Reggio Emília

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Reggio Emília
comú
Reggio Emilia - Escut d'armes Reggio Emília - Bandera
( detalls )
Reggio Emilia - Vista
Un panorama des dels terrats de la ciutat del tricolor
Ubicació
Estat Itàlia Itàlia
regió Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emília Romanya
província Província de Reggio Emília-Stemma.png Reggio Emília
Administració
Alcalde Luca Vecchi ( PD ) del 5-6-2014 (2n mandat del 6-10-2019)
Data d’establiment 1136 (primer document)
Territori
Coordenades 44 ° 42'N 10 ° 38'E / 44,7 ° N 44,7 ° E 10.633333; 10.633333 (Reggio Emilia) Coordenades : 44 ° 42'N 10 ° 38'E / 44,7 ° N 10.633333 ° E 44,7; 10.633333 ( Reggio Emília )
Altitud 56 m aixi
Superfície 230,66 [1] km²
Habitants 169 803 [2] (31-12-2020)
Densitat 736,16 habitants / km²
Fraccions veure llista
Municipis veïns Albinea , Bagnolo in Piano , Bibbiano , Cadelbosco di Sopra , Campegine , Casalgrande , Cavriago , Correggio , Montecchio Emilia , Quattro Castella , Rubiera , San Martino in Rio , Sant'Ilario d'Enza , Scandiano
Altra informació
Codi Postal 42121–42124
Prefix 0522
Jet lag UTC + 1
Codi ISTAT 035033
Codi cadastral H223
Placa REI
Cl. sísmic zona 3 (baixa sismicitat) [3]
Cl. climàtic zona E, 2 560 GG [4]
Anomenar habitants Reggiani
Patró Bisbe de Sant Pròsper
Festa 24 de novembre
PIB pro capita (nominal) 27.357 € (any 2013, font: Institut "G. Tagliacarne" - Roma)
Sobrenom Ciutat del Tricolor
Lema Pace belloque fidelis (Fidel a la pau i la guerra)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Reggio Emília
Reggio Emília
Reggio Emilia - Mapa
Posició del municipi de Reggio Emilia a la província de Reggio Emilia
Web institucional

Reggio Emilia ( pronunciació [ ? · Informació ] , AFI : / ˈrɛd͡ʒd͡ʒo / o / ˈred͡ʒd͡ʒo / [5] ; Rèz en el dialecte de Reggio ; Reggio di Lombardia fins a l'annexió al Regne d'Itàlia , oficialment Reggio nell'Emilia [6] ) és una ciutat italiana de 169 803 habitants, [2] capital de la província homònima d' Emília-Romanya .

Construïda a instàncies del cònsolMarco Emilio Lepido al llarg de la via Emilia , l'antiga via romana que connectava Piacenza amb Rimini , Reggio Emilia pot presumir del sobrenom de Città del Tricolore, com a bandera d'Itàlia , inspirada en els estendards de la República Cispadana. , va néixer i es va exposar per primera vegada en aquesta ciutat el 7 de gener de 1797. La pancarta es va mostrar a la sala del Tricolore del segle XVIII de l’ ajuntament , que acull les reunions del consell municipal .

Reggio, juntament amb les properes Parma i Mòdena , és el lloc d’origen del famós Parmigiano Reggiano i les seves escoles preescolars s’han fet famoses a tot el món pel mètode d’ensenyament pedagògic anomenat enfocament de Reggio Emilia . Després de la Segona Guerra Mundial, Reggio va ser una de les ciutats decorades amb valor militar per a la guerra d' alliberament de la resistència italiana a causa del paper important que va tenir en la guerra d'alliberament italiana .

Geografia física

Territori

Foto aèria del gener del 2006

Reggio Emilia es troba a la vall del Po , al cor de la regió històrica d’ Emília i de la província del mateix nom , i és travessada per la riera de Crostolo . El territori municipal, totalment pla, també està banyat per nombroses rieres i rierols menors on, al llarg dels segles, s’han anat desenvolupant els primers nuclis residencials corresponents a caserius i localitats actuals. Les primeres branques dels Apenins Reggiano s’estenen uns 10 quilòmetres al sud del terme municipal, als municipis veïns de Quattro Castella , Albinea , Scandiano i Casalgrande .

Limita al nord amb els municipis de Campegine , Cadelbosco di Sopra i Bagnolo in Piano , a l’est amb Correggio , San Martino a Rio i Rubiera , al sud amb Casalgrande , Scandiano , Albinea , Quattro Castella , a l’oest amb Bibbiano , Cavriago , Montecchio Emilia i Sant'Ilario d'Enza . El centre de Reggio Emilia es troba a 24 km al nord-oest de Mòdena i a 27,5 km al sud-est de Parma .

Clima

El clima es pot definir com a temperat continental, amb estius calorosos i bastant xafogosos (amb temperatures màximes que de vegades fins i tot superen els 35 ° C) i hiverns durs amb gelades freqüents (amb temperatures mínimes que poden baixar de -10 ° C durant el fred més intens ones). [7]

Les pluges es distribueixen al llarg de l'any, però amb una freqüència i intensitat més altes de mitjana a la tardor i la primavera , resultant a l'octubre, novembre i abril els mesos més plujosos [8], mentre que juliol i gener són els més secs. [8] [9]

La neu cau sobre la ciutat gairebé cada any a l' hivern , encara que amb acumulacions rarament grans i amb una gran variabilitat entre una estació i una altra (en general, la ciutat té una mitjana d'aproximadament 30 cm de neu per any, [10] de vegades pot experimentar nevades de 40 cm i més). [11] Durant la temporada de tardor i hivern, especialment a les zones rurals de la zona municipal, el fenomen de la boira és força comú, encara que menys freqüent avui que en el passat.

Altres fenòmens meteorològics que de tant en tant assistim són les congelacions i el gebre (a l’hivern) i la calamarsa (a l’estiu o, de vegades, a la primavera). El vent és generalment escàs i hi ha dies de vent tranquil, [12] particularment a les fases anticiclòniques a l'hivern, mentre que la primavera és l'estació relativament més ventosa. Els vents més intensos solen ser els que bufen del nord-est ( Bora ) o del sud-oest ( Libeccio ), amb aquest darrer en particular que de vegades afavoreix durant la baixada de l’ apení nord i, per tant, esdevé especialment calorós i sec. En condicions particulars i rares, el Föhn alpí, que bufa des del nord-oest aquí, també es pot produir fins a Reggio Emilia.

Història

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Història de Reggio Emilia .

A la prehistòria, la zona estava habitada per poblacions ètniques celta-lígures. A partir del segle VI aC, nombroses colònies etrusces es van establir a l'actual província de Reggio Emilia , testificades amb certesa per diverses troballes arqueològiques [13] [14] . Amb la conquesta romana de la Gàl·lia Cisalpina i la subjugació de la tribu celta dominant militarment, els Galli Boi , el comandament passà definitivament als romans, que hi establiren una guarnició militar per defensar la Via Emilia . La província romana de Gallia Cisalpina aviat es va convertir en una de les zones més pròsperes de l'imperi, i Reggio va evolucionar fins al rang de ciutat. La ciutat era un municipi romà i es deia Regium Lepidi , derivant el seu nom deMarco Emilio Lepido , fundador de la ciutat i del carrer que dóna nom a la regió actual. A mitjan època romana, la ciutat devia estar dotada d’impressionants monuments, com la basílica civil investigada arqueològicament per Luigi Malnati sota l’actual seu del Credito Emiliano o els edificis per a representacions (teatre i amfiteatre) la identificació dels quals es deu a Paul Storchi [15] . Amb la caiguda de l'Imperi Romà d'Occident la ciutat va quedar gairebé despoblada. Després de la conquesta llombarda ( segle VI ) la ciutat va ser la capital del ducat de Reggio , a la primera edat mitjana es va convertir en bisbat i es va convertir en un municipi lliure, però va romandre sotmesa a ferotges lluites internes, que van conduir a la seva transformació en senyoria sota els Este i més tard a Ducato ; [16] en aquest període la ciutat va prendre el nom de "Reggio di Lombardia", un topònim que té els seus orígens a la primera edat mitjana i està àmpliament documentat. Durant el període de les invasions napoleòniques a Reggio Emilia el 27 de desembre de 1796 , es va reunir una assemblea de 110 delegats presidida per Carlo Facci per decretar la constitució de la República Cispadana , inclosos els territoris de Bolonya, Ferrara, Mòdena i Reggio Emilia i al sala homònima Poc després, el 7 de gener de 1797 , va néixer el Tricolor italià .

