Pena de mort

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : aquí es refereix a "Condemnat a mort". Si cerqueu la pel·lícula de 1940, vegeu Sentenced to Death (pel·lícula) .
Pena de mort
litografia provocativa contra la sentència de mort

La pena de mort (també anomenada pena capital [1] ) és una sanció penal l' execució de la qual consisteix a acabar amb la vida de l' infractor .

En alguns sistemes jurídics només es preveu la realització de delictes més greus com ara assassinat i alta traïció ; en d'altres, també s'aplica a altres delictes violents, com ara robatoris o violacions , o relacionats amb el tràfic de drogues ; finalment, en alguns països es preveu que hi hagi delictes d'opinió com l' apostasia o orientacions i comportaments sexuals com l' homosexualitat o l' incest .

La pena de mort ha estat abolida o no s'aplica a la majoria de països del món [2], encara que continua vigent en altres països com Xina , Bielorússia , Índia , Japó , Corea del Nord , Iran i alguns estats dels Estats Units. d’Amèrica .

Antecedents

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de la pena de mort .
La il·lustració Cesare Beccaria , creador del principi contractualista segons el qual cap home pot disposar de la vida d'un altre.
Un rètol aeroportuari de Taiwan adverteix els viatgers que arriben que el tràfic de drogues és un delicte capital a l’estat taiwanès

La pena de mort o fins i tot la pena capital eren presents en tots els sistemes legals antics. El dret romà preveia la pena de mort i atorgava una garantia especial per als ciutadans romans: no es podia dur a terme una sentència de mort dictada sobre la base de l’ imperium del magistrat sense atorgar als condemnats el dret d’ apel·lació a reunions centuriades a través de l’institut de la provocatio ad populum .

Al llarg de la història, alguns emperadors van limitar la pena de mort, l' emperador romà Tito que no va dictar sentències de mort personalment durant el seu principat , el rei indi Ashoka , l'emperador japonès Saga (primer abolicionista de la història) i, a Rússia , una breu abolició (o més aviat una forta limitació) va tenir lloc el 1753 per la tsarina Isabel I. Si considerem l’abolició “de facto”, l’estat abolicionista més antic és la República de San Marino , que encara existeix: l’última execució oficial es remunta al 1468 , mentre que l’abolició definitiva va ser sancionada per llei el 1865 .

El primer estat del món a abolir legalment la pena de mort va ser el Gran Ducat de Toscana el 30 de novembre de 1786 amb la promulgació del nou codi penal toscà (reforma criminal toscana o Leopoldina, preparat pel jurista Pompeo Neri uns anys abans) signat pel gran duc Pietro Leopoldo (que després es va convertir en Leopoldo II del Sacre Imperi Romanogermànic), influït per les idees de pensadors com Cesare Beccaria ; aquest dia és un festival regional a la Toscana . Tanmateix, Leopoldo el 1790 va reintroduir la pena de mort pels anomenats delictes excepcionals. El Gran Ducat va ser seguit per la República Romana inspirada en Mazzini (que no obstant això va tenir una existència curta) el 1849 , el recordat San Marino (1865) i altres. Itàlia el va abolir, llevat dels crims de guerra i el regicidi , el 1889 i, després, el va reintroduir amb el Codi Rocco de 1930 i el va abolir definitivament el 1948 . Fins i tot França ja no ha recorregut a la guillotina des del 1981 , mentre que al Regne Unit , tot i que mai no ha estat abolida, des dels anys seixanta la pena de mort ha estat anul·lada de manera autònoma pel poder judicial, que en la seva substitució imposa una pena de cadena perpètua.

Un altre capítol important de la història de la pena de mort es va escriure el 18 de desembre de 2007 , quan, després d'una campanya de vint anys realitzada per l' associació Hands Off Cain i el Partit Radical Transnacional , Amnistia Internacional i la Comunitat de Sant'Egidio , L'ONU aprova una resolució històrica sobre la iniciativa italiana per a la moratòria universal de la pena de mort , és a dir, per a una suspensió internacional de la pena capital .

Posicions filosòfiques a la història

A la Bíblia

A la Bíblia hi ha situacions en què a les lleis, que Déu dóna a Moisès per exposar-les al poble jueu, s’estableix la pena capital com a càstig per certs pecats: per exemple, a l’ Antic Testament s’escriu

Qualsevol que colpegi un home que li causi la mort serà condemnat a mort. " ( Ex 21:12 , a laparola.net . )

A l’Antic Testament ( Gènesi , 4,23-24), hi ha passatges en què Déu condemna la venjança humana, amenaçant pitjors càstigs ("set vegades" i "setanta vegades set") per a aquells que van matar Caín i Lameu .

Diversos passatges, principalment de l'Antic Testament, afirmen la legitimitat de la pena de mort quan es infringeix la llei de Moisès. A aquests s’afegeixen els episodis de guerra i la història del poble escollit, on els enemics perixen per voluntat divina. Quant a la violació de la llei jueva, a la Carta als hebreus 10,28: " Quan algú ha violat la llei de Moisès, és mort sense pietat segons la paraula de dos o tres testimonis ". Al Levític 24.16 [3] " Qui blasfema el nom del Senyor " és mort, al Levític 20.10 [4] que comet adulteri, el 27.29 [5] " No es pot redimir cap persona dedicada a l'extermini; haurà de ser morta ", i en Levític 24,17 [6] " Qui pega a un home fins a la mort ". A l' èxode 21.17 [7], tot qui maleeix el seu pare o la seva mare és mort.

El fragment es reprèn de nou al Nou Testament , de l’ Evangeli de Marc 7:10: " Moisès va dir de fet: Honra el teu pare i la teva mare, i el qui maleeixi el seu pare i la seva mare sigui mort ". A Nombres 35,30, s’afirma que no es pot acceptar un preu de rescat per part d’un assassí: " Si un mata a un altre, l'assassí serà mort després del testimoni dels testimonis, però un sol testimoni no serà suficient per condemnar a la mort d'una persona. No acceptareu un preu de rescat per la vida d’un assassí, culpable de mort, perquè s’haurà de matar ».

La mort dels culpables es va produir per lapidació . Aquesta forma d’execució implica tota la comunitat adulta local, a la qual es reclama col·lectivament que apliqui la llei i estalvia la identificació d’una persona com a botxí .

Al Nou Testament, Jesús demana reiteradament perdó i condemna l’episodi de la lapidació de la dona adúltera :

« Qui de vosaltres no té pecat, que sigui el primer que li llenci una pedra. " ( Jn 8: 7 , a laparola.net . )

Pensadors antics

La major part dels antics filòsofs justificar la pena de mort, encara que sovint impugnar l'ús sense escrúpols que es fa d'ella en el grec - romà món i Oriental. Entre els estoics , partidaris de la llei natural , es van alçar algunes veus contra les condemnes massa fàcils i nombroses; entre ells, Sèneca , tot i estar a favor de la pena capital per delictes greus, convida l'emperador Neró a la clemència, imposant la pena màxima només en casos extrems i seguint la raó i no l'impuls del moment i citant exemples de generositat. [8] Aleshores, Sèneca recorda algunes motivacions dictades per la raó, que anticipen les de Cesare Beccaria durant setze segles:

"Però els costums dels ciutadans es corregeixen més amb moderació en els càstigs: el gran nombre de delinqüents, de fet, crea l'hàbit del delicte, i la marca del càstig és menys greu quan es veu atenuada per la multitud de condemnes, i el rigor, quan és massa freqüent, perd la seva principal virtut curativa, que és inspirar respecte ".

( De clementia , III, 20, 2 )

«A l'estat on poques vegades es castiga als homes, s'estableix una mena de conspiració a favor de la moral, que es té en compte per a un bé públic. Els ciutadans es consideren irreprotxables i ho seran; i s’enfadaran més amb aquells que s’allunyen de la justícia comuna, si veuen que són pocs. Creieu-me, és perillós mostrar als ciutadans quanta gent dolenta hi ha ".

( De clementia , III 21, 2 )

Pensadors cristians

La primera condemna explícita i raonada de la pena de mort en la història del pensament cristià es deu a Agustí d’Hipona (354-430). A la carta 153 de la seva pròpia correspondència, Agustí respon a Macedonio, un lloctinent imperial que es queixava de la intercessió contínua dels bisbes africans per evitar les execucions capitals. Agustí respon que salvar els culpables no és en cap cas un signe d’aprovació de la culpa. Per contra, el menyspreu per la culpabilitat no es pot separar de l’amor a la criatura humana que la va cometre.

