti al vaglio della Corte Costituzionale, deputata alla verifica delle firme e all'accettazione dei quesiti, milioni e milioni di firme autenticate e certificate su decine di quesiti referendari praticamente su ogni aspetto delle battaglie sui diritti civili e politici degli italiani. Gran parte dei referendum radicali non viene neppure ammessa alle consultazioni grazie a interpretazioni della Corte Costituzionale, considerate dai promotori fin troppo estensive dei limiti posti dalla Costituzione all'uso referendario (tanto che per quelle decisioni Pannella definirà spesso la Suprema Corte: «suprema cupola della mafiosità partitocratica» [106] ), oppure grazie alle manovre dei partiti che approvando leggi sulla materia dei referendum convocati ne facevano decadere la necessità, pur di evitare il pubblico confronto e dibattito.

Per una lunga stagione politica, dalla metà degli anni '70 alla metà degli anni '90, i referendum radicali talvolta si affacciano, con tutta la loro carica antagonista, nella politica italiana sebbene spesso le speranze riformatrici dei radicali vengono disattese da leggi poco rispettose delle richieste referendarie e delle scelte dei cittadini (paradigmatica è l'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti politici sancita dal referendum del 1993 e tuttora ancora mai veramente avvenuta).

Il No al finanziamento pubblico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Finanziamento pubblico ai partiti e Referendum abrogativi in Italia del 1978 .

«Questa banconota fa parte del bottino partitocratico rubato a ciascun cittadino con la legge sul finanziamento pubblico ai partiti. La Lista Pannella ha deciso di non usare questo denaro rubato e restituirlo. Fanne un buon uso.»

( Dicitura apposta da militanti radicali su varie banconote, così timbrate e messe in circolazione (1997) )

Il Partito radicale si schiera da sempre contro il finanziamento pubblico perché tende ad aumentare il carattere oligarchico, burocratico, consociativo dei partiti politici italiani [107] . Le contestazioni del partito alla legge sul finanziamento pubblico dei partiti, a partire da quella del 1974 , sono molte. Una prima opposizione è d'ordine costituzionale: con questa legge s'instaura una sorta di identificazione tra due entità giuridiche distinte, Gruppo parlamentare (che facendo parte della struttura legislativa dello Stato è certamente figura del diritto pubblico) e partito (che, giustamente, è regolato dal diritto privato e si configura come un'associazione di fatto) e si crea un meccanismo debitorio del Gruppo verso il partito, questo sarebbe in contrasto con il principio della indipendenza del parlamentare (art. 67 Costituzione). Tra l'altro, questo evitare il controllo della Corte dei Conti sui bilanci dei partiti, sostituito da un controllo meramente formale della Presidenza della Camera.

La legge poi, secondo i Radicali, finanziando i partiti già presenti in Parlamento, li mette in condizione di superiorità e di vantaggio rispetto a nuove formazioni politiche, pietrificando la situazione esistente e violando l'art. 49 della Costituzione, perché il diritto dei cittadini di associarsi in partiti viene a configurarsi, secondo la legge, in un diritto di serie A per i cittadini che si associano a quelli già esistenti e in un diritto di serie B per coloro che vorranno associarsi a quelli nuovi: penalizzando nuove formazioni politiche si rischia di prolungare artificialmente la vita di vecchie organizzazioni che scomparirebbero, una volta che non avessero più un sostegno adeguato di iscritti e sostenitori.

Il partito si posiziona poi contro l'equazione illegittima che si viene a creare, con questa legge, tra diritto - riconosciuto e da tutelare - all'associazione politica e partito in "senso stretto", come se non esistessero e non meritassero riconoscimento e tutela "tutte" le altre forme di associazionismo politico: leghe, comitati referendari, movimenti (anche a carattere locale).

Il tentativo di cancellare questa legge promuovendo due referendum , ricevendo milioni di voti e una netta vittoria nel 1993 , è stato disatteso dal Parlamento, che anche dopo l'abrogazione ha reintrodotto nel 1996 il meccanismo del finanziamento pubblico sotto il nome di " rimborsi elettorali ".

L'unico finanziamento adeguato alle attività politiche è, secondo i radicali, quello che privilegia il sostegno e l'agevolazione delle attività politiche di tutti i cittadini e la loro autonoma partecipazione alla vita pubblica piuttosto che il finanziamento diretto delle strutture burocratiche di partito. Quanto alle liste elettorali e ai candidati, fatta salva ovviamente la completa e obbligatoria pubblicità dei fondi ricevuti, secondi i radicali dovrebbe poter essere possibile solo il finanziamento "privato" da parte di lobby , fondazioni, sindacati, cooperative, e altro ancora, rilanciando così il loro ruolo di "soggetti politici finanziati" da militanti e cittadini. Il tutto regolato con norme che garantiscano la trasparenza dei bilanci e la pubblicizzazione dei soggetti che finanziano. Finanziare in questo modo il "funzionamento democratico della vita civile" con strutture "congressuali", "assembleari", nelle circoscrizioni e nei comuni, per consentire e facilitare la massima partecipazione dei cittadini.

Questo modello è quindi esplicitamente previsto per il sostegno del Partito radicale che prevede solo il finanziamento privato individuale e non accetta fondi o donazioni di provenienza pubblica (rifiutando ad esempio anche l'accesso ai fondi del 5 per mille).

I meriti della lotta dei Radicali contro il finanziamento pubblico ai partiti sono stati inoltre riconosciuti ed evidenziati dal libro best seller La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili ( Rizzoli 2007 ) di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella , nel quale vengono denunciati l'ingordigia ed i mille privilegi dei politici italiani [108] . In un'intervista [109] rilasciata da Gian Antonio Stella nell'agosto 2007 l'autore del libro dichiara:

«[...] Credo che i radicali siano stati gli unici a fare una battaglia coerente su questi temi [l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, ndr] . Lo dimostra anche quanto ha appena detto Rita Bernardini : il fatto che sono gli unici che ci rimettono dal rimborso elettorale è un piccolo "miracolo al rovescio".
Mi inchino davanti alla scelta dei radicali di fare questa battaglia»

( Gian Antonio Stella , intervista a Radio Radicale , agosto 2007 [109] )

Le elezioni come strumento non come fine

Nell'analisi radicale il partito è uno strumento per realizzare lotte politiche, non l'unico e non necessariamente il più efficace. Allo stesso modo la partecipazione alle elezioni è uno strumento adottato spesso solo per imporre all'opinione pubblica i temi scelti, di volta in volta, nelle mozioni congressuali. Le riforme in senso democratico propugnate dai radicali non hanno confini politici e fin dagli anni '60 il Partito radicale si impegna sul fronte internazionale con una serie di azioni simboliche che rendono evidente il deficit democratico dei paesi dell'Est, che poi riverbera nella situazione dell'Europa occidentale, ed in particolare in Italia, con il confronto tra il blocco delle forze atlantiste e quelle attratte dall'area d'influenza sovietica. Vengono organizzate manifestazioni e azioni nonviolente di disobbedienza civile nelle principali capitali dell'Est che si concludono invariabilmente con arresti e detenzioni dei militanti radicali.

Negli anni '80 il Partito radicale e Marco Pannella aprono un nuovo fronte di lotta sulla contrapposizione tra i Nord ei Sud del mondo e si mobilitano sulla campagna per un intervento straordinario "contro lo sterminio per fame e sottosviluppo nel mondo" che poi porterà alla fondazione del sistema della cooperazione internazionale, anticipano così in modo quasi profetico le ondate migratorie degli anni recenti. Nella coscienza dei militanti radicali è evidente che i grandi problemi alla radice della società non possono essere affrontati in un'ottica nazionalistica e necessitano l'adozione di soluzioni globali a livello continentale o planetario.