La proposta d’adopció d’una bandera verda, blanca i vermella va ser presentada per Giuseppe Compagnoni , que per tant és recordat com el "Pare del Tricolor". Posteriorment, amb l'annexió de la Llombardia (i marginalment del Vèneto i la Toscana), va prendre el nom de República Cisalpina . Després de la Restauració del Ducat el 1815 , Reggio va pertànyer a l’ Àustria-Este fins al 1860 , quan es va unir al Regne de Sardenya , que l’any següent es va convertir en el Regne d’Itàlia . El topònim Reggio di Lombardia va ser l'oficial durant tota l'existència del ducat de Mòdena i Reggio , fins a l'annexió dels territoris d'Este al Regne de Sardenya quan es va introduir el nom actual.

Honors

Reggio Emilia es troba entre les ciutats decorades amb valor militar per a la Guerra d’Alliberament , guardonada amb la medalla d’or al valor militar l’1 d’abril de 1950 , pels sacrificis de les seves poblacions i per la seva activitat en la lluita partidista durant la Segona Guerra Mundial :

Medalla d’or al valor militar: cinta per a l’uniforme ordinari Medalla d’or al valor militar
"Durant l'ocupació enemiga, es va oposar a l'alemany invasor amb la ferotge resistència dels seus fills, que van acudir en gran nombre a les formacions partidàries dedicades a una dura i cruenta lluita. Cinc-cents caiguts en combat, municipis sencers destruïts, poblacions torturades i sotmeses al terror més despietat, deportacions massives, massacres inhumans i persecucions cruels, constitueixen el resultat tràgic però lluminós d’una perseverant i valenta activitat que va començar el setembre de 1943 i va acabar amb el derrota de les forces d’ocupació. Conscient de tradicions nobles centenàries, reafirmades en l’èpica del Risorgimento, la ciutat de Reggio Emilia ha estat capaç de concloure un renovat cicle de lluites per la llibertat i la independència i oferir a la pàtria un generós tribut de sacrifici i sang. Setembre 1943 - Abril 1945 [17] "
- 1 d’abril de 1950
Títol de la ciutat: cinta per a uniforme ordinari Títol de ciutat

Monuments i llocs d'interès

Vista nocturna de l'estàtua de Crostolo (primer pis) i del Duomo (segon pis).
Palazzo del Capitano del Popolo
La sala Tricolor
La basílica de San Prospero , que dóna a la plaça del mateix nom.

L’actual centre històric de la ciutat té la forma d’un hexàgon allargat, travessat per la Via Emilia i té una empremta predominantment del segle XVI-XVIII. Els laterals de l'hexàgon representen el sediment del perímetre de les antigues muralles de fortificació, enderrocat a principis del segle XIX i convertit en avingudes urbanes per permetre l'expansió de la ciutat. Els principals monuments de la ciutat són el teatre municipal, en formes neoclàssiques, dedicat a la memòria de l’il·lustre actor de Reggio Romolo Valli , a les basíliques renaixentistes i barroques de San Prospero i al santuari de la Beata Vergine della Ghiara, la catedral i molts edificis. de l'època medieval i del Renaixement dispersos pel centre històric.

Particularment interessant és la configuració urbana de les places al cor de la ciutat. La connexió entre la plaça principal, sobre la qual s’alça el Duomo i l’ajuntament, anomenada piazza Prampolini , [18] ( Piàsa Granda : piazza Grande a Reggio ) amb la plaça San Prospero ( Piàsa Céca: piazza Piccola a Reggiano ), on es troba el mercat lloc té lloc a través de la carretera porticada anomenada via del Broletto. La plaça Prampolini també està connectada amb la plaça Casotti , que antigament era la plaça de l’anomenat mercat de les puces ( piàsa di Zavaj : piazza dei Rigattieri en dialecte) a través d’un altre carrer porticat. També és d’extrema importància la Piazza Fontanesi situada en una posició menys central i al centre de la qual hi ha diversos til·lers i que està envoltada d’arcades.

També són rellevants: la Via Emilia, situada a la ciutat romana original Decuman , que al centre històric de la ciutat està completament flanquejada per palaus de valor arquitectònic i està dividida en dues branques per la Piazza del Monte ; Corso Garibaldi, a la ruta de l'antiga llera del riu Crostolo (desviada antigament fora de les muralles de la ciutat), a prop de la qual hi ha la basílica de la Madonna della Ghiara , el Palazzo Ducale (actualment la seu de la província i la prefectura) ) i l’ oratori de Crist . Finalment, també són importants els jardins públics , un parc del segle XIX amb estàtues, fonts plantades a la zona de l’antiga ciutadella militar i les places adjacents dels teatres.

No és difícil reconèixer les traces de l’urbanisme romà (els museus cívics conserven interessants troballes de mosaic ) i de les transformacions que es van produir a l’edat mitjana. En particular, entre els petits carrers del centre històric, destaquen Via San Carlo, Via Toschi i Via Guido da Castello.

Al llarg de la Via Emilia s’alça el conjunt monumental de Mauriziano , que va acollir el poeta Ludovico Ariosto . El mauricià inclou una vil·la del segle XV i un parc al qual s’accedeix per un arc monumental.

A la sala del segle XVIII del municipi de Reggio, anomenada Sala del Tricolore , es va adoptar el primer tricolor de la República Cispadana (que després es va convertir en la República Cisalpina ) de la qual deriva l'actual bandera de la República Italiana .

Piazza Fontanesi, el cor de moda i elegant de la ciutat
El santuari de la Beata Vergine della Ghiara, situat al Corso Garibaldi, al centre històric.
Arc de triomf d'accés al complex mauricià
Obelisc de la Piazza Gioberti

Reggio Emilia també es caracteritza per l’arquitectura moderna, la futurista estació d’alta velocitat de Mediopadana i els ponts , creacions monumentals del famós enginyer i arquitecte espanyol Santiago Calatrava , sorgeixen als afores de la ciutat. Pel que fa a l’arqueologia industrial, exemples interessants de remodelació urbana són proporcionats pel Technopole [19] obtingut d’una part de les fàbriques en desús de l’ Office Reggiane i per l’espai contigu que alberga el Centre Internacional per a Infància Loris Malaguzzi [20]. obtingut de la zona en desús de l'antiga Locatelli. L’espai de l’ oficina Reggiane en desús és actualment una de les zones més degradades de la ciutat i es troba al centre d’un ampli projecte de recuperació i reurbanització urbana i funcional. [21] [22]

Altres

Societat

Evolució demogràfica

Habitants enquestats [26]

La població del municipi, després d’un període d’estancament entre els anys setanta i noranta en què els residents s’havien estabilitzat en uns 130.000 habitants, va començar a créixer de nou, arribant a uns 173.000 habitants (abril de 2013). Des del 2013, la població resident ha experimentat una lleugera disminució, arribant als 171.000 habitants actuals [27] . Reggio Emilia és el quart municipi d'Emília-Romanya i el 22è d'Itàlia, per nombre d'habitants [28] .

