Retòrica

De la Viquipèdia, l'enciclopèdia lliure.
Saltar a la navegació Saltar a la cerca
Nota de desambiguació.svg Desambiguació : si busqueu altres significats, consulteu Retòrica (desambiguació) .
La retòrica és l'art de persuadir a través dels discursos

La retòrica s’entén tradicionalment com l’art de dir, de parlar i més específicament de persuadir amb paraules. El terme prové del llatí rhetorica ( ars ), al seu torn del grec antic : ῥητορική τέχνη , rhêtorikề téchnê , 'art de parlar en públic', de ῥήτωρ, 'qui parla en públic', de l'arrel del verb εἴρω , "Jo dic" [1] [2] .

Una disciplina encara viva, ha recollit al llarg de més de dos mil·lennis d’història un conjunt molt ampli de doctrines i tècniques, confrontant-se i confonent-se amb una multiplicitat de disciplines (en particular amb l’ oratòria ) i assumint-se aspectes i significats bastant variats, acabant per ser entès també com a "teoria general de la comunicació ", fins al punt que la historiadora francesa Henri-Irénée Marrou la va definir com a "denominador comú de la nostra civilització [occidental]" [3] .

En termes generals, la retòrica es pot entendre com un mètode d’organització del llenguatge natural , no simbòlic, segons un criteri segons el qual una proposta va seguida d’una conclusió. L’objectiu de la retòrica és la persuasió , entesa com l’aprovació de la tesi del ponent per part d’un públic específic. D’una banda, la persuasió consisteix en un fenomen emocional d’assentiment psicològic ; d'altra banda, té una base epistemològica : l'estudi dels fonaments de la persuasió és l'estudi dels elements que, en connectar diferents proposicions entre si, condueixen a una conclusió compartida, per tant, de les formes de revelar la veritat en l'específic. camp del discurs. En aquest sentit, és, com assenyala Roland Barthes , un metallenguatge , com a "discurs sobre el discurs". [4]

Aspectes generals

Personificació de la retòrica a Andrea Mantegna Tarot

En el transcurs de la història occidental, la retòrica ha estat qualificada com a "art": en grec la paraula τέχνη ( téchnē ), que es tradueix habitualment com art ( ars en llatí ), indica més adequadament la capacitat manual tècnica i artesanal , i a partir d'aquesta terme deriva la paraula " tècnica ". En particular, la retòrica és l '"art de la parla": [5] de fet tracta de discursos en prosa escrits amb un llenguatge "ornamentat" (per tant, fins a cert punt "artificial") [6] per tal de persuadir algú que és convèncer o canviar l’opinió de qui escolta. [7] D’això se’n desprenen dos aspectes: d’una banda, la retòrica estudia com organitzar i estructurar una pregària (una part que podríem definir com a “sintagmàtica”); per altra banda, també tracta de l’anomenat ornatus , és a dir, de tots aquells procediments estilístics ( figures , tropes , colors en general) que serveixen per decorar el discurs per fer-lo més agradable i, per tant, més eficaç ( la part “paradigmàtica”). [8]

Quadre de Pieter Isaacsz que representa un professor llegint en una acadèmia de cavallers.

El propòsit de la retòrica és proporcionar als retòrics i parlants (i no a la massa d’oients) les nocions teòriques necessàries per compondre un discurs persuasiu. [9] Al llarg dels segles, els teòrics han treballat per identificar els diversos elements i organitzar-los en una taxonomia general, sense arribar mai a una classificació compartida: el resultat és una llarga sèrie de tractats que, des de l’antiguitat fins als nostres dies, passen per a l’ edat mitjana i al barroc , van oferir als parlants un conjunt de regles a tenir en compte a l’hora d’escriure un discurs. [10] Aquest gran nombre de tractats, no obstant això, va contribuir no poc a la mateixa decadència de la retòrica, que encara avui es veu amb certa diferència. La retòrica, per sentit comú , és sinònim de l'art del discurs artificial, construït seguint al peu de la lletra un conjunt de regles estilístiques rígides recollides en manuals. En realitat, cal dir que la retòrica no es redueix en cap cas a una assignatura docent, que es transmet a les escoles i que es practica de manera esclava; al contrari, com escriu Roland Barthes , [11] la retòrica també és al seu torn:

  • una ciència , ja que estudia amb rigor els fenòmens i els efectes del llenguatge;
  • una moral , ja que la capacitat d’explotar l’ambigüitat del llenguatge el converteix en una arma poderosa, que requereix que s’exerceixi un codi moral sense causar danys;
  • una pràctica social , ja que antigament diferenciava els poderosos (aquells que tenen accés a l'art de persuadir) dels seus súbdits (els que sucumbeixen al poder encantador de la paraula);
  • una pràctica lúdica , un joc amb paraules i llenguatge ( paròdies , acudits , dobles accepcions).

Història

Juntament amb la gramàtica, és la disciplina més llarga que tracta el llenguatge [12] . De fet, és habitual identificar el seu naixement a Siracusa : amb l'expulsió de Trasibulus ( 465 aC ), la fi de la tirania i el desenvolupament de nombrosos processos relacionats amb la propietat privada robada als ciutadans pels Dinomenidi , va sorgir la figura de ῥήτωρ, que va tenir la tasca de convèncer els jurats populars davant els quals es van celebrar les causes. Els primers mestres que recorda la tradició són Corace i Tisia . [13] Per tant, des dels seus orígens té un propòsit pràctic (un téchnê és una combinació de "tècniques pràctiques" [14] ), íntimament lligat a l'oratòria judicial. Des de Sicília , a la segona meitat del segle V aC , amb Gorgias i altres sofistes , es va desenvolupar llavors la retòrica a l’ Àtica : en aquest passatge es va començar a aplicar no només al discurs oral sinó també a l’escriptura. [12] Hi ha una altra tradició sobre els orígens de la retòrica, acreditada per Aristòtil , segons la qual el fundador va ser Empèdocles d'Agrigent . [15]

Al segle IV aC , la retòrica grega era ja un element central de l’educació de l’home, arribant a assumir sobretot el significat de “l’art de l’escriptura bella”, fins i tot si no hi falten tensions antiretòriques, particularment evidents a Plató , que en va escriure, a les Gorgias i, després, amb més consideració, al Fedre . Aristòtil la distingeix de la poesia i la filosofia , que tracta de veritats demostrables, mentre que la retòrica tracta del probable i probable i intenta influir en δόξα, 'opinió'. [12]

Al segle II aC la retòrica es va estendre a Occident, en particular a Roma , on es va assimilar ràpidament, amb tractats com la Rhetorica ad Herennium (text escrit per un autor desconegut entre el 86 i el 82 aC [16] ) i el De invenció de Ciceró . [12] Amb el final de la República Romana , la retòrica va començar a declinar. Quintilià va fixar els ensenyaments grecs i romans a l' Institutio oratoria (finals del segle I dC ).

A l’ edat mitjana , la retòrica va passar a formar part del trivium , és a dir, l’ensenyament de les tres arts "liberals" o arts sermocinales (a més de retòrica, gramàtica i dialèctica). [2]

A l’edat moderna , la retòrica va decaure i va conquerir un espai molt rellevant tant en la filosofia del dret com en la lògica , per exemple amb Chaim Perelman , així com en lingüística i crítica literària ( formalisme rus , New Criticism , Barthes , Genette , Eco ). [2] [13]

Els orígens

Per al naixement de la retòrica és possible proporcionar indicacions geogràfiques i cronològiques precises: quan el 465 aC va acabar la tirania de Trasibulo , l’últim dels germans Gelone i Gerone I , que s’havien convertit en protagonistes d’expropiacions massives de terres, molts ciutadans de Siracusa. va iniciar judicis per tornar a la possessió dels béns confiscats, fent valer els seus drets judicialment amb l'arma de la paraula. [17] En aquest context, el primer a donar lliçons d'eloqüència aparentment va ser el filòsof Empedocles d' Agrigent , imitat immediatament pels seus alumnes siracusans Corace i Tisia , el primer a escriure manuals de retòrica (el primer va ser escrit per Corace cap al 460 aC ) i demaneu una quota pels seus ensenyaments. [18]

Corace i el seu deixeble Tisia són sovint coneguts com els "pares" de la retòrica, tot i que el testimoni de Ciceró ens informa que devia ser conegut a Sicília des de l'antiguitat: el seu mèrit, per tant, és haver teoritzat "amb mètode i preceptes Què era un antic pràctica. El fonament del seu art (segons el testimoni de Plató) és el concepte de "probable" ( eikós ), és a dir, tot allò que no es pot definir com a "veritable" o "fals" en termes absoluts, que van estudiar amb un mètode rigorós, científic. [19]

Els ensenyaments dels dos retòrics es van establir ràpidament a Sicília, però la seva no va ser sens dubte l’única orientació generalitzada: a diferència de la seva retòrica científica, es va establir a l’escola pitagòrica una retòrica que es podia definir irracionalista, basada en la seducció que parlava és capaç de fer exercici sobre l 'ànima de l' oient ( psicagogia ). Els pitagòrics van distingir arguments i discursos en funció del tipus d’audiència ( polytropía ) i van fer un ús extensiu d’ antítesis ; [20] a més, la primera teoria del kairós ("adequada") també es deu a ells, un concepte entès com a harmonia numèrica i estretament lligat a la polytropía , que indica el grau d'adequació d'un discurs en relació amb l'audiència que té davant seu. [21]

El sofisticat

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: sofisticació .

Durant el segle V aC , des de la Magna Grècia , la retòrica va arribar ràpidament a l’ Àtica i, sobretot, a Atenes , gràcies a l’activitat docent dels sofistes . [22] A l’època de Pèricles , que representava en molts sentits l’època daurada de la polis atenesa, intel·lectuals com Protàgores , Gorgias , Prodicus , Hipias i Trasimac van trobar terreny fèrtil: molts joves de bones famílies van acudir a tot arreu per aprendre de pagament, les lliçons donades per aquests "mestres de la virtut", que anaven de ciutat en ciutat ensenyant a pronunciar discursos en assemblees públiques. I va ser precisament l’ensenyament de la retòrica el que els va portar a desenvolupar encara més aquesta tècnica. Protàgores, per exemple, pare de Sophistics, va concentrar la seva atenció en problemes de naturalesa lingüística i semàntica (i Prodico també), a la recerca d’un logos horthótatos , un llenguatge rigorós i formalment precís per definir les coses. [23] També va ser partidari del relativisme ètic i gnoseològic , expressat per la famosa màxima segons la qual l’home és la mesura de totes les coses: [24] a partir d’aquestes consideracions el seu interès en discursos contrastats ( dissòi lógoi ) i l’ antilògic , la tècnica que pretén trobar dos arguments oposats per a un mateix objecte, un que l’afirma i un que ho nega (portada a l’extrem, aquesta tècnica pren el nom d ’“ erística ”). [25]

A més, amb la retòrica sofista comença a tenir relacions estretes amb la poesia , deixa d’utilitzar-se només en corts i assemblees públiques i adquireix valor epíptic , convertint-se en un art per si mateix: tot això sobretot gràcies a Gorgia di Leontini i Trasimaco di Calcedònia . [26] Per a ells l’art de persuadir s’havia d’entendre sobretot com una forma de suggeriment, totalment desvinculat de qualsevol necessitat d’arribar a un coneixement o una convicció basada en arguments racionals i en la producció d’evidències i arguments a favor. El retòric devia posseir tanta persuasió com per convèncer ningú de qualsevol cosa, independentment de la temàtica: [27] el logos , la paraula, diu Gorgias a l' Elogi d'Helena , és omnipotent tant sobre els homes com sobre els déus, i el seu poder consisteix precisament en en fer-nos creure que allò que s’afirma és correcte i veritable. [28] La particular predilecció dels sofisticats per la capacitat persuasiva de l'oració i tots els instruments retòrics relacionats amb ella (l'anomenada doxa o "versemblança") va atreure la ira de la majoria de la poleis i dels oradors o logògrafs professionals, que argumentaven que aquest ús del logotip era tan menyspreable com fals i incorrecte. [29]

En particular, Gorgias, alumne d’Empèdocles, va ser el primer a introduir tropes , figures i tots els adorns típics de la poesia a la prosa , [30] mentre que Trasímac es va fer famós per la invenció de l’estil "mitjà", en oposició al cortès un dels sofistes de Leontini. [31]

L’oratori de l’època clàssica

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: logografia (retòrica) i oratoris de les golfes .