Il Partito radicale, tra le altre cose, anticipa un modello di impegno politico g-local ( global-local ) e finisce per riflettere sull'inadeguatezza dello strumento-partito di natura elettorale nazionale, che da un lato limita l'azione di coordinamento delle forze laiche attorno alle campagne comuni che il Pr aveva sempre rivendicato a sé nell'ambito delle grandi battaglie sui diritti umani, e dall'altro risulta essere inadeguato per affrontare la portata globale di molti dei problemi presi in considerazione. Il modello elettorale limita, invece di aiutare, in quanto porsi in competizione nel momenti elettorali non giova la ricerca di soluzioni condivise ai principali problemi democratici e di violazione dei diritti civili e umani. D'altro canto il Partito radicale aveva anche sempre avuto un rapporto conflittuale con il momento elettorale faticando non poco per evitare un radicamento territoriale simile a quello dei grandi partiti organizzati (e foriero possibilmente anche di problemi corruttivi incontrollabili dalla risicata dirigenza nazionale).

Quindi dopo lunghe discussioni in seno ai vari organi del Partito emerge una sempre più evidente volontà di abbandonare l'ambito della politica elettoralistica e concentrarsi piuttosto sullo sviluppo di una concreta organizzazione politica non elettorale con una visione transnazionale e transpartitica. Il congresso del Partito riunito a Bologna dal 2 al 6 gennaio 1988 decide di compiere l'atto finale di trasformazione in organizzazione transnazionale, transpartitica e non elettorale a livello nazionale, escludendo il nome "Partito radicale" e il simbolo della Rosa nel Pugno dalle elezioni nazionali. L'adozione di un nuovo simbolo suggella la sofferta decisione, che non manca di generare veementi polemiche e che porterà a dure prese di posizione da parte di alcuni esponenti del Partito, anche illustri, come Bruno Zevi , Massimo Teodori ed Enzo Tortora . La trasformazione in organizzazione non elettorale però non impedisce, anzi incentiva, la partecipazione dei radicali alla politica nazionale, iconica sarà la foto scattata nel della dirigenza radicale in cui ogni esponente mostra un doppio simbolo: quello nuovo del Partito radicale con l'effige di Gandhi e quello del partito in cui ha deciso di essere candidato.

Questa scientifica disseminazione dei radicali nelle altre liste elettorali, che per la verità a livello di elezioni amministrative locali era già stata inaugurata ben prima della trasformazione transnazionale, continuerà fino ai giorni nostri.

Nonostante l'impossibilità di presentare il nome del Partito radicale, l'attività elettorale nazionale del movimento radicale, a supporto delle proprie battaglie politiche, non terminerà con la svolta transnazionale. Si pratica così una sorta di "doppio binario", in cui il Partito in quanto tale diviene sempre più un'organizzazione aperta e inclusiva che accoglie iscritti provenienti da tutti i partiti, gruppi o tradizioni politiche uniti nella realizzazione degli obiettivi comuni, e gli esponenti di punta del partito (solitamente riuniti attorno alla figura carismatica di Marco Pannella ) affrontano di volta in volta il momento elettorale in modo organizzato per dare la maggiore visibilità alle battaglie del Partito stesso o presentando liste cosiddette di scopo o provando alleanze, talvolta molto ardite, con i grandi partiti organizzati sulla base di "contratti" di programma ben definiti (fa scalpore l'alleanza elettorale con Berlusconi e la Lega a metà degli anni '90, che però porterà in parlamento una pattuglia radicale ed Emma Bonino a ricoprire il ruolo di Commissario Europeo). Marco Pannella sarà quindi animatore della presenza organizzata dei radicali nelle elezioni con la presentazione di liste di scopo come quella degli Antiproibizionisti sulla Droga (dal 1989 al 1992) [110] , della Lista Pannella (dal 1992 al 1999), della Lista Bonino (dal 1999 al 2009), della Lista Bonino Pannella (dal 2009 al 2013) e della Lista Amnistia Giustizia Libertà (nel 2013) tutte gestite dallo strumento, esterno al Partito radicale, denominato Associazione Lista Marco Pannella che acquisisce gli asset del Partito radicale (simboli, sede e quote di proprietà di Radio Radicale). Anche altri esponenti del Partito animeranno liste elettorali (di solito polemicamente avversate dai radicali vicini a Marco Pannella ) come la recente lista +Europa nata dalla confluenza dei gruppi organizzati da Emma Bonino ( Radicali Italiani ), Benedetto della Vedova ( Forza Europa ) e dal democristiano Bruno Tabacci ( Centro Democratico ). Estranea invece al modus-operandi radicale, e foriera di ancora più veementi polemiche, fu invece la lista elettorale presentata dai responsabili dell'Associazione Radicali Italiani ( Riccardo Magi e Marco Cappato con il sostegno esterno di Emma Bonino ) alle amministrative 2016, denominata appunto "radicali", che rompeva quindi la tradizione di non utilizzare il nome "radicale" nel simbolo elettorale. La contestazione sulla lista "radicali" verteva soprattutto sul fatto che la decisione fu presa in modo autonomo dai presentatori e non condivisa con una parte importante del movimento radicale (quella che successivamente animerà la dirigenza del Partito radicale dopo il Congresso di Rebibbia). In verità il simbolo storico della Rosa nel Pugno era già stato usato (concesso dalla Lista Pannella ) in precedenza e anche quanto al nome "radicali" usato sulla scheda, già nel 2008 proprio l'associazione Radicali Italiani aveva già deciso con lo Sdi la nascita della lista Rosa nel Pugno che già vedeva l'inserimento della parola "radicali" ma con il simbolo concesso in comodato dalla il simbolo non sarebbe poi finito sulla scheda elettorale grazie all'accordo con il Partito Democratico che porterà in Parlamento una piccola componente radicale. La lista "radicali" comunque non ottenne risultati apprezzabili riuscendo ad eleggere un solo consigliere al I Municipio di Roma ( Nathalie Naim ).

L'operatività transnazionale e transpartitica

Con la decisione del Congresso del 1988 il Partito radicale sceglie di non presentarsi più alle elezioni politiche italiane e incentiva le iscrizioni provenienti dall'estero. La dirigenza del nuovo Partito radicale sottolinea questa transizione usando comunemente (sebbene non formalmente) la denominazione di Partito Radicale Transnazionale . Il partito incentiva le attività estere aprendo piccole sedi operative all'estero, specialmente nelle capitali dell'Est Europa, i Congressi ei Consigli Federali sono tenuti spesso in località estere. Il 20 giugno 1995 il Partito radicale ottiene lo status di " Organizzazione non governativa di primo livello" all'interno dell' Ecosoc delle Nazioni Unite . Diventa cioè una delle 42 organizzazioni internazionali che, al pari della Croce Rossa o di Amnesty International , hanno il diritto di formulare proposte formali in sede Onu e di prospettarle direttamente al segretario generale. L'adesione viene osteggiata dal governo vietnamita , che contesterà questa decisione a causa del sostegno del Partito radicale alla minoranza Montagnard . Il Partito diviene così anche lo strumento per la presentazione di istanze da parte delle minoranze non rappresentate presso l'ONU. La nuova fase del partito si presenta come ricca di attività internazionali e ma questa fase viene bruscamente interrotta nel 2003 con le dimissioni del segretario Olivier Dupuis (si veda La crisi organizzativa della galassia radicale ).

La galassia radicale e il suo superamento

Radicali Italiani.svg
Lista Marco Pannella 1994.jpg
Logo associazione.png
Ntc logo2.png
Logo ufficiale npwj.JPG
Logo ERA.svg

Lo Statuto adottato nel 1989 formalizza quella che è sempre stata una caratteristica dell'azione del Partito radicale fin dagli anni '60: il forte legame con organizzazioni autonome ma allo stesso tempo legate da comuni interessi. Sono così formati quelli che verranno chiamati "soggetti radicali" e che nel complesso formano un insieme (talvolta anche un po' caotico) di organizzazioni che verrà variamente identificata come "Galassia radicale. [111] " Un "soggetto radicale" è un gruppo di persone organizzato legalmente come associazione che porta avanti e sviluppa i temi fondativi del Partito radicale, di solito circoscrivendoli a un ambito tematico o geografico. Assumono un ruolo di rilievo all'interno del Partito, a partire dalla rifondazione transnazionale e transpartitica del 1989, l'associazione esperantista Esperanto Radikala Asocio , Nessuno Tocchi Caino , Non c'è pace senza giustizia , l'associazione Radicali Italiani , l' Associazione Luca Coscioni , l'associazione Lista Marco Pannella e altre organizzazioni minori.

