Piacenza

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, vegeu Piacenza (desambiguació) .
Piacenza
comú
Piacenza - Escut d'armes Piacenza - Bandera
Piacenza - Vista
Piazza Cavalli de la basílica de Sant Francesc d'Assís
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emília Romanya
província Província de Piacenza-Stemma.svg Piacenza
Administració
Alcalde Patrizia Barbieri ( centre-dreta independent ) del 27-6-2017
Territori
Coordenades 45 ° 03'N 9 ° 42'E / 45,05 ° N 09,07 ° E 45,05; 9,7 (Piacenza) Coordenades : 45 ° 03'N 9 ° 42'E / 45,05 ° N 9,7 ° E 45,05; 9.7 ( Piacenza )
Altitud 62 m aixi
Superfície 118,24 km²
Habitants 103 294 [1] (31-12-2020)
Densitat 873,6 habitants / km²
Fraccions Borghetto , Gerbido , I Vaccari , La Verza , Le Mose , Montale , Mortizza , Mucinasso , Pittolo , Quarto , Roncaglia , San Bonico , Vallera
Municipis veïns Calendasco , Caorso , Caselle Landi ( LO ), Corno Giovine (LO), Gossolengo , Gragnano Trebbiense , Podenzano , Pontenure , Rottofreno , San Rocco al Porto (LO), Santo Stefano Lodigiano (LO)
Altra informació
Codi Postal 29121–29122
Prefix 0523
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 033032
Codi cadastral G535
Placa PC
Cl. sísmic zona 3 (baixa sismicitat) [2]
Cl. climàtic zona E, 2 715 GG [3]
Anomenar habitants Piacenza
Patró Sant Antoni de Piacenza , santa Justina d'Antioquia
Festa 4 de juliol
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Piacenza
Piacenza
Piacenza - Mapa
Posició del municipi de Piacenza a la província homònima
Web institucional

Piacenza ( escolta [ ? · Info ] , Piaśeinsa [ˌpia'zəisɐ] en dialecte de Piacenza ) és una ciutat italiana de 103 294 habitants [1] , capital de la província homònima d' Emília-Romanya . Situada al riu Po , a l’extrem nord-oest d’ Emília-Romanya , rep el sobrenom de Primogenita perquè el 1848 va ser la primera ciutat italiana que va votar l’annexió al Regne de Sardenya amb un plebiscit .

Geografia física

Territori

Piacenza es troba a la vall del Po a una altitud de 61 m slm [4] Es troba a la riba dreta del Po [5] , entre les desembocadures del riu Trebbia a l'oest i la riera de Nure a l'est. A uns quinze quilòmetres cap al sud apareixen els vessants dels turons de Piacenza , els primers ramals dels Apenins de Ligúria . La seva posició geogràfica, a la cruïlla de camins entre Llombardia , Piemont , Ligúria i Emília , sempre ha determinat el seu destí estratègic-militar i l'ha convertit en un important nus d'autopistes i ferrocarrils [6] .

Clima

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Estació meteorològica de Piacenza Collegio "Alberoni" i Estació meteorològica de Piacenza San Damiano .

La distància al mar accentua les característiques continentals del clima de Piacenza en comparació amb la resta de la regió [7] ; en conseqüència, les temperatures màximes hivernals són més baixes que en altres ciutats de la regió [8] i les precipitacions són majors. Els mínims hivernals registrats també són més baixos que els de les ciutats llombardes properes. La proximitat de la ciutat al riu Po ​​comporta com a conseqüència que, en tots els períodes de l’any, el clima es caracteritzi per una elevada humitat: a l’hivern el fenomen de la boira , generat per inversió tèrmica, es produeix amb gran freqüència [9] , mentre que a l'estiu les condicions meteorològiques sovint es caracteritzen per la calor , generada per l'elevada humitat relativa a la part de l'atmosfera més propera al terra [7] .

Es van registrar nevades rècord fins a finals dels anys vuitanta . Als dies de la nevada de 1985 que va afectar el nord d 'Itàlia, el 90 cm de neu amb una temperatura rècord de −22,5 ° C registrats a l' estació meteorològica de Piacenza San Damiano . La neu a Piacenza sempre ha caigut durant el període hivernal, un fenomen força natural, però a la dècada de 1990 el fenomen es va enrarir amb una disminució de la freqüència i la intensitat de les nevades [10] . L'hivern del 2008/2009 es van registrar nevades rècord. El mes més fred de l'any és gener amb una temperatura mitjana de 0,8 ° C, mentre que el més calorós és el juliol, amb una temperatura mitjana de 22,9 ° C [11] .

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Piacenza .

Poblat des de temps remots per poblacions de llinatge lígur , el territori corresponent a l’actual Piacenza fou conquerit primer pels etruscs , després pels celtes i finalment pels romans , que fundaren la colònia de Placentia el 218 aC [12] .

Piacenza va ser, juntament amb la propera Cremona , la primera colònia romana de dret llatí al nord d'Itàlia [13] , que va jugar el paper estratègic important de l'avançada militar contra els exèrcits d' Aníbal , que es van traslladar d' Espanya per arribar a Itàlia i provocar devastacions [14] . La ciutat va resistir els atacs púnics i va florir com a centre comercial a la Via Emilia . La via Mediolanum-Placentia també passava de Piacenza, una via romana que connectava Mediolanum ( Milà ) amb Placentia (Piacenza) a través de Laus Pompeia ( Lodi Vecchio ) [15] .

La cristianització de la ciutat també es va produir a través de l'obra de màrtirs com Sant'Antonino , un centurió de Piacenza mort durant el regnat de l'emperador Dioclecià que més tard es va convertir en el patró de la ciutat i a qui es va dedicar la primera catedral de Piacenza , construïda entre 350 i 375 dC. C [12] . El 476 dC, la batalla entre mercenaris germànics i les darreres tropes romanes va tenir lloc a les rodalies de la ciutat, cosa que va conduir a la deposició del darrer emperador romà occidental, Ròmul August , per part del rei de Heruli Odoacre [12] .

Havent esdevingut la seu d’un ducat llombard, aleshores conquerit pels francs, la ciutat va adquirir una major importància cap a l’any mil, al llarg de la ruta de la Via Francigena . A partir del 1126 va ser un municipi lliure i el 1167 va ser una de les ciutats que van formar la Lliga Llombarda en el context dels enfrontaments amb Barbarroja , que va ser derrotada per l'aliança entre els municipis el 1176 a Legnano [16] . El 1183, a la basílica de Sant'Antonino , es van signar els preliminars de la pau de Constança entre els delegats de la Lliga Llombarda i els delegats imperials [17] . Després de dos segles de lluites entre les famílies nobles de religions güelfes i gibel·lines oposades, a partir del 1335 la ciutat va estar sotmesa al domini de la família Visconti . Posteriorment va romandre, a excepció de períodes curts, sota el domini milanès fins al 1521, quan va passar al control de l' estat de l'Església [13] .

El 1545 va ser erigit com a ducat pel papa junt amb la propera Parma , convertint-se inicialment en la capital del Ducat de Parma i Piacenza governada per la família Farnese [13] . Després de l'assassinat del duc Pierluigi Farnese després d'una conspiració de nobles de Piacenza dirigida per Giovanni Anguissola , la ciutat va tornar breument sota el control de Milà [18] , abans de tornar una part del ducat de Parma i Piacenza governat pel fill de Pierluigi, Ottavio Farnese el 1556 [19] .

Amb l'extinció de la família Farnese, a partir del 1731 fou governada per la família Borbó [20] . Conquerida per les tropes franceses durant el període napoleònic, fou agregada a l' imperi com a part del departament de Taro . Després de la restauració, el ducat es va reconstituir assignant-lo a Maria Luigia d'Àustria , que el va mantenir fins a la seva mort, amb motiu del qual l'estat va tornar als Borbons [20] .

Amb un plebiscit celebrat el 10 de maig de 1848, Piacenza va ser la primera ciutat que va sol·licitar l'annexió al Regne de Sardenya , el nucli del futur Regne d'Itàlia , amb el sobrenom de la primera ciutat d'Itàlia [21] . Piacenza va passar a formar part definitivament de l'estat de Savoia el 1860 [20] .

Important centre de la resistència durant la guerra civil del 1943-1945 , fou alliberada pels partidaris el 28 d'abril de 1945, pocs dies abans de l'arribada dels aliats [22] . Després del conflicte, la ciutat va experimentar un fort desenvolupament agrícola i industrial. Més tard, després d’haver obtingut el reconeixement de les ciutats d’ art per la regió d’Emília-Romanya [23] , Piacenza també va desenvolupar una vocació turística.

L’escut de la ciutat durant el període napoleònic .

Símbols

Bàner en ús

L'escut de Piacenza, segons el reial decret de 27 de setembre de 1938, és un escut:

« Va començar primer en vermell amb el dau de plata; al segon de plata al llop blau , brillant amb vermell, passant [24] "

En realitat, a l'escut d'ús la lloba és de color negre .

La part vermella en què es representa un quadrat blanc o platejat també constitueix l'escut de la província de Piacenza . Sobre l'origen d'aquest partit els estudiosos estan dividits: per a alguns, aquesta meitat es referiria a la insígnia de la legió tebana o tebana, a l'època de Dioclecià , en la qual s'enrolava el màrtir i patró cristià Antonin. De fet, en la iconografia tradicional, el patró és retratat amb la pancarta militar. La placa quadrada representa probablement el típic campament romà, el castrum . Altres qüestionen tant la pertinença d’Antonino a la legió tebana com la historicitat d’aquesta legió a mesura que es transmet i argumenten que la plaça és l’estilització d’un dau, que s’ha de relacionar amb el pas de Cèsar i la seva famosa frase al creuament de el Rubicó , "es llança el dau". Per generar incertesa hi ha les mateixes persones de Piacenza que comunament l'anomenen "la nou".

A la part blanca es representa la lloba capitolina , l’emblema de Roma . Això simbolitza l'estatus de "civitas romana" (i el consegüent regal de la insígnia amb la lloba) a la qual fou honrada la ciutat, la primera colònia fundada pels romans juntament amb el seu bessó Cremona el 218 aC.