Ètnies i minories estrangeres

Després d’un període d’estancament, Reggio Emilia va experimentar, entre 1993 i 2013, un augment demogràfic entre els més alts d’ Itàlia , a causa d’un fenomen migratori massiu tant intern com dels països del nord d’Àfrica, d’Europa de l’Est i Àsia ( Xina ). Segons les dades de l'ISTAT [29] a 31 de desembre de 2019, els estrangers eren 28.709, és a dir, el 16,7% de la població resident. A Reggio Emilia s’estima que la densitat d’immigrants indocumentats és una de les més altes d’Itàlia. [30]

Les nacionalitats més representades a finals del 2019 van ser:

  1. Albània , 3239
  2. Xina , 2887
  3. Romania , 2656
  4. Marroc , 2554
  5. Ucraïna , 2358
  6. Nigèria , 1669
  7. Ghana , 1559
  8. Moldàvia , 1477
  9. Egipte , 1304
  10. Geòrgia , 920
  11. Tunísia , 881
  12. Sri Lanka , 754

L’emigració del sud d’Itàlia també és molt elevada, en particular de les regions d’ Abruços , Calàbria i Campània . El fenomen es pot explicar per l’elevat benestar econòmic i el reconegut nivell de serveis a la persona que la ciutat (i la província) de Reggio Emilia pot presumir. Sempre entre els primers a Itàlia en relació amb la taxa d’ocupació, a l’enquesta ISTAT de 2019, Reggio Emilia ocupava el setè lloc amb una taxa d’ocupació del 70,3% en comparació amb una mitjana nacional del 59%. Els efectes de la recessió econòmica actual també han afectat durament Reggio Emilia, provocant un empitjorament de la xifra d’ocupació, que encara és significativament superior a la nacional.

Idiomes i dialectes

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: dialecte de Reggio .

S'estima [ es necessita una cita ] que aproximadament la meitat de la població de la província de Reggio Emilia pot almenys entendre el dialecte de Reggio Emilia de la llengua emiliana . Tanmateix, entre les generacions més joves, la intel·ligibilitat i l’ús del dialecte són cada vegada menys difosos i entesos, a favor de l’ italià . El dialecte reggio es parla en una zona que es correspon força bé amb l'actual província de Reggio Emília. Tot i això, no es pot parlar d’una sola varietat parlada a tot el territori provincial, sinó de diverses varietats. Coincideixen essencialment amb el dialecte de la ciutat i de les zones adjacents a la capital i amb les de la zona nord de la província (Bassa Reggiana), de Valdenza i de les zones apeninals, parlades a la zona sud de la província.

Penseu que fins a la Segona Guerra Mundial només al centre històric de la ciutat de Reggio Emilia es parlaven quatre variants dialectals: la del centre, el districte de San Pietro, el districte de Santo Stefano i el districte de Santa Croce. En aquesta última zona també es parlava un altre dialecte, l’anomenat Reggiano Arsavè . Al centre històric de la ciutat també parlava un dialecte judeo-reggio per la població jueva, format al gueto, però que amb l'abolició d'aquest últim va ser abandonat amb el pas del temps i ja gairebé oblidat a principis del segle XX. El dialecte de Guastalla es parla als municipis de Guastalla, Luzzara i Reggiolo, influït pel dialecte mantuan i molt diferent del de Reggio. A la zona del Correggese el dialecte està relacionat amb el dialecte de Carpi mentre que al Montecchiese es nota la influència del dialecte parmesà . Als Apenins de Reggio, especialment des de la línia Vetto-Baiso cap a la carena superior, es parla un conjunt de dialectes que tenen moltes similituds amb les varietats occidentals de la llengua llombarda , però que també tenen característiques una mica diferents d’un país a un altre.

Cultura

Instrucció

Biblioteques

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Biblioteca Cívica Antonio Panizzi .

En el panorama cultural de la ciutat, és important l'activitat que desenvolupa la històrica biblioteca municipal dedicada a Antonio Panizzi , dins de la qual també hi ha el Departament de Dibuixos i Estampes Angelo Davoli . El municipi té cinc biblioteques descentralitzades situades als districtes de Santa Croce, Ospizio, Rosta Nuova, San Pellegrino i Orologio.

Altres institucions importants són:

Escoles

Durant dècades, la ciutat ha estat al centre de l’experiència anomenada “Reggio Children” per a l’enfocament pedagògic als centres educatius preescolars municipals, inspirada en les investigacions del pedagog pedregà Loris Malaguzzi . Reggio Emilia és universalment reconegut i estimat per l’alt nivell educatiu de les escoles bressol i preescolars de la ciutat, pres internacionalment com a model com a “ enfocament de Reggio Emilia ”. A la ciutat hi ha el centre infantil “Loris Malaguzzi” del mateix nom, la importància del qual en el sector de l’educació primària i la formació va més enllà de les fronteres nacionals i europees.

Reggio Emilia és la llar de les següents escoles públiques, inherents al cicle de secundària (21 instituts, amb alguns d'ells adreces múltiples, per a un total de 39 instituts):

  • Batxillerat clàssic i batxillerat científic Ludovico Ariosto / Lazzaro Spallanzani " Ariosto - Spallanzani "
  • Batxillerat científic i lingüístic estatal " Aldo Moro "
  • Batxillerat de ciències humanes, batxillerat lingüístic, batxillerat de música i batxillerat coreutic " Matilde di Canossa "
  • Liceo Artistico “ Gaetano Chierici
  • Liceo Classico “ Romano Guardini
  • Istituto d'Istruzione Secondaria Superiore (tecnico statale: informatico e relazioni internazionali per il marketing, Liceo Artistico e Liceo Scientifico) BUS “ Blaise Pascal
  • Istituto Tecnico Industriale (ITI) “ Leopoldo Nobili
  • Istituto Tecnico Commerciale (ITC) “ Gasparo Scaruffi ” (ex “ Scaruffi - Levi - Tricolore ”)
  • Istituto d'Istruzione Superiore (Liceo Scientifico, Tecnico Agrario, Professionale Agrario) “ Antonio Zanelli
  • Istituto Tecnico per Geometri (ITG) “ Angelo Secchi
  • Istituto Tecnico Attività Sociali (ITAS) “ Città del Tricolore
  • Istituto d'Istruzione Secondaria Superiore (IISS) (Liceo Scientifico, Liceo linguistico, ITI, ITC, IPSS, IPSIA, IPSGT) Scandiano ( RE ) “ Piero Gobetti
  • Istituto Professionale ad Indirizzo Odontotecnico (IPODONT), Ottico (IPOTT), Moda (IPM) e Servizi Sociali (IPSS) “ Luigi Galvani
  • Istituto Professionale Alberghiero (IPSAR), Agro-Ambientale (IPAA) e Istituto Tecnico per il Turismo (ITT) “ Angelo Motti
  • Istituto Professionale servizi commerciali (IPSC) “ Filippo Re
  • Istituto Professionale Statale Industria e Artigianato (IPSIA) “ Adelmo Lombardini
  • Istituto Professionale Servizi Sociali (IPSS) “ Don Zefirino Iodi
  • Istituto e Centro di formazione Professionale (CFP) “ FormArt
  • Istituto e Centro di formazione Professionale per Parrucchieri (CFP) “Enaip-Zeobaldi”

A Reggio Emilia è presente inoltre l' Istituto superiore di studi musicali , presso lo storico conservatorio “Peri-Merulo”.