Durant el segle V aC l'oratori es va estendre àmpliament a Atenes, afavorit pel dret a participar en la vida pública que la polis democràtica va reconèixer a tots els ciutadans. Tant a les assemblees com als judicis, la deliberació es confiava al vot de la comunitat, davant la qual el ciutadà es presentava per pronunciar un discurs: per fer valer els propis interessos i drets era necessari dominar l’art de la paraula. Les primeres esquematitzacions es remunten a aquest període que especifiquen les parts en què s’han de compondre els diferents tipus de discurs, especialment pel que fa al gènere judicial (acusacions o defensa), mentre que el cas del deliberatiu (propi de les oracions polítiques) era més flexible. ) i l’epidíptic (oracions públiques celebrades en dies festius o funerals). Tanmateix, el ponent requeria preparació i habilitats personals per tenir èxit, i com que no tothom tenia diners per estudiar ni una aptitud particular per parlar en públic, aviat es va estendre la pràctica de recórrer a una retòrica professional: el logògraf . Aquests últims van escriure discursos que el client aprendria de memòria i els repetiria als tribunals. [32]

Un cànon del període hel·lenístic enumera els noms de 10 oradors atenesos, distingits per la seva excel·lència: Antífona, Andòcides, Lisies, Isòcrates, Demòstenes, Iseo , Licurg , Esquines, Hiperides i Dinarques . D’aquests, els més antics eren l’ Antífona de Ramnunte i l’ Andocidi , tots dos pertanyents a l’aristocràcia i implicats en la vida política atenesa en el moment de la guerra del Peloponès : Antífona (que potser també era sofista) formava part del Boulé del segle XV. i fou per això executat, [33] mentre Andòcides estava involucrat en l' escàndol dels herms i obligat a l' exili .

Nascut en una família de meteci , Lisias era un logógrafo i va escriure en el més pur dialecte àtic , sense figures retòriques . Va confirmar la importància de l'etopeia, és a dir, la capacitat d'identificar-se amb el caràcter del personatge que defensava i es va convertir en un model per als aticistes . [34] De fet, la majoria dels logògrafs dels seus contemporanis no van prestar atenció a la relació entre el personatge pronunciant i el discurs pronunciat, provocant que moltes oracions memorables que van passar a la història pel seu refinament estilístic i lèxic fossin realment pronunciades per subjectes no educats. , o almenys no prou aprés per poder compondre una pregària com la que s'acaba de pronunciar. A més, Lisia va combinar la seva capacitat de camuflatge amb un gran talent narratiu, amb el qual va descriure sobrament escenes extremadament dramàtiques, com matances i venjança. El seu estil és, per tant, elegant, essencial i precís: cada cas judicial és únic i, per tant, requereix que la sentència sigui avaluada acuradament i proporcional a la situació.

Demòstenes , que va viure al segle IV aC i rival d’Isòcrates i Esquines, també va ser logògraf al començament de la seva carrera i es va dedicar a la retòrica judicial. La seva fama, però, es deu al seu compromís amb la vida pública i amb la seva oratòria política: en particular, es va oposar fermament als objectius expansionistes de Felip II de Macedònia , contra qui va compondre les famoses Filipines , en què el sobirà es presentava com a bàrbar enemic dels valors de la democràcia i els atenencs van ser convidats a despertar de la inacció per defensar les llibertats comunes, anant al rescat de les ciutats sotmeses a setge macedoni. L’estil de Demòstenes es caracteritza, per tant, per la vitalitat i el vigor, ric en metàfores, hipèrboles, apòstrofs i efectes sorprenents dramàtics: el pathos de la seva oratòria pretenia de fet inflamar el cor dels oients i persuadir-los de la necessitat de participar activament en l’acció política. . [35]

Molt diferent va ser el treball d' Eschines , defensor (com altres intel·lectuals) de la inevitabilitat de la dominació macedònia sobre Grècia. Va demostrar ser un gran expert en qüestions legals i la seva oratòria es caracteritza per la claredat i la coherència lògica, però no té el patetisme que va fer famós el seu adversari Demòstenes. En canvi, aquest últim va trobar un aliat a Hiperides , que va lluitar contra l'hegemonia macedònia fins al punt de fer un sacrifici extrem (fou executat per Antípater el 322 aC ): poc ha arribat fins a l'actualitat de les seves oracions, en què, amb elegància i ironia, retratava escenes de la vida quotidiana, seguides de l’estil de Lisies.

Plató

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Gorgias (diàleg) i Fedre (diàleg) .

Al segle IV aC , Plató es va oposar a la concepció sofística amb la seva pròpia visió de la retòrica: negant que es tracti d’un art ( techne ), el filòsof va preferir la definició de “habilitat” ( empeiria ), [36] atribuint al mateix temps una funció eminentment pedagògica , com a instrument capaç de guiar l’ànima mitjançant arguments i raonaments (l’anomenada psicofonia ). [37] En altres paraules, de la retòrica dels sofistes, als quals només s'atribuïen característiques negatives, Plató va distingir una retòrica anomenada "bona", que, exercida pels filòsofs i, per tant, orientada a l'estudi de la filosofia, podria ser útil per conduir al coneixement del bé. La pràctica de la retòrica es va tornar així al llit de la mateixa filosofia , amb la qual es va acabar identificant, buidada de la seva pròpia autonomia. En conseqüència, els interlocutors van canviar (ja no eren les persones ni els jutges) i els llocs, ja no es feien assemblees ni sentències.

D’altra banda, no hi ha dubte que el jove Plató va ser conduït a l’estudi de la relació entre filosofia i retòrica freqüentant el mestre Sòcrates , que, en l’exercici de la seva maièutica , va fer ús d’una forma particular i altament original de retòrica., formada per preguntes i respostes breus (l’anomenada braquilogia , en oposició a la macrologia dels sofistes). [38] L' Acadèmia Platònica reprendrà les teories de Plató sobre ἀλήθεια ( alétheia ) o "veritat", en marcat contrast amb la visió sofística, segons la qual la veritat s'ha de situar en un segon pla, subjacent a l'eloqüència del parlant i a la seva capacitat de convèncer el públic sobre la fiabilitat i veracitat del seu discurs. [29]

Isòcrates

Contemporani de Plató i alumne de Gorgias, Isòcrates va formular una interessant proposta educativa ( paideia ) basada en l’aprenentatge de la retòrica i posada en pràctica a la seva escola, competidora de l’ Acadèmia Platònica . La intenció del retòric, que estimava definir-se com a filòsof (en un significat diferent del de Plató), era formar ciutadans virtuosos mitjançant l’estudi de la retòrica: hereu de la lliçó de sofisticació, no considerava la virtut més que una opinió raonable. compartit pels membres de la polis , que el retòric havia de tenir sempre present en els seus discursos per guanyar-se una bona reputació. [39] La virtut per a Isòcrates, de fet, no consisteix en una recerca infinita que apunti al bé i a les veritats més altes, ni es pot ensenyar com si fos un tècnic i que, com certs filòsofs, diu que pot fer menteix; [40] Contràriament a aquests ensenyaments, que defineix com a "xerrameca buida", hi ha l'art de la paraula, que és l'art humà per excel·lència, el que distingeix els homes dels animals i assegura que hi pot haver civilització . [41] . Per tant, la seva posició és gairebé intermèdia entre els dos extrems de la retòrica grega del segle V aC, és a dir, sofista i de l'Acadèmia platònica (que donava suport respectivament a δόξα i ἀλήθεια). [29]

A més, atès que la retòrica ens ensenya a escollir el tema més adequat cada vegada ( kairós ) per convèncer el públic que tenim al davant, proporciona als que la practiquen (sempre que tinguin una certa predisposició) les eines necessàries per poder discernir, en qualsevol àrea professional o de la vida quotidiana, entre les diferents opcions que resultaran més útils per assolir l’èxit personal. [42]

Isòcrates feia principalment oracions demostratives, amb un estil harmoniós; per tant, va ser un exponent de l'anomenat oratori epidític (del terme grec epideiktikós , derivat d' epideíknymi o "demostrar"). Aquesta era la mena d’eloqüència que tenien els antics oradors grecs en les cerimònies públiques, sovint en els funerals quan era necessari cantar les lloances del difunt. Una característica fonamental d’Isòcrates era la seva cura formal per a l’oració: de vegades aquesta llima de treball era tan gran que requeria un temps incommensurable. En fer-ho, no era estrany que Isòcrates, ni ningú al seu lloc, pronunciés oracions sobre qüestions que ara no estan actualitzades.

Aristòtil

Icona de la lupa mgx2.svg El mateix tema en detall: Retòrica (Aristòtil) .

