Pietro Badoglio

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Pietro Badoglio
Pietro Badoglio 3.jpg

Cap de Govern Primer ministre Secretari d'Estat del Regne d'Itàlia
Durada del càrrec 25 de juliol de 1943 -
8 de juny de 1944
Monarca Vittorio Emanuele III
Vicepresident Giuseppe Spataro
Predecessor Benito Mussolini
Successor Ivanoe Bonomi

Senador del Regne d'Itàlia
Durada del càrrec 10 de març de 1919 -
27 d’agost de 1945
Legislatures XXIV
Escriu cita 14 (Oficials generals de terra i mar. Tanmateix, els generals de capçalera i els contraalmirants deuen tenir aquest rang d'activitat durant cinc anys)
Web institucional

Virrei d'Etiòpia
Durada del càrrec 9 de maig de 1936 -
11 de juny de 1936
Monarca Vittorio Emanuele III d'Itàlia
Cap de govern Benito Mussolini
Predecessor oficina establerta
Successor Rodolfo Graziani

Comissari de l’Àfrica Oriental italiana
Durada del càrrec 28 de novembre de 1935 -
9 de maig de 1936
Predecessor Emilio De Bono
Successor càrrega suprimida

Governador d' Eritrea
Durada del càrrec 22 de novembre de 1935 -
22 de maig de 1936
Predecessor Emilio De Bono
Successor Alfredo Guzzoni

Governador de Tripolitania i Cirenaica
Durada del càrrec 24 de gener de 1929 -
31 de desembre de 1933
Predecessor Emilio De Bono (Tripolitania)
Attilio Teruzzi (Cirenaica)
Successor Italo Balbo (governador de Líbia)

Dades generals
Festa Independent (militar)
Qualificació Educacional Acadèmia Militar
Professió Oficial
Pietro Badoglio
Pietro Badoglio.jpg
Naixement Grazzano Monferrato , 28 de setembre de 1871
Mort Grazzano Badoglio , 1 de novembre de 1956
(85 anys)
Lloc d’enterrament Cementiri de Grazzano Badoglio
Dades militars
País servit Itàlia Regne d'Itàlia
Força armada Bandera d'Itàlia (1860) .svg Reial Exèrcit
Anys de servei 1892 - 1943
Llicenciatura Mariscal d'Itàlia
Guerres Guerra Abissínia
Guerra italo-turca
Primera Guerra Mundial
Reconquesta de Líbia
Guerra d’Etiòpia
Segona Guerra Mundial
Comandant de Cap d’Estat Major General
Cap d'Estat Major de l'Exèrcit Reial
Cap de l'estat major de l'Exèrcit Reial
Decoracions Cavaller de l'Ordre Suprema de la Santissima Annunziata
"fonts del cos del text"
veus militars a la Viquipèdia
Pietro Badoglio
Pietro Badoglio 2.jpg
Duc d’Addis Abeba
Escut d'armes
A càrrec 9 de maig de 1936 -
1 de novembre de 1956
Predecessor Títol establert
Successor Títol extingit
Tractament La seva excel · lència
Altres títols Marquès de Sabotino
Naixement Grazzano Monferrato , 28 de setembre de 1871
Mort Grazzano Monferrato , 1 de novembre de 1956
Pare Mario Badoglio
Mare Antonietta Pittarelli
Consort Sofia Valania
Fills Mario
Francesco Ferdinando
Paolo Ferdinando
Maria Immaculada
Signatura Pietro Badoglio Signatur 1929.jpg

Pietro Badoglio ( Grazzano Monferrato , 28 de setembre de 1871 - Grazzano Badoglio , 1 de novembre de 1956 ) va ser un general i polític italià , mariscal d'Itàlia , senador i cap de govern del 25 de juliol de 1943 al 8 de juny de 1944 . Va ser nomenat motu proprio pel rei Vittorio Emanuele III , marquès de Sabotino i duc d'Addis Abeba .

Membre del PNF [ cita necessària ] , després de la deposició de Mussolini va dirigir un govern militar durant la Segona Guerra Mundial que va conduir el país a l' armistici del 8 de setembre de 1943 . Després va ser inclòs a la llista de criminals de guerra de l' ONU a petició d' Etiòpia , per l'ús d' armes químiques a soldats i civils, però mai no va ser jutjat.

Biografia

Pietro Badoglio, plaques commemoratives exposades a Grazzano Badoglio al seu lloc de naixement

Els anys anteriors a la Primera Guerra Mundial

Fill de Mario Badoglio, modest terratinent , i d’Antonietta Pittarelli, burgesa rica, el 5 d’octubre de 1888 fou admès a la Reial Acadèmia de Torí , on obtingué el grau de segon lloctinent el 16 de novembre de 1890 i de tinent el 7 d’agost de 1892 . El febrer de 1896 fou enviat a Eritrea amb el general Antonio Baldissera i participà en l'expedició a Adigrat per alliberar el major Marcello Prestinari del setge. Posteriorment, va romandre fins a finals de 1898 com a guarnició a l'altiplà, a Adi Keyh . De tornada a Itàlia, després d'assistir a l' Escola de Guerra de l' Exèrcit, fou ascendit a capità el 13 de juliol de 1903 i participà des del primer moment a la guerra italo-turca (1911-12), on fou condecorat amb valor militar per l'organització de l'acció. . d' Ain Zara i ascendit a Major per mèrit de guerra, per haver planejat l'ocupació de l'oasi de Zanzur [1] .

Primera Guerra Mundial

L'ascens de Badoglio en els dos primers anys de la guerra

Tinent coronel el 25 de febrer de 1915 , a l'inici de la Primera Guerra Mundial , Pietro Badoglio va ser destinat a l'estat major del 2n exèrcit i al comandament de la 4a divisió, en el sector del qual insistia el Monte Sabotino , desproveït de vegetació i fortament fortificada pels austríacs també a través de nombroses galeries, que fins aleshores es considerava inexpugnable. En aquella ocasió, va aconseguir convèncer l’Estat Major General que per conquerir aquell cim era necessari recórrer a una tàctica diferent de la de l’atac frontal, que havia causat milers de morts.

En lloc de sortir al descobert, Badoglio va tenir la idea de conquerir-lo a través d’un laberint de túnels excavats a la roca, a un nivell inferior als austríacs, gairebé en contacte amb les posicions enemigues. Les obres per excavar i reforçar les trinxeres posteriors van durar mesos. [2]

Mentrestant Badoglio, ascendit a coronel l' abril de 1916 i convertit en cap de gabinet del VI Cos d'Exèrcit , va continuar dirigint-los i va comandar personalment la brigada que va agafar per sorpresa el Sabotino i va dur a terme la conquesta, amb poques pèrdues, el 6 d'agost de 1916 . Després va ser ascendit a general de divisió per mèrit de guerra i, al novembre, va prendre el comandament de la brigada de Cuneo . Al maig de 1917 va ser nomenat al comandament (llocs per sobre del rang) del II Cos (Reial Exèrcit) pocs dies abans de l'inici de la desena batalla de l'Isonzo i va conquerir el mont Vodice (Eslovènia) i el mont Kuk, càrrecs també considerats gairebé inexpugnable.

Va ser llavors quan el comandant del 2n exèrcit, Luigi Capello, va proposar la promoció de Badoglio al lloctinent general a causa del mèrit de la guerra i, en la posterior onzena batalla de l' Isonzo, el va assignar al comandament del XXVII cos de l'exèrcit [3] .

La derrota de Caporetto i les responsabilitats de Badoglio

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Batalla de Caporetto .

El cap de gabinet de l'exèrcit italià era Luigi Cadorna . Al front d' Isonzo , Cadorna havia situat, al sud (dreta), el 3r exèrcit comandat pel duc d'Aosta i format per quatre cossos; al nord (esquerra), el 2n exèrcit, comandat pel general Luigi Capello , i format per vuit cossos d’exèrcit. L'ofensiva austro-alemanya va començar a les 2.00 del matí del 24 d'octubre de 1917 amb trets de preparació d'artilleria, primer amb gas, després amb magranes fins a les 5:30 aproximadament. Cap a les 6:00 va començar un foc de destrucció molt violent en preparació per a l'atac de la infanteria. Els informes del Comandament d’Artilleria del 27è Cos d’Exèrcit ( coronel Cannoniere ) indiquen que els trets entre les 2:00 i les 6:00 van produir molt poques víctimes. Només a la conca del Plezzo els gasos van tenir efectes més greus.

L'atac de la infanteria va començar a les 8:00 amb un avenç immediat a l'ala esquerra, a la conca de Plezzo , al flanc esquerre del 2n exèrcit. Aquesta part frontal estava guarnida al sud, entre Tolmino i Gabrije (una ciutat a mig camí entre Tolmino i Caporetto ), pel XXVII Cos de l'Exèrcit de Pietro Badoglio. Per complicar les coses, la situació una mica menys dramàtica del front del IV Cos (Royal Army) ( Cavaciocchi ), que limita al sud amb el Cos d’Exèrcit comandat per Badoglio. De fet, l’autèntic desastre va començar quan l’enemic va arribar a Caporetto des dels dos costats de l’Isonzo.

La feble, intempestiva i ineficaç resposta de l’artilleria italiana al front del XXVII Cos d’Exèrcit és una de les raons provades de l’avenç, però la raó per la qual això va succeir encara és una font de disquisició. Enclavat entre els dos cossos i en una posició més enrere, el 7è cos d'exèrcit comandat pel general Luigi Bongiovanni també va ser col·locat a corre-cuita. La seva efectivitat va ser nul·la. La manca de reserves darrere del IV Cos va ser sens dubte un dels principals motius que van contribuir a la derrota.

En detall, els motius que van permetre l’avenç van ser:

  • Disposició excessivament ofensiva del 2n exèrcit (general Capello ) i en particular del XXVII cos d'exèrcit (Badoglio), amb l'artilleria i algunes unitats (tres divisions de quatre a l'esquerra de l' Isonzo ) massa avançades en comparació amb la primera línia de front i un flanc esquerre excessivament feble.
  • Comunicacions defectuoses a tots els nivells, encara més precàries per les condicions meteorològiques (conduir pluja i boira riu avall; tempestes de neu a gran alçada) i la consegüent absència d’accions de maneig i maniobra.
  • Manca d’experiència defensiva: les onze anteriors batalles de l’Isonzo havien estat ofensives.
  • Ús defectuós i ineficaç de l’artilleria. L’ordre més o menys explícit de no respondre al foc de preparació (2:00 - 6:00) era, de fet, fins llavors, la norma per a l’ús de l’artilleria a l’exèrcit italià. Només a la primavera de 1918 , i precisament a causa de la derrota de Caporetto , es van canviar les regles de resposta al foc.
  • Debilitat i subministrament desequilibrat de reserves, tot al sud de la línia d’avanç.

Badoglio, tot i estar a pocs quilòmetres del front, va saber de l'atac de la infanteria enemiga només cap al migdia i va poder comunicar-ho al comandament del 2n exèrcit ( Capello ) poques hores després. Cadorna es va assabentar de la gravetat de l'avenç i del fet que l'enemic havia conquerit algunes posicions fortes només a les 22:00.

Segons els seus partidaris, Badoglio es va trobar completament aïllat durant la resta del 24 d'octubre i es va veure obligat constantment a traslladar el seu lloc de comandament, perquè estava sotmès a trets d'artilleria enemiga massius i precisos; això es deu al fet que els seus missatges en text clar, transmesos per ràdio, que indicaven als departaments les noves posicions del comandament, van ser interceptats sistemàticament. Al mateix temps, les males condicions meteorològiques també van impedir l'ús de senyals òptics i acústics. Aquesta situació logística va impedir que el general piemontès realitzés una acció de comandament incisiva i, en el moment adequat, no va poder donar a la seva artilleria l’ordre de disparar la contraofensiva, condició essencial per a la defensa de les unitats ja que, anteriorment, havia donat la disposició precisa que la contraofensiva només havia de començar per ordre explícita.

Més enllà de les responsabilitats de les unitats petites i mitjanes individuals, les principals falles estratègiques només es poden atribuir al comandament suprem ( Cadorna ) i al comandament de l’exèrcit ( Capello ), mentre que les d’ordre tàctic als tres comandants del cos exèrcit implicat (així com Badoglio, per tant, també Cavaciocchi i Bongiovanni ). Tots van ser declarats culpables per la comissió d'investigació de primera instància, del 1918-19, amb l'única excepció de Badoglio. [4]

No obstant això, l'error tàctic més desconcertant i objectivament misteriós va ser, sens dubte, comès per Badoglio al seu flanc esquerre (riba dreta de l' Isonzo, entre el cap de pont austríac davant Tolmino i Caporetto ). Aquesta línia, de pocs quilòmetres de longitud, formava el límit entre l'àrea de competència del cos de l'exèrcit de Badoglio (riba dreta) i l'àrea assignada al cos de l' exèrcit de Cavaciocchi (riba esquerra). Malgrat tota la informació indicada en aquesta línia, la directriu de l'atac enemic, la riba dreta va quedar pràcticament sense custòdia amb només la guarnició de petits departaments, mentre que el gruix de la 19a divisió i la brigada de Nàpols es posaven a les muntanyes de dalt [5] . En presència de densa boira i pluja, les tropes italianes a gran altura no van notar el pas dels alemanys a la vall i, en només 4 hores, les unitats alemanyes van pujar per la riba dreta arribant intactes a Caporetto , sorprenent les unitats del IV per darrere: Cos d'Exèrcit ( Cavaciocchi ). [4]

Les conseqüències de la derrota i la victòria final

Ja el 25 d'octubre de 1917 , el Parlament italià va negar la confiança en el govern presidit per Paolo Boselli que es va veure obligat a dimitir. El 30 d'octubre es va reconstituir el govern sota la direcció de Vittorio Emanuele Orlando , qui, en les converses dels dies anteriors, havia demanat al rei que retirés Cadorna . Aquesta sol·licitud també va ser presentada, el 5 de novembre, pels primers ministres de França i Gran Bretanya i pels comandants suprems de les tropes aliades Foch i Robertson; es va imposar la substitució de Cadorna com a condició per a l'enviament de reforços aliats.

En conseqüència, amb el Reial decret del 9 de novembre de 1917, el general Armando Diaz , fins ara comandant del 23è cos d’exèrcit (no investit directament en la derrota), va ser nomenat cap d’estat major de l’exèrcit italià . A Díaz, però, els generals Gaetano Giardino i Pietro Badoglio estaven flanquejats, amb el rang de sub-cap de gabinet (vice-comandant). Posteriorment, el 7 de febrer de 1918 , Badoglio va continuar sent l'únic sots-comandant.

En aquesta situació, només el 12 de gener de 1918 , amb el Reial decret núm. 35, es va crear la Comissió d'Investigació sobre Caporetto , que va concloure la seva feina el 13 d'agost de 1919 , quan va acabar la guerra, quan Pietro Badoglio estava a punt de succeir a Díaz com a cap de gabinet de l'exèrcit italià . Això explica per què la Comissió va confirmar l'atribució de la culpa de la derrota a Luigi Cadorna , estenent-la a Luigi Capello , Alberto Cavaciocchi i Luigi Bongiovanni , tot admetent la concurrència de circumstàncies desfavorables, sense el general Badoglio [6] ; de fet, sembla que tretze pàgines sobre l'obra de Badoglio han estat retirades de l'informe en el moment de la seva presentació al Parlament [7] .

L'opinió dels historiadors sobre la tasca de Badoglio com a cap de gabinet adjunt és generalment positiva. Segons Carlo Sforza [8] , Badoglio representava l’atrevida contrapartida de l’equilibri sensible i fred del comandant Díaz . Va introduir un nou criteri orgànic en la posada en marxa de les noves classes militars, agrupant-les en departaments homogenis, de manera que la seva frescor no es diluís i refredés en contacte amb els veterans; Entrenat per l’experiència, es va ocupar millor del servei d’intel·ligència i, tot i que a contracor, va aprovar la victoriosa maniobra d’eludir que va permetre a l’exèrcit assolir la victòria final a la batalla de Vittorio Veneto [9] . El 3 de juliol de 1919 , va rebre la medalla de plata al valor militar per les operacions de retirada al riu Tagliamento , durant la retirada posterior a la batalla de Caporetto . Al final de la guerra ( 1918 ), va ser a la comissió que va obtenir l' armistici del 4 de novembre amb els austríacs a Pàdua . El 6 de novembre de 1918 fou nomenat cavaller de la gran creu de l'ordre militar de Savoia .

La primera postguerra i l’aparició del feixisme

Nomenat senador el 24 de febrer de 1919 , el 13 de setembre següent (i fins al novembre), el president Francesco Saverio Nitti el nomena comissari militar extraordinari per a Venècia Júlia . Va exercir aquest paper quan Gabriele D'Annunzio va procedir a la Impresa di Fiume . El 2 de desembre de 1919 Badoglio va ser ascendit a general de l'exèrcit i nomenat cap de gabinet de l'exèrcit , succeint a Armando Díaz ; va ocupar aquest càrrec fins al 3 de febrer de 1921 , quan va ser posat a disposició de les inspeccions, convertint-se també en membre del Consell per a l'Exèrcit.

La vigília de la marxa a Roma (octubre de 1922 ), Badoglio va ser consultat pel sobirà sobre la gravetat de la situació. El general piemontès va argumentar que la manifestació es dispersaria al primer tret d'una arma de foc i va demanar poders extraordinaris (que, però, no se'ls va concedir) per restablir la situació [10] .

Foto de Badoglio del 1934 amb dedicatòria autògrafa

El 1923 , després de la instauració del feixisme, va ser nomenat, a petició, ambaixador al Brasil . Posteriorment, el 4 de maig de 1925 fou el primer a assumir el càrrec de cap de gabinet general , que va ocupar ininterrompudament fins al 4 de desembre de 1940 . També va reprendre el seu càrrec, vinculat a la seva posició anterior com a cap de gabinet de l'exèrcit . El 17 de juny de 1926 fou ascendit a mariscal d'Itàlia (juntament amb Enrico Caviglia , Emanuele Filiberto Duca d'Aosta , Gaetano Giardino i Guglielmo Pecori Giraldi ), un títol establert específicament per a aquells oficials que s'havien distingit especialment durant la guerra mundial, anteriorment atribuïda només a Díaz i Cadorna. L'1 de febrer de 1927 va deixar el lloc de cap d'estat major de l'exèrcit al general Giuseppe F. Ferrari .

Supressió de revoltes i deportacions líbies

«En primer lloc, hem de crear un ampli destacament territorial entre les formacions rebels i la població sotmesa. No amago l'abast i la gravetat d'aquesta mesura, que significarà la ruïna de l'anomenada població submisa. Però a hores d’ara s’ha rastrejat el camí i hem de continuar fins al final, fins i tot si tota la població de Cirenaica hauria de perir ".

( Carta de Badoglio a Graziani, 20 de juny de 1930 [11] )

El 18 de desembre de 1928 va ser nomenat governador únic de Tripolitania i Cirenaica . Tres dies abans de marxar a Trípoli se li va concedir el Collar de l’ Orde de l’Anunciació , juntament amb els altres tres mariscals d’Itàlia nomenats el 1926 .

Com a únic governador de Tripolitania i Cirenaica, el 20 de juny de 1930 , Badoglio va ordenar la deportació forçosa de la població de Cirenaica , cent mil persones es van veure obligades a deixar totes les seves possessions portant amb elles només el bestiar [12] . La massa de deportats va ser tancada en tretze camps de concentració de la regió central de Líbia , després d'una marxa forçada de més de mil quilòmetres al desert. Només seixanta mil van sobreviure a la deportació (1932-33).

Després de la captura del líder rebel Omar al-Mukhtār Badoglio l'11 de setembre de 1931, ordena al general Graziani matar el pres. El telegrama diu "tenir un judici regular i una sentència conseqüent, que sens dubte serà la pena de mort, perquè es dugui a terme en una de les grans concentracions de població indígena" [13] [14] . Badoglio també va disposar que la sentència es dugués a terme al camp de concentració més important per a libis perquè fos vista per la major quantitat de persones possible [15] .

Des del punt de vista de l'administració civil de la colònia, Badoglio va perseguir la implementació d'un ampli programa d'obres públiques, com ara el disseny de la llarga carretera costanera i la construcció d'edificis públics a les ciutats de Trípoli i Bengasi . Va ser retirat a Itàlia el 4 de febrer de 1934 .

La conquesta colonial i l’ús d’armes químiques

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Guerra d’Etiòpia .

El 30 de novembre de 1935 , Badoglio va ser enviat a Massawa com a comandant de la força expedicionària a Etiòpia , en substitució del general Emilio De Bono . Aquest darrer havia obert hostilitats amb l’Imperi etíop el passat 3 d’octubre, amb l’ocupació d’ Adigrat , Adua , Axum i Macallè , però procedia massa lentament pels cànons del règim feixista. Badoglio no va trobar una situació especialment favorable. Les tropes italianes havien tirat endavant uns cent quilòmetres i els abissinis, després d'haver-se reorganitzat, havien reprès la iniciativa per ambdues parts, amb la intenció de tallar l'ofensiva dels invasors en dos.

Badoglio durant la Campanya d’Etiòpia

Badoglio, en lloc de continuar avançant, va trigar més a millorar la situació logística i tàctica, recaient sobre Axum . Després d’esperar l’arribada de tres divisions més, més dues altres al front somali, tenia 200.000 homes, 750 canons, 7.000 metralladores i 350 avions, contra 215.000 abissins, gairebé desproveïts d’artilleria i avions. el mariscal, amb una maniobra convergent recolzada per l'artilleria i la força aèria, després de tres mesos de descans va reprendre la iniciativa, aconseguint la victòria d' Amba Aradam (11-15 de febrer de 1936 ) i aniquilant el gruix de l'exèrcit enemic (80.000 homes). El 28 de febrer, l' Amba Alagi va ser ocupat i el 31 de març, al llac Ascianghi , es va destruir el guardaespatlles del negus , mentre aquest va fugir embarcant-se a Djibouti . El 5 de maig de 1936 , a les 4 de la tarda, Badoglio va entrar vencedor a Addis Abeba . Quatre dies després, des del balcó de la Piazza Venezia, Benito Mussolini va proclamar oficialment la constitució de l’Imperi, amb el virrei Badoglio.

El juliol de 1936, l’emperador destituït Haile Selassie , però, havia denunciat a l’assemblea de la Societat de Nacions que “mai no hi havia hagut cap exemple de govern que procedís a exterminar un poble amb mitjans bàrbars, incomplint les promeses més solemnes fetes a tots els pobles de la Terra, que la terrible arma dels gasos verinosos no s'ha d'utilitzar contra els éssers humans ». Tanmateix, recentment, s’ha donat plena llum sobre els mètodes de lluita utilitzats pels italians durant la invasió d’Etiòpia [16] . La força aèria italiana, en contravenció del Protocol de Ginebra del 17 de juny de 1925 , signat també per Itàlia [17] , utilitzava gas mostassa a gran escala, que els soldats pulveritzen als dos avions civils que volaven a baixa altitud. amb el propòsit precís de terroritzar la població abissina i doblegar tota resistència.

Els documents publicats mostren que el mateix Mussolini havia autoritzat expressament Badoglio a utilitzar gas entre el 28 de desembre de 1935 i el 5 de gener de 1936 i entre el 19 de gener i el 10 d'abril [18] . Posteriorment es va donar una altra autorització per a la repressió dels resistents. El mariscal, però, ja havia iniciat de manera autònoma l’ús d’armes químiques des del 22 de desembre de 1935 [19] ; és responsable d'almenys 65 bombardejos de gas mostassa al front d'Etiòpia del Nord entre aquesta data i el 29 de març de 1936 , per un total de més de 1.000 bombes C-500-T [20] .

Al final de la guerra, Badoglio va demanar deixar el càrrec de virrei d'Etiòpia, per tornar a exercir les funcions de cap de gabinet. L'11 de setembre de 1936, el Duce va acceptar la petició i va nomenar Rodolfo Graziani com a virrei. Al mateix temps, el duc va comunicar a Badoglio que el rei l’havia nomenat, motu proprio , duc d’Addis Abeba i se li va atorgar el carnet d’honor del Partit Nacional Feixista , datat al 5 de maig, el dia de l’ocupació d’ Addis Abeba .

L'1 de novembre de 1937 va ser nomenat president del Consell Nacional d'Investigacions, succeint al difunt Guglielmo Marconi . El seu nom apareix entre els signants del Manifest de la raça en suport a la introducció de les lleis racials feixistes. El 1939 , el seu país d'origen va prendre el nom de Grazzano Badoglio .

La Segona Guerra Mundial

De tornada a la guerra

El 29 de maig de 1940 , Benito Mussolini va convocar el mariscal Badoglio i tot l'estat major de l'exèrcit a Palazzo Venezia en una reunió secreta, comunicant la decisió d'entrar en guerra al costat d' Alemanya . El 10 de juny, Itàlia va declarar la guerra a França i el Regne Unit i, al mateix temps, Vittorio Emanuele III va signar el decret que donava a Benito Mussolini el comandament operatiu de totes les Forces Armades. Ara sembla clar que aquesta delegació va ser proposada pel propi Badoglio [21] .

El mariscal, íntimament contrari a llançar un atac al qual no reconeixia la possibilitat d’èxit, només havia preparat plans defensius per al front occidental , el de França . Quan el Duce va necessitar atacar, atès que la rendició dels francesos davant dels alemanys era imminent, Badoglio es va trontollar i va citar dificultats per elaborar plans ofensius [22] . El 18 de juny, França va rebre l’atac de més de 300.000 homes. Malgrat la derrota general de l'exèrcit francès, les tropes italianes van marcar el ritme i, el 23 de juny, al final de les hostilitats, l'ofensiva havia produït la conquesta de l'única ciutat fronterera de Menton , que costava 1237 morts i desapareguts, contra 187 Víctimes franceses. El 24 de juny, Badoglio va presidir la Comissió d'Armistici amb França a Villa Incisa , a Olgiata, a prop de Roma .

A l'octubre de 1940 , Mussolini, en una reunió privada al Palazzo Venezia, va comunicar a Badoglio i Mario Roatta , en aquell moment subdirector de gabinet de l'exèrcit, la seva intenció de declarar la guerra a Grècia . Segons el que va argumentar Roatta , els dos generals van assenyalar al cap del govern la necessitat d'emprar almenys vint divisions, per a la qual la transferència a Albània trigaria almenys tres mesos més [23] . De l’acta de la reunió oficial amb tot el personal, que es va celebrar el 15 d’octubre a les 11 del matí, sembla que Badoglio no va presentar cap objecció, aprovant passivament la intervenció militar.

El 22 d'octubre va escriure una carta a Cesare Maria De Vecchi, governador del Dodecanès.

«Il 28 ha inizio la spedizione punitiva contro la Grecia, questi porci greci avranno il trattamento che si sono meritati, per l'Egeo sto tranquillissimo, ci siete voi ei vostri magnifici soldati, a partire dalla mezzanotte del 27 - 28 silurate tutto quello che porta bandiera greca, w l'Italia, w il Re Imperatore, w il Duce

Ordina così di iniziare a silurare 3 ore prima della dichiarazione di guerra prevista per le 3.00 del mattino.

Successivamente, il 10 novembre, dopo i primi rovesci militari, si tenne un'ulteriore riunione tra Mussolini ei Capi di stato maggiore. In tale occasione Badoglio fu lapidario: non poteva essere addebitata alcuna colpa allo stato maggiore dell'esercito che, sin dal 14 ottobre aveva fatto presente i tempi ei modi necessari per l'intervento, senza essere ascoltato [24] .

Nei giorni successivi, Badoglio fu oggetto di aspre critiche da parte del gerarca Roberto Farinacci , sul quotidiano "Regime Fascista". Il Maresciallo presentò il 26 novembre le sue dimissioni dalla carica di capo di stato maggiore generale , che ricopriva ininterrottamente da oltre quindici anni e lascia Roma per recarsi a caccia in Lomellina . Il 3 dicembre torna a Roma e si presenta al Re per ritirare le sue dimissioni, ma viene a sapere che non c'è più nulla da fare. Il 4 dicembre 1940 viene nominato al suo posto il generale Ugo Cavallero .

Il 30 aprile 1941 il maresciallo Badoglio fu colpito dal lutto per la morte per causa di servizio di suo figlio Paolo, tenente pilota di complemento, a Sebha , in Libia . Il 19 novembre 1942 perse anche la moglie Sofia.

La caduta di Mussolini

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ordine del giorno Grandi .

Le iniziative politiche finalizzate alla destituzione di Benito Mussolini furono principalmente due: la prima, interna al Partito stesso, capeggiata da Dino Grandi , che si concretizzò con l'Ordine del Giorno presentato al Gran Consiglio del Fascismo e messo ai voti nella notte tra il 24 e il 25 luglio del 1943 . La seconda nell'ambito militare, portata avanti dal capo di stato maggiore Vittorio Ambrosio (che aveva sostituito Ugo Cavallero ), dal suo braccio destro generale Giuseppe Castellano e dal generale Giacomo Carboni , mirante alla sostituzione del duce con un elemento di spicco dell'esercito. Entrambe queste autonome iniziative contavano sull'intervento decisivo del sovrano. Una terza iniziativa fu portata avanti dagli elementi liberaldemocratici prefascisti, che, però, non trovò terreno fertile presso Vittorio Emanuele III . In tale quadro, il maresciallo Badoglio, portò avanti una serie di incontri, miranti a far conoscere la propria disponibilità ad assumere gli incarichi che gli sarebbero stati richiesti.

Sin dall'estate del 1942 , Badoglio era stato contattato a tal proposito dalla principessa Maria Josè di Savoia , mostrandosi ancora molto prudente di fronte alle sue avances . I contatti erano, però, continuati [25] . Successivamente, il 6 marzo 1943 , il Maresciallo era stato ricevuto dal re, lasciandogli capire che si sarebbe mosso solo con il suo appoggio [26] . Dalla prima metà di aprile ebbe ripetuti incontri con gli esponenti dell'Italia liberale prefascista ( Ivanoe Bonomi , Spataro), dichiarandosi d'accordo a dar vita a un governo politico [27] . L'incontro decisivo tra il maresciallo Badoglio e Vittorio Emanuele III si ebbe il 15 luglio, e, in tale incontro il sovrano fece intendere al generale piemontese che il nuovo capo del governo sarebbe stato lui, ma che era assolutamente contrario a un governo politico e che, almeno inizialmente, non si sarebbe dovuto chiedere l'armistizio [28] .

Dopo l'infruttuoso incontro del 19 luglio 1943 , tra Mussolini e Hitler, l'azione del capo di stato maggiore generale Ambrosio e del suo entourage fu definitivamente indirizzata alla sostituzione del duce del fascismo con Badoglio o, in subordine, con Caviglia . Mantenendo sempre un filo diretto con il sovrano, anche tramite il ministro della Real Casa Pietro d'Acquarone , Ambrosio conobbe da quest'ultimo, il giorno 20, la decisione del Re di procedere alla destituzione di Mussolini [29] . In realtà Vittorio Emanuele III ruppe gli indugi solo il 25 luglio, una volta approvato dal Gran Consiglio del Fascismo l'ordine del giorno Grandi, che rimetteva nelle mani del Sovrano il comando supremo delle Forze Armate; proprio quella prerogativa, che, su proposta del maresciallo Badoglio, il re aveva delegato a Mussolini, al momento di entrare in guerra.

Badoglio capo del governo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Badoglio I .

Nella mattinata del 25 luglio 1943 , prima ancora di ricevere Benito Mussolini a Villa Savoia , il settantaquattrenne Vittorio Emanuele III conferì a Pietro Badoglio l'incarico di formare il nuovo governo ; il maresciallo d'Italia accettò, controfirmando l'apposito decreto [30] [31] . Il nuovo capo del governo aveva settantadue anni. Più tardi, alle ore 17:00, avvenne l'arresto del primo ministro uscente ( Benito Mussolini ).

Il primo atto del capo del governo, nel tardo pomeriggio, e prima ancora di stilare la lista dei ministri, fu quello di incorporare nell'esercito regolare la milizia fascista, che cessava, così, di essere una forza militare e politica di partito. Alle ore 20:00, la radio diffuse il comunicato che il Re aveva accettato le dimissioni di Benito Mussolini e aveva nominato capo del governo , primo ministro, segretario di Stato, il maresciallo d'Italia Pietro Badoglio. Alle ore 22:45, seguì il discorso del nuovo primo ministro con alla fine le parole:

«la guerra continua e l'Italia resta fedele alla parola data... chiunque turbi l'ordine pubblico sarà inesorabilmente colpito»

Contrariamente alle attese, l'annuncio provocò immense dimostrazioni di festa al grido di «Viva il Re, viva Badoglio». I veicoli più disparati si colmavano di passeggeri recanti scritte e bandiere, che percorrevano le strade cittadine [32] ; inoltre, manifestazioni spontanee di cittadini provvedevano a rimuovere dai palazzi i simboli del passato regime. Ciò indusse Badoglio, il giorno 26, a emanare un altro provvedimento con il quale l'autorità militare era investita di pieni poteri relativamente all'ordine pubblico, veniva istituito il coprifuoco, vietate le pubbliche riunioni e limitati i giornali a una sola edizione quotidiana; veniva inoltre diretto un secondo proclama alla nazione.

Il 27 luglio si insediò il governo Badoglio I , cui parteciparono, tra gli altri, Umberto Ricci agli Interni, Raffaele Guariglia agli Esteri, Leopoldo Piccardi all'industria e commercio, Antonio Sorice alla guerra, e Raffaele de Courten alla Marina; non ne faceva parte nessun politico, ma era composto da sei generali, due prefetti, sei funzionari e due consiglieri di stato. Data la delicatezza della situazione del paese sul piano internazionale, non fu oggettivamente appropriata la scelta del nuovo ministro degli esteri che, al momento, si trovava ad Ankara quale ambasciatore d'Italia e non sarebbe potuto essere a Roma prima di quattro o cinque giorni. Nel frattempo era stato arrestato il generale Ugo Cavallero , con l'accusa di preparare un colpo di Stato fascista. Successivamente Cavallero fu liberato per iniziativa di Vittorio Emanuele III , ma venne nuovamente arrestato alla fine di agosto e custodito a Forte Boccea .

La prima riunione del nuovo governo si tenne il 28 luglio, e venne deliberato lo scioglimento del partito fascista, la soppressione del Gran Consiglio e dei tribunali politici, e l'interdizione di costituire qualsiasi nuovo partito politico per tutta la durata della guerra; si preannunciavano, tuttavia, nuove elezioni generali a quattro mesi dalla cessazione dello stato di guerra. Le leggi razziali continuavano a rimanere in vigore.

Lo stesso giorno, Badoglio inviava una lettera a Hitler , ribadendo che, per l'Italia, la guerra continuava nello stesso spirito dell'alleanza con la Germania [33] .

Contemporaneamente l'ex duce del fascismo veniva trasportato prima sull'isola di Ponza (27 luglio), poi, il 7 agosto, fu trasferito a La Maddalena , infine, il 28 agosto, a Campo Imperatore , sul Gran Sasso . Il 24 agosto avvenne l'uccisione di Ettore Muti .

Dagli atti sopra descritti, sembrerebbe che, nelle prime due settimane di governo (25 luglio-7 agosto), l'azione del governo Badoglio fosse improntata al mantenimento di un regime militare sul piano interno, e, in politica estera, tentare di far accettare alla Germania l'uscita dell'Italia dall'alleanza, in cambio dell'impegno alla più rigida neutralità, e successivamente negoziare su tali basi con gli anglo-americani. Un'idea, quella della "neutralizzazione del paese", che circolava negli ambienti militari già prima della caduta di Mussolini [34] . Il prosieguo della vicenda avrebbe dimostrato quanto velleitarie e prive di presupposti fossero tali linee politiche, sia sotto il profilo interno, sia in quello internazionale. Sul piano interno, infatti, i partiti politici e le organizzazioni sindacali si erano ricostituite quasi subito, rendendo vane le disposizioni governative: il 26 luglio a Milano , nella notte del 27, a Roma , sotto la presidenza di Ivanoe Bonomi , e il successivo 2 agosto, a Roma , si erano riuniti i rappresentanti della Democrazia Cristiana , del Partito Liberale Italiano , del Partito Socialista Italiano , del Partito d'Azione , e del Partito Comunista Italiano [35] ; né erano cessate le dimostrazioni di piazza, che provocarono complessivamente 83 morti e 516 feriti [36] .

Tale situazione costrinse il governo a sottoscrivere con i cinque partiti l'accordo di Roma del 7 agosto 1943 , riconoscendoli legalmente, precisando inoltre che non vi fosse alcun divieto a ricostituire le organizzazioni sindacali. Tre giorni dopo, infatti, furono soppresse le corporazioni fasciste e la legislazione in materia del passato regime.

È tuttavia problematico attribuire per intero a Badoglio la responsabilità della linea politica e di tutte le decisioni adottate dal governo tra il 25 luglio e l'8-9 settembre 1943 . Data la situazione istituzionale, lo svolgimento delle vicende della nomina del primo ministro, e la composizione stessa del governo, il re manteneva indubbiamente un ruolo centrale nella direzione politica del paese. Accanto al Consiglio dei ministri, esisteva infatti un Consiglio della Corona, presieduto dal sovrano, che, come si vedrà in seguito, avrebbe preso le decisioni più importanti; di tale organismo facevano parte Badoglio e altri militari influenti come il capo di stato maggiore generale Ambrosio , il capo di stato maggiore dell'Esercito Roatta e il comandante dei servizi segreti Giacomo Carboni , in ruoli subordinati al Re.

Fu infatti il Consiglio della Corona, e non il governo, che lo stesso 7 agosto, a Roma , approvò a maggioranza di due terzi, la decisione di uscire dalla guerra [37] .

L'armistizio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Operazione Alarico e Armistizio di Cassibile .

Le reazioni degli alleati, all'indomani del venticinque luglio, sembravano aprire più di uno spiraglio alla conclusione di un accordo separato, finalizzato all'uscita dell'Italia dal conflitto, garantendone contemporaneamente l'integrità del territorio dalle truppe tedesche. In tal senso si pronunciarono Winston Churchill il 27 luglio alla Camera dei Comuni [38] , Franklin D. Roosevelt il giorno dopo [39] e, ancor più esplicitamente il generale Dwight D. Eisenhower dalle antenne di Radio Algeri [39] .

Tuttavia, nonostante la disponibilità degli alleati, il governo italiano, restava immobile. Tale attendismo, oggettivamente inadeguato alle esigenze di rapidità delle decisioni, fu aggravato dalla necessità di attendere l'insediamento al Ministero degli Esteri dell'ambasciatore Raffaele Guariglia , che rientrò da Ankara soltanto il 30 luglio. Al contrario, il 30 luglio stesso, la Germania dava inizio all' Operazione Alarico , preparata dal feldmaresciallo Erwin Rommel su ordine di Hitler del 18 maggio 1943 e approvata da quest'ultimo sin dal 4 giugno 1943 . Ciò comportò la dislocazione nella Penisola italiana, nell'arco di tre settimane, di diciassette divisioni tedesche. Verso il 10 agosto, la 2ª Divisione paracadutisti dalla Francia e un'altra dalla Germania si portarono indisturbate nei pressi di Roma e, dopo il 15 agosto vennero occupate militarmente Trieste , Gorizia , Udine , La Spezia , Pistoia e Firenze [40] .

Di fronte all'attendismo del governo italiano, e alla pericolosa iniziativa dell'esercito tedesco, il 2 agosto, il generale Eisenhower , diramava da Algeri un comunicato molto più duro dei precedenti nei confronti dell'Italia e, in particolare, verso il maresciallo Badoglio. Solo allora, dopo un infruttuoso contatto con gli ambasciatori alleati presso il Vaticano [41] , fu effettuato un primo timido tentativo di trattative da parte di Blasco Lanza D'Ajeta , consigliere di legazione italiano a Lisbona , che, il 4 agosto 1943 , avvicinò l'ambasciatore britannico in Portogallo . In tale incontro Lanza, sulla base delle istruzioni avute a Roma due giorni prima da Guariglia , rappresentava agli alleati le difficoltà italiane a sganciarsi dall'alleanza con la Germania , comunicando che il giorno dopo (5 agosto) il ministro degli affari esteri si sarebbe incontrato con il suo collega tedesco a Tarvisio e avrebbe effettuato un tentativo in tal senso [42] . Il giorno dopo, tuttavia, il ministro Guariglia non riuscì nel suo tentativo di sganciamento dai tedeschi; anzi, in tale sede, al ministro fu estorta la “parola d'onore” che il governo italiano non avrebbe, direttamente o indirettamente trattato con gli anglo-americani [43] .

Nel frattempo, tra il 4 e il 17 agosto, gli alleati cominciarono un' escalation di bombardamenti aerei su tutte le maggiori città italiane: (Napoli, Milano, Torino, Genova, Terni e la stessa Roma). Inoltre il 17 agosto veniva completata la conquista della Sicilia .

In tale situazione, solo il 12 agosto 1943 , a 18 giorni dalla destituzione di Mussolini , aveva inizio il primo tentativo effettivo di trattative di pace, affidato al generale Giuseppe Castellano . Nemmeno tale missione, tuttavia, fu attuata con la speditezza che la drammaticità della situazione esigeva. Le istruzioni che il generale ebbe, per bocca del capo di stato maggiore Ambrosio furono di esporre la situazione militare, ascoltare le intenzioni degli alleati e, soprattutto “dire che noi non possiamo sganciarci dalla Germania senza il loro aiuto” [44] . Per garantire la segretezza della missione [45] , Castellano fu inviato in treno in territorio neutrale ( Lisbona ), e ci mise sei giorni; conferì con i rappresentanti del Comando Alleato solo il 19 agosto. Ripartì in treno il giorno 23, giungendo finalmente a Roma il 27 agosto. La missione era durata quindici giorni. Nel frattempo, per affiancare lo stesso Castellano, furono mandati a Lisbona in aereo il generale Rossi e il generale Zanussi , che si presentarono ai rappresentanti alleati appena ripartito Castellano per Roma .

Il 27 agosto Castellano illustrò a Badoglio ea Guariglia le clausole imposte dagli alleati: costoro avevano chiesto la resa senza condizione, da attuarsi mediante la sottoscrizione di un accordo (il cosiddetto “armistizio corto”) in dodici articoli; entro la data del 30 agosto doveva essere comunicata l'adesione o meno del governo italiano tramite un apparecchio radio di cui Castellano era stato dotato; in caso di risposta affermativa, le parti si sarebbero incontrate nuovamente in una località della Sicilia da definire. Dopo l'accettazione della resa incondizionata e la cessazione delle ostilità, le parti avrebbero sottoscritto un'intesa più dettagliata (il cosiddetto “armistizio lungo”). Il sovrano fu reso edotto delle clausole dell'armistizio solo due giorni dopo (29 agosto). Una prima risposta dell'Italia fu definita il 30 agosto, quando lo stesso Badoglio diede istruzioni al generale Castellano di tornare in Sicilia per esporre le tesi contenute in un memorandum redatto dal ministro degli Esteri Guariglia ; secondo tale atto l'Italia non avrebbe potuto chiedere l'armistizio prima di ulteriori sbarchi alleati che mutassero le situazioni di forza a sfavore dei tedeschi. Il generale era inoltre munito di un appunto esplicativo del capo del governo che precisava che gli sbarchi dovevano essere effettuati da almeno quindici divisioni tra La Spezia e Civitavecchia [46] .

Il giorno dopo, alle ore 9.00, in aereo, previa comunicazione tramite l'apparecchio radio di cui era stato munito, il delegato raggiunse di nuovo Termini Imerese e di lì fu portato nella località scelta per la firma dell'armistizio “corto”: Cassibile , presso Siracusa . Ivi, da Lisbona via Algeri , era stato trasportato anche il generale Zanussi , al quale – invece - erano state consegnate le clausole dell'armistizio “lungo”. Di fronte all'esposizione del rappresentante italiano, gli alleati furono irremovibili e confermarono le loro richieste. Di conseguenza, Castellano e Zanussi furono rimandati a Roma quella sera stessa, sempre per via aerea e vi arrivarono quando il maresciallo Badoglio era già andato a dormire [47] . Fu quindi il 1º settembre che avvenne la decisiva riunione al vertice, cui parteciparono il capo del governo, il ministro degli Esteri Guariglia , il capo di stato maggiore Ambrosio , i generali Castellano , Roatta e Carboni e il ministro della Real Casa Pietro d'Acquarone , in rappresentanza del re, che, inspiegabilmente, era assente.

L'unico al corrente delle condizioni dell'armistizio lungo era il generale Roatta , che era stato informato da Zanussi , e non il maresciallo Badoglio [47] . Nonostante le obiezioni del generale Carboni, l'armistizio "corto" fu formalmente accettato. Il giorno dopo, Castellano fu riaccompagnato per via aerea in Sicilia privo, però, di una delega ufficiale alla sottoscrizione dell'accordo, richiesta dagli alleati. Tale circostanza comportò al generale un nuovo viaggio aereo di andata e ritorno e, finalmente, su delega del Re, Giuseppe Castellano , il giorno 3 settembre 1943 , pose la sua firma alla conclusione della guerra tra l' Italia e le potenze alleate.

L'8 settembre

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Operazione Achse , Operazione Giant 2 , Proclama Badoglio dell'8 settembre 1943 , Fuga di Vittorio Emanuele III e Mancata difesa di Roma .

Sin dalla fine di agosto il capo di stato maggiore Ambrosio aveva diramato alle Forze Armate la circolare op. 44, con la quale si ordinava “di interrompere a qualunque costo, anche con attacchi in forze ai reparti armati di protezione, le ferrovie e le principali rotabili alpine” e di “agire con grandi unità o raggruppamenti mobili contro le truppe tedesche”. Tale circolare ne ricalcava una precedente del 10 agosto; peraltro, la sua attuazione era condizionata a ordini successivi. Sembra che Badoglio sia stato all'oscuro di tali istruzioni sino al giorno 3 settembre e che sia rimasto estraneo alla redazione dei due promemoria diramati in seguito dallo Stato maggiore [48] .

Nel frattempo, sottoscritto l'armistizio “corto”, gli alleati avevano trattenuto il generale Castellano a Cassibile e il 5 settembre avevano rimandato a Roma i suoi due accompagnatori, il Maggiore Marchesi e il pilota Vassallo, senza comunicare la data esatta in cui doveva essere reso noto l'armistizio [49] . Castellano, tuttavia aveva dato loro una lettera per il generale Ambrosio con l'erronea indicazione – da riferire a Badoglio - che tale data sarebbe caduta tra i giorni 10 e 15 settembre, probabilmente il 12. I due emissari italiani, inoltre, avevano con loro dei documenti dove si comunicava che gli alleati, il giorno della dichiarazione dell'armistizio, avrebbero proceduto all'attuazione di uno sbarco aeronavale di una divisione aviotrasportata, in quattro aeroporti nei pressi della Capitale ( Operazione Giant 2 ). Presa visione di tali documenti, il capo di stato maggiore diramò un promemoria alle forze di stanza intorno a Roma, per mantenere il saldo possesso degli aeroporti romani di Cerveteri, Furbara, Centocelle e Guidonia. La mattina del 6 settembre, vi fu una riunione alla quale parteciparono il Re, Badoglio, Ambrosio e il ministro della Real Casa Acquarone. Dopo tale riunione, Ambrosio diramò un'ulteriore promemoria alla marina e ai comandanti delle truppe di stanza in Grecia e in Jugoslavia, di tenersi allertati, per il ricevimento di ordini “a viva voce” [50] .

La sera del 7 settembre, dopo essere sbarcati a Gaeta, giunsero a Roma due ufficiali americani ( Maxwell D. Taylor e William Gardiner), che alle 23:00 incontrarono il generale Carboni per concordare i particolari dell' Operazione Giant 2 , comunicandogli ufficialmente che, l'indomani alle 18:30, doveva essere resa nota l'avvenuta sottoscrizione dell'armistizio. A tale annuncio, il generale Carboni fu preso dal panico e, contrariamente a quanto assicurato ad Ambrosio il giorno prima, sostenne con forza che lo schieramento italiano non avrebbe potuto resistere più di sei ore alle truppe tedesche. Il colloquio si trasferì nella residenza di Badoglio che, data l'ora tarda, fu appositamente svegliato, e dove il comandante dei servizi segreti riuscì a convincere il capo del governo del suo punto di vista. Badoglio dettò allora un radiogramma per il generale Eisenhower, in cui si chiedeva l'annullamento dell' Operazione Giant 2 e il rinvio della dichiarazione dell'avvenuto armistizio. Per tutta risposta, la mattina dell'8 settembre, il generale Eisenhower dettò un radiogramma ultimativo al maresciallo Badoglio e richiese il ritorno dei due ufficiali americani; inoltre, dopo aver annullato – come richiesto - l' Operazione Giant 2 , all'ora prevista, dalle onde di Radio Algeri, rese nota la stipula dell'armistizio tra l'Italia e le forze alleate. Alle 18:45, si tenne una concitata riunione del Consiglio della Corona. Nonostante la contrarietà del generale Carboni, i presenti decisero di accettare lo stato di fatto e il capo del governo fu incaricato di comunicare alla nazione la conclusione della resa.

Alle ore 19:45, dell'8 settembre 1943, dai microfoni dell'EIAR, il Maresciallo Pietro Badoglio comunicò agli italiani che:

«Il governo italiano, riconosciuta la impossibilità di continuare la impari lotta contro la soverchiante potenza avversaria, nell'intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla Nazione, ha chiesto un armistizio al generale Eisenhower comandante in capo delle forze alleate anglo-americane. La richiesta è stata accolta. Conseguentemente ogni atto di ostilità contro le forze anglo-americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo. Esse però reagiranno ad eventuali attacchi da qualsiasi altra provenienza [51] »

Più tardi, Ambrosio cercò il capo del governo per fargli dare attuazione alla circolare op. 44, ma non riuscì a rintracciarlo, non pensando che il Maresciallo fosse a dormire. Un timido tentativo lo effettuò la mattina dopo, senza alcun esito [52] . Secondo Ruggero Zangrandi, Badoglio avrebbe posto un veto assoluto a quella diramazione, anche se, successivamente, il maresciallo avrebbe escluso che gli fosse mai stata chiesta alcuna autorizzazione [53] .

All'alba del 9 settembre, secondo Indro Montanelli e Mario Cervi la superiorità germanica era incontestabile nell'Italia settentrionale, ma il rapporto era rovesciato nell'Italia centrale e nell'Italia meridionale, poiché le divisioni tedesche erano alle prese con gli anglo-americani che, dopo lo sbarco presso Reggio Calabria risalivano dal fondo lo stivale, e stavano per stabilire una testa di ponte a Salerno [54] . In particolare a Roma, la situazione – sulla carta – era abbastanza favorevole all'esercito italiano (sei divisioni schierate, più altre due che stavano arrivando, per un totale di 50.000 uomini e 200 mezzi corazzati, a fronte di due divisioni tedesche, per soli 30.000 uomini, sia pur dotati di 600 mezzi corazzati). Con il controllo degli aeroporti garantito con l' Operazione Giant 2 e il conseguente controllo dello spazio aereo, si poteva oggettivamente resistere, per i giorni necessari ad attendere l'arrivo delle truppe alleate dal meridione. Della situazione di svantaggio era pienamente consapevole e sinceramente preoccupato il Comandante tedesco, Albert Kesselring temendo – sembra - più della superiorità numerica dell'esercito italiano, le capacità strategiche del Maresciallo Badoglio [55] . Di avviso contrario fu il capo di stato maggiore dell'Esercito italiano Roatta che, in quelle ore, consegnò al generale Carboni un ordine scritto con il quale lo si nominava comandante di tutte le truppe dislocate in Roma, escludendo, però, la difesa della capitale.

In tale clima il sovrano e il maresciallo Badoglio, il 9 settembre, alle ore 5:10, si accinsero a fuggire per raggiungere il sud , via Pescara , percorrendo proprio la via Tiburtina, ove stava ripiegando anche un corpo d'armata motorizzato, inizialmente previsto a difesa di Roma [56] . Del convoglio facevano parte la regina Elena di Savoia , il principe Umberto II di Savoia , Ambrosio e Roatta. Nella concitazione del momento - e nella consapevolezza che i tedeschi erano già sulle tracce di Mussolini - non fu effettuata alcuna fermata per prelevare l'ex duce del fascismo, prigioniero sul Gran Sasso, a poche decine di chilometri dal percorso effettuato [57] .

Badoglio si imbarcò la mattina del 10, da Pescara, con la corvetta Baionetta ( classe Gabbiano , serie Scimitarra ) [58] . Poco dopo la corvetta fece sosta nel vicino porto di Ortona, dove si imbarcarono i sovrani e gli altri componenti della spedizione, diretti a Brindisi . Nello stesso giorno l' esercito italiano di stanza a Roma privo di qualunque ordine e disposizione dopo aver lasciato sul campo oltre 1000 morti si arrese ai tedeschi.

Badoglio nella fasi della fugga da Roma dell'8 settembre si "dimenticò opportunamente" il " Memoriale Cavallero ben in vista sulla sua scrivania della Presidenza del Consiglio, condannando a morte per mano dei tedeschi il generale Ugo Cavallero da sempre a lui inviso.

Stessa sorte tocco all'intero esercito italiano, lasciato privo di direttive dallo Stato maggiore, si dissolveva nel giro di pochi giorni.

La Corte Reale e Badoglio assicuratisi che Brindisi fosse saldamente in mano agli americani vi si stabilirono come la sede del governo che, sotto la tutela dell' Amministrazione Militare anglo-americana, ebbe giurisdizione sulle provincie di Bari , Brindisi , Lecce e Taranto . Il 29 settembre 1943 Badoglio firmò a Malta il cosiddetto armistizio lungo .

Il 13 ottobre 1943 , infine, per mano del diplomatico Giacomo Paulucci di Calboli , il governo Badoglio dichiarò guerra alla Germania.

Il governo Badoglio II

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Badoglio II .
Prima riunione del secondo governo Badoglio a Salerno (22 aprile 1944)
Cittadinanza onararia di Siena revocata a Badoglio con decreto del Podestà il 2 febbraio 1944

Il primo problema che Badoglio dovette porsi nella nuova sede, fu quello dell'agibilità delle funzioni governative, in quanto diversi ministri erano rimasti a Roma ( Guariglia , Ricci , Sorice , De Courten e Piccardi ) [59] . Il problema fu inizialmente risolto nominando alcuni sottosegretari facenti funzione di ministri. Successivamente, nel febbraio 1944 quando il governo si stabilì a Salerno , divenuta sede del governo, ricevendo dagli alleati il controllo di tutta l'Italia meridionale liberata, Badoglio provvide alla sostituzione dei Ministri assenti. Lui stesso si assegnò il Ministero degli affari esteri.

Il secondo problema - più importante - fu quello del riconoscimento politico del governo stesso. Badoglio tentò di risolverlo sin dall'ottobre 1943, offrendo l'incarico di ministro degli Esteri a Carlo Sforza , che, rientrato in Patria dopo un esilio durato sedici anni, era accreditato come il personaggio di maggior spicco dell'antifascismo democratico. Sforza pose come condizione l'abdicazione di Vittorio Emanuele III ; successivamente, si fece portavoce di una soluzione che avrebbe posto sul trono il nipote infante ( Vittorio Emanuele IV ) del sovrano, con la reggenza del Maresciallo Badoglio. Quest'ultimo mise al corrente di tale evenienza il sovrano [60] , che, naturalmente, espresse la sua contrarietà.

L' impasse fu superato con l'accettazione di una proposta di Enrico De Nicola , cui Sforza aderì, consistente nel formale mantenimento della titolarità del trono da parte di Vittorio Emanuele III, ma il trasferimento di tutte le funzioni al figlio Umberto , quale Luogotenente del Regno. Tale trasferimento si sarebbe concretizzato con l'ingresso degli alleati nella Roma liberata. Ciò consentì la formazione a Salerno , il 22 aprile 1944 , del primo governo politico post-fascista, sostenuto dai sei partiti del Comitato di Liberazione Nazionale , sempre a guida Badoglio. Alla vicepresidenza fu nominato il comunista Palmiro Togliatti ; ministri senza portafoglio: Benedetto Croce , Carlo Sforza , il socialista Pietro Mancini e il democristiano Rodinò . Data la debolezza della sua presidenza, il governo Badoglio II resse solo poche settimane, sino a quando l'8 giugno 1944 , con il ritorno a Roma, il maresciallo Badoglio dovette rassegnare le dimissioni nelle mani del nuovo luogotenente del Regno. Gli successe il 18 giugno Ivanoe Bonomi . A questo periodo risale la Badoglieide , canzone partigiana altamente corrosiva che riassume da posizioni decisamente antimonarchiche la vita di Badoglio con collegamenti al presente e al governo Badoglio I, in particolare alle conseguenze dell'applicazione rigorosa da parte del generale Enrico Adami Rossi a Torino della sua circolare sull'ordine pubblico, a firma però del generale Mario Roatta ; a seguito di questa circolare varie manifestazioni, a Reggio Emilia ea Bari il 28 luglio 1943 ea Milano il giorno dopo, vennero represse con la forza causando la morte di vari dimostranti [61] .

Alla fine di giugno del 1944 Badoglio si ritirò a Cava de' Tirreni con la nuora ei nipoti (di cui uno liberato al lago di Braies in Alto Adige [62] ), che gli furono di conforto nell'assenza del figlio Mario, deportato in Germania e rinchiuso nei campi di concentramento diMauthausen e Dachau . Sopravvissuto, Mario Badoglio premorrà al padre, nel 1953, per i postumi della prigionia. Nel marzo 1946 l' Alta Corte di Giustizia dichiarò il Maresciallo decaduto dalla carica di senatore, con la quasi totalità dei componenti dell'assemblea vitalizia. Nel luglio 1948 la Corte di Cassazione confermò tale sentenza [63] .

Gli anni del secondo dopoguerra e l'accusa di crimini di guerra

Il trattato di pace sottoscritto il 10 febbraio 1947 , prevedeva, all'art. 45, l'impegno, da parte dell' Italia , per assicurare l'arresto e la consegna, ai fini di un successivo giudizio, di tutte le persone accusate di aver commesso o ordinato crimini di guerra. Nel maggio 1948 il governo etiope inviò all'apposita commissione dell'ONU per i criminali di guerra, una lista di dieci presunti criminali, comprendente il maresciallo Pietro Badoglio, per il deliberato uso di gas e bombardamento di ospedali della Croce Rossa [64] [65] , ordinato durante la campagna del 1935-36. L' Etiopia si era appellata ad un'altra clausola del Trattato di pace, che indicava un ininterrotto stato di guerra tra essa e l' Italia sin dal 3 ottobre 1935 ; successivamente (novembre 1948), pertanto, chiese la consegna degli accusati per sottoporli a processo [66] . L'Italia peraltro, riuscì a ottenere dagli alleati la rinuncia all'applicazione di tali clausole, impegnandosi a provvedere direttamente al giudizio di tutti i presunti criminali, individuati dalla Commissione ONU [67] .

Quando la Commissione d'inchiesta italiana cominciò i lavori (che, peraltro si conclusero con l'archiviazione delle posizioni di tutti gli accusati) il nome di Badoglio non compariva più in nessun elenco [68] .

Rientrato a Grazzano, dopo la Liberazione, il Maresciallo volle che la casa natia, una volta ristrutturata, diventasse un asilo infantile, intitolato alla mamma Antonietta Pittarelli e destinato ad accogliere gratuitamente i piccoli del paese, riservandosi alcuni locali, da destinare a museo. Nei mesi estivi era lui stesso ad accompagnare i visitatori, illustrando i vari cimeli esposti e le vicende della sua vita militare.

Pietro Badoglio morì a Grazzano il 1º novembre 1956 per un attacco di asma cardiaca . I funerali si svolsero il 3 novembre successivo, anniversario della firma dell' armistizio di Villa Giusti , con la partecipazione dei rappresentanti del governo, delle autorità e con tutti gli onori militari. Nel cimitero di Grazzano Badoglio vi è una cappella dove oltre a quella di Pietro Badoglio sono custodite le spoglie di altri familiari.

Nel 1991, dopo la chiusura dell'asilo Pittarelli, la casa natia del Maresciallo d'Italia fu destinata a centro culturale, per conto della Fondazione Badoglio, divenuta proprietaria di tutti i locali.

Il soldato discusso, l'uomo discusso

I ruoli ricoperti nella sua carriera militare e in quella politica esposero Badoglio a interpretazioni ostili di diverso orientamento, ma la mole delle critiche rivoltegli è tale che desta sensazione: fu mal visto e peggio reputato da destra come da sinistra, dai militari come dai politici, dai repubblicani come dai monarchici, dagli alleati come dai tedeschi. Resta l'uomo che lega indissolubilmente il suo nome a Caporetto, all' iprite e all'8 settembre.

Del soldato è discussa la velocità della carriera. Circa l'utilizzazione dell'iprite, i fatti (sconosciuti allora all'opinione pubblica italiana) sembrarono inaccettabili anche per un tempo nel quale ancora non erano intervenute le profonde mutazioni culturali del dopoguerra ei limiti della morale bellica dell'epoca erano alquanto più elastici degli odierni.

Nel 1965 fu tolto il segreto di stato alle risultanze dell'apposita commissione d'inchiesta sulla mancata difesa di Roma dell'8-10 settembre 1943 . Risultò così che i tre commissari, riuniti tra il 1944 e il 1945 sotto la presidenza del comunista Palermo, avevano dato un'interpretazione strettamente militare all'evento, attribuendone la responsabilità al capo di stato maggiore dell'Esercito Mario Roatta e al comandante delle truppe dislocate in Roma generale Giacomo Carboni . Fu così che Badoglio, dopo i fatti di Caporetto ei crimini della campagna d'Etiopia, sfuggì per la terza volta ai rigori di una Commissione d'inchiesta.

La carriera bruciante, la mancanza assoluta di sanzioni (malgrado le sue responsabilità a Caporetto) e la stessa lunga convivenza istituzionale forzosa con Mussolini sono apparsi come segnali di qualche incongruenza che troverebbe spiegazione solo nell'appartenenza di Badoglio alla Massoneria . La rivista ufficiale del Grande Oriente d'Italia , Rivista Massonica , in un numero del 1976, (a pag. 247), conferma l'affiliazione di Badoglio ad una loggia del Grande Oriente d'Italia [69] . Dell'affiliazione massonica di Badoglio sembra convinto anche il generale Luigi Cadorna ( capo di stato maggiore dell'Esercito ) che il 6 marzo 1917 scrive al figlio Raffaele « A Capello ho dato Badoglio come desiderava. Così sono in pieno tre puntini! Almeno non mi diranno che ho delle prevenzioni! » [70] .

Per quanto riguarda gli eventi del 25 luglio 1943 , relativi alla messa in minoranza di Mussolini nel Gran Consiglio del fascismo e il suo successivo arresto, secondo Peter Tompkins , sarebbe stato determinante il vincolo massonico derivante dall'iniziazione alla Gran Loggia d'Italia degli Alam , che legava ancora dodici dei diciannove consiglieri contrari a Mussolini [71] . Non a caso la vicenda si concluse con il conferimento dell'incarico di capo del governo al massone non dichiarato Pietro Badoglio [72] , «da parte del massone segreto di Piazza del Gesù Vittorio Emanuele III ».

Piemontese (del Monferrato ) come il Re, sembrò avere sempre il costante sostegno dalla Corona, sebbene non fu sempre graditissimo nemmeno al Quirinale [73] .

I racconti di Badoglio

A proposito dell'arresto di Mussolini, Badoglio descrisse una versione del colloquio di Villa Ada fra il Re e Mussolini, che non trova suffragio di attendibilità presso gli storici, anche perché il colloquio era a due e nessuno dei (due) presenti ne parlò [74] .

Dell'armistizio spiegò che era stato siglato perché la rete ferroviaria era stata resa inservibile e perché la Germania aveva inviato in Italia truppe non richieste, aveva ridotto le forniture di carbone e si era appropriata di un carico di grano, quest'ultima cosa grave al punto da non lasciare più tempo da perdere. Contattato Eisenhower , continuò, « vennero dei patti un po' imbrogliati che non sto a chiarirvi ».

Circa alcune sue reiterate dichiarazioni riprese da De Felice , secondo le quali Mussolini avrebbe avuto in programma di chiedere un armistizio per il 15 settembre, la circostanza non trova riscontri probanti [75] .

Il museo

La casa dove nacque e dove morì è oggi adibita a museo ed è di proprietà della Fondazione Badoglio . La famiglia Badoglio la vendette nel 1922, ma nel 1937 l'Associazione Mutilati e Invalidi di Guerra di Casale Monferrato la riacquistò e la donò a Pietro Badoglio. Badoglio decise che sarebbe divenuta la sede dell'asilo infantile intitolato alla madre Antonietta Pittarelli, riservandosi una parte come propria abitazione e museo. Nel 1988 l'Asilo Pittarelli è stato chiuso. Nel 1991 è stato costituito il Centro Culturale Pietro Badoglio (Direttore Alessandro Allemano) che gestisce il Museo Badoglio.

Matrimonio e figli

Pietro Badoglio sposò a Roma il 26 ottobre 1904 Sofia Valania (Milano, 1884 - Roma, 19 novembre 1942), figlia del colonnello dei granatieri Ferdinando Valania e di sua moglie, Luigia Dobrilla. Da questa unione nacquero i seguenti figli:

  • Mario (Roma, 1º agosto 1905 - San Vito al Tagliamento, 10 febbraio 1953), diplomatico e Capitano di complemento della Regia Aeronautica, sposò a Sanremo il 3 gennaio 1937 Giuliana Rota, figlia del senatore Francesco Rota dei Conti di San Vito e di Mary Treherne Dalrymple
  • Francesco Ferdinando (1908 - 1911)
  • Paolo Ferdinando (Roma, 6 gennaio 1912 - incidente sul fronte, Sebha 30 aprile 1941), Tenente di complemento d'aviazione. Sposò a Roma il 6 luglio 1935 Anna (detta Annina) Silj, figlia del senatore Bernardo Silj , nipote del cardinale Augusto Silj e cugina del Cardinale Pietro Gasparri
  • Maria Immacolata (Roma, 15 gennaio 1915 - Pistoia, 3 marzo 1985), sposò a Roma il 12 aprile 1939 il marchese Antonio Corbizzo Altoviti Avila Niccolai Lazzerini (n. Firenze, 15 ottobre 1914)

Onorificenze e decorazioni

Il generale Pietro Badoglio

Onorificenze italiane

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— Regio decreto 18 ottobre 1928
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1921
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1919
Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia
«Adamantina tempra di soldato italiano, con tenacia pari al valore e con intelletto pari alla fede, in 41 mesi di guerra consacrò tutto se stesso al trionfo delle armi nostre. Assunto ad alte funzioni presso il comando supremo, fu del capo di stato maggiore dell'Esercito, in intima comunione di opere, di concetti e d'intenti, prezioso, devoto, infaticabile collaboratore, acché spezzata la violenza delle offensive nemiche, le armate italiane, ricostituite in agili e forti organismi, scattassero nell'ora meditata e prescelta alla travolgente manovra intesa a distruggere l'intera compagine dell'esercito nemico.

Zona di guerra, 8 novembre 1917 - 4 novembre 1918. [76] »
— 6 novembre 1918 [77]

Gran Croce dell'Ordine coloniale della stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine coloniale della stella d'Italia
— 1930
Cavaliere di Gran Croce Magistrale del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Magistrale del Sovrano Militare Ordine di Malta
— 23 giugno 1936
Commendatore dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco
— 20 luglio 1926
Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande di Lituania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande di Lituania
— 1930

Decorazioni

Medaglia d'argento al valore militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valore militare
«Per il valore dimostrato sulle linee di S. Daniele, in circostanze critiche di combattimento, assicurando efficace difesa contro l'incalzante nemico ed esponendosi serenamente ove intenso ferveva il combattimento.»
— S. Daniele del Friuli, 30 ottobre 1917.
Medaglia d'argento al valore civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valore civile
«Per essersi segnalato nel portare soccorso alle popolazioni funestate dal terremoto del 28 dicembre 1908»
Medaglia di bronzo al valore militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valore militare
«Incaricato dal comando del corpo d'armata di indirizzare la 6ª brigata su posizioni arditamente da lui riconosciute giorni innanzi, eseguiva il mandato con coraggio ed intelligenza. Rientrato al comando per riferire, ritornava più tardi al comando di brigata per ordini e notizie, traversando, non curante di sé, zone molto battute da proiettili nemici.»
— Tripoli, 26 novembre 1911
Croce al Merito di Guerra (2 concessioni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di Guerra (2 concessioni)
— Comando Supremo (1918) e Campagna Africa Orientale Italiana (1936)

Medaglie

Medaglia Mauriziana pel merito militare di 10 lustri per ufficiali generali - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana pel merito militare di 10 lustri per ufficiali generali
Medaglia d'oro militare al merito di lungo comando - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro militare al merito di lungo comando
Croce d'oro per anzianità di servizio militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio militare
Medaglia commemorativa della Guerra Italo-Turca (1911-1912) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della Guerra Italo-Turca (1911-1912)
Medaglia commemorativa delle Campagne di Libia (1913) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle Campagne di Libia (1913)
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia (1848-1918) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia (1848-1918)
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria
Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa Orientale (1935 – 1936) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa Orientale (1935 – 1936)
Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna dell'Africa Orientale (1935-1936) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna dell'Africa Orientale (1935-1936)
Medaglia di benemerenza per il terremoto di Avezzano (1915) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di benemerenza per il terremoto di Avezzano (1915)

Ordine delle decorazioni

Distintivo promozione merito di guerra ufficiali superiori (forze armate italiane).svg Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg
Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg Distintivo promozione merito di guerra ufficiali generali e ammiragli (forze armate italiane).svg
Order of the Most Holy Annunciation BAR.svg Cavaliere di gran croce OMS BAR.svg Valor militare silver medal BAR.svg Croce di guerra al valor militare BAR.svg
Cavaliere di gran Croce Regno SSML BAR.svg Mauriziana BAR.svg Valor civile silver medal BAR.svg Cavaliere di Gran Croce OCI Kingdom BAR.svg
Campaigns in Africa medal BAR.svg 40anzianitàdiservizio-RegnoItalia.PNG Medaglia al merito di lungo comando nell'esercito 20 BAR.svg ItaloTurca.png
OCSI1.png MeritoMilitare2.png 1GMx4.png Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia BAR.svg
FronteNord+.png VolontarioAOI.png TerremotoAvezzano1915.png 1940-1943ItalianWarMedalRibbon.gif

Note

  1. ^ Pietro Badoglio , su I Bersaglieri ne la seconda guerra mondiale . URL consultato il 26 dicembre 2011 .
  2. ^ Pietro Badoglio è stato però accusato di un comportamento inumano per aver buttato petrolio nelle gallerie scavate dagli austriaci e di avele incendiate. Giacomo Properzj Breve storia della Grande Guerra Mursia Milano ISBN 978-88-425-5015-0 .
  3. ^ Montanelli 1974 , pp. 365-366 .
  4. ^ a b Francesco Nicolini Forte Verena. 24 Maggio 1915 ore 4 - Trilogia della Grande Guerra . Edizioni il fiorino. pag.330
  5. ^ Cartine della relazione ufficiale dello stato maggiore , Vol IV, tomo 3 ter.
  6. ^ Relazione della Commissione di Inchiesta su Caporetto, RD 12 gennaio 1918, n. 35 , Stabilimento Poligrafico per l'Amm.ne della Guerra, Roma, 1919.
  7. ^ Montanelli 1974 , p. 371 .
  8. ^ Sforza 1945 , p. 47 .
  9. ^ Montanelli 1974 , pp. 397 e segg.-366 .
  10. ^ Denis Mack Smith, Storia d'Italia 1861-1958 , vol. 2°, Laterza, Bari, 1965, p. 583.
  11. ^ Antonella Randazzo, L'Africa del Duce : i crimini fascisti in Africa , Arterigere, 2008, p. 119, ISBN 978-88-89666-27-2 , OCLC 228781878 . URL consultato il 17 luglio 2021 .
  12. ^ Del Boca 2005 , p. 183 .
  13. ^ Federica Saini Fasanotti , p. 300: "...cosicché Badoglio scriveva a Graziani di processarlo immediatamente, a livello penale, e di condannarlo a morte secondo le usanze locali" .
  14. ^ In Giovanni Conti, articolo "Il leone del deserto", su "Rodolfo Graziani l'ultimo guerriero", Monfalcone, Sentinella d'Italia, 1982, pag. 44
  15. ^ Federica Saini Fasanotti , pp. 300-301 .
  16. ^ Del Boca 1996 .
  17. ^ Protocollo concernente la proibizione di usare in guerra gas asfissianti, tossici o simili e mezzi batteriologici ( PDF ), Ginevra, 1925.
  18. ^ Mussolini, Telegramma per SE Graziani , su criminidiguerra.it , Ciminidiguerra.it. URL consultato il 26 dicembre 2011 .
  19. ^ Del Boca 2005 , pp. 202 e sgg.
  20. ^ Del Boca 1996 , pp. 141-142 .
  21. ^ Benito Mussolini, Storia di un anno: il tempo del bastone e della carota , Mondadori, Milano, 1945.
  22. ^ L'attacco alla Francia in quel preciso momento venne ritenuto come un atto estremo di fellonia e venne etichettato come una vera propria "pugnalata nelle spalle". Alle rimostranze di Badoglio, secondo il quale "l'esercito italiano non ha neppure le camicie" Mussolini ribatté "voi non capite io ho bisogno di qualche migliaio di morti per sedermi al tavolo di pace". Montanelli e Cervi 1983 , p. 20 .
  23. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 41 .
  24. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 57 .
  25. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 39 .
  26. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 40 .
  27. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 42 .
  28. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 84 .
  29. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 53 .
  30. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 329 .
  31. ^ Non furono esatte le dichiarazioni che Badoglio rese il 25 ottobre 1943 al Times: “Fui chiamato dal re alle ore 17 del 25 luglio e nominato capo del nuovo governo: Io non so quello che accadde tra il momento del voto in Gran Consiglio e l'invito fattomi dal Re” (Cfr. Times , 25 ottobre 1943).
  32. ^ cfr. La gazzetta del Popolo , 27 luglio 1943.
  33. ^ Grandi 1983 , p. 353 .
  34. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 48 .
  35. ^ Kronologia , su fondazionecipriani.it , Fondazionecipiriani.it. URL consultato il 26 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  36. ^ 1943 , su archividellaresistenza.it , Archivi della Resistenza. URL consultato il 26 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  37. ^ Kronologia , su fondazionecipriani.it , Fondazionecipiriani.it. URL consultato il 26 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  38. ^ Grandi 1983 , p. 355 .
  39. ^ a b Grandi 1983 , p. 356 .
  40. ^ Grandi 1983 , pp. 387 e sgg.
  41. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 344 .
  42. ^ Grandi 1983 , p. 428 .
  43. ^ Grandi 1983 , p. 433 .
  44. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 348 .
  45. ^ Probabilmente i tedeschi erano già al corrente della missione, in quanto già l'11 agosto, Hitler aveva avvertito i suoi generali che “gli Italiani continuano i loro negoziati a tutta velocità… essi rimangono con noi solo per guadagnar tempo” (cfr. Montanelli e Cervi 1983 , p. 348 ).
  46. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 369 .
  47. ^ a b Montanelli e Cervi 1983 , p. 371 .
  48. ^ Montanelli e Cervi 1983 , pp. 378-379 .
  49. ^ Eisenhower non lo comunicò a Castellano nemmeno 24 ore prima della dichiarazione da Radio Algeri dell'8 settembre alle ore 18:30. Montanelli e Cervi 1983 , p. 392 .
  50. ^ Montanelli e Cervi 1983 , pp. 386-387 .
  51. ^ Badoglio annuncia l'armistizio dell'Italia .
  52. ^ Montanelli e Cervi 1983 , pp. 409-411 .
  53. ^ Ruggero Zangrandi, 1943:25 luglio-8 settembre , Feltrinelli, Milano, 1964, pp. 486-7.
  54. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 407 .
  55. ^ Montanelli e Cervi 1983 , p. 418 .
  56. ^ Secondo quanto riportato da Beniamino Placido «Al giovane ufficiale Lanza di Trabia che aveva inseguito il convoglio in fuga per chiedere quali ordini dovesse portare al suo capo, generale Carboni, il Generale Badoglio maresciallo d'Italia, duca di Addis Abeba, eccetera risponde - sporgendosi frettolosamente dal finestrino della macchina -: "gli dica di fare quello che può, gli dica di arrangiarsi".» IN QUANTI ITALIANI VIVE ANCORA BADOGLIO - la Repubblica.it
  57. ^ Badoglio sapeva che i tedeschi erano sulle tracce di Mussolini sin da quando aveva trasferito l'ex duce dalla Maddalena al Gran Sasso; Skorzeny , infatti era arrivato sull'isola sarda il giorno dopo del trasferimento dell'ex capo del governo e si era subito messo sulle tracce della nuova destinazione. Montanelli e Cervi 1983 .
  58. ^ Agostino Degli Espinosa, Il Regno del Sud , Milano, ed. Rizzoli, 1995.
  59. ^ Il governo, senza Badoglio, aveva continuato riunirsi a Roma sino al 13 settembre, diretto ad interim dal ministro Ricci.
  60. ^ Montanelli e Cervi 1984 , p. 418 .
  61. ^ I Badoglio - (Governo militare) - 25 luglio 1943 - 22 aprile 1944 , su dellarepubblica.it . URL consultato l'8 maggio 2020 .
  62. ^ Hans-Günter Richardi, Ostaggi delle SS al lago di Braies - la deportazione in Alto Adige di illustri prigionieri dei lager nazisti provenienti da 17 paesi europei , Braies, Archivio di Storia Contemporanea, 2006. ISBN 88-902316-2-9
  63. ^ Scheda senatore BADOGLIO Pietro , su notes9.senato.it .
  64. ^ ( EN ) Pankhurst, Richard "Italian Fascist War Crimes in Ethiopia: A History of Their Discussion, from the League of Nations to the United Nations (1936–1949) ", Northeast African Studies , Volume 6, Number 1-2,1999.
  65. ^ Pankhurst, R. “Il bombardamento fascista sulla Croce Rossa durante l'invasione dell'Etiopia (1935–1936),” Studi Piacentini (1997), XXI, 129–52.
  66. ^ Fascist Legacy , video-documentario prodotto da BBC, Londra 1990, con la regia di Ken Kirby e la consulenza storica di Michael Palumbo.
  67. ^ Costantino di Sante, Gli armadi italiani della vergogna ( PDF ), CESP - Convegno: Revisionismo storico e terre di confine, 13-14 marzo 2006. URL consultato il 20 febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 20 settembre 2009) .
  68. ^ Nominativi sottoposti alla commissione d'inchiesta per i presunti criminali di guerra italiani (situazione al 25 gennaio 1947) , su criminidiguerra.it , Crimini di guerra, accesso=26 dicembre 2011.
  69. ^ Ibi, p. 435, nota 30.
  70. ^ carteggio privato Cadorna (a tutt'oggi in possesso della famiglia Cadorna), citato in Piero Pieri - Giorgio Rochat , Pietro Badoglio maresciallo d'Italia , Mondadori, 2002, p.109, con i limiti della nota di p.593.
  71. ^ Peter Tompkins, Dalle carte segrete del Duce , Tropea, Milano, 2001, pag. 299.
  72. ^ Peter Tompkins, cit. , pag. 69.
  73. ^ Montanelli e Cervi 1983 , pp. 359 e sgg.
  74. ^ «solo il Gen. Div. Paolo Puntoni , primo aiutante di campo generale di SM il Re, era, a richiesta del sovrano, nella stanza accanto e origliava alla porta, pronto ad intervenire se il duce avesse reagito con violenza. Il Gen. Puntoni ha lasciato un affidabile diario»: Paolo Puntoni, Parla Vittorio Emanuele III , Il Mulino, 1993, pp. 142-147.
  75. ^ "Introduzione", De Felice in Grandi 1983 , p. 86 .
  76. ^ http://www.museobadoglio.altervista.org/docs/stato_servizio.pdf
  77. ^ Le onorificenze della Repubblica Italiana , su www.quirinale.it .

Bibliografia

  • Gian Luca Badoglio (a cura di), Il Memoriale di Pietro Badoglio , Udine, Gaspari Editore, 2000.
  • Pietro Badoglio, Tripolitania economica : (la colonizzazione a tutto il 1931) , Tripoli, Governo della Tripolitania. Direzione degli affari economici e della colonizzazione, 1931.
  • Pietro Badoglio, La guerra d'Etiopia , Milano, Mondadori, 1936.
  • Pietro Badoglio, La via che conduce agli alleati , Edizioni Erre, 1944.
  • Pietro Badoglio, Rivelazioni su Fiume , Roma, Donatello De Luigi, 1946.
  • Pietro Badoglio, L'Italia nella seconda guerra mondiale : prima e dopo il 25 luglio 1943 , Milano, Mondadori, 1982.
  • Roberto Bencivenga, La sorpresa strategica di Caporetto , Udine, Gaspari Editore, 1997.
  • Silvio Bertoldi, Badoglio. Il Maresciallo d'Italia dalle molte vite , Milano, Rizzoli, 1993.
  • Silvio Bertoldi, Colpo di Stato. Venticinque luglio 1943: il ribaltone del fascismo , Milano, Rizzoli, 1996.
  • Silvio Bertoldi, Apocalisse italiana. 8 settembre 1943: fine di una Nazione , Milano, Rizzoli, 1998.
  • Silvio Bertoldi, Guerra: Italiani in trincea da Caporetto a Salò , Milano, Rizzoli, 2003.
  • Silvio Bertoldi, Il Regno del sud , Milano, Rizzoli, 2003.
  • Centro per le Ricerche Archeologiche e Storiche nel Goriziano (a cura di), La rotta di Caporetto .
  • Luigi Cadorna, La guerra al fronte italiano , 1921.
  • Luigi Capello, Per la verità , Milano, Fratelli Treves Editori, 1920.
  • Luigi Capello, Note di guerra , Milano, Fratelli Treves Editori, 1920.
  • Saverio Cilibrizzi, Caporetto nella leggenda e nella storia , Milano, Libreria Internazionale Treves, 1947.
  • Angelo Del Boca, Gli Italiani in Libia , Bari, Laterza, 1988.
  • Angelo Del Boca, I gas di Mussolini. Il fascismo e la guerra d'Etiopia , Roma, Editori riuniti, 1996, ISBN 88-359-4091-5 .
  • Angelo Del Boca, Italiani, brava gente? , Vicenza, Neri Pozza, 2005, ISBN 88-545-0013-5 .
  • Dino Grandi, 25 luglio, quarant'anni dopo , a cura di Renzo De Felice, Bologna, Il Mulino, 1983, ISBN 88-15-00331-2 .
  • Indro Montanelli, L'Italia di Giolitti , Milano, Rizzoli, 1974.
  • Indro Montanelli, Mario Cervi, L'Italia dell'Asse , Milano, Rizzoli, 1981.
  • Indro Montanelli, Mario Cervi, L'Italia della disfatta: 10 giugno 1940-8 settembre 1943 , Milano, Rizzoli, 1983.
  • Indro Montanelli, Mario Cervi, L'Italia della guerra civile , Milano, Rizzoli, 1984.
  • Carlo Palumbo, La vita di Pietro Badoglio, Milano, Le Grandi Biografie Peruzzo, 1985
  • Relazione della Commissione di Inchiesta su Caporetto, RD 12 gennaio 1918, n. 35 , Roma, Stabilimento Poligrafico per l'Amm.ne della Guerra, 1919.
  • Massimo Rendina, L'Italia 1943/45. Guerra civile o Resistenza? , Roma, Newton Compton, 1995.
  • Carlo Sforza, L'Italia dal 1914 al 1944 quale io la vidi , Roma, Mondadori, 1945.
  • Antonio Spinosa, Vittorio Emanuele III: l'astuzia di un re , Milano, Mondadori, 1990.
  • Peter Tompkins , Dalle carte segrete del Duce , Tropea, Milano, 2001
  • Ruggero Zangrandi, 1943:25 luglio-8 settembre , Milano, Feltrinelli, 1964.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Capo del Corpo di stato maggiore e del Servizio di stato maggiore del Regio Esercito Successore Flag of the chief of staff of the Regio Esercito.svg
Armando Diaz 24 novembre 1919 - 3 febbraio 1921 Giuseppe Vaccari
Predecessore Capo dello Stato maggiore centrale del Regio Esercito Successore Flag of the chief of staff of the Regio Esercito.svg
Giuseppe Francesco Ferrari 4 maggio 1925 - 8 giugno 1925 se stesso
Predecessore Capo di Stato Maggiore del Regio Esercito Successore Flag of the chief of staff of the Regio Esercito.svg
se stesso 8 giugno 1925 - 1º febbraio 1927 Giuseppe Francesco Ferrari
Predecessore Capo di stato maggiore generale Successore Flag of the chief of staff of armed force.svg
Capo di stato maggiore 4 maggio 1925 - 4 dicembre 1940 Ugo Cavallero
Predecessore Governatore della Tripolitana Successore
Emilio De Bono 24 gennaio 1929 - 31 dicembre 1933 Unito al governatorato dell' AOI
Predecessore Governatore della Cirenaica Successore
Attilio Teruzzi 24 gennaio 1929 - 31 dicembre 1933 Unito al governatorato dell' AOI
Predecessore Alto Commissario dell'Africa Orientale Italiana Successore
Emilio De Bono 28 novembre 1935 - 9 maggio 1936 Titolo soppresso
Predecessore Governatore dell'Eritrea Successore
Emilio De Bono 22 novembre 1935 - 9 maggio 1936 Governatorato dell' AOI
Predecessore Viceré d'Etiopia Successore Flag of viceroy of the Kingdom of Italy.svg
Titolo inesistente 9 maggio - 11 giugno 1936 Rodolfo Graziani
Predecessore Governatore dell'Eritrea
(come parte dell'AOI)
Successore
Titolo inesistente 9 maggio - 22 maggio 1936 Alfredo Guzzoni
Predecessore Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Successore
Guglielmo Marconi 1937 - 1941 Giancarlo Vallauri
Predecessore Ministro degli Esteri ad interim del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Raffaele Guariglia 11 febbraio - 8 giugno 1944 Ivanoe Bonomi
Predecessore Ministro delle Colonie ad interim del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Melchiade Gabba 11 febbraio 1944 - 8 giugno 1944 Ivanoe Bonomi
Predecessore Presidente del Consiglio dei ministri del Regno d'Italia Successore
Benito Mussolini 26 luglio 1943 - 18 giugno 1944 Ivanoe Bonomi
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 100907172 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0929 092X · SBN IT\ICCU\RAVV\069488 · LCCN ( EN ) n83141018 · GND ( DE ) 118646281 · BNF ( FR ) cb12033622r (data) · BNE ( ES ) XX842737 (data) · NLA ( EN ) 35699655 · BAV ( EN ) 495/97292 · NDL ( EN , JA ) 00540256 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n83141018