Lo statuto dell'89 sistematizza anche il concetto di Associazioni Radicali territoriali concepite, già dallo statuto del 1967, come l'alternativa alle "sezioni" di partito, introdotte in Italia dal Pci e dal Psi e imitate dagli altri partiti. Sono circa una cinquantina e sono sparse su tutto il territorio italiano.

Le organizzazioni tematiche affiliate al Partito radicale sono:

La rifondazione transnazionale e transpartitica del Partito è foriera di un'esplosione di attività da parte del Partito su molti differenti fronti, sia in Italia sia nelle sedi estere, ma è allo stesso tempo generatrice di molti e complessi problemi gestionali. D'altro canto con il penetrare delle istanze rinnovatrici radicali nella società, che talvolta lasciano il campo antagonista e diventano protagoniste del mainstream politico, le organizzazioni della galassia, nate per estendere l'analisi politica radicale fuori dal Partito, piuttosto che promuovere la specificità radicale si connotano sempre più nettamente come indipendenti sia dall'analisi politica, sia dal metodo radicale che peraltro prevederebbe il dissolvimento delle organizzazioni al raggiungimento dell'obiettivo politico e diventano piuttosto associazioni di tutela di specifici interessi di categoria cambiando modalità operativa, non più politica ma di tutela, e soprattutto modello di finanziamento, non più sostenute dal finanziamento privato degli iscritti votanti in congresso ma attraverso elargizioni pubbliche o private, o concorrendo per finanziamenti finalizzati a progetti, finanziamenti cioè che finiscono per irrigidire il potere delle dirigenze (che di fatto restano inamovibili per decenni). In parte a questo disegno contribuisce il Partito stesso che attribuisce alle organizzazioni esterne risorse di gran lunga più ingenti che non alla propria stessa sopravvivenza. Il Partito radicale si trova svuotato sia di un ruolo nell'elaborazione politica, sia impedito in attività pratiche non riuscendo a guidare direttamente campagne organizzate con un simbolo che spesso rimane sullo sfondo rispetto a quello delle organizzazioni della galassia.

Con le dimissioni nel 2003 del segretario, il belga Olivier Dupuis [112] , dovute a sue forti incomprensioni politiche con Marco Pannella , il Partito radicale rallenta progressivamente le proprie attività dirette lasciando ulteriore spazio alle organizzazioni della galassia radicale e alle attività elettorali nazionali. Tra il luglio e l'agosto 2005 l'organizzazione viene posta sotto la direzione di un organismo statutario noto come "Senato", presieduto dallo stesso Marco Pannella , che avrebbe il compito di ripristinare la legalità statutaria e di indire entro quattro mesi un "Consiglio Generale" e quindi il XXIX Congresso del Partito radicale. [113]

Nel settembre 2005 Marco Pannella propone invece un'autoriforma del Partito radicale, con l'elezione di un nuovo "Consiglio Generale" da parte di un'assemblea internazionale di parlamentari iscritti di differenti nazionalità ed aree politiche, in vista della convocazione dello stesso "Consiglio Generale" e del congresso del partito. [114] La scadenza indicata trascorre però senza che la proposta abbia seguito o che il nuovo status del Partito radicale venga formalizzato, essendo pendente il preannunciato congresso.

Il Consiglio generale straordinario del Partito radicale che si tiene a Bruxelles nei giorni 7-9 dicembre 2006 dà mandato al Senato del partito di convocare il "Congresso ordinario" del Partito radicale "entro la primavera 2007 , in modo da ricostituirne a pieno la legalità e le capacità politica di operare"; la tenuta del congresso è subordinata al raggiungimento di almeno 5000 iscritti, 300 parlamentari non italiani e 100 italiani entro il febbraio 2007 [115] . Dal 2007 il nuovo nome ufficiale del movimento è "Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito" [116] . Tra difficoltà economiche e di coordinamento si riuscirà a convocare il XXIX congresso solo nel 2011. Il congresso però non risolse i problemi organizzativi del partito, anzi se possibile li aggravò con l'elezione come segretario di un avvocato maliano Demba Traoré , che però abbandonò ben presto il Partito senza dimettersi, richiamato da responsabilità di governo nel suo paese. Con un segretario assente il Partito radicale è completamente bloccato, non può praticamente condurre alcuna battaglia autonoma e si dibatte in un consistente debito pregresso che ne fanno presagire la chiusura definitiva. L'unica attività che il Partito porta avanti, grazie a Matteo Angioli e Laura Harth, è la prosecuzione della battaglia di verità iniziata da Marco Pannella all'indomani della guerra in Iraq denominata: Stato di Diritto contro Ragion di Stato.

La mozione assembleare del 2016 annulla (per essere precisi sospende) il legame statutario con queste associazioni (costituendo di fatto una separazione di natura chiaramente non consensuale che verrà impropriamente indicata come "scissione"). Alcune di queste organizzazioni continueranno a supportare gli obiettivi del partito (specificamente Nessuno tocchi Caino , che smetterà di raccogliere iscrizioni per privilegiare quelle necessarie al raggiungimento degli obiettivi della mozione di Rebibbia), mentre le altre si porranno in posizione variamente opposta e conflittuale con la mozione stessa contestando la decisione congressuale e verranno pertanto considerate non più funzionali al raggiungimento degli scopi del Partito e richieste di liberare le risorse ad essere assegnate (principalmente la sede di via di Torre Argentina), cosa che avverrà, una dopo l'altra negli anni seguenti il congresso di Rebibbia.

Nella statuto votato dal XLI congresso, come ampiamente previsto, i "soggetti radicali" spariscono e questo stabilizza formalmente la chiusura dell'esperienza della cosiddetta "Galassia radicale"

Campagne storiche

Le campagne politiche portate avanti dal Partito radicale sono numerose e riguardano principalmente la diffusione e la promozione dei diritti umani e politici nel mondo .

Pena di morte

Immagine commemorativa della vittoria per la moratoria universale sulla pena di morte, raffigurante Mariateresa Di Lascia , fondatrice di Nessuno Tocchi Caino

Tra le iniziative più importanti e di maggior successo, vi è sicuramente la battaglia per la moratoria universale della pena di morte , portata avanti principalmente da Sergio D'Elia e l'associazione Nessuno Tocchi Caino , che ha portato il 18 dicembre 2007 alla storica risoluzione dell' Onu per una sospensione internazionale delle pene capitali .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Moratoria universale della pena di morte .

Antiproibizionismo

Ilona Staller alla manifestazione antiproibizionista del Partito Radicale, Roma 1989

Sin dalla sua fondazione, il Partito radicale ha sostenuto iniziative e proposte antiproibizioniste per la legalizzazione delle droghe leggere e per l'arginazione della diffusione delle droghe pesanti, ad esempio attraverso la somministrazione controllata d' eroina tramite le narcosale.

In particolare, nel 2007 , su iniziativa dell'allora deputato europeo Marco Cappato ( Lista Emma Bonino ), il Partito radicale ha ottenuto l'approvazione da parte della Commissione Esteri del Parlamento europeo alla proposta di spingere la conversione di parte delle coltivazioni di papavero in Afghanistan in campi per la produzione di analgesici legali a base di oppio [117] .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Antiproibizionismo .

Libertà di cura e di ricerca scientifica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Luca Coscioni e Piergiorgio Welby .

Dal 2001 , in seguito all'avvicinamento al partito di Luca Coscioni , ex professore di economia ambientale di Orvieto , malato di sclerosi laterale amiotrofica , il movimento radicale pone al centro della propria agenda politica il tema della libertà di cura e della libertà di ricerca scientifica , proiettando in questo modo con gran forza la scena politica verso nuovi temi moderni di bioetica e laicità .