«Com més lamentem el pecat, més desitgem que el pecador no mor sense haver-se corregit a si mateix. És fàcil i també una inclinació natural odiar els malvats perquè són tals, però és rar i en consonància amb el sentiment religiós estimar-los perquè són persones humanes, per culpar de la culpa i, al mateix temps, reconèixer la bondat de la natura ; llavors l'odi a la culpa serà més raonable, ja que és precisament el que taca la naturalesa que s'estima "

( Agustí, carta 153 )

Agustí posa en dubte diversos passatges evangèlics que conviden al perdó. És legítim assumir-ho [ necessita cita ] la seva condemna de la pena de mort és una conseqüència en el camp jurídic de la doctrina de la gràcia indeguda i predestinada: si la salvació depèn només de la intervenció imprevisible de la gràcia divina, que no es reconeix als homes, és hipòcrita per part dels homes. infligir condemnes definitives.

«Però, creieu, home, que condemneu els qui fan aquestes accions i les feu després vosaltres mateixos, per fugir de la condemna de Déu? Esteu burlant-vos de la immensa bondat, paciència i tolerància que té? No sabeu que la paciència de Déu us convida a penedir-vos? Vostè, en canvi, amb la seva duresa del cor impenitent, s’amuntega al cap un munt de càstigs pel dia de la ira i el judici final, en què Déu, fent públic el seu veredicte, donarà a cadascun segons el que ho ha fet a la vida "

( Agustí, carta 153 )

Tomàs d’Aquino , el germà del qual havia estat executat, va confirmar la legalitat de la pena de mort sobre la base del concepte de conservació del bé comú . Tanmateix, el teòleg va afirmar que el càstig s'havia d'iniciar només als culpables de delictes molt greus, mentre que en aquell moment s'utilitzava amb facilitat i gran discreció. L’argument de Tomàs d’Aquino és el següent:

«Ara, qualsevol part s'ordena al conjunt com allò que és menys perfecte s'ordena a un ésser perfecte. Per tant, la part està per naturalesa subordinada al conjunt. És per això que, en cas que la salut de tot el cos ho requereixi, es fa un recurs lloable i saludable al tall d’un membre pútrid i gangrenós. Bé, cada individu és per a tota la comunitat com una part per a tota la comunitat. Per tant, si un home amb els seus pecats és perillós i pertorbador per a la comunitat, és lloable i saludable suprimir-lo, per a la preservació del bé comú; de fet, com diu sant Pau: "Una mica de ferment pot corrompre tota la massa".

( Summa theologiae II-II, q. 64, a. 2, co .. )

L' Estat papal va mantenir la pena de mort en el seu sistema jurídic fins al segle XX , abolint-la el 1969 , tot i que no es va aplicar després del 9 de juliol de 1870, data de l'última execució. Vegeu la posició actual de l’Església catòlica .

Cesare Beccaria

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: De delictes i sancions .
Cesare Beccaria , Sobre crims i sancions , il·lustració al·legòrica de l'obra: la justícia personificada rebutja el botxí i els seus instruments

El 1764, la publicació del fulletó de Cesare Beccaria (tractat breu, fulletó ) sobre crims i sancions va estimular la reflexió sobre el sistema penal vigent. En el tractat (en particular al capítol XXVIII), Beccaria s’expressava contra la pena de mort, argumentant que amb aquesta pena l’ Estat , per castigar un delicte, en cometria un al seu torn:

"Em sembla absurd que les lleis, que són l'expressió de la voluntat pública, que detesten i castiguen l'assassinat, en cometen un mateix i, per mantenir els ciutadans allunyats de l'assassinat, ordenin un assassinat públic".

Tanmateix, la condemna de Beccaria a la pena de mort, malgrat la seva importància històricament innovadora, no es va expressar en termes absoluts: és necessària, però no només, com a "infracció (com va escriure Piero Calamandrei) de la llei moral per a la qual l'home, fins i tot en la relació amb l’Estat, no sempre és un mitjà, sinó un fi ".

«La mort d'un ciutadà no es pot considerar necessària, per dos motius. El primer, fins i tot privat de llibertat, encara manté aquestes relacions i aquest poder, que es refereix a la seguretat de la nació; la segona, quan la seva existència pot produir una revolució perillosa en la forma de govern establerta. Per tant, la mort d’un ciutadà es fa necessària quan la nació recupera o perd la llibertat, o en temps d’anarquia, quan els propis desordres substitueixen les lleis ".

Friedrich Nietzsche

En contrast amb les idees modernes hi havia Friedrich Nietzsche , que desafiava el concepte filosòfic de lliure albir i la funció reeducativa del càstig, considerant la mort del criminal com l’únic acte que restitueix la dignitat al seu gest (com el suïcidi en grecoromà). moral), absolent-lo de la culpa i alliberant-lo de la humiliació del penediment, imposada per la moral cristiana:

"Per a qui pateix tant de si mateix, no hi ha redempció, si no una mort ràpida"

( Friedrich Nietzsche, Així parlava Zaratustra , "Del delinqüent pàl·lid" )
El filòsof alemany Friedrich Nietzsche , autor d’una forta crítica filosòfica a la moral cristiana

A la Genealogia de la moral (1887), Nietzsche argumentava que el valor de la pena no hauria de ser el de despertar un sentiment de culpabilitat o de reeducar el criminal, sinó només el de castigar en clau extramoral "una causa de danys, un fragment irresponsable de fatalitat ". En separar clarament la llei de la moral i capgirar la perspectiva de Cesare Beccaria amb una clau diametralment oposada, Nietzsche va considerar positivament la situació en què el criminal se sent moralment alleujat del seu gest quan es troba "incapaç de percebre la seva acció com a reprovable, el tipus de la seva actua en si mateix: veu exactament el mateix tipus d’actes exercits al servei de la justícia i, per tant, aprovats, exercits amb una consciència tranquil·la " [9] .

La posició de Nietzsche es va inserir en el marc filosòfic d’una crítica radical de l’universalisme moral d’origen cristià i, en diverses de les seves obres, el filòsof va contestar l’ètica intrínseca dels manaments bíblics, pressuposant una equació extra-moral entre crims i càstigs:

"No robis! No matis! - en un moment es deia que aquestes paraules eren sagrades; davant d'ells, els genolls i el cap estaven doblegats i es treien les sabates. Però us pregunto: quan hi va haver mai assassins i assassins al món com aquestes paraules sagrades? No és la vida mateixa, sencera, un espoli i una matança? I santificant aquestes paraules, potser la veritat no es va matar? O va ser un sermó de la mort, el que santifica la contradicció i la refutació de la vida? Germans meus, trenca, trenca, si us plau, les taules antigues! "

( Friedrich Nietzsche, Així parlava Zaratustra , "De tauletes antigues i noves" )

A Human, too human (1879), el filòsof alemany va contestar l’ús de la justícia i també de la mateixa pena capital, en clau moralista i culpable:

"Com és que cada execució ens ofèn més que l'assassinat?" És la fredor dels jutges, són els meticulosos preparatius, és el coneixement que aquí s’utilitza un home com a mitjà per espantar els altres. Atès que la culpabilitat no es castiga, fins i tot si n'hi hagués una: en els educadors, en els pares, en l'entorn, en nosaltres i no en l'assassí, vull dir les circumstàncies determinants "

( Friedrich Nietzsche, Humà, massa humà [10] )

En la mateixa obra, afirmava el dret a una mort digna, escrivint:

"Hi ha un dret pel qual prenem la vida d'un home, però no un pel qual li llevem la mort: això és pura crueltat"

( Friedrich Nietzsche, humà, massa humà )

A Així parlant, Zaratustra (1883) va suggerir idees similars, sense negar l'ús de la pena de mort, però reafirmant-la en clau absolutiva i "sacrificial":

«El vostre assassinat, jutges, ha de ser compassió i no venjança. Vés amb compte, en matar, per justificar la vida! No n'hi ha prou amb reconciliar-se amb el que mata. Que el vostre dolor sigui amor pel superhome: així justificareu que seguiu vius! "

( Friedrich Nietzsche, Així parlava Zaratustra , "Del delinqüent pàl·lid" )

En un dels fragments pòstums va deixar clar que:

“La pena de mort és la conseqüència d’una idea mística que avui s’entén completament malament. [...] Perquè el sacrifici sigui perfecte, ha de tenir acceptació i alegria per part de la víctima "

( Friedrich Nietzsche, Fragments pòstums 1887/1888 )

En general, tot i no adoptar una postura explícita en suport de la pena de mort, el pensament de Nietzsche era explícitament contrari als mateixos principis filosòfics que, a Occident, van conduir a l’abolició progressiva de la pena capital i la idea dels drets humans . El seu pensament encara és considerat molt d’actualitat per aquells que no reconeixen el fonament ètic d’aquests drets [11] .

Cesare Lombroso

segons l’antropòleg i criminòleg piemontès Cesare Lombroso , la delinqüència és una malaltia. En analitzar centenars de calaveres, Lombroso va arribar a establir signes fisiològics precisos que identificarien un criminal des del naixement. Un d’aquests signes és la fossa a l’occiput (la regió posterior del crani) que només es troba en animals inferiors. per als delinqüents nascuts no hi ha cura ni reeducació, sinó només la pena als "asilats criminals" i, en els casos més greus, la pena de mort. [12] .