A diferència de Plató que li va negar el títol de tècnica , Aristòtil va definir la retòrica com "la facultat de descobrir els possibles mitjans de persuasió relacionats amb cada tema". [43] Va desviar l'atenció de considerar la retòrica com un simple art de persuasió, centrant-se en l'estudi dels mitjans de persuasió, eines independents de l'objecte argumental. [44] La retòrica recupera així la seva pròpia funció, independent de la filosofia i estretament relacionada amb la dialèctica , de la qual ha de ser considerada la seva contrapart. El mèrit d’Aristòtil és el d’haver recollit en un sistema orgànic tots els descobriments fets fins aleshores pels retòrics, subratllant com la retòrica ha de ser una tècnica rigorosa estretament lligada a la lògica : [45] mentre la dialèctica produeix les seves pròpies demostracions mitjançant sil·logismes , la retòrica fa ús de l’ entimema , el sil·logisme retòric basat en premisses probables ( éndoxa ). Tanmateix - i aquesta és la diferència amb la lògica - com les premisses, fins i tot les conclusions a les quals ha arribat l’entimema només són probables i, per tant, estan subjectes a refutació. [46]

Més generalment, l’estudi sistemàtic de la retòrica com a tecnologia és dut a terme per Stagirita a partir de l’anàlisi de tots els elements entechnoi , és a dir, aquells interns a la retòrica, principalment els arguments demostratius ( pisteis ): entre ells el principal és l’entimema (retòrica). deducció), però també s’ha de recordar l’exemple (inducció retòrica). [46] A més, Aristòtil presta especial atenció a classificar els gèneres del discurs (judicial, deliberatiu, epític), organitzant-los segons el tipus d’audiència (el jutge, l’assemblea política, un públic en general) i el temps (passat per els que es defensen a la cort, futur per als que deliberen, present per als que lloen). [47] Posteriorment, el filòsof també es dedica a l' ethos i a les passions ( pathos ), inicialment deixades en un segon pla, destacant com ells també, com els elements "dialèctics", són indispensables si es vol persuadir algú. [48]

Amb el pas del temps, la retòrica s’identificarà amb l’art d’escriure correctament i parlar fluïdament, però la influència de l’estagirita i del seu sistema continuarà persistint durant els segles següents. [49]

Hel·lenisme

Durant l' hel·lenisme , es va continuar estudiant la retòrica i va despertar l'interès dels filòsofs, especialment dels estoics . Zenó , pare d’aquest corrent filosòfic, va definir la retòrica i la dialèctica com les dues parts de les quals es compon la lògica, representades a través de la famosa imatge de la : el puny tancat indica el caràcter concís de la dialèctica, mentre que la mà oberta amb els dits extensions representa la retòrica i les seves formes generalitzades. [50] Per tant, es va reconèixer a la retòrica el mateix valor atribuït a la prosa filosòfica i es va observar la seva utilitat amb finalitats didàctiques: és l'art de parlar bé, i parlar bé, per als estoics, significa dir la veritat. D’aquesta manera, la retòrica sembla defensar el camp amb la filosofia, reobrint l’antic desacord que havia enfrontat Plató amb els sofistes. [51]

Les reflexions d'altres filòsofs estoics, com Crisip , Cleantes i Diògenes de Babilònia , se situen en aquesta línia, i Ermagoras de Temno , un dels retòrics més famosos i importants del segle II aC, també fa referència a aquestes doctrines. la divisió entre hipòtesi i tesi i la introducció del concepte d’ estasi . En primer lloc, segons Ermagora, la retòrica no només hauria de tractar les controvèrsies personals sobre individus individuals, la hipòtesi , sinó també les qüestions de caràcter general i universal, és a dir, aquestes ; d'aquesta manera, la retòrica torna a envair (no sense amarga controvèrsia) el camp de la filosofia i l'objecte del seu interès es converteix en el bé i el just. A més, Ermagora es va concentrar en el tractament de l’ estasi (en estat llatí), la determinació de la qüestió principal de la pregària, a partir de la qual va proposar la seva pròpia classificació de discursos, que es referia principalment als discursos judicials i que, a diferència d’Aristòtil , distingia dos gèneres: el gènere racional (γένος λογιστικόν) i el gènere legal (γένος νομικόν). El primer depèn del sentit comú i es pot dividir en els subgèneres "conjectural", "definitiu", "qualitatiu" i "translacional"; el gènere jurídic, en canvi, es refereix a la legislació i es pot subdividir en subgèneres relacionats amb la lletra, lleis contràries, ambigüitat i sil·logisme. [52]

També al segle II aC assistim al desenvolupament de dos estils de retòrica diferents, corresponents a dues orientacions diferents i dues escoles diferents:

  • El corrent asiàtic
    Del corrent asiàtic va derivar el famós corrent asiàtic (és a dir, "que va néixer a Àsia Menor ") al segle III aC. Era un estil de retòrica redundant, fortament rítmic, barroc i bombàstic, en què es feia un ús freqüent de frases trencades. , metàfores i paraules inventades, que tanmateix van experimentar una gran difusió. El líder d’aquest corrent era Egesia de Magnesia . L'asianisme també es va afirmar a Roma al segle I aC juntament amb un corrent rival (vegeu més avall).
  • El corrent de les golfes
    Del corrent asiàtic deriva, com a contraproposta purista i conservadora, un altre famós estil retòric, l' aticisme (és a dir, "que és originari de l' Àtica , Grècia "). Era un estil crònic de retòrica, caracteritzat per una escriptura escassa i, per utilitzar un terme modern, telegràfic. Modello di questo stile retorico fu il famoso oratore Lisia , oltre a Isocrate e Senofonte . L'atticismo si affermò a Roma nel I secolo aC come rivale dell'asianesimo.

Questi due stili erano rigidamente opposti, tanto da generare forti scontri nei secoli successivi. Il principale esponente dell'asianesimo fu Teodoro di Gadara , mentre tra gli atticisti si ricordano Apollodoro di Pergamo , Dionigi di Alicarnasso e Cecilio di Calacte . [53]

La retorica nella Roma repubblicana

Nel mondo greco la retorica mantenne sempre una certa importanza nell' educazione dei giovani ( paideia ), venendo compresa tra le materie di insegnamento. L'arte del parlare (oratoria) si sviluppò grazie alla parresia , la libertà di parola ed espressione: durante il governo di Pericle ad Atene si arrivò a dare a tutti la possibilità di esprimersi in pubblico. Anche in seguito la retorica e l'oratoria continuarono a vivere e svilupparsi, sebbene i retori furono sempre meno affermati. I Romani, con la conquista dell'Oriente e della Grecia a seguito della battaglia di Pidna del 168 aC , entrarono in contatto con la cultura ellenica, restandone fortemente influenzati.

( LA )

« Graecia capta ferum victorem cepit et artes
intulit agresti Latio.»

( IT )

«La Grecia conquistata conquistò il feroce vincitore e le arti
portò nel Lazio agreste.»

( Orazio , Ep. II 1, 156 )
Arringatore , bronzo di epoca repubblicana

L'oratoria rimase a Roma uno strumento riservato alla nobilitas per avanzare nel cursus honorum . Essa veniva applicata inizialmente solo da schiavi, liberti e italici, e veniva considerata un'attività legata agli otia , cioè al tempo libero. Iniziatore della prosa oratoria latina è considerato Appio Claudio Cieco , il quale nel 280 aC tenne un discorso per persuadere i senatori a non accettare le condizioni di pace poste dal re dell' Epiro Pirro subito dopo la vittoria di Eraclea . [54] Alla fine dell II secolo aC le orazioni mostrano una prima assimilazione delle teorie greche. Un alto livello viene raggiunto da Marco Antonio e Lucio Licinio Crasso , che individua l'importanza dell'arte retorica nella vasta e raffinata cultura e nello stile utilizzato, cioè l' elocutio , la capacità di scegliere i termini per adattarli elegantemente nel testo. Lo stesso Crasso, d'altra parte, in qualità di censore fece chiudere nel 92 aC la scuola dei rhetores Latini di Lucio Plozio Gallo . [55] La retorica romana nell'età della grande espansione territoriale è caratterizzata soprattutto dalla preminenza della figura di Marco Porcio Catone , detto anche Catone il Vecchio o "il Censore". I suoi discorsi sono caratterizzati da uno stile semplice e conciso, da frasi taglienti, debitrici dell'influsso greco, anche se tanto attaccato dalla sua politica conservatrice. È un'opera oratoria quasi esclusivamente politica le cui tematiche sono il ruolo degli equites , la questione del lusso, la politica interna ed estera. I conflitti politici del II secolo aC incentivarono l'arte oratoria, e molti oratori di questo periodo provennero dal Circolo degli Scipioni , oppositori del progetto politico dei Gracchi , i fratelli Tiberio e Caio.

A Roma la retorica fu quindi materia molto studiata e molto praticata, sia nelle sue applicazioni forensi sia in quelle politiche: ne è un chiaro esempio Cicerone , con le sue famose Verrine , orazioni scritte contro il propretore della Sicilia Verre ; ma non può certo tralasciarsi il ruolo essenziale che, dopo di lui, ebbe Quintiliano , che nella Institutio oratoria elaborò una vera e propria silloge della retorica classica così come si era sviluppata fino alla sua epoca.

Tra il 150 e il 100 aC circa si opposero tra loro le due scuole oratorie nate in Grecia, quella asiana e quella atticista. L'ampollosità caratteristica dello stile asiano fu incarnata dall'oratore Quinto Ortensio Ortalo . Tra gli oratori atticisti, uno dei più importanti fu certamente Cesare , anche se i suoi discorsi sono andati perduti. Accanto alla scuola attica e alla scuola asiana, vi era anche una terza scuola retorica, detta rodiense, dalla città di Rodi appunto. Esponente principale della scuola rodiense, sintesi delle vene stilistiche contenutistiche delle altre due scuole, fu sicuramente Cicerone, i cui maestri furono Apollonio di Alabanda e il suo seguace Apollonio Molone .

Proprio all'Arpinate viene falsamente attribuito il più antico trattato latino di retorica giuntoci, la Rhetorica ad Herennium . Scritto presumibilmente tra l' 88 e l' 82 aC , [56] debitore delle teorie degli stoici e in particolare di Crisippo ed Ermagora, questo testo punta l'attenzione sul valore prettamente civile della retorica e sulla definizione di verosimile, che viene distinto sia dagli argomenti storici sia da quelli finti ( fabulae ). L'anonimo autore si dedica poi a un'attenta analisi delle cinque parti della retorica, tra le quali per la prima volta viene riconosciuta l'importanza della memoria. [57]

Cicerone

Considerato il più importante retore latino, Cicerone è ricordato sia per essere stato un grande oratore (a lui si deve la diffusione dello stile rodiese , con la sua prosa più temperata rispetto all'Asianesimo, ma priva dell'asciuttezza dell'Atticismo), sia per le sue opere teoriche, in cui entrò nel merito dei principali dibattiti in corso. Egli però evitò nei suoi testi un'esposizione troppo tecnicistica, preferendo piuttosto fornire una visione non specialistica della retorica e del ruolo dell'oratore, mostrando come essa si radichi nel campo delle lettere e della filosofia: in questo modo, Cicerone intendeva ribadire la nobiltà e l'utilità dell'eloquenza, sottolineandone l'importanza civile e politica. [58]

Nel De oratore , ad esempio, opera in tre libri sotto forma di dialogo completata attorno al 55 aC , egli affronta il tema del rapporto tra filosofia e retorica, affermando, sulla scorta di Platone, che senza la filosofia la retorica è vuota, ma che d'altro canto la retorica non può essere screditata dai filosofi, poiché proprio l'eloquenza è il fondamento della società civile. [59] Filosofia e retorica non sono opposte, ma semmai complementari, cosicché il buon retore deve essere filosofo: su questo solco si colloca anche la riflessione del Brutus , altra opera in forma di dialogo scritta attorno al 46 aC , nella quale viene delineata la figura del perfectus orator , sintesi delle virtù rilevate nei principali retori e oratori del passato. Sempre negli stessi anni Cicerone compone l' Orator , epistola indirizzata a Bruto in cui riprende quanto detto in merito all'eloquenza nel De oratore , soffermandosi in particolare sul numerus (ritmo); infine, negli ultimi anni della sua attività compose i Topica e le Partitiones oratoriae , opere di carattere più tecnico che riprendono Aristotele (in particolare i Topici e la teoria dei loci ). [60]

