Partit Republicà Italià

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Partit Republicà Italià
Partit Republicà Italià.svg
Secretari Corrado De Rinaldis Saponaro [1]
Vicesecretari Eugenio Fusignani [2]
Oliviero Widmer Valbonesi
Riccardo Bruno
Estat Itàlia Itàlia
Lloc Via Euclide Turba 38, 00186 Roma
Abreviatura PRI
Fundació 21 d’abril de 1895
Ideologia Mazzinianisme [3] [4]
Republicanisme [5]
Social liberalisme [6] [7] [8] [9]
Europeisme [10]
Democràcia liberal [11]

En el passat
Antifeixisme [12]
Anticlericalisme [13]
Radicalisme [14]

Ubicació Centre
1895-1947
Esquerra
Coalició
Partit europeu En el passat : ALDE
Grup de conversa Europeu LD / LDR / ELDR (1979-2004)
Seients de l' habitació
0/630
Seients del Senat
0/320
Escons del Parlament Europeu
0/73
Seus del Consell Regional
0/897
Capçalera La iniciativa (1912-1921)
La veu republicana [15]
(del 1921)
Organització juvenil Federació Jove Republicana
Colors      Verd
Lloc web pri.it

El Partit Republicà Italià ( PRI ) és un partit polític italià .

Fundada el 1895 , ha mantingut invariables el nom, el símbol (una fulla d’heura), les bases ideològiques del mazzinianisme i del radicalisme , clarament atribuïbles a les elaboracions de Giuseppe Mazzini [16] [17] , Aurelio Saffi [18] , Carlo Cattaneo [19] , Ugo La Malfa [20] [21] [22] i Giovanni Spadolini [23] .

Història

Supòsits en el Risorgimento i la unificació d'Itàlia

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Extrema esquerra històrica i el Partit d’Acció (1853-1867) .

El Partit Republicà Italià té les seves arrels polítiques en la idea del republicanisme (un ideal que sempre ha estat present a Itàlia i que ha revifat en el període de les anomenades repúbliques jacobines ), amb els seus referents ideals i culturals al Risorgimento . Per ser precisos, s’origina en la línia democràtica , mazziniana , radical i revolucionària, els màxims representants de la qual van ser Giuseppe Mazzini , Carlo Cattaneo , Carlo Pisacane , Aurelio Saffi i durant un cert període també Giuseppe Garibaldi .

La primera organització política amb l'objectiu de transformar Itàlia en una república democràtica unitària segons els principis de llibertat , independència i unitat, eliminant els estats de preunificació , va ser Giovine Italia (o Giovane Italia), l'associació política insurreccional fundada a Marsella a Juliol de 1831 per Mazzini.

Giovine Italia va constituir un dels moments fonamentals en el context del Risorgimento italià i també va tenir un alè europeu, passant a formar part de l'associació política més gran de Mazzini, Giovine Europa (1834), juntament amb altres associacions similars com Giovine Germania, Young Poland i Young Suïssa. El 1833 a Taganrog , Rússia , Garibaldi també es va adherir a les idees de Mazzini.

El 5 de maig de 1848, Giovine Italia va ser dissolta per Mazzini, que la va transformar en l'Associació Nacional Italiana. El març de 1853 el mateix Mazzini va fundar el Partit d’Acció .

L'anunci de la fundació del partit fou donat per Mazzini el març de 1853 amb la publicació del fulletó To the Italians , que argumentava que malgrat el fracàs del moviment milanès el 6 de febrer del mateix any, ara «l'emoció de l'emancipació [ va ser] descendit a la multitud », per tant, Mazzini va exhortar els seus compatriotes a emprendre accions repetides i continuades per despertar aquella espurna que hauria provocat el foc de tota la península i a través de l'acció de les bandes la insurrecció popular. Contràriament a les previsions del seu fundador, les primeres accions del moviment democràtic van fracassar, com l'expedició Sapri (1857) en què va morir Carlo Pisacane i el moviment de Gènova el mateix any.

En contrast amb els moderats reunits al voltant de la monarquia de Savoia i Cavour , els republicans s’oposaven a la guerra reial , als plebiscits , a les annexions i a la piemontesa d’ Itàlia, donant suport a la necessitat d’un aixecament del poble per aconseguir la unitat, el dret de l’assemblea sindical. i el sufragi universal en lloc del restringit i censal.

Un moment significatiu del procés de formació del partit es remunta al naixement de l’òrgan de premsa oficial dels republicans italians, concretament L’Unità Italiana dirigit per Maurizio Quadrio (1861) i posteriorment amb el primer congrés de la Federació de Moviments Democràtics Italians. a Parma l’ abril de 1866.

El congrés va fer evidents els corrents fonamentals del moviment republicà a Itàlia: la dreta parlamentària i radical d’ Agostino Bertani ; [24] la línia de Giuseppe Mazzini, també disposat a prendre acords i acceptar solucions per tal de completar la unificació d'Itàlia; i els intransigents, oposats a qualsevol compromís amb la dinastia Savoia i indignats envers la política econòmica i social del nou estat unitari.

Va ser el corrent maximalista i irreductible el que va prevaler, elegint un triumvirat en la gent de Maurizio Quadrio, Giuseppe Marcora i Vincenzo Brusco Onnis , determinant l’allunyament de la vida política i l’ abstenció electoral del moviment republicà en les properes dècades. [25]

Mazzini, però, va continuar donant suport al reclutament de voluntaris de Garibaldi amb motiu de la tercera guerra d'independència (juny de 1866) i de l'expedició de 1867, que va acabar tràgicament a Mentana . Decebut, però, pel fracàs de les seves iniciatives, Mazzini va dissoldre el Partit d’Acció i va seguir la línia de l’intransigent.

Això no va implicar la inactivitat política ja que els republicans van començar a donar vida a les primeres organitzacions del moviment obrer (associacions obreres, fons d'inversió, cooperatives i escoles populars) i el 1871 a Roma, per iniciativa seva, el pacte de germanor. es va signar entre les societats obreres.

El mateix any Garibaldi, veterà de la guerra franco-prussiana en què havia lluitat victoriosament a Dijon en defensa de França al capdavant de voluntaris italians i estrangers, trencà definitivament amb Mazzini, prenent una posició favorable cap a la Primera Internacional de treballadors. .

A més, la propaganda dels internacionalistes va posar en dificultats els republicans, que encara van aconseguir mantenir unes arrels populars i locals, però limitades a Romagna , les Marques , l' Úmbria , la costa toscana , el Laci i l'oest de Sicília , que haurien estat sempre les fortaleses republicanes. . [26]

A la mort del principal promotor del Risorgimento hi ha almenys quatre corrents de republicanisme: l’anomenat pur Mazziniani, encara nostàlgic del mètode insurreccional i inclosos els intransigents, en una línia d’antiparlamentarisme absolut; el grup d’ Alberto Mario , també abstencionista, però convençut de l’existència d’espais de lluita política fins i tot en el règim de la monarquia; els seguidors de Garibaldi, indulgents amb les idees socialistes i internacionalistes, de vegades fins i tot pacifistes i en tot cas caracteritzades per un profund anticlericalisme ; i el corrent radical d’ Agostino Bertani , decidit a obtenir reformes democràtiques mitjançant la constitució i que el 1877 constituiria junt amb Felice Cavallotti el grup de l’ extrema esquerra al Parlament italià , separant-se dels republicans.

Una figura cabdal en aquesta època tumultuosa va ser Aurelio Saffi , que va ser el guia moral de la transició de l’abstenció a la presència política a les institucions. [27]

Fi de l’abstenció i naixement del partit

El 2 d'agost de 1874 a Villa Ruffi, prop de Rimini , la policia va assaltar una reunió republicana, arrestant vint-i-vuit participants, inclòs l'ex triumvir de la República Romana Aurelio Saffi i el futur primer ministre Alessandro Fortis . [28] Aquest episodi va ajudar a aprofundir la bretxa entre els republicans i les institucions.

L’elecció de l’abstenció es va reiterar al XIV Congrés General de les Societats Obreres Fraternitàries italianes, celebrat a Gènova entre els dies 24 i 26 de setembre de 1876. [29]

Tot i això, l’abstenció electoral corria el risc de fer estèril l’acció política, de manera que alguns republicans menys intransigents de les eleccions polítiques de 1880 van decidir participar en consultes electorals. Es van elegir els primers diputats, que es van unir al grup d’extrema esquerra juntament amb els radicals de Bertani i Cavallotti. La seva composició social era heterogènia, incloent tant petits burgesos , com Giovanni Bovio com Napoleone Colajanni , però també treballadors , com Valentino Armirotti i el geògraf Arcangelo Ghisleri .

El primer congrés oficial de l'PRI que va sancionar la constitució oficial de el partit com una força política organitzada amb estructures permanents va tenir lloc a Bolonya el 21 d'abril de 1895. [30] Entre els fundadors, Giuseppe Gaudenzi de Forlì , que es va convertir en el seu primer secretari , cal esmentar-ho. L’any anterior, Gaudenzi havia promogut la fundació a Forlì d’ Il Pensiero Romagnolo , l’òrgan oficial del partit.

A les eleccions polítiques de 1897, el càrtel electoral de l'Extreme, format també per radicals i socialistes, va aconseguir elegir vuitanta-un diputats a la Cambra i l'endemà vint-i-dos d'ells van formar el grup parlamentari republicà. Entre ells Giovanni Bovio, Napoleone Colajanni, Matteo Renato Imbriani , Salvatore Barzilai i Edoardo Pantano . [31]

El mateix any, el diputat Antonio Fratti va morir a Domokos , que va córrer al costat dels grecs contra l' Imperi otomà , després del contingent Garibaldi liderat per Ricciotti Garibaldi . Aquests últims haurien lluitat contra els turcs al capdavant de voluntaris en defensa de Grècia , Sèrbia i Montenegro també el 1912 a Drisko.

Al final del segle, el PRI va entrar en aliances político-administratives amb els socialistes i els radicals , gràcies als quals va poder participar en el govern de grans ciutats com Milà, Florència i Roma (per exemple, a la junta dirigida per Ernesto Nathan ).

Tradicionalment associats al color vermell, els republicans, especialment a Romagna , en contrast amb els socialistes que volien prendre aquest color per ells mateixos (constituint així els anomenats nous vermells), van crear un conjunt d’aliatges en aquest punt anomenat groc.

No obstant això, la negativa a participar en els governs liberal-democràtics de l'era Giolitti va impedir que el PRI seguís les seves declaracions programàtiques, en particular la lluita contra els monopolis i la redempció del Sud .