Il Partito radicale affianca così l' Associazione Luca Coscioni nell'organizzazione e nella promozione del Congresso Mondiale per la libertà di ricerca scientifica, tenuto per la prima volta a Roma nel febbraio 2006 [118] e successivamente a Bruxelles nel marzo 2009 [119] .

Mutilazioni genitali femminili

Una campagna per l'abbandono delle mutilazioni genitali femminili [120] è stata lanciata negli anni novanta dalla leader politica Emma Bonino , che, a fianco dell'organizzazione Non c'è pace senza giustizia e del Partito radicale, ha organizzato eventi, iniziative, conferenza e meeting su questo argomento con politici europei ed africani [121] .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mutilazioni genitali femminili .

Difesa delle minoranze etniche

Da molti anni i Radicali hanno promosso iniziative e manifestazioni in solidarietà e in appoggio di minoranze etniche oppresse, in particolare verso:

Laicità

Il Partito radicale si batte, sia in appoggio delle minoranze etniche appena citate sia a livello europeo , per la libertà religiosa di tutti i popoli, condizione raggiungibile secondo i Radicali solo attraverso una forte connotazione di laicità della società civile .

Questa visione ha quindi portato i Radicali a battersi nel contesto italiano per l'abolizione del concordato tra Stato italiano e Vaticano , contro l' impunità di cui godono i membri della Chiesa cattolica di fronte a reati di pedofilia e violenza sessuale [126] , ed in generale contro i privilegi della Chiesa cattolica in Italia (come l' 8 per mille [127] ), e nel contesto internazionale in appoggio e solidarietà verso le minoranze religiose oppresse nel mondo [128] .

Eutanasia e testamento biologico

Riforma americana delle istituzioni

Trasparenza ed anagrafe pubblica degli eletti

Libertà sessuale e legalizzazione della prostituzione

Allargamento dell'Unione Europea

Una delle iniziative internazionali del Partito radicale più conosciute a livello europeo è quella per l' allargamento dell'Unione europea verso l' Europa orientale , ma soprattutto per l'inclusione di Turchia , [129] Israele [130] e Marocco . [131]

Stati Uniti d'Europa

Il PRT ha sempre sostenuto la creazione di un' Europa Federale , comunitaria , ambientalista e multiculturale , simile agli USA , tanto da far prendere l'ipotetica denominazione " Stati Uniti d'Europa ".

Antimilitarismo e nonviolenza

Altro

Le iniziative seguenti sono state condivise con i Radicali Italiani, tra cui spiccano il ritorno della battaglia antiproibizionista, l' eutanasia con la battaglia di Piergiorgio Welby , il divorzio breve con la Lega Italiana Divorzio Breve, la moratoria della pena di morte, le iniziative di finanziamento, l' amnistia e le carceri.

I radicali sono favorevoli al libero mercato e alla libera impresa con influenze socialdemocratiche , non disdegnando un sistema di welfare che sia universalistico ma leggero, da garantire con una bassa e progressiva tassazione.

Hanno una visione liberale e garantista della giustizia , appoggiando la responsabilità civile dei magistrati , la separazione delle carriere dei magistrati , la riforma in direzione uninominale del Consiglio Superiore della Magistratura , la limitazione del carcere e della custodia cautelare , l'abolizione dell' obbligatorietà dell'azione penale e l'abolizione dei cosiddetti " reati di opinione ". I Radicali sostengono inoltre una grande riforma carceraria, che parta dall' amnistia , e si battono per una progressiva depenalizzazione di diversi reati e contro gli abusi giuridici e di autorità.

Sono contrari alla pena di morte , all' ergastolo e all' articolo 41 bis e si battono per il fine rieducativo delle pene e per la loro umanità, in accordo con l'articolo 27 della Costituzione della Repubblica Italiana .

I radicali sono favorevoli al riconoscimento dei " diritti civili " di coppie conviventi, comprese coppie omosessuali , attraverso l'istituzione di accordi sul modello dei Pacs , al "matrimonio" civile tra persone dello stesso sesso (" matrimonio omosessuale "), alle adozioni anche per i single e al divorzio breve.

Nel campo della bioetica sostengono l'uso delle cellule staminali anche embrionali per fini di ricerca e terapia, il testamento biologico col diritto all' eutanasia , il diritto all' aborto , l'accesso ai contraccettivi e l'adozione di leggi permissive nel campo della fecondazione in vitro .

Sono inoltre favorevoli alla legalizzazione della prostituzione e delle cosiddette " droghe leggere ". La legalizzazione delle cosiddette "droghe leggere" si prefigge di privare il narcotraffico di una fonte di guadagno, di garantire il rispetto di "inalienabili diritti e libertà" del cittadino e di "ridurre il danno e il rischio" associato al consumo di tali sostanze (per esempio, regolamentandone la vendita allo scopo di ridurre la probabilità che i minorenni ne facciano uso). Allo stesso tempo, i radicali si propongono di arginare la diffusione delle " droghe pesanti ", attraverso le politiche di " riduzione del danno ", quali ad esempio la somministrazione controllata di eroina in apposite strutture per i tossicodipendenti che rinunciano a disintossicarsi con il metadone e la distribuzione gratuita di siringhe monouso. Tali strutture ( narcosale ) sarebbero gestite da personale medico e infermieristico .

I radicali propongono inoltre l'assistenza sanitaria universale (cioè garantita a tutti i residenti), finanziata dalla fiscalità generale, con libertà di scelta tra il servizio sanitario o, in alternativa, un'assicurazione (privata, pubblica, professionale) che garantisca la copertura almeno di livelli minimi di assistenza definiti dallo Stato.

Oltre a ciò, propongono il diritto di voto agli immigrati regolari e la cittadinanza in breve tempo.

Struttura

Organi nazionali

Segretari


Presidenti

Congressi

Congressi nazionali (come Partito radicale)

  • I Congresso - Roma , 27-28 febbraio 1959
  • II Congresso - Roma, 26-28 maggio 1961
  • III Congresso - Bologna , 12 maggio 1967
  • IV Congresso - Firenze , 4-5 novembre 1967
  • V Congresso - Ravenna , 2-4 novembre 1968
  • VI Congresso - Milano , 1-3 novembre 1969
  • VII Congresso - Roma, 9-10 maggio 1970
  • VIII Congresso - Napoli , 1-3 novembre 1970
  • IX Congresso - Milano, 14 febbraio 1971
  • X Congresso - Roma, 31 ottobre-2 novembre 1971
  • XI Congresso - Torino , 1-3 novembre 1972
  • XII Congresso - Roma, 7-8 luglio 1973
  • XIII Congresso - Verona , 1-3 novembre 1973
  • XIV Congresso - Milano, 1-4 novembre 1974
  • XV Congresso - Firenze, 4 novembre 1975
  • XVI Congresso - Roma, 16-18 luglio 1976
  • XVII Congresso - Napoli, 1-4 novembre 1976
  • XVIII Congresso - Roma, 7-8 maggio 1977
  • XIX Congresso - Bologna, 29 ottobre-1º novembre 1977
  • XX Congresso - Bari , 15 novembre 1978
  • XXI Congresso - Roma, 29 marzo-3 aprile 1979
  • XXII Congresso - Genova , 31 ottobre-4 novembre 1979
  • XXIII Congresso - Roma, 7-9 marzo 1980
  • XXIV Congresso - Roma, 31 ottobre-4 novembre 1980
  • XXV Congresso - Roma, 5-7 giugno 1981
  • XXVI Congresso - Firenze, 28 ottobre-1º novembre 1981
  • XXVII Congresso - Bologna, 28 ottobre-1º novembre 1982
  • XXVIII Congresso - Roma, 13-15 maggio 1983
  • XXIX Congresso - Rimini , 28 ottobre-1º novembre 1983
  • XXX Congresso - Roma, 31 ottobre-4 novembre 1984
  • XXXI Congresso - Firenze, 30 ottobre-3 novembre 1985
  • XXXII Congresso - Roma, 29 ottobre-2 novembre 1986; 26 febbraio-1º marzo 1987 ( mozione )
  • XXXIII Congresso - Roma, 25-26 aprile 1987
  • XXXIV Congresso - Bologna, 2-6 gennaio 1988
  • XXXV Congresso - Budapest , 22-26 aprile 1989
  • XXXVI Congresso - Roma, 29 febbraio-3 marzo 1992; 4-7 febbraio 1993
  • XXXVII Congresso - Roma, 7-8 aprile 1995 ( mozione )
  • XXXVIII Congresso - Ginevra , 4-7 aprile 2002 ( mozione ); Tirana , 31 ottobre-3 novembre 2002
  • XXXIX Congresso - Chianciano , 17-20 febbraio 2011 ( mozione )
  • XL Congresso - Roma (Carcere di Rebibbia), 1-3 settembre 2016 ( mozione )
  • XLI Congresso - Roma, 5-6-7 luglio 2019