Quintiliano e la retorica latina di età imperiale

Con il passaggio dalla Repubblica all' Impero , la retorica perse la sua funzione politica e progressivamente diminuì di importanza, pur rimanendo materia di studio. Molte informazioni sulla pratica e l'insegnamento della retorica in questo periodo si devono all'opera di Seneca il Vecchio , padre del più noto filosofo precettore di Nerone . Con la concessione della cittadinanza romana da parte di Cesare ai maestri delle arti liberali ( 49 aC ), le scuole di retorica crebbero di numero: qui i futuri retori dovevano esercitarsi nelle declamationes con tesi (θέσεις o quaestiones infinitae , cioè temi di carattere morale, politico, filosofico) e ipotesi (ὑποθέσεις o quaestiones finitae , specifiche situazioni giuridiche). Queste esercitazioni a loro volta si differenziavano in suasorie , nelle quali si immaginava di dover persuadere un personaggio storico o mitico, e controversiae , che si collocavano sul terreno giudiziario e prevedevano l'applicazione di un determinato principio legale. [61]

Proprio nei primi anni dell'Impero ( I secolo dC) vive e opera il già ricordato Marco Fabio Quintiliano, retore tra i più celebri e precettore dei nipoti dell'imperatore Domiziano . Quintiliano teorizzò nella sua Institutio il percorso formativo che doveva seguire un giovane per poter diventare un buon oratore ed essere quindi – secondo la formula di Catone il Censore - vir bonus dicendi peritus . Posto anch'egli di fronte alla spinosa questione del rapporto tra filosofia e retorica, Quintiliano piega verso l'eloquenza, l'unica in grado di formare cittadini onesti e moralmente saldi. [62] Inoltre, seppur di primaria importanza, il trattato non si esaurisce nell'analisi degli aspetti pedagogici, ma sviluppa anche una serie di considerazioni sulla tecnica e la composizione: la classificazione dei generi del discorso, le cinque fasi della composizione ( inventio , dispositio , elocutio , memoria , actio ), le caratteristiche morali e culturali che deve avere un buon oratore (con esplicito riferimento a molti altri autori, da prendere a modello), il rapporto che il retore deve intrattenere con i politici. [63]

Oltre a Quintiliano sono noti altri retori che ebbero una certa rilevanza in età imperiale, come Publio Rutilio Lupo (autore di un manuale di retorica, Schemata ), Asinio Gallio , Larcio Licinio (che denigrò Cicerone nel suo Ciceromastix ), Domizio Afro . [64] Autori di orazioni furono anche Plinio il Giovane e Apuleio , e non si può dimenticare l'opera di Frontone , maestro dell'imperatore Marco Aurelio , vissuto nel II secolo . Nelle sue epistole egli spiega agli allievi l'importanza delle scelte lessicali, invitando all'uso di termini arcaici, in grado di esprimere appieno un concetto; non per questo, tuttavia, uno stesso discorso risulta efficace per qualsiasi uditorio, ma anzi sarà necessario variare il proprio stile in funzione del destinatario a cui ci si rivolge (per esempio plaude l'allievo imperatore che non usa termini aulici di fronte al popolo). [65]

L'Anonimo del Sublime

Al I secolo dC appartiene un importantissimo trattato di retorica, noto con il titolo di Περί ὕψους, Sul Sublime . Nulla sappiamo del suo anonimo autore, indicato dalle fonti come «Dionisio oppure Longino» e talvolta identificato – a torto – con il sofista del III secolo Cassio Longino (per questo motivo l'autore è detto anche Pseudo-Longino). [66] Il contenuto dell'opera si inquadra nel dibattito in corso in quegli anni sui tre stili retorici, sublime /umile/medio, soffermandosi in particolare sul primo dei tre, del quale l'Anonimo dice che «trascina gli ascoltatori non alla persuasione ma all' estasi », poiché, mentre ciò che è convincente o grazioso è facilmente alla portata di tutti, la grandiosità, di cui il sublime è espressione, sovrasta ogni ascoltatore con la sua invincibile forza. [67] Cinque sono le fonti del sublime: la capacità di concepire grandi cose, una passione violenta e ispirata, una particolare costruzione delle figure, uno stile nobile, una disposizione solenne ed elevata delle parole. Le prime due sono innate, mentre le altre tre possono essere apprese con la tecnica e l'esercizio. [68]

È opinione diffusa che l'Anonimo svolga le proprie posizioni a partire da un terreno platonico , poiché platonica è la tesi secondo cui l'essenza della poesia e dell'oratoria risiede nel pathos : invece di mirare all'utilità sociale, come volevano stoici e aristotelici, secondo l'Anonimo la retorica deve ricercare l'eccezionalità, raggiungibile grazie a passione e fantasia, abilmente disposte da un oratore dotato per natura di un grande animo. [69] Tuttavia, non per questo le tesi del Sublime si riducono a una dottrina irrazionalistica, in cui tutto ruota attorno al sentimento; al contrario, il trattato presenta una minuta precettistica che riguarda i tropi e le altre regole da usare, con la riserva, però, che esse devono comunque passare in secondo piano rispetto alla passione, l'unica in grado di vincere la diffidenza e l'artificiosità che produrrebbe un discorso troppo vincolato al rispetto delle norme stilistiche. [70]

La Seconda sofistica

Nel II secolo la retorica antica giunge infine alla sua ultima fase, segnata dal movimento filosofico-letterario definito da Flavio Filostrato Seconda sofistica . Gli esponenti di questo movimento intendevano riportare in auge i fasti della Sofistica del V secolo aC , di cui ripresero il nome; tuttavia, ai loro interessi furono estranei i temi politici ed etici di cui si erano occupati i loro illustri predecessori, preferendo piuttosto soffermarsi sullo studio e l'esercizio della retorica allo scopo di raggiungere il successo. Essi inoltre mantennero sempre stretti rapporti con il potere costituito, cercando (tranne rare eccezioni, come nel caso di Dione di Prusa) di ingraziarsi i favori di re e sovrani. Questa inclinazione si scorge anche nella produzione letteraria dell'epoca, tesa ad assecondare i gusti del pubblico colto a cui si rivolgeva, attraverso una prosa attentamente studiata, riducendo lo spazio dell'improvvisazione con il ricorso a un ampio repertorio di temi e discorsi già pronti. I generi letterari a cui si dedicavano erano svariati e mutevoli: si va dai trattati a opere di semplice intrattenimento, senza dimenticare dialoghi , novelle e opere satiriche. Infine, i neosofisti ereditarono l'ormai annosa diatriba tra asianesimo e atticismo, che proseguirono senza risultati. [71]

Alla Seconda sofistica sono riconducibili autori del II secolo come Dione Crisostomo , Massimo di Tiro , Favorino , Erode Attico , Elio Aristide , Luciano di Samosata , Eliano , Flavio Filostrato ed Ermogene di Tarso ; [71] il sofista Cassio Longino (III secolo); scrittori del IV secolo come Imerio di Prusa , Libanio di Antiochia , Temistio di Paflagonia , Sinesio di Cirene ; la scuola di Gaza del V secolo . [72]

Tarda antichità

Negli ultimi secoli dell' impero , la retorica sarebbe rifiorita soprattutto sotto forma di oratoria sacra, prima volta all' esegesi delle Sacre Scritture, e poi, con la patristica greca ( San Basilio , San Gregorio Nazianzeno , San Gregorio di Nissa , San Giovanni Crisostomo ) e latina ( Sant'Ambrogio , Sant'Agostino ), alla diffusione della dottrina cattolica.

Con la crisi dell' Impero , la retorica continuò a essere materia di insegnamento durante tutto il Tardoantico , e proprio in una scuola di retorica si formò il giovane Agostino d'Ippona . Gli studi umanistici e retorici a cui fu sottoposto per volere del padre (che sognava per il figlio una brillante carriera forense) furono per lui di estrema importanza quando, convertitosi, si avvicinò allo studio dei Testi Sacri . Dalla sua intensa attività ermeneutica , perseguita per anni con estremo scrupolo, nacque il De doctrina Christiana , opera in 4 volumi dei quali i primi tre sono dedicati all'esegesi biblica a partire dalla coppia concettuale res (contenuti) e signa (parole), [73] mentre il quarto è dedicato alle norme da seguire per una corretta esposizione della Verità appresa. Proprio in quest'ultimo libro Agostino descrive quella che doveva essere la «retorica cristiana», posta al servizio della predicazione : in essa vengono riprese le norme della retorica classica, come la distinzione dei tre stili (sublime, umile, medio) e la necessità che il retore sia animato da rettitudine e sia – quindi – un buon cristiano . [74]

D'altra parte va ricordato che anche prima di Agostino altri autori cristiani si erano rivolti alla retorica classica per le loro opere apologetiche , come Tertulliano , Minucio Felice e Lattanzio (quest'ultimo noto come “il Cicerone cristiano”); tuttavia, è con il De doctrina Christiana che il Cristianesimo acquisisce in toto la retorica pagana per applicarla allo studio della Bibbia, la quale con il suo stile semplice è vista come l'archetipo della retorica stessa. In questo modo, la retorica continuerà a sopravvivere anche nel Medioevo . [75]

Medioevo

Le sette arti liberali in un manoscritto conservato all'università di Tubinga. Da sinistra a destra: Geometria , Logica , Aritmetica , Grammatica , Musica , Fisica , Retorica

Al V secolo risale il De nuptiis Philologiae et Mercuris di Marziano Capella , trattato in cui vengono presentate, sotto forma di personificazioni allegoriche , le sette arti liberali del Septennium . Nello specifico, le arti sono suddivise in due gruppi: [76]

Il Septennium godette di grande fortuna nel Medioevo, e fu ulteriormente sviluppato nei secoli successivi da filosofi come Boezio , Cassiodoro , Prisciano e Isidoro di Siviglia . [77] La retorica, in particolare, entrò di forza nella dinamica dell'insegnamento scolastico, sebbene la sua importanza fu presto offuscata dalle altre arti del Trivium , la grammatica prima e la dialettica ( logica ) poi. I metodi di insegnamento vigenti nelle scuole sono riconducibili a due tipi di esercizi:

  1. Lectio , che prevedeva la lettura e la spiegazione di un testo fisso, solitamente preso dalle Sacre Scritture. Si componeva di due momenti: [78]
    1. Expositio (interpretazione del testo),
    2. Quaestiones (discussioni sulle parti del testo che ammettevano un pro e un contro ),
  2. Disputatio , sorta di “tenzone dialettica” sotto la supervisione del maestro. Quattro momenti: [79]
    1. Quaestio (problema posto dal maestro),
    2. Respondeo (proposta di soluzione),
    3. Sed contra (obiezione alla soluzione proposta),
    4. Determinatio magistralis (soluzione del maestro).
Personificazione della retorica in una vetrata della Cattedrale di Laon

L'esercizio della lectio fu in breve accantonato in favore della disputatio , metodo dal sapore agonistico sviluppatosi nell' università di Parigi , e cresciuto di importanza con lo studio della dialettica derivata dalla logica aristotelica : [79] un celebre esempio di disputatio è rappresentato dallo scontro tra Abelardo e il maestro Guglielmo di Champeaux , ricordato da Abelardo stesso nella sua Historia calamitatum mearum .