Primera Guerra Mundial i aparició del feixisme

Els anys anteriors a la Primera Guerra Mundial van veure el jove Pietro Nenni com el protagonista de l'escena política.

Contra la guerra de Líbia i per aquest motiu empresonat el 1911, Nenni va ser secretària de la Cambra del Treball de Forlì . El 7 de juny de 1914 a Ancona, durant una concentració antimilitarista, juntament amb l'anarquista Errico Malatesta , la policia va obrir foc contra els participants i va matar dos militants republicans i un anarquista. Va seguir una setmana de vagues i malestar a gran part d’Itàlia (l’anomenada setmana vermella ).

En esclatar la Primera Guerra Mundial, el PRI va fer costat als intervencionistes, situant-se en la línia democràtica- irredentista . L’objectiu dels republicans era precipitar-se a l’ajut de França (considerada la pàtria dels drets humans ) [32] contra els imperis centrals alemanys i austríacs , vist com els emblemes de l’ autoritarisme i la reacció , així com a annexionar Trento i Trieste a Itàlia .

Entre el 1915 i el 1917 els primers exponents republicans ( Salvatore Barzilai i Ubaldo Comandini ) van participar en els governs de la Unió Nacional de Salandra i Boselli .

Després de la guerra, el PRI va tornar a intentar un acord amb les altres forces d'esquerra a la Convenció de Florència el 1918, però va fracassar perquè el Partit Socialista Italià estava ara sota el control dels maximalistes. El 1921, Pietro Nenni va deixar el PRI per unir-se al PSI. Els republicans, com va fer Giovanni Querzoli per exemple, van tornar a fundar associacions i consorcis.

L’aparició del feixisme va veure el PRI fermament oposat, tot i que alguns republicans s’havien unit als feixistes combatents (per exemple, Italo Balbo ). El 1922 a Roma un grup de republicans, inclosos Giovanni Conti , Raffaele Rossetti , Fernando Schiavetti , Mario Angeloni i Cino Macrelli , van fundar el moviment antifeixista Itàlia lliure, nomenant el jove Randolfo Pacciardi com a secretari.

El símbol de la llista del partit a les eleccions de 1924 en què va obtenir l’1,87% dels vots i 7 escons al parlament

La violència dels esquadrons feixistes també va dirigir-se als exponents republicans, amb els diputats Alfredo Morea i Cipriano Facchinetti detinguts per la policia mentre Fernando Schiavetti i el fundador del Viribus Unitis , Raffaele Rossetti, van ser víctimes d'atacs i els estudis professionals de Giovanni van quedar devastats. Conti i Guido Bèrgam. [33]

El 1925 el secretari Giuseppe Gaudenzi va inaugurar el que hauria estat l'últim congrés del partit al territori italià abans de l'alliberament. Els anys següents, el mateix Gaudenzi es va haver de retirar a la vida privada.

Entre 1925 i 1926 Eugenio Chiesa , Giuseppe Chiostergi , Rossetti, Facchinetti i Bèrgam van optar per l’exili, imitat immediatament pels cercats Randolfo Pacciardi i Egidio Reale . [34] Altres republicans que van romandre a la seva terra natal, com els advocats Oronzo Reale i Battista Bardanzellu , el criminòleg Giulio Andrea Belloni i el jove Federico Comandini , van ser estretament supervisats i inclosos en la llista especial de subversius dels Expedients Polítics Centrals . [35]

A l’exili durant el règim feixista

Mentrestant, l’1 de gener de 1927, el partit va anunciar el seu trasllat a l’estranger, més precisament a París . [36]

El mateix any, Pacciardi va establir la seva residència a Lugano , fent una contribució decisiva a fer de la secció local del PRI el principal nexe d’unió entre l’organització estrangera del partit i els militants encara actius a casa seva. [37]

El PRI va participar en la lluita antifeixista i molts dels seus seguidors a l’exili, com Raffaele Rossetti, es van unir al moviment Justícia i Llibertat . El 1927 el partit es va unir a la Concentració d’Acció Antifeixista , un organisme que també incloïa Justícia i Llibertat i el PSI a l’exili.

L'agost de 1930 Rossetti (polèmicament publicat per Giustizia e Libertà) i Facchinetti van donar a llum l'organització clandestina La Giovine Italia. [38] Al quart congrés a l'exili del partit, que es va celebrar a Saint Louis el 1932, Rossetti es va situar al capdavant del corrent contrari a la participació del PRI a la concentració antifeixista i es va aliar amb els pro -esquerra comunista (Fernando Schiavetti) [39] va ser elegit secretari polític.

Randolfo Pacciardi va ser elegit secretari polític al següent congrés que es va celebrar a París l'any següent amb el programa contraconcentrista oposat.

El PRI també va estar a primera fila durant la guerra civil espanyola . Va ser Pacciardi qui va ser el primer a tenir la idea d’un cos de voluntaris de suport a l’Espanya democràtica amenaçat per la revolta dels militars rebels , reprenent el famós atractiu del comodí Carlo Rosselli "Avui a Espanya, demà a Itàlia ". Pacciardi estava pensant en una legió italiana absolutament partidista, organitzada segons el model dels garibaldians que el 1897 i el 1898 havien lluitat a Grècia contra els turcs o dels que es van precipitar a França el 1914 abans que Itàlia entrés a la guerra. [40] Ja conegut com a líder militar per la seva audàcia i considerat imparcial tant pels socialistes com pels comunistes, el 26 d'octubre de 1936 va signar un acord a París per a la formació del Batalló Garibaldi (posteriorment Brigada Garibaldi) sota el mecenatge polític dels partits socialistes, comunistes i republicans i amb l’ajut de les organitzacions adherides al comitè italià pro Espanya, acceptant el comandament. [41]

Altres republicans italians que van venir a la defensa de la República espanyola van ser Mario Angeloni, oficial de la columna italiana, que va caure a la batalla del Monte Pelato ; Etrusco Benci , aleshores internat al camp francès d’ Argelès ; Giorgio Braccialarghe , comandant del pelotó d'assalt del batalló Garibaldi; i Ilario Tabarri , més tard confinat a Ventotene , que va ser comandant de la 8a brigada Garibaldi Romagna durant la Resistència .

A l’estiu de 1937, en dissidència amb els comunistes per l’incapacitat de construir una brigada completament italiana i contra l’ús de la brigada Garibaldi contra els anarquistes, Pacciardi va abandonar Espanya. El 4 de desembre de 1937 va fundar a París el setmanari La Giovine Italia , al qual es va unir el periodista i ex executiu de Justícia i Llibertat Alberto Tarchiani . L'exministre d'Afers Exteriors Carlo Sforza , també exiliat a França, va contribuir al setmanari amb nombrosos articles.

Després del vuitè congrés del PRI a l’exili (París, 1938), Pacciardi va ser reelegit secretari polític, encara que amb la faceta col·legial de Cipriano Facchinetti .

La vigília de l’esclat de la Segona Guerra Mundial, Pacciardi va proposar al govern francès la constitució d’un Comitè Nacional italià, format per exiliats antifeixistes, combatents sota la bandera tricolor en defensa de França, però no contra altres italians. [42] L' ocupació alemanya de França (1940) va obligar a nombrosos refugiats republicans, inclòs Pacciardi, a emigrar de nou, dissolent l'organització del partit a l'estranger.

A la Resistència i l’adveniment de la República

El 4 de juny de 1942, a la casa romana de Federico Comandini, el Partit de l' Acció va renéixer, prenent el nom del moviment polític Risorgimento fundat el 1853 per Mazzini.

Alguns republicans, com Oronzo Reale , Giulio Andrea Belloni , l'antic GL Ferruccio Parri i els economistes Ugo La Malfa i Bruno Visentini , es van unir al nou partit.

Tanmateix, després del 25 de juliol de 1943 Giovanni Conti, també en nom dels exponents històrics Cipriano Facchinetti, [43] Oliviero Zuccarini i Cino Macrelli, va reprendre les publicacions de La Voce Repubblicana , proclamant la reconstitució del partit republicà italià a Roma. A més, els dies 9-10 d'octubre del mateix any es va celebrar a Portsmouth un nou Congrés del partit a l'exili i el 5 de desembre següent es va celebrar a Milà un Congrés clandestí de l'alta Itàlia. Això va posar en dificultats les ja complicades relacions entre els diversos membres del PRI a Itàlia i a l'estranger.

El PRI va decidir no formar part del Comitè d'Alliberament Nacional , l'assemblea de partits antifeixistes creada després del 8 de setembre de 1943 . Els republicans, que sempre s'han oposat a la Savoia , no van aprovar l'elecció del CLN de considerar legítima la monarquia. Segons els historiadors, es deu a Giovanni Conti, l'home d'intransigència republicana, per haver posat aquesta decisió preliminar a la resta de partits del comitè. [44] No obstant això, a la perifèria no van faltar les relacions entre els republicans i els comitès locals d'alliberament per no comprometre la unitat de la lluita contra el nazi-feixisme . [45] A la mateixa Roma i al Laci durant l'ocupació nazi-feixista Battista Bardanzellu es va posar al comandament d'una brigada Mazzini, que operava conjuntament amb els equips del Partit d'Acció, [46] mentre els equips romans formats directament pel partit eren dirigits pel veterà de la Guerra Civil espanyola , Giorgio Braccialarghe. [47]

La guerra de resistència va veure la participació de molts republicans com Oddo Biasini , Libero Gualtieri i Osvaldo Abbondanza , [48] ​​de nou a través de les seves formacions armades anomenades Brigades Mazzini, especialment després de l'alliberament de Roma. Braccialarghe va ser paracaigudat a prop de Pistoia , per tal d’ajudar a la coordinació de les brigades partidistes que tenien els Alps Apuanos com a zona operativa. A Emília-Romanya, Piemont, Ligúria, Llombardia i al Tre Venezie es van formar cinc agrupacions regionals de les brigades Mazzini mentre que només a Llombardia es van formar cinc brigades. [49]

Mentrestant, Randolfo Pacciardi havia tornat a Itàlia, que va ser confirmat com a secretari polític del partit per aclamació a la Convenció Nacional del 26 al 27 de maig de 1945.

La línia política que Pacciardi va imprimir al PRI (en contrast amb l'actual dirigida per Giovanni Conti) era la d'unitat d'acció amb la resta de forces polítiques a favor de la república, en particular el Partit Acció, del qual ja havia tornat Giulio. Andrea Belloni. Aquesta línia es va aturar després de la votació en contra del Comitè Central del partit per participar al Consell Nacional , [50] tot i que aquest òrgan estava presidit per Carlo Sforza, que havia fet diverses vegades declaracions a favor de la república [51] i que a les eleccions a l' Assemblea Constituent s'haurien presentat com a independents a les llistes del PRI.

El 2 de juny de 1946, el poble italià, amb el referèndum institucional, va triar la forma republicana i el PRI va veure finalment satisfet el seu prejudici fonamental. La fase de participació en els governs de la República italiana es va obrir així en la política de partits.

Assemblea Constituent i centrisme

Presentat a l’elecció de l’Assemblea Constituent el 1946, el PRI va obtenir un 4,4% i va confirmar la seva força a les regions on tradicionalment ja era i amb pocs seguidors on els demòcrates cristians i els partits marxistes eren forts. El PRI va entrar al segon govern De Gasperi , juntament amb DC, PCI i PSI , amb els ministres Macrelli i Facchinetti.

El mateix any, la línia d’entesa de Pacciardi amb la resta de forces d’esquerra va marcar un punt favorable amb l’entrada al PRI de la concentració democràtica republicana liderada per Ugo La Malfa i l’ex primer ministre Ferruccio Parri, que va deixar el Partit d’Acció al febrer. amb Oronzo Reale i Bruno Visentini.

Dues tendències es van enfrontar al 19è Congrés celebrat el gener de 1947, el de Randolfo Pacciardi, a favor de la col·laboració del govern amb el PCI; i la de Conti i Facchinetti, que en lloc d'això van responsabilitzar el PCI de la ineficiència del govern i van voler interrompre la seva col·laboració.

Al final, malgrat la reelecció de Pacciardi com a secretari polític, es va imposar el grup vinculat a Giovanni Conti. De fet, Carlo Sforza va poder participar com a ministre d’Afers Exteriors al govern de III Gasperi (DC, PCI, PSI) només amb una capacitat tècnica i no política. Tanmateix, això li va permetre signar el tractat de París entre Itàlia i les potències aliades (febrer de 1947).

L'exclusió de l'esquerra (maig de 1947) va donar lloc al retorn complet del PRI al quart govern de De Gasperi , de nou amb Carlo Sforza al Ministeri d'Afers Exteriors i Cipriano Facchinetti a Defensa. Pacciardi, després d’haver rebutjat l’ anticomunisme de principis i no compartir les oposicions de la Guerra Freda , inicialment no hi va participar, però el desembre de 1947 la radicalització de la política PCI en compliment de les noves directives del PCUS també va convertir Pacciardi en anticomunisme i va convèncer entrar al govern com a vicepresident del Consell de Ministres.

Per tant, les eleccions polítiques de 1948 van veure el PRI fermament alineat en el camp de la democràcia occidental al costat de la DC, però també un mal resultat amb el 2,5% dels vots. No obstant això, va continuar participant en els governs liderats per De Gasperi, fent una contribució decisiva a la línia política del país en els propers anys. El ministre d’Afers Exteriors Sforza va treballar perquè Itàlia s’unís al pla Marshall , al pacte atlàntic (4 d’abril de 1949) i al Consell d’Europa (5 de maig de 1949). Posteriorment també va dur a terme negociacions i va signar el Tractat pel qual es va establir la Comunitat Europea del Carbó i l'Acer (CECA) per a Itàlia el 18 d'abril de 1951. Sobre la política atlantista dels governs De Gasperi, hi va haver la dissidència de l'antic militant Giovanni Conti, que el febrer de 1950 va renunciar controvertitament al PRI. [52]

Ferruccio Parri va donar un altre cop a la representativitat del partit, que, contràriament al suport donat pel PRI a la llei electoral majoritària (l'anomenada " llei del frau "), va deixar el partit i es va unir al moviment Unity Popular , [53] que es va formar el 18 d'abril de 1953.

Nel frattempo la componente degli ex azionisti era divenuta maggioritaria e il partito si avviò sulla linea sostenuta da Ugo La Malfa, favorevole all'intervento pubblico nell'economia. [54] Oronzo Reale , che aveva assunto la segreteria politica nel 1949, la mantenne ininterrottamente sino al 1963.

La sconfitta alle elezioni politiche del 1953 favorì una pausa di riflessione all'interno del partito (sceso all'1,6%) e il PRI si limitò ad appoggiare saltuariamente i governi centristi post-degasperiani (1953–1962), senza parteciparvi.

Nel 1959 Ugo La Malfa assunse la direzione de La Voce Repubblicana ea partire dal quarto Governo Fanfani (1962), appoggiato dall'esterno anche dal PSI, il partito rientrò stabilmente nella compagine governativa.

Guida di Ugo La Malfa

La politica di La Malfa stava guidando progressivamente il PRI nell'ambito della formula del centro-sinistra , per la quale Pacciardi, assertore del liberismo , aveva dichiarato apertamente la propria opposizione. Nel XXVII Congresso del marzo 1960 la corrente facente capo a quest'ultimo (40% dei voti) fu sconfitta da quella aperta all'alleanza con il PSI, guidata da La Malfa (58%).

Il 4 dicembre 1963 nella votazione per la fiducia al primo governo di centro-sinistra ( Governo Moro I ), al quale il PRI partecipava con Reale alla Giustizia, Pacciardi ruppe la disciplina di partito, votò contro e fu espulso.

Nel 1964 fondò un nuovo gruppo politico, l' Unione Democratica per la Nuova Repubblica , favorevole a un'evoluzione dell'istituzione repubblicana italiana in senso presidenzialista (sul modello gollista della Quinta Repubblica francese ). Pacciardi rientra nel partito nel 1981 dopo la morte di La Malfa.

Nel quarto governo guidato da Amintore Fanfani (1962–1963) La Malfa, Ministro del Bilancio, lanciò la Commissione della programmazione economica e si batté per la nazionalizzazione delle industrie elettriche.

Nel 1965 La Malfa fu eletto segretario nazionale del PRI e propose per primo l'avvio di una politica dei redditi per affrontare la questione degli squilibri settoriali e territoriali. Bruno Visentini, parlamentare dal 1972, ebbe un ruolo importante nella preparazione tecnica dell'imposta cedolare d'acconto.

Nel marzo 1974 la collaborazione del PRI con i governi di centro-sinistra andò in crisi per dissidi in materia di politica economica. In quell'anno infatti il PRI uscì dalla maggioranza per insanabili divergenze col Ministro del Bilancio Antonio Giolitti . Vi rientrò nel novembre dello stesso anno per formare un governo bicolore guidato da Aldo Moro , con La Malfa vicepresidente del Consiglio ( quarto Governo Moro ).

Nei primi mesi del 1979 il capo dello Stato affidò a La Malfa l'incarico di formare il nuovo governo. Dal 1945 era la prima volta che un politico non democristiano otteneva l'incarico. Il tentativo però non ebbe esito positivo e il 21 marzo venne varato il quinto Governo Andreotti , del quale La Malfa fu nuovamente vicepresidente. Cinque giorni dopo La Malfa scomparve improvvisamente. A settembre il PRI elesse Bruno Visentini presidente e Giovanni Spadolini segretario del partito.

Pentapartito, Giovanni Spadolini presidente e massimo storico

Negli anni ottanta Spadolini e il figlio di Ugo, Giorgio La Malfa , legarono il PRI al pentapartito , alleanza formata da DC , PSI , PSDI e PLI . Il PRI avrebbe poi rotto con la maggioranza solo nel 1991 a causa delle reazioni scaturite dall'approvazione della legge Mammì .

Nel giugno del 1981 Spadolini fu nominato presidente del Consiglio dei ministri , il primo non democristiano della storia dell' Italia repubblicana . Il 21 gennaio 1982 presiedette a Palazzo Chigi una riunione operativa alla presenza dei responsabili delle forze dell'ordine, dove denunciò l'intreccio fra mafia , camorra e terrorismo . Per tale ragione il Parlamento approvò un disegno di legge che ottemperava al divieto costituzionale delle associazioni segrete . La loggia P2 veniva sciolta.

Il Governo Spadolini I ebbe termine nel 1982, prima di essere ricostituito nell'agosto dello stesso anno; il secondo Governo Spadolini , definito dai giornali «esecutivo fotocopia», cadde per un acceso contrasto (la " lite delle comari ") tra i ministri Beniamino Andreatta e Rino Formica .

Le elezioni politiche del 1983 premiarono il partito che per la prima volta nella sua storia ebbe il 5% dei suffragi alla Camera dei deputati. A Torino era il terzo partito. Nella successiva legislatura con Bettino Craxi presidente del Consiglio, Spadolini ricoprì la carica di ministro della difesa dal 1983 al 1987: fu quindi uno dei protagonisti della crisi di Sigonella e mantenne immutata la sua posizione atlantista in contrasto a quella filopalestinese di Craxi.

Spadolini sullo scranno di presidente del Senato

Nel luglio 1987 Spadolini fu eletto presidente del Senato della Repubblica ; il 12 settembre dello stesso anno il Consiglio nazionale elesse il suo successore, Giorgio La Malfa.

Giorgio La Malfa segretario, Patto per l'Italia e diaspora

La Malfa porta i repubblicani all'opposizione, non partecipando al Governo Andreotti VII nel 1991.

Le inchieste legate a Tangentopoli costringono il segretario a lasciare momentaneamente il comando a Giorgio Bogi .

Nel gennaio 1994 il partito si colloca al centro nella coalizione del Patto per l'Italia di Mariotto Segni e Mino Martinazzoli .

Nella quota maggioritaria si opta per la candidatura di nomi nuovi ed estranei alle vicende giudiziarie ( Denis Verdini , Giannantonio Mingozzi, Piero Gallina e Mauro Fantini).

Nella quota proporzionale l'unica eletta è Carla Mazzuca Poggiolini .

Più fortunata fu la scelta di coloro che lasciarono il partito per correre dentro i Progressisti con Alleanza Democratica , i cui eletti sia alla Camera che al Senato furono in maggioranza ex-repubblicani.

L' ingresso in politica di Silvio Berlusconi ha inaspettatamente influenzato la diaspora in seno al partito:

Alle elezioni europee del 1994 il PRI raccoglie lo 0,7% dei voti e un seggio. [55]

Nel centro-sinistra con L'Ulivo

Preso atto dell'impossibilità di dar vita a una credibile alternativa centrista , nel 1995 il partito avvia un dialogo con L'Ulivo . Nel frattempo Denis Ugolini e Luciana Sbarbati , precedentemente eletti nelle file dei Progressisti con Alleanza Democratica , accettano di tornare.