Politici ed iscritti

Presidenza (2016-2018) [136]

Dirigenti politici del passato

Personaggi famosi iscritti e simpatizzanti (in passato o attuali)

Consiglio generale

Il XLI Congresso ha eletto al Consiglio Generale i primi 25 dei 75 membri: Rita Bernardini , Sergio D'Elia , Valter Vecellio , Carla Rossi , Giuseppe Rossodivita , Marco Beltrandi , Deborah Cianfanelli , Mariano Giustino , Ettore Cannavera , Giampaolo Catanzariti e Athos De Luca (per la lista "Alzare tutte le bandiere"), Maurizio Turco , Laura Arconti , Elisabetta Zamparutti , Maria Antonietta Farina Coscioni , Matteo Angioli , Makarar Thai , Roberto Deriu , Irene Testa , Antonio Cerrone poiché Turco e Testa sono stati eletti rispettivamente Segretario e Tesoriere dovrebbero subentrare Laura Harth e Antonella Casu (per la lista "Rilanciare tutte le lotte"), Michele Capano , Giuseppe Candido, Ilari Valbonesi , Giulia Simi e Gianni Rubagotti (per la lista "Bandiere Radicali per il Consiglio Generale del Partito Radicale")

Il IX Congresso italiano del Partito Radicale ha eletto nel Consiglio Generale venticinque membri con scadenza all'anno successivo: Mario Barbaro , Guido Biancardi, Maurizio Bolognetti, Anna Briganti, Marco Cerrone, Gianmarco Ciccarelli, Leda Colamartino, Donatella Corleo, Marco Costantini, Silvia De Pasquale, Federico Fischer, Angela Furlan, Ivan Innocenti, Bruno Lago, Monica Mischiatti, Francesco Pasquariello, Carlo Pontesilli, Angelica Russomando, Sergio Rovasio, Gino Ruggeri, Diego Sabatinelli, Ilaria Saltarelli, Emiliano Silvestri, Maria Laura Turco, Giovanni Zezza.

Il 30 maggio 2020 il Segretario, di concerto con la Tesoriera, nomina i mancanti venticinque membri che vanno a completare il plenum: Chiara Ardito, Ernesto Caccavale , Carlo Carletti, Angelo Chiavarini, Andrea Consonni, Stefania Craxi , Francesco De Leo, Franco Debenedetti , Fabrizio Fabi, Franco Fucilli, André Gattolin , Marco Gentili, Roberto Giachetti , Sandro Gozi , Mario Landolfi , Vito Laruccia, Luca Leone, Simona Malpezzi , Guido Mesiti, Luca Ponchiroli, Roberto Rampi , Michele Rana, Niccolò Rinaldi , Carlo Romeo, Enrico Sbriglia .

Risultati nel periodo elettorale

Elezione Lista Voti % Seggi
Politiche 1958 Camera PRI -Partito radicale [140] 405.574 1,37 0 [141]
Senato - - - -
Politiche 1968 Camera Partito radicale [142] 1.540 [143] 0,00 -
Senato - - - -
Politiche 1976 Camera Partito radicale 394.212 1,07 4
Senato Partito radicale 265.947 0,85 -
Politiche 1979 Camera Partito radicale 1.264.870 3,45 18
Senato Partito radicale 413.478 1,32 2
Europee 1979 Partito radicale 1.283.512 3,67 3
Politiche 1983 Camera Partito radicale 809.810 2,19 11
Senato Partito radicale 548.863 1,77 1
Europee 1984 Partito radicale 1.197.490 3,41 3
Politiche 1987 Camera Partito radicale 988.180 2,56 13
Senato Partito radicale 572.461 1,77 5