La doctrina catòlica actual

El Catecisme de l’Església Catòlica ( 1997 ) parla de la pena de mort en el tractament del cinquè manament , “ No mataràs ”, i més concretament en el subtítol que tracta de defensa legítima .

En aquest context, diu (n. 2266-2267):

«2266: L'esforç de l'Estat amb l'objectiu de contenir la difusió de conductes nocives per als drets humans i les normes fonamentals de convivència correspon a la necessitat de protegir el bé comú. L'autoritat pública legítima té el dret i el deure d'iniciar sancions proporcionals a la gravetat del delicte. La pena té, en primer lloc, l’objectiu de reparar el trastorn introduït per la falla. Quan l’accepten voluntàriament els culpables, pren el valor de l’expiació. La pena, a més de defensar l'ordre públic i protegir la seguretat de les persones, té un propòsit medicinal: en la mesura del possible, ha de contribuir a la correcció del culpable ".

"2267: L'ensenyament tradicional de l'Església no exclou, assumint la plena constatació de la identitat i la responsabilitat de la persona culpable, l'ús de la pena de mort, quan aquesta era l'única manera practicable de defensar eficaçment la vida d'una persona de l’agressor injust: éssers humans.

Si, en canvi, els mitjans sense sang són suficients per defensar-se de l’agressor i protegir la seguretat de les persones, l’autoritat es limitarà a aquests mitjans, ja que s’adapten millor a les condicions concretes del bé comú i estan més conformitat amb la dignitat de la persona humana.

Avui, de fet, seguint les possibilitats de què disposa l’Estat per reprimir eficaçment el delicte inofensiu a l’autor, sense privar-lo definitivament de la possibilitat de redimir-se, els casos d’absoluta necessitat per a la supressió de l’infractor "són ara molt rars, si no és pràcticament inexistent "[Evangelium vitae, n. 56]. "

El catecisme, publicat dos anys després, reconeixia substancialment allò que Joan Pau II especificava a l’encíclica Evangelium vitae , també gràcies a la pressió de la societat civil i dins de la mateixa Església, [ sense font ], però encara deixant la possibilitat d’ella en casos excepcionals.
L’ encíclica diu:

"El problema de la pena de mort ... registra, tant a l'Església com a la societat civil, una tendència creixent que requereix una aplicació molt limitada i, de fet, una abolició total ... És clar que ... l'abast i la qualitat del càstig s’ha d’avaluar i decidir acuradament i no ha d’arribar a l’extrem de la supressió del delinqüent, excepte en casos d’absoluta necessitat, és a dir, quan la defensa de la societat no fos possible d’una altra manera. Avui, però, després de l’organització cada cop més adequada de la institució penal, aquests casos ara són molt rars, si no pràcticament inexistents ".

( Joan Pau II , encíclica Evangelium vitae , 56: AAS 87 (1995) 464 )

D’altra banda, la teologia ha reiterat reiteradament la importància del dret a la vida i que la vida és per als cristians un do de Déu, que és l’únic que té dret a donar-lo i treure’l, tal com llegim al catecisme núm. 2280:

“Cadascú és responsable de la seva vida davant Déu que li la va donar. És ell qui continua sent el mestre sobirà. Estem obligats a rebre-ho amb gratitud i preservar-lo pel seu honor i per la salvació de les nostres ànimes. Som els administradors, no els propietaris de la vida que Déu ens ha confiat. No en tenim cap ".

Sobre la base d’aquest principi, i prenent en consideració Tomàs d’Aquino , també es basa la possibilitat d’una defensa legítima (nº 2263):

«La legítima defensa de persones i societats no constitueix una excepció a la prohibició de matar innocents, un assassinat en què consisteix l'assassinat voluntari. “De la defensa personal es poden derivar dos efectes, el primer dels quals és la preservació de la vida; mentre que l'altre és l'assassinat del bombarder ... El primer és intencionat, l'altre és involuntari ". [13] "

Actualment, importants exponents de l’Església catòlica són a primera fila per exigir l’abolició de la pena de mort al món. El mateix Joan Pau II ha expressat reiteradament aquesta posició [14] ; durant la seva última visita als Estats Units , el 27 de gener de 1999, el pontífex va declarar:

“La nova evangelització requereix que els deixebles de Crist estiguin a favor incondicional de la vida. La societat moderna té els mitjans per protegir-se, sense negar als criminals l’oportunitat de redimir-se. La pena de mort és cruel i innecessària i això també s'aplica a algú que ha fet molt de mal ".

La pena de mort a la Ciutat del Vaticà no es preveia per cap delicte des del 1967 , per iniciativa del papa Pau VI ; tanmateix, va ser eliminat de la llei bàsica només el 12 de febrer de 2001 , per iniciativa de Joan Pau II. [ sense font ]

El juny del 2004, l’aleshores cardenal Joseph Ratzinger , futur papa Benet XVI , va enviar, com a prefecte de la Congregació per a la Doctrina de la Fe , una carta al cardenal Theodore Edgar McCarrick - arquebisbe de Washington - i a l’arquebisbe Wilton Daniel Gregory - president de la Conferència Episcopal dels Estats Units, en què afirmava que, no obstant això, es podria permetre [...] recórrer a la pena de mort :

“No tots els problemes morals tenen el mateix pes moral que l'avortament i l'eutanàsia. Per exemple, si un catòlic no estigués d’acord amb el Sant Pare sobre l’aplicació de la pena de mort o sobre la decisió de fer una guerra, per aquest motiu no es consideraria indigne presentar-se a rebre la Comunió. Tot i que l’Església insta les autoritats civils a perseguir la pau, no la guerra, i a exercir discreció i misericòrdia a l’hora d’aplicar el càstig als delinqüents, no obstant això, es pot permetre prendre les armes per repel·lir un agressor o recórrer a la pena capital. Pot haver-hi una legítima diferència d’opinions fins i tot entre els catòlics sobre la guerra i l’aplicació de la pena de mort, però no de cap manera en relació amb l’avortament i l’eutanàsia ".

( Joseph Ratzinger , nota enviada a la Conferència Episcopal Americana, juny de 2004 [15] )

L'1 d'agost de 2018, amb el Rescriptum "ex Audentia SS.mi", el papa Francesc va establir una nova redacció del punt 2267 del Catecisme de l'Església Catòlica, fent sempre inadmissible la pena de mort. [16]

2267. Durant molt de temps, l’ús de la pena de mort per part de l’autoritat legítima, després d’un judici regular, es va considerar una resposta adequada a la gravetat d’alguns delictes i un mitjà acceptable, tot i que extrem, per a la protecció del bé comú.

Avui dia la consciència que la dignitat de la persona no es perd ni després de cometre delictes molt greus està cada vegada més viva. A més, s'ha estès una nova comprensió del significat de les sancions penals per part de l'Estat. Finalment, s’han desenvolupat sistemes de detenció més eficaços, que garanteixen la necessària defensa dels ciutadans, però, al mateix temps, no eliminen definitivament la possibilitat de redempció de l’infractor.

Per tant, l'Església ensenya, a la llum de l'Evangeli, que "la pena de mort és inadmissible perquè ataca la inviolabilitat i la dignitat de la persona" [17] i està compromesa amb la seva abolició a tot el món.

Budisme

El fundador del budisme, Buda Sakyamuni , es va pronunciar contra la venjança i el vessament de sang, sense legitimar aquests actes en cap cas:

"La sang no es neteja, sinó que està bruta".

( Digha Nikaya )

“L’odi no cessa amb l’odi, en un tres i no res; l'odi cessa amb l'amor, aquesta és la llei eterna ".

“Tothom tremola davant d'una arma, tothom tem la mort. Tenir els mateixos sentiments pels altres que per tu mateix, no mates i no et maten. "

( Dhammapada, 129 )

«El Benaventurat va observar el comportament de la societat i va observar quanta infelicitat resultava de la malícia i de les ofenses insensates, fetes només per complaure la vanitat i per orgull personal. I el Buda va dir: "Si un home em fa tontament ferides, li tornaré la protecció del meu amor sense ressentiment; com més dany obtingui d'ell, més bé li sortirà de mi a ell; la fragància de la bondat sempre torna a mi, i l'aire nociu del mal va a ell ".

( Sutta "ofenses" )

El Buda va condemnar la violència i els càstigs corporals i, tot i que moltes interpretacions admeten la defensa i la guerra (també practicades per molts budistes al llarg dels segles), els comportaments i pensaments violents van ser prohibits per ell fins i tot en casos extrems, en particular per als monjos, èmfasi més en la disposició mental:

«O ancora, monaci, se briganti e assassini con una sega da alberi vi staccassero articolazioni e membra, chi per questo provasse furore non adempirebbe il mio insegnamento. Quindi voi monaci dovete ben esercitarvi a non essere turbati, a non lasciar sfuggire dalla bocca nessuna cattiva parola, a rimanere amichevoli e compassionevoli, con animo amorevole, senza segreta malizia. E dovete esercitarvi a irradiare chi vi sta davanti, con animo amorevole, e poi, cominciando da quella, a irradiare il mondo intero con animo amorevole, con animo ampio, profondo, illimitato, privo di rabbia e rancore. Di questo insegnamento col paragone della sega vogliate voi spesso ricordarvi.»