In città si trovano 12 scuole medie ( scuole secondarie di primo grado ), 42 scuole elementari ( scuole primarie ) e 61 scuole dell'infanzia ( asilo nido e scuola materna ).

Al Liceo Classico Ludovico Ariosto si è diplomato l'ex presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana Romano Prodi .

Università

Giano bifronte, Palazzo Magnani

A Reggio Emilia sono presenti sedi e dipartimenti dell' Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (Dipartimenti di Comunicazione ed Economia, Educazione e Scienze Umane, Scienze della Vita, Scienze e metodi dell'Ingegneria) presso la sede cittadina di Palazzo Dossetti, e presso l'area dell'ex ospedale psichiatrico del San Lazzaro, nella periferia orientale della città, oggi convertito a campus universitario. È inoltre presente una sede distaccata dell' Università degli Studi di Bologna , in dismissione, ubicata presso Villa Levi , nella frazione di Coviolo . Nel centro cittadino sorgono residenze universitarie dell' UniMORE .

Musei

In città sono situati i seguenti musei:

Media

Stampa

A Reggio Emilia sono presenti le sedi di tre quotidiani: la Gazzetta di Reggio , il Resto del Carlino - Edizione di Reggio e la Voce di Reggio . La Gazzetta di Reggio , fondata nel 1861 è, tutt'oggi, il più diffuso quotidiano in città ed in provincia, con una media di 13.994 copie vendute ogni giorno [31] e una media giornaliera di 144.000 lettori. [32] Dal dopoguerra, e sino agli anni 1990, era presente la redazione locale del quotidiano L'Unità , organo del Partito Comunista Italiano .

Televisione e Radio

Reggio Emilia è sede di due emittenti televisive locali:

  • TeleReggio , storica emittente cittadina dal 1973, facente capo al Gruppo Comunicare SpA con sede in Cavriago . Lo stesso gruppo controlla oltre a diversi canali TV sul digitale terrestre anche le frequenze di Radio Reggio.
  • È TV società a dimensione regionale, con sede a Reggio Emilia e nella cui provincia trasmette sul digitale terrestre la rete Teletricolore e in radio Radio Erre.

Le radio locali:

Eventi

Dal 2005 si svolge annualmente la rassegna concertistica Soli Deo gloria. Organi, Suoni e Voci della Città, [34] promossa dal Comune e dalla Diocesi di Reggio Emilia e diretta da Renato Negri , volta anche alla valorizzazione del patrimonio organario del territorio.

A Reggio Emilia ha luogo ogni tre anni il Concorso Internazionale per Quartetto d'Archi "Premio Paolo Borciani", uno dei concorsi per giovani musicisti più importanti al mondo. [35] [36]

Dal 2006, ogni primavera (da maggio a giugno), la città accoglie la manifestazione culturale Fotografia Europea . [37] La manifestazione, promossa dal Comune di Reggio Emilia, si caratterizza per una serie di mostre ed eventi. Nelle giornate inaugurali si svolgono incontri, dibattiti e spettacoli sul tema della fotografia.

La città di Reggio Emilia ospita, ininterrottamente dal 1958, la più importante manifestazione scacchistica italiana, il cosiddetto “ Torneo di Capodanno ”, ideato dal più famoso giocatore della città, il Grande Maestro ad honorem Enrico Paoli .

Cinema

Film girati a Reggio Emilia

Geografia antropica

Frazioni

Il territorio comunale di Reggio Emilia al di fuori del perimetro del centro storico è storicamente suddiviso in ville , cioè suddivisioni del territorio rurale con al centro la chiesa parrocchiale. Agli inizi del Novecento, le ville erano 27; successivamente diventarono 30.

Nel corso degli anni alcune di queste storiche frazioni geografiche furono inglobate nell'espansione urbana del secondo dopoguerra, in particolare Ospizio, Santa Croce, San Pellegrino, San Prospero Strinati, e la zona di Cavazzoli posta a sud della ferrovia Milano-Bologna; tutto o parte del loro territorio può essere considerato come un quartiere periferico della città.

Sino agli anni successivi la seconda guerra mondiale le ville di Reggio, equiparate ufficialmente a frazioni geografiche, non ebbero organi di autogoverno. Dalla seconda metà del Novecento in diverse ville si organizzarono le cosiddette consulte popolari, assemblee spontanee di cittadini che trattavano i problemi della comunità dialogando con l'amministrazione comunale. Tuttavia le consulte popolari non avevano un ruolo predefinito e riconosciuto a livello nazionale. Sino al 2014 le ville sono state raggruppate in circoscrizioni comunali, organi del decentramento riconosciuti a livello locale e nazionale con poteri deliberativi e consultivi delegati dal Comune .

Da notare come ognuna delle 27 ville originarie fosse dotata di un'area cimiteriale, oltre che di una o più scuole elementari e di almeno una privativa . Dagli anni 1970 nelle frazioni più piccole e marginali, a causa del progressivo spopolamento dovuto all'abbandono delle campagne, i plessi scolastici furono soppressi ei pochi esercizi commerciali chiusero l'attività. I 27 cimiteri "forensi", invece, sono tuttora funzionanti ad eccezione del cimitero di Ospizio, demolito dopo il secondo conflitto mondiale ed accorpato a quello di San Maurizio. La villa di San Pellegrino non era dotata di un cimitero locale vero e proprio: nel suo territorio risiede il vecchio cimitero Suburbano della città, oggi divenuto Monumentale.

L'elenco completo delle ville comprende le seguenti località:

San Pellegrino (Reggio Emilia)

San Pellegrino, o Villa San Pellegrino ( San Pelgrèin in dialetto reggiano ), è un'antica frazione del comune di Reggio Emilia situata 2 km a sud del centro della città. In origine la frazione era una " villa ", ma è stata progressivamente inglobata dallo sviluppo urbano della città , di cui ora costituisce un quartiere residenziale posto a ridosso del luogo di culto.

Dal vasto territorio di questa antica frazione, nel corso della seconda metà del Novecento , si sono sviluppati i quartieri residenziali di: Baragalla , Belvedere , Buco del Signore , Buon Pastore , Crocetta , Migliolungo , Pappagnocca (in parte), Regina Pacis (in parte) e Rosta Nuova .

Sovente, ancora oggi, con il toponimo San Pellegrino c'è chi intende tutta la periferia urbana posta a sud del centro storico di Reggio sino a Rivalta .

La chiesa parrocchiale venne fondata come oratorio già nell'anno 857 . La forma attuale risale al 1776 . L'erezione della parrocchia risale al 1791 .

Circoscrizioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Circoscrizioni di Reggio Emilia .

Alla pari di altre città italiane anche Reggio Emilia, dagli anni settanta, articolò il suo territorio in circoscrizioni . Con l'entrata in vigore delle normative nazionali sul decentramento, dal 1978 al 2009, Reggio si strutturò in otto circoscrizioni, ognuna composta da diversi quartieri e frazioni. Da ultimo, ad aprile 2009, il territorio del comune di Reggio Emilia fu diviso in 4 circoscrizioni. La nuova suddivisione fu adottata dall'amministrazione comunale reggiana all'indomani dell'entrata in vigore della legge finanziaria del 2008 che imponeva una razionalizzazione delle circoscrizioni a livello nazionale con l'obiettivo di ridurre le spese della pubblica amministrazione.

Successivamente, tuttavia, la legge n. 42/2010 ha eliminato le circoscrizioni nei comuni con meno di 250 000 abitanti delle regioni a statuto ordinario. Queste le suddivisioni prima della soppressione:

  • Circoscrizione Città Storica: Duomo, Piazza San Prospero, San Nicolò, Giardini Pubblici, Santo Stefano-Gardenia, San Zenone, Porta Castello, Piazza Fontanesi-Strada alta, San Pietro, Porta Santa Croce, Tondo (a sud della ferrovia Reggio-Ciano), Buon Pastore
  • Circoscrizione Ovest: Carrozzone, Pieve Modolena, Cella, Cadè, Gaida, Regina Pacis, Orologio, Roncina, Codemondo, San Bartolomeo, Cavazzoli, Roncocesi
  • Circoscrizione Nord-Est: Santa Croce, Tribunale, Mancasale, Gavassa, Massenzatico, Pratofontana, Tondo (a nord della ferrovia Reggio-Ciano), San Prospero Strinati, Sesso, Mirabello, Ospizio, Sant'Alberto alla Bazzarola, San Maurizio, Gavasseto, Sabbione, Marmirolo, Roncadella, Masone, Castellazzo, Bagno, Corticella
  • Circoscrizione Sud: Migliolungo, Crocetta, Belvedere, Baragalla, Coviolo, Rivalta, San Pellegrino, Rosta Nuova, Pappagnocca, Buco del Signore, Canali, Fogliano

Altre località e nuclei rurali

Istat include nelle località abitate anche le seguenti località: Botteghino di Sesso, Case Bigi, Caseificio Laguito, Case Manzotti-Scolari (Bagno), Case Pirondi, Case Vecchie (Pieve), Castelbaldo, Castello di Vialato, Ghiarda, Ghiardello, Il Cantone di Marmirolo, Il Capriolo, Il Castello di Cadè, Il Chionso, La Corte, La Giarola, La Valle, Madonna della Caraffa, Mulino Canali, Palazzina (Bagno), Parrocchia di Cella, Piazza di Sabbione, San Felice, San Giorgio, San Rigo, Villa Corbelli, Villa Curta, Zimella.

Economia

L'economia del territorio comunale si basa essenzialmente sul settore terziario avanzato, finanziario e cooperativo nonché su quello industriale - produttivo sviluppato nei settori della meccanica e della meccatronica.

L' agricoltura e l'allevamento sono fiorenti soprattutto in campo suinicolo (Fiera Nazionale del suino ), lattiero-caseario (spicca su tutti la produzione del prelibato formaggio tipico Parmigiano Reggiano , regolata dall'omonimo Consorzio che ha sede in città), enologico (attraverso la produzione del rinomato vino Lambrusco Reggiano ) ed ortofrutticolo. A livello industriale, i tipi d'insediamento produttivo si caratterizzano soprattutto in entità di medio-piccola dimensione che spaziano in diversi settori e che vedono nello storico distretto industriale meccanico cittadino il nucleo più numeroso di aziende. Particolarmente sviluppati sono quindi i settori meccanico, meccatronico, ceramico ( Casalgrande e Castellarano ), elettronico, alimentare, del design e della moda, tessile.

In città e provincia hanno sede grandi gruppi industriali, tra i quali: Max Mara Fashion Group , Interpump Group , Sigma Realco , Brevini Group, Padana Tubi, Gruppo Ferrarini, Landi Renzo , RCF , Veroni , Smeg , Argo Tractors , Lombardini Group , Walvoil, Interacciai, Conad Centro Nord , Cantine Riunite , Granitifiandre e Iren . Credito Emiliano è un istituto di credito che ha sede legale in Reggio Emilia. La società Officine Meccaniche Reggiane , che ha trasferito da tempo la sede legale da Reggio Emilia, ha fatto parte del passato industriale della città. L'economia reggiana è da sempre fortemente votata all' export , il cui valore complessivo nel 2016 è risultato pari a 9,5 miliardi di €, [39] ponendo la città e la sua provincia al 2,3% del valore complessivo delle esportazioni italiane. Caratteristica saliente del tessuto economico cittadino e provinciale, soprattutto nell'ambito terziario è la diffusione di imprese organizzate in ambito cooperativo estese a diversi settori economici, diverse di dimensione nazionale quali Coopservice, Coop Alleanza 3.0 , CIRFOOD e CCPL . La disoccupazione è ridotta (tasso di disoccupazione attorno al 3,5%) e favorisce l'immigrazione interna ed estera da molte realtà territoriali, a Reggio Emilia il numero di imprese straniere, in cui la partecipazione di persone non nate in Italia risulta complessivamente superiore al 50%, risulta molto superiore al dato medio nazionale. [39] . Secondo alcuni quotidiani di carattere nazionale Reggio Emilia risulta spesso tra le prime 10 città italiane: " Italia Oggi " 1º posto ( 2006 ), " Il sole 24 ore " 28º posto ( 2007 ). Nel suo rapporto sulla qualità della vita per l'anno 2014, " Il sole 24 ore " colloca Reggio Emilia al quinto posto complessivo a livello nazionale ed al primo assoluto per la voce “Affari e Lavoro”, sottolineando la innata propensione del modello economico reggiano a creare ricchezza e lavoro. Il reddito pro capite a disposizione dei cittadini reggiani, seppur in netta contrazione rispetto ai valori massimi raggiunti nell'anno 2008 di 33.518€/pro capite, rimane comunque abbastanza elevato e ben superiore al dato medio nazionale, l'Istituto Tagliacarne di Roma infatti rileva, per l'anno 2013 , un reddito pro capite di 27.357 €, che colloca Reggio Emilia su un valore pari a circa il 117% del dato medio nazionale.

Infrastrutture e trasporti

Strade

La principale arteria di collegamento stradale e di accesso alla città è costituita dall' Autostrada A1 a cui Reggio Emilia risulta collegata con un proprio casello autostradale, ricollocato più ad ovest ed aperto nella sua nuova configurazione al traffico veicolare nel 2006 . La città è facilmente raggiungibile anche dal vicino casello di Terre di Canossa-Campegine posto alcuni kilometri ad ovest di Reggio Emilia. Il centro cittadino è attraversato da nordovest a sudest dalla strada statale 9 Via Emilia , di origine romana, la quale collega Reggio Emilia con le vicine città di Parma e Modena. La SP 63 R che scorre in direzione nord-sud consente, verso nord il collegamento della città con i centri della Bassa pianura reggiana, del Casalasco e del Mantovano, raggiungendo prima Cadelbosco di Sopra e terminando a Gualtieri ed in direzione sud invece di raggiungere prima Castelnuovo ne' Monti e poi di attraversare l' Appennino reggiano per entrare in Garfagnana, terminando ad Aulla. A nordest della tangenziale cittadina si dirama la SP 468 R che unisce Reggio Emilia a Correggio e poi, nel Modenese, a Carpi . A sudest la SP 467 R permette il collegamento con il polo ceramico delle città di Scandiano , Casalgrande e con la vicina Sassuolo . A sudovest della città dipartono alcune arterie stradali della viabilità provinciale che permettono di raggiungere i centri di Montecchio Emilia , della Val d'Enza e dell'Appennino. Reggio Emilia è inoltre attraversata dalla SS 722 , che funge da tangenziale .

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Milano-Bologna , Ferrovia Reggio Emilia-Guastalla , Ferrovia Reggio Emilia-Sassuolo e Ferrovia Reggio Emilia-Ciano d'Enza .

A Reggio Emilia sorge, nell'area a nord della città, la Stazione di Reggio Emilia AV Mediopadana , che permette il collegamento con le principali località attraverso la rete dell' Alta Velocità ferroviaria . La città è inoltre attraversata dalla storica linea ferroviaria Milano-Bologna ed è inoltre capotronco per tre linee ferroviarie locali, gestite dall' ACT fino al 2008 ed ora passate in gestione alla società FER . Presso lo scalo ferroviario cittadino sono operati i collegamenti con le stazioni di Bologna Centrale e Milano Centrale , effettuati con treni regionali e regionali veloci (ex Interregionali ) e Intercity , con collegamenti diretti con Napoli , Roma , la Calabria e la dorsale Adriatica tramite servizio Frecciabianca .

Presso il capoluogo reggiano giungeva in passato anche un'ulteriore linea ferroviaria, da tempo dismessa, la Ferrovia Reggio Emilia-Boretto .

Stazioni ferroviarie

Nel territorio comunale vi sono dodici impianti ferroviari, tra stazioni e fermate, aperti al servizio viaggiatori:

  • la stazione di Reggio Emilia , è la storica stazione centrale della città ed è situata lungo la ferrovia convenzionale Milano-Bologna . Costituisce anche il capolinea delle linee delle ferrovie reggiane che collegano Reggio Emilia con Guastalla , Sassuolo e Ciano d'Enza . Si tratta della principale stazione ferroviaria della città, essendo a servizio del traffico di passeggeri sia per il centro cittadino che per l'area suburbana e limitrofe.
  • la stazione di Reggio Emilia AV Mediopadana , di recente costruzione ed unica fermata in linea della ferrovia ad Alta Velocità Milano-Bologna . Il progetto è stato firmato dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava e rappresenta il fulcro di un ampio progetto di riqualificazione dell'intera area nord della città e di cui fanno parte anche i tre ponti stradali collocati lungo l'asse di scorrimento Reggio Emilia – Bagnolo ed inaugurati il 20 ottobre 2007. Nella stazione operano quotidianamente collegamenti con tutte le stazioni AV nazionali, effettuati sia dall'operatore di trasporto Trenitalia con i propri treni Frecciarossa , che daNTV con treni Italo .
Particolare della stazione Mediopadana
  • la stazione di Reggio Mediopadana aperta il 15 dicembre 2013, è situata sulla linea Reggio Emilia-Guastalla e collega la stazione ad alta velocità con la stazione storica nonché con la rete ferroviaria locale a servizio della città. È prevista una configurazione del servizio, nel tratto urbano tra le due stazioni, di tipo metropolitano di superficie ad elevata frequenza.
  • la stazione di Reggio Santa Croce , situata lungo la linea Reggio-Guastalla, sorge nell'omonimo quartiere nella parte nord della città, e rappresenta la terza fermata del servizio metropolitano di superficie.
  • la stazione di Reggio Stadio , è una fermata situata lungo la linea per Guastalla e dista alcune centinaia di metri a sud della ex stazione di Mancasale, non più operativa. Anche questa fermata opera sul tracciato metropolitano di superficie.
  • la stazione di Pratofontana è un fermata che sorge anch'essa sulla linea per Guastalla, ai margini settentrionali del territorio urbano. Dal 2007 sostituisce la vecchia fermata di Pratofontana , posta alcune centinaia di metri più a sud.
  • la stazione di Reggio Via Fanti , posta lungo la ferrovia Reggio-Ciano , sorge a fianco del complesso urbanistico dell'ex Gasometro e, oltre al centro storico, serve principalmente il polo scolastico superiore di via Makallè e quello giudiziario del tribunale.
  • la stazione di Reggio Santo Stefano , situata lungo la linea Reggio-Ciano , sorge nel quartiere Gardenia, ai margini nord-occidentali del centro storico cittadino ed è usata principalmente dai pendolari tra Reggio Emilia e la val d'Enza .
Stazione di Reggio Santo Stefano da viale Trento Trieste

Risultano inoltre soppresse otto stazioni e fermate:

Aeroporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporto di Reggio Emilia .
Le strutture dell'aeroporto “Ferdinando Bonazzi”.

Nel territorio comunale, a circa 2 km ad est del centro cittadino sorge lo storico aeroporto della città, il “Ferdinando Bonazzi” . L'aeroporto (localmente noto anche come Campovolo) presenta pista in asfalto con orientamento 11-29 e dimensioni di 1200 x 30 m, è indicato da ENAC come CAT II antincendio ed è autorizzato per voli VFR di aviazione generale. Dal maggio del 1997 è aperto al traffico civile di tipo commerciale. Il Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) dell'Emilia-Romagna ha acquisito l'aeroporto di Reggio Emilia nella rete aeroportuale regionale [40] .

Nel territorio comunale sono, inoltre, presenti tre aviosuperfici per velivoli ultraleggeri :

  • Aviosuperficie CdV Top Gun , a Codemondo ;
  • Aviosuperficie CdV Castellazzo , a Castellazzo ;
  • Aviosuperficie privata CdV Rivaltella , a Rivalta .

Mobilità urbana

Il trasporto pubblico urbano è organizzato su 17 linee di autobus ed è operato da SETA , società nata nel 2012 dall'unificazione della storica azienda reggiana di trasporto ACT con le analoghe delle città di Modena e Piacenza . SETA gestisce ed effettua anche il servizio di trasporto extraurbano in tutta la provincia con collegamenti da e per Reggio Emilia anche a centri urbani delle province di Modena , Parma e Mantova . Tra le linee urbane 3 sono gestite da TIL ed effettuano, tramite servizio urbano di minibus, il collegamento tra il centro della città ed il nosocomio “Arcispedale Santa Maria Nuova” , lo stadio ed i parcheggi scambiatori cittadini.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Reggio Emilia .

Il governo estense della città cessa il 12 giugno 1859 e dopo una breve reggenza di quattro membri e una commissione comunale avente come podestà Pietro Manodori , si giunge alle prime elezioni comunali nella data del 25 settembre 1859 .

Rapporti internazionali

L'amicizia che lega la comunità reggiana e la popolazione africana è di lunga durata, dettata dalla solidarietà e la cooperazione che la città di Reggio Emilia ha sempre avuto verso l' Africa . Il rapporto tra Reggio Emilia e l'Africa nasce negli anni sessanta, prima come solidarietà sanitaria e in seguito come rapporto di cooperazione decentrata che coinvolge gli enti locali e la società civile del territorio in una serie di azioni rivolte ai paesi africani. Negli anni settanta Reggio ha avuto un ruolo di primo piano a livello internazionale nella promozione dei movimenti di lotta al colonialismo e alla segregazione razziale.

Il 2 luglio 1975 l'allora sindaco Renzo Bonazzi firma il patto di amicizia e cooperazione culturale con la città di Pemba in Mozambico . Il leader mozambicano Samora Machel verrà ospitato diverse volte nella città. Il 26 giugno 1977 la città di Reggio Emilia siglò un “patto di solidarietà” con il movimento anti- apartheid dell' African National Congress , il movimento di liberazione per la creazione di un Sudafrica unito e democratico fondato da Nelson Mandela , Oliver Tambo e Walter Sisulu . Nel 1978 , in occasione dell'anno internazionale contro l'Apartheid indetto dall' ONU , a Reggio Emilia ebbe sede la “Conferenza Nazionale di solidarietà per l'indipendenza e la sovranità dei popoli dell'Africa Australe contro il colonialismo, il razzismo e l'apartheid”. Al Teatro Municipale Valli intervennero: Oliver Tambo, presidente dell'Anc, Sam Nujoma , presidente della SWAPO della Namibia e Iosian Chinamano , per il Patriotic Front dello Zimbabwe .

A partire dal 1978 il Comune di Reggio Emilia pubblicò l'edizione in lingua italiana dell'organo ufficiale dell'African National Congress, il periodico Sechaba . Sempre la tipografia comunale pubblicò il primo libro di Nelson Mandela tradotto in lingua italiana La lotta è la mia vita nel 1982 . Queste pubblicazioni sono ora conservate nelle sezioni storiche delle biblioteche di tutto il mondo. Nel 1985 , in occasione della II Conferenza internazionale dell'Anc svoltasi in Zambia , la città di Reggio Emilia venne dichiarata “forza costituita contro il regime dell'Apartheid”. In quel periodo Oliver Tambo intrattenne una fitta corrispondenza con il sindaco di Reggio Emilia Ugo Benassi e con l'assessore Giuseppe Soncini . Nel 1987 Reggio Emilia conferì la cittadinanza onoraria ad Albertina Sisulu, una delle rappresentanti dell'Anc e moglie di Walter, compagno di ergastolo di Nelson Mandela.

Due strade di Reggio Emilia sono dedicate alla lotta contro l'apartheid: via Alberto Luthuli e via Martiri di Soweto. La città di Reggio Emilia negli ultimi decenni ha accolto grandi leader e personalità del mondo africano: Sam Nujoma, presidente della Namibia , Marcelino Dos Santos, Joaquim Chissano, Albertina Sisulu, Steven Gawe, Miriam Makeba. Il 10 maggio 1994 la città di Reggio Emilia è stata invitata alla cerimonia di insediamento di Nelson Mandela alla presidenza del Sudafrica . La formalizzazione del patto di gemellaggio tra Reggio Emilia e Polokwane del 2004 giunge poi a coronamento di una trentennale amicizia tra le due città.

Il ruolo di cooperazione internazionale di Reggio Emilia è riconosciuto ai più alti livelli, in particolare il sito del Ministero degli Affari Esteri italiano documenta con queste parole il ruolo della nostra città nell'affermazione della cooperazione decentrata: “Alcune autonomie locali italiane, hanno iniziato attività di cooperazione internazionale già negli anni Sessanta del secolo scorso. Per lo più si trattava di piccoli interventi di solidarietà, sostenendo l'opera di associazioni terzomondiste o di missionari del proprio territorio, ma il primo esempio di cooperazione più strutturata fu forse quello che in quegli anni avviò il Comune di Reggio Emilia nel Nord del Mozambico, per lo sviluppo e la governabilità territoriale delle cosiddette “zone liberate” dal Frelimo ( Fronte di Liberazione del Mozambico )”. [41] [42] [43] [44]

Gemellaggi e rapporti di amicizia istituzionali

La città di Reggio Emilia è gemellata ufficialmente con: [45]

Reggio Emilia ha inoltre rapporti di amicizia con: [45]

Dal 2000 il Comune di Reggio Emilia, insieme alla Camera di Commercio di Reggio Emilia, ha sostenuto la creazione dell'agenzia “Reggio nel Mondo” che gestisce gemellaggi, patti di amicizia, relazioni internazionali e promozione del territorio.

Reggio Emilia è membro di Eurotowns , rete di città europee di piccole e medie dimensioni. [48]

Sport

Calcio

LaReggiana , fondata nel 1919 da Severino Taddei , è la principale squadra di calcio della città. Sino al 2018 ha militato in Serie C ma con il secondo fallimento societario della sua storia, avvenuto nel medesimo anno, è stata iscritta dalla nuova proprietà al campionato di Serie D con il nome di Reggio Audace FC . Nella propria lunga storia ha preso parte a 7 campionati di prima divisione, di cui tre di Serie A ea 38 campionati di seconda divisione, di cui 34 di Serie B . Dalla sua fondazione fino al campionato 1994-95 ha giocato presso lo stadio Mirabello . L'attività sportiva si è poi trasferita dalla sua inaugurazione avvenuta nel 1995, allo stadio Mapei Stadium - Città del Tricolore (ex Stadio Giglio ) che, con una capienza di 23.380 spettatori, è il secondo impianto della regione . Alla fine della Serie C 2019-2020 con la vittoria dei Play-off viene promossa in Serie B dopo un'assenza di ventun'anni.

Calcio a 5

La Reggiana Calcio a 5 ASD è stata la squadra principale di calcio a 5 della città. La squadra, fondata nel 2005 dalla fusione tra la Giemme Reggio Emilia ed il Reggio Emilia Calcio a 5, si è sciolta alla fine del 2014 . Dal 2017 la cittadina Fratelli Bari si fonde con la bolognese Bologna Futsal nella Kaos Reggio Emilia Calcio a 5 che disputa il torneo di Serie A presso il palazzetto dello sport “Giulio Bigi” . Il sodalizio dura tuttavia solo una stagione. Nell'estate seguente Bari e Calzolari intraprendono percorsi differenti, portando alla scomparsa della società e allo svincolo dei giocatori della prima squadra. Bari si unisce alla dirigenza dell'Olimpia Regium per dare vita all'OR Reggio Emilia Calcio a 5.

Calcio femminile

L' AC Reggiana Femminile , all'inizio degli anni novanta si è aggiudicata 3 scudetti e 2 Coppe Italia. L'ultimo trofeo nazionale conquistato è stata la Coppa Italia 2009-10 . Dopo l'acquisto della squadra da parte del sassuolo nella stagione 2016-17 la società ha modificato il proprio nome in Associazione Sportiva Dilettantistica Sassuolo Calcio Femminile , trasferendo la propria sede e disputando le proprie gare a Sassuolo .

Pallacanestro

La Pallacanestro Reggiana , è la principale squadra di basket della città. Fondata nel 1974 , attualmente milita in Serie A e disputa i suoi incontri presso il PalaBigi . La Reggiana, nel suo palmarès, può vantare 2 trofei di Legadue (quello del 2003-04 e 2011-12 ), un EuroChallenge conquistato nell'edizione 2013-14 e una Supercoppa Italiana conquistata nel 2015 . Inoltre si possono contare lo scudetto Under 20 conquistato nell'edizione 2002-03 e quello Under 21 conquistato nell'edizione 2005-06.

Ciclismo

In sei edizioni del Giro d'Italia Reggio Emilia è stata sede di arrivo di tappa, la prima volta nel 1927 , l'ultima nel 2017 :

Rugby

Il Valorugby Emilia è la squadra di rugby della città. Essa trova le sue fondamenta nella precedente società sportiva ASD Rugby Reggio, con origini già nel 1946 . Attualmente, il club milita in TOP12 , la prima divisione del campionato italiano di rugby maschile, e disputa le proprie gare interne allo stadio Mirabello . Il Valorugby Emilia, nel suo palmarès, può vantare un campionato italiano di serie A , seconda divisione nazionale, conquistato nell'edizione 2015-16 e una Coppa Italia conquistata nel 2018-19 .

Pallavolo

Pallavolo maschile

La Volley Tricolore è la principale squadra di pallavolo maschile della città. Fondata nel 2012 , attualmente milita nel campionato italiano di pallavolo maschile di Serie A2 e disputa le proprie partite casalinghe presso il PalaBigi .

Pallavolo femminile

La città ha avuto due società professionistiche di pallavolo femminile: la Pallavolo Reggio Emilia e l' Arbor Reggio Emilia Pallavolo ; entrambe militavano in Serie A , la massima divisione del campionato italiano di pallavolo femminile . La Pallavolo Reggio Emilia vinse quattro scudetti nazionali a metà degli anni sessanta militando in massima serie fino alla stagione 2000-01, mentre la Arbor Reggio Emilia Pallavolo vinse uno scudetto nella stagione 1977-78 , militando in massima serie fino alla stagione 1987-88. Attualmente, la Arbor Reggio Emilia Pallavolo milita in Serie C interregionale, mentre la Pallavolo Reggio Emilia si è sciolta nel 2012.

Football americano

Gli Hogs Reggio Emilia sono la squadra di football americano della città. Fondati nel 1984 , attualmente militano in Seconda Divisione LeNAF e disputano le gare casalinghe presso lo stadio Andrea Torelli di Scandiano . Nel 2008, anno della scissione federale, vinsero il Superbowl italiano NFLI che, successivamente, non venne riconosciuto come titolo nazionale ufficiale in seguito al riconoscimento della FIDAF da parte del CONI come unica federazione. Vincitori di quattro Silverbowl, titoli di seconda divisione, nel 2009 si aggiudicarono la competizione internazionale europea EFAF Challenge Cup .

Baseball

La Reggio Baseball è la squadra di baseball della città. Fondata nel 1972 , ha vinto per quattro volte della Coppa Italia e per due volte il campionato di Serie A Federale , la seconda divisione. La Società vanta inoltre quattro promozioni in Italian Baseball League , la massima divisione del campionato italiano di baseball . Attualmente, partecipa al campionato italiano di Serie B e disputa le partite casalinghe presso lo stadio Giorgio Caselli , che ha ospitato alcune partite del Campionato mondiale di baseball 2009 .

Hockey

L'Associazione sportiva dilettantistica Città del Tricolore è la società di hockey su prato della città fondata nel 1958 . Attualmente, la prima squadra maschile disputa il campionato nazionale di serie A2 , mentre le formazioni femminili Under-14, Under-17 e Under-18 si sono aggiudicate il titolo di campione d'Italia di categoria rispettivamente nel 2014-15, 2016-17 e 2018-19.

Nuoto

L' Associazione Sportiva Reggiana Nuoto 1947 è l'associazione di nuoto della città, fondata da Ober Ferrari nel 1947 e poi rifondata nel 1995.

Pallanuoto

La squadra di pallanuoto locale è la Reggiana Nuoto che disputa il campionato italiano maschile di pallanuoto in Serie B , la terza divisione nazionale.

Note

  1. ^ confini del territorio comunale
  2. ^ a b Tavola ISTAT - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ La pronuncia originaria ha la e chiusa, ma è più comune quella aperta. Dizionario di ortografia e pronunzia , su dizionario.rai.it . URL consultato il 14 giugno 2015 .
  6. ^ Comune di Reggio Emilia , su comune.re.it . URL consultato il 9 aprile 2021 .
  7. ^ Arpa Servizio IdroMeteo
  8. ^ a b Arpa Servizio IdroMeteo
  9. ^ Arpa Servizio IdroMeteo
  10. ^ 60%202012.htm sintesi
  11. ^ Il blizzard del 9 e 10 marzo 2010
  12. ^ Copia archiviata , su atlanteeolico.rse-web.it . URL consultato il 10 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2012) .
  13. ^ Arte etrusca, Musei Civici di Reggio Emilia
  14. ^ Cippo funerario da Rubiera, Musei Civici di Reggio Emilia
  15. ^ ( EN ) Paolo Storchi, Edifici per spettacoli a Regium Lepidi. Alcune proposte per la loro identificazione , in [email protected] a cura di M. Forte . URL consultato il 2 maggio 2021 .
  16. ^ vedi Ducato di Reggio per l'estensione territoriale e Ducato di Modena e Reggio per la storia
  17. ^ Reggio Emilia insignita della medaglia d'oro al valor militare
  18. ^ Webcam in centro storico
  19. ^ Tecnopolo di Reggio Emilia , su aster.it (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2014) .
  20. ^ Centro Internazionale per l'Infanzia Loris Malaguzzi di Reggio Emilia , su reggiochildren.it .
  21. ^ Ex Reggiane, tanti progetti ma resta sempre il degrado - Foto e video - Gazzetta di Reggio , su Gazzetta di Reggio . URL consultato il 9 dicembre 2015 .
  22. ^ La mappa dei luoghi della criminalità a Reggio Emilia - Infografica - Gazzetta di Reggio , su Gazzetta di Reggio . URL consultato il 9 dicembre 2015 .
  23. ^ Antonio Brighi, Attilio Marchesini, Dimore storiche di Reggio Emilia, Fondazione Cassa di Risparmio di Reggio Emilia Pietro Manodori, Reggio Emilia, 2012
  24. ^ Franca Manenti Valli , Il palazzo dell'Imperatore: cinque secoli di sapere costruttivo e arte figurativa nella dimora Manenti a Reggio Emilia , Milano, Silvana Editoriale, 2010
  25. ^ Spazio Gerra - Musei civici di Reggio Emilia , su spaziogerra.it .
  26. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  27. ^ Movimento anagrafico della popolazione residente per mese. Anni 2019 – 2020 ( PDF ), su comune.re.it .
  28. ^ https://www.tuttitalia.it/comuni/popolazione/
  29. ^ Statistiche demografiche ISTAT , su demo.istat.it . URL consultato il 28 luglio 2020 .
  30. ^ Il Resto Del Carlino - Reggio Emilia - Reggio quarta in Italia per densità di clandestini , su www.ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 9 dicembre 2015 .
  31. ^ Dati diffusi da Accertamenti Diffusione Stampa, media mobile 12 mesi da marzo 2008 a aprile 2009 , su fotografi.org . URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 24 aprile 2015) .
  32. ^ Dati Audipress 2010/II ( XLS ), su audipress.it , Audipress. URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 27 gennaio 2011) .
  33. ^ radioreggio.it , https://www.radioreggio.it/ .
  34. ^ Cappella Musicale S. Francesco da Paola - Reggio Emilia - Soli Deo Gloria
  35. ^ fmcim | wfimc - Contenu Dynamique , su fmcim.org . URL consultato il 30 dicembre 2008 (archiviato dall' url originale il 15 febbraio 2009) .
  36. ^ Kammermusik: Energieschübe hoch vier | ZEIT ONLINE
  37. ^ Fotografia Europea
  38. ^ La ragazzola , su cineturismo.cinetecadibologna.it .
  39. ^ a b Camera di Commercio di Reggio Emilia, Export Reggio Emilia 2016 , su re.camcom.gov.it .
  40. ^ STORIA - Aeroporto Reggio Emilia , su sites.google.com . URL consultato il 13 ottobre 2017 .
  41. ^ Sudafrica Reggio Emilia -, Municipio di Reggio Emilia ( PDF ), su municipio.re.it .
  42. ^ Pemba e Reggio Emilia -, Municipio di Reggio Emilia ( PDF ), su municipio.re.it .
  43. ^ Sudafrica Reggio Emilia -, Gruppo di studio interculture , su gruppointerculture.blogspot.it .
  44. ^ Sudafrica Reggio Emilia -, sito international relations and cooperation , su dfa.gov.za .
  45. ^ a b Gemellaggi e dichiarazioni di amicizia , su comune.re.it , 10 ottobre 2016, p. www.comune.re.it. URL consultato il 25 gennaio 2018 .
  46. ^ Comune di Chisinau: gemellaggi , su chisinau.md . URL consultato il 18 agosto 2010 (archiviato dall' url originale l'8 ottobre 2010) .
  47. ^ Patto di gemellaggio Firma patto, patto di gemellaggio firmato il 7 maggio 2012 , su comune.re.it . URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2014) .
  48. ^ Reggio Emilia , su eurotowns.org . URL consultato il 7 giugno 2017 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2017) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 242133821 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2107 3362 · LCCN ( EN ) n79039627 · GND ( DE ) 4116943-8 · BNF ( FR ) cb119958949 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79039627
Emilia Portale Emilia : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia