Rai

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació - Si està buscant altres aplicacions, vegi Rai (desambiguació) .
Rai - la ràdio i la televisió italiana
Logotip
Rai Roma Viale mazzini.JPG
Estat Itàlia Itàlia
Formulari d’empresa Societat anònima
Fundació 27 de d'agost de 1924 a Torí
Fundat per govern italià
Seu central Roma , districte de Saxa Rubra
Comprova-ho Publicitat Rai , Rai Cinema , Rai manera , Rai Com
Persones clau
Sector Mitjana
Productes canals de ràdio, canals de televisió, publicació
Vendes 2655000000 a [1] [2] (2019)
Ingressos nets 20,3 milions [3] [2] (2019)
Empleats 12.901 [2] (2019)
Lloc web www.rai.it/

La RAI - Ràdio i Televisió Italiana SpA (sovint abreujat en el RAI o RAI), és el de l'empresa concessionària exclusiva de l' servei de govern a Itàlia . És el primer centre de televisió a Itàlia i una de les més grans empreses de comunicació d ' Europa , cinquè grup de televisió de el continent. Fundada el 1924 amb el nom de la Unió Ràdio italià , es va convertir en el Cos Italià de Ràdio Audicions (EIAR) de 1927 a 1944. L'empresa va ser reobert a Itàlia alliberat amb el nou nom de Ràdio Audizioni Italiane (RAI), el 1954, aquesta també es va convertir en un operador de televisió, amb el nom de Rai Radiotelevisió Italiana. [4]

Història

1924-1927: Italià Ràdio Unió

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Italiana Unión Radio .

El 8 de febrer de 1923, el Reial Decret no. 1067, el qual assigna l'estat de l'exclusiva a la escolta de ràdio circular a ser exercides pels concessionaris com la Unió de ràdio italiana de Torí i la Societat Ràdio Audicions circular italiana (Sirac) i limitada radiotelèfon empresa - Societat Italiana de la ràdio circular (Radiofono), fundada el setembre de 1923 per la Companyia Marconi . Només Radiofono 20 de març de 1924, instal·lat a Centocelle una estació de prova, però el 25 de març ell no va poder emetre un discurs de Benito Mussolini al Teatre Costanzi de Roma, potser a causa de la interferència elèctrica profunda interna. [5] [6]

El 3 de juny 1924, el ministre de Comunicacions Costanzo Ciano va enviar una carta a l'empresa que havia sol·licitat la concessió convidant-los a que estan d'acord. El compromís donat lloc a el naixement de la URI, italià Unión Radio, formada per la fusió de Radiofono amb Sirac, amb un capital social de 1.400.000 lires (85% i 15% de la Radiofono Sirac). President de la companyia va ser nomenada Enrico Marchesi, procedent de FIAT , on es va exercir durant diversos anys el càrrec de Director Administratiu. El vicepresident va ser Luigi Solari, persona propera als interessos de Guglielmo Marconi que més fort invenció de la ràdio, estava tractant de crear un model que ricalcasse l'adoptada en altres països.

Des de la seva primera estació emissora de Sant Filippo a Roma , produït per Marconi, 6 d'octubre, a les 21:00, Inés Viviani Donarelli des de l'estudi romana de l' palau Corrodi , va llegir el primer anunci de ràdio normal de l'nounat:

«URI (Unió Ràdio italiana). 1-RO: Estació de Roma. Longitud d'ona de 425 metres. A tots els que estan escoltant la nostra salutació i la nostra nit bona. És 21:00 el 6 d'octubre de 1924. Emetem el concert d'inauguració de la primera estació de ràdio italiana, per al servei de les audiències de ràdio circulars, el quartet integrat per Inés Viviani Donarelli, que t'està parlant, Alberto Magalotti, Amedeo i Fortunati Alessandro Cicognani, portarà a terme des del quartet de Haydn "Opera 7", i i II tempo. [7] "

El programa, amb una durada d'una hora i mitja, prevista per a la transmissió de l'òpera, música de cambra i concerts, amb un butlletí meteorològic i notícies de la borsa.

El 27 de novembre 1924, el Govern assignat a la concessió URI empresa privada, exclusivament, a l'servei radioauzioni circular per un període de sis anys (renovable per quatre més), premi establert pel RD 14 octubre 1924 n. 2191 La concessió de serveis radioauditivi circulars per Società Anonima Italiana Unión Radio (URI) publicat en el DO No. 11 de el 15 de gener 1925 pp. 164-167. En particular, es decreta que l'URI va ser l'estació de ràdio únic italià autoritzada per a l'emissió de notícies d'interès públic i que el govern era l'únic que es concedeixi l'autorització per a la transmissió de la notícia que no siguin les 'agències de notícies Agència Stefani .

Al gener de 1925 nascut Radiorario , revista setmanal URI que va promoure el nou mitjà. Es va obrir altres dues estacions de ràdio, primer a Milà i després a Nàpols . El 1926 Sirac i URI va fundar la Societat Italiana de Ràdio Publicitat Anònima ( Sipra ), per gestionar la publicitat per ràdio.

1927-1944: cos italiana per a les audicions de ràdio

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Italiana Cos de Ràdio audicions .
Vittorio Veltroni , Lidia Pasqualini i Niccolo Carosio en la primera emissió de televisió (1939)

El 17 de novembre 1927, el Reial Decret n. 2207 la transformació de la URI en el cos italiana per audiències de ràdio, coneguts com EIAR, en la forma d'una societat anònima ( societat anònima des de 1942) es va establir [8] , la creació d'un comitè de supervisió sobre la radiodifusió i una nova concessió . Encara que l'empresa era privada (entre els accionistes eren General Electric , SIP - empresa hidroelèctrica piemontesa i FIAT ), el decret requereix que, juntament amb l'exclusiu concessió de 25 anys, quatre membres de la junta de directors havien de ser els representants de govern i que l'estatut i les seves modificacions havien de ser aprovats pel Ministeri de Correus i Telecomunicacions. [5]

El fenomen de l'escolta de ràdio va enlairar des dels anys trenta, facilitat per les iniciatives de règim, que compten cada casa de la biga d'un aparell de recepció de trucada de ràdio popular i adquirits després el lema "Cada país ha de tenir la seva ràdio", recolzant el cost propagació d'equips com com ràdio rural i de ràdio Taula . Al llarg de les estacions de ràdio península tant en ona mitjana es van obrir, per exemple, a Trieste [9] , Bari [10] , Palerm [11] , i en ona curta, que s'utilitza per a les transmissions als països de l' Mediterrani , de ' Amèrica de Sud i ' Àsia . Radiovisión experiments van començar també.

El EIAR el 1931 va comprar el Teatro di Torino Via Verdi i el va utilitzar per a auditori per a albergar la seu de la seva orquestra simfònica nacional . [12] El 23 de març de 1933, la SIP es va convertir en l'accionista majoritari de l'empresa. El 26 de setembre 1935, la transmissió va quedar sota el control de l' Ministeri de la premsa i la propaganda , mentre que l'aspecte tècnic va ser controlada pel Ministeri de Comunicacions.

El 1939, l'experimentació de les emissions de televisió es va iniciar a les oficines de Milà , Torí i Roma , dutes a terme durant el della XI Mostra Ràdio i la XXI Fira de Milà i va acabar l'any següent a causa de l'entrada a la guerra d' Itàlia i el fet que aquestes transmissions van interferir amb les maniobres d'aterratge controlat a distància als aeroports de Ciampino i Linate.

Després que el ' 8 set les oficines locals EIAR van continuar operant de forma independent: les estacions de ràdio de Palerm, Nàpols i Bari, un cop ocupada pels aliats, que estaven a càrrec de la Subdivisió de Guerra Psicològica ; a la República Social Italiana EIAR segueix sent l'òrgan de el règim.

1944-1953: Italià Ràdio Audicions

El 26 d'octubre de 1944, mitjançant el Decret Llei, es va reobrir en EIAR alliberat amb el nou nom d'audicions de ràdio italiana (RAI), que tenia com a accionista majoritari, el SIP. [13] El primer gerent de l'empresa va ser Arturo Carlo Jemolo , que va romandre en el càrrec durant només un any, de 1945 a 1946, quan va esdevenir director Giuseppe Spataro . [13] El 25 d'abril de 1945, la caserna bustocco EIAR va canviar el seu nom a Radio Free Bust i va anunciar abans de la caiguda de l' feixisme i l'aixecament general. [5]

La postguerra

A la fi de la Segona Guerra Mundial només hi havia 12 estacions d'ona mitjana, ona talla dos. Les estacions de el nord d'Itàlia es van col·locar sota el control de l' Comitè d'Alliberament Nacional [14] . Al desembre de 1945, el sistema de ràdio italiana va ser reunificada sota la RAI i el 1946 els transmissors de supervivents es van organitzar en dues xarxes [14] : estacions-centre d'Itàlia, ja gestionada pel PCB i el govern, es va formar a la "xarxa vermell" ; mentre que les estacions al nord d'Itàlia, anteriorment gestionat per CLN, es va convertir en el "blau de la xarxa". El blau de la xarxa es basa a Torí amb les oficines descentralitzades a Milà [15] i va incloure les estacions de Torí I, Milà I, Gènova I, Bolonya , Venècia , Verona , Pàdua , Bolzano , així com els de Roma II, Nàpols II i Bari II [16] ; mentre que la xarxa vermella es basa a Roma amb oficines a Florència [15] i va incloure les estacions de Roma I, Nàpols I, Bari I, Florència , Palerm , Catània , San Remo , així com Torí II, Milà II i Gènova II [ 16] .

El nombre de juny 25 d'1946, dia de la inauguració de la ' Assemblea Constituent , va començar transmissions Avui al Parlament [14] .

El 1948 la reconstrucció de la infraestructura de ràdio, danyat durant la guerra, es va completar amb la finalització de la nova xarxa nacional de 28 transmissors. Les dues xarxes es van ampliar per cobrir tot el territori nacional [14] . D'altra banda, al setembre d'aquest any, es va dur a terme la primera edició de l' Premi italià [14] , dedicada a les obres de ràdio, creada gràcies a el director general Salvino Sernesi.

El 1949 va entrar en funcionament el nou sistema de Prato Esmeralda [14] per a les emissions a l'estranger en italià (diferent d'Europa, Amèrica, Austràlia i Nova Zelanda, per l'Est d'Àfrica i Pròxim Orient), a Anglès (per a Europa, Austràlia i Nova Zelanda , el Medi i l'Extrem Orient, a l'Àfrica de Sud, per Amèrica de nord), a França (per a Europa, nord d'Àfrica i el Pròxim Orient, per Orient i l'Extrem Orient, al Canadà), en espanyol (per a Europa i per Amèrica Llatina), a portuguès (Europa i Brasil), en àrab , persa , turc , xinès , japonès , indonesi , hindi , urdú , bengalí , esperanto , alemany , danès , suec , flamenc , polonès , txec , eslovac , hongarès , romanès , búlgar , serbi , Albània , Ucraïna , Lituània , Rússia i grec [17] .

Immediatament després de la guerra també es van obrir programes en alemany i ladí remitent Bozen i els d'Eslovènia Ràdio Trieste . El 15 de setembre 1949, la Rai va crear la seva pròpia editorial , l' publicació de la ràdio italiana (ERI), propietat íntegrament per la matriu [14] , que es va afegir a les filials històrics Sipra i Fonit Cetra . En el mateix any 1949, la RAI de tir, després d'anys 10, les proves dels programes de televisió: en primer lloc, a Roma, a continuació, a Torí, on també es va construir un estudi de gravació [14] . El 5 de febrer 1950 reunió Juventus-Milan 1-7 va ser el primer joc de futbol per venir captat per la càmera [18] [19] . En la mateixa Febrer de 1950 es va crear la ' Unió Europea de Radiodifusió (UER), en la qual la RAI va obtenir un lloc permanent en el Consell d'Administració, per reemplaçar el' OIRT , a partir de el qual els països occidentals es van separar a causa de la Guerra Freda. [20] .

Expansió de la ràdio i el naixement del "cànon"

En el mateix any es va crear el tercer programa de ràdio, el primer lloc entre els actius que s'emeten en freqüència modulada . A la fi de 1951, l'horari de programa de ràdio es va reestructurar al voltant de tres programes nacionals: el Programa Nacional generalistes, el segon programa d'entreteniment lleuger i l'infant tercer programa de cultiu [21] [22] . A grans trets, el Programa Nacional va continuar la xarxa de color vermell, mentre que el segon programa va ser una continuació de la xarxa blau [23] [24] .

En aquest període Rai tenia diversos conjunts artístics estables. Per a la música clàssica, les tres orquestres i cors de les oficines regionals de Torí, Milà i Roma (a la qual l'Orquestra de Cambra "Alessandro Scarlatti" de Nàpols s'afegiran a 1957). Per al teatre de les companyies de teatre de Florència i Torí, així com la " Companyia de el musical de Roma " i " Companyia revista de Milà " [17] .

El 26 de gener de 1952, el Govern va signar un acord amb el qual la RAI se li va concedir el dret exclusiu d'audiències de ràdio de difusió, la televisió i la ràdio fins al 15 de desembre de 1972. A el mateix temps, totes les accions de la companyia va passar a IRI , la col·locació de la RAI sota el control indirecte pel govern italià. [13] A l'any següent, les accions de Sipra es van dividir entre l'IRI i la RAI. El 19 de novembre es va decidir establir la llicència de televisió presentat l'any següent.

1954-1970: la RAI italiana es converteix en Ràdio i Televisió

L'inici de les emissions de televisió

Un estudi de televisió en el centre del carrer Teulada Rai televisivivo a Roma, en una foto d' Paolo Monti 1958

El 3 de gener 1954 l ' televisió locutor Fulvia Colombo va donar inici a les emissions de televisió regulars de el Programa nacional (ara Rai 1 ). [25] El primer programa de televisió de tot va ser arribades i sortides dirigides per Mike Bongiorno i Armando Pizzo .

Com a resultat, el 10 d'abril, la ràdio Audicions Italiana SpA va canviar el seu nom a la RAI -. Radiotelevisione italiana SpA Les principals transmissors estaven en Torí-Hermitage , Milà Corso Sempione , Pavia-Piacenza-Muntanya Penice , Gènova-Portofino Vetta , Toscana - muntanya Serra , Ombria-Peglia , Roma-muntanya Mario , i es cobreixen el 36% de la població [26] . A la nit es va treure La Domenica Sportiva , el programa de més llarga durada de la televisió italiana encara en l'aire avui. [5]

El 1955, amb motiu de les eleccions per a President de la República, el primer comentari de la sessió parlamentària es va dur a terme. El proper any el VII Jocs Olímpics d'Hivern , disputatisi a Cortina d'Ampezzo , van ser els primers a ser transmès a una audiència internacional a Eurovisió . Els drets d'emissió van ser transferits gratuïtament a la RAI, que també va ser guardonat amb un reemborsament de les despeses de 10 milions de lires per cobrir els costos de portar l'equip a Cortina. [27]

En 1957, una dècada abans de la data prevista inicialment, tot el territori italià va ser cobert per la senyal de televisió [25] . El 3 de febrer, la RAI va començar a transmetre a la televisió anuncis amb carrusel i Roma conduïts al centre històric de la televisió carrer Teulada 66. El jugador de 25 de novembre de, 1958 van començar els cursos Telescuola, dirigits als nens no poden assistir a l'educació obligatòria. En això, el 1960, seria flanquejat Mai és massa tard , el programa dirigit als adults analfabets.

Al desembre de 1958 també es va posar en marxa el servei de radiodifusió, en col·laboració amb el SIP.

El naixement dels altres canals

El 1960 va debutar al programa de ràdio Tot el minut a minut de futbol , l'antic programa està sent transmès per Rai Ràdio 1 . El 4 de novembre de 1961, Rosanna Vaudetti inaugura la segona cadena de televisió, anomenat Secondo Programma , avui Rai 2. El 21 d'abril de 1962, es va promulgar una llei que va prohibir la difusió de pel·lícules i obres de teatre, a través de ràdio i televisió, que no havia obtingut el permís de l'Ministeri de Turisme i Entreteniment. [28] A la fi de 1963 es va iniciar a Roma de les proves de transmissió de televisió en color amb els sistemes NTSC , SECAM i PAL . A partir de gener de 1964, les proves diàries de la indústria es van dur a terme a tot Itàlia. [5]

El 1965 es va dur a terme per primera vegada a Itàlia la " Eurovisió (10è Gran Premi d'Eurovisió ), allotjat a l'Auditori Rai de Nàpols , la companyia també supervisat transmissions. El 3 de maig de 1966, per invitació de la UER, la RAI organitzat demostracions de TV en color amb diferents normes per als representants de la UER i OIRT i indústries. El 15 de juliol de 1967, la RAI va participar en el primer enllaç de televisió per satèl·lit directa amb tots els continents. El 1968 es va emetre el drama Odyssey , primera producció realitzada en color. El 1965 la caserna general de la RAI es va traslladar a la nova seu a Viale Mazzini, al districte de Prati, a Roma, el primer edifici fet completament d'acer i vidre dissenyat per l'arquitecte Francesco Berarducci , és un dels edificis més importants de la postguerra italiana arquitectura, guanyador de el premi Inarch 1965, que es convertirà en la imatge de la RAI emet tots els dies de la notícia des de llavors fins avui.

1970-2000

Expansió territorial

Entre 1969 i 1970, la RAI va establir diversos enllaços per satèl·lit amb diversos països de tot el món: Brasil, Mèxic, Argentina, Austràlia i Japó. Al maig 70 RAI, Sipra i altres van formar el Comitè de Seguiment de Publicitat, per a les campanyes publicitàries d'interès públic. El 5 de maig de 1971, la RAI i SIP es van comprometre a cable d'extensió difusió més àmplia si més no en totes les capitals de província. El 21 de maig, el Ministeri d'Educació i la RAI va signar un acord per impulsar la difusió de l'educació, com Telescuola.

Rai CPTV de Roma, a través de Teulada 66

El 1972, els Jocs de la XX Olimpíada , celebrada a Mònaco, van ser difosos en el color, així que després de l'opinió el Consell Superior de Tècnic de Telecomunicacions, PAL i SECAM. El 15 de desembre es va aprovar la concessió dels serveis de ràdio i televisió acabat, que es va estendre per un any fins a la reforma de el sector de la ràdio i la televisió. En el mateix lloc s'ha establert que el control de Sipra va ser assumida completament per la RAI.

El 20 de març de 1973, les transmissions experimentals per a les persones amb sordesa començar: aquests van ser la informació i problemes d'integració en la societat, no només per l'entreteniment, sinó que també coberts. A la fi de l'any, ja que encara no s'ha aprovat cap llei, una extensió de la concessió es va fer fins a l'abril de l'any següent. Quan la segona extensió caducat, per mitjà d'un decret posteriorment va ratificar, un altre es va emetre que duraria fins a l'aprovació de la reforma de el sector i, en qualsevol cas, no més tard de 30 de novembre. [29]

La reforma de 1975

El 14 d'abril de 1975, la Llei no. 103 a què va portar a una inicial de reforma de la RAI : control de la companyia aprovada pel Govern a Parlament, a través de la Comissió Parlamentària per a l'orientació general i la supervisió dels serveis de radiodifusió , per garantir el pluralisme de la societat. Es va decidir crear una tercera xarxa nacional per complementar els dos primers; aquest últim es renombraron de xarxa 1 (o TV1) i la Xarxa 2 (o TV2) [30] . També va ser sancionat que la concessió s'ha de donar a una societat anònima pública per complet, de manera que les accions es divideixen entre l'IRI, amb el 99,55%, i la SIAE, amb el 0,45%. Finalment, es va establir que el consell d'administració es compon de "16 membres, dels quals: sis elegits per la junta d'accionistes; deu triats per la Comissió Parlamentària amb una majoria de tres cinquenes parts dels seus membres, dels quals 4 elegits sobre la base de les designacions realitzades pels consells regionals " [31] . L'11 d'agost, amb el nou acord, el Ministeri de Correus i Telecomunicacions concedits RAI l'exclusiu servei de ràdio i televisió durant sis anys, mentre que el servei de ràdio circular de la fotografia no era exclusiu.

Per complir amb les obligacions legals, les noves estructures generals van entrar en funcionament el 30 de gener a 1960. producció de televisió s'organitza al voltant de les dues xarxes, en què la informació estava garantida per TG1 i TG2; els programes de ràdio es van dividir en tres xarxes amb tants diaris de ràdio. Aquests van ser acompanyats pels departaments de: ràdio escolar i educació d'adults; tribunes i l'accés; informes de notícies i programes per als països estrangers.

L'1 de gener 1977 va acabar, després de vint anys, el llibre de publicitat de l'carrusel . Un mes més tard oficialment van començar les emissions de televisió en colors . 15 de desembre de, 1979 Fabiana Udenio va marcar el començament de la xarxa 3 o cadena de televisió TV3 dissenyats i construïts per a la difusió de programes sobre una base regional en un principi. En el mateix període, es va aprovar un augment en el capital social de 10 a 40 mil milions de lires.

Els anys vuitanta

A l'octubre de 1983 es van nomenar els canals de TV: Xarxa 1, xarxa 2 i 3 es van convertir en Xarxa Raiuno , Raidue i Raitre i es van fer nous gràfics. En el mateix període es va construir Arlequí, el primer experiment de la RAI en el programa d'alta definició. El 6 de desembre de 1984, la composició de la DBO es va canviar per decret llei: la Comissió elegirà els 15 membres de consell d'administració; el president i gerent general serien elegits per la junta d'accionistes. [32] També es va decidir l'ampliació de capital, que es va triplicar.

1984 és també l'any de debut de La piovra , una sèrie que es va emetre en un total de deu minisèrie de 1984 a 2001. Encara considerat el més famós italians sèrie de televisió al món, la minisèrie de deu han aconseguit un gran èxit de públic (una mitjana de 10 milió d'espectadors i pics de 15 milions de dòlars) i s'han exportat amb igual èxit a més de 80 països. La sèrie va ser elogiat per Giovanni Falcone mateix qui va felicitar a l'exactitud de la sèrie i el seu realisme detallat en la descripció de la Cosa Nostra en el seu conjunt i, de fet, genera una gran quantitat de controvèrsia política, així com una forta pressió per posar fi a la saga, tot i el fet que segueix tenint un gran èxit de públic i crítica, fins i tot a nivell internacional.

També el 1984, la RAI va ser la primera televisió per activar el teletext: El teletext (en l'etapa experimental al març de 1981).

El 1987 Raitre es va equiparar amb les altres dues xarxes, a partir de difusió a nivell nacional; d'aquesta manera va sorgir la subdivisió dels tres canals de televisió pública, que va estar en vigor fins al final de la Primera República : Raiuno a DC , Raidue a PSI i Raitre a PCI . Al Festival de Festival de Venècia d'aquest any es va presentar fora de concurs, la pel·lícula Julia i Julia , la primera pel·lícula en el món per obtenir imatges amb càmeres d'alta definició. Al juliol, la companyia va començar a provar una cadena de ràdio isofrecuencia dedicada als automobilistes en el tram d'autopista entre Florència i Bolonya. A la fi de 1989, després de les proves, el canal oficial va començar, 24 hores a el dia, centrada a 103,3 MHz, amb missatges de notícies, música i trànsit editat per la Societat Autostrade.

Noranta: noves tecnologies i noves empreses de el grup

El 1990 l'experimentació de les transmissions per satèl·lit es va iniciar, a través d'RaiSat, respecte de ràdio d'alta definició i alta definició i programes de televisió en diversos idiomes. A partir d'un centre tècnic de producció de ràdio i televisió de Saxa Rubra van ser dirigits a treballar en la transmissió de Itàlia'90 Copa d'al Món , que representava els primers programes d'alta definició de punt a multipunt. El 6 d'agost es va promulgar el sistema de radiodifusió de la disciplina pública i privada, amb el qual també es va reorganitzar la junta directiva de la RAI, que es renova a el principi de cada terme per la Comissió de Supervisió. [33]

El 1991, Rai va organitzar el ' Festival d'Eurovisió 1991 , celebrat al Teatre 15 de Cinecittà a Roma . El RTVRSM - Ràdio i Televisió de la República de San Marino també es va establir, dels quals RAI posseïa el 50%. El 1995 les proves de DAB-T, la ràdio digital, es van iniciar a la Vall d'Aosta. Amb el referèndum el 1995 va ser derogada la disposició de la llei, que reserva exclusivament a les mans possessió pública d'accions Rai, però mai es va procedir a la privatització. [34] El 1996 la companyia va inaugurar la transmissió de programes de televisió, la tecnologia digital, satèl·lit Eutelsat Hotbird 13 ° Est .

Al febrer de 1996, Rai va crear el seu primer extrem pàgina web www.rai.it de 1997 i va llançar els seus primers canals temàtics digitals per satèl·lit: RaiSat 1 que s'ocupa de la cultura i l'entreteniment es posa en curs 27 de octubre de 1997, RaiSat 2 dirigida a un públic de nens es posa en marxa 29 de setembre de 1997, RaiSat 3 dedicat als programes de la RAI per a l'Educació es va posar en marxa 13 d'octubre de, 1997, així com RaiSat Neptú classes de la universitat (10 de novembre 1997), que estava transmetent 24 hores 24 conferències. Nello stesso anno nacquero Rai Trade SpA (società che, oltre a co-produrre occasionalmente fiction, promuove e commercializza le proprietà intellettuali e diritti Rai incorporando Sacis , Rai Eri e Fonit Cetra risultando quindi anche una casa editrice ed una etichetta discografica) e RaiSat , la divisione satellitare della Rai, che l'anno successivo venne scorporata come RaiSat SpA

Nello stesso anno la Direzione Rai Cinemafiction (diretta da Sergio Silva) dedita alla produzione di fiction e film si scinde in due unità completamente diverse tra loro: Rai Fiction (che, oltre alle serie TV, si dedica fino al giugno 2017, quando questa attività è confluita in Rai Ragazzi , anche della produzione e coproduzione di cartoni animati indirizzati esclusivamente ad un target di pubblico di bambini in età scolare e pre-scolare, con un budget dedicato, ed è divenuta il motore delle principali società e studi italiani di animazione televisiva) e Rai Cinema (quest'ultima destinata ad esternalizzazione in controllata della Rai e con il tempo divenuta uno dei motori dell'industria cinematografica italiana).

Nel 1999, dopo aver creato la Divisione Trasmissione e Diffusione, incorporò la NewCo TD. [35] Venne aperto il canale Rai News 24 .

2000-oggi: La rivoluzione digitale

Nel 2000, a causa della liquidazione della holding pubblica IRI , il 99,5% delle azioni passarono a Rai Holding SpA, in mano al Ministero dell'economia . [36] Il 1º marzo RaiWay, grazie all'assorbimento della sezione DTD, divenne operativa. [35] Nel 2004 le trasmissioni televisive compirono 50 anni e quelle radiofoniche 80: su Rai Uno , Rai Due e Rai Tre andò in onda Buon compleanno TV , condotto da Pippo Baudo per festeggiare. Il 1º dicembre dello stesso anno Rai Holding fu fusa nella Rai SpA costituendo l'attuale società.

Rai CPTV "Biagio Agnes" di Saxa Rubra (Roma)
Rai Teche in via Salaria a Roma

Il 27 settembre 2005 la RAI creò il proprio canale YouTube ufficiale [37] , attraverso il quale pubblicarono video tratti dal sito ufficiale Rai.tv (online da dicembre dello stesso anno). Il 1º giugno 2014, tuttavia, vennero eliminati quasi tutti i video caricati e anche quelli caricati da altri utenti. Nel 2007 il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni presentò un ddl, che non venne approvato, che avrebbe dovuto riformare interamente il settore radiotelevisivo privato e pubblico, che prevedeva, tra le altre cose, il passaggio del controllo RAI a una fondazione e una riformulazione del consiglio di amministrazione. [38] Fu inoltre posto sotto licenza creative commons una considerevole parte dell'archivio Rai, resa gratuitamente consultabile e riproducibile dal sito Internet.

Il 1º novembre 2006 nasce Rai Yoyo all'interno della piattaforma Sky Italia , dopo la chiusura di RaiSat Ragazzi che si divise in due forme originando RaiSat YoYo (per bambini in età prescolare) e RaiSat Smash (per ragazzi fino ai 19 anni). Il 1º giugno 2007 nasce il canale televisivo Rai Gulp sulle frequenze di Rai Doc e Rai Futura , chiuse poco prima del suo lancio.

Il 10 maggio 2008 debuttò la piattaforma Rai Digitale Terrestre, bouquet di canali per il digitale terrestre, composto inizialmente da 8 canali, 2 dei quali già esistenti ( Rai News 24 e Rai Gulp ), visibili sia attraverso la tecnologia DVB-T sia quella DVB-S . Nello stesso giorno, con il 91º Giro d'Italia , partìRai Sport Più . La UEFA Euro 2008 (campionato svoltosi in Austria e Svizzera ) e le Olimpiadi estive di Pechino 2008 furono trasmesse sul digitale terrestre in 16:9 e, in alcune aree, in alta definizione . Il 14 luglio nacque Rai 4 , dedicato alla sperimentazione.

Le nuove strutture

Il 2 febbraio 2009, sul digitale terrestre , fu lanciato un nuovo canale tematico gratuito: Rai Storia . Il 31 luglio, i canali RaiSat passarono da Sky Italia al digitale terrestre e alla nuova piattaforma satellitare Tivùsat , gestita da Tivù Srl , fondata da RAI, Mediaset , Telecom Italia [39] , Confindustria Radio Televisioni e Aeranti-Corallo . Nello stesso anno chiuse RaiSat Smash Girls , mentre RaiSat Gambero Rosso passò sotto la gestione diretta di Sky. Il 1º novembre la Rai iniziò a trasmettere gli spot pubblicitari in 16:9.

Nella prima metà del decennio vengono create, a seguito di una riorganizzazione aziendale generale, le nuove strutture della Rai dedicate ognuna ad una esigenza televisiva specifica: Rai Sport (che gestisce i canali sportivi Rai Sport 1 e Rai Sport 2 , quest'ultimo fino alla cessazione delle trasmissioni nel 2017), Rai Gold (che gestisce i canali tematici dedicati a cinema e serie televisive Rai 4 , Rai Premium e Rai Movie ) e Rai Ragazzi (che gestiste Rai Gulp e Rai Yoyo oltre alla produzione di programmi per bambini e giovani e, a partire dal 2017, la produzione di cartoni animati ) nascono nel 2010, Rai News (che si occupa dell'informazione Rai e gestisce il canale all-news Rai News24 , il portale on-line Rainews.it ed il servizio teletext Rai Televideo ) nel 2013 e Rai Cultura (nuovo nome di Rai Edu a partire dal 2015 al cui bouquet di canali si aggiunge Rai 5 ) che si vanno ad affiancare Rai Radio , Rai Teche , Rai Vaticano , Rai Quirinale , Rai Fiction e Rai Expo .

Il 18 maggio 2010, dopo 10 anni, l'azienda cambiò loghi e colori e il 22 novembre insieme a FBF realizzò nuove animazioni per i canali generalisti, sebbene la maggior parte dei bumper non fu andata sui canali Rai in onda ma con il logo dello studio. L'azienda assorbì la società RaiSat . Il 26 novembre aprì Rai 5 , canale culturale che sostituiva Rai Extra . [40]

Il 23 febbraio 2011 viene firmato l'Atto di fusione per l'incorporazione di Rai Trade in Rai [41] . Nel novembre dello stesso anno viene trasmesso Il più grande spettacolo dopo il weekend condotto da Fiorello , prima trasmissione dal vivo in studio ad essere trasmessa in alta definizione dalla Rai, che nella sua ultima puntata raggiunge 13.401.000 telespettatori con il 50,22% di share arrivando a toccare il 61,55%.

Il 4 luglio 2012 la RAI, così come le altre emittenti italiane, spense definitivamente tutti i canali analogici risultando disponibile solo sul digitale terrestre , sul satellite (con alcuni canali e programmi visibili solo con il decoder Tivùsat ) oltre che in streaming via web. Il 31 dicembre il TG2 fu il primo delle tre TV generaliste a essere trasmesso in 16:9 . L'anno successivo iniziarono i test dello standard DVB-T2 [42] . Nel 2014 le trasmissioni televisive della Rai compirono 60 anni e quelle radiofoniche 90. Su Rai 1 andò in onda una puntata speciale di Techetechetè per festeggiare il sessantenario. Inoltre il TG1 e il TG3 iniziarono a trasmettere in 16:9 e in HD.

Nel 2015 venne lanciato il nuovo portale Rai dedicato ai giovani. Il 23 luglio il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, annunciò il lancio di tre nuove reti radiofoniche, Rai Radio 6 Teca, Radio 7 Live (dal 7 settembre) e Rai Radio 8 Opera (dal 6 agosto), e il cambio di nome di altre due reti: Rai Radio FD4 sarebbe diventata Rai Radio 4 Light e Rai Radio FD5 sarebbe diventata Rai Radio 5 Classica. Le radio vennero rese disponibili sul DAB+, sul satellite (tivùsat) e sul sito web della Rai. [43]

Nel 2016 vengono ristrutturati e ammodernati gli studi radiofonici e le sale di via Asiago 10 e del centro di produzione di Saxa Rubra : regie video, ledwall e apparati tecnologici all'avanguardia danno vita alle nuove dirette “radiotelevisive” sul web. Il Centro di Produzione Radio diventa sempre più TV; in coerenza con la storica presenza in via Asiago, nell'ex Casa del Soldato, dello Studio Prove Colore TV; che negli anni '90 fu smantellato per realizzare altri studi radiofonici.

Il nuovo canone

Nel 2016 entrò in vigore la nuova riscossione del "canone RAI", accorpato nella bolletta elettrica; il provvedimento governativo era stato introdotto nella legge di stabilità 2016. [44] Dal 1º maggio Rai Yoyo , Rai 5 e Rai Storia furono le prime reti televisive italiane a trasmettere senza interruzioni pubblicitarie. Il 28 maggio venne cancellata, dopo 62 anni, la figura della signorina buonasera . In occasione dei XXXI Giochi olimpici di Rio de Janeiro , la Rai offre una copertura con tre canali televisivi in HD (Rai 2 ei canali Rai Sport) disponibili su DTT, Sky e Tivùsat, un sito internet e un'app che coprono ogni evento prodotto dall'OBS. Il 12 settembre 2016 andò online RaiPlay e vi furono vari cambiamenti grafici, per le prime quattro reti, e ai canali disponibili: partì Rai 5 HD, Rai Sport 2 HD terminò la programmazione e le versioni in HD dei tre canali generalisti arrivarono anche sul digitale terrestre.

Il 1º gennaio 2017 fu abbandonato il segnale orario (solo in TV), in quanto, a causa del nuovo segnale digitale, la cui trasmissione avviene via satellite, l'orario arriverebbe con un ritardo di due secondi, non garantendo dunque una certa precisione nel conteggio dei minuti [45] . Il 4 gennaio si ampliò l'offerta televisiva in HD attraverso la piattaforma Tivùsat : furono attivati Rai News 24 HD, Rai Storia HD, Rai Scuola HD, Rai Gulp HD e Rai Yoyo HD [46] . Il 5 febbraio fu spenta Rai Sport 2 mentre Rai Sport 1 divenne Rai Sport nella versione standard, spostandosi al canale 58. Rai Sport 1 HD, posizionato al canale 557, diventò Rai Sport + HD e passò al canale 57. Inoltre i loghi di tutte le reti vennero spostati nell'angolo superiore sinistro del teleschermo come già in uso da settembre 2016 per le prime quattro reti. Il 10 aprile si completò il restyling delle reti TV con l'estensione a quelle tematiche ad eccezione di Rai News 24 . Il 12 giugno si inaugurò il decimo canale radio nazionale, Rai Radio Kids che sostituiva Rai Radio 8 Opera dedicato ai bambini dai 2 ai 10 anni senza pubblicità [47] e, contestualmente, furono rinominate Rai Radio 4 Light in Rai Radio Tutta Italiana , Rai Radio 5 Classica in Rai Radio Classica (divenuta dal 1º gennaio 2020 Rai Radio 3 Classica ), Rai Radio 6 Teca in Rai Radio Techete' e Rai Radio 7 Live in Rai Radio Live . Il 19 dicembre nacque RaiPlay Radio , la nuova piattaforma internet per ascoltare tramite web e app dedicata i dieci canali radio Rai [48] .

Il 14 giugno 2018, in occasione dei Campionati mondiali di calcio della Russia , nasce Rai Radio 1 Sport con un palinsesto tutto sportivo e il 21 successivo Rai Radio 2 Indie, canale dedicato alla musica rock e alternative, pop italiana e agli eventi live. I canali radiofonici della radiotelevisione pubblica italiana aumentano a 12. [49] Il 13 settembre 2018 Rai 4 esce dalla piattaforma pay Sky , rimanendo visibile via satellite solo su Tivùsat . Il 27 settembre 2018 Marcello Foa viene nominato nuovo presidente della Rai.

Il CdA, con l'approvazione del budget 2019 e del piano industriale 2019/2021 [50] , avvia la creazione di due nuovi comparti dell'azienda: Rai Documentari e Rai Format. Il primo con lo scopo di valorizzare il genere documentario , in ottemperanza al contratto di servizio che impone di sostenere e supportare lo sviluppo dell'industria nazionale dell'audiovisivo, mentre il secondo si inquadra invece in un progetto di stimolo alla creazione di contenuti originali e innovativi sul modello di Rai Fiction attraverso la realizzazione di prototipi e numeri zero. In ottemperanza al contratto di servizio viene anche proposto l'espansione dell'offerta con un canale in inglese (Rai English) e uno di natura istituzionale (Rai Istituzioni). Per quanto concerne la parte relativa all'informazione, il Piano si articola in tre fasi: la prima prevede il rafforzamento di un polo all news con la creazione di una testata digitale; la seconda contiene il potenziamento della testata digitale con lo sport e l'informazione istituzionale; la terza fase realizzerà l'integrazione dei poli informativi in una news room di flusso ma mantenendo i brand di punta dell'informazione Rai rafforzandone la loro storica identità. [51] [52] Sarà centrale il ruolo di RaiPlay , che si trasformerà in una piattaforma in grado di produrre contenuti esclusivi e nativi digitali, utilizzando le nuove tecnologie. Al riguardo, il piano prevede la creazione di una nuova struttura interna all'azienda dedicata ai nuovi format contemporaneamente al potenziamento del CRIT (Centro ricerche e innovazione tecnologiche) di Torino . [53] [54]

Nel 2020, per far fronte alle difficoltà per la didattica generate dalla pandemia di COVID-19 , Rai Cultura in collaborazione con il Ministero dell'istruzione lancia l'offerta didattica multimediale de La scuola non si ferma . Dal 18 dicembre vengono diffusi via satellite Eutelsat Hot Bird 13 C, all'interno della piattaforma Tivùsat , tutte le 23 versioni regionali di Rai 3 [55] ; sempre il 18 dicembre, avviene una massiccia riorganizzazione dei trasponder Rai: dai quattro trasponder in cui la Rai trasmetteva (due in DVB-S e due in DVB-S2) ne rimangono tre (uno in DVB-S e due in DVB-S2).

Aree operative

La società presenta sei aree operative principali. [56]

  • Editoriale e Testate si occupa delle attività editoriali e giornalistiche del settore radio televisivo. Inoltre, attraverso Rai Cinema valorizza i diritti commerciali delle proprie produzioni.
  • Tecnologia e Produzione , coordinata dal Chief Technology Officer, studia e sviluppa il comparto delle tecnologie, attraverso il Centro ricerche e innovazione tecnologica, gestisce le frequenze del digitale terrestre e satellitari, ma non gestisce né sviluppa la rete, che è affidata a Rai Way .
  • Finanza e Pianificazione , a capo della quale vi è il Chief Financial Officer, gestisce, attraverso delle direzioni, gli aspetti amministrativi ed economico-finanziari; tra questi ci sono il coordinamento delle sedi regionali ed estere e la gestione del canone e dei beni immobili.
  • Chief Digital Officer dirige le direzioni Digital, Teche e la Struttura Servizi di Pubblica Utilità .
  • Pubblicità e Commerciale supervisiona l'operato delle controllate Rai Pubblicità , per la raccolta pubblicitaria, e Rai Com , per la valorizzazione delle produzioni Rai.
  • Corporate e Supporto racchiude la gestione delle risorse umane e dello staff del Direttore Generale, le direzioni che si occupano delle relazioni esterne, Istituzionali e internazionali, l'ufficio legale e la sezione legata alla sicurezza. Si occupa anche dei diritti sportivi.

Canali televisivi e radiofonici

Orario delle trasmissioni televisive

Nei primi anni di trasmissione regolare, i programmi partivano intorno alle 17:30 e si concludevano verso le 23:30 (fino al 1957 vi era una pausa nella fascia oggi definita 'preserale'. Nei giorni festivi, l'inizio era anticipato alle 11:00, con un'interruzione dalle 12:00 alle 15:00 circa.

Dal 15 gennaio 1968 le trasmissioni del Programma Nazionale cominciarono verso le 12:30, ad eccezione della domenica, in cui l'orario di inizio era anticipato alle 11:00, i programmi venivano sospesi dalle 14:00 alle 17:00 e proseguivano sino alle 23:30 circa. Nelle estati dal 1961 al 1980 la pausa pomeridiana durava fino alle ore 18:15 (nell'estate 1975 fino alle ore 18:30, a meno che non venissero trasmessi particolari eventi). Durante il periodo dell'austerity (dicembre 1973 e buona parte del 1974), indetto dal Governo Italiano, le trasmissioni si concludevano entro le ore 23.

Tale orario di chiusura era valido anche per il Secondo Canale, dove i programmi andavano tuttavia in onda dalle 21:00 fino al 1967, quando l'orario di inizio trasmissioni fu anticipato attorno alle ore 18:00, con una pausa tra le ore 19.30 e le 21.00. Dalla primavera del 1971 fino al 1973 le trasmissioni furono posticipate alle ore 21. Dal 1973 all'autunno del 1976 l'orario fu nuovamente anticipato a un orario variabile tra le ore 18 e le 19. Dal 25 ottobre 1976 l'orario fu anticipato alle ore 12:30, con una pausa dalle ore 14.00 alle 17.00 (tranne nelle estati 1977 - 1980 dove la pausa durava fino alle 18:15).

Durante i primi anni di trasmissione, i programmi di Rete 3 iniziavano intorno alle 18:30 e si concludevano verso le 22:30. Successivamente l'orario si uniformò a quello degli altri due canali.

A cominciare dai primi anni ottanta ci furono diversi cambiamenti. Il primo fu l'eliminazione della pausa fra le 14:00 e le 17:00, avvenuta ufficialmente il 5 ottobre 1980 (eccetto nelle estati del 1981 e del 1982, dove ancora vigeva la pausa pomeridiana, stavolta però fino alle ore 17). L'orario di chiusura fu fissato per l'una di notte (rimanendo sostanzialmente invariato nel corso del tempo), quello di apertura fu inizialmente confermato alle 12:30, salvo la domenica in cui fu anticipato alle 10:00. A partire dal 3 ottobre 1983, l'inizio delle trasmissioni nei giorni lavorativi fu fissato per le 12:00. Il 22 dicembre 1986, con l'introduzione delle fasce mattutine, Rai 1 anticipò l'inizio delle trasmissioni alle 7:00. Questo cambiamento interessò anche Rai 2 che, a partire dal 26 ottobre 1987, anticipò il proprio orario di apertura delle trasmissioni alle 8:00. Rai 3, che inizialmente aveva gli stessi orari del secondo canale, vide variare gli orari di inizio di programmi negli anni successivi. Nel 1991, in occasione della prima Guerra del Golfo, venne per la prima volta adottata la programmazione 24 ore su 24, che prese definitivamente il sopravvento il 21 dicembre 1991.

Il primo monoscopio

Durante queste pause veniva trasmesso il monoscopio . Il primo che venne utilizzato era in bianco e nero, ideato da Fulvio Brugia, basato sul monoscopio RCA e rielaborato dal grafico pubblicitario Erberto Carboni , lo stesso che creò il logo Rai anni 50 a lettere squadrate, inizialmente solo per la radio, e che poi aggiunse nel 1954 le due lettere TV sovrapposte. Successivamente, con le sperimentazioni televisive a colori, venne sostituito da un monoscopio a colori, il Philips PM5544. Quest'ultimo è stato proposto fino al 23 giugno 2012 nelle pause notturne che la Rai operava una volta alla settimana, il primo martedì del mese su Rai 1 , il secondo martedì del mese su Rai 2 e il terzo venerdì del mese su Rai 3 . L'immagine era accompagnata da una nota continua: un Sol a 384 Hz per il monoscopio RCA, ea 400 Hz per il monoscopio Philips PM5544, che si alternava con una voce di una donna o con della musica. La terza rete televisiva, all'epoca, proponeva anche il monoscopio della sede regionale: si trattava sempre del Philips PM5544, ma che recava nella barra sottostante l'identificazione della sede di trasmissione.

Sequenze di apertura e chiusura delle trasmissioni

L'apertura e la chiusura delle trasmissioni erano annunciate tramite apposite sequenze di sigle , occasionalmente realizzate da grafici e musicisti di fama nazionale e internazionale. La più nota sigla introduttiva, nonché la prima a essere stata adottata a partire dagli anni cinquanta, utilizzava come accompagnamento musicale una versione orchestrale di Tutto cangia, il ciel s'abbella , tratta dal finale del Guglielmo Tell di Gioachino Rossini . La sigla di chiusura, visivamente simile a quella di apertura, era invece accompagnata dal brano Armonie del pianeta Saturno di Roberto Lupi . Nei primi anni di trasmissioni, la terza rete adottò una sigla specifica, accompagnata dal brano Il cielo in una rete di Piero Piccioni . La grafica di ambedue queste sigle fu realizzata da Erberto Carboni .

Queste vennero sostituite il 28 gennaio 1986 da una nuova grafica computerizzata accompagnata da un frammento di 30 secondi de Il Canto degli Italiani arrangiato elettronicamente. L'inno nazionale accompagnava solo la sigla di apertura, mentre la sigla di chiusura era Il silenzio di Nini Rosso senza la parte recitata. Quest'ultima sigla venne mantenuta in uso fino al 23 giugno 2012, subendo solo due aggiornamenti nel 1988, con l'inserimento del tricolore nella stanghetta della A di Rai, che all'epoca aveva appena aggiornato il logo, e nel 1990, quando fu cambiato l'orientamento delle strisce del tricolore da orizzontale a verticale. Durante la sospensione, al monoscopio si alterna un messaggio di avviso, raffigurato da uno sfondo blu con la scritta Le trasmissioni riprenderanno alle ore e l'orario di ripresa delle trasmissioni.

Modalità e disponibilità delle trasmissioni

I canali Rai vengono diffusi attraverso la televisione digitale terrestre, tramite satelliti, in streaming attraverso una piattaforma dedicata e, all'estero, anche via cavo, attraverso accordi commerciali stipulati con le singole piattaforme televisive. La programmazione completa, tuttavia, è disponibile solo ai cittadini italiani, della Repubblica di San Marino e della Città del Vaticano (se residenti fuori dall'Europa ciò avviene attraverso Rai Italia ), in quanto Rai non dispone dei diritti per la diffusione di alcuni programmi all'estero. Tale programmazione, che comprende soprattutto film, serie TV e cartoni animati, viene quindi criptata o resa a pagamento . Per questo motivo, la diffusione in digitale terrestre e in streaming (tramite RaiPlay ) è disponibile solo in Italia, San Marino e Vaticano.

La diffusione satellitare avviene principalmente in Europa attraverso la piattaforma Tivùsat ( Hot Bird 13° est) e, limitatamente a Italia, Francia, Austria, Svizzera e Slovenia, anche su Eutelsat (5° ovest). Su Tivùsat tutta l'offerta in HD è criptata e quindi ricevibile solo dai cittadini italiani, mentre solo alcuni canali in SD sono ricevibili anche dagli altri cittadini europei (alcuni programmi vengono comunque criptati). Su Eutelsat sono invece liberamente ricevibili tutti i canali in SD, con in aggiunta tutte le versioni regionali di Rai 3 , e quattro canali in HD. La Rai diffonde anche su altri satelliti fuori dall'Europa, solitamente a pagamento.

La diffusione via cavo avviene principalmente fuori dall'Europa (ad eccezione di Svizzera, Germania e Paesi Bassi), ea differenza delle altre modalità di trasmissione è sempre a pagamento. Inoltre, con questa modalità vengono diffusi solitamente solo i tre canali principali (Rai 1, Rai 2, Rai 3) oppure il bouquet Rai Italia.

Canali televisivi

Logo Canale Data di lancio LCN RaiPlay
Digitale terrestre Tivùsat Sky
Rai 1 - Logo 2016.svg Rai 1 3 gennaio 1954 1 1 101 Yes check.svg
Rai 2 - Logo 2016.svg Rai 2 4 novembre 1961 2 2 102
Rai 3 - Logo 2016.svg Rai 3 15 dicembre 1979 3 3 103
Rai 4 - Logo 2016.svg Rai 4 14 luglio 2008 21 10 X mark.svg
Rai 5 - Logo 2017.svg Rai 5 26 novembre 2010 23 13 X mark.svg
Rai Movie - Logo 2017.svg Rai Movie 1º luglio 1999 24 14 X mark.svg
Rai Premium - Logo 2017.svg Rai Premium 31 luglio 2003 25 15 X mark.svg
Rai Gulp - Logo 2017.svg Rai Gulp 1º giugno 2007 42 42 807
Rai Yoyo - Logo 2017.svg Rai Yoyo 1º novembre 2006 43 43 X mark.svg
Rai News 24.svg Rai News 24 26 aprile 1999 48 24 508
Rai Storia - Logo 2017.svg Rai Storia 2 febbraio 2009 54 23 805
Rai Sport - Logo 2017.svg Rai Sport 1º febbraio 1999 58 21 227
Rai Scuola - Logo 2017.svg Rai Scuola 19 ottobre 2009 146 33 806

Dal 18 dicembre 2020 sono disponibili su Tivùsat le 23 versioni regionali di Rai 3, con LCN da 301 a 323. Sono trasmesse in definizione standard, ma ricevibili solo da dispositivi abilitati all'alta definizione.

In alta definizione

Logo Canale LCN RaiPlay
Digitale terrestre Tivùsat
(EasyHD)
Rai 1 HD - Logo 2016.svg Rai 1 HD 501 1 Yes check.svg
Rai 2 HD - Logo 2016.svg Rai 2 HD 502 2
Rai 3 HD logo 2016.svg Rai 3 HD 503 3
Rai 4 HD - Logo 2016.svg Rai 4 HD 521 10
Rai 5 HD - Logo 2017.svg Rai 5 HD X mark.svg 13
Rai Movie HD - Logo 2017.svg Rai Movie HD 14
Rai Premium HD - Logo 2017.svg Rai Premium HD 525 15
Rai Gulp HD - Logo 2017.svg Rai Gulp HD X mark.svg 42
Rai Yoyo HD - Logo 2017.svg Rai Yoyo HD 43
Rai-news-hd.png Rai News 24 HD 24
Rai Storia HD - Logo 2017.svg Rai Storia HD 23
Rai Sport + HD - Logo 2017.svg Rai Sport + HD 57 21
Rai Scuola HD - Logo 2017.svg Rai Scuola HD X mark.svg 33

La copertura nazionale dei canali HD sul DTT è completa.

[57]

Su Tivùsat i dispositivi che supportano EasyHD posizioneranno i canali dopo il 100.

Su RaiPlay, tutti i canali sono trasmessi in HD, ma a 1080p; tuttavia sono trasmessi con la medesima qualità con cui trasmettono sul digitale terrestre, pur se con scansione progressiva.

In ultra alta definizione

Logo Canale Digitale terrestre Tivùsat Satellite Astra RaiPlay Sky
Disponibilità LCN
Rai 4K - Logo 2017.svg Rai 4K Yes check.svg (solo in Valle d'Aosta come canale di test) Yes check.svg 210 X mark.svg X mark.svg X mark.svg

Internazionali per gli italiani all'estero (Europa esclusa)

Logo Canale Satellite Cavo Etere
Rai Italia - Logo 2017.svg Rai Italia America Yes check.svg Yes check.svg Yes check.svg
Rai Italia Asia X mark.svg
Rai Italia Australia Yes check.svg
Rai Italia Africa X mark.svg
Rai World Premium - Logo 2017.svg Rai World Premium X mark.svg

Regionali

Logo Canale Lingua Diffusione Digitale terrestre Tivùsat RaiPlay
Disponibilità LCN Disponibilità LCN
Rai Südtirol - Logo 2019.svg Rai 3 Südtirol Tedesco Trentino-Alto Adige Yes check.svg 103 Yes check.svg 308 X mark.svg
Ladino
Rai 3 Bis FJK 2016.png Rai 3 BIS FJK Sloveno Friuli-Venezia Giulia 310

Rai 3 BIS FJK è visibile in tutto il territorio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. [58]

Dal 18 dicembre 2020 i due canali Rai 3 TGR Südtirol (Rai Südtirol) e Rai 3 TGR Friulanija Julijska Krajina (Rai 3 BIS) sono visibili su tutto il territorio nazionale tramite la piattaforma satellitare Tivùsat, rispettivamente alle numerazioni LCN 308 e 310. Sono trasmesse in definizione standard ma visibili solo con dispositivi abilitati alla ricezione di canali in alta definizione.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: § Le minoranze linguistiche e le regioni autonome .

Solo sul web

Sulla pagina web raisport.rai.it/dirette , è presente solo il canale sportivo Rai Sport + HD.

Sul portale RaiPlay , inoltre, sono disponibili i canali RaiPlay Sport, che vengono attivati in caso di eventi sportivi di particolare importanza.

Partecipazioni

  • Euronews , partecipa al capitale della società Euronews SA editrice del canale televisivo multilingue omonimo, tematico all news, diffuso dai satelliti Astra ed Eutelsat Hot Bird, in streaming sul sito dell'emittente e su quello della Rai nonché all'interno delle piattaforme satellitari Tivùsat e Sky Italia . Rai 1 trasmetteva Euronews in simulcast in una fascia del palinsesto mattutino (tra le 05:00 e le 06:00), ora dedicato a Rai News 24;
  • San Marino RTV , dal 1991 partecipa congiuntamente alla ERAS, con un capitale sociale sottoscritto al 50%, alla realizzazione del canale televisivo nazionale pubblico della piccola repubblica del Titano. Il direttore generale della televisione di Stato sammarinese è solitamente un manager Rai;
  • Camera dei deputati TV , attraverso Rai Way trasmette le sedute della Camera dei deputati , il canale è gestito autonomamente e finanziariamente dalla Camera dei Deputati ed è diffuso via satellite Eutelsat Hot Bird e in streaming sul sito internet del ramo parlamentare;
  • Senato della Repubblica TV , attraverso Rai Way trasmette le sedute del Senato della Repubblica , il canale è gestito autonomamente e finanziariamente dal Senato della Repubblica ed è diffuso via satellite Eutelsat Hot Bird e in streaming sul sito internet del ramo parlamentare.

Canali radiofonici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rai Radio .
LCN
Tivùsat
Logo Canale Data di
lancio
AM FM Via
cavo
DAB
DAB+
RaiPlay
Radio
RaiPlay
[59]
iTunes DTT Satellite Tipologia
601 Rai Radio 1 - Logo 2017.svg Rai Radio 1 6 ottobre 1924 Yes check.svg Yes check.svg Yes check.svg Yes check.svg Yes check.svg X mark.svg Yes check.svg Yes check.svg Yes check.svg informazione, approfondimento, musica e sport
602 Rai Radio 2 - Logo 2017.svg Rai Radio 2 21 marzo 1938 X mark.svg Yes check.svg musica nelle sue diverse forme e intrattenimento leggero
603 Rai Radio 3 - Logo 2017.svg Rai Radio 3 1º ottobre 1950 X mark.svg cultura nelle sue diverse forme, musica classica, letteratura, arte e cinema
604 Rai Gr Parlamento - Logo 2017.svg Rai Gr Parlamento 5 gennaio 1998 X mark.svg X mark.svg dirette o differite delle sedute parlamentari della Camera e del Senato
605 Rai Radio 3 Classica - Logo 2019.svg Rai Radio 3 Classica 1º dicembre 1958 Yes check.svg [60] Yes check.svg musica classica, opera, musical e operetta
606 Rai Radio Kids logo.svg Rai Radio Kids 12 giugno 2017 X mark.svg X mark.svg dedicato ai bambini con musica, storie, giochi e fiabe
607 Rai Radio Live logo.svg Rai Radio Live 24 ottobre 2015 finestra su avvenimenti live, pop, rock, dance in Italia e nel mondo
630 Rai Radio Tutta Italiana logo.svg Rai Radio Tutta Italiana 1º dicembre 1958 Yes check.svg musica italiana dal 1960 ad oggi, senza interruzioni pubblicitarie
639 Rai Radio Trst A.png Rai Radio Trst A 5 febbraio 1944 Yes check.svg Yes check.svg X mark.svg canale regionale in lingua slovena
640 Rai Radio Techete' logo.svg Rai Radio Techete' 7 settembre 2015 X mark.svg X mark.svg documenti audio che hanno fatto la storia di Rai Radio dal dopoguerra ad oggi
641 Rai Radio 1 Sport - Logo 2018.svg Rai Radio 1 Sport 14 giugno 2018 eventi e programmi sportivi
642 Rai Radio 2 Indie - Logo 2018.svg Rai Radio 2 Indie 21 giugno 2018 musica indipendente e alternativa
699 Rai Isoradio - Logo 2017.svg Rai Isoradio 23 dicembre 1989 Yes check.svg [60] informazioni continue sul traffico intervallate da brani musicali
1048 Rai OM Unica X mark.svg X mark.svg X mark.svg X mark.svg riproduzione satellitare della programmazione in AM di Rai Radio 1
canale attivo dalle 6.00 alle 24.00

Regionali

Logo Canale Area di diffusione Lingua AM FM Via cavo DAB
DAB+
RaiPlay Radio iTunes DTT LCN DTT Satellite Note
Rai Südtirol - Logo 2019.svg Rai Südtirol Trentino-Alto Adige Tedesco e Ladino X mark.svg Yes check.svg X mark.svg Yes check.svg Yes check.svg [e 1] X mark.svg Yes check.svg 704 X mark.svg Generalista con programmi rivolti agli abitanti dell'Alto Adige.
Trasmette in lingua tedesca, italiana e ladina
Rai Radio Trst A.png Rai Radio Trst A Friuli
Venezia Giulia
Sloveno Yes check.svg Yes check.svg [e 2] 800 Yes check.svg Generalista, trasmette in lingua slovena.
Rivolta alla minoranza slovena e croata presente nella regione Friuli-Venezia Giulia e alla minoranza italiana presente in Slovenia, nell' Istria croata, nella città di Fiume (Rijeka, regione quarnerina) e in Dalmazia
Rai FVG.jpg Rai Friuli Venezia Giulia Friulano, giuliano, italiano Yes check.svg [e 3] Yes check.svg [e 4] 801 X mark.svg Programmi dedicati agli abitanti della regione autonoma Friuli Venezia Giulia.
Trasmette, sulle frequenze regionali di Rai Radio 1, in lingua italiana, friulana e dialetto giuliano. Raggiunge in FM i litorali sloveno e dell' Istria croata settentrionale e in AM (con alcune trasmissioni dedicate) la città di Fiume (Rijeka, regione quarnerina) e la Dalmazia , territori caratterizzati dalla presenza della minoranza linguistica italiana
Annotazioni
  1. ^ Lo streaming è fruibile a questo indirizzo Archiviato il 22 luglio 2014 in Internet Archive .
  2. ^ Lo streaming è fruibile a questo indirizzo Archiviato il 20 luglio 2014 in Internet Archive .
  3. ^ Lo streaming è fruibile dalle 15:45 alle 16:45 (la domenica dalle 14:30 alle 16:00) durante la messa in onda in AM (936 kHZ) di programmi dedicati alla minoranza italiana presente in Slovenia, in Istria e Quarnero croati, a questo indirizzo Archiviato il 5 dicembre 2015 in Internet Archive .
  4. ^ Lo streaming è fruibile a http://www.rai.tv/dl/portali/shared/player_audio.html?v=02 Archiviato il 5 dicembre 2015 in Internet Archive . questo indirizzo]
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rai § Le minoranze linguistiche e le regioni autonome .

Del passato

  • Rai Italia Radio , canale a vocazione internazionale in onda fino al 31 dicembre 2011. Precedentemente chiamato SatelRadio e poi Rai Internazionale Radio era dedicato agli italiani residenti all'estero e veniva diffuso in onde medie, via satellite e via web;
  • RaiStereoUno , nato l'8 novembre 1982 e chiuso il 31 marzo 1991, trasmetteva in FM;
  • RaiStereoDue , nato l'8 novembre 1982 e chiuso il 31 marzo 1991, trasmetteva in FM;
  • RaiStereoNotte , nato l'8 novembre 1982 e chiuso nel 1995, trasmetteva in FM;
  • StereoRai , nato il 1º aprile 1991 dalle ceneri di Rai Stereo Uno, cessò le proprie trasmissioni nel 1994; trasmetteva in FM;
  • RadioVerdeRai , nato il 1º aprile 1991 dalle ceneri di Rai Stereo Due, cessò le trasmissioni nel 1994; trasmetteva in FM;
  • Rai Radio 8 Opera, interamente dedicato all'opera cessò le trasmissioni l'11 giugno 2017. Parte della sua programmazione ora è confluita in Rai Radio 3 Classica .

Testate giornalistiche

Logo Nome Nascita TV Radio Teletext Note
TG1.svg TG1 15 marzo 1976 Yes check.svg X mark.svg X mark.svg Notiziario di Rai 1
TG2 logo.svg TG2 Notiziario di Rai 2
TG3 - Logo 2021.png TG3 15 dicembre 1979 Notiziario di Rai 3
TGR logo.svg TGR Yes check.svg Produce i notiziari ei programmi regionali in onda su Rai 3, Rai Radio 1, Rai 3 BIS FJK e Rai Radio Trst A
Logo Rainews it.svg Rai News 26 aprile 1999 X mark.svg Yes check.svg Realizza e produce il canale televisivo Rai News 24 , il sito internet Rai News (in collaborazione con le altre testate RAI) e il servizio teletext Televideo
Logo of RAI Parlamento.svg Rai Parlamento 27 settembre 1993 Yes check.svg X mark.svg Realizza programmi di natura parlamentare, sia televisivi sia radiofonici, che vengono trasmessi sui tre canali TV generalisti e su Rai Radio 1
Rai Sport - Logo 2017.svg Rai Sport 4 agosto 1997 X mark.svg Segue gli eventi sportivi con notiziari e programmi diffusi sui tre canali televisivi generalisti, Rai News 24 e sull'omonimo canale tematico
Rai Giornale Radio - Logo 2017.svg Rai Giornale Radio 29 ottobre 1929 X mark.svg Yes check.svg Cura i notiziari di Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, Rai Isoradio, delle radio specializzate e gestisce il palinsesto di Rai Gr Parlamento

Rai Mobilità

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Centro di coordinamento informazioni sulla sicurezza stradale .

Il Centro di coordinamento informazioni sulla sicurezza stradale "viaggiare informati" è un servizio di pubblica utilità della Rai nato nel 1990. Realizza notiziari informativi sul traffico sia per la TV, su Rai News 24, sia per la radio, Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, con Onda Verde, e Rai Isoradio. Con l'autoradio dotata dell'RDS-TA e RDS-TP è possibile, mentre si ascolta un altro programma o una registrazione, ottenere il passaggio automatico dei notiziari Onda Verde a condizione che le funzioni RDS TA e TP siano attivate.

Televideo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Televideo .

Servizio con un numero elevato di informazioni tramite teletext trasmesso su tutte le reti televisive diffuse sul DTT che satelitte (sia SD sia HD).

Su Rai 3 alcune pagine del Televideo sono a carattere regionale realizzate dalle rispettive sedi regionali.

Internet

L'azienda pubblica con il sito web Rai.it offre una moltitudine di servizi via internet tra i quali news, TV, radio e sport e, tramite il portale RaiPlay , permette di:

  • seguire in diretta streaming, al netto di alcune restrizioni, i 14 canali TV (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai 4, Rai 5, Rai News 24, Rai Sport, Rai Sport + HD, Rai Movie, Rai Premium, Rai Yoyo, Rai Gulp, Rai Storia, Rai Scuola) e la visual radio di Rai Radio 2;
  • consultare la guida TV con i palinsesti di tutte le reti TV e radio;
  • rivedere i programmi dei giorni precedenti;
  • accedere a una proposta di serie, fiction, film, documentari, concerti andati in onda sui canali Rai.
  • accedere a contenuti inediti.

RaiPlay è fruibile, inoltre, tramite tutti i browser più diffusi sul mercato sia su PC sia su smartphone e tablet iOS, Android e Windows, oltre che sotto forma di applicazione per i dispositivi mobili e le Smart TV.

In alcune regioni autonome sono attivi siti internet Rai propri in lingua:

Rai.it consente di conoscere, in base ai diversi fusi orari, la programmazione dei quattro canali televisivi di Rai Italia diffusi nei quattro continenti.

Orchestra sinfonica nazionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Orchestra sinfonica nazionale della RAI .

La televisione pubblica dispone dal 1994 dell' Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI nata dall'unificazione delle orchestre della Rai di Torino, Milano, Roma e Napoli. L'Orchestra, con sede a Torino presso l'Auditorium Rai di piazza Rossaro, realizza concerti sinfonici trasmessi prevalentemente da Rai Radio 3 e in TV da Rai 5. Si occupa della registrazione di sigle e colonne sonore di programmi televisivi e radiofonici Rai e partecipa a numerosi concerti ed eventi musicali italiani nonché a tournée in Europa (tra le quali in Svizzera e in Russia) e Sud America. Da ottobre 2016 il direttore è il prof. James Conlon.

Editoria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rai Libri .

Con il marchio Rai Libri la società è attiva nel mercato editoriale con diverse pubblicazioni di riviste e libri. Da qualche anno, con lo stesso marchio vengono pubblicati CD e DVD legati ai programmi televisivi prodotti dall'azienda, in precedenza editi da Rai Trade .

Proprio quest'ultima nacque dalle ceneri delle etichette discografiche ufficiali gestite dalla Rai, mediante le quali venivano stampate e diffuse tutte le opere musicali legate alla TV a partire dal 1957 (prevalentemente colonne sonore e sigle): Cetra , poi fusa con la Fonit in Fonit Cetra , e successivamente in Nuova Fonit Cetra .

Radiocorriere TV

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Radiocorriere TV .

È un periodico settimanale edito dalla Rai che si occupa della presentazione dei propri programmi radio-TV e che dal 2014 viene pubblicato solo in edizione digitale sul web aziendale.

Venne pubblicato per la prima volta il 18 gennaio 1925 con il nome di "Radio Orario" quale organo ufficiale della Unione Radiofonica Italiana con sede in Roma [61] .

Nel gennaio 1930 il settimanale, che usciva di sabato, veniva pubblicato con il nuovo nome di "Radio Corriere" organo della EIAR [61] .

La prima settimana di gennaio del 1959 la testata cambia nome in "Radiocorriere TV" [61] .

Il 6 settembre 1999 il Radiocorriere TV torna in edicola dopo quattro anni di assenza [62] .

Dal 3 gennaio 2014 lo storico periodico passa dalla carta stampata alla sola pubblicazione, gratuita, sul web. Tutti i numeri pubblicati nel tempo sono presenti in un archivio digitale e possono essere consultati e scaricati in formato PDF [63] [64] .

Innovazione e ricerca

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Centro ricerche e innovazione tecnologica Rai .

Il centro ricerche e innovazione tecnologica , denominato dal 2018 Rai CRITS (acronimo di Centro Ricerche, Innovazione Tecnologica e Sperimentazione ), si trova a Torino in Via Cavalli, 6 dopo il trasferimento dalla sede storica di Corso Giambone 68 occupata dal 1961 fino al 2014. [65]

Nasce a Torino nel 1930 come “ Laboratorio e Officine ”, successivamente, nel 1961, diventa “ Laboratorio Ricerche ”, nel 1999 assume la denominazione di “Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica (CRIT)” e, dal 2018, quella attuale. [66]

Qui vengono studiate e progettate nuove tecniche di broadcasting sia per la TV sia per la radio, concentrandosi in particolare su applicazioni innovative per la trasmissione digitale del segnale TV.

Le tecnologie sviluppate in questa struttura sono brevetti di proprietà del gruppo Rai e possono essere offerti su licenza a privati. [67]

Strutture

Le attività dell'azienda sono svolte anche grazie a strutture quali:

Logo Nome Note
Rai Radio - Logo 2017.svg Rai Radio Cura tutta la programmazione dei canali radiofonici dell'azienda pubblica
Rai Cultura - Logo 2018.svg Rai Cultura Si occupa dei programmi educativi in onda sulle tre reti televisive generaliste e dei canali tematici Rai 5 , Rai Storia e Rai Scuola
Rai Quirinale - Logo 2018.svg Rai Quirinale Cura tutti gli avvenimenti che riguardano e coinvolgono il Quirinale, come il messaggio di fine anno del presidente della Repubblica Italiana
Rai Fiction - Logo 2017.svg Rai Fiction Produce serie televisive, film TV, soap opera e cartoni animati per i canali generalisti ei canali tematici Rai Gulp e Rai Yoyo
Rai Ragazzi - Logo 2017.svg Rai Ragazzi Gestisce Rai Gulp e Rai Yoyo
Rai Teche - Logo 2018.svg Rai Teche Gestisce l'archivio audiovisivo
Rai Gold - Logo 2019.svg Rai Gold Gestisce i canali Rai 4 , Rai Premium e Rai Movie
Rai Vaticano - Logo 2018.svg Rai Vaticano In collaborazione con Vatican Media , la televisione di Stato della Santa Sede , trasmette le dirette di importanti avvenimenti che si svolgono a Roma e nella Città del Vaticano

Sedi e centri di produzione

La sede legale e amministrativa, la presidenza e la direzione delle reti generaliste sono a Roma in Viale Giuseppe Mazzini 14; la direzione generale è invece divisa tra viale Mazzini e la nuova sede di Via Cavalli 6 a Torino che ha sostituto quella all'interno del grattacielo Rai di Via Cernaia 33. [65] Torino ospita anche il centro ricerche e innovazione tecnologica e l' auditorium di Piazza Rossaro 1 dove si esibisce l' orchestra sinfonica nazionale .

Centri di produzione televisiva (CPTV)

Città Sede Strutture
Roma CPTV via Teulada, 66 9 studi
Centro radiotelevisivo Biagio Agnes (Saxa Rubra) 14 studi
Studi televisivi Fabrizio Frizzi (già DEAR - Nomentano) 6 studi
Teatro delle Vittorie teatro
Auditorium Rai del Foro Italico auditorium
Milano CPTV Corso Sempione - Corso Sempione, 27 5 studi
CPTV Mecenate - via Mecenate, 76 4 studi
Napoli CP viale Marconi, 9 6 studi
Auditorium Rai di Napoli "Domenico Scarlatti" auditorium
Torino CP via Verdi, 16 8 studi
Auditorium Rai di Torino "Arturo Toscanini" auditorium
Centro ricerche Rai Centro ricerche

Centri di produzione radiofonica (CPR)

Città Sede
Roma CPR via Asiago, 10
CP Saxa Rubra
Milano CP Corso Sempione , 27
Napoli CP viale Marconi , 9
Torino CP via Verdi , 31

Sedi regionali - produzione TV e radio

Sedi regionali distaccate

Sede RAI di Catanzaro in via Giuseppe Raffaelli, 15

Sedi all'estero

I precedenti uffici di corrispondenza da Beirut , Buenos Aires , Madrid e Nuova Delhi sono stati chiusi nel 2012 a seguito di una riduzione dei costi aziendali [68] [69] [70] . Le sedi di Mosca , Istanbul e Nairobi , anch'esse chiuse nel 2012, sono state in seguito ripristinate (la prima nel 2013 e le altre due nel 2015); nel 2016 viene aperta la sede di Rio de Janeiro (in occasione dei giochi olimpici del 2016 ) per le corrispondenze dal Brasile ed il resto del Sudamerica . Le sedi estere sono ora 12.

Le minoranze linguistiche e le regioni autonome

La Rai, per dovere contrattuale [71] , trasmette da alcune sedi regionali una programmazione più vicina alle popolazioni e alle realtà locali.

Trentino-Alto Adige

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sede Rai di Bolzano e Sede Rai di Trento .

La sede Rai di Bolzano gestisce la programmazione regionale più complessa, trasmettendo per i tre gruppi linguistici italiano , tedesco e ladino .

Oltre alle edizioni quotidiane del TGR e al Settimanale del sabato in lingua italiana, trasmesso per il Trentino-Alto Adige separamente per le Province autonome di Bolzano e Trento , ogni domenica mattina, nella fascia oraria 09:45-10:55, alternativamente da Bolzano e da Trento, vengono trasmessi programmi riguardanti le due Province (ambiente, economia, tradizioni...): per i cittadini ( Puntopiù - a cura del centro consumatori) o riguardanti altre minoranze linguistiche (e realtà culturali simili, in Italia e in Europa), tra cui vi è "Alpe Adria" (prodotto da Rai Friuli Venezia Giulia di Trieste, ma con la collaborazione di Bolzano e Trento).

La minoranza di lingua tedesca ha un proprio canale generalista dedicato, denominato Rai 3 bis , su cui opera la struttura Rai Südtirol (fino al 2014 Rai Sender Bozen ), il cui orario di trasmissione varia quotidianamente (il lunedì le trasmissioni iniziano alle 6:30 e terminano alle 22:30) e che nei tempi morti ripete Rai 3 . Sulle frequenze di Rai 3 vengono trasmessi programmi dedicati ai bambini ( Karamela , Die Abenteuer der Maus auf dem Mars ), agli adolescenti e studenti ( Klick-das Jugend Info-Magazin ), agli anziani ( Regenbogen ), all'agricoltura ( Landwirtschaft ), all'economia e alla società ( Trend , Pluspunkt ), alla cultura, alla storia, all'attualità ( Pro und Kontra ) e allo sport ( Sport am Sonntag ).

La struttura tedesca è anche inserita, in quanto parte della Rai, nel circuito dell' Unione europea di radiodiffusione (Eurovisione) e produce il popolare concorso canoro della "Volksmusik" (musica popolare, Grand Prix der Volksmusik ) insieme a tre emittenti pubbliche estere: la tedesca ZDF , l' austriaca ORF e la svizzero-tedesca SRF . La trasmissione viene prodotta ogni anno in un luogo diverso e nel 2002 ha avuto luogo a Merano ed è stata organizzata dal Sender Bozen. Inoltre la rete trasmette in diretta, ogni anno, il concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni e le selezioni per il "Grand Prix der Volksmusik", nonché edizioni speciali a cura della redazione giornalistica in casi di avvenimenti elettorali.

Ogni giorno vengono trasmessi due notiziari della durata di circa 20 minuti, alle 20:00 ( Tagesschau ) e alle 22:10 ( Tagesschau 10 nach 10 ), che trattano di argomenti locali, nazionali e internazionali.

La struttura Rai Ladinia cura i programmi in lingua ladina , tra cui il notiziario locale, inserito alle 19:55 fra TGR e Tagesschau, della durata di 5 minuti e chiamato TRaiL ( Televijion Rai Ladina ), nonché un programma settimanale chiamato Paladina , della durata di circa 40 minuti. I programmi della sede vengono trasmessi su tutto il territorio provinciale dell' Alto Adige .

Friuli-Venezia Giulia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rai Friuli Venezia Giulia e Sede Rai di Trieste .

Valle d'Aosta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rai Vd'A e Sede Rai di Aosta .

Dalla sede regionale per la Valle d'Aosta (in francese , Siège régional pour la Vallée d'Aoste ) di Saint-Christophe vengono diffusi quotidianamente programmi regionali in italiano, o in francese , alle ore 20 (la domenica al mattino).

Il TG regionale delle 19:35 contiene notizie in italiano, francese (spesso con servizi dalla redazione di France 3 della regione Rhône-Alpes riguardanti eventi o argomenti relativi ai dipartimenti francesi limitrofi) e talvolta in patois valdostano . La TGR va in onda senza sottotitoli, in virtù del bilinguismo totale che vige in Valle d'Aosta. Si tratta di un caso unico nel panorama delle minoranze linguistiche d'Italia, legato alla politica d'istruzione vigente, atta a non separare la società valdostana in comunità linguistiche. Successivamente alla TGR, prevalentemente in italiano, viene diffusa la trasmissione " RAI Vd'A - Programmes ", largamente in francese e spesso anche in patois valdostano , anche in questo caso senza sottotitoli per lo stesso motivo.

Sardegna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sede Rai di Cagliari .

In Sardegna vi sono due sedi della Rai: la principale a Cagliari e un'altra a Sassari , in entrambe si trovano gli archivi che custodiscono le teche di Rai Sardegna , aperti al pubblico dal 2005, o visionabili on line dal sito della biblioteca digitale della Sardegna [72] , dopo un lavoro di recupero e catalogazione del materiale radiofonico e audiovisivo, prodotto in circa 50 anni di attività dalle due sedi Rai.

Sicilia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sede Rai di Palermo .

La sede Rai Sicilia ha due dislocazioni, la principale a Palermo e l'altra a Catania . Nella sede di Palermo di viale Strasburgo, nata negli anni '80, vi è un polo produttivo dedicato al Mediterraneo, con un centro di produzione TV e un auditorium, dal 2001 al 2012 produceva il canale in italiano e arabo Rai Med [73] . Quotidianamente si trasmettono TG e GR regionali e si producono le rubriche Mediterraneo , Buongiorno Regione e il Settimanale della TGR.

L'archivio storico di Rai Sicilia è costituito da 886 programmi televisivi realizzati tra il 1979 e il 1993, riversati e digitalizzati, grazie a un accordo con la Regione Siciliana è disponibile on line [74] [75] .

Governance e top management

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governance della Rai .

La Rai è soggetta a una particolare disciplina di governance per tutelare la peculiarità delle attività della stessa. Varie modifiche legislative infatti sono state necessarie per le pronunce della Corte costituzionale , che ha riconosciuto il ruolo fondamentale del servizio pubblico per l'attuazione dell' articolo 21 della Costituzione italiana .

Secondo la riforma della Rai del 2015 , il consiglio di amministrazione consta di 7 membri, di cui quattro nominati da camera e senato, due dal governo e uno dall'assemblea dei dipendenti. I membri del Consiglio d'Amministrazione hanno un termine di mandato di tre anni anche se possono essere nominati di nuovo.

La riforma del 2015 ha modificato anche la nomina del presidente del CdA (scelto ora dal CdA stesso tra i suoi membri), e ha introdotto la figura dell'amministratore delegato.

Il Testo unico della radiotelevisione qualifica la Rai come "società di interesse nazionale", ai sensi dell'articolo 2461 del codice civile italiano [76] .

Presidenti

Nome dal al Note
Arturo Carlo Jemolo 20 aprile 1945 9 agosto 1946 Presidenti RAI - Radio Audizioni Italiane
Giuseppe Spataro 9 agosto 1946 17 maggio 1951
Cristiano Ridomi 17 maggio 1951 11 marzo 1954
Antonio Carrelli 3 giugno 1954 4 gennaio 1961
Novello Papafava 4 gennaio 1961 25 marzo 1964
Pietro Quaroni 29 maggio 1964 12 aprile 1969
Aldo Sandulli 23 aprile 1969 18 febbraio 1970
Umberto Delle Fave 24 marzo 1970 22 aprile 1975
Beniamino Finocchiaro 23 maggio 1975 20 gennaio 1977
Paolo Grassi 20 gennaio 1977 12 giugno 1980
Sergio Zavoli 12 giugno 1980 23 ottobre 1986
Enrico Manca 23 ottobre 1986 19 febbraio 1992
Walter Pedullà 19 febbraio 1992 13 luglio 1993
Claudio Dematté 13 luglio 1993 12 luglio 1994
Letizia Moratti 12 luglio 1994 24 aprile 1996
Giuseppe Morello 24 aprile 1996 10 luglio 1996
Vincenzo Siciliano 10 luglio 1996 21 gennaio 1998
Roberto Zaccaria 3 febbraio 1998 16 febbraio 2002
Vittorio Emiliani 16 febbraio 2002 22 febbraio 2002 Consigliere anziano - facente funzioni
Antonio Baldassarre 5 marzo 2002 26 febbraio 2003
Paolo Mieli 7 marzo 2003 13 marzo 2003 Nominato dai presidenti delle Camere ma mai entrato in carica
Lucia Annunziata 13 marzo 2003 4 maggio 2004
Francesco Alberoni 5 maggio 2004 31 maggio 2005 Consiglieri anziani - facenti funzioni
Sandro Curzi 1º giugno 2005 30 luglio 2005
Claudio Petruccioli 31 luglio 2005 25 marzo 2009
Paolo Garimberti 26 marzo 2009 8 giugno 2012
Anna Maria Tarantola 8 giugno 2012 5 agosto 2015
Monica Maggioni 6 agosto 2015 26 luglio 2018
Marcello Foa 27 luglio 2018 16 luglio 2021 [77]
Marinella Soldi 16 luglio 2021 in carica

Amministratori delegati

Nome dal al Note
Filiberto Guala 3 giugno 1954 26 giugno 1956 [78]
Marcello Rodinò di Miglione 27 giugno 1956 28 aprile 1965 [78]
Gianni Granzotto 29 aprile 1965 12 aprile 1969 [78]
Luciano Paolicchi 13 aprile 1969 28 luglio 1971 [78]
Carica non in uso (1971–2018)
Fabrizio Salini 27 luglio 2018 16 luglio 2021 [79]
Carlo Fuortes 16 luglio 2021 in carica

Direttori generali

Nome dal al
Salvino Sernesi ottobre 1947 1953
Giovan Battista Vicentini 13 marzo 1954 13 marzo 1955
Rodolfo Arata 13 aprile 1956 30 settembre 1960
Ettore Bernabei 5 gennaio 1961 18 settembre 1974
Michele Principe 23 maggio 1975 25 gennaio 1977
Giuseppe Glisenti 26 gennaio 1977 17 giugno 1977
Pierantonino Berté 12 luglio 1977 18 giugno 1980
Villy de Luca 19 giugno 1980 21 luglio 1982
Biagio Agnes 29 luglio 1982 1º febbraio 1990
Gianni Pasquarelli 5 febbraio 1990 23 luglio 1993
Gianni Locatelli 23 luglio 1993 3 agosto 1994
Gianni Billia 3 agosto 1994 31 dicembre 1994
Raffaele Minicucci 16 gennaio 1995 28 febbraio 1996
Aldo Materia 6 marzo 1996 15 luglio 1996
Franco Iseppi 15 luglio 1996 8 febbraio 1998
Pier Luigi Celli 9 febbraio 1998 9 febbraio 2001
Claudio Cappon 9 febbraio 2001 19 marzo 2002
Agostino Saccà 19 marzo 2002 27 marzo 2003
Flavio Cattaneo 27 marzo 2003 5 agosto 2005
Alfredo Meocci 5 agosto 2005 20 giugno 2006
Claudio Cappon 22 giugno 2006 2 aprile 2009
Mauro Masi 2 aprile 2009 2 maggio 2011
Lorenza Lei 3 maggio 2011 16 luglio 2012
Luigi Gubitosi 17 luglio 2012 5 agosto 2015
Antonio Campo Dall'Orto 6 agosto 2015 2 giugno 2017
Mario Orfeo 9 giugno 2017 26 luglio 2018
Alberto Matassino 27 marzo 2019 in carica

Struttura organizzativa

Organo/Settore
Presidente del consiglio di amministrazione Marinella Soldi
Amministratore delegato Carlo Fuortes
Direttore generale Alberto Matassino
Governance e segreteria societaria Nicola Claudio
Area Corporate e supporto
Staff del direttore generale Roberto Ferrara
Risorse umane e organizzazione Felice Ventura
Comunicazione Marcello Giannotti
Relazioni Internazionali Simona Martorelli
Relazioni Istituzionali Stefano Luppi
Rai per il Sociale Giovanni Parapini
Affari legali e societari Francesco Spadafora
Acquisti Monica Caccavelli
Diritti sportivi Pier Francesco Forleo
Risorse artistiche Andrea Sassano

Direttori editoriali

  • Direzione editoriale per l'offerta informativa : Giuseppina Paterniti
  • Direzione creativa : Massimo Maritan

Consiglio di amministrazione

Consiglieri designati dalla Commissione parlamentare di vigilanza e dal parlamento

Consigliere designato dai dipendenti Rai

  • Riccardo Laganà

Consiglieri designati dal Ministero dell'economia e delle finanze

Principali manager e direttori

Canali

Televisione

Canale Direttore In carica dal
Rai 1 Stefano Coletta 14 gennaio 2020
Rai 2 Ludovico Di Meo
Rai 3 Franco Di Mare 15 maggio 2020
Rai 4 Roberta Enni 12 ottobre 2017
Rai 5 Piero Corsini 21 novembre 2017
Rai Movie Roberta Enni 12 ottobre 2017
Rai Premium
Rai Yoyo Luca Milano 13 aprile 2017
Rai Gulp
Rai News 24 Andrea Vianello 29 luglio 2020
Rai Storia Silvia Calandrelli 20 luglio 2011
Rai Scuola
Rai Sport
Rai Sport + HD
Auro Bulbarelli 27 novembre 2018
Rai 3 BIS FJK Guido Corso 3 giugno 2013
Rai Südtirol Vittorio Longati 1º agosto 2013
Rai Italia Marco Giudici 21 novembre 2017

Radio

Canale Direttore In carica dal
Rai Radio 1 Simona Sala 15 maggio 2020
Rai Radio 2 Paola Marchesini 12 giugno 2014
Rai Radio 3 Andrea Montanari 25 marzo 2021
Rai Radio Tutta Italiana Gianmaurizio Foderaro 12 giugno 2017
Rai Radio 3 Classica Maria Gabriella Ceracchi
Rai Radio Techete' Andrea Borgnino
Rai Radio Live Fabrizio Casinelli
Rai Radio Kids Gianfranco Onofri
Rai Isoradio Danilo Scarrone 14 novembre 2013
Rai Gr Parlamento Simona Sala 15 maggio 2020
Rai Radio 1 Sport
Rai Radio 2 Indie Paola Marchesini 21 giugno 2018
Rai Radio Trst A Guido Corso 3 giugno 2013
Rai Südtirol Radio Vittorio Longati 1º agosto 2013

Testate giornalistiche

Televisione

Testata Direttore In carica dal
TG1 Giuseppe Carboni 31 ottobre 2018
TG2 Gennaro Sangiuliano
TG3 Mario Orfeo 15 maggio 2020
Rai News Andrea Vianello 29 luglio 2020
Rai Sport Auro Bulbarelli 27 novembre 2018
Rai Parlamento Antonio Preziosi

Radio

Testata Direttore In carica dal
Rai Giornale Radio Simona Sala 15 maggio 2020

Regionale (TV e radio)

Testata Direttore In carica dal
TGR Alessandro Casarin 1º ottobre 2018

Strutture

Nome Direttore In carica dal
Rai Cultura Silvia Calandrelli 20 luglio 2011
Rai Documentari Duilio Giammaria gennaio 2020
Rai Fiction Maria Pia Ammirati 10 novembre 2020
Rai Gold Roberta Enni 12 ottobre 2017
Rai Radio Roberto Sergio 14 dicembre 2016
Rai Ragazzi Luca Milano 14 aprile 2017
RaiPlay e Digital Elena Capparelli 21 maggio 2019
Rai Quirinale Andrea Covotta settembre 2019
Rai Teche vacante
Rai Vaticano Massimo Milone 8 marzo 2013

Azionisti

Principali partecipazioni

Il Gruppo Rai comprende diverse società che operano nel mercato dei media e del broadcasting [81] .

Società controllate

Società collegate

Inoltre la Rai è uno dei membri fondatori dell' UER .

La Rai si è specializzata negli ultimi anni anche nelle produzioni cinematografiche Rai Cinema , con la quale è spesso presente in prestigiosi concorsi cinematografici internazionali con altrettanto prestigiose coproduzioni.

Rai Way è la società a cui la Rai ha trasferito la sua rete di trasmissione, mentre Rai Com è la società che si occupa di promuovere l'immagine dell'Italia nel mondo attraverso le migliori produzioni radiotelevisive della capogruppo [82] .

Convenzioni

  • Con l' Italia
    I rapporti con lo Stato italiano sono regolati da una convenzione triennale [83] .
  • Con la Repubblica di San Marino
    La Rai è stata parte attiva nella creazione di San Marino RTV , radiotelevisione pubblica del piccolo stato. L'azienda italiana nomina per essa il direttore generale. A marzo 2008 le due parti hanno rinnovato la convenzione per altri 5 anni.
  • Con Euronews
    La Rai è il secondo tra gli azionisti pubblici di riferimento di Euronews SA , la società che si occupa della gestione del canale all-news Euronews .

Finanziamenti pubblici: il canone televisivo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Canone televisivo in Italia .

Per onorare la concessione con lo Stato italiano, la Rai può contare su un'ampia quota devoluta dallo Stato di un' imposta sugli apparecchi televisivi, chiamata canone televisivo dovuta da chiunque detenga apparecchi in grado di ricevere trasmissioni televisive.

In compensazione di questa entrata, la Rai deve rispettare un Contratto di servizio con lo Stato italiano, pena una eventuale revoca della concessione annuale. La concessionaria dal servizio radiotelevisivo pubblico svolge una funzione di servizio universale di pubblica utilità, ed è interessata da una particolare disciplina rispetto alle emittenti commerciali regolato con il Contratto di Servizio.

Nel 2016 i contribuenti hanno versato alla Rai attraverso il canone 2,1 miliardi di euro [84] .

Livello di debito

A marzo 2015 sulla Rai gravava un debito alle banche di 442,9 milioni di euro, secondo la Corte dei Conti [85] .

Critiche

Lottizzazione

Taluni osservatori, commentatori e giornalisti, nonché forze politiche minoritarie, accusano la Rai di essere soggetta a un pressante controllo politico da parte del Parlamento e del Governo e di non essere dunque in grado di assicurare un'informazione indipendente, non condizionata da interessi di singoli politici o gruppi di emittenti televisive . Un'altra accusa alla RAI è di mancare di pluralismo e di operare censura verso professionisti di indubbio valore e competenza ma sgraditi agli uomini politici di riferimento. Tale controllo avviene tramite la nomina di persone chiave scelte dai partiti politici, in un'ottica di lottizzazione .

Celebre è la ripartizione avvenuta durante la Prima Repubblica dopo la riforma del 1975, quando Rai 1 era influenzata dalla Democrazia Cristiana , Rai 2 dal Partito Socialista Italiano e Rai 3 dal Partito Comunista Italiano . Stessa cosa avvenne nei canali radiofonici e relativi giornali radio dove Radio 1 esprimeva le istanze del centrosinistra, mentre Radio 2 era più vicina all'area di centrodestra; Radio 3 invece fu destinata ai partiti minori ( Partito Liberale Italiano e Partito Repubblicano Italiano ).

La proposta principale che viene avanzata per risolvere questo problema è di svincolare almeno parzialmente la Rai dal controllo dei partiti politici adottando norme specifiche per la governance, come avviene in altri paesi europei.

Cattiva amministrazione

Nel 2008 Denise Pardo in un articolo su L'Espresso accusa la Rai di una cattiva gestione che avrebbe portato continui sprechi e una struttura interna elefantiaca tali da pregiudicare la produzione ottimale dei programmi radiotelevisivi di servizio [86] .

Loghi

Speaker

Qui di seguito viene riportato un prospetto delle principali annunciatrici e speaker storici Rai scelti in base all'anzianità di carriera o alla loro popolarità.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Signorine buonasera e Speaker radiotelevisivo .
Periodo Speaker Annunciatrici
Dal 1954 al 1970 Riccardo Paladini
Edilio Tarantino
Luigi Carrai
Marco Raviart
Gianni Rossi
Fulvia Colombo
Marisa Borroni
Aba Cercato
Nicoletta Orsomando
Nives Zegna
Mariolina Cannuli
Rosanna Vaudetti
Gabriella Farinon
Anna Maria Gambineri
Maria Teresa Ruta
Emma Danieli
Maria Grazia Picchetti
Dal 1970 al 1980 Giuseppe D'Amore
Alberto Lori
Roberto Di Palma
Roberta Giusti
Maria Giovanna Elmi
Beatrice Cori
Paola Perissi
Marina Morgan
Dal 1980 al 2003 Pino Berengo Gardin
Gino Pirarba
Adriana Retacchi
Teresa Piazza
Piero Bernacchi
Peppi Franzelin
Maria Brivio
Ilaria Moscato
Katia Svizzero
Alessandra Canale
Maria Rita Viaggi

Speaker

Dal 2006 agli speaker aziendali Rai si sono affiancati alcuni dei doppiatori più rappresentativi del nostro paese:

Eurovisione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Eurovisione .

La Rai è membro fondatore dell' Unione europea di radiodiffusione , chiamata anche UER o EBU (( EN ) European Broadcasting Union ), fondata nel 1950 da 22 radio-televisioni europee occidentali che si staccarono dall'OIRT. L' Eurovisione è il circuito dell'UER che si occupa della trasmissione in tutta Europa di alcuni programmi di valenza nazionale e internazionale. La Rai trasmette in Eurovisione il Festival di Sanremo , il Palio di Siena , lo Zecchino d'Oro , le celebrazioni del Papa prodotte da Rai Vaticano tra cui l' Angelus ed altri eventi di rilevanza europea. Inoltre la Rai è stata tra i primi paesi partecipanti dell' Eurovision Song Contest , al quale ha partecipato quasi ininterrottamente dal 1956 al 1997 . Nel 1965 , nel 1991 e nel 2022 la Rai ha organizzato il concorso. Assente dal 1998 al 2010 , la Rai ha ripreso a partecipare al concorso nel 2011 , rientrando nel novero delle nazioni maggiori finanziatrici delle attività dell'UER, potendo quindi esprimere il proprio concorrente direttamente nella finale. La Rai ha partecipato inoltre a tutte le edizioni estive di un'altra fortunata produzione EBU, Giochi senza frontiere .

I programmi trasmessi in Eurovisione sono preceduti e seguiti da un'apposita sigla (comune a tutte le emittenti affiliate) che, seppure sia variata negli anni per quel che riguarda la grafica, è stata sempre accompagnata dal preludio del Te Deum di Marc-Antoine Charpentier , pure più volte riarrangiato.

Slogan

L'azienda ha utilizzato vari slogan nel corso della sua storia. Uno dei più noti è sicuramente Rai. Di tutto, di più , utilizzato fino all'11 settembre 2016 seppur con varie modifiche negli anni (tra cui Rai. Di tutti, di più e Rai. Di tutti, ancora di più ). In occasione degli europei di calcio 2012 è stato utilizzato Se è per tutti, è sulla Rai . Gli slogan di Rai.tv (oggi RaiPlay ) invece erano Qualcosa di più di una TV nel 2012 e Molto di più che una TV nel 2013. Il 12 settembre 2016, con il lancio di RaiPlay è stato introdotto lo slogan Per te. Per tutti. , sostituito nel 2019 da Molto di più di quanto immagini .

Cavalli della Rai

Due importanti scultori italiani hanno realizzato monumenti equestri per le due sedi principali della Rai nella Capitale:

  • Francesco Messina , nel 1966, ha realizzato il famoso Cavallo Morente , opera in bronzo posta all'ingresso della sede principale in viale Mazzini, 14 che ospita la presidenza, la direzione generale e quella delle reti televisive;
  • Mario Ceroli , nel 1980, ha realizzato il cosiddetto Cavallo Alato situato nelle pertinenze del Centro radiotelevisivo Biagio Agnes di Saxa Rubra , all'interno della quale si trovano gli studi delle testate giornalistiche nazionali, della sede laziale della TGR , nonché di Rai Italia, di Rai Radio 1, Isoradio e Gr Parlamento.

Onorificenze

Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile - nastrino per uniforme ordinaria Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— DPCM 11 ottobre 2010, ai sensi dell'art.5, comma 5, del DPCM 19 dicembre 2008.

Note

  1. ^ ::: RAI - Bilancio 2019 :::
  2. ^ a b c https://www.rai.it/dl/doc/1599380036015_RAI%20RFA%202019%20ITA%20002.pdf
  3. ^ ::: Nome Precedente:EIAR URI :::RAI - Bilancio 2019 ::: , su e-duesse.it . URL consultato il 22 dicembre 2020 ( archiviato il 22 giugno 2018) .
  4. ^ Rai - Ultime notizie su Rai - Argomenti del Sole 24 Ore , su IlSole24ore.com , Il Sole - 24 Ore, 24 febbraio 2016. URL consultato il 20 ottobre 2017 ( archiviato il 12 settembre 2017) .
  5. ^ a b c d e La vera storia della radiodiffusione in Italia - CRONOLOGIA DAL 1919-2000 , su www.radiomarconi.com . URL consultato il 2 ottobre 2017 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  6. ^ 80 anni di storia della radio, Dossier delle Teche Rai, settembre 2004, pagina 105.
  7. ^ Audio originale Archiviato il 7 agosto 2016 in Internet Archive ..
  8. ^ Istituto di pubblicismo - Storia della Radio in Italia , su istitutodipubblicismo.it . URL consultato il 25 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 9 giugno 2012) .
  9. ^ EIAR: Radio Trieste , in Radiocorriere , anno 7, n. 33, EIAR, 15-22 agosto 1931, p. 12.
  10. ^ GB, La stazione radiofonica di Bari sarà inaugurata ufficialmente il 6 settembre , in Radiocorriere , anno 8, n. 36, EIAR, 3-10 settembre 1932, p. 5.
  11. ^ Le antenne di Palermo portano da oggi in tutti i lidi mediterranei la voce dell'Italia fascista , in Radiocorriere , anno 7, n. 24, EIAR, 13-20 giugno 1931, p. 5.
  12. ^ MuseoTorino,Comune di Torino,Direzione Musei,Assessorato alla Cultura e al 150° dell'Unità d'Italia, Teatro di Torino - MuseoTorino , su www.museotorino.it . URL consultato il 20 maggio 2018 ( archiviato il 16 settembre 2018) .
  13. ^ a b c La Radiotelefonia in Italia: dalla SIRAC alla RAI Archiviato il 13 marzo 2013 in Internet Archive .
  14. ^ a b c d e f g h Annuario RAI 1988-1989 , Torino, Nuova ERI, 1989
  15. ^ a b Mimmo Franzinelli, Rai, poltrone di ieri e di oggi , su mimmofranzinelli.it . URL consultato il 15 luglio 2018 ( archiviato il 15 luglio 2018) .
  16. ^ a b Umberto Aondio, Tulipan , Youcanprint, 2016, pag. 216 , su books.google.it . URL consultato il 15 luglio 2018 ( archiviato il 15 luglio 2018) .
  17. ^ a b Annuario RAI , giugno 1958
  18. ^ Francesca Fanelli, 1950, Juventus-Milan prima gara ripresa dalla Tv , su corrieredellosport.it , 5 febbraio 2011. URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  19. ^ Il segnale raggiunse solo la zona di Torino e dintorni, essendo in funzione un solo trasmettitore, quello di Torino-Eremo. La partita poté essere vista nei bar o nei negozi di elettrodomestici. Il commentatore di quella prima storica trasmissione fu Carlo Bacarelli .
  20. ^ ( EN ) 50º Anniversario UER ( PDF ), su ebu.ch . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 20 dicembre 2016) .
  21. ^ RAI - Radiotelevisione Italiana sul sito Vivit , su viv-it.org . URL consultato il 27 giugno 2018 ( archiviato il 27 giugno 2018) .
  22. ^ Rai.it - Storia della Radio dal '49 al '61 Archiviato il 12 gennaio 2012 in Internet Archive .
  23. ^ Guido Gola, Tra pubblico e privato. Breve storia della radio in Italia , Effatà, 2003 , su books.google.it . URL consultato il 15 luglio 2018 ( archiviato il 15 luglio 2018) .
  24. ^ Ruggero Righini, La storia della radio , su storiaradiotv.it . URL consultato il 15 luglio 2018 ( archiviato il 12 luglio 2018) .
  25. ^ a b Franco Ferrarotti , La Televisione - I cinquant'anni che hanno cambiato gli usi e costumi degli italiani , Newton Compton Editori , ISBN 978-88-541-0273-6 , pag 10
  26. ^ La vera storia della radiodiffusione in Italia su radiomarconi.com , su radiomarconi.com . URL consultato il 24 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  27. ^ VII GIOCHI OLIMPICI INVERNALI, Rapporto ufficiale ( PDF ), su library.la84.org , pp. 421, 422. URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 10 aprile 2008) .
  28. ^ Gazzetta Ufficiale , su www.gazzettaufficiale.it . URL consultato il 22 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  29. ^ § 98.1.27482 - DL 30 aprile 1974, n. 113. Gestione dei servizi di radiodiffusione circolare, di televisione circolare, di telediffusione su filo e di radiofotografia circolare . , su www.edizionieuropee.it . URL consultato il 22 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  30. ^ Rai.it - Storia della Radio dal '70 al '90 Archiviato il 12 gennaio 2012 in Internet Archive .
  31. ^ Gazzetta Ufficiale , su www.gazzettaufficiale.it . URL consultato il 22 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  32. ^ Gazzetta Ufficiale , su www.gazzettaufficiale.it . URL consultato il 22 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  33. ^ Gazzetta Ufficiale , su www.gazzettaufficiale.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  34. ^ Quei referendum premiati dal voto e traditi dal Parlamento | RadioRadicale.it , su www.radioradicale.it . URL consultato il 25 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2018) .
  35. ^ a b Rai Way - La nostra Storia , su www.raiway.it . URL consultato il 25 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2018) .
  36. ^ ( EN ) End of an IRI , su The Economist . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  37. ^ Il canale YouTube ufficiale della Rai , su it.youtube.com . URL consultato il 24 novembre 2008 ( archiviato il 18 dicembre 2008) .
  38. ^ ( EN ) Sì del Cdm alla riforma della Rai Una fondazione guiderà la tv pubblica - Politica - Repubblica.it , su www.repubblica.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  39. ^ Rai.it - La storia , su www.rai.it . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  40. ^ 13 canali, restyling del logo, alta definizione: ecco la nuova Rai , su sorrisi.com , 22 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 22 settembre 2010) .
  41. ^ ::: RAI - Bilancio 2010 ::: , su www.rai.it . URL consultato il 14 gennaio 2018 .
  42. ^ Ufficio stampa Rai , su ufficiostampa.rai.it (archiviato dall' url originale il 30 gennaio 2015) .
  43. ^ ufficio stampa Rai, La nuova offerta Radio Rai per il Dab+ e il web ( PDF ), su ufficiostampa.rai.it , Rai - Radiotelevisione Italiana, 23 luglio 2015 ( archiviato il 25 dicembre 2015) .
  44. ^ Canone in bolletta, come si pagherà e chi ne sarà escluso , in Il Sole 24 ORE . URL consultato il 25 maggio 2018 ( archiviato il 26 maggio 2018) .
  45. ^ Il 31 dicembre la Rai dà l'addio al segnale orario , su lastampa.it . URL consultato il 5 gennaio 2017 ( archiviato il 6 gennaio 2017) .
  46. ^ RAI HD, nuovi canali su Tivùsat , su eurosat-online.it . URL consultato il 5 gennaio 2017 ( archiviato il 6 gennaio 2017) .
  47. ^ NASCE RAI RADIO KIDS , su ufficiostampa.rai.it . URL consultato il 7 aprile 2017 ( archiviato l'8 aprile 2017) .
  48. ^ Nasce RaiPlay Radio: 10 canali radiofonici in un'unica app , su Rainews . URL consultato il 25 dicembre 2017 ( archiviato il 25 dicembre 2017) .
  49. ^ Radio Rai sempre più digital, arrivano due nuovi canali Radio1 Sport e Radio2 Indie , su digital-news.it . URL consultato l'8 giugno 2018 ( archiviato l'8 giugno 2018) .
  50. ^ Cda Rai: Approvato il Piano industriale 2019-2021 , su RAI Ufficio Stampa . URL consultato il 27 dicembre 2020 .
  51. ^ Rai, ecco il piano Salini: nascono Rai Format e Rai Doc; in arrivo canale inglese, testata digitale, news room, struttura format digitali , su Prima Comunicazione , 24 gennaio 2019. URL consultato il 27 dicembre 2020 .
  52. ^ Nascono Rai Doc e Rai Format , su MIA | Mercato Internazionale Audiovisivo , 18 febbraio 2019. URL consultato il 27 dicembre 2020 .
  53. ^ www.davidemaggio.it , https://www.davidemaggio.it/archives/170534/rai-piano-industriale-20192021-arrivano-rai-format-rai-doc-e-il-canale-in-inglese-ecco-i-dettagli . URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  54. ^ RAI: CONTENUTI E WEB AL CENTRO DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2019-2021 , su RAI Ufficio Stampa . URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  55. ^ La televisione del futuro parte dal satellite: ecco cosa bisogna sapere per vedere i 23 TG Regionali Rai in arrivo il prossimo 18 dicembre , su rai.it .
  56. ^ Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/2001 Parte Generale ( PDF ), su http://www.rai.it/trasparenza/ , pp. 14, 15. URL consultato il 6 giugno 2018 ( archiviato il 12 giugno 2018) .
  57. ^ RAI MUX 5 Archiviato il 3 luglio 2019 in Internet Archive ., L'ITALIA IN DIGITALE
  58. ^ Chi siamo , su sedefvg.rai.it . URL consultato il 27 aprile 2019 ( archiviato il 27 aprile 2019) .
  59. ^ In modalità visual
  60. ^ a b Solo in alcune aree
  61. ^ a b c Radio Corrtiere, fascicoli 1925-1934 , su radiocorriere.teche.rai.it . URL consultato l'8 luglio 2018 ( archiviato l'8 luglio 2018) .
  62. ^ TV: TORNA IN EDICOLA IL RADIOCORRIERE TV , su www1.adnkronos.com . URL consultato l'8 luglio 2018 ( archiviato il 9 luglio 2018) .
  63. ^ Il radioorriere TV racconta la storia [ collegamento interrotto ] , su rainews.it .
  64. ^ Il Radiocorriere Tv racconta la storia , su www.rainews.it , 3 gennaio 2014. URL consultato il 12 maggio 2020 ( archiviato il 12 maggio 2020) .
  65. ^ a b La Rai cambia casa e va in via Cavalli ma il centro di produzione resta dov'è , su lastampa.it ( archiviato il 18 ottobre 2014) .
  66. ^ Chi siamo , su crit.rai.it . URL consultato il 30 novembre 2020 .
  67. ^ Rai vende brevetti nel mondo. Samsung tra i compratori , su la Repubblica , 21 ottobre 2019. URL consultato il 30 novembre 2020 .
  68. ^ RAI: VERNETTI-GIULIETTI, RISOLUZIONE SU SEDI ESTERE - AgenParl - Agenzia Parlamentare per l'informazione politica ed economica Archiviato il 24 febbraio 2013 in Internet Archive .
  69. ^ 'La Rai licenzia, ma non taglia gli sprechi' - Il Fatto Quotidiano , in Il Fatto Quotidiano , 27 aprile 2012. URL consultato il 24 aprile 2018 ( archiviato il 4 marzo 2016) .
  70. ^ Assemblea dei Cdr Rai: immobilismo sul fronte dello sviluppo | Prima Comunicazione , su www.primaonline.it . URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 7 giugno 2017) .
  71. ^ L.482/99 tutela minoranze linguistiche, Art. 12. punto 1.0 Nella convenzione tra il Ministero delle comunicazioni e la società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo e nel conseguente contratto di servizio sono assicurate condizioni per la tutela delle minoranze linguistiche nelle zone di appartenenza.
  72. ^ Copia archiviata , su sardegnadigitallibrary.it . URL consultato il 6 giugno 2009 ( archiviato il 13 maggio 2009) .
  73. ^ Ufficio stampa Rai Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive .
  74. ^ portale http://www.siciliainonda.rai.it Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive .
  75. ^ PALERMO - La Sicilia in onda: l´archivio Rai è ora on line , in Corriere di ragusa . URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 30 giugno 2017) .
  76. ^ saxtech studio, Diritto amministrativo dispensa , su www.larapedia.com . URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 30 dicembre 2017) .
  77. ^ Marcello Foa è stato indicato come presidente dal ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria il 27 luglio 2018 [1] Archiviato il 2 agosto 2018 in Internet Archive .. Il 28 luglio, il Consiglio d'Amministrazione della Rai ha approvato la nomina di Foa a presidente [2] Archiviato il 2 agosto 2018 in Internet Archive .. Tuttavia il 1º agosto, la Commissione parlamentare di vigilanza Rai non ha approvato la nomina con la maggioranza richiesta dei 2/3 [3] Archiviato il 2 agosto 2018 in Internet Archive .. In assenza di altre nomine, Foa ha operato in qualità di consigliere anziano facente veci di presidente fino al 25 settembre 2018 [4] Archiviato il 2 agosto 2018 in Internet Archive .. Il 26 settembre, una nuova votazione della Commissione di Vigilanza ha espresso parere favorevole alla nomina di Foa come presidente [5] Archiviato il 28 settembre 2018 in Internet Archive ..
  78. ^ a b c d Bruno Maria Somalvico, Amici di Infocivica: Presidenti, Amministratori Delegati e Direttori Generali URI EIAR RAI , su Amici di Infocivica , mercoledì 13 maggio 2009. URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 6 luglio 2017) .
  79. ^ Fabrizio Salini Amministratore Delegato , su TV Blog . URL consultato il 28 luglio 2018 ( archiviato il 28 luglio 2018) .
  80. ^ Elenco delle partecipazioni dirette del Ministero dell'Economia e delle Finanze , su dt.mef.gov.it . URL consultato il 12 novembre 2020 .
  81. ^ Dalla Nota Integrativa Archiviato il 13 novembre 2011 in Internet Archive . del Bilancio della Rai del 2010
  82. ^ ( EN ) Rai Com , su raicom.rai.it . URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 3 gennaio 2018) .
  83. ^ Illustrazione del testo convenzione , su comunicazioni.it . URL consultato il 18 luglio 2007 (archiviato dall' url originale l'11 giugno 2007) .
  84. ^ Rai, versati a titolo di canone TV 2.141 milioni di euro , in Digital-Sat/Digital-News , 10 maggio 2017. URL consultato il 10 maggio 2017 ( archiviato il 15 maggio 2017) .
  85. ^ Corte dei Conti, alert sul debito della Rai , in Repubblica.it , 13 marzo 2015. URL consultato il 14 gennaio 2018 ( archiviato il 23 ottobre 2017) .
  86. ^ Denise Pardo, Rai: l'orgia del potere , su espresso.repubblica.it , L'espresso , 15 maggio 2008. URL consultato il 6 agosto 2008 ( archiviato il 22 giugno 2008) .
  87. ^ Storia ed evoluzione del logo ( PDF ), su rai.it .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 137832947 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0946 5291 · LCCN ( EN ) n79132356 · BNF ( FR ) cb12306404w (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79132356