Pula

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació - Si està buscant altres aplicacions, vegi Pula (desambiguació) .
Pula
ciutat
(HR) Pula
(IT) Pola
Pula - Escut d'armes Pula - Bandera
Pula: vista
Panorama de Pula
Ubicació
Estat Croàcia Croàcia
regió Grb Istarske županije.svg Istria
Administració
Alcalde Boris Miletic ( DDI )
Territori
Coordenades 44 ° 52'N 13 ° 50'E / 44.866667 13.833333 ° N ° I 44.866667; 13.833333 (Pola) Coordenades : 44 ° 52'N 13 ° 50'E / 44.866667 13.833333 ° N ° I 44.866667; 13.833333 (Pola)
Altitud 30 i 0 m sobre el nivell de la mar
Superfície 51,65 km²
Habitants 57765 (31-03-2011, Cens 2011)
Densitat 1 ab./ 118,39 km²
Altra informació
Idiomes Croata i italiana
Codi Postal 52100
Prefix 052
Jet lag UTC + 1
Placa PU
Anomenar habitants polesi, polesani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Pula
Pula
Pula - Mapa
Localització de la ciutat de Pula a la regió d’Istria
Web institucional

"Sí, com a Arli , on Rhone es queda estancat,
com si a Pula, al Kvarner ,
que Itàlia tanca i els termes es mullen "

( Dante Alighieri , La Divina Comèdia , Infern , Cant IX , vv. 112-114)

Pola ( AFI : / pɔla / [1] ; en croata Pula, en istroveneto Pola, en Istriot Puola; en eslovè Pulj; en alemany Pola) és una ciutat croata de 57.765 habitants (cens del 2011), la més gran d' Istria també com la seva capital històrica.

La ciutat més propera fundada en la " edat de bronze per persones que pertanyen a la cultura dels forts com Pula, va esdevenir la capital i el principal centre d' Histris canvi de nom a Nesactium. Conquerit pels romans en 177 aC , va ser renombrado Pietas Iulia, sempre que es va mantenir en ús fins al nom Pola. Després de la caiguda de l'Imperi Romà d'Occident , la ciutat va passar a formar part de l' ' Imperi Romà d'Orient i després constituir-se en una comuna lliure en 1177 . La ciutat va ser annexada a la República de Venècia en 1148, romanent en els seus dominis marítims durant gairebé cinc segles, només per ser annexada a l' ' imperi austríac . Va romandre sota el control directe d'Àustria fins a 1918, quan va ser annexada a l' Regne d'Itàlia , abans de traslladar-se en 1947 a Iugoslàvia i, finalment, el 1991, a Croàcia .

A causa d'aquests esdeveniments històrics de la composició ètnica Pola canviat al llarg dels segles, sobretot després de la Segona Guerra Mundial , que va ser seguit pel " èxode de gran part de la població italiana , que en aquest moment era la gran proporció de residents a Pula. Avui la majoria dels ciutadans de Pula Croàcia (que representa el 77,37% de la població total segons el cens del 2011), seguit dels serbis (6,01%), els italians (4,43%), pels bosnians (3, 5%) i Eslovènia ( 0,9%).

Pula té un teixit industrial format principalment per la construcció naval , les indústries manufactureres , les indústries d'aliments , indústries de la construcció i les indústries metal·lúrgiques . En Pula hi ha moltes zones turístiques freqüentades sobretot a l'estiu, incloent les illes Brijuni . Pula és també la destinació final de la ruta en bicicleta Eurobicicleta 9, que comença a Gdansk , a Polònia . El monument més important d'aquesta ciutat és la " Arena de Pula , que també serveix com un símbol per a la ciutat i és un dels amfiteatres de l'època romana més ben conservada al món. Pula és un bisbat amb les diòcesis de Porec i Pula , sufragània de ' arxidiòcesi de Rijeka .

Geografia física

Territori

Vistes aèries de la ciutat

Pola es troba al llarg de la costa de l'Adriàtic i és part de la regió geogràfica italiana , per les fronteres oriental tradicionalment sol indicar la cadena dels Alps Julians i de la badia de Kvarner , que també es refereix a Dante Alighieri a la Divina Comèdia .

Els diferencials de la ciutat més de set turons com Roma , que en aquest cas és el Castell, Zaro, St. Michel, Castagner Muntanya Liró, Sant Martí, Muntanya Paradiso, a la part interior d'un immens abisme.

La zona en la qual el municipi de Pola s'estén mesures de 51,65 quilòmetres 2, dels quals 41,59 quilòmetres 2 de terra i 10,15 quilòmetres 2 de la superfície marina, que està envoltada pels illots deshabitats de San Girolamo , Cosada i Veruda .

En el punt on es va fundar la ciutat es va fer un port ben protegit de les cales dels voltants, la profunditat màxima és de 38 metres, que és oberta a al nord-est amb dues entrades, una cap al mar i l'altra cap al canal de Fasana .

Clima

Protegida dels vents freds del nord gràcies a la cadena dels Alps , que es troben a uns 200 km i que mitiguen les variacions de temperatura gràcies a la presència del mar, Pula té un clima subtropical humit ( classificació climàtica de Köppen ) amb un clima agradable temperatures a l’estiu i no massa fredes a l’hivern. Els estius són sovint càlids durant el dia i relativament frescos al vespre, tot i que els pics de calor són relativament comuns.

La humitat és constant i la temperatura mitjana estival és de +23 ° C durant juliol i agost, mentre que a l'hivern fa +6 ° C durant gener i febrer, amb 240 dies a l'any on la temperatura és superior a +10 ° C. Hi ha dos vents de Pula, la bora , el vent catabàtics fred d'origen a l'est / nord-est d'hivern bufant amb especial intensitat, i el vent de sud , el vent calent de sud-est que porta les pluges. En Pola també bufa el mestral , vent d'estiu que bufa des del mar interior.

Els següents són els aspectes més destacats de Pola dades climatològiques [2] [3] :

Mes Mesos Temporades Curs
Gener Febrer desfigurar Abril Mag Baix Juliol Fa Conjunt Octubre Nov. Des Inv Pri Est Aut
T. màx. mitjàC ) 10.0 10.0 13.0 16.0 21.0 25,0 28,0 28,0 24.0 20.0 14.0 10.0 10.0 16.7 27,0 19.3 18.3
T. mitjanaC ) 6 6 8.5 12.0 16,5 20,5 23.0 23.0 19,5 16.0 10.5 7.0 6.3 12.3 22.2 15.3 14.0
T. min. mitjàC ) 2.0 2.0 4.0 8.0 12.0 16.0 18,0 18,0 15.0 12.0 7.0 4.0 2.7 8.0 17.3 11.3 9.8
Precipitacions ( mm ) 78,0 64,0 65,0 70,0 56,0 53,0 48,0 75,0 85,0 85,0 80,0 112,0 254,0 191,0 176,0 250,0 871,0
Dies plujosos 12.0 12.0 12.0 13.0 13.0 13.0 10.0 11.0 11.0 12.0 13.0 13.0 37,0 38,0 34,0 36,0 145,0
Dies de cel clar 3.0 4.0 5.0 6.0 8.0 9.0 10.0 9.0 7.0 5.0 3.0 3.0 10.0 19.0 28,0 15.0 72,0
Heliofà absolut ( hores al dia ) 33 40 42 43 53 56 67 64 58 45 30 33 35.3 46 62.3 44,3 47

Història

Època prehistòrica

Jaciment prehistòric pertanyent a la cultura dels castellieri situat a Moncodogno, no gaire lluny de Pula

Les primeres evidències de presència humana a prop de Pula es remunten a fa aproximadament un milió d’anys. Aquests testimonis es basen en els fòssils de Homo erectus que es troben a Sant Daniele (cro. Šandalja), la ubicació a prop de Pula [4] . També prop de la ciutat d'Istria, que s'han descobert ceràmica neolítica datat entre 6000 i 2000 abans de Crist, el que demostra la presència d'un assentament habitat sedentària.

Els artefactes trobats a Pula atribuïble a un període històric posterior a aquells data anteriorment esmentada tornar ell ' edat de bronze mitjana, que pot datar-se entre 1800 i 1000 abans de Crist i pertanyen a la cultura dels forts , que es va desenvolupar en Istria i després es va expandir posteriorment en Friuli (anomenat cjastelîr a Friuli ), Venezia Giulia , dàlmata , Veneto i en les seves àrees veïnes. Els assentaments de fortes trobades prop de Pula, que es diuen "Gradina" (cr. Gradište), que estan en el tombes monticle [5] . D'aquesta cultura objectes prehistòrics van ser trobats als afores de Pula, vaig treballar os, objectes que van ser utilitzats per suavitzar o perforar diversos materials, com el cuir, agulles de cosir i espiral penjolls de bronze [6] .

El tipus de material arqueològic troba a les rodalies d'espectacles Pula que Castellieri assignats en aquesta àrea tenien contactes comercials amb diversos assentaments humans al llarg de les ribes de l' riu Danubi [6] . Els habitants d'Istria que vivien en l'edat de bronze i després van donar lloc als il·liris , tant és així que se'ls coneix com "proto-il·liris", és a dir, una de les poblacions que al seu torn han donat lloc als il·liris pròpiament dit [6] .

Època antiga

L ' Arc de la Sergi (Golden Gate)
( GRC )

"Οἳ μὲν ἐπ 'Ἰλλυριοῖο πόρου σχάσσαντες ἐρετμὰ
λᾶα πάρα ξανθῆς Ἁρμονίης ὅφιος
ἄστυρον ἐκτίσσαντο, τό κεν φυγάδων τις ἐνίσποι
Γραικός, ἀτὰρ κείνων γλῶσσ 'ὀνόμηνε Πόλας. "

( IT )

«Remen posats en una pedra
Port de mar Illirio , a partir de la serp
De ros Harmonia no estocada llarga,
Astiro [7] fabbricaronvi; que va donar
Cap grec entre els exiliats hagués rebut aquest nom,
I això en la seva llengua es deia Pola. "

( Calímaco , abat traducció Alberto Fortis , 1771 . Aquest extracte de l'obra de Calímaco es refereix a la llegenda de la mitologia grega , mai va ser confirmat per l'evidència històrica, que li agradaria que el fonament de Pula atribuïda als antics grecs )

Ceràmiques que daten de l'època de ' la Grècia antiga que pertanyia a una estàtua de Apol·lo s'han trobat als voltants de Pula que proven que els seus antics habitants tenien contacte constant amb la cultura grega [8] . La mitologia grega seria, sense que se li ha trobat evidència històrica que Pola va ser fundada per Jason com el Polai durant el seu intent de fugida, la trajectòria es va desenvolupar també al nord de la mar Adriàtic [9] .