Note

  1. ^ a b c Cinegiornale (Mondo Libero M227) del 16/12/1955 (Astra Cinematografica)
  2. ^ a b c d e f g h i j https://www.partitoradicale.it/chi-siamo/
  3. ^ https://www.treccani.it/enciclopedia/partito-radicale_%28Dizionario-di-Storia%29/
  4. ^ https://www.facebook.com/Partito.Radicale/?hc_ref=ARSplgJCKi5eTsCS4Q9CahkEHiHLv8es-wxvrakJAWCRrTKHBuFAeYZBXfjsdmOE0Hs&fref=nf
  5. ^ radioradicale.it , 28 dicembre 2018, http://www.radioradicale.it/scheda/529582/raggiunta-quota-3001-iscritti-al-prntt-dichiarazioni-di-antonella-casu . URL consultato il 3 febbraio 2019 .
  6. ^ Ha assunto la denominazione completa di Partito Radicale Nonviolento Trasnazionale e Transpartito
  7. ^ La nascita del Partito Radicale , in Il Post , 5 febbraio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2017 .
  8. ^ Fondazione del partito radicale , in Aggiornamenti Sociali , 28 febbraio 1956. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale l'11 febbraio 2017) .
  9. ^ Eugenio Scalfari, Breve storia degli "Amici del Mondo" , in Il radicale , n. 1, 2 marzo 1957. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 14 aprile 2017) .
  10. ^ Mario Pannunzio,Il "Caso Piccardi" [ collegamento interrotto ] , 23 marzo 1962. URL consultato il 27 febbraio 2017 .
  11. ^ Rolando Parachini, Storia della Sinistra Radicale . URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  12. ^ Filmato audio Marco Pannella si racconta , Rai Storia, 2003.
  13. ^ Campagna nazionale per un referendum popolare sulla proposta di abrogazione del concordato , in Notizie Radicali , n. 71, 5 maggio 1969. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  14. ^ L'abrogazione del concordato , in Notizie Radicali , 27 marzo 1971. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  15. ^ Agenzia Radicale, Il vero scandalo della assistenza pubblica [ collegamento interrotto ] , in AGENZIA RADICALE , n. 113, 12 giugno 1965.
  16. ^ Silvio Pergameno e Sergio Stanzani, Il modello del partito libertario e federativo nello statuto radicale [ collegamento interrotto ] , "L'ANTAGONISTA RADICALE" - La teoria e la prassi del partito nuovo, socialista e libertario; e lo statuto e l'esperienza del PR nella società e nelle istituzioni - Convegno del consiglio federativo del Partito Radicale , Roma, Partito Radicale, aprile 1978. URL consultato il 25 febbraio 2017 .
  17. ^ IL DOCUMENTO ISTITUTIVO DELLA LID - LEGA ITALIANA PER L'ISTITUZIONE DEL DIVORZIO E GLI ORGANI , 4 aprile 1966. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale l'11 febbraio 2017) .
  18. ^ Gianfranco Spadaccia, Ci assumiamo la responsabilità politica della clinica Cisa [ collegamento interrotto ] ( abstract ), in Notizie Radicali , n. 625, 18 gennaio 1975. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  19. ^ MLD, Come nasce il Movimento di Liberazione della Donna federato al PR - Temi e obiettivi di lotta (ottobre 1970) ( abstract ), in SOCIALISMO '70 , 15 gennaio 1972. URL consultato il 20 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  20. ^ Marco Pannella, Contro la (omo)sessualità di classe , in Notizie Radicali , Luglio 1972.
  21. ^ Ad esempio nel 1971 avvenne il caso dell' Autodenuncia di solidarietà a Lotta Continua in cui i radicali, tra cui Marco Pannella e Marcello Baraghini prestarono il loro nome firmando il giornale come direttore responsabile per consentirne la pubblicazione e finirono inquisiti per "reati a mezzo stampa" come vilipendio all'esercito, istigazione alla diserzione ed a delinquere ed altri reati d'opinione
  22. ^ Angiolo Bandinelli, Olivier Dupuis, Luca Frassineti, Silvia Manzi, I radicali e la non-violenza , 23 aprile 1994. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 30 giugno 2016) .
  23. ^ Gianni Melega, Condannati a comunicare , in Il quotidiano radicale , 11 novembre 1993. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  24. ^ Natura e ruolo del partito radicale: alcune ipotesi interpretative , in ARGOMENTI RADICALI, BIMESTRALE POLITICO PER L'ALTERNATIVA , n. 3-4, Agosto-Novembre 1977. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  25. ^ Marco Pannella acquisirà il simbolo dai socialisti francesi di François Mitterrand cfr. Gabriele Maestri, La vera storia della Rosa nel Pugno , 13 luglio 2015. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  26. ^ Luca Misculin, Breve storia dell'ostruzionismo , in IlPost.it , 26 luglio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  27. ^ Aniello Coppola, L'imbevibile cocktail radicale , su www.radioradicale.it , 4 maggio 1979. URL consultato il 27 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  28. ^ Massimo Teodori, Fenoaltea Giorgio, Bugno Federico, Calderisi Giuseppe, Canestrini Sandro, et al., Nuove tessere e doppie tessere: perché aderiamo al PR , 6 luglio 1972. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  29. ^ CARCERI: 37 GIORNI DI DIGIUNO ( abstract ), in Notizie Radicali , n. 86, 6 aprile 1977. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  30. ^ Radicali Italiani,Referendum radicali — L'unico programma politico sottoposto al voto dei cittadini. , 5 luglio 2010. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  31. ^ Marco Pannella, I referendum sono espressione dello Stato di diritto , in AVANTI! , 19 marzo 1987.
  32. ^ a b Marco Pannella, Compromesso storico e compromesso massonico , in Abc , 27 marzo 1975. URL consultato il 20 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  33. ^ Marco Pannella , Una inutile strage , 15 giugno 1982. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  34. ^ Adriano Sofri , Paradosso radicale , 31 gennaio 1993. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  35. ^ Massimo Teodori e Gianfranco Spadaccia, Il coperchio della P2 sul regime dei partiti , in Notizie Radicali , n. 66, 14 marzo 1984. URL consultato il 27 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  36. ^ Marco Pannella, Le armi del Partito Radicale , in Lotta Continua , 8-9 maggio 1977. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2012) .
  37. ^ Marco Pannella, Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi — Audizione dell'on. Marco Pannella , Seduta n. 3 di Lunedì 15 luglio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  38. ^ Filmato audio Massimo Bordin, Massimo Bordin intervista Paolo Vigevano sulla storia di Radio Radicale , 16 maggio 2006. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  39. ^ Rosanna Sabatino, Il finanziamento pubblico dei partiti nell'Italia repubblicana (TESI DI LAUREA IN STORIA DELLE ISTITUZIONI PARLAMENTARI) , 3 marzo 1994. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  40. ^ a b c Gruppo di Iniziativa di Satyagraha 2009 per lo Stato di diritto e la Democrazia cancellati in Italia, La Peste Italiana ( PDF ). URL consultato il 26 febbraio 2017 .
    «Solo nel 1976 l'emittente "Radio Radicale" inizia a trasmettere in diretta, senza autorizzazione e rubando il segnale dal circuito interno, i dibattiti delle assemblee di Camera e Senato, inaugurando anche il processo di archiviazione delle "voci" di deputati e senatori, con una sistematica catalogazione.» .
  41. ^ Conoscere per deliberare , in Prediche inutili , Torino, Einaudi, 1964, pp. 3-14.
  42. ^ Adriano Softi, La galleria dei ritratti di marco pannella , in FINE SECOLO , 2 novembre 1985. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  43. ^ Gianfranco Dell'Alba, Lo sterminio per fame e sottosviluppo nel mondo - Tre anni di politica radicale (1979 - 1982) , su radioradicale.it , 1º gennaio 1983. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  44. ^ Massimo Teodori, La certezza del diritto in Italia: Una straordinaria conferma , in Notizie Radicali , n. 156, 5 giugno 1986. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  45. ^ Il vero scandalo è l'ingiustizia , in Notizie Radicali , n. 62, 24 marzo 1984. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  46. ^ Leonardo Sciascia , A futura Memoria , Bompiani editore, dicembre 1989, ISBN 978-88-459-3149-9 . URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  47. ^ Nè liste nè candidati radicali alle prossime elezioni , in NOTIZIE RADICALI , n. 22, 3 aprile 1968. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  48. ^ Roberto Cicciomessere , Budapest: il Congresso del Partito radicale , in Notizie Radicali , n. 55, 13 marzo 1989.
  49. ^ Sergio Stanzani, Un programma politico , in Notizie Radicali , n. 51, 11 marzo 1988. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  50. ^ Gianfranco Spadaccia, Il simbolo di Gandhi fa la differenza [ collegamento interrotto ] , in Atti del convegno "I radicali e la nonviolenza: un metodo, una speranza" , Roma, 29-30 aprile 1988. URL consultato il 26 febbraio 2016 .
  51. ^ Lettera aperta di Mauro Mellini al Primo segretario del Partito Radicale Sergio Stanzani [ collegamento interrotto ] , in Notizie Radicali , n. 262, 30 novembre 1988. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  52. ^ Massimo Teodori, L'illusione transnazionale e transpartitica , in Marco Pannella — un eretico liberale nella crisi della repubblica , Venezia, Casa editrice Marsilio, 1996. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  53. ^ L'organizzazione politica dell'antiproibizionismo , 1º luglio 1991. URL consultato il 26 febbraio 2016 .
  54. ^ Gabriele Maestri, In memoria di Marco Pannella: una storia, tanti simboli , 19 maggio 2016. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  55. ^ Massimo Lensi, Oltre Chiasso , Firenze, Nardini Editore, 2016, ISBN 978-88-404-0058-7 .
  56. ^ Lorenzo Strik-Lievers e Olivier Dupuis, Appunti sulle prospettive del partito radicale nell'europa comunista , in Documento preparatorio per il Consiglio Federale di Roma , 1-5 settembre 1989.
  57. ^ IL PARTITO TRANSNAZIONALE: DEMOCRAZIA E DIRITTO ALL'INFORMAZIONE - LE DIMISSIONI DA DEPUTATO DI MARCO PANNELLA - LE MANIFESTAZIONI DI MOSCA, VARSAVIA, PRAGA, BUDAPEST PER IL DIRITTO ALL'INFORMAZIONE NEI PAESI OCCIDENTALI - LO SCIOPERO DELLA FAME AD OLTRANZA DI MARCO PANNELLA, GIOVANNI NEGRI E LUIGI DEL GATTO - L'ACCETTAZIONE DELLE DIMISSIONI DI MARCO PANNELLA , 31 ottobre 1989. URL consultato il 26 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  58. ^ Cicciomessere Roberto, Descrizione del Sistema Telematico Multilingue - STM , in Seminario del Partito radicale , Sabaudia, 4 settembre 1992. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  59. ^ Caravita Giuseppe, Agorà, rete non solo politica , in Il Sole 24 Ore , 26 novembre 1993. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 25 marzo 2017) .
  60. ^ Marino Busdachin, Onu/riconoscimento ngo del partito radicale , in appunto di Marino Busdachin per la conferenza segreteria e per Marco Pannella , 21 giugno 1995. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 30 agosto 2017) .
  61. ^ Caterina Caravaggi, La pena di morte a fronte del diritto internazionale vigente. , 25 ottobre 1991. URL consultato il 26 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  62. ^ Stanzani Sergio, Droga: Il Partito radicale e l'iniziativa contro il traffico clandestino delle droghe [ collegamento interrotto ] , in I costi del proibizionismo sulle droghe - Atti del colloquio internazionale sull'antiproibizionismo, Bruxelles 28 settembre - 1 ottobre 1988 , Ed. Partito Radicale, 1º febbraio 1989. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  63. ^ Leonardo Sciascia e Alessandro Galante Garrone, Giustizia: l'appello del "comitato per una giustizia giusta" , 25 febbraio 1985. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  64. ^ Quando la religione diventa barbarie , in IL QUOTIDIANO RADICALE , 28 ottobre 1993. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  65. ^ Dalai Lama, Tibet: È il tempo dell'interdipendenza [ collegamento interrotto ] , in Notizie Radicali , n. 66, 25 marzo 1989. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  66. ^ a b Radio radicale turkestan orientale, Colloquio con Erkin Alptekin, leader degli Ujguri del Turkestan orientale , 24 luglio 1997. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  67. ^ Gerolamo Fazzini, I montagnard: una persecuzione nell'indifferenza , in Avvenire , 13 aprile 2005. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  68. ^ Eugenij Pashchenko, Radical voices of rome tribune , in Visti z Ukraini , 33(1790), 12-18th of August, 1993. URL consultato il 15 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  69. ^ Luca Frassineti, DEMOCRATIE POUR CUBA , 20 agosto 1992.
  70. ^ MOSCA: L'ADOZIONE DEL MEMORANDUM COLLETTIVO SULLA CECENIA; IL PARTITO RADICALE ADERISCE A QUESTO MEMORANDUM , 4 maggio 1995. URL consultato il 20 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2017) .
  71. ^ LA RUSSIA VUOLE SOFFOCARE OGNI VOCE CECENA ALL'ONU , in Le Monde , 21 luglio 2000, p. 4. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  72. ^ Luca Gelmini, Radicali, scontro Pannella-Capezzone , in Corriere della Sera , 1º novembre 2006. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  73. ^ Paolo Falliro, Pannella e Staderini, quanto si amano (e si odiano) i Radicali italiani , su Formiche.net , 29 ottobre 2013. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  74. ^ Centro d'Ascolto dell'Informazione Radiotelevisiva , su centrodiascolto.it . URL consultato il 20 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 21 giugno 2008) .
  75. ^ Nel maggio 1998, il Presidente della Commissione di vigilanza, Francesco Storace, denuncia il comportamento della Rai nei confronti dei Radicali in una lettera indirizzata all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni da poco istituita con il compito di garantire il rispetto delle norme sull'informazione politica, parlando di "un'operazione che non esito a definire di autentico genocidio politico-culturale." Dal 1998 al 2009, l'AGCOM accerta, praticamente in maniera sistematica, squilibri editoriali e violazioni di legge dalle tre emittenti Rai a danno dei Radicali, per un totale di 40 provvedimenti aventi ad oggetto 47 diversi programmi. Altre decine di provvedimenti riguardano le emittenti Mediaset. Questi comportamenti si verificano sia nei telegiornali che nei programmi di approfondimento e nelle tribune politiche, nei momenti decisivi dei periodi elettorali e con lunghe assenze nei periodi non elettorali. Nel triennio 2006-2008, il Tg1 è condannato cinque volte, il Tg2 e il Tg3 quattro volte. Porta a Porta subisce sette condanne; Ballarò cinque; Primo Piano e Telecamere tre; i programmi di Santoro due. Matrix , principale trasmissione di Mediaset, cinque. Infine, l'intera programmazione informativa della Rai è oggetto di richiamo per squilibri nei confronti dei Radicali da parte dell'Autorità nel 1999, nel 2001 e nel 2006, da parte della Commissione parlamentare di vigilanza nel 1997, nel 1998, nel 2001, nel 2002 e nel 2007.
  76. ^ IL CASO ITALIA: (1) Introduzione - LO STATO DELLA GIUSTIZIA IN EUROPA - I· CONVEGNO | RadioRadicale.it [ collegamento interrotto ] , su www.radioradicale.it . URL consultato il 20 marzo 2017 .
  77. ^ Marco Pannella, Diritti democratici nella "Democrazia reale" , in IL GIORNALE D'ITALIA , 10 ottobre 1989. URL consultato il 20 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  78. ^ Maurizio Turco, Ai responsabili di Radicali Italiani, Associazione Luca Coscioni, Non c'è pace senza giustizia, Esperanto Radikala Asocio, Nessuno Tocchi Caino , 23 febbraio 2017. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  79. ^ Lorenzo Strik Lievers e Roberto Cicciomessere, Materiali per il dibattito sullo statuto del partito transnazionale [ collegamento interrotto ] , in XXXVI· CONGRESSO DEL PARTITO RADICALE , 30 aprile 1992. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  80. ^ Giustizia Giusta , su referendumgiustiziagiusta.it . URL consultato il 26 febbraio 2016 .
  81. ^ Noi sottoscritti abitanti il territorio italiano ci uniamo alla lotta nonviolenta del leader radicale Marco Pannella affinché nel nostro Paese si affermi la legalità nell'amministrazione della Giustizia... .
  82. ^ La battaglia sugli Stati Uniti d'Europa data indietro al 1994 come in Bandinelli Angiolo, Cicciomessere Roberto, Dell'Alba Gianfranco, Dupuis Olivier, Frassineti Luca et al., STATI UNITI D'EUROPA subito! , in Atti del convegno "I radicali e la nonviolenza: un metodo, una speranza" , Roma, 29-30 aprile 1988. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2017) .
  83. ^ Per un nuovo diritto umano: il DIRITTO ALLA CONOSCENZA , 3 febbraio 2015.
  84. ^ Partito Radicale, MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO , 3 settembre 2016. URL consultato il 26 febbraio 2017 .
  85. ^ Antonella Casu, Raggiunta Quota 3001 iscritti al PRNTT , in Agenziavista.it , 28 dicembre 2018.
  86. ^ Preannuncia la tua partecipazione all'VIII congresso del Partito Radicale , su partitoradicale.it . URL consultato il 3 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2019) .
  87. ^ da "Fondazione del Partito Radicale" Archiviato l'11 febbraio 2017 in Internet Archive . in Aggiornamenti Sociali del 28/02/1956
  88. ^ Il nome e il simbolo sono visibili per la prima volta nelle elezioni del 1958 su questa pagina del Ministero degli Interni. Il partito è indicato con la sigla P.RAD. e si presenta insieme al Partito Repubblicano Italiano (PRI)
  89. ^ Si vedano ad esempio questi due riferimenti relativi agli arresti dei radicali a Belgrado e ad Ankara nell'ambito di una manifestazione transnazionale in molte capitali dell'Est nel 1985 e questa interrogazione parlamentare presentata da Emma Bonino nel 1982 per altri arresti di radicali nelle capitali dell'Est europeo
  90. ^ Si veda ad esempio la lettera di accompagnamento Archiviato l'11 febbraio 2017 in Internet Archive . alla tessera datata 16 aprile 1996 disponibile nell'archivio radicale
  91. ^ si veda il report per gli organi dirigenti Archiviato il 30 agosto 2017 in Internet Archive . del partito compilato da Marino Busdachin, responsabile del Partito all'ONU il 21 giugno 1995]
  92. ^ Il motivo di questa inversione nella denominazione inglese è dovuto, probabilmente, alla volontà di rendere più accettabile il nome del partito in quanto nei paesi anglosassoni la dizione "Radical" ha un valore essenzialmente negativo e violento
  93. ^ Senato del Partito Radicale, Delibera , in Senato del Partito Radicale , Roma, 9 agosto 2007.
  94. ^ È possibile prendere visione della scheda del Partito nel database NGO Branch dello United Nations Department of Economic and Social Affairs ricercando il nome "Radical Party"
  95. ^ Lo statuto e gli emendamenti del 1993, 1995, 2001, 2002 Archiviato l'11 febbraio 2017 in Internet Archive .
  96. ^ Gli emendamenti [ collegamento interrotto ] allo Statuto del 2011
  97. ^ Gabriele Maestri, La Marianna (laica e radicale) di Negri, un simbolo che parla , su isimbolidelladiscordia.it . URL consultato il 1º luglio 2019 .
    «Un simbolo "molto bello, che ricorda storia radicale e secolo dei lumi", come ha detto ancora Negri a Radio Radicale: non a caso, la "testa di donna con berretto frigio" nota anche come "dea della Libertà", disegnata forse da Mario Pannunzio (così scriveva Fabio Morabito nel 1977), fu emblema del primo partito radicale - già dal 1956 - e nel 1967, in occasione del 3º congresso straordinario che trasformò il Pd in un soggetto politico completamente diverso, fu addirittura inserita all'interno dello statuto.» .
  98. ^ Gabriele Maestri, SENZA ROSA E SENZA PUGNO? CONSIDERAZIONI GIURIDICO- SIMBOLICHE SULLA PRESENZA ELETTORALE DEI RADICALI IN ITALIA ( PDF ), in Nomos - Le attualità del diritto , vol. 1, 2006. URL consultato il 1º luglio 2019 .
  99. ^ Il PARTITO RADICALE E LE GAMBE STORTE DEI CANI , su medium.com .
  100. ^ Marco Pannella. Biografia di un irregolare - Presentazione del libro di Valter Vecellio , su radioradicale.it , 7 maggio 2011. URL consultato il 15 luglio 2019 .
  101. ^ Francesco Rutelli, Il Partito Radicale Nonviolento: in Italia per la Vita del Diritto, ovunque per il Diritto alla Vita .
  102. ^ Roberto Gervaso, Il signor Digiuno - Intervista di Roberto Gervaso a Marco Pannella , in Il dito nell'occhio , 22 ottobre 1977.
  103. ^ Busato David, Il Partito Radicale in Italia Da Mario Pannunzio a Marco Pannella 1954 - 1974 , su eclettico.org . URL consultato il 15 luglio 2019 .
  104. ^ Sabino Labia, "Quando eravamo noi radicali a fare ostruzionismo" , su panorama.it , 25 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2019 .
  105. ^ Marco Pannella, Relazione introduttiva nel XXV Congresso , 1981
  106. ^ Michele Ainis, Parlamento in attesa di giudizio , in L'Espresso , 22 gennaio 2017. URL consultato il 19 luglio 2019 .
  107. ^ Dall'archivio di Radio Radicale, "L'opposizione radicale al finanziamento pubblico dei partiti, l'ostruzionismo parlamentare dell'81, il referendum del maggio 2000 contro la legge sui rimborsi elettorali" , 23 gennaio 2007
  108. ^ RadioRadicale.it - i passaggi de "La casta" dedicati ai Radicali , su radioradicale.it . URL consultato il 13 agosto 2009 (archiviato dall' url originale il 12 aprile 2016) .
  109. ^ a b RadioRadicale.it - "La casta", tranne i Radicali , su radioradicale.it . URL consultato il 13 agosto 2009 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2009) .
  110. ^ Scelta che comportò un contenzioso, in sede di rimborsi elettorali negati dalla presidente della Camera Jotti: v. (( (PDF) Autocrinia e riparto del finanziamento pubblico | Giampiero Buonomo - Academia.edu
  111. ^ Radicali.it - Comunicato dei soggetti politici della Galassia Radicale Archiviato il 4 maggio 2009 in Internet Archive .
  112. ^ Partito Radicale Transnazionale: Olivier Dupuis Annuncia Le Dimissioni Da Segretario Archiviato il 26 settembre 2007 in Internet Archive .
  113. ^ Copia archiviata , su coranet.radicalparty.org . URL consultato il 2 marzo 2007 (archiviato dall' url originale il 16 marzo 2007) .
  114. ^ PANNELLA: LA “RIFORMA” LAICA, SOCIALISTA, LIBERALE, RADICALE, COMPORTA LA IMMEDIATA AUTORIFORMA DEI SOGGETTI POLITICI CHE LA PROMUOVONO. PANNELLA PROPONE ENTRO IL 15 DICEMBRE... Archiviato il 26 settembre 2007 in Internet Archive .
  115. ^ La mozione approvata dai partecipanti al Consiglio Generale del PRT Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive .
  116. ^ Delibera del Senato del Partito Radicale riunito a Roma il 9 agosto 2007 [ collegamento interrotto ]
  117. ^ RadicalParty.org - 12/09/2007, Afghanistan/Parlamento Europeo. Marco Cappato: La Commissione Esteri dà via libera a progetto pilota per oppio legale [ collegamento interrotto ]
  118. ^ MolecularLab.it - A Roma il Congresso Mondiale per la libertà di ricerca scientifica
  119. ^ Ricerca e cure mediche, a Bruxelles nasce la mappa [ collegamento interrotto ]
  120. ^ Pagina per la campagna Stop Fgm sul sito web di Emma Bonino (EmmaBonino.it)
  121. ^ Pagina sulle iniziative per l'abbandono delle mutilazioni genitali femminili sul sito web di "Non C'è Pace Senza Giustizia" (Npwj.org) Archiviato il 15 febbraio 2009 in Internet Archive .
  122. ^ 27/03/2009 - TIBET/RADICALI: ”MANIFESTEREMO CONTRO LA PROPAGANDA NAZIONALISTA CINESE E PER ACCERTAMENTO DELLA VERITÀ SULLA QUESTIONE TIBETANA” [ collegamento interrotto ]
  123. ^ 06/07/2009 - China: Statement of Marco Perduca, Italian Senator [ collegamento interrotto ]
  124. ^ Denuncia violenze sui Montagnard [ collegamento interrotto ]
  125. ^ Appello per un'amministrazione provvisoria ONU in Cecenia Archiviato il 20 luglio 2009 in Internet Archive .
  126. ^ http://www-5.radioradicale.it/servlet/VideoPublisher?cmd=segnalaGoNew&livello=s1.9.11&file=uni_rino_0_20020423155051.txt Archiviato il 25 agosto 2009 in Internet Archive .
  127. ^ Anticlericale.net: truffa dell'8 per mille, firmate per la Chiesa Valdese Archiviato il 21 dicembre 2005 in Internet Archive .
  128. ^ Manifestazione per la libertà religiosa in Cina Archiviato il 5 marzo 2005 in Internet Archive .
  129. ^ 10/12/2006 | TURCHIA/UE: BONINO, DA ANKARA UN SEGNALE INCORAGGIANTE PER ACCELERARE IL NEGOZIATO Archiviato l'8 settembre 2007 in Internet Archive .
  130. ^ Appello per Israele nell'Unione Europea Archiviato il 5 maggio 2009 in Internet Archive .
  131. ^ MANIFESTO – APPELLO PER UN PRIMO GRANDE SATYAGRAHA MONDIALE PER LA PACE Archiviato il 20 luglio 2009 in Internet Archive .
  132. ^ Il neoeletto segretario del Partito Radicale , su radioradicale.it , Radio Radicale.
  133. ^ Biografia di Emma Bonino , su emmabonino.it .
  134. ^ Biografia di Olivier Dupuis , su stradeonline.it .
  135. ^ Risultato votazioni - Seconda sessione del 39º Congresso del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito , su radicalparty.org .
  136. ^ L'attuale presidenza del partito è stata eletta con la mozione generale del XL Congresso.
  137. ^ V CONGRESSO DI RADICALI ITALIANI: I RISULTATI DELLE VOTAZIONI
  138. ^ Intervista a New York con Raffaele Sollecito: "La giustizia italiana è come una roulette"
  139. ^ Paolo Villaggio, il Partito Radicale e la sua candidatura con la Lista Pannella nel '94
  140. ^ Fonte Ministero dell'Interno Archiviato il 25 settembre 2008 in Internet Archive .
  141. ^ Nessun iscritto al Partito Radicale sul totale dei sei eletti
  142. ^ Fonte Ministero dell'Interno
  143. ^ Lista presentata nella sola circoscrizione Milano - Pavia

Bibliografia

Voci correlate

Collegamenti esterni

Controllo di autorità GND ( DE ) 5052522-0