La retorica dominò la scena culturale nei secoli compresi tra il V e il VII , per poi essere superata dalla grammatica (VII- X secolo ) e dalla logica (X- XIII secolo ). Il suo campo d'azione fu suddiviso in tre tipi di artes : le artes poeticae (preposte alla poesia e alla versificazione), le artes dictaminis (arte epistolare) e le artes predicandi o sermocinandi (le arti oratorie in generale, che si occupano di sermoni e discorsi). [80] Nel contempo ebbe il sopravvento la grammatica, che divenne “grammatica speculativa” e iniziò ad occuparsi delle exornationes (figure retoriche); anch'essa dovette però cedere alla forza della dialettica, che finì per inglobarla.

Anche la classificazione delle arti nel Trivium venne messa in discussione, e nel XII secolo il filosofo Giovanni di Salisbury proporrà una biforcazione la cui fortuna continua ancora oggi: da un lato la dialettica (Filosofia), che si occupa di oggetti astratti per mezzo di sillogismi, dall'altro la retorica (Lettere), che invece si occupa di argomenti reali e concreti. [79]

Umanesimo e Rinascimento

Con l' Umanesimo la retorica fu riscoperta come disciplina autonoma dalla filosofia, tanto da divenire nuovamente più importante della dialettica [81] . Umanisti come Lorenzo Valla e Coluccio Salutati esaltarono la retorica in quanto mezzo per raggiungere la verità: se si nega che la verità si riduce a uno sterile insieme di dogmi , padroneggiare l'eloquenza risulta basilare per giungere alla conoscenza. Inoltre, va ricordato che nel 1416 Poggio Bracciolini rinvenne nel monastero di San Gallo ( Svizzera ) una copia integrale dell' Institutio oratoria di Quintiliano, il cui impatto sulla società dell'epoca fu notevole: negli intellettuali infatti si formò l'idea che l'educazione di un uomo doveva trovare compimento nello studio dell'eloquenza e delle lettere. [79]

In questo periodo il maggior esponente dell'oratoria civile fu Enea Silvio Piccolomini, papa Pio II . Nell'oratoria sacra si distinsero Bernardino da Siena , per la loquela popolaresca, e Gerolamo Savonarola , per lo straordinario vigore.

Nel corso del Rinascimento , un'altra scoperta però scosse gli intellettuali, quella della Poetica di Aristotele. Scarsamente conosciuta nel Medioevo (se non in forma di compendi, per altro poco fedeli), la Poetica fu pubblicata per la prima volta, in traduzione latina, a Venezia nel 1498 , e successivamente tradotta in italiano da un gruppo di eruditi nel 1550 . [82] Dall' Italia , le tesi della Poetica si propagarono in tutta Europa , e particolarmente in Francia : il breve trattato aristotelico venne letto come «codice della creazione letteraria», cioè come un insieme di norme e leggi teoriche da rispettare nell'esercizio della bella scrittura. [82]

Proprio in Francia visse e operò in quegli anni il filosofo anti-aristotelico Pierre de la Ramée (noto anche come Petrus Ramus o Pietro Ramo), il quale teorizzò una nuova suddivisione delle artes logicae in Dialectica e Rhetorica : alla prima competono l' inventio e la dispositio , mentre alla retorica elocutio e pronunciatio (o actio ). Ramus riduce così la retorica a semplice teoria dell'elocuzione, trasformandola in una scienza delle norme della scrittura il cui principale interesse sono le figure retoriche: essa entra tra le discipline oggetto d'insegnamento sotto forma di scienza dell'analisi del testo, volta a studiarne gli ornamenti. [83]

Il Barocco

Andrea Pozzo , Gloria di Sant'Ignazio

Nel XVI secolo la retorica si ridusse a disciplina scolastica, concentrandosi sull' elocutio (la forma dell'espressione) e la classificazione delle figure del discorso. In questi anni ad assumere l'onere di insegnarla sono membri della neonata Compagnia di Gesù , fondata da Ignazio di Loyola nel 1540 : la Ratio Studiorum , composta da alcuni gesuiti e pubblicata nel 1586 , stabilisce infatti che l'educazione dei giovani deve fondarsi essenzialmente sullo studio della retorica latina e della cultura umanistica in generale. [84]

Il Barocco (e in seguito anche il Neoclassicismo ) rappresentò un periodo particolarmente prolifico per la stesura di trattati di retorica. L'intento era volto soprattutto ad una classificazione minuta degli elementi del discorso e in particolare delle figure retoriche. [85] Tra i vari trattati pubblicati nel corso del XVI secolo ricordiamo: Grand et Vrai art de Pleine Rhétorique di Pierre Fabri ( 1521 - 1544 ), il trattato Della Retorica di Francesco Patrizi ( 1542 ), Rhétorique française di Antoine Fouquelin ( 1555 ). Nei secoli successivi abbiamo Agudeza y arte de ingenio di Baltasar Gracián ( 1642 ), L'Art de Parler di Bernard Lamy ( 1675 ), il Traité des Tropes di César Chesneau Du Marsais ( 1730 ), le Lectures on Rhetoric and Belles Lettres di Hugh Blair ( 1783 ) e Philosophy of Rhetoric di George Campbell ( 1776 ).

L'oratoria politica

Lo sviluppo dei parlamenti nel XVII secolo vide la nascita di famosi oratori politici : la capacità di padroneggiare le parole in modo efficace divenne uno degli strumenti principi dei politici, e spesso fece la differenza nelle loro posizioni sociali. L'oratoria parlamentare moderna fu inaugurata dalla Rivoluzione francese , con i celebri discorsi di Robespierre , Danton , etc.; sarebbe sfociata nell'eloquenza tribunizia dei pubblici comizi.

Nella prima metà del XX secolo , l'oratoria diventò meno magniloquente e più colloquiale, come ad esempio i fireside chats , le "chiacchiere del focolare" del presidente statunitense Franklin D. Roosevelt .

Perelman e la Neoretorica

Gli ultimi trattati di un certo interesse sono precedenti al 1830 : Elements of Rhetoric di Richard Whately ( 1828 ) e Les Figures du Discours di Pierre Fontanier ( 1827 -30). Negli stessi anni Schopenhauer stende una serie di appunti sull' eristica , confluiti in parte nei Parerga e paralipomena e pubblicati postumi. Dal Romanticismo in poi l'importanza della retorica si è progressivamente ridotta: a pesare è in particolare l'atto di accusa mosso da Victor Hugo e da altri in nome di un ritorno all' oggettività e all'originalità, riassumibile nella massima « Guerra alla retorica, pace alla sintassi ». Questi intellettuali guardavano alla retorica come arte dell'artificio, orientata alla soggettività del pubblico da persuadere, nemica, quindi, dell'originalità, della naturalezza e dell'oggettività che devono invece essere proprie dell' Arte e delle sue produzioni. Simili posizioni saranno condivise da molti intellettuali negli anni a venire, tra cui, ad esempio, Francesco De Sanctis e Benedetto Croce . La retorica, non più materia di studio, sopravvisse comunque all'interno della stilistica e della poetica .

Nel corso degli anni '50 del XX secolo la retorica è però tornata al centro di una serie molto vasta e corposa di approfondimenti, soprattutto nelle vesti di teoria dell'argomentazione , grazie ai lavori di Theodor Viehweg , autore di Topik und Jurisprudenz del 1953 , e soprattutto di Chaim Perelman e Lucie Olbrechts-Tyteca con il loro Traité de l'argumentation. La nouvelle rhétorique del 1958 . Da questi nuovi orientamenti si svilupparono varie teorie che, partendo dagli assunti della retorica classica, la innovarono, studiandola alla luce di tematiche legate alla sensibilità moderna, come la semiotica , la psicoanalisi , ma anche la musica e la pubblicità : per tutti questi studi si parla generalmente di Neoretorica . [86]

Il rinato interesse nei confronti della retorica è dovuto anzitutto alla riscoperta di questa disciplina come arte del discorso persuasivo: mentre nei secoli precedenti, da Ramus in avanti, il suo campo si era ridotto alla sola elocutio , con Perelman essa torna ad essere ciò che era per Aristotele, ovvero la scienza che si occupa di trovare gli argomenti più convincenti. A partire da Cartesio , i filosofi hanno ritenuto che il dominio della ragione dovesse limitarsi a tutto ciò che può essere verificato, escludendo quindi il verosimile, perché né vero né falso; Perelman, con i suoi studi, rigetta questa posizione, affermando al contrario che la retorica risponde alle caratteristiche reali della mente umana , la quale procede formulando giudizi sulla base di premesse non vere ma verosimili. Da qui, l'interesse dello studioso per l'uditorio, ovvero chi fruisce il discorso, a partire dal quale vengono stabiliti i criteri di giudizio e studiati gli argomenti. Su questa stessa linea si colloca il filosofo italiano Giulio Preti , che nel saggio Retorica e logica separa il campo della retorica da quello della logica, identificandoli rispettivamente con le scienze umanistiche e le scienze esatte. [87]

I membri del Gruppo μ

Decisamente rivolta alla teoria letteraria è invece la retorica generale dei sei studiosi dell' Università di Liegi , Jacques Dubois , Francis Edeline , Jean Marie Klinkenberg , Philippe Minguet , Francois Pire , Hadeline Trinon , i quali negli anni '60 diedero vita al Gruppo di Liegi, meglio noto come Gruppo μ (dall'iniziale della parola greca μεταφορά, metaphorá ). Rifacendosi alle ricerche linguistiche di Roman Jakobson , e in particolare al modello della teoria dell'informazione, gli esponenti del Gruppo μ studiarono le varie figure del discorso con particolare attenzione non solo al loro utilizzo in poesia e letteratura, ma anche a come vengono usate nel quotidiano: la retorica diventa scienza del discorso in senso ampio e analizza come le figure, alterando le strutture del linguaggio generando “scarti”, integrano il codice della lingua superandone le limitazioni e le carenze. [88]

Con un velo di polemica verso questa retorica generale, Gérard Genette parla al contrario di retorica ristretta : [89] il campo della retorica è stato ridotto nel corso dei secoli a quello dell' elocutio e delle figure, trasformandosi da scienza del discorso a teoria delle figure o teoria della metafora (quest'ultima è infatti sopravvissuta al naufragio della retorica, trovando fortuna nella poetica). Da qui l'auspicio di un ritorno ad una retorica che sia davvero generale, con il conseguente sviluppo di una serie di studi, molto differenti tra di loro, che hanno analizzato la retorica sotto vari aspetti. Intellettuali come Roland Barthes , Umberto Eco , Christian Metz , ad esempio, hanno studiato la retorica in riferimento alla semiotica e alla teoria dell'immagine , applicandola a campi come il cinema e la pubblicità; inoltre, la retorica ha destato interesse anche per la psicoanalisi, come strumento per interpretare i simboli dell' inconscio . [90]

Il sistema della retorica classica

Frontespizio di un'edizione del 1720 della Institutio oratoria

Sin dal suo sorgere, la retorica ha avuto come scopo quello di classificare i vari elementi che costituiscono l'arte della persuasione, organizzandoli in un sistema. La prima e più importante opera in cui viene portato avanti questo progetto è la Retorica di Aristotele , che influenzò tutti i retori delle epoche successive, fino al XIX secolo . In epoca romana il sistema aristotelico fu ripreso da Cicerone e Quintiliano , i quali lo svilupparono ulteriormente senza però modificarlo nella sostanza. [91]

La Rhetorica ad Herennium , il più antico trattato di retorica latino, riprendendo e ampliando le dottrine di Aristotele e Crisippo , distingue cinque fasi nella stesura di un'orazione, coincidenti con altrettante parti di cui si compone il sistema della retorica: [92]

  • inventio (in greco εὕρησις, ricerca), ricercare le idee e gli argomenti per svolgere la tesi prefissata, rifacendosi a tópoi codificati;
  • dispositio (in greco τάξις, disposizione), organizzare argomenti ed ornamenti nel discorso;
  • elocutio (in greco λέξις, linguaggio), l'«espressione stilistica delle idee», con la scelta di un lessico appropriato e di artifici retorici;
  • memoria (in greco μνήμη, memoria), come memorizzare il discorso e ricordare le posizioni avversarie per controbatterle;
  • actio o pronunciatio (in greco ὑπόκρισις, recitazione), declamazione del discorso modulando la voce e ricorrendo alla gestualità.

L'invenzione: la scoperta degli elementi persuasivi

La parola latina inventio , corrispondente al greco εὕρησις ( héuresis ), significa «ricerca», «scoperta»: il primo passo che deve compiere un retore consiste nello scoprire (e non nell'inventare) i possibili mezzi di persuasione che gli saranno utili al fine di far accettare le sue tesi. La parte relativa all' inventio si occupa dunque di classificare i diversi argomenti (veri o verosimili) stabilendo quale preferire a seconda del caso; vengono anche studiati i diversi generi di discorso, a partire dall'oggetto di cui si occupano e la situazione in cui devono essere pronunciati.

Funzioni e princìpi del discorso persuasivo

Anzitutto, uno sguardo preliminare alle funzioni che deve assolvere un discorso, che vengono così indicate da Cicerone nell'Orator: [93]

  • docere et probare , ovvero informare e convincere;
  • delectare , catturare l'attenzione con un discorso vivace e non noioso;
  • movere , commuovere il pubblico per far sì che aderisca alla tesi dell'oratore.

Inoltre, Reboul riassume in tre princìpi fondamentali le regole che devono essere seguite dal retore per essere persuasivo:

  • Principio di non parafrasi . Anzitutto, un discorso efficace non deve essere parafrasabile , cioè non si deve poter sostituire i suoi enunciati portanti con altri enunciati senza che vi sia una perdita di informazioni, o comunque un'alterazione del senso. Questo principio, osserva Reboul, diventa più chiaro se si prendono in esame i tropi e le figure, le quali perdono di significato se tradotte in un'altra lingua o se si tenta di cambiarne le parole. [94]
  • Principio di chiusura . All'impossibilità di essere parafrasato si accompagna l'irrefutabilità del discorso. In altre parole, per un avversario deve essere impossibile – o quasi – ribattere a quanto detto dall'oratore, a meno che anch'egli non trovi un argomento che si colloca sul medesimo livello. Un esempio sono le formule, come gli slogan pubblicitari , la cui forza risiede nell'impossibilità di replicarvi, se non appunto ricorrendo a un altro slogan. [95]
  • Principio di trasferimento . Infine, il discorso persuasivo, per essere tale, deve avere come punto di partenza una convinzione accettata dall'uditorio e trasferita sull'oggetto del proprio discorso. Un'opinione radicata nelle menti di molte persone, infatti, benché relativa apparirà comunque vera agli occhi dei più, e la sua forza aumenterà con l'aumentare degli elementi affettivi e intellettuali a suo favore. In questo modo anche i desideri diventano in qualche misura reali, e il retore deve essere in grado di sfruttare questa ambiguità per persuadere chi gli sta di fronte. [96]

I generi del discorso

La retorica classica distingue (secondo Aristotele) tre generi di discorso in base al loro oggetto ( causa ): [97]

  • Genere giudiziario (γένος δικανικόν, genus judiciale ), [29] il primo a essere nato, si usa nei tribunali durante i processi e il suo fine è accusare o difendere secondo il criterio del giusto.
  • Genere deliberativo (γένος συμβουλευτικόν, genus deliberativum ), [29] il genere che si usa quando si deve parlare davanti a un'assemblea politica, quando cioè si deve consigliare i membri della comunità secondo il criterio dell'utile.
  • Genere epidittico (γένος ἐπιδεικτικόν, genus demonstrativum ), il genere inventato, secondo Aristotele, da Gorgia, viene usato quando si deve tenere un elogio di qualcuno o comunque si deve parlare davanti a un pubblico.

Argomentazione e persuasione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Argomentazione e Argomento (filosofia) .

Per «argomento» si intende una proposizione atta a farne ammettere un'altra, [98] e quindi a indurre qualcuno ad accettare la bontà di ciò che si sta dicendo. Argomentazione e Persuasione ( peithó ) sono dunque collegate, ma detto ciò bisogna precisare che il rapporto non è esclusivo, poiché si può ottenere la persuasione anche da una dimostrazione o da un atto di seduzione. Vediamone le differenze. La dimostrazione , il cui modello sono le scienze esatte , ha la caratteristica di essere rigorosa e oggettiva , e quindi di mirare a conclusioni che siano inattaccabili. Decisamente irrazionale è invece la seduzione , che mira semplicemente ad influenzare e manipolare gli altri facendo ricorso a sentimenti e sensazioni . Tra queste due si colloca l'argomentazione, oggetto della retorica, la quale mira sì a persuadere facendo leva sulle passioni, ma cerca di farlo in maniera rigorosa, attraverso un'arte. Ciò che differenzia l'argomentazione dalla dimostrazione è il carattere non necessario degli argomenti che vengono portati a supporto della tesi: il retore infatti si rivolge sempre a delle persone specifiche, delle quali prende in considerazione le opinioni e le sensazioni, e il punto di partenza del suo discorso sono premesse non evidenti ma verosimili ( eikota ) che portano a conclusioni relative e confutabili. Inoltre, nell'argomentazione il nesso logico tra gli elementi che la compongono non è rigoroso, e la sua validità è valutata in base all'efficacia. [98]

Mentre lo scienziato, dunque, sostiene la propria teoria ricorrendo a dati oggettivi presentanti per mezzo di un linguaggio simbolico, il retore cerca di persuadere gli altri attraverso le parole e il linguaggio naturale, trovando e ordinando i possibili elementi di persuasione. A questo scopo, il retore deve tener presenti non solo gli aspetti razionali, ma anche quelli emotivi ed etici. Oltre al discorso ( logos ) in sé e per sé, che persuade attraverso prove vere o apparentemente tali, a ricoprire un ruolo importante è il carattere ( ethos ) dell'oratore, che deve saper dimostrare di essere attendibile e di conoscere a fondo l'oggetto di cui sta trattando, così da accattivarsi la fiducia del pubblico; inoltre, è importante saper suscitare emozioni ( πάθη ) di piacere o dolore negli ascoltatori, poiché i sentimenti influenzano inevitabilmente la capacità di giudizio del pubblico. [99]

Prove tecniche e extra tecniche

Le prove da portare a favore della tesi vengono suddivise da Aristotele in tecniche ( o prove nella tecnica ) e extra tecniche ( o prove fuori-tecnica ). Le prove extra tecniche (πίστεις ἄτεχνοι) sono quelle che non dipendono direttamente dal retore, ma sono comunque a sua disposizione, come le confessioni degli imputati, i testi scritti , le leggi , le sentenze precedenti, le testimonianze e via dicendo. Le prove tecniche (πίστεις ἔντεχνοι), al contrario, sono quelle fornite al retore dall'esercizio della sua arte. [43] Queste ultime possono essere di due specie:

  • esempio o exemplum (παράδειγμα), ovvero l' induzione retorica. L'esempio consiste nel ricorrere ad un fatto particolare, reale o inventato (ma sempre verosimile), che abbia affinità con l'oggetto dell'orazione, per poi generalizzarlo tramite induzione e giungere infine a conclusioni la cui validità è solo particolare. A questo tipo di prove sono ricollegabili l'argomento d'autorità, il modello, il precedente giuridico; [100]
  • entimema (ἐνθυμήμα), ovvero la deduzione retorica. Si tratta di un sillogismo basato su premesse non vere ma verosimili (il verosimile ammette dei contrari), spesso riprese da opinioni diffuse (in certi casi la premessa maggiore può anche essere taciuta). Le premesse a loro volta possono essere di tre tipi: [101]
    • gli indizi sicuri (τεκμήρια), che possono essere verificati dai nostri sensi e sono quindi necessariamente veri e incontrovertibili (in questo caso l'entimema può coincidere con un sillogismo);
    • i fatti verosimili (εἰκότα), che vengono accettati dalla maggior parte delle persone perché stabiliti da una legge o dalla morale comune;
    • i segni (σημεῖα), una cosa che può indurre a farne intendere un'altra: per esempio la presenza del sangue può richiamare alla mente un omicidio, anche se l'associazione non è necessaria (il sangue può essere stato versato per una semplice epistassi ).

I luoghi ( topoi )

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tòpos .

Con il termine « luogo » (in greco τόπος, tópos , in latino locus ) in retorica si intende un argomento ricorrente, organizzato in forme convenzionali e stereotipate a uso e consumo del retore. Il topos , nella sua convenzionalità, è infatti immediatamente riconoscibile da parte dell'uditore, e permette al retore di disporre di un elemento di sicuro effetto da utilizzare nelle orazioni. [102] La teoria dei topoi , detta appunto topica , si deve quasi integralmente ad Aristotele, che ne trattò nei Topici e poi nel Libro II della Retorica come forma di argomentazione dialettica . Generalmente, se ne distinguono due tipi: comuni e propri.

I luoghi comuni (τόποι κοινόι) partono da punti di vista generali, opinioni accettate dalla maggior parte degli individui, che appunto in quanto generali valgono per quasi tutti gli argomenti. Aristotele ne classifica 3 tipi: possibile/impossibile, reale/non reale, più/meno. I luoghi propri (εἶδος), invece, sono specifici e variano a seconda del pubblico, della disciplina e del tipo di discorso. Si tratta di proposizioni particolari, legati alla pratica di ciascuna determinata disciplina, la cui validità viene però riconosciuta da tutti. [103]

La disposizione: la struttura del discorso

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dispositio .
Cicerone pronuncia un'orazione in Senato

La seconda parte del sistema della retorica riguarda la dispositio (in greco τάξις, taxis , oppure οἰκονομία, oikonomía ), cioè l'organizzazione del discorso: le parti di cui si compone il discorso, l'ordine in cui presentare i contenuti e le idee, l'ordine delle parole per presentare gli argomenti. [104]

Con particolare attenzione alla retorica giudiziaria, la retorica classica ha formulato uno schema per strutturare i discorsi, il quale può essere seguito rigorosamente o meno. L'orazione prevede quattro parti, nell'ordine:

  1. exordium , esordio, tentativo di accattivarsi l'uditorio delectando e movendo con ornamenti;
  2. narratio , esposizione, esposizione dei fatti, per docere l'uditorio, in ordine cronologico o con una introduzione ad effetto in medias res ;
  3. argumentatio , argomentazione, dimostrazione delle prove a sostegno della tesi ( confirmatio ) e confutazione degli argomenti avversari ( refutatio );
  4. peroratio , epilogo, la conclusione del discorso, muovendo al massimo gli affetti dell'uditorio e sviluppando pathos .

Esordio

L'esordio (προoίμιον, exordium ) è la parte che apre l'orazione, in cui viene esposto, sempre che non sia già noto, l'oggetto di cui ci si intende occupare (πρότασις). Il suo scopo è quello di accattivarsi i favori del pubblico ( captatio benevolentiae ) e annunciare le ripartizioni che si stanno per adottare nello svolgimento dell'orazione ( partitio ). [105] Se la situazione lo permette, è possibile chiedere esplicitamente all'uditorio di essere benevoli, altrimenti si deve ricorrere all' insinuatio , entrare nell'animo degli ascoltatori per via sotterranea, evitando di parlare dei propri punti deboli per mostrare invece quelli degli avversari. Inoltre, è importante rendere subito nota la struttura dell'orazione e l'ordine degli argomenti, così da rendere il pubblico partecipe dei termini del discorso ed evitare che sembri troppo lungo.

Per accattivare e rendere più partecipi le giurie - nel caso dell'orazione giudiziaria greca, in particolare - all'interno del προoίμιον venivano inserite talvolta espressioni o periodi che sottolineavano la presa di coscienza da parte dell'oratore della difficoltà dell'argomento trattato o della sentenza da emettere (ad es. "mi rendo conto di quanto sia difficile per voi, o Ateniesi, giudicare..."). [29]

Si tenga presente che, nel caso si intenda trattare l'argomento in medias res , l'esordio e l'epilogo possono essere evitati.

Esposizione

L'esposizione (διήγησις o anche ῥῆσις, narratio ) è il resoconto succinto, chiaro e verosimile dei fatti che vengono affrontati, così che sia funzionale all'argomentazione. Due sono i generi di disposizione dei contenuti: l' ordo naturalis , che segue lo svolgimento logico e cronologico degli eventi, e l' ordo artificialis , orientato più alla resa estetica tramite l'uso di figure retoriche , digressioni e altri procedimenti stilistici. Quest'ultimo è anche più intellettuale, poiché rompe la linearità del tempo per assecondare le esigenze della situazione e dell'argomento. [106]

Nell'esposizione dei fatti è inoltre necessario perseguire quello che è il «giusto mezzo», non essere cioè troppo prolissi ma nemmeno tanto brevi da tralasciare qualcosa di importante. Bisogna poi ricordare che è essenziale la verosimiglianza dei fatti, i quali devono essere attendibili e devono essere disposti in maniera tale da assolvere alle tre funzioni della retorica: docere , movere e delectare .

Argomentazione

Cuore del discorso persuasivo è l'argomentazione (πίστις o ἀπόδειξις, argumentatio ), il resoconto delle prove a sostegno della tesi, che può prevedere anche un affondo contro le tesi avversarie. La sua struttura interna si compone di due parti: propositio e confirmatio , a cui può seguire una terza, l' altercatio . La propositio è una definizione ristretta della causa (o delle cause) da dibattere, subito seguita dalla confirmatio , l'elenco delle ragioni a favore, nell'ordine: dapprima quelle più forti, in seguito le più deboli e infine le più forti in assoluto. Talvolta, specie durante un processo, la confirmatio può essere interrotta dall'intervento di un avversario, come ad esempio un avvocato di parte opposta: in questo caso si parla di altercatio , un dialogo serrato tra il retore e il suo avversario. [107]

Epilogo (perorazione)

L'epilogo (ἐπίλογος, peroratio ) è la parte conclusiva dell'orazione, e si muove su due livelli: riprende e riassume le cose dette ( enumeratio e rerum repetitio ), tocca le corde dei sentimenti ( ratio posita in affectibus ). Da un lato, il retore deve concludere dando un'idea d'insieme di quanto è stato detto e sostenuto, richiamando alla memoria i punti fondamentali; dall'altro, ha luogo la perorazione vera e propria, che fa leva sui sentimenti dell'uditorio ricorrendo a dei loci prestabiliti (in genere atti a creare indignazione o commiserazione). [108]

L'elocuzione: lo stile

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elocutio .
Miniatura quattrocentesca del De oratore

L'elocuzione ( elocutio in latino , λέξις, lexis in greco ) è la parte che riguarda l'espressione, la forma da dare alle idee. L' elocutio si occupa dello stile da scegliere affinché il discorso risulti efficace, studiando quindi la parte estetica dell'espressione, la scelta ( electio ) e l'ordine ( compositio ) da dare alle parole. Sotto questo aspetto la retorica invade il campo della poetica , riprendendone gli elementi di ornamento, tra cui le più importanti sono le figure (vedi oltre).

La composizione

La parte centrale dell' elocutio è rappresentata dalla cosiddetta compositio , operazione che consiste nella scelta e combinazione dei termini. Affinché il discorso possa risultare efficace, è necessario tenere conto nella fase di composizione di quattro qualità o requisiti fondamentali, meglio noti come virtutes elocutionis :

  • l' aptum (in greco πρέπον, prépon ), l'adeguatezza del discorso al contesto in cui deve essere pronunciato;
  • la puritas (o latinitas ), la correttezza sintattica e grammaticale;
  • la perspicuitas , la chiarezza, necessaria affinché il discorso sia comprensibile;
  • l' ornatus , gli ornamenti e tutti gli altri mezzi atti a rendere il discorso più bello e quindi più gradevole.

Tutte queste caratteristiche devono essere presenti, applicate oa singole parole oa intere frasi. Talvolta il mancato rispetto di una delle virtutes può essere giustificato da determinate esigenze espressive, e in questo caso si parla di licenza ( licentia ); in caso contrario, la mancanza viene sanzionata come errore ( vitium ). [109]

Gli stili

L'espressione varia a seconda degli argomenti e della situazione in cui il discorso deve essere pronunciato. Per questo motivo, la retorica classica distingue tre stili ( genera elocutionis ):

  • nobile o sublime ( genus sublime o grave ),
  • umile ( genus humile o tenue ),
  • medio o moderato ( genus medium ).

Il sublime è lo stile nobile, elevato, e viene utilizzato per trattare di argomenti seri facendo leva sui sentimenti ( movere ), suscitando forti passioni; l'umile ha lo scopo di docere et probare , mentre lo stile medio, misto dei due precedenti, deve delectare attraverso un atteggiamento moderato che tenga conto dell' ethos . [110]

La memoria

La mnemotecnica , la scienza che mira a sviluppare la memoria attraverso una serie di regole, è molto antica: tra gli intellettuali che si interessarono di questa disciplina ricordiamo il sofista Ippia di Elide ei filosofi Raimondo Lullo , Pico della Mirandola e Giordano Bruno . Nel corso del Seicento la mnemotecnica classica finì per essere assimilata alla ars combinandi , teoria della combinazione degli elementi associata al calcolo matematico . [111]

Jean-Jules-Antoine Lecomtedu Nouy, Demostene si esercita a recitare un'orazione

La memoria entra a pieno titolo nel sistema della retorica classica a partire dal Libro III della Rhetorica ad Herennium ( I secolo aC ), e ricopre un ruolo importante in funzione della recitazione , poiché permette di mandare a mente la struttura e gli argomenti del discorso senza dover ricorrere ad appunti scritti, risultando particolarmente utile quando la situazione richiede di improvvisare. Generalmente si distinguono due tipi di memoria: la memoria naturale e quella artificiale. La prima è la dotazione naturale di cui dispongono tutti gli individui, mentre la seconda, che ha lo scopo di rafforzare la prima, viene appresa tramite una tecnica – la mnemotecnica, appunto – che funziona attraverso immagini e punti di riferimento fissi, ai quali vanno associati gli oggetti da ricordare: in questo modo l'atto del ricordare diventa una scrittura mentale, in cui ad ogni immagine corrisponde un oggetto e quindi un significato. [111]

La recitazione

Infine, il retore deve anche essere in grado di recitare la propria orazione di fronte a un pubblico. Questo momento prende il nome latino di actio o pronunciatio (in greco ὐπόκρισις, hypókrisis ), e la sua efficacia è legata al modo in cui chi parla si presenta di fronte all'uditorio. Al retore è dunque richiesto di essere anche attore , di avere cioè buone capacità di recitazione , così da coinvolgere il pubblico attraverso la gestualità e il tono di voce . La sua indubbia importanza è stata tuttavia messa in secondo piano dai retori e dai teorici, che nei loro trattati preferiscono concentrarsi su inventio , dispositio ed elocutio , specie in riferimento alla produzione di testi scritti. [112]

Le figure del discorso

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Figura retorica e Tropologia .

Oltre ad occuparsi della costruzione del discorso, la retorica si interessa anche allo studio degli ornamenti, e in particolar modo all'uso delle figure . [113] In origine le figure erano usate esclusivamente in poesia ; il primo a farne uso in prosa, a quanto sappiamo, fu Gorgia : la retorica gorgiana si caratterizzava infatti per una forte enfasi e una grande ricercatezza stilistica, e il suo periodare era reso melodico dall'uso frequente di espedienti ricavati dalla poesia.

Il termine «figura» (σχῆμα, schēma ) è usato per la prima volta da Anassimene di Lampsaco ( IV secolo aC ), ma il primo a studiare le figure in modo sistematico è Aristotele , il cui allievo Demetrio Falereo in seguito proporrà la distinzione tra figure del discorso e figure del pensiero . [114] Nel corso dei secoli, e soprattutto in epoca barocca , i teorici si sono impegnati in un'imponente opera di classificazione delle varie figure, senza però giungere ad una tassonomia condivisa. In particolare, a destare interesse sono le figure di significazione, altrimenti dette tropi, la cui collocazione è oggetto di dibattito: talvolta i tropi vengono semplicemente inseriti insieme alle altre tipologie di figure, mentre altre volte vengono distinti e ad esse opposti. [115] Di seguito si riporta, a titolo esemplificativo, la classificazione proposta da Fontanier ( 1830 ), citata a pagina 144 del Manuale di retorica di Bice Mortara Garavelli, nella quale le figure del discorso sono divise in tropi e non tropi.

FIGURE DEL DISCORSO
Tropi Figure di significazione ( tropi veri e propri )
Figure di espressione ( tropi impropriamente detti )
Non tropi Figure di dizione (metaplasmi)
Figure di costruzione
Figure di elocuzione
Figure di stile
Figure di pensiero

Τρόπος ( trópos ) in greco propriamente significa «direzione», ma il suo significato originario è stato successivamente abbandonato per quello di «deviazione», «conversione». Per tropo infatti si intende una variazione ( mutatio ) del significato di un'espressione rispetto al suo significato originario; [116] i tropi propri (figure di significazione) riguardano singole parole, mentre quelli impropri (figure di espressione) riguardano più parole o parti di frasi. Sul loro numero e la loro classificazione non vi è accordo; quelli fondamentali, a cui possono essere ricondotti tutti gli altri, sono 3: metafora, metonimia, sineddoche. [117] La metafora (da metapherein , trasportare) è il più classico dei tropi, e consiste nella sostituzione di una parola con un'altra il cui senso ha qualche affinità con la parola che sostituisce. [118] Si ha invece una metonimia quando si definisce un oggetto con un termine diverso, il cui significato è però contiguo a quello dell'oggetto in inclusione, più precisamente ci si riferisce ad una contiguità dei sensi di tipo qualitativo (per esempio: «cuore» per indicare i sentimenti, «Foscolo» per indicare le sue opere). [119] La sineddoche infine (talvolta confusa con la metonimia) consiste nel definire un oggetto con un termine legato ad esso tramite rapporti di causalità o inclusione differendo dalla precedente per un nesso di tipo quantitativo (per esempio: «legno» per indicare un'imbarcazione, «felino» per indicare un gatto). [120] Oltre a queste tre, Lausberg classifica come tropi anche: antonomasia , enfasi , litote , iperbole , perifrasi , ironia , metalessi .

Le altre figure retoriche, che Fontanier classifica come «non tropi» e suddivide in cinque classi, vengono più semplicemente divise dalla retorica antica in due gruppi: figure di parole (in cui rientrano le figure di dizione, costruzione, elocuzione e stile) e figure del pensiero . Le figure di parole riguardano l'espressione linguistica, e si costruiscono per addizione ( ripetizione : climax , paronomasia etc.) o soppressione di parole ( ellissi , asindeto e zeugma ), oppure ancora per mutamento dell'ordine delle parole ( anastrofe , iperbato etc.). Le figure di pensiero invece interessano le idee o le immagini che appaiono dalla frase, e si ottengono per addizione o sottrazione ( ossimoro , chiasmo etc.), oppure per variazione ( hysteron proteron , apostrofe etc.). [121]

Note

  1. ^ Lemma ῥητορικός dal Middle Liddell .
  2. ^ a b c Lemma retorica dal Vocabolario Treccani.
  3. ^ Storia dell'educazione nell'antichità , 1948, (tr. it. Roma, Edizioni Studium 2016, p. 430) citato in Beccaria, Dizionario , cit., p. 646.
  4. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 7.
  5. ^ Quintiliano , Institutio oratoria II, 15, 34.
  6. ^ JM Lotman, Voce: Retorica , in Enciclopedia Einaudi , Torino 1980, vol. XI, p. 1047
  7. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, p. 6.
  8. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 99.
  9. ^ JM Lotman, Voce: Retorica , Enciclopedia Einaudi , Torino 1980, vol. XI, p. 1047.
  10. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 53-55.
  11. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 7-8.
  12. ^ a b c d Vd. il lemma retorica su treccani.it.
  13. ^ a b Marchese, Dizionario , cit., ad vocem .
  14. ^ Vd. il lemma retorica nell' Enciclopedia dell'Italiano , Treccani.
  15. ^ Beccaria, Dizionario , cit., ad vocem .
  16. ^ Rethorica ad Herennium in treccani.it.
  17. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 17.
  18. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 13.
  19. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 16.
  20. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, pp. 17-18.
  21. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, pp. 21-22; B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 18.
  22. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, pp. 10-11.
  23. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 24.
  24. ^ DK 80A1.
  25. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 19-20.
  26. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 27.
  27. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, pp. 11-13.
  28. ^ Gorgia , Encomio di Elena 8-9.
  29. ^ a b c d e f I. Biondi, Storia e antologia della letteratura greca , Firenze 2004, vol. 2A.
  30. ^ DK 82 A1, A4.
  31. ^ DK 85 A11, A12, A13.
  32. ^ D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1995, p. 345-346.
  33. ^ Tucidide , Guerra del Peloponneso VIII, 68.
  34. ^ D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1995, p. 349.
  35. ^ D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1995, pp. 374-375.
  36. ^ Platone , Gorgia 262c.
  37. ^ Platone , Fedro 271c-272b.
  38. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 35.
  39. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 23.
  40. ^ Isocrate , Antidosis 274-278.
  41. ^ Isocrate , Antidosis 254-5.
  42. ^ Isocrate , Antidosis 271.
  43. ^ a b Aristotele , Retorica I, 2, 1355b.
  44. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, pp. 62-63.
  45. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, p. 15.
  46. ^ a b A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 57.
  47. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 58.
  48. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 60.
  49. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 19: «Non è forse aristotelica l'intera retorica (se si eccettua Platone)? Probabilmente sì: tutti gli elementi didattici che alimentano i manuali classici vengono da Aristotele».
  50. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 24.
  51. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, pp. 78-79.
  52. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, pp. 81-85; B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 31.
  53. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 32.
  54. ^ G. Cipriani, Storia delle letteratura latina , Torino 1999, vol. I, p. 29.
  55. ^ G. Cipriani, Storia delle letteratura latina , Torino 1999, vol. I, pp. 148-149.
  56. ^ G. Cipriani, Storia delle letteratura latina , Torino 1999, vol. I, p. 154.
  57. ^ R. Barilli, Corso di retorica , Milano 1995, p. 56-57.
  58. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. I, p. 237.
  59. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 93-4.
  60. ^ G. Cipriani, Storia delle letteratura latina , Torino 1999, vol. I, pp. 233-237.
  61. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. II, p. 16.
  62. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. II, p. 143.
  63. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. II, p. 140.
  64. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. II, p. 147.
  65. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, vol. II, pp. 207-210.
  66. ^ D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1994, p. 560.
  67. ^ Sul Sublime I.
  68. ^ Sul Sublime VIII.
  69. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 107-8.
  70. ^ A. Plebe, Breve storia della retorica antica , Roma-Bari 1988, p. 109.
  71. ^ a b D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1994, p. 517-8.
  72. ^ D. Del Corno, Letteratura greca , Milano 1994, pp. 547-551.
  73. ^ Per approfondire la differenza tra res e signa si rimanda alla voce: Agostino d'Ippona .
  74. ^ G. Cipriani, Storia della letteratura latina , Torino 1999, pp. 363-5.
  75. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 40-1.
  76. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 32-33.
  77. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , trad. it., Milano 2002, pp. 43-4.
  78. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 31.
  79. ^ a b c d B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 45.
  80. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 34-37.
  81. ^ Cesare Vasoli, «L'humanisme rhétorique en Italie au XVe siècle», in Marc Fumaroli éd., Histoire de la rhétorique dans l'Europe moderne. (1450-1950) , Parigi, Presses Universitaires de France, « Hors collection », 1999, p. 45-129.
  82. ^ a b R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 45-46.
  83. ^ ( EN ) Rhetoric , su britannica.com , Encyclopedia Britannica Online. URL consultato il 29 luglio 2011 .
  84. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2002, p. 47.
  85. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2006, p. 47.
  86. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, p. 27.
  87. ^ G. Preti, Retorica e logica. Le due culture , Torino 1968.
  88. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 292-3
  89. ^ G. Genette, La rhétorique restreinte , «Communications», 16 (1970).
  90. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, pp. 27-28.
  91. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2004, p. 16.
  92. ^ Rhetorica ad Herennium I, 2, 3.
  93. ^ Cicerone , Orator III, 5, 2.
  94. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2002, pp. 63-65.
  95. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2002, pp. 69-71.
  96. ^ O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2002, pp. 74-78
  97. ^ Aristotele , Retorica I, 4-15; Rhetorica ad Herennium I, 1, 2.
  98. ^ a b O. Reboul, La retorica , trad. it., Milano 2002, pp. 56-57.
  99. ^ Aristotele , Retorica I, 2, 1356 a1-20.
  100. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, pp. 75-77.
  101. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 70-73.
  102. ^ Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, p. 430.
  103. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 81-83.
  104. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2004, p. 104.
  105. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 92-93.
  106. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 94-96.
  107. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, pp. 96-97.
  108. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 2006, p. 94.
  109. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 114.
  110. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2004, p. 279-280.
  111. ^ a b B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 282-4.
  112. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, p. 284-5.
  113. ^ R. Barthes, La retorica antica , trad. it., Milano 1996, p. 48.
  114. ^ JM Lotman, Voce: Retorica , in Enciclopedia Einaudi , Torino 1980, vol. XI, p. 1050.
  115. ^ R. Barthes, La retorica antica , Milano 2006, p. 101.
  116. ^ Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, p. 439.
  117. ^ JM Lotman, Voce: Retorica , in Enciclopedia Einaudi , Torino 1980, vol. XI, p. 1051.
  118. ^ Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, p. 216.
  119. ^ Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, pp. 221-2.
  120. ^ Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, p. 394.
  121. ^ B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica , Milano 2002, pp. 184-270; Dizionario di retorica e stilistica , Torino 1995, pp. 140-141.

Bibliografia

Opere antiche e medievali

In ordine cronologico, con edizione italiana:

Trattati moderni

Neoretorica e teoria dell'argomentazione

  • Gérard Genette , Figures III , Seuil, Paris 199-72 (trad. it.: Figure III , Einaudi, Torino 1976)
  • Gruppo μ , Rhétorique générale , Larousse, Paris 1970 (trad. it.: Retorica generale. Le figure della comunicazione , Milano, Bompiani 1976)
  • Carlo Michelstaedter , La persuasione e la rettorica , Adelphi, Milano 1968 2
  • Chaim Perelman , L'Empire rhétorique , Vrin, Paris 1977 (trad. it.: Il dominio retorico , Einaudi, Torino 1981)
  • Chaim Perelman, L. Olbrechts-Tyteca , Traité de l'argumentation . La nouvelle rhétorique , Presses Universitaires de France , Paris 1958 (trad. it.: Trattato dell'argomentazione , Einaudi, Torino 1976)
  • Giulio Preti , Retorica e logica. Le due culture , Einaudi, Torino 1968
  • Paolo Valesio, Ascoltare il silenzio: la retorica come teoria , il Mulino, Bologna 1986
  • Theodor Viehweg , Topik und Jurisprudenz , 1953 (trad. it.: Topica e giurisprudenza , Giuffré, Milano 1962)

Letteratura secondaria

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 4567 · LCCN ( EN ) sh00007543 · GND ( DE ) 4076704-8 · BNF ( FR ) cb119452384 (data) · BNE ( ES ) XX525949 (data) · NDL ( EN , JA ) 00572475