En temps pre-romana la zona Pula va ser poblada pel histrios , tribu " Venetic ", que tenia vincles amb els il·liris, i és esmentat per Estrabó en la seva obra com una població que viu a Istria fins al segle I abans de Crist [10] [11 ] . En particular, sobre Pola, Estrabó escriu:

Glimpse of ' Estadi de Pula

«[...] Després del Timavo hi ha la costa de l'Istri fins a Pola, que forma part d'Itàlia. [...] Són, per tant, els venecians i els histriians els que poblen la regió més enllà del Po fins a Pola "

(Estrabó, Geografia (ΓΕΩΓΡΑΦΙΚΑ), llibre V, 1,9)

Capital i principal centre Histrian era Nesactium , que es troba a uns quilòmetres deu del moderna ciutat de Pula, i que al seu torn ja era una espècie de fortes coneguts com l'antiga capital de Pula. La península d'Istria va ser conquistada pels romans l'any 177 aC , després de la qual cosa es va iniciar el procés de romanització de la regió [11] . La capital de Istri Nesactium va ser posteriorment rebatejat pel Romans Alba Julia, sempre que es va mantenir en ús fins al nom Pola, antic nom utilitzat en el moment dels forts i després arribat fins a nosaltres. La ciutat d'Alba Julia tard va ser elevat a la franja de colònia de l'entorn de 46 abans de Crist [11] .

Durant la guerra civil romana lluitat durant el triumvirat de Marc Antoni , Lèpid i Octavi contra els assassins de Cèsar , o Brut i Casio , Alba Iulia costat d'aquesta punts de venda. Després de la victòria d'Octavian, Alba Julia va ser demolit i després reconstruïda immediatament amb el nom de Colònia Pietas Iulia Pola Pollentia Herculanea, llavors conegut simplement com Pietas Iulia, ser inclòs en la regió d'August de la Regio X Venetia et Histria , que en conjunt forma el anomenada " Itàlia romana ."

A partir dall'elevamento a la franja de colònia de la ciutat va créixer de manera constant aconseguint el seu punt màxim amb l'assoliment de 30.000 habitants. Alba Julia es va convertir en un important port amb una gran àrea sota la seva administració directa. Pola estava en ple apogeu de la ciutat, amb les estructures urbanes de prestigi (entre ells un gran forat , 1 arc de triomf , 1 amfiteatre i dues sales de cinema ) i adornada amb temples als quals es van afegir en els primers segles de la ' Era Comuna , algunes basíliques dels primers cristians . La presència romana a la zona de Pula s'evidencia per nombroses inscripcions llatines, que ens donen una idea de la prosperitat aconseguida per aquest antic centre.

Digne d'esment són la construcció de la ' Sorra de Pula , que va tenir lloc entre el 27 aC i 68 dC , quan va ser acabada, i la construcció de l' temple d'August i Roma deessa , de' subministrament d'aigua , clavegueram i imponents parets de la ciutat amb deu portes de la ciutat , només tres dels quals han arribat fins a nosaltres: el " Arc de Sergio (originalment anomenat Golden Gate), la Porta de Erculea i doble Porta [12] . Durant el principat de ' emperador Septimi Sever nom de la ciutat va ser canviat a Res Publica Polensis, així que amb una crida a Pula, l'antic nom en el moment dels forts. L'any 326 dC a Pola va ser executat Crispo , mentre que en 354 dC va ser mort Constanci Gal [11] .

Època medieval

Reliquiari d’ivori del segle XI conservat al museu arqueològic de Pula
La concatedral de l'Assumpció de la Verge Maria, que es va construir al segle V

Després de les invasions bàrbares de segle V i la caiguda de l'Imperi Romà d'Occident , que formava part de Pula, la ciutat es va convertir, durant el proper segle, l'Imperi Romà d'Orient en l'òrbita [13] . Pula va esdevenir una comuna lliure en 1177 , encara que la ciutat ja estava dins de l'esfera d'influència de la República de Venècia, que va haver de pagar un tribut anual.

Després de la caiguda de l'occidental Pula Romà va ser conquistat per primera vegada pels gots , convertint-se en la ciutat foederate al 493 dC i quedar-s'hi a l'any 538 dC, quan es va convertir en part de Venetikà districte de ' Exarcado d'Itàlia, fundada el 584 pel' emperador Maurizio , eliminat de l'anterior eparchy Annonaria . Així, Pula augmenta gradualment la seva importància, per esdevenir el port naval més bizantí [14] .

En aquest període es va construir la concatedral de l’Assumpció de la Santíssima Mare de Déu al mateix lloc on a l’època romana hi havia un temple dedicat a Júpiter el conservador , transformat després en una petita església i finalment, al segle V, a la moderna basílica, que tenia tres naus, el doble de la mida de l’església anterior.

En 751 Pola, juntament amb la resta d'Istria, que va ser conquistat pel rei llombard Astolfo . Amb la conquesta de l' regne llombard per Carlemany a 774 , Istria, per la seva ubicació remota, va seguir sent un territori autònom fins que no es re-annexada per Pipí , fill de Carles, a 788 . En l'època carolíngia, Pula es va convertir en part de l' Regnum Italiae , que va formar part de l' ' Imperi carolingi [15] . Amb el regnat de Berengario I , la marca d'Istria va passar a formar part dels més potents de la marca de Verona .

Va caure en Itàlia després de la visita de la reina Adelaida , 10 d'octubre 951 Otón I de Saxònia va prendre a Pavia el títol de rex Francorum et Italicorum i a l'any següent va donar la marca de Verona amb el germà, el duc de Baviera Henry . A causa de les repetides rebel·lions d'Henry, l'emperador Otón II va donar la marca de Verona a l' Duc de Carintia Otto de Worms . En 1040 l'emperador Enric III va donar la marca de l'Istria Margrave de Carniola Poppo de .

El període venecià (1331-1797)

La fortalesa veneciana de Pula

Pola va ser conquerida el 1148 per la República de Venècia, una subjugació que va ser anunciada el 1150 per una aliança incloent militars. Pola va entrar oficialment en els dominis venecians en 1331, especialment els marins, que van ser cridats des de Mar Estat , romanent allí durant gairebé cinc segles (a excepció d'un breu període de del'anno va tenir lloc a 1192 quan formava part de la República de Pisa ) a la caiguda de la República de Venècia , que va tenir lloc a 1797 [16] .

Mapa de les zones d'influència de la República de Venècia al voltant de l'any 1000

Pula també es va sotmetre a una sèrie de setges per la República de Gènova , enemic històric dels venecians en 1267 , en 1379 i 1397 , però no va conduir a les annexions a dominis marítims genovesos, que van ser cridats països d'ultramar [17] . Accions similars, així com pels genovesos, que van ser fetes pel Regne d'Hongria i el " Arxiducat d'Àustria , atacs que sovint van conduir a la destrucció d'una part de la vila.

Per la seva ubicació estratègica es va utilitzar Pula com un port intermedi entre Venècia i el " Medi . Les galeres venecianes d'Orient descarregaven les seves armes a Pula per reduir el seu projecte, tenint en compte les aigües poc profundes de l' Gran Canal de Venècia. Les galeres venecianes del viatge invers, que es dirigien a l'est, es van aturar a Pula per carregar les seves armes.

Pola després va seguir la República de Venècia en la seva llarga i constant declivi que va començar al segle XVI amb la colonització europea de les Amèriques , que van seguir a la descoberta de noves rutes comercials, el viatge va ser fora de l' mar Mediterrani . La crisi econòmica Pula es va precipitar per la guerra civil entre les diverses famílies governants Pula, incloent Sergii .

Mapa de la xarxa de distribució, incloent Pola demostrat ser un important centre, i les possessions de la República de Venècia en els segles XV i XVI, l'època de major expansió

Aquest últim, durant el seu període d'esplendor, ridiedero el seu nom a la Porta d'Or, que es va convertir en Arc de Sergio . Pola va patir en els últims segles també diversos brots, especialment la malària i la febre tifoide , que va delmar la població. Tots aquests esdeveniments dirigits a la població de Pula a caure a 3.000 habitants a mitjan el segle XVIII, la majoria concentrats a l'est de la ciutat vella, l'àrea ara coberta per Bosco Siana .

En 1291 Pula es va incloure en el Patriarcat d'Aquilea , més tard abolida i va ser reemplaçat pel Patriarcat de Venècia . Dante Alighieri , en els seus viatges, va visitar Pula dedicar els versos de la cançó IX de ' Inferno , primera de les tres (vv 112-114.) Càntics de la Divina Comèdia [18] :

"[...] Tot i que en Arli , on Roine hermètic,
com si a Pula, al Kvarner ,
ch ' Itàlia es tanca i banya les seves [...] »

( Dante Alighieri , La Divina Comèdia , Infern , Cant IX , vv. 112-114)

El període napoleònic (1797-1814)

Amb la caiguda de la República de Venècia (1797), seguint el tractat de Campo Formio , que es va produir en el mateix any, els antics territoris de la República de Venècia, un cop fets de Dogado , pel Estat de Tera i el Mar Estat dóna (amb missió 'que incloïa l'última' Istria , i amb ella Pola) van ser cedides a ' archiducado d'Àustria , que a canvi va reconèixer la República Cisalpina , un estat satèl·lit de la Primera República francesa [19] .

Istria va ser un dels dominis austríacs fins a 1803, quan va ser ocupada per ' Armée de Terre francesa i es va unir a l' Regne napoleònic d'Itàlia . En 1809 va passar Pola, juntament amb tota la Istria, les províncies d'Iliria , governació dependent de l' Primer Imperi Francès . Després de la derrota de Napoleó a la batalla de Leipzig , i el col·lapse final de l' ' Primer Imperi Francès , Pula tornar sota el domini de l'' Imperi d'Àustria , l'Estat successor dell'Arciducato d'Àustria [20] .

Mapa d’Itàlia el 1810, en plena època napoleònica. En Blau ha marcat el primer imperi francès , i en verd el Regne Napoleònic d'Itàlia

El període austríac (1814-1918)

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: irredemptisme italià a Istria .
Port militar entre 1890 i 1900
Pula el 1904

Després que el Congrés de Viena, la ciutat de Pula, juntament amb tota la Istria va ser assignada a ' Imperi d'Àustria i després s'emmarca en la regió administrativa de l' Litoral austríac .

Després de tot ' Ausgleich (és a dir, la reforma constitucional promulgada el 12 de juny 1867 pel' emperador austríac Francesc Josep amb la qual el ' Hongria va obtenir una igualtat de condicions amb el' Àustria dins de la monarquia dels Habsburg , que marca la transició d' ' Imperi austríac tots' austrohongarès Empire ) Pola, a partir d'aquest moment va marcar els mapes d'Àustria amb el nom italià de Pula, estava sota el control directe d'Àustria fins a 1918, quan va ser annexada a l' Regne d'Itàlia [21] .

Sota la corona austríaca, Pula va tornar a prosperar econòmicament, ja que el seu port es va convertir en el més important de l'Imperi austríac, tant que va ser utilitzat tant com a base naval com com a drassana. Com a base naval es va convertir en la més important de l'Imperi austríac, mentre que com a drassana es va convertir en una de les més grans de la costa austríaca. En 1859 va ser triat com a base de Hans Dahlerup , un almirall danès a el servei de l'Imperi austríac.

Posteriorment, Pola va guanyar importància, sobretot econòmica, convertint-se en un important centre industrial, referència per a tota la zona. Les illes Brijuni , situades a nord-oest de Pula es va convertir en una important destinació turística i s'ha convertit en el complex de la Casa d'Habsburgo .

El veritable punt d'inflexió per a la ciutat van ser els disturbis de 1848 , que també va portar a Pola vents revolucionaris important. L'esdeveniment més important de la ciutat va ser la venda de la Venècia Euganea tots " Itàlia en 1866 , que es va produir després de la tercera guerra italiana d'independència . El ' Imperi Austrohongarès , de fet, fa de Pula seva principal base naval d'haver perdut Venezia .

Àrees de difusió de la llengua Istriot. Marcat en verd la seva propagació en l'any 1850, marcat en gris el 1900 i marcada en vermell en 1950. En 2000 la seva circulació es va centrar només sis ciutats a Istria ( Rovinj , Vodnjan , Vall , Fasana , Gallesano i SISAN )
Llengües maternes majoritàries de la població a Istria , Kvarner i Dalmàcia el 1910
El treball sola blindat austrohongarès ancorat al port de Pula a 1915

La construcció del " Arsenal de Pula es va iniciar en 1853 amb diverses millores del port, que van continuar en les dècades següents. La ciutat es va convertir oficialment en la seu de ' arsenal austríac del'Impero, i després va començar la construcció dels vaixells de la Royal-Imperial Imperi Austrohongarès , que es van acoblar a l'interior de l'' Arsenal de Venècia . En Pola de menys de mig segle, que a la primera meitat de l' ' segle XIX no va arribar a comptar 18 000 habitants, es va transformar en una ciutat moderna, arribant a més de 41.000 residents prop de la fi de segle.

Com a conseqüència de la tercera guerra d'independència italiana , que va conduir a l'annexió del Vèneto al Regne d'Itàlia , l'administració imperial austríaca, al llarg de la segona meitat del segle XIX, va augmentar la interferència en la gestió política del territori per mitigar la influència de l'ètnia italiana per por dels seus corrents irredentistes . Durant la reunió del Consell de Ministres del 12 de novembre de 1866, l'emperador Francesc Josep I d'Àustria va esbossar un ampli projecte dirigit a la germanització o eslavització de les zones de l'imperi amb presència italiana:

"Sa Majestat ha expressat l'ordre precís que es prenguin mesures decisives contra la influència dels elements italians encara presents en algunes regions de la Corona i, ocupant adequadament els llocs d'empleats públics, judicials i mestres, així com amb la influència de la premsa , treballen al Tirol del Sud , a Dalmàcia i a la costa per a la germanització i eslavització d’aquests territoris segons les circumstàncies, amb energia i sense cap mena de consideració. Sa Majestat recorda a les oficines centrals el fort deure de procedir d’aquesta manera amb el que s’ha establert ".

( Francesc Josep I d'Àustria , els fiscals de el 12 de novembre de 1866 [22] [23] ).

La política de col·laboració amb els serbis locals, inaugurat per l'Zadar Ghiglianovich i Dubrovnik John Avoscani, després es va deixar italians per conquistar l'administració de la ciutat de Ragusa a 1899. En 1909 la llengua italiana , però, va ser prohibit en tots els edificis públics i els italians van ser expulsats pels municipis [24] . Queste ingerenze, insieme ad altre azioni di favoreggiamento al gruppo etnico slavo ritenuto dall'impero più fedele alla corona, esasperarono la situazione andando ad alimentare le correnti più estremiste e rivoluzionarie. Tale decisione politica provocò anche la scomparsa della tipica parlata di questo territorio, la lingua istriota , sostituita dal dialetto istroveneto , piuttosto simile al triestino.

Con lo scoppio della Prima guerra mondiale Pola fu dichiarata "Zona di guerra" [25] e una parte dei suoi abitanti di etnia italiana venne internata nei Barackenlager della Stiria .

Vi furono molte incursioni italiane, sia aeree, sia di mezzi d'assalto della Regia Marina italiana, in una delle quali venne fatto prigioniero e poi giustiziato sul patibolo cittadino il 10 agosto 1916 il patriota capodistriano Nazario Sauro . Durante la prima guerra mondiale il porto fu la base principale per le corazzate monocalibro e le altre forze navali dell'Impero austroungarico [26] .

L'ultima incursione italiana nella città istriana, avvenuta il 1º novembre del 1918 e ribattezzata Impresa di Pola , portò all'affondamento della corazzata Viribus Unitis pochi giorni prima della firma dell' armistizio che pose fine alla guerra ( armistizio di Villa Giusti ), con gli incursori ignari che poche ore prima l' Impero austro-ungarico aveva ceduto la propria flotta agli slavi i quali, una volta costituito un proprio Comitato dipendente da Zagabria , denominato Stato dei Serbi, Croati e Sloveni , tentarono in tutti i modi di opporsi alla volontà della maggioranza della popolazione che voleva l'annessione all'Italia. L'armistizio di Villa Giusti fu reso pubblico il 4 novembre 1918, con l'occupazione militare italiana che avvenne il giorno successivo per opera delle truppe italiane, sbarcate nella vicina Fasana .

L'appartenenza all'Italia (1918-1943)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Provincia di Pola .
Cartina della Dalmazia e della Venezia Giulia che mostra i confini previsti dal Patto di Londra (linea rossa) e quelli invece effettivamente ottenuti dall'Italia (linea verde). In fucsia sono invece indicati gli antichi domini della Repubblica di Venezia
Segnata in rosso, la provincia italiana di Pola (1923-1947) nell'ambito del Regno d'Italia

Alla fine della Prima guerra mondiale , l'Italia ottenne la sovranità sulla Venezia Giulia e sull' Istria . La città divenne capoluogo della provincia di Pola , avente sigla automobilistica "PL", diventata poi nel 1930 "PO" [27] e poi di nuovo PL dal 1930 al 1945 [28] .

Il passaggio di sovranità territoriale causò un'iniziale flessione dell'economia, che fu dovuta anche al ritiro della burocrazia e alla presenza militare austro ungarica, la quale forniva lavoro al cantiere navale e alle industrie del suo indotto. Ciò causò a sua volta un calo del numero di abitanti, dopo di cui seguì una fase di ripresa economica e sociale grazie all'insediamento della burocrazia statale italiana [29] .

A Pola furono attivate, tra le altre, la scuola elementare Dante , le scuole tecniche, le scuole magistrali, il ginnasio-liceo Carducci , lo stadio Littorio con la squadra del Grion Pola , fondata nel 1918 quando il fascio era ancora un simbolo mazziniano , compagine sportiva che si alternò tra la Prima Divisione , la Serie B e la Serie C . Per quanto riguarda l'editoria, in città si pubblicava Il Corriere Istriano , che contribuì a diffondere la cultura italiana .

Con l'avvento del fascismo anche a Pola nacquero la Casa del Balilla , nonché i gruppi della Gioventù Italiana del Littorio (GIL) e quelli dei Gruppi Universitari Fascisti (GUF).

Durante i primi anni dell'appartenenza di Pola all'Italia, soprattutto all'inizio dell'epoca fascista, molti croati decisero di emigrare nel Regno di Jugoslavia a causa della politica di italianizzazione perpetrata dal regime.

Vista aerea di Pola durante l'epoca fascista

Nell'agosto 1933 fu inaugurata la stagione lirica estiva dell' Arena di Pola . La prima opera rappresentata fu Nozze istriane di Antonio Smareglia , compositore polese. Le rappresentazioni attirarono spettatori da tutta l'Istria e anche da Trieste via piroscafo . Il 1º giugno del 1939 la Scuola di pilotaggio di 2° periodo venne portata a Puntisella, promontorio della vicina isola di Cosada , dove il 1º giugno del 1940 la Scuola di 1° periodo diventò Scuola di 2° periodo e di addestramento idrovolanti.

L'arsenale di Pola venne dato in concessione all'industria privata " Cantiere Scoglio Olivi ", che nel corso degli anni trenta entrò nell'orbita dei Cantieri Riuniti dell'Adriatico . La funzione militare della città venne quindi rivolta prevalentemente alle scuole e ai centri di addestramento più che alla realizzazione di navi, la cui costruzione era passata ad altri arsenali , tra cui al cantiere navale di Fiume .

A Pola avevano la loro sede le scuole CREM ( C orpo R eali E quipaggi di M arina), il Reggimento San Marco , la scuola sommergibilisti, la scuola nautica della Guardia di Finanza , un gruppo di idrovolanti e anche un reparto provvisto di nave avente funzione di bersaglio semovente per le esercitazioni degli aerosiluranti di Gorizia . Il 29 aprile del 1942 nacque la «Sezione Collegamenti II Armata», avente sede all'idroscalo di Puntisella, che era dotata di due CANT Z.501 e di un CANT Z.506 . A metà aprile 1943 la 149ª Squadriglia venne trasferita a Puntisella di Pola insieme a CZ 506. Sempre a Pola aveva sede, inoltre, la Scuola Allievi Ufficiali e Sottufficiali di complemento dei Bersaglieri.

L'occupazione tedesca (1943-1945)

Bombardamenti su Pola, 1945
Mappa della Repubblica Sociale Italiana , con segnati in giallo e in verde i suoi territori. Le aree segnate in verde corrispondono alla Zona d'operazioni del Litorale adriatico
Recupero di resti umani dalla foiba di Vines , che si trova nell'ex provincia italiana di Pola. I massacri delle foibe furono compiuti nell'intera Venezia Giulia e in Dalmazia dai partigiani jugoslavi e dell' OZNA

In occasione del proclama Badoglio dell'8 settembre 1943 il IX Corpus sloveno , inquadrato nella IV Armata jugoslava e forte di 50 000 uomini, informato per tempo dell'imminente proclamazione dell' armistizio di Cassibile (con il quale il Regno d'Italia cessò le ostilità verso gliAlleati durante la seconda guerra mondiale e l'inizio di fatto della resistenza italiana contro il nazifascismo ) attraversò le Alpi Giulie per invadere il Carso e l' Istria , puntando su Gorizia , Trieste , Pola e Fiume , approfittando del temporaneo sbandamento delle truppe italiane.

La provincia di Pola , così come quelle di Trieste , Gorizia e di Fiume , nonché quella di Udine e quella autonoma, costituita su terra slovena, di Lubiana , furono incluse nella Zona d'operazioni del Litorale adriatico , costituito il 10 settembre 1943 e comprendente un territorio nominalmente ancora soggetto alla sovranità della Repubblica Sociale Italiana , regime voluto dalla Germania nazista e guidato da Benito Mussolini al fine di governare parte dei territori italiani controllati militarmente dai tedeschi dopo l' armistizio di Cassibile , ma posto sotto amministrazione militare tedesca.

La Zona d'operazioni del Litorale adriatico fu affidata al Gauleiter Friedrich Rainer e al suo Gruppenfuhrer SS Odilo Lothar Globočnik (nato a Trieste nel 1904 da famiglia slovena originaria di Tržič – all'epoca chiamata Neumarkt –, nell'Alta Carniola ) già Comandante delle SS e della Polizia del distretto di Lublino , ed edificatore del campo di sterminio di Sobibór e del campo di sterminio di Treblinka nonché responsabile, tra l'altro, anche della Risiera di San Sabba . Pola divenne poi una delle basi della Wehrmacht e degli U-Boot , vista la presenza del porto e dell' arsenale . Anche a Pola nacquero le prime formazioni partigiane italiane , che combatterono contro l'occupazione nazista dovendosi però guardare anche dai partigiani slavi, ostili agli italiani da un punto di vista etnico e sostenitori dell'annessione di Pola alla Jugoslavia.

In questo periodo iniziarono i massacri delle foibe , ovvero gli eccidi ai danni di militari e civili, in larga prevalenza italiani, della Venezia Giulia e della Dalmazia [30] [31] , avvenuti da questo momento in poi fino alla fine della seconda guerra mondiale e poi anche nell'immediato secondo dopoguerra (1943-1945), da parte dei partigiani jugoslavi e dell' OZNA . Il nome deriva dai grandi inghiottitoi carsici dove furono gettati molti dei corpi delle vittime, che nella Venezia Giulia sono chiamati " foibe ".

Pola subì il primo bombardamento aereo nel 1942. Il 9 febbraio 1944 , verso le ore 11:30, Pola subì invece la prima incursione aerea con bombardamento a tappeto . Nonostante la massima parte della popolazione fosse riuscita a salvarsi nei rifugi antiaerei, i morti furono più di settanta, tra cui Aldo Fabbro, venticinquenne polese calciatore del Napoli.

I 45 giorni dei partigiani titini (1945)

Partigiani jugoslavi sfilano davanti all' Arena di Pola il 3 maggio 1945 .

Nella primavera 1945 , dopo la ritirata dei tedeschi, Pola fu occupata militarmente dai partigiani jugoslavi tra il 5 maggio e il 20 giugno. Il Comitato Popolare di Liberazione (CPL) annunciò l'annessione de facto di Pola alla Jugoslavia . La redazione e la tipografia de Il Corriere Istriano furono utilizzati per stampare Il Nostro Giornale , quotidiano filo-jugoslavo in lingua italiana . Dopo questi eventi, iniziò l'esodo, diventato di massa dopo la sua annessione alla Jugoslavia, dell' etnia autoctona italiana di Pola .

L'occupazione alleata (1945-1947)

I confini orientali italiani dal 1945 a oggi. Si noti in rosso la Linea Morgan , che divise la regione nel maggio 1945 in Zona A e Zona B in attesa delle decisioni del Trattato di Parigi fra l'Italia e le potenze alleate . Pola era un'exclave nell'Istria meridionale, e faceva parte della "Zona A".
Memoriale che ricorda la strage di Vergarolla . È situato nei pressi della cattedrale di Pola

Il 6 giugno 1945 , l'accordo tra il generale britannico Harold Alexander e il maresciallo jugoslavo Tito fece assegnare Pola alla Zona A della Venezia Giulia che era sotto occupazioneAlleata , le cui città principali erano Gorizia , Trieste e Monfalcone .

Pola, essendo un' exclave della Zona A della Venezia Giulia, quindi interamente confinante con la Jugoslavia, diventò raggiungibile solo via mare. La Zona B della Venezia Giulia, comprendente il resto dell'Istria e Fiume , furono invece assegnati all'occupazione militare diretta jugoslava. Il 12 giugno, anziché il 10 come previsto, gli Alleati entrarono a Pola. La città iniziò ad attirare rifugiati italiani dal resto dell'Istria, rimasta sotto occupazione jugoslava.

Rinacquero in città tutti i partiti, associazioni, sindacati italiani, già soffocati dal fascismo, e poi repressi dai nazisti e dai titini. In agosto nacque la sezione della Democrazia Cristiana di Pola, con Attilio Craglietto, già preside del liceo Carducci e fondatore, in maggio, del Comitato Cittadino Polese per difendere l'italianità della città, e con don Edoardo Marzari , già presidente del CLN di Trieste. Vennero fondate anche sezioni del Partito Socialista , del Partito d'Azione , del Partito Liberale .

Il Comitato Cittadino Polese si trasformò in Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) e prese contatti con il CLN di Trieste ei giuliani residenti a Roma. Guido Miglia diresse il nuovo quotidiano L'Arena di Pola , contraltare a Il Nostro Giornale . Nacque anche il settimanale Democrazia . Nei due brevi anni di occupazione alleata Mario Mirabella Roberti , direttore del Museo dell'Istria, riuscì a far ricostruire il Tempio di Augusto e il Duomo, appena prima che la città passasse nuovamente agli jugoslavi.

Il 22 marzo 1946 , giunsero in città i commissari (un russo, un francese, un inglese e un americano) della Commissione per lo studio dei confini della Venezia Giulia , emanazione della Conferenza Alleata dei Ministri degli Esteri per la definizione dei confini. Per l'occasione in piazza Foro si confrontarono una manifestazione spontanea della popolazione polese per l'Italia e una manifestazione filo-jugoslava, composta in realtà principalmente di persone venute dai paesi dell'interno della Jugoslavia con pullman organizzati dai comunisti stessi. La polizia del Governo Militare Alleato separò le due fazioni evitando in tal modo lo scontro.

Celebrazione del Giorno della Vittoria da parte delle truppe jugoslave all'interno dell' Arena di Pola il 13 maggio 1945

Nel 1946 , Carlo Schiffrer pubblicò una Carta dei limiti nazionali italo-jugoslavi , in cui riporta, per la popolazione del vasto distretto di Pola, un totale di 87 787 abitanti, di cui 54 074 (64%) italiani, 27 102 (32%) serbo-croati, 771 sloveni, 1 110 altri stranieri. Nell'area urbana di Pola, quella occupata dagli angloamericani, la popolazione era italiana per quasi il 90%.

L'esodo della maggioranza italiana (1946-1947)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Esodo giuliano dalmata .
Modifiche al confine orientale italiano dal 1920 al 1975.

     Il Litorale austriaco , poi ribattezzato Venezia Giulia , che fu assegnato all'Italia nel 1920 con il trattato di Rapallo (con ritocchi del suo confine nel 1924 dopo il trattato di Roma ) e che fu poi ceduto alla Jugoslavia nel 1947 con i trattati di Parigi

     Aree annesse all'Italia nel 1920 e rimaste italiane anche dopo il 1947

     Aree annesse all'Italia nel 1920, passate al Territorio Libero di Trieste nel 1947 con i trattati di Parigi e assegnate definitivamente all'Italia nel 1975 con il trattato di Osimo

     Aree annesse all'Italia nel 1920, passate al Territorio Libero di Trieste nel 1947 con i trattati di Parigi e assegnate definitivamente alla Jugoslavia nel 1975 con il trattato di Osimo

Alla conferenza di Parigi , già nell'estate 1946 apparve chiaro che il compromesso avrebbe annesso la maggior parte della Venezia Giulia e l' Istria , e con essa Pola, alla Jugoslavia , mentre Gorizia e Monfalcone sarebbero rimaste all'Italia. Trieste, con il territorio circostante, sarebbe divenuta invece uno Stato indipendente.

Il 26 luglio 1946 il CLN di Pola raccolse 9 496 dichiarazioni familiari scritte, poi diventati complessivamente 28 058 abitanti su un totale di circa 31 000, di voler abbandonare Pola qualora fosse stata annessa alla Jugoslavia . Le firme del CLN di Pola furono citate da De Gasperi nel suo discorso al Palazzo del Lussemburgo a Parigi per tentare di evitare la cessione di questi territori.

Domenica 18 agosto 1946 , alle ore quattordici e quindici minuti, sulla spiaggia di Vergarolla dentro il porto di Pola, dove almeno 2 000 italiani erano confluiti per assistere alle gare della "Coppa Scarioni", organizzata dalla società sportiva e patriottica Pietas Julia (avente un richiamo all'antico nome romano di Pola), diverse mine e altri ordigni, forse ventotto, per un totale pari a 9 tonnellate di tritolo, già disattivate e disinnescate da tre squadre di artificieri inglesi e italiani, scoppiarono improvvisamente.

I morti accertati furono almeno 65, oltre 5 persone identificate come disperse; imprecisato il numero dei feriti; fra le vittime molte donne e bambini, essendo presenti centinaia di famiglie. Tale atto è conosciuto come " strage di Vergarolla ".

L'indagine alleata stabilì che la strage di Vergarolla non poteva essersi trattato di un incidente e che gli ordigni erano stati reinnescati, e indizi "gravi e concordanti" additavano l' OZNA come responsabile dell'attentato, ma in seguito nessun tribunale ha mai stabilito ufficialmente che cosa fosse successo. La decisione collettiva dell'esodo qualora la città fosse stata abbandonata agli jugoslavi era già stata manifestata prima dello scoppio (28 058 firme di polesani su circa 31 000 abitanti attestavano la volontà di restare italiani, e quindi di emigrare da Pola), ma la decisione finale a Parigi non era ancora definita ei polesani non avevano abbandonato la speranza di evitare un'occupazione straniera.

Tuttavia la strage convinse i polesani che, qualora fossero restati in città, in caso di passaggio alla Jugoslavia, avrebbero corso un serio pericolo. Solo nel 1997 , grazie all'interessamento della piccola comunità italiana rimasta a Pola, venne collocato un cippo nel parco del Duomo, con la laconica iscrizione Vergarola - 18.08.1946 - 13 h. - Grad Pula - 1997 - Città di Pola (recando l'orario sbagliato).

La prima pagina de L'Arena di Pola del 4 luglio 1946, con il titolo "O l'Italia o l'esilio".
Prima pagina del 24 agosto .

Nell'inverno tra il 1946 e il 1947, il CLN di Pola convinse il governo italiano a inviare la motonave Toscana e altri sei motovelieri al giorno, per il trasporto delle masserizie della moltitudine in procinto di abbandonare la città. Altri venti vagoni ferroviari al giorno sarebbero partiti da Pola per l'Italia, attraversando tutto il territorio istriano già sotto occupazione jugoslava. Nacque l'ipotesi di far esodare una comunità di coltivatori a Fertilia , in Sardegna, e di ospitare i lavoratori dell'arsenale al porto di Taranto.

Un'ultima carta, per gli italiani dell'Istria, fu quella proposta dall'avvocato Franco Amoroso , di Parenzo , molto vicino al CLN di Pola, già promotore del plebiscito e spesso non in sintonia con De Berti. Amoroso propose che l'Italia rinunciasse a Gorizia e Monfalcone , e che le offrisse al nascente Territorio Libero di Trieste , a condizione che la Jugoslavia avesse fatto lo stesso con la costa occidentale dell'Istria. Lo Stato libero sarebbe nato in tal modo molto più forte e gli italiani dell'Istria occidentale, costituendo la maggioranza assoluta della popolazione, sicuramente sarebbero rimasti nelle proprie terre. Anche gli italiani già fuggiti sarebbero potuti tornare nei paesi di origine. La proposta non ebbe però seguito.

La nave Toscana durante l'abbandono della maggioranza degli italiani di Pola (1947)

Il 10 febbraio 1947 , giorno della firma del trattato di pace, Maria Pasquinelli , un'insegnante di origine toscana, uccise il generale inglese Robert William Michael De Winton , comandante della guarnigione britannica di Pola. Lo freddò a colpi di pistola fuori dal portone del Governo Militare Alleato, in viale Carrara. In un suo documento, la Pasquinelli si riferì agli irredentisti Nazario Sauro ea Guglielmo Oberdan per giustificare il proprio gesto.

Il 20 marzo 1947 il piroscafo Toscana compì il suo ultimo viaggio, accompagnando le ultime partenze. Come previsto, 28 000 dei 31 000 abitanti di Pola abbandonarono beni e proprietà piuttosto che divenire jugoslavi.

Intanto nelle case rimaste vuote si installarono rapidamente nuovi abitanti sfollati da altre parti della Jugoslavia. Per altri sei mesi, 1 000 "operatori indispensabili" restarono ancora nella città deserta, in attesa del 15 settembre 1947 , entrata in vigore del trattato di pace, quando l'abitato avrebbe dovuto essere ceduto definitivamente alla Jugoslavia. L'Arena di Pola terminò le pubblicazioni il 14 maggio, una settimana dopo che una manifestazione di parecchie centinaia di filo-jugoslavi, divenuti ormai la maggioranza nella città, aveva minacciato la redazione. Il giornale si trasferì prima a Trieste e poi a Gorizia, venne spedito per posta ai pochi ultimi italiani rimasti e, successivamente, diventò settimanale. L'ultima autovettura con targa automobilistica italiana fu immatricolata il 28 agosto 1947 , con codice PL 3271 . [32]

La prima conseguenza di questo esodo per la città fu il cambio di nome: dall'italiano Pola si passò al croato Pula . Il comune di Vieste , comune italiano in provincia di Foggia , offrì formalmente parte del proprio territorio per consentire agli esuli di Pola di fondare la Nuova Città di Pola , ma il progetto non ebbe seguito. [33] . Il nome italiano della città fu ripristinato dopo la dissoluzione della Jugoslavia , che permise l'introduzione ufficiale del bilinguismo.

L'appartenenza alla Jugoslavia (1947-1991)

Particolare della parte della Zona A della Linea Morgan che comprendeva la città di Pola

Alla data di entrata in vigore del trattato di pace, il 15 settembre 1947 , il Governo Militare Alleato si trasferì con il piroscafo Pola a Trieste, e la città di Pola passò direttamente all'amministrazione jugoslava.

A Pola, ormai deserta, rimasero qualche centinaio di italiani. Per il resto, la città venne ripopolata da slavi provenienti da altre parti della Jugoslavia, cambiando il nome ufficialmente in Pula . Molti slavi, con carri e povere masserizie, percorsero l'intera Jugoslavia per raggiungere la città. Le famiglie degli italiani "rimasti" hanno dato vita al "Circolo Italiano" (culturale, sociale, ricreativo, sportivo) situato in un edificio di via Carrara, nel centro storico della città, tuttora molto attivo e da decenni gemellato con il comune di Imola , che si trova in provincia di Bologna . Pola fu quindi oggetto di un processo di croatizzazione .

L'appartenenza alla Croazia (dal 1991)

Scorcio del centro storico di Pola

Dal 1991 , dopo la dissoluzione della Jugoslavia , Pola entrò a far parte della Repubblica croata . La situazione sociale, dalle guerre jugoslave , è gradualmente migliorata.

L'ultimo censimento del 2001, basato sull'uso della lingua, segnala una popolazione totale di 58 594 abitanti indicando che la maggioranza è di lingua croata corrispondente all'88,38% della popolazione (51 785 abitanti), mentre le minoranze etniche che seguono sono: 2 856 di lingua italiana (4,87%), 983 di lingua serba (1,68%), 593 di lingua slovena (1,1%), 475 di lingua bosniaca (0,81%), oltre a minoranze meno rilevanti numericamente. La città di Pola è oggi ufficialmente bilingue, e sia Pola che Pula sono nomi ufficiali.

Durante le trattative per l' adesione della Croazia all'Unione Europea molti esuli hanno chiesto al Governo italiano di riaprire la questione degli immobili abbandonati in seguito all'esodo, ma il governo ha ritenuto che la situazione non potesse più essere oggetto di trattative.

La Comunità degli Italiani di Pola ha sede in via Carrara, nel centro storico, da sempre il punto di ritrovo per tutti gli italiani del comune. Tale circolo è stato frequentemente e ripetutamente oggetto di vandalismi e tentativi di incendio. [34]

Un gruppo di esuli provenienti da Pola hanno continuato a ritrovarsi, in Italia, costituendo un'associazione denominata Libero Comune di Pola in Esilio , con un proprio sindaco e un proprio Consiglio comunale eletto con voto assembleare.

Simboli

Il simbolo di Pola è una croce latina di colore oro i cui bracci terminano sui bordi dello stemma. La croce è collocata su uno scudo di colore verde . Di questa composizione è fatta sia la bandiera della città sia lo stemma, con quest'ultimo che è anche arricchito da fregi in stile rinascimentale . Lo stemma è completato da un giglio ed è adornato da un nastro di colore bianco .

Monumenti e luoghi d'interesse

Chiesa di Sant'Antonio - Pola
Cappella di Santa Maria Formosa
L' Arena di Pola nel 1728
Scorcio dell'interno dell'Arena di Pola
Scorcio dell'interno dell'Anfiteatro di Pola
Il museo che si trova sotto l'Anfiteatro di Pola
Sulla sinistra il Tempio di Augusto, risalente all'epoca romana, affiancato dal Palazzo Comunale di Pola, che risale al XIII secolo
Disegno della Porta Gemina
La Facoltà di Filosofia dell' Università di Pola

Pola ha una storia politica millenaria che ha portato alla formazione di una cultura che si è costituita grazie alle etnie dominanti che si sono succedute nella città provenienti dall' Europa centrale e dal Mediterraneo . A Pola sono stati di riferimento gli antichi Romani , alcuni popoli barbarici , i Franchi , i bizantini , gli italiani e infine i croati . Sono stati importanti, ma mai maggioritari, anche tedeschi e inglesi . Tale stratificazione di etnie ha portato a una cultura variegata che si è riflessa anche sulla storia dell'architettura di Pola.

Architetture religiose

La cappella bizantina di Santa Maria Formosa o di Santa Maria del Canneto [35] è stata costruita nel VI secolo , sicuramente prima del 546, con una forma architettonica di croce greca ispirandosi alle analoghe chiese realizzate a Ravenna . La cappella di Santa Maria Formosa è stata voluta dal diacono Massimiliano, che poi diventò arcivescovo di Ravenna. La cappella superstite, insieme a un'altra piccola cappella risalente al medesimo periodo, facevano parte del complesso della basilica e dell' abbazia benedettina di Santa Maria del Canneto andata distrutta alla metà del XIII secolo di cui rimangono i resti antistante la cappella, all'abbazia dipendeva il monastero benedettino di Sant'Andrea [36] sullo Scoglio Sant'Andrea , che venne demolito nel XVI secolo. I pavimenti ei muri sono decorati con mosaici del VI secolo, decorazioni che furono ispirate dal mausoleo di Galla Placidia di Ravenna. Sul muro oltre la porta è collocato un pannello in pietra scolpita. Nel XV secolo tutte le pitture murarie, soprattutto quelle più antiche, furono restaurate. Nel 1605 i veneziani decisero di spostare alcune opere d'arte e quattro colonne di alabastro orientale dalla cappella di Santa Maria Formosa alla basilica di San Marco .

La Cattedrale dell'Assunzione della Beata Vergine Maria , chiamato comunemente Duomo di Pola , fu anch'esso costruito nel VI secolo, quando Pola diventò sede arcivescovile. Dell'epoca in cui fu innalzato rimangono alcune aree della chiesa dove i fedeli possono pregare in latino e possono seguire messe in rito tridentino . Il Duomo di Pola fu ingrandito nel X secolo. Dopo la distruzione avvenuta nel XVI secolo per opera dei genovesi, la cattedrale fu subito ricostruita mantenendo le porzioni architettoniche romaniche e bizantine sopravvissute, tra cui resti di mura, alcune colonne originali e una finestra che si trova lungo la navata principale. L'area dell'altare e sulle pareti di un locale posto a sud si possono ancora vedere frammenti del pavimento originale a mosaico del V e del VI secolo con ancora leggibili le iscrizioni che citano i nomi dei mecenati che pagarono all'epoca il pavimento della cattedrale. Le finestre delle navate laterali furono ricostruite in stile gotico dopo la distruzione di quelle originali del VI secolo, che furono distrutte in un incendio avvenuto nel 1242. Il campanile, che si trova di fronte alla chiesa, fu realizzato, tra il 1671 e il 1707, anche grazie a pietre prelevate dall' Arena di Pola . Queste ultime vennero anche usate per la realizzazione del battistero , che risaliva invece al V secolo e che si trovava di fronte alla cattedrale. Il battistero fu poi demolito nel 1885.

Altro edificio religioso degno di nota è la chiesa ortodossa di San Nicola. Avente un'architettura poligonale provvista a ogni lato di un'abside, è stata ricostruita nel X secolo su un preesistente e omonimo edificio fondato nel VI secolo. Nel 1583 fu assegnato alla comunità ortodossa di Pola, che si stabilì in città proveniente da Nauplia , comune del Peloponneso , in Grecia , e da Cipro , all'epoca a maggioranza ortodossa e facente parte dei domini marittimi della Repubblica di Venezia , che erano chiamati Stato da Mar . La chiesa di San Nicola conserva alcune icone risalenti al XV e al XVI secolo, e un' iconostasi dell'artista greco Tomios Batos risalente al XVIII secolo.

La chiesa di San Francesco venne eretta nel 1314 in tardo stile romanico con influenze gotico . Tale fusione di stili si vede, in modo particolare, nei rosoni . Architettonicamente è formata da una singola navata avente tre absidi lungo i tre muri perimetrali. Caratteristica di questa chiesa è l'avere due pulpiti , di cui uno che è rivolto verso la strada. L'altare maggiore è adornato da un polittico di legno realizzato nel XV secolo da un artista emiliano. L'adiacente monastero è invece stato realizzato nel XIV secolo, con il chiostro che ospita reperti romani.

Altro edificio religioso degno di nota è la chiesa della Madonna del Mare , oggi Gospa od Mora , sopra l'Arsenale, a lastre di marmo bianco e rosa, consacrata dagli austriaci nel 1898 come chiesa della marina.

Architetture civili

Il foro romano di Pola venne costruito nel I secolo aC nei pressi del mare. Qui era presente il Capitolium , vale a dire il tempio che nelle città romane era dedicato alle tre principali divinità dell'Olimpo latino: Giove , Giunone e Minerva , che erano chiamate, nel complesso, la " Triade Capitolina ". Sono presenti anche resti di due teatri , il contesto urbanistico ha seguito l'evoluzione architettonica dell'antica Pola romana: il più piccolo, risalente al II secolo dC , ha un diametro di 50 metri ed è situato nei pressi del foro romano, mentre il secondo, che è quello più grande, ha un diametro di 100 metri, risale al I secolo dC ed è ubicato ai margini meridionali della città.

In seguito l'area del foro romano, all'epoca centro amministrativo e commerciale della città, si trasformò gradualmente nella moderna piazza centrale di Pola, che risale al Medioevo e che anche oggi ricorda il suo nome: piazza Foro. Oggi piazza Foro rappresenta per Pola, oltre al millenario centro amministrativo, anche il suo centro legislativo. Parte del tempio di Augusto è giunto sino a noi venendo incorporato nella parte posteriore del Palazzo Comunale, che risale al XIII secolo. Il centro storico di Pola, che ha un'urbanistica risalente al medioevo, è costituito da edifici realizzati perlopiù tra il Medioevo e il Rinascimento , che spesso sono accompagnate da pavimentazione di epoca romana.

Altri edifici civili degni di nota sono la Facoltà di Filosofia dell'Università di Pola, costruita dagli austriaci nel 1915 come liceo femminile, poi divenuto il ginnasio-liceo "Carducci", la parte storica del porto, tra Punta Cristo e Punta Fisella, con il cantiere navale di Scoglio Olivi , e il Palazzo della Banca d'Italia , notevole esempio di architettura razionalista .

L'acquario di Pola è il più grande della Croazia, localizzato nella Fortezza di Verudella, realizzata nel 1886 dagli austro-ungarici a 3 km dal centro storico verso la piccola penisola che costituisce una delle due coste prospicienti che formano la baia di Pola. L'inizio dei lavori di trasformazione dell'antica fortezza in acquario è avvenuta nel 2002. L'esposizione comprende circa 60 vasche al piano terra e un fossato al primo piano. Su un'area di circa 2.000 m 2 si possono vedere specie acquatiche presenti in natura nel Mar Adriatico settentrionale e meridionale, pesci tropicali e antartici e le specie più rappresentative dei laghi e dei fiumi europei. Dal tetto della fortezza i visitatori possono vedere il panorama dell'intera città di Pola. Nell'acquario di Pola è anche possibile vedere la prima tartaruga marina in difficoltà salvata al centro della Croazia.

Architetture militari

La città di Pola è conosciuta per la presenza di diversi monumenti d'epoca romana che hanno un ottimo stato di conservazione. Il più celebre, visto che la sua rilevanza travalica i confini nazionali croati, è l' Arena di Pola . Anfiteatro romano risalente al I secolo dC , è tra le quattro arene romane meglio conservate al mondo (le altre sono l' Arena di Verona , l' Arena di Arles e l' Arena di Nîmes ), tant'è che è ancora oggi usata per spettacoli teatrali [37] . Gli altri monumenti romani ancora ben conservati a Pola sono l' Arco dei Sergi e il Tempio di Augusto e della dea Roma , che insieme all'Arena di Pola erano tra le architetture presenti nel foro romano di Pola che venne realizzato, insieme agli altri tre monumenti citati, ai tempi dell'imperatore Augusto .

Quasi tutte le porte cittadine romane giunte sino a noi di Pola risalgono alla metà della II secolo dC , che rimpiazzarono quelle precedenti, costruite anch'esse ai tempi di Augusto . Sono tutte costituite da due archi, da colonne, da un architrave orizzontale e da fregi. La Porta Gemina è un'altra porta cittadina di Pola, oltre all'Arco dei Sergi, risalente all'epoca romana e in origine chiamato Porta Aurea , che un tempo caratterizzavano le mura difensive romane, poi andate completamente demolite all'inizio del XIX secolo.

L'unica porta d'epoca augustea ancora esistente è Porta Erculea , che risale al I secolo dC Sulla chiave di volta di ogni arco è scolpito in altorilievo il volto di Ercole . Un'iscrizione presente sulla Porta Erculea menziona i nomi di Lucio Calpurnio Pisone Cesonino e di Gaio Cassio Longino , che furono i senatori che rifondarono Pola ai tempi del principato di Augusto, da cui si deduce che la città fu completamente ricostruita tra il 47 aC e il 44 aC

Altra architettura militare presente a Pola è il Castello, fortezza veneziana che sovrasta l'abitato provvista di imponenti mura difensive. Situato sulla sommità del colle principale della città, che si trova in corrispondenza del centro storico.

Siti archeologici

Nei dintorni di Pola sono presenti alcuni siti archeologici ascritti all' epoca romana e formati perlopiù da resti di ville romane e di templi pagani . Lungo i fondali del tratto di mare di fronte alla città è possibile trovare, grazie all'archeologia subacquea, reperti di navi affondate durante la prima guerra mondiale. Nel territorio del vicino comune di Valle sono state scoperte impronte fossili di dinosauri .

Vie e piazze

  • La via Sergia, in croato Ulica Sergijevaca , strada principale che porta dall'Arco dei Sergi a piazza Foro.
  • Piazza Dante Alighieri, in croato Danteov Trg , con la chiesa della Madonna della Misericordia, la cui abside dà verso via Sergia, e il palazzo delle Poste, in stile fascista.
  • Viale Giovanni Carrara , in croato Carrarina Ulica. In Epoca Jugoslava era denominata Ulica Mate Balote .

Aree naturali

  • Bosco Siana , area naturale situata all'estremo confine orientale della città, all'altezza della baia di Pola, che si trova invece sul lato opposto.

Società

Evoluzione demografica

Mappa di Pola nel 1888

Abitanti censiti (migliaia): [38]

Targa bilingue croato-italiano su edificio pubblico a Pola
Cartello stradale bilingue croato-italiano a Pola

L' area metropolitana di Pola raggiunge i 90 000 abitanti circa, con la popolazione compresa all'interno dei confini comunali della città che arriva (dato del censimento 2011) a 57 765 persone [39] . In particolare, l'area metropolitana di Pola include le municipalità di (nome italiano/nome croato) Barbana /Barban (2 802 abitanti), Fasana /Fažana (3 050 abitanti), Lisignano /Ližnjan (2 945 abitanti), Marzana /Marčana (3 903 abitanti), Medolino /Medulin (6 004 abitanti), Sanvincenti /Svetvinčenat (2 218 abitanti) e Dignano /Vodnjan (5 651 abitanti).

Da notare, nel grafico soprastante, il drastico calo di abitanti di Pola nel 1948, che fu causato dall' esodo della maggioranza dell'etnia italiana , che all'epoca costituiva la larga parte dei residenti a Pola: lasciarono infatti Pola 28.058 abitanti (tutti di etnia italiana) su circa 31.000 residenti totali, che furono gradualmente e contestualmente sostituiti da nuovi abitanti di origine slava [40] .

Oggi la maggioranza dei cittadini di Pola sono croati (rappresentanti il 77,37% della popolazione totale in base al censimento del 2011). Le più consistenti minoranze etniche sono i serbi (6,01%), gli italiani (4,43%), i bosniaci (3,5%) e gli sloveni (0,9%) [39] .

La presenza autoctona di italiani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Esodo giuliano dalmata e Italiani di Croazia .

Nel 1910, ovvero nell'anno successivo alla promulgazione del divieto in tutti gli edifici pubblici dell' Impero austro-ungarico dell'uso della lingua italiana , che portò poi, come conseguenza indiretta, all'estromissione degli italiani dalle amministrazioni comunali, Pola aveva 58 562 abitanti totali, di cui il 45,8% erano italiani , il 15,2% croati , mentre il resto della popolazione era per la maggior parte di etnia tedesca [41] . Come già accennato, la presenza italiana a Pola è drasticamente diminuita dopo la seconda guerra mondiale , con il passaggio della città alla Jugoslavia , in seguito all' esodo giuliano dalmata .

Oggi la città, come la maggior parte dell' Istria , adotta ufficialmente il bilinguismo (italiano e croato). L'attuazione di questa disposizione varia a livello comunale, quindi i singoli provvedimenti che si riferiscono all'applicazione della lingua italiana nei vari ambiti cambiano da comune a comune. Nel 1947 il serbo-croato venne imposto come lingua ufficiale, ma fu con le sollevazioni antitaliane organizzate nel 1953 , che portò poi nell'anno successivo al ritorno di Trieste all'Italia , che vennero distrutte tutte le scritte, le insegne ei cartelli in italiano, che scomparvero completamente da Pola.

Dopo anni e in seguito a numerose richieste, con la protezione delle minoranze garantita dalla Costituzione della Croazia , è stato ufficialmente ripristinato in parte il bilinguismo (la città si chiama ora ufficialmente Grad Pula - Città di Pola ). Tra le tante iscrizioni sistematicamente bilingui vi sono le targhe commemorative che ricordano l'uccisione di cittadini polesani e di partigiani da parte di fascisti tra 1943 e 1945.

Nella città polesana, è presente la locale Comunità degli Italiani di Pola fondata nel 1946 . Lo storico sodalizio aderisce all' Unione Italiana .

Lingue e dialetti

Mappa della Regione istriana , una delle regioni della Croazia , indicante i residenti di madrelingua italiana per città e comuni, registrati al censimento ufficiale croato del 2001
% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Censimento Croazia 2001
88,38% madrelingua croata
4,87% madrelingua italiana
1,10% madrelingua slovena
1,68% madrelingua serba
% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Censimento Croazia 2011
1,30% madrelingua bosniaca
88,02% madrelingua croata
4,33% madrelingua italiana
1,54% madrelingua serba

Cultura

Istruzione

Musei

  • Museo archeologico dell'Istria (MAI - Arheološki muzej Istre ) [42] [43]
  • Museo d'arte contemporanea dell'Istria [44]
  • Gallerie sotterranee Zerostrasse [45]
  • Kunstkafe Cvajner [46]
  • Museo – Galleria "Cuori Sacri" ( "Sveta srca" ) [47]
  • Galleria Comunale (opere dalla collezione di Anton Motika) [48]
  • Acquario di Pola ( Aquarium Pula ), all'interno della Fortezza di Verudella [49]

Geografia antropica

Suddivisioni amministrative

La città di Pola è divisa in sedici Comitati locali [50] ( Mjesni odbori ) a cui afferiscono i rioni ( četvrti ):

  • Città Vecchia ( Stari Grad )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Città ( Grad ), San Martino ( Sveti Martin ), Port'Aurea ( Portarata ) e Arsenale ( Arsenal )
  • Castagner ( Kaštanjer )
    a cui afferisce il rione cittadino di: Castagner ( Kaštanjer )
  • Monte Zaro ( Monte Zaro )
    a cui afferisce il rione cittadino di: Monte Zaro ( Monte Zaro )
  • San Policarpo – Sisplaz ( Sv. Polikarp – Sisplac )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: San Policarpo ( Sveti Polikarp ), Ospedale della Marina ( Mornarička bolnica ) e Sisplaz ( Sisplac )
  • Veruda ( Veruda )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Veruda, Valsaline
    e le zone turistiche cittadine di Monsival, Saccorgiana e Verudella
  • Stoia ( Stoja )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Musil, Vergarola, San Pietro ( Sveti Petar ), Baracche ( Barake ) e Valcane ( Valkane )
    e le zone turistiche cittadine di: Valovine e Stoia ( Stoja )
  • Nuova Veruda ( Nova Veruda )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Monte Paradiso ( Vidikovac )
    e le zone turistiche cittadine di: Marina Veruda, Fischerhutte e Bunarina
  • Siana ( Šijana )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Siana ( Šijana ) e Monteghiro
    ei sobborghi Valica Illiria ( Valica-Ilirija ), Vidrian ( Vidrijan ) e Vernal
  • Stignano ( Štinjan )
    a cui afferisce il rione cittadino di: Stignano ( Štinjan )
    e le zone turistiche cittadine di: Puntacristo ( Puntakristo ), Puntisella ( Puntižela ), Valdežunac e Camulimenti
    e le isole di: San Girolamo ( Sv. Jerolim ), Cosada ( Kozada ) e Santa Caterina ( Sv. Katarina )
Veduta di Marina di Veruda
Faro dell'isola di Porer
  • Monte Grande ( Veli Vrh )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Monte Grande ( Veli Vrh ), Paganor e Carsiole ( Karšiole )
    e il sobborgo turistico di: Vallelunga
  • Bussoler ( Busoler )
    a cui afferiscono i sobborghi di: Bussoler ( Busoler ), Scattari ( Škatari ), Sichici ( Šikići ), Valmade, Moteserpo-Comunal ( Monteserpo- Komunal ), Kaiserwald e Campi d'Altura ( Valtursko polje )
  • Valdibecco ( Valdebek )
    a cui afferiscono i sobborghi di: Valdibecco ( Valdebek ) e Dolinka
  • Arena ( Arena )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Arena ( Arena ), Croatia e Stazione ferroviaria ( Kolodvor )
  • Monteparadiso ( Vidikovac )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Monte Rizzi ( Monte-rizzi ) e Drenovica
  • Grega ( Gregovica )
    a cui afferiscono i rioni cittadini di: Pragrande, San Michele ( Sveti Mihovil ), Ospedale ( Bolnica ) e Grega ( Gregovica )
  • Monvidal ( Monvidal )
    a cui afferisce il rione cittadino di: Monvidal

Altre località del territorio

Il comune di Pola è diviso anche in tre insediamenti ( naselja ):

Economia

Industria

Il cantiere navale di Pola
Una delle calette di Pola
La penisola di Verudela
Un nave passeggeri con alle spalle il Riviera Hotel
La stazione ferroviaria di Pola
Un Ilyushin Il-86 della russa Atlant-Sojuz all'Aeroporto di Pola
Stadio Aldo Drosina

Pola ha un tessuto industriale formato principalmente da cantieristica navale , industrie manifatturiere , industrie alimentari , industrie edili e industrie metallurgiche .

Turismo

Lungo la costa adriatica di pertinenza del comune di Pola ci sono numerose aree turistiche frequentate perlopiù nella stagione estiva, tra cui le isole Brioni , già soggiorno turistico del maresciallo Tito . Pola è una popolare destinazione balneare di livello internazionale che offre servizi di balneazione, pesca, immersione in relitto e vela .

Pola è la destinazione finale dell'itinerario ciclistico EuroVelo 9, che inizia a Danzica , città che si trova in Polonia lungo il Mar Baltico , e che continua attraversando la Polonia , la Repubblica Ceca , l' Austria , la Slovenia e infine la Croazia .

Infrastrutture e trasporti

Ferrovie

Nella città istriana è presente la stazione di Pola , stazione ferroviaria capolinea della ferrovia Istriana . Dalla stazione prosegue in direzione sud un raccordo ferroviario per il Cantiere navale di Pola , che giunge sull'isolotto di Scoglio Olivi, l'unica isola croata collegata alla terraferma tramite ferrovia. [51]

Porti

Il porto di Pola, che si trova nel quartiere di Marina di Pola (cro. Marina di Pula ) e che è ricavato in una baia ben protetta dalle correnti marine, è servito da diverse linee di navigazione [52] . Ha una profondità compresa tra i 4 e 6 metri, una lunghezza di 40 metri e possiede 194 posti barca [52] .

Aeroporti

Nella città istriana è situato l' aeroporto di Pola , che è un aeroporto internazionale avente destinazioni dirette principalmente verso altre città dell' Istria . Si compone di due parti: una civile con terminal aeroportuale passeggeri e una militare, dove è situata la Base aerea 92 di Pola e il 22º stormo dell'aeronautica militare croata, composto dal MiG-21 bis/UM. L'aeroporto di Pola, che nel 1990 ha registrato il suo picco di traffico, con 670 000 passeggeri, per quasi dieci anni, a causa della guerra in Croazia, non ha mai superato nemmeno il decimo di quel record. Tuttavia, da un po' di anni a questa parte, il suo traffico è in continua ascesa, attestandosi nel 2007 a 377 341 passeggeri all'anno.

Dal 2015 Pola è anche presente un idroscalo situato nelle acque marine nei pressi della costa, che è adibito a servizio di idrovolanti le cui destinazioni sono Fiume , le isole di Arbe e di Lussino , che sono situate entrambe nel Quarnaro [53] [54] .

Mobilità urbana

Pola possedeva un sistema tranviario elettrico che è stato realizzato nel 1904 durante la crescita economica che avvenne nell' epoca austroungarica . Dopo la prima guerra mondiale , durante l'epoca fascista, la necessità di possedere questo tipo di infrastruttura declinò venendo completamente smantellata nel 1934.

Mobilità extraurbana

Pola è il più importante scalo di autobus extraurbani dell' Istria . È situato alla periferia della città poco più a ovest dell' Arena di Pola . Da qui parte un ramificato servizio di linee di autobus cittadini, regionali e internazionali. Pola è sede di diverse aziende di autobus tra cui la compagnia che gestisce le linee urbane di Pola. C'è anche una linea garantita e diretta che collega Pola a Trieste e Venezia , la cui frequenza aumenta durante la stagione primaverile e soprattutto quella estiva.

Amministrazione

Gemellaggi

Pola è gemellata con le seguenti città: [55]

Sport

La città ospita due squadre di calcio quasi omonime, il Nogometni klub Istra 1961 e il Nogometni klub Istra . Pola è sede di diverse società sportive quali l'OK OTP Banka Pula (pallavolo), l'RK Arena (handball), il KK Stoja e il KK Pula1981 (pallacanestro), l'SK Arena (nuoto), il JK Istarski borac e la JK PulaFit (judo), il VK Istra (canottaggio), il Smrikve Tennis Club (tennis).

Il 23 maggio 2004 la 14ª tappa del Giro d'Italia 2004 si è conclusa a Pola con la vittoria di Alessandro Petacchi . Tra le strutture sportive, degno di nota è lo stadio Aldo Drosina , che è utilizzato per gli incontri calcistici di club e della Nazionale di calcio della Croazia .

Note

  1. ^ Luciano Canepari , Pola , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ CLIMATE PULA – Weather , su tutiempo.net . URL consultato il 5 marzo 2019 ( archiviato il 2 luglio 2013) .
  3. ^ EuroWEATHER – Maximum temperature, Pula/Pola, Croatia – Climate averages , su eurometeo.com . URL consultato il 5 marzo 2019 ( archiviato l'8 novembre 2018) .
  4. ^ Jadranka Skorin-Kapov, A short historical overview of Istria and, especially, Pula , su croatianhistory.net . URL consultato il 6 marzo 2019 ( archiviato il 20 gennaio 2020) .
  5. ^ Istria in the Bronze Age (1800-1000 BC) , su istrianet.org . URL consultato il 6 marzo 2019 ( archiviato il 30 gennaio 2021) .
  6. ^ a b c Tracking the History of the Hillforts in Istria and Slovenia [ collegamento interrotto ] , su istrianet.org . URL consultato il 6 marzo 2019 .
  7. ^ La parola significa 'cittadina' in greco ed è diminutivo di ἄστυ 'città'.
  8. ^ A short historical overview of Istria and, especially, Pula , su croatianhistory.net . URL consultato il 6 marzo 2019 ( archiviato il 20 gennaio 2020) .
  9. ^ Istria on the Internet – Customs – Legends – Pola , su istrianet.org . URL consultato il 6 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 15 aprile 2013) .
  10. ^ Wilkes, JJ The Illyrians, 1992, ISBN 0-631-19807-5 ,page 183,"... We may begin with the Venetic peoples, Veneti, Carni, Histri and Liburni, whose language set them apart from the rest of the Illyrians...."
  11. ^ a b c d A historical outline of Istria , su www2.arnes.si . URL consultato il 6 marzo 2019 ( archiviato l'8 giugno 2011) .
  12. ^ Džin , p. 7 .
  13. ^ Istria , in Dizionario di storia , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010. URL consultato il 31 maggio 2019 .
  14. ^ Arheoloski muzej Istre , su mdc.hr . URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 13 ottobre 2008) .
  15. ^ Charlemagne – The making of Europe , su mhas-split.hr . URL consultato il 27 gennaio 2010 ( archiviato il 21 luglio 2011) .
  16. ^ A Historical Outline of Istria , su zrs-kp.si . URL consultato il 27 gennaio 2010 (archiviato dall' url originale il 6 aprile 2009) .
  17. ^ La guerra di Chioggia , su vps.arcipelagoadriatico.it , arcipelagoadriatico.it. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 19 agosto 2014) .
  18. ^ Adolfo Cecilia, Pola , in Enciclopedia dantesca , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.
  19. ^ Quest'ultimo accordo provocò le proteste di molti patrioti, tra cui Ugo Foscolo , nato sull'isola di Zante , isola facente parte dell'arcipelago delle isole Ionie , che rimase anch'essa sotto il dominio veneziano fino al 1797, i quali accusarono la Francia di commerciare con i popoli un tempo appartenenti alla Repubblica di Venezia, e che il motivo di tale abolizione fosse stata la conquista forzosa di nuovi mercati. In particolare quest'ultimo denunciò gli atti di Bonaparte nel romanzo epistolare Ultime lettere di Jacopo Ortis .
    La flotta veneziana , oggetto di cessione insieme alla città, costituì il nucleo originario di quella che, nel secolo successivo, fu la flotta dell'impero austriaco.
  20. ^ Coordinamento Adriatico - L'istria nel periodo napoleonico 1797-1813 , su coordinamentoadriatico.it . URL consultato il 7 marzo 2019 ( archiviato l'8 maggio 2016) .
  21. ^ Die postalischen Abstempelungen auf den österreichischen Postwertzeichen-Ausgaben 1867, 1883 und 1890, Wilhelm Klein, 1967.
  22. ^ Die Protokolle des Österreichischen Ministerrates 1848/1867. V Abteilung: Die Ministerien Rainer und Mensdorff. VI Abteilung: Das Ministerium Belcredi , Wien, Österreichischer Bundesverlag für Unterricht, Wissenschaft und Kunst 1971.
  23. ^ ( DE ) Jürgen Baurmann, Hartmut Gunther e Ulrich Knoop, Homo scribens : Perspektiven der Schriftlichkeitsforschung , Tübingen, 1993, p. 279, ISBN 3484311347 . URL consultato il 13 marzo 2019 ( archiviato il 31 marzo 2019) .
  24. ^ Dizionario Enciclopedico Italiano (Vol. III, pag. 730), Roma, Ed. Istituto dell'Enciclopedia Italiana, fondata da Giovanni Treccani, 1970.
  25. ^ Pola , su www2.units.it . URL consultato il 20 luglio 2020 ( archiviato il 19 agosto 2014) .
  26. ^ Hedley Paul Willmott, First World War , Dorling Kindersley , 2003, pp. 186-187.
  27. ^ TARGHE DELLE AUTO ITALIANE, BREVE STORIA , su allaguida.it . URL consultato il 12 febbraio 2018 ( archiviato il 13 febbraio 2018) .
  28. ^ Dall'Annuario Generale 1929 del Touring Club Italiano a pag. 725 è citata Pola (PL) . Queste sigle automobilistiche furono assegnate nel 1926 con la riforma del codice della Strada , riforma voluta dal governo fascista perché fino al 1925 in luogo della sigle alfabetiche c'era un numero di 1 o 2 cifre. Pola, in particolare, aveva il numero 70 , quindi la centesima automobile immatricolata a Pola era codificata sulla targa con i numeri 70-100. Cfr. Annuario del Touring del 1923-24 a p. 165, nel paragrafo Numeri delle targhe d'auto e moto ).
  29. ^ Summary: Islam in Europe, European Islam , su cser.it . URL consultato l'8 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2009) .
  30. ^ Pupo, Spazzali , p. 2 .
  31. ^ Gianni Oliva, Foibe. Le stragi negate degli italiani della Venezia Giulia e dell'Istria , Mondadori, Milano, 2003, ISBN 88-04-48978-2 , pag. 4
  32. ^ Tabelle per targhe italiane , su targheitaliane.com . URL consultato il 27 novembre 2014 ( archiviato il 4 dicembre 2014) .
  33. ^ Da un atto deliberativo del 1947 della Giunta Comunale di Vieste (comune italiano in provincia di Foggia), si evince che Vieste fu l'unico Comune italiano che offrì formalmente la propria disponibilità a cedere parte del proprio territorio per consentire agli esuli di Pola di fondare la “Nuova Città di Pola”. Ulteriori particolari di queste vicende sono state illustrate dallo storico scrittore ed esule fiumano Carlo Cesare Montani. Una lapide commemorativa è presente sulle mura del Barbacane, presso la rotonda di Marina Piccola, in direzione Via Pola.
  34. ^ Come lamentato in un'interpellanza parlamentare dal presidente dell'Unione Italiana (e in alcuni casi, come a Parenzo ea Rovigno , è stato bruciato il tricolore italiano ).
  35. ^ Rino Cigui, I Benedettini nella Venezia Giulia Archiviato il 29 ottobre 2020 in Internet Archive . di Antonio Alisi, Atti, vol. XXXVII, 2007, pp. 441-443
  36. ^ Rino Cigui, I Benedettini nella Venezia Giulia Archiviato il 29 ottobre 2020 in Internet Archive . di Antonio Alisi, Atti, vol. XXXVII, 2007, pp. 439-440
  37. ^ I quattro anfiteatri romani ancora in uso oggi , su venets.wordpress.com . URL consultato il 9 marzo 2019 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2019) .
  38. ^ Naselja i stanovništvo Republike Hrvatske 1857–2001, DZS, Zagreb, 2005.
  39. ^ a b Censimento Croazia 2011 , su dzs.hr . URL consultato il 5 marzo 2019 ( archiviato il 7 agosto 2020) .
  40. ^ Istria, 1946: il plebiscito negato (prima parte) , su arenadipola.it . URL consultato il 5 marzo 2019 ( archiviato il 6 marzo 2019) .
  41. ^ Kocsis, Károly; Az etnikai konfliktusok történeti-földrajzi háttere a volt Jugoszlávia területén; Teleki László Alapítvány, 1993 ISBN 963-04-2855-5
  42. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  43. ^ Arheološki muzej Istre: HOME , su ami-pula.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 9 ottobre 2014) .
  44. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  45. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  46. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  47. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  48. ^ Copia archiviata , su pulainfo.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 ( archiviato il 3 settembre 2014) .
  49. ^ Aquarium Pula , su aquarium.hr . URL consultato il 28 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 3 settembre 2014) .
  50. ^ articoli 82 e 83 dello Statuto della Città di Pola , su pula.hr . URL consultato il 23 gennaio 2011 (archiviato dall' url originale il 27 marzo 2013) .
  51. ^ Pola austro-ungarica , ISBN 978-953-7001-31-5 .
  52. ^ a b Marina di Pola , su pagineazzurre.com . URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 23 settembre 2020) .
  53. ^ Fotogalerija : U Pulu iz Splita hidroavionom stigli prvi putnici – GlasIstre.hr , su glasistre.hr . URL consultato il 6 marzo 2019 (archiviato dall' url originale l'11 aprile 2015) .
  54. ^ Timetable – European Coastal Airlines , su ec-air.eu . URL consultato il 6 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 17 aprile 2015) .
  55. ^ Cooperazione internazionale , su pula.hr .
  56. ^ città gemellate dal sito di Graz , su graz.at . URL consultato il 19 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale l'8 novembre 2009) .
  57. ^ Imola, Europa - Città gemelle , su temi.comune.imola.bo.it (archiviato dall' url originale il 1º marzo 2012) .
  58. ^ ( RU ) Официальный сайт администрации и Думы муниципального образования город-герой Новороссийск , su admnvrsk.ru (archiviato dall' url originale il 23 dicembre 2011) .

Bibliografia

  • Dario Alberi, Istria, storia, arte, cultura , Lint Editoriale Trieste 2006
  • Fabio Amodeo, TuttoIstria , Lint Editoriale Trieste 1998
  • Elvino Tomasini, I nerostellati del Grion di Pola , Parma 1980
  • Corrado Belci, Quei giorni di Pola , LEG 2007 ISBN 978-88-6102-019-1
  • G. La Perna, Pola, Istria, Fiume , Mursia, Milano ISBN 978-88-425-2833-3
  • Raoul Pupo, Roberto Spazzali, Foibe , Bruno Mondadori, 2003, ISBN 88-424-9015-6 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 145417618 · GND ( DE ) 4103444-2 · BNF ( FR ) cb125232093 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80125740