( Kamcupamasutta, Majjhima-Nikkaya I, 21 )

Ancora:

«Detestando ogni tipo di uccisione, l'asceta Gotama si astiene dall'uccidere, vive senza bastone o spada, coscienzioso, compassionevole, gli sta a cuore solo il benessere di tutti gli esseri viventi. Per questo motivo gli uomini lodano il Tathagata.»

( Brahmajala Sutta, 1.8 )

Uno dei precetti morali buddhisti ( sila ) così recita:

«Mi asterrò dall'uccidere o dal nuocere agli esseri viventi.»

La maggioranza dei leader buddhisti contemporanei si sono pronunciati contro la vendetta e l'uccisione legalizzata anche se alcuni l'hanno vista come una forma di karma retributivo, sempre che il boia e il giudice non siano animati da sentimenti di odio e rancore verso il condannato, la quale cosa è però considerata difficile; così sostenne il monaco thailandese Buddhadasa . [18] [19] Molti maestri buddhisti hanno definito la posizione dei favorevoli come un grave fraintendimento delle legge di causa-effetto, poiché spetta solo al karma e alla rinascita stabilire la retribuzione, non al boia e ai giudici, che produrrebbero karma negativo per sé e per altri. [20]

Tra gli oppositori alla pratica vi sono il XIV Dalai Lama e il leader della Soka Gakkai Daisaku Ikeda .

«Sono contrario alla pena di morte, che in Tibet fu abolita dal mio predecessore. Trovo inconcepibile che essa sia mantenuta in vigore in grandi paesi come la Cina e l'India: uccidono ancora la gente in nome della giustizia nel paese del Mahatma Gandhi , nel paese stesso in cui insegnò il Buddha ! La pena di morte è pura violenza, barbarica e inutile, addirittura pericolosa, perché può solo condurre ad altri atti di violenza, come d'altronde ogni violenza. La punizione massima dovrebbe esserela detenzione a vita, senza la pratica di alcuna brutalità.»

( Dalai Lama Tenzin Gyatso [21] )

«La ragione per la quale insisto sulla necessità di abolire dovunque la pena di morte si basa sul rispetto buddista per la vita. Chi si schiera per l'abolizione della pena di morte di solito basa la sua argomentazione su due punti: un essere umano non ha il diritto di giudicare e metterne a morte un altro; l'abolizione della pena di morte non fa aumentare il numero di crimini. Chi invece è a favore della pena capitale è fermamente convinto che questa punizione diminuisca il numero dei reati. Che abbia o no quest'effetto, la pena di morte implica la soppressione di una vita come deterrente o come rappresaglia di un crimine. Ma una ritorsione, provocandone inevitabilmente un'altra, mette in moto una catena di atti malvagi. A mio parere la vita, in quanto valore assoluto meritevole del più grande rispetto, non deve mai essere utilizzata come strumento per ottenere qualcosa di diverso dalla vita stessa. La dignità della vita è un fine in sé, quindi, se è necessaria una costrizione sociale, occorre trovare un altro metodo che non coinvolga la vita. Il ricorso alla pena di morte come deterrente mette in luce la deplorevole tendenza che per lungo tempo ha afflitto la società umana e che oggi pare addirittura accentuarsi, vale a dire la tendenza a sottovalutare la vita. La guerra è una delle principali cause di questa tendenza. In quasi tutti i casi, le guerre si combattono fra Stati che agiscono nel loro esclusivo interesse: la vita umana è considerata soltanto un mezzo per ottenere la vittoria e, in quanto tale, può esser utilizzata e spesa. Non c'è crimine umano più odioso di questo. Fino a quando sarà consentito commettere liberamente questo delitto mostruoso, tutti gli altri reati seguiteranno a esser commessi su scala sempre più ampia e più grave.»

( Daisaku Ikeda, Dialoghi , p. 156 )

Secondo il monaco Theravada thailandese Phra Paisal Visalo, abate del monastero di Wat Pasukato, la pena di morte

«Non protegge dai crimini né provoca una loro riduzione. Ricerche compiute in tutto il mondo mostrano invece che i Paesi che hanno cancellato la pena capitale hanno assistito ad una drastica diminuzione dei reati gravi (...) uccidere o distruggere una vita è contro la dottrina buddista. È il primo e il più importante dei precetti . Un buddista non dovrebbe uccidere né danneggiare una vita, perché crede che ci siano metodi migliori per risolvere i problemi. [ Una riduzione dei crimini ] può essere ottenuta con misure restrittive che tolgano la possibilità ai colpevoli di commettere ulteriori crimini. Inoltre, lo sviluppo economico e sociale è una strada per incoraggiare le persone a fare qualcosa di buono, diminuendo l'inclinazione al delitto. [22] »

Contrario anche il maestro zen vietnamita Thích Nhất Hạnh . [23] Ugualmente contrario fu Nāgārjuna . [24]

Il re buddhista Ashoka (III secolo aC) fu il primo nella storia ad abolire le pene corporali e ridurre drasticamente la pena di morte, riducendo le condanne e concedendo 25 volte (sui primi 26 anni dall'incoronazione) l' amnistia ai prigionieri come detto nei suoi editti . [25] Alcuni storici si riferiscono a ciò come a un'abolizione di fatto, la prima moratoria della storia. [26] L' imperatore del Giappone Saga , seguace del buddhismo Shingon , abolì la pena di morte durante l'ultima parte del suo regno ( 818 - 823 ), divenendo il primo abolizionista di diritto. Dopo la sua abdicazione forzata però venne ripristinata.

Oggi la posizione più diffusa dei buddhisti si riassume in alcuni punti [27] :

  • la punizione disumana non assolve i reati, quindi è auspicabile una punizione rieducativa
  • il reo è tenuto solo a risarcire, non a soffrire
  • una punizione crudele danneggia la mente e il karma del colpevole e dell'esecutore
  • non si può comminare con compassione come richiede il buddhismo, quindi non va comminata
  • il colpevole dovrebbe essere quindi semplicemente allontanato dalla comunità per tutelarla, e messo in carcere o esiliato, e ulteriori pene sono affidate alla legge del karma

Il buddhismo attualmente non è religione di Stato (con l'eccezione della Cambogia ) nemmeno in paesi dove è molto diffuso ed estremamente rispettato dai governanti o presente a livello culturale, infatti molte nazioni a maggioranza buddhista o con consistenti comunità buddhiste applicano comunque la pena di morte ( Giappone , Thailandia , Taiwan , Cina , Vietnam , Corea del Sud , Singapore , India e Indonesia [28] , ecc.) o la mantengono nei loro codici ( Birmania , Laos , Sri Lanka ), mentre altri paesi l'hanno invece abolita ( Nepal , Bhutan , Hong Kong , Mongolia , Cambogia , più il Governo tibetano in esilio erede del Tibet storico). Spesso le nazioni mantenitrici sono paesi con una forte secolarizzazione e una netta separazione tra Stato e religione, oppure con il buddhismo che non è maggioranza (con l'eccezione della Thailandia). In Giappone alcuni ministri della giustizia di religione buddhista hanno imposto una moratoria, rifiutando la controfirma delle condanne, adducendo la loro fede come motivazione (il caso più recente è Seiken Sugiura ). [29]

Taoismo

A differenza della filosofia dominante in Cina di Confucio , il taoismo rigetta la pena capitale. Scrive nel VI secolo aC Lao-tzu , fondatore della scuola:

«Il popolo non teme la morte: come spaventarlo con la pena di morte? Anche ammesso che il popolo temesse sempre la morte e che potessimo catturare e far uccidere coloro che fanno cose strane, chi oserebbe farlo? C'è sempre un Ministro della Morte che uccide. Ora, uccidere al suo posto è come prendere il posto del grande carpentiere nel tagliare. Ora, chi si mette a tagliare al posto del grande carpentiere è raro che non si ferisca la mano.»

( Daodejing , 74 )

Lao-tzu ritiene prerogativa delle divinità taoiste (dèi di tipo naturalistico- panteistico ) togliere la vita o ne deriveranno conseguenze spiacevoli a livello " karmico " anche per il boia ei giudici.

Il dibattito nell'opinione pubblica

1921 : Manifestazioni di protesta a Londra a favore degli anarchici Sacco e Vanzetti , giustiziati negli Stati Uniti d'America .
Immagine commemorativa della vittoria per la moratoria universale sulla pena di morte, raffigurante Mariateresa Di Lascia , fondatrice di Nessuno Tocchi Caino

L'opinione pubblica di molti paesi è divisa. In quelli nei quali vige la pena di morte, primo fra tutti gli Stati Uniti , esiste un movimento che ne chiede l'abolizione [30] . Viceversa, in altri nei quali tale pena non è contemplata dai codici, tra cui l'Italia, riaffiorano periodicamente, a seguito soprattutto di crimini particolarmente efferati, richieste per la sua reintroduzione nel diritto penale .

L'opinione pubblica contro la pena capitale si divide inoltre in abolizionisti (come Amnesty International ) e sostenitori della moratoria (come l'associazione radicale Nessuno tocchi Caino ). C'è chi considera anzitutto la sospensione, in particolare a livello internazionale, un primo e migliore passo, poiché gli stati autoritari possono revocare l'abolizione, che comunque è più difficile da ottenere e non si può imporre o decidere da parte di organismi sovranazionali.

Motivazioni favorevoli

Chi sostiene la necessità di mantenere la pena di morte, oppure la possibilità di introdurla laddove non è in vigore, avanza tra gli altri i seguenti argomenti:

  • è inscritta nel codice della natura, in quanto è stata in uso presso tutti i popoli antichi e moderni, barbari e civili, e dunque l'esperienza e la storia dell'uomo sono contrarie alla soppressione della pena di morte [31] .
  • è un deterrente , attraverso il suo carattere di esemplarità; [32]
  • costituisce giustizia retributiva verso chi si macchia volontariamente del crimine di omicidio [32] . Secondo la teoria retributiva sulla funzione della pena (in opposizione alla teoria preventiva), essa è un male che interviene come reazione morale e giuridica al male che è stato commesso con il reato, alla cui gravità è proporzionato, in modo da configurarsi come contrappeso morale e non come vendetta [33] ;
  • elimina ogni eventualità di recidiva da parte del reo, evitando ulteriori costi e ulteriori rischi per la società; [32]
  • garantisce un'assoluta certezza della pena e assicura un risarcimento morale ai parenti delle vittime di omicidio, eliminando la tentazione di vendette private, nonché scongiurando potenziali eccessi di legittima difesa e ulteriori reati a danno di terzi cittadini [33] ;
  • evita allo Stato e alla comunità tutte le spese derivanti dal mantenimento improduttivo dei criminali condannati all' ergastolo [33]
  • può contribuire ad alleviare i problemi legati al sovraffollamento e al malfunzionamento del sistema carcerario; [ senza fonte ]
  • può rivelare maggiori profili di equità rispetto al carcere, prescindendo dall'età biologica del condannato, laddove invece una lunga condanna assume un impatto differente in relazione all'età, e la stessa durata dell'ergastolo risulta subordinata all'aspettativa di vita del condannato [34] .
  • può rivelare una natura meno punitiva, meno umiliante, e più rispettosa della dignità individuale del condannato, in particolare nei casi in cui il condannato non si riconosca pentito, e/o non riconosca l'eticità assoluta delle leggi e delle norme morali, e/o privilegi egli stesso la pena di morte rispetto all'ergastolo, e/o non accetti l'idea secondo cui la pena avrebbe una funzione mirata al pentimento, alla rieducazione morale e al reinserimento sociale. Chi sostiene la maggiore dignità della pena di morte ricorda come ai carcerati non sia consentito di commettere suicidio eppure, nonostante ciò, siano ogni anno numerosi i casi di suicidio all'interno delle carceri [35] . Viene inoltre ricordato il caso emblematico del criminale americano Gary Gilmore , che nel 1977 fece scalpore: Gilmore lottò perché gli fosse applicata la condanna a morte schierandosi contro le associazioni abolizioniste favorevoli alla grazia, e diventando il primo condannato a morte da quando, nel 1976, la pena capitale fu ripristinata negli Stati Uniti [36] .
  • nelle società secolarizzate, contribuisce a mantenere attiva la distinzione tra la sfera religiosa e la sfera statale. Mentre la prima si fonda su valori che si suppongono eterni e assoluti, le leggi dello Stato hanno un valore relativo al tempo e al luogo, e non mirano a punire una condotta contraria alle leggi divine, bensì a sanzionare una condotta illegale nel contesto delle leggi umane, un'azione lesiva dell'incolumità individuale e dell'ordine sociale. Chi sostiene la legittimità etica della pena di morte chiama spesso in causa il concetto di legittima difesa , secondo il quale la tutela della propria incolumità può giustificare, in conformità alle stesse leggi di cui si dota la società, la morte di un criminale senza profilare una condotta delittuosa o immorale; cosa che dimostra come non sussista obiettiva contraddizione tra il sanzionare il reato di omicidio come atto lesivo della vita individuale e del benessere della comunità e l'utilizzo da parte dello Stato della pena capitale come deterrente e come sanzione verso chi attenta alla sfera individuale e all'ordine sociale, non più di quanto sussista contraddizione tra l'esistenza del reato di sequestro di persona e la pena dell'ergastolo.
  • contestando l'idea filosofica che esistano principi etici universali che trascendono le leggi di natura, l'istituto della pena di morte tutela il diritto particolare di ogni società di dotarsi degli strumenti giuridici che, in un determinato contesto storico, sono ritenuti utili e necessari per la propria salvaguardia, in implicito accordo globale con il diritto naturale. Chi è favorevole alla pena di morte, o è contrario alla sua abolizione preconcetta, in genere non riconosce la sussistenza di principi etici trascendenti, meta-storici, universali o assoluti che non siano quelli immanenti nelle leggi di natura. Nella modernità, il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche criticò fortemente l'idea, di origine cristiana, di un supposto universalismo delle leggi morali, fornendo ancora oggi argomenti filosofici a chi contesta il fondamento etico dei diritti umani , o considera arbitraria ogni forma di universalismo morale, o considera illegittima da parte dell'Occidente l'imposizione dei diritti umani alle società che non li applicano o non li riconoscono [11] .

Motivazioni contrarie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Moratoria universale della pena di morte .

Diversi movimenti oggi si battono per l'abolizione della pena di morte, in nome dei diritti umani . Il 18 dicembre 2007 l' ONU , con 104 voti favorevoli, 54 contrari e 29 astenuti, ha approvato la Moratoria universale della pena di morte , promossa dall'Italia a partire dal 1994 .

Tra le motivazioni contrarie alle pena di morte si cita che essa: [37]

  • viola il diritto alla vita riconosciuto dalla Dichiarazione universale dei diritti umani e altri trattati internazionali (quali la Convenzione europea sui diritti dell'uomo ). Anche l' Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2007 e nel 2008 ha adottato una risoluzione non vincolante che chiede, fra l'altro, una moratoria sulle esecuzioni, in vista della completa abolizione della pena di morte.
  • è una punizione crudele e disumana. La sofferenza fisica causata dall'azione di uccidere un essere umano non può essere quantificata, né può esserlo la sofferenza mentale causata dalla previsione della morte che verrà. Secondo la Dichiarazione universale dei diritti umani : "Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura oa trattamenti o punizioni crudeli, inumane o degradanti".
  • non è dissuasivo. Omicidi vengono commessi in momenti in cui la valutazione razionale dell'assassino è spesso modificata da fattori esterni, come sostanze psicotrope, pertanto la previsione della pena di morte non ne modificherebbe le scelte. Inoltre, una vera deterrenza consiste nell'aumentare le probabilità che chi commette un reato sia arrestato e condannato, altrimenti un calcolo permetterebbe comunque di decidere razionalmente di commettere un reato grave con premeditazione, pensando di non essere preso o valutando maggiormente la ricompensa rispetto alla pena eventuale.
  • è un omicidio premeditato da parte di uno Stato, che non potrà essere punito come prevede la legge dello Stato stesso. La pena di morte è sintomo di una cultura di violenza, e lo Stato che la esegue dimostra la stessa prontezza nell'uso della violenza fisica. Secondo alcuni studi, il tasso di omicidi è maggiore negli Stati dove è presente la pena di morte, ed aumenta rapidamente dopo ogni esecuzione. Come sostiene Cesare Beccaria «La pena di morte, rendendo meno sacro e intoccabile il valore della vita, incoraggerebbe, più che inibire, gli istinti omicidi». Già secondo il controverso filosofo francese Marchese De Sade , il diritto dello Stato di uccidere un reo sarebbe ipocrita quando lo Stato stesso punisce con la pena di morte l'omicidio da parte di cittadini. Lo Stato perde quindi la sua autorità morale nel giudicare gli assassini, se egli stesso si comporta ugualmente.
  • è sinonimo di discriminazione e repressione . La pena di morte è eseguita sproporzionatamente contro le persone e classi più svantaggiate, che non hanno accesso alle risorse necessarie per affrontare in maniera efficace un processo. Inoltre, essa è spesso utilizzata contro minorenni (al tempo dei fatti), persone soggette a disturbi mentali, o oppositori politici nel caso di regimi autoritari .
  • può uccidere un innocente in caso di errore giudiziario. Una difesa legale inadeguata, le false testimonianze e le irregolarità commesse da polizia e accusa sono tra i principali fattori che determinano la condanna a morte di un innocente. In numerosi stati, non sono previste procedure di equo processo che dia garanzie all'imputato. Secondo il filosofo illuminista Voltaire , l'omicidio di un innocente, compiuto per legge, è il crimine "più orribile di tutti". [38]
  • nega qualsiasi possibilità di riabilitazione del condannato. In ciò, la pena di morte respinge l'umanità della persona che ha commesso un crimine. Bisogna piuttosto dare al reo la possibilità di redimersi e di rendersi utile alla comunità cui ha arrecato danno. Al fine di evitare casi di recidiva, vanno eventualmente riviste le procedure per la libertà condizionata ed avviato un serio monitoraggio psicologico durante la detenzione.
  • contro i sostenitori dell'origine genetica della propensione a delinquere, si ribatte affermando che il DNA non spiega del tutto i comportamenti aggressivi e violenti, che spesso sono frutto del condizionamento e dell'apprendimento [39]
  • non rispetta i valori di tutta l'umanità. Diverse tradizioni, religioni e culture hanno dato vita agli standard internazionali di diritti umani , oggi riconosciuti da tutti gli stati membri delle Nazioni Unite come standard verso i quali tendere. In ogni zona del mondo e attraversando ogni confine religioso e culturale esistono paesi che hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. Esistono pene alternative più che pesanti per punire chi ha commesso un grave reato.
  • è inutilmente costosa. Secondo uno studio dello Urban Institute su 1.227 omicidi commessi nel Maryland dal 1978 al 1999, una condanna alla pena di morte costa allo Stato circa tre volte una condanna detentiva, in termini di processi, ricorsi, e sorveglianza in carcere [40]

Modalità di esecuzione storiche

Stampa dell'epoca. L'uomo al banchetto è Vlad III di Valacchia , solito nel punire le vittime con l' impalamento .

Storicamente sono apparsi molti modi per applicare la pena di morte secondo le varie epoche e culture:

Nel mondo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ricorso alla pena di morte nel mondo .
La carta d'imbarco di Singapore contiene un avvertimento ai visitatori sulla pena di morte per traffico di droga.
La pena di morte nel mondo:

     Abolita per tutti i crimini

     Riservata a circostanze eccezionali (come crimini commessi in tempo di guerra)

     Disapplicata da tempo o presenza di una moratoria

     Utilizzata in via ordinaria

Amnesty International riporta che 58 stati continuano ad applicare la pena di morte nei loro ordinamenti, mentre 139 non l'applicano, di diritto o in pratica. Tra questi ultimi, 97 l'hanno abolita per tutti i reati, 8 l'hanno abolita per reati comuni (mantenendone la previsione solo per reati particolari, come quelli commessi in tempo di guerra) e 35, pur mantenendo la norma giuridica, non l'applicano da oltre 10 anni (abolizionisti de facto ). [2] Il 15 novembre 2007 la Terza commissione dell' Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato con 99 voti favorevoli, 52 contrari e 33 astenuti una risoluzione , fortemente sostenuta dall'Italia, che chiede la moratoria universale della pena di morte [41] .

L' Assemblea Generale ha votato la risoluzione il 18 dicembre 2007 con 104 voti a favore, 54 contrari e 29 astenuti. La moratoria è stata approvata con 5 voti in più rispetto alla votazione della Terza commissione il 17 novembre 2007 [42] .

Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pena di morte in Italia .

Tranne che per il regicidio , l' alto tradimento e delitti commessi in tempo di guerra, la pena di morte in Italia fu abolita la prima volta in Toscana nel 1786 e successivamente durante il Regno d'Italia , nel 1889 , nel codice penale opera del ministro liberale Giuseppe Zanardelli . L'Italia fu dunque la prima Nazione, tra le più progredite, a espungere dal proprio diritto penale la sanzione della pena capitale.

Fu reintrodotta dal regime fascista con il codice Rocco nel 1930, poi abolita nel 1944 e ripristinata l'anno seguente; con l'avvento della Repubblica ( 1946 ) è stata espressamente vietata dalla costituzione del 1948 , tranne i casi previsti da leggi di guerra. Solo nel 1994 venne abolita completamente anche nel codice penale militare di guerra e sostituita dalla pena massima prevista dall'ordinamento, ovvero l'ergastolo. L'ultima esecuzione è avvenuta a Torino nel 1947 ; in essa vennero fucilati tre uomini colpevoli della strage di Villarbasse .

Nel 2007 è stata espunta dalla Costituzione anche con riferimento alle leggi militari di guerra per effetto della legge costituzionale 2 ottobre 2007, n. 1: ( Modifica all'articolo 27 della Costituzione, concernente l'abolizione della pena di morte ).

Stati Uniti d'America

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pena di morte negli Stati Uniti d'America .
Mappa aggiornata a marzo 2019.
ROSSO : stati nei quali la pena di morte è applicata.
VIOLA (Ohio): stato in cui la pena di morte è in vigore ma applicata solo in casi eccezionali.
GIALLO : stati nei quali la pena di morte è in vigore ma non è applicata da almeno 10 anni.
BLU : stati nei quali la pena di morte è in vigore ma viene applicata una moratoria.
VERDE : stati nei quali la condanna a morte non è prevista.

Gli Stati Uniti sono, assieme al Giappone , l'unico paese industrializzato, completamente libero e democratico che applica ancora la pena di morte. La pena capitale è legale a livello federale per 42 reati ( alto tradimento , tradimento , spionaggio che metta in pericolo la sicurezza nazionale, omicidio di agenti federali, omicidio compiuto in parchi nazionali, omicidi in ambito militare, gravi atti di terrorismo ecc.). Pertanto, può essere inflitta in tutto il territorio degli Stati Uniti. È fortemente contrastata dai governi dei territori non incorporati, come Porto Rico .

Nei singoli stati è in vigore per l'omicidio di primo grado (cioè l' omicidio premeditato ), ma anche, in alcune giurisdizioni, come nel Texas , per traffico di droga, omicidio con particolare violenza, e altri reati. Non è in vigore nel Distretto di Columbia e nel territorio di Porto Rico. Dei 50 Stati effettivi degli USA, solo 16, compresi alcuni stati considerati "conservatori", non prevedono la pena di morte nel loro statuto: Alaska , Connecticut , Hawaii , Illinois , Iowa , Maine , Massachusetts , Michigan , Minnesota , Nebraska , New Jersey , Nuovo Messico , Dakota del Nord , Rhode Island , Vermont , Virginia Occidentale e Wisconsin . In altri due stati la pena di morte non è più applicata dal 1976 : Kansas e New Hampshire ; le sentenze possono essere emesse ma non eseguite: la maggioranza di esse sono state commutate in ergastolo o sospese. In Oregon è in vigore una moratoria dal 1997 e tutte le condanne sono sospese. [43] Anche l' Arkansas (dal 2005) e il Kentucky (dal 2008) sono in moratoria.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato, a livello federale, che potrebbero essere considerate punizioni crudeli (e quindi, in teoria, assimilate a tortura e proibite dall'ottavo emendamento del Bill of Rights della Costituzione degli Stati Uniti ) la sedia elettrica, l' impiccagione e la camera a gas (in alcuni stati sono però ancora utilizzabili, ad esempio in Florida il condannato può optare per la sedia elettrica), ma non le ha espressamente proibite, mentre non è stata considerata incostituzionale la pena di morte applicata con l' iniezione letale o la fucilazione , quest'ultima quasi mai applicata: solo nello Utah il condannato può scegliere la fucilazione (legge del 2004 ), se preferisce ciò (le ultime volte in cui avvenne un'esecuzione col plotone in USA furono 1996 e 2010 , sempre nello Utah). Sono 22 Stati, più il distretto federale, a non contemplare, di legge (17) o di fatto (5), la pena di morte. In conclusione sono comunque 28 gli Stati che, più o meno regolarmente, per quanto riguarda i reati di competenza statale, applicano ancora l'esecuzione capitale. Lo Stato più attivo nelle esecuzioni è da sempre il Texas : l'unica esecuzione commutata in ergastolo negli ultimi decenni è stata quella di Kenneth Foster jr ., condannato a morte per concorso in omicidio di primo grado e rapina.

In alcuni degli Stati della federazione è ancora possibile consumare l'ultimo pasto, esso viene scelto dal condannato che può ordinare quello che più gli aggrada. L'ultimo pasto prevede un budget che se viene superato anche di pochi dollari non permetterà di accontentare il condannato a morte. [ senza fonte ]

Altri paesi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pena di morte nel mondo .

Nell'arte

Letteratura

Il poeta François Villon parla della pena di morte nella sua La ballata degli impiccati ( 1462 ). Villon, che attende di essere condannato all'impiccagione, che riuscirà ad evitare, invita alla pietà, in senso religioso e civile, verso sé stesso ei suoi compagni condannati. La redenzione è al centro della ballata. Villon riconosce di essersi preoccupato troppo del suo essere di carne a discapito della sua spiritualità. Questa constatazione è rafforzata dalla cruda e insopportabile descrizione dei corpi marcescenti (che fu probabilmente ispirata dal macabro spettacolo del «carnaio degli innocenti») che produce un forte contrasto con l'evocazione dei temi religiosi. Gli impiccati esortano in primo luogo i passanti a pregare per loro; poi, nel corso dell'appello, la preghiera si generalizza verso tutti gli esseri umani.

Franz Kafka descrive nel racconto Nella colonia penale ( 1919 ) i tentativi che un ufficiale fa per convincere un esploratore a difendere l'esemplare procedura di esecuzione in uso nella colonia. Il vecchio comandante aveva inventato e realizzato una macchina che causava la morte del reo incidendogli sulla schiena la regola o il comando da lui non rispettato fino a trapassarlo da parte a parte. Accortosi che tale procedura suscitava orrore sia all'esploratore sia al nuovo comandante della colonia, decide egli stesso di sottoporvisi. La macchina si guasterà e con l'ufficiale, ultimo suo sostenitore, moriranno l'antica procedura e il suo strumento.

Anche ne Il processo ( 1925 ) si descrive la condanna a morte di una persona.

Una ricostruzione della pena di morte in Italia , sotto il profilo giuridico, la si può ritrovare nel testo di Italo Mereu , La morte come pena , pubblicato nel 1982 .

Lo scrittore russo Fëdor Dostoevskij , condannato a morte ma in seguito graziato, nei primi capitoli de L'idiota fa pronunciare al protagonista del romanzo una violenta requisitoria contro la pena di morte.

«Ora, può darsi che il supplizio più grande e più forte non stia nelle ferite, ma nel sapere con certezza che, ecco, tra un'ora, poi tra dieci minuti, poi tra mezzo minuto, poi adesso, ecco, in quell'istante, l'anima volerà via dal corpo e tu non esisterai più come uomo, e questo ormai con certezza; l'essenziale è questa certezza . [...] La punizione di uccidere chi ha ucciso è incomparabilmente più grande del delitto stesso. L'omicidio in base a una sentenza è incomparabilmente più atroce che non l'omicidio del malfattore.»

( L'idiota , Fëdor Michajlovič Dostoevskij )

Anche un altro scrittore, Lev Tolstoj , si pronuncia contro la pena di morte:

«[...] ho visto a Parigi decapitare un uomo con la ghigliottina , in presenza di migliaia di spettatori. Sapevo che si trattava di un pericoloso malfattore; conoscevo tutti i ragionamenti che gli uomini hanno messo per iscritto nel corso di tanti secoli per giustificare azioni di questo genere; sapevo che tutto veniva compiuto consapevolmente, razionalmente; ma nel momento in cui la testa e il corpo si separarono e caddero diedi un grido e compresi, non con la mente, non con il cuore, ma con tutto il mio essere, che quelle razionalizzazioni che avevo sentito a proposito della pena di morte erano solo funesti spropositi e che, per quanto grande possa essere il numero delle persone riunite per commettere un assassinio e qualsiasi nome esse si diano, l'assassinio è il peccato più grave del mondo, e che davanti ai miei occhi veniva compiuto proprio questo peccato. [44] »

Mark Twain scrisse anche lui un resoconto di un'esecuzione, che lo farà diventare un abolizionista:

«La tensione dentro di me, invece, era insopportabile (...) Gli restavano venti momenti di vita, poi quindici, dieci, cinque, quattro, tre - santo cielo come correva il tempo! - eppure lui se ne stava lì tranquillo anche se sapeva che lo sceriffo stava per afferrare la leva che azionava il trabocchetto mentre il cappuccio nero gli veniva calato sulla testa. E poi giù! Legato con tutte quelle cinghie, caduto nel buco dell'impalcatura con la velocità di una freccia! Un tremendo sussulto è cominciato all'altezza delle spalle, e poi giù lungo tutto il corpo, violentemente, fino a spegnersi in quell'irrigidimento verso il basso delle dita dei piedi, come due pugni chiusi - e tutto era finito! Ho visto tutto. Ho preso appunti precisi su ogni dettaglio - anche il modo garbato con cui aiutò a sistemare le cinghie che gli legavano le gambe e la calma con cui scostò le sue ciabatte - e spero di non dover assistere ad una simile scena mai più.»

( Cronaca di un'impiccagione [45] )

JRR Tolkien scrive:

«- [...] Merita la morte. - Se la merita! E come! Molti tra i vivi meritano la morte. E parecchi che sono morti avrebbero meritato la vita. Sei forse tu in grado di dargliela? E allora non essere troppo generoso nel distribuire la morte nei tuoi giudizi: sappi che nemmeno i più saggi possono vedere tutte le conseguenze.»

( Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello , Libro I, Capitolo II di JRR Tolkien )

Tolkien, cattolico , pensa che solo Dio possa togliere o dare la vita.

Un importante romanzo sul tema è Lo straniero ( L'Étranger 1942), di Albert Camus , autore che nel 1957 pubblicò anche un saggio contro la pena capitale:

«Il senso d'impotenza e di solitudine del condannato incatenato, di fronte alla coalizione pubblica che vuole la sua morte, è già di per sé una punizione inconcepibile. [...] Generalmente l'uomo è distrutto dall'attesa della pena capitale molto tempo prima di morire. Gli si infliggono così due morti, e la prima è peggiore dell'altra, mentre egli ha ucciso una volta sola. Paragonata a questo supplizio, la legge del taglione appare ancora come una legge di civiltà. Non ha mai preteso che si dovessero cavare entrambi gli occhi a chi aveva reso cieco di un occhio il proprio fratello.»

( Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte )

Jack London scrisse contro la pena capitale nei suoi romanzi, facendo pronunciare ad un suo personaggio, un uomo in attesa di esecuzione:

«L'uso peggiore che si possa fare di un uomo è quello di impiccarlo». No, non ho alcun rispetto per la pena di morte. Si tratta di un'azione sporca, che non degrada solo i cani da forca pagati per compierla ma anche la comunità sociale che la tollera, la sostiene col voto e paga tasse specifiche per farla mettere in atto. La pena di morte è un atto stupido, idiota, orribilmente privo di scientificità: «... ad essere impiccato per la gola finché morte non sopravvenga» recita il famoso frasario della società...»

( Jack London, Il vagabondo delle stelle )

Victor Hugo dedicò molte opere al tema; definì la pena di morte, in un discorso parlamentare, come "segno eterno e caratteristico della barbarie";

Victor Hugo, L'impiccato (1854), la cui seconda versione (1860), quasi identica, porta il nome di John Brown [46]

così scrisse:

«Come! In giacca non posso uccidere, in toga posso! Come la tonaca di Richelieu , la toga copre tutto. Vindicta pubblica ? Oh, ve ne prego, non mi vendicate. Assassinio, assassinio! Vi dico. All'infuori del caso di legittima difesa , inteso nel suo senso più ristretto (perché una volta che il vostro aggressore ferito da voi sia caduto, voi dovete soccorrerlo), l'omicidio è forse permesso? Ciò che è vietato all'individuo è dunque lecito alla comunità? Il carnefice quale sinistra specie d'assassino, l'assassino ufficiale, l'assassino patentato, mantenuto, fornito di rendita, chiamato in certi giorni, che lavora in pubblico, uccide in pieno sole, avendo tra i propri arnesi “la spada della giustizia”, riconosciuto assassino dallo Stato; l'assassino funzionario, l'assassino che ha la sua nicchia nella legge, l'assassino in nome di tutti! Esso ha la mia procura e la vostra per uccidere. Strangola o scanna, poi batte la mano sulla spalla della società e dice: “Io lavoro per te, pagami”. È l'assassino cum privilegio legis , l'assassino il cui crimine è decretato dal legislatore, deliberato dal giurato, ordinato dal giudice, permesso dal prete, protetto dal soldato, contemplato dal popolo.»

( Victor Hugo, Contro la pena di morte [47] )

Oscar Wilde , imprigionato per omosessualità, conobbe in prigione un condannato a morte per l'omicidio della moglie e assistette alla sua esecuzione; alla vicenda ispirò un lungo componimento, La ballata del carcere di Reading , in cui Wilde prende una chiara posizione contro la pena capitale, opponendo la pietà cristiana e umana all'ipocrisia di carcerieri e uomini di chiesa:

«Il Cappellano non s'è inginocchiato / accanto alla sua tomba maledetta (...) / eppure anch'egli / appartiene alla schiera di coloro / che il Signore venne in terra a salvare. / Non importa: se egli ha attraversato / il limite fissato per la vita / lacrime sconosciute riempiranno /l'urna della Pietà per lui. Avrà / i lamenti degli uomini esiliati: / per gli esiliati esiste solo il pianto.»

( Oscar Wilde, La ballata del carcere di Reading , parte IV )

Il poeta Giovanni Pascoli , il cui padre venne assassinato per motivi mai completamente chiariti, si pronunciò contro la pena di morte e contro l' ergastolo :

«Che è? siamo malfattori anche noi? Oh! no: noi non vorremmo vedere quelle catene, quella gabbia, quelle armi nude intorno a quell'uomo; vorremmo non sapere ch'egli sarà chiuso, vivo, per anni e anni e anni, per sempre, in un sepolcro; vorremmo non pensare ch'egli non abbraccerà più la donna che fu sua, ch'egli non vedrà più, se non reso irriconoscibile e ignominioso dall'orrida acconciatura dell'ergastolo, i figli suoi... Ma egli ha ucciso, ha fatto degli orfani, che non vedranno più affatto il loro padre, mai, mai, mai! E vero: punitelo! è giusto!... Ma non si potrebbe trovare il modo di punirlo con qualcosa di diverso da ciò ch'egli commise?... Così esso assomiglia troppo alle sue vittime! Così andranno sopra lui alcune delle lagrime che spettano alle sue vittime! Le sue vittime vogliono tutta per loro la pietà che in parte s'è disviata in pro' di lui! (...) Non essere così ragionevole, o Giustizia. Perdona più che puoi. — Più che posso? — Ella dice di non potere affatto. Se gli uomini, ella soggiunge, fossero a tal grado di moralità da sentire veramente quell'orrore al delitto, che tu dici, si potrebbe lasciare che il delitto fosse pena a sé stesso, senza bisogno di mannaie e catene, di morte o mortificazione. Ma... Ma non vede dunque la giustizia che quest'orrore al delitto gli uomini lo mostrano appunto già assai, quando abominano, in palese o nel cuore, il delitto anche se è dato in pena d'altro delitto, ossia nella forma in cui parrebbe più tollerabile? [48] »

Tra i romanzi dedicati alla campagna contro la pena di morte da segnalare La Penna di Donney - Miracolo d'amore , pubblicato nel 2005 , scritto da Ruggero Pegna , in cui l'autore, colpito da una improvvisa leucemia acuta, s'immagina nella sua camera d'ospedale come un detenuto innocente condannato a morte, recluso in una prigione americana.

Opere letterarie che parlano della pena di morte

Di seguito un elenco parziale di libri che trattano della pena di morte [49] :

Cinema e televisione

Anche il cinema e la televisione si sono spesso battuti contro la pena di morte, o ne ha parlato nelle sue trame. Di seguito ecco un elenco di film e serie televisive che trattano l'argomento.

Canzoni sulla pena capitale

Il mondo della musica ha spesso trattato il tema, dalle canzoni popolari e politiche alla musica leggera. Tra le numerose canzoni che toccano l'argomento in vario modo, ricordiamo:

Cities for Life

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cities for Life .

Note

  1. ^ péna , su Vocabolario Treccani . URL consultato il 5 gennaio 2021 ( archiviato il 5 dicembre 2020) .
  2. ^ a b Amnesty International
  3. ^ Le 24,16 , su laparola.net .
  4. ^ Le 20,10 , su laparola.net .
  5. ^ Le 27,29 , su laparola.net .
  6. ^ Le 24,17 , su laparola.net .
  7. ^ Es 21,17 , su laparola.net .
  8. ^ Lucio Anneo Seneca, De clementia , I, 1-2,; II, 2-3;
  9. ^ Friedrich Nietzsche , Genealogia della morale .
  10. ^ citato qui Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive .
  11. ^ a b Slavoj Žižek , Contro i diritti umani , Il Saggiatore, Milano 2005.
  12. ^ https://www.focus.it/scienza/salute/la-malattia-criminale
  13. ^ San Tommaso d'Aquino , Summa theologiae , II-II, 64, 7.
  14. ^ Opinioni di Giovanni Paolo II sulla pena di morte , su santegidio.org , Comunità di Sant'Egidio. URL consultato il 28 marzo 2010 (archiviato dall' url originale il 19 maggio 2011) .
  15. ^ ( EN ) Joseph Ratzinger , Worthiness to Receive Holy Communion — General Principles , su catholicculture.org . URL consultato il 29 marzo 2010 .
  16. ^ Nuova redazione del n. 2267 del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla pena di morte – Rescriptum “ex Audentia SS.mi” , su press.vatican.va . URL consultato il 3 agosto 2018 .
  17. ^ Ai Partecipanti all'Incontro promosso dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione (11 ottobre 2017) | Francesco , su w2.vatican.va . URL consultato il 3 agosto 2018 .
  18. ^ Così si espresse il monaco Buddhadasa : «The revered Thai monk and towering Buddhist intellectual figure of the twentieth century, venerable Buddhadasa Bhikkhu, implicitly gave a nod to death penalty by saying that judges who hand down such a sentence and executioners who execute it commit no sin in doing so if they espouse no ill will against the prisoners». (Buddhadasa, 1999).
  19. ^ 社團法人台灣生命教育學會 Opinione del monaco Hsing Yun [ collegamento interrotto ]
  20. ^ Abolish the death penalty by Genjo Marinello , su sweepingzen.com . URL consultato il 24 luglio 2017 (archiviato dall' url originale il 31 luglio 2016) .
  21. ^ Fonte , su sangye.it .
  22. ^ Buddisti e cattolici thai contro la pena di morte: Non serve ad evitare i crimini
  23. ^ Answers from the Heart. Practical Responses to Life's Burning Questions - Zen master Thich Nhat Hanh's answer as to why Buddhists do not approve of the death penalty
  24. ^ The Precious Garland and the Song of the Four Mindfulnessess, pp. 66-67.
  25. ^ Editto su pilastro N. 4 e N. 5 (S. Dhammika)
  26. ^ Jeffrey M. Shaw Ph.D., Timothy J. Demy Ph.D., War and Religion: An Encyclopedia of Faith and Conflict [3 volumes], 2017, p. 77
  27. ^ Buddhismo ed etica , su corsodireligione.it .
  28. ^ Quest'ultima a maggioranza musulmana
  29. ^ Japan hangs two more on death row (note paragraph 11). BBC News (2008-10-28).
  30. ^ Mario Marazziti, «Processo» alla pena di morte: anche in America crescono i no , su santegidio.org , Comunità di Sant'Egidio. URL consultato il 28 marzo 2010 (archiviato dall' url originale il 19 maggio 2011) .
  31. ^ https://play.google.com/books/reader?id=43XQxxxRwdsC&printsec=frontcover&output=reader&hl=it&pg=GBS.PA65
  32. ^ a b c Luca Spadini, Elogio della Pena di Morte Archiviato il 14 novembre 2012 in Internet Archive ., 2007
  33. ^ a b c La Repubblica
  34. ^ https://play.google.com/books/reader?id=43XQxxxRwdsC&printsec=frontcover&output=reader&hl=it&pg=GBS.PP1
  35. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/mappa-morti-carcere-patrie-galere/
  36. ^ http://www.biography.com/people/gary-gilmore-11730320#synopsis
  37. ^ Amnesty International - 10 motivi
  38. ^ Illuminismo e pena di morte ( PDF ), su provincia.pistoia.it . URL consultato l'8 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale l'8 gennaio 2014) . . Vedi anche Dizionario filosofico , sv Leggi (delle) .
  39. ^ Veronesi: "Perché la scienza dice no all'ergastolo" Archiviato il 27 gennaio 2013 in Internet Archive .
  40. ^ Corriere della Sera, 25 febbraio 2009
  41. ^ Pena di morte, primo sì dell'Onu alla moratoria , in La Repubblica , 15 novembre 2007. URL consultato il 29 marzo 2010 .
  42. ^ Pena di morte, l'Onu dice sì alla moratoria , in Corriere della Sera , 18 dicembre 2007. URL consultato il 29 marzo 2010 .
  43. ^ Oregon: sospesa la pena capitale
  44. ^ Lev Tolstoj, Che fare? , traduzione di Luisa Capo, Gabriele Mazzotta editore, Milano, 1979, pp. 18-19, ISBN 88-202-0250-6 .
  45. ^ twain
  46. ^ Victor Hugo, le Corps de John Brown pendu à une potence
  47. ^ Estratti dal testo , su it.paperblog.com .
  48. ^ G. Pascoli, L'avvento , in Pensieri e discorsi
  49. ^ Libri italiani sulla pena di morte , su repubblica.it . URL consultato l'8 agosto 2010 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 16056 · LCCN ( EN ) sh85019949 · GND ( DE ) 4060306-4 · BNF ( FR ) cb126475351 (data) · BNE ( ES ) XX529849 (data) · NDL ( EN , JA ) 00570945