Alle elezioni politiche del 1996 il PRI si presenta quindi nell'alleanza di centro-sinistra. Il sostegno alla candidatura di Romano Prodi a presidente del Consiglio diviene concreta sia nel maggioritario sia nella quota proporzionale con la lista Popolari per Prodi composta da Partito Popolare , Unione Democratica e Südtiroler Volkspartei . [56] [57]

Gli eletti sono Luciana Sbarbati e Giorgio La Malfa , che subito abbandonano il progetto dell' Unione Democratica di Antonio Maccanico (alla quale hanno aderito anche Alleanza Democratica ei liberali di Valerio Zanone ) e scelgono di entrare nel gruppo misto . Nel corso della legislatura costoro si uniranno brevemente ai membri della Lista Dini – Rinnovamento Italiano , per formare infine i Federalisti, Liberaldemocratici e Repubblicani con l'iscrizione al partito di Gian Antonio Mazzocchin.

Nel 1998 Armando Corona fonda il partito Unità Repubblicana (il cui simbolo è costituito da tre foglie di edera) che si professa di centro-destra. Esso collabora per breve tempo al progetto dell' Unione Democratica per la Repubblica .

Alle elezioni europee del 1999 il cartello promosso con la Federazione dei Liberali ottenne lo 0,54 % dei consensi e un eletto. [58]

Passaggio al centro-destra

A fine legislatura (dopo cinque anni di infruttuosa esperienza a sostegno dei governi de L'Ulivo a guida Prodi, Massimo D'Alema e Giuliano Amato ) avviene il passaggio nello schieramento di centro-destra , decretato ufficialmente dal XLII congresso di Bari del gennaio del 2001. In dissenso con questa decisione e con solo il 5% dei voti dei delegati, Luciana Sbarbati abbandona polemicamente per costituire il Movimento Repubblicani Europei .

Il risultato ottenuto alle elezioni politiche del 2001 frutta di un deputato (Giorgio La Malfa, eletto all'interno di Forza Italia) e di un senatore ( Antonio Del Pennino ), eletto nella Casa delle Libertà . [59] [60] Il 6 ottobre La Malfa lascia dopo quattordici anni la segreteria per assumere la presidenza, venendo sostituito da Francesco Nucara .

Nell'ottobre 2002 il XLIII congresso nazionale di Fiuggi si svolge senza problemi e tutti sono con concordi nel volere un'azione riformatrice maggiormente incisiva. Nel giugno 2003 riprendono le pubblicazioni de La Voce Repubblicana . Nell'aprile 2005 La Malfa e Nucara entrano nel Governo Berlusconi III , dove assumono rispettivamente le prestigiose funzioni di ministro per lepolitiche comunitarie e viceministro all' ambiente . [61]

L'iter legislativo per l'approvazione della nuova legge elettorale proporzionale provoca però un'aspra contestazione nei confronti degli alleati. È però lo stesso Berlusconi, intervenuto al congresso, a ricucire i rapporti. [62]

Nel 2006 il PRI ottiene il riconoscimento dell'esclusività del simbolo dell'edera, dal momento che un'ordinanza ne vieta l'utilizzo al Movimento Repubblicani Europei . [63]

Francesco Nucara e Luciana Sbarbati il 28 febbraio 2009

In occasione delle elezioni politiche del 2006 i dirigenti stipulano un rapporto di collaborazione con Forza Italia , finalizzato al sicuro ottenimento di seggi parlamentari in quelle liste. Medesimo scenario alle consultazioni amministrative . [64]

La direzione nazionale approva inoltre un documento con il quale viene ratificata la scelta di partecipare attivamente alla stesura del programma della Casa delle Libertà , impegnandosi per scongiurare un referendum per cambiare la legge Calderoli in senso maggioritario. [65]

Il 16 marzo 2007 il gruppo misto alla Camera dei deputati saluta la nascita della componente Liberali, Repubblicani, Riformatori, alla quale aderiscono con entusiasmo Giorgio La Malfa, Francesco Nucara e Giovanni Ricevuto, esponente del Nuovo PSI . [66]

Dal XLV congresso di Roma emerge la volontà di una linea maggiormente autonoma. [67] [68]

La successiva vincente scelta di inserire La Malfa e Nucara all'interno del Popolo della Libertà per le elezioni politiche del 2008 [69] [70] [71] rende possibile un accordo con i Liberal Democratici e Movimento Associativo Italiani all'Estero per formare una nuova componente nel gruppo misto, Repubblicani, Regionalisti, Popolari, in seguito nota come Repubblicani Azionisti – Alleanza di Centro.

A essa aderiscono Aurelio Misiti , Mario Baccini , Francesco Pionati , Calogero Mannino , Giuseppe Ossorio e Mario Pepe . [72] Fra i temi affrontati citiamo la battaglia per giungere all'approvazione di una legge concernente il testamento biologico . [73] [74]

Dopo il mancato tentativo di raggruppare un numero sufficiente di deputati a sostegno del Governo Berlusconi IV [75] [76] [77] [78] [79] il 14 dicembre 2010 l'insofferente La Malfa, [80] disattendendo le indicazioni della segreteria, nega la fiducia, [81] [82] venendo per questo sospeso dalla direzione nazionale. [83] [84]

Riunificazione con il Movimento Repubblicani Europei

All'indomani della modifica della legge per le elezioni europee che prevede lo sbarramento al 4% il Movimento Repubblicani Europei della senatrice Luciana Sbarbati avvia un percorso di riavvicinamento che si concretizza durante il XLVI Congresso [85] [86] [87] di Roma dal 25 al 27 febbraio 2011. [88] [89]

Nel giugno 2011 Antonio Del Pennino rimpiazza un senatore deceduto [90] mentre il 16 novembre seguente il vicesegretario Gianfranco Polillo entra in qualità di tecnico nel Governo Monti . [91] [92] [93] L'8 giugno 2011 Giorgio La Malfa viene espulso dal partito per non avere votato la fiducia al Governo Berlusconi. [94]

Nei mesi successivi ottiene il 6,51% dei voti validi alle elezioni amministrative di Brindisi . [95]

Esclusione dal Parlamento e sostegno a Guy Verhofstadt

Le nuove elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 [96] non offrono motivi di soddisfazione. [97] [98]

Alcuni militanti si candidano all'interno della lista Con Monti per l'Italia , altri nell' Unione di Centro , [99] mentre le uniche liste autonome vengono presentate nelle circoscrizioni di Emilia-Romagna e Sicilia .

In occasione delle elezioni europee del 2014 vi è invece l'appoggio a Scelta Europea , lista che sostiene la candidatura dell'ex primo ministro belga Guy Verhofstadt alla presidenza della Commissione europea . [100] [101]

XLVII congresso

Nel corso del XLVII congresso del marzo 2015 i delegati approvano a maggioranza la relazione del coordinatore nazionale Saverio Collura.

Questi annuncia la ricerca di convergenze con quelle formazioni convinte della necessità di un confronto serio e serrato in questa difficile fase, dal momento che le soluzioni messe in atto dal Governo Renzi non appaiono congruenti con le esigenze e gli obiettivi del Paese. A tal proposito è interessante il dibattito riguardante una possibile Costituente liberaldemocratica che rappresenti un'efficace alternativa di sviluppo e di occupazione.

La gravità della crisi impone quindi un intervento straordinario in grado di produrre l'effetto di imprimere una svolta positiva al sistema produttivo del nord e nel contempo di disporre di risorse finanziarie necessarie per impedire il tracollo per eccesso di austerità del sud e per investire finalmente in adeguate infrastrutture.

Il futuro dell'Italia è necessariamente connesso sia all'affermazione della prospettiva politico-federativa dell' Unione europea , fermo restando i mancati progressi dell'integrazione evidenziati anche dalla consapevolezza di aver trascurato aspetti rilevanti del Trattato di Lisbona , sia al consolidamento definitivo della moneta unica, come opportunità di crescita economica, di integrazione sociale e di visione solidale nei rapporti tra gli Stati. [102] [103]

Elezioni amministrative e regionali del 2014–2015

Alle elezioni amministrative del 2014 il simbolo è presente solo a Cesena , Torre del Greco e Reggio Calabria , dove raccoglie rispettivamente il 2,7%, il 3,2% (ottenendo un seggio) e l'1,8%. [104] [105] [106]

Alle elezioni regionali calabre del novembre 2014 si presenta uniti ad Alleanza per l'Italia , Demokratici, Autonomia Sud e Moderati nella lista Calabria in Rete. Tale lista sostiene il candidato del centrosinistra e ottiene il 5,2% e un seggio in consiglio regionale [107] .

Alle elezioni regionale nelle Marche del 2015 delle riunioni portano a convergere sul nome di Gian Mario Spacca , il quale dopo aver abbandonato il Partito Democratico si è presentato sotto le insegne di Marche 2020 – Area Popolare. Questo accordo ha fruttato il 4%.

Alle elezioni regionali in Campania del 2015 si candidano dei suoi esponenti tra le file dei Popolari per l'Italia , che appoggiano il governatore uscente di Forza Italia Stefano Caldoro . Tuttavia con lo 0,8% la lista non riesce a superare la soglia di sbarramento necessaria per ottenere posti in consiglio regionale.

Collaborazione con Fare!

Nel gennaio 2016 Corrado De Rinaldis Saponaro assume la carica di coordinatore [108] mentre l'11 aprile seguente quattro deputati fuoriusciti dalla Lega Nord e legati a Flavio Tosi costituiscono una componente del gruppo misto in seguito rafforzata dalla presenza di Enrico Costa . [109] [110] [111]

Elezioni amministrative e regionali del 2016–2017

In vista delle elezioni amministrative del 2016 si presenta tra le città capoluogo a Ravenna [112] [113] [114] e Napoli . Nella prima città hanno registrato il 4,4%, conquistando due seggi nel Consiglio comunale, [115] [116] [117] mentre a Napoli hanno raggiunto appena lo 0,2% nonostante l'alleanza con i liberali . [118]

La posizione relativa al referendum sulla riforma costituzionale Renzi-Boschi , tenutosi il 4 dicembre 2016, è stata per il NO. [119] [120] [121] [122] [123]

A dicembre torna ufficialmente a iscriversi l'ex parlamentare Stelio De Carolis . [124]

In vista delle elezioni regionali in Sicilia del 2017 l'iniziale sostegno a Roberto Lagalla , ex rettore dell' Università di Palermo e capo politico di Idea Sicilia, [125] [126] prosegue quando quest'ultimo entra nella coalizione di Nello Musumeci , ufficialmente candidato (in seguito vincente) quale presidente della Sicilia . [127] [128] [129] [130]

XLVIII congresso e alleanza con ALA

Il XLVIII congresso svoltosi a Roma fra l'8 e il 10 dicembre 2017, nominato Risorgimento della Ragione , elegge segretario Corrado de Rinaldis Saponaro e illustra un programma europeista , anti- populista e contro le crescenti diseguaglianze e la precarietà. [131] [132] [133] [134] [135]

Il 23 dicembre 2017 Mario D'Apuzzo, vicesindaco di Gragnano precedentemente candidatosi con Il Popolo della Libertà in Campania , prende la tessera e subentra come senatore a Giuseppe Compagnone , dimessosi per incompatibilità. [136] [137] [138]

Questi aderisce al gruppo parlamentare Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA), che muta denominazione in ALA–PRI, consentendo la partecipazione del partito alle elezioni politiche del 2018 senza la necessità di raccogliere le firme e ottenendo [139] [140] [141] [142] [143] [144] [145] lo 0,06% dei voti alla Camera e lo 0,09% al Senato. [146] [147]

Alle comunali di Brindisi del giugno 2018 i repubblicani ottengono l'8,5% e 1 consigliere [148] .

XLIX congresso e alleanza con +Europa e Azione

Il XLIX congresso, tenutosi a Bari tra il 9 e il 10 marzo 2019, dichiara conclusa ogni collaborazione con la coalizione di centro-destra , considerato ormai ostaggio di forze populiste e sovraniste. Viene inoltre riammesso nel partito Giorgio La Malfa [149] [150] [151] .

Alle elezioni europee del 2019 il PRI presenta alcuni candidati, tra cui il vice segretario Fusignani, nella lista di +Europa . [152]

A Cesena , a seguito dell'elezione di Enzo Lattuca a sindaco, i repubblicani ottengono rappresentanza nella giunta comunale. Tra i comuni superiori, i repubblicani ottengono un buon risultato a Cervia , dove conquistano il 7% e un seggio in consiglio comunale. A Forlì il partito presenta dei suoi candidati all'interno della lista Lega a supporto del candidato del centrodestra unito Gian Luca Zattini . A seguito della vittoria di quest'ultimo la repubblicana Alessandra Ascali verrà eletta presidente del consiglio comunale.

Alle elezioni regionali in Emilia-Romagna del 26 gennaio 2020 il partito crea una lista in comune con Più Europa e con il Partito Socialista a sostegno del governatore uscente Stefano Bonaccini [153] [154] [155] [156] [157] [158] . Alle regionali di settembre in Toscana partecipa alla lista Orgoglio Toscana per Giani Presidente insieme a CD , IdV , PSI e realtà civiche, [159] in Campania insieme a Lega per l'Italia sostiene Vincenzo De Luca , nelle Marche con una propria lista sostiene il candidato di centro-destra Francesco Acquaroli , in Veneto appoggia Daniela Sbrollini con Italia Viva , PSI e Civica per il Veneto mentre in Puglia non presenta alcuna lista garantendo però il “sostegno a personalità di area repubblicana inserite nelle liste civiche presenti nella coalizione del Presidente uscente“ Michele Emiliano come quella di Senso Civico.

Il 21 gennaio 2021 Azione e +Europa annunciano, dopo aver già formato un gruppo parlamentare comune a novembre 2020 [160] [161] , "il rafforzamento del loro coordinamento politico e la partecipazione ad iniziative comuni. Continuando a lavorare insieme per costruire una lista liberal democratica in vista delle prossime elezioni politiche includendo movimenti politici, associazioni e personalità che abbiano condiviso i nostri valori e proposte." Già a novembre 2020, in seguito alla costituzione del gruppo parlamentare e tramite documento politico congiunto [162] , il Partito Repubblicano Italiano aveva siglato un accordo con Azione volto a perseguire questo obiettivo, riconfermando poi l'impegno a gennaio 2021. [163] Al percorso comune si è poi unito il Partito Liberale Italiano . [164] [165] [166]

Ideologia

«Aderiscono al Partito Repubblicano Italiano tutti i cittadini maggiorenni che si riconoscono negli insegnamenti della scuola repubblicana , da Giuseppe Mazzini a Carlo Cattaneo , da Ugo La Malfa a Giovanni Spadolini ; nelle lotte del Risorgimento e della Resistenza e nello sforzo di realizzazione di una società basata sul rispetto dei diritti individuali , sulla responsabilità civica, sulla democrazia come metodo per la scelta del governo. [167] »

( Dall'art. 1 dello statuto )

I suoi riferimenti culturali sono essenzialmente riconducibili alla dottrina mazziniana . Inizialmente ancorato a posizioni di sinistra non marxista e anticlericale [168] , nel corso degli anni ha anche assunto tratti laici e liberaldemocratici , accompagnati da coerenti posizioni europeiste [169] [170] [171] [172] .

Struttura

Gli organi principali sono il Congresso nazionale, la Segreteria nazionale (6 membri), il Consiglio nazionale (100 membri complessivi) e la Direzione nazionale (45 membri).

Il Congresso nazionale è l'organo sovrano e definisce gli indirizzi generali; esamina l'attività politica, organizzativa e amministrativa svolta dagli altri settori, delibera sui provvedimenti amministrativi e finanziari, elegge il Consiglio nazionale e adotta le delibere previste dallo statuto. Il Consiglio nazionale è il massimo organo deliberativo politico del partito tra un Congresso nazionale e il successivo. Elegge con votazioni separate il segretario e la Direzione nazionale, fissandone il numero dei componenti ed eventualmente il presidente.

La Direzione nazionale rende esecutive le delibere del Congresso e del Consiglio nazionale e vigila sull'esatta osservanza dello statuto e coordina e stimola l'attività delle organizzazioni periferiche.

Risultati elettorali

Elezione Voti % Seggi
Politiche 1897 Camera 60.833 4,92
25 / 508
Politiche 1900 Camera 79.127 5,71
29 / 508
Politiche 1904 Camera 75.225 4,93
24 / 508
Politiche 1909 Camera 81.461 4,72
24 / 508
Politiche 1913 Camera 102.102 2,04
17 / 508
Politiche 1919 Camera 53.197 0,94
4 / 508
Politiche 1921 Camera 124.924 1,89
6 / 535
Politiche 1924 Camera 133.714 1,87
7 / 535
Politiche 1946 Costituente 1.003.007 4,36
23 / 556
Politiche 1948 Camera 652.477 2,48
9 / 574
Senato a 594.178 2,62
6 / 237
Politiche 1953 Camera 437.988 1,62
5 / 596
Senato 261.713 1,08
0 / 237
Politiche 1958 b Camera 405.574 1,37
6 / 630
Senato 367.340 1,39
0 / 246
Politiche 1963 Camera 420.419 1,37
6 / 630
Senato 231.599 0,84
1 / 315
Politiche 1968 Camera 626.567 1,97
9 / 630
Senato 622.420 2,17
2 / 315
Politiche 1972 Camera 954.597 2,86
15 / 630
Senato 918.397 3,05
5 / 315
Politiche 1976 Camera 1.134.936 3,09
14 / 630
Senato 846.415 2,69
7 / 315
Politiche 1979 Camera 1.110.209 3,03
16 / 630
Senato 1.053.251 3,36
6 / 315
Europee 1979 895.558 2,56
2 / 81
Politiche 1983 Camera 1.874.512 5,08
29 / 630
Senato 1.452.279 4,67
11 / 315
Europee 1984 c 2.136.075 6,11
2 / 81
Politiche 1987 Camera 1.429.628 3,70
21 / 630
Senato 1.248.641 3,85
8 / 315
Europee 1989 d 1.533.053 4,40
3 / 87
Politiche 1992 Camera 1.722.465 4,39
27 / 630
Senato 1.565.142 4,70
10 / 315
Politiche 1994 Camera Nel Patto Segni
1 / 630
Senato Nel Patto per l'Italia
0 / 315
Europee 1994 223.099 0,74
1 / 87
Politiche 1996 Camera In Popolari per Prodi / L'Ulivo
2 / 630
Senato Nell' Ulivo
2 / 315
Europee 1999 e 168.620 0,54
1 / 87
Politiche 2001 Camera In Forza Italia / CdL
1 / 630
Senato Nella CdL
1 / 315
Europee 2004 f 232.799 0,72
0 / 78
Politiche 2006 Camera In Forza Italia
2 / 630
Senato g 45.098 0,13
1 / 315
Politiche 2008 Camera Nel PdL
2 / 630
Senato Nel PdL
0 / 315
Politiche 2013 Camera 7.143 0,02
0 / 630
Senato 8.476 0,02
0 / 315
Europee 2014 In Scelta Europea
0 / 73
Politiche 2018 h Camera 20.943 0,06
0 / 630
Senato 27.285 0,09
0 / 315
Europee 2019 In +Europa
0 / 73
a Devono poi aggiungersi parte dei voti della lista Unità Socialista -PRI (607.792, 2,68%, 4 seggi di cui 2 repubblicani che sono stati inclusi nel totale)
b Lista PRI - PR
c Lista PRI - PLI (totale: 5 seggi, di cui 2 PRI e 3 PLI)
d Lista PRI - PLI - Federalisti (totale: 4 seggi, di cui 3 PRI e 1 Federalisti)
e Lista PRI - FdL
f Lista PRI - I Liberal Sgarbi
g Seggio ottenuto nelle liste di Forza Italia
h Lista PRI - ALA

Segretari

Congressi

  • I congresso: Bologna , 1º novembre 1895
  • II congresso: Firenze , 27–29 maggio 1897
  • III congresso: Lugano , 8–9 settembre 1899
  • IV congresso: Firenze, 1–3 novembre 1900
  • V congresso: Ancona , 19 febbraio 1901
  • VI congresso: Pisa , 6–8 ottobre 1902
  • VII congresso : Forlì , 3–5 ottobre 1903
  • VIII congresso: Genova , 22–24 giugno 1905
  • IX congresso: Roma , 3–5 maggio 1908
  • X congresso: Firenze, 9–11 aprile 1910
  • XI congresso: Ancona, 18–20 maggio 1912
  • XII congresso: Bologna, 16–18 maggio 1914
  • XIII congresso: Roma, 13–15 dicembre 1919
  • XIV congresso: Ancona, 25–27 settembre 1920
  • XV congresso: Trieste , 22–25 aprile 1922
  • XVI congresso: Roma, 16–18 dicembre 1922
  • XVII congresso: Milano , 9–10 maggio 1925
  • Congressi dell'esilio (senza numerazione):
    • Lione , 30 giugno–1º luglio 1928
    • Parigi , 29–30 giugno 1929
    • Annemasse , 28–29 marzo 1931
    • St. Louis , 27–28 maggio 1932
    • Parigi, 23–24 aprile 1933
    • Lione, 24–25 marzo 1934
    • Parigi, 3 febbraio 1935
    • Parigi, 11–12 giugno 1938
    • Portsmouth , 9–10 ottobre 1943
  • Congresso clandestino dell'Alta Italia:
    • Milano, 5 dicembre 1943
  • XVIII congresso: Roma, 9–11 febbraio 1946
  • XIX congresso: Bologna, 17–20 gennaio 1947
  • XX congresso: Napoli , 16–18 febbraio 1948
  • XXI congresso: Roma, 5–8 febbraio 1949
  • XXII congresso: Livorno , 18–21 maggio 1950
  • XXIII congresso: Bari , 6–8 marzo 1952
  • XXIV congresso: Firenze, 29 aprile–2 maggio 1954
  • XXV congresso: Roma, 16–19 marzo 1956
  • XXVI congresso: Firenze, 20–23 novembre 1958
  • XXVII congresso: Bologna, 3–6 marzo 1960
  • XXVIII congresso: Livorno, 31 maggio–3 giugno 1962
  • XXIX congresso: Roma, 25–29 marzo 1965
  • XXX congresso: Milano, 7–10 novembre 1968
  • XXXI congresso: Firenze, 11–14 novembre 1971
  • XXXII congresso: Genova, 27 febbraio–2 marzo 1975
  • XXXIII congresso: Roma, 14–18 giugno 1978
  • XXXIV congresso: Roma, 22–25 maggio 1981
  • XXXV congresso: Milano, 27–30 aprile 1984
  • XXXVI congresso: Firenze, 22–26 aprile 1987
  • XXXVII congresso: Rimini , 11–15 maggio 1989
  • XXXVIII congresso: Carrara , 11–14 novembre 1992
  • XXXIX congresso: Roma, 4–6 marzo 1995
  • XL congresso: Roma, 9–11 aprile 1999
  • XLI congresso: Chianciano , 28–30 gennaio 2000
  • XLII congresso: Bari, 26–28 gennaio 2001
  • XLIII congresso: Fiuggi , 25–27 ottobre 2002
  • XLIV congresso: Fiuggi, 4–6 febbraio 2005
  • XLV congresso: Roma, 30 marzo–1º aprile 2007
  • XLVI congresso: Roma, 25–27 febbraio 2011
  • XLVII congresso: Roma, 6–8 marzo 2015
  • XLVIII congresso: Roma, 8–10 dicembre 2017
  • XLIX congresso: Bari, 9–10 marzo 2019

Nelle istituzioni

Governi

Regno d'Italia

Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei ministri

Presidenza del Senato della Repubblica

Camera dei deputati

I legislatura
Gruppo Partito Repubblicano Italiano 9 deputati [173] Capogruppo: Ugo La Malfa (fino al 28 gennaio 1950), Ezio Amadeo .

Del gruppo fece parte fino al 1951 anche Alessandro Scotti del Partito dei Contadini d'Italia .

II legislatura
Gruppo misto 5 deputati Il PRI esprimeva il presidente del Gruppo misto, Cino Macrelli .
III legislatura
Gruppo misto 6 deputati Il PRI esprimeva il presidente del Gruppo misto, Cino Macrelli fino al 1962, poi Oronzo Reale .
IV legislatura
Gruppo Partito Repubblicano 5 deputati Capogruppo: Ugo La Malfa .

Gli eletti del PRI rimasero nel gruppo misto fino al novembre 1963, per poi formare il proprio gruppo autonomo. Fu escluso Randolfo Pacciardi , espulso dal partito per voto contrario al Governo Moro I .

V legislatura
Gruppo Repubblicano 9 deputati Capogruppo: Ugo La Malfa . Vice capogruppo: Pietro Bucalossi .
VI legislatura
Gruppo Partito Repubblicano 15 deputati Capogruppo: Ugo La Malfa (1972-73), Oronzo Reale (1973-76), Oddo Biasini (1974-76).
VII legislatura
Gruppo Repubblicano 14 deputati Capogruppo: Oddo Biasini .
VIII legislatura
Gruppo Repubblicano 16 deputati Capogruppo: Oscar Mammì (fino al 1981), Adolfo Battaglia .
IX legislatura
Gruppo Repubblicano 29 deputati Capogruppo: Adolfo Battaglia .
X legislatura
Gruppo Repubblicano 21 deputati Capogruppo: Adolfo Battaglia (fino al 1992), Antonio Del Pennino .
XI legislatura
Gruppo Repubblicano 27 deputati Capogruppo: Antonio Del Pennino (fino a gennaio 1993), Giuseppe Galasso (fino a Settembre 1993), Alfredo Bianchini (fino a gennaio 1994), Luciana Sbarbati .

Federazione Giovanile Repubblicana

Il movimento giovanile del PRI è la Federazione Giovanile Repubblicana ( FGR ), il cui attuale segretario nazionale è Marco Spina. Nel corso del Novecento, tra i segretari nazionali vi furono Pietro Nenni , Raffaele Vanni , Enzo Bianco , Davide Giacalone e, dal 1984 al 1987 , Oscar Giannino .

Note

  1. ^ Corrado De Rinaldis Saponaro diventa segretario nazionale del PRI , brindisireport.it , 18 dicembre 2017.
  2. ^ Saponaro confermato segretario nazionale Pri, Eugenio Fusignani vicesegretario nazionale vicario , ravennanotizie.it, 31 marzo 2019.
  3. ^ PRI, Il XXIX Congresso nazionale del Partito repubblicano italiano. Atti e risoluzioni. Roma, 25-28 marzo 1965 , Edizioni della Voce, 1968.
  4. ^ Silvio Berardi, Il socialismo mazziniano. Profilo storico-politico , Sapienza Università Editrice, 2016, ISBN 978-88-98533-81-7 .
  5. ^ http://www.prinazionale.it/new/Statuto/STATUTO%20NAZIONALE%20PRI%20-%20DAL%2048%C2%B0%20CONGRESSO%20NAZIONALE.pdf
  6. ^ https://www.radioradicale.it/scheda/322070/46deg-congresso-nazionale-del-partito-repubblicano-italiano-seconda-giornata
  7. ^ https://cise.luiss.it/cise/2014/04/22/il-gruppo-dellalde-verso-un-inevitabile-ridimensionamento/
  8. ^ http://www.prinazionale.it/new/31%20Ottobre%202019/Ripartire%20da%20un%20progetto%20Liberal-Democratico.pdf
  9. ^ http://www.ravennatoday.it/politica/elezioni-fusignani-pri-ottimi-risultati-per-le-liste-repubblicane.html
  10. ^ https://www.cesenatoday.it/politica/regionali-lelli-pri-presenti-col-nostro-simbolo-per-contribuire-ad-alleanza-di-centrosinistra.html
  11. ^ http://www.prinazionale.it/new/31%20Ottobre%202019/Ripartire%20da%20un%20progetto%20Liberal-Democratico.pdf
  12. ^ http://www.partitorepubblicanoitaliano.it/old/html/storiasx.html
  13. ^ ( EN ) James L. Newell, The Politics of Italy: Governance in a Normal Country , Cambridge University Press, 2010, p. 27, ISBN 978-0-521-84070-5 . URL consultato il 1º ottobre 2019 .
  14. ^ https://patrimonio.archivio.senato.it/inventario/fondazione-malfa/partito-repubblicano-italiano-pri
  15. ^ http://www.partitorepubblicanoitaliano.it/new/html/lavocerepubblicana/voce.html La Voce Repubblicana . Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive .
  16. ^ http://www.associazionemazziniana.it/il-pensiero-politico-di-mazzini-prima-i-doveri-dopo-i-diritti-patriottismo-si-nazionalismo-no/
  17. ^ https://www.interessenazionale.net/blog/patria-e-umanit-ripartire-da-giuseppe-mazzini
  18. ^ http://www.forli24ore.it/news/forli/0054097-successo-presentazione-del-libro-aurelio-saffi-lultimo-vescovo-mazzini
  19. ^ http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/cattaneo-federalismo-che-non-passa-moda-1640274.html
  20. ^ https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1999/03/24/il-sogno-laico-di-ugo-la-malfa.html?refresh_ce
  21. ^ https://www.agi.it/politica/ugo_la_malfa-5206339/news/2019-03-26/
  22. ^ https://www.iltempo.it/cultura-spettacoli/2009/03/25/news/la-malfa-il-galantuomo-tra-destra-e-sinistra-675007/
  23. ^ http://lanostrastoria.corriere.it/2019/07/27/venticinque-anni-senza-giovanni-spadolini-quando-i-politici-erano-intellettuali-2/
  24. ^ Alessandro Galante Garrone, I radicali in Italia (1849-1925) , Garzanti, Milano, 1973, pagg. 47-48.
  25. ^ Giovanni Spadolini , cit. , pagg. 5-8.
  26. ^ Si noti come, evento non certo casuale, la maggior parte di queste roccaforti corrispondessero ai territori del defunto Stato Pontificio .
  27. ^ Giovanni Spadolini , cit. , pagg. 23-24.
  28. ^ Giovanni Spadolini , cit. , pagg. 37-39.
  29. ^ Giovanni Spadolini , cit. , pagg. 41-42.
  30. ^ Giovanni Spadolini , cit. , pag. 74.
  31. ^ Francesco Atzeni, I repubblicani in Sardegna , Edizioni Archivio Trimestrale, Roma, 1988, pag. 27.
  32. ^ Peppino Garibaldi , figlio di Ricciotti e nipote di Giuseppe Garibaldi, formò una legione italiana di volontari garibaldini, ed accorse in difesa della Francia nel 1914 .
  33. ^ Santi Fedele, I Repubblicani in esilio nella lotta contro il fascismo (1926-1940) , Firenze, Le Monnier, 1989, p. 10.
  34. ^ Santi Fedele, cit. , pag. 11.
  35. ^ Archivio Centrale dello Stato, Min. Interno, Dir. Gen. PS, Casellario politico centrale .
  36. ^ Santi Fedele, cit. , p. 9.
  37. ^ Santi Fedele, cit. , pag. 15.
  38. ^ Santi Fedele, cit. , pag. 56.
  39. ^ Santi Fedele, cit. , pag. 63.
  40. ^ Liberal. Fondazione di Alberto Indelicato , Anno II n. 14 - ottobre-novembre 2002.
  41. ^ Randolfo Pacciardi, Il Battaglione Garibaldi. Volontari italiani nella Spagna Repubblicana , La Lanterna, Roma, 1945, pp. 41-42.
  42. ^ Santi Fedele, cit. , pagg. 192-93.
  43. ^ Facchinetti era stato appena scarcerato da Regina Coeli, dove era stato condotto, dopo essere stato arrestato a Marsiglia dalla polizia tedesca.
  44. ^ Alessandro Spinelli, I repubblicani nel secondo dopoguerra (1943-1953) , Longo, Ravenna, 1998, pagg. 3-13.
  45. ^ Alessandro Spinelli, cit. , pag. 15.
  46. ^ Simone Sechi, La partecipazione dei sardi alla Resistenza italiana , in: L'antifascismo in Sardegna , Cagliari, Edizioni della Torre, 1986, vol. II, pp. 133-206.
  47. ^ Massimo Scioscioli, I Repubblicani a Roma. 1943-1944 , Roma, 1983.
  48. ^ http://www.memoteca.it/upload/dl/Resistenza_in_Romagna/33_-_cesena.pdf .
  49. ^ I repubblicani nella resistenza , in: La Voce repubblicana , numero speciale del 25 aprile 1951.
  50. ^ Alessandro Spinelli, cit. , pagg. 41-43.
  51. ^ Carlo Sforza, L'Italia dal 1914 al 1944 quale io la vidi , Roma, Mondadori, 1945, p. 175 e succ.ve.
  52. ^ Alessandro Spinelli, cit. , pagg. 161-162.
  53. ^ Alessandro Spinelli, cit. , pag. 233.
  54. ^ Alessandro Spinelli, cit. , pagg. 236 e sgg.
  55. ^ http://elezionistorico.interno.it/index.php?tpel=E&dtel=12/06/1994&tpa=Y&tpe=A&lev0=0&levsut0=0&es0=S&ms=S
  56. ^ http://elezionistorico.interno.it/index.php?tpel=C&dtel=21/04/1996&tpa=I&tpe=A&lev0=0&levsut0=0&es0=S&ms=S
  57. ^ http://elezionistorico.interno.it/index.php?tpel=C&dtel=21/04/1996&tpa=I&tpe=A&lev0=0&levsut0=0&es0=S&ms=S&unipro=uni
  58. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  59. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  60. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  61. ^ Corriere della Sera - Il Berlusconi bis ora è al completo , su www.corriere.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  62. ^ Bondi fischiato dagli alleati del Pri Non siamo mai stati anticomunisti - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  63. ^ Congresso di Bari, l'associazione Repubblicani Europei rinuncia agli atti di giudizio nei confronti del Pri Archiviato il 26 maggio 2009 in Internet Archive ..
  64. ^ Andrea Cuomo, Veltroni o Alemanno, la capitale a un bivio , su ilGiornale.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  65. ^ Redazione, Riforma elettorale: Udc pronta a discuterne , su ilGiornale.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  66. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/4078/cdl-berlusconi-riceve-nucara-a-palazzo-grazioli
  67. ^ Pri a congresso le alleanze in discussione - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  68. ^ l' elezione - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  69. ^ 3 Aprile 2008 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  70. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/16199/tutti-gli-eletti-alla-camera
  71. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/60324/il-pdl-per-ora-e-un-progetto-la-strada-per-farne-un-partito-e-ancora-lunga
  72. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/10/19/berlusconi-lancia-lo-shopping-corteggiati-pallaro.html?ref=search
  73. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/63536/caso-englaro-la-corte-di-strasburgo-boccia-il-ricorso-delle-associazioni
  74. ^ http://www.lastampa.it/2009/03/28/blogs/oltretevere/bio-testamento-il-pdl-si-spacca-xj3iDjrEUeiTTkrKusvSCK/pagina.html
  75. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/95515/il-cav-ha-un-jolly-per-non-dipendere-dai-ma-di-fini-e-dai-possibili-no-di-bossi
  76. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/09/10/campagna-acquisti-io-penso-ai-valori-evitare.html?ref=search
  77. ^ http://www.corriere.it/politica/10_settembre_13/nucara-berlusconi-responsabilita_965f80e2-bf51-11df-8975-00144f02aabe.shtml
  78. ^ https://www.loccidentale.it/articoli/95663/governo-pri-i-numeri-per-nuovo-gruppo-ci-sono
  79. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/09/15/tramonta-il-gruppo-salva-silvio.html?ref=search
  80. ^ Francesco Cramer, «Caro Berlusconi, io me ne vado» E l??Italia scopre che La Malfa esiste , su ilGiornale.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  81. ^ http://archivio.agi.it/articolo/85d248b90ab3b158812d14df735cfc16_20101210_pri-la-malfa-mia-scelta-motivata-maggioranza-non-piu-adeguata/?query=giorgio_la_malfa&mode=date_desc [ collegamento interrotto ]
  82. ^ [1] [ collegamento interrotto ]
  83. ^ http://archivio.agi.it/articolo/0ee89caadb918b11ef088bf18d61e29f_20101210_pri-direzione-nazionale-sospende-giorgio-la-malfa/?query=giorgio_la_malfa&mode=date_desc [ collegamento interrotto ]
  84. ^ Sentenza dei Probiviri del Pri , su web.archive.org , 28 luglio 2012. URL consultato il 24 ottobre 2019 (archiviato dall' url originale il 28 luglio 2012) .
  85. ^ [2] [ collegamento interrotto ]
  86. ^ [3] [ collegamento interrotto ]
  87. ^ [4] [ collegamento interrotto ] .
  88. ^ [5] [ collegamento interrotto ]
  89. ^ http://www.radicali.it/20110228/pri-nucara-ricuce-con-sbarbati-polemiche-tra-romagnoli-sudisti/
  90. ^ Copia archiviata , su senato.it . URL consultato il 23 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 13 aprile 2012) .
  91. ^ Governo, Monti: "Durerà fino al 2013 Non indispensabile la presenza dei politici" - Il Fatto Quotidiano , su www.ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  92. ^ Divisi sul voto, il Pri finisce in clinica , su Corriere della Sera . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  93. ^ [6] [ collegamento interrotto ]
  94. ^ La Malfa espulso dal PRI , su Termometro Politico - Forum . URL consultato il 9 maggio 2019 .
  95. ^ http://www.repubblica.it/static/speciale/2012/elezioni/comunali/brindisi.html .
  96. ^ Depositati 215 simboli, ma scoppia la polemica , su Lettera43 , 13 gennaio 2013. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  97. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  98. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  99. ^ http://archivio.agi.it/articolo/790c0e3635c0f86a342010783e7fcb1c_20130220_elezioni-cesa-bene-pri-che-sostiene-udc-e-monti/?q=francesco_nucara&query=partito_repubblicano_italiano&mode=date_desc [ collegamento interrotto ]
  100. ^ Edoardo Petti, Ecco la lista arcobaleno degli ultra liberal-europeisti che (con Prodi e montiani doc) sfidano Popolari e Socialisti , su Formiche.net , 4 marzo 2014. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  101. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 16 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2016) .
  102. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 13 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 9 aprile 2016) .
  103. ^ Giovanni Bucchi, Pri, ecco chi si strappa l'edera dalle mani , su Formiche.net , 26 marzo 2015. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  104. ^ [7]
  105. ^ [8]
  106. ^ [9]
  107. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  108. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 18 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2016) .
  109. ^ [10]
  110. ^ [11]
  111. ^ http://www.agora24.it/2017/08/camera-roberto-caon-aderisce-gruppo-fi-forzisti-unica-proposta-credibile
  112. ^ Copia archiviata , su ravennaedintorni.it . URL consultato il 17 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  113. ^ 22 Aprile 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  114. ^ 26 Maggio 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  115. ^ 6 Giugno 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  116. ^ 6 Giugno 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  117. ^ 20 Giugno 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  118. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali , su elezionistorico.interno.gov.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  119. ^ 16 Novembre 2016 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  120. ^ [12] [ collegamento interrotto ]
  121. ^ Reggio – Oggi il convegno organizzato dal Pri , su strill.it , 30 novembre 2016. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  122. ^ www.ilgiornaleditalia.org , http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/883338/Avviso-di-sfratto-ad-Alfano-dal.html . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  123. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 18 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 22 dicembre 2016) .
  124. ^ [13]
  125. ^ [14]
  126. ^ [15]
  127. ^ "Siamo la speranza dei siciliani" Asse Musumeci-Armao-Lagalla , su Live Sicilia . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  128. ^ Copia archiviata , su iltempo.it . URL consultato il 3 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale l'8 novembre 2017) .
  129. ^ Elezioni in Sicilia, vince Musumeci con il 39,8%. A Cancelleri il 34,7%. Sconfitta pesante per il centrosinistra , su Repubblica.it , 6 novembre 2017. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  130. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 3 dicembre 2017 (archiviato dall' url originale il 24 ottobre 2017) .
  131. ^ Copia archiviata , su partitorepubblicanoitaliano.it . URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  132. ^ Radio Radicale, Risorgimento della Ragione - 48º Congresso Nazionale del Partito Repubblicano Italiano (3ª ed ultima giornata) , su Radio Radicale , 10 dicembre 2017. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  133. ^ Pri. Il ferrarese Messina, nella direzione nazionale | estense.com Ferrara , su estense.com , 14 dicembre 2017. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  134. ^ 48° congresso del Partito repubblicano, ecco i forlivesi con incarichi direttivi nazionali , su ForlìToday . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  135. ^ 17 Dicembre 2017 , su RavennaNotizie.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  136. ^ Scheda di attività di Mario D'Apuzzo. XVII legislatura , su www.senato.it . URL consultato il 10 gennaio 2018 .
  137. ^ La sfiga di D'Apuzzo, senatore il giorno dello scioglimento , su www.liberoquotidiano.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  138. ^ Castellammare - Uno stabiese al Senato, Mario D'Apuzzo entra fra i banchi del Parlamento , su StabiaChannel.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  139. ^ I Repubblicani scelgono Fontana: "Non riconosciamo l'alleanza con ALA" , su Affaritaliani.it . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  140. ^ Elezioni 2018, il Partito Repubblicano Ala ai seggi:"Segnale di rinascita di un grande partito" , su Torino Oggi , 29 gennaio 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  141. ^ Elezioni, dopo 22 anni torna sulla scheda anche la foglia d'edera dei Repubblicani , su ModenaToday . URL consultato il 24 ottobre 2019 .
  142. ^ http://www.prinazionale.it/new/CandidatiElezioniPolitiche2018/CANDIDATIELEZIONI2018.HTM
  143. ^ https://www.corriereromagna.it/news/cesena/24304/pronta-la-lista-romagnola-del-pri.html
  144. ^ Copia archiviata , su edizionecaserta.it . URL consultato il 30 gennaio 2018 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2018) .
  145. ^ http://notizie.tiscali.it/politica/articoli/verdini-balla-solo/
  146. ^ http://elezioni.interno.gov.it/camera/scrutini/20180304/scrutiniCI
  147. ^ http://elezioni.interno.gov.it/senato/scrutini/20180304/scrutiniSI
  148. ^ elezionistorico.interno.gov.it , https://elezionistorico.interno.gov.it/index.php?back=yes&tpel=G&dtel=10/06/2018&tpa=I&tpe=C&ms=S&es3=N&ne3=160010&levsut3=3&lev3=10&lev2=16&ne2=16&es2=S&levsut2=2&lev1=16&ne1=16&es1=S&levsut1=1&lev0=0&es0=S&levsut0=0&unipro=uni .
  149. ^ http://www.cesenatoday.it/politica/il-pri-verso-il-congresso-nazionale-l-italia-vive-una-crisi-economica-gravissima.html
  150. ^ http://www.ravenna24ore.it/news/ravenna/0084781-congresso-nazionale-del-pri-modello-ravennate-apprezzato-livello-nazionale
  151. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/31/partiti-highlander-psi-e-pri-resistono-anche-alla-terza-repubblica-eletti-i-segretari-si-pensa-gia-alle-europee/5076437/
  152. ^ Più Notizie - Ravenna - Politica - Più Europa, presentata oggi la candidatura alle Europee di Eugenio Fusignani , su www.piunotizie.it . URL consultato il 9 maggio 2019 .
  153. ^ http://www.askanews.it/politica/2019/12/27/regionali-pi%c3%b9-europa-psi-e-pri-a-sostegno-di-bonaccini-pn_20191227_00169/
  154. ^ https://www.cesenatoday.it/politica/regionali-piu-europa-in-corsa-per-bonaccini-in-contrapposizione-ai-populismi.html
  155. ^ https://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/politica/elezioni-emilia-romagna-2020-candidati-1.4957613
  156. ^ http://www.prinazionale.it/new/10%20Dicembre%202019/Elezioni%20Regionali%20Emilia%20Romagna.pdf
  157. ^ https://tg24.sky.it/politica/2020/01/17/elezioni-emilia-romagna-candidati.html
  158. ^ http://www.prinazionale.it/new/20%20Gennaio%202020/Serata%20sull%E2%80%99ambiente%20a%20sostegno%20di%20Laura%20Beltrami%20ad%20Alfonsine,%20candidata%20nella%20lista%20Europa-Pri-Psi.pdf
  159. ^ sabato 22 Agosto, 2020 - 18:47, Orgoglio Toscana si presenta, Giani: "È la lista della società civile" , su StampToscana , 22 agosto 2020. URL consultato il 31 agosto 2020 .
  160. ^ +Europa-Azione, siamo disponibili a una maggioranza Ursula. Rafforziamo il nostro coordinamento , su piueuropa.eu , 21 gennaio 2021.
  161. ^ Azione e +Europa disponibili a una maggioranza Ursula. Rafforziamo il nostro coordinamento. , su azione.it , 21 gennaio 2021.
  162. ^ PRI e Azione per salvare l'Italia da governo e opposizione ( PDF ), su prinazionale.it , 23 novembre 2020.
  163. ^ Calenda, “via Conte e maggioranza ampliata” , su vocerepubblicana.it , 19 gennaio 2021.
  164. ^ PLI e PRI accordo per la terza forza libdem , su partitoliberale.it , 1º febbraio 2021.
  165. ^ PRI e PLI accordo per la terza forza libdem , su vocerepubblicana.it , 1º febbraio 2021.
  166. ^ Il Pli è quindi disponibile a collaborare con tutte le forze politiche che, a partire da Azione, permettano di realizzare lo sviluppo dell'idea liberale , su liguria.bizjournal.it , 25 gennaio 2021.
  167. ^ http://www.prinazionale.it/new/Statuto/STATUTO%20NAZIONALE%20PRI%20-%20DAL%2048%C2%B0%20CONGRESSO%20NAZIONALE.pdf
  168. ^ Congresso repubblicano, l'anticlericalismo dell'Edera finisce in convento .
  169. ^ http://www.prinazionale.it/new/31%20Ottobre%202019/Ripartire%20da%20un%20progetto%20Liberal-Democratico.pdf
  170. ^ http://www.prinazionale.it/new/5%20Novembre%202019/Elezioni%20UK%20di%20Bepi%20Pezzulli.pdf
  171. ^ http://lanostrastoria.corriere.it/2019/11/21/il-liberalismo-democratico-della-terza-forza-tra-il-mondo-di-mario-pannunzio-e-nord-e-sud-di-francesco-compagna/?refresh_ce-cp
  172. ^ http://www.modenatoday.it/politica/elezioni-2018-partito-repubblicano-italiano-silvia-vallisneri.html
  173. ^ 8 a fine legislatura

Bibliografia

  • Giovanni Spadolini , I Repubblicani dopo l'Unità , Le Monnier, Firenze, 1960. BN - 60-3863 (edizione 1980 ISBN 88-00-85576-8 ).
  • Lucio Cecchini, Unitari e federalisti: il pensiero autonomistico repubblicano da Mazzini alla formazione del PRI , Bulzoni, Roma, 1974. BN 747920.
  • Risposta de' repubblicani a fogli clandestini dei costituzionali , Firenze, 30 maggio 1851. IT\ICCU\CFI\0589524.
  • Alberto La Pegna, Il patto di Roma del 13 maggio 1890: programma della democrazia italiana per la 17ª legislatura , Sonzogno, Milano, 1890. BN 1890 8571 .
  • Claudio Pavone, Le bande insurrezionali della primavera del 1870 , in Movimento operaio n. 1-3, pagg. 42-107, 1956.
  • Giuseppe Pomelli, Aspromonte-Mentana, e le Bande Repubblicane in Italia nella primavera del 1870 , Casa Editrice Imperia, Milano, 1923. (Prima edizione Como, 1911, BN 1911 4867 ).
  • Mario Chini, Lettere di Giuseppe Mazzini a Giuseppe Riccioli Romano , Palermo, 1951, Società siciliana per la storia patria. BN 1852 3311 (sulla cospirazione repubblicana in Sicilia tra il 1864 e il 1872).
  • Nello Rosselli, Mazzini e Bakunin: dodici anni di movimento operaio in Italia (1860-1872) , Einaudi, Torino, 1967, ISBN 88-06-00485-9 .
  • Luigi Minuti, Il comune artigiano di Firenze della Fratellanza Artigiana d'Italia , Tip. Cooperativa, Firenze, 1911.
  • Enrico Golfieri, I primordi dell'organizzazione operaia in Italia , Arti Grafiche, Ravenna, 1946. BN 1946 3797 .
  • Michele Vitale, Il pensiero politico di Napoleone Colajanni (1847-1921), tra repubblicanesimo e socialismo , Milano, Università degli studi, 1990.
  • Elisa Signori, Il verde e il rosso: Fernando Schiavetti e gli antifascisti nell'esilio fra repubblicanesimo e socialismo , Le Monnier, Firenze, 1987, ISBN 88-00-85534-2 .
  • Giuseppe Chiostergi nella storia del repubblicanesimo mazziniano italiano: atti del Convegno di studi: Senigallia, settembre 1978 , Edizioni di Archivio trimestrale, Roma, 1980. BN 82-9293.
  • Luigi Gualtieri, Mazzini, Roma, democrazia: la Repubblica Romana e la genesi del repubblicanesimo italiano attraverso le pagine della rivista "Nuova Antologia" (1900-1950) , 1908.
  • Enzo Santarelli, Nenni dal repubblicanesimo al socialismo (1908-1921): Contributo ad una biografia , ed. Istituto Gramsci, 1973.
  • Giuseppe Tramarollo , Ideario repubblicano: quindici capitoli sulla storia e le idee del repubblicanesimo italiano , PACE, Cremona, 1983.
  • L'Idealista, I repubblicani e il repubblicanesimo: ricorrendo il 45º anniversario della fondazione del Lucifero , Stab. tipografico cooperativo, Ancona, 1915.
  • Paolo Gualdi, Repubblicanesimo e cooperazione a Ravenna: dal patto di fratellanza operaia alla nascita di Acmar 1871-1951 , Longo, Ravenna, 2002. ISBN 88-8063-369-4 .
  • Andrea Falco Il repubblicanesimo mazziniano nella lotta per l'unita d'Italia e per la risoluzione del problema sociale , Università di Palermo, 1946.
  • Angela De Benedictis, Contrattualismo e repubblicanesimo in una città d'antico regime: Bologna nello Stato della Chiesa , Estr. da: Materiali per una storia della cultura giuridica Anno 22, 1992.
  • Marco Novarino, L'Italia delle minoranze: massoneria, protestantesimo e repubblicanesimo nell'Italia contemporanea , L'età dell'Acquario, Torino, 2003. ISBN 88-7136-188-1 .
  • Oliviero Zuccarini, Socialismo e repubblicanesimo , tipografia A. Garagnani, Bologna, 1908.
  • Pietro Galletto, Dal repubblicanesimo risorgimentale alla Repubblica italiana del 1946 G. Battagin, San Zenone degli Ezzelini, 2001. BN 2002-9920 .
  • Gianluca D'Elia, Fonti documentarie per la storia del Partito Repubblicano Italiano in Umbria , Estr. da: "Diomede. Rivista di cultura e politica dell'Umbria". n. 16, settembre-dicembre 2010, anno 5, PP. 85–89.
  • Gianluca D'Elia, Mazzini e Perugia dai primi moti all'inizio del '900 , Estr. da: "Diomede. Rivista di cultura e politica dell'Umbria", n. 15, maggio-agosto 2010, anno 5, PP. 65–73.
  • Michele Spera, L'immagine del Partito Repubblicano, una rllettura, 1962/2008. Gangemi Editore, Marzo 2008 , PP. 448.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 158291523 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0559 7465 · LCCN ( EN ) n79074284 · BNF ( FR ) cb13319683n (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79074284