La pancarta, vermella amb un rectangle de teixit blanc al centre que porta l’escut de la ciutat, diu: Ciutat de Piacenza, primogènit d’Itàlia . Segons el blasó del decret, hauria de ser completament blanc. El nom de "Primogenita" significa que el 1848 la ciutat va ser la primera a demanar l'annexió al naixent Regne d'Itàlia , després al Regne de Sardenya .

El mosaic de l’antic escut és visible a l’interior del pati del palau gòtic (l’escut actual està invertit en comparació amb l’antic).

Mosaic de l’antic escut municipal

Honors

Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat
"Reial decret [25] "
- 27 de setembre de 1938

La ciutat de Piacenza es troba entre les 27 ciutats decorades amb una medalla d'or com a "meritòria del Risorgimento nacional" per les accions altament patriòtiques dutes a terme per la ciutat en el període del Risorgimento , en el període comprès entre els aixecaments de 1848 i el final del primer món bèl·lic el 1918. També es troba entre les ciutats decorades amb valor militar per a la guerra d'alliberament perquè va rebre la medalla d'or al valor militar el 9 d'abril de 1949 [26] :

Medalla a les ciutats meritòries del Risorgimento nacional: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla a les Benemèrites Ciutats del Risorgimento Nacional
"Primerament entre les ciutats italianes, el 10 de maig de 1848, amb un plebiscit quasi unànime, va votar per la seva annexió al Piemont, guanyant el títol de Primogenita del rei Carlo Alberto"
- Roma, 27 de gener de 1941 (Reial decret núm. 322) [27]
Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
«En vint mesos de dura servitud, va reafirmar amb la sang dels seus fills les nobles tradicions que en el primer Risorgimento la van fer proclamar el" Primogènit ". Els afusellaments, els màrtirs, les deportacions, el saqueig i la destrucció no van sacsejar l’orgull del seu poble que, tots units en el nom sagrat d’Itàlia, en cent batalles contra un enemic aclaparador, es van cobrir d’una glòria imperible. En els dies del renaixement, els seus ciutadans atribuïen al seu privilegi la reconquesta de les seves llars i llibertats de pàtria i hissaven a la torre cívica el sant tricolor consagrat pel sacrifici dels Caiguts "
- 8 de setembre de 1943 - 28 d'abril de 1945 [26] [28]

El 2016 va ser guardonada per l' oficina nacional contra la discriminació racial , com a "Capital antiracista 2016", per haver guanyat un concurs nacional en què el municipi va participar el 2015 [29] .

Monuments i llocs d'interès

Església de Sant'Antonino, patró de Piacenza

Arquitectures religioses

  • Catedral , església mare de la diòcesi de Piacenza-Bobbio , construïda en dues fases, entre 1122 i 1150 i 1202 i 1235 (o entre 1207 i 1250 segons altres fonts) d’ estil romànic amb l’afegit d’elements gòtics a la segona fase. El disseny de l’edifici seria obra de Niccolò , amb qui també col·laborà Wiligelmo [30] . L'interior té la cúpula pintada al fresc del segle XVII per Morazzone i Guercino . El presbiteri i el cor van ser pintats al fresc per Camillo Procaccini i Ludovico Carracci cap al final del segle XVI: la majoria de les seves obres han estat traslladades de les seves ubicacions originals durant les restauracions del segle XIX [31] .
  • La basílica de Sant'Antonino , construïda entre el 350 i el 375 en estil romànic, va ser remodelada diverses vegades, l'última de les quals, entre 1915 i 1930, per l'arquitecte Giulio Ulisse Arata . Té un campanar octogonal, un claustre que data del 1483 al costat sud i una entrada, anomenada Pòrtic del Paradís, construïda el 1350 per Pietro Vago. A l'interior conserva les relíquies d' Antonino di Piacenza , un màrtir cristià assassinat a prop de Travo [32] .
  • La basílica de San Savino , construïda pel bisbe Sigifredo i consagrada el 1107, es troba al lloc on San Savino, segon bisbe de Piacenza, havia fundat una basílica al segle IV dC. Durant el segle XVIII l’edifici va ser radicalment alterat estil romànic original amb l’afegit d’estucs i altres ornaments a l’interior i la reconstrucció neoclàssica de la façana, que va tenir lloc el 1721 [33] .
  • Església de Sant Francesc situada a la Piazza Cavalli. Està construït en estil gòtic llombard entre el 1278 i el 1373. A la façana són visibles dos contraforts, un rosetó, una agulla i algunes agulles, mentre que als laterals hi són presents els contraforts; a la dreta encara hi ha part dels claustres dels quals en queda un pòrtic. A l'interior, decorat amb frescos dels segles XV i XVI , es va proclamar l'annexió de la ciutat al Regne de Sardenya el 1848. El portal mitjà de la basílica presenta una lluneta a la part superior amb el relleu estigmatitzat de Sant Francesc , i a l'interior , a la paret dreta del deambulatori, hi ha un baix relleu amb el rector a la cadira i els frares , realitzat al taller de Giovanni Antonio Amadeo cap al 1490. El patriota Giuseppe Manfredi , president del Senat del Regne d’Itàlia, que va morir el 1918, està enterrat a la basílica.
  • La basílica de San Giovanni in Canale , fundada el 1220 pels dominics , es va ampliar amb la construcció de tres badies a mitjan segle XVI ; en el mateix període també es va ampliar el cor. Entre els diversos monuments sepulcrals presents, hi ha una tomba pintada, única a Piacenza, i el gran sarcòfag de la família Scotti . El sepulcre de Guglielmo da Saliceto , del 1501, situat al claustre denota els personatges de l’estil Amadeo [34] .
L’orgue dissenyat pel pare Davide de Bèrgam
  • Basílica de Santa Maria di Campagna , un edifici d'estil renaixentista construït entre 1522 i 1528 sobre un projecte d' Alessio Tramello per substituir un santuari existent [35] ; es troba al piazzale delle Crociate, anomenat així perquè aquí, durant el concili de Piacenza, el març de 1095, el papa Urbà II va anunciar la primera croada , oficialment prohibida al consell posterior de Clermont [35] . Inicialment una creu grega , més tard es va transformar en una creu llatina invertida ampliant el presbiteri [36] , que es va completar en 6 anys. La cúpula i dues capelles estan decorades amb frescos de Giovanni Antonio Sacchi conegut com a Pordenone [37] [38] . A l'interior hi ha obres de Galeazzo, Antonio , Giulio i Bernardino Campi , de Camillo Procaccini , de Guercino i de Malosso . També conté dos òrgans de canonada fabricats pels Serassi de Bèrgam . El més gran, situat a cornu Epistolae, va ser construït entre 1825 i 1838 segons un projecte de l’ organista i compositor d’ orgue Pare Davide da Bergamo [39] . En canvi, l'orgue més petit, situat a la nau del terra, es va construir el 1836, originalment un instrument de la "llar" dels Serassi i es va col·locar a la basílica el 1991 procedent del teatre Municipal.
  • Basílica renaixentista de l’església de San Sisto que compta amb un preciós cor de fusta del 1514. Construïda al segle XIV, on anteriorment hi havia un temple construït el 874 a instàncies de l’ emperadriu Angilberga , esposa de Ludwig II el Jove i és la primera obra religiosa de l'arquitecte Alessio Tramello en la seva maduresa. Allotja la còpia de l'obra mestra de Raffaello Sanzio , la Madonna Sixtina : l'original, fet per a l'església de Piacenza, va ser venut pels benedictins el 1754 a August III , rei de Polònia i elector de Saxònia . Després de la unificació d'Itàlia, el complex es va separar en dos amb l'església que va continuar exercint la seva funció religiosa i el monestir que va ser ocupat pel 2n Regiment d'Enginyers [40] .
  • Basílica del Sant Sepulcre, basílica [41] construïda per Alessio Tramello entre els segles XV i XVI. La façana té contraforts i un portal d’estil barroc. A l'interior, el pintor Antonio Beduschi va crear un Martiri de Sant Esteve i una Pietà [42] . El nom potser deriva d’un pelegrí de Piacenza que, en tornar d’una visita al Sant Sepulcre de Jerusalem , el 938 va fer construir un lloc de culte que després va ser destruït. A l'època napoleònica fou readaptat com a hospital militar i només el 1903 fou consagrat de nou a la pregària.
  • La basílica de Sant'Agostino , que data del segle XVI , té una façana de granit neoclàssica , dissenyada per Camillo Morigia . És l’única església de la ciutat que té una planta de cinc naus. A les parets del transsepte es poden veure fragments de frescos de Malosso. Desconsagrada després de l'època napoleònica, s'ha convertit en la seu d'una galeria dedicada a l'art contemporani [43] .
  • Església dels benedictins, construïda entre 1677 i 1681 per Domenico Valphotos per voluntat de Ranuccio II Farnese. Originalment formava part d’un complex monestir, tancat el 1810, i posteriorment va passar a ser propietat de la propietat estatal [44] .
  • Església de Sant Llorenç , que data del segle XIV. A l'interior es podien admirar els frescos del Cicle de Santa Caterina , obra d'un mestre llombard del cercle de Giovannino de 'Grassi , i es van traslladar al Museu Cívic situat al Palazzo Farnese al segle XX després de la desconsagració i ús de l'església. com a magatzem i refugi [45] i teatre [46] .
  • Església de San Dalmazio, dedicada a San Dalmazzo di Pedona , l'església amb monestir contigu formava un conjunt religiós ja documentat el 1040 [47] , construït sobre una església preexistent les restes de la cripta es remunten al segle VII segons els historiadors, com una dependència de l'antiga abadia de Val di Tolla també construït al segle VII pel bisbe de Piacenza Catarasino, ex francesa Colombanian monjo [48] i gestionats pels monjos de l' abadia de Sant Colombano di Bobbio , sota la influència i l'hegemonia de la qual va caure aleshores el Val Tolla. L'església de San Dalmazio, nascuda com a priorat de l'abadia, es va convertir posteriorment en parròquia. Suprimit al segle XIX pel bisbe Giovanni Battista Scalabrini , fou erigit com a "oratori ducal" per Maria Luigia d'Àustria el 24 d'octubre de 1826, títol que Carles III de Borbó , el 3 de febrer de 1850, substituí al de "oratori reial". ". La Confraria de l’Esperit Sant s’encarrega de la conservació de l’església de S. Dalmazio i dels edificis annexos que posseeix després d’una donació de Maria Luigia d’Àustria.
  • L'església de San Donnino , que data del segle XII i que després va ser reconstruïda el 1236 en estil romànic , té una façana reconstruïda el 1889 per Camillo Guidotti [49] .
  • L’església de Sant'Anna , construïda primer al segle XII i reconstruïda després el 1334, conserva a l’interior una estàtua de fusta de San Rocco , obra de Giovanni Angelo Del Maino del 1534.
  • Basílica de Sant'Eufemia , també d'estil romànic. Les restes del bisbe Aldo Gabrielli da Gubbio , que va consagrar l'edifici, van ser enterrades en aquesta església. Al seu interior es conserva una figura femenina , una escultura de fusta del 1516 aproximadament, obra de Giovanni Angelo Del Maino.
  • Església de Sant Pere, reconstruïda pels jesuïtes el 1587 sobre un edifici preexistent anterior a l'any 1000. Al costat de l'església s'alça el palau del col·legi jesuïta, acabat el 1593 i convertit en la seu de la biblioteca Passerini Landi [50] [51] .
  • L'església de Santa Brigida d'Irlanda, dedicada a la patrona d'Irlanda Santa Brigida , va ser fundada entre el 826 i el 850 com a monestir benedictí de Santa Brigida [52] [53] pel bisbe irlandès San Donato de Fiesole per acollir els pelegrins irlandesos. L’església, juntament amb l’annex xenodochio , l’hospital i l’hospici per als pelegrins, dedicada a la Santa Resurrecció, amb diverses possessions i béns, va ser donada el 20 d’agost de 850 a l’ abadia de San Colombano di Bobbio [54] . La donació es va confirmar el 862 en un inventari dels béns de Bobbiesi a Piacenza, enriquit amb altres propietats i mitjans feudals, incloses les quantitats de petroli i ferro, per la cort de Soriasco di Santa Maria della Versa , per l'emperador Ludovico II [55] .
  • Església de San Paolo, un edifici d'estil barroc que es remunta al segle XVII sobre un lloc de culte preexistent del segle XIV, que al seu torn va succeir a una església anterior a l'any 1000. L’església té una façana molt senzilla amb un interior d’una sola nau amb sis capelles laterals. Les obres conservades a l’interior de San Paolo són San Biagio curant un nen i San Biagio acollit al cel pel Redemptor de Giovanni Evangelista Draghi. Per Robert de Longe són el martiri de San Biagio . La Mare de Déu i el Nen entronitzats per un pintor anònim del segle XIV. Di Pietro i Bartolomeo Baderna són els episodis d’escriptura sagrada i el fresc amb la caiguda de Sant Pau a la carretera de Damasc . Els frescos que representen les Benaurances són de Luciano Ricchetti, mentre que les decoracions de la volta són d’Angelo Capelli. El púlpit de Giovanni Leoni és un projecte d’Andrea Guidotti de Piacenza.
  • Monestirs reials de San Tommaso i San Siro (desapareguts), fundats per la família reial longobarda com a dependència de l'antiga abadia de Val di Tolla [56] , i gestionats pels monjos de l'abadia de San Colombano di Bobbio. Els diplomes dels reis llombards Ildebrando (744) i Rachis (746) sancionaven el pas al bisbe de Piacenza de la possessió dels monestirs reials de San Tommaso i San Siro, juntament amb els rurals de Fiorenzuola , Gravago i Val di Tolla. ; un rector els tenia en nom del bisbe. Sobre les restes del monestir de San Siro, la galeria d'art modern Ricci Oddi es va construir el 1931.

Arquitectures civils

  • Palazzo Comunale , conegut com el gòtic , considerat com el símbol de la ciutat. Construït a partir del 1281 per ordre d' Alberto Scoto , regent gibel·lí [57] de la ciutat.
  • Palazzo Mulazzani, té una escala d’honor oblic, probablement feta per Cervini, i la pintura de Sebastiano Galeotti Aurora i Cefalo [58] .
  • Palazzo Mandelli, construït per Francesco Tomba sobre un projecte de Gian Andrea Boldrini entre 1745 i 1755; fins al 1827 va ser propietat de la família Mandelli, i després es va convertir en la seu ducal de Maria Luigia el 1831 amb el trasllat del govern de Parma a Piacenza per un semestre i, després de la unificació d'Itàlia, la seu de la prefectura. Dal 1913 ospita la sede piacentina della Banca d'Italia [59] .
  • Palazzo Scotti da Fombio, costruito nel 1490 su iniziativa di Paride e Ercole Scotti, presenta una facciata in mattoni a vista decorata con un fregio. Sull'angolo dell'edificio il fregio presenta una scultura rappresentante due persone atte a sorreggere lo stemma degli Scotti. Nel 1492 venne terminato il portale, realizzato da Gregorio Prini in marmo di Candoglia , dal quale si accede al cortile interno, dotato di loggiato . Divenuto di proprietà della famiglia Morigi nel 1869, divenne sede di un istituto per la formazione maschile, divenuto, poi, il collegio universitario Morigi [60] .
  • Palazzo Landi, edificato negli ultimi anni del XV secolo per volontà di Manfredo Landi, sulle fondamenta di un palazzo preesistente, anch'esso di proprietà dei Landi . Nel 1578 venne requisito dal duca Ottavio Farnese a seguito della partecipazione di Agostino Landi alla congiura contro il padre Pierluigi . Divenuto di proprietà statale, venne adibito prima a Supremo Consiglio di Giustizia e, poi a tribunale delle finanze. La facciata, decorata con un fregio in terracotta con sirene, medaglioni e trofei, venne realizzata da Giovanni Battagio da Lodi, già autore del tempio dell'Incoronata di Lodi e da suo genero Agostino De Fonduli. Il portale di accesso in marmo, ornato da due medaglioni con figure virili, si richiama agli archi di trionfo ed è opera dello scultore Giovan Pietro da Rho. L'edificio ospita la sede del tribunale [61] .
  • Palazzo Costa, realizzato per volere della famiglia Costa alla fine del seicento su progetto del Bibiena . Presenta una struttura a U con facciata in stile rococò e un giardino all'inglese. Ospita la sede del museo della fondazione Horak [62] .
  • Palazzo Rota Pisaroni, realizzato da Giuseppe Rota nel 1762, divenne di proprietà della cantante lirica Rosamunda Pisaroni nel 1830, ospitando in quegli anni parecchi esponenti del mondo dell'arte e della cultura. Divenuto in seguito di proprietà della Cassa di Risparmio di Piacenza , ospita la sede della Fondazione di Piacenza e Vigevano [63] .
  • Palazzo Somaglia, edificato a partire dal 1688 per volontà del conte Orazio Cavazzi della Somaglia, presenta una facciata con tre ordini di finestre e tre balconcini in ferro battuto e uno scalone che si affaccia sul loggiato, aggiunto probabilmente intorno al 1730 su progetto di Domenico Cervini, caratterizzato da quattro rampe divergenti oblique con balaustra realizzata in arenaria [64]
Una veduta di Palazzo Farnese.
  • Palazzo Farnese , costruito a partire dalla preesistente cittadella viscontea, venne realizzato a partire dal 1561 su desiderio di Ottavio Farnese , secondo duca di Parma e Piacenza, e di sua moglie, Margherita d'Austria , figlia di Carlo I di Spagna . Dopo essere stato inizialmente affidato a Francesco Paciotto nel 1558, il progetto dell'edificio venne portato a termine dal Vignola nel 1561. I lavori di costruzione proseguirono, alternando avanzamenti dei lavori a pause fino al 1603, anno in cui furono definitivamente interrotti quando il progetto del Vignola era giunto alla metà del suo completamento. Dopo essere stato spogliato di tutti i beni e delle opere d'arte a seguito dell'ascesa di Carlo di Borbone, già duca di Parma e Piacenza, sul trono delle Due Sicilie, nel 1734, il palazzo conobbe un periodo di degrado venendo adibito anche a caserma, subendo ulteriori saccheggi da parte delle truppe napoleoniche e diventando ricovero per sfollati dopo la seconda guerra mondiale [65] . A partire dagli anni '60 del XX secolo iniziò il recupero dell'edificio che subì diverse campagne di restauri divenendo sede dei musei civici di Piacenza [66] . e dell' Archivio di Stato [67] ..
  • Palazzo del Governatore, edificio risalente al 1787, realizzato in stile neoclassico dall'architetto Lotario Tomba , ospitò fino all'annessione al Regno di Sardegna, il governatore della città Sulla facciata presenta un orologio ai cui lati sono posti una meridiana solare e un calendario perpetuo realizzato da Gian Francesco Barattieri. La facciata si caratterizza per l'altezza limitata con due torrette laterali alte esattamente come il rialzo centrale dove si trova l'orologio. Il palazzo ospita la sede della locale camera di Commercio , mentre al piano terra si trova una galleria commerciale coperta aggiunta durante gli anni '50 del Novecento [68] .
Palazzo Comunale.
  • Palazzo dei Mercanti, situato nell'omonima piazzetta, fu costruito tra il 1676 e il 1697 su progetto dell'architetto piacentino Angelo Caccialupi per volere del collegio dei Mercanti, da cui prende il nome. Dopo la soppressione del collegio dei Mercanti, avvenuta in epoca napoleonica, fu sede del collegio elettorale, del tribunale del commercio e del Teatro della Filodrammatica, per poi diventare sede del comune [69] .
Teatro Municipale.
  • Teatro Municipale : Progettato dall'architetto Lotario Tomba in sostituzione del teatro della Cittadella, andato distrutto nel 1798 in seguito a un incendio, e inaugurato nel 1804, presenta una facciata ispirata a quella del teatro alla Scala di Milano ; gli interni furono decorati da Alessandro Sanquirico , scenografo presso il teatro milanese. Al di sopra della sala principale, si trova l'ex sala degli scenografi, che è stata trasformata negli anni '70 in un auditorium da 320 posti [70] .
  • Teatro dei Filodrammatici , realizzato all'inizio del novecento trasformando la chiesa del monastero di Santa Franca, sconsacrata dopo l'epoca napoleonica. I lavori furono guidati dall'ingegner Giovanni Gazzola che realizzò esterni in stile liberty con decorazioni ad ali di farfalla e parti in ferro battuto , mentre gli interni presentano un gusto più ottocentesco con decorazioni floreali [70] .

Architetture militari

  • Castello di Mucinasso : situato nell'omonima frazione e costruito in epoca imprecisata, nel medioevo venne distrutto dalle forze di Enzo di Svevia . Divenne di proprietà della famiglia Radini Tedeschi nel 1486. Nel 1503 Giovanni Radini Tedeschi inoltrò una richiesta di ricostruzione del maniero, che si trovava in cattive condizioni, al re di Francia Luigi XII . L'edificio rimase alla famiglia Radini Tedeschi anche quando questa perse il feudo di Mucinasso. Nel 1916 venne alienato dalla contessa Leopolda Radini Tedeschi, diventando di proprietà dei marchesi Malvicini Fontana di Nibbiano. La costruzione è stata pesantemente rimaneggiata nei secoli, mentre il fossato è stato interrato nel Novecento [71] .
  • Torre della Razza : Originariamente di proprietà della famiglia Raggia, da cui deriva, in maniera alterata, il nome della costruzione, nel 1687 venne concesso dalla Camera Ducale farnesiana un appezzamento di terreno posto nei pressi della torre al conte Giovanni Battista Radini-Tedeschi, tuttavia non è noto se in esso fosse compresa anche la costruzione. Alla torre fu in seguito addossato un podere agricolo che dipese dall0opera parrocchiale di San Giovanni in Canale e pervenne, infine, al demanio. La torre, di probabile edificazione cinquecentesca, è posta nelle vicinanze della via Emilia e del ponte sul torrente Nure [72] .

Altro

  • Viale pubblico passeggio, chiamato Facsal (o Faxhall ) : è un viale alberato lungo poco meno di 2 km posto su una parte della cinta muraria rinascimentale [73] . Ombreggiato da platani secolari e in posizione predominante rispetto ai luoghi circostanti, è luogo di passeggiate o riposo sulle numerose panchine di cui è disseminato. Parte dal centro storico (corso Vittorio Emanuele II) e arriva fino al piazzale della Libertà, non lontano dalla stazione ferroviaria. Il nome Facsal è una storpiatura di quello dei Vauxhall Gardens di Londra [73] , giardini la cui popolarità agli inizi del XIX secolo crebbe fino a rendere il proprio nome un termine generico per indicare giardini alberati posti in altre città.
  • Via Taverna ( Strä Alvä o la Strä Lvä ), con la vicina via Campagna era una delle zone più popolari del centro storico, abitata da gente di estrazione umile [74] . Tradizionalmente la zona veniva considerata residenza di chi è piacentino da innumerevoli generazioni e nell'immaginario era luogo delle specificità piacentine per antonomasia. Il nome strada Levata derivava dal fatto che la via fosse in posizione più alta rispetto ad altre vie limitrofe come via Campagna.
  • Piazza Cavalli ( Piassa Caväi ) è la piazza duecentesca su cui sorgono il palazzo Gotico, il palazzo del Governatore e la chiesa di San Francesco e da cui parte via XX Settembre. Prende il nome dalle due statue equestri raffiguranti Ranuccio e Alessandro Farnese , realizzate da Francesco Mochi da Montevarchi tra il 1612 e il 1628 [75] .
Vista aerea del centro di Piacenza dal duomo
  • Via XX Settembre ( la Strä Dritta [76] ), nota per i suoi balconi in ferro battuto, collega piazza Duomo e piazza Cavalli in quanto era uso nel medioevo collegare con una strada dritta il simbolo del potere politico con quello religioso [77] . Fu rinominata via XX Settembre per forgiare la memoria popolare sul ricordo della conquista di Roma da parte del Regno d'Italia nel 1870 [77] . È la via cittadina dedicata allo shopping per eccellenza [78] , insieme al corso Vittorio Emanuele ( San Raimond o, più recentemente, al Curs ). In alcuni periodi storici era chiamata anche la Strä di Urévas (la Strada degli Orefici) perché vi si trovavano diverse botteghe di oreficeria [76] .
  • La muntä di ratt è la caratteristica scalinata che collega via Mazzini alla più bassa via San Bartolomeo ( San Burtlamé ). Secondo la tradizione popolare, era detta "montata dei topi" perché questi roditori l'avrebbero percorsa al fine di lasciare le zone cittadine più basse e adiacenti al Po durante le alluvioni e le piene del fiume. In realtà, è più probabile che l'etimologia sia riconducibile a "montata ratta", espressione che stava ad indicare una ripida salita [79] .
Il monumento alla lupa presso Porta Galera.
  • Porta Galera un tempo era un quartiere popolare del centro storico. I piacentini chiamavano così le parti terminali di via Scalabrini e via Roma, con relative adiacenze, comprese nella parrocchia di Sant'Anna.Il nome derivava, forse, dalla presenza in epoca medievale di un forte di modeste dimensioni a cui era annessa una torre con funzione di carcere impiegata per imprigionare i ladri [80] .
  • Piazzale Roma anche detto la Lupa è la vecchia porta nelle mura che volgeva in direzione di Roma. Il suo soprannome deriva dalla colonna monumentale posta al centro della piazza sull'apice della quale è scolpita la lupa, simbolo di Roma, con gli infanti Romolo e Remo , opera commissionata nel 1938 per commemorare la proclamazione di Vittorio Emanuele III ad imperatore di Etiopia [81] . È situata alla conclusione a sud di via Roma e via Scalabrini e segna l'inizio della via Emilia .
  • Sant'Agnese ( Sant'Agnesa ) quartiere, un tempo popolare, al limitare del centro storico che porta il nome della patrona dei barcaioli, essendo un tempo la zona dotata di un varco che permetteva alle imbarcazioni provenienti dal Po di risalire il cavo Fodesta per entrare all'interno delle mura cittadine [82] .
  • Piazza Borgo, piazza sorta in epoca medievale a ovest dei limiti della vecchia città romana. Si formò intorno nell'XI secolo a seguito del fenomeno dell'inurbamento con il quale arrivarono delle masse contadine dalla campagna sperando di trovare fortuna in città. Non trovando nel perimetro delle vecchie mura romane, essi costruirono le loro case al di fuori del territorio urbano, case che presero il nome di sobborgo , da cui derivò, poi, il nome della piazza [83] . Da questa piazza si diramano via del Castello, via Campagna e via Taverna, tre delle strade considerate storiche dai piacentini.

Aree naturali

  • Parco regionale fluviale del Trebbia: ai margini dell'area urbana, il comune di Piacenza è interessato dall'ultimo segmento del parco [84] . Nel tratto cittadino, che si estende per 8,5 km dal confine con il comune di Gossolengo fino alla confluenza della Trebbia nel Po, è presente un'area attrezzata con percorsi ciclopedonali e arredi urbani [85] . Istituita nel 2009, l'area protetta si estende per 4 000 ha e una trentina di chilometri lungo il basso corso del fiume e le aree golenali circostanti, fino al comune di Rivergaro [84] [85] . In tale ambiente steppico costituito da isole ghiaiose, fasce di prateria arida e boschetti transitano e sostano diverse specie di uccelli migratori, in particolare anatidi ; di particolare rilevanza è la presenza dell' occhione . La flora si contraddistingue per la presenza di formazioni steppiche e basso arbustive particolarmente ricche, che ospitano diverse specie appenniniche ed alcune orchidee [86] .
  • Parco Papa Giovanni Paolo II , comunemente noto come parco della Galleana, dal nome del limitrofo quartiere della periferia sud, è il parco cittadino più esteso. Nell'area verde, di circa 150 000 , di cui 100.000 a prato, esisteva una polveriera militare (cioè un deposito munizioni) utilizzata fino alla seconda guerra mondiale . È stata riconvertita a parco all'inizio degli anni '80 del XX secolo . Il parco è dotato di servizi igienici, di una notevole quantità e metratura di vialetti per il passaggio e di sentieri all'interno della parte a bosco percorribili a piedi o in mountain bike, tre fontanelle d'acqua e una serie di bacheche informative che forniscono notizie sulle piante e gli animali che vi dimorano [87] . Vi si alternano ampi spazi prativi e macchie arboree e arbustive di specie spontanee, con querce di maggiori dimensioni, a macchie boscate più o meno folte e radure. Un filare di ciliegi e farnie giovane bosco misto caratterizzato da siepi e macchie arbustive composte da prugnolo, biancospino, rosa selvatica e rovo, qua e là compaiono esemplari di olmo campestre, bagolaro, rusticano, gelso e noce di discrete dimensioni [88] . Mappe settecentesche hanno consentito di individuare nell'area in oggetto una postazione militare esterna alle mura cinquecentesche che proteggevano la città. Nel giugno del 1746, durante la guerra di successione austriaca , l'area fu al centro di un cruento scontro tra l'esercito di Maria Teresa d'Austria , alleato del Regno di Sardegna , e le truppe franco-spagnole [88] .
  • Parco di Montecucco: secondo parco cittadino per estensione, è situato nella periferia sudorientale e collegato al parco Papa Giovanni Paolo tramite pista ciclabile. Gli alberi, ad alto fusto e foglia caduca, messi a dimora a partire dal lavori avviati nel 1997, sono tipici della zona, in modo da rispecchiare fedelmente la natura circostante. Tra di essi compaiono cornioli, frassini, querce, caprini neri, maggiociondoli e bagolari. Le coltri arboree si alternano ad aree destinate picnic, giochi, sport, tranquillità e lettura. Il parco di Montecucco si estende per una superficie di 16 ettari [89] .
  • Giardini Margherita: in stile romantico ottocentesco , sono la principale area verde del centro storico. All'interno di uno schema costituito da vialetti, aiuole di varia forma, dossi, collinette e avvallamenti, sono presenti tassi , bagolari , tigli , olmi , platani , aceri campestri , ippocastani e farnie , sofore , cedri del Libano e dell' Atlante , pini e faggi , come in uso nei giardini del XIX secolo [90] . Tra essi sono presenti anche alcuni alberi secolari: un faggio e tre cedri [91] , uno di essi classificato come albero monumentale [92] . Del XIX secolo sono un tempietto dedicato a Psiche, un obelisco e un altro tempietto che ospitava un busto di Giuseppe Mazzini posti ad arredare le aiuole; successivamente, sono stati introdotti un padiglione ferreo per spettacoli, statue e busti dei poeti dialettali Egidio Carella, Valente Faustini e della batuśa (la popolana piacentina immortalata in una poesia del Faustini), oltre che di altre personalità locali (all'esterno è posta invece una statua di Giuseppe Garibaldi ) [90] [90] [93] . I giardini Margherita, così denominati nel 1893 in onore della regina consorte Margherita di Savoia , appartennero inizialmente a una famiglia nobiliare che li realizzò nel 1822 per poi cederli parzialmente al comune di Piacenza nel 1856; l'ente li acquisì definitivamente nel 1880 [90] [94] .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [95]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2019 [96] la popolazione straniera residente era di 20 373 persone, pari al 19.53% del totale.

Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano [96] :

  1. Romania , 2 573 (2.47%)
  2. Albania , 2 394 (2.29%)
  3. Marocco , 1 676 (1.61%)
  4. Macedonia del Nord , 1 571 (1.51%)
  5. Ecuador , 1 571 (1.51%)
  6. Egitto , 1 378 (1.32%)
  7. Ucraina , 964 (0.92%)
  8. Bosnia ed Erzegovina , 687 (0.66%)
  9. Nigeria , 649 (0.62%)
  10. Cina , 641 (0.61%)

Qualità della vita

  • Comune Riciclone 2011 - Premio Co.Re.Ve.: Riconoscimento ottenuto nel 2011 dalla città assegnato da parte del Consorzio Recupero Vetro in qualità di primo comune del nord Italia per il livello qualitativo di eccellenza grazie all'adozione di modalità di raccolta differenziata monomateriale [97] .

Cultura

Università

Gesù crocifisso opera del Procaccini conservato nei musei civici di palazzo Farnese

La città di Piacenza, congiuntamente a Cremona, è sede di uno dei campus dell' università Cattolica del Sacro Cuore . Nella sede piacentina dell'ateneo sono presenti corsi di laurea afferenti tre dipartimenti : economia e giurisprudenza; scienze agrarie, alimentari e ambientali e scienze della formazione [98] . In città è presente anche un polo territoriale del Politecnico di Milano che offre corsi di laurea in ingegneria e architettura [99] .

Infine, è attiva anche una sede distaccata dell' università degli Studi di Parma che offre corsi di laurea in fisioterapia e infermieristica [100] , mentre, a partire dal 2021 è in programma l'attivazione di un corso di laurea in inglese in medicina e chirurgia [101] . Completano l'offerta formativa cittadina il conservatorio Giuseppe Nicolini e lo studio di teologia attivo nel collegio Alberoni , affiliato alla facoltà di teologia della pontificia università "San Tommaso d'Aquino" di Roma [102] .

Musei

Palazzo Farnese ospita la sedei dei musei civici comunali, divisi in 9 collezioni dedicate rispettivamente ad affreschi medievali, museo archeologico, armi, carrozze, Fasti farnesiani, Risorgimento , pinacoteca, sculture e vetri e ceramiche. La sezione archeologica del museo ospita il fegato di Piacenza , modello bronzeo di un fegato utilizzato durante le cerimonie religiose risalente al periodo compreso tra il II e il I secolo aC e rinvenuto nel 1877 nel territorio del comune di Gossolengo [103]

Nel 1991, dopo che verso la metà degli anni '80 era stato costituito un comitato promotore, venne istituito il museo di Storia Naturale di Piacenza , ospitato inizialmente all'interno di palazzo Scotti da Fombio e trasferitosi nel 2007 presso l'ex fabbrica del ghiaccio dello Urban Center, area cittadina nata a seguito della riqualificazione dell'ex macello cittadino dove è ospitata anche parte del campus del polo piacentino del Politecnico di Milano. Il museo ospita una serie di collezioni provenienti in buona parte dalle raccolte conservate nell'istituto superiore Romagnosi [104] .

Il museo si suddivide in tre sezioni, ognuna delle quali posizionata in una sala, dedicate rispettivamente a pianura, collina e montagna; ognuna delle sezioni presenta un focus sulle tipicità degli ambienti della provincia piacentina come il fiume Po per la pianura, gli affioramenti ofiolitici ei calanchi per la collina e ruscelli, faggete e pascoli sommitali per la montagna [105] . Sono, inoltre, presenti tre collezioni dedicate alla botanica, alla mineralogia e alla zoologia. La collezione botanica si compone di diversi erbari , il più antico dei quali risalente all'Ottocento. La collezione di minerali si compone delle raccolte provenienti dall'istituto Romagnosi originatesi a partire dagli ultimi anni del XIX secolo su impulso del professor Del Lupo, mentre la collezione zoologica comprende una raccolta ornitologica frutto del lavoro di ricerca del medico e ornitologo piacentino Edoardo Imparati [106] .

La galleria Ricci Oddi
L' Ecce Homo di Antonello da Messina conservato al collegio Alberoni

In città ha la sua sede anche la galleria d'arte moderna Ricci Oddi , originata a partire dalla collezione privata raccolta da Giuseppe Ricci Oddi a partire dal 1898 e ospitata inizialmente nell'abitazione privata di Ricci Oddi. Le opere furono donate alla città nel 1924 e la galleria venne aperta al pubblico nel 1931, ospitando una serie di opere di datazione compresa tra il 1830 e il 1930, quasi esclusivamente di arte figurativa, con un'esclusione quasi totale delle arti considerate minori e con un sostanziale equilibrio tra opere provenienti dalle diverse zone d'Italia, limitando la presenza di degli artisti stranieri al solo influsso che le loro opere hanno avuto sull'arte italiana [107] . Dopo la morte del fondatore, avvenuta nel 1937 la galleria continuò ad ampliare la sua collezione grazie ai lasciti dello stesso Ricci Oddi [108] . La galleria ospita il Ritratto di signora di Gustav Klimt , dipinto al di sopra di un precedente ritratto raffigurante una ragazza opera dello stesso Klimt e considerato perduto per anni. Il dipinto venne rubato dalla galleria nel 1997, un anno dopo la scoperta della presenza del Ritratto di ragazza [109] , e è stato ritrovato all'interno della galleria nel 2019 [110] .

Completano l'offerta culturale cittadina la biblioteca comunale Passerini-Landi, la quale contiene al suo interno il codice landiano 190, la versione manoscritta più antica della Divina Commedia di Dante , riportante all'interno dell'explicit l'indicazione dell'anno 1336 [111] , e il collegio Alberoni che, oltre agli studi di teologia, ospita al suo interno un museo di storia naturale, nato dal materiale donato dal botanico e naturalista padre Zaccaria da Piacenza [112] e la pinacoteca costituita per buona parte da opere raccolte dal cardinale Giulio Alberoni , a cui si deve la costruzione del complesso, durante la sua vita; all'interno della galleria è conservato l' Ecce Homo di Antonello da Messina [113] .

Eventi

  • Venerdì piacentini: principale kermesse estiva, prevede l'apertura serale degli esercizi commerciali del centro storico e la collocazione di eventi musicali, artistici e culturali in tutte le piazze e le strade interne alla cerchia delle mura farnesiane. Di norma la manifestazione si svolge durante i venerdì dei mesi di giugno e luglio [114] .
  • Festa di Sant'Antonino: si tiene il 4 luglio di ogni anno, nel giorno del patrono della città, Sant'Antonino . Per l'occasione, vengono organizzate diverse iniziative tra cui la Santa Messa ospitata nella basilica di Sant'Antonino celebrata dal vescovo di Piacenza-Bobbio alla presenza di tutte le principali autorità cittadine. Viene, inoltre, consegnata la principale onorificenza cittadina, l'Antonino d'oro, istituito nel 1986 da parte del Capitolo della basilica antoniniana e assegnato ad anni alterni a una personalità del mondo laico ea una personalità del mondo ecclesiastico [115] . Contemporaneamente per l'occasione viene organizzato anche un evento fieristico composto da bancarelle poste lungo il viale del Pubblico Passeggio e altre vie limitrofe del centro storico.
  • Festa di Santa Rita da Cascia : si celebra il 22 maggio. L'importante evento per i piacentini devoti alla "Santa della Rosa", è caratterizzato da una messa nella chiesa dei Cappuccini, sul cui sagrato vengono distribuite ai fedeli rose benedette e gagliardetti raffiguranti la Santa in preghiera, e da una lunga processione di auto per la benedizione dei veicoli [116] .
  • Festival del diritto : organizzato tra il 2008 e il 2016 [117] durante il mese di settembre, consisteva in una rassegna svolta a cadenza annuale che prevedeva l'organizzazione di incontri, seminari e dibattiti relativi ad uno specifico tema variabile ad ogni edizione e che ha ospitato relatori di fama nazionale e internazionale provenienti dal mondo della politica, dello sport, della religione, dell'economia e della filosofia.
  • Piacenza Jazz Fest: un festival dedicato alla musica jazz che a partire dal 2003 si svolge in città e nel territorio provinciale, con alcuni occasionali eventi organizzati nelle province limitrofe. Nel corso delle edizioni hanno partecipato diversi artisti di fama internazionale, tra i quali Brad Mehldau , Javier Girotto , Paolo Fresu , Uri Caine , Franco Ambrosetti , Enrico Rava , Franco D'Andrea .

Geografia antropica

Suddivisioni amministrative

Il comune di Piacenza è stato suddiviso in quattro circoscrizioni di decentramento comunale , soppresse nel 2012 come previsto dalla legge n. 42 del 2010 [118] . La Circoscrizione 1 comprendeva il centro storico, la 2 i quartieri occidentali e le frazioni sudoccidentali, la 3 i quartieri e le frazioni meridionali e la 4 i quartieri e le frazioni orientali.

Quartieri

La chiesa di San Martino al Nure a "I Vaccari"

Frazioni

Economia

Agricoltura

Uno dei punti focali dell'agricoltura piacentina è il settore del latte, in cui operano 24 imprese per quasi 400 addetti. Il prodotto principale realizzato con il latte piacentino è il Grana Padano . Un'altra filiera molto importante è quella dei salumi, con la produzione che si concentra sui 3 DOP coppa piacentina , salame piacentino e pancetta piacentina [128] . Piacenza occupa inoltre una posizione di leadership nella produzione del pomodoro, al quale è dedicato il festival OroRosso [129] . Infine, molto sviluppata è la viticoltura con la presenza di 36 DOC tutelati dal Consorzio Tutela Vini DOC Colli Piacentini con sede in città [130] .

Industria

Forte a Piacenza è la presenza di aziende del settore delle macchine utensili con più di 100 imprese per un totale di 2 500 addetti operanti nei settori macchine per la lavorazione meccanica per asportazione, automazione, attrezzature e componentistica speciale, servizi tecnici specializzati, ricerca e sviluppo tecnologico [131] . In città è presente anche il laboratorio MUSP che si occupa dello studio delle macchine utensili e dei sistemi di produzione.

Un altro settore molto sviluppato a Piacenza è la raccorderia, presente in città sin dalla fine degli anni '30 con il reparto bocche da fuoco dell'arsenale cittadino, nel complesso nel piacentino sono presenti 15 società di capitali che producono raccordi forgiati [132] .

Artigianato

Per quanto riguarda l' artigianato , Piacenza è rinomata soprattutto per la produzione di mobili d'arte in stile . [133]

Servizi

Grazie alla vicinanza strategica con le aree industriali della pianura Padana e alla presenza di importanti vie di comunicazione (ferrovie e autostrade), a partire dagli anni 2000 si è sviluppato un polo logistico, situato a est della città, nella frazione di Le Mose, a breve distanza dal casello autostradale di Piacenza Sud e collegato tramite un fascio di binari alla ferrovia per Cremona [134] . Tra le aziende insediate nel polo logistico spiccano Unieuro , Italiarredo [134] e IKEA [135] .

Sono stati realizzati inoltre progetti per delocalizzare lo scalo merci della stazione ferroviaria nei pressi del polo logistico per favorire l'interscambio gomma-ferro, liberando inoltre dai binari ampi spazi situati non lontano dal centro cittadino nei pressi dell'attuale scalo [136] . Il polo piacentino si candida inoltre a essere la piattaforma logistica privilegiata per il porto della Spezia ; a questo scopo nel luglio 2015 è stato firmato un protocollo d'intesa tra il comune e l'autorità portuale ligure [137] .

A poca distanza dal polo logistico si trova il quartiere fieristico, terminato nel 2000 e composto da 3 padiglioni espositivi per complessivi 14 000 , un'area esterna da 7 000 , due sale congressi e una sala corsi [138] .

Turismo

Piacenza ha fatto parte del circuito Città d'Arte della Pianura Padana insieme ad altre città lombarde ed emiliane, poi sciolto nel 2018 [139] . Nel 2015 si sono registrati a Piacenza 117 500 arrivi e 221 300 presenze, che corrispondono circa alla metà del valore complessivo registrato in provincia di Piacenza [140] .

Infrastrutture e trasporti

Il ponte stradale ( SS 9 Emilia ) illuminato sul fiume Po

Strade

Vi si intersecano le autostrade A1 (Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli) e A21 (Torino-Piacenza-Brescia). Le uscite autostradali cittadine ei relativi caselli sono stati quattro fino al 2008: due lungo l'A1 ( Piacenza Nord , successivamente rinominato Basso Lodigiano , presso Guardamiglio , in provincia di Lodi , e Piacenza Sud ) e due lungo l'A21 ( Piacenza Ovest e Piacenza Est ). La quarta uscita, Piacenza Est , posta lungo l'A21, è stata rinominata Piacenza Sud , a causa della sua vicinanza con l'omonima uscita sull'A1.

Il ponte della via Emilia sul fiume Po che collega la città alla Lombardia ha subito il crollo di un'arcata il 30 aprile 2009, rendendo necessario il transito obbligatorio sull'autostrada. Il 16 novembre 2009 è stato inaugurato un ponte provvisorio poggiante su elementi galleggianti, utilizzato fino al 18 dicembre 2010, data di apertura al traffico del nuovo ponte in acciaio [141] .

Ferrovie

La stazione in una cartolina del 1939

Essendo posta lungo la linea ferroviaria Milano - Bologna ed essendo capolinea della linea per Alessandria e per Cremona (di interesse locale), Piacenza è uno snodo ferroviario strategico in cui transitano anche i treni diretti a Genova .

La stazione ferroviaria è interessata da un forte flusso di pendolari diretti prevalentemente a Milano e provenienti non solo dalla città, ma anche dalle medie e basse valli della Trebbia , del Nure e da parte di quella del Tidone (che già si avvale della stazione di Castel San Giovanni ). Nei pressi della città passa inoltre la linea ad alta velocità Milano - Bologna .

Dal 1933 al 1967 Piacenza fu capolinea della linea ferroviaria per Bettola , gestita dalla Società Italiana Ferrovie e Tramvie (SIFT), la cui stazione capolinea si trovava davanti alla stazione FS.

Tranvie

Tra il 1881 e il 1938 da Piacenza si diramava una vasta rete tranviaria interurbana a vapore, gestita a partire dal 1908 dalla SIFT, che comprendeva le linee per:

Inoltre, dal 1908 Piacenza fu servita da una rete tranviaria urbana a trazione elettrica, che nel 1924 raggiunse San Rocco al Porto . Le tranvie urbane furono soppresse nel 1955 e sostituite da autolinee gestite dalla società Auto Guidovie Italiane [142] .

Aeroporti

Per il trasporto aereo, gli scali più vicini sono l' aeroporto di Parma ei tre aeroporti dell' area milanese : Milano-Malpensa , Milano-Linate e Bergamo-Orio al Serio . In provincia ha sede l' aeroporto Militare di San Damiano .

Mobilità urbana

I trasporti pubblici in città e provincia sono gestiti da SETA .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Piacenza .

Gemellaggi

Piacenza è gemellata con le seguenti città d' Europa :

Sport

La principale squadra calcistica della città è il Piacenza , che vanta 8 partecipazioni alla Serie A e che disputa le partite interne allo stadio Leonardo Garilli . Altra squadra cittadina capace di raggiungere il professionismo è stato il Pro Piacenza , sciolto nel 2019 a seguito di una grave crisi societaria e amministrativa, che vanta 5 partecipazioni alla Serie C . Entrambe le società sono state fondate nel 1919. Inoltre, la città ha dato i natali a due famosi attaccanti che hanno calcato i campi della Serie A e della Champions League, ovvero i fratelli Filippo e Simone Inzaghi.

Per quanto riguarda la pallavolo, Piacenza è stata rappresentata fino al 2018 dalla squadra maschile Pallavolo Piacenza che ha vinto uno scudetto, una Coppa Italia, una supercoppa italiana e due coppe europee; con la chiusura di questa società, la sua eredità è stata presa dalla neocostituita You Energy Volley , militante nella stagione 2019-2020 in Superlega . Fino al 2016 era presente a Piacenza anche una squadra femminile, la River Volley , vincitrice di due campionati italiani, trasferitasi, poi, a Modena [145] dove è rimasta fino alla chiusura definitiva, avvenuta nel 2018.

Nella pallacanestro, l' Unione Cestistica Piacentina ha disputato il campionato di Legadue nella stagione 2011-2012 prima di non iscriversi e successivamente fallire. Dopo la scomparsa dell'UCP a rappresentare la pallacanestro a Piacenza c'è la Pallacanestro Piacentina , militante in Serie B e con all'attivo due campionati di Serie A2 e l' UCC Assigeco Piacenza nato dalla fusione tra il Piacenza Basket Club e l'UC Casalpusterlengo nel 2016 [146] che milita in Serie A2 .

Sono presenti inoltre diverse squadre di rugby , tra cui le due più importanti Piacenza Rugby Club , militante in Serie B e Rugby Lyons Piacenza , militante in TOP10 , entrambe le squadre hanno all'attivo diversi campionati in massima serie.

Nel baseball è rappresentata dal Piacenza Baseball e dai Red Devils Piacenza, mentre nella pallanuoto dall'Everest Piacenza Pallanuoto, e dalla Kosmo Pallanuoto Piacenza.

La vicinanza del fiume Po ha favorito il sorgere di numerose associazioni per la pratica della motonautica agonistica. Motonautica Associazione Piacenza e GS Esercito presso il Genio Pontieri annoverano tra i loro piloti un nutrito numero di campioni e primatisti mondiali. Sempre in riva al fiume, le due ultracentenarie società piacentine "Vittorino da Feltre" e "Nino Bixio" mantengono viva la tradizione piacentina del canottaggio e del nuoto.

Piacenza è stata inserita nel percorso del Giro d'Italia 24 volte. Due volte la città è stata sede di arrivo: nel 1968 con la tappa Alessandria -Piacenza, vinta da Guerrino Tosello e nel 1986 con la tappa Foppolo -Piacenza, vinta da Guido Bontempi e altre tre volte è stata sede di partenza: sempre nel 1986, quando all'indomani della tappa vinta da Bontempi si disputò la cronometro individuale Piacenza- Cremona , nel 2006 quando lo stesso percorso Piacenza-Cremona fu teatro di una cronosquadre [147] e nel 2021 quando ci fu la Piacenza- Sestola [148] , vinta da Joseph Dombrowski [149] . In campo femminile, la città è stata sede di arrivo di due tappe del Giro Rosa , nel 2011 e nel 2018 ; nel secondo caso la città è stata anche sede di partenza e la tappa si è svolta interamente nel territorio della provincia di Piacenza [150] .

Il fiume Po.

Citazioni

«Dunque il Po comincia a Piacenza, e fa benissimo...»

( Giovannino Guareschi [151] )

«La Lombardia muore a Piacenza, e ad essa subentra l'Emilia; ma, pure appartenendo alla regione emiliana, Piacenza è ancora una città lombarda.»

( Guido Piovene [152] )

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio) , su demo.istat.it . URL consultato il 29 marzo 2021 .
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ 14° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni - Popolazione residente - Piacenza , su dawinci.istat.it , Istituto nazionale di statistica . URL consultato il 15 maggio 2019 .
  5. ^ Piacènza (città) , in Sapere.it , De Agostini .
  6. ^ Marco Morino, Piacenza crocevia dei trasporti , in Il Sole 24 Ore , 5 gennaio 2013. URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  7. ^ a b Piano Strutturale Comunale di Piacenza - 7. Climatologia , p. 4 .
  8. ^ Climatologia - Provincia di Piacenza , p. 37 .
  9. ^ Clima , su meteovalnure.it . URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  10. ^ La neve a Piacenza nel XX secolo , su marcopifferetti.altervista.org . URL consultato il 2 gennaio 2020 . marcopifferetti.altervista.org
  11. ^ Clima , su meteovalnure.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  12. ^ a b c Storia della città di Piacenza , su movio.beniculturali.it . URL consultato il 18 settembre 2020 .
  13. ^ a b c Piacenza , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18 settembre 2020 .
  14. ^ Polibio , III, 40, 4-5 .
  15. ^ La Mediolanum - Laus Pompeia nei secoli , su melegnano.net . URL consultato il 5 aprile 2020 .
  16. ^ lombarda, lega , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18 settembre 2020 .
  17. ^ La basilica , su sant-antonino.it . URL consultato il 7 giugno 2020 .
  18. ^ Davide Galluzzi, La congiura contro Pier Luigi Farnese , in Blog su Ilcorriere.it , 19 giugno 2020.
  19. ^Giampiero Brunelli, OTTAVIO Farnese, duca di Parma , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 79, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 18 settembre 2020 .
  20. ^ a b c Parma e Piacenza, ducato di , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18 settembre 2020 .
  21. ^ La rivoluzione del '48 e Piacenza "Primogenita" , su piacenzaprimogenita150.it . URL consultato il 15 maggio 2020 .
  22. ^ ( EN ) Aprile 1945, gli alleati arrivano a Piacenza , su Gruppo Ricercatori Aerei Caduti Piacenza . URL consultato il 5 aprile 2021 .
  23. ^ Piacenza tra arte, Po e Appennino , su cittadarte.emilia-romagna.it . URL consultato il 15 maggio 2020 .
  24. ^ Città di Piacenza – Profilo araldico , su araldicacivica.it . URL consultato il 17 giugno 2019 .
  25. ^ Copia archiviata , su araldicacivica.it . URL consultato il 7 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  26. ^ a b Piacenza - Medaglia d'oro al valor militare , su quirinale.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  27. ^ Piacenza - Medaglia alle città benemerite del risorgimento nazionale , su quirinale.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  28. ^ Conferita dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro nel 1996.
  29. ^ Piacenza capitale antirazzista 2016 | Ministero dell'Interno , su www.interno.gov.it . URL consultato il 21 marzo 2016 .
  30. ^ Cenni storici , su cattedralepiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  31. ^ Pittura , su cattedralepiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  32. ^ Basilica di Sant'Antonino , su comune.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  33. ^ Chiesa di San Savino , su comune.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  34. ^ San Giovanni in Canale , su marcostucchi.com . URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 26 gennaio 2018) .
  35. ^ a b Basilica di Santa Maria di Campagna , su comune.piacenza.it . URL consultato il 10 agosto 2020 .
  36. ^ S. Maria di Campagna , su movio.beniculturali.it . URL consultato il 10 agosto 2020 .
  37. ^ La cupola , su salitaalpordenone.it . URL consultato il 10 agosto 2020 .
  38. ^ Cappella di Santa Caterina , su salitaalpordenone.it . URL consultato il 10 agosto 2020 .
  39. ^ Piacenza - Basilica di S.Maria di Campagna - organo "Serassi" (1825-1838) , su organoserassipiacenza.it . URL consultato l'11 agosto 2020 .
  40. ^ Chiesa di San Sisto , su comune.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  41. ^ ( EN ) Basilicas in Italy , su gcatholic.org . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  42. ^ De Soresina Vidoni , p. 128 .
  43. ^ Desirée Maida, Rinasce la Chiesa di Sant'Agostino a Piacenza. Al suo interno apre Volumnia di Enrica De Micheli , in Artribune , 5 marzo 2019.
  44. ^ Chiesa delle Benedettine , su turismo.provincia.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  45. ^ Affreschi medievali , su palazzofarnese.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  46. ^ Michela Vignola, La chiesa-teatro di San Lorenzo: uno dei luoghi “dimenticati” di Piacenza che hanno davvero fatto la storia , su sportelloquotidiano.com , 7 maggio 2019.
  47. ^ I frati di Tolla possedevano un monastero con una bella chiesa nella città di Piacenza, dai quaderni della valtolla - Storie e tradizioni della valdarda , su quadernivaltolla.wordpress.com . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  48. ^ Campi , p. 170 .
  49. ^ Chiesa di San Donnino , su turismo.provincia.pc.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  50. ^ Chiesa di San Pietro <Piacenza> , su chieseitaliane.chiesacattolica.it , 20 aprile 2011. URL consultato il 4 novembre 2019 .
  51. ^ Chiesa di san Pietro , su turismo.provincia.piacenza.it . URL consultato il 4 novembre 2019 .
  52. ^ Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , pp. 165, 167 .
  53. ^ Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , pp. 230, 231 .
  54. ^ San Donato di Fiesole in Santi e Beati , su santiebeati.it .
  55. ^ Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , p. 211 .
  56. ^ Campi .
  57. ^ Palazzo Gotico , su comune.piacenza.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  58. ^ 35 cose da vedere a Piacenza , su poderecasale.com . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  59. ^ Palazzo Mandelli , su turismopiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2019) .
  60. ^ Massimo Mazzoni, Palazzo Scotti da Fombio (Collegio Morigi) , su ripensandopiacenza.blogspot.com , 25 febbraio 2008. URL consultato il 6 luglio 2020 .
  61. ^ Cenni storici , su tribunale.piacenza.giustizia.it . URL consultato il 6 luglio 2020 .
  62. ^ Palazzo Costa , su turismopiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2019) .
  63. ^ Palazzo Rota Pisaroni , su turismopiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2019) .
  64. ^ Palazzo Somaglia , su turismopiacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2019) .
  65. ^ Il palazzo Farnese , su palazzofarnese.piacenza.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  66. ^ Ente per il Restauro e per l'Utilizzazione di Palazzo Farnese e per il Restauro delle Mura Farnesiane (Ente Farnese) ( PDF ), su entefarnese.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  67. ^ Palazzo Farnese , su archiviodistatopiacenza.beniculturali.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  68. ^ Palazzo del Governatore , su comune.piacenza.it . URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  69. ^ Palazzao dei Mercanti , su comune.piacenza.it . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  70. ^ a b Piacenza città dei teatri , su emiliaromagnawelcome.com . URL consultato il 9 novembre 2019 .
  71. ^ Castello di Mucinasso , su turismoapiacenza.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  72. ^ Artocchini , p. 316 .
  73. ^ a b Il Facsal , su comune.piacenza.it , 11 giugno 2013. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  74. ^ Giuseppe Romagnoli, Quando via Taverna era Strà 'lvà: tutto ruotava attorno all'arsenale, posto di lavoro sicuro e garanzia di pensione , in IlPiacenza , 19 novembre 2018. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  75. ^ Piazza Cavalli , su comune.piacenza.it . URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  76. ^ a b Stefano Brambilla, Che cosa fare a Piacenza, tra musei, chiese e piccoli tesori da scoprire , su touringclub.it , 20 aprile 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  77. ^ a b Sofia Mingarelli, Luoghi piacentini: una curiosità su via XX Settembre , in IlPiacenza , 9 dicembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  78. ^ In auto in via XX Settembre, sanzionati 7 automobilisti dall'inizio dell'anno , in Libertà , 22 settembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  79. ^ Munta' di Ratt , su comune.piacenza.it . URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  80. ^ Porta Galera , su piacenzantica.it . URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  81. ^ Monumento alla Lupa , su vitaincentroapiacenza.com . URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  82. ^ Giuseppe Romagnoli, La felicità povera di Sant'Agnese (I parte) , in IlPiacenza , 21 gennaio 2018. URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  83. ^ Piazza Borgo , su comune.piacenza.it . URL consultato il 6 dicembre 2020 .
  84. ^ a b Parco Fluviale del Trebbia. Acqua e biodiversità... ricchezze da scoprire e tutelare! , su parchidelducato.it , Parchi del Ducato. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  85. ^ a b Il parco fluviale regionale del Trebbia , su comune.piacenza.it , Comune di Piacenza. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  86. ^ Parco regionale Trebbia , su ambiente.regione.emilia-romagna.it , Regione Emilia-Romagna. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  87. ^ Parco Papa Giovanni Paolo II (Galleana) , su comune.piacenza.it , Comune di Piacenza. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  88. ^ a b Parco Giovanni Paolo II (già Parco della Galleana) , su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it , Istituto per i beni artistici, culturali e naturali dell'Emilia-Romagna. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  89. ^ Parco di Montecucco , su comune.piacenza.it , Comune di Piacenza. URL consultato il 16 settembre 2020 .
  90. ^ a b c d Giardini Margherita , su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it , Istituto per i beni artistici, culturali e naturali dell'Emilia-Romagna. URL consultato il 17 settembre 2020 .
  91. ^ Piacenza valorizza i suoi “monumenti verdi” all'interno dei Giardini Margherita , su piacenzasera.it . URL consultato il 17 settembre 2020 .
  92. ^ Da Ottone ai giardini Margherita, dai platani ai cedri: sono gli alberi monumentali. Il più alto è 30 metri , su liberta.it , Libertà. URL consultato il 17 settembre 2020 .
  93. ^ I piacentini famosi nascosti dai cespugli , su ilpiacenza.it , IlPiacenza. URL consultato il 17 settembre 2020 .
  94. ^ Giuseppe Romagnoli, Quando i giardini Margherita si chiamavano Villa Costa , su ilpiacenza.it , IlPiacenza. URL consultato il 17 settembre 2020 .
  95. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  96. ^ a b ISTAT, cittadini stranieri al 31 dicembre 2019 , su demo.istat.it . URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  97. ^ Dossier comuni ricicloni 2011 ( PDF ), su upload.legambiente.org .
  98. ^ Facoltà , su piacenza.unicatt.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  99. ^ Corsi di studio , su polo-piacenza.polimi.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  100. ^ Atenei e corsi di studio , su comune.piacenza.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  101. ^ A Piacenza un corso di laurea in Medicina in lingua inglese , su comune.piacenza.it , Ottobre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020 .
  102. ^ Studio teologico Collegio Alberoni , su collegioalberoni.it . URL consultato il 5 novembre 2019 .
  103. ^ Archeologico , su palazzofarnese.piacenza.it . URL consultato il 1º luglio 2020 .
  104. ^ La sede , su msn.piacenza.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  105. ^ L'allestimento , su msn.piacenza.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  106. ^ Le collezioni , su msn.piacenza.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  107. ^ La prima collezione , su riccioddi.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  108. ^ La galleria , su riccioddi.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  109. ^ Ritratto di Signora di Gustav Klimt , su riccioddi.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  110. ^ Marilena Pirrelli, Autentico il “Ritratto di Signora” di Klimt ritrovato a Piacenza Piacenza , in Il Sole 24 Ore , 18 gennaio 2020.
  111. ^ Il più antico codice della commedia è piacentino ( PDF ), in Panorama Musei , agosto 2004, p. 5.
  112. ^ Il museo di storia naturale , su collegioalberoni.it . URL consultato il 5 novembre 2019 .
  113. ^ Galleria e Collegio Alberoni , su comune.piacenza.it . URL consultato il 5 novembre 2019 .
  114. ^ Info utili , su venerdipiacentini.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  115. ^ Antonino d'oro , su sant-antonino.it . URL consultato il 20 settembre 2020 .
  116. ^ Mirko Rossi, Domani la benedizione delle auto per Santa Rita , in Piacenza24 , 21 maggio 2006.
  117. ^ “Il Festival del Diritto non si farà” La nota del comitato promotore , in PiacenzaSera , 11 settembre 2017.
  118. ^ Le ex circoscrizioni comunali , su comune.piacenza.it , Comune di Piacenza. URL consultato il 7 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 23 febbraio 2014) .
  119. ^ Giuseppe Romagnoli, L'arioso microcosmo di San Raimondo , su ilpiacenza.it , Il Piacenza. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  120. ^ Giuseppe Romagnoli, La storia di San Savino, quei bei tipi di "Trebbiola" , su ilpiacenza.it , Il Piacenza. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  121. ^ Giuseppe Romagnoli, La felicità povera di Sant'Agnese (parte I) , su ilpiacenza.it , Il Piacenza. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  122. ^ Chiese di Piacenza, Sant'Agnese , su movio.beniculturali.it , Istituto centrale per gli archivia. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  123. ^ Giuseppe Romagnoli, Porta Galera e paraggi, un microcosmo sociale complesso e variegato , su ilpiacenza.it , Il Piacenza. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  124. ^ “Memorie piacentine”: svelate le origini di Porta Galera , su liberta.it , Telelibertà. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  125. ^ a b c Le case popolari , su movio.beniculturali.it , Piacenza negli ann '30. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  126. ^ a b c d e f g h i j k Popolazione residente per zone , su Comune di Piacenza , 18 dicembre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2019 .
  127. ^ Frazione condivisa con il comune di Gossolengo .
  128. ^ L'agroindustria , su piacenzatheplace.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  129. ^ OroRosso , su ororosso.net (archiviato dall' url originale il 23 luglio 2016) . ororosso.net
  130. ^ Chi siamo , su insidepc.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  131. ^ La meccanica strumentale , su piacenzatheplace.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  132. ^ La raccorderia , su piacenzatheplace.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  133. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , pp. 4-6 .
  134. ^ a b Polo logistico di Piacenza , su jllproperty.it . URL consultato il 23 luglio 2016 (archiviato dall' url originale l'11 ottobre 2016) .
  135. ^ Marina Forti, All'Ikea anche gli operai hanno le istruzioni , in Internazionale , 10 ottobre 2015. URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  136. ^ Nuovo scalo merci al polo logistico , su comune.piacenza.it , 15 febbraio 2016. URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  137. ^ Filippo Mulazzi, Il polo logistico di Piacenza nuovo "retro-porto" di La Spezia , in IlPiacenza , 24 luglio 2015.
  138. ^ Il quartiere fieristico , su piacenzaexpo.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  139. ^ Città d'arte della pianura Padana , su circuitocittadarte.it . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  140. ^ Turismo nel piacentino, -8% di presenze, mentre gli arrivi registrano un +6% , in IlPiacenza , 25 marzo 2016.
  141. ^ Alessandro Rovellini, Lombardia ed Emilia Romagna ancora unite: "Grande sfida vinta , in IlPiacenza , 18 dicembre 2010.
  142. ^ Ogliari e Sapi , pp. 395-397 .
  143. ^ ( DE ) 1949 – 1989 - Unter dem Symbol von Hammer, Zirkel und Ährenkranz , su erfurt.de . URL consultato il 17 marzo 2020 .
  144. ^ ( ES ) El ayuntamiento formaliza su hermanamiento con Piacenza , in El Periódico Extremadura , 1º ottobre 2005.
  145. ^ Matteo Marchetti, Nordmeccanica, la nuova avventura a Modena presentata mercoledì , in SportPiacenza , 13 giugno 2016.
  146. ^ Inside the A2 Est – Assigeco: cambia il profilo, il parquet e… le ambizioni , su basketinside.com , 27 settembre 2016. URL consultato il 6 ottobre 2016 .
  147. ^ Giacomo Spotti, Giro d'Italia e Piacenza, una storia lunga 90 anni , in SportPiacenza , 14 maggio 2013.
  148. ^ Giacomo Spotti, Giro d'Italia - Piacenza in fibrillazione per una giornata che manca da 15 anni. Filippo Ganna ancora in rosa , in SportPiacenza , 10 maggio 2021. URL consultato il 15 maggio 2021 .
  149. ^ Giro d'Italia - Tappa Piacenza-Sestola, vince Dombrowski. De Marchi maglia rosa , in SportPiacenza , 11 maggio 2021. URL consultato il 15 maggio 2021 .
  150. ^ Simone Carpanini, Parte il Giro Rosa con obiettivo su Piacenza. La Bronzini: «Punto tutto sulla tappa di casa» , in SportPiacenza , 6 luglio 2018.
  151. ^ Guareschi , introduzione .
  152. ^ Piovene .

Bibliografia

  • Marco Albertario, Intorno a Giovanni Angelo Del Maino , in Gianni Romano e Claudio Salsi (a cura di), Maestri della scultura in legno nel ducato degli Sforza , Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2005.
  • Marco Albetario, Giovanni Angelo del Maino e Gaudenzio Ferrari, alle soglie della maniera moderna , in Sacri Monti. Rivista di arte, conservazione, paesaggio e spiritualità dei Sacri Monti piemontesi e lombardi , vol. 1, 2007, pp. 339-364.
  • Carmen Artocchini, Castelli piacentini , Piacenza, Edizioni TEP, 1983 [1967] .
  • Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 2, Roma, ACI, 1985.
  • AA.VV., Storia di Piacenza , Piacenza, 1980-2002.
  • Pietro Maria Campi, Dell'historia ecclesiastica di Piacenza , vol. 1, Per Giouanni Bazachi Stampatore Camerale, 1651.
  • Raffaele Casciaro, Dispersione e recupero. Appunti per la storia delle ancone lignee lombarde , in Scultori e intagliatori del legno in Lombardia nel Rinascimento , Milano, Electa, 2002.
  • Raffaele Casciaro, Maestri e botteghe del secondo Quattrocento , in Gianni Romano e Claudio Salsi (a cura di), Maestri della scultura in legno nel ducato degli Sforza , Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2005.
  • Climatologia - Provincia di Piacenza ( PDF ), Arpae. URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  • Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , I.
  • Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , II.
  • Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio , I, LXIII.
  • Bartolomeo De Soresina Vidoni, La pittura cremonese , Milano, Società Tipografica de Classici Italiani, 1724. URL consultato il 22 maggio 2020 .
  • Mario G. Genesi, Teatri d'opera a Piacenza dal 1770 al 1803 , Borgonovo Val Tidone, Tipografia Orione, 1999, p. 320.
  • Mario G. Genesi, L'affresco delle nozze di Ercole e Deianira sullo scalone di Palazzo Rota Pisaroni di Piacenza , in Strenna Piacentina 2014 , 2014, pp. 64-77.
  • Mario G. Genesi, Pregevole e abbandonato organo della Chiesa di S. Giorgio di Le Mose uscito dalla bottega di Carlo Bossi nel 1827 , in L'Urtiga-Quaderni di cultura piacentina , vol. 12, 2016, pp. 67-74.
  • Giovannino Guareschi , Mondo piccolo. Don Camillo , Milano, Rizzoli, 1948.
  • Tito Menzani e Matteo Troilo, Piacenza tra crescita economica e modernizzazione. Prime ricerche sul secondo Novecento (1945-1990) , in Studi piacentini , vol. 38, 2007, pp. 47-59.
  • Francesco Ogliari e Franco Sapi, Ritmi di ruote. Storia dei trasporti italiani, volume 10° Emilia-Romagna , Milano, 1969.
  • Piano Strutturale Comunale di Piacenza - 7. Climatologia ( PDF ). URL consultato il 12 dicembre 2020 .
  • Guido Piovene , Viaggio in Italia , Milano, Mondadori, 1957.
  • Polibio, Storie , a cura di Domenico Musti , traduzione di Manuela Mari, note di John Thornton, Milano, BUR , 1993, SBN IT\ICCU\RAV\0800816} .
  • Gianni Romano, Desiderata per la scultura lignea , in Marco Bascapè e Francesca Tasso (a cura di), Atti della giornata di studio, Milano Castello Sforzesco 17 marzo 2005 , Cinisello Balsamo, 2005.
  • Antonio Saltini, Maria Teresa Salomoni e Stefano Rossi Cescati, Via Emilia. Percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolare , Bologna, Edagricole-Sole 24 Ore, 2003, ISBN 88-506-4958-4 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

separatore

Tappa Precedente
- da Roma -
Itinerario di Sigerico
Via Francigena
Tappa Successiva
- verso Canterbury -
Mansio XXXVII - Floricum
Fiorenzuola d'Arda
Mansio XXXVIII - Placentia
Piacenza
Via-Francigena-sign.jpg
Transitus Padi
Mansio XXXIX - Sce Andrea
Corte Sant'Andrea
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 246521905 · LCCN ( EN ) n79021436 · GND ( DE ) 4046001-0 · BNE ( ES ) XX458620 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79021436
Emilia Portale Emilia : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia